Tainanà

Stampa questo copione

*  T A I N A N A'  *

COMMEDIA IN TRE ATTI

di: Rocco Chinnici

           

Tainanà era unu ca riscurria e pinsava a troffa”. Così recita il testo all’inizio.

E in realtà, nella memoria dei belmontesi, almeno di quelli che giovanissimi oramai non sono più, Toinanà, questo il vero nome, era un personaggio realmente esistito che non solo non parlava e non si comportava come “normalmente” fanno gli altri, ma indossava anche abiti “sui generis”, cioè non alla moda. Spesso ancora oggi, si sente dire infatti a uno che non veste appunto alla moda: “pari un toinanà”. Quindi era uno non propriamente inserito, uno che stava a metà fra l’idiota e il pazzo. Se si vuole uno di quei tanti individui che per le loro condizioni psichiche, spesso vivono, nella nostra realtà, la più completa emarginazione.

Ora, Rocco Chinnici, nella sua “Tainanà”, recupera questa figura che a buon diritto entra nella cultura belmontese, se non altro per il fatto che esso viene sovente accostato a cihi esprime una opinione apparentemente senza senso. E ne viene fuori una commedia irresistibile che attraverso le battute della suocera, del suocero e dello stesso Toinanà, conduce attraverso i tre atti come in un viaggio che si vorrebbe non finisse mai. Ci si trova così immersi in una serie di dialoghi ricchi di vocaboli e modi di dire, purtroppo obsoleti, che facevano parte del lessico tipicamente belmontese. Espressioni deliziose, quindi, come “Intillicchiarisi comu u baruni ri setti cannola, o pararisi comu ‘na vestia ca si porta a fera”, vanno ad arricchire quella che nell’opera è una superba e sapiente esposizione della lingua belmontese.

Toinanà, personaggio chiave della commedia, come sempre capita in questi casi, ci pone il solito dilemma: scemo o furbo? Pazzo o saggio? Il Toinanà di Rocco in verità assume delle tinte più nette e così diventa ora analitico e segace, ora ironico e sferzante. Ne esce fuori alla fine un autoritratto dell’autore il quale spesso ironizza sugli intellettuali – evanescenti e poco concreti -. Ottima per altro la trovata della distinzione tra risata colta e risata popolare. Si delinea così un Rocco impegnato da un lato, in un’opera di denuncia, e dall’altro, in un’opera di revendicazione. Denuncia ovviamente dei politici, i quali troppo impegnati nelle autocelebrazioni, sono spesso insensibili alla vita culturale del paese e rivendicazioni, per avere mezzi sufficienti per continuare a fare teatro.

                                                                       Francesco La Barbera

PERSONAGGI

REGISTA

MARIA

ANGELO

ANDREA

LAURA

GIOVANNI

I. MACCHINISTA

II. MACCHINISTA

TOINANA'

SUOCERO

SUOCERA

I. SPETTATORE

II. SPETTATRICE

SPETTATORE

CARABINIERE

II. SPETTATORE

SINDACO

CONSIGLIERI

BANDITORE

P R I M O  A T T O

 (E' finita da poco la rappresentazione dell'ultimo lavoro. Dopo i ringraziamenti al pubblico, il sipario si chiude sul lavoro. Dopo un po’ il sipario viene riaperto. Gli operai iniziano a smontare la scena e gli attori si struccano.

REGISTA

 (Mentre si riapre il palcoscenico comincia ad uscire i libretti e agli attori stanno togliendosi il trucco) Bene, bravi, avete visto anche stasera che pubblico?

TUTTI

Eh già!

REGISTA

Volevo dirvi, prima di dare inizio alla lettura del nuovo copione, che, per domani sera è fissata la riunione di direttivo.

TUTTI

Cosa? Di cosa?

REGISTA

Di direttivo! Siete pregati quindi di non prendere nessuno impegno. Me lo ha ricordato il presidente mentre mi premuravo a recarmi qui.

Allora...?

MARIA

Mi scusi, maestro, io, vede, credo che non potrò venire. Sa, il mio fidanzato, giusto domani, compie gli anni...

ANGELO

Scusate, ma proprio domani! Porcaccia della miseria! Capisco che le riunioni si devono fare, ma giusto il sabato! Maestro, cerchi di capire, noi siamo giovani.  Domani veramente si esce, si va a mangiare fuori con gli amici... le ragazze... e si può far tardi anche...e si va incontro alla domenica. Ma con tutta una settimana che c'è, giusto domani si deve fare  questa benedetta riunione, dico!

ANDREA

Va beh, dai! Sei sempre il solito! Non stare a farla lunga adesso, cosa vuoi che succeda se per questo sabato non si va, non casca di certo il mondo!

ANGELO

Ma si, ma si, non facciamola lunga! Figurarsi poi, se dovesse mancare per me, apriti cielo!

REGISTA

Angelo... Andrea... poche polemiche. Dunque, chiarito questo, volevo dirvi che questa volta, visto la rappresentazione delle due ultime commedie… diciamo un po' difficilotte! Per il nostro pubblico, che, onestamente dobbiamo dire, non ci ha mai deluso.

TUTTI

Vero è, vero è!

REGISTA

Ho pensato, e vediamo se tutti siamo d'accordo,(distribuendo i copioni) di preparare, come prossima rappresentazione un lavoro brillante.

TUTTI

Brillante! Brillante!

REGISTA

Eh! Che ne dite?

ANDREA

Oh, era ora! Vediamo, (il regista inizia a consegnare i libretti) mi faccia vedere?

MARIA

(avuto il suo libretto) Anche a me pare sia una buona idea. E poi, su via! Cerchiamo di non farlo stancare questo nostro fidato pubblico.

LAURA

(riceve il suo libretto) Giusto! Mi trovate molto d’accordo con questo lavoro. (indicando il libretto) Finalmente faremo una commedia brillante!

TUTTI

Brillante!

REGISTA

Anche se… devo dire, che per questi ultimi due lavori, come ha accennato il maestro, la gente è rimasta ugualmente entusiasta.

ANGELO

(riceve il suo libretto) A me, a dire il vero,  è sembrato proprio il contrario.

ANDREA

Ma il pubblico era lì, la sala era piena, che questo forse non conta?

ANGELO

Ma dove volevi che andassero le persone! Al museo? In qualche auditorium a sentire bella musica? O magari al cinema? Cerchiamo di non illuderci. La gente sente il bisogno di uscire, ama ritrovarsi e stare assieme.

REGISTA

Ma scusa Angelo, noi  che abbiamo fatto? Non abbiamo forse permesso loro, anche con il nostro lavoro, le nostre commedie insomma, di realizzare anche queste cose che tu dici? E allora!

GIOVANNI

Scusate, sicuramente Angelo voleva...

(Entrano i due macchinisti da un lato del palcoscenico. Portano ciascuno una scala che useranno per arrampicarsi e smontare le scene. Come a continuare un discorso cominciato fuori)

I. MACCHIN.

Non può essere ti dico! Scusa, la commedia qui dice (mostrando il libretto) che Tainanà...

II. MACCH.

Toinanà?

I. MACCHIN.

Tainanà!

MARIA

Toinanà,Tainanà! Di chi stanno parlando?

LAURA

(a Maria) Ma è il personaggio del lavoro che dovremmo iniziare! Scusa, tu, non lo hai ancora letto il  titolo del copione?

MARIA

Ah, eccolo qua! Si vero, hai ragione, hai ragione!

I. MACCH.

Qui (indicando il libretto), ccà, unni talii, dice che...

TUTTI

Che?

II. MACCH.

Tainanà?

I. MACCH.

E cu me soru? Sempri iddu, sè, Tainanà! (al regista) Senta maestro, per favore, non potrebbe assegnarmi un collaboratore un poco più... più sveglio!

REGISTA

E dove vuoi che vada a prendertelo! (al II macch.) E poi scusa, giusto stasera devi iniziare a idearti la scena? Non credo che sia tanto difficile, sai! Potreste comunque iniziarla più in là?

II.MACCH.

(scende la scala e la sposta) Piu' in là! Ccà va bene?...

I.MACCH.

Piu' in là, dice, come tempo, non come spazio; cretino!. Maronna ri lu Carminu, a chistu, forsi è megghju ca ci parru nustrali, Maistru! Vasinnò vuavutri a commedia l'aviti già pronta e iu ancora è 'ncuminciari a sturiarimi a scena.

GIOVANNI

Stavo dicendo... Angelo, sicuramente voleva dire che, se in paese ci fossero stati altri punti d'incontro, probabilmente la gente stasera non sarebbe venuta a sentire noi. Avrebbe potuto scegliere.

ANGELO

Mi pare così chiaro!

LAURA

Ma che state a dire adesso! Abbiamo, o no, rappresentato due bellissimi testi?

ANGELO

Bellissimi per noi! Ma dai, su... sempre gli stessi discorsi dobbiamo fare! La gente in teatro viene, e diciamocelo, quando viene, vuole divertirsi, diamine! Vuole ri-de-re!

ANDREA

E la cultura, allora diciamoci anche questo! Dove la mettiamo la cultura?

REGISTA

Ma si può anche far ridere facendo della cultura. Certo, sappiamo benissimo che la risata può, a volte, nascondere il messaggio dell'autore, ma... non succede poi a tutto il pubblico di essere travolti dall'aspetto eccessivamente comico della commedia. Castigat ridendo mores.

ANGELO

Beh, se è per questo ci sarebbe da ricordare il caso di quei due intellettuali che mentre il pubblico crepava dalle risate, per delle battute che lasciavano anche riflettere, loro due, solo loro due, rimanevano invece seri, troppo seri, ricordate?

Di una serietà, ora che ci penso, patibolare, che quasi stupiva; (imita gli intellettuali e gli altri sorridono)

GIOVANNI

Io, veramente, quando li vidi arrivare, mi sarei giocato tutto, che per nulla al mondo, avrebbero accennato a un chè minimo sorriso in tutta la serata. Forse perché, credendosi più intellettuali, intendevano dimostrarlo, con la loro ostentata serietà; e la sciocca battuta... non avrebbe così stimolato (IRONICO) il loro cervellone alla risata. “Il riso abbonda sulla bocca degli sciocchi, avranno pensato”.

LAURA

Ma la battuta, quella a cui tu, ti riferisci, non fu creata per suscitare la risata, ma per una ragione logica di quel testo. Se quelli non hanno riso, credo, invece, sia stato perché, prima che iniziassimo la commedia, si saranno imposti di non ridere di proposito. Ma quando sono venuti non lo sapevano che non rappresentavamo Shakespeare?

REGISTA

Va la, va la, Laura! Che forse Shakespeaere non scrisse anch'egli dei testi dove alloggia bene la risata? Certo è, che anche la risata ha una sua  espressione culturale, ad esempio, se  essa, la risata, viene  sollecitata da una  battuta di un

testo molto famoso, e allora si riderebbe in maiuscolo, se viceversa trattasi di un testo o meglio di un testino, diciamo... sconosciuto, allora si riderà in minuscolo.

TUTTI

(Provano le risate) Ah! Ah! Ah! Eh! Eh! Eh! Ih! Ih! Ih!

LAURA

Ma... attenzione! Allora bisognerebbe grammaticarla la risata! Darle una certa dizione, che so: ih! ih! ih! sarebbe dizione colta; ah! ah! ah! dizione, diciamo, popolare, e così in ogni commedia il pubblico saprà, quando deve ridere, se ridere da colto o da cretino!

TUTTI

Da cretino!

(RISATA GENERALE)

I. MACCH.

(al secondo macchinista che si rifiuta ostinatamente di capire le spiegazioni) 'Nchiappitallà! Tainanà era uno..., comu si rici..., ca riscurria e pinzava a troffa,u capisci troffa? Va pi fatti riddu! Ora talìa chi fai, t'assetti ccà beddu cuetu e ti senti a storia, ma... senza parrari! (lo porta in mezzo agli attori)

II. MACCH.

Ah! E cciu' ricisti u fattu ra scena?

I. MACCH.

Quali fattu ra scena? Ah, va beh! Poi si nni parra. Assettati!

REGISTA

Ma di quale scena state parlando? Ci sono forse problemi?

I. MACCH.

No, niente maestro, e solo che... rici, stu scimunitu... perché, cosa vuole è un pò... (facendo segno che capisce poco)

REGISTA

E tu dimmelo lo stesso, che dice?

I. MACCH.

Lei mi scuserà, ma..., dice, sempri stu scimunitu: (imitando il collega) chi ci avemu ri taliari comu realizzari a scena, si poi nun avemu picciuli pi falla.

REGISTA

E perché è convinto di questo?

I. MACCH.

Perchè dice, sempri stu ..., ca (imitando c.s.) i picciuli ru fondocassa ri l'Associazioni s'ammuccanu (fa cenno ud uso di imbrogli) chiddi ra maidda!

REGISTA

Quelli che? Ma, ma finiamola!

GLI ATTORI

Allora, vogliamo iniziare o no!

LAURA

Non dia ascolto a quello, maestro! Ne dice tante di cose; le sente dire in giro da quelli come lui e da buon cretino le beve e le ripete; non s'accorge invece di tutte le attrezzature che l'Associazione ha comprato, no! Se gli diciamo che sono venute per virtù dello Spirito Santo, quello non solo ci crede, ma è capace di convincere pure gli altri! Mi creda, facciamo storie, pure quando si tratta di pagare l'affitto del locale.

REGISTA

Sua via, non facciamoci caso! Avanti che proviamo! Allora vediamo di cominciare la lettura del testo. Dunque…

GLI ATTORI

Dunque

REGISTA

Dunque lo dico io!

GLI ATTORI

Dunque, lo dice lui

REGISTA

Tainanà era...

TOINANA'

(Dal quadro) Ancora! E ci batti cu lu pupu! Ci rissi ca 'un la vogghiu!

SUOCERO

Zittuti, santu riantanuni! Amu a fari arriri e cristiani? Ca giustu ccà, santu Diu!

TOINANA'

(Inizia a scendere) Vossia si fa i fatti sò, ca ca scusa ri mettiri sempri a bona la qui presente sua signora ha preso troppo campo.

SUOCERA

(Segue Toinanà) Gran pezzu ri malacunnutta! Sparti, iu pigghiavu campu!

I SPETTAT.

Ma insomma! Che succede?

II SPET/ce

Non lo so! Non so perché quei due tirano a litigare. Giusto qua in teatro dico!

TOINANA'

(Comincia a scendere dal quadro) E 'nsisti! Ci rissi no e tantu basta, oh! Ma cu cui mi voli 'mmarcari; (al pubblico) signuri me cu dda scimia me maritari; (alla suocera) ma picchì 'un la va 'nchiui a villa Giulia!

SUOCERA

(si alza e segue Tainanà che cerca di raggiungere le prime file) A me figghia a villa Giulia! Gran pezzu ri sdisanuratu, teni ccà! (colpo di borsetta)

REGISTA

Ma insomma cosa sta succedendo là in fondo? Volete fare un po’ di silenzio per favore, non vedete che qui si sta cercando di lavorare!

GIOVANNI

Maestro, non pensa lei che sia il caso di chiudere il sipario!

REGISTA

Ma che sipario e sipario, lascia stare!   

MARIA

Guardate quelli! Hanno interrotto le prove; ma nessuno c'è che s'incarica di mettere un po’ d'ordine?

TOINANA'

Spiramu a San Caloriu ca stu casciabbancu chi avi pi figghia ci avi a ristari 'n capu a panza pi chiummu; e vossia è 'na grannissima bannera ri cannavazzu! Prima mi rici 'na cosa, e poi, 'nveci, nni pritenni navutra.

SUOCERO

(Che dal quadro aveva seguito la scena) Stai attentu a comu parri cu la me signura, picchì va sinnoni... (agli spettatori vicini) scusati vuavutri per il curtigghiu che ha 'ncominciato a fare il quantunque prisenti, Toinanà. (scende e raggiunge gli altri)

REGISTA

Ehi voi! Come avete detto? Vuole ripeterlo?

SUOCERO

Toinanà!

LAURA

Sentiteli! Ma non è il titolo della commedia che stiamo preparando, maestro?

REGISTA

Voi, voi, voi, come avete detto?

SUOCERO

Ma quali voi e voi! A cumeddia chistu a sta facennu, cosa ri abballariarici 'ncapu la panza! Ma ricu, te ne addoni di 'nzocco stai comminanno!

TOINANA'

Ma vossa parra pi comu sapi parrari! Ddi paroli i fa addivintari acitu. Vossia cosa ri veniri o tiatru è? Ma si va fa 'na passiata. (ironico) S'avi a fari viriri ca va o tiatru, u filosufu.

SUOCERO

Ma allapazzati ssa vucca, 'un lu viri chiddu ca sta cumminannu.

I° SPETTATORE

(Quello vicino) Dico vogliamo smetterla! Se queste sono maniere! Ci state facendo perdere lo spettacolo.

TOINANA'

Iu staiu cumminannu?  Mancu rici stu (alla suocera) beddu quatru! (ai due) Ma itivinni, sciò! sciò!

REGISTA

(verso i tre che hanno preso posto tra il pubblico) Per favore! vi rendete conto che state disturbando il pubblico? Che vi costa fare un po' di silenzio.

TOINANA'

(al regista) Signor comu si chiama, cciu' ricissi lei  (guardando la suocera) chi smammanu. (Escono dalla cornice)

SUOCERA

A mia? E chi avi ri ririmi ddu cristianuzzu beddu! Munzeddu ri fumeri ca 'un si avutru. Io, per tua norma, sono una perfettissima signora!

TOINANA'

( Ridendo a crepapelle) Una perf.. perfettissima signora! (ride) Ma chi ncucchia! Ma chi ci voli fari agghiuttiri a ddi cristiani! Una signora! Vossia signora u rici sulu picchì l'ha 'ntisu diri; ma 'nzoccu significa sicuramenti mancu si lu 'mmaggina, gran pezzo di armalazzo ri voscu!

II SPET/ce

Ma la lasci stare, su! Vi rendete conto di cosa state combinando?

TOINANA'

Iu ci lu ricia a sti ru 'nchiappitalà: stativi rintra ca u tiatru 'un è cosa pi vuavutri, no! (ironico) Nuautri ci avemu a veniri puru! Si 'ntillicchiaru, i viriti? Iddu (al suocero) s'allustrò ca pari u baruni ri setti cannola; idda, 'nveci, si parò

comu 'na vestia ca si porta a fera.

REGISTA

Signori miei! Volete smetterla di disturbare? Ma è mai possibile che non ci sia proprio nessuno, capace di mettere un po’ d'ordine nella sala.

CARABINIERI

Ma certo che ci siamo. Siamo qui signore! Noi, veramente, pensavamo, in un primo tempo, che questi facessero parte della vostra compagnia! Su, finitela con questa confusione o saremo costretti ad invitarvi a seguirci!

SUOCERA

(Al carabiniere) Calassi i manu! ca pi so norma ancora 'un haju ammazzatu a nuddu, anchi siddu a chistu li argi ci li scippassi a muzzicuna. Si propria Toinanà!

TOINANA'

Ma a cu, a cu! E purtativilla! 'Nna giungla, 'nna giungla l'avissivu a purtari. (facendo il verso della scimmia) Eh! Eh!

CARABINIERE

Adesso basta! E cerchi di smetterla lei, ha capito?

SUOCERO

(Cercando di mettere la buona parola) Sintissi, lassassi stari ca ora ni nni emu tutti, beddi cueti.

CARABINIERE

E senza perdere tempo, mi raccomando, altrimenti vi portiamo via noi. (Mima le manette).

REGISTA

(Al pubblico) Chiediamo scusa per questo piccolo incidente che s'è venuto a creare, e, nell'augurarci che quanto avvenuto non venga più a ripetersi, adesso, diamo inizio alla lettura del copione. Dunque, stavamo dicendo, che... Tainanà, era...

TOINANA'

Ccillenza, lei mi fa 'ndisponiri quannu rici Tainanà. Lu nomu è Toinanà, Toi! Toi! Ha caputu? Toinanà!

REGISTA

Come si permette! Ci vuole lasciare continuare? Lei ancora non si è reso conto di quello che ha combinato: ha interrotto, e continua a farlo, le prove di recitazione. Ma è lei, mi scusi, che non sarebbe dovuto venire a teatro, non sua suocera.

SUOCERA

(alzandosi applaude il regista) Bravo! Bravo! (a Toinanà) Ammucca, munzeddu ri fumeri! (Si esce dalla cornice)

REGISTA

Calma, calma! Stiamo comodi e buoni, buoni. Per l'ultima volta, finiamola di disturbare altrimenti vi faccio accompagnare fuori. (tornata la calma) Ohh! Allora...

ANGELO

Maestro, mi scusi, intanto, iniziamo a leggere?

REGISTA

Ma sì, ma sì! E forse è meglio, anziché spiegare i personaggi subito, passare  direttamente alla lettura del copione.

ANGELO

E... mi scusi, ma, la didascalia, visto che siamo alla prima prova, dobbiamo leggerla lo stesso?

REGISTA

Ma sì, sì certo! Che domande! Mi raccomando forte e chiaro.

ANGELO

Qua è scritto: Tainanà, uomo di media età, veste indumenti del popolo...

TOINANA'

Senta signurineddu chi leggi, virissi ca 'ntantu iu mi chiamu sempri Toinanà e li robbi, a mia, nun mi l'ha datu nessun popolo, capiu? Vidissi ca iu accussì nascivu, 'un  'ncuminciamu a 'mbrugghiari li carti.

REGISTA

(Fa cenno al carabiniere di intervenire)

CARABINIERE

Adesso basta, favorisca con me, lei mi sta costringendo a portarla dentro, abbi pazienza!

SUOCERA

Ohhh! Ma 'un facissi cirimoni, sintissi a mia, si lu purtassi, si lu purtassi!

CARABINIERE

(Tiene Toinanà che si divincola) Ma insomma, dico! Che dobbiamo fare?

II SPET/ce

Se questa è civiltà! Ma dove viviamo! (al carabiniere) E se li porti pure tutti dentro, diamine! Se no, qui, non capiamo più niente!

TOINANA'

(Alla spettatrice) Ma chi cosa voli capiri lei, mi scusassi, ca già chiddu rissi Tainanà e lei subitu s'ammuccau? E sparti pari 'n anticchia allittrata!

REGISTA

(A Toinanà) Senta per favore, (al pubblico) scusate voi, (a Toinanà) salga sul palcoscenico, ho da chiederle qualcosa. (al carabiniere) Lo lasci!

TOINANA'

Certu ca vegnu, era ura!

SUOCERA

(Mentre Toinanà raggiunge il palco, all'altro carabiniere che poi li fa passare) Eh, no! Iu puru è veniri, (rivolta al suocero) e macari iddu! Anchi siddu nna so parti essirici o 'unn' essirici è a stissa cosa.

SUOCERO

(Mentre si avvia verso il palco) Talè camina, avissi a 'ncuminciari cu tia ora. Essirici e 'un essirici! O puru ti pari ca mi 'nvintaru a muzzu; iu, pi to norma, pi   essiri ccà vol diri ca a raggiuni c'è. Si poi tu, hai avutu cchiù battuti, si viri ca a cosa avi a ghiri accussì, pi ora; mancu dici chi gran sorti ri mala fiura chi stai accucchiannu ravanzi a tutti.

SUOCERA

'Nte manu ci avia a veniri a chiddu ca mi 'nvarcau 'nzemmula a vuavutri; si m'avissi  scrittu nni 'na storia cu nobili, certu a st'ura iu era quarchi regina!

TOINANA'

(Dal palco) 'Na regina, a lava piatti! (intanto che sale) Ossa talia unni metti li peri chiuttostu, prima chi cari e si stocca lu coddu! (ironico l'accoglie sul palco) Maestà!

SUOCERA

(Non appena mette piede sul palco) Per tua norma, devi sapere che il mio portamento è pompa magna.

TOINANA’

Chi cosa?

SUOCERA

Ma già chi ti ricu magna, pi tia magna è ammuccari è veru? Manciari e pinsari sempri pi la ventra!

I TRE PERSONAGGI SALGONO IN SCENA

MARIA

Maestro, e questi chi sono? Si può sapere da quale continente arrivano? Usano un linguaggio!

REGISTA

Cosa vuoi che ne sappia io! (al suocero che cerca anch'egli di salire) Senta, non occorre che salga pure lei, già è tanto che salgono loro.

SUOCERO

(Salendo sul palco) Ma chi sta dicennu! Iu 'un pozzu arristari ccà, mi sintissi, semu  'nzemmula, attaccati! ?Ncucchiati, va!

TOINANA'

(Agli attori) Basciamu li manu! (al regista) Allura, illustrissimu cristianu, mi ricissi. (osserva il regista) Ma u sapi ca a taliallu ri vicinu havi ‘na bedda luntananza! (alla suocera, dopo averla osservata) Vossia è nutili ca mi talia, picchì o ri luntanu, o ri vicinu, o suttancapu  è  sempri a stissa cosa.

SUOCERA

Ccillenza, ci la rassi ‘na boffa!

REGISTA

Stia zitta lei! (a Toinanà) Allora, lei poco fa ha finito di dire di chiamarsi Toinanà, dunque, lei si chiama così?

TOINANA'

Mi scusassi, (guardandosi attorno) ma parra cu mia?

REGISTA

E con chi allora! Lei si chiama o non si chiama così?

TOINANA'

Ca iu comu fazzu a chiamarimi a mia ca sugnu sempri presenti cu la mia stissa pirsuna, mi  è taliari o specchiu? Forsi vuscenza penza ca iu... (facendo il segno come se il regista fosse pazzo) Scusassi chi forsi lei usa chi si chiama vossia stissu?

REGISTA

Ma la smetta! Risponda semplicemente alla mia domanda e cerchiamo di farla finita.

TOINANA'

Mi lu dicissi a ricchi si s'affrunta, chi mali c'è si unu succeri ca si chiama o chi parra cu iddu stissu; lu mali è 'un aviri lu curaggiu di ammittillu davanti a tutti. Cu sapi quantu voti ci ha successu di ridiri sulu, e macari, di taliarisi 'ntunnu si corcunu lu guardava.

REGISTA

Ma che sta dicendo! E poi come si permette! Insomma vuole rispondere alla mia domanda si o no?

SUOCERA

Ccillenza ancora 'un ha vistu nenti, cchiù avanti a vi a vidiri chi beddu spicchiu. ri mennula amara!

REGISTA

Più avanti! Più avanti dove? Ma di cosa parla? E non mi chiami Ccillenza! Allora, lei diceva di chiamarsi...?

TOINANA'

E secuta a munciri la pecura strippa! Ma comu lei nun si chiama, e iu me chiamari pi forza!

ANDREA

Senta, mi scusi, sta facendo un mare di confusione. Il Maestro vuole dire, in sostanza, qual’è il suo nome?

TOINANA'

E ci vulia tantu! Iu sugnu Toinanà, 'un ci lu dissi antura! Ma chistu nun  lu me veru  nomu; chiddu è navutru.

LAURA

Oh, bella! E allora perché si fa chiamare cosi, se quello non  è il suo vero nome?

TOINANA'

Ca scarta lei! O pensa ca avissi tuttu stu piaciri! (riferendosi allo scrittore) Mu rettiru stu nomu e mi l'haju a teniri pi l'eternità. Comu m'avissi pirsuarutu mai, iu, a mittirimillu; nni la vita, cara signurina, sapemu comu si nasci, ma nuddu sapi propriu comu poi si crisci. Iu, per esempiu, nascivu già raccussi, chi è, ci veni d'arridiri veru? Ma la mia  è 'na eccezioni...

SUOCERA

Iddu è un casu raru, mi cririssi, unicu e sulu.

TOINANA'

Certu, e vossia u sapi, è sulu ca ci fa raggia ca è personaggiu diciamo di secunnu pianu. Vossia, cu st'avutru sciara casciuna, aviti a vasari li manu a mia siddu 'nna stu mumentu vi truvati ccà, vivi, a parrari, a farisi sentiri, a farisi canusciri, e pi canusciri a vossia 'un pensu, rittu 'n cunfirenza, c'era bisognu propriu r'aviri ispirazione.  'Na soggira ri chidda ca si chiama veramenti soggira! Mi ha caputu, o ristau scunzulata sua altezza reale. (al suocero) A vossia veni, a cu penza? anchi si su du battuti...

SUOCERO

Ora, finiscila!

REGISTA

Senta se l'ho fatta salire qui è perché voglio cercare di capire. Perché, vede, stiamo preparandoci a portare in scena una commedia tratta da un testo giusto dal titolo Tainanà.

TOINANA'

Sintissi a mia, si Tainanà comu rici lei vol diri iu, il me presente, allura virissi ca è scrittu sbagliatu, picchì si rici To, no Ta, capiu? Si poi Ta voli riri ca è tradusciutu 'ntalianu allura nun parru cchiù.

(VOCE IN FONDO ALLA SALA)

Allora, come finì a chiacchiere! La vogliamo iniziare o no questa benedetta commedia, altrimenti ce ne andiamo. E' una vergogna; ha avuto proprio ragione quel tizio, quando disse che qui si fa teatricchio. Ma vedete se questo è modo di fare teatro!

REGISTA

Ha ragione, hanno ragione! (avviandosi in proscenio) Chiediamo nuovamente scusa a questo nobile pubblico per questo piccolo incidente. Chiediamo solo il tempo, necessario per potere chiarire alcune cose con questi signori e, non preoccupatevi, riprendiamo subito con la lettura del testo. Sipario,

SPETTATORE IN FONDO ALLA SALA

 (Il regista sta per chiudere il sipario) Eh no! (Il regista riapre lentamente metà di sipario guardando in mezzo al pubblico quello che succede) Bisogna prendere seri provvedimenti, si farà una raccolta di firme e la porteremo al Comune, deve decidersi il Sindaco a cambiare questo stato di cose! Che modi sono questi!

ALTRO SPET.

Il Sindaco! E che c'entra? Che forse è il Sindaco a decidere quale cultura dobbiamo

avere? Creiamo una commissione in grado di capire il livello culturale del paese e in base a quello decidiamo il da farsi.

SPETTATORE IN FONDO ALLA SALA

Perché non chiediamo intanto a qualcuno degli spettatori cosa ne pensa del teatro.

ALTRO SPE.

Io vado a chiamare il Sindaco, l'Assessore al ramo e qualche altro responsabile dell'Amministrazione Comunale, qualcuno deve decidersi a venire ad assistere per

rendersi conto di queste cavolate!

SPETTATORE

Vai, vai! Io continuo a sentirmi i pareri della gente.

(SI VA INTERVISTANDO IN ATTESA DELL'INIZIO DEL II ATTO)

S E C O N D O   A T T O

TOINANA'

Potesse stare sicuro, Ccillenza, che non pipito cchioni. Vorrebbi sentire che dice quisto vostro Tainanà.

REGISTA

(alla suocera che intanto si fa trovare seduta su di un'alta seggiola) Ma qua voi non potete stare, scendete.

SUOCERA

Cui, iu? Scinnu? Chi scinnu! Si chistu nun si movi di ccà iu 'un vaju propriu a nudda banna! Allura, mi scusassi, lei 'un l'ha caputu propria; semu ‘nzemmula.

SUOCERO

(Rivolgendosi alla moglie e al genero) Sintiti a mia,  facemu comu rici stu cristianu, scinnemu.

TOINANA'

Unni? Su scurdò? Ri ccà nuautri nun scinnemu cchiù. Ristamu 'n scena sinu alla fini. Ognunu havi a fari la so parti. (al suocero che tenta di andare via) Ma chi pirsunaggiu  è vossia! Iddi (Indicando gli attori) si vonnu, si ponnu puru fari a nostra parti, ci sunnu abituati. L'omu recita tanti parti, finu a scanusciri chidda ca è veramenti a so; ma..., nuatri no! Nuatri semu personaggi. Compitu nostru è l'onestà di fari ognunu la propria parti, chidda vera; (al regista che sta a sentire) lei 'un po’ capiri.

REGISTA

Mi scusi, secondo lei, io, sto recitando qualche parte?

TOINANA'

Non ora, ma rumani o dumani appressu, appena si ci offri l'occasioni lei recita l'avutru, trasi nall'avutru, e nun staju parrannu di tiatru, vossia mi sapi 'ntenniri.

REGISTA

(Meravigliato) Boh! Ma che vuole dire?

 

TOINANA’

(Il regista ha cenni di incomprensione) Pi carità 'un s'allammicassi lu ciriveddu di chiddu chi dicu: accurassi ca la virità ci fa dannu. Sintissi a mia ammittissi, ammittissi, a chi ci offru l'occasioni! Picchì lu dannu nun è tantu l'aviri sbagghiatu, ma la mancanza, poi, di russuri 'nta la facci ca nni veni. Eccu! picchi 'nzistu nni lu nomu "Toinanà", iu 'un pozzu accumpariri chiddu ca nun sugnu, iu nun pozzu, iu.

REGISTA

(Agli attori) Avete sentito? Hanno inteso bene le mie orecchie? Egli dice di “essere” quel Tainanà! (indicandolo nel libretto)

SUOCERA

(Girando su se stessa) Pi carità signor registro, nun ci mittissi avutri piddizzuna 'n testa, ca già il quatro  è bello e completo accossì com'è.

TOINANA'

Talè cu parra di quatru! (riverente) Stassi attenta a nun perdiri lu pruspettu, altezza.

ANGELO

Allora... che facciamo? Se non dobbiamo più leggere il copione e se per stasera abbiamo finito... io vado, vado!

GLI ATTORI

Anche noi andiamo, se non si deve più continuare?

REGISTA

No, no, aspettate! Non capite? Questo... tizio, dice di essere...

TOINANA'

E torna parrinu e ciuscia! Senta signor comu si chiama, nun sugnu mancu tiziu iu, ma...

REGISTA

Ma tizio indica... va beh! va beh! Lasciamo stare. Lei dice, dunque, di essere quello del copione... mi pare, o sbaglio?

TOINANA'

Sintissi, iu cercu sulu di addifenniri stu Toinanà, che sarebbe me, picchì si nni ricinu tanti... (all'orecchio del regista) Ciuciuciù, ciuciuciù ciuciuciù!

REGISTA

(Meravigliato, ripete il ciuciuciù) Ciuciuciù?

TAINANA’

Ciuciuciù!

REGISTA

La finisca, come si permette! A che c'era poteva anche dirlo forte!

TOINANA'

Cu, iu? (guardando la suocera) Alla prisenza di la corti, di la riggina? E idda chissu va circannu, la signora, di sentirimi diri sti cosi; vastasa!!!

REGISTA

Si vergogni! (gli altri ridono)

GLI ATTORI

Vergogna!

TOINANA'

A mia talia? A idda havi a taliari! (alla suocera) nun si 'nn affrunta della di lei pirsuna?

CARABINIERE

(dal pubblico) Mi scusi! (al regista) Senta, posso gentilmente interromperla?

TOINANA'

Ma picchì già 'un `ntirrumpiu raccussì, mi  scusassi?

CARABINIERE

Se li portassi fuori, non pensa lei che si risolverebbe la situazione? La gente mi pare che tra le altre cose si sia pure stancata e se ne stia andando via!

TOINANA'

Certu! Si tutti avissiru avutu i seggi p'assittarisi s'avissiru stancatu cchiù picca, ma già, chi ci ricu! Cu sapi quantu voti ci l'annu rittu stu discursu di li seggi.

REGISTA

Su, scendete! Ora basta! Andate via!

TOINANA'

Ma comu, prima rici ca voli sapiri si sugnu iu chiddu di lu libru, e ora mi rici di andare via! Sintissi, iu ora m'assettu ccà 'n terra bonu bonu, cuetu cuetu, picchi a stu puntu ma vogghiu sentiri e vidiri tutta ssa storia.

REGISTA

(Alla suocera) Andate via voi due!

SUOCERA

E comu ni nni emu!Nuavutri... (rivolgendosi al marito) E parra tu bottari sali! Ca sempri iu è parrari!

TOINANA'

Comu voli ca fa a parrari si nun havi battuti! (al regista) Ah, scusassi lei ... putemu 'ncuminciari. (al suocero) Vossia s'assittassi `cca! (Dopo seduti, al regista) Prego!

REGISTA

(Agli attori) Sentitemi bene, (ai tre) e voi, mi raccomando! (agli attori) Dunque cerchiamo di leggere il testo con molta attenzione, così mi faciliterete il compito per l'assegnazione delle parti. Intesi? (ai tre) Intesi?

ANDREA

Maestro, Inizio io! (legge la didascalia) Tainanà è di media età...

REGISTA

No Andrea, forse è meglio che la lettura la facciamo iniziare ad Angelo, perché la prima battuta è di Tainanà, e non credo poi che tu possa..., beh insomma, voglio dire che il personaggio è molto spigliato e tu ,invece, avendo un carattere piuttosto chiuso... (tronca la spiegazione)

ANDREA

Un carattere chiuso ... dice?

REGISTA

Insomma, vedi… non hai il carattere che ha Angelo! Potresti quindi non rendere alla sua stessa maniera, su.

ANDREA

Lo sapevo, lo sapevo, lo sapevo, il solito gioco di parole per poi ritrovarsi, come sempre, a coprire il ruolo di secondo attore.

LAURA

Via, maestro! Gliela faccia leggere lo stesso a lui la parte, tanto, si è solo all'inizio.

ANGELO

Ma sì, tanto siamo alla prima lettura e poi dobbiamo ancora capire il testo; c'è tanto tempo maestro, e può anche darsi che Andrea alla fine riesca a sorprenderci tutti.

MARIA

Sì certo! Andrea! Andrea! Andrea!

ANDREA

(Risentito. Al regista) Forse è giusto quanto ha finito di dire lei maestro. (Agli altri attori) Non perdiamo altro tempo, che già ne abbiamo perso abbastanza.

REGISTA

Leggendo, più avanti, ti renderai conto che il carattere del suocero è piuttosto chiuso e riservato, tanto che l'autore ha scritto per lui pochissime battute.

ANGELO

Allora... (leggendo la didascalia affrettatamente) avevamo detto: Tainanà: di media età, veste indumenti popolari...

TOINANA'

E... (il regista gli fa cenno di silenzio)

REGISTA

Per favore! Buoni, buoni!

ANGELO

(Riprende la lettura della didascalia)...Tainanà, solo in scena, fa avanti e indietro borbottando: (recitando e mimando male la parte di Toinanà) li muluna, mia carissima soggira, si accattano a prova!

TOINANA'

 (Alla suocera) E chissa è a prima. (il regista lo guarda. I due si scambiano cenni)

MARIA

Maestro, posso?

REGISTA

(Fa cenno di sì)

MARIA

(Leggendo e recitando bene sia la didascalia, che la battuta)...La suocera, alza la sedia e gliela tira dicendo: prova chista 'nte corna prima, gran pezzu ri canazzu ri bancata! A me figghia a prova! E chi ti pari ca è a cani ri don Cola?

LAURA

Maestro... (al cenno del regista legge) Mamà lassalu iri ca Nanucciu lu fa apposta... (ridendo; al regista) Mi scusi maestro, ma questo nanetto?

TOINANA'

(Risentito) Ma quali nanettu e nanettu...

REGISTA

Allora!

TOINANA'

Allora! Comu allora? Certu, a lei nun ci abbrucia. A `dda signurina ci vulia diri ca nanetti ccà nun ci nn'è propria e chi questo Nanuccio, sono me Toinanà, è lu me ristrittivo, u ‘nciuriu, capiù signurinedda bedda! E poi mi scusassi, lei, ma picchì nun la fa fari a nuautri sta cummedia, semu ccà pi chissu!

REGISTA

Cosa volete fare  voi, la commedia? Ma si stia zitto per favore!

TOINANA'

(Ride) Ah, iu è stari zittu?! Lu tempu a nui nun custa nenti e putemu aspittari, ma si ricurdassi ca nuautri...

REGISTA

Ecco, visto che di tempo ne avete e potete aspettare, fatelo in silenzio, se no (fa l'ennesimo segno di scendere)

ANDREA

(Alza la mano) Posso? (il regista fa segno di sì)  Interviene il suocero: santu rataruni! Ma sempri...

REGISTA

Riantanuni! Santu riantanuni; dai su, leggi bene; andiamo avanti!

ANDREA

(Saltando le didascalie) Santu riantatuni... bla! bla! bla!

REGISTA

(non approvando il modo di leggere le battute) Va beh, va beh! Andiamo avanti.

ANDREA

(Legge c.s.) Santu quello che ... eccetera, accetera, ma sempri...

MARIA

E no, scusa! (innervosita) quello che è no, eh no! Se dobbiamo leggere, dobbiamo leggere tutto e bene!

ANDREA

Senti Maria non incominciamo, non credo proprio ci sia motivo di alterarsi tanto, scusa, è la prima volta che lo leggo, e poi in quest'altro linguaggio! (ridà le giuste intonazioni. Schiarisce la voce) Dunque, e speriamo di farcela: (ripete tra se un paio di volte la battuta e poi la dice correttamente) santu riantanuni, ma sempri stu discursu avemu a pigghiari?

Gli attori adesso leggono tutti correttamente

ANGELO

Ah! Picchì secunnu vossia, io, prima nun le vìdiri chiddu ca me pigghiari; virissi ca àtti nno saccu iu 'un 'nn accattu! 'Un le sapiri a esempiu: sapi cociri? Boh! Sapi cusiri? Va viri! Sapi lavari li robbi? Va pigghialu! E poi nautra cosa 'mpurtantissima, ma..., di rota, sò figghia, chi porta?

MARIA

Comu chi porta! Ci fici chiddu ca potti: un settimanili, un cantaranu e tutta da bella biancaria ca havi sarvata, a ddu para a ddu para.

SUOCERA

(Scattando e interrompendo nuovamente le prove) E no, signurinedda bedda, e no! Virissi ca chistu (indicando Toinanà)  veru s'ammucca, virissi ca sunnu tutti cosi a tri para a tri para, taliassi bonu chiddu ca c'è scrittu, ca ammanca puru un beddu  lumi di ramu ricordu di la bon'arma di me nonna, e la cifunè.

MARIA

La cifu... che?

SUOCERA

La cifunè! Mi scusassi, picchì, lei comu la chiama?

REGISTA

(Alla suocera) Senta signora lasci stare lume e cifu... qui (sventolando il libretto) nel copione non vi  è annotato nient'altro, quindi...

SUOCERA

Ma quali quinti e sesti, s'hannu a truvari; truvatimi lu lumi e la cifunè, (piagnucolosa) picchì sunnu u ricordu chi mi lassò a bonarmuzza.

REGISTA

Ma guardate un po’! Anche il dramma ora!

SUOCERA

Virissi ca siddu nun nescinu sti cosi, la signurina è nutuli ca secuta a jiri avanti.

REGISTA

(Sfogliandogli davanti il libretto) Senta qui non trovo scritti nè il lume e nè la cifunè, come vuole che glielo spieghi, se non ci sono, non ci sono, no!?

SUOCERA

Nun pò essiri ca si li scurdaru a scrivilli? Taliassi bonu, mi dassi 'ntisa.

REGISTA

E anche se così fosse, cosa vuole che cambi se mancano il lume e la cifunè!

TOINANA'

(al regista) Sintissi, si voli iri avanti, s'avi a dicidiri, o allittu, o cicirittu, picchì cu chista, lei, 'ntrunzerà spissu. (il regista mostra di non capire) 'Ntrunzerà! 'Ntronzare, va, u stissu !

SUOCERA

A la facciazza di don Nunziu! Sintitilu st'allocca baddottuli! Tu scurdasti quannu `nta la me casa ci fu di 'mpignari puru a cascetta di lu càntaranu, e tu dicisti: (quasi piangendo) mamà, nun li tuccassi pi nudda cosa lu lumi e la cifunè ca mi piacinu assai. (riprendendosi) Ora chi fai, tu scurdasti?

TOINANA'

Non ci facissi caso, la di questa, parra dello tempo che fu, di quannu i cimici si vinnevanu a tumminu e li furmiculi si isavanu li vrachi cu i curruli, tanno, tanno, mia cara soggira! Che ci 'n crucchia, ora, a ddu cristianu...

SOGIRA

A ddu cristianu, pi to norma, iu cci arricordu ca finu chi è lu lumi a nun truvarisi 'un ci fa nenti, ma la cifunè nun pò mancari.

TOINANA'

E picchì?

REGISTA

E perchè?

SUOCERA

Picchì vasinnò sauta la parti di la rubbatina, e tu lu sai megghjiu di mia, latru!

REGISTA

(Agli attori) Che cosa! L'arrubatina? Quale arrubbatina?

ANDREA

Ma che c'entra ora il furto!

SUOCERA

Ora è `nutuli! La campana ca 'un senti a prima vuci, è  signu ca u discursu nun ci piaci.

TOINANA'

Chi nni pò sapiri ddu cristianu di li sordi, di la cifunè!

SUOCERA

Allura sauta puru la parti di li carrabineri!

REGISTA

Per favore signora sia chiara, perché qui non ci si raccapezza più.

SUOCERA

Sintissi, si lei… lassamu iri lu lumi, nun trova la cifunè, comu fa a fari fari la scena di l'arrubbatina? Ca poi u sappi cu eranu li latri, me maritu (il marito si gira e abbassa lo sguaro) cu la complicità di stu macabbunnu, ca cu li me sordi si nni jivanu a fari tavuliddati a la taverna e vivutini cu l'amici. Ma chi nni sapi vuscenza!... E appinu la facci tutti dui di fari veniri puru li carrabineri quannu mi addunavu di li sordi ca mancavanu. Quali latru avianu a truvari i carabbineri, ca li latri li havia dintra!

TINANA

(Al suocero) Vossia 'un parra ah! Cu la scusa ca ci rettiru picca battuti, la terra di lu fossu tocca niscilla a mia! (alla suocera) Ma u sapi chi mi dicia piccabattuti: cu havi 'na cugnintura e 'un si nni servi, (il suocero abbassa ancpra lo sguardo) 'un c'è cunfissuri chi l'assorvi. Chistu  mi dicia, e nuautri, ogni tantu allungavamu (facendo il verso di rubare) la manu 'nta lu casciuni di la cifunè e jiavamu a viviri e manciari a la facciazza so!

SUOCERA

Di dda tinta tappinara di to soru! E ddi vivuti, ca vi facistivu a li me spaddi, spirannu a lu Patriarca San Caloriu, v'avissiru a siccari li argi.

LAURA

Maestro, maestro, E’ vero! E' qui, a pagina ventuno! terzo rigo, la didascalia dice: entrano i carabinieri e controllano attentamente il secondo cassone del comò, ma trovano tutto in ordine. Ah, ma allora, non mentono, non stanno farneticando, il testo lo conoscono!

CARABINIERI

(Salgono i carabinieri e rovistano sulla scena. Non trovando nulla se ne vanno) Sì è tutto come nel copione, tutto in ordine!

TOINANA'

Sintissi a mia, (AL REGISTA) ci canciassi lu titulu, ci mittissi Toinanà.

SUOCERA

(Approvando) Certo, Toinana!

SUOCERO

(Avvicinandosi al regista) Chi significa Tainanà mi scusassi?

REGISTA

(Preso alla sprovvista cerca di dare una improvvisata spiegazione)Credo il nome di  quella persona, che, per le sue stranezze e il suo modo di vivere, ha suscitato nell'autore quell'interesse e quella ispirazione, che gli ha concesso alla fine la stesura del testo. Questo! (mostrando il libretto)

TOINANA'

Ca significa nuautri tri. Rullo di tamburo; (facendo il verso del tamburo) signori... i personaggi: Gaspari, (poi al suocero) Bardassari, (alla suocera) e Funcia Modda.

REGISTA

Allora! Lei ha ancora voglia di scherzare, vedo! Intanto il testo dice "Tainanà", e  in quanto ai personaggi del copione ne ha...  (controllando il libretto) dunque... uno, due, tre, quattro sarebbero i protagonisti; mentre le...

TOINANA'

E quattru sunnu! Lu quartu..., anzi la quarta, sarebbe la mia ex futura consorte, (verso la suocera) idda dici, ma 'un ci arrinesci. Essa, non ha potuto essere qui medesima, pirchì dici sempre la medesima: chi accompariri in menzo a li pirsuni si affronta, va ca si 'mprissiona, si affrigge va! Capiu quali cugnintura mi nni avessi dovuto venire quarmenti mi l'avissi carricata 'n collo? E cosine non s'è movuta di casa. S'assittau tutta bedda parata, cu lu cappillinu 'n testa, 'nta li scaluna di la scala chi acchiana a la casa di suso, cu la vilina calata davanti la faci siddu quarmenti si avissi cunvinciutu  a nesciri  e  ‘ncuntrari pirsuni. Nun sacciu si lei ha caputu, ma ella, la quarmenti va! Quanno c'è, è "per ombra di cocca"! Ca, ‘n dialetto, si volesse dire ummira di cucca.

SUOCERA

Ma chi ti pari ca ddu è allocca muschi? Picchì nun ci cunti li cosi pi lu  versu giustu!

SUOCERO

(Al regista) Lei 'nn havi a scusari sapi, ma la curpa di lu tracchiggiu (il regista non capisce), lo traccheggio 'nzomma, come l'annintua lei, ca si sta comminanno, nun  è di iddi due, ma di cui li ha 'nvintati accusini nuri e cruri, comu pir caso quarmenti si va a manciari nni quarcuno, mmitato, no, e si ci arricogghi cu panza e prisenza; ha caputu? (il regista è sbalordito) No!

REGISTA

Io ho solo capito che a voi piace esibirvi e per farlo non badate a spese.

SUOCERA

Sintissi, lei si sta pigghiannu sicuramenti 'na gran cantonera ri pettu. Nuautri, vorebbi dire iu con questi ru cosi, pi disgrazia, appartenenti a me, non avemo pròpia  sto bisogno di farenni taliare. Semu ccà, e lei ancora s'arrunia a capillu, picchì lu  vulemu aiutari. Nuautri, già, si lei lu voli propia sapiri, semu stanchi d'aspittari, e lei mi sapi 'ntenniri.

REGISTA

Io... che cosa?

ANDREA

Maestro! La faccia provare a loro la commedia, si, il quarto personaggio, la fidanzata, che poi non è sicuro se compare in scena, o no, eventualmente la prova Laura; noi, se i colleghi (agli attori) sono d'accordo, proveremo le comparse. Io, se  stavolta non  le dispiace..., vorrei togliermi lo sfizio di fare il Sindaco!

REGISTA

Il Sindaco! Ma quale Sindaco?

LAURA

Mi scusi maestro, ma..., il copione nemmeno lei lo conosce bene! Qua dice, (indicando il libretto) a pagina..., dunque... pagina venticinque: entra il Sindaco seguito dalla Giunta e da alcuni consiglieri...

REGISTA

(Mentre gli altri guardano il libretto) (fra se) Ah, ecco qui!, il Sindaco... con  tutti... (agli attori) ma, scusate, dove andiamo a prenderli tutti questi personaggi!?

TOINANA'

(A tutti) Sunnu vinti, ma vinti ca hannu a sapiri recitari, vasinnò vuscenza (al regista)  'un ha fattu nenti... mi scusassi... si scopri subitu lu 'mbrogghiu! Picchì  'na cosa è fari pruvari la parti di un personaggiu, 'n autra cosa è 'nveci fari pruvari chidda di un cunsigghieri o di un assissuri; lu Sinnacu no! Pi lu Sinnacu ... è facili. Lu personaggiu è di facili adattamentu, nun ci voli un carattiri forti, pirchì c'è quannu havi a diri sì e c'è quannu 'nveci a malucori havi di diri no! Dui battuti: si, no.

ANDREA

(Provando alcune intonazioni da sindaco) Si, no, no, si, si, si, no. Io sono capace anche di dire sni!

REGISTA

Mi scusi, che significa?

ANDREA

Ne si e ne no! Ma sì, ma sì! Io Sono sicuro di saperlo fare! Per favore, mi lasci provare.

MARIA

(Indicando il libretto) E Tutti questi personaggi? dove li troviamo gli attori?

REGISTA

Quali personaggi, quali attori; li faremo vivere nell'immaginazione della gente, basta creare loro le giuste situazioni e... oph! Eccoti i personaggi! Faremo finalmente scegliere dalla gente stessa gli amministratori più vicini al loro gusto.

TOINANA'

Questa è dimocrazia! Bravu ccillenza!

REGISTA

Ma quale eccellenza! Finiamola! Eccellente, semmai, è stata solo la trovata. (ai tre) A voi sta bene dunque, visto che i ragazzi provano il ruolo delle comparse, interpretare la parte dei protagonisti?  (Agli attori) Bhe, che ve ne pare?

ANDREA

Sì, sì certo!

(Ci si scambiano i ruoli. A questo punto senza mai dare inizio alle prove i tre si beffeggiano)

TOINANA'

(Alla suocera) Iu a finiri ca ci rinisciu a farisi canusciri ri pirsuna.

SUOCERA

Pàrati! Picchì ora, passannu a li fatti, e la genti ca ti canuscia 'nto libru, ora ti viri pi davanti, e nun manchirà a mia a faricci canusciri bonu lu scrusciu di la seggia ca spissu t'haju a dari supra li corna, gran pezzu di Toinanà!

TOINANA'

Un  m'haju scantatu mai di chiddi ca fannu ginnastica cu la lingua, e poi di una comu  a vossia ca la veru ginnastica la sapi fari sulu nni la giungla abbrazzata a li liani (facendo il verso della scimmia)

SUOCERA

A sì! Ca 'numinciati a pigghiari chista gran pezzu ri mammaluccu 'i gebbia. (e lo insegue)

SUOCERO

(portandosi le mani tra i capelli) Misiricordia, dissiru li griddi quannu  s'abbruciaru li ristucci.

SPETTATORE

(Si sta per chiudere il sipario...) A dirè la verità non ci ho capito niente! Quel tipo, quello ch’è salito sul palco con gli altri due, chi è?

II SPETTAT.

E lo vieni a chiedere a me! Bisognerebbe chiederlo a quel tipo li sopra che insiste nel volere iniziare la commedia e poi, non ho capito bene perché, si perde in discussioni con tutti gli altri; ma questi come mai sono saliti li sopra interrompendo lo spettacolo? Io ho girato il mondo e le devo dire che sono cose che accadono solo nel nostro paese! E poi ci vengono a dire "avvicinarsi al teatro", ma come si fa!

SPETTATORE

Certo, che questi lo fanno solo per i soldi il teatro, e poi..., pretendono anche i contributi! Ma per farne che cosa! Dov'è il teatro, scusi, dov'è il teatro? Ha ragione l'assessore della commissione al Comune che contributi non gliene vuole dare più a queste associazioni. Un hobby dice, e noi non possiamo pagare gli hobby!, a momenti va a finire, che dovremmo finanziare anche quelli che vanno la Domenica a pescare! Ma che se lo facciano il teatro se lo vogliono!

II SPETTAT.

Ci lasciassero capire qualcosa, almeno! Lei, sì, sì (ad un terzo spettatore) lei! Mi scusi, che ha capito? Cosa si aspetta ancora di vedere, non pensa che abbiano finito? Lei dice no? E cosa s'aspetta ancora? Va beh! Staremo a vedere...

III SPETTATORE

Non ho capito niente, ma è profondo! (Gli attori fanno un applauso mentre il regista chiude il sipario)

F I N E    S E C O N D O     A T T O

T E R Z O   A T T O

TOINANA'

(Solo in scena fa avanti e indietro accingendosi a recitare la sua parte) Li muluna, mia cara, anzi, mia carissima soggira, e spiramu a lu Patriarca, ca si stuccassinu bonu li ammi, si accattanu a prova!

SUOCERA

(Entrando) Comu, comu comu comu comu!

TOINANA'

Sissignura, a prova, e chi ci pari ca comu unu arriva pigghia e 'ntrunza?

SUOCERA

(Gli tira un oggetto addosso) 'Ntantu pigghiati chista 'nta la carina... a prova, gran pezzu ri canazzu ri bancata, a me figghia a prova! E chi ti pari ca è a cani ri don Cola!

REGISTA

Laura, tocca a te nella parte della figlia

LAURA

(Entra, facendo la parte della figlia, e si trattiene dal ridere) Mamà lassalu iri, ca Nanu... (ride) lu fa appos... (ride da non potere proseguire, entra il regista)

REGISTA

Ma allora... ci risiamo... come è finita?

LAURA

Mi scusi tanto maestro, ma, vede… è questo...” Toi...nanuccio" che... (continua a ridere) mi fa ridere

TOINANA'

Mi scusassi, ma, chi avi di ridiri a signurina? Vitti u saccu cu i pupi?

REGISTA

Giusto, ha detto bene!

LAURA

Non so cosa mi è preso, vi prego di scusarmi, cercherò di stare più attenta. (al regista) Ma un suggeritore, dico, non possiamo prenderlo? Come faccio a ricordarmi le battute lette poco prima, dietro le quinte. Non pretenderete mica che reciti già la parte a memoria!

REGISTA

(Chiama Angelo come suggeritore) Angelo! Angelo!

ANGELO

(Entrando) Sì, maestro!

REGISTA

Senti, mettiti a suggerire tu intanto.

ANGELO

Da dove devo iniziare?

LAURA

Da dove entro io!

(Angelo occupa il posto di suggeritore)

REGISTA

(Alla suocera) Prego, le dia la battuta finale! (esce)

SUOCERA

A me figghia a prova, e chi ti pari ca è a cani ri Don Cola?

ANGELO E LAURA

(Laura rifà l'ingresso; Angelo suggerisce) Mamà... (ride trattenuta) ...lassalu iri ca Nanucciu lu fa apposta, pi fariti arrabbiari.

(Entra il suocero e si piazza in mezzo la scena)

SUOCERO

(Al regista che intanto lo ha seguito incuriosito) Lei m'havi a scusari..., ma a sti riscursa, iu, haju a essiri prisenti, lei mi dissi di stari fora...

REGISTA

Certo che deve stare fuori! Entrerà non appena sua figlia… cioè Laura, inizia la sua battuta.

SUOCERO

Mai Maria! Sbagghiu c'è! Iu pi so norma è essiri sempri prisenti a lu battibeccu  (indicandoli) di lu cani e la jatta, nun pozzu mancari, picchì, vidi, quannu fu, a so tempu, iu era prisenti.

SUOCERA

Senti, tu è megghiu ca 'un parrassi propria, tu fazzu a vidiri iu si sugnu jatta!

REGISTA

(Ai due) Per favore finitela! (al suocero) Esca e rifaccia bene l'ingresso!

SUOCERO

E parrati vuavutri! `nca ci lu vuliti diri a stu cristianu, 'nveci di stari a sciarriarivi, ca nuautri avemu statu sempri 'nsemmula!

TOINANA'

Certu ca' è sempri cu nuautri! E' sulu ca parrannu picca 'un si nota. Ma la so prisenza è 'mpurtanti... picchì stannu prisenti, senti li riscursa e poi arrispunni a tonu 'mbasi lu riscursu ca si va svurgennu; mi sapi sentiri?

REGISTA

(guardando il libretto) Sì, sì, ha ragione; la didascalia del copione, infatti, riporta che è presente. Continuiamo... continuiate.

SUOCERO

(Richiama il regista che sta per uscire) Sintissi a mia, lei, si voli fari ‘na cosa, havi a correggiri sulu a signurina, a nuavutri nun ci pinsassi propriu!

REGISTA

Mi vuole insegnare pure il mestiere adesso! Io sono il regista, io ho l'arte di disporre, in scena s'intende, ognuno al suo posto, mi lasci fare quindi il mio lavoro e si stia zitto, oh! (esce e dato che i tre non iniziano, urla da fuori) Allora... volete  continuare o no?

SUOCERO

E va beni, va beni! nun s'arrabbiassi! Dunchi, iu era cca cu vuavutri; lei signurina diciva... mamà lassalu iri ca Nanucciu lu fa apposta, pi fariti arrabbiari; e iu ricu: santuriantanuni! Ma sempri stu discursu avemu a fari?

TOINANA'

Ah, picchì secunnu vossia, nun l'avissi a vidiri, prima, chiddu ca me pigghiari?

REGISTA

(da fuori) Senti, senti! Il tono... il timbro di voce...! Credimi sono impeccabili, ma..., la grammatica, si, la grammatica, dove?

SUOCERA

(al regista) La chi cosa?

REGISTA

(Entra) La grammatica, la dizione teatrale! Sarebbe stato meglio, avesse detto: secunnu vossia, prima, 'un l'avissi a vidiri chiddu ca me pigghiari?

TOINANA'

Cu lu so modu di diri forsi, cioè, di chiddu ca di la cosa nun ci nni futti propria. Ma a mia, ca la cosa m'abbrucia, mi urgi, non tantu lu musaicu di la grammatica, comu  dici lei, ma lu sapiri subitu chiddu ca cchiù m'intiressa di diri.

REGISTA

E la cultura allora? Dove la mettiamo la cultura? Lei forse non lo sa, ma il teatro è cultura.

ANDREA

Giusto!

TUTI

Giusto, cultura!

TOINANA'

A cultura, ma quali cullitura! Cari signuri, sintissiru, noi popolani semu, comu la genti di la pleba, (il regista non comprende)di la pleba va! `Ca noni avemo la stissa manera di parrari, lu stissu modu di pinsari. Per esempiu, nui, quannu amu a fari un discursu 'n anticchia cchiù di genti sturiata, comu diri..., 'n taliano! Iamu  raciuppannu due paroli di qua, corchi 'n avutra di dda! E costruiamo un riscorso fattu chioni, riciamo, cchiù di monosillabbe. Capiu?

REGISTA

Monochè?

TOINANA'

Ci lu fazzu capiri megghiu! Mittemu, quannu si havi a lavurari un pezzu di tirrenu,

lei chi fa?

REGISTA

Che faccio? Che ne sò! Lavoro mica la terra io?

TOINANA'

Mali! Pi prima cosa sciogghi la vestia di la stadda, poi pigghia l'armiggi e 'nvraca...  (il regista si volta verso gli attori meravigliato) 'nvracare va! `Nvraca l'armalu cu lu pitturali e lu suttapanza e lu 'mpaia 'nta l'aràtu, nun si scurdassi però a mettiri 'nna lu saccuneddu la pruvenna, ci l'attacca a latu lu capizzuni, tira li retini, e subitu 'ncumincia a vidiri lu tirrenu 'n conzu.

REGISTA

Mi scusi che c'entra adesso l'imbragare con la cultura e il bel discorso?

TOINANA'

C'entra, c'entra! Pirchì il popolare qui presente, accanto a sua ccillenza, pi fari un bel discorso, che per me è come fare un pezzo di maise, deve prendere tutti questi armiggi per mettiri 'n conzo un riscorso di monosillabe.

REGISTA

Ma basta solo istruirsi! Leggere, confrontarsi.

TOINANA'

E ci torna parrinu e ciuscia! Lu confrontu, comu rici lei, li picciuli sunnu! Li picciuli, sì. Ma chi nni sapi Vuscenza. Un ghiornu, di 'n'avutra storia, mi truvai a partiri pi un  viaggiu 'n cerca di travagghiu. Mentri era bellu e assittatu 'nta un vaguni, ca parrava  cu un signuri, mi 'ntisi diri da unu spizzica biglietti: “lei qua non può stare, lei vada!” Sì, vada mi pari ca dissi, (agli altri due) un dicu giustu?

REGISTA

Sì, certo, vada, vada.

TOINANA'

Allura io vaio in seconna crasse, chi mala fiura, m'havi a cririri. Mi cogghiu li baratteddi e Salutu a ddu cristianu. Ma appena arrivavu 'n seconna classi, nuddu, nun c'era arma viva; sulu, mi taliavu a lu specchiu e mi cunfruntavu cu me presenti: “c'è forsi la vita di prima crassi e chidda di secunna crassi?” Mi haio detto. Mancu appi cchiù poi occasioni d’arraggiunari cu ddu cristianu. Ora, lei pensa ca si iu avissi avutu li picciuli mi smuvivanu di ddà, ora no! Avissi cuntinuatu a parrarri tranquillu cunfruntannumi cu ddu signuri.

REGISTA

Seguito a non capire che c'entra tutto questo!

TOINANA

(Sentenziando) Si li cosi di lu populu pocu canusci voscenza, parrari è tempu persu, su cosi ca 'un capisci. Ma ijamu a nuautri, stavamu dicennu... unn'eramu junti?

SUOCERA

A stazioni!  'N prima crassi lu nobbuli! 'Nta lu carru bestiami ti facissi viaggiari! Stavi dicennu, ca vulivi sapiri di me figghia si sapi cociri, si sapi lavari, si  sapi...

REGISTA

(Uscendo) Su, via, continuiamo e cerchiamo di non interrompere più.

TOINANA'

Ah, ...vulia sapiri, poi da rota, chi ci fa?

SUOCERA

Chi ci fazzu? Ci fazzu chiddu ca pozzu! Un cantaranu, un beddu lumi di ramu, 'na cifunè, la biancaria, c'havi tutta bedda sarvata, a tri para a tri para; poi cè...

REGISTA

(Da fuori) E come la mettiamo con il copione, che quì c'è scritto, a due paia a due paia!

SUOCERA

(Al regista) Ma chi voli ca ci haju a diri! (ai due) Vha! mi 'ntirrumpiu 'nto megghju! Era comu si havia li cosi tutti davanti. (raggiungendo il regista da dietro le quine) Lassassi stari, sintissi a mia, lassassi stari chiddu ca c'è scrittu 'nta lu libru. Nni la menti di cu scrivia, li cosi eranu a tri para a tri para; si vidi ca la manu, senza mancu fallu a pposta, scrissi du para du para. E abbunnau sempri la manu, picchì iu a chistu, si lu voli sapiri, pi quantu l'haju 'nto stomacu, un ci rassi mancu un spicchiu d'agghiu, propria nenti, ma siccomu nun sugnu iu a dicidiri, è diri pi forza d'accussì.

SUCERO

Quantu a stati facennu longa...

MARIA

(Da fuori scena) E allora! O si va avanti con questo copione o ce ne andiamo! Che dobbiamo fare?

REGISTA

(Entra solo) Hanno ragione, silenzio per favore! (a Toinanà) Tocca a lei.

TOINANA'

A mia? Veramenti, ora, tocca a lu Sinnacu e a li cunsigghieri.

REGISTA

Ma quale Sindaco e consiglieri! Un'attimo... non trovo più la pagina...

MARIA

(Da dietro le quinte) A pagina venticinque, ricorda maestro! Entra il Sindaco seguito dalla Giunta e da alcuni consiglieri.

REGISTA

Ah, si, ecco! Dunque, pagina venticinque, qua c'è scritto nella didascalia... dunque... (esterefatto) Entra il Sindaco.

(Entra  il Sindaco con alcuni consiglieri inneggiando: cultura)

CONSIGLIERI E SINDACO

Vogliamo cultura! Vogliamo cultura! Cultura volendo, volendo cultura!  Cultura vogliamo! Vogliamo cultura!

REGISTA

(Andando loro incontro) Eih, voi! Un attimo, dove andate?

CONSIGLIERE

(Parla, dal fondo sala, come se si trattasse di un discorso elettorale, mentre il sindaco intercala a sua volta alcuni si e no)  Noi, siamo venuti, perchè, chiamati, da alcune persone, che hanno lasciato, in gran fretta, la sala.

SINDACO

No, no, si, si, no, no

CONSIGLIERE

Ci hanno riferito, che voi, state facendo, cose, che quì non potete fare!         

SINDACO

(Andando avanti) Carabinieri! Bloccate l'uscita agli attori.

(I carabinieri salgono  e bloccano gli ingressi alle quinte)

TOINANA'

(al regista) Ci l'avia rittu iu! E chista, è a botta 'o mastru!

REGISTA

La botta a che?..

SINDACO

(andando verso il palcoscenico) Per prima cosa, i lor signori, favoriscano tutti i documenti che vi autorizzerebbero alla rappresentazione dello spettacolo. (al seguito) E d'ora in poi voglio sapere chi ha e chi non ha le carte in regola di agibilità per fare teatro. (ai consiglieri) Domani a questi prepariamo una di quelle belle delibere che non se la scordano. (Ai consiglieri) Che ne dite, (preoccupato) pensate che questa mia decisione trovi consenso, un domani, tra la massa degli elettori ?

CONSIGLIERI

Sì, signor sindaco, certo! Nel libretto, alla fine, è scritto: il pubblico approva e saluta il sindaco con un lunghissimo applauso di ovazione.

SINDACO

Meno male!

REGISTA

Ma allora è proprio la serata! Scusi, di che carte e documenti sta parlando! Io, per sua norma e regola sono il regista..., ma in fondo cosa sto a dirle chi sono io, se mi avesse riconosciuto non me lo avrebbe certo chiesto. Eppure, si ricordi… (alla giunta) anche voi, che io sono molto conosciuto nel mondo del teatro.

ANDREA

(Entra in scena , seguito dagli attori) Che succede maestro? (Entrano gli attori)

SINDACO

E questi altri chi sono?

REGISTA

Tanto per non fare poi dire di lei che di teatro non ne capisce niente, venga, glieli presento subito, (il sindaco e il consigliere salgono sul palco) questi, sono i miei  attori. (Il sindaco e il consigliere fanno un applauso)

SINDACO

(Rivolgendosi ai tre) E allora questi chi sono?

REGISTA

I personaggi

SUOCERO

(Al sindaco, che non hanno applaudito) E a nuatri nenti? (Applaudiscono anche a loro) 'Nn' aviti a scusari, (al regista) nuautri ni nni emu, lu nostru travagghiu mi pari ca è bellu e finutu.

SUOCERA

Ma di unni li pigghia di lu saccu! (va verso il sindaco) Ogni tantu puru iddu parra... e tira un nummaru.

TOINANA'

(Al sindaco) Ora, si senti a disaggiu la signura, comu la figghia del restu. (al suocero) Eccu, picchi ristau dintra! (alla suocera) Vossia lu sapia di la vinuta di lu Sinnacu... (esprimendosi verso il sindaco) figghia di cacata! E iu...

SINDACO

Che maniere! Ma cos'è questo linguaggio! Dico! Alla mia presenza, in un teatro!

CONSIGLIERI

Giusto signor sindaco! Cos' è questo linguaggio!

REGISTA

Intanto volete dirci, perchè siete venuti e ci avete fatto interrompere la commedia?

SINDACO

La commedia... Non ditemi che stavate recitando? Se non sbaglio sul palcoscenico, quando siamo arrivati, non c'erano i vostri attori, ma questi tre, diciamo… signori

REGISTA

Oh bella! questa sì che è buona. (agli attori) Voi che ne dite, rispondete voi, stavamo recitando o no?

LAURA

Io dico solo... che stavamo... forse... finendo di recitare... Andrea parla tu.

ANDREA

(Al sindaco) Per favore, lasciateci finire di leggere il copione, sono rimaste solo poche battute!

TOINANA'

(Intromettendosi nella conversazione. Agli attori) Sintiti! Nuautri 'ncuminciamu a fari strata, si vulìti putiti veniri cu nuatri. (al sindaco) 'nsinu a unni arriva lu libru scrittu. (scendono lentamente seguiti dagli attori)

REGISTA

Dico, (al sindaco) vede anche lei, le sembra mai possibile? (agli attori che poi tornano indietro) Aspettate, dove andate? (ai tre) Tornate qui voi!

TOINANA'

Mi rispiaci ccillenza, nun putemu ristari, mi cririssi, taliassi u librettu  (tornado verso il sindaco) E' ccà ca nuautri niscemu ri scena. (ritorna con gli altri)

SINDACO

(I tre sono lontani, gli attori comininciano a prepararsi per uscire dal teatro) Allora avevate finito? Carabinieri mettete i sigilli! (I carabinieri  mettono scotch dappertutto) Ma chi erano quelli? Che volevano? Che ci facevano quì?   

REGISTA

(Si prepara anche lui per andare via) A dir la verità non ci sto capendo più nulla, ma sicuramente, quella, è della gente alla quale deve piacere molto il teatro.

SINDACO

Ma, mi scusi se insisto: perchè, voi, quì, fino adesso, che avete fatto?

REGISTA E ATTORI

...Una commedia. La commedia dell’arte!

 SINDACO

Che mi pare di avere capito, era già finita quando siamo arrivati noi!

REGISTA

A dir la verità ancora no.

GLI ATTORI

Eh già! Ancora no.

SINDACO

E allora perchè non state recitando? Il pubblico non è ancora forse in sala? E gli attori non ci siete tutti?

REGISTA

Lei forse non se ne ancora reso conto ma..., noi, davanti a questo pubblico, stiamo facendo teatro! Perchè, quannu a qualcunu gli si da l'occasioni, vivi la vita di l'autru, recita la parti di l'autru...

SINDACO

(Al consigliere) Lei sta forse vedendomi recitare la parte di un altro?

CONSIGLIERI

Mi pare proprio di no, Certo che no! No di certo! Certo che no!

TAINANA'

(Mentre attraversa il pubblico) A dda ròta ci pò dari focu, e so figghia pi mia si pò fari monaca! Anzi, vistu ca ri li pirsuni si affriggi, la facissi fari monaca di crausura!

SUOCERA

Gran pezzu di sdisanuratu! Ma ri quali cunventu sbarcasti: ri Mazzarinu o ri Tagghiavia! Teni pigghiati chista! (gli da un colpo di borsetta) Pezzu di Toinanà!

SUOCERO

(Al pubblico) Scusati, ni nni stamu jennu. Eccu fattu, e chista comu la masculiata finali era l'urtima battuta! (vanno via)

SINDACO

(Ai consiglieri)  Ma non se n'erano andati? (ai tre) Che significa ancora questa vergogna?!

REGISTA

(Guardando in fondo) Sono andati via.

SINDACO

L'ultima battuta. Questi signori, dunque, hanno recitato pure?

REGISTA

Certamente!

SINDACO

Ma finiamola, con quel..., diciamo con quel...

REGISTA

Dica, dica pure! Lei vorrà sicuramente riferirsi a quel linguaggio volgare, fatto di...  monosillabe!

SINDACO

Per l’appunto!

REGISTA

E' il linguaggio dei personaggi della commedia,  senza di cui la trama non avrebbe avuto logica.  Pensi... il testo che parla!

 

SINDACO

Ma è inaudito, un'indecenza, è una vergogna!

REGISTA

Una vergogna lei dice! E' la realtà della commedia la vera vergogna! L'autore ha solo portato in scena e fatta conoscere a tutti noi la triste verità della "commedia"  della vita! Lei, mi scusi, ama forse vivere questa "realtà"?

SINDACO

Certamente no!

REGISTA

E allora! Mi dia ascolto, non si adiri per nulla! Mi dia ascolto, provi a cambiare "questa"  realtà! L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. (Come è scritto sul fronte scrizio del Teatro Massimo di Palermo) -Vano delle scene è il diletto ove non miri a preparar l’avvenire. (agli attori) E voi! Cosa aspettate? Sù ch'è  tardi, andiamo.

LAURA

Infine, maestro, s'è capito qual'era il vero nome, Toinanà o Tainanà?

(gli attori escono attraversando il pubblico)

ANDREA

La cifunè, u cantaranu. (il regista e gli attori ridono) Ah, ah, ah! Vi era anche a ròta!

LAURA

E che suocera. Pigghiati chista mammaluccu!

MARIA

Non ho capito, maestro, perchè il suocero parlava poco, forse era timido?

REGISTA

Chissà, forse l'autore ha cercato di creare, con quel silenzio del suocero, l'attimo di riflessione sul teatro,  sul testo, oppure... la catassi.  Beh! Problemi loro, andiamo, su!. (si avviano per uscire)

ANDREA

Problemi nostri, maestro, saranno invece quelli che ci ritroveremo davanti tornando di nuovo in quel localino, angusto e senza servizi, a  cercare di preparare un nuovo lavoro. Il sindaco da domani proibirà pure di recitare, chissà se non sia il caso di dirlo veramente noi: vergogna!!!

REGISTA

(Il regista invità ad intonare in vari modi la parola vergogna) Bravo! Perchè non la grammatichiamo?

ATTORI

Si, si maestro! Vergogna! Vergogna! Vergogna! (escono)

BANDITORE

Sintiti, sintitti, pi volontà di lu nostru sinnacu e di tutta la giunta comunali: da rumani sunnu appruvati tutti li rappresentazioni di tiatru e si costruirà u tiatru, picchi lu sinnacu i picciuli l'avi, a giunta i picciuli l'avi, mentri l'assissuri l'avi puru iddu. Chistu avia a diri e chistu vi dissi.

ATTORI

(Tutti sul proscenio si guardano meravigliati) Non è vero! Quando mai! Ma che dice? Non  è vero!

BANDITORE :            ‘Nca siddu ‘un è veru, putissi essiri veru!

ATTORI

‘Nca siddu ‘un è veru putissi essiri veru! L’arte rinnova i popoli e ne rivela la vita. Vano delle scene è il diletto ove non miri a preparar l’avvenire.

BANDITORE

(Riesce) Sintiti, sintiti, sintiti, pi volontà di lu sinnacu...

                               

               

* * *  Fine * * *

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno