Tre pecore viziose

Stampa questo copione

TRE PECORE VIZIOSE

di Eduardo Scarpetta

di riduzione e adattamento di Antonello Avallone



PERSONAGGI

Felice
Beatrice
Fortunato
Carmela
Erricuccio
Virginia
Concettina


A T T O P R I M O

CONCETTINA
(affacciata alla finestra parla con Erricuccio)
Sì, Erricù, aiere t’aggio penzato tutto il giorno! E tu? Uhm. Te piace stu vestito? Stamattina me l’aggio miso apposta per te. Aspetta. (Va a prendere tre margherite da un vaso) Guarda come te penzo. Questa è pecchè si’ bello. (Tira delicatamente una margherita) Quest’ata è pecchè si’ doce. (idem) E questa è pecchè sei gentile. (tira la terza margherita e quasi contemporaneamente le arriva in faccia un mazzo di fiori) All’arma d’a gentilezza. Come? Se fanno allegria? Aeh, e fanno pure male! No Erricù, che fai? (entrano Beatrice e Carmela) No, ‘ncoop’ ‘o muretto no, po’ esse che cadi abbascio... (forte rumore di caduta)
BEATRICE
Ah, t’aggio ‘ncucciata finalmente!
CONCETTINA
(gridando e correndo per la stanza) Aiuto, aiuto!
BEATRICE
(trattenuta da Carmela) Lassme, Carmè, ‘a voglio accuncià comm dich’io. (guarda fuori dalla finestra) Vi’ lloco, l’ha miezzo acciso.
CARMELA
Stateve calma, onna Beatrì, chella nun ‘o fa cchiù.
BEATRICE
Muzzecutela, faccia tosta, n’ata vota che te veco affacciata ‘a fenesta a fa ‘e smorfie cu chillo don Errico, t’afferro pe capille, me te metto sotto e tanno te lasso quanno t’aggio rimasta. (scucciata) Senza capille.
CONCETTINA
E che me ne mporta a me, io me faccio la parrucca comme la tieni tu!
BEATRICE
(a Carmella) Uh, tengo la parrucca io? Tengo la parrucca io?
CARMELA
E io saccio ‘e fatte vuoste?
BEATRICE
Comme, ‘nfaccia a tua sorella dici questa parola? Te l’aggio da fa ‘nturza nganna; mo chè viene tuo fratello, te voglio accuncià io, t’aggio ‘a fa chiudere dint’a quatto mure.
CONCETTINA
Mo che viene Fortunato, le dico tutto chelo che me fai tu; tutte ‘e figliole fanno ammore, sulamente io aggio da essere priva de m’affaccia’ nu poco ‘a fenesta; io non dico che voglio fa ammore tutt’a jurnata, ma almeno doie ore al giorno, m’ ‘e vulite da’?
CARMELA
E dice bene, doie ore ‘e studio, è regolare
BEATRICE
Te voglio da’, doie ore ‘e schiaffe; lasseme, Carmè!
CARMELA
Ma no, chella Concettina pazzèa; è ve’, Concetti’?
CONCETTINA
No, io non pazzèo, dico veramente. Erricuccio me piace e m’ ‘o voglio sposà!
CARMELA
e mo te prode ‘a capa, mo!
CONCETTINA
E poi io aggia sta afforza for’ ‘a fenesta, pecchè chillo sale ‘o muretto e po’ cade’ da ncoppa abbascio. (boato)
BEATRICE
He ‘ntiso? Vuo’ sentere niente cchiù? Ah, no, no, questa ragazza non può stare più in casa nostra; jesce, vattenne dint’ ‘a cammera toia, mo che viene tuo fratello, parlammo; cammina dinto.
CONCETTINA
Sì, me ne vaco, me ne vaco; ma statte accorta alle sedie! (fa la linguaccia alla sorella ed esce)
BEATRICE
Uh, chella m’ha cacciata ‘a lingua! (fa per sedersi, ma non trova la sedia sotto di sé)
CARMELA
(accorendo) Uh, signò, pe’ carità stateve accorta. N’atu ppoco scendevate abbascio pure vuie!
BEATRICE
Ueh, Maronna! E quella è la rovina della casa mia! E io so’ femmena d’essere cuffiata da essa? Va buo’, nun te ne incarrica’; scostumata, lazzarella.
CARMELA
Signo’, ma vuie pecchè nun ‘a vulite mmareta’?
BEATRICE
Che mmareta’ e mmareta’, quello è uno spiaantato, non tiene niente. Che vulimmo fa, comme aggio fatt’io che m’aggio spusato a Don Felice? Felice, mio marito, è un irresponsabile...
CARMELA
E’ overo, è overo
BEATRICE
E’ un immaturo...
CARMELA
E’ overo, è overo
BEATRICE
... un cretino...
CARMELA
E’ overo, è overo
BEATRICE
Carmè, lo devo dire io
CARMELA
E io volevo aiutare.
BEATRICE
Ah, mannaggia quel giorno! Non si sa chi era, nce mbriacaie ‘e chiacchiere, che teneva, possedeva, che aveva grandi proprietà, che lo volevano tutte! E comme è ghiuto a frenì?
CARMELA
Che ve lo pigliaste vuie.
BEATRICE
Eh, bell’affare! Me l’aggio avuto ‘a mettere dint’a casa, isso e sua sorella Virginia. Accussì chell’ato cretino ‘e fratemo se ‘nnammutaie ‘e Virginia e s’ ‘a spusaie. E mo chi è chella ciuccia che le da ‘a mangia’ a tutte quante?
CARMELA
Vuie, signò.
BEATRICE
Carmela, stai attenta a come parli.
CARMELA
Pe’ carità, signo’, l’avite ditto vuie. Ma vedite, chillo, don Errico è nu buono giovane, tene bone ntenzione...
BEATRICE
Ah! E pecchè nun è venuto a parla’ co ‘a famiglia?
CARMELA
Si nun è venuto fino a mo’, po’ esse che vene dint’a sti journe.

BEATRICE
No, Carme’, nun me faie capace, essa nun l’ha da vencere. Tra le altre ccose, nun saccio pecchè Felice tarda tanto; ieri lo mandai a Salerno ad esigere cierte denare, aveva ‘a turna’ assera, e stamattina nun è venuto ancora. Gna’, gna’, gna’.
CARMELA
Che succede, signo’?
BEATRICE
Niente, è il nervosismo, me s’è attaccata ‘a lingua.
CARMELA
Ma pure Don Fortunato, vostro fratello è asciuto di primma mattina.
BEATRICE
Eh, ma quello è asciuto per affari, sarà andato alla massaria a Miano; fossene tutti come a chillo, si mancasse na jurnata comme se facciaria dinta’ ‘a sta casa! Ah, Felicello, quello mo’ torna dice tutto chello c’ha fatte, che so’ tutte buscie, e io pago. Che va facendo nun ‘o saccio. Quanno vene la rabbia che tengo me l’aggia scunt’ co isso. (esce)
CARMELA
Che vulite fa ce vo’ pacienza! (suonano alla porta) Uh, mamma mia ‘a porta. (tornando) Ma che è stato, dicitemmello a me.
FELICE
(da dentro) Niente, Carme’, tu come sei seccante!
CARMELA
Ma nun pozzo sape’ chi è stato?
FELICE
Nisciuno, chi aveva ‘a essere.
CARMELA
Ma dicitemmello a me!
FELICE
Dalle da, te dico che non è stato niente!
CARMELA
Ma nun po’ essere, caro Don Felice, vuie state tutto arruinato: certo ve site appiccecato qu quaccheduno?
FELICE
Carme’, sto scucito dientro?
CARMELA
E comme, ccà ce vo’ na matassa ‘e spago!
FELICE
Io te dico tutto, ma pe’ carità, nun l’hai ‘a dicere nisciuno, manco a mia sorella!
CARMELA
Vuie pazziate, m’avite pigliato pe’ na creatura?
FELICE
Carme’, peffavore...
CARMELA
State tranquillo e raccontate.
FELICE
Aie da sape’ na cosa, che mia moglie aiere me mannaie a Salierno per esigere cierte denare; quanno è stato ‘o turna’ dint’o treno, rimpetto a me nce steva assettata na figliola, ma, Carmela mia, na cosa tropo bella; vicino a essa nce steva n’ommo cu tanto na barba, che dopo aggio saputo che era ‘o marito, io me credeva che era ‘o pate! Me guardava fitto fitto; tu pecchè me guarde? Fatti i fattituoi! Me ne so’ ghiuto ‘e capa, e che aggio pensato ‘e fa? Aggio stennuto ‘o pede e l’aggio tuppuliata nu poco. Carme’, chella s’è stata
CARMELA
O’ vero?
FELICE
s’ ‘a tenuta ‘a posta, ncape ‘a n’atu ppoco s’è miso a tuppulia’ pur’essa; sangue de Bacco, ho detto io, aggiu fatto ‘o colpo! Quan’è stato’ ‘o traforo... tu sai che a Vietri ce sta ‘o traforo?
CARMELA
Sì, so’ stata tante vote sott’o traforo.
FELICE
Tu sei stata sott’o traforo?
CARMELA
Sì.
FELICE
E che ghievi facenno?
CARMELA
Giesù, facevo l’ammore!
FELICE
‘Nterra, miezz’ ‘e rotaie?
CARMELA
Eh, nterra! Dint’o treno! Ievemo e venevemo, ievemo e venevemo.
FELICE
‘Nnanzi e arreto. E ‘o macchinista faceva ‘nnanzi e arreto appriesso a vuie?
CARMELA
Giesù, chillo se fermava e ce purtava arreto. Pure a nuie. Ah, come stevo buono!
FELICE
E ve costava ‘na cifra!
CARMELA
L’innamorato mia, steva buono, poi è morto.
FELICE
E’ morto disperato, senza nu centesimo! Comunque, dicevo, quann’è stato sott’ ‘o traforo che simme rimaste all’oscuro, che aggio pensato ‘e fa? Me so’ susuto e l’aggio dato nu vaso!
CARMELA
Bravo.
FELICE
Bravo? Carme’, io so vivo pe’ miracolo!
CARMELA
E comme?
FELICE
Io invece ‘e vasa’ essa, aggio vasato ‘o marito!
CARMELA
‘O marito?
FELICE
Eh, chillo ‘o treno cammenava, m’ha vuttato ‘a chella parte; devo dire che io ‘ncapa a me dicevo: “Ma ch’è, ‘a signora è pelosa? Figurete ‘o marito! Chi è, che è ccà? No, dico io, io a voi volevo baciare, avete questa bella barba, la volevo baciare...
CARMELA
Mo baciava ‘a barba d’ ‘o signore!
FELICE
Sapete, io sono un appassionato di barbe...
CARMELA
E v’ha creduto?
FELICE
No. Anzi, ha detto: “Ho capito, è mia moglie che volevate baciare! Mo che arrivammo a Napoli ti imparerò io la creanza”. Arrivati a Napoli, mmiezz ‘a folla io ero arrivato a sperdere ‘o peluso. Chillu cancaro ‘e guardia doganale, pe causa ‘e chesta valigetta, tanto m’ha trattenuto, che finalmente ‘o peluso m’ha visto e m’ha fatto nu paliatone numero uno.
CARMELA
Ah, ah, chesta si ca è curiosa, ma stateve accorto, don Feli’, cu stu vizio vuosto, na vota ‘e chesta putite passa’ nu guaio!
FELICE
No, no, ti giuro che non ci capito più! Carme’, te raccumanno, tu avesse ‘a dicere quacchecosa a quaccheduno?
CARMELA
Mo m’ ‘o turnate a dicere? State a penziero cuieto che nisciuno saparrà niente.
FELICE
Guarda, Carme’...
CARMELA
Nessunissimo!
FELICE
Ecco, te raccumanno. E intanto, se mia moglie me vede a accussì io che le dico?
CARMELA
Dicite che avete abbuscato.
FELICE
Mo le dico chello che aggio passato, Carme’?

CARMELA
Ah, no, ce vorrebbe na scusa.
BEATRICE
Uh, aspettate, Carmela, Carme’! ‘A signora.
FELICE
Va, va. Ah, mamma mia, m’ha dato due pugni ccà dinto, ‘o vi’, mo moro. Oh, m’ha miso sotto: ndrunghete ndranghete, ndrunghete ndranghete. Io stavo sotto e dicevo: no, chisto s’ha da stanca’, non può continuare così! Non reagivo, difatti stavo fermo e pensavo: mo se stanca, così m’alzo e me ne vaco. Niente! Ah! Se invece muglierma sapesse che questo è successo ieri sera e che io invece ho fatto tardi per andare a conoscere Giulietta, la ‘nnammurata mia, che tra le altre cose nun ce steva manco! Mo m’è rimasto stu regalo che avevo purtato pe’ essa! E’ meglio che lo nascondo, perché se lo scopre, aggio na mazziata cchiù forte ‘e chesta!
CARMELA
(rientrando) Signo’, la mugliera vuosta nun la jate a saluta’?
FELICE
Mugliera? Ah, già! Ma mo non tengo voglia.
CARMELA
Che tenite dinto a quello involucro?
FELICE
Niente, che te nteressa a te?
CARMELA
Uh, Don Feli’, sta arrivando vostra moglie!
FELICE
Uh, mannaggia! Vieni, vieni, rifacciamo l’entrata! Carme’, salutame, salutame!
CARMELA
Buongiorno eccellenza, buongiorno!
BEATRICE
(entrando) Ueh, Feli’!
FELICE
(quasi disperato) Beatrice mia, Beatrice mia!
BEATRICE
Ma comme, eri venuto e nun me facive sape’ niente?
FELICE
No, mo proprio songo arrivato e ‘a prima cosa ho detto: Non vedo l’ora di vedere Beatrice mia! Chissa’ come sta? E’ vero Carme’?
CARMELA
Sicuro!
BEATRICE
A chest’ora se ritorna? Ma comm’è che stai tutto arrossito?
CARMELA
(tra sé) E chillo ha preso chille schiaffe!
FELICE
Ma se capisce, mugliera mia, e comme dico che stongo, na giornata sana pe tutta Salierno, currenno da ccà, currenno da llà! Nun aggio potuto esigere manco i denare...
BEATRICE
(con grido) Zitto, non cercare d’imbrogliarmi; n’ommo che sta due giorni fuori casa, poi se ne viene a fa la vittima. (attaccando) Che te pienze che so’ i tempi di una volta, che me n’he fatte cchiù tu che Catuccio? Mo è tutt’altra la faccenda, mo cammina dritto ca si no è male pe’ te!
FELICE
Ma no, Beatrice mia, tu mi devi credere, si tu sapisse chello che aggio passato...
CARMELA
Chello che l’è succiesso sott’ ‘o traforo!
BEATRICE
Uh, che t’è succiesso sott’ ‘o traforo?
FELICE
Sotto... ‘o fatto d’ ‘o traforo?... (a Carmela) Ma comme, noi mo proprio avimmo fernuto ‘e parla’... (a Beatrice) Sìcuro...
BEATRICE
E’ successo un incidente?
FELICE
No, e chello un accidente deve venire a na persna che dico io. Dunque... il fatto del traforo... ehm... siamo rimasti all’oscuro!
BEATRICE
E pe’ forza, sotto al traforo come volevi restare?
FELICE
E già, come volevi restare sott’ ‘o traforo?
CARMELA
Iamme, che ce dicite che è stato?
FELICE
Comme azzuppa ‘o pane, guarda comme azzuppa ‘o pane!
BEATRICE
Te si’ fatto male?
FELICE
No... no, sotto al traforo no.
CARMELA
Doppo!
BEATRICE
Insomma,se po’ sape’ che è stato?
FELICE
Ehm... c’era una bambina.
BEATRICE
s’è fatta male la bambina?
FELICE
No, no manc’ ‘a bambina... Dunque... che siamo rimasti all’oscuro te l’ho detto? Oh!... ehm... e la bambina aveva paura del traforo e diceva: il traforo no!... la bambina, diceva il traforo no...
CARMELA
E ‘o gruosso che diceva? ‘O traforo sì, ‘o traforo sì!
FELICE
Insomma la bambina si metteva paura del buio e diceva. Mamma il buio, il buio e... e tutti allora abbiamo acceso un fiammifero per farla piangere! (a Carmela) Ca puozze passa’ nu guaio! Dunque, come ti dicevo, non sono riuscito ad esigere manco ‘e denare...
CARMELA
Chillo se credeva che era pelosa!
BEATRICE
‘A pelosa? E mo che d’è sta pelosa?
FELICE
(guardando Carmela) ‘A pelosa...
CARMELA
... ‘e mammema, iamme, dicite!
FELICE
(a Carmela) E mo che d’è sta pelosa?
BEATRICE
E’ n’animale?
FELICE
No, non è un animale... (a Carmela) Animale!... E che è? E’ na valigia!
BEATRICE
Una valigia?
FELICE
Sì, sì, è unnuovo modello di valigia: “La pelosa”. La teneva un forestiero dint’ ‘o treno e... (a Carmela) Vide che figura me fai fa!... e quando sono andato per raccogliere na cosa che m’era andata nterra, aggio ntiso tutti sti pile e aggiu ditto: uh, furestie’, e cheè? ... è na capra questa, è una capra? E così tutti quanti a ridere, hai capito, la pelosa! E come ti dicevo, quando sono andato per esigere ‘e denare...
CARMELA
Chillu cancaro ‘e guardia doganale!
FELICE
... doganale! Mo te mengo ‘o bastone nfaccia! Ma è possibile che tu devi stare presente quando parlano i padroni? Questa Carmela, questa Carmela, me scumbina a me! No, niente Beatrice, e quella io gliel’ho raccontato e mo lo ripete, e mo lo ripete! a Carmela) Quanno po’ te ne vieni che vai cercanno ‘a regalia parlammo!
CARMELA
Ma pecchè, m’è uscita quacche parola ‘e vocca?
FELICE
T’aveva asci solo ‘o spirito! No, pe’ carità! Cammin, jescce vattenne!
CARMELA
Subbito vi servo!
FELICE
Tu non servi, hai capito?
CARMELA
Vado, vado!
FELICE
E va, va, jet’ ‘o sangue! (a Beatrice) Insomma Beatrice tu capisci...
BEATRICE
(con grido) Basta! Zitto! Io non ne credo niente, tutte chiacchiere! ‘O traforo, ‘a pelosa, ‘a guardia doganale... che tieni dint’a chella mappata?
FELICE
Eh? Ah, sì... E proprio chisto è ‘o problema... non t’ ‘o volevo dicere perché è una sorpresa, sì... e poi anche perché non volevo impressionarti di una certa cosa... Ma... visto che non ti si possono raccontare bugie... è vero, ehm... (deglutisce, sorride forzatamente) Vedi... hai detto qualcosa? No? Insomma, siccome l’ato giorno tu diciste che vulive ‘e polipetti, io, ieri sera, sceso dal treno, andai ad accatta’ sei purpetielle che zumpaveno proprio dint’all’acqua... M’aggio pigliato ‘o tramme e me ne stava venenno ‘a casa. Quando è stato ‘o Largo d’ ‘o Castiello, ne carrettà che veniva de faccia è ‘ntuppata nfaccia ‘o tramme e nuie simme iute nterra!... Non ti dico: convulzione da ccà, convulzione da llà; ‘e cavalle che gridavano aiuto, aiuto...
BEATRICE
Uhm, ‘e cavalle gridavano aiuto?
FELICE
No, no, ho detto ‘e cavalle? No, i bambini gridavano aiuto, ‘e cavalle co’ i neonati ‘ncoppa correvano e se strascenaveno ‘o tramme appriesso, una rovina! C’hanno portato all’ospitale...
CARMELA
(che origliava, da dietro) E ce so’ state muorte?
FELICE
(saltando) Puozze passa’ nu guaio, che vuo’ tu?
BEATRICE
Dice se ce so’ state muorte.
FELICE
Sicuro, Beatrice mia, quatte muorte e quindici feriti; (poi con sguardo dispregiativo verso Carmela) Ma forse i muorte aumentano.
BEATRICE
E dint’a chella ammuina, tu non t’he fatto niente?
FELICE
Sì, e comme, m’aggio fatto male cca’, ‘nfaccia ‘a gamma (indica la spalla) ...ehm, cioè, cca’, n’coppa ‘a spalla (indica la gamba)... insomma me so fatto male assaie!
CARMELA
E dint’ a chella confusione ‘e purpetielle non l’avete perzo?
FELICE
N’ata vota chesto, mo.
CARMELA
No.
FELICE
E no, Beatrice mia, io ‘e teneva stritte, stritte, stevo sotto a tutti e dicevo: Cristiani aiutatemi e salvate ‘e purpetielle ‘e muglierema! E sì pecchè io l’aveva ‘a purta ‘a te (a Carmela) Va, iett’ ‘o sangue. (Carmela esce)
BEATRICE
E così avresti passato la notte all’ospedale e per questo hai tardato tanto.
FELICE
Certo, e se no per quale altra ragione avrei dovuto tardare.
BEATRICE
(con urlo) Basta! Silenzio! Io non ne credo niente, mo ‘o tramme, ‘a carretta, mo ‘e purpetielle. Siente, don Feli’, si appuro tanto ‘e quacche mbroglia che me faie, povero a te, si’ fritto, ha capito, fritto!
FELICE
Ma io...
BEATRICE
Silenzio, non rispondere. Siediti la’. (Felice fa per sedersi) No! (idem) No! (Si siede, Beatrice annuisce)
FELICE
‘E purpetielle...
BEATRICE
Fritto!
FELICE
Ma ‘e purpetielle...
BEATRICE
Fritto!
FELICE
In cassuola.
BEATRICE
Silenzio. Piega le braccia!
FELICE
E chiste mo se coceno cca’ sotto! Ma insomma...
BEATRICE
Cuccia lla’!
FELICE
Mo songo addiventato nu cane.
BEATRICE
Guardatelo, Don Felice Sciosciamocca, non se ne mettescuorno, pss, zitto. Co’ chesta mugliera nnanze un altro uomo la terrebbe dentro la carta velina e isso cerca de mbrogliarme sempe. Psss... zitto! Se ne vene co ‘o traforo, co ‘e purpetielle, credennese po’ che io era na ciuccia come so stata sempe; na vota era stupida, ma mo no!
FELICE
Insomma non pozzo parla’?
BEATRICE
Niente. Hai parlato bastantemente, nun voglio sentere niente cchiù. Comunque guarda, n’ata vota che te retire a chest’ora te chiudo for’ ‘a nu balcone, e lla’ te faccio sta tutta ‘a nuttata; ti voglio far morire tesico tesico. Vediamo se mantenga la parola. Tesico tesico. (Via)
CARMELA
(uscendo) Ah, ah, ah. Don Feli’, avite a essere curiuso, na nuttata sana sana, e vuie co’ chisto friddo addiventate nu ghiacciolo.
FELICE
Tu m’hai già scumbinato bastantemente. Giuda. Questi affari non ti appartengono.
CARMELA
‘O saccio, ma vedite, me pare na cosa curiosa, for’ ‘o balcone; e si vene a chiovere?
FELICE
Mo te mengo’ ‘e purpetielle nfaccia! Mannaggia, chella è capace ‘e me chiudere for’ ‘o balcone, me l’ha fatto cchiù ‘e na vota.
CARMELA
Ah, ah, for’ ‘o balcone! Ma che v’ha pigliato pe cane da guardia?
FELICE
Ma te ne vaie o no?
CARMELA
don Feli’, buh, buh! Ah, ah, ah.
FELICE
Mannaggia l’arma d’a mamma! Sangue d’ ‘a morte, non songo riuscito a imbrogliarla a nessuna manera!
FORTUNATO
(da dentro) Va bene, va bene, non vi preoccupate ci penso io. 
FELICE
Uh, e questo è don Fortunato, il fratello di mia moglie.
FORTUNATO
Ueh, Feli’, stai ccà?
FELICE
No, non sono ancora tornato.
FORTUNATO
Ah, e quando torni ?
FELICE
Fortuna’, e peffavore !
FORTUNATO
Ma che d’è? Nun saccio come te veco; te si contrastato co’ Beatrice certo!
FELICE
Fortunato mio, nun me ne fido cchiù, quella donna mi tratta in un modo... Per aver tardato nu poco, dopo un viaggio che aggiu fatto fino a Salierno, m’ha fatto una cancariata che non si farebbe nemmeno ad un facchino, ma nemmeno a te!
FORTUNATO
Giesù, io mo songo nu facchino?
FELICE
No dico, nemmeno a te che le sei fratello.
FORTUNATO
(guardando il fagotto che ha in mano Felice) Neh, tu scorri ‘a sotto, ma che è gatta che tieni dint’a sta mappata? Ma cacciala, chella è ‘a paura, capisci?
FELICE
(dopo aver sussultato) Ma no, che gatta! tevo cammenanno co’ ‘a gatta dint’a ‘a mappata! Quelli... ma vidi se ce quaccheduno che se fa ‘e fatte suoie! Quelli... so puparuole in acito.
FORTUNATO
Ah, quelli perciò scorrono, voleva dire!
FELICE
Chille s’abboccano, capisci?
FORTUNATO
E tu chesto hai da sta attento, nun hai da fa abbuccà ‘o puparuolo, pecchè si no se ne esce tutto l’acito e po’ c’ ‘e a mangiammo sicche!
FELICE
Ma chi ha detto che le hai ‘a mangia’ pure tu?
FORTUNATO
(all’improvviso) Guarda llà, stai arruvinanno tutt’ ‘o pavimento!
FELICE
(saltando) E dalle. Ma no, quello è aceto... si rafforza il pavimento! Comunque, dicevo, che non è vita questa che può andare avanti così con tua sorella.
FORTUNATO
Aie ragione, aie ragione, ma che nce vuo’ fa, io conosco il carattere di mia sorella Beatrice; chella accussì fa, ma in fondo è una buona donna!
FELICE
Sì, quello il fondo è buono! Ma ve pare che io posso soffrì chelle cancariate innanz’a gente?
FORTUNATO
Aie ragione, aie, ragione.
FELICE
Alla fine che faccio ‘e male? Significa proprio approfittarsi della bontà di un uomo. Le dico sempre ‘e si, le porto tutto quello che vuole... insomma quella si è messa in testa che io la tradisco.
FORTUNATO
(con smorfia) Noooooo.
FELICE
Che io, quanno trico, vacco a fa l’ammore co’ n’ata femmena.
FORTUNATO
(idem) Nooooooo.
FELICE
Che io sono un libertino, un femminiere...
FORTUNATO E FELICE
Nooooooo.
FELICE
Ma chisto è brutto overo, sa’! Dimmi tu stesso se io sono uomo di questo!
FORTUNATO
Nooooooo.
FELICE
N’ata vota!
FORTUNATO
No, che dici, sarebbe una vergogna, un uomo ammogliato!
FELICE
Eh! A proposito, come sta Bettina, l’innammurata tua?
FORTUNATO
Uh, quant’è bella, angioletto mio! E’ un fiorellino!
FELICE
Ed è tanto che non la vedi?
FORTUNATO
Pe’ carità, e chi ce po’ sta lontano ‘a essa? L’aggio vista proprio stamattina!
FELICE
E si vede!
FORTUNATO
Comme, si vede?
FELICE
Tieni tutt’o colletto sporco ‘e rossetto!
FORTUNATO
(ricomponendosi) Tu intrichete ‘e fatte tuoie!
FELICE
Insomma, Fortuna’, parlaci tu con Beatrice e falla capace!
FORTUNATO
Va buo’, nun te ne incaricà, ma tu non dicere niente ‘e Bettina!
FELICE
Ma te pare! Te raccumanno po’ chillu vizio che tene ‘e mena’ ‘e mmane, non sta, a verità non sta, agge pacienza. L’ata sera pe’ tricà nu poco per andarmi a coricare, pigliaie ‘a cucchiara.
FORTUNATO
Pigliaie ‘a cucchiara?
FELICE
(ribadendo) Pigliaie ‘a cucchiara! Me facetette calà ‘o cazone e... pom, pom, ncopp’ ‘o... uhm... Addo’ simme arrivate. 
FORTUNATO
Eh! (all’improvviso) Ueh, tu stai scurrenno ancora, se sarà abbuccato quacche ato puparuolo. Me stai facenno na rovina lloco. Ah ah, ah!
FELICE
Mo che tiene ‘a ridere?
FORTUNATO
No, rido pecchè me credeva che dint’a mappata tenive ‘a gatta, sai, questi animali quando si vedono chiusi... (ride)
FELICE
Chist’è scemo ‘o veramente!
VIRGINIA
(entrando) Ah, vi siete ritirati finalmente!
FELICE
Uhm, mo accumencia chesta mo!
FORTUNATO
Uh, e se muglierma s’accorge che tengo ‘o russetto sul collo m’accide. Oh, mia cara, scusa nu momento, me vaco a cagna’ ‘a cammisa che sa per correre lla tengo zuppa ‘e sudore. (scappa)
VIRGINIA
Addo’, è inutile che corri, che doppo facime ‘e cunte io e te! (a Felice) Insomma se po’ sape’ che t’è succiesso?
FELICE
Virginia, sorellina mia, ho dovuto fa nu viaggio fino a Salerno.
VIRGINIA
Stai stanco, te vuo’ cambia’? Staie tutto arrossito!
FELICE
E dalle mo che ce dico a chesta?
VIRGINIA
Che tiene dint’a sta mappata?
FELICE
(pausa) Sei purpetielle fritte e quatte puparuole abbuccate!
VIRGINIA
Comme?
FELICE
No, niente, chiedilo a Carmela che lo sape meglio ‘e me.
VIRGINIA
Assettate, Felicie’; ma comme io po’ dico, tua moglie afforza a te ha da manna’ a fa sti servizie?
FELICE
Sorellina mia, è una vita che io non la posso più sopportare; vengono certi momenti che vorrei fuggire, portarti via da questa famiglia, perché pure tuo marito non scherza, eh, chillo è peggio ‘e muglierema. Invece devo correre da un paese all’altro come un facchino, come un servitore qualunque.
VIRGINIA
Lassa fa ‘o cielo, tu si’ giovine a chi sa che nu juorno...
FELICE
Nu juorno si, nu juorno. (gridando) Ma quanno sarrà stu juorno?

VIRGINIA
Zitto... t’avesseno ‘a senti’!
FELICE
(piano) Ma quanno sarrà stu juorno? Intanto mo faccio questa vita infame e pecchè, pecchè?
VIRGINIA
Ma non dispera’, siente a tua sorella ca te vuo’ tanto bene.
FELICE
Virginia mia, io me lo tengo in corpo e non faccio mai una bella sfocata...ma io soffro, soffro e patisco assai! Quella si approfitta che io non tengo niente, che l’ho sposata senza nu soldo, che tu hai sposato il fratello senza che io, come fratello maggiore ti dessi una dote!
VIRGINIA
E lo so, Feli’, senza mamma e senza padre!
FELICE
Ed io intanto debbo ingottare, debbo agliottere veleno ogni giorno e pecchè? Pe’ nu poco ‘e mangia’ che essa da a te e a me. Ma io soffro, soffro per te, sorellina mia, perché se io fossi solo, se io fossi solo disprezzerei questa carità, questo pane impastato col veleno e con l’umiliazione e me ne andrei!
VIRGINIA
E va buono, mo m’aie fatto veni’ na cosa dint’o stommaco; aie ragione, io pure a chillu marito nun ‘o sopporto cchiù! Tengo anche ‘o sospetto che mi tradisce.
FELICE
Ah, vergogna, un uomo sposato... e con mia sorella poi...
VIRGINIA
No, Feli’, siente a mme, jammuncenne mo’ proprio ‘a dint’a sta casa; si, troveremo lavoro, jarrammo camminanno, nce morimo ‘e fame inzieme!
FELICE
Oh, chesto no!
VIRGINIA
E quanno nun ce fidammo cchiù, nce mettimo a servi’, mangiammo co’ ‘e fatiche noste, nce assettammo a tavola, e si tenimmo pane e formaggio, nce ‘o mangiammo co’ piacere, pecchè dicimmo: è pane e formaggio faticato!
FELICE
(declamando) Ah, sì, dici bene Virginia! Vale tanto un pezzo di pane... (a Virginia) Hai ditto pane e formaggio? Vale tanto un pane e formaggio faticato che cento piatti senza sape’ da do’ veneno, jammuncenne. (rimane seduto)
VIRGINIA
‘O cielo nce aiutarrà.
FELICE
Sì, ‘o cielo nce aiutarrà!
VIRGINIA
Jammuncenne!
FELICE
E mo’ proprio?
VIRGINIA
Mo proprio! Quanno faticammo, mangiammo!
FELICE
(pausa) E quanno nun faticammo?
VIRGINIA
Diune, tutt’ ‘e doie!
FELICE
Seh…. no dico sì, dici bene.
VIRGINIA
Jammuncenne!
FELICE
E’ na parola!
CARMELA
‘A tavola è apparecchiata apposta per voi, ‘e maccarune mo se calano. Nu ragù scicco, Don Feli’, vi leccate le dita!
FELICE
(pausa) Virgi’, io direi, mangiamo prima.
VIRGINIA
E te fide ‘e mangia’?

FELICE
Ah, farò forza a me stesso!
VIRGINIA
Ma tu non tieni orgoglio?
FELICE
Ma tu non tieni fame?
CONCETTINA
(entrando) Gueh, Virgi’, Felicie’! (cade un quadro)
VIRGINIA
Aeh, c’ha dato il buongiorno!
FELICE
E’ arrivata la disgrazia vivente!
CONCETTINA
Nun sapite chi sta saglienno?
FELICE
E chi?
CONCETTINA
Erricuccio, ‘o nnammurato mio; m’ha fatto segno. Vene a parla’ con mio fratello e con mia sorella.
VIRGINIA
E chesta sempe a na cosa penza!
FELICE 
Ma figlia mia statte attenta, vide buono stu giovane chi è, si te po’ da ‘a mangia’.
CONCETTINA
Vi’ chi parla! Chillo che sta all’ultimo grado della paccariazione. (esce)
FELICE
E io voglio parla’ afforza, sa’!
CARMELA
(entra) Favorite, favorite, mo vaco a avvisa’ ‘a padrona.
ERRICUCCIO
(entra con il braccio legato al collo) Grazie tanto.
FELICE
Che vedo! Errico Passetiello, cumpagno mio ‘e scola.
ERRICUCCIO
(andando verso Virginia) Caro Feliciello!
FELICE
Ueh, Erricu’, embe’?
ERRICUCCIO
(accorgendosi dell’errore) Ah, uh, sì, sì. (abbraccia Felice) 
FELICE
Ma che he fatto a ‘o braccio?
ERRICUCCIO
No niente, so’ caduto da muretto giù abbascio, mentre parlavo co’ Concettina. (ride)
FELICE
Statte accorto che chella te manna a ‘o campusanto!
VIRGINIA
Allora ve cunuscite?
FELICE
Nce cunuscimmo? Io ogni mattina andando a scuola, me accattavo due chile ‘e ficosecche e po’ facevo: “Paga quello dietro”. Te ricuorde, Erricu’?
ERRICUCCIO
(ride scioccamente) Eh, eh, comme nun me ricordo?
VIRGINIA
E chi era quello dietro?
FELICE
(ridendo) Isso!
ERRICUCCIO
(ride, poi smette bruscamente rimanendo pensieroso)
CONCETTINA
(entrando) Buongiorno Erricuccio! (Erricuccio fa per salutarla, ma inciampa, sta per cadere, ma è sorretto da Felice)
FELICE
Ueh, Erricu’!
ERRICUCCIO
(in difficoltà) No, niente, niente.
FELICE
Chella nu juorno ‘e chieste ce fa fora a tutte quante!
ERRICUCCIO
(vezzosamente) Buongiorno, Concettina!
FELICE
Siente, Erricu’...
ERRICUCCIO
(è rimasto in contemplazione di Concettina)
FELICE
Erricu’, io sto parlanno!
ERRICUCCIO
(riprendendosi) Sì, sì, ti sento.
FELICE
Oh! Dicevo, t’erricuorde quanno marinavamo la scuola e ce ne andavamo a spasso ncopp’ ‘o molo?
ERRICUCCIO
Eh, eh, me ricordo; e tu te ricorde quann’eri fidanzato con una certa Beatrice e invece ghievi a fa l’ammore co’ donna Rosina? (ride)
FELICE
No, zitto, che dici, ti sbagli.
ERRICUCCIO
No, no, ricordati buono, me mannavi sempe a purta’ i messaggi d’ammore! (ride)
FELICE
Ma no, ti sbagli con un altro. (a Concettina) Si sbaglia con un altro.
CONCETTINA
Ma comme, mettive ‘e corna a mia sorella Beatrice?
FELICE
No, quello si sbaglia, non ero io, e non era neanche la stessa Rosina. (a Erricuccio) Erricu’, statte zitto, me vuo’ rovina’?
ERRICUCCIO
Io mi ricordo, Rosina La Ciaciona.
FELICE
Zitto, ‘a ciaciona ‘e mammeta. Concetti’, non le dare retta, si sbaglia.
CONCETTINA
Sarà come dici tu,ma Erricuccio mio non si sbaglia mai! Erricu’, torno subito. (lo saluta con sdolcinatezze)
VIRGINIA
Aspetta, che vengo pur’io. Con permesso.
FELICE
Andate, andate, iatevenne ‘a parte ‘e dinto. Erricu’, tu devi stare attento a come parli!
ERRICUCCIO
Pecchè, che è stato?
FELICE
Io qua songo ‘e passaggio. Me pozzono licenzia’ da nu momento all’altro! Eh! Insomma, tu te vuo’ sposa’ Concettina?
ERRICUCCIO
Sì, so venuto a parla’ co ‘a sorella e ‘o frate, pecchè Concettina è orfana, povera Concettina!
FELICE
E se sape. Ma tu te si’ preparato nu bello discorso da fa a Donna Beatrice, pecchè quella è nu carabiniere a cavallo, sa’?
ERRICUCCIO
Sì, Feli’, io sono coraggioso.
FELICE
No, pecchè chella vorrà sape’ ‘a te vita, morte e miracoli.
ERRICUCCIO
Sicuro Feli’, io sono un uomo!
FELICE
E ricordati che devi dire che tieni soldi assai, assai.
ERRICUCCIO
Eh, eh, eh, e quello io ho preparato tutto un discorso! Io sono un uomo.
FELICE
E fammello senti’ stu discorso, ia’. Che d’e, l’hai scritto?
ERRICUCCIO
(indicando la testa) No, no, quello io lo tengo tutto qui!
FELICE
E sì, poi li di spazio libero ce n’è! E dici, dici. 
ERRICUCCIO
(si alza e si schiarisce la voce) Donna Beatrice, Don Fortunato... Vostra sorella è bona assaie e io m’ ‘a voglio spusa’!
FELICE
Ecco, tu proprio accussì hai ‘a dicere.
ERRICUCCIO
Pecchè, non va bene? C’aggiu miso sei mesi per pensarla! Io so’ forte!
FELICE
E hai fatto proprio na bella penzata! Erricu’, siente a me. Tu te vuo’ spusa’ a Concettina?
ERRICUCCIO
(ridendo scoccamente) Sì, sì, a me piace tanto Concettina e non tengo paura di nessuno. Io sono un uomo
FELICE
E me ne so accorto! Guarda Erricu’, tu devi fare come dico io, che tengo esperienza delle abitudini di questa casa. Tu tieni un lavoro?
ERRICUCCIO
(alzandosi in piedi) Sono commesso della casa Giusti e compagni.
FELICE
Bravo, ma mo statte seduto. Piglie nu buono mensile?
ERRICUCCIO
Sì, trenta franchi.
FELICE
Beh, trenta franchi a settimana, certo non è molto...
ERRICUCCIO
No, quelli sono trenta al mese.
FELICE
Al mese? Ma allora si’ nu muort’ ‘e famme?
ERRICUCCIO
Ma quello poi ci sono i lucri, il tanto cer cento sulle vendite e mi vengono almeno...
FELICE
Quanto, quanto?
ERRICUCCIO
Pressappoco...
FELICE
E forza!
ERRICUCCIO
Altri dieci centesimi.
FELICE
E siamo a cavallo. Ma tu non tenive nu zio ricchissimo?
ERRICUCCIO
Sì, zio Totonno. Quello, quanno more zi zio, io divento l’eretico universale di tutte le sue ricchezze.
FELICE
Allora sperammo che morisse ampresso!
ERRICUCCIO
No, e pecchè?
FELICE
Erricu’, ma allora si’ tutto! Siente a me, se tu te vuo’ spusa’ a Concettina, devi dire a Donna Beatrice quello che te dic’io: io sono capocommesso...
ERRICUCCIO
Uh, uh, tu si’ capocommesso...
FELICE
Ma no io, tu si’ capocommesso...
ERRICUCCIO
(scattando in piedi) Della casa Giusti e compagni!
FELICE
Stai giù! Guadagni trecento franchi al mese...
ERRICUCCIO
No, quelli so’ trenta! Hai visto che muscoli? Io sono un uomo!

FELICE
erricu’, e peffavore! Devi dire trecento, siente a mme. Mio zio Luigi che è ricchissimo sta per morire, anzi... (drammaticamente) zio Luigi sta più a llà che a ccà.
ERRICUCCIO
Ma comme, quello zi zio stamattina steva na bellezza!
FELICE
E invece mo sta na schifezza.
ERRICUCCIO
Ma io so’ coraggioso!
FELICE
Cerca di capire: io ti aiuto a spusà Concettina e po’ facimmo l’eredità metà per uno. Allora, mo rifacciamo daccapo: Donna Beatrice, io sono capocommesso...
ERRICUCCIO
(scattando in piedi) ... della casa Giusti e compagni!
FELICE
... e compagni. Guadagno...
ERRICUCCIO
... ben trenta franchi al mese!
FELICE
E dalle, qua’ “ben trenta franchi”! Ma tu te fossi montata ‘a capa ‘o veramente, ricordati che sei solo un commesso...
ERRICUCCIO
(idem) ... della casa Giusti e compagni.
FELICE
E chisto scemo l’aggio lasciato e scemo l’aggio ritrovato!
CARMELA
(entrando) Sapite, vene ‘a signora e don Fortunato. (entrano anche Virginia e Concettina)
FELICE
Oh, avimmo fernuto ‘e parla’. Mettiti in riga, stai sull’attenti, mo vide la vita che menammo ccà.
BEATRICE
(entra con andatura austera, senza parlare, segue Fortunato)
FELICE
La sorella di Lucrezia Borgia. Fratello zuoppo. (infatti Fortunato ha preso le botte dalla sorella e dalla moglie; Fortunato fa per salutare Erricuccio ma è fermato da Beatrice)
BEATRICE
Deve salutare prima lui a noi!
FORTUNATO
(pausa) Chillo non saluta e nuie stamme ccà come a tante statue!
BEATRICE
Il signore chi è?
ERRICUCCIO
Errico Passetiello Signor Capitano... ehm... Signora.
BEATRICE
Desiderate parlarmi? Bramate conversare con la mia persona? M’avete ‘a dicere coccheccosa?
ERRICUCCIO
Io? No, e pecchè? (azione di Felice) Ah, sì, sono venuto a parlare con voi, con il signor Fortunato, vostro fratello e con il signor Don Felice, vostro marito.
BEATRICE
Don Felice e Don Fortunato dipendono da me, tutto quello che voglio io fanno loro.
FELICE
Che bell’onore!
FORTUNATO
Non te ne incaricare, che n’avimmo ‘a fa’?
FELICE
E’ nu fatto, quanto cchiù pe’ mazze ‘e scopa simme tratate, megli ‘è.
BEATRICE
Dunque parliamo. Se... dutti.
FELICE
(suggerendo) Io sono capocommesso...
ERRICUCCIO
Io mo dove l’ho messo!

BEATRICE
Che cosa? (tutti chiedono che si è perso)
FELICE
Ma no, no, voleva dire: “Io sono capocommesso...”
ERRICUCCIO
(scattando) ... della casa Giusti e compagni.
BEATRICE
Seduto! Figuriamoci che avvenire: un commesso...
ERRICUCCIO
(idem) ...della casa Giusti e compagni!
FELICE
Erricu’, stai buono, abbiamo capito tutti.
BEATRICE
E quanto guadagnate?
ERRICUCCIO
Trenta...
FELICE
Trenta volte prima l’ha detto a me. Guadagna trecento franchi.
BEATRICE
Zitto tu! Mi vorreste far credere che regalano trecento franchi ad un commesso...
ERRICUCCIO E FELICE 
... della casa Giusti e compagni!
BEATRICE
Silenzio! Cos’è questa pagliacciata. Insomma cosa volete?
FELICE
Forza, parla.
ERRICUCCIO
Concettina è bbona assaie e io m’ ‘a voglio spusa’. 
CONCETTINA
A me me piace, m’è simpatico e m’ ‘o voglio spusa’!
BEATRICE
Silenzio tu, che vuol dire questo rispondere in mezzo, chi ti ha imparato questa crianza. Nun ‘o fa’ n’ata vota che te metto a dovere, sa. (a Fortunato) E non so come tu, che siete il fratello maggiore non le dite niente!
FORTUNATO
(avvicinandosi a Concettina, con voce noiosa e seccata) Concettina, un’altra volta che rispondi te faccio una brutta murtificazione, hai capito? Stai al posto tuo, pecchè si no na vota ‘e cheste...
BEATRICE
Va buo’, basta, basta, mo si truoppo luongo; lievat’ ‘a miezzo.
FELICE
Ma quella ragazza...
BEATRICE
Silenzio! Signore, il vostro parlamento non mi piace; voi precipitate troppo il discorso, parlate meglio.
ERRICUCCIO
Io volevo parlare anche con gli uomini di casa, ma siccome ho visto che sono due esseri che non contano niente, che ci sono o non ci sono e’ l’istesso, farò a voi il mio discorso. Sono un giovine buono, onesto, tengo denare e me voglio spusa’ a Concettina.
BEATRICE
(a Felice e Fortunato) Che vulite fa’, vulite parla’?
FORTUNATO
Feli’, tu che dici?
FELICE
Fortuna’, che parlammo a fa’, avimmo fatto chesta figura!
FORTUNATO
Beatri’, stavolta parla tu.
BEATRICE
E sì, stavolta parlo io. Sentite, signore. Oggi siamo ad un’epoca che per riguardo al matrimonio bisogna spaparanzare nu paio d’occhi. E’ vero, Feli’?
FELICE
Ecco l’umiliazione!
BEATRICE
Un giovine, quando si presenta, vi da’ a credere bugie, mensogne, falsità, non parlo già per voi, parlo al generale.
FELICE
Parla c’ ‘o capitano.
BEATRICE
Vi dice che è possidente, che è tenente...
FELICE
Che è caporale.
BEATRICE
Statte zitto! E poi, non è vero niente. Intanto, che succede? Che la giovine piglia una passione, si sposa e poi mancano i mezzi e i parenti e la moglie stessa, sono costretti a pigliareseli in casa e dar loro da vivere. Non è vero, Feli’?
FELICE
Sicuro!
VIRGINIA
‘Sti parole veneno a te.
FELICE
Mannaggia ‘e maccarune co ‘o ragù!
BEATRICE
Poi debbo dirvi, caro signore, che quello che voi avete, anche se fosse vero, è troppo troppo poco per mia sorella. Che cosa sono trecento franchi al mese...
FELICE
Ma chi l’ha visti mai!
BEATRICE
Statte zitto! E anche se fossero 400, che cosa ne fareste? Mia sorella tiene una dote, e scusate che ve lo dico io, non può sposare un commesso con 300 franchi al mese.
ERRICUCCIO
Ma io tengo uno zio ricchissimo che quanno more lascia tutto a me.
BEATRICE
Ah! E quant’anne tene?
ERRICUCCIO
Novantasette.
BEATRICE
E allora, siccome mo è vivo ancora, intanto vi tengo sei mesi in prova...
FELICE
E po’ l’assume come usciere.
BEATRICE
Voi comportatevi bene, fate morire zi zio...
FELICE
E po’ iate in galera.
BEATRICE
E po’, ve spusate a Concettina.
CONCETTINA
No, Beatri’, io lo voglio subito!
FORTUNATO
Zitta tu!
BEATRICE
Zitto tu!
FELICE
Zitti tutti!
BEATRICE
Silenzio, basta! Vuoi uomini ritiratevi. Concettina, Carmela andate via; aggia parla’ co mia cognata Virginia.
FELICE
Ma noi...
BEATRICE
Via, ho detto! Concettina, in camera tua. (si allontanano tutti in fila)
FELICE
Per fila sinistr, march.
CONCETTINA
No, i’ voglio sta ccà.
BEATRICE
Vattenne t’aggio ditto, se no te mengo na cosa nfaccia!
CONCETTINA
Voi avete voglia ‘e fa, avete voglia ‘e dicere che io a Erricuccio me voglio spusa’ (piange)
BEATRICE
(Beatrice e Virginia si siedo al centro della scena; Beatrice prende da un cassetto una lettera e la porge a Virginia) Virgi’, tiene, leggi qua.
VIRGINIA
(leggendo) “Amoruccio mio caro, mio unico bene... tuo Felice”. Che belle parole che sape scrive fratemo, beata te che tieni un marito poeta!
BEATRICE
Uhm? E’ bella, è vero? ‘O fatto è che nun è pe’ me.
VIRGINIA
E comme?
BEATRICE
L’aggio truvata dint’a sacca ‘e Felice. E’ indirizzata alla stessa femmena che ha scritte cheste, ‘o vi? (mostra un pacco di lettere)
VIRGINIA
Giesù, Giesù, tu he dici? Ma mo ce penz’io a chillu puorco...
BEATRICE
No, Virgi’, aspetta. Come vedi io sto calma, perché tengo un piano migliore. Ho letto tutte le lettere e aggio capito che Felice a sta donna Giulietta nun l’ha vista maie.
VIRGINIA
Ma allora comme sarebbe?
BEATRICE
Ma sì. Virgi’, comme se dice, è un amore... un amore... pistolare, ecco.
VIRGINIA
(facendo il gesto con la mano)... co’ ‘o revolver?
BEATRICE
Ma no, tu si’ cchiù gnurante ‘e fratello. Amore pistolare, cioè pe’ lettera. Mo, siccome m’aggia vendic’ ‘e stu fatto, tengo bisogno del tuo aiuto.
VIRGINIA
E io ch’aggia fa?
BEATRICE
Pare che sta Giulietta è na signora scicca, che ancora nun s’è decisa a se fa vede’ da isso, ma che prima o poi se farà viva. Allora stasera Donna Giulietta andrà a cena a casa ‘e don Felice.
VIRGINIA
E chi lo dice?
BEATRICE
Chesta lettera scritta da me.
VIRGINIA
Ho capito! Ma una donna per bene non andrebbe mai a trovare un uomo a casa d’ ‘a mugliera!
BEATRICE
Virgi’, statte zitta, nun me fa parla’, che chillu fetentone ‘e frateto c’ha raccontato che è signorino.
VIRGINIA
Giesù, quante ne va’ cumbinanno! Ma mo io che c’azzecco dint’a stu fatto?
BEATRICE
Virgi’, io stasera sarò Donna Giuliettaa e tu verrai con me.
VIRGINIA
Fosse asciuta pazza, Beatri’, chillo ce riconosce subbeto a tutte e doie.
BEATRICE
Virgi’, nun te ne ‘ncarica’. Aggio penzato pure ‘o modo pe’ nun ce fa cunosce.
VIRGINIA
Ma a me me pare nu poco azzardato!
BEATRICE
Tu parle accussì, pecchè tieni pe’ marito quale sant’uomo ‘e fratemo Fortunato!
VIRGINIA
Sì, t’ ‘o cride tu “sant’uomo”! Io pure tengo qualche sospetto che me tradisce, che va appriesso a ‘e femmene. (pausa) Vuo’ sape’ ‘a verità? Tentiamo la sorte. Va buo’, scrive ‘ncoppa ‘a lettera che porterai un amica.
CONCETTINA
(che ha ascoltato tutto) Due amiche!
BEATRICE
Tu che fai ccà? Vattenne dint’ ‘a camera toia, t’aggio ditto. 
CONCETTINA
No, voglio veni’ pur’io, si no dico tutte cose a Felice e ve scumbino.
BEATRICE
Tu si’ guagliona e non puoi sentere sti fatte!
CONCETTINA
Io invece aggio ‘ntiso e saccio pure che Felice te mette ‘e corna!
BEATRICE
Ah, è così, saresti capace di tradire il tuo sangue?
CONCETTINA
No, però, se volessi... (fa un gesto che ricorda i suoi poteri malefici)
BEATRICE E VIRGINIA
No, no, pe’ carità!
CONCETTINA
E po’ io pure tengo i miei sentimenti!
VIRGINIA
Qua’ sentimenti?
CONCETTINA
Io voglio vede’ se Erricuccio mio me sarà fedele o se è comme tutte l’at’uommene. Che te costa a te Beatri’, tu dici che vai con due amiche; chillo Felice ‘a primma cosa invita a cena a Fortunato e a Erricuccio e se Erricuccio me vo’ davvero bene ce rispunne ‘e no.
BEATRICE
Siente chesta che va penzanno! E va buo’, Concetti’, ma se tu dici na parola fuori posto... tu me capisce... a Erricuccio nun ‘o vide cchiù.
CONCETTINA
Va buo’, però vengo pur’io.
BEATRICE
(si alza) Carmela! Mo ce preparo ‘o servizio. (finisce di scrivere)
CARMELA
(entrando) Dicite, signo’.
BEATRICE
Carme’, consegna sta lettera a don Felice e dincello che te l’ha data mo proprio ‘o guardaporta.
CARMELA
Subito vi servo... la devo leggere?
BEATRICE
Carme’! (a Virginia e Concettina) Venite co’ me, mo ve dico quello che dobbiamo fare ? ? ? (uscendo) Prima di tutto facciamo spari’ tutto l’olio combustibile che c’è dint’a casa...
FELICE
(facendo capolino) Venite, venite, Robespierre si è ritirato.
FORTUNATO
Ma se po’ sape’ chi te scrive, Feli’?
FELICE
(aprendo e leggendo la lettera) Uh, siente, siente, è Giulietta mia!
FORTUNATO
E mo chi è staGiulietta?
FELICE
Comme! Te ricuorde chella femmena che me manna sempre chelle belle lettere profumate...
FORTUNATO
Ma chi, chella co ‘e capille nire?
FELICE
Ma no!
FORTUNATO
Chella frangesina col nasino all’insù?
FELICE
Ma no, co’ chella è finito tutto!
FORTUNATO
Ah, già! Allora chella sciasciona s’ ‘o primmo piano?
ERRICUCCIO
Eh, eh, bravi, bravi, tenite ‘e nnammurate! Pure io ne tengo tre. A me me piaciono tutte ‘e femmene!
FELICE
Ma pecchè, mo tu tieni pure ‘e nnammurate?
ERRICUCCIO
Sì, una m’aspetta sotto ‘o portone ogne mattina e me da nu fiore.
FELICE
E tu che le dai?
ERRICUCCIO
Tre centesimi.
FORTUNATO
Ma quella è la fioraia che sta sempre sotto casa sua. Ma quant’anne tene?
ERRICUCCIO
Cinque! (ride scioccamente)
FELICE
Vi’ come ride chisto! Fortuna’, dicevo che chesta nun l’aggio mai vista, è essa che se nnammuraie ‘e me pecchè me vedette na mattina doppo ‘a messa, e me cominciaie a manna’ lettere, bigliette d’amore, dicenno che sulo essa avrebbe deciso un giorno ‘e se fa vede’.
ERRICUCCIO
E pecchè, pecchè?
FELICE
Che sacc’io!
ERRICUCCIO
Forse tene paura ‘e te vede’?
FELICE
No, chella tene paura ‘e vede’ chella capa ‘e muorto che tieni. Fortuna’, siente che dice: “Mio adorato Felice, ho finalmente deciso di incontrarti. Verrò stasera a cena da te alle sette. Tua innamoratissima Rosina. Avete capito chella vene ccà stasera!
ERRICUCCIO
Carmela!
FELICE
Che c’è?
ERRICUCCIO
Dico a Carmela che stasera tieni un ospite. Carmela! (Felice e Fortunato corrono a fermarlo e quando esce Carmela fanno tarantella)
CARMELA
M’avite chiammato, signo’?
FELICE
No, no, niente! Non vedi che stiamo ballando?
CARMELA
No, chiste so’ pazze tutte e tre!
FORTUNATO
Ma comme, tu si scimunito, vai a dicere na cosa simile? Ma tieni capa?
FELICE
Sì, chillo ‘a tene; ce serve pe’ spartere ‘e recchie!
ERRICUCCIO
Ma tu he ditto che chella vene a cena.
FELICE
E dincelo a muglierema, sa’!
ERRICUCCIO
(alzandosi nuovamente) Donna Beatrice!
FELICE
(fermandolo di nuovo con l’aiuto di Fortunato) Zitto, delinquente, mannaggia l’arma ‘e mammeta. ‘A vuo’ ferni’ o no? Chella non sape niente che so’ ammogliato, pe’ chesto vo’ veni’ cca. ‘O vi’ ccà ‘o ‘i, se so’ fatte ‘e cinque, chella fra due ore sta ccà! Co’ muglierema dint’all’ata cammera! Comm’aggia fa, mannaggia, comm’aggia fa! (piccola pausa; entrano Beatrice, Virginia, Concettina, vestite per uscire)
BEATRICE
Zia Filomena sta nu poco malate e tene bisogno ‘e compagnia per la notte. Ci ritiriamo domattina a mezzogiorno. Buonanotte!
VIRGINIA
Buonanotte!
CONCETTINA
Buona... serata!
FORTUNATO
Ecco fatto, ce l’ha tirata!
FELICE
Ma no, no, chisto è nu sogno, e quanno mai è capitata n’occasione accussì. Stasera mi diverto! Ah, ah. Beh, mo iatevenne tutte e doie che tengo che fa.
FORTUNATO
(si siede, tenendo in mano la lettera) Io ‘a ccà nun me soso!
FELICE
Non scherzare, Fortuna’, che s’è sta cosa?
FORTUNATO
Nella lettera c’è un posto scritto.
FELICE
Che c’è?
FORTUNATO
Un posto scritto, un’aggiunta, comme se dice. “Verrò con due amiche”. Chelle in tre vengono e noi in tre siamo.
ERRICUCCIO
Sì, sì, me piace, voglio fa baldoria co’ ‘e femmene.
FELICE
Gueh, ma tu guarda che sfacciato, sei appena fidanzato, per merito mio, e già vuoi mettere ‘e corna a chella povera guagliona? E pure tu, Fortuna’, mi fai specie, non ti metti scuorno che si ammogliato, e con mia sorella per giunta!
FORTUNATO
E pecchè, tu non sei sposato co’ ‘a mia?
FELICE
Uh, mannaggia, già m’ero scurdato ‘e muglierema!
ERRICUCCIO
Vergogna, due uomini sposati che fanno all’amore Ce lo dico a Donna Beatrice! (tre volte a cantilena)
FELICE
(facendo coalizione con Fortunato) Ah sì? E allora noi diciamo a donna Beatrice che a te te piacciono tutte ‘e femmene e così nun te fa spusa’ a Concettina! Che fai mo?
ERRICUCCIO
(pausa) E mo siete cattivi, mo!
FELICE
Guarda llà, guarda llà! Quattro smorfie! Comunque, Fortuna’, nun tenimmo tiempo ‘a perdere. Bisogna preparare la cena, apparecchiare, c’è da accatta’ quaccheccosa ‘a mangi’... Mamma mia, io nun me faccio capace, viene qua, capisci, vene ccà! Oddio, nun me sento buono, non può esse’... è un sogno... Fortuna’, dammi un pizzico, voglio sapere se sto scetato. (Fortunato esegue) Cchiù forte,, Fortuna’, cchiù forte, voglio sentire dolore, fatemi sentire dolore! (mentre Fortunato da qualche pizzico a Felice, Erricuccio prende un piatto e lo rompe in testa a Felice)

A T T O  S E C O N D O

La stessa scena del primo atto. Felice, con la testa fasciata tenta ripetutamente di accendere una lampada ad olio. Manca poco alle sette. Tre tavolini apparecchiati.
FELICE
Fortunato, Fortunà! Mannaggia ‘e lampe. (entra Fortunato) Fortunà, è fernuto l’olio alla lampa, vide se truove na riserva di llà.
FORTUNATO
Giesù, io questo ti volevo dire: vuo’ vede’ che stasera stammo a’ ‘o scuro?
FELICE
E no, pe ffavore, fa quacche ccosa che nun putimmo fa sta figura. (Erricuccio sta giocando) E vide chillo se t’aiuta! Erricu’, iamme bello vide se può trua’ nu poco d’olio.
ERRICUCCIO
Ma io nun ‘o saccio addo’ sta.
FELICE
Gira, cerca in qualche cassetto, muovete insoma.
ERRICUCCIO
(mettendosi seduto) Vado, vado.
FELICE
Susete ‘a lloco!
ERRICUCCIO
(saltando) Ueh, Maronna!
FORTUNATO
Feli’, siente na cosa... Ma so bbone ste signore?
FELICE
Fortuna’, che t’aggia dicere, io nun conosco manco ‘a mia! Eh, ma da come scrive le lettere ha da esse’ na signorona!
FORTUNATO
Uh, e allora pure le amiche le deve tenere belle... Almeno la mia.
FELICE
E se capisce.
ERRICUCCIO
(rientrando) Ecco fatto!
FELICE
Hai trovato l’olio?
ERRICUCCIO
No, però aggio truato cheste, o vi’!
FELICE
Tre candele! E mo che n’avimmo ‘a fa? Ma tu guarda che figura! Ma comme, io, due giorni fa andai a comprare cinque litri d’olio... (suonano alla porta) Uh, mamma mia, e cheste so’ loro! Accendiamo sti candele, presto, una per tavolo. (Ognuno accende una candela) Presto, apriamo la porta. (tutti fermi) Ho detto apriamo la porta!
FORTUNATO
E apri, Feli’!
FELICE
Ah no, devi aprire tu che sei ‘o padrone ‘e casa!
FORTUNATO
Qua’ padrone, chella viene pe’ te.
FELICE
Allora Erricuccio, apri tu.
ERRICUCCIO
Sì! (fa due passi e torna indietro) No, io me metto vergogna!
FELICE
Insomma, Fortuna’, di’ ‘a verità, tu tiene paura?
FORTUNATO
E va buo’, vaco io, mannaggia all’anem d’ ‘e mamme vuoste!
Felice e Erricuccio si preparano all’incontro con indifferenza mal celata; rientra Fortunato con un neonato in braccio)
FELICE
(di spalle) Oh mia diletta, oh luce dei miei occhi... (scorgendo Fortunato con il neonato in braccio) Fortuna’, ma che d’ ‘e?
FORTUNATO
E che saccio, aggio truvato stu piccerillo dint’a na cesta.
FELICE
Na criatura? E mo che d’ ‘è sto scherzo? Mannaggia, ma comme ha fatto ad arrivare qua?
ERRICUCCIO
Io lo so.
FELICE
Tu lo sai?
ERRICUCCIO
Sì.
FELICE
E allora parla!
ERRICUCCIO
E’ semplice. Ha suonato ‘o campaniello.
FELICE
Cretino, mo’ la creatura suonava ‘o campaniello….non vedi che sta durmendo?
ERRICUCCIO
Ma po’ esse’ che s’è addormuto doppo, aspettanno che noi aprivamo ‘a porta!
FORTUNATO
‘A vulite ferni’ ‘e dicere ciucciarie tutte ‘e doie? Moio vurria sape’ proprio che facimmo cu sto fantolino! (guardandolo meglio) ‘o vi’ ccà, ‘o vi’, tiene una targhetta.
FELICE
E che d’ ‘è nu cane?
FORTUNATO
C’è scritto: il mio nome è Totonno.
ERRICUCCIO
Uh, che bello, se chiamma comme a mio zio! facendogli le feste) Totonno!
FELICE
Guarda che chisto è scemo ‘o veramente! Stamme aspettando a tre femmene e se mette a pazzia’ co ‘a criatura! E se chelle lo vedono, se credono che quaccheduno ‘e nuie è ‘nzurato e finisce la festa. Basta, l’avimmo ‘a nasconde ‘a quacche parte.
ERRICUCCIO
Totonno!
FELICE
Erricu’, e basta ! Piuttosto vide se in cantina ce sta nu poco d’olio, che tre candele non bastano. Noi cerchiamo di nascondere ‘a criatura.
ERRICUCCIO
Totonno!Zio tuo mo torna, va a cerca’ l’olio pe’ chillu scucciante ‘e zi Felice.
FELICE
No, chisto nun è normale!
(Felice e Fortunato, che ha il pupo in braccio, si siedono pensierosi al tavolio centrale)
FELICE
‘O nascondimmo dint’ ‘o lietto! No, no, poi chello se mette a chiagnere e ce scumbina tutte cose. Mannaggia, ccà ce vo’ na soluzione.
FORTUNATO
Feli’!
FELICE
Che d’ ‘è, tieni un’idea?
FORTUNATO
Feli’, chesto cerca ‘a sisella!
FELICE
E tu che vuo’ ‘a me?
FORTUNATO
Io non tengo disponibilità.
FELICE
Gesù, e ‘a tengo io?
FORTUNATO
Ma che saccio, magari tu sei più forte di petto...
FELICE
Ma vattenne, mo io devo ‘o latte a’ criatura!
FORTUNATO
Va buo’, senza che te scaldi. Del resto non è figlio nostro.
FELICE
Famme senti’, pecchè se era figlio a te ce devi ‘o latte?
FORTUNATO
Che c’entra, uno poteva improvvisare...
FELICE
Ma ferniscila nu poco!
FORTUNATO
(si alza contrariato) Io facevo un ipofisi!
FELICE
Qua non si fanno ipofisi! Ma comme, dic’io, stev andanno tutto liscio, tutto scorreva, scorreva tutto come l’olio... Neh, tu stai scurrenno ‘a sotto!
FELICE
Gesù, io scorro ‘a sotto?
FORTUNATO
Ato che puparuole in acito, chella è acqua santa!
FORTUNATO
Ma mannaggia chi t’ha allattato! (a Felice) Chesta è causa tua però!
FELICE
E io che c’entro?
FORTUNATO
E pe’ forza, tu dici “scorre, scorre come l’olio” e ci dai lo stimolo. Guarda qua!
FELICE
Zitto! Sotto a quel mobile!
FORTUNATO
Ma no, chisto là se soffoca.
FELICE
L’olio! Ha da li sotto olio! (s’inginocchia per terra cercando l’olio sotto al mobile) Fortuna’, viene a ccà, famme nu poco ‘e luce. (Fortunato si avvicina con la candela in mano, e il pupo nell’altra. S’inginocchia anche lui e, trovando impedimento nel bambino lo pone in terra tra i due)
ERRICUCCIO
(da dentro) Prego, accomodatevi, vi stavamo aspettanno. (Entrano le tre donne; Felice e Fortunato, presi alla sprovvista, compongono l’immagine del presepe e intonano il canto di Natale, so’ arrivate e re magi!)
FELICE
Buonasera, scusate, stavamo facendo le prove del presepio vivente, sapete si avvicina Natale e noi siamo molto religiosi. (poi a Erricuccio) Ma puozze passa’ nu guaio, c’ ‘o putive dicere che stevano trasenno?
ERRICUCCIO
La porta era aperta!
FELICE
(ricomponendosi) Prego, le presentazioni. Questo è mio cognato... ehm, il mio amico Fortunato e il mio amico Erricuccio. Questo è Totonno... il fratello minore di Erricuccio, è vero Erricu’?
ERRICUCCIO
Ma io... (calcio di Felice) Sì, è fratemo.
Le tre donne ben vestite, con cappello e veletta e con ventaglio, si trovano una accanto all’altra.
VIRGINIA
(a Beatrice) Che altro pasticcio avrà cumbinato?
BEATRICE
Nun te preoccupa’, facimmo tutto nu conto. (a Felice) Oh, mio caro Felicello, queste sono le mia due amiche di cui ti ho parlato: Mariuccia e Giulietta.
FORTUNATO
Ma prego accomodatevi. (si sistemano; Felice da il pupo a Erricuccio, Erricuccio a Fortunato, Fortunato a Felice, senza essere visto, lo nasconde dentro un cassetto di un mobile. Si siedono tutti. Nei tre tavolini, da sinistra nell’ordine abbiamo: Erricuccio, Concettina, Beatrice, Felice, Fortunato, Virginia)
BEATRICE
Felicello mio, mi è costato tanto sacrificio tenere segreto questo amore! Sei contento di vedermi finalmente? Mi credevi più bella?
FELICE
No, pe’ carità, sei bellissima! (tra sé) Ccà nun se vede niente! Mo provo ad avvicinarmi. Se tu sapessi quanto ho aspettato questo momento! Fatte da nu vaso.
BEATRICE
(continuandosi a nascondere dietro il ventaglio) No, ti prego, ci sono le mie amiche!
FELICE
Hai ragione. Comunque ti ho preparata questa semplice cenetta a lume di candela per essere più originale!
BEATRICE
(tra sè) Dici piuttosto che non sei riuscito a trov’ l’olio!
FELICE
Come dici, mia cara?
BEATRICE
No, niente. Raccontami qualchecosa di te.
FELICE
Sapessi che bella sorpresina abbiamo preparato per voi
BEATRICE
Se tu sapessi che bella sorpresina che teniamo noi! (ridono; luce sul tavolo di sinistra)
CONCETTINA
E tu sei fidanzato?
ERRICUCCIO
Sì, proprio stamattina... no io me voglio fidanza’ cu te pecchè mi piaci tanto.
CONCETTINA
Ma a me un uccellino m’ha ditto che tu oggi proprio ti sei promesso ad una bella ragazza di nome Concettina.
ERRICUCCIO
Uh, e tu come lo sai?
CONCETTINA
Ti ho detto un uccellino...
ERRICUCCIO
No, nun è vero, quella a me non mi piace... tiene ‘e cosce storte! (ride)
CONCETTINA
(ridendo a denti stretti) ‘O vero, tiene ‘e cosce storte?
ERRICUCCIO
(ride) Sì, e pure ‘o naso a patata, ‘o vi’? (fa il gesto)
CONCETTINA
Ah, pure ‘o naso a patata. (prende la forchetta e, facendo finta di prendere il pane, appezza la mano di Erricuccio. Urlo di Erricuccio) Uh, scusa, che sbadata, volevo prendere il pane.
ERRICUCCIO
No, niente. E poi io quella me la vulivo spusa’ pecchè ‘a sorella tiene ‘e solde, ma a me non mi piace! Anzi ti confido un segreto: (la fa avvicinare e fa un suono tenebroso dicendo a voce grossa) Porta iella!
CONCETTINA
(dandogli uno schiaffo repentino) Uh,scusa, me so’ misa paura. (luce sul tavolo di destra)
FORTUNATO
Sì, sì, sciasciuncella mia, ti conosco da pochi minuti, ma da quando stongo vicino a te, me sento cunzula’. Lasseme vasa’ chella manella.
VIRGINIA
Vi’ che ‘nfame che si’!
FORTUNATO
Comme, amoruccio mio?
VIRGINIA
Ma no, dicevo, non sta bene, me vedeno ‘e cumpagne mie.
FORTUNATO
Nu poco, poco, faccio subbito subbito. (esegue fino al braccio) Bella, bella zuccariello mio.
VIRGINIA
‘On Fortuna’, vuie me piacite assaie, ma vurria sape’ se pe’ caso siete sposato, perché. sapete. non vorrei rimanere delusa.
FORTUNATO
No, no, pe’ carità, io ho sempre rifiutato il matrimonio... prima di incontrare voi. Ma mo siete l’unica donna che io vulesse ‘nzura’, piccioncino mio!
VIRGINIA
(tra se) Maledetto schifoso! (calcio sotto il tavolo) Oh, scusate, uno scatto nervoso. sapite, voi mi elettrizzate con il vostro parlare
FORTUNATO
(dolorante per il calcio) E’ l’amore, tesoruccio mio, è l’anema ‘e... (luce sul tavolo di centro)
FELICE
Rusenella mia, sapisse quanto aggio sofferto senza ‘e te, contentandomi solo delle tue lettere. Ah, ma mo che t’ho conosciuto nun lasso cchiù, voglio sta sempre cu’ te.
BEATRICE
‘O vero, anch’io so’ contenta! 
CARMELA
(entrando di corsa, luce sparsa) Mamma mia! (tutti saltano)
FELICE
Oddio!
CARMELA
Ma che d’è, Don Feli’?
FELICE
Ma mannaggia ‘a primma d’ ‘a promamma d’ ‘a stramamma ‘e tutte ‘e mamme d ‘e promamme ‘e l’anema ‘e mammeta! Che vuo’?
CARMELA
Don Feli’, aggio perzo ‘a criatura.
ERRICUCCIO
Che è stato?
FORTUNATO
Ha abortito.
FELICE
Se po’ sape’ che è stato?
CARMELA
Don Feli’, ero ghiuta a ritira’ ‘e panne sopra a’ terrazza. Aggiu ‘ncuntrato Bettina a’o terzo piano che m’ha dato ‘a criatura soia pecchè dice aviva ‘a ì a fa na cummissione. Quanno è stato a ritorno, arrivata davant’a porta ‘e casa, mentre stevo bussanno, aggio ‘ntiso a donna Filomena che strillava come na pazza. Allora aggio lasciato ‘a criatura ‘ncoppa ‘a cesta ‘e panne e so scesa abbascio. Quanno so turnata, nun ce steva cchiù! (piange)
FELICE
Ma tu puozze passa’ nu guaio, io chissà che me crerivo!
CARMELA
Don Feli’, voi avete visto ‘a criatura?
FELICE
(si risiedono tutti) Ma sì, Totonno sta dint’ ‘o secondo cassetto d’ ‘a scanzia.
CARMELA
E pecchè?
FELICE
Pecchè l’ate cassette erano occupate.
CARMELA
(prende il pupo e fa per andare) Madonna mia ti ringrazio. (si segna ripetutamente) Ma chi so ste signore?
FELICE
Carme’, nun accumanciamo n’ata vota, non te ne incaricà. So’ venute... pe parla’ ‘e na cosa ‘e lavoro. Vattenne e cucete ‘a vocca. (poi alle signore) Perdonate, la serva è un po’ invadente, nun se fa mai ‘e fatte suoie. 
CARMELA
Uh, signo’ che bello vestito che tenite. Ma avete fatto pace con vostra moglie?
FELICE
Zitta, quale moglie?
CARMELA
Che bello vedervi tutti uniti.
FELICE
Che dici, Carme’, vattenne.
CARMELA
Ma pecchè stavate all’oscuro?
FELICE
Vattenne, t’aggio ditto. E’ finito l’olio. Vattenne. Scusate signore, la serva è un poco invadente e parla a sproposito. 
(le donne si alzano)
FORTUNATO
Feli’ Feli (indicando le donne)
FELICE
Beatrice.
FORTUNATO
Virginia.
ERRICUCCIO
Concettella.
FELICE
No, ma io l’avevo capito subito...
FORTUNATO
Feli’.
FELICE
...che finiva malamente!
BUIO

ATTO  TERZO

CARMELA
(liberando la scena) Mamma mia, e comme sta donna Beatrice, me pare na leonessa; stanotte nun ha dormuto; cammennava innanzi e arreto pe tutta la camera! E don Felice, don Fortunato, Erricuccio che hanno passata ‘a nuttata ncopp’all’asteco! Stanotte faceva chillu viento, sa come se so’ recriate!
VIRGINIA
(entrando) Carme’, che ore saranno?
CARMELA
E’ schiarato juorno da poco, saranno ‘e sei e mezza. Vi siete alzata mo?
VIRGINIA
Aeh, aggio passata ‘a nuttata chiara chiara pe’ colpa ‘e chillo disgraziato birbante!
CARMELA
Ma quanno se decide ‘a signora a farle scennere ‘a llà ncoppa a chilli puverielle?
VIRGINIA
Seh, dice puverielle!
CARMELA
Ma comme, è possibile che sti tre uomini hanno ‘a suffrì a sta manera pe na stravaganza ‘e na femmena?
VIRGINIA
Carme’, stavolta nun è stravaganza ‘e na femmena?

VIRGINIA
Carmè, stavolta nun è stravaganza, sta vota ave ragiione!
CARMELA
Ma comme, non pozzo appura’ aissera che facettene?
VIRGINIA
Tu sei una serva, ‘ntrichete ‘e fatte tuoie!
CARMELA
Ma nun pozzo sape’ pecchè chille stanno ‘ncopp’all’asteco?
VIRGINIA
Carme’, ave ragione!
CARMELA
Ma vide se t’ ‘o dice!
VIRGINIA
Nun t’ ‘o pozzo dicere, a n’atu poco ‘o saie.
CONCETTINA 
(entrando) Virgi’, s’è alzata Beatrice?
VIRGINIA
No, e chella nun ha durmito proprio.
CONCETTINA 
Che birbante, assassini, ma stavolta è tutta colpa di stavolta Felice, l’ha fatta grossa! E intanto chillu povero Erricuccio ha fatto chella nuttata, cu chillu viento che faceva stanotte! E frateme Fortunato, se se piglia nu raffreddore, si more, comme se fa, io sulo chillu frate tengo!
VIRGINIA
E nun di’ bestialità, Concetti’, n’ata parola tua e ‘o faie morì ‘o veramente!
CONCETTINA
Oh, ecco Beatrice!
BEATRICE
(entra e si avvicina al tavolo a sinistra) Carmela, fai entrare gli accusati. (scena mimica)
CARMELA
Subbeto! (imitanto il tono tetro di Beatrice; entra per primo Erricuccio con coperta e fazzoletto in testa; fa riverenze alle donne; entra Fortunato, con scialle di lana, va per sedersi a destra e sta per cadere; l’avverte Carmela; entra Felice, con un panno fino alla testa, sta er sedersi sopra a Carmela, poi si gira e si inchina davanti alle donne faccendosi il segno di croce)
FORTUNATO
E’ passato dinanzi all’altare maggiore!
(finalmente tutti sistemati, con Felice che si batte il petto in segno di mea culpa, Beatrice parla)
BEATRICE
Eccoci finalmente qua, miei cari signori. Quanto sarei contenta se qui ci fosse tutto il quartiere, ma che dico tutta Napoli, Carme’, a sentire quello che io vi dico e quello che voi risponderete. ‘O currivo mio, il mio dispiacere è che ccà nun ce sta nisciuno. Ma nun fa niente, mi basterà Carmela la serva alla quale io prego di rendere pubblico questo fatto.
FELICE
E chella che ce mette!
BEATRICE
Mentre io parlo non vi azzardate a rispondere, altrimenti piglio ‘o calamaro e v’ ‘o mengo nfaccia!
FELICE
Cominciamo bene!
BEATRICE
Che bello onore che vi siete fatto, ma dove andrete a mettere la faccia, in qual parte del mondo potete andare a vivere dopo quello che avete fatto ierisera. Io non ho coraggio di guardarvi, arrossisco io per voi, tremo io per voi! Niente di meno volevano fare l’amoe con le amichette!
FELICE FORTUNATO ERRICUCCIO
Ma no, no!
BEATRICE
Zitti! Non ci sarebbe pena bastante per questi tre... questi tre... sti tre puorci!
FORTUNATO
Simme ghiute bbuone!
FELICE
Poteva essere peggio!

BEATRICE
Don Fortunato, invece di badare agli interessi miei, agli affari della sorella, di questa donna che le fa riempire ‘a panza ogne ghiuorno, se ne va facenno ‘o nnammuratiello. E forse per lui non sarebbe tanto grave la colpa, pecchè, sebbene ammogliato... si potrebbe dire... è giovane, ha potuto mancare!
FORTUNATO
Eh!
BEATRICE
Don Erricuccio, il grande pretendente, il riccone, che dovrebbe essere riconoscente a questa donna, che gli aveva quasi concessa la mano di Concettina...
ERRICUCCIO
Vulevate fa murì a zio Totonno però!
BEATRICE
Silenzio! ...la mano della sorella minore, di quell’angelo... invece di pensare alla futura sposa, va facenno ‘o spiritoso cu ‘e femmene! Eppure... eppure anche per lui si potrebbe dire... non è ancora ammogliato, la sua colpa non è così grave. (Erricuccio e Fortunato fanno comunella contro Felice) Ma don Felice...
ERRICUCCIO FORTUNATO
Eeeeeh!
BEATRICE
... Don Felice, mio marito, oh, quanto è pesante la sua colpa, quant’è terribile la sua mancanza! Per poterlo punire non basta la galera, non bastano i lavori forzati.
FELICE
Ma io a chi aggio acciso?
BEATRICE
Soltanto la morte sarebbe castigo degno da potergli dare, ma sta morte chi nce ‘a da?
FELICE
E già, chi me la da?
FORTUNATO
Chillo chesto vulesse sape’!
BEATRICE
Se lo faccio sapere ai tribunali se ne fanno una risata; a chi debbo ricorrere, chi mi farà giustizia? Ebbene... (viene avanti con fare comico)
FELICE
Signore e signori canterò per voi...
CARMELA
Signo’, me raccumanno na canzona allegra che ccà simme triste tutte quante!
BEATRICE
Ma come sarebbe, io canto la canzonetta? Ma dove siamo arrivati, silenzio. ? ? ? Dicevo: chi mi farà giustizia? Me la farò io stessa. O vi discolpate e mi dite perché avete accettato quell’invito oppure uscirete dalla mia casa e andrete cercando l’elemosina.
FELICE
(a Fortunato e Erricuccio) ‘O ciunco e ‘o cecato!
(Beatrice torna al tavolo, beve un po’ d’acqua, pulisce il bicchiere con il fazzoletto come fosse un calice)
FORTUNATO 
Ha scoperto ‘o calice.
FELICE
Mo dice ‘a messa. (Beatrice suona il campanello) Orate frates!
FORTUNATO ERRICUCCIO
Oremus.
CARMELA
Aggia fa’ ‘o chierichetto?
BEATRICE
Parlate uno alla volta.
ERRICUCCIO
Feli’!
FELICE
Chi è?
ERRICUCCIO
Feliì!
FELICE
Chi è? Micio, micio...
ERRICUCCIO
Che stai cercanno? Songh’io. Senti na cosa... vulisse parla’ tu?
FELICE
No, no, io no pe’ carità!
ERRICUCCIO
Allora don Fortuna’, parlate voi!
FELICE
E sì, Fortuna’, parla tu che hai più autorità!
FORTUNATO
Beh, come fratello almeno dovrei averla!
FELICE
Mi raccomando, fai un bel discorso che salva a tutti e tre, così risparmi a noi!
FORTUNATO
Non te preoccupa’, mo te faccio avvede’ io che arringa che faccio, già tengo l’idea. Nel prologo io dongo ragione ad essa, capito, faccio vede’ che dongo ragione; quando entro nel corpo del discorso, scoppia la bomba che salva a tutti e tre.
FELICE
Ah. He capito, Erricu’, quando va di corpo...
BEATRICE
Insomma vogliamo cominciare?
FORTUNATO
Un momento. O Beatrice...
FELICE
(canta a solo, poi tutti) ...mia cara Beatrice, tu sei degna di stare in cornice. O Beatrice.
BEATRICE
(scampanellando) No, no, no, signori, vi prego, signori basta, signori!
FELICE
I te missa est.
FORTUNATO
Ma insomma ti pare il momento di cantare il Boccaccio?
FELICE
M’è scappato. E poi è Petrarca.
FORTUNATO
Dicevo: O Beatrice mia, tu sai come ti ho trattata per anne e anne e anne...
FELICE
(cantando solo poi tutti) ...e quant’è bello ‘o paparacianno...
CARMELA
(viene avanti cantando e ballando) ...e quant’è bello ‘o paparacianno e quant’è bello...
BEATRICE
Carmela, cos’è questa storia?
CARMELA
Ma qua tutte quante cantano ‘a canzonetta solo io nun ‘a pozzo canta’?
BEATRICE
Basta, stai zitta. Siediti!
FORTUNATO
Dicevo: tu sola sai come ti ho trattata per anne e anne...
ERRICUCCIO
(da solo) ...e quant’è bello ‘o paparacianno e quant’è...
FELICE
N’ata vota ‘o paparacianno!
BEATRICE
Silenzio dico!
FORTUNATO
Nuie stammo cu chiste chiare ‘e luna e chillo miette ‘o paparacianno mmiezzo. Sai che io non sono stato mai capace di tradire Virginia, e non so come voi tutte abbiate potuto anche solamente immaginare che io mi trovavo alla cena di ieri per fare l’amore!
VIRGINIA
E allora perché?
FORTUNATO
e mo te lo dico.
FELICE
Fortuna’, t’araccumanno!
FORTUNATO
Che cosa?
FELICE
Comme che cosa? ‘A bomba!
FORTUNATO
Non ti preoccupare, mo ce penz’io. Mo te faccio avvede’ che bomba che scoppia! Dunque, già da alcuni giorni avevo notato che il qui presente Felice riceveva delle lettere misteriose tutte infiocchettate e profumate. Alora, ho penzato: come mai ‘sto figliolo riceve lettere da ‘na femmena pur essendo ammogliat? E ccà ‘mbruoglio ce sta sotto; voglio scopri’ chi è ‘sta femmena.
FELICE
Fortuna’, ‘a bomba?
FORTUNATO
Un momento, non ti preoccup’, fammi entrare nel corpo... Quando finalmente ieri Felice mi fece l’invito a cena, colsi l’occasione, accettai per coglierlo in flagrante. Mi pare che come cognato, come fratello della moglie e come uomo probo, non ho fatto che il mio dovere. (va a sedersi)
FELICE
Fortuna’, e ‘a bomba?
FORTUNATO
Nun ha pigliato fuoco, io me so avvilito là mmiezzo, che vuo’ ‘a me?
FELICE
Ma puozze muri’ ‘e subbeto! (azione di Felice ed Erricuccio)
VIRGINIA CONCETTINA
Assassini! Birbanti!
BEATRICE
Silenzio! Parlate voi, don Errico!
FELICE
Erricu’, pensaci tu peffavore, chillo m’ha arruinato!
ERRICUCCIO
Cattivo, hai pensato solo a te stesso! ’A capa, ‘o cuorpo, ‘a bomba lloco. Ci penso io adesso, ci penso. (si avvicina verso Beatrice, racchiudendosi nella coperta)
FELICE
Parla tu, Melchiorre!
BEATRICE
Avanti! (Erricuccio scappa indietro impaurito)
ERRICUCCIO
(piagnucolando) Io non ci volevo venire!
BEATRICE
Basta, siate uomo!
ERRICUCCIO
Dunque, io... ieri... doppo che so’ venuto a parla’ cu vuie, Felice, ha ditto che se non restavo a cena, diceva tutte cose a vuie... io tenevo paura e aggio accettato l’invito. (siede)
FELICE
E allora?
VIRGINIA CONCETTINA
Maledetti... tradittori
ERRICUCCIO
(piange) Me so confuso, Feli’, io tengo tanta paura!
FELICE
Va buo’, aggio capito.
VIRGINIA CONCETTINA
Galioti... adulteri
CARMELA
Puorci.
BEATRICE
Carmela!
CARMELA
Embe’, signo’, quanno ce vo’, ce vo’
BEATRICE
E voi, don Felice, comme potete discolparvi?
FELICE
Mannaggia all’anema de ‘e mamme vuoste, m’ate arruinato! (si alza e comincia a declamare) Commosso... commosso fino al dito pezzillo dalle deposizioni fatte da quel miccio e da questo rango tango, rispondo con tutta la nervatura in oscillificazione e non dico che la verità. (si schiarisce la voce e sputa verso i due)
FORTUNATO
(a Erricuccio) T’ha cogliuto?
ERRICUCCIO
In pieno! Signor Presidente, m’ha sputato in faccia!
FELICE
E chesto che d’ ‘è, chesto è niente, he ‘a vede’ appriesso che succede!
BEATRICE
Silenzio! Coraggio, don Felice, parlate.
FELICE
Fin dall’età di tredici anni...
CARMELA 
E’ alluongo ‘o fatto!
FELICE
Fin dall’età di tredici anni, m’è produta sempe ‘a capa e sempe che ho vista na guagliona bona me songo allummato a me ne so andato ‘e capa. Tutti gli uomini hanno un vizio: chi bevitore di vino, chi giocatore accanito, chi celebre fumatore. Il vizio mio è stato quello ‘e correre appriesso a ‘e femmene!
FORTUNATO
Perché è solo ‘o suio!
FELICE
Il bevitore di vino beve, s’ubbriaca, cade e si sciacca. Il giorno dopo però fa giuramento di non bere più..
FORTUNATO
Ha parlato Benedetto in Croce.
FELICE
Dopo un paio di giorni passa dinanzi a na cantina, sente l’odore di vino, lo risente, vorrebbe fuggire ma non può. Quell’odore di vino, quella fragranza lo attraggono... se lo zucano, e chillo pover’ommo, senza sapere perché, se trova n’ata vota co nu litro in mano. Questo successe a me: per correre appriesso alle donne, trovai te, o mia Beatrice, mi ubbriacai d’amore, ti volli sposare e così cadetti e mi ciaccai
BEATRICE
He ‘a vede’ l’affare che facetti io!
FELICE
Dopo sposato, feci giuramento di non guardare nfaccia a nisciuna donna e devo dire che so stato cuieto pe’ parecchio tempo, non è che subito... Ma che volete, un giorno ricevetti una lettera: una femmena che me scriveva parole d’amore. Quel suo modo di scrivere, quel profumo che ce steva in ogni lettera, quella passione, quel mistero di quella donna... ‘o vi’ ...mi zucarono, finchè, è vero, mi trovai ad accettare quella finta visita di ierisera, ma quale fu la mia meraviglia? Che Fortunato ed Erricuccio mi ricattarono di riferire tutto a te, Beatrice mia, se non li avessi invitati a far balordia cu chelle tre femmene, che poi, pe’ scalogna, eravate voi tre. Ciò che loro hanno asserito sono bricconate, quello che ho detto io è la pura verità, ve lo giuro sul mio onore. E se questo non bastasse, o mia Beatrice, verba ligant homines cornua funes! Come disse Nino Bixio: “Pure stasera m’aggio levato ‘o sfizio
FORTUNATO ERRICUCCIO
Non è vero, nessuno è vero!
BEATRICE
Silenzio! A chi credere adesso?
FELICE
A me, a me.
FORTUNATO ERRICUCCIO
A noi, a noi!
BEATRICE
Basta, silenzio! Deciderò io.
FELICE
Di che morte avimmo ‘a muri’?
BEATRICE
Virginia, Concettina, le due orfanelle!
FELICE
Fortunato, Erricuccio, i miserabili!
BEATRICE
(a Virginia e Concettina) Voi starete sempre con me, non vi mancherà niente. Andate in quella stanza e concentratevi. Piccerelle, piccerelle, piccere’, piccere’...
FELICE FORTUNATO ERRICUCCIO
(le fanno il verso)
FORTUNATO
Che sta chiammanno ‘e galline?
BEATRICE
(tornando a posto, con il fazzoletto caccia una mosca) Sciò, sciò!
FELICE
Essa ‘e chiamma, essa ‘e scioscia, fa tutte cose essa.
BEATRICE
(a Carmela che si è addormentata) Famme sveglia’ a chesta. (suona il campanello nelle orecchie)
CARMELA
Oddio, che è successo, tocca a me, aggia canta’? (canta)
BEATRICE
Carmela, prepara tre letti sopra ‘o suppigno. (azione dei tre) Serviranno per voi. Vi do due giorni di tempo onde trovarvi delle occupazioni.
ERRICUCCIO
Ma io voglio turna’ a casa mia!
BEATRICE
Silenzio! Qui si fa quello che dico io! Voi, don Fortunato, non avrete più sorella, voi, don Felice, non avrete più moglie e voi don Erricuccio... (singhiozzo) non avrete più zia, zi...zi...zi... (esce piangendo)
FELICE FORTUNATO ERRICUCCIO
(cantano in coro)
FORTUNATO
Che rovina, che rovina.
FELICE
Ah, ben fatto, io me recreo.
ERRICUCCIO
Ma io me vulevo spusa’ a Cuncettina.
FELICE
Ma che te ‘mporta, mo simme libbere!
FORTUNATO
E mo che ce mangiammo?
FELICE
(cambiando improvvisamente di umore) Uh mannaggia, nun c’avivo penzato!
FORTUNATO
Però, se essa si crede di avvilirmi, no, io non mi avvilisco, mo vado da ‘o notaio...me metto d’accordo cu isso, chiammo n’avvocato e le faccio ‘a causa comme dico io. (si alza faticosamente) Se io mi trovo in questa posizione...
FELICE
E’ pecchè te fanno male ‘e rine.
FORTUNATO
E’ stata la disgrazia, la mia porzione non l’ho frusciata, l’ho perduta in piazza pecchè fallette co ‘o negozio. Essa come sorella deve alimentare il fratello: mo te faccio vede’ che piattino le combino!
FELICE
No, aspetta Fortuna’. Tu hai sempre detto che Beatrice tiene il fondo buono; cerchiamo di prenderla co nu poco ‘e sentimento. Vieni con me. (escono parlando)
ERRICUCCIO
(che continua a piangere) Io me vuleva spusa’ a Cuncettina.
CARMELA
Eh, ma vuie iate facenno ‘o spiritoso cu ‘e femmene!
ERRICUCCIO
E allora io pe’ dispetto, me sposo a Mariuccia!
CARMELA
‘On Erricu’, da quello che ho capito io, chella Mariuccia, Concettina... sempe ‘a stessa è!
ERRICUCCIO
(piange più forte; entra Virginia)
VIRGINIA
Carme’, io nun voglio che maritemo va via ‘e casa e nun ‘o veco cchiù. Io ‘o voglio bene. Fa quaccheccosa tu, Carme’!
CARMELA
Signo’, ma io che pozzo fa?
VIRGINIA
Nun ‘o saccio, Carme’, fa quaccheccosa.
CONCETTINA
(entrando e rivolgendosi anc’essa a Carmela) Carme’, io a Erricuccio ‘o voglio bene, chillo se se ne va non torna cchiù!

CARMELA
E tu che vuo’ ‘a me?
CONCETTINA
Carme’, fa quaccheccosa, piensace tu! (da sinistra entrano Felice e Fortunato con fagotto in spalla, boraccia in collo, gabbia degli uccellini, etc; da destra entra Beatrice)
CARMELA
rrivano ‘e sapunare! 
FORTUNATO
Beatrice, noi ce ne andiamo.
FELICE
Bada a quello che fai.
FORTUNATO
Ricordati che io sono il tuo fratello.
FELICE
E io tuo marito.
FORTUNATO
Dove andremo?
FELICE
Che faremo?
FORTUNATO
Che mangieremo?
FELICE
Moriremo (tutti piangono)
CARMELA
(con fazzoletto in mano, si da una gran soffiata, poi) Signo’, sentite a me... quelle lettere che avete trovato, l’aggio scritte io pe’ fa mettere paura a don Felice, che ce piacevano nu poco troppo ‘e femmene. Don Felice non ha mai risposto a quelle lettere. So’ stata io a combinà tutte cose.
BEATRICE
Carme’ ma che dici?
CARMELA
Signo’, io songo affezonata a sta casa, a sta famiglia a me faceva rabbia pensare che gli uomini potessero tradire le loro donne. Aggio scritte chelle lettere pe’ fa mettere paura adon Fortunato, don Felice e a tutti chille che pienzano all’ate femmene invece che alla propria.
BEATRICE
Signori, è vero quello che dice Nicola?
FELICE
SÌ, SÌ, SE LO DICE LEI! (TUTTI E TRE AFFERMANO) 
FORTUNATO
Non lo faremo più.
FELICE
Mai più!
ERRICUCCIO
Mai più, mai più!
BEATRICE
Lo giurate voi?
FELICE FORTUNATO ERRICUCCIO
Sì, giuriamo!
BEATRICE
Ebbene... per quest’ultimavolta perdoniamo! (Felice e Fortunato lasciano cadere le gabbie sui piedi di Erricuccio)
ERRICUCCIO
Ahio! (tutti si avvicinano per abbracciarsi)
FORTUNATO
(vicino alla sorella) Solo io saccio chesta che tene ccà dinto!
FELICE
Carme’, grazie, ti sei ripagata pe’ tutti gli impicci che m’hai cumbinato prima!
CARMELA
L’ho fatto pecchè io ve voglio bene a tutti quanti.
BEATRICE
Don Erricuccio, dopo un anno di fidanzamento, sposerete Concettina! (a parte) Comunque, cercate di sollecitare vostro zio, è vero? (continuano a far pace tutti, poi Felice e Fortunato)



FORTUNATO
Feli’, te raccumanno mo, nun faccimmo cchiù chiacchiere, cercammo ‘e nun fa ridere cchiù ‘a gente!
FELICE
Fortuna’, siente. Ricordate chesto che te dico: il giorno che nun facimmo ridere cchiù ‘a gente... chiagnimme nuje!

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 10 volte nell' ultimo mese
  • 31 volte nell' arco di un'anno