Te bòta ca ‘riva i ufo

Stampa questo copione

 


TRE ATTI IN DIALETTO MANTOVANO

DI

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi:

CESIRA CAVALLO              - la rasdòra

BEPE CAVALLO                - sö marè

REMO CAVALLO            - al fiöl

NANDO FREDDI            - 'n'amïgh ad faméja

GENIA BORSELLO              - n'amiga

VIOLANTE CICOGNA        - funziunaria dla Region

BASTIANO PELLE              - funsiunari dla Banca Agricola

CAMILLA BARALDI             - aspirante cavalarisa

ANTONIO MARZIANO        - giornalista

In un paes dla Pianüra Padana ai nostar dè

ATTO PRIMO

Interno di una casa di campagna; credenza, eventuale cassapanca, tavolo da cucina con sedie impagliate. Travi alla soffitta. Alle pareti un giogo, finimenti per cavalli, morsi, staffe, ecc. A sinistra una porta conduce all'esterno. A destra del fondale, alcuni scalini e una porta che conduce di sopra, alle camere. A destra, verso il proscenio, una porticina chiusa da una tenta grezza, porta al locale cucina da dove, aprendo la tenda, si vede la cucina economica. Orologio al muro.

SCENA I

(Bèpe – Cesira)

All'apertura de sipario, Giuseppe sulla quarantina, baffoni, camicia a quadrettoni, gilet di fustagno, calzettoni rossi e scarponi, sta lustrando con un panno una sella da cavallo posta sul tavolo. Cesira, la moglie, sta parlandogli dalla cucina.

CESIRA     :- "A gh'a scométi cat tse incora adré a pitunà, a lûstra cla benedetta sèla" (sposta la tenda e si fa vedere) "Va a fnìr ca tla spèli.. Ma a an gh'èt ätar da far? A gh'è da rastlà al fén e metal a sit in dal fnél pröma ch'as mèta spiolvisanar.. e pröma ch'al marsésa"

BEPE:-       (con noncuranza) "Tè, basta ca faga quèl che a te an t'interèsa mia, ch'a tam càti quèl'atar da far.. "(continuando lustrare e sputacchiando sullo straccio) "Al so anca mè ch'a gh'è da catà sö al fén ma.. cranon, a podrès faral anche tö fiöl 'na qualvolta invéci ad corar sempr'a dré a.. a li pasarlìni"

CESIRA     :- "ME FIÖL le ad sura ch'al stüdia. A t'al sé anca tè che 'st'an al fnès li schöli alti"

BEPE: "I è alti.. parché i è in salida"

CESIRA     :- "Oh, a t'è capì sorgnon. Al g'ha da fnì la tesi. E po'.. quanti bàli. Mè a l'ho rasgà e te a tal cati sö; ûn po' p'rûn an fo mal a nisûn"

BEPE          :- (continua a sputacchiare sul panno e a lustrare la sella)

CESIRA     :- "E 'lura?.. Cos'aspètat?" (lo sospinge verso l'uscita)

BEPE          :- (facendosi spingere con comicità) "VACUN MANERA,VACUN!.. In doa et imparà a cüciar.. Sei andata a scuola di BON TON?"

CESIRA     :- "Li n'é mia paroli tui.. I et imparà.." (scimmiottando) "dalla cavallerizza di Suzzara?"

BEPE          :- (con aria da prendere in giro) "No, cara moglie…Le ho imparate alla televisione.. anca a la television a dli volti, tra na curtlada e na sparatoria, tra un film pin ad parolàsi e v'ün da sporcaciòn, agh salta föra un programa d'informasion" (pungente) "At dovrèsi vardaral anca te invéci ad vardar cli filumini ad telenovele... Faresti un passo sulla via del progresso, cara la mia Cesira"

CESIRA     :- "Te pr'intant, vo a far progredìr al lavor lo dcò" (lo spinge finalmente fuori della porta) "Oh, cun un po' ad buni manéri.." (vede la sella, la prende e rincorre il marito) "Bèpe.. la sèla.." (disfattasi della sella, apre la   finestra dando le spalle al pubblico e non s'accorge del marito che, quatto quatto, passa dietro di lei andando alle camere. Chiama Nando) "Nandooo…O Nando…"

SCENA II

(Cesira – Nando)

NANDO     :- (da fuori) "Cosa gh'èt da toàr… E scapà Bèpe con la cavala?"

CESIRA     :- "Oh, cal lè al scapa sul in doa a gh'è da lavorar. Scultam.. A t'agh darési  'na man a Bèpe a catà sö al fén? Da par lö a gh'ò paûra ch'als mèta sòta un mur a far la gabanèla. L'è andà in dla porghina a tör al rasch e al rastèl"

NANDO     :- (contadino, coetaneo di Cesira, si fa vedere alla finestra a piano terra, quasi baciando la donna che, comicamente si sposta) "Me an l'ho mia vest"

CESIRA     :- "Ma sl'è bors föra cmè 'na saeta pr'andar a lavorar"

NANDO     :- "Adritüra. Ma sta mia a contaram dli bali"

CESIRA     :- "Vè, scansafadighi.. parla a modu"

NANDO     :- "Ma làsa perdar cla saeta ad Bèpe.."(con aria da seduttore...mancato, attirandola a se) "Par te agh völ 'n'òm cme mé"

CESIRA     :- (si libera con uno strattone) "Mola lè e sta mia far al stöpid ca ta spösi ad graspa cme 'na bòta in fermentasion"

NANDO     :- (vivace) "Ma par te a sont sempar in fermentasion"

CESIRA     :- "Volta via e vo a iûtar Bèpe e grasie" (le chiude la finestra in viso con rapidità)

NANDO     :-(toccandosi il naso) "Vacca pita.. che manéri" (si allontana)

CESIRA     :- "Ma in dòa el andà st'om..atar che saéta in sal lavor" (colta da un sospetto chiama il figlio verso le camere) "Remoo.."

SCENA III

(Cesira – Remo - Bèpe)

REMO        :- (fuori scena) "Cosa vuoi?"

CESIRA     :- "C'è mica per caso tuo padre li ad sura?"

REMO        :- (c.s) "Non lo so.. Domandilo a lui.. sta scendendo.."

BEPE          :- (rientrando..con la coda fra le gambe, brontola verso il figlio) "Spiòn!"

CESIRA     :- "At tse pö svelt te a schivar al rastel che 'n fölmin a slampsar.. Ma d'in doa set pasà.. da l'arbalta?"

BEPE          :- (agitando le braccia a mo' di volo) "Voland a caval d'un storlo.. Am sera dasmangà... al fasolet. A t'al se che quand a rastèli am vò la polvar sö in dal nas e am ve da stranûdir…a son alergich a.."

CESIRA     :- ".. al lavor. Volta via pröma ch'as faga scür"

BEPE          :- (sconsolato si avvia a passo lento) "Sempar ad corsa.."

CESIRA     :- "Dài pestafès.. ch' at fè dü pas in s'an quadrel" (le dà uno spintone)

BEPE          :- "Taca mia a cüciar, né?" (esce adagio)

CESIRA     :- "Signor.. quanta pasiensa.." (esce e va in cucina)

REMO        :- (sui ventidue anni circa, entra in scena e chiama) "Mà?.." (silenzio) "Mamma.. sei di là?"

CESIRA     :- (rientra in scena asciugandosi le mani nel grembiulino e poi, salace, indicando il cielo) "No! No sono ancora..aldilà!.. Et za fnì ad stüdiar? Serca ad tör la laura.." (viene interrotta dal figlio)

REMO        :- "Laurea e mia laura"

CESIRA     :- "Va ben.. cla ròba lé.. e sensa rimandar parché an siem mia la Banca d'Italia vè?" (con sensibilità) "I àn i pàsa a la svelta e la tèra, par nuantar, la dventa sempar pö sé bàsa e i bési i è sempar ad meno.."

REMO        :- "Sempar la solita müsica.. a tse monotona"

CESIRA     :- (orgogliosa) "Vè stüdent..bàsa la gresta parché i è i nostar cài in dli man chi mantegn la tö pel fina.."

REMO        :- "Ma io studio.. Ho studiato greco fin'ora"

CESIRA     :- "Sarà méi ca ta stüdi l'arabo.. con töti i marochin ca gh'è intoran.. o magari al spagnöl.."(con affetto) "Hai mangiato la tridüra che ti ho portato nella scodella"

REMO        :- "Sì, un po' in fretta perché devo andare a Mantova"

CESIRA     :- "Ma se mangi sempre di sprèsia, ti resta tutto sullo stomaco"

REMO        :- (avviandosi all'uscita) "Non ti preoccupare"

CESIRA     :- ( lo ferma e.. sorniona) "Devi mica andare da quella pütèla che l'atra sira in dl'ort la s'era tacada a te cme 'n bòl in sla bösta?"

REMO        :- (seccato) "Ma stavamo solo chiacchierando"

CESIRA     :- "Alora l'è anca sorda"

REMO        :- "E perché?"

CESIRA     :- "Parchè a t'agh sopiavi in bòca par staparagh i uréci!"

REMO        :- "At gh'è propria voia ad dir dli strampalati"

CESIRA     :- "A t'ho vest mè.. con i mè òc mentre stavo raccogliendo i zuchini.. e po' varda, a mé an m'interèsa mia.."

REMO        :- "Gnanca mal" (tenta di riavviarsi ma viene ancora trattenuto dalla madre)

CESIRA     :- "E' una che conosco?"

REMO        :- "Può darsi.. conosci tutti. Comunque l'importante è che la conosca io. Ciao" (esce)

CESIRA     :- (sull'uscio) "A m'arcmandi.. guida con prüdensa" (chiude l'uscio, si guarda attorno accorata) "A n'as fnes mai.. ätar che schöla ad BON-TON" (prende la scopa e pulisce)

SCENA IV

(Cesira – Genia)

(bussano alla porta. E' Genia, una contadinotta un po' svampita. Scarpe grosse, fazzoletto in testa, truccata un po' bruttina con qualche neo peloso sul viso e sopracciglia marcatissime. Ha con sé un cavagnotto)

CEISRA     :- "Chi el?"

GENIA       :- "A sont la Genia"

CESIRA     :- "Ve pör dentar, la porta l'è 'verta"

GENIA       :- "Ciao Cesira"

CESIRA     :- (offrendole comicamente la scopa) "Set gnüda a daram n'aiöt?"

GENIA       :- "No, grasie.. fò pör te… A sont gnüda a contarat un fat" (misteriosa) "An gh'è nisün da dla?"

CESIRA     :- "A sont da par me.. daì conta ca gh'ò prèsia"

GENIA       :- (contenta di poter raccontare, inizia.. perdendo poco a poco la voce) "At gh'è da saver che al Na..ndo.." (si tocca la gola)

CESIRA     :- "A t'è mancà la vòs töt in na volta?.. Sentat" (versa da una bottiglia un po' d'acqua in un bicchiere e gliela porge) "Bev.."

GENIA       :- (esegue, si raschia la voce) "L'è che quand a m'emosioni am cala la vus" (un'altra schiarita di voce, una manata sul petto come a sbloccarsi e poi civettuola) "S'at savési.. al Nando al m'ha dét.." (teatrale) "..tanti bèli paroli.. a gh'iò 'ncora töti ché in dal cör.." (si tocca la testa)

CESIRA     :- (ironica) "Al s'è spostà ben in elt al cör.. Ma dim un po'.. n'eral mia in un po' in ciarina par casu?"

GENIA       :- (offesa) "E al doeva èsar imbariagh sol parché al m'ha det a dli bèli paroli?"

CESIRA     :- "E com' ierli 'sti.." (scimmiottandola) ".. bèli paroli?"

GENIA       :- (facendo un po' la preziosa) "Verament l'è 'na quistiòn delicada…. Ma at tse 'n'amiga e a tal conti. Al m'ha det.." (sognante) "Ehi, bèla fiöla.. in doa vet con ch'al pas da cavalina… Et capì? Bèla fiöla.. a me"

CESIRA     :- (ironica) "E po' anca con ch'al pas da cavalina.. Stat mia a ingiügiolarat.. al Nando l'è alegar quand l'è in mes a li vachi e.."

GENIA       :- (offesa) "Cusa voresat dir?!"

CESIRA     :- "Sta calmina e lasam fnir. Quand l'è in dla stala a munsar li vachi als bev un vulin ad lat.. Dopo, a la sira, al vò in ostaria e al bev dal negar.. e lat e vin.. al fò ciucar al campanin"

GENIA       :- (diffidente) "Al Nando l'è un brav'om.. con buni manéri.. al na slunga mai li man" (dispiaciuta) ".. pörtrop"

CESIRA     :- "Atenta Genia.. fidaras l'è ben.. ma gnanca trop"

GENIA       :- (con rapidità) "Ma sa a n'am fidi ad nisün a rastarò sempar pöta.. e a sont stöfa.. Cambiand discurs, et santü cos'è capità in casa dla Veronica?"

CESIRA     :- (salace) "A spitava te par saveral"

GENIA       :- (misteriosa) "A gh'è 'ndà in casa n'òm e 'na dòna.. do parsoni"

CESIRA     :- (con sfottò) "Ad solit n'òm e'na dòna.. iè do parsoni"

GENIA       :- "La dòna l'era vastida cun un tajör e l'òm.. pensa te, al gh'éa anca la cravata!"

CESIRA     :- (con aria da prendere in giro) "Ma cus'am dit mai..la cravata"

GENIA       :- "I a admandà s'as podeva comprar di öv.. dli galini mia ad levament, la Veronica l'è andata in dal polèr e lilor iè armas in casa" (malignetta) "A tal sé che la Veronica, basta ciapar di bèsi la dares via anca sö maré e quand l'è tornada indré.. era sparì.."

CESIRA     :- (interrompendola) "I avrò cambià idea"

GENIA       :- "Era sparì i besi cla tgneva sota a la matonèla!"

CESIRA     :- "E com' i faseva a saveral?"

GENIA       :- (ieratica) "Misteru!"

CESIRA     :- "Vat a fidà di forest.. Magari a ti cati davanti d'improvis, it fo tanti gir ad paroli chi t'imbariaga e dopo.." (fa un gestaccio eloquente) "..it ciàva!" (riprende a scopare)

GENIA       :- (con vocina tremolante) "Ritornand a Nando.. cus'a dit che s'am daghi un po' 'na giüstadina.." (cerca di.. ritoccarsi) "L'am darò 'na qual uciada.. sasìna, cme queli ch'as ved al cine?"

CESIRA     :- "Pröma dl'uciada <sasìna> a sarà mei ch'at vagh da la barbera a farat almeno la permanente e po'.. Tö ad daghi mé i bèsi"(va alla credenza, prende un barattolo che apre e dà dei soldi a Genia)

GENIA       :- (vergognosa) "No, grasie"

CESIRA     :- "Com'a crédat" (sta per rimetterli nel barattolo)

GENIA       :- (rapida, allunga la mano e li prende) "Va ben.. par stavolta.. apéna a pos a ti a daghi indré"

CESIRA     :- (guardandole gli scarponi ei calzettoni) ".. e metat un pèr ad calzet da dòna e levat i scarpon"

GENIA       :- "Calset..scarpi?..Agh n'ho un pèr ca m'ha regalà la Bice..I calset in gh'andava pö ben.. l'è carsüda ad còsa"

CESIRA     :- "Agiornat. Varda la television in doa i-insegna al BON TON e impara al comportament, cum a dis al me Bèpe, as pöl dar ca sücèda quèl ad bel par te.. Si no.. an gh'è mia sol al Nando"

GENIA       :- "Ma ché, in paes an gh'è mia tanti pütèi.. i è quasi töti maridà"

CESIRA     :- "Genia… a n'è mia ch'at voia parar föra.. ma a gh'ho da preparar la sena par al me òm e al pütlet. Bèpe, anca s'al lavora poch.. fam alg n'ha" (accompagnandola alla porta) "Pröva a pasar da la cavdagna ad Braghin.. as pöl dar ca t'incontri al Nando"

GENIA       :- "L'è darent a la piana dli urtìghi.. bèla idea..agh vaghi söbit. A farò finta ad pasar da dla par casu.. Ciao e grasie"

CESIRA     :- "Ciau e fa bel" (richiude la porta) "I ladar in casa dla Veronica..Bisogna star atenti.. s'it capita davanti d'improvis con la scüsa di öv.. Mah" (va in cucina)

SCENA V

(Violante – Bastiano – Cesira)

(bussano alla porta; silenzio. Bussano ancora; silenzio. La porta si apre ed entra una donna in tailleur seguita da un uomo che indossa una vistosa cravatta. I due si guardano attorno)

BASTIANO                                                  :- (ha con sé una cartella e la donna una fascetta con documenti. L'uomo parla con accento napoletano) "Pare che non ci stia nisciuno"

VIOLANTE                                                  :- (prova a chiamare) "Signora Cavallo.." (da fuori si sente un nitrito)

BASTIANO:- (sorridendo) "Caspita! Hai chiamato o cavallo e quello t'ha risposto subbito"

VIOLANTE:- "An gh'è nisün.. sarà méi ch'andema.. a gnirom dopu" (si voltano per uscire dando la schiena alla porta della cucina. Cesira entra in quell'istante spostando la tenda rinculando perché ha in mano un vassoio con delle posate. Voltandosi si avvede dei due che stanno guadagnando l'uscita. Si spaventa, urla e lascia cadere con fragore il vassoio.

CESIRA     :- "Ahh… i ladar.." (comicità)

BASTIANO e VIOLANTE:- "Ahhh! (spaventati a loro volta dall'urlo di Cesira, gridano anch'essi e senza voltarsi fuggono all'esterno)

CESIRA     :- (scappa in cucina) "A gh'è i ladar.." (un attimo di silenzio e poi, con comicità, appare la testa di Cesira fuori dalla tenda. Tiene in mano un matterello, o una scopa. Vede che non c'è nessuno, posa la scopa o il matterello e raccoglie le posate e il vassoio, mugugnando) "Che tramarìa.. a s'am möf anca la pansa" (colta da un sospetto cerca affannosamente un barattolo sulla credenza. Lo apre ed ha un sospiro di sollievo) "I bèsi.. i è al sö sit" (bussano. Cesira ha un sobbalzo, nasconde dentro la credenza il barattolo, prende il matterello o la scopa e si avvicina quatta quatta all'uscio) "Chi-chi.. chi èl?" (apre, arretra stando in guardia) "Avanti"

VIOLANTE                                                  :- (entra con circospezione) "As pöl?"

BASTIANO:- (segue Violante, si avvede del timore di Cesira) "Signora.. no vi spaventate.. volevamo solo farvi qualche domanda"

VIOLANTE:- "Erla lè pröma ch'l'a cridà acsé fort? Ema ciapà un spavent ca siem scapà.. gnanca a fésum dü ladar"

CESIRA     :- (riprendendo coraggio) "A proposit ad ladar.. Cos'a faseuf in casa mia? Mi avete fatto tirare uno spài che mi si sono misiate le budella!"

BASTIANO:- "Abbiamo bussato due volte.. abbiamo anche chiamato e…"

VIOLANTE:- "Sicòme an rispondeva nisün a sierom adré a-andar ad föra quand'éma santù cridar che a momenti a gh'armagneva séca cme un bacalà"

CESIRA     :- "Calma, calma.. a sì stà vuatar du ca m'avì spavant. Capirà, mi volto e vedo una coppia..lei col tailleur e al siur con la cravata e a momenti am vegn un cöc" (li squadra dal basso all'alto) "M'as pöl saver cus'a vrif..?" (tutto d'un fiato) "Af visi che mé an-vendi mia-galini-gnanca-öv e an-compri-gnint-gnanca-dai-marochin!" (riprendendo fiato) "Ontia parla ciàr?"

BASTIANO:- (sorridendo) "Proprio simpatica la signora. Permette che ci presentiamo? La dottoressa Violante Cicogna, funzionaria alle attività agricole della Regione ed il sottoscritto, Sebastiano Pelle, funzionario della Banca Agricola"

CESIRA     :- "Ah!.. Sintéf, sintéf.. E..come mai ché da mè?"

BASTIANO:- "Siamo venuti a seguito della vostra richiesta rivolta ad ottenere un fondo per l'inizio di una attività agrituristica e stiamo facendo un sopralluogo per stendere così la nostra relazione"

CESIRA     :- "Am l'imaginàva ca gh'era 'na relasiòn"

VIOLANTE:- "Alora l'è za al corente a dla procedüra"

CESIRA     :- "Ma ci vedrebbe anche un orbo che fra voi due c'è una relasione"

VIOLANTE:- (seccata) "Fra nuantar dü an gh'è nisüna relasion.. solament raporti d'ufézi"

BASTIANO:- "A signò.. la relazione è uno scritto, un rapporto che dobbiamo rediggere dopo aver visionato il terreno, i complessi di elementi oltre, s'intende, alle capacità di vostro marito o di chi altro, nel sapere condurre i cavalli e così via"

CESIRA     :- "Ah ma, me maré algh'so fa con i cavaì.. Ha imparato in Maremma con i butéri"

BASTIANO:- "Vorrete dire con i bùtteri"

CESIRA     :- "L'è ben quel ch'ò det me.. Quand a l'hò cnosù al parevaun COVOBOIO, com'as ved in di film american. Lustrava i cavalli, li montava e insegnava agli altri ad andare a cavallo" (guardando Bastiano) "A volte li besti i-è pö sé inteligent di òm"

VIOLANTE:- (che prendeva appunti) "Bene. Dsigh a vostra maré ch'al manda ai nostar ufési la documentasion ad quel ch'i apena det"

BASTIANO:- "Cos' completerà il suo curriculumme"

CESIRA     :- "Ah, ma lui ci ha tutto sa?. E' attressato e quel.. quel curricolo ce lo deve avere in mezzo ai finimenti"

BASTIANO:- "Spiritosa la signora" (a Violante) "Beh, mi pare che per il momento possiamo andare"

VIOLANTE                                                  :- "Sì, a ritornéma 'n'atar dé acsè a parlem anca con Giuseppe Cavallo"

CESIRA     :- "D'acòrdi ma.. la prossima volta picè fort a la porta pröma ad vegnar dentar, acsè an ciapéma mia di spài"

BASTIANO:- "Abbiamo bussato..abbiamo cercato pure o campaniello ma non ci stava"

CESIRA     :-"L'abbiamo levato perché mio marito c'e rimasto tacato con la scossa.."(ironica) ".. e dopo a gh'è gnù 'na voia ad lavorar che, sa a n'al tegni mia, al pitunarès anca la not!"

VIOLANE:- (a Bastiano) "A t'agh vres 'na scòsa anca a te, Bastian.. Stè ben siura"

CESIRA     :- "A speri.. arvédas"

BASTIANO:- "Arrivederci" (escono)

CESIRA     :- (si avvia alle camere)

SCENA VI

(Bèpe – Nando – Cesira)

BEPE          :- (fuori scena) "Vé dentar Nando..a paséma d'in cusina e ad bem dü lümin ad cal bun" (entra con Nando, con un fiasco e due bicchieri che riempie)

NANDO     :- (contadino, sulla quarantina) "Ma acsé..a stòmach vöd?"

BEPE          :- "Ma töl in dl'òrgan.. Adès, parché a t'ho lasà daram na man a rastlà e cargà al fèn a t'an proféti par sgranfignaram anca la séna?" (gli allunga il bicchiere) "Con questo at sé bèla che pagà!"

CESIRA     :-(rientra)"Ciao Nando" (apre i cassetti e prende tovaglia ecc. per apparecchiare)

NANDO     :- "Ciao Cesira; sempar in moviment cmé 'na parpàia" (beve)

CESIRA     :- "Par forsa.. Inchö am pàsi al <tempo libero>" (al marito indicando di togliere bicchieri e fiasco) "Fam dal sit"

BEPE          :- "Agli ordini!"(alza il bicchiere e intanto posa il fiasco a terra, ai suoi piedi)

CESIRA     :- "Nando sa t'at vö firmà agh n'è anca par te" (prende i piatti, le posate, ecc.)

BEPE          :- (stava bevendo, gli va il vino per traverso e tossisce) "Ma no.. al n'a gh'à mia temp.. al gh'à d'andar.. fortünatamente l'è fantin.. LILÖ"       

NANDO     :- (subitaneamente, posando il bicchiere sulla tovaglia) "No, no! An gh'ò d'andar da nisüna banda.. anca sa son fantin. Grasie Cesira. Acèti"

CESIRA     :- "Stò pör sintà e sta mia daragh 'scolt.." (facendo gli occhiacci al marito) "L'è stà propria lö ch'al m'ha det: <Ma cos'aspétat a invità al Nando a magnar da nuantar?"

BEPE          :- (con sarcasmo, a Nando) "La memoria!.. Set che dli volti a parli sensa acorsarman?.. A dovrò andar dal dotor.."

CESIRA     :- "Dal veterinari"

BEPE          :- "A vaghi a daram 'na sgürada a li man" (esce verso la cucina)

CESIRA     :- "Nando, et vést la Genia?" (nel frattempo esce, va in cucina)

NANDO     :- "Me no. Parché?"

CESIRA     :- (rientra con una pentola che posa sul tavolo ed il mestolo. Riempie tre piatti di minestra in brodo) "Stranu.. la doveva andar a catà sö dla vardura in dl'ort ad Braghiröl e m'andmandava s'at l'evi vesta.." (con malizia) "La Genia l'è 'na brava dòna ad campagna.. pöta e agh vrés 'n'òm adat par lé"

NANDO     :- "Un sümiòt!" (da un'occhiata verso la cucina e poi, infervorato, sottovoce, prende la mano di Cesira) "Ma a mé l'è tè ch'a t'am piàsi"

CESIRA     :- (le dà una mestolata sulla mano)

NANDO     :- "Ahi!.. Che bòta!" (si frega la mano)

CESIRA     :- "Te li man a post sionò lé a gh'è la porta!"

BEPE          :- (rientra all'ultima battuta, aggiustandosi le maniche della camicia) "Cusa gh'ala la porta?" (siede al tavolo)

CESIRA     :- (finisce di servire) "La porta?.. Ah.. agh manca sempar al campanèl"

BEPE          :- (guarda l'orologio a muro) "E Remo?"

CESIRA     :- "L'am fò sta in pansér.. a s'e dré a far scür e con la motu.."

BEPE          :- "Ma sempar mnestra in brö?" (o brodu)

CESIRA     :- "Al ta scalda el al pulés li büdèli" (mangiano)

NANDO     :- (sorbe rumorosamente il brodo, mentre Bèpe e Cesira lo guardano)

CESIRA     :- (credendo di fargli osservare la mancanza di educazione) "Bon apetitu!"

NANDO     :- (alzando il piatto che porta alla bocca per bere rumorosamente il brodo) "Quèl al gh'è. Grasie" (mostra a Bèpe che ha il bicchiere vuoto)

BEPE          :- (prendendo il fiasco a terra) "Va pian Nano" (versa solo mezzo bicchiere. Nando fa cenno con la mano di alzare il livello. Sguardo preoccupato di Bèpe che ne versa un pochino. Altro cenno con la mano di Nando di metterne ancora. Bèpe esegue, posa il fiasco a terra dopo averne controllato il contenuto)

BEPE          :- (alla moglie) "Agh n'è incora dla salamèla?"

NANDO     :- "Uh.. la salamèla.. l'am pias"

CESIRA     :- "Sì.. un po'.. ma l'è par al Remo. Par vuatar dü, insalata e formài"

NANDO     :- (spostando in avanti il piatto vuoto) "Par me a vò töt ben.. anca un pèr d'öv rostì..a son ad bòca buna"

BEPE          :- "A man sont acòrt"

SCENA VII

(Bèpe – Nando – Cesira- Remo)

REMO        :- (entrando saluta tutti) "Ciao"

CESIRA     :- "Stavo in pensiero.. sentat sulla scragna che è pronto" (va in cucina)

REMO        :- (si guarda le mani indeciso se lavarsele o meno, poi se le frega sui pantaloni, si siede e saluta Nando) "Salve Nando.. che sorpresa catarat ché"

BEPE          :- (salace, mangiando) "Al's contenta.. l'è ad bòca buna"

NANDO     :- (guarda ancora sconsolato il proprio bicchiere vuoto e lo mostra a Bèpe il quale, scrollando il capo, prende il fiasco ai suoi piedi e ne versa due dita: Nando fa segno di aggiungere)

BEPE          :- (sbuffando) "At sé propria sloà" (versa ancora un goccio)

NANDO     :- (facendo una smorfia di rassegnazione) "At sé trop generos"

CESIRA     :- (rientra con un piatto di minestrone che mette davanti al figlio) "Eco! Magna ch'l'è za arsorà"

REMO        :- "Ancora minestrone.. ma quanto ne hai fatto?"

CESIRA     :- "Ne ho fatto anche per domani. An pos mia sta sempar ai fornéi.. ciò anche l'orto, le galline. A gh'hò da lavar, cusir, stirar, a gh'ho da forbir zò e poi.. quando ci sarà anche l'azienda agri.. agri.. va ben quéla cl'è, dovrò fare il minestrone a lunga scadenza"

REMO        :- (allontana da sé il piatto) "An gh'hò mai fam"

NANDO     :- "Alora al töghi mé" (avvicina a sé il piatto e Cesira lo rimette davanti a Remo)

BEPE          :- "Chì 'n gh'ha mia fam l'à bèla che magnà"

CESIRA     :- "Te, tas lè!"

BEPE          :- "A vrea ben dir"

REMO        :- (si alza e si avvicina alla porta che va alle camere) "Ho mangiato con gli amici una pizza"

BEPE          :- "Is magna la piza, o un panin con dli porcadi e dopo i làsa lé un minestron casalin da alcaras i bafi"

CESIRA     :- (al figlio, con tenerezza) "Spèta mé.. at daghi la salaméla ch'l'at pias "

REMO        :- "No, grazie.. Ho mangiato una <margherita> grossa così" (segna)

NANDO     :- "Vaca pita, al s'è mes a magnà i fior cmè li cravi!"

CESIRA     :- "Che bagianàdi.. La margherita l'è 'n tipo ad piza. N'et mai magnà te a dli pizi?"

NANDO     :- "Na volta o magnà 'na <braga>"

REMO        .- "Vorrai dire un<calzone>"

NANDO     :- "In italian <calzone>, ma in dialet <braga>"

REMO        :- "Che spiritoso" (esce verso le camere)

CESIRA     :- (al marito) "Ah, am dasmangava.. E' gnü i tecnich dal telefono. Agh völ 'na möcia ad bèsi par faral 'rivà fin che"

NANDO     :- "Porca marléta, Cesira stiamo trasformando.." (guarda ironico Bèpe) "..il rudere?"

BEPE          :- "E parché am vardat mè?"

CESIRA     :- "Al völ metar sö, con al me Remo, l'azienda.. agri agricolturistica" (intanto si alza e va in cuna a predente i secondi piatti)

NANDO     :- "Ma da bon? At meti sö quéla.. si insoma cla roba l'é.. Ma dim un po' cos'éla?"

BEPE          :- "Dopu a tal spieghi" (col viso rivolto alla cucina) "Pröma ad töt la n'è mia azienda agricolturistica ma agrituristica"

CESIRA     :-(fuori scena) "At m'è capì listes.. e po' la n'è mia 'n'idea tua ma ad Remo"

NANDO     :- "As ved ch'l'è un zoan inteligent"

CESIRA     :- (rientra a togliere i piatti fondi dal tavolo) "Tutto sua madre"

BEPE          :- (fa il viso come a dire: <lo sapevo che l'avrebbe detto>) "Al stüdia al latin e al greco"

NANDO     :- "Dit ca gnirò gent anche da la Grecia?"

CESIRA     :- (ritornando in cucina) "Pr'adés 'riva sol di marochin" (dalla cucina, gridando tanto da far sobbalzare i due) "CH'AGH GNES AL SCAGARÒT, LA DBIDA, 'N'ASIDENT IN DLA LENGUA A CHI MAGNAGRÉPOLI A TRADIMENT..!"

NANDO     :- "Grépolì? Nuantar an n'ema mia magnà dli grépoli!"

CESIRA     :- "S'af ciapì af romp al cupìn con la mansarina!"

NANDO     :- "Sarà mei ca vaga.. a fagh sensa la pitansa" (si alza)

BEPE          :- "Cesira, s'et adré a litgà da par te?" (fa cenno a Nando di sedersi)

CESIRA     :- (adirata, entra in scena mostrando una padella vuota) "I gat! I s'è magnà li salamèli" (si avvicina a Nando mostrando la padella. Questi passa un dito dentro e se lo porta alla bocca leccandoselo)

BEPE          :- "Caru Nando, l'era mei ch'at fèsi andà a ca tua"

NANDO     :- (azzardando) "Ma agh sarò ben un pèr d'öv.. o no?" (siede)

CESIRA     :- (andando in cucina a posare la padella) "A m'an dispias Nando ma l'è andada acsé"

NANDO     :- "Va ben.. a sarò par un'atra volta"

BEPE          :- "Al s'è bèla che prenotà. Continuand al discors ad pröma, al pütlét l'am dis: <Papà perché non mettiamo su un'azienda.." (guarda con sfottò Cesira) .."agrituristica" (pavoneggiandosi e guardando di sottecchi la moglie) "Parché at gh'è da saver che ME FIÖL, quand'a gh'è da tör 'na decision importante al parla con al cap ad casa, a né mia vera.."

CESIRA     :- (che sparecchia. Ironica) "Naturalment!"

BEPE          :- "..e l'am dìs:<faremo la domanda in Regione ed alla Banca Agricola, cosi arriveranno i fondi>"

CESIRA     :- (c. s) ".. del caffè.."

BEPE          :- (guarda di traverso la moglie e prosegue) "Potremo avere dei cavalli da sella, fare delle escursioni con i clienti, preparare delle camere da letto per gli ospiti, che tant dal sit agh n'è, fare la cucina casalinga.."

CESIRA     :- (indaffarata e ironica) ".. la casalinga la sarés sempar la Cesira.." (esce a portare le stoviglie in cucina; in questi colloqui va e viene)

BEPE          :- ".. e ospiti i podrés dar 'na man in campagna com'al fes un divertiment, un pasatemp.. all'aria pura della nostra terra"

NANDO     :- "Però, che galiòt al Remo"

BEPE          :- (alzandosi si infervora poco a poco) "Si immergerebbero nella natura, al dis, facendo del sano turismo, lontano dallo smog e mè.." (con falsa modestia) "a faré l'istrütor par quel ca riguarda i cavài, natüralmet"

CESIRA     :- (rientrando) "..natüralment.. i atar i lavora e lui.." (imitando il cavaliere al trotto) "..andrebbe a cavallo"

NANDO     :- "Ma bisogna far sö 'na béla sòma par far quél ca gh'ì in ment. Et vint al <grata e vinci>, o al superenalotto?"

GIÜSEPE   :- (ironico) "Ho vint a li bòci! Ogni bociàda.. 'na garatola. Admandarem un prestit, un mutuo e 'na volta comincià andrem avanti di volta in volta"

NANDO     :- "Di sö.. ho vest 'na béla bagaiòta in sla tö cavala.. Gh'èt za di client?"

GIÜSEPE   :- "L'è 'n'amiga ad Remo. L'è la Camilla Baraldi, la fiöla ad Wilmer.."

NANDO     :- "Ad <sgagna filfèr?..> Quel cl'è andà a Revar a metar sö un negòsi ad früt e vardüra?"

BEPE          :- "Propria lilö. A gh'ho insgnà li prömi tecnichi e Remo, 'na volta chl'ha ciapà la laurea als pöl firmà chè sensa andar a far al disocupà in cità. Par i zoan bisogna crearagh dal lavor, dli növi atività sionò i vò via.."

CESIRA     :- "Sarà mei ca t'at méti 'na siarpa al col"

BEPE          :- (stupito) "E parché?"

CESIRA     :- (salace) "Ma parché con töti i arii ca tat dè.. at ciapi la costipasiòn!"

BEPE          :- (scimmiottando la moglie) "At ciàpi 'na costipasiòn.. a t''am fe redar al bigul dla pansa.."( a Nando) "At s'era a dré a dir che s'an créèma mia dli növi atività, ché.. a gh'armagnarò.." (verso Cesira) "sol dli vèci taramplani"

CESIRA     :- (teatrale) "Ha parlato il rappresentante della Valle Padana!"

BEPE          :- "Intant al Remo al gh'arés buni maneri cun i client. Lö cl'ha studià.."

NANDO     :- (interrompendo) "..latin e greco.. ch'l'è ütile dimondi.. con i cavài"

BEPE          :- "Ma cus'a gh'intra al latin e al greco.. Comunque a pensi che se l'atività l'ingrana agh pòsa saltà föra un bel po' ad bèsi"

NANDO     :- "Quasi, quasi..agh podrés vegnar dentar anca mé in dal türismo"

BEPE          :- "Bravo Nando. Intant at podrési munsar li vachi, 'iütar i müradòr a rifar la faciàda dla casa e dopo.."

NANDO     :- (interrompendo) "Basta acsé. A son za strach.. Alora Cesira, at mitré sö 'na specie d'albergo-tratoria.. A vurò dir ch'a gnirò a magnàr da te"

BEPE          :- "Basta ch'at paghi, an gh'è 'd problema"

CESIRA     :- "Eh.. idei igh n'ha.. ma i fò trop cunt e si atar"

BEPE          :- (a Nando) "Dim sö te cum'ad fà a vegnar föra con dli novità cmé questa da far invidia a töt al paes.."

CESIRA     :- (interrompendo ironicamente) ".. e dintorni.." (va in cucina)

BEPE          :- "..se propria in ca tua it met al baston in mes a li rödi. Ma capesat Nando ch'l'ha podres advantàr la pö se béla casa da contadin dla zona con un modèran manégio ad cavài?" (infervorandosi e con gesti teatrali) "Con scuderie, itinerari lungo le rive del Po fino ad arrivare ai piedi del Monte Baldo, ripercorrere antichi sentieri storici delle nostre parti.. bivacchi accanto al fuoco.."

NANDO     :- "Adritüra!"

BEPE          :- "A rivarò la televisiòn, i giornalisti e i scrivarò di articoli da impinì la pagina e.. i parlarò dl'azienda agricola e.. anca ad mè, natüralment"

CESIRA     :- (rientra con uno straccio e pulisce il tavolo. Ironica) ".. natüralment!"

BEPE          :- (in mezzo alla scena, gambe divaricate e con sussiego) "Am par za al lèsar i titui.. <Giuseppe Cavallo, il principe..>"

CESIRA     :- (andando in cucina) "..del cavallo a delle mutande!"

SCENA VIII

(Cesira – Bèpe - Nando – Genia – Remo)

GENIA       :- (da fuori, con voce tremolante) "Cesiraaa"

CESIRA     :- (apre l'uscio) "Genia!.. Ma cus'a t'è sücès?"

GENIA       :- (entra aiutata da Cesira. Malferma sulle gambe, posa la sporta. Ha un occhio nero, il solito fazzoletto in testa ed appare graffiata)

NANDO     :- (salace) "Hai 'tantà a la tö virtù?"

GENIA       :- (che viene fatta sedere accanto a Nando con aria dispiaciutamene comica) "Eh?.. A la mé virtù?.. Magari!"

CESIRA     :- "Ma varda che òc negar e che sgranfignadi.. a vagh a tör da far la medicasiòn" (va verso le camere)

BEPE          :- "Ma cum l'è süces?"

CESIRA     :- "A pasava, par casu da la piana a dli urtighi ad Bragin.."

BEPE          :- (a Nando) "In doa a sierum a rastlar" (a Genia) "At s'eri un po' lontan da casa tua" (intanto si alza e va alle spalle di Nando)

CESIRA     :- (rientra con una bacinella, alcool, cotone fazzoletto e cerotti ed inizia a medicare Genia che prosegue il suo racconto)

GENIA       :- ".. a sircava di finferli o di ciuldin par far un po' 'd ragù, quand ho mes un pé in fal e ho dat al mus in d'un platan e am sont sgranfignada in dli urtighi.. " (a Cesira che la medicava) "Ahiu!" (a Nando) "E an gh'era nisün darent a me.."(prende di slancio la mano di Nando) ".. caru Nando…e 'lura, am sont fata curagiu e a son gnüda ché.." (c. s) "caru Nando"

CESIRA     :- "Ma sto ferma!" (lega un fazzoletto attorno alla testa di Genia in modo da tapparle l'occhio nero) "Quand at se a casa tua fò un'impach in sl'òc cun 'na bistèca"

NANDO     :- (ironico) "Dopu a tla cösi e a tla magni.. acsé l'an vò mia strüsiàda"

CESIRA     :- "Mètagh 'na ftina ad pan séc insupà in dal lat, ch'at leva l'infiamasiòn"

GENIA       :- "Lat?.. A n'agh n'ho mia" (con slancio a Nando) "Nando.. gh'èt dal lat?"

BEPE          :- (alle spalle di Nando, gli tossa il petto e poi, salace) "L'am par un po' a séch"

CESIRA     :- "A t'an daghi un volin me"

NANDO     :- (a Genia, sempre salace) "E anca al lat, par mia bütaral via, dopo ch'a t'è fat i impach, a tal fè bòiar e at fè clasiòn"

BEPE          :- (a Genia) "Cume mai t'an se mia andada diretament a ca tua?"

GENIA       :- (con ingenuità e rapidità) "Ma parchè Nando l'era chè" (accorgendosi della gaffe) "Insòma.. parchè ché a gh'è la Cesira e.."

CESIRA     :- (le aggiusta bene il fazzoletto sull'occhio) "El strech abastansa?"

GENIA       :- "An vedì 'n'asident ad gnint…"

CESIRA     :- (dandole una gomitata d'intesa) "At podrés compagnà a casa al Nando"

GENIA       :- (prendendo la palla al balzo, a Nando) "Oh.. che béla idea.. Am compagnat ch'an vedi n'òstia ad gnint?"

NANDO     :- (guarda scocciatissimo glia altri che gli fanno cenno di sì. Sia alza) "E va ben.. andém. Ma at compagni sul ché darent"

CESIRA     :- "Spèta.. al lat" (esce rientrando subito con il contenitore del latte)

GENIA       :- "Grasie" (lo prende e s'attacca col braccio libero a Nando che vacilla)

NANDO     :- "Tacat un po men.." (guardando Cesira e Giuseppe, sottovoce) "Questa am la paghè!"

GENIA       :- (dinoccolandosi e tenendo in mano il pentolino col latte e l'altra al braccio di Nando, in estasi) "Ste ben töti, ciao"

BEPE          :- "Stef mia a perdar lungh al caradòn       

CESIRA     :- "Ciau e fe bèl!"

BEPE          :- "Al Nando l'era content come al fés sta sintà in sla stüa impésa"

CESIRA     :- "Al farés ben a pansar ch'al dventa vèc anca lö..Ah, che siòca, am dasmangava.. E' gnù dü funzionari par via dal manégio di cavài.. par l'azienda agri.. cla roba lè insòma"

BEPE          :- "E cus'hai det?"

CESIRA     :- "I m'ha fat ciapà un spavent ch'a gh'è manca poc ch'ag rastési séca"

GIÜSEPE   :- (salace) "Eh, quand i fat in völ mia sücedar.. Sarò par 'n'atra volta"

CESIRA     :- "At piasares nè lorgnon. I a det ad preparar i document chi dimostra ch'at se pratich di cavài.. Insòma ch'a sé far al master di cavài!!

BEPE          :- (ironico) "Am mitrò a far al caval ch'al sbara"

CESIRA     :- "Fa ben i cunt pröma. Quant a s'a spend, quanti bési o podrés vegnar dentar con l'atività.. sionò armagnem cun li pèsi tacadi al cül"

                   (si ode un frastuono ed appare dal retro una luce intensa. Si sente un nitrito e il rumore degli zoccoli dei cavalli. Cesira e Giuseppe sobbalzano)

REMO        :- (grida da fuori scena) "PAPA' ..LA CAVALLA.. STANNO RUBANDOLA!"

BEPE          :- (esce di corsa)

                   (si sentono due colpi di fucile da caccia)

CESIRA     :- (spaventata) "Signor banadét.. stamu a vedar chi ha sparà a A LA CAVALA!"

SI CHIUDE IL SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

SCENA I

All'apertura del sipario sono in scena Camilla e Remo. Camilla, giovane ragazza, è vestita da amazzone, con chepì, stivali, frustino, fa una giravolta su sé stessa per farsi notare da Remo.

REMO        :- "A ta sté propria ben"

CAMILLA  :- (pavoneggiandosi) "At piasal?… Ma dim sö.. ho vest tö padar ch'al caminava come s'al gh'és la scavsèra"

REMO        :- "Ma adesso che vivi in città, parli ancora a quel modo?..In dialetto?"

CAMILLA  :- (con un velo di nostalgia)"A son nasüda ché e am parares ad far tort a li mé raìs.." (sentimentale) "A sarò colpa dal pruföm di fiur… ad chi garòfoi ch'at catàvi sö par me e chi m'ha lasà in dal cör un sentiment ch'an l'ho mai dasmangà"

REMO        :- (con affetto) "Alòra.. la schöla d'equitasiòn.. l'è 'na scüsa?"

CAMILLA  :- (voltandole le spalle) "Andar a caval am piàs..l'è 'n modu ad cataras pütlét, cume quand is mandava a spigolàr in campagna"

REMO        :- (si avvicina toccandole i capelli) "Clì tresìni ch'li pareva al manübrio dnà bicicletta in doa at gh'infilavi i mé garòfoi.."

CAMILLA  :- (voltandosi contenta) "Ad ricordat incora?"

REMO        :- "An l'ho mai dasmangà.. A dli volti a vaghi incora la.. dai garòfoi, a vardi al fiöm e a impési un lümin a la Madòna in dl'angol dla strada, con la speransa ad vedart incora"

CAMILLA  :- (abbraccia teneramente Remo) "Caru.."

SCENA II

(Camilla – Remo – Bèpe)

BEPE          :- (entra dall'esterno, camminando curvo, a gambe larghe. I due giovani si lasciano sveltamente) "Oh.. bèla ciòpa" (rivolto naturalmente alla ragazza)

CAMILLA  :- "A s'era adré admandar a Remo al parché a caminavo a 'sta manera"

BEPE          :- (appoggiando le mani sul tavolo e col sedere in fuori) "A gh'è poch da cuntar.. Remo l'ha vest qualchidün ch'al sircava ad rubar la cavala.. l'am ciama.. a vaghi föra ad cursa e dopu ho vest dü slampés e santù dü colp: i era do sc-iuptadi"

CAMILLA  :- "In dua éli andadi a fnìr li sc-iuptadi?"

BEPE          :- (comico, indica col dito.. il suo posteriore) "Ché!"

REMO        :- (declamando con ironia) "Ferito nell'onore.. una ferita che brucia.. parchè .. li cartöci i era cargati con dla sal"

BEPE          :- "A vres vedart te al me post"

REMO        :- "Statla mia a tör.. A vorà dir ch'at riposare"

BEPE          :- (dispiaciuto) "An gh'ho gnanca vòja d'andar in ostaria par mia far la figüra dal balös"

REMO        :- "Ma intant il so töti quel ch'a t'è capità"

BEPE          :- "Ma intant l'è a mé ch'am brüsa.. At dovrè faragh schöla te a la Camila fin ch'a n'am senti mia ad sintaram in snà sèla"

REMO        :- "Ah, ma alora at vö dir ch'a son bun"

BEPE          :- (ironico) "A speri che almen con la Camila a t'at tla cavi.. Sionò a tl'insegni me.. sa m'arcordi incora cum'as fò.."

CAMILA    :- "A vedi ca gh'ì sempar vòja da scarsar.. anca si v'a sbüsà"

BEPE          :- "Ma in m'ha mia trat in dla testa" (aggiusta il cuscino sulla sedia dove andrebbe a sedersi)

CAMILLA  :- "Vieni Remo.. andiamo"

BEPE          :- "A m'arcmandi. Sté mia andà trop a caval.."

REMO        :- "Papà a gh'è da riparar la séla dal caval bài.. èla 'rivada cla növa?"

BEPE          :- "No. Mètagh un sac"

REMO        :- (salace) "At podrési daram al tö cusìn"

BEPE          :- (che stava per sedersi, prende il cuscino e glielo lancia. Il cuscino finisce vicino alla porta. I due escono rapidamente)

SCENA III

(Bèpe – Genia)

BEPE          :- (cammina ricurvo verso il cuscino. Non riesce a piegarsi abbastanza per tirarlo su; anzi senza volere col piede l'allontana dalla porta e il cuscino rimane in mezzo alla scena) "Al tirarò sö dopu.. Eh.." (toccando piano le natiche) "..se la situasiòn l'an migliora mia.. adïo parmes par l'asienda.." (cerca con comicità di raddrizzarsi il più possibile e chiama la moglie) "Cesiraaa.. Cesaruccia.." (va in cucina dicendo) "In doa as sarala mai logàda"

GENIA       :- (da fuori) "Cesiraaa" (entra, ha con sé un cavagnotto con delle patate. Non si avvede del cuscino in terra, inciampa e cade distesa rovesciando il contenuto del cavagnotto)

BEPE          :- (fuori scena) "Cus'èl 'sto sapèl!?" (entra e vede Genia che si è messa in ginocchio e che si lamenta. Poi, ironico) "Ma Genia.. se propria at vö pregà, vò in ciesa"

GENIA       :- (si alza a fatiche, raccoglie le patate) "A vorés saver che l'è ch'al fürob ch'als colga par tera a dormir"

BEPE          :- (vedendo che la donna raccoglie le patate) "At darés 'na man ma.. a gh'hò n'impediment.. Vrevat quèl?"

GENIA       :- (nel frattempo aveva raccolto il tutto, anche il cuscino che porge a Bèpe il quale lo pone sulla sedia) "La Cesira.. a l'ho vesta dal fornèr ma a pansava ch'l'ha fes za rivada"

BEPE          :- "Inveci no" (siede e si versa un po' di vino)

GENIA       :- (civettuola, siede sulla sedia accando avvicinandola a Giuseppe il quale a sua volta si sposta. Comicità) "Bèpe.. tè ch'at sé 'nòm.."

BEPE          :- (comico) "Tranquilla.. lè in m'ha mia sparà!" (sorseggia)

GENIA       :- (altro avvicinamento con la sedia ed altro allontanamento di Giuseppe) "A vrea admandarat se.." (nuovo spostamento)

BEPE          :- "Genia fermat!" (si alza e annusa in giro)

GENIA       :- "A t'am par un can da trìfoli"

BEPE          :- (continua ad annusare poi, comico, odora la donna ritirandosi di scatto)

GENIA       :-  (tremolante si alza a sua volta) "Ma as pöl saver cus'at gh'è?"

BEPE          :- Cus'at gh'è te!.. An sentat mia un profümin.."

GENIA       :- (civettuola) "Ad cosa?"

BEPE          :- "Ad ledàm!"

GENIA       :- (scostandosi impermalita) "Ma cusa dit!?"

BEPE          :- "Ma bèla fiöla cara.. si, insòma.."

GENIA       :- (riaccosta a quelle parole con tenerezza) "Ma com'a vöt chi faga i òm a avsinaras a te s'an tat levi cla spösa d'in dos?" (spalanca la finestra)

SCENA IV

(Bèpe – Genia – Cesira)

CESIRA     :-(entra con la sporta della spesa che posa) "Oh, Genia.. set gnüda a forbì zò?"

GENIA       :- "A t'ho vesta dal fornèr, ma an son mia gnüda dentar parché a vreva farat 'na confidenza"

CESIRA     :- (al marito) "Cume mai a gh'è la finestra 'verta?.. Gh'èt i calur.?" (va a richiuderla, passa accanto a Genia, annusa e fa comicamente dietro-front andando a riaprirla) "At gh'è ragion!"

BEPE          :- (comico) " 'Na volta tant a la panséma cumpagn.. Ben dòna.. a vaghi föra" (esce lentamente, camminando al solito modo)

CESIRA     :- "At gh'è da star in riposo.. 'n vedat mia cum'at camini?"

BEPE          :- "Al proföm a dla Cesira al m'ha vengar in ament ca.. devo levare lo stallattico dalla stalla" (esce)

GENIA       :- "A sont gnüda a salütarat"

CESIRA     :- (controllando gli acquisti nella sporta) "Va ben.. ciau.." (si avvia alla cucina)

GENIA       :- "A sunt gnüda a dirat ch'a vaghi a Brèsa pr' un po' 'd temp da mé sìa.. l'è malada e l'han gh'ha niüsn.. Acsè l'ha m'ha mandà a dir s'agh vaghi a far un po' 'd compagnia"

CESIRA     :- "E al tö òrt.. li galìni.. chi ga stò adré?"

GENIA       :- "La Bice… Di òv la farò quél cl'a cardrò.. la starò dré l'ort e la's tgnirò méza ròba.. a t'ho portà soquanti pom da tèra" (porge il cavagno)

CESIRA     :- "Grasie" (controlla) "Iè bastansa vèci.. i gh'hà za al böt"

GENIA       :- "Ma l'è ben par quél ch'a ti ho portadi.. pröma cl'i marsésa.."

CESIRA     :- "Li spösa. A proposit.. adès a pòs sarà la fnestra" (esegue) "E acsé at vè a Brésa" (va a prendere il barattolo dove tiene i soldi, li prende) "Pröma d'andar a Brèsa và da la barbera.. t'at fè un bel bagn in dla suiöla e t'at dè 'na bèla sgürada, t'at cambi acsé at farè bèla figüra. Stat mia oféndart Genia.. ciàpa 'sti bèsi" (dà dei soldi)

GENIA       :- (imbarazzata) "Incora? No grasie.. stat mia a distürbar.."(tituba. Cesira li porge ancora e Genia li prende) "Va ben.. l'è un prestit però"

CESIRA     :- "E come no"

GENIA       :- (con un velo di malinconia) "S'at vedi al Nando, digh.. digh.. No, digh gnint.." (si avvia all'uscita immaginata) "Ciao Cesira" (esce)

CESIRA     :- (sull'uscio) "Ciao e fam saver quél.." (chiude e va in cucina)

SCENA V

(Cesira – Bastiano – Violante – Bèpe)

BASTIANO                                                  :- (dall'esterno) "Signora Cavallo!" (bussa e chiama ancora) "Signoraaa.." (sempre da fuori) "Sta a vedere che non ci sta nisciüno"

VIOLANTE                                                  :- (bussa e chiama) "Signora Cavallo" (si ode il nitrito di una cavallo)

BASTIANO                                                  :- (ironico) "Ihh.. t'ha risposto ancora"

CESIRA     :- (entra in scena per andare ad aprire) "Sto per venendo".. Ma a gh'è 'vert.. Ah.. siete voialtri? Gni dentar.."

VIOLANTE                                                  :- (entra seguita da Bastiano) "A cardéum ca n'agh fés nisün"

CESIRA     :- "Ero in posticino.. che non ci potevo mandare nessuno al mio posto.. Ma sintèf" (indica le sedie accanto al tavolo) "Adès a ciami al me òm"(apre la finestra e chiama) "Bèpe!"

BEPE          :- (risponde in maniera sgarbata) "Euh..!"

CESIRA     :- "It völ.. mésiat"

BEPE          :- "Coiòmbrici.. l'è 'na parola mésiat!"

CESIRA     :- (richiude la finestra) "Adesso viene. Ciò fatto présia"

BASTIANO                                                  :- "Abbiamo fatto un giro nei dintorni.. è proprio un bel posto.. Ho visto pure che tenete della galline belle.. vispe.. ruspanti"

CESIRA     :- (tra sè)"Ociu Cesira.." (a Bastiano) "Cosa vuole mai.. ruspanoa tutt'andare.. non sanno cosa fare e allora.. fanno due passi e rùmano"

BEPE          :- (cammina sempre con difficoltà) "Cus'a gh'èt da ciamàr?"

CESIRA     :- "At gh'è visiti" (indica)

BEPE          :- "Con chi gh'ontia al piasér..?"

BASTIANO                                                  :- (presentazioni) "Siamo gli incaricati della Banca Agricola e della Regione, per verificare i requisiti in relazione alla vostra richiesta volta ad ottenere dei fondi, dei cavalli, eccetera, eccetera, per iniziare l'attività come Azienda Agrituristica e la creazione di un maneggio"

VIOLANTE                                                  :- (che aveva osservato il modo difficoltoso di camminare di Giuseppe) "Am par ad vedar però ch'an si mia in grado ad far dal manégio"

BEPE          :- (cercando di farsi vedere meglio) "Védla siura. L'è nà un prublèma..ch'l'an- drà a post a la svelta.. un incidente di percorso"

VIOLANTE:- (legge dei documenti estratti dalla sua cartella) "Ché a i scrét ca voréso rifar i santer ad 'na volta.. quand i nostra caratèr i andava in sal Polésan a tor la sal e far viasar i cavai anca in sli barchi in sal Po"

BASTIANO:- (dai suoi documenti) "A prosito, qui dite di voler ripercorrere l'antica via del sale.. Che robba è?"

BEPE          :- (massaggiandosi le natiche) "Par carità, stéma mia parlar dla sal.. Comunque signor.. coso, a vrés far la via di nostar barcaröi, chi portava la sal dal Polésan a li nostri tèri.. terre che a quell'epoca erano infestate anche da briganti.. com'a dis al mé Remo"

CESIRA     :- "Sta mia ingalüsirat che pröma ch'a riva i bèsi l'è bun ad capitarat n'atar.. incidente di percorso" (ai due) "Scüsèm ma.. a gh'ho d'andar.." (ironica) "..nel mio studio a plàr i pom da tèra e preparare la cena.."

VIOLANTE:- "Prego.. cla faga cunt d'esar in ca sua"

CESIRA     :- "Grasie.. a farò cunt" (esce)

BASTIANO:- (leggendo) "Vediamo un po'..allora voi siete.."

BEPE          :- "Bèpe"

BASTIANO                                                  :- "Beppe sta per Giuseppe?"

BEPE          :- "Ma a gh'è ben scrét in dla domanda, no?"

BASTIANO                                                  :- "Vedete.. avete scritto Giuseppe ma poi avete firmato Beppe e allora sorge un dubbio..sa, i termini burocratici.."

BEPE          :- "Mi scusi signor.. coso.."

BASTIANO:- "Pelle, prego"

BEPE          :- "Quanti Beppe abitano in questa casa?"

VIOLANTE                                                  :- "Ch'al's na staga mia a rabìr siur Cavallo. Nuantar, vest anca li informaziòn ch'em cata sö in di vostar cunfrunt, e siem dispos a dar al nostar parer favorevul..Starò dopu a li nostri autorità daraf quél ch'admandé"

BEPE          :- "A la ringràsi ma.. cus'a völ dir <termini burocratici>, parché si è töti cmé.. il signor coso qui.."

BASTIANO:- (irritato)"Ho detto che mi chiamo Pelle: Sebastiano Pelle e non <coso>"

BEPE          :- "Non se la prenda signor coso di pelle..Faccia conto che sia un errore burocratico come Bépe con Giuseppe.. basta intendars.. Ma quant agh völ?"

VIOLANTE:- "Mah.. a speri pochi més. E ch'l'am dega un po', cavài al'gh n'al za?"

BEPE          :- (ironico, guardando Bastiano) "Precisamo per la burocrazia. Intendla dir cavallo come animale o Cavallo come mio cognome?"

BASTIANO                                                  :- "Giusto.. è sempre meglio precisare"

VIOLANTE                                                  :- "Cavài come bèsti, a s'intend"

BEPE          :- "Ho una cavalla e un baio"

BASTIANO                                                  :- "Ah! Ha una cavalla e un paio di cavalli"

BEPE          :- "Un paio con baio"

BASTIANO:- (a Violante) "Non ci capisco una mazza.. che dice?"

BEPE          :- "Ma perché.. laggiù, dalle sue parti cavalli bài non ce ne sono? Intendo dire che ho un paio di cavalli e che.."

BASTIANO                                                  :- (interrompendo) "E io ch'aggia detto.. nu paio di cavalli più una cavalla"

BEPE          :- (spazientito) "Signorina, an vrès mia andar zo ad carsada a rimetagh al finansiament.. Ch'la faga la tradüsion al siur bagài.. ad pèl, ch'l'agh déga

                   che i cavài i è un pér, se po lö al sö paés <baio> a vol dir du.. ch'al faga cum'al völ"

VIOLANTE:- "Lascia perdere Bastiano. Il baio è una razza e non sta a indicare <paio>, capito?"

BEPE          :- "Traduzione perfetta. Il mio cavallo è di pelo rossiccio, ha due anni e vedesse come ha imparato bene a tener la <testiera>..ma bisgona ch'agh lenta un po' al mors parchè al ma sbava"

BASTIANO:- "In definitiva signor Cavallo, quale sarebbe il suo programma ultimo?"

BEPE          :- "Vorrei mettere su una scuderia, cconannesso alloggio, per fare dell'equitazione ad un certo livello e sei lei signorina.. signorina?"

VIOLANTE:- "Cicogna"

BEPE          :- "Cicogna.. bene.. se lei invece di volare intendesse andare a cavallo, viene da me e le insegnerei il passo ambio, il trotto corto e lungo, la galoppata a sinistra e quella in diagonale" (spiegando ne fa le mosse)

BASTIANO:- "E cche è?  ..Nu cavallo ggeometra?"

BEPE          :- (a Bastiano, facendo le mosse) "Il galoppo in diagonale a sinistra si ottiene quando l'anteriore destro e il posteriore sinistro sopportano il peso e… comunque signorina Cicogna.. a son sicür ch'agh piasarés..Ch'la vegna.." (con ruffianeria) "Apena a siem in regola"

VIOLANTE:- "A védi ca sì cumpetent.. Al scriverò in dal me raport"

SCENA VI

(Bèpe – Violante – Bastiano – Remo – Camilla)

REMO        :- (entra dall'esterno con Camilla, vede i due) "Buongiorno"

BEPE          :- (con malcelato orgoglio) "Me fiöl"

VIOLANTE:- (guardando interessata Remo, risponde a Bèpe) "A podrés anca 'cetà la sö proposta d'andar a caval. Agh farò saver"

BEPE          :- (che ha capito l'antifona) "LUI mi darebbe una mano.. appena prende la laurea"

CAMILLA  :- (ha un gesto di stizza e si colpisce gli stivali col frustino)

REMO        :- (con galanteria) "Speriamo che tutto si risolva a più presto.. Faremo delle passeggiata a cavallo e vedrà.."

CAMILLA  :- (interrompe con ironia) ".. al panorama.."

REMO        :- "… e vedrà che ne vale la pena aprire un'azienda agrituristica in questa zona. Far conoscere i luoghi ove è stata vissuta la storia delle guerre di indipendenza e la storia recente"

BASTIANO:- (che sembra soffrire delle attenzioni di Remo verso Violante) "Beh.. tutti i paesi hanno una loro storia.. pure al paese mio"

BEPE          :- "E parchè an gh'èl mia armas?.. Scherzavo, scherzavo"

REMO        :- (malgrado la faccia sofferente di Camilla, continua a parlare con Violante) "Certo lei saprà delle battaglie che hanno visto contrapporsi piemontesi, francesi e austriaci.."

BASTIANO                                                  :- (c. s) "Anche dalle mie parti sono arrivati i piemontesi"

BEPE          :- "L'era mei che ch'al dé lé i fes andà a magnà la <bagna cauda>" (rendendosi conto di aver esagerato) "Scusi.. mi scappa di essere scherzoso"

BASTIANO                                                  :- (vendicativo) "Speriamo che vi venga concessa l'autorizzazione per far vedere a cavallo tutto questo.. sapete com'è.. la burocrazia"

BEPE          :- "Ma no.. ma mé.."

BASTIANO                                                  :- (serio) "Scherzavo pure io"

REMO        :- (c.s) "Töta la zona d'intoran l'è interesante anca par la coltivasiòn, o par chi bèi filàr ad platan e ad mur, par la cusina e par li tradisiòn che i nostri vec i mantegn incora in véta"

VIOLANTE:- (che ascoltava ammirata, ammiccando di tanto in tanto, si alza e con civetteria) "Ma.. an podrés mia far intant un girtìn?"

REMO        :- "E parché no?" (escono)

CAMILLA:- (non nascondendo il proprio disappunto) "A vedi ch'a sont ad peso..l'è mèi ca vaga" (si appresta ad uscire quando entra Nando)

SCENA VII

(Bèpe – Bastiano - Camilla – Cesira – Nando)

NANDO     :- (incoccia Camilla, le si avvicina facendo il galletto) "Salve signurina Baraldi.. sempar pö sé béla e sempar elegante.. L'è propria un bèl toc ad.."

CAMILLA:- "A basta acsé. Af si spiegà anca trop"

BEPE          :- (a Nando, con sottile ironia) "Scüsa s'at distürbi ma.. com'a vedat a gh'ho gent"

NANDO     :- "Scüsèm ma.. ho vest un ragio ad sul e a sont armas imbalsamà"

CAMILLA  :- "Nando, ch'al vaga a sparà da 'n'atra banda"

BEPE          :- "Ma a vrif lasà lé ad parlar ad sc-iuptàdi? Parchè a n'andè mia a far dü pas?"

BASTIANO:- "Signor Cavallo, possiamo uscire noi se credete. Ho detto alla vostra signora che ho visto un recinto con delle galline e magari ci saranno anche delle uova fresche.. pagando s'intende"

BEPE          :- "Di quelle cose lì se ne interessa la Cesira, la mia signora. Mè a gh'hò i cavài, la tèra e.." (chiama) "Cesira!"

CESIRA     :- (entra) "Cos'a vöt?"

BEPE          :- "Al siur che, il signor ..coso.."

BASTIANO                                                  :- (alterandosi) "Che signor coso del picchio.. Pelle.. mi chiamo Sebastiano Pelle!"

BEPE          :- "Appunto.. il signor Picchio di Pelle al vorés di öv fresch.. pagand, al dis"

CESIRA     :- "Po' a t'al savrò dir" (a Bastiano) "Venga, andiamo a vedere se ne hanno fatto.. vedrà che qualcuna per lei salta fuori" (escono)

BEPE          :- "Mè a vaghi a dar la biada ai cavài" (esce)

CAMILLA  :- "E mè a vaghi da me sìa a disnàr.." (stizzita) "Tant am so che pr'inchö la cavàla la sarò impgnada"

NANDO     :- "Ma mé al caval agh'l'ho.. E' da tiro ma si lascia montare listes"

CAMILLA  :- "E allora se lo monti e si tolga dai piedi!"

NANDO     :- "Eh, quant'importansa.. sol parché a sunt un contadin.. un vilan.."

CAMILLA  :- "A n'è mia vilan chi sàpa.. ma chi an son mia tratàr"

NANDO     :- "Ma me a so tratar"(si avvicina e l'abbraccia prendendosi uno schiaffo)"Ahio! Che smtaflòn" (indietreggia portandosi la mano alla guancia)

CAMILLA  :- (esce indispettita dal cucinino)

CESIRA     :- (entra dall'esterno con Bastiano. Ha un pacchetto con le uova che da a Bastiano) "Ecco, tenga gli uovi belli freschi"

BASTIANO:- "Quanto vi devo?"

CESIRA     :- "Ma gnint..pösetost a speri che chi document par l'asienda i n'as ferma mia in un qual casét"

BASTIANO                                                  :- "Non dubbiti.. Vedrà che non si fermeranno in un qual cassett"

CESIRA     :- (vedendo Nando triste e con la mano sulla guancia) "Che facia alegra.. gh'è mal ai dent?"

NANDO     :- "Am fo mal al masalèr"

CESIRA     :- (spostandogli la mano dalla guancia) "Fam vedar.. Che dent stranu.. al ta lasà al segn ad na man in sla ganàsa"

NANDO     :- "Oh, vuatar dòni a n'as so mai da che banda ciaparav"(si avvia all'uscita)

REMO        :- (entra e si scontra con Nando) "Che prèscia.. Signor Pelle la sua collega l'aspetta in macchina per rientrare in sede" (esce per andare alle camere)

BASTIANO:- "Signò.. io vado e.." (agitando il pacchetto) "Grazie delle uova… mi farò nu bello zabaglione" (esce)

CESIRA     :- "Intant con li sö bàgoli al m'ha ciavà duz'öv.. Al's fo al zabaiòn. Poar pütlet" (va in cucina)

SCENA VIII

(Bèpe – Cesira – Remo)

BEPE          :- (entra cupo in volto. Posa sul tavolo dei finimenti e si siede dopo essersi aggiustato il cuscino. Ogni volta che si siede mostra dolore) "Ahio!" (parlando al suo.. didietro) "An m'arcordi mai ad te.. Ma sa ciàpi quel ch'al ma trat.."

CESIRA     :- (rientra) "Cus'a gh'èt sempar da brontolar?

BEPE          :- "I m'ha ciavà i finiment ..i era quasi növ"

CESIRA     :- "At sé al solit merlu"

BEPE          :- "Bisogna misiaras a far preparà al progét dla discarica dal ledàm.. parlar cun al geometru.. ch'al's mésia"

CESIRA     :- "An's podrés mia véndal? E' un concime ecolologico, cum'a dis Remo"

BEPE          :- "Ma quel a s'üsava quand i fürob i n'era mia incor nà. Adès l'è töta ròba chimica.. an gh'è pö gnint ad natüral.. gnanca l'aqua"

CESIRA     :- "Adés as bev la minerale..e ch'l'a sia ad marca cmè il vin"

CESIRA     :- "Adman a vé quei dal telefono" (estrae un foglietto dalla tasca del grembiule e lo porge) "I m'ha dat al nömar"

REMO        :- (entra di corsa in scena, strappa il biglietto dalle mani di sua madre e lo legge) "I mét al telefono?"

BEPE          :- "Che saéta.. serca ad ricevar li telefonati e ad faran pochi"

REMO        :- "A vaghi in ostaria a dar al nömar a.. a chi digh mé" (esce)

BEPE          :- "Am so tant che 'l telefono al sarò sempar ocupà" (esce)

SCENA IX

(Cesira – Nando – Bèpe)

CESIRA     :- "Mah.. ém comincià un lavoreri che.. sperema d'ingatiaras mia sionò a siema rovinà" (riflettendo) "Agh vrés un còlp ad grasia, 'na catàda.. cume l'aparision dla Madòna o 'na statua ch'l'as mét a sigàr… Alura si ca gnirés tanta gent a l'asienda"

NANDO     :- (entra mogio dall'esterno) "As pöl?"

CESIRA     :- "Ma an lavorat mai te? T'am par un can bastonà.. Sentat"

NANDO     :- (siede rattristato) "A son gnü a dirav che.."

CESIRA     :- (scherzosa) "Pensat a la Genia?.. At vidrè ch'la vé prest"

NANDO     :- "An gh'èl mia al Bèpe?"

CESIRA     :- "L'è andà föra adés. Al sarò andà in dal stalin"

NANDO     :- "A son gnü a.. a faram pardonà!"

CESIRA     :- "Par cosa?"

NANDO     :- "E' gnü da mé dü carabinier.."

CESIRA     :- (ridendo) "Et parchegià al cavàl in sosta vietata?"

NANDO     :- "I m'ha denunzià a <piede libero>"

CESIRA     :- "Alora at pö caminà dascals" (preoccupata) "Et litgà cun un qualdün?"

NANDO     :- (scuote negativamente il capo)

CESIRA     :- "A t'è ciavà i finiment ad Bèpe?"

NANDO     :- (c.s)

CESIRA     :- "Alura chi et cupà?"

NANDO     :- (imbarazzato, parlando a spizzichi) "L'atra sira ea santü dal moviment in dla stàla.. L'am pareva la mia ch'l'è tacada a la tua. A versi la fnestra e a vedi do ombri cli pitòna a la porta con 'na lüs impiada. V'ün al tgneva al mors dal me caval da tir e ch'l'atar al tgnea la tö cavala.. Alura ho ciapà la me dopiéta e.."

CESIRA     :- (intuento e tenendo minacciosa le mani sui fianchi) "Vò avanti.."

NANDO     :- ".. ho sparà"

CESIRA     :- (adirata) "A chi, disgrasià?!"

NANDO     :- "Ai làdar.. dopo o santù.. ad Bèpe"

CESIRA     :- "Acsé at sarési  quél ch'al gh'ha sparà in dli ciàpi! Ma an rendat mia cunt che se 'l sc-iòp al fes sta cargà con li cartüci veri a risc-iava d'arma- gnar vedva?"

NANDO     :- (si alza e si avvicna intenzionato) "S'al saveva a gh'a sparava dabun" (tenta di abbracciarla e si becca un sonoro ceffone. L'uomo perde l'equilibrio e cade a terra. Si rialza frastornato massaggiandosi la guancia) "Ma vuatar dòni a si sul buni ad molàr di sbarlòn"

CESIRA     :- "Impara a tegnar li man a post che s'al vé mai a saver al Bèpe-.."

BEPE          :- (entra all'ultima parte della battuta e..sospettoso) "Cusa dovrésar mia saver al Bepe, ah?"

CESIRA     :- (imbarazzata) "..l'è che al Nando.."

BEPE          :- "Al Nando?.."

CESIRA     :- (rapida) "L'HA VEST.. L'HA VEST.. I UFO!"

NANDO e BEPE:- (sgranano increduli gli occhi fermandosi imbambolati mentre rapidamente si chiude il sipario)

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

Stessa scena dei primi due atti. Un telefono

SCENA I

(Bèpe – Cesira – Nando – Marziano)

(Cesira è in scena affaccendata)

BEPE          :- (entra dalla cucina con Nando) "A m'an dispias Nando ma a n'agh crédi mia"

NANDO     :- (seguendolo a ruota) "Gnanca mé"

BEPE          :- (sospettoso) "Ma s'a tsé te che.."

CESIRA     :- "L'è sücès töt'asiém.. Al n'agh par véra gnanca a lö.. A tl'ési vest.. l'era fin verd"

BEPE          :- (accenando a Nando) "Sl'era ròs!. Bisogna dir gnint a nisün sionò is tös in gir"

CESIRA     :- "E bravo merlu.. Vest ch'an gh'è mia sta l'aparision dla Madòna, tgnemas almeno quéla di UFO" (bussano alla porta)

BEPE          :- "Chi èl?"

MARZIANO:- "Sono MARZIANO"

NANDO     :- (guarda spaventato e incredulo i due e poi, con voce tremante) "Al marsiàn? Ma alura..a-i ho vest dabun"(fa per scappare in cucina e viene bloccato da Bèpe)

MARZIANO:- (da fuori) "Posso entrare signora Cavallo?"

CESIRA     :- "Oh, Signur.. al so anca al mé nom!"

BEPE          :- (prende dalla credenza un matterello e si appresta, stando dietro l'uscio, ad assestare un eventuale colpo al marziano. Apre adagio la porta e con voce impaurita, ma che tale non vuol sembrare, dice) "Gnint pa-paüra..agh pe-pensi mé"

MARZIANO:- (vestito in modo accurato, entra e saluta) "Buongiorno"

BEPE          :- (che era in atto di colpire col matterello, lo prende con due mani e finge di fare ginnastica alzando e abbassando le braccia)

NANDO     :- (impaurito, balbetta) "Al.. al pa-parla cmè nuantar.."

MARZIANO:- "Non capisco perché non dovrei"

CESIRA     :- (avvicinandosi con cautela) "Ch'l'am scüsa ma chi al dét d'èsar?.."

MARZIANO:- "Marziano.. sono un giorn.."

NANDO     :- (interrompendo) "Al capés anca al nostra dialét!"

BEPE          :- "Mi scusi.. ma lei.. era mica sull'UFO che ha visto Nando?"

MARZIANO:- "Ah, ah, ah.. Ho capito. Mi chiamo Marziano. Antonio Marziano.. sono un giornalista. Ho saputo dal signor.." (prende un biglietto dalla tasca e legge) "..Remo Cavallo che qualcuno di voi ha visto un UFO, un disco volante e sono venuto a fare un sopralluogo in sito ed a parlare con la persona o con le persone che hanno assistito, o credono di aver assistito a questo.." (incredulo) "..strano evento e ad accertarmi se la notizia datami corrisponde a verità, prima di parlarne col mio giornale e nel caso affermativo, per averne l'esclusiva"

NANDO     :- "Al na podéva tapàras la bòca cun un marlös al Remo..Cesira a t'è insaplà sö 'na gatèra…"

CESIRA     :- (a Marziano, indicando Nando) "Chi ha visto tutto è questo signore qua"

NANDO     :- "No guardi.. le dico subito che.."

BEPE          :- (facendo sedere Nando, siede a sua volta) "Curagio Nando.. cunta ad la lüs"

CESURA    :- "..dal vent.."

BEPE          :- "..di cavài..

CESIRA     :- ".. di gat.."

MARZIANO:- (indicando ua sedia vuota) "Posso?"

CESIRA     :- "Prego"

MARZIANO:- (estrae un block-notes e penna) "Allora. Mi dica innanzitutto il suo nome"

NANDO     :- (guarda impacciato gli amici) "Al..al mé nòm?"

BEPE          :- "E contagh quél ch'a t'è vest"

NANDO     :- (che non sa cosa inventare) "L'è 'na parola.."

MARZIANO:- "Ed è appunto sulla sua parola che andremo sul luogo a verificare… Allora, il suo nome?"

MAMDO    :- (che non vorrebbe essere implicato, balbetta) "Ehm.. dunque"

BEPE          :- "Al's ciàma Ferdinando Freddi"

CESIRA     :- "..detto Nando"

MARZIANO:- (annota e poi, incredulo) "E dove avrebbe visto questo ipotetico UFO?"

NANDO     :- (cerca con lo sguardo l'aiuto di Cesira, balbetta) "In ..in sla.."

CESIRA     :- "In s'la piana di fnòc salvadagh"

MARZIANO:- "Come?"

BEPE          :- "C'è una piana, vicino all'argine del Mincio chiamata dei finocchi selvatichi"

MARZIANO:- (annota) "A che ora sarebbe accaduto?"

CESIRA     :- "Era passata la basòra..dal un bel pezzo. Sì insomma.. era sera"

MARZIANO:- "Scusate, vorrei intervistare colui che ha visto l'UFO"

NANDO     :- "Ehm.. saranno state le..no, no, anche meno" (a Cesira) "Né?"

CESIRA     :- "Confermo"

MARZIANO:- (con pazienza) "Signor Ferdinando, capisco che pur essendo passato solo un giorno lei si senta ancora un po' frastornato.. Adesso, con calma, risponda alle mie domande; che ora era all'incirca?"

NANDO     :- "Diciamo.. poco dopo l'ora di cena" (si massaggia la guancia)

CESIRA     :- "A ta m'al cuntavi quand a gneva dentar Bèpe"

BEPE          :- "Confermo.. Ch'al scriva pör"

MARZIANO:-(prende appunti)"E sarebbero atterrati sulla piana del finocchio selvatico"

NANDO     :- "Già!"

MARZIANO:- "E cos'a visto?.. Mi dica"

NANDO     :- (timoroso) "Ma.. i n'am mitrò mia in di paciügh, vera..?"

BEPE          :- "An vedi mia la raigùn ..a ti è vest.."

NANDO     :- "A sarès sta mei ad no"

MARZIANO:- "Nei pacciughi.. e perché mai.." (sibillino) "..se li ha visti davvero.. Qualcuno mi ha detto che era apparsa una luce..che erano stati catturati degli animali.. vogliamo precisare?"

NANDO     :- (poco alla volta si rianima e poi si infervora cominciando a credere al proprio racconto) "L'è vera.. pröma un gran lüsor.. ch'al ma quasi mes inorbì e dopu un vent.. ma un vent che s'a n'am tacava a la raìs d'un fnòch.." (a dimostrazione si attacca al braccio di Beppe che reagisce)

BEPE          :- (togliendo il braccio di Nando) "Vè fnoch.. tàcad da 'n'atra banda"

NANDO     :- ".. a sarés volà cmé 'n'usèl"

MARZIANO:- (di tando in tanto prende degli appunti) "Interessante.. e degli animali che mi dice?"

NANDO     :- (guardando interrogativamente Cesira) "Veramente non vorrei dire più niente"

MARZIANO:- "Eh, eh.. questo no.."

NANDO     :- "Ho capì.. "(rinfrancato e immedesimandosi nel raccondo, le spara sempre più grosse) "E alloraa ci conto.. Sulla piana dei finocchi selvatichi.."

MARZIANO:- (correggendolo) "Selvatici"

NANDO     :- "Selvatici o selvatichi i è sempar di fnòch.. c'erano un mucchio di gatti..selvatici. Quelli del disco con un raggio se li sono portati a bordo"

MARZIANO:- (scrive) "A bordo con un raggio traente, immagino"

NANDO     :- "Conosce il nome del raggio?.. Ah.. mi dasmangavo c'erano anche dei cavalli e sentivo belare delle pecore e delle capre.."

MARZIANO:- "Tutto questo mi appare alquanto strano"

NANDO     :- (ormai padrone di sé e dandosi importanza) "E ch'als figüra mé ch'ho vest töt.. ansi v'ün ad lor al m'ha ciapà al m'ha més un serch in testa cun dlilampadini cli s'impisava e smortava.."

CESIRA     :- (preoccupata dell'esagerazione.. sottovoce) "Va pian Nando.. "

BEPE          :- "Questa an ta n'am l'è mia cuntada"

NANDO     :- "Euh.. agh n'è incora di fat ch'ant'ho mia cuntà.. im ve inament poc a la volta.."

MARZIANO:- (scrive) "Cerchio con lampadine.. Ha sentito male?"

NANDO     :- "Li gatulési"

MARZIANO:- "Li.. gatu chè?"

BEPE          :- "Il solletico"

MARZIANO:- "E mi dica..com'era questo alieno?"

NANDO     :- "E chi sarésal?"

MARZIANO:- "Il marziano"

NANDO     :- "Ma scusi.. Marziano non è lei?"

MARZIANO:- "Senta signor Ferdinando.. non ho tempo da perdere. Io mia chiamo Marziano e non sono un marziano. I marziani che dice di aver visto sono chiamati anche alieni, capito?"

NANDO     :- "Ma allora li ha visti anche lei. Et vest Cesira chi gh'è dabun.. I marsian al li ha vest anca al siur Marsian"

BEPE          :- "Eri elt o picolin?"

NANDO     :- (che non sa dare una risposta cerca di dare l'idea dell'altezza andando su e giù con la mano come se aspettasse una conferma)

CESIRA     :- (ironica) "I gh'aveva li mòli sotta i pé"

MARZIANO:- "Mi dica del cerchio"

NANDO     :- "Del cerchio?.. Ah, si.. hanno lasciato un grosso cerchio per terra e töt intoran a gh'era l'erba brüsada.. A gh'è armas di solc come si gh'ès arà"

MARZIANO:- "Intendevo dire il cerchio che le hanno cinto la testa.. Mi dica se, oltre al solletico, ha avuto qualche altra sensazione"

NANDO     :- "Sì.. a capeva quel chi pensava e i s'admandava che razà ad bestia e s'era a diferensa di gat e di cavài"

BEPE          :- "Ma li besti i era za stadi ciapà"

NANDO     :- "Par lor i gat e i cavài i era i abitant a dla tera e noantar li bèsti"

MARZIANO:- (soddisfatto, mette via gli appunti e si alza) "Questa notizia farà il giro del mondo. Ritornerò domani per fare un sopralluogo, scattare qualche foto e buttare giù il pezzo. Arrivederci" (accompagnato da Cesira e salutato da tutti, esce)

CESIRA     :- (alzando gli occhi al cielo) "Che al Signor alg méta 'na pèsa!"

SCENA II

(Bèpe – Cesira - Nando – Remo)

REMO        :- (entra in scena dalle camere)

BEPE          :-(subito al figlio) "Gh'era propria bisogn ad tacar un avis in töt al paes par dir che Nando l'ha vest i UFO?.. At capirè ades quanta gent a ve a rompars li bàli?"

REMO        :- "Sa volem che vegna dla gent in dla nostra Asienda agrituristica, questa l'è propria la notizia da dar in gir.. "

CESIRA     :- (orgogliosa del figlio, l'accarezza) "Al mé pütlét.." (con enfasi, al marito) "Assomiglia tutto alla mamma!"

NANDO     :- (preoccupato) "Is taiarò i pagn ados quand admatina i andrò a vedar i segn in tèra di UFO"

BEPE          :- "Mèi.. acsé i ved che quel ca t'è det l'è vera"

NANDO     :- (per consolarsi) "A sarà méi andà da Isidor in ostaria a bevar un bicerin"

CESIRA     :- "Sì, andè a ciapàr un po' d'aria acsè av tolì li tlarini dal sarvel"

BEPE          :- (si alza assieme a Nando) "A vegni anca mé. As vèd che la mamina la gh'ha da cantar la nina-nana al pütlet" (escono)

CESIRA     :- (appena usciti i due si avvicina rapidamente al figlio e con circospezione…) "Vè, stat mia far scapar gnanca 'na parola ad quel ch'at deghi parché.. la catada ad i UFO l'è stada 'na me idea par far vegnar a dla gent in dl'Asienda.. as ved propria ch'at tse me fiöl.. stésa idea, stésa inteligensa"

REMO        :- "Ah! E te a t'at se fidada ad Nando.. quel al gh'a al sarvel in dla màsa"

CESIRA     :- "Quel ch'am preocupa l'è che adman i vò in sla piana dal fnoc salvadagh e a n'agh sarò nisün segn par tera"

REMO        :- (sornione) "A questu a gh'è rimedio. Ciamam prest admatina ca vaghi pröma mé in dla piana" (soddisfatto) "Te bòta ca 'riva i UFO. At vidré ca rivarò anca la television, a dla gent a curiusar e a ghi a compagni mé cun i nostar cavài.. in sal nostar teren.. a mitarem 'na bèla insegna: <Azienda agrituristica del Marziano>"

CESIRA     :- "Sperèma che al Nando al n'as confonda mia.. Am so tant ch'al comincia a credar d'aver vest i UFO dabun"

(LA SCENA SI FA BUIA MENTRE SI ODE DELLA MUSICA.. EXTRATERRESTRE!)

Quadro secondo

SCENA III

(Remo – Camilla – Cesira – Marziano)

CAMILLA  :- (Vestita da cavallerizza sta parlando affettuosamente con Remo) "E allora DOTTORE, set cuntent?"

REMO        :- "Sì..pröma ad töt parché ho fnì l'università e po' anca par i mé vec… I era pran cuntent.. In saveva si doveva piansar o redar… Me madar l'ha m'ha fat tanta teneresa, sempar pronta a dirm'adré.. l'ha s'è mésa a sigar"

CESIRA     :- (entra assieme a Marziano) "Ch'al vegna pör dentar"

MARZIANO:- "Grazie.. Buongiorno signor Remo.. Ho fatto fare delle fotografie dei segni lasciati a terra dal disco volante. Sembrano segni chiari anche se.."

CESIRA     :- (interrompendo e guardando significativamente il figlio che gli fa un gesto di assenso col capo) "Siccome il fatto è successo davvero dovevano esserci i segni per terra.. a meno che qulchidun, invidius.. no fosse andato a scancellarli per farci un dispetto dispettoso"

REMO        :- "E grazie a lei che ne ha dato il giusto risalto, anche la nostra Azienda prospererà.. Permette che le presenti la signorina Baraldi?"

CAMILLA  :- "Molto piacere"

MARZIANO:- "Molto lieto" (a Remo) "C'è ancora qualche dubbio circa quei solchi e quelle bruciature sul terreno.."

CAMILLA  :- Ma ormai il fatto è noto a tutti e grazie a lei, ne ha parlato la televisione e la stampa estera a quanto pare"

MARZIANO:- "Già, ma i dubbi restano sempre"

CESIRA     :- "E quelli se li tenga.. Lei sarà smpere nostro gradito ospite"

MARZIANO:- "Gazie. Ne approfitterò qualche volta. Comunque andrò con il signor Beppe a cavallo sul posto.. voglio vedere se qualcuno nei dintorni, ha visto o sentito qualcosa.. compermesso" (esce)

CESIRA     :- "Esco anche mè così ciaceriamo un po' " (escono)

CAMILLA  :- (seria, dando le spalle a Remo) "Remo.. pörtrop a n'as vidrema par un bel po' "

REMO        :- "E parché? Set sempar rabìda cun me?.. Varda che cla dòna ad la Region, la Violante, la n'è gnint par mé..a gh'ho sul fat veder al sit"

CAMILLA  :- "A n'è mia par quél.. A sun rabìda sul con mé par aver cardü a li tö bèli paroli dèti.. sota a la lüna" (sorridendo amaramente) "Forsi la culpa l'è propria sua"

REMO        :- "Ma mè.."

CAMILLA  :- (si volta verso il ragazzo) "Mé padar al dventa sempar pö vèc e me madar l'han riès pö a star adré a la casa.. a l'ort, a mé e acsé a gh'ho da iütari in negòsi"

REMO        :- "Ma Camila.. an po’ mia pansar an vedart pö"

CAMILLA  :- "Figürat.. con töti li bagaiòti ca gnirò in manégio pr'andar a caval.. at sarè sempar a master"

REMO        :- (prendendole le mani) "A t'am vö lasar ché.. da par mé?.."

CAMILLA  :- "I mé is sent sempar pö mancar la tèra sòta i pé..i vorés vedam maridata pröma ad sarà i oc… vedar di neù.."

REMO        :- (agitato) "Ma che prèsia.. Magari i t'ha bèla che catà al partì.. a sentar quant a m'è rivà in dli urèci. Chi saresal stu bel galiòt?"

CAMILA    :- "N'aocàt ch'al m'a sto adré da un bel psolìn.. l'ha anca parlà cun i mé"

REMO        :- (geloso e precipitoso) "Varda che cla sira la lüna la gh'era anca par mé.. Ma forsi at gh'evi zà in testa l'aocàt.. acsé al t'fò li causi a gratis"

CAMILLA  :- (scrolla triste la testa avviandosi all'uscita) "Te at capési pö sé i cavài che li dòni. Buna fortüna Remo"

REMO        :- "Camila!"

CAMILLA  :- (si blocca) "Sì?"

REMO        :- (con affetto) "Sta mia andar via.. Mè.. at vòi ben" (si avvicina con dolcezza) "Vöt vegnar cun mé da cla madonina.."

CAMILLA  :- (speranzosa) "In mès ai garòfoi?.. Gh'ontia da crédar?"

REMO        :- "A t'aspéti a brasi verti… A vòi èsar mé a dar di neu ai nostra vèc.. sempar sa t'am vö"

CAMILLA  :- (si getta tra le braccia di Remo e si baciano)

SCENA IV

(Remo – Camilla – Bèpe – Cesira)

BEPE          :- (entra e sorpende i due abbracciati. Con ironia) "Distürbia?"

REMO e CAMILLA:- (imbarazzati si distaccano)

BEPE          :- "Che cojòn ca sunt. Sicür ca distürbi.. Però a gh'è i cavài mòi ad südur, bisogna sügài pröma ch'is ciàpa 'na pulmunite.. a gh'è da staragh adré.."

REMO        :- (guarda dolcemente Camilla prendendole la mano)

BEPE          :- ".. ai cavài intend"

CAMILLA  :- (felice, a Beppe) "Chisà che prest a n'af catè n'aiöt..Dai Remo, andem adrè ai cavài" (escono)

CESIRA     :- (entro dopo che i ragazzi sono usciti) "I doa vai chi dü pütlet?"

BEPE          :- "Cesaruna..l'asienda la tös al vul.. Andiamo a gonfie vele"

CESIRA     :- "A gonfie mani.. varda, varda che man infiadi a forsa ad laurà. Am tòca ad sistemar i lucài, pulir, furbì zò e nisün ch'am daga n'aiöt"

BEPE          :- (sornione) "Chissà che non arrivi un aiuto.. e praticament a gratis"

CESIRA     :- "Si, par San Sifulin.. A siem cmè al scarpolin ch'al vò cun li scarpi ròti.. A gh'ema da sistemar la casa par i ospiti dl'agriturismo e nuantar a starem sempar in questa ex stàla.. E chi sarèsla quéla ch'as darés n'aiöt?"

BEPE          :- (tenendola sulla corda) "As pöl dar ch'ag sia anca un matrimòni.."

CESIRA     :- "Nando?"

BEPE          :- "Ma che Nando.. ad Remo.. A l'ho catà cl'era adrè a stranfognar la Camila e lé l'era anca contenta. Capito signora Cavallo? Va a finire che presto avremo.."

CESIRA     :- ".. dei cavallini.. Speta e spera.."

 

SCENA V

(Bèpe – Cesira – Nando – Genia)

NANDO     :- (da fuori) "Bepeee"

CESIRA     :- (andando verso le camere) "A gh'è al tö amig"

NANDO     :- (entrando dal cucinino) "Ho quasi fnì l'albi par bivrà i cavài..ve a vedar s'al vo ben..a vores mia dover rifar al laor"

BEPE          :- "A vegni" (fa per avviarsi quando bussano alla porta. Apre ed appare Genia)

GENIA       :- (completamente trasformata, truccata, vesita alla moda, entra con signorilità ed eleganza) "Posso?" (i due restano incantati ed increduli al vedere questa bella signora. Più di tutti Nando che balbetta)

NANDO     :- "Ma.. ma èla la Genia?"

GENIA       :- "Am conosat incora?"

NANDO     :- "Signor.. cum l'è cambiada" (gli da la mano che scrolla facendo traballare la donna)

CESIRA     :- (rientrando si ferma e poi) "Vacca pita Genia, che trasformasiòn! Cumpliment"

GENIA       :- "Cumpliment a vuatar. In cità as parla dimondi ad vuatar, di UFO che Nando l'ha vest"

CESIRA     :- (apprezzando la trasformazione di Genia) "I òm, a dli volti, i ved di fat..AD N'ATAR MOND e in sn'acors mia ad quel chi gh'éa darent. Che cambiament ca t'è fat"

GENIA       :- "Ho seguì al tö cunsilio. A sont andada a schöla ad BON TON"

NANDO     :- (a Beppe) "La sarò 'na schöla francesa"

GENIA       :- "Cesira..a gh'ho un debit cun te, par l'amicisia ch'at mé sempar dimostrà anca se a dli volti a sun stata un po'.. invadent e anca un po' tarlöca.." (apre la borsetta e n' estrae un pacchettino che dona a Cesira) "Questo l'è par te"

CESIRA     :- "Par me?..Ma grasie.. posia vardar?" (commentando apre ne estrae una catenina d'oro)

GENIA       :- "Me sia, povrina, l'è mancada prest e la m'ha lasà la sö casa, soquanti  buteghi e acsé adès a dovrò star a dré a li me proprietà.. però a gh'éa vòja ad vedart e a son gnüda a catarat"

BEPE          :-(dà una gomitata a Nando) "Nando..apartament, negòsi.. atar che ortìghi"

NANDO     :- (ancora stupito) "An pos incora credar che te a tsé la Genia.."

GENIA       :- (garbata ma severa) "Zà.. cla Genia cla cardeva che al sö mond al fès sulament ché.. scartada e ciapada pr'al nas cmé la stöpida dal paes.."

NANDO     :- "Ma no.. a n'è mia acsé.. ehm. Set gnüda cun la curiera?"

GENIA       :- "No.. a m'ha cumpagnà un amigh cun la sö machina.." (a Cesira, accennando se lo poteva far entrare) "Pòsia ciamàral?"

CESIRA     :- "Ma sicür"

GENIA       :- (apre l'uscio) "Vieni"

SCENA VI

(Bèpe – Cesira – Nando – Genia – Bastiano)

BASTIANO                                                  :- (entra gioviale) "Salute a tutti. Il mondo è piccolo eh?.. Signor Cavallo come va?"

BEPE          :- "Si galoppa"

BASTIANO                                                  :- "Noto con piacere che in pochi mesi la vostra azienda ha avuto uno sviluppo notevole, specialmente dopo gli avvenimenti..extraterrestri"

NANDO     :- (indispettito e serio a Genia, indicando Bastiano) "E come mai cal bagài l'è al t'ha compagnà?"

GENIA       :- "Chi?.. Al me moròs?"

NANDO     :- (stupito ha uno scatto di nervosismo che trattiene a stento) "Al tö moròs?"

BASTIANO                                                  :- (stupito a sua volta, sorride a Genia)

CESIRA     :- (battendo una mano sulla spalla di Nando)"Chi pröma a rèd, dopu al sospira"

NANDO     :- (nervoso scatta per uscire, inciampa e cade malamente. Bastiano e Beppe l'aiutano ad alzarsi e, semisvenuto, lo mettono a sedere)

GENIA       :- (apprensiva) "L'è mèi ciamar al dutur" (a Bastiano) "Vai tu con la macchina"

BASTIANO:- "E dove sta il dutur?"

BEPE          :- "Al compagni mé" (escono)

SCENA VII

(Genia – Nando – Cesira)

CESIRA     :- (osserva la nuca di Nando che è sempre semisvenuto) "L'ha ciapà sul 'na gran sücada.. a gh'è 'dré saltà föra 'na bargnocula"

GENIA       :-(apprensiva) "Sperem ca vegna prest al dutur. Cun la testa a n'as so mai"

NANDO     :- (borbotta qualcosa, un lamento e poi parlerà sempre adagio, con voce monotona, come fosse ubriaco) "Me ne andrò in Sardegna dal mio amico Porcheddu.. a pascolare sciami di pecore, in dua an gh'è mia di UFO"

GENI          :- "Oh signor.. al straparla.."

NANDO     :- ".. alleverò greggi di api e farò l'amel"

CESIRA     : - (gli tocca la fronte) "Al ciòca dabun" (va a prendere un catino e delle pezze da bagnargli la fronte)

NANDO     :- "Caro Porcheddu.. ti darò delle vacche e le lasceremo libere allo stato ebraico"

CESIRA     :- (rientra all'ultima battuta) "Cus'a gh'intra lo Stato Ebraico?"

GENIA       :-"Al vorà dir<allo stato brado>.. Alg sarò gnü un trauma cranico, povrin

CESIRA     :- "Figürat.. Lö cranio al na gh'n'ha mai avü" (bagna una pezza ponendola sulla fronte di Nando)

NANDO     :- (come in trance, sentendosi bagnare la fronte) "A piöv! Beppe.. metteremo su una coltivazione di pulcini, acsé a gh'arem tanti galini.."

CESIRA     :- (che continua a cambiare le pezze bagnate sulla fronte di Nando) "Agh sarò anca un qual gal"

NANDO     :- "Va ben.. acéti. A mitarem anca l'acqua par l'istà"

CESIRA     :- "E d'invèran quand a fiòca?"

NANDO     :- "Agh mitéam panéi ad colesterolo e di vedar ch'in sia mia impanà"

GENIA       :- (con dolcezza) "At vrevi dir <polistirolo> e vedar <appannà>, vera?"

NANDO     :- "Cum'at pias a te.. e quand a nasarò i cicin a-i a porti in sal marcà, a ciaparò di bèsi e acsé a speri che la Genia.."

CESIRA     :- "Al s'è adré a dasdar" (gli dà degli schiaffetti)

NANDO     :- (siede dritto, si porta le mani al viso) "Bèpe, a do zò la tempesta" (si agita, sta per cadere e viene trattenuto fermo dalle due donne)

SCENA VIII

(Cesira – Nando – Genia – Bastiano – Violante)

BASTIANO:- (entra con Violante) "Signora Cavallo, il dutur non ci stava, ma c'è la signorina Cicogna che dottoressa in veterinaria è"

CESIRA     :- "Oh, ma par lilö a gh'an crès "

VIOLANTE:- (si avvicina, gli guarda gli occhi) "Ch'al vaga adré cun i òc al mé dï" (gli pone innanzi il dito facendolo andare da destra a sinistra. Nando muove il capo esattamente al contrario. Poi gli tasta la nuca) "La ciapà sul 'na gran tastada"

BASTIANO:- "Signora Cavallo, se permette verremo spesso a trovarla io e..la mia fidanzata"

NANDO     :- (si alza stizzito, tenendosi con la mano la pezza bagnata sulla fronte e scimmiotta) "Io e la mia fi-fidanzata.."

CESIRA     :- "A vedi ch'al sto pö sé ben adès"

GENIA       :- (a Bastiano, guardando Nando) "Caro.. andiamo?.. Arvedas töti" (escono)

NANDO     :- (salace) "Andiamo anca mé.. il dutur non serve più.. il Nando è in piedi" (sta per uscire traballando e incontra Beppe sull'uscio mentre sta entrando)

SCENA IX

(Cesira – Nando – Bèpe - Violante - Genia)

BEPE          :- "A ta m'al podevi dir ch'at bastava al veterinari"

VIOLANTE:- "Remo s'èl po laureà?"

CESIRA     :- "Sì, sì"

VIOLANTE:- "Posia faragh li me congratulasiòn?"

BEPE          :- "Al moment l'è impgnà cun.. una giovane puledra..ma a gh'al dsirò"

VIOLANTE                                                  :- "A gnirò admatina a far schöla d'equitasiòn"

CESIRA     :- "Grasie par la sö cunsulensa ..veterinaria"

VIOLANTE:- "Arvédas" (esce)

CESIRA     :- "L'an mòla mia né?"

BEPE          :- (a Cesira) "Admatina prepara 'na dodsina ad piat.. ariva 'na comitiva da Paicensa e i vorès di caplèt"

CESIRA     :- "Adritûra.. E ch'im do n'aiöt? Al marsian?"

BEPE          :- "Tutto previsto signora Cesira che arriva l'aiuto che lava e stira" (mima)

GENIA       :- (da fuori) "Cesiraaa… am det 'na man?.."

CESIRA     :- (apre ed entra Genia con una pentola coperta da un asciughino) "Ve pö dentar.. a s'era adré a quistionà con al me òm ch'l'am cata sempar da far. <Ariva i cavalarìsi> al dis.. e am toca far da magnar par dudas parsoni"

GENIA       :- (scosta l'asciughino) "Eco ché i caplèt par quindas portadi"

CESIRA     :- "Ma.. ma quand a-i et fat?.. A tse 'pena rivada.."

GENIA       :-"A i ho cumprà fat. Basta dir ca ti è fat te..e la cucina casalinga trionfa"

CESIRA     :- (al marito) "A t'évi za organisà töt né, gàspar[1].."

BEPE          :- "Sicome l'è quasi quarant'an ch'am son fat ingatiar da tè.. at conosci bastansa.."

CESIRA     :- (prendendo la pentola e portandola in cucina) "E l'ura… fat sö li manghi rasdora.." (rientrando subito in scena) "Làsa ch'at déga Genia ch'a t'è fat un cambiament.. At tse fina pö sé bèla.. Nando l'è armas lè cmè un bacalà"

GENIA       :- "Nando al n'ha incora imparà cusa völ dir vrer ben a 'na parsuna.. Gh'et una sòca par mé ch'at iöti"

CESIRA     :- "At sé propria n'amiga.. at daghi la mia intant a vaghi a prepara al brö sc-iapà pr'i caplét" (tolto il grembiulino l'ha porto all'amica. Trilla il telefono) "Al més al campanèl a la porta Bèpe?" (trilla ancora il telefono)

GENIA       :- "L'è al telefono" (va in cucina)

CESIRA     :- "Ah, l'è vera, i l'ha 'pena més" (si aggiusta la vesta, alza la cornetta) "Pronti?.. Eh?.. Vuole sapere chi parla? A parli mé.. e mé inveci cun chi parlia?" (pausa) "Scusi ma se ha fatto il mio numero vuol dire che aveva intensione si parlare con io" (pausa) "Sono la signora Cavallo" (pausa) "No, non sono un cavallo che parla… una camarina? In questo momento siamo pieni però stiamo allargandoci perché tutti vogliono vedere la piana dei finocchi.." (pausa) "No, mia ad cla specie lé.. quei ad vardüra dove sono atterrati i dischi volanti.. gli UFO. Senta signore. Riprovi la settimana che viene, forse ci sarà posto.. Arvedas" (posa la cornetta)

NANDO     :- (apre l'uscio ed entra. E' vestito abbastanza elegante, cappello e cravatta un po' storta, colletto scollacciato) "As pöl?.. Distürbia?"

CESIRA     :- "Ma l'è la giornada di miracoi.. Vet an matrimòni?"

NANDO     :- "Ad sicür al n'è mia al mio"

CESIRA     :- "An t'ho mai vest vastì.. da pröma comuniòn"

NANDO     :- (con aria triste) "A vaghi a Mantua par un qual dé.. Am darésat 'n'uciada al mé ort par piaser?.. Am do un pasàgio la duturésa Violante Cicogna"

CESIRA     :- "Atenti perché quéla l'a n'è mia pan par i tö dent"

NANDO     :- "A n'agh pensi gnanca.. Salötla te la Genia"

CESIRA     :- "E parché a dovresi salütartla.. a tl'è sempar tòta in gir.."

NANDO     :- "Ma mé a vrea far sul al spiritus.. a so cl'è 'na brava dòna ma.. l'era sempar mal ingiarmada e n'òm.. al' s vargogna un po'. Dopu, quand a l'ho vesta trasformada am santü un merlu"

CESIRA     :- "L'as santeva mia considerada.. sempar da par lè e la s'era lasada andàr zò. S'an gh'era mia l'ocasiòn ad sö sìa chisà com'l'andava a fnir.."

NANDO     :- "Da par lé l'an sarés mia stada parché anca par me an gh'éra nisün. A dli volti nuantar òm a gh'em timur ad dimostrar i nostar sentiment e l'ura a féma i indiferent, i dür, par pagar pö sé tardi con la solitüdine. Eh.. inchö a te vest Nando, al veru Nando.. Ciau Cesira.. a vaghi.." (si avvia all'uscita) "Digh a la Genia che mé.. no, stagh dir gnint"

CESIRA     :- "Parché an ghi a fet mia tè?"

NANDO     :- "No.. ades cl'ha gh'ha i bèsi a parès che mé.. no, no.. e po' l'è za andada a Manta a star adré a li sö proprietà e mé.. da che un qual dé, a sarò incora che a far al vostra laurent" (immagonato saluta e volta la schiena) "Ciau"

GENIA       :- (rientra in scena e lo blocca chiamandolo dolcemente) "Nando!"

NANDO     :- (si blocca e si volta adagio) "Te?"

GENIA       :- "Parché a t'an prövat mia a diram ad rastàr?"

NANDO     :- (imbarazzato) "A t'admandi scüsa ad töt e at faghi tanti auguri par te e al tö murus"

GENIA       :- "Eh.. i òm.. i capés quel chi völ capir.. Vuatar a cardì ad saver töt.. av par ca si vuatar a conquistar li dòni e inveci.. a siema nuantar ch'as vrema far ciapà e po'.." (si avvicina aggiustandogli la cravatta) "..an si gnanca bun ad giüstarav la cravata"

CESIRA     :- "Scüsem ma… a gh'ho d'andar in dla dependance a sistemar li camari par i ospiti" (esce all'esterno)

GENIA       :-"Bastian..quel ch'ho fat pasar par al me murus, al n'è propria gnint par me. A l'ho fat credar par vedar la tö reasiun. Oh, agh piasares, ma a mé.."

NANDO     :- (rinfrancato) "Ma alura.. l'era töta 'na bàla!"

GENIA       :- "A vrea metatar a la pröva e an sun mia incora sicüra ad te"

NANDO     :- (commosso, prende le mani di lei) "Ades a capési la me reasiun contra a te.. forsi l'era fata parché an vrea mia credar ad poderat vrer ben"

GENIA       :- (allarga le braccia) "E l'ura.. cusa speta a brasaram sücon,.. stemia a pardar incora dal temp?" (si abbracciano)

CESIRA     :- (entra e si blocca) "Finalment ogni ramina al sö cuèrc!" (i due si lasciano) "A n'agh sarò mia un matrimoni tra Genia Borsello e Sebastiano Pelle"

NANDO     :- "Agh sarò Genia Borsello in Ferdinando Freddi… l'è mei che Borsello in Pelle, a n'è mia vera Genia?"

GENIA       :- (con un velo di malinconia) "A sun contenta par vuatar.. ma mé e Bèpe a pardarém dü amigh.. Adès.." (accennando al loro abbigliamento) "advantarè citadin"

GENIA       :- (guarda Nando) "Nando.. pòsia.."

NANDO     :- "Sì, cara.. quél ch'at fè tè l'è ben fat"

GENIA       :- "A pensi che..a podresum rastà e iütarav"

NANDO     :- "A t'at lamenti ch'at gh'è sempar da far!"

GENIA       :-"Me e Nando a giüstarem la me casa chè in paes par i ospiti ch'in cata mia sit da tè e as tgnirem la provigiun e vuatar a pansarì a far da magnar par töti e a star adré a la vostra asienda agrituristica, cusa dit?"

CESIRA     :- (contenta) "Ch'l'è trop bèl par èsar vera"

NANDO     :- "Brava Genia, a t'è det ben"

DA FUORI ECHEGGIA UN COLPO DI FUCILE E SI SENTONO I CANI ABBAIARE

SCENA X

(Casira – Nando – Genia – Violante – Bèpe – Camilla – Remo – Bastiano)

(entra Violante che tiene la porta aperta per far passare Camilla e Bastiano che sorreggono Beppe)

CESIRA     :- (corre incontro al marito) "Signor banadét.. quanti volti a t'ho det ad lasàr perdar Nerone.. l' è un caval incora salvadagh.. ca t'al daghi indré.."

BEPE          :- "Ch'andé töti a töral in dal stopìn!" (lo fanno sedere con difficoltà)

BASTIANO                                                  :- "L'abbiamo visto zompare a terra come se gli avessero fatto lo sgambetto"

CESIRA     :- "Ma cus'è sücès?"

VIOLANTE:- "L'era in sèla a un caval morèl quand a s'è santü 'na sc-iuptada.. al caval l'ha sbarà e lö l'è casca par tèra"

BEPE          :- "Verament e m'era gnü da sbarà mè inveci che al caval"

CAMILLA  :- "A credi ben.. al s'è ciapà 'n'atra sc-iuptada in dal dadrè!"

NANDO     :- "Incora cun la sal?"

BEPE          :- "No! Stavolta i era balin da sc-iòp!"

(BUSSANO FORTI COLPI ALLA PORTA, LA SCENA SI FA BUIA. ENTRA UN.. MARZIANO CON UNA TUTA BIANCA E IN TESTA UN CASCO CON LAMPADINE CHE SI ACCENDO E SPENGONO. URLA DEI PRESENTI E POI.. SILENZIO)

MARZIANO:- (avanza minaccioso verso Cesira putandole un dito accusatore e parla a scatti con voce metallica) "A-ì in-van-tà 'na ba-la con-tra a nu-an-tar e a-dès a fe-ma sal-tar la ba-ra-ca con vu-a-tar den-tar"

CESIRA     :- (spaventatissima) "Ma.. l'è sta-sta sul par-par poder laurar"

MARZIANO:- (fa ancora un passo in avanti alzando il braccio)

CESIRA     :- (assieme a tutti che urlano e fuggono all'esterno in gran confusione) "Aiöt.. carabinier.."

MARZIANO:- (rimasto solo, si toglie il casco: E' Remo) "Che gent.. An s'pöl gnanca far un schers!"

(si chiude rapidamente il sipario)

F I N E


[1] Gaspar: pesce furbo

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno