Tragedie in due battute

Stampa questo copione

TRAGEDIE IN DUE BATTUTE

TRAGEDIE IN DUE BATTUTE

di Achille Campanile

(stralcio)


DUBBI

Personaggi:

IL  CREDENTE

L'ATEO

IL CREDENTE

Io sono un credente, signore, afflitto dal dubbio che Dio non esista.

L'ATEO

Io, peggio. Sono un ateo, signore, afflitto dal dubbio che Dio, invece, esista realmente, È terribile.

(Sipario)

FORMALISMO

Personaggi:

IL VECCHIO PRINCIPE IL NUOVO SERVITORE

 

La scena Si svolge nel salone rococò al primo piano del palazzo del VECCHIO PRINCIPE. Tappeti, arazzi alle pareti, mobili dorati, statuine. All'alzarsi del sipario IL VECCHIO PRINCIPE sta interrogando IL NUOVO SERVITORE assunto da poche ore.

IL VECCHIO PRINCIPE

al NUOVO SERVITORE: Com'è il vostro nome?

IL NUOVO SERVITORE Giuseppe.

IL VECCHIO PRINCIPE

(con severità) Non si risponde così nudo e crudo, Giuseppe. Dovete aggiungere sempre: Eccellenza.

IL NUOVO SERVITORE (vincendo la modestia) Va bene: Eccellenza Giuseppe.

(Sipario)

LA FIDANZATA DEL CARABINIERE

Personaggi:

LA RAGAZZA IL CARABINIERE IL PASSANTE

All'alzarsi del sipario, LA RAGAZZA e IL CARABINIERE suo fidanzato passano in fretta.

IL PASSANTE

al CARABINIERE: Arrestata?

IL CARABINIERE

Che arrestata? È la mia fidanzata.

LA RAGAZZA (piangendo) Sarà sempre così, per tutta la vita!

(Sipario)

PREMIO LETTERARIO

Personaggi:

IL POETA

L'AMICO

La scena si svolge dove vi pare. All'alzarsi del sipario tutti i personaggi sono in scena.

IL POETA

Ho scritto nove sonetti e un'ode saffica.

L'AMICO

Cosicché, in totale, quanti componimenti poetici ci saranno nel tuo nuovo - e speriamo ultimo - volume?

IL POETA

Dieci con l'ode.

(Galoppo di cavalli in lontananza. Sipario)

PRESENTAZIONE

Personaggi:

IL SIGNOR PERICLE FISCHETTI

L'ALTRO SIGNORE

All'aprirsi del sipario IL SIGNOR PERICLE FISCHETTI Si avvicina all'ALTRO SIGNORE.

IL SIGNOR PERICLE FISCHETTI

(Presentandosi all'altro signore) Permette? Io sono il signor Pericle Fischetti. E lei?

L'ALTRO SIGNORE Io no.

(Sipario)

SORPRESA

Personaggi:

IL MARITO

LA MOGLIE

L'AMANTE DELLA MOGLIE  che non parla

In una camera da letto,ai giorni nostri.

IL MARITO

(giungendo improvvisamente, trova LA MOGLIE intenta a tradirlo con uno sconosciuto) Ah, infame, dunque non mentiva la lettera anonima, da me ricevuta un'ora fa: tu hai un amante!

LA MOGLIE

E tu stai a credere alle lettere anonime? Andiamo!

(Sipario)


LE SCUSE TROVATE MALE

Personaggi:

IL SIGNORE COMPLETAMENTE CALVO

SUA MOGLIE

La scena si svolge nella casa del SIGNORE COMPLETAMENTE CALVO. È notte. IL SIGNORE COMPLETAMENTE CALVO rincasa a tarda ora. È stato a divertirsi con donne e teme che sua moglie gli faccia una scenata. Infatti la donna lo aspetta nervosa, con un viso che non da a presagire la migliore delle accoglienze.

IL SIGNORE COMPLETAMENTE CALVO è completamente calvo. La sua testa sembra una palla di bigliardo.

LA MOGLIE

(su tutte le furie, indicando l'orologio al SIGNORE COMPLETAMENTE CALVO) A quest'ora ti presenti, eh? Libertino! Dove sei stato?

IL SIGNORE COMPLETAMENTE CALVO

(candidamente, non riuscendo a inventare lì per lì altre scuse?) Sono stato dal parrucchiere a farmi la permanente.

(Sipario)

LO SCANDALO

Personaggi:

L'INQUILINO

IL PADRONE DI CASA

La scena si svolge nell'ufficio del PADRONE DI CASA. All'alzarsi del sipario, L'INQUILINO viene a fare un reclamo al PADRONE DI CASA.

L'INQUILINO                                      

(indignato, al PADRONE DI CASA) Signor padrone di casa, c'è nel casamento una signora che fa i bagni di sole su un balcone, in costume troppo succinto e in vista di tutti. Chiedo il vostro intervento acciocché facciate cessare questo intollerabile scandalo.

IL PADRONE DI CASA

Ma, scusate, questa signora è giovane?

L'INQUILINO Sì.

IL PADRONE DI CASA

È bella?

L'INQUILINO Sì.

IL PADRONE DI CASA

E allora perché protestate?

L'INQUILINO

Perché sono il marito.

(Sipario)


LA  PERLA RARA

Personaggi:

LA PRIMA SIGNORA LA SECONDA SIGNORA

In un salotto, ai nostri giorni. All'alzarsi del sipario, le due signore stanno facendo conversazione, mentre prendono il tè.

LA PRIMA SIGNORA

Ho trovato una domestica disposta a venire a servizio per un salario ragionevole e che si dichiara disposta anche a sopportare le osservazioni, senza rispondere male.

LA SECONDA SIGNORA

E non hai paura, a metterti in casa una pazza?

(Sipario)

LE DISTRAZIONI DEL VECCHIO AMBROGIO

Personaggi:

IL VECCHIO AMBROGIO

I FAMIGLIARI

Mattina in casa del VECCHIO AMBROGIO.

IL VECCHIO AMBROGIO (ansante, stravolto) Oddio, Oddio, mi sento male.

I FAMIGLIARI                                         

(affollandoglisi intorno allarmati) Presto, chiamate un medico! Si sente male.

(Al VECCHIO AMBROGIO, premurosamente) Che ti senti?

IL VECCHIO AMBROGIO (affannoso) Niente.

I FAMIGLIARI

E perché dici che ti senti male?

IL VECCHIO AMBROGIO (con un fil di voce) Ho sbagliato. Volevo dire che mi sento bene.

(Sipario)

PERCHÉ?

Personaggi :

IL VECCHIO CENCIOSO

IL  PASSANTE

In una strada, ai giorni nostri.

All'alzarsi del sipario IL VECCHIO CENCIOSO va raccogliendo mozziconi di sigari sul selciato.

IL PASSANTE

Ma perché andate raccogliendo mozziconi per la strada?

IL CENCIOSO

Caro signore, sigari interi non mi riesce di trovarne.

(Sipario)


AL TRAMONTO

Personaggi:

IL PEZZENTE

IL CUSTODE DEL DORMITORIO PUBBLICO

 

La scena rappresenta l'ingresso d'un dormitorio pubblico. È l'ora in cui i ricoverati rientrano. Sulla porta è seduto IL CUSTODE, che fuma la pipa.

IL PEZZENTE

rientrando: Battista, è venuto per caso a cercarmi il mi­liardario americano Rockfeller?

IL CUSTODE

alzandosi premuroso, con rispetto: No, signore.

IL PEZZENTE

Ah, benissimo. Perché mi sarebbe sembrato molto strano che fosse venuto a cercarmi.

(Sipario)

ARGOMENTI PERSUASIVI

Personaggi :

IL I PUGILATORE

IL II PUGILATORE

L'ARBITRO, I SECONDI, IL PUBBLICO, ECC, ECC.

La scena si svolge in uno stadio durante un'importante partita di pugilato. Il pubblico gremisce i posti a esso riservati. I riflettori illuminano il palco del combattimento.

All'alzarsi del sipario i due campioni hanno già raggiunto il palco, hanno salutato il pubblico, si sono tolti gli accappatoi, hanno infilato i guantoni regolamentari e si accingono a combattere, Il pubblico, ansioso, trattiene il respiro.

Nel silenzio generale, un colpo di gong da il segnale d'inizio.

IL I PUGILATORE

si scaglia sul II e lo colpisce violentemente al viso.

IL II PUGILATORE

al primo pugno dell'avversario fa un salto indietro, sorpreso e spoetizzato: Bé, ma che modo di ragionare è questo! Io me ne vado. Se ne va.

(Sipario)

    Questo copione è stato visto
  • 3 volte nelle ultime 48 ore
  • 11 volte nell' ultima settimana
  • 31 volte nell' ultimo mese
  • 118 volte nell' arco di un'anno