Tatiddu ‘u siggiaru

Stampa questo copione

Tatiddu ’u siggiaru

Commedia dialettale in 3 atti

di

Ignazio Maiorana

edizioni I.L.A. Palma

1980

Presentazione

Io stesso ho voluto presentare il mio scritto per dire subito che non ha nulla di straordinario. Tramite esso ho voluto cercare qualche soddisfazione fuori dell’ambito del lavoro quotidiano.

         Mi sono innamorato del dialetto siciliano e, assieme ad esso, delle originalità espressive di cui è dotato.

         Di esso mi sono servito per comunicare, sotto forma di versi, ciò che dalla vita ho colto, ciò che mi sembra giusto e ciò che mi sembra sbagliato, registrando, per lo più, certe riflessioni sulle condizioni di vita, sulle sofferenze e sulle azioni di questa nostra società.

         E di esso mi sono servito per fare trascorrere un paio d’orette in allegria in teatri d’occasione ed in teatri pubblici.

         In «Tatiddu ’u siggiaru», comicamente, mi è venuto di paragonare la vita ad un sacco di fave dove le fave sono i giorni della stessa vita.

         Si sa che una volta usciti dallo stadio dell’adolescenza, la vita comincia ad inquadrarsi secondo le tendenze e il destino di ogni individuo. Da questi due fattori difficilmente ognuno può staccarsi.

         Non per questo la vita deve diventare monotona. Il bello sta nel saperla rendere di diversi gusti e di diversi colori entro i limiti di quel quadro che abbiamo a disposizione e che, spesso, rimane invariato fino alla fine.

         «…favi vuddúti, favi spicchiàti e favi caliàti!» sono le diversità di quel sacco che ho paragonato alla vita.

         Anche se sono soltanto le fave l’alimento con cui, sulla scena, la modesta famigliola protagonista può risolvere i problemi alimentari, le diverse specialità gastronomiche degli stessi legumi alleviano la monotonia di un cibo sempre uguale.

         E quel Tatiddu, che voleva cambiare strutturalmente il suo tipo di vita ormai inquadrato in un certo modo, rimane, alla fine, profondamente scottato.

         Gli attori sapranno certamente spiegare meglio di me.

Ignazio Maiorana

Personaggi in ordine di apparizione

-Tatiddu Tavola

-Rusidda (la moglie)

-Don Camillo Baglieri (un cliente)

-Garzone di Don Camillo

-Ninuzzu (figliu di Tatiddu)

-Amelia (la maestra)

-’Nzula (la comare di Rusidda)

-Avvocato Vincenzo La Farina

-Donna Rosalia (moglie di Don Camillo)

Atto Primo

         La scena si svolge nella bottega di un seggiaiuolo. In un angolo stanno ammucchiate alcune sedie; accanto ad esse, un armadietto a scaffali e una capra legata. Nel centro della stanza sta un tavolino. Ai lati della scena due porte: quella d’ingresso sulla sinistra e quella che dà nella cucina a destra. Sul fondale della scena sta un letto matrimoniale.

         ’U siggiaru è un uomo sulla quarantina, autoritario ma di indole buona. Vittima di un periodo di scarsezze economiche è costretto a vivere nella costernazione e nella frustrazione. Così, spesso, si trova a fare dei passi per cambiare il sistema di vita che alla fine, per la sua ingenuità, lo conducono in una situazione più necessitosa e disperata di prima.

         Rusidda ha anch’essa un carattere bonario che spicca soltanto pochissime volte durante la commedia. La continua profonda necessità la costringe ad inveire contro tutti tranne che con Don Camillo, al quale lei si manifesta intima, con la speranza di poterlo convincere al più presto a pagare il lavoro prestato dal marito sulle sedie.

         La scena si svolge in un qualsiasi paese della Sicilia verso il 1960.

         (Il seggiaiuolo, seduto, tiene infastidito una sedia sgangherata in mano, cercando di metterla all’impiedi senza però riuscirvi)

Tatiddu: Ma porca miseria, è possibili mai c’aju a cummattiri ccu tia? Ju pazzu nesciu! Lu to patruni nun lu sapi chiddu ca ci voli pi fallu assittari còmmidu. A iddu ci ’nteressa ca s’avi assittari ccu li jammi sbarracati, ccu la pipa ’n-vucca e ccu la coppula calata nta la nasca. Ma comu staiu cunsannu a tia, accussì sfasciu la testa a iddu si nun mi paga lu travagghiu fattu! Don Camillo, Don… Rusidda! Rusidda!

         Rusidda: Chi vua? (entrando)

         Tatiddu: Senti, va fatti bedda ca stasira si nesci. Ti fazzu spruvulazziari la chiazza comu na jaddina padovana!

         Rusidda: Pirchì, accussì nun sugnu bedda?

         Tatiddu: Se, si’ bedda comu na jattaredda.

         Rusidda: Taliatilu ch’è aurusu stu casciuni ’i cantaranu!

         Tatiddu: E zittiti, ca tu pi deci anni nta stu casciuni ’i cantaranu ci posi la biancheria intima! (Si ode un colpo alla porta: è Don Camillo, il proprietario delle sedie che attualmente si trovano nella bottega). Cu’ è? Rusidda, vai a vedere chi tuppulìa.

         Don Camillo: C’è permesso?

         Tatiddu: No, il signor permesso non c’è, sta facennu la pi… pi l’amuri di Diu! Vui siti, Don Camillo? Trasiti, trasiti, nta sta casa c’è puviriddami, ma nun manca la gintilizza. Rusidda, va fa’ du’ ova ad occhiu e pigghia la seggia a Don Camillo!

Don Camillo: No, no, nun vi disturbati signura Rusidda. Per ora nun pozzu manciari! La me panza è comu un orologiu a pendolo: quannu lu pinnagghiu nun si movi giustu, l’orariu scascia. Non so se mi spiego…

Rusidda: Comu vuliti vui…

Don Camillo: Mastru Tatiddu, ju sugnu vinuto per le segge!

Tatiddu: Li seggi su’ quasi pronti tranni chista ca nun si po cunsari, viditi com’è purrita?

Don Camillo: Comu? La seggia di me mugghieri! E cu’ la po sentiri ora?

Tatiddu: Ci faciti la seggia nova, tantu, vui vi lu putiti permettiri, no?

Don Camillo: No, no!  Cu’ cancia la vecchia pi la nova nta li guai si trova!

Tatiddu: E allura facitila assittari cca, Don Camì, è sicuru ca guai nun n’avrà. Mali chi po jiri si po rumpiri la carina.

(Ad un tratto si precipita nella bottega, con il fiato mozzo, il garzone di Don Camillo)

         Garzone: Don Camì, Don Camì! Vinissi a casa ca so mugghieri annichilau!

(Don Camillo è un personaggio di esuberante. Non abituato ad essere contrastato. Imponente nella sua persona, parla cadenzatamente con aria da grand’uomo che sa il fatto suo. È di natura calma da quando il medico gli ha detto che ha il cuore debole e per nessun motivo può agitarsi)

Don Camillo: (con aria tranquilla) Annichilau? E pirchì? Chi ci pigghiau?

Garzone: Rapìu lu stipu e ci satau un surciu dintra la pittirina! La puviredda jittau na gramata e s’arrumazzau ’n-terra comu un saccu di patati. Circaiu di susilla, ma appena rapìa l’occhi annichilava arreri.

Don Camillo: E allura tu chi facisti?

Garzone: Affirrai lu surciu pi la cuda e ci lu tiraiu…

         Don Camillo: (un po’ alterato) E ci mittisti li mani dda intra… veru?

         Garzone: E chi puteva fari, Don Camì?

         Don Camillo: Ci lu lassava fin’a quannu arrivava ju! Chissu era compitu miu! (e rivolto a Tatiddu e Rusidda) Pirmittitimi, vado a virificare! (Don Camillo seguito dal garzone esce dalla bottega)

         Rusidda: Maria chi cosi! Pinsannuci veni d’annichilari puru a mia!

         Tatiddu: Cumu si’ ’mprissionata! Nta sta casa li surci t’abballanu davanti e nun ti n’adduni.

         Rusidda: Maria! Veramenti dici?

         (Nel frattempo ritorna Ninuzzu dalla scuola)

         Ninuzzu: Papà, o papà! Vo’ sapiri? Oggi la maistra a scola mi detti nautru baciu! Mi dissi ca ogni vota ca ci ’nzertu li problemi mi ni duna unu e cocchi jornu, mi dissi, voli canusciri li me genitori, tanta è cuntenta di mia!

Tatiddu: Se, se, dicci ca veni a la maistra, dicci ca veni!

Rusidda: Accussì videmu cu’ è sta maistra ca mi malizia lu figghiu!

Tatiddu: Ma che dici mai, Rusidda, la maistra lu voli beni comu un acidduzzu a to figghiu.

(Ninuzzu entra in un’altra stanza a posare i libri)

Rusidda: Tatì!

Tatiddu: Oh!

                   Rusidda: Muncisti la crapa?

         Tatiddu: No, ora la munciu! (prende una ciotola e si avvia verso la capra)

         Rusidda: Tatì, tutti ci li cunsasti li seggi a Don Camillu?

         Tatiddu: Tu pensa a scupariti la casa ca a li seggi ci pensu ju!

         Rusidda: E a la panza mia e chidda di lu picciriddu cu’ ci pensa?

Tatiddu: Nun ci su’ nautri quattru favi spicchiati?

Rusidda: (adirata ) Se! Ci ni su’ quattru giusti giusti: dui pi stasira, dui pi dumani a menzujornu, e l’autri jorna chi mancianu?

         Tatiddu: Pensa pi oggi ca pi dumani pensa Diu!

         Rusidda: Quant’è friscu lu cani! Cosi di pigghiallu a muzzicuna!

         (Tatiddu fa un salto all’indietro, ma poi si avvicina alla moglie)

         Tatiddu: Ohu! Tenili a postu ssi jangulara affamati! San Giusippuzzu, tinitila arrasu! (ma dopo una pausa s’impone). Chiama a Ninuzzu e dicci ca veni cca!

         Rusidda: Ninuzzu!

         Ninuzzu: (entrando) – Chi vua, mamà.

         (Interviene il padre)

         Tatiddu: Ninuzzu, v’accatta quattro sardi salati e ci dici a la putiara ca li junci nta lu cuntu. Oggi si cancia manciari! Si cuntenta ora?

(La moglie fa una smorfia di disgusto e non risponde. Subito dopo, però, assume un atteggiamento più dolce)

         Rusidda: Tatì…

         Tatiddu: Chi vua?

         Rusidda: Sai ca me cummari ’Nzula appi du’ addivuzzi?

         Tatiddu:  Du’ agnidduzzi?

         Rusidda: Se, du’ capretti! Du’ addivuzzi, du’ gemelli, va!

         Tatiddu: Mizzica, a dui a dui ci veninu e sei ca n’avia… Maria, Maria chi cunfusioni!

         Rusidda: Ora su’ ottu!

         Rusidda: Tatì…

         Tatiddu: Oh! (indisposto)

         Rusidda: Ci li fai na para di seggi pi regalu?

         (Tatiddu si trasforma in viso)

         Tatiddu: Dicisti seggi?

         Rusidda: Se, Tatì…

         Tatiddu: Ma tu si’ pazza! Dudici seggi m’ha custatu cummari ’Nzula! Idda gunchia (accennando allo stomaco) e ju ci fazzi li seggi! Si sta facennu la mobilia nova, accussì!

Rusidda: (con esortazione) Tatì, tu l’hai prisenti la cuttunina di lu lettu di Ninuzzu…

                   Tatiddu: Comu? La cuttunina? Li seggi? L’addivuzzi? (avanza verso la moglie adirato) To cummari ’Nzula fu chidda ca nun mi vosi cediri lu midianti nta la casa; to cummari ’Nzula fu chidda ca mi lassau jiri lu cani di ’ncoddu; to cummari ’Nzula fu chidda ca m’arrubbau lu caciucavaddu appinnutu nta lu suttanu! Si m’arripocci ancora la cuttunina di to cummari ’Nzula ti scippu l’occhi!

(Intanto entra Ninuzzu con le sarde in mano)

         Ninuzzu: Papà, papà, chi bellu ciaviru fannu sti sardi!

Tatiddu: Dammilli a mia, veni cca!

Rusidda: Quannu ni li mancianu ssi sardi?

Tatiddu: Dumani a menzujornu. Stasira sulu lu ciaviru! Va pigghia un pezzu di spacu!

Rusidda: (impaurita) Maria ca mi voli affucari!

Tatiddu: Com’è sempri scantata! S’affucu a tia nun mi ni vaiu ’n-galera? Babbasuna! L’attaccamu a lu muru sti sardi, così il ciaviro si sparpagghia! (un colpo alla porta rompe la scena) Cu’ è?

Maestra: Sono la maestra!

         Tatiddu: La maistra è, la maistra è! Prestu, va rapi Ninuzzu! (intanto rassetta la stanza, si abbottona la giacca, si sistema i pantaloni)

         Rusidda: L’avemu a vidiri com’è sta maistra ca vasa a me figghiu! (con tono altero)

(La maestra è un personaggio di ottime qualità fisiche. Labile nel parlare. Tutta sale e pepe nel modo di comportarsi. Caratteristica vistosa del modo di camminare è la cosiddetta “annacata”. Entrata in scena abbraccia Ninuzzu)

         Maestra: Oh, scolaretto mio! (e gli dà un bacio) Buonasera, buonasera! (rivolta agli altri)

(Rusidda la guarda curiosamente)

         Tatiddu: (compiaciuto) Prego, ’ncomodativi signorina, sugnu veramente onorato ca vinistivu nta sta casa. Piacere, Tavola Gaetano fu Antonino!

         Maestra: Molto lieta! (porgendogli la mano ) Oh come siete gentili! Signor Tavola, ho pensato di venire personalmente a casa vostra per dirvi che avete un figlio tanto ma tanto bravo!

Tatiddu: Ha preso tutto da suo padre , signurina! Modestamente, prima di stamparlo mi sono concentrato. Mio figlio sarà qualcuno!

Maestra: Lo penso anch’io!

Rusidda: (che fino ad allora non aveva parlato) Accussì propria! Quannu crisci lu fazzu dutturi: l’aju a vestiri ccu cravatta e gilé e nta lu vrazzu distintamenti porterà la valiggetta e l’ombrello!

Tatiddu: E un fiore all’occhiello. Li pirsuni ca lu ’ncontranu ci hannu a fari un salutu di stricarisi la funcia ’n-terra!

Rusidda: Smanciusu!

Tatiddu: Assittativi, signurina, pigghia la seggia a la maistra, Ninuzzu!

Maestra: (dopo essersi seduta con una gamba sopra l’altra) Oh, come siete simpatici! Ho notato che in Sicilia siete molto spontanei; dappertutto trovo gente cordiale, paesaggi meravigliosi… certe volte mi par di sognare. Tutto mi piace in Sicilia. Peccato che ho un piccolo problema: l’abitazione. Non sono ancora riuscita  a trovare una stanzetta che faccia per me.

Tatiddu: Ma signurina, questo problema glielo risolvo io! Putemu vidiri… In questa casa troverà tutta la calmezza che vorresse!

Rusidda: Propria chissà voli lu sboia! E idda com’è fina! (si lamenta sottovoce rivolta al pubblico)

Maestra: Lei è veramente fraterno con me, gliene sarò immensamente grata.

Rusidda: (a questo punto interviene mal celando la sua rabbia) No, no! Veramenti nun avemu tantu spaziu nta sta casa, signurina, semu stritti!

Maestra: Oh, non vi preoccupate, troverò sempre un angolino. Più piccolo è meglio ci sto!

(Ninuzzu che era rimasto appartato adesso interviene)

Ninuzzu: Mamà, mamà! Ci dugnu la me cammaredda? Ci dugnu la me cammaredda?

Maestra: (abbracciandolo ) Oh, scolaretto mio, sei dolcissimo!

(Rusidda dà una brutta occhiata al figlio. È chiaro che comincia a provare molta avversione verso la maestra, non perché voglia essere inospitale ma per paura che il marito, dinanzi a quella bellezza rara, possa trascurare i rapporti coniugali)

Tatiddu: Signorina, assittativi! (si siedono) Chi cosa vi pozzu offriri? Un bicchireddu di vinu? Un pocu di rosolio? Un pocu di marsala all’ovu? Dicitilu vui chi vuliti ca vi dugnu!

Maestra: No, grazie! Non prendo niente fuori orario, grazie di cuore.

Tatiddu: E allura all’orariu vi dogno qualche cosa bona, insomma, vi faccio mettere in calore, vi faccio ristorare…

Rusidda: Tatiddu, ma… nun duvivamu nesciri?

Tatiddu: Beh, per oggi si rimanda la nisciuta, Ninuzzu, va fatti dari na jaddina arrustuta di lu Zi Peppi e tu, Rusidda, pripara la tavula in onuri di la signurina maistra. (A malincuore Rusidda acconsente. Così comincia a preparare quella modesta cena, portando, di volta in volta, le posate e quant’altro occorre sul tavolino) Allura chi cosa mi diciti, signurina? Ma chi cosa aviti? Nun vi sintiti bona? Pirchì mi taliati accussì?

         Maestra: Non so, lei ha qualche cosa in comune con suo figlio che però non riesco a definire bene; forse il sorriso, forse quello sguardo tenero ma penetrante… comunque sono contenta di essere venuta, signor Tavola.

         Tatiddu: Signurina, sti paroli nun mi l’ha dittu mai nuddu, sugnu cummossu! Vui siti duci, siti bedda, siti un cucciddu di carvuneddu; mi pari ca sugnu ’ncantatu! Signurina, aviti na bedda parrata, na bedda vuci, ’nsumma siti bbo… bontà di lu celu (entra Ninuzzu e Tatiddu  cambia subito discorso) chista biniditta scolafa canciari la pirsuna! Certu ca è megghiu essiri struiti, lu munnu si pigghia ccu li mani e l’occhi ci vidinu megghiu. Ninuzzu, va portala dda intra a to mà’ ssa spisa, curri!

         Ninuzzu: Va beni. (ed esce)

         Tatiddu: Perciò, signurina, pi quantu tempu vi duviti firmari in Sicilia?

         Maestra: Per tutto l’anno scolastico durerà il mio soggiorno felice, ma spero che si protragga ancora di più.

         Tatiddu: Oh, signurina, signurina… A mia mi piacissi si vui fussivi sempri davanti all’occhi mei… Si vuliti, putiti stari sempri cca, vi chiamati lu domiciliu nta sta casa… e la matina quannu m’arruspigghiassi cu’ vidissi? Vui! A menzujornu quannu mi sculassi ddu lemiceddu di pasta, cu’ vidissi? Vui! La sira, nta lustru e scuru, addumassi la lampadina e cu’ vidissi? (entra Rusidda verso la quale Tatiddu improvvisamente indirizza la propria risposta) A tia! Sangu di lu me cori! (in un impeto di passione)

         Rusidda: Chi hai ccu mia?

         Tatiddu: Ci stava dicennu quantu si’ bona di cori.

         Rusidda: Finiscila di parrari a màtula! Avanti signurina, vinitivi ad assittari ca la tavula è pronta!

(Entra anche Ninuzzu e tutti insieme si accingono a sedersi a tavola)

         Tatiddu: Signurina, mittitivi di stu latu ca stati chiù còmmida! (Ma Rusidda si interpone a Tatiddu e alla maestra. Cominciano a mangiare, anzi a dividere il pollo)

Signurina, chi vuliti lu pettu o la coscia?

         Maestra: Veramente gradirei la testa!

         Tatiddu: (intende la risposta a doppio senso e guarda languidamente la maestra, poi si rivolge alla moglie)A tia ti dugnu l’ala; a tia, Ninuzzu, puri e buon appetito! (i quattro cominciano a mangiare. Tatiddu è confuso perché non sa prendere il pollo con coltello e forchetta. Si toglie dall’imbarazzo con un semplice proverbio) Pisci e gaddina nun si mancia ccu furcina! (e comincia a mangiare avidamente quel tipo di pasto così raro in quella casa) Ti li ’nsigna to matri sti cosi? (ammonendo Ninuzzu che, finito di magiare, gioca con una pallina legata ad un elastico) Mi l’ha fari propriu davanti la faccia sti cosi? (poi, rivolto alla maestra) Signurina, manciativi lu pollu ca poi ci sarà qualchi sorpresa.

         Rusidda: Sorpresa nun ci n’è, chiddu chi passa lu cuvernu si mancia, nta sta casa! Ninuzzu, va pigghia la pignatedda ccu li favi spicchiati!

         Tatiddu: Fave sbuccicate! (rivolto ancora alla maestra).

         Maestra: Oh, benissimo! Io vado matta per le leguminose. Signora, lei è veramente gastronomica!

         Rusidda: Signurina! Mi dispiaci rascarivi li paroli, ma ju astronomica nun ci sugnu e nun mi ci sentu!

         Maestra: (dispiaciuta) O no, signora, intendevo dirle che è veramente brava a scegliere le pietanze, ha delle idee magnifiche!

Tatiddu: Signurina, vui duviti sapiri ca li favi su’ pi moda nta sta casa. Quannu mi spusaiu (e fa un gesto di disprezzo verso la moglie) comu doti, sta fimmina c’aju a latu mi purtau quattru sacchi di favi e ancora n’avemu tanti ca ni parra puri la storia.

         Maestra: Ah, ah! Simpatico!

         Rusidda: (rivolta al marito) Quantu si ’mbrugliuni!

         Tatiddu: Va pigghia lu vinu nta lu vuttuni!

         Rusidda: (si alza adirata) Comu sugnu priàta! (e Tatiddu risponde per le rime)

         Tatiddu: Va pigghia lu vinu ccu la cannata. (Rusidda esce) Allura, signurina, vui arristati cca pirchì la genti ch’è curdiali e aurusa ha sempri alloggiu nta sta casa! (entra nuovamente Rusidda)

         Rusidda: No, Tatiddu! Cca maistrini nun n’alloggiu!

         Tatiddu: Rusì, la signurina è la maistra di Ninuzzu ed è giustu ca si tratta ccu rispettu e curtisia. Ora vi accompagno a prendere la valigia, andiamo, signorina!

         Rusidda: E va beni…(rassegnata) però portati a Ninuzzu! Ninuzzu, vacci puru tu e sta’ attentu pi to patri, mi raccumannu! (i tre escono, Rusidda rimane sola a sparecchiare. L’idea di avere quella donna in casa non le va a genio) Chi disgraziatu! (mordendosi le dita) Nun ni putia fari a menu lu vigghiaccu! Ma ssa fimmina nun starà assai nta sta casa e si sta cca m’aju a mettiri cu li vrazza cunzerti e li survizza li fa idda. Lu rispettu! È na pirsuna comu l’autri e poi Ninuzzu è bravu a scola. Nun havi bisognu di raccumannazioni! (si sente bussare alla porta) Cu’è?

         ’Nzula: Cummari Rusì, ju sugnu, cummari ’Nzula, chi faciti? (entrando)

         Rusidda: Ma c’aju a fari… trasiti, trasiti!

         ’Nzula: Ohè, cummari Rusì, aviti novità ’n-casa e nun mi diciti nenti!

         Rusidda: Chi novità?

         ’Nzula: Aviti na maistredda ’n-casa, ora, è veru? (con tono ironico) E ci mannati a passiari a vostru maritu… L’annacata bona ci l’havi! ’A so fiura la fa!

         Rusidda: Cummari ’Nzula, ju sacciu ccu cu’ mannu a me maritu e poi la maistra vinni a fari la visita ai genitori d’un figghiu intelligentissimu. Ccu ssa scusa capitau a discursu ca cerca na stanza, mali mi parsi e ci detti un suttascala p’arridduciri la misata.

         ’Nzula: Cummà, nun è ca vi truvati du’ ova ’n-casa?

            Rusidda: Ci l’haju, ma poi chiù tardu vi li mannu ccu Ninuzzu e criditimi, mi li levu di la vucca!

            ’Nzula: Capisciu, ma appena l’accattu vi li ridugnu subitu. Ma dicitimi na cosa, Cummari Rusì, vostru maritu nun s’arricampa chiù? (e si avvicina all’uscita)

            Rusidda: S’arricampa, s’arricampa! E chiuditimilla ssa porta quannu nisciti!

            ’Nzula: Arrivederci allura.

         Rusidda: Ssu sboia mi sta dannu lu vilenu pi lu ficatu! Chi cosa ponnu diri li pirsuni ca lu vidinu assemu a la maistra? Nzoccu dissi cummari ’Nzula, e ju chi fiura ci fazzu? Di na curnuta volontaria (accompagnando il gesto alle parole. Ad un tratto si sente bussare alla porta: è Don Camillo) E chi si vinni l’acìtu, stasira? Cu’ è?

         Don Camillo: Ju sugnu, ju sugnu, Don Camillo Baglieri! (entrando) Nun c’è Tatiddu?

Rusidda: (confusa) No… veramenti… sta sira appi a ijri a fari na rattella ’n-casa d’un clienti e veni tardi… dumani, dumani lu putiti truvari, Don Camì!

            Don Camillo: Ah, va beni, megghiu. Però mi duviti scusari; mi duviti fari assittari un minutu pirchì aju un dulureddu romantico nta sta jamma ca nun pozzu stari mancu additta.

         Rusidda: Ma si v’arrifridda è peggiu!

         Don Camillo: No, signura Rusidda, la me jamma nun arrifridda davanti a vui. Anzi chiù assai quadìa… accussì su’ li dulura romantici…

         Rusidda: Allura assittativi un pocu… (con tono forzato. La donna sta nelle spine per la paura che giunga il marito).

         Don Camillo: Ah, cara signura Rusidda, vui nun siti accussì!

         Rusidda: Accussì comu?

         Don Camillo: Comu a me mugghieri.

         Rusidda: Pirchì, vostra mugghieri com’è?

         Don Camillo: Viditi, signura, me mugghieri è na brava fimmina, però è troppu ’mpunenti (allargando le braccia in segno di voluminosità). Pi falla smoviri ci voli la cúrrula. Nun è agili e snedda comu a vui; vui la tarantella la sapiti abballari bona, megghiu d’idda…

         Rusidda: Comu sarebbi a diri, Don Camillo!

         Don Camillo: Ca ’nsumma, faciti spidugghiari lu sangu a lu megghiu ca si senti… piccati ca lu Signuri duna li viscotta a cu’ nun havi denti…

         Rusidda: Don Camì, chiddu chi diciti nun mi fa ’mprissioni!

         Don Camillo: Quannu la jatta nun arriva nta lu purmuni dici ca feti. Vui mi vuliti fari cridiri ca nun siti ’mprissionata pirchì nun siti arrivata nta lu purmuni…

         Rusidda: E lu purmuni cu’ sarebbi?

         Don Camillo: La pirsuna ca sta assittata davanti a vui, Rusidda. (assumendo un tono più confidenziale)

         Rusidda: (assalita da un tremito) Don Camì, nun vi pirmittiti a diri chiù sti cosi!

         Don Camillo: Rusidda, li fimmini siti farsi pi natura ma la farsità nun è cridibili ognu ura: prima di veniri cca vitti a to maritu a latu di na maistrina.

(Quelle parole fanno inviperire Rusidda)

         Rusidda: E poi cu’ c’era assemu a iddi?

         Don Camillo: E poi nun c’era chiù nuddu. Caminavanu pianu… adasciu adasciu, ed erano appaiati comu du’ roti di carrettu… Rusidda, to maritu ora di curtu nun s’arricampa!

            Rusidda: E siti dui ca diciti la stessa cosa, vui e cummari ’Nzula! Però, Don Camillu, nun mi chiamati di lu “Tu” ca mi scandalizzu…

         Don Camillo: Eh, cara Rusidda, la vita è comu na farmacia: però pìgghiati li pinnuli duci ca chiddi amari aumentanu la malatia! (e si avvicina a Rusidda con sguardi languidi)

            Rusidda: Don Camì, siti saggiu, aviti ragiuni ca lu Signuri duna li viscotta a cu’ nun havi denti, però alluntanativi si nò mi fazzu tintari! Pi piaciri!

         Don Camillo: Bambulidda mia, ju li denti ci l’aju e tu si’ lu viscottu! (si avvicina ancora di più a Rusidda ma le voci di Tatiddu e della maestra che giungono da fuori spezzano l’atmosfera)

         Tatiddu: Trasiti prima vui, signurina, trasiti!

         Maestra: (entrando) Eccoci di nuovo qua, buonasera! (con voce gaia)

         Rusidda: Comu sugnu priàta!

            Don Camillo: Riverisco, signurina, riverisco… ti salutu Tatiddu!

Tatiddu: Don Camì, ma vui chi faciti cca a sta ura? Chi c’è, c’è cosa?

Don Camillo: Ju nun dormu tranquillu si prima nun chiuiu li cunta ’n-sospesu.

Tatiddu: Ormai lassati jiri Don Camì, è tardi, dumani si ni parra, vi salutu!

Don Camillo: Comi dici tu sia bon fattu! (si inchina ripetutamente davanti la maestra senza distogliere lo sguardo da lei, poi saluta tutti e se ne va).

Rusidda: (con le mani ai fianchi e con tono ironico) Vi la facistivu la passiata, veru?

Maestra: Oh, sì, suo marito è così divertente con le sue barzellette… me ne ha raccontata una così graziosa da farmi ridere a crepapelle! Lei è fortunata ad avere un marito così. Le rende la vita un continuo divertimento.

Rusidda: Mi renni la vita na Via Crucis! Tuttu lu jornu ridiri fazzu! E Ninuzzzu dunnu lu lassastivu?

Tatiddu: Sta vinennu! (Ninuzzu sta entrando con un valigione)

Rusidda: E tu unni ha’ statu?

Ninuzzu: Arristaiu ’n-arreri, la valigia era pisanti…

Rusidda: Sia fatta la vuluntà di Diu, Signuri! Ninuzzu, accumpagna la maistra dda intra nta to stanza e tu ti vai a curcari puri!

(Maestra ed alunno danno la buonanotte e vanno a letto. Rusidda prepara le coperte, Tatiddu indossa la camicia da notte seguito dalla moglie e assieme si adagiano sul letto matrimoniale. Si spengono le luci)

Tatiddu: Rusidda!

Rusidda: Chi c’è?

Tatiddu: Quant’è bella la littiratura! Giuseppe Manzini, Pasculu, Cardidduzzu…

Rusidda: Ma chi su’ sti nomi ccu la siritina?!

Tatiddu: Stava pinsannu ca mi piacissi turnari a scola… comu a to figghiu.

Rusidda: Ssa maistra ti sta camuliannu la testa, veru? Ma quantu sugnu babba, quantu sugnu scimunita!

Tatiddu: Sé, giustu dici (riferendosi a ciò che ha detto Rusidda)

Rusidda: Ma com’è possibili c’accunsintiu a falla trasiri nta sta casa?

Tatiddu: Rusì!

Rusidda: Oh! (adirata)

Tatiddu: La me vita ha statu un sacrificiu ranni ranni!

Rusidda: E videmu pirchì!

Tatiddu: A la Nutarissa Milidda nun ci vulisti dari na stanza pirchì ti cridia ca ju ci facia l’attu… A donna Eleonora mi ci facisti veniri la seggia stritta pi nun ci misurari lu funnu… Ccu la maistrina nun ci pozzu mancu parrari ca ti voti comu na cani arraggiata e ddu puvireddu di to maritu si carrica di tutti sti cosi comu un sceccu ’mbardiddatu. Ma ’nsumma, (aasumendo un atteggiamento più severo) vidi ca ju ci aju na ripetizioni di mantiniri! Tatiddu ’u siggiaru ha statu sempri gentili ccu signori e signurini e nun ha mai lassatu a disidirari!

Rusidda: Menu mali ca lu dici ca nun hai mai lassatu a disidirari! Ma stai attentu ca si ti viu mussiari ccu la maistra ti po scurdari com’è fattu stu tettu!

Tatiddu: Nun ti preoccupari! (levandosi a mezzo busto) Cara Rusidda, a tia ti fazzu caminari a testa alta. To cumari Maruzza quannu vidìa curdina si duvìa calari la testa si nò li corna facianu cadiri li robbi stinnuti. (pausa) Ninuzzu si curcau?

Rusidda: A lu picciriddu ci cunsaiu du’ tavuli supra li trispi mentri la maistra dormi supra la riti, chiù morbida.

Tatiddu: Ma nun è ca nta nuttata a Ninuzzu ci veni lu squietu?

Rusidda: Ju mi scantu si lu squietu veni a la maistra!

Tatiddu: Allura aspetta ca vaju a vidiri.

Rusidda: Statti unni si’! Ci vaiu ju! (così dicendo accende la luce, si alza e si dirige verso l’altra stanzetta) Chi cosi!

(Una forte esclamazione. Anche Tatiddu va a vedere cosa c’è di tanto strano, ma affacciatosi nella stanza della maestra si rigira meravigliato)

Tatiddu: Nenti ci fa! (consolando la moglie) Tutti e dui vicinu eranu curcati! Però comu si vidi ca pigghiau di so patri lu picciriddu! (compiaciuto. Rusidda è inquieta) Nenti c’è Rusì, senza fari capiri nenti ca dumani si ni parra. Curcati ora, curcati! (così dicendo si affaccia nuovamente nella stanza della maestra) Ninuzzu!

Ninuzzu: Ohu, papà!

Tatiddu: Si hai di bisognu di qualchi cosa chiama la mamma. Signorina, s’aviti bisognu di qualchi cosa chiamati a mia!

Maestra: No, no, grazie! Ho avvicinato il mio lettino a quello del bambino, così durante la notte non avrà paura!

Tatiddu: Va beni, buonanotti! (e rivolto alla moglie) Rusidda, c’è bisognu di pigliariti sti coliri? La maistra lu voli beni comu un figghiu a Ninuzzu, nun ti preoccupari.

Rusidda: Comu un figghiu lu pozzu vuliri beni ju sula, ma ora mi lu vaiu a pigghiari e mi lu curcu nta li me vrazza!

Tatiddu: No, no, ormai lassa perdiri (trattenendola per un braccio) anzi mettiti chiù ddà e cerca di durmiri!

Rusidda: Tu ha’ stari cca, vicinu a mia, sboia! Ti vinni lu squietu già?

(I due si mettono a dormire. Tatiddu comincia a russare rumorosamente, si chiude il sipario e termina il primo atto)

Atto secondo

(Rusidda, sola nella bottega, sta scopando il pavimento. Tatiddu è andato a comprare materiale per aggiustare le sedie. La maestra e Ninuzzu sono a scuola)

Rusidda: Quant’havi ca trasiu ssa fimmina nta sta casa pirdiu la tranquillità! (si ode un colpo alla porta)

Don Camillo: Sono io, sono io signura Rusidda! (entrando)

Rusidda: Oh, Don Camillu, vui viniti sempri quannu me maritu nun c’è.

Don Camillo: E unn’è, unn’è?

Rusidda: Vui di solitu lu sapiti unn’è! Ivu a fari acquisti: tanticchia di codda e du’ matassi di zabara.

Don Camillo: E allura pozzu aspittari?

Rusidda: Aspittati…

Don Camillo: Ah, quanti viaggi m’hannu fattu fari sti seggi! Però, dittu ’n-cunfidenza, mi cuntintassi ca fussiru sempri sfasciati. Accussì sulamenti ti putissi vidiri continuamenti!

Rusidda: Don Camì, nun mi diciti ccu “tu” (languidamente). ’Nsumma, Don Camì, vui cca putiti viniri quantu vuliti, ma no pi lu scopu chi ’ntinniti diri!

Don Camillo: Ti ringraziu, bidduzza mia, ma quannu ti viu lu me cori fa accussì… (imitando esageratamente i battiti del cuore con la mano)

Rusidda: Don Camì, nun mi stuzzicati!

Don Camillo: E cu’ sti stuzzica? Stava dicennu la virità! Si’ bedda!

Rusidda: Pirchì, vostra mugghieri com’è?

Don Camillo: È sempri la stissa minestra: cavuli e smizzaturi e smizzaturi e cavuli. Tu inveci… si’ chiù allastichiata, idda è grossa e ’ntunnata comu un miluni, tu si’ chiù sbriantilidda. Posa la scupa e t’assetti vicinu a mia! (supplichevole)

Rusidda: Mi scantu ca veni me maritu… Però accunsentu! (e si siede)

Don Camillo: (avvicinandosi a lei) Avvicinati chiù assai ancora, nun ti scantari (ma l’improvviso canticchiare di Tatiddu giunge da fuori e i due si scostano)

Rusidda: Perciò, Don Camì… mi dispiaci ca nun truvastivu a me maritu!

Tatiddu: Cca sugnu, cca sugnu! (entra con una borsa in mano)

Don Camillo: Oh, finalmenti ti pozzu pagari lu picculu travagghiceddu c’hai fattu pi mia e chiù precisamenti per la signora mia moglie!

(Rusidda esce)

Tatiddu: Dunque… jamuci con carma e facciamo un’analisica di la situazioni: prima di tuttu chiddu c’aju fattu ju nun è travagghiceddu ma è travagghiazzu chi m’ha rumputi li sacchittazzi! (indicando le tasche) Poi, vi debbo comunicare ca la seggia di vostra mugghieri nun si po cunsari e vi la putiti purtari a casa vostra. Ci lu diciti a Donna Rusalia: “Tatiddu è dispiaciutu comu un surciu nto tumazzu ca nun potti cunsari la seggia”.

Don Camillo: Mi vo’ diri ca la seggia di me mugghieri nun è cunsata? Male Tatiddu. Sti cosi nun si fannu, si ci po azziccari lu clienti!

Tatiddu: Li clienti comu a vui megghiu perdili ca truvalli!

Don Camillo: Tatiddu, dimmi subitu quant’è lu cuntu ca levu l’incomodu, forza!

Tatiddu: (facendo i calcoli sul berretto come se fosse una calcolatrice) Dunque, tri e tri sei, li seggi su’ novi per due diciotto; quattru matassi di zabara, un chilu di codda, menzu chilu di chiova, datimi 25.000 liri e siti appostu.

Don Camillo: Comu? Quantu dicisti? Ripetilu di novu!

Tatiddu: L’amici si rispettanu, Don Camì, datimi 24.900 liri e sante e riccu.

Don Camillo: E chi facisti, li seggi d’oru?

Tatiddu: Nta l’oru nun si sta còmmidu comu nta sti seggi!

Don Camillo: Pi ssu travagghiu ti pozzu dari un munneddu di favi e nautru di frumentu.

Tatiddu: Oh, caro Con Camillo, comu siti ginirusu, comu siti largu (con ironia), comu siti domesticu nta lu pagari, comu siti affiziunatu! Don Camì, ccu chiddu ca mi dati vi fazzu fari na statua d’alluminiu e di sutta ci fazzu mettiri na tabella: “Di bon cori, sfrazzusu assai e l’avarizia nun crepa mai”! Si nun mi dati tutti li 25.000 liri, li seggi di cca nun si movinu, stati certu!

Don Camillo: Tatiddu, ascuta a mia, pigghiati chiddu ca ti dugnu, ogni lassata è pirduta.

Tatiddu: Don Camì, ogni jornu chi passa lu prezzu aumenta di 1.000 liri!

(Entra Rusidda)

Rusidda: Ma chi su’ tutti sti discussioni?

Tatiddu: Rusidda, ti po’ accuminciari ad arredari la casa ca sti seggi diventanu nostri!

Don Camillo: (flemmatico) Tatiddu, pi l’ultima vota ti cunsigghiu d’accittari chiddu ca ti dugnu; ti mannu lu garzuni ccu li favi e lu frumentu e ci dai li seggi. Anzi, ti mannu puru na cassetta d’aranci, va!

Tatiddu: No, Don Camì, vui tinitivi li favi, lu frumentu, l’aranci, ca li seggi stannu cca!

Don Camillo: E allura vuol dire che ci metterò l’avvocato nel mezzo, ti salutu!

Rusidda: No, no! Don Camì, nun lu faciti! Chi vuliti, me maritu è duru di testa, nun lu sapi ca li vuccuzzi chiancinu e li panzareddi si murmurianu. Aspittati…(trattenendolo per il braccio)

Don Camillo: Si fussi pi vui, donna Rusidda, nun lu facissi, ma ccu vostru maritu ci fazzu parrari lu me avvocatu, nun vi preoccupati, aju cu’ mi risolvi li custioni!

Rusidda: Tatì, nun fari lu tortu! (ma Don Camillo sta uscendo)

Tatiddu: Lassalu jiri, nun ti preoccupari, tutta boria è chidda chi havi! Va smunci na para di limuna, va’, quantu mi passa sta bili.

Rusidda: T’avissi a fari àcitu!

Tatiddu: Camina puri tu, fimmina farsa e traditura! (alterato)

Rusidda: Ohuuuuu! (facendo un segno con il palmo della mano) Stai attentu ca sti mani ti li fazzu friiri nta li natichi!

Tatiddu: Si nun fai chiddu ca ti dissi ti fazzu vidiri di quali erva si fa la scupa, camina! Fimmina sbrianti, vilinusa e manciacori! A tia cu’ ti duna a manciari? Peppi Coppula? Ti dugnu a manciari ju ccu lu me travagghiu e lu me suduri e perciò obbedisci, fimmina di casa, marciamu!

Rusidda: Tutta la casa allacata ci aju ccu lu to suduri! M’arripoccia ca mi duna a manciari. E chi mi duni a manciari maccarruna e tagghiarini di la matina a la sira?

Tatiddu: No, no ca sti cosi ti fannu dannu…ju pi tia lu fazzu!

Rusidda: Mi fai manciari sempri favi, favi spicchiàti, favi vùdduti e favi caliàti! Ni sugnu stuffa. Puri la crapa mancia favi!

Tatiddu: La curpa nun è mia, è di dda cosa fitusa di to patri ca li favi ti li lassau pi doti, e diri ca macari tanticchia di carni ni la manciamu puri…

Rusidda: Unn’è sta carni chi ni manciamu? Chi vai pi la filletta nta lu macellaiu? Sboia!

Tatiddu: No, nun c’è bisognu! Li papazzani dintra li favi su’ chiù duci ancora...

Rusidda: Chi schifìu! (facendo una smorfia) Chiù tostu, chi ci damu a manciari oggi a la maistrina?

Tatiddu: Va’ fatti dari li du’ ova ca dasti a to cummari ’Nzula e ci dici ca s’accatta na jaddina, accussì finisci sta camurrìa!

(Rusidda esce. Tatiddu si rimette a lavorare. Dopo pochi secondi si odono le voci della maestra e di Ninuzzu che tornano dalla scuola)

Maestra: Salve, Tetty!

Tatiddu: Oh, maistrina mia! Mi l’avevu scurdatu ca ci aju un ciuriddu di primavera ’n-casa! Comu l’aviti passata la jurnata? Cuntàti.

Maestra: Benissimo, mi sento scoppiare dalla gioia!

(Ninuzzu va a posare i libri nell’altra stanza)

Tatiddu: Chi differenza c’è tra mia e vui…

Maestra: Ma che cosa hai, mio caro? Come sei demoralizzato! (accarezzandogli il capo) C’è qualcosa che non va?

Tatiddu: Tutti cosi nun vannu, tutti cosi! (con tono pietoso) Aju a canciari misteru, sulu accussì mi pozzo vedere lostro!

Maestra: Ah, ecco! Forse potrei aiutarti, non c’è migliore occasione!

Tatiddu: Chi c’è, parrati! Chi c’è? Chi c’è? (Tatiddu si rianima)

Maestra: Si sta bandendo un concorso per bidelli, forse potresti concorrere! Sei disposto a fare questo lavoro?

Tatiddu: Se, ma ju nun sacciu correre, però livatimi di cca, accussì nun cummattu chiù ccu sti seggi, vi supplicu!

Maestra: Vediamo, che titolo di studio hai?

Tatiddu: (compiaciuto) Eh, dda bonarmuzza di me matri nun sbagghiau a farimi pigghiari lu secunnu!

Maestra: Il secondo avviamento?

Tatiddu: No, chiù megghiu ancora! Lu secunnu alimentario! Nun è na laurea, ma…

Maestra: Ah, ah, (ridendo) allora devi ancora imparare qualche cosa, da qui a giugno lo farai così che in estate partecipi al concorso. Non ti preoccupare, ti aiuterò io!

Tatiddu: Oh, quantu siti duci, signurina! Siti na cannedda di zuccaru! (nel frattempo entra Rusidda con le uova in mano) Rusidda, sintisti chi dissi la maistra? Mi farà la scola pi farimi fari lu concursu di bidellu, nun ti piaci sta pinsata?

Rusidda: Assai ti voli beni ssa maistra!

Maestra: È carattere! Veda, signora, mi affeziono subito alle persone simpatiche, specialmente ai tipi come suo marito …

Rusidda: Lassalu stari a me maritu!

Tatiddu: Rusidda! La maistra è na brava pirsuna: è troppu sincera, troppu bona e poi comu parra beni! Mi ha chiamato Tetty!

Rusidda: Fatti chiamari ancora accussì, sbannutu! Stai attentu ca l’occhi sempri supra a tia ci l’aju, nun sbagghiari na mossa ca ti tiru li vuredda a unu a unu!

(detto ciò, esce dalla stanza)

         Tatiddu: Maria! Quant’è mostruosa! Signurina, accuminciatimi la lizioni ca la littra distingui li pirsuni.

         Maestra: (i due si siedono a tavolino) Ricordi l’alfabeto? Sai leggere?

         Tatiddu: Certu, signurina, mi faciti accussì ’gnuranti? Puri scriviri saccio fare!

         Maestra: Allora cominceremo col programma di terza. Facciamo un po’ di storia.

         Tatiddu: Nun putissimu accuminciari ccu la geografia?

         Maestra: Come vuoi, figurati! Per me è lo stesso. Allora dimmi: cos’è per te la geografia?

         Tatiddu: Pi mia la geografia è la chiù bella materia ch’esisti…

         Maestra: E cosa studia?

         Tatiddu: La geografia studia com’è fatta na regioni…

         Maestra: E sei in grado di illustrarmi la tua?

Tatiddu: Ma puri la vostra, signurina! (osservando il corpo della maestra)

Maestra: La Campania?

Tatiddu: No, propriu la furma di na campana nun l’aviti!

Maestra: Ma dimmi, allora, com’è formata la mia regione? I fiumi, le principali arterie, i boschi, i monti…

Tatiddu: (che intende ben altre cose) La vostra regioni è bella, è troppu bella! (eccitato ) Vi l’aju a descriviri veramenti? (indicando il corpo della donna)

         Maestra: Sì, certo! (ma improvvisamente dall’altra stanza giunge una voce)

         Rusidda: Tatiiiddu! Oh Tatiiiddu!

         Tatiddu: (scocciato) Chi vuuuaaaaaaa?

         Rusidda: Veni a spicchiari sti favi si nò ti li fazzu manciari ccu tutti li scoooorci!

         Tatiddu: Chi camurrìa!

(Malvolentieri obbedisce ed esce dalla stanza verso la cucina, ma subito dopo bussano alla porta: è l’avvocato La Farina).

         Avvocato:  C’è nessuno?

         Maestra: Avanti! Chi bussa?

Avvocato: (entrando) Sono l’avvocato La Farina. Ma tu che ci fai qua? (meravigliandosi alla vista di Amelia)

Maestra: (freddamente) Ho scelto la Sicilia come sede d’insegnamento! Da due giorni sto in pensione in questa casa… (imbarazzata)

Avvocato: (avvicinandosi a lei) Ma come sei cambiata! Sai quanto ti ho pensato? Ma perché, perché ci siamo divisi? (come se chiedesse a se stesso)

Maestra: Lo sai benissimo! Ma tu che sei venuto a fare?

Avvocato: Sono stato chiamato a risolvere una questione tra Don Camillo Baglieri, mio cliente, e il signor Tavola Gaetano, proprietario di questa casa. Vediamo se in tono amichevole si possono accordare. Ma dimmi, non potresti ritornare con me?

Maestra: Non so… sono confusa…

(In quell’istante entra Tatiddu)

Tatiddu: Ma cosi di pazzi! (rivolto al pubblico) Un persono come me havi a spicchiari li favi (poi si accorge dell’avvocato) Oh, e vui cu’ siti?! (guardandolo dalla testa ai piedi)

Avvocato: Sono l’avvocato La Farina. Mi dovete perdonare, forse è ora di disturbo…

Tatiddu: Nun vi preoccupati, oggi sugnu dispostu a cuncediri udienza, assittativi! A che cosa debbo questa vostra onorata visita?

Avvocato: (dopo essersi seduto accanto a Tatiddu) Eh, che volete… mio caro…

(Tatiddu toglie la mano dell’avvocato dal suo ginocchio. L’avvocato cerca di assumere toni confidenziali per risolvere bonariamente la questione)

         Tatiddu: No, ju nun cado!

         Avvocato: Caro signor Tavola, che volete, a me tocca andare in casa della gente per guadagnare un pezzo di pane, a voi basta rimanere in questo angolino di bottega per fare soldi… non prendete fresco, non prendete caldo e non vi strapazzate, però il lavoro ve lo fate pagare salato, vero? (poggiando nuovamente la mano sul ginocchio di Tatiddu)

         Tatiddu: (respingendo la mano dell’avvocato) Nun capisciu, avvocatu, cu’ vi manna e unni vuliti arrivari! Supra li canali pi casu?

         Avvocato: Mi manda Don Camillo Baglieri, vostro cliente al quale non volete restituire le sedie che gli appartengono e senza le quali lui e la sua rispettabile signora non hanno possibilità di sedersi.

         Tatiddu: Ppu, ppu ppu, comu siti longu… avvocatu! Siti tuttu lu cuntrariu di lu vostru clienti : iddu è curtu nto pagari !

         Avvocato: Il mio cliente afferma che vi dà una certa misura, in dialetto chiamata “munneddu”, di favi e di frumentu. Avendo da parte mia constatato il volume di tale recipiente, debbo opportunamente dichiarare che è estremamente giusto l’indennizzo e il valore corrispondente in denaro in cambio del lavoro da voi prestato. Voi invece chiedete troppo! La vostra attività non richiede tanto.

         Tatiddu: Avvocatu ! Ni li scanciamu li misteri? Vui cunsati seggi e ju fazzu l’avvocatu! È certu ca rispittassi la giustizia di la genti chi travagghia. Accussì sdijittatu e sdignusu comu a vui nun ci fussi! Comunque (alzandosi) ora vi congedopirchì aju chiffari. Diciti a lu vostru clienti ca li seggi cca si la passanu bona; si ci assettanu pirsuni rispettabili come me e di curtura (indicando la maestra seduta a tavolino)

         Avvocato: E la gente di cultura sarebbe la signora Amelia?

         Tatiddu: E vui comu canusciti lu so nomu? Ccu quali dirittu vi pigghiati sta cunfidenza?

(La maestra si scuote tutta, sbuffa, cammina da una punta all’altra della stanza)

         Avvocato: La gentile signora una volta era mia moglie. (Tatiddu rimane a bocca aperta, non sa cosa dire) Abbiamo vissuto solo tre anni insieme, in Campania, poi ci siamo divisi ed io ritornai a fare l’avvocato in questi dintorni.

         Tatiddu: (rivolto ad Amelia) Allura vui… vui siti la so vecchia signura…? (poi compiaciuto) Ma ora vi lu livastivu di menzu stu avvocaticchiu di poco sale, vero? Per voi ci voli sustanza! (e rivolto all’avvocato) Comunque jitivinni, nun aju bisognu di sansali, sciò, sciò! (spingendolo verso la porta)

         Avvocato: Va bene, allora inoltreremo querela per ciò a cui non volete adempiere, vi saluto!

         Tatiddu: Addio, addio! (e rivolgendosi alla maestra) Sicché vui eravati ’ncucchiata ccu ssa pignata di lipitanza? Ma comu nun vi ci viu propriu! Vui siti un personaggiu tuttu diversu, siti chiù citrigna, chiù austusa. Iddu mi pari na cucuzza lavata. Ma ci criditi ca nun sacciu chiù si chiamarivi signura o signurina? Ma vui siti sempri accussì frisca comu na primavera?

         Maestra: Anche la mia vita ha avuto un triste e travagliato passato (con tono amareggiato). Solo adesso sto raggiungendo un po’ di tranquillità.

         Tatiddu: Sta casa l’havi pi dunu la tranquillità… (intanto nell’altra stanza si ode un cascare di pentole e coperchi) Ma dicitimi na cosa, signurina, la notti vui durmiti? (avvicinandosi a lei)

         Maestra: Ma non mi chiamare più “signurina”, chiamami Amelia!

         Tatiddu: (contorcendosi tutto) Amelia! Ch’è bellu chiamariti accussì! Perciò dimmi na cosa, la notti tu dormi?

         Amelia:  Dipende dai pensieri che mi frullano dentro la testa…

         Tatiddu: E quali su’sti pinsera? Dillu! Dillu! (ansioso)

         Amelia: La scuola, i bambini, la vita…

         Tatiddu: E dillu ca ci sugnu puri ju nta to testa, dillu!

Amelia: Beh, qualche volta sì. Che vuoi, anch’io ho una certa sensibilità…

Tatiddu: E allura ti sensibilizzi si ti dicu ca ju sugnu ’nnamuratu… (ad un tratto entra Rusidda e Tatiddu cambia discorso) ’Nnamuratu di vui era l’avvocatu?

Amelia: A dir la verità, nei primi mesi di matrimonio sì. Poi si raffreddò ed ecco che cominciarono i litigi, finché un giorno abbiamo deciso di dividerci.

         Rusidda: Ah, allura maritata era! (con grande meraviglia) Certu! Si raffreddò lu focu ed ora cerca…fffuuuù… li vampi, veru?

         Amelia: Nella vita (il discorso di Rusidda non le tange) se non c’è il calore, l’affetto…

         Tatiddu: … il letto…

         Amelia: (continuando)… mi volete dire cos’è?

         Rusidda: Stasira, prima di jirivi a curcari v’addumu lu scaldinu ccu lu carvuneddu accussì aviti lu caluri… (e arrabbiata esce dalla stanza)

         Amelia: Tua moglie non nutre tanta simpatia verso di me, vero Tetty? (accarezzandolo)

         Tatiddu: L’importanti ca la nutri tu pi mia, nun ti preoccupari! Vilenu n’havi quantu un esercitu di viperi, ma a mia nun havi chi muzzicari pirchì ju la lingua ci la ’nturciniu nta la zabara e mi ci assettu di supra (facendo un gesto come per sedersi). Perciò Milly, ripigghiamu arreri la lezioni…

         Amelia: Oh, certo, sì… prendi tutto l’occorrente, adesso ti farò scrivere un po’.

(Tatiddu prende carta e penna e si siede accanto alla maestra)

         Tatiddu: Allura…

         Amelia: C’era una volta…

Tatiddu: C’era una volta ccu quante volte si scrive? (ma nel frattempo si sente un tocco alla porta e, quindi, la voce di Don Camillo)

Don Camillo: Permesso?

Tatiddu: Ohhh… Santa Madonna! Ma è possibili mai ca viniti sempri quannu nun v’aspettu?

Don Camillo: Visto e considerato che il mio avvocato non è riuscito a rimuddarivi la mirudda, vinni ju! Una leggera visitina e mi ni vaju, però appressu a mia mi portu li seggi.

Tatiddu: E no! Li seggi nun vi li putiti purtari chiù, Don Camì!

Don Camillo: (con tono ironico) Già, e me lo spieghi il perché?

Tatiddu: Ora vegnu e mi spiego. Non avendo chi manciari, causa mancanza di munita (svuotando le tasche), ho vinnuto proprio un momento fa tutti li seggi a Peppi Menzulitru. Se vi purtate queste segge vi denunzio per latrocinio aggravato di roba altrui e vui vi n’jiti ’n-galera ccu tutti li scarpi!

Don Camillo: Come? Ti vinnisti li seggi? Li me seggi? (viene assalito da un improvviso malore e si abbandona su una sedia) Si vinniu li me seggiii!

Tatiddu: Mi vinniu li so seggi! (rivolto al pubblico)

Don Camillo: Signurimé!

Tatiddu: Signurimé! (sempre rivolto al pubblico)

Don Camillo: Lu me cori!

Tatiddu: Lu so cori!

Don Camillo: Nun resisti chiù! (toccandosi il petto)

Tatiddu: Nun resisti chiù!

Don Camillo: Staiu murennu!

Tatiddu: Sta murennu! (Don Camillo cade dalla sedia, abbandona gli arti. È spirato) Murìu! (ma vedendo che Don Camillo non si muove più si china preoccupato) Don Camì, Don Camì! (scuotendolo) Nun è veru, nun è veru! Nun è veru ca mi vinniu li seggi! Vi lu dissi pi babbiari! Talìati ca veramenti ci cridiu!

(Amelia si avvicina al corpo esanime. Le voci fanno accorrere Rusidda che alla vista di Don Camillo supino comincia a gridare)

         Rusidda: Maria! Chi ci vinni! Chiamati lu dutturi, chiamati lu dutturi! Ma chi ci facistivu? Maria Don Camì, Don Camì!

Tatiddu: Rusì, ci dissi ca m’avìa vinnutu li seggi e ci cridiu, tantu ci cridiu ca ci pigghiau un corpu e si stinnicchiau! (piangendo)

Rusidda: Ah, accussì è lu fattu! Allura la curpa è tua, omu disgraziatu e vili! Stai vidennu comu finiu?

Tatiddu: (battendosi il petto) Se, mia è la curpa, mia! Chi ci pozzu fari? Chi sapìa ca si l’avìa a pigghiari supra lu seriu? Ju mi cridìa ca dicennuci accussì m’avissi datu chiù assai pi pagari li seggi. Ma poi ci l’avissi dittu ca nun era veru! Signuruzzu miu, e ora cu’ n’avirrà chiù paci nta sta terra?

Rusidda: E diri ca iddu mi lu diceva sempri: “Rusidda, quannu viju a tia, lu me cori fa accussì! (imitando con la mano il battito del cuore) Chi bravu cristianu! Com’era sempri gentili!

Tatiddu: Chi bon cori c’avìa! Era largu largu di cori! Tant’era largu ca nun ci trasiu chiù nta lu pettu!

Rusidda: Reca materna domina! Signuruzzu, datici paci all’anima sua!

Tatiddu: E poi a chidda mia, quantu nun mi cumparisci la notti!

(Si chiude il sipario. Termina il secondo atto)

Atto terzo

(Il corpo di Don Camillo è stato portato via da due giorni, ma il fatto accaduto è rimasto scolpito negli animi dei personaggi che hanno assistito a quella scena. Tatiddu, Rusidda e la maestra sono seduti qua e là per la bottega con atteggiamenti amareggiati)

         Rusidda: Cosi di nun ci putiri pinsari! Propriu cca duvìa muriri Don Camillu. Cu’ l’avìa a diri ca pi ssi schifii di seggi ci avìa a lassari la vita? (con gli occhi rivolti al cielo) Ma cu’ vi lu fici fari pigghiarivi  tutti ssi coliri, Don Camì? Vi mancavanu li dinari? Ma la curpa me maritu l’havi! Nun l’ha fattu mai na cosa giusta!

         Tatiddu: Amelia! (con tono pietoso) Tu puri accussì si’ cunvinta, ca ju vulìa fari muriri a Don Camillu?

         Amelia: Oh, no! Non ti preoccupare! Ormai conosco bene il tuo animo. Non sei capace di fare del male ad una mosca. Comunque, adesso io vado a dormire (alzandosi). Non ci pensate più! Buonanotte!

         Tatiddu: Ma nun è prestu? Scurau ora ora!

         Amelia: Sono molto stanca, stasera! Buonanotte! (ed esce con la classica andatura dondolante)

         Tatiddu: Buonanotti, Amelia, buonanotti! (e osservando “l’annacata”) L’annacata minuto per minuto! (e dopo una pausa) Rusì!

         Rusidda: Ohu!

         Tatiddu: Mi jissi a curcari puru ju, ma quannu ci pensu mi veni lu trimulizzu nte jammi! (tremando)

         Rusidda: E tutti a tia ti veninu li malanni? Chi ci hai?

         Tatiddu: Nun ti l’aju vulutu diri, ma sta notti mi sunnaiu a Don Camillu!

         Rusidda: Bah! E comu ti lu sunnasti?

         Tatiddu: Mi sunnaiu ca iddu stava additta supra li casi e parrava ccu mia. Pareva un diavulu. Avìa na cuda comu li jatti e un paru di curnazza ca sulu a talialli facevanu addivintari la peddi comu li carti rizzi!

         Rusidda: E pua chi fici? (terrorizzata)

         Tatiddu: Tutt’a na vota si misi a vuciari comu un pazzu e mi dicìa: “Tatiddu” e ju: “Chi è?”. “Stai attentuuuuu ca ogni seggia chi consiiii è un annu di vita ca ti leviiii!”. Poi si misi a tirari canala a unu a unu. Un canalu m’arrivau ’n-testa e ddocu mi sduvigghiaiu!

Rusidda: Comu sugnu scuncirtata! (però incoraggia il marito) Ma nun ti preoccupari Tatì, tu nun pinsari a lu mali ca ti veni lu beni! Jamuni a curcari ora, va!

(Rusidda prepara il letto e Tatiddu va a mettersi la camicia da notte. Anche la moglie va ad indossare la sua camicia e la cuffia. Così si coricano. Ma Tatiddu si accorge che la moglie ha lasciato la luce accesa)

         Tatiddu: V’astuta la luci ca pua la mpulletta ju l’aju a pagari!

(Rusidda obbedisce. Si spengono le luci. Rusidda, nel letto, dà le spalle al marito e si addormenta subito. Tatiddu è irrequieto. Ad un tratto sente un rumore, un tintinnìo di lamiere o di catene e si mette seduto sul letto. Davanti la porta d’ingresso appare un fantasma alla vista del quale Tatiddu sviene e si abbatte di colpo sul letto. Rusidda non si è accorta di tutto ciò. Il fantasma piano piano si dirige verso la camera della maestra e scompare dietro la porta. Dopo due minuti Tatiddu rinviene e guarda tutt’intorno ma non vede nessuno. Ancora non ha capito cos’è successo. Sveglia la moglie)

Tatiddu: Rusì, Rusì! (scuotendole il braccio)

Rusidda: Oh, chi c’è? Chi vua? (seccata)

Tatiddu: A nuddu hai vistu?

Rusidda: No! Ma cu’ ci po essiri a sta ura? Nun è ca ti nisceru li sensi?

Tatiddu: No! Ora ora mi sunnaiu ca Don Camillu mi cumpariu sutta furma di spiritu! Quant’era ladiu!

Rusidda: Camina! Dormi, ca li spiriti nun esistinu! Nun ti ’mprissionari!

Tatiddu: Si ti ni cumparissi unu a tia, vidissi si nun ti vinissi la cacaredda! E cu’ po dormiri ora? (Tatiddu fissa il buio con gli occhi sbarrati. Ma poi si alza, accende la luce, prende il vaso da notte, lo capovolge, lo posa sopra la sedia al capezzale, prende la statuetta di un angioletto in ginocchio e lo posa sopra il vaso)

Angelo bidello, anzi Angelo custode. Controllami stanotti, va beni? Nun ti lu scurdari! (E si corica. Nel frattempo il fantasma esce dalla stanza della maestra, si ferma davanti al letto e con voce baritonale comincia a parlare)

         Fantasma: Mastru Tatiddu! (Rusidda si sveglia di colpo ed emette un grido di terrore) Sono lo spirito di Don Camillo Baglieriiii! Si nun mi porti li seggi a casa miaaaa nun avrai chiù paci in vita tuaaaa!

(Detto ciò si dilegua lasciando impietrita e terrorizzata Rusidda. Tatiddu prende il vaso da notte e se lo mette a mo’ di cappello)

         Rusidda: Maria! Maria chi scantu! Signuruzzu miu! Signuruzzu miu prutiggitimi! Signuruzzu aiutatimi! (Facendo ripetutamente il segno della croce. Le grida fanno accorrere la maestra)

         Amelia: Cos’è successo? Cos’è tutto questo baccano? (con finta ingenuità)

         Tatiddu: È successu ca ju sbagghiaiu a fari stu misteri! (piagnucolando) Pi quattru miserabili seggi, chi jorna dispirati staju passannu! Ogni seggia m’ha livatu deci anni di vita! Tu lu vidisti lu spiritu, Amé’?

         Amelia: No, no, assolutamente!

         Tatiddu: E diri ca nisciu propriu di ddocu intra… (indicando la porta della stanza)

         Amelia: Oh, mamma mia! Dici veramente?

         Tatiddu: Sè! Lu spiritu di Don Camillu, biancu, ccu na testa virda, du’ cannili nta li mani. Amelia, lu curuzzu miu s’ammucciau ’n-menzu li purmuna di quantu era terrorizzatu!

         Amelia: Che cose strane! Comunque non ci fate caso, può darsi che sia stata un’allucinazione…

         Tatiddu: Ma quali lucicazioni e luccicazioni! Ju nun ci aju cridutu mai a li spiriti, però chissu lu vitti ccu l’occhi mei, com’è veru ca sugnu cca! (dandosi un pizzicotto)

         Amelia: Comunque, buonanotte! Vado nuovamente a letto!

         Tatiddu: Buonanotti!

         Rusidda: Tatì! Ju pi stasira nun pozzu dormiri chiù!

         Tatiddu: E pensi ca ju… pozzu dormiri? (e prendendo in mano l’angioletto) Era megghiu si chiamava un metronotti!

         Rusidda:Mah! Puru li spiriti dintra la me casa! Nun c’è chiù munnu! Pi ssi schifii di seggi pirdemmu la tranquillità! (pausa) Ma ju vulissi sapiri com’è ca lu spiritu niscìu di dda intra! (additando la porta della stanza di Amelia) Stu fattu nun mi convinci… Ah! Già! (si ravvede) Li spiriti su’ spiriti! (e rivolta al marito) Tatì!

         Tatiddu: Chi vua?

Rusidda: Ju dicissi di purtariccilli ssi seggi a casa di Don Camillu bon’arma!

Tatiddu: Bon’arma? Armazza chiù tinta di chissa mancu a lu ’Nfernu ci n’è!

Rusidda: Tatiddu! Parra chiù adasciu ca ti po sentiri e stanotti veni arria! Madunnuzza mia quannu ci pensu!

(Tatiddu si è seduto nel letto con la testa tra le mani, quando un colpo alla porta lo fa sussultare)

         Tatiddu: Cu’… è? Cu’… è? (tremante)

         ’Nzula: Ju sugnu, cummari ’Nzula! (Tatiddu emette un sospiro di sollievo)

         Rusidda: Oh, cummà, chi c’è? C’è cosa?

         ’Nzula: Già curcàti siti? A sta ura?(avvicinandosi a Rusidda) Cummà, m’aviti a fari un piaciri granni granni: m’aviti a ’mpristari li seggi. Pinsaiu di vattiari li gemelli propriu dumani e, sapiti, mi servunu…

         Rusidda: Oh, se, cummà! Pigghiativilli! Pigghiativilli! Perciò, vicineddi di casa nun si favuriscinu?

         Tatiddu: E ssi seggi nun turnaru chiù!

         ’Nzula: Grazie cummari Rusidda! Grazie! Ma dicitimi na cosa: la maistra chi dici? Comu si cumporta?

         Rusidda: Oh Diu… nun è tanta valurusa!

         ’Nzula: A mia mancu mi ni fa bona ’mprissioni. A talialla di comu camina pari na jaddina ccu la vozza china! Ma dicitimi na cosa: idda spusata è?

         Rusidda: Spusara era. Ora no chiù!

         ’Nzula: Hiii! Bonu! E chi fici, si spartiu ccu lu maritu? Certu! Na fimmina di chissa! E allura sa comu quarquarìa jornu e notti!

(Tatiddu si è infastidito; alza il capo ma non parla)

         Rusidda: Cummari ’Nzula, nta sta casa nun havi chi quarquariari!

         ’Nzula: Eh, non lo so! Ccu vostru maritu sempri dintra po essiri mai ca nun quarquarìa?

         Rusidda: Cummari ’Nzula, stati parrannu assai!

         ’Nzula: Stati attenta nun vi fa l’ovu ’n-casa!

         Rusidda: Vi dicu ca stati parrannu assai!

         ’Nzula: Oh! Cummari Rusì! C’aviti lu carvuni vagnatu ca vi risintiti?

         Rusidda: (agitatissima) Lu carvuni vagnatu l’aviti vui!

         ’Nzula: Ci l’haju tantu asciuttu!

         Rusidda: E allura facitivillu vagnari di vostru maritu!

         ’Nzula: Me maritu lu carvuni mi lu vagna quannu piaci a mia, aviti caputu? Siti vilinusedda, ah!

         Rusidda: Vilinusa ju? Té! (mollandole uno schiaffo)

         ’Nzula: E té puri a tia! (ricambiando con un altro schiaffo. Ma va a finire che si afferrano per i capelli. Tatiddu accorre a dividere le due donne. Accorre Amelia. Si crea confusione)

         Tatiddu: (indaffarato a dividere le comari, canticchia ironicamente) Tara- tatà-tatàra-tatà! Tara-tatà-tatàra-tatà! (secondo un ritmo improvvisato) Ohu! Ma chi su’ sti cosi ’n-casa mia?

         Rusidda: E li seggi ti li po scurdari! Fora di sta casa! (agitatissima) Sciò! Sciò! (’N-zula viene messa alla porta)

         ’Nzula: Fimmina di malocchiu! Disgraziata! Siti peggiu di na maàra! (ed esce)

         Tatiddu: Vidi chi fiuri mi fa’ fari davanti la maistra?! Amelia, non ci fare caso! Su’ fimmini di cortigghio! (Rusidda indispettita esce dalla stanza verso la cucina o la camera di Nunuzzu) Amelia!

         Amelia: Cosa c’è, Tetty?

         Tatiddu: (odorando l’aria) Stu profumu ca ti metti mi fa perdiri la testa!

         Amelia: Oh, ti piace? Perché non ne regali una boccettina a tua moglie? È acqua di lavanda!

         Tatiddu: No, no! Il dottore ci dissi ca è allergica a sti cosi: si metti a girari comu na jatta ’mbriaca! (la maestra ride divertita) Amelia!

         Amelia: Dimmi, Tetty!

         Tatiddu: Tu ti siddìi si ti dicu na cosa?

         Amelia: Oh, no! Cardelluccio mio! (accarezzandolo) Dimmi tutto quello che vuoi.

         Tatiddu: Si’ chiù bedda d’un gelsominu ciurutu!

         Amelia: Ah, ah, ah! (ridendo) Come sei simpatico! Certe volte invidio tua moglie!

Tatiddu: L’ho detto sempre ca lu Signuri duna li viscotta a cu’ nun havi denti!

Amelia: Comunque adesso vado veramente a letto perché è tardi!

Tatiddu: Amé’! Prima di jiriti a curcari abbrazzami!

(Amelia acconsente ma nello stesso istante, improvvisamente, entra nella bottega Donna Rosalia, moglie del defunto Don Camillo, trovando i due abbracciati)

Donna Rosalia: Permesso?

         Tatiddu: (staccandosi da Amelia) Permesso! Permesso! E già siti dintra! (adirato e confuso verso l’intrusa che è entrata senza attendere la risposta. Donna Rosalia è una donna grassoccia, vestita in nero, brutta in viso e con le sopracciglia unite. Battagliera e prepotente)

         Amelia: Chi è costei? (con un certo timore)

         Donna Rosalia: Sono la moglie di Don Camillo Baglieri bonanima! (facendosi il segno della croce. Poi, rivolta a Tatiddu) Bene! Bene! Accussì chianciti la disgrazia di me maritu? Accussì vi preoccupati di purtari li seggi ’n-casa mia? E si lu sapissi vostra mugghieri ca faciti ssi cosi ccu ssa jatta!

         Tatiddu: No! No! Pi piaciri! Pi carità! Puru chissu ci voli…!

         Donna Rosalia: E allura datimi li seggi ca la bonarma di me maritu v’avìa cunsignatu!

         Tatiddu: (un attimo di indecisione e poi molla) Va beni, li seggi su’ vostri, però nta stu mumentu lassatili stari! Dumani vi li mannati a pigghiari ccu lu vostru garzuni. Pi piaciri, nun diciti nenti! Pagghia ’n-mucca!

         Donna Rosalia: (minacciando Tatiddu) Nun faciti passi sbagghiati pirchì vi la fazzu pagari! Vi salutu! (ed esce)

         Tatiddu: (demoralizzato) Mancu ’n-casa mia sugnu patrunu chiù! Ci aju a mettiri lu retticulatu nta la porta! Mi cunsumaiu ccu ssi seggi! E ora ci l’aju a dari veramenti a gràtisi pi junta! (pausa) Vattinni a dormiri Amelia, e fai sogni d’oru!

         Amelia: D’accordo: Anche a te auguro una serena nottata! (gli dà un bacio e si accinge ad uscire)

         Tatiddu: E ora comu aju a fari? M’arresta sulu lu chiaccu p’affucarimi…

(Entra Rusidda)

Rusidda: Ancora additta siti? Pirchì nun vi curcati?

 Tatiddu: Rusì, quannu pensu ca m’aju a jiri a curcari lu cori mi diventa tantu! (avvicinando l’indice al pollice)

Rusidda: Oh, comu si ’mprissionatu! Mah! (parlando a se stessa) La morti di Don Camillu mi lu fici divintari comu un cannavazzu! (cercando di far coraggio anche a se stessa) Tuttu chi si scanta! E comu aju a fari? (Poi  alza gli occhi al cielo) Don Camì! Vui lu duvivati capiri ch’eravati malatu di cori! Cu’ vi lu fici fari agitarivi di ssa manera pi ssi schifii di seggi ca quannu mi ci assettu pari ca pigghiu la correnti elettrica! (vibrando tutta)

Tatiddu: Ju mi cuntintassi aviri sett’anni di caristia, basta ca nun mi cumparissi lu spiritu di Don Camillu. (mettendosi a letto)

Rusidda: Nun ci pinsari chiù! Chiuditi l’occhi ca ti passanu tutti cosi!

(Detto ciò si corica pure lei. Ma Tatiddu non ha sonno. Improvvisamente gli viene un’dea)

         Tatiddu: Rusì! Pinsaiu na cosa! Ci scrivu na littra e ci la lassu supra lu tavulinu!

Rusidda: La testa pirdiu me maritu!

(Tattiddu si alza, accende la luce, prende carta e penna, si siede a tavolino e comincia a scrivere)

         Tatiddu: “Gregio Don Camillo… (scandendo le parole) ho deciso che vi dogno le segge, tutte le segge, nient’altro che le segge! Lo giuro! (bacia dall’uno e dall’altro lato l’indice e il medio uniti e li sbatte sullo scritto come per sigillare il giuramento) Però nun mi facete scantare … perché… ju sogno malato di incefalo cachirico di sutta a rubinetto! (accompagnando allo scritto un gesto con il braccio sotto il sedere) Un distinto saluto”. Con osservazione. Tatiddu ’u siggiaru

(scrivendo le ultime sillabe all’impiedi con una gamba sopra la sedia) Speriamu ca accussì s’accuntenta…

(Tatiddu spegne la luce, si rimette a letto e comincia a russare. Ma subito dopo un rumore impressionante di campanelli precede la comparsa di un fantasma dalla porta d’ingresso; braccia protese con una candela per mano, si ferma dinanzi al tavolino per leggere il biglietto; poi si gurda intorno e piano piano si dirige verso la camera della maestra. Tatiddu, svegliatosi al rumore, fa finta di non destarsi, ma da sotto le coperte studia le mosse del fantasma. Così lo lascia libero delle sue azioni. Dopo la scomparsa del fantasma, Tatiddu trova la forza di riflettere. Non lo convince il fatto che il fantasma si diriga verso la stanza della maestra. Trova il coraggio di alzarsi: un’altra idea gli illumina la mente. In un angolo della bottega prende degli stracci vecchi, li sistema sotto le coperte e si apposta in un angolo con un manico di scopa in mano. Dopo pochi minuti il fantasma di Don Camillo ritorna. Si avvicina alla porta d’ingresso pronto per scappare nel caso ce ne fosse bisogno e comincia a gridare rivolto verso il letto)

         Fantasma: Tatiddu ’u siggiaruuuu! (con voce cupa) Sono l’animaaa di Don Camillo Baglieriii! (Rusidda si sveglia di colpo e, vista la scena, si abbatte svenuta sul letto) Dumani porta li seggi a casa miaaaa, si nò nun avirrai chiù paciii in vita tuaaaa!

         Tatiddu: (spinto dal coraggio esce in azione puntando il bastone sulla schiena del fantasma che, sorpreso, butta le candele e scatta al centro della stanza tremante) Don Camì, si faciti un passu divintati chiù mortu di comu siti! (Tatiddu col bastone tocca duro ed è lì che capisce di avere a che fare con un falso fantasma. Con il legno gli fa cadere il cappuccio ed appare il viso dell’avvocato La Farina) Ah! Vui siti! Figghiu di bona matri! Emerito imbroglione! Cosa fitusa! Ora ti fazzu fari veramenti lu fantasma, ma prima t’ammazzu! (alzando il bastone)

         Avvocato: No, no! Vi scongiuro! (e cade in ginocchio) Abbiate pietà di me! È uno scherzo!

         Tatiddu: Gran pezzu di disonestu! Accussì babbìi ccu li cosi serii! E ju ca mi scantava d’un cretinu comu a tia, avvocatu ccu li cavizi persi!

(Rusidda, rianimatasi, si alza e si avvicina al marito)

         Tatiddu: Rusidda! Nun aviri paura di sta cosa ’nutili ch’è chiù scantatu di tia! Ora capiu tuttu l’ingannu! (voltatosi nuovamente verso l’avvocato) Chi cosa java a fari dda intra nta la maistra, ah? (con tono ironico) Ccu la calunia di li seggi facevi un viaggiu e du’ survizza: l’interessi di la clienti facennumi scantari – accussì ju ci avissi datu subitu li seggi – e lu pappajaddu nta la cucina ccu la maistrina! E idda, la maistrina, era d’accordu ccu tia, ah? Mi pigghiau puru pi fissa! Fimmina farsa e disonesta! (così dicendo lascia l’avvocato e si dirige verso la stanza di Amelia. Un istante dopo appare la maestra in vestaglia, trascinata per mano da Tatiddu)

Fimmina vili! Chissa è la riconoscimentazione di l’ospitalità chi t’aju datu? (Amelia si stringe all’avvocato) Nun t’ammazzu, avvocatu, pirchì si’ un poviru miserabili! E a tia (rivolto ad Amelia) pirchì si’ na povira disgraziata, ma ogni minutu ca stati nta sta casa, tanti corpi di vastuni vi dugnu supra ssi spaddazzi! Via di nta sta casa! Sciò, sciò! Genti senza fidi!

(I due scappano subito per paura che Tatidu metta in atto veramente ciò che ha detto)

         Rusidda: Maria chi cosi! Cu’ l’avìa a diri! Chi munnu, Signuri mé! Quantu vaju a vidiri chi succidìu dda intra ni Ninuzzu! (ed esce)

         Tatiddu: (Tatiddu rimane solo nella stanza, stanco, demoralizzato e deluso. Si siede e parla rivolto al pubblico) Un cretinu comu a chissu mi veni a fari lu fantasma a mia! A Tatiddu ’u siggiaru! E chidd’autra fimminazza di la maistrina: Tetty, Tetty! E lu babbu di mia ci facia la vuccuzza duci! Mentri idda dava un corpu a lu circhiu e un corpu a lu timpagnu! (Poi, con tono ancora più pietoso) E ora lu concursu di bidellu cu’ mi lu fa fari chiù? E nun sulu, ora aju a dari tutti li seggi a Donna Rusalia! Chidda è capaci ca va cunta a me mugghieri ca mi vitti abbrazzatu ccu dda jatta di la maistra! È capaci di mettiri chiù ’nfernu di chiddu ca c’è! A mia m’avianu parutu tutti cosi facili… mi parìa ca la me vita avìa canciatu… Mi parìa na vita chiù bedda, chiù armuniusa… e ’nveci ora nun aju nenti chiù… né seggi, né bidelli, né maistra… né sordi… era megghiu prima e non ora… Sugnu rovinatu, sugnu rovinatu! (scuotendo la testa) Povero me! Ah! (prendendo una sedia) La megghiu vita la fai tu! Se, la megghiu vita la fai tu ca canusci sulu cula e no ju c’aju a cummattiri ccu ssi testi!

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 24 volte nell' arco di un'anno