Surpresina de Natal

Stampa questo copione

IL COPIONE

SURPRESINA DE NATAL

3 atti di G. C. BUZZI

Personaggi:

DOMENICO - Capo Famiglia

ELVIRA - sua moglie

MARIELLA - loro figlia

GIAMPIERO - loro genero

LISETTA - sorella di Domenico

ANNETTA - mamma di Giampiero

POMPEO - garzone del macellaio

LA RAGAZZA

LA SORPRESINA - (che non parla)

La commedia è ambientata ai nostri giorni.

Scena unica: Tinello della casa di Domenico ed Elvira; modesto, ma in ordine. Porta d'ingresso centrale ed una porta laterale che dà verso la cucina e camera da letto.

ATTO I

SCENA I

All'aprirsi del sipario la scena sarà vuota. Dopo un attimo si sentirà il suono del campanello.

Elvira - (da fuori) Riivii... Rumpi scatull! (entra in scena, dà una occhiata alla finestra poi parla          indirizzata alla porta) Se sei il marocchino, va da quella del numero 35, che la dev cambiàa i   tapé dela stanza e poi a lei ci piacciono le tue barlasciate... e non venir qui a rompere le             tolle... (fa per ritornare ma viene bloccata dalla voce di Pompeo)

Pompeo - (da fuori) No, Elvira, summ mì, el Pompeo!

Elvira - (va ad aprire) Ah!, scusum, ma de    quand sto chì sul a pruvincial g'ho mia un minutt de

            pàs... se l'è mia un maruchìn l'è un testimoni de Genuva, fatustà che ghe vor vuna aposta a

            stagh adré ala porta... sé ti fée in giir?

Pompeo - M'ha mandà chì el Gigetto macelàr a portarci il cappone... lo sai che adesso lavoro dal        Gigetto, no?

Elvira - El sò, me l'ha dì la Franca (poi, intendendo il cappone) l'è tener?

Pompeo - (intendendo Gigetto) No, mica tanto anzi, certi volt el g'ha certi modi che spaventano poi,

            le bestemmie... un rusarii... e come tratta la sua Giulia, a pensare che è così una brava   donna!

Elvira - Intendevi el capùn!

Pompeo - (meravigliato) Ah, el capùn??? ... Pensavi el Gigetto... tenerissimo... Un capponcino che           el dislengua in bòca. Sentirà che dolcezza!

Elvira - Speremm che el sia mia cume el pulaster de setimana pasada che g'ha vurù cinq or a fall           cos... me l'ha fai pagàa per un pulastrell de dù mès e g'ho idea che l'eva una galinascia de        vint an nanca più bòna de fà el strunz... Pensa che anche el can dela Giudita el s'ha rifudà de             mangiàll... propii chel cann lì che piutost che nagott el mangia i sass culurà de marùn        credendo chel sia ciculatt!

Pompeo - Forse è anche il metodo per cucinarlo... La mia mamma ci infila dentro due bei rametti di rosmarino e poi... (viene interrotto da Elvira)

Elvira - (interrompendolo) Mì g'ho mai infirà dent nagott, ma l'eva bùn istess... uhei, Pompeo, ti      voret nii chì a insegnagh ai gatt a rampigàa? Beh, cià, ades va a lavuràa che anche mì g'ho       un mucc' de mistée de fàa!

Pompeo - No, oggi non lavoro! El Gigetto mi ha concesso un giorno e mezzo di permesso... lo fa          sempre prima delle feste, inscì non fa vedere se el guadagna poch o tanto... ha capito che dritto!

Elvira - Alora ti sée in giir a tiràa nocc'!

Pompeo - No... (poi intimidito) Devo giusto aspettare una ventina di minuti, poi andiamo a farci gli      auguri alla mia nonna!

Elvira - Cun chiii???

Pompeo - (facendo il finto tonto) Ehh!

Elvira - Ti dì 'dobbiamo' pensavi di volt che gh'eva li un quaj vùn a speciat dedré dela porta!

Pompeo - A vialt dònn ve scapaa propii nagott... (poi giulivo) dai... non mi dica che non lo sa... el   sann tucc? De l'altra sera dopo el telegiornale, in pratica tucc' hin nij a savell!

Elvira - Ma mì el telegiornale el vardi mai... Cosa l'ha dì de inscì impurtant?

Pompeo - Ma no, 'se l'ha capì? È stato dopo il telegiornale che ho dato l'annuncio, perché se disturbi        el mé papà intant che gh'è el telegiornale, dopo el resta inverz per tuta la sira e la mia            mammeta ha 'detto che quando il papà è inverzo, va a letto talmente agitato che el runfa tuta          la noce e nella stanza pàr che ghe sia dent el drago delle sette teste, e lée la g'ha pagura!

Elvira - Anca el mé Dumenigh... el fà certi verzi che stremisen!

Pompeo - (inizia la rievocazione) Te diserò che io, in principio non volevo introdurla, perché ho        pensà: se dopo dicono di no e ghe fann una quai figùra?... Te pàr?

Elvira - Chi l'è che ti vorevet introdurla?

Pompeo - Ah già, che stupid, te l'ho mia dì... La Rosalia no?!?

Elvira - La Rosalia?

Pompeo - Sì, propi lée.

Elvira - Chi l'è??

Pompeo - Quella che fa la cameriera dai Granelli!

Elvira - Ahhh... chela tuséta là mia tant granda,        una bela muretina... la saluda semper inscì

            vulentèra... oh bela! l'è diventada la tò murosa!?! E i tò, hin cuntent?

Pompeo - S'evi apunto andré a spiegatt la scena de quando l'ho introdotta, no!?

Elvira - Ahh! adess ho capì l'introduziùn!

Pompeo - (si alza e comincia a rivivere la scena) Prima sentivii un gran frecc', poi, una vampata mi     ha investito... Sentivo le fiamme alla fàcia che niiven su... le gambe non le sentivo più... Ho     messo il braccio sulle spalle della Rosalia, e insèma ci siamo presentati davanti a mamma e            papà. Come m'han vist, g'ha nij a tucc dùu la facia smorta cume el butèr, ma prima che   pudesen reagii, g'ho sparà föra la dichiaraziùn che avevi preparà quindess dì prima... (avanza    verso il pubblico e fa la dichiarazione)

            Mamma, papà, chesta chì l'è la Rosalia

            e oramai l'è mia,

            e nissun la porterà via,

            perché mì ghe vòri benn,

            e da oggi all'eternità,

            sempre mia sarà.

            Ghe stai un attimo di silenzio, pöö la mé màma l'è sciupada a piang... ti sée cume l'è, pora dona (poi imitando) 'Oh, el mé Pompeo... el va... el va el mé ninn'... Il mio papà, invece, el    s'ha valzà adasi adasii; l'è nj là visin, el m'ha batù la spàla e el m'ha dì: 'Per un gnocc come   tì, chela tusèta chì l'è fina che mai'... Ti sée cuma l'è el mé pà, Elvira, el g'ha semper vòja de       scherzàa ...

Elvira - Ma alora mangium i biniis!... E i sò de lée, cusa han dì???

Pompeo - Pensa, Elvira... partisùm a San Steven per Cusenza la g'ha già telefunà... hin tutt cuntent... mé voren già benn, anca se mé cugnosen mia... Pensa, Cusenza... Mì, che pusée luntàn de    Madona del Munt summ mai naj... adess vò a Cusenza... Tutt i volt che ghe pensi me scapa   la pipì de l'emuziùn!

Elvira - Famela mia chì un bott... E quanto ti stée giò!

Pompeo - Fina ala Befana... dodès dì al sole del Sud!

Elvira - Stagh atent de dii nagott eh!! perché se sann che tj gh'è quater palanch, te molèn più.

Pompeo - (avvicinandosi a Elvira con aria misteriosa e sussurrando) Lei cià già un bel libretto di        banca che l'ho vist ml... podi mia dit la cifra perché ho promesso di non dirlo e i suoi, hanno    le terre perfin in riiva al mar!

Elvira - (stupita) Noo... Insoma, la patiis mia!

(nel frattempo entra Domenico e si ferma sulla porta)

Pompeo - (ancora più misterioso) E la m'ha dì che sée mor el sò nono, potrebbe ereditare anche un uliveto!

Elvira - (stupita) Noo!

Pompeo - Sìì!

SCENA II

Domenico - (interrompendoli) 'Se gh'è, el consiglio de guèra?

Pompeo - (staccandosi da Elvira) Oh, Domenico, mi scusi, ma ghe giurii che fasevi nagott de màa!

Domenico - Ah, per mì fa pur... Se hin tucc chj lì i tò conquist!

Elvira - Ti, vilan, cusa ti g'avreset de dii??

Domenico - Che tj sée vègia! (esce)

Elvira - (indignata) Diventa mia 'mé lùu eh! Diventa mia 'mé lùu un bott! De quand l'è naj in   pensiùn, l'è diventà nujos 'me una mosca... mi sò mia perché i omen ej fan mia lavuràa finaa   a vutant'an!

Domenico - (appare sulla porta con un padellino in mano) Bruciato... el cundì l'è brusà... Chesta            setimana l'è già la terza volta ...

Pompeo - Me pareva a mì de sentii I'iìdoo de brusà, ma s'evi talment ciapà a cuntàa sù!!

Elvira - (incavolata) L'è tuta colpa tua... se invece de stàa in giir, ti niivet sù a dagh una trusada, el       cundì el brusava mia... me piaseress savée indoa ti sée staj finamo! (gli strappa il padellino     dalle mani ed esce)

Domenico - Tj viist cume fann! la giren, la volten e la rivolten fina a quand la colpa l'è tua... Persigh   sora benn prima de töö miée, nin, mia de fàa una capelada!

Pompeo - Pensi che mi sono fidanzato proprio l'altra sera!

Domenico - L'è par chell che ti mé parett un po imbesuL. A pruposit, ti gh'evet bisogn de mi, per        caso?

Pompeo - No no, s'evj nj chi a portare il capponcino ma ades devi naa dalla mia nonnetta perché          deve prendermi la misura per famm i guant per i pé!

Domenico - (stupito) I guant per i pé?

Pompeo - Sì, hin de moda, e poi tengono caldo, e sicome mi g'ho semper i pée frecc', ghe porti là      dùu étj de lana verde pisello che l'è el culor preferì dela Rusalia e lée la mé fà i guant uguaj     precis a chj che gh'eva sù su: 'Mille punti e mezzo'... sotto un dritto e un rovescio, sopra a   grana di riso e il bordo con due punti di catenella... Adesso vado... mi saluti l'Elvira... le dica      che passerò a salutarla prima di andare in Calabria... Auguri di Buon Natale... (si avvia alla     porta)

Domenico - (verso Pompeo che nel frattempo esce) In Calabria? ma ti sée matt né!... Stagh atent     che se ciapèn la lupara te tiiren quater balitt in del cù, che ti sée acorgett che brusoo!... (chiude la porta) Mah! l'amor non ha frontiere... una volta diiseven:

            Moglie e buoi dei paesi tuoi... adess vann a finii in Calabria... Va ben che s'el nava mia là,     chilé che la voreva chell por pantalun lì! (entra Elvira) Ti, l'ha dì che el va in Calabria... s'el     va giò a fàa, a catàa i tumatiis?

Elvira - El va giò a cugnoss i futuri suoceri... t'el sée mia che la faj la muròsa?

Domenico - Sì, me l'ha dì chi l'è?

Elvira - La Rusalia, chela che fa la serva in del Granelli!

Domenico - Ghe l'ho mia present!

Elvira - Ma sì, che la piscinina tracagnota, cun i cavji negher, che la pàsa semper avanti e indré cun      la caruzela... la paserà cent volt al dì, pusibil che te lacugnoset mia!!!

Domenico - Va la gent che pàsa su chela strada chì d'inferno... ti vòrerée mia chej cugnosi tucc???

Elvira - Figuret se ti ghe l'è mia present... la g'ha sù anca i barbiis!

Domenico - (sparando) La foca!

Elvira - La foca???

Domenico - Sì, adess el sò chi l'è... Quant ti mé dì dej barbiis, m'ha nij in met subit... el Giuvann la      ciama la foca! Tò, va che cupiada... lù el g'ha del pinguin, lee gh'è diisen la foca... me    cunvegn mandaj su al polo nord ...

Elvira - El m’ha cuntà su la rava e la fava... par che la sta benn cara tì la g'ha de 'vée un sac de roba!

Domenico - Adess capiisi perché gh'è brusà el cundì!

Elvira - E tì?, sé pò savée indoa ti sée sta] finamò?

Domenico - Summ naj là a vidée del nin, ma gh'eva a cà nisunl.

Elvira - Hin naj a tò el regall... Han spendù un sac de danée per cumpràa i regaj!

Domenico - Ma cusa te interesa a tì... Han spendù i tò?... Ghe manca forse i danée? no!... Alora

            lasàa che ej spenden!

Elvira - L'è chell cagheta del tò gener... l'ha metù su un'aria che el pàr el padrun del mund... nanca             se savesùm mia de indoa el vegnn... un quaj dì ghe dò una bela disdegnada che el sé   acurgerà chi l'è la suocera!

Domenico - Ciapesela mia che l'è Natal, marturr... làsighela a lòr la ràbia che hin giovin... nunt devùm apena cercàa de stàa tranquii, cun la nosta pensiùn e i nost quater vizii... cusa me            manca?... nagott, gh'emm tutt... se pensum a chell ch'em pasà, podum propii dii che semm    sciori!

Elvira - (sospirando) Oh!... Ti me fée stàa già el fià, semper i solit discors!

Domenico - (spazientendosi) Ho bela che capì che dò fastidii... vò in cantina a cercàa i statuin de        fàa el presepi!

Elvira - Trà mia in giir pece', né, che dopo tocàa a mì netàa su (detto mentre Domenico esce)

La scena resterà vuota qualche secondo, poi, dalla porta entreranno Mariella e Giampiero con dei pacchetti in mano.

SCENA III

Mariella - (posando i pacchetti e togliendosi il cappotto)

            Mamma!??

Elvira - (appare) Se fée in giir vialt dù?

Giampiero - Siamo venuti a farvi gli auguri!

Elvira - Gh'eva bé el temp anca el dì de Natal. .. (poi a Mariella) Tò dì de tomm nagott... cusa ti sée     naja a spend i danée per fàa?... Adiritura dùu pachitt!

Giampiero - Uno per lei e uno per Domenico!

Mariella - Non c'è papà?

Elvira - L'è giò in cantina a cercàa i statuin de fàa el presepii. el s'ha fisà che el duveva fàa el   presepi per el nin e gh'è mia verso de fagh cambià idea... a pruposit, indoa l'è el nin?

Mariella - È dai suoi. .. aveva sonno!

Giampiero - Non c'è il Corriere?

Elvira - Và che l'è lì sul a cadrega!

Mariella - (prendendo un biglietto d'auguri) Chi è che ha scritto?

Elvira - La Nanette, dela Francia... l'ha già anuncià che la vegn chì al mes de giugn e la stà chì dùu      mès! Chisà perché ghe fàa mia l'aria, ma se la savess de stàa a cà sua, la crepa!

Giampiero - Però è simpatica!! (apre il giornale e lo I legge sul divano)

Elvira - I primm quindess dì, dopo l'è semper la solita menada... (prende i pacchetti) Cià, alora, cusa

            gh'è dent!

Mariella - Aspetta a Natale, no?

Elvira - G'ho cumprà e1 trenino al Fabrizietto... gh'el meterò lì visin al presepi faj su in del a carta       rossa, inscì la disterà giò la matina de Natal!

Giampiero - (sollevando gli occhi dal giornale) Ah, quest'anno abbiamo deciso di cambiare         completamente le abitudini. .. Niente nonni!

Elvira - Niente nonni?

Mariella - Sì... abbiamo deciso di passare il Natale da soli!

Elvira - Ma figurett, di mà vialt cume trii tapitt... ho già toj tutt, anca el capùn! ...

Giampiero - (piegando il giornale ed alzandosi dal divano) Mi dispiace, mamma, ma io e Mariella        oramai abbiamo deciso, andiamo in montagna!

Elvira - Nij su per San Steven, no... l'è pöö un dì, l'è mia la fin del mund!!!

Giampiero - Ma non è la fine del mondo anche se andiamo su per Natale, non trova?

Elvira - Oh, ma certo, per mi el pò inviass su anca adess che mì el tegni mia de cert!

Mariella - Per favore, mamma, non fare tragedie!

Elvira - Mi tragedii???... Ti sée sbagliett propii de    gross, l'è giusta che el saress el prim an che

            femm mia Natal cun tì e se ti mé permetet, un po' me dispias!

Giampiero - Cosa vuol farci, mamma, c'è sempre una prima volta per tutto... è la vita... lo         comunque la capisco benissimo, ma d'altra parte, ho ricevuto un invito e non posso   assolutamente dire di no ...

Mariella - È un suo collega importante... che ha la casa a Cervinia... va su con la moglie, non hanno      figli, vogliono bene anche a Fabrizio, come fai a dire no? .. Poi, sai, sono gente che ha una      certa importanza, specialmente in certi ambienti che sarebbero l'ideale per il lavoro di       Giampiero!

Elvira - Oh, ma diisen bé tucc' inscì... la g'ha de vess una moda perché l'alt dì ala televisiùn, gh'eva        una telenovela indoa diseven stess ropp che adess sii dré a dimm a mì!

Giampiero - (seccato) Guardi che il sottoscritto non è abituato a dire bugie, mamma!

Elvira - Per carità, per carità... mi ghe credi, eccome se ghe credii... va benn, vorerà dii che el regall     vell darò quand nij a cà, perché l'ho mò nanca de fàa su!

(entra Domenico)

Domenico - Uheila!, sum apena staj là ma ho truvà nisun... Alora, 'me la va?

Giampiero - Siamo andati dai miei a fare gli auguri!

Domenico - Dùu dì prima de Natal!... Cume mai?

Elvira - Van in muntagna!

Domenico - Cun el ninn?

Mariella - Ma certo, dove vuoi che lo lasciamo!

Domenico - Lasèl chi?... Gh'em cumprà el treno, chisà, quanto giugàa chel fa!

Giampiero - In certe feste è bene che i figli stiano con i genitori. È meglio non rompere certe tradizioni...

Elvira - Però vialt lì rota!

Giampiero - Noi adesso abbiamo una nostra famiglia!

Domenico - (rassegnato) Va bè, se la canzùn l'è inscì ... pazienza... varerà dii che el capùn el

            mangeremm nunt, eh, Elvira, se t'én diiset?

Elvira - (titubante) Sì... sì. .. per carità... anzi, ho tacà su el padelin, sperem che el sia mia brusà        n'alta volta. (esce)

Domenico - (prendendo i pacchetti) Mi purtà chì el regall và che bravii... credi che anca la mama          l'abia toj un quaj coss per vialt... el sarà un quaj pigiama... la g'ha mia tant fantasia ...

Mariella - Sono due cosine da niente, spero vi piacciano!

Domenico - Va semper a benn... e indoa l'è che naresii?

Mariella - A Cervinia!

Domenico - El g'ha de vess in Val d'Ostia... Sò che un para d'an fà gh'eva naj anca i alpini cunt el   pullmann... hinn nj a cà talment ciocc che se ricurdaven più indoa even staj!

Giampiero - Gran bel posto, papà, poi specialmente in questi periodi è frequentato da un sacco di      vip!

Domenico - (stupito) I viper anca d'inverno?

Giampiero - Vip... Gente di un certo livello che ha la casa e approfitta della vacanza di Natale per       andare a sciare!

Mariella - Noi siamo stati invitati da suoi amici che sono abbastanza importanti, ecco!

Domenico - Capiisi, capiisi!... E quand l'è che partii??

Giampiero - Tra un'oretta... anzi, sarà meglio sbrigarci che dobbiamo passare anche a ritirare il          Fabrizio!

Domenico - El sarà un mès che el vedi più... e sì che stemm mia tant luntann!

Mariella - Lo porterò qui un giorno quando torniamo, e ve lo lasceremo qui tutta la giornata!

Giampiero - Dillo prima a mia madre, per favore, che non voglio le solite rogne!

Domenico - No, per carità, tachèe mia liit... lasighell pur là ala tò mama che pora dona la g'ha

            bisogn de cumpagnia ...

Mariella e Giampiero si rimettono i cappotti

Mariella - (grida, verso la cucina) Mamma!... Va che andiamo!

Elvira - (da fuori) Ciao!

Giampiero - (verso la cucina) Arrivederci, Mamma, auguri!

Elvira - Auguri!

Domenico - (idem c. s.) Ma come, ti vegnet nanca chì a saludaj!

Elvira - (da fuori) Alora speciée un mument!

Giampiero - La lasci, la lasci, poverina, chissà come sarà presa... ce la saluti lei. (poi dà la mano a Domenico) Papà, tanti auguri... cercate di passarvela bene e non preoccupatevi... e che il nuovo           anno vi porti il doppio della serenità che avete avuto in questo!

Domenico - Grazie, grazie, ti me paret un pueta... grazie, disturbess mia!

Mariella - (bacia Domenico) Ciao, papà, mi dispiace un po', ma cosa vuoi farci... passatevela bene e      non preoccupatevi per noi... se faccio in tempo farà una telefonata a Natale... ciao, salutami   la mamma!

Domenico - Ciao, né, fagh un basin al fiöö... ciao... (li accompagna alla porta e li saluta con la mano) Fagh i auguri ala tò mama, Giampiero... ciao! (chiude la porta)

Elvira - (entra di corsa) Indoa in!

Domenico - Andati, verso la Val d'Ostia cunt i sciori!

Elvira - (ritornando verso la cucina) Me vegn vòja de piang!

Domenico - (nel frattempo avrà raggiunto il tavolo, prende un pacchetto incartato e lo scaraventa       verso la porta. Se possibile, si sentiranno rumori di cocci. Domenico, a sentire i cocci, si         dispera) Vacca boia de chel diavul che ghe nis un colp... l'eva una butiglia de wiskey!

Elvira - Tj mé faj stremii... adess ti netet sù ti, per piasée, chiaro... (sparisce)

Domenico - La m'ha semper regalà tré para de calzett, niente propii el wiskey, che l'è minim cinq an             che me la tò più! e per la paga me toca netàa sù anca el paviment!

SCENA V

(entra Lisetta)

Lisetta - Tì, ti sée dré a diventàa matt? ... Se sent i colp finn al semaforo! (poi vedendo il pacchetto

            in terra) Ohh! el t'ha burlà gio?

Domenico - No, ghe l'ho tiràa adrée a chi dùu element che gh'è apena naj via!

Lisetta - Perché?!?

Domenico - Perché han decis de nàa a fà Natal in muntagna cun t el niin!

Lisetta - Cume mai? Han mai fai una roba inscì?

Domenico - El so mia!

Lisetta - (sempre più stupita e curiosa) T'e1 sée mia?? l'è impusibil... La gent la rump mia una           tradiziun inscì impurtanta senza un perché!

Domenico - Gh'en sarà anca cent de perché, ma mì ej so mia, va benn?!?... Ti gh'è bisognn?

Lisetta - No, pasavi de chì, ho sentì un gran colp e summ nia dent a vidée, eco tutt! La gh'è mia          l'Elvira?

Domenico - L'è de là a fàa i mistée ...

Lisetta - Ah!... Cert che l'è mia tant bell pasà Natal apena vialt dùu, 'mé dùu marturr... chisà che         pena!

Domenico - Invidum a cà tua!

Lisetta - E indoa vé meti... pò, propii adess ti devet invidass... se almenn ti m'el disevett un quai dì      fa, favi in tempo a cumprà quaj coss... ti sée bé che mì e el mé Giulio semm mia tant             esigent... Va, per mì, Natal o Pasqua, l'è cuma un'alt dl... una pastinèta e via andare... S'el        fudess mia che per Natal el g'ha l'abitudin de famm el regalI, se acurgeresùm nanca che l'è            festa! ...

Domenico - Ah, ma i butegh hin vert anca duman, se ti vorett cumpràa quai coss per fàa bela figura!

Lisetta - I rob de corsa me piasén mia!

Domenico - Alora, perché nj mia chi vialt dùu, ti e el Giulio... inscì se faremm cumpagnia... pensa     che la cumprà un capùn de trii chili e semm chl apena mì e lée ...

Lisetta - Se l'è per dav una man a mia tràa via la roba, sì, vegni chì vulentera; ma apena per chell...       no, perché voreria mia che ti pensaset che mì sia in giir a caritunàa de chì e de là ...

Domenico - (mentre raccoglie i cocci) Ohh, del rest ti sareset mia la prima in famiglia... me ricordi       la por a mama! Ghe faseva comud tutt... basta catàa scià e la ghe vardava in faci a nissun,         nanca al scior curat!

entra Elvira ed esce Domenico

SCENA VI

Lisetta - (allibita dalla risposta di Domenico) El mé trata semper in d'una manèra che nun te diisii... prima el mé invida a pranzo, dopo el mé dà dela caritona... l'ha metù sù un'aria de quand l'è     naj in pensiùn, che so mia cuma ti fée a supurtall?!!!

Elvira - In de chell mument chì l'è un po' nervòs... podi capill, dopo chell che m'ha capità nanca    cinq minutt fà ...

Lisetta - Tì, diisii bèeh?.. Cume maL. inscì tacada cume l'é la vosta Mariella... me se la speciavi           propii mia!

Elvira - Lasa perd, lasa perd che g'ho un magun che piangeria per trii dì, varda... va che Natal che        pasùm ...

Lisetta - Ciao, va, l'è 'na furtuna che vegnun chì nunt, inscì se perderii via un pöö... (poi di scatto)             L'è lùu, el tò gener... de quand l'ha faj trii palanc, gh'ha nj la spùza al nàs che el par un       marchesino... come se savesùm mia de che part el vegnn!?!

Elvira - Adess però, esagera mia!

Lisetta - Pensa che la sò mama, la tò consuocera, l'eva là l'alt dì in del macelar cun sù la pelicia e i         scarp ross... la pareva la marchesa de Popponfoli... (poi scimmiottandola) Mi dia due             costolette perché fa talmente caldo ancora, che mio marito ha deciso di fare il barbecue... va            a vungess ti e chell rob lì!

Elvira - La tegn là el niin, perché l'è bona apena lée de educall... l'è semper staja ignuranta mé una        sàpa, e adess la vor mia che la manda al'asilo, perché la sà lée cume fàa a tiràa grand i fiöö...           l'è pusé d'un mes che el vedum mia... gh'em cumprà el trenin, ma gh'el dò cum'é... Gh'el darà      in cò a sò pader quand el vegn a cà dela muntagna!

Lisetta - L'è diventà sfacià cume chel bovaro del sò om, che el tira una saràca dedré de chel'alta, l'è     chela lì l'educaziùn che ghe dann... cativ cume un barabinn!

            entra Domenico e le interrompe

Domenico - Sì, ma intant ghe l'an là lòr... e mia per dii, ma se anca la mé tosa la voreress, el      mument de purtall chì, la tròveria de sicùr... l'è giusta che forse i temp hin cambià!

Elvira - Eh no, Dumenigh... i temp pudeven vess cambià, se el fiöö el curaven lòr, invece l'è semper         là in de chela bestia d'una sò suocera, e chest vòr dii che de nunt se fiden mia, o magari ghe     femm ischivi... (poi a Lisetta) Se ti vòrett, semm vicc'.

Lisetta - E ti sée mia snob!

Domenico - (nervoso) Behh, pensela 'mé vurii, ma mi ho deciis che Natal vòrii pasall ben istess...     (ad Elvira) ah!, varda che g'ho dì de nj chì a mangià in de nunt!

Elvira - Sì, me l'ha dì!

Domenico - Alora fò el presepii... hu già tirà föra i statuin e adess vò giò in cantina a tòj... me           manca el Gesù Bambin... me l'ha rott el Fabrizio l'an pasà, e me summ mia ricurdà de toll...   ti ghe n'è mia là vun de prestàmm, dj volt?!

Lisetta - Se tj vorett te mandj chì el mé Giulio... quand el dorma el pàr un popp!

Domenico - El ghè sta mia dent in dela cùna. (esce)

Lisetta - Cià che vò anca mì... se vedum, alora. Porterò scià el panetùn e la butiglia che m'ha mandà

            là chj ciulandari del Cumùn. (fa per   uscire)

Elvira - Purta chì un bell nagott che gh'em chì tant roba che sò nanca indoa tràla ...

Lisetta - Voterà dii che ej vanzerò per el primm de l'an ...

Elvira - Tò, la t'ha naja aben anca lì!

Lisetta - (girandosi di scatto) Oh, ma se ti vòrett tel porti chì... (poi quasi offesa) te l'ho bè insubì?!

Elvira - Oeh! ma se po propii dii nagott nanca per riit, a adess!

Lisetta - Ciao! (esce ed incrocia Domenico che entra)

Domenico - Niente da fare, nanca el Pierino ghe n'ha là più de Gesù Bambitt... Ma piutost che

            nagott, fò el presepii senza el Gesù Bambin!

Elvira - Tràa mia in aria pecceria, che dopo toca a mì met a post (esce) te l'ho già dì una volta!

Domenico - (posa lo scatolone sul tavolo ed incomincia ad estrarre le statuine... Musica dolce di           sottofondo)

FINE I ATTO

ATTO II

All'aprirsi del sipario, in scena ci sarà Domenico che cerca le statuine in uno scatolone. Fa il presepio.

SCENA I

Elvira - (entra) Chisà se g'avrò la grazia de truvàa una quaj scatulèta sott a chell strepenàa d'alber         che tj faj?

Domenico - (ignorando) Strepenàa??? Cosa ti sée adrée a dii?! l'è ancora come nov.

Elvira - Fa mia l'uregia de mercant, giuvinott!

Domenico - Pò, ti gh'è là el pachett che t'ha purtà chì la tò tosa... mett sott chell là!... se el ghe sta,

            perché chì, gh'è giusta giusta el post per el    presepii!

Elvira - (prende una sedia e la mette vicino a Domenico) E chest, invece, l'è e1 post per la scatulèta      del regall che tj mée farée!

Domenico - Ti sée propii sicura che te farò el regall?

Elvira - L'ha dì anca el tò gener che non bisogna perdere le tradizioni e la tradiziun la vor che a

            Natal sé fa i regall... l'è quasi un obligh!

Domenico - Càta mia scià ratell, Elvira che g'ho mia de danée de tràa via in marturà!

Elvira - (baldanziosa) Ti mé diseréé mia che ti sée al verde, per caso?

Domenico - Quasi!

Elvira - (meravigliata) Quasi?... Te dò dès mila franch tutt i Dumenigh; al bar ti vée mia... ti fumet             mia... la bicicleta de benzina na bev mia... me piaseress savée indoa l'è che tej trée!

Domenico - Ej mangi!

Elvira - Eh nò? Dumenigh, a chell punto chì te toca dimm indoa l'è che tej spendet!

Domenico - Ma sé dopo dès minutt che ti me è dai, ti vegnett chì a tiramii föra del burzin perché ti           diiset che te ocor la muneda!?!

Elvira - El sarà un para de mès che te cerchii più la muneda! (poi al pubblico) Cinq cent vint mila          franc al'an... la pensiùn de un mès (poi direttamente a Domenico) ma ti sée rendett cunt che    a ball a ball, per i tò vizii, ti fée föra la pensiùn de un mès?

Domenico - (incavolato) No, me sée rendi mia cunt, perché mì, cinq cent vint mila franch al'an ej             vedi propii mia!

Elvira - Valza mia la vòs che g'ho già el màa de cò; comunque, viist che la tradiziùn la vòr a chela      manera chì, tò cinquanta mila franch (estrae dalla tasca) e và a tomm quaj coss de bell e che            pusibilment el lusiss!

Domenico - Cun cinquanta mila franc podii giusta cumpratt un para de scatulett de luster (prende il           50.000 e se lo mette in tasca)... e tì, ti l'è cumprà el regalin per mì?

Elvira - Certo, cume tucc i an; bell e util!

Domenico - Beli e util... (pensa un po') Alora l'è el solit pigiama de tegn là in caso de una malatia... gh'è el cumò pien! Pensa se invece de una malatia, mori de un colp: chisà che nervos te      vegn?

Elvira - Ej tegnerò chì per il nuovo marito!

Domenico - Ah, perché ti g'avreset el curagio de spusass     'nalta volta ...

Elvira - Se sa mai in del a vita... e cerca de mòvess a nàaa a töö el regall, che hin già ses or, e tra           un'ureta sarenn sù... (va al telefono e compone un numero)

Domenico - E vò... narò un pò in giir a vidée se trovii el Gesù Bambinn ...

Elvira - (rispondendo al telefono) Liseta?!!... specia un atim... (a Domenico che tergiversa) 'Sé ti          speciet a nàa?... (poi al telefono) Sum adré a parlàa cuI Dumenigh!

Domenico - Eh vò, Eh vò... Madona che tosigh d'una m'ha tucà dagh cinquanta mila franch perché l'ha dòna m'ha capità?! (esce)

Elvira - (al telefono) L'ho mandà a tomm el regall... dì che el g'ha mia de danée... me paseress savée             indoa i a spend!... Sent; ti vée a mesa de meza nocc?... magari famm una telefunada che       vegni anca mì... speremm che la tegna mia lunga me l'an pasà!... Sì. .. sì;... semper i solit          rob... i panetùn, el consumismo... el consumismo el gh'è apena a Natal: chj alt dì fà nagott...   anzi, quasi quasi vò duman matina a chela dj vott che la diis el cungitor che in quater e             quater vott el té disfescia... No, niente, han mia telefunà... Ghe n'han nanca per i ball dj sò gent... sé tu fagh... Oh, el Dumenigh el diis nagott, ma el gh'è patis; adess e1 fà una malati a             perché el trova mia el Gesù Bambin giust de mett in dela capanna... beh, varda, digh de nàa             a chell paes... me vegn nanca in ment de ruvinass la festa per i fiöö, che oltre tutt se dann ala           bela vita... ciao... beh, alora vò a chela dj vott, sé vedum dumann... ciao, ciao!

            (riappende e va in cucina)

suona il campanello

SCENA II

(entra Annetta, la consuocera, vestita con pelliccia, turbante, sciarpa, ecc... piuttosto pacchiana)

Elvira - (dalla cucina) Avanti! l'è vert!

Annetta - (entra e chiama) Elvira?

Elvira - (appare) Ah ti sée ti?

Annetta - (togliendosi piano un guanto e cercando di mostrare la mano con un nuovo gioiello) Che   udurinn, ti sé già dré a fàa el rost?

Elvira - No, l'è el pulpetùn. (molto ironica)

Annetta - Ti gh'è invidà?

Elvira - Sì, la mé Liseta cun el sò om!

Annetta - Pecà mia avegh a cà i fiöö!

Elvira - A mì me vegnn nanca in ment... chell che duvevi fàa el fò stess anca senza de lor!

Annetta - El gh'è mia el tò Dumenigh?

Elvira - (entusiasta-ironica) No, l'è naj föra una mez'ora fà cunt un'aria misteriosa che ho già capì      indoa l'è che el nava!

Annetta - (quasi sottovoce) A tott el regall?

Elvira - 'Me tj fai a capill?

Annetta - Certi rob i donn ej capisèn al volo... e cun pusée in rnisteriòs, cun pusée ej capiséen!         (mostra di nuovo le mani)

Elvira - (idem c. s.) Summ chì che stò più in dela pell... en podi più che vegna duman matina per       disfàa giò el pachett!

Annetta - Ti gh'è la custanza de speciàa fin a duman matina?

Elvira - Mi sì. .. me pias la surpresa!

Annetta - (entusiasta) Ah, mì l'ho dervì subit... ghe la fò mia a speciàa!

Elvira - E cusa el t'ha regalà?

Annetta - (agitando la mano) Perché?!? Ti sée mia acorta, né?

Elvira - (finta tonta) De cosa?

Annetta - Dej mé diit, no? .. Vardigh adré ben!

Elvira - (prendendole la mano) Oh màma! Che meraviglia! Indoa l'è che ti sée naja a ruball?

Annetta - Me l'ha regalà el mé ciccio!

Elvira - El tò Luigi l'è una persona inscì fina? pareress mia!

Annetta - (incantata) Oh, l'è semper staja una persona per ben, el m'è ciccio!

Elvira - (guardandolo bene) El par ross... l'è un rùbin!

Annetta - Essendo color rosé, l'è al primo stadio!

Elvira - A sì, e s'el vòr dii?

Annetta - Che proprio rubino non è, però l'è sula strada giusta.

Elvira - Un rubinett!

Annetta - Sì, ma de valor!

Elvira - Ghe credi che l'è de valor... gh'è in giir de chj sass che varen pusée dej brilant!... E la

            muntadura l'è d'ora?

Annetta - Argento 900/mille.

Elvira - Inscì luster?

Annetta - L'argento del Colorado l'è semper luster!

Elvira - (stupita) Ma va? E cusa el saria el Colorado!

Annetta - (intellettuale) Uno stato degli U.S.A.

Elvira - (stupita) Adiritura finn de là e... el sass, de indoa l'è che el riiva... (poi ci pensa) de un quai       giaciglio?

Annetta - (la guarda inebetita) Eh?!!!

Elvira - Sì, de un giacinto!... Sò mia... in de chell post indoa ghe n'è un mucc'!

Annetta - (sempre più intellettuale) Giacimento!

Elvira - Apunto!... El vegn de là?!

Annetta - Tj induvinà... el vegn de un giacimento della Patagonia inferiore!

Elvira - Pata - che?

Annetta - Patagonia!

Elvira - (facendo finta d'aver capito) Eggià, là ghe n'è a miliuni... bell! propi bell! L'ha cumprà in        del urevess?

Annetta - Certo! Cun la sò bela scatuleta e cun el certificà de garanzia... gh'è fin scrivù su che devi      tirall giò quand lavii i piatt!

Elvira - Perché, el sé dislengua?

Annetta - Figurett se i sass dislenguen!

Elvira - Pò, la mé Liseta, quand la g'aveva i sass ai reni, g'han faj bev l'acqua e s'han dislenguà!

Annetta - Chest el sé dislengua mia... devi tirall giò perché i detersiv el fann diventà negher!

Elvira - Stagh atent de mia fall nàa dent in del scarigh del lavandin... cume i bocùl dela Giuvanina,      che j a tirà giò per lavass la facia: dopo ghe brusiva i öcc', alora la taterava sul lavandin per        cercàa el suga man... fatustà che gh'eva là i bòcul e vùna l'è burlada dent per el tubo e l'ha       truvada più, insci g'ha tucà tiràa giò anca chel'alta!

Annetta - Tì, ma el tò Dumenigh, l'ha propii specià al'ultim mument, per nàa a töö el regalI?

Elvira - Perché el g'ha pagura che dopo podi mia resist!

Annetta - Ti gh'è già in ment cusa l'è che el pò regalatt?

Elvira - No, ma de sicur un quaj coss che lusiss?

Annetta - (entusiasta) Anca a tì un gioiello?

Elvira - Pò dass, a meno che el sia mia un specc'! Perché varda, Annetta, mia apena el tò ciccio, ma   anca el mé Domenico si è cavezato fuori che e! par un contino... fin! finn! che ghe n'è mia d'alt!

entra Lisetta

SCENA III

Lisetta - Ciao! (poi ad Annetta) Ah, ti sée chì anca tì? (poi alle due) G'ha vurù dò or per confesass...           và, l'è bela ora de mesa de meza noce' e summ mò nanca de nàa a cà a fa de scena... ghe farò un bell café lacc' al mé Giulio, tant devum gia mangià tanto dumann!

Elvira - (prendendo la mano di Annetta e mostrandola) Tj vist, Lisetta?... vardigh adré, vardigh adré   che giögh!

Lisetta - (stupita) Te l'an mandà quel che vend la lana?

Annetta - (indignata) Sì, già, tira a mann!

Lisetta - Alora ti l'è truvà in de l'ov de Pasqua!

Elvira - L'è el regall de Natal de sò ciccio!

Lisetta - (stupita) De chi?

Annetta - Del mé ciccio!

Lisetta - (ancora più stupita) Se tj dì? el tò ciccio?

Annetta - Sì, me l'ha regalà el mé ciccio, el mé Luigi, tj mangià i sturnej?

Lisetta - Mì, un pece' del gener el ciapavi nanca se m'e! tiraven adré, ma de chel bru bru del tò om,             se pudeva mia speciass de mej!

Annetta - Tì, vilana, stagh atent 'mé ti parlett!

Lisetta - Per piasée, va a cà tua tì e e1 tò anel, che sum apena naja a cunfessas e g'ho mia vòja de     tacàa liit!

Annetta - Ma chì ti cumandet mia ti?... E pöö, se summ chì, l'è perché g'ho bisogn!

Elvira - Apunto, cusa ti sée nia chì a fàa?

Annetta - A töö e! trenino!

Elvira - El trenino? Che trenino?

Annetta - Chell che ti gh'è cumprà al Fabrizietto?

Elvira - Mì al Fabrizietto g'ho cumprà un bel nagott!

Annetta - El mé fiöö el m'ha dì che ti ghe l'evet cumprà e de pasàa de chì a töll che quand el niiva a

            cà ghe l'eva già là prunt per giugàa!

Lisetta - (anticipando Elvira) Me l'ha daj a mì!

Annetta - Per chi??

Lisetta - Per i orfani del brefotrofio de. (specificare nome)

Elvira - Ti sée, se el stava chì l'eva un cunt, ma inscì, ora che el vegn a cà, gh'è pasà tucc i fest... e pöö l'è talment picul che el sé ricorda nanca del regall, e per lùu, Natal l'è cume un alt dì!

Lisetta - (curiosa) E tì, cusa l'è che ti gh'è cumprà?

Annetta - Fin adess nagott... specii quand el vegn a cà, inscì ghe cuprerò chell che el vör lùu ...

Lisetta - (ironica) Ahh! ho capì!

Annetta - Bé, quand l'è inscì, alora... vò! Me diaspiass de mia avée truvà e! Dumenigh per fagh i        auguri, vorerà dii che tj ghej fé tì... Ciao, auguri! ...

Lisetta - Auguri, Bun Natal, anca al tò ciccio!

Annetta - Non mancherò, non mancherò!

Elvira - Se te telefunen, fagh i auguri anca a lor, ciao! (poi a Lisetta) se vedd che g'han mia te1efunà   altrimenti me la diseva!

Lisetta - L'eva tropa ciapada a fatt vidée i mann... tuta roba che l'ha cumprà in dii maruchitt... l'ho           vist mì el sò Luigi che l'eva là in del 'cinquemilo vù cumprà' a tiràa el prezii!

Elvira - L'ha tirà föra de chj nomm... e l'America... e la patògia... par chisà de indoa el riiva     che1'anel lì!

Lisetta - Ghe mancava manimà chellì per fàa la Banca del dùu! a mì la mé fa nii un nervos, che podi         mia videla davanti aj occl... ti sée cusa l'è naja in giir a dii?

Elvira - Dala sò bucascia gh'è de speciass de tutt!

Lisetta - Che el sò fiöö el manda mia chì e1 niin in de tì, perché el tò Dumenigh el ghe vusa i vizii...

            el ghe dà i caramell de sciuscàa e dopo ghe và föra i diinc'!

Elvira - (rammaricata) Oh, ti vedett, ti vedett cume la fa la gent... El g'ha dai una volta un mentin        intant che rivava sò pader ...

entra Domenico con un pacchetto

Lisetta - Riiva el Babbo Natale!

SCENA IV

Domenico - Ecco el regall!

Elvira - Una scatola inscì grosa?

Domenico - El regall o el se fa bell, o el se fa mia! Te par, Lisèta?

Elvira - Se g'hè dent?

Domenico - La sumenza dj curiòs!

Elvira - (incavolata) Sent, Dumenigh, famm mia stà giò el fià!... podi almenn savée quanto ti l'è     pagà?

Domenico - Sorpresa!

Elvira - Damm in dré el rest!

Lisetta - 'Me ti fée a savée che l'ha vanzà i danée!

Elvira - Perché in d'un pace del gener, pusée che una quaj marturada gh'è mia dent!

Domenico - Invece ti vederée che ti sarée cuntenta!

Lisetta - Bé, sentii, mi vò föra dj ball, prima che tachìi litt anca per el regall!... Alora se vedum             duman matina per la mèsa dj vott!

Elvira - Sé tròvum in gesa... tegnum la cadrega!

Lisetta - Ciao, Dumenigh... fa el bravo che ti sée vecc'... (poi, ricordandosi improvvisamente) Ah!,           disbusciona mia el vin che el porti chi mì... va tì, indoa g'ho el cò... s'evi nia chì per chell e    quasi navi via senza ditel... ciao! (esce)

Domenico - El pusée bùn eh... me racumandi!

Elvira - L'è pusée d'un'ora che ti sée in giir, per nji a cà cun chell scatulun chì che pöö t'avré cumprà

            chisà cus'è, e ti m'è faj föra cinquanta mila franch a ball a ball!

Domenico - L'è inutil che ti naghet adré a menala, tant t'el diisi mia se gh'è dent!

Elvira - E chi l'è che vòr savell!? (poi prende il regalo e lo mette sotto l'albero, sulla sedia che aveva           preparato) Tò, laséll lì, che dumann e1 dervisii... tii sée cuntent, adess?

Domenico - Sì, inscì va benn!

Elvira - Sù, vegn de là, che ho trai föra la pastina mez'ora fa... la sarà surada, ormai! (si avvia)

Domenico - Pensa invece mì che preocupaziùn... ho girà el mund e el pian per truvàa un Gesù          Bambin (poi al pubblico) ma pàr che el nost Signor el ghe sia propii più in sula facia dela         tera! (esce anche lui)

La scena resterà buia per un po', magari accompagnata da una musichetta. Meglio se le luminarie dell'albero di Natale siano accese, creando così un'atmosfera suggestiva.

Ad un tratto, si sentirà bussare alla porta. La musica cesserà e, lateralmente si accenderà una luce.

SCENA V

Elvira - (dall'esterno) Dumenigh, oh Dumenigh... (silenzio) Dumenigh! svegliess! han picà ala            porta! (poi forte) Dumenigh!

Domenico - Eh! Sé gh'è! chi l'è!

Elvira - Han picà ala porta!

Domenico - Va là, va là, dorma... porta... figurett, ti sarée insugnada!

Elvira - Dumenigh, summ mia balorda... Te diisi che han picà ala porta ...

Domenico - Se propii gh'even bisogn, picaven ancamò!

Elvira - Va là a vidée!

Domenico - Che ora l'è?

Elvira - I tré e meza!

Domenico - El sarà el Babbo Natale che l'è in gìir a purtà in giir i obej obej!

Elvira - Sì, l'è la Befana... va là a vidée!

Domenico - Nanca la noce de Natal sé pò stàa in pàs ...

            Dorma che gh'è nissun!

Elvira - Oramai ti sée sveglio: 'sé ghe vòr a nàa de là a dàa un'ògiada!

Domenico - (spazientito) Eh va benn... tosich d'un tosich!... Sé pò mai stàa in pàs un minutt. (entra in palcoscenico, accende la luce illuminando la scena, poi grida) Avanti!!

Domenico - (fa per ritornare) Nissun... ti sée cuntenta, adess?

Elvira - Tj dervì anca la porta?

Domenico - No!

Elvira - Gran fadiga! Ti sée rivà fin lì, ti pudevet mia dervii anca la porta?... Ti gh'è pagura che te mangen?

Domenico - Sì, figurett, pagura... pöö ti ghé sée tì, che apena té veden cunsciada a chela manera chi,        scapen!

Elvira - Va là, va là a dervii!

Domenico - (brontolando, va verso la porta)

            (Aprirà la porta spavaldamente. Dà una prima occhiata e fa per richiuderla, poi,             accorgendosi che sul pavimento c'è qualcosa, la riapre piano piano... guarda giù e richiude la    porta di corsa, restando con la schiena appiccicata ad essa e fissando Elvira come     paralizzato)

Elvira - (dopo un attimo) Alora?!?

Domenico - (non risponde)

Elvira - Ti sée indurmentà?

Domenico - (idem c. s.)

Elvira - Alora, chi l'è?

Domenico - (idem c. s.)

Elvira - (al pubblico) Oh signur, gh'è nij un colp! alora, ti mé diiset chi l'è o no??? ...

Domenico - Sssst! (abbassando la voce) El sò mia?

Elvira - Ma alora gh'è lì un quaj vùn?

Domenico - (fa di sì con la testa)

Elvira - (sempre più spazientita) Ma alora dimm chi l'è?

Domenico - (muto)

Elvira - T'ha nji un quaj culpett ala bòca... (poi urlando) ti parlett o no?

Domenico - (zittendola nuovamente) Vosa mia che t'el svegliet!

Elvira - (stupita) Ehhh?!

Domenico - T'ho dì de mia vusà che t'e svegliet... per furtuna el balord s'evi mi!

Elvira - Svegliàa chi?

Domenico - El Gesù Bambino!

Elvira - Alora t'ha propii scupià la stupidera... Ti mé fée nij adoss un nervòs quant ti fé chi verz chì,

            Dumenigh, che te daria trii sgiafùni. .. (poi spazientita) Ti vorett parlàa o no?!?

Domenico - Gh'è nagott de dii... Propi nagott de dii... l'è asée vardàa!

Elvira - Vardàa cosa??

Domenico - (si stacca dalla porta e va verso il presepio) Vardàa e1 Gesù Bambin... Se vett che l'è

            nij a savée che el mancava in del presepii, e lùu l'ha pensà benn de nij giò!... Solo che l'è un

            pò trop gross... el gh'è stàmia dent in dela capanna?

Elvira - Quanti verz per un bambinn de gess!

Domenico - Noo, ma lùu l'è mia de gess... l'è propii de carna e oss... bell, bianch e ross 'mé el   triculor e cun el sciusciùn in boca... l'è per chell che el piang mia... po, l'è talment squarcià          benn, che el patis nanca el frecc'.

Elvira - (baldanziosa) Ti vörerée mia damm d'intend che lì, dedré dela porta... (poi, con uno scatto       improvviso apre la porta, guarda giù, e ripetendo la scena di Domenico, la ricbiude, ecc.           emette un urlo strozzato) Ahhh!

Domenico - Adess ti sée cunvinta?

Elvira - (si riprende, va sofferente verso il tavolo) Oh! mama, l'è vera... Oh signùr, l'è vera... gh'è lì   un fiöö in d'un cavagn... oh Dumenigh va là a tirai sù un bott, che me par de sentiss màa!

Domenico - Specia che vo là a töö l'asét de fatt vùsmàa!

Elvira - (categorica) Va là a tiràa sù chell fiöö, per piasée!

Domenico - E indoa el metùm?

Elvira - Come indo el metùm??? Chi, in cà nosta... ti vörerée mia lasall là?

Domenico - Chisà perché tucc i rogn me capiten a nunt!

Elvira - (rimproverandolo) Sent, Dumenigh, per piasée... indoa l'è che ti gh'è el cor... gh'é là un fiöö             de fo in d'un cavagn, sì o no?

Domenico - Sì!

Elvira - E ti g'avreset el curagio de lasall là di par lù al scùr e al frecc, la noce de Natal?

Domenico - No... ma ti vidett!

Elvira - (interrompendolo) Va là subit a tirall su e mòvet!

Domenico - E se l'é un quaj scherz?

Elvira - Movett!

Domenico - (apre la porta lentamente, guarda giù, poi si abbassa teneramente)

Elvira - Fà adasi, material... che ti podet fagh màa!

Domenico - (abbassato, parlando col bimbo) Uhei, Remigio... ciucci la pippotta. (poi lo raccoglie e       piano piano lo porta sul tavolo)

Elvira - Se t'en diiset, devi tirall föra?

Domenico - Per fàa... ti vedet mia 'me l'è cuntent... ghe n'ha nanca pei ball de nunt.

Elvira - Savresi nanca più cume fàa a tegni in brasc, i fio picùl... (poi entusiasta) Cara, che stela!...      ti, Dumenigh, de indoa ti pensett che e1 riiva?

Domenico - L'avrà metù chì un qua; vùn... l'ho semper dì che duvevum mia nii chì a stàa in sula      strada!

Elvira - Se l'eva destin, tel purtaven sù anca al quinto piano... va, va che gh'è dent una busta! ...

Domenico - Se gh'è sù... legèla.

Elvira - (apre la busta e legge) So che siete brave persone e avrete tanta cura di lui. Non ha ancora        un nome, dateglielo voi... vi chiedo perdono, ma sono disperata!

Domenico - Gh'è su se l'ha mangià?

Elvira - No, gh'è su più nagott!

Elvira - (vezzeggiandolo) Piri piri piripiriripiri... Se gh'è cosa c'è... ma sidìr... ma signor, cume ti sée

            bell ma cos'è che vuoi susciare, il ditone!. .. ma tò... va, Dumenigh, el mé sciuscia el didùn...

            oh, ma che sbadiglione ...

Domenico - E adess cosa femm!

Elvira - Me cunvegnn purtall in lecc, prima che el eiapass frecc!

Domenico - Tì, niina, ma forse ti sée rendet mia cunt de cusa 'riiva adess... e se el g'ha famm?

Elvira - Ghe dò el lacc'!

Domenico - E se el piisa dent?

Elvira - Ghe cambii el patell!

Domenico - E indoa l'è che ti vé a tòll, che duman l'è Natal?

Elvira - G'ho lì ancamò chi che ho cumprà per el Fabrizietto e j ho mai cunsumà... l'è staj chì            talment poch a cà nosta, che l'ha maj nanca vanzà el temp de fàa la pipì!

Domenico - E in lecc, indoa l'è che el metùm?

Elvira - In mezz a nunt, che almenn el resta al cald!

Domenico - (ancora più titubante) E la cavagna?

Elvira - (al bimbo) Ma signor, che stela... (poi a Domenico) la cavagna la lasùm     chì, che discors!

Domenico - Mì g'ho l'impresiùn che tì ti sée rendet mia cunt, eco... ti sée rende t mia cunt!

Elvira - Dumenighl, .. Me sée rendii cunt benissim!. ..

            Gh'em un fiöö in più! (poi fruga un po')... A prupositi... sì, sì, l'è propii un masc'... piri piri           piri...

Domenico - (sempre più preoccupato) Elvira, va che l'è mia una bambula... pensa a cusa dirà la gent!

Elvira - (prima forte, poi con voce bassa) Dumenigh! ...

            El Signor l'ha vurù mandall chì, e chì el resta... e nemm in lecc che el g'ha sognn... (prende il       cestino e piano piano si incammina verso l'uscita)

Domenico - (alza le spalle) Quand l'è inscì... (va alla credenza, toglie un pacchetto e lo mette sotto      l'albero di Natale)

Elvira - (appare sulla soglia) Vegn che el s'ha già indurmentà!

Domenico - Un mument... tò... g'ho metù lì el trenino, inscì dumann el truverà anca lùu el sò regall!

(esce)

FINE II ATTO

ATTO III

All'aprirsi del sipario in scena ci sarà Domenico} al telefono che starà parlando!

SCENA I

Domenico - No, ma vede, signorina, el fàtto l'è che mì g'ho apena dumandà de pasamm la maternità   che g'ho bisogn de parlàa, tutto lì... (pausa lunga) No, ma vede, lée la m'ha già dì che summ    matt perché ghe fò certii dumand ala matin bun'ora del dì de Natal... se gh'è diisi anca el           perché, minim la mé manda sù la camisa de forza... lei non deve far altro che passarmi la            maternità e basta; dopo ghe pensi mì a tutt! (pausa)

Elvira - (entra) Vòsa mia che t'el svegliett!... (poi tenerissima) Pensa, Dumenigh, el mé fa de chii         sorrisetti che el mangeria... m'ha nij vòja de dagh una stringiuda... (poi al pubblico) oh cume      summ cuntenta, oh come sum cuntenta... mai pasà un Natal inscì bell!

Domenico - Se tròvumm mia subitt de chi l'è, ti vederée che bell Natal che paseremm!

Elvira - Fà mia riit... sà nagott nisùn... basta tegn nascundù la roba!

Domenico - Per quanto?!?... Tra un mument vegnerà chì la me Liséta cunt el Giulio e la nutizia l'è        già bela che naja in giir per el paès... (poi al telefono) Pronti!... sì, l'è la maternità? .. Ah,         no?... Ma, mi scusi, l'è almen la USL?... A, meno mal, no perché l'è già mez'ora che surn al       telefono... sì, la maternità... (poi ad Elvira) Per furtuna l'è un uspedal cun cinq repart, perché     se l'eva chell de Vares, me tue ava speciàa fina a dumann matina!

Elvira - E mì, ti sée se fò?

Domenico - Cosa?

Elvira - Ghe telefoni ala Lisetta e gh'é dii si de mia nii chì, anzi, vist che sia el capùn che el   pulpetun hin già prunt, gh'en porti là un toc inscl stan a cà sua!

Domenico - Eh già, ma chela là la mangia la föja... (poi al telefono) Pronti sìì... l’è la maternità”

            (respiro di sollievo) Ohh! g'ha vurù bela nov mès, ma ala fin, finalment riesci a parlàa cunt

            un quaj vùn! .. Sì che g'ho bisogn, altrimenti la disturbavi mia ...

            Senta un po', signorina... per una strana coincidenza, a casa mia gh'è riivà chì un fio che pres     a pogh el g'avrà un mès e mez... negher... bel bianch e ros... cinq chile e mez bela vistìl. .. lei    non saprebbe dirmi se un mès e mez fà, gh'è nasù un fièio che rispondeva a questo    identikid?... Ah... sì?... ah no?... ah, va ben, grazie... (riappende)

            L'ha dì che de fièia l'è già trii o quater mès che en nass più... l'ultima l'è staja una tosa e dopo          de alora han sarà sù la maternità!

Elvira - Te l'ho dì; l'è inutil che ti naghet adré... chì l'è rivà e chi el resterà, e mì sum tuta cuntenta!

Domenico - (entusiasta) Elvira! ti sée cusa té diisi? ...  Che sùm cuntent anca mì cume una Pasqua...   eco. Finalment gh'em un alt fiöö, inscì se nujerem più e se devi cumprà un trenin, sum sicùr    che el sarà chi a dervii el pachett, perché lùu a sciàa el narà mai, inscì a Natal el resterà            semper chi cun nunt... anzi, el savrà nanca cusa l'è la nev, perché in inverno el tirùm sù e           nemm al mar, indoa el fioca mia... e se la Mariella la vòr fàa la spacòna, la faga pùr senza          fass nii tanti scrupul per i sò gent, e adess vo de là a giugàa un po' (poi, ben sottolineato)         cunt el mé fièio. (sparisce)

Elvira - E mi, invece, ghe telefùni ala Lisetta... ti vederé che la rangium via benn, senza bisogn de        fall savée in giir... (compone il numero) Sent, el telefono el buij... sarà cuntent la SIP ...

            Pronto, Lisetà... Contrordine! Podi più invidadd a mangià; adess te portì lì la tò part... ciao,      scusum ma g'ho pressa. (riappende)

Domenico - (riappare) Se l'ha dì?

Elvira - G'ho nanca lasà el temp de fiadàa... vegn de là che fo sù i pachitt e ti vé là a purtaghi là!

Suona il campanello

Domenico - Derviss mia! Ala finn se stufiràn e ti vederée che vann via!

Elvira - La pò mia vess de sicur la tò surela... ch'il sarà?

Domenico - Va che se ti derviset, gh'è finì tutt!

Elvira - (urla) Sei il marocchino? Non ho bisogno niente!

Annetta - (da fuori) No, sum l'Aneta!

Elvira - Va de là subitt e cerca de mia fall piang, perché se la sée acorg de quai coss, l'è pegio dela

            tò Liseta!

Domenico - (esce)

Annetta - (impaziente) Podii nii dent?

Elvira - Un mument che te dervisii! (va alla porta e apre)

SCENA II

Annetta - (entrando) Magarii t'ho disturbà!

Elvira - Insòma!

Annetta - Ti s'evet ciapada?

Elvira - Insòma!

Annetta - Summ nia chì, perché... a pruposit, cusa e1 t'ha regalà?... Un anelinn?

Elvira - Chi?

Annetta - Pò, el tò Dumenigh!

Elvira - (ricordandosi) Oh! s'evj talment ciapada cun el.... e1 capùn che m'ha nanca njj più in ment      del regall!

Annetta - Vuna 'mé ti, l'ho propii mai vista... mì, al capùn g'avria pensà dopo... prima hin i     pachetitt... me pias inscl tanto a disfai già... e la tò tosa, cusa la t'ha cumprà?

Elvira - Ah!, cheschì t'el diserò mai, perché dopo se fà i cunfrunt e salta föra una roba antipatica...     tì, ma ti sée nja in giir manimà per savée cusa gh'eva denti in dj pachetitt?... Cusa te interesa a tì? Summ nia là mì a dumandatt cusa t'ha regalà la mé tosa per caso?

Annetta - Oh! l'ha faj un sforz chest'an: trè para de calzet de filanca e una butiglia de wiskey al mé   om... hin propii streng de maniga!

Elvira - Han cambià el verz: l'an pasà i calzet ghej regalaven ai omen e a nunt una butiglia de       doppio cedro per tensù el còr... chest'an han cambià... alora el dervisi nanca el mé pachett!

Si sente piangere il bambino

Annetta - Se gh'è in giir i fiöö piscinitt!

Elvira - (finta tonta) indoa?

Annetta - M'ha parù de sentii un fiöö a piang!

Elvira - Scusùm se insisti, Anetta, ma ti vòrett dimm

            cusa ti sée nja chì a fa, che g'ho pressa???

Annetta - Sum nia chi a videé se t'even telefunà?

Elvira - No, fin adess no! Si sente nuovamente il      bambino piangere.

Annetta - Epùr un gatt el pò mia vess... i gatt fan mia chi verz chì, nanca quand hin in amor!

Elvira - Bé, alora ciao (la spinge verso la porta) se per caso me telefunen, t'el mandii a dii!

Annetta - Spingiùm mia che sùm bona anca mì de nàa... (esce)

Elvira - Ciao e preocupess mia. (chiude e alza gli occhi al cielo, poi si stacca dalla porta)

Annetta - (appare all'improvviso) Disturbess mia a mandame1 a dii, che magarii fo 'nalta scapada             mì... ciao! (chiude la porta)

Elvira - (che accusa tutti questi colpi, esce di scena) ritorna Domenico

Domenico - Raza de curiùsuni... hin mia bùnn de stàa a cà sua! (va verso il presepio) adess che el     vett el treno, ti vederée cume el riid! (si avvia verso la camera)

entra Lisetta

SCENA III

Lisetta - (baldanziosa) Tì! Ti vorett dimm cusa l'è chela pajasciada chì o no?

Domenico - Eh dò?

Lisetta - Prima se invida la gent, dopo se gh'è diis de no!... la te par una roba nurmal?... e pöö, propi     al'ultim mument... che el mé Giulio el s'eva già vestì dela festa!

Domenico - Causa di forza maggiore... comunque vegh mia pagura che el past t'el perdet mia; l'è             già adré a preparatt la roba ...

Lisetta - Vorii propii speràa de sì... e per piasée, damm indré anca el panetùn, inscì ti imparett!

Domenico - Tutt chell che tj vorett, ma vosa mia che el sà apena indurmentà e ...

Lisetta - Chi l'è che s'ha apena indurmentà?... TI no de sicur perché l'è de quand ti sée nasù che ti sé un indurmentà, eco!

entra Elvira

Elvira - Ssss! silenzio!

Lisetta - Summ nia chì a ringraziatt del'invit!

Elvira - Ti gh'è resùn, Lisetta, ma ti podet mia capii!

Lisetta - Capiisi che el sarà la vecchiaia, ma de artereosclerosi, chì, en manca mia!

Elvira - L'è inutil che ti naghet adré... podi mia spiegatt e basta... Dumenigh va là a tògh el pachett e         dopo se ti vòrett famm un piasée, spariss per almen trii dì!

Lisetta - Sì, già, el pachett, cume se fudesii una puverascia qualsiasi!

Elvira - (a Domenico) Alora daghell mia!

Lisetta - (incavolata) Ah daghell mia... e al mé Giulio, cusa ghe dò de mangiàa? i pell dj patati?

Elvira - (a Domenico) Alora va là a töll!

Lisetta - Ho nanca cumprà una föja de insalata cume cuntorno niente... no, ho bela che capi che           vòrii disfass dela parentela... va ben, basta dill e se fem vidée più ...

Domenico - Resist, Elvira!

Lisetta - Oh!, el sò che sii tutt d'acord cuntra de mi.

            Scumète che in dela vosta cricca j tirà dent anca chell bell element che gh'è apena naj via...            chela l'è bona... la và in giir de partutt a vidée i regaj!

Elvira - E a tì, cusa t'ha regalà!

Lisetta - Te interèsa un bel nagott... cià el mé pachett che vò!

Domenico - (esce)

si sente piangere il bambino

Elvira - Eco! l'avevi dì de mia vusàa... adess ti l'è sveglià!

Lisetta - Sveglià chi???... Ti gh'è chì el Fabrizio?

Domenico - (entra, sconsolato) El s'ha sveglià!

Elvira - L'ho capida. El s'ha sentì fin chì.

Lisetta - Ma chi l'è???

Domenico - El Gesù Bambin!

Lisetta - (stupita) Vera???

Elvira - Perché, ti credevet che l'eva de gess?

Lisetta - E de chi l'è?

Domenico - El mé e dela mé dona!

Lisetta - Ala vosta età? piange il bimbo

Elvira - Sarà mej che naghi là a tirall sù! (esce)

Lisetta - Ti mé diserée mia che l'è nasù chi?

Domenico - Semm rangià de per nunt!

Lisetta - Ti sée adré a ciapamm per el dedré, Dumenigh? Domenico - No, ma ti me fée certi dumand che senza vorell, meriten una certa risposta!

(entra Elvira con in braccio il bimbo)

Elvira - (mentre lo ninna) Adess sbasée la vòs per piasé che el g'ha bisogn de durmii!

Lisetta - (avvicinandosi) Famell vidée!!! Oh?!? tutt sò pader!

Domenico - Perché, tel cugnoset?

Lisetta - Mi no? però diisen tucc inscì!

Domenico - Pensavi che l'eva apena el tò Giulio el gnoc de famiglia, ma vedii che tj imparà ben      anca ti!

Lisetta - Ma de una quaj part el sarà bé rivà, chell canaja chì, no?

Domenico - L'ha purtà chì la cicogna!

Lisetta - Sent, Dumenigh! Se te la piantet mia de eiapam per el dedré, vò e ti me vederée mai più...       va ben?

Domenico - Però senza el pachett, perché prima te vòrevùm mia chì per pagura che tj navet in giir a dighel a tucc'; ma adess che t'el sée, ti podet anca nji chì a mangiàa, che oramai fa più   nagott... anzi, vegnn chì un po' prima che ti dée una mann, perché cume ti podet vidée... sem   ciapà!

Elvira - Mi te pregheresii invece de tasée. Dopo de nunt ti sée l'uniga a savell!

Lisetta - No, ma diisii! Mì ciapà per l'Aneta che l'è una zabetà de prima riga??? Mì diserò mai       nagott, però sò propii mia cume farée a tegnel nascundù per tuta la vita?!?

Domenico - El sò che prest o tard el sé vegnerà a savé, de chel sum d'acordi... però, l'è mej che la        gente la vegn a savell tard!

Lisetta - Minim te toca denunciaI ai carabinier; e quand te dumanderàan come mai ti l'è tegnù          nascundù, ti narée de sicur in gatabuia!

Elvira - Perché?!? Em faj un quaj coss de màa, forse? ...

            L'em truvà dedré dela porta... I'em curà... tirà sù cume un fior e per la paga me meten in          galera? A mi me par un cuntrusens!

Lisetta - Mi, invece, el denunceresii subitt chesta matina, perché hin magari bun dopo de nàa in giir   a dii che ti l'è rubà!

Elvira - Ma dii mia stupidà, demm!

Lisetta - Ti sée ricordett l'anel dela Maria che l'aveva truvà al lagh?

Domenico - Ma chest l'è un fiöö!

Lisetta - Se pò mai savée. Mì sò apena che la Maria l'eva staja denunciada dala padrona del'anel         perché la diseva che ghe l'eva rubà; invece l'eva truvà al lagh, che se gh'eva mia la pora        Carulina 'ristelona' a testimuniàaa, a chel'ora chì l'eva ancora in galera, e vialt de testimonii            ghe njj mia!

Elvira - Alora ti mé disereset de nàa a denunciall!

Lisetta - L'è l'una roba de fà!

Domenico - Bé, el farò dumann che l'è San Steven, incöö vörj pasàa el Natal tranquil e cun      l'impresiùn che el fiöö el sia el mé!

Lisetta - A meno che, truvasii mia una quaj partoriente o un quaj vùn che l'è dispost a fall pasàa per   sò... e dopo sò mia come ma vel dann a vialt; l'ho legiù sula Famiglia Cristiana che fann       anca chj robb chì, però duverien vegh vergogna... eco!

Domenico - Sìi, va a catà chell che te la fà pasàa per sò... ghe voreress propii un por ciola!

suonano al campanello

SCENA IV

entra Pompeo

Domenico - Avanti, è aperto... và de là cun el niin.

Elvira - (sparisce)

Lisetta - (come lo vede) Tò, sevum propii adré a parlàa de tì... vera Dumenigh che sevum adré a parlàa de lùu!

Pompeo - Auguri di Buon Natale e tante Buone Feste a Tutti, riivi dala Mèsa dj vott... han fatto un    presepio, eccezionale... Pensi, Domenico, che al posto delle Statuine, c'era un solo Gesù       Bambino a grandezza naturale... el pareva vera, e in giir un sacc de rob... giocattoli,     panettoni, perfin una pelicia! e una futugrafia de una dòna meza biota... in gèsa! pensate...       mì, apena l'ho vista, sum diventà ross, dopo il Don Francesco l'ha spiegà che sono gli oggetti     del consumo e che el Gesù Bambino è venuto lì in mezzo a quelle cose a fare la sua bella    denuncia, toh!

Lisetta - Ohe! e fann de chj giögh al dì d'incöö anca in gèsa, che gh'è bun apena i pred de capii... e i   peùr?... gh' even i peùr!

Pompeo - No, le giuro di no... anca la mé mama la s'é scandalizada... già l'altra volta quando            avevano fatto la santa comunione con un pezzo di pane vero invece della particola, non gli            era piaciuto, perché lée l'è abituada a mangià el cracker!

Domenico - A pruposit, m'ha dì che ti sée sposet!

Lisetta - Tii sé sposet?? cun chii?

Pompeo - La Rosalia Spanò, che fa la cameriera dai Granel1i!

Lisetta - Gran brava tòsa... pöö inteligenta... la vedi semper in bicic1eta quand la fa el senso unico     dela part sbagliada... ghe sonen adré tucc... el mé Giulio el ghe tiràa adré tant sacrament ...

Pompeo - Fra un po' farà la patente!

Lisetta - (alzando gli occhi al cielo) Oh Signor, varda giò!

Domenico - E, dimm un pöö, nin, ghj intenziùn de nàa a töö subitt un quaj fiöö?

Pompeo - (timidone) Ma dai, signor Domenico... non sono cose da dire, dai!

Lisetta - Ti gh'è resun... invece de djj, certi rob bisogna faj!

Domenico - No, perché le donne del sud, ancora adess, per fàa fiöö, han semper batù chj del nord!

Lisetta - Ma perché han semper spusà gent del sud... sò mia se el Pumpeo el sarà al'alteza!

Domenico - (a Pompeo) Caso mai, nunt podum datt una mann!

Pompeo - Perbacco! che vunciùn... mi meraviglio!

Lisetta - Ma no, Pompeo, fagh mia caso... non intendeva quello che hai capito... nunt la mann te la

            demm fin in fund... cioè, se proprio lo desiderii, te demm adiri tura un noo, già bela che

            svezzato!

Domenico - Cinq chili e mez bela vistì!

Pompeo - No, grazie, a certi rob vòrii pensagh mì (poi timido) eco, mi fate arrossire.

entra Elvira

SCENA V

Elvira - Indurmentà per la quarta volta... el prim che vòsa el ciapa un sgiafùn!

Pompeo - (gridando) Auguri, sciora Elvira!

Domenico - Ssssst! tj mia sentì cusa l'ha dì?

Pompeo - Oh, scusi! Son venuto a salutarvi... tj viist,

Elvira... (poi appassionato) Vo, Elvira, vo, senza sapere cosa mi aspetta... pensa, che diisen tucc che            sono un polentina... dimmi invece chi ha un coraggio come me... La mé mama la piang de        trii dì! El mé papà el vett più nanca el Telegiornale, ma mì, sùm cuntent, perché ho trovato    l'amore! (poi di scatto) Beh, ciao a tucc, ades e vo perché mi aspettano. (esce come una             freccia)

Lisetta - Scolta un minutt, a pruposit del fiöö... Va a chel paes ...

Elvira - El m'ha nanca lasà el fià de saludall!

Domenico - L'è staj ciapà de l'amor... el capiss più

            nagott!

Lisetta - Ti sentì se l'ha dì del presepii in gèsa?

Domenico - M'ha nij la stesa idea anca a mì!

Elvira - Perché, se gh'è in gesa?

Domenico - Un presepii indoa gh'è apena un Gesù Bambin grand cume un fiöö vera!

Elvira - E alora?

Domenico - Alora ho pensà che el nost niin el puderess stàà là benisim lùu, al post de chel de gess!

Lisetta - El portii là mì!. .. Ho già pensà cume fà... Me se fò mia vidée... ellasìì là, porti via chell de     gess pöö vò là ancamò, ciami el curat e fò tuta la scena, inscl el ciapa nanca un po de frecc!

Elvira - No, nanca per idea. El nin el tegnum chi nunt.

            Dumann el denunciùm e chell che sarà, sarà. Anzi, intant che fem la denuncia ghe disùm già             che vorùm tegnet nunt, perché chesta l'eva la vuluntà dela sò mama, propii cume gh'eva      scrivù su sul bigliett... e chela sia finida lì... e cerchemm de preparàa un quaj coss perché el     riiva mesdì e sem ancora chì a fàa nagott... a pruposit, ho fai el café... vò de là a töll. (esce)

Domenico - Ma sì, la g'ha resùn... te par Liseta?

Lisetta - Ho capì fin de l'altrer che ti s'evet un po' già per via dela tò Mariella!

Domenico - E cun ucasiùn del gener, vùn el pensa subitt e fàa i castell per aria!

Lisetta - L'è el sentiment... la vòs del cör, fass mia tant prublema, che vé capii si benissim!

Elvira - (entra con il caffè) Tè, l'è bel fort... l'è de stà matina che semm isvegli e me sum nanca       acorta che hin già dès or e ho saltà la mèsa!

Domenico - Ti sée, Elvira, nunt em vardà apena el nost interes! Dùu vegitt, che se nojen, senza    nisun per el di. de Natal, tuta roba che mett tristèza e davanti a una roba inscl, ti sée sentet        un'alta persona... ma ti gh'è resun ti, Elvira... Domani è un'altro giorno, si vedrà, la diseva       chela de' Via col Vento!

Elvira - E nunt, Duman, nemm in dj carabinierI

Domenico - Però, El nom, puderesùm daghell no?

Lisetta - Ciamel Natal? ... L'è rivà a nata!! Pusée bell de inscì?

Domenico - Tass che ogni tant ten diiset vùna giusta!

Lisetta - (sorseggiando) Beh, cià, alora vo a digh al Giulio che gh'è cambià ancora i piani. .. turni indré subit inscì te dò una mann.

suona il campanello

Elvira - Adess se el sé sveglia, lasémel piang... chj l'è e l'è e se vegnel a savell, pazienza!

Domenico - (va ad aprire. Non vede nessuno, guarda fuori bene, poi rientra 'e girato verso il pubblico) Entri, entri pure... l'ha pò nanca savée cume la mé fa cuntent... non mi dica niente che ho già capì tutt! (poi ua di nuovo alla porta e la invita ad en'[rare) Signorina... la vegna dent, per piasée, che va föra el cald!

SCENA VI

Appare una signorina a testa bassa, entra e si fermerà proprio sulla porta, mentre Domenico chiuderà la stessa. La scena rimane silenziosa per qualche secondo.

Elvira - Arivà a chel punto chì, gh'eva apena dò rob che me faseven. cuntent: Oh che niiva giò del    Paradis el Gesù Bambin vera, o che de chela porta lì, niiva dent la sò mama. Tì, ti gh'è.        mia      l'aria. dela Madona, però se capiss che ti gh'è intenziù de ricuminciàa!

Lisetta - Signorina, ma lei non ha una casa?

Signorina - (Fa di no con il capo)

Lisetta - Ma alora perché la tegnii mia chì vialt che ghj la stanza dela Mariella vòja?

Domenico - La puderia vess una bela ideaa... (poi alla ragazza) Oh, sia chiaro che nunt vòrum sfurzàa nisun però!

Signorina - (timidamente) Io... io non so come ringraziarvi!

Elvira - Basta, va mia avanti... trà föra el paltò e va de là in del tò fiöö, che el g'ha pusée bisogn de          ti che de nunt trii!

Signorina ed Elvira - (escono)

Lisetta - (riprendendosi) Oh signur 'me l'è tard!... (poi a Domenico) Tò, ti credevet de ciapan vùn e    invece ti ghe n'è chì dùu... Adess sì che ti starée alegher! (esce)

Domenico - (esce anche lui)

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno