Sta arrivannu u ziu d’America

Stampa questo copione

sta arrivannu u ziu d'america

STA ARRIVANNU U ZIU D’AMERICA

Commedia brillante in tre atti di:

Rocco Chinnici

-----

Anche se nella forma della commedia brillante, ritroviamo in quest’opera tanti temi cari all’autore: primo fra tutti quell’incertezza dell’essere che si esplicita nel voler vivere, magari per poco e spesso per convenienza o necessità, un ruolo diverso dal proprio.

La prima impressione che suscita la commedia è quella di una “sottile amarezza”, che pervade tutta la scena, nonostante i momenti esilaranti e le situazioni tragicomiche, è evidente l’amarezza dell’autore che vuole rappresentare, attraverso la protagonista Vicenza, l’arte di arrangiarsi, del vivere alla giornata, in attesa della fortuna che vede arrivare con i vaglia dello zio d’America. E’ il vivere di espedienti della cultura meridionale tanto bene evidenziato dai grandi autori del nostro teatro: da Pirandello a Eduardo. Rocco Chinnici ricorrendo ad un mix di travestimenti e di inganni vuole ricordarci che tutto si fa per la sopravvivenza: si sconvolge anche una

famiglia, confondendo i ruoli e perdendo di vista la dignità di essere se stessi.

La stessa figura del marito Peppi, costretto a ricorrere al travestimento per non apparire quello che è, denota il superamento della famiglia patriarcale con l1acquisizione da parte della moglie del reale ruolo di capofamiglia. E questo zio d’America che ha fatto fortuna oltre oceano, sembra una figura d’altri tempi, fuori dalla realtà, anche perché il fenomeno dell’emigrazione  ha dato segnali spesso negativi che non possono essere compensati da una certa agiatezza economica , raggiunta sempre al prezzo di duro lavoro e di emarginazione non nota a tutti. L’essere costretti ad imparare un’altra lingua, un altro modo di vivere e addirittura cambiare personalità, è la triste realtà dell’emigrazione. Altra figura centrale della commedia è il piccolo Damiano con la sua ansia di fare il papà, la voglia di crescere in fretta, perché essere bambini nel sud non è facile. Questa sua identificazione negli adulti gli fa acquisire la consapevolezza di voler dirigere la propria famiglia sostituendosi, alla fine, al padre che non riesce più a vivere il proprio ruolo. Malgrado l’abile commistione di comico e sentimentale che avvolte rasenta il buffo o il patetico, lo spettatore attento non può non fare alcune riflessioni sulla condizione di tante famiglie del nostro Mezzogiorno, per le quali la prospettiva fondamentale, che è quella del lavoro, viene ribaltata con la ricerca di assistenza: lo zio d’America di oggi non è altri che lo stato, il quale per mantenere ai limiti della sopravvivenza le famiglie meno abbienti, con una mano dà mentre con l’altra toglie dignità e libertà di scelta, cardini di una vera democrazia e della società civile.

           

            Lì 17/01/1992 Belmonte Mezzagno

                                                                           Giuseppe Scafidi

Personaggi          e        Interpreti

Peppi                                    Capo famiglia

         Vicenza                                Moglie

                     DAMIANU                         Figlio

 Riolu                                     Padre di Peppi

                     Ancilu                                   Zio di Vicenza

         Notaio

                     Titta                                     Compare di Peppi

         Comparse                             Municipali

       Comparse                             Mamma con figlio

___________ 

PRIMO ATTO

(Scena: una vetrinetta, un comò, un tavolo con delle sedie, un’appendi panni, dei quadri appesi; uno con l’immagine di San Giuseppe. Vicenza è intenta a stirare, mentre, seduto sotto il tavolo, Luigi piange.)

VICENZA 

Veni ccà! Ma sempri chi chianci sì? Chi ha?

DAMIANU

 Nenti!

VICENZA

‘Nca siddu ‘un hai nenti, (ironica) picchì chianci? Chi bò, parra?

DAMIANU

 (Sempre piangendo) Tu dissi chi vogghiu.

VICENZA

(Spazientita e nello stesso tempo ironica) Tu dissi chi vogghiu! S’avissi a sentiri a tia… nni dici tanti cosi.

DAMIANU

(Vicenza, appoggiata sul tavolo e sporgendosi in avanti per guardare Damianu seduto per terra, lo guarda e aspetta la risposta. Damianu la guarda sott’occhi singhiozzando) Vogghiu fari u papà.

VICENZA

(Che non ha capito bene, si mette la mano all’orecchio e rifà la domanda) ‘Nzoccu dicisti ca vo fari?

DAMIANU

 U papà vogghiu fari

VICENZA

 (Meravigliata)  Chi cosa? U papà!? (Damianu annuisce) Ma si po’ sapiri di unni ti vennu certi nisciuti? Voli fari u papà! E chianci, puru!

DAMIANU

(Batte i piedi a terra e piange più forte) U sapìa!

VICENZA

Ma u sapìa chi? Ciriveddu ‘un ‘nn’hai propria! Scola ‘un nni vò, travagghiu mancu a pisallu e vo fari u papà! Ma a discursu di travagghiu: i tagghiasti i ligna? (Damiano non le da scolto) Cu tia parru, mi senti? (Lo guarda aspettando la risposta).

DAMIANU

 (Fa segno con la testa di no)

VICENZA

No! (Con la mano fra i denti) Ah, comu veni to patri ti ‘nn’ adduni. Avutru chi papà! Senti a to matri, va fa dda prima ca s’arricogghi u jattu e succedi l’opira. (Damiano non si scompone per niente) Cu tia parru! Avissi a currui comu ‘na saitta quannu ti cumannu e ‘n veci… taliatilu, pati ‘ncantatu.

DAMIANU

 (Quasi piangendo) E tu chi dici?

VICENZA

Chi dicu?! ‘Nca fussi bonu ca tagghiassi i ligna, anzi, spicciati prima ca chiovi.

DAMIANU

 Io dicu, u papà! Ah, chi dici?

VICENZA

(Spazientita) E si, si! Va fa dda, ‘nca poi nni parramu quannu veni to patri; (ironica) si cuntentu?

DAMIANU

(Smette di piangere) Si, si! (Ed esce)

VICENZA

(Meravigliata, lo guarda uscire) Ma cosa di cacallu, voli fari u papà! Tutti sti capricci picchì ddu beddu di so patri ‘un ci dici mai nenti, avutru chi storii; i vastunati ti dessi io, i vastuanti, ma no ca vucca, dici sempri ca lammazza e chiddu è sempri cchiù vivu, cchiù vivu e cchiù capricciusu puru!

PEPPI

 (Voce fuori scena) Ancora nenti ‘nna tagghiatu? Ma c’ha fattu? Veni cca! Veni ti dissi! Scappi? Si t’acchiappu ti nne ddari ‘na gran passata, pezzu di sdisanuratu!

VICENZA

O solitu,  e chissi foru tutti i vastunati, po’ veni chiddu e dici ca voli fari u papà, certu, ‘nn’havi tortu! (Continua a stirare).

PEPPI

(Entra in punta di piedi e, avvicinandosi all’orecchio della moglie, grida forte) Vicè!!!

VICENZA

(Si gira di soprassalto e gli molla un sonoro ceffone facendo finire Peppi per terra) Ah, tu si? Mi facisti scantari. (Additando la punta della lingua) Ccà, ‘nna punta d’alingua t’avissi a veniri, ca chista manera di trasiri è? (Si avvicina a Peppi, ancora a terra, che si lamenta) Viremu, viremu chi ti facisti?

PEPPI

Ahi! Ahi! Botta di sali, ‘un corpu di pali mi parsi! Certu ca a manuzza dilicata  l’ha. Ahi! Ahi!

VICENZA

Bonu, accussì ti levi lu viziu! (Lo aiuta ad alzarsi) Ancora ti doli?

PEPPI

 Buttana di to matri, siddu mi doli! Haiu aricchi comu un cocciu di luci e un rumuri ca pari un friscu d’un vapuri ‘npartenza, e chi fici! Sulu Vice dissi, e savissi fattu un cumiziu ‘nzoccu avissi successu?

VICENZA

E susiti, susiti; ‘un ci pinsari cchiù ca ora ti passa.

PEPPI

(Ironico) Un ci pinsari cchiù… ma comu, mi stava sautannu a testa! E idda…

VICENZA

Ma… dimmi ‘na cosa u scanciasti u vaglia, i picciuli unni su?

PEPPI

Uella! ‘Na cosa a vota, e chi è! (Si cerca, non trova i soldi, poi guardando a terra s’accorge che sono caduti assieme alla poca spesa che avva fatto) Dda, u vidi? Mi facisti cadiri a spisa ‘n terra!

VICENZA

(Meravigliata) A spisa! Ma quali spisa?

PEPPI

A ficatalata, attaccagghieddi, du cutini e chi è! ‘N’anticchia di sustanza ci voli, e si ‘un la facia ora ca era ‘n picciuli… vattrova quannu si nni parrava poi.

VICENZA

O prossimu vaglia, e menu mali ca c’è u ziu Ancilu r’America ca nni penza; picchì, (alludendo a Peppi) siddu ‘un’avissi statu pi sti vaglia, vulia vidiri comu si avia a ghjiri avanti!

PEPPI

Eh, comu sta facennu! Pari ca… e poi, nzoccu ti manca: u pani? E ringraziannu a Gesù Cristu c’è!

VICENZA

O ziu Ancilu.

PEPPI

A pasta? E puru chista, ringraziannu a Diu, c’è!

VICENZA

O ziu Ancilu!

PEPPI

A casa? (Guardandosi attorno) Si, nica è, ma, ringraziannu  o Patreternu, puru chista c’è!

VICENZA

(Un po’ adirata e scandendo le sillabe) Ti dissi, o ziu Ancilu!

PEPPI

E si, si! Puru o ziu, certu.

VICENZA

Peppi, vidi ca a casa è du ziu Ancilu, ‘un mettiri autra genti pu menzu, ‘un sulu ca mancu ci mannamu i picciuli di l’affitttu, ma chi pi starici nni paga, puru!

PEPPI

E ti lamenti? Comu, avissi di chi essiri cuntenta! Ah, ma tuttu chistu picchì semu gintuzza assistimata, genti ca si fa vuliri beniri.

VICENZA

Dici chistu picchì u ziu giustamenti ‘un ti canusci, e iu ca ci haju scrittu sempri: si un mariteddu appostu, massaru, travagghiaturi (facendo con la mano il gesto di chi, invece, non vuole proprio lavorare), e chi megghiu di tia ‘un putiva attruvari.

PEPPI

 Certu!

VICENZA

 Certu’ Ma comu, si sempri ijttatu barri, barri!

PEPPI

 Sugnu sfurtunatu, u vidi, u dici puru tu ca sugnu sempri barri, barri, ma si ‘un lu pozzu attruvari chi fa m’ammazzu?

VICENZA

Ma cosa di taliallu! Si po’ sapiri a cu è ca vai circannu? Fammi capiri, parra!

PEPPI

Aaah! Ancora ‘un l’ha caputu?

VICENZA

Veramenti, no!

PEPPI

U travagghiu, u travagghiu vaju circannu!

VICENZA

(Meravigliata) Vs circannu utravgghiu o barru? (Ironica) Aaaa! Ora capisciu! E mi scummettu ca u cafè te lo vai a pigliare al collocamento! Dicu io to figghiu ‘nzoccu nni po’ veniri fora cu ssa testa ca hai tu?

PEPPI

 Damianu, tu u sai ‘nzoccu havi a veniri fora; u sai pi ‘nzoccu sta studiannu, e avissi a essiri orgogliosa ri iddu e di mia puru, ca ci grapivu l’occhi dicennucci ca havi a fari u dutturi.

VICENZA

U dutturi havi a fari!Continuannu di stu passu, chiddu, mancu a quinta arriva; ma comu, havi dudicianni e va ancora a terza e tu…! Talè, talè livati di ccà, ca a veru scola ci a sta dannu tu, ci a sta dannu! E comu apprenni bonu!

PEPPI

 Locca! Si tu ca ‘un capisci, ancora è nicu.

VICENZA

Aaah! Ancora è nicu, eccu picchì antura chiancia p addivintari granni! Certu, picchì unu ca è papà si pensa ca avissi a essiri granni. Ora ‘un ci abbastanu cchiù i flipperi e i bigliardini, ora puru u barri, voli essiri comu a tia precisu, “papà”! Accussì ricumincia puru iddu a circarisi u travagghiu. E io ‘nn’haju di scriviri o ziu Ancilu!

PEPPI

Dicu io chi ci trasi to ziu chi nostri discursa.

VICENZA

 Disgrazziatu! Comu chi ci trasi! Ma allura di unni pensi ca vennu i picciuli, du Gloria e Patri!

PEPPI

(Raccogliendo le cose cadute a terra) Oooh! Unu mancu e privu di mettiri peri ‘nta sta casa ca a lampu idda ‘ncumncia: s’un fussi pu ziu Ancilu, cu travagghiu comu fini, a to figghi u sta mali abituannu; pigghia di sutta e metti di ‘ncapu. Signuri me, quannu nni maritamu paria nisciuta frisca, frisca d’un cunventu… ‘na munachedda! Na munachedda ca addivintava russa a sulu parrari. Pippineddu di ccà, Pippineddu di ddà; ora, sciatri e matri, a ‘na matri supiriura mancu a viri, un capu canteri, si propriu accussì, pari un capu canteri.

VICENZA

‘Nca va ca veru vulissi essiri, almenu pi ‘na vota, un capu canteri, t’avissi a licinziari a vintiquattr’uri gran pezzu di maccagnuni ca si!

PEPPI

U viditi, mancu sapi chiddu ca voli, prima dici e si lamenta ca un’haju travagghiu, poi, a quannu a quannu l’avissi truvatu, subbitu vegnu allicinziatu! Ora, dicu iu, un cristianu ‘un si scuraggia tuttu!

DAMIANU

(Entrando con un pezzo di legno in mano) Accussì com’è, longu o curtu?

PEPPI

Ma chistu u primu è ca tagghi?

DAMIANU

Pà, ma ti pari ca sugnu ‘na machina! Allura, com’è?

PEPPI

Bonu, bonu è!

VICENZA

 Bonu? Longu è! ‘Nna stufa mu vo diri comu ciù ‘nfilu, u gnutticu?

POSTINO

(Bussa alla porta gridando “posta!”)

DAMIANU

(Esce di corsa a prendere la posta e rientra dicendo d’aver capito il mittente) U ziu Ancilu!

VICENZA

(Meravigliata) U ziu Ancilu? Ma comu, scrissi l’autru ajeri!

PEPPI

Grapila, grapila!

VICENZA

Grapila, grapila! Chi ti pari ca u ziu è minna, ca unu e dui munci? (Apre la lettera, e, scorrendo velocemente le prime righe, rimane molto sbalordita) Bedda matri! (Incomincia a fare avanti e indietro sul palco) Appostu semu! E comu facemu? (Peppi la segue) Cu pinsava ca un ghiornu di chistu…

PEPPI

Chi successi?

VICENZA

E chi ci dicu ora?

PEPPI

(Sempre in quell’avanti indietro) Ma dicu ju a vo finiri cu stu avanti e’nn’arreri? E mi dici ‘nzoccu successi? Parra!

VICENZA

(Fermandosi) Sta arrivanu u ziu d’America!

DAMIANU

(Che anche lui faceva, in coda a Peppi, avanti e indietro fa una forte esclamazione) Minchia!!!

VICENZA

 (Peppi guarda Damiano con gli occhi storti) Gran pezzu di porcu!

PEPPI

 E va beni, di chi ti prioccupi?

VICENZA

Comu, di chi ti prioccupi! Io ci hai scrittu o ziu un saccu di cosi ca ‘un su pi nenti veru, e ora, ora comu facemu?

PEPPI

Ora u vidi unu pi ‘un diri a virità, si trova comu un surci ‘nta ‘na jaggia, ‘un sapi cchiù chiddu c’havi a fari.

VICENZA

A virità? Ma comu! Io t’haju cummigghiatu sempri, all’occhi du ziu, tu si una pirsuna perbeni, un galantomu, un travagghaituri!

PEPPI

Ah! Picchì… pu ziu siddu ‘un si è travagghaturi ‘un si po’ essiri galantomini? U sai chi ti dicu Vicè: ca siddu ju putissi evitassi d’incuntrallu quannu veni, tantu ne iddu canusci a mia e ne mancu ju vogghiu canusciri a iddu, talè! ‘Un sulu ca unu havi a sfurtuna di ‘un’aviri  travagghiu, ma chi pi chissu si è cosa nutuli no! E no mia cara Vicé, annacatillu tu o ziu, tantu ‘n tra  di vuautri vi capiti, e poi ‘un pensu ca veni pi stari assai…

VICENZA

 (Legge la lettera; la voce che si sentirà sarà quella dello zio) “Cara Enzuccia, finalmente ho deciso, vengo a conoscere la tua famigliola. Sai, mi sento vecchio, vecchio e stanco”, (Vicenza alza gli occhi dalla lettera e guarda Peppi) si senti vecchiu, certu, avita l’ha fattu sudannusilla e senza mancu aviri lu piaciri d’aviri figghi, (riprende a leggere) “e, prima ch’è troppo tardi, vengo a fare testamento…”

PEPPI

 Comu, comu?!

VICENZA

Dici ca veni puru pi fari u testamentu

PEPPI

Ma… dimmi ‘na cosa, si sicura ca u ziu ‘un’havi a nuddu sparti di tia?

VICENZA

Nuddu, nuddu c’è; sulu ‘na fimmina amiricana ca cunvivi cu iddu e sicuramenti a idda ci lassa chiddu ca havi ‘nn’America. Mischinu, avissi vulutu avirinni tanti figghi e ‘nveci… (ricomincia a leggere la lettera) “Volevo, cara nipote, farti pure sapere che sono rimasto più solo che mai; con la mia compagna ci siamo definitivamente lasciati. (Peppi strofina le mani contento per l’eredità che aumenta) Quasi venderei tutto e verrei a vivere definitivamente a Belmonte Mezzagno; ma di questo ne parleremo quando saremo assieme. Ora ti abbraccio, un bacione per Damianuccio e salutami tanto Peppi , ho tanto desiderio di conoscerlo”. (Quasi fra se) E t’arricrii quannu u canusci.

PEPPI

Vicé, parri sula? Fammi sentiri chiddu ca dici u ziu.

VICENZA

Ha tempu, ha tempu di sentiri tanti cosi du ziu; cchiù tostu viremu comu ‘nn’avemu a cumminari prima ca veni u ziu.

PEPPI

Iu, fazzu finta ca sugnu luntanu a travagghiari e ca nni videmu a ogni morti di Papa, accussì vuautri sistimati tutti cosi, u ziu riparti e iu… ritornu du travagghju.

DAMIANU

 E io?

PEPPI

 E tu! E tu chi?

DAMIANU

(Seccato) A mamà u sapi.

VICENZA

Io? E che sapiri io?

DAMIANU

 U papà!

PEPPI

Ju? Ju ‘un sacciu nenti!

DAMIANU

No tu! (Rivolgendosi alla mamma) Cu papà, cu papà comu finì?

PEPPI

Ma st’avutru duna nummari? Ma di quali papà sta parrannu? Picchì… c’è… nautru papà?

VICENZA

(Damianu sbuffa spazientito) Ah! U papà, veru è! ‘Nca ora tu pozzu fari fari u papà ca havi a veniri u ziu? (Ha un’idea) Sintiti ‘nveci chiddu ca facemu: tu, (a Damianu) vistu ca tò patri avemu a diri ca è partutu, fa u granni ra casa, dicemu… u papà, ma… mi raccumannu, ‘un ‘nni facemu canusciri puru du ziu picchì vasinnò, doppu, quannu u ziu riparti… (facendo come se tirasse il collo a una gallina) mi capisti veru?

DAMIANU

 Se, se mà, lassa fari a mia. (Uscendo) Maronna!!! Finarmenti fazzu u papà!

PEPPI

(Dopo aver guardato uscire Damiano) E ju, ju unni dormu? Haju ‘na strana ‘mprissioni ca havi a succediri quarchi ‘nzalata!

VICENZA

Tu va pigghi a to patri, ca si sta quattru jorna cu nuautri, po’ essiri ca ‘nna so stulitanza fa stancari o ziu e subitu riparti.

PEPPI

Veru è! Ma tu u sai ca chiddu duna nummari, ‘un facemu ca ‘nni completa a ‘nzalata?

VICENZA

‘Un facemu, ‘un facemu! O ziu, comu arriva, ci spiegu ca aspettu un picciriddu (facendo segno come se aspettase  un bambino), e ca tu mi ajuti ‘nne travagghi cchiù pisanti, accussì servi ca cuntrolli sutt’occhi a to patri.

PEPPI

Ma comu, prima dicemu ca sugnu partutu pi travagghiu e ora ajutu a tia? ‘Un ci staju capennu cchiù nenti.

VICENZA

(Con rabbia contenuta) Io, vistu ca sugnu ‘nna stu statu, e ‘un mi pozzu privaliri, tu si chidda ca m’ajuta a fari i survizza, quindi…

PEPPI

 (Che ha capito di doversi travestire ha un netto rifiuto) Ah no, cara Vicè! Propria chistu no! Ma comu, ju vistutu di fimmina? Ma u capisci chi manicomiu si veni a criari? Talè u sa chi ti dicu Vicé, ca ju staju partennu veru, picchì ‘nzamai Diu, ‘nna sta cunfusioni ca si sta vinennu a cumminari, s’avissi a capiri ca ju sugnu… o anzi ca a cammarera è… (Esce parlando sotto voce).

VICENZA

(Adirata) Io sugnu, a cammarera è! (Va sulla soglia della porta dove è uscito Peppi e continua a rimproverarlo) Tu, ‘un si nuddu! Si sulu unu ca siddu ‘un fa bona la so parti, caru miu, sicuramenti haj di chi liccariti bonu l’ugna, gran pezzu di sdisanuratu!

DAMIANU

 (Affacciandosi anch’egli alla porta) Gran pezzu di…

VICENZA

A tia! Talé che beddu st’avutru! (Lo insegue attorno al tavolo, e, alla fine, Damianu vi si infila sotto, mentre si va chiudendo il sipario)

FINE PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

(Scena medesima)

VICENZA

(Affacciata alla finestra, guarda se arriva lo zio, guarda e prega ogni tanto San Giuseppe perché possa procedere tutto nel migliore dei modi. La sua messa in opera della pancia, mostra un’evidente attesa di oramai poco tempo; all’angolo, seduto, sta il vecchio Riolu, papà di Peppi, che gesticola balbettando qualcosa). San Ciusippuzzu, fammilla sta razzia! Fa ca u ziu ‘un scopri nenti, fa puru ca ddu stolitu di me sogiru dassi quattru boni nummari accussì u ziu Ancilu si stancassi e facissi a via du ritornu. (Si fa il segno della croce e continua a guardare la finestra e l’orologio appeso alla parte). Mah! U vapuri arriva  a l’ottu , su i deci, e u ziu ancora nenti!

RIOLU

(Dando numeri) Arreri, arreri è vutari! (A Vicenza che lo guarda meravigliata) Cu ti parru! Va pigghia a scheda! Curri ti dissi, prima ca fannu u sfogghiu!

VICENZA

 Oh bedda Matri! Ura è!

RIOLU

Chi ffa, ‘un ci senti? Va dda ti dissi!

VICENZA

E si pà, ora veni Damianu e ci mannamu a iddu.

RIOLU

Ora, ora ci ha ghiri, prima ca è tardu!

VICENZA

Vossa senti a mia, oramai, pensu ca ‘un si po’ fari cchiù nenti, comu si fa a sapiri qual è ‘n menzu a l’autri schedi?

RIOLU

Curri ti dissi, u me votu si voli pigghiari! Pezzu di ‘mbrogghia populu! Mi vulia ‘nfinucchiari, ma u me votu ‘un lu vidi. Prestu ti dissi, va dda!

VICENZA

 U sapi, veramenti…

RIOLU

Puru tu si complici allura! Cumplottu, cumplottu! (Si sente arrivare da fuori la voce dello zio Angelo che chiama)

ANCILU

 (Fuori scena) Enza, Enzuccia! Ccà sugnu! U to ziucciu arrivau; unni si? Veni aiutari a prendere valigi!

VICENZA

(Iniziano le preoccupazioni) Oh, bedda Matri Santis- sima! Cuminciau l’opira! (Al suocero) Vossa aspetta ca va pigghiu a scheda e vegnu, ‘un si movi! (Si da una sistemata al cuscino che ha sotto la veste)

RIOLU

Tranquilla! (Vicenza esce) Allerta Riolu! ‘un ti fari futtiri sta vota! ‘na vita, ‘na vita havi ca mi la firria ‘ntunnu, ma ora basta! A Riolu u stagnaturu ‘un ci la fa cchiù nuddu! (Indicando col bastone una sedia) Cu tia parru! Chi è ‘un ci senti? Mancu a tia cumveni lu discursu! (Sempre alla sedia) Vinnutu!!! Curri a chi si ‘n tempu, va pigghiati a scheda, ah no! Pezzu di pupu! ‘Un ci senti? E allura u sai chi tidu, ca di ora ‘n poi ti levu lu salutu, pezzu di strunzu! (Abbassa il bastone e smette di guardare la sedia) U votu! Ccà ti l’haju a dari! (indicando, sempre col bastone, il centro della sua fronte) Pezzu di ‘mbrogghia populu!, Tradituri, vinnutu all’amiricani! Te cunsari un capizzu, te cunsari… e tu (ancora alla sedia), va dda, va canta siddu hai curaggiu, pezzu di cacarinali!

VICENZA

(Entra, ha in mano una valigia foderata di stoffa a quadri e un sacchetto) Trasi, trasi ziu! (Anche lo zio, oltre a un cappello di paglia in testa, ha i pantaloni uguali alla stoffa della valigia, una camicia all’americana e una farfalla al collo di stoffa a quadri come la valigia. Il suo accento è un misto siculo-americano) certu ha di chi essiri stancu ddoppu stu gran viaggiu cu vapuri. E… u mari, u mari com’era, ziu, aggitatu?

ANCILU

 Oh, no Enzuccia! Lu mari essiri ok! Lu viaggiu nun essir ok; troppo lungo! (Guarda un po’ in giro e si accorge di Riolu) E… quisto chi essere? M’era sembratu pezzu di mobili!

VICENZA

Ah ziu, quisto è mio soggiru.

ANCILU

(S’avvicina e gli porge la mano) Piacere!

RIOLU

E vui, vui cu siti? A purtastivu a scheda?

ANCILU

(Non capisce) A scheda! (A Vicenza) Cosa essere scheda?

VICENZA

Nenti ziu, iddu dici…

RIOLU

 (Adirato) Tu zittuti! Cu tia parru!

VICENZA

(Ancilu rimane meravigliato) Pà, a scheda ora a portanu, chistu è me ziu, me ziu Ancilu, chiddu ca ha statu ‘nn’America.

RIOLU

(Ripensa alla guerra e a quanti si vendettero la propria patria per niente) America?! Vinnutu! Vinnutu! Vi vinnistivu la patria pi nenti, ma a mia ‘un mi ‘nfrusati cchiù nuddu! U capisti?

ANCILU

(Che non ci ha capito niente, si rivolge a Vicenza) ‘Nfrusari! Cosa essere ‘nfrusari?

VICENZA

 Oh bedda Matri! ‘Un ci fari casu ziu… sapete… egli è un po’… (Facendo segno come se fosse pazzo)

ANCILU

Ma… tu non avere mai fatto sapere niente di questo tuo suocero… diciamo…

VICENZA

Prima ca partissi Peppi pi travagghiu, pinsamu, giustamenti,  di purtallu ccà, u sai, a fimmina ca ci badava avia ‘ncuminciatu a perdiri corpa puru idda, e tutta la santa jurnata ‘un facianu autru chi dari nummari, da matina a ‘nsina a sira; fora, d’arreri a porta, a genti si facia li cianchi a sintilli stulitiari; nenti ziu ‘un c’è peggiu di quannu a ‘na machina si ci rumpinu i freni, ‘ncumincia a calari senza sapiri unni va a finiri.

ANCILU

E tu come fare a badare a lui, visto che essere in questo stato (indicando la pancia di Vicenza).

VICENZA

Eh, comu facemu ziu… u putemu jttari fora?

DAMIANU

(Entra vestito da adulto, chiama la governante, suo padre, invitandola ad entrare. Il comportamento ferreo del ragazzo nasconde un po’ sua la giovane età). Trasi, trasi! E muvemunni, isamu i manu oggi, ca iu ti pagu pi travagghiari, no pi perdiri tempu! (Guarda lo zio, che non conosce, e lo saluta) Bon giornu! E vui… cu siti?

ANCILU

(Meravigliato) Io… essere…

VICENZA

 Ziu, chistu è Damianu.

ANCILU

Damianuccio!!!

VICENZA

Si ziu, u picciriddu!

ANCILU

Vieni (allargando le braccia) dallo zio tuo, Damianuccio bello! Ma… dimmi, perché essere vestito buffone?

DAMIANU

 (Risentito) Ma cu? Talé a st’avutru, a mia dici buffoni! (Indicandolo) E’ vistutu ca pari ‘na scacchera!

VICENZA

Damianu! Cu tia parru! Talé, vidi ca chistu è u ziu Ancilu, u sai, chiddu ca avia arrivari d’America; abbrazza o ziu! (Peppi, vestito da governante è intento a fare le pulizie guardando sott’occhi lo zio, il quale sembra ricanbiare con sguardi dolci). E poi, comu ti permetti di parrari accussì a chiddi cchiù granni di tia?

ANCILU

E va beni Enzuccia, lassalu andare, lui essere ancora bambino.

DAMIANU

(Ancora risentito) Ma cu? (Al pubblico) Io, bambino! Ma di unni veni st’avutru. (Rivolto allo zio) Iu essere papà!

VICENZA

(Lo zio ride, ride e non ci capisce niente; Vicenza si avvicina al quadro di San Giuseppe segnandosi) San Giuseppi, vi nni prju, arriprinnitilu vui, troppu vugghiu ‘nna pignata! (Si avvicina a Damianu e gli parla all’orecchio in modo che lo zio non senta e il pubblico possa capire) U viri cu tia doppu facemu i cunta, comu arristamu?

DAMIANU

(Con le mani alle bretelle, la punta del piede che batte per terra e con un tono quasi di rimprovero) Talé, senza ancora ‘ncuminciari (ironico) doppu facemu i cunta! A si? Ca ‘ncumincia a summari! Signuri me, comu arristamu! Arristamu ca è fari u papà e basta; poi…, quannu finisci sta commedia, si nni parra, ma poi chistu, no ora! (Alla “governante” che era ferma a guardare) E tu, a cu aspetti a carrozza pi finiri ssi quattru survizza? Talé!

ANCILU

Per tutti gli stati di America, se ci sto capendo una parola! Enzuccia, vuoi aitarmi a capire? E quell’altra, (indicando la “governante”) chi essere? Quante cose non mi avere scritto nelle lettere!

VICENZA

E quantu cosi avissi puru di diriti! Ma comu si fa, comu si fa!

RIOLU

(Cerca di alzarsi) Quantu vaju a vju di pirsuna!

VICENZA

(Lo fa risedere) Ma unni aviti a ghiri! (A Damianu) Veni ccà tu!

DAMIANU

No signura!

VICENZA

(Lo va a prendere per l’orecchio) A mia no signura! Viri ca i jammi ti rumpu, ‘un ti pari ca ti stassi pigghiannu a manu cuttu u peri tu!

DAMIANU

(Liberandosi) Vicé, ma chi duni nummari! Viri ca ju Peppi sugnu, ma cu cu ti paria di parrari? Ma com’è st’avutra!

VICENZA

 (Resta sbalordita, non pensava che Damiano riusciva  a prendere così sul serio la cosa, e le viene di svenire) Ajutatimi, ‘na seggia, ‘na seggia! (Subito, sono tutti indaffarati a vedere come fare per aiutare Vicenza. Riolu, approfittando della confusione, riesce ad uscire fuori senza che nessuno s’accorge di lui).

ANCILU

 (Preoccupato) Enzuccia! Enzuccia! (A Damianu)  andare  tu a prendere no poco di acqua con zucchero! (Escono Peppi e Damianu) Povera Enzuccia, che casa movimentata! Questo piccolo (toccandole la pancia) che deve nascere sicuramente essere un fenomeno. Enza, Enzuccia! Io essere, zio Angelo! Ti prego rispondimi…

DAMIANU

(Entra di corsa col bicchiere dell’acqua, seguito da Peppi col vassoietto dello zucchero) Pronto acqua! (Angelo gliela da a bere)

PEPPI

Pronto zucchero!

ANCILU

Come, pronto zucchero! Allora quell’acqua non essere stata con zucchero?

DAMIANU

 (A Peppi) Ah, un’era zuccarata? Ma dicu ju quann’è ca l’ha capiri ca t’arruspigghiari, quannu t’allicinziu? Talé! Prima vannu chiancennu ‘n casa, ‘n casa ca vonnu travagghiari, e poi, taliatili, parinu addummiscjuti!

ANCILU

Ma lasciala stare poverina! Non ti sembrare male mortificare così le persone? Specie una così bella donna (facendogli gli occhi dolci)

DAMIANU

(Ridendo a crepa pelle) Bella donna! Ah! Ah! Ah!

PEPPI

 (Come se fosse mortificato, a Damianu) Cattivo!!!

ANCILU

(Abbraccia Peppi per rincuorarlo) Su, su dai! Non ve la prendete, lui (indicando Damianu) essere troppo piccolo! per capire certe cose.

DAMIANU

(Verso il pubblico) Ah! Ah! Ah! Io essere troppo piccolo per capire, e iddu, pezzu di turduni ca si senti granni, taliatilu, quasi quasi ca si ‘nnamura ri me pa! (Ancilu conforta ancora Peppi accarezzandolo)

VICENZA

(Riprendendosi) Bedda matri chi mi sentu cunfusa; ma unni sugnu? ‘Nzoccu mi successi? (Chiama il marito) Peppi, Peppi unni si?

DAMIANU

 (Si appresta ad avvicinarsi, mentre Peppi, alle spalle dello zio fa segni a Vicenza di non parlare se no si scopre l’inganno) Ccà, ccà sugnu Vicé! Comu ti senti?

VICENZA

Tu! Oh no!!! (Sviene di nuovo)

ANCILU

 Acqua! Acqua!

PEPPI

Ora u zuccaru! L’acqua sa pigghiò antura!

ANCILU

Ok! Ok! (Le da un cucchiaio di zucchero, poi si rivolge a Peppi facendogli il cascamorto) Voi avere voce molto calorosa, voi essermi molto simpatica!

PEPPI

(Girandosi imbarazzato) Ma ju sugnu…

ANCILU

 Cosa essere?

PEPPI

Maritata, maritata sugnu!

ANCILU

Maritata? Ok, ok! E allora? Anch’io in America stavo con altra donna, ma… dopo, lei essere cattiva ed io lasciare.

PEPPI

Pure io (facendo come se fosse “una tigre innamorata”) essere cattiva! Anzi no, cattivona! (Come se volesse graffiarlo con delicatezza)

ANCILU

 (Sembra quasi essere innamorato cotto di Peppi) Bello, bello! Ancora, dai su! Tu fare così, no perché essere cattiva; tu moto calorosa!

VICENZA

 (Riprendendosi) Chi mi sentu strana!

ANCILU

(S’accorge di Vicenza e sussurra a Peppi) Ma di questo ne parleremo dopo, come sistemo un po’ le cose (e accorre da Vicenza).

VICENZA

 Pari ca caminassi supra i negghi

ANCILU

 Halò Enzuccia! come andiamo?

VICENZA

 Oh, ziu! Quando sei arrivato?

ANCILU

(Meravigliato) Quando essere arrivato!? Avere impressione che tu preso molto schok! Ma ora passerà, vedrai.

PEPPI

Signora, come vi sentite?

VICENZA

 (Lo guarda) Ah, ora ricordu! Tu si… (Peppi fa segno di no) Anzi, vui siti… Rosina, Rosina a cammarera! Matri! A botta bona l’appi a pigghiari. (Guarda un pò in giro e s’accorge che manca Riolu) Ma… me soggiru unn’è? (Inizia una veloce ricerca: chi guarda sotto il mobile, chi dietro una sedia chi sotto il tavolo) Era ccà antura! Ziu Ancilu, unni ju? (A Peppi) E vui, vui nenti nni sapiti? Mancu a to patri sa teniri d’occhiu!

PEPPI

 (Meravigliato, e per non far capire niente zio Ancilu) Mio padre? Ma signura! a botta veru bona a pigghistivu (Ancilu, che non aveva capito bene, ora capisce invece che Vicenza, per la botta, da i numeri)

DAMIANU

(A Peppi) Mio padre! Mia madre! Nni persimu ‘n chiacchiri, ‘nveci di travagghiari? Bedda vita si durassi!

VICENZA

Certu ca veru bella fussi a vita, siddu pi tia durassi! Ma finiri havi, ‘un ti prioccupari!

DAMIANU

Chi cos’è?

VICENZA

 Chi cos’è? U Martiri è! (Bussano e Peppi va ad aprire)

COMPARSE

(Due impiegati comunali) Buon giorno signora Enza; è una fortuna per voi che il nostro è un piccolo paese. Vostro suocero ha corso il rischio… (Guarda Peppi, sembra di riconoscerlo e gli si rivolge) Ma voi… no, che sciocco! Mi sembravate… (Peppi si gira) Scusate signora ma m’era sembrato proprio… niente! (Guarda ancora Peppi) Però ch’è strano… (Peppi fa come se sbrigasse le pulizie di casa) Dicevo, vostro suocero, ha corso il rischio di essere arrestato, è venuto al municipio a battere con forza il bastone allo sportello, richiedendoci una scheda, e che poi non si è fatto capire bene di che scheda parlasse.

VICENZA

Grazi, grazi! ‘Un si stassi a prioccupari, dici iddu ca rivoli a scheda di li vutazioni, dici ca sbagghiau a vutari e chi quindi voli vutari arreri.

COMPARSA

 Su questo forse ha ragione, anche se doveva pensarci bene prima chi votare, ma che deve venire a rompere i vetri e prendere a bastonate gli impiegati… questo no, eh no!

VICENZA

Ma a me soggiru u canusci, u sapi comu discurri (facendo segni con la mano come se stesse ad indicare chi da numeri).

COMPARSA

E’ per questo che lo abbiamo accompagnato a casa, da voi, per evitare il peggio, però, fate in modo che ciò non si ripeta (riguarda Peppi).

VICENZA

 Si, si ‘un si stassi a prioccupari ca ora ci pensu ju.

COMPARSA

(Che continuava a guardare Peppi,  meravigliato, ora si rivolge a Vincenza) Sarà che sono ancora meravigliato per la strana meraviglianza…però, in quanto a voi, quando ieri l’altro vi incontrai alla posta, non sembravate in questo stato (indicando la gravidanza); è possibile?

DAMIANU

(In tono di rimprovero) E’ possibili, ‘un è possibili! Chidda mi pari, dd’avutru assumigghia! Ma ‘n zumma u sapiti ca siti troppu ‘ntricanti, e chi cos’è!

COMPARSA

 (Quasi scopre con chi sta a parlare) Ma voi… anzi tu non  sei…

DAMIANU

Ancora! Talé! Mancu i carrabbineri tutti sti ‘nforma-zioni, e chi è! Va pozzu fari ‘nveci ‘na dumanna ju?

COMPARSA

 Certo.

DAMIANU

Ma quannu veni u fini di ijrivinni?

ANCILU

(Ride) Ok! Ok! Damianucciu!

COMPARSA

(Ad Angelo) Ma… voi chi siete?

ANCILU

Io essere quello (Gli prende il bastone al nonno) che se voi non andare via subito ve lo rompere in testa  quisto bastone! Oh, guarda! Voi fare così perché non essereci mio nipote Peppi; via, andare via subito! (Alzando il bastone) Oh, che maniere! (Quelli scappano)

COMPARSE

(Fuori scena) Signora, dimenticavamo di dirle che deve avvicinare al Comune per pagare il vetro che ha rotto suo suocero. 

RIOLU

 (Alzandosi) Unn’è, (ad Angelo) unn’è u vastuni? Dammi u vastuni, picchì mu livasti? (Angelo, col bastone in mano, tentenna a darglielo). Dammi ti dissi! (Riesce a prenderglielo, e, nello stesso tempo, lo scambia per l’impiegato del Comune con cui aveva avuto la lite) Facivi u scartu darreri o sportellu, è veru? Ma ora ci pensu ju pi tia; (Angelo si mette dalla parte opposta del tavolo) veni ccà! Scappi? Ccà a veniri (dando colpi di bastone sul tavolo).

VICENZA

(A Peppi, sottovoce) Ricu u vo arripigghiari ‘n’anticchia? Ci a vò iri a pricurari ‘na scheda, quantu pi ‘na rancata si cueta. Ccà ‘un si tratta ca avia a dari quattru nummari, ma di fari ‘na commedia bella e bona, chistu versu è? (Riolu contrasta ancora con Angelo).

PEPPI

 (Peppi prende con forza Riolu e lo siede nella sua sedia dicendogli qualcosa all’orecchio, e, non appena finisce di parlargli all’orecchio, Riolu, come d’incanto, si calma). E… mi raccomando!

ANCILU

(Osservava meravigliato) Caramba che femmina!!! Tu essere veramente ok!!! Cosa avere detto a quillo terremoto perché si fermasse?

PEPPI

Nenti, ci dissi sulu ca, siddu iddu ‘un la finìa, ‘un sulu ca nun ci va pigghiu a scheda e chi quindi ‘un havi cchiù dirittu a vutari, ma… ca siddu mi fa siddiari bona bona u jiettu da finestra!

ANCILU                

 E lui… perché stare zitto? Avere paura che tu non prendere scheda, o perché farlo volare dalla finestra?

PEPPI

 (A Damianu) Tu chi dici? A finestra, no?

DAMIANU

(Con grande esclamazione) Troppo forte! Ta dugnu ju ‘na manu pà! (Si tappa la bocca cercando di non fare capire ad Angelo quel “pà”).

ANCILU

(Meravigliato, mentre Peppi fa segno a Damianu di non farsi scoprire). Ta dugnu ju ‘na manu! (A Peppi) Cosa essere pà?

PEPPI

Pà, volere dire… pacenzia, va… di un latu mi vulissi dari ‘na manu, e di l’autru latu mi senti a diri pacenzia; si propriu accussì; (A Damianu, ironico) nun è veru Damianucciu?

DAMIANU

(Con severa autorità) Ohé!!! Ma chi sunnu sti cunfirenzi? Comu fini, finisti cu i survizza? (Peppi fa cenno di si) Ca allura va viri unni ha ghiri, e dumani mi raccumannu, circamu di veniri all’orariu!

PEPPI

 (Fa capire ad Angelo di essere mortificato) Bon giornu a tutti.

ANCILU

Aspetta, ti accompagno!

PEPPI

 No, grazii, ‘un si stassi a prioccupari, sicuramenti me maritu è ‘nna chiazza ca m’aspetta; voli diri ca sarà pi ‘nn’autra vota. (Ed esce, poi lentamente riapre un po’ la porta e chiama Damianu, il quale gli fa capire che non ha nessuna intenzione di andarci; le continue minacce mimiche di Peppi riescono a persuaderlo).

DAMIANU

 (Da fuori scena) Aih! Aih! Aricchi mi scippi!

PEPPI

(Sempre da fuori scena) U viri ju comu finisci sta commedia, no aricchi, a testa ti scippu! T’ha fazzu livari ju a manìa di fari u papà! Ora senti ‘nveci chiddu ca ha fari, trasi dintra e… (senza far sentire cosa suggerisce a Damianu di fare) mi raccumannu, senza fari capiri nenti.

DAMIANU

 (Sempre da fuori scena) Aih! Lassami aricchi! Lassami ca mi struppii!

ANCILU

(Che cercava di capire da dove provenisse quel vociare, si rivolge a Vicenza) Ma questo non essere Damianuccio che avere gridato?

VICENZA

 (Cerca di non far capire niente allo zio) No ziu, sicuramenti corchi vuci di picciriddu ca ci assumigghia; Damianu sicuramenti appi agghiri accumpagnari ‘nna chiazza a cammarera, l’omu granni u fa nsinu all’urtimu.

ANCILU

Ma… come mai, lui, fare lu grande?

VICENZA

Comu mai! Picchì ddu beddu i so patri, prima di partiri, ‘un appi chi dirici: Damianu mi raccumannu, mentri ju nun ci sugnu, cerca di fari u capu famigghia, e chiddu u pigghiò ‘n parola.

ANCILU

 (Meravigliato) Ma lui essere veramente convinto! E allora dimmi, non potere parlare, io, con Damianuccio fino a quando non venire suo padre da lontano?

VICENZA

Mi pari propriu di no caru ziu, chiddu havi a testa chiù dura di ‘na sciaca, e certi voti è megghiu…

RIOLU

(Sogna, si mette le braccia davanti la faccia come per coprirsi da qualcosa) ‘Un lu fazzu chiù! Bedda matri, tu giuru ‘un lu fazzu chiù! I miricani? Si la ponnu futtiri tutta l’Italia! Però basta, basta! U votu? Puru dui ti nni dugnu, (Vicenza ed Ancilu, meravigliati, cercano di intervenire) ma lassami iri. Aih! Aih! Peppi! Peppi!

VICENZA

Papà, un sonnu fu! Vossa si carma ca tutti cosi fineru.

RIOLU

Unn’è, unn’è! Si nni ju? Mi stava ammazzannu.

ANCILU

 Chi, lo stava ammazzando?

RIOLU

‘Mbrogghia populu, ‘mbrogghia populu fu! (Entra Damianu toccandosi l’orecchio indolenzito; Vicenza e Angelo gli si avvicinano; mentre Riolu rimane a balbettare).

VICENZA

Chi c’è, chi hai?

ANCILU

 Cosa essere successo al grande Damianuccio?

DAMIANU

(Adirato) Nenti! E ‘un mi tuccari!

VICENZA

A tia!

ANCILU

Lo sai che io… quasi, quasi pentito di averti portato tante cose di America, e di donarti anche… ma è meglio forse lasciare perdere tutto (Damianu lo guarda sott’occhio e non gli da ascolto).

VICENZA

Lassalu iri ziu ca è un porcu! Allura, viremu ‘nsoccu ti facisti (gli tocca l’orecchio).

DAMIANU

Aih! Aih!

VICENZA

Ah, i tastasti sta vota! Certu, pi tia su cosi novi, ma ju haju ‘na strana ‘mprissioni ca tu l’ha ‘ncuminciari a pigghiari boni boni!

DAMIANU

 (Quasi piangendo cerca di non fare capire niente allo zio) Dici u pà, stracqua ‘o ziu ca t’havi a parrari.

ANCILU

(Avvicinandosi ai due) Cosa dire Damianuccio? Cosa succedere?

VICENZA

Nenti, nenti ziu chi havi a succediri! Anzi, mi lu fai un piaciri, ci arrivi o Comuni, si è ancora apertu, e viri pi stu discursu du vitru prima ca mannanu quarchi papellu.

ANCILU

Certo! Su, dai Damianuccio, vatti a cambiare e venire con zio Ancilo.

DAMIANU

 No! U capisti? E’ fari u papà!

VICENZA

Ah, ‘un ti vastaru chiddi! Ma va ‘nsigna ‘o ziu unn’è u municipiu! Havi a fari u papà, ma allura i va circannu veru ca cannilicchia, chi mi dicisti antura, tu scurdasti? Va dda, va canciati, senti a tò matri.

DAMIANU

 No! (Ci pensa un pò) Allura raccuddì c’è ghiri vistutu!

ANCILU

Allorra, tu, essere molto capriccioso! Non Essere a carnevale!

DAMIANU

Ah, ju essiri capricciusu, mà, e iddu, (Indicando Ancilu  ch’è vestito a quadri) pi iddu ‘un’è carnivali?

VICENZA

Ma chi sta dicennu! Pi iddi è normali ca si vestinu d’accussì, dda si usa (guardando lo zio).

ANCILU

 Certo!

DAMIANU

Ah, certu! E si ccà ‘un si usa a curpa chi è a me?

VICENZA

 (Ancilu ride) Ricu ju ci agghiri o no? Ci cridissi unu?

DAMIANU

(Allo zio) Raccussì ci veni, o t’affrunti?

ANCILU

Affruntari! Perché?

DAMIANU

Perché? Ora u viri ‘nno corsu! O nni pigghianu a tutti dui pi miricani, o d’arreri avemu subitu a chiddi ca nni fannu abbaju!

ANCILU

Abbaju! Cosa essere abbaju?

DAMIANU

Se, se babbia, amunì (ed escono).

VICENZA

 (Si avvicina al suocero) Pà, pà…

RIOLU

(Spaventato) Cu è, cu c’è?

VICENZA

Cu c’è? Ma cu voli ca ci havi a essiri, si voli iri arripusari ‘nto lettu?

RIOLU

 No, ccà, ccà haju a stari! E’ stari all’erta, si dormu mi futtinu!

VICENZA

(Aiutandolo ad alzarsi) Ma cu l’havi a futtiri, io, u guardu io, vossia ‘un si prioccupa.

RIOLU

 Allerta, allerta Viscé! Grapiti l’occhi si veni ‘mbrogghia populu; ‘na vita, ‘na vita havi…

VICENZA

(Avviandosi) Vossa riposa tranquillu ca a chiddu ci pensu io, ‘un si prioccupa.

RIOLU

Nuddu, nuddu, pi chiddu mancu u diavulu ci po’!

VICENZA

(Escono) Se, se.

PEPPI

(Entra affacciando prima la testa dalla porta per evitare che possa esserci qualcuno) Viscè, Viscè! Unni si?

VICENZA

(Rientra cercando di parlare piano per non fare sentire a Riolu) Ccà, ccà sugnu!

RIOLU

(Fuori scena) Cu è, cu è ‘mbrogghia populu?

VICENZA

Quasi, quasi; ma vossa dormi vossia, comu arristamu! (A Peppi) Chi c’è?

PEPPI

(Incominciando a spogliarsi) Chi c’è? Comu, chi c’è! Ma u capisci ‘nna quali situazioni nni vinnimu a truvari! No, no cara Viscè, ora basta! Comu veni u ziu mi trova daccussì e pi chiddu chi sugnu si ci cunveni, pi mia chiddu chi voli pinsari pensa; puru a tò figghiu stamu pirdennu!

VICENZA

S’è pi tò figghiu è megghiu ca ‘un nni parramu, oramai chiddu unni avia arrivari arrivà; du voti mi fici sveniri antura, e tuttu chistu grazii o tò ‘nsignamentu; pi quantu a tia, oramai ti cunveni cuntinuari, è tempu persu ca ti sta spugghiannu, oramai u ziu pensu ca si sta pirsuarennu ca ‘nmenzu a sti foddi ‘un ci po’ stari quindi… è qustioni oramai di picca, e pensu ca è megghiu pi tutti finiri di recitari; doppu, a scena finuta, n’zoccu s’havi a fari u viremu, ma… chistu doppu (si sentono le voci di Angelo e Damianu che sono di ritorno. Angelo chiama “Enzuccia”; Peppi scappa di corsa cercando di prendere quanto s’era già levato di dosso; correndo, con una scarpa coi tacchi ancora messa, rischia di cadere per terra mentre, lentamente, va chiudendosi il sipario).

Fine secondo atto

Terzo atto

(Scena come la precedente. Ancilu e Damianu entrano di corsa inseguiti da tanti bambini che vanno ridendo dei loro indumenti. Vicenza ha il tempo giusto di chiudere la porta e li va a sgridare

dalla finestra)

DAMIANU

Tu dicia ju, tu ‘un ci vulivi cridiri.

ANCILU

Essere una vergogna! In America nessuno fare così!

VICENZA

(Affacciata alla finestra sgrida ai ragazzi  che ancora continuano a sfottere i due) Ma dicu vi nni vuliti iri a casa! O ve ghittari un catu r’acqua di supra! Ah, no? (A Damianu) va pigghia un catu r’acqua (Damianu esegue, mentre lei rimane indaffarata con quei monelli che ancora continuano a vociare. Vicenza rimprovera uno di quei bambini che continua a ridere) E tu chi ci arriri! ‘Un ti nni par mali, no? (Ancilu affaccia dalla finestra e quelli gridano più forte) Levati ziu ca ora ti fazzu avvidiri comu scumparinu. (A Damianucciu) Comu finì? Tantu ci voli pi pigghiari ‘n’anticchia r’acqua?

DAMIANU

(Entra ridendo) Te, ri cursa mà!

VICENZA

Sparti arriri! Tantu ci vosi? Rammi, rammi ccà (lo prende e lanciafuori quanto vi è dentro). Arricriativi! (Fuori si sentono scappare i ragazzi, qualcuno grida: “schifiu chi puzza”! Vicenza oddora il secchio e si tappa il naso); ma chi mi dasti? Un facemu…!

DAMIANU

(Con la testa conferma) Mà, u rinali du nonnu era beddu chinu e ju…

ANCILU

 (Con le mani al naso) Tu fare più schifo di loro!

VICENZA

Ca siddu ora s’arricogghi corcuna ri ddi matri cu l’ali aperti, tortu hannu?

DAMIANU

Mà, e nuautri ci dicemu ca fu u nonnò.

VICENZA

Ora signuri mè! E’ mai possibili?

ANCILU

(Non capisce) Cosa essere successo?

VICENZA

Ammumentu ti ‘nn’adduni ri chiddu ca successi! (Bussano) E chista è a prima; avanti!

PEPPI

(Entra Peppi vestito normale, tanto che Angelo non lo riconosce) E’ pirmissu? Bon giornu a tutti.

ANCILU

Voi essere papà di uno di quei (indicando la finestra) bambini?

PEPPI

 (Non sapendo del discorso, non capisce) No! Ju veramenti, sugnu…

VICENZA

Si ziu, è propria u patri ri unu ri ddi picciriddi e sicuramenti ora nni voli sudisfazioni.

ANCILU

(Ancilu gli si avvicina e, osservandolo bene, pensa di averlo già visto) Voi non essere viso nuovo, io… si, mi pare di avervi già visto, ma non ricordo dove, forse…

DAMIANU

(Peppi si gira per non farsi riconoscere) Ziu, u sa unni u vittimu, o municipiu.

ANCILU

Si, forse la vederlo; ci dovete scusare per quello che essere successo, sapete, noi avere in casa un vecchio che poverino… come dire… essere un po’… (facendo il segno di uno che è matto)

VICENZA

Vui sicuramenti u canusciti a me soggiru, ogni jiornu è ‘na storia, antura, zittu tu e zittu ju ‘un pigghia u rinali e u sbacanta ra finestra! E poi, u viriti, mè giustificari, cu chiddi comu a vui, ca vennu pi vuliri surisfazioni, e giustamenti chi vuliti ca vaju a diri…

DAMIANU

Certu! (Allusivo) Mi pari giustu ca circassivu di capiri a situazioni (bussano).

VICENZA

Avanti! (Entra una delle madri di quei ragazzi) trasiti, trasiti, chi fu, chi successi?

COMPARSA

(Con le mani ai fianchi) Ma sciatri e matri ri un santissimu diavuluni! Chisti cosi di fari sunnu? (Chiama il figlio che è fuori tutto bagnato) E trasi, trasi tu ‘n’autru bacchittuni! Taliatilu, ancora scula, e a puzza a sintiti? Pari c’avissi carutu dintra un pisciaturi comunali (si tappano tutti il naso).

VICENZA

(Mortificata) Chi vuliti, mè soggiru…

COMPARSA

 Vostru soggiru! Vostru soggiru chi?

VICENZA

E fissatu di jittari a… comu si dici… ra finestra, e…

COMPARSA

 (Adirata) Eee ‘nzoccu?! (Si gira da Peppi che lo conosce) E vui nenti diciti? Certu, u curaggiu ‘un v’apporta; e siddu avissi successu a vui allura, allura c’avissivu fattu? Chi è, ‘un rispunniti, ‘un vi cunvenu u discursu e veru?

PEPPI

Oooh!!! Ma u sapiti ca vi stati purtannu a mirudda ora! Talé! Viriti chi sorti di tiatru ca sta facennu pi ‘n’anticchia di comu sidici… di atto piccolo, e siddu s’avissi pirsuarutu di jittari l’atto grosso, ‘nzoccu avissivu fattu un dramma? Certi fimmini ‘un avissivu a nesciri di rintra mancu quannu c’è u tirrimotu, santu riantanuni!

COMPARSA

Vui, parrati raccussì picchì ccà ‘un c’è me maritu, e giustamenti cu ‘na fimminedda faciti u scartu.

PEPPI

E mannatimi a vostru maritu che ce la soffia! E ora vi nni vuliti iri e vi purtati a chistu ca ‘nfittau ‘na casa; via, sciò sciò, talé! Ma unni semu arrivati! (Avendo toccato il ragazzo, si annusa le mani e se li pulisce smorfiando).

COMPARSA

Io, certu mi nni vaju, ma ‘un pinsati ca finisci daccussì, vogghiu tanta ri dda suddisfazioni ca vui mancu vi lu ‘mmagginati; (al ragazzo) e camina tu ‘n’autru!

RAGAZZO

 E tu mi cafuddi?

COMPARSA

 (Esce borbottando col ragazzo) Camina, camina ca ‘un ti cafuddu.

RAGAZZO

 (Fuori scena) No, tu apposta u risci.

PEPPI

(Ancilu è come se stesse per capire qualcosa, e Peppi cerca di sviare il discorso) E poi, ricu ju, chi ci trasu cu stu discursu; viriti sta gran foddi!

VICENZA

(Interviene anch’essa alla recita di Peppi) Vi ringraziu ron… comu vi chiamati? Daccussì comu veni me maritu vi nni congratulu.

PEPPI

Lassati sta, lassati stari, ma, a discursu di vostru maritu, quann’è c’avissi a veniri’? Iu, avia a parrari cu iddu di ‘na certa situazioni, è… una situazioni urgenti! (Ad Ancilu) Scusati (tira in disparte Vicenza, mentre Damianucciu parla con lo zio). Viri ca u paisi è chinu ca nni sta casa nni stannu succidennu di tutti i culura, e ju haju ‘na strana ‘mprissionic ca…

VICENZA

Viri ca u ziu, sicuramenti già ‘nn’è stancu ‘nsina ‘nne capiddi, ma ciù pozzu diri ju spicciati a fari u testamentu e vattinni; Peppi, viri ca chiddu me ziu è!

PEPPI

(Guarda se può essere visto e cerca di controllare la rabbia) Ah, è to ziu! E ju, ju ‘un sugnu nuddu? U capisci ca già sannu ‘n giru ca tu mi cumanni a bacchetta? E ca pi fariti i survizza, ju, m’haju a vestiri puru di fimmina! E chi to figghiu si vesti di granni e sforgia puru paisi, paisi. Ri dd’autru beddu di to ziu ‘nni dicinu ca mancu ti lu ‘mmaggini, picchì ognunu ‘un sapennu cu è e nni sta cunfusioni… ‘nzumma cicarmu di canciari sunata, picchì ccà sta pi succediri un quarant’ottu.

RIOLU

 (Fuori scena si sente un gran trambusto) Ajutu! Ajutu! No ‘nt’aricchi no! Ajutu, ajutu! U coddu, m’affuca m’affuca! (Corrono tutti; Vicenza congeda Peppi che se ne va).

VICENZA

 (Fuori scena) Chi successi?

ANCILU

 (Sempre fuori scena, si sentono grida di dolore) Aih! Aih! Si è livato l’orecchio! Enzuccia, presto portatemi da dottore! Io volere ripartire subito, di corsa, per America! (Rientrano in scena, Ancilu si tiene l’orecchio, è sporco di sangue).

RIOLU

(Fuori scena) Veni ti nni jisti?Eh, si t’acchiappu! Veni ccà, ccà a veniri!

VICENZA

Lassalu iri ziu, viremu chi ti facisti?

ANCILU

Mi ero solo abbassato per vedere cosa essere successo! E’ quello… uno mozzicone forte!

VICENZA

(Guardando l’orecchio) Porca miseria! Aricchi si stava futtennu!

ANCILU

Aih! Aih!

VICENZA

No, ma ccà u dutturi ci voli! Damianu va chiama u dutturi!

DAMIANU

Mà, raccuddì c’è ghiri? (Indicando i vestiti) ‘Un lu viristi antura chi successi comu niscemu; comu ci vaju!

VICENZA

 (Ancilu si lamenta) Ca va canciati, prestu, a cu aspetti a carrozza? ‘Un lu viri u ziu comu fa!

DAMIANU

Ih, e chi è?

VICENZA

Comu e chi è! Aricchi sta carennu e tu si accussì tranquillu!

DAMIANU

Mà, ‘nca picchì ‘un ci va tu?

VICENZA

Io? Ca raccussì (indicando la pancia) comu ci vaju?

DAMIANU

Ca ti va canci!

VICENZA

Mi va canciu! Comu mi va canciu? Ma ricu di tia ‘un nn’è fari propria usu? Ma finiri havi, ‘un ti prioccupari.

DAMIANU

E se, se! Sempri ‘na camurrìa: comu finisci si nni parra, lassa ca u ziu riparti, e doppu accussì e appressu ti nni adduni! Mà, u sa ca sta siddiannu puru a mia stu discursu, quasi quasi ca o ziu…

ANCILU

Dai Damiano, vieni o no? Porca della miseria, se avessi saputo che io dovere venire a trovare questo inferno e ora anche le botte… e no, Enzuccia! Di certo non sarei venuto proprio, e che maniere! Io pensavo di venirmi finalmente a riposare uno poco di tempo, ma vedo che è meglio ritornare alla America a lavorare. Ora, intanto, vi prego, fatemici ritornare con tutti e due li orecchi!

VICENZA

Veru, aricchi! Mi l’avia scurdatu! Va dda, curri, va canciati!

DAMIANU

Arreri! Ma comu!

VICENZA

U capivu, è inutili cu tia ripetiri i stissi cosi, vol diri ca mi mettu corchi cosa di supra e ci vaju io! (Esce nell’altra stanza per prendere qualcosa da mettere e va borbottando) Amuninni ziu, avanti ca st’aricchi a pigghiamu i ‘n terra (Escono. Rientra solo Vicenza mentre Damianu stava recandosi, in punta di piedi, nella stanza dove dorme il nonno). E… mi raccumannu! Sta attentu o nonnu quantumenu (ed esce).

DAMIANU

(Ironico) Sta attentu o nonnu quantumenu, certu ca ci staju attentu, ‘un stava ennu dda! (E riparte in punta di piedi, si accerta se la mamma è già lontana, poi si avvia nella stanza del nonno e si ferma sulla soglia parlandogli) Rioluuu!!! Svegliati! U votu, u votu m’addari! Chi fai, dormi?

RIOLU

 (Fuori scena) Se, se! Ma ‘un mi cafuddari ca tu rugnu, subitu, subitu! Aspetta ca pigghiu a scheda. (Si sente che cade dal letto) Aih! Aih!

DAMIANU

Chi fai, trucchii? Attento! Si ‘un vi assapurari lu vastuni!

RIOLU

No, vi nni prju! Veru carivu, i rini, i rini mi rumpivu! Ma vegnu, vegnu! L’occhiali, l’occhiali si rumperu! Aspittati ca u stissu staju vinennu.

DAMIANU

Ora chi fai, cerca a scusa ca ‘un ci viri?

RIOLU

No, no! Ci vju, ci vju! E ci vju bonu puru! Staju vinennu.

DAMIANU

Eeee… mi raccumannu, senza pintimenti. (Si nasconde sotto il tavolo).

RIOLU

 (Riolu, con gli occhiali rotti, non vede quasi niente ed entra tentoni) Ccà, ccà sugnu! U viriti ca ci vju! (Ma, una sedia in mezzo ai piedi lo fa cadere per terra) Aih! Aih! Chi sorti ri sgammariuni! Chi diciti, vi piaciu a caruta? Chista, è ginnastica pura. Aih! Aih! (Si rialza  e ricomincia a camminare tentoni. Damianu esce da sotto il tavolo e si va a mettere dietro un paltò appeso in un chiodo al muro) Ma… Signor… ‘mbro… ma chi dicu, signor popolo! U votu tutti vu dettiru? No, no ‘un vi prioccupati! A mia di lautri ‘un m’interessa, u votu u stissu vu staju rannu, è sulu… raccussì, ca u vulia sapiri. (Guarda il paltò, e, scambiandolo per ‘mbrogghia populu, va a parlargli) Ah, vui siti? Mi facistivu scantari! Dicitimi ‘na cosa, vui, veramenti, cu siti? A cu rapprisintati?

DAMIANU

(In tono di rimprovero) Comu ti permetti! Cu sugnu ju? Io sono tutto! Io, rappresentandomi, rappresento a tia e a tutti chiddi comu a tia! Al mio posto, tu, chi rappresenteresti?

RIOLU

Veramenti pi prima cosa, anzi pi primissima cosa, ju rapprisintassi… i puvureddi, si i puvureddi, i puvureddi e i vicchiareddi comu a mia ca ‘un hannu nenti.

DAMIANU

I puvureddi! (Ride) Ah! Ah! Ah! Caru Riolu, sbagli! Il nostro diventerebbe un paese di poveri, è come, caru Riolu, se a rappresentarci fosse un mugnaio, di certo rappresenterebbe i mugnai con i suoi mulini, lo stesso dicasi per i contadini, rappresenterebbero i contadini con i suoi campi di zucche, ecc. ecc. Quindi tu chi rappresenteresti? I poveri con la loro miseria! Allora, allora dimmi, il nostro non diventerebbe un paese di morti di fame?

RIOLU

(Meravigliato) Minchiuni! ‘Nca u sapiti ca veramenti ‘un ci avia pinsatu! Aviti raggiuni, e ju… ca pinsava… Nenti, nenti, aviti propria raggiuni, e… dicitimi ‘na cosa, va pozzu dari a manu?

DAMIANU

 Certo! (E gliela porge)

RIOLU

Chi manu fina c’aviti! ‘Nca va, pari chidda di un picciriddu!

DAMIANU

Questo, caro Riolu, è perché rappresento pure i giovani!

RIOLU

 U sapiti ca ju pinsava veramenti mali di vui, ma di ora ‘n poi statinni certu ca ‘un sbagghiu cchiù; sariti sempri ‘nna lu mecori i ‘mmenzu.

DAMIANU

(Sente l’avvicinarsi di qualcuno e se ne scappa nell’altra stanza con tutto il paltò) Ccà sunnu!

RIOLU

(anche se non ci vede bene, riesce ad intravedere l’ombra che va via, e, rendendosi conto d’essere rimasto solo, gli fa un gesto) Tè!!! Beddu piru! (Entra Vicenza)

VICENZA

Pà! Chi sunnu sti cosi?

RIOLU

Menu mali ca si nni ju! U furnaru, u mulinu, u cuntadinu; viriti siddu mu spiegà picchì ju sugnu sempri poviru, anzi u sa chi ti ricu, teee! Raccussì è sicuru ca t’arriva.

VICENZA

Pà, ancora? Trasi ziu (entra Ancilu, ha l’orecchio tutto medicato).

ANCILU

 (Entrando vede Riolu e si tiene alla larga) Cosa essere successo Enzuccia?

VICENZA

Nenti, ‘un ti prioccupari, me soggiru… parra sulu. (S’accorge degli occhiali rotti e chiede spiegazioni al suocero) Ma… chi successi? Chi fici cariu?

RIOLU

‘Mbrogghia populu, ‘mbrogghia populu ci ha statu!

VICENZA

(Ancilu fa segno come se Riolu fosse matto) Comu? ‘Mbrogghia populu?

RIOLU

Si, e vulia ca, a quarsiasi costu,ci havia a dari u votu. U capisci? Puru ccà vinni! Allerta Viscè; mi dissi puru du furnaru, du mulinaru, du contadinu…

VICENZA

(Con ironia) E… du picuraru ‘un ci nni parrò?

RIOLU

(Ancilu continua a non capire) No… veramenti di chiddu no, no, no, no!

VICENZA

(Sempre ironica) Ah, no? Va be, ma ‘un si stassi a prioccupari; vossa s’assetta ccà, ca quannu ritorna ci nni parru ju; è cuntentu?

RIOLU

Si, si! Ma rapiti l’occhi Viscè.

VICENZA

Se, se vossia ‘un si prioccupa.

RIOLU

(Balbetta sottovoce mentre Vicenza parla con Ancilu) ‘Na vita, ‘na vita havi! Ma’un mi ‘nfrusa cchiù!

VICENZA

 U viri qual è a me vita caru ziu, chidda di aviri a chi fari c’un vecchiu stolitu e un figghiu ca nni cummina una ogni cincu minuti, ‘un haju propria a cu catacogghiri prima. (Si ricorda di Damianu che ancora non ha visto) Ma, a discursu di me figghiu… capaci ca ddu cristianu veru appi a chi fari cu… comu dici iddu… ‘mbrogghia populu, (allusiva) ma sta vidiri cu quali ‘mbrogghia populu. (Entra nella stanza dove dormiva il nonno) Domianu, Domianu! Ma chi fa dormi?

DAMIANU

(Sempre fuori scena) Mà, vitti ca ritardavavu e mi vinni a curcari.

VICENZA

Dimmi ‘na cosa, un c’era curcatu u nonnu ‘nta stu lettu, o sbagghiu? E poi, chi fa cu portò misu?

DAMIANU

 Comu chi fazzu, mà! Sintia friddu e mu ‘nfilavu; u nonnu, u nonnu chi? Io, pi ‘un l’arruspigghiari, mi ci curcavu o latu e ‘un sacciu chiù nenti, picchì, runn’è u nonnu, su futteru?

VICENZA

Susiti, susiti! Ti fazzu avvidiri su futteru, ti fazzu avvidiri. Dimmi ‘n’autra cosa, nni sa nenti di l’occhiali du nonnu? Com’è ca l’havi rutti?, ‘Un facemu…

DAMIANU

Mà, io rormu e tu t’insonni, comu fazzu a sapiri ri l’occhiali ru nonnu, mu vo diri?

VICENZA

 (Rientrando in scena) Mischinu! Iddu mai nenti sapi. (Si gira e lo chiama) Susiti, susiti ca cchiù beddu ri to patri si!

DAMIANU

 (Uscendo nervoso) …’Nchia!!! ‘Nta sta casa ‘un si po’ dormiri chiù! E chi è! Ennu avanti di stu passu l’esaurimentu mi veni!

VICENZA

U senti ziu, mancu ha nascjutu e già ti parra di esaurimentu, ah, chi ebbica, chi ebbica!

ANCILU

 Certu, alla sua età, ‘un essiri tantu bellu sentiri diri sti cosi, ma… stannu giustamenti ‘nta sta casa, ‘un vju chi c’è di meravigliarisi. No, no mia cara nipote! Io preferisco ritornare in America prima che maledire lu jorno d’essere venuto! Anticchia ddu (indicando Riolu) quillo tirrimoto! Nu poco (indicando Damianu) quellu cifaro! Tu, cu li to cummirsioni, a genti ca vulire cuntu e ragiuni; talé, ju a sulu pinsare quisto… (facendo come se fosse diventato pazzo).

VICENZA

 Ju, caru ziu, ti capisciu, anzi  vju ca sta risistennu assai, forsi picchì t’attrovi a essiri ccà nno mumentu ri carma; (Ancilu sbalordisce) ma… avissi a vidiri! Certi mumenti, (facendo quasi la pazza) comu r’incantu, sta casa si trasforma! (Ancilu ha paura) ‘Un sai chiù si semu o manicomiu, o a clinica Danna!

ANCILU

Ma vi dovete fare controllare cara nipote! Ecco! Perché lu tuo marito venire ogni morto di lu Papa! Poveretto! Nni avere torto?

VICENZA

 E, certi mumenti, ci ammanca propria iddu ‘n ‘menzu li peri! Putissimu grapiri putìa!

ANCILU

 Perché, anche lui essere nu tirrimoto? Ma come! Tu avere scritto a me che lui essere marito… come si dire…

VICENZA

Nenti ziu, ‘un lu diri.

ANCILU

Giorizziuso! Si ecco, così dire.

VICENZA

 Un latu è diri, ‘n’autru latu è fari.

ANCILU

 Avere detto male io?

VICENZA

 (Damianu, in punta di piedi, di dirige verso il nonno) No, no ziu! E’ sulu ca… fermu! Unni pinsavi di iri? Giustu di chistu stavamu parranu (lo prende per le orecchie). Ma comu ‘un ti nni pari mali! Comu ‘un ti nni vriogni! Diciamu: appena veni u ziu l’amu a fari arripusari ‘n’anticchia, ‘nveci… taliatilu; a facci l’ha propria di bumma! ‘Un appi propriu chi dirici a patri e figghiu e viriti chi sorti di tiatru chi stannu cumminannu! Ma finiri havi ‘un ti prioccupari.

DAMIANU

Talé mà, ‘un ‘ncuminciamu chi soliti lianìi!

VICENZA

 U viri ju, st’aricchi t’ascippu; (lasciandogliela) talé, talè! Levati di ccà  e va viri unni a ghiri, pi carità.

ANICILU

Senti Enzucia, io andare a vedere se trovare un notaio in paese, così sistemare un po’ tutto e andare via di corsa, anzi al volo. (Bussano) Chi essere ora?

VICENZA

 Avanti.

PEPPI

(Vestito da Rosina) Buon giorno a tutti. (s’accorge che Angelo ha l’orecchio medicato) Oh, signor Ancilu! (Poi A Vicenza) Mi scusassi signura siddu sta matina vinni chiu tardu, u sapi… io… ‘un pozzu veniri cchiù a farici i rusvizza, eccu si! A vinni a visari ca è partiri e chi quindi…

ANCILU

(Con grande esclamazione) America andare?!

PEPPI

 Ma quali America e America! Macari Diu!

 

ANCILU

Volere venire in America con Ancilu? Io farti arriposare per ever! Per sempre! Farti divertire un World! Un mondo! Quali lavoro? Now basta lavoro.

VICENZA

Mischinu! Ma comu i po’ attruvari comu rici iddu.

ANCILU

 ‘Nzoccu mischinu, (indicando Peppi) illa?

VICENZA

(Indicando Damiano) No illu! No, ricu u picciriddu no! E idda (indicando Peppi), anzi iddu; ‘nzumma… ‘un nni staju capennu cchiù nenti ziu!

ANCILU

(Indicando Damiano) Piccirillo portare con me? No! No! No! Io preferire, come dicevi tu, manicomio! Si, si! Avutru che piccirillo!

VICENZA

Ziu, portati a cu vo tu, ma abbasta ca mi nni levi corcunu ri ‘nmenzu i peri! (Indica il nonno) Portati puru o nonnu!

ANCILU

(Facendo le corna) Io… (Guardando Peppi) Rosina portare, e basta! Finire di passare in pace e amore gli ultimi miei anni che rimanere. (A Peppi) Ok, tu dire?

PEPPI

(Preso alla sprovvista) E… chi vaju a diri…

ANCILU

Ok! Ok!

PEPPI

(A Damiano viene da ridere ed esce) E’ sulu ca… mé mugghie… (correggendosi) ma chi dicu! Mé maritu… No! No! No! ‘Un è giustu ca u lassu, certu… ‘un è ca si (guardando Vicenza) miritassi essiri trattatu; ma chi vuliti, è mé maritu, e allura… usapiti comu si dici? Si ‘un bò guai ca mugghieri, statti zittu e (un piccolo salto e dà le spalle ad Ancilu) votaci u d’arreri!

ANCILU

Ma tu… ‘un essiri lu maritu, essiri la mugghieri!

VICENZA

 Ziu, dici veru? ‘Un lu vidi ca mancu si sapi esprimiri bona, ‘un sapi mancu chiddu ca dici; lassala iri.

ANCILU

Dai Enzuccia, anche tu mortificare Rosina? Lei essere… come dire… sempliciotta; io sapere poi. come insegnarla. Allora! Venire con mé? (Mettendogli la mano sulla spalla).

PEPPI

Ca… a mé maritu (guardando Vicenza), mischinu, u pozzu lassari sulu? No! No! No!

ANCILU

Si! Si! Si! (Poi a Vicenza) Ma dai! Diglielo anche tu che con me starebbe di certo meglio.

VICENZA

 Ziu, e ju, ju chi vuliti ca c’è diri? Certu Idda ‘un è ca è picciridda, u sapi chiddu ca havi a fari, anchi siddu… ‘un capisci chiddu ca sta cumminannu, (gli si avvicina e gli da, sul viso, dei piccoli schiaffetti, poi ironica) è veru Rusinedda?

PEPPI

Talé quantu mi nni vaju! Vasinno… ‘ncuminciu a cantari tanti ri ddi canzuni ca mancu nnò festivalli di San Remu!

VICENZA

Puru! Avissi puru u curaggiu di cantari! (Mettendosi le mani sui fianchi) Ca canta, canta! Quantu viremu comu ci va.

PEPPI

Ah, si! Ora ti fazzu avvidiri comu ci vaju! (Arrivati a questo punto capisce che gli conviene ancora recitare e canta una canzone) Che confusione, sarà (a Ancilu) perché ti amo, (accarezzandogli la faccia, tanto che Ancilu gli fa il cascamorto) è un’emozione che cresce piano, piano, stringimi forte, e stammi più vicino, (Ancilu si stringe sempre di più) se ci sto bene sarà… uéh! (E salta in braccio a zio Angelo).

ANCILU

 (Se lo stringe a se) Ok! Ok! Enzuccia, ci siamo l’ho convinta! Vai Ancilu che tisposi! (Ed esce con in braccio Peppi sotto lo sguardo meravigliato di Vicenza e Damiano).

VICENZA

Signuri me, cu l’avia a pinsari ca u u ziu Ancilu s’avia a ‘nnamurari propria ri dda cosa bona di to pà!

DAMIANU

Mà, ‘un facemu ca o ziu ci piacinu (toccandosi l’orecchio) ammasculati? (Ride) Ah! Ah! Ah!

VICENZA

 ‘Un ti pari ca tu stassi criscennu megghiu ri to patri! (Esce)

DAMIANU

(Solo in scena, mima Peppi) Stringimi forte… (Ride) Ah! Ah! Ah! A me pà, maronna! (Va a guardare da dove sono usciti) Va trova unni su arrivati! (Avvicinandosi al nonno che dorme) E tu, rormi! Bravu Riolu! Ta fa bagghiu, bagghiu! Fa finta ca ‘un capisci nenti! Ma tu ‘un ta po’ passari liscia, a caputu? (Riolu dorme) A no! ‘Un rispunni? Ca ora ci pensu ju!… (Va a prendere un secchio con dell’acqua e sta per lanciarla al nonno).

VICENZA

 (Entrando s’accorge di ciò che sta facendo Damiano) A tia! Ma chi sta facennu? ‘Un ti arrisicari! Ma comu! Ciriveddu ‘un ‘nn’hai propria. U viri comu finisci tutta sta storia…

DAMIANU

I vastunati hannu a fetiri, tu fazzu fari io u papà, u coddu ti le rumpiri… Mà, sempri ‘na cosa ‘un ti siddia?, e poi chi ci trasi tuttu chistu? Io sulu vidiri siddu u nonnu avia i riflessi pronti.

VICENZA

I riflessi pronti! Mancu dici siddu u nonnu s’afirava a natari! Ti piacissi siddu a matina, a tia, t’arruspigghiassi cu ‘un catu d’acqua?

DAMIANU

Chi ci trasi a matina! Chistu orariu ri dormiri è?

VICENZA

Veramenti chistu è l’orariu ca ti issi a canciari, e di cursa puru! Tantu oramai ‘un hai cchiu nenti di chi fari u papà; u ziu ora veni cu nutaru, fa chiddu c’havi a fari… sempri siddu ancora i so ‘ntinzioni su boni, e subitu ricuminciamu a sbrugghiari sta matassa troppu ‘ncudduriata.

DAMIANU

 Mà, e le ‘ncuminciari a spirugghiari ju? Talé! U sai chi ti dicu. Ca ju mi va curcu; macari mi sta siddiannu stà camurrìa, anzi, pi capirinni megghiu, arruspigghiami quannu ccà ddintra ‘un c’è mancu ‘na jatta ‘n menzu i peri; (si tappa il naso guardandosi attorno) sentu ‘na puzza di bruciatu! (Esce).

VICENZA

(Rimane a guradarlo meravigliata) Ora dicu io, si ‘un si ci passa si ci cridi? E si va curca puru! Mancu dici, per esempiu, comu fari pi vidiri comu niscirinninni, no! Si ‘nni lava i manu ‘nveci, sta crisennu propria ‘na fava spicchiata. Ma dicu io, poi cchiù furtunati sunnu! A fissa attruvaru ca ci duna adenzia, o fissa ca ci lassa tutti cosi puru, quindi… giustamenti chi motivu hannu di canciari, ‘un ci manca nenti!

DAMIANU

(Affacciandosi alla porta) Mà, ma dicu ju, chi motivu hai di lamintariti, vistu ca ‘un ‘nn’ ammanca nenti!

VICENZA

U vidi tu, siddu ‘un canci ciriveddu, a ddu beddu di to patri mancu u viri.

DAMIANU

Chi ci trasi mè pa?

VICENZA

Ah, no!? Si to patri avissi avutu cchiù giudiziu e avissi statu veramenti chiddu ca ju ci scrivia o ziu, tu pensi ca c’era mutivu d’arrivari a chistu?

DAMIANU

E u pà, mà, ora ca u ziu persa a testa pi iddu? (Meravigliato) Maronaa! Tu ‘mmaggini u ziu trasi ‘n crisi? Va, ca pigghia ‘na cotta? Ju u sacciu comu va finisci (ride).

VICENZA

Sparti arriri puru! Ca parra comu va finisci?

DAMIANU

 Ca comu sicuramenti si curcanu ‘nzemmula… u ziu allonga a manu e… va pigghialu o ziu! Havi a sautari du lettu comu un griddu, io dicu ca, ru scantu, America apperi ci arriva.

VICENZA

 Ah, tu a chissu pensi? Mancu a ddu cristianu, mischinu, ca doppu tuttu stu gran viaggiu… ‘un sulu u curri curri c’affattu, u scantu, aricchi ca appicca ‘nna lassava ccà, ma all’umiliazioni c’havi a pruvari quannu s’avissi a scopriri cu è veramenti Rosina. Ah, no! A chistu ‘un si ci havi arrivari, puru chistu no! Senti chiddu ca facemu, tu stai attentu o nonnu, ma… mi raccumannu! Comu vennu, senza farici a capiri nenti, ci dici ca appi a ghiri a pigghiari ‘na pinnula pi lu duluri di testa o nonnu e ca staju vinennu.

DAMIANU

E tu, unni sta jennu?

VICENZA

Ti dissi ca staju vinennu! Mi raccumannu, o nonnu ‘un l’arruspigghiari! (Esce).

DAMIANU

E va beni, va beni! Pi mia pò dormiri ‘n finu a nautru annu! Era megghiu ‘un vinia stu ziu, ma cu ciù porta! Era megghiu pi tutti; io mavissi finutu di tagghiari tutti i ligna, ‘un mi avissi fattu i vuredda fradici cu tutti, ‘un avissi fattu u papà ca, pi quantu mi pirmisi, mancu i vastnati! E ju, di granni, avissi a fari u papà? Ma quannu mai! I figghi, si vonnu veniri vennu, mi nni ponnu arrivari puru ‘un cammiu, ma ju è sicuru ‘un mi ‘nni vaju a cercu. U sapiti ‘nveci chiddu ca vulissi fari? (Aditando il nonno) Ecculu! Chiddu ca vulissi fari; sulu sulu ca ne si pò ‘ncuitari, ne si po’ arruspig-ghiari, taliatilu! Dormi comu un lebiru e si nni futti di tutti cosi, po’ diri chiddu ca voli e ‘un si ci po’ diri nenti, si ci veni di jittari corchi cosa da finestra a jietta e guai cu parra! Ra scola si nni futti… ‘nzumma è assolutu e basta! Chissu vogghiu fari, u nonnu! Anzi quantu viremu ‘na cosa (fa alzare il nonno, il quale lo segue, mano per mano lamentandosi, nella stanza da letto).

RIOLU

Ma chi sta facennu? Lassami iri! Chi bo fari?

DAMIANU

Chi bogghiu fari? Nenti! Vossia vossa si curca ca a lutri cosi ci pensu ju. (Rientra in scena aggiustandosi i vestiti del nonno ed imitandone la voce., mentre Riolu si lamenta). Quantu viremu cu m’havi a tuccari! (E si va a sedere sulla sedia del nonno, imitandolo). Va pigghia a scheda! (Alla sedia) Chi è, ‘un ci senti? Cu tia parru!

ANCILU

 (Si sentono arrivare gli altri) Trasere, trasere! (Entrano: un notaio anziano con occhiali da vista spessi, Peppi con una valigia pronto a partire, ed Ancilu che cerca, entrando, di capire dove possa essere andata Vicenza, la chiama, non risponde nessuno). Enza! Enzuccia! Sbrigari, che notaio avere premura e che io andare a fare biglietto, prima che essere tardi e vapuri partire senza di me e Rosinella (stringendosela  e coccolandola un po’).

NOTAIO

Allora! Siamo venuti per corteggiare o per fare il da farsi? Perché io, vel’ho già detto d’avere molti impegni, molti altri atti d’andare a fare, a questo, avete tempo lungo il viaggio.

ANCILU

Voi non capire cosa essere innamoramento, anzi sbrighiamoci, non vedere l’ora di essere sullo ferribboott.

NOTAIO

Allora, io sottoscritto Pascullo Angelo, nato a… il… etc… dichiaro di donare tutti i miei averi in codesto paese, (poi ad Ancilu) e… In America, avete niente da donare? Così andiamo…

ANCILU

In America avrei ancora tantissime cose, ma quelle cose io donare  a quisto mio amore Rosina; sei contenta Rosina?

PEPPI

Ah, no! Chistu ma e poi mai, io ‘un bogghiu chiddu chi già aviavu prummisu a avutri, io, haju tantu rispettupa signura Vicenza ca, a sulu pinzari di farici un tortu, quasi quasi… nenti, io un bogghiu nenti, anzi u sapiti chi vi dicu?…

ANCILU

 Ma come? Essere tu, davanti a lu nutaru, e continuare a darmi del lei? (Al notaio) Voi non fare caso a quello che lei dire, essere molto timida!

NOTAIO

Non stia a formalizarsi, io sono venuto esplicitamente per l’atto di donazione, quindi voglio concludere che ho fretta!

ANCILU

 Ok! Ok! E che cosa avere detto? Io a voi pagare bene! Dollari! Caito dollari? Non avre motivo di prescia, capito prescia?

NOTAIO

 Sentite signor (Leggendo come è scritto sul foglio) Pascullo, (facendo con le mani come a stringere i tempi) quagghiamu, capito quagghiamu? (Ancilu fa segno di si) E allora vediamo quello che dobbiamo fare che il tempo stringe.

ANCILU

Allora, Rosina bella, cosa stavi per dirmi?

PEPPI

 Nenti, dicia ca ‘un vogghiu nenti, anzi spicciamunni siddu ca vuliti ca è beniri dda, ‘un mi vogghiu purtari rimorsi d’appressu!

ANCILU

Allora voi (al notaio), mettere che io mandare dall’America… (facendosi i conti) alla mia sempre nipote…

NOTAIO

Eravamo arrivati (rileggendo) di donare i miei averi in codesto paese e la somma in denaro di lire… allora, quanto dobbiamo mettere?

ANCILU

In dollari? O in picciuli?

NOTAIO

Conviene, visto che dovete mandarli, mettere in dollari.

ANCILU

Quanto essere… duicentomila dollari?

DAMIANU

(Meravigliato) Minchia!!!

ANCILU

(Si girano e Peppi strofina le mani per la gran somma) Non fare caso a quillo notaio, lui essere uno cifaro!

NOTAIO

Quanto essere? Niente noi mettiamo una postilla e richiamiamo sotto, quindi e…. in codesto paese e di mandare dall’America, la somma di duecentomila dollari, dico duecentomila, e poi… c’è più niente?

ANCILU

Solo questo, la casa grande di America, poi, dopo parlare, per uora io stare la! E cetamente la mia qui presente (facendo il cascamorto ) Rosina.

NOTAIO

Dunque, rileggiamo, io sottoscritto Pascullo Angelo, nato a… il… residente in America in via… Numero… dichiaro di donare tutti i miei averi come da atti inclusi e di mandare dall’America la somma di duecentomila dollari, dico duecentomila (facendo come se scrivesse per davvero) alla cui presente ed unica erede nipote… (meravigliato) e… ditemi, dov’è la fortunata nipote?

ANCILU

(Guardandosi in giro) E che ne sapere io?

NOTAIO

 E devo saperlo io dov’è? Ma… ditemi, questa vostra nipote, è consensiente nel ricevere questa eredità?

PEPPI

Certu! Comu no! Ma com’è st’avutru!

NOTAIO

Ma, come vi permettete? E siete pure una donna!

ANCILU

 (Che c’era rimasto male anche lui, fa finta di andare avanti) Scusatela, scusatela notaio! Ma… intanto mia nipote è strano che non essere qui! Nemmeno u piccirillu Damianucciu! (Al nonno) Solo quillo, ma illo è meglio lasciarlo dormire!

VICENZA

(Entrando stanca) Scusatemi! Ma, aspittavavu a mia? Io… Damianu  ‘un vu dissi? Ivu a pigghiari i miricinali o nonnu, picchì iddu ‘un c’è?

ANCILU

Veramenti poco fa chiamari, ma nessuno rispondere, ma abbiamo veramente finuto, veru, notaio?

NOTAIO

Si, occorre solamente che vi legga il testamento per presa visione, dopo di ché la firma ed è fatto.

VICENZA

 Aspittati (Va dal nonno per dargli la pillola ma…); tu!!! Gran pezzu di sdisanuratu! Ma com’è bistutu? Nautra ora!

DAMIANU

(Cerca di imitare il nonno) E tu cu si? A purtasti…

VICENZA

Ancora? Talé! Ma allura a to è ‘na malatia! ‘Un ti prioccupari ca i miricini puru pi tia ci sunnu! (Lo alza per le orecchie, ancora gli altri non hanno capito niente).

DAMIANU

(Parlando ancora con la voce del nonno e inizziando a camminare come il nonno, e visto che la mamma lo vuole riprendere per le orecchie scappa veloce). Aiutu! Aiutu!

ANCILU

(Che ancoranon riusciva a capire) Ma quillo, essere diventato troppo veloce! Non essere sembrato nonno!

VICENZA

Damianu era, ziu, Damianu! Ma lassalu iri. Signor nutaru unn’eramu arrivati? Amuninni quantu firmu, e pi l’autri cosi ‘un si stassi a prioccupari, ca haju firucia a lei e o ziu. Videmu pi cunchjuiri, picchì già u vugghju si jittau di fora.

NOTAIO

Contenta lei, contenti tutti. Firmate qua (indicando il testamento).

VICENZA

(Prima di firmare rimbocca le maniche, e, dopo un insieme di movimenti aiutati da tutto il corpo, firma e si asciuga il sudore). Oh!!! E ora, ora chi beni?

NOTAIO

 Come che viene! Ora, siete ricca! Ma lo sapete quello che avete ereditato? Cercate di farne buon uso. (Poi si rivolge ad Ancilu) Allora, prendendo di sopra e mittennula ‘n capu, capito ‘n capu?

ANCILU

Ok! Ok!

NOTAIO

Mi dovete la somma di lire duecentomila.

VICENZA

Ma chisti, caru ziu, i ‘ntinnissi pagari ju, quindi…

PEPPI

Signura Enza, ‘nna stanza di lettu mi parsi ca a chiamaru.

VICENZA

 A mia? (Si avvia nella stanza da letto mentre lo zio paga il notaio. Si sente parlare Vicenza fuori scena) A mia chiamasti? Ma… E u nonnu? Comu mai è nuru? Ma dicu ju, anticchia di gjudiziu quann’è ca l’ha mettiri, mai?

DAMIANU

Mà, cu quantu ci nné dda rintra giustu cu mia ta vinisti a scuttari?

ANCILU

(Conclude col notaio e chiama Enza) Enza, Enzuccia! Il notaio andare via, vieni!

VICENZA

Ccà, ccà sugnu ziu! (Entra)

NOTAIO

(Porgendole la mano) A rivederla cara signora e… tanti auguri ancora (Si avvia ad uscire, ma, ‘mpari Titta che stava entrando non s’accorge del notaio e lo fa cadere per terra).

‘MPARI TITTA

(Adirato) Salutamu a tutti! (Il notaio tenta di rialzarsi) Unn’è, unn’è me mugghieri? (Allusivo a Peppi che, vedendolo si adira di più) Ah, ccà si! Veni ccà, ccà a beniri! (Lo prende per un’orecchio; Ancilu cerca di nascondersi) ma unni pinsavi di iri? Fimmina ‘nutili! (Lo porta verso il proscenio).

PEPPI

AiH! Aih! Aih! Aricchini, aricchini! Aricchi si sfarda! (Sottovoce a mpari Titta) Ma chi niscistivu foddi? Ma chi cosa sunnu sti vastunati? Mancu quann’era nicu!

‘MPARI TITTA

Mancu quann’eri nicu? (Facendolo sentire agli altri per non fare capire dell’accordo che ha preso con Vicenza) E ora, ora ca si granni ti nni vo iri cu ddu miricanu? Fimminazza ri mala casa!… Ma… a discursu ri miricanu, unn’è, unnè chiddu? Ma chi fici scappau? (Ancilu cerca di non farsi vedere da sotto il tavolo, il notaio spaventatissimo scappa via, mentre Vicenza gli indica dove si trova).

VICENZA

E bonu, bonu cumpari e chi cos’è? Vostra mugghieri ‘un è ccà! Comu stati facennu…

‘MPARI TITTA

 (Riprende, sta volta per i capelli, Peppi; mentre Damiano entra e si siede divertito a vedersi la scena) Gran pezza di vastasa! Ti fazzu partiri ju, ti fazzu partiri!

VICENZA

(Anche lei deve recitare per non fare capire nulla) Ih, e ora basta! Ddu cristianu mancu l’ha tuccatu! Vuatri stati facennu ca pari ca l’avissi…

‘MPARI TITTA

 Chistu appena arriva dintra u pozzu viriri.

VICENZA

Ma, scusati, vuavutri ci lassati u signali? Chiuttostu viriti chiddu c’aviti a fari e ba purtati rintra, a ssa cosa bona! (Damiano osserva strofinandosi le mani).

‘MPARI TITTA

(La prende ed esce) Salutamu! (Mentre, da sotto il tavolo, Ancilu accorgendosi che sono andati via si alza. ‘Mpari Titta, che si era dimenticato la giacca, rientra tenendo sempre Peppi in malomodo, e si accorge di Ancilu). Scusati e aviri a giacca peri, peri; ma, vui… cu siti? Certu! Vui siti u miricanu! Chiddu ca si vulia purtari a me mugghieri! (Si toglie la cinta dei pantaloni e lo incomincia ad inseguire. Tutti girano attorno al tavolo. Damiano va verso il pubblico).

DAMIANU

 Ma, ‘un vi pari ca ammanca me nannu? (ed esce facendo rumore fuori scena).

RIOLU

 (Fuori scena) Cu siti?

DAMIANU

 (Sempre fuori scena) Comu cu sugnu! Sono ‘mbrogghia populu! E vinni pi fariti assapurari u vastuni!

RIOLU

(Ancora fuori scena, mentre ‘mpari Titta insegue Ancilu attorno al tavolo con dietro Vicenza) Ajutu! Ajutu! U votu, u votu voli!

DAMIANU

(Entra Riolu e si mette in coda agli altri che girano attorno al tavolo. Damiano, che era entrato vestito da papà, deciso, ferma tutti). Aaalt! (A ‘mpari Titta) Tu, cu si?

‘MPARI TITTA

(Meravigliato) Io sugnu, ‘mpari Titta!

DAMIANU

E allura a casa! (Esce ‘mpari Titta; poi a Peppi) E tu! Chi sei?

PEPPI

(Con rabbia contenuta, e confuso) Io veramenti, mancu ju u sacciu cchiù cu sugnu! Ah, Rosina, Rosina a cammarera sugnu!

DAMIANU

E allura via! Via appressu a to maritu! (Ed esce anche peppi, mentre Ancilu guarda Damiano e non sa cosa fare) E tu, cu si?

ANCILU

(Stanco ed avvilito) Io essiri unu stanco e volere partire subito pi America!

DAMIANU

 E allura via! Prima che parte il vapore; (Ancilu scappa; poi si trova davanti a Riolu semi nudo) e tu, chi fa nuru?

RIOLU

 A scheda, unn’è a scheda?

DAMIANU

Va dda, (indicandogli la stanza da letto) va vestiti, ancora? (Poi guarda la mamma che è rimasta seduta stanca in un angolo e le si rivolge con tenerezza) E tu, chi fa sula mamà? (Vicenza alza le spalle. Damiano inizia a spogliarsi mentre Vicenza lo guarda meravigliata).

VICENZA

Ma chi sta facennu? Chi vo fari ancora, ri cu ta vestiri?

DAMIANU

 Mamà, u capivu finarmenti chiddu ca è fari e u vogghiu fari pi comu è di giustu fallu.

VICENZA

E ‘nzoccu, ‘nzoccu?

DAMIANU

(Che si era già spogliato rimanendo con i suoi abiti) Vogghiu fari Domianu, Domianu vogghiu fari mamà! (Andando dalla mamma che lo accoglie a braccia aperte).

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno