Totò… di Belmonte Mezzagno!

Stampa questo copione

(Inizia la scena con il buio,dove si sentono fuori scena un auto in corsa, una lunga frenata e poi uno schianto

Belmonte mezzagno    20 /01/08

                                Prefazione

Chissà quante volte, ci siamo trovati coinvolti in insolite situazioni ed abbiamo pensato: “La vita, che barzelletta!” Ed è il caso di Totò, un belmontese grandissimo amatore del calcio, mentre si recava allo stadio, per andar a vedere la partita del Palermo, si trova coinvolto in un incidente stradale e muore. Dopo la morte, la vita di Totò cambia! Si, proprio così, la sua vita cambia! Perché, a seguito di una strategia è riuscito a tornare sulla terra e  ... Volete divertirvi? Allora, buona lettura!

TOTO’...DI BELMONTE MEZZAGNO !

Commedia esilarante in due atti:

     GIOVANNI ALLOTTA

Personaggi  e  interpreti

TOTO’                Capo famiglia

ROSALIA           Moglie

GIUVANNI         Figlio

MATTEO           Cognato

COMPARSA 

SAN PIETRO

CONFRATELLO  S.ROSALIA

COMPARSA

(In scena tutto è buio. Si sente fuori scena un auto in corsa, una lunga frenata e poi uno schianto. Dopo qualche secondo si sente arrivare qualcuno. Il palco rimane in penombra se pur vi si trova l’attore)

TOTO’

(Entra e cerca di capire dov’è) Permesso! Buongiorno? Ma quale buongiorno, ca semu o scuru! Buonanotte! Ma unni jvu a finiri? C’è nessuno? (Si guarda intorno) Rosalia! Mancu a me casa sugnu. Si fussi a me casa,me mugghieri già s’avissi subitu graputu i cannarozza (Fa voce femminile) “Ti puliziasti i peri?” Fa cridiri, ca è pulita! Dicu ju, ma unni schifiu jvu a finiri? Dui minuti fa, ero ‘n menzu o trafficu, a cunfisioni, e ora sono al buio. Sugnu  o scuro totale! (Trova una sedia e si siede) Po’ essiri, ca sugnu nno dutturi? C’è nessuno? Nuddu curnutu mi rispunni!

DON CICCIO

(Uomo maturo. Entra tutto sporco di sangue. Maglietta tutta bucata e pantaloni stracciati) Permesso, si può?

TOTO’

(Tra se) Finalmente un curnutu ha risposto. Prego, prego. Si accommirassi!

DON CICCIO

Sonoo stanco morto! (Si siede) Ri dda sutta, pi arrivari cca supra a strata c’è! (Da la mano a Totò) Mi presento, sugnu don Ciccio u Chechè, staju a Palermo in via Pitrè, numero trenta trè, haju ‘na soru chi si chiama Vicè,me mugghieri è ‘na santa picchì me la da unni e ghiè. Palermo, quando mi vede s’inchina picchì sugnu u boss, don Ciccio u chechè!

TOTO’

(Porge la mano, don Ciccio non ricambia) Piacere, Totò di Belmonte Mezzagno! Abito in via Nino si sparò, u numero da me casa,vinni un corpu di ventu e  si scancellò. Me mugghieri è ‘na diavola, picchì u ciriveddu si ci abbruciò. Fici un incidente e u cofano da me machina si ammaccò. Mi guardo in giro e dico; Cca, a mia, cu minchia mi ci purtò! (Ha ancora la mano avanti, aspetta quella di don Ciccio)Chi fa a manu ‘un ma dà?

DON CICCIO

(Con durezza nel parlare) Ma picchì, io chi ti dissi comu ti chiami? Io mi sono presentato, picchì sugnu u to Dio, mi capisti?

TOTO’

(Guarda ad intervalli ma con insistenza don Ciccio,che infastidito gli fa capire gesticolando “Ma che vuoi?”) Bella sta  maglietta, ma che tessuto è?

DON CICCIO

Tela in-filo!!!

TOTO’

Ma è nuova?

DON CICCIO

No, è lavata con perlana!

TOTO’

Non so se l’ha visto, ma forse sta maglietta nun fu lavata bona.

DON CICCIO

(Infastidito) Ma chi stai dicendo! Ho usato dash, più bianco non si può! Effettivamente l’haju lavata tanti voti ca divintò così rossa, picchì a purtavu a lamiera!

TOTO’

Ma picchì è bucata? (Ride)  Havi i prese d’aria?

DON CICCIO

(Esaurito alza la voce) Stai parranno assai! Mi stai violentando, psicologicamente! Vò sapiri u picchì? Mi spararu! Mi spa-ra-ru! Con una lupara a canna mozza 16 valvole turbo diesel! Pi veniri cca, ‘un havia u tempu di passari ne me mugghieri e cambiarmi sti robbi fitusi!

TOTO’

Ma ‘un mi facissi ridiri! Ci spararu ed è ancora vivo? Ci pari ca sugnu cretinu, ca m’ammuccu sti fissarii!

DON CICCIO

Senti,già tu mi stai supra a ...(Si tappa la bocca)Io haiu dittu ca sugnu vivu? A sapiri, ca si furtunatu ca nni incuntramu cca! Picchì già semu morti! Si eramu a Palermo,ti avissi asciugato subitu subitu!

TOTO’

(Meravigliato) Morti? (Don Ciccio annuisce) Comu morti!

DON CICCIO

Ca comu ... morti! Io sugnu mortu ammazzatu e tu si...ma comu muristi? ‘un vju nenti di strano nne tia! 

TOTO’

Mi ricordu ca stava guidando, ma ora ‘un mi ricordu picchì stavo correndo. (pensa) Ah si! Pi ghiri o stadio! Ad un certo punto, ho sentito un forte botto e vitti ca ‘na machina si vinni a jttari supra chidda mia e mi s’ammaccò u cofano. (Si sforza a ricordare) Mi pari chiddu chi mi vinni a sbattiri fu,...me cugnatu Matteo. Si, propria iddu,sta cosa nutuli! Poi mi duliva u cori forti forti, e poi...eccomi qua! Visto ca lei se ne intende di morti, secunnu lei, murivu picchì mi duliva u cori?

DON CICCIO

No no! U cori non c’entra! Muristi,picchì si senza ciriveddu!

TOTO’

Chi c’entra! U ciriveddu bonu l’haju, mancu u sbattivu!

DON CICCIO

Senti picciotto, vidi ca don Ciccio u chechè, nun si sbaglia mai,picchì indovina ‘nzoccu e ghiè! / sempre tutto /  Io ti dissi, ca muristi picchì si senza ciriveddu, picchì, si tu havii ciriveddu, nun currivi ca machina! E cca,’un ci fussi! (Totò,si persuade che don Ciccio ha ragione)

TOTO’

Ragioni havi don Ciccio! E ora, visto ca semu morti, chi ci facemu cca?

DON CICCIO

Siamo in attesa di giudizio! Non appena sarà l’ora, saremo giudicati o pi ghiri in paradiso o pi ghiri all’inferno!

TOTO’

(Si gratta la testa) Bedda matri! Ora io, unni vaju a finisciu, vistu ca fici l’incidente e a me machina s’ammaccò tutta!

DON CICCIO

È tantu facili...o sfascio! (Si sente un tuono,la stanza si ricopre di fumo. All’angolo della stanza,si accende una luce,dove appare San Pietro)

TOTO’

(Sottovoce a Ciccio) Ma cu è chiddu cu tutti ddi chiavi?

DON CICCIO

(Sottovoce) Chi nni sacciu! Forse è u portiere du condominio du paradisu! Chiddu chi sapi tutti i trasuti e i nisciuti!

SAN PIETRO

(Capelli e barba lunga. Ha una veste bianca. Ha con se,tante chiavi) Salve, mia care anime. Il vostro cuore è venuto a bussare alla mia porta ed io ho aperto. Posso aprirvi le porte del paradiso o dell’inferno, come anche del purgatorio,sta alla vostra coscienza dirmi dove andare. Forza, vieni avanti prima tu Ciccio u chechè.

TOTO’

(Adirato) Signor lei, vidi che sono il primo! Totò di belmonte Mezzagno! Murivu prima di Don Ciccio! Un po’ di rispetto! Mi pari di essere nno dutturi, cu arriva pigghia e s’infila!

SAN PIETRO

Stai calmo Totò, con Ciccio farò subito!

DON CICCIO

Uella, chi è? Ficimu u surdato ‘nzemmula! . Un po’ di rispetto! Vidi ca io sono Don Ciccio u Chechè, u to Dio! Cumannu supra a terra, in cielo e unni e ghiè! ‘un tu fari ripetiri cchiù, vasinnò mi pozzu incazzè!

SAN PIETRO

Per me tu non sei nulla! Ho un solo Dio!

DON CICCIO

(A Totò) Chistu assai a campatu! Si parra ancora ci fazzu a peddi!  (Guarda a san Pietro) E puru,barba shampoo e capelli!

SAN PIETRO

(Apre un libro e legge) Ciccio u chechè, nato a Palermo il 31 ottobre di cinquant’anni fa.

DON CICCIO

Mi scusassi! Non sono nato il 31 ottobre(Nervoso) ‘un mi facissi perdiri la calma! Sono nato a cavallo tra il 31 ottobre e 1 novembre.

SAN PIETRO

Allora sei nato all’ippodromo?

DON CICCIO

(S’imbestialisce e Totò lo mantiene) Ti pari ca me matri è ‘na cavadda? Lassami Totò ca ce insignari l’educazioni! Lassami! Me matri, era accussì lenta comu un sceccu e iddu l’offende, dicennu cavadda!

SAN PIETRO

Non fare teatrino! Non ho offeso tua madre! Ora basta! Allora sei nato il primo novembre!

DON CICCIO

Noooo! Visto che sono nasciuto tra il 31 e il 1, nun fazzu parte né di ottobre,né di novembre.

SAN PIETRO

E di quale mese allora?

DON CICCIO

Io sono nato a ottembre!

SAN PIETRO

Mah...

DON CICCIO

Sono nato a ottembre. Punto e basta! E ricorda ca sugnu u to Dio! Quindi,si nun vo perdiri u posto come portiere du paradisu, zittuti e leggi! (A Totò) U vidi? Cumannu puru cca! Impara l’arti e mettila di parti!

SAN PIETRO

(Chiude il libro) Inutile leggere la tua lunga carriera da...criminale! Visto che comandi tu, dimmi,dove vorresti andare?

DON CICCIO

Ho un impegno importante! All’una, ci detti appuntamentu a unu a Vucciria. Nun c’è diri nenti, c’è fari satari sulu a testa! A sta cosa nutuli!

SAN PIETRO

Intendevo, dove vuoi andare in paradiso o all’inferno?

DON CICCIO

Pi ora mi nni vaju in paradiso, mi vaju a riposari. Domenica però, vaju all’inferno, pi arrostire anticchia di carne, du stecche di stigghiole...

SAN PIETRO

Certamente! (Don Ciccio guarda con fierezza a Totò. San Pietro,fa un battito di mani ed entrano due angeli giovani vestiti di bianco) Prendete e gettate questo uomo all’inferno! Quello è il posto adatto per chi non conosce l’amore di Dio!

DON CICCIO

(I due angeli lo afferrano con forza, perché egli si ribella. Uscendo Grida) No, non potete farlo! Io sugnu Don Ciccio u chechè e cumannu in terra in cielo e unni e ghiè!(Escono. Totò rimane sconvolto)

SAN PIETRO

(Riapre il libro) Totò, nato a Belmonte Mezzagno...ma qui, non mi risulta la tua data di nascita! Come mai?

TOTO’

Ce lo spiego io! Quannu nascivu, me patri si scurdà di andarmi a registrare all’anagrafe, picchì era analfabetico e nun sapiva firmari. Prima si fici un corso accelerato di scuola di allittramento e doppu, un misi mi registrò! 

SAN PIETRO

Allora,non sai esattamente quando sei nato!

TOTO’

Certo, che lo so! Sono nato, il quattordici  Febbraio, dell’otto Marzo!

SAN PIETRO

(Legge dal libro) Ah! Come posso vedere, qualche piccolo reato c’è stato!

TOTO’

E va beh! Cose ca capitanu e vivi!

SAN PIETRO

Cose che capitano ai vivi? Ma lo sai che devo punirti?

TOTO’

Ma che punire e punire! Io,nun fici nenti di mali! Si, è vero, fici ‘na  rapina, in un fruttivendolo, ma non ho rubato nenti di nenti! Sulu du banane, quattro broccoli e centu chili di citrola! –cetrioli-.

SAN PIETRO

Che ne dovevi fare con cento chili di cetrioli?

TOTO’

Siccome me mugghieri, a notti smanìa ca ci veni desideriu di citrola, così ci nni pigghiavu centu chili, accussì, a vogghia di citrola e citruluni!

SAN PIETRO

Ho capito! E dimmi, perché avevi una pistola?

TOTO’

Ci havia a ghiri, a manu nudi? Mi purtavu a pistola, pi nun farmi giudicari, dalle malelingue! (Cambia tono di voce come se parlassero altre persone) “Vergogna, va fa a rapina senza pistola, ma ‘un ci pari mali?” (A san Pietro) Io con gentilezza ci puntavu a pistola in testa o fruttarolu e ci dissi: “Per favore, a pozzu fari nna rapina?” U fruttarolu, ha visto le mie buone maniere e mi fici svaliggiari tutta la bottega!

SAN PIETRO

(Ride) E’ così,l’hai chiesto per favore?

TOTO’

Sintissi signor lei, mio padre mi ha sempre detto: “Figghiu miu, dice la mamma Rocca, si guarda ma non si tocca, quindi quando vuoi cocchi cosa,nun la rubari,ma chiedila per favore” E così ho fatto!

SAN PIETRO

Che siete strani sulla terra! (Legge con gli occhi il libro) Non mi risultano altri reati, lei è libero di entrare in paradiso. Prego,vada(Lo invita ad uscire)

TOTO’

Ma quali paradiso e paradiso! Io e ghiri o stadio a vidirimi a partita Palermo Catania! Anzi,mi nni facissi jri, ca già è tardu!

SAN PIETRO

Ma  quale stadio, non puoi più tornare sulla terra, ormai sei in cielo!

TOTO’

Si zittissi! Su u sapi me mugghieri ca haju u ciriveddu ‘nta l’aria, mi pigghia pi fissa! Mi nni facissi iri(Si avvia ) Sabbenedica nannò! Salutami a nonna!

SAN PIETRO

Ma dove vai? Ormai sei morto!

TOTO’

Morto? Allura e chiamari a me mugghieri e ci dicu, ca ritardu picchì sugnu mortu! Si nun ciù fazzu sapiri, chidda, m’ammazza! E poi, si avissi a calari a pasta prima, poi si rifridda!  (Prova a chiamare col cellulare, ma niente) Ma chi fa, ‘un pigghia?

SAN PIETRO

Non c’è rete, qui!

TOTO’

Chi m’interessa da riti! Mica e ghiri a piscari? E telefonare alla mia mogliera!

SAN PIETRO

Non c’è campo!

TOTO’

Comu non c’è campo! E i giocatori, dunni jocanu,  menzu a strata?

SAN PIETRO

Quale giocatori e stadio! Qua, siamo in cielo! Non esiste né stadio e né giocatori!

TOTO’

(Viene colto da malore e si tocca ogni angolo del corpo) Beddamatri, chi consumazioni! Mi doli u cori...mi doli u cori! Mi sta vinennu un infarto! Aiuuuuuutu!(Si tocca con entrambe le mani il collo)

SAN PIETRO

Il cuore  si trova più in basso!

TOTO’

Ho il cuore in gola! Aiuuuutu! Staju murennu! Mi doli u ficatu, mi doli u pan crecher! Mi doli u culu! San Pietro,mi sento mali aiutami! Staju murennu!(Stramazzato a terra come fosse veramente morto)

SAN PIETRO

Alzati scemo!

TOTO’

U scartu parrò! (Sofferente) Aiutami ca staju murennu!

SAN PIETRO

Ma già sei morto! Non puoi morire una seconda volta!

TOTO’

(Adirato) Unu mancu è libero di moriri tutti i voti chi voli moriri! Ogni ghiornu quannu sugnu a travagghiari, moru sempri! Mi ritiru a casa, stancu mortu! Arriva iddu è dici, ca nun pozzu moriri dui voti! Mah! E comunque, visto ca in cielo ‘un c’è stadio, mi nni scinnu a Belmonte! (Si avvia per uscire) Baciamo le mani. Nni videmu, cchiù tardu!

SAN PIETRO

Che incoscienza! Visto che non capisci, ti faccio un piccolo regalo. (Si sente qualche azione di partita e dopo il gol del Palermo)

TOTO’

(Esulta come un matto. Accompagnato dal battito delle mani) Palermo! Palermo! (Salta di gioia e canta come fosse allo stadio) Chi non salta è Catanese, ueh ueh! Chi non salta è Catanese, ueh ueh!...

SAN PIETRO

Stai calmo! Non siamo allo stadio! E sbrigati,entra in paradiso!

TOTO’

Ma quale paradiso! Vogghiu iri o stadio! (San Pietro dice sempre di no, ad ogni richiesta di  Totò, che piange) Vogghiu iri o stadio! Fammi scinniri, vasinnò ciù dico a me patri e ti fazzu dari bastonati! Vogghiu a me mugghieri vicinu, vasinnò, mi raffredda il cianco!  / fianco/

SAN PIETRO

È inutile che piangi, non puoi più tornare indietro! Non esiste alcun mezzo che dal paradiso, ti porti sulla terra! Lo vuoi capire!?

TOTO’

(Piange) E va beh! Ma fazzu a peri, fino a me casa!

SAN PIETRO

Come si vede che sei ignorante! Comunque, non ho tempo da perdere con te, io devo entrare, quando ti decidi, entra pure. (Sta per entrare)

TOTO’

Aspittassi! Mi vinni ‘na bedda pinsata! Ora io ci fazzu un indovinello e lei, mi deve sapere dare la risposta, ma si nun la sapi,mi fa turnari a casa! Ok?

SAN PIETRO

Sei cocciuto! Vuoi mettermi alla prova? Io sono San Pietro e so tutto! Avanti, fammi questo indovinello! (Totò si gira, dando le spalle a san Pietro, ed emette un grosso scoreggio) Beddu porco!

TOTO’

Quali porco! Io sono stato! Dal pirtuso del culo! Comunque, stu pirituni chi ci fici, fa parti dell’indovinello! Allura, mi dicissi: Di che colore è u piritu?

SAN PIETRO

(Non sa che dire) Bella domanda è questa! Penso ... rosso fuoco!

TOTO’

Se, rosso fuoco! Accussì ad ogni piritu, cu si trova darreri, mori bruciatu.

SAN PIETRO

Allora... verde! (Totò ad ogni colore dice sempre no) Giallo!...Viola! Fucsia!...Nocciola...

TOTO’

...Zuppa inglese, pistacchio, fragola. Ma chi ci trasi! Comunque, a quanto ho capito non sa la risposta, vero? (San Pietro annuisce) Allora, deve mantenere la sua promessa, m’hava a mannari a casa!

SAN PIETRO

Non posso farlo!

TOTO’

(Adirato) Come non può farlo! Prima mu dissi lei, e ora si rimancia a parola? Nun mi facissi incazzari, picchì sfascio tuttu u cielu! E poi vaju dicennu  ca fu lei!

SAN PIETRO

Ok, ok! Ho perso! Farò come stabilito! (Sottovoce a Totò) Ma non dire a nessuno che ti rimando sulla terra, altrimenti, perdo il posto di lavoro!

TOTO’

Nun si scantassi, a nuddu u dicu! (Lo bacia) Grazie, signor lei...

SAN PIETRO

Sono San Pietro!

TOTO’

E va beh, signor lei,...San Pietro! Lei è così generoso con me, nun si preoccupassi ca a lei ci farò un beddu regalu! Si lei mi dà, l’indirizzo du paradisu, fazzu acchiannari a lu me barberi, picchì da chiddu chi vju chiddu u suo murìu!

SAN PIETRO

Non dica scemenze e vai via!   

TOTO’

Ca prima m’insigna a strata, ca io mi nni vaju! Si mi perdu, nun arrivu in tempu e finisci a partita!

SAN PIETRO

Ora chiudi gli occhi e tra un attimo, sarai a casa tua.

TOTO’

Ma chi dici! Mi nne ghiri a casa, cu l’occhi chiusi? E si sbatto!...( Il palco si riempe di fumo e Totò si assopisce. Dopo un attimo si riaccendono le luci e ci si ritrova in casa di Totò)

ROSALIA

(Fuori scena) Giuvanni! Giuvanni! (Nessuna risposta) Chi ti scoppiassiru i timpani cu tutti i corna! Sì, cchiù crastu di to patri! (Entra in scena, in pigiama. Adirata) Mancu pozzu dormiri in paci, ca iddu è sempri cu dda radio a tuttu volume! (Nella stanza, c’è un angolo con una foto di un anziano, circondata da lumini. Rosalia si toglie il pigiama e vede che la foto la guarda) Chi talii! Vidi ca ti accussu a mamma! Girati! Ah, nun ti giri? (Va nel cassetto e prende la foto di una donna anziana) Mamà, u papà mi talìa mentri mi spogghiu! (Alla foto maschile)Si nun ti giri, ti spirtusa u vitru cu ‘na sputata e ti mette k.o! (Nulla si muove) Va bene, l’hai voluto tu! (Gira la foto della madre verso quella del padre, si sente uno sputo, cade la foto del padre) Bonu facisti mamà, su merita! (Posa la foto e si toglie il pigiama, di sotto è vestita. Intanto entra assonnato Totò) Si è svegliato il lavoratore!

TOTO’

(Assonnato) Ma chi ura è?

ROSALIA

L’ura di nobili! Sunnu i dudici e un quarto!

TOTO’

I dudici è un quarto? Misca, oggi matinata fici!

ROSALIA

Mischinu! Fici matinata! Stoccati i jammi e vidi ‘nzoccu a fari! Io havi ‘na matinata, chi sugnu fora a sparrari i cristiani ca zà Ninetta a baccalara e tu a dormiri! Ora, mu l’ivavu u pigiami io !

TOTO’

Picchì tu livasti? Stasira, ‘un ti la mettiri arreri?

ROSALIA

Mu livavu picchì era pulitu!

 

TOTO’

Pulitu? Fa ‘na puzza di frittura, ca pari ca i calamari d’assira i facisti fritti dintra u pigiami! Stanotte mi sognavo ca  era dintra ‘na profumeria, ma a puzza di frittura era nna tutti i profumi! E io pigghiavu a lignati a commessa, picchì mi pariva ca mi pigghiava pi fissa.(Nervoso) Ta livari u viziu, di mittiriti u pigiami, prima chi cuminci a cucinari! U pigiami si metti doppu!

ROSALIA

U pigiami mu mettu prima, pi fallo riempire di ciavuru di frittura picchì a matina fazzu  a gara cu Tanina a fitusa, a cu fa cchiù puzza di tutti e dui!

TOTO’

(Ironico) E stamattina, cu è ca faciva cchiù schifu di tutti e dui!  

ROSALIA

Ca idda!

TOTO’

(Sfottente) Porca miseria! Viditi chi cumminazioni!

ROSALIA

Vinci sempri idda! Ogni sira, so maritu prima di fari u strunzu, jetta pirita, idda i pigghia ‘n chinu, e a matina...parinu cani morti! Picchì nun lu fai puru tu u strunzu?

TOTO’

(Nervoso) Picchì ‘un ti fai pigghiari di pettu di un camion? Quantu finisci sta camurrìa! Dico io, l’unica cretina chi c’era nna stu paisi, ju m’ha sposavu! (Si tocca la pancia) Amunì, ca tappu un pirtusu. ( Chiama a bassa voce) Giuvanni, Giuvanni! (Nessuna risposta) Chi ci scoppiassi a pupilla da radio cuffia a quannu nun mi senti!

ROSALIA

Chiamalu cchiù pianu e vidi ca ti senti! ( Strilla) Giuvanni...Giuvanni ... rompiti i jammi cca!

GIUVANNI

(Entra con una radio al collo e con una musica partenopea ad alto volume. Dopo l’abbassa) Chi è mamma! Mi chiamavi? Chi mi ha diri?

ROSALIA

(Rabbia contenuta) Nenti! Ti vuliva diri sulu, ca t’hannu a cadiri  aricchi a quannu ti chiamu e nun mi senti!

GIUVANNI

Ma ju ti sintiva! E sulu ca ‘un putiva veniri, si nnò a musica cantava sula!

TOTO’

Picchì, tu ci fai, accumpagnamentu?

GIUVANNI

Si dici, arrangiamento! Cioè, ca mi arrangiavo a cantari cu cantanti, pi farici compagnia ca vuci!

ROSALIA

(Con falsa serenità lo accarezza) Sangu miu, u picciriddu fa l’arraggiamento! Ma dimmi ‘na cosa, ma ‘un ti siccanu mai i cannarozza?

GIUVANNI

‘un mi siccanu mai picchì io mi bivu l’acqua e cantu cchiù forti. (Accenna una canzone napoletana e Rosalia gli da uno schiaffo dietro il collo)

ROSALIA

(Adirata) Si cuntentu ca a tia nun ti siccanu i cannarozza, inveci nna me gola, ci voli u trapianto di midollare di polmoni, di quantu mi fai jettari vuci! Pezzi di trunzu, aiutami ad apparecchiari a tavula, ca poi ti nna ghiri cu ddu cosa nutuli di to patri o stadio!

GIUVANNI

Oggi o stadiu nun ci vaju, picchì e nesciri con delle amiche!

ROSALIA

Bonu fai, nescitinni! Mi pari a mia ca stannu sempri chiusu nna to stanza a a cantari,mi pari a mia, ca ti piaci assai, u microfono!

TOTO’

Uella! Chi è! Vidi a me figghiu ci piaci u pilu. Veru è o papà? (Giovanni annuisce) Comunque, ti nni po’ iri tranquillo con le tue crapuzze...

GIUVANNI

Vidi ca nun sunnu né crape e né pecore! Sunnu fimmine!

TOTO’

Nun ti scantare! Basta ca mungi! Comunque, o stadio ci vaju sulu! Oggi Palermo Catania...(Si ferma a pensare, incuriosisce Rosalia)

ROSALIA

Chi è! Picchì nun parri cchiù! Ti manciasti i paroli? Tranquillu, ora li digeri! Dimmillu quannu a fari u strunzu, ca mi mettu u pigiama!

TOTO’

(Serio) Vidi ca a navutru poco, nesci Pippinu u camionista.

ROSALIA

Chi m’interessa a mia, di Pippinu u camionista. Chi c’è diri?

TOTO’

Nenti! (Nervoso) Ti ci metti davanti u camion, quantu ti pigghia ‘n chinu! Quannu parri cu mia, a fari a persona seria! Nun a diri paroli inutili! Si poi ti servi u strunzu, và nna chidda du latu! Io, ‘un ma fidu a fari u strunzu!

ROSALIA

(Si innervosisce) Talè a chistu ca mi jetta vuci! (S’impettisce e Totò si nasconde dietro Giovanni) Chi è tutta sta confidenza! Ti pari ca ficimu u surdato ‘nzemmula! Quannu parri cu mia a misurari i paroli, se nò t’ammazzu! Nna chidda du latu nun ci vaju, picchì tu si bravu a fari u strunzu! Vero?

TOTO’

(Impaurito) Si, è veru! Sugnu bravu a fari u strunzu! Talmente sugnu bravu, ca quannu manciu pasta e fagioli, fazzu ri ddi strunzati...!

GIUVANNI

Ah, picchistu haju statu stunatu! Picchì l’aria è pesante di strunzati!

ROSALIA

E puru sta stanza è china di strunzi!

TOTO’

U sapiti chi stava pinsannu quannu mi firmavu? Sugnu un mortu vivu!

ROSALIA

Ora ti nni staj accorgennu ca si mortu vivu? Havi ‘na vita ca si, tuttu fumu e niente arrosto( Allude all’attrezzo intimo) A notti, ‘nveci di dormiri mi incueti pi fari..., ma ca fari ...si ormai è morto sepolto!

TOTO’

Ma zittuti! Nun mi riferivu a...chiddu è stato un difetto di fabbrica...

ROSALIA

(Tra se) Menu mali, ca c’è me cumpari Ninu chi mi zappa u tirrenu, fussi pi iddu, facissi sicari tutti cosi!

TOTO’

Vidi ca staju parranno! Un poco di educazione! Vi stava dicennu, ca prima chi mi svegliavu, havia murutu e mi trovava nne San Petru!

GIUVANNI

Papà, cu u zù Petru, chiddu chi vinni u baccalaru? Muristi dda!

ROSALIA

Mi pari logico ca muristi dda rintra, cu tutta dda puzza di pisci fitusi!

GIUVANNI

Unni i va pigghia, o sfasciu! A propositu, di sfasciu, l’avutru jornu l’amicu miu Vicè, havia invitati e accattò i pisci nno zù Petru. Doppu ca l’havia cuciuti, vitti ca i pisci si smuntavanu suli suli! A cu ci mancava l’occhiu, a cu i pinni, a cu aricchi, a cu i capiddi. U sapiti comu finìu?

ROSALIA

Comu finìu!

GIUVANNI

Finìu, ca si eru a curcari tutti di-gi-u-ni! Picchì Vicè circava, ma o paisi, pezzi di ricambio di pisci, nun ci nnè! Minchiuni du paisi, arretratu! 

TOTO’

A vuliti finiri! Jo dicia, San Petru, chiddu chi fa san Petru veru! E furu puru bravu! Quannu murivu a partita havia cuminciatu. Ora, mi fici resuscitari, prima ca accumincia a partita!

GIUVANNI

(In disparte alla madre e Totò origlia) Mamà, o papà vastunati ci nni a dari cchiù picca! U vidi comu ragiona? Senza ciriveddu!

ROSALIA

U sacciu figghi miu! U fattu ca discurri senza ciriveddu, hava essiri l’avutra vota quannu pi castigo u infilavu nna lavabiancheria, mi scurdavu ca era dda rintra e a fici girari pi tutta a jurnata! Forsi fu  a troppa candeggina, ci sculuriu u ciriveddu!

TOTO’

Scusatimi! Se vi disturbo i vostri discorsi, aumma aumma! Ma vulissi finiri di parrari! Vi stava dicennu: All’improvviso murivu e mi truvavu nne san Petru. Mischinu, havi tanti impegni ca mancu si po’ fari a barba! L’havi longa finu a panza!

GIUVANNI

Po’ essiri, ca u barberi, ci murìu!

TOTO’

Pensu di si! Ci promisi ca ciù mannu ju u barberi, si mi dava l’indirizzu. (Cerca nelle tasche) Unni u misi, l’indirizzu du paradisu?! U persi pi strata?

ROSALIA

(Nervosa) Haju ragioni a diri ca esageravu ca candeggina! Quantu mi nni vaju! Vaju accattu coloreria italiana, po’ essiri ca ci pigghia culuri u ciriveddu! (Esce)

TOTO’

(Al figlio) Ma chi schifiu voli diri to matri?

GIUVANNI

Mi dissi ca l’avutra vota, ti misi nna lavabiancheria e ci misi assai candeggina e ti sculuriu u ciriveddu. Ora, siccome ti voli bene, sta accattannu coloreria italiana, accussì u ciriveddu pigghia arreri coluri e tu, diventi cchiù scartu!

TOTO’

E tu, cridi ca sugnu senza ciriveddu comu dici to matri?

GIUVANNI

Nun cridu ca si senza ciriveddu, comu dici a mamma. Io penso, ca si completamente, pa pressa!

TOTO’

A mia dici pa pressa? (Lo rincorre per la stanza, l’acchiappa. Tenendolo per il braccio. Giovanni ha paura, gli implora pietà) Ora, ti fazzu vidiri ca ti pigghiu a lignati, comu pigghiu a lignati a to matri!

GIUVANNI

(Si rasserena) Ah, allura u capivu. Mi finiu bona, vastunati nenti!

TOTO’

Picchì dici accussì e nun ti scanti?

GIUVANNI

Di quant’havi ca vi canusciu, chiddu chi pigghia lignati cca dintra da mamma, si sempri tu!

TOTO’

(Riflette) Porca miseria, chistu è veru! (Tra se)  Pi fallu scantari di lignati chi pozzu fari?

GIUVANNI

Ti pozzu dari un consigliu. Io, mi scantu di tia, quannu fai a facci incazzata picchì ‘un po’ scorreggiari e ti sforzi! (Fa la faccia di chi si comprime su se stesso)

TOTO’

(Felice) Minchiuni veru! (Bacia il figlio) Amunì, priparati ca ti fazzu scantari. (Giovanni si sistema le vesti) Pronto?

GIUVANNI

Pronto!

TOTO’

(Lo tiene per il braccio. Fa la faccia brutta e ringhia. Voce tenebrosa) Ora ti pigghiu a lignati, comu quannu sugnu tappatu e nun pozzu fari u strunzu! T’ammazzu!

GIUVANNI

(Piange per la paura) Per favore papà, nun fari cchiù u strunzu! Mi sta facennu cacari di supra! Fai u bravu!

TOTO’

Ora ti spremu comu ‘na gaddina e ti tiru u coddu comu racina! – uva-

GIUVANNI

(Parla serio) Ma chi schifiu dici! Semmai, o cuntrariu! Ti tiru u coddu comu ‘na gaddina e ti spremu comu racina!

TOTO’

(Sempre con voce tenebrosa) Va beh, nun ti scantari, tantu ti ballu supra a panza e ti dugniu un cavuciu nno chicchiriddu! / capelli scomposti/

GIUVANNI

(Impaurito, quasi piangente) No! No chicchiriddu no! Ca poi e ghiri nno barberi pi farimillu pettinari e voli 15 euro! Fammi risparmiari sti picciuli!

TOTO’

(Bussano con insistenza e si adira e urla verso la porta) A cu è, ca ci siccanu i manu?! Trasemu!

MATTEO

(Schizofrenico. Entra con un cappotto lungo e chiuso) Buongiorno, buonasera a tutti! Amuninni di cursa ca già i cazzi l’haju rutti! Me mugghieri mi fici nna testa tanta, quindi spicciati, prima chi ci ripensa! (Non sta fermo su se stesso. Giovanni approfitta che il padre gli da le spalle, per  scappare)

TOTO’

Prima di tuttu, carmati e parra potabile e fatti capiri! Mi pari anticchia alterato! Si vuoi, ti pozzu fari carmari, cu ‘na insaccata di bastonati, propriu comu chiddi ca hava a pigghiari me figghiu Giuvanni ca scappò d’arreri i me spaddi!

MATTEO

(Si meraviglia) Aspetta, comu fa a sapiri ca to figghiu darreri di tia ‘un c’è, si nun ta giratu, ma l’haju vistu sulu jo?

TOTO’

Sugnu magicamente, magico! Haju occhi puru darreri a testa! (Matteo gli guarda la testa, gli scombina i capelli) A vo finiri! Mi sta scombinannu i capiddi, poi nno barberi ci vonnu 50 euro pi pettinalli! Fammi risparmiari sti picciuli!

MATTEO

Minchiuni, 50 euro? Si veni nne mia ti pettinu gratis, facennuti liccari da vacca! Comunque, darreri a testa occhi ‘un nni vju! Ma unni ci l’hai?

TOTO’

Nun si vidinu, picchì sunnu ad infrarossi! Comu chiddi du telefoninu! Me figghiu scappò, e l’infrarossi nno ciriveddò mu segnalò! Amunì, dimmi chi voi?

MATTEO

Chi vogghiu! Tu, scordasti, chi jornu è oggi?

TOTO’

Un jornu, chiossà di ieri, e menu di dumani!

MATTEO

Finiscila con il tuo poetico allittramento! Oggi è domenica...e allura, chi succedi a domenica?

TOTO’

Ca i mercatini sunnu chiusi, per riposo!

MATTEO

E u to ciriveddu, si nni va in ferie! (si toglie il cappotto, è vestito rosa nero) Oggi, si va allo stadio! U capisti? Oggi, scende in campo la magica Palermo, contro u Catania!

TOTO’

Minchiuni veru! Aspetta ca mi vaju a sistimari! (Esce e ritorna con sciarpa e bandiera del Palermo)

MATTEO

Bravo Toto’! (Entrambi, fanno il classico salto) Chi non salta è Catanese ueh ueh...! Senti Totò, siccome jo e passari a pigghiari a me cumpari, Ninu Sasizza, nni videmu dda!  Va bhe?

TOTO’

Va bhe! (Matteo sta per uscire e lo ferma) Aspetta! No, io o stadiu cu tia, nun ci vegniu! Tu, mi porti a morti! 

MATTEO

Picchì Totò? Picchì ti dissi, nni videmu dda?

TOTO’

Propria pi chistu! Si io, mi nni vaju ca me machina, poi arrivi tu pi strata e ti veni a jettari di supra e mi fai moriri!

MATTEO

Ma chi schifiu dici Totò?

TOTO’

Chi schifiu dicu? Dicillu a san Petru e vidi!

MATTEO

Senti Toto’, si nun po’ veniri o stadio ca to mugghieri o ritornu ti pigghia a vastunati, mu po’ diri! Ma no, ca mi cunti sti fissarii!

TOTO’

Fissarii! Vidi ca io, sugnu mortu vivu! Si io ora, vajo o stadio, fra...(Guarda l’orologio) Sunnu l’una, fra... un ura, avissi a moriri! Picchì, tu giustamente, si senza ciriveddu e ti veni a jettari di supra cu tutta a machina! Ti pari ca san Petru,mi po’ fari rivisciri sempri? Quindi, mi staju dintra e basta!

MATTEO

Minchiuni, discursi di taverna! Allura, tu mi vò fari cridiri, ca tu, già muristi e resuscitasti arreri? (Totò annuisce) Ma comu, u Signuri pi resuscitari ci stetti tri jorna e tu, ‘nta na para di uri morto e risorto!

TOTO’

E ti dicu puru, ca fra...(Guarda orologio) io murivu fra un ura e fra un’ura e un quartu, sparanu a Don Cicciu u chechè, cu ‘na lupara a canna mozza 16 valvole, turbo diesel!

MATTEO

Ma chi mi dici! (Totò annuisce) Vidi di tappariti a vucca, picchì chiddu è un boss! Si veni a sapiri sti cosi...t’ammazza a tia!

TOTO’

Un mi cridi? Ti dicu puru ca oggi u Palermu vince 5 a 3!

MATTEO

E vai! (Fa il tifo da stadio e batte la mani) Forza Palermo(Battito di mani) Forza Palermo.... Po po po po po po... (Dall’euforia passa alla tranquillità) Ma staju pinsannu, comu fai a esserne sicuru di tuttu chistu?

TOTO’

Quantu voti ti l’haju a diri! Sugnu magicu, picchì sugnu mortu vivu! U capisti? Si nun mi cridi, dicillu a san Petru!

MATTEO

Vulissi capiri io, quannu unu mori, mori e basta! Nun è ca, resuscita arreri! ‘nta 35 anni chi haju, nun haju mai vistu morti chi resuscitanu. Tu, comu schifia facisti? Prima, se è veru ca muristi!

TOTO’

Comu già ti dissi, murivu picchì tu, mi pigghiasti di pettu...

MATTEO

Aspetta! Dici ca ti pigghiavu ca machina, chi c’entra ora ca ti pigghiavu di pettu!

TOTO’

Chi ti veni, nna critinaggini! Pigghiari di pettu, nel nostro acculturamento Palermitanu ,nun significa, pigghiari di pettu ca machina?

MATTEO

Veru! Veru!

TOTO’

Comu ti dicevo, murivu e jvu nne san Petru! Dopo tantu parrari, ci dissi ca jo nun vuliva moriri oggi, picchì c’è a partita e ci dissi di farmi resuscitari e scinniri arreri a Palermo e doppu a partita muriva arreri! Iddu nenti! Allura ci fici un indovinellu, si iddu nun lu indovinava, mi faciva turnari arreri supra a terra. Ed eccomi qua!

MATTEO

Quantu fissarii! Ma dimmi ‘na cosa, ma quantu vinu ti bivisti assira? Mi pari anticchia in coma!

TOTO’

Chi ci pozzu fari si nun mi cridi! Pigghia e ci dumanni a san Petru!

MATTEO

Magari, ora m’ammazzu e ciù va dicu a san Petru... (Ride a crepapelle)

TOTO’

Inveci di fari u cretinu, picchì nun t’ammazzi veru e ci vai veru nne san Petru. Accussì, puoi constatare ca jo nun nni dicu fissarii!

MATTEO

Moru oggi? Vidi ca oggi c’è a partita e nun moru mancu si mi sparanu!

TOTO’

Ma tu cià fari u stissu indovinellu, chi jo ci fici a san Petru, iddu nun lu sapi e torni arreri cca!

MATTEO

Havi un ura, chi mi parri di stu indovinellu! Ma chi indovinellu è?

TOTO’

(Si gira e fa il verso dello scoreggio) Chistu è l’indovinellu! Tu, fallu u stissu quannu arrivi davanti a san Petru e ci dici, di chi culuri è? Iddu nun lu sapi e ti fa turnari indietro!

MATTEO

E si sbaglio e nun tornu cchiù!

TOTO’

Ma quali sbagliari! Tu, si bravu a fari u strunzu, quindi, vai tranquillo!

MATTEO

Si lu dici tu! Ora u problema è ...comu e moriri? Nun haju murutu mai!

TOTO’

Chi vo diri, comu a moriri? Cu l’occhi chiusi!

MATTEO

Se, u culu apertu! Ma è normali ca si mori cu l’occhi chiusi! Tu l’hai vistu mai un mortu chi mori cu l’occhi aperti?

TOTO’

Me patri! Dui misi fa, si guardava a televisioni beddu tranquillu, ficiru un programma su Moana Pozzi contro tutti! Mischinu me patri, vidennu dda cunfisioni ci vinni u cactus ‘n testa e muriù di subitu! (Resta immobile con occhi  spalancati e bocca aperta) Dintra u tabbuto, ci ficimu mettiri nna luci, pi nun fallu ristari o scuru! Mischinazzu!

MATTEO

Chistu mi dispiaci, ma jo vulissi sapiri, pi moriri, prima di chiudirimi l’occhi, che fari?

TOTO’

Astuti la luce! Voce del verbo, ca resti o scuru! Ti chiudi l’occhi e mori!

MATTEO

(Si adira) Ma chi schifiu dici! U sa chi ti dicu, mi sta siddiannu a moriri!

TOTO’

Ti mannu ‘na pocu di malocchiu, accussì mori! Pronto! (Matteo si mette a guardare Totò che si sbraccia a dir parole) Chi ti scoppiassi, arteria radicale di capiddi! Chi ti siccassiru i vini scapolari di scarpi! Chi ti scoppiassiru a pupilla di manu! Chi ti vinissi ‘na diarrea di tsunami, quantu mori anniatu di merda! Oh! Comu finì? Ancora nun hai murutu?! (Matteo dice no) e picchì?

MATTEO

U dici puru u proverbiu, li parola nun nni fannu pirtusa! E poi, l’erba tinta nun mori mai!

TOTO’

Veru! Allura, passiamo all’atto pratico! (Si avvicina e lo strangola. Matteo chiede aiuto) Zittuti, si nò ti siccanu i cannarozza!(Matteo non si muove più) Muristi? (Silenzio) Chi tace acconsente! (Totò ripone il corpo di Matteo per terra e si mette in disparte nella stanza ad ascoltare la voce dell’aldilà)

MATTEO

(il corpo di Matteo è riposto a terra e si sentirà la sua voce e quella di san Pietro “ovviamente registrata”) Permesso! C’è nuddu cca! Minchiuni du scuru! Ma chi è, ci tagghiaru a luci?

SAN PIETRO

Vieni anima vagante! Ti chiami, Matteo scarpa bedda nato a Belmonte Mezzagno il 29 Febbraio ...comunque, sei tu! Non mi risulta alcun precedente nella tua vita, quindi, puoi entrare in paradiso!

MATTEO

Ma quali paradiso e paradiso! Io, vogghiu iri o stadio!

SAN PIETRO

Pure tu, vuoi andare allo stadio? A Belmonte, avete tutti la testa nel pallone!

MATTEO

Anzi, ci fazzu un indovinello! E se, nun mi sapi dari a risposta, mi rimanda a Belmonte! (Si sente lo scoreggio) Allura? Di chi culuri è?

SAN PIETRO

È la seconda volta che mi capita. Non lo so! Ho perso e quindi, tra un attimo sarai di nuovo a casa tua, ma non dirlo a nessuno!

TOTO’

(Sta ancora ad ascoltare, mentre Matteo rinviene. Accortosi di lui, accorre ad alzarlo) Già cca si? Mi pariva ca eri ancora dda supra!

MATTEO

(Si sente strano) Beddamatri! Ma chi fici murivu? Unni sugnu!

TOTO’

Ora, ca resuscitasti u dici? Quannu eri mortu no, ora si!

MATTEO

(Euforico) Sugnu vivu? (Fa il tifo da stadio, accompagnato dalle mani) Sugnu vivu! (Battito di mani) Sugnu vivu!...(A Totò) Ora si, ca ti cridu!  Tuttu chiddu chi mi dicisti è veru! Ma chi ura è?

TOTO’

(Guarda l’orologio) Sunnu l’una e mezza!

MATTEO

Amuninni o stadiu! Camina!

TOTO’

Io evitu pi oggi, tantu già sacciu comu finisci! Vatinni tu o stadio.

MATTEO

(Felice) Si, mi nni vaju!(Cammina indietreggiando, guardando sempre davanti, mai dietro) Dimmi ‘na cosa, vistu ca si magicu. Mi nni pozzu iri tranquillu, o mi po’ succediri cocchi cosa?

TOTO’

A tia nenti ti succedi! Picchì, si ju nun vegniu a partita, tu incidenti nun lu fai cchiù! Quindi, vai tranquillu!

MATTEO

(Esce di scena, indietreggiando) Mi nni vaju tranquillu! (Da fuori scena, si sente un fracasso e le urla di Matteo) Ma chi schifiu di magicu si, si mancu mi dici ca darreri i mia, c’era ‘na banana ‘n terra!

TOTO’

Hai ragioni ca nun sugnu veru magicu! Picchì, mi scurdavu a diriti ca tu nascisti senza ciriveddu!

MATTEO F. S.

(Pietoso) E ora, tuttu lordu, dunni pozzu iri?

TOTO’

Tu dicu ju, dunni po’ iri...a fari ‘nto culu!!! (Si chiude il sipario)

        Fine primo atto

Secondo atto

(Totò dorme su una poltrona, russando. La stanza si riempie di fumo e compare san Pietro) 

SAN PIETRO

(Lo chiama con garbo) Totò svegliati. Totò, alzati. (Urla con rabbia, e Totò, cade dalla poltrona) Totò!!!!!

TOTO’

(Confuso) Chi è! Cu fu! Picchì fu! Comu fu! (Vede san Pietro) Baciamo le mani, san Petru! (Ci ripensa) San Petru? Arreri Murivu!

SAN PIETRO

Non sei morto! Sono io che stavolta vengo sulla terra per te!

TOTO’

(Si mette la mano in testa) M’hava scusari! L’indirizzu du paradisu u persi! Amunì, ca l’accumpagnu nno barberi e si va a fari barba e capiddi!  

SAN PIETRO

Basta! Smettila di fare il cretino! Sono venuto per cose, molto più serie!

TOTO’

Prego, si mittissi comodo! (Gli da la sedia) Ci pozzu offriri caffè! (San Pietro non parla) Latte! Vino! Wiski! Al Mezzagno si dice, chi tace acconsente! In paradiso u stessu è?

SAN PIETRO

(Arrabbiato) Siediti e non farmi perdere la calma!

TOTO’

(Sedendosi) U capivu! Nun s’incaz...(Si tappa la bocca) nun s’incavolassi! In paradiso, chi nun si siede subito, pigghia bastonati! Amunì, mi dicissi!

SAN PIETRO

Sono enormemente arrabbiato con te! Ti avevo detto di non dire a nessuno del favore che ti ho fatto, facendoti tornare in vita. Ora, lo sanno tutti!

TOTO’

Tutti? E cu ciù dissi?

SAN PIETRO

Tu! Sei il colpevole per aver spifferato un nostro segreto!

TOTO’

Sintissi san Pietro, io u dissi a me mugghieri, a me figghiu e a me cugnatu Matteo. Se lei per tutti, intende tre persone, allura i cunta si fici mali!!

SAN PIETRO

I conti tornano! Perché, tua moglie l’ha detto ad altre donne. Tuo figlio lo ha detto alle sue amiche e tuo cognato, lo ha fatto sapere a tutto lo stadio! Tanto che in paradiso, da quando ho fatto tornare indietro te, non entra più nessuno! Nostro Signore è indignato con me! (Guarda minaccioso Totò) Ed io con te! Tanto che ho deciso di punirti, severamente!!

TOTO’

(Spaventato) Stiamo calmi! Nun si arrabbiassi! Amunì, u portu a taverna da Marina e ci fazzu mangiare un beddu pane e panelle, palermitano! Un bicchiere di vino e facemu finta ca nun ha succidutu nenti!

SAN PIETRO

(Infuriato) Niente dici?! In paradiso non entrano più persone, dovuto a quello stupido indovinello! Se vuoi salva la vita, dimmelo!!

TOTO’

Uella, chi è?! Ci pari Ca semu a San Remo e mi mettu a cantari?

SAN PIETRO

Non ti ho chiesto di fare il pentito, ma di darmi una mano!

TOTO’

Se pi chissà, ‘na manu cià dugniu senza problemi! (Gli da la mano e san Pietro la respinge)

SAN PIETRO

(Arrabbiato) Piantala di fare il cretino e dimmi la soluzione all’indovinello o, mi arrabbiò!  

TOTO’

Appostu semu e chiantari un cretinu? Mi scusassi, ca poi chi nni fa, quannu spunta, un trunzu di broccolo? (San Pietro è nervoso, gira per la stanza) Si carmassi! Videmu comu putemu risolvere sta situazione, si assittassi!

SAN PIETRO

Dimmi la soluzione all’indovinello e tutto si risolverà!

TOTO’

E no, mi dispiaci! Cu stu indovinellu e vinciutu i megghiu scummissi! Si dicu a soluzioni, mi nni pozzu iri a dumannari poi! Truvamu navutra soluzioni! (San Pietro, gira e rigira per la stanza) Si firmassi! Mi sta facennu girari l’arteria scapolare dello strommolone! 

SAN PIETRO

Ho trovato! L’unica cosa che puoi fare e sviare a tutti dalla mente, questo indovinello! Dicendo che, chiunque sa di questo indovinello, perderà la voce!  

TOTO’

M’hava scusari è ‘na cavolata! L’indovinello cu culu si fa! Nun servi a vuci!

SAN PIETRO

Hai ragione! Che si può fare? (Bussano con insistenza) Devo andare! Pensaci tu! Mi raccomando, fai in modo di sviare dalla mente tutto questo, altrimenti, sarai tu a pagare! (Svanisce, avvolto nel fumo)

TOTO’

Ci pensu ju! Nun si scantassi! (mentre svanisce nel fumo san Pietro) lei accussì scompare? L’havia caputu subitu ca lei è tutto fumo e niente arrosto! (Continuano a bussare) Trasemu, trasemu!

MATTEO

(Entra Matteo che sventola la bandiera del Palermo e canta) Siamo noi siamo noi, i campioni palermitani siamo noi!

TOTO’

Comu finì?

MATTEO

(Bacia la testa di Totò) 5 a 3! (Totò si abbraccia a Matteo e saltellando cantano) Po po po po po po po po po . Minchiuni da partita! (Grida come un venditore ambulante) Cinque, cinque gol signora! Forza! Semu troppu putenti! (Entra Rosalia con una borsetta e li sta a guardare. Matteo l’abbraccia e balla) Cinque ci nni fici, cinque! 

ROSALIA

(Fraintende e capisce che Totò l’avesse tradita) Chi cosa? Si nni fici cinqu? A stu curnutu, nun ci nni bastava una! (Lo insegue e lo prende a colpi di borsetta) Disgraziato! Cu mia, dici ca nun po’ fari nenti, picchì l’attrezzo è in pensioni, e poi, ti nni fai cinqu!

TOTO’

Oh, fermati! Chi capisti! U Palermo, fici cinque gol al Catania e ha vinciuto!

ROSALIA

(Felicemente) Veru? (Toto’ annuisce e Rosalia inizia a ballare e cantare insieme a Matteo)  po po po po po po po po po.

TOTO’

Silenzio, per favore! ‘un c’è bisognu di fari tuttu stu tricche e balacche! Assettativi, vi devo parlare di ‘na cosa importantissima e pericolosissima!

MATTEO

(Spaventato) Ma chi mi dici! Pericolosissima? (Toto’ annuisce)

ROSALIA

Statti carmu e nun ti scantari! Hava essiri pericolosissima, picchì finalmente scopriu ca è cretinu, e ci pari ‘na cosa grave!

TOTO’

 Invece ti dico, a cosa è grave! Ma no pi mia, ma pi tutti e due!

MATTEO

(Spaventato guarda verso Totò) Per tutti e due?

TOTO’

No per tutti e due, con me! Ma tutti e due cu idda! (Indica Rosalia)

MATTEO

(Guarda Totò)  Si, u capivu. Tutti e due, cu idda!

TOTO’

(S’innervosisce) No! Io no! Io, nun c’entro! A situazione è grave per te, e mia moglie, cioè, to soru! U capisti? (Matteo annuisce) A matina, lavati le orecchie! Usa mastro lindo, stuppa lavandino! Vidi ca ti grapi u ciriveddu!

ROSALIA

(Stufata dei discorsi di Totò) Amunì, sempri u solitu camurrusu! Pi diri ‘na cosa, mezzora! Spiegami a mia e me frate, cos’è sta cosa grave!

TOTO’

Allora vi dico subito che...(Pensa a cosa inventare) aviti a moriri!

MATTEO

(Spaventato) Comu? Aviti a moriri? Chi significa?

TOTO’

Comu, chi significa! Quannu unu hava moriri, mori e basta!

MATTEO

Rosalia, u sintisti? Dobbiamo morire! Propriu oggi me mugghieri hava a fari a pasta con le sarde! Tantu, s’accatta u manciari pi jettarlo! (Piange come un bimbo) Rosalia, ju nun haju murutu mai, ci tegniu ca a prima vota moru sistimatu. (A Totò) Ci l’haju u tempu di curriri a casa, farmi ‘na doccia e vegniu? (Nota il silenzio dei due) U capivu u capivu, moru fitusu! (Piange)

ROSALIA

(Al fratello con dolcezza) Nun fari così! Ti scanti picchì dissi, aviti a moriri e non, dobbiamo crepare tutti e tre? Iddu, nun po’ moriri, picchì almenu unu senza ciriveddu hava a ristari pi semenza. (A Totò con rabbia)  Allura, signor becca fico indovina tutto, quannu è ca avissimu a moriri? Dimmillu, picchì haju i robbi stinnuti nno balconi! Cu sa, avissi a chioviri...

TOTO’

Prima di tuttu...Matteo, nun fari così picchì già tu muristi e resuscitasti di nuovo!

MATTEO

(Non piange più) Veru? Mi l’havia scurdatu! (Eccitato) Amunì, quannu e moriri, ca sugnu prontu! Anzi no, mi va manciu a pasta con le  sarde e poi moru ca panza china! (Scappa per uscire e viene fermato da Toto’)

TOTO’

Aspetta! ‘un nni misimu a capiri cchiù! È vero, ca mi scappò dalla mia bocca aviti a moriri, ma io nun vuliva diri così! Vuliva diri ‘na cosa peggio e invece vi dissi chistu!

ROSALIA

‘Na cosa peggio? Picchì, aviti a moriri, ti sembra un complimentu? E...sintemu sintemu, cos’è sta cosa peggio chi nni havii a diri?

TOTO’

Ho nascosto la mia rabbia dietro aviti a moriri, (Gradualmente aumenta la sua rabbia) picchì, aviti a moriri è voce del verbo chi vi siccassiru a punta centrale lombare di cannarozza, a quannu parrati assai!

MATTEO

Assai? Ma io parru a mezza parola, chi c’entra ca parru assai, si l’avutra mezza me la poso!

TOTO’

Propriu tu, mancu avissi a parrari! Sugnu incazzatu nivuru cu tutti e dui, picchì facistivu sapiri a tutti... U fatto di l’indovinello chi io ci fici a san Petru, iddu nun sapi la risposta e fa turnari arreri supra a terra!

ROSALIA

Io a nuddu l’haju dittu! U dissi sulu a Maria a consuma famigghia, e basta!

TOTO’

Minchiuni! Menu mali ca ‘un lu dicisti a nuddu! Dicennulu a Maria e comu si l’avissi dittu a tutta a Sicilia! (Gesticola come se la volesse ammazzare. Rivolgendosi a Matteo) E tu, cchiù senza ciriveddu di to soru, a cu u dicisti? (Matteo non parla) Chi è, nun parri? Oooh!

ROSALIA

(Spaventata lo controlla in tutto il corpo) Sangu miu, chi è Matteo! Muristi? Picchì nun parri cchiù!

TOTO’

Chi schifiu ti scappa di ‘n bucca! Comu fa a moriri, stannu in piedi! E poi, nun lu vidi ca l’occhi l’havi aperti?

ROSALIA

O paisi, ci nni sunnu tanti cadaveri chi vannu caminannu cu l’occhi aperti! Po’ essiri ca me frati, si pigghiò d’invidia!(Lo controlla spaventata e Matteo resta zitto facendo gesti di non poter parlare) Sangu miu, parra! (A Toto’) Ma ‘un facemu ca ci siccà a lingua?

TOTO’

A lingua sula? Spirami puru i cannarozza!

MATTEO

(Adirato) A tia t’hava siccari a vina sperimentale du ciriveddu!

ROSALIA

(Gira per la stanza gridando) Miracolo! Un miracolo ci fu! Ci turnà a vuci!

MATTEO

Quali miracolo! Stetti zittu, picchì sta cosa nutuli di to maritu, mi dissi: “Propriu tu, mancu avissi a parrari!” e ju, u pigghiavu ‘n parola!

ROSALIA

(Rigira per la stanza gridando) Facemu attenzione...avutru chi miracolo! Fu, ‘na pigghiata pi fissa!

TOTO’

Complimenti Matteo! Appena mi mettu ‘n picciuli, aprirò un bel teatro e tu, reciterai per me!

MATTEO

(Felice) Vero? Io Amo il teatro! E dimmi, cosa mi farai fare?

TOTO’

Ti dugniu nne manu ‘na lampada e ti fazzu fari u lampiuni!(Matteo ci resta male) Comunque, sugnu arrabbiatu cu tia, picchì u segretu di l’indovinellu u facisti sapiri a tuttu u stadiu!

MATTEO

E allura? Qual è u problema!?

TOTO’

Qual è u problema? San Petru è arrabbiatu cu mia, picchì tutti morinu, ma in paradisu nun trasi cchiù nuddu!

MATTEO

(Felice) Sai comu fici? Dalla curva nord cu megafono, fici sapiri a tutti di stu indovinello e tu havii a vidiri a tutti chi s’ammazzavanu unu cu l’avutru pi moriri e acchianari nne san Petru. (Ride a crepapelle) Puru i jucaturi ammazzaru l’arbitru, ma però nun sacciu picchì, fu l’unicu a nun turnari indietro!

TOTO’

Veru? Allura, almenu unu trasiù in paradisu! Meno mali, l’unicu ca nun fici l’indovinello a san Petru! Sugnu salvu!

MATTEO

Ma quali san Petru! Unu mi dissi, l’arbitru chi muriu, era un curnutazzu! Tantu ca navota i jucaturi, nne spogliatoi ci scipparu i timpani! Quindi, picchissu nun si salvò cu l’indovinello, picchì nun ci sintiva. Si nò, l’avissi fattu o diavulu!

TOTO’

Ora picciotti, si mi vuliti beni e vuliti u beni da me vita, aviti a turnari nna tutti chiddi ca dicistivu stu indovinello e ci diciti, cu continua a diri di stu indovinello, ci succedi...(Pensa) chi ci succedi!...ah si! Ci succedi ca ci veni u focu di Sant’Antonio!

ROSALIA

E tu pensi ca jo, vaju dicennu sti fissarii? Ma pi mia, po moriri! (Uscendo) Mi vaju a canciari!

TOTO’

(Adirato) U vidi chi dici to soru? Cocchi jornu, c’è dari ‘na passata di bastonati ca le fari ricoverari nno meccanicu! Picchì a smuntu tutta!

MATTEO

Carmati Totò, è sempri nna fimmina!

TOTO’

Si, ma i corna l’havi cchiù duri di petri! (Pietoso) Almeno tu, aiutami! Fa sapiri a tutti ca nun dicinu cchiù di stu indovinello, si nnò ci veni u focu di sant’Antonio!

MATTEO

Spiegami ‘na cosa; nun pensi ca sia ‘na fissaria? I cristiani, quannu mi sentinu diri sti cosi, ci conviene! Picchì, invece di iri o supermercato,  ad accattari u carbuni, priparari...fari e diri, veni sant’Antonio lesto e buono e porta u focu! E poi, cu focu di sant’Antonio, si po’ arrostire la carne e Immaginu che verrà un arrosto paradisiaco! (Ride a crepapelle)

TOTO’

Finisti di fari il tuo discorso intelligente? Ora, nni fazzu unu ju cretinu! U focu di sant’Antonio è un piccolo, ma grosso problema chi veni in ogni parti du corpo ed è peggio di un castigo divino! Appena i genti sannu sta cosa, si pigghianu di paura e nun continuano a diri a notizia di l’indovinello!

MATTEO

U capivu! Si, ma ora, comu ti pozzu aiutari, si a prossima partita è duminica? Ancora semu a lunedì!

TOTO’

(Confuso) Porca miseria! E ora? Puru u calendariu si ci metti! Quantu stimu a pasta sbattuta o muru, ca u strappassi chi me manu! Chi putemu fari, pi fari in modo ca dumani fussi duminica?

MATTEO

Nni pigghiamu un sonnifero, durmemu sei giorni e quannu nni grapemu l’occhi è duminica!

TOTO’

Se, u cretinu chi si! A putivi diri ‘na cosa cchiù intelligenti!

MATTEO

Amunì, dilla tu ‘na cosa cretina, vistu ca si intelligenti!

TOTO’

(Pensa) Chi pozzu fari...Ca certu! Putemu iri giranno pi tutta Palermo cu megafono e facemu sapiri ca duminica chiovi e a partita, si gioca dumani! Chi dici?

MATTEO

‘un funziona! Picchì puru si chiovi a partita u stissu a fannu!

TOTO’

Nuatri facemu sapiri ca hava a cadiri grandine, grossa comu muluna!  

MATTEO

Se, ti pari ca i cristiani ci stannu cridennu! Si ti sintissi u parrinu, ti pigghiassi a corpi di cordone!

TOTO’

(Disperato, gira per la stanza) Comu si po’ fari... Veru! Mi vinni ‘na bedda idea. Putemu parrari cu padre Pino e ci dicemu, ca cu megafono va dicennu ca a partita di duminica si giocherà domani dentro la  chiesa!

MATTEO

Dentro la chiesa? A partita? Ma si pazzo! A partita du stadio dunni ci vannu dieci mila persone, tu pensi ca , si po’ giocare mai dintra a chiesa, ca a malapena ci vannu du cento cristiani!

TOTO’

E qual è u problema! Cu arriva prima s’assetta!

MATTEO

(Nervoso) Ma dicu ju,  dintra sta testa hai paglia? Ciriveddu di sicuru nun ci nnè, ma almenu a paglia ci avissi a essiri!

TOTO’

E chi nnè fari ca pagghia ‘n testa!

MATTEO

Chi nna fari? Pigli un accendino e ti dai focu! Chi ci sta a campare! (Esce Borbottando nervosamente)

TOTO’

Chi ci staju a campare ju? Tu, chi ci campi! Picchì ‘un ti spari! Cosa di jettari ‘na mondezza! Dicisti sta parola e scappasti! (Dando le spalle alla porta, non vede che Matteo lo ascolta) Si havii u curaggiu, picchì nun mi la dicevi davanzi ca ti dava quattro pugni nno viddicu / Ombelico/ e poi ti ballava supra a panza a macarena. Poi, ti dava tanti calci in culo ca...(Vede Matteo che l’osserva e rimane in silenzio, facendo l’indifferente)

MATTEO

(Impettito e minaccioso) Allura? Qual è u to problema!

TOTO’

(Si finge calmo)Non stavo parranno pi tia! Facisti bonu ad andartene così...a scoppolone, a caso vah! Se hai chiffari, ti nni po’ iri, non ti trattengo! (Matteo esce. Toto’ è disperato) Buttana da miseria a quannu inventaru u palluni! Si oggi, mi stava dintra era megghiu! Evitava di moriri, così nun havia tutti sti problemi. Tutta curpa di sta lingua ca parra assai! (Prende una forbice nel cassetto e parla con la lingua) Ti nascondi? Tantu u sacciu dunni si! Nesci! Nesci ti dissi! Nun voi nesciri? Ora ci penso io! (Si tira la lingua con le mani, ma scivola) Chi è, si scantata e ti pisciasti di supra? U stissu ora ti fazzu nesciri! (La esce e la tiene con i denti, ogni volta che sta per tagliarla se ne ritorna) Ti scanti e t’ammucci! Ora, puru dintra a tana t’ammazzu! (Prende dal cassetto una pistola e la punta in bocca. Entra Rosalia e grida) 

ROSALIA

(Spaventata) Beddamatri! Giuvanni veni cca,! To patri è impazzuto e si sta sparannu! (Arriva Giovanni e insieme a Rosalia, cercano con forza di togliere l’arma dalle mani di Toto’)

TOTO’

(Arrabbiato ) Ma picchì ‘un vi faciti affari vostri! Lassatimi in pace!

ROSALIA

(Spaventata) Sangu miu, ma chi vò fari? Ragiona! Ti vò ammazzari? È vero, ca si ‘na cosa nutuli, ma però mi servi sempri!

TOTO’

Chi capistivu! Vi pari ca mi stava ammazzannu? (Rosalia e Giovanni annuiscono) Ma quannu mai! Io, pigghiavu a pistola pi spararici tuttu u caricaturi nna sta lingua consuma famigghia! A idda, stava ammazzannu!

ROSALIA

(Diviene furiosa) e ‘nto ciriveddu! A lingua stai ammazzannu? (Totò annuisce felicemente) Comu si a lingua l’havi nna sacchetta! A pigghia l’ammazza e jetta! Me patri ragioni havia ca mi pigghiavu a un maritu ...

TOTO’

...Cu ciriveddu!

ROSALIA

Di porco però! (Uscendo insieme al figlio) Senti, a chi ci si, pigghia a machina ti nni va a mille chilometri di ca, grapi a tanica da benzina e ci spari dda dintra. Mi dissi u meccanicu, ca ora ci va a super col piombo!

TOTO’

Ma chi vuliva diri? (Confuso gira per la stanza) E’ inutili ca fazzu così, ormai è risolviri a situazioni. O m’ammazzu e mi levu di soffriri, o moru e u fattu di l’indovinellu, comu finisci finisci!

SAN PIETRO F. S.

(Si sente voce di san Pietro, Totò si spaventa) Non ti lascerò morire, nemmeno se stai tutto il giorno sott’acqua! Risolvi il problema dell’indovinello, o te ne farò pentire!

TOTO’

Prima di tuttu, lei accussì m’hava fari scantari?! E poi, prima di trasiri nna casa di cristiani, si bussa!

SAN PIETRO F. S.

Ma io, non sono entrato a casa tua, ma è solo la mia voce è arrivata da te!

TOTO’

Unni è u stissu? Pigghia e faciva; oooh c’è nuddu! Così io, nun mi scantava! (Disperato) Comunque, mu dicissi lei comu pozzu fari!

SAN PIETRO F. S.

Usa il cervello e troverai la soluzione!

TOTO’

Chiddu è u problema, usari u ciriveddu! (Più confuso) Comu fazzu, comu fazzu...(Da fuori si sentono voci di una confraternità, con la processione)

CONFRATELLO SANTA ROSALIA F. S.

(Sgolante) Havi un annu ca nun fa sta via!

TUTTA LA FOLLA F. S.

(Sgolante) Viva santissimo Crocifisso viva!  

CONFRATELLO SANTA ROSALIA F. S.

Ogni passo ed ogni via!

TUTTA LA FOLLA F. S.

Viva santissimo Crocifisso viva!

CONFRATELLO SANTA ROSALIA F. S.

(Bussa) Signora, mi dassi cocchi cosa pu Signuruzzu!

TOTO’

Trasemu, trasemu! (Entra un uomo con una lunga veste bianca, in cinta un cordone rosso, sopra le spalle un foulard di stoffa rosso) Salutamu! Vi servi cocchi cosa?

CONFRATELLO

Salutamu! Stamu facennu a pricissioni, si lei voli dari cocchi cosa...

TOTO’

A cu le dari, cocchi cosa?

CONFRATELLO

A mia, ca sugnu confratello du Signuri!

TOTO’

Ah, lei è u frati du Signuri? Complimenti! L’età giovani a porta!

CONFRATELLO

Chi bedda battuta! Sugnu confratello, picchì fazzu parti della confraternità del santissimo Crocifisso! Quindi, si mi voli dari cocchi cosa di picciuli pi fratelli, ci dicu grazie!

TOTO’

(Guarda dalla finestra, poi torna dal confratello) Io ci avissi a dari cocchi cosa di picciuli...(Indica fuori) Pi tutti ddi fratelli? Chi fa, me cunsumari! Ma chi fa scherza, o dici veru!

CONFRATELLO

(Si affaccia alla finestra) Signuruzzu, facci ‘na grazia a stu poviru disgraziatu.  

TOTO’

Chiddu chi dicu puru ju! Almenu, mi levu di soffriri!

CONFRATELLO

Si voi, ti pozzu aiutari ju! Dumani matina mi nni vaju a travagghiari cu camion. Alle sei, fatti truvari nno menzu da strata di viale regione siciliana, passu ju e ti mettu sutta u camion! E finisci a camurrìa! Comunque, già mi siddiò! Sti picciuli, mi dai, si o no?

TOTO’

(Gira a guardare il confratello) I soldi ti dugniu! E puru assai te ne do! Ma ad una condizione!

CONFRATELLO

Sintemu!

TOTO’

Inveci di jettari vuci pi strati a diri “ Ogni passo e ogni via, eccetera eccetera” ha diri, sempre a jettari vuci “ Cu l’indovinello a san Petru, nun si babbìa, vasinnò vi veni a tutti a murìa!” –morte-

CONFRATELLO

Ma chi schifiu dici! Vidi chista è a pricissioni du Crucifissu! Mica stamu purtannu a passiari o canuzzu! Circamu di nun babbiari!

TOTO’

Ma io, ti devo pagari!

CONFRATELLO

A mia, nun m’interessanu i picciuli! Nun lu fazzu, mancu pi tuttu l’oru du munnu!

TOTO’

Quantu guadagni, pi fari chiddu chi stai facennu?

CONFRATELLO

Dicemu guadagnu ...Cento euro. Ma io ti dissi, ca nun lu fazzu mancu si mi offri, due cento euro!

TOTO’

Pi tre cento euro! (Il confratello dice sempre no) Quattro cento...Cinque cento...Sei cento...Mille euro!

CONFRATELLO

(Senza esitare) Si po’ fari! (Totò, prende il libretto di assegni dal cassetto, lo firma e glielo da) Grazie! È’ stata la giornata cchiù bella da me vita a trasiri dintra sta casa! Mi nni vaju, haju persu tempu! Ora vidi comu ci fazzu grapiri i cannarozza e picciotti! Salutamu! (Esce)

TOTO’

Oh, mi raccumannu! Pi tuttu u paisi e beddu forti!

CONFRATELLO F. S.

Cu l’indovinello a san Petru, nun si babbìa!

TUTTA LA FOLLA F. S.

Vasinnò, vi veni a tutti a murìa!

CONFRATELLO F. S.

Cu l’indovinello a san Petru, nun si babbìa!

TUTTA LA FOLLA F. S.

Vasinnò vi veni a tutti a murìa!

TOTO’

(Felice) Finalmente! Ho trovato a soluzione al mio problema! Cu chissi docu, chi jettanu sti vuci, puru i morti i sentinu e u messaggiu, arriva puru e petri! (Guarda l’orologio al polso) Minchiuni! Già l’otto e mezza sunnu e ancora nun si pripara pi manciari! Rosalia! Rosalia! (Non risponde) Divintò surda?! Giuvanni! Giuvanni! (Entra con radio in spalla e musica partenopea) Sempri cu sta camurrìa di canzoni! Abbassa! ‘nto ciriveddu!

GIUVANNI

Papà, ma picchì t’incazzi! Chi fa nun ti piacinu cchiù i canzoni napoletani?

TOTO’

Certo ca mi piacinu! Sei tu, ca ti fa nuociri! Si a tinissi cchiù bassa, forsi si sintissi megghiu!

GIUVANNI

(Abbassa la radio fino a quasi a terra) Comu accussì? E pi sentiri a canzona e cantari cu cantanti, mi pozzu mettiri accussì? (Si mette a quattro zampe)

TOTO’

(Rabbia contenuta) A curpa ca si cretinu, mica è a tua, è mia! Se vent’anni fa, quannu ti fici nun pirdiva cocchi corpu, po’ essiri ca l’intelligenza cià infilava puru! Invece...Comunque, susiti misu d’accussì, chi lo sa, passa u cantanti ti senti cantari e ta metti nno disco!

GIUVANNI

(Si alza) Chi mi metti nno discu u cantanti?

TOTO’

Ti metti un pezzu di...(Fa il gesto dell’attrezzo maschile, ma si blocca e rimedia) canzoni, longa così! Ora basta parrari di canzoni. Ju, diciamo ca fussi arrabbiatu cu tia, ma dopo chiddu chi mi capitò, risolvivu tutti cosi!

GIUVANNI

Papà, comu schifia parri! Fammi capiri, cosa mi vuoi diri!

TOTO’

(Gli da uno schiaffo dietro la nuca) Oh, comu ti permetti ad offendere il mio allittramento filosoficamente, ca-li-bra-to! (Si da arie) Vidi ca tu, non sai ca io non sono un papà qualunque!

GIUVANNI

(Felice) Veru? Si un papà, comu chiddu degli incredibili!

TOTO’

Se, comu i miserabili! Zittuti e ascolta! (Si da arie) Come ti dicevo, non sono un papà come quelli che trovi al mercatino, io sono un papà...

GIUVANNI

...che trovi o supermercato!

TOTO’

Se, ne patatini scaduti! (Falso calmo) Fammi un piacere quannu torni a cantari, inghiottiti u microfono sano!

GIUVANNI

Ma si pazzu! Se m’inghiotto u microfono sano, moru!

TOTO’

(Adirato) Esatto! Così nun mi interrompi cchiù, quannu fazzu arte! U capisti? (Giovanni annuisce. Toto’ torna calmo) Come ti stavo dicendo, io sono un papà poeta!

GIUVANNI

Bellissimo! Allura, visto che sei poeta, scrivi le poetie?

TOTO’

Si dice poesie, cretino!

GIUVANNI

Si fussi un poesa, scrivessi poesie, siccome sei un poeta, si dicono poetie! U dici a stessa parola! Poeta, uguale poetie! A tia, ti pari ca sugnu cretino, invece sugnu troppu scartu!

TOTO’

Si, cchiù cretinu di to patri!

ROSALIA F. S.

Ogni tantu, ‘na cosa bona a dici!

GIUVANNI

Ca ‘un si tu, me patri!

TOTO’

(Ci pensa) Minchia veru! Mi l’havia scurdatu! (A Rosalia che si trova dall’altra parte) Spicciati, e pripara, inveci di pigghiariti i me pinseri! (A Giovanni) a vò sentiri ‘na mia poetia, comu a chiami tu?

GIUVANNI

Si si! Però, una bella commovente, ca mi fa arrizzare a pelle?

TOTO’

Peccato! Nni scrissi una chi ti fa arrizzari i corna! Va bene u stissu, o no?

GIUVANNI

U stissu è! Basta ca mi fa arrizzari! Mamma! Mamma!

ROSALIA F. S.

Chi è? Chi vuoi?

GIUVANNI

Veni subitu! U papà mi sta cuntannu una sua poetia!

ROSALIA

(Entra con una pentola in mano) Chi diciti, manciamu prima e nni rovesciamo dopo, o nni facemu i flebo, prima di manciari?

TOTO’

Senti, si nun a vò sentiri, ti nni pò puru iri!

ROSALIA

(Posa la pentola e si siede accanto a Giovanni) Amunì, stavo scherzando. Fammi sentiri sta poesia!

GIUVANNI

Si dice poetia, no poesia! Ci vò diri tu, papà!

TOTO’

Esatto! Si dice poetia, comu dici to figghiu!

ROSALIA

(Stupita) Bonu cuminciamu! Comu si vidi ca sei un poeta allittrato, ah!

TOTO’

Non ci perdiamo in chiacchere!

ROSALIA

Talè, che sapuritu! Parra in italiano! Ma ti sei manciato u vocabolario di to figghiu pi casu? (Toto’ non parla) Chi tace acconsente! (Al figlio) U vidi chi fine fici u vocabolariu? Basta ca mu circavi a mia!

TOTO’

La poetia che andrò reciterò si chiama  “ La caminata” . Scritta dal qui sottoscritto,io medesimo, Totò di Belmonte Mezzagno. Dedicata a quelli, che si fanno una caminata, dopo mangiare! (Pausa) Tenevo a fare la traduzione in francese, per i francesi in sala. Le caminaton! ... Per il pubblico inglese, La caminescion! ... (Inizia la poesia) Avevo finito di pranzare, mi sentivo lo stomaco, pariva ca vuliva scoppiare. Ero, tanto appanzato,  decisi di farmi due passi, picchì mi sintiva un po’ troppo agrippatu! Tutto tranquillo stavo a passeggiare, quannu un odore strano attira la mia attenzione. Mi abbasso la testa e mi accorgo che, la mia scarpa era invasa dalla merda più nera, ca cchiù schifosa di chidda nun ci nnè! Tuttu scuraggiatu mi incazzavu, si mi stava dintra, scummissa ca ‘un mi lurdavu! Buttana da miseria! Sta gran pezzu di cacata, oggi, mi ha rovinato la mia caminata! Mi arrabbiavo con me stesso, per distogliermi dalla mente, che mi sentivo un cesso! Non era di cane, ne di gatto era merda di cristianu! Ne sono sicuru, faciva puzza di pipi, e scummissa ca nno stomacu, c’inchiummaru! – bloccati-. Mentre seduto su una panchina, ero intento a puliziarmi, vidi ca c’era un signore interessato a guardarmi. Si avvicina a me e dice: “Non si pulisca! Lei sa ch’è fortunato?” Mi alzo, lo guardo negli occhi e ci dico: “ Mi scusi, ma a lei, cu schifia l’ha chiamato!” Lui aggiunse: “ Mi perdoni se sono stato scortese, anzi, le dico che sarò palese! Per lei sarà una giornata fortunata, se porta a casa con lei questa splendida cacata” Non so come ha fatto, ma andai a casa di scatto! Sperando in un colpo di fortuna, continuai la mia caminata a casa, fino nne mura! Alla fine della serata, non mi accorsi che a terra c’era una impronta di cacata e uno scivolone, mi fici volare dallo scalone! Alla fine, la fortuna vera c’è stata! Ca ristavu vivu pi cumminnazioni, e pur avendo la testa ingessata, finivu di scriviri sta poesia, in stanza di rianimazioni! Fine! (Giovanni applaude, chiedendo il bis)

ROSALIA

Ma quali bis e bis! U pitittu, mi sta facennu acidità, ora mangiamu ca u manciari, rifriddà! (A Totò) Ti pari ca ti fidi sulu tu?

TOTO’

Ma la tua, è ‘na poesia lesta e bona, chidda mia è stata studiata e vissuta! Anzi, nun mi dicisti si a mia poetia, ti piace o no? Ke ne pensi?

ROSALIA

Secunnu mia, è ...’na cacata sta poesia!

GIUVANNI

Ma comu ti permetti ad offendere a poetia du papà! Ti pari giustu, a dirici a verità! (Totò li guarda deluso e madre e figlio esplodono a ridere)

ROSALIA

Stavamu schirzannu! (Si alza, porta la pentola a tavola e divide la pietanza nei piatti. I tre si siedono, Totò e Giovanni avevano iniziato a mangiare e Rosalia li sgrida) Oh! Minchiuni di lupi! Prima a preghierina, ebrei! (Prega) Signore, grazie del cibo che ci doni stasera, come vedi, stasera mangiamo, fegatini di nunnata e ossobuco di calamari. Per domani sera, dacci a possibilità di liccarinni a sarda! Amen! (Iniziano a mangiare) Mah! ‘Un ci pozzu pinsari! Nun mori unu si nun si acconcia navutru!

TOTO’

Ma parri sula? Ma, chi vò diri?

ROSALIA

Chi vogghiu diri? Ca si nun c’era cu faciva u strunzu, tu nun putivi scriviri sta cacata di poesia! (Rosalia e Giovanni, esplodono a ridere, tanto che Giovanni si riversa a terra. Totò, li guarda impassibile)

GIUVANNI

(Morto dalle risate) Papà, di risati mi staju pisciannu di supra, picchì nun scrivi puru ‘na poesia! Comu titolo ci po’ mettiri “ Per una pisciata di troppo” (Si stramazza a terra dalle risate. Totò calmo, continua a mangiare)

TOTO’

Si si, pigghiatimi pi fissa! Non capite niente di talento! Appena diventu famoso, grazie a sta poesia io diventerò...

ROSALIA

Un pezzu di merda! (Ricominciano a ridere madre e figlio)

GIUVANNI

Mamà, allura vista ca è così, ju chi sugnu...un figghiu di cacata? (Ridono come matti)

TOTO’

(Nervoso) Dicu ju, picchì ‘un viniti a manciari prima chi vi siccanu i cannarozza e muriti, spiramu, di risati! (Madre e figlio, diventano seri e mangiano) Oh, finalmente, u ciriveddu ci scoppià a tutti dui! Matri e figghiu, aviti i corna cchiù duri da me machina! Si continuati accussì, cocchi jornu, vi li allisciu ju! Manciamu!  

GIUVANNI

Mamma, domani mattina avrebbi chiffari, mi chiami aglie nove?

TOTO’

Se...cipuddi scalognie! Si dice alle nove! Studia, pezzu di turduni!

ROSALIA

Penza pi tia, pezzu di lampiuni! (A Giovanni) Va bene, nun ti preoccupari ca domani mattina ti faccio susiri aglie nove!

TOTO’

Chi vi illuminassi u ciriveddu u Signuri!

ROSALIA

A nuatri? A tia, ti l’hava a illuminari, su ciriveddu di porcu chi hai!

TOTO’

(Mentre mangia, si sente male) Beddamatri! Chi mi sta succidennu?!(Si tocca il petto)

ROSALIA

Chi schifia hai?

TOTO’

Mi sentu mali, aiutatimi!

ROSALIA

Po’ essiri ca è u Signuri chi ti sta illuminannu u ciriveddu?

TOTO’

(Si butta a terra) Aiutatimi, staju murennu! Mi sta vinennu un chichtus, u sentu!

ROSALIA

(Preoccupata) Giuvanni, va a pigghiare lo sciroppo pa tosse, spicciati! (Giovanni corre di là)

TOTO’

Chi nne fari cu sciroppo?

ROSALIA

‘Un dicisti ca ti sta vinennu a tus? E ti staju facennu purtari u sciroppo!

GIUVANNI

(Entra di corsa con un detersivo) U sciroppo nun c’era, ti purtavu u mastro lindo. U stissu è?

ROSALIA

U stissu è, dammillu ca ciù dugniu!

TOTO’

Oh! Ma chi diciti veru, tutti e dui! Mi vuliti fari moriri!?

ROSALIA

Dici ca stai murennu! E allura?

TOTO’

E chi significa! Puru ca staju murennu, u tempu c’è! Primura nun ci n’haju! Vuliti accelerari i tempi? Vi do impaccio se sto navutro poco?

GIUVANNI

Fai con comodo papà, io continuo a manciari! (Si risiede a tavolo) Appena finisci di moriri, mu fa sapiri!

TOTO’

(Disperato e dolorante) Ma dicu ju, Signuri o mi fa moriri o l’affucu chi me manu a stu citruluni! (Gli vengono colpi di tosse violenti)

ROSALIA

(Preoccupata) U vidi ca hai a tus? Giuvanni, porta u mastro lindo!

TOTO’

No! Sugnu allergico e masculi! (Sempre più male) Staju murennu! Staju mureeeeeennu!!(Quasi non da più segni e parla a stento)

ROSALIA

Giuvanni, veni cca! To patri veru sta murennu! Toto’ dimmi ‘na cosa;  ora ca stai murennu, dimmi che fari pi nesciri i documenti e farmi dari a pensioni!

TOTO’

Comu si vidi ca mi vò beni! Comunque, dammi u scolapasta!

ROSALIA

Stà murennu e ti vò fari a pasta?

TOTO’

Dammi u scolapasta ti dissi! Ju, u sacciu cosa e fari!

ROSALIA

Giuvanni, va pigghia u scolapasta, curri! (Giovanni esce e rientra con lo scolapasta)

GIUVANNI

Teni chistu, però è ruttu picchì havi tanti buca!

TOTO’

Appena arrivisciu arreri, a chissà cè grapiri u ciriveddu, pi vidiri chi schifia havi dda dintra! Dammi u scolapasta Rosalia! A navutru poco, nni videmu! Intantu continuati a manciari!

ROSALIA

(A Giovanni sottovoce) E’ convinto ca hava campari sempri! Appena mori, nun torna cchiù! A prima vota ci fici cridiri ca cridivu ca muriu, resuscitò! Mischinu, sunnu i troppu cartoni animati chi si vitti! E tu, taliatinni cchiù picca, vasinnò, diventi comu iddu! (Piange disperatamente sul suo corpo)

TOTO’

Nun chianciri vita mia! A navutru poco, sarò di nuovo in mezzo a voi!

ROSALIA

(Si gira per non farsi sentire) E vidi chi felicità! (Toto’ inizia a tossire selvaggiamente, Rosalia piange e grida. Si spengono le luci e la stanza viene invasa dal fumo, dopo un po’ si sente la voce di Totò)

TOTO’

(In scena c’è un signore che aspetta.Toto entra, appeso lateralmente nei pantaloni ha lo scolapasta) Si può! Buongiorno! Piacere, Totò di Belmonte Mezzagno! Anche lei è qui...

COMPARSA

Si, per il giudizio!

TOTO’

Mi dicessi,’na cosa, ma san Petru s’ha vistu?

COMPARSA

Sto aspettando lui!

TOTO’

(Inizia a gridare) San Petru! San Petru! Oooh! Ma unni si! San Petru!

COMPARSA

Ma lei così chiama san Pietro?

TOTO’

San Petru un amico è! (Grida) San Petru! San Petru! (San Pietro compare nella stanza) Ah, cca si? Ma dimmi ‘na cosa, ma picchì mi trovu cca jo? (San Pietro, si mette a ridere) A ridi? C’è di chianciri!

SAN PIETRO

Rido perché sono felice! Rido perché mi riprenderò quel ch’è mio! Rido perché, ho scoperto la soluzione all’indovinello! (San Pietro ride) Sei spacciato ormai!

TOTO’

Mi dicissi ‘na cosa, cu è ca ci dissi a soluzione?

SAN PIETRO

Nostro Signore! Vedendomi così turbato dal mio errore, mi volle dare una mano svelandomi il segreto, e quindi, da ora in poi, tutti quelli che vorranno burlarsi di me, se ne pentiranno! Perché so la soluzione!(Ride)

TOTO’

Dici ca sapi a soluzione, almenu ma dicissi! Po’ essiri ca è sbagliata!

SAN PIETRO

Stavolta non vinci! Non è sbagliata! La soluzione è: Lo scoreggio non ha colore, perch’è trasparente! (Ride. Totò è impassibile) Cos’è, non hai più parole? Quindi, sbrigati ad entrare, più niente potrà più farti tornare indietro!

TOTO’

Complimenti! L’ha indovinato! Però, nun mi facissi perdiri tempu, ca haju a pasta nno tavulu chi mi aspetta! Ci vogghiu fari u stissu indovinellu e se lei nun mi sapi rispondere, mi rimanda a casa!

SAN PIETRO

Di nuovo? Sai che so tutto! Sai, che perderai sicuramente! Quindi, entra ed evita!

TOTO’

Almenu, mi dassi a possibilità! E poi, già l’ha indovinato, quindi si ciù fazzu di nuovo, di sicuro...perderà! E mi rimanda...a casa!

SAN PIETRO

Perderò io? Accetto la sfida! Fammi l’indovinello! Sono pronto!

TOTO’

(Prende lo scolapasta, lo mette di dietro nel sedere e fa uno scoreggio, dentro lo scolapasta) E allora?

SAN PIETRO

(Ironizza) Mamma mia, che difficile! ...Secondo me, è...trasparente! (Ride) Ho vinto! Mi dispiace! Entra e non uscirai, mai più!

TOTO’

Aspittassi, nun avissi premura! Ca è trasparente, ormai si sa! Ma la soluzione dell’indovinello è... di quali buco niscìu u piritu? (Ride a crepapelle e san Pietro si mette le mani ai capelli. Cala il sipario)

FINE!

 

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno