Tanto tempo fa, più o meno a Natale…

Stampa questo copione

NOVE INTREPRETI IN SCENA

TANTO TEMPO FA, PIU’ O MENO A NATALE

Farsa in atto unico di Mario Mosso.


Opera vincitrice il 1° Concorso di Composizione Teatrale “Mauro Mazzarella” (2006), indetto dall’Associazione Artistica “La Fabbrica dei Sogni”


Genere: comico – Durata: 45 min. circa

Interpreti: 12 (5 u. \ 7 d.)

TRAMA: Siamo in Palestina, in un passato remoto ma  con riferimenti all’era moderna.

Il falegname Pino e la sua incinta moglie Mari’, reduci da uno sfortunato viaggio organizzato dove il tour operator ha abbandonato il gruppo senza soldi ne valige, chiedono ospitalità presso la capanna di una coppia di avidi pastori.
Sistemati alla bell’e meglio, vengono a sapere da un vagabondo che in quel periodo è attesa la nascita di un profetizzato “Liberatore” e ogni indizio sembrerebbe portare proprio ai due malmessi, come futuri genitori del gran personaggio. Ma…

NOTA CRITICA: La farsa, assolutamente garbata e in accento romanesco, utilizza l’ambientazione della Palestina di duemila anni fa, contaminata da oggetti e riferimenti dell’era attuale (l’agenzia di viaggi, gli Euro, i cellulari…), con i vezzi e le contraddizioni della società contemporanea, fino alla conclusione a sorpresa, nella miglior tradizione degli equivoci.

TANTO TEMPO FA, PIU’ O MENO A NATALE…

Una sera di tanto tempo fa (o forse meno), un modesto falegname in trasferta in Palestina e sua moglie, Pino e Marì, trovano riparo in una stalla, poco fuori Betlemme…

PERSONAGGI :

·PINO, modesto falegname

·MARI’, sua moglie

·IL PASTORE

·LA PASTORA, moglie del pastore

·IL VAGABONDO

·PRINCIPE GEROLAMO TINELLO-CASTRAZZI

·PRINCIPESSA GAJARDA CICORIA-BASTONE, moglie del principe

·MARCHESINA ERNESTINA CICORIA-BASTONE, sorella di Gajarda

·MARCHESINA BRIGIDA CICORIA-BASTONE, sorella di Gajarda

·ANGIOLETTO 1

·ANGIOLETTO 2

·ANGIOLETTO 3

(La scena rappresenta l’interno di un’umile stalla.  Uno scatolone di cartone, con la paglia da una parte, a rappresentare una mangiatoia; qua e là stracci e qualche utensile tipo rastrello, pinze, martelli, ecc…  Da un’altra parte, non in vista, dorme un vagabondo, sotto un mucchio di stracci.  Fuori scena si ode la voce del pastore avvicinarsi, in compagnia di Pino e Marì…)

PASTORE: INZOMMA! SE V’ACCONTENTATE, VE POSSO OSPITA’ NELLA STALLA! (entrando in scena, seguito dall’umile coppia) ALTRO NUN C’HO! ANZI, M’E’ TOCCATO PURE LITIGA’ CO’ MI’ MOJE, CHE NUN VOLEVA! DICEE… “SEI SEMPRE ER SOLITO FARLOCCO! MA CACCIALI VIA QUEI DU’ MORTI DE FAME, ZOZZI E PUZZOLENTI, CO’ QUER SOMARO CHE CE RIEMPIRA’ LA STALLA  DE  ZECCHE!” OH! MICA VI DOVETE DA OFFENDERE, EH? E’ LEI CHE NUN C’HA SENSIBBILITA’!

PINO: MARI’, NUN FA COSI’, DAI!  PER LO MENO STAREMO RIPARATI.

PASTORE: INVECE IO, CHE SO’ DEVOTO ALLE SCRITTURE E A LI PROFETI, CHE VOLETE… ME COMMOVO QUANNO VEDO LI PORI DISGRAZZIATI, PURCIARI COME VOI!

PINO: DAJE!... ALLA FACCIA DELLA SENSIBBILITA’…

PASTORE: …E’ CHE MI’ MOJE NUN CAPISCE CHE SE DOVEMO AIUTA’! CERTO, LE SPESE, SO’ SPESE.  L’AZIENDA AGRICOLA COSTA!  LE TASSE, L’IVA SULLE TASSE, L’ADDIZIONALE DELL’IVA SULLE TASSE, LA TASSA SULL’ADDIZIONALE DELL’IVA SULLE TASSE, ICI, IRAP, INAM, ICAZZ…

PINO: OH, OH, OH! FRENA SOR MAE’, AVEMO CAPITO! NUN C’E’ BISOGNO CHE CE FAI LA LISTA! (cavando di tasca l’ultima banconota da cinque euro) ECCO, C’E’ RIMASTO SOLO QUESTO, PE’ COMPRA’ UN LITRO DE LATTE E ‘N PEZZO DE PANE A ‘STA PORA DONNA… (indica Marì, in evidente stato di gravidanza) “PIETA’ DI UNA SORELLA! GUARDATE IN QUALE STATO E QUANTA STRADA FECE!”

PASTORE: (arraffa avidamente la banconota dalla mano di Pino) AHO! E MICA SO’ STATO IO A METTELA IN QUELLO STATO! PIUTTOSTO, DOMATINA PRESTO VE NE DOVETE ANNA’, SINNO’ CE LITIGATE VOI CO’ MI MOJE! (uscendo di scena) E’ CHE SO’ TROPPO BBONO! TROPPO BBONOOO…!

PINO: MA GUARDA TE SI CHE ROBBA! MANCO ‘N OCCHIO DE RIGUARDO PE’ ‘NA DONNA INCINTA!  MARI’, NUN T’ABBATTE, VEDRAI CHE CE LA FAREMO. BISOGNA AVE’ FEDE, SPERANZA…

MARI’: SEE! E CARITA’, A PINO!  TE L’AVEVO DETTO CHE NUN CE DOVEVAMO VENI’ IN PALESTINA, CO’ QUELL’AGGENZIA DE VIAGGI POI, CHE A ME NUN M’ERA PIACIUTA FIN DAR PRIMO MOMENTO!

PINO: BHE, VABBE’, DICEEE… “SOGGIORNO DE DU’ SETTIMANE, VIAGGIO, SISTEMAZIONE IN COMMODO ALBERGO A TRE STELLE, ESCURSIONI GUIDATE A CAVALLO NELLA MAGGIA DER DESERTO,  COLAZIONI, PRANZI E CENE, TUTTO COMPRESO,  A TRECENTO EURI A PERSONA”, CONVENZIONATI COR DOPOLAVORO DELLA COOPERATIVA FALEGNAMI.

MARI’: E TE CE SEI CASCATO COME ‘N POLLO!

PINO: ”COME ‘N POLLO”! SCUSA MARI’, MO’ SEI INGIUSTA! TE CHE TE LAMENTI SEMPRE CHE NUN TE PORTO MAI DA NESSUNA PARTE, CHE PENSO SOLO A LAVORA’ A BOTTEGA, ME SO’ DETTO: JE FACCIO ‘NA BELLA SORPRESA E…

MARI’: …E GUARDALA ‘STA BELLA SORPRESA! VEDI IN CHE BELL’ALBERGO SEMO FINITI! C’E PURE ER FIERO DESTRIERO PARCHEGGIATO DE FORA, UN SOMARO SPELACCHIATO CO’ DUE DE PRESSIONE CHE SI DISGRAZZIATAMENTE JE VIE’ DA FA ‘N ARIA DAR DETIETRO, MORE STECCHITO PE’ TERA!  MA VEDI’ D’ANNA’…

PINO: TESO’, EH!  E NUN FA COSI’! UN PO’ DE DECENZA! IN FONDO DOVEMO RINGRAZIA’ CHE AVEMO RIMEDIATO UN MEZZO DE TRASPORTO, ANCHE SE UN PO’… INADEGUATO, CHE CE PERMETTE COMUNQUE DE NUN FATTE CAMMINA’ A PIEDI. IO ME PREOCCUPO SOLO PER IL TUO STATO.

MARI’: MA CHE STATO E STATO! PIUTTOSTO, PROPRIO LO STATO DOVREBBE INTERVENI’ PE’ FACCE RITORNA’ A CASA NOSTRA! SOLDI E PASSAPORTI SEQUESTRATI, COME PURE LE VALIGGE! SEMO DOVUTI SCAPPA’ DE CORSA CHE SINNO’ C’ARESTAVENO PURE!

PINO: E CHE NE POTEVO SAPE’ IO CHE QUER BANDITO DELL’AGGENTE DE VIAGGIO SPARIVA CO’ LA CASSA, SENZA PAGA’ GNENTE A NESSUNO! NOI, TUTTI SICURI DE FASSE ‘NA VACANZA TRANQUILLA!

MARI’: …E INVECE AMO RISCHIATO DE FENI’   CARCERATI! OPPURAMENTE DE ESSE RAPITI DA QUARCHE TRIBBU’ DE RIBBELLI! SE NE SENTENO TANTE!

PINO: MO’ NUN ESAGGERAMO! A CHI JE VEREBBE IN MENTE DE RAPI’ DU PORI DISGRAZZIATI CHE JE SO’ RIMASTI SOLO L’OCCHI PE’ PIAGNE?

MARI’: ECCO, L’HAI DETTO PURE TE, CHE SEMO RIMASTI COME DON FARCUCCIO! C’HO RAGGIONE O NO A ESSE QUANTOMENO, LEGGERMENTE INCAZZATA?

PINO: DAJE, A LE’, NUN FA COSI’! IN QUALCHE MODO SE RISOLVERA’. BASTERA’ RAGGIUNGE ER CONSOLATO E POI…

MARI’: SI, SI… A PINO!  E’ COME DICI TE, MA IO MICA LA VEDO BENE! ME LO DICEVA MAMMA: “LASCIALO PERDE GIUSEPPE, ER FALEGNAME! SARA’ TANTO BONO E LAVORATORE MA DA UN UNIONE COSI’ RICEVERAI UN GRAN DOLORE!

PINO: BONA, TU’ MADRE! C’HA SEMPRE LE PROFEZIE GIUSTE AR MOMENTO GIUSTO!

MARI’: E’ CHE SE TIENE INFORMATA! ‘NA DONNA DE CURTURA!

PINO: COME NO? E’ PURE ABBONATA A NAZARELLA TREMILA! BELLA CURTURA DE CHIACCHIERE!

MARI’: MBEH’? STORIE DE VITA VISSUTA! LA CONOSCENZA DER QUOTIDIANO! CE STANNO TANTE COSE INTERESSANTI, ALTRO CHE LE PAGGINE SPORTIVE DER “CORIERE SAMARITANO”, CHE COMPRI TE!

PINO: A PARTE CHE NUN C’HO TEMPO DA LEGGE, CHE STO TUTTO ER GIORNO A MANNA’ AVANTI LA BOTTEGA…

MARI’: E ALLORA NUN CRITICA’ CHI APPROFITTA DER TEMPO LIBBERO PE’ ELEVASSE LO SPIRITO!

PINO: E CERTO! SAPE’ CHE ER TALE ATTORE TE L’HANNO PIZZICATO AR BARE A PIJA ER CAFFE’ CO’ ‘N ANTRA STURCINATA, DE NASCOSTO DE LA MOJE, CHE POI JE FA CAUSA DE DIVORZIO PE’ MIJONI D’EURI, ME PARE ‘NA GRANDE ELEVAZIONE!

MARI’: SE CHIAMENO “FATTI DE COSTUME”! OGNI COSA C’HA LA SUA IMPORTANZA E SE RIPERCOTE NELL’ECONOMIA INTERNAZIONALE!

PINO: CERTAMENTE! MO’ TUTTI SANNO CHE PIJASSE UN CAFFE’ A QUER BARE, TROPPO JE COSTA!

MARI’: QUANTO SEI IGNORANTE! E POI MICA CE STANNO SOLO LE NOTIZIE DE SPETTACOLO! SERVIZI SUR MONNO,  RUBRICHE INTERESSANTI…

PINO: DEFATTI TU’ MADRE E’ FISSATA CO’ L’OROSCOPI E L’USCITE DER GIOCO DEL LOTTO! ANZI, MO’ S’E’ MESSA IN TESTA DA PREVEDE’ LI NUMMERI, A SECONDA DER PERIODO ASTRALE!

MARI’: EMBHE’? C’HA PURE AZZECCATO!

PINO: SI, ‘NA VORTA! QUATTRO MESI FA! ER 65 SULLA ROTA DE CAFARNAO!

MARI’: E ER MESE SCORSO INDOVINO’ ER 71 SULLA ROTA DE GERUSALEMME!

PINO: E TE CREDO! ERENO 245 SETTIMANE CHE NUN SORTIVA! PRIMA O POI  DOVEVA DA USCI’!

MARI’: OH, ‘NZOMMA!  BASTA CHE PARLI MALE DE MAMMA, TU! CHE POI, IN FONDO, TE VOLE PURE BENE!

PINO: MA PROPRIO IN FONDO IN FONDO, DOPO ER GATTO DE CASA! DAI, LASCIAMO PERDE ‘STI DISCORSI! PIUTTOSTO… A PROPOSITO DE NUMMERI, IO ME CREDEVO CHE CE MANCASSE DE PIU’ AL LIETO EVENTO, CHE SENNO’ RIMANDAVAMO LA PARTENZA! A ‘STO PUNTO SE SEMO SBAJATI A FA’ LI CONTI!

MARI’: EEEE… CHE NE SO’? ME CREDEVO PURE IO, NUN ME RICORDO! SO SOLO CHE, QUER GIORNO ME SO’ ADDORMITA.  POI ME PARE CHE SOGNAVO, FORSE NUN AVRO’ DIGERITO LI BROCCOLETTI DELLA SERA PRIMA.  ER BUIO, POI… ‘NA GRAN LUCE!  E UNA VOCE CHE ME DICEVA CHE C’AVREI AVUTO UN FIJO! E DIFATTI, POI ER DOTTORE ME CONFERMO’ CH’ERO INCINTA!

PINO: BHO! IO C’HO SEMPRE CAPITO POCO!  ME SO’ SEMPRE FIDATO DE QUELLO CHE ME DICEVI, DE LI CONTI CHE TENEVI…

MARI’: ECCO!  L’OMMENI!  SEMPRE UGUALI!  PRIMA SE DIVERTONO E POI FANNO L’INNOCENTINI!

PINO: E NO, EH!  MO’ NUN COMINCIA’ COR SOLITO DISCORSO DER MASCHIO PREVARICATORE! 

MARI’: E INVECE SI!  MO’ CE DOVETE DA STA’ A SENTI’! NUN E’ MICA PIU’ COME ‘NA VORTA, QUANNO CHE FACEVATE LI PADRONI DER VAPORE! OGGI AVEMO PRESO COSCIENZA E RECLAMAMO LI DIRITTI NOSTRI!

PINO: IO!!! ER PADRONE DER VAPORE, IO!!!  MA QUANDO MAI! DA REGAZZINO, ME TOCCAVA DA STA’ ZITTO PERCHE’ SENNO’ MI’ PADRE, QUELLO SI “PADRONE”, ME DAVA CERTI SGANASSONI CHE PAREVO UN MASCHERONE “TU STATTE ZITTO, CHE SEI PICCOLO!”, ME DICEVA!  MO’ DA GRANDE ME DEVO DA STA’ ZITTO UGUALE, SENNO’ CE STAI TE CHE ME STRILLI!

MARI’: PERCHE’? MO’ LI VOLEVI DA’ TU LI SGANASSONI?

PINO: MA DE CHE?  VOREI SOLO STAMMENE IN PACE!

MARI’: MENTRE IO TE FACCIO LA SCHIAVA!

PINO: ARIDAJE! AHOO!  NUN SE RAGIONA PIU’, DA QUANNO CHE AR PAESE E’ ARIVATA QUELLA… LA’… COME SE CHIAMA…

MARI’: SE CHIAMA MADDALENA! LA PRESIDENTE DER COLLETTIVO FEMMINISTA! CHE NUN TE PIACE?

PINO: AH! BONA, QUELLA! COME CHE E’ ARIVATA V’HA MESSO IN TESTA CHE COSI’ NUN POTEVA CONTINUA’! CHE ERAVATE SOTTOMESSE, CHE LI MARITI VOSTRI DECIDEVANO PURE COME DOVEVATE MAGNA’ O VESTI’…

MARI’: PERCHE’, NUN E’ VERO?

PINO: MA CHE STAI A DI’? CERTO, NUN VOJO DI’ CHE CERTI OMMENI PONNO PURE ESAGGERA’. MA VÒI METTE ER DECORO?

MARI’: ER DECORO? MA SI ME PARO ‘NA VEDOVA IN CLAUSURA!

PINO: SEMPRE MEJO DE QUELLE SGALLETTATE CHE SE SO’ FATTE METTE SU DA QUELLA MADDALENA! GIRI PE’ ‘R PAESE E TE PARE DE STA’ AR CIRCO EQUESTRE!  PRIMA LE MINITUNICHE DE PELLE NERA! POI LE BORCHIE, LE CATENE…

MARI’: LO STILE METALLARO! E’ ‘NA SCELTA, UN SIMBOLO DE LIBBERTA’!

PINO: LE CATENE, UN SIMBOLO DE LIBBERTA’?

MARI’: PROPRIO NUN CAPISCI GNENTE! LE CATENE SPEZZATE DALLA SCHIAVITU’!

PINO: PURE LI TATUAGGI E LI SPILLONI?  CHE MO’ NUN CE STA PIU’ UN CENTIMETRO DE PELLE LIBBERA!?  NU’ JE BASTAVA BUCASSE LE RECCHIE E ER NASO!  PURE SULL’OMBELLICO! ANZI, CERTE SE METTONO L’ORECCHINI PURE SU LA…

MARI’: A SCOSTUMATO!!!  E TE CHE NE SAI?

PINO: NO, MA CHE VAI A PENSA’? ME L’HANNO DETTO… CERTI AMICHI, AR BAR! OOH! QUELLI SCAPOLI, SIA CHIARO! SE PARLA COSI’, TANTO PE’ DI’!

MARI’: E FAMO CHE NUN DIVENTI “TANTO PE’ FA’”!

PINO: MARI’, TESORO, MA CHE DICI?  IO NUN ME PERMETTEREI MAI! CASA, LAVORO, LAVORO, CASA! UN MODELLO DE VITA! ANZI! IN GIRO C’E’ STA GIA’ QUARCHEDUNO CHE DICE …LO VEDI QUELLO? E’ GIUSEPPE ER FALEGNAME, ONESTO PADRE DE FAMIJA! UN GIORNO LO FARANNO DE SICURO ER SIMBOLO DE LI LAVORATORI!

MARI’: L’HO DETTO E LO RIPETO: L’OMMINI SO’ TUTTI UGUALI!

PINO: AAHAA! CHE RICOMINCIAMO?

(In quel momento il vagabondo che dormiva, non visto per tutto quel tempo sotto il mucchio di stracci, si scuote, emerge dal mucchio e apostrofa seduto per terra i due coniugi)

VAGAB. : E NO, EH!?  “AAHAA” LO DICO IO! E CHE SAREBBE?  C’AVETE INTENZIONE D’ANNA’ AVANTI COSI’ PE’ TUTTA LA NOTTE?  QUI C’E’ GENTE CHE DORME! ANNATE A LITIGA’ DA ‘N'ANTRA PARTE!

PINO:  E MO, QUESTO CHI E’?

MARI’: SARA’ ER MAGGIORDOMO DE ‘STO BER PALAZZO!

VAGAB. :MA DE CHE, AHO?  HA PARLATO LA CONTESSA MARZOTTO!

PINO: AAAAAA, MODERAMO LI TERMINI… AAA, SOR PRINCIPE DE GALLES!

VAGAB. :DOTTORE, PREGO.

PINO: COME?

VAGAB. : DOTTORE! LAUREATO IN MEDICINA, CON CENTODIECI E LODE, ALL’UNIVERSITA’ DEL GETSEMANI! CON MASTER CONSEGUITO PRESSO L’ACCADEMIA DEI FARISEI! SPECIALISTA IN CARDIOLOGIA, PNEUMONOLOGIA, PEDIATRIA, GERONTOLOGIA …

MARI’: E SALSAMENTERIA… COMPLIMENTI! AVETE PROPRIO MESSO SU ‘N BELLO STUDIO!  CHE SIETE PURE CONVENZIONATO CON LA MUTUA?

VAGAB. : C’E’ POCO DA FA’ LI SPIRITOSI! MO’ ME VEDETE COSI’, MA… UNA VORTA S’ENCHINAVENO TUTTI, QUANNO PASSAVO…

MARI’: (al marito, a bassa voce) …”S’ENCHINAVENO”! SVENIVANO, PE’ LA PUZZA!

VAGAB. : …AVEVO ETTARI ED ETTARI DI TERRA…

MARI’: …E MO’ SE LA PORTA TUTTA ADDOSSO!

VAGAB. : …CANI… MUCCHE… PECORE… GALLINE… CAVALLI…

MARI’: …HO CAPITO, FACEVA ER VETERINARIO…

VAGAB. : …POI, HO PERSO LA TESTA PER UNA DONNA, E…

MARI’: …E NO, EH! STAMO SEMPRE ALLE SOLITE! MA E’ MAI POSSIBILE CHE ALL’ORIGGINE DE TUTTI LI GUAI C’E’ STA SEMPRE ‘NA DONNA!? E’ DA QUANNO LA RAZZA UMANA S’E’ DANNATA PE’ CORPA DE EVA CHE S’E’ MAGNATA ‘NA MELA! CHE POI, ER FARLOCCO D’ADAMO NON S’E’ MAI SAPUTO CHE STAVA A FA’ NER FRATTANTO! C’ AVETE ATTACCATO LA PECETTA DE ESSERI INFERIORI, IN COMBUTTA COR DEMONIO! OGNI VORTA E’ LA STESSA STORIA! VOIARTRI FATE LE GUERE, FATE E DISFATE, VE MAGNATE ‘STO MONNO E QUELL’ALTRO, E STRIGNI STRIGNI E’ SEMPRE A CAUSA DE ‘NA DONNA! E MO’ BASTA!!!

PINO: DAI, MARI’, NUN FA COSI’…

MARI’: TU STATTE ZITTO, CHE SEI OMO E PERCIO’ SOLIDALE!

PINO: LO DICO PE’ TE, CHE POI TE SENTI MALE…

MARI’:”CHE POI TE SENTI MALE”! E CHI SE NE FREGA! ME VOIO SENTI’ MALE, VABBE’?  (fa una pausa, si porta una mano sul ventre, con l’altra fa come un cenno d’attesa, con la faccia progressivamente più seria).

PINO: MBHE? MO’ CHE C’E’?

MARI’: ME SENTO MALEEE! ODDIODDIODDIODDIODDIO!!!

PINO: LO SAPEVO, MANNAGGIA!!! SU, MARI’, FATTE FORZA, ME SA CHE CE SEMO!  E VOI CHE STATE A FA’, LI IMPALATO? DATEME ‘NA MANO, NO? AVETE DETTO CHE SIETE UN DOTTORE!

VAGAB. : OH! NON C’E’ DA PREOCCUPARSI! A OCCHIO E CROCE, DIREI… UN SEMPLICE CASO DI GRAVIDANZA INOLTRATA.

MARI’: COMPLIMENTI PE’ L’ACUTA DIAGNOSI! MA CHI CE LA MANNATO A QUESTO? ODDIODDIODDIODDIODDIO!!!

PINO: ‘NZOMMA! CHIAMATE QUARCHEDUNO! ER 113, ‘N’AMBULANZA! FATE QUARCHE COSA! QUESTA ME PARTORISCE QUI!

VAGAB. : TRANQUILLI, CE PENSO IO, CHE SO’ PURE GINECOLOGO…

MARI’: PER CARITA’, NUN SIA MAI!!!  CHE QUESTO ME FA’ METTE AR MONDO UN DOMATORE DE PULCI! PER CARITA’!!!  ECCO, E’ PASSATO, E’ FINITO, ODDIODDIO ! BONI, CHE E’ PASSATO TUTTO! FERMI TUTTI, STATE BONI, ECCO!

PINO: SICURA, LE’? LO DICI PE’ FAMME STA BONO, O E’ PASSATO PE’ DAVERO?

MARI’: E’ PASSATO, E’ PASSATO! MAGARI CHIEDI AR COSO, QUI, AR CERUSICO DE CORTE DE PRENDE UN PO’ D’ACQUA DAR POZZO, PE’ PIACERE.

PINO: AAA, SOR CERU… CIOE’, SOR DOTTO’! FATE LA CORTESIA. FORI CE DOVREBBE DA STA ER POZZO. ANDATE A PRENDE UN BICCHIERE D’ACQUA, PE’ PIACERE, GRAZIE! (verso la moglie, mentre il vagabondo esce senza fretta) STA CALMA LE’, VEDRAI CHE ANDRA’ TUTTO BENE.

MARI’: IO STO CALMISSIMA. SEI TE CHE ME PARI AGITATO!

PINO: EH, NU’ LO SO! ME FAI ‘STE SCENE, CHE PRETENDI? CHE STO CONTENTO?

MARI’: VABBE’, VABBE’, MO’ BASTA… ALLORA ME VOI BENE. TE INTERESSA LELLA TUA!

PINO: BHE’, VABBE’, CHE SO ‘STE COSE… CHE VOL DI’? SE SA, UNO C’HA ‘NA MOJE, JE STA PE ARIVA’ ‘N FIJO, E’ NORMALE, CHE…

MARI’: E DILLO…

PINO: DILLO, CHE?

MARI’: E DILLO!

PINO: MA CHE?

MARI’: CHE ME VOI BENE, NO?

PINO: EEEE… CHE, NUN CE LO SAI?

MARI’: LO VOJO SENTI’ DI’ DA TE!  DILLO!

PINO: VABBE’, TE VOJO BENE! BASTA CHE STAI CONTENTA!

MARI’: E QUANTO ME VOI BENE?

PINO: …TANTO…

MARI’: …TANTO, QUANTO?

VAGAB. : (interrompe l’idillio, rientrando all’improvviso, ostentando il palmo della mano aperta) CINQUE!

MARI’: CHE?

PINO: MA DE CHE, AHO?

VAGAB. : CINQUE! ER PASTORE DICE CHE, SI VOLETE L’ACQUA, SO’ CINQUE EURI!

PINO: SAREBBE A DI’?

VAGAB. : SAREBBE A DI’ CHE, SI VOLETE BEVE, JE DOVETE SGANCIA’ CINQUE EURI! QUELLI CHE ‘NA VORTA ERENO DU’ SCUDI, UN DECA, CENTO  PIOTTE, UN DECIMO DE TESTONE… COME LA RIGIRI E’ SEMPRE QUELLA!

MARI’: AH, VABBE’! ‘N ANTRA SPECIALITA’ DELLA CASA! A PINO! E’ MEJO CHE SE N’ ANNAMO, DA ’STO GRAND’HOTEL!

PASTORA: (entra improvvisamente in scena) CHE C’AVETE DA RECLAMA’? NUN VE L’HA CHIESTO NISSUNO DA VENI’ QUI! GIUSTO QUER FARLOCCONE DE MI’ MARITO, CHE SI ERA PE’ ME GIA’ AVEVO CHIAMATO LA QUESTURA!  SI NUN VE STA BENE, ARIA! QUELLA E’ LA PORTA!

MARI’:  E QUALE? QUI E’ TUTTA ‘NA PORTA!

PASTORA: IN CHE SENSO?

MARI’: IN SENSO LATO! CE FUSSE ‘NA PARETE SANA! E’ PIENO DE SPIFFERI CHE PARE ‘N ANFITEATRO DII GRECHI!

PASTORA: DE CHI?

PINO: DII GRECHI, SORA PASTORA! QUELLI CHE FACEVENO TUTTE QUELLE COSTRUZZIONI PIENE DE BUCHI E DE COLONNE!

MARI’: CHE ARMENO QUELLI SE RIPARAVENO CO’ LI TAPPETI…

PASTORA: OOOH! LA SIGNORA E’ ABITUVATA A CAMMINARE SULLA MOSQUETTE! CE SCUSI, SA, MA L’ABBIAMO MANNATA A RIPULIRSI! CHE VOLE, CO’ TUTTI LI SIGNORI COME VOI CHE S’INFERMANO A VILLEGGIARE MECO A NOI!

MARI’: MMMH! PE’ CARITA’, SOAVE LOCANDIERA! CE STA TUTTO IN MAGNIFICENZIA, SE FIGURI! BELLO, BELLO TUTTO! ER LETTO A BALDACCHINO, LA FILODIFFUSIONE, LA VASCA JACUZZI, ANZI!  SI PROPRIAMENTE VOLESSIMO ESAGGERA’, ‘N APPUNTO SE POTREBBE FA’, IN SENSO BONO!

PASTORA: E QUALE, VOSTRA ARTEZZA?

MARI’: ER LAMPADARIO DE BOEMIA!  TROPPO LUSSO PE’ NOI POVERI VIANDANTI! E ‘N ACCIDENTE CHE VE SPACCA! A VOI E A ‘STA CATAPECCHIA, CHE C’AVETE PURE FATTO PAGA’ L’URTIMI CINQUE EURI CHE C’ERENO RIMASTI!

PASTORA: CHE??? QUANTO J’AVETE DATO A MI’ MARITO?  ‘STO CITRULLO! A CALA’ LI PREZZI, PROPRIO SOTTO LE FESTE! MO’ ME SENTE! (mentre esce di scena) LAZZARO! VIE’ ‘M PO’ QUA CHE TI DEVO DA PARLARE!

PINO: ROBBA DA MATTI!  ME SA CHE C’HAI RAGIONE, A LE’! E’ MEJO ‘E SE N’ANNAMO, SEMPRE CHE TE LA SENTI.

VAGAB. : MA DOVE VOLETE ANNA’! NUN C’E’ POSTO DA NESSUNA PARTE! SO’ GIORNI E GIORNI CHE ARIVA GENTE DA OGNI CANTONE!  DICE CHE STA PE’ SUCCEDE QUARCOSA DE GROSSO. DICE CHE DEVE ARIVA’ UN GRANDE OMO, PREANNUNCIATO DA LI PROFETI!

PINO: UN GRANDE OMO?  UN GIGANTE?

VAGAB. : MA NO, NER SENSO DE VALORE!

MARI’: UNO RICCO?  UN BANCHIERE?  UN PETROLIERE?

VAGAB. : NONEEE! DICEEE, UNO CHE CAMBIERA’ ER MONNO, CHE CE LIBBERERA’ DA OGNI MALE, MANNATO DA DIO!

PINO: BERLUSCONI?

VAGAB. : CHI???

MARI’: NO, GNENTE, E’ L’AUTORE DELLA COMMEDIA, CHE DEVE SEMPRE INFILACCE LA BATTUTA DE SATIRA POLITICA! NUN CE FATE CASO! PIUTTOSTO, SIATE PIU’ CHIARO! QUANNO CHE DOVREBBE ARIVA’ ‘STO GRAN PERSONAGGIO?

VAGAB. : EH! A SAPELLO! ANCORA DEVE NASCE! MA NUN DOVREBBE MANCA’ TANTO E PARE CHE DOVRA’ SUCCEDE PROPRIO QUI! DICEEE… A BETLEMME! NASCERA’ A BETLEMME…

MARI’: QUANNO, DE PIU’ PRECISO, NUN SE SA’?

VAGAB. : VE L’HO DETTO! E’ IMMINENTE! SE CONOSCE ER FATTO MA L’ORA E ER GIORNO NUN LO SA NESSUNO. D’ARTRONDE, COME SE DICE, QUANNO CE STANNO DE MEZZO SCRITTURE E PROFEZIE, CE VO’ PAZIENZA… BHE! BONANOTTE, IO ME RIMETTO A DORMI’. SIA CHE RIMANETE O CHE VE N’ ANNATE, FATE  PIANO! (si rituffa nel mucchio di stracci)

PINO: NO, ASPETTATE! SOR MAE’! A SOR MAE’!... GNENTE! E’ PARTITO ER DOTTORE!

MARI’: A PI’! MA L’HAI INTESO CHE HA DETTO?

PINO: EH! L’HO INTESO, SI!

MARI’: E… NUN TE DICE GNENTE?

PINO: DICE “CHE”, SCUSA?

MARI’: MA COME? IO SO’ INCINTA! ER SOGNO CHE C’HO AVUTO QUANNO CHE ANCORA MANCO CE LO SAPEVO E CHE COINCIDE CO’ LA PROFEZIA!  NOI CHE CAPITAMO PE’ DISGRAZIA A BETLEMME, INDOVE GUARDACASO ASPETTENO ‘NA NASCITA PRODIGIOSA… E TU ME DICI  “CHE… SCUSA…?”…

PINO: UH!… VORRESTI DI’ CHE, TU, IO, NOI, ER… ER REGAZZINO… NOI SARESSIMMO… O POTERESSIMO DA ESSERE… MA DAI!

(Dalle quinte fa capolino la pastora la quale, non vista dalla coppia ma in evidenza al pubblico, assiste all’interessante dialogo)

MARI’: A PI’! SVEJETE! ME SA PROPRIO CHE SEMO NOI, LI PRESCELTI! PIU’ CE PENSO E PIU’ ME PARE CHE E’ COSI’!

PINO: MAGARI SO’ COINCIDENZE…

MARI’: QUANNO SO’ TROPPE, DIVENTENO FATTI DE CERTEZZE!

PINO: A MARI’! ME SA CHE C’HAI RAGIONE TE! ER VIAGGIO AVVENTUROSO, ER CASO CHE CE PORTA PROPRIO QUI, LE PREMONIZZIONI, ER TUO STATO DE GRAVIDANZA… OH, MAMMA MIA! QUANNO LO SAPRA’ ZIO BARTOLOMEO!

MARI’: LASCIA PERDE ZIO BARTOLOMEO! A PARTE CHE LA PRIMA A SAPELLO DOVRA’ ESSE MI MADRE! MA TE RENDI CONTO? A NOI! PROPRIO A NOI! CHE NUN C’E’ SUCCESSO MAI GNENTE DE IMPORTANTE!

PINO: IO, ER PADRE DER SARVATORE DER MONNO! NUN CE POSSO CREDE!

MARI’: ME RACCOMANDO! CHE NUN LO DEVE DA SAPE’ NESSUNO! CHE QUI SE PRECIPITA TUTTA LA PALESTINA!

PINO: QUANDO LO SAPRA’ ZIO BARTOLOMEO!

MARI’: ARIDAJE! A FENOMENO! SVEJATE! CHE SE DOVEMO ORGANIZZA’ PE’ ER LIETO EVENTO! CHE QUANDO LO VERA’ A SAPE’ LA PASTORA, EH! ALTRO CHE LI CINQUE EURI CE DOVRA’ RIDA’, SI VOLE CHE J’ARIMANEMO QUI A FA’ ATTRAZIONE!

(La pastora, che aveva seguito il dialogo fra Pino e Marì, si dilegua poi fuori scena).

PINO: ER LIETO EVENTO… LA PASTORA… L’ATTRAZIONE… “ATTRAZIONE”? MA CHE STA’ DI’? MI MOJE, MI FIJO, N’ATTRAZIONE? MAGARI PE LI TURISTI? NO NO NO NO NO! NUN ME PIACE, CHE POI ARIVENO QUELLI DE LI SETTIMANALI E E’ FENITA LA PRIVACI!

MARI’: TESO’! ESSI PRATICO E FIDETE DE LELLA TUA! SEMPLICEMENTE, VISTA LA PRECARIA SITUAZIONE IN CUI SE TROVAMO, BHE’! CERCAMO DA APPROFITTANNE PE’STA’ UN PO’ MEJO… PE’ TUTTI E TRE! IN QUEL SENSO, DICO!

PINO: AAAAAH! IN QUEL SENSO, DICI, CERTAMENTE! HO CAPITO, HO CAPITO, MAAA… IN CHE SENSO?

MARI’: LASCIA PERDE, PI’! PIUTTOSTO, ATTREZZAMOSE PE’ LA NOTTE, CHE E’ MEJO! PASSAME ‘NA COPERTA, CHE QUI FA UN FREDDO!

PINO: COME NO, TESO’, ASPETTA CHE TIRO FORA ‘NA BELLA COPERTA CALDA CALDA!

MARI’: VOJO PROPRIO VEDE’ LA FACCIA DE QUELLA LADRONA DELLA PASTORA, QUANNO LI MEJO ARBERGHI DE BETLEMME FARANNO A GARA PE’ OSPITACCE! E LI SORDI CHE DOVRANNO CACCIA’ LI ROTOCARCHI, PE’ AVE’ LE IMMAGGINI DER LIBBERATORE NOSTRO, IN ESCLUSIVA!

PINO: SI, AMO’, SARA’ PROPRIO COME DICI TE! CHIUDEMO BOTTEGA E SE STABBILIMO NER QUARTIERE RESIDENZIALE DE GERUSALEMME! E SE FAMO PURE LA VILLA SUR GIORDANO! CHE ME VOJO IMPARA’ A PATTINA’ SULL’ACQUA, COME FANNO LI SIGNORI!

MARI’: PATTINA’, INDOVE?

PINO: SULL’ACQUA! COME FANNO LI RICCHI, ATTACCATI CO’ ‘NA FUNE A QUELLE BARCHE CHE VANNO DE CORSA!

MARI’: AAH! LI SCI, MICA LI PATTINI! SE CHIAMA SCI ACQUATICO, TONTOLONE! LO VEDI CHE VOR DI’ TENESSE INFORMATI SU LE RIVISTE DE COSTUME?

PINO: MA SI! PATTINI, SCI… COME TE PARE, LE’! BASTA CHE FINISCE ‘STA MISERIA! CHE UNO PASSA ‘NA VITA A FATICA’ E POI SE RITROVA ‘NA PENSIONE DA FAME, AMMESSO CHE NUN MORI PRIMA E DEVE PURE DA RINGRAZIA’!

MARI’: EEH! PERCHE’ DICHENO CHE LA VITA S’E’ ALLUNGATA…

PINO: SE SARA’ PURE ALLUNGATA MA MICA UGUALE PE’ TUTTI! A NOIARTRI CE SE SO’ ALLUNGATE LE TRIBBOLAZIONI, MENTRE A LOR SIGNORI ER CUSCINO SOTTO A LI PIEDI NUN JE CALA MAI!

MARI’: DAJE PI’, CHE MO’ ER CUSCINO SE LO FAREMO PURE NOI!

(Pino e Marì finiscono per coricarsi nelle coperte… Qualche istante dopo entra la pastora, seguita dal marito e quattro persone ben vestite, dall’aria snob).

PASTORA: PREGO, PREGO, ECCELLENZE! PER DI QUA, ECCO! QUESTA E’ LA CAPANNA DER LIETO EVENTO!

GEROL.: OOOH! FINALMENTE, ECCOCI AVVIVATI EEE… DOV’E’, DOV’E’ IL NOSTVO FENOMENO, EH? DOV’E’, DOV’E’?

GAJARDA: VAGAZZI CHE MEVAVIGLIA! E’ DI UN KITCH MOSTVUOSO!

ERNEST.: CAVA SOVELLA MIA, SARA’ KITCH COME DICI TU… SICUVAMENTE E’ MOSTVUOSO… (rivolta alla pastora) SCUSI, BUONA DONNA, HO IL CELLULAVE SCAVICO E AVEI UVGENZA DI CHIAMAVE A MAMMA’.  NON C’E’ UN APPAVECCHIO TELEFONICO…?

BRIGIDA: UFF, SOVELLA! FIGUVIAMOCI SE IN QUESTA STAMBEVGA ABBIANO UN TELEFONO! CVEDETE DI STAVE AL VOYAL DI POVTOFINO? GIA’ E’ UN MIVACOLO CHE NON SI SVENGA PEV IL CATTIVO ODOVE! ANZI, PVOPVIAMENTE, CONSIDEVANDO DOVE CI HA CONDOTTI LA PASTOVA, LA DEFINIVEI VOLGAVE PUZZA!

PINO: DAJE! LA CLIENTELA AUMENTA! DE NUMMERO E DE QUALITA’!

MARI’: ALTRO CHE CLIENTELA! QUARCHEDUNO HA MAGNATO ER TRONCO E GIA’ S’E’ SPARSA LA VOCE INDOVE AVVERRA’ LO STORICO EVENTO! MA MANNAGGIA!...

PINO: TESO’, NUN T’ARABBIA’, MO’ CE PENSO IO! (apostrofando la coppia di pastori) AAA, BONNI E CLAIDE! CE SPIEGATE GENTILMENTE  ‘ST’ INTRUSIONE?  MO’ QUESTI CHI SO’?

PASTORE: SSSSH! OOOH! NUN VE FATE SENTI’, CHE QUESTI SO’ SIGNORI VERI! NUN CE FATE FA ‘STA FIGURA!

PINO: AAAH! DOVEMO PURE ‘STA ATTENTA A NUN FAVVE FA’ BRUTTE FIGURE, DAVANTI A LI SIGNORI VEERI!

PASTORE: E CERTO! MICA SO’ MISERABBILI COME VOIARTRI! QUESTI C’HANNO TITOLI, TERE E TUTT’ ER RESTO! COME SE DICE… C’HANNO ER BLASONE!

PINO: PURE SI C’HANNO ER BASTONE A ME NUN ME NE FREGA GNENTE! L’AMMUCCHIO A TUTT’E QUATTRO!

PASTORE: MA QUALE BASTONE! BLASONE! BLA-SO-NE! SAREBBE A DI’ CHE SO’ DE NOBBILE DINASTIA! PE’ CAPISSE, C’HANNO LA GRANA DE RIPORTO! INDI PER CUI, REGOLATEVE!

PINO: UUH! HAI INTESO, LE’? SI DOBBIAMO DA REGOLARE! (rivolgendosi ai quattro snob)  E CHI SARESTIVO, DI GRAZIA, VOIARTRI CHE SIETE ARIVATI NELLA SUITE REALE OCCUPATA DA ME E LA MIA SIGNORA?

GEROL.: BUON VILLICO, SONO IL PVINCIPE GEVOLAMO TINELLO-CASTVAZZI!... MIA MOGLIE, LA PVINCIPESSA GAJAVDA E LE SUE SOVELLE, NONCHE’ MIE COGNATE, LE MAVCHESINE EVNESTINA E BVIGIDA CICOVIA-BASTONE!

PINO: ME COJONI!

GAJARDA: CHE CAVINO! E’ DI UN TVUCIDO BESTIALE!

MARI’: AAAA, SORA PRINCIPESSA SUR PISELLO! “TRUCIDA E BESTIALE” CE SARETE VOI E TUTTO ER CONDOMINIO VOSTRO! MA, DICO, CE FATE O CE SIETE?

GAJARDA: E GUAVDATE LA CONSOVTE, COME FA PENDANT COL VILLICO!

MARI’: MA P’ ANDA’ ‘N DOVE? A PINO, MA LA SENTI QUESTA? DICE CHE SE NE STAMO P’ANNA’ E TU NUN JE DICI GNENTE?

PINO: JE DICO JE DICO!... A SOR PRI’, LE PRESENTAZIONI L’AVEMIO FATTE, LA FESTA E’ FINITA E MO’ GENTIRMENTE VE NE DOVETE D’ ANNA’ PERCHE’ IO E LA MIA SIGNORA CI VOLESSIMO DA CORICARE!

PASTORA: E NO, BELLI! QUESTA NUN E’ MICA L’OPERA PIA! V’OSPITAMO, E VABBE’, VOLETE L’ACQUA, E VABBE’, MAGARI POI V’ARIMEDIO PURE QUARCOSA DA METTE SOTTO LI DENTI, MA CE DOVETE FA’ RIENTRA’ IN QUARCHE MANIERA!  ‘STI SIGNORI, QUI, PA-GHE-NO!

PINO: MA “PAGHENO”, PE’ FA’ CHE?

GEROL.: SU, SU, CAVO, NON FAVE COSI’! D’ALTVA PAVTE, NON SI ADDICE AL PVESCELTO.

PINO: AR PRESCELTO?

MARI’: AAAA, HO CAPITO, VA’! QUESTI SANNO TUTTO E SO’ VENUTI APPOSTA PE’ VEDE’ ER LIBBERATORE IN ANTEPRIMA!

PINO: E CHI JE L’HA DETTO?

MARI’: INDOVINA UN PO’!

PASTORA: ‘NZOMMA! QUI CE POTETE STA’! ALTROVE NON TROVERESTE DE MEJO E VE POSSO PURE DA’ UNA MANO IO, CHE N’HO FATTI NASCE A CARETTATE!

PINO: CHE FATE LA LEVATRICE?

MARI’: SEEE, DE VITELLI!

PASTORA: MA QUALI VITELLI!... PECORE!

MARI’: ALLORA STAMO A POSTO!  MA INDOVE SEMO CAPITATI! ’NA COPPIA DE USURAI, UN BARBONE LAUREATO CO’ LE PULCI, ER MARCHESE DER GRILLO CO’ MOJE E COGNATE!

GEROL.: PVINCIPE, PVEGO. IL TITOLO HA LA SUA IMPOVTANZA, HA LA SUA IMPOVTANZA!

MARI’: SI, PRINCIPE, PRINCIPE!  E BARONE E MONSIGNORE! FATE COME FOSTE A CASA VOSTRA, IO SO’ STANCA E CO’ LICENZA M’ARITIRO! CHE FAI, PI’? NUN VIENI?

PINO: SI. SI, MO’ ARIVO!… SIGNORI CARI, NUN E’ PE’ CATTIVERIA, MA VE RENDETE CONTO DELLA SITUAZIONE, SIATE GIUSTI!

GAJARDA: OH! SE E PEV NOI, NON CI FATE CASO, CI ADATTEVEMO! SIAMO DEMOCVATICI, SIAMO!

ERNEST.: (rivolta a Pino) DITE, BUON UOMO, NON AVVESTE PEV CASO UN CELLULAVE? SAPETE, SE A QUEST’OVA NON TELEFONO A MAMMA’, POI CHI LA SENTE?

PINO: MA VEDI D’ANNA’…

ERNEST.: E CHE E’, MICA HO PVETESO LA LUNA… CHE MANIEVE!  ANCHE UN SEMPLICE “NO” SAVEBBE STATO SUFFICIENTE!

BRIGIDA: D’ALTVONDE  E’ PEV VASSICUVAVE LA NOSTVA GENITVICE! CHE POI S’INNEVVOSISCE, CI VIDUCE L’APPANNAGGIO E CI TOCCA ANDAVE A CVEDITO!

PASTORA: ER… QUI, PURTROPPO NUN SE PO’ FA’ CREDITO. LORO ECCELLENZE CAPIRANNO… PE’ ‘NA QUESTIONE… FISCALE…

PASTORE: GIA’! POI CHI LO SENTE ER COMMERCIALISTA? CE TOCCA FATTURA’ TUTTOOO!

GEROL.: MA COME? QUI DA VOI NON SI USA LA CONTABILITA’ CVEATIVA?

PASTORA: LA CHE?

GAJARDA: QUELLA STUPENDA LEGGE CHE VEGOLA I BILANCI DELLE SOCIETA’ E SNELLISCE L’INUTILE BUVOCVAZIA!

PASTORE: UH! MOJE MIA, FOSSE QUELLA NORMATIVA DE CUI DICEVANO TANTO BENE LI MERCANTI DE QUELLA CAROVANA CHE PASSO’ ER MESE SCORSO?

PASTORA: QUELLI CH’ ERENO TUTTI CONTENTI CHE NUN PAGAVENO PIU’ LE TASSE?

PASTORE: BRAVA! PROPRIO QUELLI!

PASTORA: MAGARI AVECCELA PURE NOIARTRI! EEEH, QUI INVECE, ECCELLENZE CARE, SE STROZZA LA LIBBERA IMPRENDITORIA!

PASTORE: POI SE LAMENTANO CHE CE STA LA DISOCCUPAZZIONE!

PASTORA: E CERTO! NUN TE POI PERMETTE DE ASSUME LI BRACCIANTI, CHE QUELLI PRETENDONO, PRETENDONO… CE N’AVEVAMO UNO, SIA BENEDETTO, CHE QUELLO SI CHE C’AVEVA VOJA DE LAVORA’! CE COSTAVA TRECENTO EURI, PERO’ LI VALEVA TUTTI!

GEROL.: CASPITA! TVECENTO EUVO AL GIOVNO, MI PAVE UN’ENOVMITA’!

PASTORE: SEE, AR GIORNO… OGNI DU’ MESI! E LI CONTRIBBUTI SE LI PAGAVA DA SOLO, COME LIBBERO PROFESSIONISTA!

GAJARDA: MA CHE BVAVO E ONESTO LAVOVATOVE! DOVE’E’, CHE VOVVEI COMPLIMENTAVMI CON LUI?

PASTORA: BEH, A DI’ LA VERITA’… NON E’ PIU’ CON NOI, PURTROPPO.

GEROL.: POFFAVBACCO! SI E’ LICENZIATO? HA TVOVATO UN’ALTVO POSTO?

PASTORA: ‘NA MONOCAMMERA, AR CIMITERO.

PASTORE: EH SI! PE’ ‘NA SORTE DISGRAZZIATA! E’ MORTO, QUER GRAN LAVORATORE! PROPRIO QUANDO S’ERA ABBITUATO A CAMPA’, SENZA MAGNA’…

GEROL.: PAZIENZA, BUON VILLICO, PAZIENZA! IN FONDO, MOVTO UN BVACCIANTE, SE NE TVOVA SUBITO UN ALTVO, SE NE TVOVA! C’E’ LA FILA, C’E’. ALMENO, FINCHE’ CI SAVA’ LA CVISI, C’E’ SPEVANZA!

GAJARDA: UMPH! BANDO AI DISCOVSI IMPEGNATI! SE NON EVVO, SIAMO QUI PEV QUESTIONI PIU’ SEVIE!

ERNEST.: A PAVTE IL CELLULAVE SCAVICO!

BRIGIDA: NON SI POTVEBBE VEPEVIVE UN DIVANO, UNA POLTVONA, CHE SO… ANCHE UNA SEDIA, PUVCHE’ POSSA VIPOSAVE LE MIE STANCHE MEMBVA. MA FUOVI DI QUI, CHE MI SENTO MANCAVE PEV IL FETOVE DI SELVATICO!

GEROL.: GIUSTO! SENTITE CHE FACCIAMO, SENTITE: NOI CE NE USCIAMO DI FUOVI, TANTO LA SEVATA E’ BELLA, E’ BELLA LA SEVATA E ASPETTIAMO AL CHIAVO DI LUNA, SULLE PANCHINE… POI, QUANDO ACCADVA’, AL MOMENTO GIUSTO VIENTVIAMO AD ASSITEVE AL LIETO EVENTO. CHE NE DITE?

GAJARDA: SI, SI, SI, SI! IDEA GVANDIOSA! GEVOLAMO, SEI SEMPVE OPPOVTUNO!

ERNEST.: SONO D’ACCOVDO! E MAGAVI VIUSCIAMO A TVOVAVE UNA CABINA TELEFONICA!

BRIGIDA: APPVOVO, APPVOVO! QUI DENTVO, NON SI VESPIVA!  SEMBVA DI ESSEVE… DI ESSEVE… IN UNA… IN UNA STALLA, ECCO!

(Entrano in scena tre angioletti che a passi leggeri si avviano a proscenio)

ANGELO1: NON TEMETE! ECCO, VI ANNUNZIO UNA GRANDE GIOIA CHE SARA’ DI TUTTO IL POPOLO!

ANGELO2: ALLELUIA, ALLELUIA.! GIOITE, O GENTE, PERCHE’ E’ NATO, E’ NATO IL SALVATORE!

ANGELO3: TROVERETE UN BAMBINO AVVOLTO IN FASCE, CHE GIACE IN UNA MANGIATOIA!

(Pino guarda dentro la scatola piena di paglia che funge da mangiatoia, non trovando ovviamente nulla.  Gli altri si guardano sconcertati).

PINO: A MARI’! MA QUI NUN C’E’ NESSUNO!

MARI’: EH? NESSUNO? CHI CE DOVREBBE STA’?

PINO: MA INDOVE L’HAI MESSO?

MARI’: MESSO, CHI?

PINO: EEE… ER REGAZZINO! NUN L’HAI SENTITI L’ANGELI? DICHENO CHE E’ NATO, AVVOLTO IN FASCE, NELLA MANGIATOIA!

MARI’: MA CHE SEI TUTTO SCEMO? TE PARE CHE METTO AR MONNO UN REGAZZINO E NUN ME NE SO’ ACCORTA?

PINO: BHOOO! SE SARANNO SBAJATI! EPPURE ME PARENO COSI’ AMMODO…

ANGELO1: (ripete l’annuncio) ALLELUIA, ALLELUIA! E’ NATO IL SALVATORE!

ANGELO2: QUI NELLA TERRA DI DAVIDE, ORA!

ANGELO3: E LO TROVERETE AVVOLTO IN FASCE, CHE GIACE IN UNA MANGIATOIA!

PASTORE: QUESTA NUN L’HO CAPITA MANCO IO… MA CHE STANNO A DI’?

PASTORA: BOH! SARA’ ‘NA TROVATA PUBBLICITARIA DE LA PRO LOCO…

ANGELO1-ANGELO2-ANGELO3: (in coro) ALLELUIA, ALLELUIA, E TRE! ULTIMO AVVISO… GIOITE, GENTE, PERCHE’ E’ NATO IL SALVATORE, CHE TROVERETE AVVOLTO IN FASCE IN UN’UMILE MANGIATOIA!

PINO: (si alza, dirigendosi con la scatola verso gli angeli, che se ne stanno immobili, sereni con le braccia incrociate) ER… ECCELLENZE, SCUSINO SE MI PERMETTO, FORSE NUN HO CAPITO BENE, MA… DICONO CHE E’ NATO! MA, NATO CHI? QUANNO? INDOVE?

ANGELO1: BUON UOMO, L’ABBIAMO APPENA ALLELUIATO! PER TRE VOLTE! NON AVETE INTESO?

ANGELO2: E’ NATO IL SALVATORE! QUI NELLA TERRA DI DAVIDE, ORA!

ANGELO3: E LO TROVERETE AVVOLTO IN FASCE, CHE GIACE IN UNA MANGIATOIA!

GEROL.: E’ VEVO! ABBIAMO UDITO TUTTI!

GAJARDA: OH! MA ALLOVA, DOV’E’ L’ELETTO?

ERNEST.: GIA’! DOVE L’HANNO NASCOSTO?

BRIGIDA: FOVSE VOVVANNO UN SOVAPVEZZO…

PINO: (agita la scatola) MA QUI DENTRO NUN C’E’ NISUNO! IO SAREI ER PADRE E QUELLA SAREBBE LA MADRE! VE PARE CHE SI FOSSE SUCCESSO, NUN LO SAPERESSIMO? CE DEV’ESSE ‘NO SBAIJO!

ANGELO1: (beatamente si volge a guardare Pino, lo squadra da capo a piedi e, all’improvviso, cambia radicalmente atteggiamento, apostrofando l’incauto) E SI! LO SBAIJO L’AVEMIO FATTO NOIALTRI A VENI’ DENTRO A ‘STO MANICOMIO! MA CHE VE SIETE MESSI IN TESTA?

ANGELO2: E’ QUELLO CHE DICO PURE IO! CHE MANCANZA DE RISPETTO SAREBBE, CHE VE SENTITE COSI’ AR DI SOPRA DA DA’ LI NATALI A NOSTRO SIGNORE?

ANGELO3:  SVEJA, FENOMENI! E’ NATOO! CINQUE MINUTI FA! NELLA CAPANNA DIRIMPETTO! E SI VE SBRIGATE RIUSCITE PURE A VEDELLO!

PINO: EH?... CINQUE MINUTI FA? NELLA CAPANNA DERIMPETTO?

PASTORA: MA GUARDA TU ‘STI DU’ IMBROJONI, TRUFFATORI! ME LO SENTIVO!

PASTORE: GENTAJA, ATTACCATA A LI SORDI! MO’ COME SE METTEMO CO’ LI NOBBILI?

ANGELO1-ANGELO2-ANGELO3: (in coro, mentre escono di scena, visibilmente alterati)  MA ANVEDI QUESTI! E’ ROBBA DA MATTI!  ROBBA DA MATTIIII!!! POI DICE CHE UNO SE METTE IN MALATTIA!

GEROL.: UH… BHE! SE FATTO TAVDI! AHEM! CHE NE DITE DI ANDAVE? COSI’ FOVSE VIUSCIAMO A VEDEVE QUALCOSA ANCHE NOI…

GAJARDA: GVANDIOSO! SI, SI, ANDIAMO, NON POSSIAMO PEVDEVCELO!

ERNEST.: CHE SITUAZIONE IMBAVAZZANTE, E’ SECCANTE! MI VACCOMANDO CHE MAMMA’ NON LO SAPPIA, SAI CHE FIGUVA! NON POTVO’ PIU’ PVESENTAVMI AL CIVCOLO DEL BVIDGE!  E’ SECCANTE… SECCANTE!

BRIGIDA: E IO, ALLOVA? CHISSA’ A QUANTI BAGNI IN ACQUE ODOVOSE MI DOVVO’ SOTTOPOVVE, PEV TOGLIEVMI DI DOSSO QUESTO PUZZO! IL VISCONTINO FEDEVICO SI VIFIUTEVA’ PEVSINO DI ACCOSTAVSI A ME!

GEROL.: ALLOVA E’ DECISO, SI VA! …E’ STATO UN PIACEVE, VEVAMENTE!  CI VEDIAMO, CAVI, CI VEDIAMO!

PASTORA: MA NO! SIGNORI NOBBILI, ASPETTATE! POTEMO ANCORA RIMEDIA’! VE FAMO ‘NO SCONTICINO, GIUSTO PE’ L’USO DE QUATTRO SEDIE…

PASTORE: ECCO! LI RISURTATI PE’ ESSE TROPPO BONI!

(I quattro nobili escono di scena.  I due pastori lanciano l’ennesima occhiataccia ai malcapitati Pino e Marì)

PASTORA: OOOH! ALLE PRIME LUCI DELL’ALBA, VE N’ ANNATE! INTENDO? (esce di scena)

PASTORE: TSE’! COPPIA DE PURCIARI! (segue la moglie fuori scena)

PINO: MAMMA MIA CHE GREZZA! ME CE MANCAVA PURE ‘STA FIGURA DE’ MERDA!

MARI’: BEH? CHE SO’ ‘STE PAROLE? E POI, IN FONNO,  E’ IN CARATTERE CO’ L’AMBIENTE!

PINO: A MARI’. PURE TE! CHE ME C’AVEVI FATTO CREDE!

MARI’: IO! E MO’ E’ COLPA MIA! TE PARE?

PINO: E CERTO, DICI… “L’HAI SENTITO ER BARBONE, COSI’ E COSA’! LA PROFEZIA, ER VIAGGIO AVVENTUROSO, ER REGAZZINO…” ME C’HAI FATTO PENSA’ TE!

MARI’: MA E’ NATURALE! ALLA FINE E’ SEMPRE COLPA MIA! PRIMA ME PORTA ALL’AVVENTURA, N’ANTRO PO’ C’ARESTANO, ME FA SOFFRI’ ER FREDDO, LA FAME E LA SETE,  ME FA LITIGA’ CO’ PRINCIPI  E  BARBONI E POI… E’ COLPA MIA!

VAGAB.: (rispunta dal mucchio di stracci) AHO! ANCORA C’AVETE VOJA DA DISCUTE?  E BASTA!

PINO: ARIECCO ER PRIMARIO DELLA CASA DE CURA!

VAGAB.: ECCO! A VOIARTRI CE VOREBBE PROPRIO DA FAVVE INTERNA’ DENTRO A ‘NA CASA DE CURA! FATELA CHIUSA, CHE VOJO DORMI!

MARI’: SI, SI, VABBE’! AVEMO CAPITO! BONANOTTE!

PINO: BONANOTTE, CERTO!

(avanza a proscenio, seguito via via da tutti gli interpreti) BUONANOTTE AL PUBBLICO PAZIENTE CHE RINGRAZIAMO PER AVERCI SEGUITO IN QUESTA FARSA, CHE SPERIAMO SIA STATA GRADITA E PER LA QUALE VOGLIATENE BENE A CHI L’HA SCRITTA, DIRETTA E INTERPRETATA. SE PERO’ FOSSIMO RIUSCITI AD ANNOIARVI, BEH, PERDONATE E CONSOLATEVI, CHE LA NOSTRA PROSSIMA, AMMESSO CE LA FARANNO RECITARE… SARA’ PEGGIO!

GRAZIE! E A TUTTI BUONANOTTE!

Fine.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 19 volte nell' arco di un'anno