Tartufo ‘o ‘mbruglione

Stampa questo copione

LOGO COMPAGNIA

Versione napoletana della commedia in due atti:

“TARTUFO L’IMPOSTORE”

di

PASQUALE CALVINO (2016)

Libero adattamento e traduzione in italiano da

“TARTUFFE ou l’imposteur”

di MOLIÈRE

(1664)

Versione in dialetto napoletano di

PAOLO DI PERNA

(2016)


PERSONAGGI E INTERPRETI

(In ordine di entrata)

LA SIGNORA PERNELLA, madre di Arturo                   _____________________

FILIPPA, serva della signora Pernella (*)                        _____________________

ELVIRA, seconda moglie di Arturo                                 _____________________

DORINA, cameriera di Marianna                                   _____________________

DAVIDE, figlio di Arturo,                                              _____________________

MARIANNA, figlia di Arturo                                        _____________________

COSTANZO, cognato di Arturo                                               _____________________

ARTURO, marito di Elvira                                              _____________________

MARIA, figlia di Dorina (8-12 anni) (**)                         _____________________

VALERIO, fidanzato di Marianna e amico di Davide         _____________________

TARTUFO (Orante), impostore, ipocrita, falso devoto    _____________________

LORENZO, amico di Tartufo (*)                                     _____________________

IL SIGNOR LEALE, messo giudiziario (*)                      _____________________

UN UFFICIALE (*)                                                       _____________________

(*)   I ruoli del signor Leale e dell’ufficiale hanno poche battute, si può utilizzare qual-che attore/attrice in doppia parte. I ruoli di Filippa e Lorenzo possono essere eliminati o utilizzati da attori/attrici in doppia parte.

(**)  Il ruolo di Maria può essere eliminato.


ATTO PRIMO

La scena è ambientata in casa di Arturo.

Mobilio secondo il gusto del regista; è necessario comunque avere delle sedie, un tavolo ed una credenza o un divano… mobili per potersi nascondere.

SCENA PRIMA

(LA SIGNORA PERNELLA, FILIPPA, ELVIRA, DORINA, DAVIDE, MARIANNA e COSTANZO)

Pernella       (Nervosa, aggressiva) Che brutta cosa quanno nun se stanno a sentì ‘e cunziglie ‘e chi tene cchiù esperienza, cchiù saggezza… Quanto so brutte chelli pperzone ca se credene ‘e sapè tutte cose… ‘e saputielle ca se credene ca nun se sbagliano maje e ca tenene sempe raggione! Songhe ‘overamente poche chelli pperzone ca parlano cu’ calma, ca cunziderano ‘e buone cunziglie… ‘A calma e ‘a mudestia songhe ‘e vvirtù dei grandi! (Alza la voce in modo astioso, aggressivo, nevrotico…) E ghiamme, Filippa, jammuncenne ‘a ccà, libberammece ‘a ‘sta gente ca nun me merita! Ca nun vò capì quant’è immensa l’intelligenza mia e quant’è gruosso ‘o senso democratico ca tengo!

Filippa            Comme cumannate vuje, patrò… sò pronta! Prontissima!

Elvira            (Con calma) Ma pecché tutta ‘sta pressa, mammà cara?

Pernella       Io vaco ‘e pressa? Calma, nora mia, lassa perdere… Non ce sta bisogno ‘e tutto st’in-teressamento…

Elvira            Cara ‘gnora, chiste songhe ‘e dovere ‘e ‘na bona nora. Ma pecché tutta ‘sta pressa? Me pare senza ‘nu mutivo, senza senso!

Pernella       (Gridando) Stongo calma… arraggiono… nun vaco ‘e pressa, ma mannaggia ‘a marina, ‘sta casa nun ‘a pozzo cchiù vvedè, pecché nun ce sta cchiù nisciunu riguardo pe’ mme. Sissignore, me ne vaco, e nun songhe propeta contenta… Me se contraddice a ogne parola ca dico… Nun ce sta rispetto pe’ mme, tutte quante aizano ‘a voce. Nisciuno me sta a ssentere… Pare ca tutte quante dicene ‘e ccose juste e ca je dico sulo strun… fesserie… Je, propr’je ca primma ‘e arapì ‘sta bocca ce penzo assaje e conto fino a ciento… Je, propr’je ca… ma chesta è ‘n’indecenza… se fa tutto ‘o ccuntrario ‘e chello ca cunzigliene l’esperienza maia, ‘a saggezza mia… ‘E cunziglie mieje nun se nun venene propeto pigliate ‘nconziderazione!

Dorina           Però…

Pernella       Nisciuno però! Tu, cara Dorina, sì sulamente ‘na serva e pure sei troppo ‘mpechera, e troppo’ntrechessa… pure tu aggressiva, saputella… E te ‘mpicce sempe ‘e cose ca nun t’arriguardene… e vuò sempe dicere ‘a parulella toja pure ‘ncoppa a ccose troppo grosse pe’ tte…

Davide           Ma…

Pernella       E tu, Davide, caro nipote, sì ‘nu ciuccio presuntuoso… e anzi, addimanno perduono all’asine ca tenene tutta ‘a stima mia… Fatt’‘o ddicere ‘a me ca te songhe nonna. A figliemo, a patete, ‘nce ll’avarraggio ditto ‘nu milione ‘e vote ca tu stive criscenne cu’ tutta l’aria ‘e ‘nu cattivo suggetto e ca ‘nce avarrisse dato sulamente dispiacere.

Marianna      Secondo me…

Pernella       ‘Ailloca Marianna, ‘a sorellina ‘e Davide, sempe accussì discreta, ca nun se mette maje ‘mmiezo, me pare ‘na santarellina. Dice bbuono ‘o pruverbio: “Acqua cheta fa pantano e fete!”. Pure ‘e mode tuoje, nipotina mia, zitta zitta, quatta quatta, nun me piacene manco ‘nu poco…

Elvira            Però, cara ‘gnora… cara mammà…

Pernella       In quanto a te, cara Elvira, cara nora, nun t’adombrà si te dico ca tiene ‘na cundotta ca nunn’è pe’ niente chella justa. Eppure avisse ‘a dà ‘o buon esempio. ‘A mamma lloro, chella ‘overa… chella sì ca era ‘na bona mamma… Ma tu sì ‘a matrigna e sì ‘na scialacquona… jette ‘e denare comme si fossero munnezza… E ‘stu tenore ‘e vita a me m’offende. Chi vò cumpiacè sulamente a ‘o sposo sujo nun se veste comme a ‘na princepessa, cara mia, nun tene bisogno ‘e tanto lusso… ‘nu poco ‘e buon senso… ‘nu poco d’economia… E che cac… E che diavolo!

Costanzo       Signora Pernella, ma infondo in fondo…

Pernella       (Rivolta ad Elvira) Pe’ quanto riguarda ‘o signor Costanzo, tuo caro fratello, qui presente, tengo tanta stima, ‘o voglio bene assaje. Però si je stesse dint’‘e panni ‘e figliemo, ‘o prijasse assaje ‘e nun ce metterecchiù ‘o pede ccà dinto. (Rivolta a Costanzo) Vuje state sempe a predicà cierti princìpi ca ‘a gente per bene avesse ‘a evità. Scusateme si parlo ‘nfaccia, ma chiso è ‘o carattere mio, e chello ca temgo ‘ncoppa ‘o stommaco nun ‘o pozzo alliggerì… e me saglie ‘mmocca… ‘o pparlà chiaro è fatto pe’ ll’a-mice… nun saccio fingere… songo trasparente… chello ca tengo dint’‘o core ‘o tengo ‘mmocca… tengo stima sulamente ‘e Tartufo, ‘na grande stima! Grande ammirazione, venerazione… è l’unico ommo saggio!

Davide           Fortunato, nonna, fortunatissimo quel vostro signor Tartufo che, come dite, veramente stimate e ammirate moltissimo!

Pernella       ‘Nu sant’ommo, ‘n’ommo saggio… ‘nu filosofo ca va ascoltato. E nun è possibile e me fa ‘n’arraggia dint’‘o core quanno ‘o critica ‘nu pazzo comme a tte!

Davide           Nonna, allora io dovrei tollerare che questo censore bacchettone si prenda il diritto di fare il padrone qua dentro impedendoci… vietandoci di prenderci il minimo divertimento, nel caso che questo bel tomo di un Tartufo, ipocrita e impostore, dovesse rifiutare il suo consenso! Cosa che puntualmente sempre avviene!

Dorina           Pe’ chello ca dice isso, pe’ Tartufo, tutto chello ca faje è ‘nu delitto. Nun ce sfugge niente ‘a censura ‘e chistu critico accussì preciso… tutto chello ca facimmo è sbagliato… e po’ isso nun sta dint’‘a casa soje e nun se po’ permettere ‘e censurà a nisciuno,

Pernella       Tutto chello ca isso censura è ben censurato. L’ambizione soja è chella ‘e ve purtà ‘ncoppa ‘a strata d’‘a saggezza e quindi ‘ncoppa a chella d’‘o Paraviso. E figliemo v’ avesse ‘a obbligà a tutte quante a ‘nce vulè assaje bene a Tartufo.

Davide           No, cara nonna, scusate, ma qua non c’è padre che possa obbligarmi a volergli bene. Vi direi una bugia, se parlassi diversamente. Quei suoi modi di fare, di parlare… non c’è volta che non mi facciano innervosire. E non finirà qui… Io prevedo che con questo signore… signore per modo di dire… con questo elemento di strana umanità… un bel giorno si creeranno gravi problemi… un grande scandalo.

Dorina           Bravo. Già è ‘nu scandalo a vvedè ca ‘n’estraneo è addeventato ‘o patrone ‘e casa… ‘nu straccione ca quanno venette teneva ‘e scarpe rotte e ‘nu vestitiello ca faceva pena sulo a llo guardà e ca mò s’ha scurdato chi era e mette diviete a tutte cose e cumanna…

Pernella       Magari! Pecché accussì ‘e ccose jessere bbone, si se rispettasse chello ca dice chillu sant’ommo.

Dorina           All’uocchie vuoste, passa pe’ ‘nu santo. Ma crediteme: è ‘n’ipocrita ‘mbruglione… è tutta ipocrisia… recita… è favezo… favezissimo… ‘n’attore velenoso…

Pernella       Ma tiene mente che lengua saccente ca tene chesta! Ma chi sì, ‘nu filosofo? Socrate? Platone? Aristotele?

Dorina           Io pe’ mme, senza ‘na bbona garanzia, nun me fidasse né ‘e isso,  e nemmanco ‘e chillu Lorenzo… servo e cumpare…

Pernella       Nunn’‘o ssaccio chi è ‘o servo e chi ‘o padrone, songhe duje amice, v’‘o mmetto pe’ iscritto: Lorenzo è ‘nu galantommo, comme ‘o signor Tartufo… Vuje altre ìnce vulite male e nun ne vulite sapè ‘e isso, pecché ve dice a ognuno ‘e vuje ‘o fatto vuosto… dice ‘a sacrosanta verità… Tartufo tene in odio ‘o peccato e pecchesto s’indigna pe’ comme ve cumpurtate… ma ‘o ffà p’‘o bbene vuosto…

Dorina           Già, scusate si me metto m’mmiezo… ma allora pecché ‘a ‘nu poco ‘e tiempo nun vò cchiù ca nisciuno vene dint’a ‘sta casa? Che male che sta dint’a ‘na visita ‘nnucente, pecché ce cuntrasta sempe e sta sempe a ce rompere ‘e scatole? Vulite sapè ‘a verità? (Accennando a Elvira) Je penzo ca è p’‘a signora Elvira… so ssicura ca Tartufo è interessato a essa ed è pure geluso si parla cu’ ati uommene…

Pernella       Ma nun dicere fesserie! Statte zitta e statte accorta a chello ca dice… arricuordate ca sì sulamente ‘na cammarera, ‘a cammarera ‘e nepotema Marianna, figlia d’‘a primma mugliera ‘e figliemo Arturo, ‘na santa femmena… Avesse pututo pure evità figliemo ‘e se ‘nzurà ‘n’ata vota! ‘Ncoppa a ‘sti vvisite nun è sulamente isso ca tene che ddicere. ‘Stu traffico, ‘stu jì annanze e addereto, ‘sti ccarrozze sempe abbascio ìo purtone, ‘sta Babbele ‘e lacchè danno nell’occhio a tutto ‘o vicinato, Voglio pure ammettere ca, forse, infondo, nun è ‘nu delitto… Ma in giro  ne parlano negativamente, e chesto nun va bbuono…

Costanzo       E vuje vulisseve evità ‘e ‘nciuce d’‘a gente? Che bella cosa fosse si p’‘e fesserie ca dicene ll’ate, nuje avesseme perdere tutte ll’amice. E si pure pigliasseme ‘sta decisione ‘e ce ne sta sule, ve penzate ca ‘a gente nun parla ‘o stesso? Nun ce sta nisciuno rimedio contro ‘a maldicenza. S’hanno sulamente ignorà tutte ‘e ‘nciuce stupide ca se sentene… s’ha dda sulamente cercà ‘e campà onestamente, cu’ ‘a cuscienza a posto e lassà ca ‘e ‘mpechere ‘nciuciassere tranquillamente.

Dorina           Nun songhe mica Patrizia, ‘a signora affianco, e ‘o marito ca parlene ‘e nuje? ‘A ggente cchiù è ridicola e cchiù è sempe pronta a ffà ‘nciuce. Songhe sempe ‘e primme a truvà ll’indizio ‘e ogne minima relazione pe’ ffà sunà ‘e ttrombe, tutte cuntente ca ponno raccuntà ‘e fatte comme lloro ‘e penzano. ‘E fatte ‘e ll’ate, accussì cagnate, avessero servì a cummiglià ‘e fatte lloro. S’illudono ca se pò creà confusione; fa capì ca ‘e ‘ntriche lloro songhe ‘na cosa ‘nnucente, o quantomeno scarrecà ‘ncuollo all’a-te ‘nu poco ‘e chella nomea ca se portene appriesso.

Pernella       Tutte ‘sti raggiunamenti nun tenene né capa e né coda. Se sape ca Tartufo sta sempe a prijà… vive ‘na vita ‘e contemplazione… ‘na vita esemplare. Ogni cura soja è rivolta ‘e ccose d’‘o Cielo e m’ha ditto sempe che nun le piace l’andazzo ‘e chesta casa. E pure ‘a signora Patrizia è d’accordo cu’ chesti ccritiche…

Dorina           Che bell’esempio. ‘Sta signora Patrizia è tutta buntà. Certo, nun ce sta nisciuno dubbio ‘ncoppa ‘a vita soja seria seria. Ma è l’età ca l’ha purtata a chesto. Oramaje è arrivata alla castità: necessità fa virtù. Fino a quando ha pututo fà sbattere ‘e cuore, oh, se l’ha guduta ‘a gioventù. L’ha data a tutte quante… ‘a bellezza soja! Ma quanno ha capito ca ‘a gioventù se n’era juta, ca ‘o munno l’hêva lassata, e ca nisciuno cchiù ‘a jeva truvanno… essa ‘nce ha rinunziato. E accussì se cummoglia cu’ ‘nu velo ‘e castità… santità, pe’ cummiglià ‘e ggrazie appassite. È ‘a parabola d’‘a civetteria. Certo è tuosto a se vedè abbandunate da ‘e cavalier servente. Solitudine, malincunia, irrequietezza: nun se sta nisciunu remmedio, sulo chello ‘e prufessà ‘a castità. E comme addeventano severe le pie signore: censurano tutte cose e nun perdonano niente a nisciuno. Cundannano a tutte quante. Ma no pe’ ll’ammore d’‘oprossimo, nossignore. È tutta ‘mmiria. Nun ponno vedè ca ‘n’ata se piglia chille spasse, chille piacere ca lloro nun ponno cchiù havê… spasse ca ‘o tiempo… ll’anne, ‘nce hanno levate…

Pernella       (A Elvira) Ecco, chiste songhe ‘e belli discorze ca fanno pe’ vvuje, ca piacene a vuje, mia cara nuora. O si no s’ha dda ‘nzerrà ‘a vocca. Pecché a ‘nciucià tutto ‘o juorno ‘nce sta (Ironica) madama Dorina: è sempe essa ca dà ‘e ccarte. Ma insomma, voglio dicere pur’io ‘a mia. E ve dico ca ‘a meglia cosa ch’ha fatto figliemo è chella ‘e havê fatto trasì ‘stu sant’ommo dint’a ‘sta casa. È stato ‘o Cielo a llo mannà ccà, pe’ purtà ll’anime voste ‘ncoppa ‘a strata justa: e p’‘o bene vuosto l’avite ‘a sta a ssentere. Si ve cuntesta ll’abbitudine voste, vò dicere ca nun songhe currette, ca songhe criticabbile… Visite, balle, ricevimente: songhe tutte ‘nvenzione d’‘o Maligno. Maje ‘na parola ‘ncoppa ‘a fede nosta: ‘nciuce, piccolezze, fesserie. E quase sempe a spese d’‘o prossimo; pecché nun se fa ato ca sparlà ‘ncuollo a Tizio o ‘ncuollo a  Caio. Insomma, ‘a gente sensata nun ce capisce niente dint’‘o burdello d’‘e riunione voste. Mille ‘nciuce ‘o minuto sicondo, pare propeto ‘a Torre ‘e Babbilonia. (Additando Costanzo) Ah, oiccanne, ‘o signore già tene ‘a ridere! Via, jatevenne ‘mmioezo ‘e pazze comme a vuje, addò ‘nce sta quaccheccosa ‘a ridere. (A Elvira) E nun penzate cchiù a me… Statte bbona Elvì. Nun voglio dicere niente cchiù. Ma sappiate ca ‘a stima mia pe’ vvuje è acalata e ce vularrà assaje tiempo primma ca metto ‘n’ata vota ‘o pede ccà dinto. (Dà un ceffone a Filippa) E tu, jamme, scetate, nun stà sempe cu’ ‘a capa pe’ ll’aria, mannaggia, ce penz’je a te spilà ‘e rrecchie, scanzafatiche… Avanti, marsh! (Va verso l’uscita con Filippa)

Filippa            Ma pecché m’avite vattuta?... Nun hêvo fatto niente ‘e male, stevo bbona bbona… (Via con la signora Pernella)

Costanzo       ‘A nonna me pare ‘na pazza… No, je a casa soja, nun ce vaco cchiù, è capace ‘e turnà ccà e accummencià ‘n’ata vota. Alto ca brava nonnina…

Dorina           Che peccato ca nun te sente! Sicuramente te dicesse ca sì ‘nu bellu tipo e ca essa nun tene ancora l’età ‘a essere chiammata accussì.

Costanzo       E comme s’è scarfata pe’ niente! E che passione pe’ ‘o Tartufo sujo!

Dorina           Oh, ma a cunfronto d’‘o figlio Arturo chesto è niente. Si tu l’avisse ‘ntiso dicisse: “di male in peggio!” ‘E guaje d’‘o paese nuosto pare ca hêvene fatto rinsavì Arturo, ca mustraje ‘e tenè curaggio quanno steva ‘o servizio d’‘o rre. Ma l’ammore pe’ Tartufo l’ha fatto addeventà ‘nu scemo… ‘nu demente… ‘O chiamma fratello e l’ama cu’ tutt’‘o core, cchiù d’‘a mamma, d’‘e figlie e d’‘a mugliera. Sulamente a isso ‘nce cunfida tutte ‘e sicrete e nun move ‘nu dito senza sentì ‘e cunziglie suoije, o meglio ‘e cumanne suoje… ‘e cumanne ‘e chillo ca isso crede ‘o direttore ‘e cuscienza… ‘o cunsigliere perzonale… E s’‘o coccola e se l’abbraccia, ‘nzomma penzo ca nemmanco pe’ ‘n’amante fosse accussì tennero. A tavula ‘o posto d’onore è pe’ Tartufo e si magna pe’ ddiece, isso gode. E se leva ‘e buccuncini ‘a dint’‘o piatto pe’ ce ddà a isso! Fa ‘nu rutto? ‘Nu starnuto? E isso pronto: “Dio salvalo!” Insomma è pazzo pe’ isso, è ll’idolo sujo. Sempe a llo adorà, sempe pronto a l’annummenà dint’a qualunque occasione. Move ‘nu dito? ‘Nu miraculo. Arape ‘a vocca? ‘N’oraculo. Ma chill’ato, ca cunosce ‘o merlo e s’‘o vò sfruttà, oramaje sape mille trucche p’‘o ‘ncantà. E cu’ ‘a faveza santità ca tene ‘nce spilla denare continuamente e se crede ‘e tenè ‘o deritto ‘e giudicà a tutte quante vuje. E financo chillu cetrulo d’‘o lacchè sujo, Lorenzo, se permette ‘e se ‘ntricà d’‘e fatte nuoste e ce vò ‘mparà a campà. E vene a ce fà ‘a predeca cu’ ‘e fiamme all’uocchie… e ce mena pe’ ll’aria nastre, russette e nei! L’atu juorno s’ha permiso ‘e straccià cu’ ‘e mmane soje ‘nu fazzuletto ‘a dintt’‘o Libro d’‘a Messa alluccanno ‘o sacrileggio pecché nuje mettimmo ‘nzieme ‘o diavulo cu ll’acqua santa!

Elvira            (A Costanzo) Viato a  tte, fratu mio, ca nun ce stive quanno mamma Pernella, ‘a ‘gnora mia cara cara, ‘nce facette chillu bellu discorzo… Ah, ma sta turnanno maritemo Arturo… me ne vaco ‘a llà pe’ ll’aspettà. (Esce)

Costanzo       Je nun me movo ‘a ccà: tengo genio ‘e ridere.

Davide           Perché non accenni a papà del fidanzamento di mia sorella Marianna? Mi pare che Tartufo sia contrario e lo obblighi a prendere vie traverse. Tu sai bene quanto mi stiano a cuore Marianna e il mio amico Valerio… Loro si amano ardentemente e la sorella di Valerio è il mio amore, la mia passione, lo sai. Se dunque fosse necessario… (Via con Marianna)

Dorina           ‘Oilloco!

SCENA SECONDA

(ARTURO e detti, poi MARIA)

Arturo          (Entrando) Buongiorno cognato carissimo!

Costanzo       Buongiorno Artù… me ne stevo ascenno. Bentornato, sò cuntento ‘e te vedè. E ‘a campagna va buono? Sta già in fiore?... ‘Nce vedimme adoppo… (Va via)

Arturo          Dorì, nun stongo tranquillo, vulesse sapè comme vanno ‘e ccose ccà… Tutto bene cu’ Mariannina, dint’a ‘sti juorne? Novità? E ‘a piccerella, Maria, figlieta, sta bbona? Stanno tutte quante bbuono?

Dorina           ‘A signurina Marianna sta bbona… ‘A signora Elvira, ‘a mugliera vosta, l’autriere ha tenuto ‘nu poco ‘e freva e ‘nu forte male ‘e capa, ma è passato tutte cose… Maria è ‘n’angiulillo… studia assaje ed è ubbidiente.

Arturo          E Tartufo?

Dorina           Tartufo?! Oh, isso sta propeto bbuono: gruosso, chiatto, janco e russo… me pare ‘nu purchiciello, anze… ‘nu bellu puorco…

Arturo          Pover’ommo! Ha sufferto ‘a famma!

Dorina           ‘A mugliera vosta, l’autriere avette ‘na forte nausea, tanto ca a tavola nun toccaje niente… sempe chillu male ‘e capa…

Arturo          E Tartufo?

Dorina           Magnaje isso sulo, annanze a essa. E assaje religiosamente se scennette ‘nu pullasto arrustuto e miezu cusciotto ‘e puorco arrustuto.

Arturo          Famma arretrata… antica… Pover’ommo! Je sò felice quanno ‘o veco ‘e se strafucà.

Dorina           ‘A signora Elvira ha passato tutt’‘a nuttata senza ‘nzerrà ll’uocchie, manco pe’ ‘nu mumento. Sempe sudata, nun riusceva a piglià suonno. E fino all’alba simme state a veglià vicino a essa.

Arturo          E Tartufo?

Dorina           Tutto pigliato d’‘a delizia d’‘o suonno, s’arreteraje dint’‘a cammera soja e, senza perdere tiempo, se ‘mpezzaje sotto ‘e ccuperte, ‘o ccavero, e durmette comme a ‘nu criaturo fino a miezjuorno…

Arturo          È suonno arretrato… Quanno nun magnava nun riusceva manco a durmì… Pover’ommo!

Dorina           E all’urdemo ‘a signora vosta, cunvinta ‘a nuje ca ‘nzesteveme, ha deciso ‘e se fa fà ‘nu salasso, e subbeto se sentette meglio.

Arturo          E Tartufo?

Dorina           Ha pigliato tutte ‘e precauzione contro ‘e malatie. Infatti, pe’ se rifà d’‘o sanghe ca hêva perzo ‘a signora, se vevette, dopo ‘na bella colazione abbundante, quatte bicchierone ‘e vino… dice ca ‘o vino fa sanghe, anzi, dicette pure ‘nu pruverbio ca diceva: “‘A carne fa carne, ‘o vino fa sanghe e ‘a fatica, fa jettà ‘o sanghe!”… Forse parlava pe’ isso…

Arturo          Tartufo ha avuto brutte mumente dint’‘o passato sujo… Pover’ommo!

Dorina           Mò però stanno buono tutt’e dduje, e ce vaco subito a dicere ‘a mugliera vosta ca ve site interessato assaje p’‘a salute soja. (Entra Maria)

Arturo          Nun te preoccupà, vach’je addu’ essa. (Esce)

Maria             (Fa un inchino, poi) Mammina mi aiuti a fare i compiti? Non che non li sappia fare da sola, ma è più bello se li faccio vicino a te…

Dorina           Sì, amore mio, che devi fare?

Maria             Un tema: “Parla dei tuoi cari e delle persone che conosci”.

Dorina           (Mentre ordina e spolvera) Facciamo come sempre: tu dimmi che vorresti scrivere…

Maria             Io vorrei scrivere che la persona a cui voglio un mondo di bene e senza della quale non potrei vivere è la mia mamma, alla quale voglio mandare un milione di baci… (Invia realmente qualche bacio) La mia mamma cura la sua padroncina Marianna, figlia di Arturo… ma della sua prima moglie, che io non ho mai conosciuto… non ho a-vuto la gioia di conoscere e di amare il mio papà perché è volato in cielo quando ero molto piccola, ma lo amo infinitamente tramite la mia mammina che mi fa anche da papino. Voglio molto bene a Marianna che è, come ho detto, la figlia del nostro padrone di nome Arturo che non conosco molto bene anche perché non è quasi mai a casa per motivi di lavoro. Marianna è per me una sorella più grande… mi dispiace che non riesca a sposare il suo amore Valerio, amico del fratello di Marianna, che si chiama Davide… un bravo giovane al quale pure voglio molto bene… Poi mi piace molto il mio compagno di scuola che si chiama Sganarello, che vorrei sposare quando sarò grande… Che dici mammina, forse è meglio che non parlo di Sganarello?

Dorina           (Continuando sempre il suo lavoro e mettendo in ordine) Poi ci pensiamo se ne parliamo o no… forse è meglio di no, perché la tua maestra potrebbe leggere il tuo tema in classe e Sganarello potrebbe trovarsi in difficoltà… Poi i tuoi compagni potrebbero pren-dervi in giro… Ma quali sono le persone che non ti piacciono e di cui vorrai parlare nel tema?

Maria             Le persone che invece non mi piacciono sono Tartufo, che spesso mi vuole sulle sue ginocchia dicendo di volermi baciare, ma io non ci vado… fuggo via, come mi ha detto di fare la mia mammina… La signora Pernella, madre di Arturo, non mi è sim-patica perché non è per niente dolce… (Si sente che stanno arrivando Arturo e Costanzo)

Dorina           (Prende per mano Maria) Andiamo a continuare in camera nostra. (Escono)

SCENA TERZA

(COSTANZO e ARTURO)

Costanzo       (Entra insieme a Arturo) Cognatino mio, ma comm’è ca nun te n’adduone ca Tartufo te ride ‘nfaccia? Guarda ca je nun  tengo nisciuna intenzione ‘e te fa ‘ncazzà, te sto dicenno sulamente ca t’‘o mmierete. Nun aggio visto maje ‘na fisima comme ‘a toja. Ma dico io, è mai possibile ca ‘n’ommo te po’ ‘ncantà accussì assaje ca te fa trascurà qualunque cosa pe’ isso? Tu trascuri addirittura a sorema ca t’è mugliera affezziunata… pe’ isso, pe’ Tartufiello tujo… E doppo ca l’hê salvato d’‘a miseria, staje addirittura pe’…

Arturo          Ma nossignore, caro cognato. Tu parle accussì pecché nun saje che grand’ommo è Tartufo.

Costanzo       Ma nun ‘o ssaccio, forse sarrà comme dice tu. Però, pe’ ssapè ‘e che tipo ‘e ommo se tratta, si gruosso o piccerillo, s’ha dda cunoscere buono, e je…

Arturo          Caro mio, conoscerlo sarrà pe’ tte ‘nu piacere gruosso assaje… ‘n’onore. Restarraje cu’ ‘a vocca spalancata. È ‘n’ommo eccezziunale… ‘nu saggio… ‘nu filosofo saggio. E chi ‘o sta a ssentì comme se deve, cunosce subbeto ‘na pace infinita che ‘nce fa cunsiderà munnezza ‘o munno sano. Ah sì, quanno parlo cu’ isso me sento ‘n’ata perzona… me sento affascinato, felice, calmo, interessato e d’accordo cu’ chello ca dice. ‘A isso me sto ‘mparanno a nun tenè cchiù appaura, affetti, legami inutile… me scioglie l’anima ‘a ogne legame. Me putessero murì annanze all’uocchie, fratemo, ‘e figlie mieje, mammà e muglierema, quase nun me ne ‘mpurtarsse ‘o riesto ‘e niente. Songo addeventato indifferente… straniero… estraneo a tutte cose.

Costanzo       E tu te cride ca ‘st’indifferenza è ‘nu sentimento positivo, umano, cognato caro?

Arturo          Certo, l’amore umano è sufferenza… S’ha dda amà sulamente ‘o Signore, ‘o criatore ‘e tutte ‘e ccose, nun s’ha dda amà ‘a materia… Ah, si tu avisse visto a Tartufo quan-no ‘o ‘ncontraje ‘a primma vota, tu l’amasse commea mme e pure cchiù ‘e me! Ogne ghiuorno dint’‘a cchiesa, nun mancava maje, cu’ chella faccdella doce, e se metteva propeto ‘e dimpetto a mme, addenucchiato. Tutte ll’uocchie d’‘a gente guardavano a isso pe’ chillu modo accussì infervorato ca tene quanno prega. Erene suspire, slance immense, e nun se stancava maje ‘e vasà umilmente ‘a terra… Poi, quann’je me n’a-scevo, me precedeva veloce veloce pe’ m’offrì ‘ncoppa ‘a soglia d’‘a cchiesa l’acqua benneditta. Fuje, Lorenzo, ‘o discepolo fedele sujo, ca me parlaje d’‘a miseria addò campava. Accussì accummenciaje a ‘nce fà quacche rialo, ma isso, mudestamente, me ne vuleva sempe turnà ‘na parte addereto. «È troppo assaje» diceva, «me n’ab-basta ‘a mmità. Nun songo degno d’‘a cumpassione vosta.» E datosi ca je me rifiutavo, isso subbeto, annanze all’uocchie mieje, ne faceva lemmosene a Lorenzo. È com-me a San Francesco, ama ‘a povertà… ‘N’ispirazione divina me l’ha fatto accogliere dint’‘a casa mia, e ‘a chillu mumento me pare ca ccà è caduta ‘a manna ‘a cielo. Sac-cio ca tene a bada a tutte quante, e ca pe’ muglierema, dimostra ‘n’interessamento gruosso assaje… ‘na bella furtuna pe’ mme, ca p’‘a fatica mia stongo sempre luntano d’‘a casa. Si ce sta quaccheduno ca lle fa l’occhiolino, subbeto m’avvisa… È cchiù ‘e ‘nu bbuono fratello… E tene ‘na gelusia pe’ muglierema assaje, ma assaje cchiù forte d’‘a mia. Nun se po’ credere addò po’ arrivà ‘o zelo, l’affetto, ‘a ricunuscenza ca tene pe’ mme: ‘a sciocchezza cchiù ppiccerella se ne fa carreco comme fose ‘nu peccato. Abbasta ‘na cosa ‘e niente a llo scandalizzà; l’atu juorno se venette a ‘nculpà ca mentre prijava hêva acchiappato e accisa ‘na zanzara, pe’ ‘n’eccesso ‘e collera… se metteva scuorno ca hêva acciso a ‘na criatura ‘e Ddio…

Costanzo       Ma sì asciuto propeto pazzo, o me staje cuffianno? ‘Overamente cride a tutte ‘sti strunzate?

Arturo          Cognatino mio, ‘sti pparole toje me feteno ‘nu poco ‘e penziere prevenute… forse ‘e ‘mmiria… Te l’aggio ditto e ripetuto Dio solo ‘o ssape quanta vote: si nun segue ll’ insegnamente suoje te mettarraje dint’a quacche pasticcio.

Costanzo       E chiste songhe ‘e discorse ca sapite fà vuje ate! Tu jisse truvanno ca ognuno ‘e nuje fosse cecato comm’a tte. Siconno te chi tene ll’uocchie ‘nfronte, è ‘n’imbecille. E chi nun cade in adorazione annanze a tutte ‘sti smorfie, nun tene rispetto p’‘e ccose sacre, nun tene fede. Ma te credisse ca me metto appaura ‘e chello ca dicite? Je ‘o ssac-cio bbuono chello ca dico, e Dio me legge dint’‘o core. Nuje nun simme schiave d’‘e bacchettune. Ce sta ‘na fede faveza, come ce sta curaggio favezo. E se vede ‘a chello addò uno và arrivà: chille ca ‘overamente tenene curaggio nun songhe chille ca fanno meno burdello. E accussì ‘e credente ‘overo, chille ‘overamente esemplare, nun songhe chille ca fanno tanta smorfie. Invece, sicondo te, tra fede e ipocrisia nun ce stesse nisciuna differenza! Tu e mammeta ‘e metite ‘ncoppa ‘o stesso piano, e onorate ugualmente ‘a maschera e ‘o volto. Mettite alla pari l’artifizio e ‘a sincerità, ammescate ‘a realtà e l’apparenza, ‘a persona e l’ombra… l’essere e ‘o sembrà d’esse-re... Pe’ vvuje ‘a muneta faveza vale cquanto chella bbona. Ll’uommene songhe ‘na cosa assaje strana: nun ‘e vvide scegliere maje ‘a justa mmesura: ‘e limite d’‘a raggione sò troppo ristretti, e accussì passano ‘o signo. E ‘sta ragione ca è ‘a cosa cchiù nobile ca tene l’ommo, ‘a ‘nguajene p’‘a vulè superà e gghì troppo ‘a llà, dinto all’ir-razzionale…

Arturo          E certo, tu sì ‘n’intellettuale ca s’ammereta ogne rispetto e ca capisce tutte cose’ncoppa a ‘stu munno. Tu sì chillo ca sape tutte cose, l’illuminato, ‘o filosofo… l’ oracolo, ‘o Catone ‘e chistu seculo… E tutte chille ca te stanno attuorno songhe ‘na maneca ‘e scieme.

Costanzo       Te sbaglie, nun songo ‘n’intellettuale ca s’ammereta ogne rispetto, e nemmanco ‘nu puzzo ‘e scienza. Ma ‘na cosa ‘a saccio bbona, e t’‘a dico cu’ ddoje parole: penzo ca cunosco buono ìa differenza tra ‘o vero e ‘o favezo. Je penzo ca nun ce sta egoismo degno ‘e ammirazione comme ‘a fede autentica. Nun ce sta niente ‘ncoppa ‘a faccia d’‘a Terra cchiù nobbele e bello d’‘o sacro fervore ‘e ‘n’anema ca crede ingenuamente, accussì comme nun ce sta niente ‘e cchiù odioso d’‘a maschera ipocrita, d’‘a fede ostentata ‘e ‘sti credente senza pudore, ‘e chiste ciarlatane ‘mbrugliuneca se  fanno beffa ‘e tutto chello ca pe’ ll’uommene è sacrosanto. Gente ca penza sulamente ‘e denare, gente ca d’‘a religgione ha fatto ‘nu mestiere e ‘nu cummercio, gente ca ‘a vide cu’ ‘nu fervore unico al mondo fare ‘na bella carriera p’‘e vvie d’‘o Cielo. Cu’ ll’ardore e cu’ ‘e ppreghiere lloro tenene sempe quaccheccosa ‘a addimannà. Predecano ‘e ritire spirituale e campano dint’‘a corte d’‘o rre. Insomma, sanno comme hanno aunì bbuono ‘a religgione cu’ tutte ‘e vizzie lloro. Sempe pronte a scattà, a se vendicà, a mancà d’‘a parola data e ricorrere a qualunque ‘mbruoglio. E pe’ mannà ‘mmiezo ‘a via a quaccheduno fossero capace d’annasconnere ‘e risentimente cchiù fferoce sotto ‘o manto d’‘a Santa Religgione. E dint’a ‘st’arraggia maligna so’ ppericulose assaje, pecché ausano armi ca vonno rispetto, quanno invece è ‘a passione lloro ca tira a ce accidere cu’ ‘nu pugnale benedetto. Purtroppo è ‘na specie ‘e gente ca se sta moltiplicando. Ma ‘e credente ‘overe se cunoscene subbeto. Guarda ‘e grande filosofe: Socrate, Platone, Aristofane… ‘E meriti lloro nun se discutene: ‘a fede lloro è affabile, modesta… Socrate diceva accussì: “Je saccio ‘na cosa sulamente, e cioè ca nun saccio, e già è ‘na cosa, pecché paricchie ‘e lloro nun ‘o ssanno.” Quindi teneva ‘na grande modestia, e diceva ‘a verità pecché tra chillu ppoco ca se sape e l’assaje, l’immenso ca nun se cunosce ‘overamente se po’ dicere ca nun se sape quase niente… ‘E filosofe ‘overe nun stanno sempe a curreggere tutto chello ca facimme, pecché chesto pe’ lloro fosse ‘n’eccesso d’orgoglio: lassano all’ate ‘o vanto d’‘e pparole severe, s’accuntentano ‘e ce repiglià sulamente cu’ ll’esempie. Nun guardano all’apparenze d’‘o mmale, ma piuttosto giudicano ‘o prossimo bonariamente. Nun cunoscene cabale e ‘ntriche: loro vanno truvanno ‘na vita onesta, e tutte quante ‘o vvedimmo. Nun s’accaniscene contro chille ca hanno peccato, e nun pretennene ‘e essere cchiù severe d’‘o giudizio divino. Socrate addirittura ha accettato ‘e murì pe’ nun rinnegà ‘o penziero sujo… Pe’ mme chiste songhe uommene, chisto se chiamma modo ‘e fà, chiste songhe ll’esempie ‘a pruporre. Ma chill’amico tujo, ‘a verità, nun è fatto accussì. Tu sì in gran buona fede a decantà ‘o zelo sujo, ma è ‘nu diamante favezo, hê pigliato ‘n’abbaglio …

Arturo          Caro cognato, tutto qua?

Costanzo       Sì.

Arturo          (Fa per andarsene) Servo.

Costanzo       Aspetta ‘nu mumento. Tu ‘o ssaje ca Valerio tene ‘a parola toja pe’ se ‘nzurà cu’ figlieta Marianna e addeventà jennero a tte …

Arturo          Già.

Costanzo       E haje deciso pure ‘o juorno p’‘a festa.

Arturo          Propeto accussì.

Costanzo       E allora pecché staje rimannanno ‘a cerimonia?

Arturo          Nun ‘o ssaccio.

Costanzo       Hê cagnato idea?

Arturo          Po’ essere.

Costanzo       Vulisse mancà ‘a parola ca hê data?

Arturo          Nun sto dicenno chesto…

Costanzo       Penzo ca nun ce sta niente ca te po’ impedì ‘e mantenè ‘a prumessa.

Arturo          Dipende ‘a chello ca succede…

Costanzo       E ce vonno tanta caville pe’ ddicere ‘na parola? Valerio è ‘nnammurato ‘e figlieta Marianna e m’ha mannato appositamente addu’ te.

Arturo          Sia lodato ‘o Cielo!

Costanzo       E che ‘nce aggio ‘a dicere?

Arturo          Dicce chello ca vuò tu.

Costanzo       Ma s’avessero pure cunoscere ll’intenzione toje.

Arturo          Je faccio chello ca vò ‘o Cielo.

Costanzo       Ma jamme, parlammo seriamente. Valerio tene ‘a parola toja, ‘a mantiene, sì o no?

Arturo          Statte bbuono. (Esce)

Costanzo       (Solo) Tengo appaura ca ‘stu spusalizio va a monte. Aggio dicere a Valerio chllo ca sta succedenno. (Esce)

DISSOLVENZA DI CHIUSURA LUCI, BUIO PER CAMBIO PERSONAGGI, LENTA DISSOLVENZA INCROCIATA DI APERTURA E CHIUSURA LUCI

SCENA QUARTA

(ARTURO e MARIANNA, poi DORINA)

Arturo          Mariannì!

Marianna      Papà!

Arturo          Viene, viene, t’aggio ‘a dicere ‘na cosa in segreto.

Marianna      (A Arturo che guarda dietro i mobili) Papà, ma che state guardando?

Arturo          Sto vedenno si ce sta quaccheduno ca ce putesse sentere… Bene, stamme sule. Marianni, Tu hê avuto sempe ‘nu bellu carattere tranquillo, e ‘o ssaje ca me sì stata sempe assaje cara, ‘na figlia bbona e ubbidiente…

Marianna      Siete troppo buono, papà… A tanto affetto, mi sento davvero lusingata…

Arturo          Bravissima, figlia mia. E pe t’‘o ‘mmeretà sempe ‘st’affetto d’‘o mio, l’unico penziero tujo avesse, anzi, ha da essere chello ‘e m’accuntentà sempe…

Marianna      E questa è la mia più grande ambizione: accontentare e ubbidire a mio padre.

Arturo          Benissimo! Che ne pienze ‘e Tartufo?

Marianna      Io?

Arturo          Sì, e pienzece buono primma ‘e me risponnere.

Marianna      Oh, io dirò tutto ciò che vorrete. (Dorina entra piano e si va a mettere, non vista, dietro Arturo)

Arturo          Accussì va buono. E allora, figlia mia, hê ‘a dicere ca isso tene ‘e virtù cchiù avete, ca isso t’ha tuccato ‘o core, e ca sarrisse felice assaje ‘e sapè ca te l’aggio scigliuto pe’ mmarito, eh?

Marianna      (Stupita, si tira indietro) Come?

Arturo          Che d’è?

Marianna      Ma scusate…

Arturo          Pecché?

Marianna      Mi sono forse sbagliata?

Arturo          Comme?

Marianna      Chi devo dire che mi ha toccato il cuore e sarei felice di sapere che me l’avete scelto per marito?

Arturo          Tartufo!

Marianna      Ma no, papà, vi giuro! Perché volete farmi dire questa menzogna?

Arturo          Ma je voglio ca fosse ‘na verità. E pe’ tte abbasta ca je aggio deciso accussì.

Marianna      Come, papà? E voi vorreste…

Arturo          Sì, figlia mia, je voglio ca Tartufo cu’ ‘stu spusalizio trase dint’‘a famiglia nosta. Sarrà mariteto. Accussì aggio deciso. E pe’ chello ca arreguarda ‘e desiderie tuoje… (Scorge Dorina) Dorì, ma, che staje facenno lloco? Sì ‘nu poco troppo assaje curiosa… ‘na ‘mpechera si ce viene a spiuà ‘e chesta manera!

SCENA QUINTA

(DORINA, ARTURO e MARIANNA)

Dorina           ‘A verità, je aggio già ‘ntiso ‘e parlà ‘e ‘stu sposalizio, e m’è sembrata ‘na strun… ‘na scemità ‘a nun ce credere.

Arturo          E pecché? È addirittura ‘na cosa a’a nun ce credere?

Dorina           Tanto ca nun credo nemmanco a vuje, signò.

Arturo          Oh, t’‘o faccio credere io!

Dorina           Già, ‘nce vulite raccuntà ‘na favoletta o ‘na barzelletta?!

Arturo          Te sto dicenno ca sarrà ‘na cosa ‘overa.

Dorina           Buscie!

Arturo          Piccerè, quann’je dico ‘na cosa, ‘a dico seriamente!

Dorina           (A Marianna) Signurì, nun ce credite a ‘o pate vuosto. Sta pazzianno!

Arturo          Je ve dico…

Dorina           No, no, putite dicere chello ca vulite vuje. Nisciuno ve cridarrà…

Arturo          Insomma, nun me fa ‘ncazzà ancora ‘e cchiù…

Dorina           E vabbuò, ve credimmo, allora, va bene? Ma sarrà peggio pe’ vvuje! Ma comme, dich’je, è possibile ca cu’ chest’aria accussì saggia e cu’ chesta varva vuje site accussì pazzo ca vulite…

Arturo          Ueh, sienteme buono: tu ccà ddinto te sì pigliata cierte libbertà ca nun me piacene pe’ niente! T’‘o ddico chiaro e tunno, cara mia: tu nun faje parte ‘e chesta famiglia, sì sulamente ‘a cammarera ‘e figliema Marianna!

Dorina           Parlammo senza ‘e ce sbattere troppo, pe’ ccarità. Vulite piglià ‘a gente p’‘e fondelle, cu’ chesta asciuta? ‘A figlia vosta nun è fatta pe’ ‘nu bigotto ca tene ati cacchie p’ ‘e ccerevelle. E po’ che vantaggio ve dà ‘na parentela comme a cchesta? Pecché, cu’ tanta ricchezze, ve jate a scegliere pe’ jennero ‘nu straccione?

Arturo          Statte zitta! Si nun tene niente, allora propeto pe’ cchesto l’avimme ‘a rispettà. ‘A miseria soja è sicuramente miseria, ma miseria onesta, assaje meglia ‘e ‘na ricchezza disonesta… Chesta miseria l’ha dda fa saglì ‘ncoppa a qualunque grandezza. Pecché si nun tene ‘o riesto ‘e niente, è pecché nun ha penzato maje a ‘e ccose materiale ‘e chesta terra, ma sulamente, ardentemente, a chelle d’‘o Cielo. È comme a san Francesco: nun ama ‘a ricchezza, ma ‘a povertà… Ma l’aiuto mio ‘o putarrà levà ‘a dint’ ‘e ristrettezze e se putarrà piglià ‘n’ata vota ‘e pproprietà. Se tratta ‘e certe fonde ca ‘o paese sujo tenene ‘nu certo valore valore, ma, a fore ‘e chesto, se legge ‘nfaccia ca è ‘nu perfetto galantommo.

Dorina           Certamente, ‘o ddice isso. E chesta vanità, caro signore mio, nun s’accocchia cu’ ‘a fede ca tene. Chi comme a isso penza all’innocenza ‘e ‘na vita santa, nun avesse ‘a se vantà tanto d’‘o nomme e d’‘a nascita. L’umiltà ‘e ‘n’ommo ‘e Cchiesa nun ‘o permette. Che ce azzecca tutto ‘st’orgoglio? Ma si ‘stu discorzo nun ve piace, levamme ‘a miezo ‘a nobbiltà soja e parlammo ‘e isso. Vuje ‘nce disse pe’ mugliera ‘na guagliuncella comme a Mariannina vosta? A ‘n’ommo comme a isso? Accussì, a cuor leggero, senza penzà si ve cunvene, senza penzà a chello ca putarrà succedere ‘na vota ca s’è fatto ‘stu spusalizio? Vuje avisseve ‘a sapè mettite ‘npericulo ‘a virtù ‘e ‘na guagliona si ‘a cuntrastate ‘ncoppa ‘a scelta d’‘o sposo e d’‘o spusalizio. E si essa vò campà onestamente, dipende da ‘o marito ca lle vene dato, pecché chilli marite ca nun songhe riamate (fa le corna) po’ ce tenene lloro ‘a colpa si ‘e mugliere songhe chello ca songhe. Inzomma, nun è tanto facile essere fedele a cierti pperzone ‘e ‘nu certo stampo, e ‘nu pate ca dà ‘a figlia soja a ‘nu marito odioso, è responsabile annanze a Ddio e annanze ‘o munno sano ‘e tutte ‘e peccate ca essa commettarrà. Pienzatece buono a ‘e pericule ca jate ‘ncontro cu’ chistu progetto ‘e spusalizio!

Arturo          Ma vulesseme vedè ca mò tu ‘mpare a me comme se campa?

Dorina           Ve truvarrasseve assaje meglio si seguisseve ‘e cunziglie mieje!

Arturo          Strunzate! ‘O ssacc’je chello ca ce vò pe’ Mariannina, e je songo ‘o pate. Hêvo ‘mpi-gnato ‘na parola cu’ Valerio ma, pe’ chello ca se dice, tene ‘nu debbole p’‘o juoco, e penzo ca è pure ‘nu poco libbertino. Nun me pare ca va spisso ‘a Messa.

Dorina           Vulisseve forse ca ce jesse sulo a cierti orarie, comme a chille ca ce vanno sulamente pe’ se fa vedè?

Arturo          Nun t’aggio chiesto nisciuno parere ‘ncoppa ll’argomento, me pare. Insomma, verso ‘o Cielo Tartufo sta in netto vantaggio. E chisto è ‘nu bene ‘mpareggiabile. Tutto chello ca essa pò desiderà, l’avarrà cu’ ‘stu sposalizio; Tartufo ‘a rignarrà ‘e gioia e dolcezze. Vivarranno ‘nzieme, fedele e ardente, proprio comme duje ‘nnamuratielle, comme duje palumme. Nisciun’appicceco ‘e farrà amariggià, e essa farrà cu’ isso tutto chello ca vularrà.

Dorina           Cu’ isso? ‘O farrà curnuto, ecco chello ca farrà!

Arturo          Uh Dio mio, ma cheste che pparole songhe? Smettila, nun m’interrompere, penza a te stà zitta e a nun te ‘ntricà ‘e facenne ca nun t’arriguardene!

Dorina           (L’interrompe sempre al momento che si volge verso la figlia per parlarle) Ma signore, io parlo sulamente nell’interesse ‘e tutte quante…

Arturo          Quanto sì cara, grazie, ma sparagnate ‘o sciato.

Dorina           Si nun fosse ca ve voglio bene…

Arturo          Te ringrazio ‘e chistu bbene, ma nun te l’aggio chiesto, nun ‘o voglio e nun t’‘o ricambio.

Dorina           E invece io ve voglio bene, pure si a vuje nun ve ne ‘mporta, pure si vuje nun vulite… pozzo vulè bene a quaccheduno senz’essere ricambiata? Nun me ne ‘mporta ‘e Dante dice ca l’ammore avesse ‘a essere ricambiato sempe… Ce tengo all’onore vuosto, e nun pozzo permettere ca ve jate a mettere ‘mmocca a tutte quante!

Arturo          Ma insomma, ‘a vuò fernì?

Dorina           Ce vò cuscienza a ve lassà cumbinà ‘stu bellu guajo ‘e spusalizio!

Arturo          T’hê ‘a stà zitta, vipera sfruntata… tu sì ‘na serpe velenosa!

Dorina           Oddio, ‘n’ommo accussì pio ca perde ‘a pacienza…

Arturo          E pe’ fforza, me sto ‘nguajanno ‘o fecato cu’ ‘sti fesserie toje! Hê’a stà zitta, hê capito o no? Muta comme a ‘nu pesce… comme a ‘na tomba… comme a ‘nu pesce dinto a ‘na tomba!

Dorina           E vabbene, comme cumannate vuje. Ma si nun parlo, ve credite ca nun penzo?

Arturo          Penza, penza pure chello ca vuò… Ma penza a te stà zitta oppure… (Alla figlia) Basta, aggio valutato seriamente ‘sta cosa.

Dorina           (Tra sé) Si nun parlo, schiatto.

Arturo          Certo, Tartufo nun è ‘nu damerino, ma…

Dorina           (Tra sé) Tene ‘nu bellu grugno!

Arturo          Ma si pure nun te jessero a genio tutte ‘e qualità ca tene…

Dorina           (Tra sé) Che bella ciorta! (Arturo si rivolge verso Dorina e la fissa, l’ascolta con le braccia incrociate) Sicuramente a ‘n’ommo ca me spusasse afforza, nun ce ‘a facesse passà liscia. E, ‘na vota passata ‘a festa, ‘nce sapessa fà vedè ca ‘na femmena tene sempe ‘na vendetta bell’e pronta… je sapesse comme m’avesse ‘a vendicà: pe’ primma cosa, facesse comme a Lisistrata, ‘o sciopero d’‘e sense… po’ tant’ati ccose… vendette…

Arturo          (A Dorina) Nun ‘a vuò fernì, eh? T’aggio azzeccà quacche bellu pacchero? ‘E chello ca dich’je nun te ne fotte propeto? Nun me vuò propeto stà a ssentere?

Dorina           Ma ‘e che ve jate lamentanno? Mica sto parlanno cu’ vvuje…

Arturo          E allora che staje facenno?

Dorina           Sto parlanno je sola!

Arturo          Bene, bene… (Tra sé) P’umilià chest’insolente ce vò ‘n bellu pacchero, e cu’ ‘a mana mia! (Si mette in posizione per darle uno schiaffo e ad ogni parola che dice alla figlia, si volta per guardare Dorina, che è lì ritta, in silenzio) Figlia mia, tu avisse acconsentì a ‘stu progetto d’‘o mio… Tu t’hê ‘a cunvincere ca ‘o sposo ca aggio scelto è ‘o meglio pe’ tte… (A Dorina) E tu pecché nun parle?

Dorina           Nun tengo niente ‘a dicere…

Arturo          Ma almeno ‘na parulella…

Dorina           No, nun tengo genio.

Arturo          Naturalmente te stevo tennenno d’uocchio.

Dorina           E già, je po’ songhe scema?

Arturo          Insomma, figlia mia, l’ubbedienza è ‘nu diebbeto verso ‘e genitore, e tu hê acconsentì a chello ca je aggio scigliuto… p’‘o futuro tujo…

Dorina           (Filando via) Si fusseve cacchie ca je me spusasse ‘o prescelto Tartufone… ‘o fungione marcio…

Arturo          (Che non è riuscito a darle uno schiaffo) Che peste ‘sta femmena, ma comme fai a t’‘a tenè vicina? Je desse ll’anema ‘o diavulo pe’ nun ‘a vedè cchiù… M’ha fatto ascì fore d’‘o ssemmenato, nun saccio cchiù ch’aggio ‘a dicere. Chelli cchiacchiere ‘nsolenti m’hanno fatto saglì ‘o sanghe ‘ncapa. È meglio ca me ne vaco, me serve ‘nu poco d’aria pe’ m’arrepeglià… (Esce)

SCENA SESTA

(DORINA e MARIANNA, poi MARIA)

Dorina           (Rientrando) Ma ch’hê fatto, te sì muzzecata ‘a lengua? Nun dice niente? E aggio ‘a essere propeto je a ppiglià ‘e parte toje? Te faje pruporre ‘na cosa ca nun tene senso, ca te danneggia… e nemmanco ‘na parola ‘e prutesta, ‘e rifiuto?

Marianna      Che vuoi che faccia contro un padre simile, un tiranno, un despota, un padrone? Che vuoi che dica e faccia?

Dorina           Chello ca ce vò, pe’ pparà ‘o colpo.

Marianna      Cioè?

Dorina           ‘Nce ‘a risponnere ca l’ammore nun se dichiara pe’ tterza perzona, ca te ‘nzure pe’ tte e no pe’ isso, ca tutta ‘sta festa se fa pe’ tte; è a te, no a isso ca ha dda piacè ‘o marito. Sì ttu ca hê ‘a durmì affianco a mariteto, no isso… Si ‘o trova accussì interessante a ‘stu Tartufo lo trova così interessante, pecché nun s’‘o ‘nzora isso?

Marianna      Ah, papà è così autoritario con me, che non ho mai avuto la forza di contrariarlo…

Dorina           Arraggiunamme: Valerio te vò spusà. Scusame, ma tu ‘o vuò bbene, sì o no?

Marianna      Oh, Dorina, non essere ingiusta con il mio amore! C’è bisogno di farmi certe domande? Non ti ho confidato cento volte i miei sentimenti? Non sai quale sia la mia passione?

Dorina           Ma nun ‘o ssaccio si m’hê parlato cu’ ‘o core e si ce tiene assaje a ‘stu guaglione!

Marianna      Mi fai torto, se dici questo. I miei sentimenti li ho dimostrati fin troppo bene!

Dorina           Insomma, ‘o vuò bbene?

Marianna      Sicuramente… Appassionatamente… Non amo che lui!

Dorina           E, a quanto pare, pur’isso ricambia l’ammore tujo…

Marianna      Così credo.

Dorina           E tutt’e dduje smaniate pe’ stà assieme, pe’ ve’ ‘nzurà, è accussì?

Marianna      Certo.

Dorina           E pe’ chill’atu sposalizio che pienze ‘e fà?

Marianna      Di uccidermi, se mi costringono!

Dorina           Benissimo, nun c’hêvo pensato. Una more e se leva ‘a miezo ‘e ‘mbruoglie. ‘Nu rimedio meraviglioso. Sò ppropeto ‘e pparole che me fanno schiattà d’arraggia!

Marianna      No, non arrabbiarti Dorina! Non hai proprio compassione per me che ho una grave disgrazia?

Dorina           Compassione? Pe’ cchi dice scemità e ‘o mumento opportuno s’ammoscia comme faje tu?

Marianna      Sono timida, che vuoi… non sono capace…

Dorina           Ma per amare ce vò custanza.

Marianna      E forse non ne ho avuta, in questo amore? Deve pensarci lui a… ottenermi da mio padre!

Dorina           Ma quanno maje! Si pateto è ‘accussì severo e s’ha muntata la capa pe’ Tartufo e nun mantene ‘a parola ch’ha data a Valerio… è colpa d’‘o fidanzato tujo?

Marianna      Ma io allora con un solenne rifiuto dovrei mostrare non solo che ho già scelto, ma che ho preso una cotta per Valerio… Ma per quanto mi abbia affascinata, io non posso mancare al mio pudore e ai miei doveri di figlia. Vuoi che la mia passione sia messa in piazza… resa di pubblico dominio?

Dorina           Je nun voglio ‘o riesto ‘e niente. Veco ca tiene voglia ‘e te ‘nzurà cu’ Tartufo. E a ce penzà bbuono me sbaglio a nun te vulè fa fà ‘stu spusalizio. Pecché je avesse ostacolà ‘e desiderie tuoje? Tutto sommato è ‘nu buono partito, ‘o signor Tartufo! Azzò, te pare ‘na cosa ‘e niente? Certo, si ce pienze buono, ‘o signor Tartufo nun è uno qualunque. E nun è ‘na cosa ‘e niente ‘a essere ‘a mugliera soja! A ‘o paese sujo è ‘nu nobbele, se prisenta buono, orecchio russo, culurito fondo… Eh, sarraje felice assaje cu’ ‘nu marito accussì… te ‘nzore cu’ ‘nu grande filosofo, pe’ comme dice patete…

Marianna      Dio mio!

Dorina           Che gioia dint all’anema, che felicità… quando te vedarrà vicina a isso, ‘a mugliera soja… ‘a mugliera ‘e ‘nu grande filosofo… ‘e ‘nu santo…

Marianna      Dai, ti prego, smettila con questi discorsi. Piuttosto aiutami a trovare una via di scampo da questo matrimonio. Mi arrendo, farò come vuoi tu, sono pronta a tutto!

Dorina           Nun sia maje! ‘Na figlia ha dda obbedì ‘o pate, pure si ‘a vulesse fa ‘nzurà cu’ ‘na scigna… Tu invece sì ffurtunata. E che te lamiente? Te ne andrai ‘o paese sujo cu’ ‘o carruzzino, e truvarraje ‘na vrancata ‘e zie e cugine. Sarrà ‘nu piacere enorme pe’ tte a lle ricevere, a ‘nce cunverzà… Però primma sarraje ‘nvitata ‘a tutta l’alta suggità. Pe’ festeggià, Farraje visita ‘a mugliera d’‘o sinneco e a chella d’‘o secretario, ca avarranno l’onore ‘e te fà accumudà ‘ncoppa a quacche siggiulella d’‘o salotto lloro. A Carnevale, po’, t’aspetta ‘o ballo, e pure ‘a banda, cu’ ddoje zampogne, e ogni tanto ‘a famosa scigna ‘e quacche barraccone, ‘e mmariunette, si pure mariteto…

Marianna      Basta, non ne posso più! Pensa piuttosto a consigliarmi bene, ad aiutarmi.

Dorina           Serva umilissima.

Marianna      No, Dorina, per carità…

Dorina           ‘Nce vulesse ‘overamente ca ‘e ccose jessero accussì, pe’ castigo!

Marianna      Mia cara…

Dorina           Nossignore. (Entra Maria, non vista,e si mette a leggere, stando però attenta a ciò che si dice reagendo con versi e smorfie)

Marianna      E tutto il mio amore?

Dorina           Niente. Tartufo è tutto d’‘o tujo e t’‘o gustarraje.

Marianna      Lo sai bene che di te mi sono sempre fidata, fammi dunque…

Dorina           Parola mia, sarraje tartufata… fungiata… cu’ ‘nu fungio velenoso…

Marianna      E allora, visto che non hai pietà della mia sorte, lasciami alla mia disperazione. Così saprò trovare aiuto. Il rimedio per i miei mali c’è, è infallibile! (Fa per andarsene)

Dorina           Jamme, nun te ne jì, m’è passata… Nonostante tutto, s’ha dda havê pietà pe’ tte.

Marianna      Se proprio vogliono infliggermi questo supplizio, non mi resta che la morte.

Maria             Mammina, perché è così complicato sposare l’uomo che si ama? Perché ci sono tante contrarietà?

Dorina           Tesoro di mamma, dovrebbe essere la cosa più naturale di questo mondo ma, purtroppo i parenti in particolare, ma anche amici e conoscenti vogliono sempre consigliare, parlare, sparlare e si creano grandi problemi, ma non sarà così per te… la tua mammina non si opporrà ai tuoi desideri…

Maria             Allora potrò sposare il mio principe azzurro?

Dorina           Certamente tesoro, basterà che sia un bravo ragazzo… (Poi, rivolta a Marianna) E tu nun t’affliggere, cu’ ‘n poco d’abilità se mettarrà… Oh, ccà ce sta propeto Valerio tujo! (Maria esce)

SCENA SETTIMA

(VALERIO e dette)

Valerio         (Entrando) Marianna, ho saputo la novità, una bella notizia sicuramente.

Marianna      Cioè?

Valerio         Che sposi Tartufo… che poi più che un tartufo è un fungo velenoso!

Marianna      Veramente è mio padre che si è messo in testa questa idea.

Valerio         Marianna dimmi una cosa, se lo sposa tuo padre? Lui ti ha promesso a me!

Marianna      Ha cambiato idea poco fa.

Valerio         Come? Dici davvero?

Marianna      Dico davvero e come… Vuole questo matrimonio, l’ha detto apertamente!

Valerio         E tu che hai deciso di fare?

Marianna      Non so.

Valerio         Saggia risposta. Dunque non sai…

Marianna      Che mi consigli tu?

Valerio         Ah, per me, ti consiglio di prenderlo questo marito.

Marianna      Tu, dunque, me lo consigli?

Valerio         Non ti sarà difficile, mi sembra…

Marianna      Esattamente come ti è stato facile darmi il consiglio.

Valerio         Io ti ho dato il consiglio solo per farti piacere.

Marianna      Ed io, per farti piacere, lo seguirò in tutto e per tutto.

Dorina           (Appartandosi in fondo alla scena, fra sé) Mò vedimme che ne jesce…

Valerio         Allora questo è l’amore? Era tutto un inganno quando mi hai giurato eterno amore…

Marianna      Non ne parliamo, ti prego. Mi hai detto chiaro e tondo che devo accettare lo sposo che mi hanno proposto. E io allora ti dico che, per me, intendo farlo, una volta che sei stato tu a darmi questo salutare e giusto consiglio.

Valerio         Non cercare una scusa nelle mie intenzioni, avevi già deciso prima… Vuoi ricorrere a un frivolo pretesto per sentirti autorizzata a mancare di parola?

Marianna      Verissimo, dici bene.

Valerio         Non c’è dubbio, il tuo cuore non ha conosciuto una sincera passione per me.

Marianna      Oh, sei padronissimo di pensarla così…

Valerio         Ma certo che la penso così, e ho l’animo esasperato e forse ti anticiperò in quel che ti accingi a fare, e so già a chi rivolgermi e offrire il mio cuore… il mio amore…

Marianna      Oh, non ne dubito! È il fascino delle tue qualità…

Valerio         Qualità a parte, so di averne ben poche, io confido nella bontà che un’altra donna saprà avere per me. E conosco chi potrà essere per me un rifugio e saprà compensarmi di quello che ho perduto.

Marianna      Modesta perdita. Nel cambio avrai di che consolarti facilmente… farai un affare, un guadagno grandissimo farai…

Valerio         Farò del mio meglio, stanne certa. Diventa una questione di orgoglio, a sentirsi dimenticati così. Bisogna dunque far di tutto per dimenticare. Bisogna fare come si è fatti… pagare con la stessa moneta… E se non sarà facile bisogna fingere. È una vigliaccata imperdonabile, un’assurdità mostrarsi ancora innamorati di chi ci lascia… “Amor ch’a nullo amato amar perdona…” si dovrebbe sempre contraccambiare l’a-more… purtroppo non è così…

Marianna      Alta poesia con sentimenti davvero nobili ed eletti!

Valerio         Esatto. E tutti dovranno approvarli. Che pretesa! Vorresti che io portassi eternamente nel cuore la fiamma d’una passione e ti vedessi coi miei occhi passare in braccio a un altro, e non dovrei a mia volta offrire a un’altra un amore da te respinto?

Marianna      Al contrario, è quello che ti auguro! Anzi, vorrei proprio che le cose fossero già belle e fatte!

Valerio         Ah sì?

Marianna      Certo!

Valerio         Basta con questi insulti… Voglio immediatamente accontentarti. (Fa qualche passo per andarsene e torna)

Marianna      Benissimo.

Valerio         (Ritornando) E ricordati questo, che sei stata tu a costringermi a questa estrema decisione!

Marianna      Certo!

Valerio         (Torna ancora indietro) E che questa decisione segue l’esempio tuo.

Marianna      Il mio esempio, d’accordo.

Valerio         (Uscendo) Basta, sarai servita a dovere!

Marianna      Tanto meglio.

Valerio         (Ritornando di nuovo) E nota bene che è per sempre!

Marianna      Magari!

Valerio         (Se ne va, ma giunto presso la porta, si volge indietro) Eh?

Marianna      Cosa?

Valerio         Non mi hai chiamato?

Marianna      Io? Tu sogni…

Valerio         Bene, proseguirò! Addio, Marianna… (Se ne va adagio)

Marianna      Addio, Valerio.

Dorina           (A Marianna) Sicondo me, vuje site dduje stravagante ch’hanno perza ‘a capa. V’aggio fatte appiccecà comme vuliveve sulamente pe’ vvedè addò jiveve a fernì. Jamme, signor Valerio! (Lo prende per un braccio)

Valerio         (Finge di resistere) E tu che vuoi, Dorina?

Dorina           Venite ‘a ccà.

Valerio         No, no, sono proprio indignato. Non mi distogliere dalla mia decisione.

Dorina           Facite ‘o bravo.

Valerio         No, proprio no! È deciso.

Dorina           Jamme!

Marianna      (Tra sé) Ci soffre, ci soffre a vedermi, sono diventata proprio ripugnante. E allora leviamogli l’incomodo. (Si avvia velocemente per uscire)

Dorina           (Lascia Valerio e corre dietro a Marianna) Acchiappa a chesta mò… Addò te ne fuje?

Marianna      Lasciami!

Dorina           Sienteme a me, statte ccà.

Marianna      No e no, Dorina! È inutile che tu mi trattenga.

Valerio         (Tra sé) È così: la mia presenza è un tormento per lei. Sarà meglio che la lasci in pace. (Fa per uscire)

Dorina           (Lascia Marianna e corre dietro a Valerio) ‘N’ata vota? ‘O diavulo ve purtasse. Ueh, mò basta a tutt’e dduje! Basta cu’ tutte ‘sti cchiacchiere. Venite tutt’e dduje ‘a parte ‘e ccà! (Prende per mano Valerio e Marianna e li trae indietro)

Valerio         (A Dorina) Ma che intenzione avresti?

Marianna      (A Dorina) Che cosa vuoi fare?

Dorina           Ve voglio fa fà pace. (A Valerio) Site asciuto pazzo a v’appiccecà ‘e chesta manera?

Valerio         Non hai sentito che cosa mi ha detto?

Dorina           (A Marianna) E tu, sì asciuta pazza pure tu a te ‘ncazzà ‘e chella manera?

Marianna      Ma non hai visto come mi ha trattata?

Dorina           (A Valerio) Site duje scieme, e v’aggio trattate. Ve giuro ca l’unica cosa ca chesta tene ‘ncapa è sulamente chella ‘e se ‘nzurà cu’ vuje. (A Marianna) E isso vò bene sulo a tte, e nun aspetta ato ca addeventà mariteto, ce scummetto ‘a capa.

Marianna      (A Valerio) E allora perché sei venuto a darmi certi consigli?

Valerio         (A Marianna) E perché me li hai chiesti su certe questioni?

Dorina           ‘A vulite fernì tutt’e dduje?! Jamme, dateme ‘a mana. (A Valerio) Forza, ‘a mana.

Valerio         (Dando la mano a Dorina) A che serve?

Dorina           (A Marianna) Jamme, ‘a vosta.

Marianna      (Dando anche lei la mano) Ma a che serve tutta questa scena?

Dorina           Oh mammina mia bella, jamme, venite annanze. Ma si site accussì ‘nnammurate, e manco ‘o ssapite! (Valerio e Marianna si tengono un po’ per mano senza guardarsi)

Valerio         (A Marianna) Però non fare le cose di malavoglia e guarda in faccia la gente senza rancore. (Marianna si rivolge verso Valerio con un sorriso)

Dorina           Oh, ‘st’annammurati songhe propeto pazze!

Valerio         (A Marianna) Dimmi un po’, non ho forse ragione  di lamentarmi di te? Non è vero che sei stata cattiva, divertendoti a raccontarmi cose rattristanti?

Marianna      E tu, non sei l’uomo più ingrato del mondo?

Dorina           ‘E ‘stu fatto ne parlammo ‘n’ata vota, mò penzammo a comme avimmo ‘a fa p’evità ‘stu matrimonio ca ce sta ‘ncoppa ‘o stommaco.

Marianna      Di’ tu a che mezzi dobbiamo ricorrere.

Dorina           Tutto fa brodo. (A Marianna) Patete nun fa ‘overo. (A Valerio) Tutte storie. (A Marianna) Per te sarrà meglio ca faje avvedè ‘e acconsentì buona buona a tutte ‘e stravaganze soje; pe’ buntà, se capisce. Accussì, in estremo, te sarrà cchiù facile menà a luongo ‘stu sposalizio prugettato. Daje tiempo ‘o tiempo, ca se mette a posto tutte cose. Pe’ primma cosa t’hê ‘a ‘nventà quacche malatia ca verrà bell’e buono e farrà spustà ‘a data d’‘o spusalizio. Po’ hê ‘a caccià ‘a fore ‘nu poco ‘e malaurio: ‘n’incontro spiacevole a ‘nu funerale funerale, ‘a rottura ‘e ‘nu specchio, suonne d’acqua ‘ntempesta… Insomma, e ccà vene ‘o bello, o a isso, o a nisciun ato ve putarranno costringere a dicere ‘e sì. Ma pe’ ffà ‘e ccose a duvere, nun me pare saggio ca ve trovano ccà a parlà ‘nzieme. (A Valerio) Jatevenne, e nun perdite tiempo: ausate tutte ll’amice vuoste pecché ve sia mantenuta ‘a prumessa. Nuje mettimmo ‘mmoto a Davide e ce pigliammo l’appoggio d’‘a matrigna Elvira. Addio.

Valerio         (A Marianna) Faremo tutti gli sforzi possibili, ma la più grande speranza, te lo dico, è riposta in te.

Marianna      (A Valerio) Io non posso rispondere della volontà di mio padre. Ma non sarò d’altri che tua.

Valerio         Mi colmi di felicità. E qualunque cosa tentino…

Dorina           Ah! ‘St’annammurati nun se stancano maje ‘e se fa tanta ciance… V’aggio ditto jatevenne!!

Valerio         (Fa un passo e ritorna) E poi…

Dorina           E quanto parlate! Filate, tu ‘a ccà e vuje ‘a llà! (Li spinge per le spalle, obbligandoli a separarsi)

Vittorio        (Avvicinandosi a Felice e odorandolo)È vero… Ma non puzza, è profumato… Tu odori di violetta! Ma come mai?

Sipario

FINE DEL PRIMO ATTO


ATTO SECONDO

Stessa scena del primo atto.

SCENA PRIMA

(DAVIDE e DORINA)

Davide           Dio mi fulmini in questo istante e chiamatemi tutti un gran mascalzone se non farò uno sproposito!

Dorina           Calmateve, p’ammore ‘e Ddio: fino a mmò ‘o pate vuosto ha parlato sulamente… Comme se dice: dal dire al fare c’è di mezzo il mare.

Davide           Bisogna finirla con le macchinazioni di questo Tartufo. Devo dirgli due paroline all’ orecchio.

Dorina           Chiano! Cu’ Tartufo, comme pure cu’ ‘o pate vuosto, avite fa fà a Elvira… Essa tene ‘na certa influenza ‘ncuollo a Tartufo, ca me pare ca s’arrende sempe a tutto chello ca essa dice e putesse benissimo tenè ‘nu debbole pe’ essa. Vulesse Ddio! Fosse ‘overamente ‘na furtuna! Comunque, dint’‘o vuosto interesse ‘nce avarrà ‘a parlà. Vularrà sapè quaccheccosa ‘ncoppa a ‘stu spusalizio, ll’intenzione ca tene Tartufo e fance capì a isso ‘o burdello ca succedarrà si se vulesse fa quacche illusione ‘ncoppa a ‘stu prugetto matrimoniale ‘e Arturo. ‘O servo sujio dice ca sta prijanno, perciò nun l’aggio pututo vedè. Ma po’ m’ha ditto ca ‘n’atu ppoco vene ccà, pirciò ascitevenne, pe’ piacere, facitammello aspettà a me sola.

Davide           Non posso essere presente anch’io?

Dorina           Nonzignore. Avimmo ‘a essere nuje sule.

Davide           Ma non gli dirò neppure una parola.

Dorina           State pazzianno? Comme si nun ‘o sapisseme ca nun ce mettite niente a ve fà saglì ‘o sanghe ‘ncapa: ‘na manera sicura pe’ ‘nguajà tutte cose. Jatevenne.

Davide           No, voglio assistere, e te lo giuro, senza arrabbiarmi.

Dorina           Uffà! ‘Oillanne. Annascunniteve. (Davide si ficca dietro qualche mobile, nella credenza…)


SCENA SECONDA

(TARTUFO, LORENZO da dentro e detti)

Tartufo         (Scorgendo Dorina si mette a parlare ad alta voce al suo servo che è di là) Lorè, puose cilicio e disciplina, e prega ‘o Cielo ca t’allummenasse. Si vene quacheduno a me cercà, je vaco a visità ‘e carcerate, a distribuì ‘e llemmosene ch’aggio cugliuto.

Lorenzo         (Da dentro) ‘O prego sempe ‘o Cielo ‘e m’allummenà… purtate ‘e llemmosene a chi ne tene bisogno! ‘O duvere nuosto è chillo ‘e chillo ‘e aiutà ll’ate… chille ca tenene cchiù bisogno ‘e nuje.

Dorina           (Tra sé) Ma che canaglie!

Tartufo         E vuje che vulite?

Dorina           Mamma mia, ‘nu poco ‘e manera… (Mette in mostra la scollatura) Ve vulevo dicere…

Tartufo         (Tira fuori un fazzoletto) P’ammore ‘e Ddio, nun parlate ancora e pigliateve ‘stu fazzuletto!

Dorina           Pecché?

Tartufo         State troppo scullata, se vede tutto ‘o sebo e je nun ‘o voglio vedè. Cierti spettacule offendono ll’aneme e fanno fà penziere poco pulite.

Dorina           Ah, allora site facile a ‘e ttentazione, ‘a carne l’impressiona assaje ‘e sense vuoste?! ‘A verità nun me penzavo ca a vuje ve putessere venì ‘e calore. Pe’ mme, nun songo accussì pronta a cierte eccitazione… ve putesse vedè annudo d’‘a capa a ‘e piede nun me sentesse niente, nisciuno penziero erotico, anze…

Tartufo         Cercate ‘e tenè ‘nu poco ‘e mudestia quanno, o si no me veco custretto a ve lassà a ‘e case vuoste.

Dorina           No, no, nun ve preoccupate, songh’je ca ve lasso ‘mpace. Tengo sulamente ‘nu paro ‘e cusarelle ‘a ve dicere… ‘n’atu ppoco scennarrà ‘a signora ca vò parlà cu’ vvuje a ssulo a ssulo.

Tartufo         Oh, che piacere.

Dorina           (Tra sé) Comme addeventa doce! Pe’ mme ‘a signora ce piace assaje…

Tartufo         E vene subbeto?

Dorina           Me pare ca sta venenno… Sì, è essa. Ve lasso sule. (Esce mentre entra Elvira, anche lei molto scollata)

SCENA TERZA

(ELVIRA e detti)

Tartufo         Sempre sia lodato il Cielo per la sua infinita bontà, e possa sempre, Elvira, donarvi la salute dell’anima e del corpo e coprire di benedizione i vostri giorni, conforme al desiderio del mio cuore… il più umile dei cuori ispirati all’amor divino… Vi auguro un mondo di bene!

Elvira            Ve ringrazio assaje pe’ cheste belle e sante parole. Ce vulimme assettà, accussì stamme cchiù comode? (Eseguono)

Tartufo         Dunque vi siete repessa?

Elvira            Completamente guarita. Oramaje ‘a freva è scumparza.

Tartufo         Le mie modeste preghiere non hanno il merito che occorre per poter dire d’aver ottenuto per voi la grazia divina. Ma in tutte le mie suppliche c’era un pensiero, una preghiera per la vostra guarigione.

Elvira            Ve site dato troppa pena pe’ mme, la vostra devozione e fede.

Tartufo         Mai abbastanza per la vostra salute che più d’ogni altra cosa mi è cara, e a tal segno, che avrei sacrificato volentieri tutto me stesso… scambiare le parti… darvi la mia salute e prendere i vostri mali…

Elvira            Tanta carità cristiana ‘overamente è nobbele assaje: ve songo obbligata p’‘a buntà vosta, per il vostro santo altruismo…

Tartufo         Faccio poco, molto meno di quanto voi non meritate.

Elvira            V’aggio parlà a sulo a sulo, ccà nisciuno ce sente.

Tartufo         Ne sono felice anch’io. È davvero una cosa dolcissima, signora, trovarmi qui da solo a sola, con voi. È un’occasione che ho invocato più volte dal Cielo, e solo adesso, finalmente mi è stata concessa.

Elvira            Io pe’ mme voglio sulamente poche parole, ma hanno ‘a essere sincere, haanno ‘a venì ‘a dint’‘o core: nun m’avite annasconnere niente. (Davide, senza farsi vedere, si sposta per ascoltare meglio il colloquio)

Tartufo         Anch’io, grazie a Dio, desidero rivelarvi tutto il mio cuore, il mio affetto… Il chiasso che ho fatto per le visite che qui rendono omaggio alla vostra bellezza, vi giuro che non è stato per un risentimento contro di voi, anzi … Voglio dire che sono stato preso da un impeto di amicizia, di zelo, un moto sincerissimo dell’animo che mi…

Elvira            Ma certamente, e je l’hêvo capito e penzo ca si ve site data tanta pena è stato sulamente p’‘a salvezza mia.

Tartufo         (Fissando la scollatura stringe la punta delle dita di Elvira) Certo, signora, certo, e mi sento così infervorato…

Elvira            Oh, me state stregnenno troppo!

Tartufo         Eccesso di zelo, scusatemi, non pensavo minimamente di farvi male. Preferisco piuttosto… (Le mette la mano sulle ginocchia)

Elvira            E mò ‘sta mano che ce trase?

Tartufo         Palpavo il vestito, signora, che stoffa!

Elvira            (Ironica) Tartù, lassate stà ‘e ppalpazioni, ca soffro assaje ‘o sulletico. (Elvira si ritrae con la sedia; Tartufo si fa più avanti)

Tartufo         (Palpa lo scialle di Elvira) Oh Dio, che bello questo lavoro, che ricamo! Al giorno d’oggi si è arrivati a dei veri miracoli. Cose mai viste, dico, di tutti i generi.

Elvira            Già, ma turnammo a nuje. Se dice ca maritemo vò mancà a cierti impegni farve ‘nzurà cu’ ‘a figlia soja. È ‘overo ‘stu fatto?

Tartufo         Sì, mi ha detto qualcosa, ma, signora, se volete sapere la verità, non è questo il mio fine… la meta della mia beatitudine… della mia felicità… Altrove io vedo l’incanto meraviglioso di quella realizzazione paradisiaca che desidero e spero di avere.

Elvira            Sì, sì, ‘o ssaccio, vuje nun amate nisciuna cosa ‘e chesta terra… sulamente ‘e ccose spirituale…

Tartufo         No, nel mio petto non c’è un cuore di sasso per ciò che nun è puro spirito…

Elvira            E invece je songhe sicura ca ogne aspirazione vosta è rivolta ‘o Cielo e nun s’abbas-sa a desiderà niente ‘e reale, ‘e fisico ccà abbascio… ‘ncoppa ‘a terra…

Tartufo         L’amore dell’eterna bellezza, della divinità, non può soffocare gli amori terreni. Ai nostri sensi è così facile subire il fascino delle meravigliose creazioni di Dio. Il raggio divino si riflette negli esseri come voi… ma in voi sola risplende in tutta la sua rara magnificenza… direi bellezza divina. Sul vostro volto, il creatore di tutte le cose ha profuso bellezze che abbagliano la vista, inebriano i cuori. E io non posso guardarvi, o creatura perfetta, senza riconoscere in voi l’Autore dell’Universo, senza sentire il petto infiammato d’amore di fronte al più bel ritratto che Dio abbia mai dipinto a sua immagine e somiglianza. Io amo il creatore amando voi… ciò che ha creato! All’inizio ebbi timore che questo fuoco segreto fosse un astuto inganno del Maligno, e decisi perfino che dovevo fuggire il vostro sguardo. Vedevo in voi l’ostacolo vivente della mia salvezza. Ma poi compresi, finalmente, o adorabile bellezza, che in questa passione mia non può esserci ombra di colpa, che non c’è contraddizione con la mia purezza, e per questo sento che il mio cuore si può confidare con il vostro… unirsi al vostro cuore e diventare un’unica cosa… È Dio che ha creato l’amore… l’u-nione di due esseri umani… Sono stato troppo audace, lo ammetto, osando farvi offerta del mio… cuore. Ma nelle mie preghiere ho rimesso tutto alla vostra bontà, e non mi aspetto nulla dalle mie povere forze. Siete voi la mia speranza, il mio bene, la mia pace, da voi attendo la dannazione o la beatitudine. Eccomi al vostro giudizio, signora: felice, se volete, o infelice, se a voi così piacerà.

Elvira            ‘Na dichiarazione d’ammore perfetta… Ma si v’aggio ‘a dicere ‘a verità, me stupisce abbastanza. Penzo ca vuje nun avisseve tenè cierte penziere terrene… sensuale… Penzatece ‘nu poco: ‘nu sant’ommo comme a vuje, cu ‘o nomme ca ve site fatto…

Tartufo         Sono un uomo di Chiesa, ma son sempre un uomo creato da Dio… E al cospetto delle vostre celestiali bellezze l’anima è conquistata e non ragiona più. Lo so, un discorso come questo, fatto da me, può sembrarvi strano. Ma, in fin dei conti, signora, io non sono un angelo; e se volete condannare la confessione che vi ho fatto, dovreste incolpare un po’ anche il fascino della vostra persona. Da quando vidi splendere questa luce più che umana, celestiale… voi diventaste la regina dell’anima mia. La dolcezza del vostro sguardo divino superò l’ostinata resistenza del cuore. Fu più forte di tutto, preghiere, lacrime, digiuni: tutti i miei desideri si rivolsero a voi. E non ve l’ hanno forse già detto mille volte i miei sguardi, i miei sospiri? Ora sono stato più esplicito, e vi ho parlato come dovevo… Ah, se voi voleste considerare con un po’ di benevolenza le tribolazioni del vostro indegno servo, se voi foste così pietosa da con-solarmi un poco, se vi degnaste di scendere sino a me che son nulla, oh, in eterno io sentirei per voi, o creatura divina, il culto sconfinato della mia devozione, del mio affetto sincero… La vostra virtù, accanto a me, non corre alcun rischio, non ha da temere disavventure, scandali da parte mia. Questi damerini di corte di cui s’ invaghiscono le donne agiscono senza discrezione e poi sono vanitosi, parolai, non fanno che vantarsi delle loro conquiste. Ogni minimo favore lo spiattellano a tutti… se ne fanno vanto… Non sanno tenere la bocca chiusa, e guai a fidarsi di questa gente che disonora l’altare dell’anima. Le persone come noi no: covano la fiamma in segreto e si può avere fiducia illimitata. L’amore per la nostra reputazione è una garanzia assoluta per la persona amata che solo in noi, se accetta la nostra offerta, può trovare l’a-more senza lo scandalo… e il piacere senza la paura… bisogna osare per amare!

Elvira            A ve sentì ‘e parlà, me pare ca tenite espressione ‘nu poco troppo esplicite. Quindi nun ve ne pasa manco p’‘a capa ca putesse jì addu’ maritemo a ce cuntà tutte cose, e ca accussì ve ‘nguajo unu piezzo?

Tartufo         Ma voi siete così buona, io lo so, così dolce e vorrete certo perdonare alla mia audacia, e compatire l’umana fragilità, per l’impeto irrefrenabile di questo amore che non dovrebbe per niente offendervi. Ma pensateci bene, guardandovi allo specchio. Dovrei essere cieco, e non di carne per desiderarvi…

Elvira            ‘N’ata femmena forse pigliasse ‘sta cosa ‘e ‘n’ata manera. Comunque ve voglio dimostrà ca pozzo fa finta ‘e niente. Nun dico niente a maritemo, però voglio ‘na cosa ‘a vuje. Senza tanta chiacchere, s’ha dda accellerà ‘stu sposalizio ‘e Marianna cu’ Valerio. E vuje avite rinuncià a qualunque iniziativa ca nun putesse fa felici ‘e duje guagliune… Vuje avite ‘a essere accussì altruista, accussì buono, accussì generoso ‘e rinuncià a ‘na felicità ca invece va a ati dduje perzone… ce rinunziate?

SCENA QUARTA

(DAVIDE allo scoperto e detti, poi ARTURO)

Davide           (Uscendo dal suo nascondiglio. Tartufo resta impietrito) Mamma, qua bisogna fare lo scandalo… questa storia la devono conoscere tutti. Ho sentito tutto. È stata la mano del Cielo a guidarmi qui per infliggere un’umiliazione a questo traditore pericoloso… a questo furfante subdolo e ipocrita … Ecco l’occasione per vendicarmi della sua sfacciata ipocrisia volta a ingannare mio padre e finalmente smascherarlo, questo miserabile che vi parla d’amore, che osa sperare di unirsi a voi carnalmente…

Elvira            No Davide, a me m’abbasta ca mette giudizio e che se sape merità ‘o perdono ca ll’ aggio prummiso. Oramaje l’aggio ditto e nun cagno penziero. Nun songo ‘o tipo ‘e fa scandali: ‘na femmena onesta ‘ncoppa a ‘sti fesserie se fa ‘na resata, nun mette pollece dint’‘e rrecchie d’‘o marito!

Davide           Voi avete le vostre buone ragioni per agire così, ma io ho le mie e farò diversamente. Essere generosi con lui, ma scherziamo? L’orgoglio insolente di questo bigotto ha finora trionfato anche troppo sulla mia indignazione e ha provocato già troppi guai in casa nostra. Da troppo tempo questo furfante dispone di mio padre come vuole. E non solo sta danneggiando me, ma anche Valerio. Bisogna che papà capisca quanto sia perfido, e questa è la volta buona e non voglio sprecare quest’occasione provvidenziale. Non c’è occasione migliore di questa per svergognare questo furfante?

Elvira            Oh, Davide…

Davide           No, non lo scusate, farò quello che mi pare. Ah, sono proprio felice! E tutte le vostre parole non mi faranno rinunciare alla soddisfazione della mia vendetta. Voglio finirla senza tante storie. Mi pare che ci siamo. (Entra Arturo) Vogliamo farvi omaggio, caro padre, di un episodio fresco fresco, una grossa sorpresa per voi. Siete stato ricompensato benissimo delle vostre tenerezze per il signor Tartufo, che vi ha saputo dimostrare tutta la sua riconoscenza. L’ho colto qui sul fatto, mentre si permetteva di oltraggiare vostra moglie con i suoi turpi sentimenti. Lei è troppo buona e riservata, e per questo voleva mantenere assolutamente segreta la faccenda. Ma io non posso far finta di niente: tacere mi sarebbe parso un’ offesa nei vostri riguardi.

Elvira            E invece sicondo me nun s’ha dda ‘nguajà ‘a pace ‘e ‘nu marito cuntannole tutte ‘sti fesserie. L’onore dipende ‘a ben ati ccose e nuje donne ‘nce avimmo sapè difennere nuje sule. E tu, caro Davide, te fusse stato zitto si je avesse avuto ‘na minima autorità ‘ncuollo a tte… (Esce di scena)

SCENA QUINTA

(ARTURO, TARTUFO e DAVIDE)

Arturo          Ma è possibile ‘na cosa ‘e cheste? Ma che state dicenno, santo Cielo!

Tartufo         (Finalmente si muove) Fratello mio è accussì, je songo ‘nu malamente, ‘nu colpevole, ‘nu peccatore miserabile, ‘n’ammasso ‘e crudeltà, ‘o cchiù grande scellerato ca ce sta ‘ncoppa ‘a faccia ‘e ‘sta terra. Ogne mumento d’‘a vita mia è cchieno ‘e schifezze, vizzie e delitte, e accussì ‘o Cielo, pe’ me punì, mò me vò murtificà. ‘E qualunque cosa me vonno accusà je manco me difendo, pecché nun ne tengo ‘a forza. Cride pure a tutto chello ca te diceno, cacciame ‘a dint’a ‘sta casa comme ‘nu delinquente. Sarrà sempe poca ‘a vergogna rispetto a chella ca m’attuccasse.

Arturo          (Al figlio) Ah, traditore! E tu, cu’ ‘e buscie toje, ‘o vuò mettere ‘ncattiva luce?

Davide           Ma come? Le bugie sdolcinate di questo furfante ipocrita vi portano perfino a rinnegare un figlio…

Arturo          Statte zitto, già hê parlato troppo!

Tartufo         Ma nossignore, fallo parlà, è meglio ca ce cride a chello ca t’ha ditto. Pecché te vuò mettere d’‘a parte mia? E po’, che ne saje ‘e chello ca fosse capace ‘e fà? Poveru fratu mio, te fide ancora ‘e ll’apparenze? E accussì, sulo pe’ chello ca paro, te cride ca je songo meglio ‘e ll’ate? No, no, nun te fa fa fesso, je songo assaje diverso ‘a chello ca se penza ‘a ggente. Tutte quante se penzano ca je songhe ‘na perzona perbene, invece je songhe ‘nu miserabbele. (Rivolto a Davide) Parla, parla, trattateme comme a ‘nu traditore, ‘n’infame, ‘n’anema perza, ‘nu mariuolo, ‘n’assassino, ‘nu violentatore; chiammateme cu’ ‘e nomme cchiù orribbele ca cunuscite: me star raggio zitto, è chello ca m’ammereto. Voglio fa penitenza addenucchiato (Si inginocchia) ‘nnanze a chesta grande vergogna inflitta giustamente a tutte ‘e peccati ch’aggio fatto ‘ncoppa ‘a ‘sta terra…

Arturo          (A Tartufo) Basta, fratello, basta. (Al figlio) E ancora nun t’arrendi, visionario busciardo!

Davide           Ah, è così? Vi lasciate ancora lusingare dalle sue chiacchiere…

Arturo          (Facendo alzare Tartufo) Aizate all’erta, p’ammore ‘e Ddio. (Al figlio) Sì ‘nu ‘nfame!

Davide           Ma è mai possibile…

Arturo          Statte zitto!

Davide           Ma io divento matto. Ora passo pure per…

Arturo          Si dice sulo ‘na parola, te dongo ‘nu cazzotto ‘ncapa.

Tartufo         Ma fratello, p’ammore ‘e Ddio, nun t’arraggià. Preferisco ‘e havê ‘e ppene cchiù crudele, si sulamente have ‘nu scippo pe’ ccasusa mia.

Arturo          (Al figlio) ‘Ngrato!

Tartufo         Lass’‘o jì. O m’aggio ‘a jettà ‘e piede tuoje pe’ te prijà d’‘o perdunà?

Arturo          (Cade in ginocchio anche lui, abbracciando Tartufo) Nun sia maje, stisse pazzianno? (Al figlio) Piezzo ‘e disgraziato, nun ‘o vvide quant’è bbuono? Quant’è altruista? È ‘nu santo martire!

Davide           E quindi…

Arturo          Silenzio!

Davide           Allora io…

Arturo          T’aggio ditto silenzio! ‘O ssaccio pecché ce ll’haje cu’ isso. È ‘n’odio generale, ‘o bbeco: muglierema, ‘e figlie, ‘e cammariere, tutte quante ‘ncuollo a isso. E fanno qualunque cosa p’‘o caccià ‘a via ‘e fore, a ‘stu sant’ommo. Ma cchiù facite accussì e cchiù m’‘o tengo dint’‘a casa. Anze, voglio anticipà ‘o matrimonio sujio cu’ figliema pe’ cuntrastà chest’arroganza ca tenite tutte quante… aggio ‘e essere ‘nu spirito ‘e contraddizione!

Davide           Volete costringere Marianna a sposarlo?

Organte        Sì, furfante traditore. E justo stasera. Pe’ ve fà dispietto ve faccio vedè ccà chi cumanna e a chi avite ‘a ubbedì. Ritira chello ca hê ditto, mascalzone, e addimannele perduono subbeto chiedetegli, addenuocchiete!

Davide           Io? Perdono a questo furfante, a questo ipocrita impostore…

Arturo          Ah no, eh? Disgraztiato! E ancora ‘o ‘nsulte! ‘Nu bastone, dateme ‘nu bastone! (A Tartufo) Lassame! (Al figlio) Vattenne, jesce mmò mmò ‘a ccà dinto!

Davide           Sì, me ne andrò, ma voglio…

Arturo          Vattenne ‘a via ‘e fore t’aggio ditto! Nun sì cchiù figliemo: te diseredo e te maledico… Jesce ‘na vota e pe’ ssempe ‘a dint’a ‘sta casa! (Davide via)

SCENA SESTA

(ARTURO e TARTUFO)

Arturo          Ma comme se po’ offennere ‘e chella manera ‘nu sant’ommo!

Tartufo         (Tra sé) O Signore, perdonatelo come io lo perdono. (A Arturo) Si sapisse quanto me dispiace ch’ha pruvato a me pittà accussì niro all’uocchie tuoje, fratello mio…

Arturo          Ohimè!

Tartufo         Sulo ‘o ppenzà a tanta ingratitudine me fa suffrì ‘e ppene chiù terribbele… Me sento ‘n’oppressione ‘o core ca nun me fa parlà, me sento ‘e murì…

Arturo          (Corre piangendo verso la porta da cui ha estromesso il figlio) Disgraztiato! Nun te l’h’êvo fà bbona, m’hêvo ‘a fà giustizia ccà stesso, cou’ ‘e mmane meje! (A Tartufo) Fatte forza, fratu mioo, e nun te piglià tanta collera.

Tartufo         Ma sì, basta cu’ ‘sti scontre continue. Me n’aggio adunato ca ccà dinto pe’ causa mia ce stanno troppi casini, pirciò, fratu mio, è meglio ca me ne vaco.

Arturo          Ma che staje dicenno? Staje pazzianno?

Tartufo         Mi odiano, ‘o vveco: cercano ‘e te mettere dinto all’animo sospette ‘ncoppa all’one-stà mia… all’onore mio…

Arturo          E che te ne ‘mporta? T’è paruto ca ll’aggio stato a ssentì?

Tartufo         No, no, ma sicuramente nun se fermarranno ccà. E tutte ‘sti ccose ca ogge nun accette, ‘nu dimane, forze, ‘e starraje a ssentì.

Arturo          Nun succedarrà maje ‘na cosa ‘e cheste, fratu mio.

Tartufo         Lassame, me ne vaco, accussì ‘nce levo a lloro l’occasione ‘e me dà ‘ncuollo.

Arturo          No, tu ‘a ccà nun te ne vaje, o si no ne murar raggio ‘e ‘pucundria.

Tartufo         E vabbene, vò dicere ca ce farraggio ‘o callo a tutte ‘sti murtificazione.

Arturo          Ah!

Tartufo         Così sia e nun ne parliamme cchiù. Ma je ‘o ssaccio comme m’aggio ‘a regolà. L’onore è ‘na materia delicata, e l’amicizia m’obbliga a evità ‘e cchiacchiere e qualunque suspetto, pure ‘o cchiù ‘nsignificante: Starraggio luntano ‘a mugliereta, nun me vedarraje mai cchiù ‘e parlà cu’ essa…

Arturo          Nossignore, a dispetto ‘e tutte quante, hê ‘a stà cu’ essa. Ll’aggio ‘e vedè ‘e schiattà p’arraggia. T’hanno vedè cu’ essa a tutte ll’ore, anze: mò propeto voglio proprio sfidà l’arraggia ‘e tutte quante, e faccio ‘e ccose commedich’je. Te voglio fà donazione ‘e tutto chello ca tengo. ‘N’amico vero e sincero comme a vuje, ‘o futuro jennero mio, pe’ mme è cchiù ‘e ‘nu figlio, ‘e ‘na muglie e de qualunque parentela. Spero ca accettarraje ‘a pruposta… sarraje marito ‘e figliema e proprietario ‘e tutte quante ‘e bbene mieje…

Tartufo         Nun me pozzo opporre ‘e vulere divine…Sia fatta sempe ‘a vuluntà ‘e Ddio.

Arturo          Jamme, jamme subbeto a priparà ‘e ccarte. E schiattassero tutte quante p’‘a ‘mmiria! (Escono)

DISSOLVENZA DI CHIUSURA LUCI, BUIO PER CAMBIO PERSONAGGI

E RIACCENSIONE LUCI

SCENA SETTIMA

(COSTANZO eTARTUFO)

Costanzo       Tutte ‘sti cchiacchiere nun ve fanno onore. E chist’incontro, caro signore, è l’occa-sione bona pe’ ve dicere chiaro e tunno chello ca penzo. Lassammo sta chello ca se dice, nun ce penzammo. Nella peggiore delle ipotesi, dicimmo pure ca Davide s’è cumpurtato malamente e v’ha accusato ingiustamente. Mò, dich’je, ‘n’ommo ‘e cchiesa nun avesse ‘a perdunà ll’offese? Nun avesse ‘a cancellà ‘a dint’‘o core qualunque desiderio ‘e vendetta? Putite maje permettere ca doppo ‘e discussione vuoste, ‘nu pate caccia ‘o figlio ‘a dint’‘a casa? V’‘o ddico cu’ tutt’‘o core: s’hanno scandalizzate tutte quante, nisciuno escluso. Si vuje me state a ssentere, putisseve purtà ‘n’ ata vota ‘a pace generale. Facite offerta a Ddio d’‘a collera vosta e facite appacificà pate e figlio.

Tartufo         Sentite, pe’ chello ca m’arriguarda, nun vaco truvanno ato ca chesto, e v’‘o ddico cu’ ‘o core. Je pe’ isso nun tengo nisciuno rancore. ‘O perduono ‘e tutte cose e facesse qualunque cosa pe’ ‘nce putè essere utile, ma ll’interesse d’‘o Cielo nun m’‘o permetteno. E si isso torna ccà, m’attuccarrà a me ‘e me ne jì. Doppo tutto chello ch’ha ditto e ch’ha fatto, nun putarrisseme maje campà sotto ‘o stesso tetto. Che ne pensasse ‘a ggente? M’accusarranno ca l’aggio fatto sulamente pe’ politica e diciarranno ca sicuramente ca je ‘o ssapevo ca ‘a colpa era ‘a mia e pirciò aggio fatto finta ‘e tenè tutta ‘sto carità; diciarranno ca me mettevo appaura ‘e isso e ca ‘o vulevo trattà ‘e riguardo pe’ me movere sott’acqua, senza ‘e me ne fa addunà.

Costanzo       Mò ve ne vulite ascì cu’ chesta truvata brillante, ma comme tutte ‘e ragiunamente vuoste pure chisto è ‘nu poco stiracchiato. Vuje vulisseve dicere ca ve state ‘ncarrecanno d’‘e probbleme umane mentre invece v’avisseve ‘nteressà sulamente d’‘e cccose divine? Dio forse tene bisogno ‘e vuje pe’ punì ‘o colpevole? E facitelo fà! ‘Nce penzarrà isso a se vendicà. Chi fa  peccato pava o ‘ncoppa a ‘sta terra o dinto all’aldilà! Vuje, piuttosto, penzate a perdunà ll’offese, comme dice ‘o Signore, e nun ve curate d’‘o giudizzio ‘e ll’uommene, visto ca ubbidite sultanto ‘e cumandamente divine. Pe’ quala raggione chello ca dice la gente v’avesse impedì ‘o vanto ‘e ‘na bbona azione? No, no, s’ha dda sapè ubbidire ‘a vuluntà ‘e Ddio, senza ‘e se ‘mbriacà ‘e ccerevelle cu’ ati preopazioni.

Tartufo         V’aggio già ditto ca ‘o core mio l’ha perdunato, e chesto, caro signore, è chello ca che vò dicere adattarse ‘o vulere divino. Ma ogge, doppo ‘e scandale, doppo ll’af-fronte, ‘o Cielo nun me po’ cummannà ‘e campà vicino a isso, dint’‘a stessa casa,

Costanzo       E allora forse ve cumannarrà ‘e stà a sentì ‘nu capriccio d’‘o pate e d’accettà ‘nu patrimonio ca nun ve spettasse propeto ‘e deritto?

Tartufo         Chi me cunosce ‘o ssape ca nun ‘o ffaccio pe’ ‘n’interesse personale. Tutte ‘e bene ‘e chesta terra nun tenene pe’ mme nisciuna attrazione. E ‘o splendore favezo ca tenene nun m’abbaglia. Si me decido e accetto ‘a donazione ca ‘o pate me vò fà, è sulamente pecché me metto appaura ca ‘stu bbene ‘e Ddio putarrà fernì dint’a cattive mane, ‘mmano a gente ca se ne serve pe’ fini peccaminosi e no, comme voglio fò je, p’‘a maggiore gloria ‘e Nostro Signore e pe’ ffà beneficenza a chi ne tene bisogno. E po’, si ‘o Signore, pe’ miezo ‘e Arturo vo’ chesto… posso maje non ubbidì ‘o vulere divino?

Costanzo       Ma fernitela cu’ ‘sti preoccupazione delicate, filosofiche e metafisiche ca putessero indurre l’erede legittimo a ve fà causa. Facite, senza ‘e ve ne ‘tricà, ca isso rimmane in possesso d’‘e bene suoje a suo rischio e pericolo. Sarrà meglio ca nun ne faccia ‘nu buon uso, invece ‘e v’accusà d’‘o vulè ‘mbruglià. Chello ca me fa meraviglia però, è ca avite accettato ‘n’offerta ‘e chesta manera senza ‘e ve scumporre manco ‘nu poco. Insomma, diciteme ‘na cosa, dint’‘ce stesse scritta quaccheccosa ca ‘mpara a spuglià ‘o prossimo ‘e ‘na legittima eredità? E si fosse proprio ‘o Cielo ca v’ha miso ‘ncapa l’impossibilità ‘e cunvivere cu’ Davide, nun fosse meglio ca vuje, ‘a perzona discreta comme site, ve ne jisseve dignitosamente ‘a dint’a ‘sta casa, invece ‘e fà caccià ‘o figlio, pe’ causa vosta e contro ogne raggione? Crediteme, è arrivato ‘o mumento ca ‘a saggezza vosta, accussì grossa, dà ‘na grande prova …

Tartufo         S’hanno fatte ‘e ttre e mezza. ‘E dovere d’‘a fede me chiammano, aggio jì a dicere ‘o Rusario. Ve prego ‘e me scusà si ve lasso accussì. (Esce)

Costanzo       (Solo) Ah!

SCENA OTTAVA

(DORINA, MARIANNA e detto, poi ARTURO ed ELVIRA)

Dorina           (Entra seguita da Marianna. A Costanzo) Signor Costanzo, p’ammore ‘e Ddio, facite pure vuje quaccheccosa pe’ Marianna. Sta suffrendo ca nun ce ‘a fa cchiù, e ‘o penziero ‘e chello ch’ha cumbinato ‘o pate stasera ‘a fa sentì ancora cchiù disperata. ‘N’atu ppoco venene ccà, pe’ piacere, mettiammece tutte assieme e jettammo all’aria cu’ ‘a forza o cu’ l’astuzia, ‘stu progetto sciaurato ca ce ha sconvolte a tutte quante. (Entrano Arturo e la moglie Elvira)

Arturo          ‘Overamente me cunsolo a ve vedè tutte quante assieme. (A Marianna) Dint’a ‘stu cuntratto tengo ‘na cosa ca ve farrà piacere assaje, pure si già ‘o ssapite chello ca voglio dicere.

Marianna      (S’inginocchia davanti a Arturo) Oh, padre! In nome del Signore che vede le mie pene, in nome di tutto quello che può commuovervi il cuore, rinunciate un attimo ai vostri diritti e dispensatemi da questa obbedienza. Non mi costringete, con una legge inesorabile, a dolermi con Dio per tutto quello che vi devo, e non mi rendete infelice questa vita che mi avete dato. Se contro le mie più dolci speranze mi proibite di appartenere all’amor mio, almeno siate buono, ve lo imploro in ginocchio, risparmiatemi questo tormento di sposare un essere odioso che non amo… Non costringetemi a qualche gesto disperato, facendomi subire la vostra autorità.

Arturo          (Sentendosi intenerire) Ccà ce vò fermezza, nun m’aggio commuovere!

Marianna      Non m’importa nulla della vostra tenerezza per Tartufo. Dimostratela in tutti i modi, donategli i vostri beni, e se non basta, aggiungeteci pure la mia parte. Vi dò il mio consenso di tutto cuore, fatene quel che volete. Ma lasciatemi libera, lasciatemi consumare in un convento i giorni tristi che Dio mi ha dato in sorte.

Arturo          ‘Ebbiccanne: addeventano tutte religiose quanno ‘o padre è cuntrario ‘a vuluntà loro! Jamme bello, aizate. ‘O core tujo se rifiuta, è ‘na cosa accussì disgustosa? Meglio accussì, avarraje ‘nu merito cchiù gruosso. Tu vuò murtificà ‘e sense tuoje? ‘Stu spusalizio sarrà l’ideale. E mò basta, nun me scassà cchiù… ‘a capa!

Dorina           Oh, insomma!

Arturo          Statte zitta tu! Fattella cu’ ‘a ggente comm’a tte, è chiaro? Nun hê ‘a dicere manco cchiù ‘na parola.

Costanzo       Sulamente pe’ ‘nu cunziglio, si me permiette…

Arturo          Caro Costanzo, ‘e cunziglie tuoje songhe eccellente, raggiunate a filo ‘e logica, e infatti ‘e cunsidero sempe. Ma hê ammettere ca faccio bbuono a nun ‘e sseguì.

Elvira            (Al marito Arturo) Pe’ chello ca veco, nun saccio propeto cchiù ch’aggiuo ‘a dicere. Sì cchiù ccecato d’‘a cieca ‘e Surriento. È ‘na cotta vera e propria, si arrive a me smentì ‘ncoppa ‘o fatto ‘e stammatina.

Arturo          Ma je aggio pure dà cunto all’apparenze. ‘O ssaccio, tu tiene ‘nu debbole pe’ chillu disgraziato ‘e figliemo te rincresce d’‘o scunfessà pe’ chello ch’ha ditto a chillu puveriello ca nun po’ vvedè. E po’ ire troppo serena, pecché te putesse credere, o si no avisse dimostrato assaje diversamente l’emozione e ‘o sdegno ca tiene.

Elvira           E allora, annanze a ‘na semplice dichiarazione d’ammore, l’onorabilità nosta avesse addirittura alluccà, strillà, chiagnere…? Insomma a tutto chello ca ce offende s’aves-se ‘a risponnere cu’ ‘e fiamme all’uocchie e l’ingiurie ‘ncoppa ‘a vocca? Pe’ quanto m’arriguarda, cierte discorse me fanno sulamente ridere. ‘Ncoppa a ‘sti ccose nun me piace pe’ niente fà burdello o ‘ncazzarme… A me me piace ‘e sta cujeta quanno aggio ‘a mustrà ‘nu poco ‘e mudestia. Nun songo comme a cierte ferocissime vezziuse ca difendono l’onore cu’ ‘e zanne e cu’ ll’artiglie, e abbasta ‘na parulella pe’ sfregià ‘o prossimo. Dio me ne scanze e libberi! Ma nun saccio che me n’aggio ‘a fa ‘e chesta virtù satanica. Je penzo ca ‘nu rifiuto friddo e ammesurato è cchiù meglio pe’ respingere cierti ppruposte.

Arturo          Je pe’ mme saccio ‘o fatto mio e nun me faccio fa fesso ‘a nisciuno.

Elvira           ‘A debbulezza toja è ‘overamente straordinaria. Ma dimme ‘na cosa: ‘nce credisse si te facesse vedè ca t’hanno ditto ‘a verità?

Arturo          Vedere?

Elvira           Parprio accussì.

Arturo          Fesserie!

Elvira           Ah, no? E si t’‘o facisse vedè cu’ ll’uocchie tuoje?

Arturo          Storie, storie ca nun tenene né capa né coda… nun è possibile! Nun ce credo!

Elvira           Ma ch’ommo sì?! Almeno rispunneme. Nun sto dicenno ‘e credere a nuje, ma dicimmo ca ‘a ‘na certa parte te facesse vedè e sentì tutte cose, chiare e tonne, che dicisse 'e‘chillu bellu galantommo?

Arturo          Beh, avesse ‘a dicere… Ma no, nun dicesse ‘o riesto ‘e niente, pecché nun è possibile… nemmanco immaginabile!

Elvira           Allora basta: è già troppo che te sbaglie e invece m’accuse d’essere busciarda. Famme ‘o piacere ‘e assistere subbeto a ‘sta prova, senza perdere tiempo… ‘a facimmo ‘sta scummessa?

Arturo          E vabbene, te piglio ‘ncoppa ‘a parola. Vedimme si sarraje capace ‘e mantenè ‘a prumessa e vencere ‘a scummessa…

Elvira           (A Dorina) Fammello venì ccà.

Dorina           (A Elvira) ‘Onna Elvì, chillo è ‘nu volpone facite attenzione, nun sarrà ‘na fesseria a llo ‘ncatastà.

Elvira           (A Dorina) Nun te preoccupà, si è facilmente vittima d’‘e pperzone amate, e ‘a vanità è ‘na trappola ‘nfallibile. Jamme, vallo a chiammà. (Dorina esce. A Costanzo e Marianna) E vuje, jatevenne! (Costanzo e Marianna escono. A Arturo) Purtammo ‘stu tavolo cchiù annanze e tu annascunnete ccà ssotto.

Arturo          Comme?

Elvira           ‘A cosa cchiù ‘mportante è ca tu staje annascuso bbuono.

Arturo          Ma pecché justo ccà ssotto?

Elvira           Oh, santo Iddio, e famme fà! ‘O ssaccio je ‘o ppecché, po’ giudiche. Jammo, annascunnete e vide ‘e nun te fa vedè né sentì.

Arturo          Me pare ca mò te stongo assecunnanno ‘nu poco troppo. Jamme a vvedè comme fernesce ‘st’esperimento. (Va sotto il tavolo)

Elvira           Spero ca nun tiene niente a dicere. Se capisce, toccherò quacche tasto ‘nu poco delicato, ma nun te scandalizzà, m’arraccumanno. Qualunque cosa dico, m’ha dda essere cunsentita. È sulameante pe’ te fà persuaso, comme t’aggio prummiso. Forse sarraggio ‘nu poco tennera, e ce sarraggio custretta, pe’ sceppà ‘a maschera a chest’anema ipocrita. Aggio ‘a lusengà ‘e vvoglie d’‘a passione soja e scatenà ‘a temerarietà. Ovviamente tutto chesto ‘o ffaccio sulamente pe’ tte e p’‘o svergognà bbuono. Faccio finta ‘e cedere ‘e desiderie suoje, e tanno ‘a fernesco quanno te sarraje arreso all’evi-denza. ‘E ccose andranno fino a quanno ‘o ddecide tu. Sarraje tu a fermà l’ardore ‘e Tartufo quanno ‘a cosa te pararrà troppo spinta e mugliereta, pe te cunvincere, nun ha dda essere cchiù tuccata né spugliata… Songhe fatte d’‘e tuoje, l’arbitro sì ttu e… ‘Oillanne, sta venenno… Statte cujeto e nun te fa vedè né sentì… t’hê ‘a sta immobbile!

SCENA NONA

(TARTUFO e detti)

Tartufo         (Entra) Mi hanno detto che eravate qui e volevate parlarmi.

Elvira           Sissignore, v’aggio ‘a cunfidà ‘nu sicreto. Primma però ‘nzerrate ‘a porta e vvedite bbuono ca nisciuno ce sente. (Tartufo va a chiudere la porta e ritorna) Ce manca sulo ca s’ arrepetesse ‘n’ata surpresa comme a chella ‘e primma. È stato ‘nu colpo troppo forte… Davide m’ha fatto proprio disperà pe’ vvuje. M’aggio avuto sfurzà assaje p’‘o putè acquietà. Ve cunfesso ca stevo accussì aggitata ca nun aggio nemmanco penzato a smentì ll’accuse ca v’ha fatto. Comunque, ringrazianno ‘o Cielo, è gghiuto liscio tutte cose e mò putimme stà cchiù cujete. ‘A stima ca tutte quante teneno pe’ vvuje ha chiarito tutte cose e maritemo nun ve purtarrà ‘nisciuno rancore. Anze, pe’ sfidà ‘e cchiacchiere d’‘e mmalelengue, va truvanno ca je e vuje stesseme sempe assieme. Pe’ cchesto pozzo stà ccà senza ca nisciuno dice niente, je sola ‘nzerrata ccà dinto cu’ vvuje, e accussì finalmente ve pozzo arapì ‘o core mio, troppo fragile pe’ putè resistere ‘a passinìona ca tenite vuje pe’ mme.

Tartufo         Signora avete uno strano linguaggio, non è facile comprenderlo. Avete proprio cambiato stile.

Elvira           Ma forse vuje state ‘ncollera p’‘o rifiuto mio ‘e primma? Si è accussì vuje nun canuscite bbuono ‘o core ‘e ‘na femmena. Nun sapite chello ca vò dicere ‘na resistenza accussì debole! Ce stanno cierte mumente ca ‘o pudore nun po’ cumbattere contro l’ offerta di teneri sensi. Certo, nuje putimmo giustificà benissimo ‘a passione ca ce do-mina, ma a lla cunfessà è ‘n’ata cosa, ce se mette sempe scuorno. All’inizio una se mantene sempe ‘nu poco, ma ll’uocchie fanno capì subbeto ca oramaje ‘o core s’è arreso, e allora ‘a vocca dice no, ma sulamente pe’ pudore… ogne rifiuto è tutta ‘na prumessa. Capisco, chesta è ‘na confessione bella e bbona, e nun stonghe sparagnanne mudestia. Ma allora diciteme, ‘a parola oramaje m’è scappata, pecché aggio fatto l’impossibile pe’ mantenè a Davide, pecché aggio ‘ntiso accussì docilmente e fino alla fine tutta ‘a dichiarazione vosta, e perché aggio pigliato ‘a cosa cu’ chillu tono, si dint’a chelli pparole voste nun ce fosse stato quaccheccosa ‘e piacevole, ‘e stimolante, d'eccitante? E quanno songo stata propr’je a insistere pe’ ve fa rifiutà chella pruposta ‘e matrimonio, che vvuleva significà tanta insistenza, si no l’interesse mio pe’ vvuje, e ‘o dispiacere ca ‘stu spusalizio me leva ‘na parte ‘e ‘nu core ca vulesse tutto pe’ mme?

Tartufo         Oh signora, parole come queste, ascoltate da una bocca amata… e una dolcezza che non ha confini. Dal loro miele cola in tutti i sensi una soavità che non conobbi mai. La gioia di piacervi è per me il fine supremo, nella vostra volontà il mio cuore trova la sua santa beatitudine. Ma questo cuore, ahimè, vi domanda licenza di dubitare ancora di tanta felicità. Potrei pensare che le vostre parole non siano altro che un onesto accorgimento per impedire questo matrimonio. E se permettete che vi dica tutto quel che penso, non posso fidarmi di così dolci parole, se almeno un segno della vostra grazia, a cui tanto sospiro, non mi darà qualche certezza di una grande fiducia nella vostra fascinosa bontà.

Elvira           (Dopo aver tossito per avvertire il marito) Eh, chianu chianu, e comme currite! Vulite proprio subbeto tutta ‘a tenerezza ‘e ‘stu core mio? Ve sto cunfessanno ‘e sicrete mieje cchiù ppersonale e non v’abbasta? Dunque pe’ ve vedè soddisfatto avimme arrivà ampressa ampressa fino in fondo? Nun è cchiù eccitante ‘nu poco d’attesa?

Tartufo         Meno si merita la felicità e meno si osa sperarla. Non sono le parole che possono bastare all’amor mio. Una gloriosa fortuna riempie sempre di sospetti. E uno vorrebbe godersela prima ancora di crederci. Per me, sono così poco sicuro di meritare la vostra benevolenza, che temo di non cogliere i frutti di tanta audacia! Ma non potrò mai credere a nulla, finché voi, signora, non abbiate offerto qualche tangibile prova all’a-mor mio. Il rimandare può far impazzire!

Elvira           Mamma mia, quant’è tiranno ‘st’ammore vuosto, ca nun sape aspettà ‘nu poco… Però sento ca ‘sta fretta me turba fino ‘nfunno all’anima e cunosce l’arte ‘e dominà ‘e cuore e chella ‘e desiderà cu’ viulenza chello ca va truvanno! E nun saccio propeto comme m’aggio ‘a defennere, vuje nun me date manco ‘o tiempo ‘e risciatà! Ve pare bella tutta chest’ostinazione? Ve pare onesto tenè cierti ppretese? E ve pare giusto a-busà cu’ tanta insistenza ‘e chesta debulezza ca v’ha dimustrata ‘na femmena?

Tartufo         Ma se è vero che la mia corte non vi dispiace, perché non volete incoraggiarmi con qualche solido pegno? Un bacio… almeno un bacio!

Elvira           E comme pozzo accunsentì a ‘e desiderie vuoste senza offennere ‘o Cielo, chillu Cielo ca propeto vuje annummenate sempe?

Tartufo         Se voi del Cielo me ne fate un ostacolo, per me è presto superato. E questo non dovrebbe farvi indugiare ancora.

Elvira           Ma ce fanno mettere accussì tanta paura cu’‘e divieti d’‘o Cielo!

Tartufo         Ci penso io, signora, a dissipare queste ridicole paure; so io l’arte di toglier via gli scrupoli. Il Cielo naturalmente proibisce certe soddisfazioni, ma poi tutto s’aggiusta. I casi sono tanti, e c’è una scienza apposta per sciogliere i nodi della nostra coscienza, e per giustificare il male delle opere con la purezza delle intenzioni. (A parte) Quando ci si pente poi… si è di nuovo puri. (A Elvira) Sono segreti, signora, che saprò insegnarvi io. Voi dovete soltanto lasciarvi guidare. Accontentatemi e non temete. Rispondo io di tutto. Mi accollo io ogni colpa. (Elvira tossisce più forte) Ma che tosse avete?

Elvira           Oh, è ‘nu martirio!

Tartufo         Gradite un po’ di liquirizia?

Elvira           È proprio ‘na brutta tosse, grazie, ma nun abbastasse tutta ‘a liquerizia d’‘o munno.

Tartufo         È una cosa veramente dolorosa.

Elvira           Uh! Nun ne parlammo!

Tartufo         In fin dei conti i vostri scrupoli non reggono. Voi siete più che sicura del segreto assoluto; e il male sta soltanto nello scandalo. Ecco quel che offende: ma un peccato segreto non è nemmeno un peccato… poi per vostro marito: cuor che non vede e non sa… non soffre…

Elvira            (Dopo aver ancora tossito e picchiato sul tavolo) Certo, primma o doppo s’avarrà ‘a cedere. V’aggio cunsentì e v’aggio ‘a cuncedere tutte cose. Senza ‘e chesto nun pozzo pretennere ca vuje site cuntento e persuaso. V’assicuro ca nun vulesse arrivà a chesto, ma, m’aggio fa forza je stessa. Ma visto ca site accussì capatosta e nun volite credere a chello ca ve dico ma ne vulite ‘na prova cchiù cuncreta, cchiù reale… m’aggio ‘a decidere e v’aggio accuntentà. Però si po’ ce stesse quacheccosa ‘e male, sarrà peggio pe’ chi m’ha custretta a subbì. Certo ‘a colpa nun sarrà d’ ‘a mia.

Tartufo         Ma certo, signora, me l’accollo io, mi accollo tutta la colpa… ogni responsabilità… basta che siate tutta mia! Che il mio… cuore si unisca al vostro in uno stupendo amplesso!

Elvira            Guardate fore ‘a porta, faciteme ‘stu piacere. Vedite si pe’ ccaso ce stesse maritemo fore ‘o curreturo.

Tartufo         Ma di chi vi preoccupate? Un uomo, diciamolo pure tra noi, un uomo da prendere in giro! Più stiamo insieme e lui più se ne vanta. Ormai l’ho messo in condizione di non credere nemmeno ai suoi occhi. Se ci vedesse a letto insieme… chi sa a cosa crederebbe?

Elvira            E vabbuono, nun fa niente, ma jate ‘nu momento a vvedè fore ‘a porta si ce sta quaccheduno ca sta spianno. Meglio si ce stammo attiente, m’arraccumanno… nun vulesse fa male a maritemo e ccore ca nun vede, nun sente e nun soffre! Quanno turnate ce vasamme e po’… chi ‘o ssape! (Tartufo esce)

Arturo          (Uscendo da sotto il tavolo) Ma chist’è ‘overamente ‘n’ommo ‘e niente, nun ce sta niente ‘a dicere. Giesù, je nun me faccio capce. Che mazzata, che mazzata!

Elvira            Ueh, già sì asciuto ‘a lloco? Nun pazziamme, tuornatenne ‘n’ata vota ‘o posto tujo, ce sta ancora tiempo C’è tempo. Hê aspettà ‘a fine, te servene prove cuncrete. Mica te vulisse fidà sulamente ‘e ‘sti ccusarelle ipotetiche?

Arturo          No, chist’è peggio ‘e ‘nu diavulo ‘e ll’inferno.

Elvira            Madonna santissima, nun s’hadda essere accussì superficiali! Fatte convincere primma ‘e t’arrennere. Nun essere accussì impulsivo, te putisse pure sbaglià! (Lo fa nascondere in ginocchio dietro di sé)

SCENA DECIMA

(TARTUFO e detti)

Tartufo         (Senza vedere Arturo) Signora bella, tutto è favorevole alla mia felicità. Ho guardato dovunque. Non c’è vostro marito e non c’è anima viva, e l’estasi ci aspetta… ora chiudo a chiave anche la porta e metto sulla chiave la mia giacca affinché nessuno possa spiare. (Esegue, quindi va verso Elvira cercando di abbracciarla, ma la donna si tira lateralmente e Tartufo si trova davanti Arturo)

Arturo          (Prende per un braccio Tartufo) Statte cujeto, me pare ca staje currenno ‘nu poco troppo assaje cu’ ‘sti desiderie tuoje! Eppure non t’avisse ‘a scarfà ‘e chesta manera! Ma comme, ‘nu sant’ommo comm’a tte ca me vuleva ‘ncurnicià a mme? L’anema toja s’ abbandona troppo dint’‘e tentqazzione! Te spusave a figliema e vulive pure a muglierema? Dimme ‘a verità, vulisse pure a mammà? Aggio dubitato pe’ paricchiu tiempo ca nun stive parlanne seriamente e stevo aspettanno ca cagnave tono. Ma mò basta cu’‘e pprove, non me ne servene chhiù, ne tengo pure assaje.

Elvira            (A Tartufo) Tutto chesto l’aggo fatto controvoglia, pecché m’hanno custretta a ve trattà accussì!

Tartufo         (A Arturo) Allora tu ti credi che io… io fingevo… era solo per…

Arturo          Basta cu’ ‘sti chiacchiere, jamme bello, vattenne senza fa tanta storie.

Tartufo         Io cercavo solo di capire di sapere se tua moglie ti poteva tradire… mi sarei fermato prima…

Arturo          Seh, e je ce credo… Te n’hê ‘a jì mmò mmò!

Tartufo         E invece te n’hê ‘a jì tu, ca parle comme si fusse ‘o patrone. ‘Sta casa è ‘a mia, e t’‘o pozzo dimustrà! E te faccio vedè ca sì arrivato a me vulè raggirà pe’ me provocà. Ma hê sbagliato palazzo cu’ tutte ‘st’ingiurie. E tengo pure ‘e mezze pe’ ve cunfonnere a tutte quante e punì tutte ‘st’imbruoglie, pe’ vendicà ‘o Cielo, e fà pentì chi me vò caccià d’‘a casa… d’‘a casa mia a tutte ll’effette… Cose ‘a pazze! (Va via infuriato)

Elvira            E che d’è ‘stu discorso? Ch’ha vuluto dicere?

Arturo          Te giuro ca nun ce sto cpenno ‘o riesto ‘e niente.

Elvira            Pecché?

Arturo          Sulo mò, da ‘e pparole soje, sto capenno ‘o sbaglio ch’aggio fatto. Chella donazione m’ha fatto perdere ‘a pace ‘e ll’anema.

Elvira            ‘A donazione?

Arturo          Purtroppo oramaje è fatto. Ma tengo ancora ‘n’au tarlo.

Elvira            Cioè?

Arturo          Te dico tutte cose. Jamme a vedè si chillu scrigno mio sta ancora dint’‘o nascundiglio…

DISSOLVENZA DI CHIUSURA LUCI, BUIO PER CAMBIO PERSONAGGI

E RIACCENSIONE LUCI

SCENA UNDICESIMA

(COSTANZO e ARTURO, poi DAVIDE)

Costanzo      Me pare ca ‘nce avessemo ‘a consultà e studià bbuono ‘e ccose ‘nu poco pe’ capì chello ch’avimme ‘a fa pe ce caccià ‘a dint’a ‘stu guajo.

Arturo          È chillu scrigno ca me fa perdere completamente ‘a capa. Chillu scrigno è ‘a disperazione mia.

Costanzo      Ce sta quacche sicreto assaje ‘mpurtante?

Arturo          Ce sta ‘nu deposito ‘e Armando, ‘n’amico mio carissimo ca me l’ha affidaje in grandissimo segreto. Primma ‘e se ne scappà me cunzignaje chelli ccarte e, pe’ chello ca me dicette, ‘a chelli ccarte dipendono ‘a vita e ‘a furtuna soja… sò ccarte contro ‘a munarchia…

Costanzo      E pecché tu mai ‘nce ll’hê affidate a ati mmane? Chelle ‘e Tartufo, po’…

Arturo          Je ‘nce cunfidaje tutte cose a chillu traditore, anze isso cu’ ‘e chiacchiere soje me cunvincette a ce dà a isso ‘o scrigno… l’annascunnettemo ‘nzieme, ma mò nun ce sta cchiù… Je ero comme ‘nu burattino ‘mmano a isso…

Costanzo      Allora staje ‘overamente ‘nguajato, si aggio capito bbuono, pecché sia ‘a donazione ca ‘sta cunerenzia, pe’ t’‘o ddicere papale papale, so ccose fatte cu’ troppa faciloneria. Cu’ chisti pigne ‘mmano se po’ ffà qualunque cosa contro a tte… se ponno ‘nfur-mà ll’autorità… E chill’ommo sta dint’a ‘na votte ‘e fierro. Avisse avuto ‘a essere cchiù prudente, mannaggia ‘a capa toja.

Arturo          Che dice? Cu’ chella faccia ‘e sant’ommo ca tuccava ‘o core, annascunneva tanta cattiveria e tanta ipocrisia! E je ca l’hêvo fatto trasì dint’‘a casa mia quann’era ‘nu straccione senza manco ‘nu centesimo… ma oramaje è fatta. ‘A chistu mumento nun voglio cchiù havê a che ffà cu’ ‘sti pperzone perbene: me fanno schifo, me fanno orrore e fernesce ca pe’ uno ‘e lloro me vengo pure ll’anema ‘o diavulo!

Costanzo      Ah, mò è turnato l’Arturo ca je cunosco! Non cunusce ‘e mezze mmesure: “In media restat virtus” diceva Orazio… sbaglie sempe ‘a mmesura e passe ‘a ‘n’eccesso a ‘n’ato. Mò capisce ‘e sbaglie ca hê fatto e capisce ca chillu bell’ommo t’ha fatto fesso, t’ha arrubbato e te vuleva pure ‘ncurnicià… Ma mò p’arremedià staje penzanno ‘e fa ‘nu guajo ancora peggio: vuò mettere ‘ncoppa ‘o stesso livello ‘o core ‘e ‘na serpe velenosa cu’ chello d’‘e pperzone perbene. E che cacchio! Si ‘nu fetente ha avuto l’audacia ‘e te piglià p’‘e fundelle mustranno ‘na maschera ‘e autorità, mò vuò pretennere ca pe’ tutte parte ce sta gente comme a isso e ca nun se po’ truvà nisciuno credente onesto? ‘Mpara piuttosto a distinguere ‘a virtù ‘a ll’apparenze e nun essere precipitoso a giudicà ‘e pperzone, mantienete justo ‘mmiezo. Ovviamente, Cerca ‘e nun omaggià ‘o ‘mbruoglio ma nun offennere ‘a fede ‘overa, e se propeto hê ‘a peccà pe’ ‘n’eccesso, nun cadè dint’a chest’ata esaggerazione.

Davide           (Entrando) Ma come, papà, quel furfante potrebbe anche farvi un ricatto? Di tutti i benefici che ha ricevuto non si ricorderà neppure lontanamente? Questo prepotente, ma c’è proprio da diventare furiosi, è così vile da ritorcere la vostra stessa bontà contro di voi?

Arturo          Purtroppo è accussì, figlio mio, e ne sono afflitto ‘overamente assaje.

Davide           Lasciate fare a me: ho una voglia matta di tagliargli le orecchie. Contro la sua insolenza non ci vogliono vie traverse. Penserò io a sbrigarmi di lui in quattr’e quattr’ot-to: l’unico rimedio è quello di stenderlo morto.

Costanzo      Chiste so discorse ‘e guagliune, famme ‘o santo il piacere ‘e calmà ‘sti bollente spirete: cu’ ‘a violenza nun se risolve ‘o riesto ‘e niente.

SCENA DODICESIMA

(LA SIGNORA PERNELLA, DORINA, ELVIRA, MARIANNA e detti)

Pernella       (Entra con Dorina, Elvira e Marianna) Che sta succedenno? Che ssò ‘sti sicrete accussì terribbele?

Arturo          Sò sicrete ch’aggio pututo vedè cu’ ll’uocchie mieje: e chesta è ‘a ricumpenza ch’ag-gio avuto! Pe’ ccarità me metto dint’‘a casa ‘nu povero disgraziato, ‘nce offro ospitalità, ‘o tratto comme a ‘nu frato carnale, tutte ‘e juorne ‘o regno ‘e benefici, lle dongo a figliema e tutto chello ca tengo, e ‘stu grandissimo fetente prova a disonorà a muglierema; e nun contento ancora ‘e chesta vigliaccata, se permette ‘e me ricattà cu’ ‘e stesse benefice mieje, e pe’ m’arruvinà se vò avvantaggiare ‘e tutte ll’arme ca ‘a buntà mia ‘nce ha miso ‘mmano. Tene ‘a donazione mia e me vò levà tutte cose: insomma me vò fa addeventà comm’era isso e me vò mannà addò j l’aggio truvato: ‘mmiezo a ‘na via!

Pernella       Noo, nun ce pozzo credere, figliu mio, nun ce pozzo credere ch’ha vuluto fà ‘na cosa accussì fetente.

Arturo          Comme comme?

Pernella       ‘A gente perbene è sempe calunniata.

Arturo          Mammà, ma che discorsi songhe chiste?

Pernella       Dico ca dint’a ‘sta casa se fa ‘na vita stravagante e se sape troppo buono ca ll’ odiano tutte quante.

Arturo          Ma che ce azzecca l’odio cu’ tutta chesta facenna?

Pernella       Te l’aggio ditto centinare ‘e vote, ‘a quann’ire ‘nu criaturo: a ‘stu munno‘a virtù è perseguitata sempe: murarranno ‘e ‘mmiriuse, ma ‘a ‘mmiria nun more maje.

Arturo          Ma che ce azzecca ‘stu discorso?

Pernella       Chi ‘o ssape quanta fesserie t’avarranno ‘nventate ‘ncuollo a isso.

Arturo          Ma si v’aggio ditto che aggio visto tutte cose cu’ ll’uocchie mieje!

Pernella       Comme si nun se sapesse ‘a malizia d’‘e calunniatore.

Arturo          Mammà, vuje me facite jì ‘o manicomio. Se ve dico ca l’aggio visto cu’ ll’uocchie mieje!

Pernella       ‘E mmalelengue sò sempe pronte a jettà veleno e a ‘stu munno nun te ce può arreparà.

Arturo          Ma ‘sti pparole nun tenene nisciuno senso! Songo stat’je, ‘o vvulite capì, je, ve dico, ch’aggio visto, je, cu’ ‘st’uocchie mieje, je! Quanta vote ve l’aggio ‘a dicere? O ve l’ aggio alluccà comme a ‘n’ossesso dint’‘e rrecchie?

Pernella       Ma che d’è, nun ‘o ssaje ca spisse vote l’apparenza ‘nganna? Nun hê giudicà ‘a chello ca se vede! S’hanno ‘a cunoscere ll’intenzione ‘e ogne azione…

Arturo          Je ccà jesco pazzo!

Pernella       Nuje simme sempe pronte a suspettà, se sape, è ‘a natura nosta, e paricchie vvote ‘o bbene vene pigliato pe’ male.

Arturo          E allora ‘a vuluntà ‘e abbraccià a muglierema l’aggio ‘a piglià comme a ‘nu gesto ‘e carità crestiana?

Pernella       Primma d’accusà ‘a gente, s’avessero havê mutive valide, e tu avisse aspettà primma d’essere sicuro d’‘o fatto tujo. Che vò dicere ca l’ha abbracciata?

Arturo          Uh Giesù, e quale cosa cchiù meglia avesse avuto ‘a vedè pe’ n’essere sicuro? Allora, mamma, siconno vuje avesse avuto aspettà addirittura ca ‘o tradimiento succedeva propeto annanze all’uocchie mieje?

Pernella       Però tutte quante vedene ca ll’anema soja è chiena d’‘a fede più limpida, e nun me trase pe’ niente ‘ncapa ca isso, grande amico d’‘o tujo, ha fatto ‘na cosa accussì grave comme tu dice.

Arturo          M’avite ‘a credere, si vuje nun fusseve mammema nun saccio chello ca m’ascesse ‘a vocca, pe’ comme me songo ‘ncazzato!

Dorina           (A Arturo) A ‘stu munno, caro signore, chi ‘a fa se l’ha dda aspettà: prima vuje nun crediveve a chello ca ve dicevano e mò ll’ate nun credene a vvuje.

Costanzo      Invece ‘e perdere ‘o tiempo cu’ ‘sti bagattelle, è meglio ca vedimmo chello ca avimme ‘a fa! Cu’ ‘e minacce ‘e ‘stu fetente nun putimme mica durmì cujete!

Davide           Come? Sarebbe così sfrontato da giungere a tal segno?

Elvira           A me non me pare ‘na cosa possibile: fosse ‘n’ingratitudine troppo evidente!

Costanzo      (A Arturo) Non te fidà, sicuramente truvarrà ‘o sistema pe’ dà credito a chello ca te sta facenno; pe’ cose pure cchiù piccerelle ‘a gente subisce ‘mbruoglie e complotte, e se mette dint’a ‘nu labberinto ‘e guaje. T’‘o ddico ‘n’ata vota: cu’ chello ca tene ‘mmano nun te cunvene d’‘o metterlo ‘e strette.

Arturo          È ‘overo, ma ch’aggio ‘a fà? ‘Nnanze ‘a prepotenza soja nun me saccio cuntrullà cchiù.

Costanzo      je invece vulesse ca truvasseme ‘nzieme ‘na soluzione cu’ ‘na scusa qualunque, d’amore e d’accordo.

Elvira           Si avesse saputo ca teneva ‘o cufanetto ‘mmano… avesse evitato ‘o scandalo, e ammacare…

Arturo          (A Dorina, vedendo entrare il signor Leale) E chisto che va truvanno? Vaje subbeto a vvedè che vvò. Je nun stongo dint’‘e ccondizione ‘e ricevere gente!

SCENA TREDICESIMA

(IL SIGNOR LEALE e detti)

Leale             (A Dorina, in fondo alla scena) Buongiorno! Mi fate la cortesia di annunciarmi al signor Arturo?

Dorina           C’è gente, non credo che in questo momento può ricevere qualcuno.

Leale             Non sono qui per dargli fastidio e penso che la mia visita non debba dispiacergli. Sono qui per una faccenda tutt’altro che sgradevole.

Dorina           Chi devo annunciare?

Leale             Ditegli soltanto che vengo da parte del signor Tartufo e nel suo interesse.

Dorina           (A Arturo) È ‘na persona ca pare perbene assaje: vene pe’ parte d’‘o signor Tartufo pe’ ‘na facenna ca, comme dice isso, v’avesse ‘a fa piacere.

Costanzo      (A Arturo) Artù, te cunvene ‘e ce parlà, vedè chi è e che va truvanno.

Arturo          (A Costanzo) Forse è venuto pe’ cumbinà ‘n’accordo: comme m’aggio ‘a cumportare?

Costanzo      Pe’ primma cosa nun te fa vedè cuntrariato, e po’ si parla ‘e ‘n’accordo stallo a sentì.

Leale             (A Arturo) Salve, signore, il Cielo confonda chi vi vuole male e vi sia benigno, così co-me anch’io lodesidero.

Arturo          (A bassa voce a Costanzo) Ha accummenciato buono: è ‘na cosa bona… sicuramente arrivammo a ‘n’accordo.

Leale             La vostra casa mi è sempre stata cara, infatti sono stato al servizio di vostro padre.

Arturo          Vi chiedo scusa signore, mi dispiace tanto di non conoscervi e di non sapere il vostro nome.

Leale             Mi chiamo Leale, sono nato in Normandia e faccio l’ufficiale giudiziario. Sono ormai quarant’anni, grazie al Cielo, che ho la fortuna di coprire questa carica onoratamente. Se permettete, caro signore, sono qui per notificarvi l’esecuzione di una sentenza…

Arturo          Come? Siete qua…

Leale             Non vi agitate, si tratta di una pura formalità: qui c’è l’ordine di sfratto per voi e per la vostra famiglia: dovete lasciare tutto libero senza proroghe e opposizioni, com’è prescritto.

Arturo          Io? Uscire di qua?

Leale             È così, signore, se non vi dispiace. Da oggi, come del resto sapete benissimo, la casa appartiene all’ottimo signor Tartufo, e non c’è nulla da eccepire. Ormai ha il possesso e la proprietà dei vostri beni in virtù di quest’atto, del quale sono il latore: l’atto di donazione è formalmente perfetto, non c’è niente da dire.

Davide           (Al signor Leale) Tartufo è grande, non c’è niente da dire, è un imbroglio stupendo!

Leale             (A Davide) Con lei, caro signore, non ho nulla a che fare. (Indicando Arturo) Si tratta del signore, che è una persona ragionevole e garbata, un uomo perbene che conosce benissimo il suo dovere, e non oserà opporsi agli ordini della giustizia… poi siete voi che avete donato tutti i vostri averi al signor Tartufo con un atto perfetto… di grande generosità…

Arturo          Ma veramente…

Leale             Ma certo, signore, lo so che nemmeno per un miliardo voi osereste ribellarvi, e perciò, da vero gentiluomo, mi farete eseguire gli ordini che ho ricevuto.

Davide           Lei è un ufficiale giudiziario, no? E non le potrebbe capitare di uscirsene per la finestra?

Leale             (Ad Arturo) Vi prego, signore, fate tacere vostro figlio o che si ritiri in buon ordine, altrimenti sarò obbligato, con molto rincrescimento, a danneggiarvi più pesantemente.

Dorina           (Tra sé) Ato ca Leale, chisto è propeto sleale.

Leale             Per la gente perbene io sono sempre pieno di delicatezza e ho voluto incaricarmi di questo atto unicamente per farvi un favore e un piacere, per impedire che al posto mio mandassero qualcuno di sentimenti poco cristiani, e che naturalmente avrebb agito in una maniera assai meno riguardosa.

Arturo          Ma si può mai fare peggio che intimare lo sfratto a chi sta in casa sua?

Leale             Non preoccupatevi… vi hanno concesso un termine e del resto fino a domani io soprassiederò all’esecuzione. Mi accontenterò di passare qui la notte con dieci agenti, senza fare scandalo e rumore. È una formalità ma, se non vi dispiace, prima di coricarvi dovrete consegnarmi le chiavi di casa.. Sarà cura mia di non disturbare il vostro riposo e di vigilare che tutto proceda regolarmente. Domani mattina però, mi raccomando, dovrete essere svelto a sgombrare tutto per bene. I miei uomini vi daranno u-na mano e ho scelto i più robusti per aiutarvi nello sgombero. Un trattamento migliore di questo, mi pare… E se vi tratto così mi consentirete di chiedervi in cambio altrettanta cortesia: non mi create imbarazzi nell’esercizio delle mie funzioni.

Arturo          (Tra sé) Tengo ‘na voglia matta ‘e pavà ‘e ciento Luigi ca me rimmanene pe’ ce putè azzeccà quatte buffettune ‘ncoppa a chella faccia ‘e pacchere.

Costanzo      (A Arturo, sottovoce) Statte cujeto, nun peggioramme ‘a situazione.

Davide           Non so chi mi trattiene davanti a tutta questa audacia. Mi prudono le mani.

Dorina           Con queste belle spalle vi giuro, signor Leale, ci starebbe così bene una bastonatura a dovere.

Leale             Attenta, carina, a minacciare: la legge e la prigione ci sono anche per le donne!

Costanzo      (Al signor Leale) Ma insomma, signore, finiamola! Dateci questa carta, per piacere, e lasciateci in pace!

Leale             (Consegna l’atto) Arrivederci. Dio vi renda felici! (Va via)

Arturo          Maledetto a te e a chi t’ha mannato ccà! (Poi, alla madre) Avite visto, mammà, si tenevo ragione o no? Mò putite giudicà tutto ‘o riesto. Spero ca ve site cunvinta mò ca chillo è ‘nu ‘nfame traditore!

Pernella       Je stonghe senza parole, e ‘overamente cado da ‘e nnuvole!

Dorina           (Ironica a Arturo) Avite tuorto! Avite tuorto ‘e ve lamentà e d’‘o criticà. Chesta è‘a cunferma delle sue pie intenzioni. ‘A virtù soja se squaglia dinto all’amore d’‘o prossimo: ‘o ssape ca ‘e ricchezze quase sempe corrompono l’ommo e pe’ puro spirito ‘e carità v’ha vuluto levà ll’occasione e ‘e ttentazione: l’ha fatto pe’ ll’anema vosta.

Arturo          Ma statte zitta, t’avimmo sempe dicere chesto a tte!

Costanzo      (A Arturo) Jamme, vedimme ‘nu poco che putimme fà.

Elvira           Avite smascherà ‘a faccia tosta ‘e chillu ‘nfamone. ‘O modo sujo ‘e se cumpurtà toglie qualunque valore a ‘o cuntratto: e l’infedeltà soja è troppo evidente pecché putesse arrivà a ‘o scopo ca teneva.

SCENA QUATTORDICESIMA

(VALERIO e detti, poi TARTUFO e un UFFICIALE DELLE GUARDIE)

Valerio         (Entra) Signore, mi dispiace di dovervi portare una brutta notizia, ma il pericolo è im-minente. Un amico che mi è molto affezionato e che sa quanto io sia legato a voi, ha fatto per me un passo assai delicato: è riuscito a violare il segreto di Stato e mi ha mandato un biglietto la cui conclusione è questa: non vi resta altro che scappare. Quel furfante che ha saputo ingannarvi per tanto tempo, un’ora fa è giunto ad accusarvi presso il Re in persona e gli ha consegnato, oltre la denuncia, lo scrigno di un oppositore della monarchia di Stato che voi, contrariamente ai doveri di un buon sud-dito, avete tenuto nascosto. Io non so veramente quale colpa voi abbiate in tutto ciò, ma fatto sta che c’è l’ordine di arrestarvi e per farlo eseguire meglio, lui stesso ha avuto l’incarico di accompagnare chi dovrà arrestarvi.

Costanzo      Ah, accussì chillu traditore vò addeventà ‘o patrone d’‘e bene vuoste!

Arturo          L’ommo è ‘overamente ‘na brutta bestia, l’aggio ricunoscere.

Valerio         Non state lì a gingillarvi, perché può costarvi caro. Ho giù la carrozza per portarvi via con me, e ho anche mille Luigi che vi potranno servire. Non perdiamo tempo. È un vero colpo di fulmine, e l’unica via di scampo è la fuga. Voglio portarvi in un luogo sicuro, vi accompagnerò io stesso finché non sarete al riparo da ogni pericolo.

Arturo          Povero me! Ve ringrazio tanto pe’ tutte ‘sti preoccupazione ca tenite pe’ nuje. Spero ca ‘nu juorno me putarraggio disobbligà. Addio, m’arraccumanno a vuje.

Costanzo      Jatevenne, facite ampressa! Ce penzammo nuje a tutto chello ca serve. (Entra Tartufo con un ufficiale)

Tartufo         (Fermando Arturo) Piano, signore, piano, non correte come una lepre. Tanto la tana è a due passi. In nome del Re, siete in arresto.

Arturo          Traditore! T’hê stipato pe’ ll’urdemo ‘stu colpo. Disgraziato! Chisto è ‘o colpo ‘e grazia, ‘a realizzazione ‘e tutte ‘e cattiverie toje.

Tartufo         Le vostre ingiurie mi lasciano intatto!

Costanzo      Che vipera velenosa!

Davide           Vedi come se ne ride quest’infame svergognato!

Tartufo         Tutti i vostri furori mi lasciano indifferente, io penso solo alla mia missione.

Marianna      Avete indubbiamente di che gloriarvi: e questo compito vi fa proprio onore.

Tartufo         Un compito è sempre onorevole, quando viene affidato dall’Autorità che mi manda in questa casa.

Arturo          ‘Ngrato ca nun sì ato, ma allora nun t’‘o rrecuorde ca t’aggio salvato d’‘a miseria?

Tartufo         Sicuro, so benissimo che mi avete soccorso, ma gli interessi dello Stato monarchico per me sono il dovere supremo. E la forza legittima di questo sacro dovere soffoca o-gni altro sentimento nel mio cuore. È una dura necessità a cui devo sacrificare chiunque, amico, moglie, padre, madre, e se occorre, me stesso.

Elvira           ‘Mbruglione!

Dorina           E che arte, che arte ‘e s’ammescà cu’ ‘e ccose cchiù sacre!

Costanzo      (A Tartufo) Ma si è accussì pefretto, comme vuje dicite, chistu scrupolo ca ve vantate ‘e tenè, pecché è asciuto fore sulamente quanno isso v’ha ‘ncucciato ca stiveve facenno ‘o farenello cu’ ‘a mugliera? Comm’è ca ‘o denunciate sulamente mò, quanno mutive d’onore l’hanno costretto a ve caccià ‘a dinto ‘a casa? E nun parlammo d’‘a donazione ca v’ha fatto: ma si ‘o vuliveve accusà nun aviveve accettà manco ‘nu centesimo ‘a isso.

Tartufo         (All’ufficiale) Liberatemi da questi schiamazzatori e vogliate eseguire, vi prego, gli ordini che avete ricevuto.

Ufficiale      Sicuro, ho aspettato fin troppo, e avete fatto bene a ricordarmene. Seguitemi subito in prigione, signor Tartufo: è quella la casa che vi aspetta.

Tartufo         A me?

Ufficiale      Sì, proprio a voi.

Tartufo         E perché?

Ufficiale      A voi non devo render conto di questo. (Ad Arturo) E voi, signore, ormai rasserenatevi, dopo tante emozioni. Viviamo sotto un Re nemico della frode, un Re che sa leg-gere in tutti i cuori e non c’è arte d’impostore che possa riuscire ad ingannarlo. È un grande ingegno, pieno di discrezione, e vede sempre il giusto in ogni cosa. Nessuno riesce a sorprendere la sua buona fede: la sua ferma ragione rifiuta ogni estremismo. Onora degnamente la gente perbene, ma non si fa abbagliare dal loro zelo, e l’amore per la gente schietta non gli chiude il cuore al disprezzo che ispirano gli ipocriti. Costui non era il tipo da ingannarlo. Il nostro Re ha saputo evitare, e lo abbiamo visto, insidie molto più raffinate. Ha visto subito, con quel suo pronto acume, tutte le riposte viltà dell’animo suo. Perché s’è tradito da sé, venendo a denunciarvi, e per il giusto intervento della Provvidenza, s’è rivelato al Re un furfante qual’era, e assai noto, sebbene sotto altro nome. Eh, è una lunga storia di delitti, e se ne potrebbero scrivere volumi e volumi. Il Sovrano insomma si è indignato per la vile ingratitudine e per la slealtà di costui nei vostri riguardi; e dopo tutti gli altri delitti, ha tirato le somme. Così m’ha ingiunto di seguirlo, non solo per vedere dove arrivasse la sua im-pudenza, ma anche di servirmi di lui stesso per farvi giustizia. Il Re desidera che tutte le carte ch’egli vanta in suo possesso siano tolte a questo traditore e restituite a voi. Con sovrano editto, sono sciolti i vincoli contrattuali della donazione e per di più vi si condona il reato di favoreggiamento, in cui vi ha fatto incorrere la vostra grande a-micizia per un fuoruscito. In questo modo il Re intende premiare il vostro zelo di suddito, che tante altre volte avete manifestato magnificamente onorando la monarchia: per dimostrare appunto che il suo cuore, quand’uno meno se lo aspetta, sa compensare le buone azioni, perché il vero merito non ha nulla da perdere con lui, sempre memore del bene piuttosto che del male.

Dorina           Sia lodato ‘o Pataterno!

Pernella       Mò accummencio a respirà.

Elvira           ‘Nu finale ‘overamente inaspettato e meraviglioso!

Marianna      E chi l’avrebbe mai sperato?

Arturo          (A Tartufo, mentre l’ufficiale lo porta via) Ecco quel che ti meriti, traditore! (Via l’ufficiale e Tartufo)

Costanzo      Basta Artù, mò astipate ‘a dignità e lassalo ‘o destino sujo, ‘stu grandissimo fetente: ‘e rimorse se l’hanno ‘a cunsumà chianu chiano. E sperammo ca ‘o core sujo se putarrà ravvedè e isso putarrà turnà ‘ncoppa ‘a strata justa e s’impara qual è ‘o senso ‘e di giustizia, se ‘mpara a schifà l’ipocrisia e l’impostura e tutto chello ca nun vulesse essere fatto contro a isso stesso… Accussì se putarrà merità ‘nu poco ‘e indulgenza d’‘o nuosto grande Rre. E tu pe’ ttramente vatte a addenucchià ‘e piede suoje, pe’ ‘o ringrazià ‘e tanta benevolenza.

Arturo          Bravo, hê ditto buono. Jamme a ce addenucchià cu’ priezza a ‘e piede suoje. Po’, ‘na vota fatto chesto, dobbiamo tenimmo ‘n’atu duvere: avimmo ‘a premià cu ‘nu bellu spusalizio l’ammore e ‘a sincerità ‘e Valerio nuosto.

Sipario

FINE DEL SECONDO ATTO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno