Tuti quanti venexiani

Stampa questo copione

Arnaldo Boscolo

Arnaldo Boscolo

TUTI QUANTI VENEXIANI

Commedia in tre atti

"Bonomia,arguzia,vivacità sono

tipici caratteri di quest'epe.

ra del Boscolo,che,condotta con

buona lena,con gusto piacevole,

con pronto ed agile mestiere,si

fa ascoltare con diletto, diver

te, commuove ed allieta."

BOLOGNA 7 RESTO DEL CARLINO

19 Marzo 1956

Teatro "La ribalta"

Compagnia di GINO CAVALIERI.

PERSONAGGI:

Sior PIERO detto Sorzin

ROSA (sua moglie)

ANDREINA )

FINA ( loro figli

CARLETO )

BASTIAN

REGINA (sua moglie)

CESARIN

LUCIENNE

Un facchino di piazza

Voci di popolane

A Venezia » OGGI.


ATTO P R I M O

Scena

In casa di Piero Samassa. Stanza che serve da cucina e

da salotto insieme - Lavandino, fornello a gas - Tavola

al mezzo, credenza, ottomana.- Sul fornello un tegame

me una pentola che bolle.

Due finestre al fondo che danno sulla calle umida e

stretta, oltre la quale le pareti vicinissiine delle ca-

se di rimpetto, scrostate dalla salsedine - A sinistra

l'uscio che da sulle scale. Altri due usci a destra.-

Crepuscolo d'una sera d'estate.

Dalla calle sottostante un suono di fisarmonica. Di

quando in quando il brusìo della folla che passa.

Piero - (vecchio operaio, sudato e scamiciato, accorre al for-

nello dove la pentola trabocca. Regola la fiamma del

gas. In malorsega!... Anca la pignata che va per sora!

(scampanellata all'ingresso) Oh, manco mal! Gnanca le

ciave de casa le se tol suso.. (va ad aprire)

Cesarin - (giovane, un po' timido, in abito domenicale con qual-

che pretenzlone di eleganza) Caro sior Piero, (entra)

Piero - (sorpreso) Ciò?! Ti, Cesarin?

Cesarin - Xe vero che me arivada l'Andreina ?

Piero - La xe arivada, sì; ancuo a mezogiorno. Credevo che ti

lo savessi.

Cesarin - Ma ghe par? Sarìa sta qua a le undese de starnatina. O

sarìa andà a la stazion a torla. Me lo ga dito adesso

el cafetier, qua, in fondamenta.

Piero - E ti? - Si ben digo. Lassa che veda se ti xe cressùo.

Cesarin - Percossa vorlo che sia cressùo?

Piero - Ciò; perché da quando che la xe andada eia in montagna...

squagià anca ti come la neve ai sol. Capisso che qua

te mancava la calamita...

Cesarin - El ga razon, sior Piero; el me scusa. E me lo diseva sempre,

salo: "Stassera vado in cale de le Pignate... Stassera

vado in cale de le Pignate..." Ma pò dopo, co gera

par quele...

Piero - Pensando che le pignate rote gerimo nualtri veci...

Cesarin - Ma no... Cossa diselo?... El diga piutosto che me fasseva

malinconia vegnir qua,dove che tuto me parla de ela

- Quela tola, quele careghe..., quel'otomana.

Piero - Ah? L'otomana te fa malinconia !... Mani ne le mani, parole

tenare, ociae da pesse straco...

Cesarin - Oh Dio, se sa... Zovani se xe, col sangue che bogie. Ma

più che tuto..., "parole incrociate", sior Piero. Co

quel carabinier de siora Rosa... No la ne lassa un momento

soli gnanca se'l gato ghe scampa via co le brisiole

in boca... - Come stala? El me diga.

Piero - Chi? Mia muger?

Cesarin - L'Andreina.

Piero - Ben, mi me par; Per quanto go apena fato tempo de darghe

una smiciada, che la ga ciapà el svolo de novo.

Cesarin - (spaventato) Oh, Dio!... Xela tornada in montagna?

Piero . - Ma no; cossa caplssistu?... - A torziolon per Venezia

co so mama.

Cesarin - (con un sospiro di sollievo) Ah, manco mal Me son sen-

tio cascar el cuor per tera! (scampanellata)

Piero - Ti poi tortelo suso, perché le xe qua. Per quanto le

dovaria aver la ciave.

Gesarin - Vado a verzar mi. (si avvia)

Regina - (d.d.) Xe permesso?... Se pol?

Cesarin - No le xe lore. Adesso el cuor me salta in gola!

Piero - Ma che cuor balarin che ti ga! (Cesarin ha aperto

l'uscio)

Piero - Avanti, avanti. Bona sera, siora Regina.

Regina - (entrando) Bona sera, sior Piero. Oh, anca lu', sior

Cesarin?

Cesarin - Bona sera.

Regina - Xelo vegnudo a tor notizie de la so Andreina?

Piero - L'Andreina xe arivada. A ora de minestra.

Regina - Dasseno?

Piero - No ghe par che fusse tempo? I ghe gaveva da un mese

de ferie, e ela, o co una scusa, o co un'altra, la

ghe n’à fato.do. Domatina la torna al banco. Bravi a

sorbirsela de novo.

Regina - Segno che i ghe fa conto.

Piero - Oh, per quelo!... El so mestier la sa farlo. E la

memoria che la ga? No ghe xe bisogno che i clienti

se scomoda a ordinar..; (rifacendo le ordinazioni)

"Due ristrettii Uno macchiato! Amaro! Molto zucchero!

Bollentissimo!..” - No ghe xe pericolo che la se

sbaglia.

Regina - E fra un caffè e l'altro, un soriseto ai clienti. La

pol ben farlo; co quela fila de denti che la ga...

Piero - Pata co so pare, che ghe ne xe restai sie per scomessa,

Regina - E i clienti, se capisse...

Cesarin - (inalberandosi) Vorìa vedar, mi, che qualchedun se to-

lesse libertà...

Piero - Veramente sto temperamento scaldanela no te lo go mai

visto de sicuro.

Cesarin - No gavarò temperamento scaldanela, ma confidenze co mia

morosa...

Regina - El vada là che no ghe xe bisogno de le so difese; la sa

giostrarle da sola, l'Andreina!

Piero - Per questo el pol dormir i so soni tranquili. Drita co-

me una spada! (sospirando) Se anca st'altra fùsse sta-

da cussi... È invesse... Quel svizzero de la malora...;

lu e la so bicicletta!... - Cossa se gali pensa de mètàr

la tapa del giro a Venezia?... E co un giorno de riposo,

anca... E ela, sta stupida.., El mazzo de fiori, l’abracio

de "la figlia de la laguna",.!.

Regina - Ben..., ciò... Come "figlia de la laguna"... e fia de

un vecio coridor...

Piero - Coridor, mi? - Apena apena diletante. Ai tempi de Gar-

delin.

Regina - Diletante; sarà. Epur, da zovane, el se ga ciapà le so

brave medagie.

Piero - Come lo gala savudo?

Regina - Mio marlo ghe ne parla sempre. E siora Rosa me ga fato

vedar anca la magia e le braghe coi sbrufi che ‘l usava.

Piero - Nualtri, alora, se coreva per passion, per spirito

sportivo.

E adesso invesse i core per ciapar dei bezzi o per

tirarghe el lasso a le tose che i trova drio la strada; e

po',via de volata!

Regina - Ben; se volemo essar giusti, quel svizzaro, anca se'l

xe anda via de volata, el xe tornà a Venezia più de

una volta. Magari per la strada ferata... Se capisse

che'l xe sta el colpo de fulmine.

Piero - Se'l gavesse cìapà un colpo de sol, sarìa sta megio.

Co quel bel servizio che'l ne ga fato... E ela, sta

vergognosa…

Regina - In pringipio de stagion, i me ga dito che la gera in

Val Gardena; barista, come so sorela.

Piero - No me ne importa de saverlo. No vogio gnanca sentir-

la nominar... Dopo quela parte...

Regina - Ben, per quelo...; no la lo ga miga fato per farghe

dispeto a lori. tuti pol sbrissar a sto mondo.

Piero - Sul giasso, sì. E romparse magari una gamba. Ma ela, co

quel rodolon, la se ga strasslnà drìo anca l'onor de

la famegia.

Regina - Mi no digo...; per quanto, in fondo, la ga pagà de per-

sona.

Piero - Come gala pagà?

Regina - Che par gnente a lu trovarse in giro per el mondo, lon-

tan da la so casa, co una creatura tra i brassi?

Piero - La so casa..., la so casa... Se no la gavesse avudo

quel bocon de superbia...

Regina - No credo che se trata de superbia. Tuti ga el so cara-

tere..., la so dignità…

Piero - Ma che dignità e no dignità... La cambia discorso, la

vada là, che xe megio... E la se senta, che a star in

pie vién el sgranfo a le pupole. Fin che se aspeta

st'altre..., (Regina siede) -

Cesarin - Mi, intanto, salo cossa che fasso? Un salto qua in fon-

damenta a tor un bel cabarè de paste. So che le ghe

piase anca a lu, sior Piero. Cossa preferisselo? - Tor-

ta de mandole o pignocada?

Piero - A proposito che te go parlà de i me denti!

Cesarin - Orpo! Un'idea: - Un bel scartosso de pana co i storti.

Quela almanco no ghe xe bisogno de mastegarla.(s’avvia)

Se intanto la torna, el la tegna salda che no la me vada

fora de novo.

Piero - Ghe metarò el vinzagio come i cani.

Regina - O come i fiuoi. Adesso se usa anca questa...

Cesarin - (festosa) Arivederla, siora Regina, (esce)

Regina - Bon fio, quel Cesarin.

Piero - Si; ma tropo gnache. El casca da tute le bande..;

Regina - El lassa far a la so Andreina per tirarlo su. E po',

in caso, le braghe la se le mete ela, (cambiando) La

xe stada in montagna, vero?

Piero - Sì; in Gadore. A essar giusti, la ghe n'aveva bisogno.

Co tuto quel odor de cafè che la se tabaca, vien altro

che debolezza de stomego...

Regina - E pur patìa no la gera de sicuro. Imagino che Cesarin

sarà anda a trovarla qualche volta.

Piero - Afari sui! (sette tocchi ad un vicino campanile) Sèn-

tela? Sete boti, E le sa che, almanco a la domenega,

a le sete mi vogio andar in tola. Tute le feste sta

musica! Pazienza el fio che ga ciapà la martelada per

el balon! E co no'l ga el balon, sempre tace a le

cotole deila morosa...

Regina - Cossa vorlo? Le se gavarà intardigà un pocheto. Co ste

cale strete, bisogna far tre passi su una piera. A sta

ora, pò, co la zente che vien fora dai cinematografi...

Piero - Brava! Al cinematografo le sarà anda e a finir. Meza zor-

nada fora de casa. Ma lore, se no le vede el film alman-

co do volte, ghe par de no spendar ben i so soldi...

Regina - Se capisse che le voi ricordarselo pulito.

Piero - E le discussion che le fa dopo?... E i titoli? E i nomi?

E le ciacole su le artiste?.. "Questa ga cambià quatro

marii... - No, tre. - Quela ga do Oscar... No, çinque!...

- No ghe ne basta uno: çinque! Sporcacciona!

Regina - Ma i "Oscar" xe premi.

Piero - Còssa?

Regina - Sì. De le statuete che i ghe da in America a quel e che

xe più brave.

Piero - Oh, vame a remengo!..., Mi credeva che i fusse omeni; co-

me Oscar, el barbier qua da basso.

Regina - Se capisse che lu va poco al cinematografo, sior Piero,

Piero - Poco? Mai, benedetta. Me vardo ben de butar via el mio

tempo e i mii bezzi per quei quatro piavoli che bala

sul ninziol. E dove me trovelo lu un altro Frank Sinatra?

Un altro Yul Brinner. Un'altra Kim Novak? Dove me li trova?

Piero - No li trovo perché no li çerco... .

Regina - Adesso, poi, che i lavora, col cinemascope...

Piero - E cinema, cossa?

Regina - El cinemascope. Co i personaggi che par che i se destaca

dal fondo e che i vegna quasi a cascarte sul stomego.

El me scusa, sior Piero; ma lu xe ancora soto Marco Caco

Paparele.

Piero - Caco o no Caco, mi lavoro tuta la setimana; e a la festa

me movo solo per far la partia coi amissi. E, a le nove,

a cucio; perché al luni matina a le sie torna a scominçar

la solfa a Marghera.

Regina - (annusando) Uhmmm! Che odor de brustolin.

Piero - La tecia che se tacal... E lore... (accorre al fornel-

lo). '

Regina - El lassa iffar a mi. Bisogna zontarghe. Aqua, aqua (versa

dell'acqua sul tegame) Eco fato.

Piero - Grazie»- Ma ela, siora Regina, gavèvela bisogno de qual

cossa?

Regina - Oh, una sempiadal... Se ghe fusse stada siora Rosta...

Voleva domandarghe se la me prestava un momento el ma-

zenin da cafè, perché al mio se ga roto i denti!

Piero - I denti?

Regina Sì; de l'ingranagio.

Piero - Ma ghe lo dago mi, benedetta! Co no la vol altro...(dopo

un poco) Ciò...; qua, sora la credenza, no'l ghe xe.

Regina - Ma no importa, no importa.

Piero - Ahi Adesso che me ricordo, la ga da averghelo imprestà

a siora Zanze qua al secondo piano. La speta che ghe

lo domando da la finestra, (chiama) Siora Zanze!...

Siora Zanze!...

Regina - Ma no ocore che se disturba.

Piero - Se tuti i disturbi fusse questi... Speremo che no la

sia andada al "scope" anca eia', (chiama ancora) Siora

Zanze!

Voce - (lontana) Chi xe?... Xelo lu, sior Piero?

Piero - Sì, brava. La me scusa. Mia muger ghe gala imprestà a

ela el mazenìn da cafè?

Voce - Si. Stamatina.

Piero - Se no'l ghe ocore più, me fala el piasser de calarmelo

zo co la cordeta?

Voce - Orpo! Me lo ga domandà un momento mia fia, quassù al

terzo..!, El speta che la ciamo, (chiama) Gigeta!...

Gigeta!...

Piero - (a Regina) La vedarà che adesso In quatro e quatro oto,

i ne lo cala zo da la finestra.

Voce - (chiama ancora) Gigetaa!... Gigetaa!...

Pìero - El mazenin gà fato el giro d’Italia de tuto el

Casamento...

Altra voce- (dall'alto, più lontana) Volèvela so fia Gigeta, siora

Zanze?

Voce - Sì, siora Filomena. Vorla darghe una vose?

Altra voce- La xe andada al cinematografo, siora Zanze. La go in-

contrada mi su le scale.

Piero - Bona note al çesto! Me despiase, siora Regina, ma go

paura che el cafè ghè toca mazenarselo doaman. (scampa-

nellata) Oh! Ecole, finalmente! Adesso le me sente mi.

(va ad aprire) Toh! Gnancora?.. Ti, Carleto?

Carlo - (entrando, brusco) Bondì, papà. Bona sera, siora Regina.

(è un giovane sportivo negli atteggiamenti e nel vesti-

re)

Regina - Ciao, vissare.

Piero - Anca ti senza ciave?

Carlo - Go da averla lassada sul comò'.

Piero - Mi vorìa saver percossa che se usa ancora le clave de

le porte. Per ingrassar i favri.

Carlo - (seccato) Oh, che go altro per la testa, mi...

Piero - Lasslme star che no go vogia...Go sento diavoli per ca-

velo.

Piero - Xe casca el campanil de San Stefano? Storto come ch'el

xe...

Carlo - Eh, scherza; scherza, ti! - Gavemo perso in casa!

Regina - Ma cossa ti ga perso in casa? La casa imbusa ma no la roba!

Carlo - Ma cossa gala capìo?

Regina - Ti ga dito che ti ga perso in casa.

Carlo - E dove sogio stà mi ancùo? A la partìa, no? E quando che se

perdene la propria çità, se dise : "Gavemo perso in casa»*

Altri zogadori ghe voria per completar la squadra. Tor magari

dei “oriundi".

Regina - E cossa xeli sti "rundi”?

Piero - Ah siora Regina, come se vede che no ghe ne capì gnente! I

Oriundi! Foresti,i xe fioi de italiani che po' i xe andai

Fora a l'estero.

Regina - Ah, adesso capisso!

Piero - Magari 'na volta o l'altra,tra sti oriundi, ne capitare anca

el fio de Toro Seduto...

Carlo - Tuta colpa del Presidente... Sgionfo de bezzi come che'l

xe...

Cossa zeli per lu, me domando mi, quei sessanta o settanta

milioni che ocore per tirar suso la squadra?

Piero - Carta strazza...

Carlo - Se i lo ga fato comendator per questo... E se lu no sente

sto dover civico, cossa fale le Autorità Citadine?

El Sindaco, la Giunta, el Consigli?...

Piero - El Patriarca..»

Carlo - I se perde in ciacole per un grumo de sempiae: - L'ospealeto

dei veci, le Case Popolari, la Mostra del Pintoreto...

Piero - Del Tintoreto, ti vorà dir.

Carlo - Ben; Tintoreto o Pintoreto no xe l'istesso?...

Piero - Se ti lo disi ti... Ma no la xe una bona razon questa

per vegnir a casa a le sete passae. La partìa finisse

col sol alto.

Carlo - Bravo. E i risultati del loto? Dovarave aspetar el giornal

radio? E che no i go sentii ancora tuti.. Finora go fato

sie.

Piero - I milioni in scarsela.

Carlo - Xe inutile che ti torgoli. Ti no ti poi capir.

Piero - Mi capisso solo che ogni setimana ti coli un terzo de

la paga su quele malignase schedine..» E, quasi no bastasse,

ti buti via i soldi anca per le loterie.- Cinqueçento

franchi per quela de Merano. Me lo ga dito el tabacher

de Marghera.

Carlo - Carogna sporca! Nol poi tendar ai fati sui, no? Se uno po’

vol conservar l'incognito!... Intanto da lu no ghe meto più

pìe. Cussi el ga perso un cliente!...

Piero - Cussì el xe rovinà…(Ti compravi una sigareta al giorno...

Carlo - Intanto l'altra matina ghe ne go compra do!

Piero - Ah, per quel o el se ga fato l'abito novo.

Carlo - E po' no xe vero che go speso çinquesento franchi de la

cartela. Apena dosentoçinquanta; perché la go tolta in

società co Cesarin.

Piero - Anca quel toco de pan bugìo, ti porti a perdizion...

Carlo - Ma che perdizion!... Se no se tenta la fortuna...

(friggo nel tegame)

Piero - (esplode) Ostrega! La tecia se taca un'altra volta!

Regina - (accorrendo) Acqu!i Ghe vol acqua! Ghe zonto mi...

(apre il rubinetto che non versa più acqua) Maria San-

tissima!... El rubinetto no buta più!

Carlo - (seguendo il suo pensiero) Scalogna la xe e arbitri vendui.

Piero - L'acquedoto eh, che aspeta sempre la domenega per far

de sti scherzi… GaSsl magnaremo crosta de carbon in-

vesse de carne.

Carlo - Ma vegnarà la volta bona.. .

Piero - ...che magnaremo lingue de canarin.

Regina - No'l staga a stuzzegarlo sior Piero. Se sa ben come

che i la pensa sti tosi... - El varda; go tira zo. No

ghe xe gnanca malani. Forse ghe restarà un fià de bru-

stolin; ma tuto sta no badarghe. (cicaleccio sulle scale)

Oh, queste si le xe lore.

Piero - (al rumore della chiave nella toppa) Miracoio che le

gabia la ciave!

Rosa - (che entra con Andreina) Semo qua.

Regina - Andreina, vissare, ben tornada; come ti sta?

Andreina - Benon, siora Regina; e ela?

Regina - Da poveri veci. Ti la ga fata longa, eh? Lassa chne te

veda?... Che bei colori! Uh fìà più suta, se volemo.

Vòltite. Maria Vergine! Ti ga perso almanco diese chili.

Andreina - L'aria de montagna, siora Regina.

Regina - I dise che in montagna se va per ingrassar; e ti, in- .

vesse...

Piero - Ti ga visto Cesarin?

Andreina - Indove? Xelo sta qua?

Piero - Si; el xe vegnudo a çercarte. El se anda zo apena adesso

Andreina - El ga rigevudo el mio espresso, vero?

Piero - Par de no; perché el xe casca dal mondo dele nuvole.

Andreina - E alora come galo savudo che gera arivada?

Piero - Dal cafetier, qua in fondamenta, che te ga visto passar.

Andreina - Quela stupida de la mia parona de casa che se xe oferta

de impostarlo. E più stupida mi a fidarme de ela. E do-

ve xelo adesso?

Piero - El xe andà zo a toruà scartosso de pana per farte festa.

Credeva che ti lo gavessi incontrà. Ma no pol far che’l

torna. El m’à dito de tignirte streta.

Rosa - E ela, qual bon vento, siora Regina?

Regina - Gera qua che fasseva a l'amor co sior Piero..'.

Piero - Cossa?... Passadoto, sì, ma per i mii denti...

Rosa - Che no ti ga...

Regina - Sogio forse da butar in canal? - El ghe lo domanda

a mio marlo...

Piero - Ihh!.,f. Ma quelo xe de façile contentadura...

Rosa - Ohe!... Ohe! Ohe!... Dove andèmio a finir?..

Piero - La fa per védar come ti la tol... – “Assaggiare le

reazioni...i ghe ciama.”

Rosa - Oh! Per mi!...

Piero - La gera vegnuda a domandarrae el mazenin in prestito.

Rosa - Ghe lo go impresta a siora Zanze, qua de suso, siora

Regina.

Piero - Ghe lo go dito. Ma siora Zanze ghe lo ga da a so fia

Gigeta che xe andada al cinematografo.

Rosa - Ben; apena che la torna, ben volentiera. Co se poi

giustarse fra viçine...

Regina - Grazie, siora Rosa. E adesso bisogna che scampa perché,

se no, sento la musica de mio mario.

Piero Come che lore qua, sentirà la mia.

Rosa - (al marito) Cossa te ciapa?

Piero - Me ciapa.., che son stufo de ripeter sempre le solite

Robe!.. - A la domenega vogio magnar a bonora, perché dopo

la xe l'unica sera che posso andar a far la partia.

Rosa - E no ti podevi magnar?

Piero - La carne crua?

Rosa - No ghe vorà minga tanto a mètar una tecia sul fornello...

Vardè che casi!...

Carlo -Molighe, papà.

Piero - Mi te molo una sberla sul muso. La siora Regina xe bona

testimonia del trafico che m'à tocà far. E co quel bel

risultato!

Regina - Oh, un fià de brustolin. No'l xe pratico, povaro omo?

La staga bona, siora Rosa, no la se guasta el sangue,

se no el disnar no ghe fa pro. (Carlo si mette a legge-

re la Gazzetta dello Sport presso la finestra)

Andreina - Se valeva la pena che tornasse zo dal Cadore... La va-

da, la vada pur, siora Regina, che a le volte so marìo,

co quel caratere che'l ga…

Regina - Un teremoto.

Piero - Anca a Marghera, co ghe salta la mosca al naso..?. Perché

el xe capo reparto…; e nualtri operai se trema come

fogie... Fortuna che semo amissi, se no...

Bastian - (d.d.) Regina!*.. Regina I. iììi».

Regina - Ecolo qua, eh!... Apena nominà!...

Piero - Lupos in fabola.

Regina - Adesso la scorniçia a bògiarghe!

Bastian - (c.s.; bussando all'uscio) Piero I Xela là mia muger?

Piero - Ecola, Bastian. (Rosa è andata ad aprire ed appare Ba-

stian).

Bastian - Ciò (alla moglie) Cossa xe che ti pensi de far? (agli

altri) Scusème, voialtri... (alla moglie) Go el stomego

in sansarele e ti salda a clacolar! Go da mètarme mi

davanti al fornelo?

Regina - No, per l'amor del Cielol... Se ti fa come sior Piero..

(indicando il tegame) Varda là. E saluda almanco l'An-

drena.

Bastian - Sì, sì; bondì, Andreina. Ma mi go fame. Dopo magnà ve

balo anca el bugi-bugi, se volè. Ma co go fame devento

una bestia.

Bastian - E no la se move Minga, savè...

Regina - Vegno, veglio».•. Za tanto xe tuto pronto nel forno...

Bastian - Nel forno ghe meto la to testa co un bel limon in boca, se

no te te destrighi.

Regina - (senza muoversi) Ecome, vegno...

Bastian - (alzando i pugni sul capo di Regina) Uhmm!! E po'i dise

che uno copa la muger!..

Regina - Arevedarse, creatur; e ste in bona alegria, che la vita

non è che un valzer! Vado. Ma dopo torno... (esce)

Bastian - Sì; ma a panza piena, peraltro. Arevedarse. (esce con

la moglie)

Rosa - Varda ti che scene!..

Piero - El ga razon. E vualtre dove se stae fin a sta ora ?

Rosa - Dovaressimo star in prezon anca a la domenega?.. - Vu-

stu proprio saver dove che semo stae? - A sentir la

Comedia in Campo Sant 'Angelo.

Andreina - Al Caro de Tespi, papà.

Piero - Cossa? Un caro in Campo Sant'Angelo? Coi cavali?

Andreina - Ma no. Un teatro. Una baraca. I lo ciama caro perché

el se sposta da un logo a l'altro. Se semo tanto diver-

tie. No se ga fato che pianzar.

Piero - Degenerata! Divertise pianzendo.

Rosa - Dai, mètite a tola. (levando il tegame) Varda qua;

tuto ìncandìo. Ti podevi almanco zontarghe.

Piero - Zontarghe cossa? El rubin no buta...

Rosa - Gnanca un giosso de acqua in casa? E cossa bevèmo a

tola per mandar zo el magnar?

Piero - Brava. Vàghelo a contar a queli de l'Acquedoto. O

ciucia un limon.

Rosa - Manda almanco a tor un fiasco de vin.

Piero - Sii..., un fiasco! Una damigiana adèretura|.. Basta

mezo litro.

Rosa - Ti te lo bevi tuto ti.

Piero - E se fusse? No son el capo de casa, forsi?

Ciapa, Carleto. (gli da cinquanta lire)

Carlo - Cossa xe?

Piero - I soldi!... Senza i soldi l'oste no tè da vin.Mezo de

clinto.

Carlo - Oh, si! Che go tempo, mì, de andar in ostaria... Coro

al bar qua in cale a sentir i risultati che manca.

(S’avvia)

Piero - (richiamandolo) Ciò!.. Ciò!.. Ma almanco i soldi,

no, vero? Dàmeli indrio.

Carlo - (sull'uscio) E vustu che entra al bar senza gnanca

tor un cafè? Arte! (esce)

Piero - E cussi el me ga pecorà anca i çinquanta franchi! E

po’ i discore de autorità paterna...

Rosa - Ti podevi mòvarte ti, vero?

Piero - Za! Perché son mi el servidor de casal..!

Rosa - Ma gnanca to fio. Cori, va là..!. Gas tu paura de

scavezarte le gambe?

Piero - (brontola) Mi... mi... Vado, vado... Bogion de un

mondo!... Se torno a nassar un'altra volta... (esce

portandosi il fiasco)

Rosa - Prepara la tola, dai; che mi intanto grato sta crosta

de carne brusada.

Andreina - (rovistando nel cassetto) Benon! Qnanca più un cortelo

neto in cassèla. |

Rosa - E lavali. No ghe vorà tanto, mi digo.

Andreina - E co cossa? Se'1 rubineto no buta.».

Rosa - Ah, za!... Ma, prima de andar fora, l'acqua ghe gera!.

E ti, co la to pressa. Gnanca che te mancasse la tera

soto i pìe...

Andreina - Se la comedia no se la sente da principio no ghe xe sugo.

Rosa - Ma se almanco se vegniva fora un fià prima...

Andreina - E alora no se capisse come che la vada a finir. E mi go

caro de gaverla sentia tuta. (con intenzione) Per mi...

e per ti.

Rosa - Credistu che no gavesse capìo l'antifona?..? - El caso

de to sorela, vero?... Mètarmelo soto el naso...çercar

de tocarme el cuor. E ti lo sa che se fusse sta per

mi... To pare ti dovevi condur, invesse, a la comedia; e no

mi, pòvara disgraziata. Che se el lumin de la Madona pò-

desse parlar, ti savaressi quante lagreme...

Andreina - Lo so, marna; e xe per questo che spero sempre... Ma no

me fido del to modo de far col papa... I risultati te

li ga visti... Più che ti çerchi de torlo in dolge e

più el dà indrlo come i muli. El papà no xe cativo...

ma ghe voi altro che i to sistemi... Se ti me lassassi

far a mi... E una volta o l'altra, ostrega, la trovarò

mi la maniera de ciaparlo per i corni. Son disposta a

zogar tuto par tuto pur de mètar a posto mia sorela.Ma

bisognarà che ti te me aiuti.

Rosa - Agiutarte, come?

Andreina - Magari tasendo, o tagiando la corda co xe necessario.

No te soride l'idea de averla una bona volta qua co

nualtri co la sua creatura?

Rosa - E ti me lo disi? Ma se gnente gnente digo una parola,

el me subissa... - "L'onor de la faraegia..., le cia ìcole

de la zente" .

Andreina - Ma sora tuto, ela; el so bambin; e nualtri, che gavemo

bisogno de no vivar più co sto magon.

Rosa - (titubante) Dime la verità..; - In montagna ti la ga

vista?

Andreina - Sicuro che la go vista'. Dove credistu che sia sta da in

sti do mesi? ,

Rosa - In Val Gardena co ela?

Andreina - No; no la xe più là. A Pieve de Cadere, in un bar

Destin de famegia, se capisse, Gavemo tolto una camara

insieme. E ghe go rancurà el fio, almanco in sto primo

tempo. Come podevela far. se no? No la podeva minga portarse

el bambin drio al banco!...

Rosa - Geri d'acordo dunque?;

Andreina - Ghe vol poco a capirlo. Per gnente no semo sorele. Anca

se'l mio caratere xe diverso dal suo...

Rosa - E cussì el picolo ti lo ga visto?

Andreina - No te go dito che me lo son sbrassolà per più de un mese?

Rosa - E come xelo?... Ti podaressi anca dirme, no?

Andreina - Un spetacolo. Un bocolo de rosa. Anca se so mama no gà

late, el s-ciopa de salute. E de una bontà, benedetto...

A la note el se fa sete ore filate. E apena svegià, el

se magna una s-cuela de pape granda cussì.

Rosa - E no ghe fa patéla sul stomego?

Andreina - Macché!... §erto ch’l dà tanto da far: - E càmbielo,

e lavilo, e sughilo! e metighe el late a bagno-Maria...

Rosa - E come farala adesso che no ti ghe xe più ti?

Andreina - Gaverno trova una toseta de montagna che ga tanto sestin...

Xe za tanto che mi gabia possudo aver un altro mese de

permesso, (l'acqua sbocca con violenza dal rubinetto)

Rosa - Manco mal che xé tornada l'acqua. Sera el rubineto e no

farte capir da to pare, se no el xe muso capasse de

portar indrio el vin ...

Andreina - Eco fato:, (chiude il rubinetto)

Rosa - (tornando al suo discorso) E... dime..?... quel'altro....

se galo fato più vivo?

Andrein - Quel'altro, chi?

Rosa - Quel svizzaro che gà fato quel bel servizio, El pare

del fio, insoma...

Andreina - El ga scrito anca l’altro giorno da Losanna. El xe un

galantomo <<quel'altro>>. E ti vedarà che presto tuto

sarà a posto. Ma tuto sarìa andà a posto l'istesso an-

ca se la fusse restada qua in casa. E cussì, invesse,

la gà corso el ris-cio de perdarse per el puntiglio

de un pare rabioso.

Rosa - No dir questo, Andreina. Se no'l la ga vossuda più den

tro de ste porte, xe sta per un punto de onor.

Andreina - Bell'onor', dasseno! Prima de l'onor ghe xe el cuor.

E quela stupida che no ga savudo tegnirghe testa!...

Se me fusse trovada mi al so posto, gavaria fato el

diavolo a quatro!...» (alzando la voce) Ghe lo gavaria

zigà sul viso, come quela disgraziada de la comedla:

"Difendo la mia creatura co le onge e coi denti!... Sangue

del mio sangue, carne de la mia carnei Guai a chi che

me la toca!" Altro che la pampe de mia sorella!

Piero - (di cui si è sentito il passo sulle scale, soffocato

dal dialogo delle due donne, è apparso sull'uscio ester

re fa ito) Cossa?!... Ti ga un fio anca ti?!

Rosa - Senti st’altro, qua! |

Andreina - Papa?! Ti xe veghudo co fa i gati?

Piero - (violento) Che gati? Stavo per entrar... Parla! Rispon-

di! ... Ti ga uà fio?!!

Rosa - Ma te par, Piero?!

Piero - Ti tasi!

Andreina - Te lo gastu insognà stanote?

Piero - Se ti lo ga dito qua adesso?..

Rosa - Un scherzo..,; el xe un scherzo..',

Piero - Ah, un scherzo?.. Anca quelo de so sorela pareva un

scherzo e invesse el xe sta un piavoleto in carne e

ossi!...

Rosa - Andreina...! Andreina!... Spièghige..'

Andreina - (assecondando il gioco; con improvvisa decisione)

Ge xe poco da spiegar. Questi xe afari mii. (e si porta

vicino alla madre alla quale fa dei cenni perché la

assecondi)

Piero - Dime che no xe vero!... Dime che no xe vero!... Parla,

desgraziada!

Andreina - Ben?... E se fusse?... Vorìa proprio vedar quelo che

ti faressi.

Piero - In do te scavezzo!

Andreina - Te seca proprio tanto de essar nono do volte?

Piero - Sèntila sta bardassa! Cossa ghe entra el secar?

Andreina - A ogni omo de la to età dovaria anzi farghe piasser.

Piero - Ma co le so carte in regola, come che Dio comanda!.. (alla

moglie) E ti ti lo savevi? E no ti m’à dito gnente?...

(urlando) Ve' scavesso tute do!

Rosa - Scavèssime; ma boca cusìa, varda! - Ti m'à dito de ta-

sar, e mi no parlo più; gnanca se ti me tiri fora la

lengua co la tenagia.

Piero - (battendosi ira fronte) Ah!.. Adesso capisso cossa che

voleva dir siora Regina! .. "Do mesi fora de casa.

Calada de diese chili!...

Andreina - Per quelo gavaria basta apena tre...

Piero - E ti me lo disi co quel muso de tola?... Persa! Persa!

Pezo de to sorela. E quel papa-mola che xe anda fora

adesso? Per quelo no’l vegnlva più in Cale de le Pigna-

te! Altro che malinconia per l'otomana, per le parole

incrociate!... Adesso, col capita, ghe le incrozo mi le

parole in boca|... E forai Fora!... Ti e anca lu. No'l

xe posto quésto per çerti pastizzi.

Andreina - Se fusse quela sempia de mia sorela, forse, si. Ma mi

go nome Andreina. Qua son nata e qua ghe resto.

Piero - Ti ghe resti?!... (balbettando nella sua

esasperazione) Ma…, ma..', ma... Mi me domando e digo se

son ancora a Canaregio o nel mondo de la luna...

Prima una e dopo st’altra

Andreina - Ma se una ti la ga mesa fora de casa, xestu sicuro che

St’altra no se taca a la manegia de la porta? Le fie

no xè strazze da forbir; e i fioi de le fie manco che

manco.

Piero - Ah, cussi?... Xe questo che ti ga complotà co to mare?

E la mia casa dovaria deventar la fornitrice del Pio

Logo?

Andreina - Volendo, qua ghe xe posto per tuti; basta strucarse.

Piero - El §ervelo, te struco!

Andreina - Ti va in galera. E alora chi ghe pensa a la mia picola?

Piero - Una femena?...

Andreina - Se mia sorela te ga fat el mas-cio, mi go pensa' ben de

farte la femena.

Piero - Anca una femena? pezo che andar de note! Vustu vedar

che vado fora mi? Che deventa un ladro se me vede più

dentro de ste porte!

Andreina - Questi xe afari tui.

Piero - Si. Ma anche, i bezzi che guadagno strussiando xe afari

mii. E gavarè un bel d'aspetar la paga de la setimana.

Li spendo tuti in eotarla, varda.

Rosa - (rapida) Cossa? Ti voressi lassarne senza un bezzo? Far

sgangolir le to creature? Preçipitarne ne la miseria?

Piero - Gastu visto se no ti la ga trovada la favela?

Voce - (di fuori) Sior Piero!

Piero - Chi xe? Cossa ghe xe?

Voce - (cf.s.) Mia fia xe tornada. Atento che ghe calo zo el

mazenin.

Piero - In malora anca el mazenin!

Rosa - Se se rompe un pò la corda, se va a ris-cio de copar

qualche crlstian in cale;, (si vede, oltre la finestra, il

macinino che scende {lentamente. Ad un tratto la corda

si spezza e il macinino piomba giù con un tonfo) II

guaito di un cane) Gnanca el tempo de dirlo! Senti,

creatura, come chel ziga!

Andreina - Questo xe un can, no un cristian.

Regina - (entrando di corsa) Gossa xe sucesso, siora Rosa?

Rosa - El mazenin in cale: Se ga roto la corda.

Voce di

uomo - (dalla calle) Vigile! Vigile! ... Fioi de cani! I me

ga copà el can! .

Regina - Maria santa!... Ghe xe anca el vigile! ... Co sta carestia

de vigili che ghe xe a Venezia, el doveva passar proprio

adesso!...(ad Andreina) Ciò; cori, cori da basso

rancurarlo.

Andreina - El vigile?

Regina - Ma che vigile!...

Andreina - El can?

Regina - El corpo del reato... - El mazenin!

Cesarin - (irrompe dall'uscio semiaperto; in una mano tiene il

cartoccio della panna e nell'altra il macinino) Andreina!

Andreina, tesoro mio! (e l'abbraccia. Depone il

cartoccio sulla tavola e consegna il macinino a Rosa)

El me ga sfilà per miracolo (festosissimo a sior Pie-

ro) Sior Piero! Notizie grande! Al bar, in fondamenta!...

Una barafùsola!... Ghe xe anca i giornalisti... -

Rosa - Carleto ga fato tredese?

Cesarln - No. Apena sete. Ma i ga trasmesso ansa i binamenti de

la lotaria de Merano. Ghe semo dentro!!

Piero - Ah, sì? Ah, ti ghe xe dentro?... (avanza minaccioso) E

mi te buto fora!

Cesarln - Cossa dlselo, sior Piero? Lu voi scherzar.

Piero - (investendolo) Fora de casa mia! Sporco!

Cesarin - (sbalordito) Co chi la galo?

Regina - Cossa galo fato?

Piero - El me ga rovinà la fia, sta carogna!

Andreina - (sottovoce, a Cesarin) Sta saldo; no movarte. Dopo te

Spiegarò.

Cesarin - (prendendo coraggio) Mi de qua no me movo!

Piero - (furente) Ah, no? - E alora vado fora mi. Credevi che

disesse per scherzo, vero? (avviandosi deciso) Bondì

siorìa.

Andreina - (quando il padre è già sull'uscio) Papà?... E la gia-

cheta? (e gliela porge)

Piero - No me ne importa gnente, (e fa ancora per andarsene)

Andreina - Ghe xe dentro el portafoglio.

Piero - (afferrandola subito) Dàmela qua. (se la mette sul brac-

cio, scorge il cartoccio della panna sul tavolo; se lo

prende e lo lancia in faccia a Cesarin). E ti tiente la

to pana! Carognal Traditori!!! (ed esce precipitosamente)

Cesarin - (brancolando, accecato) Agiuto!!... Andreina, tesoro,

dove xestu?... No te vedo più!... Tuto bianco! Tuto

bianco! (col dito si toglie la panna dagli occhi e se

la ficca in bocca)

Regina - Vergine Santa! El lo ga inerba I... Varda in che stati,

creatura!... El me par Babo Nadal!

S I P A R I O


ATTO SECONDO

Il medesimo ambiente del primo atto; ma l'arredamento

è completamente cambiato. I vecchi mobili sono sosti-

tuiti da altri nuovi e di stile moderno. Anche il la-

vandino e il fornello sono mascherati da un paravento

del medesimo stile dei mobili. Alla, finestra una fresca

tenda tutta quadrettata.

Campane delle Messe alle Chiese vicine. Carlo, in

pigiama, è seduto al tavolo di mezzo e sta sorbendo

il caffelatte.

Rosa - Vustu ancora un fià de cafelate, Carleto? (fa per ser-

virlo)

Carlo - No; me basta, mama. E po' bisognare lassarghene anca

per l'Andreina; e per el papà, se'l ne farà la gra zia

de farse vivo.

Rosa - L'Andreina ga marendà prima de andar a Messa? e, in

quanto a to pare, go i me riveriti dubi. Se no'l se ga

fato vedar fin a sta ora... - Un bel pastizzo, si, la

ne ga combina quela fia...

Carlo - A dirte la verità, scominçio a essar in pensieri anca

mi. Va ben che l'Andreina xe l'ocio drito del papà e

la ga sempre dimostrà de aver del sal in zuca... Una

stupida no la xe mai stada... Ma go paura che a furia

de colpi de testa... - Domenega de sera la càbola de

la putela..!, geri la corsa a Pieve per torse el

mas-cieto de la Fina...

Rosa - Mi no capisseo gnanca come che la gabia fato a darghele...

Carlo - Ti lo sa ben che co Andreina se fica un ciodo, no ghe

xe barba de omo ohe sia bon de tegnirghe testa,,, -Per

le pape, pò, la xe più pratica ela de so sorela... Col

tirocinio che la ga fato in quei do mesi de montagna...

E po' la dlse che se trata de pochi giorni.**

Rosa - Te galo da fastidio stanote?

Carlo - Macché!... Mi no lo go gnanca sentio...

Rosa - Infati, el xe sta un anzolo, benedeto!.. -Apena una

fifada verso le do, una bosseta de caffelate e po' tuta

una tirada che ancora el xe drio.

Carlo - Se capisse che'l xe san come un pesse. (scampanellata)

No ghe son per nissun, ricordite. Speçie peafr quei cazza-

fati qua de fronte che vol sempre metar el naso nei afari

dei altri. Te xestu, gnente, gnente, fata capir per-

cossa che'l papà ga tagià la corda?

Rosa - Fusse mata!... (Carlo esce a destra, secondo uscio)

Voce - (dal basso; quella del portalettere) Samassa!... Postaa!

(Rosa esce a sinistra)

Rosa - (rientra poco dopo con un pacco di lettere; è con lei

siora Regina, vestita a festa e col velo nero sulle

spalle) La vegna, la vegna avanti. A che Messa xela stada,

siora Regina?

Regina - A San Feliçe, siora Rosa.

Rosa - L'Andreina xe andada invesse co Cesarln a Santa Fosca.

Ma i gavarà çerto fato la solita tapa al bar in Fonda-

menta. Queli se no i se sgionfa de paste no i sta ben.

Ma no pol far che i sia qua. La me scusa, sala, se no la

go fata entrar geri de sera; ma voleva che la vedesse

la casa messa a posto del tuto.

Regina - Ma la se figura, benedeta. Capisso, capisso...

Rosa - E po' la gavarà visto anca ela la confusion che ghe gera

per le scale... - I mobilieri che portava la roba nova,

i fachini che strassinava in sofita quela vecia...

Regina - (guardando intorno) Uhhh, che meravegia! In manco de

una setimana... Gnanca che i gavesse batùo la bacheta

magica!... E roba massissa, ciò. No minga come quela

de siora Filomena, al pian de sora, co una misera car-

tela de rimesso. No la podarà çerto lagnarse del so

Carleto, siora Rosa.

Rosa - Oh, no de sicuro, il ga fato le robe senza economia. El

so primo pensier xe sta quelo de metar a posto la casa

Regina - Bel resto, el podeva ben farlo. Co quel bocon de fórtuna

che ga tocà... El secondo premio? Cinquanta milioni!

El xe nato co la camiseta, quel fio.

Rosa - E che 'l cavalo xe sbrissà su l'ultima voltada. Se no

i sarla stai çento. Par un maledeto sbrisson... E po',

lo sala che’l xe in società eo Cesarin?

Regina - Dasseno? Questa me riesse nova, A ogni modo la xe tuta

roba che resta in famegia. E i se lo merita, E anca ela,

siora Rosa. No son de quele che gabia invidia; e penso

che no la starà più ne la pele da la contentezza, vero?

Rosa - No la me lo diga, siora Regina. Se no gavesse sto magon

sul stomego..,- A sto mondo no ghe xe rosa senza spini.

Regina - Per so marlo, vero?

Rosa - La poi ben imaginarse... E ela..., la me sia sincera,

siora Regina: - Sior Bastian ghe ne salo gnente de lu?

Ghe galo dito gnente?

Regina - Gnente, benedeta. E pò eia conosse mio mario; pien de

discrezion come ch'el xe...

Rosa - Ma anca senza discrezion,,, A la sera i vegnìva sempre

a casa insieme.., i fasseva la strada in compagnia...,

Gera pur logico eh'el ghe domandasse percossa che no'l

ciapava co lu la filovia....

Regina - Luni de sera el ghe lo ga domandà; e lu ga risposto

ch'el dormiva dal custode de la Breda. Ma, dopo de

alora, no son stata bona de cavarghe una parola de

boca.

Rosa - (sospirando) Mah!...

Regina - §erto che no xe façile rendarse conto... Una setemana

intiera fora de casa... S'el fusse zovane, se podaria

anca pensar... Ma a la so età?...

Rosa - A la so età ghe voria almanco un portafoglio s-gionfo

cussì, per farse spenaciar... E lu, povarasso... E ba-

stasselo solo el portafoglio... Ela me capisse, siora

Regina...

Regina - E pò, drito come ch'el xe...; inamorà de la so fame-

gia...- El ga da essar plutosto zo de nervi... Disela

gnente, eia, quel pò pò de batosta per so fia Pineta?

Anca Domenega de sera, prima che lore tornasse

dal cinematografo, el me n’à dà una destirada... El

dise che no'l vol gnanca più sentirla nominar. Ma el

ga d'aver soferto el sofribile... E cussì i nervi va a

rodolon. Quel simiton, po', che'l ga avudo de tirarghe

el scartosso de la pana sul viso a quel povero

Cesarin?... Percossa?... - Nervi,

Rosa - Pol darse che la sia cussi.

Regina - (osservando il pacco delle lettere che Rosa tiene tra

le mani) Ihh, quante letare, siora Rosa!...

Rosa - Tute per Carleto. E questo xe gnente. A ogni giro de

posta un paco cussì. E anca de più; specie nei primi

giorni.

Regina - Un bel da far a lesarle tute. Bisognaria che'l se

tolesse un segretario.

Rosa - Qualche volta ghe agiuta Gesarin; ma po' i finisse

De darghe apena un'ociada, per butarle sul fogo co i ga

leto le prime righe. Se poi imaginarsela: - Tute bata-

rèle. O proposte che no sta né in çiel né in tera. Ma

no go mai visto Carleto co tanto comprendonio; adesso,

che'l ga sti quatro soldi, el dise che'l vol pensarghe

su diese volte prima de metarli a fruto.

Regina - I soldi fa el giudizio.

Rosa - Se capisse che a lu el giudizio, che xe vegnudo subito,

perché de quei soldi no'l ghe n'à tocà uno. Ghe gera i

so amissi che voleva far baldoria... ma i xe restai a

boca suta. - Da domenega passada el me par un altro,

siora Regina.

Regina - Che domenega, siora Rosa! Me la ricordarò fin che vivo..»

Go ciapà uno de quei scafurli!... Per fortuna che Cesarin

xe arlvà in ritardo per no ciaparse su la testa el mazenin.

Rosa - Creatura de Dio! Cussi delicato che'l xe!... El xe anca

Gemilo!... Dir che'l podeva restar sul colpo!

Regina - O almanco insemenio per tuta la vita.

Rosa - E invesse ga tolto de mezo el can de siora Lùssia...-

Lo sala che la voi farne querela per dani? La ne ga fato

serivar da l'avocato Bresolin.- "Cane di razza pura", el

dise. Quel fiol de diese pari!

Regina - L'avocato Bresolin?

Rosa — No; el can. .

Regina - Che colpa ghe n'ali lori? Se mai, la colpa saria stada

de siora Zanze, che lo ga calà zo co la cordeta. O mia,

ghe gera vegnuda a domandarghelo.

Rosa - Cossa ghe entrela, ela, siora Regina? Alora, se andemo

avanti a ragionar de sta calada, la colpa xe anca de la

sotoscrita che ghe lo gaveva imprestà a siora Zanze.

Andreina - (entra da sinistra con Cesarin Questi è vestito a festa ed

ha il singulto) Semo qua. Bon giorno, siora Regina. Ciao

mama.

Cesarin - Servosuo, siora Regina, (singulto) guarda timorosamente

in giro)

Regina - Cari sti sposeti!

Andreina - (guardando essa pure ansiosamente intorno) Gnente?

Rosa1, - Gnente. Ghe ne parlavimo adesso, qua, co siora Regina...

Cesarin - Per mi, se'l tarda anca fin a sto Nadal... (singulto)

Andreina - Ti la finirà, no?.,. Ti ga vossudo farte mètar la graspa

sul café...

Cesarin - Ti discori, ti. Bisognava pur che ciapasse coragio.

Andreina - E invesse ti ga ciapà el sengioto. (guardando il pacco

di lettere che la madre tiene sempre tra le mani) Ancora

posta?

Rosa - Varda; anca ancùo...

Cesarin - La me daga qua. Carleto xelo anda fora?

Rosa - El xe ancora in camara.

Cesarin - (osservando le sopracoperte delle lettere) E no i ghe

mola minga, savèl... Varda qua che roba!... (singulto) -

Ciò; ghe ne xe una anca da l'estero.

Regina - Fin là in fondo i xe vegnudi a saverlo!

Cesarin - Vardè i timbri... - Sassari... San Giovarmi in Bosco...

Asti... Ferovia...

Rosa - Ferovia?

Andreina - Venezia ferovia, no ti vedi?

Cesarin - Ah! E do anca da Marghera.

Andreina - (subito) Dame qua. Fame vedar. (Cesarin le passa le let-

tere) Che una sia del papà?

Rosa - Quela no xe la so seritura. Col scrive lu par che'l fa-

brica ganzi da bècher...

Andreina - (apre la lettera e legge) "Moglie e figli senza cuore,

che avete messo fuori di casa quel povero vecchio operaio.

che vi diede i natalli...(commenta) Nualtri lo gavemo

messo fora de casa?... (riprende la lettura) non

avrete pace sulla terra. Egli sta vagolando tutte le sere,

per le piaghe più recondite di Marghera..."

Rosa - Le piaghe? Che piaghe?

Gesarin - I gavarà vossudo dir "per le plaghe"...

Regina - Ahi Nei paragli.

Andreina - (continua a leggere) "Ma se egli compirà un gesto dispe-

rato, la giustizia umana e quella divina piomberanno sul

vostro capo."

Regina - Come el mazenin.

Rosa - Vustu vedar che questo el xe sta lu a detàrghela a qual-

che so amigo?

Andreina - No. No lo credo. El papà no xe capasse de questo. Qual-

che invidioso del premio, piutosto.

Rosa - Ghe xe firma?

Andreina - Gnente firma. Vedemo st'altra* (apre la seconda lettera)

"Società Calcistica Giovanile - Bandiera e Moro -

Marghera". Siamo una squadra di ragazzi appassionati del

calcio. Abbiamo un portiere che fa sfaville. Ma ci man-

cano ora solo il pallone, le maglie, i calzoncini e le

scarpe e non abbiamo soldi per acquistarli. Ci rivol-

giamo cosi a lei, tanto fortunato, sicuri che potrà cer

tamente regalarci almeno i costumi, magari di seconda

mano. Qualunque colore andrebbe bene, purché non sia

quello del Venezia."

Cesarin - Anca lori la ga col Venezia! (sorpreso) Me xe passà el

sangioto. (appallottola la lettera e fa per gettarla

via) – Fogo!

Carlo - (che è apparso in vestaglia con le iniziali d'oro, al-

l'uscio della sua camera) Ma no. Percossa? Col portie-

re che fa sfaville... Co poco se pol acontentarli.

Andreina - Bondì, Carleto. Uhh! Come semo eleganti!

Carlo - Ciao, Andreina. Bongiorno, siora Regina.

Regina - Bondì, vissare. Come se vede che ti xe nato per essar

un sior.

Andreina - Varda questa che ga el bolo tedesco.

Carlo - (prendendo la lettera) No; el xe svizzaro.

Cesarin - Qua xe scrito Elvetia..

Carlo - Che vol dir Svizzera.

Cesarin - Ah, si! In dialeto.

Carlo - (apre e tenta di decifrare, leggendo come sta scritto) "Mon

cher beau frère. Excusez moi si j'aime vous appelér"... - Mi

no capisso gnente.

Ce sarin - Par forsa! Te lo go dito che i ga scrito in dialeto!

Rosa - Mocher, appeler. Pelarte, el vol! No ti ghe arivi?

Andreina - La xé in francese. Orpo! So mario, siora Regina, che

xe sta a lavorar tanti ani in Belgio.

Regina - Ghe lo ciamo subito. Speremo che ‘l sia pronto. Lasso la

porta averta, (esce a sinistra)

Rosa - Chi che sia?... Varda la firma.

Carlo - (legge il foglio a tergo) "Lucienne. Lucienne Ghèrard."

Andreina - El moroso de la Pina!

Rosa - Quel coridor de bicicleta de la malora? Vustu vedar

che'l ga savudo anca lu de la to vincita e adesso el

vol pelarte? No ghe par de averghene fato abastanza dei

dani in casa nostra? E 'sta sempia qua che vien dirme

che'l xe una persona da ben.

Andreina - Aspeta che sentimo da sior Bastlan.

Rosa - Aspeta... aspeta... e intanto, per ascoltarle ti, fra

una storia e l'altra, varda in che stati che se trovemo.

Oh, ma se to papà no torna dentro ancuo, doman vado mi

a Marghera e ghe spifaro fora tuto.

Andreina - (un pò sfiduciata) Fa come che ti vol, mama. Pol darse

che me sia sbagliada. Ma pol darse anca che, al punto

che semo arivài, sia pezo el tacon del buso.

Bastian - (entrando da sinistra, con Regina; è in maniche di ca-

micia) Ecome qua. Cossa ghe xe?

Carlo - El scusa, sior Bastian. Lu lo conosse ben el francese,

vero?

Bastian - §erto. Je m'arrange.

Rosa - Starà vedar, po', se’l se lo ricorda.

Cesarln - Oh, la xe una lingua che una volta imparada, no se la

desmentega tanto fagilmente. Vero, sior Bastian?

Bastian - Per quanto ghe ne sia passai dei ani...

Carlo - El fassa el piasser; el ne leza sta letera; el ne diga

de cossa che se trata.

Bastian - (mette gli occhiali e legge) Vedemo. Voayon, "Mon cher

beau frère" Mio caro cognato. Cossa? Ti ga un cugnà in

Svizzera?

Rosa - Un bel muso roto! Adesso, perché ti ga i soldi, el te

ciama cugnà.

Andreina - Lassa che'l vada avanti.

Bastian - (legge quasi scorrendo) "Excusez moi si j'aime vous appe-

ler ainsi dans cette lettre; mais j’ai le plaisir de

vous annoncer que ont etè dèjia envoyèes près du Suisse

Consulat de Venice les documents de mon mariage avec

votre soeur Josephine". Senti, senti, ciò. El dise che

xe pronti i documenti per sposarse co la Pineta. El li

ga za spedii al Consolato Svizzero de Venezia.

Rosa - Un altro buridon.

Andreina — Percossa, mama? Abi pazienza.

Bastian - Lasséme andar avanti. (legge) "... J'ai conclu ma car-

rière de coureur cycliste par un infortune..." Nol

core più; el se ga fato mal.

Rosa - Magari se fusselo roto le gambe dies'ani prima!...

Andreina - (con rimprovero) Mama! Co'l picolo che xe de là?...

Bastian - Tasè una bona volta, (legge) "Mais, par contre, J'ai

crèè une fabrique de bicyelettes qui portant mon nome

Et dise che'l ga impiantà una fabrica de biciclete col

so nome. "Je serais bien heureux de fair connàitre ces

cycles aussi en Italie: Je vous prie pourtant de èva-

luer la possibllitè de crèer un dèpot près de Venice

et de me trouver eventuellement un associè." Bona idea,

questa| Ohi de cani de Svizzeri! I ga la testa su le

spale! - El voria metar su un deposito anca in Italia,

possibilmente vissin a Venezia. El çercaria anca un

socio... El te prega de interessarte.

Cesarin - Soto, Carleto!

Bastian - Je crois d'etre a Venise le mois prochaine et j'esperé

de trouver vos bonnes nouvelles.- El capita a Venezia

sto mese che vien. "Avec beaucoup de joie; mon beau

frère, je vous embrasse avec Papa et Mama.- Lucienne

Ghèrard." - E tanti struconi a ti, al papà e a la mama,

el dise. Ah, ben! Questa no ve l'aspetavi de sicuro!

Regina - No se dise mai quatro co no'l xe nel saco. Crèdarghe a

'sti foresti!...

Bastian - Aspetè che ghe xe una zonta. (legge) Vous serais sans

dout a connaissance que j'ai deja rèconnu mon adorè

petit enfant Pierre." - Una zonta che xe una canonada !.'..

El ga rlconossùo el picolo! El ghe ga messo nome Piero!

Regina - (raggiante) Dasseno? (sbotta) Questi xe galantomeni! No

come i veneziani che i brusa e po'i se squagia.!

Andreina - (tranquilla) No te lo gavevo dito, mama, de star tran-

quila?

Rosa - Ti ti lo savevi?

Andreina - Sicuro che lo saveva. Te par che, senza aver qualcossa

de positivo in man, ris-ciasse un colpo de testa cussì?

Rosa - E percossa no ti ga parlà?

Andreina - Perché sta sodisfazion volevo darghela prima al papà.

E lu, lnvesse... (scampanellata, attutita, all'apparta-

mento di contro) ,

Bastian - E invesse... go paura che'l gabia sentio la calamita

de la to vose. Questo dovarìa essar proprio lu.

Andreina - El papà?... Noo?!

Rosa - Se i ga sona de là?

Bastian - (a Regina) Va a verzar

Regina - Xe domenega e nualtrì no aspetemo nessun...

Bastian - E alora lassa che i tira zo la campanela! Uhmm! Cori!

Movite!(via Regina) Stava per vegnirvelo a dir co m'avè

fato ciamar per via de la letara.., Anca questa ga la so

importanza, no? Gera tre giorni che’l me tontonava perché

ghe portasse a Marghera la roba da cambiarse. E mi ghe go

sempre risposto che'l vegnisse a tòrsela qua; che questa xe

la so casa,- "E alora stago sporco un'altra setemana!", el

dise, Infin gavemo trovà una via de mezo. Stamatina el vien

in Cale de le Pignate; ma in casa mia. Per cambiarse de là,

Rosa - Cossa? Buto la ciave del comò in acqua, piutosto!

Bastian - Me credala cussì sèmpio?... La lassa far a mi, che,co

le bone o co le cative... Ma vualtre no fé storie, me

racomando, (fa per avviarsi)

Regina - (appare sull'uscio di sinistra) Bastian!

Bastian - I ga sonà, vero?

Regina - Sastu chi xe?

Bastian - Me lo imagino.

Regina - (sorpresa) Ti te lo imagini?

Bastian - Sì, Piero. Chi vustu ohe sia? Mi lo saveva che stamati-

na el vegniva da nualtri.

Regina - I no ti m’à dito gnente?

Bastian - Gnente. Perché a sta ora lo savarìa tato el popolo co-

mun, dal Gheto a l'Abazzìa. Dai, andemo. E lassa che

parla mi. (esce con Regina)

Cesarin - Adesso me xe anda vìa el sengioto, ma me xe tornada la

- paura.

- Andreina - De cossa vustu aver paura, macaco?

Cesarin - Cossa se ga da far? Son sta cussi fin da putelo: - Se

so da essar da la parte del torto, me difendo co un co-

ragio de fero; ma se i me incolpa senza razon, casco da

tute le bande.- "Complessi de inferiorità" i di se. E ti,

adesso, ti me s-gnachi in mezo a sta façenda , cussì?»

In fondo la figura del mascalzón la fasso mi; e se ciapo

un fraco de bote...

Andreina - E no ghe semo qua nualtri?

Cesarin - A vardarme a ciaparle?..! No ghe xe versi; bisogna che

vada almanco a tirarme suso un pocheto.

Andreina - Ma dove vusto andar?

Cesarin - Al bar, qua in Fondamenta. Te go dito che torno. Deghe

un'ociada che nol sia sul planerotolo...

Andreina - Se no ti xe qua farà do minuti, vegno a tórte mi per una

Recia. E alora te lo dago mi el complesso de inferiorità.

Rosa - Za che ti va zo in fondamenta, passa da Nane stagnin a

ritirar el mìo fero da stiro. Quelo lavora anca de

domenega...

Cesarin - La servo senz'altro, siora Rosa, (sgattaiola fuori)

Rosa - Adesso, s'el xe bon de strassinarlo qua dentro, sucede

el maremoto! Bisogna ch'el me domanda scusa in zeno-

cion, lecando per tera.

Carlo - Brava. Cussì ti sparagni le scoe.

Andreina - E lu ciapa la porta un'altra volta. Politica ghe vol.

- Guai darghe l'impression che se lo aspetava col s-ciopo

spianà. Scontroso come ch'el xe... - In fondo, mi cre-

do, ch'el gabia vogia più lu de nualtri de rimètar pie

qua dentro»

Carlo - Co'l sentirà, pò, cossa che xe andà maturandose in sta

Settimana...

Andreina - Co ghe faremo vedar la letera da Losanna.

Rosa - Ti credi ch'el tassa i salti mortali?

Andreina - No’l farà i salti mortali, ma, soto soto, in cuor suo...

Chissà che rosegamento in sta settimana...

Bastlan - (d.d... imperioso) Ma vien qua, in malorsega!...Mòvite!

Andreina - Ecoli. I xe su le scale che i sbarufa...

Fiero - (d.d.) Go dito che no vegno.

Bastlan - (c.s.) Dài! No farte strassinar.

Piero - (c.s.) Questa xe una trapola! Questa xe una prepotenza!

Un bel amigo, si!

Bastlan - (c.s.) Sicuro che son un amigo. Se no, a sta ora, te

- gavarìa butà zo par le scale.

Piero - (c.s.) E finìla coi spentoni!... (spinto allo spalle da

Regina mentre Bastian lo trascina per le braccia viene

quasi gettato nell'interno della stanza. (Piero è tra-

sandato; ha la barba lunga.)

Bastian - Gavé visto che con le bone maniere?...

Piero - Un prepotente, ti xe, come a Marghera.

Bastian - E xe per questo ohe adesso monto la guardia su le sca-

le... - Perché no te salta l'estro de tagiar la corda

un'altra volta. E vualtri tegnivelo streto. Lighelo

magari a una gamba de la tola,(a Piero) Perché el to

posto xe qua. O per amór o per forza,

Reglna - Ben dito!

Piero - Ciò, putelo?.. Qua no ti xe el Capo reparto; e qua son

in casa... (vorrebbe dire "mia", ma si trattiene) Ben

insoma... si, digo... no son in casa tua eco. E togo

el svolo quando che vogio.

Bastian - E dove vusto svolar?... - No ciaparla su sto tono?, piavo-

lo; no ti vedi che qua tuti te aspetava e tuti te vol

ben?.

Piero - A mi ben no me ne vol nessun, (ironico) O per amor o

per forza, vero?... La corda al colo no me la lasso

métar...E in quanto a.., l'amor..., cossa vustu che

ghe sia amor qua dentro?... De quelo sporco!

Bastian - (con un'alzata di spalle) No te dago gnanca bada, var-

Da!... Vado a mètarme la giacheta. (esce a sinistra)

P A U S A

Carlo - (appoggiato allo stipite del,secondo di destra; con

Un sorrìso sulle labbra) Bon giorno, slor Piero,

Andreina - Ciao, papà.

Piero - (le da una sbirciata; poi, accennando a Carlo) Chi xelo

quel sior? (fìngendo dì riconoscerlo solo ora) Ah!...,

Ti ga anca le iniziali d'oro su la palandrana... Bu-

Saragna!... Ti ga paura de perdarte?,.. Se capisse che

la xe un'usanza de la mia zente, quela de perdarse,

(e guarda Andreina) - Ben, digo, vualtri?..!, Sogio o

no sogio paron de la mia roba? Ghe xe proprio bisogno

che passa prima dal Comissaria to per dispor de una

camisa e de un per de calzeti?

Rosa - Ti dovaressi passar invesse da un negozio de feramenta

a comprarte una tenagia.

Piero - Per verzar le seradure?

Rosa - Per cavarte quel ciodo che ti t'à messo in testa. Chi

t'à dito che no ti xe paron de la to roba? - Le camise

xe da una setimana sora el comò; e i calzeti dentro.Per

quanto ti podevi anca comprartene un per; tre sere go

lavorà a tirarghe suso i busi. E xe restai più straca-

gnoti che màgie!...

Piero - Mi,la roba mia, posso mandarla a tor quando che vogio

e da chi vogio.

Rosa - Per farghela vedar pò ai to cari amissi de Marghera

come prova che te gavemo butà fora de casa?

Piero - Chi ga dito sta roba?

Carlo - Le letare anonime che ne xe arivae.

Piero - Dime chi le ga scrite e vago a romperghe el muso.

Regina - E alora no le saria più anonime!

Piero - Mi, dei fati mii, no vado a rendarghe conto a nessun.

Per quanto, no ghe xe bisogno de ciapar un cristian a

peàe nel çesto per metarlo fora de casa... - (a Carlo,

riscaldandosi) E me maravegio che a ti no te sia restà

una fregola de quel che se ghe di se per vedar, per capir.

Carlo - Mi capisso una roba sola: - Che prima de lassarse ciapar

da çerte fumane, prima de tor çerte decision, bisognaria

pensarghe suso diese volte.

Piero - Ah, pensarghe suso, ti disl?... - Co l'onor de le fa-

megie che xe in balo? I scandali? Le ciacole de la zente?

Regina - Eh, che le ciacole dura, se mai, da Nadal a San Stefa-

No!... Ti credi proprio che la zente no gabia altro da

pensar che intrigarse de i fati de i altri?

Bastian - Senti chi parla!...

Regina - Specialmente in una çità granda come Venezia e ai tempi

che semo?

Piero - Ela la tasa! tuti i tempi xe tempi; e tuto el mondo xe

Paese. E Venezia, in fato de ciacole, xe più paese de

Martelago.

Regina - Ma anca a Martelago nasse dei fioi de sfroso. Ma apena

el Piovan mete le cose a posto... dopo un per de mesi,

nessun ghé fa più caso.

Piero - (Ironico) Che brava che la xe eia de mètarghe rimedio a

tuto!...

Regina - No ghe metarò rimedio, ma el creda, sior Piero, che le

coste rote xe megio giustarsele da soli.

Carlo - E no andar in giro a çercar el giustaossi...

Piero - (imbarazzato) Ma mi ma mi... Disi, disi...Ghe xe altro?

tro?

Carlo - Se no ti me lassi parlar... - Posso parlar?

Piero - Parla. Se me comoda, scolto; se no, dentro da una recia

e fora da st'altra!...

Regina - Mariaverginel Che bruto temperamento!

Carlo - Prima de tuto, càvime una curiosità: - A Marghera xelo

Gnancora,fìnio el sciopero dei barbieri?

Piero - (diffidente) Che discorso xelo questo?

Carlo - Ti me par un fuori lege... Co la barba longa una spana.

Piero - Oh... Che go altri pensieri, mi, che badar a ste sen-

piàe!... No go da intonarme, mi, coi cavei impegolai

e le vestagie de seda!... (cambiando) Ciò, moro? Cos-

sa xe che ti pensi de far? - A Marghera xe oto giorni

che no ti te fa vedar.

Carlo - Come ti a Venezia. del resto, Co la diferenza che mi,

qua a Venezia, go la Direzion General del Stabilimento;

e go fato presto a domandar quindese giorni de ferie.-

Gavaria dovudo capitar in quela bolgia de Marghera

per farghe svodar lo damigiane al osti? Xe pur giusto che,

dal momento che me xe capitada sto bocon de fortuna, me

toga el gusto de sentirme un sior almanco per un per

do mesi; in vestagia de seda e fumando "Turmac" invesse

de Nazionali. (offrendo la scatola aperta) Ghe ne vustu una?

Piero - (che sta caricando la pipa chioggiotta) No cambio usanze* Go

la Cioza...

Carlo - E alora fuma e sentite, fin che la mama te mete su l'acqua

Per la barba

Piero - (osservando i mobili) Sentarme? Indove?

Carlo - Ti me domandi anca indove che ti ga da sentarte? – Là;

dove che ti vol.

Piero - Queste no xe le mie careghe.

Carlo - Ti sta più comodo. Caso mai, ti me pagarà el nolo.

Piero - Dove xele andae a finir le mie careghe?

Rosa - (che ha già messo l'acqua sul fornello) In sofita.

Piero - Doman mandarò do fachini a torle.

Carlo - Per farghene cossa?

Piero - Per portarmele a Marghera!

Rosa - Cossa zele?... Un regalo per l'amato bene?... Ti ghe metistu

su casa? Ga d’aver razon siora Regina co la dise che a

Marghera ti ga da aver una pratica.

Piero - Siora Regina xe la regina de le ciacolene. Pratica de cossa?

Carlo - Se i lo dise tuti che ti gà un debole per la custode

de la Breda...

Piero - No dir sempiàe. La gavarà almanco setant'ani...

Rosa - Ah, perché se la "ghe n’avesse quaranta?...

Piero - Se la ghe n'avesse quaranta,... la santola canta!...(a

Carlo) Ben? - Sarèsseli questi i bei discorsi che gavevi da

farme? Se i xe questi, dentro da una recia e fora da

st’altra. |

Carlo - No i xe solo questi, no. Varda qua... (e mostra la let-

tera) La xe arivada che xe gnanca mez'ora. La vien da

la Svizera. Gastu nessuna conossenza, ti, in quel paese?

Piero - Si; son amigo del Presidente de la Republica Federale,

Carlo - Cossa falo? El coridor de bicicleta?

Piero - (gridando) De coridori de bicicleta in Svizera, ghe n'ò

sentìo nominar uno solo. E, se lo incontro, ghe scavez-

zo le gambe, che ghe toca caminar a gato-gnao per tuta

la vita.

Carlo - Bravo! E come falò alora a capitar a Venezia co le gambe

scavezae?

Piero - Che bisogno galo de vegnir a Venezia?

Carlo - Oh, gnente... sempiàe!... El bisogno de sposar una tosa

veneziana.

Piero - (colpito) Afari sui.

Carlo Ah, me piase!... A proposito de l'onor, de scandali, de

ciacole de la zente!... Ma vegnarà el giorno che Pietro b

junior ghe domandarà conto a Pietro senior de averghe

scavezà le gambe a so pare!

Piero - Pietro... giunior?... Chi saresselo sto... Pietro giunior?

Piero - Piereto?... Chi xelo sto Piereto?

Carlo - Ti ga capio el bergamo? Te xela andada fora da st'altra

recia anca questa?

Piero - scattando) E spieghete alora! Fora, in malorsega! Carte in

tola!

Carlo - Ecole qua le carte. Pecà che no ti conossi el francese.

Ma ti podarà fartela tradur da Bastian, come che gavemo

Andreina - Sì, papà. Ga scrito el fidanzalo de la Pina.

Piero - (ironico e amaro) Ah! El fidanzato?!... El fidanzato ti lo

ciami?

Andreina - Ben..., quelo là insoma... I documenti xe ormai spedii al

Consolato de Venezia; e lu xe su le mosse per vegnir a far el

so dover. E, in quanto al picolo, el xe stà ormai riconossuo.

Te par che no sia el caso de açetar sta grazia come una

benedizion?

Piero - (amaro) Eh, za! Faremo dir adesso un Te Deum de

ringraziamento! (amaro) E proprio ti, ti me lo disi? E co sta

benedizion tuto saria in ordine, vero? Almanco quelo, anca se

ghe gera quela strazza de montagne in mezo, el ga sentio el

dover... sto toco de piavolo invesse, che vegniva

tute le sere a scaldar l'otomana de casa nostra...

Andreina - (enigmatica) Bisogna lassar tempo al tempo, papa; e ti

vedarà che tuto se a comoda.

Piero - Che'l se fassa vedar da mi e el sentirà che tempo che

ghe sono! (s'ode il pianto d 'un bambino)

Rosa - (precipitandosi al fornello) Presto!.. El late!...

Piero - Gossa xe?

Rosa - La creatura; che dorme de là in camera nostra.

Piero - In camara mia?

Rosa - Dovevimo aspetar de domandarte permesso a ti che ti

geri anda fora de casa? - Del resto, se fa anca presto

a butarla in strada. Go l'esempio che ti ga da ti una

volta...

Andreina - Tasi mama. Dame qua. Passo mi, (toglie dalle mani di Rosa il

biberon; al padre) Dai, papà. No ti geri vegnudo per

cambiarie? Desbrìghite.

Piero - Là dentro?... In presenza de foresti?

Andreina - Foresti?... Creatura de Dio!...

Piero - Mi quela creatura no la conosso.

Andreina - Ti la conossarà.

Piero - Ti sta fresca!

Andreina - Bell'omo, si! Ti bati in ritirata davanti ai nevodi ape-

na nati. Figuremose boi gavarà vint'ani!

Piero - Batar in ritirata mi, che ai mii tempi go semenà per le

strade i assi del pedale? .

Andreina - Se ti rinunci perfin a cambiarie de camisa per no darghe

gnanca un'ociada?... De cessa gastu paura?

Piero - Go paura…, go paura..., de... (e fa l'atto di strozza-

re) specie se penso che la podaria somegiarghe a quela

carogna de so pare.

Andreina - Mètite i ociai fumé!

Piero - (impacciato) Ma mi..., ma mi... Trapole, Trapole

de femene. Ma apena che me son cambià... (esce a de-

stra, primo uscio,al seguito di Andreina)

Gesarin - (viene da sinistra, E’ acceso e lucido in volto per le

soverchie libagioni... Canta:) - Suoni la tromba, intre-

pido, io pugnerò da forte!...

Carlo - (indicando un cartoccio che Cesarin tiene fra le mani)

Cossa ti ga in quel scartozzo? Le armi per pugnare?

Cesarin - Roba de to mama. El fero da stiro, (e depone il car-

toccio sulla tavola) Gala visto, siora Rosa, se son

sta de parola? (guardandosi intorno) Dove xelo?

Rosa - De là in camara.

Cesarin - Orpo! Questo me smonta.

Carlo - Cossa?

Cesarin - El coragio, l'impeto!... Ma prima che me smonta mi del

Tuto...Sle bicerini de cognac go bevùo. E po': - A la

prima, se pol anca incassar, come disé vialtri in ger-

go sportivo; ma a la seconda..; specie co se ga la

coscienza neta come un ncolombin... (cambiando) Ciò, Car

leto: - Varda che, zo in fondamenta, go parla co sior

Tomaso, el mediator, per via dei depositi de biciclete.

(il bambino si tace) El m'à dito che a Marghera ghe sa-

ria un loto de teren proprio a l'imboco de l'autostrada.

Ma no bisogna pensarghe suso do volte perché ghe xe dei

altri che ghe fa l’amor.

Carlo - Su l’autostrada?

Cesarin - No... Cossa me galo dito? Ahi i ghe fa l’amor per

comprarlo?. Percossa ti disi de no?

Carlo - Se no go gnancora parlà? (si fa aria per la vampata di

esalazione alcoolica che esce dalla bocca di Cesarin) lo

prende per le spalle e lo gira) E se ti voi parlar ti,

voltite da l'altra parte.

Cesarin - (sempre un po' ebbro) Ma se de qua no ghe xe nessun, co chi

parlo? (rigirandosi verso Carlo) Alora domatina se podarìa

andarghe a dar un'ociada, te par?

Carlo - Percossa no? Bisognare sentir cossa che'l canta.

Cesarin - In caso se fa presto a rivendar; magari guadagnandoghe

sora. Xe sempre ben che, apena el svizaro ariva, el ve-

da che se semo dai le man d'atorno.

Andreina - (rientrando) Mama, vustu portarghe l'acqua calda per la

barba?

Rosa - Ben; ciò, cossa galo dito?

Andreina - El ga da un'ociada, per tresso. Ma son sicura che ades-

so el ghe ne da un'altra per drito.

Rosa - (toglie il tegamino dell'acqua calda dal fuoco) Che Dio

ne la manda bona! (ed esce a destra, primo uscio)

Andreina - (a Cesarin) Ah, ti xe qua finalmente! Se ti tardavi an-

cora un poco...

Cesarin - Afari, cara! Afari!

Andreina - Mama mia, che rosso che ti xe!...

Cesarin - Ti capirà... Quando che se discute...

Andreina - E quando che se beve...

Cesarin - Ben, ciò... qualche bicierin...

Regina - qualche bicerin, ti ghe disi? Se ti ga el naso lustro

e rosso come una saresa?

Bastian - (da sinistra) Permesso?...- Ben?... Tuto in ordine qua?

Carlo - Se le carte no fala... El xe de là che'l se cambia de

camisa.

Bastian - Manco mal. Gaveva sentìo alzar la vose.

Andreina - El staga tranquilo sior Bastian, che ormai mi credo che

tuto se meta a posto. Ghe gavemo parla de la letara,del

matrimonio, del riconossimento del picolo; e ne par che

tuto qaesto gabla avado el so efeto.

Bastian - Gera da aspetarselo, del resto. Soto quela scorza ghe

xe sempre un cuor de marzapan. Vecchie glorie sportive!

Go caro dasseno. Anca perché bisognarla che fassesse un

salto ai Santi Apostoli per un afareto.

Andreina - El vada, el vada pur, sior Bastian, Non se preocupa,

Bastian - Posso smontar de guardia, alora?

Cesarin - (con la lingua.grossa per.la sbornia) E quando che se

trovaremo al baro, faremo una bela bevuda!

Bastian - (imitandolo) Bravo! Quando che se trovaremo, ciaparemo la

sbornia.

Cesarin - Ah! Ah! Lu la ga za ciapada!

Andreina - (a Bastian) Arevedarse e grazie per tuto quelo che’l ga fato.

Bastian - Per caritàl Fra veci amissi... Arevadarse. (via mentre Rosa

entra da destra)

Andreina - El picolo se gaio tornà a indomensar?

Rosa - Machè!... El xe bon, benedetto! - Dopo averse pipà tuta

la bossa del late, el s’à fica el deo in boca; e, poi

ocioni spalancai, el varda so nono che se fa la barba,

(a Carlo) E ti, ancora in quei stati?

Carlo - Che stati?... – Ah! Per la vestaglia?... Ghe n’ò del

tempo, mama... Cò son pronto per scompagnar Silvana a

la Messa de mezogiorno a San Marco...

Rosa - Ghe xe proprio bisogno de condur la morosa a San Marco

a la Messa del siori?...

Carlo - No’l sarà minga un pecà mortal se me piase mètar la mia

tosa in mostra... Co quel museto che la ga... - Puro

sangue de Castelo! E i me amissi crepa de rabia.

Regina - Atento che no i te la roba!...

Carlo - Sii!... Che i se'prova!

Piero - (d.d. affannosamente) Rosa!... Carlo!... Siora Regina!...

(appare sull'uscio; ha mezza faccia ancora insaponata;

la cravatta a penzoloni ; con un asciugamano si comprime

gli occhi e la fronte) Mariavergine! Ma cossa xela de=

ventada la mia casa? - il Casin dei Spiriti?

Rosa - Gossa xe sucesso?

Piero - Cossa che xe sucesso?... No go minga le orbarlole... -

Quela picola, là... Co le gambe in movimento... tuti i

paneseli per aria!

Carlo - Che picola?

Piero - De ela, qua... De l'Andreina. E cizz! - un spinelo fin qua

sui oci! Vardè! (mostrando l'asciugamano) Questa no xe acqua

de rose!... Mi no go mai visto una fantolina a far pipì a

quela maniera.

Carlo - Sui oci? A ti?

Piero - Ma seu ben sicuri che adesso, co tuti sti cambiamenti

che se sente, no’l sia uno del quei felomeni?

Regina - Che felomeni?

Piero - Ah, no gavè leto sui giornali?... La zente cambia sesso

come de camisa: - Femene che deventa omeni, omeni che

diventa femene.

Regina - Ah, ben! Ma xelo gnanca curioso? Cossa ocoreva che

andasse a vardar?

Piero - Mi no son andà per vardar… Ghe go tira su el panesel per

Umanità. Solo per umanità... E go visto... Quelo, quela no xe

una tutela... i 24 -

Andreina - Eh! lo credo ben, papà. Se'l ga nome Piereto?...

Piero - (stupefatto) Piereto?!...

Andreina - Sì; el fio de la Pina e de quel coridor.

Piero - Noo!... - Per quelo el andava co le gambe cussi in

Pressa!... E come xelo vegnudo a finir qua?

Andreina - In bicìcleta no de sicuro. Son andada a tormelo mi

Geri a Pieve

Piero - Ti?... No te ne bastava uno? E dove xela la tua?... Dove

ti la ga messa? A nena?... Al Belfotrofio?...

Andreina - Ma che Brelfotrofio? Possibile che no ti gabi capìo che

l’afar de la fia me lo gera inventà? Perche, papà, fioi mi

n’ò mai avudo.

Piero - (inalberandosi) Ohe? Ohe? Ohe?... Che scherzi xeli

questi? Se ti m’à dito ti stessa?...

Andreina - Ti lo ga dito ti, papa. E mi no go fato che assecondar-

te per arivar al mio scopo. E se ti no ti fussi scampà

via come un'anema danada...

Piero - Se te go sentìo mi a sigarghe a to mare: - "Difendo la

mia creatura! Sangue del mio sangue! Guai a chi la toca!...

Andreina - Sicuro, E ti ti ga vossudo per forza... Mi ripeteva le

parole de quel^artista che gavevimo sentio mezzora pri-

ma al Caro de Tespi... (con una punta di amarezza) E

che, in fondo, le gera le parole che doveva dir mia so-

rela quando che ti... E che ela, invesse, povera gnoca

spasemada... - Cussì le go dite mi, per vedar se ti fus-

si sta bon de scavezzarme sul serio... - Perchè se no

ti me scavezzavi mi, no ti podevi scavezzar gnanca mia

sorela.

Piero - Ah ben! Ah ben!... Un tradimento el xe! Un tradimento,

sì. - Tuo e de quela marantega de to mare che no me ga

dito una parola, (volgendosi minaccioso a Cesarin) E

de quel piavolo là che... (investendolo) Te lo gavevo

promesso un sacco de bote!... E xe vegnudo el momento

che nessun te le cava più!

Cesarin - (piagnucoloso) Ciò!... Prima el voleva coparme perché

gavaria fato tropo; e qdesso el vol tornarme a copar

perché no go fato gnente del tuto! (prendendo coraggio

ed affrontandolo). Del resto a lu ghe torna conto de star

bon perché adesso che son milionario buto tuto in

azion de la Breda e lo fasso licenziar su do pie.

Piero - (deridendolo ) Milionario, ti?... 'Arte, pampe!...

Carlo - Sì, papa; te lo go za dito; semo in società co la car-

tela, E, forse, faremo società anca co la Svizzera,

perché Lucienne vol metar suso da ste parte un deposi-

to de biciclete Losanna-Gherard. Sua creazione. Anca

questo xe scrito su sta la letara.

Piero - E vualtri credè de inorbarme co l'afar dei depositi,de

le società, de le biciclete?... Mi son sempre sta un po-

vero operaio sgobon e galantomo e no go mai domandà

gnente a nessun... e go dà sempre tuto a la mia fame-

gia... co la gera veramente la mia famegia... (amaro.)

Bel costruto!..» (con uno scatto) Ma resto sempre Pie-

ro Sorzin; e no vogio che nessun diga che ingioto 5 erte

parole perché qua dentro xe cascà un scravasso de bez-

zi!... (con disprezzo) Bezzi?... Puahh! (e sputa per

terra).

Andreina - Papà... Metite calmo..., ragiona un pocheto... Qua no se trata

de bezzi... Ti dovaressi essar contento de la notizia che te

go dà...; che de quelo che te gaveva dito no gera vero

gnente... E ti dovaressi essar contento de saver che me

sacrificavo per Pineta...; perché un pare deve essar feliçe

nel vedar che do sorele se vol ben... — Sì..., el xe sta un

colpo de testa... Ma ancal tuo xe sta un colpo de testa...;

quelo de scampar de casa...

E no badar se la mama, quando che ti ghe xe ti, la vol darse

de le arie e far la sostenuta... Bisognaria che te la gavessi

vista dopo che ti xe anda via... la pareva un anima in

pena...; la se sforzava per no adolorarme noialtri...; per no

farne desperar... — Ma la ga pianto...; gastu capìo papa?...

Ti la ga fata pianzar ti...- Ti... Che solo se te la vedevi un

fià seria ti diventavi mato; e no ti tornavi seren fin che no

ti la vedevi alegra... E ti ti ga lavorà..., ti te xe

sacrificà per noialtri... Chi te lo nega? De pari come ti se

ghe ne trova pochi... Ti te alzavi che gera ancora scuro per

andar a lavorar per noialtri; ma no ghe xe sta una matina che

ela no la se sia alzada prima de ti per svegiarte e portarte

el cafè late in leto..., per prepararte el disnar da portarte

via...; e tirarte suso el bavaro del paletò perchè no ti

ciapassi fredo... la xe sempre stada la prima a alzarse e

l'ultima a andar in leto... (pausa; dolce e accorata) E

noaltre sorele?... No gavemo lavorà anca nualtre da la matina

a la sera, sacrificae a far le bariste..., senza domandar

gnente..., senza gnanca andar a balar...

Cesarin - No ghe sarìa mancà altro!... Mi no so gnanca balar...

Piero - La vustu impiantar, ti???.. Ho ti capissi gnente.

Cesarin - No... Per carità..., el capisse tuto lu... (è impaurito da un

gesto di minaccia di Piero)

Andreina - Ti tasi!

Piero - Cossa vustu capir?... Cossa ghe entristu ti, adesso?... De «

primo impeto sì... (a parole smozzicate; ma più che tutto a

gesti e ad espressioni facciali) Nessun capisse gnente qua

dentro.

Pensè tuti a quelo che gavè prova voialtri... Ma cossa ghe ne

savè voialtri de quelo che go provà mi?... — Voialtri gavè vi=

sto soltanto la rabia de un povero omo che in tuta la vita nol

ga avudo altro pensier che l'onestà e la famegia... e che se

sente scaraventar adosso quela strazza de notizie... Xe sta

per mi come se i me gavesse ciapà el cuor in t'una morsa...,

come se qua (si batte la fronte) me se fusse brusà el

çervelo... Ma dopo. Tuta una setimana..., tuta una setimana...

Ma le idee xe come le nuvole de un temporal che, da nere e poi

deventar anca rosa. E alora, co torna un fià de seren, se

varda quela nuvola rosa che se slonga..., se slonga... fin a

deventar un nastro rosa... (con improvvisa decisione) Vado via

e per sempre... (alzando la voce) Qua se me manca de parola! O

tuti do o gnente!... (e si avvia all'uscio di sinistra)

Cesarin - (tonto) Ma tuti do, cossa?...

Carlo - Ma che duro de çervelo che ti xe! Tuti do i fantolini...

Cesarin - Oh, se xe per questo se metemo subito soto e ve ne femo un

regimento! (e abbraccia Andreina)

Piero - Vustu vedar che te tiro questo sul muso? ( e afferra il pacco)

Cesarin - No, per caritàl Quela no xe miga pana! El xe un fero da stirol

(IL PIANTO DEL BAMBINO)

Andreina- (comicamente) Papà? Ho ti senti Piero junior che te ciama?

Piero - (che s'era avviato, si arresta; fa un passo per accorrere

nella stanza del bambino! ma quando coglie sul viso degli

astanti un tenero sorriso canzonatorio, con definitiva

decisione )Vado via! (e, mentre esce, con un lievo accento di

pianto nella voce) - Traditori sé!... Traditori... (è uscito)

Rosa - (spaventata, corre all'uscio e chiama) Piero!... Piero!...

(e si abbraccia disperata e piangente ad Andreina che cerca di

confortarla)

Carlo - No gaver paura, mama... El torna. Ti vedarà chel torna!... (va

alle scale e rientra dopo un attimo) Ecolo!... Ecolo!... El xe

qua ch'el torna su!... No'l xe arivà gnanca in fondo a le

scale!...

Rosa - (si stacca da Andreina e pur tra le lacrime, tende un braccio

minaccioso verso le scale) Aspeta mi, adesso!...

S I P A R I O


A T T O T E R Z O

LA SCENA

Medesima scena. Soltanto, alla parete dì fondo, nello

spazio fra le due finestre, un grande quadro fotogra-

fico a colori che riproduce sior Piero, giovane, in

abito da corridore ciclista dell'epoca: - Maglione a

larghe strìsce dì due colorì, pantaloncini, gambe nude.

Il petto fregiato da diverse medaglie. Impertinente

ciuffo di capelli, baffi neri arricciati all'in su. Le

mani posate sul manubrio di una antiquata bicicletta.

Sul piano dei mobili, vasi di fiori freschi, bottìglie,

vassoi con pasticcini, servizi dì bicchieri. Rosa, Re-

gina e Andreina sono in ammirazione del quadro.

Rosa - La me diga ela, siora Regina: - No'l fa la so mata fi-

gura?

Regina - Una meravegia. E che bel omo che'l gera. Ma dove lo ga-

vevi picà? Mi no me ricordo de averlo mai visto.

Rosa - La pensa che'l gera anda a finir in sofita. Ma mi lo go

fato portar zo. Una bela rinfrescada da sìor Gìgeto pi-

tor..., e la!

Regina - La ga fato benon.

Rosa - Sii..; la lo dise ela. Se la gavasse sentìo Carleto.

El dìse che la xe una cafonata e che'l stona coi mobìli.

Andreina - Veramente no'l ga tuti i torti...

Regina - No dirlo gnanca per scherzo, picola po', se se ga una

gloria in casa, percossa no metarla in vista ?

Rosa - Mi lo go fato soratuto, perché xe giusto che mio zena-

Ro, apena che’l riva, el capissa subito chi che gera so

suocero. E che razza de famegia che xe la nostra.

Regina - Giusto. E tuti ‘sti fiori per el so arivo... Quel mazzo

po' là in mezo a la tola... (e addita un fascio di gla-

dioli) Ahi i raviòli, xe sempre stài i me fiori prefe-

riti!... E sior Piero li galo visti po’ tuti ‘sti prepa-

rativi?

Rosa - No gnancora; ma in fondo mi credo che’l ghe tegna.

Pina - (entra rapida da destra) Oh, siora Regina cara!

Regina - Pineta, vissare!... Come ti sta ben!... Me gaveva dito

to mama... Ti xe arivada geri de sera da Pieve, vero?

Pina - No vorla? Apena riçevudo el telegramma dal mio Lucien-

ne... Appuntamento a Venezia per stamatina. Coro in

stazion a torlo. E son za in ritardo. E mi bisogna che

vada de là perché mio mario ga ancora da tor el cafè e

late.

Rosa - E i tosi, no vien?

Pina - Mah!... Cesarin xe corso da basso a far, no so cossa

e Carleto no xe gnancora pronto. Ghe go dito che, se

mai, i vegna a spetarme al pontil de San Marcuola. Bi-

sogna che scampa, siora Regina, perché Lucienne no'l

xe pratico de Venezia.

Regina - Cori, cori, benedeta!

Pina - Dopo la vedo, vero, siora Regina?

Regina - Ma sicuro. (Pina esce rapida a sinistra)

Rosa - (contenta) Cossa disela, ah, siora Regina? La pararìa

quasi una fiaba! In gnanca un mese, quante robe nove!...

Regina - E quelo che più importa, quante robe bele!... Tute do

ste creature sul punto de sposarse... quel fantolin

che'l ga un nome...; sior Piero che par un altro...

Andreina - Gala visto, siora Regina? Quela domenega no'l xe gnan-

ca arivà a Piazzal Roma, che’l ga fato caval de ritor-

no. E adesso no'l fa che cocolarse la Pineta, quasi

che'l volesse domandarghe scusa.

Regina - Cuor, benedeta! Cuor! - Me despiase solo che no li

gavarò più su le stesse scale... El sarà un gran vodo,

sala...

Rosa - Ben, in quanto a questo, bisogna ancora che ghe ne pas-

sa de l'acqua soto i ponti!... Intanto, adesso, apena

che ariva Lucienne... - in malorsega, che nome che i se

mete da quele parti! - bisogna che i se meta d'acordo

su tuto; che i firma el centrato del teren, e po’, che

i tira suso i muri... Ghe disela gnente, ela?

Regina - Cossa vorla che i ghe meta, benedeta? Adesso co sti ci-

menti armati...; i va ssuso co quatro pilastri, i ghe

sgnaca, in mezo le piere coi busi... e bondì Meneghina!

Rosa - Fin che la vol; ma miracoli no ghe ne fa più gnanca i

santi...; e go paura che fin a sta primavera che vien.

E anca, anca...

Andreina - El problema sarà quelo de alogarse qua tuti... Bisogna-

rà strucarse...

Regina - Va là, picola, che a la vostra età se se struca volen-

tierl. A che punto xestu col coredo?

Andreina - Abastanza avanti, siora Regina. La vedarà che bianche-

Ria! Roba de Firenze; merleti de Buran... El mio Cesa-

rin no’l voi roba de mercanzia.

Regina - Ghe ne son persuasa. E adesso bisogna che vada perché

mio mario ga ancora da tor el cafè e late.

Piero - (entrando da destra) Oh, siora Regina immensa !,4* (è in

giacca sportiva, calzoni alla zuava, calzettoni scozze-

si, cappello a larghe falde) Xela vegnuda per amirarse

quel capolavoro?

Regina - Belo el quadro e belo l'original.

Piero - La diga la verità... Perché mia fia, qua, saria de parer

contrario. No gera un bel moro?

Andreina - A mi, co quela mustaciada, no ti me piasi.

Piero - Eh za! Perché a vualtre ve piase ancuo solo queli che

ga el muso lisso e molesin, che no se sa qualo che sia

el davanti e qualo el da drio! (alle due donne) Digo;

vardè che Piereto fa un grumo de smorfie co la boca.

Andreina - Sfido mi, che no'l fassa smorfie!... Ti lo ga incoconà

co la crema de una pasta... E geri de sera ti ga fato

ciuciar el deo tocià ne la graspa!

Piero - Sicuro. Perché el se usa forte.

Andreina - Ma se'l ga apena tre mesi, fantolin de Dio!

Piero - Me diseva mia pora mare, che a mi, a quela età, i me da-

va tre dei de vin nero tuti i giorni. E go vinto quele

medaglie!

Regina - El xe una bela macia anca ti, sì, el vada là!..fe Xe vero

che'l lassa el posto a la Breda? Me lo ga dito geri Ba-

stian.

Piero - Mah!..). Cussì dispone mio genero, perché ghe tenda in-

vesse al magazeni.

Regina - Fabrica granda, dunque?

Piero - Luieenne ga za manda i disegni. Do negozi per le bici,

uno per i acessori, i magazeni, l'oficina, quatro ap-

partamenti..,.

Regina - Quatro apartamenti?

Piero - Sì; dal momento che se xe adrio, el dise... El vol che

ghe stemo dentro tuti: - Uno per lu e la Pina, uno per

Cesarin e l'Andreina, uno per Carleto che presto o tardi

se sposarà; e uno per nualtri veci crocani.

Regina - Galo gnanca un cuor, quel toso? (ad Andreina) Ti intanto ti

ga lassà la botega del cafè...

Piero - Lo credo ben. Come barista la xe una spada.

Regina - E i te gavarà pagà anca la liquidazion, imagino...

Andreina - E do dèi sora la broca. E per de più i me ga donà anca

| mezo saco de cafè; miscela "goccia d'oro". Se la ghe

n’avara bisogno, senza complimenti...

Regina - No, benedeta, che a mi el cafè me fa vegnir el nervoso

Ben; adesso bisogna che vada.

Bastian - (d.d.) Reginaa! Xestu de là?

Regina - Adesso vegno!

Bastian - (d.d.) Go fame!... Dame el cafè e late!

Regina - Vegno a scaldartelo. Intanto ciucia un limon!

Piero - Arevèdarse, siora Regina, Dopo la spetemo. La se meta

in fustibus. E la ghe diga a Bastian, col'xe vestio,

che'l passa da mi che go bisogno de parlarghe.

Regina - Ghe lo mando senz'altro, (esce a sinistra)

Carlo - (viene dal secondo di destra) Bondi, papà. Dormito ben

Piero - Da quel'omo giusto che son.

Carlo - (inquieto) Cesarin no xe gnancora tornà?

Piero - I chi lo ga visto?

Carlo - Orpo! Cussì no se fa ora de andar a la stazion.

Andreina - No te ga dito Pina de aspetarli, se mai, al pontil de

San Marcuola?

Carlo - Sì; va ben. Ma quel toso me fa star sui spini.

Piero - Sui spini, percossa?

Carlo - Un copo su la testa, papà. Za tanto xe megio che te la

diga subito. Par che'l teren de Marghera no sia più li-

bero! .

Piero - Oh, là, là!...

Carlo - Una bela figura faremo co Lucienne!... - I ne gaveva a.-

sicurà che no i gavarìa concluso prima de sentirne nualtri.

Piero - Una opeizione, se ghe dise.

Carlo - Sul prezzo gerimo d'acordo... Geri de sera ghe go mandà

un biglieto per fissar l'appuntamento per ancuo...; e

lori stematina me manda a dir, come se gnente fusse,che

i ga firmà el preliminar co un altro. Chi saralo sto nato

d’un can che ne ga vogà sul remo? Cesarin xe subito

corso in çerca del mediator per saver qualcossa de po-

sitivo. Cossa falo a torzio, quel fiol de una bona dona

anca lu?

Piero - Certo che! xe proprio un copo su la testa. Co i dise-

gni ormai pronti... - Ma no ve gavè fato dar un scrito

de impegno?

Carlo - E chi vustu che no se fidasse del geometra Zorzi? El xe

anca comendator...

Piero - Mora ti sta fresco!... comendatori o no comendatori,

la zente fa i so afari. Trope ciacole ga fato Cesarin

per i cafè.

Carlo - Ma un flà de quel che se ghe dise,.. Un fià de riguardo...

de rispeto a la parola...

Piero - Sii... Ciàpila! - Bezzi.

Carlo - Bastava che i gavesse parlà. Nua1tri no fassevimo que-

stion de prezzo.

Piero - E xe forse per questo che quel... "nato de un can",co-

me ti dìsi ti, ga nasà l'afar. E bisognarà adesso che

passè per le so man.

Carlo - Ma se'l credesse de ciaparne per el colo,..

Piero - Colo o no colo, se no gavè un toco de carta in scarse-

la...(enigmatico) No se dise quatro fin che no la xe nel

saco.

Cesarin - (entra rapido da sinistra; è affannato) Carleto!... (a,

la vista di Piero, si ferma, interdetto) Oh, anca lu,

sior Piero? -

Carlo - (ansioso) Ben? Gastu savudo qualcossa?

Cesarin - (c.s.) Mi?... Ahi... De quel afar?... – Sì... no...;

pol darse...

Carlo - Come?... "Si, no, pol darse"... Gastu savudo o no gastu

savudo? Spièghite.

Cesarin - Dài. Andemo a la stazion. Te spiegarò drio a la strada...

Carlo - No. Se ti sa qualcossa, vogio saverlo subito anca mi;

per regolarme co Lucienne. Tanto a la stazion no femo

in tempo de arivar. Forse fin a San Marcuola. (e poiché

Cesarin rimane muto nel suo imbarazzo) Fora! Spùa! Ga-

stu le buganze su la lengua?... Ti ga savudo co chi che

i ga concluso l'afar?

Cesarin - (guarda Piero che sta tirando una boccata dalla pipa e

che gli manda il fumo in faccia; indi, additandolo) Co

lui (Piero assume una posa di uomo d'importanza)

Carlo - (al padre, strabiliato) Noo?...

Piero - Ben? E se fusse?...

Carlo - Co ti?!... Noo! Per questo ti ga dito che no se dise

quatro fin che no le xe nel saco! E i soldi dove li ga-

stu trovai?

Piero - Questi xe afari che no te riguarda. Me li son fati ira/

prestar. Go credito, sastu, su la piazza.

Garlo - Ti fa de le speculazion?... E a danno dei to fioi?!...

Ti ga bisogno de soldi?

Piero - No. (calmo) Go bisogno de otoçento metri de teren.

Carlo - Ma se quel xe domila e otoçento?

Piero - E a vualtri no ve ne basta domila? I progeti li go vi-

sti anca mi, E mi son pronto a cederveli. Ma i otogen-

to me li tegno mi. Fronte a mezogiorno.

Garlo - Ti voi fabricarte per conto tuo?

Piero - Sii!... Co quei quatro!...

Carlo - E alora?

Piero - Ghe tiro una rete metallica e ghe ne fasso un prà.

Rosa - Mariavergine! El xe deventà mato!

Piero - Ma che mato!... Za, tanto, çerte robe vualtri no le po-

dè capir... Cossa disèvela quela letara anonima che i

ve ga manda quando che mi son anda fora de casa?

Andreina - Cossa disèvela?

Piero - Là..., su le mie passegiate notambule per le piaghe

più recondite de Marghera?... - Un ciodo che se me fi-

cava sempre più in testa. §ercava... çercava...; un to-

co de tera çercava; per farghene un prà. Co quelo che

me gera piovudo su la testa in quei giorni... - Quel

sbrìndolo che xe delà..., st'altra de l'Andreina... -

Per quanto rosegà dentro, me vedeva cressar la copieta,

E col verde che ghe xe a Venezia... - Otoçento metri di

teren al sol..; La liquidazion de la Breda me saria ba-

stada..., (con una punta di tristezza) E adesso, purtro-

po, me bastaria anca metà del teren... (con uno scatto

quasi) E molarli là in mezo come le oche!...

Andreina - (un po' commossa) Oh, papà!...

Piero - Tasi, ti, che ti me la ga zogada bruta...

Carlo - E mi, papà, purtropo, stago per zogartela bela. Sta sal-

do in gambe. Voleva che fusse presente anca Lucienne e

la Pina per sbararla fora... Ma sicome go capìo che ti

ghe tien a la discendenza, xe megio che te la sbara su-

bito - Gropo e macia, papà; za che semo a drìo..., as-

sieme al matrimonio de loro do... bisogna mètarghe anca

el mio.

Piero - Cossa te ciapa, adesso?

Carlo - No ti ghe arivi? Me ciapa, papà, che, purtropo, go dei

doveri co la Silvana...; e fra çinque mesi al massimo

ti deventi nono un'altra volta.

Piero - Noo?

Rosa - Cussi avanti?

Andreina - Dasseno, Carleto?

Piero - Nati e po’ de cani! Se andemo de sto passo... Ma che

tuti i me fioi sia destinai a metar al mondo le crea-

ture senza licenza?

Andreina - Fora che mi, peraltro...

Piero - Fora che ti, çerto... Almanco ti... ti la ga messa al

mondo solo co la fantasia; e senza el concorso... (e

guarda Cesarin)

Cesarin - E lu che voleva farme fora a son de scartossi de pana?

- Sogio o no sogio sta un gaiantomo?

Piero - Questo no se pol negarlo.

Cesarin - Ma no'l creda minga che sia sta per merito mio, salo?!..

Se la rana gavesse denti...

Piero - Cossa?... Ti ga qualche imperfezion fisica? Per questo

ti xe restà una meza cartuccia!..

Cesarin - Ma no...; cossa vaio a pensar? No me manca né el...

spirito de corpo..., né el resto... - Ma la prima vol-

ta che, senza incòrzarme, son sbrissà co la man fora

dei confini consentiti..., me son sentio arivar uno de

quei patoni sul muso...

Piero - (soddisfatto) La ga fato benon. La mia Andreina, qua...

Mi lo go sempre dito: - Drita come una spada!

Cesarin - Oh, ma adesse, co gavarò la mia licenza in regola...,

magari do a la volta! E co entrerà po' in funzion tuti

i soci de la Ghèrard-Sorzin e C. ?...

Piero - Chi saresselo sto C.?

Cesarin - Mi: - Cesarin

Piero - Per l'amor de Dio! Che a Marghera no restarìa più te-

ren per la fabrical... (a Carlo) Ben; ma ti come gastu

fato?

Carlo - Fogo ne le vene, papà. E sbrissoni... senza sberle sul

muso.

Rosa - (ironica) Adesso, mi spero, no ti la portarà minga in

pompa magna a San Marco, a la Messa de mezogiorno?

Piero - (rimuginando) Per questo el preteso sbrisson de l'An-

dreina no te faceva né caldo né fredo!... Ma mi doman-

do e digo: - Cossa ti gavaressi dà da magnar a to mu-

ger se quel cavalo, là a le corse, se scavezzava una

gamba?

Cesarin - Seme de suca.

Carlo - Oh, sì!.. Che, co se xe a quele, se sta là a pensar a

çerte robe...

Piero - A proposito: - Quanti ghe n'astu spesi de quel soldi?

Carlo - (indicando i mobili) tuto quelo che ti vedi qua; qual-

che altra picola inezia; e basta.

Piero - Se va disendo in giro che ti gabi finanzià la squadra

del Venezia.

Carlo - Sii!... Co i casca tuti in canai de la Giudeca!... Go

pagà quei pochi debiti che gaveva in giro.

Piero - Bravo. Questo me piase.

Cesarin - El xe lu che i debiti no’l usa a pagarli.

Piero - Mi? Mi go debiti?

Cesarin - I quatroçento franchi de la pana che xe andada in malora

quela domenega.

Piero - Quela ti te la ga ciuciada ti co la te xe colada zo pe

el naso. Cussì me ga dito l'Andreina.

Carlo - Sicuro. Ga razon el papà (al padre, affettuosamente)

Dime la verità, vecio: - No ti xe contento?

Piero - Contento?...Per el momento son apena a pena insemenio.

Carlo. - E mi per vedarte contento subito, sastu cossa che fasso? -

Prego la Silvana de fornirte la putela che te sta

a cuor; cussì la te arivarà sie mesi prima.

Piero - Siì; squasi che stasse in ela, se ghe fusse in viagio un

mas-cio, de farghe perdar qualcossa drìo a la strada!

 (cambiando) Beh; e adesso ve movarè, mi digo, per an-

darghe incontro a st 'altri... Se no, andè a ris-cio de

no arivar gnanca a San Marcuola; e de trovarveli a Santa

Fosca, sentài sui scalini del ponte che i ve speta.

Carlo - Coremo, papà. Ma per el teren de Marghera semo intesi,

vero?

Piero - Quando che mi dago una parola...

Carlo - (scherzoso) Come la parola de quela domenega che ti

xe scampà de casa, disendo che no ti saressi più tornà...

Piero - (minacciando, a sua volta scherzoso, uno scappellotto

Ciò?...

Carlo - Pin pin, soto el mio camin! Bondì, papa, (ed esce di

corsa con Cesarin)

Piero - Quela bardassa!...

Andreina - Varda; no ti xe bon gnanca de farte el nodo a la cravata...

Vien qua che te la meto a posto mi. (e gliela accomoda)

Piero - A pian, che ti me strangoli!... - Dame mezo goto de mar-

sala.

Andreina - Subito, papà, (e lo serve)

Rosa - Va adasio, che prima de sera chissà quanti bussoloti che

ti buti zo!

Piero - Ti pensa ai fati tui, che mi penso ai mii. (e tracanna

il marsala)

Bastian - (da sinistra) Se pol? Scùsime se go tardà; ma gaveva an

cora da farme la barba. Bon giorno, siora Rosa. Ciao,

Andreina «

Andreina - Oh, sior Bastian!...

Bastian - Beh; cossa ghe xe? Go visto i tosi andar a rota de colo

zo per le scale. Dove vali co quela pressa?

Andreina - Incontro ai sposi.

Bastian - Infati xe a momenti mezogiorno; e mia muger me ga dito

che'l saria arivà a le undese e meza... (a Piero) Ti ga

bisogno de mi?

Piero - Si. (alle due donne) Andè de là, vualtre. Svegiè Piereto;

che sta per arivar so pare, (il bambino piange)Par

gnanca che'l gabia sentio la mia vose... (le due donne

escono per il primo di destra) (Piero indica il quadro

a Bastian) Gastu visto?

Bastian - Me ga dito mia muger... Eh, ma mi me lo ricordo! I ga

d'avertelo fato dopo la vitorla de la Mestré-Ponte de

Piave-Portogruaro.

Piero - No. Dopo la Mira-Dolo-Strà.

Bastian - Ah, za! Gran bela corsa, quela!

Piero - E del circuito dei tre campi, no ti disi gnente, ti?

Bastian - Che campi?

Piero - Campolongo-Campodarsego-Camposampiero.- Semenài tuti

drìo la strada. E no gavevimo minga le asfaltate, alo-

ra, né i rifornimenti volanti,- Do fete de polenta bru-

stolada in scarsela, e Va là che vai bene! Una volta

le go anca semenàe per la strada e son arivà al tra-

guardo co la panza suta come un can da lievri.

Bastian - Come che fa piasser, del resto, ricordar le glorie pas-

Sate! E to zenaro che se ne intende, sarà orgoglioso,

quando che’l vedarà quel quadro...

Piero - Oh! Xe stada mia muger a voler metarlo là... Debolezze

de done... A mi no me passava gnanca per l'anticamera

del çervelo...

Bastian - Ben; e adesso cossa ti volevi da mi?

Piero - Ciò; dal momento che fra poco dovemo incontrarse...,

un fià de ripassada... Te despiase?

Bastian - No, no, benedeto! Te gastu tegnudo in esercizio?

Piero - Gavarò leto çento volte la prima letara che’l ga mandà

a Carleto da la Svizzera. La so squasi a memoria. Vustu

che te la diga? (e, senza attendere risposta, si mette

a recitare) - Mon chère beau frère... - che voi dir

"Mio caro cognato" .

Bastian - E a mi ti me la conti? Ripassa piuttosto quelo che te

go insegnà mi per quando che'l comparirà su quela porta.

Piero - Aspeta che me concentra... (si gratta in testa) Mon chè-

re beau fils, - Se dise cussi, vero?

Bastian - Va avanti,

Piero - Je suis (pronuncia con l's finale) bien hereuse...

Bastian - Je "sui" bien hereuse...

Piero - Sul quaderno xe scrito "suis”...

Bastian - Ma in francese l'ultimo esse se lo magna sempre. Te lo

go dito tante volte»

Piero - Oi de cani! Xelo un apetito? (riprende) Je suis bien

hereuse de vous reçevoìre entre ma maison; et vous

embrasse par tout mon coeur. Va ben?

Bastian - Va ben. Ma sta atento de no impapinarte.

Piero - Ti vedarà che figuron! Certo no'l se la speta...

Andreina - (rientra con un catino vuoto e lo riempie d'acqua calda)

Bisogna laverghe el popò, perché el navigava... me capì

su cossa... Ma el xe un splendor anca cussì...

Piero - Petenèlo col ciuffo, come so nono quando che’l gera zo-

Vane... ìndica il quadro) E metèghe el costumeo novo;

quelo verde coi fiocheti che go portà mi da Treviso.

Voce - (da fuori, in alto) Sìora Rosa!... Siora Rosa!...

Piero - (dall'uscio di destra) Rosa! I te vol ti» Ga da essar

sìora Filomena, (alla finestra) La vìen subito, sìora

Filomena.

Rosa - (entra da destra e va alla finestra) Me volèvela, siora

Filomena?

Voce - I xe qua! I xe qua! Li vedo mi da l'alto. I xe ormai sul

ponte de San Marzial. . ., •

Rosa - (agli altri) I xe qua! I xe qua! (verso la finestra)

Grazie, sìora Filomena.

Piero - (a Rosa, indicando il catino) Torna de là, ti. E rùsse-

lo, rùsselo ben» (Rosa prende il catino dalle mani dì

Andreina e se ne va di corsa. Piero ad Andreina) Pre-

Sto!... Agiùtime...Metème le botiglie e le paste su la

Tola... - El cavastropoli?... Dove xelo el cavastropoli?

Andreina - El gera in cassela del buffè..., (lo cerca) Qua no’l

ghe xe più.

Piero - (verso l'uscio di destra) Rosa!... Dove xelo andà a fi-

nir el cavastropoli?

Rosa - (d.d.) Ghe lo go prstà geri de sera a siora Regina.

Bastian - Orpo! La ga razon. Che gavemo averto la botiglia de

la medesima. Coro mi a torvelo.

Andreina - El fassa vegnir de qua anca so muger. (Bastian esce di

corsa a sinistra)

Piero - Metèmo anca i fiori... Sa odor de cusina qua dentro?...

Andreina - A mi no me par;

Piero - Saria sta megio aver brusà de le scorze de pomo.

Andreina - Ormai no se fa più in tempo, (hanno disposto tutto sul-

la tavola)

Rosa - (sull'uscio) Andreina, no trovo più i calzetini del pi-

colo.

Piero - Metèghene un per dei mii,

Rosa - Ti sarà mato, no?

Andreina - Niente paura, (alla madre) A pìe de la cuna ga da essar-

ghe queli rossi che ga porta Carleto

Piero - (alla moglie) Benon. E alora metighe anca una baretina

Bianca. - Bareta bianca, calzati rossi, vestito verde i

bandiera nazionale! (via Rosa; Piero, sentendo un alle-

gro cicaleccio per le scale) I xe lori. (si rassetta la

giacca e la cravatta e si avvia all'uscio d'ingresso)

Allons ! Allons enfantes...

Carlo - (d.d.) Avanti... Avanti... (appare sull'uscio con Cesa-

rin, Lucienne e Pina. Lucienne è quasi volto verso

l'esterno, dando disposizioni al facchino)

Lucienne - Les bagages..., les bagages... (entra col facchino)

Facchino - Dove meto?

Carlo - Qua, qua. (il facchino depone le due valigie appena

dentro l'uscio e Lucienne fa l'atto di trarre il dena-

ro per pagare) Lasse ster!... Lasse ster!.. Fas moà.

(e paga)

Facchino - Grazie, paronçin. Servo suo. (esce)

Lucienne - Bon jour! Bon jour a tout le monde!

Pina - (indicando il padre) Lucienne..., el papà!

Piero - (avanzando a braccia tese; schiarendosi la voce, emo-

zionato) Mon chère beau fils! Je suis... Je suis blen

hereuse...

Lucienne - (con grande espansione) Caro sior Piero! (e lo abbraccia)

Piero - (sbalordito) Ostrega! El xe europeo! El parla come nualtri.

Lucienne - Le despiace?... C’est un act de omaggio al suocero et

au mon camerade de competitions sportifes.

Piero - (quasi a sé smontato) Oh, vame a ramengo!... (Lucienne)

Ma come galo fato?

Pina - Un poco son stada mi, papà... El moriva da la vogia...

Lucienne - Et après, el mio capo officina che xe da Campalto.

Piero - Ostrega!... - Ma alora... semo tuti veneziani?!...

Lucienne - (movendo verso Andreina) Cara Andreina!... (l'abbraccia)

Pier© - El la conosse?...

Lucienne - Nous sommes conossudi in Cadere, près de mia cara Pi-

nette .

Piero - (ad Andreina) E n© ti m’à dito gnente?.. Gavarìa spara-

gnà tuta sta fadiga!

Cesarin - E cussì duro che'l gera!...

Bastian - (entrando con Regina, pomposamente vestita) Se pol?...

Eco el cavastropoli. (e lo porge a Piero)

Piero - (presentando, a Lucienne) El mio vecio amigo Bastian Ma-

cagnola e la sua signora.

Bastian - (porgendo la mano a Lucienne) Bien hereuse! Enchantè!

Regina - Anche me. Insemenita!

Piero - Podè dirghe anca servo suo, ciao, bondì...; perchè el

parla venezian megio de nualtri.

Bastian - Dasseno?

Piero - (additando Rosa che è apparsa sull'uscio) Ed eco mia

muger.

Lucienne - Maman!

Rosa - (facendo dei grandi inchini) Bonjour! Bonjour...

Piero - Anca ela?... (Lucienne abbraccia Rosa)

Rosa - Voleva conossarlo subito. El picolo xe squasi pronto.

Fa el piasser; va de là ti, Andreina, (Andreina esce)

Piero - Lucienne... Me devo far perdonar un ano... de purgatorio...

Lucienne - Papa?...

Piero - Lassime dir... Mi, za, tanto, te dago del ti.

Lucienne - C’ést un grand plaisir.

Piero - Son sta un tànghero, lo confesso: e ve go fato sofrir

tuti. Go un bruto cratere, vedistu, e de le idee...

Cesarin - Da tirano de le marionete.

Piero - Fiol d'un can!... Eco, insoma..., come che dise qua Ce-

sarin; o press'a poco. Ma per mi l'onor xe tuto, E go

volesto essar sempre co la coscienza neta e la dignità

rispetada...

Cesarin - E chi xe che no ghe la rispeta?

Piero - E daghela!... Que la volta me xe vegnuda una de le mie

solite fumane e go mandà via de casa la Pineta.

Cesarin - Credendo che no là ghe andasse.

Piero - Credendo che no la andasse, (scattando) Cavème sto ase-

no dal piè! (a Lucienne) No speravo, te lo confesso,

che ti saressi stà una persona per ben.

Bastian - I Svizzari xe precisi, tempisti, puntuali...

Piero - Eh, za... Per gnente no i fa i relogi. (a Lucienne)

Ben, insoma, scùsime... E adesso imagino che ti gavarà

bisogno de far un poco de toilette; si, digo..., de darte

una sguaratada a le man.

Lucienne - No, no. Ho già fatto en vagon-lit.

Piero - In vagon, cessa?

Lucienne - In vagone letto.

Piero - Orpo! Ti ga dormio sul tenaro! Megio cussì; perché,alo-

ra, podemo, andar subito a disnar... (temendo che non ca-

pisca) A fer merand. Che xe quasi mezogiorno.

Lucienne - Merçi...; grazie.

Piero - Ma prima... el saluto de la staffa... Se dise cussì?

(offrendo) Paste! Paste! Paste!... E un goto de spumante,

Rosa; - Cossa vustu che se incoconemo adesso?... E dopo a di-

snar?

Piero - Se incalca quelo che gavemo magna qua.

Cesarin - Mi togo un bignè co la pana. Perché la pana xe sempre

stada la mia passion...- In boca, peraltro! (e si serve.

Un bioccolo di panna gli resta appiccicato al naso. Pie-

ro stappa la bottiglia e serve)

Piero - A ela, siora Regina. Bastian...

Regina - Grazie, grazie...

Bastian - (levando il bicchiere) Alora... Eviva i sposi!... Eviva

i noni!...

Tutti - Evviva!

Andreina - (rientrando e indicando verso la stanza) Sua Altezza

xe pronta!

Piero - Eviva Piereto! (s'avvia all'uscio della stanza dove c'è

il bambino) Piereto!...( sulla soglia, mentre gli altri

gli si affollano alle spalle) Varda el nono col brum-

brum! (e alza il bicchiere)

Bastian - El vol imbriagarlo? Fantolin de Dio!

Piero - Eh, apena un giosso col deo, per far baldoria! (indi-

cando il piccolo) ‘0l de una tecia!... Vardè come che'l

va co quele gambete!... (e col braccio libero fa il ge-

sto del rapido pedalare) Tuto el spunto de so nono al

traguardo de Malcontenta!

Lucienme - (già sull'uscio) Oh, Piereto!... Mon pètite!...

Pina - Vissare mie!...

SIPARIO

Piero - (traendo un po' in disparte Bastian) Gastu sentìo?

El ghe ga dito “mon petite”.., che in venezian vol dir

“pétolo mio!”

Bastian - Ma noo! Vol dir "picolo mio". Aggiornati, aggiornati col

francese “mon ami”

Piero - Ciò! Ti xe ti che ti ga da insegnarmelo el francese...,

“mona ti”!!!

SIPARIO

(finale di Cavalieri)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno