Tempi moderni

Stampa questo copione

TEMPI MODERNI

TEMPI MODERNI

DI ROBERTO MANDICA (POSIZIONE SIAE: 190975)

e-mail: robertomandica@vodafone.it

COMMEDIA BRILLANTE IN VERNACOLO CALABRESE

CODICE OPERA SIAE: 159569

Personaggi: Uomini 4; Donne 3.

CICCIO:
FILOMENA:

RICCARDO:
COLA:
CUNCETTA:
LORETTA:

AMBROGIO:

ATTO I

FILOMENA: ( Donna di forte temperamento, un tipo all’antica. Non guarda la tv ed è legata alle tradizioni di un tempo) ( Entra in scena cercando uno zoccolo del marito che non si trova) Malanova a iddu…… e mpussibili chi esti comu e figghioli i n’annu. A cinquant’anni avi ancora bisognu da balia! Oh…. E non esti cosa ma trovu a nudda parti. Iddu i perdi, e poi mi ietta a furia a mia! (MARIOLINA PRENDE LA TAZZINA PER BERE IL CAFFE’ E SUONA IL CAMPANELLO)Malanova puru  o campaneddu! E chu cia sona i prima matina. Ah  Cuncetta tu sii…… ma chi ndai? Chi ti succidiu? Chi è stu mussu? Oh, manchicani, carchi disgrazia forsi?

CUNCETTA: ( donna plagiata dalla tv, si comporta tentando d’imitare i personaggi televisivi, con un italiano sgrammaticato)(E’ molto affranta) E’ succeduto nu grosso guaio! Na notizia che mi ha scomfusa tutta!

FILOMENA: Ma Cuncetta, ma comu catinazzu parri?

CUNCETTA: Filomena, bisogna essire moderni. Oramai se non parri l’italiano como fanno alla televisioni, diventi rretrata. Chi tragedia! Chi disgrazia! Ma picchè, non hai viduto niente? Non hai viduto ch’ è successo aieri sera? Chi tragedia!

FILOMENA: Non sacciu nenti! Non mi fari  mi mi schiantu. Parra prestu, chi capitau i cusì bruttu?

CUNCETTA: Eh…..  Filomena, ci è stato un accidente stratale e forse sono murute mamma e figlia!

FILOMENA: E aundi succidiu ccà o paisi?

CUNCETTA: No, a Merica!

FILOMENA: Parenti toi?

CUNCETTA: Non proprio, ma li canoscio da più di  vint’anni e oramai li considero como parenti stretti. Che tragedia! Chi guaiu grossu!

FILOMENA: Bonu, bonu. Settiti e carmiti. Chi ti pigghiu nu biccheri d’acqua.

CUNCETTA: Grazie assai! (Filomena esce e rientra con un bicchiere d’acqua mentre cuncetta si dimostra sempre affranta)

FILOMENA: Ccà. mbivi e cuntimi tuttu.

CUNCETTA: stavano tornando a la casa mamma e figlia, dove li spittava lo zito della mamma, che poi sarebbe  il primo marito della figlia…..

FILOMENA: Comu? (scandalizzata) U maritu da figghia si misi ca socira?

CUNCETTA: E che ti scandalizzi a fare, in America, chiste sono cose che si vidino tutti i giorni.

FILOMENA: Ne gabbu e mancu maravigghia! Dici giustu u dittu; Sunnu propriu mericanati! Cosi i l’autru mundu!

CUNCETTA: Filomena, io ci avessi un poco di fretta. Se voi che la conto non mi devi firmare. Altrimenti me ne fò, accatto un DVD  e poi ti lo mando!

FILOMENA: (Si alza apre un cassetto e prende un flacone di DDT)

CUNCETTA:  U.. D..D…T… Ah… il DVD Filomena, il DVD………….

FILOMENA: Sacciu i cazzi Cuncetta  si ora ci cambiaru nomu. Ieu sacciu chi si chiama DDT

CUNCETTA: Va bene, dassa perdere… non mi serve nessun DDT….. Ti stava contando della trigedia che è successa (pensando alla tragedia si rattrista nuovamente) insomma mentre tornavino a la casa con la vuattura della figlia…..

FILOMENA: Cu chi cosa?

CUNCETTA: Vuattura……machinè…. Come si dice an fransè……sei arretrè…. (notando che Filomena non capisce) Ca machina!!!

FILOMENA: E parra calabrisi, catinazzu chi ieu u francisi no canusciu!

CUNCETTA: Filomena io ti consiglio mi guardi nu poco di televisione che si mparano tanti cosi. Penza che io l’italiano l’ho mparato con Maria su….. pposta per te!

FILOMENA: nd’hai na supposta pi mia!......

CUNCETTA:  ma quali supposta Filomena………c’è posta per te è un programma televisivo condotto da Maria de Filippa……

FILOMENA: Ieu sugnu sicura chi a tia ti  paganu mi vidi televioni da matina a sira? Altrimenti non si spiega comu facisti mi cangi accussì in quattru e quattrocchiu!

CUNCETTA: Ma bisogna aggiornarsi! Bisogna cavalcare i tempi!

FILOMENA: Cuncetta na vota forsi! Ma oramai a cinquant’anni cu si fida mi ccavarca cchiù!

CUNCETTA: Lasciamo perdere chi è meglio! E vidiamo se mi fai finire il discorso. Erano in macchina mamma e figlia e stava guidando la figlia. Le cose tra di loro, a poco a poco, si stavino giustando, sai alla figghia  non ci aveva calato il fatto che sua matre ci avesse frigato il marito!

FILOMENA: E ci mancava puru! Anzi truvau a so figghia chi ndavi ed essiri na santa cristiana, pirchì si era truvatu a mia c’era cavatu l’occhi a sta……. (vede la scarpa del marito che stava cercando) A… zzocula!

CUNCETTA: Filomena! Modera nu poco il parlare. Datti una rigolata! Nu poco di rispetto pi una persona che forse è morta!

FILOMENA: Ma no…………… parrava da zoccula………..

CUNCETTA: Allora stava dicendo, chi stavano viaggiando in macchina e mentre camminavano senza che nissuno dicissi una parola, la mamma di corpo ci ha detto che spittava un bambino dallo zito!

FILOMENA: (facendosi il segno della Croce) Du maritu da figghia!

CUNCETTA: Osatto! La poverina appena ha sentito chista notizia con le sue arecchie ci è venuto un attacco cardillo

FILOMENA: Nu chi?...................

CUNCETTA: Un attacco cardillo ……… un collasso va!!! e finiro fori strata. (accentuando lo stato di sofferenza) Ed ora sono ricoverati in coma allo Spitali! (piange)

FILOMENA: (molto dispiaciuta pure lei, quasi piangendo) Poveretti! Chi tragedia. E non sapisti cchiù nenti? Non sapisti si pircasu si ripigghiaru? Poti essiri chi stannu megghiu?

CUNCETTA: Speriamo Filomena. Speriamo bene!

FILOMENA: Ti raccumandu Cuncetta, appena hai notizi veni e dimmilli. Chi du pinzeru i sta tragedia ieu mancu dormu stanotte…. Sacciu mi mi pigghia n’attaccu canariu puru a mia!!

CUNCETTA: Cardillo Filomena…. CARDILLO

FILOMENA: E va bonu….. Cardillu o canariu …… sempre nu ceddu è!!

CUNCETTA: Non ti preoccupari Filomena, che stasera appena mi vedo la puntata in televisione, vengo subito e ti dico le novità!

FILOMENA: Ma chi era nu film?

CUNCETTA: No, ma quale film! Chiste si chiamano sop-opera, sunnu na speci i telenovellas!

FILOMENA: (Inviperita) A brutta cosa fitusa! Nautru pocu mi facivi mi mi lattariu pi nenti! A tragedia…. E comu a pigghia a cori! U sai chi ti dicu, mi vai mi ti lavi du piatti e mi cacci nu pocu i purbiri di stipi inveci mi perdi tempu davanti a televisioni chi ti rincretiniu tutta e voi puru fari diventari scema  a mia! Via….. fora …. Chi ndaiu chi fari!

CUNCETTA: Arrivederci Filomena, ci vediamo in un altro momento che adesso mi sembri un poco troppo nirvosa. Un consiglio, vardati un poco di tv e tutto passa (Esce)

FILOMENA: FORA!! Mi fici perdiri nu scasciu i tempu, pi nenti! Si vidi chi non avi chi mi faci sta me vicina. Certu, idda non avi pi maritu nu ntrusciuni comu o meu. I me iurnati passunu giustandu i so ntrusciamenti! Ora chi ci voli mi rriva.

CICCIO: (marito di Filomena, anche lui persona all’antica, rimasto legato al modo di vivere di un tempo, tanta praticità e poco televisione)(Entra con le buste della spesa, borobottando del caro prezzi) E chi schifu! Non si poti chhiù cattari nenti! E dinnu chi u progressu porta benessiri, accà di stai purtandu a fami! Non rivamu mancu a metà misi. ….. Tri fettini, menzu chilu i pani, carchi fisseria i cumpanaggiu e spindia trentasei euru. Oh e chi non si misiru daccordu tutti sti putiari, pari cu fannu apposta. Trasi, pigghi quattru cosi, vai mi paghi e tutti u stessa musica …sono trentasei euru. E mancu si mi chiamava Cicciu trentasei!

FILOMENA: (Battendo con il sandalo di legno sulla mano) Chi ndai chi ti lamenti ca matinata! Chi esti forsi non ti bastaru i sordi  mi ti poi mbriacari?

CICCIO: (notando lo zoccolo) A truvasti finalmenti! E si poti sapiri aundi l’avivi mucciata.

FILOMENA:  (cercando di mascherare il nervosismo) a ccà nto vantali!

CICCIO: E si poti sapiri chi catinazzu a mintisti a fari a me zzoccula nto toi vantali? Senti, cerca mi ti duni na regulata chi si troppu ntrusciuna! (mentre parla lascia le due buste della spesa in mezzo alla stanza una lontana dall’altra) E mpussibili chi dopu tant’anni i matrimoniu ancora non ti mparasti mi si ordinata comu a mia!

FILOMENA:Senti Cicciu, stamatina non esti iurnata. Cerca non mi fai u spiritusu, pirchì sinnò a vidi sta zoccula, ta minu nte ciriveddi e ti giustu i sintimenti na vota pi tutti! Dassa mi vaiu pi ddà intra non mi ti viu, chi mi cchianaru i cincu minuti (prende le buste della spesa e va in cucina con passo veloce)

CICCIO: (appena Filomena esce)  E vatindi, vatindi. Pirchì si mi fai ncazzari… ti salu!

FILOMENA: (Entra come una furia) E no! Quandu esti troppu è TROPPU ! (Inizia a colpirlo con lo zoccolo) A cu Sali tu? Puru a sparti chi ti fazzu a serba, non mi porti na stampa i rispettu!

CICCIO: Ahi! Ahi! Finiscila, chi non parrava i tia!

FILOMENA: E i cu parravi i to soru?! (continua a colpirlo)

CICCIO: Scusa, scusa!No fazzu cchiu!

FILOMENA: Ah non fai cchiù! E speriamu pi tia, me veru!(Sfogatasi si avvia verso la cucina)

CICCIO:Sarbaggia! Tali e quali a so mamma! Puh!

FILOMENA: (Si gira e senza parlare gli lancia lo zoccolo ed esce a passo fiero)

CICCIO: (raccoglie  lo zoccolo e si lamenta dlle botte ricevute) Ahi! Ahi!, comu mi dolunu l’ossa. Fora gabbu chi cavadda.  Truvau a mia chi sugnu nu bravu cristianu. Ma carchi iornu, a salu! A salu! ( si ricorda delle botte) Dassa non mi gridu, chi si torna cca intra mi duna u restu. (SUONA IL CAMPANELLO).E cu esti! (va ad aprire con ancora lo zoccolo in mano) Ciau Nicola, trasi.

NICOLA: (marito di Cuncetta. Anche lui televisore dipendente. Vuole apparire come un tipo moderno) (E’ molto nervoso e quando è ancora all’entrata saluta Ciccio)) Ciau Franky….ma non si vidi nenti …… dduma a luci piffavuri…..

CICCIO: L’occhiali Nicola……….. cacciti l’occhiali………

NICOLA: E’ veru Franky….

CICCIO: ( Torna verso l’ingresso per vedere se c’è qualcuso) Mah!....

NICOLA: (Si volta indietro per vedere che sta facendo Ciccio e nota lo zoccolo in mano) E ora chi esti na nova moda? U vidisti a televisioni? Pirchì se è cusi puru eu mi ziccu i zoccoli nte manu inveci di pedi………….

CICCIO: Si!! Ziccatilli nto cu…………!!!!

NICOLA: Ma chi dici Franky???

CICCIO: Dicu chi ieu non haiu tempu i perdiri arretu a televisioni. E poi su voi propriu sapiri, me mugghieri mi fici ncavulari bellu pulitu e…. non vitti cchiù i l’occhi …. E a salai! (alzando di poco la voce) Ah Nicola! quandu ci vonnu ci vonnu! ….A sa-la-i!

FILOMENA: (foce fuori campo) Cicciu! Mi chiamasti!

CICCIO: (sentendo la voce della moglie, si nasconde dietro Nicola) (a voce bassa per paura di essere sentito) Ti cunveni non mi veni ccà intra, sinnò ti dugnu u restu!

NICOLA: (Osservando Ciccio intorno al collo) Franky, ma si tuttu russu!

CICCIO: ( Si volta di scatto per vedere chi c’è dietro) Mah! ….. (si rigira verso Nicola) Eh…..Sunnu i nerbi! Quandu mi nchianinu, diventu russu.

NICOLA: (Che continua ad osservarlo ed avendo capito. Con sarcasmo ) Diventi russu? Chi coincidenza, sti macchi ndannu a stessa forma da zoccula!

CICCIO: ( mentre parla cerca un posto dove mettere lo zoccolo e non sapendo che fare lo infila dentro un vaso) Senti Nicola, ma vinisti sulu mi mi passi a visita?

NICOLA: No, non vinni pi chistu. Comunqui pi prima cosa, caru Franchy,  mi ndai è chiamari Nicolas, è cchiù modernu.

CICCIO: (che intanto si è guardato alle spalle dopo aver sentito di nuovo il nome di Franchy) E tu, comu sicunda cosa….. m’ha diri cu catinazzu esti stu Francky? Pirchì ieu non viu a nuddu.

NICOLA: Ma comu cu esti? Si tu!

CICCIO: Ma si imbriacu? Ma vidi chi sta televisioni ti fregau u ciriveddu. (scandendo le sillabe) Io….. sogno….. Ciccio! Il…. Tuo… vicino… di… casa!

NICOLA: Ma u sacciu, Cicciu esti comu diri Francescu e Francescu in Mericanu si dici Francky. Apposta ti dissi mi mi chiami Nicolas! Franky, bisogna essiri moderni.

CICCIO: Aggio capito. Io Franky e tu Nicolassy!

NICOLA. Si, propriu cusì! Comu Stasky e Hacci!

CICCIO: Saluti! Chi ti  raffreddasti?

NICOLA: Ieu no! Pirchì?

CICCIO: Siccomu ti sintia fari nu signali.

NICOLA: Ma chi capiscisti! Stasky e Hacci, sunnu ndu polizziotti mericani da televisioni, chi risolvunu tutti i casi, oh e non ci fui unu.

CICCIO: E torna cu sta televisioni.

FILOMENA: (Entrando) Ciau Nicola, comu mai vinisti?

NICOLA: Ndi misimu a parrari cu to maritu e n’autru pocu mi stava spirdendu du pirchì era vinutu. (adirandosi) Chidda me figghia. Si spasciau a testa! I figghi fimmini, sunnu nu guaiu!

FILOMENA: Bonu carmiti.

CICCIO: Senti Nicolassy, u voi nu cafè?

NICOLA: Se Torrisi anche dui e anche tre.

CICCIO: Siccomu esti u meu e no i Torrisi, si ti ncuntenti i unu tu offru, sinnò vai lisciu!

NICOLA: Si grazi!

CICCIO: Filomenas, vai a fare u cafes!

FILOMENA: (guardando sbalordita il marito) Cicciu, ma comu parri! Oh, Madonna bella! Non è chi ddi botti i zoccula, ti spasciaru du tuttu?

CICCIO: Ma statti zzitta, e vai e fai u cafè, ti parrai modernu, ma tu sti cosi ne poi capisciri, si vecchia! (Irritandosi)Voi iri mi fai stu cafè? Si o no?

FILOMENA: (Con tono minaccioso) Pirchì si non vaiu chi fai?

CICCIO: (Gonfiandosi sempre di più) Chi fazzu! Voi propriu sapiri chi fazzu!

FILOMENA: (Innervosendosi molto) Si Cicciu! U vogghiu propriu sapiri!

CICCIO: (Sgonfiandosi di colpo)Vaiu e u fazzu ieu.

FILOMENA: A cusì ragiunamu. Cu permessu Nicola. Vaiu e fazzu u cafè. (Esce)

NICOLA: Vai Filomena e grazi. Francky, vidi oji vinni ndi tia  mi mi sfogu, sinnò a casa buttu. Chidda me figghia Loretta, mi faci viniri carchi infartu.

CICCIO: Ma Nicola, ma tu quantu figghi ndai?

NICOLA: Una pirchì no sai?

CICCIO: Ieu puru sapiva cusì. Ma scusa to figghia non si chiama Candelora.….

NICOLA: Ma Candelora è nticu, Loretta inveci ……

CICCIO: E’ cchiù modernu. Capiscia.

NICOLA: Ti stava dicendu, Loretta si spasciau a testa. Sacciu chi ci vinni. (Inizia ad infuocarsi in un crescendo) Inveci mi penza pu so futuru, si misi nta testa strani idee. Fici fossa chi pedi mi nci iapru a strata giusta e idda, chi pinzau mi faci. Mi mi dici chi non è sicura i sta professioni! Paccia! Fimmina senza ciriveddu! U sacciu ieu a curpa i cu esti? Cu ci misi nta testa sti pulici! Cu ma stai purtandu a mala strata a sta figghia?

CICCIO: E si sai cu esti, Pirchì non vai e u pigghi a bastunati, prima mi esti troppu tardu!

NICOLA: Pirchì?... pirchì?.... Pirchì si putiva ora ndavi chi l’avissi fattu! Ma e’ me socira!

CICCIO: To socira? Ma chi dici’? Si nesci paccia pi Candelora…….Loretta.. o……. comu catinazzu si chiama?

NICOLA: Nesci tantu paccia pi idda, chi ndebbi e fundiri completamenti! Ma na fazzu vinciri sta vota. Si idda penza chi a me figghia, u lavuru ci l’avi e scegliri idda, voli diri chi non mi canusci bonu! Stavota fazzu na stragi.!

CICCIO: Manchicani! E chi lavuru ci cunsigghiau? Mi faci L’accompagnatrici a pagamentu. Chiddi chi lavurunu i notti?

NICOLA: Peggiu!....... L’Abbucatu!

CICCIO: E chi è ora l’avvucatu esti nu bruttu lavuru?

NICOLA: E’ nticu! E poi, me figghia avi e fari cosi cchiù importanti! Chiù gratificanti! Insomma Loretta, nasciu mi faci a velina! U capiscisti! A velina a Striscia la notizia, oppuru chi sacciu….. a letterina di Carlu Conti.. Insomma avi e fari nu lavuru seriu e non l’abbucatu! (si è sfogato)Ah! Ora mi sentu megghiu!

FILOMENA: (Entra con il caffè) Nicola, quantu zucchiru voi?

NICOLA: Nu pocu amaru, pirchì ndaiu a glicemia iadda. Sulu dui, grazi!

FILOMENA: E menumali! Sinnò chi ti pigghiavi na tazza i zuccuru cu du spruzzati i cafè?

NICOLA: Di solitu mi piaci duci! Comunqui, capiscisti i chi situazioni mi trovu! Chi poi, piccatu! Si tu a vidi esti purtata pi mi lavura nda televisioni. (SUONA IL CAMPANELLO, sono Cuncetta e Loretta)

FILOMENA: Va ad aprire. Turnasti, mi mi cunti u restu!

CUNCETTA: (felicissima)Tuttu appostu! Sonno nisciuti dal coma.

CICCIO: Chi fu! Chi succidiu? Cu si sintiu mali?

FILOMENA: Nenti! Fisserii. Parenti i Cuncetta a merica.

NICOLA: Cetty …… tua figlia…… OVE?

CUNCETTA: Stai trasendu! Spetta  a presentazioni.

NICOLA: Si à fazzu ieu! (Si alza si rivolge verso la porta e alla Ezio Greggio dice) Signore i signori… velina!

LORETTA: ( Innamorata di Riccardo il figlio di Filomena e Ciccio, è vestita come le veline. Con minigonna e abbastanza sexy. Sfila come se fosse in passerella ammirata da tutti, soprattutto dal padre) Ciao a tutti!

NICOLA e CUNCETTA: (Entusiasti)   Brava figghia! Chi classi!| Chi stili!

LORETTA: Grazie! Gli autografi più tardi. (SI guarda intorno cercando Riccardo) Mah, signora Filomena….. Ricky non c’è ?

CICCIO: E cu catinazzu è stu Richy?

FILOMENA:Sta studiandu bella! Chi ndavi l’urtimi esami a l’università! Diventa dutturi… me figghiu!

CICCIU: Quandu ci cunveni esti so figghiu, quandu nò è sulu u meu.

FILOMENA: Ma statti zittu, chi fai cchiù viduta.

NICOLA: (scandalizzato)U medicu!. (con tono amichevole)E va bbonu, iamu non vi lattiriati. Megghiu chista chi nautra cosa!

LORETTA: Ma che dici papà! Il medico è così un bel mestiere. Poi se sto male, lo chiamo e …. (inizia ad immaginare la scena e con sensualità) mi visita….. mi spoglia! ……Mi tocca!

FILOMENA E CICCIO: (La guardano esterefatti)

CUNCETTA:(Che è al corrente, assieme al marito, dei sentimenti della figlia, cerca di riprendere la situazione in mano) Brava! Chi bella recita. Pote fare l’attrici, me figghia!

FILOMENA E CICCIO: ( Si riconpongono) Ah….

CUNCETTA: E iamo Filomena, chiamalo un minutino quanto lo salutiamo che poi noi dovemo ire.

FILOMENA:E va beni! Vu chiamu nu mumentu. Ieu vi salutu cusì mi fermu da intra chi ndaiu e stirari na catasta i robbi. (Esce)

CUNCETTA:Ciao Filomena.

LORETTA: (felicissima) Grazie, signora Filomena. (Si accomodano tutti)

NICOLA:Scusa Francki, ma piccasu to figghiu esti zitu?

CICCIO: Non penzu! A nui non di dissi nenti!

LORETTA: (Si alza di scatto) Yes! (si risiede di scatto)

CUNCETTA:Ma tu penzi, che se nc’era carche cosa, pure di poco conto, tuo figlio te lo avisse diciuto?

CICCIO: Penzu,propriu di si!

LORETTA: (Si alza di scatto) Yes! (si risiede di scatto)

NICOLA:E dimmi Francky, ma si piccasu to figghiu si vulissi fari zitu, tu avissi carcosa in cuntrariu?

CICCIO: Ieu…… ma si non viu l’ura mu viu sistematu cu na bella figghiola, macaria bella comu a to figghia, e mi mi inchinu a casa i niputeddi!

LORETTA E CUNCETTA:  (Si alzano  di scatto) Yes! Yes!, Yes! (si risiedono di scatto)

RICCARDO: (Un bel ragazzo, dai modi gentili. Immerso nei suoi libri universitari, non vuole distogliere del tempo prezioso allo studio) Buongiorno a tutti!

LORETTA: (Si alza di scatto e gli corre incontro) Ciao Ricky, come stai? Che fai di Bello?

RICCARDO: Ciao Loretta(Continua a leggere e si siede nella poltrona libera, accanto al posto dove era seduta Loretta e continua  a leggere)

LORETTA: ( ritorna  a sedersi mettendo le proprie gambe più vicino possibile a Riccardo per attirare la sua attenzione) Ricky, che dici se più tardi andiamo a mangiare una pizza , da soli.

RICCARDO: (Senza alzare gli occhi dal libro e con superficialità) Non posso, debbo studiare, che ho un esame importante. Anzi se permettete, io vi saluto e ritorno di la, ho bisogno di concentrazione. Arrivederci. (Si alza ed esce)

LORETTA:Mamma, andiamo via! Arrivederci signor Franco. (esce di corsa, quasi in lacrime.)

CUNCETTA: (molto scocciata) Ciao Ciccio! Spettimi Loretta! (esce)

CICCIO:Scusilu a Riccardu, ma iddu ci teni mi diventa nu bravu medicu e quandu studia non varda nenti.

NICOLA: Capisciu tuttu chiddu chi voi. Ma non ti pari stranu chi nu ragazzu a so età, non ci duna cunfidenza a na bedda figghiola comu a Loretta. Ora non pirchì esti me figghia, ma sai quantu giuvinotti passiunu sutta o me barcuni, ca spiranza mi si vidinu fari sulu nu salutu i me figghia. E idda nenti! E to figghiu, si permetti u lussu , dopu chi idda ci parra, non ma carcula!

CICCIO: E chi voi mi ti dicu?

NICOLA: Ma tu quando avivi a so età? Chi cumbinavi pi na fimmina?

CICCIO: Focu e fiammi! E quantu ziti eppi, puru dui ndi na vota…. Poi mi stutai!! Ah! Autri tempi.

NICOLA: Si però i tempi iru avanti e non arretu! E a carni esti sempri carni!

CICCIO: E chi vo diri?

NICOLA: Senti Francky, ti dicu na cosa, ma senza mi ta senti. Ma non e’ chi Ricky ….forsi…è nu pocu….comu t’haiu a diri…. insomma è gay? (da leggere come è scritto)

CICCIO: (Che non conosce il significato) No, pi medicu studia.

NICOLA: Non capiscisti, ieu ti dissi si pircasu è omosex?

CICCIO: Ma chi dumandi scemi! Certu chi esti omu, pari chi è na fimmina! S’è SEXI però è megghiu mi nciu dumandi a to figghia che se ne intendi…..

COLA: Tu non capisci nenti! Ti dumandai si pircasu to figghiu… è ricchiuni! Capiscisti ora?

CICCIO: Co….co…mu? Me… figghiu …. I l’autra sponda? Ma non poti essiri!

NICOLA: Ma tu u vidisti mai cu na fimmina?

CICCIO: No! No vitti mai. (quasi morto) e si è comu dici tu? Si me figghiu è piddaveru gay?

NICOLA: Tu teni!

CICCIO: Grazi! Graziella e non continuamu! A fai facili tu. Si mi potiva cacciari stu dubbiu, mi tranquillizzava oppuru mi rassegnava, ma cusì non durmu cchiù, comu putissi fari?

COLA: Tu avissi bisognu du Grandi fratellu!

CICCIO: Du chi?

NICOLA: Du Grandi fratello! Chiudunu masculi e fimmini ndi na casa a Roma pi tanti iorna. Ni sta casa, ndavi tanti telecamiri chi i vardunu notti e iornu; quandu mangiunu, quandu dormunu, quandu vannu o bagnu, insomma sempri. Ora dicu ieu, cu tanti belli fimmini…e masculi, prima o poi hannu e saddari fora i gusti i to figghiu.

CICCIO: E tu penzi chi me figghiu poti iri?

NICOLA: Prima fannu na selezioni. Unu ci telefuna pigghia appuntamentu, u vardinu e si va beni u fannu iri intra a casa.

CICCIO: E cu a faci sta selezioni?

NICOLA: U Grandi Fratellu in persona!

CICCIO: E senti Nicola,  non è chi mi duni u numiru i telefunu!

NICOLA: Comu no! Varda l’haiu ccà (Gli dà il numero) Ora mi ndi vaiu. Ciao Ciccio. (esce)

CICCIO: Chi guaiu rossu! Chi tragedia.

FILOMENA: (entra) Chi ndai, chi pari chi ti muriu u iattu!

CICCIO: Autru chi iattu. Ccà forsi muriu nu cardiddu e non esti u meu!

FILOMENA: E si non esti u toi chi ti lattarii a fari?

CICCIO: Pirchì esti chiddu i Riccardu.

FILOMENA: Ma chi sbantasii. Ma quand’ammai Riccardu eppi ceddi?

CICCIO: Non capisci mai nenti! Unu avi e forsi mancu funziona!

FILOMENA: Senti fammi capisciri carchi cosa, pirchì mi staiu schiantandu.

CICCIO: Dimmi na cosa. To figghiu, fu mai zitu, puru a mmucciuni?

FILOMENA: No, mai. Ma chi cintra.  iddu penza o studiu.

CICCIO: E tu si sicura chi iddu non si vitti mai cu na fimmina sulu pi curpa du studiu?

FILOMENA: Ma pirchì, c’è carchi autru motivu?

CICCIO: E si piccasu, to figghiu, è gay?

FILOMENA: E’chi?

CICCIO: Ricchione! Capisciti ora! Si ci piacinu i masculi?

FILOMENA: (cade scioccata sul divano)

CICCIO:Ti passau a risa! Chi guaiu! E ieu chi pigghiai i to paroli mu chiamamu Riccardu! E’ bellu! È nu nomi importanti! Riccardu cuor di leoni! Nu nomu forti, storicu! Ti ndaviva è siccari a lingua quandu dicisti sti paroli! E ora? Ora se veru chi ci paicinu i masculi? Comu l’amu e chiamari Ricchiardo, oppuru Riccarda! No, ma si non di cacciamu stu dubbiu, rischiu mi moru d’infartu! Ora ccà, ci vulissiru chiddi chi nominau Nicola, comu si chiamunu, ah si, Scaccia e accia!

FILOMENA: riunu e pettrusinu! Ma chi malanova dici?

CICCIO: Ma tu non capisci mai nenti! Su du polizziotti mericani, chi scoprinu tutti i mbrogghi. Sicuramenti ndi sapivunu rispundiri subitu. Haiu bisognu mi nesciu, mi mi mbivu nu bicchierinu mi mi ripigghiu. Vaiu o Bar e mi mbivu un litru e menzu i grappa. (esce)

FILOMENA: (sempre seduta è sconvolta) Chi tragedia!  E dundi di ruvau stu guaiu rossu.

RICCARDO: (entrando con in mano un libro di anatomia) Mamma, chi ndai, u papà ti fici rrabbiari?

FILOMENA: No, figghiu! To patri stavota non cintra. E chi avimu nu pinzeru chi vulimu risolviri.

RICCARDO:Va bonu! Vistu chi  di ruttura i scatuli si ndi iru, mi mentu ccà nto divanu e studiu nu pocu, cusì si mi voi diri chiddu chi ndai, ieu magari ti pozzu iutari (si siede nel divano e si concentra sulla lettura)

FILOMENA:   Senti figghiu……… capisciu Nicola e Cuncetta chi sunnu nu pocu pisanti. Ma Candilora è tantu na brava figghiola, tanta bedda ti vuliva sulu salutari e mi scangia quattru chiacchiri cu tia.

RICCARDO: Bedda! A idda danci sulu televisioni e divertimentu ed è appostu! E poi accumora non haiu tempu i perdiri. U voliti capisciri tutti quanti chi ieu mi ndaiu e lauriari e diventari nu bravu medicu!

FILOMENA: U sapimu, figghiu e ieu e to patri simu cuntenti… i chistu. Ma nda bisognu puru mi ti spassi, mi ti diverti, mi ncuntri autri genti….. fimmini!!! Soprattutto. E mpussibili chi a to età non ti nnamurasti mancu pi sbagghiu i na bedda figghiola?

RICCARDO: Accumora ieu sugnu nnamuratu di me libri e i chiddu chi c’è scrittu ccà! Chiù leggiu e cchiù mparu! Cchiù mparu e cchiù mi convinciu chi ieu sugnu attrattu i sti cosi. (si alza, lasciando il libro aperto sul tavolino) Ora tornu, vaiu o bagnu. (Esce)

FILOMENA: (sentendo il discorso del figlio, si rincuora) Ma malanova a me maritu e a du stortu i Nicola e ieu chi ci vaiu appressu! Me figghiu è normali! Sulu pirchì avi a testa  o postu, chi accumora penza sulu o studiu, mi diventa nu bravu medicu e mi cura e genti, ndi besti senza ciriveddu, sbantasiunu novità. Daltrondi sunnu cosi chi mi si mparinu c’esti bisognu di tantu studiu e cuncentrazioni! Vidimu… vidimu i chi cosa è attrattu me figghiu (si avvicina al tavolino e prende il libro) Chi c’è scrittu… (Legge la copertina) ANATO’MIA UMANA  I I I (legge  i per tre volte  invece di dire III) Avi ragiuni, Già u  titulu attrai.  Anatòmia sarà carchi brutta malatia e umana voli diri chi colpisci  i cristiani, e iddu i voli guariri. Chi figghiu! Vidimu chi stava liggendu i cusì interessanti  (apre nelle pagine con il segnalibro ed inizia a leggere)  L'apparato genitale maschile si sviluppa verso l'esterno con il pine e lo scroto, contenente i testi-coli. Non sono invece visibili gli altri organi, quali epidi-dimi, vescicole seminali, ghiandole bulbouretrali e crostata. Ah chista a canusciu. Chi paroli difficili… apposta poverettu è sempri supra a sti libbri. Poti mai pinzari a zita, cu sti cosi complicati mi si mpara! Maria! Sugnu cchiù tranquilla, si sunnu chisti i cosi chi ci piacinu a me figghiu, ieu non ci viu nenti i stranu, si pi cumora non penza e fimmini. (continua  a leggere)  Illustrazione grafica , pagina seguente E chi voli diri? Boh!. Iamu avanti (vede la figura dell’ apparato genitale maschile) (gira e rigira il libro ed osserva la fotografia nell’intento di ricordare dove l’ha visto. Ad un tratto realizza) Ma….ma…… chistu….. è ……. O focu meu! (cade sul divano)

CICCIO: (Entra molto ubriaco) (nota la moglie e corre a soccorrerla) Filomena. Filomena……, chi ti succidiu! Filomena, non fari a bestia e rispundimi. Eh iamu non fari cusì, ripigghiti.

FILOMENA: Aundi sugnu! Comu mi chiamu? Chi mi cadiu nta testa?

CICCIO:Filomena! Sugnu ieu?

FILOMENA:Aundi sugnu? O nfernu? Oh, malanova quantu si bruttu!   

CICCIO: Si bella tu! Filomena, sugnu to maritu Ciccio?

FILOMENA: Ciau Cicciu, chi succidiu? Chi pari chi mi cadiu na caddara d’acqua dancoddu.

CICCIO: Chi stu mi l’ha diri tu! Ieu ti truvai cca svinuta, ca Bibbia i latu!

FILOMENA: Ca Bibbia? (vede il libro e si ricorda tutto) Cicciu… Cicciu… Riccardu è….

CICCIO: Pi chistu ti sentisti mali? Ma carmiti chi ragiunai nu bellu pocu davanti a na bella buttighia e sugnu sicuru chi stamu esagerandu. Nostru figghiu è normali, accumora è distrattu du studiu.

FILOMENA: Cicciu, cusì mi dissi Riccardu! Chi pi cumora è attrattu di libbri e non poti pinzari a nenti!

CICCIO: Filomena…. Ieu si nu masculu non è bonu u canusciu du fiavuru!

FILOMENA: U sai chi ti dicu? Sta naschia usila pi truvari fungi, pirchì subbra e masculi non funziona. (Disperata) Varda i chi cosa è attratttu to figghiu! (apre il libro e mostra la figura)

CICCIO: (inizia a girare il libro)  E chi è? Mi pari cu canusciu? E’ IDDU!!!! (scioccato) Filomena! Mi sentu mali! (cade sulla poltrona mentre entra Riccardo)

RICCARDO:Papa! Mamma! Chi succidiu? (li soccorre) ripigghiativi! (rivolto al padre che si è ripreso) Ma papà, si poti sapiri chi ti pigghiau?

CICCIO: (molto nervoso) Si propriu u voi sapiri…….. dumandancillu a to mamma?

RICCARDO: Mamma, allura? Non  mi fati stari cu pinzeru, chi succidiu?

FILOMENA: E chi voi mi succidiu!...... nenti!...... nu calu i pressioni!

RICCARDO: (parlando con tono da dottore) Allora vi posso dire …..che  bisogna integrare i giusti alimenti per assimilare gli zuccheri necessari a dare l’energia all’organismo.

FILOMENA: ( con tono orgoglioso) Chi parra bellu……

CICCIO: (con lo stesso tono) Chi  dissi?

FILOMENA: (sempre con lo stesso tono) E ieu chi sacciu!

RICCARDO: Dissi chi a vostra età non siti cchiù giuvini. E chi bisogna mangiari cosi chi iutunu a persona mi sta bonu.  Pi fari n’esempiu, vistu chi tu papà, soffri i crampi, davissi e mangiari assai banani!

CICCIO: I banani ti mangi tu! Chi a mia non mi piacinu. Sugnu allergicu!

FILOMENA: Non ti vutari cusì cu figghiolu!

RICCARDO: Dassilu stari mamma. Sai chi nda fari, fai comu a mia, mangia assai banani.

CICCIO: Senti a tia! Ieu non sacciu propriu chiddu chi ti passa nto ciriveddu. Ma a to mamma non ci mentiri strani pinzeri. U criu chi nta vecchiaia si ndavi e spasciairi a testa!

RICCARDO: Va beni! Capiscia chi cu tia non si poti fari nu discursu seriu! Vaiu nd intra. (Esce)

FILOMENA: Tu non hai cori! E’ mpussibili chi nda fari ristari mali o figghiolu! Iddu ti vuliva sulu iutari.

CICCIO: Iddu mi voli mazzari! Autru chi iutari. 

FILOMENA: Senti Cicciu, si sti cosi succedunu è sulu curpa da natura …… e si nostru figghiu ndavi stu problema, non è chi u putimu mazzari, mbrazzuliamundi i manichi e cittamulu senza mi nciu facimu pisari.

CICCIO: Ieu u cittava cu nu corpu i sciuni, autru chi! Aspetta nu minutu …. (ricorda del numero e lo estrae dalla tasca si ricorda di Nicola e prende la sedia per imitarlo)

FILOMENA:Chi vo diri?

CICCIO:Nicola mi desi stu numiru i telefunu, e mi dissi chi a Roma,  chiudinu masculi e fimmini pi tanti iorna ndi na casa, e i controllunu chi telecamiri, notti e iornu pi vidiri chiddu chi fannu. Si a to figghiu ci piacinu i fimmini o i masculi iddu s’indaccorgi e tu fannu vidiri. Cusì si è tuttu appostu, simu chiù tranquilli, si inveci to figghiu è “difittusu”, pacenza, voli diri …….. cu mmazzu!

FILOMENA: E chiama, chiama subbitu

CICCIO: ( Va  al telefono e compone il numero) Pronto, bongiorno! Mi presento, Io sono il signor Francesco Franco ma chiamatemi CICCIU …… Io, ci avesse nu grosso problema con mio figlio Riccardo e vostro fratello Nicola, il piccolo, mi ha diciuto che voi mi poteti aiutare. Che dicete? Voi non canoscete nessun Nicola?

FILOMENA: Bestia! Chiamulu cu nomi moderno.

CICCIO:  Ah,…. Aggio capito! Scusasse mi sono sperduto che al Nordo parlate con la lingua di fora! (mette la mano davanti la cornetta e rivolto alla moglie) Chistu e cchiù scemu i so frati !

FILOMENA: Malanova a tia. Vidi non mi ti senti.

CICCIO:  (togliendo la mano dalla cornetta) Sto parlando di vostro fratello Nicolassy! (spaziendendosi) Come, non canoscete manco a lui? Ma se mi ha dato il numero esso in pirsona! Scusate, voi site il fratello grande si o no? Ah…., siete il Grande Fratello! (mette la mano davanti la cornetta e sempre parlando con la moglie)  U dissi subitu chi ci passa quattru punti a so frati. O  randi fratellu o fratellu randi, pari chi non è a stessa cosa.

FILOMENA: Oh Cicciu, non è chi sbagliasti numiru?

CICCIO: (togliendo la mano dalla cornetta). (Irritandosi nel tono) Scusate, Nicolassy mi ha diciuto che voi prendete masculi e fimmini, li chiudite in una casa pi tanti iorna e poi chi telecamere li controllate iornu e notti, E’ veru o no? (calmandosi)E allura i vui ndaio bisogno!. E’ possibili chiudire mio figlio Riccardo nti sta casa, macaria cu tanti fimmini e pochi masculi, e mi contrullati si funziona tuttu correttamenti? Comunqui sintiti, ca telefunata custa cara, quandu potiti vidiri a Riccardo? ….. Va beni, tenite cuntu chi iddu parti sta sira stessu pe Roma e aundi avi a viniri?......  spittati nu mumentu, quantu nce lo puntiamo nti nu pezzu di carta. Filomena, pigghia nu fogliu e na pinna e scrivi…… (Filomena corre prende un foglio ed una penna e si posiziona a scrivere) Simu pronti… diciti….. via del Campidoglio, 7-  Frascati - Roma.  (chiude il telefono). Filomena, ora amu e truvari nu modu mi convincimi a Riccardu mi parti.  Si ci dicimu pirchì u mandamu a Roma, chiddu non parti mancu su sparamu.

FILOMENA: Non ti ncarricari, ci ci penzu ieu. (Chiama Riccardo) Riccardu! Riccardu, curri ccà, bellu da mamma ! Prestu!

RICCARDO: (si affretta ad arrivare) Chi succudiu si sentiu di novu mali u papà?

FILOMENA: Non ti schiantari chi iddu esti comu a nu iaddu!

CICCIO: (Puntualizzando) Ieu sugnu nu iaddu! Tu, no sapimu!

FILOMENA: Dassulu stari a to patri! Senti Riccardu, fatti  a valigia, chi sta sira ndai u trenu pi Roma…

RICCARDO: Pi Roma? E chi mi sperdia a pipa?

FILOMENA: No, e chi ti vonnu vidiri, pirchì seppiru chi si quasi medicu, pi nu lavuru o spitali i Roma.

RICCARDO: (Entusiasta) O Gemelli?

CICCIO: Si  sunnu gemelli chistu no sapimu!

RICCARDO: Comu no sapiti? Pari chi c’è nu sulu spitali a Roma? Ma dimmi na cosa, tu dissiru aundi mi ndaiu e presentari?

CICCIO: Filomena, danci u bigliettu. (gli porge il foglietto)

RICCARDO: (inizia a leggere) via du capudogghiu  nfrascatu  7   Roma? E chi indirizzu è ? Ma no……. è via del Campidoglio 7, Frascati Roma. Va bò, mi preparu e partimu (esce)

CICCIO: (si addormenta sul divano e inizia a russare)

FILOMENA:Cicciu moviti va ccumpagna a to figghiu a stazioni………..

CICCIO: (continua a russare sul divano…………………)

FILOMENA: Dassa mi ti dassu stari…… capiscia vaiu eu…….

FINE PRIMO ATTO

SIGLA

 

SIGLA

II ATTO

(Ciccio passeggia nervosamente e si affaccia ogni tanto alla finestra per vedere se arriva Riccardo, mentre Filomena fa avanti e indietro dalla cucina per chiedere notizie al marito)

CICCIO: Eh quantu ci voli!. (si siede sulla sedia, agitato guarda l’orologio)

FILOMENA: (entra a passo spedito) Rivau?

CICCIO: Ancora no!

FILOMENA: Ti raccumandu, appena riva chiamimi! (Esce)

CICCIO: (ricomincia  a passeggiare nervosamente) (si riaffaccia alla finestra) 

FILOMENA: (entra a passo spedito) Rivau?

CICCIO: Ti chiamai?

FILOMENA: No!

CICCIO: (spazientito) E allura voli diri chi non rivau!

FILOMENA: VA bonu! Mati raccumadu, appena riva chiamimi! (Esce)

CICCIO: (ricomincia  a passeggiare nervosamente) Si non riva entru sta sira, pigghiu u trenu e vaiu ieu a Roma! ( si riaffaccia alla finestra volgendo lo sguardo verso la parte opposta della cucina entra Filomena e senza farsi sentire si affaccia anche lei dalla finestra guardando nella stessa direzione del marito e contemporaneamente alzando la stessa gamba per aumentare la sporgenza. Ad un tratto Ciccio si gira dal lato di Filomena, spaventandosi) Mamma chi si brutta! Mi cacai!

FILOMENA: Si sempri u solitu cretinu! Sentimi bonu e iapri i ricchi! Si to figghiu non riva pi l’ura i mangiari, tu…… non mangi!

CICCIO: E chi voli diri. Iddu dimura e ieu aiu e muriri i fami! (suona il campanello)Rivau! Curaggiu chi pi oi mangiamu.

FILOMENA: (Corre ad aprire) Ah,…. Si tu Nicola? Trasi

CICCIO: Nicola! Ndai novità.?

NICOLA: Ciau Franky.  Certu, novità rossi!

FILOMENA: Oh madonnuzza bella! E chi succidiu?

NICOLA: Rifanno u festivalbar!

CICCIO: E’ chista, sicundu tia, è na novità rossa! Pi tua informazioni ieu fazzu tutti i iorna festa o bar!

FILOMENA: Si poi ci dannu na buttigghia i grappa, u spettaculu è assicuratu.

CICCIO: Comunque, nui vulivumu sapiri si ti sentisti cu to frati e si ci sunnu novità?

NICOLA: Cu me frati? Quali frati?

CICCIO: U randi!

NICOLA: Veramenti u cchiù randi da famigghia sugnu ieu?

FILOMENA: Comu si tu? E allura a Roma quali frati hai?

NICOLA: A Roma? Nuddu! Ma pirchì cu vu dissi chi ieu ndaiu nu frati a Roma?

CICCIO: Comu cui? Tu! E mi dasti puru u numiru i telefunu, varda aluccà!(fa sedere Nicola sulla sedia per fargli ricordare)

NICOLA: Ieu!  Ma chistu è u numiru du grandi fratellu!

FILOMENA: Allura u vidi chi ndai nu frati randi! Pirchì dici chi non l’hai?

NICOLA: Aspettati nu minutu! Ma vui chi capiscistivu cu grandi fratellu è me frati u randi?

CICCIO: Ma pirchì non è cusì?

NICOLA: Ma u grandi fratellu è nu programma da televisioni, ma mpussibili chi sti cosi ne sapiti?

CICCIO: (arrabbiandosi) Senti Nicola! Tu a mia ma fari na cortesia. Quandu trasi ndi sta casa, ta sperdiri i sta cazza i televisioni! U capisciti?

FILOMENA: (Preoccupata) E allura, me figghiu Riccardeddu è sulu a Roma? E su rapiru?

CICCIO: E chi sapiti vui! U quadru i Parigi, u rapiru! E chi mu vonnu mu su bugghiunu!

FILOMENA: (adiratissima PRENDE LA MISURA DEL TAMBUTO)Senti Cicciu, non zanniari chi non ti cunveni. Vidi chiddu chi nda fari e vai subitu a Roma. ……..E tu vai cu iddu!

RICCARDO: (entra con il borsone) Ciao a tutti. Finalmenti rivai!

FILOMENA: Riccardeddu, turnasti!

NICOLA: Ciau Ricky, vaiu e avvisu Loretta chi rivasti, chi stava cu pinzeru! (Esce)

FILOMENA:Veni bellu da mamma ti fici na bella ringiata ….. mbivi.

CICCIO:Settiti Riccardu e cuntindi chi facisti?

RICCARDO: (si siede nel divano e i due fanno insieme mille domande stordendolo) Comu prima cosa, non cuntrai a nuddu di frati i Nicola.

FILOMENA: E no putivi ncuntrari!

RICCARDO: Comu dici?

CICCIO: Dassila stari a to mamma e parra cu mia! No potivi cuntrari pirchì…….. muriu!

RICCARDO: Muriu!

FILOMENA: Ma chi stai dicendo?

CICCIO: Eh… vuliva diri chi…  muriu …… u cani! Eccu si! ci muriu u cani e non potti viniri all’appuntamentu! Ma tu riniscisti mi ta sbrogghi u stessu? E chi ti dissiru ti pigghiaru?

RICCARDO: Veramenti papà, sugnu nu pocu siddiatu! Ma cu vu dissi chi mi spettavanu a Roma pi lavuru?

CICCIO: (rivolto alla moglie) Cu ndu dissi?

FILOMENA: Eh…… telefonaru!

CICCIO: A si! Telefonaru!

RICCARDO: Accumora, furu chiddi i l’Endemol?

CICCIO: Veramenti figghiu, chistu non du dissiru.

RICCARDO: Chi cosa?

CICCIO: Si sunnu  moddi o duri!

RICCARDO: Ma papà, non  capisciti! Sicuramenti furu chiddi du Grandi fratellu chi circavunu concorrenti pu programma.

FILOMENA: Bravu, figghiu! Sicuramenti fu iddu….. cu tutti i so fraticeddi!..... Ma ti pigghiaru?

RICCARDO: Veramenti quando mi ficiru trasiri e capiscia chi vulivunu concorrenti e no dutturi i salutai e mi ndi ia!

CICCIO: Bravu o bestia! Ma è pussibili chi tuttu i to mamma avisti e pigghiari! Pirdisti puru a caminata.

RICCARDO: Inveci na pirdia, pirchì  tuttu sommatu fu na bella esperienza. Mamma mia quantu genti chi spittavunu pi fari u provinu.

CICCIO: C’erunu fimmini?

RICCARDO: Fimmini! A migliaia.

FILOMENA: (rivolto al marito) Capisciti, a migliaia!

CICCIO: E quantu sunnu?

FILOMENA: No sacciu!

RICCARDO: A migliaia voli diri 2-3 mila fimmini! I tutti l’età

CICCIO: 2- 3 mila fimmini! Mannaia a mia. S’era saputu era vinutu cu tia!

FILOMENA: Aundi avivi e iri tu? Ma non ti vardi o specchiu? Non vidi chi non ti reggiunu l’anchi!

CICCIO: A mia non mi regginu l’anchi! Varda! varda chi sugnu ginnicu! (Saltella un po’ sino a quando sente un dolore alla schiena e Filomena con un tocco leggero lo fa cadere sul divano) Aih Aih A schina! …… mi d’occhiasti tu!

FILOMENA: Si…..!, tu si fracitu e a mia mi ietti a furia! (rivolto al figlio) E facisti amicizia?

RICCARDO: Canuscia nu saccu i genti! E c’erunu tanti masculi e fimmini chi studiunu pi medicu comu a mia. Ma cu na persona in particolari ndi pigghiammu i caratteri, i stessi studi, i stessi divertimenti, i stessi gusti musicali, puru si esti cchiù randi i mia……………

FILOMENA: Ma non ci faci nenti! L’età non cunta.. si unu si trova bonu!

RICCARDO: Giustu mamma! Ti stava dicendu chi di pigghiammu i carattiri cusì tantu chi ficimu  amicizia, e speru chi non vi dispiaci si u nvitai CCA’ (SUONA IL CAMPANELLO)

RICCARDO: Vaiu ieu! Vi raccumandu non mi  mi faciti fari cattivi figuri! Entra, accomodati che ti presento i miei genitori. (entra Ambrogio, signore distinto un po’ estroso. Veste molto giovanile) Papà, mamma, questo è Ambrogio.

AMBROGIO: Piacere di conoscervi, Ambrogio Maria Fumagalli! Ma potete chiamarmi Ambrogio. Piacere…………

CICCIO: (rimane sconvolto ed a stento riesce a parlare. Mentre Filomena rimane impietrita nella stessa posizione a fissare Ambrogio)(dandogli la mano) Piacere al ca……… non è il caso…….

RICCARDO: Comunque, accomodiamoci, non vorrai restare sulla porta. (si avviano verso il divano, mentre Filomena è sempre ferma allo stesso posto) Mamma?....... mamma! (si avvicina a lei e la scuote) Mamma! Chi ti succidiu?

FILOMENA: Nenti figghiu! E chi ogni tantu mi sentu comu si mi iettaru na caddarata d’acqua bugnenti dancoddu.

RICCARDO:Questo è un chiaro sintomo di ipertensione arteriosa. Ambrogio, tu che dici?

AMBROGIO: Confermo la tua diagnosi. Vostro figlio diventerà un bravo medico, questo ve lo garantisco io, che di queste cose ne capisco. Comunque signora………

FILOMENA: (continua a fissarlo con sguardo assente e non risponde)

RICCARDO:Filomena! Si chiama Filomena. (rivolto alla mamma)

FILOMENA: (ancora poco lucida)Si accosi mi chiamo!. Su dici iddu chi esti medicu è veru!

RICCARDO: Ma mamma! Ma si poti sapiri chi stai sbantisiandu? Pirchì ora ti ll’haiu e diri ieu comu ti chiami!

AMBROGIO:Signora Filomena. Non trascuri questo problema. Le conviene fare degli accertamenti clinici (BUTTA IL VENTAGLIO A TERRA E SI CHINA A PRENDERLO) ma già da subito può iniziare controllando l’alimentazione. Capisce? E’ importante che lei mangi solo cibi che l’aiutino a stare meglio! Ad esempio i cetrioli, le banane…………

CICCIO:Sentiti! Vi vertu chi si nominati puru vui i banani, stavota fazzu succediri u quarantotto. Quante verù chi mi chiamu Cicciu!

AMBROGIO: Ma è allergico alle banane?

RICCARDO: (innervosendosi) Papà, che dici!(rivolto ad entrambi i genitori) Ma insomma che cosa avete tutti e due? Parto per due giorni e vi trovo cambiati, diversi! Insomma non vi riconosco più?

CICCIO: (si avvicina alla moglie) E non ti ncazzari! Accà si c’è unu chi è…… “diversu” ………..(Filomena da un colpo a Ciccio) … diversu…. du solitu! Chiddu si tu!

AMBROGIO: Su Riccardo, Calmati! Sicuramente la mia presenza avrà spiazzato i tuoi genitori! (BUTTA DI NUOVO IL VENTAGLIO A TERRA PER POI RIPRENDERLO) D'altronde, questa improvvisata, avrebbe scosso chiunque!

RICCARDO: Va bene. Allora sai che facciamo, ti accompagno in  camera tua, così ti sistemi e poi vediamo il da farsi!

AMBROGIO: Va bene! (escono entrambi mentre Filomena e Ciccio li seguono scioccati poi URLANO INSIEME)

FILOMENA: (va a sedersi nel divano) Chi guaiu! Chi tragedia! U mandammu mi guarisci e turnau cchù malatu i prima! E sta vota si purtau puru a cumpagnia! (rivolto al marito) a curpa è sulu a tua! E ieu chi ti desi ntisa. Ma sicundu tia, stu Ambrogiu, è zitu cu to figghiu?

CICCIO: Sentimi bona! Comu prima cosa, chiddu è to figghiu! E comu sicunda, non potimu diri na cosa i chisti finu a quando non simu sicuri!

FILOMENA: Allura chi penzi chi stu cristianu non è gay?

CICCIO: Supra a chistu, purtroppo sugnu sicuru? E’! No sentisti? Fu a prima cosa chi ndi dissi!

FILOMENA: Piddaveru? Allura ieu no capiscia?

CICCIO: Ma tu quando mai capisciti carchi cosa?

FILOMENA: Senti Cicciu! Ieu ti dicu non  mi zzannii troppu cu focu. Pirchì u focu….. caddia! E u troppu caddiari poi brucia!

CICCIO:  Ma insomma. No sentisti appena trasiu comu dissi: Piacere io sono Ambrogio Maria Fumagalli!

FILOMENA: E allura? Dissi u so nomi!

CICCIO: Bestia! A tia ti pari. Ma iddu ndi sti tri paroli ndi dissi tanti cosi.

FILOMENA: Si! E sintimu, chi dissi?

CICCIO: Dissi chi Ambrogio è u so nomi quandu è vistutu i masculu! E Maria inveci quando si vesti i fimmina!

FILOMENA: E Fumagalli quando si fuma i iaddi! Ma chi sta dicendo? E chi facimu ora? (suona ilcampanello)Vidi cu esti piffavuri. ( Ciccio si avvia ad aprire) Vo vidiri chi u seppiru o telegiornali e vinniru mu ripigghiunu! Chi vergogna, finimu supra a televisioni!

CICCIO: (va ad aprire) Trasiti! Filomena, rivaru chiddi da televisioni!

FILOMENA: Appostu simu!

CUNCETTA: Comu hai diciuto? Noi simo venuti a salutari Ricky e tu nci tratti accusì?

FILOMENA: No Cuncetta! Pinzava chi erunu autri cristiani. Comunque sittativi chi priparu u cafè. (esce)

LORETTA: E Ricky? Non viene a darci le ultime novità?

CICCIO: Figghia! Bastamu nui, certi novità è megghiu si ti risparmi

LORETTA: (rivolta a Cuncetta) Non capisco.

CUNCETTA: Stai tranquilla chi adesso viene Ricky e nci spiega tutto. (rivolta a Ciccio) E’ vero?

CICCIO: Allura no? Vi spiega tuttu e vi faci vidiri tuttu!

LORETTA: Tutto…. Tutto!

CUNCETTA: Loretta! Datti una rigolata!

RICCARDO: (entra) Buongiorno a tutti!

LORETTA: (si alza di scatto e si lancia su Riccardo) Ciao Ricky, allora com’è andata? Ti hanno scelto? Il viaggio è stato lungo?.. Hai incontrato la Marcuzzi!... Sai ….Mi sei mancato molto?

CICCIO: (parlando con Nicola) Certu, chi a to figghia non ci piaci pi nenti Riccardu!

RICCARDO: (togliendosi di dosso Loretta e molto infastidito) Mamma mia quanti domandi! Si nu pruppu! E poi mancu si fussi mancatu du mesi! Pi du iorna, sta facendu tutta sta sceneggiata napulitana, e chi simu o tiatru! ( si siede)

NICOLA:(rispondendo a Ciccio) Francky. A Loretta è veru chi ci piaci to figghiu! Ma haiu l’impressioni chi a iddu u discursu non nci interessa!

CUNCETTA: Allora? Su! Riccontaci tutto!

RICCARDO: Rivai aundi facivinu u provinu e c’erunu migliaia di genti!

CICCIO: (parlando con Nicola) Nicola, migliaia di fimmini…………

LORETTA: (molto melodrammatica e mentre parla entra Filomena) Oh mio Dio! Vuoi dirmi che sei andato a Roma per fare il galletto, mentre io in pena mi straziavo per te!

FILOMENA: (Entra con il vassoio in mano) Figghicedda bella! Chi ti strazzasti? E comu facisti?

RICCARDO: Mamma! Dassa stari chi a Loretta ci piaci mi faci l’attrici! Ma idda no sapi chi a mia l’Attrici non mi piacinu! (calcando l’ultima frase)

NICOLA: (sempre parlando con Ciccio) Tu diciva ieu, chi to figghiu non mi cunvinciva! Non ci piacinu l’attrici! E chi ci piacinu l’attori?

CICCIO: Ma quali Tori e vacchi! (alzando la voce in modo che sentano tutti) Si propriu u vo sapiri a me figghiu ci piacinu………….. l’avvocatessi.

LORETTA: (parlando sempre con Riccardo) Per tua informazione, mio caro dottore, io ho intenzione di iscrivermi in legge e diventare un bravo avvocato!

NICOLA: (balzando  in piedi) Chi cosa! Ma tu si paccia! E sicundu tia, ieu fazzu mi ti ruvini a vita! No capisci chi u to futuru è a televisioni! Cetty! dincillu puru tu. Mi su caccia da testa u fattu i l’abbucatu, pirchì ieu sta vergogna nda casa na vogghiu!

CUNCETTA: Ma Nicolas, calmati! Non lu vedi chi tua figghia è sconfusa. Chista è l’età dell’amuri…….. e poi è idda chi ndavi e sceglieri. Si voli fare l’avvocato, almenu sperimu mi diventa comu a Mpari Meson!

FILOMENA:A cumpari cui?

CUNCETTA:Ma quale compari! Mpari Meson è nu grandi avvucatu da televisioni.

FILOMENA:A gia! Chi storta chi sugnu. M’era spirdutu chi tu da matina a sira, mangi televisioni…… e cachi pubblicità!

RICCARDO:Ma mamma!

FILOMENA:E no figghiu! Cu sta televisioni, cià scurciaru maritu e mugghieri. E riva na matina cu nu mussu chi ci strica nterra, chi pari chi succidiu una tragedia e poi scopri chi soffri pa telenovellas, chiddautru riva cu discursu i so frati u randi e poi scoprimu chi non era so frati… insomma figghiu, ne supportu cchiù!

AMBROGIO: (Entra) Riccardo…… io sono pronto.

RICCARDO: Vieni, che ti presento i nostri vicini di casa. Ti ricordi te ne ho parlato lungo il viaggio.

AMBROGIO: Piacere, Ambrogio Maria Fumagalli.

CICCIO: Ma vui chiamatilu sulu Ambrogio!

COLA: Molto Piacere, Nicolas Fraietta….. e basta!

LORETTA: Loretta Fraietta.

CUNCETTA: Cetty Fraietta… anchantè (gli porge la mano)

FILOMENA: Thè non avi! Si voi u cafè tu pigghi sinnò ti portu nu bellu biccheri d’acqua cusì ti rifrischi nu pocu i cannarozzi!

AMBROGIO: Parle vous francais? 

CUNCETTA: Si je m’arranjoulè!

AMBROGIO: Lusingato madame. Allora che facciamo Riccardo andiamo?

RICCARDO: Si, allora noi usciamo gli faccio fare un giro in città.

LORETTA: Allora vengo con voi?

RICCARDO: Meglio di no! E’ un uscita tra uomini e poi staremo molto in Facoltà, ti annoiresti. Ciao (Loretta si rattrista e non dice più una parola)

AMBROGIO: Bene signori noi andiamo, buon proseguimento ( BUTTA IL VENTAGLIO E POI LO RIPRENDE escono)

CICCIO:Nicola, sai chi facimu? Iamu o bar e ndi facimu na partitedda e carti.

NICOLA: Iamu, ma non stamu assai pirchì a na certa ura ndavi i pacchi!

CICCIO: Ah….. u paccu cchiù rossu mu calaru a mia!(escono)

FILOMENA: Permettiti ora tornu……….. (esce)

CUNCETTA: (rivolta alla figlia) Senti Loretta, ma tu u voi piddaveru a Riccardu?

LORETTA: Si mamma, ma u vidi comu mi tratta! Ieu no capisciu. Ndi cuntramu  fora cu l’amici e mi stai vicinu e guai cu si vicina. Poi quandu simu suli o ndi cuntramu ccà a so casa pari chi non mi carcula! Ora u vidi tutta a so attenzioni fu pi chistu Ambrogio, ma poi dundi nisciu chistautru?

CUNCETTA: Unu chi si chiama Ambrogio dundi voi mi nesci… di ferrero rochè. Comunque senti a mia, si voi sapiri si Ricky ti voli, ndai e fari na sula cosa.

LORETTA: Dimmi mamma!

CUNCETTA: tu ha fari comu a Bruky i biutifully, l’ha fari ngelusiri!

LORETTA: E cu cui?

CUNCETTA: Cu Ambrogiu per esempiu.

LORETTA: Ma esti vecchiu!

CUNCETTA: Embè! Ti dissi chi ha diventari na sicunda Bruky. A vidi a idda, quandu voli na cosa sa pigghia!

LORETTA: Veramenti chidda……. pigghia tuttu. E poi non sacciu comu si faci.

CUNCETTA: Ora ndi iamu e ti spiegu ieu.

FILOMENA: Scusatimi si dimurai, ma ndaiu nu scasciu i cosi i fari.

CUNCETTA: Non ti preoccupare Filomena chi noi ncè ne immo, Nci vediamo dopo. Ciao (escono Cuncetta e Loretta)

FILOMENA: U cafè su calaru! Ma varda tu si mi avivunu e capitari a mia sti vicini moderni. Chi poi, Loretta esti na bella figghiola, ma cu na mamma e nu patri i chiddi, finisci chi si spascia a testa puru idda. E ch’era bellu chiddautru babbasuni i Cola: “ L’avvocatu! Non sia mai. Sta virgogna a me casa na vogghiu!” Sicundu iddu mi si menti chi cosci i fora e cu na spacca nto pettu chi si vidunu tutti i muluna, chidda non è virgogna! No, chiddu è: essiri moderni. Si iri avanti, significa non aviri cchiù na stampa i russuri, forsi è megghiu si turnamu arretu! Va bonu dassa mi vaiu da intra mi ci dugnu na registrata o bagnu e a stanza i Ambrogiu…… Maria………….Fuma callini…… o comu cavulu si chiama!!!

RICCARDO:Ma potevi dirmelo che eri stanco e non ti andava di venire in facoltà!

AMBROGIO: (rientrano con Riccardo e mentre parlano si siedono nel divano) Si ma tu vacci lo stesso, che io ti aspetto qui, così mi rilasso un po’, sistemo le mie cose e poi magari sta sera usciamo a mangiare una pizza! Ma dimmi una cosa: Ma a te piace veramente Loretta?

RICCARDO: (Annuendo) Si.

AMBROGIO:  Ma allora,, benedetto ragazzo… se ti piace così tanto, perché la tratti così?

RICCARDO: Perché? Ma è chiaro il perché! Io voglio che la ragazza che mi starà accanto e che un giorno forse, diventerà mia moglie, sia una ragazza semplice e soprattutto naturale! Capisci io non posso vederla così “costruita”, come vogliono i suoi genitori. Come posso avere fiducia in Loretta, se un giorno è l’amica di sempre e l’altro vuole assomigliare alla Canalis, oppure alla Ventura o a chi altra ancora!

AMBROGIO: Ma allora parlale, dille le stesse cose che hai appena detto a me!

RICCARDO: E no! Se io gliele dico, non saprò mai se il suo cambiamento è dovuto alle mie parole oppure se invece parte da lei, deve essere quella che vuole essere e non quella che io voglio che  diventi.

AMBROGIO: E già! Il tuo ragionamento non fa una piega. Però stai attento a non tirare troppo la corda, perché potresti perderla per il primo “Pirla” che incontra!

RICCARDO: Io vado allora. Ci vediamo appena finiscono le lezioni. ciao (Esce)

AMBROGIO: Ciao a dopo. Quanto è difficile oggi essere sicuri di chi ti sta accanto. (Prende un giornale ed inizia a leggere)

CUNCETTA: (entrano con passo furtivo assieme alla figlia) Varda è sulu. Ieu vaiu e viu si Filomena è nta cucina, non mi ti vidi quando fai chiddu chi ti dissi. Ma tu cerca ma ta iochi bella pulita sta carta sinnò tu poi sperdiri a Riccardu!

LORETTA: Ma mamma…. Mi vergognu! Non sacciu si su capaci?

CUNCETTA: I vidisti i videocassetti i biutifully?  

LORETTA: Si, però…….

CUNCETTA: Però nenti! Fai u stessu e basta! Aspetta mi trasu nta cucina e poi comincia u show! (entra) buongiorno signor Ambroscio! Cu permesso vaio na nticchia nella cucina.

AMBROGIO: (distoglie per un attimo lo sguardo dal giornale) Buongiorno signora Concetta. Vada… vada. (riprende la lettura)

LORETTA: (cerca di prendere coraggio ed entrare ma non ci riesce inizia una discussione solo mimata tra lei e la mamma che non vedendola entrare si affaccia sulla scena ma Ambrogio non si accorge di nulla, poiché immerso nella lettura)

CUNCETTA: (spazientita ritorna dalla figlia) Signor Ambroscio…..

AMBROGIO: Ambrogio signora! Ditemi?

CUNCETTA: Si, come dicete voi, Ambroscio! Filomena non c’este! Io vaio nu momento a la casa e torno sobito!

AMBROGIO: Va bene! Faccia come crede. (torna a leggere)

CUNCETTA: Senti a tia! Ma è mpussibili chi non pigghiasti nu pilu i mia! (parlano fuori dalla scena)

LORETTA: Ma mamma… no sacciu fari…. Mi vergognu!

CUNCETTA: Va bonu capiscia! Sulu pirchì na mamma ci voli troppu beni e figghi, tu fazzu vidiri ieu. Ma vidi non mi veni nuddu pirchì si mi vidi carchidunu succedi u putiferiu. Si senti rivari a carcunu, frischia chi ieu capisciu e a smettu!

LORETTA: va beni!

CUNCETTA: (MUSICA DELLA PANTERA ROSA FINO A QUANDO AMBROGIO LA VEDE entra cercando di tenere una camminata sensuale ma ovviamente è molto goffa)

AMBROGIO: (Notandola) Signora Concetta, già di ritorno!

CUNCETTA: (con un tono forzatamente sensuale) Si….i.! Sono tornata, pirchè non ho resistito al tuo fiavoro.

AMBROGIO: (Molto imbarazzato) Ah…… Chanel n. 5

CUNCETTA:  Si …si comu o meu Cacarel n. 5

AMBROGIO: Ma signora così mi sta facendo venire le CALDANE!!!!

CUNCETTA: E’ normale! Vuol dire che il mio fiavoro fa iffetto! ( Si avvicina sempre più ad Ambrogio)

AMBROGIO: (Cerca di mantenere una certa distanza) Signora Concetta, ma cosa dice? Ma …. Io non so, se forse qualche mio comportamento le ha fatto capire qualcosa che le assicuro non esiste!

FILOMENA: (V.f.c.) Nti sta casa non si finisci mai…..

LORETTA: (Sente arrivare Filomena e cerca di fischiare ma per la troppa tensione il fischio non esce) Pufff….. Puff….. Puff…. (sentendo sempre più vicina Filomena scappa via)

FILOMENA: (Nota i due nel divano e senza farsi sentire li spia)

CUNCETTA:Tu inveci esisti! Sei intrato nel mio cirivello appena ti ho veduto. Un omo del nord, molto moderno, comi piacino a mia. A si l’avisse ncuntrato prima di mio marito, accomoda fussi stato cchiù facili!

AMBROGIO: Ma signora Concetta…..

CUNCETTA: Ancora con chista signora…. Ma chiamami Cetty. Oppuro quando simo soli, chiamami Brucky!

FILOMENA: (Che sino ad allora aveva mimato a soggetto tutto il suo disappunto, non sopportando più la scena, si fa sentire e si nasconde dalla parte dell’uscita. Cicciu! Si a casa?......

AMBROGIO: Arriva la signora Filomena. Io vado in camera mia. (Esce)

FILOMENA: (entra, molto risentita) Cuncetta ciao, chi fai ccà tutta sula?

CUNCETTA: (mentre parla con Filomena, con lo sguardo cerca la figlia che non c’è)  Nenti! Mi stavo ripusandu  nu poco!

FILOMENA: Ah si! E pirchì  a to casa divani non hai?

CUNCETTA: Certu chi nci l’ho. Ma u toi è chiu’ comodo, più rilassanti!

FILOMENA: Sicura! A mia mi pari chi ccà unu non si rilassa pi nenti. Anzi o cuntraiu….

CUNCETTA: Va bene! Io vado a la casa mia, nci vediamo presto. (esce)

FILOMENA: Puru tardu! Chi forsi esti megghiu! Foragabbu chi sguaiata! Ma comu si ridduciu. Ca era tantu seria e ora ci svapurau tuttu stu focu. Ca du bestia i so maritu, scemiau tantu arretu a sta televisioni, chi non si ndaccorgi i nenti. E poi, u vidisti a chiddu Ambrogiu? Autru chi gay, chiddu a sapi longa e comu o solitu me maritu non capisci nenti.

AMBROGIO: (rientra ancora scioccato) Signora Filomena, è tornata?

FILOMENA: (risentita pure con lui) Si! Pirchè ci dispiaci forse?

AMBROGIO: No, quale dispiacere. E poi questa e casa sua.

FILOMENA: Bravu! E chistu ricordatevillu sempri. Chista è casa mia e cu non stai con due pedi nti na scarpa…… si ndi poti iri! Ieu sogno da intra. Si avete bisogno di carcosa, chiamati a mia! E no e vicini!

AMBROGIO: Ah, stia tranquilla che non ho nessuna intenzione di chiamare nessuna vicina!

FILOMENA: Speriamo m’è veru! (esce)

AMBROGIO: (si risiede nel divano) Ma chi me lo avrebbe detto, che mi sarei trovato in una situazione così imbarazzante. E cosa faccio adesso. Con Riccardo come faccio? Se  gli racconto tutto, quello taglierà tutti i rapporti con Loretta e poverina non deve pagare lei per i colpi di testa della madre. E poi sono sicuro che Loretta non è come sua mamma!

LORETTA: (MUSICA DELLA PANTERA ROSA FINO A QUANDO AMBROGIO LA VEDE Entra con lo stesso atteggiamento provocante della mamma, anche lei molto goffa) Ciao Ambrogio, che fai tutto solo?

AMBROGIO: Ciao Loretta. Sto cercando di rilassarmi un po’, ma ultimamente è un po’ difficile.

LORETTA: (va dietro le sue spalle ed inizia a massaggiarlo) Così, va meglio?

AMBROGIO: (inizia ad innervosirsi ed a sudare) Ma…ma…ma .. cosa fai?

LORETTA: Volevi rilassarti? Ed io ti faccio rilassare.

AMBROGIO: (si alza di scatto) Ma…ma… pure tu! Ma cosa sta succedendo? Sto sognando forse?

LORETTA: (tra il sensuale e l’imbarazzo) Non stai sognando….. è tutto vero. Mi piaci molto e vorrei conoscerti  meglio… (si avvicina sempre dipiù ad Ambrogio, mentre lui cerca di sfuggirgli)

AMBROGIO:Ma Loretta. Tu sei giovane ed io vecchio. Dovresti frequentare ragazzi della tua età-

CICCIO: (entra e notando la scena segue l’evolversi senza farsi notare)

LORETTA:I ragazzi della mia età…. Non sanno apprezzarmi…. Invece tu! ….. Sai ho visto come mi guardavi.

AMBROGIO: Io! Perché come ti guardavo?

LORETTA: (sempre un po’ imbarazzata) Come ad uno a cui piaccio. Come uno che vorrebbe riempirmi di baci!

AMBROGIO: (sempre più incredulo) Oh no, io con il rossetto non bacio mai nessuno!

LORETTA: (quasi piangendo) Vuoi dirmi, che sono brutta? Che non ti piaccio? Che non sono attraente!

AMBROGIO: Non ho detto questo! Tu… sei molto bella, sei giovane, sei ……

LORETTA: Ed allora, dimmi! Cosa non va in me! Perché chi desidero non mi guarda nemmeno!

AMBROGIO: Ma non è cosi!

LORETTA: Invece si! E tu ne sei la prova. Dammi un motivo valido per giustificare questo tuo disinteresse!

AMBROGIO: Ma Io non posso lasciarmi andare con te, perché……

LORETTA: Perché?

AMBROGIO: perché……

LORETTA: (ricalzando ancora di più) perchè!

AMBROGIO: …tra me e te c’è un altro!

LORETTA: Un altro? (attonita)

AMBROGIO: Ti do un consiglio, perché sei una brava ragazza e ti voglio bene come una figlia. Sii sempre te stessa, non cercare idoli da imitare. Ognuno di noi è speciale perché è unico e poi, vivi la tua vita come Loretta e vedrai che sarai più felice. (Si avvia  in camera)

LORETTA:Ambrogio, dimmi un ultima cosa. Chi è l’altro?

AMBROGIO: Non dovrei dirtelo……. Riccardo! (Esce e BUTTA ANCORA IL VENTAGLIO)

LORETTA: Riccardo! (Cade nel divano piangendo) Don Cicciu, sintistivu?

CICCIO: Si figghia, sentia tuttu!

LORETTA : Certi voti, i cosi non sunnu comu sembrinu!

CICCIO: E mu dici a mia.

LORETTA: Capiscistivu? Riccardu non è insensibili. E’ nammuratu puru iddu, sulu chi no voli dimostrari. Oggi è na jurnata meravigliosa pi mia.

CICCIO: Pi tia  forsi. Pirchì a vui chi siti moderni certi notizia non vi fannu ne caddu e ne friddu. Ma pi  mia figghia, era statu megghiu si certi jurnati non briscivinu mai!

LORETTA: Vado a dare la bella notizia a mamma e papà!

CICCIO: No! Quantu prescia hai. Poti essiri chi Ambrogiu si sbaglia. Non esti megghiu mi parri prima cu Riccardu?

LORETTA: Si, aviti ragiuni. Però, qualsiasi cosa mi dici vostru figghiu. Ieu sacciu chiddu chi haiu e fari da me vita. Basta mi pigghiu i paroli i l’unu o  l’autra. Da oggi conoscerete la vera Loretta. (esce e toglie i tacchi)

CICCIO: E puru u veru Ricchiardo! Chi tragedia.

FILOMENA: Turnasti! Era ura. Senti, parra cu to figghiu pirchì Ambrogiu si ndavi e iri i sta casa!

CICCIO: Ormai esti troppu tardu.

FILOMENA: Pirchì?

CICCIO: Si ficiru ziti!

FILOMENA: O foragabbu! E chi prescia avivinu.

CICCIO: E ora cu seppi Loretta sicuru nciù dici a tutti!

FILOMENA: Puru a so patri?

CICCIO: I quant’avi chi l’aviva capisciutu iddu!

FILOMENA: Piddaveru? E ieu cu faciva fissa! E senti e comu a pigghiau?

CICCIO: Ma comu voi ma pigghia, a iddu chi ci interessa.

FILOMENA: E già. Iddu è modernu. Sti cosi i vidi tutti i iorna a televisioni. Chi voi mi nci nteressa, si a testa ci pisa. Comunqui, a cosa importanti e chi ndi cacciammu stu dubbiu supra a Riccardu. Mi sentu cchiù leggera.

CICCIO: Ah si! Brava. Almenu una nta famigghia ca pigghia a filosofia ci voli.

FILOMENA: Ciccio, Ho scopruto una cosa!

CICCIO: E simu in dui!

FILOMENA: Cuncetta sa ntendi cu Ambrogio!

CICCIO: Comu?

FILOMENA: I vitti chi me occhi! Erunu nto divanu chi si mbrazzavunu.

CICCIO: Si…. E ieu scopria chi Ambrogio è zitu! E voi sapiri cu cui?

FILOMENA: Pirchi ha canusciu?

CICCIO: uh!

FILOMENA. E dimmi cu è sta poveretta chi già ndavi i corna?

CICCIO: To figghiu!

FILOMENA: Cui, Riccardu?

CICCIO; Pirch’ quantu figghi ndai?

FILOMENA: Unu!

CICCIO: E chi sta misurando ora?

FILOMENA: U tambutu pi mia!!!!!!!!!!! (SUONA IL CAMPANELLO)

CICCIO:Vidimu cu è? Nicola, Cuncetta trasiti.

COLA: Permessu. Francky, allura è veru chiddu chi mi dissi Loretta? Ma tu non sai quantu sugnu felici i sta cosa.

FILOMENA: (parlando tra se) Comu si dici: Curnutu e cuntentu!

CUNCETTA: Sogno veramente contenta. Ora tutti anite dobbiamo organizzare la festa di fidanzamento!

CICCIO: Ma quali festa e festinu! Ccà simu a luttu strittu.

FILOMENA: Si chi ieu era paccia mi ti tegnu a candila a tia!

NICOLA: (entra Ambrogio) Signor Ambrogio, voglio dicere a lei  una cosa su chillo che  ha detto e fatto!

AMBROGIO: (preoccupato) Signor Nicolas, ragioniamo è non giungiamo a conclusioni affrettate! Vi giuro che io non ho fatto proprio niente.

NICOLA: Non è vero! Sacciu tuttu e me mugghieri confermau!

AMBROGIO: Oh mio Dio! E adesso?

NICOLA: Venissi vicinu a mia! Non si schianti che non la mangio!

AMBROGIO: (SI avvicina timoroso e chiudendo gli occhi si aspetta un pugno) Vi giuro che non ho fatto nulla!

NICOLA: (Lo abbraccia e lo bacia) Grazi! Riniscistivu mi faciti cuntenta a me figghia e mi mi iapriti l’occhi a mia!

FILOMENA: Veramenti, mi sembra chi ti chiudiu du tuttu! Sinnò non penzu propriu cu mbrazzavi.

CUNCETTA: Ma Filomena, ma che dici?

FILOMENA: Zitta svergognata chi non si autra. Vi vitti nto divanu comu vi mbrazzavuvu!

CUNCETTA: Ah, mi vidisti! … Ma ….. ma …..Ma era sulo pe finta. Stavamo pruvando na scena i biutifully.

FILOMENA: Ancora cu sta televisioni!

CUNCETTA: Non continuare. Oggi è na jornata perfetta. E  io vogghio ringraziare il Destino, chi ci ha portato ad Ambroscio, qui tra noi.

FILOMENA: Cchiù chu Destinu…. A natura!

CICCIO: Si, ringraziamu a natura! E ormai chi ndi truvamu, dumamunci du ciri a Madonna!

AMBROGIO: Ma, vedete che io non ho fatto nulla! Quanto due persone sono veramente innamorate, nulla li può tenere lontane. L’amore trionfa sempre! (BUTTA ANCORA IL VENTAGLIO MA LO PRENDE CICCIO IMITANDOLO)

CICCIO: A mia, stu discursu non mi nteressa! E vistu chi me figghiu truvau a so strata, appena torna ci dicu mi si trova casa!

NICOLA: Pa casa ci penzu ieu! Ndaiu n’appartamentu vicinu o Spitali, cusì si Ricky ndavi a furtuna mi pigghia u postu, è vicinu.

CICCIO: Grazi Nicola! E’ nu gestu bellu u toi, ma penzu chi si ndi voli iri a Roma. Ma aundi è  ora?

CUNCETTA: Era ndi nui! Stava parrandu cu Loretta.

RICCARDO: (Entra) Come vedo siete tutti qua!

NICOLA: Ricky, bellu du papà, fatti mbrazzari! (Lo abbraccia)

CICCIO: (rivolto alla moglie) Ma chi malanova sta dicendu? Ma duna i numera? Senti a tia (rivolto a Nicola) Vidi chi Riccardu è me figghiu! Non ti propriari di cosi chi non sunnu i toi!

NICOLA: Ma non esseri gilusu! No sai chi quandu unu si faci zitu, diventa puru figghiu i chiddatri!

CICCIO: Ah si! E allura ieu si poti sapiri quant’autri figghi ndaiu?

NICOLA: Ma è mpussibili chi non ti riva! Ora ndai puru na Figghia!

CICCIO: (guardando Ambrogio) Ambrogio…. Maria….. No! Ieu ndaiu sulu nu fugghiu! Pi mia è a zita i me figghiu e basta.

CUNCETTA: Ma vabbeni, guarda comu chiano chiano cambia idea. Fatti ambracciare figghio mio!

FILOMENA: Senti Cuncetta non ti pigghiari troppu i cunfidenza pirchì Riccardu na mamma sula ndavi e sugnu ieu!

RICCARDO: Va beni, non vi sciarriati! Chi sugnu figghiu i tutti.

CICCIO: Si.. figgghiu i puttana!

FILOMENA: Cicciu!

CICCIO: Non diciva pi tia! Era mi nci rispundu a stu to figghiu.

RICCARDO: Ambrogio, amico mio. Fatti abbracciare. (si abbracciano)

CICCIO: (si mette una mano sugli occhi) Filomena, ne pozzu vidiri! Mi faci sensu. Dopu chi si baciunu dimmillu chi iapru l’occhi.

RICCARDO: Incontrarti è stata la mia fortuna!

FILOMENA: Chiamala furtuna!

RICCARDO: Mi hai aperto gli occhi. E mi hai fatto capire cosa rischiavo di perdere con la mia indifferenza. Grazie e voglio chiederti qui davanti a tutti, ufficialmente, di………

CICCIO: Filomena! Stuppimi puru i ricchi, pirchì si sentu a parola matrimonio, non penzu ca supiru!

RICCARDO: di farmi da testimone di nozze.

CICCIO: Comu! Chi ci circasti?

RICCARDO: Di farmi da testimone di nozze!

FILOMENA: Ma pirchì non ti mariti cchiù cu iddu?

RICCARDO: (guardandosi con Ambrogio e poi guardano gli altri scoppiano in una ristata generale) Ma mamma, ma chi dici mi mi maritu cu Ambrogio! Ma forsi non t’accurgisti chi Ambrogio è masculu!

CICCIO: Dassila stari a to mamma! Cusapi chi capisciu.

FILOMENA: Ieu chi capiscia!

CICCIO: Ma allura cu cui ti facisti zitu, Si poti sapiri?

RICCARDO: Ma cu Loretta! CU so figghia! Pinzava chi era chiaru.

CICCIO: Chiarissimu! Tuttu chiaru! E aundi è me figghia! Aundi è mi nci dugnu na brazzata e na baciata!

RICCARDO: Ora arriva!

FILOMENA: E tu fugghiu voi chi Loretta lavura nta televisioni, cu di gonni curti, cu da spacca nto pettu …….

RICCARDO: Non penzu chi voli lavurari nda televisioni. Sicundu mia diventerà nu bravu avvocatu.

CICCIO E FILOMENA: (rivolti a Nicola in tono sarcastico) TE!!!!!!!!!!!!!!!!!!

COLA: (parlando con Ciccio) Francky, piffavuri, non zzanniari supra a sti cosi. E poi aundi è scrittu chi nti na casa, almenu unu non avi e fari nu lavuru seriu! Idda voli lavurari nta te-le-vi-si-oni! E to figghiu savi e rassegnari! Ormai u futuru è di velini.!!!!!!!!!!!!!!!!

LORETTA: (entra in scena vestita in modo molto sobrio) NoPapà! Ti sbagli. Pirchì, com’è u futuru, sulu u Signuri u sapi. Riccardu mi apriu l’occhi, stava facendu cosi chi non m’appartenivunu, sulu mi vi fazzu cuntenti. Facimu i tuttu mi sumigghiamu a l’autri! Ma è sbagliatu. Ognunu i nui è speciali, pirchì è unicu, nto beni e nto mali. Avimu a essiri cuntenti  i chiddu chi avimu e orgogliosi i chiddi chi sunnu i nostri origini, i nostri ideali, a nostra storia, e mi nci paramu e nostri figghi (prende Riccardo dalla mano e lo guarda negli occhi) chi prima da carriera, veni u rispettu da propria persona. Forsi non risulvimu tutti i problemi du Mundu, ma chisti ormai nto beni e nto mali sunnu i Tempi Moderni.

FINE

SIGLA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 31 volte nell' arco di un'anno