Studio perimetrale intorno all’incertezza

Stampa questo copione

Studio perimetrale intorno all’incertezza

Studio perimetrale intorno all’incertezza

di Massimo Maraviglia


1


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Note di regia

di Massimo Maraviglia

•Di un viaggio cognitivo – ebbe a scrivere una volta Michel Ciment – l’esito più interessante che ci si possa auspicare è quello inatteso. Si parte alla ricerca di un approdo e se ne trova un altro. Quanto importa che sia quello per il quale il viaggio fu iniziato, nessuno al momento dell’arrivo lo può dire. Accade lo stesso per le idee che muovono i passi di ogni ricerca, in ogni ambito conoscitivo.

•Gli esiti di ogni studio sono, per loro statuto ontologico, imperfetti, se perfetto vuol dire compiuto, condotto “fino in fondo”. Prima domanda: che vuol dire “fino in fondo?” Di quale fondo stiamo parlando? Davvero c’è bisogno di un fondo? E se fosse proprio l’idea del fondo a svilire l’esito di ogni studio?

•Probabilmente è proprio quest’idea del “fino in fondo” uno dei più velenosi rizomi della nostra così poco ricercante cultura occidentale, con le sue declinazioni sotto forma di “obiettivi”, “conclusioni”, “efficacie”, “controlli”, “prevenzioni”, “certezze”. Il campo semantico che si può disegnare intorno all’idea del “fino in fondo” è ampio, probabilmente rassicurante, perché è quello a noi più familiare.

•Nel caso di questo Studio perimetrale…, l’esplorazione è intorno ad una delle idee più rifiutate se non equivocate della Storia non scritta: quella dell’incertezza.

•Probabilmente la maggior parte delle sofferenze umane radicano qui, nella richiesta di certezza che nessuna garanzia può colmare “fino in fondo”.

•La certezza sembra il vestigio di una cultura positivista che già da molti, molti lustri ha manifestato la sua inadeguatezza, la pietra angolare di ogni rapporto di malinteso potere tra chi dice di poter dare certezza e chi cerca e accetta promesse di certezza: una delle possibili forme della schiavitù.

•Ed è una schiavitù atavica, che prima ancora di regolare i rapporti tra gli uomini, regolò quelli tra uomini e divinità. Scioltisi gradualmente i legami con la metafisica, altrettanto gradualmente la materica, sempre più isterica ricerca di certezza ha corroso ogni possibile forma di felicità: se è vero che ogni infelicità è mancanza ed ogni mancanza si riduce a una mancanza di certezza.

•L’unica possibile certezza è quella generata da una fede (o fiducia?) sconsiderata che a noi, gente di questo tempo, è irrimediabilmente interdetta, a meno che non tocchi in sorte (o non si scelga, ammesso che si possa scegliere) la strada della follia o dell’autoesclusione, che porta “al di là” di ogni certezza e/o incertezza.

•Ma “al di qua”, nello spazio dell’ “in tempo reale” e delle rapide negoziazioni economiche, pertinace permane il bisogno di certezza e la conseguente paura di non poterla guadagnare, e allora i rimedi contro la paura – in un mondo regolato dalle sole leggi di mercato - divengono le merci più vendute, surrogati subdoli e grotteschi di certezze e sicurezze, dunque della felicità.

•“Dopo la terra, il denaro e il lavoro, diverrà merce anche la paura, e in ultimo l’acqua”: forse un’Apocalisse riscritta potrebbe tra i suoi passi recitare così.

•Ma cosa accade se a un certo punto, esperita ogni possibile catastrofe, si provasse ad abitare il vuoto lasciato dalla sparizione di ogni possibile conato di certezza?


2


Studio perimetrale intorno all’incertezza

•Lo Studio perimetrale intorno all’incertezza (esplorazione di orizzonti, non di profondità) parte da questa domanda, generando un movimento irregolare che può divenire centripeto o centrifugo a seconda del punto in cui lo si osserva o lo si intende attraversare. Si tratta dunque, su un piano possibile di discorso, di un attentato all’infelicità, più che un tentativo di felicità (al quale varrebbe comunque la pena aspirare).

•Su un altro piano di discorso, lo Studio perimetrale è un segmento – non necessariamente il primo e forse nemmeno l’ultimo – di un tracciato reticolare dedicato ad un “teatro dell’incertezza”.

•Si può immaginare un teatro “della certezza”, dove le aspettative siano più o meno soddisfatte, le storie raccontate, conchiuse, comprese, esplicitate. Storie in cui gli equilibri di scambio siano più o meno rispettati, i climax raggiunti, le agnizioni soddisfatte, i sensi svelati, perché chi assiste si senta “rassicurato” e possa infine dire “mi piace, non mi piace, concordo, discordo…” nel rispetto degli equilibri cognitivi di ciascuno, senza che nulla di catastrofico o destabilizzante possa scaturire dal theaomai.

•Oppure si può immaginare un teatro dell’incertezza, dove le attese si ritrovano negate, le sintassi narrative minate, incrinate e pronte a collassare, un teatro in cui non siano raccontate storie ma mondi nei quali ci si può anche annullare e gli equilibri di scambio siano disattesi, antieconomicamente, di modo che l’esperienza della visione susciti qualche forma di smarrimento che preceda il bisogno di ripensare, rivedere, ricompensare.

•Una scrittura in cui nessun esito certo è dato, non per il gusto del vagore o per la scontata bontà del dubbio, ma per minare al fondo gli assiomi più o meno velati sui quali si impiantano le più negoziate rappresentazioni (di qualsiasi natura esse siano).

•Una scrittura dell’ora in cui non c’è più scandalo, né stupore, né catarsi né paura immediata (resta quella mediata dai media e mercificata) in una parola: una scrittura dell’ora che non c’è più tragedia.

•Lo Studio perimetrale intorno all’incertezza, su un altro piano possibile del discorso, diviene allora lo scavo archeologico intorno ad un’area di macerie di una civiltà che forse non è mai esistita e che forse un giorno, liberati dal bisogno di certezza, si potrà edificare, in stretta collaborazione tra uomini e dèi tutti, parimenti, corresponsabilmente.

•Studiare l‘incertezza – a cominciare da quella dell’attore – per tentare la distopica ricerca di un germe di felicità. E questo è tutto.


3


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Dramatis personae

Saturnino

Giusconobbe

Scelòn

Svenditrice


4


Studio perimetrale intorno all’incertezza

I

Tra le macerie di un edificio da poco crollato. La luce, prima flebile, graduale aumenta. Saturnino parla

Saturnino:                     È andata via la luce… è accaduto altre volte

Giusconobbe:            Malintesi

Saturnino:                     Ci vuole prudenza … come trovi la prudenza?

Giusconobbe:            Malintesi

Saturnino:                     Intendo il suono… prudenza… fa venire da grattarsi. Quante ne

hai viste?

Giusconobbe:            Ne ho consumate molte

Saturnino:                     Dodici negli ultimi due anni, credo

Giusconobbe:            Malintesi…

Saturnino:                     Comprese quelle collettive…

Giusconobbe:            Comprese. Come procedere

Saturnino:                     Dipende…

Giusconobbe:            Dipende

Saturnino:                     Non tutte sono uguali. Un po’ uguali, magari, lo sono diventate.

Alcune si poteva anche evitarle…

Giusconobbe:            Senza catastrofi, cosa rimane

Saturnino:                     Le trovi interessanti?

Giusconobbe:            Hanno le loro ragioni

Saturnino:                     A trovarle, se ci fosse il tempo. Si applica il protocollo di

reazione e via… catastrofe, disperazione, dolore, depressione e

contrizione,  ripresa,  rinascita,  crisi  e  poi  nuova  catastrofe.

Sempre più rapidi, fino al punto immobile, niente ragioni!

Giusconobbe:            Tempo reale

Saturnino:                     Tempo reale, esatto… Giunti a regime, rinascita e catastrofe si

manifesteranno simultaneamente, dei passaggi intermedi potrebbe non restare nulla.

Giusconobbe:            Altra catastrofe. Malintesi.

Saturnino:                     Dall’ultima catastrofe, prima di questa intendo, quanto tempo c’è

stato per riprendersi? Quasi niente, direi

Giusconobbe:            Per provar dolore


5


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Saturnino:                     Niente, direi. Niente. Anestetizzati.

Giusconobbe:            In tempo reale

Saturnino:                     Chissà come sarebbe un tempo irreale. (avvicinandosi e guardando

Giusconobbe nella penombra) Ci conosciamo?

Giusconobbe:            Può darsi

Saturnino:                     Io ero al quarto… prima del crollo, intendo

Giusconobbe:            Io più in alto

Saturnino:                     Ecco. Forse per questo... Sa che le dico? Mi manca il pianto.

Piangiamo un po’ insieme?

Giusconobbe:            Proviamo…

Piangono insieme, ma il loro pianto è grottesco, burlesco, sordamente infelice, poi s’interrompono di botto

Giusconobbe:            È inadeguato…

Saturnino:                     Proviamo col riso?

Prova a ridere, ma è peggio del pianto

Saturnino:                     Che le sembra?

Giusconobbe:            E a lei

Saturnino:                     Proviamo di nuovo…

Riprovano, è un riso sforzato, molto prossimo al tentato pianto di prima

Saturnino:                     Lasciamo stare, riproviamo dopo…

Giusconobbe:            Dopo quando.

Saturnino:                     Prima le cose più urgenti…

Giusconobbe:            Cose urgenti

Saturnino:                     Potrebbero esserci

Giusconobbe:            E poi

Saturnino:                     Le risolviamo. Dovremmo intanto inventariare. Questo lo so fare.

Ho lavorato tanto come bibliotecario…

Giusconobbe:            Lo so

Saturnino:                     (avvicinandosi e scrutandolo negli occhi) Come fa a saperlo?


6


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Giusconobbe:

Ha l’occhio attento

Saturnino:

Ed anche computante. Certo lavorare senza elenco.... Se non erro

al  primo  viveva  una  famiglia  da  quattro…  scavando  forse

potremmo…

Giusconobbe:

Via. Scappati via.

Saturnino:

Quando?

Giusconobbe:

Prima del primo allarme.

Saturnino:

Il vecchio della porta accanto…

Giusconobbe:

Morto. Tre anni sette mesi e cinque giorni orsono… dose letale di

disattenzione

Saturnino:

Al terzo, i sei studenti…

Giusconobbe:

Rapiti da una setta di adoratori del Principe Pecunio

Saturnino:

E la vedova del generale?

Giusconobbe:

Suicidata, quattro mesi e due giorni orsono… si è lanciata in un

burraco…

Saturnino:

Ah… al quinto, le tre sorelle…

Giusconobbe:

Dieci anni due mesi e nove giorni ad oggi. Uccise da un

commando di rappresentanti porta a porta

Saturnino:

Questo è il motivo per cui non apro mai…

Giusconobbe:

Calati dal camino…

Saturnino:

Natalizi!

Giusconobbe:

…esasperati.

Nessuno

volle

più

acquistare

il

turbolavalavaspiratore, tampoco le sorelle, per quanto generose.

Prima massacrate e poi turboaspirate. Con copioso rumore.

Saturnino:

… l’ingegnere con la moglie, quella bella coi capelli grandi e gli

occhi lunghi ed il cappello a pandorino…

Giusconobbe:

Ascolta: non c’è nessuno più.

Saturnino:

E noi?

Giusconobbe:

Nessuno

Saturnino:

Non lo avrei detto… crollato tutto, vero?

Giusconobbe:

Quello che vedi.

Saturnino:

Verranno i soccorsi


7


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Giusconobbe:            Non più.

Saturnino:                     Come fai a dirlo?

Giusconobbe:            Fine dei soccorsi.

Satunino:                       Meglio così. Un tempo avrei gridato…

Giusconobbe:            Fa’ sentire come

Saturnino:                     “Aiuto aiuto, siamo ancora vivi!”

Giusconobbe:            Non c’è nessuno

Saturnino:                     Prima gridavi e arrivava qualcuno, qualcuno aiutava… perché

avrebbe dovuto? Eppure lo faceva… altri per fare affari… smonta

vendi  compra  monta…  Ci  sarà  qualcuno  che  controlla  le

catastrofi…

Giusconobbe:            Da me a te, tutti, inconsapevolmente… quasi tutti

Saturnino:                     Come controllore di catastrofi, credo d’essere stato un onesto

disastro

Giusconobbe:            Credi di averle soltanto subìte

Saturnino:                     Mica per questo. Non le ho vedute, però le ho sentite. Intanto che

accadevano,                                                               sentivo  e          immaginavo… senza   la            consistenza

molecolare del veduto, le cose sono chiare. E allora trovi un

tempo per considerarle, per averne…

Giusconobbe:            Cosa

Saturnino:                     Manca parola. Adesso riprovo.

Saturnino riprova il suo pianto, poi desiste, come per uno starnuto andato via

Saturnino:                     Vado a computare i danni. Tu non provvedi?

Giusconobbe:            Incalcolabili e perfetti, a colpo d’occhio. Manca niente.

Saturnino:                     Manca niente, a quanto sembra. Verrebbe da brindare

Saturnino porge un piccolo recipiente a Giusconobbe, che lo prende e lo osserva pensieroso per poi guardarsi intorno.

Saturnino:                     Dimmi che vedi

Giusconobbe:            Malintesi. Aver disposto di una cifra che pure ad acquistare a tutto tempo non si è esaurita mai. Ho speso in ogni modo, prodotto beni d’ogni sorta, volutamente errato investimenti. Vedo niente, se non ricchezze duplicate a mo’ di pianta grassa che a dispetto d’ogni arsura, crebbero refrattarie ad ogni forma di respingimento. Molti beneficiari, resi obesi delle mie ricchezze,


8


Studio perimetrale intorno all’incertezza

mi vollero colmare di raccomandazioni, richieste, spiegazioni. Lì a prodigarsi con ogni specie di riconoscenza o d’irriconoscenza, inchini, prostrazioni. Quante storie inventate sul mio conto. Il potere, che disastro.

Saturnino:                     Non vedo disastro

Giusconobbe:           Avevo solo d’essere libero… e mi trovai sepolto sotto un peso d’opulenza. Ho trascorso buona parte del mio primo tempo a produrre ed erogare beni e la seconda a governarne le loro conseguenze.

Saturnino:                     Imprenditore?

Giusconobbe abbozza appena un sorriso

Saturnino:                     Credo di capire. A me la seconda catastrofe venne incontro a

vent’anni.

Giusconobbe:            E la prima

Saturnino:                     Dimenticata. Ero uscito che non erano due anni dal collegio in

cui ero cresciuto…

Giusconobbe:            Orfano, giusto…

Saturnino:                     … figlio di Nostra Signora…

Giusconobbe:            Signora…

Saturnino:                     Figlio d’ignoti. Tornando da lavoro trovo una lettera di un tal

notaio…

Giusconobbe:            Il testamento

Saturnino:                     Un’eredità. Il mio padre naturale

Giusconobbe:            Non conoscesti…

Saturnino:                     Naturale… si ricordava del figlio abbandonato, al quale destinava

parte dei suoi averi, consistente in libri e denari. I libri a me…

Giusconobbe:            E i denari…

Saturnino:                     A Barattolo. Il cane che accompagnò gli ultimi tempi della sua

vita libera e perfetta. Non poteva lasciare i libri al cane. Di Barattolo, tra l’altro, indicava il testamento me come tutore

Giusconobbe:            Tutore di un cane analfabeta.

Saturnino:                     Barattolo era enorme, forse un incrocio tra razze a me ignote…

irrimediabilmente avido d’affetto, polpette e di un padrone, soprattutto

Giusconobbe:            Anche per lui un padrone


9


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Saturnino:                     Non volevo fare da padrone…

Giusconobbe:            Potevi allontanarlo

Saturnino:                     Provai.

Giusconobbe:            Con esiti

Saturnino:                     Umilianti.     Barattolo    fu     resistente     ad     ogni     forma       di

allontanamento. Le ho escogitate tutte. Polpette al cianuro, gas,

vergate, abluzioni in acqua bollente e il cane lì, sempre a

sorridermi e a leccarmi i piedi

Giusconobbe:            Poi hai risolto

Saturnino:                     Da solo si è risolto. Un giorno è uscito e non è più tornato.

Giusconobbe:            Era maturo il tempo.

Saturnino:                     Mi ci ero affezionato. Sento sete

Giusconobbe:            Provvedi.

Saturnino tramesta tra le macerie e trova un rubinetto

Saturnino:                     Manca l’acqua

Giusconobbe:            Non da adesso

Saturnino, con un bastone recuperato, comincia a picchiettare tutto intorno

Saturnino:                     Mosè picchiò la roccia e sgorgò l’acqua… Mosé picchiava rocce e acqua sgorgava… Credi ai miracoli? Ti racconto di questo sogno miracoloso. Ero davanti ad una scatoletta di sardine, ed aspettavo fiducioso che esse da un momento all’altro potessero risorgere dalla salamoia… aspetto, aspetto… nulla… all’improvviso sento le sardine mormorare, dall’interno vedo aprirle la lattina, con un guizzo balzano fuori e mi dicono stizzite: ma la chiavetta che è sulla scatoletta, non potevi usarla prima? ah benedetto benedetto… C’era bisogno proprio d’attendere un miracolo? Mi sono svegliato e allora ho pensato…

Picchia insistentemente ovunque, prima paziente poi con maggiore veemenza, sotto gli occhi di Giusconobbe che resta immobile ad osservare. Dopo vari tentativi, poggia con garbo il bastone per terra

Saturnino:                     Niente acqua.

Giusconobbe raccoglie il bastone, fa come per picchiare una pietra, poi ci ripensa e desiste

Saturnino:                     Perché non provi?

Giusconobbe:            Non provo


10


Studio perimetrale intorno all’incertezza

II

Passa la Svenditrice, come ambulante in un deserto. Il suo carretto di merci somiglia a una piccola discarica mobile di rifiuti speciali su cui quella che dovrebbe essere la merce è disposta in arditissimi mucchi precari che sembrano essere sul punto di precipitare.

Svenditrice:

Panini souvenir delizie croci cornetti

pizzette

Saturnino:

E lei da dove viene?

Svenditrice:

Dal campo di macerie accanto. Panini souvenir delizie croci

cornetti pizzette

Saturnino:

Ci sono altri sopravvissuti altrove?

Svenditrice:

Panini souvenir delizie croci cornetti

pizzette…

Saturnino:

(a Giusconobbe) Vuoi qualcosa?

Giusconobbe:

Chiedi dell’acqua

Saturnino:

Signora! (alla Svenditrice che sta per andare via) Dell’acqua, per

favore

Svenditrice:

Panini souvenir delizie croci cornetti

pizzette…

Saturnino:

Acqua, per favore!

Svenditrice:

Questa è l’ultima (tirando  fuori  una  piccola  bottiglia). Per me

(beve).

Giusconobbe:

(suggerendo a Saturnino) Gliela pago

Saturnino:

(alla Svenditrice) Gliela paga!

Svenditrice:

Me la paga. Quanto?

Giusconobbe:

(suggerendo a Saturnino) Posseggo molto oro.

Saturnino:

(alla Svenditrice) Possiede molto oro!

Svenditrice:

Anch’io. Non so come investirlo.

Saturnino:

Ci dia un panino allora

Svenditrice:

Per in cambio cosa?

Giusconobbe:

Potrei sposarla, se non ha già un marito

Svenditrice:

Marito?

Saturnino:

Non fruttano…

Giusconobbe:

Potrei difenderla, ed anche ingravidarla


11


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Saturnino:                     (a Giusconobbe) Difenderla da cosa?

Giusconobbe:            Ho molto oro…

Svenditrice:                  Già detto. Altro da offrire?

Saturnino:                     Avrei delle medaglie al valore…

Svenditrice:                  Questo è più interessante… le ha guadagnate lei sul campo?

Saturnino:                     Magari… di guerre combattute con medaglie non ce n’è più da

tempo…

Svenditrice:                  Ne girano parecchie di fasulle

Saturnino:                     Le ha guadagnate un mio antenato

Svenditrice:                  Antenato?

Giusconobbe:            È molto giovane, non può ricordare…

Svenditrice:                  Cosa?

Giusconobbe:            I padri, e i padri dei padri, e i padri dei padri dei padri, e a quelli

davasi il nome di antenati

Svenditrice:                  Conosco il genere… la storia l’ho sfogliata. Panini souvenir

delizie croci cornetti pizzette…

Saturnino:                     Un panino, per favore!

Svenditrice:                  E se dicessi no?

Giusconobbe:            Verrebbe sterminata e depredata del bottino, acqua compresa. La

ceda, ne troverà dell’altra

Svenditrice:                  Sterminarmi? Potrebbe essere un affare

Saturnino:                     Cosa dice, signorina!

Svenditrice:                  Diventerei    innocente   capro    della   disperazione    umana.    Da

operatrice del mercato grigio a vittima della barbarie. Sarebbe un grande salto

Saturnino:                     Signora non salti, offra panino e prenda medaglie… grazie

Svenditrice:                  Per le medaglie potrei cedervi…

Saturnino:                     … panino…

Svenditrice:                   (pesca tra le sue merci) … candele

Saturnino:                     Più utili delle medaglie


12


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Svenditrice:                  Eccole qui, ultimi pezzi. Genuine. Fatte in casa da qualcuno

qualche tempo fa.

Saturnino:                     Puzzano un po’…

Svenditrice:                  Solo impressione…

Saturnino:                     Sarà l’origine della materia prima…

Svenditrice:                  Umana. Candele umane… un buon prodotto

Saturnino:                     Ogni cosa dovrebbe avere un che di umano…

Giusconobbe:            (risoluto) Basta. Dia quel panino.

Saturnino, profittando di un momento di distrazione della Svenditrice, afferra il panino dal carretto e lo addenta famelico

Svenditrice:                  Quante storie… lo prenda e attento a non strozzarsi (accendendo

una candela) Com’è? (riferendosi al panino)

Saturnino:                     Eccellente…

Svenditrice:                  Umano…

Saturnino:                     (continuando a mangiare il panino, lo apre per vedere cosa c’è in

mezzo) che roba è?

Svenditrice:                  Würstel! Di dita di bullo…

Saturnino:                     (con  una  smorfia  di  dolore,  tirando  dalla  bocca  qualcosa)  Ha

dimenticato di togliere gli anelli (porge l’anello alla Svenditrice, chelo afferra e lo intasca, dopo averlo un momento lucidato)

Giusconobbe:            Avrebbe sete. Gli passa l’acqua?

Svenditrice:                  Non se ne parla…

Giusconobbe:            Lei vuole morire. Dica almeno il modo.

Saturnino:                     Sacchetto? (riferendosi a un contenitore dove gettare le carte del

panino)

Svenditrice:                  Magari… (riferendosi a un modo possibile per essere uccisa)

Saturnino va verso Svenditrice per prendere il sacchetto che gli sta porgendo, per gettare i piccoli rifiuti del suo panino. Svenditrice, con gesto repentino e accompagnandosi con le mani di Saturnino, si porta il sacchetto alla testa per ausoffocarsi. Svenditrice viene meno, entrambi precipitano a terra. Saturnino recupera la bottiglia dalle mani di Svenditrice, beve.

Saturnino:                     Adesso che abbiamo bevuto, proviamo a piangere un po’?

Ritenta il suo pianto, ma è ancora più terribile e grottesco di quello di prima. Giunge alle loro spalle Scelòn


13


Studio perimetrale intorno all’incertezza

III

Scelòn:                             Dov’è vostra sorella?

Saturnino non risponde, continua il suo tentativo di pianto

Scelòn:                             Dov’è vostra sorella!

Scelòn scorge la figura di Svenditrice stesa al suolo

Scelòn:                             Scellerati! Che avete fatto!

Giusconobbe:            Sterminata

Scelòn:                             E adesso, resipiscenza?

Saturnino fa di no col capo

Scelòn:                             Perché piangete, allora…

Saturnino:                     Cortesemente… prima di altre domande, potrebbe presentarsi?

Scelòn:                             Non mi riconosceste.

Saturnino:                     Ci siamo già visti?

Scelòn:                             Con    un    piccolo    sforzo    di    fede,    potreste    intuirmi      ed

autofolgorarvi!

Saturnino:                     Non se ne abbia a male,       siamo senz’acqua, dica il suo nome,

grazie.

Scelòn:                             Impronunziabile!

Giusconobbe:            Prenda respiro e dica

Scelòn:                             (prende respiro, sembra che stia per dire il suo nome ma si smarrisce,

come se lo avesse dimenticato ) … e vengo ad annunciarvi che lafine…

Saturnino:                     … il nome?

Scelòn:                             … è vicina!

Saturnino:                     Senta, un po’ di tempo fa passò un suo simile cui non ricordo il

nome… (a Giusconobbe) il nome?

Giusconobbe:            Non ricordo

Saturnino:                     … ricordi che annunciò la fine… te lo ricordi?

Giusconobbe:            Non ricordo

Saturnino:                     …ci fu molto clamore…


14


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Giusconobbe:            Non ricordo

Saturnino:                     Comunque sia… (a Scelòn) il suo consimile annunciò la fine

Scelòn:                             Un impostore…

Saturnino:                     Questo non lo so, ma in ogni caso la fine venne… (a Giusconobbe)

te la ricordi?

Giusconobbe:            Non ricordo

Saturnino:                     Fu terribile?

Giusconobbe:            Non ricordo

Saturnino:                     Quella successiva non fu da meno. A mia memoria, possiamo

conteggiare almeno sette fini…

Scelòn:                             Sette? Tutte annunciate? Sette? Non mi risulta

Saturnino:                     Ho una memoria labile e non vorrei dati inesatti ma più di cinque

quasi certamente, tutte annunciate magari, ma chi vuoi che accolga più le annunciazioni. Ne arrivano decine al giorno…

Scelòn:                             Comunque sia, questa è la fine della fine, definitiva fine

Saturnino:                     Si. Dicono tutti cosi… al lupo al lupo!

Giusconobbe:            Ah! Al lupo!

Scelòn:                             Ah! (leggermente irritato) Agnostici

Giusconobbe:            Prego?

Scelòn:                             Ed anche nichilisti.

Giusconobbe e Saturnino si guardano interrogativi

Scelòn:                             La verità…

Giusconobbe:            Ah ah la verità!

Scelòn:                             Vorrei rispetto, diavolo! Ah! Che diavolo… disperati, schiavi di

parole ormai impotenti!

Giusconobbe:            Non servono giudizi e ancor meno potere (a Saturnino) Giusto?

Saturnino:                     Contrari!

Scelòn:                             Potere? Potere… (ravanando tra le macerie) potere della scienza,

potere del denaro, potere della fede, potere dell’amore, potere della mente, potere del potere…

Giusconobbe:            È una storia malvenuta… lei cosa rappresenta? Di quale potere

vuole renderci partecipi?


15


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Scelòn:                             Celeste?

Giusconobbe:            Celeste, era chiaro. Così confezionato…

Saturnino:                     … possiamo crederla, se vuole…

Scelòn:                             Avevo solo optato per un’iconografia classica rivisitata alla luce

di una sensibilità moderna, posso spogliarmi…

Giusconobbe:            Si spogli

Scelòn si spoglia

Scelòn:                             Sono lo stesso di prima. Non è cambiato niente

Giusconobbe:            L’eterno ritorno del niente.

Saturnino:                     È una frase vaga, questa

Giusconobbe:            Non più di ogni altra. O vuoi che s’incominci all’improvviso ad

essere ficcanti? Anche quello è un potere

Saturnino:                     No no

Scelòn:                             Avrei un po’ di freddo. Mi rivesto?

Saturnino:                     Si rivesta. (a Giusconobbe) Celeste. Eppure ha freddo

Scelòn:                             Umano… è in quest’umanità che rivelai il celeste

Saturnino:                     Ri-vela… velarlo una seconda volta, intende?          Ci riveli, per

favore

Scelòn:                             A che pro? Siete agnostici…

Saturnino:                     Proponga un numero!

Scelòn:                             Potrei resuscitare questa donna… un po’ di pneuma ancora lo

possiedo

Giusconobbe:            Che aspetta?

Scelòn si avvicina alla donna (Svenditrice), compie una sorta di respirazione bocca a bocca. Svenditrice si riprende

Saturnino:                     Molto bene, grazie. Sono certo che la donna fosse veramente morta

Svenditrice:  (risollevandosi e ridendo) Ero morta, ero morta davvero…

Saturnino:                     Non è una compare?

Giusconobbe:             (a Scelòn) Va bene, risorta. E adesso


16


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Saturnino:                     Vivrà in eterno, adesso?

Scelòn:                             Adesso non precipitiamo. Potrebbe, prima però un cammino…

Giusconobbe:            (interrompendolo) … di ricongiungimento… signorina, lei cosa

dice

Svenditrice:                  Di cosa?

Saturnino:                     A che serve…

Giusconobbe:            Vivere in eterno

Svenditrice:                  Panini souvenir delizie croci cornetti pizzette… (viene meno)

Saturnino:                     È svenuta…

Giusconobbe:            Morta di nuovo.

Saturnino:                     Sei certo? (tastandole il polso)

Saturnino e Giusconobbe guardano Scelòn con sguardo quasi di rimprovero. Scelòn sorride imbarazzato

Scelòn:                             Posso…

Saturnino:                     Lasci stare, va bene così.

Giusconobbe:            Altro da aggiungere?

Scelòn:                             No… della fine ho detto…

Saturnino:                     Preso nota…

Scelòn:                             Allora andrei…

Scelòn esce via trascinando il corpo della donna, poi rientra per riprendere il suo carretto, Saturnino lo richiama

Saturnino:                     Mi scusi…

Scelòn:                             Redento?

Saturnino:                     Per completezza d’informazione… per quando è prevista questa

nuova fine?

Scelòn:                             Il giorno e l’ora esatta intende?

Saturnino:                     Indicativamente…

Scelòn:                             Sarà sorpresa inaspettata! Questa è la fine della fine… Pentitevi,

fintanto che ne avrete il tempo. Non aspettate.

Scelòn esce


17


Studio perimetrale intorno all’incertezza

IV

(tra sé) Pentitevi, fintanto che ne avrete il tempo. Non aspettate.

Saturnino:

Pèntitevi fintantò cheneavrè te il tèm…po… nonaspè… ttatè …

pènti tèvi fin tantòche neàvre tetetè il tem popò… nònas…

nònas… pèpèpèpè… tthà… thèeee

Giusconobbe:

Dimmi che vedi

Saturnino:

Esploro il timbro di tante ti tutte concentrate in un solo detto…

questo è tutto…

Giusconobbe:

Tu stai tentando…

Saturnino:

No no… cosa?

Giusconobbe:

(rimproverante) Anche questo è potere, lo sai?

Saturnino:

Non era intenzionale

Giusconobbe:

Se vuoi ripristinare una qualsiasi specie di potere sono pronto,

possiamo incominciare anche da adesso, da me e da te, ad

esempio, pronti a polemizzare…

Saturnino:

Ma no…

Giusconobbe:

(incalzando) Su una qualsiasi questione a te la scelta, i motivi di

conflitto l’uno vale l’altro…

Saturnino:

Dico di no…

Giusconobbe:

Chi sei tu! Potremmo cominciare a dire…

Saturnino:

sono…

Giusconobbe:

… e io, chi sono, io!

Saturnino:

Tu chi sei?

Giusconobbe:

L’ho già detto! E questo è tuo e questo è mio! (raccogliendo degli

oggetti personali che inserisce in un sacco)

Saturnino:

Per favore

Giusconobbe:

O anche da vecchie gelosie per patti immantenuti…

Saturnino:

Patti?

Giusconobbe:

… da recriminazioni razziali

Saturnino:

Ti prego…

Giusconobbe:

… dai credo, dai grandi ideali

Saturnino:

Piangiamo un poco insieme?


18


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Giusconobbe:            (dopo un attimo di incertezza) E sia.

Riprovano a piangere, ma il loro pianto è davvero imbarazzante. Si fermano, restano per un po’ in silenzio. Giusconobbe gioca con le mani disegnando nel vuoto figure, Saturnino si guarda intorno, alla ricerca di un qualcosa su cui cimentarsi. Entra Scelòn

V

Perché indugiate?

Scelòn:

Saturnino:

Non stiamo indugiando

Scelòn:

No?

Saturnino:

Facciamo.

Scelòn:

Cosa?

Saturnino:

Facciamo.

Scelòn:

Si può anche finire male facendo senza un cosa, un perché o un

percome

Saturnino:

Facciamo.

Scelòn:

Stirpe di canarini… sarete cibo per insetti!

Saturnino:

Insomma, può dirci come possiamo esserle utili?

Scelòn:

Cerco tre giusti…

Saturnino:

Giusti per cosa?

Scelòn:

Per scongiurare il rischio che tutto sia distrutto…

Saturnino:

È già distrutto tutto

Scelòn:

(guardandosi intorno) Qualcosa ancora in piedi la si può sempre

scovare negli angoli nascosti. E voi, quand’anche foste giusti…

siete soltanto in due…

Saturnino:

Prima molti di più eravamo, ma è crollato lo stesso tutto.

Scelòn:

Ne basterebbe anche uno solo, in verità. Di giusto.

Saturnino:

È giusto, è giusto (tra sé) giusto per cosa?

Saturnino riprende a riassettare le macerie. Scelòn, dopo un momento di silenzio, incalza di nuovo

Scelòn:                             Nuvole nere incombono sui vostri passi. Non ci si può fermare, andate avanti, prima che giunga il falso salvatore e già si sente in lontananza il coro delle sue voci querule e mielose. In nome del bene vostro vi irretiranno per poi scaraventarvi in fondo alle


19


Studio perimetrale intorno all’incertezza

miniere loro. Non lasciatevi ghermire dalle vocine sue, vi trascineranno nel più ottuso torpore

Giusconobbe:            (raccogliendo una scarpa) Sei arrivato tardi…

Scelòn:                             (a Saturnino) È già passato?

Saturnino:                     Chi?

Scelòn:                             Il falso salvatore… Ne arriveranno altri e vi prometteranno

salvezza e soluzioni!

Saturnino:                     Siamo qui,  siamo  qui,  ma non  abbiamo  bisogno  di  niente,

grazie… ci accingevamo a un lavoretto…

Scelòn:                             Pensate davvero di non avere bisogno di niente?

Saturnino:                     Un po’ d’acqua, magari

Scelòn:                             Acqua? Avrei qui per voi la scopa messianica

Saturnino:                     Acqua…

Scelòn:                             Acqua, acqua, acqua… presto ne avrete talmente tanta che vi ci

annegherete dentro!

Saturnino:                     Siamo qui, siamo qui…

Scelòn:                             Volete che vi renda edotti circa la costruzione di un’arca garantita

e certificata?

Saturnino:                     Eravamo intenti ad altro a dire il vero. Magari una prossima

Scelòn:                             Non ci sarà una prossima

Saturnino:                     E allora un’altra prossima

Scelòn:                             Sono risuonatore della voce celeste e non intendo farne unguento

per le lusinghe vostre!

Saturnino:                     Senta…  possiamo  chiudere  il  discorso?  Non  se  la  prenda,

abbiamo da fare

Giusconobbe:            Non abbiamo da fare!

Saturnino:                     Allora solo abbiamo

Giusconobbe:            Non abbiamo!

Saturnino:                     Allora… uhm!

Scelòn:                             Uhm! Uhm non è un buon segno… troppo fiacchi per quasiasi

cosa. Mai più s’inombri la luce!

Saturnino:                     Che ha detto?


20


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Giusconobbe:            Mai più s’inombri la luce

Saturnino:                     Vuol dire qualcosa?

Scelòn:                             Pensate forse di meritare parole che possano ancora significare?

Scelòn esce. Saturnino prova nuovamente il suo pianto, con esiti analoghi ai precedenti tentativi.

VI

Non funziona. Magari non è il momento… poi tornerà, bisogna

Saturnino:

aspettare

Giusconobbe:

Chi

Saturnino:

Il pianto… bisogna aspettare

Giusconobbe:

Non c’è niente da aspettare. (raccogliendo  delle  scarpe  tra  le

macerie e gettandole nel sacco) Malintesi. Persino il vuoto divenne

commedia… non era questo. Non era questo.

Saturnino:

Potremmo scrivere un’altra commedia? Riscrivere, magari

Giusconobbe:

Serve a qualcosa?

Saturnino:

No.

Giusconobbe:

Procedi allora.

Saturnino:

Da dove si comincia?

VII

Entra Scelòn

Scelòn:

In medias res! Voglio darvi buoni esempi…

Saturnino:

Gentile, ma di cosa?

Entra la Svenditrice col suo carretto ambulante, che si trasforma in un piccolo carro per spettacoli ambulanti. Rapidamente, lei e Scelòn indossano nuovi costumi per iniziare la loro irrappresentabile commedia, come guitti da Commedia dell’Arte. I modi e i toni sembrano quelli di una scena amorosa, con tanto di litigi e riconciliazioni. Saturnino e Giusconobbe, l’uno accanto all’altro, prendono posto da spettatori.

Scelòn:                             Io so che tu m’inganni

Svenditrice:                  Come?

Scelòn:                             Lo sai

Svenditrice:                  Non so


21


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Scelòn:                             Per questo lo fai, non sai

Svenditrice:                  Lo so

Scelòn:                             La verità è che questo mondo è morto, i valori che l’hanno

strascinato fino a questo luogo, attengono a un passato che non

potrà mai più tornare. Possiamo ripercorrere la strada e ricondurla

più lontano?

Svenditrice:                  Accendere!

Scelòn:                             Il fornaio accende la legna. Solo attraverso una nuova nascita.

Svenditrice:                  Se ne avessimo consapevolezza spenderemmo gloriosamente,

pagando di persona, invece di farlo nel modo approssimato dei nostri genitori.

Scelòn:                             E allora vedrò il cielo, e un grande telo scendere da esso, nel

quale vi saranno ogni costellazione, e ogni specie d’animale, fiere, rettili, volatili; e una voce dirà…

Svenditrice:                  Inverno!

Scelòn:                             È fatto di neve!

Svenditrice:                  Padre!

Scelòn:                             Una volta mi gettò dalle scale!

Svenditrice:                  In mezzo, sfumature infinite, dalle sabbie paludose al lancio di

una freccia verso il sole, passando per la saltacavallina.

Scelòn:                             Vogliamo il ritiro delle truppe, l’abolizione dell’ingiustizia, un

salario equo e solidale per tutti: vogliamo un uomo forte che

gestisca  tutto  con  risolutezza!  Vogliamo  un  re!  Vogliamo

democrazia! Vogliamo la pizza!

Svenditrice:                  E Pietro?

Scelòn:                             Cantò tre volte! Il suffragio, come il diluvio, sarà universale

Svenditrice:                  Fai senza sapere ciò che fai e se non sai quello che fai, non puoi

decidere se fare o non…

Scelòn:                             Ofelia!

Svenditrice:                  Non più!

Scelòn:                             Ofelia t’amo ancora

Svenditrice:                  Nel complesso i dispendi improduttivi, una volta divisi, persero

di gloria! Giulebbe sono… e il lusso è squilibrato.

Scelòn:                             Posso animare rettili di bronzo, far divertire i morti, discutere coi


22


Studio perimetrale intorno all’incertezza

cani e averla vinta. Posso marciare su nuvole di gas e strisce di

mercurio, forare le montagne, mostrarmi imberbe o saggio, tigre

o anoplùro, rapire il tuo aspetto o conferirti il mio, montare un

dardo e correre al galoppo!

Svenditrice:                  Cosa resta, di una verità che si espande, si ritrae e riplasma

continuamente?

Scelòn:                             Taci! Solo colui che sa può amare perché se ne ha bisogno, vuol

dire che non l’ha dunque non lo può dare.

Svenditrice:                  Ma tu lo sai, che non mi hai amato mai

Scelòn:                             T’avrei amato se non m’avessi condannato

Svenditrice:                  Ofelia, uccidimi!

Scelòn:                             Perché?

Svenditrice:                  Sarò amabile, da morto!

Scelòn:                             Copriti, fa fresco

Svenditrice:                  Non spingere il nemico alla disperazione, gli accresce le forze e il

coraggio, aguzza l’ottuso intelletto e non c’è modo più sciatto per sottrarlo all’umiliazione!

Scelòn:                             Pietà certo che si! Pietà per te tapino che non ami e per questo

non sei amato

Svenditrice:                  Dobbiamo dilapidare, risolutamente. Nel nostro accecamento,

questi eccessi ingombranti hanno dilapidato noi più di quanto non sapemmo fare noi con essi!

Scelòn:                             Ofelia, non hai pietà!

Svenditrice:                  Vivere senza volere, malgrado la vita, viva la libertà, direi

Scelòn:                             Nemmeno

Svenditrice:                  Avrei lottato per il trionfo di verità e giustizia! Se solo mi fosse

stato chiaro di cosa si parlasse

Scelòn:                             Grato alla legge che affligge i nostri corpi, tu meriti soltanto di

campare. Addio!

Svenditrice:                  È evidente che la legge dei fatti, come ogni legge, non deve

spiegazioni. Non si tratta di capire. Solo obbedire, o violare

Scelòn:                             Dichiaro fermamente sdegno e ricondanno l’atto di barbarie e

tìppete e tàppete!

Svenditrice:                  Misero, pietà certo che si!

Scelòn:                             Ma se questo dovesse succedere saremmo di fronte a un nuovo


23


Studio perimetrale intorno all’incertezza

virus contro il quale i rimedi esistenti potrebbero non essere efficaci.

Svenditrice:                  Perché non vuoi cavar profitto da un branco di conigli?

Scelòn:                             Qui si allude alla dottrina di Empedocle

Svenditrice:                  Perché un agglomerato troppo numeroso porta al disastro!

Scelòn:                             Discordia d’elementi genera l'odio: venendo a mancare il quale

per opera dell'eros, gli elementi si aggregano tra loro generando il caos. Ofelia!

Svenditrice:                  Non più!

Scelòn:                             Distruggi i simulacri! Prega, digiuna, mortifica, piangi! Niente

scienza o conoscenza! Vuoi una mela?

Svenditrice:                  Ofelia t’amo ancora. E il processo, dice Jacques, è sempre in

negativo

Scelòn:                             Quanti di loro si sono domandati cosa andava fatto se qualcosa

non fosse andato per il verso giusto? E tu, donna, perché non li hai fermati? Avresti dovuto occluderne la perpetrazione!

Svenditrice:                  Prega a bocca chiusa, a che il respiro non appanni il pensiero

Scelòn:                             Non sono un vivente e quand’anche lo fossi, non me ne cale

niente

Svenditrice:                  (dopo una pausa alquanto lunga) Non c’è più tragedia. L’abbiamo

divorata, tutta tutta

Scelòn:                             (c.s.) Di quale bulimia noi ci appestammo?

Svenditrice:                  (riprendendo un ritmo sostenuto) Ognuno incatenato alla sua parte,

che il caso ha destinato, senza allegarne gloria o colpa.

Scelòn:                             Meglio per lui. L’uomo libero da ogni desiderio e paura, trae la

vita lieto e gode per quel che di natura puote!

Svenditrice:                  Non godo

Scelòn:                             Vengano a me i coperti di fango e sangue

Svenditrice:                  Non godo!

Interrompe di botto Giusconobbe

Giusconobbe:            Basta!

Scelòn:                             (come un “a parte” ) Il mio padrone ha scritto strofe assai graziose che testimoniano bontà e innocenza, intenti puri e senso d’umorismo. Il mio padrone è portaotre d’acqua!


24


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Saturnino:                     Ripeti?

Scelòn:                             Il mio padrone è portatore d’acqua!

Saturnino:                     Portaotre preferisco.

Svenditrice:                  Ofelia!

Scelòn:                             Non ora!

Saturnino:                     Allora mai più

Saturnino applaude, Giusconobbe no. Nel silenzio, Scelòn e Svenditrice smontano la baracca ed escono di scena. Saturnino riprende a parlare.

Saturnino:                     Dovremmo ritornare sulla terra

Giusconobbe:            Siamo già sulla terra

Saturnino:                     Alla terra, alla terra

Giusconobbe:            Coltivarla

Saturnino:                     Cos’altro?

Giusconobbe:            Coltivare la terra.

Saturnino:                     Potremmo informarci. Non so da chi ma…

IX

Scelòn, vestito da vecchio gentiluomo di campagna si fa avanti

Scelòn:                             Dunque se mi è consentito, vi fornirò alcuni suggerimenti circa il

trattamento del foraggio. Cominciamo subito: uno! si rivolti

l’erba a terra senza sparpaglio; due! vadano i covoni concepiti a

cono;  tre!  si  fissino  i  fastelli  repentinamente  in  loco,  poi

ammucchiati a dieci per volta

Saturnino:                     A dieci?

Scelòn:                             A undici, ad otto… trattasi di numero stocastico. Quanto al

rastrellatore   inglese,   su   un   terreno   del   genere   non   frutta.

L’alternativa sarebbe l’innesto di prati artificiali (tira fuori dalla

sua  bisaccia  un   pratino   sintetico).   Questo   almeno   mi     pare

incontestabile

Saturnino:                     Incontestabile.

Scelòn:                             Per le coltivazioni, suggerirei dei cantalupi. Ed ora, se permettete,

vorrei mostrarvi le delizie del vivere bucolico. Cominciamo con

la  mietitura.  Notino  lorsignori  il  ritmico  lavorìo  dei  dodici

mietitori,  lì  sulla  vostra  destra  che  a  dorso  nudo  e  gambe


25


Studio perimetrale intorno all’incertezza

divaricate, falciano la segale. Sentite il sibilìo di lame che oscillano tracciando semicerchi d’eleganza rara

Giusconobbe sembra imitare i movimenti dei mietitori

Scelòn:

Notate  in  fondo  il  gregge,  la  grazia  del  suo  brucare  e  in

contrappunto lo sferruzzare del pastore intento alla sua calza con

il cammello accanto. E quel fienile, non è una cattedrale? E questi

polli che beccano il granone, non sono uno splendore? E gli orci

sui graticci, gli uni di fila agli altri, turgidi di latte, la schiuma

debordante, e i buoi col ticchettìo di corna… puledri... conigli…

pavoni, perché no… poi suona il campanello della cena, e al

desco, tutti, un pasto saggio di legumi, un pezzo di formaggio e

pane, un po’ di vino… e a letto. Doman si ricomincia

Saturnino:

Rivelante. Ma se deve arrivare la fine…

Scelòn:

Aspettate la fine?

Giusconobbe:

Non aspettiamo niente.

Scelòn:

Come vi piace… L’agghiacciamento dei cuori andrà di pari passo

col surriscaldamento della terra!

Scelòn esce

VIII

Quand’anche volessi, da dove ricominciare?

Giusconobbe:

Saturnino:

Dovremmo procurarci degli attrezzi

Giusconobbe:

Ci sono

Saturnino:

Ci vorrebbero sementi

Giusconobbe:

Ci sono…

Saturnino:

… quattro cavalli…

Giusconobbe:

Ci sono

Saturnino:

… dodici mucche

Giusconobbe:

… ci sono…

Saturnino:

sei maiali, pecore centoventi

Giusconobbe:

(tirando fuori da alcune scatole oggetti che nulla hanno a che vedere

con quelli menzionati) ci sono…

Saturnino:

Non fai mancare niente…

Giusconobbe:

Non è un merito

Saturnino:

L’acqua… scavando la troviamo! E se è inquinata?


26


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Giusconobbe:            La purifichiamo

Saturnino:                     Purifichiamo! Quanto tempo ci vorrà?

Giusconobbe:            Cosa cambia

Saturnino:                     E se non bastasse?

Giusconobbe lo guarda severo

Saturnino:                     Va bene va bene (comincia  a  lavorare) Con calma e senza

bramosia di terminare.

Giusconobbe:            Senza bramosia.

Di buona lena, iniziano a predisporre gli attrezzi, a fare spazio. Giusconobbe lento, quasi solenne, Saturnino di buon buzzo. A un tratto Saturnino si ferma per ascugarsi il sudore

Saturnino:                     Avrei sete

Giusconobbe:            Se ti agiti in quel modo...

Saturnino:                     Piovesse  almeno…  dovremmo  forse  dedicarci  ad  un’attività

meno defatigante    (riprende a muoversi alquanto esagitatamente)

Misurare!

Giusconobbe:            Non smisi mai di dirlo in ogni modo.

Saturnino:                     Forse non sono state prese le misure giuste

IX

Scelòn entra improvviso, scompigliando le macerie che Saturnino ha iniziato a ridisporre, seguito dalla Svenditrice che ha una cesta in testa

Scelòn:                             Badate: in qual misura misurate, sarete misurati.

Escono così come sono entrati

Saturnino:                     Intendo dire le misure delle cose che vanno misurate. È stato

misurato tutto? Qualcosa può essere sfuggito?

Giusconobbe:            Lo escludo (raccogliendo un’altra scarpa)

Saturnino:                     Allora smisuriamo. Hai un metro?

Giusconobbe:            (lanciando un oggetto che non è una bilancia) Bilancia. Senza pesi.

Saturnino:                     Meglio…

Giusconobbe:            (c.s.) … e uno sfigmomanometro

Saturnino:                     Da’ qui…


27


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Giusconobbe:            (c.s.) … e un gonfiatore…

Saturnino:                     può servire…

Giusconobbe:            … rotto…

Saturnino:                     Allora… (inizia a prendere “smisure” tutt’intorno e di ogni cosa gli

capiti a tiro, sotto gli occhi di Giusconobbe, che continua a raccogliere

oggetti e scarpe da inserire nel sacco) Una volta ricondotte a nuove

cifre…

Giusconobbe:            (lancia  violento  un  oggetto,  Saturnino  cade)  Stai  tentando  di

nuovo…

Saturnino:                     (rialzandosi) Perché fai questo?

Giusconobbe:            Non controllare.

Saturnino:                     Non volevo controllare. Intendevo procedere a tentoni, provare,

riuscire, fallire, cambiare, magari quello che andrebbe lasciato e

lasciare  quello  che  andrebbe  cambiato,  sconclusionare.  Fare

sacrifici, smisurati…

Giusconobbe:            Per ottenere

Saturnino:                     Nulla. Dilapidare, che dici?

Giusconobbe:            Quello ch’ebbi da dire l’ho detto. Fui malinteso. Adesso ascolto.

Saturnino:                     Non ho urgenza di parlare.

Saturnino riprende con pazienza a ricomporre macerie, cercando corrispondenze per possibili combinazioni tra le cose che, di volta in volta, gli capitano tra le mani. Giusconobbe lo osserva, sembra ogni tanto suggerirgli, con piccoli gesti, possibili disposizioni. Saturnino qualche volta accoglie il suggerimento, qualche altra no. Il luogo assume quasi un che di piacevole.

Saturnino:                     Potremmo fondare una nuova città

Giusconobbe:            E chiamarla poi?

Saturnino:                     Non chiamarla. Una città priva di nomi propri… dove tutti gli

uomini si chiamano “uomini”, le donne “donne”, i bambini “bambini”. Dove il mercato si chiama…

Giusconobbe:            “mercato”

Saturnino:                     e trovi strade chiamate…

Giusconobbe:            “strade”

Saturnino:                     proprio     così…     non    che     siano     tutti    uguali,     anzi.     Li

differenzierebbero le qualità, non certo i nomi, qualità che in

nome della gentilezza nessuno dichiara, le si riconosce, per quello

che sono. Una città dove se vuoi destare basta dire: “Ehi,

bambino” oppure “ehi, uomo!”, “ehi donna!” a seconda dei casi,


28


Studio perimetrale intorno all’incertezza

e tutti i bambini o gli uomini o le donne presenti in quel momento risponderebbero. Una città dove lo scambio d’indirizzi avviene per pazienti, quasi impercettibili rappresentazioni in cui ciascuno si cimenterebbe volenterosamente, sicchè persino dare un indirizzo diventerebbe un’arte, che richiede tempo, ma i cittadini della città de-nominata non saprebbero cos’è il tempo reale, e proprio per questo, forse, il loro tempo sarebbe… reale, o almeno principesco. Ho nostalgia di questa città.

X

Entra la Svenditrice

Svenditrice:                  Che aria fresca c’è qui! Finalmente si respira. Lì fuori si sbranano in grasse negoziazioni. Mangiano, s’ubriacano e poi vomitano ovunque, s’ingroppano a vicenda, una vera festaccia d’inizio millennio

Saturnino:                     (porgendole una scrannetta) Si riposi

Irrompe Scelòn a distruggere la serenità del momento

Scelòn:                             Al suo arrivo la terra tutta fiorirà come campo di girasoli, e gli

occhi dei ciechi vedranno e le orecchie dei sordi si stureranno. I neonati condurranno i leoni per la criniera

Saturnino:                     Il nostro pneumatoforo… dico bene? Passa di qui ogni tanto,

porta un po’ di voce e poi va via

Scelòn:                             … e vengo ad annunciarvi che la fine…

Svenditrice:                  Da dov’è che viene?

Scelòn:                             Dai cieli del deserto, dove mi nutro di nuvole

Svenditrice:                  Nel deserto non ci sono nuvole

Scelòn:                             Poche. Mangio poco.

Svenditrice:                  A vederlo così non si direbbe ma lui… eh? Quante apparizioni ha

al suo attivo?

Saturnino:                     Adesso non saprei…

Svenditrice:                  E cosa dice, cosa?

Saturnino:                     Cose spaventose dice, a volte

Scelòn:                             … e vengo ad annunciarvi

Svenditrice:                  (guardando le mani di Scelòn che continuano ad agitarsi) Ma che

belle manine… come colombelle pronte a volare… farfalline farfalline


29


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Saturnino:                     E la tromba… sapesse che tromba… fa’ un po’ vedere, suona

suona…

Scelòn suona

Scelòn:                             È giunto il Figlio dell’uomo!

Svenditrice:                  Perché grida in questo modo?

Scelòn:                             Non rallegratevi se la verga di chi vi batteva è stata spezzata! Dal

suo mozzo sortirà un basilisco che sbranerà gli uccelli!

Svenditrice:                  Poveri uccelli…

Scelòn:                             Dov’è quello la cui coppa d’abominio è ormai colma? Dove

quello che un giorno morirà in vesti d’argento davanti a tutto il

popolo? Che giunga, affinché taccia le folle e ascolti le voci

sommesse dei virgulti…

Svenditrice:                  Di che parla?

Saturnino:                     Lo domandi a lui

Scelòn:                             (alla Svenditrice, che intanto gli si è avvicinato) Indietro, figlia di

madre  inattesa,  ripugnante  simulacro  di  cispa  che  illubricò

l’occhio del mondo. Il clamore dei vostri sconci è giunto fino alle

orecchie di colui che sorride… cadranno fave lorde quanto massi

sui vostri tetti e il timbro tenace della corda divina scuoterà col

suo  vibrare  le  vostre  acque  salmastre  e  pantegane  voraci

divoreranno le scorie che impunemente avete accumulato!

Svenditrice:                  (a Saturnino) Perché fa così?

Scelòn esce facendo ancora squillare la tromba. La Svenditrice lo segue quasi per fermarlo.

Saturnino  riprende  paziente  il  suo  lavoro  d’improbabile  ricomposizione  delle  macerie.

Giusconobbe continua a raccogliere scarpe da inserire nel sacco.

XI

Si dice che ovunque sia armonia. Ma anche che tutto sia pura

Saturnino:

entropia… assioma e controassioma. Si dice che ci siano schiavi

e padroni, ma anche che gli uni prima o poi si mutino negli

altri…

Giusconobbe:

Malintesi (raccoglie un’altra scarpa)

Saturnino:

Oltre agli assiomi, andrebbero smontati i controassiomi. Messi

insieme fanno una bella prigione. Prima di ricostruire qualsiasi

città, sarebbe necessario risalire all’assioma degli assiomi

Giusconobbe:

Vallo a cercare.

Saturnino:

Avrei sete.

Giusconobbe non gli dà corda


30


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Saturnino:                     Possibile assioma numero uno: per far fronte alla catastrofe è

necessario                                                                     che     essa,     quando            giunge,            non      trovi                                                                                     nulla    da

catastrofare.  Magari  spezzeremmo  la  catena  di  catastrofi  e

saremmo liberi!

Giusconobbe:            Liberi. Da cosa

Saturnino:                     Non  lo  so.  Dal  pensare  progetti,  forse.  Più  che  progetti,

basterebbero getti

Giusconobbe:            Di cosa

Saturnino:                     Di pietre, di dardi, di dadi, di quello che più aggrada… di sputi!

Che dici?

Giusconobbe:            Non dico

Giusconobbe:            Di sputi! Non dìspute ma sputi (sputacchia)

Giusconobbe lo guarda e lo imita. Adesso sono entrambi a sputacchiare, prima lentamente, come in un gioco ritmico che diviene sempre più frenetico, un gioco orgasmico e imbarazzantemente infantile, ma fatto con grande serietà.

XII

Scelòn appare improvvisamente con la sua tromba

Scelòn:                             Sputate finché sputo non vi sommergerà!

Riprendono tutti a sputacchiare, Scelòn compreso. Entra la Svenditrice col suo carretto

Svenditrice:                  (come ad annunziare le sue merci) La fonte del fallo… la fonte del fallo… torri, zucchine, ceri, piramidi, menhir, gambe di tavoli, travi, batacchi per campane, pennoni, campanili, penne, lampioni… falli per tutti…

Scelòn:                             Fallo per me… (la Svenditrice porge un pezzo di maceria a Scelòn)

Svenditrice:                  (Avvicinandosi a Saturnino, porgendogli un altro pezzo) Fallo per te…

Scelòn e Saturnino giocano tra loro a scherma usando gli oggetti che la Svenditrice ha loro dato, intanto Giusconobbe continua a sputacchiare dall’alto delle macerie

Svenditrice:                  (rivolgendosi a Saturnino e a Scelòn che continuano a duellare) A cosa rassomigliano?

Saturnino/Scelòn:  Fallo fallo

Saturnino e Scelòn giocano in un improbabile combattimento, sotto gli occhi di Saturnino, immobile. La Svenditrice rimette ordine tra le merci del suo carretto


31


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Svenditrice:                  Falli d’ogni specie! Ed anche un’ampia gamma di vulve, qui non si scherza… Scarpe, guanti, foderi di spade, e poi canali e chitarrine, serrature, scatole! Scatole… vuote perlopiù, riempite a caso e senza onore

Su quest’ultima parola la scena si congela, anche Giusconobbe smette di sputacchiare dall’alto delle rovine

Svenditrice:                  Circonfusi tra vulve e falli in maschera!

Scelòn:                            Ne resterete ammaliati

Svenditrice:                 (a Saturnino e Giusconobbe) Serve qualcosa?

Saturnino:                     Grazie no. Un po’ d’acqua e già conosco la risposta

La Svenditrice comincia a gridare, come ad emulare le voci e i pianti delle prèfiche, o quelle di un corteo di protesta, rivolgendosi verso Giusconobbe

Saturnino:                     Cosa fa?

Svenditrice:                  Scarico voci pietose raccolte qui nella discarica accanto. Ce ne

son troppe altrove, bisogna bilanciare, qui si gioca, lì si muore

Saturnino:                     Anche qui, se è per questo…

Svenditrice:                  Volete  scherzare?  Scherzate  pure  (sta  per  uscire,  indugia  un

momento ) Vi è andata bene. Quello che è duraturo non producescambio e rigenerazione… è sano il principio di ogni catastrofe.

Esce la Svenditrice, Scelòn le danza con la spada intorno per un po’, poi si ferma ad osservare

idue rimasti in scena. Saturnino riprende a ricomporre la scena pazientemente, con le macerie nuovamente scombussolate dal passaggio di Scelòn e Svenditrice.

XIII

Mi  meraviglio  che  passiate  da  un  tracciato  all’altro  senza

Scelòn:

approfondirne alcuno… dicono che trascuriate un po’ la storia…

Giusconobbe:

La storia…

Scelòn:

Che cosa le rimproverate, signore?

Giusconobbe:

Di quale storia parli…

Saturnino:

Ciascuno racconti la sua e d’ufficio si dia ascolto a tutte. Anche

alle più bislacche. Anche a quelle che sembrano non raccontare

nulla. Quanto a noi, potremmo limitarci ad ascoltare, oppure

tentare una storia universale del fallo

Scelòn:

Continuate pure a vendicarvi

Saturnino:

Non  abbiamo  nulla  da  vendicarci.  Intendevo…  una  storia

concepita come graduale manifestazione di un grande fallo al

servizio di una causa o un fine, di una religione, una nazione, un


32


Studio perimetrale intorno all’incertezza

partito, un sistema, di un’identità… identità, ecco, mi sa che è

questo   l’assioma    degli    assiomi.    Quante   catastrofi    bisogna

computare sotto la voce “identità”? Però se chiedi a qualcuno

“cosa significa identità?”

Scelòn esce

Saturnino:                     … nessuno risponde. Non in maniera chiara, intendo. Prendendo

tutti   i   libri   sull’argomento,    esaurite   le   fonti,   analizzate    e

condensate in un distillato… dell’assioma identità non resta

niente. Una storia universale della stupidità, per contro, mi

sembra più abbordabile.

Giusconobbe:            Serve a qualcosa?

Saturnino:                     Direi di no

Giusconobbe:            Allora procedi. Senza sudare

XIV

Entra la Svenditrice cantando una sorta di marcetta, seguita da Scelòn che sembra volerla afferrare, mentre lei gira intorno al suo carretto

Svenditrice:                  Mangiaste, beveste, compraste, vendeste, piantaste, muraste…

Scelòn:                             Ti pentirai!

Svenditrice:                  … poi piovve fuoco e zolfo, periste, di nuovo nasceste e allora…

Scelòn:                             Tu Gemerai!

Svenditrice:                  mangiaste, beveste, compraste, vendeste, piantaste, muraste…

Scelòn:                             Ti tormenterai!

Svenditrice:                  … poi piovve fuoco e zolfo, periste, di nuovo nasceste e allora

mangià-stèbevé-stècomprà-stèvendé-stèpiantà-stèmurà-sté-sté-sté-sté-sté

Scelòn:                             (in simultanea con la battuta della Svenditrice) Tipènti-ràitormènte-

ràitugeme-rài-rài-rài-rài-rài

Saturnino:                     Quante staffilate alle orecchie! Vi prego, meno volume

Svenditrice:                  (a Scelòn, che finalmente l’ha raggiunta ed acciuffata) Se davvero è

stato un dio a fare questo mondo, non gradirei punto somigliargli.

Un dio che lancia fave lorde come massi sulle teste della gente,

insomma… a sorte per giunta…

Scelòn:                             E se non fosse a sorte?

Svenditrice:                  Potrei fare le cose più orrende e fornirle tutte le argomentazioni

di questo mondo!


33


Scelòn: Svenditrice: Scelòn: Svenditrice: Scelòn: Svenditrice: Scelòn: Svenditrice: Scelòn:

Scelòn:

Svenditrice:

Studio perimetrale intorno all’incertezza

Giusconobbe:            Lei non è dio!

Svenditrice:                  Possiamo dirlo con certezza?

Giusconobbe:            Direi non so!

Svenditrice:                  Dirò di più: si stava ventilando l’ipotesi di un nuovissimo manifesto. Può dare un contributo? (A Saturnino) Lei, signore, può dare un contributo?

Saturnino si tasta addosso, si guarda attorno per cercare “un contributo”che non trova.

Signori! Risulta evidente che siete nel pieno di una crisi di fiducia…

(prendendo nota su un foglio, a mo’ di nota per la spesa) Fiducia, segniamo fiducia…

… dell’umanità.

Umanità…

(alla Svenditrice) segna… in luogo della ragione…

Uh uh… ragione, quasi la dimenticavo…

… della razionalità…

… razionalità!

… segni distintivi della dignità umana…

Dignità…

… il panico! (urlando) Ah! Il panico! Il panico! (si agitascompostamente )

Saturnino e Giusconobbe lo guardano in silenzio, senza scomporsi

Saturnino:                     (alla Svenditrice) Panico? Non ne abbiamo panico

Svenditrice:                  Avete consumato anche quello… (prendendo nota) panico. E companatico. Sarete serviti (esce)

XV

Saturnino raccoglie residui di macerie

Saturnino:                     Guarda che bello! Con questa frutta potremmo produrre delle compostine… da qualche parte ho la ricetta… (raccoglie altrioggetti) un chilo di zucchero, tre di frutta, acqua quanto basta…(ad acqua si ferma, lascia da parte gli oggetti raccolti)… non ho mai amato le marmellatine in particolar modo


34


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Entra Svenditrice

Svenditrice:                  Dovreste    vergognarvi…    Continuate    a    far    finta   di    nulla.

Dov’eravate quando ier l’altro si è scatenato il pandemonio?

Saturnino:                     Pandemonio… potrebbe essere la ricetta di un dolce piccante…

Svenditrice:                  Nessuno ha visto niente… “io non c’ero…” “queste cose non

c’interessano…” la solita omertà! Perché chi vive qui non vede, non sente, non parla!

Giusconobbe:            Lei vive qui?

Svenditrice:                  Per carità pelosa! Non ci penso neanche

Giusconobbe:            (raccogliendo un’altra scarpa) Ha scavalcato cadaveri di morti

ammazzati?

Svenditrice:                  Che barbarie. E lei, ha visto, sentito?

Giusconobbe:            Non ero qui

Svenditrice:                  Lei è di passaggio

Giusconobbe:            Passaggio

Svenditrice:                  Lei non ha paura!

Giusconobbe:            Perché dovrei

Svenditrice:                  Perché dovrebbe, infatti! Non è di qui…

Giusconobbe:            Lei che è di qui ha paura, invece

Svenditrice:                  Non ho paura, non ne ho più motivo!

Giusconobbe:            E allora parli!

Svenditrice:                  Per dire cosa? Quello che già sanno tutti? Parli lei, se vuole,

esponga, denunci, intervenga!

Giusconobbe:            Non è questo il mio compito (raccoglie un’altra scarpa)

Svenditrice:                  Neanche il nostro

Saturnino:                     (palesemente vinto dalla disidratazione, flebile) Di chi è allora?

Svenditrice:                  Ad ogni modo, adesso è troppo tardi per parlare, non si saprebbe

neanche da dove cominciare… tutto è archiviato, dimenticato, persino le ragioni della paura

Giusconobbe:            Allora lei ha paura!

Svenditrice:                  Le ho già detto di no. Quando posso, adesso, me la vendo la

paura. E faccio affari. E non mi pento.


35


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Saturnino:                     Nessuno comprerebbe paure… Ovvio che no. Ma antidoti si!

La Svenditrice esce, Saturnino riprende a ricomporre le macerie, secondo ardite e claudicanti costruzioni, con movimenti sempre meno coordinati

Saturnino:                     (a Giusconobbe) Venisse almeno a piovere…

Giusconobbe:            Cosa aspetti, che venga a piovere?

Saturnino:                     No no…

Giusconobbe:            Tu aspetti.

Saturnino:                     Non   aspetto.   Dicevo   solo    che   con   un   po’    d’acqua   non

mancherebbe più nulla. Potremmo costruire un laghetto artificiale

e indifferentemente mettervi papere e pesciolini rossi. Proviamo

con la Paparuda.

Giusconobbe:            Paparuda.

Saturnino:                     Danza per invocare pioggia… magari funziona…

Saturnino prova ad emulare le figurazioni suggerite da un’immaginaria danza tribale, movimenti scomposti, guardando il cielo. Poi desiste, sconfortato. Entra Scelòn

Scelòn:                             Con la musica va meglio. Abbiate fede.

Attacca una musica ritmica sulla quale Saturnino e Scelòn danzano sempre più forsennati, fino a cedere estenuati.

Saturnino:                     (palesemente provato dallo sforzo) Possiamo farne a meno.

Saturnino e Scelòn si accasciano al suolo per la stanchezza

Scelòn:                              “Erano due ladri e furono crocifissi insieme al Salvatore. Si dice

che uno fu salvato e l’altro… salvato

Giusconobbe:            Salvato da cosa

Saturnino:                     (Dopo un momento di pausa) Dalla speranza, forse. La disperanza è

un assioma poco raccontato. (Sembra riprendere le sue forze, forse

folgorato da un miraggio) Navigando disperanti, ogni cosa accade e

si rivela, come folgorazione che nulla deve dar di conto alla

speranza. Disperanza del marinaio attento, pudicamente eroico

che osserva le correnti e interpreta i venti e, senza fretta né paura,

trova i porti che sorte gli ha affidato in cui potere muovere quello

che  limpida  appropriatezza  d’acqua  sa  suggerire.  Navigare,

corresponsabilmente.  A  ben  pensarci,  non  c’è  mai  stato  un

cataclisma completo del globo terrestre…

Scelòn:                             Adesso si comincia a ragionare…

Giusconobbe:            Condiscendenze così ingannano i marinai…


36


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Scelòn:                             Vorreste negare il Piano?

Giusconobbe:            Non lo conosco

Scelòn:                             Visto che siete gli ultimi, potrei svelarvelo

Saturnino:                     Svelarvelo… è un suono molto arioso

Scelòn:                             Lui gioca…

Giusconobbe:            Gioca.

Saturnino:                     Acqua, per favore

Scelòn:                             Allora, lo sveliamo questo piano?

Saturnino non ha più forza per rispondere

Scelòn:                             Rinunci al verbo?

Saturnino è visibilmente scosso dalla disidratazione, non risponde

Scelòn:                             Temo non rimanga altro da fare che tirare un frego sulle nostre

aspettative. La nostra missione può dirsi perfettamente fallita.

Siete inabitabili, dovete convenirne. Nessun Messìa verrà!

Giusconobbe:            Perché dovrebbe

Scelòn:                             Questo lo ignoro. Provate a digrignare i denti almeno? Come si fa

a   profetare,   come   annunziare…   Ma   porco   di   un   dèmone

rincitrullito! Ho guarito malati da lontano, ho scacciato diavoli,

ho attraversato fiumi in mezzo a coccodrilli, stuoli di adoratori si

sono malmenati per vedermi, ho sopportato il peso di mille

elefanti e le punture di altrettanti insetti, restato sveglio per cento

notti e voi neanche di uno sguardo mi onoraste!

Giusconobbe:            (guardando nel sacco in cui ha raccolto scarpe ed oggetti) Avevano

sofferto troppo… e poi si vendicarono e le città rigurgitarono di

morti e ombre di morti, nelle piazze, negli androni, sui sagrati,

ammucchiati nelle stanze e né porte né finestre poterono più

apririsi… Non si donò più nulla…

Scelòn:                             (riprendendosi, come in un estremo tentativo di convincimento) Negli

ultimi tempi verranno momenti oscuri. Gli uomini saranno ottusi,

amanti del denaro, vanitosi saranno, e orgogliosi, ingrati senza

onore, sleali, maldicenti, intemperanti, traditi e traditori, sfrontati,

accecati dall’orgoglio e dai piaceri, coperti da parvenza di bontà!

Entreranno    nelle    case    ed    accalappieranno     giovincelli      e

donnicciole…

Giusconobbe:            Continui a parlare al futuro

Scelòn:                             Trattasi di profezia!


37


Studio perimetrale intorno all’incertezza

Giusconobbe svuota il sacco davanti a Scelòn che guarda allibito il mucchio di scarpe riversatogli davanti. Giusconobbe, quasi a volerlo risvegliare, gli porta le mani al volto, poi i gesti si traducono in altro, quasi a rimodellare un’immaginaria creta spalmata sul viso.

Giusconobbe:            La forza del verbo mutò in stracci per schiavi e padroni, ne fece soldati votati al macello, senza onore né divise in crociate per santi denari, ognuno per sé produsse vittorie mutate in sconfitte da quelle vittorie e a sangue perduto, venduto il tempo, l’acqua, il talento… nessuno, né “Noi” né “Voi”, ebbe vantaggio alcuno. Nessuno…

Scelòn:                             Malintesi… malintesi…

Scelòn fugge via mormorando qualcosa tra sé, una sorta di lamento che si trasforma in un pianto. Giusconobbe, lento, sembra andare verso di lui ma si ferma accanto a Saturnino, gli toglie gli occhiali, per poi riprendere lento il suo passo.

Saturnino, ormai del tutto estenuato, indica quasi sorridendo Scelòn, come a dire “bravo, era questo che cercavo…”. Entra la Svenditrice, con ciò che resta del suo carretto, scatole vuote, si siede accanto a Saturnino, gli mostra la merce che più non ha.

Giusconobbe, intanto, sembra avere acquisito il passo e i gesti costanti e volitivi di Saturnino, riprende a costruire, nel silenzio, una sorta di albero con vela.

Svenditrice riprende il suo passo, ormai lento, sereno. Passa accanto a Scelòn, che la segue con lo sguardo, poi si siede su ciò che resta di una scranna, accanto a Saturnino e allo stesso Scelòn. Li raggiunge Giusconobbe, che pianta al centro del gruppo la vela poc’anzi costruita coi residui delle macerie. Buio.


38

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno