Trampoli e cilindri

Stampa questo copione

TRAMPOLI… E CILINDRI!

di Peppino De Filippo

Personaggi:

DON FEDERICO, banditore e uomo di fatica

VINCENZO, suo giovane figlio

DONNA TERESA, padrona di taverna

VITTORIO, amico di Don Federico

ANTONIO, amico di Don Federico

DUMMINECO, amico di Don Federico

DONN’ANGELICA, locandiera

ROSINA, giovane innamorata di Vincenzo

SALVATORE SPATONI, trampoliere

FILOMENA, giovanissima vicina

Scene:

L’azione si svolge a Napoli in un quartiere popolare della città nell’anno 1927. La scena rappresenta l’interno di una bettola in un vecchio quartiere popolare della parte antica di Napoli. Tavoli e sedie di legno grezzo. Lampadario ad una luce al centro del soffitto. Pavimento in battuto di cemento. A sinistra, una porticina che dà verso la cucina e in fondo una larga porta a telaio che immette immediatamente sulla strada.

ATTO UNICO

È tardo pomeriggio.

VITTORIO - (giocando a carte con Dummineco) Cinque e due sette, scopa!

DUMMINECO - M’ero scurdato d’ ‘o sette ‘e spade…!

VITTORIO - Joca… jò!

DUMMINECO - (mette sul tavolo una carta) Cavallo…

VITTORIO - (trionfante) Scopaaaa…!

DUMMINECO - Pure ‘o cavallo tiene? E che marònna? J che bellu mazze ca tiene…

VITTORIO - Veco ‘n pericolo ‘o miezo litro ‘e vino. Dummì? Tu nun saje jucà! Tu si ‘na muzzarella!

DUMMINECO - Penza a ghiucà e nun fa’ ‘o sbruffone. (mette sul tavolo un’altra cartaJ) Cinco! Famme vede’ che faje!

VITTORIO - (esultante) Faccio n’ata scopa e aggio vinciuto…!

DUMMINECO - (come per dire una parolaccia) Ma va fa… (getta le carte sul tavolo) Nun voglio jucà cchiù!

VITTORIO - Intanto pave ‘o vino. (battendo una mano sul tavolo chiama) Onna Tere’? (raccoglie le carte, ne fa un mazzetto e mettendolo sotto il braccio di Dummineco dice) Va… va te ‘mpare ‘a scola… va. (chiama) Onna Tere’?

TERESA - (entrando) C’è bisogno d’alluccà tanto?

VITTORIO - È la gioia della vittoria. ‘N’ato miezo litro ‘o pava Dummineco e faciteme ‘o cunto: ‘na zuppa ‘e fasule ‘nu puparuòlo, ‘o ppane e ‘o vino.

TERESA - (rivolgendosi a Don Federico che sta seduto presso un tavolo della scena e dorme) On Federì? On Federì?

DON FEDERICO - (svegliandosi) Chi è?

TERESA - Eh… “chi è?”! Io ll’aggio ditto ‘na vota sola? Chesta pe’ vuje è ‘a lucanda ‘e capa e coda, no ‘nu posto addò s’adda faticà!

DON FEDERICO - Avite ragione. M’ero addubbecchiato ‘nu poco…! Cummannate?

TERESA - (indicando il tavolo dove sono seduti Vittorio e Dummineco) Vonno ‘o cunto… muviteve.

VITTORIO - ‘O cunto e miezo litro: paga Domenico…!

DON FEDERICO - Subito. (esce di scena mentre Teresa va sotto la porta di fondo e si ferma a guardare la strada)

DUMMINECO - Tu o ‘mbruoglie o tiene ‘nu màfere ca Dio t’ ‘e benedice!

VITTORIO - Io nun ‘mbruoglie e nemmanco so’ affortunato, si tu ca nun saje tene’ ‘e carte mmane.

DUMMINECO - Ma sanghe d’ ‘a marina, te si trovate l’ultimo cavallo ‘mano pe’ fa scopa! Nun è fortuna chesta?

DON FEDERICO - (con vino) Ecco servito!

VITTORIO - On Federì, ched’è? Ve tremma ‘a mano?

DON FEDERICO - Vittò? Vulesse turnà arrete ‘e vint’anne. (indica Teresa) ‘E ‘ntiso che brutta maniera ca tene? ‘A quanno è muorto ‘o marito è addeventata cchiu carogna ‘e primma.

VITTORIO - On Federì? Ce vo’ pacienzia.

ANTONIO - (entrando) Salute Onna Tere! (agli altri) ‘A bellezza! (siede)

DUMMINECO - ‘E fatto festa ‘a putéca?

ANTONIO - Ogge è ‘o nomme d’ ‘o princepale e c’ha dato meza festa. Guagliu? Aggio fatto: 24 Sant’Antonio e 7 il mese che corre… volete concorrere? (mostra il biglietto del lotto) Diece lire ambo asciutto sulo p’ ‘a ruota ‘e Napoli, si esce so’ 2500 lire.

VITTORIO - Tienatelle pe’ te. Nun t’ ‘o levà ‘o vizio, sa’?

ANTONIO - A chi faccio male? Io saccio chesto: ogne settimana mo’ azzecco l’ambusciello… mo’ ‘o primmo eletto… e ‘a varca cammina. J tengo famiglia! E qua chi s’arrangia con la “rapina”, chi con lo “scasso”, chi con il “ricatto”… io mi arrangio col giuoco del lotto. On Federico bello! Come va la salute?

VITTORIO - ‘A settimana passata se ll’è vista brutta, è overo? ‘O purtajene ccà miezo muorto. Io stevo assettato proprio llà.

DON FEDERICO - Una crisi. Ora non si dice più “attacco”. Si dice: “crisi”. Accussì me dicette ‘o farmacista. (Teresa esce per la porta di sinistra)

ANTONIO - V’aggia purtà cierti serenghe ca se fa muglierema, sono un miracolo!

DON FEDERICO - ‘A vicchiaja. È ll’età!

DUMMINECO - Ma quant’anne tenite?

DON FEDERICO - Dummi? Nun è tanto quistione ‘e chesto (indicando il petto dalla parte del cuore) è quistione ca quanno ‘a cascia accumencia a ‘ntuppecà… ‘o fatto se fa serio.

DUMMINECO - Ma ched’è? Cardioparma? Pàteme accussì se nn’è gghiuto ll’anno passato…! Una mancanza improvvisa… e te saluto.

DON FEDERICO - Lassammo perdere. Che vuò?

ANTONIO - ‘Na pagnuttella: burro, alice salate e mettiece ‘nu pare ‘e fette ‘e salame, belle doppie, e miezo litro. (Don Federico esce)

VITTORIO - (alludendo a Don Federico) Pover’ommo, me fa pena.

DUMMINECO - Ce putesse penzà ‘o figlio a nun lle fa mancà ‘o nicessario.

VITTORIO - Staje frisco. Chillo penza sulo a isso.

ANGELICA - (entrando) Bonasera.

ANTONIO - Bonasera Onn’Angè.

ANGELICA - On Federico?

DUMMINECO - Mo’ steva ccà. ‘E che se tratta?

ANGELICA - A vuje che ve ne ‘mporta? So’ fatte miei.

DUMMINECO - E tenitaville care care.

DON FEDERICO - (deponendo sul tavolo di Antonio il “servito”) Ecco servito. (vedendo Angelica) Bonasera… comandate quacche cosa?

ANGELICA - On Federi, a me, ‘o figlio vuosto, nun m’adda fa fessa. “Oggi, domani… doppedimane…” e io nun arrivo a vede ‘e ddoje mesate ca m’adda dà. A chi aspettammo, On Federì?

DON FEDERICO - Beh… a me chesti chiassate nun me piacene Onn’Angè.

ANGELICA - E manco a me; però quann’uno ave a che ffa cu gente disonesta…

DON FEDERICO - Nun dicite accussì…

ANGELICA - On Federi? ‘O figlio vuosto me sta purtanno ‘ncampana ‘a paricchio tiempo. È pussibile ca nun riesce a mettere ‘nzieme trecientocinquanta lire? Dice ca nun trova fatica’? E se scetasse ‘nu poco cchiù ampresso ‘a matina invece ‘e sta cuccato fino a mieziuorno. È ‘na funa fràceta, chest’è ‘a verità. Nun vo’ fa niente. Lle piace sulo ‘o durmì, a magnà, a bévere e a ghj sfuttenne ‘e figlie ‘e ll’ate. Ma cu mmico ha sbagliato palazzo, pecché io vaco a ricorrere ‘ncopp’ ‘a questura. ‘O faccio arresta’ on Federi?

DON FEDERICO - Onn’Angè? Pe’ tutte quante ce sta quacche mumento difficile…

ANGELICA - E ve dico pure ‘n’ata cosa… (lo tira a sé e sotto voce gli dice) ‘A quanno è venuto a sta ‘e casa dint’ ‘a lucanda mia, on Federi? Me mancano lenzole, asciugamane e… saccio pure addò s’ ‘e va a vénnere.

DON FEDERICO - (tirandola a sé le dice sottovoce) Nun alluccate. A me me pare ‘na cosa impossibile chello ca me dicite. Ca v’adda dà ddoje mesate, va bene… ma che s’arrobba ‘a biancaria d’ ‘a lucanda e s’ ‘a va a vénnere… figlieme nun è ‘nu mariuolo. Sì… l’amice malamente me l’anno guastato… vuje ‘o ssapite… era ‘nu buono guaglione… ‘a quanno è morta ‘a mamma, muglierema, s’è cagnato. Io pozzo arremerià fino ‘a ‘nu certo punto… Sta cantina, ‘o sanno tutte quante, era ‘a mia, ero io ‘o padrone… po’, morta muglierema, era essa ca badava a tutto, onna Teresa se pigliaie tutte cose e io rimmanette ccà comme cammariere e comme “pagliaccio”.

ANGELICA - Pagliaccio? E che ‘nc’azzecca?

DON FEDERICO - Ched’è? Nun ‘o sapite ca faccio ‘o banditore a sta cantina e vestute cu ‘a sciassa e ‘o tubbo ‘ncapo ca s’appiccia e se stuta? Ccà aggio potuto arremerià ‘nu liette pe’ durmì pe’ me sulo… ma pe’ figliemo? Onna Teresa nun ne vulette sape’ e Vicienzo se nn’avetta venì a durmi ‘a lucanda vostra.

Angelicta Ma nun me pava! E j pure tengo ‘e guaje miei. Vuje jate presentanno stu figlio vuosto comme ‘a ‘n’angiulillo… On Federì, chillo ha cumbinato ‘o servizio a chella povera guagliona… ‘a figlia ‘e Don Luigi ‘o zarellàro… e chella è minorenne! ‘O zarellàro va dicenno ca mo’ s’adda spusà, si no le fa ‘na bella denunzia e chillo ‘o ffa.

DON FEDERICO - E Vicienzo s’ ‘a sposa… se ll’adda spusà… faccio qualunque sacrificio… ma se ll’adda spusà.

TERESA - (entrando) Bongiorno onn’Angè. ‘E che se tratta?!

DON FEDERICO - Niente… è venuta pe’ n’affare nuosto.

ANGELICA - È overo: pe’ ‘n’affare nuosto che arriguarda ‘o figlio…

TERESA - Chillo fernesce malamente. Già, tal’albero tale frutto…

DON FEDERICO - Pecché? Onna Tere’ avanzate quacche cosa ‘a me? Nun credo! Ero padrone ccà dinto e mo’…

TERESA - …facite ‘o cammariere e ‘o banditore. On Federi? Vuje dicite sempe ‘a stessa cosa. Sta putéca, ‘mano a vuje, nun era ‘na cantina ma ‘na vinella addò manco ‘e muorte ce venevano. Mo’ è pulita, fresca, ordinata, se magna buono e se veve meglio, se pava poco e a ogne tàvulo, ‘a gente, ce s’assetta cu crianza. Chest’è ‘a verità.

DON FEDERICO - Io vulevo sulo dicere…

TERESA - (interrompendolo) …quanno m’avite vennuto tutte cose ‘a cunvenienza ‘nce ll’avite trovata? Allora? Che ghiate truvanno? Che ghiate dicenno?

DON FEDERICO - Io nun vaco dicenno niente, però, si me tenite ccà… vo’ dicere ca ve cunviene ‘e me tene’!

TERESA - Va buono… fenimmola ccà. Si nun ve cunviene jatevenne. Chi ve trattène? Tanto… dicite sempe che site malato, che avite bisogno ‘e riposo…

ANTONIO - …e nun dice ‘na bucia… se vede…

TERESA - …tu, Totò? Fatte ‘e fatte tuoje.

ANTONIO - Io parlo pecché fa dispiacere a vede’ n’omme ‘e ‘na certa età… ca nun sta buono ‘e salute… trattato ‘e sta manèra.

TERESA - E purtatillo ‘a casa toja. ‘A me nun adda ave’ niente: chello ca me dà lle dongo.

ANGELICA - Allora?

DON FEDERICO - Allora… ecco ccà, Onna Angè… cheste so’ ‘e ddoje mesate… 350 lire… e nun ne parlammo cchiù! Stanotte Vicienzo, dorme ‘a ‘n’ata parte.

ANGELICA - Tanto piacere. Bonasera Onna Tere’. (esce)

DON FEDERICO - (la segue, ma sotto la porta che dà sulla strada si ferma portando una mano sul cuore e comprimendosi il petto) Ah!

DUMMINECO - On Federì? Ched’è?

DON FEDERICO - Niente. È niente.

TERESA - Jate a lavà chilli piatte che stanno jnt’ ‘a funtana e pulezzate chelli patàne ca stanno jnt’ ‘o sicchio. E date pure ‘na sciacquata a chille periètte… mo’ vengh’io. (esce assieme a Federico)

VITTORIO - (alludendo a Teresa) J’ che bella sanguetta…!

VINCENZO - (entra dal fondo, si guarda intorno, poi si rivolge ad Antonio) Bonasera. Addò sta papà?

VITTORIO - Se nn’è gghiuto ‘a via ‘e dinto cu ‘a princepale.

DUMMINECO - Poco fa s’ è ‘ntiso poco buono. Ha avuto a che dì cu’ Donn’Angelica.

ANTONIO - Ha avuto a che dì? LJe ha avuta dà 350 lire pe’ cunto tujo… si no, ‘o fatto sarria fernuto in questura.

VITTORIO - Ma che staje nervoso? ‘E fatto chiacchiera cu ‘a guagliona toja? Ma quanno miette ‘a capa a posto?

VINCENZO - Tu pecché nun te faje ‘e fatte toje?

VITTORIO - (dopo breve pausa lo fissa negli occhi poi gli dice con molta serietà) Vicie’, tu sì guaglione e io tengo mugliera e figlie… ‘a vita ‘a cunosco e si dico cierti cose… ‘e pozzo dicere. Comme tu tratte a pàtete nun sta bene. È ‘n’ommo d’età e avarria sta ‘nu poco qujeto ‘e penziere e c’avissa penzà tu a farle sta qujeto: tu ca lle sì figlio!

VINCENZO - (risentito) Io saccio chello che faccio e nun aggio bisogno d’ ‘e cunsiglie tuoje e levate ‘a miezo pecché si no…

VITTORIO - …pecché si no che cosa?

ANTONIO - Jammo… fernitela… Assèttete Vittò!

DUMMINECO - Nun sò fatte che te riguardene.

DON FEDERICO - (entrando e vedendo Vincenzo) Ah? Staje ccà?

VINCENZO - (facendogli segno di accostarsi a lui; Federico gli si avvicina e Vincenzo gli dice sottovoce) Poco fa, jnt’ ‘o cafè ‘o pentòne, aggio vinciuto mille lire a briscula cu Peppe ‘o nas’ ‘e cane…

DON FEDERICO - Ah? Bravo…

VINCENZO - Sì, ma… po’ ll’aggio perdute e so’ rimasto in debito ‘e mille e cinquciente lire e… ce ll’aggia dà. Tu… a Peppe ‘o nas’ ‘e cane… ‘o cunusce. È malamente e nun ce se po’ pazzià… mena ‘e mmane e j tengo ‘o stesso vizio.

DUMMINECO - (deponendo una moneta sul tavolo) Stateve buono on Federì… (agli altri: Antonio e Vittorio) Ce ne jamme?

ANTONIO - (anche lui deponendo una moneta sul tavolo) Salute on Federì…

VITTORIO - Bonasera. (esce parlottando con Antonio e Dummineco)

VINCENZO - (a Don Federico) Allora? Che facimmo? Aggia fa’ ‘n’assuoccio cu nas’ ‘e cane? Avimma fernì in questura o ‘ncopp’ ‘o spitale?

DON FEDERICO - Ma addò ll’aggia piglià tanta denare? Proprio mezz’ora fa aggio dato, pe’ cunto tujo, 350 lire a Donn’Angelica ‘a lucannèra.

VINCENZO - Papà… a me sti solde me servene. Nun pozzo fa ‘na cattiva figura.

DON FEDERICO - E ‘a faje ‘a cattiva figura. Accussì te ‘mpare. Solde nun ne tengo.

VINCENZO - ‘E tiene… ‘o ssaccio…

DON FEDERICO - Vicié vattenne…

VINCENZO - Insomma? Me vuò vedé arruvinato?

DON FEDERICO - È colpa mia? Invece ‘e j perdenno tiempo a destra e a sinistra… cércate ‘na fatica… j nun me sento buono e aggio bisogno ‘e sta ‘nu poco ‘n santa pace!

VINCENZO - Ma insomma? Se po’ sape’ ‘e che te lamiente ‘e me? Fatica nun se ne trova e si se trova… mille domande, mille suppliche, mille raccomandazione ca io nun tengo e ca nun pozzo ave’ pecché simmo povera gente e ‘a povera gente se sape comme fernesce: sempe scamazzata. Vuò caccià nu poco ‘a capa fora? Fernisce ‘ngalera o vigilato ‘e chisti tiempe. Allora? M’aggia mettere a fa ‘o mariuolo?

DON FEDERICO - Chesto te manca. Ma nun pienze a chello ca ‘e fatto a chella guagliona? Nun pienze quale avarria essere ‘o: duvere tujo?

VINCENZO - Comme si nun ce vulesse niente pe’ spusarse…

DON FEDERICO - Pe’ ‘na ragione comme a chesta ‘e solde ce starriene… cientomila lire t’ ‘e putesse dà…

VINCENZO - (con forza) Ah! Mo’ ‘e tiene ‘e solde?

DON FEDERICO - So’ denare faticate ca nun hanno servi pe’ pagà riébbete ‘e juoco. Diec’anne me ce so’ vuluto p’ ‘e mettere ‘nzieme. Penzaje ca m’avessere potuto servì p’ ‘a vicchiaia… ma nun fa niente… serviranno pe’ te fa fa ‘n’atto ‘e cuscienza…

VINCENZO - Papà, ma che te si mmiso ‘ncapo? Io nun so’ capace ‘e fa ‘o marito pe’ tutta ‘a vita.

DON FEDERICO - (scattando) Comme ll’e fatto pe’ cinche minute, mo’ ll’j ‘a fa pe’ tutta ‘a vita! ‘E capito o no ca ll’ ‘e ‘ngravitata? Stu figlio ca nasce… ‘e chi sarrà?

VINCENZO - Sì… va buono… po’ ne parlammo… pe mo’ me vuò dà sti millecinquciente lire?

DON FEDERICO - No… nun t’ ‘e dongo.

VINCENZO - E me si pate tu?

DON FEDERICO - (severissimo) Io sì: te so’ pate. E pe’ chesto parlo accussì.

VINCENZO - (lo fissa, poi dice) E va bene. T’aggio canusciuto buono mo’.

ROSINA - (entrando) Bonasera on Federì… (a Vincenzo) Vicié… te vulevo parlà., so’ venuta ‘a lucanda ma m’hanno ditto ca te ne si gghiuto e ca nun ce tuorne cchiù… è overo?

VINCENZO - (sgarbato) Tu che vuò ‘a me? Mo’ me vaje secutanno pe’ tutta Napole? Te cride ca me ne fujo? Rusi? Si vuò sape ‘a verità… io nun so’ sicuro ‘e pute’ essere ‘nu buono marito. So’ ‘nu scanzafatica e saje chello ca se dice ‘e me: ca fernesco ‘ngalera. Te cunviene? E si no nun saccio proprio comme aggia fa. (esce)

ROSINA - Avite sentuto comme me tratta? Ma che ll’aggio fatto ‘e male? On Federì… papà m’ha ditto, ca sta cosa fernesce malamente si Vicienzo nun me promette ‘e fa ‘o duvere sujo.

DON FEDERICO - Tu pure… benedetta figlia! Nun me pare ca tutt’ ‘a colpa se ll’adda piglià Vicienzo. Cierti cose, Rusì, ll’aviva capì.

ROSINA - (sbottando a piangere) M’ha lusingato… m’ha fatto tanta prumesse e io… io… ‘o vulevo bene… e ancora ‘nce ne voglio… ma si me tratta accussì, cu male maniere, cu minacce, trattanneme comme ‘a ‘na mala femmena… che pozzo fa? M’accido… m’accido on Federì! Sì: m’accido, pecché nun saccio cchiù cammenà pe’ sta strada… me mette scuorno ‘e me fa’ vede’ e papà me turmenta d’ ‘a matina ‘a sera.

TERESA - (entrando dalla sinistra) Tu, nenné? Staje ‘n’ata vota ccà? È ‘na settimana ca viene a chiagnere ccà dinto…

DON FEDERICO - Ha fatto storie cu ‘o ‘nnammurato… cu Vicienzo, figliemo… ‘O sapite ca fanno ‘ammore…

TERESA - (osservandolo) Vuje state ancora accussì? E quanno ve vestite? È tarde!

DON FEDERICO - Eccomi… ‘o stevo facenno. (va in fondo e indossa l’abito da banditore con tuba sulla testa)

TERESA - Passate pure ‘a parte ‘e San Biagio ‘e librare e scennite p’ ‘o Duomo. ‘E manifestine nun ‘e menate ‘nterra si no llà restano, datele vuje stesso mano a mano che ‘a gente passa. E po’, nun ve dico ‘e fa ‘o ballarino, ma ogne tante, quatte zumpe ‘nce stanno bene… ogni due, treciente metre, fermateve a ‘o primmo pentone ‘e vico ca truvate, appicciate ‘o tubo… l’appicciate e ‘o stutate… in modo che ‘a gente se n’addona, ve guarda, se ferma e ve sta a sentì. Ve ll’aggia ‘mparà io sti cose?

DON FEDERICO - Nossignore… ma io accussì faccio.

TERESA - M’hanno ditto ca jate scanzanno ‘a folla… invece è proprio ‘a folla che ce serve.

DON FEDERICO - Cierti vote ‘a scanzo… pecché ‘e guagliune me sfòttene e allora… me tirano ‘e fèrbie ‘ncopp’ ‘o tubbo… ‘o tubbo se guasta e perdo tiempo pe’ ll’accuncià… si no nun s’appiccia…

TERESA - E va buono… pure si ‘e guagliune ve sfòttene che ‘nce sta ‘e male? Chisto è ‘o mestiere vuosto, no? Già, sarrìa tiempo d’ ‘a fernì cu stu tubbo ca se stuta e s’appiccia. Nun fa cchiù impressione. Aggia vede’ ‘e truvà ‘n’atu mezzo ‘e reclame.

DON FEDERICO - Meglio ‘e chello ca ve faccio io ‘a tantu tiempo? E ce simmo trovate buone. Stu tubbo ca se stuta e s’appiccia è ‘nu richiamo, ‘na curiosità. Modestamente, a Napule, sò ll’unico e solo. Chi ‘ato ce sta? Sì, ‘o pazzariello, ‘o cuncertino… ma so’ cose sorpassate. Modestamente, onna Tere’, la mia è un’invenzione ricavata con un’apparecchiatura elettrica ca manco Marcone ‘a puteva immaginà, che desta non solo curiosità, ma soprattutto interesse. Uno penza: “…ma comme fa? Comme s’appiccia? Ma ch’è? Un. dinamo vagante?

TERESA - Jammo… mo’… muviteve ch’è tarde.

DON FEDERICO - (si è vestito e messo la tuba sulla testa provandone l’accensione) Pronto.

TERESA - Nenné? Tu staje ancora ccà? (dall’interno una voce chiama Rosina) ‘O siente? Te chiammano.

DON FEDERICO - Va’ Rusì… stasera vengh’io addu te. (Teresa esce per la sinistra)

ROSINA - M’arraccumanno. (dall’interno si ode la voce di poco prima che chiama ancora Rosina e questa esce)

DON FEDERICO - (rimasto solo prova l’accensione del cilindro e l’apparato pare funzioni bene. Infatti non appena Don Federico scuote la testa il cilindro si illumina all’interno, quando la ferma la luce del cilindro si smorza) Sta bene…! ‘E manifestine? (li trova) Ah… ‘e vi ccanne. E pesano, sa? Aggia fa pure quatte zumpe… comm’ ‘a ‘na scigna… (si ferma e prova a saltellare sul posto, ma gli riesce goffamente e gli sopravviene un certo fiato grosso tanto da indurlo a riposarsi. Ripresosi, si avvia verso l’uscita e sparisce)

SALVATORE - (entrando dalla parte opposta da dove è uscito Don Federico. Si guarda intorno e non vedendo nessuno picchia, con la mano, qualche colpo su di un tavolo) C’è nessuno?

TERESA - (entrando) Chi è?

SALVATORE - Bonasera.

TERESA - Che ve serve?

SALVATORE - Onna Tere’ io vi conosco per nome. Di voi si parla bene. Si dice che siete una donna di affari accorta e sistemata…

TERESA - Me fa piacere… e appriesso?

SALVATORE - Che pagate bene chi vi serve bene…

TERESA - Giuvinò? Jammo dicenno, ca nun tengo tiempo ‘a perdere.

SALVATORE - Ecco… io sono Salvatore Spatone di Torre del Greco. Avite ‘ntise parlà ‘e me?

TERESA - No.

SALVATORE - Salvatore Spatone… (mostra alcuni documenti) Ecco, chisto songh’io. Regolarmente iscritto alla federazione del lavoro… e… tanto per chiarire, regolarmente iscritto al partito, sempre sia lodato. Vado facendo la reclame a quelle industrie, a quei negozi che ne hanno bisogno o che ne fanno richiesta. Sono trampoliere, queste sono le mie foto. (le mostra) Modestia a parte conosco il mestiere. Io ho fatto la fortuna di “Abbigliamento” al Duomo, di “Gigino”, parrucchiere per signora a Toledo, della “Casa del Materasso” in via Foria. Domandate, informatevi… quando lavoro tengo ‘a folla appriesso accussì… Trampoli alti due metri… Ho fatto anche la reclame a Don Ciccio ‘o pezzaiuolo a Sant’Anna ‘e Palazze. Sui trampoli sono capace di fare mille acrobazie. Provatemi… facimmo ‘n’impegno pe’ ‘na settimana. Saccio ca ve servite ‘e uno ca va facenno zumpe pe’ Napule cu ‘nu tubbo ‘ncapo ca se stuta e s’appiccia…vi pare una cosa moderna? Io, ‘ncopp’ ‘e trampule, sono pure ‘a rancascia.

ANTONIO - (entrando trafelato e ansimante) Onna Tere’? On Federico addò sta?

TERESA - È asciuto!

ANTONIO - Vicienzo sta facenno storie cu Peppe ‘o nas’ ‘e cane e ‘o fatto se sta mettenno brutto, ce s’è miso miezo quaccuno… ma on Peppe nun pazzèa… vulevo avvertì a Don Federico… forse, si ce se mette isso p’ ‘o miezo, a cosa se sistema.

TERESA - Cheste so’ cose che a me nun m’interessano… (a Salvatore) Venite cu me ‘a parte ‘e dinto, parlammene ‘nu poco. (esce per la sinistra seguita da Salvatore)

ANTONIO - (seguendo i due) Onna Tere’?… (esce, poi ritorna)

VINCENZO - (entra dal fondo. È agitato e sconvolto. Si guarda intorno ed è piuttosto indeciso negli atteggiamenti, poi si dirige al fondo come per ritornare, pentito, sui suoi passi. Contemporaneamente, Antonio rientra in scena, inosservato, e vedendo Vincenzo si ferma e ne segue i movimenti. Vincenzo ritorna in avanti deciso ed esce per la porticina di sinistra. Antonio lo segue guardingo, si ferma sotto il piccolo uscio e resta ad osservare verso l’interno. Dopo poco, lascia immaginare che qualcuno sta per entrare da quella porta e va a nascondersi verso il fondo dell’ambiente restando lì ad osservare. Vincenzo ritorna. Ha in mano un portafogli. Al centro della scena si ferma, tira fuori dal portafogli dei fogli di carta moneta e li conta, poi fa per uscire per il fondo)

ANTONIO - (chiamandolo) Vecié?

VINCENZO - (sobbalzando) Chi è? (vedendo Antonio gli dice sgarbatamente) Che vuò?

ANTONIO - Chi te l’ha date chilli solde? Arò ll’ ‘e pigliate?

VINCENZO - Me ne vaco ‘a stu paese. Nun ce pozzo campà e tu… tu fatte ‘e fatte tuje si vuò sta cujete. (esce rapido)

SALVATORE - (dalla sinistra entra parlando verso l’interno) Siamo d’accordo, da domani… riverisco! In una settimana vedrete aumentare la clientela del doppio. Io mi posso esibire anche davanti alla bottega.

ANTONIO - (vedendo entrare Don Federico) On Federì?

DON FEDERICO - Me ne so’ turnato… stasera proprio nun ce ‘a facevo… nun me sento buono.

SALVATORE - (a Don Federico) Vuie site chillo d’ ‘o tubbo? Ma che perdite tiempo a fa? Ci vuole ben altro, oggi. I tempi sono cambiati. Da domani lavorerò io per questa cantina e… starete a vedere il risultato. Stateve buono. (arrivato sotto la porta di fondo si volta verso Don Federico e gli dice) Io so’ Salvatore Spatoni… quello dei trampoli! Informatevi! (sparisce per il fondo)

DON FEDERICO - E io? Io che faccio? Addo’ jarraggio a fernì?

ANTONIO - On Federì v’aggia dicere ‘na cosa, ‘na cosa seria. Poco fa, Vicienzo se steve appiccecanno cu Peppe ‘o nas’ ‘e cane. ‘N’appicceco brutto pe’ ‘nu rèbbero ‘e juoco… so’ venuto ccà pe’ v’avvertì… nun v’aggio truvato e mentre me ne stevo jenno è arrivato Vicienzo, è ghiuto dint’ ‘a cammarella vosta, s’è pigliato ‘o portafoglio vuosto e se n’è ghiuto dicenno: “me ne vaco ‘a stu paese… nun ce pozzo campà…

DON FEDERICO - (col fiato mozzo in gola corre verso sinistra ed esce di scena ritornando dopo poco) ‘O portafoglio! Se l’è pig1iato. Nun ce sta cchiù. Cientomila lire… Antò? Tutte ‘e fatiche meje: tutte!

ANTONIO - Venite… vedimmo si ‘o putimmo trovà.

DON FEDERICO - (quasi senza fiato) Nun c’ ‘a faccio… nun c’ ‘a faccio… (Siede affranto e ancora indossa l’uniforme da banditore e in testa ancora la tuba ma spenta) Cientomila lire…!

ROSINA - (entrando agitatissima come per cercare qualcuno, vedendo Don Federico gli si avvicina dicendo con tono concitatissimo) Venite… jnt’ ‘o cafè a ‘o pentòne, poco fa, nas’ ‘e cane steve facenno storie co’ quaccuno. Me pare d’ave’ visto Vicienzo. On Peppe teneva nu curtiello ‘mano. Venite! (internamente confuso vocio di gente)

DON FEDERICO - Nun c’ ‘a faccio Rusì… nun c’ ‘a faccio… nun me pozzo mòvere… me sento male.

ANTONIO - Viene Rusì, currimmo nuje. (escono rapidamente per il fondo)

TERESA - (entra) Che succede? (si avvicina a Don Federico) On Federì? (Don Federico fa cenno con una mano che fuori, sulla strada c’è confusione) Ma che avite perz’ ‘a lengua? (esce di scena)

FILOMENA - (entrando e alludendo al vocio sulla strada) Mamma mia, jnt’ ‘a stu vico fann’ un’arte d’ ‘a matina ‘a sera. (rivolgendosi a Don Federico) On Federì? So’ a figlia ‘e Mastu Ciccio ‘o solachianiello, ha ditto papà, si me date quatte puparuole ‘mbuttite, ciente gramme ‘e pruvulone piccante e nu perètto ‘e vino janco… ‘a solita qualità!

DON FEDERICO - (quasi mormorando senza muoversi dal posto) Nun me sento… Nenné… nun me sento…

FILOMENA - Nun ve sentite buone? Vulite ca chiammo ‘o farmacista?

VINCENZO - (seguito da Rosina che lo porta per mano e da Antonio) E nun tirà.

ROSINA - ‘O vi ll’anno a pàtete… jammo… dincello…

ANTONIO - Dincello ch’è stato cos’ ‘e niente… e ca te si pentito.

ROSINA - Jammo…!

FILOMENA - Beh… è meglio ca me ne vaco… (esce rapida)

ROSINA - (rivolgendosi a Vincenzo) Jammo… (rivolgendosi a Don Federico) On Federì? Ca ce sta Vicienzo.

VINCENZO - (con tono di voce sottomesso e sincero) Nun è succieso niente, papà… Aggio avuto a che fa’ cu Peppe ‘o nas’ ‘e cane… teneva ‘o curtiello ‘mano… Rusina s’è misa ‘miezo pe’ me difendere e s’è pigliato ‘nu scippo ‘ncopp’ ‘a mano… ma nun s’è fatta niente ‘e grave. Papà… a Rusina m’ ‘a sposo… s’ ‘o mmèreta… è na bona guagliona… voglio mettere ‘a capa a fa bene pe’ me, pe’ Rusina e… pe’ te ca nun può fa cchiù cierti fatiche. Basta, basta sta giacca e stu tubbo. Tu si ‘n’ommo e no nu pagliaccio. Penzarrammo nuje a te… e mo’… perdoname… nun ‘o faccio cchiù. Chiste so’ ‘e solde tuoje… nun ce manca niente. (depone il portafogli e il denaro rubato sul tavolo presso il quale è seduto Don Federico) Tié! E mo’… te voglio dà ‘nu bacio… (osservando che Don Federico non accenna a muoversi) Papà? Papà…

ROSINA - On Federì?

ANTONIO - Ma ched’è?

VINCENZO - (si avvicina al padre, gli solleva un braccio e vedendolo ricadere pesantemente intuisce qualcosa di grave, poggia l’orecchio sul petto di Don Federico come per ascoltare i battiti del cuore. Dopo poco esclamerà con voce strozzata) È muorto! Antò? Rusì? È muorto! (scuote Don Federico ed è questo movimento che provoca, sul capo del vecchio, l’accensione della tuba. Vincenzo lo fissa e indietreggiando fino a raggiungere Rosina e Antonio, avvinghiandosi ad essi, esplodendo in lacrime, dirà) È muorto papà! È muorto papà! È muorto papà! (La tela cala rapida)

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 45 volte nell' arco di un'anno