Tetillo ‘nzurato

Stampa questo copione

TETILLO ‘NZURATO

tetillo ‘nzurato

Commedia in quattro atti

Personaggi

Felice

Adelina

Attanasio

Dorotea

Lorenzo

Amalia

Leonardo

Michelina

Pasquale

Marietta

D.Raffaele

Arturo

Rosina

Achille

Carluccio, servo

Ciccillo

Biasiello

Un facchino che non parla

ATTO PRIMO

Camera in casa di Felice. Le porte laterali ed una in fondo. In fondo a destra dello spettatore una finestra. Mobilia dorata, occorrente da scrivere, campanello, foglietti, ed enveloppe.

SCENA PRIMA

Carluccio e Amalia, poi Leonardo.

AMALIA (dalla prima dello spettatore): Carlù, è venuto?

CARLUCCIO (dal fondo): Sissignore signorì, sta fore.

AMALIA:Fallo trasì.

CARLUCCIO:D. Leonà trasite.

LEONARDO:Commarè che cos’è, pecché m’avite mannato a chiammà co tanta premura?

AMALIA:Carlù, vattenne, e ricordete chello che t’aggio raccomannato.

CARLUCCIO:Nun dubitate signorì, nisciuno saparrà niente. (Via.)

AMALIA:Compà, io aggio abbesuogno assolutamente de vuje.

LEONARDO:Di che si tratta?

AMALIA:Vuje sapite che la sora cucina de Lorenzo mariteme, s’è mmaretata da nu mese, e s’ha pigliato lo figlio de nu certo D. Attanasio.

LEONARDO:Sì, sì, lo ssapette, ma non potette assistere a lo matrimonio pecché me trovava a Salierno pe cierte affare, e po’, la verità, manco nce sarrìa venuto, pecché non conosco né la sposa, e né lo sposo.

AMALIA:Oh vuje sarrisseve stato lo padrone.

LEONARDO:Oh, grazie tanto. Dunque?

AMALIA:Dunque, stu D. Feliciello, che accossì se chiamma lo sposo, è stato nu stravagante, nu capricciuso, avvezzato male da la famiglia, nun ha voluto ncuorpo de fà niente, e pe ghionta de ruotolo è ghiuto appriesso a tutte li femmene, e ha fatto nu cuofene de strambezze. Siccome maritemo è assaie amico de lo padre, combinaiene de le fa spusà sta cognata mia, la quale v’assicuro compà, e na perla, tine tutte le virtù del mondo, è stata 5anni in ritiro, e veramente non se sarrìa mmeritato a chillo pe marito.

LEONARDO:Ma pecché, forse seguita a fà chello che faceva na vota?

AMALIA: Chesto ccà nun lo saccio; isso però pare na pecora, dice che non sarrìa capace de fà niente cchiù, che va pazzo pe la mogliera, che è pentito de chello c’ha fatto, ma a me, compà, a me, non me fa capace, vuje sapite che io non so’ scema.

LEONARDO:Ve site accorta de quacche cosa?

AMALIA:Vedite, spusajene a Surriento, doppo 8 juorne dicette che non se fidava de stà accussì solitario, che se senteva chiudere la vocca de lo stommaco, tanto che Lorenzo maritemo fuje oblligato d’affittà sta casa a Napole.

LEONARDO:E ccà è bello, ccà facite casa e casino.

AMALIA:Dicite la verità, compà, non è nu bello sito?

LEONARDO:Eh, vuje pazziate, Mergellina, aria pura, aria netta.

AMALIA:Embè, chillo pure dice che non se fide de stà, pecché è solitario, non vede nisciuno.

LEONARDO:Allora se ne jesse abbascio Puorto de casa!

AMALIA:Pò stà nu pare d’ore fore de casa senza avè che fà. La mogliera la tratta bona, le fa nu munno de cerimonie, e chella poverella se lo crede, ma io non ne songo certo però. Compà, vuje m’avarrisseve da fà nu gruosso piacere.

LEONARDO:Dicite commarè.

AMALIA:Vuje pe nu pare de juorne, nun m‘avita essere cchiù compare, invece avita essere lo servitore de sta casa.

LEONARDO:Commarè, vuje che dicite, io so’ no galantomo.

AMALIA:E io pecchesto me so’ servuto de vuje, avita fà vedè che site nuovo servitore che maritemo ha pigliato, po’, quanno rimanite sulo cu isso le dimmannate tanta cose, cercate de scepparle rroba da cuorpo, facite vedè che site de la parte soja, capite, a vuje pò non nce vonno tanta spieghe.

LEONARDO:Io aggio capito, ma commarella mia, comme faccio, vuje sapite che io so’ usciere de lo tribunale, comme pozzo mancà 2 juorne?

AMALIA:No, compà, vuje non v’avite negà; senza offesa, si me facite stu piacere, io ve regalo 100 lire.

LEONARDO:Nonsignore, e pecché, ve pare commarella mia.

AMALIA:Stateve zitto, non ne parlammo cchiù, mò ve vaco a piglià la livrea, levateve lo soprabito.

LEONARDO:Ma commarè, io non posso.

AMALIA:Uh, mò la putarrisseve fernì!

LEONARDO:Ma lo cumpare lo ssape?

AMALIA:Lorenzo sa tutto, l’aggio ditto tutte cose.

LEONARDO:Ma sentite, vuje me facite nquità co lo tribunale.

AMALIA:Non avite paura che nun ve nquitate, levateve lo soprabito che mò ve vaco a piglià la livrea.

LEONARDO:Ma sentite... Sangue de Bacco, era meglio che non nce veneva. Vuje vedite che guaio ch’aggio passato. Comme faccio co lo tribunale? Eh, sulo co lo tribunale, e cu muglierema comme la combino? chella è accossì gelosa, dimane fanne 3 mise che me l’aggio sposata, e già manco 2 juorne da la casa, e io stongo 2 juorne senza vedè a Michelina mia? E si quaccheduno, vedenno che io non nce stongo accommencia a fà lo grazioso, chella è na modista, sti canchere de giovinotte quanno sentene modiste, sentene lo pane... no, è impossibile, mò nce lo dico a la commarella, non pò essere.

SCENA SECONDA

Amalia e detto.

AMALIA (con livrea): Jammo compà.

LEONARDO:Commarè, io non ve pozzo servì.

AMALIA:Oh, compà, mò me facite piglià collera mò, è la prima vota che ve cerco nu piacere. (Gli leva il soprabito e gli mette la livrea, il soprabito lo mette sopra una sedia.)

LEONARDO:Ma capite che io...

AMALIA:Che io e io, chesta è na cosa de niente, dimane a chest’ora ve ne jate.

LEONARDO:Dimane! E stanotte addò dorme?

AMALIA:Dormite cca.

LEONARDO:Dorme ccà? Vuje pazziate, io so’ nzurato.

AMALIA:E che fa, pe na nottata.

LEONARDO:Vuje pazziate... Commà, nun è cosa, stateve bene. (Ra.)

AMALIA (ridendo): Addò jate?

LEONARDO:Me ne vaco.

AMALIA:Ve ne jate? Seh, ve nejate, io aggio dato l’ordene a lo servitore e a lo guardaporta che non v’hanno fà ascì.

LEONARDO:Oh, commarè, scusate chesto non sta.

AMALIA:Va buono, fernitela, nu piacere de niente, va jatevenne fore a la sala!

LEONARDO:Vui li vedite, n’usciere de tribunale fore a la sala!

AMALIA:Chillo mò se ritira Feliciello, io ve ce presento, po’ facite chello che v’aggio ditto, jate, jate.

LEONARDO:Ma comme, vuje mo...

AMALIA (spingendo): Jate, jate, e comme site ncucciuso! (Leonardo: via fondo.) Mò vedimmo se io riesco ad appurà quacche cosa. (Via 1a a sin.: Leon.: esce di nuovo.)

LEONARDO: Addò sta, se n’è ghiuta? Aggio pensato d’avvisà a Michelina, si no chella sta npensiero, mò le faccio na lettera, e nce la manno pe la posta... (Siede e scrive:) «Michelinuccia mia. Fino a domani al giorno io non mi posso ritirare, per causa di una combinazione che si è data, quando verrò ti dirò tutto. Stasera quando finisci di lavorare, ritiriti dritta dritta a casa. Stanotte pensa a me, che io penso solamente a te...».

SCENA TERZA

Adelina e detti, poi Felice.

ADELINA (dalla seconda a sin): (E chillo chi è?).

LEONARDO (seguita a scrivere): «Accetta un bacio ed un abbraccio dal tuo affezionatissimo marito Leonardo».

ADELINA:Voi chi siete? Che stavate facendo là?

LEONARDO:(Oh, e mò che le dico a chesta). Vedete, io sono il nuovo servitore.

ADELINA:Il nuovo servitore? E ve pigliate l’ardire da metterve là a scrivere comme fosse casa vostra?

LEONARDO:Ma vedete...

ADELINA:Andate in sala incominciate molto male a fare il vostro dovere.

LEONARDO:Ma vedete io...

ADELINA:Uscite, vi dico!

LEONARDO:(Vuje vedite che me tocca a soffrì!). (Via fondo.)

ADELINA: Vuje vedite che scostumato! Comme va che Feliciello non s’è ritirato ancora? Ah, quanto lo voglio bene, e quanto me vò bene isso a me! Non capisco pecché Lorenzo e Amalia nun lo ponno vedè tanto, chillo è accussì buono, accussì affezionato.

FELICE (d.d. dal fondo): Va bene, ho capito, adesso non vi posso dare udienza.

ADELINA:Ah, lo vì ccà... Aspetta, non me voglio fa vedè. (Si nasconde seconda a sin.)

FELICE (uscendo): Nun voglia maje lo Cielo steva moglierema affacciata; chella cancara de lavannara sempe che me vede passà se mette a ridere, e la combinazione sempe che passo io, sta lavanno, chella posizione me ne fa j de capa, non me so’ fidato da me lo tenè cchiù, l’aggio ditto quanto sei bona l’aggio dato nu pizzeco e me ne so’ scappato. (Adelina si pone dietro a Felice egli copre gli occhi con le mani.) Chi è Amalia... (Toccando le mani di Adelina.) Mia moglie.

ADELINA:Vostra moglie.

FELICE:(Avesse ntiso lo fatto de la lavannara).

ADELINA:Dove site stato?

FELICE: (Meno male nun ha ntiso niente!). M’ho fatta na passeggiata.

ADELINA:E già... ogni mattina andate a passeggiare.

FELICE:Adelina mia, dinta a la casa io che nce faccio?

ADELINA: Comme che nce faje? Staje vicino a me, parlammo de tanta belle cose, nce contammo quacche cunto, nce facimmo na partita a scopa, cu me nun vuò giocà maje.

FELICE: Adelina mia, quanno non c’è interesse, io non nce trovo sfizio.

ADELINA:Fra marito e mogliera non ci dev’essere. Se io guadagno te dà 6 nzengarde sopra al naso.

FELICE:Vì che piacere! Na decisione che vince, me faje tanto nu naso!

ADELINA:E poi ce so’ tanta divertimenti in casa. Io sono, e tu cante... e pò, e pò, che saggio, quanno nu marito vò bene a na mugliera, non se secca maje de starle vicino, tu invece te pare mill’anne d’ascì, quanno io te parlo tu staje sempe stonato, staje sempe dinta a la luna, ma io vorria sapè a che pienze.

FELICE:Haje ragione, sì, Adelina mia, haje ragione, ma io ho vergogna di dirti perché sto così.

ADELINA:Ah, dunque, nce sta na ragione?

FELICE: C’è, c’è la ragione. Adelina mia, pure l’avarrisse avuta da capire, tu non ti hai sposato un giovane senza padre e senza madre, ti hai sposato l’idolo di due vecchi genitori, hai tolto il cacciuttiello allora figliato dalla rana, ce l’hai strappato mentre ancora zucava. Credi tu che io possa stare allegramente, abituato a vedere a mammà e a papà ore e momenti, ma non li veco cchiù pe la casa, me vene a mente quanno me suseva a la matina, quanno a tavola mangiava cu lloro, la sera prima di andare a letto, mi andava a pigliare la benedizione paterna e materna. Adesso, dimmi, dove me vado a fà benedì? Quando te dico che voglio andare a passeggiare, invece corro da loro, quanno sto stunato, sto stunato pecché penza a lloro. Adelina mia, è una debolezza, ma che vuoi, amo troppo i miei genitori. (Prorompe in pianto.)

ADELINA:Oh, haje ragione, perdoneme se so’ stata io la causa de farte dispiacere. Da questi sentimenti io non ti distolgo certo, me lo potive dicere primme però.

FELICE:Ho avuto vergogna.

ADELINA: Ma che vergogna, fra marito e mogliera non nc’ha da essere vergogna. E dimme na cosa, primma vuò bene a mammà e papà, e doppo de papà e mammà chi vene?

FELICE:La lavannara.

ADELINA (subito): La lavannara! E che c’entra la lavannara.

FELICE:No, vuleva dì, è venuta la lavannara a portarme le cammise.

ADELINA:Nuje stamme parlanne de na cosa, che te ne mporta de la lavannara, che è non tiene cchiù cammise!... Lo bì, Felì tu te stuone.

FELICE:(All’arma de la capa, aggio ditto la lavannara!). Doppo vieni tu, vieni tu moglierella mia cara cara.

ADELINA:Feliciello mio, caro caro. (S’abbracciano.)

SCENA QUARTA

Amalia e detti, poi Carluccio, indi Leonardo.

AMALIA:Oh, brave, brave, accussì ve voglio.

FELICE:Oh, Amalia.

AMALIA:Feliciè, te sì ritirato cchiù tarde stammatina?

ADELINA (piano ad Amalia): (è ghiuto a trovà la mamma e lo padre, puveriello!).

AMALIA (c.s.): (Te l’ha ditto isso?).

ADELINA (c.s.): (Sì).

AMALIA (c.s.): (Ah, va bene). Adelì, dinto sta la sarta, t’è venuta a misurà la veste, và, che te sta aspettanno.

ADELINA:Vaco. Feliciè, aspetteme che io mò torno.

FELICE:Và moglierella mia bella bella. (Ade: via.)

AMALIA:Dunche Feliciè, sì stato da papà e da mammà?

FELICE:Sì, pecché non me fidava de stare senza vederle.

AMALIA:E che t’hanno ditto?

FELICE:M’hanno dimandate tante cose, m’hanno dimandato il matrimonio come mi porta.

AMALIA:E tu che l’haje risposto?

FELICE: E che le doveva rispondere, Amalia mia, l’aggio ditto che sono felice, che la mia vita è cambiata, che incomincio adesso a provare quella pace, quella felicità, che io non aveva ancora conosciuta, maledico il passato, e giuro di essere marito fedele e affezionato a quell’angelo di Adelina, che il Cielo mi ha mandato per farmi pentire di tutto ciò che ho fatto.

AMALIA:(Parla de na manera, che quase quase credo d’esserme ngannata). (Suona il campanello.)

CARLUCCIO:Comandate.

AMALIA:Dì a Battista, lo nuovo servitore, che venisse mò ccà.

CARLUCCIO:Subito. (Via.)

FELICE:Ah, è venuto il nuovo servitore?

AMALIA:Sì, è nu buon’ommo, steva cu n‘amico de Lorenzo, siccomme ha avuta partì, nce l’avimmo pigliato nuje.

FELICE: Oh, bravo, avete fatto bene. Già, tutto quello che fate voi, sta ben fatto.

LEONARDO (si presenta sotto la porta. Amalia: gli fa dei segni a concerto).

AMALIA:Avanti.

LEONARDO:Comandate Eccellenza.

AMALIA:Battista, questo signore è lo sposo, è il padrone della casa, ti raccomando di servirlo a dovere, e non farlo piglià collera, di obbedirbo in tutto e per tutto. Una piccola sua lagnanza, uscirai subito da questa casa.

LEONARDO:(E quanno, dico io!).

AMALIA:Nce simme ntise?

LEONARDO:Va bene Eccellenza.

AMALIA:Feliciè, io me ne vaco dinto. (Dille quacche cosa tu, certamente a te ha da cuntentà). (Via.)

FELICE:Battista, Battista... Battì... (Vede Batt. che fa dei segni di disperazione.) Batti...

LEONARDO:Uh! Scusate, steva sopra a pensiero. (Io sapeva che me chiammava Battista).

FELICE: E sì accomminciammo buono! Voi dovete stare attento, pecché io non nce metto niente e ve faccio na cauciata.

LEONARDO:(E chesto nce mancarria, n’usciere de Tribunale avè pure na cauciata!).

FELICE:Si tu faje tutto quello che dic’io, e vedo che me vuò bene, assicurati che non ti mancherà niente.

LEONARDO:Grazie Eccellenza.

FELICE:Io poi non sono uno di quei padroni superbiuse, severi, arraggiuse, sono buono, compassionevole, affezionato.

LEONARDO:Bravo, a me accossì me piace.

FELICE:Dimme na cosa, sì nzurato?

LEONARDO:Io? Nonsignore.

FELICE:Beato te!

LEONARDO:E chesto nce mancava, na mogliera vicino, na femmena che te la vide appriesso ore e momente. Io dico che chi se nzora, fa l’ultima bestialità.

FELICE:Tiene, chesta è na carta de 5lire.

LEONARDO:E pecché, signorì?

FELICE:Pecchesto, te voglio dà 5lire, nun so’ padrone?

LEONARDO:E io ve ringrazio.

FELICE:Haje ditto na parola che và 1000 lire!

LEONARDO:Ecco ccà, vuje mò m’avite data sta 5 lire, chesta pe me è na somma, chesta m’abbasta 15 juorne, si lo cuntrario, tenesse vicino nu guaio de mogliera, non m’abbastarria manco n’ora, e pò scusate, sì io songo tanto ardito.

FELICE:No, parla, parla, tu me staje consolanno!

LEONARDO:Haje da dà cunto addò vaje, addò nun vaje, a che ora te retira, a che pienze, quanto haje spiso, senza dì po’ chella zucatura continuata: me vuò bene, pienze sulo a me, pecché haje guardato nfaccia a chella, ah, è na cosa che te fa morì primme de li juorne tuoie! Va tanto la vita indipendente, 4 - 5nnammorate a lo pizzo, campagnate, carrozziate, divertimenti, mo cca, mò llà, senza penziere, senza seccature.

FELICE:Damme nu bacio. (Lo bacia.) Haje fatto marenna?

LEONARDO:No ancora.

FELICE:E ghiammo a fà marenna jà! (Se lo prende a braccetto e viano fondo a sinistra.)

SCENA QUINTA

Carluccio e Pasquale, poi Lorenzo.

CARLUCCIO:Favorite, favorite.

PASQUALE:Dunque D. Lorenzo nemmeno oggi ci sta?

CARLUCCIO:Nonsignore, chesta nun è ora soja, si lo vulite aspettà.

PASQUALE:Sicuro che l’aspetto, so’ 3 giorni che vengo fino a qua inutilmente, ogge ccà faccio scurà notte.

CARLUCCIO:Facite comme ve piace.

LORENZO (d.d.): Carluccio, Carluccio.

CARLUCCIO:Ah, eccolo ccà che vene.

LORENZO (esce): Carlù, va te piglia chella canesta e chelli scatole che stanno fore, e portele dinta a la cammera mia.

CARLUCCIO:Subito. (Via.)

LORENZO:Oh, maestro rispettabile!

PASQUALE:D. Lorenzo garbatissimo!

LORENZO:Me pare che venisteve pure ajere?

PASQUALE:Venni ieri, e venni pure l’altro ieri, e senza mai trovarvi.

LORENZO:Accomodatevi, maestro.

PASQUALE:Grazie tanto. (Seggono.)

LORENZO:Dunche che m’avita dicere?

PASQUALE:E voi non lo sapete?

LORENZO:Ah, quell’affare llà, e buje ancora nce pensate?

PASQUALE: Ancora nce penso! Nc’aggia pensà pe forza. Dopo di quella mattina che voi in casa di D. Attanasio, me facisteve vedè lo ritratto de muglierema, e pò quanno trasetteme dinto a mangià, me lo sceppasteve da mano, credennove che io lo faceva vedè a la mugliera vosta, siccomme assolutamente non me volisteve fà lo testimonio, io non me n’incarricaje, ma però cessai di mandarle il mensile.

LORENZO:Bravissimo!

PASQUALE:Eh! bravissimo, voi sapete quella faccia tosta che coraggio ha avuto, sapete che m’ha fatto?

LORENZO (ridendo): Che v’ha fatto?

PASQUALE:M’ha citato, ha avuta l’abilità di citarmi. (Lorenzo ride.) No, D. Lorè, nun ridete, che me fate indisporre. Mò non è più il caso di pigliarla a pazzia, voi sarete tanto buono di favorire con me dall’avvocato mio, e dirgli l’affare de lo ritratto.

LORENZO:Oh, maestro, sto penziero levatavillo da capo! Ve pare, io me metto a fà lo testimonio, ne metto mmiezo a sti rotola scarze.

PASQUALE (alzandosi): No, D. Lorè, vuje m’avita fà lo testimonio, pecché si no, v’assicuro, ve faccio piglià collera.

LORENZO:Uh! Maestro, mò m’avite seccato bastantamente.

PASQUALE:Ah! V’aggio seccato? E va bene. Dunque io aggia essere citato, aggia perdere na causa, debbo passare un guaio, e non debbo essere aiutato da voi? Va bene... va bene!

LORENZO: Vi prego de nun nce accustà cchiù cca, perché non vi ricevo.

PASQUALE: Non mi ricevete? E che m’avete preso per qualche mondezzaio! Io sono un galantuomo. Non ci vengo più, ma vi assicuro che ve ne pentite, perché io sò dei fatti che vi fanno rabbrividire.

LORENZO:Rabbrividire?

PASQUALE:Sì, rabbrividire! Quella tale innammorata di Tetillo, Tetillo, vi ricordate che io chiusi nella camera di D. Attanasio, castagna, che D. Attanasio, avanti di voi, voleva dire che era nero sapete chi era?

LORENZO:Sentiamo chi era?

PASQUALE:Era vostra moglie!

LORENZO:Mia moglie!

PASQUALE:Collega carissimo, stringiamoci la mano e viviamo insieme. Io abito S. Liborio n. 21, se avete bisogno di me venite e ci metteremo d’accordo!

LORENZO:Ma...

PASQUALE:Ci metteremo d’accordo! (Via fondo.)

LORENZO:Moglierema! E io facette chella figura. Pecchesto Amalia ha avuta tanta premura de fà casa aunite co lo sposo, pecchesto ha fatto venì lo cumpare e l’ha fatto fingere servitore pe fà sorveglià a Feliciello, pe nce potè parlà cu sicurezza, lo cumpare fa la spia, e loro chiacchiareane cu tutta la comodità. Ah! Nfama birbante! E me fa la casta panella, me fa la semplice, la voglio accuncià io la voglio! Mò faccio vedè che non saccio niente, faccio l’indifferente, e quanno li trovo ncastagna, me regolo a modo mio! (Via a sinistra.)

SCENA SESTA

Carluccio e Arturo, poi Felice e Carluccio.

CARLUCCIO:Accomodatevi qua, vaco avvisà lo signorino. (Via fondo a s.)

ARTURO:Nun voglia maje lo Cielo e la mugliera appurasse io pecché so’ venuto! Ma che bestia se va a nzurà! A me dicette che la sera all’8 se va a cuccà. Ah, ah, ah, comme fosse nu guaglione de 10 anne, povero stupido!

FELICE (d.d.): Chi è che me vò?

CARLUCCIO: Un signore da questa parte.

FELICE (fuori): Che beco! Arturo! L’amico mio! (Carlo attraversa la scena e via.)

ARTURO:L’amico tuo. (Si baciano.)

FELICE:Comme staje? Non nce vedimmo da paricchie juorne.

ARTURO:Eh, è quase nu mese, nce vedetteme lo juorno doppo che spusaste.

FELICE:Ah! na vota non era accossì, nun puteveme stà nu juorno senza vederce, te ricuorde?

ARTURO:Comme nun me ricordo, ma allora jre scordato.

FELICE: E che vuoi dire, pecché me so’ rìzurato nun ce avimma da vedè cchiù.

ARTURO:E se capisce, pe necessità, pecché quanno tu staje libero io aggio che fà, tu me diciste che può sta fore de casa sulo la matma dall’11 fino all’una, e a chest’ora appunto io sto occupatissimo ncoppa a lo studio e zizio la sera io so’ libero e faccio chello che voglio io fino a li 2 doppo mezanote, tu invece all’8 te vaje a curcà comme li galline. (Ridendo.) Dunche comme nce potimmo vedè.

FELICE:Haje ragione, compagno mio, haje ragione. (Vedendo che Art. seguita a ridere.) Ma non ridere che m’indisponi!

ARTURO:Dì, la verità, mogliereta si la sera nun te curche priesto te le sona?

FELICE:Che dice, nun me jeva a curcà e me vatteva... ncoppa... e chesto nce mancava! No, io de moglierema nun me pozzo lagnà, me vò bene, anze me vò troppo bene, io volarria che le fosse antipatico, la quistione Arturo mio, che io me so’ nzurato da nu mese, e già me so’ seccato, io nun saccio fanno chilli marite che stanno 25 - 26 anne co la mugliera.

ARTURO:A questo ci devi arrivare anche tu.

FELICE:Addò, io more! Quanta seccature, quanta convenienze, che sbaglio, che sbaglio!

ARTURO:Ma se capisce, vuò mettere quann’uno è sulo, nun ha da dà cunto a nisciuno. Te ricuorde che giorni felici abbiamo passati insieme?

FELICE:Comme nun me ricordo! E Marietta comme sta?

ARTURO:Sta bona, ma da che s’è mmaretata, nun la pozzo vedè tanto spisso.

FELICE:Ah, s’è mmaretata?

ARTURO:Già, s’ha pigliato n’usciere de Tribunale, nu certo D. Leonardo.

FELICE:E tu lo cunusce?

ARTURO:No, nun l’aggio visto maje, disgraziatamente nun l’aggio potuto maje vedè; e si vide la sera comme so’ curiuse, io passeo sotto a lo balcone de Michelina, e chiunque me tene mente, io me credo che è lo marito, t’assicuro che m’aggio pigliato diverse semmentelle.

FELICE (ridendo): Ah, ah, ah! Eppure quanto sono piacevoli chelle semmentelle, quelle paure, quell’amore contrastato. Ah! Quanto pagarria pe passa n’at’ora assieme comme la passaveme na vota.

ARTURO:Siente, io pecchesto so’ venuto, si vuò passà na serata veramente scicca, haje da venì tu pure stasera a la festa de ballo che dà nu certo D. Rafele, addò vanno pure Marietta e Michelina.

FELICE:Na festa de ballo!

ARTURO:Già! Siccomme ogge è stato lo nomme de la figlia, ch’è pure modista, stasera dà na festa de ballo, capisce, na festa de ballo de tutte modiste e giovinotte, nc’è da passà na serata divertita assai.

FELICE:Ma comme faccio?

ARTURO:Stammatina appunto, avimmo parlato de te. Loro dicevene: ah, pecché nun vene pure Feliciello... Chelle nun sanno niente, capisce, vide quanto che Marietta ha scritto doje parole ncoppa a nu biglietto de visita, io nun me lo voleva piglià, ma chella m’ha mise cu li spalle nfaccia lo muro. (Lo dà.)

FELICE:Addò sta? (Legge:) «Marietta Cerasella. Corso Vittorio Emmanuele n. 104, 20 piano». E che d’è?

ARTURO:Da reto.

FELICE (legge): «Se ancora mi ami un poco, vieni questa sera, ti aspetto». No, io vengo, assolutamente vengo! (Lascia il biglietto sopra la sedia.)

ARTURO:Viene? E comme faje cu mugliereta?

FELICE:Nun te n’incarricà, io vengo, doppo che m’avesse da cadè lo munno ncuollo, io là aggia essere stasera.

ARTURO:Nce lo pozzo dà pe certo?

FELICE:Pe certissimo, nun nce penzà, ma nun te ne j ancora, cercammo nzieme de trovà quacche scusa.

ARTURO:Già, dice buono? Basta, tiene nu fuglietto e n’evebopp?

FELICE:Sì, sta là ncoppa, pecché che buò fà?

ARTURO:Mentre tu pienze, io voglio fà nu biglietto a Michelina, e le voglio dicere che stasera nun facesse venì cchiù gente estranea, po’ essere la combinazione quaccheduno te conosce.

FELICE:Già, già, dice buono!

ARTURO:Accossì le faccio sapè che tu viene stasera, chelle sa che chiasso che farranno. (Si mette a scrivere:) «Michelina mia cara cara. Finalmente stasera avremo con noi Feliciello, avvisa pure a Marietta, cercate di non fare venire persone estranee, perché verremo insieme senz’altro. Ci vedremo stasera. Ama sempre il tuo fedele Arturo». (Piega la lettera, la mette nell’eveloppe e fa il sopraccarta.) «Alla mia cara Michelina. Corso Vittorio Emanuele n. 96.» Tiene na persona sicura che porta mò proprio sta lettera al suo indirizzo?

FELICE:Sì, tengo lo servitore nuovo ch’è venuto stammatina, nu certo Battista, nu buon’ommo. (Chiama.) Battista.

ARTURO:Ma è sicuro?

FELICE:Oh, sicurissimo, non nce penza! (Chiama di nuovo.) Battista.

SCENA SETTIMA

Leonardo e detti, poi Carluccio.

LEONARDO:Comandate.

FELICE:Battì, vide chillo signore che vò.

ARTURO:Portate subito questa lettera al suo indirizzo, pigliateve la carrozzella andare e venire per fare più presto. (Gli dà una lettera.)

FELICE:Ma Battì, silenzio, pecché è affare scuonceco.

ARTURO:è affare delicato, capisce.

LEONARDO:Aggio capito, e nu nghippo!

ARTURO:Bravo, vi comme lo ssape, è proprio nu nghippo!

LEONARDO (p.a. legge il sopraccarta): (Che! moglierema!!).

FELICE:Ch’è stato?

ARTURO:Ch’è succiesso?

LEONARDO:Niente, niente, nu dulore sotto a la panza! (Mò m’aggia sta zitto, e quanno è lo momento l’aggia rompere li gamme!) Nu dolore sotto a la panza!

FELICE:E comme t’è venuto stu dulore sotto a la panza? (Contraffacendolo.)

LEONARDO:Dunche sta lettera l’aggia portà proprio mmano la signorina Michelina?

ARTURO:Nun alluccà! Proprio mmano a essa.

LEONARDO:Va bene. Nu dulore sotto a la panza! (Mettendosi le mani sulla pancia, va via sempre gridando.) Nu dulore sotto a la panza! (Via.)

ARTURO:Pover’ommo, me dispiace. Va trova che s’ha mangiato?

FELICE:Niente, ha fatto colezione co me.

ARTURO:Veramente è nu buon’ommo?

FELICE:Ah, è na pasta de mele!

ARTURO:Dunche che pienze de fà? Che scusa truove?

FELICE:E che saccio, damme tu nu consiglio.

ARTURO:Ammiente che patete sta malato, e che te manna a chiammà pe te vedè.

FELICE:è impossibile, io aggio ditto che stammatina so’ stato là.

ARTURO:E che vuol dire?

FELICE:Non pò essere, pecché allora volarriene venì pure lloro pe sapè de che se tratta, me vuò mparà la mbruoglia a me?

ARTURO:Già, dice buono.

FELICE:Avarrieme da fà vedè, per esempio...

CARLUCCIO (con lettera): è permesso?

FELICE:Avanti Carlù.

CARLUCCIO:Signorì, n’ommo ha portata sta lettera per D. Lorenzo, nce lo date vuje?

FELICE: Va bene mò nce la do io.via. (Carlo via. Guarda il sovraccarta) Lo carattere de papà!

ARTURO:Dunche che stive pensanno?

FELICE:è papà che scrive a Lorenzo.

ARTURO:Eh, mò me fa parlà.

FELICE: No, te voleva dì, che fra le altre infelicità, haje da sapè, che papà ogne 3 o 4 juorne manna na lettera a Lorenzo pe sapè io come me porto.

ARTURO: A uso de collegio, nce manna lo rapporto! (Felice apre la lettera.) Che haje fatto? Haje aperta la lettera?

FELICE:Seh, chesta sarà la prima, io ccà saccio l’affare de tutte quante!

ARTURO:Bravo, te ne faccio i miei complimenti!

FELICE:Voglio vedè che dice. (Legge sottovoce:) No, nun è affare mio!

ARTURO:Embè, nun è affare tuo? Nun la leggere.

FELICE:L’aggio aperta mò, la voglio leggere. (Legge:) «Mio caro Lorenzo. Siccome diversi amici miei di Casoria mi hanno invitato stammatina a bere un magnifico bicchiere di vino con loro, io ho accettato, e da qui ad un’ora parto. A Dorotea mia moglie non l’ho detto che vado a Casoria per bere il vino, altrimenti quella trovava mille opposizioni, e siccome trattandosi di una cena, passerà senz’altro la serata, e ritornerò domani, per tutte queste ragioni io l’ho detto che debbo venire con te per la compra di una masseria a Casoria. Quindi se tu vuoi venire ad assaggiare il vino, vieni, che mi fai piacere. Se al contrario non vuoi venire, ti prego per questa sera di non stare in casa, per chi sà venisse Dorotea, anzi dirai a tua moglie, a tua sorella e a mio figlio, che parti per Casoria con me, fingerai di partire e ritorni in casa alle 11, ora in cui non può venire più mia moglie. Spero che mi farai questo favore. Aspetto la risposta nel Caffè alla Torretta: Tuo affezionatissimo amico Attanasio».

ARTURO:Papà pure fa li mbruoglie ovè?

FELICE:Statte, aggio fatto na magnifica penzata.

ARTURO:Che penzata?

FELICE:Mò vide, assettete a chillo tavolino e scrive. Beato papà che ha mannata sta lettera. Bene, bene, scrive Artù. (Art.: scrive e lui detta:) «Carissimo D. Lorenzo. Vi prego di lasciare tutto e venire in questo momento da me, si tratta di un affare serio, e ho bisogno assolutamente del vostro aiuto. Vi aspetto subito, senz’altro. Non fate sapere niente a mio figlio Tetillo. La vostra amica Dorotea».

ARTURO:Mammeta?

FELICE:Sì, mammà!

ARTURO:E pecché?

FELICE:Famme stu piacere miette a mammà, tu saje chello che tengo ncapo io?

ARTURO:Metto a mammeta, a soreta, chello che buò tu! (Esegue.)

FELICE:Chiude la lettera e fa la sopraccarta. (Art.: esegue.) «Al signor Lorenzo del Buono. Urgentissima». (Si prende la lettera.) Artù, vattenne mò, e tuorne a n’auto quarto d’ora tutto currenno, e me dice che papà è stato arrestato mmiezo Toledo.

ARTURO:Tu che dice!

FELICE: Fa chello che dico io e non te n’incarrica, che l’hanno pigliato per mariuolo e sta ncoppa a la Questura.

ARTURO:Tu sì pazzo, tu che me vuò fà fà?

FELICE:Siente chello che dico io, si me vuò fà venì a la festa stasera, chesto haje da fà.

ARTURO:Io faccio chello che dice tu. Dunque a n’atu quarto d’ora io vengo.

FELICE:Sì. Ma con quella naturalità ca li femmene se l’hanna credere, pecché tu quanno tuorne me truove unite cu lloro.

ARTURO:Va buono, nun te n’incarricà.

FELICE:Và, nun perdere cchiù tiempo.

ARTURO (via fondo): Vaco.

FELICE: La primma cosa mò, n’aggia fa j a Lorenzo, accossì li femmene non se ponno movere e pozzo fà chello che voglio io. (Chiama.) Carluccio?

CARLUCCIO:Comandate.

FELICE: Io ci ho pensato meglio, cu Lorenzo ci sto poco in freddo, sta lettera c’ha portata quell’uomo, datecela voi.

CARLUCCIO:Va bene. (La prende.)

FELICE:Si quaccheduno me va trovanno, io sto abbascio a lo giardino. (Via fondo a sinista.)

CARLUCCIO:Ah, ecco ccà D. Lorenzo.

SCENA OTTAVA

Lorenzo e detto, poi Adelina ed Amalia, indi Felice.

CARLUCCIO:Signorì, poco primma n’ommo ha portata sta lettera pe buje. (Lorenzo la prende. Carl.: via.)

LORENZO (apre la lettera e legge ad alta voce): Sangue di Bacco, e che sarrà? Venite subito, affare serio, non fate sapere niente a mio figlio. Fosse succiesso quacche disgrazia ad Attanasio? Uh! Mamma mia, lasseme correre. (Chiama.) Carluccio?

CARLUCCIO:Comandate.

LORENZO:Va me piglia lo cappiello, fa priesto!

CARLUCCIO Subito. (Via a sinistra.)

LORENZO:è impossibile, nun pò essere cosa bona. D. Dorotea nun m’ha scritto maje, quacche disgrazia è stata! Mò me piglio na carrozzella e faccio uno zumpo!

CARLUCCIO (con cappello): Ecco servito.

LORENZO:Dì a la signora che io mò torno e si trico che mangiassero. (Via fondo.)

ADELINA:Carlù, Feliciello addò sta?

CARLUCCIO:è ghiuto abbascio lo giardino.

AMALIA:Carlù, Lorenzo addò è ghiuto?

CARLUCCIO:Nun lo saccio, signori, n’ommo l’ha portato nu biglietto, isso l’ha liggiuto, pò m’ha chiammato, ha voluto lo cappiello de pressa, e se n’è scappato, dicenno: Dì a la signora che si trico mangiasse.

AMALIA:E che sarrà?

ADELINA:Carlù, dì a Feliciello che venesse mò proprio acca.

CARLUCCIO:Subito. (Via fondo a sin.)

AMALIA:N’ommo l’ha portato nu biglietto, isso se n’è scappato de pressa. (Sulla sedia vede il biglietto di visita che Felice ha dimenticato e lo prende.) «Marietta Cerasella.» (Legge di dietro:) «Se ancora mi ami un poco, vieni questa sera ti aspetto». Ah! Nfame assassino! Chisto sarà stato lo biglietto che ha avuto, e mò correnno, là sarrà ghiuto.

ADELINA:Amà, ch’è stato?

AMALIA: Niente, niente, Adelina mia, è chillo nfame de Lorenzo che me n’ha fatta n’auta, na certa Marietta Cerasella.

ADELINA:Povera Amalia, comme nce sì capitata!

FELICE: Adelina mia, m’haje fatto chiamare? (Carl.: attraversa la scena e via.)

ADELINA:E sì, statte nu poco vicino a me, me scappe sempe! Assettete, parlammo nu poco.

FELICE:Sì, Adelina mia, io per tanto steva abbasso al giardino, perché me credeva che tu là fosti venuta.

ADELINA:Ah, chesta è bella, io aspettava a te, e tu aspettava a me.

FELICE:E Lorenzo addò sta?

AMALIA:Lorenzo, Lorenzo, è andato per un affare di gran premura, è andato a trovare questo amico. (Dà il biglietto a Felice.)

FELICE:Pecché, nun puteva j a truvà n’amico! (Guarda il biglietto.) (Mamma mia! Lo biglietto de Marietta!)

ADELINA:Felì, ch’è stato?

FELICE:Niente! (Gridando:) un dulore sotto a la panza! (E chiste addò l’hanno pigliato stu biglietto!)

AMALIA (riprende il biglietto): Dite la verità, non è un affare di premura?

FELICE:Sentite, io non sò quell’omo quando finisce de fà bestialità.

ADELINA:Feliciè ch’è stato, Amalia parla de na manera?

FELICE: Niente, niente, Adelina mia, sono cose che tu non devi sapere, tu sei un fiore, tu sei un gioiello, ed io te voglio troppo, troppo bene...

AMALIA:(Ed io aggio dubitato de Feliciello. So’ stata veramente na bestia!).

SCENA NONA

Arturo e detti, poi Attanasio e Carluccio, indi Leonardo.

ARTURO (correndo): Signori miei scusate...

ADELINA:Chi è?

FELICE:Oh, Arturo, amico mio, da quanto tempo non ci vediamo. Vi presento l’amico mio Arturo Giacchetti, laureato in legge. Adelina mia moglie. Amalia mia cognata. (Cerimonie reciproche.)

ARTURO:Mi dispiace però di essere venuto a dare una notizia che vi farà dispiacere, abbenché sia cosa da niente.

FELICE:Ch’è stato?

AMALIA:Parlate.

ARTURO: Mezz’ora fa, mentre io camminava per Toledo, ho visto una folla di gente che correva appresso ad un uomo condotto da 2 guardie di P.S., la curiosità mi ha spinto a vedere chi era quel manigoldo, son corso anch’io, mi sono avvicinato a quell’uomo, e indovinate chi era?

I TRE: Chi era? (Gridando.)

ARTURO:D. Attanasio tuo padre che io conosco tanto!

FELICE:Papà!

AMALIA:D. Attanasio!

ADELINA:Possibile!

ARTURO:L’avranno scambiato per qualche ladro. Egli D. Attanasio, m’ha visto, e m’ha detto che fosse venuto subito ad avvisare suo figlio.

FELICE:Uh! Povero papà! Io voglio correre, lassateme correre, và Adelì, va me piglie lo cappiello, lo scemis e quacche cosa de denare, sempe ponne servì.

ADELINA:Sì, sì, Feliciello mio! (Via.)

AMALIA:Io te vaco a piglià lo cappiello. (Via.)

ARTURO:Me so’ portato buono?

FELICE:Benissimo!

ATTANASIO (d.d.): Va buono, va buono, aggio capito, ma io voglio parlà co la mugliera.

FELICE:Che! lavoce de papà! Comme facimmo!?... Zitto, aggio pensato! Tu va dinto a dà chiacchiere a chelle doje. (Art.: entra a sinistra.)

ATTANASIO (fuori): Aggio aspettato mez’ora dinto a lo cafè nun me fido cchiù! Mò nce lo dico che me ne vaco. Guè, Feliciè.

FELICE:Oh, papà state ccà, è stato il Cielo che vi ha mandato non sapete la disgrazia che ha colpita sta povera famiglia. Amalia sta sopra al letto, na convulzione le và e n’auta le vene.

ATTANASIO:Pecché, ch’è stato!

FELICE:N’ora fa Lorenzo s’è appiccecato dinto a lo bigliardo cu nu giovene, ha miso mano a lo revolvere, e l’ha sparato 3 colpe, l’hanno arrestato e l’hanno portato ncoppa a la Questura, isso m’ha raccommannato che ve l’avesse ditto a buje, acciò lo jate ad ajutà! Corrite papà, non perdite cchiù tiempo.

ATTANASIO:E io che nce pozzo fà! Ah! povero Lorenzo ha passato lo guaio!

FELICE:Jate, jate papà!

ATTANASIO:Vaco, vaco! (Via fondo.)

FELICE:Io mò moro, io mò moro! (Via a sin.: entr.: Carl. e Att.)

ATTANASIO:è vero che Lorenzo ha sparato 3 colpe de revolvere a nu giovinotto?

CARLUCCIO:Nonsignore, vuje site pazzo!

ATTANASIO:Comme nun sta ncoppa a la Questura?

CARLUCCIO:Quanno maje, signò vuje che dicite!

ATTANASIO: Va buono, vattenne, tante grazie. (Carlo via.) Mannaggia l’arma de la mamma, chesta è n’ata mbroglia che ha fatto, va trova pecché ha ammentata sta buscia. Aspetta, mò m’annasconno ccà dinto. (Via prima a destra.)

LEONARDO (dal fondo con lettera): Mannaggia l’arma vosta! Vì che nce sta scritto dinta a sta lettera! Vi che m’hanno combinato! No, io me ne voglio j mò proprio, aggia j a casa! (Si leva la livrea e si mette il suo soprabito.) Venene da chesta parte, nun me voglio fa vedè. (Si nasconde prima a d.)

SCENA DECIMA

Felice, Adele, Amalia, Arturo e detti.

FELICE:Povero papà mio, povero papà mio!

AMALIA:Corrite, facite priesto, facitece sapè quacche cosa.

FELICE:L’hanno dato questa taccia a papà, a quell’uomo che ha dato saggio dell’essere suo! (Piange.)

ADELINA:Nun chiagnere, Feliciello mio!

FELICE:Hanno levato l’onore a mio padre, hanno levato l’onore a mio padre! ( Viano fondo. Att.: e Leon.: fanno capolino.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

La medesima decorazione.

SCENA PRIMA

Attanasio, indi Amalia e Adelina.

ATTANASIO:Io mò vorria proprio sapè chillo pecché ha ammentata sta mbroglia, ha ditto che Lorenzo ha dato 3 colpe de revolvere a nu giovinotto, e mò isso addò jeva cu chill’atu mbrugliuncello. Eh, io lo diceva nun lo nzurammo, che chisto fa peggio, nun me vulettero sentere. Ah, sta trasenno Amalia e Adelina, lo vurria aiutà quanto cchiù pozzo, ma nun saccio che ha combinato. Basta me regolo seconne l’addimanne che me fanno.

ADELINA:Che veco papà!

AMALIA:D. Attanasio!

ADELINA:Uh, che piacere!

AMALIA:E comme, dicene che v’avevano afferrato pe mariuolo e stiveve ncoppa a la Questura.

ATTANASIO:(Già, jeva arrubbanno mucatore!).

ADELINA:Nun site state arrestato?

ATTANASIO:Io, sissignore, e a vuje chi ve l’ha ditto?

AMALIA: Poco primma, è venuto nu giuvinotto, n’amico de Feliciello, nu certo Arturo, e ha ditto che vuje site stato arrestato pe mariuolo mmiezo Toledo.

ATTANASIO:Ah, Arturo ve l’ha ditto? gnorsì, e proprio così è stato il fatto, è stato nu scambio, m’hanno arrestato invece de n’ato, so’ ghiuto ncoppa a la Questura ma po’ subito me ne so’ scise, e lo primmo pensiero è stato chillo de correre cca.

AMALIA:E quanno site venuto?

ADELINA:Nuje nun v’avimmo visto.

ATTANASIO:So’ venuto quanno vuje stiveve dinto, e appena aggio visto che stiveve ascenno cu Feliciello e Arturo, me so’ annascunnuto dinta a chella cammera.

ADELINA:Uh! E pecché avite fatto chesto, pecché nun v’avite fatto abbedè?

ATTANASIO: Pecché aggio voluto vedè Feliciello che faceva, se ne mostrava dispiacere, e così vedere se doppo nzurato, me vò bene, quanto me voleva bene prima.

AMALIA:Oh! vuje che dicite, D. Attanà, chillo s’è precipitato.

ATTANASIO:L’aggio visto, l’aggio visto!

ADELINA: Appena chillo giovinotto l’ha ditto che jeve stato arrestato, nun vedeva la via de scappà.

ATTANASIO:E bravo e bravo... vogliatelo bene che chillo è nu bravo giovinotto. (E lo primmo galiota, l’aggia rompere li gamme nu juorno de chisto!)

AMALIA:Intanto chillo mò va ncoppa a la Questura e non ve trova.

ATTANASIO: E che fa, se ne vene n’ata vota. A proposito, Lorenzo addò sta?

AMALIA:Lorenzo ha avuto nu biglietto e se n’è scappato de pressa.

ATTANASIO:(Forse la lettera mia). E nun sapite addò è ghiuto?

AMALIA:Io lo saccio addò è ghiuto, e quanno vene il signor D. Lorenzo mi deve dare delle spiegazioni.

ATTANASIO:(Vuò vedè che chesta ha lette la lettera mia e va trova che se crede!). Ma D. Amà, non credete poi... là se tratta de nu bicchiere de vino buono, na cenolella con degli amici.

AMALIA:Già, con degli amici, e delle amiche!

ATTANASIO:Delle amiche?

ADELINA:Eh!

AMALIA:D. Attanà, me dispiace che site vuje e parlate de chesta manera, fra gli amici ci è pure una certa Marietta Cerasella.

ATTANASIO (ad Adel.): Marietta Cerasella?

ADELINA:Eh!

ATTANASIO:Eh,che!

AMALIA:D. Attanà, scusate, questo poi da voi non me l’avrei mai aspettato, un uomo della vostra età commette e permette che n’ommo nzurato lassa la mugliera e va... Oh, scusate, ho perduta tutta la buona opinione che io aveva di voi. (Via.)

ATTANASIO:Adelì, figlia mia, chella che dice, io nun aggio capito niente!

ADELINA:Eh, nun avite capito niente, e pecché avite ditto: la cenolella, gli amici, le amiche.

ATTANASIO:Ma chi ve l’ha ditto le amiche... lo state dicenno tu l’ha ditto essa.

ADELINA:Vuje manco nce parite, site fatto viecchio e ghiate ancora appriesso a li ceraselle.

ATTANASIO:No, vaco appriesso a li percoche!

ADELINA:Va trova che nce tenite ncuorpo?

ATTANASIO:Oj neh, io ncuorpo nun nce tengo niente! Sta Marietta Cerasella chi la conosce!

ADELINA:Io mò che ne saccio, che vulite che ve dico, quacche cosa nc’ha da essere, Amalia non è femmena che se nganna.

ATTANASIO:E s’inganna sicuro, pecché sta Marietta Cerasella io mò la sento annommenà. Dì la verità, Amalia ha liggiuta la lettera che io aggio mannata a Lorenzo?

ADELINA:Avite mannata na lettera a Lorenzo? Io non ne saccio niente.

ATTANASIO:Comme, l’affare de Casoria, la compra de la massaria?

ADELINA:Nonsignore, chesto Amalia nun lo ssape.

ATTANASIO:Ah, nun lo ssape? E va buono, allora chella pecchesto ha parlato accossì. Lo biglietto ch’ha avuto Lorenzo, nce l’aggio mannato io, e chella la mugliera s’ha creduto che nce l’aveva mannato sta Marietta Cerasella. Noi dobbiamo andare io e Lorenzo a Casoria per la compra di una masseria, hai capito?

ADELINA:Aggio capito.

ATTANASIO:Chillo Lorenzo, sarrà ghiuto primma a fà quacche servizio e poi veneva a lo cafè addò l’aggio dato l’appuntamento, chillo mò là me starrà aspettanno. Adelì, va dinto addò Amalia e dincello, che non pensasse a male, perché il marito sta con me.

ADELINA: Va bene, va bene... io chesto voleva dicere, papà a quell’età jeva facenne ancora scostumatezze. (Via.)

ATTANASIO:Va trova chillo cancaro de Lorenzo che pasticcio avarrà fatto, chi sarrà sta Marietta Cerasella? Li scappatelle ogni marito l’ha da fà, ma s’hanna sapè fà, chillo se fà appurà ca la Cerasella... basta, lasseme j lo cafè, che chillo là me starrà aspettanno. (p.a.) Che beco! Muglierema nzieme cu Feliciello e Arturo, si chella me vede mò nun me fa j cchiù a Casoria, mò m’annasconno ccà dinto, quanno loro so’ trasute, io me ne vaco. (Via seconda a destra.)

SCENA SECONDA

Dorotea, Felice e Arturo, poi Adelina.

DOROTEA:Scusate, perdonate, aggiate pacienza, vuje sarrate la corona de la capa mia, ma non ve credo, pecché quanno v’aggio ncuntrato mmiezo a la strada me voliveve scanzà? Pecché voliveve fà vedé che nun m’aviveve vista?

FELICE:Mammà, vuje v’ingannate, ma ve pare, io facevo questo a voi.

ARTURO:Assicuratevi pure signora, noi andavamo su la Questura per vedere che cosa era successo a D. Attanasio.

FELICE:Ma si mammà, questa è la pura verità. (Vuje vedite la combinazione, avevamo trovà justo a mammà de faccia!)

DOROTEA:Ve credarria, si nun sapesse che carnette site state pe lo passato, e quanta mbroglie site jute facenno tutte e duje. Maritemo nun è ommo d’essere arrestato.

FELICE:Ma comme mammà voi credete...

DOROTEA:Io credo tutto e non credo niente. Mò chiammammo Adelina, si Adelina dice che veramente a Questura stiveve jenne, allora nce pigliammo na carrozzella e ghiamme tutte e 3 a vedè che l’è succieso a chillo povero Attanasio.

FELICE:(E tutte e 3 là ncoppa avimma da j, nce pigliene pe pazze!).

DOROTEA: Ma sempe voglio parlà prima cu Adelina, a me nisciuno me lo leva da capo che stammatina l’avite fatta piglià collera.

ARTURO:Sentite signora, io veramente non mi credeva, che voi tanto amica di mia madre, voi che conoscete in fondo la mia, avreste calcolato me un amico falso, cattivo, imbroglione. (A Felice:) Neh, siamo imbroglioni noi?

FELICE:(No, simme quacch’ata cosa!).

ARTURO:Vi assicuro che da oggi in poi, in questa casa non ci metterò più piede, e Felice vostro figlio farò come non mi fosse stato mai amico. Perdonami, ma è il cuore, l’amor proprio che mi spinge a questo. Vi saluto. (Via.)

FELICE:Siete contenta? Mi avete fatto perdere il più caro degli amici.

DOROTEA: Vattenne caro amico, tu haje da ringrazià lo Cielo che nun te tratta cchiù.

ADELINA:Uh! Mammà state ccà?

DOROTEA:Sì, figlia mia, benedetta puozz’essere. E accossì, Tetillo comme te porta?

ADELINA:Ah, non me pozzo lagnà, mamma mia, me vò bene cchiù è chello che me credeva.

DOROTEA:Bravo, bravo, io chesto voglio sentere sempe.

FELICE:Avete visto?

DOROTEA:E va bene.

ADELINA:Mammà, avite saputo che papà Attanasio è stato arrestato pe scambio?

DOROTEA:Sì, aggio incontrato a Tetillo, e m’ha ditto che lo jeva a trovà ncoppa a la Questura, io pe esserne cchiù certa, aggio voluto venì primme ccà.

ADELINA:E avite fatto buono, anze nun saccio comme nun l’avite ncuntrato.

DOROTEA:A chi?

ADELINA:A papà Attanasio.

DOROTEA:Pecché, è stato ccà?

ADELINA: Sissignore, appena è ghiuto ncoppa a la Questura subeto se n’è sciso... (Lazzi di Felì.: che urta Dor.) ed è venuto subeto ccà pe nun nce fa stà npensiero, e mò è ghiuto a trovà a Lorenzo, e so’ ghiute nzieme a Casoria, che saccio, pe la compra de na massaria.

DOROTEA:Ah, si me l’ha ditto.

FELICE:(Mò nun capisco niente cchiù, papà veramente è ghiuto ncoppa a la Questura, è ghiuto a Casoria cu Lorenzo, e io l’aggio ditto che Lorenzo aveva dato 3 colpe de revolvere a nu giovinotto!).

SCENA TERZA

Lorenzo e detti, poi Attanasio, indi Carluccio.

LORENZO:Io non saccio proprio... Oh D. Dorotè vuje state ccà. (Sorpresa di Felice.)

DOROTEA:E buje state ccà, nun state a Casoria?

LORENZO:Seh, steva Averza!

DOROTEA:Attanasio addò sta?

LORENZO:E io saccio chesto?

DOROTEA:Comme, vuje nun aviveve da j cu isso a Casoria pe la compra de na massaria?

LORENZO:Quà massaria, vuje site pazza!

DOROTEA:Ah, briccone, m’ha mbrugliato, ve trova addò è ghiuto e pecchesto l’hanno arrestato!

FELICE:(Meglio!).

LORENZO:Vuje mò m’avita dicere pecché m’avite mannato a chiamà, e m’avite fatto venì fino a casa vosta e nun v’aggio trovata?

DOROTEA:A me? Vuje sarrate pazzo!

LORENZO:Oh, scusate, vuje m’avite mannato stu biglietto. (Lazzi di Felice, urta Lorenzo.)

DOROTEA (si prende il biglietto):Scusate chisto nun è carattere mio.

LORENZO:Dunche stu biglietto nun me l’avite mannato vuje?

DOROTEA:Nonsignore.

LORENZO:Chesto so’ cose proprio de fà ascì pazzo! E chi me l’ha mannato?

FELICE:Lasseme vedè. (Prende il biglietto e lo vede.) Ma chi l’è produto la capa? (Attanasio in ascolto.)

LORENZO:Io saccio a chi l’è produto la capa, hanno voluto fà la pazziella, ma io nun pazzeo cu nisciuno, pecché se spassene cu me nun saccio.

DOROTEA:Intanto, me fa meraviglia, vuje aviveve da stà a Casoria cu maritemo, aviveve la comprà da massaria... jammo dinto piccerì, jammo dinto, jammo a vedè Amalia che fa... la lettera, a Casoria, la massaria. (Att.: fa capolino.) D. Lorè, dicite a maritemo che quanno vene l’aggia fà na faccia de schiaffe, proprio comme si conviene.

LORENZO:Ma D. Dorotè...

DOROTEA:Dicitele chesto, e niente cchiù! Picceri, jammo dinto va. Tetì, damme la mano. (Lo prende per la mano.)

LORENZO: (Mò lo porta a la scola!). (I due viano. Fel.: nell’andar via con segni di bocca, rimprovera Lorenzo.) E chillo ch’arma de la mamma vò! Cheste so’ cose che succedono solamente a me! Io vorria sapé proprio sta lettera chi cancaro l’ha mannata!

ATTANASIO (uscendo): Mannaggia l’arma de mammeta!

LORENZO:De mammeta e de pateto!

ATTANASIO:Comme, cu tutta l’amicizia me faje chisto piattino.

LORENZO:Quà piattino?

ATTANASIO:Dinta a la lettera che t’aggio mannata, che diceva?

LORENZO:Quà lettera?

ATTANASIO:Dinta a la lettera che t’aggio mannata, che diceva?

LORENZO:Quà lettera?

ATTANASIO:Comme, la lettera che t’aggio mannata, addò te diceva l’affare de Casoria.

LORENZO:E chisto sbarea pure cu Casoria, io nun aggio ricevuta nisciuna lettera!

ATTANASIO:E comme va, io l’aggio mannata pe Jennariello lo giovene de lo cafettiere, lo quale, doppo nu poco è tornato, e m’ha ditto che l’aveva consegnata a mmano a nu servitore.

LORENZO:Aspetta. (Chiama:) Carluccio?

CARLUCCIO:Comandate.

LORENZO:Stammatina n’ommo ha portata na lettera pe me?

CARLUCCIO:Sissignore, chella che v’aggio data.

LORENZO:E oltre de chella nisciun’ata?

CARLUCCIO:Nonsignore.

LORENZO:Va buono, vattenne. (Carl.: via.) Haje visto? Io stammatina una lettera aggio avuta ed è stata chesta.

ATTANASIO (legge): E chesta ched’è?

LORENZO:E che saccio, quaccheduno m’ha fatta la pazziella!

ATTANASIO:Io perdo la capa!

LORENZO:L’aggio perduta io nfino a mò! Attanà, mò avimma da parlà nu poco io e ttico.

ATTANASIO:Io e ttico?

LORENZO:Si, io e ttico. A te che mi parli tanto d’amicizia, io voglio dimandà na cosa.

ATTANASIO:Che cosa?

LORENZO:Te ricuorde 4 mise fa, quanno a casa toja venette la nnammurata de Tetillo, e lo maestro la facette annasconnere dinta a cammera, e po’ tu ne la faciste fuì, senza farvela vedé, te ricuorde?

ATTANASIO:Sì, me ricordo.

LORENZO:Me sapisse a dicere chella femmena chi era?

ATTANASIO:Chi era... era... nun me lo ricordo.

LORENZO:Ah, nun te lo ricuorde? Mò te lo faccio ricurdà io. Chella femmena era Amalia, moglierema.

ADELINA:Nonsignore; chi te l’ha ditto?

LORENZO:Chi m’ha ditto, nun me poteva dicere buscie. Capirai, caro Attanasio, che io aunito cu Feliciello nun nce pozzo stà cchiù, tutto me poteva credere, fuor ché m’avesse fatto chesto.

ATTANASIO:Ma Lorè, non credere a li male lingue, io t’assicuro che non era mogliereta.

LORENZO: Tu che dice, nun era moglierema? Ah, statte, essa vene da chesta parte, mò te faccio vedè comme me lo faccio confessà da essa stessa, tu nun te fà vedé, trase là dinto. (Attanasio entra a destra.)

SCENA QUARTA

Amalia e detto, poi Carluccio e Marietta.

AMALIA:Oh, signor Lorenzo.

LORENZO:Signora Amalia.

AMALIA:Comme va, vuje state ccà, aviveve da stà a Casoria.

LORENZO:(Mannaggia l’arma de Casoria!).

AMALIA:Comme va, nun nce site jute cchiù?

LORENZO:Senza che me vennite chiacchiere, io saccio tutto!

AMALIA:Sapite tutto, e che sapite?

LORENZO:Chillo juorno, a casa de D. Attanasio, quanno lo maestro v’annascunnette dinto a la cammera, e pò D. Attanasio ve facette fuì?

AMALIA:Ah, chillo fatto l’avite appurato?

LORENZO:Sì; l’aggio appurato, birbanta, faccia tosta!

AMALIA:Guè, bade comme parla sà, m’avisse pigliata pe una de chelli femmene che cunusce tu?

LORENZO:Io voglio sapè pecché t’annascunniste dinta a chella cammera?

AMALIA:Pecché Feliciello me dicette che tu ire juto ncampagna cu na figliola, e io pe sorprenderla me facette accompagnà da isso; quanno tornaje, truvaje a n’ommo che ve facette spaventà, che mi facette tanto na capo, che s’era appurato tutto, ch’avevano pensato a male, tu veniste ntiempo, e io pe nun me fà vedè accossì agitata m’annascunnette.

LORENZO:Ah! Dunche Feliciello te dicette che io era juto ncampagna cu na figliola?

AMALIA:Già, e io pecchesto nce jette, capisce, briccone, tu nun te sarrisse mmeritata a me pe mugliera, assassino!

LORENZO:Oh, basta Amalia!

AMALIA:Che basta e basta, tu haje ditto che sapive tutto? Invece io saccio tutto. N’ommo t’ha portato nu biglietto, na certa Marietta Cerasella, e tu te lo si scurdato ccà. Sta vita che faje, a me nun me piace affatto. Dimane dinta a sta casa, nun nce stongo cchiù! (Via.)

LORENZO:Marietta Cerasella! Possibile!

CARLUCCIO (introducendo Mar.): Eccolo là, chillo è D. Lorenzo.

MARIETTA:Va bene. (Carlo via.) D. Lorè, vuje scusate.

LORENZO: D. Mariè, vuje ccà, sangue de Bacco! (Va a chiudere le porte vedendo che Att. fa capolino.) Trase dinto. (Chiude la porta.) Che site venuto a fà ccà?

MARIETTA:D. Lorè, vuje m’avita sentere pe mez’ora.

LORENZO:Vuje site pazza, io nun ve pozzo sentere manco 2 minute chella sta moglierema dinto.

MARIETTA:E che fa io nun so’ venuta pe nisciuna cosa de male.

LORENZO:Vuje poco primma m’avite mannato nu biglietto?

MARIETTA:A me? Sarrate pazzo, io mannava nu biglietto a buje?

LORENZO:Chisto che mbruoglio è! Basta, vuje che site venuto a fà?

MARIETTA:Vuje avite sapè che maritemo, quanno vedette lo ritratto mio mmano a buje, pe dispietto nun me mannaie cchiù le 100lire lo mese, che isso me dava. Io me consigliaje cu n’avvocato, lo quale me dicette che l’avesse citato, io l’aggio fatto, ma però D. Lorè, vuje m’avita dà assolutamente chillo ritratto, pensate che io aggio miso lo munno sotto e ncoppa pe potè appurà la casa vosta, l’aggio appurato finalmente e so’ venuta, senza abbadà a pericole, senza abbadà a niente.

LORENZO:Vuje pazziate, e si ve vede muglierema... jatevenne!

MARIETTA:Io me ne vaco, sissignore, ma dateme primma lo ritratto.

LORENZO:Sangue de Bacco, sento venì gente. (Va alla porta di fondo.) (Mbomma, lo marito!) Annasconniteve ccà dinto D. Mariè, che mò ve porto lo ritratto.

MARIETTA: Io non me movo da ccà. (Lor.: la spinge prima a d. e chiude.)

LORENZO:Vuje vedite la combinazione! (Entra seconda a sin.)

SCENA QUINTA

Pasquale, poi Felice, poi Michelina, poi Carluccio, poi Leonardo, indi Amalia, Dorotea, Felice e Lorenzo.

PASQUALE:Eh, sangue de Bacco, ccà è venuta, da lontano songo venuto appriesso, senza che essa se n’è addonata, s’è mmoccata dinto a stu palazzo, o a Feliciello, o a D. Lorenzo, e venuta a trovà certamente. Mò vedimmo si songo ommo de trovarla ncastagna. Lo servitore m’ha ditto,che ccà è trasuta, ccà ha da stà. Venene gente, mò m’annasconno ccà dinto. (Entra prima a sin.)

FELICE (uscendo): Voi vedete la combinazione, stasera che me puteva spassà nu poco... aveva combinato accossì bello, vaco a ncuntra justo a mammà de faccia! Ma io stasera cade lo munno, là aggia essere! Io me corco, quanno tutte quante se so’ addurmute, me soso e me ne vaco.

MICHELINA (dal fondo): Uh! D. Feliciè state ccà?

FELICE:All’arma vosta! (Chiude la seconda porta a sin.) D. Michelì che site venuta a fà ccà?

MICHELINA:D. Feliciello mio, chillo l’amico vuosto Arturo m’ha rovinata, vuje che cancaro avite fatto?

FELICE:Ma ch’è stato?

MICHELINA: Chillo, Arturo, m’ha mannata na lettera pe mezzo de maritemo, addò diceva: Stasera finalmente verrà Feliciello, non invitare più gente, pò tanta parole amorose, all’ultimo, il tuo fedele amante. Chillo m’ha fatto nu guaio, maritemo ha fatto revuta la casa, io aggio negato tutte cose, me so’ mise a chiagnere, po’ aggio fatto vedé che me ne jeva da ziema, e so’ curruta ccà.

FELICE:Dunche mariteto è Battista lo servitore?

MICHELINA: Quà Battista? Chillo se chiama Leonardo, è usciere de lo Tribunale.

FELICE:Allora Battista l’ha dato a mariteto?

MICHELINA:E io che ne saccio!

FELICE:Chisto che mbruoglio è! E comme sapive che io steva ccà?

MICHELINA: Arturo me lo dicette, che stiveve de casa a lo Lione a Posilleco N. 49. So’ venuta acciò vuje dicite ad Arturo che dicesse che nun era io, era n’ata Michelina, pe carità, si no io so’ perduta!

FELICE:Va buono, nun te n’incarricà. Sento rummore. (Va a spiare in fondo.) Sangue di Bacco, Carluccio lo servitore, mò è l’ora de la tavola, hanno da passà tutte quante da ccà. Michelì, sà che buò fà, annascunnete dinta a chella cammera quanno è lo mumento te faccio scappà. (Spinge Mich. seconda a dest.: mentre sta per chiudere la porta esce Carlo.)

CARLUCCIO:La tavola è pronta.

FELICE:La tavola è pronta. Signori a tavola. (Entra seconda a sin.)

LEONARDO (uscendo): Essa s’ha negato tutto cose, s’è mise pure a chiagnere, io però aggio pensato de dì a chillo tale che m’ha data la lettera: La signora Michelina ha detto che v’aspetta senza meno stasera, accossì me pozzo accertà de tutto. Ma pe fà chesto però, aggia seguità a fà lo servitore dinta a sta casa. (Si leva il soprabito e si mette la livrea.) Stasera me mposto sotto a lo palazzo, appena lo veco assummà, le dongo una mazzata, e l’arape tutto chesto! (Escono Amalia, Adelina, Dorotea, Felice e Lorenzo.)

AMALIA:D. Dorotè, mò ve trovate, mangiate cu nuje.

DOROTEA:Ma vedite, a me po’ chi m’accompagna a casa?

ADELINA:Comme chi v’accompagna, v’accompagna Lorenzo.

LORENZO:Ma si capisce!

AMALIA (a Leon.): (Cumpà, nce stanno novità?)

LEONARDO:(Uh! Avite voglia!)

ADELINA:Jammo, jammo! (Tutti vianno meno Fel.: e Lor.:fanno lazzi per fare entrare l’uno e restare l’altro, indi Lor.: via.)

LORENZO:(Comme faccio pe dà lo ritratto a chella!) (Via.)

FELICE (a Leon.): Tu pò che arma de mammeta haje fatto? La lettera che t’ha dato Arturo pe darla a Michelina, l’haje data mmano lo marito. (Via Leon.: appresso.)

SCENA SESTA

Michelina e Attanasio, indi Marietta, poi Leonardo, poi Pasquale, poi Attanasio, infine prima Marietta e poi Michelina.

ATTANASIO: Ma comme vuje mò nun la vulite fernì?

MICHELINA:Io non songo io, signò, è isso che me nquieta, è isso che me fa truvà mmiezo a tanta mbruoglie. Quanno era zetella, sissignore, nce faceva ammore, ma da che me so’ mmaretata, nun l’aggio guardato cchiù nfaccia, crediteme. (Esce Marietta.)

MARIETTA:Guè Michelì, tu staje ccà? (Gridando.)

MICHELINA:Guè Mariè, e tu che faje ccà? (c.s.)

MARIETTA:Po’ te conto. (c.s.)

ATTANASIO:All’arma vosta! Guè, s’hanno ncontrato dinto a la villa, vì comme strillene! Jatevenne, nun ve facite vedé!

MARIETTA:Signò, scusate.

ATTANASIO: Jatevenne! (Le spinge. Mich.: va avanti per andare pel fondo giunte alla porta Mich.: vede il marito.)

MICHELINA:Uh! Maritemo! (Attan.: la fa fuggire per la prima a d.)

ATTANASIO: Vuje vedite che guaio aggio passato! (Entra appr.: e chiude.)

LEONARDO:Chillo s’è miso a tavola, nun l’aggio potuto addimannà niente. La lettera l’aggio dato a mmano a lo marito? Eh! Ccà mbruoglio nc’è sotto!

PASQUALE (caccia la testa fuori la porta): Uh! D. Leonardo.

LEONARDO:D. Pascà, state ccà?

PASQUALE:E vuje ch’avite fatto, avite lasciato de fà l’usciere?

LEONARDO:Nonsignore.

PASQUALE:Io ve veco co la livrea ncuollo, avite fatto avanzamento!

LEONARDO:E nu piacere ch’aggio fatto la commarella mia, m’aggio d’avuto fingere servitore pe scommiglià li mbruoglie de nu certo D.Feliciello.

PASQUALE:Ah, D. Feliciello Sciosciammocca, lo conosco, lo conosco!

ATTANASIO (piano a Leo): (Chisto pure ccà!). Maestro bello!

PASQUALE:Uh! D. Attanasio.

ATTANASIO (piano a Leonardo): (Date chiacchiere lo maestro, quando faccio fuì la mogliera che sta là dinto).

LEONARDO: (Nientemeno!). D. Pascà, io ve volarria addimannà na cosa. Quanno lo marito se sparte co la mugliera, la roba de la casa fanno mmità pedono? (In questo frattempo Marietta è andata via pel fondo.)

PASQUALE:E si capisce benissimo!

ATTANASIO: Accossì me pare pure a me. (Piano a Pasquale.) (Maestro, date chiacchiere a chisto, quando faccio fuì la mugliera chesta là dinto!)

PASQUALE:(Ndranchete Ndrà!). Ditemi na cosa D. Leonà, essa dote ve n’ha portata?

LEONARDO:Manco nu soldo! (In questo frattempo Michelina è andata via pel fondo.)

PASQUALE: Allora va bene, allora va bene! (Attanasio ch‘è rimasto sotto la porta, guarda i due, e dà in uno scroscio di risa, li saluta con le mani e via. I due si guardano e ridono, si fanno dei segni come a concerto.)-

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

Camera in casa di D. Raffaele, 3 porte laterali ed una finestra. In fondo a sinistra una tavola con grossa guantiera di dolci, bicchieri e bottiglie di vino forastiero. In fondo a destra altra tavola con palettò, scemise, cappelli, bastoni e ombrelli degl’invitati. Alla porta in fondo vi saranno ai 2 lati 2 garselle accese con sopra 2 grossi piretti divino, bottiglie divino e bicchieri. Vicino alla credenza vi sarà una cesta grande con freselle e taralli. Sedie ecc. ecc.

SCENA PRIMA

All’alzarsi della tela di dentro a destra si sente suonare un concertino di quadriglia ad una voce che chiama la quadriglia, dal fondo vice:

LEONARDO (con chiave): D. Pasquà, nun ve muvite mai da vicino a me.

PASQUALE:E voi pure. Noi stasera dobbiamo stare sempre uniti, acciò nell’occorrenza voi potete fare il testimonio a me, ed io lo faccio a voi.

LEONARDO:Intanto, nun aggio potuto truvà cchiù chillo cancaro de giuvinotto che me dette la lettera pe muglierema; io aveva pensato de purtarle pure la risposta, pe poterlo cogliere ncastagna.

PASQUALE:Eh! La pensata era buonissima.

LEONARDO:E nun l’aggio potuto truvà, ma chillo stasera ccà vene. A Michelina moglierema l’aggio chiusa da dinto, e chesta ccà è la chiave, nun tengo paura de niente, a essa l’aggio ditto che non me ritirava stanotte, che ghieva a scrivere nu pruciesso cu n’avvocato.

PASQUALE:Beato voi, state a pensiero quieto!

LEONARDO:Io nun saccio vuje comme putite sta ccà, mentre la mugliera vosta sta dinto, sta abballanno e se sta sfrenanno mmiezo a tanta gente.

PASQUALE:La mia posizione è diversa de la vostra, caro D. Leonardo. A voi è amore, a me è quistione di 100 lire al mese che voglio sparambiare. Quella abballa, la legge non ci trova difficoltà. è una festa da ballo che ha dato un galantuomo. A mè me serve l’articolo 150, pecché, comme a nu stupito, quanno me spartette nun me servette de lo 158,e essa me presenta sempe lo 142, ma si ncoccio lo 150, ppà, me presente co lo 156.

LEONARDO:Io nun aggio capito manco na parola!

PASQUALE:Ah, capisco io. (D.d. si sentono delle voci: Valzer, Valzer — indi la voce di Michelina: Maestro un bel valzer.)

LEONARDO:A mè me pare ch’aggio ntiso la voce de muglierema!

PASQUALE: Oh, D. Leonà, voi che dite, voi tenete la chiave dentro a la sacca.

LEONARDO:D. Pasquà, jammo dinto.

PASQUALE:D. Leonà, vuje site pazzo, chella me vede muglierema, e io fernesco de cucinà. E poi, se veramente vostra moglie sta dentro, cosa che io credo impossibile, che fate, fate un chiasso, e non potite scommiglià l’affare di quel giovinotto, perché quello ve può dire io non lo conosco, so’ stato invitato a questa festa da ballo, e so’ venuto pur’io.

LEONARDO: Già, avete ragione, che volete, io a sangue caldo non ragiono. Allora D. Pasquà, fateme nu favore, jammo nu mumento a casa.

PASQUALE: Vuje mò v’avite mise stu penziero ncapo, e si nun ghiammo vuje nun la fernite cchiù, jammoncenne!

LEONARDO:Nuje mò facimmo lesto lesto! (Viano fondo.)

SCENA SECONDA

Arturo e Marietta, poi Michelina.

ARTURO (con Marietta sotto al braccio):Mariè, te vuò mangià nu piezzo de dolce?

MARIETTA:No, voglio nu bicchierino de rosolio. (Art.: le mette il rosolio e lei beve.) Grazie. Dunche Feliciello non ha potuto venì?

ARTURO:Marietta mia, tu che ne saje, chillo tene na mamma ch’è n’affare serio! Nuje aveveme combinato tutte cose, steveme pure venenno, quando tutte nzieme, nc’è venuta la mamma de faccia, nce n’avimmo avuta saglì n’ata vota, e stata inutile ogni scusa, ogni stratagemma, essa tosta, a non credere niente.

MARIETTA:Ma certamente si veneva ccà stasera, non c’era niente de male.

ARTURO:Lo capisco, ma nun saje chella comme tene a chillo figlio, poco manca e lo mette sotto a na campana! (Mar.: ride.) Ma io credo che chillo stasera ccà vene, pecché nce steva troppo ncanato.

MARIETTA:Ah, ah, si vene nce n’avimma fà rise!

ARTURO:A proposito, Mariè, Michelina stasera pecché non me dà confidenza, non me guarda nfaccia, vaco pe m’accustà e se ne scappa?

MARIETTA:Ma comme, tu non saje niente?

ARTURO:No, nun m’ha voluto dicere manco na parola.

MICHELINA:Mariè, viene dinto, te vonno.

ARTURO:Micheli, pozzo sape...

MICHELINA: Mannaggia l’arma de mammeta, ma tu me vuò lassà j o no? Comme, me combine chillo piattino? Me manne la lettera pe mezzo de maritemo, pe me fà nquietà? Ma tu haje voglia de fà, haje voglia de dì, che cu mmico nun ne cacce niente! Io te l’aggio ditto tanta vote che primma era na cosa e mò n’è n’ata, primma era zetella, e mò so’ mmaretata, e pò, grazie de lo Cielo, aggio trovato nu marito che nun me dà l’ombra de dispiacere, a te nun te pozzo dà retta, fatte de fatte tuoje, quanta vote te l’aggia dicere.

ARTURO:Ma Mariè, vide chella comme parla.

MARIETTA:E me pare ch’have ragione.

ARTURO: Comme have ragione, io l’aggio mannata la lettera pe lo servitore de Feliciello, e nun saccio comme pò è capitata mmano a lo marito, io lo marito nun lo conosco.

MICHELINA:Vattenne, cheste so’ scuse, tu haje fatto apposta, tu l’haje fatto pe me fà truvà mmiezo a nu mbruoglio, ma non ne ricave niente, chillo me vò bene, e tu schiatte!

ARTURO: Uh! Michelì, tu comme la tire a luongo, e sì, mò comme nce stisse sulo tu ncoppa a lo munno, comme stasera nun nce stessene cchiù figliole dinto, t’aggio ditto che nun ne saccio niente, nun me vuò credere, saluta a la fibbia! Oh, mò m’haje seccato mò! (Via.)

MICHELINA:Oh, mò so’ contenta, che m’aggio levato nu pisemo da coppa a lo stommaco!

MARIETTA: Haje fatto buono, Michelina mia, tu te sì mmaretata, haje trovato un buon’ommo, te vò bene, e ringrazia lo Cielo, mò de chiste tiempe le marite vanno fuienno, l’uommene se so’ mparate, vonno fà ammore, parlene cu papa, cu mammà, pigliene de tiempo n’anne, si attocca pure 3 anne, appena se sta accostanno l’epoca de lo sposalizio, spariscene, nun li truove cchiù. Ah! Quanto me trovo pentita che nun aggio saputo tenè caro chillo che teneva. A proposito tu po’ comme haje fatto pe venì ccà stasera?

MICHELINA:Ah, nun saje ch’aggio combinato? Leonardo, mariteme, a li 9 se n’è ghiuto, dicennome che stanotte nun se ritirava, pecché aveva j a scrivere in casa de n’avvocato, m’ha chiusa da dinto e s’ha portata la chiave, io aggio ditto: comme faccio, justo justo chillo nun se retira, tutte quante vanno la festa de ballo de D. Rafele, e io sola aggia sta cca. Oh, chesto poi non sarrà maje! Haje da sapè che nuje dinta a la cucina tenimmo nu mezzanino, lo quale tene nu fenestiello che corrisponde mmiezo a li grade, io aggio aricettato la cammera, me so’ vestuta, e me ne so’ asciuta pe là dinto.

MARIETTA:Ah, ah, chesta si ch’è curiosa!

MICHELINA:Appena sta facenno juorno, me ne vaco e me mpizzo n’ata vota pe dò so’ asciuta.

MARIETTA:E si mariteto se ritira primma de te?

MICHELINA:Ah, è impossibile, io lo ssaccio, sempe che va a scrivere da chill’avvocato se ritira verso li 7, 7 e meze de la matina.

MARIETTA:Allora va buono, e ghiammo abballà là!

MICHELINA:Jammo, jammo! (Viano.)

SCENA TERZA

Raffaele, Attanasio ed un Facchino che porta in testa una grossa guantiera, con entro grosso cartoccio bianco, come se fosse un gattò per 16 persone.

RAFFAELE (col facchino): Miettelo ncoppa a la tavola, dinta a chella cammera, e battenne, ca po’ nce vedimmo a lo magazzino. (Facch.: entra seconda a sin.:poi esce e via fondo.) Trase, trase Attanà, che veramente m’haje dato nu piacere gruosso assaje.

ATTANASIO:Tu nun te puoi credere io quanto so’ contento che t’aggio trovato, che t’aggio visto doppo 17 anne.

RAFFAELE:Damme n’atu vaso.

ATTANASIO:Pure mille. (Si baciano.)

RAFFAELE:Assettammoce nu poco, e arricordammece de li tiempe antiche.

ATTANASIO:Ah! Chilli tiempe nun tornene cchiù.

RAFFAELE: E pecché nun tornene cchiù? No, amico mio, haje da sapé che io nun me so’ mosso da chella vita che faceva, e non me scorde maje che lo nonno mio era putecaro, pateme era putecaro, io so’ putecaro, e voglio murì putecaro. Me piace de faticà, e me piace pure de me spassà. Quanno capita lo tuocco me lo vaco a fà, la campagnata nun la rifiuto, na carrozziata... Ah, me recreo! Quanno s’ha da faticà, fatico sà, e manco nu giovinotto!

ATTANASIO: Ah, viate a te, quanto pagarria pe fà la vita che faje tu! Ma nun la pozzo fà, pecché muglierema vò che io parlo pulito, che faccio lo signore, che leggo le giornale.

RAFFAELE:Ah, ah, tu mò vide la combinazione, vuje tante amice, e a mogliereta io nun la cunosco.

ATTANASIO: Io te ncuntraje 4 anne doppo spusato, te dicette vieneme trova, pò nun t’aggio visto cchiù.

RAFFAELE:Eh, amico mio, tanta disgrazie una ncoppa a n’ata, nun m’hanno fatto penzà a niente cchiù, chill’anno primme me morette fratemo Saverio.

ATTANASIO:Uh! è muorto lo si Saverio? Che bello sapunaro ch’avimmo perduto!

RAFFAELE:Eh, quanno se metteva la sporta sotto chillo, tutte ll’ate sapunare s’è metteva dinto a la sacca! Pò, me morette moglierema Lisabetta.

ATTANASIO: Ah, già, tu me diciste che t’ire nzurato.

RAFFAELE:N’angelo de figlia, Attanà, na perla, figurete, me rummanette na criatura, na peccerella de 3 anne, che mò è grossa, si la vide, nò pecché m’è figlia, è na bella figliola, po’ virtuosa, cu chelli mmane pitta lo sole, fa la modista, serve le meglie case napolitane, lucra bene, tutto chello che s’abbusca se l’astipa pe la dote. Ogge è stato lo nomme sujo, ha voluto fà na festa de ballo, ha mmitate a tutte li compagne soje, e se spassene, abballano, zompene — so’ figliole, che nce vuò fà!

ATTANASIO:E nun haje penzato a te nzurà n’ata vota?

RAFFAELE:Nun voglia maje lo Cielo, chella si lo sente soltanto me zompa nfaccia! Io te dico la verità, tenarria lo pensiero de farlo... ma comme faccio, chella lo cchiù poco faciarria revutà la casa! Basta, Attanà, vivete nu bicchiere de vino, ricordammece lo passato — ma stu vino me l’aggio fatto venì apposta da Nola, chesto ccà se l’hanna vevere soltanto l’amice, na cosa troppo scicca! (Versa il vino nel bicchiere.) Guarda Attanà, lo culore de lo granato. Vive. (Beve.)

ATTANASIO (beve): Lo granato. (Chesto è acito!) Dimme na cosa Rafè, stu vino lo tiene sulo pe l’amice?

RAFFAELE:Se capisce.

ATTANASIO:(E chisto a li nemice va trova che nce have da dà!). Buono. (Posa il bicchiere.)

RAFFAELE:Attanà, volarria proprio conoscere mugliereta, a la verità!

ATTANASIO:Non te faciarria troppo piacere, siente a me!

RAFFAELE:Pecché?

ATTANASIO: Pecché chella la penza de na manera che nun fa pe te. Vò fà la nobile, tutte cose le fanne scuorno, so’ privo dinta a la casa d’arapì la vocca! Figurete, cierti amici miei, stasera m’avevano invitato a Casoria pe na cena pe me fà assaggià nu bicchiere le vino, proprio naturale — embè, aggiò avute ammentà che ghieva a Casoria pe la compra de na massaria, si no chella nun me faceva j. (Raff: ride.) Eh, tu ride, nun voglia lo Cielo e chella mò sapesse che io sto ccà.

RAFFAELE:Ma pò a Casoria, nun nce sì ghiuto cchiù?

ATTANASIO:E no, pecché pe certe combinazione che se so’ date, aggio perzo tiempo, s’è fatto notte e nun nce aggio pututo j cchiù. Me steva ritiranno a casa, penzanno che scusa aveva truvà, quando aggio truvato a te de faccia, io nun t’aveva conosciuto.

RAFFAELE:Ma io si però, perché la tua fisonotua m’è rimasta a memoria.

ATTANASIO:(Eh, la fisonotua!).

RAFFAELE:Allora io diciarria stanotte statte ccà, mò nce ne jammo dinto, vedimmo nu poco come abballane, po’ te faccio vevere na presa de rosolio scicca, e a n’atu poco nce ne jammo a fumà na pipparella fora a la loggia, e vedimmo schiarà juorno. Dimane te retira, e dice a mugliereta che sì stato a Casoria.

ATTANASIO:Eh, mò me trovo mò, a chello che ne vene vene!

RAFFAELE:Jammoncenne, nun te n’incarricà! (Viano seconda a d.)

SCENA QUARTA

Felice, poi Raffaele.

FELICE:Sangue de Bacco, tanto aggio fatto che pure ccà so’ venuto... mò moro, nun me fido cchiù de correre, ma nce l’aggio fatto caspita: Felì, jammece a cuccà — jammo mugliera mia, erano all’8 e meze, vedete un giovine all’8 e meza pò tenè suonno, e po’ stanno cu chillo pensiero ncapo. Che buò durmì... me so’ curcato pe nun le dà sospetto de niente, quanno aggio visto che durmeva a suonno chino, zitto zitto, so’ scise, me so’ vestuto, e me ne so’ scappato, ma cu li panne che teneva pe la casa però, e comme faceva? Lo cumò comme l’arapeva, si faceva rummore chella po’ essere che se scetava e felicenotte — me so’ miso a correre pe la strada comme a nu pazzo, chille duje guardie m’hanno pigliato pe mariuolo, m’hanno afferrato e m’hanno addimmannate tanta cose, dove andate? io sono un galantuomo, vado a na festa de ballo. Comme, a na festa da ballo, e andate di questa maniera? Scusate, ma cheste so’ cose curiose, e se io nun tengo che me mettere, e si nun aggio avuto tiempo de me vestì, volete entrare nei fatti miei. Basta, dopo tanta chiacchiere, se ne so’ ghiute, e io me so’ mise a correre n’auta vota, finalmente so’ arrivato — ma comme faccio, comme me presento dinto de chesta manera, che figura faccio, aspetta ccà ncoppa stanne diverse scemise, mò me ne metto una de chiste, si quaccheduno lo conosce ch’è lo suio io dico: Oh, scusate, ho sbagliato.., me credeva ch’era il mio. (Si mette lo scemise con lazzi.) Me va nu poco largo, nun fa niente, pare sempe meglio de comme steva primmo. Stu cappiello è meglio de lo mio... mò poso chisto, e me piglio chisto. (Si mette un cappello alto e mette il suo sul tavolo.) Me pare nu cucchiere appadronato!

RAFFAELE (esce, va a prendere la guantiera dei dolci e fà per andare da dove è uscito, vede Felice): Voi chi siete?

FELICE:Sono un signore qualunque.

RAFFAELE:E chi vi ha invitato?

FELICE:M’ha invitato n’amico mio.

RAFFAELE:N’amico vuosto? E addò sta st’amico vuosto?

FELICE:Non lo sò, forse sarà venuto prima, starà dentro.

RAFFAELE:Starà dentro? E ccà che stiveve facenno?

FELICE:Stava aspettando chi sa usciva.

RAFFAELE:E nonsignore, favorite dentro, qua che nce fate. (Fosse nu mariuolo!) Trasite, trasite, cca, che nce facite. (Guardandolo sospettoso.) (La faccia de mariunciello la tene!) (Via.)

FELICE:E chisto pure pe mariunciello m’ha pigliato! Và, lasseme trasì dinto, che me parene mill’anne che veco a Marietta. Eccomi signori. (Via.)

SCENA QUINTA

Pasquale e Leonardo, poi Raffaele e Michelina.

PASQUALE:D. Leonà, riflettete bene le cose.

LEONARDO:Non nc’è che riflettere, voglio fà un streverio, voglio fà correre la. cavallaria!

PASQUALE:Ma pensate che questa non è casa vostra.

LEONARDO:E che me ne mporta a me — birbanta, assassina! Comme, io la rimmane chiusa da dinto, e io la chiave co la tengo a fà! (Pasq. ride.) D. Pascà nun ridete, che me fate fà lo pazzo!

PASQUALE:No, io rido pecché tenite la chiave dinta a la sacca.

LEONARDO:Sì, ma io non me la tengo però! Ah! zitto, zitto D. Pasquà... essa vene da chesta parte sotto a lo vraccio de nu viecchio.

PASQUALE:. Ah, chillo è D. Rafele lo padrone de casa.

LEONARDO:Annasconniteve D. Pascà, ve voglio fà vedé comme me regolo io, ve voglio fà vedè che l’aggia dicere!

PASQUALE:Non v’alterate tanto, vi potete compromettere! (Via prima a sin.: Leon.: va verso destra.)

RAFFAELE (porta a braccio Mich.): Vi voglio offrire una presa di rosolio a doppia crema.

MICHELINA:Grazie.

RAFFAELE:Mi dispiace che sono un cavaliere servente un poco vecchio, ma non fa niente, si dice: gallina vecchia, fa buon brodo.

LEONARDO:(Te voglio fà ascì io lo brodo de lo mellone!).

MICHELINA:(Che! maritemo!). D. Rafè, chillo è maritemo!).

RAFFAELE:(E che d’è, ch’è diavolo!).

LEONARDO:Voi non mi aspettavate in questa casa a quest’ora? Donna infame! Donna senza rossore!

RAFFAELE (Pasq.: fa capolino): Ma che significano queste parole?

LEONARDO:Ho ragione! L’aggio chiusa da dinto, essa se n’asciuta ed è venuta ccà! Birbante! Cammina a casa... si no te piglio a schiaffe!

MICHELINA:Tu a chi piglie a schiaffe, a chi? Mò veramente te scomma de sangue! Vuje vedite che aggio passato io poverella nnanze a stu mamozio de Pezzule!

PASQUALE:(Uh! mamozio!).

MICHELINA:Nun me vò fà j a nisciuna parte, nun me vò fà uscì de la casa, so’ 3 mise che simme sposate, m’avesse portato maje a quacche divertimento, nun pozzo ascì manco fore a lo balcone pecché piglia gelosia. Stammatina se n’è venuto cu na lettera, e m’ha dato chello poco de tuosseco! Stasera, è venuta la figlia de D. Rafele e m’è venuta a piglià, steva la porta chiusa, me ne songo asciuta pe lo fenestiello de la cucina, e so’ venuta in casa di un galantuomo, capisci.

RAFFAELE:Troppo buona!

MICHELINA:Chillo piglia e have l’ardire de dì: te piglio a schiaffe, nun lo dì n’ata vota sà, nun te credere che io so’ sola, e nun tengo a nisciuno, pecché me difendo io stessa!

LEONARDO:Ma io songo...

RAFFAELE:Na bestia! (Pasq. ride.) Perché quando avevate appurato che vostra moglie stava in casa mia, v’aviveve da stà zitto. Vostra moglie stava in casa de nu putecaro onesto... di un gentiluomo, nun aviveva dì donna senza rossore, pecché cu sta parola avete pungiuto pure a me!

PASQUALE:(Uh! Pungiuto!).

RAFFAELE:Pecché vò dicere che chi vene dinta a la casa mia non tene rossore... Che non sta, non sta!

LEONARDO:Ma io...

RAFFAELE:E che io e io, stateve zitto, quanno nun sapite fà lo marito nun ve nzurate, nun nfelicitate na povera figliola, che pe se j a divertì nu poco, se n’avuta fuì pe dinto a lo fenestiello de la cucina, a uso de na gatta marzaiola! è venuta stasera a ballà nu poco in casa mia, che male nce sta? Fusseve venuto pure vuje che ireve ricevuto cu tutto lo piacere.

MICHELINA:No, D. Rafè, vedite, io ve dico la verità, se seguita a trattarme de chesta manera, io me voglio spartere... pecché non me fido de fà sta vita, io songo certa che ne piglio na malattia e me ne moro! Si sapisseve stammatina che parole m’ha ditto, senza ragione, innocentamente, m’ha fatto chiagnere pe 3 ore de seguito... chesto pecché io non tengo né mamma e né patre! (Piange. Raff: anche piange con lazzi.)

LEONARDO:Ecco ccà, mò chiagne, sape che io non me fido de vederla chiagnere... agge pacienza, nun lo faccio cchiù, aggio mancato... io me credeva che non t’era venuta a piglià la figlia de stu signore — meh, nun mporta, facimmo pace. (Baci.) Nun chiagnere cchiù!

MICHELINA:E lo faje cchiù?

LEONARDO:Nonsignore, nun lo faccio cchiù!

RAFFAELE:Và, facite pace! (Bacia la mano a Mich.)

LEONARDO:Jammo a franco, D. Rafè!

RAFFAELE:E che male nce sta, io songo affezionato!

LEONARDO:E voi di questa età, ve pigliate ancora passagge! Mugliera mia cara cara! (L’abbraccia.)

RAFFAELE:Và, jatevenne dinto, che mò me porto pure a isso.

MICHELINA:Grazie tanto, D. Rafè! (Via.)

RAFFAELE:Venite ccà, beviteve nu bicchiere de vino. (Gli dà a bere.)

LEONARDO:Mille grazie. (Beve.)

RAFFAELE:Vostra moglie è na bona figliola, e io saccio che ve vò bene.

LEONARDO:Ch’aggia fà, io so’ geluso, ogne pilo lo faccio trave.

RAFFAELE:Avite ragione, ma capite, ogne tanto la mughiera s’ha da fà spassà. Se nun la facite spassà vuje, neh, chi vulite che nce la porta, se nun la facite divertì vuje, neh, chi vulite che la fà divertì?

LEONARDO:Neh, vuje che vulite da me? ( Viano seconda a destra.)

PASQUALE (viene avanti): Io mò moro da le risa! Ma chillo è proprio nu turzo de carcioffola, voleva fare, voleva dire... buffone!

SCENA SESTA

Felice, poi Lorenzo, indi Arturo.

FELICE:Sangue de Bacco! Chillo sta papà dinto, mò è trasuto pure Battista lo servitore, meno male che nun m’hanno visto... comme canchere se trovene ccà ncoppa? (Si volta e vede Pasq.) Uh! Lo maestro.., e comme la combino! (S’alza il bavero del soprabito.)

PASQUALE:Che veco! Sta trasenno D. Lorenzo, certo vene pe parlà cu mughierema... mò è lo momento! (Entra prima a sin.)

LORENZO (entra):Ccà ha da essere!

FELICE:(Lorenzo! Peggio! Ma che d’è, stanno tutte ccà ncoppa!).

LORENZO: Comme avarria fà pe parlà cu Marietta, pe darle lo ritratto, accossì me la levo da tuorno, si no chella pò essere che vene n’ata vota a casa, e me fà nquità cu muglierema. (A Felice:) Signore, scusate... sapete se dentro... signore... sapete...

FELICE (senza voltarsi): La festa da ballo da quella parte, la festa da ballo da quella parte! (Cambiando voce e con le spalle voltate via fondo a sin.)

LORENZO:Vì che ata educazione tene chill’ato! (D.d. si suona.) Mò me mpizzo mmiezo a la folla, e quanno me vene a taglio nce lo dongo. (Entra.)

PASQUALE: Sangue de Bacco, chillo mò certo va a parlà cu mughierema... e io nun pozzo sentere... Aspetta, stanno sti soprabiti, si putesse trasì dinto senz’essere conosciuto. (Si mètte un lungo scemise bianco ed il cappello che ha lasciato sul tavolo Felice — entra di galoppo a passo di musica che suona dentro.)

FELICE:Voi vedete la combinazione, papà, Battista, Lorenzo, lo maestro, tutte quante ccà ncoppa! E dinto chi nce trase, tengo nu triemmolo dinto a li gamme e nun saccio che d’è!

ARTURO:Guè Felì, ch’haje fatto, te ne sì ghiuto?

FELICE:E se capisce, tu pazzie, chillo sta papà dinto!

ARTURO:Tu non saje niente? Lo servitore tujo Battista, saje chi è?

FELICE:Chi è?

ARTURO:E lo marito de Michelina.

FELICE:Tu che dice!

ARTURO:Nun è overo ch’è servitore, s’è finto tale e non se chiama Battista, se chiamma Leonardo, sta finzione nce l’ha fatta fa D. Amalia, pe potè scommiglià quacche mbroglia toja.

FELICE:Possibile! E a te chi te l’ha ditto?

ARTURO:Isso stesso, mò proprio! Uh! Nuje simme diventate amice. (Ridendo.) Ah, ah, io l’aggio dittò che la lettera nun ghieva a la mughiera, jeva a n’ata Michelina che sta de casa dinto o stesso palazzo sujo.

FELICE:E isso se l’ha creduto?

ARTURO:Sicuro!

FELICE:Uh! Arma de lo pastenacone!

ARTURO:Jammo, viene dinto, jammoce a spassà!

FELICE:Tu sì pazzo! Chillo sta papà dinto, io abbusco abballanno, abballanno!

ARTURO:Cirche de nun te fà vedé.

FELICE:Nun nce penzà, io dinto nun nce trase cchiù!

ARTURO:Allora vaco abballà io! (Entra.)

FELICE:Va, va, abballa tu, va ti diverti, mannaggia lo mumento che me so’ nzurato, mannaggia... Che veco! Papà vene da chesta parte cu na figliola pe sotto a lo vraccio, voglio sentì che dicene. (Si nasconde prima a sin.: e fa capolino.)

SCENA SETTIMA

Attanasio e Rosina.

ATTANASIO:Qua, qua, vi voglio servire io stesso. (Gli offre un tarallo che prende dalla sporta.) Ve piacene chiste?

ROSINA (lo prende): Grazie tanto.

ATTANASIO:Stiamoci un poco qua... là nc’è troppa folla, ci fa un caldo che se more!

ROSINA:Sì, sì, è vero io sto tutta sudata!

ATTANASIO:Come vi chiamate?

ROSINA:Rosina a servirvi.

ATTANASIO:A favorirmi sempre... il nome ci sta adattato con la persona, pecché vuje site na vera rosella de maggio!

ROSINA:Ah, è bontà vostra!

ATTANASIO:No, è quello che è... voi siete la più bella di quanto ce ne sono dentro. E diteme na cosa, fate l’amore?

ROSINA:Io? Nonsignore.

ATTANASIO:Eh, nonsignore... sissignore... e impossibile che una ragazza come voi non fà l’amore... Ah! Se così fosse veramente, io sarei capace di fare tutto per voi, perché che sò, appena vi ho visto sono rimasto incatenato, magnetizzato, affascinato...

FELICE:(Ah! Vecchio scostumato!).

ATTANASIO:Sono un poco avanzato, è vero, ma che fa, il cuore non è mai vecchio... diteme na cosa, se io ve dicesse che vi amo, vi amo perdutamente, voi che mi rispondereste?

ROSINA:Vedete, mò nun pozzo rispondere niente, me sento girà la testa, sento un caldo che mò moro!

ATTANASIO: Allora venite a piglià nu poco d’aria fora a la loggia vedete che ve passerà tutto. (Le cinge la vita col braccio.) Angioletto mio, vita mia, tesoretto mio! ( Viano fondo a sinistra. Felice con lazzi va appresso.)

SCENA OTTAVA

Pasquale, poi Lorenzo e Marietta, indi Felice.

PASQUALE:Se la sta carrianno da chesta parte, mò vedimmo si faccio lo colpo! (Entra prima a sin.: e fa capolino.)

LORENZO:D. Mariè, venite ccà, llà nce sta troppa folla, po’ essere che nce vedene. (Con ritratto.).

MARIETTA:M’avite portato lo ritratto?

LORENZO:Sissignore, chisto è isso, io ve lo dongo, ma v’assicuro che me levate la cosa la chiù cara pe me!

MARIETTA:Vuje site nzurato, teniteve cara la mugliera vosta.

LORENZO:Ma pozzo almeno sperà che penzate qualche volta a me?

MARIETTA:Ma scusate, che penzo a fà a buje, vuje site nzurato io so’ mmaretata, sarrìa nu pensiero proprio inutile.

LORENZO:Vale a dicere, che io m’aggia scordà interamente de vuje?

MARIETTA: Interamente! Mio caro D. Lorenzo, me pare che io ve l’aggio ditto cchiù de na vota, pe tanto ve facette trasì dinto a puteca mia, pecché nun sapeva che jreve nzurato, eppure, si ve ricordate, ve diceva sempe ch’era tiempo perzo, che nun ne cacciaveve niente, perché io era maritata. Na sera vuje pe forza ve pigliasteve lo ritratto mio da faccia a lo muro, lo quale ritratto ha fatto crede a mariteme chello che nun era. D. Lorenzo mio, io aggio sofferto assaje, e giustamente, pecché nun aveva trattà a chill’ommo comme l’aggio trattato, aggio visto ch’aggio fatto male, lo marito s’ha da tené caro, e po’, chillo marito che pozzo dicere che me voleva bene veramente, io v’assicuro che da ché me so’ spartuta da maritemo, che saccio, lo munno me pare n’ata cosa, pare sempe che uno me dice dinto a recchia: haje fatto male!!... pare che tutte chille che me guardene, nun me guardassero co piacere. E pò, caro D. Lorenzo, chi ommo me tratta con sincerità... cu affezione, nisciuno? Aggio capito troppo sta cosa, v’assicuro che mò voglio bene a maritemo, pecché mò saccio che significa marito, mò saccio che significa a sta senza n’ommo che te vò bene veramente. (In tutto questo discorso Pasquale s‘intenerisce a poco a poco.)

LORENZO:Ah, ah, ah... D. Mariè, e vuje quanno maje avite parlato accossì?

MARIETTA:Maje, pecché maje aggio capito lo mmale che aveva fatto!

LORENZO: Allora nun ne parlammo cchiù... stateve bene, e salutatemi tanto tanto il vostro affezionato Pasqualino. (Via fondo.)

MARIETTA:Oh, pare che mò se sarrà fatto capace na vota pe sempe! (Per entrare Pasq.: le va di faccia.) (Che! Maritemo!)

PASQUALE:No, il vostro ammiratore, voi avete un cuore di pastafrolla! Ho inteso tutto, mi avete commosso fino ai capelli!

MARIETTA:Ma io...

PASQUALE:Zitto! Non voglio sentire più niente. (Le bacia la mano.) Andate a ballare.

MARIETTA:Comme! e vuje?

PASQUALE:Io ve lo permetto! Andate a ballare. Da questa sera vostro marito ritornerà nelle vostre braccia!

MARIETTA:Oh! Che piacere! (Entra.)

PASQUALE:Cara, carella, carogna... mò la chammava carogna. Con quelle parole mi hai toccato il cuore! (Di dentro si sente suonare un valzer, dal fondo comparisce Felice e resta sotto la porta con i capelli in disordine.)

FELICE:Maestro?

PASQUALE:D. Felice!

FELICE:Potete perdere 5 minuti?

PASQUALE:Per fare che?

FELICE:Per vedere una cosa!

PASQUALE:Che cosa?

FELICE:Mio padre lo credete un galantuomo?

PASQUALE:Sicuro!

FELICE:No! è un porco!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

ATTO QUARTO

La scena rappresenta una serra di fiori, 4 porte laterali ed una in fondo. Tavolini e sediolini di giardino.

SCENA PRIMA

Amalia ed Adelina.

AMALIA (trasportando Adel.:pel fondo): Ma viene ccà, Adelina mia, tu m’haje ntiso sempe, mò che saccio nun me daje audienza, e sieguita a te piglià collera.

ADELINA:Amà, ma tu sì curiosa, comme, io me sceto, nun me trovo a maritemo vicino, lo vaco trovanno pe tutta la casa, nun lo trovo, nun saccio che se n’è fatto, e vuò che stongo de buon’umore, e nun me piglio collera. Aggio pacienza, cheste sò cose che se dicene pe calmà na persona, ma nun se sentene!

AMALIA:Ma viene ccà, conteme lo fatto, ve fusseve appiccecato aissera?

ADELINA:Addò, maje comm’aissera, nce simme curcate cu tanto buon’umore, dinto a lo lietto nce avimmo parlato de tanta belle cose, isso po’ doppo na mez’ora me dicette: Adelì, perdoneme si m’addormo, pecché nun me fido de tené cchiù l’uocchie apierte, io pure steva stanca e nce addormetteme. Stammatina, quanno me sò scetata, sò ghiuta pe vedé, e a lo pizzo sujo, mmece d’isso, nce steva nu cuscino commigliato co lo lenzulo. Figurete, nun sapeva a che penzà, sò scesa, me credeva che steva dinto all’ate cammere, sò ghiuta vedenno e nun l’aggio trovato a nisciuna parte!

AMALIA:Vuje vedite, ma nun te piglià collera, siente a me, quacche combinazione se sarrà data — embè, Lorenzo maritemo nun è stato pure fore le casa fino a li 3 doppo mezanotte.

ADELINA:Ma Lorenzo è stata n’ata cosa. Lorenzo ascette aissera, e s’è ritirato stanotte; ma Felice no, Felice se cuccaje, pò s’avetta sosere e se n’ascette. Và trova addò sarrà ghiuto lo galantuomo! Lorenzo frateme me lo diceva: Adelì, sora mia, nun te lo piglià, pecché chisto doppo nu mese accommencia a te fà piglià collera, e accussì è stato! Io me credeva che me voleva bene, me credeva che ghieva pazzo pe me... Ah! Nfame, nfame! (P.a. a s.)

AMALIA:Ma viene ccà, Adelì...

ADELINA:Amà, lasseme stà, lasseme sola... voglio sfucà, voglio chiagnere sola. Te volarria vedè a te nella mia posizione; comme, na mugliera doppo nu mese sposato, se vota dinto a lo lietto e nvece de lo marito trova lo cuscino, agge pacienza, sò cose troppo dolorose! (Via piangendo.)

AMALIA:Have ragione poverella, chi la pò dà tuorto!

SCENA SECONDA

Leonardo e detta.

LEONARDO:Commarè, state ccà? Ve sò venuto a portà na bella notizia.

AMALIA:Che notizia? De Feliciello che me dicite?

LEONARDO: Commarè, chillo sta facenno mbroglie a muzzo! Stanotte steva a na festa de ballo, addò nce stevene tanta figliole.

AMALIA:Ah... e buje comme lo ssapite?

LEONARDO:Lo saccio pecché là nce steva pure muglierema, la quale fuje mmitata da lo padrone de casa.

AMALIA:E Feliciello v’ha visto?

LEONARDO:Nun saccio si m’ha visto, ma io aggio visto a isso però.

AMALIA:Birbante, birbante!

LEONARDO:Po’ commarè, aggio visto pure a n’ato ma... non volarria essere annommenato.

AMALIA:Chi avite visto?

LEONARDO:Lo cumpare D. Lorenzo.

AMALIA:Che! Mariteme!

LEONARDO:Faciteve sentere commarè, chesto che cos’è — vuje nun site femmena d’essere trattata de chesta manera.

AMALIA:Sì, avite ragione... l’aggia lassà, nun l’aggia vedé cchiù! Briccone, birbante!

LEONARDO:No, commarè, chesto nun lo voglio!

AMALIA:Niente! Stammatina è l’ultima jornata che le stongo vicino! (P.a.)

LEONARDO:Ma sentite... (Am.: via seconda a sin: Leon.: la segue.)

SCENA TERZA

Felice, Ciccillo e Biasiello, poi Adelina.

FELICE (caccia la testa per vedere se c’è alcuno, poi chiama a Bias.): Venite ccà. (I 2 entrano.) Guè guagliù, portateve buone.

BIASIELLO:Nun dubitate.

FELICE:Pecché si no li 5lire che v’aggio date, me ne sconto cauce! Ricordateve tutte chello che v’aggio ditto.

CICCILLO:Sissignore.

FELICE:Abbascio a lo palazzo v’aggio fatta la lezione, rifriscammece la mente. Quanno io arapo lo portafoglio e veco che da li denare che nce mancano 50 lire, vuje che avita dicere? (Cicc.: e Bias.: si guardano.) Già ve site scurdate, puzzate passà nu guaio! Guagliù, io ve sciacco, da voi dipende de nun farme passà nu guaio! Quanno dico che me mancano 50lire, vuje avita dicere: Nonsignore, signò, tanto nce stevene.

CICCILLO:Ah, gnorsì!

FELICE: Io po’ dico: Nonsignore, mariuncielle, nce ne stevene 200 nce ne vonno 50, posate le 50 lire, si no ve porto ncoppa a la Questura. Vuje che dicite?

CICCILLO (a Bias.): Ch’avimma dicere? (Bia.:fa segno di non ricordare.)

FELICE (dà uno schiaffo a Cicci.): Puzzate sculà, v’avite scordato pure chesto! Avite da dicere: Ecco ccà, signò, pigliatavelle, nun nce facite passà nu guaio pe carità!

CICCILLO:Nun lo voglio dicere, pe 5 lire, aggia fà la parte naturale, aggia essere chiammato mariuolo, e aggia avè pure nu schiaffo, nun nce pozzo ascì!

FELICE: Me sta venenno la tela co la credenza! Viene ccà!

BIASIELLO:Ecco ccà, signò, pigliatevelle, nun nce facite passà nu guaio pe carità!

FELICE: Benissimo! Tiene, cheste sò li 50 lire, quanno sentite la parola Questura, me le daje. (Dà 50 lire.)

CICCILLO (p.a.): Anze, pe ve fà vedè, faccio la cosa cchiù naturale.

FELICE: Che buò fa?

CICCILLO:Me ne jesse e po’ venesse co la carta de 50 lire (p.a.).

FELICE: Nonsignore statte ccà, me ne jesse e po’ venesse — acciò se ne jesse e nun venesse cchiù!

BIASIELLO:Che dicite, chillo fa la cosa cchiù naturale.

FELICE: Nun voglio fà cose naturale. Mettiteve ccà e nun ve movite. Mò vedimmo si nce riesco, aggio trovata na scusa che se l’ha da credere pe forza. Ah, statte, la vì ccà mughierema... Guagliù, nce simme, attiento! Cielo mio aiutame tu!

ADELINA:Vi siete ritirato finalmente!

FELICE: Moglie mia, sentimi per soli 5 minuti!

ADELINA:Nun fà lo tragico, che nun ne cacce niente!

FELICE:Che tragico! Mogliera mia, mò te conto lo fatto, mò siente ch’aggio passato io povero infelice stanotte!

ADELINA:E chilli doje chi songo? Uscite! (Soggetto.)

FELICE:Mò siente... Haje da sapé, Adelina mia, nun pozzo manco parlà, mò moro... ma ve voglio acconcià io! (Vedendo che Cicc.: ride.) (Nun ridere, mall’arma de mammeta!) Stanotte verso li 2 e meze, mentre steva dormenno, me so scetato tutto nzieme... aggio ntiso nu rummore da la cammera de fore comme fosse caduta na seggia... me sò miso a sentere meglio, e senteva comm’avessero cammenate gente... e chi pò essere? Lorenzo è asciuto, Amalia sta durmenno... Uh! mamma mia, e chi sarrà, fossene mariuole? Sò sciso da lo lietto, m’aggio pigliato lo revolvere, sò ghiuto fore, e aggio trovato questi due assassini che scravaccavano pe la fenesta che sporge dinto a lo giardino, io cu nu curaggio sopranaturale li sò curruto appriesso pe vedé che s’avevano arrubbato pe le fa arrestà, loro hanno scravaccato lo muro de lo giardino e io appriesso, m’hanno fatto correre pe nu pare d’ore, n’atu poco schiattava ncuorpo! Finalmente, quanno è stato passato lo Serraglio, se sò mpizzate dinto a nu vascetiello, addò nce steva na vecchia de na settantina d’anne, era la mamma... è vero, era vostra madre? La quale sentendo che loro diceveno: Mammà, aiutatece, simme state scopierte, me s’è afferrata vicino a li gamme e s’è mise alluccà... Signò, pe carità, nun li facite arrestà, chiste me sò figlie, signò, vuje m’arroinate, nun mporta, lo Cielo ve lo renne ncoppa a la salute, io sò na povera vecchia! M’ha fatto venire tale compassione che non puoi credere? Aggio ditto a loro: io me sto zitto per vostra madre, per questa povera vecchia, capite, pecché se no ve faccio andare in galera... ncoppa a la casa che v’avite arrubbato? Niente signò, sulo stu portafoglio che nun avimmo apierto ancora. (Caccia il portafoglio.)

ADELINA:Oh, lo portafoglio che steva dinto a scrivania!

FELICE:Me l’hanno consegnato, e me ne steva jenno, ma po’ aggio penzato: e mò che dico a moglierema, che dico a Lorenzo, se ponno credere che io va trova addò sò stato... no, io nun ve faccio niente, nun ve denunzio la Questura, ma avita venì cu me però, la casa mia, pe fà vedè a tutti la verità, accussì me l’aggio portate, loro non nce volevano venì, la vecchia nun me li vuleva fà portà, ma io l’aggio ditto: si nun venite, mò vaco ncoppa a la Sezione e ve faccio arrestà sotto lo colpo, accussì sò venute.

ADELINA:Uh! Feliciello mio, te sì mise a rischio d’avè na curtellata!

FELICE: Eh, ma io non era stupito, sò scise prevenuto! Gente depravata, orrore della Società, questa è stata la professione che v’ha mparato papà! Ringraziate lo Cielo che sò stato io, ma vuje ngalera finite i vostri giorni! A proposito, saje quante nce stevene dinto a lo portafoglio?

ADELINA:200 lire, nce li mettette io aiere.

FELICE:E cheste sò 150!

ADELINA:No, hanno essere 200!

FELICE:Ah, birbante, m’avite ditto che nun l’avite apierto ancora!

CICCILLO:Nonsignore, signò tanto nce stevene.

FELICE:Posate li 50 lire, si no vaco a ricorrere a la Questura.

CICCILLO:Nuje nun avimmo pigliato niente!

BIASIELLO:Nuje nun l’avimmo manco viste! (Piangendo.)

FELICE:Vado a ricorrere a la Questura!

CICCILLO:Io nun tengo niente!

FELICE:A la Questura! (La carta li 50 lire addò stà!)

CICCILLO:Ecco ccà, chesta è essa.

FELICE:Lassa! (La prende.) (Vì che paura, veramente se steva piglianne li 50 lire?) Jatevenne! (Dà un calcio a Cicc.: i 2 viano.)

ADELINA:Feliciello mio, me figuro che paura che t’avarraie miso!

FELICE:Nun ne parlammo, Adelina mia, non ne parlammo, songo vivo pe miracolo!

ADELINA:Ma tu però, quanno avive ntiso lo rummore, me putive scetà.

FELICE:Io voleva farlo, ma po’ aggio penzato: chesta se spaventa, se mette paura, le po’ venì na cosa?

ADELINA:Ah, marito mio caro caro... io pe te dì la verità, aveva dubitato nu poco de te, aveva fatto mille pensiere... Uh! Feliciè, io nun nce aveva badato... sto soprabito nun è lo tujo?

FELICE:Ah! no... pecché io sò sciso maneche de cammisa; te pare, poteva penzà a me mettere lo soprabito.

ADELINA:Uh! pure lo cappiello nun è lo tujo! E chi te l’ha dato?

FELICE: Chi me l’ha dato? Me l’aggio fatto mprestà a prima matina da n’amico mio che sta de casa a Foria.

ADELINA:Povero Feliciello, vedite ch’ha passato! (Chiama.) Amà, viene ccà, Feliciello è venuto!

SCENA QUARTA

Amalia, Leonardo e detti.

AMALIA:Ah, è venuto?

LEONARDO:E tornato?

FELICE:(Lo vì lloco lo vì, chisto stanotte è venuto pe me fà la spia! Meno male che io aggio visto a isso, e isso nun m’ha visto a me!).

AMALIA:E addò è stato?

ADELINA:Uh! Amalia mia, si sapisse, ha secutato a cierti mariuole ch’erano trasuto pe la fenesta de lo giardino! Poveriello, si sapisse che ha passato!

LEONARDO (ad Am.): (Have ammentata la mbroglia!).

AMALIA:(E essa se l’ha creduto!). Uh, mamma mia e comme se n’è addunato?

ADELINA:Eh, mò nun te lo pò cuntà chillo non se fide de parlà, a n’atu poco lo saparraje. Feliciè, viene te piglie nu poco de cafè, viene a ristorarte nu poco, tiene la faccia janca janca!

FELICE:E se capisce, comme vuò ca la tengo, abbiamo avuta una grazia! (Vede che Leonardo ride, non parla più e via con Adelina fondo a sinistra.)

AMALIA:Povera figliola! Ma de chisto passo, veramente nun po cammenà la cosa!

LEONARDO:Commarè io me ne vaco, si m’avita dà cumanne, vuje sapite addò stongo.

AMALIA:Vi ringrazio cumpà, stateve bene.

LEONARDO:Nun ve pigliate collera, strillate, alluccate, sfucate, e nun ve n’incarricate! (Via fondo.)

AMALIA:Mannaggia l’arma lloro, vi che nce tenene ncuorpo!

SCENA QUINTA

Lorenzo, Dorotea e detta.

DOROTEA: No, D. Lorè, vuje nun me facite capace, vuje m’avita dicere che mbruoglio avite fatto cu maritemo. Quanno maje Attanasio nun s’è ritirato na notta sana, quanno maje, chesta è stata la primma vota doppo 20 anne de matrimonio.

LORENZO:Ma signora mia, io che ve pozzo dicere... io nce parlaje... che saccio ch’aveva j a Casoria per la compra de na massaria... anzi, si, mò me ricordo... me voleva purtà pure a me... ma chesto fuje paricchio tiempo fa... po’ nun se ne parlaje cchiù, credo che là avetta j aiere.

DOROTEA:No, D. Lorè, io nun sò femmena che me faccio mbruglià tanto facilmente, maritemo non è ghiuto a Casoria!

LORENZO:E non è ghiuto a Casoria, vuje che vulite da me!

AMALIA:D. Dorotè, ccà songo na maniata de mbrugliune, accommincianno da Feliciello, e fenenno al Signor Lorenzo, qui presente!

LORENZO:Comme... io...

AMALIA:Sì, tu... Dimme na cosa: Stanotte la festa de ballo t’è piaciuta?

LORENZO:La festa de ballo?

AMALIA: Già, nce steva pure D. Feliciello!

LORENZO:Ah, te l’hanno ditto? (Ridendo.)

AMALIA:E che te credive che li cose nun s’appuravene? Sicuro che me l’hanno ditto... birbante, assassino! Ma vide chello ch’haje da fà, pecché io nnanz’a te nun nce voglio stà cchiù.

DOROTEA:E me pare che have ragione!

LORENZO:Ma piezza de stupita che sì... t’hanno ditto che sò ghiuto a la festa de ballo, ma pò nun t’hanno ditto pecché nce sò ghiuto?

AMALIA:Pecché nce sì ghiuto? Pe te j bommecà cu chelli quatte culumbrine!

LORENZO: Nonsignore, io aveva appurato che Feliciello aveva j là, e pe sorprenderlo nce sò ghiuto... e quanno l’aggio visto, l’aggio fatto na lezione che se la ricordarrà fino a che more, pecché io nun pozzo vedé che na sora mia è trattata ‘e chella manera!

AMALIA:Possibile! E te pozzo credere?

LORENZO:Ma m’haje da credere pe forza, mugliera mia!

AMALIA (cacciando il biglietto di visita): E stu biglietto ccà, chesta pecché te l’ha mannato?

LORENZO (legge il biglietto): Ma chisto ccà nun l’aggio ricevuto io, tu addò l’haje trovato?

AMALIA:Ncoppa a na seggia.

LORENZO:Embè, chisto l’avette d’avè Feliciello, e po’ se lo scurdaje ncoppa a la seggia.

AMALIA:E quanno aviste chillo biglietto, che te ne scappaste de pressa, de chi era?

LORENZO:Era la lettera che io me credeva che m’aveva mannata D. Dorotea, e po’ va trove chi pazziaje!

AMALIA:Proprio accossì?

LORENZO:Proprio accossì!

AMALIA:Allora, marito mio, perdoneme!

LORENZO:Ma nun nce penzà, che io te voglio bene!

DOROTEA:Ma vuje a Casoria...

LORENZO:Mall’arma de Casoria!

DOROTEA:Scusate, vuje site curiuso, io nun saccio maritemo addò ha passata la nottata, sò stata mpensiero, me vutava da ccà, me vutava da là dinto a lo lietto, e me trovava sempe sola.

SCENA SESTA

Attanasio, Carluccio e detti.

CARLUCCIO:Favorite, li vedite ccà. (Via.)

ATTANASIO:Signori miei, guè Dorotè, tu staje ccà?

DOROTEA:Ah, voi vi siete ritirato finalmente?

ATTANASIO:Io sò venuto la casa, nun t’aggio trovata, e sò venuto ccà.

DOROTEA:Me pare che me dicisteve che ghiveve a Casoria nzieme cu D. Lorenzo?

ATTANASIO:Sì, ma po’ aiere a Lorenzo nun lo truvaje, e siccome lo vapore poc’ato e parteva, accossì me ne jette io sulo.

DOROTEA:E site stato proprio a Casoria?

ATTANASIO:Proprio a Casoria, embè addò aveva stà?

DOROTEA:Ma pare che site stato pure ncoppa a la Questura, pecché site stato ncoppa a la Questura?

ATTANASIO:Ma che Questura, non è vero, chella fuje na cosa ch’ammentaje Feliciello, e io pe commigliarlo dicette che veramente ero stato ncoppa a la Questura.

AMALIA:Ah, dunche nun è stato overo?

ATTANASIO:Niente affatto! Embè, nun me dicette che Lorenzo aveva dato 2 colpe de revolvere a nu giovinotto.

DOROTEA:E pecché ammentaje tanta buscie?

LORENZO:Pecché tanta mbruoglie?

ATTANASIO:E io che ne saccio!

LORENZO:No, Attanasio mio, io te dico francamente, sta cosa nun po’ ghì nnanze cchiù accossì! Sti mbroglie li voleva fà primme, va bene, nisciuno le diceva niente, ma mò mò, mò ha da fà chello ch’ha da fà, pecché si no nce nquitammo! Sorema nun è figliola d’essere tratta da chesta manera!

AMALIA:Aggiate pacienza! Nuje, si ve ricordate! Adelina nun nce la vuleveme dà. Vuje dicisteve nonsignore, non dubitate, chillo s’acconcia, invece nun è stato accossì! Feliciello tene la stessa capa sciacqua che teneva! Stanotte, ha lassata la mugliera dinto a lo lietto, e se n’è ghiuto a na festa de ballo, po’ stammatina è tornato e ha ditto a chella povera Adelina ch’aveva secutato cierti mariuole!

ATTANASIO:Mò va secutanno mariuole mò!

LORENZO:Io l’aggio ditto cierti parolelle, ma chillo a me nun me sente, tu che si lo padre falle n’ammonizione... e che diavolo, mò nun è cchiù nu piccerillo, vergogna per te che sei il padre.

ATTANASIO:Nun ve n’incarricate, nce penz’io... l’aggia mortificà talmente che l’aggia fà chiagnere!

DOROTEA:Zitto, zitto, sta venenno nzieme co la mugliera da chesta parte.

DOROTEA:Sta venenno? Annasconniteve, ve voglio fà sentì che le dico!

LORENZO:Sì, sì, dice buono! (Si nascondono prima a destra.)

SCENA SETTIMA

Felice, Adelina e detto.

FELICE:Uh! Papà, state ccà?

ADELINA:Papà, buongiorno.

ATTANASIO:Adelì, vattenne nu mumento, po’ tuorne, quanto dico na cosa a Feliciello.

ADELINA:Sissignore, quanto tiempo vulite che trico?

ATTANASIO:Non più che 5 minuti.

ADELINA:Va bene. (Via seconda a sin.: Att.: chiude le porte.)

ATTANASIO:Felice, siamo arrivati ad un punto ch’è impossibile andare più avanti! Voi non siete più scapolo, voi avete una moglie, e non siete più padrone delle vostre azioni.

FELICE:Ma io...

ATTANASIO:Pss, non m’interrompete che c’è più roba! La vostra vita non è vita da galantuomo... voi battete la via del disonore, e quindi diventerete l’uomo più abbietto, il più sciagurato del Mondo!

FELICE: Ma io...

ATTANASIO:Pss, non m’interrompete che c’è più roba! L’uomo quando si è ammogliato deve essere attaccato alla famiglia, fedele alla moglie, deve abbandonare la vita passata, e deve pensare ad essere onesto e affezionato. Voi stanotte avete lasciato vostra moglie nel letto, e siete andato ad una festa da ballo. Questo è troppo vergognoso, e deve farvi arrossire se avete un poco di amor proprio!

FELICE:Come io...

ATTANASIO:Non m’interrompete che c’è più roba! Lasciate, Felice, lasciate una volta questa vita, altrimenti v’imbarco sopra ad un vapore, e vi manderò lontano, ma assai bontano da Napoli. Avete capito?

FELICE:Posso dire una parola? Mi date il permesso di rispondere?

ATTANASIO:Non ammetto discolpe!

FELICE:Non è discolpa, è una semplice domanda!

ADELINA:Avanti!

FELICE:E siete voi che mi parlate così? Siete voi che mi parlate di agire cattivo, di vita disonorata, che batte la via della perdizione? Voi che mi parlate così? Voi che siete assai più scostumato di me?

ADELINA:Come io...

FELICE:Non m’interrompete che c’è più roba! Io ho lasciato mia moglie nel letto e sono andato ad una festa da ballo! E voi non avete fatto l’istesso?

ATTANASIO:Aspetta... un momento...

FELICE:Non m’interrompete che c’è più roba! Stanotte alla festa da ballo di D. Rafele, siete andato voi pure, e dopo bevuto, quando ve ne siete andato buono buono di capo, v’avite pigliata na ragazza, una certa Rosina, e ve l’avite portata fuori alla loggia, per farla prendere un poco d’aria.

ATTANASIO:Che staje dicenno...

FELICE:Non m’interrompete che c’è più roba! Io, giovene affezionato a mia madre, vi sono venuto appresso, mi sono messo dietro alla porta della cucina, ed ho tenuta na candela niente indifferente, e con me stava pure D. Pasquale Afflitto il maestro. Vi pare questo un agire onesto? A me si può perdonare, a voi no, perché io sono uscito da un mese nella leva del matrimonio, voi avete servito ed avete avuto pure il congedo assoluto! Se voi fate più chiacchiere, io mò vado da mammà e le conto tutte cose!

ATTANASIO:Nonsignore, statte zitto... io nun arapo cchiù la vocca.

FELICE:Mò va buono... se no ve mbarco ncoppa a nu vuzzariello!

ATTANASIO:Te staje zitto si o no!

FELICE:Allora alleanza, alleanza!

ATTANASIO:Alleanza! (Alla seconda a d.) Venite, venite. (Avite ntiso?)

LORENZO:(Sì, avimmo ntiso... ma isso doppo nu avimmo capito che diceva).

ATTANASIO:(No, d’isso nun ve n’incarricate!).

DOROTEA:Figlio mio, siente li cunsiglie de pateto, che te trovarraje buono!

FELICE:Non dubitate mammà, anze quello che fa papà, voglio fà io!

SCENA OTTAVA

Achille, Carluccio e detti, poi Adelina.

ACHILLE (introdotto da Carlo): Signori, scusate, stanotte a la festa da ballo di un certo D. Rafele, un tale Felice Sciosciammocca si ha preso il mio soprabito e il mio cappello, ed ha lasciato questo. (Mostra il soprabito di Felice ed il cappello di Pasquale.) Ho saputo la sua abitazione da un biglietto di visita che ho trovato nella saccoccia dell’abito, prego di restituirmi la mia roba.

FELICE: Ah, sissignore. (Si leva il soprabito ed il cappello, esce subito Adelina.)

ADELINA:Avite fenuto, pozzo venì?

FELICE:Sì, vieni, vieni, Adelina mia. Tenete, questa è roba vostra.

ACHILLE:Grazie tanto. Signori. (Via.)

ADELINA:Chi è chillo, neh Felì?

FELICE:è chillo tale amico mio che m’ha mprestato lo cappiello e lo soprabito.

ADELINA:E chesta roba chi te l’ha portata?

FELICE:Carluccio, Carluccio lo servitore. (Si mette il soprabito.)

ADELINA:E chisto ccà manco è lo cappiello tujo, de chi è?

FELICE:Ah, chisto ccà?

SCENA ULTIMA

Pasquale e detti, poi Carluccio.

PASQUALE: Neh, scusate, D. Felì, vedite, chisto fosse lo cappiello vuosto?

FELICE:Sissignore. (Se lo prende.)

PASQUALE: E questo qua è il mio. (Si prende il cappello che tiene in mano Fel.)

ADELINA:Uh! E comm’è succiesso stu scambio?

FELICE:Ah, perché ieri, quanno lo maestro venette, invece de se piglià lo cappiello sujo, se pigliaje lo mio.

PASQUALE:Sissignore, così fu.

LORENZO:(Quanta mbroglie!)

AMALIA:(Quanta pasticce!)

ATTANASIO:(Povera figliola, ha passato lo guaio! Chisto ccà è il capo degl’imbroglioni!)

PASQUALE (a Dorotea): Signora rispettabile.

DOROTEA:Caro maestro.

PASQUALE:Sapete che ho fatto pace con mia moglie?

DOROTEA:Bravissimo!

CARLUCCIO:La colezione è pronta.

ATTANASIO:Oh, bravissimo! Jammo a tavola. Maestro onorateci.

PASQUALE:Con piacere!

LORENZO:Lo maestro se trova sempe!

PASQUALE:Chi non accetta non menta.

ADELINA:Feliciè, a tavola assettete vicino a me.

FELICE:Ma sì, a tavola, primma de tavola, doppo de tavola, sempe voglio stà vicino a te, perché aggio capito che l’ommo nzurato, che saccio, scappa nu mumento de la mugliera, ma po’ torna subeto da essa... comme facite vuje per esempio, scappate quacche sera, ma po’ ccà turnate!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto quarto

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 4 volte nell' ultima settimana
  • 6 volte nell' ultimo mese
  • 33 volte nell' arco di un'anno