Spusate, faje n’affare!

Stampa questo copione

Spùsate, faje n'affare!

COMMEDIA IN DUE ATTI

Di Giovanni Ragozzino

SINOSSI

La commedia, ispirata ad un evento realmente accaduto, racconta in due atti la vicenda di Don Aniello Chianese, usuraio e uomo senza scrupoli, che per eludere la solitudine, decide di sposarsi. A tale scopo compra la promessa sposa stipulando un “affare” con la sorella della donna.

Tuttavia, la scelta della consorte sarà più complessa di quanto si creda, dando luogo a situazioni esilaranti e battute comiche. Il titolo rappresenta un double face perché l’affare può essere interpretato in veste positiva o negativa.

INTERPRETI ( 8 UOMINI 7 DONNE)

DON ANIELLO CHIANESE

AGATA DE MARCO

ADELAIDE DE MARCO

PETRONILLA RESCIGNI

ANNARELLA

RENATO

SIMONE

FEDERICO

SIG. CAIANIELLO

SIG.RA SCOGNAMIGLIO

DOTT. DE NARDIS

GERRY CIPOLLA

GUGLIELMO BRANCACCIO

VIOLETTA CHATONS

AMALIA ABBONDANZA


Atto primo – Scena prima

La scena si apre in un androne di uno stabile degli anni '80. Sul centro della scena una guardiola vuota, su di un lato, l' ingresso dello stabile e, sull'altro, l'uscita. Il portiere è intento a spazzare.

RENATO: Ma che gente! Rint'a na nuttata so capaci e fa 'na zoza nu palazzo sano

sano! Carte 'e caramelle, buste 'e carta, muzzune 'e sigarette....

SIG. CAIANIELLO: (Esce da una quinta fumando) E c'allamentammo sempe! Ccà te pavammo pure pe' llevà 'e cartuscelle a terra!

RENATO: Pè piacere, verimmo e nun ce 'ntussecà a jurnata! Avimma parlà delle mansioni del guardaporte?

SIG. CAIANIELLO: (gettando cenere sul pavimento e avviandosi all'uscita) E tu chesto vuò fa, 'o sindacalista! Stai sempe a chiacchierià e stu palazzo se ne cade 'e munnezza! (esce)

RENATO: ( mentre spazza, tra sé e sé) Adda venì a pensione.... e quanno vene, parola

mia d'onore, a chisto 'o sputo n'faccia!

(Entra dall'ingresso un'anziana signora, abbigliata in vecchio stile, dall'aria perbene ed educata, dura d'orecchi).

SIG.RA RESCIGNI: Buongiorno caro! C'è posta in cassetta?

RENATO: No, signora Rescigni, oggi niente.... solo il giornale del santuario di

Pompei.

SIG.RA RESCIGNI: Che rammarico! Esco di casa tutte le mattine con la speranza di ricevere una lettera che mi turbi l'esistenza, ma invano! Vorrà dire che ristorerò l'animo con una sana lettura sacra! (Esce)

RENATO: Facite bbuono signò! Ristoratevi nù poco.... l'animo!

ANNARELLA: Renà, tengo'a sarza n'coppo 'o ffuoco, putisse ascì a m'accattà na capa d'aglio?

RENATO: Uh Gesù! Io m'aggia turnà a battezzà! Questo è abbandono del posto di lavoro! Iammo a fernì mmiez'a na via!

ANNARELLA: Maronna, Renà! E comme sì esagerato! Tanto l'amministratore se vede ogni morte 'e papa!


RENATO: Annarè, è una questione di principio! Il lavoro è un diritto – dovere del

cittadino e si nuie accumminciamm....

ANNARELLA: (interrompendolo) Mamma mia Renà, pè na capa d'aglio! Me pare 'o Presidente da' Repubblica!

RENATO: Ma che parlo a ffà cu ttè? Tu si sempe stata ignorante.... E' meglio ca te

vaco a accattà chell' ca te serve, si no facimm n'atu pruciesso! (Esce)

SCENA SECONDA

SIG. SCOGNAMIGLIO: (correndo) Annarè! T'aggia rà nu scoop alla Novella 2000!

ANNARELLA: Over? E che è succieso ca io nun saccio ancora?

SIG. SCOGNAMIGLIO: Cose 'e pazzi! A signora De Marco 'o quinto piano 'a miso a chillu scuorfano 'ra sora annanz' e piere 'ro cravattaro 'o primmo piano!

ANNARELLA: Ma tu che ddici? Chell'over ca 'a sora è bruttulella assaie, e, detto fra di noi, è pure 'nsipeta, ma chi s'o sciruppa 'a chillu perecchiuso 'e don Aniello?

SIG. SCOGNAMIGLIO: Chella s'a fatto buono 'e cunte! Don Aniello tene 'e proprietà e tanta denare astipate! Accussì, quanno 'o viecchio schiatta, se spartene 'e ciociole!

ANNARELLA: Hai voglia 'e spartere! Chillo, quanno more, caccia 'o bbene 'e ddio! Ma, 'o prublema è.... quanno more?

SIG. SCOGNAMIGLIO: Hai ragione! Over 'è! Carna trista, nun ne vò Cristo!

(Sulla scena compare Agata, donna distinta e di polso, accompagnata dalla sorella Adelaide, donna dall'atteggiamento remissivo e sottomesso).

ANNARELLA: (sottovoce) Zitta, zitta! Stanno venenno! (Alzando la voce) Se sta abbrucianno 'a sarza! (Esce)

SIG. SCOGNAMIGLIO: S'è fatto tardi, aggia ji 'a fa a spesa! (Esce)

SCENA TERZA

AGATA: Va trova che steveno ricenno 'sti ddoje caiotole! Appena simme trasute int'all'androne, s'enna squagliate!

ADELAIDE: Nun ce pensà! Dio vede e provvede!


AGATA: Ogni tanto provvedesse 'a modo mio e e facesse nu bellu strascino!

ADELAIDE: Nun dà retta! Lassa stà!

AGATA: Uè, ma tu 'e capito comme 'e a fa? Te lo devi corteggiare! (squadrandola da capo a piedi) Ogni tanto scummuogliete 'na coscia, miett' a bancarella a fore!

ADELAIDE: Ma io me metto scuorno! E po' a me chillo nun me piace! Me fa schifo!

AGATA: (con tono autoritario) Comme nun te piace! Quello ti deve piacere! Piensa a 'na bella cucina nova, pellicce, brillanti. Facimmo 'e ssignore!

ADELAIDE: Facimmo? Allora spusatillo tu a chillu coso brutto e pericchiuso!

AGATA: Io so troppo 'ne femmena onesta! Sono vedova! Porto ancora 'o llutto!

ADELAIDE: Onesta? (piagnucolando) Tu all'inferno vai a finire!

AGATA: Starò sicuramente in buona compagnia! (alzando gli occhi al cielo) Mò jammuncenne 'a via 'e coppa! (alzando la voce) Pecchè sti 'mmura teneno 'e rrecchie!

SCENA QUARTA

RENATO: (Rientrando) S'a miso 'o niro rint'a casa! Annarèè! 'A capa r'aglio!!

ANNARELLA: Ma qualu niro vaie truvanno a'lloco! Pienza 'a fa 'o marito, ca nun te riesce proprio bbuono! (Rientrando)

RENATO: Cierti 'vvote 'a resso tanta mazzate.....

(Compare in scena un ragazzo, abbigliato da cameriere, grezzo e dalle velleità artistiche)

GERARDO: 'On Renà, v'aggiu purtato 'o ccafè!

RENATO: Uè Gerà, ce vuleva proprio. A me 'o ccafè me fa 'o stesso effetto 'ra camumilla!

GERARDO: (In un italiano stentato) Don Renà, io vi considero come un patre e volesso raccontare il mio sogno proto a voi.

RENATO: Pecchè tiene pure 'a cerevella per sognare?

GERARDO: Mò mi state offentento, io sono creativo, artistico, frizzantino....


RENATO: Eh, 'o chiammaveno Gerardo 'a ferrarelle! E qual è stu sogno che tieni?

GERARDO: Io voglio fare il cantanto!

RENATO: Over? E comme t'è venuta st'idea?

GERARDO: Dovete sapere che mio patre buon anima faceva il verdummaro....

RENATO: Pecchè canta pure patete?

GERARDO: No!! Fatomi finire! Io voglio cantare e onorare la memoria di mio patre, quinti tenco pure il nome t'arte!

RENATO: Over? E famme sentì qual è stu nome d'arte?

GERARDO: (Facendo un passo in avanti e mettendosi in ordine) Signore e signori, matame e messiè, letis e gentemmert, solo per voi..... Jerry Cipolla!

(Cala il silenzio per qualche secondo)

RENATO: Bello! Over bello! Sono convinto che farai una grande carriera! Sarai sicuramente il Claudio Villa dei verdummari!

GERARDO: Don Renà, siccome mi state offentento e non apprezzate il mio talento, vaco'a purtà 'o ccafè a Pascale 'o chianchiere! (Esce)

SCENA QUINTA

RENATO: Stanno perdenno proprio 'e cerevelle! Chissà arò iammo 'a fernì....

(Entra in scena, un uomo leggermente curvo, dall'aspetto dimesso e trasandato, dall'aria cupa e sospettosa)

DON ANIELLO: Renà, tiene coccos pe' mmè?

RENATO: Don Aniè, solo bullette! 'A luce, 'o gas e ' o telefono!

DON ANIELLO: Stamme sempe a caccià denare! Sti zugasanghe 'a tradimento!

RENATO: Purtroppo s'anna pavà....

DON ANIELLO: Fosse pe'mme nun pavasse a nisciuno.... (Apre le bollette) Tiè tiè,


ma è maie possibile ca n'omme sulo, adda pavà 'a bellezza e dieci evro r'acqua! Io, cu dieci evro, mangio tre gghiuorne!

RENATO: (Sottovoce) M'all anema 'ro perecchiuso.... E che volete fare, c'è la crisi...

DON ANIELLO: 'A crisi! Vancella 'a spiegà a chilli fetiente 're nepute mieie! Stanno sempe a cercà denare! Spenneno manc fosseno 'e figli e Berlusconi!

RENATO: So' guagliune! Se vonno fa passà cocc' sfizio!

DON ANIELLO: Ch' e sorde mieie, no! Va a fernì ca lloro se fanno passà 'e sfizie e io passo nu uaio ncuollo' a lloro!

RENATO: Ma chi v'o fa fa.....

DON ANIELLO: Hai raggione Renà! Vaco 'ncoppa. Si avessena venì, rice ca so asciuto! Tanto, 'a chiammata è sempe 'a sorde! (Esce)

Compare sulla scena, entrando dalla comune Amalia Abbondanza, che spinge un carrozzino e tiene per mano una bambina intorno ai 10 anni. La bambina sta tranquillamente mangiando una merendina e, quando termina, getta l'involucro a terra proprio mentre Renato è intento a spazzare.

RENATO: Ma io nun capisco! Me vulite pe fforza fa ascì pazzo dint'a stu palazzo? (Rivolgendosi alla bambina) Bella bambina, lo sai che non si gettano le carte a terra? Io sto spazzando....

NUNZIATINA: Aspettate un attimo. (Rovista nelle tasche e tira fuori involucri di merendine e caramelle. Dopo qualche istante, li getta a terra) Mò putite scupà!

RENATO: Ma tu vide nu poco a sta scustumata! Neh, signò, ma vuje nun 'a dicite niente?

AMALIA: E c'aggia dicere? Ha ritto tutte cosa essa!

RENATO: Un Gesù, Gesù! Io m'aggia turnà a battezzà!

AMALIA: Doppo ch'avito fatto 'o battesimo, m'e ppigliate 'e pacche ca mio marito a lassato dint'a guardiola? Facimmo ambressa ambressa!

RENATO: (ironico) Pecchè? Sta vullenno ll'acqua ncoppa 'o ffuoco?

NUNZIATINA: No! Tenimmo 'a machina in seconda fila! Va a fernì ca si vene 'o vigile, mammà l'adda struppià!

RENATO: Uh Maronna mia! Ma comm'è? Vattite 'o vigile?


AMALIA: Quacche mese fa, prima della gravidanza, doppo na multa, aggiu mannato 'o spitale proprio o cumandante!

RENATO: Azz!

AMALIA: Mò nun 'o pozzo fa cchiù....

NUNZIATINA: Tiene il fratellino nella pancia....

RENATO: Infatti, se fa male 'o fratellino....

NUNZIATINA: No! Mammà se mette paura 'e tuccà 'e vigile! Si po' addeventa vigile pure isso?

RENATO: (Allibito) Menu male ca ve ne site jute 'e casa!

AMALIA: (in tono minaccioso) Pecchè? Che vulisseve dicere?

RENATO: Avite sempe fatto ammuina dint'a stu palazzo!

AMALIA: (avvicinandosi per colpirlo) Ma tu vide nu poco a stu grande....

NUNZIATINA: (Allarmata) Mammà nun 'o tucca!

AMALIA: Pecchè?

NUNZIATINA: E si addeventa purtiere?

AMALIA: Nun sia maje! Meglio vigile!

RENATO: (spazientito, raccoglie i pacchi) Pigliateve sta rrobba e ascite fore!

AMALIA: Renà, arricuordete, tre so 'e razze d'è fetiente: 'e vigile, 'e cuntrullure d'e pullman, e...

NUNZIATINA: 'E purtiere!

RENATO: Jatevenne immediatamente!

SCENA SESTA

RENATO: (Tra sé) Dieci euro r'acqua! Ma s'o fa nu bidè stu cristiano!


AGATA: Renà, don Aniello sta ncoppa?

RENATO: Si, sta ncoppa, ma non vuole ricevere visite.

AGATA: Ma sta nervuso? C'aggia parlà 'e na cosa seria e me dispiace si sta indisposto.

RENATO: Sta nervuso comme tutt'e vvote c'arrivano 'e bullette!

AGATA: Vabbuò sta normale, allora! Vuò ji 'a vedè si me po' ricevere?

RENATO: Mò saglio ncoppa e ve faccio sapè (Esce)

AGATA: Adelà, priparammece bbuono 'o discorso! Ll'amma convincere! Gli dirò: “Caro don Aniello, la qui presente signorina Adelaide De Marco è na guagliona sistimata. E' chiena 'e virtù! Non beve, non fuma, non gioca, non fa la svergognata e, soprattutto, nun porta spese. Prega solo di trovare un marito come si deve perchè si vuole maritare. Lo volete fare quest'affare?”

ADELAIDE: Ma che staje vennenno, nu quadro all'asta? Io sono una ragazza perbene e non posso essere venduta, come dice il Vangelo, per un piatto di lenticchie!

AGATA: Adelà, sti llenticchie vanno care! Mò vene vierno, c'amma mettere 'e termosifoni!

SIG. RESCIGNI: Oh care, siete qui! Sono venuta a casa vostra e non vi ho trovate! Volevo invitarvi a fare qualcosa di pio.

AGATA: Signò, nuje tenimmo che ffà!

SIG. RESCIGNI: Dovete trovare un po' di tempo per il Signore, altrimenti si va all'inferno!

ADELAIDE: (disperata) Agata, qua andiamo tutti all'inferno!

AGATA: Ma pienza 'a sta bbona!

RENATO: Signò, ha detto che vi può ricevere, salite.

AGATA: Adelà, allora io vaco! (Alludendo alla Rescigni) Vai a trascorrere un po' di tempo con il Signore! (sotto voce) M'arraccumanno, nun dicere niente a sta bizzoca!

SIG. RESCIGNI: Cara Adelaide, allora ci sei per un incontro di preghiera a casa mia, tra mezz'ora?


ADELAIDE: Come no! Devo espiare, ho peccato in pensieri, parole....

SIG. RESCIGNI: Opere, omissioni....

RENATO: (Mentre rassetta) Per mia colpa, mia colpa...

ADELAIDE E SIG. RESCIGNI: (Battendosi il petto, prendendo il Rosario e uscendo) Mia grandissima colpa!!

SCENA SETTIMA

RENATO: Meglio cà torno 'a ffatica, ma che ggente....

Compare sulla scena un giovane di bell'aspetto, con un giornale sottobraccio. Si guarda intorno.

RENATO: Buon uomo! Cercate qualcuno?

GUGLIELMO: In verità la questione è un po' delicata...

RENATO: Prego, ditemi tutto. Non date retta alle dicerie sui portieri, io sono una persona perbene. Sarò una tomba!

GUGLIELMO: Allora posso raccontarvi la mia storia?

RENATO: Certo, come no! Sfogatevi!

GUGLIELMO: Dovete sapere che, dopo la morte dei miei genitori, sono rimasto solo. Immaginate che tristezza! Così sono andato in chiesa per conoscere una donna che potesse diventare mia moglie....

RENATO: (tra sé) Ha pigliato a Chiesa 'e San Luigi pè ll'agenzia matrimoniale! Addirittura? Talmente che soffrite la solitudine?

GUGLIELMO: Non potete immaginare! Ho detto al parroco che cercavo una donna tranquilla, pia e timorata di Dio. Lui, allora, mi ha riferito che abita in questo palazzo. Ha detto che sarebbe perfetta per me. Voi ne sapete qualcosa?

RENATO: Mi cogliete un poco impreparato. Di sicuro una ce ne sta, è proprio come

la cercate voi, ma ve la sconsiglio....

GUGLIELMO: Perchè? Mi può dare problemi?

RENATO: No, capitemi, è fin troppo tranquilla, ma è un poco....


GUGLIELMO: Nun me facite spantecà! E' un poco....

RENATO: Stagionata, sereticcia insomma!

GUGLIELMO: Sereticcia? Che vulite ricere?

RENATO: Posso parlare liberamente?

GUGLIELMO: Prego, prego, p'ammore 'e ddio!

RENATO: La signorina Rescigni, è una donna molto perbene e tranquilla, ma tene ll'età rò Maschio Angiuino! Ma c'ata fa? Voi siete un bel giovane, forte, aitante!

GUGLIELMO: In effetti, il parroco questo non me l'ha detto! Permettete se mi vado ad informare e torno?

RENATO: Prego, prego!

GUGLIELMO: Allora ci vediamo più tardi! A dopo!

SCENA OTTAVA

RENATO: Ma chi 'o ddice che il portiere è un mestiere monotono? Vire ccà che se vede...

Entrano sulla scena due ragazzi, all'apparenza ben educati e abbigliati in maniera simile, con fare circospetto.

SIMONE: (sottovoce) Tu che dici? Sta nervoso?

FEDERICO: (sottovoce) Simò, noi dobbiamo prenderlo con le buone, altrimenti zio Aniello i soldi ce li fa vedere col binocolo!

SIMONE: O con le buone, o con le cattive, ci vorrà sicuramente la mano del Padreterno per convincerlo ad appoggiarci.

FEDERICO: Però, per la prima volta nella nostra carriera di spillatori di denari, stavolta abbiamo un progetto per investirli. Jamm' non ci può dire di no!

SIMONE: Secondo me l'idea di aprire un negozio di souvenir tipici del Vomero non è un' idea convincente. 'O viecchio ce fa arruciulià pe'ttutte 'e scale!

FEDERICO: Ma non ti preoccupare, me lo lavoro io! E dimostreremo a tutti che non siamo dei buoni a nulla! (Insieme) Noi, siamo i fratelli Del Gaizo!


RENATO: (li ha osservati per tutto il tempo) Ah! Qua c'abbiamo pure i fratelli Del....Gaizo!

SIMONE: Renà, fai poco lo spiritoso! Il cognome sarà pure ironico, ma, nelle nostre vene, scorre sangue blu!

RENATO: Ma nun me facite avutà 'o stommaco! C'avrete pure il sangue blu, ma, tutt'e dduje, cierti vote vi impegnate proprio a essere fratelli Del Gaizo!

FEDERICO: Non ti metto le mani addosso perchè me le sporcherei!

SIMONE: Infatti, abbassarci al tuo livello non sarebbe da vomerese!

RENATO: Ma tiene mente 'a sti ruje! Si nun me ricite che vulite e quanno ve ne iate, m'e sporco io 'e mmane ncuollo 'a vvuje!

FEDERICO: Il nostro zietto adorato è in casa?

RENATO: Si, ma la vostra presenza non è gradita.

SIMONE: Ma come fa ad odiarci così? Siamo gli unici parenti che ha!

RENATO: Infatti, l'urdema vota che io e vostro zio parlammo di questo fatto disse:

“Renà, me ffaccio trent'anne 'e galera, ma 'e vvotto sotto 'ca machina!”

FEDERICO: Lo faremo ricredere con il nostro nuovo progetto!

SIMONE: Infatti, mio caro Renato, abbiamo intenzione di mettere su una bellissima attività...

RENATO: E di che si tratta?

FEDERICO: Un negozio di souvenir del nostro bellissimo e spettacolare quartiere: il Vomero!

RENATO: (Ironico) Ah, bello! Veramente bello!

SIMONE: Faremo le miniature di piazza Vanvitelli, le cartoline con piazza Medaglie

d'Oro, tutta roba caratteristica....

RENATO: Guagliù, in confidenza, nun ve facite sentì a vostro zio ca chillo overamente fa 'na strage!

SCENA NONA


AGATA: (Con fare determinato) Renà, pè ppiacere, vamm'a chiammà a mia sorella, sta ncoppa adda signurina Rescigni e firmate adda signora Palmese. Adda cagnà 'o tacchetto!

RENATO: (sbuffando) Vado subito! (Esce)

AGATA: (guardando i due ragazzi parlare) Belli guagliù! Siete venuti a trovare lo zio?

FEDERICO: Si, signora Agata. Noi ci preoccupiamo per il nostro caro zietto!

SIMONE: (Nell'orecchio, a Federico) Ma soprattutto, ci preoccupiamo per noi!

AGATA: Fate bene. Se non vi preoccupate voi che siete i nipoti....

FEDERICO: Effettivamente... Vogliamo addirittura coinvolgerlo nella nostra nuova attività!

AGATA: Perchè? Aprite un negozio?

SIMONE: Si! Un negozio di souvenir del Vomero!

AGATA: (disinteressata, aspetta l'arrivo di Adelaide) E che quella bella Mamma del Carmine vi possa benedire!

FEDERICO: Si, ma lo zio non vuole sentire ragioni. Non ci vuole ricevere!

AGATA: Nun date retta! Saglite! Lo troverete contento! Ha appena fatto n'affare!

SIMONE: Meglio per noi! Saliamo! (Esce, seguito da Federico).

SCENA DECIMA

ADELAIDE: Agata, proprio adesso che eravamo arrivati all'ultimo mistero....

AGATA: Io aggiu concluso ll'accordo e tu pienze 'o mistero? E' tutt'a posto! Ha detto di si. Tenite appuntamento ccà, nell'androne, tra mezz'ora!

ADELAIDE: Uh Maronna! Me sento e svenì! E Renato?

AGATA: Sta ncoppa adda signora Palmese. Sta cagnanno 'o tacchetto. E quanno fa qualche servizio Renato pare Michelangelo cà Cappella Sistina! Ce mette meza jurnata!

ADELAIDE: E che gli dico quando lo vedo? Che faccio?


AGATA: Proprio niente! Fa tutt' cosa isso! Cerca solo di essere dolce, fallo calmà!

ADELAIDE: (impaurita) Pecchè? Sta nervuso?

AGATA: So sagliute 'e nepute ncoppa! Sicuramente 'o vonno fa caccià denare! Io adesso vaco 'o bingo! M'arraccumanno 'a te! (ridendo) Miette 'a bancarella a fore! (Esce)

SCENA UNDICESIMA

ADELAIDE: Che devo fare? Pur di accontentare mia sorella sono costretta a me spusà a chillu coso brutto e perecchiuso! Una ragazza perbene come me dovrebbe aspirare a un altro futuro! Un bel giovane, perbene, di buona famiglia. Chiedo molto?

Entrano correndo sulla scena Simone e Federico che escono inseguiti da don Aniello che reca nella mano destra una mazza di legno.

DON ANIELLO: (urlando) Si v'acchiappo, 'o piezzo cchiù gruosso ca ve lascio è 'a recchia! Sti fetiente! Me veneno a sfruculià fino a dinto 'a casa! (si avvicina all'uscita) Nun ve faccio vedè manco n'evro! Me vvaco 'a spennere tutte quante 'o lido vintuno! Piazza Vanvitelli, via Scarlatti, 'e mmeraglie r'oro... Puzzate passà nu uaio! Sciù!

Adelaide assiste esterrefatta alla scena. Quando don Aniello si accorge della presenza rimane pietrificato. Inizia una serie di sguardi guardinghi.

DON ANIELLO: Buongiorno.... Di solito non mi comporto così...

ADELAIDE: Lo so, voi siete una persona perbene.

DON ANIELLO: Infatti. So talmente perbene cà so arrivato in anticipo. Vostra sorella è venuta a trattà. Voi siete d'accordo?

ADELAIDE: Don Aniè, con tutto il dovuto rispetto, ma nun ve pare na cosa troppo

distaccata? “Trattà”, è pur sempre un fidanzamento ufficiale....

DON ANIELLO: Avete ragione. Però un accordo è sempre un accordo. Allora, che dite?

ADELAIDE: Se Agata ci sta, io...... ci sto (rassegnata e dispiaciuta).

DON ANIELLO: Allora è deciso. Stasera ufficializziamo il fidanzamento. Poi fisseremo la data delle nozze. Voi che dite, passiamo al tu?

ADELAIDE: (quasi piangendo) Se lo dite voi.... Oh scusa, se lo dici tu.


DON ANIELLO: Sta bene! Allora ci vediamo stasera.... (mentre Adelaide si

allontana) Adelà, stasera (pausa), scummuogliate nu poco! Pare 'a monaca 'e Monza!

ADELAIDE: (ormai in lacrime, caccia un urlo) Oh Gesù! (Esce)

SCENA DODICESIMA

RENATO: (rientra bagnato) Ate che tacchetto! S'era schiattato 'o flessibile arete 'o bidè! (si accorge di don Aniello) Don Aniè, mi cercavate?

DON ANIELLO: Stasera miettete 'o vestito bbuono pecchè si state invitato a nu fidanzamento ufficiale...

RENATO: Ah? E di chi è il fidanzamento? Di Simone o di Federico?

DON ANIELLO: Renà, tienete forte, è 'o fidanzamento 'e don Aniello!

RENATO: Ma vuje che dicite? State pazzianno....

DON ANIELLO: Nun sto pazzianno, Renà. Tra qualche mese, in questo palazzo, ci sarà anche una signora Chianese!

RENATO: Mi prendete alla sprovvista... E se non sono indiscreto, chi è la fortunata?

DON ANIELLO: La signorina Adelaide De Marco. Abbiamo già definito tutto. Ovviamente, Renà, vi raccomando la massima discrezione. Ci vediamo stasera a casa mia. (esce)

RENATO: (Con uno sguardo stupito) Sarà fatto, don Aniè!

SCENA TREDICESIMA

ANNARELLA: (correndo) Uè Renà! Aggiu 'ntiso e parlà 'e fidanzamento! Voglio sapè, voglio sapè, he capito, voglio sapè!

RENATO: Ma che tiene, 'e rrecchie 'e pullicano? Nun pozzo parlà, ho promesso discrezione!

ANNARELLA: Renà, e comme parle difficile. Io tenco le scuole basse, devi parlare potabile! Che vò ricere “discrezione”?

RENATO: Ma che ignorante! Ma comm'aggiu fatto a me spusà a na femmena comm'a tte?


ANNARELLA: Renà, nun pazzià! Ca si me pigliano 'e cinche minute, te ciacco overamente! Intanto, diece anne fa, te piacette l'ignorante...

RENATO: Io ti ho sposato a scatola chiusa. Quanno l'aggiu araputa, me so truato stu bellu casatiello!

ANNARELLA: Casatiello c'ho dice a chillu cuoppo allesse 'e soreta! Si nun te pigliavo io, chi s'o sciruppava nu scassacazzo comm'a tte!

RENATO: Uè! Modera i termini! Io, diece anne fa, teneve 'e sette bellizze! Rint'o palazzo arò faticavo primma e t'accanoscere, me chiammavano Renato 'o sciupafemmene!

ANNARELLA: Ma vattenne! Te chiammavano 'o sciupafemmene pecchè, ca famme ch'facive, cu ttè nun magnavano!

RENATO: Non raccolgo pecchè so na perzona perbene! Io ti ho nobilitato! Si nun te pigliavo io, tu rimmanive sempe a figlia 'e Carmilina 'a spicaiola!

ANNARELLA: Eh già! Io aggiu nobilitato a te! Patete era sempe Totonno 'o gravunaro!

RENATO: Lassamme sta, sinò arrivamm arò nunn'amma arrivà....

ANNARELLA: Bravo, faje bbuono!

I due, imbronciati si danno le spalle.

ANNARELLA: Vabbuò ja, io te voglio bene 'o stesso! Pure si patete faceva 'o gravunaro!

RENATO: E pure io! Nun fa niente ca mammeta faceva 'a spicaiola!

Si abbracciano teneramente.

ANNARELLA: Mò c'amma fatto pace, me vuò spiegà che rè a “discrezione”?

RENATO: Annarè, m'aggia fa 'e fatte mieje!

ANNARELLA: Ma io songo tua moglia! E' un tuo dovere coniugato!

RENATO: E che rè? Nu verbo? Si dice “Coniugale”! Comunque nun pozzo parlà, Annarè, nun pozzo parlà!

ANNARELLA: Jamme! Solo quacche cusarella!


RENATO: Vabbuò Annarè, però adda rimmanè fra me e te!

ANNARELLA: T'o ggiuro ncopp'all'anema e mammà nun c'ò ddico a nisciuno! (facendo le corna alle spalle)

RENATO : Stasera sono stato invitato al fidanzamento ufficiale di don Aniello Chianese.

ANNARELLA: Uh Gesù Gesù! 'O perecchiuso s'è miso a ffa ammore? E chi se l'ha pigliato a chillu cravattaro zezzuso?

RENATO: Non ci crederai mai! Se l'ha pigliato la signorina De Marco!

ANNARELLA: Allora 'e vvoci nunn erano fauze! Io ce l'eva ritto a signora Scognamiglio! Renà, è tutta na manovra ra sora! Mò spogliano annure a don Aniello!

RENATO: Comunque i fatti stanno così. Stasera c'è il fidanzamento e, comm'aggiu pututo capì, io sarò l'unico invitato.

ANNARELLA: Eh già, perecchiuso comm'è! Statte accorte 'o rinfresco stasera, chillo è capace e te fa magnà a rrobba scaduta!

RENATO: Nun malignà! Po' essere ca st'avvenimento 'o fa cagnà nu poco!

ANNARELLA: Ma che! Chi nasce tonto, non muore quatro! (esce)

SCENA QUATTORDICESIMA

RENATO: Io veramente la amo questa donna....

GUGLIELMO: (entra urlando) Avevate ragione!

RENATO: Calma, calma! Allora, vi siete informato?

GUGLIELMO: Si! Don Luigi mi ha detto che si tratta di una fanciulla! La signorina Adelaide De Marco!

RENATO: Mamma mia! Me vonno vedè muorto afforza!

GUGLIELMO: Perchè? C'è qualche problema?

RENATO: (fingendo) No, nessun problema...

GUGLIELMO: Allora pecchè ve vonno vedè muorto?


RENATO: No, è 'na cosa mia...

GUGLIELMO: Allora c'è qualche problema....

RENATO: (tra sé) E mò comme c' o' ddico a chisto... Lo volete un consiglio da una persona matura?

GUGLIELMO: Prego, ci mancherebbe! Io vi conosco da poco, ma si vede che siete un uomo perbene.

RENATO: Bravo! Allora, statemi a sentire, lasciate perdere....

GUGLIELMO: No, vi prego! Nun me dicite accussì! Io sono un uomo solo! Che aspettate? Che io per la solitudine me mengo abbascio?

RENATO: No, p'ammore 'e ddio! Voi siete un bell'uomo, una persona distinta. Può essere mai che non riuscite a trovare un'altra donna?

GUGLIELMO: No, io non voglio trovare un'altra donna! Io sono convinto nel profondo del mio cuore che è lei la donna giusta per me!

RENATO: Ma si nun sapite nemmeno comm'è fatta! Come potete dire una cosa del genere?

GUGLIELMO: Lo avverto!

RENATO: Maronna mia, aiutame tu! Sentite a me, non è cosa...

GUGLIELMO: No, io devo conoscerla!

RENATO: Sentite, me so scucciato 'e ve sentì! La volete sapere la verità?

GUGLIELMO: Si! Nuda e cruda!

RENATO: La signorina De Marco è già impegnata!

(Guglielmo resta impassibile, con la bocca aperta. Cala il silenzio per qualche secondo)

RENATO: E chiurite chella vocca! Parite 'nu merluzzo!

GUGLIELMO: Sono rimasto veramente stereofatto!

RENATO: Sentite a me, stutate 'o stereo e jatevenne...


GUGLIELMO: No! M'adda accanoscere! Le farò cambiare idea!

RENATO: (tra sé) Mò chist'adda vedè comm'adda abbuscà... Il fidanzato della signorina non è un tipo facile, anzi, è un tipo molto violento...

GUGLIELMO: Lo affronterò e lo sconfiggerò. Io nun me metto appaura 'e nisciuno!

RENATO: Nun facite pazzarie! Nun date retta!

GUGLIELMO: Ritornerò e, con il mio charme, conquisterò la signorina De Marco! Costi quel che costi! (esce)

RENATO: Non c'è niente da fare! Chist nunn è nu palazzo! Chest è a succursale rò Frullone! (esce)

SCENA QUINDICESIMA

ANNARELLA: Venite signò, mio marito nun ce stà! Putimme nciucià!

SIG. SCOGNAMIGLIO: Annarè si sicura? Chillo maritete è pesante assaie! Si ce ncoccia, chi s'ò supporta!

ANNARELLA: Signò, nun ve preoccupate! Si ce ncoccia, 'o metto a pane e acqua pe na semmana!

SIG. SCOGNAMIGLIO:Ih che bella storia d'amore! Allora, ricite, ch'è succieso?

ANNARELLA: Signò, nunn'o putite manco immaginà! Stasera 'ò viecchio perecchiuso annuncia 'o fidanzamento ufficiale cà De Marco!

SIG. SCOGNAMIGLIO: Quale 'e tutte e ddoje?

ANNARELLA: 'A bizzoca!

SIG. SCOGNAMIGLIO: Uh Gesù! E' gghiuta 'a carne 'a sotto e 'e maccarune a coppa!

ANNARELLA: Avite visto? Nun ce stà niente 'a fa! Quanno se mette 'a verela po'

miezo....

SIG. SCOGNAMIGLIO: Pare nu reggista! Chella ha calcolato tutt' cosa!

ANNARELLA: Signora Scognamì, p'ammore 'e dio, nun dicite niente! Me facite accirere cù maritemo!


SIG. SCOGNAMIGLIO: Sarò la tomba di un pesce senza corda vocale che giacia in

fonto al mare....

ANNARELLA: Comme se vere c'avite fatto 'e scole rosse!

SIG.SCOGNAMIGLIO: Annarè, io mi acculturo!

ANNARELLA: Facite bbuono! Aggia accummincià pur io, accussì m'appicceco meglio cù mio marito!

(le due ridono tra loro mentre compare sulla scena Don Aniello)

ANNARELLA: (sotto voce) Don Aniello!

SIG.SCOGNAMIGLIO: Salve Don Aniè!

DON ANIELLO: Renato nun ce stà?

ANNARELLA: E' momentaneamento assento! Voleto dicere a me?

DON ANIELLO: (canzonandola) No, 'o spetto lloco! Aggia parlà direttamente co isso.

ANNARELLA: Signora Scognamì, saglimmencenne ncoppa! Mò accummencia 'a puntata. Aggia verè si Isabella a fatto 'o strascino 'a Manuela!

SIG. SCOGNAMIGLIO: Eh! Brava, brava! Ce verimmo Don Aniè!

ANNARELLA: Stavoti bene!

(Annarella e la Signora Scognamiglio escono e Don Aniello rimane solo in scena)

DON ANIELLO: (tra sé) Chesti ccà me ranno l’impressione che sanno quacche cosa… Si Renato ha parlato, ‘o spacco ‘a capa, quanto è certo dio!

(compare in scena Agata)

AGATA: Don Aniè, mia sorella m’ha ritto ‘e stasera. Allora è fatta…

DON ANIELLO: E’ certo! Don Aniello Chianese nun tene tiempo a perdere! Il tempo è danaro!

AGATA: Appunto! Allora l’accordo prevede ‘a casa, ‘a machina e nu bonifico e vinticinchemila euro! Giusto p’accummincià, po’ c’ò matrimonio ‘e ccose cagnano!


DON ANIELLO: (guardandola con disprezzo) Site state ll’unica femmena capace ‘e me mettere ‘e mmane dint’a sacca!

AGATA: Don Aniè, io v’aggiu regalato a sorema, che è na femmena onesta e sta nel fiore degli anni. Quacche cusarella l’iveva caccià! Po’, si nun vuliveve pusà ‘e sorde, perché avete accettato?

DON ANIELLO: Voi, tra qualche tempo, sarete mia cognata. Quindi, accumminciammo a levà stu vvuje ‘a miezo! A vuò sapè ‘a verità? A solitudine me sta magnanno vivo! Me schifano tutte quante, nepute comprese!

AGATA: (un po’ interdetta) Tu però nun e maje fatto niente pe ffà cagnà idea a ggente!

DON ANIELLO: O ssaccio!

AGATA: Sperammo ca c’o sposalizio cagnano nu poco ‘e ccose allora!

DON ANIELLO: Vulesse ‘o cielo e succeresse!

AGATA: Dipende sulo a te!

DON ANIELLO: E vabbuò! (guardando l’orologio) S’è fatta ll’ora e me priparà! Tra un pò amma fa ll’opera! E’ meglio ca vaco a mettere nu poco a posto a parte ‘e coppa! (Esce)

AGATA: (non appena Aniello esce) Voglio proprio vedè comme mette a posto! Ce vò sulo nu micciariello dint’ a chella casa!

(Entra in scena la sig. Rescigni, lievemente esagitata. All’atto di vedere Agata esclama:)

SIG. RESCIGNI: Calpurnia! Messalina!

AGATA: Né Signò! Ma a chi jate truvanno?

SIG. RESCIGNI: Proprio voi! Assassina!

AGATA: Uèèèè! Signora Rescì! Moderiamo i termini! Io so na femmena perbene!

SIG. RESCIGNI: Una donna perbene non è capace di simili azioni!

AGATA: Ma se po’ sapè a chi aggia acciso?

SIG. RESCIGNI: Fisicamente nessuno, ma oggi ho assistito ad una brutale


mutilazione!

AGATA: (scherzando) Allora si è mutilazione, ca legge italiana e cu nu buono avvocato, al massimo me danno ‘e domiciliari!

SIG. RESCIGNI: Non scherzate! Io parlo della mutilazione di un’anima!

AGATA: (visibilmente risentita) Ma vuje e qual anema ‘e chivebbiecchio state parlanno?

SIG. RESCIGNI: L’anima pia e candida di vostra sorella Adelaide!

AGATA: (inviperita) V’a ritto tutte cosa!

SIG. RESCIGNI: Ebbene si! So tutto! Sobillatrice!

AGATA: Pe ppiacere jammo chiano cu’e male parole! Sinò accummencio a sciogliere ‘a curona e ascimmo a pisce fetiente!

SIG.RESCIGNI: Tenga con lei i suoi pesci e pensi di più a sua sorella!

AGATA: Meglio di così? Io l’aggiu sistimata!

SIG.RESCIGNI: L’avete condannata!

AGATA: Fossero tutte cheste ‘e cundanne! Ma po’ , alla fine dei conti, vuje pecchè nun ve facite ‘e fatte vuoste?

SIG. RESCIGNI: Avete ragione! Io mi faccio gli affari miei, ma, badate bene, che il Signore vi punirà! Vi punirà!! (esce urlando)

AGATA: Quanno sarrà ‘o mumento, po’ facimmo ‘e cunte! Ma tiene mente ‘a sta bizzoca! Ma c’aspetta? C’à faccio ‘o strascino pè rrecchie?

Entra Renato.

RENATO: Uè!! Ma che so sti llucche? Qua stiamo in un palazzo rispettabile!

AGATA: E mica stammo alluccanno? Stiamo discutendo a voce alta!

RENATO: Azz! Ati cinche minute e currevano 'e carabbiniere!

AGATA: E comme site esaggerato! (esce)

(Renato prende la scopa e inizia a spazzare)


RENATO: Ma quanno arriva a penzione? Io nun c'a faccio cchiù. 'O viecchio se mette a fa ammore, a ggente ca allucca, muglierema ca penza solo 'e zupp'opera e fa 'e nciuce. Io moro primma ro tiempo!

(Entrano correndo dal fondo Simone e Federico, con l'aria visibilmente preoccupata)

SIMONE: Renato! Renato! Renato!

RENATO: (intonando il celebre motivo) Così carino, così educato!

FEDERICO: Ma ti sembra questo il momento di scherzare? E' successa una tragedia!

SIMONE: Una catastrofe!

RENATO: Chi è muorto?

FEDERICO: Per il momento, nessuno. Tra qualche mese io e mio fratello.

SIMONE: Di fame!

RENATO: Ma se po' sapè che è succieso?

SIMONE: Mentre eravamo impegnati a fare un po' di pubblicità alla nostra nuova attività, ci è giunta una chiamata al cellulare.

FEDERICO: Indovina chi era?

SIMONE: Chi era?

RENATO: E chi so? Gennaro d'Auria?

FEDERICO: Era la signora Rescigni!

SIMONE: E indovina che voleva....

FEDERICO: Che voleva....

RENATO: Uagliù ma oggi me vulisseve sfottere?

FEDERICO: Voleva comunicarci il fidanzamento di nostro zio con la signorina Adelaide De Marco!

SIMONE: (singhiozzando) Che tragedia, che tragedia! Perderemo tutto!


RENATO: Mò 'o ddico io che tragedia! Vostro zio non voleva dirlo a nessuno. Nemmeno a voi. Adesso che si è diffusa la notizia se crede che so stato io e m'accide!

FEDERICO: Ma non ti preoccupare! In fondo in fondo è un uomo innocuo....

RENATO: E' talmente innocuo ca dint'o cappotto tene sempe 'a mulletta!

SIMONE: Comunque noi siamo venuti per parlare con lui. Possiamo salire?

RENATO: Non se ne parla nemmeno! Tra poco, su da vostro zio, si svolgerà tutta la cosa!

FEDERICO: Allora noi da qui non ci muoviamo! Alla fine di tutta questa pagliacciata saliremo e faremo sentire le nostre ragioni!

SIMONE: I diritti dei fratelli Del Gaizo!

RENATO: Marò! E mò comme se fa?

( entrano in scena Agata e Adelaide, che piange copiosamente)

AGATA: Adelà, già 'e cumbinato nu uaio parlanno cà Rescigni, vulimmo fa zumba tutte cose?

ADELAIDE: (sotto voce)Ma io nun 'o voglio! Non è l'uomo adatto a me!

AGATA: (sempre sotto voce) Non sarà l'uomo adatto a te, ma è quello adatto pè ssacche noste!

AGATA: Buonasera a tutta sta bella gente!

SIMONE E FEDERICO: (sdegnati) Buonasera a voi!

RENATO: Buonasera Signore!

AGATA: Renà, il signor Chianese è in casa?

RENATO: Si, signò.

AGATA: Allora noi usciamo. Torniamo tra una mezz’oretta.

RENATO: A dopo signò.

(Agata e Adelaide escono)


SIMONE: (scattando) Adesso la strozzo! Quella megera!

FEDERICO: Simò stai calmo. Al momento opportuno dimostreremo a tutti che siamo...

RENATO: (sconsolato) I fratelli Del Gaizo! Sentite uagliù, io salgo da vostro zio. Vuje stateve ferme ccà e nun facite scemità! Io c'appizzo a pelle!

SIMONE E FEDERICO: State tranquillo!

(Renato esce e entra Annarella)

ANNARELLA: Renaàààà! (Si guarda intorno e rivolgendosi ai ragazzi) Ma che r'è?

Mariteme nun ce stà?

FEDERICO: E' andato su dallo zio. La questione è importante! ANNARELLA: Eh già! Io m'eva spusato 'o ministro egli esteri e nun 'o sapevo! (entra in scena la signora Rescigni, con aria indispettita) ANNARELLA: Ah! Teniamo tra di noi la cara signora Lascigna!

SIG. RESCIGNI: Pfui! Ha parlato 'a signora orsacchiotto!

ANNARELLA: Ma perchè, scusate, come vi chiamate?

SIG. RESCIGNI: Rescigni, cara. (scandendo) Re-sci-gni!

ANNARELLA: Uh scusate! La faccia mia sotto ai piedi vostri!

SIG.RESCIGNI: Non ti preoccupare Annarella, ti perdono. Perdonare è divino!

ANNARELLA: (tra sé) Quanno parla chesta me pare e sentì na trasmissione e radio Maria!

SIG. RESCIGNI: (tendendo l'orecchio) Dicevate, cara?

ANNARELLA: Dicevo che sono sempre devota alla vergine Maria!

SIG. RESCIGNI: Fate bene! Fate bene!

SIMONE: (Avvicinandosi alla Rescigni e baciandole la mano) Carissima signora volevo ringraziarla anche a nome di mio fratello per averci avvertito dell'insano gesto di nostro zio!


SIG. RESCIGNI: Era il minimo che potessi fare per questo palazzo di peccatori incalliti!

FEDERICO: Avete ragione! Andranno tutti all'inferno!

SIMONE: (all'orecchio del fratello) Loro all'inferno e noi sotto i ponti!

ANNARELLA: Ma mò nun state esaggeranno? (fingendo di non sapere) Ma se po' sapè che è succieso?

FEDERICO: Nostro zio è intenzionato a sposare la signorina De Marco!

ANNARELLA: Guardate! N'ommo e chell'età cu na uagliuncella! Cosa 'e pazze!

SIG. RESCIGNI: Cose di un'immoralità.....

SIMONE: E' una cosa indegna! Noi dobbiamo tutelare nostro zio! Questa è circonvenzione di incapace!

SIG. RESCIGNI: Parole sante!

ANNARELLA: (rivolgendosi ai ragazzi) Uagliù, ma quala circoscrizione di capace!

Vuje, si 'o zio se sposa, ata perzo 'a felippo 'e 'o panaro!

FEDERICO: (risentito) Noi non siamo di questa pasta! Siamo ragazzi perbene che ci tengono alla famiglia!

SIG. RESCIGNI: Che cari ragazzi!

ANNARELLA: Seh! 'A famiglia... Al massimo al patrimonio familiare!

FEDERICO: (Si avvicina, arrabbiato, ad Annarella) Adesso basta! Questo non glielo consento!

ANNARELLA: Uè acala 'a voce, sinò te ncaso ca capa rint'o muro!

(la Rescigni interviene per dividere e, nel frattempo, compaiono in scena Agata e Adelaide, vestite a festa. Tutti restano pietrificati).

AGATA: Buonasera!

ADELAIDE: (con atteggiamento remissivo) Buonasera!

ANNARELLA: Buonasera signò! Mio marito non c'è. Vi serve qualcosa?


AGATA: No, grazie. Dobbiamo salire.

(mentre si avvicinano alla quinta in un surreale silenzio, Adelaide esclama:)

ADELAIDE: (sotto voce) Agata, non ce la faccio! Il solo pensiero mi fa venire la pelle d'oca!

AGATA: Pienza 'e sorde, a casa, 'e regale....

ADELAIDE: Non basta! Io non lo amo!

AGATA: Tu si 'na morta 'e famme e vulisse pure l'amore? Ma famme 'o piacere! Mò saglimmo ncoppa, sinò facimmo tarde! (escono)

SIG. RESCIGNI: Ma avete sentito? (segnandosi) Che il Signore possa proteggere quella cara ragazza e S.Giorgio fare rinsavire quella sobillatrice!

FEDERICO: Bisogna fare assolutamente qualcosa!

SIMONE: (quasi in lacrime) Resteremo con le pezze al culo!

ANNARELLA: (avvicinandosi ai ragazzi) Nun ve preoccupate! Vulite vedè ca 'o zio nun ve lascia proprio niente?

SIMONE: Niente, niente! Ci schifa!

FEDERICO: Ci schifa!

(entra Guglielmo con un bel mazzo di fiori tra le mani e molto ben vestito) GUGLIELMO: Buonasera! Il portinaio non c'è?

ANNARELLA: E' momentaneamente intisposto. Voleto dire a me? Io sono la moglia!

GUGLIELMO: Sono qui per dichiarare i miei sentimenti alla donna della mia vita!

SIG. RESCIGNI: (molto interessata) E abita in questo stabile?

GUGLIELMO: Si! Non la conosco, ma mi hanno riferito che è una donna tranquilla, pia e timorata di Dio...

SIG. RESCIGNI: (cercando di aggiustarsi) E mi dica, mi dica, lei sarebbe disposto anche a sposarla?

GUGLIELMO: Ne sono fermamente intenzionato!


SIG.RESCIGNI: (prende un ventaglio e inizia a soffiarsi) Piacere. Io sono la signorina Petronilla Rescigni!

GUGLIELMO: Io Guglielmo Brancaccio. Permette una domanda?

SIG.RESCIGNI: (innamorata) Tutto quello che vuole....

GUGLIELMO: Lei conosce la signorina Adelaide De Marco?

SIG. RESCIGNI: (inizia a capire) Certo... Perchè?

GUGLIELMO: E' lei la donna che voglio assolutamente incontrare!

SIG. RESCIGNI: Mi sento svenire.... (giungono in soccorso Annarella e i ragazzi, che

la mettono a sedere) Sono una povera illusa....

GUGLIELMO: (avvicinandosi alla Rescigni) Ma ch'aggiu ritto 'e male?

(Mentre soccorrono la Rescigni, corre sulla scena Adelaide, in lacrime)

ADELAIDE: (urlando) Basta! Nun c'a faccio cchiù! Io nun 'o voglio, nun 'o voglio e nun mò sposo! (esce)

(Simone e Federico abbandonano la Rescigni e iniziano a fregarsi le mani, mentre Annarella e Guglielmo si fermano di scatto. Entra Agata.)

AGATA: Mannaggia a te! Appena t'acchiappo te faccio ascì 'o sanghe pe tutte parte! (esce e entra Don Aniello)

DON ANIELLO: E' inutile che guardate! S'è scemuluto Don Aniello! E da domani, vita nuova! (esce ed entra Renato)

RENATO: Chist'è nu palazzo 'e pazze! 'E dimissioni! Io dongo 'e dimissioni! (esce)

ANNARELLA: Renà, renà! (esce)

GUGLIELMO: E' essa. Allora tengo speranze! Nun se sposa cchiù!

SIG. RESCIGNI: (rinvenendo pian piano) Sia lodato Gesù Cristo!

SIMONE E FEDERICO: (con aria di soddisfazione) Sempre sia lodato!

CALA LA TELA


SECONDO ATTO – SCENA PRIMA

La scena si apre in una camera studio all'interno dell'appartamento di don Aniello. E' una casa ricca e messa a nuovo di recente. Si sente una musica proveniente da una radio sistemata su di un tavolino.

DON ANIELLO: (abbigliato con una vestaglia e migliorato decisamente nell'aspetto) Ah! Che bella jurnata che è schiarata stammatina! Ti viene proprio la voglia di andartene a fare un giro abbasc'a marina! Eh! Ci dobbiamo dare da fare! Il tempo è tiranno, non aspetta nessuno!

Suonano alla porta. E' Renato.

DON ANIELLO: 'A porta. Ecco la prima visita della giornata!

Va ad aprire.

DON ANIELLO: (Dall'interno) Uè Renato carissimo! E che piacere! (Rientra seguito da Renato, che reca nelle mani un vassoio con del caffè e sottobraccio un quotidiano) M'è purtato 'o ccafè! Che pensiero gentile!

RENATO: Come ogni mattina, don Aniè! E stamattina c'è anche il giornale e delle pastarelle che mia moglie Annarella ha preparato positamente per voi!

DON ANIELLO: Chella Annarella è proprio 'a perla rè femmene! Saranno sicuramente squisitissime! D'altronde le ha preparate lei propetamente con le sue mani!

RENATO: Mia moglie si vuole sdebitare con voi per averci aiutato a pagare le

scadenze questo mese....

DON ANIELLO: E' ccosa 'e niente, Renà! Voi siete delle persone oneste e per me è stato un onore!

RENATO: (asciugandosi una lacrima) Il padreterno vi deve far campare cento anni a fore 'e chisti ccà!

DON ANIELLO: Sempe esaggerato! Nel frattempo mi godo quelli che tengo. Aggiu perzo troppo tiempo, Renà. Ero troppo impegnato ad accumulare ricchezza che


m'aggiu scurdato che le cose belle della vita sono altre!

RENATO: Nun è maje troppo tarde!

DON ANIELLO: Esatto! Adesso non vedo l'ora di svegliarmi la mattina. Da quando è successo il fatto di Adelaide, è comme si m'avesse sentuto 'e sparà na cannunata n'capa! Guardo il mondo da un altro punto di vista!

RENATO: Infatti! In tre mesi avete messo a posto la casa, vi siete aperto con tutti quanti e, permettetemi la confidenza, parite pure cchiù bello!

DON ANIELLO: (in tono scherzoso) Ne Renà, ma fusse venuto pè me sfottere stammatina?

RENATO: Assolutamente! Ci mancherebbe altro!

DON ANIELLO: Comunque, Renà, venimmencenne 'a nuje. Io devo confessarti una cosa molto importante. Assettate.

RENATO: Mica è qualcosa di grave?

DON ANIELLO: No, nun te preoccupà. Posso cominciare?

RENATO: Jate don Aniè. Nun me facite sta ncopp'e spine!

DON ANIELLO: Allora, come ti dicevo, quando è succieso 'o fatto di Adelaide, io ho deciso di cambiare stile di vita, però me manca qualcosa ca, purtroppo, cu è sorde nun s'accatta....

RENATO: Don Aniè, spiegatevi meglio.

DON ANIELLO: Renà, io soffro 'a solitudine come un dannato e questo è stato uno dei motivi che mi ha spinto a fa l'accordo cu' a De Marco. Io voglio mettermi in cerca di una compagna.

RENATO: Facite bbuono! Ma nun aggiu capito c'aggia fa....

DON ANIELLO: Siccome songo nu 'mbranato ncoppa 'a sti ccose, aggiu pensato

bbuono e mettere n'annuncio ncopp' a sti ggiurnale che fanno gli appuntamenti....

RENATO: Uh Gesù, Gesù! Si se vene 'a sapè ve ne riceno 'e tutte 'e culure. Voi siete pure un uomo di una certa età...

DON ANIELLO: Appunto! Io non mi voglio perdere più neanche un minuto! E tu mi devi aiutare.


RENATO: Ditemi chello c'aggia fa e io 'o ffaccio.

DON ANIELLO: Io metto 'o nummero tuoio e tu m'organizze gli appuntamenti!

RENATO: (con aria reverenziale) Ma io mica me pozzo mettere 'a fa 'o ruffiano?

DON ANIELLO: Prendilo come un mestiere. Mi devi fare da segretario fino a quando la cosa va in porto.

RENATO: Lo faccio proprio perchè siete voi! Mò faciteme turnà abbascio, già ho abbandonato per troppo tempo il mio posto di lavoro!

DON ANIELLO: (accompagnandolo alla porta) E comme si fiscale! Tanto 'o dottor De Nardis nun vene maje!

RENATO: Ma ca ciorta che tengo io, mo 'o trovo rint'a guardiola! Stateve bbuono don Aniè! (esce)

DON ANIELLO: Bene! Anche questa è fatta! Chiamiamo il giornale e facimmo st'annuncio! (prende il cordless e compone un numero) Pronto? Parlo con la rubrica “cuori solitari” del Gazzettino del Mezzogiorno? Vorrei pubblicare un annuncio. Allora, uomo piacente di mezz'età, con ingente patrimonio mobiliare e immobiliare, cerca compagna per la vita. Per contatti 3394528789 chiedere di Renato. Buona giornata a voi! Anche questa è fatta! Mò me vaco 'a vestì.... (entra nelle camere)

Entra Annarella. E' diventata la donna di servizio e, in quanto tale, ha le chiavi.

ANNARELLA: Don Aniello! Sono Annarella! So venuta a levà nu poco 'e povere!

DON ANIELLO: (dall'interno) Uè Annarè! Buongiorno!

ANNARELLA: E comme simme belle stammatina! Avete riposato bene?

DON ANIELLO: 'Na bellezza Annarè! Aggiu fatto una tirata da ieri sera alle 10 fino a mez'ora fa!

ANNARELLA: Salute! Allora? Che programmi tenete per la giornata?

DON ANIELLO: Mò me vaco a priparà e me vaco a ffà nu ggiro ncoppo 'o lungomare e oggi pomeriggio aggia sistimà cierti cose... Ogge tengo proprio 'a forza e nu lione! (entra all'interno)

ANNARELLA: (comincia a spolverare e sottovoce dice) Cà 'à Maronna 'o pozza

benericere a stu cristiano....


Mentre spolvera bussano alla porta. E' la signora Rescigni, seguita dalle due sorelle De Marco.

ANNARELLA: Un momento! Arrivo!

SIG. RESCIGNI: (Dall'esterno) Cerchiamo Don Aniello. E' in casa?

ANNARELLA: Prego, accomodatevi. Ve lo chiamo subito.... (urlando) Don Anièèèè!

C'aveto visite!

Rientra in scena Don Aniello, sempre in vestaglia ed intento ad asciugarsi il viso.

DON ANIELLO: Annarè, ma ch'allucca a ffà! Tu devi essere meno nervosa! Hai capito? Tu accussì faje mettere appaura 'a ggente. Ma accussì ffaje 'a casa toja?

ANNARELLA: Pure peggio! A voi ve lo concedo perchè tenco rispetto, ma a Renato, quacche vota, c'aggiu tirato pure coccosa n'faccia!

DON ANIELLO: Tu sei tanto una cara donna, ma, cierti vvote, me faje paura!

ANNARELLA: Allora? Ponno trasire?

DON ANIELLO: Falle accomodare.

ANNARELLA: (verso l'entrata, in tono canzonatorio e in un italiano stentato) Il commentatoro Chianese vi attenta. Preco, trasite!

Entrano la Rescigni e le De Marco

SIG.RESCIGNI: Oh Annarella! Quando provi a masticare la lingua di padre Dante susciti una certa ilarità!

ADELAIDE: (rivolta alla sorella, sottovoce) Più che masticarla, la sputa...

AGATA: (ridendo) Padre Dante t'a scunusciuta comme figlia!

ANNARELLA: Ha parlato 'a figlia 'e Giuseppe Manzoni....

SIG.RESCIGNI: Alessandro, cara, Alessandro...

ANNARELLA: O Alessandro, o Peppino, o Saverio, verimme ra fernì! Sinò facimmo tutta 'a letteratura dint'a ambulanza!

AGATA: Uè! Ferniscila! (avvicinandosi con fare minaccioso) Io te spezzo 'e ccosce!


DON ANIELLO: (E' rimasto a guardare tutta la scena) La vogliamo finire? Questa è una casa rispettabile! L'aveto fatta diventare un vallenaro!

SIG.RESCIGNI: Cos'è un vallenaro? Che idioma è?

AGATA: E' un pollaio!(indispettita) E po', pe' mmezzo cà vuje tenite 'e scole rosse... Comme ve permettite 'e ce chiammà idioma 'a tutte quante?

SIG.RESCIGNI: Beata ignoranza! Non cambierete mai!

ANNARELLA: Meglio ca vaco a ffà 'e stanze a parte 'e dinto!

DON ANIELLO: (diradando la discussione) Insomma, posso conoscere il motivo di questa visita?

ADELAIDE: Don Aniè, io sono mortificata.... nun trovo 'e pparole!

DON ANIELLO: Primma 'e tutto levammo stu vvuje 'a miezo....

AGATA: Tagliammo 'a ccurto! Siamo venute qua per chiederti scusa!

DON ANIELLO: Agata, io ggià me so scurdato....

ADELAIDE: No, Aniello. Io sono veramente mortificata! (in lacrime)

DON ANIELLO: (prendendole le mani) Nun te sentì mortificata. Si nun era pe tte, io non avrei mai pensato di cambiare il mio modo di vivere. (Adelaide inizia a piangere) E nun chiagnere! Tu si accussì bellella! Quanno chiagne addeviente curiusella!

Comme t'o truove nu bellu guaglione si addeviente brutta?

SIG.RESCIGNI: Glielo dico sempre anch'io! (ad Adelaide) Metti via quell'aria triste! Guarda me! Io confido ancora di trovare un compagno! Cerco sempre di rendermi bella....

ANNARELLA: (Mentre rassetta, a bassa voce) Sulo ca nun sempre ce riesce....

SIG.RESCIGNI: (stizzita) Guarda che ti ho sentito, sai? Spero proprio che il Signore

ti punisca....

ANNARELLA: (piccata) Comm'a punito a vvuje?

SIG.RESCIGNI: Sei un'impertinente! Una lingua biforcuta!

DON ANIELLO: Neh! A vulimmo fernì? (Rivolgendosi alle De Marco) Comunque la


questione è chiusa. Non è successo niente. State tranquille. (accompagnandole alla porta) Ora se permettete, avrei un po' da fare. Poi non mancherà occasione di parlarne con calma.

SIG.RESCIGNI: Don Aniello, permettete una parola in privato? Solo due minuti.

DON ANIELLO: Certo.

SIG.RESCIGNI: (Alle De Marco) Permettete, arrivo subito.

DON ANIELLO: Prego, accomodatevi alla scrivania.

SIG.RESCIGNI: Don Aniello, lei sa che la chiesa di S.Luigi è in difficoltà?

DON ANIELLO: Non ne ero a conoscenza..

SIG.RESCIGNI: Hanno bisogno di fondi per restaurare la navata centrale, la facciata e devono acquistare gli arredi. Cerchiamo un benefattore.

DON ANIELLO: E l'avete trovato! (tirando dal cassetto un carnet) Quanto vi serve?

SIG.RESCIGNI: Di solito chiediamo un'offerta spontanea....

DON ANIELLO: Vabbuò, aggiu capito... (compila l'assegno e lo consegna alla Rescigni)

SIG.RESCIGNI: (guardando la cifra) Troppa grazia Sant'Antonio!

DON ANIELLO: (alzandosi per congedarla) E salutatemi a Don Vicienzo...

SIG.RESCIGNI: (con atteggiamento riconoscente) La Vergine Santa la protegge e la benedirà...

DON ANIELLO: Certamente. Ora se permettete, avrei da fare.... (rivolgendosi anche

alle De Marco)

SIG.RESCIGNI: Certo! Venga a trovarci in chiesa! Grazie ancora Don Aniello! (esce)

DON ANIELLO: E abbiamo fatto anche la nostra buona azione quotidiana.... Mò ce

ne scennimmo... (bussano alla porta) Ancora! M'annu rato gli arresti domiciliari ogge! (va ad aprire) Uè Renà, che ce faje n'ata vota ccà?

RENATO: Don Aniè, so arrivate 'e pprimme telefonate! Sto piglianno gli appuntamenti!


DON ANIELLO: Acala 'a voce! Ce sta mugliereta 'a parte 'e dinto! Chella è peggio 'ro Tg3!

RENATO: (abbassando la voce) Avite ragione! Si 'o ssape mia moglie 'a nutizia aesce ncoppa 'a primma pagina do Mattino 'e dimane!

DON ANIELLO: Allora fissali tutti per il pomeriggio. Io stongo ccà. Fa tu.

RENATO: Nun ve preoccupate! Mo vveco io. Mò aggia turnà abbascio... E'

abbandono del posto di lavoro, si nun ce stongo viene meno un dovere....

DON ANIELLO: (interrompendolo) E nun accummincià sempe! Me pare 'o segretario ra CGIL!

RENATO: Pure vuje mò! Già ce sta mia moglie ca nun me fa parlà....

DON ANIELLO: E fa bbuono! Tu ogni vvota ca accummience nun a fernisci cchiù!

RENATO: Don Aniè, siccome ve rispetto assaje, è meglio ca me ne vaco...

DON ANIELLO: Renà, aspetta ca me ne scengo cu tte, sinò va a fernì ca bussa coccurun'ato! Annarè! Io esco, ce verimmo aroppo! (esce)

SCENA SECONDA

ANNARELLA: (avvicinandosi alla porta d'entrata) Signora Scognamiglio!!! Signò!!

Saglite nu mumento! V'aggia fa na'mmasciata!

SIG.SCOGNAMIGLIO: Annarè, me stive cercanno?

ANNARELLA: Trasite! Tenco sviluppi!

SIG.SCOGNAMIGLIO: Simmo sicure ca nun ce sta nisciuno?

ANNARELLA: Venite! Il campo è libero!

SIG.SCOGNAMIGLIO: 'A faccia mia! Ih che casa s'ha fatto 'o perecchiuso!

ANNARELLA: Signò, chille s'è cagnato tutto all'improvviso! Nun è cchiù 'o cravattaro zezzuso 'e na vota!

SIG.SCOGNAMIGLIO: Sarrà! Mah! Stento a crederci!

ANNARELLA: Comunque, io ll'aggiu ntiso 'e parlà cu maritemo. Hanno parlato r'appuntamente! Ccà coccos sta succerenno! Teniamo le recchie appezzate!


SIG.SCOGNAMIGLIO: Esatto! Appicciammo 'e pparabbole!

ANNARELLA: Pigliammo 'o Vangelo...

SIG.SCOGNAMIGLIO: Chiammammo pure 'a Signora Rescigni e facimmece nu Rusario! Io mi riferivo alle parabbole di sopra all'asteco!

ANNARELLA: E dicite 'e ntenne! Vuje site troppo intelligente e complicata!

Comunque amma cercà 'e capì!

SIG.SCOGNAMIGLIO: Infatti! Stu fatto ca nun saccio sta cosa, me mette ll'ansia!

ANNARELLA: Nun pozzo manco parlà cu maritemo! Chille tene l'iscrizione....

SIG.SCOGNAMIGLIO: Che tene?

ANNARELLA: Chella cosa ca nun po' parlà! L'iscrizione!

SIG.SCOGNAMIGLIO: Annarè, se dice discrezione, no iscrizione!

ANNARELLA: Guardate che cultura! Mò v'aggia lascià. Aggia trasì a ffà 'e liette...

SIG.SCOGNAMIGLIO: Io tengo 'e fasule ncopp' o ffuoco! Teniamoci in contatto! (esce)

Annarella rientra nelle camere. Dopo qualche istante, suona il campanello.

ANNARELLA: (Rientrando) E verimmo si ce fanno sta nu poco quieto stammatina! Sta casa me pare ll'aeroporto 'e Caperichino! (si avvia verso l'ingresso e con voce risentita) Se po' ssapè chi è?

FEDERICO: (dall'esterno) Gentilissima signora, siamo i fratelli Del Gaizo!

ANNARELLA: E io so 'a sora da striscia....

FEDERICO: Ancora con questa sottile ironia, eh....

ANNARELLA: C'aggia fa, io ogni vvota ca sento 'o nomme vuosto, me scappa troppo 'a rrirere!

SIMONE: L'avevamo capito! Adesso ci aprite la porta?

ANNARELLA: Venite guagliù, accomodateve! 'O zio è sceso per una passeggiata, torna tra na mez'oretta. Vuje assettateve e nun spurcate niente!


FEDERICO: Assolutamente! Noi rispettiamo sempre il lavoro altrui!

ANNARELLA: Anche io rispetto il vostro. Sapisseve che stima tengo ra ricotta! (rientra nelle stanze)

SIMONE: Volgare e ignorante! Noi siamo persone che lavorano di testa!

ANNARELLA: (dall'interno) Di testa! Dduje 'e vuje nun apparate meza capa....

FEDERICO: Simò, non ti curar di lor, ma guarda e passa....

SIMONE: (sottovoce) Nu guaio, nun guaio adda passà!

FEDERICO: Nun da retta, Simò! Piuttosto pensiamo ad un nostro nuovo progetto!

SIMONE: Speriamo che almeno stavolta funzioni, quello dei souvenir vomeresi non

mi sembrava troppo convincente....

FEDERICO: Infatti, per motivi organizzativi e logistici, la cosa non è andata in porto...

SIMONE: Ma che motivi logistici? 'O zio s'era appriparato 'a mazza aret'a porta!

FEDERICO: Dettagli, dettagli! Le cose sono cambiate e stavolta noi dobbiamo approfittare dello shock e della benevolenza dello zio...

SIMONE: Hai ragione! Qua ci vuole qualcosa che lo affascini, che lo metta in condizione di sborsare senza limiti!

FEDERICO: Possiamo rispolverare i vecchi brevetti di papà!

SIMONE: Bravo! Quelle si che erano scoperte di un certo livello! C'è solo l'imbarazzo della scelta! E poi, lo colpiamo sull'affetto! Ti ricordi quanto voleva bene alla buonanima di papà?

FEDERICO: Comme non mi ricordo! 'O vuleva talmente bene che, al matrimonio di zio Gabriele, 'o chiurette rint'o frigorifero re gelate!

SIMONE: Comunque idee come la molla chiudiporta, il copriwater con le essenze alla lavanda, i calzini monouso divora odore, sono il segreto del nostro successo!

FEDERICO: Vedi quante idee? Sicuramente ci sarà una che gli piacerà....

Si sente aprire la porta. E' Don Aniello.


SIMONE: (sottovoce) Eccolo che arriva! Mi raccomando, convincenti!

FEDERICO: Affermativo!

DON ANIELLO: Ah che passeggiata! Un piacere! (si guarda intorno e vede i nipoti in stanza) I miei cari nipoti! Comme jammo guagliù? (li abbraccia)

FEDERICO: Carissimo zio! Tutto bene! Tu come stai?

SIMONE: Tu come stai?

DON ANIELLO: Una favola! Allora, comme maje site venuta 'a truvà 'o zio?

SIMONE: (ostentando sicurezza) Siamo qui per affari!

FEDERICO: Volevamo proporti delle idee...

DON ANIELLO: (simulando interesse) Dite, uagliù, dite....

SIMONE: Zio Aniè, ammettiamo che la storia dei souvenir era un poco avventata, ma

ora abbiamo le idee chiare....

FEDERICO: Bando alle chiacchiere! Siamo venuti a chiedere di finanziare le famose invenzioni di papà!

Cala il silenzio per qualche secondo. Don Aniello sprofonda nella sedia.

DON ANIELLO: Ma ci rendiamo conto? E quale delle tante presunte invenzioni di vostro padre avessa finanzià? 'O deodorante pà tazza rò cesso?

FEDERICO: Ma quella è un'invenzione che rivoluzionerà il mondo dell'igiene!

SIMONE: Dell'igiene!

DON ANIELLO: Ragazzi miei, io ve voglio bene e vi appoggerò, ma dimostratemi di impegnarvi in qualcosa di serio. Facimmo accussì, io vi do la mia parola d'onore che vi finanzio, ma vuje purtateme nu progetto intelligente!

SIMONE: Hai ragione zio, allora noi cercheremo di pensarci e ti faremo sapere. Federì andiamo a pensare!

FEDERICO: Allora noi ci pensiamo e poi torniamo! Grazie zietto!

DON ANIELLO: Mò nun me facite avutà 'o stommaco! Jatevenne mò tengo che fa!


FEDERICO E SIMONE: Grazie Zietto! (escono)

DON ANIELLO: Ma vuje vedite nu poco io c'aggia sentì! Comunque, alla fine, so guagliune e io l'aggia aiutà!

ANNARELLA: (rientrando) Don Aniè! Ho fatto tutto! Vaco a casa a cucenà!

DON ANIELLO: Vai Annarè e grazie assaje!

ANNARELLA: Dovere, Don Aniè, dovere! (esce)

Bussano alla porta. E' Renato.

RENATO: (agitato) Don Aniè! C'è la prima signora! L'appuntamento!

DON ANIELLO: Uè Renà, nun t'agità! Falla entrare!

RENATO: (avvicinandosi alla porta) Prego signora, accomodatevi!

Entra una donna, seguita da Renato che spruzza vistosamente del deodorante.

DON ANIELLO: Buongiorno signora! Prego si accomodi. Renà lasciaci soli.

RENATO: (avvicinandosi all'orecchio di Don Aniello) Distanza, don Aniè, distanza! (esce)

DON ANIELLO: Allora, signora, mi parli un po' di lei...

VIOLETTA: (si siede sospirando) Ahhhh! Che emozione!

DON ANIELLO: (visibilmente frastornato) che schianto!

VIOLETTA: Piacere, sono Violetta Chatons, di origini francesi!

DON ANIELLO: Chatons! Mai nome fu più azzeccato.....

VIOLETTA: Perchè?

DON ANIELLO: Sa, si nota l'eleganza francese....

VIOLETTA: Lei mi lusinga... Oh, come sono emozionata!

DON ANIELLO: (sottovoce e tra sé) Chesta m'accide....


VIOLETTA: Allora, le dicevo… Sono Violetta, sono italo-francese e sono tanto sola….

DON ANIELLO: (sottovoce) E ce credo, me pare ‘a Solfatara… Perfetto! Anch’io sono tanto solo e cerco una donna per compagnia…

VIOLETTA: E l’hai trovata! (alzando le braccia)

Don Aniello si porta una mano al petto e sviene sulla sedia.

VIOLETTA: Aniello? Aniello? Ti infastidisce se ti chiamo Aniello? (avvicinandosi alla faccia)

DON ANIELLO: (riprendendosi) Mamma mia bella! Chest’è addore ‘e pasta e pesielle!

VIOLETTA: (rimettendosi a sedere) La so cucinare, sai? Ho anche un segreto gastronomico che non svelo mai a nessuno!

DON ANIELLO: (ironico) Vuoi vedere che lo indovino io?

VIOLETTA: (in tono malizioso) e qual è??

DON ANIELLO: ‘A cepolla, Violè, ‘a cepolla!

VIOLETTA: Ma come hai fatto a capire? Sei un buongustaio!

DON ANIELLO: Intuito, Violè, intuito!

VIOLETTA: Poi so cucinare tantissime altre cose! So fare anche la genovese! Ma il mio piatto forte sai qual è? (avvicinandosi sempre di più a Don Aniello)

DON ANIELLO: (Intontito) Vuoi vedere che indovino anche questo? ‘A frittata cu’e cepolle!

VIOLETTA: Bravo! La cipolla è essenziale! Uccide i microbi!

DON ANIELLO: Accide pure ‘e cristiane!

VIOLETTA: Ad ogni modo, penso di essermi presentata bene e vedo che gradisci il mio modo di fare….

DON ANIELLO: Senti, cara. Ti sei fatta notare, e come ti sei fatta notare, però avrei bisogno di qualche giorno per riflettere. Mi permetterai…


VIOLETTA: Ci mancherebbe! Appena sei pronto mi fai un colpo di telefono e prenotiamo il treno….

DON ANIELLO: Quale treno?

VIOLETTA: Raggiungeremo il nostro nido d’amore! Indovina dove?

DON ANIELLO: A Tropea!

VIOLETTA: Esatto! Ho un campo a coltivazione di cipolle proprio lì!

DON ANIELLO: M’o ssentevo ‘e scennere!

VIOLETTA: Allora attendo con ansia una tua chiamata! (si avvicina al viso) Oh! Che emozione! A presto, carissimo! (esce)

DON ANIELLO: Si rimmaneva ati cinche minute, me veneva n'enfisema polmonare! (respira profondamente) Hanno ragione quanno riceno che sposarsi è una questione di affiatamento.....

Va a sedersi e apre il giornale, ma viene bruscamente interrotto dal campanello.

DON ANIELLO: Nata vota? Rint'a sta casa nun se riesce a truvà pace 'e nisciuna manera! (va ad aprire) Buongiorno! Accomodatevi!

Entrano Agata e Adelaide.

AGATA: Aniè, scusaci tanto, ma io nun c'a faccio cchiù! Chesta, tra qualche mese, addeventa cchiù bizzoca da Rescigni!

Adelaide piange copiosamente.

DON ANIELLO: Ma che è succieso? E tu? Chiagne sempe? Me pare che hai perzo le

varche a mare....

ADELAIDE: Io non ce la faccio.....

AGATA: (sarcastica) E fa dduje viagge!

ADELAIDE: Agata, tu non mi comprendi! Non riesco nemmeno a confessarmi!

DON ANIELLO: Potrei, per favore, capire che è successo?

AGATA: Aniè, chesta sta male per l'affronto che ti ha fatto davanti a tutti quanti...


DON ANIELLO: Ma tu ce staje penzanno ancora! E' acqua passata! Nun è succieso niente!

ADELAIDE: Ti ho fatto fare una brutta figura davanti a tutti! Vorrei rimediare, ma

non so come fare....

DON ANIELLO: Non c'è niente da rimediare, anzi, se non era per te....

AGATA: (maliziosa) Se non era per te non conoscevamo il nuovo don Aniello

Chianese....

DON ANIELLO: Effettivamente... (ad Adelaide) Non ti devi preoccupare! Io sono

rinato! Guarda il lato positivo....

ADELAIDE: (singhiozzando) Ma sei sicuro che non ti ho offeso e non ce l'hai con me?

DON ANIELLO: Ci mancherebbe altro! Io non posso esserti che riconoscente!

AGATA: (ad Adelaide) Hai visto? Nun chiagnere! Anzi, fa na bella cosa, vatte 'a cunfessà. Così ti togli questo peso dalla coscienza pure annanze al Padreterno!

ADELAIDE: Farò proprio così! Adesso chiamo la signora Rescigni e mi faccio accompagnare! (avvicinandosi a Don Aniello) Grazie ancora Aniè, di tutto! (esce)

DON ANIELLO: E' na guagliona r'oro! Biate chi s'a sposa!

AGATA: A proposito 'e matrimonio! Ma doppo tutte chisti cambiamente, nun l'hai fatta 'a penzata 'e te spusà?

DON ANIELLO: In verità, l'idea mi ha sfiorato....

AGATA: Sai com'è adesso la solitudine sta accedenno a me... Non posso neanche

contare su mia sorella....

DON ANIELLO: E ggià! Chella sta sempe rint'a chiesa!

AGATA: Hai capito bene! Tengo qualche svago, 'a televisione, 'o bingo, ma, nei miei

momenti tristi, stongo sempe sul'io.....

DON ANIELLO: Come ti capisco! Mò ti confido un segreto, ma mi devi giurare ca

nun c'o ddice a nisciuno....

AGATA: Ncopp'a stu llutto che porto!


DON ANIELLO: Io ho pensato al matrimonio e, per risolvere la situazione, aggiu miso n'annuncio ncopp'o giurnale!

AGATA: Addirittura! Tu sei un uomo così piacente, alto e tiene 'na presenza....

DON ANIELLO: Agata, me faje mettere scuorno....

AGATA: Uh Gesù! Chella è 'a verità! Insomma, nun si capace e truvà 'na femmena?

DON ANIELLO: Diciamo ca stongo a fore 'o giro 'a paricchiu tiempo....

AGATA: Ricimmo ca, fino a nu poco e tiempo fa, rint'o giro nun si maje trasuto...

DON ANIELLO: E comme si delicata....

AGATA: Pecchè? Nun è 'a verità?

DON ANIELLO: Effettivamente....

AGATA: Comunque, s'è fatto tarde e me n'aggia ij. Si, pe ccaso, te truvasse sulo e te vuò sfugà, vieneme a chiammà.... (maliziosamente) Ce facimmo cumpagnia... Statte bbuono, Aniè!

DON ANIELLO: Statte bona, Agata! (quando Agata esce) Ma chesta me vuleva fa capì coccosa? Mah!

Nemmeno il tempo di sedersi e ribussano il campanello.

DON ANIELLO: Pare piazza Garibaldi! Un momento! (va ad aprire) State nata vota ccà?

Entrano Simone, Federico e Jerry Cipolla, tirato a lucido.

FEDERICO: Già! Siamo venuti per comunicarti il progetto che intendiamo abbracciare!

SIMONE: Un'idea sensazionale! Un successone!

DON ANIELLO: E che ce facite c'o guaglione ro bar? (A Jerry) Rafele t'a rato 'a divisa nova?

GERARDO: No! Questo è un vestito che ho comprato positamente per l'occasione.

DON ANIELLO: Quale occasione? Qualche cerimonia?


SIMONE: No, zio! Lui non è più il ragazzo dei caffè, ma è.....

SIMONE E FEDERICO: Il nostro progetto!

DON ANIELLO: (rammaricato) Avevo detto “progetto intelligente”. Chisto tutto me pare fuorchè intelligente!

GERARDO: Don Aniè non vi pigliate la circonferenza, io sono un artista!

DON ANIELLO: Non mi permetterei mai! Non parlo più! Piuttosto parlate voi e fatemi sentire in che consiste questo progetto.

FEDERICO: Noi saremo gli assistant manager di questo grande artista....

SIMONE: Zio Aniè, devi sapere che questo ragazzo fa il cantante...

GERARDO: Signore e signori, matame e messiè, letis e gentemmert, solo per voi....

Jerry Cipolla!

DON ANIELLO: Il nome promette bene.... Speriamo ca nun fa chiagnere quando

canta....

FEDERICO: Garantiamo noi! Sarà la pop star del futuro!

SIMONE: E' un grande talento!

DON ANIELLO: Va bene! Ma fatemi sentire che cosa farete...

FEDERICO: Il ragazzo ha già un disco all'attivo, dal titolo “'O puosto 'e don Arturo”

GERARDO: Perchè doveto sapere che mio patre, buon anima, faceva il verdummaro...

DON ANIELLO: E pecchè nun e fatto 'o verdummaro nzieme a patete?

SIMONE: Sarebbe stato talento sprecato!

DON ANIELLO: Se lo dite voi...

FEDERICO: Comunque abbiamo intenzione di promuovere il suo “Cachisso tour”, che lo porterà nelle maggiori piazze italiane!

SIMONE: Abbiamo già delle date a Casandrino, Casapulla, Casagiove, Casapesenna e 'a casa nosta, pecchè 'o nepote di zio Alfredo s'adda fa a primma cummenione! Auguri!


Gerardo e Federico applaudono.

DON ANIELLO: Ih che banda 'e scieme!

SIMONE: E non finisce qui, abbiamo in mente anche il “Cachisso international tour”! Puntiamo alla Spagna!

FEDERICO: Infatti! Perchè se a Frank Sinatra, in America, lo chiamano “la Voce”, a

Jerry, in Spagna, lo chiameranno....

FEDERICO, SIMONE E GERARDO: (srotolando un manifesto) Jerry, la voces!

DON ANIELLO: Si nun ve state accorte, proprio là jate 'a fernì! Comunque, bando alle chiacchiere, quanto ve serve?

SIMONE: Giusto per cominciare, 5000 euro!

DON ANIELLO: (scrivendo sul carnet, rassegnato) E va bene.....

GERARDO: (abbracciando Federico intona) Chi santo t'a mannato.....

FEDERICO: Poi ci sarebbero le spese aggiuntive che ammontano a 3000 euro....

DON ANIELLO (continua a scrivere) E già stamme a 8000... ve servesse pure coccosa 'a fore mano pe sta munnezza 'e manifesto?

FEDERICO: Quelli ce li abbiamo messi noi! Allora 8000 euro e la partita è chiusa!

GERARDO: (abbracciando Simone intona) E chi te lassa cchiù....

SIMONE: Bellissimo! Riporteremo in auge la sceneggiata!

DON ANIELLO: 'E frate scieme 'e Mario Merola! Mò jatevenne pecchè tengo che ffà!

GERARDO: (in tono solenne, inginocchiandosi e baciando la mano a Don Aniello) Io

virincrazio per la fiducia e vi recalo una copia con tetica del mio cd....

FEDERICO: Mi viene da piangere!

SIMONE: (nell'orecchio del fratello) Se chiamma Cipolla, che t'aspettave? Bussano alla porta. Renato, che continua a spruzzare deodorante, e Violetta.


DON ANIELLO: Permettete! Vado ad aprire.

VIOLETTA: Caro Aniello! Avevo una voglia matta di rivederti.....

RENATO: 'A vuluto saglì a forza! M'ammanca 'o ciato!

DON ANIELLO: (con convinzione) Mò m'a spiccio io! Violetta, posso presentarti la nuova star del panorama musicale?

VIOLETTA: Come no! A me piace tanto la musica!

GERARDO: Molto piacere, Jerry Cipolla!

VIOLETTA: (illuminata) Che nome celestiale! Mi fa venire subito voglia di.....

RENATO: (Interrompendola) E nu poco 'e fegato!

VIOLETTA: Voglia di ascoltare qualche canzone! Ma andiamo al bar, così ci prendiamo un caffè e ne parliamo (lo prende sotto braccio ed escono)

SIMONE: Grazie caro zietto!

FEDERICO: Sentirai sicuramente parlare di noi e di Jerry Lavoces!

RENATO: Ma jatevenne! Jerry Lavoces! Muglierema 'o fa ascì comme 'a na bumbiniera!

Escono tutti tranne Renato, che resta in scena con Don Aniello.

DON ANIELLO: Renà, sta casa è addeventata un inferno! Da stammatina nun se

capisce niente! Ggente che va, gente che vene....

RENATO: Overamente! Pare un albergo!

DON ANIELLO: Siente, Renà. Siccome vulesse leggere nu poco 'o giurnale n'grazia 'e Ddio, me ne scengo rint'a villa. Sinò, n'ata bussata 'e porta, avita chiammà a neuro! (esce)

RENATO: Fato bene! Sta gente rint'a stu palazzo nun sta bona cu è cerevelle!

Entra Annarella.

ANNARELLA: Uè Renà, so sagliute pe mettere 'a cucenà a Don Aniello. L'aggiu visto 'e scennere tutto nervuso...


RENATO: Da stammatina nun 'o fanno truvà nu poco 'e pace!

ANNARELLA: E che buò fa.... Allora stongo rint'a cucina.

RENATO: Va, va. Mò me ne scengo pure io, avessa venì l'amministratore....

ANNARELLA: (dall'interno) Te si fatto antico!

RENATO: E sfutte! Chillo, si vene, mi licenzia in tronco e avimma fernuto 'e fa!

Bussano alla porta. E' la sig.ra Rescigni con Guglielmo.

SIG. RESCIGNI: Don Aniello è in casa?

RENATO: No, signò. E' sceso un po', ma torna tra poco.

SIG.RESCIGNI: Allora lo aspettiamo qui.

RENATO: (tra sé) Rint'a stu palazzo scieme e scustumate....

SIG.RESCIGNI: Prego?

RENATO: Dicevo, rint'a stu palazzo, tutta gente onorata...

SIG.RESCIGNI: Lo puoi dire forte!

RENATO: (sottovoce) E io forte ll'aggia ricere. Chella nun sente!

GUGLIELMO: Signora, grazie mille per il piacere che mi state facendo. Io, adesso, voglio solo chiarire la mia posizione con Don Aniello, ma tengo un poco di paura, m'avessa sparà?

SIG.RESCIGNI: Non ti preoccupare. E' diventato una persona ragionevole. Non è più un violento.

GUGLIELMO: Sapete com'è, io un poco di paura la tengo sempre....

SIG.RESCIGNI: Ma voi volete veramente bene ad Adelaide?

GUGLIELMO: Che vi devo dire.... E' stato un colpo di fulmine! Quando ha alluccato

dentro all'androne “Nun m'o sposo cchiù”, ho pensato subito: << Chesta adda essere 'a femmena mia!>>

SIG.RESCIGNI: E dire che mi ero anche illusa che cercavate me....

GUGLIELMO: Senza offesa, ma io cercavo un altro genere di donna. Con tutto il


rispetto, più giovane...

SIG.RESCIGNI: Ebbene si. Lo ammetto. Ormai non nutro più speranze. Mi dedicherò solo al Signore!

GUGLIELMO: Nun facite accussì! Ma lo sapete che la vita vi può cambiare da un momento all'altro?

SIG.RESCIGNI: Non ci spero più..... (comincia a piangere)

GUGLIELMO: Ma perchè piangete? Io non ho più parenti, altrimenti vi presentavo

qualche mio zio....

SIG.RESCIGNI: Lasciamo stare, è meglio! (si soffia il naso in maniera rumorosa). Allora, dopo che avremo parlato con Don Aniello, vi presenterò Adelaide. Vedrete che sarà ben lieta di frequentarvi!

GUGLIELMO: Voi dite?

RENATO: (che ha assistito impassibile al dialogo) Sicuramente! La ragazza non cerca altro!

GUGLIELMO: Che conforto! Che sollievo!

Bussano alla porta. E' Adelaide.

RENATO: Permettete, vado ad aprire.

ADELAIDE: Renà, ma sta qua la signora Rescigni? La sto cercando per tutto il palazzo!

RENATO: Viene, trase, sta qua. Ti deve presentare una persona.

SIG.RESCIGNI: Vieni cara! Ti voglio presentare il signor Brancaccio. E' venuto qua appositamente per conoscerti!

GUGLIELMO: (inizia a sudare e tira dalla tasca un fazzoletto per detergersi) Mi

cogliete alla sprovvista, io, io sono Guglielmo....

ADELAIDE: (piacevolmente sorpresa) Piacere, Adelaide....

SIG.RESCIGNI: Che tenerezza! Che bei momenti!

RENATO: Avite ragione! Che bellizze!


ADELAIDE: Allora, siete venuto qui proprio per conoscere me...

GUGLIELMO: Si! Ci tenevo tantissimo, proprio perchè io, sai, sono rimasto....

SIG.RESCIGNI: (interrompendolo) Su, piccioncini! Finirete di raccontarvi le vostre emozioni e i vostri sentimenti davanti ad un bel tè! Non diamo spettacolo in casa altrui!

RENATO: Signò, ma e' guagliune nun stanno facenno niente 'e male!

SIG.RESCIGNI: Ma i sentimenti sono qualcosa di privato....

RENATO: Ma io voglio vedè comme va a fernì....

ADELAIDE: Ma che è Sentieri? (leggermente risentita) Andiamo al bar, Guglielmo! Altrimenti partono gli inciuci! (Escono)

SIG.RESCIGNI: Hai visto? L'hai fatta arrabbiare! Non resterò a commentare l'accaduto con te un minuto di più! (esce)

RENATO: Me pare che aggia acciso a qualcheduno!

Rientra Don Aniello accompagnato da una donna in stato interessante, che spinge un passeggino.

DON ANIELLO: Prego signora, lei stava cercando Renato per incontrarmi.

AMALIA: Ma site vuje 'o cristiano ca 'a miso l'annuncio ncopp'o ggiurnale?

DON ANIELLO: Si, sono proprio io. Piacere, Aniello Chianese.

AMALIA: Aggiatece pacienza, m'aggia assettà. Me fanno male 'e rine!

DON ANIELLO: E ce credo, cu sta panza!

AMALIA: (sedendosi) Uh mammà!

RENATO: Signò, ve sentita bbona?

AMALIA: Si, sto bona! Ha ditto 'o miedeco che è nu poco 'e trombosciatalgia dovuta alla gravidanza!

RENATO: (perplesso) Ho capito..

AMALIA: Nun riesco manco a m'assettà!


Nunziatina, nel frattempo, inizia a toccare tutto ciò che c'è nella stanza.

DON ANIELLO: I sintomi della trombosciatalgia.... Renà, aggie pacienza, lasciaci

soli.

RENATO: Come volete, Don Aniè. (esce)

DON ANIELLO: (si accorge che la bambina è a dir poco irrequieta) Nennè, te vuò sta ferma? Io te taglio 'e mmane!

NUNZIATINA: (incurante) Mammà, cha m'aggia arrubbà?

DON ANIELLO: Ma tu vide nu poco 'a sta criatura! Tu nun t'arruobbe proprio niente!

NUNZIATINA: Sulo mammà me po' dicere che m'aggia arrubbà!

AMALIA: Nunziatì, nun tuccà niente!

NUNZIATINA: Obbedisco!

DON ANIELLO: 'A figlia 'e Calibarde! (Ad Amalia) Ditemi signora, la persona interessata all'annuncio non è venuta?

AMALIA: (arrabbiata) Nun pazziate! La persona interessata sono io!

DON ANIELLO: Voi? Cu sta panza?

AMALIA: Pecchè 'e femmene ca panza nun ponno risponnere agli annunci?

DON ANIELLO: Ma vuje site mamma...

NUNZIATINA: (Con tono drammatico) Papà!

AMALIA: (A Nunziatina) Non ancora! E vi dirò di più, songo pure moglia!

DON ANIELLO: Addirittura! E che site venuta a ffà? A me fa perdere 'o tiempo?

AMALIA: (aggressiva) Io nun faccio perdere 'o tiempo a nisciuno!

DON ANIELLO: Uè, chianu chianu! Me vulisseve vattere?

AMALIA: No! P'ammore 'e ddio! La gravidanza mi porta i rimbalzi di umore!

DON ANIELLO: Rimbalzi... Over cà parite na palla, ma rimbalzi....


AMALIA: A sicco, a sicco, Don Aniè, facimmo 'e perzone serie! Io sono Amalia Abbondanza, so spusata con Gennaro Massa, tengo tre figlie e uno in arrivo. Guardate 'o ll'urdemo quant'è bellillo, rorme comm'a n'angiulillo.

DON ANIELLO: Si, ma non vedo come mi può interessare la cosa....

AMALIA: Allora, io so disposta a me spartere cu mio marito e a me spusà a vuje. Io ve faccio cumpagnia, vuje me 'ntestate tutte cosa, ve 'ntestate 'll urdemo arrivato e io v'o ggiuro ncopp 'a chella bella mamma re ggrazie, ca ve faccio chiammà pure papà! Vai mò a mammà!

NUNZIATINA: (Abbracciandolo) Papà!

DON ANIELLO: (allontanando Nunziatina, sobbalza) Ma a chi! A chi 'o vulite fa passà stu uaio! La mia risposta è no!

AMALIA: Nun sapite chello ca ve perdite! Vuje, int'a na botta' v'abbuscaveve na famiglia sana sana!

DON ANIELLO: Ma io nun 'a voglio na famiglia!

AMALIA: Penzatece, ve facite anziano, carite malato, chi v'accudisce?

NUNZIATINA: Papà! (lo abbraccia)

DON ANIELLO: Na polacca! Accussì me ne veco bbene e moro cuntento!

AMALIA: Chelle so femmene 'e niente, arrobbano. Meglio gente paisana!

DON ANIELLO: Vuje arrubbate alla stessa maniera! Ma poi, chillu povero ddio 'e vostro marito, che ddice?

AMALIA: C'adda ricere, è strunzo! Ha ditto: “Me tengo 'e ccorne, ma perlomeno campamme meglio!”

DON ANIELLO: Ma che pover'ommo!

AMALIA: Acalate 'e scelle! Mariteme è nu faticatore!

DON ANIELLO: Faticatore e curnuto! Ma faciteme 'o piacere! Adesso accomodatevi fuori che tengo che ffà!

NUNZIATINA: Papà! (lo abbraccia ancora)


DON ANIELLO: N'ata vota mò! S'a mparato bbuono 'a canzone!

AMALIA: (alla figlia) E basta mò! Io me ne vaco. Ma vuje, oggi, perdenno a Amalia Abbondanza, ate perzo 'o mmeglio! (esce)

NUNZIATINA: (Mimando le mosse della madre) Avite perzo 'o meglio! (Escono entrambe)

DON ANIELLO: 'O mmeglio! Ma vedite che mi doveva capitare oggi! (si reca al calendario) Ogge, se la mente non mi inganna, è na giornata particolare.... Sarà

qualche vecchia scadenza, che mò non mi ricordo.....

Bussano alla porta. E' Renato.

RENATO: Don Aniè, v'aggiu purtato la posta. Così evitate di scendere.

DON ANIELLO: Hai fatto bbuono! Scendo e nun sto quieto, saglio e nun sto tranquillo.Vulesse sapè arò pozzo truvà pace!

RENATO: Avite ragione. Questa casa è diventata un inferno!

DON ANIELLO: Comunque Renà, ti volevo ringraziare...

RENATO: E di che cosa?

DON ANIELLO: Ca si state sempe 'a parta mia. Pure quanno ero n'ommo 'e niente!

RENATO: Io di voi ho sempre avuto stima, nonostante tutto. L'ho sempre saputo che eravate nu grand'ommo.

DON ANIELLO: Tu sì 'o grand'ommo! Tu puorte onestamente na famiglia annanze!

Si nu faticatore e nu marito onesto. Merce rara!

RENATO: Don Aniè, vaco a ffaticà, sinò me metto 'a chiagnere e po' v'aggia

abbraccià....

DON ANIELLO: No! Io nun so purtate pe sti ccose!

RENATO: Stateve bbuono, Don Aniè! (esce)

DON ANIELLO: E chesta è 'a vita mia! Tanta ggente attuorno a me, ma nisciuno affianco a me! Quanno sto sulo, e vulesse parlà, nun ce sta mai nisciuno ca me sente e ca me vò bene comme dico io! Renato è n'amico, è perzona fidata, ma l'affetto di una compagna è un'altra cosa. E che vvuò fa. 'O destino ha vuluto accussì. Basta appuntamenti! Basta cercà!

Bussano alla porta. Entrano tutti tranne Agata.


DON ANIELLO: E' finita la pace. Ma mò me senteno!

FEDERICO: Zio, apri! Dobbiamo dirti una cosa!

DON ANIELLO: Basta denari!

SIMONE: No, zio! Apri!

RENATO: Aprite, Don Aniè!

DON ANIELLO: E vabbuò, ma cinche minute e ve ne jate!

Entrano tutti. Federico reca nelle mani una torta e Simone una bottiglia di champagne.

DON ANIELLO: Ma che è tutta sta ggente 'a casa mia? E vuje (indica i nipoti), che facite cu sta torta mmano?

SIMONE: Bisogna festeggiare!

DON ANIELLO: Si, ma che cosa?

SIG.RESCIGNI: Il vostro genetliaco!

ANNARELLA: Signò! Vuje site na femmena 'e cchiesa, che so sti genitali mmocca 'a vvuje?

SIG.RESCIGNI: 'A lavà 'a capa 'o ciuccio se perde ll'acqua, 'o tiempo e 'o ssapone!

RENATO: Comunque, bando alle chiacchiere, Buon Compleanno Don Aniè!

TUTTI: Tanti auguri!

Si scambiano gli auguri.

DON ANIELLO: Ma che piacere! Ma guarda ccà! Anche le nuove coppie!

ADELAIDE: Eh si!

GERARDO: (Intonando una canzone) Tanti auguri, Don Anièèèèè

VIOLETTA: Che voce celestiale!

Irrompe un uomo dall'aria distinta, con una cartellina sottobraccio. E' il dottor De


Nardis, amministratore di condominio.

DE NARDIS: Buonasera a tutti! Si festeggia!

RENATO: Io 'o ssapevo. Mò sentevo 'e scennere!

DE NARDIS: Renà, tu qua stai?

RENATO: Mi sono assentato solo pochi minuti....

DE NARDIS: (parlando come un foglio stampato) In base alla terza postilla della quarta pagina, del terzo paragrafo del contratto di lavoro da te firmato e da me sottoscritto, per l'abbandono del posto di lavoro, parlo per regolarità formale davanti a testimoni.....

ANNARELLA: E parlate! Ce state facenno parturì!

DE NARDIS: Scatta il licenziamento immediato senza preavviso! Da domani sei disoccupato!

RENATO: Uh maronna mia! Me sento 'e venì meno!

ANNARELLA: Renà! (lo fa sedere e lo soffia con un tovagliolo)

DE NARDIS: Mi dispiace, ma dura lex, sed lex!

DON ANIELLO: Mi dispiace, ma mi vedo costretto ad intervenire. Renato è un uomo di principio e un gran lavoratore. Facisseve nu sbaglio gruosso allo licenzià!

DE NARDIS: Pregiatissimo Signor Chianese. Qui, nel condominio, già siamo sulle spese e non possiamo permetterci lavativi!

DON ANIELLO: E il qui presente Aniello Chianese, davanti a testimoni, provvederà a risanare il bilancio a patto che Renato venga reintegrato!

DE NARDIS: Io non faccio compromessi con nessuno!

DON ANIELLO: (prende il carnet e stacca un assegno) Almeno buttate l'occhio sul compromesso!

DE NARDIS: (guarda l'assegno) Beh, se è per risanare il bilancio..... accetto e chiudo

un occhio!

DON ANIELLO: Mò unitevi a noi e festeggiamo!

Aprono la torta.


SIG. RESCIGNI: Che bella festa, manca solo la signora Agata!

ADELAIDE: E' al bingo, come al solito!

DE NARDIS: Queste diavolerie conducono alla perversione!

SIG. RESCIGNI: (come fulminata) Sono pienamente d'accordo con lei, dottore!

DE NARDIS: Che bello avere punti in comune con qualcuno....

SIG. RESCIGNI: Allora bisogna approfondire! (lo prende sottobraccio ed escono confabulando tra loro)

RENATO: Mò è meglio che andiamo! 'O dottor De Nardis già me l'ha fatta bbona 'na vota! E poi diamo nu poco 'e pace 'a Don Aniello!

DON ANIELLO: Ma no! Non ve ne andate!

SIMONE: Semmai torniamo più tardi, quando Renato ha finito di lavorare!

Tutti salutano e Don Aniello resta solo. Sprofonda nella poltrona. Dopo poco risuonano alla porta.

DON ANIELLO: Ormai me so rassignato....

RENATO: Don Aniè, c'è un appuntamento, 'o giurnale, faccio saglì?

DON ANIELLO: No, Renà, basta! Sto stanco e po, me so rassignato 'a sta sulo!

RENATO: Con tutto il rispetto, ma st'appuntamento nun v'o putite perdere....

DON ANIELLO: E vabbuò, ma fernimmela ccà...

Entra Agata.

DON ANIELLO: Agata?

AGATA: Si, Aniè, so proprio io! Aggiu liggiuto ll'annuncio, aggia visto 'o nummero 'e Renato e ho collegato.

DON ANIELLO: Si sempe stata furba!

AGATA: Effettivamente, io sarei interessata....


DON ANIELLO: Tu?

AGATA: Si. Io. Io mi sento sola, tu pure. Facimmece cumpagnia e ce mparammo a ce vulè bbene!

DON ANIELLO: (allibito) Ma tu? Tu si sicura?

AGATA: Sicurissima! Fatte abbraccià!

DON ANIELLO: Ma tu nun puorte ancora 'o llutto?

AGATA: (ricordandosi) Uh! Chill'è fernute ajere!

Si abbracciano.

DON ANIELLO: (gioioso) Allora mò dobbiamo preparare il matrimonio! Per le nozze te 'ntesto 'a casa e te voglio regalà 'a machina, accussì vaje meglio 'o bbingo!

AGATA: E niente cchiù?

DON ANIELLO: Agata, chello che è ddò mmio, è 'o ttuoio!

AGATA: (tra sé) Mammà m'ò ddiceva sempe: “Spùsate, faje n'affare”.

Don Aniello resta allibito.

CALA LA TELA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno