Sti romani… che caciara!!

Stampa questo copione

Sti Romani…..che caciara!!

Senza offesa pè Nisuno.........

commedia in due atti di Brancato Antonio

La presente opera è  registrata presso la S.I.A.E. n. 213662 pertanto tutelata legalmente.

Questa storia si svolge in una taverna dell’antica Roma, frequentata da povera, ma laboriosa gente del popolino, e dalla servitù di qualche nobile famiglia romana, tutti sempre pronti ad aprire la bocca...

…..e daje fiato.

Personaggi


Tiburzio

Sisifo


-Il proprietario della taverna è attaccato ai guadagni , un po’ brontolone e sempre pronto a raggranellare sesterzi.

-Garzone greco della taverna, sveglio, ma un po’ pasticcione.


Vetusto                        - Si dice che forse era un filosofo, ma sempre un po’ brillo e dormiglione.

Clodio                          - Figlio di Tiburzio  poca voglia di lavorare , ma tanta di bighellonare.

Caio Domizio     - Tribuno de Roma.

Aquilina                     - Moglie di Caio Domizio.

Quintina                     - Domestica di una famiglia romana.

Terzio                            - Inserviente di un  negozio di barbiere del centro.

Agrippina                  - Amica di quintina ,anche lei domestica.

1


Atto 1

Scena 1

Tiburzio padrone della taverna, come tutte le mattine prepara il locale, pulisce i tavoli e spazzadavanti la taverna

Passa Terzio

Terzio

Ave  sor Tiburzio, dormito bene?

Tiburzio

Ave Terzio,  state bbonoooo,nà no ttataccia!

Terzio

Che vè successo sor Tibù?

Tiburzio

State a sentì, nun ho chiuso occhio pè corpa dè na grave  notizia che ma riccontato

ier sera er  sor Vetusto, dice che Cesare, pè accaparasse er benvolè der popolo

vorebbe da offrì alla cittadinanza, un mese sano, tutto de giochi, li,all’anfiteatro

Flavio,inzomma ar  Colosseo, sai ,tutti quei giochi de circo cò le bighe tirate da li

cavalli,li gladiatori che lotteno fra de loro, nà g uera inzomma...ce saranno pure li

leoni cò artre berve mai viste, certe tutte rosse a  strice nere,me pare se chiameno

eetigri, artre, dice che cianno er nasone che je strucia pè tera, e dice pure che so arti

come er palazzo de Cesare,  me pare che li chiameno.. Liofanti…  tutta robba bella

n’somma, robba forte,

(e tristemente dice)

Se  offrirà da magnà e da b eve,tutto a gratise,pè tutti…..dice che Cesare ha

detto..”.pane e circenses”.........tutta Roma è imp estata de locandine

Terzio

Embè? Allora?  li Liofanti , li giochi, da magnà, e da bbeve… gratise…

Nun sete

contento?

Tiburzio

E no che nun sò contento, si la g ente va ar centro, lì ar Colosseo a divertisse,

a guardà li gladiatori che combattono,  a  forza de vedè  le berve che se magneno le

perzone, je viè fame pure a lloro, s’abbuffeno ,e je viè pure sete, cominceno  a

beve, …. e se m’briacano aggratise, e qui, che se p

aga, poco, ma se paga.. nun ce

vengheno più,…  pè un mese sano sano,,e io che me m  agno? Come li pago

l’operai?????, io, povero e onesto commerciante….

Terzio

A sor Tibu’ ( grattannose la testa) nun ciavevo proprio pensato, me dispiace

davero,pè voi… però, mo che ce penso, si la gente p

e’ un mese sano sano andrà a li

spettacoli der  colosseo ,se vorrà ffà vedè tutta i n ghingheri,

(mimando un passo altezzoso)

se daranno na ripulita,magara veranno da me, ar negozio, a fasse chi la barba, chi

na romanella alla zazzera, magara na coroncina d’alloro in testa e quarquno forse

pure li capelli se laverà, o sapete  che faccio sor Tibù??

Tiburzio

Che fai, magara me dai na mano, e vai a ffà cambia idea  a Cesare su stì giochi?


2


Terzio


Nooo, macchè, vedete sor Tibù, oggi come oggi,,li romani  der popolino,se fanno

la    barba na vorta ogni sei mesi e li capelli? nun ne parlamo, invece mò so costretti

a venì   ar negozio nostro,dar barbiere… pè fasse b elli, sai che pienone!!

( fregandosi le mani)

Ve saluto sor Tibù  intanto me vado a llavorà er pr incipale, cò sta bbona notizia ce

scappasse n’aumentino de paga……….nun se sa mmai  (e si allontana)


Tiburzio       (alzando gli occhi al cielo …verso il tempietto di   Bacco )

Bacco mio ma che t’ho fatto?, li poveri commercianti onesti,propio nun te fanno pena?? Mica me vorrai vedè sul lastrico, o a spaccà le pietre, (guardandosi le mani) o cò li calli su le mano!!! Senti Bacco… si me sarvi… te prometto che….dadomani te fò le offerte..è???

Atto1

Scena 2

Tiburzio chiama l’inserviente


Tiburzio


Sisifoooooo…………Sisifooooooooooo


Sisifo


Eccome sor Tibù…….


Tiburzio


Ma ndò stavi? Eri tornato in Grec ia? È n’a clessidra che te chiamo!


Sisifo


Stavo dellà ordinato lei…


n’cantina a prepa rà li fiaschi  de vino pe’ la clientela ,come m’ha


Tiburzio


Certo a sisifo, che cò sta lingua  romana tu nun te ce ritrovi proprio è? ma quanno te

la n’segni?   E poi…nun te  l’ho ordinato…. Ma  se dice… suggerito, casomai

consijiato,  insegnete er   romano no???è la lingua der futuro!

è na vita che vivi ner monno civile..e stai ancora a parlà come li primitivi…


Tiburzio


A proposito de stì fiaschi,,,li fai troppo pieni, nun serve esagerà,ma che te riempi? che quanno li porti pe’ li tavoli te casca tutto pe’ tera…è no spreco… nun lo dico pè mmè, ma pè quei poracci che lavoreno la vigna!! Un po’ de rispetto pè chi lavora!!!!


Sisifo


A sor Tibù, scusate l’impertinenza mia, ma a forza de levanne oggi  e levanne


dimani, er fiasco .. l’avemo smezzato… che però lovennemio sempre pè pieno!! 3


Tiburzio


A Sisifo ..nun me fa arrabbia’ de prima mattina, che qui li tempi, se fanno duri pè

noi poveri e onesti commercianti, forze nun ce lo sai, ma Cesare vole fa festa

aggratise pè tutta Roma, e darà da magnà e da beve a tutti…pe’ un mese intero,e

cosi ce butta sul lastrico a noi….  (Sisifo gli fa il coro) poveri e onesti

commerciati……

vabbè nun perde tempo,va’ affinì quello che stavi a ffa’, va!


(Sisifo si avvia verso l’interno della taverna)


Tiburzio


Sisifooooo……………Sisifoooooooooooo


Sisifo


Si sor Tibù?


Tiburzio


Te ricordi ....(abbassando la voce) quanta acqua ce devi mette drento ar vino???


Sisifo


Si, come no sor Tibù… (facendo i conti con le dita..) faccio quasi metà e metà cò quello bianco, tanto nun se vede, e n’ pò de meno a cqua drento quello rosso,...... sinnò perde er colore,e quarche cliente malizioso p otrebbe da penzà che è annacquato, giusto?


Tiburzio


Si Sisifo si, giusto.. nun te sbaià come l’artro giorno che c’hai messo meno acqua, e li clienti se sò mbriacati solo cò du bicchieri i nvece che cò sei,come ar solito, io lo dico pè la salute loro… er vino nostro è genuino,così concentrato je po’ ffà male!! e poi a Sisifo,si te sbaji, io vado in rovina,…. e poi me tocca raccomannatte ar lavorante der colosseo , me tocca diiie che sei bbono, e…


Sisifo


Si me pija a lavorà ar Colosseo ???


Tiburzio


Nooo…famme fenì, me tocca diiie che sei bbono e .. che te desse da magnà a le berve, così se ingrasseno, va ,va a lavorà scansafa tiche ,stai sempre a parlà ,e a fine settimana c’ai pure er coraggio de chiedeme li sesterzi,,a nooo! , stavolta io, tutto sto tempo che me stai a perde , te lo scalo dar salario ...Bacco m’e testimone!


Sisifo torna di la entrando nella porta della taverna

4


Entra in scena Vetusto il filosofo

Vetusto

Ave  sor Tiburzio (e si mette a sedere sulla sedia , al tavolo della taverna))

Tiburzio

Ave sor Vetù , scusateme tanto,sà ! qui li lavoranti ce fanno venì li capelli bianchi,

sò na’ massa de lavativi,prima fanno l’immigrati, s ’accontenteno de dù sordi, e

poi,quanno hanno preso piede…. Cominceno… la domeni

ca nun se lavora,

vent’ora de lavoro so troppe…mò sò stanchi,mo è fes

ta de Cesare, mo è la

ricorrenza de Giunone,ce manca solo che s’ammaleno e moreno, e  magara te

vanno a morì propio dopo che jai dato n’anticipo su lla settimana,tutto se

nventano,pè solatte,si va avanti così, a sor Vetù pè dilla propio grossa,arriveremo

a dovelli pagà pure si rimangheno malati  a  casa , perchè, porelli, nun ce la fanno a

venì a lavorà!!

tutte le scuse sò bbone a sor Vetù ,si va avanti così vedrete che fine

che faremo, noi poveri e onesti commercianti,……tutt

i rovinati,…e poveri in

canna

( con la testa fra le mani)

che fine, che faremo…..!!!

Vetusto

Me  pare ricordà de nà città dov  e li lavoranti che nun te piaceveno li potevi venne

o puro frustà!!! Penza…nessuno te diceva niente!

Tiburzio

Dicete davero sor Vetù? Li potevi da venne? (fregandosi le mani) allora er monno

se  sta finarmente a emancipà,questo me pare popo giusto!

Vetusto

Si Tibù, damme retta,devi portà n’po’ de pazzienza ,er lavoratore de sicuro le

perderà tutte stè facilitazioni che cià mò, è na mo da, è na cosa passeggera…. so

sicuro,fidete de me, io ho studiato....ho girato er monno......quante n’ho viste.. de

cotte e de crude…

(Perdendosi nei ricordi)…quelli si, che ereno bei tempi….ba!!!....

portateme n’ bicchier de vino và! Che  afforza de  parlà ciò n’arsura..

Tiburzio richiama il garzone

Tiburzio               Sisifooooooooooo...........................Sisifoooooooooooo

Sisifo                     Eccheme ,sor Tibù che m’avete chiamato? Ve serve quarcosa?

(con il fiasco e col bicchiere in mano)


5


Tiburzio


Si me serve quarcosa??? A me??Me pare de no!!!!!! Forze m’è scappato er nome tuo così.....per ascherzo, probbabilmente perché me piace er nome tuo!!!


Sisifo


A…mbè! si m’avete chiamato solo perchè ve piace er nome mio… dellà a fa la mescita... ......


allora torno


Tiburzio


Viè quà scimunito,ndò vai ,……            si te chiamo ce sarà un motivo, no?


(rivolgendosi a Vetusto)… ..lo vedete sor Vetù? Nun ce so popo più lilavoratori svegli de na vorta!oggi sanno chiede solo li sesterzi

(rivolgendosi a  Sisifo)

E tu.. fio de Atene, piuttosto porta un ber bicchier de vino quello bono a sor Vetusto, daje

(Sisifo entra in taverna)

(entra in scena Clodio il figlio di Tiburzio)

Clodio

Ave pater

Tiburzio

Bene alzato, alla bonora (indicando la clessidra) a quest’ora venghi a’ lavorà

fiolo?

Clodio

Nun dicete così padre, proprio oggi  nun è corpa mia, ma de du ancelle che ho

conosciuto ieri mattina ar mare, a Ostia , poi, ier  sera ce sò uscito pè n’ambrosia,

e…

sapete comè?na  chiacchiera qua e na chiacchiera  la’, a padre, se fatta quasi

mmatina

Tiburzio

Dù ancelle …è?

A Ostia .!  Dù c  hiacchiere ! Poro fio mio.. chissà come te

sarai  straccato!....du ancelle chissà che faticaccia!... (con tono sarcastico)

Clodio

Popo vero padre, come me capite voi……..

Tiburzio

E dimme......magara....te vorresti riposa n’ pochetto? (gli porge la sedia)

Clodio

Si padre, però,invece che su la  ssedia magara starebbi mejo sur triclinio,

si nà

clessidra o due… me ce vor  rebbero……me  rimetterebbero.....ar monno…..

Tiburzio

(alzando la voce ) Ma io dar monno te ce levo, brutto fio de Cartagine…

. Tu nun

sei

mi fio… tu nun ciai   li germi mia drento, tu nun sei venuto su come sto

poromo de tu

padre, povero e onesto commerciante, , sei popo no

scanzafatiche......sparisci da  innanzi  a me!..tu sei un vitellone,  da offrì in

sacrificio a li dei der cielo pè  imbonisseli in sempiterno,  ...... solo a quello ,forze

poi servì ,sei un nullafacente

6


Vetusto                (intervenendo) Si,nullafacente come quello li…   me pare lo chiamassero Nessuno,

quello che co’ a scusa de nà passeggiata de na mezz’oretta, disse..pè digerì er pranzo, lo ritrovorno a vagà pè mari e pè monti, e siccome er monno è piatto,e cià solo du facce una sopre e una sotto,ha girato p e’ mezzo monno,

diciamo……….    (mimando con la mano) la parte de sopre… vabbè,

èstato via pè diec’anni,hamagnato,bevuto ,gozzovijato cò li re e cò le reggi ne, annava pure a li concerti de le sirene, s’e risposato me pare, co la sibilla sette vorte, mentre la moje porella cresceva er fijo che tesseva na tela, manco fosse

un

ragno, e tutto questo, in mezzo a nà manica de proci…

che je volevano fa la

festa

Tiburzio

Che nun è poco…  cò li proci nun se scherza…..

Vetusto

Poi n’ giorno, come niente è ritornato, povero n’ canna, senza vestiti ,zozzo e

secco come n’ chiodo ,che pe’ quanto era brutto da vedesse,  quanno aaa rivisto,

puro er cane suo è morto daa paura.

Clodio

A sor Vetu , mò ve lo dico io…

quello che dicete voi era Odisseo,

l’eroe

imperituro, che pè sbajo fece  male a n’occhio a uno,mo nun me ricordo come se

chiamava…  pè sto guaio,dovette

da scappà de casa ,penzi, solo pè sta cosetta  je

se  scajorno

contro tutti li dei

dell’Olimpo, dice che je fecero perde la strada de

casa….

Vetusto

Nun me  sembra de ricordalla così  sta faccenna,  me pareva differente…!

Clodio

Che facete sor Vetù nun ve sovviene???quello che ha solcato li mari e sfidato

tempeste, ha lottato contro streghe, le sirene,  li giganti e puro co’ n’ bra nco de

maiali………. Me pare,però…ch

e cò la sibilla ce fece artre cose…anzi, sò sicuro!

Tiburzio

Lo vedete sor Vetu?  Sa tutto lui!!!

Clodio

(continuando) Lui era n’omo d’azione, un birbaccione, zompava de quà e

dellà…

cò la spada e cò lo scudo,mentre io,io sò de nartra

pasta,  ciò er core tenero,

sò n’bonaccione, so romant ico… e mò ve la dico propio tutta…

(allargando le  braccia )…  me sò pure  innamorato!

Tiburzio

Tu innamorato? E chi è stà pora sfortunata??

Vetusto

Aaaaaaaahh l’amore…………che lonta

ni ricordi……(con fare sognante)

Clodio

Ebbene si padre, me so innamorato de Sabina, la fia der tribuno Caio

Tiburzio

Der tribuno…

.Caio Domizio quer …fio de la lupa……quer  sacripant

e lì?


7


Clodio                 Si padre, proprio quer sacripante lì! (annuendo)

Tiburzio

(battendosi il capo)  So’ rovinato! Nà vita de sacrifici pè tira su nà fa mija, du

risparambiucci da parte… na

botteguccia  pe sbarcà er lunario , tutto sprecat o….e

tu,(puntandogli il dito)…  fio ...

Vetusto

Fio…. de Cartagine?

Tiburzio

No, ...fio de Troia, me te vai a innamorà de na nobbile romana, nun se po’ffà  nun è

legale!li ricchi se ponno da sposà solo colli ricch i, le patrizie, cianno li vizzi. E so

vizzi che costeno… quello li …

(guardandosi intorno e  abbassando la voce)

Caio, si solo lo viene a sapè, pè punizione, me fachiude la taverna, ce manna a pia’

da nà legione de  centurioni, e io te e  tu madre, finimo su na galera a remà pè tutta

la vita,pè tutti li mari dell’impero romano, a pane e acqua, senza vino, e

pure..aggratise. (guardandosi le mani)..

fino a fasse venì li calli à le mano....nooooo! che fato nefasto!!

Poi aggiunge rivolgendosi a Vetusto

Tiburzio

Vedete sor Vetù? Li fiji nun sò  più come quelli de nà vorta,

come eravamo noi da piccoletti,bboni, fermi,bastava nò sguardo e s’azzittavamo ,

nun  chiedevamo niente.....se facevamo da abbastà quello che c’era…

ar giorno d’oggi, invece,c’ hanno tutto,  la tunica nova, li sandali novi,  li sesterzi

ne la sacca , e pure la clessidra da polzo all’urtima moda, nun

je manca popo niente,…vanno

a ballà de notte,beveno, fanno le orge, sò

stanchi,..nun  vonno lavorà ,e

se annoieno…… e poi fanno li danni ,. E che

danni.... sor Vetù ……ma ..ni            ente niente......sarà  percaso corpa delle madri ch e li

crescheno così????        Che dicete sor  Vetù? Po’ esse corpa loro????

Vetusto               Si……. ragionannoce bene,……sì, po’ esse corpa de le madri!!

Tiburzio              (rivolgendosi a Clodio) forza vatte a mette er zinale ,e và a dà na mano a

quell’artro  minotauro  dellà, che intanto io penso ar dafarsi pè risolve stà

faccenna............ (Tiburzio si siede al tavolo con Vetusto)

(Clodio si avvicina alla porta della taverna e chiama il garzone)

Clodio                  Tisicoooooooooooooooo......................Tisicooooooooooooooooo

Sisifo                    Nun me chiamo tisico  sor Clodio, nun me chiamo ti-si-co ve l’ho detto mille

vorte!

Clodio                  Nun sei tisico???

Sisifo                    No ! nun so tisico!


8


Clodio

E…..nemmeno qualcuno de la tua f  amija? Mmai un corpo de tosse?

Sisifo

No, a casa tutti bene! e mo ve lo ripeto…. me chiamo  Si-si-fooooo!

Clodio

Vabbè è uguale, e che t’ avrò detto mmai!sei venuto lo stesso no?sarà ma  i nomi

de  voi extracomunitari so tutti uguali ..e puro difficili da ricordà, piuttosto

senti,…….che stai a ffà ade

sso dellà ?

Sisifo

Adesso niente, ho appena finito de fà tutto quello che m’ha “consijato” sor

Tiburzio!

Clodio

Bene, allora daje,  nnamo che te dò nà mano!

I due entrano in taverna

Atto 1

Scena 4

Si avvicina Agrippina la domestica

Agrippina

Ave a tutti, bella giornata no??? Oggi Giove c’ha rigalato  popo na’ be lla

giornata

de sole!

Silenzio di tomba

Agrippina

Aò ,allora

comè che nun dicete gnente?che v’e morto er gatto???? A sor

Tibù che v’è successo??? Ve vedo mbambolato, aò.. parlateme! Che  per

caso v ’hanno aumentato le tasse??

Tiburzio

Magara m’avessero aumentato le tasse, peggio!

Agrippina

Peggio??allora  v’hanno aumentato er prezzo de le cartine pè ffà er

vino????

Tiburzio

Ma che aumento, peggio! mooorto peggio!

Vetusto

Ma che nun ce sentite?? V’ha detto, mooooorto peggio!!

Agrippina

(portandosi le mani alla testa) V’è venuta la tribbutaria??????

9


Tiburzio

Macchè tributaria d’egitto!

Agrippina

Nun capisco..pe voi nun c’e  pò esse  gnente de peggio de la tribbutari a, e

allora  diteme voi,  forza,raccontateme tutto pè filo e ppè  segno!!!

Vetusto

E’……

Che er cicisbeo

s’e nnamorato!  ( indicando la porta della

taverna

ma

anche in direzione di Tiburzio ,qui nasce l’equivoco)

Agrippina

S’e nnamorato?  (guardando Tiburzio)E de chi??

Dicete dicete, nun me fate sta su le braci ardenti,saprò tenè er segreto..

sarò na tomba

Tiburzio

Dicete dicete, sarà nà tromba!!! ( rivolgendosi a Tiburzio)

Vetusto

S’e innamorato sapete de chi? Dè la fija der tribuno Caio, ecco de chi!

Agrippina

Pè Giove che notizia! Continuate nun me tenete sulle spine.. sò tuttorec chi

Tiburzio

Ma che ne so,so ancora tutto confuso, er mare de Ostia, du ancelle, Sabina

la

fija de Caio,n’ ambrosia,na chiacchiera tira l’artra, e s’e f atta mmatina

poi li

centurioni,  io, mi moje e

mi fijo,la galera

e..poi

(guardandosi le mani)

i  calli a

le mano!!!!che caciara,

Agrippina mia ,ciò nà confusione n’testa!

Vetusto

All’amor non si comanda......

Agrippina

Pè la barba dè Neroneche casino....però...è puro corpa vostra sor Tibù!

Sete

bello grosso,lo potevate da evità, anzi lo dovevate da evi tà!

Vetusto

Si,grosso e frescone   Agrippì.....ve l’ho  già detto  prima…

all’amor non si  comanda......

Tiburzio

No però, stavorta n un è

tutta corpa mia, la corpa ,è de la noia, è der

benessere,….l

a  corpa è ....de mi moje, si, lo stavamo a dì prima cò

Vetusto,

vero sor Vetu?diteglielo pure voi! Che avete  tanto

studiato............... e che

avete  pure girato la  parte de sopra der monno..

(indicando con la mano)

ditejelo!

Vetusto

Si, è vero, la corpa è senzartro de la moje

Agrippina

E mo? Che ciavete intenzione da fa’?

Tiburzio

De scappa’! Agrippi! De scappa er più lontano possibile! Che si s’accorge

er padre,me impicca pè li piedi,poi me da in pasto a le berve der colosseo

de

sicuro, e dopo me manna a  remà! Cò li calli a le mano!!!! I o che ciò

sempre tenuto a le mano mia..


10


Vetusto

Lui,è un bonaccione,c’ha er core tenero,è de narta pasta,

s’è innamorato.. porello,s’era annoiato.....

Agrippina

Sor Tibù nun  vorebbi da  stà nelli panni vostra, e vostra moje ce lo sa? ??

Vetusto

In fonno in fonno, pure lei sarà contenta che  finalmente se lo leva da

drento casa!

dopo tanti anni,de sicuro anche lei nun aspettava artro!!

che  lui,finarmente,pijjasse er volo!!

Tiburzio

Mi moje?ma che sete tutti matti?lei nun ce lo sa e nun lo deve da sapè,

mai!!!.....sai  che casino!....

casommai a tempo debbito, troverò io er modo de dijelo, in un modo  o

nell’artro,ce penserò, fateme riordinà le idee......

Agrippina

Va bè a sor Tibù, riordinateve, ma fate in fretta che qui.........a Roma...pure

li  muri cianno le recchie. .e le voci coreno come na brezza leggera,

come er  ponentino……diciamo và   (

allontanandosi)

allora arrivederci a  tutti ,vado ar mercato a compra er pesce pè la

signora  mia.......che  oggi m’avrà dato pè disperza!!

Atto 1

Scena 5

Agrippina si avvia nel viale......e incontra Quintina un altra domestica...

Agrippina                         Che bello n’contratte Quintina,..............quarche........novità???????? ??

Quintina                            Ave Agrippì  no, niente de novo ,sempre le stesse cose , e tu?

Agrippina                         (Pausa)  Io.................sarò muta come un  pesce, come  diceva na

amica mia de la Trinacria ,  niente saccio!

Quintina                              Aò Agrippì  santi nu mi, chè successo ??? che è sta faccia seria,che sò stì

misteri,  dimme n’po’!

Agrippina                           No,no nun lo posso dì, sennò sor Tiburzio s’arabbia, ..anzi ,quello me le ga

n’ sercio  grosso grosso ar piede, e m’affoga drento ar tevere, ….            . e poi

mammazza de sicuro

Quintina                             Allora la faccenna è proprio importante pè lui,povero sor Tiburzio me

dispiace


11


Agrippina                           E mica solo lui, povera pure Sabina ……….Caio l’ammazza a tutt’e due

Quintina                            Caio??? Sabina? Sor Tiburzio?  Ma….allora….Sabina e sor

Tiburzio(mimando con un gesto delle dita il fatto che stiano insieme)

stanno in tresca!! ???

Agrippina                         Anche tu ce lo sai????? Vedi?de già la voce ha girato…che boccacce, ce lo

sapevo…je l’ho detto a sor Tiburzio de sbrigasse ch e qui puro li muri cianno le recchie!

Quintina                             Sbrigasse a che fa? Agrippì?

Agrippina                           A scappà!  senti, sor Tiburzio, poco fa,  m’ha detto proprio lui de perzona

che vorebbe da scappà, lui cò la moije e er fijo, cò na barca a remi, lontano, fino a li confini dell’impero romano , vole remà fino a fasse spuntà li calli a le mano!!! Parole sue!!! Che merc urio me sia testimone.. perché Caio, si lo venisse a sapè , de sicuro lo apiccherebbe pè li piedi innanzi ar Circo Massimo, e pè tortura, je cospargereppe le piante deli piedi tutte de miele e jeli farebbe poi leccà da li sacri bovi, lo scinnerebbe da là

solo quanno sarebbe mezzo morto,....e cò li piedi d orci.. lo farebbe magnà

da le berve drento ar colosseo, porello, lo dovessi da vedè …..era bianco

come n’cencio appena lavato co la cenere

Quintina                            Che brutta cosa! ………ela moje?? ce lo sa?????

Agrippina                        Si ce lo saaa?  dicheno che la corpa sia  proprio la sua, lui se annoiava tanto,

dopo tanti  anni de matrimonio…   sai come vanne ste cose no? Lui è

n’bonaccione, c’ ha er core tenero, anzi sembra  proprio che lei, alla fine,

nun  vedesse  l’ora de  smammasselo, insomma… de  m annallo fora de casa

Quintina                         Ma….come è successo…… di ciamo…… er fattaccio ?

Agrippina                       Pare che lei, Sabina se sia fatta coprì er gioco da due sue ancelle  che janno

detto ar padre che annaveno a Ostia, ar mare…           e poi averebbero passato la

notte  ar tempio,da le vestali….ner mentre de la notte...er rosolio..  .e na

chiacchiera qui e na chiacchiera là!!!!...sai. i fumi del’arcoole ..d opo la

notte...s’era fatta quasi mattina e..........Cupido ha scoccato la freccia sua, hai

capito si che robba Quintì?? che poi,prima, volevi fà tutta a sofis tica,come m’hai detto prima,? ( scimmiottandola) no, Agrippì, oggi niente de novo! brutta fia de na pantegana! Sapevi tutta sta commedia e nun dicevi niente!Tu sei furba come la maga circe, porello quello che te se pijerà.

Quintina                        Pè tutti li Dei dell’olimpo, qui scoppierà nà guera, ne parleranno i posteri !

Agrippina                     Come no! si ce penzi ,co’ che velocità s’è sparza la notizia...  a quest’ora

Caio,de sicuro ,ce lo sapra’ de già,  e lo mannerà a prenne da li sord ati sua,

Minerva mia che guera !!! ,…..vabbè io devo propio  annà ar mercato  a

comprà er pesce, av e quintì….e….tieneme aggiornata, nun fa a solita ch      e te

tieni li segreti.


12


Atto 1

scena 6

Quintina si avvicina alla  taverna

Quintina

Fisicoooooooooooo

……Fis

icoooooooooooooooo

Sisifo

Eccome…..e poi ,nun me chiamo

fi-si-co, me chiamo Si-si-fo come l’impavido

eroe greco

Quintina

Bè meno male pè te, che nun te chiami Fisico…  guarda che attrezzo che sei………

piuttosto senti , ce sta ancora er sor Tiburzio??

Sisifo

Perché dicete ..ce stà ancora? Nun ce dovrebbe da  sta? Me nisconnete  quarcosa?

Ma che…. niente niente ha

messo in vendita er locale? Da stamattina dice che

s’avvicinavano tempi duri! Quanno li padroni cominceno cò sta solfa ,sò semp  re

guai pe noi poveri e onesti  lavoratori!

E no, e!…

armeno.me lo dovrebbe da dire, me dovrebbe da da er preavviso...mica

po’ buttà

in  mezzo a na

strada un povero e onesto lavoratore come me! Io ciò

pure  er mutuo! ….Mò lo va

do a chiamà…

Entra nella taverna e  in quel mentre passa Aquilina moglie di Caio


Quintina


Ave  sor’Aquilina , è sempre un piacere incontrarla, come mai da stè parti? è

Venuta anche lei per acquistare la taverna??  Volete fà st’affaruccio fres co

fresco  e???? Se dice che Tiburzio l’ha messa in vendita proprio stamattina , me

lo  ha detto  adesso adesso  coso..er garzone  suo, coso……….  Pizzico,

se dice, che sé  stufato de lavorà, e che sene   vole annà a fa er giro de r monno

cò  la barca, lontano   lontano, fino a li confini  dell’impero romano, pè tutta  la

vita, lui ,la moje e pure    er fijo se porta!!


Aquilina


No Quintina, non sono qui per affari……  io.. di queste cose non mi occupo, se ne

occupa mio  marito Caio,

anzi,lo stavo popo cercando, mi hanno detto che era  da queste parti ……..e

mi son  ….perza pè li vi  coli, ma ora ho capito indove sto ,  riconosco la strada,

buona  passeggiata Quintina, porta i miei  saluti alla tua padrona…  .

(e si allontana)


13


Quintina

(rivolgendosi all’immagine di Bacco)

A Bacco, questa a me nun me

frega,….s’è……perza  pè

li vicoli,dice essa, ma io lo so che è  venuta a fa,

è venuta a controllà…nu

n so che cosa, ma quarcosa è venuta a controllà!

Ripassa agrippina con la spesa

Quintina

Già fatta la spesa ar mercato ?

Agrippina

Si si ,vado de corsa a casa, la padrona mia me darà pe disperza

Quintina

Agrippì ce so importanti novità !

Agrippina

Allora me fermo giusto cinque menuti , però è???

Dimme tutto!!!

Quintina

Tiburzio vole venne er locale, me l’ha detto coso……

Pizzico,er garzone suo salentino, e te dirò de più, poco fa s’aggirava

furtiva in zona

sai chi????? Sor’Aquilina!

Agrippina

Peddavero?qui la cosa me puzza…..

Quintina

Te puzza si Agrippì , vallo a cucinà sto pesce va! Fatte nartro giretto,e

stò

pesce Se coce da solo cò sto callo che fa…(   annusando)

anzi me sa che già è nnato  n’putrefazione, manco er gatto lo vorà cò st

a

puzza!!!

Agrippina

C’hai proprio ragione a Quintì , ma qui come te giri n’attimo

ne succedeno de  tutti li colori!

Mo me ne devo annà per davero, ciao Quintì,

( tornando indietro e  sottovoce)

me riccomanno……è!!!..

(si allontana)

Arriva Terzio

Terzio

Ave Quintì, vado  a casa a pranzo …

come và la vita……tutto bene?????

Quintina

Tutto bene? aò ma ndò vivi! Qui

stamo quasi in guera e tu…(scimmiottandolo).

vado a

casa a

a pranzo….

Terzio

Nà guera??? E che è successo? io stavo ar negozio e nun ho inteso

niente….dimme

num me   fa sta sulle braci ardenti  come Titano, dimme…..

Quintina

Allora…. Devi  da sapere che Ti

burzio s’e innamorato de Sabina, la fija der

tribuno…

Terzio

Mamma mia. Che notiziona!!……

Quintina

E questo nun è gnente,

famme finì……

senti!!!  Dice che la moje de Tiburzio lo

voleva

Già da tempo cac cià de casa, insomma, lo

voleva smammà,.sembra

perchè lui c’aveva li calli a le mano, insomma…..hai capito, no?


14


Terzio

Sei sicura?

Quintina

Certo,quant’è vero Apollo, sicurissima te dico, te lo pò confermà

pure Agrippina

Terzio

Pè la barba de Nerone..si lo dice puro Agrippina……

allora è vero!!..

allora continua……….

Quintina

Allora dice che

Caio ,appena l’ha saputo, ha chiamato nà legione de centurioni pe’

mannallo a arrestà, allora lui,vecchio marpione che ha fatto? Ha messo de corsa in

vendita er locale suo, pè vennelo  e così scappà er più lontano possibile in barca, e

remà fino allo sprofonno, pè nun fasse mai trovà, pensa l’ha tenuto segreto a nche

a  coso…er lavorante suo..  ... Filico,

me l’ha confermato propio lui!  manco mezza clessidra fa!!!

Terzio

Ammazza in che guaio s’è nnato a ficcà er so Tiburzio!!!!, e che incoscienza, a

mettese cò nà criatura!

Quintina

E già....... senti a Terzio, io devo annà ar tempio de Mammona.. se rivedemo più

tardi, si sai novità nun f a er maleducato, acqua in bocca  cò tutti…

e poi me

ricconti..(si allontana)

Terzio

Ammazzelo  però un vecchio sim ile cò na pischelletta

che nun ciavrà manco

vent’anni

(si avvicina alla taverna in quel mentre esce Tiburzio)

Tiburzio

Ave Terzio te voi fà un bicchie r de vino bono?

Terzio

Io cò li incoscenti  e puro f orilegge nun ce vojo avè niente a che

spartì!

Tibu

A Terzio ma che vaneggi? Ma che stai a dì?

Terzio

Che sto a dì? Tu stai quì a trastullatte  bello tranquillo,e a Roma stà a scoppi à nà

guerà, ma nun li senti su li sampietrini li passi de li sordati  de Caio che te

stanno a venì a prennere?

Tiburzio

Me stanno a venì a prennere?

Cadendo sulla sedia....Allora sor Terzio ,

diteme....s’è già saputo tutto???? Nun me dicete le buciie

Terzio

Tutta Roma sa

già tutto, de stà tresca cò Sabina...... nun se fa che parlà de

questo!!!!

Ve saluto….

( e si allontana)

Tiburzio

Bacco mio sò rovinato, famme a nnà a Terzio, devo da preparà li bagajji........

15


Tiburzio si siede sulla sedia pensieroso , a fianco c’e Vetusto che sonnecchia come al solito

Esce Clodio dalla taverna…

Clodio

Padre ,ve volevo da chiede na cosetta….

Tiburzio

Prima te ne voio chiede

una io, me spieghi mejo sta faccenna de…

(guardandosi intorno) de tè cò Sabina?

Clodio

Allora, stavamo appoggiati ar muro……….

Tiburzio

Quale muro?

Clodio

Er muro, pater nun c’avete presente er muro?

Tiburzio

Si er muro c’è l’ho presente, ma dove,qualo muro, de quale parte..

Clodio

La parte destra padre mio………me

pare popo che fosse er muro de

destra…

appena dopo er vicolo

Tiburzio

A Clodio, nun fa er finto tonto,

numme tenè li segreti…sinno’io  ……

(minacciandolo con la mano)

Clodio

Allora fateme parlà senza inte rrompeme ogni menuto.

Tiburzio

Vabbè arriva al sodo………

Vetusto

Si si anche io n’ovetto sodo (toccandosi la pancia) e un bicchier de vino…  giusto

pe mannallo giù….

Clodio

Inzomma stavamo ammucchiati addosso a sto muretto,quanno tra er lusco er

brusco,je stavo pè dà un bacetto, quanno che lei,con a faccetta da dea incantatrice

me disse………ma io…

te piacio???

Je risposi subbito, si  certo che me piaci!

E lei , ma quanto te piacio ?

figuramese,me so detto drento de me padre, una così bella nun l’avevo mmai

vista! Nemmeno sull’affreschi der campidojo!!, allora che jo detto?,….

Tiburzio

Che jai detto?

Vetusto

Che jai detto?

Clodio

Nun me interrompete vò detto,

sinnò perdo er filo

Tiburzio

Tu sbrighete a raccontà senno io, perdo un fio!

Clodio

Allora pe damme un po’ de arie,  jò detto…

na piccola bucia…io so fio de un

nobbile

riccone, e  pè quanto me piaci, te vorebbi da sposà!puro domani,

Tiburzio

Io lo so de chi sei fio,

tu sei fio de na….

Vetusto

(interrompendolo)  Quindi…fio,

hai operto bocca e jai dato fiato! Come ar solito!


16


Clodio

Macchè ….fateme parlà!   Lei   mi ha detto allora ,che suo padre era Caio er

tribuno anche lui nobile e ricchissimo……………quindi l

a nostra unione era ben

vista,c’aveva li Dei dalla nostra parte…

era de bon auspizio,du nobbili…

du

patrizzi... nun ce amancava gnente, se potevamo de sicuro da fidanzà!!

Tiburzio

Fiolo mio,hai combinato un gran

ber guaio…..

Vetusto

Le bucie cianno le gambe corte….te le accorceranno

…..(mimando il gesto)

Clodio

Dovete da capire che io me so innamorato pè davero! Pe lei sò disposto puro a

lavorà e  a mette la testa a posto…..

Vetusto

Si sur ciocco, quanno te la tajeranno……

Clodio

Macchè me tajeranno……. A propo

sito de tajà, devo annà de corza dar barbiere  a

famme fa la barba, sinnò più dopo nun ciò tempo, ch

e all’ora decima devo da

uscire………..

Si allontana..

Esce sisifo dalla taverna

Sisifo

Sor Tibu io je devo da parlà!

Tiburzio

Pure te…

qui nun me lasceno tranquillo manco pè mezza clessidra, dimme, ma

che sia na cosa allegra però sinnò…..oggi pe tè so    guai veri…

Sisifo

canticchiando…  .come mmai sor tibu nun m’avete detto niente????

Tiburzio

canticchiando pure lui   e de che te dovevo da direeeee?

Sisifo

canticchiando   che avete messo in vendita er locale vostrooooo!

Tiburzio

canticchiando

ma che c….antico stai a diiiiii

Sisifo

canticchiando  Ce lo sanno tutti che Aquilina è venuta a controllà er locale

perché

Caio ,se lo vorebbe da pijàààà!

(parlando normale)Ve  Vabbè così

allegro sor Tibbù??

Tiburzio

( alzandosi)   cheeee? Caio me vole da sequestrà er negozio??? Mai!!A ccosto de

la vita lo difennerò, pure cò li denti……..

Vetusto

Sì,  a mozzichi……

Tibù……..qui si fa Roma o si muore…. Senti a  Stuzzi

co

Sisifo

A parte che nun me chiamo stuzzico,ma Si-si-fo, come er leggendario eroe de la

magna grecia

Vetusto

Si si ,come te chiami tu, a proposito de

magna,….. ma stovetto sodo di cui si

parlava prima….……

gnente gnente è passato in cavalleria????

Sisifo

A sor Vetù,l’ova de papara sò fenite, c’e rimasto solo n’ovetto de piccione…

17


Vetusto

Si si, porteme l’ovo de colombo ……(fra sè e sè    ) l’ovo de colombo …

sta cosa…

forze....me potrà servì in futuro…mò me l’appunto

nun se sa mmai!

(tirando fuori penna e  pergamena e annotandolo)

Tiburzio

Si si, io sto annà in rovina e voi…. A fa lo spuntino…

a spese mie!.……quì semo

tutti matti….

Vetusto

Bona idea sor Tibù ,famo finta de esse tutti matti,magara se la cavamo con  la

seminfermità,

Tiburzio

Bè….nun sarebbe male, mejo semi  nfermi vivi che sani totali sotto tera ,in fonno,

Sisifo già è matto de suo….mi fio, come opre bocca…

..conferma ogni dubbio,

voi sor Vetù…….siate voi stesso che già và  bbene c

osì……l’unico che dovrà fà

nà fatica de Ercole sarò,io er sottoscritto, uno sa vio come me a fa finta de esse

matto!!!!  Ma per la taverna e pè nun finì a remà nà vita…ce la metterò

tutta…..Bacco ,ciai dinanzi un padre che pè sarvà e

r sarvabbile, deve rinuncià a

la sua dignità de omo , povero e onesto commerciant e, tutto  questo…

pe corpa de

un fio….

Sisifo

Fio de sparta sor Tibù?

Tiburzio

Nooo  aribadisco…   fio de Troia ….. e mò….. pure matto!!!!

Terzio

Sor Tibù è venuto ar negozio mio a fasse la barba er su fio Clodio, era felice e

sorridente,  ma come fa, cò voi in questa situazzionne?

Tiburzio

Perché nun lo sai che er fiolo mio s’e impazzito? La Dea salus l’ha

abbandonato……poro fio va raccontanno storie inesist

enti se inventa

tutto……forze la corpa è de quando da rigazzino casc

ò da un somaro su la via

lattea me pare….da lì ho notato  subbito,che c’era

quarcosa che nun

annava….che je amancava quarche rotella!!

Terzio

Capisco sor Tibù,cò la salute nu n se gioca.. nemmeno per ascherzo ve saluto sor

Tibù se vedemo più tardi…..

Tiburzio

Ve saluto Terzio ,anzi sentite ..de sta cosa…de mi fijo…

de le rotelle.. tenetevela

pè vvoi!!!! me riccomanno ,che nun se sappia in giro..è un segreto…

Terzio

A sor tibù fidateve de me, sarò muto, anzi,sarò na tomba

Vetusto

Si si , ecco  nartra tromba

18


Atto secondo

Scena 1

Aquilina incontra il marito Caio per la strada……


Aquilina


Ave Caio, sò passata stamattina a cercatte ar lavoro.....m’hanno detto che nun c’eri.....


Caio


E no che nun c’ero.........ero indaffarato in affari de stato, qui ,a Roma si amanco io, nun se combina niente!


Aquilina


Aaah! certo capisco, chissà quanto la voro te danno stì preparativi de stì giochetti, tu lavori troppo, dovresti riposatte un po’, nun ciavemo più amanco er tempo de passà na mattinata insieme io e te!!!tu Lavori troppo!me amanchi…stò sempre da sola mio caro Caio,manco n’amica pè discorre, gnente, sempre da sola, meno male che sò na donna fedele, sinnò si ero n’artra,quarche capricc io me lo levavo sai ,sempre da sola…ma stai tranquillo Caio maritino mio, io te sò stata e te sarò fedele, pè sempre, tu penza solo a lavorà e a portà li sesterzi a cas a!


Caio


Aquilì…Cesare m’ha chiesto de fa colletta fra li commercianti pè raggranellà

quarche  Sesterzio pe stì giochi…

la regola è…  .più sesterzi offreno e meno probblemi je

daremo in futuro, ho sparzo de già la voce…. Quindi omini avvisati mezzi sarvati.


Aquilina


Dovresti da fare come Tiburzio er proprietario de la taverna, penza che lui dopo Tanti sacrifizi,pe passà un p o’ de tempo cò la famija ha messo in vendita er loc ale suo e li porta a fa er giro der monno ,in barca pe godesse la vita, dicheno….


Caio


Allora c’ha un sacco de sordi stò  Tiburzio,forze sarà er caso che je vado a chiede

un’obolo pè li  giochi ar Colosseo, si nun vole problemi in futuro, nun se potrà

rifiutà. se rimedio parecchio de offerte ,Cesare sarà contento, penza che  nun do vrà

sborza nemmeno un sesterzio, la gloria a lui ,e a pagà  ar posto suo,sarà invece   er

popolo    pieno de ignoranzità…

io magara pè rincompenza de stà fatica,  me ce farò scappà la biga nova cò lo

scioffer


Aquilina


Bene Caio io continuo la passeggiata , avvisami se si vediamo dopo a casa… prenditela comoda e..torna vincitore!! (Si avvia)


19


In quel mentre passano Terzio e Agrippina

Terzio

Agrippì senti , questa è calla calla

Agrippina

Dimme , che c’è de novo?

Terzio

Clodio,er fio de Tiburzio è diventato matto!!!!

Agrippina

E questa sarebbe na novità??? Nun me dici niente de novo!!

Terzio

Macchè, nun dico stupido come ar solito, ma proprio matto, hai capito mo???

Forze dar dolore che ja dato sta situazione……

de Sabina dico…..

Agrippina

Santi numi………..chi te l’ha detto?

???

Terzio

Questo nun te lo posso da dì,  perché l’ho promesso solennemente, ho dato la parola

mia,e

er sor Tiburzio ce tiene  proprio che nun se sappia in giro……..me l’ha fatto

puro

da  promette !

in quel mentre passa Quintina

Quintina

Ave gente  novità??

Agrippina

Se dice che er fio de Tiburzio è matto

Quintina

E che è nà novità questa??

Agrippina

No no stavolta dice che è proprio impazzito dar dolore, pè sta storia infame

Quintina

E chi lo dice?

Agrippina

Pure sor Tiburzio l’afferma, addirittura l’ha detto lui stesso a Terzio poco fa!

(rivolgendosi a Terzio)  Vero Terzio??

Terzio

Si già sapete tutto, nun pos so che dà confermà!....tutto vero ,come è vero che  er

monno  è piatto e se regge su quattro colonne!

Quintina

Lassa perde le colonne, vojo più elementi….più indizzi!.

Agrippina

Er dolore che ha provato stò ra gazzo è stato tarmente forte che la testa nun ja

retto..porello, così giovine, così carino,così malannato….

Terzio

Così malato vorrai da dì!

20


Agrippina


Forze si lo porteno da no specialista, je ponno fa un buco ner cranio e la pazzia je esce fora, se la dovrebbe da cavà!


Quintina


Si… n’buco ner  cragno…brava, c     osì je escheno le formicole che c’ha

drento…..no no ,nun è un ber  sistema,

damme retta, de medicina, quarcosa pure io ce capisco…


Terzio


Ma allora, si tutto er problema è fa sortì fora le formicole, nun je ponno mette un’esca dinanzi a le froce der naso, e poi aspettà che le esse, attirate dar mi ele, o dar formaggio,escheno da sole???


Quintina


A Terzio, er formaggio???quelli sò sistemi antichi, superati , preistorici!

oggi la medicina ha    fatto passi da ciclòpe…..

pare che se sperimenta un sistema novo, da la bocca…. la lasciano

operta,sfruttanno  l’aiuto  de  nà grossa breccola  fra le mannibbole, se lascia tutto

così,pè dieci giorni sani sani ,cò un vermine  che dondola in mezzo a  li canini, pè

esca, e pare, che pè na nova ricerca stiano  usanno pure lo zibbibbo, e che così,le

formicole,  escheno dar cragno da sole, attirate  dar vermine, passanno pè la  bocca.

Senza fa più buchi

… Dice che funziona!

e tu Terzio penza a  fa   er barbiere ,  damme  retta…..la medicina lassala    fà a

chi ce capisce.


Terzio

A proposito ,devo tornà ar negozio de corza ..si vediamo dopo….(si allontana)

Agrippina

A Quintì io pure devo annà devo comp rà dù salamandre pè la cena de stasera…

Quintina

Du salamandre?? Chi se le deve da magnà?

Agrippina

La padrona mia , ha detto che dopo la cena de ieri sera, c’ha li rospi drento la panza

così le salamandre che se magna  oggi, cascheno drento la panza, se magnano li

rospi de ier  sera,e lei starà sicuramente  mejo…

Quintina

Nun fa nà piega..è?  fai bene,li rimedi de la nonna nun sbajano  mai!

brava, tu si che sei na donna da sposà! beato quer poromo che te capita!

Agrippina

Grazie Quintì sei sempre così benevola nei miei confronti,  però pure tu nun

scherzi, donna

dè  casa e. soprattutto riservata…

nà vera amica…

pure tu te meriti un  poromo, talo e qualo ar mio..

Quintina

(salutando)

Allora si vediamo, ora vado proprio…..

Agrippina

Si vediamo dopo, e.. acqua in bocca,sii discreta. Roma ascorta, e si putacaso ce

dovessi avere novità ,nun te fa remore, viemme  pure a cercare sul lavoro

…er tempo pè du chiacchier  e lo trovo sempre.

21


Arriva Clodio figlio di Tiburzio

Clodio

Stiticoooo!!

sti-ti-cooooo!!!

Sisifo

Nun me chiamo sti-ti-co ma me chiamo si-si-fo lo volete da capì Sorclò???

Clodio

Ahhhhh,me voresti da dì che  nun sei stitico?????

Sisifo

No!

Clodio

Nemmeno un po’?

Sisifo

No, nemmeno un po’!

Clodio

Ma….nemmeno certe vorte??

Sisifo

Nooooo!!!! Liscio,un velluto, come la pelle de persica!

Clodio

Bene… buon per te!!! Senti, che s  tai a fà dellà in taverna?

Sisifo

Niente, ho finito tutto, tutto a posto!

Clodio

Bene ,allora annamo che te vengo a dà nà mano!!

I due entrano in taverna in quel mentre Caio si avvicina alla taverna

Caio

Ave sor Tiburzio,la mano de Cesare è arrivata presso de voi…..si sarà na carezza o

un cazzotto dipenne

tutto da voi..

Clodio e Sisifo si mettono a guardare la scena dietro la porta della taverna Mentre Tiburzio e Vetusto si guardano impauriti


Caio


Sor Tibù,tutta Roma sa de quello che state cercanno de tenè niscosto …e che volete

lascià la città,….ma a me….  Nun me sfugge niente…

(tutto impettito)

io so Caio er braccio armato de Cesare


Tiburzio


Ave Caio nun c’ho niente da dì pè mia discorpa, però, sedeteve, parlamone n’attimo,, ner mentre,ve posso offrì un bicchiere de vinello bono? Sisifoooooo Sisifooooooooo


22


Sisifo sulla porta  della taverna dice  sottovoce a Clodio

Sisifo

ahhhh allora è vero…  Caio sta quà e stanno a ffà la trattativa per la ta verna, allora la

Venne l’attività per davero  ,senza damme er preavviso…… mò ce penzo io…..

Sisifo

(rivolgendisi a Tiburzio)  Dite sor Tibù

Tiburzio

Un bicchiere de vino,quello bbono, pè Caio

Vetusto

E pure pè me! Ciò n’arzura, cheene sò avrò magnato salato!

Sisifo

A sor Tibù  er vino nostro, è tutto bono! Perché facete sta distinzione??

Tiburzio

No, c’e quello bono, e quello più  bbbono….. capito?   (facendo l’occhietto)

Sisifo

No sor Tibù ,nun capisco,quello bono e quello bbono che vordì??

Tiburzio

(rivolgendosi a Caio) Scusatelo Caio,  stì stranieri nun capischeno niente de la

lingua  Romana, le cose bisogna spiegajele mille vorte  (rivolgendosi a sisifo)

a Sisifo guardeme nelle palle dell’occhi…

(strizzandogli l’occhio)

quello bbono cò due bbi sa rà mejo de quello cò na bbi sola   no???

Sisifo

Na bi? Du bbi?  E che c’e er bbivino???io cò le doppie nun me ce ritrovo, a sor

Tibù  siate più chiaro!

Tiburzio

Nun se tratta de doppie, se tratta de una, una mano,quella che te tajo si nun cori a

pià  er vino, solo er vino , senza acqua, a Caio l’acqua nun je va, je va solo er vino,

chiaro???  E quello bbono!

Sisifo

Si si ho capito er vino co du bbi!!! ma nun je farà male?nun è troppo forte er vino

nostro? Nun è che poi tornanno a casa sua sbarella??

Tiburzio

T’ho detto, solo vino ,cori finchè ciai du gambe sane, sbrighete sinnò!!!!

Sisifo

Chiaro come l’acqua sor Tibù,

Tiburzio

Nun me parlà più de acqua,t’ho d etto!

Sisifo va a prendere il vino


23


Tiburzio

A proposito de acqua sorCaio , ve volevo da dì…

nà cosetta...io  nun sò remà ..e

Nun sò capace nemmeno a

notà ,ve

lo volevo fa presente, così… e tra l’artr

o ciò

Le mano delicate….pensat

e

me se riempieno de calli  e de piaghe  manco cò mezza clessidra.

Vetusto

Pensi sorCà che nà vorta voleva

da

fà nà pescata sur tevere cò na barchetta a

remi, doppo du giorni lo semo dovuti annà a riprendere, steva a du metri da lla

riva..  pensate

sorCà… i   n

du  giorni  aveva fatto

solo du metri…..artro c

he quer

nessuno de cui

parlevamo prima…

dateme retta sorCà …er sorTiburzio a

remà???  Negato!!!!!

Caio

Bè si nun vole usà na barca,nun è detto che debba proprio annà su na barca,anzi

potrebbe girà l’intero monn o su de un caretto o anche a piedi pe tutta la vita…lui,

la  moje e er fio, volendo uno  po’ anche sceje che vole fa alla fine de la carriera

sua, no???

Tiburzio

Perché…….per caso…. se po’ sceje

??

Vetusto

Davero se poo’, sorCà????

Caio

Si si se po’, se po’ tutto,dip enne

……

Tiburzio

Dipenne forze,

si me la cavo cò

li giochi der colosseo…cò le berve????

Caio

Bravo, dipenne da li giochi der circo,come  sapete sor Tibù le berve cianno fame,

magnano tanta carne ar giorno,

ce

tocca sfamalle, e noi famo der nostro mejo, a

vorte ce riuscimo e a vorte no! Quanno nun ce riuscimo….tocca a voi sor Tibù   in

questo caso tocca proprio a voi sfamà le berve der colosseo!!!

Da dietro la porta della taverna Clodio sussurra

Clodio

Povero padre mio,che sacrifizio.. cor corpo suo je tocca sfamà le berve feroci pè

corpa  mia!

Tiburzio

Eccaallì, me tocca sfamalle…

popo a me!.ce lo sapevo a  sor Vetù , nun me venite

in aiuto, nun dite niente?

In quel mentre arriva Sisifo con il vino

Vetusto

(soppesando Sisifo) che dicete sorCà ,se potrebbe fa un’offerta.. pè l e berve???

Caio

Le offerte pè le berve der colosseo nun se rifiuteno mai! Dicete!

Vetusto

Bene….noi ciavessimo…diciamo una perzona…..disposta a dà nà mano pè sfamà

comunque stè berve…diciamo così

,nò scambio…   noi ve damo nà mano cò le berve e

voi….v’addorcite cò noi….come d

ire… nà mano lava l’artra..


24


Sisifo lesto  rientra in taverna e dice a Clodio

Sisifo

Allora è vero, me vole dà in pasto a le berve feroci!!!

Caio

Vedo che voi, sor Vetusto.. omo de cultura, avete centrato er nocciolo der discorso,a

sor Vetù  voi sete  popo un’omo che sa stà ar

monno!

Vetusto

A sorCà , voi me potete da impar à ,le cose fra gentiluomini, vanno così da la notte

de  li tempi…. Se sa, nun

cambieranno mai!!

Caio

Ben detto, mò si che se cominci a a ragionà!!

Tiburzio

SorCà quindi……………….

Caio

No no, e che quindi, mò viene e r bello, uno che s’e messo da parte un  ber po’ de

risparambiucci come voi…..

potrebbe fa un’offerta  degna de Cesare

diciamo…un’offertona magna

,..

Vetusto

Se magna???

Clodio

Povero padre mio, pè sarvamme, sta a dà fonno a tutti li averi sua,nà vita de

lavoro!

Caio

Qui  Tibù,se parla che devi da lascià Roma pè tutta la vita…..er malloppo ce stà!

Tiburzio

Lascià Roma  mia, pè sempre………

(alzandosi)

Caio

Quì se sta a parlà de nun mette

più piede alla taverna pè tutta la vita..…  de sesterzi

ce ne vonno parecchi….tant

i.

Tiburzio

La tavernuccia mia…………

( allargando le braccia)

Clodio

Poro padre mio, se sta a giocà er sudore de na vita……….pè me! Pè sarvamme!!

Caio

Se dice pure che tu moje e tu fio devano venì cò tè! In giro pè tutto l’impero

Romano,  fino a la  vecchiaia ..

quindi li sesterzi, sò tanti,

tantissimi ,direbbi…

Tiburzio

Ebbene…….sorCà! piamo er toro pè le

corna,

(Alzandosi in piedi)

famola fenita………

Clodio esce dalla taverna

Clodio

Noooo padre, nun ve sacrificate pe me! Io, io so pronto a pagà er debbito mio!!!

Caio

Chi sarebbe stò ragazzo?

Tiburzio

E’ mi fijo sorCà! Ancora pè poco…ma

è er mi fio…..


25


Caio


Ti fa onore,caro giovine il fatto che tu voglia sollevare tuo padre da certi oneri,bbravo!


Clodio


Mi fa piacere che lei mi apprezzi,ma io je devo prima di tutta la verità…vede sorCà io…… io so un bravo regazzo ... e me sò innamorato!


Caio


Bene ragazzo bene! l’amore porta bene!


Clodio


Bene un corno !


Tiburzio


Bene un’artro corno!


Vetusto


Bene un’artro corno ancora!


Caio


Aò ,e che avemo fatto nà mandria?     Prima dicete Piamo er toro pe le corna…poi


ridicete bene n’corno… e che sò tutte stè corna?  Ma che me nisconnete  quarcosa?

ma che ,Sotto sotto, me volete da fa capì quarcosa??

Sapete percaso notizie che io nun so??  Gnente gnente de  la moje mia?

guardateme bene nfaccia….Caiole corna nun le porta…..capito???  a Roma se dica

che Caio se fida de su  moje….

anzi, pe dimostrallo  a tutti che me fido…mò vado a indagà!  Je vado a ffa le poste,

ve saluto, peer momento, se rivedremo presto….ve fo sapè…..


Tiburzio


A sorVetù ma che javemo detto???che cià le corna?? Ma che semo matti??


Vetusto


Questo, artro che mannavve a remà!….q


uesto ve taja popo la testa e ce gioca a palla


Clodio


A palla ? de che se tratta sorVetù??


Vetusto


Niente, niente, un gioco novo,dove pè potecce giocà ce  devi avè er tifo!!


Clodio


No no grazie,  nun me interessa,io sto bene così!


Tiburzio


Che facete, state a parlà de sporte??n un perdemo tempo, scappamo, adesso o mai più!!

dateme retta……..Scappamo!!!!!!     !


Esce sisifo dalla taverna


Sisifo


Ahhhhh ecco,v’ho beccato, dite la verità, avete vennuto la taverna e state a scappà de niscosto co li quatrini pè nun damme la liquidazione!!!!! ciaveveno raggione le voci …Mo vado a li sindacati….


Tiburzio


A Sisifo, lo sai tu e le voci dove dovete  da annà? Mo te lo dico io……..


Terzio


(nel mentre) Corete, corete,stanno affà un casino, ner mezzo della strada ,corete a vedè….


26


Arriva Agrippina

Agrippina         Che caciara che sta a succede!!! Venite gente!!! Caio sta a fa un macello!!annate a

vedè che spettacolo!!!

Arriva Quintina

Quintina            Aò che notizziona!!!!

Tiburzio            De chi se tratta?

Quintina            De Caio…..è fori de testa!!!!!!

Tiburzio            Sta a veni qui, a prennece?????? Semo feniti….Bacco mio, stavolta nemmeno tu me

sarvi,  stavorta l’avemo fatta popo grossa,se semo messi contro er braccio violento

de la  legge…..Roma è cont  ro de noartri

Vetusto               E mica nà vorta sola!!!!

Tiburzio si rivolge a Vetusto

Tiburzio               Te saluto vecchio mio, sò stato  bene insieme a te, se rivedemo in cielo….

Poi si rivolge a Sisifo

Tiburzio              Caro amico mio…………se in Grecia ce   l’avete puro voi er cielo, quello

nostro,dico… se  incontreremo lì, pure cò te!!!!!!

Sisifo                     Sor Tibù,che me potreste da lascià un’acconticino, magara giusto pè le spese der

viaggio???

Vetusto                me pare giusto..

Tiburzio                Allora famo così,, quanno se incontreremo lassù,(indicando in alto) ricordamelo,

lì te  darò tutto  er  d ovuto, promesso,parola de Tiburziuccio tuo!!!

Però porteme le  ricevu te,eh???? Sinnoòòò  gnente….quatrini

.

Rivolgendosi a Clodio

Tiburzio                         In quanto a te…..ndò vado      io, nun te fa incontrà…….te lo consijo!!!

Clodio                            Ma padre………

Tiburzio                        Zitto sinnò………         ( andandogli incontro minaccioso)


27


Quintina                      Tutti zitti! ecco Caio ………

Tutti si girano verso Caio

Caio                            Ave Tiburzio, Caio te è grato pè quello che hai fatto…  quindi,dimme la

cifra…….

Tiburzio                    E che avrei fatto?

Vetusto si rivolge a Tiburzio

Vetusto                   Zitto… vole sapè la cifra che  voresti offrì pe le berve, te lo ricordi er discorsetto

de prima??? inzomma,paga pè sarvatte la vita, me riccomanno offri parecchio… e ricorda ..se tratta de vita o de morte! La tua!!

Tiburzio                   Se è così…….. in caso….io direi  mille pezzi d’oro? va bene???? (so rovinato!!)

Caio                         Va benissimo sor Tiburzio…e   sia….mille pezzi d’oro!

Clodio                    Padre mio,tutto questo pè me!!!!

Caio                         No figliolo,questo nun è pète, pe tè,un così bravo ragazzo,  lavoratore, che è

pronto a sacrificasse per il  padre… Diciamo…pè te,,,  trecento  pezzi

d’argento….

Clodio                    Trecento pezzi???????

Rivolgendosi a sisifo

Clodio                        A Sisifo, niente niente, ciavresti mica damprestamme trecento pezzi d’argento,

pè  sarvamme da le berve, e così famme rimanè in vita?

Sisifo                         Com’è che quanno strignete,(facendo il gesto) ve ricordate er nome mio pè filo

e  pè segno????

Clodio                      A Sisifo, trecento pezzi d’argento ndò li trovo??...me tocca da morì…senta

sorCà   trecento     pezzi d’argento…pè me…è mpossibbile…..

Caio                            Si si ho capito, è impossibile da accettà,è pochino.. allora, te offro quattrcento

pezzi d’argento… e anche,  sempre si  tu la voi…..

la mia fija  Sabina in sposa, in fonno , adesso sete ricchi de famija pure voi…


28


Clodio

Me date quattrocento pezzi e Sabina in sposa????

Certo  che l’accetto ,noi si amiamo,da sempre!

è proprio quello ve volevo spiegà da  prima!

Tutti si guardano allibiti

Tutti in coro

Se amaveno de già?

Agrippina

Loro due???  Ma allora……nun er

a…. Quindi…

nun capisco…

Terzio

e dopo sta caciara sò divent ati puro  ricchi????

Quintina

E’ perché le genti oprono bocca e je danno fiato, fidateve,parleno a vanvera,

ecco  perché tutto stocasino..!

Caio

Perché poco fà quanno m’havete messo le palline nell’orecchio, ovvero er

dubbio  atroce,dicennome che Aquilina la moglie mia me tradiva, che ho fatto??

Tutti in coro

Che avete fatto sorCà???

Caio

Sò annato a cercalla e l’ho  trovata coll’amante, cò du bauli pieni de preziosi  e de

sesterzii.. tutti li averi mia…  e stavano a scappà, vedessivo.. jo fatto nà caciara ,

poi, l’ho cacciati via da Roma…

a piedi scarzi e gnudi

si,l’ho mannati ar confino , e puro poveri in  canna,

in quanto a voi…grazie  ,  m’avete avvisato in

tempo,  sinnò ero

rovinato,  grazie a tutti….

Tiburzio              (rivolgendosi a Vetusto )     sor Vetù…..quindi si nun me sbajo…..nun  ce vorebbi

avè capito male…ma…..

li …mille pezzi d’oro,  nun li devo più  da pagà……

ma…anzi…           nun vorei avè sbajato,..me li danno a me????? Me giusto?

Vetusto                    Ve li danno sor Tibu, nun ve sbajate, voi,nun ve sbajate mai,avete sarvato Caio,

ve sete  sarvato voi, e pure vostra moje,

avete sarvato  Clodio,  e avete  anche sarvato me,

così come avete sarvato  pure la taverna, e così  come anche er lavoro de

spizzico  er  lavorante vostro,

anzi mo che sete diventato ricco e andrete in gita per il  monno,

a  coso…           Spizzico  er lavorante vostro,je potete lascià pure la taverna pe

ringraziallo de la pazienza avuta co  voi,

Sisifo                         Si si, la intitolerei  “Ta verna da Spizzico”

Tiburzio                      E sia, te lascio la taverna, perché a forza de fa er duro lavoro der taverniere de

già me stavano a  ven ì li calli a le mano!!!


29


Vetusto

Bravo sor Tibù!

Tutto è annato per il mejo,ma  diteme…  come avete fatto???

Tiburzio

Sor vetusto,dovete da capire,che quanno una perzona come me, mette in moto er

Cervello suo, quello che po’ uscì fora lo sanno solo li Dei……anzi

(rivolgendosi a

Bacco)

grazie d’avemme sarvato…… domani te farò l’offert

e !

Agrippina

Allora io vado…

…magara  cè quarche novità in giro  …( allontanandosi

)

A Terzio tu nun venghi?

Terzio

Allora ve saluto pure io , io

nun so ricco,io pè campà,devo da lavorà…

io si cò li

calli   a le

mano!!…  ..( e si allontana)

Caio

Quindi sor Tiburzio, o mejo ancora, consuocero, fra mezza clessidra te farò

recapità er dovuto, anzi , lo sai che faccio?

Nun chiedo più

a nisuno le offerte pe lì giochi

der colosseo,faccio de

meio ,ce metto li sesterzi mia, pè ringraziamento a li Dei

che nun  m’hanno fatto

impoverì, così ce faccio pure bella figura cò Cesar e……

je lo vado subbito a dì...ve saluto!!!!

Tiburzio

Fate con comodo caro consuocero, io stò quà, e chi se move???

Clodio

Allora padre………….

Tiburzio

Dimme fijo mio………….

Clodio

Allora io andrei da Sabina ,a daje la bella notizia

Tiburzio

Vai  pure fijo, vai , salutame la mi nora…….

Sisifo

Sor Tibù io…….andrei a prepa

rà. Du righe, er contrattino dè donazione……….

Tiburzio

Si sisifo si , me riccommanno solo dè nà cosa ,essi sempre un’onesto

commerciante come me…e m  e riccommanno de nun fa mancà mai

le offerte giornaliere a Bacco, popo come facevo io,

Sisifo

Bene sor Tibù, vado affà l’i ncartamenti……( e si allontana)

Vetusto

Bè co tutte stè sorprese m’e venuta sete……

Tiburzio

Allora sor Vetù , visto che Sisifo è annato via…  oggi ve servo io..

(prende il fiasco con due bicchieri)…volete famme onore a beve un bicchier de

vino insieme?

Vetusto

Con morto piacere……. A Vetù ma

è quello bbono ,, quello cò du bì?

Tiburzio

State tranquillo,è quello de la mejo annata, mò stò a beve con n’amico, nò cò un

cliente!!!....Ma

diteme mò che farete??

Vetusto

Forze me ne andrò a Pompei ,

d a amici ,cianno la villa proprio sotto ar

Vesuvio……

dice…  un panorama da paura!!

30


Tiburzio


Ma er Vesuvio, sti giorni nun sta a ffà li capricci? Dice che se sente brontolà sottotera, trema tutto er monno terrestre, dicheno che fa paura!


Vetusto


Macchè paura, dateme retta a me, quer vurcano nun ha mai fatto male a nà mosca

e  mai ne farà,

io ho studiato, ho girato mezzo monno, diciamo che la parte disopra

quasi  tutta……………………

mò me sò rimaste le quat  tro colonne che lo  sorreggono……

e poi passamo dall’arta parte… damme retta io ho  studiato……


Tiburzio


Dateme retta,pè nà vorta, sor Vetù, come ben sapete, io ciò cervello, dateme retta,rimanete a Roma (alzandosi e rivolgendosi al pubblico) che è tanto bella!!!!!


(cala il sipario)


Fine

Se questa commedia ti è piaciuta e vuoi contattarmi mi trovi al

3392063087

email  blupoint.off@tin.it

31

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 23 volte nell' arco di un'anno