Tra la vita terrena e l’aldilà

Stampa questo copione

TRA   LA   VITA   TERRENA   E   L’ALDILA’

due   atti   di

S A L V A T O R E     P A O L I L L O

Napoli, 28 Giugno 2011                                 codice opera 900787A

Personaggi          e     tipi

SAVERIO                                     Custode del cimitero

BASTINO                                      Necroforo

PASQUALE APREA                   Fruttivendolo cafone

CARMINE                                    Vedovo credulone 

DIRETTORE                                Direttore del cimitero

FEDERICO                                  ‘O Malamente

TARANTELLA                            Gorilla di Federico

GAETANO SCALOGNA            Pazziariello

NINETTA CUPIDO                     La bella del cimitero

PENELOPE                                 Matta mitologica

CHIUVETIELLO                        Garzone del bar

DON PIETRO                              Sacerdote

MARIKA CINQUEDITA           Borseggiatrice

ANGELO DELLA MORTE       Fantasma del cimitero

AMBROGIO                                Fioraio Milanese

SANTINA FEDELE                    Moglie di Angelo della Morte

 

TRA   LA   VITA TERRENA   E   L’ALDILA’

di Salvatore   Paolillo

PRIMO   ATTO

La commedia si svolge ai giorni nostri, nella città di Napoli. La scena ritrae sul fondo l’ingresso del cimitero. A sx in 2° quinta un entrata. In 1° e 2° quinta a dx un nicchiaio. A sx in 1° quinta una cappella gentilizia. A terra ci sono cartacce, qualche pacchetto di sigarette, un cartone da pizza, una lattina di bibita, una bottiglia di birra, e un giornale. All’apertura del sipario, buio totale per 5 secondi. Poi s’illumina il centro del palcoscenico con un occhio di bue, e compare Angelo Della Morte, il fantasma. 

1°   Scena

(Fantasma, Saverio e Bastino)

Fantasma:           (entra da sx e va in proscenio. Ha un fiore in mano) Si dice e overo è: ‘a vita è nu teatro... addo ognuno adda interpretà nu ruolo, nu personaggio. Permettete che mi presento: mi chiamo Angelo Della Morte… anzi per essere più preciso, mi chiamavo Angelo della Morte, in quanto sono trapassato a miglior vita.  Io sono il fantasma di questo cimitero, e curo gli interessi dei morti… e già pecchè cca dinto succedono cose ca vuje neanche ve l’immaginate… dicimme ca so’ ‘na specie ‘e giustiziere… insomma pe’ nun a tirà ‘a luongo sono il vendicatore dei morti… e finalmente mi sento realizzato. Dovete sapere che quando ero vivo, stevo sempe triste, annoiato… nun tenevo genio ‘e fa niente… e pe’ forza, ‘na vita monotona… tutt’e juorne sempe ‘e stessi cose. Io facevo ‘o chimico per una fabbrica di gelati… che rumpamiento ‘e surbetto. Mi dovevo alzare tutti i giorni alle 6 del mattino, per andare a lavorare. Me sceruppavo 30 km all’andata, e 30 la sera quando tornavo a casa. Mo’ voi direte: va buo’ ma ‘na vota ‘a casa però, te rilasse… t’arrepuose… ‘a mogliettina te fa truvà ‘e pantofole c’‘a vestaglietta ‘ncopp’‘a pultrona… ‘a tavola apparicchiata, ‘o spaghetto c’‘a pummarola fresca, pe’ fa ‘na cenetta a lume di candela… (grida) oh che. Prima di tutto a che ora turnavo, turnavo a mia moglie, nun ‘a truvava maje a casa… ‘na vota era juta addo miedeco, ‘n’ata vota addu ‘n’amica, ‘n’ata vota a truvà ‘a mamma. Doje vote a semmana po’ jeve add’‘o psicologo… pe’ fa’ ‘e sedute… e già pecchè diceva ca soffriva d’ansia… di depressione. Sulamente però ca ‘e sedute, mia moglie ‘e faceve stesa ‘ncoppo ‘o lettino c’‘o psicologo ‘ncuolle. Insomma incominciai a sospettare che mi tradisse. E questa cosa non mi faceva stare tranquillo… io nun arrepusavo. E siccome ‘a jurnata ‘e lavoro, ‘a passavo a priparà aromi, essenze e fragranze ‘e tutte specie.  Sempe mmiezo a buccacce, butteglielle, e provette pe’ truvà gusti nuovi pe’ gelati. Finche un giorno, preso dal dubbio di essere cornuto, stanco ed assonnato, facett’‘o patatrac. Mi distraette c’‘o siero, glucosio, emulsione, sublimato, veleno pe’ surice, varrecchina ecc. ecc. ammiscaje tutte cose e ascette fore ‘na specie ‘e gelatina al gusto di percolato. Appena l’assaggiaje, tenette sulo ‘o tiempo ‘e sputarme ‘nfacce sul’io. In 30 secondi so’ muorte stecchito. Avvelenato dal mio stesso preparato. (allarga le braccia) E mo’ eccomi qua. Cose ‘e pazze, quello che succede quando uno è vivo. Poi la ciliegina sulla torta l’ha messa mia moglie Santina. Pure cca dinto, ‘ncopp’‘a fossa, appena atterrato,  m’ha confermato quant’è ‘na lumera… (fa il segno delle corna) m’ha mannate a S. Martino. S’‘e fatto l’amante. ‘O figlio do’ generale atterrato affianco a me. Nu piezzo ‘e guaglione ‘e nu m. 1,80.  Chella disgraziata. E penzà ca se chiamme Santina… Santina Fedele… fedele ‘stu c…. (si tappa la bocca). Tra poco la conoscerete… sta dinto, facenne ‘a bella femmena con il suo amante. Io aggio muorte ‘n’ata vota… ‘e tuosseco.  ‘O vedite ‘stu fiore… pe’ me è comme ‘na bacchetta magica… con questo tutto posso e tutto faccio. Ma mo’ nun damme aurienza… vinemme a nuje… mo’ faccio accumincià ‘o spettacolo. Un consiglio nun ve distraete, seguite la commedia con attenzione, se no perdete il filo, e nun capite ‘a storia. A proposito, volevo dirvi che voi mi vedrete e sentirete, ma i protagonisti che si alterneranno sul palco no. Mo’ me ne vaco, ce vedimme chiù tarde… buon divertimento! (esce a sx, mentre s’illumina il palcoscenico. Da dietro le quinte si sentono delle voci. Sono Saverio e Bastino)

Saverio:     (d.d.) S’adda perdere ‘o nomme mio se pe’ tutt’ogge nun te spacc’‘a capa!

Bastino:               (d.d.) Savè una cosa statte ferme che mmane!

Saverio:     (d.d.) M’aggia sta fermo che mmane… io m’aggia magnà ‘na recchia… viene ccà carugnone… si sei ‘n’omme nun fuì!

Bastino:     (esce da sx scappando verso l’uscita di dx) Fui, fui… chisto è asciuto pazzo… chillo overo s’‘a magna ‘a recchia!

Saverio:     (esce  inseguendolo, ma si ferma al centro della scena) Omme ‘e niente, viene ccà e affrunteme si tiene ‘o core ‘mpietto. (sull’uscita di dx) Piezzo ‘e mariuolo vide che te dico: quacche vota ‘e chesta te donghe ‘a pala ‘ncapo! Te arrubbato e sorde ‘a ‘ncoppe ‘e mazzette e ovè. E penzà ca te facette assumere io dinto ‘o cimitero comme ‘nterratore. Me putevo scassà ‘na coscia chillo journe!

Bastino:     (affacciandosi sull’entrata) Uhe, uhe quanno so’ venuto a faticà ccà, (fa la mossa con la mano per indicare “il rubare”) ‘o mestiere me le ‘mparato tu!

Saverio:     Zitto, zitto. Ma che dici buciardone. Io songhe ‘n’angelo immacolato!

Bastino:     Overo. E io songhe ‘a Madonna del divino amore! Stamme a sentì, angelo immacolato, ricurdate ca stamme dinto a nu cimitero… e ce sta gente!

Saverio:     E va bbuò… facimme finta ca nun è succieso niente. Trase doppe ne parlamme!

Bastino:     (entrando) Savè del resto, tu si sempe ‘o masto mio!

Saverio:     A m’‘o riconusce e fetentò. E mo’ jamme a via e dinto a cuntrullà ‘e sorde!

Bastino:     Savè ce sta poco ‘a cuntrullà… e sorde de’ mazzette chilli so’!

Saverio:     (spingendolo) Cammina mariunciello! (escono a sx. Entra da dx il direttore che discute con Pasquale)

2°   SCENA

 (Direttore e Pasquale)

Pasquale:   (ha in mano una busta di plastica da dove fuoriescono delle verdure a foglia) Direttò, vuje avita risolvere ‘a situazione da’ nicchia, prima c’‘o nonno se scava. Si no parola ‘e Pascalino Aprea  piglio ‘a cencurenza e ve facce lu mazzo rognole, rognole. Ce simme capite?

Direttore:   Lassa fa’ a me. Devi stare calmo e avere fiducia!

Pasquale:   Ma qua’ calmo e fiducia. Ccà ce vo’ ‘a mazza!

Direttore:   Pascalì assamme fa’. Te faccio ave’ ‘a cchiù bella nicchia do’ cimitero. Ma, mi raccomando, nun parlà cu nisciuno. Chiste so’ favori delicati!

Pasquale:   E ma sogne pure ben pagati. Direttò oltre ‘a frutta e ‘a verdura ca ve site pappate, aggio già sburzato cchiù ‘e 10.000 €. Ne ma quanto costa ‘na nicchia?

Direttore:   (stupito) Comme, cchiù ‘e 10.000 €? Guagliò tu me dato solo 4.500 € e doje mele!

Pasquale:   A vuje direttò. A Saverio ati 4.500 € e a Bastino ati 1.500, cchiù li sorde pe’  li documenti, comme vedite sogne cchiù ‘e 10.000 €! Pe’ nun parlà de’ quintali ‘e frutta e verdura, ca ve state zucanne vuje tre!

Direttore:   (adirato, ma sottovoce) Chilli duje mariuoli… chesta è ’a vota bbona ca ‘e manno ‘o spitale!

Pasquale:   Non aggio capito, che si ditte?

Direttore:   Aggio ditto ca pe’ mezzo e chilli duje so’ stato duje misi ‘o spitale!

Pasquale:   Overo e pecche?

Direttore:   Pecchè nu signore,  steva facenno discussione cu lloro, pe’ mezza ‘e cierte sorde c’aveva cacciate. Ad un certo punto se sfasteriaje, pigliaje nu vaso ‘a coppa a nu fuosse, e c’‘o vuttaje… ma cugliette a me!

Pasquale:   Speriamo ca nun aggia fa pur’io ‘a stessa cosa!

Direttore:   Nossignore! Oggi aggia jre addu l’assessore de’ cimiteri, pe’ cierti pratiche, e dinto aggio ‘nfilato pure a toja. Si cuntento?

Pasquale:   Ah, oggi jate addu l’assessore! E vedite ‘e fa cose bbone direttò!

Direttore:   Nun te preoccupà, fra nu mese te faccio sapè coccosa!

Pasquale:   (gridando) Ma qua’ mese. Ccà ‘o nonno s’adda scavà fra 15 journe!

Direttore:   (imbarazzo) Facimme ‘na cosa, vieni fra nu pare ‘e journe e te faccio sapè chello ca m’ha ditto l’assessore!

Pasquale:   Direttò, jeje vengo a truvà a lu nonno tutte li journe, quindi ccà stonghe. Si tra duje journe nun me date ‘na certezza, faccio ‘na strage!

Direttore:   (intimorito) Adesso devo andare in ufficio. Tu vaje a truvà ‘o nonno?

Pasquale:   Certamente. Gli devo pulire li vasi dei fiori. Andiamo direttò, v’accumpagne! (escono a sx, mentre entra da dx Federico. Ha in mano un pacco di zucchero).

3° SCENA

(Federico, Tarantella, Saverio e Fantasma)

Federico:    (gridando) Savè… ne Savè addo staje? E vide se jesce…

Tarantella: (gridando) Savè!

Saverio:     (correndo) Eccomi, eccomi… chi me vo? Ah, site vuje… (ossequioso) ‘On Federico bello… Tarantella… quali comandi?

Federico:    E tanto ‘nce vo’ p’ascì? Sto’ chiammenne ‘a mez’ora!

Tarantella: (minaccioso) ‘On Federico sta chiammanne ‘a mez’ora!

Saverio:     Aggiate pacienza… tenevo nu poco ‘e che ffà dinto!

Federico:    Sienteme nu poco custode da strapazzo… ccà sta ‘stu pacco ‘e zucchero…

Saverio:     (credendo che un omaggio) …oh, grazie… però, ‘on Federì, ce puteveve mettere vicino pure nu poco ‘e cafè!

Tarantella: O scè ma che capito?

Federico:    ‘Stu zucchero nun è pe’ te. (serio) Chesto è zucchero speciale…

Tarantella: …è zucchero ca fa vulà!

Saverio:     Overo? Ma pecchè ‘o fabbricano dinto all’Alitalia?

Tarantella: (seccato) Nun fa’ ‘o scemo!

Federico:    Cchiù tarde so’ vene a piglià Chiuvetiello, ‘o guaglione do’ bar!

Saverio:     Ma pecchè hanno fernuto ‘o zucchero dint’‘o bar?

Tarantella: Cretino nun fa ‘o spirituso!

Federico:    Si no cu nu buffo  te levo 4 diente ‘a vocca! (entra da sx il fantasma)

Fantasma:  (con disgusto sputa sul collo a Federico) Phua!

Federico:    (toccandosi il collo) Ma chedè sta chiuvenne?

Tarantella: Che stato ‘on Federì?

Federico:    Me pare c’aggio avuto nu schizzo d’acqua ‘nguolle! (il fantasma lo solletica. Federico si gratta) Rallarà, stanne pure ‘e zanzare. Uhe, allora intesi, mo’ ca vene Chiuvetiello ce dai ‘stu pacco.

Tarantella: M’arracumanne, silenzio e segretezza!

Saverio:     Nun ve preoccupate, in mezzo a queste lapidi, sarò un sepolcro!

Federico:    Ccà stanne 100€ pe’ te, e 20 po’ guaglione do’ bar. Statte buono!

Tarantella: Salutamme! (escono a dx)

Saverio:     (sottovoce) E’ meglio ‘e te. (contento) ‘On Federì vinete chiù spesso. 120 € pe’ mantenè nu pacco ‘e zucchero? Chisto e sorde ‘e ghietta proprio! (nel frattempo entra Carmine da dx, ed il fantasma gli mette il cartone della pizza, che sta per terra, davanti ai piedi, per farlo inciampare)

4° SCENA

(Fantasma, Carmine, Saverio e Bastino)

Carmine:    Mannaggia, stevo cadenne a faccia ‘nterra. Ne Savè, ma ch'è tutta ‘sta munnezza vicino all’entrata?

Saverio:     Chillo cretino ‘e Bastino ancora adda scupà. (lo chiama) Bastì… ne Bastì… e vide si risponne!

Bastino:     (entra da sx con il Corriere dello Sport in mano) Che passato ca staje alluccanne ‘e chesta manera?

Saverio:     Vuò scupà ccà. Carmine steve jenne ‘a faccia ‘nterra!

Bastino:     Nu mumento io doje mmane tengo. Si stonghe scavanne ‘a fossa p’‘o muorte ca è arrivato ajere, nun pozzo scupà ccà!

Saverio:     (guardando il giornale) Aggio visto. Scopa primma ccà, po’ furnisce ‘e scavà ‘a fossa. Tanto ‘o muorte po’ aspettà... adda stà ccà pe’ l’eternità!  (indica i rifiuti) Guardate che inciviltà!

Fantasma:  Ma che venene a fa ‘o pic-nic ccà dinto?(esce a sx)  

Bastino:     Ma benedetto il Dio, e muorte so’ muorte e certamente nun fumane chiù, nun se magnane ‘a pizza e ne se veveno ‘a birra!

Carmine:   Quindi nun spurcano!

Saverio:     Ma e vive si!

Carmine:   Overo, quanta munnezza! (si fa la croce) Gesù, Giuseppe S. Anna e Maria!

Saverio:     Carmeniè, pensa ‘nu poco ca ajere Bastino ha truvato, proprio cca, vicino ‘a cappella do’ duttore Luigi Claudio ‘na busta do’ supermercato all’angolo, cu tutta ‘a spesa dinto!

Carmine:  Cos’‘e pazze. (curioso) E pe’ sapè, dinto a ‘sta busta che ce steva?

Bastino:     Ce steve nu sfilatino bello croccante!

Saverio:     150 g. ‘e salame napoletano tagliato suttile!

Bastino:     200 g. ‘e provola bella zucosa!

Saverio:     ‘Na scatoletta ‘e tonno al naturale piccola!

Bastino:     E nu scatolo ‘e supposte accussì! (fa il segno con la mano)

Carmine:   Overo faje? 'E supposte vicine ‘o sfilatino e ‘a provola!

Bastino:     Esattamente!

Carmine:   E ‘sti supposte pecch'erano? Pa’ tosse? Pa’ freve? E ‘a misura comm’era?

Bastino:     Erano Ananase!

Carmine:   Aah, ma allora nun erano supposte, erano ananasse, ‘a frutta esotica!

Saverio:     Carmeniè ma si proprio cretino!

Carmine:   Pecchè c’aggio ditto?

Bastino:     L’Ananase è ‘o nomme de’ supposte. E’ ‘na medicina!

Carmine:   Ma scusa, io che ne saccio. Io nun me l’aggio maje pigliato ‘sti ‘nanasse!

Bastino:     Si ‘e percoche! Comunque erano da 500!

Saverio:     Ma pecchè Carmeniè  t’interessano?

Bastino:     Si è accussì, Saverio te v’‘a piglià, e vicino te regala pure 'na buttigliella ‘e sceruppe erotico all’ormone birbante!

Carmine:   Overo? Pure ‘o sceruppe erotico cu l’ormone birbante? E dimme ‘na cosa, funziona ‘stu sceruppe?

Saverio:     Comme no!

Bastino:     Appena te ne piglia ‘na meza buttigliella te crescono e capilli biondi, l’uocche addivendano azzurri, e se ‘ntosta pur’‘a nervatura!  

Carmine:   (entusiasmato) Tu che dici? Damme ‘stu sceruppe, fa ambressa!

Bastino:     Carmeniè, ma t'ammucche tutte cose! Cos’‘e pazze, mo’ ce devemo pure ‘o sceruppo erotico! ‘Stu babbà!

Carmine:   Uhe, coppia ‘e sciemi, stateve ‘o posto vuoste, ca ve mengo ‘na cosa ‘nfaccia a tutt’e duje! (entra da dx Don Pietro)

5°   SCENA

(Don Pietro, Bastino, Saverio, e Carmine)

Don Pietro:         Pace e bene figlioli… che la benedizione di Dio scende sulle vostre teste!

Bastino:     Buongiorno Don Piè!

Saverio:     San Pietro bello!

Don Pietro:         Savè nun fa’ ‘o spirituso… io per il momento nun so’ ancora santo… ma appena m’arriconoscono cierti miracoli c’aggio fatto… allora ne parlamme!

Carmine:   (baciandogli la mano) Don Pietro carissimo!

Don Pietro:         (a Bastino) Sono venuti i familiari del morto che si deve inumare?

Bastino:     Non ancora. Arriveranno tra poco!

Don Pietro:         (a Carmine) E a te tutto bene figliolo?

Carmine:   Bene grazie padre!

Don Pietro:         E la defunta Filomena che dice?

Carmine:   (ironico) P’‘a verità don Piè, da che è morta non parla… nun dice chiù ‘na parola… e penzà ca quanne era viva me faceva (fa il gesto) ‘na capa tanta!

Don Pietro:         (arrabbiandosi) Ma che me vuò sfottere? Se capisce ca e muorte nun parlano!

Carmine:   ‘On Piè, vuje m’avite addumandato ‘a bon’anima che dice… io che pozzo fa si chella nun parla chiù… anze oì, faciteme vedè quanne jate… facite nu miracolo… facitela parlà!

Don Pietro:         Ah, santa fede di Dio. Io mi riferivo allo spirito… all’essere immateriale che aleggia nella tua mente… nei tuoi ricordi!

Carmine:   Ah, ‘o spirito materiale… io po’ che ne saccio ‘e tutte ‘sti cose!

Don Pietro:         Va bene, ho capito tutto. Figliolo, devi venire più spesso in chiesa, per apprendere i misteri divini, ed attaccarti al cordone della fede!

Bastino:     (ridendo) Addo s’add’attaccà ‘on Piè?

Don Pietro:         Vicino al cordone!

Bastino:     (a Carmine) Su attaccati al cordone!

Carmine:   Si… chillo ‘e soreta però!

Don Pietro:         Finitela, e ricordatevi che state in un cimitero!

Saverio:     San Pietro ave ragione… nun facite e fetienti! (a Carmine) Tu po’ nun saje neanche ca Filumena teneva ‘o spirito dint’‘o Taleggio c’‘a ricotta!

Don Pietro:         Madonna mia aiutami tu con queste capre… basta adesso vado a pregare sulla salma che si deve inumare… ma domani facciamo lezione di catechismo!

Bastino:     ‘On Piè ma è proprio necessario?

Saverio:     Nuje tenimme che fa!

Don Pietro:         Certamente che è necessario… (indica Saverio) specialmente pe’ te Savè! (esce a sx, mentre da dx entra Gaetano)

6° SCENA

(Gaetano, Carmine, Saverio, Pasquale e Bastino)

Gaetano:    (entrata a soggetto) Eccomi qua. Ccà sta Aitano, ca ve pulezza ‘a nicchia, ve chiagne ‘o muorte e ve da ‘na mano… (forte) cca sta Aitano!

Carmine:   Ma ched’è ne Savè, ‘o pazziariello dint’‘o cimitero? Cos’‘e pazze. (prende dei fiori) Assammene jre a pulezzà e ciure primma ca se fa tarde! (esce a sx)

Gaetano:    Ccà sta Gaitaniello ca ve cura ‘o murteciello e ve caccia ‘o munaciello!

Saverio:     Neh Gaità, a vuò furnì ‘e alluccà? (attirato dalle grida rientra Pasquale)

Pasquale:   (spazientito) Ma insomma, avete finito di alluccare? Qua c’è gente che prega!

Gaetano:    E ma, scusate, io devo alluccare per forza!

Pasquale:   E perché dovete alluccare per forza?

Gaetano:    Comme perché? Io devo reclamizzare i miei servizi! Aggia abbuscà ‘a campata!

Pasquale:   Ma perché che servizi fate?

Bastino:     Scusate, mentre Aitano vi spiega la sua attività, io e Saverio ci allontaniamo!

Saverio:     He ditto buono. Jammuncenne. Nuje tenimme che ffa! (escono a sx)

Pasquale:   Allora, quali sono i vostri servizi?

Gaetano:    (sospirando) E che s’adda fa pe’ campà. Egregio signore, io  svolgo un lavoro, di rappresentanza indiretta… conto terzi!

Pasquale:   Rappresentanza indiretta, conto terzi. Vuje me state ‘mbriacanne la capa. Parlate a prievete paisani!

Gaetano:    Dovete sapere che io faccio l’assistente di tombe ai morti altrui!

Pasquale:   E che ghiè nu lavoro chisto?

Gaetano:    Si, e per giunta di grande prospettiva!

Pasquale:   Ma chedè ‘n’impiego a lu ministero?

Gaetano:    Meglio di ‘n’impiego ‘o ministero. 1°: per fare questo lavoro, non ce bisogno di titolo di studio; 2°: non occorre la conoscenza delle lingue; 3°: non è necessaria la bella presenza. Chiù fate schifo, più clienti attirate!

Pasquale:   (guardando la gobba) E se capisce!

Gaetano:    (intuendo) Se vi riferite alla mia sporgenza, dovete sapere che questo è uno strumento di lavoro appositamente montato per attirare i clienti! 

Pasquale:   Come?

Gaetano:    Purtroppo egregio signore in questa città il lavoro scarseggia, e quindi bisogna inventarselo. Del resto dicono che noi napoletani abbiamo fantasia… (indica la gobba) e quindi chest’è!

Pasquale:   E diciteme ‘na cosa, quanto costa, affittarvi?

Gaetano:    Ma che m’avite pigliato pe’ nu cavallo ca me vulite affittà?

Pasquale:   Scusate, se nun parlo tanto bene la lengua vosta… jeje vengo do’ paese. Vulevo dicere per avere i vostri servizi!

Gaetano:    Ma voi mi dovete fare un intervista, o vi interessa veramente la mia modestissima opera?

Pasquale:   Ma qua’ intervista. Che m’avete pigliato pe’ Pippo Baudo? Jeje voglio sapere cosa costa per prendervi cura da’ fossa do’ nonno?

Gaetano:    Dunque: pulizia e fiori sono 20€; pulizia, fiori e preghiere sono 30€; pulizia, fiori, preghiere e pianto sono 40€. Le prestazioni vengono effettuate 2 volte a settimana, in giorni da concordare e i fiori si pagano a parte!

Pasquale:   Se capisce… e comme aggia fa pe’ prenotà?

Gaetano:    (gli da un biglietto) Qua stanno i miei recapiti. (serio) Una cortesia… vi prego di chiamare ad orario d’ufficio!

Pasquale:   (sottovoce) E chedè ‘o primario do’ Policlinico? (legge) Gaetano Scalogna, cimiterman… scusate ma che vene a significare ‘sta parola cimiterman?

Gaetano:    Significa che sono l’uomo del cimitero!

Pasquale:   Aaah. (continua a leggere) Specialista in assistenza cimiteriale e accompagnamenti alla sepoltura. E che significa?

Gaetano:    Significa che, oltre al cimitero, vaco chiagnenne addereta e funerali!

Pasquale:   Cos’‘e pazzi! Sempe pe’ sorde?

Gaetano:    E c’‘o facevo gratis. Questo è un lavoro, come ve l’aggia dicere! E mo’ abbiate pazienza, devo andare da un altro cliente. Con permesso! (esce a sx)

Pasquale:   ‘A Madonna v’accumpagna… fate cose buone... e mo’ turnamme addu lu nonno… aggio lasciato ‘o lavoro a mità! (esce a sx, mentre rientra Carmine)

7° SCENA

(Carmine, Federico, Tarantella, Direttore, Fantasma, Don Pietro e Saverio)

Carmine:   Ecco fatto… l’aggio fatto proprio puliti, puliti. (va vicino ad un loculo ed a soggetto recita l’eterno riposo) L’eterno riposo dona loro, o Signore, e splenda ad essi la luce perpetua. Riposino in pace. Amen. Mo’ Filumè, assamme jre… aggia jre ‘a posta a pavà ‘e bullette primma ca chiure… statte bona! (esce a dx, incrociando Federico che entra) 

Federico:    (gridando) Uhe, uhe ma ccà nun ce sta mai nisciuno?

Tarantella: Jamme bello jà, addo state?

Federico:    Bastì… Savè… (attirato dalle grida entra il direttore ed il fantasma)

Direttore:   Ma chi è ca sta alluccanne? Ah, site vuje ‘on Federì!

Federico:    Direttore da strapazzo, addò sta Saverio?

Direttore:   (seccato) E che ne sacccio. Mica stongo areta a jsso!

Tarantella: (infuriato) Uhè, e se risponne accussì a Don Federico?

Federico:    Hai ragione ca si nu pover’ommo e nun me voglio spurcà ‘e mmane!

Direttore:   Ma vuje che vulite? Ogni tanto venite dinto ‘o cimitero a ce ‘nquietà! (compare sull’entrata di sx Don Pietro)

Federico:    (infuriato) Mo’ me scorda ca si nu pover’ommo e te spacco ‘a faccia!

Fantasma: (mimando con le labbra) “All’anema ‘e l’omme ‘e merda”!

Don Pietro: (alle spalle di Federico, lo tocca con la bibbia) Scusate voi…

Federico:    (saltella impaurito) Chi è… Madonna s’è squagliato tutt’‘o sanghe ‘a cuorpe!

Don Pietro:         Ma che vulite da chistu pover’ommo?

Federico:    Vuje pecchè nun ve facite ‘e fatte vuoste?

Tarantella: Cheste so’ cose ca nun ve riguardano!

Don Pietro:         Invece me riguardano… pecchè ‘o direttore è ‘na pecorella del mio greggio, ed io lo devo difendere!

Tarantella:‘Na pecurella… chisto è nu pecorone!

Federico:    Mannaggia mo’ me scordo ca si nu prevete e te donghe nu pugno ‘ncapo. (indicando l’uscita di dx) Vattenne va… primma ca me gira ‘a cimm’‘e scirocco, e me comprometto c’‘a Santa Sede!

Don Pietro:         Si chillo po’ Ratzinger ave a che fa cu te… nun tene che fa! (il fantasma uscendo a sx, impreca verso Federico)

Fantasma:  A te pure t’aggia fa ‘o servizio! (esce a sx, mentre entra Saverio)

Don Pietro:         (guarda l’orologio) Io mo’ me ne vaco… ma no pecchè me l’he ditto tu… ma pecchè è tarde e aggia jre a dicere ‘a messa! (esce a dx)

Federico:    (a Saverio) A te ‘n’ato è venuto ‘o guaglione do’ bar a se piglià chillu pacco ‘e zucchero?

Saverio:     Non ancora ‘on Federì!

Federico:    Aggio capito, m’‘o vaco a chiammà io! (va verso l’uscita di dx)

Saverio:     Scusate ‘on Federì, ma si jate dint’‘o bar a chiammarlo, tanto vale ca c’‘o purtate vuje ‘o pacco ‘e zucchero!

Federico:    Ma tu nun capisce maje niente!

Tarantella: ‘Stu scemo! (escono a dx)

Direttore:   Ma ched’è ‘sta storia do’ pacco ‘e zucchero?

Saverio:     Niente, niente direttò… ‘on Federico ma cercato ‘o favore ‘e mantenè nu pacco ‘e zucchero!

Direttore:   Io nun voglio ca frequenta ‘o cimitero. ‘On Federico, ccà dinto adda venì sultanto quanne sta stiso dinto ‘a cascia! (esce a sx, mentre da dx entra Marika)

8° SCENA

(Marika, Saverio e Bastino)

Marika:     Buongiorno don Saverio!

Saverio:     Uhe, bongiorno mariuncè… che purtate ‘e buono stammatina?

Marika:     (seccata) ‘On Savè e ched’è ‘sta cunferenzia? Io nun voglio essere chiammata mariuncella. Io so’ ‘na grande artista!

Saverio:     Si suone ‘o mandulino dinto ‘o San Carlino!

Marika:     ‘On Savè è inutile ca sfuttite. L’arte mia è ‘na cosa ca vuje nun putite capì!

Saverio:     Overo? Scusa tu nun faje ‘a mariola… nun t’arruobbe e partafogli?

Marika:     (arrabbiandosi) Ma che state dicenne? Io so’ ‘na specie ‘e consulente finanziaria… mi occupo di borse… e opero nel campo dei trasporti!

Saverio:     ‘Ncoppe e tram e i pullman! (ironico) E dimme ‘na cosa stammatina l’indice telepatico che dice? E ‘o Piptel a quante stà?

Marika:     A vuje ve piace ‘e pazzià. (toccandosi la fronte) A me mi coce ‘o fronte… aggia vedè chella c’aggia fa!

Saverio:     Grande artista, rilassate nu poco… tu staje troppa nervosa… che purtate?

Marika:     (tira fuori dal reggiseno un piccolo fagotto) Ecco qua, ‘on Savè… ogge nun è tanto sustanziuso ‘o buttino!

Saverio:     (apre il fardello, e rimane stupito) Ma ch’he purtate? Doje marunnelle ‘e stagno...  S. Antuono c’‘o puorco... ‘na fotografia ‘e ‘na vecchiarella tutta ‘ngialluta... e ‘na catenella faveza... e nun te miette scuorne?

Marika:     (risentita) Ma vuje che vulite ‘a me? Chille nun ce stanno chiù e signure ‘e ‘na vota! Dint’‘e borze nun tenene manco l’uocchie pe’ chiagnere!

Saverio:     Ma pecchè nun cagne mestiere… tu sii ‘na bella piccerella… putisse abbuscà nu sacco ‘e sorde!

Marika:     (offesa) ‘On Savè pecchè nun c’‘o facite fa ‘a mugliera vosta ‘stu mestiere?

Saverio:     Ma ched’è ti si offesa?

Marika:     E se capisce. Mettitavelle dint’‘e chiocche ca io so’ ‘na guagliona onesta!

Saverio:     Azz, onesta… tu faje ‘a mariola!

Marika:     E che significa? La mia è un’arte antica… dove è necessario possedere destrezza e abilità! Che ve credite ca è facile a manià ‘a lametta? Quanne piglie e taglie ‘na borza, o ‘na sacca, senza te ne fa accorgere. Certo mo’ è nu periodo ca ce  stonghe jenno a perdere!

Saverio:     E pecchè?

Marika:     Pecchè tengo troppe spese pe’ mantenè l’immagine!

Saverio:     (non comprendendo) Ma ch’immagine ‘e mantenè tu?

Marika:     ‘On Savè, ma pe’ caso, ve credite ca io veng’‘o baccalà dinto ‘o Buvero? Io aggia essere sempe bella e attraente. Pe’ ve fa capì a vuje… quanne aggio individuato ‘o suggetto… l’aggia attirà cu doje mussetelle provocanti… quacche ciancetiello… e quanne è cuotto ‘o sfilo ‘o partafoglio ‘a dint’‘a sacca. Pe’ femmene po’ basta ‘a presenza. L’invidia ‘e fa murì ‘e gelusia, e appena se distraggono, ca lametta ‘e taglio ‘a borza e me piglio tutto chello ca teneno!

Saverio:     He capito! (agitando il fagottino) E c’aggia fa cu ‘sta munnezza c’he purtate?

Marika:     Munnezza? Primma ‘e tutte ‘e doje marunnelle so’ argiento… S. Antonio c’‘o puorco è ‘na stampa rarissima dei primi del ‘900… ‘a fotografia da’ vicchiarella è nu ritratto da’ mamma ‘e Anita Garibaldi, e quindi tene nu valoro storico… e per ultimo ‘a catenella è oro ‘e 14!

Saverio:     He fatto l’elenco preciso… e quanne t’avessa dà, pe’ ‘sta rubicella?

Marika:     Il 25% del valore… comme sempre! Chesta merce vale circa 1000 €!

Saverio:     Ma tu fusse asciuta pazza… chesta al massimo po’ valè 100 - 150 €!

Marika:     (alterata) Nun ce sta niente ‘a fa, vuje site chiù mariuolo ‘e me. Ogni vota è chesto cu vuje. Io nun m’‘o voglio levà ‘o vizio ‘e venì cca! (Bastino d.d.)

Bastino:     Savè ma cu chi staje alluccanne?

Saverio:     Niente, niente Bastì. (a Marika) Fa ‘na cosa rimmaneme ‘a merce, e viene dimane, io ‘o porto apprezzà e po’ te donghe chello ca ‘e avè!

Marika:     (gli sfila il fagottino dalle mani) ‘On Savè, ‘a robba m’‘a porto cu me… e quanne e dimane jamme ‘nzieme a lo fa apprezzà! Mo’ vaco a truvà ‘a papà dint’‘a nicchia! (esce a sx, incrociando Bastino)

Bastino:     (china la testa) Maricuccia bella. (arrabbiato) Neh, Savè te vulisse degnà ‘e venì a parte ‘e dinto a scrivere e connotati do’ muorto dinto ‘o registro?

Saverio:     E nu mumento, sto arrivanne! (escono a sx incrociando il direttore che esce) 

9° SCENA

(Direttore, Bastino, Pasquale, Chiuvetiello, Marika e Gaetano)

Direttore:   (verso i 2) Guagliù io vaco nu mumento add’‘o tabbaccaro, a m’accattà ‘e sigarette, m’arraccumanne a vuje!

Bastino:     (d.d.) Jate, jate direttò… ‘o cimitero è in buone mani!

Direttore:   E chill’è ‘o guaio, ca ‘o cimitero sta mmane a chisti duje! (esce a dx, mentre da sx entra Pasquale)

Pasquale:   Ecco fatto, aggio apparicchiat’‘a fossa. C’aggio miso e fiori d’aglio, ‘na bella capa ‘e cepolla, e nu grappulo  ‘e cerasielli. Tutta roba ca piaceva a lu nonno. Mo’ me ne posso pure turnare a lu paese! (esce a dx, urtando il cesto che ha in mano Chiuvetiello che sta entrando)

Chiuvetiello:       Oh, animà fa’ attenzione… ‘stu miezu scemo mo’ me menave e pagnuttielli ‘nterra. (in proscenio)  Uhè, uhè, ca sta Chiuvetiello, venite a fa marenna, pizze c’‘a ricotta, panine c’‘a murtarella, panzarotti e casatielli. Ccà sta Chiuvetiello magnateve ‘o pagnuttiello! (attirati dalle grida arrivano Saverio e Bastino)

Saverio:     Zitto disgraziato, ma che te credi che stai vennenne ‘e nucelline e ‘o cafè Borghetti ‘ncopp’‘o stadio?

Chiuvetiello:       ‘On Savè ma che vulite a me, io aggia faticà… si nun allucco nu poco comme ‘e vengo e pagnuttielli?

Saverio:     Eh, ma ‘e alluccà chianu, chianu. ‘E jre vialetto pe’ vialetto…

Chiuvetiello:       …fosse pe’ fosse, cappella pe’ cappella, mo’ vaco pure muorte pe’ muorte e nun ne parlammo chiù!

Saverio:     Nun fa ‘o spiretuso. Se non te conviene, nun ce venì cchiù a vennere ccà dinto!

Chiuvetiello:       ‘On Savè ma vuje a quanne ‘o vennite? Se fosse pe’ me, nun ce venesse cchiù. Jesse a ghiucà ‘o pallone dinto ‘o campetto da’ chiesa, comme fanne tutt’e guagliune ‘e l’età mia. Ma purtroppo cu nu pate ‘ngalera e ‘na mamma malata, aggia faticà, aggia aiutà ‘a varca!

Bastino:     Meglio ca fai chesto, ca ati cose malamente! Comunque Chiuvetiè, tu ‘o ssaje… cca ce stanno regole ca devi rispettare… per il buon nome del cimitero e soprattutto dei lavoratori!

Chiuvetiello:       (posa a terra il cesto, e annuisce con la testa) Regole… ‘o munno è fatto ‘e regole… ca tutti avimme rispettà. ‘E vulite sapè ‘e regole ca s’hanna rispettà ca dinto? Ogni panino ca vendo, aggia dà 15 centesimi a Saverio, 15 a Bastino e 20 ‘o direttore, per cui e primme 50 centesimi se ne va pe’ regole. Per il buon nome del cimitero, e soprattutto dei lavoratori… quindi ‘o masto è costretto a vennerle chiù cari. E chi è ca ‘o piglia a chillu servizio? Chi se l’accatta! E’ proprio overo: ‘o cetrullo, gira, gira e addo va a furnì? (riprende il cesto) Va buò turnamme a nuje… allora, accummencio ‘o giro. Si no se fa tarde, e ‘o masto m’allucca, dice ca io me ‘ntalleo! (esce a sx)

Bastino:     Savè e tavute c’avimme scavato so’ pronti… stanne già dint’‘o furgone!

Saverio:     Ah bene. Allora valle subito a cunsegnà ‘o cainato do’ direttore, si no se fa tarde… chillo adda cocere ‘o pane!

Bastino:     Va bene! (esce a dx)

Saverio:     Tourne ambresse! (entra da sx Marika)

Marika:     ‘On Savè ecco fatto… aggio salutato a papà!

Saverio:     Brava. Ce mise e fiori?

Marika:     Certamente… me l’aggio pigliato ‘a vicina a ‘na nicchia! Comm’erano belli!

Saverio:     Comme te le pigliate ‘a vicino a ‘na nicchia… chesto nun se fa… (sottovoce) chesto l’avimma fa io e Bastino!

Marika:     A proposito de’ fiori… v’aggia dicere ‘na cosa… cca ce sta coccheduno… oltre a me… ca se l’arrobba ‘a dinto e bucali!

Saverio:     (imbarazzato) Tu che dici? ‘sti fetenti!

Marika:     Comm’‘e possibile ca io 2 juorne fa, ‘nce mettette nu bellu mazze ‘e crisantemi a papà… e mo’ nun aggio truvato manch’uno?

Saverio:     (sottovoce) Ce l’aggio ditto 100 vote a Bastino, ca cocche fiore l’adda rimmanè. Si no se ne addonano… invece no… adda fa pe’ forza l’angiaruso!

Marika:     Nun aggio ‘ntiso niente c’avite ditto? Vuje parlate dint’e diente!

Saverio:     Aggio ditto ca cocche fetente s’arrobba e fiore!

Marika:     Vo’ dicere ca si e ‘ncoccio… Marika Cinquedita, cioè ‘a sottoscritta, ‘e fa passà ‘o genio ‘e venì ‘o cimitero. Però pure vuje ve putisseve sta nu poco  chiù accorte… stamme o nun stamme in società?

Saverio:     Va buò, nun te preoccupà, mo’ c’‘o dico pure a Bastino. Mo’ che fai te ne vaje?

Marika:     E pe’ forza… chesta è ora di punta… ‘o pullman ca va ‘a Ferrovia è chino ‘e cafuni ca scenneno a Napule!  Perlomeno nu pare d’ore ‘e fatica me l’aggia fa!

Saverio:     Ah brava, fai buono. Va, va!

Marika:     Permettete!

Saverio:     (accompagnandola) Guè… tutto chello c’arruobbe puortele sempe cca!

Marika:     Va bbuò! (esce a dx)

Saverio:     Statte bbona piccerè! (entra da sx Gaetano)

Gaetano:    (agitando il barattolo) Aglio, fravaglio, fattura ca nun quaglia…

Saverio:     Aità furniscela ‘e menà ‘stu ‘nciense, ca me fa venì l’allergia!

Gaetano:    Savè aggio fernuto, me ne vaco. Ogge manco nu poco ‘e cafè c’avimme pigliato!

Saverio:     Hai ragione. Fa ‘na cosa va ‘o bar, tu t’‘o pigli lla, e a me m’‘o manne ccà!

Gaetano:    E pure dici buono. Ma patti chiari, ogge pave tu!

Saverio:     OK. Fa ‘na cosa, mannene tre ‘e cafè, uno corretto ad annese po’ direttore!

Gaetano:    Va buò. Ce vedimme dimane! (esce a dx incrociando il direttore che entra)   

10°   Scena

(Direttore, Saverio, Ninetta e Ambrogio)

Direttore:   Eccomi qua… Savè aggio visto a Bastino co’ furgone, addo jeve?

Saverio:     E’ ghiuto a cunsegnà ‘e tavute ‘o cugnato vuosto… ehm… vuleve dire è ghiuto al macero a distruggere ‘e casce!

Direttore:   E mo’ vedimme… io vaco dinto all’ufficio, aggia cuntrullà cierti pratiche!

Saverio:     V’accumpagno direttò! (escono a sx, mentre da dx entra Ninetta)

Ninetta:      Eccoci qua… accuminciamme ‘n‘ata jurnata, e speriamo ca nun è comm’ajere. Che schifezza… acchiappaje sulo nu cliente… e che bellu cliente… nu viecchio penzionato… e che ce vulette, doppe doje ore ‘e friccicamiento, pe’ ce tirà 30€ a dint’‘a sacca. E chesta che schifezza è, dinto a ‘stu cimitero nun se fa niente chiù. (guarda l’orologio) Madonna comm’è tarde. Beh, mo’ mettimmece all’opera. Mo’ vaco dinto ‘o viale principale, cercanne ‘e truvà qualche vedovello, c’‘o portafoglio ‘mbuttunato ‘e denaro! (entra da dx Ambrogio)

Ambrogio: Buongiorno signorina!

Ninetta:      (con mestiere e grazia) Buongiorno bel giovine!

Ambrogio: Signorina come siete bella. Che ci fate in questo luogo di morte?

Ninetta:      (secca) ‘A vita!

Ambrogio: Come? Veramente non capisco… mi son di Milano… cosa seghè la vita?

Ninetta:      Uhe, nu milanese… forza aggio truvato ‘o chiochiero… ‘a vita sarebbe che faccio l’amore in cambio di una modesta somma di denaro. Che fa te menà?

Ambrogio: Ma ti sei una lucciola. Ma vai mona!

Ninetta:      A soreta. Guagliò nun ce fa perdere tiempo. (sculettando e canticchiando esce a sx) O mia bella madunnina che ce brilli ogni mattina… (esce a sx)

Ambrogio: Cose da pazzi… a Napoli le se tutto strano… persino nel cimitero s’incontrano le donnacce. Che tempi, madunnina mia, salvace te! (incrocia Chiuvetiello che sta uscendo e lo urta) E togliti dalle balle te! (esce a sx)     

11°   Scena   

(Saverio, Chiuvetiello, Direttore, Bastino, Fantasma, Ambrogio, Penelope e voci di Ninetta e Santina)

Chiuvetiello:       Ma lievete tu a ‘nanze ‘e pa... (si tappa la bocca) ‘On Savè… (grida) ‘on Savè… ne ‘on Savè… m’addo sta chisto?

Saverio:     (entra da sx) Ched’è… che stato? ‘O tiene pe’ vizio tu ‘e alluccà!

Chiuvetiello:       E si nun allucco, comme me sentite?

Saverio:     Che vaje truvanne?

Chiuvetiello:       Agge fernuto ‘o giro. Controllate chello c’agge vennute!

Saverio:     Ma c’aggia cuntrullà. Vattenne, va!

Chiuvetiello:       Allora segnateve c’aggio vennute 6 piezze. (sottovoce) Invece aggio vennuto 7 piezze. 1 s’‘o pappa Chiuvetiello, a’ faccia soja. Sapite aggia fa e sorde pe’ m’accattà ‘e scarpe da’ Nike. Stateve bbuono!

Saverio:     Chiuvetiè fa ‘na cosa invece ‘e 6, segne ca he vennuto 5 piezzi… io po’ nun te faccio piglià collera… vide ca he purta ‘o cafè c’ha urdinato Gaitano!

Chiuvetiello:       Va buò! (esce a dx, mentre da sx entra il direttore)

Direttore:   Savè ma ca mancano e sorde de’ ricevute ‘e pagamento de’ tasse pa’ riesumazione, e pe’ l’attacco de’ luci!

Saverio:     Direttò avite viste buono dinto ‘o cassetto?

Direttore:   E comme no! Aggio arrevutate ‘o traturo!

Saverio:     Avite visto a destra, sotto ‘o registro de’ presenze?

Direttore:   E comme no. Aggio visto pe’ fino a dinto, pagina pe’ pagina!

Saverio:     Avite visto a sinistra, sotto ‘o bullettario?

Direttore:   Sissignore!

Saverio:     Avite visto a centro, sotto ‘o…

Direttore:   (spazientito) Savè chillo nu traturo ce sta!

Saverio:     E allora comme è possibile ca nun se trovane e sorde?

Direttore:   Savè ccà ci troviamo di fronte, ne più e ne meno, ad un altro tuo gioco ‘e prestigio! (fa il gesto con la mano)

Saverio:     Direttò ma che dicite? Accussì me facite piglià collera. Vuje ‘o sapite ca io songhe ‘n’omme ‘e cristallo!

Direttore:   Ma qua’ cristallo e cristallo, tu si nu mariuolo. (minaccioso) Savè cacce e sorde de’ ricevute si no chiammo e carabinieri!

Saverio:     (offeso) Direttò si ‘a mettimme accussì, allora e carabinieri ‘e chiamm’io. Magare ce facimme vedè pure, che fine fanno e tavute, oppure a do’ furnescene gli arredi e ‘ncoppe e fosse, ecc. ecc. (il direttore lo zittisce)

Direttore:   Zitto. Ma che sii scemo? Ccà sta ‘a gente. Io stevo pazzianne.    Mo vaco a vedè meglio dint’‘o traturo… è capace ca se trovane ‘sti sorde! (esce a sx)

Saverio:     Scavate buono ca ‘e truvate… e quanne ‘e truove… ce l’avimme già magnate io e Bastino! (rientra da dx Bastino)

Bastino:     Eccomi qua, sono tornato. Tutto a posto, ‘o lignamme è stato cunsignato. ‘O cainato do’ direttore m’ha dato ‘sti 2 palatelle ‘e pane pe’ ce fa fà marenne!

Saverio:     Neh Bastì ma tu fusse sceme? Jetta ‘sta schifezza, salvanna ‘a grazia ‘e Dio! Ma te si scurdato comme ‘o coce chillo ‘o pane?

Bastino:     Comme, chillo ‘o fa ch’‘e fascine!

Saverio:     ‘E fascine ‘e soreta. E ‘o lignamme de’ tavute che ne fa?

Bastino:     Uh, hai ragione. (butta la busta con il pane) Chillo piezzo e m….

Saverio:     Ma si proprio nu cucuzziello. Va a furnì ‘e scavà ‘a fossa. Fa nu bellu servizio!

Bastino:     (mettendosi sull’attenti) Come disse Garibaldi: obbedisco! Ai comandi vostri signor custode… vado, scavo e torno!

Saverio:     Nun fa ‘o spirituso, ricordate ca staje parlanne con un tuo superiore, un impiegato di 2° livello, si no te faccio rapporto e te faccio avè ‘na bella sospensione! (d.d. Ambrogio chiama Bastino)

Ambrogio: Bastino… Bastino…

Bastino:     Stonghe ccà… chi me vo’?

Ambrogio: (entra da sx) Alla buon’ora ma dove ti sei cacciato?

Bastino:     Uhè, cca sta pure Ambrugino… il nostro ciuraro Milanese!

Ambrogio: Signori mi non ho tempo da perdere! (entra da sx il fantasma)

Bastino:     Guaglio’ datte ‘na calmata!

Saverio:     Cca nun staje a Milano!

Ambrogio: Ma cosa dite… mi non vi capisco mica… parlate come gli Africani!

Bastino:     Savè ‘o spute ‘nfacce tu, o m’‘o vech’io?

Saverio:     Bastì, viratello tu… pecchè teng’‘a gola secca!

Bastino:     Savè ma chisto ce vale ‘na sputazzata da’ nosta?

Saverio:     E pure dici buono… nun ce vale ‘a pena!

Ambrogio: Terroni della mal’ora… le dice bene Bossi che vole dividere l’Italia!

Fantasma:  (sputa) Puah… allora te le cercato tu!

Ambrogio: Seghè… cosa le stato? Mi sento bagnato!

Bastino:     (alza la testa) Niente… cocche palumbo ti ha omaggiato!

Ambrogio: Madonna benedetta… cosa seghè palumbo… mi te so ditto de parlare italiano!

Bastino:     Il palumbo è il colombo.. il piccione… se gapì?

Ambrogio: Cosa? Vole dire ca mi ha cagato addosso?

Saverio:     Precisamente… appena e ‘nnumenato a Bossi!

Bastino:     Bossi… ca so’ pozzena magnà ‘e zoccole…

Saverio:     … ‘o primmo muorze ce l’aveva d’‘a mamma, ‘ncape… appena nato!

Ambrogio: Fannulloni… qui ci vuole la Lega!

Bastino:     ‘A Lega… ‘n’ata strunzata…

Ambrogio: La Lega non se ‘na stronzata.. se le una cosa seria!

Bastino:     Caro Ambrogio, vuoi che ti spieghiamo che cos’è la Lega per noi napoletani?

Ambrogio:          Certamente. Sentiamo che monata dici, pistola!

Bastino:     Savè t’‘o vide tu… o glielo spiego io al caro Ambrugino?

Saverio:     M’‘o vech’io! (a soggetto spiega)

Fantasma:  Ah, ah, ah! (esce a sx)

Ambrogio: Maleducati offendere così un’organizzazione politica come la Lega. Comunque preparate le ceste con i fiori per stasera, perché mi devo essere al mercato di Milano per l’orario d’apertura!  

Bastino:     Nun te preoccupà Ambrogì… pe’ tutt’‘o cimitero, nun faccio rimanè manco nu mazze ‘e ciure… ma che dico nu mazzo… manco nu garofano fraceto, e si per caso rimane, è plastica!

Ambrogio: Bene se vedemo stasera! (esce a dx)

Bastino:     Statte bbuono. Savè jammuncenne pure nuje! (escono a sx, mentre da dx entra Penelope)

Penelope:   (ha in mano un fiore secco. Si accosta ad un loculo e assume un aspetto mesto) Eccomi a te Ulisse caro...  distruttore di Troia e re di Itaca. La tua Penelope guarda che bellu fiore t’ha purtato... (lo mostra) oiccanne ojì. Nu bellu fiore tutto pe’ te. Nun accumincià a torcere ‘o musso…  uno, si, è overo, uno solo... e se capisce... primma ‘e tutto a me che so’ ‘na regina nun me piace ‘e fa ‘e squarciunarie… ‘e pacchianate… con i mazzi o ch’‘e corone… noooo, p’ammore ‘e Giove. Nuje nobili avimma essere sobri, rigorosi... nu fiore è più che sufficiente. D'altra parte, se mi trovo, ad attraversare un momento di difficoltà economica è pe’ colpa toja... te ne si juto da’ casa ‘a 20 anne… (grida) c’‘a scusa da’ guerra me lassata sola 20 anne. Gli ultimi periodi po’ teng’‘a casa chine ‘e Proci… ca magnane e beveno e nun cacciano ‘na fetente ‘e dracme manco si ce miette ‘o curtiello ‘nganne. Ce sta chillu puorco d’Antino ca magna comme ‘na mulazza. Nun arape manco l’uocchie ‘a matina ca subbeto s’adda fa ‘a zuppa ‘e vino c’‘o pane. Sta sempe ‘mbriaco… tutt’‘a jurnata… ah, e po’ vide che te dico Ulì: chillo fa ‘o rattuso… allonga ‘e mane… ajere sera mo’ truvaje dint’‘o bagno mentre me steve lavanne… e che ce vulette po’ fa ascì a via ‘e fore… a forza me vuleva lavà adderete e rine… Ulì, torn’a casa e guardate e fatte tuoje. Io mo’ me ne vaco… primma ca se fa chiù tarde… aggia mettere ancora a cucenà a Telemaco ca fra poco torna ‘a faticà… chillu povero guaglione è ghiuto fino e Sparta pe’ s’abbuscà coccos’e sorde. ‘A sera, chillu creaturo, torna a casa comm’‘a sfravecatura. Vengo dimane ‘n’ata vota… famme truvà e dracme pecchè s’hanna pavà ‘e bullette da’ luce e do’ gas… primma ca m’‘o staccano. (si avvia verso l’uscita a dx, poi si volta ed alza le braccia) Ciao  Ulissuccio… eroe dei miei sogni! (esce a dx. Da dietro le quinte si sentono le voci di Ninetta e Santina che litigano)

Santina:     (d.d.) Leve ‘e mane a cuollo…

Ninetta:      (d.d.) E tu nun vuttà…

Santina:     (d.d.) Pecchè si no che faje…

Ninetta:      (d.d.) Che faccio? Te spacc’‘a capa… (entra da sx Ninetta)       

12°   Scena  

(Ninetta, Santina, Fantasma, Pasquale, Direttore, Saverio e Bastino)

Ninetta:      He capì… e nun t’aggio dato ‘a borza ‘nfaccia pecchè songhe ‘na signora, e nun me metto cu ‘na vajassa!

Santina:     (entra da sx e si ferma sull’entrata. Indica Ninetta) ‘A signora… vattenne piezza ‘e pereta. (minacciandola) Uhe vide che te dico: si nun lasce sta ‘o ‘nnamurato mio, quant’è certo Dio, te scippo tutt’e capille ‘a capo!

Fantasma:  Cca sta pure chella infedele di mia moglie!  

Ninetta:      Ma chi, ‘o figlio do’ generale? T’‘o può tene a chillu battilocchio… chillo è pure friddo ‘e chiammata! E po’ ‘o strascino, pe’ tutt’‘o cimitero t’‘o facc’io… ‘sta malafemmena se permette ‘e chiammà a me tortano senza ‘nzogna!

Santina:     Uuuh, brava gente… guardate S. Maria Goretti s’è offesa!

Ninetta:      Io nun songhe S. Maria Goretti… ma so’ chiù onesta ‘e te!

Santina:     Chello mo’ accussì va a furnì… ca ‘o ciuccio chiamme recchie longhe ‘o cavallo! Io t’aggia scummà ‘e sanghe!

Ninetta:      A chi scumm’‘e sanghe? (le due donne si spingono a vicenda)

Fantasma:  ‘Na bell’appiccecata ce vuleva proprio! (esce a sx)

Santina:     (afferra Ninetta per i capelli e la spinge verso l’uscita di sx) T’aggia romper’‘a capa! (Ninetta afferra anch’essa Santina per i capelli e la spinge fuori a sx)

Ninetta:      A chi rump’‘a capa? (si odono rumori di vetro rotto, percosse e lamenti per alcuni secondi, poi entra il direttore zoppicando)

Direttore:   Ma pecchè ogni vota ca se vottano ‘a robba ‘nfaccia, cogliene sempe a me… so’ proprio sfurtunato! (esce a sx e rientra Ninetta)

Ninetta:      Ah… m’aggio sfucata! (rientra Santina)

Santina:     (soddisfatta si aggiusta un po’) Eh, quanne ce vo’ ce vo’… una se sta appiccecanne ‘ngrazi’‘e Dio… e chillo se mette miezo!

Ninetta:      He ditto buono!

Santina:     A te ‘n’ata ‘a discussione ‘a continuamme dimane, pecchè mo’ tengo che fa… aggia jre all’appuntamento c’‘o ‘nnamurato mio. Statte bona! (esce a dx)

Ninetta:      Stonghe a tua disposizione. (toccandosi il seno)   Famme jre accuncià nu mumento ‘o reggiseno… chella disgraziata m’‘o steva straccianne! (esce a sx, mentre da dx entra Pasquale)

Pasquale:   (in proscenio) Mannaggia ‘a miseria… aggia avuto turnà addereto pecchè m’aggio scurdato ‘o telefonino ‘ncopp’‘o fuosse do’ nonno. Speriamo ca nun se l’hanne pigliato! (fa per uscire a sx e vede Ninetta rientrare)

Ninetta:      (toccandosi ancora il seno) Ecco fatto, m’aggio aggiustata!

Pasquale:   Signurì quante site bella. Site meglio ‘e ‘na perzeca vellutata, tenite l’uocchie ca me parene doje cerase, ‘a pella comm’‘e fronne ‘e ‘nzalata…

Ninetta:      Ohinè ma che me pigliato po’ banco do’ fruttaiuolo!

Pasquale:   Scusate signurì, quella è la malformazione del mestiere che ho nella capa del cervello da quanne songhe nato!

Ninetta:      Ohinè, ma comme parle… chillo ‘nce vò ‘n’interprete pe’ te capì!

Pasquale:   (cotto, si avvicina) Mulignanella mia viene cca!

Ninetta:      (scostandosi con mestiere) Ma che vuoi… (sottovoce) forse aggio truvate ‘o cucuzziello!

Pasquale:   Permettete che mi presento: (dandogli la mano) Pasquale Aprea, specialista del cetrullo e verdommaro paesano… fruttajolo da 5 generazioni!

Ninetta:      (da la mano) Antonietta Cupido, detta Ninetta ‘a Bolognese!

Pasquale:   (stupidamente) Come, ‘a Bolognese? Aah non site napulitana?

Ninetta:      Neh, ma chisto ‘o fa, o è veramente nu cetrullo? Sono napoletanissima invece!

Pasquale:   E allora pecchè dicete che site Bolognese?

Ninetta:      Pecchè mi occupo di una specialità particolare!

Pasquale:   E di che vi occupate?

Ninetta:      (imbarazzata) E mo’ comme c’‘o spiego? Diciamo che mi occupo di raddrizzare, situazioni cascanti!  

Pasquale:   Veramente… e come le raddrizzate le situazioni cascanti?

Ninetta:      (risoluta) Viene cu me a ccà dereta, ca t’‘o spiego meglio. Ma tu ‘e tieni 50€ dint’‘a sacca, o dopo avimme fa l’opera?

Pasquale:   Ma pecchè se paga ‘sta spiegazione?

Ninetta:      E certamente. Pe’ senza niente io, nun metto bocca in nessun affare! Daje, viene cu me! (escono a sx, incrociando Saverio ed il direttore che entrano)

Direttore:   Savè ccà s’adda fa attenzione!

Saverio:     Ma pecchè direttò che stato?

Direttore:   Cca se lamentano ca nun trovane e fiore dint’e bucali! (entra da sx Bastino)

Bastino:     (Ha una dentiera in mano) E ccà stanne 2 belli diente d’oro. A occhi e croce varranno almeno 100 € (Vedendo Saverio ed il Direttore  cerca di nascondere la dentiera)

Saverio:     Che staje annascunnenne? Famme vedè che t’è arrubbato?

Bastino:     Arrubbato, ma che dice? Aggio scavato ‘a fossa 159, e ‘a vocca a salma è uscito ‘sta dentiera cu 2 diente d’oro. ‘A stevo purtanne dinto all’ufficio! 

Saverio:     Famme vedè. E chesto è oro!

Direttore:   ‘O fatto ca t’ha stive mettenne dinto ‘a sacca, è stata ‘na mussutella ca nun aviva fa. Nun s'arrobbano e muorte… e soprattutto ‘o direttore!

Saverio:     E neanche ‘o collega ‘e spartenza. Nun se fa, è pupù!

Bastino:     Rallarà! Direttò aggio ditto ca ‘a stevo purtanne a vuje, dinto all’ufficio!

Direttore:   E l’ufficio mio sta a chell’ata parte!

Saverio:     Si proprio mariuolo! Damme ccà, dimane ‘a porto ‘o ‘mpignatore, e mercurì te dongo ‘a parta toja!

Direttore:   O che… ‘a port’io ‘o ‘mpignatore… e sabato ve donghe ‘a parta vosta!

Saverio:     Bastì, capimmece ‘na vota per tutte, chello ca tu truove dinte 'e fosse, se porta in società, e se sparte a 3! 

Direttore:   He capì, nun ‘o fa cchiù! Vaco dinto! (esce a sx. Da dx entra Chiuvetiello)

13°   Scena  

(Bastino, Saverio, Chiuvetiello, Pasquale, Ninetta, Direttore, Fantasma e

Gaetano)

Chiuvetiello:       (ha un vassoio in mano) Ecco servito. 3 caffè. Chillo corretto ‘e chi è?

Saverio:     Uhe, finalmente, ti si degnato do’ purtà ‘o cafè? Gaitano se ne ghiuto ‘a ‘n’ora!

Chiuvetiello:       (arrabbiandosi) Ma vuje che vulite a me? Io stonghe sulo, l’ordinazione songhe assaje. Io tengo e piede ca me volleno!

Saverio:     Hai ragione pure tu. 2 ce pigliamme io e Bastino cca... chillo corretto è do’ direttore, puortancello dinto all’ufficio!

Chiuvetiello:       Atu cammino. Stammatina facevo meglio si invece de’ scarpe me mettevo e pattine a rotelle! (esce a sx)

Bastino:     Savè chi l’ha mannato ‘stu cafè?

Saverio:     L’ha mannato Gaitano!

Bastino:     (sorseggiando il caffè) Ah, ce vulevo proprio nu bellu cafè!

Saverio:     E certo. Pare ca nu semplice cafè, quanne è buono,  te fa senti ‘n’at’omme!

Bastino:     Savè te pozzo dicere ‘na cosa?

Saverio:     Certamente!

Bastino:     A te è nu pocurillo difficile ca nu semplice cafè te fa sentì omme… nun ce vo’ niente chiù. Comunque overo è buono ‘stu cafè!

Saverio:     O scè nun t’allargà, si no te faccio vevere pure ‘o bicchieriello!

Bastino:     (ridendo) Uhà, cu te nun se po’ proprio pazzià!

Saverio:     O scè, nun te scurdà ca io songhe sempe nu superiore do’ tuoje… io songhe ‘n’impiegato ‘e 2° livello!

Bastino:     ‘O sapimme, ‘o sapimme… si ‘o custode ‘e 2° livello… ce fatt’‘a palla!

Saverio:     Cretino, impiegato di 2° livello, no custode! (entra da sx Chiuvetiello)

Chiuvetiello:       Ecco fatto. (mostrando la mano) E soliti 2 centesimi ‘e mancia… accussì ‘o direttore me fa mettere e penziere ‘ncapo… (agitando la mano) mo’ comme m’‘e spengo tutti ‘sti sorde! (entra  urlando Gaetano da dx)

Gaetano:    Fermi, fermi tutti! ‘O cafè corretto addo sta?

Chiuvetiello:       L’aggio purtate ‘o direttore!

Gaetano:    Che combinato? ‘O masto tuoje invece e ce mettere l’annese ha sbagliato ‘a butteglia e ce ha mise l’acido po’ cesso! (si odono delle grida provenire dalla sx. E’ il direttore che si sente male)

Direttore:   Aaaaah! Aaaaah! Che dulore ‘e panza! Mi sento male!

Chiuvetiello:       (sottovoce) Uh, Madonna c’aggio combinato? So’ stat’io a mettere l’acido po’ cesso dinto ‘a butteglia ‘e l’annese vacante!

Saverio:     Uh, Maronna! Bastì purtammelo ‘o spitale!

Bastino:     Si, ma primma facimme sparì ‘e carte, nun se po’ maje sapè, avessa murì. Nun lasciammo tracce de’ traffici nuoste!

Saverio:     Haje ragione! (escono a sx. Entra il direttore ed il fantasma)

Direttore:   Aaaaaah, io mo’ more!

Fantasma:  Questo capita a chi ruba ai morti! (entrano da sx Ninetta e Pasquale)

Ninetta:      Direttò che succieso?

Gaetano:    Pover’omme, s’ha pigliato ‘o cafè cu l’acido p’‘o cesso a dinto!

Ninetta:      (a Pasquale) Pascalino, piglia l‘automobile fa ambressa, purtammelo ‘o spitale!

Pasquale:   Io nun ‘a tengo ‘a macchina, tengo sulo ‘o 3 rote pe’ ghire a caricà ‘a verdura ‘o mercato. Però m’‘o tengo scassato. Songhe venuto c’‘o pullman!

Ninetta:      (delusa) Manco ‘a macchina tiene. Ma si proprio ‘a mappina e l’uommene!

(fermo immagine)

CALA LA TELA

Fine primo atto

TRA   LA   VITA TERRENA   E   L’ALDILA’

di Salvatore   Paolillo

SECONDO   ATTO

La scena è la stessa del primo atto. E’ il giorno successivo ai fatti trascorsi. All’apertura del sipario si ode un cinguettio di uccelli per almeno 10 secondi. Al termine entra il fantasma.

1° SCENA

(Fantasma, Carmine, Bastino, Saverio e Gaetano)

Fantasma:  (entra da sx e va in proscenio) Rieccomi qua… allora… volevo dirvi che quello c’avite visto fino adesso, in questo cimitero, anche se in chiave teatrale, non è altro che ‘na specie ‘e purcaria quotidiana ca ‘sta città sforna miezo a ll’ate fetenzie, pe’  fottere ‘e regole do’ vivere civile e dell’onestà. Ma come vedrete in seguito però, anche in mezzo a tante schifezze, ogni tanto l’animo del napoletano… del napoletano vero… chillo c’‘o core ‘mpiette… chillo ca magne pane e cipolle… c’‘a dignità ca solo ‘sta città sape regalà, se sceta do’ turpore… e torna ad essere nu povero Cristo… ma nu povero Cristo c’‘a cuscienza… e nun fa chiù ‘o male sulo p’abbuscà ‘na 100 € sporca ‘e sanghe e c’‘o sapore da’ morte.  Perciò mo’ facite attenzione, e concentratevi sugli avvenimenti che verranno. Adesso lasciatemi andare… m’aggia priparà a da’ mazzate… mazzate ‘a cecato a ‘sti quatte fetienti. (inchinandosi) Servo vostro… (esce a sx. da dx entra Carmine)

Carmine:   (ha dei fiori in mano. Entrando si lamenta) Mamma mà… e fiori so’ diventate comm’e brillanti… nun se ponne proprio chiù accattà… guardate cca, guardate… quatte cusarielli fetenti, l’aggio pavato 20 €. (incalzando) He dicere ca po’ nun durano chiù ‘e ‘na jurnata… comme si fossene ammaestrati… doppe 24 ore s’ammoscene… abboccano ‘a capa e le jetta! (da sx entra Bastino)

Bastino:     (ha la scopa sulle spalle) Che stato Carmeniè? Coccosa nun va?

Carmine:   E ch’adda essere. Cca nun se po’ chiù campà!

Bastino:     (ironico) Figurammece a murì. Ma pecchè ched’è?

Carmine:   (mostra i fiori) Ecco ched’è. ‘Sti quatte turze ‘e vruoccule, aggio spiso 20 €!

Bastino:     E tu accattatenne chiù pochi!

Carmine:   (irato) Chilli quatte so’. Comme l’aggia apparà ‘a nicchia?

Bastino:     Oh, ma tu che vuò a me? Mo’ assamme jre a scupà fore ‘o canciello, primma ca vene ‘o Direttore! (esce a dx)

Carmine:   ‘A fai facile tu, pecchè ‘o prublema nun ‘o tiene! (da sx entra Saverio)

Saverio:     Buongiorno Carmine!

Carmine:   Buongiorno Savè!

Saverio:     A casa tutto a posto?

Carmine:   Bene grazie. Piuttosto aggio saputo c’‘o direttore avuto ‘n’incidente?

Saverio:     ‘N’incidente! Chillo steve murenne avvelenato!

Carmine:   (sorpreso) Tu che dici? Raccunteme, raccunteme!

Saverio:     Facimme ‘na cosa… viene dinto all’ufficio… aggio fatto ‘na machinetta ‘e cafè… mentre ce ne pigliamme ‘na tazzulella te racconto ‘o fatto! (vanno verso l’uscita di sx, entra da dx Gaetano)

Gaetano:    (saltellando) Perepè, perepè, perepè…persone, genti, individui… cca sta Aitano ca ve renfresca e muorte, ve pulezza ‘e nicchie e fa appacià l’animo!

Saverio:     O scè he furnuto?

Carmine:   E arrivato ‘o pazziariello!

Gaetano:    Buongiorno… buongiorno a tutti! (da sx entra il fantasma)

Saverio:     Ma che sentuto addora do’ cafè? Viene a via e dinto a te ne piglià ‘na tazzulella!

Gaetano:             Ah, menu male… ce vuleva proprio nu poco ‘e cafè! ( i tre si vanno verso l’uscita di sx, quando il fantasma da uno schiaffo a Saverio)

Fantasma:  Splash… chesto è pe’ tutte ‘e fetenzie ca faje ‘e muorte!

Saverio:     (toccandosi la zona colpita) Ahi!

Gaetano:    Che stato Savè?

Saverio:     Aggio sentuto nu dulore comme si avesse avuto nu pacchero!

Carmine:   Capita. Chella è l’artrosi! (il fantasma ride)

Fantasma:  Ah, ah, ha! Mo’ tocca a Bastino!(esce a dx)  

Saverio:     Ate c’artrosi Carmeniè… a me pareva proprio nu buffettone. Va buò… jammece a piglià ‘o cafè!

Carmine:   Jamme ja… primma ca se fa fridde!

Gaetano:    Avite ragione. Jamme Savè, ca tengo che ffa. Aggia servi a cierti clienti dinto ‘o viale pricipale! (i tre escono a sx, mentre da fuori si sente la voce di Bastino)

Bastino:     (d.d.) Mannaggia ‘a morte… capitano tutte a me… guardate cca, guardate… cos’‘e pazze! (entra il fantasma)

Fantasma:  (ridendo) Ha, ha, ha… guardate che l’aggio cumbinato!(esce a sx)

2° SCENA

(Bastino, Pasquale, e Don Pietro)

Bastino:     (entra da dx. Ha una scarpa in mano) No, non può essere.L’aggio beccato proprio in pieno ‘o pasticciotto. Cu tutt’‘o pere a dinto so’ ghjute. E dicere ca ‘sti scarpe l’aggia accattato ‘na semmana fa! (da dx entra Pasquale)

Pasquale:   (ha un occhio nero e dei cerotti in fronte) Buongiorno Bastino… (si avvicina e sente la puzza) Madonna che puzza… che combinato?

Bastino:     (mesto) So’ ghiuto a furnì c’‘o pere dint’‘a nu dolce a ciucculata!

Pasquale:   Ma qua’ dolce e ciucculata… chell’è cacca di cane!

Bastino:     Foss’‘a Madonna. (fa il gesto con le braccia) Chille ce sta nu guaio tanto fore ‘o canciello… aggio paura ca è stato ‘n’elefante. (vedendolo incerottato, chiede spiegazioni) Piuttosto tu che fatto… si ghiuto sott’‘o trattore?

Pasquale:   Peggio. ‘O trattore è niente vicino a chella furia scatenata!

Bastino:     Ma ‘e chi staje parlanne?

Pasquale:   Sto parlanne ‘e Ninetta. (va in proscenio. Da dx entra Don Pietro che si ferma ad ascoltare) Disgraziata, guardate come mi ha ridotto, m’ha rignut’‘e schiaffi, pugni e burzate ‘nfaccia. E’ ‘na diavola. Voleva essere pagata. Pretendeva da me 50 € per la sua  prestazione. Io avevo in tasca solo 3 € e 25 centesimi. E dicere ca io me so’ pure ‘nnammurato di essa… quella me piace assaje. E chi s’‘o puteva maje ‘mmaginà ca è ‘na prostituta. Ma poi in fondo io ho solo dato qualche pizzicotto sul mandolino… gli ho dato qualche bacio, ma niente di più. E come potevo fare di più… dopo ‘a disgrazia ca è capitata ‘o direttore… c’‘a confusione ca ce steve dinto a lu cimitero… cu essa ca  diceva “fa ‘mbressa, fa ‘mbressa”… dinto a ‘na cappella, miezo a li muorte e c’‘a puzza de’ lumini dinto a lu naso. Cose da non credere. Aah, tengo la capa ca me rintrona come ‘na campana. Quanti pugni, calci e burzate che m’ha dato. Speriamo ca nun me vene ‘a menengite!

Bastino:     Speriamo ‘e no. Chella ‘a menengite è pericolosa!

Pasquale:   Lu saccio. Chella ca menengite o se more o se rimane scemo!

Bastino:     Si, ma tu nun si muorte Pascalì!

Pasquale:   E che vuo’ dicere, ca songhe rimasto scemo?

Bastino:     Ma quanne maje!

Pasquale:   A beh. (va verso l’uscita a sx) Mo’ me vaco a sedere ‘ncoppo a lu fuosse de’ lu nonno, c’‘a speranza ca Ninetta, nun vene. Quella ha giurato ca m’accide!

Don Pietro:         Un momento! Aspetta un momento figliolo!

Pasquale:   Dite a me reverendo?

Don Pietro:         Sissignore. Ho sentito quello che hai detto… e devo rimproverarti!

Pasquale:   Ma io nun aggio fatto niente… nun songhe riuscito a fare niente!

Don Pietro:         Pecchè secondo te, pizzicare ‘o mandulino di una donna, o baciarla contro la sua volontà, per te è niente?

Pasquale:   Ma chella Ninetta, ‘a volontà ‘a teneva… e comme si ‘a teneva… sulamente ca era ‘na volontà a pagamento!

Don Pietro:         Questo non significa niente. Tu hai peccato lo stesso, ed è mio dovere, di buon sacerdote, punirti!

Pasquale:   E si va buò… mo’ c’aggia fa?

Don Pietro:         Andiamo nella cappella del cimitero… la ti confesserai, e dopo la penitenza che io ti darò, assaggerai l’assoluzione!

Pasquale:   Comme assaggerai… ma pecchè l’assoluzione s’assaggia? Ma ched’è ‘na fella ‘e dolce?  (esce a sx)

Don Pietro:         Bastì, si vene ‘sta Ninetta, mannammella dint’‘a cappella… pecchè l’aggia assolvere pur’‘a essa. ‘A voglio purificà c’‘o curdone benedetto. E doppe ce faccio bacià pure ‘o Bambinello! (esce a sx)

Bastino:     He capì a zi prevete. ‘O sacc’io ‘e qua’ curdone e Bambinello parla Don Pietro! (esce a sx, mentre da dx entra il direttore)

3° SCENA

(Direttore, Saverio, Carmine, Fantasma e Gaetano)

Direttore:   (lamentandosi) Aah, che tragedia, e tutto pe’ nu fetente ‘e cafè corretto a annese! (da sx entrano il Fantasma, Saverio e Carmine)

Saverio:     Carmeniè, e chisto è ‘o fatto ca è succieso ajere ‘o direttore!

Carmine:   (distratto) Che peccato. M’aggio perzo tutt’‘o spettacolo!

Direttore:   (seccato) ‘O spettacolo! Carmeniè ma mica era ‘o varietà. Chella è stata ‘na tragedia!

Carmine:   (sorpreso) Uh, ‘o direttore. Buongiorno, comme state? Aggio saputo da’ disgrazia!

Direttore:   Nun ne parlammo, un miracolo, sono vivo per miracolo!

Carmine:   E va bbuò, è passato… mo’ comme ve sentite?

Direttore:   Male, malissimo. Ma soprattutto stanco, senza forze… 15 litri d’acqua m’aggia avuto vevere... e chi sa a dinto che ce steve, ca m’ha sciugliute ‘a panza. Tutta ‘a nuttata dint’‘o bagno... 10 ore senza me putè maje sosere ‘a coppa ‘a tazza. Lassateme sta! (esce a sx)

Fantasma:  Questo è solo un avvertimento… ah, ah, ah! (esce a sx)

Saverio:     Pover’ommo… se le vista brutta! Carmeniè mo’ tengo che ffa! Damme ‘o permesso vaco a vedè si Bastino ha fernute ‘e sistemà gli attrezzi dint’‘o deposito! (esce a sx)

Carmine:   Va, va Savè… si te voglio te chiammo!Mamma, mà, comme so’ brutti ‘sti fiori. Tengo l’impressione comme si coccheduno me l’ha cagniate. S’ha pigliate e frische e m’ha mise ‘sti turze ‘e vruoccoli. Aggia dicere a Saverio ‘e se sta accorte! (da sx entra Gaetano)

Gaetano:    (va vicino ad un loculo e incomincia a pulirlo e a pregare a soggetto) Forza, mettimmece all’opera. Che la luce perpetua risplenda sulla tua anima… (Carmine vede lo strano rituale di Gaetano ed incuriosito si avvicina)

Carmine     Scusate è vostro fratello?

Gaetano:    No!

Carmine:   Allora uno zio? 

Gaetano:    No!

Carmine:   Un amico?

Gaetano:    No!

Carmine:   Allora un conoscente?

Gaetano:    No!

Carmine:   Ma qualcuno deve pur essere per pulirci il loculo e pregare!

Gaetano:    Scusate, ma a vuje che v’ interessa?

Carmine:   Niente… io chiedevo così per curiosità... visto il vostro aspetto!

Gaetano:    (per nulla risentito) Pecchè c’aspetto tengo?

Carmine:   (in difficoltà) Beh, sapete comm’è… vestito cosi… insomma non siete proprio normale!

Gaetano:    Pecchè vuje site normale?

Carmine:   Comme? Vuò vedè ca m’‘o strano songh’io?

Gaetano:    Pecchè vuje site in grado ‘e stabilì chi è strano, e chi è normale?

Carmine:   Comme sarebbe?

Gaetano:    Site nu psicologo vuje?

Carmine:   No!

Gaetano:    E allora pecche dicite ca nun songhe normale?

Carmine:   Ma scusate… vuje ‘o ritenite normale ca ‘na perzona tene tutte ‘sti pazzielle appese ‘ncopp’‘a giacca… tutto niro… cu ‘sta buattella mmano… ecc. ecc.

Gaetano:    Signore, quest’abito è comme ‘na tuta ‘e lavoro!

Carmine:   (stupito) Caspita! Scusate ma che lavoro facite?

Gaetano:    (ride) Eh, eh, eh… ‘o vulite sapè?

Carmine:   Mi piacerebbe!

Gaetano:    Facimme ‘na cosa… lasciatemi finire qua… poi mi accompagnate dentro al viale di S. Rita, e vi spiego tutto! 

Carmine:   Certamente. Permettete che leggo?

Gaetano:    Accomodatevi!

Carmine:   (si avvicina alla lapide e legge) ”Ciro Martello. Cavaliere del lavoro. Gran Maestro dell’ordine delle guardie particolari giurate. Padre esemplare e sposo fedele. La famiglia pose”. Che grande uomo era la Buonanima!

Gaetano:    (in disappunto) Ma quando mai... mi hanno detto che era un fetente… quello che si dice ‘a chiavica ‘e ll’uommene!

Carmine:   Come vi hanno detto? Allora non ‘o canuscite?

Gaetano:    Mai visto. In vita s’intende!

Carmine:   E come mai tanta premura?

Gaetano:    Jamme bello ja… è giunt’‘o mumento ca ve spiego il mistero! (escono a sx, mentre entra da dx Ninetta)

4° SCENA

(Ninetta, Ambrogio Fantasma e Saverio)

Ninetta:      (entra tutta agitata) Jamme bello, ja… comme stonghe mo’ me magno ‘a capa ‘e coccheduno. Doppe chello ch’è succieso ajere cu chillu cafone ‘e fruttajuolo, aggia cagnià ‘e leggi. Mo’ chiunque s’avvicina m’adda primma pavà, e po’ ‘o faccio pazzià! (da dx entra Ambrogio) Aaah, ‘o milanese!

Ambrogio: (la guarda con nausea e senza parlare emette un sospiro) Esssh! (va verso l’uscita di sx, ma viene chiamato da Ninetta)

Ninetta:      Mio bel milanese…

Ambrogio: (si ferma la guarda, poi riprende a camminare)

Ninetta:      …Berluscone…

Ambrogio: (ripete la scena di prima)

Ninetta:      …maschione…

Ambrogio: (fa un gesto con la mano ed esce a sx)

Ninetta:      …ricchione… accuminciamme buono, accuminciamme. (chiama Saverio) ‘On Savè… ‘on Saverio… (si aggiusta una calza) ‘on Savè… e vide si chisto risponne! (entra da sx Saverio ed il Fantasma)

Saverio:     Eccomi, eccomi… chi me vo’? Ah si tu… che stato… che vuò?

Ninetta:      ‘On Savè sapite si pe’ caso è venuto chillu sfasulato ‘e Pascale ‘o verdummaro?

Saverio:     Sissignora… me pare ca sta ‘ncopp’‘a fossa do’ nonno!

Ninetta:      Ah, sta cca… è venuto… l’aggia spacc’‘a capa! (va verso sx, ma Saverio la ferma)

Saverio:     Addo vaje… viene cca! (interviene il Fantasma)

Fantasma:  (fa dei gesti sulla testa di Saverio, poi gli soffia in un orecchio) Vuuum! (Buio, luce velocissimamente)

Ninetta:      Lassateme sta ‘on Savè. Chillu disgraziatone, ajere, nun m’ha pavato! Ma che se crede ca io so’ ‘na dama ‘e carità… oppure ca faccio ‘o mestiere pe’ beficenza? L’aggia mannà ‘o spitale si no nun me chiammo chiù Ninetta ‘a Bolognese! (va verso sx, ma Saverio l’afferra per un braccio)

Saverio:     (mistico) Fermate… nun fuì… aspetta nu mumento… calmate… fatte dicere ‘na cosa!

Ninetta:      Ma comme site strano. Che vulite? Che m’avita dicere?

Saverio:     Invece do mannà ‘o spitale a Pascalino, pecchè nun ‘o perduone?

Ninetta:      (gridando) Comm’‘o perdono? Ma che dicite ne ‘on Savè… ma ve sentite bbuono?

Saverio:     Dico ca pe’ te Pascalino ‘o verdummaro, po’ essere ‘a perzona ca te fa cagnià vita… ca te leva a dint’‘o peccato!

Ninetta:      Sinceramente nun ve sto capenne… ma che vulite dicere?

Saverio:     Voglio dicere ca si faje ‘o mestiere ‘a colpa è solo da toja! 

Ninetta:      ‘A mia? 

Saverio:     Certamente!

Ninetta:      E già. Comme parlate bello vuje. A me ‘a vita nun m’ha dato nisciuna scelta!

Saverio:     Cara Ninetta, la vita non deve darci nulla; simme nuje  c’avimma piglià ‘a essa!

Ninetta:      E comme se fa a piglià dalla vita?

Saverio:     La vita  non è altro che nu grande buffet, comme chilli ‘e dint’e matrimoni, ‘e sai? ‘Na specie ‘e tavulone apparecchiato cu tanti piatti chine ‘e mangià ‘ncoppe. E ognuno e nuje, appena incomincia ad avere l’uso della ragione, se sceglie ‘o piatto ca vo’. Tu te si scegliuta ‘o piatto sbagliato. ‘O sapore ‘e ‘stu mangià ca te si scegliute nun te piace… ed allora è subentrato la rabbia. La rabbia verso gli altri. Non è stata la vita a non darti nulla, si stata tu  a  mettere ‘e mane dint’‘o piatto sbagliato! Insomme Ninè, pe’ nun t’‘a tirà a luongo, he fatte ‘a scelta sbagliata!

Ninetta:      Mah…. vuje parlate ‘e scelte sbagliate… ma tante volte ‘a strada è già segnata e non può fa ato ca seguirla!  

Saverio:     Nun so’ d’accordo. ‘A vita è ‘a nosta e non putimme permettere a nisciuno ‘e scegliere pe’ nuje… mo’ stamme a sentì… va da Pascalino, senz’aggredirlo, senza fa piazzate, e facce duje ciancitielli… doje mussetelle doce!

Ninetta:      ‘On Savè ma che dicite… accuss’ pare ca l’aggia corteggià… mica l’aggia f’annammurà?

Saverio:     E’ già ‘nnammurato ‘e te… me l’ha ditto mo’, mo’ Bastino!

Ninetta:      E si… e comme s’annammora e me… io so’ ‘na p……

Saverio:     …tu si ‘na bona guagliona… va, va da Pascalino!

Ninetta:      Foss’Angelo ‘a vocca vosta ‘on Savè… ma che ve credite ca a me fa piacere e fa ‘sta vita… io mo’ ce provo! (esce a sx)

Saverio:     Vide ca ce riesci!

Fantasma:  (annuendo con la testa) T’aggio miso ‘ncopp’‘a retta via… vide ‘e nun sbaglià chiù… se no ‘a punizione pe’ te sarà atroce… te tagli’‘a capa! (esce a sx )

Saverio:     Nun ‘o saccio che me sta succedenne. Me sento coccosa dinto ca m’impedisce ‘e fa del male. Ogge p’‘a primma vota, nonostante tutt’‘e fetenzia ca faccio, me sent’omme overamente! (da sx entrano Don Pietro, Carmine, Gaetano e Bastino)

5° SCENA

(Don Pietro, Saverio, Bastino, Carmine e Gaetano)

Don Pietro:         Adesso come d’accordo facciamo un po’ di catechismo… (vede Saverio) ah, staje pure tu… bene vo’ dicere ca partecipi pure tu!

Saverio:     Uffà, San Piè ma io tengo che fa!

Don Pietro:         Miettete cca primma ca te mengo ‘na cosa ‘nfaccia! (i 5 si posizionano così: a sx Bastino e Saverio, al centro Don Pietro, a dx Carmine e Gaetano) Dunque oggi parleremo del peccato originale!

Bastino:     Padre ma è proprio necessario?

Don Pietro:         Statte zitto. (distribuisce ad ognuno un foglietto)

Bastino:     ‘On Piè ma che so’ ‘e quote?

Saverio:     ‘O Napule a quanne ‘o dà?

Gaetano:    ‘Na bella bulletta ma jucasse pur’io!

Carmine:   Facimme 2€ per’uno!

Don Pietro:         (arrabbiato) Ma qua quote. Disgraziati quelle so’ pagine del vangelo. (apre la bibbia e legge) << Il signore Iddio passeggiava per il giardino alla brezza del giorno >>…

Carmine:   Padre ma ched’è ‘a brezza?

Don Pietro:         E’ ‘na specie ‘e ventariello frisco!

Gaetano:    He capito ‘o Pataterno… steve piglianne ‘o frisco dint’‘o ciardino…

Bastino:     Padre ma pecchè faceva cavero?

Saverio:     Se vede c’aveva essere ‘o mese ‘e luglio!

Don Pietro:         (grida) Zitti, somari… non m’interrompete. Ripigliamo la lettura… mentre passeggiava per il giardino chiamò Adamo: << Adamo… Adamo >>…  visto che Adamo non rispondeva, il Signore alzo la voce: (forte) << Adaaamo >>…   finalmente Adamo sentì e rispose al Signore dicendo…

Saverio:     …Neh, Pataterno ma c’allucca a ffa… io ce sento…

Don Pietro:         (sferra un ceffone a Saverio) Chillo po’ Adamo rispunneva accussì? Ma che steva parlanne c’‘o frate?

Carmine:   Va buò ‘on Piè, nun damme aurienza… jamme avanti… comme jetta a furnì?

Don Pietro:         Dunque, ripigliamola lettura… Adamo rispose: << Signore ho sentito la tua voce >>

Bastino:     E pe’ forza, chillo ‘o Pataterno, alluccava ‘e chella manera!

Don Pietro:         (occhiata storta) ‘N’ata vota mò… dopo che Adamo l’aveva risposto, il Signore gli chiese: << dove sei >> e lui rispose…

Gaetano:    Sto’ sotto a chist’albero… me sto’ magnanne ‘na mela!

Don Pietro:         (tentativo di aggressione a Gaetano) Disgraziato, eretico…

Gaetano:    Una cosa però, v’avita sta’ fermo che mane!

Don Pietro:         (esaurito) ‘Sti miserabili… (sospiro) continuiamo… Adamo rispose: << ho sentito la tua presenza nel giardino e ho avuto paura >>

Carmine:   E pe’ forza… chillo Adamo tenev’‘o vizio e sta’ sempe annure…

Gaetano:    … cu chillu (fa il gesto) ciondolo ca ghiev’annanze e addereta…

Don Pietro:         (schiaffi a tarantella ai due) Putupù… putupù…

Carmine:   (toccandosi le zone colpite) Nun ce sta niente a fa… è manesco!

Gaetano:    Nun sta bene però… nuje stamme collaboranno!

Don Pietro:         Farabutti… disgraziati… << il Signore rispose: “Chi ti ha fatto conoscere che eri nudo”?

Saverio:     E’ stat’ Eva… io nun ‘a vuleva… tu me le vuluto da’ pe’ forza…

Bastino:     …e matrimonie cumbinati nun so’ maje state buoni…

Don Pietro:         (affranto si siede per terra) Nun ce la faccio più… (alza le braccia al cielo) Signore, aiutami tu… dammi la forza! (abbassa la testa e accenna ad un pianto misto a sonno) ehm… ih… ehm!

Carmine:   Ma ched’è s’è addurmuto?

Gaetano:    Ma c’avimm’aspettà ca se fa ‘o pisolino… io fra ½ ora tengo nu funerale a Margellina!

Bastino:     Vedite che jurnata ca è schiarata… ‘o Paradiso… ‘a mela… Adamo… io tengo che fa!

Saverio:     (risoluto) Neh, San Piè… ‘o vulimme tirà ‘stu capo ‘nterra?

Don Pietro:         (alza la testa e scatta in piedi, poi minaccia i 4) Chiunque di voi dirà un'altra ciucceria lo mando all’ospedale… parola di sacerdote…

Gaetano:    Allora nun avimma collaborà?

Don Pietro:         Certamente… ma non dovete dire bestialità!

Carmine:   Va buò, ‘on Piè… nu poco ‘e pacienza… nuje ‘a favoletta ‘a sapimme a modo nostro… nun avimme fatto ‘e scole de’ prievete!

Don Pietro:         ‘A favoletta… ma che dici bestia che non sei altro… quello è il peccato originale… sta nella bibbia!

Bastino:     Chillo Carmine è nu ‘gnorantone!

Don Pietro:         Continuiamo… allora il Signore sgridò Adamo perché aveva mangiato il frutto proibito, e gli disse: << Non hai forse mangiato il frutto che ti avevo proibito di mangiare? >>. Adamo rispose…

Saverio:     Patatè comme ‘a staje tiranne a luongo… io ‘na fetente ‘e mela m’aggio magnato… tecchete 5 €. T’‘a pavo e levamme ‘o fraceto ‘a miezo… (Don Pietro s’infuria e lo aggredisce)

Don Pietro:         T’aggia spacc’‘a capa! (Saverio scappa a sx, Don Pietro lo segue fin dietro le quinte… si sentono delle grida e dei rumori)

Bastino:     Mo’ abbusca Saverio oì! (dopo un po’ rientra Don Pietro)

Don Pietro:         (sospirando) Ah… finalmente… l’aggio scummato ‘e sanghe! (rientra Saverio. Ha la mano sulla bocca, sporca di sangue)

Saverio:     (lamentandosi) Aaah. Che m’ha cumbinato… (vanitoso) speriamo ca nun m’ha arruvinato ‘o prufilo!

Carmine:   Sicuro… si no nun puo’ fa chiù George Clooney!

Don Pietro:         (minaccioso) Ce stanne pure pe’ vuje ‘e mazzate si continuate a fa’ e farenielli… dunque… ripigliamo… Adamo rispose: << E’ stata la donna che mi hai dato per compagna che mi ha dato la mela, ed io ne ho mangiato >>. Il Signore allora domandò ad Eva: << Che hai fatto? >>. E la donna rispose…

Gaetano:    … mio Signò, io ‘a mela tenevo e chello c’aggio dato…

Bastino:     …mica ce putevo da’ 2 sasicce…

Carmine:   …o ‘na fella ‘e parmigiana ‘e mulignane…

Saverio:     …tu nun l’avive creato ancora…

Don Pietro:         (inviperito) V’aggia accidere… (Carmine e Gaetano scappano a dx, Don Pietro l’insegue) disgraziati… (d.d.) avite fatto addiventà ‘a bibbia “Novella 2000”!

Bastino:     (va sull’entrata di dx) Finalmente Savè se ne ghiuto!

Saverio:     Sia lodato Gesù Cristo! (entra Ambrogio da sx)

6° SCENA

(Ambrogio, Bastino e Saverio)

Ambrogio: (ha un fiore in mano. Vede Bastino e Saverio) Ah, coppia di bighelloni siete qui… sfaticati, perditempo mi ve sto a cercare per l’intero cimitero… vagabondi!

Bastino:     (scocciato) Savè, chisto pe’ forza vo’ essere sputato ‘nfaccia!

Saverio:     Ci sono serie possibilità che ciò avvenga!

Ambrogio: Terroni maledetti, per colpa vostra ho perso una giornata di lavoro!

Bastino:     E nun ringrazi a Dio. Te si arrepusato… he respirato l’aria ‘e Napule, invece do’ smog ‘e Milano!

Ambrogio: Ma cosa ti se ditto? Parla italiano zotico che mi non te capisco!

Saverio:     Ha detto che cosa vuoi?

Ambrogio: Come cosa voglio? Il carico dei fiori doveva essere pronto ieri sera!

Saverio:     Abbi pazienza… è successo un contrattempo!

Ambrogio: E chi se ne frega… ora chi mi risarcisce la paga di una giornata?

Bastino:     Ma chi vuò ca t’‘a risarcisce… fai una cosa, aumenta di 5 centesimi i fiori, e con il ricavato recuperi la giornata!

Ambrogio: Sorbole, ma questo se un imbroglio… mi sono un fioraio onesto!

Saverio:     Ma che dici? Tu compri i fiori che vengono arraffati in questo cimitero ad un quinto del loro valore, per poi rivenderli al mercato di Milano, al prezzo intero… e dici che sei onesto… Ambrogino ma facci il piacere!

Ambrogio: (imbarazzato) Ma questo è la regola del mercato… in quanto ai fiori… bel materiale che avete caricato sul furgone!

Bastino:     Ma pecchè che stato? I fiori che ti abbiamo dato non ti piacciono?

Ambrogio: (mostra il fiore che ha in mano) Guarda qua, disonesto… son tutti secchi e spezzati… per farli mantenere li hai legati con il nastro adesivo. Ma cosa credi che mi sono un cretino?

Saverio:     (sottovoce) Bastì ma che cumbinato?

Bastino:     Savè chilli erano rimasti… e frische c’avimme vennuto a don Giuvanne do’ chiosco ti si scurdate? ‘O guaio ca chisto se ne accorto!

Ambrogio: Mi avete rotto i maroni!

Saverio:     Ambrogino come sei aggressivo!

Bastino:     Savè ma e maron che so’ ciucculatine?

Saverio:     (Saverio spiega nell’orecchio a Bastino, il significato della parola)

Bastino:     Uhe, scustumato e nuje te parlamme accussì a te?

Saverio:     Ambrogio, tu hai mai sentito parlare di Totò?

Ambrogio: Certo, pistola che ho sentito parlare di Totò. Ma che credi che io vengo dal Burundi? Totò era un grande artista, peccato che era nato a Napoli… un terrone!

Saverio:     E già, un vero peccato!

Bastino:     Savè ma piglialo a caveci a ‘stu mappino. Offendere a Totò… comme se permette ‘stu fetente!

Ambrogio: Ma cosa la c’entra Totò nei nostri affari?

Saverio:     C’entra, c’entra… perché se fosse ancora vivo, sai cosa ti direbbe?

Ambrogio: Cosa?

Saverio:     Ti direbbe: “ Lei è un cretino, s’informi “!

Bastino:     (ride) Ah, ah, ah!

Ambrogio: Ma vai a quel paese… e io che sto a perdere tempo con questi marocchini! Se vedemo la prossima settimana! (esce a dx)

Bastino:     Mi si piaciuto Savè… l’he fatto ‘na schifezza pulito, pulito!

Saverio:     Si fosse capitato ajere, forse, ‘o pigliav’a paccheri… ma mo’ me sento coccosa dinto ca m’impedisce ‘e fa del male!

Bastino:     (preoccupato) Neh, Savè ma che te sta succedenne? ‘On Pietro t’avesse fatto perdere ‘a capa? Nuje ca tenimme ‘e cose noste ‘a fa… avimm’abbuscà e sorde!

Saverio:     Bastì, ma ti si maje chiesto comm’‘e buscamme ‘sti sorde?

Bastino:     Arrubbanne e muorte e pure e vivi! Savè chesta è ‘na città ca si nun si disposto a te jucà ‘a vita tutt’e juorne nun te fa campà!

Saverio:     Jamme a via ‘e dinto… jamme a vedè ‘o direttore che sta ‘mbruglianne! (escono a sx, mentre entra da dx Santina)

7° SCENA

(Santina, Pasquale, Ninetta, Fantasma e Voce)

Santina:     (si fa il segno della croce) In nome del padre, del figliuolo e dello spirito santo. Oggi è ‘na jurnata tranquilla, sto’ ‘npace cu me stessa e c’‘o munno… (da sx entra il Fantasma e si posiziona dietro a Santina) e me voglio liberà ‘e ‘stu peso ca me porto dinto. Mo’ vaco ‘ncopp’‘o fuosso ‘e Angelo, mio marito, e ce dico ca io quanne isso era vivo, ‘o tradivo…

Fantasma:  E saje che nuvità!

Santina:     …‘o cerco perdono e me libero ‘a cuscienza… però c’‘o dico ca era colpa soja… e pe’ forza nun ce stevo maje… sempe a faticà…

Fantasma:  E scusatece tanto ‘onna Santì!

Santina:     Embhè certo, dicimm’‘a verità, ‘a quann’ero signurina ca m’hanno sempe piaciuto l’uommene… assaje… che colpa tengo se quanno veco a ‘n’ommo subbito m’annammoro… ‘o guaio ca po’ ne veco a ‘n’ato e me piace chiù ‘e chillo ‘e primma… mammà m’‘o diceva sempe… “ figlia mia tu si ‘na malata “!

Fantasma:  No tu si ‘na zoccola!

Santina:     Mo’ per esempio, nonostante songhe già fidanzata c’‘o figlio do’ generale, atterrato a fianco alla buon’anima di mio marito Angelo… c’aggia fa sto facenno nu penziero ‘ncuolle a Bastino ‘o ‘nterratore… comme me piace…

Fantasma:  ‘N’atu penziero ‘o tiene c’‘o psicologo… ‘n’ato c’‘o macellaio e c’‘o purtiere, ecc. ecc. (forte) ma quanta penziere ca tene mia moglie!

Santina:     ‘A verità pure cu Saverio ‘o custode… nun ‘mporta ca è nu pucurillo stagionato sto facenno nu penziero…

Fantasma:  E fallo pure c’‘o direttore, tanto tu nun ghiette niente!

Santina:     E famme jre a chiedere perdono a Angiulillo mio… (sull’uscita) chi sa comme si chiamme ‘sta malatia ca tengh’io? (esce a sx)

Fantasma:  Se chiamme zuccularia cronica galoppante! ‘Sta disgraziata… ma mo’ che ghiesce te cumbin’io ‘o servizio… ma comm’è possibile ca nu povero Cristo adda essere mortificato pure doppe muorte? (escono da sx Pasquale e Ninetta)

Ninetta:      He visto Pascalì nun l’aggio dato proprio aurienza a chella malafemmena pe’ rispetto a te ca si ‘o ‘n’ammurato mio!

Pasquale:   Brava perzechella mia… da oggi pe’ te incomincia ‘na nuova vita… ‘na vita fatta di lavoro dietro a lu bancone della verdura, e di onestà!

Ninetta:      (sottovoce) Mamma do’ Carmine, e che m’aspetta cu chisto! Ninè pienzece buono… tutt’‘a vita miezo ‘e patane e cepolle!

Pasquale:   Che si ditto?

Ninetta:      (lo guarda sconfortata) E c’aggia dicere… ca te voglio bene e te chiede ‘e mettere ‘na preta ‘ncopp’‘o passato!

Pasquale:   Nun te preoccupà scarulella mia… io ‘ncopp’‘o passato tuoje ‘nce metto 3 muoje ‘e terre e guardo al futuro. (prende il cellulare) Mo’ famme telefonà a mammà, pe’ ce dicere ca me songhe fidanzato. (fa per baciarla) Viene cca fatte da nu bacio azzeccusiello, azzeccusiello!

Ninetta:      Addo vaje… statte quieto!

Pasquale:   Ma comme, simme o nun simme fidanzati?

Ninetta:      Certamente… simme fidanzati… ma il nostro fidanzamento deve essere bianco… bianchissimo… Pascalì parlammece chiaro… tu me primme spusà e po’ te faccio jre a Muntevergine!

Pasquale:   (deluso) Ho capito. Speramme ca nun faccio curnuto e mazziato!

Ninetta:      E mo’ jammuncenne! (escono a dx)

Fantasma:  E chesta è fatta. Miezo a tutte ‘sti schifezze, hann’asciute 2 anime candide! (si sentono delle urla d.d. E’ Santina ed altri)

Santina:     (d.d.) Aiuto… aiuto… aiutateme!

Voce:          (d.d.) Chiammate ‘o terrasantiere… facit’ambressa…che disgrazia è caruta dint’‘a fossa vacanta… aiutatela!

Santina:     (d.d.) Aiuto… nun pozzo movere chiù ‘e gambe… aiutateme!

Voce:          (d.d.) Presto, presto… tirammela ‘a dint’‘a fossa!

Fantasma:  Questa è la vendetta su mia moglie Santina… adesso rimarrà paralizzata su una sedia a rotelle… per sempre… nun se ‘curnea a nu marito faticatore comm’e me… speriamo ca s’amparata ‘a lezione! (entrano Bastino e Saverio che soccorrono Santina)

8° SCENA

(Fantasma, Santina, Saverio, Bastino, Direttore e Marika)

Santina:     Io mo’ more… nun me sento chiù ‘e gambe… speriamo ca nun m’aggio fatto niente… si no comme ma metto chiù ‘a minigonna…

Fantasma:  Guardate, guardate chella sta jettanne ‘o sanghe, e penza a se mettere ‘a minigonna!

Bastino:     Forza Savè mettimmela dint’‘a ‘na macchina e facimmela jre ‘o spitale! Ma comme ha fatto a cadè?

Saverio:     Jamme, jamme… facimme ambressa… mamma do’ Carmine, chesta è 2 quintali!

Bastino:     Hai ragione. Comme cacchio pesa… (escono a dx)

Fantasma:  (sull’entrata) T’è piaciuto ‘e me fa ‘e corne… e mo’ magnete ‘o limone… anche quest’è fatta… sotto a chi tocca… oggi è la giornata delle vendette! (da sx entra il Direttore)

Direttore:   (con le mani in testa) Che disgrazia. Chest’è ‘a vota ca vaco ‘ngalera… io comme a direttore so’ responsabile. A nu poco ‘e tiempo dint’a ‘stu cimitero stanne succedenne cose strane… comme si ce stesse nu spirito ca fa e dispietti!

Fantasma:  Finalmente l’he capito… lassate sta’ e vivi, ma soprattutto e muorte… si no faccio ‘n’apocalisse! (esce a sx, mentre da dx entra Marika correndo, fino all’entrata di sx. Urta il direttore al centro della scena, che gira su se stesso)

Direttore:   Chi te bbivo… ma che passato nu ciclone?

Marika:     (mette la testa fuori) Direttò scusate, v’aggio tuzzat’io…

Direttore:   Ah, si tu mariuncella!

Marika:     (entra) E dalle… ‘a forza… comme ve l’aggia dicere a tutte quanti ca nun voglio essere chiammata mariuncella… (arrabbiandosi) io tengo nu bellu nomme!

Direttore:   (ironico fa il segno con la mano) Scusatece tanto signora marchesa Cinquedita… tu me stive facenne jre a faccia ‘nterra!

Marika:     Nun me dicite niente, direttò, ma chella me steve seguenne…

Direttore:   (impaurito) …ma chi ‘a polizia? Uhe, io nun saccio niente… ‘a refurtiva toja io nun me l’aggio maje pigliato… io nun te conosco… chest’è ‘a primma vota ca te veco… tu a chi vuò fa passà nu guaio!

Marika:     Direttò tirat’‘o freno… calmateve nu poco… ma chi v’ha ditto ca me steve seguenne ‘a polizia? E po’ nun me canuscite overo? E sorde do’ malloppo ca porto tutt’e juorne ve sapite zucà… vuje e chill’ati duje cumpari vuoste…

Direttore:   Va buò Maricuccia io l’aggio ditto accussì, tanto pe’ dicere… saje dint’‘a paura… ma chi te steve seguenne?

Marika:     (lo guarda sdegnata) ‘Na femmena!

Direttore:   E chi era?

Marika:     Nun me facite penzà… Madonna mia che me v’‘a capità!

Direttore:   Ma che stato? Calmate...

Marika:     ...ma dico io pure a f’‘a mariola ce vo’ ‘a ciorta!

Direttore:   Ma pecchè che stato?

Marika:     Ch’è stato? So’ cos’‘e pazze... sulo a raccuntarle... nientemeno, mezz’ora fa... io stevo abbascio ‘o vico… s’era fatto nu poco ‘e gente pe’ nu piccirillo caduto ‘a copp’‘o balcone do’ primmo piano...

Direttore:   …è muorto?

Marika:     Noo... sulo ‘a paura e quacche graffio...

Direttore:   …a menu male… si no s’aveva scavà ‘n’ata fossa…

Marika:     …comunque apprufittanne da’ confusione chianu chianu aggio miso ‘a mano dint’‘a sacca ‘e ‘na signora... nè... chella nientemeno era ‘na lesbica... se pensavo c’‘a vulevo tuccà areto! Accussì m'abbracciata stretta stretta e m’ha baciata… io me ne so’ fujuta e essa appriesso... l'aggio sperza sulo quanne me so’ menato cca dint’‘o cimitero!

Direttore:   (scherzoso) Ma comme Maricù... ‘na vota ca truove ‘na ‘nnammurata... te ne fuie? Chella te spusava.... ah... ah...

Marika:     Uhe… direttò nun facit’‘o farenello… purtate rispetto a ‘na signora! (da dx entrano Bastino e Saverio)

Saverio:     Uhe, Bastì he visto cca chi ce sta?

Bastino:     E comme no! Ce sta la nostra mariuncella!

Marika:     (contrariata) Ma jate a fa ‘nculo tutt’e duje… (esce a dx. Saverio e Bastino si guardano perplessi, poi…)

Bastino:     Neh, direttò ma c’avimme ditto, ca c’‘a mannate a chillu paese?

Direttore:   (ridendo) Niente, niente… ah, ah, ah! (esce a sx)

Bastino:     Savè, ma chest’è ‘a jurnata de’ sciemi? Bah!

Saverio:     E che t’aggia dicere! (da dx entra Chiuvetiello)

9° SCENA

(Saverio, Bastino, Chiuvetiello e Penelope)

Chiuvetiello:       Bongiorno signori!

Bastino:     Bongiorno pur’a te Chiuvetiè… nun vec’‘o panaro… ched’è ogge nun se vennene e pagnuttielli?

Chiuvetiello:       Chiù tarde… ‘o masto ancora l’adda levà a dint’‘o furno!

Saverio:     E allora che si venuto a ffa?

Chiuvetiello:       ‘On Federico m’ha ditto ca tenite d’ajere, nu pacch’‘e zucchero do’ suoje… m’‘o so’ venuto a piglià!

Saverio:     Ah, si… sta dint’‘o mobelo, dint’all’ufficio… Bastì famm’‘o piacere accumpagnelo dinto e dancello!

Bastino:     Comandante ai vostri ordini… (mette una mano sulla spalla a Chiuvetiello) jammuncenne Chiuvetiè!

Chiuvetiello:       Una cosa ‘on Bastì, levate ‘sta man’‘a cuolle… sapite comm’è… io cca dinto songhe accanusciuto…

Bastino:     …e allora?

Chiuvetiello:       E allora me facite fa brutta figura… ‘a gente dice ca io donghe cunferenzia a nu miserabile comme vuje…

Bastino:     (alza il braccio) Mo’ te donghe nu schiaffone…

Chiuvetiello:       (scansandosi) …permettiteve, e po’ vedite si nun chiamm’‘o telefono azzurro!

Saverio:     (ride) Ah, ah, ah. T’ha mis’apposto pulito, pulito!

Bastino:     Cammina dinto va… ‘stu scemo!

Chiuvetiello:       Nun spustate c’‘a vocca… (minacciandolo) mannaggia… avite ragione ca site anziano… si no già v’avevo scummat’‘e sanghe!

Bastino:     (lo spinge) Cammina… pigliate ‘o zucchero e vattenne! (escono a sx)

Saverio:     J che ce tene chillu miez’omme! (da dx entra Penelope)

Penelope:   Ulissuccio, cca sta Penelope toja!

Saverio:     Uh, Madonna, ‘a pazza… famme annasconnere! (esce a sx)

Penelope:   (vicino al loculo) Neh mio signò, manco te si arritirato a casa… staje ancora facenn’‘a guainella cu chill’ati sciemi comme te? E va buò… allora ce le vuluto tu. Mo’ me metto cu nu Procio e levamme ‘e chiacchiere ‘a miezo. Tu faje finta c’‘o fatto nun è tuoje… pe’ tutta Itaca ‘a gente sta sparlanne ‘nguoll’a me. Stammatina dint’‘o mercato aggio ‘ntiso ‘o chianchiere ca diceva ‘a ‘na plebea ca io nun te songhe chiù fedele... ca ne sto facenne ‘e tutt’e culure cu e Proci… ecc. ecc. a me ca m’aggia pure ‘nventata ‘a tela pe’ te restà affezziunata. (arrabbiandosi) Ma vide che te dico: non appena t’arretire faccio comme ha fatto Clitennestra cu Agamennone. (mette un dito alla gola) Cca ojì… una curtellata ‘nganne te donghe e te mengo ‘nterra… e po’ me trovo pur’io a nu bello Egisto. Po’ voglio vedè si chillu femmenello ‘e figliete Telemaco te vendica comme facette Oreste… ‘o donghe nu cavece dint’‘a panza e ‘o schiatte ‘nterra. E dracme pe’ pavà ‘e bullette manco me l’he mannate? Allora vo’ dicere ca faccio staccà tutte cose… accussì quanne tuorne ‘e fa ‘o cuntratto ‘n’ata vota. Mo’ me ne vaco e t’accummencio a fa’ tant’e chelli corne ca perfino Giove, ca è nu Dio ‘e conseguenza s’adda mettere ‘e mmane dint’e capilli! (esce a dx mentre da sx Saverio sporge la testa)

Saverio:     Se ne ghiuta? Assa fa ‘a Madonna! (entra in scena) So’ cos’è pazzi chello ca succedeno dinta a ‘stu cimitero! (da sx entra Chiuvetiello)

10° SCENA

(Chiuvetiello, Saverio, Bastino Fantasma Tarantella e Federico)

Chiuvetiello:       (ha in mano il pacco di zucchero aperto, e ne mangia avidamente) Ah, comme me piace ‘stu zucchero… (boccata) comm’è bello… (incomincia a cantare) E rullallero ullallero ullallà… (balla agitandosi) Auhu… auhu… auhu… (boccata) perepè, perepè, perepè… Hiuuuu…

Saverio:     Ma che stje facenne? A vuò furnì?

Chiuvetiello:       (ormai completamente fuori di testa, per aver ingerito la droga, perde il controllo) ‘On Savè tenite ‘e corne… (corre per tutta la scena inseguito da Saverio, che non riesce a prenderlo) ‘On Saverio ten’è corne… zum, zum, zum… (la confusione attira Bastino che entra da sx)

Bastino:     Ma che sta succedenne?

Chiuvetiello:       Ah, staje pure tu…. ‘o scè… (pernacchia) prrr… (corre) piripiro… (confusione generale) zum, zum, zum… (incomincia a sentirsi male, e rallenta la corsa) aaah… nun me sento buono… (viene raggiunto da Bastino)

Bastino:     Finalmente t’aggio acchiappato… mo’ che t’avessa fa? (Chiuvetiello sviene e cade a terra riverso, con il pacco di zucchero ben stretto in mano) Chiuvetiè che stato? (si china e lo capovolge) Savè chisto tene ‘a scumma ca ce sta ascenno a vocca! (Saverio si china)

Saverio:     Chiuvetiè… (lo guarda per un attimo, poi prende il pacco e assaggia il contenuto) Bastì chest’è droga… ‘o guaglione sta murenne… puortelo a via ‘e dinto… appoggialo ‘ncopp’‘a pultrona do’ direttore e chiamma ‘n’ambulanza… f’ambressa, primma ca more!

Bastino:     (prende Chiuvetiello in braccio) Si, si subbeto! (esce a sx)

Saverio:     Chill’assassino ‘e ‘on Federico m’ha dato nu pacco ‘e droga ‘a mantenè! (da sx entra il Fantasma. da dx Tarantella e Federico)

Tarantella: (vede Saverio con il pacco di zucchero in mano e si arrabbia) Neeeh… ma che fatto disgraziato… he araputo ‘o pacco?

Federico:    (glielo toglie dalle mani) Miette ccà. (lo apre) Ma ca manca nu sacco ‘e cocaina… addo sta!

Saverio:     (secco) Sta a via ‘e dinto!

Federico:    Comme a via ‘e dinto?

Tarantella: Che ne fatto?

Saverio:     (deciso a tutto) Aggio cundit’‘o cafè!

Federico:    Comme?

Tarantella: Ca cocaina?

Saverio:     Sissignore… a me ‘o cafè me piace ca m’adda fa vulà!

Federico:    Neh, ma tu pe’ caso me stisse piglianne p’‘o lato ‘e reto? (sfila la pistola dalla cintola, e la punta in testa a Saverio minacciandolo) Va piglia mo’, mo’ ‘a robba ca ce manca, primma ca te sparo ‘ncapo!

Saverio:     Nun ce bisogno ‘e sparà… mo’ v’‘o vaco a piglià! (esce a sx. Federico gira nervoso per la scena, mentre il Fantasma tira fuori dalla cintola una mannaia, ed incomincia ad agitarla)

Fantasma:  Chi sa si Bastino ‘a tena ‘na fossa libera… pecchè ogge, molto probabilmente, avremo qualche morto in più!

Federico:    (sempre più spazientito) Ma quanne ce mette?

Tarantella: (lo chiama) Savè, vide e te movere! (Saverio esce da sx con Chiuvetiello in braccio, ormai esamine)

Saverio:     (avanza lentamente fino all’uscita di dx, seguito da Bastino) Cca sta ‘o zucchero ca ce manca dint’‘o pacco!

Federico:    E che significa ‘sta pagliacciata? (si ode la sirena dell’ambulanza)

Saverio:     (a Bastino) Tiè Bastì… l’ambulanza è arrivata… accumpagnelo tu. (Bastino prende il ragazzo ed esce a dx) ‘Sta pagliacciata significa ca Chiuvetiello credennese e se magnà ‘o zucchero, s’ha magnato chella fetenzia ca vuje m’avite dato… e mo’ sta murenne! (il Fantasma agita la mannaia sulla testa di Federico)

Federico:    (cattivo) E ‘sti cazzi…

Tarantella: …chi ce l’ha ditto a jsso e so’ mangià?

Federico:    Anze mo’ ‘a famiglia m’adda da’ e sorde ‘e chello c’ha cunsumato!

Saverio:     Ma vuje site 2uommene ‘e niente… neanche ‘nfaccia ‘a morte e nu creaturo ve ‘mpietosite… ma che tenite ‘mpietto ‘na preta?

Federico:    Oh, nun accumincià cu ‘sta prereca…

Tarantella: … nuje c’‘a droga abbuscamme nu sacco ‘e paparelle… che ce ne fotte si more cocche guaglione! (il Fantasma, alza le braccia e punta la mannaia sulla testa di Federico, pronto a sferrare il colpo)

Federico:    Chi ce l’ha ditto a jsso ‘e mettere ‘e manelle dint’‘o pacco?

Saverio:     E già… mo’ vuò vedè ca ‘o fetente è stato Chiuvetiello? (il Fantasma abbassa la mannaia) Sienteme buono omm’‘e niente…

Federico:    (minacciandolo con la pistola) Savè nun me costringere a sparà!

Saverio:     (piglia la pistola con le mani e se la punta in petto) Tu si me fermi ‘stu core ca tengo ‘mpietto me faje nu grande piacere… accussì finalmente pavo tutt’‘e fetenzie c’aggio fatto ai vivi e pure e muorte! (il Fantasma annuisce)

Federico:    (indietreggia di un passo) Savè nun me costringere!

Saverio:     Spara… (grida) t’aggio ditto spara omme ‘e niente!

Tarantella: Savè pienzece buono. ‘On Federico nun perdona!

Saverio:     Spara!

Federico:    (tremante) Ce le vuluto tu Savè… muore… (spara) bum!

Saverio:     (si porta le mani in petto. Barcolla e cade a terra. Il Fantasma alza la mannaia sulla testa di Federico. Buio totale. Si ode un grido)

Federico:    Aaaaah… (luce sul palco. E’ a terra senza vita)

Tarantella: (chinato su Federico) ‘On Federì… ‘on Federì!

Fantasma:  (con le braccia lzate) Mo’ me ne pozzo trasì dint’‘a nicchia pe’ m’arrepusà… la mia vendetta è compiuta… ah, ah, ah! (esce a sx)

CALA LA TELA

F I N E

 

     

                       

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno