Stampa questo copione

TETILLO

TETILLO

Da Bébé, di A. N. Henniquin

Commedia in tre atti

Personaggi

D. Attanasio Sciosciammocca

D. Felice, suo figlio

D. Pasquale Afflitto, professore di Diritto

Arturo

D.a Dorotea, moglie di Attanasio

Amalia, moglie di Lorenzo

Marietta

Lorenzo

Michelina

Luigi, parrucchiere

Barbarella, stiratrice

Un servo

Menechella

La scena è in Napoli, epoca presente.

ATTO PRIMO

Camera in casa d’Attanasio; due porte in fondo e vicino al muro di sinistra un portavoce; 4 porte laterali; un tavolino con sopra lavoro da donna a destra, un altro a sinistra, sedie, poltrone ed altro, sopra un mobile in fondo fotografia di Tetillo.

SCENA PRIMA

Attanasio e Dorotea.

ATTANASIO (seduto a sin. leggendo un giornale, lascia di leggere):E sempre, sempre promesse e fatte maje è un affare serio. (Piglia un altro giornale.)

DOROTEA (seduta a dest. che lavora alcune camiciole di lana): Neh, Attanà, dimme na cosa, quando tenive l’anne che tene mò Tetillo, purtave maglie de lana?

ATTANASIO: Tu sì pazza, e chesto nce mancava, avvezzarme a purtà maglie de lana. Quanno io teneva l’anne che tene mò Tetillo, faticava da la matina a la sera.

DOROTEA: Putarrisse fà almeno de lo dì. Se ti sente quacheduno.

ATTANASIO: Dorotè, nun me rompere la capa tu e stu sentere; sissignore, all’età de Tetillo io faceva lo putecaro nzieme cu patemo, 17 anne fapatemo murette e lassaje tutte cose a me, tu vuliste lassà la puteca, pecché dice che bulive fà la signora, e io lo facette, ma che mò t’haje mise ncapo che dinto a sta casa io nun pozzo parlà, nun pozzo alluccà, nun sarrà maje e pò maje.

DOROTEA: Vedete, vedete, quello invece di ringraziarmi che io l’ho nobilizzato.

ATTANASIO: Vattè famme stu favore. Tu vuò sapè la verità, io me trovava meglio quanno faceva lo casadduoglio, e si sentive a me, Felice pure lo negoziante de salame avarria fatto, gnernò, ha da fà lo paglietta, e invece de salame ha da vennere chiacchiere.

DOROTEA: E tu vuò mettere lo casadduoglio cu l’avvocato? Và, và, vattenne, che si nun tenesse a me, tu chesto le faciarrisse fà a chella povera criatura.

ATTANASIO: Uh! Povera criatura, chillo tene 21 anne.

DOROTEA: E già, comme fossero assaje.

ATTANASIO: Io a 21 anne, me ricordo che già aveva fatto le mie scappatelle, e che passaje cu na cammarera!

DOROTEA: Statte zitto, meno male che Tetillo nun te sente.

ATTANASIO: Si nò, se faciarria russo russo ncoppa a lo cuzzetto.

DOROTEA: Se capisce, tu saje che Tetillo è ancora carta bianca.

ATTANASIO: Va buono, comme vuò tu, io sà che saccio, che so’ 4anne che studia la legge, aggio spiso nu sacco de denare, e chillo nun sape manco lo codice che d’è.

DOROTEA: Lo dice tu chesto, pecché nun l’haje ntiso ancora, anze mù l’aggio fatto affittà chillo quartino a lo piano de coppa, accossì isso sta sulo e là pò studià con tutte li commode suoje.

SCENA SECONDA

Menechella, poi Servo, indi Pasquale.

MENECHELLA: Signò la colazione de D. Felice è pronta da nu quarto d’ora e se sta raffreddanne... Che saccio, stammatina la fa tarde, ma che fa ncoppa a chillo quartino, pecché nun scenne?

DOROTEA: Neh, tu che c’entri, bada agli affari tuoi.

MENECHELLA: L’aggio ditto pecché la colazione se fa fredda.

DOROTEA: Scioscia dinto a lo portavoce.

MENECHELLA (va a soffiare nel portavoce, dopo un poco si sente un fischio, poi parlando dentro):Signori, la colazione è pronta.

DOROTEA: Che risponne?

MENECHELLA (accosta l’orecchio al portavoce):Ah! Va bene.

DOROTEA: Che ha ditto?

MENECHELLA: Ha ditto che mò lassa de scrivere e vene.

DOROTEA: Povera criatura.

ATTANASIO: Povero nennillo de 21 anne.

DOROTEA: Schiatta, lo voglio chiammà criatura, aggia dà cunto a te.

ATTANASIO: Chiammalo comme vuò tu.

MENECHELLA: Signori, vuje vulite niente?

DOROTEA: No, niente... A proposito Menechè, haje apparecchiata la cammera pe D. Lorenzo?

MENECHELLA: Sissignore, è tutta pronta.

ATTANASIO: Ah! Già, me n’era scordato, secondo la lettera che nce mannaje, ogge appunto avarria arrivà nzieme cu D. Amalia la mugliera.

DOROTEA:Intanto, si nun era pe me, tu già te l’avive scordato, quanno nuje jetteme a Sorrento l’anno passato, te ricuorde quanta attenzione che nce facettene? Nce dettene na bella stanza, spennevene chilli quatte denare la matina pe lo mangià, mò che s’è data la combinazione che lloro venene a Napole, avimma da fà lo stesso nuje.

ATTANASIO:Se sà, chesto è regolare, tanto chiù che Lorenzo me scrive che hanno da sta a Napole sule 3 ghiuorne, che putimmo spennere?

DOROTEA: Ah! Sule 3 ghiuorne stanno a Napole?

ATTANASIO: Sì, quanto leva la sora cugina de lo munasterio e se la porta cu isso a Sorriento.

DOROTEA: E pure, Attanà, me vene nu pensiero, la sora de D. Lorenzo pe stà dinto a lo Monastero, ha da essere na bona figliola, virtuosa... pecché nun la facimmo spusà cu Tetillo?

MENECHELLA (Che sento!).

ATTANASIO: Embè, tu lo chiamme criatura, e lo vuò fa nzurà, aspetta che se facesse chiù gruosso e pò lo nzurammo.

MENECHELLA: E dice buono lo signore, a chell’età le vulite mettere la mugliera vicino, lo pensiero de la famiglia, e figlie che benene, le farriene jastemmà lo mumento ca s’è nzurato

DOROTEA: Guè, oh, che te faje afferrà, ti ho detto bada agli affari tuoj...

MENECHELLA: Scusate, signò, parlo pe lo bene de chillo povero giovine.

SERVO: Signò, fore nce sta D. Pasquale Afflitto, lo maestro.

DOROTEA: Ah, lo maestro, fallo trasì. (Servo via. Attanasio s’alza per andare.) Addò vaje?

ATTANASIO: Me ne vaco dinta a la cammera mia si no mò aggia parlà pulito, e io nun me trovo.

DOROTEA: E lo maestro?

ATTANASIO: Fallo parlà cu te è lo stesso. (Via a sin.)

DOROTEA Guardate che razza de padre!

MENECHELLA: Signori, permettete. (Seh, quante piglie e facevano nzurà a Feliciello, e io nun faceva correre la cavalleria.) (Via.)

DOROTEA: Povero Tetillo, si nun tenesse a me, starria frisco.

SERVO: Favorite, favorite. (Pasquale sotto la porta.)

DOROTEA: Avvisate a mio figlio che qua ci è il maestro.

SERVO: Va bene. (Via.)

DOROTEA: Favorite, favorite maestro, accomodatevi.

PASQUALE: Grazie. (Siede.)

DOROTEA: Io ho avuto magnifiche informazioni di voi.

PASQUALE: Mille grazie.

DOROTEA: N’amica mia, madre di un certo Arturo, m’ha detto che voi a suo figlio, l’avite fatto correre assai.

PASQUALE: E che era quacche cavalluccio?

DOROTEA: No, correre con gli studi.

PASQUALE: Ah! Va bene, per questo sì.

DOROTEA: Io vorrei che vuje facisseve lo stesso con mio figlio, perciò v’aggio mannato a chiammà.

PASQUALE: Vi ringrazio tanto tanto. E ditemi una cosa, volete che vengo io in casa vostra, o vostro figlio viene in casa mia a fare lezione?

DOROTEA: Site scoitato?

PASQUALE: No, per mia disgrazia, sono ammogliato.

DOROTEA: Allora venite vuje ccà.

PASQUALE: Vi ho capito, ma signora mia, è inutile.

DOROTEA: Site forse vidovo?

PASQUALE: Un presso a poco.

DOROTEA: Io non capisco.

PASQUALE: Ecco qua, signora mia: dovete sapere che io non ho tenuto mai l’intenzione d’ammogliarmi, ma che volete, quanno uno ha da passà nu guaio, tanta combinazione se danno, che nce capita senza manco addonarsene. Tre anni fa, io abitavo a Taverna Penta; vicino a lo palazzo mio nce steva na puteca de mudista, la princepaie teneva quatte figliole, ma v’assicuro, proprio graziose, c’era specialmente la più giovine, chiamata Marietta Cerasella, ch’era una bellezza, io per entrare ed uscire dal mio palazzo, dovevo passare pe forza nnanze a la puteca soja e quindi la vedevo sempe. E guarde ogge, guarde dimane, me ne innammorai talmente che... per farvela breve, parlaje co lo padre e co la mamma, e in poco tempo me la sposai.

DOROTEA: Bravissimo.

PASQUALE: No, malissimo, signora mia, perché in 6 mesi di unione, nce appiccecajeme 60 mila vote.

DOROTEA: Uh! E pecché?

PASQUALE: E perché... perché essa la pensava de na manera, e io de n’ata; per conseguenza nce simme divise, essa è tornata a fà la modista, e io seguito a fà lo maestro de legge, l’aggio assignato tanto a lo mese, e la mamma puntualmente se vene a piglià il mensile, di maniera che mia moglie non la vedo da 2 anni e mezzo.

DOROTEA: E non sapete che se n’è fatta?

PASQUALE: Seguita a fa la modista.

DOROTEA: Vive onestamente?

PASQUALE: Questo non lo sò; ma si appuro che mia moglie pazzea cu l’articolo 150...

DOROTEA: L’articolo 150?

PASQUALE: Già, è un articolo del Codice Civile, che me faciarria sparagnà la mesata... Essa se facette forte con l’articolo 142, e io m’avetta stà zitto, pecché contro le disposizioni dell’articolo 158, nuje nc’eramo separate amichevolmente, ma si essa ncappa dinto a lo 150 la voglio fa correre co lo 156.

DOROTEA: M’avite fatta na capa de nummere che nun ne capisco niente chiù. Basta, lassammo sta sti cose, vuje me persuadite; e vuje avita essere lo maestro de Tetillo.

PASQUALE: Va benissimo, allora ci vediamo domani a mezzogiorno.

DOROTEA: Aspettate mestro, mo vedite venì lo piccerillo, ve lo voglio fà conoscere e poi sempre è buono che io ve dicesse quacche cosa riguardo a isso.

PASQUALE: Oh, si sà. La prima cosa, vorrei sapere a che punto si trova con i studii.

DOROTEA: Chesto ccà nun ve lo pozzo dicere, ve dico però che studia da 4 anne la legge.

PASQUALE: Da 4anni! Dev’essere molto inoltrato.

DOROTEA: Sì, ma capite, io nun lo faccio trapazzà, me metto paura che non cade malato, sta tanto sicco, perciò, se nun lo truvate tanto istruito, ve raccomanno de non farlo faticà tanto, quello poi che vi prego caldamente de farle avere la laurea quando più presto può essere.

PASQUALE: Senza farlo studiare?

DOROTEA: No, senza farlo troppo faticare. Maestro, quanto tiempo avite bisogno pe farle fà lo primmo esame?

PASQUALE: Eh, Sentite, dopo quello che m’avete detto, veramente non saprei... l’aggia vedè, n’aggia parlà... e vedremo.

SERVO: Signò, vene D. Felice. (Via.)

SCENA TERZA

Felice e detti, poi Attanasio.

DOROTEA: Ah! Eccolo ccà. (S’alzano.)

FELICE (esce mangiando con le 2 mani in tasca):Mammà, buongiorno. Oh, D. Pasquale Afflitto.

DOROTEA: Lo conosci?

FELICE: Sicuramente che lo cunosco. (Sempre mangiando.)

PASQUALE: Sissignore, l’ho visto qualche volta in casa di Arturo, ma non sapeva che chisto era Tetillo, è nu Tetillo nu poco gruosso, e pò voi m’avete detto ch’era sicco, invece lo trovo che sta bene.

DOROTEA: Pare accussì... va Tetì, senza faticà, rispunne a chello che t’addimanna lo maestro.

FELICE: Prontissimo. (Mangiando.)

PASQUALE: E finite di mangiare.

FELICE: So’ castagne spezzate, maestro, ne volete una?

PASQUALE: Grazie tanto, io tengo na mola che me tuculeia.

FELICE: So’ molle.

PASQUALE: Grazie.

FELICE: So’ spugnate.

PASQUALE: Tetì, non ne voglio.

DOROTEA: Nun se mangia na cosa si nun la mette mmocca a n’ato.

PASQUALE: Effetto di buon cuore. Dunque mettetevi là.

FELICE (si situa di fronte a Pasquale e Dorotea che seggono vicino).

PASQUALE: Accorto alle risposte.

FELICE: (Seh, staje frisco).

DOROTEA: (Maestro non le dimandate cose difficili).

PASQUALE: (Va bene non ve n’incarricate). Ditemi una cosa, quanti sono gli articoli del Codice Civile?

FELICE (subito):8 mila.

PASQUALE: (Mbomma! Ha menato la prima cagliosa!).

DOROTEA: (Maestro, so’ chiù assaje?).

PASQUALE: (Signò, nun so’ manco la terza parte). D. Felì, io credo che voi scherzate, da 4 anni che studiate la legge e dite questo sproposito eh!

DOROTEA: (Maestro, piano piano).

PASQUALE: (Signò, io aggia fà lo maestro, abbiate pazienza). Dunque che mi dite? (Felice perché mangia, pronunzia parole che non si capiscono.) Seh, simme arrivate, chillo sta magnanno castagne spezzate.

DOROTEA: Tetillo e che significa ciò?

FELICE: E che sò, ne trovo sempe, non finiscono mai.

DOROTEA: Allora, aspettammo che fenessero.

PASQUALE: Sicuro, io pò me ne vaco stasera da ccà.

FELICE: Mammà, so’ finite.

PASQUALE: Meno male. Dunque, gli articoli del Codice Civile sono?

FELICE: Sono?

PASQUALE: E ditelo voi.

FELICE: E ditelo prima voi, voglio vedere se lo sapete.

PASQUALE: Mò me fa scola isso a me.

DOROTEA: (Maestro, quanto è spiritoso).

PASQUALE (Sicuro, è acitoso). Gli articoli del Codice sono 2147.

FELICE: 2147. Bravissimo.

PASQUALE: (Io l’aggio. ditto che isso è lo maestro, e io so’ lo scolaro). Dunque voi volete fare l’avvocato?

FELICE: Sissignore... là, subito la risposta.

PASQUALE: E già, comm’avesse sciolto n’articolo de legge. Ditemi una cosa: se nce fosse uno che frusciasse troppo denari, e che le sue uscite fossero più dell’entrate, voi che consiglio gli dareste?

FELICE: Lo consiglierei d’andarsene da quella casa, e trovarne un’altra con una sola porta d’uscita.

DOROTEA: Bravissimo, una sola porta d’uscita.

PASQUALE: E già, se n’esce pe la porta carrese. Signò, chillo ha capito na cosa pe n’ata. Basta, passammo appriesso: se voi accettate l’eredità di un parente che ha lasciato soltanto debiti, questi chi li paga?

FELICE: Io no certo.

PASQUALE: E chi li paga?

FELICE: Voi.

PASQUALE: Io? Io so’ lo maestro de scola.

FELICE:Me metteva a pagà li diebete de uno che nun conosco, nce vò nu poco de logica.

PASQUALE: Di che tratta l’articolo 221 del Codice Civile?

FELICE: L’articolo 221 tratta... l’articolo 221 tratta di molte cose...

PASQUALE: No, tratta di una cosa. Il figlio può abbandonare la casa paterna?

FELICE: Sissignore!

PASQUALE (forte):Nonsignore!

FELICE: Nonsignore.

PASQUALE: Ci vuole il permesso del padre.

FELICE: Ci vuole il permesso del padre.

PASQUALE: E per quale ragione il figlio se ne può andare, anche senza il permesso del padre?

FELICE (risoluto):Perché il figlio forse deve andare a fare qualche servizio necessario.

PASQUALE: Eh! Va bene, ho capito tutto. (Chisto è proprio na rapesta!) (S’alzano.)

DOROTEA: Basta maestro, basta mò. Tetì, avisse sudato? Te vuò cagnà.

FELICE: No, per me queste non sono fatiche.

PASQUALE: (E già, chillo ha tirato la sciaveca!).

DOROTEA: Dunque maestro, quanno pò dà lo primmo esame?

PASQUALE: (Dimane lo pò dà). Eh, vedremo, quando più presto può essere, domani a mezzogiorno verrò a dargli la prima lezione.

DOROTEA: Troverete qua pure Arturo, faranno lezione assieme.

PASQUALE. Bravissimo, bravissimo. (Hanno combinato nu bello ambo tutte duje.) Signora, signor Tetillo... (Salutando.)

FELICE: Maestro riverito.

PASQUALE: Studiate, e preparatevi per la prima lezione, e vi prego a non dire corbellerie. Di nuovo... (Salutando:) (Chisto è proprio nu turzo del carcioffele!) (Via fondo a destra.)

DOROTEA: Comme te pare sto maestro?

FELICE: Dalle domande che m’ha fatto ho visto che non dev’essere uno dei buoni, m’ha domandato certe cose accossì facile.

DOROTEA: Anzi, io so’ stata informata ch’è nu buono maestro.

FELICE: Basta. Mammà, parlammo d’ato, mammarella mia cara cara.

DOROTEA: Sciascillo mio.

FELICE: Mammà, tengo nu brutto dulore.

DOROTEA (spaventata): Addò, addò, figlio mio.

FELICE: Mammà dinto a sacca.

DOROTEA: Bricconciello, m’haje fatto mettere na brutta paura.

FELICE: Mammà, stongo senza manco nu soldo.

DOROTEA: Figlio mio bello, che ne faje de li denare, dinto a casa nun te manca niente.

FELICE: Eh, dinto a casa, capisco, nun me manca niente, ma quanno esco, qualche cosa de denare nce vò, per tutte le combinazioni che ponno nascere quacche povero pezzente te cerca l’elemosina e aggia piglià nu soldo e nce l’aggia dà, passo pe nnanze a quacche libreria, vedo qualche libro buono, istruttivo, mi viene il desiderio di comprarlo, me vene la seta, voglio vevere, che sò io... me può venire qualche convulzione...

DOROTEA: Nun voglia maje lo Cielo.

FELICE: Me vene nu dolore nella gamba, nun me fido de cammenà, me piglio na carrozzella.

DOROTEA: Haje ragione, haje ragione, figlio mio, ma stammatina nun tengo niente. (Guarda a sinistra.) Aspetta, vene pateto a chesta parte, dincello a isso.

ATTANASIO (uscendo):Neh, se n’è ghiuto lo maestro?

DOROTEA: Sissignore, mò proprio.

ATTANASIO: Bravo, pozzo stà nu poco cujeto. (Siede al tavolino, prende un giornale e legge. Dorotea fa segno a Felice di parlare al padre.)

FELICE: Papà, buongiorno, bacio la mano. (Esegue.)

ATTANASIO: Beneditto figlio mio, beneditto.

FELICE: Papà, avete dormito bene stanotte?

ATTANASIO: Bene, figlio mio, grazie.

(Pausa.)

FELICE: Papà.

ATTANASIO: (Ah! mò aggio na stuccata). Figlio mio che buò?

FELICE: Papà, dateme 5lire.

ATTANASIO: 5lire! E che n’haje da fà?

FELICE: Tengo lo Codice sporco, me vorrei comprare lo nuovo.

ATTANASIO: Ma comme, la mesata già l’haje fernuta?

FELICE: Sta gran mesata... 50 lire!

ATTANASIO: E già, 50lire, comme si fossero niente, all’età tua avevo 15 canine a lo mese da patemo, e saglievo e scennevo la grotta ogni ghiuorno cu 20 o 30 sopressate ncuollo.

FELICE: Ma allora faciveve lo casadduoglio, oggi io faccio l’avvocato vaco cu li sopressate ncuollo...

DOROTEA: Va buono, dancelle 5lire, come anticipo sulla mesata.

FELICE: Io pò dimane nun ve cerco niente.

ATTANASIO: E sì, tu cercammelle pure dimane. Va bene, ogge se ne parla.

SCENA QUARTA

Arturo e detti, poi Menechella.

ARTURO (d.d.):E permesso? Si può?

DOROTEA: Chi è?

FELICE (in fondo):Oh, Arturo, l’amico mio. Trase, trase Artù. Papà, Arturo.

ATTANASIO: è inutile, stammatina nun pozzo stà cujeto.

ARTURO: Felice mio, amico mio carissimo. Oh, rispettabilissima Signora Dorotea, onorevolissimo Signor Attanasio, ho l’onore di ossequiarvi.

DOROTEA: Accomodatevi.

ARTURO: No, grazie, grazie, amo meglio di stare all’impiedi, che volete, sto seduto l’intera giornata a studiare.

DOROTEA: Vi piace lo studio?

ARTURO: Oh, è la mia passione, io vivo per lo studio, vivo per i libri, vivo per la scienza.

DOROTEA: Bravo! bravo!

FELICE: (Vì che busciardo, chillo nun piglia maje nu libro mmane peggio de me).

ARTURO: La felice memoria di mio nonno, mi diceva sempre queste parole: «Studia figlio mio, studia, perché lo studio è la prima cosa, studia e non ti stancare, che verrà un giorno che tu benedirai queste parole».

ATTANASIO: (Vì quanta chiacchera che tene).

FELICE: Papà, Arturo.

ATTANASIO:(E salutammillo).

ARTURO:A quest’ora, ogni mattina, mi levo dal tavolino ed ho una mezz’ora di respiro, dopo questa mezz’ora, ritorno ai miei libri, alle mie penne, ai miei pensieri dorati.

FELICE: E lui sempre questo dice: studia.

ARTURO: Sì, studia perché diventeremo uomini illustri, uomini grandi, uomini scienziati... (Sottovoce:) (Pateto quanto t’ha dato?).

FELICE: (Manco nu soldo).

DOROTEA: Domani venite a fà lezione nzieme cu Tetillo.

ARTURO: Oh, con piacere.

FELICE: L’istesso tuo maestro sai, D. Pasquale Afflitto.

ARTURO: Oh, bravissimo, questa notizia m’ha fatto molto piacere, domani allora ci vedremo all’11. Intanto, adesso vogliamo andare a fare una passeggiatina insieme?

FELICE: Con piacere, ma non sò se mammà, se papà...

ARTURO: Oh, si sà, ci vuole sempre il consenso del padre e la madre.

DOROTEA: Che bei sentimenti che avete. Attanasio, tu permetti che Tetillo va a passeggiare con Arturo?

ATTANASIO: Tu che buò a me. Sissignore, permetto.

FELICE Grazie papà... grazie mammà... Artù, jammo sopra a lo quartino mio, me metto la giacca, lo cappiello, e nce ne jammo.

ARTURO: Signora Dorotea, Signor Attanasio, vi ringrazio infinitamente.

ATTANASIO: Niente.

FELICE: Papà, me vulite dà chelli 5lire.

ATTANASIO: Embè, io t’aggio ditto ogge te le dongo.

FELICE: Che ne faccio ogge, si me serve quacche cosa mò che vaco a passeggià, nun tengo niente.

ATTANASIO: Ma sì seccante sà. Tiene. (Gli dà na lira.) Chesta è una lira, ogge te dongo lo riesto.

FELICE (la prende con logica):Ncoppa a 5lire, me date na lira?

ATTANASIO: Scusa, agge pacienza.

FELICE: Ma non pigliammo st’abbitudine. (Pausa.) E quanno aggia venì pe l’ati 4 lire?

ATTANASIO: Chisto m’avrà dato li denare co lo nteresse. Ogge.

FELICE: Ogge senza meno, ca si no nce ncuitammo.

ATTANASIO: Che cos’è stu ncuitammo, mò te dongo nu caucio.

FELICE: No, dico che vengo ogge, me date n’ata lira.

ATTANASIO: Gnernò, te dongo tutto lo riesto.

FELICE: Va bene. Artù, jammoncenne.

ARTURO (piano a Felice):(Quanto t’ha dato?).

FELICE (c.s.):(Na lira).

ARTURO: (E che ne facimmo?).

FELICE: (Nun te n’incarricà, mò jammo ncoppa nce pigliammo li libre e nce li vennimmo). (Via fondo a sin.)

DOROTEA (in fondo):Tetì, statte attiento pe li carrozze.

FELICE (d.d.):Sì, mammà.

ATTANASIO: N’atu poco e le mette li retenelle. Ma comme, nfaccia a nu giovene de 21 anne se dice: Statte attiento pe li carrozze.

DOROTEA: Chillo è tanto distratto, avarisse piacere che te lo purtassero co la capa rotta.

ATTANASIO: Tu sì troppo esagerata.

MENECHELLA: Signò, è venuto D. Lorenzo co la mugliera.

ATTANASIO: Oh, finalmente vene n’amico co la penza comme a me, e pozzo sfucà nu poco. (S’alza.)

SCENA QUINTA

Lorenzo, Amalia, Servo e detti.

DOROTEA (vedendo entrare Amalia e Lorenzo):Cara Amalia.

AMALIA: Eccomi qua. (Abbraccia e bacia Dorotea.)

ATTANASIO: Amicone mio de core, damme nu vaso.

LORENZO: Cu tutto lo core. (Si baciano.) E accussì, comme se porta la salute?

ATTANASIO: Non c’è male, e tu staje buono?

LORENZO: Magnificamente.

MENECHELLA (ad Amalia):Me vulite dà sta roba?

AMALIA: Sì, me faje piacere. (Le dà la borsa da viaggio, il cappello ecc.: Menechella consegna tutto al Servo, che è uscito con loro con una balice, il quale entra a sin. portandosi tutto.)

DOROTEA: Accomodatevi. Spero che ve trattenute assaje a Napole?

AMALIA: Dipende da isso. (Seggono.)

LORENZO: Da me? Stammece quanto vuò tu, che me ne mporta.

AMALIA: Accussì dice, pò quanno stammo a paese nce vò la mano de lo Cielo pe lo fà movere, e si quacche vota vene a Napole, vò venì sempe isso sulo, nun capisco pecché.

DOROTEA: D. Lorè, e pecché nun ve la portate?

LORENZO: Ma comme, io vengo a Napole p’affare mieje, per negoziare, che faccio, me porto a muglierema appriesso, che te pare Attanà?

ATTANASIO: Oh, haje ragione.

AMALIA: Intanto, isso vene a Napole ogne mese, se sta 5o 6 giorne, e io rimango sola a lo paese, ncompagnia de li galline e de lo puorco.

ATTANASIO: L’have cu te. Ma non credete, la campagna vi fa bene, state proprio comme na Pasca. (Le bacia la mano.)

LORENZO: Attanà, jammo a franco.

ATTANASIO: Pecché, ch’è stato?

LORENZO: Io saccio che tu sì viziuso bastantamente.

ATTANASIO: Lete da lloco, so’ fatto viecchio.

AMALIA: E mò, si nun era ch’aveveme da venì a ritirà na cugina da lo munastero, manco m’avarria portata. Ma sta vota, aggio ntustato li piede nterra e so’ venuta. Oh! Finalmente pozzo j a S. Lucia, a la Villa, dinto a li tram, insomma sti poche juorne, me ne voglio vedè bene. A proposito, Tetillo addò sta?

DOROTEA: Poco primma è asciuto.

AMALIA: Sta buono?

MENECHELLA: Meglio nun putarria sta.

DOROTEA: Menechella, Meneché. (Rimproverandola.)

MENECHELLA: Scusate, signò, m’è scappato.

DOROTEA: Nun te fa scappà niente chiù. Damme l’ultima fotografia de Tetillo. (Menechella la prende e la dà.)

MENECHELLA: Eccola ccà.

DOROTEA (ad Amalia): Ogne anno io le faccio fà nu ritratto.

AMALIA (guarda il ritratto):Ah! Ma dinto a n’anno s’è fatto assaje chiù gruosso.

DOROTEA. Mò ca lo vide, so’ certa che nun te pare chiù chillo stesso dell’anno passato.

LORENZO: (Eh, la mal’erba cresce).

ATTANASIO: (Pè carità, nun te fa sentere da la mamma).

AMALIA (guarda il ritratto e ride):Ah, ah, ah, io nun pozzo guardà stu ritratto senza ridere. Che pazzaglione. Me ricordo l’anno passato quanno vuje venisteve a Sorriento, me pareva n’agrillo, zumpava da ccà, zumpava da llà... pò quanno jetteme a Massa ncoppa a li ciuccie... Ah, ah, ah, curreva de na manera tale, che pareva che tanno cadeva.

DOROTEA: Ha tenuto sempe lo diavolo ncuorpo; ma mò però s’è dato a lo studio. (Amalia dà il ritratto a Menechella la quale prima di posano lo bacia.)

LORENZO: Che bella cosa è lo studiare; ma io nun aggio voluto maje ncuorpo.

ATTANASIO: Figurete chi te sente.

DOROTEA (alzandosi):Amà, vuò venì dinto, te vuo cagnà, te vuò riposà?

AMALIA: Che reposà, doppo 14 mise, veco n’ata vota Napole... v’aggio ditto che me n’aggia vedè bene.

DOROTEA:Menechè, dì a lo servitore, che facesse venì la soleta carrozza de rimessa.

MENECHELLA: Subito. (Via.)

LORENZO: Ma io non voglio che v’incomodate.

DOROTEA: No, D. Loré, l’anno passato facisteve vuje, mò aggia fa io. (Tutti si sono alzati.) A proposito, a che ora vulite mangià?

LORENZO: Domandatelo a essa, pecché pe parte mia, stammatina tengo tant’affare che nun saccio a che ora me spiccio. (Io aggia j addò Marietta, pozzo penzà a mangià.)

AMALIA: Nun ve n’incarricate, quanno vene mangia, vuje non sapite chisto quanto è seccante isso e l’affare suoje.

DOROTEA: Ah, ah (ridendo), quante site curiuse tutte e duje. Jammo dinto Amà. (Via con Amalia a sin.)

LORENZO (guardando la fotografia di Felice):Overo s’è fatto nu bello guaglione Feliciello, e che se mpare de fa?

ATTANASIO: Io che ne saccio.

LORENZO: Comme lo padre nun sape che fa lo figlio.

ATTANASIO: Pe mò sta studianno la legge, appriesso pò vedimmo.

LORENZO: E studia, studia?

ATTANASIO: La madre dice che passa la sua vita sui libri.

LORENZO (ridendo):Chi Feliciello?

ATTANASIO: E chi, io?

LORENZO: Vattenne, famme stu piacere, mò me vuò mparà Feliciello a me, l5 juorne stisteve dinto a la casa mia l’anno passato, e me bastajene pe capì chillo guaglione comme la pensa.

ATTANASIO: Ma pecché?

LORENZO: Chillo avette l’abilità de mettere in rivoluzione li doje vajasse, la figlia de la guardaporta, la lavannara e la stiratrice.

ATTANASIO: Possibile!

LORENZO:Chillo me pareva nu micco, appena vedeva na gonnella se nce menava de capo, te pare mò, che io me pozzo persuadè, che n’anno sulo è bastato per farle turnà li cervella.

ATTANASIO: Intanto, la mamma dice ch’è ingenuo comme a nu piecerillo de 4 anne.

LORENZO: Vattenne, nu giovene de 21, 22 anne è ingenuo; ma capisci che oggi giorno i giovanotti a quell’età hanna passà afforza pe doje strade.

ATTANASIO: E quà so’?

LORENZO: Primme s’adattene cu li cammarere, e pò vanno trovanno li mudestelle.

ATTANASIO: Si te sente muglierema, t’accide.

LORENZO: E che me ne mporta, io nce lo dico nfaccia, cheste so’ li doje strade c’hanna passà tutte li giovinotte.

ATTANASIO: Intanto Dorotea teneva intenzione de farle spusà a soreta cugina.

LORENZO: Primma de passà li doje strade?

ATTANASIO: Io saccio li strade, li viche.

LORENZO: No, non posso acconsentire.

ATTANASIO: E pecché?

LORENZO: Pecché allora succede che chello che non ha fatto prima, lo fa doppo.

SCENA SESTA

Felice, poi Amalia e Dorotea, indi Menechella.

FELICE (uscendo):(Quatte dizionarie nuove nuove m’hanno dato 25 solde). Oh! Che veco! Lorenzo!

LORENZO:Feliciello bello. (Si baciano.)

ATTANASIO:è venuto a trattenerse nu poco a Napole.

FELICE:E Amalia?

LORENZO:E venuta pur’essa, sta dinto.

FELICE: Oh, che bella sorpresa, ci vogliamo proprio divertire. (Esce Amalia e Dorotea.) Eccola ccà Amalia, oh, ti sei fatta più bella. (L’abbraccia.)

AMALIA:E tu te sì fatto nu piezzo de giovene.

FELICE:Ti sei fatta più simpatica di prima.

LORENZO:Tetì, va chiano, sà.

AMALIA: Pecché, che male nce sta? Nu guaglione?

DOROTEA: Oh, sarebbe na bestialità a pensarce soltanto, Tetillo lo fa senza attaccarci idea.

FELICE: Io lo fo senza malizia.

MENECHELLA (uscendo):Signò, la carrozza sta abbascio a lo palazzo.

DOROTEA: Bravissimo. Jammo, jammo tutte quante a farce ma cammenata.

LORENZO: Pe me, vaco a fà gli affari miei. Amalia de te nun nce ne mporta niente.

DOROTEA: Tetì, viene tu pure?

FELICE: (E comme faccio, Arturo m’aspetta a lo cafe pe ghì a truvà a Marietta e Michelina, basta, spero che nce spicciammo priesto). Sì, vengo pur’io.

DOROTEA: E tu, neh Attanà?

ATTANASIO: Io vaco a sollecità lo cuoco, e ve faccio truvà tutto pronto. (Via pel fondo.)

LORENZO: Dunque io spero de spicciarme priesto, in ogni modo, si trico mangiate. (Via.)

AMALIA: Tetì, apponteme stu guanto.

FELICE: Subito. (Esegue.) (Amalia mia quanto te sì fatta bona. All’arma de lo casecavallo!)

AMALIA: (Zitto, che vò dicere sta parola).

FELICE: (Quanto è bella sta manella).

AMALIA: (E quanno la fernisce).

DOROTEA: Jammo Amà... viene Tetì. (Via con Amalia. Felice fa p.a. Menechella l’afferra per le falde.)

MENECHELLA: Addò vaje. Nfame! Assassino!

FELICE: Chi è? Menechella!

MENECHELLA: Sì, Menechella, che primma era bella, aggraziata, sciascioncella e mò l’haje menata dinta a la sportella.

FELICE: Vì ca sì se n’addone mammà, me rompe la caccavella. Lassemenne j.

MENECHELLA: Nò, m’haje da dicere pecché da na settimana nun me guarde chiù nfaccia, nun me parle, nun me dice chiù na parola.

FELICE: Pecché nun aggio avuto tiempo, lassemenne j.

MENECHELLA: No, no, nun te lasso.

FELICE: Lasseme.

MENECHELLA: Niente.

DOROTEA (d.d. gridando):Tetillo, Tetillo...

FELICE: Mammà me chiamma, lasseme... lasseme. (Per svincolarsi e fuggire, si strappa una falda della giamberga che resta in mano a Menechella e lui scappa.)

MENECHELLA (con grido):Ah!... la giacchetta! (Toccando al di fuoni della saccoccia.) Na cosa tosta! (Mette la mano nella saccoccia e ne cava 8 ritratti, essa li spiega con fremito, e con un grido esclama:) Ah! Otto femmene!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Camera nel quartino di Felice — porta in fondo da chiudersi, 3 laterali, a 1a quinta a destra finestra, in fondo a sinistra una libreria su i cui scaffali vi saranno parecchi giocattoli, cioè una piccola carrozzella, un pulcinella ed un tamburrello. Portavoce vicino alla porta difondo. In fondo a destra pianoforte, nel mezzo tavolino con occorrente da scrivere, sedie, ecc.

SCENA PRIMA

Felice e Luigi, poi Menechella indi Lorenzo.

LUIGI ( pettinando Felice che sta seduto e fuma una sigaretta!): D. Felì, aggio fatto ma riflessione; da che state dinto a stu quartinetto, ve facite pettinà chiù spisso.

FELICE: E se capisce, na vota che sto sulo, pozzo fa tutto chello che me pare e piace, io qua sto comme a nu Principe, tengo tutte le comodità, studio, camera da letto, salotto.., e pò tengo 2 porte, una che va a li scale (mostra a destra) e l’ata che comunica co la casa de papà, insomma io qua, posso fare qualunque imbroglio.., io qui fò la sparizione della donna.

LUIGI: Intanto, papà e mammà, ve tenene pe nnocente.

FELICE: Lui, nientemeno tengo pe li mmane 3 figliole.

LUIGI: 3 figliole!

FELICE: Già, una lassammella stà, pecché è affare viecchio, e poi mi degrada troppo, la 2a, è na modistella che sta a Taverna Penta, ma proprio nu zuccariello, e la 3a poi, la 3a, è un boccone proprio scicco: ma signora maritata.

LUIGI: Nientemeno! Na signora maritata?

FELICE: Lui, ma si la vide, te n’haje da j de capo pe forza.

LUIGI: Tanto ch’è bella? (Entra Menechella.)

FELICE: Lui, miette cerotto assaje.

LUIGI: Non dubitate.

MENECHELLA: (E pecché sta facemmo chella tuletta?).

FELICE: Menechella, che c’è?

MENECHELLA: So’ venuta pe vedé si a li vestite vuoste nce manca quacche buttone.

FELICE: Sì, al gilè nce ne mancano due.

MENECHELLA: Allora, signurì, mò nce li vaco subeto a mettere, mò ve vaco subeto a servì... Otto... otto... (Via 2a sin.)

LUIGI: Che dice: Otto... Otto...

FELICE: Sta arraggiata. Io faccio ammore pure cu essa.

LUIGI: Pur’essa, mamma mia!

LORENZO (entra dal fondo fumando):Signori miei.

FELICE: Oh, caro Lorenzo, trase.

LORENZO: Neh, ccà se pò fumà?

FELICE: Sicuramente... fuma.

LORENZO: Staje facenno toletta, che vuò fà quacche conquista?

FELICE: No, che conquista, io ogne mattina me faccio pettinà.

LUIGI (leva la tovaglia dalla spalle di Felice): Ecco servito.

FELICE: Grazie.

LORENZO: Sapete che volete fà, mò ve truvate, pettinateme pure a me. (Siede al posto di Felice che si è alzato.)

LUIGI: Con piacere. (Esegue con lazzi.)

FELICE: Comme, faje tuletta tu pure?

LORENZO: No, io sempe che vengo a Napole faccio chiù tuletta de lo paese.

FELICE: E già, pecché nun nce sta mugliereta e puoi andare dove vuoi tu.

LORENZO: Vì comme lo ssape Tetillo... Tetillo.

LUIGI: Basta che ve contentate.

LORENZO: No, io me contento de tutto.

FELICE: Luigi, è un bravo parrucchiere sà, tiene sessanta abbonati.

LORENZO: 60 abbonati... Ah!... (Lazzi.)

LUIGI: è servito. Comandate niente chiù?

FELICE: No, grazie, a rivederci.

LORENZO: Aspettate, voglio regalarvi un caffè.

LUIGI (rifiuta):Tante grazie. Conservatevi.

LORENZO: Statevi bene. (Luigi via fondo.)

FELICE:Lorè, saje che sta capa che t’haje fatto, me daje a pensare.

LORENZO:E perché?

FELICE: Tu devi tenere qualche figliola per le mani.

LORENZO: Ih, cose passeggiere, sempre che vengo a Napole, se sà, quacche distrazione nce vò.

FELICE: E Amalia ne sape niente?

LORENZO: Vulive ca lo sapeva? Sape che vaco per affari.

FELICE: Allora quanno è chesto stongo a cavallo, ce la possiamo intendere fra noi.

LORENZO: Stongo a cavallo, ce la possiamo intendere fra noi. Dunche vò dì che tu pure tiene qualche cosa?

FELICE: Tengo pur’io na cosarella.

LORENZO: All’arma de lo Tetillo. (Gli dà un urtone.)

FELICE: Lorè statte cujeto, mò me faje j nterra. Lorè, mò me confido na cosa cu te, come tu ti sei confidato con me... ma per carità.

LORENZO: Oh, ma che m’haje pigliato pe criatura.

FELICE: Haje da sapè, che io vaco appriesso a na guagliona ch’è na cosa troppo bella, stammatina nce tengo l’appuntamento pe nce j a fa tutt’è duje ma colazione a Pusilleco, damme tu nu cunsiglio comm’avarria fu pe mpapucchià a mammà e a papà, e nun mangià ccà stammatima.

LORENZO:All’arma de lo Tetillo. (L’urta c.s.)

FELICE: All’arma toja, mò me facive sciaccà.

LORENZO:Feliciè... haje da sapè, che io pure vaco appriesso a na guagliona, co la quale, pur’io aggio piacere de farme na colazione a nu sito de mare, aunimmece tutte quatte e ghiammomcenne.

FELICE: Bravissimo, ma che dicimmo a mammà?

LORENZO: Le dice che viene cu me, che io te porto cu me per affari.

FELICE: Benone, aspetta. (Mette la bocca al portavoce.)

LORENZO:Che faje?

FELICE:Mò siente. (Si sente un fischio dal portavoce, Felice parlando in esso.) Mammà, io vaco assieme cu Lorenzo e torno con lui, tu permetti? (Mette l’orecchio.) Grazie, mammà.

LORENZO: Che ha ditto?

FELICE: Sì, sì, figlio mio, jate e tornate priesto.

LORENZO: Bravissimo. Mò sà che faccio, me vaco a piglià la guagliona, la metto dinto a na carrozza, quammo è a lo puntone de lo vico, la faccio aspettà, vengo a piglià a te, e doppo che simme jute a piglià la nnammurata toja, nce ne jammo.

FELICE: Bravo, bravo Lorenzo, nce vulimmo spassà.

LORENZO: Nce vulimmo mbriacà, io vaco e torno subito. (Nell’andare via, dà un altro urto a Felice dicendogli:) All’arma de lo Tetillo! (Via.)

FELICE: All’arma de la mamma, mò me faceva sbattere llà nfaccia! Sangue de Bacco, ha da essere ma giornata proprio scicca.

SCENA SECONDA

Menechella e detto, poi Dorotea.

MENECHELLA: Aggio posto li buttune a lo gilè.

FELICE:Mille grazie. (Con tuono.) Uscite.

MENECHELLA:Uscite nu cuorno! Dinto a la sacca de la giacchetta nce stevene sti 8 ritratte (li mostra) de chi songo?

FELICE:(Li ritratti de li ballarine!). Questi sono ritratti.., che io ci studio sopra, siccome studio lo disegno, ogne ghiuorno me ne faccio uno co la pastella.

MENECHELLA: Ah! Te lo faje co la pastetta, te lo faje...

FELICE: No, mò faccio fritto! bestia, co la pastella, lo disegno a grandezza naturale.

MENECHELLA: No, no, mun me l’ammucche!

FELICE: E nun te l’ammuccà.

MENECHELLA: Chelli llà so’ tutte nnammurate toje.

FELICE: Oh, saje, a le corte; con questo tu, tu e tu, me staje seccando bastantamente, tu sei una serva e sta al tuo posto.

MENECHELLA: Ah, mò te dongo nu schiaffo, guè se veste pure de carattere, doppo 2 anne che m’è venuto appriesso... Ah! Quanto me trovo pentita che chella sera te dette chillo bacio fora la loggia.

FELICE (serio): Se voi mi daste un bacio, io ve ne dette 3, me ne dovete dare altri due.

MENECHELLA: Te voglio dà duje cauce. (Fa l’azione.)

DOROTEA (d.d.):Tetillo, Tetillo.

FELICE: All’arma de mammeta, mammà che vene, mò te trove ccà!

MENECHELLA: E comme faccio, aspetta. (Dalla sacca prende un colletto bianco, e con l’ago si mette a cucire seduta, discosta da Felice.)

DOROTEA (entra, si ferma sotto la porta guardando intorno, Felice ha preso un libro e s’è messo a leggere):(Menechella ccà dinto). Che staje facemmo ccà, Menechè?

MENECHELLA: M’ha chiammata lo signorino pe me fa mettere cierti punte a stu cuollo.

DOROTEA (guardando):E che d’è, co lo cuttone niro accuonce lo cuollo janco.

FELICE: (All’arma de mammeta mò me vò fa passà nu guaio a me!).

MENECHELLA: Avite ragione, signò, mun nce aveva badato, mò vaco abbascio e piglio lo cuttone janco. (Pe mezzo sujo, ma l’aggia fa na mazziata comme dico io.) (Via fondo.)

DOROTEA: (Sta Menechella me fa stà mpensiero). Siente, Tetì. (Guardandolo:) E che faje liegge co lo libro sotto e ncoppa?

FELICE: Sì, mammà, steva vedemmo si puteva leggere co lo libro sotto e ncoppa. (Vuje vedite lo diavolo!)

DOROTEA: Dunche, io te voglio dicere che tu nun sì chiù nu guaglione... da oggi in avarte, quanno t’haje da fà acconcià quacche cosa, dimmelo a me, penso io a dirlo a Menechella... non è cosa regolare che na figliola trasesse sempre dinto a na cammera de nu giovinotto quale si tu.

FELICE (ingenuamente): Mammà, e che nce sta quacche cosa de male?

DOROTEA: Male no, ma... (Quanto è innocente!)

FELICE: Allora aggia dì a Menechella che nun nce venesse chiù?

DOROTEA: Me ne incarico io.

FELICE:(Accussì me la levo da tuorno).

DOROTEA:Ma Lorenzo addò sta? M’haje ditto che ascive cu isso?

FELICE: Me vene a piglià chiù tarde, pecché io l’aggio ditto che nun vuleva perdere la lezione, doppo fatto lezione, nce vaco.

DOROTEA: (Che figlio, che figlio! io dico che pe tutto lo munno, nun se trova nu figlio comm’a chisto!).

SCENA TERZA

Arturo, poi Pasquale e detti.

ARTURO: Mio caro Felice. Rispettabilissima signora.

FELICE: Oh, Arturo.

ARTURO: Sai, qua c’è D. Pasquale il maestro.

PASQUALE (entra):Signora.

DOROTEA: Rispettabile maestro, siete venuto per la lezione?

PASQUALE: Sissignore.

DOROTEA: Allora io me ne vaco pe farve studià cu libertà. Maestro ve raccomando?

PASQUALE: Non dubitate.

DOROTEA: Teti, nun fà piglià collera a lo maestro.

FELICE: No, mammà. (Dorotea via pel fondo.)

ARTURO: Tu pò aissera, me faciste aspettà dinto a lo cafè fino all’8 e nun veniste, l’appuntamento era le 6.

FELICE: Che buò da me... Ajere arrivajene a Napole cierti amice de papà, e stanno a alluggià dinta a la casa nosta, armajene na cena e nun me potette movere.

ARTURO: E intanto io stette n’ora e meza dinto a lo cafè.

PASQUALE: Ragazzi siamo pronti, vi volete accomodare?

FELICE: Prontissimi. (Siedono.)

PASQUALE: Se non vi dispiace, incominciamo dal titolo 80 libro 1a della patria potestà.

FELICE: Accominciammo da dò vulite vuje.

PASQUALE (apre il Codice e legge):«Articolo 221».

FELICE: E che te ne faciste a la serata?

ARTURO: Jette addò Marietta, addò truvaje pure a Michelina.

FELICE: Ah, Michelina la nnammurata toja steva là?

ARTURO: Già, stevene aspettanno a nuje... e si sapisse che me succedette.

PASQUALE: Articolo 221...

FELICE: Articolo 221...

ARTURO: Articolo 221...

FELICE: Che te succedette?

ARTURO: Mentre steveme parlanno placidamente, io miezo, Michelina da ccà e Marietta da là tanto bello, sentimmo na tuzzoliata de porta. Uh! E chi è, chi non è, se sose Marietta e va a vedè da dinto a lo spioncino de la porta... torna tutta spaventata... annasconniteve, annisconniteve pe carità... m’afferraje e me chiudette dinto a nu stipo.

PASQUALE: Ragazzi, se io vi secco, dicitemmello.

FELICE: No, anze mce fate piacere. Dicite che nuje sentimmo.

PASQUALE: Articolo 221... Il figlio...

ARTURO: E stette n’ora nchiuso dinto a lo stipo, a rischio de murì affucato.

FELICE (ridendo): Ah, ah, ah! Chesta è bona.

PASQUALE (legge): «Articolo 221. Il figlio non può abbandonare la casa paterna, o quella che il padre gli abbia destinato, senza il permesso del medesimo, salvo per causa di volontario arrollamento nell’Esercito Nazionale».

FELICE: Arrollamento nell’Esercito Nazionale.

ARTURO: Esercito Nazionale.

FELICE: E lo vediste chillo ch’aveva tuzzuliata la porta?

ARTURO: Ato ca lo vedette, s’assettaje proprio vicino lo stipo, era uno basso, cu nu piccolo mustaccio, e cu nu bastone mmano, figurete cu che paura ncuorpo io stette chiuso là dinto.

PASQUALE: Articolo 222...

FELICE: Articolo 222.

ARTURO: Articolo 3 due.

PASQUALE: (Chisto joca a tressette). (Legge:) «Il padre che non riesca a frenare i traviamenti del figlio, può allontanarlo dalla famiglia, assegnandogli, secondo i propri mezzi, gli alimenti strettamente necessarii, e ricorrendo, ove sia d’uopo, al Presidente del Tribunale».

FELICE: E da dinto a lo stipo, sentive niente?

ARTURO: Sì, senteva che lloro dicevano: «ma vuje site nzurato, mò che bulite da ccà?».

FELICE: Ah, era nzurato?

ARTURO: Già, e isso risponneva: «nun me mporta niente, io te voglio bene, e nun me pozzo scurdà de te».

FELICE:E cu chi l’aveva, cu Marietta, o cu Michelina?

ARTURO: Chesto pò nun lo saccio.

PASQUALE: Articolo 324.

FELICE: Articolo 324.

ARTURO: Articolo 324.

FELICE: Basta, e pò comme fenette?

ARTURO: Doppo n’ora, chillo tale se ne jette, e me cacciajene da dinto a lo stipo... io voleva cunto e ragione chillo pe chi era venuto, ma fu impossibile a saperlo, Michelina incolpava a Marietta, Marietta incolpava Michelina, me nfucaje e le dicette: da ora in poi, né io, né l’amico mio Felice, venimmo chiù dinto a sta casa... ma siente, viene cca... niente, niente, non ci vedremo mai più, e me ne jette.

FELICE: Bravo.

PASQUALE: Belli figliù, io aggio che fà, si nun avite genio de fa scola, me ne vaco.

FELICE: Nonsignore, maestro, nuje a vuje sentimmo.

PASQUALE: Ma se voi state parlando d’affari vostri, come vulite fa lezione.

FELICE: Nonsignore, nuje avimmo ntiso tutto chello ch’avite ditto, maestro.

PASQUALE (ad Arturo): Voi avete anche inteso?

ARTURO: Sicuro, avite ditto lo Presidente... l’Esercito Nazionale.

PASQUALE: Le ultime parole. (A Felice:) E voi?

FELICE: Avite ditto che il padre che non fa il suo dovere, n’è cacciato de la casa.

PASQUALE: Vuje che me state vuttanne. (Si sente bussare la 2a a destra.)

SCENA QUARTA

Michelina e Marietta.

MICHELINA (bussando):Neh, ccà nun nce sta nisciuno?

ARTURO (s’alza):La voce de Michelina!

FELICE (s’alza):Possibile!

ARTURO (alla porta):Chi è?

MARIETTA: Aprite siamo noi!

FELICE: Guè, so’ tutte e doje. Maestro, scusate, trasite nu poco dinto a sta cammera.

ARTURO: Sì, sì, maestro.

PASQUALE: Ma scusate, io...

FELICE: Abbiate pazienza maestro, mò ve facimmo ascì. (Spinge Pasquale nella 1a a sin. e chiude.) Aspetta, quando chiudo sta porta. (Chiude a chiave la porta in fondo.) Apre mò. (Arturo apre a Michelina e Marietta poi chiude.)

MARIETTA:Tanto nce Vuleva p’arapì sta porta.

MICHELINA: Chi sà che steveno facendo i signori.

FELICE: Stavamo facendo niente. Voi invece ricevete in casa uomini ammogliati.

MARIETTA: Guè, nuje apposta pe chesto simme venute, nun dicite chiù sta parola, che ve la facimmo annuzzà nganna.

MICHELINA: Nuje nun simme figliole de chesto.

MARIETTA: Io so’ 2 anne che so’ vedova, e nisciuno pò dicere ma parola ncuollo a me.

MICHELINA: Il signor Arturo aissera facette lo ferlocco.

ARTURO: Chi era chillo?

MARIETTA: Era uno che s’è frusciato sempe cu me, ma io nun l’aggio dato maje retta.

ARTURO Dunche tu sei innocente?

MICHELINA: Innocentissima.

ARTURO: Allora, vieni fra queste braccia. (S’abbracciano.)

FELICE: Dunche chillo è uno che s’è frusciato sempe cu te, e tu nun l’haje dato maje retta?

MARIETTA:Già.

FELICE: Parola tua d’onore?

MARIETTA:Parola mia d’onore.

FELICE (aprendo le braccia): E buttati qua dentro, bù... (S’abbracciano.)

MARIETTA: Mò ch’avarria da fa?

ARTURO: Pace, pace...

FELICE: Stammatina resta l’appuntamento come rimanetteme aiere, siamo 3 coppie, vene pure n’ato amico mio.

MARIETTA: No, stammatina, è impossibile, pecché tenimmo nu sacco de fatica a la puteca, avimmo da comsignà 6 cappielle pe dimane matina.

FELICE: E come facciamo?

MICHELINA: Se ne parla n’ata vota.

ARTURO:E quando?

MARIETTA: Ve lo dicimmo nuje a buje. (Guardando la camera.) Guè, ma ccà veramente staje scicco Feliciè.

MICHELINA: State come un Principe.

MARIETTA: Uh! Guarda, guarda, tene li pazzielle comme fosse ma criatura. (Prende la carrozzella e la trascina per terra, poi la mette sul tavolo.)

FELICE: Lascia stà, chesta me l’accattaie mammà 4 anni fa.

MICHELINA (prende il Codice): E chisto che d’è lo calannario?

ARTURO: Quà calannario, chisto è lo Codice.

MARIETTA: Uh! Famme vedè lo Codice comn’è. (Lo prende, l’apre e legge:) «Articolo 222».

FELICE: Lascia sta che io nun ne tengo chiù. (Michelina corre al pianoforte e si mette a suonare.)

MARIETTA Oh, quanto me piace la musica. (Posa il Codice aperto sul letterino del pianoforte.)

FELICE: Abballammo nu poco, sunate na fox. (Felice afferra Marietta e si mette a ballare.)

ARTURO: Michelì, abballammo nuje pure.

MICHELINA: E pò chi sona?

ARTURO: Facimmo nuje la musica. (Balla con Michelina e col fischio fanno la musica, nel girare fanno cadere il tavolo dimezzo. Alla porta di fondo si bussa — Tutti si fermano.)

SCENA QUINTA

Attanasio, Menechella, Pasquale e detti.

FELICE: Chi è?

ATTANASIO (d.d.): Apre Tetì, songh’io so’ papà.

FELICE: Papà.

MICHELINA e MARIETTA: Comme facimmo!

MENECHELLA (d.d.): Aprite, signori.

FELICE: La serva!

MICHELINA: Comme se fà?

FELICE: Aspè, annasconniteve dinto a sta cammera. (Le spinge 2a a stn. e chiude.) Artù, aiza lo tavolino, leva chella carrozzella. (Arturo esegue mettendo la carrozzella sul tavolino dove sono a studiare. Felice apre il maestro.) Maestro facimmo lezione. (Siede al tavolino insieme ad Arturo.) Maestro aprite chella porta, spicciateve.

PASQUALE: Ma ccà ch’è succiesso la distruzione de Pompei! (Apre la porta poi siede a fare lezione.)

ARTURO (come recitando la lezione): Il padre che non riesca a frenare i traviamenti del figlio.

FELICE (egualmente): Dovrà essere cacciato dalla famiglia.

PASQUALE: Lo Codice addò sta?

FELICE: Articolo 2009.

PASQUALE: Benissimo, quello che parla dell’ipoteche.

FELICE: Quello che parla delle poteche.

PASQUALE: (No, de li magazzine). Lo Codice addò sta?

FELICE: (Maestro nun lo sapimmo. Stateve zitto).

MENECHELLA (a Felice): Signurì, vulite che ve porto mò la biancheria pulita, o chiù tarde?

FELICE: Mò non pozzo penzare a questo, sto studianno.

ATTANASIO: Lassolo fà, vide che sta facemmo lezione.

MENECHELLA: Chella n’ha mannata la signora pe sapè si D. Felice vò la biancheria.

ATTANASIO: E portancella e zitto.

MENECHELLA: Va bene. (Andandosene:) (Nun pozzo stà nu momento senza vederlo). (Via.)

ATTANASIO: Maestro. (Salutando.)

PASQUALE: Signore (c.s.).

ATTANASIO: Io sono il padre di questo giovine.

PASQUALE: Lo credo perché lo dite voi.

ATTANASIO: Come si porta?

PASQUALE: Magnificamente!

ATTANASIO: Ho visto che vi siete chiusi da dentro. Avete fatto bene così non siete seccati.

FELICE: Articolo 9124.

ARTURO: Articolo 8350.

PASQUALE: (So’ chiù poche, so’ chiù poche).

ATTANASIO: Maestro, che fa sta carrozzella ccà ncoppa?

PASQUALE: Ah, sissignore, volevo insegnare un poco di meccanismo a D. Felice, le vulevo fà vedè comme se situa l’asse dinta a la rota.

ATTANASIO (la prende): E mò levatela da ccà. (Va per metterla sul pianoforte, vede il Codice e lo prende.) E chisto ch’è lo Codice, che nce fa ncoppa a lo pianoforte?

FELICE: (Mò abbuscammo tutt’e tre maestro).

PASQUALE: Dove stava, sul pianoforte?

ATTANASIO: Steva apierto ncoppa a lo letterino.

PASQUALE: E là aveva da stà. Ecco qua, caro signore, mò ve spiego: è un sistema mio particolare, io piglio il testo di legge e lo faccio cantare ai miei scolari.

ARTURO: (Chesta è grossa).

PASQUALE: Vi sembra una cosa strana, ma quando insegno una cosa a pianoforte resta impressa.

ATTANASIO: Uh! Maestro, fateme lo favore, faciteme vedè come fate.

PASQUALE: Ah! Volete vedere come faccio?

ATTANASIO: Sì, perché veramente e una cosa nuova per me, ne vorrei avere un ‘idea. E non cambiate nisciura parola?

PASQUALE: Oh, se sà, qualcheduna se deve cambiare, il senso è sempre lo stesso. Non è vero D. Felì è sempre lo stesso.

FELICE: Sicuro.

ATTANASIO: Fatemi sentire il 222 cantando.

PASQUALE: D. Felì, fate sentì a papà comme fa l’articolo 222 cantando.

FELICE: Ma maestro, scusate, stammatina nce avite data la prima lezione, cantatelo voi.

PASQUALE: Ah, già, avete ragione, adesso lo canto io. L’articolo 222 dice così. (Canta:)

Quel padre il quale — non può frenar

Della sua prole — l’irregolar

Condotta deve — farlo partir

Od in prigione — farlo morir.

ATTANASIO: Bravo. Voi vedete a che s’è arrivato con lo studio. Maestro fateme sentire lo 223. (Guarda nel Codice.)

PASQUALE: (E mò te prode a capa!). Va ragazzi fate sentire l’articolo 223 come si canta.

FELICE: Embè, maestro, ve l’avimmo ditto che stammatima nce avite data la prima lezione, cantatelo voi.

PASQUALE: (Che assassino!). L’articolo 223 si canta così: (Lazzi.)

Non è permesso al figlio

La casa di lasciar

Se gli si dà consiglio

Dal padre di restar

FELICE e ARTURO: Signorina dincello a mammà. (Cantando.)

PASQUALE: Che signorina. Neh, questo è quell’altro articolo.

FELICE: Ah! Già, è quell’altro articolo.

ATTANASIO: Comme, nce sta n’articolo che dice: Signorina dincello a mammà?

PASQUALE: Nonsignore, è il motivo, ma le parole sono quelle del Codice. (Lazzi poi canta:)

Però se me può andar

Senza permesso

Senza permesso

Se va il soldato a far

Che gli è concesso

Che gli è concesso

Partir quand’ei vuol

La patria per servir

(Arturo e Felice ripetono il coro c.s.)

ATTANASIO: Bravo, veramente bene maestro, vi faccio i miei complimenti.

PASQUALE: (Io sto tutto sudato!).

FELICE: (Maestro, dicite ch’avimmo fernuto).

PASQUALE:(Io chesto vaco trovanno). Ragazzi, la lezione è finita.

FELICE: Grazie maestro.

PASQUALE: Ci vedremo domani. Portatevi come vi siete portato oggi (e state frische tutt’e duje).

FELICE: Non dubitate maestro.

PASQUALE:Signore.

ATTANASIO: Maestro riverito.

PASQUALE: (Io n’aggio visto padre rapeste, ma chisto è nu vero turzo de cavolifiore!). (Via.)

FELICE:(Comme facimmo pe me fà j a papà).

ARTURO: (E io che ne saccio, pe me me ne vado).

FELICE: (Aspetta, che bella idea!). Neh, papà, Arturo non crede che vuje tenite chill’orologio che ogn’ora sona nu valzer.

ATTANASIO: Sissignore, quello era del padre della felice memoria di mio nonno. Ah! è na bella cosa, n’inglese me vuleva dà 200 piastre, io nun nce lo vulette dà.

ARTURO: Ma sta sopra a qualche conzola?

ATTANASIO: No, quello è piccolo, è un orologio da sacca.

ARTURO: Un orologio da sacca? E ogne ora suona nu valzer?

FELICE: Sì, sì, suona nu valzer; papà, facitingillo vedè, io pure nun lo veco da tanto tiempo.

ATTANASIO:E perché no, andiamo a basso e ve servo.

FELICE: Sì, sì, caliamo abbasso. (Mentre tu vide l’orologio, io vengo e le faccio fuì.)

ATTANASIO (Felice urta Attanasio d.d.): E nun me vuttà.

FELICE: Nò, pecché Arturo va de pressa.

ARTURO: Andiamo.

FELICE: Mò vide quanto è bello. (Viano fondo. Scena vuota.)

SCENA SESTA

Menechella, poi Marietta e Michelina indi Lorenzo.

MENECHELLA (Con cesta di biancheria): Che d’è, nun ce sta nisciumo chiù, Feliciello sarrà asciuto. Aggio appaura ca la signora se n’è addunata de quacche cosa, pecché poco primma m’ha parlato bastantamente maziecato; ma ch’aggia fà, io lo voglio troppo bene a chillo birbante. Mettimmele sta biancheria dinto a la cammera de lietto. (Apre la 2a a sin. e nel vedere Marietta e Michelina getta un grido:) Che! Doje femmene!!

MARIETTA (uscendo): Zitto pe carità.

MICHELINA: Nun alluccà p’ammore de lo Cielo.

MENECHELLA: Num alluccà!? Io voglio fà nu putiferio! Doje femmene dinto a la cammera de D. Feliciello.

MARIETTA: è stata na combinazione; Michelì, vattenne a la puteca, ca mò faccio io capace a sta figliola.

MICHELINA: Viene priesto. (Via 2a a destra.)

MENECHELLA: Chella se n’è ghiuta, ma tu nun te ne vaje però, voglio fa revotà la casa.

MARIETTA: Guè, tu si me vuò sentere, bene, si no fa chello che buò tu, che nun me mporta niente.

MENECHELLA:E già, ma faccia tosta comme a te, accossì dice.

MARIETTA: Bade comme parle sà, pecché si no te faccio stà a dovere!

MENECHELLA: A chi faje stà a duvere! (Gridando.)

LORENZO (uscendo):Che cos’è... Che beco! Marietta!

MARIETTA: (D. Lorenzo! Peggio!). (A Menechella piano:) (Chisto vò fa ammore cu me, statte zitto, si no D. Felice è acciso).

MENECHELLA: (Mamma mia!).

LORENZO: D. Mariè, che faciveve ccà ncoppa?

MARIETTA: Che faceva, che faceva... (Mannatene a sta figliola che v’aggia parlà.)

LORENZO: Menechella, andate via, e... (fa segno di non parlare) altrimenti (fa segno di bastonate.)

MENECHELLA Ma chella... (Lorenzo fa segni c.s.) Ma io ve voglio dì... (Lorenzo replica c.s.) Ecco ccà mò me me vaco. (E asciuto pazzo pure chisto!) (Via a destra.)

MARIETTA: (A me na pensata).

LORENZO: Dunche?

MARIETTA: Avita sapè, D. Lorenzo mio, che io ve jeva trovanno pe mare e pe terra, pe salutarve per l’ultima vota.

LORENZO: L’ultima vota.

MARIETTA: Stammatina p’avè risposto un poco alterata a la princepale, chella me n’ha cacciata senza volè sentì chiù ragione. Io me ne so’ ghiuta a la casa de sorema cucina, la quale appena appena pò campà essa sola... m’ha ditto: Sora mia, me faje compassione, ma io nun pozzo darte niente. Allora so’ ghiuta a trovà na signora forastiera, che io aggio fatto paricchie cappielle, l’aggio contato lo fatto, e chella m’ha ditto: Io domani parto e vado a Firenze, se vuoi, ti porto con me, e starai in casa mia come cameriera. Io aggio accettato e dimane a li 7 parto nzieme cu essa. Primme de partì, so’ ghiuta salutammo tutte le compagne meje e siccome vuje aissera me dicisteve, che stivene in casa e nu certo D. Felice Sciosciammocca, me so’ nformata addò era, so’ benuta pe truvarve e accossì ringraziarve de tutte le bell’azione che m’avite fatto. (Questo discorso lo fa fingendo di piangere.)

LORENZO:Oh, no, tu nun partarraje, stongo ccà io pe te.

MARIETTA: No, vuje site nzurato... Tre ghiuorne fa me lo dicettene, e si l’avesse appurato primme, nun v’avarria fatto manco accostà vicino a la puteca mia... anze D. Lorè, si veramente me vulite bene, dateme chillo ritratto che ve pigliasteve aissera da faccia a lo muro.

LORENZO: Oh, lo ritratto nun te lo dongo, e t’assicuro che dimane nun partarraje.

SCENA SETTIMA

Amalia, Dorotea e Felice poi Marietta.

AMALIA (d.d.): Da chesta parte, va bene aggio capito.

LORENZO: (Amalia! Sangue de Bacco!). D. Mariè, annascunniteve ccà dinto. (La spinge a destra e chiude.) Nun me voglio fà vedè ccà ncoppa. (Via fondo a sinistra.)

AMALIA (uscendo):Ah! Ma ccà è bello assaie, nc’è n’aria magnifica.

DOROTEA: Chisto era nu quartino che steva sfittato, a maggio nce l’affittajeme nuje, e mò l’aggio dato a Tetillo. Ccà studia, dorme, mangia...

AMALIA: E chisto ccà è lo studio?

DOROTEA: Già, la nc’è lo salotto, e llà la cammera de lietto, vuò vedè la cammera de lietto quanto è bella? (Indica a destra.)

FELICE: No, mammà, fatele vedè prima lo salotto, sta lo lietto, capite, che ancora s’ha da fà.

DOROTEA: Dice buono, allora viene vide lo salotto. (Amalia e Dorotea a sin. Felice apre la porta a destra.)

FELICE: Mariè, Michelì, scappate.

MARIETTA: Statte buono.

FELICE: E Michelina?

MARIETTA: Se n’è ghiuta primma, statte buono, nce vedimmo. (Via fondo, Felice nel chiudere la porta esce Amalia e Dorotea e credendo d’essere sorpreso balla, Amalia e Dorotea ridono.)

AMALIA: Bella, bella veramente.

DOROTEA: Che staje facenno, pazzaglione?

FELICE: Mammà, me sto esercitanno nu poco a ballà. (Io mò moro!)

AMALIA: Se pò dì, è meglio ccà ncoppa che abbascio, quanto è bello stu studietto.

FELICE (piano ad Amalia):(E sarrìa chiù bello si nce stisse tu).

AMALIA (a Dorotea):E... quanto pagate a lo mese?

DOROTEA: Addivima.

AMALIA: 200 lire.

DOROTEA: No, 150lire.

AMALIA: Ah! è proprio buono pe stu prezzo. Lorenzo l’ha visto?

FELICE: Sì, è stato ccà stammatina.

DOROTEA: A proposito, ancora t’ha da venì a piglià?

FELICE: No, lo sto aspettanno da chiù de n’ora.

AMALIA: Eh, va trovà quanta mbroglie va facenno D. Lorenzo. Sempe che me porta a Napole, me lassa a na parte e nun se fa vedè chiù co la scusa degli affari.

FELICE: Se io ti fossi marito, nun me muvarria maje da vicino a te.

DOROTEA: Tetillo!... Tetillo!... (Rimproverandolo.)

FELICE: Mammà che ho detto di male? Ho detto se io le fossi marito...

DOROTEA: E non debbono dirsi da te queste parole, che sei un sempliciotto.

FELICE: (Comme avarria fà pe n’abbià a mammà a la parte de vascio?... Aspetta, aggio fatto na pensata). (Fa dei movimenti con la fisionomia come a colui che gli vien male.) Mammà.

DOROTEA: Tetì, che cos’è?

AMALIA: Tetì, ch’è stato?

FELICE: Mammà, io vedo tutte le cose all’oscuro, me sento venì 2 o 3 cose.

DOROTEA: Aspetta, mò vaco a piglià quacche odore. Amà, statte attiento tu. Menechella, Menechella. (Via correndo pel fondo.)

FELICE: (s’alza di soprassalto): Amalia mia, zucchero, sciasciona, percocata mia!

AMALIA (scostandosi):Neh, chisto fosse pazzo!

FELICE: Lo svenimento è stata na finzione, è stato pe rummanè sulo cu te.

AMALIA: Ma tu haje perza la capa?

FELICE: Sì, e tu me l’haje fatta perdere, perché tu sei bona, sì aggraziata.

AMALIA: Sai che io so’ mmaritata.

FELICE: Sì, tiene na bella cosa pe marito, ah, tu non dovevi sposare quell’uomo.

AMALIA: E perché?

FELICE: Perché ti tradisce.

AMALIA: Possibile!

FELICE: Possibilissimo, e si te ne vuò accertà, mò nce pigliammo ma carrozza, e te faccio vedè cu l’uocchie tuoje addò va a mangià stammatima nzieme co la mnammurata.

AMALIA: Ma tu nun me nganme?

FELICE: E pecché ti dovrei ingannare?

SCENA OTTAVA

Pasquale, poi Lorenzo, indi Dorotea, poi di nuovo Pasquale indi Menechella.

FELICE (Pasquale esce e resta sotto la porta a guardare):Tu sei bella, tu sei cara tu sei sciasciona. (L’abbraccia.)

PASQUALE: Bravo Tetillo.

AMALIA (con un grido fugge a 2a a destra): Ah!

FELICE: Chi è? Maestro, mannaggia all’arma vosta, che site venuto a fà?

PASQUALE (ridendo):M’aggio scurdato lo Codice. (Lo va cercando.)

FELICE: Mannaggia l’arma de lo Codice. Annasconniteve là dinto...

PASQUALE: Ma io...

FELICE: Trasite. (Lo spinge a viva forza 1a a sin. poi va per aprire la porta dove sta Amalia.)

LORENZO (uscendo):Guè Feliciè.

FELICE (spaventato):(Lo marito!). (Mette un tavolino vicino alla porta d’Amalia, per non farla aprire.)

LORENZO (con precauzione):Feliciè, facimmola fuì.

FELICE: Achi? (Con sorpresa.)

LORENZO: A chella che sta chiusa là dinto. (Indicando la porta d’Amalia.)

FELICE (con estrema sorpresa):Che!!

LORENZO: è meglio ca lo saje tu sulo, si lo sape quaccheduno ato, io nce faccio na cattiva figura.

FELICE: Ah! Già...

LORENZO: Chella pò è scurnosa... cioe scurnosa, fa vedè, ma nun è overo. Chella tene 4, 5nmammurate.

FELICE: Scuse! E a te nun te mporta? (e te recrie lo stommaco — ccà nc’è quacche mbruoglio, chisto nun saparrà ca è la mugliera!)

LORENZO: Và, falla ascì, io veco si vene quaccheduno. (Va a guardare alla porta a destra.)

FELICE: (E io comme la faccio ascì a chella?).

DOROTEA (con bottoncino):Tetì, addora, addora figlio mio.

FELICE:(Meglio!).

DOROTEA: Che d’è, t’è passato chillo svenimento?

FELICE: Sì, me sento meglio.

DOROTEA: E Amalia?

FELICE (guardando Lorenzo):Amalia.., n’è andato a piglià nu bicchiere d’acqua.

DOROTEA:Ma mò te siente buono?

FELICE: Sì, magnificamente.

DOROTEA: E và piglie nu poco d’aria figlio mio.

LORENZO: Sì Feliciè, vulimmo j?

FELICE: Jammo... e...

LORENZO (piano a Felice):(Arrivammo nfino abbascio lo palazzo, e pò turnammo pe chell’ata scala).

FELICE: (Sì, dice buono). Allora mammà, mò vaco cu Lorenzo.

DOROTEA: Ma sì... ma sì...

LORENZO: Jammoncenme. (Viano fondo tutti e tre.)

PASQUALE (esce):Io vorria sapè che nce faccio ccà dinto, ccà nun nce sta nisciumo, se ne saranno jute. (Guarda 2a a destra.) Va trova si chella figliola sta ancora ccà. (Apre.) Ah! Vuje state ancora lloco, uscite, ccà nun nce sta nisciuno.

AMALIA (esce):Nun dicite niente a nisciuno pe carità, si no songo perduta. (Scappa per la porta a destra.)

PASQUALE: Chesto che cos’è? E la mamma diceva che chillo era innocente. Mammaggia l’arma dell’innocenza!

MENECHELLA (dal fondo correndo):Maestro, lo guardaporta n’ha data sta lettera pe darla a D. Feliciello, dice che nce l’ha data ma figliola; vedite che sta scritto.

PASQUALE: N’ata figliola! Eccà spomteme comme li funge.

MENECHELLA: Quante ne teme chillo mbiso!

PASQUALE (apre la lettera e legge):«Caro Felice. Domani faccio festa al magazzino, fammi sapere se sei libero per andare in campagna, e così stare una giornata insieme. Aspetto una pronta risposta. Ama sempre la tua eterna amante Marietta Cerasella». Che! Muglierema! (Con torcimento di fisionomia, lazzi a piacere.)

MENECHELLA: Mamma mia quant’è brutto, chisto fosse asciuto pazzo!

PASQUALE: Sangue de Bacco! Aggio avuta na prova dinto a li mame... cu chesta lettera io pozzo sparagnà 100 lire a lo mese.

MENECHELLA: Maestro ch’è stato? (Con timore.)

PASQUALE: Figlia mia, tu cu chesta lettera m’haje consolato, cu chesta lettera io sparagno 100 lire a lo mese. Mò la porto al Procuratore del Re, e sott’o colpo le combino lo piattino.., e se tocca, tu mi farai da testimone.., viene, jammo...

MENECHELLA (gridando):Ah! Gente currite, chisto è pazzo! (Girano per la scena.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La medesima camera del primo atto.

SCENA PRIMA

Dorotea e Menechella, poi Attanasio.

DOROTEA: Dunche Menechè, nce simmo capito, io nun voglio che tu vaje cchiù ncoppa a lo quartino de Tetillo.

MENECHELLA: Signora mia, io si nce jeva, era sempe pe fa quacche servizio, quacche vota me nce avite mannata vuje stessa, ma maje pe quacche pensiero; me me sarrìa guardata bene.

DOROTEA: No, nun già pe te, ma saje, chillo è piccerillo, tu sì figliulella, e l’esca vicino lo fuoco s’appiccia.

MENECHELLA: Allora cara signora, è meglio che D. Feliciello lo levate da là ncoppa.

DOROTEA: E pecché?! Chillo è lo studio.

MENECHELLA: Vuje quà studio... là nce vanno figliole a meglio a meglio.

DOROTEA: Figliole!

MENECHELLA: Figliole, già.

DOROTEA: E pe dò trasene?

MENECHELLA: Quanmo n’ommo vò fà trasì ma femmena, doppo che stanno tutte le porte chiuse, trova sempe lo mezzo pe farla trasì... Signò, a le corte, avita sapè che aiere vuje me mannasteve ncoppa co la biancheria de lo figlio vuosto, io nce la purtaje e nce la vuleva mettere, comme lo soleto, dinto a la cammera de lietto, vaco p’arapì la porta, e chi me veco venì de faccia? Doje femmene!

DOROTEA: Possibile!

MENECHELLA: Una castagna, e l’ata nera... io accuminciaje alluccà... una se ne fujette, e credo ch’aveva essere la nmammurata de D. Feliciello, l’ata rummanette pe me persuadè e accussì nun farme chiù strillà... mentre steveme parlammo... indovinate chi trasette?

DOROTEA: Chi?

MENECHELLA: D. Lorenzo, lo marito de D. Amalia.., signora mia, chello che mò ve dico, vuje nun ve lo putite mai immaginà... Nientemeno, chella tale ch’era rimasta a parlà cu mmico era la nnammurata de D. Lorenzo!

DOROTEA: Che?

MENECHELLA:So’ cose da stravedè... n’ommo nzurato, cu chella mugliera vicino... Sciù, pe la faccia soja!

DOROTEA: Uh! E comme se fa?... Chisto è nu guaio!

MENECHELLA: Pò ajere lo guardaporta, me chiammaje e me dicette: Menechè, dà sta lettera a lo signorino, poco primma l’ha purtata na figliola e se n’è ghiuta — io me pigliaje la lettera, e la purtaje a leggere a lo maestro —...che saccio, chillo appena la liggette, se facette afferrà cierti dulure ncuorpo che me pareva nu cane... zumpava, curreva, me pareva nu pazzo!

DOROTEA: E pecché?

MENECHELLA: E chi ne sape niente.

DOROTEA: Uh! Chisto è nu guaio gruosso assaie... chillo è na criatura... Na capa allerta de chesta sarrìa capace de me lo guastà.

MENECHELLA: Sicuro, chelle ve lo guastano. Signò, nun dicite niente de chello che v’aggio ditto a D. Lorenzo, che io nun me voglio ncuità.

DOROTEA: No, nun avè appaura, che a te nun t’annommeno... have ragione chella povera figlia d’Amalia.

MENECHELLA: Signò, io vaco dinto, si me vulite me chiammate. Uh! Signò, vene lo patrone. (Via fondo.)

DOROTEA: E chisto che nun se n’incarrica, vedite che razze de patre stanne ncoppa a la terra.

ATTANASIO: Dorotè, io vaco abbascio a lo ciardino a fumarme sta pippa. (Fumando per andare.)

DOROTEA: Io me vaco a fumà sta pippa abbascio a lo giardino. (Beffandolo.) Addò vaje, Cicco Bacco! Ccà nce avimma dà da fà, p’arreparà a nu guaio!

ATTANASIO: Nu guaio! Che guaio?

DOROTEA: Tetillo, fà l’amore!

ATTANASIO: Eh, nun sapeva ch’era... chisto è lo guaio?

DOROTEA: E tu cride che sia na cosa de niente?

ATTANASIO: Non è na cosa de niente, ma manco nu guaio è. E pò, io saccio tutte cose, stammatina lo maestro me l’ha ditto... (ridendo) e la nnammurata de Feliciello sai chi è?

DOROTEA: Chi è?

ATTANASIO: è la mugliera de lo maestro.

DOROTEA (coprendosi il volto con le mani):Uh! Mamma mia che scuorno! E isso comme l’ha saputo?

ATTANASIO: Che saccio, l’è capitato dinto a li mmane na lettera co la mugliera mannava a Feliciello.

DOROTEA: Forse sarrà la lettera che n’ha ditto Menechella.

ATTANASIO: Già, Menechella nce la purtaje a leggere. E chell’ata castagna va trova chi era?

DOROTEA: Nce sta pure na castagna?

ATTANASIO: Già, fuje trovata ajere ncoppa a lo quartino de Tetillo. No, Tetillo nun se porta niente male.

DOROTEA: Pe causa toja che nun haje voluto fà maje lo patre, ma sà che te dico, che si da oggi in poi, nun faje lo patre comme l’haje da fà, nte metto sotto, e te li cunsegno. (Via a destra.)

ATTANASIO: Vuje vedite chillo tramme a vapore che vò da a me... chillo alla fine è guaglione, vede ma figliola e se ne va de capo... songh’io, a chesta età, eppure venene cierti momenti...

SCENA SECONDA

Felice e detto, poi Barbarella.

FELICE (d.d.):Menechè, mò nun me seccà che tengo ato pe la capo.

ATTANASIO: E isso che vene.., la verità, le voglio fà na parte... voglio fà lo patre voglio vedè che me risponne. (Si ritira in fondo.)

FELICE (fuori):Ah! M’aggio fatto na carruzziata cu Amalia proprio scicca... dinto a na carrozza chiusa io e essa... co la scusa de j a trovà a Lorenzo. (Vede Attanasio.) Ah, papà state ccà.

ATTANASIO: Sto qua. (Serio.)

FELICE: Papà, nun saccio come ve vedo, è successo qualche cosa?

ATTANASIO: Felice.., io credo che tu... (aspetta, mò m’assetto, ci è più autorità). (Siede.) Felice, l’uomo nel mondo è come... (No, io steva meglio all’erta). (S’alza.)

FELICE: (Ma che fa, se sose, s’assetta).

ATTANASIO: L’uomo nel mondo... (Gridando.) (Nun lo vularria troppo spaventà... è meglio a ghì co lo buono.)

FELICE: (Ccà nce truvammo, o no?).

ATTANASIO: Siente ccà Feliciè... tu sai che io, eh! che so’... me dispiace... eh! (E accussì doce manco va buono, chisto che avvertimento è.)

FELICE: (Aggio capito, chesto è cosa de dimane).

ATTANASIO (con tuono): Felice, io non sono tuo padre!

FELICE: Allora, ditemi mio padre chi è? Sono il figlio della colpa forse?

ATTANASIO: Mò te chiavo ma colpa nfaccia, vì quanta cose sape stu lazzariello.

FELICE: E voi avete detto che non mi siete padre.

ATTANASIO: Voglio dire, non sono uno di quei padri, tiranni, severi... ma certe cose però non le posso tollerare.

FELICE: Ma che cosa?

ATTANASIO: Uh! Che cosa. Ah, tu te cride che ccà nun se sape niente? Tu, birbantello, faje all’amore?

FELICE (subito):Sì.

ATTANASIO: Brava la faccia tosta, comme avesse ditto: papà, non è vero. E questa donna che tu ami, è maritata.

FELICE:(Sangue de Bacco! Papà parla d’Amalia, e comme l’ha saputo?). Papà, non è vero, questa è una calunnia.

ATTANASIO: Non è calunnia, me l’ha ditto lo marito.

FELICE: E comme se n’è accorto?

ATTANASIO: Uh! Comme se n’è accorto?... queste sono cose che non si possono nascondere. Vediamo di finire questa cosa, altrimenti te ne caccio de la casa e ti faccio morire dentro un carcere crimimale, sono padre e posso far tutto... e poi ricordatevi dell’articolo 222. (Cantando:)

Quel padre il quale non può frenar

Della sua prole, l’irregolar

Condotta deve farlo partir

Od in prigione, farlo morir!

Mò te lo faccio nu poco de Madama Angot e bonasera. (Via.)

FELICE: Mamma mia! Io mò moro da la risa, m’ha cantato lo coro dei cospiratori... io nun me pozzo fa capace, comme hanno potuto appurà tutte cose... io per maggior sicurezza aggio fatta fermà la carrozza duje viche primma... simme scise, Amalia è trasuta dinto a na puteca de guantare, e io so’ venuto ccà, appunto pe chi sà quacchedumo me vedeva.

BARBARELLA (dal fondo): Signori, mammà nce sta? (Con cesta di biancheria stirata.)

FELICE: Sì, sta dinto.

BARBARELLA: Aggio portato li panne stirate, pozzo trasì?

FELICE (spiando se viene qualcheduno):Tu puoi entrare sempre.

BARBARELLA: Permettete. (p.a.)

FELICE: Aspetta Barbarè... comme tu mò me scappe sempe.

BARBARELLA: E pecché a buje ve prode la capa.

FELICE: Tu sì bona assajè.

BARBARELLA: Lo bedite che vulite pazzià?

FELICE: Barbarè, viene ccà damme nu vaso.

BARBARELLA: Vuje site pazzo! (Fugge 2a a sin.)

FELICE: Barbarè... (Via appresso.)

SCENA TERZA

Pasquale, poi Dorotea, indi Amalia.

PASQUALE (dal fondo):Aggio parlato con un buon avvocato, e m’ha ditto che la lettera non basta, ce vorrebbe qualche prova più forte, pecché sfortunatamemte alla lettera non c’è data. Chella pò dicere: Sta lettera l’ho scritta 4 anne fa... nun n’era ancora mugliera... si potrebbe però provare per mezzo della serva e del guardaporta... ma si chella dice nun l’aggio scritta io... è stato nu tradimento di persone che me volevamo male... poi l’avvocato n’ha detto: e si è nome e cognome che si confronta? Nce stanno tante Cerasella, dev’essere per forza la Cerasella vostra? E si è la Cerasella mia?

DOROTEA: Maestro, state ccà.

PASQUALE: Sto qua.

DOROTEA: Povero maestro, avete ragione.

PASQUALE: No, nun aggio ragione ancora.

DOROTEA: Comme nun avite ragione ancora?

PASQUALE: E no, pecché l’avvocato m’ha ditto, che la lettera non basta, ci vogliono prove più forte.

DOROTEA: Intanto, maestro, chillo povero Tetillo...

PASQUALE: Signò, vuje me lo chiammate ancora Tetillo?... Chillo cunosce na quarantina de tetelle che è n’affare serio! Ne vedette a una ajere, proprio bella, capelli castagna.

DOROTEA: Già, chella che steve nzieme co la mugliera vosta.

PASQUALE: No, chella steva sola... e fuje io che la facette scappà.

DOROTEA: Chesto pò nun lo saccio... intanto, maestro, che consiglio me date?

PASQUALE: Eh, signora mia, che volete che vi dico... queste sono cose che non nc’è rimedio.

DOROTEA: Io aveva fatta na penzata, cercate in discorso de farve dì a Feliciello sta tale figliola addò sta de casa, quanno l’avite appurato, ve presentate da essa e le dicite a nomme mio, che lassasse stà a Feliciello, pecché si no la faccio stà a dovere, chi sà, pò essere che se mette paura.

PASQUALE: Eh, la penzata non sarebbe cattiva, ma tutto sta che D. Feliciello me dice addò sta de casa.

DOROTEA: Avita truvà vuje nu mezzo pe nce lo fu dicere... maestro, si me facite stu favore, senza offesa, ve regalo 50 lire.

PASQUALE: Nonsignore, non c’è bisogno... Va bene, voglio vedere se posso servirvi.

DOROTEA: Bravo chillo maestro, nce pare da la faccia che site purtate pe sti cose.

PASQUALE: E io ve ringrazio tanto tanto. (Mò cambio professione, da maestro de legge, me metto a fa lo rucco rucco.)

DOROTEA: Vi raccomando maestro... sono madre ed i figli sono cari. Siete padre voi, maestro?

PASQUALE: Nun nc’aggio avuto maje tiempo.

DOROTEA: Mi affido a voi!... (Via a sin.)

PASQUALE: Chi se poteva mai credere che io aveva venì dinta a sta casa e aveva passà tanta guai.

AMALIA (esce di fretta):Uh! Vuje state ccà?

PASQUALE: Oh! Lupus est in fabula! Io v’aveva venì a parlà.

AMALIA: A me? Pe carità, avisseve ditto quacche cosa?

PASQUALE: Io nun aggio ditto niente, ma ccà se sape tutte cose.

AMALIA: Vuje che dicite!

PASQUALE: Eh! La mamma sta nfuriata comme a na diavola.

AMALIA: Possibile! Forse hanno saputo che so’ ghiuta ncarrozza cu isso?

PASQUALE: (Pure!).

AMALIA: Ma io pe tanto nce so’ ghiuta... pecché mariteme...

PASQUALE: Ah! site pure mmaretata? (Meno male nun so’ sulo!) Ma comme v’è venuto ncapo de presentarvi ccà mò... qua sta la casa sotto sopra, tutte quante sanno stu fatto... la mamma, lo patre, gli amici di famiglia, lo stesso D. Felice ha detto tutto.

AMALIA: Io mò moro.

PASQUALE: E nun avita murì ancora. Voi siete rovinata. (Mò nce la faccio chiù pesante de chello che è.) Dove andrete a mettere la vostra faccia.

SCENA QUARTA

Lorenzo e detti, poi Attanasio.

LORENZO (d.d.):Va bene, va bene, ho capito.

AMALIA (con grido):Ah!(Sviene.)

PASQUALE: Oh, e chesto nce mancava! Aspettate... signò, che nuje jammo nterra tutte e duje.

AMALIA (a mezza voce):Ajutateme.

PASQUALE: Aspettate, trasite dinto a sta cammera. (La trascina nella camera a destra, poi chiude.)

LORENZO (esce):Vurria sapè si Feliciello...

PASQUALE (a Lorenzo):Signore, scusate l’ardire, voi siete amico di famiglia?

LORENZO: Sono amico stretto di Attanasio, il padrone di casa.

PASQUALE: Per conseguenza conoscete il figlio D. Felice?

LORENZO: Oh, vi pare.

PASQUALE: Io sono il suo maestro, Pasquale Afflitto.

LORENZO: Oh, piacere,

PASQUALE: Che ve ne pare? La mamma lo chiamma Tetillo.

LORENZO: Seh, Tetillo... si la mamma sapesse...

PASQUALE: La madre sa tutto, lo padre pure, e mò dinta a sta cammera chiusa sapite chi nce stà?

LORENZO: Chi?

PASQUALE: La nnammurata de D. Felice, la quale quanno io l’aggio ditto che s’era appurato tutte cose, l’è venuto nu svenimento, e io pe nun farla vedè a nisciuno, l’aggio chiusa là dinto.

LORENZO: Sangue de Bacco! sarrìa proprio curioso de vederla.

PASQUALE: Sì, ve la voglio fa vedè. (P.a.)

ATTANASIO (esce):Guè Lorè, staje ccà. Maestro da quanto tempo siete venuto?

PASQUALE: Poco prima.

LORENZO: E si sapisse. (Ridendo.)

ATTANASIO: Neh maestro, chillo pecché ride?

PASQUALE: D. Attanà, quell’altra innammorata di vostro figlio sta chiusa là dinto.

ATTANASIO: Possibile!

PASQUALE: Possibilissimo.

(Lorenzo ride.)

ATTANASIO: Lorè, nun ridere che me tuocche li mierve. (Serio:) Maestro, vi ringrazio. Le voglio fà na limonata proprio come si conviene. Si nun faccio lo padre mò, quanno lo faccio. (Entra e chiude, poitorna.)

PASQUALE: Quello è un affare serio quel giovane, fà l’amore cu miezo genere umano.

LORENZO: E la mamma ca lo chiama ingenuo, carta bianca. Ah! Ah! Ah! (Ride.)

ATTANASIO (esce tutto sconvolto, chiude subito la porta):(Mamma mia! chella è D. Amalia e lo marito sta ccà fore). (Lorenzo ride.) (Seh, ride rì, che staje frisco!)

PASQUALE: Vi siete spicciato subito?

ATTANASIO: Sì, ho detto poche parole.

LORENZO: Ma che serve tanta collera, alla fine che male nce sta, chi è giovene, s’ha da spassà.

ATTANASIO: (E buon brode te faccia). Basta, sapite che vulite fà, trasitevenne nu mumento dinto, mentre io la faccio scappà.

LORENZO: No, Attanà, io la voglio vedè.

ATTANASIO: (E chesto nce mancarria). Caro Lorenzo, salviamo le apparemze, chella nun se vò fà vedè, se mette scuorno.

LORENZO: è giusto. (Via 1a a sin.)

ATTANASIO: Maestro, e vuje nun ve ne jate cu Lorenzo? (sta parlanno isso e lo cappiello!)

PASQUALE: Mò n’annasconno n’ata vota? E chesta è na condanna. (Via.)

ATTANASIO (chiude i due, poi va ad aprire Amalia):D. Amà, D. Amà, uscite.

SCENA QUINTA

Amalia e detto, poi Lorenzo e Pasquale, indi Dorotea ed Amalia, poi Barbarella, indi Felice.

AMALIA: Mamma mia che scuorno, che scuorno!

ATTANASIO: (Mò se mette scuorno). D. Amà, ma comme v’è venuto ncapo?

AMALIA: Feliciello me dicette che Lorenzo me tradiva, e ch’era juto a mangià ncampagna co la nnammurata, pecchesto nce so’ ghiuta ncarrozza, pe truvà a chill’assassino, ma D. Attanà, vi giuro che io...

ATTANASIO: E che giurate a fà. Basta, jatevenne mò e pò tornate, si mò cà succede un guaio!

AMALIA: Grazie, grazie. (Via pel fondo correndo.)

ATTANASIO: Ah! Figlio de nu puorco! E che c’entro io, songh’io lo padre... chillo me fa perdere la capa. (Apre la porta a sin.) Maestro, Lorè, venite...

LORENZO: Tu pecché te piglie collera?

ATTANASIO: No, abbasta che nun te piglie collera tu.

LORENZO: Ma Attanà, comm’era la faccia, com’era?

ATTANASIO: Eh, non c’era male.

PASQUALE: Non c’era male, D. Attanà, voi che dite, chella era na sciasciona... certi capelli castagni...

LORENZO: Ah! Era castagna?

ATTANASIO (tossendo):Nonsignore era nera.

PASQUALE: Nonsignore castagna.

ATTANASIO: Vi siete ingannato, nera, nera. (Gridando.)

PASQUALE: Nera, nera, a mulignana... (Attanasio fa segno a Pasquale di tacere.) Ma vi assicuro caro signore, che era proprio una bellezza straordinaria.

LORENZO: Vuje, maestro, parlate de bellezza, pecché nun avite visto ancora roba fina, quando volete vedere veramente un tipo scicco, una mia fiamma... guardate. (Caccia la fotografia di Marietta.)

PASQUALE (che ha preso la fotografia):D. Lorenzo manco nce pare, teme pure la fiamma. (Guardandola:) Che! Mia moglie.

LORENZO:(Mbomma! La mugliera!).

PASQUALE Cielo te ringrazio, ecco qua la vera prova. (Afferra Lorenzo per il soprabito.) Signore venite con me.

LORENZO: Addò?

PASQUALE: Dall’avvocato.

LORENZO: Ma siete pazzo!

PASQUALE: Signore, vi dico, venite con me. (Gridando. Esce Dorotea dalla sin. e Amalia dal fondo.)

DOROTEA: Neh, ch’è succiesso?

AMALIA:Ch’è stato?

PASQUALE: Dovete sapere che questo signore...

LORENZO: (Zitto, nun dicite niente, ca vengo addò vulite vuje). Niente, niente, lo maestro s’è pigliato collera... pecché io... nun aveva piacere e farlo mangià ccà stammatina, siccome Attanasio l’ha invitato.

ATTANASIO: Maestro, chillo Lorenzo pazziava.

PASQUALE: E che volete, io me credeva che faceva veramente.

DOROTEA: E chesto era tutto, nun sapeva che era.

AMALIA: Io me so’ spaventata.

LORENZO: Intanto, maestro, lasciammo stà lo scherzo... vi presento mia moglie. (Prendendo Amalia per mano - sorpresa di Amalia.)

PASQUALE: Ah! Questa è vostra moglie?

LORENZO: A servirla.

PASQUALE (ad Attanasio):Questa è la moglie... (Attanasio fa segno di tacere, Pasquale stringe la mano a Lorenzo.) Vi faccio i miei complimenti. (Stringe la mano ad Amalia:) Signora mia.

BARBARELLA (esce):Signò, me ne pozzo j?

DOROTEA: Aspetta a Menechella che t’ha da dà li cammise.

LORENZO: Neh, a proposito, a Tetillo nun lo veco.

PASQUALE: Tetillo, Tetillo!

ATTANASIO: Tetillo, Tetillo!

DOROTEA: Tetillo, Tetillo!

FELICE (uscendo):Mammà, m’avete chiamato?

DOROTEA: Bricconciello! S’è saputo ogne cosa.

PASQUALE: (S’è presentato lo Magio a la capanna).

ATTANASIO: S’è saputo chiù de chello che se vuleva sapè.

PASQUALE e LORENZO (ridono): Ah!Ah! Ah!

DOROTEA: Guarda, faje ridere ncoppa a li spalle meje, ma si faje n’ata vota chello ch’haje fatto, io nun te songo chiù mamma.

ATTANASIO: Ed io non ti sarò più padre.

SCENA ULTIMA

Menechella e detti.

MENECHELLA: Lo pranzo è pronto.

PASQUALE: La prima cosa, dovete allontanarlo dagli amici cattivi, e lui deve sentire i veri avvertimenti.

FELICE: Io non ho bisogno d’avvertimenti, io ero la perla dei giovanotti e mammà può dirlo, v’ho portata mai cattiva creanza, vi ho disobbedito mai, ho fatto sempre tutto quello che avete voluto. Sono stati gli amici che m’hanno guastato, cioè, che mi stavano guastando... Arturo ha avuto colpa a tante scostumatezze che ho fatto... Menechella che me veneva sempe attuorno, e guarda ogge, e guarda dimane, e io era de carne finalmente.

MENECHELLA Non è overo, signò, è stato isso che m’ha ncuitato.

FELICE: Non è vero, sei stato tu.

MENECHELLA: Site state vuje, e tengo 8 ritratte de femmeme, che io le truvaje dinta a la sacca.

FELICE: Erano d’Arturo che me l’aveva dato a tenè.

MENECHELLA: Che d’è, nun ve le faciveve chiù co la pastetta? è meglio che me ne vaco, pecché si metto nterra, faccio correre la cavallaria! (Via pel fondo, Lorenzo, Pasquale e Amalia ridono.)

LORENZO: Va bene D.Attanà, D.a Dorotè, perdonatelo pe sta vota. La tavola nce sta aspettanno.

DOROTEA: Pe chesta vota io te perdono.

ATTANASIO: E io pure; ma si lo faje n’ata vota.

FELICE: No, papà, no, mammà, vi giuro che femine non ne vedrà mai più. Amici non ne tratterà mai più, non tratterà altri, che voi, il maestro e i libri.

ATTANASIO: Beneditto figlio mio. Và, jammoncenne a tavola.

TUTTI: Bravo. Andiamo a tavola. (Viano.)

LORENZO: All’assalto dei maccheroni. (Via.)

FELICE (ch’è rimasto indietro, guarda Barbarella): Barbarè, a che ora staje dinto a la puteca?

BARBARELLA: Ogne sera da l’8 fino a li 10 e meze.

FELICE: Stasera te vengo a truvà. (Le dà un bacio e via correndo pel fondo.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 24 volte nell' arco di un'anno