Stampa questo copione

TARZAN

Commedia in 2 atti senza problemi

di

Luzzu Maugeri


Personaggi:

Saro Spampinato (il padre)

Rosa Spampinato (la madre)

La Nina (figlia)

La Pinta (figlia)

La Santamaria (figlia)

Enza            (la colf)

Suor Geltrude    (la monaca)

Un prete

Commissario prefettizio TARZAN (quello di cui si parla)

2


ATTO PRIMO

La Scena:Soggiorno di un appartamento abbastanza moderno ma di gustosemplice se ne osservano i particolari. Affiches di attori e cantanti e posters. All’alzarsi del sipario una cameriera spolvera i soprammobili canticchiando una canzone in voga. Poi finita la strofa si rivolge al pubblico come un buon prologo che si rispetti.

La scena rimarra’ invariata anche per il secondo atto.

Enza:

Signore e signori da sola mi apprisento: io sono l’annunciazione, va’ quella

che spieca la cummedia. Bevo in questa casa, nel senso ca vivo e me la passo

bene perche’ i miei datori di lavoro mi trattano alla mano non facendomi

mancare il riposo settimanale e mi chiamano ‘a coffa; oddio non e’ ca sugnu

tantu grossa ma iddi dicinu ca coffa voldiri collaborazionista familiare…..

Dato ca sugnu coffa quannu stancu m’accoffulassi, comu ora mintemu ca haju

i rini ca non mi sentu cchiu’! La famiglia e’ compo sta du patri, da matri e tri

figghi fimmini ca hannu ‘na mangiaciumi ca diminiscanza ‘u vinissi a sapiri il

termatoloco o comu shifiu si chiama, ci assignassi na’ cura contro il prurito

maschile  di  chiddi  vagghiardi  veramente.  Eccole,  guardate,  passunu  cca’

banna…   (entrano le tre ragazze leggendo ognuna una rivista od un romanzo;

fanno il giro della stanza e siedono in pose diverse sospirando; la colf nel

frattempo si era messa in proscenio per dar modo alle ragazze di girare) Le

avete viste? Chi’ vi pari ca leggiunu cosi serii? Una havi ‘nte manu un play-

boy, una leggi i memeori di Casanova e l’autra Don Giovanni e le sue mille

conquiste (le tre sospirano) ….. e suspirunu. Vulissi sapiri chi c’e’ di suspir   ari

……Ah, prima ca mi nni’ vaju dda’ banna, si chiamunu

la Nina, la Pinta e la

Santamaria, pirchi’ a so’ patri ci piaceva ‘a stori a di Cristofulu Palumma e ci

Nina:

‘ntappau ai so’ figghi i nomi di caccavelli. Ci ved iamo, neh’! (si ritira)

(rivolta  alle  sorelle)  Sentite,  sentite  come  si  esprime  bene  Don  Giovanni

(legge enfaticamente a voce alta) “ E gli occhi son due stelle che dolci e

tremule mi guardano, io mi sento come un fanciullo ignaro di fronte a tanta

belta’!”  (pausa e sospiro) Certo che di fronte a tali argomenti le donne gli

cadevano ai piedi. Pero’ quando si ritrovo’ con la  moglie e a lei ripetette la

frase che aveva profferite a tante concubine, questa gli mollo’ un ceffone cosi’

Pinta:

potente da fargli togliere il vizio per sempre.

Si, pero’ gli argomenti reali sono questi (mostra la rivista Play-boy) .

Santam.: Non fartelo vedere da papa’. Iddu ca l’havi ccu’ nu atri pirchi’, dici, ca ci‘inchemu na’ casa di fimmini…..

Pinta:       E si ti viri a ttia conle memorie di Casanova?

Santam.: Me l’ha gia’ visto ed io gli ho detto che si tratta va di un libro di architettura –Casa…nova!!

Nina:        E cci’ cridiu ‘u papa’?

Santam.: Papa’ e’ troppo buono; ha, si,le fisime del figlio maschio che non ha avuto eper cui darebbe meta’ della vita che gli resta ancora da vivere, ma a noi ci vuole bene tanto.


3


Pinta:       Chiuttostu chiamamu la colf che prepari la cena perche’ papa’ e mamma stanno per rientrare.

Nina:         (chiamando) Enza, Enza……

Enza:        (entrando) Si? Siti pronti signurini? Pozzu purtari a cena, pozzu apparecchiari?

Santam.: (ridendo e ammiccando con le sorelle)Si pero’ l’ha diri comu ‘u sai diri tu….

Enza:        Appoi si mi senti so’ mama’ m’arrimprovira….

Nina:        Dillo, dillo che la mamma non c’e’.

Enza:        Pozzu purtari ‘u pistiu? (le ragazze ridono)

Pinta:       Hai visto quanto sei fina cosi….. Si pero’ aspetti        amo papa’.

Enza:        Signurina  Santamaria,comu  finiu  poi  ccu’ don  Giacumu  Casanova quannu

scappau do’ chiummu?

Santam.: Mai, do’ stagnu! Dai Piombi si dici, ca erunu le carceri ca c’erunu a Venezia

nto’ ponti dei sospiri (tutte e quattro sospirano) ……..

Enza:        Supra di vui ca a casa di ‘ncoddu mi sta’ cascannu !!

Santam.: ‘U viriti, sulu a muntuarlu vi nesci ‘u ciatu.Perci o’, quannu Giacomo se la

scappotto’ di Piombi, si rivolse ad una sua vecchia amica contessa cheper lui

s’era infiammata in passato….

Le altre: Cunta, cunta……. E percio’?

Santam.: E percio’ lo accolse nella sua alcova e ….. ddocu,…

..carusi…… cu’ sutta e

cu’ supra….  (tutte sospirano) …… cchi’ capisturu, cretini!? Cu sutta e cu supra

perche’ la contessa era una igienista e dormiva nel letto castello. Percio’ idda

si curcau sutta e Giacomino supra. L’indomani mattina ‘u fici espatriari per

Nina:

Vienna.

E ddocu i valziri ca abballau,……. veru?

Santam.: A quell’epoca valziri non ci n’erunu, semmai abball ava minuetti, ma siccomuscappannu si era rotta una gamba, percio’ ristau sciancatu a vita e ando’ a fare il bibliotecario presso un notaio. Ora finemula e ammucciamu sti’ libbra perche’ stanno venendo i nostri genitori (si ricompongono mentre Enza va’ in cucina a prendere la cena).

Saro:         (entrando) Buonasira a tutte.

Le tre:      (a turno si alzano e lo baciano) Buonasera papa’, e la mamma?

Saro:         Sta’ per venire. Ho voluto finire di leggere quel romanzo che mi ha dato…..

chi di voi?

Nina:        Io, papa’.

Saro:         Ah, si,…tu.

Nina:        E allora papa’, ti e’ piaciuto?

Saro:         No! Perche’ in casa ho tre figlie femmine e purtroppo anch’io avissi voluto ppi vuatri i pantaloni comu sta’ Lara Cardella che li desiderava, perche’ ppi’ idda i causi avevano il significato delpotere mentri ppi’ mia,desiderarli a vuatri significa la continuazione della famiglia, della razza.

Rosa:        (entrando) Saro, sempri ‘a na’ banna l’hai a testa? ‘U Signur i non ce ne havoluto mandare chissa’ per quale mistero e quale punizione. Avemu tri figghi fimmini e quando sposeranno voldiri che acquisteremo tre figli maschi che saranno i nostri generi.

Le tre:      (ansiose) E quannu ni’ maritamu?

Saro:         Prima cci’ voli ‘nfigghiu masculu.


4


Rosa:        Tu mi pari ‘a barzelletta do pazzu ca s’aveva a fa ri ‘u tira petri cc’alasticu di mutanni.

Nina:        Anche a noi piacerebbe un fratellino per poterlo curare…

Pinta:       Vestirlo, giocare.

Santam.: Istruirlo, educarlo…

Saro:         …e consumarlo!

Tutte:       E perche’?

Saro:

Pirchi’ a manu vostru poviru figghiu, sa cchi’ n’a rrinesci! Fussuru capaci di

non ci fari pigghiari’n pulici all’anca…. Va’ mangi   amu chiuttostu…. Enza,

Rosa:

Enza, porta a cena ca cca’ stamu accuminciannu a sparrari e dari i nummira.

Si, si , spurugghiti pirchi oggi aspetto visiti e sara’ una sorpresa ppi’ tutti.

Tutti:

(incuriositi) Quale sorpresa? Cchi’ fu’? Mamma non ci tenere sul le spine.

Rosa:

Appoi si nni’ parra.

Enza:

(porta la cena ed augura buon appetito e mentre gli altri consumano il pasto

si  appressa  alla  ribalta  rivolgendosi  al  pubblico)  Ju’  ‘u  sacciu  chi  e’  ‘a

surprisa da signura Rosa Spampinata….   (si ferma) Si perche’ se il marito si

chiama Spampinatu, ‘a signura addivanta Spampinata (fregandosi le mani) e

cc’appattai!... Dunca, dicevu che ieri, ‘a signura Rosa. Fici ‘na telefonata alle

suore della Divina Provvidenza pirchi ‘nmisi arreri quannu ci fu’ ddu’ gran

tittimotu nto’ Balicico’,a cruci russa arrinisciu a  salvari ‘n carusu masculu ca

non si ricorda nenti di nenti, non parra cchiu’ e turnau nautra vota addevu. Mi

cunfidau ca ni voli parrari a so’ maritu ppi adottarlo eaccussi’ farici passari ‘u

spinnu du masculu, tantu, dici,siccomu ‘u figghiu non capisci nenti,’u ponu

abbirsari a modu so’. A mia sta’ cosa mi piaci maca ri pirchi’ autru e’ stari

ammenzu quattru faretti, autru e’ aviri ‘a cumpagni a di ‘n paru di causi. Va’

…..quantu sbarattu.   (rivolgendosi alla famiglia) Su finisturu portu tuttu dda’

Saro:

banna.(esegue)

Ora ca avemu a panza china, ce lo dici chi e’ sta’ sorpresa?

Le tre:

Si, mamma! Non ci tenere sulle spine, dicci cos’e’ la sorpresa.

Rosa:

(sempre piu’ misteriosa) No, fino a quando non avro’ parlato con vostro padre

prima. Andate di la’ e lasciateci soli. (Le ragazze a malincuore eseguono)

Saro:

Dunca, Rosa, di cchi’ si tratta?

Rosa:

(con un sorriso furbo) Avremo un figlio maschio!

Saro:

Chi si’ ‘ncinta nautra vota? Ppi’ carita’ non mi f ari scanatri ca ‘u dutturi mi

dissi in paroli poviri ca tutti l’ova ca mi fa ‘a m e’ jaddina sunu tutti puddastri e

Rosa:

mai jadduzzi.

Non ti preoccupari ca sta’ vota ‘u figghiu l’avemu  bellu e fattu! Tu na’ vota mi

dicisti ca avissi vulutu aduttari ‘n urfaneddu figghiu di puvireddi pp’addivarlu

comu ‘nfigghiu nostru. Ebbene, ti ricordi di quell’ articolo di ‘nmisi fa’ nto’

Saro:

giurnali ca parrava del terremoto nta’ Basilicata?

E allura?

Rosa:

La protezione civile arrinisciu a salvari ‘n carusu ca non si ricorda cchiu’ nenti

ed e’ ritornato infantile in tutte le sue manifestazioni.

Saro:

Hai fatto benissimo. Gli daremo noi un’educazione degna di un principe, ‘u

mannamu a scola e ‘u facemu addivintari un degno erede nostro. Ma dimmi,

proprio non si ricorda nenti?


5


Rosa:

Nenti di nenti. Non sannu mancu comu si chiama. Dobbiamo dargli unnuovo

Saro:

nome all’anagrafe e un nuovo stato civile.

(affettuoso con la moglie) Brava Rusidda; si non avissi a ttia ca mi risolvi certi

problemi…. Va’ beni ca certi voti si scunchiuruta

(la moglie reagisce) ma ogni

tantu ti salvi cu sti’ idei intelligenti. (suona il campanello) Enza, va’ a grapiri,

Enza:

vidi cu e’….

(entrando dalla comune) Signura c’e’ ‘u muvimentu suciali….

Saro:

Non fari trasiri a nuddu. Cca’ intra non si fa’ pu litica…. Chi ci su’ elezioni

Rosa:

nautra vota?

(intervenendo) No Saru, ho capito io di che si tratta. Vuleva diri l’assistenti

sociali, veru Enza? Lassila jiri, no sai ca e’ d’ac cussi?

Enza:

Sissignura, e’ vistuta di monica epurtau macari ‘u balicico’!!

Saro:

C’avemu a fari a salsa? Scunchiuruta!!

Rosa:

Falla entrare (i due si lisciano gli abiti per non apparire sciatti mentre Enza

va’ alla comune per introdurre l’ospite) Damu una buonaimpressioni perche’

perl’affidamento prima e la successiva adozione, le assistenti sociali vogliono

Enza:

massime garanzie.

Primmissu?  S’accomodi  sorella   (entra  la  suora  ed  Enza  scompare;

Rosa:

cerimoniale d’uso e la fanno accomodare)

Suora, questo e’ mio marito Saro Spampinato ed io sono…..

Suora:

Rosa, la signora Rosa.

Saro:

E cu cci’ ‘u dissi?

Rosa:

Io, quando  ho  telefonato  al  colleggio  della  Divina Provvidenza  .  E allora

sorella, mi ha detto la colf, che di la’ c’e il rag azzo. Possiamo vederlo?

Saro:

(cercando di avviarsi alla porta) Si, si,possiamo vederlo?

Suora:

(perentoria) Alt! Dietro front! S’accomodi. Tutto a suo tempo. Prima ho avuto

l’ordine   di   svolgere   delle   indagini   piu’

serie,perc he’   voi   capite

chel’affidamento di un’anima ingenua a gente sconos ciuta e’ unproblema che

riguarda nonsolo la parte ecclesiale ma la societa’ intera che scrollandosi di

dosso le responsabilita’ morali, le affida a delle persone la cui etica e’ tutta da

scoprire.

Saro:

Surastra n’ahju caputu nenti.

Suora:

E invece deve capire! La mia casa madre, attraverso me che sono una indegna

rappresentante, vuole la sicurezza di una vita tranquilla e agiata per il ragazzo

che  sto’  per  lasciarvi  e  al  quale  dovrete  dimostrare  tutto  l’affetto  e

l’abnegazione di veri genitori anche perche’ egli,

povero infelice, attraverso il

trauma subito e’ ritornato ad essere un infante privo di personalita’ ed in stato

confusionale. Nemmeno il Comune dove il crollo e’ avvenuto e’ riuscito a

ricostruirgli la sua precedente vita e i dati anagrafici relativi; vi lascio un

Rosa:

neonato, un bambinone, un essere alla ricerca…..

…dell’Arca perduta!

Suora:

No! …Alla ricerca di un caldo focolare che lo acco

lga benevolmente fra le sue

braccia. Ed ora veniamo al conquibus. Io diro’ che come nuovi genitori andate

Saro:

bene. Voi cosa direte alla Casa Madre?

Non ho capito…che cosa dobbiamo dire?

Suora:

(Strusciando il pollice e l’indice) Cosa darete non direte.


6


Saro:

Stavolta  ho  capito!  (rivolgendosi  alla  moglie)  Mih!  Mancu  i  monichi  si

Suora:

salvunu du’ pizzu!!...Va’ beni, suor….

Geltrude.

Saro:

Tutti accussi’ si chiamunu i monichi.  (tira fuori il libretto degli assegni e

comincia a scrivere)……. Ancora zeri? Abbastunu sei?

Suora:

(dando una sbirciatina e strappandogli l’assegno)  Basta cos’. (lo conserva

Saro:

dentro il petto)

(Come riflessione) Ma com’e’ ca ‘i fimmini aviti a cascia forti …… tu

tti ‘a na’

Suora:

banna!!

E’ venuto il momento di presentarvi vostro figlio (si avvia verso la comune e

rientra portando il ragazzo: un incrocio tra’ Toto’ , Stanlio e una scimmia. I

due sposi rimangono interdetti poi il mostro rompe il ghiaccio e con un salto

Suora:

si arrampica su Saro Spampinato)

(sentenziando) La voce del sangue!

Saro:

Chiddu ca mi tirau do’ librettu di l’assegni!!

(mettendo il ragazzo a terra)

Beddu, ciatu miu, ‘u sai ca si’ finicchi. Veni cca’

ca ti prisentu a mamma. Rosa

Suora:

cca’ c’e’ nostru figghiu.

(in disparte osserva poi interviene) Signor Spampinato, vedo conpiacere che

Saro:

lei riesce ad avere affetto ancheper uno sconociuto. Lei ha un cuore d’oro.

Ci volunu autri sordi?

Suora:

No, mi posso ritenere soddisfatta per cui andro’ via e fra’ qualche giorno

ritornero’ a conoscere i risultati. Dopo di che’ pa sseremo alla pratica definitiva

Sposi:

d’adozione. Io tolgo il disturbo e sia lodato Gesu’ Cristo.

Ora e sempri. (convenevoli e via la suora)

Rosa:

(mettendo seduto il ragazzo) Veni cca’ beddu comu ti chiami?

Tarzan:

(fa’ sforzi per parlare ma esce solo un suono gutturale, a soggetto)

Saro:

Comu l’avemu a chiamari? Ci damu ‘u nomu di me’ pa tri, Gilormu?

Rosa:

Ma no, e’ troppu volgari…. C’avemu a dari unnomu f

inu di chiddi ca si usunu

Saro:

ora. ‘U chiamanu Marcu…..

Ca quali maccu e pusedda frisca. Ci voli un nomu originali; ‘u chiamamu

Cristofuru Colombo.

Rosa:

(reagendo)Ah,  no!  Non  sulu  ca  mi  cunsumasti  i  fimmini  col  nome  delle

caravelle, ora macari ‘o masculu vuoi condizionari? Prima ca poi si metti a

navigari e pirdemu macari chissu. (Nel frattempo il ragazzo fa smorfie con le

Saro:

mani e giochi con le dita) … ‘U chiamamu Benvenuto.

Ma cchi’ cci’ vai ‘ncucchiannu…… benvenuto e benea

ndato. Lo chiameremo

Tarzan!

Rosa:

(accettando la proposta del marito) Bello e’, ma pirchi’ Tarzan?

Saro:

Perche’ tarzan era un ragazzo cresciuto ppi’ cuntu

so’, non sapeva parrari e

non conosceva il mondo comu a iddu. Tarza rappresenta la reazione della

Rosa:

natura all’oscurantismo coatto.

Quannu mai tu a diri sti’ parulazzi.

Saro:

(continuando) Tarzan rappresenta l’intelligenza che ha il sopravvento sul…..

Rosa:

(infervorandosi)…

Bonu, bonu; ‘u capii, ‘na vota ca partisti ‘n quar ta cu tu leva da testa ca s’ha

chiamari Tarzan….. Sono persuasa   (avvicinandosi al soggetto mentre Saro


7


assiste compiacente) Sai figghiu miu, ‘u papa’ ti voli chiamari Tarzan.        Tu

Tarzan, io mamma, lui babbo…..

Tarzan: (afferrando solo l’ultima)…  .babbo, babbo, babbo……

Saro:

Si,  ma  finiscila  (gli  tura  la  bocca)  Mi  pari  ca  cci’  pigghiau  suppa.  (lo

accarezza mentre Tarzan gli scosta la mano; Rosa a sua volta lo accarezza

pure e riceve il consenso di Tarzan) Mi pari ca chissu e’ maliziusu. Di tia

Rosa:

s’acchiappa ‘i liffii e cu mia havi ‘u rigettu.

Certu, ‘u figghiuzzu, si viri che nel suo subconscio havi prisenti la sua vera

mamma chelo accarezzava comu fazzu ju’  (continua a fargli moine mentre

Saro:

Tarzan come sopra).

Hai ragiuni, pero’ gli devo insegnare anche l’a-b- c del comportamento col

genitore (gli si riavvicina e Tarzan fa per morderlo. Saro ritrae la mano e gli

Rosa:

molla un affettuoso scappellotto mentre Tarzan si rifugia da Rosa).

Che beddu, quantu mi voli beni. Chiama i carusi ca ci prisintamu il fratellino.

Saro:

Viremu chi ‘mprissioni ricevunu.

(avvicinandosi all’uscio di sinistra) Penso che la loro felicita’ sara’ pari alla

nostra (apre la porta e chiama) Nina, Pinta, Santamaria, viniti cca’ c’e’ ‘a

sorpresa. (Le tre sorelle irrompono nella stanza) ….. Vi presento il fratellino!

Nina:

E’ vero?

Pinta:

Di carne e ossa?

Santam.: Parra?

Saro:

Chistu non vu pozzu assicurari. Di essiri e’ veru; e’ fattu di carne e ossa ma in

Tutte:

quantu a parrari ancora non ha raputu vucca. Ci piacivu sulu ‘u babbu….

Quali babbu?

Saro:

Quali babbu c’e’ cca’? L’unicu babbu sugnu ju’!  (Le tre sorelle si avvicinano

Nina:

a turno e lo interpellano)

Iomi chiamo Nina,e tu?

Saro:

Ah, gia’ chiamatulu Tarzan,l’intelligenza selvaggi a!

Nina:

Io Nina, tu Tarzan.

Pinta:

Io Pinta, tu Tarzan.

Santam.: Io Santamaria, tu Tarzan.(ad ogni intervento lui mugugna)

Rosa:        Ora basta, no’ ‘ccupati cchiu’. Vi mittistiru ‘a p ani e tumazzu e ’u stati facennu asfissiari, allascativi tanticchia (si siedono tutti mentre Tarzan che continua a fare smorfie resta fra il padre e la madre. Poi toccando il braccio o la faccia o la spalla delle ragazze fa segno con l’indice sulla guancia di provare un gran piacere).

Saro:         Avete visto? Cci’ calastiru. Ora ‘u putemu ammaist rari a modu nostru.

Rosa:        (risentita) Ammaistrari? E chi era ‘na signa? Bada a comu parri ca certi voti siscunchiurutu veru.

Saro:         Ppi’ chiddu ca haju vistu finu ad ora putemu parrari sulu di ammaistramentu…..

Rosa:        Pirchi’ non puoi diri “rieducare”. Non puoi usari     altri termini meno crudi? Per

esempio: riammetterlo nella societa’, ridargli la sua identita’?

Santam.:Giusto papa’. La sua forma mentis ed il suo habitat in questo momento…..

Saro:         (interrompendola) Non accuminciamu ccu’ difficili, malirittu a scola cav’imparau ‘u tedescu.

Nina:        Latino papa’, lingua morta.


8


Saro:

E percio’, se e’ morta, lassamula di parti. ‘U mor tu e’ mortu, pinsamu ppu’

Pinta :

vivu.

Papa’,  tu  non  ci  pensare  ca  a  dargli  l’educazione  giusta  saremo

noi  tre,

Saro:

desiderose quanto te di un fratellino.

Vuatri mu cunsumati a stu’ criaturi.

Rosa:

E bonu, comu sta’ facennu. Le ragazze sanno il fatto loro e lo sistemeranno a

dovere. Vedrai appoi ‘u risultatu. Chiuttostu ppi’  stanotti unni ‘u sistimamu?

Nu’ curcamu nto’ menzu e poi dumani manni ‘i muratu ri per creare dda’

Nina:

biniritta stanza in terrazza ca havi ‘n misi ca tu dicu.

Ma no, mamma, lo corichiamo con noi nella nostra stanza, sulla rete che c’e’

in soffitta.

Pinta:

Si, e prendiamo quel materasso in piu’ che ha sul suo letto Enza la colf.

Saro:

(paonazzo) Carusi! Ma chi siti scemi? Va’ beni ca e’ allo sta to brado…..

Rosa:

E torna!?!

Saro:

(continuando) …. Ma e’ anche vero che sempre un maschio e’; e il

fuoco

Rosa:

vicino alla pagghia……..

Bonu, bonu, non continuari ca ‘a sapemu a memoria. Su curcunu iddi ca non

su’ cchiu’ picciriddi e canuscinu ‘u duru e ‘u matu ru. Oramai tutti sti’ riturnelli

Saro:

to’ su’ passati di moda. Viviamo alle sogliole del duemila….

Sogli, bestia!

Rosa:

E tu bonu sulu ppi’ chistu si’, ppi’ farimi i curr izioni quannu sbagghiu qualche

Saro:

virgula.

Figghia di quant’havi ca c’e’ a televisioni t’alli ppi arreri ‘e quiz e cerchi di

‘mparariti a parrari comule annunciatrici e le vallette e non t’adduni ca diventi

Le tre:

cchiu’ scecca.

E  bonu  papa’,  aviti  a  litigari  giustu  ora  ca  a  mamma  ebbi  questa  idea

meravigliosa di fari veniri ‘n masculiddu nta’ nost ra casa? Devi sapere che la

mamma in casa rappresenta il ministro degli affari interni. Mentre tu che vai

Saro:

fuori sei invece ilministro degli Esteri.

E vuatri siti i sottosegretari ca ni faciti fari chiddu ca vuliti. Ad ogni modo io

pensu che la soluzione migliore per stanotti sarebbe che lo mettiamo a letto

Le tre:

con la cameriera e dumani pensa a Diu.

(deluse) E va’ beni papa’, fiat voluntas tua……..Come disse

Rossella ‘O Hara:

Saro:

domani e’ un altro giorno!

Mi pari ca ‘a stanu facennu brurusa! Accurzamula e bona notti (si spengono le

Enza:

luci – la colf alla ribalta).

Gira, vota e furria, il mostriciattolo ppi’ stanotti tuccau a mia. Non e’ ca ci

vuleva fari a rima…..capitau……. I tri figghi di …..

do’ me patruni, assatanati

a comu sunu, ci ristanu mali. Iddi avissiru vulutu ‘u spassu, datu comu si dici

ca “cu voli ‘u spassu s’accatta ‘a signa”…. E perci

o’ c’adduppau, ma io che

sono  altroistica  nonli  voglio  lassari  scunfitti  e,  a  turnu  ci  fazzu  vidiri  ‘u

picciriddu (passa la prima sorella in camicia da notte e con una candela in

mano  come  una  sonnambula).  Ecco,  ‘u  viriti?  Sono  ragazze  davvero

affezionate al fratellino. Nesci una e ni trasi nautra (si vede il movimento

annunciato). Ora dico io, chi bisognu c’era di tutto stu’ mata ciniu su s’avissiru

fattu  ziti?  Oggi  si  usa,  non  e’  piu’  comu  a  quei

te mpi

ca  ‘i  fidanzati  si

taliavunu di luntanu e su si vireva tanticchia di cosciame si ni andavano in


9


estero!....  Ecco  vedete?  Scinni  dui,  acchiana  tri;  pari  ca  stamu  jucannu  a

briscula (si vede passare la terza sonnambula) E cu cci’ po’ diri cosa? I sonnambuli non s’arrusbigghiunu, pena la morte. E accussi’ ‘i lassamu fari (pausa, si gira, e si vede passare anche la madre)…… Matri, morta sugnu! Eunni capitai? Mi sta’ parennu di essiri in una di quelle case aperte ca ora sunu

chiusi! …… Ppi’ favureddu quantu m’arritiru……..      (cala lentamente la tela).

Fine primo atto


10


ATTO SECONDO

(Le tre ragazze, sedute, con le riviste in mano, ogni tanto sospirano e poi ricominciano a leggere).

Nina:        Se mi avessero detto che la sorpresa sarebbe stata un fratellino non ci avrei creduto.

Pinta:       Anch’io, sai? Abbiamo dovuto attendere tanti anni per avere la presenza di un maschietto fra noi.

Santam.: Comu si dici: o bonu o nenti! Va’ beni ca vinni in ritardo, ma almeno ce lotroviamo bello e fatto senza bisogno di crescerlo e, come direbbe la mamma, “smammarlo”, va’ levargli il latte e le pappe dei n eonati. E’ abbastanza grande per fare da solo ed essere autosufficiente. Piuttosto non lo viziamo cercando di rendergli le cose facili. Ancora non sa’ parlare e quindi nostro primo compito sara’ quello di insegnargli la nostra lingua.

Nina:        Credo che il trauma che ha sofferto, oltre ai ricordi di infanzia e quindi della vita precedente, gli abbia tolto anche la favella.

Pinta:       Hai ragione tu; infatti finora dalla sua bocca non sono usciti altro che rumori gutturali, motivi curiosi, mugugni incomprensibili, senza significato.

Santam.: Ma non avete sentito da papa’ cosa ha detto la monaca? Egli e’ un animale

bipede allo stato brado, cioe’ un selvaggio, ecco perche’ papa’ lo ha chiamato

Tarzan e penso che non c’era nome piu’ appropriato per il nostro fratellino.

Nina:

D’altro canto il nome Tarzan e’ un augurio e una p romessa di risultati futuri,

quando noi riusciremo ad insegnargli tutto cio’ di cui ha bisogno la sua vergine

Pinta:

memoria.

Ieri sera……. Ieri sera

(e’ un po’ riluttante) …. Sono andata a trovarlo nella

stanza della cameriera mentre lei ancora sfaccendava in cucina e ho avuto

l’impressione che i suoi occhi brillassero di piacere al vedermi, tant’e’ che

prima mi ha toccato un braccio e poi una guancia e poi si e’ raggomitolato su

se’ stesso con un sorriso di gioia.

Santam.: (farfugliando)Beh…. Per questo…. Anch’io sono andata a trovarlo

per dargli

il bacio della buonanotte e si e’ soffermato a lisciarmi i capelli come se avesse

Nina:

voluto farmi delle trecce al posto dei bigodini che avevo.

Se e’ solo questo vi debbo dire che alla mia apparizione non si e’ piu’ frenato

ed ha cominciato a palparmi come alla ricerca di ricordi perduti, come se

avesse rivisto la sua mamma o la sua nutrice.

Le altre: Nina sappiati contenere, non andare oltre i limiti di una fratellanza affettiva.

Tu sei la grande e devi dare il buon esempio. Tarza e di tutte e tre!

Nina:        Siamo alle solite. Cosa avete capito?

Le altre: Quello che hai detto!

Santam.: Che da ora in poi staremo tutte insieme quando lo si incontra.

Pinta:       E cosi’ la sua rieducazione sara’ ferrata e nello stesso tempo controllata in tutti i momenti. Oh, ecco la mamma ed il papa’. (entrano i genitori ancora assonnati, in pigiama, e siedono attorno al tavolo per la colazione)

Saro:         Buon giorno ragazze, dormito bene?

Rosa:        Bambine, avete visto Tarzan?


11


Le tre:

No, non ancora e nemmeno Enza s’e’ vista in giro.

Saro:

Chiamateli e facciamo colazione.

Nina:

(si avvicina alla porta di sinistra) Enza, Enza, stiamo aspettando il caffe’.

Enza:

(da dentro) Arrivo, caffe’ espresso, era gia’ pron to, aspittavo l’ordini (entra

con il vassoio contenente la colazione e attaccato alla sua gonna Tarzan

serafico con una faccia giuliva e soddisfatta. Enza depone il vassoio e Tarzan

siede sulle ginocchia del papa’ che lo sistema fra le ragazze). Signura, ‘u

Tutti:

picciriddu gia’ mangiau. E’ inutili ca cci’ duna ‘u  cafe’ e ‘u latti.

Comu, gia’ mangiau? E cchi’ mangiau?

Enza:

‘U truvai nto’ cessu…….

Rosa:

Si dice bagno

Enza:

Nto’ bagnu assittatu nto’ cessu…..

Rosa:

Ancora?

Enza:

E dda’ era assittatu……. Nto’ cosu……

Nina:

Nella tazza.

Enza:

Non era tazza era cessu!

Rosa:

Va’ beni, vah, accurzamula. E cchi’ faceva?

Enza:

Si mangiau tri sapunetti spalmati di dentifriciu e poi si stujau ‘u mussu nta’

Saro:

“tenera tenderly”!  (col motivo)

(mentre le ragazze ridono) Ancora e’ nenti e mu stati cunsumannu; vogghiu

vidiri quannu lo tratterete come un essere umano.’U vuliti vidiri ca ‘u mettu

Santam.:

nta’ ‘n culleggiu e ‘u fazzu studiari dda’?

Ma papa’ cosa hai visto di male? L:ascialo a noi ed alla mamma e poi

vedrai i risultati.

Rosa:

A manu ‘e nostri figghi non ponu essiri ca brillanti.

Enza:

Mu’ ‘mmagginu!

Saro:

Chi dicisti, tu?

Enza:

No, nenti, dissi sulu mu’ ‘mmagginu quannu stu’ car usu accumencia a leggiri

Saro:

e a scriviri, cu sapi chi cci’ scappa da’ vucca…….

Comunque non sunu affari to. Non t’intricari. (rivolto ai suoi) Mi priparu ppi’

nesciri, haju a spurigghiari certi cosi inerenti questa provvisoria affiliazione.

Mi raccumannu non lu faciti nesciri p’accamora e accuminciati a dargli le

prime lezioni elementari. Facciamo vedere al Governo che la famiglia

Pinta:

Spampinato non e’ insensibile ai problemi dell’infa nzia abbandonata!

Va’ beni, papa’; accuminciamu ccu’ sillabbariu unn i ci su’ stampati le vocali

Nina:

con il relativo significato disegnato a forma di animali e cose.

Si, questo e’ il metodo migliore.

Santam.: Poi passeremo alla lettura pratica ed ai numeri. Non ti preoccupare papa’,

Saro:

sara’ un passatempo per noi e utile per Tarzan.

Vado a vestirmi.

Rosa:

Esco anch’io con te, devo fare compere. (escono e si spengono le luci centrali;

Enza:

buio)

(alla ribalta sotto un cono di luce) Semu propriu abbissati. Chissu stanotti non

m’ha fattu dormiri. Quannu mi ritirai, dopu ca vi cuntai ‘u fattu di sonnambuli,

‘u truvai allippatu nto’ lampadariu comu a Tarzan d a pillicula e m’arrireva di

dda’ supra. Ci dissi di scinniri e mi cascau di ‘n coddu ca sugnu ancora tutta

scunucchiata pirchi’ ‘ntappai nte’ stipiti du lettu . Mi sintii sbeniri e quannu


12


grapii l’occhi ‘u truvai ca mi faceva a rispirazion i artificiali….vah, vucca cu

vucca…. Ci dissi “passito’” e s’abbrancicau supra ‘

o cantaranu unni

s’alluppiau ca testa ca cci’ pinneva e i peri nta’ l’aria. Ci pozzu cuntari sti’ cosi

e me’ patruni? Capaci ca non ci cridunu e mi jettunu fora ‘n quattru e

quattr’ottu. Pero’ se stasira mu volunu accullari n autra vota mi nni’ vaju a

dormire nta’ tirrazza unni c’e’ a lavabiancheria; m i chiuru d’intra e cu s’ha

vistu s’ha vistu! Quantu vaju a fari i sirvizza, vi salutu. (si riaccendono le luci,

Enza sparecchia e si ritira; le tre sorelle si mettono sul divano portandosi

Tarzan in mezzo, questi fa’ salti di gioia; poi lo afferrano e lo fanno

Nina:

accomodare composto)

(accompagnandosi con la mimica) Io Nina, tu Tarzan.

Pinta:

(come la sorella)

Santam.: (come la sorella anch’essa)

Nina:

(ripete) Io Nina, tu Tarzan.

Tarzan:

‘ga ‘nghinga – ‘nga nganga zanga ghirribanghi dugg

hi granchi…..

Pinta:

(intervenendo) No nganga, bensi’ Nina, Pinta e Santamaria.

Tarzan:

ngarimbita, cangaria, sambinghina…

Tutte:

Tu Tarzan

Tarzan:

Tarzanninghi

Pinta:

Ecco, devi dirlo pero’ tronco: Tarzan (Tarzan ricomincia con “tronghinghina

ecc.)

Santam.: (prende un libro di lettura per la prima elementare)Ecco, guarda. Questa e’

A che vuol dire “albero”; questa e’ B che vuol dire

“botte”……

Tarzan: (indicando)Alberonghi, bottonghi…..

Nina:

(sconcertata) Si, fa’ progressi…. Pero’ non gli si puo’ togliere   quel finale

gutturale …. Guarda Tarzan, quasta e’ la C come cas

a, carta, cicca ……su

ripeti tu…..

Tarzan: Casonghi, cartonghi, ciccastonghiti!

Santam.: Chi s’ha vistu “civitoti in pretura”?

Pinta:

Ma no, e’ stata una combinazione. Non senti che i suoi finali chissa’ per quale

mistero di assimilazione e rigetto finiscono tutti in ‘nghi!?

Nina:

(continuando come sopra) Questa e’la D come drago, daga, destra , dogma….

Tarzan: Ntringhite, ntronghite, ndrangheta!

Santam.: (guardando stupefatta)E chi e’ calabrisi?

Pinta:

Ju’ mi scantu quannu arrivamu nta’ emme come monac o, manico, minico, ecc.

Nina:

(ridendo) E pirchi’ nta’ zeta? Chi vi nni’ pari? Zughiti, za ghiti, zinghiti

sembrera’ la banda per la festa paesana (ridono).

Tarzan: (ripete)Zughiti, zaghiti, zinghiti(e’ soddisfatto).

Nina:

Avete visto? Dio ce ne liberi; qui’ le cose andranno per le lunghe fino a

Pinta:

quando non riusciremo a sbloccarlo del tutto.

Si, ma se ci spazientiamo cosi’ presto non otterremo niente di buono. Lo

dobbiamo abituare per gradi e con metodo. Ecco, insegnargli il si ed il no (lui

ripete), avete visto?

Santam: La differenza fra il bello ed il brutto(fanno le smorfie relative a cui Tarzanpartecipa), la differenza tra l’uomo e la donna (fa’ segno delle tette). Cosi’ conle cose pratiche riusciremo meglio. Magari gli insegneremo qualche poesia dove l’endecasillabo e lo sdrucciolo per lui saranno momenti musicali.


13


Nina:

(andando verso il grammofomo e mettendo un disco) O addirittura la musica

dal vivo che e’ sempre riuscita ad ingentilire gli animi ed a trasmettere

impressioni dolci e melodiche nel subconscio.

Tarzan: (ripetendo)Sutta a coscia……..!!!

Santam.: Chissu mi pari babbu birbanti!

Pinta:

Ma no, si tratta di parola nuova che assimila facilmente in quanto parte labiale

e parte dentale. Facciamogli vedere come si balla e stasera lo porteremo al

concerto in discoteca. Sara’ l’invidia delle nostre amiche. (Nina fa’ partire la

musica e tutti e quattro ballano un rock quasi tribale. Alla fine esausti vanno a

sederementre Tarzan soddisfatto si accomoda sul tavolo di centro. Suonano

alla porta d’ingresso; passa Enza e va’ ad aprire).

Enza:

(rientrando dalla comune) Signurini c’e’ dda’ banna ‘n parrinu ca dici ca vo li

parrari cu so’ papa’ ppa custioni linfatica abbannu nata ca fu’ attruvata sutta ‘u

collu du’ bacilico’ e si ci dati tanticchia di cunf irenza, v’allarga l’orizonti a

Le tre:

tutti e tri.

(interdette per non aver capito) certu enza ca ti esprimi in un modo….. Fallo

entrare.Pero’ non aprire piu’ bocca. (Enza fa’ entrare il prete che parla con

forte accento basilisco-pugliese).

Prete:

Sia lodeto Gesu’ Cristo.

Le tre:

Ora e sempre…. Padre si accomodi e ci dica il moti  vo della sua presenza fra

noi. Papa’ e mamma non ci sono momentaneamente, ma lei puo’ dire a noi

Prete:

quanto le sta’ a cuore.

Care vagnedde, songo cuntente de la vostre accuglienze perche’ venghe e me

sbrighe subito. Agghio ditto alla vostre cameriere che venivo per l’infanzie

abbandunete che fu’ truvate sotto lu crollo della Basilicate. Ora attraverso le

suore della Divine Provvidenze agghio sapute chelu meschino (si avvicina a

Tarzan che lo morde) …… Pusse via malacrianzete!........ lu disgraziete

,

diceve, ancora non parle e nettempoche si fa’ capire, laonde per cui se vulete,

me lo riporto a tempo indeterminete fino a quando ve lo restituisco con

Nina:

un’altra teste.

No, padre, non e’ necessario e penso di parlare anche a nome dei miei.

Pinta:

Gia’! Ci siamo assunti noi il compito e speriamo di portarlo a termine.

Prete:

Ma io diceve per voi. Perche’ non abbiate a combattere contre le muline a

vente perche’ da quelle che vedo costui e’ peggio d e li selvaggi dell’Amazzonie.

Tarzan: (scende e si ribella al prete indicandolo)Nghinga, ‘ngranghi saribenghi longhibanghi nghiringhenghi……

Prete:        Avete visto? Lui ce l’ha con me perche’ quando li pompieri lo hanno tireto su’ dal crollo e mi ha morso gli ho date quattre schiaffoni che ancora se li ricorde.

Nina:        (risentita) E questo non e’ un buon metodo per educare!

Pinta:       (tagliando corto) Noi lo ringraziamo delle buone intenzini ma penseremo noial ragazzo.

Prete:        (scornato) Cosi’ volete e cosi’ sie. Io vedo…..

Santam.: Cosa vede?

Prete:        No, ho detto me ne vedo nel senso di andere, insomme vedo via, ma spero di risentirci a breve tempo. La pece sia con voi…….


14


Nina:        E con il catrame! (via a soggetto) Non ne potevo piu’! Mi e’ sembrato piu’ che un prete un sensale di schiavi. Se c’era papa’ lo a vrebbe ammansito con altri denari come per la monaca.

Pinta:       (affettuosa a Tarzan) Povero cocco, vieni qua’ (esegue), ti voleva portar via,sai? Ti voleva educare a modo suo (Tarzan si esprime con il braccio sinistro sul destro).

Santam.: Bravo, ha capito tutto il nostro amoruccio(smorfie a soggetto ed escono; peralcuni attimi la scena resta vuota, poi entrano i signori Spampinato portando pacchi).

Rosa:

(chiamando) Enza, Enza, dove sei?

Enza:

(entrando) Signuruzza e unni pozzu essiri? Non e’ ca mi nni’ fuju………

Saro:

Enza, chi e’ sta’ cunfirenza ccu’ me muggheri? T’a ddumannau unni eri…. Ci

Enza:

putevi diri benissimu: sono qua’, qua’!

E chi era papira? Qua’, qua’, qua’!

Rosa:

Lassila stari, no sai ca e’ fatta accussi’? Percio’ Enza, ci sunu nuvita’? I carusi

Enza:

su’ dda’ banna?

Sissignura. I nuvita’ su’ ca vinni n’ parrinu ca p arrava strogotu e si vuleva

purtari ‘o carusu. Prima addumannau si c’era linfat ica abbannunata….

Saro:

L’infanzia, Enza, l’infanzia……..

Enza:

Sissignura, comu dici vossia, e poi ci vuleva dari corpa.

Rosa:

Comu corpa?

Enza:

Si, pirchi’ iddu ci desi ‘n muzzicuni nta’ na’ man u. E ‘u parrinu ci dissi macari

Saro:

disgraziatu.

Forse nel senso di sventurato?.....

Enza:

O svinturatu, o malasurtatu sempri “disgraziatu” c i dissi!

Rosa:

(al marito) Ma tu senti….. Varda chi c’e’ cca’!

Saro:

E poi?

Enza:

E poi si nni’ jvu cca’ pici e so’ figghia Nina ci  desi ‘u catrami (suonano alla

Saro:

porta); vaju a grapiri.

‘U voi vidiri ca stu’ parrinu vuleva autri soldi? Mi pari ca l’affiliazioni do’

carusu addivintau na’ speculazioni commerciale…. Vu

liti chistu? Datimi

st’autru….. Vi concedo tanto? Turnatiminni ‘u duppi

u. Mi stanu parennu i

Banchi ca ti offrunu l’avvio di un’azienda o un pre stito per laprima casa e poi

tra ipotechi, trascrizioni e fidejussioni s’ammuccunu tuttu ‘u ben fattu! (rientra

Enza:

Enza)

Signura c’e’ nautra vota a monaca ccu’ n signuri.

Saro:

Cca’ semu! Si lu vinni a pigghiari. C’e’ ‘ntraficu

cca’ intra….. nesci ‘n parrinu

Enza:

e trasi ‘na monica… Cu e’ stu’ signuri ora, tu diss

i cu era?

Chi sacciu, mi pari ca dissi di essiri un commissario del perfetto.

Saro:

Bonu, va’…! Megghiu si spiamu a iddu. Falli trasir

i.

Rosa:

Enza, mentri vai dda’ banna, poi, ci porti sti’pac chi e carusi e ci dici ca cci’ su’

i vistiti ppi’ Tarzan (Enza si avvia e ritorna con la suora del primo atto ed un

distinto signore)

Comm.: Chiediamo scusa ma era nostro dovere venirvi a trovare per sopravvenutecomplicazioni nella questione che riguarda voi ed il trovatello vostro affiliato. Sono il commissario prefettizio di Potenza addetto agli Istituti di Beneficenza (convenevoli). Vorrei esprimervi prima di tutto il plauso mio e dei miei


15


siperiori per la disponibilita’ dimostrata nel venire incontro alle difficolta’ del Governo riguardo a situazioni del genere. (con enfasi) Se ogni cittadino italiano sentisse l’utilita di questi doveri, non ci sarebbero piu’ nella societa’ reietti, reprobi, rifiuti….

Saro:         (concludendo) Mondezza! Si, va’ bene tutto questo caro commissario, maveniamo al dunque!

Suora:     Il commissario e’ venuto prima da noi a dare un allarme che ancora non sappiamo se giustificato o meno.

Rosa:        E ci dica, suora, qual’e’ quest’allarme? Abbiamo p ensato io e mio marito chele difficolta’ dell’affiliazione del ragazzo sono di g iorno in giorno piu’ complicate, pero’ veniamone a capo una buona volta e risolviamole.

Comm.: Lei dice bene signora, anche perche’ noi dobbiamo definitivamente risolvere ilcaso.

Saro:         E allora, su’….. sputate il rospo!

Comm.: Ebbene, andiamo per gradi; voi sapete che il figliolo che vi e’ stato consegnatonon ha memoria….

Saro:         … e va’ bene, continuiamo.

Comm.: Voi sapete che per quante ricerche siano state fatte, non si e’ trovata traccia

Suora:

diparenti discendenti, ascendenti o collaterali….

Questo glielo avevo gia’ detto io.

Rosa:

Si, la suora era stata molto chiara in proposito.

Comm.: Quello che non sapete, invece, e’ che nel punto dove e’ stato trovato il

soggetto, la Protezione Civile, dopo lo sgombero delle macerie, ha rinvenuto

una specie di laboratorio attrezzato per studi biologici con un dossier d’appunti

Suora:

voluminoso quanto interessante.

(fuori dai gangheri) Siano maledetti, vogliono scavalcare la barriera della

Divinita’!!! (Rosa e Saro si guardano con meraviglia)

Comm.: La prego, sorella, nonimprechi,non maledica, perche’ si tratta ancora di

Saro:

ipotesi.

(confuso) Ma mu vuliti fari ‘nfavuri, insomma mi volete fare il favore diessiri

piu’ chiari e senza reticenze?

Rosa:

Ragione ha mio marito: senza recitenze…….

Comm.: (continuando)Il dossier si trova allo studio di esperti e dalle prime

Saro:

indiscrezioni pervenute sembra che il ragazzo ….. n

on e’ un ragazzo!

(scattando) E chi mi purtastiru nautra fimmina?

Comm.: Ho capito quello che ha detto signor Spampinato…..

un’altra donna. ….

Magari! Ma non e’ cosi’!

Saro:

E allora e’ un puppo, un omosessuale, un invertito ….. mi avete rovinata la

discendenza!

Comm.: No, nonsi allarmi per questo. La cosa invece sembra piu’ grave, ma per ilmomento nonpossiamo quantificare il danno prodotto perche’ non vi sono ancora gli effetti prodotti dalle cause misteriose.

Saro:         Non ci ho capito un’acca! Per l’amor di Dio vuole essere piu’ chiaro? Lei parla alla prefettizia….

Rosa:        Saro, hanno detto che non e’ ne’ maschile, ne’ fem minile e mancu autru. Chi e’ allura?

Suora:     Sembra che sia tutti e tre i casi in uno.


16


Comm.: La prego, sorella, non vada subito alle conclusioni. Signor Spampinato deve

Saro:

avere pazienza e cercare con noi di svolgere le indagini relative.

Ma quali indagini, chi haju a fari ‘u sbirru?

Comm.:

Ma no, deve solamente collaborare e riferire le reazioni del ragazzo.

Saro:

Ppi’favuri, s’u purtassi e non ne’ parliamo piu’;  vuol dire che rinuncio per

sempre al figlio maschio con tutte le conseguenze. D’altra parte, ancora, al

Comune non sanno come regolarsi e percio’ evitiamo sti’ complicazioni

burocratiche e livatimmillu davanti.

Comm.: No, signor Spampinato. Ora piu’ che mai lei hail dovere di collaborare con ilGoverno per scoprire insieme a noi la vera identita’ di questo “umanoide”.

Saro:         Senta commissario, cca’ mi sta’parennu, cioe’ mi s ta’ sembrando un film di

fantascienza. Lei parla in un certo modo…. Umanoide   ha detto? E che e’

l’uomo venuto dallo spazio? Un ibernato? Unextraterrestre? Da dove e’

venuto?

Comm.: (dopo una lunga pausa con relativo imbarazzo dei presenti)Da nulla!!!

Saro:

(all’unisono con la moglie Rosa, balbettando) ….dal nulla?

Comm.:

Sissignore dal nulla….. e’ un antropomorfo.

Saro:

(sempre all’unisono con la moglie, come sopra) Chi e’? Chi fa’ smorfii?

Comm.: Mi correggo: si presume che sia un antropomorfo, cioe’ una creatura che

Saro:

presenta molte affinita’ con l’uomo ma che in effet ti e’ un pongide.

(disfatto) E chi mi purtasturu un mostru in casa?

Suora:

(intervenendo) Non propriamente signor Spampinato. Il ragazzo

tendenzialmente ha un carattere piu’ che buono, ma quello che si sta’ cercando

di studiare e’…..

Comm.: (interrompendo)…suora, lasci dire a me.

Saro:

Mittitivi d’accordu a chi mi deve dare questa pillola.

Comm.: (continuando)Il Governo, tramite me, le chiede di tenerlo ancora in casa

perche’, acclimatatosi in questo ambiente, diciamo cosi’, non si conosce la

reazione di un eventuale suo trasferimento in altro luogo. Quindi lei deve avere

ancora pazienza e continuare a trattarlo come se niente fosse; del resto credo

cheproblemi non ne ha avuti e non ne avra’ stante che il suo sviluppo

Saro:

psicologico sembra sia avvenuto senza scosse.

Ma chi mi vuol far capire che ho un mostro in casa? Altra che Tarzan, cca’ si

tratta di Frankenstein.

Comm.: Ma no, signori. E per cercare di chiarirvi il da farsi che e’ necessariocontinuare a trattarlo come prima e prestarsi a fare da intermediario col Governo che ora cerca di scoprire quanto di vero ci fosse in quel laboratorio sepolto tra le macerie del terremoto. Dai primi studi condotti da un’equipe di biologi risulta cheil vostro Tarzan e;ilprodotto genetico di una micro cellula costruita in laboratorio tra filtri, storte ed alambicchi e quindi nato da una formula segreta che si sta’ cercando di svelare.

Saro:         Signori miei, io sono stranizzato, io in questa casa nonci vivro’ piu’ e debbo salvaguardare anche l’incolumita’ della mia famigli a….

Rosa:        Pirchi’ c’e’ piriculu, Saru?

Saro:         Havi tri uri ca ascuti a nonhai caputu nenti?! Il pericolo consiste che da un momento all’altro ci ponu pigghiari i cincu minuti e ci sevizia a tutti.


17


Comm.: Ma no, no, non si preoccupi. Il pericolo non e’ questo. Il pericolo consiste

invece nella natura genetica. Egli secondo il dossier trovato nello scantinato

Saro:

dove e’ stato elaborato e’ portatore di….. come pot   rei dire? Di……

(impaziente) E dica, dica. Di che cosa?

Comm.:

Di proliferazione collettiva!

Rosa:

E cchi’ vol diri, ca c’avemu a fari ‘a culletta?

Suora:

Ma no, cara signora, significa che essendo un prodotto costruito

artificialmente…….

Comm.: Suora, stia zitta! Sembra che attraverso queste ricerche, nel gabinetto….

Rosa:        E chi ‘u trvanu nto’ cessu?

Saro:         Muta statti! Appoi ci ‘u dici a cammarera!....

Comm.: Dicevo: attraverso le ricerche della biotecnologia genetica e’ stato costruito ilragazzo il quale e’ un ominide nato nel laboratorio con cellule di pongidi e umane. Insomma e’ bastata una vescichetta di una parte del corpo umano e, mettiamo, la saliva di una scimmietta, per dare sviluppo immediato ad un bipede a perfetta attitudine verticale con sembianze di uomo.

Saro:         (spaventato) E chi e’ il prodotto di na’ ‘n budda? Di una papol a? Se lo porti,ppi’ favuri. Me lo tolga davanti!

Comm.: (imperterrito)E allora signor Spampinato, l’aiuto che il Governo le chiede e dicontinuarlo a trattenere allo scopo di constatare se l’ultimo comma degli appunti trovati e’ veridico.

Saro:         E quali sarebbi stu’ comma?

Rosa:        E chi e’ macari di gomma? (occhiataccia del marito)

Comm.: Sembra che il soggetto emani una forte carica sessuale e non appena viene a

contatto con persone, animali o cose, insomma con tutto cio’ che esiste nel

Rosa:

creato li……..impollina!!!!

Chi e’ sta’ cosa?

Comm.: Insomma, la parte contattata prolifera immediatamente riducendo

Saro:

sensibilmente il tempo normale e precorrendo, cosi’, lo sviluppo relativo.

Semu persi! Per questo la mia cagna in tre settimane ha figliato 2 volte?

Rosa:

Ppi’ chistu a me’ jatta ni fici 36 e i gerani du’ balcuni scinnenu finu a

pianterrenu….

Comm.: Ecco, questi sono sintomi precisi che io dovro’ riferire al Ministero dellaSanita’. Anzi fra alcuni giorni arriveranno degli scienziati per verificare di persona il grande evento! Lei sta’ vivendo, insieme alla sua famiglia, un fenomeno genetico irripetibile che non ha riscontri nella storia dell’umanita’.

Saro:         E ni cunuttamu ccu’ stu’ spicchiu d’agghiu!  (entrano le ragazze con Tarzan)

Nina:        Mamma, noi andiamo.

Saro:         Andiamo, mamma. Ma mi pari ca c’e’ puru ‘u papa’.

Tarzan: Babbo, paponghi.

Saro:         Tu statti mutu signa misa additta!

Comm.: (intervenendo)Cosi’ questo sarebbe il soggetto della nostra conversazione(lo

squadra, girandolo su se’ stesso) Non c’e’ che dire: perfetto!

Pinta:       (togliendogli Tarzan dalle grinfie) Papa’, chi e’ questo signore, qualcheaspirante all’adozione?

Comm.: No signorina, io sono un incaricato del Ministero della Sanita’ per constatarel’effettivo stato di salute del vostro affiliato.


18


Santam.: Papa’, glielo hai detto che sta’ bene, che stiamo tutti bene insieme a lui e chenon continuassero a rompere?.....

Rosa:        No, carusi, sintiti cca’; ci sono delle complicazioni ca nasceru ora e percio’ stu’ signuri era venuto a chiarire….

Nina:        Mamma, papa’, non c’e’ niente da chiarire. Noi sti amo andando in discoteca con Tarzan dove c’e’ un concerto importante di Miet ta e Amedeo Minghi. Vi saluto.

Tarzan: (fregandosi le mani)Si, si, minghi, minghi, minghi!!!(escono e si spengonole

luci per dare la possibilita’ a tutti di uscire dalla scena mentre Enza viene alla

Enza:

ribalta sotto un cono di luce e con una vistosa pancia).

E semu cca’…… Vi aggiorno supra li nuvta’ ca stann

u succirennu cca’ intra.

‘U viriti comu sugnu cumminata? (evidenziando il suo stato) Sugnu di novi

misi e non sacciu comu fu’! ‘U me zitu puvireddu e’ surdatu da un anno e non

si e’ visto mancu a licenza….. Autri masculi non ni

canusciu e percio’ sugnu

na’ santa…..vah, vogghiu diri senza macchia e senza

piccatu! Ora cu cc’ha

porta sta’ nutizia ‘o me’ zitu….ci po’ cridiri? Nen   ti nenti mi chiama fretifraca

e sdisanesta e mi lassa ‘ntridici. E ju’ restu raga zza matri senza cchiu’ spiranza

di maritarimi…… Allucca’, guardati cu sta’ vinennu

(luce; entrano le ragazza

in evidente stato di gravidanza col fazzoletto in mano per attenuare il senso di

Nina:

nausea, insomma i cosi detti “mali vizi”)

(apostrofando Enza) E chi fai parri sula?

Enza:

Ca signurinedda a cu’ ci l’avissi a cuntari secunn u lei sta’ situazioni mia? A la

Pinta:

me sorti?

E perche’ nonlo vedi in che stato siamo anche noi?

Enza:

Si, ma vuatri aviti il fratellino! Ju’ fratellinu non n’haju e percio’ chi nicchi e

nacchi sti’ cassati ‘i Pasqua!

Santam.: E non fari d’accussi, voldiri ca quannu nasci ce lo teniamo anche noi.

Enza:        So papa’ ni sona ‘a troccula a tutti quattru pirch i ci pari ca ‘u mostru ‘u scuncicamu nuatri!

Nina:        Intanto questa situazione si deve risolvere al piu’presto. Si e’ sparsa la voce fra le coppie sterili e cominciano ad arrivare richieste di contatti con Tarzan…

Pinta:       Certo se si potesse sfruttare la situazione ci sarebbe da guadagnare un sacco!

Santam.: Ma come si fa’? Il Ministero della Sanita’ vuole i l diritto di prelazione.Dicono che debbono spedirlo inNorvegia e Svezia dove il calo delle nascite e’ semplicemente pauroso.

Enza:        E percio’ ci mannunu a iddu e salia puddicini gnuni gnuni.

Nina:        Lascia staru tu, vattene di la’ perche’ non sono d iscorsi che ti competono.

Enza:        (avviandosi) Pero’ stu’ balluni mu trovu davanti comu a vuatri e micompete…. (esce mentre entra Rosa, acciaccata e quasi claudicante,

tenendosi i fianchi)

Le tre:      (premurose) Mamma, come ti senti, come stai?

Rosa:        Mali, malissimo.

Pinta:       Che sintomi hai?

Rosa:        Precisi chiddi da’ gravidanza!

Santam.: Anche tu mamma? Ma nonpuo’ essere per te una indigestione?

Nina:        Infatti non si vede nessun segno di (dispone le mani a pallone sulla pancia)….


19


Rosa:

Si, ma a vuatri vi vunchiau subitu mentri ju’ haju ritardu di qualche giorno.

Chiddu ca mi preoccupa non siti vuatri o a cammarera……. Chiddu ca mi

preoccupa e’ vostru patri ca tutta ‘a notti s’ha la minattu a m’ha dumannatu i

Le tre:

cosi cchiu’ strani.

Ma com’e’ possibile? Un uomo? Un anziano?

Rosa:

Pirchi ju’ non sugnu anziana? Ma ddi’ schicchi ca sta’ facennu vostru patri non

l’haju vistu fari mancu ‘e primalori. S’arrusbigghi au nto’ menzu da nuttata e

m’addumannau ‘u gilatu di citru, ‘a banana, ‘i frag oli e all’ultimu dici ca

Le tre:

vuleva fatta ‘a capunata di mulinciani.

Buona mamma, ne vogliamo unpo’ anche noi (deglutiscono di piacere con

l’acquolina in bocca).

Rosa:

(preoccupata) Non vi tuccati, ppi’ l’amuri di Diu non vi tuccati annunca

nascinu con le voglie, i cosiddetti disii….. Quannu

aviti sti’ desideri strani

Nina:

tuccativi dda’ (allude) …. Unni non si viri.

Guardate chi arriva…… papa’!

Saro:

(entrando, affranto si sdraia accanto alla moglie) Siamo stati puniti da questo

desiderio assurdo! Dov’e’, dov’e’ quel criminale na to da una mente altrettanto

criminale. Dov’e’ questo essere chemi ricorda gli i ncontri ravvicinati di sesto

Nina:

tipo?

(timidmente) Sta’ giocando, papa’….

Saro:

Ah,lui gioca, stu’ disgraziatu joca! E comu joca con la bambola? Livaticcilla

Pinta:

ca chistu metti ‘ncinta macari a pupa!

No sta’ giocando col cerchio in modo innocente.

Saro:

Livaticcillu annunca stu’ circulu addiventa ‘n cup irtuni ci camiu ccu’

Nina:

rimorchiu e non putemu circulari cchiu’ mancu in casa.

Cca’ e’, cca’ e’ guarda quant’e’ ingenuo, papa’  (entra Tarzan e fa’ il giro della

Saro:

stanza col cerchio mentre le ragazze afferrano il padre che lo insegue)

Ingenuo e’, ingenuo comu l’acqua do’ baccalaru….

Pinta:

Papa’ non nominare queste cose, sai poi che ci viene la voglia.

Le due:

Si, si mamma vogliamo il baccala’

Rosa:

(alzandosi) Non vi tuccati, non vi tuccati, vu fazzu subitu carusi. ‘U vuliti

Nina:

agghiotta ccu’ du’ patati?

No mamma, fritto a crispelle.

Saro:

Ju’ ‘u vogghiu a missinisa (Tarzan sgattaiola con la madre in cucina);

Enza:

campanello)

(annunziando) C’e’ ‘u parrinu, ‘a monaca e ‘u cummissariu.

Saro:

(saltando dalla sedia) E cchi’ volunu di mia? Mi purtanu nautru figghiu

Le tre:

masculu? ‘I ‘mmazzu, li ammazzo!

Falli entrare papa’, vediamo cosa vogliono…… falli

accomodare Enza

(calmano il padre in evidente stato di nervosismo) E bonu papa’, non fari

accussi’, sentiamo le novita’ che ci sono. (Entrano i tre annunciati con un

pancione simile a quello delle ragazze; sono disfatti, sfiduciati, senza grinta)

Comm.: Perdonateci, signor Spampinato, ma non abbiamo potuto fare a meno di venirea disturbarvi perl’ultima volta.

Prete:        Avete visto cumme ci siemo cumbinete tutti e tre?

Saro:         (Inveendo) E pirchi’ comu n’arridducemu cca’ tutti cincu?


20


Suora:

Sia fatta la volonta’ del Signore; mal comune mezzo gaudio. Io, una povera

Prete:

suora in questo stato…….

Ma cosa dece….signor Spampenato, lei non se’ cosa   dece. Qui’ siamo

imbarchete tutte nella stesse barche e percio’ dovremo stringerci in un fescio.

Comm.: Ha ragione, signor Saro, qui’ dovremo chiedere allo Stato il riconoscimentodella paternita’ dei figli che nasceranno conun congruo risarcimento mettendo il mostro in condizioni di nonpoter piu’ nuocere . (Si spengono le luci, mentre si avra’ il tempo dipreparare seduta stante nove bambole che fungeranno da neonati e approntare una gabbia prefabbricata con dentro Tarzan).

Enza:        (alla ribalta col figlio in braccio) E comu mi finiu! Figghiu di patri ignoto epur non essendo ancora tempu di ficurinia chissu e’ bellu bastarduni! Putiti diri: ‘ma ‘u patri, ormai, si capiu cu e’”. Nonsign uri, non si sapi perche’ comu dici ‘a circulari do’ Ministeru, e’ figlio do’ sess i! Lisci, frizzanti o gassata, sempri cu sessi e’! ‘U bellu e’ ca non sugnu sula! Appressu di mia mi nni’ purtai n’autri ottu. Putemu fari ‘na squadra di cal cettu. (si riaccende la luce) Ammirate, vardati cca’ (indica l’interno dove come in una foto di gruppo sono posizionati in pose diverse gli attori che hanno in braccio un neonato che strilla mentre i rispettivi genitori lo dondolano in una ninna nanna tradizionale che fa’):

Aho’, ninghiti ‘mpo, veni lu papa’ to’…….

Si me figghiu non voli durmiri corpa nto’ culu

Sa’ quantu n’aviri

E n’aviri quattrucentu figghiu d’oru e fighiu d’arg entu Aho’, aho’ aho’……….

(sfuma il canto e cala la tela).

Fine

Mascalucia, 5/6/1990


21

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 55 volte nell' arco di un'anno