Tombola col morto

Stampa questo copione

TOMBOLA COL MORTO

Ovvero

Gli amori al tempo dell’alluvione

Commedia brillante in 3 atti

Di Massimo beni

Personaggi

-Narratore

-Alberto

-Giorgina

-Oreste

-Iole

-Tosello

-Vittoria

-Fiorenza

-Arduino

-Ines

-Il Pieraccini

-Il Signor Frilli

-La dottoressa

-Marino (bambino)

-Voci fuori campo


ATTO                                     I

Narratore: (seduto) Buonasera, benvenuti e…Scusatemi se non mi presento, lo soche non è così che si fa, ma, il padrone di casa si sveglierà fra un attimo, e il tempo a mia disposizione è poco. Devo parlarvi di una storia che è avvenuta ai nostri tempi, ma che appartiene già al passato, quando nelle vie del quartiere di S.Croce c’erano i ragazzi che giocavano a pallone, tante botteghe e tanta altra gente. E c’era e c’è ancora Via Torta con quei suoi palazzi costruiti lungo il contorno di un anfiteatro romano e per questo la strada era su venuta così, tutta torta…via Torta appunto! E poi era il quartiere dove abitava Dante… Dante il Parti giano, il muratore, che prima di sera, “alla stagion bona”, era fisso in “Porticciol a”, fra il Ponte alle Grazie e il Ponte

Vecchio, a pescare le “reine”, e per esca una pasta sua, infallibile, la cui ricetta era degna dell’Artusi!… Spesso la sua storia si confond eva con quella dell’altro Dante…

Ad una coppia di turisti che chiedevano dove fosse la Casa di Dante, fu risposto: “Ce l’avete davanti, ma a quest’ora un ce lo trovate, l ’è a tirà la ‘arcina a ‘i’cantiere…” Ma quella mattina per le strade c’era un turista molto più indiscreto: l’alluvione. In Via Torta scorreva un fiume dall’animo straniero, marrone di fango, nero di nafta e di kerosene, che seppelliva nel fango usci e botteghe, e ammutoliva di paura i fiorentini… Di quegli avvenimenti del 4 novembre 19 66, oggi ne narreremo alcuni, che non si svolsero sotto gli occhi del mondo, in quel paesaggio insolito fatto di silenzio e attesa, ma molto intimi e privati, tanto che solo oggi si possono rievocare, senza timore di ferire nessuno. (esce portandosi via la sedia)

Alberto (si alza da letto e si dirige incerto alla finestra). O Madonna mia! Non èpossibile… Proprio oggi… Giorgina, Giorgina….

Giorgina Che c’è?(entra dalla camera da letto)Che fai alla finestra?

Alberto C’è l’acqua, l’acqua come in televisione!

Giorgina Come sarebbe a dire l’acqua?…

Alberto Sì, c’è l’acqua per la strada, come nel Polesine, guarda anche te.

Giorgina (va rapidamente alla finestra)Oh Madre Santissima che lavoro!!! Sarannotutti morti…

Alberto Ci saranno sì, dei morti…

Giorgina Oddio, e se frana la casa? Marino, svegliamo Marino, se si deve scappare,andar via…


Alberto Via dove? Lascialo a letto finché non si sveglia,che sta a fare alzato colfreddo e con il buio?!

Giorgina E’ due giorni che piove… Non si era vista mai tutt     a quest’acqua…

E piove ancora… Questo è in castigo del Signore...              Oddio, Alberto! E la lambretta?!

Alberto La lambretta? È chiusa nel garage alle Colonnine, più di lì di tanto non puòandare… Giorgina, poi si penserà anche alla lambret ta!

Giorgina Oddio Alberto! S’è rotta la diga! Se cresce dell’altro l’acqua, si va di sottoanche noi con l’impiantito…E con tutto il casamento … Come nel Vajont!

Alberto Ma no… Macchè Vajont, se era crollata Levane a que st’ora l’acqua ci avevaportato a Pisa…

(bussano alla porta)

Giorgina Alberto bussano, oddio, chi è?...

(Alberto va ad aprire)

Oreste: E’ permesso? Scusate se disturbo la mattina presto di un giorno di festa, ma èqui la fermata dell’Arca di Noè?

Giorgina Oreste, beato lei che non s’avvilisce mai… Ma di fronte alla punizione divina dei nostri peccati, non ci scherzi per favore…

Oreste Ma via Giorgina, la punizione per cosa?… Non si è già patito abbastanza con10 anni di guerre?

Giorgina E apposta Iddio ci punisce della nostra cattiveria…

Oreste Si, ora si decide!? Ci doveva pensare nel ’39 con chi dico io! Poi che vuoleche sia un’alluvione, che si sa prima o poi va via… Erano peggio i tedeschi, ne conviene?

Alberto E come no? Anzi ne venissero più spesso di alluvioni almeno ci lavano lemacchine…

Oreste …E vedrete che come passa l’acqua ci sarà chi pian ge e chi ride, come intempo di guerra: bene e male finiscono sempre fra due fette di pane morbido.

Giorgina Come sarebbe a dire?


Oreste Sarebbe a dire che passata la buriana, la gente si dovrà mettere di buzzobuono a riprendere i propri affari, buoni o cattivi che siano!

Giorgina Si, ma qui la cosa è grave… Non ci si ripiglia più  !

Oreste Tu, per dire, Alberto, con tutte queste botteghe che si dovranno risistemare,un ragioniere come te avrà più da lavorare che d’un prete al confessionale…

Alberto …Sì, e intanto fuori scorre l’acqua!

Oreste Ma date retta a me, bisognerebbe che tutti si facesse come Dante, che è lì chepesca le reine in via Torta dalla finestra!

Giorgina Bah, si lo so! Ora secondo lei Oreste, Dante pesca le reine dalla finestra invia Torta!?… Ma ci vuol prendere in giro?

Oreste Ma veda Giorgina, è perché lei, brava donna, non es può ne intendere: ilpesce che si piglia dipende tutto da dove l’acqua arriva: per pescare le triglie bisogna che l’acqua arrivi almeno alle caviglie, per pescare i ranocchi bisogna che l’acqua arrivi ai ginocchi mentre per pescare gli storioni, bisogna che l’acqua arrivi almeno a toccare i…

Giorgina Ma com’è sempre frizzante lei Oreste, nonostante l’acqua che vien giùcome Iddio la manda…

Oreste E’ perchè l’acqua mi piace frizzante!

Giorgina Badi, lo sa che l’acqua frizzante la beve il serpente?

Oreste Lo so, lo so… La beve il serpente, ce la manda Idd io, e quant’è vero, lavoglio bere anch’io!!!

Alberto E come ti piace fare il simpatico! Fuori c’è l’alluvione, c’è gente ha persotutto, qualcuno forse perfino la vita e te…

Oreste Ohi, ohi, con quest’alluvione, me l’avete già fatt a venire a noia ed è appenacominciata! Capace che fra un ora non ci sia più nulla e si sia tutti fuori a raccattar le nostre carabattole!

Giorgina Beato lei che la pensa così…Noi di sicuro ci si è            già perso la lambretta.

Oreste …Eh, la lambretta, ecco brava: almeno sarà la volta buona che suo marito se lafa nuova! Ma via, Alberto, si può vedere un ragioni ere, dico, u-n r-a-g-i-o-n-i-e-r-e, andare in giro per le nobili vie di Firenze con quel mezzo catorcio?…


Giorgina Ma se l’acqua sale dell’altro butta giù il paviment o, oddio, lo capisce…Siamo senza Sacramenti!!!!

Oreste Oh, oh, oh, animo Giorgina… venite su da me e la Io le, si starà tutti insiemecome sotto i bombardamenti… Magari portatevi un po’ di roba, non si sa mai…

Giorgina Si sì, incominciamo a portare su qualcosa da lei, grazie Oreste, che Iddiogliene renda merito, a lei a sua moglie…

Oreste Se si sta tutti insieme, in un giorno come questo, il tempo passa meglio… Oranon è che ci sia bisogno di traslocare… Però qualco sa per coprirsi, visto che siamo senza riscaldamento…

Giorgina Si, nel giorno dell’Apocalisse, nel giorno del castigo… E si morirà tutti coipeccati non assolti…

Alberto Oh Giorgina, per l’amor del cielo… Ma che peccati       puoi avere te?

Oreste Giorgina animo! Andiamo a vedere l’acqua per le scale, poi si va su dallaIole...

Alberto Ecco sì, andate, io metto insieme un po’ di roba e poi, appena si svegliaMarino vengo su anch’io…

Giorgina …Alberto… Non mi far stare in pensiero!

Alberto Giorgina, stai tranquilla, il tempo materiale di fare una borsa e di vestireMarino e vengo su anch’io…vai, vai con Oreste.

(Alberto resta solo, dopo qualche momento, in fretta apre un armadio e tira fuori una valigetta, la mette sul tavolo, la apre, la guarda disperato)

Alberto E ora come se ne esce?…(Sente dei rumori, richiude la valigetta e torna anasconderla nell’armadio)

Iole (entra in fretta e di soppiatto):Alberto, che si fa? Hai visto fuori che lavoro?…

Alberto Iole, c’è poco da fare, siamo dei disgraziati, se ci va bene io finisco alleMurate e te a Trespiano, che ti ci manda Oreste…

Iole Ma ci deve essere il modo di far qualcosa, con l’oro…?


Alberto L’oro è lì nell’armadio. Ieri sera, ho svuotato la bottega del Frilli, c’eranoanche 4 milioni e mezzo in un cassetto, ho preso anche quelli. Sarebbe stato meglio se Cristo m’avesse fulminato, e invece ha preferito far piovere… Ma che sei venuta a fare?…Tanto non si scappa più.

Iole La Giorgina è su che piange in mezzo a tutti. Poi si sono messi a sentire lenotizie della radio.

Alberto E che dicono? Che sono già ricercato?

Iole …Piove dappertutto, forse è crollata la diga di Le vane, ci sono anche dei morti etanta gente che non si trova…

Alberto Guarda a questo punto, a pensare a noi e al destino che ci aspetta, mi vieneda dire beati loro…

Iole …Ma ci sarà pur modo di far qualcosa?!

Alberto Ma fare cosa!?! Indietro non si torna e da qui come si scappa, lo ben vedianche tu, no, quel che c’è fuori dalla finestra?….

Iole Alberto abbassa la voce che rimbomba nelle scale…

Alberto Come vuoi che si scappi?

Iole Ma si era preparato tutto…Comprato i biglietti…

Alberto Lo so, lo so! Si scappa di venerdì, il Frilli non riapre prima di Lunedì e finoad allora non ci avrebbe cercato nessuno, ma l’aereo da Ginevra parte Domenica mentre noi saremo ancora qui nella mota; come ci arriviamo a Bologna a prendere il treno per la Svizzera? Dimmelo te!

Giorgina Non lo so, non lo so… Però…

Alberto Però che? Non appena si ritirano le acque il Frill i torna a bottega, e siaccorge che gli manca tutto l’oro e tutti i soldi, e penserà a me che gli ho chiuso ieri il bandone…

Iole Si però,  calmati, ascolta me…

Alberto … Chiama i carabinieri e me li manda di volata a casa… E stai tranquilla chemi trovano qui, dove vuoi che vada?!…


Iole Come si faccia ad andar via non lo so, però, Alber to, pensiamoci bene, non tuttoè perduto…Forse oggi l’alluvione è stata la nostra disgrazia ma anche la nostra fortuna?

Alberto Che vorresti dire?…

Iole Ma si scusa, Alberto, dov’è la bottega del Frilli?

Alberto Sul Ponte Vecchio, e allora?

Iole Metti che appena l’acqua si ritira il Frilli vada a vedere la sua bottega… Chevuoi che dica se non troverà più soldi, collane e a nelli? “Maledetto l’Arno che se li è portati via…” e a te non penserà mai nessuno. E se si sparisce di circolazione oggi …

Alberto Sì, come no?! “Maledetto l’Arno che s’è portato vi a Alberto e la Iole”…Manon dire sciocchezze! Anche se uscissimo di qui, e non so come, mi dici come si arriva a Bologna stasera, si affitta un traghetto?… O pensi che alla Lambretta gli spuntino le pinne!?!

Iole Alberto lascia perdere la lambretta, noi abbiamo oggi e domani, per uscire da quied arrivare in Svizzera a prendere l’aereo, lì l’al luvione non c’è…I telefoni a Firenze non funzionano, e in un giorno come questo alla gente poco gliene frega di noi…

Alberto Ma Iole sembra che tu non ti renda conto di quello che sta succedendo…Cisono 5 metri d’acqua là fuori, sono più liberi quel li che stanno in galera!!!

Iole Ma, Alberto, ascoltami, se si esce da qui si troverà pur modo di arrivare aBologna o a Milano o direttamente in Svizzera dicendo che siamo degli alluvionati, che qualcuno ci desse per carità una mano, un passa ggio, che si va da dei parenti!

Alberto No. No, No, la fai troppo semplice tu, ogni ora che passa diventeremosempre più un marito ladro che ha abbandonato la famiglia, io, e una poco di buono che è scappata con l’amante, te… Ed è così che ci a cchiappano fra qualche giorno fermi a qualche frontiera!

Giorgina Ma prima che i telefoni e le persone, ricomincino a circolare, insieme allenotizie, passerà almeno una settimana e dico poco…

Alberto Ascolta Giorgina, è troppo rischioso: O si fa tutto come si era organizzato,calcolato al minuto, o si lascia perdere…

Iole Ma i biglietti per l’aereo ce li abbiamo…


Alberto Senti Iole, facciamola finita con questa discussione inutile… E’ diventato unpasso che non si può più fare…

Iole (inizia ad alterarsi)Alberto, io non rinuncio dopo che si è preparato tutto daquasi un anno, con tutti i soldi che si è già speso e con tutti quelli che abbiamo in tasca, hai capito?

Alberto Iole è come dici te, forse di questo furto non se ne accorgerà mai nessuno,dei soldi vedremo cosa fare… Li faremo riavere in q ualche modo al Frilli… O in beneficenza.

Iole Alberto, ascoltami bene, con tutto quello che si è rischiato, rinunciare è dapazzi…

Alberto Il destino ha voluto così, darci l’occasione di re cuperare almeno in parte lanostra onestà… Per non trascorre il resto della nos tra vita con la paura e col rimorso.

Iole …Ma che paura e rimorso!!! Non mi vorrai mica dire che preferisci vivere comesi è vissuto, anzi, io, ho vissuto questi ultimi anni della mia vita? E tutti i discorsi che si sono detti e tutte le promesse che si sono fatte fra noi?

Alberto Si lo so, lo so…

Iole E invece tu non sai cosa vuol dire incrociare lo sguardo di qualcuna di questecomari, che ti sorridono false come a dire “…sappia mo tutto di te e Alberto!” E poi pensare che come lo sanno loro lo potrebbe sapere Oreste…

Alberto Guarda che anche per me è così…

Iole …E se Oreste mi scoprisse, quanto è vero Iddio, non mi lascerebbe il tempo didire né ahi né bai, mi farebbe a pezzettini…E tu pe nsi che vivere questa angoscia, si possa sopportare tutta la vita?

Alberto Iole, credimi, lo so…

Iole Quando lui gira la chiave nella toppa e si apre la porta cerco di leggere nel suosguardo se c’è qualcosa che bolle, se quella sera èla sera in cui tutto finisce e scoppia la bufera… Arrivo a sperare che perda al gioco… Per ché quand’è così va a letto presto e senza discussioni e ancora, arrivo perfino a sperare nel male che non si augura a nessuno, che tanto, se finirò all’inferno, poco mi cambierà…

Alberto Ma che dici, straparli…


Iole Oggi potevo lasciare queste strade sudicie e polverose piene di occhi, orecchi ebocche che servono solo a malignare…E tu mi dici ch e è meglio continuare a patire e rinunciare alla libertà?

Alberto Iole calmati, ascoltami…

Iole Ma quante volte mi son detta in questi sporchi anni “Iole, basta, ti consumiinutilmente come una candela al giorno!” Mi sono at taccata a te come all’unica speranza… (inizia a piangere)

Alberto Non fare così, se entra ora qualcuno, Iole… Per fa           vore.

Iole Se non fuggiamo io mi ammazzo, mi butto in Arno, visto che oggi è venuto aprendermi sotto casa, tanta dev’essere stata la pena che gli ho fatto…E tu mi avrai sulla coscienza finché campi.

Alberto Anche per me non è facile dovermi dire, verrà il giorno quando la Giorginasi alzerà dal letto e non mi troverà più…

Iole Ma noi…Tu avevi detto, giurato e spergiurato…

Alberto Certo, certo… Forse la Giorgina mi dimenticherà e buona com’è forse avròanche il suo perdono ma Marino, se io per lui sarò solo uno sbiadito ricordo dell’infanzia, lui per me sarà un eterno rimorso...

Iole (fa un cenno come per intervenire)…

Alberto Sì lo so, se ne è già parlato, non sarebbe giusto nei confronti di nessunocontinuare così, meglio sparire ed esser come morti, far male, anche tanto, ma una volta sola, perché è legge di natura, chi parte tace e chi resta si da pace… Ma non è semplice.

Iole …Dimmi allora te che cosa è mai stato semplice fra   noi due!

Voce I (da fuori la finestra)In via dell’Agnolo crolla le case, passate la voce… Voce II (idem) In via dell’Agnolo crolla le case passate la voce a Palazzo VecchioAlberto si affaccia

Voce III (idem)In via dell’Agnolo crolla le case chiamate in Palazzo Vecchio… Alberto (alla finestra) In via dell’Agnolo crolla le case, passate la voce… Voce III (idem)In via dell’Agnolo crolla le case…

Voce II (Idem, la voce va sfumare) Crolla le case in via dell’Agnolo passate la voce aPalazzo Vecchio.


Alberto Iole, ma lo senti che inferno è qua fuori? A me dispiace ma, come si fa?…

Marino (entra in pigiama): Babbo, ma che succede, che c’è in via dell’Agnolo?

Perché siamo al buio?

Alberto Marino, vieni qua, c’è l’alluvione, c’è l’acqua dell’Arno, guarda allafinestra… (lo prende in braccio) E’ come alla televisione.

Marino E come mai sembra caffellatte?…

Alberto…E’ la mota e il kerosene che esce dal carbonaio di        sotto…

Giorgina (entra molto agitata seguita da Fiorenza e Vittoria) Oh Madonna mia,avete sentito?…Si muore tutti!!! Lo dicevo che crol lava le case!!!!

Fiorenza Ma no Giorgina, stai calma, c’è Marino sveglio, se fai così gli faiimpressione!

Giorgina Oddio! Marino! Vai a letto, è freddo e umido, ti prendi un malanno, ogginon ci mancherebbe altro, fammi sentire se hai la febbre (guancia a guancia) si hai la febbre…

Fiorenza Fammi sentire anche a me,(tocca le tempie di marino)ma no…

Alberto Giorgina sta calma, non succede nulla, in via dell’Agnolo c’è dellecatapecchie e poi vai a sapere che è successo, magari è crollato un mezzanino, a Firenze i primi piani sono tutti alti.

Fiorenza E a quest’ora chi era negli scantinati o ne è uscito da un pezzo o non neesce mai più…

Vittoria Alla radio il Giannini ha fatto sentire l’acqua dell’Arno, dice che continua avenir fuori e sono allagati fino a Pisa!

Fiorenza Ma io penso anche a quelli che avevano delle botteghe poveracci, tuttodistrutto, una vita di sacrifici…

Iole Io torno su da mio marito. Alberto e Giorgina vi si aspetta su… E tu Giorginastai pur tranquilla, che succede solo quel che deve succedere, del resto non succede niente, proprio niente…

Giorgina Grazie Iole… sì, ma come si fa con il figliolo in             queste condizioni?


Fiorenza O Giorgina ma se è fresco come una rosa, in che condizioni vuoi che sia,vieni via, mettigli qualcosa addosso e mandalo a giocare con Stefano e la Patrizia a casa mia, che almeno gli passa un po’ il tempo…

Giorgina (lo veste)Marino dimmi la verità come ti senti?

Marino Io bene mamma, ma per via dell’alluvione lo posso prendere il caffellatte?

Fiorenza (prende Marino per mano e lo porta fuori)Vieni, te lo faccio io ilcaffellatte, si va da Stefano, che la mamma ora ha da fare.

Vittoria …Noi invece non si trova più il gatto, speriamo si a salito sul tetto, poveroBuricchio!

Pieraccini (entra imbarazzato) Ma col bagno come fate voi?… nel vaterclose nonc’è acqua.

Giorgina Oh buongiorno Pieraccini, anche questo è un problema, ma! Per oggi ci siarrangerà in qualche modo…

Pieraccini Bah, voi dite bene che non ci avete il mal della pietra come me, ogni pocodevo andare in bagno a far due gocce d’acqua, poca roba eh… Ma non posso trattenerla, accidenti alla vecchiaia…

Vittoria Venga via Pieraccini, la faccia in un orinale e poi, via, via, la butta fuor difinestra, come in campagna, d’acqua fuori ce n’è da dare e da riavere…

Pieraccini Senta un pochino lei, io sono nato a S. Martino alla Palma, vicino allaVilla dell’Antinori, dove spesso da ragazzi ci si andava alle feste, ma dalla finestra non l’ho mai buttata, forse così facevate voi sudic ioni di Borgo Allegri…

Giorgina O Pieraccini, via, non si arrabbi, la Vittoria ha fatto per dire, non la volevaoffendere, voleva dire che oggi bisogna arrangiarsi tutti, con l’aiuto di Dio e con la buona volontà che ci manderà il Signore…

Vittoria …Pieraccini, è possibile che quando gli si fa un’o sservazione, lei s’accendasempre come un fiammifero?…

Pieraccini E lo so io il perché, lei è ben maligna, le cose hec dice le dice sempre asommo studio…

Vittoria Ma Piraccini che le ha fatto male tutta quest’acqua e ha perso il capo? Mache le pare, io dicevo per il suo bene…


Pieraccini E io invece non voglio esser compatito da nessuno! Meno che meno dalei… Pensi piuttosto al suo gatto che mi piscia sem pre sui vasi dell’ingresso!!!

Vittoria …Ohi, ohi, Buricchio, chissà dov’è finito…

Pieraccini …E glielo dico io dove sarà finito, sarà a pisciuc chiare di qua e di là felicee beato su qualche vaso…

Vittoria Pieraccini lei non mi tocchi il gatto sa…

Giorgina Pieraccini, Vittoria, almeno oggi cerchiamo tutti di andare d’accordo, chepotrebbe essere il giorno del giudizio. E lei Pieraccini, dia retta a quel che gli si dice, per oggi la butti dalla finestra… (Pieraccini esce arrabbiato) ... Solo si ricordi che sotto a lei ci si sta noi...

Oreste (esce Pieraccini, entra Oreste) Oh che avete fatto a quel pover’uomo,Vittoria, perchè lo fa sempre arrabbiare?

Voce I (da fuori) In via del Paradiso la gente affoga mandate soccorsi… Ripetete lavoce…

Voce II (Idem) in Via del paradiso affogano mandate soccorsi!

Alberto (alla finestra) In Via del Paradiso affogano passate la voce…

Voce III (a sfumare)In via del Paradiso la gente affoga…

Alberto …Speriamo che reggano, questi poveretti….

Vittoria Questa è tutta colpa dei russi e degli americani, che vogliono per forzaandare sulla luna, lanciano i missili in cielo e poi ci vengono le perturbazioni…

Giorgina Ma è anche colpa di tutte queste guerre, delle bombe atomiche, di quelleche buttano nel Vietnam…

Vittoria Ma perché, dico io, gli americani hanno sempre ilvizio di buttare le bombedappertutto? Persino i tedeschi, che Dio ce ne scampi e liberi, le bombe in testa, almeno qui da noi, non l’hanno tirate!…

Giorgina Dio vede e castiga per tutto il male che s’è fatto nel mondo, e fa bene acastigarci finché non rispetteremo tutti i suoi comandamenti…

Oreste Sarà come dice lei Giorgina, ma io in piazza Santa Croce missili che partonoper la Luna non ce li ho mai visti; e se Iddio vede che le bombe le buttano gli Americani mi dice perché l’alluvione non la manda un po’ a loro? Giorgina, non le sembra un bel sistema questo?!


Giorgina Lo vedete, lo vedete come siamo noi uomini, Iddio ci assiste e noi lo sibestemmia…

Alberto Basta Giorgina per favore, basta!… Tutto il giorno sempre con questidiscorsi…

Iole (entra)Mamma mia che impressione quelle voci…Allora, venit e su, non mi vadi stare sola!

Giorgina Si, s’era detto di stare tutti insieme, poi magari si dice un bel rosario…

Oreste Tutti insieme, si, si era detto… Però avrei un’ide a un po’ meglio del rosario,facciamo come fecero gli antichi Fiorentini assediati dai Francesi…

Alberto Che dici come Pier Capponi, si suona le campane?

Oreste …No, No, come era la storia? Non mi ricordo… Quand o i fiorentini per nonperdersi d’animo si misero a giocare a calcio in costume mentre fuori c’erano le cannonate… O gli Spagnoli, chi erano? …Alberto, te che sei ragioniere, chi erano Francesi o Spagnoli?

Alberto Va bè, chi erano, erano e allora?!

Oreste Mettiamoci a giocare a tombola finché l’Arno non si ritira, così, per nondargli soddisfazione… All’acqua!

Giorgina Sì, sì, sì, Oreste che bell’idea, si mangia un boc cone e poi si gioca atombola qui, a casa nostra, finché l’acqua non si ritira…

Vittoria Oreste, i numeri li tira su lei come per la fine dell’anno, però mi raccomandonon esageri con le sue battute che poi lo sa qualcuno non le prende per il verso giusto e s’arrabbia…

Oreste La Giorgina! L’unica ad avere sempre qualcosa a che ridire sui numeri è lei…

Giorgina Io?...Ma veramente…

Iole (mentre Oreste Vittoria e Giorgina discutono, di nascosto rivolta ad Alberto)Alberto, ascoltami, portami su una borsa di vestiti con dentro nascosti soldi e gioielli... E poi portami le pasticche della Giorgina, quelle per dormire, tutte quelle che trovi, mentre si gioca a tombola si scappa...

Alberto Che vuoi fare, che ti frulla in testa?…


Iole Alberto, dai retta a me e fra tre giorni siamo in Argentina… Non ti preoccupare,non si farà male nessuno!

Alberto Ma che vuoi fare? Dimmelo…

Iole Ho un’idea ma è troppo lunga da spiegare, ascoltami, devi fare solamente quelloche ti dirà la Giorgina… Ricorda, fai solo quello c he ti dirà la Giorgina!

Alberto La Giorgina?

Vittoria (alla finestra)Oh gente! Mi pare che l’acqua scema!!!

Oreste A Si eh?! A te scema, e a me mi pare invece che siadi molto bucaiola, oh guarda un po’!...


ATTO                                     II

Narratore Quella dell’alluvione fu un notte che prima o poi, se ne sarebbe andata viacome tutte le altre, ma questa, per forza di cose, si doveva passare a veglia…

Come in casa di Assuero Bardazzi e Gelsomina Cenci, due anziani marito e moglie. Fin dalla mattina se ne stavano dietro i vetri di casa loro, in via delle Conce, muti e infreddoliti, a veder passare l’acqua d’Arno e cala re le ombre della sera. Fu in un mentre, che alla Gelsomina venne di fare una domanda che a noi, forse, ci sembrerebbe strana; ma non certo a lei, che veniva da un passato, fatto di buio e d’incertezze, di fioche lampade a olio e di tremolanti lumi di candela: “Oh Assuero! Oh stasera icchè si fa da cena?” E lui serio, col veggio in mano: “ Oh Gelsomina, che

voi ch’e sappia… Icchè fare un’no so… Ma di sihuro        harcosa in umido!”

Il buio era entrato nelle case portando con se un freddo vuoto, che si riempiva solo dell’odore della cera e del sapore della paura. Fra improvvise grida d’aiuto e la pioggia muta che cadeva, ogni tanto, da una finestra, si sporgeva l’ombra di qualcuno che con una torcia illuminava l’Arno. Prima illuminava la strada, e poi i muri davanti, per vedere se l’acqua “faceva il rigo”, se finalmen te il fiume rinunciava a volere entrare in casa d’altri e se ne tornava al suo posto di sempre… Non si sarebbe dormito finchè l’Arno non avesse ritrovato pace… Un a pace che però, in casa di Alberto e della Giorgina, quella notte, forse si sarebbe persa per sempre, portata via da un altro fiume in piena, che voleva anch’esso uscire dai suoi argini, travolgere tutto, come quel giorno aveva fatto l’Arno, ma per non tornare mai più, dentro al suo letto. Un fiume che da anni aspettava la sua rivincita, a tutti i costi, il cui nome, come l’Arno era di quattro lettere: era la Iole. (Alberto, Giorgina, Oreste, Iole, Vittoria, Tosello e Fiorenza, sono in sala seduti al tavolo della tombola)

Giorgina … Ovvia s’è preparato tutto: il cartellone con il sacchetto dei numeri, lecartelle e tutti avete i lupini secchi per segnare… Si aspetta il Pieraccini e l’Ines con Arduino e poi ci siamo tutti.

Oreste Sì, auguri! Leticano da stamattina! Sembrava fosse colpa d’Arduino se c’èl’alluvione! Fatemi vedere se da questa finestra l’ acqua si vede meglio che della mia… (va alla finestra) ma che roba passa… o Alberto, ma che sono quei cos i che galleggiano?

Alberto Vedrai che saranno i gelati del deposito…


Oreste Sì, sì, sono proprio cornetti di gelato! (si sporge dalla finestra) Oh Dante, haivisto che spettacolo? quelli del Besana ti fanno la cibatura a cornetti… Che abboccano le reine ai gelati?

Giorgina Venga a sedere Oreste, lasci in pace Dante e chiuda quella finestra! Siamoanche per di più senza riscaldamento, vuole farci ammalare?

Oreste Si chiudo, chiudo. Ma come siete drammatici in questa casa!

Giorgina Marino sta buono con Stefano e la Patrizia?

Fiorenza Sono tutti e tre lì a casa che si divertono… Le ca ndele, l’acqua per le scale,l’alluvione gli sembra tutto un gioco, chissà come se lo ricorderanno da grandi questo giorno…

Giorgina Preghiamo Iddio che resti per loro come un gioco, che noi di tragedie sen’è già viste tante in questi ultimi trent’anni…

Oreste Ti pareva… Ma siamo qui per giocare a tombola o pe r cantare il Requiem?…Piuttosto, e la cassa chi la tiene?

Giorgina La cassa la tiene lei, Oreste, che tira i numeri…

Oreste…O la cassa la vuoi tenere te Alberto, che sei ragioniere?

Alberto Oreste, o falla finita… Non rompere sempre le scat ole con la storia delragioniere…

Giorgina Alberto! T’ha fatto una domanda! Ma che hai?

Oreste Alberto, va bene l’alluvione, ma non ci hanno mica messo in Purgatorio…

Giorgina …Accendiamo un altro paio di candele che ci ha port ato la Vittoria, che èmeglio, in onore a S.Carlo Borromeo, consolatore dei malati, che oggi sarebbe la sua festa… Vittoria, e il gatto è ritornato?

Vittoria Macchè, stai zitta..., Mi sento male solo all’idea che al povero Buricchio glisia successo qualcosa…

Giorgina Siedi, vedrai che tornerà, s’intende, è un gatto e va con le gatte, che glieneimporta a lui se c’è l’alluvione o no!

Oreste (rivolto a Iole)Avrà per le mani anche lui qualche gattaccia…


Iole Oreste… La fai finita?

Oreste Anche te! Eccone un’altra che non gli si può dire  nulla…

Iole Lo sai che mi da noia quando fai in questo modo…

Oreste Che t’ho detto di male?(Pieraccini entra con l’orinale in mano) Oh, via, viaecco il Pieraccini, ma che s’è portato il servizio buono da casa?…

Pieraccini C’è poco da fare gli spiritosi. Se la mi scappa, su per le scale con quelbuio io non ci ritorno… Che puzza di moccolo! Che s ono fatte di petroléo queste candele?

Vittoria Ma che fatte di petrolio! L’ho comprate dal Palmerani vicino all’arco di S.Piero, sono quelle che compra anche il prete di S. Simone…

Pieraccini Sì, ma da come olezzano devono essere della qualità andante… si va viadi sentimento…

Vittoria Ma che deve sempre dire delle bischerate, Pieraccini, ma le pare che ora sifaccia a miccino sulle candele…Tosello, ma te non g li dici nulla a quest’uomo, ma non lo senti come ci offende?…

Tosello O Vittoria, ne spengine una, se gli danno noia, e via…

Ines (entra col marito)Eccoci, siamo ultimi vero? Scusate il ritardo ma è colpa diquest’uomo (lo guarda con disprezzo) non trovava più le chiavi di casa…

Arduino Cara, ma le avevi tu custodite nella borsetta…

Ines E allora? Che vuol dire!? Vedi che sei un perfetto imbecille, ti doveva venire inmente subito che se non ce le avevi tu, allora ce le dovevo avere io… Nella borsetta.

Giorgina Via accomodatevi, l’importante è che ora si sia qui per passare insieme unpo’ d’ore in serenità e in armonia… Scegliete le ca rtelle, sono 10 lire alla cartella, 6 cartelle 50 lire…

Oreste Sì, ma per cosa si gioca?

Giorgina Si gioca come sempre per una cinquina sola e per la tombola. Un quartodel monte per la cinquina e il resto per la tombola. Oreste l’ha rimescolato abbastanza bene codesto sacchetto?

Oreste Io sono  pronto per cominciare, se siete pronti voi con le cartelle…


Giorgina Si Oreste, vada e mi raccomando tiri su dei bei numeri.


Oreste Iniziamo col numero…Toh, nemmeno a farlo apposta,numero 1, il Priore!


si comincia col


Giorgina …E sia benedetto colui che ci assolverà dai nostrinostra dipartita…


peccati nel giorno della


Fiorenza …Sì, però Giorgina, noi ti si vuol bene, ma almenoper favore, non ci assillare con questi discorsi…


ora, mentre si gioca,


Tosello Si davvero Giorgina, le si chiede tutti per favore, va bene che è a casa sua,ma ci risparmi almeno oggi… Queste geremiadi!


Giorgina Va bene, va bene… Però anche voi cercate di portar


e rispetto… Al priore.


Oreste …Allora? … Vado con un altro numero? Il secondo esdelle donne.


tratto è: 77, le gambe


Arduino Mi scusi Oreste se la interrompo nell’esercizio della sua funzione diestrattore, ma in una precedente tombola, alla quale ho avuto modo di partecipare, il 77 era stato definito come le…con rispetto parlando … Le “puppe”. Può indicarci la dizione esatta?

Ines Ma Stai zitto! Ma cosa ti intrometti! Possibile che fra gambe e puppe in codestazucca vuota non ti circoli altro per la testa?!…

Oreste …Ma Ines, non se la pigli così, non lo sa che un m arito puttaniere fa orgoglioalle mogliere!

Iole …Oreste smettila!

Ines … Puttaniere!? Eh ma lui lo sa che se io lo pesco a strascicarsi sulla cantonatacon qualche sciacquina, te lo do io l’orgoglio delle mogliere…

Arduino Ma cara, consentimi, è stato solo un commento estemporaneo al numero…

Ines Ma che numero e numero!!! Lo sai tu qual è il tuo numero? Te lo dico io: il 6!

Sei, l’imbecille perfetto!

Pieraccini Ma perché è uscito il 6… O no?


Vittoria Ecco, lo sapevo, lo vedete che succede se si fa confusione… No, Pieraccini,non lo segni, sono usciti solo l’uno e il 77, il 6 no!

Pieraccini Che le ho chiesto qualcosa, a lei? Io parlo al tomboliere, che è Oreste,quando i numeri li tirerà su lei, se glieli faranno tirare, allora può darsi, se mi aggrada, che parli anche con lei…

Vittoria Oh mammina mia Pieraccini, non gli si può proprio  dir nulla, che le prendetutte sempre male…. Guardi Pieraccini, che per me p  uò parlare con chi vuole, ma se

lei ci sente poco e poi capisce ancor di meno non è certo colpa mia!

(Pieraccini fa per alzarsi con l’orinale in mano )

Tosello Vittoria, la smetti per favore, pensiamo a giocare e basta… Se no si va tutti acasa e la si fa finita ancor prima di cominciare…Vi ttoria lo so, ma lascia perdere, per favore.

Pieraccini …E ascolti un po’ quel che gli si dice…

Tosello Pieraccini, anche lei, però la non insista, quando  gli si da ragione!...

Vittoria ( a bassa voce rivolta a Tosello)Ma le sembra che abbia ragion lui?

Alberto Forza Oreste, andiamo avanti… che fuori continua a   piovere.

Oreste Alberto, o che hai furia, non mi dirai mica che devi scappare da qualcheparte?

Alberto …Eh, sì, magari, si potesse scappare!

Giorgina Perché, ci stai tanto male qui con noi?

Alberto Ma no Giorgina, anche te, o che capite tutti all’incontrario? Faccio perdire…Oreste dai, tira su un numero.

Oreste Allora, vediamo: Numero 28, i finocchi.

Giorgina …I finocchi? Questo non l’avevo mai sentito!

Oreste …E’ buchi, Giorgina, e’ buchi! Altro numero…

Giorgina Si però Oreste ora basta glielo dico io, è possibile che lei tiri su solonumeri indecenti, aveva cominciato col Priore e va bene, poi le donne con le gambe nude, ora questi qui, cerchi anche lei di darsi una regolata…


Oreste …Che donne con le gambe nude!? Non c’è un numero pe       r le gambe nude!

Giorgina …Sì, le gambe delle donne, come vuol che siano…

Oreste Oh Giorgina che ho colpa io se i numeri che tiro su sono questi…

Tosello …Che si va avanti coi numeri? O si traccheggia?

Oreste Ohi, ohi, ohi… Questo ora mi toccherà ributtarlo d entro! Giorgina, abbiapazienza, ho tirato su il numero 69…

Giorgina E allora, che vuol dire? Non mi scandalizzo mica se dice: “cacca”.

Arduino (ridacchiando)Io, posso certo sbagliarmi, ma il 69 veniva identificato intutt’altro modo in precedenti sedute …

Ines Ma stai zitto? Cosa vuoi tu aver saputo del 69, dalle sedute, in piedi o a testa ingiù! Pensa piuttosto a segnare i numeri, perfetto imbecille, lo vedi che non ne hai ancora messo uno?!

Arduino Cara, perdonami ma, gentilmente osserva, ce l’hai tu il 69…

Ines …Ma cosa ridi con codesta faccia a ebete, guardatel o, ride che sembracapisca… Ecco, sei contento? Ho messo il lupino sul 69, e con questo cosa credi, resti sempre e comunque un perfetto imbecille…69 vo lte!

Tosello Scusate eh, ma secondo voi come si può andare avant i così?… E anche teOreste, fai meno commenti con questi numeri… Tirali su e basta!

Oreste Ma se io non ho detto nulla di più che i numeri, hanno fatto tutto loro!…

Tosello E allora via, tira su un altro numero e andiamo avanti! O si traccheggiadell’altro?

Oreste Numero 16, il sedere.(Guardando la Giorgina)Sedere è una parola che sipuò dire, la scrivono anche sui giornali…

Arduino No, no, no….In vero io tutti i giorni leggo La Naz      ione, ma la parola

“sedere”, giammai ce l’ho trovata scritta…

Ines Ma allora? Ancora parli? Ti devi sempre far riconoscere?! “io leggo il giornaletutti i giorni”… Ma taci per favore, che del giorna le guardi solo le figure del cinematografo per vedere se ci sono le donnine ignude! Imbecille pervertito, costì…


Arduino Ma cara ho semplicemente fatto una chiosa a margine…

Ines Che cosa hai fatto?

Arduino …Una chiosa a margine.

Ines Ma allora non ti si può più nemmeno portare fuori, fai fare delle figure dascomparire sotto terra… Giorgina abbi pazienza, hai uno straccio, un qualcosa, questo imbecille, anche se rinasce cento volte, ha fatto una ghiosa su un margine…

Giorgina Arduino non si preoccupi! Va bene Ines, via, si pulirà dopo… Oragiochiamo…

Pieraccini (si alza con l’orinale si dirige all’interno della casa)Con permesso, se sipuò interrompere un attimo, faccio subito qui due g occe d’acqua e torno…

Giorgina Scusi Pieraccini ma dove crede di andare lei con quell’orinale?…

Pieraccini Vado a fare un po’ d’acqua. Col mal della pietra n on la si può trattenere.

Giorgina S’è ben inteso che lei ha il mal della pietra, ma dico, dove intende andare afarla questa po’ d’acqua?…

Pieraccini Ve l’ho detto, non ce la faccio a risalire su in casa in tempo, vado a farlanella sua cucina, ché c’è ancora un po’ di luce, nel bagno è buio pesto…

Giorgina Scusi Pieraccini, ma vuol scherzare per davvero? Ma che le pare il sistemain cucina da me? Prenda una candela e vada in bagno per favore, c’è il bagno…

Pieraccini Bà, bellina lei, se tengo una candela in una mano e con quell’altra arreggol’orinale mi dice come faccio a sbottonarmi e a prender la mira?…

Giorgina Ha ragione anche lei… Alberto vai tu a dargli una       mano misericordiosa…

Alberto Giorgina ma vuoi scherzare per davvero?

Vittoria Pieraccini, abbia pazienza, vada un po’ più in la ad agitare codestoorinale…

Pieraccini Cara signora non ho mica il palletico, queste mani a bottega inchiodanole bullette… A ciò che lei sappia!

Vittoria Si ma ora vada a imbullettare un po’ più in la per favore, le ho detto… Nonvorrei che le desse barta qualcosa!


Tosello …Vittoria, ti s’è detto ora!

Alberto (si alza e accompagna fuori il Pieraccini)Va bene, va bene Pieraccini vengaqua, l’accompagno io, su, andiamo e cerchiamo di far le cose per bene…

Pieraccini (rivolto ad Alberto)Ma che vuole quella civettona è sempre a metterbocca, se mi risponde un’altra volta l’orinale glie lo metto in capo…

Giorgina Eh…povero Pieraccini oramai non è più nei suoi cen ci, e pensare che hafatto anche la guerra di Libia, si doveva sposare con una donna di laggiù… Ma poi la famiglia di lei non volle perché non era musulmano…

Ines E che gliene fregava a loro se non era di Monsummano?

Arduino Ma no cara, perdonami, ritengo che in quel caso fosse un problema direligione…

Ines Perché di che religione sono a Monsummano?

Oreste …Sono di quelli che quando gli uomini vanno in para diso gli fanno trovarecento vergini a loro disposizione, (guardando Arduino) se in vita sono stai bravi, si intende, vero Arduino?


Ines…Ah si? O te che ne sai?…Ti pareva che non ti eri mda imbecille…


esso in testa qualche idea


Iole Oreste prima di ricominciare hai piacere di bere qualcosa di caldo, che so, unlatte, un teh?…

Oreste Guarda che mogliettina premurosa che ho sposato… G                razie, un caffellatte…

Iole Giorgina vado a farglielo qui in cucina da te, hai la bombola…

Giorgina Vai, vai Iole…Voi volete qualcosa?…

Tosello Noi si è mangiato da poco, caso mai più tardi…

Ines Anche noi si prende qualcosa più tardi, vero Arduino?

Arduino Sì cara, come disponi, tu cara…

Oreste Eccoli via, son tornati. Pieraccini ha fatto presto, ma è sicuro di averla fattatutta?


Pieraccini Ne faccio poca ma spesso, il brutto è che non la posso trattenere e oggic’è mancato poco che non mi scappasse sul tappeto…

Alberto (guarda la Giorgina e la rassicura) Via, ora si rimetta a sedere. La Ioledov’è?

Oreste E’ in cucina tua che mi prepara pane e veleno…

Giorgina Ma che dice Oreste, la Iole le vuole un bene dell’anima… Lo vede poi chese la prende a male, è così sensibile…

Oreste …Oh, eccoti Iole, grazie del caffellatte…Mi ce l’h             ai messo un po’ di veleno?

Iole Ma bevilo piuttosto, prima che si raffreddi…

Oreste Però! Ha un sapore diverso dal nostro latte, dove  lo prendete voi?..

Giorgina Mah, dove tutti. E’ della centrale del latte di via Valfonda...


Oreste Anche noi si piglia alla centrale… Eppure questo qu


i ha un sapore strano…


Giorgina Stia tranquillo Oreste, è fresco di ieri… Stamanivolte c’è lo zucchero che non zucchera…


s’è bevuto anche noi, a


Oreste…Eh, come no? Sono tante le cose che sembrano quell e che non sono… VeroIole, te che dici?

Iole Oreste, non mi sembra il caso… Lasciami in pace!

Oreste Sì. Sì, per l’amor del cielo, oggi poi sono tutti permalosi… Alberto, vien via,torna al tuo posto. Mescoliamo un po’ per far piacere alla Giorgina… Numero 87, i pidocchi, …Numero 65, il pianto, …Numero 60 il male , …Numero 17 la disgrazia.

Tosello Oh, ma che seguiti dell’altro, no, io non lo so se ti sembra il caso d’andareavanti così!

Oreste Oh, ma lo sapete però che siete buffi? Ora che ci p osso fare io se vengono suquesti numeri!? Se non vi piace si cambia gioco, si fa alla briscola, così non si parla…

Giorgina Oreste, non è che ci si abbia con lei però, deve convenirne, tira su certinumeri che, prima erano indecenti, ora fanno schifo…


Oreste Toh! …30, le palle del tenente!

Arduino Ambo! Ambo!

Ines Di nuovo?! Ti pareva che lui non si dovesse distinguere di fronte a tutti! Mi dicicosa c’entra l’ambo, dico io?! Si gioca per la cinq uina e la tombola e tu fai ambo…

Arduino Ma cara, consentimi, se non si fa prima ambo non si fa nemmeno il terno,la quaterna e, al fine, la cinquina; quindonde apertamente me ne rallegravo…

Ines Ma cosa dici, che quando dici, non si capisce cosa dici!!?…

Arduino Ma sì cara, come dir si suole, chi fa ambo fa gambo!

Ines Ma che…Che…Che gambo e gambo!? In testa te lo darei io il gambo!…Pensa alle cose serie e a far cinquina, invece di dire sempre tutte queste bischerate, se fai gambo e poi non fai cinquina sai dove te lo ficchi il gambo?…Imbecille perfetto!

Oreste Signora, non è che suo marito è un poco strambo, per questo prima le fagambo e dopo l’ambo?

Alberto Oreste di questo passo domattina siamo ancora qui, fa prima a ritirarsil’Arno che noi a far cinquina, dài tira su questi n umeri…


Ines …Imbecille perfetto che altro non sei, costì…Devianche col gambo!


sempre farti riconoscere


Arduino Cara, permettimi, ti prego, non avvilirmi così di fronte a tutti…

Voce I (da fuori) In Piazza dei Ciompi crollano le case, aiuto…

Voce II (idem)  In piazza dei Ciompi crollano le case passate la voce…

Alberto (va alla finestra) In piazza dei Ciompi crollano le case passate la voce… Voce III (idem) In piazza dei Ciompi crollano le case passate la voce…

Fiorenza Mamma mia che incubo… Come si farà a passare una n otte così in mezzoa tutto questo disastro!

Vittoria Che impressione… E chissà dove sarà il mio povero    gatto!

Marino (entra correndo)Mamma, Mamma, c’è un gatto morto che galleggianell’acqua nella tromba delle scale!..

Vittoria Oddio! Buricchio, il mio gatto, vado a vedere se è lui… Se è lui ve lo dicofin da ora, io non gioco più, prendetele voi lei le cartelle… (esce disperata)


Giorgina (fa per raggiungerla)Vittoria, aspetta, vuoi che venga con te?

Alberto Ma no Giorgina, stai qui, ne saranno passati cento oggi di gatti morti, vuoiche quello sia per forza il suo?

Oreste Che…che si fa? si continua?…

Iole Oreste ma ti senti bene, mi sembri strano…

Oreste Iole, non lo so… E’ come se non mi rendessi più co nto di essere qui… Misento svenire.

Giorgina Oreste, Oreste, ha bisogno di qualcosa?…

Iole Oreste, rispondi, che ti senti?

Tosello Oreste, parla sono Tosello, mi riconosci?

Iole Oddio Mio! Gli è venuto un coccolone ora come si fa se siamo prigionieri qui e

non si può portarlo all’ospedale… Oddio mi muore… O                ra mi muore…

Alberto Oreste, Oreste…

Iole Chiamate qualcuno, gridate che lo vengano a prendere per carità di Dio, non melo fate morire così, senza un aiuto…Aiuto, aiuto, i n Via Torta c’è un uomo che muore… Passate la voce! Oddio mi muore, ora mi muor e….

(Tutti vanno alla finestra meno Alberto che guarda Iole con sospetto)

Tutti In via Torta c’è un uomo che muore mandate soccorsi…(La voce si ripete dafuori)

Oreste Iole, dove sei?

Iole Oreste, ora ti si porta in Ospedale, resisti…

Oreste E come ci si va all’ospedale, col traghetto dell’E lba?…

Iole (in modo teatrale)Oddio delira! Sta male! Aiuto, aiuto!!!

Alberto Vieni qua Tosello, dammi una mano, stendiamolo, mettiamolo da qualcheparte più comodo, Pieraccini si levi un po’ di mezzo con questo orinale…

Pieraccini Comunque dovesse servire eccolo, lo metto qua…


Arduino (alla finestra)Oh, rincuoriamoci, sembra che ci abbiano sentito: staarrivando una celere zattera dei vigili del fuoco…

Iole Speriamo sia vero, speriamo che me lo portino subito via da qui…

Arduino Ehi siamo qua… Presto c’è un uomo in perigliose am basce… Eccoli sonoqua sotto, stanno mettendo una scala…qua, qua…venga , venga…In vero stia attenta al balzo, può esserle cagione di un danno inopinato .

(Una Dottoressa entra dalla finestra, insieme ad un infermiere)

Giorgina Qua, qua dottoressa, speriamo non sia troppo tardi…

Iole Portatelo via, vi prego, salvatelo, portatelo all’ospedale, portatelo via…

Dottoressa Signora stia calma, vediamo innanzi tutto di cosa si tratta, in una giornatacosì non è consigliabile, trasportare un paziente senza essere certi della reale necessità di un ricovero…

Pieraccini Poi dottoressa, se per quest’uomo non ci fosse più nulla da fare, vorreichiederle una cosa… Siccome io da un po’ d’anni sof fro di mal della pietra…

Giorgina Via Pieraccini, ora non è il caso del suo mal della pietra…Stia seduto qui, sifumi il toscano… Anzi no, ma che dico, c’è un malat o... Riconti i numeri della tombola…

Dottoressa (lo esamina in silenzio) Apparentemente sembra un caso di letargia.

Ines Ecco! Dico a te, sì dico a te perfetto imbecille! Hai visto che cosa succede adandare con le donnacce?

Arduino Di grazia…

Ines Se so che anche te sei stato a casa di questa Lieta Argia, vedrai come ti concio,dimmi la verità, la conosci anche te la Lieta Argia , è una sciacquina di via Torta?

Dottoressa Ma no, signora intendo dire che sembra che il vostro amico sia statocolpito da un profondo stato stuporoso…

Ines Se lo dice lei ci si crede, passava da furbo e invece era stupidoso! E allora, però,ad un imbecille perfetto come mio marito che gli dovrebbe succedere?

Iole (disperata)Basta per favore, portatelo via da qui se no mi muore, per favore, ègrave, sentite come rantola…


Arduino A me, in vero, sembra che russi sommessamente...

Ines Eccolo, ti pareva, vuol metter bocca anche con la dottoressa, faresti meglio apensare a tutto il polistirolo e agli acidi liturgici che ti hanno trovato nel sangue … Dico bene professoressa?

Dottoressa Acidi liturgici?

Iole (sempre più disperata)Portatelo via, portatelo via, vi scongiuro, non possovederlo in questo stato, fa delle smorfie di dolore con il viso, salvatemelo… Me lo porti all’ospedale!

Arduino A me, pur senza specifica competenza, sembra palese che egli biascichi…

Ines E allora?! Con chi parlo io? T’ho detto di stare zitto! Lo vedi che disturbi la

Professoressa con queste osservazioni da ebete… Ora biascica!… Sembra, che biascichi… Oddio, un pochino sembra davvero che bia scichi!

Dottoressa Va bene, va bene, qui con questo buio, in queste condizioni… ambientali,non c’è modo di far niente, bisogna portarlo via sperando di raggiungere l’ospedale il prima possibile… Date una mano all’infermiere, per favore. Lei signora, mi sembra di capire che sia la consorte?… (Tosello, Arduino e l’infermiere trasportano Oreste fuori dalla finestra)

Ines Chi lei? NooooNo, lei è la moglie… Nelle case qui da noi usa fare tutti iservizi la moglie, nessuno ha la consorte…

Dottoressa Prenda su qualcosa per se e per suo marito e salga sulla zattera, non abbiapaura, i vigili del fuoco l’aiuteranno, il comandante è molto perito…

Ines Oddio no! Il comandante è morto perito?… Perito co  me?

Dottoressa No, No, non si preoccupi… Poi l’abbiamo resuscitat            o.

Ines …Resuscitato?...Addirittura resuscitato? Senta Emin enza, poi, con suo comodosi capisce, a proposito di resuscitare, le vorrei parlare di un caso un po’ delicato, si tratta di mio marito…

Giorgina Iole, aspetta per amor del celo, ma che vai con lui da sola?… Alberto, falloanche per me, vai te con lei, in fondo sei il miglior amico d’Oreste e della Iole, qui con Marino ci resto io …


Alberto Giorgina…

Giorgina Iole, quando sali su prendi anche la valigia che aveva preparato Alberto, cisono dei maglioni, così, per ogni evenienza, non avrai problemi per la notte. (Iole esce di corsa)

Alberto Giorgina, fammi salutare Marino…

Giorgina Sì ma non perdete tempo che Oreste sta male, ha bisogno dell’Ospedale ela cosa più importante è che arrivi presto al Pronto Soccorso e mi raccomando, stai vicino alla Iole, qualsiasi cosa possa accadere…

Iole …Fai come ti dice la Giorgina…

Alberto Giorgina ecco, appunto, qualsiasi cosa possa accadere pensa sempre a volerbene a te e a Marino.

Giorgina Ma Alberto, non ti capisco, ma che discorsi fai? Quando si fanno dellebuone azioni per il prossimo, è come farle al mondo intero e Dio ti proteggerà…E se protegge te che sei mio marito ed il padre di mio figlio, capisci che così protegge anche noi?…

Alberto Giorgina allora vado…

Giorgina Aspetta, aspetta, tieni. E’ il santino di S. Cristoforo, protettore deiviaggiatori e questa è Santa Barbara che vi proteggerà dalla malignità dei flutti… Per arrivare a S.Maria Nuova di strade con l’acqua ce n’avrete da fare…

Iole (rientra trafelata con le borse) Grazie Giorgina di aver detto tu ad Alberto divenir con me, io non avrei mai osato chiederglielo…

Giorgina Iole, vieni qui, un abbraccio anche a te, lo sai che per me sei sempre statacome una sorella, fatti forza e stai vicino a tuo marito. Per qualsiasi cosa, conta su Alberto, sembra un po’ chiuso, ma ti assicuro è una persona buona e generosa…

Alberto Giorgina…Marino

Giorgina Alberto, sì ti abbraccio, però sbrigatevi che i vi gili avranno fretta diandare…

Dottoressa Per favore andiamo…

Iole Alberto, fai come ti dice la Giorgina… Sbrigati!        (escono dalla finestra)


Pieraccini E ora che si fa? Si smette? Non ci s’ha più nemmeno quello che tira su inumeri, e siamo rimasti in pochi.

Vittoria (entra velocemente)Sono tornata! per fortuna non era Buricchio! Oh! Madove sono andati tutti?… Ma che è successo, perché codeste facce?

Pieraccini Sì è dovuto smettere, non si può giocare atombola col morto!


ATTO                                     III

(In strada) Narratore: …E così passò anche l’alluvione: e il giorno dopo , e il giornodopo del giorno dopo, i fiorentini avevano già pre so a spalare il fango dalle botteghe

riversandolo nelle strade…Molti si erano accorti di non avere scarpe adatte alla circostanza. Nacque così la moda de “i sacchetti ai piedi”, che consisteva

nell’indossare buste di plastica sopra alle scarpe, buste griffate Upim, Magazzini 48, Vittadello e così via… Anche Assuero Bardazzi era v oluto uscire a vedere tutto quel po’, po’ di lavoro che aveva fatto l’alluvione, ma la Gelsomina gli aveva detto:

“Assuero, stai attento a non ti sporcare con la mot a… Che poi non so come fare a lavarla!” Ma Assuero era tornato con la mota fin so pra ai capelli! “Oh Assuero, icchè t’ha fatto!? Tu mi sembri un ecce homo!” “Oh Gelsom ina, ti farei vedere fuori icchè un c’è di disastro, l’unica cosa speriamo la mota sia quella che l’è, e non quel che mi sembra…”

Alberto e la Iole che fine hanno fatto? Beh, si è visto, sono scappati dietro a Oreste, che fu prima portato a S.Giovanni di Dio, ma c’era l’acqua anche lì, e fu spedito a Careggi… Con tutto il sonnifero che la Iole gli ave va messo nel latte Oreste dormì fino al giorno dopo, mentre la Iole aveva trovato un autista disposto prima a portare lei e Alberto fino a Milano in taxi… Poi visti i so ldi che giravano nelle mani di Alberto, li aveva portati direttamente a Ginevra: Quello verso la Svizzera non fu un viaggio proprio…tranquillo, d’altra parte il gesto che stavano facendo era di quelli per i quali non c’è più ritorno … ( esce)

Fiorenza (Fiorenza e Vittoria escono di casa ed entrano in strada) Che disastro c’èancora, come si farà?…E insomma mi dicevi che la Io le non è ancora tornata? Speriamo che non sia successo qualcosa di grave a Oreste…

Vittoria …Sì, però è preoccupata anche la Giorgima, ieri ser a nemmeno Alberto eratornato e dal giorno dell’alluvione che non ne sa più nulla… Meno male che almeno mi è tornato Buricchio!

Fiorenza Io gliel’ho detto alla Giorgina, di sentire il comando dei vigili del fuoco,per sapere dove hanno ricoverato Oreste, vedrai che lì sanno anche degli altri due…

Vittoria Certo è strano che Alberto non si sia fatto vivo in nessun modo … Speriamoche oggi torni.


Fiorenza Mah, speriamo bene…

Vittoria Pensi sia successo qualcosa ad Alberto? Se fosse successo qualcosal’avrebbero detto alla radio…Era con i vigili del f uoco.

Fiorenza No, no, non penso ad una disgrazia…Cioè, non propr  io a una disgrazia.

Vittoria Come sarebbe a dire?

Fiorenza Oh Vittoria senti, io non so nulla e non voglio saper nulla però è strano chela Iole e Alberto non tornino…

Vittoria Strano? Perché dici strano?

Fiorenza Te ne voglio raccontare una ma mi raccomando tienitela per te…Lo sai, lanostra porta è accanto a quella della Giorgina, e si sente quando si apre e si chiude l’ingresso, anche senza volere, sono portoni pesanti, fanno rumore…

Vittoria E allora che mi dici?…

Fiorenza La domenica mattina sento sempre la Giorgina che va con Marino allaMessa, Marino poi fa una gran confusione… Solo che diverse volte sento anche la porta che s’apre e si richiude… Sempre dopo…

Vittoria Come dopo?!

Fiorenza Sì dopo un po’ la porta qualcuno la riapre…


Vittoria Sarà Alberto che esce anche lui… Magari va a compr


are il giornale…


Fiorenza Vittoria l’ho sempre pensato anch’io… Ma tant’è che poi, sempre prima


che torni la Giorgina, la porta si apre e si chiude ancora, e sempre mi dicevo: “Sarà Alberto che ritorna” ma…

Vittoria Ma?

Fiorenza …In quella casa, quando non ci doveva essere più n essuno, qualcunocapitò, e me ne accorsi, che rispondesse al telefon o… E allora non ne ho potuto fare a meno, mi sono messa a guardare dallo spioncino e sai chi è uscito da casa della Giorgina prima che lei tornasse?

Vittoria Non me lo dire!!!


Fiorenza Eh sì, la Iole! Che ci vada a fare la Iole la domenica mattina a casa dellaGiorgina quando lei non c’è, e invece c’è suo marito, te l’ho detto non lo so e non lo voglio sapere, forse anche nulla, ma un po’ mi puzza.

Vittoria Fiorenza non mi dire… Però allora mi si spiegano t       ante cose.

Fiorenza L’avevi vista anche te entrare e uscire?…

Vittoria No, no, il mio è un altro discorso…

Fiorenza Cioè?

Vittoria l’Armida, sai quella mia amica che sta al Galluzzo e lavora a quel bar chec’è all’angolo prima di entrare nella piazza?

Fiorenza Non quello in piazza?

Vittoria No, prima e dall’altra parte, quello che ha anche la sala da gioco per ilbiliardo, credo si chiami “I’Neghe”…

Fiorenza Si, si va bene, può darsi… E allora?

Vittoria Insomma con questa mia amica si era in Piazza alla Fiera di S.Giuseppe, eravenuta a trovare me e si era andati a comprare un po’ di frittelle.

Fiorenza E che è successo?

Vittoria Ad un certo punto ecco che ti si incontra Alberto e la Giorgina…Buongiorno e buona sera, arrivederci e tante cose e l’Armida mi fa: “io quello lì lo conosco, viene spesso a prendere il caffè al bar all’ora di pranzo con la moglie…”

Fiorenza Con la Giorgina al Galluzzo?

Vittoria E’ quel che ho pensato anch’io, che ci va a fare l a Giorgina con Albertoall’ora di pranzo al Galuzzo, che deve pensare a Marino, e al Galluzzo poi, che è un posto messo laggiù fuori dal mondo, ci vuole un ora ad arrivarci anche con l’autobus!?…

Fiorenza Ma la tua amica era sicura che fossero proprio loro, aveva riconosciutoanche la Giorgina?…

Vittoria Gli pareva e non gli pareva, ma sai lei vede tante facce al bar che è facileconfondersi… Ma Alberto se lo ricordava bene perché mi ha detto che venivano e se ne andavano sempre sopra una lambrettaccia grigia… Come quella di Alberto…


Fiorenza Oh Gesù e sicché questi due…

Vittoria C’è la Giorgina, c’è la Giorgina… Chetati.

Giorgina …Oh, buongiorno, sapete se Oreste e la Iole sono tornati?

Vittoria Non credo Giorgina, prima ho bussato su, ma non c’era nessuno… Alberto tiè tornato a casa?

Giorgina Macchè, ieri pensavo proprio che ad una cert’ora si facesse rivedere, invecenulla. Adesso, vado dai vigili del fuoco perché incomincio a stare in pensiero… Fiorenza, abbi pazienza, Marino l’ho lasciato a giocare con Stefano e la Patrizia.

Fiorenza Giorgina stai tranquilla, se fosse successa qualche disgrazia qui neparlerebbero tutti, vedrai che lui è ancora lì perché, speriamo di no, ma potrebbe essere, Oreste è ancora grave e non se la sente di lasciare la Iole da sola… Del resto sembrava stesse parecchio male povero Oreste…

Giorgina Dio voglia che abbiate ragione, ma io ho bisogno di saper qualcosa, cosìnon sto per nulla tranquilla… Anche per Marino, non vede più il babbo…( arriva il Sig Frilli) Oh Signor Frilli, buongiorno, buongiorno, scusi sa, ma per caso sa diAlberto?…

Frilli No, perché che gli è successo, venivo proprio da uil a dirgli della bottega…

Giorgina E’ andato ad accompagnare una persona all’ospedale mentre c’eral’alluvione e da allora non è più tornato a casa…

Frilli O Gesù! Era per strada mentre c’era l’acqua?…

Fiorenza No, no, è andato accompagnato con i pompieri, noi si pensa sia rimastoall’ospedale, è difficile muoversi con tutto questo fango… Lei che dice?

Frilli Oh Giorgina, non si preoccupi, io che vuole che sappia, ma sarà andatasicuramente così, vedrà che oggi, presto o tardi, t orna… Si capisce, sono momenti particolari…

Giorgina Avrete anche ragione, ma lo capite, sto in pensiero… Lei Signor Frilli, midica, la bottega, come l’ha trovata?

Frilli Ora è transennata dalla polizia, sul Ponte Vecchio non può salire nessuno, se loimmagina in mezzo a quel fango e a quella mota cosa non c’è?...


Vittoria …E tutto l’oro, i gioielli?


Frilli …Mah. M’immagino che parecchi se li sia presi l’Aringrassare le reine…


no e andranno ad


Giorgina …Ma Signor Frilli, come fa a restare così sereno…La sua bottega…


Se si è capito bene…


Frilli Di questo proprio ero venuto a parlare ad Alberto, per ringraziarlo…

Giorgina Come ringraziarlo!?

Frilli …Se ne discuteva da diverso tempo, lui insisteva, alla fine mi ha convinto afare una polizza d’assicurazione all’INA su furto, incendio e… calamità naturali.

Giorgina Oh, meno male per lei…       E’ il Signore che l’ha illuminata!

Frilli Sì, sì, ma anche Alberto, sembrava che se lo sentisse! Io dicevo che se il pontenon lo avevano buttato giù i tedeschi, che come calamità non erano certo di per ridere, che altro gli poteva succedere? Rubare poi, sul Ponte Vecchio, a me…!

Giorgina Meno male gli ha dato retta!

Frilli Per fortuna, insomma è tutto assicurato, forse ci rimetterò, non ve lo so dire,comunque ci sarà modo di ricominciare. Glielo dica ad Alberto quando torna, ci sarà parecchio da fare prima di riaprire bottega…

Giorgina Signor Frilli, ora la saluto, voglio andare in Palazzo Vecchio … Lì hanno letrasmittenti radio, ci sarà modo di comunicare con qualcuno negli ospedali, penso… Arrivederci a tutte…( se ne va)

Frilli Giorgina vada, e stia tranquilla vedrà che tutto s i risolve…

Vittoria …Tanto quando torni ci trovi qui o un po’ più in la     a spalare.

Frilli …Ma che è successo, mi spiegate?

Fiorenza Mentre si giocava a tombola durante l’alluvione…

Frilli A tombola?

Fiorenza Si, sa, per passare il tempo, per farsi coraggio, mentre tirava su i numeri, unnostro vicino s’è sentito male…


Vittoria …E’ un uomo anche un po’ anziano.

Fiorenza Sono venuti i pompieri a portarlo via, un lavoro che non le dico… EAlberto ha accompagnato la moglie di quel pover’uomo, là sul gommone al buio e da allora non si sono visti più…

Frilli E Alberto a voluto andargli dietro?

Fiorenza Ma è stata la Giorgina ad insistere perché l’accompagnasse!

Frilli Eh, ma io lo conosco Alberto, aveva 18 anni quando il suo babbo me loraccomandò per i conti della bottega, si era appena diplomato ragioniere col massimo dei voti. È un ragazzo che nel lavoro e nella vita… Anche con quello zio infermo, che sta al Galluzzo…

Vittoria Come, come? Uno zio al Galluzzo…

Frilli Si, credo al Galluzzo, così mi ha detto lui, qualche volta, quand’era da me,telefonava la cugina…

Fiorenza La cugina?…

Frilli La cugina, sì la cugina… Se c’era bisogno, smesso di lavorare, all’ora dipranzo, lui prendeva la lambretta, andava giù da via de’ Serragli, S.Gaggio e ritornava alla sua ora… Credo che nemmeno mangiasse per andare da questo zio…

Vittoria Ma lei questo zio l’ha mai visto o sentito?

Frilli No, io al telefono ho sempre trovato la cugina…”Bu ongiorno, posso parlarecon Alberto, sono sua cugina…” Ma perché donne, che avete qualcosa per la testa? Qualche malestro?

Fiorenza Macchè le pare, nulla…

Vittoria Proprio nulla…

Frilli Non era la cugina?…

Fiorenza Cugina sì, come no? Sarà stata sicuramente la cu gina… Cugina di primoletto!

Frilli Sentite, voi ve la tagliate e voi ve la cucite, speriamo piuttosto che ad Albertonon sia successo nulla, né a lui né…


Fiorenza …Alla cugina.

Frilli Sì va bene, arrivederci, e tante belle cose… (se ne va in modo spiccio)

Vittoria Ma tu dici che questa cugina sia la stessa tipa del bar del Galluzzo, con cuici prende il caffè?

Fiorenza Secondo me sì… E dico che  non ci prende solo il c

affè! Perché secondo te

ti pare possa esser diverso?

Vittoria …Ed è la Iole?

Fiorenza Questo non lo so, ma vedrai… L’acqua cheta rovina

i ponti… Oddio,  oggi,

anche l’acqua che cheta non è, fa il suo!

Tosello (arriva con una pala) Fiorenza, e meno male che di alluvioni ne viene unaogni cento anni, ma se si aspetta te si fa in tempo a vederne un’altra…

Fiorenza Ora venivo, si era qui a parlare con la Giorgina, piuttosto lo sai che Albertoe la Iole non sono ancora tornati…

Tosello Non è mica facile muoversi … Saranno bloccati all’ ospedale. Andiamo allabottega del Pieraccini, c’è un metro di mota da spalare e qualche quintale di roba da buttar in strada perché la portino via con le ruspe… Non sono momenti di stare a traccheggiare!

Fiorenza …E che è una cosa questa che gli si deve fare noi d ue? E’ un lavoro dinulla!

Tosello Il Pieraccini col mal della pietra ogni mezz’ora si deve fermare, e se le manisentissero la fatica che sentono gli occhi non si farebbe mai nulla… Vedi piuttosto di non traccheggiare dell’altro, poi ti aspetto in fila a prendere l’acqua alle cisterne!

Vittoria Vai, vai Fiorenza, certo sembra di essere ritornati in tempo di guerra!… Ohc’è anche il Signor Arduino…

Arduino Signore carissime, buon giorno, almeno si auspica…

Vittoria La sua “gentile” Signora è rimasta in casa?

Arduino Ahimè Ines non può lasciare le sue stanze a causa di una fastidiosaemicrania che l’ha colpita nottetempo, probabilmente ne è cagione questa forte umidità cittadina…


Fiorenza …E dove sta andando così di buon’ora con le stradein queste condizioni?

Arduino Su disposizione di Ines ad annullarle l’appuntamento col dentista…

Vittoria …Col dentista? Ma sarà chiuso, oltretutto oggi è d         omenica…

Arduino Ne convengo ed ho tentato di spiegare ciò ad ella, e le ho detto: “Cara, sevado oggi il gabinetto del dentista lo troverò bell amente chiuso…”

Fiorenza E lei che le ha risposto?

Arduino “ Non me ne importa nulla, falla prima di uscire e vacci di corsa!

Vittoria …Povero Signor Arduino… Ma, ci dica, per caso ha s aputo nulla di Albertoe della Iole?

Arduino …Quelli fuggiti assieme?

Vittoria Cosa, cosa, ma che ci dice? Come fa a dirlo?…

Arduino Signore carissime, voi li vedeste dalla finestra uscire con le valige…O no? Vittoria Sì, va bene ma che vuol dire?…

Arduino Niente più oltre di ciò che ho meramente detto: fu ggiti dalla finestra,

portando seco dei bagagli: questo è già tanto, mi sembra…

Fiorenza Sì, ma perché lei dice che sono fuggiti assieme?…

Arduino Semplice, perché prima è uscita la Signora Iole ea seguito di ella,immantinente, il signor Alberto, ciò si intende com e fuggire assieme, mentre il Signor Oreste non sembrava partecipe di cotanto affare… Se ne conviene?

Fiorenza Questo lo abbiamo visto anche noi due e con noi tutti quelli che erano lì,ma perché lei dice “s-o-n f-u-g-g-i-t-i a-s-s-i-e-m-e”?

Arduino Semanticamente con l’espressione, non lo nego, da me usata, s-o-n- f-u-g-g-i-t-i a-s-s-i-e-m-e si intende di persone che lasciano un luogo in modo precipitevole per dirigersi verso altro luogo distante dal primo. Ciò mi par ben descriva le circostanze che hanno visto come protagonisti il Signor Alberto e la Signora Iole.

Vittoria Fiorenza, lascia fare a me… Signor Arduino, si vole va dire, fuggire sì, masecondo lei, perché fuggivano “assieme”, e per anda re dove?


Arduino Carissime signore, si fugge sempre per paura di qualcosa, anche se diquesto qualcosa non è sempre dato sapere agli altri: fugge pur sempre chi si affretta a lasciare un luogo in modo concitato nella bramosia di raggiungerne un altro, così che non v’è dubbio alcuno che il Signor Alberto e la Signora Iole, l’altra sera fuggissero e lo facessero… Assieme!

Vittoria Oddio! Si, ma secondo lei dove andavano?

Arduino Sappiamo verso dove, ma quel che conta è il perché, che fatto salvo leapparenti condizioni del Signor Oreste, che altresì potrebbero essere opinabili seppur apparentemente oggettive…

Vittoria (rivolta a Fiorenza sottovoce)…Ma è un vero perfetto imbecille!?

Fiorenza (idem) Un imbecille perfetto direi…(di nuovo verso Arduino) Quindi leinon sa altro?

Arduino Altro non so, ripeto, più di quel che vidi, ma un uomo che dorme e per dipiù russa, non è solitamente cagione di fuga per nessuno chiunque esso sia…

Fiorenza Senta Signor Arduino, noi non gli si manda a dire dietro, noi non lacapiamo quando parla, ma se sa qualcosa che noi non sappiamo sulla Iole e Alberto, e ce la vuol dire, bene, se no, visto che cose da fare in un giorno come questo non ci mancano, lei vada a fare le sue, che noi andiamo a far le nostre…

Arduino Ma signore carissime, denoto nei miei confronti un tono di risentimento lacui gagion mi sfugge… Non vi è cosa che io sappia c he non fosse palese anche a voi, che pur niente di anomalo mi par abbiate osservato… Pertanto...

(Fiorenza e Vittoria si guardano stupite luna con l’altra) Vittoria Va bene, va bene abbiamo capito, grazie signor Arduino, tante belle cose e arrivederci… Ci saluti la sua cara moglie…

(Arduino se ne va titubante) Fiorenza …Ma, vuoi vedere che sul serio ha ragione sua moglie, quando dice che è veramente un perfetto imbecille!?

Vittoria Ma secondo te sapeva qualcosa e non ce la voleva dire?

Fiorenza Guarda, non lo so, ma quel caffellatte che gli aveva fatto la Iole, te loricordi, Oreste aveva detto che aveva un sapore strano...

Vittoria (si porta le mani al viso) Dio mio! L’ha avvelenato! Non ci posso credere.


Tosello (arriva con una stagna di acqua in mano) Certo se aspettavo te per portarel’acqua, altro che il soccorso di Pisa… ti parevi c he non erti qui a traccheggiare!

Fiorenza Guarda, stavo venendo proprio adesso… Che vuoi, si sta tutti in pensieroper il povero Oreste, non si sa che gli è capitato…

Tosello Ecco, brave, allora ora potete stare tranquille, Oreste l’ho visto dieci minutifa in piazza che parlava con Dante…

Fiorenza Cosa? E’ tornato?… E che ti ha detto delle Iole?

Tosello Donne, mi fate passare per favore che devo salire le scale?… Ma che vuoi

che mi abbia detto, mi ha raccontato un po’ quel che gli era successo, ora sembra stia bene... Fiorenza, mi fai passare per favore o si traccheggia dell'altro?

Vittoria …Eccolo, eccolo, sta arrivando, è da solo…

Tosello Fiorenza, bada, io vado su a vuotare la stagna, ma ora ci vai tu a fare la fila…


Fiorenza Sì, sì, non ti preoccupare, la fila… Sì la fila… Osta? Ci ha fatto prendere un bello spavento a tutti…


signor Oreste, ma come


Oreste Mamma mia che giornate sono queste…

Vittoria Ma che le hanno fatto all’Ospedale?


Oreste A me sembra che ci abbiano capito poco e nulla anche loro… A Careggi, mivolevano tenere ancora lì, ma ho firmato e sono venuto via…

Fiorenza C’era parecchia confusione?

Oreste C’era un casino! Gli anziani di Montedomini li avevano portati lì, la Corte deiMiracoli, gente a letto, in carrozzina... Qualche ricoverato secondo me se lo sono perso in Arno, tanto quelli non li cercavano più nemmeno da vivi…

Vittoria Si ma a lei che le hanno fatto?

Oreste Mi hanno fatto un po’ d’analisi, tutto a posto, an che la pressione, mi hannochiesto se avevo preso qualche medicina prima di sentirmi male ma figuratevi… Per me le farmacie potrebbero fallire…

Fiorenza Allora insomma… Si, tutto bene?


Oreste Si ma ora voglio salire in casa, guardate in che condizioni sono, sembro unbaston da pollaio e ho anche fame… Speriamo la Iole ci abbia pensato…

Vittoria …Perché la Iole non è venuta via con lei?…

Oreste Con me? State zitte che è meglio…Vorrei proprio sa pere che sistema èquello! Mi hanno detto che m’ha accompagnato a Careggi ma a un certo punto è andata via, ha detto che doveva tornare a casa … Ma h, sempre cose strane lei…

Fiorenza …A casa?

Oreste Sì a casa, perché non l’avete vista?

Vittoria …Sì, sì s’è vista sa, ma ieri e oggi s’è avuto alt ro da pensare, siamo statitutti a spalare la mota e insomma… Non ci s’è parla to bene... Ma lei Oreste lo sapeva che in Ospedale ce l’ha accompagnata anche Alberto?


Oreste Alberto? No, non lo sapevo… Allora bisogna che locome sta?


vada a ringraziare … Lui


Vittoria Chi lui?… Ehm… Si, si è visto, ci ha detto qualcos a… Tutto bene, ma oracredo che su non ci sia… Sarà a dare una mano anche lui a spalare.


Oreste Donne scusate ma se non mi metto un po’ a posto, con tutto questo fangoaddosso mi risento male… Ci si vede più tardi…

Fiorenza A rivederla Oreste, e si riguardi… Oh Vittoria, ma che bischerate gliracconti… Ora quello sale in casa e non ci trova la moglie!

Vittoria E secondo te che gli dovevo dire, “guardi, invece di salire in casa, farebbemeglio a tornare in ospedale tanto, è questione di minuti, gli si piglia un altro accidente?…”

Tosello (esce di casa con la tanica vuota)Ma che sei ancora qui? Allora mi pigli peri fondelli!!! T’avevo chiesto di metterti in fila per l’acqua, ora mi tocca aspettare un’altra ora … Ma la smetti di ciaccolare tutto il giorno!

Fiorenza Vittoria, via, vado, se ne parla dopo, devo andare…

Tosello No, lascia perdere, oramai non ce n'è più bisogno,tanto a fare la fila in due oa farla da solo, non mi cambia nulla…Piuttosto vai su a rimettere i fiaschi d’acqua, l’ho lasciati sul tavolo per venire da te che pensavo fossi in fila… Ma pensa quanto sono bischero! (si allontana)


Vittoria Povero Tosello, l’hai fatto arrabbiare…

Fiorenza Ma chi se ne frega, sapessi quante volte m’arrabbio io…

Oreste (esce trafelato dal portone)Disgraziata, delinquente, sgualdrina che non seialtro, ma me lo dovevo immaginare…Un biglietto, un biglietto, ecco quello che m’ha lasciato…

Vittoria e Fiorenza Oreste, Oreste che succede?

Oreste (si siede affranto)Maledizione a me che son stato tanto ingenuo da non volercredere di che pasta era fatta… Ma qualcosa me l’er o immaginato, io… Sempre silenziosa, mai un sorriso, tutto fatto sembrare solo per dovere…

Vittoria …E’ successo qualcosa alla Iole?

Oreste Ma magari gli fosse successo qualcosa per davvero…

M’ha lasciato questo

biglietto…

Fiorenza Vedere, vedere…

Oreste No, levatevelo dal capo, non ve lo faccio leggere…

(Gli passa la lettera) Mi

lascia perché siamo troppo diversi e ha scritto chenon mi ama più, che ha bisogno di rifarsi una vita perché è ancora giovane, e che questa città lei l’ha sempre odiata perché è pettegola, e che addirittura mi dice che c’è un altro uomo che ama…Capite, aveva un amante, la maledetta…Ma io me lo sentivo, io me lo sentivo…

Fiorenza …E…E non c’è scritto niente d’altro?

Oreste (si alza in piedi)…Ma che vi sembra poco? Non ci mancava altro che michiedesse anche i soldi della liquidazione…


…Ma no, che dice, per l’amor del Cielo, forse si s


arà trattato…


Oreste …Ma che la difendete? Allora siete in combutta con


lei?


Fiorenza e Vittoria No, no, no…


Oreste Ma non la passa liscia, qualcosa si potrà fare a u na che va via di casa così elascia un marito abbandonato e solo…Vado dai Carabi nieri, a me dell’alluvione non me ne importa nulla e poi, si starà a vedere… Fate tanto che me la ritrovino… (se ne va furibondo)


(Vittoria e Fiorenza si guardano in silenzio sgomente) FiorenzaLa Giorgina, ora chegli si dice alla Giorgina…Sarà qui a momenti, lei p overetta non si immagina nemmeno nulla. Sai che Casamicciola!?!

Vittoria …La verità, che gli vuoi dire, tanto se non gliela diciamo noi la verità lacapirà da sola, ed è peggio… Oddio! Eccola!

Giorgina Ho visto Oreste che era tutto infuriato, lo volevo fermare per sapered’Alberto ma m’ha mandata a quel paese, ma che è successo? E’ tornato Alberto?

Fiorenza Eh… Alberto, no… Non ci sembra.


Vittoria …Oreste ha avuto dei problemi con la Iole… Ora magCon l’ospedale ci hai parlato…


ari ti si racconta ma…


Giorgina Si, ho parlato con l’astanteria, sono stati gentilissimi lì in Palazzo Vecchio,si son fatti in quattro…Ma che vi devo dire, è tut to strano, dice che a Careggi quella notte si sono presentati un uomo e una donna ad accompagnare Oreste, ma loro hanno capito che erano due vicini di casa, no la moglie…

Fiorenza E poi che hanno fatto?

Giorgina Sono stati un po’ li e poi sembra che se ne siano andati via tutto a un trattocon una macchina… Non capisco…

Vittoria …Ecco la macchina, la guidavano loro?

Giorgina …Ma che ne so chi la guidava, che volete me ne imp orti, penso adAlberto… Se dopo gli è successo qualcosa… Ma disgra zie non se ne segnalano.

Vittoria …Se disgrazie, ecco, non se ne segnalano…

Fiorenza …Di per certo sono vivi.

Giorgina Donne, siete strane, ma sapete qualcosa e non me la volete dire?… Che èsuccesso?

Fiorenza O Giorgina, ma guardati intorno, come ci puoi chiedere ancora cosa èsuccesso…

Giorgina (non raccoglie l’allusione)Sì, questo lo intendo, ma voglio dire… Dellepersone, non delle cose.

Vittoria Ma Oreste, prima, non ti ha detto proprio niente, niente?


Giorgina Vittoria, te l’ho detto, lo volevo fermare quanto è vero Iddio, ma credo nonm’abbia nemmeno visto, sembrava accecato…

Fiorenza E infatti era come accecato…

Giorgina Come sarebbe a dire?

Fiorenza Accecato dalla rabbia, dalla gelosia…

Vittoria …La Iole è….

Giorgina La Iole è?

Vittoria …E’ scappata di casa!

Giorgina E’ scappata di casa? O Quando?

Vittoria E’ scappata di casa quando gli è parso bene di farlo…

Giorgina …E perché?

Vittoria E’ scappata col… Col suo amante!

Giorgina Amante? Quale amante? La Iole aveva un amante?…

Fiorenza …Sì la Iole aveva un amante, noi nemmeno si poteva immaginare… Oraperò si sa!

Giorgina E chi era il suo amante?…

Fiorenza Giorgina ascoltami, lo sai che ti si vuol bene, io e la Vittoria sono più di 15anni che…

(Alberto sporco e visibilmente distrutto si presenta in strada) Alberto …Giorgina, Giorgina, sono qui…

Giorgina (corre ad abbracciarlo)Alberto, Alberto, che pena e che paura, finalmentesei qui, quanto ti amo e quanto mi sei mancato…(Vit toria e Fiorenza si allontanano quasi alla chetichella) Ma che ti è successo, ho avuto tanta paura…

Alberto Giorgina non è stata una cosa semplice e te la racconterò, ma un po’ allavolta, ora restiamo abbracciati…E non stacchiamoci più…


Giorgina Sì, sì… Ma anche qua sai, ne son successe di cotte e di crude quando nonc’eri! Della Iole… Oddio , non ci posso nemmeno pen sare… L’è sulla bocca di tutti!

Alberto (preoccupato e sorpreso)La Iole? Come sarebbe a dire la Iole…


Giorgina Sì, sì… O pover’amore, te lo dico ma non ci rimaneaveva un amante… Ed è scappata con lui…


re male sai… La Iole


Alberto (sempre più preoccupato)Un amante? E si sa anche chi è, l’amante?…

Giorgina Io non lo so… Forse sarà stato uno di quei pompier  i! Ma Alberto non fare


così, stai allegro ora che sei tornato e l’Alluvion e è passata… Tanto queste sono cose che, ringraziando Iddio e la Vergine Maria, a noi due non ci potranno mai, e dico mai, succedere!

Narratore (entra) …E andò così…Alberto, alla fine, preferìrisalire su quel taxi che lo aveva portato in Svizzera e ritirarsi, sempre come avevano fatto in quei giorni le acque dell’Arno, nel

suo letto di sempre… Certo di cose ne avrebbe avute da spiegare a Giorgina… Ma voi mi chiederete, tu come fai a conos cere tutte

queste cose, che mai si son lette nelle cronache? Signori miei, lo so, è giunta l’ora che io mi presenti…( entra Marino di corsa e va ad abbracciare il narratore)…Il mio nome è Marino.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 26 volte nell' arco di un'anno