Tiempe belle e n’a vota

Stampa questo copione

TIEMPE BELLE E N’A  VOTA

Tre  atti

di

Raffaele  Caianiello

PERSONAGGI

CARMINUCCE    calzolaio marito di Filomena

FILOMENA        moglie di Carminucce e mamma di Chiarastella

CHIARASTELLA figlia di Carminucce e Filomena

PASQUALE        nipote   di Carminucce

MICHELE           Innomarato di Chiarastella

 TURILLO           oste                     

ASSUNTINA      moglie  di Turillo

MIMI’                  amico di Pasquale        

GIUSEPPINA      amica di Filomena

SAVERIO           panettiere

CATERINA         amica di Chiarastella

LUCIA                 amica di Chiarastella

DON LUCIO       prete

GIOVANNI                    fruttivendolo     

PAULUCCE        fattore

2 BECCHINI


Presentazione

Tiempe belle ‘e ‘na vota” è un racconto, quasi, della vita degli anni ’50, dell’immediato dopoguerra; è un quadro ritratto dell’arte di arrangiarsi che è propria della zona: riuscire a sbarcare il lunario senza troppe preoccupazioni, cogliendo le occasioni e cercandosele, dimostrando un’inventiva senza pari. Un musical, una commedia, che, lasciando fuori dal canovaccio i doppi sensi, svela una storia delicata; è un inno ai sentimenti che neppure le situazioni più degradanti e grottesche possono sminuire o svilire. Una storia d’altri tempi che riporta gli anziani, o comunque coloro i quali hanno vissuto quel periodo, indietro negli anni facendoli sorridere al ricordo di episodi così vicini alla realtà della loro giovinezza. Anni in cui tutto era più difficile ma più sincero e ‘pulito’. Nessun doppio senso, nessuna gag, eppure il sorriso, che accompagna lo spettatore, a volte si tramuta in riso altre è un sorriso amaro, eduardiano. Una commedia che guida lo spettatore durante il cambiamento dei personaggi, li vede maturare e prendere coscienza dell’addio alla spensieratezza che caratterizza buona parte di questo ‘racconto’. Una commedia ‘originale’ ma apprezzabile per la semplicità e la squisitezza dei temi e della trama stessa che si dipana tranquillamente nei mesi che vanno dall’inizio della vicenda alla sua conclusione. Sullo sfondo una storia d’amore ed il senso del rispetto molto forte in quel periodo verso le persone anziane ed i genitori in particolare, le cui decisioni sono leggi; rispetto dei ruoli dei personaggi che lo hanno contraddistinto e ne hanno lasciato l’impronta ancora rintracciabile in certi ambienti: rispetto per il parroco, per il medico. Ma identica è la reazione dinanzi alla prepotenza ed ai raggiri, soprattutto se rivolte a chi è debole, e così il protagonista, grazie all’aiuto degli amici, altra componente fondamentale in questa storia, prende coscienza di sé e decide il finale, quello sperato ed atteso, quello che fino alla fine non si sa se viene fuori o meno. Sebbene vi sia una forte componente della filosofia della sopravvivenza e del ‘tirare a campare’ (‘So llate che so fesse’) e sebbene si possa leggere, forte, l’invito al ‘carpe diem’, alla fine è l’animo semplice e schietto, ma onesto (‘L’onesto ha capito che il segreto per vivere bene qui e anche lì ( indicando il cielo) consiste nel sapersi accontentare con serenità di quello che si ottiene con il proprio onesto lavoro’-dirà Michele) che vince e che si fa guidare e condurre al cambiamento decisivo che porta alla svolta nella vita dei personaggi. Un lieto fine per una storia che sembra una fiaba con tanti intrecci tra i personaggi, bricconi sì ma di gran cuore e sensibilità d’animo; una storia che fa vincere i buoni e rende giustizia alla bontà ed alla sincerità. Arricchita da brani musicali di notevole valenza che hanno fatto la storia della musica napoletana, e che sottolineano i quadri fondamentali della commedia, cala lo spettatore in un’atmosfera nostalgica ed ovattata offrendo al contempo lo spiraglio alla speranza ed i due giovani innamorati, divisi dalla decisione paterna del genitore di Chiarastella (l’innamorata di Michele che nonostante la sua sottomissione alla volontà del padre non ha il coraggio di sposare l’uomo che le viene imposto dalle esigenze contingenti), grazie alla forza dei loro sentimenti, ed all’acume della ‘gente’ del posto, riescono a coronare il loro sogno sconfiggendo il disegno tracciato da un losco ricatto attuato grazie al potere dei soldi e solo alla fine svelato.


Siamo nel periodo del dopoguerra ,anni cinquanta .E ‘ la mattina  di  un giorno primaverile: la scena si svolge in una piazza di   un paese. Le luci che illuminano la piazza sono molto fioche ,e  mentre un suono di mandolini  si leva per l’aria” L’arte do sole”. Si aprono man mano le porte delle abitazioni.

Mimì. ( bussa piano dall’entrata principale,  ,si sofferma   con soggezione poi vede Carminucce uscire  )  Carminù..…Carminù  ,pozze trasì?

Carmine : sssshh, ca vuò trasì ,  e parle chian ca’ si se scete o’ sergente rischio la fucilazione!

Mimì. O’  sergente? E chi è chistate mo’

Carmine:  e chi adda esser’ ,  mugliereme scimunite!

Mimì: s’è arruolata?

Carmine. Ma che arruolata! Dicev’ accosì, è na’ metafora.

Mimì: ahhhhh  dorme? ( e fa cenno di si  con la testa )meno male! Accussì se po’ parlà cu calma e senza sotterfugi, Pasquale se’ scetate?

Carmine. 0’ scansafatich’? si ,pare che lagge viste movere,chian’ però ca’  ..  si  se sceta ‘o sergente ….                                                      !

Mimì: (urlando)  pecchè ce sta pericolo?  Ah ‘onna Filumena!!!!!!!

Carmine: si, si  nun’ a fernisc’ e  strillà!!!!

Mimì. (  abbassando la voce) Siente Carminù nun me dicere  niente ma si  cierte cose nun ne parle cu te cu chi me sfoghe?

Carmine: che ate te succiess’?

Mimì. A vire chesta???? (mostra il braccio che non c’è)  nun ce sta’ niente  a fa’!! stammatina so’ stato addo’ giuann’ ‘o cucuzzare e niente, niente manc’ là

Carmine. Niente?  Pure llà!!!!

Mimì. Ehhh!! ma’ ditte ca’ dovevo ripassare fra na’ semmana pecchè nun tene  niente e me’ mettere a fa’ e tu o’ ccapisce ca’ si nun tengh’ lavoro….so’  costrett’  ammarrangia’! ( e con la mano buona fa segno di rubare).

Carmine. Simme’ costretti  a’ arrangia’….. Mimì!!!!!!!      

Mimì. Ehhhh!!!!!  ma tu tieni nu’ mestier’ e riesci a’ ttarrangia’ io invece…

Carmine.( con ironia) Mange addo’ me è ‘ove?

Mimì. Eh  mangio addo te! e che è’ colpa mia se io e ‘a fatica nun c’incontriamo mai, viri io la cerco ma……..

Carmine.  Nun se  fa’ mai truva’  e  ‘ove?  mai!   Ha ragione o sergente!

Mimì. nata vota co’ sergente? Chelle nun me po’ vedè e pare ca quanne mi invita a pranze  me jette o piatte nfacce!

Carmine. Chest’ nun ‘o  dicere j’ lagge capite ,chells fa accussì pe te sprunà a truvà na’ fatica  ,pe’ te convincere a te sistemà.

MIMì. Fosse o Pataterne ca succedesse! Comunque je so venute pe te dicere nata cosa

Carmine. Nun me chiedere sorde ca busse a vacante! Da quando mugliereme nun fatiche chiù  si  nun m’arrangiasse e nata manere stesse che pacche dinta all’acqua

Mimì. eh! e a chi o’ ddice! stamme a’ sentì: verso mezzogiorno, Don Lucio mha mannat’ a chiamma’ ,  so’ ghiut’ rint’ a’  chiesa e ma’ fatt’ nu bellu discorsetto sull’onestà e compagnia bella e po….. e cheste nun lagge capite, saie ca’ fatte?ma offerte e fa o’ sagrestane!

Carmine: ahhhh ! Proprio  bella sta  cosa!  O diavole e l’acquasanta!

Mimì. Ehh , e mo che fai  sfotti! Je lagge chieste come mai a penzate proprio a me che cu nu braccie sule manche e campane pozze sunà ! e isse ma ditte : ( Cambiando voce) Le vie del signore  sono infinite e a volte sono suggerite  da anime pure e miserecordiose

Carmine: se vede ca Donn Lucio se sunnate a Maronna!

Mimì. a Maromma? O sacce je a chi a date retta!

Carmine. Agge capite e penzate che ..Giuseppina…

Mimì. ma fatte a raccomandazione! L’avrà ditte puverielle,tene na mana sola aiutammele, chille po si fatiche cierte cose nun ne fa chiù . chille è nu sfortunate e cosi via.

Carmine. Beh si è state esse mica tene tuorte e po..pare ca tene nu debbule pe te e…

MIMì.  je nun voglie a llemosine e nisciune!  (alzando la voce)   

Si Don Lucio me dà o lavoro je nun pozz’ rifiutà . ma se c’è un sottorifugio io non accetto!!!! ( da dentro si odela voce di filomena che dice “ ma chi è che allucca a chet’ora)

Carmine. Mimì s’è scetato ‘o sergente ,vavattenne ca parlamme doppe  ca si saccorge  ca stamme cca  succede a 3 guerra mondiale ( entra Filomena, vede Mimì)

MIMI’ : Donna Filomè buongiorno,i miei rispetti

Filomena . e te pareva pure ogge che è dummenica stai cca’ e po’ e primma matina? se po sapè  che state cuncertanne?

Carmine. Ma no niente ,Mimì ere passate di qua per dirci che oggi ci faceva il piacere…

Filomena : di essere nostro ospite….Mimì ma è mai possibile ca tu nun truove nai niente a fa’ pe te abbuscà o pane?

Mimì. Donna Filomè mi dovete credere, io ce penze tutte e juorne,ce prove tutte e juorne  corr’appressa ‘a essa e……

Filomena. E puntualmente nun te riesce maie d’acchiappa’!

Mimi. e c’aggia fa si so’ nate sfortunate! Pateme l’unica cosa ca ma rimaste e chella casarella cu  quatte mobbili a dinte e niente chiù. Vuie o’ ssapite doppe ca’ murette mammà che succedette.. je ere  ancora guaglion’ e papà jeve a cantina se mbriacave tutte e sante  juorne e jucanne jucanne ce mannave all’elemosina.

Carmine. O sapimme Mimì perciò te damme na mane, ma pure nuie e tu o’ ssaie buone nun tenimme lenzole a spannere, E col mio mestiere  nun se votte nnanze na famiglie e quatte perzone, po mittece ca’ nun sto buone e salute e chissà qualu juorne me se chiamme o Signore.  a proposito ‘i guaglioni stann’ ancora dormenno?

Filomena. Ca’  mmuina ca avite fatte chissà, va buone ca’ è quase ore e messe e si devono sosere. va buò Mimì c’avimme fa’ viene a pranze e chelle ca ce sta cio spartimme.

Mimì. Donna Filomè, o pataterne  vo rennne e po’ si va in porto… a proposte e Don Lucio ,o primme rejale o’ facce a vvuie!

Filomena.qua’ proposta?

Carmine. Don Lucio le vo fa fa’ o sagrestane!

Filomena. Cu nu vraccie sule? E comme e ssona’ e campane?

Mimì. pure chi riente Donna Filomè, pure chi riente, abbaste ca se fatiche!

Filomena.  Fosse a Maronna  accussì  nun mbruoglie  chiù a nisciune!

MIMI. e chi mbroglie!

Filomena. Tutte e duie! Tu e chillu scansafatica  e nepoteme  Pascale che l’avimme da a mangià nuie  pecchè nun vede e se truvà na fatica!

Mimì. mbruglià po’ ,arrangià  forse! eh è diverse ( esce Pasquale dalla porta accanto)

Pasquale . Mimì nun a da retta a zia  nuie nun brugliamme a nisciune! So llate ca so fesse!

Filomena. A parlate o’ ‘ ntelligentone do’ quartiere.. comunque  pe’ me è o stesse!  Mo’ vac’  ca tengh’ e’ arricettà e appreparà nu’ poche e pranze ( rientra)

Mimì. donna Filomè saro’ puntualissimo!

Filomena (Da dentro) e quanne mai te sbaglie! Avissa fa’ ca’ nun vieni ne’?

Mimì  no, no state tranquilla donna Filomenà  , o stommaco mio è comma a ‘n’ orologge

Pasquale. Mimì che’ ddice jamme a fa chillu servizie?

Mimì. e comme no certi servizi si nun e faie e primma  matina nun venene buone

Carmine. Quacche vote e’ cheste o servizie vo fanne a tutte e duie , lavate e stirate! ( rientra per un attimo e poi esce con il banchetto da ciabattino)

Pasquale : seh stanne frische!

Carmine: mha mettimmece a’ lavoro si no nun se magia. E comunque  sta storia nun me  piace e adda fernì! Je so n’omme oneste e capite?  Pe campà agge sempe faticate e no’ comme a vvuie ca’ cercate sempe e fottere o’ prossimo !

                Pasquale: si fosseve rimaste a fatica’ ncoppe e nave a chest’ore avesseme fatte e

                 signure

                Carmine:  si fosse rimaste mbarcate ie e zit’ Filumena  ciavesseme spartute! È

overe   ‘ncoppe a nave  faceve o nostrome e guadagnave

               Pasquale: e invece mo’ facite o sulachianielle e ce puzzamme e famme!

           Carmine: ma si pure tu aiutasse a’ barca…... .ma po’ addo sta scritte ca’ t ‘agge dà a

          mangià ppure a te!

Pasquale: e dalle cu’ sta barca ,mo capische pecche facite e’ scarpe sempe larghe. Jammuncenne Mimì ca si no zizie  avvie e prereghe , a’ cera se struie e a prucessione nun cammina ! ( si avviano verso un vicolo, Carminucce pigle na scarpe e cia tira appriesse mentre Pascquale se scanse e se ne va)

               Carmine : mascalzoni can nun si ate, mangiapane a tradimente , ma tu vire nu poche 

              che  sadda suppurtà! ( si avvicina Turille)

             Turillo: maste Carminu’ , buongiorno , come vanno e ccose?

       Carmine: eh stracciammo ,   ‘i  juorne passen’  e se va’ nnanze

       Turillo: e va buò l’importante è a salute

 Carmine: e chelle è a salute can un ce sta! ca pare che jamme arrete arrete  comme o

 funare

Turillo: maste Carminù ma che dicite, je ve veche sempe bbuone, me sa che vuie vi

impressionate penzanne e malatie e llate!

Carmine: tu dice? Eh magare po’ pure essere ca tiene raggione ,ma intante je e

malatie ce penze e..me’ sente! Ah quanne steve mbarcate me senteve nu lione,eh me

ne so viste bene e mo’….me so ridotte a sta ncoppe a nu bancarielle da matina a sera

Turillo: eh penzate a sta buone, magar avesse visto ‘o   munne comme a vuie

invece , sto dinta a cantina da matina a sera a sentere e chiacchiere e tutte quante,e nun

ve diche quanne se imbriacane!

Carmine: se mbriachene” azze!  E ce riescene cu tutte l’acqua ca ce mettite a dinte ?

Turillo: eh mo’ nun esageramm Carminù, si  è vere nu poche cia’ mette ma…o facce

Po’ bbene loro.

Carmine: e pure pa’  sacca vosta! ( arriva Assuntina) oh Assuntì, guarde ca chilli

paie e scraffine ve lagge sistemate.

Assuntina: si e’ pe’ cheste avite sistemate pure a Turille! ( sottovoce a Turille) si

proprie nu turze e caurasciore! Grazie  Carminù e tu ( rivolte a Turille) ce fatte

ammasciate a Carminucce?   

Turillo:  nun ancore mo cia’ facce subbete subbete!

Carmine: m’avite dicere quacche cosa! Se tratte e chillu sfaticate e  Pascale  e

Ove’?

Assuntina: NO Carminù. Simme venute pecchè Paulucce o fattore cia’ incaricate e ve

 purtà n’ammasciate!

Carmine: a me! E nun puteve venì direttamente!

Turillo: beh, trattannese e na’ cosa assai delicata , se fann’ e’ ccose pe grade , po’

trattannese e’ matrimonio….

Carmine:  matrimonio? Ah e dicite, dicite!

Assuntina: Paulucce ten’  ‘ntenzione e chiedere a mano e vostra figlia e  si a cosa

se putesse fa ….

Carmine: vuie ce guadagnasseve a sanzaria è accussì?

Assuntina: ma ca’ dicite Carminù, nui a sanzaria …..a nuie cia chieste e ve fa’

n’ammasciate e nuie ve l’avime fatte, mo quanne avite decise cio’ ffacite sapè e nuie

cio’ ddicimme.

 Carmine: va buo agge capite, io vi ringranzio , a cosa nun è facile e po’ agge parlà cu

Filumena e figlieme pe’ decidere e ve facce sapè

Turillo: Carminù cheste e na’ furtuna che poche s’aspettene, Paulucce o’ssaie tene  

e sorde e tene a rrobba e figliete faciarria a signora e……..

Assuntina: E pure vuie!

Carmine: eh ,su cheste  avite ragione va buò, grazie p’ammasciata

Turillo:  nuie l’avimme fatte pe vuie e pe donna Filomena, stateve buone( vanno via)

Carmine: seh pe donna Filomena! Però la cosa è interessante ( entra dentro)

Lucia:  ( insieme a Caterina e Antonietta ,Si avvicinanano alla casa di Chiarastella )  ah meno male che ogge è dummenica!   J che bella settimana avimme passate.

Caterina: eh che vuò fa ! mo è primmavera e si nun se fatiche mo ! chiuttoste

speriamo che Chiarastella è pronta, prima da’ messa me vulessse fa na passiata pa piazza

Lucia:  e che tiene a vedè a chest’ore?  Ca’ i giovanotti do’ paese a chest’ora stann’ ancora a durmì, ossaie ca se fanne vedè dopp’ ‘ a messa!

Caterina: e certo . peccate ca se fann’ sule vedè . maie ca’ tenessene o curagg ‘e ce venì a fermà pe ce fa a corte (dal vicolo spuntano Pasquale e Mimì)

Lucia: parene ca se mettene appaura e saccustà , nun so certe comm’ ‘a chille duie  ca stann venenne

Caterina: tarraccumanne  a chille duie!, meglie perderl che truvarl ..so  duie sfaticate e pure mbrugliune!

Chiarastella: ( affacciannese a porta), caspite già state cca! Aspettate  nu mumente quanne me mette  scarpe  e cazette e so’ pronta (rientra)

Mimì’ : (avvicinandosi alle ragazze) Oh signorine belle! E vuie gia jate giranne!

Lucia: e avessema da cunte  a te ?  va va, vire ch’ ‘a fa che a’ jurnata è gia schiarute e cerca e sta luntane  a nuie

Mimì’ : a vuie! Ne’ ma chi ve penze!  Chi ve sente , chi ve tocche!

Caterina: eh si, ce vuless pure ca ce mettiss’ ‘e mmane ncuolle va va, passea ‘a nata parte

Pasquale:  Mimi, Mimì viene ‘a   cca! T’e  scurdat’ ca tenimme a fa nu servizie!

Lucia: e viste ? va Mimì va , va a fa o servizie! Ma luntane a nuie marraccumanne!

Mimì’: sto venenne Pascà! J comme site acide tutte e doje! Beate  a chi ve se piglie! ( via )

Chiarastella : eccomi qua, però marraccumanne nun pozze fa tarde, papà nun se sente buon ‘e  mi devo arritirà ambresse ca mammà  tene che ffà!

Caterina: povero Michele, chille a dummenica aspette pe’ te vedè e tu ….

Chatastella: e ch’ aggia fa ! e po è  meglie ca sarragge nu pocuriello!

Lucia: puverielle! Me fa pena! Almene truvasse lavoro accussì patete nun sturcesse o musse quanne o’ sente e nummenà!

Assuntina: ( cammina seguita da Turillo) Jamme cammina! Me pare nu nzallanute! Ca tiene a guardà? E lassa perdere a chilli due ( indicando Pasquale e Mimì che stanno parlando e lo salutano) chille  so duie mbrugliune, parene  o gatte e a volpe! E cammina tagge ditte Che a messa accummencia!

Turillo: tu è inutile  ca me puorte a messa pe’ prevà o’ Pataterne! Si  ‘a decise ca figli   nun n’avimme  avè è inutile! A’ messa ce se và pe’ rispette do’ Pateterne

Assuntina: cammina ,chille o Pataterne na cosa sola  tavesse fà: Tavesse fa  tirà a lenghe e te’ dà a forza e me fa fa nu figlie, cammina! ( escono Michele e Saverio dalle rispettive porte)

Mimì’: ohe  Savè comme staie, o viagge comme è jute?

  Saverio : e che vaggia dicere è state  na bella sperienza! Finalmente agge putute vede

 o munne comme è fatte luntane a cca, è tutte nata cosa!

 Mimì’ : ah pecchè  si state all’atu munne? E comm’ è  fatte comm’ è fatte?

 Michele :all’atu munne ? gnurante! Saverio voleva dire che per chi  nun è mai

viaggiate e nun se muosse a cca ,nun po sapè e bellezze do munne

Saverio: bravo a Michele!

Pasquale: e dicce addo si state?

Saverio:  e addo nun so state! Quanne une s’mbarche  ca’ nave gire o munne!

Pasquale:  azze!allore si state pure all’estere

Saverio: e comme no. Primme so state a Spagna, po’ in Grecia e pe’ ultime in Egitto

Michele: A Spagne? e dimme comme so’ le Iberiche

Saverio: le iberiche? E che so?

Michele:  ma e femmine spagnole  no

Saverio: ah se chiammene accussì? Beh eran brune e fucose,ma nun troppe socievul

Michele: e le Elleniche

Saverio: Le Elleniche?

Michele: ma si le femmine greche

Saverio: Le elleniche? Ah si niente e speciale eran bellelle ma nu poche scuntrose

Pasquale ’ : e dimme, dimme, in Egitto comm’ erano e Piramide

Saverio :E Piramide? So  cierte figlie e bona mamma!

Michele: ahhahha Savè,ma tu che canchere e viste,va va, ma che vaie a fa’ po munne

si po’ nun capisci niente.

Mimì’:  e po’ chiamme gnurante a me! Je almene agge fatt’ ‘a primma elementare   

(Si allontana verso casa)

Saverio:  oh avite viste? Eccole là le nostre ammiratrici

Pasquale: eh , chelle se penzene che e’ jamme a fermà, ma nuie e facimme murì  ma nun ce jamme!

Saverio: si hanna suffrì ! ci devono solo vedere e non toccare!

Michele: je a vuie duie nun ve capisco ! Ma si nun e jate a fermà comme facite a penzà che penzene a vuie?

Pasquale: e che avimme fa a fine toia? Ca pe’ te dichiarà a Chiarastella, te staie scimunenne? Te ne fa e dispiette e nun te penze!

Saverio: eh no! nuie e facimme murì, e guardamme  ma nun ce jamme!

Michele: facite comme ve pare ma a me me pare na strunzata! je cu Chiarastella ce parle e comme! (vede  Mimì andargli  incontro e sorride)  siete gia pronti al combattimento?

Mimì’.(ironico) si è svegliato presto il cavaliere!

Michele .che posso fare, se sono nato signore? c’è chi è nato per fare il pezzente

(allusivo) e chi per fare il padrone!

Pasquale. Fai meno o spiritus ‘ e capite! Penza a truvarte tu na fatica,

je si voglie ‘a tenghe già! E mo’ fammenne trasere a part’è e into, sinnò è mala jurnata

Michele .e non t’arrabbia’, perché io ti voglio bbene,  Pasquà! Michele vuole bene a

tutti quanti  (si avvicinano Lucia, Caterina, e Chiarastella) e  ad una persona in

particolare; ma che devo fare se nessuno mi pensa! Ah ecco qua le tre grazie!

Caterina.Michè ma tu tiene sempe  a stessa capa!

Michele. e sempe o stess’ core n’ammurate Catarì e tu saie e chi!, l’ammore mio

se fa sempe cchiù bello!

Chiarastella. e tu sempe  cchiù scemo!

Lucia.tieniti questo, Michè!

Michele .chi disprezza vuol comprare ,cara Lucia ed io costo!

LUCIA. ma se Chiarastella ha detto che non ti vuole! È vero?

Chiarastella.ma quello è scemo lascialo stare!

Caterina .lasciala stare Michè, Chiarastella è una brava figliola

Michele. ed io perciò la voglio bene, e me la voglio sposare! ( Michele canta lo rialo)

Filomena. ( esce sull’uscio di casa con Giuseppina )mo’ te lo do je ‘o rialo! Michè

io te scasse a capa! Mia figlia te la devi togliere dalla testa!

Michele. donna Filomè,ma io che vi ho fatto, perché non volete darmi vostra

figlia?Sono un buon ragazzo, le voglio bene…

Filomena .ma si sfaticate,e si nun te mitte a ffaticà rimmane signorino! Chiarastè

je mavvie nun fa tarde e lassa perdere a stu sfaticate ( rientra)

Michele. si , ma sono onesto( guardando Mimì sull’uscio) io muoio di fame, ma

 il pane degli altri non lo mangio ed una mamma dovrebbe prima informarsi

sull’onestà e poi sull’attività di un giovane.

Giuseppina .eh sì! così si campa sul  dd’amore! Ccà nce vonn’è fasule p’ jegnere ‘ a

 panza,

Michele.statte zitte tu! ca tiene e coscie storte ,  anzi sapite ca ve dico parlate

accussì pecchè site invidiose!

Chiarastella   ha parlat ‘o principe azzurro!

Giuseppina  miettete a ffaticà e ferniscel’ ‘ e fa’  ‘o farfallone piuttosto!

Giovanni. (va vicino casa prende  delle cassetta in cui va sistemando la verdura)

ched’è Michè ancora non ti vuole? Eh quella tiene altri pensieri in testa!

Michele. tu fatti gli affari tuoi se nnò te levo o permesso e te metter ‘ nnanza a

casa mia a vennere e vruoccole

Giovanni. ho capite stammatine te si scetate scuiete ( sistema la cassetta)

Giuseppina. (ironicamente) il principe ha dormito con la testa sotto il cuscino!

MICHELE.  tu state zitte ca tiene e coscie storte!

Giovanni. Michè, che vuò fa’ chella nun te vede propeto

Michele.no sei tu ca si cecate! Io mo comme faccie a trasere,te si mise n’ata vota

 nnanza a porta mia cu sti cascettelle  e puparuole

Giovanni.  e tu fai il giro comm’ ‘o  solito

Michele. ma tu viri che gguaie se passe cu stu cristiano haie raggione ca me si

parente e ca’ muglieret’ è incinta ed è pure mia cugina

Lucia.  va buò avimme capite , statte bona Chiarastè ,jammuncenne  chiste

 tenene a’’ capa fresca buona giornata a tutti                  

Giuseppina. tranne che a uno ( alludendo a Michele e vanno via)

Michele: Chiarastè ma pecchè nun te decide na’ bova vota a dirm’ ‘e si! Pe te me  

 votte rint’ ‘ o ffuoche si occorre basta ca me dice e si!

Chiarastella: nun’  è facile comme cride! Papà è contrario e mammà pe’ nun darle

dispiacere nun me aiute, e je soffro e pene e l’inferne.

 Michele :Chiarastè  tu pe’ mme si tutte, mi staie rint’ ‘o core!.. rint’ ‘o sanghe! si

comme a nu police!e capite ca te voglie bbene? eh (canta  a canzone e Chiarastella)

 Chiarastella: je sarria pure nu police ma tu si na zecca! Hei capite che mi devi lasciare

 stare

Michele. ricordati che chi tropp’ ‘a tira  ‘a spezza! ( Michele si avvicina nuovamente

) io mo vengo a parlà cu patete si chiste è o’ problema!

Chiarastella. Seh, chill’ sule chest’ vo’ senter’!

Michele. ( adirandosi) ma chi ‘a ditt’ che so’ nu poco sfaticato? Pecche tuo

padre s’ ‘e  mis’  ‘ncap’  sta cosa?

Chiarastella. No ti sbagli!  Papà non ha mai detto che sei un po’ sfaticato.

 Ha detto ( con convinzione) ca si troppe sfaticate! Te lo chiedo per piacere, lasciami

stare, oggi, poi è una brutta giornata ( con commozione) papà stà troppe male e  se ti ci

metti pure tu, finisci di distruggermi.

Michele. ma tu dimme ca me vuo bbene e nun staie a penzà a chill’ cape e bombe

E Paulucce o’ fattore ca’ sule pecchè tène e’ sorde te gire ntuorne

Chiarastella. e a che serve? ..tu po’ fai o’ gradass’ , invece,si proprio sceme.. e

quante o capisce ca pure je te voglie bbene ((  canta  “connole d’ammore” )

Michele : ma allore me vuoi bene overamente

Chiarastella : Ma sì, ma sì, te voglio bene, tu sì ‘o core mio, e primme ‘’e me

spusà a chillo turzo ‘e carcioffole, me jetto rinto ‘o puzzo.

Michele: Ah! stella mia, tu cu sti parole me faje turnà a nascere, dimane vengo a parlà cu pateto  e sempe sadda convincere

Chiarastella : no  Michè falle pe me mo’ nun è mumente ( si sente la voce di

Filomena che chiama  Chiarastella  che va via )

Michele :  Chiarastella mi vuole bene ( questo lo dice  anche a Giovanni che sta

arrivanndo) hai capito, mi vuole bene!

Giovanni: e tu nun e capite ca’ Carminucce  nun vo’ ca’  ggire ntuorne a figlia?

Michele:   si ma primma o poi pur’isse  sadda arrennere

Giovanni Non illuderti, anze to voglio proprio dicere na cosa , agge sentite ca

  Paulucce ‘o fattore  ogge stesse tene ntenzione e chiedere a man’  ‘e Chiarastella a

 Carminucce, me la ditte chillu fesse e Turille

Michele: Tu che dice! No, nun po’ essere, nun l’accetterà mai! Chiarastella  vo

bbene a me! E po nun se mettesse maie cu une ca le po’ essere pate!

Giovanni: chella  fa comm ‘ ci dice a mamma! fa  comm’ ‘o tiempe e marze mo

t’allisce e po’ te lassa.  Siente a me si è accussì rassegnati!

Michele. mai!

Giovanni. Ah e comme pienze e vincere a cuncurrenza, Paulucce o’ fattore, tene

sorde e proprietà, e cu’ sti chiare e lune è provvidenza pa’ famiglia e pe’ Chiarastella,

tu ca tiene? Niente Michè, tu nun tiene niente da offrire e chi nun tene sorde nun cante

messe! ( canta “ La rosa”)

Michele.  ( mostrando il petto) je tengh’ chist’ , e quane duie si vonne, nisciune ce

po’! e mo’ vedimme ( arriva Paolucce)

Paulucce ( a Michele)  Ah guarde chi se vede , buongiorno ‘ a signurie,state e

sentinelle?

Michele: e vuie comme va a chesti parte, nun tenite niente ‘a fa’  ogge?

Paulucce: guagliò nun fa o ‘ mpertinente cu me ca’ nun t’ ‘o può permettere!

Michele: ah si e pecchè?

Paulucce: si nu povere illuse, nun tiene fatiche, nun tiene sorde e vulisse cumpetere

 cu mme? Agge ntise ca faie a corte a Chiarastella ma…rassegnate,chelle nun fa pe te!

Anze si o vuoi nu cunsiglie scuordatelle,pecchè..interessa a me!

Michele: e tu pienze ca puoi ottenè qualsiasi cosa  sule pecchè tiene…e sorde ?

l’ammore nun s’accatta Paolu?

Paulucce: s’ ‘accatte, s’ ‘accatte e po’ te ne accuorge, e sorde song’ ‘ e merecine e

tutte  cose!

Michele: e allore pienze a curarte  ‘ a cape  pecchè cu Chiarastella ta’ rumpe!

Paulucce: ah ahh ce vedimme Michè, statte buone e…pienze a truvarte na

fatiche chiuttoste ah ah  aha  ( va via)

Giovanni: e viste? ca te riceve? Statte accuorte Michè, chille è capace pure e te fa  

male

Michele: nun te preoccupà sacce je ch’ ‘aggia fa, ce vedimm’ fra poche.( Michele

entra in casa mentre  torna Assuntina  che fa affacciare   Filomena e  Chiarastella)

Pasquale . (si siede vicino al tavolo da ciabattino e fa finta di lavorare)

Assuntina.Chiarastè, ma tu perché sei cosi ostinata con Michele? È un bel

ragazzo,simpatico, stà bene in salute….

Filomena. e scarze a’ dinare ..e sfaticat’ comm’è, saie che affare fa’ sta figlia mia!

Assuntina. certo è un poco sfaticato, ma sicuramente co’ tiempo

Filomena. chille è nu fracitone !

Chiarastella   .(risentita e fingendo di rivolgersi ad Assuntina) se è per questo, per

mammà non c’è uno che vada bene! chille è sicche, chill’ate è chiatte, uno è troppo

vizziuse e n’ate è sfaticate! ( va verso la fontana e poi subito torna)

Filomena. fatte sentere ‘a patete e vide chell’ ca’ succede ( rivolgendosi ad

 Assuntina) ora ci si è messa pure ‘a malattia. Chill’ ‘ a ditt’ ca si mor’isse ’e  in casa

nostra entra Michele avimm’ fernut’ ‘ e mangnà,! C’aggia  fa’ se Carminuccio s’è

convinto ca nun fa p’à figlia!  me rispiace pecchè sacce che Chiarastella o’ vo’ bbene

e a vulesse vede’ felice a  sta figlia mia !

Assuntina. ma pecchè dice c’addà murì sta proprio accussì male?

Filomena. veramente troppe bbuone nun sta, ma s’ ‘e convinte che a morte è vicin’

da quando ci’ ‘a ritt’ Totonno tre palle, pecchè dice c’ ‘o  frat’ accussì murette:

prime se gonfiave assaie assaie e po’ murette! Figlia mia chesta è ‘a verità. Tu te vuo’

mettere con quello sfaticato  , intanto  in casa un uomo ce vo’, ed io non so come

fare!

Assuntina. nun t’ avvilì , intanto Carminucce  nun è muort’ ancora,  vedrai ‘e ccose  

S’aggiusteno! ( a  Chiarastella ) ma tu ‘o vuo’ proprita bene a Michele?

Chiarastella. certo c’ ‘o  voglio bene!

Assuntina. ma allora avite già combinate!

Chiarastella.quando mai! Io ‘o voglio bene !   E nun’ossacc’ comme maggià

cumpurtà. A papà  ‘o voglio nu sacco ‘e bbene e nun facesse maie n’a cosa ca’ putesse 

dispiacergli!

Assuntina.  Filumè,Chiarastella è na bona figliola e certi  ccose l’adda sapè,

Carminucce nun  va’  ritte  d’ ‘ ammasciate  c’ ’avimme fatt’?

 Giovanni. (avvicinandosi) scusate me facite lavà nu poch’ ‘e  mmane

Assuntina. nuie avimme finite accomodatevi!

Giovanni. ( fa finta di lavarsi le mani e di allontanarsi e intanto ascolta )

Filomena.  Nun cia’ ritte ancore niente  E  che s’ tratta?

Assuntina: Paolucce o Fattore  ve vo’ chiedere  ‘ a mano ‘e Chiarastella!

Chiarastella: no, nun ‘o voglie, ricitancelle ca nun perdess’ ‘o   tiempe

Filomena: tu statte zitte e trasitenne ‘a rinte , cheste so cose che l’adda decidere

 patete!

Assuntina.(ferma sull’uscio della  porta) Arrivederci Filomè , arrivederci nennè

 Filomena. statte bbon’ Assuntì e chella bella maronna ‘o facesse sta buone.(rientra

insieme alla figlia intanto dal fondo compare Michele che va incontro ad Assuntina

mentre la gente è indaffarata a fare spesa)

Michele . Chiarastella  stà ancora là?

Assuntina      No! E po’ chiste  nun è o mumento pe ce parlà( con fare preoccupato) o

pate nun stà buone, anze sta chhiù allà che accà

Michele. Io ci volevo parlare ( rammaricato) m’ha ditte ca’ me vo’ bene e io

volevo parlà cu’ i genitore.

Assuntina. Mo nun è cosa e parlà ne’ cu Chiarastella  ne’ cu’ i genitori( imbarazzata)

io..io credo ca è meglio ca tu t’a lieve da’ capa sta’ storia !

Michele. ( preoccupato)  Assuntì tu pare ca saie quacche cosa  e nun ma vuo’ dì, ti

prego dimmi a verità che sta succerenne!

Assuntina.  A verità?

Michele . A sacrosanta verità!

Assuntina.  Proprio mo’ ‘o padre ha chiammato Chiarastella e l’ ha retto: Piccerè, io

  ‘o ssaccio che nun  camp’  ‘assai, perciò ti devo dire una cosa importante. Chillu

sfaticate e Michele  ca’ ti corteggia, lascialo sta’ a dinta a finestra agge viste ca te

parlave, chillo nun fa’ pe’tte! E si nun me vuo’ fa murì dannate ma prumettere che   

nun t’ o spusi. Ricordati ca nu pate dà sempe buoni cunsiglie specie quante stà pe’

 mmurì! Chill’ è sfaticato e nun te fa’ convincere  o’ tenghe ‘j    o partite ca’ fa’ pe’  tte!

Michele. Essa  ch’ ha risposto?

Assuntina. E che aveva da’  risponnere chella povera guagliona! “papà non ti

preoccupare io faccio quello che dici tu!”

Michele. che ‘nfame! Poco fa ha ritt’ c’ ‘a me voleva bene ( ai due si avvicina

Turillo,il marito di Assuntina) accussi se tratta ‘a  ggente, nun ha tenute manc’ ‘ o

curagge e o rispette dei proprie sentimenti, statte  bbone e grazie Assuntì (via)

Turillo. (Rivolto ad Assuntina) te vuò arritirà o no? Tu sule pecchè nun tiene figlie

pienze e sta fore  na jurnata sana?

Assuntina      (Risoluta) si nun tenche figlie a colpa è a toia e po’ sono stata da

Filomena, ‘o marito nun stà bbuone

Turillo.  E dalle! Pur’ io non mi sento bene ! vienitenne!( con diffidenza) tu nun ce

stive ed io agge fatte a solita operazione( allusivo) ca saie tu! Mi sono distratto e nun

agge viste due ca’ trasevene e che hanne assistito a tutta l’operazione!

Assuntina:Tu nun si buone a niente! Basta ca manco nu poco e me cumbine guaie!

Michele: (Interrompendo) Assuntì, Ma Chiarastella  ha proprio detto” io faccio

quello che dici tu!”?

Turillo .Michè ma tu parle sempe da stessa cosa?

Michele . (indifferente) che ‘nfame , che ‘nfame ( si avvia con malinconia verso il

lavatoio)

Assuntina . ched’è sta storia ca t’hanne viste doie persone?

Turillo. Io agge vista ca’ tardave e me so’ mis’ ‘ a sulo a travasà o vino e……

Assuntina.  (interrompendo) sicuramente haie esagerato! Tu nun si buone a fa niente!

t’agge ditte mille vot’ ca’ ce’ ‘a mettere sule trenta litre ‘e  acqua, miezo litro per ogni

litro! Ma quanta vote t’aggia ripetere , se no questi se ne accorgono ca o vino è nu poco

leggero! e…

Turillo.( interrompendo ) Il fatto è che mi hanno visto Pasquale e Mimì,mentre facevo

o nciarme! ( agge dovute rialà pure a loro o vino pe fa sta zitte! Chille tenene a lenca

longa e, si parlane aggia sule chiudere a puteca! Mi hanno costretto a prummetere ca

ogni juorne l’agge regala miezo litro e vino e chello buone, pe se sta zitte!

Assuntina. Ma quante maie ne faie una bona! Tu ca nun si state capace manche e me

dà nu figlie! Putive maie fa na cosa bona? Jamme dinte ca fernimme e fa e cunte

jamme!

Turillo. Ma Mimi e Pasquale mo’ se stanne zitte!

Assuntina ( rassicurandolo con molta ironia) Non parlano, non ti preoccupare basta

ca le daie o vino a gratis chille nun parleranno maie! E per forza! Chille accussi

campane (adirata) ca te pozzen’ ‘accidere!

Turillo. E che m’  ‘mporta do’ vino; je nce  mette nu litro e cchiù e acqua e  recupero o

vine perdute!

Assuntina . ( con ironia) accussi o’ vino è meglio ca o’ pigliane direttamente da’

funtan’ e rimpette! Ah.. tu…tu ca manche nu figlie m’è sapute ….

Turillo.( interrompendo) Ma tu che vuò ‘a mè e po’ che c’entra ‘o figlie co’ vino e cu

 l’acqua!

Assuntina.     La verità  è che a furia e mettere acqua tu….( sempre piu adirata)

 cammina. Cammì

Turillo .Ah..sfurtunate è chi se’nzore..na notte è cuntente e mille jurnate e

turmiente!Ma guarda un’ c’addà passa quante gia ha avute na disgrazie comme a mia!

Assuntina .No la disgraziata songh’io ca nun t’accide, tu..tu che manco…

Turillo. (dice con Assuntina) Manco nu figlie si state capace e me dà ( guarda con

circospezione) o vulimme  fa senti a tutte quante? o vulimme  alluccà pure a copp’ ‘o

 balcone?

Assuntina .(interrompendo) si nun te sbrighe a trasì  a parte e rint’ ‘o scrive pure coppe

 e mure! Cammina, e cammina!( entrano dentro)

Chiarastella. ( esce con un recipiente e va verso la fontana vede Michele e fa per

tornare indietro)

Michele  ( gli si avvicina) Chiarastè ti prego ,sul’ ‘na parola! è overo che   Paolucce o

fattore te vo’ spusà? Dimm’ ‘ a verità!

Chiarastella . ( non risponde, si gira da una parte ) Michè ,scuordete e me ,è meglie pe  

tutt’ ‘e duie

Michele . Ma che dice , ma comme fine a nu minute fa me fatte crerer ca me vulive

bene , e  mo?

Chiarastella. Pateme nun sta buone Michè e… tenghe ate a penzà, statte buone, ( si gira

e va via di corsa)

Michele.(si siede per terra… si mette le  mani in faccia, comincia  la musica di “Tu

nun me vuò chiu bene”alla fine della canzone si chiude il sipario

Fine primo atto

Secondo atto

Le luci che illuminano la piazza sono molto fioche tanto che , fanno appena intravedere Filomena , che stà ultimando il suo bucato,mentre un canto si leva per l’aria ( JESCE SOLE). Si aprono man mano le porte delle abitazioni.Appena finisce la canzone:

Mimì.( Come per non farsi sentire dai vicini di casa) Pascà, Pascà( vede Filomena) Buongiorno donna Filomè, anche oggi mattiniera eh!!  come se sente Carminucce?

FILOMENA.  Buongiorno Mimi, e comme s’adda sentì  o’ ssolite ,sta malatia ‘o sta a

distruggere, stammatina nun ha tenute a forze manche e caccià o bancarielle a parte e

fore!

MIMI’:  curagge donna Filumè,  sempe se va’  ‘nnanze, un’ ‘adda tirà a carretta

FILOMENA .    e che vuò fa, chesta è ‘a vita, ‘a casa.’a famiglia, ‘a campana( ironica) 

questo è lo svago di prima mattina, ca’ si nun se fatica nun se va nnanze

MIMI. Voi si che site na’ faticatrice, tanta gent’ a chest’ora  purtroppo dorme

ancora!( da un colpo alla porta di Pasquale) ( Rivolto a Filomena ma riferendosi a

Pasquale ) comm’ ‘a  certe persone che nun conoscono i doveri ‘e primma mmatina!

PASQUALE. (esce)  Chi dorme ‘e matina nun mangia quann’ è sera! Mimì o ccafè è

sagliuto!, e io so’ pronto!

MIMI .Fa’ priest miettele rint’ ‘ a tazza,   ( si sporge  verso il vico) sta venenne

trasetenne ,ovviloco ovvì( Pasquale e Mimi rientrano subito in casa, mentre dal

vico appare Saverio con in testa la cesta del pane si guarda  in giro e arrivato vicino

alla casa di Pasquale chiama)

SAVERIO.     Pascà, Pascà( vede Filomena) ‘onna Filomè  (esce Pasquale)

buongiorno Pascà!!!!

PASQUALE. ( porta nella mano destra  una tazza di caffè e nella mano sinistra un

bicchiere con lo zucchero e un cucchiaino) Buon giorno o ccafè è pronto, stammatina

è venuto proprio buone.

SAVERIO.io ‘o ddico sempe,che si n’ amico ,grazie

PASQUALE. (nel porgere la tazzina si muove a soggetto e fa in modo di costringere 

Saverio con le spalle rivolte alla porta di Mimì) attenzione ,mo’ care !

SAVERIO. accuorte,mo me fai cadè o ppane

FILOMENA.  ( con ironia) eh se l’hann’ mparata bona a canzone !

 PASQUALE ma se  non lo tocco neppure!( rivolto a Saverio) Perché io non ti tocco

proprio, hai visto bene io tengh’è mmane sempre occupate! È venute forte? ( alzando

la voce per farsi sentire da Mimi cercando di non farsene accorgere da

Saverio) l’avete finito?; s’è sta’ pe fernì?, s’è quase fernute? S’è fernute?

SAVERIO-Pascà ma fusse scemo? Allucch’è st’à manera, io non so’ surd! Ce

ne sta ancora nnat’ò poco ( in qusto momento , esce Mimì ed in modo lesto ruba dal

paniere un pezzo di pane)

PASQUALE-(come liberato da una preoccupazione) finalmente!

SAVERIO-ma te siente buone?

PASQUALE- pecchè

SAVERIO      io nun sacce comme te veco, me pare nu  nzallanute!

PASQUALE-forse hai ragione ma sai è questione c’apprimme matina uno s’addà fa o

segno da croce s’addà subbeto industrià pe guadagna a jurnata. E non sempre le cose

vanno lisce lisce.Certe volte è questione di poco; passa l’attimo fuggente e staie diune

na jurnate intera: Mai perdere l’attimo

FILOMENA- ( gustando la scena) voglia maie  ‘o Signore eh !

SAVERIO-( si guarda circospetto in giro , a Pasquale) t’allamiente tu! e io c’aggià

dicere,n’atu poco esco pazzo!

PASQUALE  -ch’ è succiess?

SAVERIO-(come per chiedere comprensione) sono mesi che ormai si ripete la

storia,esco da’ ‘o furn’ co’ cinquanta chili e pane e arrivo ‘a ‘o negozio con

quarantotto chili!

PASQUALE-       e questa è tutta la preoccupazione?

SAVERIO -tu pazzie ! queste sono cose dell’altro mondo,non riesco a trovare una

spiegazione.t’ ‘aggia  confessa’ c’agge dubitato pur’ ‘e te, pecché chesta è l’unica

fermata che facci’ l’’a matina primma d’ arriva’ ‘o negozio. Ma po’ me song’

arricordato ca tu mm’è purtato sempe ‘o ccafè, tenendo le mani occupate dalla tazzina

e dal bicchiere c’o zucchero e cucchiaino!

PASQUALE- meno male che hai visto bene!

FILOMENA - Savè  chesta s’adda dicere , vuie tenite na vista e aucielle!

SAVERIO-  Si,ma io mi chiedo come scompare ‘o ppane! Chi me fott’o o ppane

a mè? Io sto attiento o peso, e niente! Peso con due bilance e…….

PASQUALE- ( interrompendo)    questo è il ringranziamento! Un’ è gentile e tu…..

SAVERIO-non mortificarmi, in fondo t’agge chiesto scusa,  dicennet ‘o

Fatto……e pensa’ ca Gesù fece la moltiplicazione dei pani e je… faccio a sottrazione.

PASQUALE  -songh’ ‘e bilancie, una de’ ddoje sarrà  rotta!: chella do’

furno và sicuramente due chili annanzi. Tu fatiche e  notte, si stanco e non t’accuorge 

c’ ‘a bilancia va male.

SAVERIO-l’agge  cuntrollate tutt’ ‘e doie  chelle  do  furne e chelle do negozio,

sono pri- ci- se. Poi  tutt’al più v’ annanzi chella d’ ‘o negozzio. Sai  comm’è, si

nunt’arrange  nu pocuriello  non c’ esci manch’ cu’ ‘e spese. chella d’ ‘o furno, no

quella è precisa, chella pesa pure l’aria che respiri.

PASQUALE  -e allora!

SAVERIO-e allora sto ascenne pazz’!mo’ per esempio io mi sento già piu leggero

  ,anze pare che m’ hanno arrubbato  già, sento comme si ‘a cesta pesass’ e meno

PASQUALE  - è  n’imp-pienze ed hai l’impressione, l’mpressione è la spiegazione di

tutto,

uno si suggestiona e pesa cose sbagliate . Arreposate nu poco, tu fatiche assaie

FILOMENA:  ma fosse ‘o cafè ca ve  fa st’effetto? Pruvate cocche matine a nun vo

piglià? Arrepusateve !

SAVERIO-Forse hai ragione tu, ma sai qui se non si lavora non si mangia!

PASQUALE  -( facendo segno a Filomena )si mangia , si mangia! Non si sa come ma

si mangia!

SAVERIO -si mangia e o vero?… io penso che tu tieni ragione! Per

esempio(sottovoce)Mimì che abita ncopp’a  te io non so come fa a campa’, chill’  

cu nu braccio sul’  … chi so piglia a faticà  , ebbene quello campa felice e campa

 bbuono.Ma comme fa!!!!!

FILOMENA- la provvidenza, quella vede e provvede; io so di persone che gli portano da mangiare fino a casa!

SAVERIO-overamente? Però me fa pena, ma c’aggia fa’ ( in modo

confidenziale) mi chiese o ppane a debito! Io ciò putevo mai dà?

PASQUALE- e no  se capisce!

SAVERIO-e quante me paga chille a mè !!!!

FILOMENA- evidentemente ha trovato ‘a soluzione .beh fammene trasì va ( esce)

SAVERIO-quacche cosa ‘a sacc pur’ io, pare che sia quella Giuseppina ca s’àntenne

cu isso, ‘o manten’ e quello mangia. Chillo po tene un’ vraccio sa …… ma chella add’

‘o l’ ha visto?

PASQUALE: per certe cose un solo braccio è sufficiente

SAVERIO:     (ride) però a te presterei qualsiasi cosa Pascà  tranne a mugliereme se

capisce

PASQUALE: e allora mi dovresti fare due favori, me li fai?

SAVERIO:     Pascà a uno comme a te, accussi gentile , comme no? Dimmi….     A    

  disposizione

PASQUALE:       primo: mi dovresti prestare 100 lire, secondo: nun avisse dicere niente  

a nisciune!

SAVERIO:     Pascà… io te posso fa sule o sicondo!

PASQUALE: veramente avive ritt’…

SAVERIO:     è che non posso  se potevo, ti avrei regalato il pane, sai le spese…

PASQUALE: il pane? no,grazie non accetterei mai!                               

SAVERIO:     bravo,bravo così si fa, ci vuole dignità! mbe! Tu ric’ ch’ è impressione

o fatto d’ò ppane ca me manca?

PASQUALE: E’ impressione  Savè, ci vediamo domani…...è tutta impressione

SAVERIO:     domani alla stessa ora!Stateve bbuon’ ! questa è la vita

(con rammarico) casa e forno;forno e casa.

PASQUALE:       sarò puntuale con il caffè, vedi ormai sono mesi che ti offro il caffè e.

per me tu se come di buono augurio per la giornata. Se non ti vedo,pare ca me

manca quacche cosa..pe’  tutt’  ‘a jurnata.

SAVERIO:     statte buone Pascà,( mentre esce di scena) eppure io mi sento più

leggero!

MIMI’:  se ne jute? E jamme a berci nu bicchiere e vine gratis addo Turille ( entra

Michele) Ohe Michè e arrangiate quacche cosa stammatina?

MICHELE:  ma che facimme mò ? ‘o bue chiamma cornute all’asine? Vuie nun sapite

manco addò stà e casa a fatica e l’onestà.

PASQUALE:  e ca te sbaglie , nuie o sapimme ma ce ne futtimme pecche si no llate ce

fottene a nuie! (Si avvicinano alla cantina di Turillo) Ohe Turì Jesce ca tenimme sete

TURILLO:   ( Esce con il boccale del vino e i bicchieri)  , ecco qua e nun alluccate, je

vaco a parte e dinte tenco a fa n’operazione delicata, anze si nun vi dispiace mo chiudo

pure a porte!

MIMI’:( allusivo) fai ,fai con comodo, però prim’ e l’operazione  portace n’atu

poco e vino!

TURILLO:   Sì  ma poi lo pagate ( allusivo) perché quello che state bevendo l’agge

messo già  ncopp’ ‘o cunte, perciò per oggi stamme a posto! ( entra)

PASQUALE : E tu parle e lavoro e onestà! Quello( indicando Turillo) è andato a fare il

contrario del miracolo che fece Gesù alle nozze di Cana;e tu parli! Chille fra poco ce

porta mieze litro e vino e mieze e acqua e nuie pavammo pe nu litro e vino!

MIMI’:Ma o vuie capì che cà è tutta na catena e  disonestà e  c’iavimma  

difendere co’ tutte ‘e forze!( si guarda attorno) ‘o panettiere tene a bilancia do negozio

che v’annanze, ‘o cantiniere che ‘o sape  si sente in diritto e se difender’ e accussì mette

l’acqua rinto o vino! ‘o chianchiere venne e’ sasicce fatte metà cu a carne bone  e

metà… ( con costernazione) l’ata metà o sape sule DDio ca ce mette e cheste pecchè?

Pecchè ognune e lloro sape ca l’at’ ‘mbrogliea e accussì addeventa tutta na catena

MICHELE:  Ah sì! e in questa catena vuie che facite?

PASQUALE : Futtimme ‘o panettiere,  ‘o cantiniere,‘o chianchiere, e pure a Giuanne

MICHELE   Ma accussi’ facenne ce sarrà  sempe quacchedune ca paga! E chi paga?

MIMI:’I fessi Michè! quelli pagano per tutti!

MICHELE:  Gli onesti vuoi dire! Non i fessi: quelli che hanno deciso di vivere

onestamente, perche hanno capito perfettamente che alla fin fine noi corriamo

inutilmente per una vita intera!

MIMI’:  Si ma mentre corriamo, io me pozze fermà per dissetarmi, tu no! tu e continuà

a correre!

MICHELE:  E’ qui ca te sbaglie ,vedi: l’onesto non corre, l’onesto ha capito che il

segreto per vivere bene qui e anche  lì ( indicando il cielo) consiste nel sapersi

accontentare con serenità di quello che si ottiene con il proprio onesto lavoro

PASQUALE: Si rassegna vuo’ dicere!

MICHELE:  No! questo è l’errore! E‘ felice di quello che ha!non è rassegnato, Ed è

felice, perché crede in valori fondamentali per la sua esistenza presente e futura: Ma

d’altra parte vedi, non occorre scomodare i valori fondamentali! Basterebbe usare

l’intelligenza;

MICHELE :  Se tutti imbrogliano, perché sono convinti che tutti siano ladri, basterebbe

convincersi del contrario, per stare meglio.Cosi ‘o cantiniere se magnasse a carna

bbona,’o panettiere se bevesse o vine buone,e l’ati negoziante non tenessere nisciune

motive e mbruglià a gente!La verità è che spesso noi attribuiamo agli altri cose, che gli

altri! Non si sognano neppure.

MIMI’: Guagliò tu si troppe oneste e a chistu munne te reste sule a fatica pe je

annanze!

MICHELE :  Eppure io passo pe nu sfaticate: Addirittura mi viene negato l’amore,  che

pure ho sempre desiderato più di ogni altra cosa al mondo; chesta è ‘a vita!

MIMI:pecchè dici ..ho desiderato!

PASQUAL: E mo nun ‘o desidere cchiù (guarda Mimi) vuoie avvedè ca doppe tutte sti

belle parole..vo trasi in società cu nuie?

MICHELE   No! grazie è che finalmente ho trovato lavoro, me lo ha offerto Totonno tre

palle. Il figlio si è sposato e se ne è andato  ad abitare al paese della moglie, ricca assaie,

accussì Tatonno ca è vecchie nun riesce chhiù a manna nnanze l’azienda e mi ha offerto

la mezzadria che ho accettato con piacere. (escono Assuntina e Turillo con il vino ed

ascoltano)

  MIMI :  bravo e accussi finalmente e truvate a fatica

TURILLO: Brindiamo al lavoro di Michele con l’augurio ca truvasse pure n’ammore

nuove pe ‘na  vita chiù facile e bella!’

PASQUALE : si brindiamo cantiamo alla salute di Michele ( Turillo canta

Tarantelluccia ,finita la canzone, entra Giuseppina)

GIUSEPPINA:   Ma comme  ca gente che ancore dorme   vuie ve mettite a a brindà!

MIMI: e va buone, Michele ‘a truvate o lavoro e nuie brindammo

PASQUALE :Ah si e pe vuie duie quante brindammo?

MIMI: fatte e fatte tuoie! Piuttosto e purtate a pasta?(Turillo ed Assuntina rientrano)

GIUSEPPINA: L’agge lassate a casa toia! sta coppa a tavola; ce sta pure chelle e

Pascale

PASQUALE :Ovvì Michè!chiste è‘o fatte da catena! Giuseppina fatica o pastificio‘o

padrone do pastificio arrobba e cliente,Giuseppina arrobba o padrone e a catena

continua

GIUSEPPINA:  Né ma e quale catena parlate!

MIMI: (ironico) d’ ‘a catena e S.Antonio.. ma è na cosa ca tu nun può capì

GIUSEPPINA:  Eh no! io capisco; Si tu  ca nun capisce, tu e chistate ( verso Pasquale)

nullafacente. Ma comme io per non offendervi facce finta ca m’arrobba a pasta pecchè

pense ca se dicesse che accatte vuie vi offendereste e voui non sule ce credite ma lo

andate anche a dirlo in giro pe ve vantà! ( rivolta a Mimì con fare minaccioso) Mimì je

a pasta accatte! Accatte! E nun ve l’agge mai ditte pe nun farve vergognà, per non

offendervi  e tutte cheste saie o pecchè!

MIMI.no!

GIUSEPPINA. pecchè te voglio bbene! Ogni matina o padrone se trattene   e sorde da

pasta a coppa a paga…e tu… tu! Vaie dicenne  in giro c’ arrobba . Ma è maie possibile

ca nun riesce maie a capì quanto une te vo bbene? A catena. A catena…io na catena t’à

strignarria nganna brutto mascalzone! ( si allontana piangendo)

MICHELE.  Mimì quella Giuseppina nun è fessa ma onesta! Vide ca e persone oneste

te stanne attuorne e tu manche te ne accorge!T’è l’ho detto, l’errore consiste

nell’attribbuire agli altri quello che spesso noi siamo: E’ una giustifica che serve, ma,

chiaramente lascia il tempo che trova: ti serve solo per dormire la notte.ma è una falsa

giustifica! 

GIOVANNI: (avvicinandosi a Michele) Michè, aspiette ,taggia parlà  no anze! Taggià

dà  na brutta notizia Michè, ieri sera Paulucce o fattore è

jute  casa e Carminucce p’ ‘ o matrimonie cu Chiarastella, ormaie è gia tutte cumbinate

MICHELE: nun te preoccupà , mo’ sacc’ ch’aggia fa

GIOVANNI : e che vuo’ fa’

MICHELE : ce ne jamme , ce ne fujmm

GIOVANNI: stamme a sentì, primma ‘a fatica  nun o tenive e passave pe sfaticate e Carminucce nun vuleve mo però o lavore l’ ‘e truvate, je dicesse vacce a parlà, nun se po maie sape. A mamma  nun tè accussi’ cuntrarie  e…te putesse da’ na’ mane a convincere o viecchie pa felicità da figlia e….va pruovace!

MICHELE: si hai raggione! Ce vache a parlà . quanne se vo bene o curagge nun addà mancà!

GIOVANNI: si ma va subbete ,primme ca succede l’irreparabile

MICHELE. Vac’ mo stesse! ( si avvia alla porta di carminucce, proprio quando Filomena sta uscendo)

FILOMENA:  Michè, e viste e Pascale?

MICHELE : ( preso alla sprovvista) si si, lagge viste ca jeve cu Mimì a via do’ vico

FILUMENA:  e allore famme nu favore , curre, curre addò da don Lucio e dincelle ca venesse ambresse,mariteme nun sta buone e se vo cunfessà, va va p’ammore e Dio , fa ambresse

MICHELE; vache subbeto! ( corre dietro il vicolo mentre arrivano  Assuntina e Turillo)

ASSUNTINA: Filumè che succede, avimme viste Michele e correre e …

FILOMENA: mariteme tene na crise respiratorie , sciate tutte affannate e pare ca mo more,venitre trasite dateme na mane a sistemà qualcosa, Maronna mia aiutele ,jeri sera è venute  Paulucce o fattore  e pe convincere Chiarastella a so spusà ce ne vulette ,je a capische povera figliola ma chille si nun vede a figlia sistemate more dannate, che aveva fa , trasite (entrano tutti)

MICHELE: ( arriva con Don Lucio e Giuseppina, Don Lucio entra mentre Giuseppina è trattenuta da Michele ) Giuseppì to’ chiede pe favore, je comme stanne e cose nun pozze trasì,fammelle sta carità, dicce a Chiarastella ca sto cca fore

GIUSEPPINA: je cio’ ddico ma te pare ca si o pate sta male esse s’affaccia?

MICHELE: dicce che aspette ca fore pure si se fa mezzanotte, a voglie sule vede ..pa salutà!

GIUSEPPINA:va buone..  ma tu ossaie ormaie o matrimonie già è state cumbinate !

MICHELE : No, vi giuro che stu matrimonio nun s’addà fà. Chiarastella, ha da essere mia, mia a qualunque costo!

GIUSEPPINA : Zitto pe ccarità!

MICHELE : pienze  che io faccio cose e pazze!, io revoto a casa, io accido o sposo, accido a essa, accido a , o pate e pò me mengo rint’ a ‘o puzzo!

GIUSEPPINA: Eh, che staje dicenno ,ma si mpazzit’ o veramente, chillo o pate già pare ca se sta avvianne po’ ponte e zi Paule , aspiette, sta calme, a speranze è l’urtim’  ‘a murì!

MICHELE: Che sto ricenno?, te  facce vedé chi  fatte, a me a capa nun troppo m’aiuta,  a Chiarastella a voglio troppo bene, o ma’  dann’ co bbuono, o so’ capace e qualunque cosa.

GIUSEPPINA: je mo trase, tu aspiette fore, e pe  carità nun è u mumente e fa scenata ! Aspiette!

MICHELE ( si siede su uno scanno fuori la porta mentre arrivano Pasquale e Mimi?)

PASQUALE: (  arriva insieme a Mimì e vede Michele fuori la porta seduto su uno scanno) e tu che staie a fa ca fore? Carminucce nun ta viste eh

MICHELE: trase a dinte,Carminucce nun sta buone ce sta ‘ o prevete

MIMI’: o prevete? Allore ‘o fatte è grave, Carminucce nun ha mai vulute je dinta a chiesa e  mo’ ‘ a fatte venì o prevete ccà?

PASQUALE: jamme a dinte ( entrano)

GIUSEPPINA: Michè, je lagge fatte ammasciata, a’ ditte ca si ‘o pate se rrepiglie nu poche esce sule pe n’ attime ,pe te dicere da lassà in pace!

MICHELE: e je l’aspette! Adda tenè o curagge e mo dicere nfacce!

GIUSEPPINA: Michè, tu si nu guaglione intelligente  e’ capì ca’ si Chiarastella se cumporte accussì è sule pe nun’ ‘o  fa’ murì  ‘e crepacuore

MICHELE: o pate comme sta cumbinate more ‘o stesse con o senza dispiacere

GIUSEPPINA: Michè cheste nun ‘a dicere, che puteve fa chella creatura , o pate l’ha furzate ,esse è guaglion’  ‘e ha acalate a cape , aspiette ca’ fore ,vache a vede comme va a situazione ( rientra e subito dopo si sentono grida di disperazione)

MICHELE ( fa per entrare  ma escono Giuseppina e Mimì)

GIUSEPPINA:  addo vaie , nun è cose, Carminucce è spirate! Viene jamme avvisà ’o schiattamuorte e tu Mimì faie cumpagnia a Pascale  ( si allontanano): 

PASQUALE: ( piangendo) Mimì o povere zi’ zio ( si abbracciano) Mimì Guseppina e jute avvisò po funerale?

MIMI’: si e jute mo vire comme venene, sta tranquille  ….

PASQUALE: ecco qua stanne arrivanne e schiattamuorte

MIMI’: Eh, chille so puntuale comm’ ‘ a morte! statte accuorte e tire buone ncoppe o

prezze ca  chisse so chiù mbrugliune e nuie!

1° BECCHINO:  buongiorno ,site vuie o nipote do muorte?

PASQUALE:    veramente ogge  nun è proprie nu buongiorno ma comunque vedimme e

fa stu funerale

2° BECCHINO: e nui stamme cca pe cheste, vuie dicite e nuie facimme

1° BECCHINO: modestamente facimme funerale ca parene spusalizie ,allore dicite,

comme vulimme fa sta cerimonia

MIMI’:   e comme no Pascà chiste so’ sann’ vennere o mestiere

PASQUALE: guardate chille zi’ zi’  era assia brave e si mmerita ogni cosa!si mmerita nu bellu funerale!

2° BECCHINO: e nun ve preoccupate, nuie pigliamme na carrozze cu otte cavalle, na

cascie e radica e noce  na banda e musica e 10 crillande, po le facimme fa o gire e tutto

o paese e po o purtamme o campusante

PASQUALE: e quante ce  coste tutte cheste?

1° BECCHINO: appena mille lire

MIMI’ : Azze!

PASQUALE:  e chi e tene tutti sti sorde, ma nun se putesse pavà chiù poche? Chille

Zi’ zi’  era troppe brave

MIMI? troppe! E si mmerete nu bellu funerale

2° BECCHINO: e allora facimme accussì, ce date  500 lire e nuie pigliamme na

carrozze cu quatte cavalle. Na   cascia e noce ,pure ca è senza radica che fa po na  meza

banda e musica e 5 crillande le facimme fa o gire do paese e purtamme o campusante

PASQUALE: e comme se fa comme se fa,mannagge a miseria mannagge! Povere ziì

zio mie chille ere tropp’ brav’ troppe e si mmerete………

MIMI?: nu bellu funerale

1° BECCHINO: e va buo, sentite a me, nuie cu duecento lire ve purtamme na carrozzze

cu duie cavalle , duie crillande, duie sunature na cascia e abete , le facimme fa mieze

gire po paese e po o sotterrammo va buone accussì?

PASQUALE: ahe e comme se fa. A zie mie zie mie! Chille ere troppe brave e

Si ‘mmerete tuttte ma..comme se fa. Vuie nun  putite….fa chiu poche

2° BECCHINO: sentite a me ,facimme accussì, pigliate o muorte mettitele ncoppe a nu

traine,  nu giro po paese e cio’ purtate   po’ si manche e fotografie ve nteressene nuie

quanne o sutterramme ce lassamme a capa a fore po’ vo’ fa arricurdà! Stateve buone e

ce vedimme o campusante! ( vanno via)

 

MIMI’ : ma tu vire nu poche che vampire

PASQUALE:  ogge nun se po’ manche murì ca te spogliene vive! E che avimme fa,

sorde nun cene stanne e facimme nu funerale fatte in casa jamme Mimì jamme a

vede comme avimme fa!

 

FINE SECONDO ATTO

TERZO ATTO

 Inizia con un suono di mandolino o violino molto triste

La scena è quella del secondo atto, seduti al tavolo fuori all’osteria ci sono,Mimì,Giovanni e Michele, che bevono un bicchiere di vino: la porta della casa di Chiarastella  è chiusa, dall’osteria esce Turillo.

TURILLO: V’arraccumanne nun avizate a voce,  ogge so due mesi esatti ca è muorte

Carminucce  evitate e solite discussione e a solita ammuina ( guardando ed indicando in

direzione della casa di Chiarastella) dentro ci sta Don Lucio per la confessione  e la

comunione in suffragio  simme sempe state buone   vicine e case e  Carminucce   

merita profondo rispetto

MIMI: Ma tu pe chi ce pigliate?

MICHELE:  A Carminucce  avimme sempe voluto bene

TURILLO:   (ironico) se.. ogne matina vi davate o bacio do buongiorno! (serio) diciamo

piuttosto che vi ignoravate cordialmente! (rientra)

GIOVANNI : Tu parle accussì pecchè nun t’ha vulute dà o consenso pe spusà a figlia

MICHELE: No! io parle accussì perché ve conosco bene a tutte quante. Anze saie ca te

dico? Forse io veramente o vuleve bene o pate e Chiarastella  e mi ha sempre colpito la

sua serenità nei confronti della morte, ne parlava in modo naturale come se non lo

turbasse piu di tanto

MIMI’:Era nu rassegnate!

MICHELE :   No Mimì era n’omme onesto, stava in pace con la sua coscienza. Era un

 grande lavoratore!

GIOVANNI (ironico verso Mimi’) e chille percio nun ghieve d’accordo cu te!

DON LUCIO          🙁 uscendo dalla casa di Chiarastella  si avvicina al tavolo) salute a voi, si

puo sapere il motivo di tutta chella mmuina ca stavate facenne? Ma comme io stavo

confessando la vecchierella e me pareve ca steve sentennne e peccate vuoste, nun agge

capite niente!   e me meraviglie e te Mimì eh…

MIMI’: l’importante ca l’avite date assulazione…niente Don Lucio stavamo

parlando della vita.. delle ricchezze e delle miseria della vita ; voi ci pensate.. oggi si

parla si discute comme s’addà fa pe magnà dimmane e po  va a ferni ca dimane ,dimane

nun arrive . voi v’aspettaveve ca o povero Carminucce  dinta nu ditte e nu fatto l’avite

accompagnate o ponte e Zi paolo    

DON LUCIO          : E che volete fare! Questa è la vita! Pure Carminucce  se n’è andato: Tu

nasci quando non lo sai e muori quando non te lo aspetti: Sta qui la grandezza del

Padreterno, puoi fare tutto quello che vuoi, ma queste due cose sono il tuo limite.

MIMI?  il mio limite? Me state dicenne ca’ nun capische niente? Spiegateve ca nun  

‘Agge capite

DON LUCIO: non ti spiego il perché! Ti posso solo aiutare dicendoti: Attenzione

quando dici “gli altri,perché gli altri non sei tu! E tu spesso non sei te stesso!” devi

pensare per capire! ( a tutti) ! È vero ‘o penzà stanca ma fa crescere!.. e

m’arraccumanne nun penzate maie ad alta voce! Specialmente quante sto a cunfessà

all’ate! Stateve buone e bona jurnate! ( va via )

MICHELE:  pure a vuie don Giù ( salutano anche Michele e Mimì) eppure so passate

circa due mesi (indicando la casa di Carminucce) ed io nun so ancora riuscito a sapè

comme è muorte! 

GIOVANNI: Io ho sentito dire ca na sera se nturzaie e fasule e cicoria( esce Assuntina

che porta il vino e comincia a servirlo) e cominciò ‘a nun respirà e a lamentarsi  ca 

panza; po dice  ca se sentette na botta e o truvarene ca nun respirava cchiù

MICHELE:  Comme na botta!

MIMI.’Se schiattava! na botta e se schiattava!

MICHELE:  I comme si delicate! se schiattate e che è nu pallone!

MIMI’. Assuntì tu e frequentate spesso chella casa, ma comme è succieso veramente’o

fatte!

ASSUNTINE :Non posso parlare,non devo parlare!so segreti!ca se portane dinta a

tomba. Ve posso solo dicere ca era na cosa ca nun se vedeva ma c’era, nun se tuccava,

ma se sentiva..-

MIMI’.Se..se rosa nun  è indovina che è. Ma ca staie facenne n’indovinello?

ASSUNTINE 🙁 si guarda intorno) Silenzio però eh!.. era..era nu timone

MICHELE:  Se faceva ‘o marenare!

MIMI’:Si dice timore e non timone!

MICHELE:  statte zitte tu! Semmaie Tumore

ASSUNTINA :Io sacce ca era na cosa che stava nella pancia e che se gonfiava ( scena a

soggetto)

MIMI’: ( Come per imitare Assunta)E che era addiventate na rota e sciarabballe s

gonfiava ..se gunfiava e basta!

ASSUNTINA         :Pure o frate e totonno tre palle murette accussì! Mo’ dicette a mugliere (

esce Turillo e chiama Assuntina)

TURILLO:   Assuntì vuò venì nu poco a parte e dinte, che faie?  si rimaste lloco! Pierde

sule tiempe! (arriva Pasquale)

PASQUALE: e comm’è mo ca so’ arrivate  a chiamme a dinte? Ca si geluse?

TURILLE: je nun so geluse e nisciune e che ca fore nun tene niente a fà

ASSUNTINE         :(ironica) E io non tenco figli da badare! perciò ‘o tiempe o pozze

perdere!

TURILLO: ( minaccioso) trase  a parte e rinte , si no me facce afferrà pe pazze!

ASSUNTINE : che ate guaie e combinate!

TURILLO:   nossignore.. ma mantenè a scala pecchè agge piglia l’uoglie

ASSUNTINA: Te manche sempe quacche cosa jamme, jà ( entrano nell’osteria )

PASQUALE : ironico) guarda che gentilezza povere Turille,ormaie  sta sotte a pettule

da mugliere  e penzà ca tu tiene a Giuseppina ca è tanta na bona figliola,

MIMI’: ( imbarazzato)  A verità chesta vota agge proprio deciso; m’ha spose, nun

v’agge ditte niente primma pecchè vuleve essere sicure, vedete Don Lucio m’ha ditte ca

da prossima settimana pozze fa’ ‘o sagrestano, finalmente è arrivato ‘o permesso d’ ‘o

vescovo,cosi mi metto a lavorare! Giuseppina  pure tene  nu buono lavoro e accussì a

fernisco e fa sta vita. Cu Giuseppina c’iagge parlate e avimme fissate ca o mese

prossimo ce spusamme.

PASQUALE : Scusa mimì non ti offendere ( guarda il braccio) ma pe’ campane

comme faie?

GIUSEPPINA: ( entra sentendo la battuta di Pasquale) Lo aiuto io  e allora ca ci sto

a fare! Io ogni matina vado a lavorare e quante o Parrocchiane adda dicere

a  messa vorrà dicere ca esco dieci minuti prima e le do na mano a suna’ ‘ e campane (

ironica) accussì mi alleno pure pe le scassà a’ capa si nun se comporta bene!

MICHELE:  Eh tu si sempe stata na bona.. figliola

GIUSEPPINA : ma si me’ sempe ritte ca so’ brutta e tengh’ ‘ e coscie storte

MICHELE:  Si… ma nu poco storte no assaie..e po’ tu a Mimì le piace accussì e

chesto è l’importante infatti quanne io cio’ dicette a Mimì ca teniv’ e cosce storte isse

me rispunnette  ca proprio pe’ cheesto le piacive ( tutti ridono ) a verita è che io te

voglio bene comme na sorella pecchè si stata l’unica ad occuparsi di Mimì

GIUSEPPINA: Ma ..io l’agge vulute sempe bbene!

PASQUALE : pure Mimì         t’ha vulute sempe bbene  e po tu  oltre a essere na brava

figliola  tiene pure na bella casa, nu bellu giardino,nu cavalle,nu ciucce e tant’ate 

cose belle tante che..

MICHELE:  ( interrompendo) Si comme a Cicerenella( canzone di Cicerenella, alla

fine della canzone si sente una voce fuori scena che chiama Giovanni)

GIOVANNI.: Chesta è a voce e mia suocera! Vuo vedè ca mugliereme partorisce

proprio oggi! Chelle s’è fatte e cunte ca luna: nu quarto, tre quarte.. e  a ditte ca

partoriva ogge

MIMI’: E curre ca chella difficilmente sbaglia! E sperammo e festeggià ‘nsieme ‘o

matrimonio mio e la nascita del tuo erede speranne ca è maschio

GIOVANNI: Maschi.. femmine ma che ‘mporta  ( fa per andare poi si gira)

l’importante ca è maschio…o è femmina! ( tutti ridono ed esce di scena

PASQUALE : ( a Michele con tono serio) Michè pe chella mezzadria cche lavori, se c’è

bisogno di uno che vuole cominciare a lavorare  e diventare  una persona per bene,

ricordati ca io sono disponibile.

MICHELE:  (quasi commosso) affare fatto Pasquà

TURILLO:   ch’ è succieso agge sentite e chiammà a Giuanne

MIMI’: a mogliere  sta per partorire!

ASSUNTINE         : ( che si era portato sull’uscio  rivolta al marito) Voglio vedè quanne si

sentirà alluccà ‘o nomme tuoie !

TURILLO: Ma chesta è na malatia! Nun pozze fa’ na’ domanda ca tu subbete vatte

coppe ‘o stesse taste  adirato trasetenne! ( l’afferra per un braccio e la porta dentro)

GIOVANNI:          ( Dall’uscio di casa sua grida forte) è maschio, è maschio! È nate Michè  

è nate!

MICHELE:  Auguri Giovà

MIMI’: Auguri! ( entrano Lucia,  e Caterina che guardano tutti in modo perplesso)

GIUSEPPINA.Auguri

LUCIA.Ma che succede?  avimme sentite e gridà

GIUSEPPINA: a moglie di Giovanni ha fatte nu bello maschietto!

LUCIA : allora l’avime dà l’augurie

CATERINA: ma comme teneve na panza tante e sule une na fatte? 

PASQUALE : cheste è ancora ambresse po dicere!oggi è a jurnate de novità!

LUCIA: E pecche qual’ate novità ce stanne?

GIUSEPPINA: Mimi’ ed io ci sposeremo quanto prima!( entrano Turillo ed Assuntina)

MICHELE:  E Pasquale è diventate mio socio nella mezzadria con Totonno tre palle

ASSUNTINE         :Era ora! Accussì Michele e Pascale mettene giudizio e o povero Totonno

tre palle po campà senza problemi!

LUCIA.Certo! si no chillu puveriello doppe a partenza do figlie comme faceva a faticà a

terra! E po tene pure o fastidio de tre palle!

GIUSEPPINA’: chesta è a vita obbì quello andò a difendere il figlio che litigava con il

confinante e s’abbuscava tre palle rint’ ‘a coscia e ‘o figlio nun  se’ fatte scrupolo do

lassà ( Esce Giovani euforico)

GIOVANNI:          Mimì, Michè, Giuseppì.. so gemelle!; so gemelle! Mugliereme ha fatte nu

mascolo e na femmene,, so gemelle!tengo i gemelle!

CATERINA :         L’aveve dette io! Cu chella panza minime duie aveva fa!

MIMI. E brava!

GIUSEPPINA: Auguri!

LUCIA :  fa proprio piacere!

ASSUNTINE: Auguri Giovà’ ( rivolgendosi a Turillo) IH.. chi tante e chi niente! (

Giovanni rientra)

TURILLO:   ma allore  te si fissata! ah .. beate  a vuie ca site aancora scapole,  sapite ca

ve diche.. due guste ha chi se nzore:  una la primma notte quanne ‘a muglier’ afferra ,

,l’ate è quann’ atterra!

ASSUNTINA:  o sentite,tene arragge !

MICHELE:  Donn’Assù e nun ve pigliate collera! Qua chi più e chi meno ha i suoi

dispiaceri! Io agge vulute tante bbene a Chiarastella e nun me state possibile sposarla.

Con chi me la devo prendere? Vuol dire c’ ‘accussì era destinato!

TURILLO: Ovvide! È questione e destino, nuie simme destinate a nun avè figlie! E tu

pienze ca a me e figlie nun me piacene? Ca s’addà fa è o destino!

ASSUNTINA:‘o che? ‘o destino! ‘o destino spesse ce lo costruiamo con le nostre stesse

mani. Nui nun tenimme figlie? È un mistero, un mistero ca nun putimme capì comme

nun putimmo capì tante e tante mistere e stu munne!

TURILLO:   Su andiamo dentro a brindare al lavoro e ai gemelli di Giovanni (Tutti

fanno per entrare nell’osteria tranne Michele Giuseppina) e se Mimì farà il sagrestano

il mio vino nun  le servirà cchiù se poi Mimì e Pasquale sono diventati lavoratori pozze

offrì a tutte quante nu litro e vino!

MIMI’.si ma dancelle prime e ce mettere l’acqua! iamme iamme

GIUSEPPINA: Michè je te vulesse vede pure a te felice ,si o sacce so succiese cose che

nun t’hanne manche date o tiempe e raggiunà

MICHELE : comme a ditte Turillo è…destine che ciavimme fa

GIUSEPPINA .A te no Michè! a te non è o destino! E scuse, o pate e Chiarastella  nun

era favorevole’ ‘a ‘o matrimonio pecchè tu nun tenivi a fatica!, ma mo, a tiene,vire e ce

parlà, e cerche e vede’ e cose comme stanne, je so sicure che ChiarastelA A Paolucce o

fattore nun so vo’ piglià pe marite, pure si ‘e fattoti suoi vanne e venene e le portene

robba a casa!

MICHELE: Ma comme facce si nun esce comme a’ncontro  e po nun s’affaccia manco a coppe ‘o balcone anzi vide? E juorne sta sempe chiuse e a sera a finestra soia nun è più illuminate!

 GIUSEPPINA: a  verità è ca chella puverella da quanne è muorte o pate nun è cchiù

asciute da casa e a mamma  doppe o funerale nun ha vuluto cchiù parlà e sta cose cu

nisciune!  pecchè tene scuorne e ascì!

MICHELE: e pecchè se mette scuorne ca ‘ l’ ‘e muorte o pate? 

GIUSEPPINA:  Scetate Michè! scetate! Pecchè nun o’ ssaie che o’ funerale do’ pate

cia’ pavate Paolucce o fattore? Chille a cacciate cincuciente lire e mo si o matrimonie

nun se fa e manne mieze a na via!

MICHELE: ma allora  chill’ omme ‘e niente ‘e  ricattà?

GIUSEPPINA: dicimme accussì

MICHELE: e allora  me ajutà Giuseppì..prestame cinquecento lire!

GIUSEPPINA:  Ma si pazze e chi a tene sta cifra

MICHELE:  cincuciente lire , ce vo n’anne e fatiche,si e tenesse ce chiavasse nfacce a

chill’omme e niente!( si siede disperato)

GIUSEPPINA : mo’ calmate,vide sule e ce parlà,vide ca te dice e po …sempe se trove o

modo e sistemà e cose co’ fattore

MICHELE: è na parola ( si porta le mani al volto mentre Giuseppina rientra)

GIOVANNI: Michè, ma ched’è che ate è succiese?

MICHELE: Paulucce o fattore , je l’accide a chill’omm’ ‘e niente

GIOVANNI: ma che dice ,calmate

MICHELE: e comme facce, o saie pecchè Chiarastella nun esce chiù e nun s’ affacce

manche a fenesta?

GIOVANNI: e certe  sta a lutte ,poverella

MICHELE: ma che a lutte. Va va a dinte sta Giuseppina,fattelle dicere va

GIOVANNI 🙁  fa per entrare  mentre tutti escono) ohe e mo’ me vuttate pe terra!

TURILLO: Michè, Giuseppina cia ditte tutte cose e..avimme decise e te da’ na mane!

Tutte quante te damme na’ mane Michè

MIMI’ je pozze essere mbruglione ma ncoppe a cierte cose nun facce passe

GIOVANNI: ma insomma me spiegate pure a me

GIUSEPPINA: Paolucce o fattore a’ pavate cincuciente lire po’ funerale e Carminucce e

mo ricatte a Filumena . je l’agge sapute da Rusinella, na parente e Filumena e ma ditte

ca si Chiarastella nun accetta do’ spusà e manne mieze a na via e le leve pure a casa

addo stanne e intante chella povera figliola nun o’ vo’ e  chiagne e se dispera!

GIOVANNI: chillu piezze e disgraziate!

GIUSEPPINA: e cheste nun è niente, ha fatte dicere  a Chiarastellla da na mugliere e nu

Fattore  do’ suoie c’ ‘a Michele  nun l’adda penza chiù e che se sta fidanzanne cu Na

furastera e m’ha ditte pure  ca Chiarastella  sta troppe malamente e piange

continuamente. Le uniche parole che dice sono: voglie murì, voglio murì! E figurati ca a

mamma spaventata a fatte chiammà  pure o prevete!

MICHELE   e Don Lucio c’ha ditte!

GIUSEPPINA l’ha confessata e comunicata, po’ a ditte ca nun po’ parlà  pe’ via do’

segreto confessionale, ma che se avesse potuto parlare, avrebbe detto  quattro parole ad

un imbecille!

MICHELE: e  chi  è mo’ st’imbecille?

GIUSEPPINA: Michè… l’imbecille si tu! ca nun e capite ne’ primme e ne’ doppe o

 dramma . Chella t’ha vulute sempe bbene e tu col tuo silenzio la stai distruggendo!

 MICHELE: si aj raggione,pover’ ‘ammore mio ma comme pozze fa si chill’omme

E niente ‘e ricatta?!

ASSUNTINA: Michè ( porgendo una busta ) cheste so quattecientecinquanta  lire vire

comme cià  mettere o rieste  e po’ Giuseppina e’ porte a Filumena

GIOVANNI: e cinquanta lire ce mette je ( va e torna con i soldi) ecco qua tiene

Giuseppì

MICHELE: Je nun sacce che dicere,so accussì commosso ca me vene a chiagnere,

grazie , grazie e ‘o Signore vo’ rende,va fa ambresse Giuseppì

GIUSEPPINA: vache subbeto e scummette ca’ pe Filomena chisti sorde so na

liberazione , je vache e tu Michè vide e parlà cu Chiarastella

 MICHELE: ma comme aggia fa? che le dico comme ce parle?

GIUSEPPINA: Eh e trova un modo e ce parlà e si no canta Michè  canta! Fall’ capi ca

le vuoie bbene e po tutte sì aggiusterà canta ! ‘o silenzio nun serve

ASSUNTINA: ( Assuntina  si allontana poi si gira) ?o silenzio nun serve! ( entra in

osteria mentre Giuseppina entra da Filomena)

MICHELE:  (si avvicina al lavatoio guarda il balcone di Chiarastella  mentre si levano

le prime note di  “  Desiderio ,terminata la canzone Michele aspetta…aspetta  )

CHIARASTELLA: (La finestra  s’illumina e Chiarastella canta  “Adduormete cu

mmè”

MICHELE:  ( fa gesti di gioia e rimane a guardare e chiama ad Assuntina) Assuntì,

Assuntì, mi vuole bene (tutti escono dall’osteria e stanno a guardare)

CHIARASTELLA: ( apre il portone e si ferma sull’uscio) Michè, Michè!

MICHELE:  stella mia ! ( avanza poi si ferma) ma tua madre è d’accordo!

FILOMENA:          ( esce) So d’accordo so d’accordo  e quanne te vulive decidere? Auguri!

(alla figlia) va ,va!

CHIARASTELLA: ( corre e si butta nella braccia di Michele) Michè! ( esce Giovanni

tutto tramortito)

GIOVANNI : Tre! Michè! erano tre figlie! Rint’a nu colpo solo tengo tre figlie ( sviene cadendo all’indietro sull’uscio di casa sua!)

  Dal vicolo si sente una fisarmonica suonare e tutti guardono Michele e Chiarastella

abbracciati e tutt’insieme “ auguri auguri “ arriva il fisarmonicista e tutti si uniscono e

si complimentano al suono di “la luna nel rivo e rosa marina”                                            

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno