Tot sò pàder

Stampa questo copione

TÖT SÒ PADÈR

TÖT  SÒ  PÀDER

Di Velise Bonfante

Scena: una sala o un salotto. Per accentuarne la somiglianza padre e figlio saranno vestiti nello stesso modo e con identico cappellino. Carolina e Bice entrano chiacchierando del più e del meno e si siedono. Fuori scena si sentono poi dei rumori strani ed un tonfo.

Personaggi:  Piero      - il padre

                     Bice        - la madre

                     Carletto  - il figlio

                     Carolina  - la vicina di casa

*****

Carolina) E isé la Giüsipina la m’ha dit che sò fiöl el völ ‘ndà a l’università.

Bice) L’è na bèla idea, al dé de ‘ncö en titol de stüde el fa mai mal.

Carolina) Ghe l’ho dit apó me ai me fiöi, stüdì tuss, stüdì che...

(Piero entra in scena interrompendola e imprecando. È in ciabatte, zoppica, si tocca sempre e solo il piede. Carolina scatta in piedi spaventata.)

Piero)  Diàol de ‘n ca bastard e co’ la rògna e pié de piöcc, de ‘n porsèl màgher empìch e de na scròfa pòrca e de la vaca gròsa de sò sorela...

Carolina) Me l’è mèi che naghe, se vedóm dòpo Bice (si alza ed esce).

Piero) (Ogni tanto si tocca un piede e lo massaggia) Sèmper che la menada ché, Bice te l’ho dit sènto mila ólte de tirà vià la mensola zó en cantina, ma te niente, niente!

Bice) Che la mensola la me ocór de postaga ensima le ròbe, endó le pòste le bòse de salsa? E i chicömer? E i peerù e le melanzane sot’azét?! T’èl sét che gh’è chèla mensola lé en cantina! Piero varda che l’è vint agn che la gh’è e te, mai contènt,  töte le òlte de ghe ve adòs.

Piero) (Toccandosi il piede sotto gli occhi incuriositi della moglie) Vàco cane de na galina spórca en de ‘n polér spórch. G’ho ciapàt öna söcada mia de schèrz. Chisà che brignòcola che me vegnarà sö.

Bice) (Stupita) Ma, la mensola l’è per aria.

Piero) Certo, e varda che brignòcola gh’è dré a vègner föra!

Bice) E alura perchè te masagèt el pè?

Piero) Perché, del grand nervùs che m’è vignìt adòs, g’ho piantàt öna pesàda  al mür

Bice) Co’ le saàte?! Brào fürbo (ridacchiando).

Piero) Varda che gh’è mia tant de rìder! Te sét bràa a rìder de le disgrazie dei alter, volarés véder se la ghés de capitàt a te na ròba isé, se  e rìdet amò.

Bice) Me g’ho mai piantàt le pesàde al mür co’ le saàte. E gna co’ le scarpe se l’è per chèl.

Piero) Te, te sét semper pö bràa dei àlter. Te, te vöt semper saìghela pö lónga.

Bice) (Sospirando) G’hét òja de tacà bega? Se te vöt tacà béga a töcc i còsti Piero, dìmel che isé me regole. E pò, cosa sét endàt a fa en cantina?

Piero) A tö ‘l turtùr del vi.

Bice) El turtùr del vi? ma  l’è mia la stagiù nè de ‘nfiascà nè de traazà chesta!

Piero) El só apó mè chèl senza che te m’el dìzet te Bice. El me ocór per mèter la benzina en de ‘l muturì de tò fiöl.

Bice) Perchè la benzina nif mia al distributùr a fala?

Piero) Perchè Bice, per ‘ndà al distributùr ghe völ la benzina, e lü, a fòrza de ‘ndà en giro col muturì senza mai mitìghen, l’è restàt senza. Chèl fürbo de tò fiöl.

Bice) Per via de fürbisia el sarà fiöl de sò pàder.

Piero) Varda Bice che mé...

Carletto) (Entrando ed interrompendolo) Alura bubà, el turtùr endó el?

Piero) Vacco cane, el turtùr l’ho mia töt sö, l’ho desmentegàt zó en cantina!

Bice) Isé te sét ensöcàt apó per gnènt! Valà che vó zö mé a tö el turtùr (esce per andare a prenderlo in cantina).

Carletto) Cosa ghét fat al pè bubà?

Piero) Me só ensöcàt.

Carletto) Al pè bubà?

Piero) No, el pè l’è stada la pesàda che g’ho dat.

Carletto) (Interrompendolo) Se mai, na pesàda che te ghé ciapàt!

Piero) No, che g’ho dat al mür dal gran nervùs che ghére!

Bice) (Entrando con un imbuto) Ècol ché ‘l turtùr, el chèsto che ve ocór?

Carletto) (Lo prende  in mano) Te bubà, el me par en pó picól, che ‘n dìzet?

Piero) Giü pö grant gh’el mia Bice?

Bice) No, se te vöt ghe l’ho pö picol.

Piero) (Al figlio)  Pröóm con chèsto, volaradì che  staróm en grand atènti.

Carletto) Faróm pianì pianì bubà, en pó a la òlta.

Piero) Basta che ghe ‘ndaghe dènter asé per rià al distribudùr senza puciàl.

Bice) Sti atenti, me racomande, de mia combinàn giöna de le vòse come al sòlit.

(Padre e figlio escono e Bice si siede a cucire per qualche minuto.)

Piero) (Entrando precipitosamente) Bice, Bice smórsa töcc i föch, tira zó la corènte!

Bice) Sét dré a sorà Piero? Ché ghé n’è mia de föch empiss. Te, pötòst me par che te gàbet el föch al cül! E caèt chèl capèl lé che te fé rìder i pói. Gh’è töt nigól de föra.

Piero) El capèl l’è per scónder la brignòcola, e comunque gh’è mia tant de scherzà Bice. Contròla bé perchè el Carleto en del roersà la binzina el se l’è straacàda töta adòs.

Bice) Me paria a mé che j na fàes giöna de giöste. Ma g’hal mia dopràt el turtùr?

Piero) Chèl turtùr lè l’èra tròp picól, la binzina l’è endada föra töta.

Bice) Ma fra ‘nda föra töta e ‘ndà adòs a tò fiöl, gh’è na bèla diferenza.

Piero) Al  Carleto poarì, gh’è sbiusìt el pè, l’è nat zó de schéna e sicome el ghìa en mà la tanica de la benzina...

Carletto) (Entra sporco, inzuppato e soffiandosi su di una mano) Ohh che mal. Che paca che g’ho ciapàt a la schéna.

(Piero lo guarda sconsolato.)

Bice) Èi laur de fa chèsti? (Girandogli attorno) Varda come che te ghé riduzìt i vistìcc, ròbe de l’alter mónd. Varda che bràghe, varda che majù!

Carletto) (Al padre, sempre soffiandosi su di una mano) Varda che màder, la me domanda gna se me só fat mal, la pensa ai vistìcc lé e mé che g’ho ciapàt öna gran paca en de la schéna, ma na pàca. Oh che mal.

Bice) A la schéna? Ma perchè te sópiet en sö le mà alura?

Piero) (Spiegando a gesti) En del sbiöser el g’ha slargàt i brass e la mà la gh’è finida sö giöna de le tò piante gràse.

Carletto) Mama,  pròpe en garage ghét de mèter le piante che spina? Ghe nét mia de alter posti?

Bice) Se le lase de föra le me se zéla d’inverno. Dai fam véder, spèta che vó a tö na pinsèta e te tire vià i spì (cerca una pinzetta ed incomincia a togliere le spine).

Carletto) Ahi... va piano... ahi... ahi... ohhh... ahi....

Bice) Va là Carleto che te mörèt mia per isé póch, certo se te staèt en bris pö atento.

Carolina) (Entrando) El permesso. Santo cielo, cosa gh’è sücès amò!? Beato cielo Carlèto! Sét semper dré a fat mal

Bice) (Al marito) Porta tò fiöl de là a das öna laàda, dopo vedóm se l’è ‘l caso o nò, de ciamà ‘l dutur.

(Padre e figlio escono zoppicando entrambi vistosamente, Carletto ha una mano sulla schiena dove ha preso la botta.)

Bice) (Osservandoli uscire) Certo che ‘l me Carlèto l’è ‘n póm spartìt con de sò pàder, dò góse de acqua. El me Piero el pöl ciapà töte le brignòcole che ‘l völ, ma la zènt la pöl mia dì che ‘l sò Carlèto l’è en corèn.

Carolina) Te ghé rizù Bice, pàder e fiöl j-è prope dò góse de acqua.

Bice) Stès caràter, stès modo de fa, enfinamai lo stès modo de caminà. Certo che ‘l me Carleto de picinì l’èra en gran bèl , biónd e riss. Dai sèntet zó Carolina, che fó en bèl cafè, ghó pròpe bisògn de tiràm sö.

Carolina) Me ‘l ricordé bé apó mé ‘l Carleto de picinì. Come che i pasa j-agn.

Bice) I va che i vùla.

Carolina) I pasa che i brüza, el fato l’è che deentóm vècc sensa saìl.

Bice) El sét Carulina che el més che vé l’è el  mé aniversario de matrimonio. Quanti agn! E per festegiàl vöi fa en bèl viagèto, andà...

(Si sente un “patapam” e subito dopo chiamare “màma” e Bice” )

Bice) Cosa gh’è sücès amò? (corre a vedere)

Carolina) (Al “patapam” scatta in piedi. Rimasta sola, al pubblico) Poera fómna, fra pàder e fiöl na ólta o l’altra i ghe farà vègner l’infarto a forza de faga ciapà chèi  spaèncc lé.

Bice) (Rientrando) Pensa Carolina, giü ‘l tignìa sö l’alter e isé per aidàs i g’ha sbagliàt l’ultìm panèl e j-è burlàcc en terà töcc du ensema.

Carolina) Sei  facc mal?

Bice) (Va a prendere le tazzine) Sito, sito che staolta  l’è ‘ndada bé. J-è ‘ndàcc a rifinìss en sö ‘l materàs che ghìe postàt lé per caso en fónt a le scale. L’è ‘l materàs de la camera dei ospiti, vulìe portàl de föra a faga ciapà aria.

Carolina) Na bèla fürtuna cascà de le scale e troà en fónt en materàs!

Bice) (Viene col caffè e lo versa) E menomal. Ringrazióm la Madóna che l’è ‘ndada bé, ma na ólta o l’altra chisà cosa i me cumbina! Fra töcc du, varda, i me na fa pès de Bertoldo. Uff se só stöfa (mette lo zucchero) che siègn dré a dì Carolina?

Carolina) Che ‘l més che vé l’è l’aniversario del vòs matrimonio...

Bice) Ah se...

Carolina) E che völèt fa en bèl viagèto. Endó cöntet de na Bice?

Bice) Varda Carulina se nó l’è na bèla idea. Finura l’è ‘ndada bé ma per precauziù (al pubblico) me garés pensàt de ‘ndà  a “Lourdes” e de bötai zò töcc du en de la fontana!

(Carolina annuisce.)

Fine

TUTTO SUO PADRE 

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Scena: una sala o un salotto. Per accentuarne la somiglianza padre e figlio saranno vestiti nello stesso modo e con identico cappellino. Carolina e Bice entrano chiacchierando del più e del meno e si siedono. Fuori scena si sentono poi dei rumori strani ed un tonfo.

Personaggi:  Piero      - il padre

                     Bice        - la madre

                     Carletto  - il figlio

                     Carolina  - la vicina di casa

*****

Carolina) E così la Giuseppina mi ha detto che suo figlio vuole andare all’università.

Bice) È una bella idea, al giorno d’oggi un titolo di studio non fa mai male.

Carolina) L’ho detto anche ai miei figli, studiate ragazzi, studiate...

(Piero entra in scena interrompendola e imprecando. È in ciabatte, zoppica, si tocca sempre e solo il piede. Carolina scatta in piedi spaventata.)

Piero)  Diavolo di un cane bastardo con la rogna e pieno di pidocchi, di un porcello magro impiccato, di una scrofa porcella e della vacca grossa di sua sorella...

Carolina) È meglio che io vada, ci vediamo dopo Bice (si alza ed esce).

Piero) (Ogni tanto si tocca un piede e lo massaggia) Sempre la stessa storia, Bice, te l’ho detto centomila volte di tirare via quella mensola in cantina, ma tu niente, niente!

Bice) Quella mensola mi serve per appoggiarci sopra le cose, dove le metto le bottiglie della salsa? E i cetrioli? E i peperoni e le melanzane sott’aceto? Lo sai che c’è quella mensola in cantina! Piero guarda che sono vent’anni che c’è e tu, mai contento, tutte le volte ci sbatti contro.

Piero) (Toccandosi il piede sotto gli occhi incuriositi della moglie) Vacco cane di una gallina sporca in un pollaio sporco. Ho preso una zuccata mica da ridere. Chissà che bernoccolo mi verrà fuori.

Bice) (Stupita) Ma, la mensola è per aria.

Piero) Certo, e guarda che bernoccolo che sta per uscire fuori!

Bice) E allora perché ti massaggi il piede?

Piero) Perché, dal grande nervoso che mi è venuto addosso, ho piantato una pedata al muro.

Bice) Con le ciabatte?! Bravo furbo (ridacchiando).

Piero) Guarda che non c’è molto da ridere. Tu sei brava a ridere delle disgrazie degli altri, vorrei vedere se fosse capitata a te una cosa così se rideresti ancora.

Bice) Io non ho mai dato delle pedate ad un muro con le ciabatte. E nemmeno con le scarpe se è per quello.

Piero) Tu, tu sei sempre quella più brava degli altri. Tu sei sempre quella che vuol saperla più lunga.

Bice) (Sospirando) Hai voglia di litigare oggi? Se vuoi litigare a tutti i costi Piero, dimmelo che così mi regolo. E poi, cosa sei andato a fare in cantina?

Piero) A prendere l’imbuto del vino

Bice) L’imbuto del vino? Ma non è la stagione né di infiascare né di travasare questa.

Piero) Lo so anch’io senza che me lo dica tu Bice. Mi serve per mettere la benzina nel motorino di tuo figlio.

Bice) Perché la benzina non andate al distributore a farla?

Piero) Perché Bice, per andare al distributore serve la benzina, e lui, a forza di andare in giro col motorino senza mai metterne dentro, è rimasto senza. Quel furbo di tuo figlio.

Bice) Per via di furbizia sarà figlio di suo padre.

Piero) Guarda Bice che io...

Carletto) (Entrando ed interrompendolo) Allora papà, dov’è l’imbuto?

Piero) Vacco cane, l’imbuto non l’ho preso su, l’ho dimenticato giù in cantina.

Bice) Cos’ hai preso una zuccata per niente ! Valà che vado giù io a prendere l’imbuto (esce per andare a prenderlo in cantina).

Carletto) Che cosa hai fatto al piede papà?

Piero) Mi sono inzuccato.

Carletto) Al piede papà?

Piero) No, il piede è stata la pedata che gli ho dato.

Carletto) (Interrompendolo) Se mai, una pedata che hai preso!

Piero) No, che ho dato al muro per il gran nervoso che avevo addosso.

Bice) (Entrando con un imbuto) Eccolo qui l’imbuto, è questo che vi serve?

Carletto) (Lo prende  in mano) Te papà, mi sembra un po’ piccolo, che ne dici?

Piero) Uno più grande non c’è Bice?

Bice) No, se vuoi ce l’ho più piccolo.

Piero) (Al figlio)  Proviamo con questo, vorrà dire che staremo un grande attenti.

Carletto) Faremo piano piano, un po’ alla volta.

Piero) Basta che ne entri a sufficienza per arrivare al distributore senza dover spingerlo.

Bice) State attenti, mi raccomando, di non combinarne una delle vostre come al solito.

 (Padre e figlio escono e Bice si siede a cucire per qualche minuto.)

Piero) (Entrando precipitosamente) Bice, Bice spegni tutti i fuochi, tira giù la corrente.

Bice) Stai diventando matto Piero? Qui non ce ne sono di fuochi accesi. Tu, piuttosto mi sembra che hai il fuoco nel sedere. E togliti quel cappello che fai ridere i polli. Fuori è tutto nuvoloso.

Piero) Il cappello è per nascondere il bernoccolo, e comunque non c’è molto da scherzare Bice. Controlla bene perché il Carletto nel rovesciare la benzina se l'è rovesciata tutta addosso.

Bice) Mi sembrava che ne facessero una di giusta. Ma non ha usato l’imbuto?

Piero) Quell’imbuto lì era troppo piccolo, la benzina è andata fuori tutta.

Bice) Ma fra andare fuori tutta ed andare addosso a tuo figlio, c’è una bella differenza.

Piero) Al  Carletto poverino, è scivolato il piede, è andato giù di schiena e siccome aveva in mano la tanica della benzina...

Carletto) (Entra sporco, inzuppato e soffiandosi su di una mano) Oh che male. Che pacca che ho preso nella schiena.

(Piero lo guarda sconsolato.)

Bice) Sono cose da fare queste? (Girandogli attorno) Guarda come hai ridotto i vestiti, cose dell’altro mondo. Guarda che pantaloni, guarda che maglione!

Carletto) (Al padre, sempre soffiandosi su di una mano) Guarda che madre, non mi domanda nemmeno se mi sono fatto male, pensa ai vestiti lei ed io che ho preso una gran pacca nella schiena, ma una pacca! Oh che male.

Bice) Alla schiena? Ma perché ti soffi sulle mani allora?

Piero) (Spiegando a gesti) nello scivolare ha allargato le braccia e la mano gli è finita su una delle tue piante grasse.

Carletto) Mamma,  proprio in garage devi mettere le piante che spinano? Non ce ne sono di altri posti?

Bice) Se le lascio fuori d’inverno gelano. Dai fammi vedere, aspetta che vado a prendere una pinzetta per togliere le spine (cerca una pinzetta ed incomincia a togliere le spine).

Carletto) Ahi... va piano... ahi... ahi... ohhh... ahi...

Bice) Va là Carletto che non muori per così poco, certo che se stavi un poco più attento.

Carolina) (Entrando) È permesso. Santo cielo, cosa è successo ancora? Beato cielo Carletto! Ma sei sempre dietro a farti male.

Bice) (Al marito) Porta tuo figlio a darsi una lavata, dopo vedremo se è il caso o no di chiamare il dottore.

 (Padre e figlio escono zoppicando entrambi vistosamente, Carletto ha una mano sulla schiena dove ha preso la botta.)

Bice) (Osservandoli uscire) Certo che il mio Carletto è una mela spaccata con suo padre, due gocce d’acqua. Il mio Piero può prendere tutti i bernoccoli che vuole, ma la gente non potrà mai dire che il suo Carletto è un corno.

Carolina) Hai ragione Bice, padre e figlio sono proprio due gocce d’acqua.

Bice) Stesso carattere, stesso modo di fare, perfino lo stesso modo di camminare. Certo che il mio Carletto da piccolino era un gran bello, biondo e ricciolino. Dai siediti Carolina, che faccio un bel caffè, ho proprio bisogno di tirarmi su.

Carolina) Me lo ricordo bene anch’io il Carletto da piccolo. Come passano gli anni.

Bice) Vanno che volano.

Carolina) Passano in un attimo, il fatto è che diventiamo vecchi senza saperlo.

Bice) Lo sai Carolina che il mese prossimo è il nostro anniversario di matrimonio. Quanti anni! E per festeggiarlo voglio fare un bel viaggetto, andare a...

 (Si sente un “patapam” e subito dopo chiamare “mamma” e Bice” )

Bice) Cosa è successo ancora? (corre a vedere)

Carolina) (Al “patapam” scatta in piedi. Rimasta sola, al pubblico) Povera donna, fra padre e figlio una volta o l’altra le faranno venire l’infarto a forza di farle prendere questi spaventi.

Bice) (Rientrando) Pensa Carolina, uno teneva su l’altro e così per aiutarsi hanno sbagliato l’ultimo scalino e sono caduti in terra tutti e due.

Carolina) Si sono fatti male?

Bice) (Va a prendere le tazzine) Sito, sito che stavolta è andata bene. Sono andati a finire sul materasso che avevo postato per caso in fondo alle scale. È il materasso della camera degli ospiti, volevo portarlo fuori a prendere aria.

Carolina) Una bella fortuna cadere dalle scale e trovarvi in fondo un materasso.

Bice) (Viene col caffè e lo versa) E menomale. Ringraziamo la Madonna che è andata bene, ma una volta o l’altra chissà cosa mi combinano. Fra tutti e due, guarda, me ne fanno peggio di Bertoldo. Uffa se sono stufa (mette lo zucchero) che stavamo dicendo Carolina?

Carolina) Che il mese prossimo è l’anniversario del vostro...

Bice) Ah sì...

Carolina) E che vuoi fare un bel viaggetto. Dove pensi di andare Bice?

Bice) Guarda Carolina se non è una bella idea. Fin’ora è andata bene ma per precauzione (al pubblico) io avrei pensato di andare a “Lourdes” e de gettarli tutti e due nella fontana!

(Carolina annuisce.)

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno