Sposati e amanti

Stampa questo copione

“SPOSATI E AMANTI”

“SPOSATI E AMANTI”

Tre atti di Francesco Pace

Personaggi

Raffaele Velletri

Elsa, sua ex moglie

Antonio, suo compagno

Tosca, compagna di Raffaele

Giovanna, figlia di Elsa e Raffaele

Imma, figlia di Elsa e Raffaele

Susetta, sorella di Elsa

Alfonso, figlio di Antonio e fidanzato di Giovanna

Salvatore, spasimante di Imma

Floriana

Marinella, sua figlia

Marina, cameriera

Donna Fortuna, popolana

Donna Nannina, popolana

Gustavo, cameriere dell’albergo

Don Giovanni, marito di Fortuna

Don Domenico, marito di Nannina

Antonella, proprietaria dell’albergo


Atto primo

Casa di Elsa e Antonio. La comune al centro, a sinistra una credenza e un balcone. A destra una poltrona con una porta che indica la camera di Susetta. A sinistra vicino al balcone altre due porte. Quadri e mobili vari. Ci troviamo nel salotto della casa di Antonio. Al centro della scena un divano con delle poltrone vicino. In scena ci sono Giovanna e Imma. La prima legge un libro seduta sul divano, la seconda è affacciata al balcone.

SCENA PRIMA

Imma e Giovanna,poi Susetta

IMMA(rientrando dal balcone e parlando con Giovanna): Giovà, a che ora viene Alfonso?

GIOVANNA(non curandola perché distratta dalla bellezza del libro): Nun o’ saccio!

IMMA(disturbata dal comportamento di Giovanna): Mamma mia e comme stai, nisciuno ti può toccare il tuo Alfonso ca nun capisce cchiù niente!

GIOVANNA(chiudendo il libro): Fino a prova contraria io stavo leggendo, la domanda me la potevi fare anche dopo!

IMMA: E dopo non te la potevo fare, mi urgeva saperlo ora!

GIOVANNA: E perché?

IMMA: Nun te riguarda!

GIOVANNA: Me riguarda invece, perché staie parlanno d’o nammurato mio!

IMMA: Io l’avevo detto ca nisciuno te po tuccà Alfonso che vai in escandescenza!

GIOVANNA(stufandosi): Imma, nun me scuccià!

IMMA: A me d’o nnammurato tuoio nun me n’importa proprio, pecchè si vulesse m’o pigliasse!

GIOVANNA(Stufata): Chi te piglie?

IMMA: Alfonso, me piglio Alfonso!

GIOVANNA(c.s.): Nun me provocà!

IMMA: Ma nun te fa schifo vasà a n’ommo ca n’atu poco t’è frate!

GIOVANNA: Frate? Ma chi o’ sape?

IMMA: E’ il figlio di don Antonio, o’ cumpagno e mammà!

GIOVANNA: E che vo’ dicere? Ma primma nun te piaceva?

IMMA: Mi piaceva, passato, ignorante!

GIOVANNA: Nun è passato, pecchè neanche nu secondo fa he ditto ca te piaceva!

IMMA:Uè , ma quanta confidenza!

GIOVANNA: Tu quanta confidenza, ca te miette a parlà d’o nammurato mio!

IMMA: Cretina!

GIOVANNA: Scema!

IMMA: Cretina!

GIOVANNA(cantando):…. Ti metti il pannolino(con Imma) quando ti fai grande ti metti le mutande!

SUSETTA(Entrando e urlando): Uèèèèè! (Imma e Giovanna si fermano) ma che ve credite e sta a nu mercato, ad alluccà a primma matina!

GIOVANNA: Zizì, songo e l’undici e meza!

SUSETTA (non trovando cosa dire): Statte zitta, impertinente.Porta male il tuo orologio, porta male!

GIOVANNA: E già, mo accattammo l’orologie a misura per voi! Permettete, me vaco a preparà(marcato ad Imma) ca me vene a piglià Alfonso! (Esce a sinistra)

IMMA(tra sé): Ah, se a piglio a chella!

SUSETTA(a Giovanna): Vai esci scostumata!

IMMA: Zizì avete dormito bene?

SUSETTA: E a te che ti interessa?

IMMA: Vulevo fa na cosa bona!

SUSETTA: Uè e si risponde così ad una zia!

IMMA(tra sé): Pare c’aggia parlà cu a’ regina!

SUSETTA (che ha sentito): Nun songo a regina ma tua zia! Mo iesce dinto a’ camera toia, vai!

IMMA: Vaco, vaco, mi vado a preparare pure io per Alfonso(esce a sinistra)

SUSETTA: Queste due sono proprio impertinenti, come il padre del resto!

SCENA SECONDA

Antonio e detta, poi Marina

ANTONIO(entrando): Buongiorno Susetta!

SUSETTA (illuminata): Buongiorno Antonio!

ANTONIO:Elsa è già scesa?

SUSETTA: Non lo so adesso sono uscita dalla mia camera!

ANTONIO: Allora non avrai fatto colazione…

SUSETTA:Non ancora!

ANTONIO: Neanche io! Ci farò portare la colazione da Marina! (Suona il campanello che ci sarà su qualche mobile)

MARINA(entrando): Comandate!

ANTONIO:Porta la colazione!

MARINA: Subito!(esce)

SUSETTA: Sediamoci! (Antonio si siede) Come va il lavoro?

ANTONIO: Alla grande! I lavori vanno a gonfie vele!

SUSETTA (innamorata): Già, l’ingegnere può farlo solo l’uomo duro!

ANTONIO(che ha capito che Susetta vuole corteggiarlo): Già,ma non parlavo dell’uomo duro ma delle mie costruzioni!

SUSETTA (Persa nel suo sguardo): Già (gli prende le mani) ma io…..

ANTONIO(Portando le mani a sé):….. ma tu?

SUSETTA (gli prende le mani) ….. ti……

ANTONIO(Che ha capito):……. Ho capito ma non mi pare il caso!

SUSETTA: Perché, può funzionare benissimo?

ANTONIO: Io credo proprio di no. Se vuoi scusarmi! (Tra sé) ma chi s’a piglia a chesta? (Esce)

SUSETTA: Ma chillo c’ha capito, io gli volevo chiedere se mi poteva accompagnare a comprare l’orologio nuovo! Chillo ha ditto che non può funzionare!

MARINA(Entrando con la colazione): La colazione!

SUSETTA: Puortammella dinto a’ camera mia!

MARINA: E al padrone?

SUSETTA: In camera sua,no? Cretina!

MARINA: Vado(esce in camera di Susetta)

SUSETTA: Chest’ata poi, è peggio d’e nipote mie!

Campanello interno

SUSETTA: La porta!

MARINA(da dentro): Nu mumento!

SUSETTA: E chi sarrà, mo? Sarà sicuramente Elsa!

Marina esce e va ad aprire

MARINA(entra introducendo): Prego, accomodatevi!

SCENA TERZA

Fortuna,Nannina e detta

FORTUNA(entra. E’ una popolana, più o meno dell’età di Susetta): Grazie! Salute donna Susè!

NANNINA(entra. E’ anch’essa una popolana): Buongiorno donna Susè!

Intanto Marina va a portare la colazione a Antonio

SUSETTA: Quale onore di avervi qui!

FORTUNA: E nuie ve ringraziamo tanto tanto!

NANNINA: Simme ghiute a fa nu poco e spesa…

FORTUNA: E accussì ce simmo ditte: “Andiamo a trovare nu poco a donna Susetta….”

SUSETTA(tra sé): Pe nciucià nu poco!

NANNINA: E donna Elsa nun ce stà?

SUSETTA: No. E’ scesa di buon ora stammatina!

FORTUNA: Sicuramente pe ire addu l’avvocato!

NANNINA: E pure io penso accussì!

SUSETTA: Io nun saccio niente, mo m’aggio scetata!

FORTUNA: E se vede, avite già fatto colazione?

SUSETTA: No ancora!

NANNINA: E don Antonio?

FORTUNA: Sta in camera sua?

SUSETTA: Proprio.

NANNINA: Sta sempe a faticà, poveru dio!

FORTUNA: E che ce vuo’ fa Nannì: chilo addà sfamà vide a quanta vocche!

NANNINA: Sei bocche per la precisione(SUSETTA GUARDA STUPITA): donna Elsa, a signorina Giovanna, Imma, donna Susetta, isso e a cammarera!

FORTUNA: Sì? E o’ signorino Alfonso addo’ o miette?

NANNINA: Uh, overo, m’ aggio scurdata! Sì, ma nun vene sempe a magnà ccà!!

FORTUNA: Quanno nun va a mangià addu a zia,pecchè a mamma murette, t’arricuorde?

NANNINA: Comme, donna Rosina, comm’ era bella!

FORTUNA: Che fisico da modella…. Comunque quanno nun va a mangià addu a zia, vene ccà!

SUSETTA: Permettete una domanda?

FORTUNA: Prego.

SUSETTA: Ma vuie nun tenite niente a fa da matina a sera?

NANNINA: Ah, comme è simpatica donna Susetta: che centra, mica ce mettimmo cu e recchie vicino e parete?

SUSETTA(tra sé): E poco ce manca!

FORTUNA: Nuie se sapimmo sti cose, e pecchè c’o dice nu poco donna Elsa, nu poco don Antonio, nu poco e guaglione!

NANNINA: Mica ce mettimmo a seguì pe strada addo jate!?

FORTUNA(a Nannina): Te vuò sta zitta! N’atu poco ce facive scuprì!

NANNINA: E che vuò fa a me, Furtù, m’è scappato!

FORTUNA: E va buono, statte zitta però! Nun te fa ascì niente ca ce fa scuprì! (a Susetta) e don Rafele, s’è visto?

SUSETTA: Ancora adda venì!

NANNINA: Povero don Rafele: vide che vita va facendo!

FORTUNA: Primma sta nu poco cu a cumpagna soia, donna Tosca, po’ durante a’ fatica vene nu poco ccà…

NANNINA: Po’ va addu a cumpagna n’ata vota, e po’ iesceno tutte e sere: na sera a teatro, n’ata o’ cinematografo….

FORTUNA: E accussì spenneno e’ denare, ma, no pe donna Elsa ca nun s’o merita, ma so contenta pe don Rafele!

SUSETTA: E chi ve dice niente! Ognuno può esprimere la sua opinione!

 NANNINA: E nuie pecciò ce stammo dicimmo accussì “sfogando” cu vuie, pecchè ce putite dicere se na cosa è overa, o si è faveza!

FORTUNA: Nzomma, pe ve fa capì a vuie: se nuie dicimmo, dico per dire, “Donna Elsa sta suffrenno pecchè nun vo sta cchiu cu don Antonio” vuie ce putite dicere si è overo, si nun è overo, potete dare la vostra opinione….

SUSETTA: Facimmo nu processo!

NANNINA: No, processo no! Ma sicuramente parlammo cu vuie o cu quaccheduno!

SUSETTA: Già!

FORTUNA(allarmata): Uh Madonna mia!

SUSETTA: Che è stato?

FORTUNA(c.s): Aggio lasciato o’ sugo ncoppo o’ fuoco primma e scennere e mo m’aggio arricurdata, cu tutte e cose c’aggio fatto!

NANNINA: E Giuvanne, nun ce sta?

FORTUNA(c.s.): Sta faticanno! Scusate donna Susè, ma me n’aggia fuj!

NANNINA: Ce vedimmo adoppo pecchè avimma purtà na cosa a Marina!

SUSETTA: Vulite ca ve manno a’ guagliona pe ve da na mano a pulezzà?

FORTUNA: Se potete, grazie! Arrivederci (ed escono correndo)

SUSETTA: Arrivederci! (tra sé) Nemmanco n’anno o’ manicomio, e fa guarì!

SCENA QUARTA

Raffaele e detta, poi Elsa

RAFFAELE(Entrando): E’ permesso?

SUSETTA (Tra sè):Sulo chisto ce vuleva!

RAFFAELE(Disgustato vedendo Susetta): Cara Susetta!

SUSETTA (Come Raffaele): Caro Raffaele!

RAFFAELE(c.s.): Come va?

SUSETTA: Una schifezza!

RAFFAELE: Come mai?

SUSETTA: Pecchè aggio visto a te!

RAFFAELE: Sempre gentilissima!

SUSETTA: Siente se sei venuto pe sorema te ne può pure ire!

Intanto Marina, ritorna dalla camera di Antonio e va in cucina

RAFFAELE: Ma qua soreta? Son venuto per le mie figlie!

SUSETTA: Per le tue figlie!? Guarda che sono maggiorenni e sanno badare a loro stesse: Giovanna tene 23 anni e Imma 19, più mature di così?

RAFFAELE: Né, ma che te sbatte a fa? Sono venuto semplicemente a trovarle!

Campanello.Marina va ad aprire

SUSETTA: E vai allora ti stanno aspettando io vado in camera mia a fare colazione. Permesso(Esce)

RAFFAELE: Mamma mia e comme è brutta!

ELSA(Entrando, e chiamando): Antonio, Antonio… (vede Raffaele) tu che ce faie ccà?

RAFFAELE: Buongiorno Elsa!

ELSA: Buonanotte!

RAFFAELE(ironico): Sempre felice di vedermi!

ELSA(come Raffaele): Assaie!

RAFFAELE(alludendo alle figlie): Dove sono?

ELSA: Chi?

RAFFAELE: Le mie figlie!

ELSA(arrabbiata): Le tue figlie?!

RAFFAELE: Sì, le mie figlie!

ELSA(c.s.): E tieni pure il coraggio di dire che sono le tue figlie?

RAFFAELE: Perché sono solo le tue?

ELSA: No, ma io nun so accussì possessiva comme a te!

RAFFAELE: Io sono possessivo? Ma siente a sta piezza e….

ELSA:…. E che? Guarda a come parli perché stiamo in casa mia!

RAFFAELE: Seh, in casa tua. Chesta nun è a toia. E a casa e chillu disgraziato ca t’ha spusato!

ELSA: Ah sì, isso è nu disgraziato che m’ha spusato? E chell’ata mugliera da toia che d’è? Disgraziata pure essa!

RAFFAELE: Nun è disgraziata, ma sicuramente meglio e te!

ELSA: Essa è meglio e me? Se vede che è scema, pecchè na femmina ca sta vicino a te doppo neanche quatto mise, addiventa scema!

RAFFAELE: E’ meglio che lasciamo stare!

ELSA: E accussì faie tu, ovvì! Vuoi sempre evadere!

RAFFAELE: Siente chi ha parlato!

ELSA: Perché io sono sempre fuggita dalle situazioni in cui mi trovavo, sì?

RAFFAELE: Sì, è overo, va buono!

ELSA: Vabuò, è meglio che lasciamo stare e ricorda che io nun fuggo dalle situazioni comme a te!

RAFFAELE: Aggio visto, loco!

SCENA QUINTA

Giovanna e detti, poi Imma, indi Marina

GIOVANNA(entrando, e vedendo la madre e il padre): Uè mammà, papà pure vuie!

RAFFAELE: Sì ci sono pure io, fatti dare un bacio (la bacia).

GIOVANNA: Papà, allà ce sta Imma, io adesso vi raggiungo!

RAFFAELE:Mo vado! (esce)

GIOVANNA: Mammà buongiorno, ve n’ascite a primm’a matina?!

ELSA: E che vuò fa a’ mammà, cose di “lavoro”

GIOVANNA: Site ghiuta n’ata vota addu l’avvocato, è ove?

ELSA: Sì vabuò!

GIOVANNA: E pecchè a me e a Imma c’o tenete annascuso, simme grosse mò, nun simme fatte cchiù e guangliuncelle e 10 anni!

ELSA: E va buono, hai ragione, solo che io non vi voglio far soffrire!

GIOVANNA: Mammà ma ghiatevenne faciteme o’ piacere!

ELSA: Ma pecchè?

GIOVANNA: A nuie nun ce ne importa proprio!

ELSA: Overo dice?

GIOVANNA: E ve dicesse na bugia!

ELSA: Che bella cosa!

GIOVANNA: Certo ce da fastidio nu poco che non ti abbracci più con papà ma con Antonio, ma è normale……

ELSA: Uh a mammà che bella cosa! Antonio ce sta?

GIOVANNA: Sì ce sta, sta dinto a’ camera vosta!

ELSA: Grazie, a mammà, te voglio bene (esce nella 2° a sinistra)

GIOVANNA: Grazie mammà(Elsa esce) (ironica) nun me da proprio fastidio! (chiamando) Papà, Imma, uscite se n’è ghiuta!

RAFFAELE(entrando): Tutto a posto?

IMMA(entrando): Comme è ghiuta?

GIOVANNA: Benissimo!

RAFFAELE: Funziona il mio sistema?

GIOVANNA: Sì, e Imma mò ca incontri a mammà fa pure tu a stessa cosa!

IMMA: Comme vulite!

RAFFAELE: E che t’ha ditto?

GIOVANNA: Ha ditto ca è ghiuta addu l’avvocato!

RAFFAELE: Ah! Lo sapevo io! (Pausa) Aspetta, m’ è venuta un idea (chiamando) Marina! Marina!

GIOVANNA: Papà ma che vulite fa?

IMMA: Qual è il vostro piano?

MARINA(entrando): Mi avete chiamato?!

RAFFAELE: Sì, pecchè m’avisse fa nu favore!

MARINA: E che se tratta?

RAFFAELE: Ti spiego: quando arriva qualche lettera per donna Elsa, tu la duplicherai e gliela darai alle mie figlie,….

GIOVANNA E IMMA: Presente!

RAFFAELE:….., E io la leggerò. Chiaro?

MARINA(non sicura): Don Rafè, io…..

RAFFAELE(minaccioso): Chiaro?

MARINA: E va bene! Ma se donna Elsa lo viene a sapere io che le dico?

RAFFAELE: Questo non succederà, vai!

MARINA: Comme vulite vuie, ma io nun saccio niente!(Esce per la comune)

IMMA: Papà, ma siete sicuro di quello che fate? Se poi mammà lo viene a scoprire c’arape a capa!

RAFFAELE: Imma a papà, ti fidi di me?

IMMA: Sì.

GIOVANNA:E allora che motivo ci sta di preoccuparsi? Piuttosto quando mammà ti chiama comportati pure tu alla stessa maniera!

IMMA: Nun te preoccupà!

SCENA SESTA

Susetta e detti, poi Fortuna e Nannina (di dentro)

SUSETTA(entra, chiamando): Imma, Giovanna!

IMMA: Zizì, stammo ccà!

GIOVANNA: Che vulite?

SUSETTA: M’ha chiamato donna Fortuna, p’o balcone, e m’ha chiesto o’ favore se quaccheduno e vuie, ce po ire a da na mano!

IMMA: E pecchè?

SUSETTA: S’era scurdata o’ sugo ngoppo o’ fuoco e m’o tene  o’ suco pe tutta a’ cucina!

GIOVANNA. E mo che vulesse a nuie?

SUSETTA: Se a putite ire loco a l’aiutà!

IMMA: E ce sta donna Nannina, quanno vonno loro stanno nzieme pe se ntricà dinto e’ fatte d’a gente!

GIOVANNA: E po io nun ce pozzo ire, pecchè adda venì Alfonso a prendermi!

IMMA: E io nun pozzo ire, pecchè me fa male a capa!

RAFFAELE: E po pecchè ce stongo io!

IMMA: Overo!

SUSETTA(a Raffaele): Tu può venì tanta vote, mo se tratta e n’emergenza!

RAFFAELE: N’emergenza, nu poco e sugo ca è caduto pe terra? Mamma d’o Carmine!

GIOVANNA: E po ce sta pure donna Carmela, justo a nuie c’hadda venì a rompere l’ove dinto o’ panaro?

SUSETTA: Uè, allora che c’aggia dicere?

IMMA: Dicitencello ca nun putimmo ire!

GIOVANNA: E po io voglio sta nu poco cu papà!

SUSETTA(non convinta): Ma veramente….

GIOVANNA: Zia Susè, c’o dicimmo nuie!

IMMA: Mica c’accide!

RAFFAELE: Si vulite c’o pozzo dicere io!

GIOVANNA: Papà mica ce mangia!

IMMA(a Giovanna): Jammo!

Giovanna e Imma si affacciano al balcone che sta in scena.

GIOVANNA(chiamando): Donna Furtù! Donna Furtù!

NANNINA(di dentro): Che vulite?

IMMA: Dicitencello a donna Fortuna ca io e Giovanna non possiamo darle una mano!

NANNINA: Overo? E pecchè?

GIOVANNA: Abbiamo da fare!

NANNINA(ride, e chiama a Fortuna): Ah! Ah! Furtù viene a sentere!

FORTUNA(da dentro): Ch’è stato?

NANNINA: E guaglione nun ponno venì pecchè hanno da fare!

FORTUNA: Hanno da fare? Sapimmo nuie chello c’hanna fa!

IMMA: Overo? E dicitancello!

NANNINA: Giovanna s’adda vedè cu o’ nammurato ca o’ vede ogni secondo,e Imma s’è nventata na scusa pe nun venì!

FORTUNA: E ce lasciano a nuie puverelle a pulezzà!

GIOVANNA: E tutte quante hanna pulezzà, donna Fortù!

NANNINA: Vuie tenite a cammarera!

IMMA: Uèèè! Nun putimmo venì! Quacche problema?

FORTUNA: Nisciuno problema! Ma v’avimmo chiesto nu favore, e vostra zia aveva ditto ca putiveve venì!

GIOVANNA: Nostra zia, nun sape chello ca dice!

NANNINA(ironica): Grazie, comunque!

IMMA: Prego! (entra e chiude il balcone)

GIOVANNA: Ecco fatto!

SUSETTA: No, ecco fatto o’ dico io: ve vulite fa sentì da tutta a gente?

IMMA: Nuie avimmo ditto sulo chello ca penzavemo!

SUSETTA: Comme vulite vuie, io vaco!(a Raffaele) Permesso! (esce)

RAFFAELE: Fate! (alle ragazze) siete state bravissime!

GIOVANNA: Ma quanta confidenza!

ELSA(di dentro): Imma! Imma!

RAFFAELE: Sta arrivando Elsa, Giovà iammuncenne! (Esce)

GIOVANNA: Imma, m’arraccumanno! (Esce)

SCENA SETTIMA

Elsa e detta

IMMA: Sì,vai! E io mo come mi devo comportare?

ELSA(entrando): Imma dove sei? (la vede) ah eccoti!

IMMA: Buongiorno mammà!

ELSA: E che d’e? Gia stavi qua posizionata?

IMMA: Io?Quando mai, stavo venendo!

ELSA: Tu me vuo fa scema a me, è ove? Piuttosto, parliamo di cose più serie: io ho gia capito tutto su una cosa! IMMA(impaurita): Che avete capito mammà?

ELSA: Jammo Imma, me ne songo accorta da quando è venuto dinto a casa a te truvà!

IMMA(tra sé): Sta parlando di papà!

ELSA: Allora, cosa hai da dirmi in proposito?

IMMA(disperata, si mette in ginocchio): Scusate mammà, io nun vulevo, m’hanno costretta, io nun vulevo fa niente!

ELSA: Imma, ma che d’è? E’ una cosa bellissima!

IMMA(non capendo): Ho fatto una bella cosa?

ELSA: E’ naturale!

IMMA: Mammà ma di che state parlando?

ELSA: Ma come di che cosa sto parlando? Di te e Salvatore!

IMMA(tra sé): Puozze iettà o’ sanghe m’ha fatto scuaglià ncuorpo! (a Elsa) Mammà, nun è overo io a Salvatore lo schifo!

ELSA: Mi sono sbagliata!

Campanello interno.

IMMA: Io a Salvatore lo odio è isso ca se vo mettere cu me!

ELSA: Tengo nu sacco e cose a fa, fa na cosa viene cu me dinto a camera mia e me racconte tutte cose, vabuò?

IMMA: E jammo(ed esce assieme ad Elsa)

SCENA OTTAVA

Marina e Alfonso, poi Giovanna e Raffaele,indi Imma

MARINA(entra assieme ad Alfonso): Prego accomodatevi!

ALFONSO: Grazie!

MARINA: Mò ve la vado a chiammà!

GIOVANNA(avendo sentito la voce di Alfonso esce frettolosamente assieme a Raffaele): Alfò!

MARINA: Aì loca!

RAFFAELE: Ciao Alfonso!

ALFONSO: Buongiorno!

MARINA: Don Rafè volete un poco di caffè?

RAFFAELE: Grazie! Io me ne vado a papà, torno forse dopo, salutami ad Imma!

GIOVANNA: Vabuò(lo bacia)Salutami Tosca!

ALFONSO: Arrivederci!

RAFFAELE: Ciao(esce con Marina)

GIOVANNA: Alfò comme staie? Ti vedo tutto strano… ma assettammece(si siedono)

ALFONSO: Niente tesoro mio, è che sono un po’ stanco!

GIOVANNA: Tuo padre t’avessa da nu poco e riposo però, stai sempe a faticà!

ALFONSO: Nun te preoccupà pe me!

GIOVANNA: Sicuro?

ALFONSO: Sì, sto benissimo!

GIOVANNA: Meno male, me fa piacere. Piuttosto parliamo di cose più serie… Aiere sera a tua zia ce piacette a cena?

ALFONSO: Ce piacette? Chella se cumplimentaie cu te, t’arricuorde?

GIOVANNA : E comme, nun m’arricordo? Tua zia è una persona squisita!

ALFONSO: E pure tuo padre!  Ma stasera avimma ire a festa e Marianna, a cumpagna toia?

GIOVANNA: Uh, è overo? M’ero proprio scurdata, c’aggio fatto pure o’ regalo: o vuo vede?

ALFONSO: E ghiammo a vede! (si avviano)

IMMA(entra): Addo ghiate?

GIOVANNA: Nun songo affari che ti riguardano!

IMMA: Me riguardano invece! Buongiorno Alfò!

ALFONSO: Ciao Imma! Ma che d’è state contrastate?

GIOVANNA: Nun a’ da detta Alfò chella sta sempe e na manera! Jammo!

IMMA: Uè bada a come parli!

GIOVANNA: Overo? Guarda ca io so soreta, e pozzo parla comme voglio io cu te!

IMMA: Vattenne Giovà nun voglio discutere più sull’argomento!

GIOVANNA: Forse è meglio,ma ne parlammo adoppo! (Esce assieme ad Alfonso)

IMMA: Mamma mia, e come è antipatica, seh!

SCENA NONA

Salvatore e detta

SALVATORE(entra dal balcone furtivamente, ma poi vede Imma): Uè,bellezza!

IMMA: Uè, mo che vuò tu? Vattenne, pecchè sto nu poco arraggiata!

SALVATORE: Che è stato tesoruccio mio?

IMMA: Ma vattenne, nun me fa ridere! Nientedimeno ca mo trase p’o balcone, come ti devo dire ca me a’ lassa sta!

SALVATORE: E jammo ca t’aggio purtato nu regalino!

IMMA: E di quando in quando mi fai i regalini?

SALVATORE: Da sempre. Sulo ca quacche vote e’ jette dinto a spazzatura, n’ata vota e’ regale a quacchedun’ ato! Ma pecchè faie accussì cu me?

IMMA: Semplice: non mi piaci! E’ overo forse sono stata un po’ cattiva con i tuoi regali, ma tu nun o’ capisce!

SALVATORE: Ma comme faccio a lo capì: si’ na bellezza naturale, carne frasche….

IMMA: Uè e che songo nu pollastro?

SALVATORE: Ma che pollastro ammore mì!

IMMA: Nun me chiammà amore mio, hai capito: mi da fastidio!

SALVATORE: Ma o’ vuo capì, sì o no, ca io nun pozzo sta senza e te: io nun dormo a notte!

IMMA: E se vede: tutte e’ notte bussi alla mia finestra!

SALVATORE: E accussì piglio nu poco e suonno! Se veco a te stongo buono, per esempio, mo, o vì, sto buono!

IMMA: Maledetto o’ juorno ca te ncuntraie!

SALVATORE: E perché maledetto? Tu aveva ire a casa e chella cumpagna toia, t’arricuorde: Anna!

IMMA: M’o arricordo!

SALVATORE: Io passavo pe llà e te vedette: quanto ire bella! E te seguette! T’arricuorde?

IMMA: M’arricordo!

SALVATORE: Però te cadette a borsa, e io mi ti posi accanto pe t’a piglià! Tu me ringraziaste, ma…

IMMA: Ma nun putevo sapè ca adoppo me fusse venuto addreto!

SALVATORE: E c’aveva fa? Mandare via una creatura come te? E te seguette fino e ncoppo, te chiedette o’ nomme e da allora…

IMMA: E da allora me turmiente sempe! E’ fernuta a pellicola Salvatò!

SALVATORE: Ma nun è fernuta: continuerà assieme a te!

IMMA(ironica): Come è romantico! Ma vattè famme o piacere!

SALVATORE: Ma perché, che d’è ca nun va?

IMMA: Nun mi piaci, e basta! E io m’avessa spusà a te? Ma si caduto cu a capa nterra?Continua a fa a vita toia, e a me lassame fa a mia!(Fa per uscire)

SALVATORE: Aspetta!

IMMA: C’aggia aspettà cchiù Salvatò!

SALVATORE: Vattenne, vattenne!Ma ricordate ca ci vedremo presto!

IMMA: Spero ca te spiezze na coscia accussì nun può venì cchiù! (Esce)

SALVATORE: Mamma mia e che bene ca me vo!

Si sentono dei rumori.

SALVATORE : Uè, e mo chi sarrà! Fammene ire fore o’ balcone! (esce fuori al balcone)

SCENA DECIMA

Antonio e Elsa, poi Susetta

ANTONIO(Uscendo assieme ad Elsa) : Tu davvero stai dicendo? Veramente le tue figlie si sono convinte della nostra unione?

ELSA : Sì, che si sono convinte!

ANTONIO : Ma sei sicure ca erano veramente lloro, oppure quaccheduno c’ha fatto o’ lavaggio d’o cervello?

ELSA : E chi c’e l’ha pututo fa?

ANTONIO : Jammo Elsa, o’ sanno tutte quante!

ELSA: Secondo te, m’o sto nventanno?

ANTONIO: No, amore mio. Io pensare una cosa del genere?

ELSA: Infatti, me pareva strano!

ANTONIO: Stongo dicenno ca forse ce steva a’ mano e’ mariteto!

ELSA: Chi? Rafele? No, nun pazzià proprio chillo nun facesse maie na cosa del genere!

ANTONIO: Ah, mo te lo difendi pure! E già quello è il suo ex maritino….

ELSA: Uè, ma che staie insinuando? Ca io me vulesse mettere n’ata vota cu maritemo?

ANTONIO: Po essere pure chesto!

ELSA: Ma allora overamente si caduto cu a capa nterra?

ANTONIO: Stongo dicenno solo quello che penso!

ELSA: Mi dispiace per te, ma non pensi mai a niente di costruttivo!

ANTONIO: Ma famme o’ piacere!

ELSA: Ma famme o’ piacere tu!

ANTONIO: T’o faccio io o’ piacere vabuò, me ne vaco dinto a camera! (esce)

SUSETTA(entrando): Buongiorno Elsa!

ELSA(non curandola): Buongiorno Susè!

SUSETTA: Ma addò si ghiuta?

ELSA(c.s.): Commissioni!

SUSETTA: Guarda, ca è venuto Rafele!

ELSA(arrabbiata): O’ saccio!

SUSETTA. Uè, ma ch’è stato? Tutto all’improvviso!

ELSA: Mi devi scusare Susè, è che mi sono litigata un po’ con Antonio!

SUSETTA: Overo? Ma qui bisogna fare pace subito(si avvia) vado a chiammà Antonio!

ELSA(fermandola): Susè, addo vaie, viene ccà! Quanta vote, t’aggia dicere ca te a fa sempre e’ fatte tuoi!

SUSETTA: E pecchè chesti nun songo fatte mie?

ELSA: Songo fatte d’e tuoie? Ma vattenne, va’!

SUSETTA: Vattenne tu!

ELSA: Ma pecchè, che vulisse dicere? Ca e fatte mie songo pure e tuoie?

SUSETTA: E’ naturale, simmo sore!

ELSA: E che c’azzecca?

SUSETTA: Centra e come!

ELSA: Ma vattenne! (si avvia per uscire)

SUSETTA: Ma statte zitta! Piuttosto jammo nu poco dinto a camera mia, t’aggia fa vede na cosa! (E litigando escono)

SCENA UNDICESIMA

Marina e Tosca, poi Salvatore, indi Antonio

MARINA(entrando assieme a Tosca): Ma comme v’aggia dicere, ca ccà nun c’avita venì cchiù!

TOSCA(entra. E’ una donna molto giovane, quasi sulla quarantina. Ha un foulard in testa): T’aggio ditto statte zitta! Chi te la sta confidenza? Parla sempe miezo, di affari che non la riguardano!

MARINA: Uè, io v’o dico pe vuie: si ve vede a signora donna Elsa, passate nu brutto quarto d’ora!

TOSCA(ironica): Chi, io passo nu brutto quarto d’ora? Ma vattenne, nun sape ancora cu chi ha a che fa!

MARINA: Nun alluccate chella sente!

TOSCA: Hai ragione! (pausa) Ma che faie ccà! Va a chiammà a don Antonio, và!

MARINA(scocciata): E sto andando! (esce)

TOSCA: Chesta l’adda fernì nu poco, se sta allargando troppo assaie (imitandola) “nu brutto quarto d’ora” “ve scomma e sanghe” (ride) nun ha capito donna Elsa cu chi ave a che fa!

SALVATORE(rientrando): Donna Tosca?

TOSCA(impaurita): Salvatò!Tu ccà?

SALVATORE: Sono venuto per corteggiare Imma!

TOSCA: Ma mo te ne devi andare,non puoi rimanere qua!

SALVATORE:Overo? E chi ve l’ha ditto? Non mi volete far assistere al vostro incontro clandestino con don Antonio,il marito della signora Elsa che a sua volta è l’ex moglie del vostro nuovo compagno?

TOSCA: Ma allora sai tutto disgraziato!

SALVATORE: E se capisce!

TOSCA: Ma tu non dirai niente spero!

SALVATORE: E perché dovrei fare un cosa del genere? Però posso usarla come un arma, e già: se non mi va bene qualcosa posso sempre andarlo a dire a donna Elsa o a don Raffaele!

TOSCA: Tu farai questo contro di me?

SALVATORE: No, non vi preoccupate!Però ricordate posso usarla come un arma!

TOSCA: Ma quale arma! Tu ti devi stare zitto assolutamente, in nome della nostra amicizia!

SALVATORE: E io dovrei difendere una cosa del genere? Faccio finta ca nun aggio visto niente!

TOSCA: Ecco bravo, fai finta ca nun e’ visto niente! Accussì jammo buono tutte quante!

SALVATORE: E di questo pure avete ragione! Ma ricordate che posso usarla sempre come arma!

TOSCA: Vedremo…

SALVATORE: Ma che d’è na minaccia?

TOSCA: Assolutamente no! Ma sappiate ca se diciate chesto, va a fernì molto male tra me e vuie!

SALVATORE: E chi vo chesto? Ma ricordate che la posso usare sempre come arma!

TOSCA: Aggio capito, ma mo vattenne!

SALVATORE: Vado, vado, ma ricordatevi l’arma! (esce)

TOSCA: L’arma e’ mammeta! Ma tu vedi che disgraziato, quello mi rovina!

ANTONIO(entrando): ciao tesoro!

TOSCA: Ma quale tesoro!

ANTONIO: Perché che è successo?

TOSCA: Don Salvatore il corteggiatore di Imma, ha saputo tutto e quello mo minaccia di andarlo a dire a dire a Elsa!

ANTONIO: Tu vedi che galiota!

TOSCA: Già!

ANTONIO: Vabbè comunque devo dirti una cosa più importante!

TOSCA: Antò che è successo? Tu mi spaventi!

ANTONIO: Ma non c’è bisogno,anzi devi essere felice: questa settimana andremo tutti in montagna, naturalmente ho pagato anche per te e Raffaele!

TOSCA: Bravo tesoro mio, questa è una buona idea per levarci chili cretini da torno!

ANTONIO: E noi potremmo vivere insieme!

TOSCA: Già! Ma adesso devo andare!

ANTONIO: Vieni oggi e parliamo della partenza e tutto!

TOSCA: Embè, però adda fernì stu fatto!

ANTONIO: Ma quale fatto!

TOSCA: Questo per esempio: dobbiamo vederci clandestinamente e con la paura che qualcuno ci scopra!

ANTONIO: E proprio per questo che andremo in montagna!

TOSCA: E speriamo che va tutto bene!

ANTONIO: E mo vai, però! Ci vediamo oggi!

TOSCA: Va bene a oggi al solito bar! (esce)

ANTONIO: Finalmente potrò realizzare il mio sogno con Tosca!

SCENA DODICESIMA

Marina e detto, poi Elsa, indi Nannina e Fortuna

MARINA(entra): E bravo don Antonio!

ANTONIO: Uè e tu che vuoi?

MARINA: Ma che vi credete che non ho sentito che volete lasciare donna Elsa per mettervi con quella!

ANTONIO: Uè “quella” ha un nome. Comunque tu non dirai niente, vero….

MARINA: A meno che….

ANTONIO: A meno che….

MARINA: Non mi porterete con voi sulla neve!

ANTONIO: Ma non se ne parla proprio!

MARINA: Allora andrò a dirlo a donna Elsa!

ANTONIO: No!

MARINA: E allora mi porterete con voi sulla neve!

ANTONIO: Ma veramente…

MARINA(chiamando): Donna Elsa!

ANTONIO: Statte zitta! E va bene te porto cu mico, vabuò?

MARINA: Grazie Don Antò ,che felicità! Vuie site nu signore c’o core! (esce per il balcone)

ANTONIO: Ma tu vedi che giornata che è schiarata!

ELSA(entrando): Chi m’ha chiamata?

ANTONIO: Nessuno.

ELSA: Ma come io ho sentito “Donna Elsa”!

ANTONIO: E invece non era nessuno, vabuò!

ELSA: Ma che d’è Antò? Mi nascondi qualcosa?

ANTONIO: Ma no, niente tesoruccio mio! E’ che tu sei tutto per me: vogliamo fare pace?

ELSA: Uffa! E va buono, facciamo pace, ma nun e’ pensa manco per scherzo na cosa del genere. Io mo, amo te. Che me ne importa e chillu scucciante!

ANTONIO: Veramente?

ELSA: E se no che t’avesse spusato a fa? Pe denare? A me e chili là nun me ne mporta proprio!

ANTONIO: E neanche a me: a me interessa l’amore per te!

ELSA: E pure a me! (si abbracciano)

ANTONIO: E mo va dinto a camera e Susetta ca nisciuno t’ha chiamato!

ELSA: E va bene! (esce in camera di Susetta)

ANTONIO: Ah, tu vedi che giornata che è schiarata!(ed esce)

FORTUNA(entra con un contenitore in mano): C ‘ è permesso?

NANNINA: Putimmo trasì?

MARINA(entra): Siete già entrate oramai!

FORTUNA: Uh, scusa è ca avimmo truvate a porta aperta!

NANNINA: Overo!

MARINA: Avite pulezzato a cucina?

FORTUNA: Comme, avimmo sudato sette camicie!

NANNINA: Chesto po, manco sta! Giovanna e Imma nun puteveno venì a ce da na mano?

FORTUNA: E che schifezza è?

MARINA: E jammo mo! So guaglione se sfasterieno e pulezzà!

NANNINA: Peccè nun hanno maie pulezzato!

FORTUNA: Io a quanno ero piccerella mammà me metteva cu a scopa mano e pulezzavo nzieme a essa: facevo e servizi, lavavo, stiravo, cucinavo…

NANNINA: Nun è cchiu comme a na vota!

FORTUNA: E mo scommetto ca Giovanna sta dinto cu o’ signorino Alfonso e Imma ce sta addreto e nun e fa sta n’attimo suli a chili puverielle!

NANNINA: Imma invece e sta appresso a sora, puteva pure venì!

MARINA: E jammo, mo basta! Quanta mpruperie ce state danno! Vi ripeto: so guaglione!

FORTUNA: Va buno, lassamo sta st’argomento!

NANNINA: Infatti!

FORTUNA: Te simmo venuti a purtà nu poco e fagioli ammacare e faie stasera a cena!

MARINA: Grazie, ma nun penso e le fa stasera!

NANNINA: E pecchè?

MARINA: Pecchè pe pranzo già aggio cucinato, e stasera ha detto donna Elsa che vuole cucinare lei!

FORTUNA: E brava donna Elsa, si da da fare!

NANNINA: E me pare ca è venuto pure o’ mumento!

FORTUNA: Brava!

MARINA: Comunque ve ringrazio, pe sti fagioli, e’ faccio pe dimane a pranzo!

NANNINA: Pure cu nu poco e cotena, veneno sapurite!

FORTUNA: Si vuò te dongo a ricetta!

MARINA: E grazie!

NANNINA: Ma è venuto don Rafele?

MARINA: Sì, ma se ne ghiuto a poco!

FORTUNA: E’ venuto a truvà e figlie!

NANNINA: Chella dice buono donna Susetta: mo so grosse e sanno badare a loro stesse!

FORTUNA: Ma o’ pate nun l’hanna vede?

NANNINA: No, chesto no! Ma putesseno essere pure loro a ire loco!

MARINA: Ma sono impegnate!

FORTUNA: E che fanno?

MARINA: La signorina Giovanna va all’Università, e fa palestra, e la signorina Imma frequenta un corso d’ inglese, perché vuole migliorare la pronuncia!

NANNINA: E quante comodità!

FORTUNA: Io nun me sunnavo neanche a notte!

NANNINA: Brava, mo he ditto na cosa santa!

FORTUNA: Ma mo ce n’amma ire, è ora di pranzo!

MARINA: E mo vado in cucina!

NANNINA: Jammo Furtù!

MARINA: Vi accompagno!

FORTUNA E NANNINA: Grazie! (ed escono con Marina)

SCENA TREDICESIMA

Giovanna, Imma e Alfonso poi Elsa

GIOVANNA(entrando seguita da Imma e Alfonso): Allora Alfò ci vediamo stasera!

ALFONSO: Non ti preoccupare amore, ci vediamo stasera!

GIOVANNA: Ma mica ti dimentichi di venirmi a prendere?

ALFONSO: Io? Ma nun pazzià proprio, ci vediamo stasera, mò però vado a salutare a papà! (bacia Giovanna) ciao Imma! (ed esce nella stanza di Antonio)

GIOVANNA(arrabbiata,a Imma): Possibile che mi devi sempre seguire e non posso stare un minuto in santa pace con il mio fidanzato?

IMMA: E’ vero ti seguo, ma lo sai benissimo che ti seguo perché sono gelosa!

GIOVANNA: Pure la sorella gelosa mi doveva capitare!

IMMA. E che ci vuoi fare pure a me mi è capitata una sorella cretina!

GIOVANNA: Ma a me nun me piace stu fatto ca me segui, he capito?

IMMA: E perché?

GIOVANNA: Si tu tiene o’ nammurato te seguo?

IMMA: Sì mi segui.

GIOVANNA: Ma nun me fa ridere!

IMMA: No, tu nun me fa ridere!

GIOVANNA: Avessema fa chesto tutte e vote ca vene Alfonso pecchè se no…

IMMA: Che faie?

GIOVANNA: Che faccio?

IMMA(alzando la voce): Che fai?

GIOVANNA(come Imma): Ti faccio vedere io!

ELSA(entrando): Uèèèèè! La volete smettere, e che cos’è?

IMMA: Scusate mammà, è che con certe persone non si può discutere!

GIOVANNA: Neanche con te!

ELSA: Uè basta smettetela se no ve faccio capa e capa a tutte e due! Ditemi: pecchè ve state appiccecanno?

ALFONSO(entrando): Arrivederci signora Elsa! (esce)

ELSA: Ciao! (alle figlie) Allora?

IMMA E GIOVANNA(non rispondono)

ELSA: Non mi dite che…. È per via di Alfonso?

IMMA E GIOVANNA(annuiscono)

ELSA: Che schifo: Imma mi meraviglio di te! Ma mo iatevenne ca ne parlammo adoppo! (Imma e Giovanna escono) Pure tra sorelle c’è rivalità!

SCENA QUATTORDICESIMA

Raffaele e detta

RAFFAELE(entrando): Senti Giovanna….(vede Elsa) ciao!

ELSA: E come mai qui ca n’atu poco è ora di pranzo!

RAFFAELE: Devo dire una cosa a Giovanna!

ELSA: Sempre nei momenti meno opportuni?

RAFFAELE: Ma pecchè, songo fatti tuoi?

ELSA: Rafè, n’ata vota accuminciammo cu e iacuvelle: t’aggio ditto pure primma, chesta è casa mia e decido io quando gli ospiti devono entrare!

RAFFAELE: E io ti dico un'altra volta che la casa non è tua  ma del tuo compagno Antonio!

ELSA: Rafè basta! La devi finire!

RAFFAELE: E chi me lo dice? Tu? Ma vattenne, famme o’ piacere!

ELSA: E vide se non mi deve intossicare il pranzo!

RAFFAELE: Perché se sto io ti intossichi il pranzo?

ELSA: Sì va bene: mi intossichi il pranzo! Ma mo vattenne, te ne a ire!

RAFFAELE: Devo dire una cosa a Giovanna, una delle nostre figlie!

ELSA: Peccato ca l’aggio fatte cu te!

RAFFAELE: Pecchè che tenesse a dicere ncuollo o’ coso mio?

ELSA: Ih che bellu coso!

RAFFAELE: Pecche o’ coso di Antonio è migliore del mio?

ELSA(prendendolo per volerlo picchiare): Sì è migliore!

Pausa. I due rimangono appiccicati come sono rimasti, finché non resistono alla tentazione e si buttano sul divano baciandosi.

Fine 1° atto


Atto Secondo

La Hall dell’albergo a Benevento. A destra la comune, una gran porta con degli scalini, al centro un bancone che indica la reception e un divano con un portariviste accanto. A sinistra due porte, mentre sempre a sinistra vicino la reception c’è un arco che indica le altre stanze. In scena ci sono Marinella e Gustavo il quale gli fa la corte.

GUSTAVO (cantando): “Questa di Marinella è una storia vera, che scivolò dal fiume a primavera….”

MARINELLA: Dai, e adesso basta, se no mi fai arrossire!

GUSTAVO: E non fa niente, tu sei più bella quando ti emozioni!

MARINELLA: Ma potrebbe venire mia madre da un momento all’altro!

GUSTAVO: E che ce ne importa?

MARINELLA: Comme a fai facile, tu! Quella è severissima, non sia ma mi vede con te poi!

GUSTAVO: Perché che tengo io che non va?

MARINELLA: Niente è che me vede fa ammore cu n’ommo ca mo aggio cunusciuto?

GUSTAVO: Adesso? E’ già una settimana che ci conosciamo!

MARINELLA: E ti sembra assai? Io ho un fidanzato che mi aspetta a Napoli!

GUSTAVO: Fidanzato? Ma se mi hai detto che l’hai lasciato!

MARINELLA (non sapendo cosa dire): Insomma basta! E’ vero mi sono lasciata ma sono ancora legata a lui! (Pure se mi ha tradito quel disgraziato addo sta mò)

GUSTAVO: Allora niente?

MARINELLA: Ma niente che?

GUSTAVO: Tra noi non può funzionare?

MARINELLA: Te l’ho detto: per il momento non voglio fare niente!

GUSTAVO: E va bene, come vuoi tu! Però mi dai un bacio?

MARINELLA: Uè, ma si tosto! No,no e no!

GUSTAVO: Ti prego!

MARINELLA: No!

FLORIANA (entrando): Né, ma che è stato? Io aggio ntiso: “no,no e no” e ho pensato: “Non è che qualcuno vuole provocare mia figlia?” Nun è overo Gustà?

GUSTAVO: Io non mi permetterei mai signò!

MARINELLA: Non ti preoccupare mammà, non è successo niente, anzi adesso voglio andare un poco a fare una passeggiata!Vado a prendere la roba! (esce a sinistra)

FLORIANA (a Gustavo): Sienteme buono giuvinò, lascia stare a mia figlia che quella tiene il fidanzato a Napoli!

GUSTAVO: Signò, lo so che non è vero che vostra figlia ha un fidanzato che la aspetta a Napoli!

FLORIANA (non sapendo cosa dire): Insomma basta! E’ vero si è lasciata ma è ancora legata a lui!

GUSTAVO (tra sé): Ma come si può fare quello che ha detto la figlia lo ha detto pure lei, tale e quale!

FLORIANA: Hai capito, Gustà?

GUSTAVO: Signò, ma levatemi una curiosità!

FLORIANA: Dici.

GUSTAVO: Ma come si chiama questo ex fidanzato di Marinella?

FLORIANA: Salvatore Dirozzi, è na specie e guantaio, ca po’ mia figlia lasciò!

GUSTAVO: Ma se è ancora legata a lui, pecchè l’ha lassato?

FLORIANA: Comme? Quel disgraziato l’ha tradita con una certa Imma!

GUSTAVO: Poveretta chissà come starà soffrendo!

FLORIANA: Essa e pure io! Quacche juorno e chiste, a chella se nun a’ fernesce l’affogo dinto o fiume, comme dice la canzone!

ANTONELLA (che ha sentito le ultime parole di Floriana): Signora! E che facciamo? Ci mettiamo a parlare dei fatti vostri! Gustavo deve lavorare!

FLORIANA: Mamma mia, donna Antonella e come siete nervosa oggi!

ANTONELLA: Non sono nervosa,è che mi da fastidio che un lavoratore dell’albergo si distrai a parlare, quando ci sono altre cose da fare!

FLORIANA: Signò, iatevenne, faciteme o’ piacere! Io gli davo a parlare per farlo distrarre, per alleggerirgli il lavoro!

ANTONELLA: Alleggerirgli il lavoro? Come se io non ho sentito chi volevate uccidere! (ENTRA MARINELLA)

FLORIANA: Chi volevo uccidere?

ANTONELLA: Vostra figlia,nel fiume!

MARINELLA(a Floriana,sorpresa): Mammà!

FLORIANA: Ma non la dare retta, a mammà, quella ha sentito che io intonavo le parole della tua canzone, e chissà che gli è venuto in mente, qualche cosa di anormale, sicuramente!

ANTONELLA: Ma guardate chi parla!

FLORIANA:Ma stateve zitta!

MARINELLA: E’ meglio che vado a fare la passeggiata! (Si avvia)

GUSTAVO(a Marinella): Vorrei venire con te, ma ho da lavorare!

MARINELLA: Staie buono addo staie! Ciao! (esce)

GUSTAVO(dispiaciuto): Non ci voleva!

FLORIANA: Adesso me ne vado in camera mia, a vedere un poco il panorama! (chesta se nun a’ fernesce l’affogo veramente dinto o fiume, comme dice la canzone!) (esce)

ANTONELLA: Ma vedi che gentaglia!

GUSTAVO: Lasciate perdere donna Antonella!

ANTONELLA: Ma come, dopo che gli metto una camera disposizione in un albergo a 4 stelle con piscina, sulle montagne, questo è il ringraziamento?

GUSTAVO: Ma possibile che tutti i giorno vi litigate, oggi non è successo niente, ma ricordate che l’altra volta ve pigliaste a capelli, e un'altra volta ancora scapparono pure i paccarelli!

ANTONELLA: Chilli erano paccarune!

GUSTAVO: E va bene, mettiamoci la pietra sopra!

ANTONELLA: E ce la mettiamo sempre la pietra sopra! Sta addiventanno na montagna: e oggi non fa niente, domani mettiamoci la pietra sopra… io mi sono scocciata!

GUSTAVO: E che volete fare signò!

ANTONELLA: Piuttosto, parliamo di cose serie. Le camere per quei signori che devono venire oggi da Napoli sono pronte?

GUSTAVO: Sissignore!

ANTONELLA: E quante camere sono?

GUSTAVO: 6 camere!

ANTONELLA: Nientedimeno!

GUSTAVO: 3 camere da due e altre 3 singole!

SALVATORE(entra,trafelato. Ha sentito le ultime parole di Gustavo): Le singole passano a 4.

ANTONELLA(a Salvatore): E lei chi è? Che ci fa qui?

SALVATORE: Ma come che ci faccio qui? Mi serve una camera!

ANTONELLA: Ma la prenotazione…….

SALVATORE: Lo so, mi dovete scusare. Allora, la camera?

ANTONELLA: Aspettate un momento. (A Gustavo) Te ne occupi tu del signore, io vado a vedere che si dice in piscina, (a Salvatore) arrivederci. (esce per il centro)

SALVATORE(ad Antonella): Arrivederci! (A Gustavo), la camera è pronta?

GUSTAVO: Sì,sì è pronta ma devo vedere se ci sono posti!

SALVATORE: E facite ambresso, prima che vengono quelli là!

GUSTAVO: Ma quelli là chi?

SALVATORE: Certe persone che conosco io, e tra questi c’è anche una che mi piace, una certa Imma!

GUSTAVO: Scusate, ma mi venite a dire i fatti vostri?

SALVATORE(autoritario): E tenisse quacche cosa a dicere?

GUSTAVO: Niente, per carità! Mi potete dare i vostri nominativi?

SALVATORE: E addò e piglio?

GUSTAVO: Ma che cosa?

SALVATORE: I nominativi!

GUSTAVO: Ma che avete capito? I nominativi, sono i vostri nomi!

SALVATORE: Pecchè io tengo duie nomme?

GUSTAVO: Uh, scusate, è stata una distrazione mia! Allora, nome e cognome!

SALVATORE: Salvatore Dirozzi di Napoli!

GUSTAVO: (Salvatore Dirozzi? Ma non è quello….)

SALVATORE: Avete fatto?

GUSTAVO: Sì, sì ho fatto! (Gli porge le chiavi) ecco a voi stanza 123, primo piano.

SALVATORE: Grazie tante. (Mo che vene Imma chissà che sorpresa quando mi troverà qui) (esce)

GUSTAVO: Tu vide che tipo curioso, questo Salvatore Dirozzi! Ah, ma chisto è quello ca lassaie a Marinella? Ma bisogna dirlo subito a donna Floriana! (BUSSA ALLA PORTA)

FLORIANA(entra): Chi m’ha chiamato?

GUSTAVO: Io, signò!

FLORIANA: Che vuoi?

GUSTAVO: E’ arrivato qui Salvatore Dirozzi!

FLORIANA: Tu overo dici?

GUSTAVO: E ve dicesse na bugia donna Florià? voi lo sapete quanto tengo a vostra figlia!

FLORIANA: Ah, mo che lo acchiappo ce faccio vedere io di che pasta sono fatta, s’adda sta veramente accorto! Addò stà?

GUSTAVO: Primo piano camera 123!

FLORIANA: E mo vado subito!

ANTONELLA(che ha sentito Floriana): Dove va subito?

FLORIANA: E a lei che gliene importa?

ANTONELLA: Ma come dico io! Mi sta distraendo un'altra volta il cameriere!

FLORIANA: Uè, vuie m’avite sfastriata cu questo fatto! Ma che d’è dinto a questo hotel nun se po’ manco cchiù parlà? Sapete che vi dico, ca mo me ne vado dinto a camera mia e nun iesco cchiù finche vuie nun a fernite e me disturbà!

ANTONELLA: E andate,andate, fate bene!

FLORIANA(esce)

GUSTAVO: Ma come, donna Florià…

ANTONELLA: Gustavo,non la dare retta a quella signora, ti distrae solamente e non ti fa più lavorare!

FLORIANA(da dentro): Aggio sentito!

ANTONELLA: E a me non me ne importa proprio! (A Gustavo) Non la chiamare più! (esce)

GUSTAVO: Ma come non la chiamare più? Quella mo come lo vede a quello? Donna Antonè… (ed esce chiamandola)

IMMA(entrando): E’ permesso?

GIOVANNA: Ma non c’è nessuno?

IMMA: Meglio, accussì putimmo parlà!

GIOVANNA: Ma di che?

IMMA: Ah,nun capisce! Sto parlando di Alfonso!

GIOVANNA: Uh, n’ata vota cu sta storia? T’aggio ditto ca nun te a’ mettere nmiezo!

IMMA: Io me metto miezo comme me pare e piace!

GIOVANNA: Zitta(vede Salvatore che sta entrando) che non siamo sole….

IMMA: E chi ce sta?

SALVATORE: Io, tesoro!

IMMA(disperata): Ma comme, pure ccà!?

SALVATORE: Io ti seguo dappertutto!

GIOVANNA: Salvatò, nun accumincià a fa o’ malato! Piuttosto vado a cercare qualcuno,vi lascio soli e mi raccomando! (esce)

IMMA: Allora, perché mi hai seguito?

SALVATORE: Perché, non ti fa piacere?

IMMA: No, te ne devi andare!

SALVATORE: E jammo ti sono venuto a fare compagnia, sulla neve, soli soli, a sciare…

IMMA: Te lo sogni! Io già è assai che sono venuta!

SALVATORE: Ma perché è succieso quacche cosa?

IMMA: Niente, non è successo niente, una cosa con mia sorella che….. uè ma io ti sto raccontando i fatti miei!

SALVATORE: E a me mi piace ascoltarli!

IMMA: E io invece non te le dovrei dire ‘ste cose!

SALVATORE: Stasera cenetta romantica?

IMMA: E dalle! Afforza!

SALVATORE: Prenoto?

IMMA: Nun prenutà niente!

SALVATORE: Allora domani sera?

IMMA: Può darsi…

SALVATORE: Che cosa? Tu overo dice?

IMMA: Po’ essere, ma nun ce mettere o’ pensiero!

Entrano Susetta e Alfonso

SUSETTA(entra trafelata): Mamma mia, è come è lunga sta salita!

ALFONSO: Io stongo cu a lingua afore!

SUSETTA: Overo, addo stà?

ALFONSO: Zia Susè, è un modo di dire!

SUSETTA: Ah,scusate!

IMMA(a Salvatore): E cercammo e nun ce ndusseca e’ feste!

SUSETTA: Che è successo? (Vede Salvatore) Tu ccà?

ALFONSO: Perché sei venuto?

SALVATORE: A vuie nun ve riguarda!

SUSETTA: Comme vuoi!

ALFONSO: Ma Giovanna?

IMMA: E’ andata a cercare qualcuno!

ALFONSO: Vado pure io!

SUSETTA: Aspetta Alfò, vengo pure io, voglio vedere la piscina! (escono)

IMMA: E vado pure io, sperando che non mi segui! (esce)

SALVATORE: E invece, vengo pure io! (esce assieme ad Imma)

TOSCA(entrando seguita da Antonio,Elsa e Raffaele): Ed eccoci qua!

ANTONIO: Pare di sì!

TOSCA(a Raffaele ed Elsa): Uè, non siete contenti di rivedervi?

I DUE(ironici): Assaie!

ELSA: Siamo proprio contenti! (a Raffaele sottovoce) E mo come gli diciamo a questi il fatto dell’altra sera!

RAFFAELE: Sono rimasto senza parole (a Elsa sottovoce) e tu perché hai prenotato qua?

TOSCA(sottovoce ad Antonio): Sembra che non sono proprio contenti di vedersi!

ANTONIO(sottovoce a Tosca): Eh, ma una soluzione si deve trovare, nun te scurdà ca simmo venute ccà per lasciarli!

TOSCA(sottovoce ad Antonio): E so pure questo!

MARINA(di dentro con voce trafelata): Don Antò, aspettate nu mumento!

TOSCA: Pure la cameriera?

ELSA: Sì, perché Antonio, non so perché, se l’è dovuta portare per forza!

MARINA: Ma perché, vi dispiace? Se non mi volete, don Antonio sa cosa succede!

ANTONIO: E non succederà!

RAFFAELE: Né, ma quando viene qualcuno per sistemarci nelle camere?

SUSETTA(entrando assieme agli altri): Stamme ccà!

GUSTAVO: Quanta gente!

IMMA: Ci vogliamo muovere? Che voglio levarmi una persona davanti agli occhi!

GIOVANNA: Anch’io mi voglio levare una persona davanti agli occhi!

ALFONSO(a Giovanna): N’ata vota accuminciammo?

GIOVANNA: Chella me fa saglì tutte o’ sanghe ncapa!

ALFONSO: E mo statti calma che dopo ti devo chiedere una cosa importante!

GIOVANNA: Che cosa?

ALFONSO: Te lo dico dopo!

GUSTAVO: Allora, la prima camera matrimoniale stanza numero 106, questa qua! (indica la seconda a sinistra)

ELSA: Questa qua se la prendono Giovanna e Alfonso!

IMMA(ironica): Mi raccomando andateci piano, v’avesseva fa male?

GIOVANNA: Se nun a fernesce t’arrivo nu coso appresso!

ALFONSO: Facciamo presto,andiamoci a preparare che stasera ti porto a cena fuori!

GIOVANNA: Che bella cosa!

IMMA: Mi raccomando Alfò, non farla affogare!

GIOVANNA E ALFONSO ESCONO.

GUSTAVO: Seconda camera matrimoniale, stanza numero 205, al secondo piano!

ELSA: Questa ce la prendiamo noi!(ad Antonio) Andiamo! (a Tosca e Raffaele) Ci vediamo a cena! (escono)

GUSTAVO: Terza camera matrimoniale, stanza numero 207, al secondo piano!

TOSCA: Questa è nostra, andiamo Raffaele! (escono)

GUSTAVO: Prima camera singola…

SUSETTA: E basta, che pesantezza! Pare che state dicenno a messa! E metteteci un po’ più di allegria!

GUSTAVO: Signò, mi devo fare una ballata, che dite?

SUSETTA: Nun dà retta, piuttosto dammi a me questa camera!

GUSTAVO: Numero 209, secondo piano!

SUSETTA: Dammi qua! (Gustavo gli porge le chiavi). Ih, che pesantezza! (esce)

MARINA: Non ci fate caso, quella è sempre così irascibile!

GUSTAVO: Nun ve preoccupate, sono abituato con i clienti!

MARINA: Sapete anche io sono una cameriera!

GUSTAVO: Davvero?

MARINA: Da questo si può capire che tra noi può esserci sintonia!

IMMA: Allora? Ci muoviamo? I vostri affari amorosi li discutete dopo, perché adesso sono nervosa!

MARINA: Ma quali affari amorosi, signorina Imma, voi che dite?

IMMA: Marì, io me ne accorgo quando sono cose amorose!

GUSTAVO(imbarazzato): Comunque questa è la camera 211 al secondo piano, chi se la prende?

IMMA: Me la prendo io, mi vado a preparare!(Si prende le chiavi) Ci vediamo a cena! (esce)

GUSTAVO: E poi c’è la camera 301 al terzo piano!

MARINA: Questa è la mia! Ma è al terzo piano?

GUSTAVO: Sì, però la voglio accompagnare io personalmente!

MARINA: Come vuole!

GUSTAVO: Prego da questa parte! (escono)

Pausa. Con sottofondo musicale,entra Elsa e,non vedendo nessuno passeggia per la stanza nervosamente.

RAFFAELE(entra anche lui furtivamente, vede Elsa e la chiama a bassa voce): Elsa!

ELSA: Lo sapevo che saresti sceso pure tu!

RAFFAELE: E come potevo mancare all’appuntamento! (Si abbracciano)

ELSA: Rafè, ho paura!

RAFFAELE: Ma di che?

ELSA: Ma come di che? Di Antonio e Tosca, se ci scoprono?

RAFFAELE: Ci devono scoprire o glielo dobbiamo dire noi! Io non ce la faccio più, voglio tornare un'altra volta assieme a te!

ELSA: E pure io, panzarottino mio!

RAFFAELE: Ma dico io, perché hai prenotato qua?

ELSA: E mica ho prenotato io? Ha prenotato Antonio!

RAFFAELE: E intanto preferisco più dirglielo io di persona che farci scoprire!

ELSA: Sai che figura e’ niente!

RAFFAELE: E Giovanna con Alfonso?

ELSA: Chesto pure e’ n’atu guaio!

RAFFAELE: E già, nuie primma ce luvammo a tuorno e po’ avimma avè a che fa pure cu loro n’ata vota?

ELSA: Ma non esiste proprio! Ma intanto Povera Anima e’ Dio….

RAFFAELE: Nun te preoccupà tanto è na cosa e’ niente!

ELSA: Speriamo ca è comme dice tu! Sto tutta nervosa, non ho messo nemmeno a posto i bagagli!

RAFFAELE: Che te ne mporta? Ci sta Antonio!

ELSA: Infatti, hai ragione! Ma ce ne dobbiamo andare mo, dobbiamo andare in un luogo appartato!

RAFFAELE: E perché non ci andiamo a fare una passeggiata? Ci chiariamo un poco le idee!

ELSA: Però non per molto tempo se Antonio lo viene a sapere!

RAFFAELE: Comme vuo’ tu! (escono)

Pausa. Con stesso sottofondo musicale, entra Tosca, che non vedendo nessuno nella stanza, passeggia nervosamente.

ANTONIO(entra): Speriamo che Tosca sia già arrivata! (la vede) Ah, eccola.

TOSCA: Tesoro mio, finalmente soli! Con Raffaele mi sto facendo due…. Lasciamo stare!

ANTONIO: Ed anche io con Elsa, non ce la faccio più, me la voglio togliere dai piedi!

ANTONELLA(che ha sentito le ultime parole di Antonio): A chi si vuole togliere dai piedi?

TOSCA(spaventata): Chi è?

ANTONELLA: La proprietaria dell’albergo!

ANTONIO: Molto piacere!

TOSCA: Salve!

ANTONELLA: Allora,chi è che si vuole togliere dai piedi?

ANTONIO: Mi scusi, perché le interessa?

ANTONELLA: Ah, allora ho capito tutto! Questo è un incontro clandestino!

SUSETTA(che ha sentito le ultime parole di Antonella): Quale incontro clandestino?

Intanto Tosca, va via senza farsi notare da Susetta.

ANTONELLA: Voi non sapete niente?

SUSETTA: No!

ANTONELLA(indicando Antonio): Questo qui…

ANTONIO(fermandola): E basta! Si faccia gli affari suoi!

SUSETTA: Ma perché Antonio mio, che cosa è successo?

ANTONELLA: Ah, è pure vostra moglie?

Entra Giovanna.

ANTONIO: Ma chi a ‘ sape?

SUSETTA: Comunque io stavo andando a fare una passeggiata Antonio, vuoi venire? Voglio visitare un poco il luogo!

ANTONIO: Va bene! (pur di levarmi chesta cretina d’a proprietaria annanze) (escono)

ANTONELLA: Ma che gente pazza! (esce)

GIOVANNA: Chesta veramente ave ragione! (si siede sul divano e cerca una rivista)

IMMA(entrando in modo autoritario e vedendo Giovanna): Finalmente sole!

GIOVANNA(si gira spaventata): Ma chi è? Ah sei tu!

IMMA: Così possiamo parlare!

GIOVANNA: Posso leggere in santa pace?

IMMA: No, perché dobbiamo parlare!

GIOVANNA: E’ da ieri che stiamo parlando, mi sono scocciata di parlare! La verità è che sei gelosa del rapporto che c’è tra me ed Alfonso, ecco tutto!

IMMA: Io gelosa? (pausa) E va buono, so’ gelosa va bene? E non ho il diritto di esserlo?

GIOVANNA: No, perché Alfonso è fidanzato con me!

IMMA: Lo so, ma non è che per questo mi devi rispondere male!

GIOVANNA: Perché ti ho risposto male?

IMMA: Non ti ricordi l’altra volta, quando stavo fuori al balcone volevo sapere una cosa di Alfonso  e tu subito ti appicciasti!

GIOVANNA: Ero distratta cretina!

IMMA: Sì va bene, come vuoi tu!

GIOVANNA: Io non voglio rovinarmi le feste!

IMMA: E figurati io!

GIOVANNA: Vatte a truvà n’atu guaglione, ecco Salvatore per esempio vai con lui accussì nun m’affligge cchiù!

IMMA: Ah, perché io t’affliggo?

GIOVANNA: Perché vuoi dire che non è vero?

IMMA: Affliggere no! Uè, ma poi io con Salvatore nun ce voglio stà!

GIOVANNA: E avissa stà cu me? E’ arrivata la bambina di latte!

IMMA: Giovà statte zitta se no te metto na mano inganno, e mi fai passare pure un bel guaio!

GIOVANNA: No, il guaio lo passo io che sono la più grande!

IMMA: No, lo passo io! E non voglio passare i guai per una cretina come te!

GIOVANNA: T’aggio ditto che il guaio lo passo io!

IMMA: No io!

GIOVANNA: No io!

IMMA: No io!

GIOVANNA: Statte zitta! E che facimmo “Miseria e Nobiltà”?

IMMA: Ato che “Miseria e Nobiltà” si nun a’ fernesce! E ringrazia a Dio ca nun t’aggio vattuto perché siamo in un luogo pubblico, si no a faccia già l’avisse avuta gonfia!

GIOVANNA: Io poi me mettevo paura ‘e te!

IMMA: Io sicuramente no!

GIOVANNA: Con te è inutile parlare( sia avvia per andare in camera) ah, sai che ti dico: abituati a vedermi con Alfonso perché penso che stasera vuole chiedere la mia mano!

IMMA: Che vuole chiedere?

GIOVANNA: La mia mano!

IMMA: E che vo dicere?

GIOVANNA: Me vo’ spusà! A faccia toia!

IMMA: Che cosa?

GIOVANNA: Hai capito bene: “alla faccia tua”

IMMA: E me lo dici in faccia? Svergognata!

GIOVANNA: Io sono svergognata? E tu che sei?

IMMA: Io nun m’aggio mai permesso e te parlà accussì!

GIOVANNA: Scava nella tua memoria!

IMMA(urlando): Ma c’aggia scavà! Ma fusse pazza!

GIOVANNA: No, tu si pazza!

IMMA: No tu si pazza!

GIOVANNA: No tu!

IMMA: Se io songo pazza tu si na femmina e’ quatto solde!

GIOVANNA: Che cosa?

Incominciano a rincorrersi per il divano

IMMA: Hai capito bene, se no me l’avisse lasciato a me Alfonso!

GIOVANNA: Io te l’aveva lassà a te? A te nun te piaceva!

IMMA: E che ne sai? Femmina e’ niente!

GIOVANNA: Vattè se no overo te vatte!

IMMA: E a che aspetti? Femmina e quatte solde!

Giovanna inizia ad andare contro Imma

IMMA: Vieni se tiene o’ coraggio! Viene! (ed esce per il centro correndo)

GIOVANNA: Vieni qua! Te faccio vedè io! Addò te ne fuie! (e corre per inseguirla)

GUSTAVO(continuando un discorso già iniziato): E qui, invece, è da dove siete venuta!

MARINA(cha ha ancora i bagagli): Io vi ringrazio Gustavo, ma io non ho ancora visto la camera!

GUSTAVO: Ma come?

MARINA: Siete stato gentile a farmi visitare l’albergo, ma intanto io stongo ancora cu a’ valigia mmano!

GUSTAVO: E ve lo fate uscire adesso da bocca?

MARINA: E voi parlavate sempre!

GUSTAVO: E scusate tanto, ma io per farmi perdonare vi offro una bella aranciata fresca fresca al bar!

MARINA: Ma voi non vi dovete scusare…

GUSTAVO: Basta con il “voi” dammi del tu Marina.

MARINA: Come vuoi tu Gustavo!

GUSTAVO: Già!

MARINA(dopo una pausa): E me vaie a piglià l’aranciata?! Tengo na sete!

GUSTAVO: Subito! Subito! (esce)

MARINA: Che giovane curioso! Me piace assaie, e po’ siamo tutti e due camerieri…

ALFONSO(entra e vede Marina): Marì!

MARINA(spaventata): Ah!

ALFONSO: Marina sono io!

MARINA: Dicite, ma voglio mettere in chiaro che ca nun songo a serva e nisciuno!

ALFONSO: No, nun te preoccupà! Piuttosto hai visto a Giovanna?

MARINA: Me pare ‘e no!

ALFONSO: Ma come mi pare di no?

MARINA: Che ne saccio io? Aggio visto na guagliona ca assomigliava a’ signorina Giovanna, e aggio penzato..

ALFONSO: E mio padre?

MARINA: No, isso no!

ALFONSO: E donna Elsa?

MARINA: Nemmeno!

ALFONSO: Donna Susetta…

MARINA: Nun aggio visto a nisciuno!

ALFONSO: E allora che staie facendo ccà assettata?

MARINA: Signurì, assettateve!

ALFONSO(si siede): Dici!

MARINA: Aggio cunusciuto nu giovane curioso, ma talmente curioso, ca mo m’è juto a piglià nu bicchiere d’aranciata!

ALFONSO: E brava a’ Marina, fa pure le scappatelle!

MARINA: E che vulite a me!? Io songo accussì felice.

ALFONSO: E capisco, pure io sono felice!

MARINA: Overo? E pecchè?

ALFONSO: Stasera voglio porterò la signorina Giovanna a cena fuori poi ci andremo a fare un giro sulla seggiovia, soli soli, poi ci sediamo sul prato e rimarremo lì a vedere i fuochi, e poi succede un'altra cosa che….

MARINA: Che non mi potete dire!

ALFONSO: Ecco brava! Nzomma te piace?

MARINA: E comme, no! Chesta è na bella cosa overamente!

ALFONSO: Te piace overamente?

MARINA: E comme no! Ma ce sta nu problemino!

ALFONSO: Ovvero?

MARINA: La signorina Imma, vuie sapite quanto è gelosa d’a sora, chissà cosa dirà di questa cena a lume di candela soli soli! Mica vi seguirà?

ALFONSO: Nun me ne mporta cosa dirà, io voglio uscì cu Giovanna!

MARINA: E bravo o’ signorino Alfonso, chesta è a determinazione!

ALFONSO: Te pare?

MARINA: Infatti!

ALFONSO: E poi Imma, c’ha anche un corteggiatore!

MARINA: Overo, don Salvatore!

ALFONSO: Chilo putesse essere nu fidanzato pe’ Imma!

MARINA: Ma lei non lo vuole, non gli piace!

ALFONSO: Secondo me ce sta quacche cosa sotto!

MARINA: E chi lo sa!

ALFONSO(si alza): E mo vaco dinto a camera a me preparà, pecchè stasera è una sera speciale!

MARINA: E bravo!

ALFONSO: E mi raccomando cu chillu giovane!

MARINA: State a pensiero tranquillo! (ALFONSO ESCE)

GUSTAVO(rientra): Ecco l’aranciata per la madame!

MARINA: Per chi?

GUSTAVO: Per la madame!

MARINA: Ma chi è?

GUSTAVO: P’a signora!

MARINA: Ah! Adesso capisco! Tu parle tutto strevezo!

GUSTAVO: Gusta l’aranciata!

MARINA(beve): Overo è bona!

GUSTAVO: Produzione propria!

MARINA: Capisco!

GUSTAVO(si allontana un po’ e parla tra sé): Chesta è l’occasione buona per fargli vedere chi sono a Marinella che mi tratta sempre uno schifo, e mi rifiuta sempre: adesso ho capito che non esiste solo lei ma ci sono altre ragazze anche migliori! (va verso Marina) Marina?

MARINA: Sì?

GUSTAVO: Io ho la serata libera, se vuoi possiamo andare a farci un giro per il paese, stasera c’è la sagra delle salsicce!

MARINA: Ah, a’ sagra d’e  sasicce? Molto volentieri, mi fa molto piacere venire con te stasera!

GUSTAVO(tra sé): Ecco fatto che felicità! (a Marina) allora va bene dopo cena?

MARINA: Benissimo!

GUSTAVO: Perfetto!

MARINA(dopo una pausa): Gustà!

GUSTAVO: Dimmi!

MARINA: Le valigie!

GUSTAVO: Hai ragione! (le prende) Andiamo!

MARINA: Va bene! (escono)

SUSETTA(entra assieme ad Antonio): Che bella passeggiata vero Antonio?

ANTONIO(che con lo sguardo cerca di vedere se c’è Tosca): Molto bella!

SUSETTA: Ma cerchi qualcuno? Forse Elsa!

ANTONIO: No, non sto cercando nessuno!

TOSCA(entra e non vede Antonio e Susetta): E mo dove si è cacciato? (li vede) Antonio e Susetta!

SUSETTA: Tosca che piacere vederti! Ti sei preparata per la cena?

TOSCA: Non ancora! Aspettavo Raffaele!

SUSETTA: Ma perché dove è andato?

TOSCA: A fare una passeggiata!

ANTONIO: Anche noi siamo andati!

TOSCA: Mi fa piacere!

SUSETTA: Antonio vogliamo andare?

ANTONIO: Veramente mi volevo trattenere un po’ qui!

SUSETTA: Ah, allora fate con comodo! Io sto qui fuori a vedere se torna Elsa! Permesso! (esce)

TOSCA: Finalmente un po’ da soli!

ANTONIO: Non ci lasciano in pace nemmeno due minuti!

TOSCA: Si, ma quella sta là fuori, può sentire!

ANTONIO: E so pure questo…. Facciamo una cosa!

TOSCA: Che hai in mente?

ANTONIO: Dopo cena con la scusa che dobbiamo andare a comprare le sigarette, andiamo a farci una passeggiatina, ho sentito che stasera c’è la sagra delle salsicce!

TOSCA: Buona idea, allora ci vediamo dopo! (esce)

ANTONIO: Ma tu vedi un poco che devo fare per vedermi cu chella piezzo e babà! Quanto è bella!

SUSETTA(entra): Antonio, ma le ragazze?

ANTONIO: Le ragazze chi?

SUSETTA: Imma e Giovanna!

ANTONIO: Non lo so!

Entrano Imma e Giovanna. Sono messe male. I capelli scompigliati, i vestiti messi male, ecc…

GIOVANNA(sottovoce ad Imma): Cu te nun e’ fernuta ccà!

IMMA: O’ stesso vale per me!

GIOVANNA: Aggiustate cretina, ce sta zia Susetta!

IMMA: Nun me chiama cretina!

GIOVANNA: Aggiustate, muoviti!

Si aggiustano alla meno peggio. Susetta le vede.

SUSETTA: Né guagliuncè addo stiveve?

GIOVANNA: In albergo!

SUSETTA: E a fare che cosa?

IMMA: Niente di grave!

SUETTA: Comunque io sto fuori con Antonio a vedere un negozio! (escono)

IMMA: Mi hai fatto male!

GIOVANNA: E pure tu! Ma la prossima volta non mi dicevi quelle cose!

IMMA: Ma non è finita qua!

GIOVANNA: Io sono ancora forte!

IMMA: Io lo sono quanto te!

GIOVANNA: E allora ci aspetta un altro round!

IMMA: Io sono qua: a disposizione!

GIOVANNA: E pure io! Ah no, stasera no, devo uscire con Alfonso: buona serata! (esce)

IMMA: Ma tu vedi che cretina! Mi fa passare un guaio quella svergognata!

MARINELLA(entra): Ah che stanchezza! (vede Imma) Salve!

IMMA: Salve!

Le due si guardano, poi Marinella inizia a parlare.

MARINELLA: Tu sei quella che viene da Napoli?

IMMA: Sì!

MARINELLA: Anche io!

IMMA: Overo?

MARINELLA: Da che parte?

IMMA: Vomero!

MARINELLA: Ah, io invece vengo da Napoli centro.

IMMA: Bello, io ci vado sempre: Piazza Dante, Mergellina, Via dei Tribunali, Piazza del Plebiscito.. mi consolo sempre quando ci vado!

MARINELLA: E a chi lo dici! Ma come ti chiami?

IMMA: Mi chiamo Imma, e tu?

MARINELLA: Io in realtà mi chiamo Maria, ma mi faccio chiamare Marinella!

IMMA: Com’è il paese?

MARINELLA: Sono appena tornata: è bello, un po’ piccolo, ma si può sciare, fare quattro passi…

IMMA: E da quanto tempo stai qua? Io sono appena venuta!

MARINELLA: Io già sto da una settimana e mi sono ambientata bene!

IMMA: E quanti anni c’hai?

MARINELLA: Ce ne ho 18 e mi sono diplomata alla scuola di lingue!

IMMA: Che bella cosa, io frequento un corso di lingue a pagamento però, di pomeriggio. Comunque ho 19 anni e dovrei essere ragioniera!

MARINELLA: Bello la matematica!

IMMA: Ih che schifo!

MARINELLA: Alla mia scuola si faceva molto poco, ma mi sarebbe piaciuto! (pausa) ma sei fidanzata?

IMMA: Io no, ma mia sorella sì!

MARINELLA: Siete due sorelle in famiglia?

IMMA: Sì purtroppo!

MARINELLA: Io invece non devo sopportare a nessuno!

IMMA: E perché?

MARINELLA: Sono figlia unica!

IMMA: Aggio capito! E tu, Marinè, sei venuta da sola o con il fidanzato?

MARINELLA: Non parlare di fidanzato, per favore!

IMMA: Perché, che è successo?

MARINELLA(scoppia a piangere)

IMMA: Perché fai così? Che è successo?

MARINELLA: Chillu birbante assassino, mi ha tradita con un'altra!

IMMA: Che carogna!

MARINELLA: E mo, sono felici e contenti!

IMMA: E jammo nun stà accussì, lasciato un uomo, se ne trova un altro!

MARINELLA: Ma non come lui: lui era forte, bello, era nu guappo, me faceva ascì pazzo!

IMMA: Era nu guappo?

MARINELLA: Sì, a me piacciono i guappi!

IMMA: Nun te conviene!

MARINELLA: Perché?

IMMA: Comme? Io ho un ragazzo guappo che mi corteggia, comme è petulante, pensa che è venuto a seguirmi pure qui!

MARINELLA: Tu vide che cosa curiosa! E come si chiama?

IMMA: Pure o’ nomme è brutto! Si chiama….

GUSTAVO(che ha sentito un po’ del discorso): Salvatore Dirozzi!

IMMA: Bravo!

MARINELLA: Salvatore Dirozzi?

FLORIANA(esce dalla camera tutta infuriata) Addò stà?

IMMA: Ma pecchè, che è stato?

FLORIANA: Che è stato? Ha tradito mia figlia!

MARINELLA(a Imma): Traditrice!

IMMA: Ma perché, che ho fatto?

MARINELLA: E me lo dici pure in faccia? (a Floriana) Mammà, chesta è Imma!

FLORIANA(infuriata): Tu sei Imma?

IMMA: Sì!

FLORIANA: Cattiva, sta facendo soffrire mia figlia per tutti questi giorni!

IMMA: Io?

MARINELLA: E chi se no? Tu hai detto a Salvatore di lasciarmi, perché tu lo volevi, lo amavi!

IMMA: Io lo amo? Ma chi o’ sape? Io non lo voglio!

GUSTAVO: E come lo puoi dimostrare, né?

IMMA: Basta la mia parola! (a Marinella) pigliatelo a Salvatore, anzi mi fai un piacere!

MARINELLA: Davvero?

FLORIANA: Tu overamente dici?

IMMA: Certo!

SALVATORE(entrando): Imma! (vede Floriana e Marinella) Ah!

MARINELLA: Che d’è? Te ne vuò scappà?

FLORIANA: Mo nun te ne può scappà! Abbiamo saputo tutto.

MARINELLA: Imma mi ha detto che non state insieme!

IMMA: Ma come, hai fatto credere a questa ragazza che io e te stavamo insieme, come hai potuto? Birbante, briccone e cu che core, e mi hai fatto passare a me per la cattiva! (a Marinella e Floriana) Ciao!

MARINELLA: Grazie!

IMMA: Figurati! (esce)

SALVATORE: Imma, ma dove vai! (la segue,esce)

FLORIANA: E mo addò và? Nuie l’avimma vattere!

MARINELLA: Mammà seguiamolo! (escono)

GUSTAVO: E mo quel Salvatore avrà na mazziata ca nun s’a scorda cchiù!

ANTONELLA(entra): Gustavo, ma cos’era quel fracasso?

GUSTAVO: Niente donn’ Antonè,questioni irrisolte!

ANTONELLA: E le vengono a risolvere qui nella hall! Se ne vadano al bar, che ne sai  se qualche pedata ha sporcato il pavimento. Perciò bisogna andare al bar.

GUSTAVO: (Mamma mia e come è pesante)

ANTONELLA: In ogni modo, vieni con me c’è da preparare la cena!

SUSETTA(che ha sentito l’ultima parola): Cena? Ah, io non vedo l’ora!

ANTONELLA: E allora andatevi a preparare che tra poco sarà pronta!

ANTONIO: Andiamo! (esce assieme a Susetta)

ANTONELLA(alludendo ad Antonio): Questo è quello dell’ incontro clandestino!

GUSTAVO: Incontro clandestino?

ANTONELLA: Sì, adesso ti spiego! (ed escono parlottando)

RAFFAELE(entra assieme ad Elsa, parlando come se fosse un discorso continuato); Siente, ma io mi domandavo una cosa!

ELSA: Dici!

RAFFAELE: Noi cercheremo di dirglielo che ci vogliamo lasciare da loro e tornare insieme,no?

ELSA: Embè?

RAFFAELE: Giovanna e Alfonso addò e’ miette?

ELSA: Chili duie? Nun te preoccupà l’hai detto stesso tu prima, nun t’arricuorde?

RAFFAELE: No veramente…

ELSA: A’ vecchiaia!

RAFFAELE: Brava!

ELSA: Ce penso io, e putimmo fa lassà, tanto nun è niente e serio! (si sentono dei rumori) ah eccoli sono loro, nascondiamoci, vediamo che dicono! (si nascondono)

ALFONSO(entra seguito da Giovanna): Ti sei litigata un'altra volta con tua sorella?

GIOVANNA: Embè, c’aggià fa, è lei che mi provoca!

ALFONSO(la prende e la porta a sé): E va buono, mo basta parlare di litigi, parliamo di cose serie!

GIOVANNA: Che intendi?

ALFONSO: Senti, io nun c’a faccio a t’o dicere dopo cena, te l’aggia dicere mò!

GIOVANNA: Ma che cosa?

ALFONSO(si inginocchia e prende una scatolina contenente un anello e la apre dicendo): Giovanna, mi vuoi sposare?

RAFFAELE(si guarda con Elsa): Meno male ca nun era niente e’ serio!!!

Fine 2° Atto.


Atto Terzo

La stessa scena del primo atto. Per la stanza ci sono molti fiori, come segno d’augurio. Sono passati 3 giorni dal secondo atto, e si sta organizzando la festa per la sera. In scena ci sono Marina, Fortuna, e Nannina che stanno parlottando tra loro.

SCENA PRIMA

Marina, Nannina e Fortuna

MARINA(continuando un discorso già iniziato): E po’, primma e ire a cenà a primma sera, ce dicetteno tutte cose!

NANNINA(la guarda come se stesse raccontando una storia meravigliosa): E essa?

MARINA: Subito accettaie! E subito c’o venetteno a dicere!

FORTUNA: Ma parlammo e cose cchiù serie…. Imma comme l’ha pigliata sta nuvità?

MARINA: E me lo chiedete pure? L’ha presa male, molto male, quasi se metteva a chiagnere!

NANNINA: E ce credo doppo tutto chillu tuosseco ca era succieso cu a sora!

MARINA: E ancora, donna Nannina mia! Mo sta allà, a vedite, ngoppo o’ lietto cu n’atteggiamento imbronciato e nun vo parlà cu niscuno!

FORTUNA: Ma tu vide e’gguaglione! E stasera c’è la festa?

MARINA: Sì, la festa dell’ annuncio del matrimonio!

NANNINA: Chesta è n’ata cosa ca nun sta!

MARINA: Che cosa?

NANNINA: Ma comme vuie site turnata aiere sera, e justo o’ juorno adoppo facite a festa?

MARINA: Nun hanno vuluto sentì ragioni!

FORTUNA: Nannì, chilli là, teneno buone intenzioni! Evidentemente sono talmente innamorati ca hanno vuluto fa a’ festa proprio al loro ritorno!

MARINA: E penso pure io a’ stessa cosa: sono così innamorati!

NANNINA: A proposito di innamorati… tu Marì, nun he fatto niente?

MARINA: Comme niente? Mi sono data da fare anch’io!

FORTUNA: Overo faie? E voglio sentì!

MARINA: E’ giovane… (descrizione del personaggio) fa il cameriere dentro all’albergo! Mi accompagnò a visitare l’albergo, e poi subito dopo mi chiese se volevo uscire la sera stessa con lui! Fuie bellissimo, iettemo a’ sagra d’e sasicce, e magnaiemo…. Po’ gli altri giorni stettemo nzieme e quanno me ne iette mi diede il suo indirizzo di posta e io il mio! (sospira) Lo rifarei!

NANNINA: E ce credo!

FORTUNA: Beato a te, chistu ccà ca dice tu nun è comme e’ mariti nuoste è overo Nannì?

NANNINA: A chi lo dici!

MARINA: E jammo, don Giuvanne e don Domenico songo faticature oneste, nun penso ca songo uommene ca nun danno soddisfazione!

FORTUNA: Ma qua’ soddisfazione! Faticano, è overo, ma chiù e’ chello…..

NANNINA: …. Niente!

MARINA(imbarazzata): Aggio capito!

NANNINA: He capito mo?

MARINA: Comme!

FORTUNA: E’ pecchesto ca sugnammo pure noi il principe azzurro!

NANNINA: Prima o poi adda venì pure addu nuie!

MARINA: Chesto è certo!

FORTUNA: Cagnammo discorso: piuttosto stasera chi ce sta a’ festa?

MARINA: Solo i parenti più intimi: donna Elsa, don Rafele, don Antonio, donna Tosca, e donna Susetta e po’ avessa venì quacche parente, ma niente di che…

NANNINA: Na cosa in famiglia!

MARINA: Brava!

FORTUNA: Veramente io e Nannina c’avimma purtà o’ regalo, pecchè quanno aiere sera sentettemo chistu fatto stamattina subito io e Nannina siamo scese!

NANNINA: E ci chiedevamo quanno putevamo venì!

MARINA: Veramente, chilli vogliono fa a ‘ cosa in famiglia ma vuie cu a scusa ca m’avita purtà quacche cosa a me, trasite pure vuie!!

FORTUNA: C’o faie stu piacere? (a Nannina sottovoce) mica ce putimmo perdere na cosa e’ chesta?

MARINA: State senza pensiero!

NANNINA: Allora nuje ce ne iammo, ce vedimmo adoppo!

FORTUNA: Grazie ancora! (escono)

SCENA SECONDA

Imma e detta, poi Giovanna, indi Susetta

MARINA: Arrivederci! (mentre pulisce inizia a cantare): Chisto è o’ paese d’o sole, chisto è o’ paese d’o mare…. (ENTRA IMMA e si siede sul divano in atteggiamento imbronciato. Marina la guarda e smette di cantare) Signurì! Perché state così arrabbiata, non vi è piaciuta la vacanza? E’ da 3 giorni che state così! E jammo, che adesso vostra sorella si sposa!

IMMA: Ed è proprio questo il guaio!

MARINA: Ma perché vi siete contrastate un'altra volta?

IMMA: Un'altra volta? Sempre! E mo, mi tocca fare pure la testimone, per tradizione!

MARINA: E va bene, non disperate, sono certa che pure voi, quando vi sposerete, sarete una sposa bellissima.

IMMA: Grazie!

GIOVANNA (di dentro): Ma dove sta?

MARINA: Aì loca, sta venendo!

GIOVANNA (entra): Marina, hai visto per caso le mie scarpe? Se non trovo le scarpe, come mi vesto per stasera?

MARINA: Vado a vedere se ci sono nella scarpiera!

GIOVANNA: Ma mammà e Antonio?

MARINA: Ancora devono ritirarsi!

GIOVANNA: E addò so ghiute?

MARINA: Non lo so! Comunque vado a vedere le scarpe! (esce)

IMMA: E così stasera dai parola!

GIOVANNA (eccitata): Sì, nun veco l’ora! (vede i fiori) Uh, ma guarda quanti fiori! (legge qualche bigliettino) Cara Giovanna, che questo matrimonio ti porti tanta felicità firmato le tue amiche Lisa e Milena. Uh e leggiamo quest’altro: Tesoro mio, finalmente…. (scoppia a piangere)

IMMA (tra sé): Chesta già accumencia a chiagnere!

GIOVANNA (sempre piangendo): Che bel bigliettino che mi ha mandato Alfonso!

IMMA (fredda): Che c’era scritto?

GIOVANNA: Si t’o dico, me faie chiagnere n’ata vota!

IMMA: E che fa? Tanto tu sei una fontana!

GIOVANNA: Stai ancora accussì?

IMMA (ironica): Io? Quando mai!

GIOVANNA: E cerca di comportarti meglio, allora! Piuttosto aiutami a mettere il vestito!

IMMA (scocciata): E andiamo a mettere il vestito alla principessa! (esce)

GIOVANNA (vezzeggiandosi): Hmm… e che tenisse a dicere, io songo meglio e na principessa! (esce)

MARINA (entrando): Signurì, e’ scarpe! (non vedendola) e mo addò sta? Ce le vado a portare in camera sua! (si avvia)

SUSETTA (entrando): Aspetta!

MARINA: Che c’è signò?

SUSETTA: Ah, quante volte ti devo dire che mi devi chiamare signorina, perché io non sono sposata, hai capito?

MARINA: Come volete voi, signorina!

SUSETTA: Brava, e poi io non sono zitella ma…

MARINA: Nu cartone vecchio!

SUSETTA: Uè, e che sono queste parole! Ti faccio licenziare, sah!

MARINA: Scusate!

SUSETTA: Comunque io sono singole, chiaro?

MARINA: Va bene!

SUSETTA: Piuttosto preparami una tazza di caffè, ca tengo a vocca amara comme o’ fele!

MARINA: Vado a portare le scarpe alla signorina Giovanna e poi sono da voi!

SUSETTA: Vai sbrigati che si deve pure mettere la roba a posto in camera mia! (esce)

MARINA (rivolta al pubblico con una mano sullo stomaco): Mamma mia, chesta è tanto brutta quanto scucciante, mamma mà! (esce a sinistra)

SCENA TERZA

Elsa e Raffaele, poi Marina, indi Antonio e Tosca

ELSA (fa capolino per vedere se c’è qualcuno): No, nun ce sta nisciuno, può trasì!

RAFFAELE (entra furtivamente)

ELSA: Cammina normale ca nun ce sta nisciuno!

RAFFAELE: E Antonio?

ELSA: Non lo so!

RAFFAELE: Comunque tornando a noi, tu capisci? Due giorni in quell’albergo e non siamo riusciti a lasciarli!

ELSA: E chili là, una volta andavano di fretta, un'altra volta non volevano parlare e sono passati 2 giorni!

RAFFAELE: E intanto stasera Giovanna da parola, mica possiamo rovinare stu giorno!

ELSA: Ma qua rovinare! Io penso ca essa sarria felicissima!

RAFFAELE: Lo spero! Ma vieni qua fatte da nu bacio!

ELSA: Ma tu si pazzo, ca dinto! Cu sorema allà! (indica la porta a destra)

RAFFAELE: Ma almeno sulla mano!

ELSA (si guarda prima attorno e poi dice): Bacia!

RAFFAELE (gli bacia la mano): Che bella cosa!

ELSA: T’è piaciuto?

RAFFAELE: E me lo chiedi pure!

ELSA: Pare che siamo tornati n’ata vota comma a quanno eravamo appena spusate!

RAFFAELE: E lo sarà tesoro mio!

MARINA (di dentro): Signurì, se avete bisogno di me chiamatemi!

ELSA: Uh, a cammarera! Fa na cosa vattenne pe fore a’ loggia ce vedimmo stasera alla festa!

RAFFAELE: Va bene a dopo angelo mio! (esce per il balcone)

ELSA: Ah, pare mill’anne ca ce o’ dicimmo a Antonio!

MARINA (entra): Ah signò siete arrivata, avete fatto un po’ tardi!

ELSA: Lo so, scusa, sono dovuta andare a fare delle commissioni!

MARINA (tra sé): Ma come, la padrona che si scusa con la cameriera, ma che bel cuore che tiene sta signora! E non deve soffrire per via di don Antonio ca ce fa e’ corne cu a’ cumpagna e don Raffaele! (al pubblico) sapite che faccio? Io mo ce dico tutte cose! (a Elsa) Signò, putite venì n’attimo fore a loggia, v’aggia dicere na cosa!

ELSA: Ma è importante? Io mi devo ancora preparare!

MARINA: Sì, signò e importante!

ELSA: E jammo! (escono per il balcone)

ANTONIO (entra seguito da Tosca): Io nun ce pozzo credere! Ma come, eravamo soli in quell’albergo, l’occasione buona per dirglielo…

TOSCA: E invece nun c’ammo ditto niente!

ANTONIO: Brava! Ma mo come si fa?

TOSCA: Ce o’ dicimmo stasera, qual è il problema?

ANTONIO: Sicura?

TOSCA: Ma perché hai questo dubbio?

ANTONIO: Perché stasera Giovanna e Alfonso hanna firmà e’ carte p’o matrimonio, e ce sta pure a festa!

TOSCA: Embè?

ANTONIO: Non vorrei rovinargli la festa!

TOSCA: Nun te preoccupà stai senza pensiero!

ANTONIO: E va bene farò come dici tu!

TOSCA: Vuoi dire “faremo”!

ANTONIO: Uh sì, scusa hai ragione!

TOSCA: Antò, nun veco l’ora ca ce o ‘ dicimmo a Elsa e Raffaele, accussì ce ne jammo a vivere io e te da soli!

ANTONIO: E anch’io lo spero Tosca mia! Ma stasera cascasse il mondo noi gli diremo tutto!

TOSCA: E certamente! Non posso andare avanti così!

ANTONIO: E nemmeno io! Quei giorni lì, in albergo ti desideravo volevo stare sempre con te, e invece na vota pe nu motivo….

TOSCA: E na vota pe n’ato non siamo stati mai insieme: è giunto il momento di non tenere nascosto più niente sul nostro amore!

ANTONIO: E questo accadrà stasera!

TOSCA: Pregherò tutti i Santi affinché succeda!

ANTONIO: E pure io stamattina ho accesso una candela a S. Antonio e speriamo che almeno lui ci può aiutare!

TOSCA: Io invece l’ho accesa a S. Maria e a S. Lucia! Spero ca tutti sti santi c’avessena aiutà!

ANTONIO: Lo spero proprio!

TOSCA: Io me ne vado, mi devo andare a preparare per stasera!

ANTONIO: Va bene ci vediamo dopo!

TOSCA (esce)

ANTONIO: Mò pure io mi vado a preparare poi quando viene Alfonso gli parlo un poco per convincerlo a lasciarsi con Giovanna! E che facimmo? Dopo ci troviamo ad essere pure suoceri! (esce)

SCENA QUARTA

Elsa e Marina, poi Alfonso e Salvatore,indi Antonio

ELSA (entra tutta sorridendo): Tu overamente dice?

MARINA (dispiaciuta): Purtroppo sì!

ELSA: Ma qua purtroppo! Tu devi essere felice!

MARINA: Ma pecchè signò, voi siete felici che don Antonio vi fa le corna con la compagna di don Raffaele?

ELSA: E se capisce,no! Pecchè pure io ce faccio e corna a Antonio!

MARINA: Overo?

ELSA: Sì, cu don Raffaele!

MARINA (tra sé): Ma vide che piezza e…

ELSA: Comunque grazie per avermelo detto, ma mo vai a fare le cose tue, va’!

MARINA: Vado! (tra sé) ma comme è strana sta famiglia: se so spusate, so triste, e si se fanno e’ corna so felici? Bah! (esce)

ELSA: Uh, che felicità! Ma bisogna dirlo subito a Raffaele! Va buò, per mo faccio finta ca nun saccio niente e stasera sparo a’ bomba! Ma mo vado a vedere come sta Giovanna! (si avvia) Ah, oggi è il giorno più bello! (esce)

ALFONSO (entra seguito da Salvatore): E allora, che dovrei fare, sentiamo!

SALVATORE: Ma comme, che devi fare! Tu devi dire solamente che mi hai invitato alla festa, nient’ato!

ALFONSO: Sì, ma pecchè?

SALVATORE: Ma comme pecche? Se capisce,no! Pecche aggia vede a Imma, l’angioletto mio!

ALFONSO: Seh,seh, l’angioletto tuo! Chella nun te po avvede!

SALVATORE: Ma quanne maie, statte zitto! Allora siamo d’accordo?

ALFONSO: Va buono!

SALVATORE: Sta bene, caro cognato! Io mo vado a finire di vestirmi, ci metto due minuti! (si avvia) nun ve ne jate,sa! (esce per la comune)

ALFONSO: Chisto veramente è convinto ca Imma s’o sposa facilmente!

ELSA (entra, vede Alfonso): Uè, Alfonso, già sei arrivato!

ALFONSO: Mi sono un po’ anticipato, volevo vedere la mia futura moglie come sta!

ELSA: Sta benissimo, anzi vai a salutarla, sta tutta felice!

ALFONSO: E mo vado! (esce a sinistra)

Entra Antonio

ELSA: Vai Alfonso,vai!

ANTONIO: E’ venuto Alfonso?

ELSA: Sì, pecchè?

ANTONIO: Gli dovevo parlare!

ELSA: E vai, sta con Giovanna!

ANTONIO: No, non voglio disturbarli!

ELSA: Fa come vuoi!

Pausa. I due non riescono a parlare,si guardano negli occhi e poi subito si rigirano. Finché,insieme,esclamano l’uno all’altra….

I DUE: Ma è successo qualcosa?

ELSA: Uh, abbiamo parlato insieme!

ANTONIO: Già!

Ricomincia la stessa situazione di prima.

I DUE: Me ne vuoi parlare?

ANTONIO: E che miseria, non riusciamo a parlare mai uno per volta!

ELSA: Forse dobbiamo rimandare ad un'altra volta! (esce per il balcone)

ANTONIO: Ah, che bella cosa, io ed Elsa ci siamo litigati un'altra volta, stiamo andando alla grande! (esce)

Pausa.

SCENA QUINTA

Susetta e Marina,poi Imma e Alfonso

SUSETTA (di dentro): Marina!Marina!Marina!

MARINA (di dentro): Che c’è signò…ah, vulevo dicere signorina!

SUSETTA (c.s.): O’ café e mammeta!

MARINA (entrando con la tazza): Ve lo porto subito!

SUSETTA (entrando): E quanto tempo ci vuole?

MARINA: Ho dovuto aiutare donna Elsa!

SUSETTA: Ma perché, è tornata?

MARINA: Sissignore.

SUSETTA: E addò stà?

MARINA: Ah, chesto nun v’o saccio dicere!

SUSETTA: Va buono, vado a finire di prepararmi! (esce)

MARINA: Ih, quanto è brutta! (esce per la comune)

IMMA (entra seguita da Alfonso): Overamente?

ALFONSO: Sì, abbiamo invitato pure lui, sempre se non ti dispiace!

IMMA (fredda) No, nun te preoccupà. Anzi mo mi vado a truccare un poco!

ALFONSO: Ma che d’è te si appiccicata n’ata vota cu soreta?

IMMA: Pecchè se vede?

ALFONSO: E ci credo! Pecchè ve site appiccicate?

IMMA: Sempe pe nu fatto: stiamo litigate da tre giorni!

ALFONSO: E manco facite pace! Jammo che oggi è un giorno bello per tutta la famiglia!

IMMA: E speriamo pure per me! (esce)

ALFONSO: A chesta le songo sempe piaciuto, mo l’avuto nu poco dinto e’ diente ca me sposo cu a sora!

SCENA SESTA

Antonio e detto

ANTONIO (entra e vede Alfonso): Ah, eccoti qua!

ALFONSO: Buonasera papà!

ANTONIO: Dobbiamo parlare!

ALFONSO: Papà mi devi parlare proprio mo?

ANTONIO: Beh…

ALFONSO: E’ importante?

ANTONIO: Dobbiamo parlare seriamente da padre a figlio, da uomo a uomo!

ALFONSO: Va bene, però sbrighiamoci ca mo veneno pure gli altri!

ANTONIO: Andiamo in camera mia, così mi finisco di preparare e parliamo!

ALFONSO: E va bene!

Escono. Inizia a fare un po’ buio per significare che è calata la sera.

Campanello, Marina va ad aprire.

SCENA SETTIMA

Marina e Tosca,poi Elsa, indi Raffaele

MARINA (da dentro): Prego entrate!

TOSCA (entra): I padroni di casa?

MARINA: Ve li vado a chiamare subito! (ENTRA ELSA) Ah,ecco donna Elsa! (esce)

ELSA (vede Tosca): Cara, come stai?

TOSCA (la bacia): Benissimo, cara! E tu?

ELSA: Felicissima!

TOSCA: Lo immagino!

ELSA: Ma Raffaele?

TOSCA:E’ andato a comprare il vino!

ELSA: Ho capito! (chesta sa ntenne cu Antonio)

TOSCA: E Antonio? Non lo vedo!

ELSA:Starà in camera sua!

TOSCA (mostra un pacchetto a Elsa): Questo è il regalo per Giovanna e Alfonso!

ELSA: Grazie, mo che esce glielo diamo!

Campanello,Marina va ad aprire.

ELSA: Senti, non mi dire niente, ma vado a finirmi di preparare!

TOSCA: Non ti preoccupare vai, io prenderò un po’ d’aria fuori al giardino, aspettando Antonio, hmmm… cioè volevo dire gli sposini! (esce)

ELSA: Ah, allora è overo!

MARINA: E’ don Raffaele! (esce)

RAFFAELE (entra): Buonasera a tutti!

ELSA: Statte zitto, siamo solo noi due! Ti devo informare di una novità!

RAFFAELE: Quale?

ELSA: Antonio, sa ntenne cu Tosca!

RAFFAELE (felice): Overo? Che felicità, ma tu capisci ca accussì avimmo via libera…

ELSA: Mo putimmo avè via libera!

RAFFAELE: E lo capisco! Allora che ce ne mporta se ce o dicimmo ogge, tanto si nuie ce lasciammo cu loro, loro ponno sta nzieme!

ELSA: Esatto: Rafè, mi sembra un sogno!

RAFFAELE: Il sogno del principe e della principessa!

ELSA: Non siamo più giovani per essere il principe e la principessa, casomai il re e la regina!

RAFFAELE: Accussì simmo ancora chiù putente!

ELSA: E si capisce, Rafè io ti amo!

RAFFAELE(alza un po’ la voce): E anche io ti amo!

Campanello,Marina va ad aprire

ELSA:  Statte zitto, pecchè mugliereta sta fore o’ giardino si chella sente ci rovina il piano!

RAFFAELE: E allora mo vado e faccio finta di niente! (esce)

ELSA: Ah, chissà come andrà a finire sta giornata! (esce in camera di Giovanna)

SCENA OTTAVA

Marina e Salvatore, poi Nannina e Fortuna

MARINA (entra seguita da Salvatore): Scusate, ma voi non siete invitato!

SALVATORE: Songo stato invitato, va buò!

MARINA: Sì, ma noi non vi aspettavamo!

SALVATORE: Piccerè, t’aggio ditto ca songo stato invitato dagli sposini!

MARINA: Loro nun m’hanno ditto niente!

SALVATORE: E t’o dico io, vabuò?

MARINA: Vuie nun me dicite proprio niente!Arrivederci e iatevenne! (si avvia)

SALVATORE (la prende): Statte zitta, viene ccà!

MARINA: Lassateme!

SALVATORE: T’aggio ditto ca songo stato invitato, famme trasì, o si no…..

MARINA: Va bene, come volete voi, prego andate in giardino!

SALVATORE: Brava! (gli da un bacio)

MARINA (sospira): Ah!

SALVATORE: Io vaco! (esce in giardino)

MARINA: Che bella cosa, è proprio fortunata a signorina Imma ca ave nu corteggiatore accussì, però intanto me steva facendo passà nu brutto quarto d’ora! (Campanello interno) Vado ad aprire! (Pausa) Prego accomodatevi!

FORTUNA: Eccoci qua!

NANNINA: Mica potevamo mancare all’appuntamento?

MARINA: E don Giovanni e don Domenico?

FORTUNA: Stanno a casa, forse ci raggiungono dopo!

MARINA: Aggio capito!

NANNINA: E la sposina già è uscita?

MARINA: No ancora, ma mo esce, sta a nu sacco e tempo dinto a chella camera!

FORTUNA: E si deve fare bella come una vera sposa!

RAFFAELE(entra): Siente Marì…. (vede Nannina e Fortuna) Donna Nannina e donna Fortuna?

LE DUE: Simmo nuie don Rafè!

RAFFAELE: Che bella cosa! (la abbraccia) comme state?

NANNINA: Benissimo don Rafè!

FORTUNA: Piuttosto, voi come state!

RAFFAELE: Benissimo!

NANNINA: E la vostra sposa?

FORTUNA: Che bella donna!

RAFFAELE: Grazie! Chella sta fore a giardino a parlà cu l’ate!

NANNINA: E la voglio salutare!

FORTUNA: E’ a nu sacco e’ tempo ca nun a vedimmo!

RAFFAELE: E venite cu mico, fore o’ giardino!

NANNINA: E va buono!

RAFFAELE: Che bella cosa! (escono)

MARINA(esce)

SCENA NONA

Alfonso e Antonio, poi Elsa Raffaele Imma Susetta Tosca Nannina  Fortuna Marina Salvatore

ALFONSO (di dentro): Basta papà, mi rifiuto di continuare a sentire (entra) ma vi rendete conto di quello che state dicendo?

ANTONIO: Tu non hai capito…..

ALFONSO: Ho capito bene invece, mi vuoi far lasciare con Giovanna!

ANTONIO: Ma non in quel senso….

ALFONSO: E in che senso se no?

ANTONIO (non sapendo cosa dire): Niente, ma mi vuoi stare a sentire?

ALFONSO: No, papà, avete parlato già abbastanza!

ANTONIO: Ma io vi dico solo di prendervi tempo!

ALFONSO: E’ già passato troppo tempo papà! Io la voglio sposare, non c’è più rimedio!

ELSA (entra correndo seguita da Imma): Uè, andate a chiamare tutti, Giovanna è pronta!

IMMA: E’ overo!

ALFONSO: Ci penso io (chiamando) Don Raffaè, donna Tosca, Salvatò, Marina, venite Giovanna è pronta!

TOSCA (entra, felice): Che bella cosa!

RAFFAELE (entra): Finalmente!

MARINA (entra): Uh, che bella cosa!

SALVATORE (entra)

NANNINA E FORTUNA (entrano)

SUSETTA(entrando): Né, ma che è stato?

ALFONSO: Zia Susè, Giovanna è pronta!

SUSETTA: Finalmente!

IMMA (si affaccia dentro la porta per vedere se Giovanna arriva, poi esclama): Eccola!

SCENA DECIMA

Giovanna e detti

GIOVANNA (entra. E’ ben vestita, ingioiellata, ben pettinata. Percorre la stanza e si ferma al centro. Mentre fa ciò tutti la guardano come se fosse una principessa. Arrivata al centro dice): Buonasera a tutti!

Applausi.

GIOVANNA: E jammo, non accussì, mi fate emozionare!

ELSA: Have ragione, facimmo na cosa, ascimmo fore, mangiamo, e poi dopo gli diamo i regali.

TOSCA: Va bene, su usciamo fuori! (escono tutti tranne Imma e Salvatore)

IMMA: Come mai tu qua?

SALVATORE: Sono stato invitato!

IMMA: Mi fa piacere!

SALVATORE: Già!

IMMA: Già!

SALVATORE: Già!

IMMA: Ah, basta! Parlammece chiaro!

SALVATORE: Ah, finalmente, pe na vota ce parlammo chiaro!

IMMA: Lì, dinto all’ albergo aggio capito molte cose e’ te!

SALVATORE: E che hai capito?

IMMA(ridendo): Primma e tutto aggio capito c’he hai abbuscato! (torna seria) però aggio capito pure ca tu me vuo’ bene, e me seguiresti pure in capo al monte…

SALVATORE: ….. al mondo!

IMMA: Nun me ne mporta! Mo però, mi importi tu!

SALVATORE(quasi volesse svenire): Che cosa?

IMMA: Se te cumpuorte buono e cagne nu poco, sulo nu poco carattere, io te sposo!

SALVATORE(contentissimo): Tu overo staie dicenno? Che bellezza! (la prende) vieni ccà fatte da nu bacio! (la bacia)

IMMA: E jammo, nun sta bene ce vedeno e’ genitore miei!

SALVATORE: E che ce ne mporta?

IMMA: Io mo vaco a faticà, cu o’ diploma che m’aggio pigliato, e tu?

SALVATORE: Ma io già fatico, dinto a na banca… vabuò, ma mo nun parlammo e sti cose, jammuncenno nu poco fore o’ terrazzo a festeggià!

IMMA: Vai prima tu io poi ti raggiungo, sai devo far pace con Giovanna, e devo andare prima in camera mia!

SALVATORE: E allora mo vaco solo io! (uscendo) che felicità!(esce)

IMMA(rivolta al pubblico): A verità? A me già primma me piaceva, ma vulevo vede fino a dove arrivava, pecchè pe conquistà a me bisogna fare strada! (esce in camera)

ALFONSO(entra seguito da Giovanna): Vieni, fa ambresso!

GIOVANNA: Ma che ti prende mi hai fatto lasciare da soli gli invitati!

ALFONSO: Ti devo parlare!

GIOVANNA: Di che cosa?

ALFONSO: Papà, mi ha parlato e ha detto che forse è meglio se ci lasciamo.

GIOVANNA: E perché?

ALFONSO: Lui dice che lui e Elsa sono compagni e allora, non possono essere sia compagni che consuoceri!

GIOVANNA: E tu che c’hai risposto?

ALFONSO: Di no, naturalmente! (la prende) io voglio sta ccu te!

GIOVANNA: E pure io! Ah, ma secondo me quacche mbroglio ce sta sotto, ma come, tuo padre che è stato proprio lui a farci mettere insieme, mo ci vuole far lasciare?

ALFONSO: E penso pure io a stessa cosa! Chiamiamoli e dicimmece tutte cose!

GIOVANNA: E allora, vai, valli a chiamare!

ALFONSO: Vado subito, nessuno può permettersi di farmi lasciare con te! (esce)

GIOVANNA(sedendosi sul divano): Ah, mo stongo veramente ncoppo e’ spine! Chissà che sarà successo!0

IMMA(entra, e vede Giovanna): Proprio te cercavo!

GIOVANNA(saltando per lo spavento): Mamma mia Imma, che paura!

IMMA(fredda): Non ti volevo spaventare!

GIOVANNA: Jammo, perché mi cercavi?

IMMA: In questa giornata ho dovuto mettere in chiaro due cose, e in una di queste cose ci sei pure tu!

GIOVANNA: Io? E che centro?

IMMA: Giovà, “ci sei tu” in modo di dire! Mica ci sei veramente tu!

GIOVANNA: Nun aggio capito…

IMMA: Vabuò, lasciamo stare, nzomma io voglio fa pace cu tè!

GIOVANNA: Ah, e parla comme t’ha fatto mammà! Io nun capivo!

IMMA: Niente, volevo che tu accettassi le mie scuse e che tornassimo ad essere felici!

GIOVANNA(si alza): E me lo chiedi pure (la abbraccia) vieni qua, io ti voglio sempre bene!

IMMA: E pure io! (si abbracciano di nuovo)

GIOVANNA: Ma qual’era quell’altra cosa che dovevi mettere in chiaro?

IMMA: Adesso pure io sono fidanzata!

GIOVANNA: Con chi?

IMMA: Con Salvatore!

GIOVANNA: Overo?

IMMA: Ho capito che mi ama veramente e mi seguirebbe anche in capo al monte…

SALVATORE(che ha sentito le ultime parole): …..mondo!

IMMA: Hai ragione! (gli va vicino)

GIOVANNA: Mi raccomando Salvatò, trattala bene, perché è mia sorella!

MARINA(entra): Che bel quadretto familiare!

SCENA UNDICESIMA

Antonio Elsa Tosca Raffaele Nannina Fortuna Marina Susetta Alfonso e detti, poi Don Giovanni e don Domenico

ANTONIO(di dentro): Ma che vuoi dire?

ELSA(entrando): Non capisco!

TOSCA(entra)

RAFFAELE(entra)

NANNINA E FORTUNA (entrano)

ALFONSO: Per favore ascoltate tutti!

FORTUNA(sottovoce a Nannina): Nannì, chesto nun ce o putimmo perdere!

NANNINA(sottovoce a Fortuna): Chi se move a ccà!

SUSETTA(entra): Ma che è stato? Io me stavo mangiando a torta accussì bella….

GIOVANNA: (Chesta pensa sulo a magnà)

ALFONSO: Zia Susè, sentite pure voi!

SUSETTA: Che è stato?

ALFONSO: Adesso vi farò presente delle cose! Veramente….

DON GIOVANNI(è il marito di Fortuna, entra seguito da don Domenico): Nu mumento!

DON DOMENICO: Aspettate!

RAFFAELE: Don Giovanni e don Domenico?

DON GIOVANNI: Simmo nuie don Rafè!

RAFFAELE: Ma venite ccà, faciteve abbraccià! (si abbracciano)

FORTUNA: Ma ve pare o’ mumento….

NANNINA: O’ signorino Alfonso adda dicere na cosa mpurtante!

DON DOMENICO: Ma pure nuie vulevemo assistere alla festa!

ELSA: Che male ce sta donna Furtù?

NANNINA: Nun ce sta niente e’ male, ma hanno interrotto chello ca steva dicenno o’ signorino Alfonso!

DON GIOVANNI: Addò sta Giovanna?

GIOVANNA: Stongo ccà!

DON DOMENICO: Comme staie bella!

GIOVANNA: Grazie don Domè! (Lo bacia)

DON GIOVANNI: E salutammo pure a Imma se no se piglia collera!

IMMA: Io me piglio collera?

DON DOMENICO: E se capisce doppo tutto chello ca è successo cu soreta…

NANNINA( lo tira a sé): Ma te vuò sta zitto si o no?

DON GIOVANNI(ad Imma): Staie bella pure tu!

FORTUNA: Don Alfò nun e’ date retta, parlate!

NANNINA: Ve sentimmo nuie!

DON DOMENICO: E pure nuie vulimmo sentì!

SUSETTA: Cà vulimmo sentì tutte quante!

DON GIOVANNI: E allora scusate tanto se vi abbiamo fatto perdere tempo!

TUTTI: Prego!

ANTONIO: Alfò parla!

ALFONSO: Mio…

DON GIOVANNI: Ce l’he dato o’ regalo?

FORTUNA: No! No! No! Te vuò sta zitto?

NANNINA: Mo ve cacciammo fore!

DON DOMENICO: Scusate ancora…

NANNINA: No, “scusate” lo devo dire io, perché…

IMMA: Sentite donna Nannì, le vostre discussioni andate a risolverle fuori ca ccà nun se ne po cchiù!

FORTUNA: Ave ragione Imma!

ELSA: Alfò parla!

NANNINA: Mo basta!

ALFONSO: Finalmente! Dunque, mio padre qui presente, mi ha detto che io devo lasciare la qui presente Giovanna!

SUSETTA: Che cosa?

NANNINA FORTUNA DON GIOVANNI E DON DOMENICO: Avimmo capito buono?

ALFONSO: Avete capito bene.

GIOVANNA: Nuie vulevemo sapè o’ pecchè!

FORTUNA: E pure nuie!

ALFONSO: Pecchè sta decisione accussì improvvisa!

GIOVANNA: Che v’avimmo fatto?

DON GIOVANNI: C’hanno fatto sti guaglione…

FORTUNA: Statte zitto!

ANTONIO: Basta stateve zitte! (a Tosca) glielo diciamo?

TOSCA: Me pare ca è arrevato o’ momento…

ELSA: Pure io e Raffaele vi dobbiamo dire una cosa!

NANNINA: Chesta è a serate delle rivelazioni!

DON DOMENICO: Chissà che ci aspetta!

IMMA: Che cosa mammà?

GIOVANNA: Non ci tenete sulle spine!

RAFFAELE: Beh, v’o dico ambresso, ambresso!

TUTTI(tranne Elsa, Antonio e Tosca): Dici!

RAFFAELE: Io e Elsa, tre giorni fa ….. beh,…. L’attrazione che c’era una volta è tornata, e così io ed Elsa …avevamo una relazione clandestina!

SUSETTA(sconvolta): Che?

IMMA: Mammà?

GIOVANNA: Voi capaci di questo?

ELSA: E così, vi volevamo dire che io e Raffaele abbiamo deciso di tornare insieme!

FORTUNA: Overo dicite?

NANNINA: E comme è stato?

DON GIOVANNI: Nun ce pozzo credere!

DON DOMENICO: E bravi!

NANNINA: Ma qua’ bravi!

SUSETTA(sviene per un po’, per riprendersi poco dopo)

MARINA(la poggia sulla poltrona): Signurì, riprendetevi!

IMMA: E bravi!

GIOVANNA: Antonio e Tosca vi amavano e invece…

ANTONIO:….. Purtroppo no, Giovà!

TOSCA: Pure io ed Antonio avevamo una relazione da più di un anno!

ELSA(ironica): Uh, che sorpresa!

ALFONSO: Papà?

ANTONIO: Sì!

FORTUNA: Pure lloro!

NANNINA: A quanto pare sì!

DON GIOVANNI: Se n’hanno visto bene!

DON DOMENICO: Pure io songo d’accordo ccu tè!

SALVATORE: Che bel giro…

RAFFAELE: Bravo Salvatò, hai detto proprio bene!

ALFONSO: Embè, e mo io e Giovanna non ci sposiamo più?

ELSA: Certo che vi sposate, solo che la famiglia non è più la stessa, capito?

IMMA: Io nun ce capisco più niente!

GIOVANNA(ad Alfonso): Ecco l’imbroglio che c’era sotto!

RAFFAELE: Hai capito, eh?

FORTUNA(da un piccolo urlo ): Madonna!

TUTTI: Che è succieso?

NANNINA(quasi piangendo): Furtù….!

FORTUNA(come Nannina): Nannì….!

FORTUNA E NANNINA: E a nuie c’era sfuggito tutto chesto?

DON GIOVANNI E DON DOMENICO: Sì!

FORTUNA E NANNINA: Uh Madonna mia! (e si abbracciano piangendo)

TOSCA: Ma che gli era sfuggito?

MARINA: Chelli doie, stanno sempe a sapè e’ fatte nuoste, e mo stu fatto l’ha scioccate nu poco…..

DON GIOVANNI: E pecchè, pe nuie no?

DON DOMENICO: Ogni santa notte, nun fanno ato e’ parla e l’ate!

ELSA: Ma io tengo n’idea!

TUTTI: Che è stato?

ELSA: Ma pecchè donna Fortuna e donna Nannina nun s’arapeno na società di investigatrici!

IMMA: Putesse essere n’idea!

ELSA: Accussì guadagnate pure belli solde!

FORTUNA: Sì, me piace l’idea!

NANNINA: Ave ragione donna Elsa!

RAFFAELE: Allora ve l’aprite sta società?

LE DUE: Sì!

DON GIOVANNI E DON DOMENICO: Almeno fanno quacche cosa ca le piace!

ELSA(riflettendo): Che schifo!

TUTTI: Che è stato?

ELSA: Io m’aggio spusato 2 vote, e mo me sposo p’a terza vota?

RAFFAELE: E che vuò fa! Simmo stati spusati, poi amanti e po….consuoceri!

IMMA: Aspettate nu mumento!

TUTTI: Che è stato?

IMMA: Vi volevo dire che io e Salvatore ci siamo fidanzati!

ELSA: Che bella cosa! Sono contenta per te!

RAFFAELE: Pure io a papà!

IMMA: Grazie!

SALVATORE: Non vi preoccupate la tratterò bene!

ELSA: Mi raccomando!

SUSETTA(alzandosi dal divano e atteggiandosi): Ah, che bella cosa: sposarsi per la terza volta come mia sorella! Me piacesse pure a me!

RAFFAELE: Pure a te? Ma chi te piglia?

ELSA(gli da uno schiaffo): Rafè!

E tutti rimangono a guardare sbalorditi lo schiaffo che Elsa da a Raffaele.

Fine del 3° Atto

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno