Tuledo ‘e notte

Stampa questo copione

TULEDO ‘E NOTTE

di Raffaele Viviani

Personaggi:

SCARRAFONE, vecchio giornalaio

CIENTEPELLE, venditore di carne cotta

FURMELLA, sfaccendato

TUMMASINO, ‘o milionario

LEOPOLDO COLETTA, caffettiere girovago

‘O PIZZAIUOLO

FRITZ

GASTONE

RUSELLA, ‘a grammignara

PASCALINO, ‘o furnariello

‘O SAPUNARIELLO

IL BRIGADIERE BRIGHELLA

LA GUARDIA GUARDASCIONE

MARGHERITA

INES

FILIBERTO ESPOSITO

MIMÌ, cameriere di caffè

NICOLA, guardiano notturno

GNAZIO, vetturino da nolo

MARIO

FLORA

GEORGETTE

PIERRETTE

EDGARDO

FERNANDA

MARIA, ‘a zollosa

FILUMENA, ‘a chiatta

TITINA

CRISTINA, ‘a minorenne

DON AITANO, ‘o jetteco

AFFUNZINO, ‘o cacaglio

PEPPINO, sfaticato

PAPELE, mariuolo

L’UOMO DEL PIANINO

ATTO UNICO

SCENA I

Via Toledo, angolo vico Berio, nei pressi di Piazza San Ferdinando. Notte alta, d’inverno. Scarrafonel, vecchio giornalaio, se ne sta infreddolito in un angolo a destra. A sinistra giocano a terra due uomini: l’uno è Cientepelle2, venditore di carne cotta che ha la piccola bancarella poco discosta da lui, e Furmella3, giovane sfaccendato.

UNA VOCE - (quella di Leopoldo Coletta, caffettiere girovago) “’O caffettiere! Cafè, sigari, sigarette, rum4 e ànnese5. Ccà sta Leopoldo Coletta, chi ‘o cumanna? ‘O cafettiere!”.

SCARRAFONE - (dà la sua “voce”) “’O ggiurnale ‘e ll’Italia! ‘A Tribuna ‘e Roma! L1’ultima edizione! ‘O Curriere ‘e Napule”!

UN’ALTRA VOCE - (lontana, nostalgica, quella di un “maruzzaro”6) “Cozzeche ‘e Taranto! So’ belle maruzze’”… (Entra Tummasino ‘o milionario. È un giovane magnaccio, tipo tra il prepotente e il cavalleresco. Lo chiamano “’o milionario” per la sua fastosità puramente verbale. È, in realtà, un poveraccio. Veste una giacchetta corta, col bavero alzato per il freddo. Ha le mani in saccoccia. Viene da “San Ferdinando”7 e, dopo aver guardato all’angolo del vicolo, ha un moto di dispetto. Chiede a Scarrafone notizie di qualcuno)

SCARRAFONE - Chi? Inès! Nun ‘a conosco!

TUMMASINO - (gli risponde con un breve cenno di saluto; guarda di nuovo all’angolo del vicolo e mormora) …Se sarrà fatta monaca! (E si avvicina ai giocatori. Entra Leopoldo col suo scaldino da un lato dove c’è la “cocoma” di rame con il caffè e col grosso cesto quadrato dall’altro)

LEOPOLDO - (ripete la “voce”) “’O caffettiere! Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese! Ccà sta Leopoldo Coletta, chi ‘o cumanna? ‘O cafettiere!” (Si ferma, sul davanti, a destra)

TUMMASINO - (ai giocatori, con tono di superiorità) Che ve state jucanno?

CIENTEPELLE - (alza gli occhi fino a lui, lo squadra, e gli risponde con mala grazia) Sei solde.

FURMELLA - (sorridendo, con deferenza) Trenta cienteseme.

TUMMASINO - (con tono che non ammette replica) Favoriteme chillu nichello8.

CIENTEPELLE - E pecché?

TUMMASINO - È camorra!

CIENTEPELLE - (seccato) E pigliataville tutt’ ‘e sseie.

TUMMASINO - Me ne attoccano9 quattro. (E si china a raccogliere la monetina da quattro soldi, che intasca)

FURMELLA - (tra i denti) Jh10, che perzona gentile!

CIENTEPELLE - (masticando amaro, dopo aver mischiato il mazzo di carte, a Furmella) Aiza!

FURMELLA - (“taglia” il mazzo, con un sospiro. E i due ricominciano a giocare)

TUMMASINO - (si avvicina a Leopoldo) Buonanotte, Liopo’.

LEOPOLDO - Oh! Don Tommasino stimatissimo! Beato chi vi vede.

TUMMASINO - Damme na sigaretta.

LEOPOLDO - (gliela porge) Addo’ site stato ca nun v’aggio visto cchiu?

TUMMASINO - A piglia’ nu poco d’aria ‘o carcere ‘e San Francisco11.

LEOPOLDO - A San Francisco? E pecché?

TUMMASINO - Pe’ niente! Truffa con raggiro, ferimento, e porto d’arma abusivo.

LEOPOLDO - (con seriosa ironia) Embè, e pe’ na sciucchezza simile, arrestano a nu galantomo?!

TUMMASINO - E che ce vuo’ fa’? Quanno ‘a legge te piglia a bersaglia’ a n’individuo, nun c’è da discutere! (S’accende la sigaretta)

LEOPOLDO - Ve pozzo mettere ‘o ccafè?

TUMMASINO - No, e che mmale t’aggio fatto? Ccà nu poco ‘e salute m’è rimasta, e tu m’ ‘a vuo’ arruvina’?

LEOPOLDO - Vuie v’avit’a piglia’ ‘o ccafè? E v’ ‘o pputite piglia’. Ll’aggio fatto mo frisco cu ccierta posa12 vulluta d’ ‘a settimana passata.

TUMMASINO - Ah, neh13?

LEOPOLDO - A pparola mia, pe’ quanto vi stimo.

TUMMASINO - E facimmo stu sacrifizio! (Leopoldo prepara il caffè)

SCARRAFONE - (dà la “voce”) “’O ggiurnale ‘ell’Italia! Ll’ultime nnotizie! Mo è arrivato!”

CIENTEPELLE - (stirandosi le membra intorpidite, mentre Furmella mischia le carte) Comme stammo a ppunte?

FURMELLA - Tu diece, e io uno!

CIENTEPELLE - (fregandosi le mani, con soddisfazione) Misca! Misca!

FURMELLA - (con rabbia) Aiza! (Cientepelle “taglia” il mazzo. Il gioco ripiglia. Musica II)

LA.VOCE DE ‘O PIZZAIUOLO - “’A tengo cavera e chin’alice! ‘O pezza’14!” (Dall’interno dà la voce. Entra ‘O pizzaiuolo, suonando un fischietto bislungo. Ha sul capo una grossa stufa. Spezza la musica)

LEOPOLDO - (a ‘O pizzaiuolo) Gué, tu ancora t’hê ‘a ritira’15?

‘O PIZZAIUOLO - …E si nun vengo st’atu paro16 ‘e pizze, comme me retiro? Che mm’ ‘e pporto a casa? Mm’ ‘e cocco17 cu mmico18? (Guarda in giro e dà la “voce”) “’A lava ‘e ll’uoglio!”19 (Riprende a suonare il fischietto. Musica III. Leopoldo ammicca al venditore, ridendo)

‘O PIZZAIUOLO - (dà la “voce”) “Ca io mme cocio…”20

TUMMASINO - (mordace) Arrassusia21! (Musica IV)

‘O PIZZAIUOLO - Songo asciuto a primma sera:

sto ‘a cinch’ore ‘mmiez’ ‘a via!

Chistu ruoto è na surbettera22! (Allude alla stufa. Dà la “voce”)

“’E bullente!”

LEOPOLDO - (ironico) Eh! Cu stu friddo!

‘O PIZZAIUOLO - (ride, suo malgrado) Nun so’ pizze, so’ taccuscelle23.

Si n’ ‘e vvengo, nun faccio sfriddo24.

me ne faccio taglia’ chiantelle25. (Insiste nel dare la “voce”)

“’E briosce!”

SCARRAFONE - (scoppiando in una grossa risata) Adderittura!

‘O PIZZAIUOLO - (a sua giustifica) Songo sempe pizze ‘e guerra:

fatte’ e vrenna26 e segatura:

p’ ‘e ttaglia’, ce vò na serra27! (E ancora la “voce”)

“Neh, ca io passo? Ca io mme ne vaco?”

TUMMASINO - (infastidito, e con voce sgradevole) E vattenne! Staie sempe ccà?!

‘O PIZZAIUOLO - (con amarezza) Quant’è bello chi già ha magnato.

ca nun crede a chi ha dda magna’! (Spezza la musica. Leopoldo guarda ‘O pizzaiuolo con solidarietà. Musica V. ‘O pizzaiuolo dà la “voce”)

“’A tengo cavera e chin’alice! ‘O pezza’!” (Il venditore va in giro, suonando il fischietto)

LEOPOLDO - (porge il caffè a Tummasino) È servito.

CIENTEPELLE - (a Furmella) …Hê fatto quatto punte! (Mischia le carte)

FURMELLA - …E uno ne vulevo, cinche! Cinche a ddiece! Lassa fa’ ‘a Madonna! (E si frega le mani, soddisfatto)

CIENTEPELLE - (indispettito) Aiza! (Il gioco continua)

TUMMASINO - (sorseggia il caffè, 1o sputa e si rivolge a Leopoldo con mala grazia) Embè, t’ ‘o mmenarrie ‘n faccia! Tenevo na vocca accussì bella, m’hê ‘ntussecato!

LEOPOLDO - È troppo carreco28?

TUMMASINO - Vatte’29, chisto è chello che avvelenaie a Cristo!

‘O PIZZAIUOLO - (smette di suonare perché il fischietto gli fa cilecca. Spezza la musica. A Scarrafone, ridendo) ‘O vì? S’è accatarrato pure ‘o sisco30!

SCARRAFONE - …Io tengo nu “Giurnale d’ltalia” cu nu dulore ‘e mola ‘a stammatina…

‘O PIZZAIUOLO - (gli fa un gesto, come dire: Che esagerazione! E dà la “voce”) “Neh, ca io me cocio…”

TUMMASINO - E gghiett’ ‘e ‘n terra… (Allude alle pizze. ‘O pizzaiuolo lo guarda) Leopo’, tu stu ccafè nun me l’hê ‘a da’! (E restituisce la tazza)

‘O PIZZAIUOLO - (guarda Scarrafone che ride e ripiglia) “Neh, ca io passo…”

TUMMASINO - E passa.

‘O PIZZAIUOLO - “…Neh, ca io me ne vaco…”

TUMMASINO - E vattenne!

‘O PIZZAIUOLO - (gli spezza la parola, apostrofandolo con un nervosismo che 1o fa tartagliare) Gio… gio… giovano’, vuie ce avit’ ‘a fa’ fa’! Embè? Ccà ce passano cierti curniciune31 ‘e pizza pe’ ccapo, e vuie sfruculiate32!

TUMMASINO - Ma chella, ‘a ggente, ‘e ppizze nun ‘e vvò!

‘O PIZZAIUOLO - Nun ‘e vvonno mo? E quann’è ddimane s’ ‘e mmangeno! Doppo dimane… ‘a n’atu mese… ‘a n’at’anno… quanno facimmo n’ata guerra…

SCARRAFONE - (ironico) ‘A n’atu paro ‘e secule…

‘O PIZZAIUOLO - Chelle ‘e ppizze ccà stanno! (E mostra la stufa) Chi nn’ ‘e ccaccia ‘a ccà? (Pausa) Allora, vuie, ‘a capa mia nun ‘a sapite? Eh! Io ddoie pizze ‘e tenette tre mmise, facette ‘a trasfurmazione: ‘a ch’erano ‘nzogna33 e furmaggio addeventaiene cu ‘e cicenielle34! Ma ‘e vvennette! ‘E vvennette!

TUMMASINO - …‘E vvenniste.

‘O PIZZAIUOLO - E chi s’ ‘e mmangiaie, mme ringraziaie pure. Se jette a presenta’ pe’ surdato, ‘o rifurmaieno sott’ ‘o colpo!

SCARRAFONE - (ridendo) Teneva nu tumore ‘o stommaco!

LEOPOLDO - (a ‘O pizzaiuolo) Che ce vuo’ fa’? Ogge pure ‘a pizza ha fatto ‘o tiempo suio…

‘O PIZZAIUOLO - (come offeso) Uh, Liopo’, rno tra vecchi commercianti ce avimm’appicceca’35?

TUMMASINO - (commiserandolo) “Commercianti”?!

‘O PIZZAIUOLO - (a Leopoldo) ‘A pizza, se tu non lo sai, è stata distrutta dagli avvenimenti dell’Europa! Si no, a quest’ora, si era imposta in tutto il mondo!

LEOPOLDO - E che c’entra?

‘O PIZZAIUOLO - Uh? Liopo’! (Come dire: Non capisci?) La guerra che ti ha fatto? Ti ha sconvolta la società. Chille ‘e coppa so’ gghiute sotto, e chille ‘e sotto so’ gghiute ‘ncoppa; ed in tutto questo rimpasto sociale, gli amatori della pizza addo’ stanno? Scomparsi. (Pausa) Il tracollo del cambio poi che ha fatto? Ti ha dato il tracollo anche alla pizza! Il cambio è salito, e la pizza è scesa!

LEOPOLDO - Mo, nun capisco.

‘O PIZZAIUOLO - ‘A pizza ched è? È rrobba ‘e mangia’? Se fa cu ‘a farina? E ‘a farina ‘a do’ vene? ‘All’estero!

TUMMASINO - E già, si paga in oro…

‘O PIZZAIUOLO - E la discesa della pizza è avvenuta anche perché è salita di prezzo. Apprimma, cu dduie solde, avive na bella pizza cu furmaggio, ‘nzogna, pummarola36, muzzarella. Sentive ‘o profumo! Ah, te cunzulave! Mo pave na lira e mmeza, na gnastella37 tanta (e la descrive piccolissima) e si ce miette ‘o naso vicino, cade ‘n terra fulminato! (I presenti ridono) E perché? Perché, dopo tutto, la materia prima non è più buona come quella di una volta! (A Leopoldo) Ma tu ‘o ssaie che quando c’è stata la conferenza interalleata a Genova la cosa più discussa è stata la pizza? Del resto, la mia signora, cu tutto ca comm’a mme sta con le mani in pasta, in questa crisi, tene ancora nu debbole p’ ‘o cazone38, ‘mbuttunato39… Na vota io jevo a casa: “Muglie’, che te vuo’ cena’?” “Eh, famme nu cazone, cu nu poco ‘e rrobba ‘a dinto: ricotta, supressata40, ove, muzzarella…” E mo ca ‘e tiempe so’ cagnate, chella tene sempe ‘a stessa capa. “Muglie’, che te vuo’ cena’?” “Eh, famme nu cazone, cu nu poco ‘e rrobba ‘a dinto: ricotta, supressata, ove, muzzarella…” “Aspe’! Tu ‘o cazone ‘o puo’ ave’ ancora, ma ‘a rrobba ‘a dinto… hê ‘aspetta’ c’avascia!”. (Tutti ridono)

TUMMASINO - (incredulo) Eh!

‘O PIZZAIUOLO - Gesù! Si è detto che le robbe di mangiare devono costare poco e devono tornare buone come prima!

TUMMASINO - E con questo?

‘O PIZZAIUOLO - E pecché, ‘a pizza nun è rrobba ‘e magna’?

LEOPOLDO - Eh, have ragione!

‘O PIZZAIUOLO - Tu me puo’ dicere ca ‘o ccafè tuio è ‘o ccafè ‘e primma d’ ‘a guerra?

LEOPOLDO - No, chesto è sempe chello!

‘O PIZZAIUOLO - Proprio chello?

LEOPOLDO - (afferma) Eh!

‘O PIZZAIUOLO - E ‘o ttiene ancora ccà?

LEOPOLDO - Che c’entra: chello comme qualità! (Tutti ridono)

‘O PIZZAIUOLO - Beh, stateve buone. (Dà la “voce”. Musica VI) “’A tengo cavera e chin’alice41! ‘O pezza’! ‘O pezza’!” (Esce suonando il fischietto. Spezza la musica)

CIENTEPELLE - (con un moto d’ira, fa l’atto di lacerare le carte) Jh, comme se so’ avutate42 sti ccarogne43!

FURMELLA - (allegrissimo) Aggio susuta44 ‘a partita! Tre punte e uno ‘o patto45, e ddoie scope46 cinche: pari dieci!

CIENTEPELLE - (nervosissimo, frenandosi a stento) Aiza47! (Il gioco continua)

TUMMASINO - (a Leopoldo) Che t’aggi’a da’?

LEOPOLDO - Duie solde ‘a sigaretta e uno ‘o ccafè, tre solde.

TUMMASINO - (con la sua aria di superiorità) T’ ‘e ppiglie dimane. (Leopoldo rimane male) Nun me fa’ scagna’48 nu nichello49!

LEOPOLDO - (tra i denti) Comme si avesse ditto: nu marengo50!

TUMMASINO - (guarda ancora in giro, è agitato; torna da Leopoldo) …Avisse visto a na femmena cu ‘e capille ‘n capo51?

LEOPOLDO - (beffardo) No; è passata una cu ‘a barba.

TUMMASINO - …Chella cu tanta capille: Inès…

LEOPOLDO - Io saccio a Inesse?!

TUMMASINO - (masticando amaro) E va be’! Mo mm’ ‘a vaco a pisca’52 io!

LEOPOLDO - Bbona pesca! (Tummasino esce in fretta)

FURMELLA - (euforico) Scopa! (Gioca) Scopa! Ah! Ah! Scopa!! (A Cientepelle, ironico) …E quanno ‘e mmische?

CIENTEPELLE - (con violenza, getta le carte in aria) Jh! (A Furmella, con disprezzo) Aiza! (Si leva in piedi)

FURMELLA - E ched è? Nun ghiuoche cchiu?

CIENTEPELLE - (dandogli uno spintone) Aiza! Nun me te fa’ tira’ nu cullarino53 ‘n faccia! (Furmella raduna le carte, in silenzio, Cientepelle fa per allontanarsi)

FURMELLA - (lo richiama) Gué!

CIENTEPELLE - Nun voglio juca’54 cchiu!

LEOPOLDO - (sarcastico) È finito Montecarlo!

CIENTEPELLE - (con ira) Jh, che stommaco! Jh, comme s’ha dda perdere ‘nfame!! (A Scarrafone) Ma comme chillo, diece a uno, mme vence ‘a partita?

SCARRAFONE - Cientepe’, ma quanto hê55 perzo?

CIENTEPELLE - (mordendosi le labbra) È gghiurnata! È gghiurnata! Accussì ha dda i’56!

LEOPOLDO - Ma hê perduto assaie?

CIENTEPELLE - Nun m’ ‘o voglio leva’ stu vizio! Nun m’ ‘o voglio leva’…

SCARRAFONE - Ma se pò ssape’ quant’hê perzo?

CIENTEPELLE - Io songo nu carogna! Io songo nu carugnone! Mme vaco a gghiuca’ tre solde!

SCARRAFONE - Jh! (Con tono d’ironica superiorità) Ccà ce simmo jucate ‘e mmeze lire sane!

LEOPOLDO - No, chiste jocano forte! (E ride)

CIENTEPELLE - (prende la sua “bancarella” e s’avvia verso “San Ferdinando” dando la “voce”) “Piede ‘e pecora! Piede ‘e puorco! ‘O callo ‘e trippa57! ‘O musso! Va’, ca t’addora ‘mmocca! Piede ‘e pecora! Piede ‘e puorco!” (Esce)

FURMELLA - (ha finito di contare le carte da gioco) Trentotto e trentanove… Ce manca na carta! (La cerca in giro, Entrano Gastone e Fritz, due signori elegantissimi, incappottati, con cappello duro e bastone. Discutono animatamente)

FRITZ - …Sul Circolo non ci vado più! Ma come, al “baccarat”, ‘o bbarone me fa undici battute di nove?

SCARRAFONE - (dà la “voce”) “’O Matino! ‘O Mezzogiorno! ‘O Giorno! ‘A Sera!” (I due non gli danno retta) “Tutta ‘a jurnata!” (E passeggia seccato, battendo i piedi in terra per il freddo)

GASTONE - (a Fritz) Senti, però tu hai fatto male ad ingolfarti…

FRITZ - E perché?

GASTONE - Non dovevi andare a banco!

FRITZ - Uh, Giesù! Io perdevo già tremila lire. Ho tentato di rifarmi…

SCARRAFONE - (ripiglia a dare la “voce”) “‘A Tribuna ‘e Roma! ‘O ggiurnale ‘e ll’Italia!”

GASTONE - (si avvicina al caffettiere) Leopo’, damme nu pacchetto ‘e sigarrette. Ma che non siano come quelle di ieri sera che erano dieci sproccole56. (A Fritz) Di’, ne vuoi?

FRITZ - Le hai prese tu? Fa lo stesso.

GASTONE - (tra i denti) Ha miso ‘o cassiere!

FURMELLA - (a Scarrafone, mostrandogli Fritz) ‘O cullega s’è asciuttato!

LEOPOLDO - (dà le sigarette a Gastone, gli chiede) E cafè ne vulite?

GASTONE - (con accentuato disgusto) Leh! Io ti schifo! Chesta è cicoria59!

LEOPOLDO - (con sottile ironia) No, io na vota ‘o ffacevo cu ‘a cecoria. Mo ‘o ffaccio cu ‘e ccastagne spezzate. Pruvaie pure a farlo cu ‘e faggioli: venette nu poco janculillo60, ce avett’a mettere nu poco ‘e niro fummo ‘a dinto61 p’ ‘o fa’ scuri’…

GASTONE - (dandogli del danaro) Sì, fai lo spiritoso, tu! Eccoti due lire, dammi il resto.

LEOPOLDO - E vuie dicite ca è cecoria! (Si fruga in saccoccia per cercare degli spiccioli; poi si rivolge a Scarrafone) Gué, tiene ‘a cagna’62 sta doie lire?

SCARRAFONE - Chi t’ ‘a passa?

LEOPOLDO - (a Furmella) Tiene ‘a cagna’ tu?

FURMELLA - Due lire? Mai possedute. (E conta le carte da gioco)

SCARRAFONE - (a Leopoldo) Vide ‘a grammignara63, ‘o puntone64!

LEOPOLDO - (va all’angolo del vico Berio, e chiama ad alta voce) ‘Rammigna’! Ruse’!

FURMELLA - …E trentotto e trentanove… E sempe trentanove so’, e nun ne parlammo cchiu! (A Fritz, con tono confidenziale) Eh, che ci volete fare? Questa è la fortuna di noialtri giocatori…

FRITZ - (offeso, a Gastone) Chi ‘o cunosce a stu mascalzone?!

FURMELLA - Pe’ vencere tre ssorde, aggio perduta na carta, s’è sparato65 ‘o mazzo! (E borbottando, esce)

FRITZ - …Tre solde! Io ho perduto ottomila lire! (Pausa) Beh, ottomila lire in più, ottomila lire in meno… Gasto’, prestami due soldi per il giornale.

GASTONE - Anche quattro. (Glieli dà)

FRITZ - (a Scarrafone) “Italia”. (Compra il giornale. Entra Rusella ‘a grammignara: giovanissima popolana, dal volto franco e leale. Porta due fasci di gramigna sotto il braccio)

RUSELLA - (a Leopoldo) Chi mme vò?

LEOPOLDO - Nisciuno. T’aggio chiammata pe’ mme fa’cagna’ sta doie lire.

RUSELLA - (spazientita) Puzzate ave’ chello che ve manca! (E comincia a contare i suoi spiccioli)

FRIlTZ Gué, Gasto’, guarda quant’è bellella66 ‘a grammignara!

GASTONE - Veramente graziosa. (Si avvicina alla ragazza e le carezza il mento)

RUSELLA - (indignata) Neh, gué! E comme ve pigliate tanta libertà? Vulisseve67 ‘e solde ‘n faccia?

LEOPOLDO - (piano a Scarrafone, ridendo) Mo abbusca ‘aristocrazia.

GASTONE - Eh! Piano, piano, bambina mia. L’ho fatto per scherzo.

RUSELLA - ‘O scherzo?! ‘O facite cu ‘a surella! Jh, che se passa! (A Leopoldo) Pecché staie ‘e notte ‘mmiez’ ‘a via, nne fanno ‘e tutta ll’erba unu fascio!…

GASTONE - Ma…

RUSELLA - (conta il danaro, con voce nervosa) Quatto! Otto, dudice, sidece e quatto vinte. È servito! (Porge il danaro a Leopoldo e si allontana per il vicolo, con passo deciso e facendo risuonare gli zoccoletti)

LEOPOLDO - (si avvicina a Gastone, cercando a stento di trattenere il riso) Teccheve68 ‘o riesto! (Glielo dà)

FRITZ - Gasto’, hai fatto sta gaffe!

GASTONE - (con serietà) ‘O ssaie che aggio capito na cosa? Se mi debbo ammogliare, m’aggi’a piglia’ na grammignara!

FRITZ - Eh! (Come dire: che dici!)

GASTONE - Ma tu hai visto che sentimenti di onestà… (Escono. Leopoldo continua a ridere, in accordo con Scarrafone)

SCENA II

Via Toledo, angolo Ponte di Tappia. Qualche minuto dopo. Un giovane popolano, senza cappotto e con una sciarpa di lana al collo, è in attesa sul marciapiedi. È Pascalino, ‘o jurnariello69.

LA VOCE DI LEOPOLDO - “‘O cafettiere! Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese! Ccà sta Leopoldo Coletta, chi ‘o cumanna? ‘O cafettiere!” (Entra, e si ferma sul marciapiedi)

PASCALINO - Bonanotte, Liopo’!

LEOPOLDO - (cordialmente) Buonanotte, Pascali’!

PASCALINO - Hê visto a Rusella?

LEOPOLDO - Nu minuto fa, all’angolo d’ ‘o Vico Berio. Eh! Avivev’a sta’ llà!

PASCALINO - Pecché?

LEOPOLDO - Nu signore s’è permesso d’accarezza’ ‘a ‘nnammurata vosta, e ha avuto nu “liscio e busso”70!

PASCALINO - Ah! Benfatto!

LEOPOLDO - L’aspettate ccà?

PASCALINO - Sì. (Pausa) Leopo’, fa friddo, sa’ che vvuo’ fa’? Damme na tazzulella d’acqua sporca…

LEOPOLDO - Acqua sporca? (E prepara il caffè. Musica VII. Triste, lontana, dal dedalo dei vicoli del Ponte di Tappia giunge la voce de ‘O sapunariello71)

LA VOCE DE ‘O SAPUNARIELLO - Eramo ‘a ciente e sidece pezziente;

e ndin ndin mbò… (Entra Scarrafone con il suo fascio di giornali sotto il braccio)

SCARRAFONE - (salutando Leopoldo con un gesto della mano) Neh, bona nuttata! (Dà la “voce”) “Ll’Italia! ‘A Tribuna! ‘O Roma!”

LA VOCE DE ‘O SAPUNARIELLO - …facettemo nu tuocco pe’ vede’

e ndin ndin mbà…

LEOPOLDO - (al giornalaio che si allontana) Gué, Scarrafo’!

SCARRAFONE - Gno’?!

LEOPOLDO - Vattenne pe’ sott’ ‘o muro, si no quaccuno te scamazza! (Scarrafone esce)

LA VOCE DE ‘O SAPUNARIELLO - …‘a miezo a nuie chi asceva presidente;

e ndin ndin mbò…

LEOPOLDO - (dando il caffè a Pascalino) Vedite si è buono ‘e zucchero. (Pascalino sorseggia)

LA VOCE DE ‘O SAPUNARIELLO - …e, manco a dirlo, ‘o tuocco ascette72 a mme!

…e ndin ndin mbà! (Entra ‘O sapunariello: piccolo cenciaiuolo, esangue, scalzo, con un soprabito a sbrendoli che a stento gli ricopre le nudità intirizzite; ha un grosso cesto infilato al braccio destro e, con la sinistra, regge una lanterna. Spezza la musica)

‘O SAPUNARIELLO - (nel vedere i presenti, prende scherzosamente una posa statuaria) Il trovatore!

PASCALINO - (canzonandolo) Gué, addio!

‘O SAPUNARIELLO - (lo guarda, rischiarandolo con la lanterna) “Addio!”. Parla cu ‘o frato. (A Leopoldo) Hê capito, Liopo’? È sempe na bella suddisfazione…

LEOPOLDO - ‘E che?

‘O SAPUNARIELLO - ‘Mmiez’a ciento e sidice pezziente, a butta’ ‘o tuocco, e asci’ io il presidente!

LEOPOLDO - (sarcastico) Il presidente dei ministri!

PASCALINO - Sa’ che ‘mmiria73 tiene ‘ncuollo?!

‘O SAPUNARIELLO - (beffardo) M’aggi’a mettere nu cuorno contr’ ‘e maluocchie74! (Sospira) Nun c’è che fa’! Quanno chella zellosa75 d’ ‘a fortuna ha ditto ca no, è fernuta! (Musca VIII)

Jh che tramuntanella sereticcia76

ca se n’è scesa dint’ ‘a nu mumento!

Si mo tenesse ‘o ppoco d’ ‘a pelliccia,

stesse a cavallo, accidarrie stu viento!

Ma stracquo e strutto77, annudo e muorto ‘e famma,

stu viento comm’ ‘accido, pe’ sape’?

Sarrà tutt’ ‘o cuntrario, cor’ ‘e mamma:

chisà qua’ juorno ‘o viento accide a mme! (Spezza la musica)

LEOPOLDO - E viene ccà, assettete78!

PASCALINO - Scàrfete79 nu poco!

‘O SAPUNARIELLO - (siede sul cesto, presso lo scaldino di Leopoldo; si stropiccia le mani; ha una smorfia di disappunto) Vatte’, chisto è cchiu ffriddo ‘e me! (Musica IX)

E intanto ‘o delegato e tutt’ ‘e gguardie

vanno piglianno ‘a ggente ‘e malavita!

Malavita? Capite? Accussi ‘a chiammano!

Addo’? Si chella, invece, è bbona vita!

Chella è ggente ca magnano, ca vevono,

cu carrozze, triate80, scampagnate;

cu cacotte81 e ceveze etceveze…

E chesta è malavita? Ve ne jate?!

‘A malavita overa, chella autentica,

è chella ca facc’i’ cu sta miseria!

Chesta è la malavita! Eppure ll’aute82,

chilli tale ca chiammano “sciammeria” 83,

hanno ‘a suddisfazione ca s’ ‘e pportano

‘n galera; e io, niente. Embè, nun c’è che ffa’! (Pascalino e Leopoldo scoppiano a ridere)

No, nun redite84, nun so’ ccose ‘a ridere,

ca chella overo è na cummedità:

pecché ‘o carcere è sempe un bell’impiego

governativo ca vanno a ttene’!

Llà o chiove, o fa tempesta, o fanno ‘e ttronole85,

devi avere il vestito a quadriglié,

la zuppa, il letto e via scorrendo…

E all’urdemo, in estate puo’ ddi’: “So’ gghiuto ‘o ffrisco!”

Pecché llà dinto ‘o frisco staie sul serio.

cu tutto ca se chiamma “San Francisco”. (Spezza la musica)

PASCALINO - Ma comme tu staie a llibertà e te lagne?

‘O SAPUNARIELLO - (improvvisamente serio) ‘A libbertà? ‘A vuo’ vede’ ‘a libbertà? Guardala, ‘a libbertà! (Si alza, si gira su se stesso, mostrando il suo soprabito a sbrendoli, che gli mette a nudo le reni) Hê visto che bella libbertà? (Pascalino gli mette una mano sulla spalla. ‘O sapunariello si rimette a sedere) Mannaggia chi ce have ‘a causa e ‘a colpa!

LEOPOLDO - (con un tono tra il serio e il faceto) La colpa è stata tutta dell’assessore dello spazzamento, che ha fatto addeventa’ ‘e strate ‘e Napule na galleria, ed ha distrutto l’industria mozzonifera!

‘O SAPUNARIELLO - Proprio! Primma ‘e Labriola, pe’ Tuledo se truvaveno mezzune ‘e chesta posta. (Li definisce grandi, col pollice sull’indice all’altezza del falangino) Mo chi t’ ‘e ddà cchiu? Senza dire che i vitosi di oggi fanno la vita economicamente; e mezzune nun ne jettano cchiu! Poi, con la invenzione dei bocchini ca songo asciute, chille se fumano pure ‘a cennere! (Pausa) Ma questa è una scoperta magica per noi; ed in questi giorni faremo uno sciopero generale tutta la classe!

LEOPOLDO - Overo?

‘O SAPUNARIELLO - Overo?! Io songo n’ommo ‘e carattere! Pecché mme fido ‘e passa’ sette otto vote attuorno a nu mezzone, ma niente! Nun l’aizo!

PASCALINO - Bravo!

‘O SAPUNARIELLO - (ha sbirciato nel cesto di Leopoldo una bottiglia di anice. Al caffettiere) Guarda llà, guarda llà… (Leopoldo si volta a guardare nel punto indicato. ‘O sapunariello afferra la bottiglia, ne beve un sorso; rimette a posto la bottiglia. Leopoldo si rivolge a lui per chiedere. ‘O sapunariello, con un gesto di noncuranza) È passato, è passato! (Pascalino ride sotto i baffi. ‘O sapunariello prende una pipa dalla cesta, l’accende alla lanterna, mette le gambe cavalcioni, e fuma)

PASCALINO - Che bella posizione che hê pigliato!

‘O SAPUNARIELLO - (guarda Leopoldo ed il suo negozio ambulante; e con ironia) Comme si stesse ‘nnanze ‘o Cafè d’Italia!

LEOPOLDO - (faceto) Ma pecché che ce manca?

‘O SAPUNARIELLO - Che mme manca? Tutto chello ca nun tengo! (Pausa) E po’ llà la mia consumazione è a pagamento, ccà la mia consumazione è gratis. Me cunzuma ‘o tiempo! (Ha un brivido di freddo) Ah! Hanno lassata ‘a porta aperta! (A Leopoldo) …Guarda llà, guarda llà… (Leopoldo si volta come prima e l’altro, ancora una volta, beve un sorso d’anice in un lampo; poi come prima, il caffettiere si gira per sapere. ‘O sapunariello lo tranquillizza) È passato, è passato…

PASCALINO - (trasale, chiama) Ruse’!

RUSELLA - (accorre al richiamo) Gué! Staie ‘a paricchio ccà?

PASCALINO - Addo’ sì stata?

RUSELLA - Areto86 ‘o vico, a purta’ sei fasce ‘e grammegna a nu cucchiere! ‘O povero cavallo teneva na ddiece ‘e famma! (I due giovani si mettono in disparte a chiacchierare, amorosamente; quindi, lentamente, escono. Musica X. Entra la ronda, guidata dal brigadiere Brighella, che va parlando con la guardia Guardascione. Gli agenti scendono dai vicoli di Montecalvario e si dirigono al Ponte di Tappia, per dove scompaiono)

‘O SAPUNARIELLO - (alza lo sguardo al cielo; sospira) E schiara n’atu juorno, ‘a faccia mia!

E comme fosse che aggio fatto? Ll’uovo! (Si alza; guarda nella cesta, con un senso di sfiducia)

Na notte, p’ ‘o Mercato e ‘a Vecaria87,

ched è na pezza vecchia? Nun ‘a trovo!

Sciorta86, scio’! Caccia nu poco ‘a capa quanno te sputo ‘n faccia! (Guarda la lanterna: s’è spenta)

Tenevo na lanterna e s’è stutata89:

mo chiudo ‘o magazzino e buonsuaré!

E me ne vaco a casa addu ‘a cecata,

ca n’uocchio tene e ha miso ‘ncuollo a mme!

LEOPOLDO - (ironicamente) Ha fatta ‘a fortuna soia!

‘O SAPUNARIELLO - (Riprende a cantare) Si fosse n’ommo ca tenesse ‘a pezza90,

e ndin ndin mbò,

facesse bbene. Ma, mannaggia ‘a sciorta

e ndin ndin mbà,

che vvuo’ fa’ bbene si na ddiece91 ‘e pezza92

e ndin ndin mbò,

mo nun ‘a tengo manco dint ‘a sporta!

E ndin ndin mbà! (Recitando prende il cesto e fa penzolare la manica rotta)

Manica alla Maria Stuarda! (Pausa)

Oramai s’è capito: è ‘o Pataterno

ca tene ‘a rota ‘e chistu munno ‘mmano,

e ‘a fa gira’ accussì… accussì… accussì… (Fa un gesto circolare in avanti)

S’ha dda stracqua’93…E po’ ‘a gira accussì

accussì… accussì… (Fa un gesto circolare all’indietro)

I’ aspetto ca…

vota94 nu poco ‘o munno ‘a parta mia! (Sospira, sbircia la bottiglia dell’anice; a Leopoldo)

Guarda llà, guarda llà… (Ma, questa volta, Leopoldo lo coglie sul fatto e lo costringe a lasciare la bottiglia)

LEOPOLDO - Eh! Guarda ccà! Si nun te ne vaie…

‘O SAPUNARIELLO - (ride) Neh, scusarne si t’aggio accordato nu poco ‘e confidenza…

LEOPOLDO - (pronto) Che c’entra? Ll’onore è ‘0 tuio!

‘O SAPUNARIELLO - E felicissima e santa notte! (Raccoglie la lanterna e, allontanandosi, dà la “voce”) “‘O mare e arena,

e ‘a bonasera a chi rummane!” (Esce. Spezza la musica)

LEOPOLDO - (gli grida dietro, come un augurio) Sempe allero! Ommo allero, Dio l’aiuta!

SCENA III

Via Toledo, palazzo della Banca Commerciale. Pochi minuti dopo.

LA VOCE DI LEOPOLDO - “‘O cafettiere! Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese! Ccà sta Leopoldo Coletta, chi ‘o cumanna? ‘O cafettiere!” (Entrano a braccetto, diretti a “San Ferdinando”, Pascalino e Rusella. Si fermano, tutti presi dalle loro tenerezze. Entra Leopoldo, che a passi lenti muove verso i due innamorati)

PASCALINO - …E che ce vò? Febbraio, marzo, aprile e maggio: n’ati quatto mise, e sarrammo felice!

RUSELLA - (felice) Spusammo a maggio!

PASCALINO - Dint’ ‘a schiuppata95 d’ ‘e rrose!

RUSELLA - Spusammo a maggio!

LEOPOLDO - (ironicamente) Quanno arragliano96 ‘e ciuccie! (Esce. Musica XI)

PASCALINO - Rusella mia!

Ca tu na rosa sì:

pecché sì ffresca e ‘a vocca addora ‘e rosa!

RUSELLA - Quant’allegria:

p’ ‘a ggioia se pò muri’!

‘A n’ati quatto mise faccio ‘a sposa!

Ma senza dote…

PASCALINO - E che vvò di’ ‘a ricchezza?

Si puorte ll’onestà, puorte ‘a bellezza!

RUSELLA - Vita mia,

che sentimente nobbele ca tiene!

PASCALINO - Che buscìa97

ca ll’aggiatezza fa vule’ cchiu bbene!

Tenimmo ll’arte ‘e mmane,

cu ‘a salute e ‘a giuventù!

RUSELLA - E pure pane e pane:

cuntent’io? Cuntento tu! (La ronda attraversa nuovamente la strada, dirigendosi verso i vicoli di “Sopra i Quartieri”. Pascalino tiene le mani di Rosella strette fra le sue: le bacia)

Nun saie na cosa?

Me sto cusenno98 già

nu poco ‘e biancheria cu ‘e mmane meie…

PASCALINO - Bella e ‘ngignosa99!

RUSELLA - Nun truvarraie vulà,

pizze e merlette: niente c’aggrazzeie100…

PASCALINO - ‘ A grazia ‘a puorte tu, cu stu surriso:

grazia sincera, grazia ‘e Paraviso!

RUSELLA - Vita mia,

che sentimente nobbele ca tiene!

PASCALINO - Che buscìa

ca seta e raso fa vule’ cchiu bbene!

‘Ammore ca se basa

‘ncopp’ ‘o lusso è da scarta’!

Cammisa101 ‘e tela ‘e casa:

sento ‘addore102 ‘e ll’onestà!

RUSELLA - Vita mia,

che sentimente nobbele ca tiene!

PASCALINO - Che buscìa.

ca nu merletto fa vule’ cchiu bbene!

‘Ammore, ‘o vero ammore…

PASCALINO e RUSELLA - …vò truva’ semplicità!

Po’, jenno103 dint’ ‘o core,

manco muorto se ne va! (Escono. Spezza la musica)

SCENA IV

“Sopra i Quartieri”. Piazzetta della Trinità degli Spagnoli, con la facciata della Chiesa omonima. Qualche minuto più tardi.

LA VOCE DI LEOPOLDO - “‘O cafettiere! Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese! Ccà sta Leopoldo Coletta, chi ‘o cumanna! ‘O cafettiere!” (Entra Leopoldo e si ferma all’angolo del vicolo che mena a Toledo. Va a bussare ad un basso; una donna in abbigliamento notturno gli apre, gli porge una “cocoma”104 di caffè che il caffettiere travasa nella sua stessa “cocoma”. Il basso si chiude. Leopoldo ravviva il fuocherello nello scaldino, rimescola il caffè della “cocoma”. Ad un tratto si turba) Neh, ma io sento na cosa tosta! (Estrae dal recipiente una carta da gioco) Doie ‘e denaro! ‘A carta che ha perduto chill’assassino ‘e Furmella! (La osserva) Ce manca nu piezzo. Nùn saccio si sta dinto… o si ce mancava! (Fa un’alzata di spalle) Va buo’! (Continua a rimescolare. Musica XII. S’ode una voce di donna. È la voce di una prostituta che canta uno stornello triste)

LA VOCE - Comme ‘a fronna105

‘a n’albero caduta

sta vita s’è perduta

dint’ a ll’oscurità.

Volo e corro

cu ll’anema scuntenta

addo’ mme porta ‘o viento,

sbattendo ‘a ccà e ‘a llà! (Entra colei che cantava. È Margherita, bruna, dai grandi occhi espressivi. Spezza la musica)

MARGHERITA - (sospirando) ‘A cacciaieno pe’ mme, sta canzone! (Si avvicina al caffettiere) Liopo’, damme nu cafè.

LEOPOLDO - Uh, Donna Margheri’, comme state?

MARGHERITA - Nu poco meglio… (Sorbisce il caffè che l’altro porge)

LEOPOLDO - Avite avute cchiu nutizie ‘e Don Peppeniello?

MARGHERITA - E che ssaccio… S’ha dda fa’ ‘a causa cu ‘o direttissimo! Ma è n’anno e miezo, e stu direttissimo nun arriva maie!

LEOPOLDO - Starrà facenno ‘o ppoco ‘e ritardo! (E ride)

MARGHERITA - (ride anche lei, sia pure a malincuore) Eh! È addeventato treno merce p’ ‘a via!

LEOPOLDO - Ma pecché l’arrestaieno?

MARGHERITA - Se pigliaie nu crucefisso ‘argiento ‘a dint’a na puteca106.

LEOPOLDO - (tra il serio ed il faceto) Guardate! Per essere troppo cattolico, m’ ‘o manneno ‘n galera! È inutile: non c’è più religione! (Musica XIII. Entra Ines detta “Bammenella”107. Non è più giovanissima: ma la eccessiva eleganza popolaresca e quell’aria di superiorità in cui si pavoneggia fanno di questa donna una prostituta da strada, ancora piacente. Spezza la musica)

INES - Gué, Margari’, bonasera!

MARGHERITA - Gué, Inès, come stai? Come te la passi?

INES - Così, non c’è male! (S’accende una sigaretta; fuma)

MARGHERITA - Caspita! non c’è male? Tu sei sfolgorante!

INES - Embè, tu hê ‘a sape’ ca io… (Musica XIV)

So’ “Bammenella” ‘e copp’ ‘e Quartiere:

pe’ tutta Napule faccio parla’

quanno annascusa108 p’ ‘e vicule, ‘a sera,

‘ncopp’ ‘o pianino me metto a balla’.

Vene ‘a ‘mbulanza108, int’ a niente m’ ‘a squaglio110!

E si m’afferra, me torna a lassa’!

‘Ncopp’ ‘a Quistura, si ‘e vvote ce saglio,

è pe’ furmalità.

Cu ‘a bonamaniera111

faccio cade’ ‘o brigadiere,

piglio e lle vengo ‘o mestiere112:

dico ca ‘o tengo ccà.

‘O zallo113 s’ ‘o mmocca114,

l’avota ‘a capa e s’abbocca,

ma nun appena me tocca,

me n’ha dda manna’115! (Entra Filiberto Esposito. È il giovane “innamorato” di Ines. Pallido, malaticcio, a suo modo elegante, in uno strettissimo vestito verde pisello; e con una sciarpa di seta bianca al collo. Si avvicina alla sua donna, le prende la sigaretta dalle labbra, vi aspira due o tre boccate e gliela ridà)

FILIBERTO - (a Leopoldo) ‘O ccafè! (Leopoldo lo prepara)

INES - (a Margherita)

Me fanno ridere cierti perzone

quanno me diceno: Pienze pe’ tte!

Io faccio ammore cu ‘o capo guaglione116…

FILIBERTO - (mette la mano al cappello, in segno di saluto, e sorride) Grazie!

INES - …e spengo ‘e llire p’ ‘o fa’ cumpare’117.

Sto sott’ ‘o debbeto, chisto è ‘o destino:

ma c’è chi pava, pirciò lassa fa’.

Tengo nu bellu guaglione vicino…

FILIBERTO - (compiaciuto, a Leopoldo, che gli porge il caffè) Esagera!

INES - …ca me fa rispetta’!

Chi sta int’ ‘o peccato

ha dda tene’ ‘o ‘nnammurato…

FILIBERTO - …ca, appena doppo assucciato118,

s’ha dda sape’ appicceca’119! (sorseggia il caffè, lo trova amaro; a Leopoldo) Zucchero! (Si china prenderne dal cesto, rimescola il caffè)

INES - E tutt’ ‘e sserate.

chillo m’accide ‘e mazzate!

Me vò nu bene sfrenato,

ma nun m’ ‘o ddà a pare’120! (Spezza la musica)

FILIBERTO - (trova sempre amaro il caffè, prende dell’altro zucchero; e così vorrebbe fare ancora una volta, e chinarsi, ma Leopoldo, seccato, alza cesto fino a lui. Filiberto rimescola il caffè e getta con mala grazia il cucchiaino nello scaldino)

LEOPOLDO - Eh! Ll’ha menato121 dint’ ‘a cristalliera!

FILIBERTO - (sorseggia, quindi va ad offrire un goccio di caffè ad Ines, che sorbisce; ed in ultimo restituisce la tazza a Leopoldo) Tie’, segna: cinquantatré!

LEOPOLDO - (tra i denti, seccato) Eh! Avimm’arriva’ a duimila!

FILIBERTO - (schiocca la lingua, sembra disgustato. Si china a prendere dal cesto di Leopoldo la bottiglia dell’anice, se lo fa spruzzare fra le labbra. Uno schizzo d’anice gli va in un occhio. Irritato per il bruciore dà un calcio a Leopoldo, che protesta; poi beve una sorsata d’anice. Non resiste ad essa e, in tutta fretta, la risputa a pioggia sul paniere, e restituisce la bottiglia caffettiere, che sacramenta)

MARGHERITA - (a Ines) Tu vuo’ senti’ nu cunziglio d’ ‘o mio? Pienza a tte! (Filiberto dimena il busto nella giacca, con sussiego)

LEOPOLDO - (tra i denti, guardandolo) Eh! Pare n’“Ecce Homo”! (Filiberto comincia a tossire)

INES - (alzandogli il bavero della giacca) ‘O vì ca tiene nu poco ‘e tosse? Tiene nu poco ‘e tosse! Miettete ‘o palittò!

FILIBERTO - (le dà uno spintone) Quanna maie ‘e guappe portano ‘o palittò! (Musica XV)

INES - (a Margherita) Mo so’ ttre mmise ca ‘a tengo malato,

sacc’io che spengo pe’ farlo sana’!

Però ‘o dottore cu mme s’è allummato122,

pe’ senza niente m’ ‘o faccio cura’.

E tene pure ‘o mandato ‘e cattura.

FILIBERTO - Priesto ‘a ‘mbulanza me vene a piglia’.

INES - (a Filiberto) Ma nun da’ retta, sta senza paura,

pe’ tte ce stongo io ccà!

MARGHERITA - Cu ‘a bona maniera,

vaie a parla’ ‘o brigadiere:

mentre lle vinne ‘o mestiere,

isso s’ ‘a pò squaglia’.

INES - Pe’ mme è ‘ssenziale

quanno me vasa carnale!

Me fa scurda’ tutt’ ‘o mmale

ca me facette fa’! (S’abbraccia a Filiberto, che continua a tossire. Spezza la musica)

MARGHERITA - (si avvicina a Leopoldo) Quanto t’aggi’a da’?

LEOPOLDO - Uno ‘e cafè, e dudice ‘e sigarette: tridice solde.

MARGHERITA - (gli dà una moneta) Damme ‘o riesto ‘e na lira.

LEOPOLDO - Pronto! (Si fruga in saccoccia per trovare degli spiccioli)

MARGHERITA - (guardando a sinistra, dà un grido) ‘E gguardie! (E scappa verso il Largo delle Baracche)

LEOPOLDO - Aggio perzo n’ati tridice solde! (S’allontana, dando la “voce” con tono d’imprecazione) “Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese! Ccà sta Leopoldo Coletta, chi ‘o cumanna? ‘O cafettiere!” (Si dirige verso via Speranzella. Filiberto, nel frattempo, ha consegnato ad Ines la sua rivoltella. Ines la nasconde sotto le vesti. Entra la ronda)

FILIBERTO - (salutando il brigadiere con una scappellata) Egregio signor Brighella!

BRIGHELLA - Ah? (Con un risolino) Mi conosci?

INES - Eh, vi pare…

GUARDASCIONE - Psss. Zitta tu! (Filiberto fa una guardataccia alla sua amante)

BRIGHELLA - (a Filiberto) Che cosa fai a quest’ora?

FILIBERTO - (sorridendo) Lo vedete? Soffre d’asma. Faccio prendere un po’ d’aria alla mia signora. (La presenta)

INES - Gnorsì, signurì’, io sono la sua…

GUARDASCIONE - Zitta tu!

FILIBERTO - (con violenza, ad Ines) Statte zitta! (Pausa) Allora ll’ommo c’ ‘o tiene a ffa’? Tiene na spesa inutile? (Le chiede, con un gesto furtivo, della rivoltella. La donna lo rassicura)

BRIGHELLA - (ha cavato di tasca un taccuino ed una matita) Le generalità. (Filiberto è titubante)

INES - (sottovoce) Dicce123 ‘o nomme!

BRIGHELLA - Comme te chiamme?

FILIBERTO - Filiberto Esposito. (Brighella prende nota) Detto “Il simpaticone”.

BRIGHELLA - Ti ho domandato come ti chiami.

FILIBERTO - Filiberto Esposito.

BRIGHELLA - Bene!

FILIBERTO - …Detto “Il simpaticone”.

BRIGHELLA - (scattando) E dalle! (Pausa) Nun ‘o vvoglio sape’ si sì simpaticone o no! (Piano a Guardascione) ‘O cunusce? (Guardascione gli risponde di no con un gesto. Brighella scrive qualche altra cosa sul suo taccuino)

FILIBERTO - (piano, ad lnes) ‘O rivolvere?

INES - (come in un soffio) Sta sotto…

BRIGHELLA - Anni? (Filiberto riflette) Anni? (Pausa) Gué, quant’anne tiene?

FILIBERTO - Vinticinche, vintisei, vintisette…

BRIGHELLA - (sarcastico) Eh! Vintotto, vintinove… (Duro) Se pò sape’ quant’anne tiene?

FILIBERTO - Oh, aspetti un po’… So di avere due anni di meno di mia sorella Matalena, che è la prima. Essa avrà un… Che ppò ttene’?

BRIGHELLA - E ‘o vvuo’ sape’ ‘a me?

FILIBERTO - (si fa un calcolo) Aveva tredici anni, quando scappò di casa… Poi ha fatto otto anni di vita, e sono ventuno… Due di carcere, e sono ventitré… Da cinque anni sta con uno scopatore, e sono ventotto… Dunque, per me, fate ventisei anni.

BRIGHELLA - (ironico) “Fate ventisei anni”. (Prende nota) Tuo padre? (Filiberto chiede ancora ad lnes, con un julmineo sguardo della rivoltella) Gué! Pateto?!

FILIBERTO - Fate voi.

BRIGHELLA - Uh! “Fate voi”?! (A Guardascione) Ignoto! (Prende nota) Tua madre?

INES - Eh, la madre, signori’, fu una martire: morì in galera…

GUARDASCIONE - Zitta tu!

FILIBERTO - (irritato, alla donna) Mo piglio e me ne vaco! Accussi te levo ‘a rappresentanza124!

BRIGHELLA - (a Guardascione) Hai capito? “Padre ignoto, la madre morì in galera…” Una famiglia esemplare. (Sorride; poi a Filiberto) E tu come campi?

FILIBERTO - Campo sul proprio. La mia signora…

BRIGHELLA - Campi sulla tua signora?

FILIBERTO - La mia signora può testimoniare… (Ines fa per parlare)

BRIGHELLA - Non m’interessa. (Pausa) Allora vivi così…?

FILIBERTO - Vivo come vivete voi…

BRIGHELLA - (spazientito) Cosa fai?

FILIBERTO - Faccio il piazzista.

BRIGHELLA - E che mestiere sarebbe? Che cosa piazzi?

FILIBERTO - Tutto quello che mi capita a taglio, prendo e lo piazzo.

BRIGHELLA - …Ma sei con una ditta, con una casa? Con quale casa sei?

FILIBERTO - …È una casa privata, non ha ditta. Una casa piccola…

BRIGHELLA - Ho capito, ho capito… (Pausa) E tu dici di essere un rappresentante?

FILIBERTO - Sì.

BRIGHELLA - E che cosa rappresenti?

FILIBERTO - Niente!

INES - (dandogli uno spintone) Ehi!

FILIBERTO - …E io saccio che rappresento?

BRIGHELLA - Lo so io! (Prende nota) Abiti?

FILIBERTO - (mostrando il suo vestito) Sulo chisto.

BRIGHELLA - Abiti…

FILIBERTO - Vi ho pregato: sulo chisto. Nun è bbuono?

BRIGHELLA - (alzando la voce) Addo’ staie ‘e casa?!

FILIBERTO - Ah?! (Come dire: adesso ho capito) Largo delle Baracche.

BRIGHELLA - Numero?

FILIBERTO - Portella sola125.

BRIGHELLA - (finisce di prendere nota, ripone il taccuino) Va bene! Domani assoderemo se le generalità sono esatte o pur no.

INES - No, signuri’, questa è la pura e santa verità.

GUARDASCIONE - Zitta tu!

FILIBERTO - No, mo pò parla’, nun sta dicenno buscìe. E poi, ho qui la libretta della sorveglianza, dalla quale potrete… (La prende dalla tasca interna della giacca, l’osserva rapidamente) …no, questa è quella scaduta.

INES - (irritata a Filiberto) E nun t’ ‘a faie rinnova’?

FILIBERTO - E nun aggio avuto tiempo!

BRIGHELLA - Ah, beh? Hai la sorveglianza, e stai in istrada a quest’ora?

FILIBERTO - (serio) Ho un permesso speciale del Commissario capo.

BRIGHELLA - Miette ccà! (Prende il documento che l’altro gli ha porto e fa cenno a Guardascione di perquisire Filiberto, quindi legge. Guardascione perquisisce rapidamente Filiberto. Filiberto non riesce a star zitto, ride e s’accovaccia assieme all’agente, quando costui si china a palpargli le gambe)

GUARDASCIONE - (ripete la perquisizione e l’altro ride ancora più forte, accovacciandosi di scatto) Neh! (L’agente è seccato) Avimm’a fa’ ll’opera?

FILIBERTO - Ma io soffro il solletico…

INES - E chianu, chiano…

GUARDASCIONE - (con pungente ironia) Nun ave’ appaura, ca io nun ‘o sciupo al tuo simpaticone! (A Brighella) Niente! (Brighella restituisce a Filiberto il documento, e lo squadra)

FILIBERTO - (si scappella) Volete altro? (Brighella si allontana, senza rispondere, a capo della ronda, che esce. Filiberto sbircia gli agenti da lontano, poi fa cenno ad Ines di restituirgli la rivoltella. Ines s’alza le vesti, e gli dà l’arma. Filiberto mette in bocca una sigaretta. Musica XVI. Entra frattanto un uomo intabarrato. La donna gli si avvicina, con le moine del mestiere, mentre Filiberto si fa in disparte ed accende la sigaretta. Poi Ines e lo sconosciuto se ne vanno via a braccetto verso via Speranzella. Filiberto, con un risolino ironico, getta il cerino ed esce dalla parte opposta. Spezza la musica)

SCENA V

Via Toledo, angolo Vico Rotto San Carlo, con fuga di Piazza San Ferdinando nello sfondo. Poco tempo dopo. Leopoldo è fermo sul marciapiedi di sinistra, sotto l’insegna luminosa de “Il Mattino”.

LEOPOLDO - (dà la “voce”) “Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese”! (Entra Mimì, cameriere di caffè, in un bisunto smoking e con un involto sotto il braccio)

MIMÌ - Gué, addio, Liopo’!

LEOPOLDO - (cordialmente) Gué, Mimì, lassa fa’ a Ddio? Addo’ staie faticanno?

MIMÌ - ‘O Gran Cafè d’Europa ‘o vico Pertusillo!

LEOPOLDO - Ah?! (Entra Tummasino. È spazientito. Guarda in giro)

TUMMASINO - E manco ce sta! (Esce)

MIMÌ - Si, ma dimane me ne vaco! Comm’a primmo cammariere che me so abbuscato126? Tridice solde!

LEOPOLDO - E te lagne?

MIMÌ - No, mo abballo! Chi l’ha ‘nduvinato overamente sì ttu!

LEOPOLDO - Addo’?! Cchiu chille ca nun me pavano! (Rientra Tommasino, e si avvicina a Leopoldo)

TUMMASINO - Damme n’ata sigaretta. Tre solde, e dduie, so’ cinche…

LEOPOLDO - (piano, a Mimì) ‘O vvì? ‘O vvì? ‘O vvì? ‘O vvì? (Dà la sigaretta a Tummasino) È servito. (Tummasino s’accende la sigaretta, e sfumacchia. Entra Margherita e si dirige da Leopoldo)

MARGHERITA - Liopo’, pigliate sti solde… (S’alza la gonna per prendere degli spiccioli da una calza)

TUMMASINO - (sorpreso, la chiama) Margari’!

MARGHERITA - (festosamente) Gué! Tummasi’! Sì asciuto ‘a carcerato?

TUMMASINO - …Siente…

MARGHERITA - Aspe’, aggi’a da’ tridice solde a Liopoldo.

TUMMASINO - Lassa sta’…

MARGHERITA - Ma pecché?

TUMMASINO - Lassa sta’! (A Leopoldo) Miettele a cunto a mme!

LEOPOLDO - Sia fatta ‘a vuluntà ‘e Ddio!

MARGHERITA - (a Leopoldo) Stammo pace! (E comincia a parlare animatamente con Tummasino)

MIMÌ - (a Leopoldo, ridendo) No, tiene na bella clientela!

TUMMASINO - (a Margherita) E lnès?

MARGHERITA - Eh! A chella mo lievatella ‘a capa127! Mo fa ‘ammore cu Filiberto!

TUMMASINO - Filiberto?! (Pausa) Ma è n’ommo ca se fida ‘abbusca’128?!

MARGHERITA - Io po’ che te pozzo dicere? ‘O ccerto è ca Ines, a che sta cu chillo, ha acquistato ‘o ciento pe’ ciento, e capirai…s’ ‘o tene caro!

TUMMASINO - Ah! Neh? (E discorrono)

MIMÌ - Beh, statte bbuono, Liopo’!

LEOPOLDO - Vaie a casa?

MIMÌ - E che faccio? Me sento acciso. ‘A stammatina, all’erta! Mme retiro!

LEOPOLDO - Retirete…

MIMÌ - (scherzoso) …ch’è notte! (Esce)

TUMMASINO - (a Margherita) Siente, io vularrie parla’ cu essa…

MARGHERITA - Che vvuo’ fa’? Ma pecché te vuo’ cumprumettere?

TUMMASINO - (con un risolino sardonico) Filiberto? (Fa il feroce) Chi m’ha dda squalifica’ a me, nun è nato ancora. (Pausa) Va mm’ ‘a chiammel29!

MARGHERITA - Si ‘a trovo…

TUMMASINO - Trovala! Io pe’ Tuledo sto! (Margherita esce. Entra Nicola, guardiano notturno con il suo mastino Leone. Comincia la verifica alle chiusure dei magazzini)

NICOLA - (parlando al suo mastino) Lio’, bello d’ ‘o padrone, tu me capisce buono? Mentr’io me visito ‘e magazzine ‘e Tuledo, tu fatte n’atu servizio. Guarda a me: scinnetenne130 pe’ “San Giacomo” e, cu ‘a scusa ca vaie adduranno pe’ terra, ‘spezzionate Piazza Municipio. Po’, fingete cane sperduto e avota p’ ‘e “Guantare”131… E si vide quacche faccia suspetta, scappa e mm’ ‘o viene a dicere!

TUMMASINO - (carezzando il mastino che esce) Vide pure che ora so’!

LEOPOLDO - Che bestia intelligente, Don Nico’!

NICOLA - (lusingato) Ah, non per togliere merito… lle manca ‘a parola!

LEOPOLDO - Che significa? È ccane a vvoi, e basta! (Musica XVII. Entra una carrozzella col mantice alzato. In serpa v’è Gnazio ‘o cucchiere, vecchiotto, rossiccio, furbesco)

GNAZIO - Jh! (Il ronzino si ferma. Il vetturino smonta ed invita a scendere una coppia di amanti: Mario e Flora)

MARIO - (accende un cerino e legge il tassametro della vettura) Tre e sessanta! (Scattando) E come? Supplemento lire quattro?!

GNAZIO - Ma pecché, vuie na cammera a riva ‘e mare ‘a pavaveve132 meno ‘e quatto lire?! (Spezza la musica)

MARIO - (trattenuto da Flora) Queste sono porcherie!

GNAZIO - Le porcherie…? Le porcherie le avete fatte lei! (Mario gli dà una moneta ed esce, indignatissimo, con Flora)

GNAZIO - (guardando la moneta) Cinche lire?! Sulo ‘e cannele133 ca nn’aggio tenute!

NICOLA - (a Gnazio) Ma comme tu faie sempe storie?

TUMMASINO - Ha dda essere cucchiere…

GNAZIO - E già: e vide si nun avimmo sempe tuorto nuie! (Musica XVIII)

È venuta na signurina:

“Cocchie’! Presto! Su! Alla stazione!”

“Menu male”, aggio penzat’io,

“me so’ fatto na bbona croce!” (Finge di salire in serpa, e d’incitare il cavallo)

“Ah! Ah!” Niente!

LEOPOLDO - Ched è?

NICOLA - Ch’è stato?

LEOPOLDO - Nun vuleva avvia’?

GNAZIO - Gnernò! “Ah! Ah! Ah!” (Finge di solleticare il didietro del cavallo col manico della frusta)

TUMMASINO - Che hê fatto?

GNAZIO - Nu poco

‘e solletico sott’ ‘a panza!

“Ah! Ah!” (Dà la sensazione che la carrozzella cammini: ed imita la voce preoccupata della passeggera)

“Presto! Che mi fai perdere

il diretto delle tre e venti!

Presto! Presto! Perché ci mancano

solo quindici minuti!”

“Dove dovete andare?”

“A Roma”.

“Ah, e per Roma c’è pure il treno di domani mattina…”

“No!

Tu sei pazzo! Fermati! Fermati!

Fammi scendere!”

“È impossibile!

L’animale non può accordare

le fermate facoltative!”

“Presto! Presto! Che domattina

io mi devo trovare a Roma!”

“Signori’, ma perché a Roma

non ci andiamo con la vettura?!”

TUMMASINO - (scoppia a ridere) Uh all’anema d’ ‘a sciucchezza!

‘O cavallo tuio nun serve!

GNAZIO - Che “nun serve”?! Tu overo dice?

Chillo ha fatto ‘a Porta Capuana

‘a stazione, una tirata! (I presenti ridono)

NICOLA - Ed allora, po’ ch’è succieso?

GNAZIO - Ed allora, io: “Ah! Ah! Ah!” (E finge d’avviare il cavallo al trotto; quindi rifacendo di nuovo la voce della passeggera)

“Presto! Mancano sei minuti!”

“Metto ‘a quarta velocità!”

“Ma non fare più il ciarlatano,

pensa a frustare il tuo cavallo!”

“Che? Frustare? Non voglia Iddio…

Se la piglia amale, e perdite

pure ‘o treno ‘e doppo dimane!

Ma non dubitate, signo’,

che se questo treno parte

con un paio d’ore di ritardo,

lo piglieremo certamente…”

TUMMASINO - Jh che guaio che ha passato,

chella povera signora!

GNAZIO - A nu tratto: “Mario! Mario!

Ferma! Ferma! Ferma!” (Finge una brusca fermata, con l’analogo comando al cavallo)

“Jh!” (Spezza la musica. Imita la voce affettata di quel Mario) “Flora, cos’è! Parti?” “Sì, perché Cornelio, mio marito, mi aspetta a Roma!” “E lascialo aspettare, resta con me, stanotte” “Ah, schifosino, che mi fai fare?” “Ah, quello che hai fatto sempre!” “E sali, su, vigliacco!” “Di’, cocchiere, volta per Santa Lucia; e poi, su, a Posillipo, di corsa!”

LEOPOLDO - Di corsa?!

GNAZIO - È na parola! (Imita la voce di Mario) “Di’, alza il manticio!” (Ai presenti) Vuie capite?

TUMMASINO - Embè, che ce vuo’ fa’? Chillo, ‘o mestiere tuio ce va soggetto!

GNAZIO - E allora, io… “Pronto, signo’”! (Descrive l’alzata del mantice; poi finge di risalire in serpa, di guardare nell’interno della vettura i due amanti abbracciati e, con un’espressione quasi di dispetto, imita il modo di marcare il tassametro della vettura di supplementi di tariffa)

NICOLA - (sorpreso) Chiste so’ tutte supplemente?

GNAZIO - Eh! (Come dire: Proprio. Finge di dare il via al cavallo) “Ah!” (Musica XIX)

“Ah!” (Finge di trotterellare. Poi si gira, facendo capire che i due, nell’interno della vettura, son già all’abbraccio ed al bacio)

“Ah!” (Finge d’incitare il cavallo)

“Ah!” (Ripete questo “soggetto” più volte, con il saliente voluto dalla scena, che si è andata svolgendo nella vettura. Alla fine, come fermando il cavallo e come parlando a quel Mario)

“Neh, signo’, site arrivato o no?” (Imitando la voce di lui) “No, riportaci ~ Toledo…” …Neh, vengo ccà, chillo mme mette quatto lire ‘mmano! Puozze passa’ nu guaio, tu e mammeta! (I presenti scoppiano a ridere. Poi s’ode, allegro, un coretto di voci maschili e femminili. Sono donnine e “viveurs”)

IL CORETTO - Notte silente il freddo non si sente.

se c’è la donna a fianco che si presta…

E fino a che la vita non si desta,

restiamo noi padron della città.

All’alba poi,

riappare il sole e scompariamo noi,

per ritornare a far vita gioiosa.

quando chi ha lavorato si riposa.

Notte silente il freddo non si sente… no. (Entra la comitiva. Le donnine son Pierrette, Georgette e Fernanda; i “viveurs”: Gastone, Fritz ed Edgardo. Spezza la musica)

GNAZIO - (elettrizzato) Signuri’, vulite ‘a vettura?

GEORGETTE - (a Gastone) Che si fa? Ci ritiriamo?

GASTONE - Come vuoi!

PIERRETTE - No, andiamo al “Caffettuccio”!

EDGARDO - Ma che sfizio a perdere la nottata senza uno scopo. Jammece a cucca’134!

FRITZ - Uh, e che facciamo, la vita dei polli, ad andare a letto a quest’ora?

PIERRETTE - Veramente non è chic andare a letto alle tre!

GNAZIO - (a Leopoldo ed a Nicola) Nuie pecchesto facimmo ‘a nuttata.

FERNANDA - Andiamo, così si prende un caffè!

GEORGETTE - Sì, sì, andiamo al “Caffettuccio”.

GNAZIO - Signuri’… (E strizza l’occhio a Georgette, mostrando Leopoldo)

GEORGETTE - (equivocando, offesa) Mascalzone, come ti permetti…

GNAZIO - Che avete capito? Io mostravo il caffettiere…

LEOPOLDO - Overo, signo’, v’avit’a piglia’ na bbona tazza ‘e cafè?

FRITZ - Beh?

LEOPOLDO - E pigliatavella ccà.

FRITZ - Leh! (Ha un moto di disgusto)

GASTONE - Ce ‘o vvuleva da’ pure primma…

FRITZ - A quest’ora, saremmo morti…

GNAZIO - No, signo’: chesta è overo na bbona tazza ‘e cafè: chesta è purgativa! (E ride)

GEORGETTE - E allora, decidiamoci!

GASTONE - Per me è indifferente, andiamoci. Tanto, io mi alzo alle otto di sera…

EDGARDO - Per te? Per me, invece, ‘o gallo canta matina. Io a mieziuorno135 aggi’a sta’ ‘n terra. Stesse ‘a ccà ttuorno… ma a gghi’ fino ‘a “Vittoria”136!

FERNANDA - E prendiamo le vetture…

EDGARDO - E ce n’è una sola.

GNAZIO - Signuri’, non vi preoccupate, noi facciamo una sola imbarcata. ‘O cavallo ce ‘a fa.

PIERRETTE - E dove ci mettiamo?

GNAZIO - Come?

PIERRETTE - (ridendo) Dove ci mettiamo?

GNAZIO - (a Leopoldo, lusingato) Statte zitto: s’è ‘nfanfaruta137, se n’ è gghiuta ‘e capa138…

LEOPOLDO - (dandogli uno spintone) Te ne vaie o no?

GNAZIO - Signo’, guardate, voi andate comodamente: quatto dentro e due a cascetta.

TUMMASINO - E tu addo’ te miette?

GNAZIO - A cavallo! (E ride)

LEOPOLDO - E po’ ce vò na pareglia ‘e vuoie139 pe’ ve tira’!

NICOLA - Signo’, si ce steva ‘o cane mio, le andava a chiamare lui un paio di carrozzelle!

TUMMASINO - (scherzoso) No, si ce steva ‘o cane d’ ‘o guardiano, ve purtava isso a cascecavuoglio140!

GNAZIO - (beffardo) No, si ce steva ‘o cane, v’ ‘e ffaceva isso stesso quatto tazze ‘e cafè espresso!

PIERRETTE - (ad Edgardo) E andiamo a casa, va! Tanto ho capito che stando con te, debbo fare per forza una vita segregata…

GNAZIO - Signo’, io vengo?

FERNANDA - (a Pierrette e ad Edgardo) Sì, prendete voi la vettura, noi si preferisce fare ancora due passi!

PIERRETTE - (osservando il ronzino) Di’, ma cammina questo cavallo?

GNAZIO - Cammina? Quest’è un aeroplano!

FRITZ - Difatti si vedono le ali…

GNAZIO - No, signuri’, quelle sono le orecchie dell’animale!

GEORGETTE - (a Pierrette e ad Edgardo) Vi diamo la buona notte!

PIERRETTE - E noi il buon divertimento!

GASTONE - Ah, no, no. Qui è il caso d’invertire gli auguri. Buona notte a noi, e buon divertimento a voi…

EDGARDO - No, a me auguratemi buon sonno! (Gnazio ha osservato da vicino il cavallo; sembra avvilito)

PIERRETTE - Di’, che c’è?

GNAZIO - S’è azzeccato ‘o cavallo ‘n terra!

NICOLA - E chillo sta diuno!

GNAZIO - Mm’ ‘o ffa sempe, sta carogna! Me fa l’ostruzionismo! (Osserva la pancia del ronzino) E comme faccio, mo? Mannaggia!

EDGARDO - Ma ch’è stato?

GNAZIO - S’è spezzato ‘o sottopanza! (I signori ridono) Signuri’ (a Pierrette) tenisseve nu capo ‘e spavo?

PIERRETTE - Macché!

GNAZIO - (a Gastone) Nu piezzo ‘e curreggia141?

GASTONE - Io porto le bretelle.

GNAZIO - Nu lazzo p’ ‘e scarpe?

FRITZ - Ma va’…

GNAZIO - (a Leopoldo, alludendo ai signori) Niente teneno! Che signure songo, io nun ‘o ssaccio! (Si toglie la cinghia dai calzoni, e tenta di rappezzare alla meglio il finimento sul ventre del cavallo)

FERNANDA - (ridendo) Il principio è buono!

FRITZ - Edga’, ho capito, andremo a letto prima noi che te!

PIERRETTE - Addio, Fernanda, addio, Giorge’… (Sale nella vettura)

FERNANDA - Ciao!

GEORGETTE - Raccomandati alla Madonna!

EDGARDO - Noi intraprendiamo un lungo viaggio! (Sale nella vettura)

GASTONE - Edga’, quando arrivi, scrivimi!

GNAZIO - (preoccupato di vedere i due passeggieri nella vettura, vuol chiamare Edgardo, che ride con Pierrette; e ai signori) ‘O signurino è de carta?

LEOPOLDO - (ironico) No, è d’attone!

GASTONE - Edgardo!

GNAZIO - Don Edua’!

EDGARDO - Che c’è?

GNAZIO - E che site sagliuto a ffa’? (Agli altri) Usse’142, chillo saglie! (Ad Edgardo) Scennite, iate nu poco avante, tirate ‘o cavallo p’ ‘a testera143… (E spinge la vettura; ma invano) Comme se chiamma ‘a signurina?

FERNANDA - Pierrette.

GNAZIO - Donna Pierepette’… (Tutti ridono) Scennite, tirate pure vuie! “Ah! Ah!” (A Leopoldo) M’ ‘o ffa pe’ dispietto… (E fa l’atto di bastonare il cavallo; poi ai signori) Signuri’, per gentilezza, na mano a vutta’ areto!

GASTONE - (ridendo con gli altri) Ma che sei matto?!

TUMMASINO - Aspetta, mo t’ ‘a dongh’io…

GNAZIO - Chillo è nu mumento, quanno piglia ‘avviata…

TUMMASINO - (spinge la vettura, aiutato da Nicola e da Leopoldo) Soh! Soh!

GNAZIO - (va in serpa. Schiocca la frusta, prende le redini) Ah! (Il cavallo si muove; e la carrozza finalmente parte. Musica XX. I signori salutano a grandi gesti Edgardo e Pierrette, ed escono, riprendendo a cantare)

IL CORETTO - Notte silente… (Spezza la musica)

SCENA VI

Via Toledo, angolo via Corsea. Poco tempo dopo.

LEOPOLDO - “Cafè, sigari, sigarette, rum e annese! (S’ode il fischio di Nicola che chiama il cane. Silenzio. Entra Nicola. È nervosissimo)

NICOLA - Che assassino! S’è rrotte ‘e ggamme p’ ‘a via!

LEOPOLDO - Chi?

NICOLA - Leone! Chillo sa’ che ffa? Se va liggenno ll’iscrizione pe’ copp’ ‘e magazzine…

LEOPOLDO - Ma pecché, a che classe sta? (E ride)

NICOLA - Nun pazzia’! (Sbuffando, come se parlasse il cane) Seh, mo aspetta a tte! (Pausa) Leopo’, famme ‘o favore, mo ca vene, dillo ca, a n’ata mezz’ora, l’aspetto a Piazza Dante. Si po’ se vò ritira’, aggio lassata ‘a chiave ‘o solito posto. Isso sape addo’ sta! (Esce)

LEOPOLDO - (gridandogli dietro, con sarcasmo) Lle dico pure che v’appriparasse ‘a cena?! ‘O vino v’ ‘o faccio mettere ‘n frisco?!

LA VOCE DI NICOLA - E vuo’ sempe pazzia’, tu! (Silenzio. Si ode la voce d’Ines stornellare. Musica XXI)

LA VOCE D’INES - Ammore ammore, no, nun lu credite,

nun lu credite a chisto ‘ngannatore,

ca ll’uommene mo quante ne vedite

teneno ciente faccie e mille core;

la femmena scur’essa144! E lu ssapite,

tutto se crede e lesto don’ammore,

quanno l’ha miso ll’ommo int’ a li ppene,

lu scanuscente nun la vò cchiu bene! (Entra Tummasino, ed attende, con un’espressione di gioia cattiva)

INES - (appare, fa per attraversare la via; si ferma, sorpresa) Tummasino!

TUMMASINO - Finalmente. (Pausa) Vi possiamo offrire una tazza di caffè?

LEOPOLDO - (tra sé) Ah, Madonna!

INES - Grazie, non vi mettete in cerimonie.

TUMMASINO - Una presa d’ànnese?

LEOPOLDO - Don Tummasi’, nun facite complimente! (Tra sé) Doppo ha dda cagna’ nu doppio soldo, e manco me pava!

TUMMASINO - (a Ines, insistendo) Che dicite?

INES - L’ànnese me riscalda.

TUMMASINO - Vulisseve nu paccuttino ‘e sigarrette?

LEOPOLDO - Dalle! (Deciso) Aggio capito! (Prende la sua roba e si allontana) “Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese! Ccà sta Leopoldo Coletta, chi ‘o cumanna? O cafettiere!” (Esce. Musica XXII)

TUMMASINO - E sissignore:

m’ha fatto piacere

ca t’hê truvato a n’atu ‘nnammurato!

Ma, pe’ favore.

almeno int’ ‘o quartiere,

nun fa’ accapi’ ca m’hê licenziato,

si no t’aggi’a sfriggia’,

pe’ dignità.

INES - E fance ‘a prova!

Saie ca ‘o carcere è cattivo,

nun sciuparte ‘a libbertà!

TUMMASINO - E a che mi giova?

Quando l’uomo è positivo

deve prima tutela’

la persona di sé.

E dint’ a niente,

me sceglio a n’ata amante:

tengo ‘a cinquanta femmene ‘e riserva.

C’è l’avvenente,

ce sta l’affascinante;

e ognuna ‘e chesta mme facesse ‘a serva,

p’ ‘o sfizio e se vede’

vicino a mme!

Sciurille145 gialle,

che aggi’a fa’, s’io songo bello?

Te ne vaie? Peggio pe’ tte!

Vutanno ‘e spalle,

doppo n’uocchio a zennariello146,

vide ‘e femmene ‘e cade’,

comm’ ‘e ccarte ‘a juca’.

Mo per favore

mi devi ritornare

‘o fazzuletto ‘e seta, sta tre llire!

Certo, un signore

non se lo fa ridare.

ma io me lo piglio poi, per non sentire:

“Ll’oggette comme va,

nun s’ ‘e ffa da’?”

Rutto pe’ rutto,

damme pure ‘e sei ferriette

e ‘a butteglia ‘e brillantè!

Certo, fa brutto,

ma ‘e riale147 ca te dette

nun t’ ‘e ppozzo rummane’!

Ll’aggi’ ancora pava’! (Spezza la musica)

INES - Avrete tutto.

TUMMASINO - Sta bene. (Pausa) Però, nun sia mai detto ca quest’offesa Tummasino ‘o milionario s’ ‘a zuca! Io nun m’ ‘a zuco!

INES - (scattando) Gué! Oh! Tu t’ ‘a zuche o nunt’ ‘a zuche? Già tu mo staie facenno l’aucellone148 pecché m’hê truvata sola… Ma ccà si ce stesse Filiberto, tu nun parlarrisse accussì!

TUMMASINO - Ma chi è stu Filiberto? Mo vaco ‘a casa, piglio ‘a “brovinga”149 e torno!

INES - E viene ampressa, ‘mmiez’ ‘o llario150 ‘e Barracche, accussì parle cu isso!

TUMMASINO - Io parlo cu isso, cu ttico, cu ‘o brigante Musulline, cu ‘a statua ‘e Garibalde! Ma chi è? (E si allontana, gesticolando. Ines fa un’alzata di spalle, ed esce)

SCENA VII

“Sopra i Quartieri”. Largo delle Baracche. Ines è in attesa; impaziente, fuma. Dalle porte delle case equivoche, filtra la luce. Si ode la “voce” di Leopoldo.

LA VOCE DI LEOPOLDO - “Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese!”

LA VOCE DI FILIBERTO - Inès! Inès!

INES - Filibe’!

FILIBERTO - (entra tutto euforico) Inès, allegramente…!

INES - Eh! Allegramente! È asciuto Tummasino ‘a carcerato!

FILIBERTO - E chi è Tummasino? (Beffardo) Tummasino! Peggio pe’ isso! Asciuto ‘a carcerato, e trase ‘o spitale! Ride!

INES - Ma ch’è stato?

FILIBERTO - Ho incontrato il mio avvocato. E sai che mi ha detto? Ride! Sono stato proposto per l’ammonizione! (Ines rimane indifferente) Capisci, ‘a carriera? A vintisei anni, già ammonito! Mi trovo, senza esagerare, con cinque anni di anticipo. E di questo passo, ventinove, trent’anni… domicilio coatto: corso accelerato!

INES - (con leggero disappunto) Ma tenive ‘a sorveglianza, che nn’aviv’a fa’ d’ammonizione?

FILIBERTO - Se vede ca nun hê magnato maie cucenato. L’ammonizione è la conferma ufficiale della temibilità di un individuo. È comme si fosse la licenza tecnica. Del resto, è stato un pensiero gentile del Questore, mi rifiutavo? (La bacia) E adesso, chiama le compagne tue, ché verranno parecchi amici per festeggiare la promozione. Bisogna bagnare i galloni!

INES - (chiamando) Mari’! Filume’! Cuncetti’! Margari’! Cristi’! (Varie porte, improvvisamente, si aprono e vengono fuori le donne di strada)

MARGHERITA - Ch’è stato? (Ines spiega alle compagne il significato della “cerimonia”. Entra Leopoldo)

LEOPOLDO - (dà la “voce”) “Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese!”.

FILIBERTO - Leopo’, nun te movere ‘a ccà! (Musica XXIII. Annunzia)

Gli amici! (Entrano, con i loro atteggiamenti camorristici, i simpatizzanti di Filiberto)

GLI AMICI - (scappellandosi) Buonanotte! Salute, Filibe’!

FILIBERTO - (ad Ines, pavoneggiandosi) Hê visto quanta gente è venuta pe’ mme?! (Si scappella. Gli amici si scappellano di nuovo. Filiberto presenta le donne e gli uomini)

Don Aitano, ‘o jetteco151. La mia metà. Affunzino,

‘o cacaglio152. Maria, ‘a zellosa. Peppino

Sfaticato. Papele Mariuolo. Cristina,

‘a minorenne. ‘A chiatta. Margherita. Titina.

AITANO - (verso Margherita, cascante) La conosco. Una mia debolezza. (Strette di mano, piene di galanteria. Pausa)

AFFUNZINO - Che onore!

Veramente stanotte s’è adunato il fior fiore

de-de-del sesso debole e-e del sesso forte!

LEOPOLDO - (con violento sarcasmo, a parte) L’onestà e illavoro!

TUMMASINO - (Entra Tummasino, scappellandosi) Signori della corte!

AFFUNZINO - (con grande effusione, mentre gli altri si scappellano) Don Tummasino egregio!

MARGHERITA - (piano ad Ines, che freme alla vista di Tummasino) Chiammate a chillo… (E gli mostra Filiberto)

INES - (rabbiosa) ‘O che?

L’ha dd’ave’ na lezione!

FILIBERTO - (ad Ines) Ch’è stato?

INES - (dissimulando) Niente.

FILIBERTO - (le consegna la rivoltella) Teh! (Ines la nasconde in petto)

AFFUNZINO - (mostrando Tummasino a Filiberto) Voi… Voi vi conoscete?

FILIBERTO - Non ho questo destino…

AFFUNZINO - (presentando i due uomini che si guardano con fredda compunzione) Fi-Filiberto Esposito… Tu-Tu-Tu… Tummasino ‘o milionario!

LEOPOLDO - (a parte) M’ha dda da’ diciotto solde!

FILIBERTO - Sono tanto lietissimo.

TUMMASINO - Lieto io tante volte! (Si stringono la mano)

AFFUNZINO - (mostrando Filiberto) È un proposto di fresco per-per l’ammonizione.

TUMMASINO - Me ne consolo assai per questa promozione.

e se tutti gli amici permettono

vorrei fare gli onori di casa…

FILIBERTO - Ma guardate, io direi

di non incomodarvi…

TUMMASINO - È dovere… (Filiberto fa per insistere. Tummasino, con aria di superiorità) Liopo’,

caffè per tutti! (gli uomini si scappellano in segno di ringraziamento)

LEOPOLDO - (ha una tegola sul capo) Puozze passa’ nu guaio, mo! (e comincia assai a malincuore a preparare)

FILIBERTO - (ad Ines, in disparte, mostrandole Tummasino che è circondato dal gruppo degli uomini e delle donne) Hai visto che persona gentile?

INES - Lassa sta’,

ca chisto è Tummasino! (Filiberto ha un’espressione feroce)

MARGHERITA - (tra sé) Mo siente!

FILIBERTO - (a Ines) È isso…?

INES - Va’!

FILIBERTO - (prende un atteggiamento guappesco, si avvicina agli uomini e dichiara) per me niente caffè! (E torna presso Ines e Margherita. Tummasino si volta di scatto visibilmente offeso)

AFFUNZINO - Nie-niente per nessuno!

LEOPOLDO - (che si accingeva già a porgere le prime due tazze di caffè, ha un moto di gioia) Ah! È stata ‘a Madonna! (Tummasino si allontana dal gruppo, con aria minacciosa, venendo verso Filiberto)

MARGHERITA - (tra sé) Mo succede ‘o trentuno!

TUMMASINO - (a Filiberto con un risolino) Sentite, io poco prima v’aggio offerto ‘o cafè,

non l’avete voluto… Dico… Dico… Perché? (E si volta a parlare agli uomini)

FILIBERTO - (interdetto, ad Ines) Siente, chillo na cosa, in fondo, pure ‘a dice…

“Non l’avete voluto. Perché?” Tu che nne ddice?

INES - (istigandolo) Va’!

FILIBERTO - (a voce alta, con spavalderia, rimanendo però presso le due donne) E pecché me tocca ‘e nierve! (Volta le spalle a Tummasino che ha un moto d’ira)

TUMMASINO - Ah sì? Sta bene! (E parla animatamente con gli altri, andando in fondo)

FILIBERTO - (ad Ines) E addo’ è gghiuto?

INES - ‘O tiene areto a tte. Mo vene

a te piglia’ pe’ pietto…

FILIBERTO - A mme? E che? Minaccia?

INES - Tu mantienete forte!

FILIBERTO - Io mo lle taglio ‘a faccia

sinistra e ‘a faccia destra! (Tummasino ritorna avanti con cipiglio fierissimo. Filiberto avanza fino ad incontrarlo faccia a faccia)

LEOPOLDO - Mo se ‘ngrifano153 ‘e galle!

TUMMASINO - Dite.

FILIBERTO - Su, dite lei.

TUMMASINO - Dite lei.

FILIBERTO - Dite.

TUMMASINO - E dalle!

Io sono abituato ad essere detto per dire.

FILIBERTO - Io ho fatto sempre dire e poi ho detto il dire.

TUMMASINO - (impazientito) Dite.

FILIBERTO - Dite. Voi dite, io dico.

TUMMASINO - Veramente

non ho niente da dire.

FILIBERTO - E io manco!

TUMMASINO - (tra i denti, stizzito) E nun vai niente! (E torna fra gli altri. Spezza la musica)

FILIBERTO -  (ad Ines) L’aggio murtificato… Come te so’ paruto?

INES - …Si’ stato nu poco debole!

FILIBERTO - Ma si nun me provoca… M’ha dda provoca’?

AFFUNZINO - (a voce alta) Beh, ccà, signori miei, l’incidente è chiuso!

FILIBERTO - Ma quale incidente? Fra di noi…

TUMMASINO - Neh, senza cerimonie, e tutto quello che volete… (e indica Leopoldo)

LEOPOLDO - (seccato) E dalle!

INES - (nervosissima) Grazie, grazie!

FILIBERTO - Grazie, non vi mettete in cerimonie.

TUMMASINO - (guardandolo negli occhi con malcelato senso di sfida) A vostra disposizione. (E gli volta le spalle)

INES - (a Filiberto, indispettita) ‘O vì, comme tene ‘a parola superchia? Va’!

FILIBERTO - (riprende l’atteggiamento guappesco; ad Affunzino, alludendo a Tummasino) M’ha provocato?

AFFUNZINO - Nonsignore.

FILIBERTO - (torna dalle donne) Nun m’ha provocato ancora!

INES - (ha un moto di stizza) Jh! (Entra l’uomo del pianino, trascinando strumento per le stanghe; come un asino)

AFFUNZINO - (alla comitiva) Beh, qui c’è il pianino! (All’uomo) Prufessò, sunate nu valzèrre.(Musica XXIV. L’uomo del pianino prende a suonare lo strumento, con la manovella. Le coppie cominciano a ballare. Filiberto invita Margherita)

LEOPOLDO - (dà la “voce”) “Cafè, sigari, sigarette, rum e ànnese! Ccà sta Leopoldo Coletta, chi ‘o cumanna?”

TUMMASINO - (avvicinandosi ad Ines) Possiamo avere l’onore di fare un giro di ballo?

INES - Hê ‘a cerca’ ‘o permesso a Filiberto!

TUMMASINO - (violento) Filiberto nun va’ niente! (Afferra la donna e la costringe a ballare)

INES - (riesce a liberarsi dalla stretta. È convulsa. Afferra per un braccio Filiberto) Hê sentuto? Tummasino ha ditto ca nun vale niente!

FILIBERTO - E m’ha provocato?

INES - (a denti stretti) E comme?! Ha voluto abballa’ cu mmico senza cerca’ permesso a tte?!

FILIBERTO - (ringalluzzito) Silenzio! (Spezza la musica. Le coppie si fermano. A Tummasino) Amico, na preghiera. (La comitiva divide in due gruppi: da un lato Tummasino e gli uomini, dall’altra Filiberto e le donne)

LEOPOLDO - (preoccupato) Mo succede ‘o quarantotto!

FILIBERTO - (col tono di voler fare un “dichiaramento”) Sentite… Non per togliere merito a qualche bravo amico che sta alla presenza, e che è stato galera… (E mostra Affunzino)

AFFUNZINO - Prego, dopo di voi… (Si scappella)

FILIBERTO - Io ho fatto dodici anni di reclusione. (Gli uomini fanno gesti di considerazione, e si pongono in ascolto) Per cui, se voi siete franco, sono franco. Noi rappresentiamo due franchi.

LEOPOLDO - (sarcastico, a parte) Pure ‘e meno, pure ‘e meno…

TUMMASINO - Beh?

FILIBERTO - (a voce alta) La quale…

TUMMASINO - (rivolto agli amici) E che c’entra?

FILIBERTO - …Mi obbliga a farvi osservare che voi mi avete commessa una indelicatezza di una gravidanza enorme, ed io… (Si slancia, alzando le mani)

TUMMASINO - Ma qua’… (È pronto anche lui a slanciarsi, ma gli amici lo trattengono)

FILIBERTO - (indietreggia, spingendo Ines e Margherita in avanti, poi, visto il rivale calmarsi, riprende la posizione di prima, facendosi largo fra le due donne, a viva forza) Levateve ‘a miezo! (E fa il gesto di volerle schiaffeggiare. Si fruga addosso; ad Ines) Ma io nun tengo ‘o rivolvero, comme m’appicceco? (Ines gli dà la rivoltella. Filiberto la mette nel taschino del panciotto, col manico ben visibile; e si fa avanti, spavaldo, come a lanciare all’avversario una sanguinosa offesa) …Quindi… (Tummasino ha un guizzo di furore)

AITANO - Calma… (Lo afferra)

TUMMASINO - Ma chisto m’offende…

AFFUNZINO - Che v’ha ditto?

TUMMASINO - Comme, chillo m’ha chiammato “quinto”!

FILIBERTO…Quindi prima di ballare con la mia signora… (Si scappella; ed ordina) ‘E ccoppole154! E cappielle! (Gli uomini tutti si scappellano)

LEOPOLDO - (a parte, beffardo) Sta passanno ‘o Santissimo!

FILIBERTO - Avreste dovuto avere la delicatezza di intervistare colui il quale la gestisce; perché, se non lo sapete, questa donna (mostra Ines) rappresenta la mia azienda. E voi, invece di considerarmi meritrice di ogni riguardo, mi avete trapazzato, e io vi scasso ‘ a… (Inveisce di nuovo)

TUMMASINO - Ma chi t’ha… (Si slancia. È trattenuto)

FILIBERTO - (torna a nascondersi dietro Ines e Margherita; e a farsi poi di nuovo rapidamente avanti, come se si volesse svincolare dalla loro eventuale stretta. Sembra furibondo) Levateve ‘a miezo! Levateve ‘a miezo, ca mo accummencio ‘a vuie! (Sistema la rivoltella nella tasca del panciotto, con la canna all’insù)

LEOPOLDO - (a parte) Ha piazzato le artiglierie antiaeree!

INES - (come una furia, a Filiberto) E quanno…?

FILIBERTO - …Riepilogando…

TUMMASINO - Uh! Ca m’hê sfasteriato155! (Si slancia contro Filiberto)

UN GRIDO DI DONNA - (improvviso) ‘E gguardie! (Musica XXV. L’uomo del pianino ricomincia a suonare. Si rifanno le coppie, che prendono a ballare. Filiberto nasconde la rivoltella fra le gambe, e balla come può con Ines. Affunzino gli toglie l’arma e la getta nel paniere di Leopoldo che protesta. Così fanno gli altri)

AFFUNZINO - Accavallate chiste! (cioè i revolver)

LEOPOLDO - Ma…

AFFUNZINO - Accavallate chistel (Il ballo ripiglia. Entrano Brighella, Guardascione e gli altri agenti della ronda. Le donne, ebbre del valzer, circondano le guardie, quasi costringendole alla danza)

LEOPOLDO - (tenta di sgattaiolarsela; dà la “voce”) “Cafè, sigare, sigarette, rum, e ànnese!” (Ma viene fermato dalle guardie e perquisito. Gli trovano la rivoltella e lo acciuffano. Il malcapitato strepita la sua innocenza)

INES - (vedendo la malaparata, e cioè la poca remissività della polizia, si fuga, gridando) Margari’! (E ciò, mentre le donne ancora tentano di rabbonire gli agenti, taluni dei quali accorrono all’inseguimento dei pregiudicati fuggiaschi)

BRIGHELLA - (spinge Filiberto) Via! Via!

FILIBERTO - E nu mumento… Io so’ nu signore… Nu poco ‘e calma… (L’uomo del pianino continua sempre a suonare, sghignazzando)

SIPARIO

---------------------------------------------------------------

NOTE

1 Scarrafone: scarafaggio, è qui un soprannome per dire uomo molto brutto.

2 Cientepelle: centopelle. Terzo ventricolo degli animali ruminanti. Trippa.

3 Furmella: appellativo dall’omonimo gioco.

4 rum: acquavite di canna da zucchero. Rhum è più corretto di rum.

5 ànnese: anice.

6 maruzzaro: venditore ambulante di lumache, maruzze, cotte.

7 San Ferdinando: piazza San Ferdinando, con la omonima chiesa, in prossimità del teatro S. Carlo e di Piazza Trieste e Trento.

8 nichello: sta per nichelino. Vecchia monetina da venti centesimi.

9 attoccano: spettano, da attoccare.

10 Jh: vedi.

11 San Francisco: antico carcere trasformato poi in sede della Pretura.

12 posa: sedimento. Quella parte che depongono in fondo le cose liquide.

13 Ah, neh?: ah, davvero?

14 pezza’: sta per pizzaiuolo, venditore di pizze.

15 t’hê ‘a ritira’?: ti devi ritirare?

16 paro: paio.

17 cocco: corico, da coccare.

18 cu mmico: con me.

19 ‘A lava ‘e lluoglio: per dire che sulle pizze l’olio è così abbondante che vi scorre come una lava.

20 mme cocio: mi scotto.

21 Arrassusia: lontano sia.

22 surbettera: sorbettiera, macchina per fare i sorbetti.

23 taccuscelle: pezzi di cuoio tagliati a forma di tacchi.

24 sfriddo: scapito, calo, in senso commerciale.

25 chiantelle: solette. Quel pezzo di marocchino bianco o giallo, che si mette dentro la scarpa, dove posa il piede.

26 vrenna: crusca.

27 serra: sega.

28 carreco: carico.

29 Vatte’: vattene, sta per vattenne.

30 sisco: strumento per fischiare, fischio, zufolo.

31 curniciune: bordo delle pizze.

32 sfruculiate: importunate, da sfrecolejare, sfreculiare. Letterale: sminuzzare, sbriciolare; traslato: importunare, molestare.

33 ‘nzogna: sugna, strutto.

34 cicenielle: cicinielli, piccolo pesce; cu ‘e cicenielle, con vermi da putrefazione paragonati per eccesso a piccoli pesci.

35 appicceca’: litigare.

36 pummarola: pomodoro.

37 gnastella: una cosa da niente.

38 cazone: focaccia ripiena.

39 ‘mbuttunato: imbottito, ripieno.

40 supressata: salame compresso, legato con lo spago.

41 cavera e chin’alice: calda e piena di alici.

42 avutate: girate, mutate.

43 ccarogne: vili, crudeli.

44 Aggio susuta: ho alzato, sottinteso il punteggio.

45 ‘o patto: qui per patta, pari; e uno ‘o patto: e uno lo patto, cioè è pari.

46 scopa: nome di un giuoco di carte, ed anche di un punto di quel giuoco.

47 Aiza: alza, cioè taglia le carte.

48 scagna’: scambiare.

49 nichello: cfr. n. 8.

50 marengo: moneta d’oro del valore di venti franchi coniata a Torino dopo la battaglia di Marengo. In genere è sinonimo di moneta d’oro.

51 ‘n capo: in testa.

52 pisca’: pescare, qui cercare, acchiappare.

53 cullarino: intestino delle vaccine che si vende da’ Trippaj, budello grasso.

54 juca’: giocare.

55 hê: hai.

56 ha dda i’: deve andare.

57 ‘o callo ‘e trippa: la parte callosa della trippa.

58 sproccole: sta per spruoccole. Spruoccolo: sprocco e sbrocco, stecca, fuscello.

59 cicoria: sorta di erbaggio, che suol farsi per lo più in minestra.

60 janculillo: biancolino, diminutivo di janco. Qui nel significato di caffè poco carico, acquoso.

61 ‘a dinto: dentro.

62 cagna’: cambiare.

63 grammignara: colei che vende la gramigna. Grammegna: pianta che nasce nei terreni spontaneamente, moltiplica presto e si dà a mangiare a’ cavalli.

64 ‘o puntone: all’angolo della strada.

65 sparato: spaiato, scompagnato.

66 bellella: graziosa; diminutivo di bello.

67 Vulisseve: voi volete.

68 Teccheve: eccovi.

69 jurnariello: fornariello, diminutivo di fornaro, quello che fa il pane e lo cuoce.

7o liscio e busso: liscebbusso, rabbuffo, partaccia, ramanzina molto energica.

71 sapunariello: sapunariello, diminutivo di sapunaro, cenciaiuolo. Saponari diciamo ancora a quelli che vanno per le strade con una sporta in braccia, vendendo sapone, ovvero barattando a cenci comperando ancora cenci a moneta. Cenciajuolo.

72 ascette: uscì, da ascire.

73 ‘mmiria: o ‘mmidia, invidia.

74 ‘e maluocchile: malaugurio, malocchio, jettatura.

75 zellosa: tignosa; usato in senso di disprezzo.

76 sereticcia: sereticcio, stantio, raffermo, duro. Sereticcia, qui nel senso di crudele.

77 stracquo e strutto: stanco e distrutto; stanco morto.

78 assettete: siediti, da assettarsi.

79 Scàrfete: riscaldati, da scarfa.

80 triate: o triatre, teatri.

81 cacotte: cocottes, donnine allegre, dal francese.

82 ll’aute: gli altri.

83 sciammeria: abito da cerimonia, in gergo camorristico indica il guappo “signore”, abituato a portare la sciammeria in società per apparire una persona rispettabile; talvolta il basista.

84 redite: ridete.

85 ‘e ttronole: i tuoni.

86 Areto: dietro.

87 Vecaria: Vicaria, antico rione popolare di Napoli.

88 Sciorta: fortuna, sorte.

89 stutata: spenta.

90 ‘a pezza: moneta di carlini dodici; qui nel senso di soldi.

91 na ddiece: un pezzo, con tono di imprecazione.

92 ‘e pezza: di stoffa.

93 stracqua’: stancare.

94 ca vota: che giri.

95 schiuppata: sbocciata.

96 arragliano: ragliano.

97 buscìa: bugia.

98 cusenna: cucendo.

99 ‘ngignosa: ‘ngegnusa, ingegnosa, industre.

100 c’aggrazzeie: che la rende più graziosa. Si riferisce alla biancheria.

101 Cammisa: camicia.

102 addore: odore.

103 jenno: andando.

104 cocoma: sorta di vaso, per lo più di rame, dove si fa il caffè.

105 fronna: foglia.

106 puteca: bottega.

107 Bammenella: “Bambinella”. Nome d’arte dato alla protagonista di questo testo.

108 annascusa: di nascosto.

109 ‘mbulanza: ronda della pubblica sicurezza.

110 squaglio: sparisco.

111 bona maniera: con notevole garbo.

112 vengo ‘o mestiere: vendo moine e lusinghe come è mio mestiere.

113 ‘O zallo: lo sciocco.

114 s’ ‘o ‘mmocca: se lo beve.

115 manna’: mandare.

116 ‘o capo guaglione: un ragazzo fra i migliori, della malavita.

117 cumpare’: comparire, far fare bella mostra di sé.

118 assucciato: da assucciare, livellare due parti fra loro.

119 appicceca’: bisticciare.

120 a pare’: a vedere; non me ne fa accorgere.

121 menato: buttato, gettato.

122 allummato: infiammato, acceso di passione.

123 Dicce: digli.

124 te levo ‘a rappresentanza: vuole intendere l’utilità della mia protezione.

125 Portella sola: portella, diminutivo di porta, piccola porta unica.

126 abbuscato: guadagnato.

127 lievatella ‘a capa: toglitela dalla testa, non pensarci più.

128 abbusca’: di guadagnare.

129 Va mm’ a chiamme: vammela a chiamare.

130 scinnetenne: scenditene.

131 Guantare: Guantai. Via Guantai Vecchi e via Guantai Nuovi costituivano il centro dell’industria guantaria, propria dell’artigianato napoletano.

132 ‘a pavaveve: la pagavate; l’avreste pagata.

133 ‘e cannele: le candele; qui nel senso di reggere il moccolo. Sulo ‘e…: modo di dire tipicamente napoletano per indicare il minimo di quanto si è dato.

134 cucca’: coricare.

135 mieziuorno: mezzogiorno.

130 ‘a Vittoria: Piazza Vittoria nei pressi della Villa Comunale, cioè lontano da Toledo.

137 ‘nfanfaruta: frastornata, imbambolata; qui, si è accesa di passione.

138 se n ‘è gghiuta ‘e capa: ha perso la testa.

139 vuoie: buoi.

140 a cascecavuoglio: sul dorso.

141 curreggia: correja, striscia di cuoio, acconcia a vari usi.

142 Usse’: ~Iamazione.

143 testera: testiera, bardatura del capo del cavallo.

142 Usse’: esclamazione.

143 testera: testiera, bardatura del capo del cavallo.

144 scur’essa: misera, lei.

145 Sciurille: fiorellini.

146 n’uocchio a zennariello: un occhiolino.

147 ‘e riale: i regali.

148 l’aucellone: chi fa molto chiasso per nulla, agitandosi a vuoto come uccellaccio in gabbia.

149 brovinga: sostantivo inglese, dal nome dell’inventore John Moses Browing, usato in Italia al femminile; pistola semi automatica, arma del tipo a canna fissa e otturatore rinculante, costruita in vari modelli e calibri.

150 llario: largo, piazza.

151 ietteco: tisico.

152 cacaglio: balbuziente

153 ‘ngrifano: si impennano, si arruffano.

154 ‘E ccoppole: le coppole, i berretti.

155 sfasteriato: infastidito, annoiato, da sfastedejare.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 35 volte nell' arco di un'anno