Tutta colpa degli uomini

Stampa questo copione

Tutta colpa degli uomini

di

Francesco Brandi

Francesco Brandi

fbrandi.mail@gmail.com


PERSONAGGI

Cecilia

nel giorno del suo trentesimo compleanno. Disoccupata, pasticciona e romantica. Delusa dagli uomini, ma sognando una vita da Romanzo Rosa, confida ciecamente nei manuali psicological–trash per trovare il suo Principe Azzurro.

Laura

32 anni, socia di Piero in una Galleria d’Arte. E’ l’amica del cuore di Cecilia, sua coinquilina e suo punto di riferimento. Dopo un passato da felice eterosessule, ha recetemente scoperto di essere, suo malgrado, innamorata di Cecilia

Piero

31 anni, socio di Laura alla Galleria d’arte. Omosessuale amabile, esteta cinico e filosofo, segue con passione e divertimento questa improvvisa rivoluzione di “costumi” da parte di Laura.

Sergio

35 anni, fratello maggiore di Cecilia. Un uomo un po’ grigio, razionale e preciso. Annaspa nella continua instabilità che gli procura la vita e che mina irrimediabilmente i suoi fragili nervi .

Martina

30 anni, farmacista. Fidanzata e futura sposa di Sergio. Imprevedibile e capricciosa fino a diventare surreale. E’ impegnata a capire, con un modo tutto suo, se sposare Sergio sia veramente la cosa giusta.

Salvatore

pasticcere calabrese, benché venticinquenne ha uno stile da uomo del sud di altri tempi, nonché una grande passione per il pettegolezzo. Bonaccione, invadente e caotico, formula con assiduità improbabili teorie sull’esistenza.


LUOGHI D’AZIONE

L’azione si svolge principalmente nel soggiorno della casa di Cecilia che occupa il centro del palcoscenico e la maggior parte di esso.

Altri luoghi sono:

La farmacia dove lavora Martina, che viene evocata nell’angolo a sinistra del proscenio con un paio di scaffali colmi di medicinali e uno sgabello bianco.

La panchina del parco, posizionata nell’angolo opposto alla farmacia sempre in proscenio.

La farmacia appare solo nel primo atto.


TUTTA COLPA DEGLI UOMINI!

di Francesco Brandi

Atto primo

Scena I

Casa

Laura e Piero

Il sipario si apre sul soggiorno della casa di Cecilia dove abita Laura.

Sul fondo a sinistra la porta d’ingresso e oltre una porzione di pianerottolo a vista.

Sul fondo a destra un corridoio che conduce all camere da letto Sulla parete di fondo accanto al corridoio la porta del bagno.

In proscenio a destra l’angolo cucina con una porta a vetro che conduce su un terrazzino di cui vediamo una piccola parte.

Il palcoscenico è buio. Solo Piero è illuminato su un divano.

PIERO

Alcune persone sono cancerogene. Filippo, l’ho sempre pensato che se stai troppo con lui, ti viene il cancro. Anche Simone, Roberta… hai voglia! Lucia… Lucia invece ti fa star bene, è curativa… Le persone si possono dividere in quelle ti fanno venire il cancro e quelle che ti curano. I canceri e i curativi.

Non bisogna stare con quelli canceri più tempo che con i curativi.

Giuseppe… cancro fulminante, sei mesi di vita.

Bisogna passare pochissimo tempo con Giuseppe.

Siamo stati insieme tre mesi. E poi se n’è andato.

Finalmente.

Quando gli ho detto che era un cancero si è offeso. E se n’è andato. Ho cercato di spiegargli: guarda che il modo migliore per non essere cancero è accorgersi di essere cancero...

Se n’è andato... quindi a me, praticamente è come se mi avessero operato... L’intervento è andato bene... Non ho neanche sofferto...

Per un rapporto di tre mesi non si soffre, al limite si langue... ci si crogiola nel languore per un paio di giorni e poi... fine della convelescenza, dimesso e attivo su piazza.

Tu invece sei una curativa, anzi per me sei LA curativa... siamo una splendida coppia mancata, mia Regina...

Il palcoscenico si illumina. Nel soggiorno si intravedono decorazioni e palloncini, i preprataivi di una festa


Laura è su una scala sta addobbando il soffitto con dei festoni.

LAURA

E questo Simone con cui esci da una settimana, invece com’è?

PIERO

Probabilmente un altro cancero. E’ che io c’ho il karma del cancero...

LAURA

Quindi niente sesso?

PIERO

E che ci azzecca? Certo che abbiamo fatto sesso, sono gay, ed elegante... ma pur sempre un maschio!

LAURA

E allora?

PIERO

E’ noioso! Mortale. Può parlare ore senza interessarmi mai, neanche per sbaglio! Va a fare la spesa... ti descrive nei minimi inutilissimi dettagli che cosa ha comprato da mangiare, su quale banco ha scelto le verdure, quale verdura surgelerà e quale terrà in frigo... ogni singola insulsa parola che ha scambiato con fruttivendolo, macellaio, salumiere, cassiera e... addetto al parcheggio.

Tutto senza che mai un pensiero originale che si affacci per sbaglio fra i suoi vuoti sproloqui.

Insomma io sono per il racconto... lui per la cronaca!

E a me la cronaca mi uccide.

LAURA

Sei uno snob intellettuale ed erotomane.

PIERO

Certo... ma non sono un cancero! E la tua Cecilia com’è?

LAURA

Così...

PIERO

Allora?


LAURA

Cosa?

PIERO

Questa Cecilia?

LAURA

Normale

PIERO

Cancero o curativa?

LAURA

Non lo so...

PIERO

Sì che lo sai.

LAURA

Spiacente. Le tue teorie sul genere umano non mi affascinano.

PIERO

Abbiamo toccato il nervo scoperto della Regina delle Amazzoni!

LAURA

Non chiamarmi così!

PIERO

E oggi non vieni al lavoro...

LAURA

Ottima deduzione.

PIERO

Al cuor non si comanda ma abbiamo una Galleria d’arte, ricordi? Ci convinciamo la gente a comprare per cifre esagerate cose che avute in regalo butterebbero nel cassonetto.

LAURA

La conoscerai stasera alla festa, Cecilia.

PIERO

Come sei nervosa... Sei innamorata persa!


LAURA

Ma figurati?

PIERO

Allora, quanto è grave?

LAURA

Non so di cosa parli.

PIERO

Io ti adoro... come viene in mente a una etero con successo, di innamorarti di una donna e per giunta etero anche lei! Sei assolutamente meravigliosa!

LAURA

Non sono innamorata di Cecilia!

PIERO

Non sarà un rigurgito post femminista...? Ti avverto, puntare all’autarchia è vetusto e non funziona, non riuscirete mai a farci fuori tutti. Oppure è un capriccio... la curiosità di sapere com’è fare sesso con una donna... non un granché te lo posso assicurare!

LAURA

Sbaglio o un tempo eri mio amico?

PIERO

Proprio perché sono tuo amico faccio chiarezza nella devastazione dei tuoi sentimenti. Giunga la luce divina! E la luce divina rivela che... Nooo! Chi l’avrebbe mai detto: sei persa... persa... persa!

LAURA

E va bene, sono innamorata... non mi sono mai innamorata di una donna... e neanche di un uomo, perlomeno mai quanto lo sono di ora di Cecilia... in realtà sta diventando una malattia...

PIERO

L’amore è sempre una malattia, o meglio un’anomalia. Fa agire contro il tuo interesse e fa fare quasi sempre cose stupide, come perdere la testa per la tua migliore amica conquilina...


LAURA

Così rischio di perdere amica e appartamento...

PIERO

E non li hai detti in ordine di importanza! Devi dirglielo.

LAURA

Come no! Come regalo di compleanno le faccio venire un ictus.

PIERO

E se magari le piaci?

LAURA

Cecilia è innamorata del suo fidanzato.

PIERO

Sintetica scheda del fidanzato?

LAURA

Un attore da quattro soldi, che le mette più corna della corsa di Pamplona.

PIERO

Voilà... les jeux sont faites!

LAURA

A lei piacciono gli uomini!

PIERO

Anche a te fino a sei mesi fa. Si cambia tesoro... Si scopre l’omosessualità in età adulta.

LAURA

Non dirlo! Non dire quella parola!

PIERO

All’inizio tutti gli omosessuali sono omofobici!

Allora facciamo così... se non glielo dici tu glielo dico io.

LAURA

Cosa c’entri tu?


PIERO

Sono stufo di vederti così... sbiadita! Devi tirare fuori le palle... ops scusa... quanto mai inopportuna metafora!

LAURA

Preferisco continuare ad averla accanto come amica che a non averla affatto.

PIERO

Siiii, il melodramma italiano... il sacrificio piuttosto che prendere in mano la vita e strattonarla un po’... sono il tuo confessore, il tuo padre spirituale! Ti assolvo, ma devi dirglielo... è la tua penitenza. Sennò sappiamo già quale sarà il mio regalo di compleanno.

LAURA

Se lo fai spargo in giro la voce che eri in strada a fare sesso esplicito con un gruppo di camionist!

PIERO

Nessuno ci crederebbe, ho reputazione di gay raffinato! Oscar Wilde mi farebbe l’applauso!

Ho fatto tardi alla Galleria. (fa per andare) Non ne posso più dei giapponesi. L’altro giorno uno mi ha chiesto se avevamo qualche opera cubista di Raffaello.

LAURA

E tu?

PIERO

Gli ho detto che erano andate a ruba e le avevamo finite tutte... ma che ne stava dipingendo delle altre, se tornava avrei avuto anche delle serigrafie del Caravaggio. (avviandosi alla porta) Ricordati di me!

LAURA

Vattene...

PIERO

Obbedisco, Regina... il popolo amazzonico vi ama, non deludetelo!


Scena II

Casa

Laura, Piero e Cecilia

Entra Cecilia come un uragano, goffa e agitata.

CECILIA

Laura ti devo parlare. (vede Piero e si blocca) Ah, buongiorno…

LAURA

Piero, la mia coinquilina Cecilia che oggi fa trent’anni. Cecilia, Piero, il mio collega alla galleria, che purtroppo tornerà per la festa.

PIERO

Mademoiselle, enchantée! Non può capire che delizia sia per me conoscerla... una gioia dei sensi... Stasera anelo approfondire meglio e scambiare con lei una qualche parola..

CECILIA – (un po’ confusa)

Grazie. Con molto piacere.

PIERO

A stasera, allora. E auguri a tutti e trenta i suoi anni!

(a Laura alludendo a un orologio) Tic, tac, tic, tac…

Piero esce.

CECILIA (a Laura alludendo a Piero)

Che forte! Ma che voleva dire?

LAURA (nervoso)

Che è tardi e tu non dovresti essere qui a vedere gli addobbi per la tua festa… ma a lavoro.

CECILIA –

Prenditela con mia madre!

Cecilia si aggire nervosamente per la stanza indecisa se parlare o meno.

Prende una bottiglia di limoncello e ne beve un bicchiere.

LAURA

Come sta?


CECILIA –

Sta bene… Sta meglio di tutti. Con questa idiozia di operazione estetica… mi lasciasse almeno in pace: (imitando la madre mettendo la bocca a culo di gallina) “proprio non me la sento di restare da soladi notte in ospedale”.

LAURA

Tua madre non parla così…

CECILIA

Dopo l’operazione sì… ha paura che le rughe tornino… per vendicarsi.

Stiramento del viso, limatura degli zigomi, silicone nelle labbra. Si dovrà rifare la carta d’identità. (beve) Io per dormire lì con lei ho fatto ancora tardi a lavoro e quell’ominide dell’avvocato mi ha licenziata!

LAURA (ironica, per niente sorpresa della notizia)

Capirai la novità. Ecco perché a casa. Stavolta però l’hai presa peggio del solito.

CECILIA

Del lavoro non me ne frega niente. (esita, poi alla fine si decide)

Ci siamo lasciati. Con Luigi è finita!

Laura alla notizia ha un leggero brivido, che quasi cade dalla scala. Ma cerca di nasconderlo, riprendendosi. Scende dalla scala.

LAURA

Finita?!

CECILIA -

Finita.

LAURA

Davvero?!

CECILIA -

Davvero.

LAURA

Quando è successo?


CECILIA

Ieri sera sono passata in teatro, dopo la sua prova generale, gli ho

fatto una sorpresa...

LAURA

Mai far le sorprese...telefonare sempre!

CECILIA -

Era con quella “sciacqui” che recita con lui... insomma la solita... non che facessero niente... ridevano... scherzavano... mi sono girate le palle, abbiamo cominciato a discutere e… lui alla fine mi ha mollato lì

èandato a cena con la compagnia, io l’ho raggiunto al Ristorante, ho fatto una scenata… e l’ho lasciato. Vedessi che figura…

LAURA

Mai sorprese e mai litigare con un attore prima di una prima… non è in grado di pensare che a se stesso…

CECILIA

Lui pensa a se stesso 365 giorni l’anno!  Tre anni ci ho buttato!

Cecilia piange e abbraccia Laura per conforto che però si sente in grande difficoltà.

CECILIA

Per ritirarmi su sono andata in libreria e ho comprato questo.

Tira fuori dalla tasca un libretto

LAURA

Credevo avessi già raggiunto l’illuminazione suprema col diario di Bridget Jones…

CECILIA (riferendosi al libro)

“Giovani donne e Nuova felicità…”

LAURA

Per avere una felicità nuova bisogna averne avuta una vecchia e tu sei infelice da quando ti conosco!


Laura ricomincia a piazzare gli addobbi per la stanza, candele, tovaglie, palloncini, eccetera


CECILIA

Sai cosa fa Bridget Jones quando tutto va male?

LAURA

Molla Hugh Grant per quel pesce lesso coll’alce sul maglione?

CECILIA

Ripete a se stessa: “Calma interiore...”: il licenziamento?  Calma

interiore... Fidanzato bastardo… Calma interiore... Calma interiore...

(si ferma desolata)

Oggi compio trent’anni… Quando ero piccola e pensavo ai miei trent’anni… mi immaginavo con un marito meraviglioso, tre bambini, una casa al mare, un cane…

LAURA

…e anche alta, slanciata e con il culo di Angelina Jolie! Se ti accontenti della vita reale, la tua amica ha organizzato il più bel compleanno che una trentenne disoccupata, sfidanzata e con madre rifatta possa sognare.

Suonano alla porta. Laura si accascia un attimo stremata dalla fatica. Poi ci ripensa e corre a bloccare Cecilia che si dirigeva ad aprire.

LAURA

E’ la torta! Vai di là che non la devi vedere.

CECILIA –

Ma è la mia torta.

LAURA

Non fare come a Natale. La torta e i regali non la vedi fino a stasera.

CECILIA –

I regali a Natale non li ho aperti io, ma la figlia di Irene.

LAURA

Tu gli hai solo detto dove erano nascosti.

CECILIA –

Tu non sai nascondere la roba.


Suonano di nuovo alla porta.


LAURA

Giura cha la torta non la guardi.

CECILIA

Giuro.

LAURA

Che non vai nel frigo a sbirciare.

CECILIA

Va bene!

LAURA

Giura!

CECILIA -

Giuro.

LAURA

Allora va di là.

Cecilia va in camera.

Scena III

Casa

Laura, Sergio e Cecilia

Entra Sergio con in mano il mazzo di chiavi con cui ha aperto la porta. E’ in pessimo stato.

SERGIO –

Che fai non mi apri?

LAURA

Tu non sei la torta!

SERGIO – (sconvolto)

E’ successo un disastro.

LAURA

Un altro?

SERGIO –


Martina ha un amante da tre mesi!

LAURA

Madonna, che giornata però!

CECILIA – (voce off)

Con chi parli?

LAURA –

E’ tuo fratello. (a Sergio a bassa voce) Non dirle niente. (dissimulando a Cecilia) Dobbiamo preparare la festa.

CECILIA – (rientra con uno sguardo assente)

Non so se ne ho ancora voglia di feste. Ciao fratellone. La mamma si

ètrasformata nella sorellina che non ho mai avuto, la dimettono domattina. Vai tu a prenderla?

Cecilia esce dalla porta in fondo a sinistra.

SERGIO –

Che ci fa a casa?

LAURA

Niente di nuovo, l’hanno licenziata.

SERGIO

Ancora?!

LAURA

Allora cosa è successo?

Entrando e mettendosi a sedere al tavolo su cui c’è ancora il limoncello aperto che ha usato Cecilia

SERGIO –

Che ti devo dire? Stamattina facevamo colazione tranquilli e parlavamo delle partecipazioni, della cerimonia, e io dicevo che forse avevamo troppi invitati… capirai quattrocento persone non fanno neanche in tempo a salutarsi tutti... e che se quello che abbiamo speso per le bomboniere lo avessimo investito avremmo passato la vecchiaia ai Caraibi… e tutto a un tratto lei mi dice: “Sono innamorata di un altro uomo!” Così di punto in bianco…


LAURA –

Abbassa la voce.

SERGIO –

La mia futura sposa, scopa con un altro da tre mesi, non una scappatella, ma tre lunghi mesi… Tre volte a settimana, perché lei è metodica, per tre mesi fa trentasei volte, più qualche bonus e arrivi tranquillo a quaranta, magari cinquanta scopate, alla faccia mia!

LAURA

E tu? In tre mesi… mai accorto di niente?

SERGIO –

Mi era sembrata un po’ distratta, ma pensavo fossero i preparativi del matrimonio!

LAURA

Complimenti per l’intuito. Che disastro…

SERGIO –

… eh già!

LAURA -

Che disastro. Oggi c’è la festa di Cecilia!!!… ma non poteva dirtelo domani… scusa sai, io mi rendo conto, ma dopo tre mesi, giorno più, giorno meno! (pausa) Comunque tu devi reagire e comportarti da uomo.

SERGIO –

Come si comportano gli uomini?

LAURA -

Questa storia del tradimento è… una sciocchezza, fra una settimana è già finita. E tu devi dimostrarle che sei in grado di non farti abbattere... Sangue freddo!

SERGIO –

Sciocchezza??!! La chiami sciocchezza? Martina non è più la mia Martina… (alterandosi sempre di più) Che cosa vuol dire sangue freddo?

LAURA –(ironizzando sulla sua reazione)

Più o meno così! (pausa) Abbassa la voce… “Mia, mia…” Cos’è


adesso tutta questa possessività? Lo sai che Rousseau diceva che il declino dell’uomo è cominciato con il senso della proprietà?

SERGIO –

Rousseau non aveva la moglie che si era fatta cinquanta scopate con un altro.

LAURA

Voi uomini... sempre a sopravvalutare sessualmente i vostri rivali... Ma cosa ne sai? Cinquanta... Magari sono solo cinque… La prima poi non viene mai bene, colla seconda si cerca tristemente di rimediare alla prima, ed è una scopata più che altro tecnica, colla terza si comincia a capirsi ma è essenzialmente di rodaggio, la quarta viene mediamente bene… si bene... la quarta è buona....

A Sergio quest’ultima considerazione non piace, e la incenerisce con lo sguardo.

LAURA

…e vabbè, almeno una gliene sarà venuta bene… e la quinta… è già routine!

SERGIO

Tu sì che sai come tirarmi su…

LAURA

Dai! Pensiamo alla festa di stasera.

SERGIO

Non ce la faccio.

LAURA

Non essere egoista! E' tua sorella ed è depressa.

SERGIO

E io non sono depresso? Ci parli tu con Martina? Le ho scritto questa

lettera. Volevo farla commuovere...

Tira fuori dalla tasca la lettera. Laura la legge inorridita dal patetismo stucchevole e scombinato che la lettera contiene aggravato da un’interpretazione sofferente di Sergio.

SERGIO


Che dici?

LAURA

Decisamente da piangere!

SERGIO

Vai da lei? Le dai la lettera? Le dici che sono disposto a dimenticare tutto e a ricominciare? Magari non voleva veramente farlo… magari era ubriaca…

LAURA

Per tre mesi?

SERGIO

Magari è alcolizzata e dobbiamo aiutarla…

LAURA

Ci vado ma a una condizione: qualunque cosa dirà, tu vieni alla festa e non dici niente a Cecilia…

SERGIO –

D’accordo.

Laura lo spinge sbrigativamente fuori di casa, mentre Sergio le dà le ultime istrzioni.

SERGIO –

Allora gliela dai la lettera, mi raccomando rimettila nella busta che si rovina è di carta paglia!

Sergio esce. Laura rientra.

LAURA

Io invece di cercarmi un altro avrei strangolato lui!

Scena IV

Casa

Laura e Cecilia


Laura mette in ordine gli oggeti per la festa e comincia a preparare la cucina. E’ nervosa. Cecilia arriva dal corridoio a destra.

CECILIA

Questo libro è fantastico…

“Se una ragazza è brutta deve dedicarsi ad un’onesta analisi di se stessa, applicarsi con diligenza al miglioramento del carattere e presto si sveglierà scoprendo che è sbocciata in un cigno…”

Io di non essere bella lo so, ma magari sono anche tutta sbagliata e questo ancora non lo so…

LAURA

Tu non sei né brutta né sbagliata… quindi metti via quel libro!

CECILIA

E’ questo! Io magari non lo sono ma ci fanno sentire così! Gli uomini della nostra età hanno tutti il mito di Fonzie, Happy days ha rovinato la nostra generazione! Il cavaliere solitario, il battitore libero… (Laura alza gli occhi al cielo) Non ti ho mai vista con un uomo… perché? Losai perché?… (Laura non risponde imbarazzata) Te lo dico io perché… Scommetti che indovino?

LAURA

Non hai idea di quanto ne sarei sorpresa!

CECILIA

Perché non ti fidi!

LAURA

Non è poprio così…

CECILIA

Allora se non è questo per cosa? Dai dillo! Forza!

LAURA –(in difficoltà)

Non ho niente da dire!

CECILIA

Tutti ti muoiono dietro e tu stai sempre da sola… Perché?

LAURA

Perché voglio passare il resto della mia vita da sola. Ho fatto voto di eremitaggio… Ti basta?


CECILIA

No! Non può essere! Tutti vogliamo stare con qualcuno!

LAURA

E invece io no.

CECILIA

Perché no?!

LAURA

Perché no!

CECILIA

Perché no?!

LAURA

Perché tu non capiresti!…

CECILIA –(eccitandosi)

Ma allora... vuoi dire... (pausa) Che c’è qualcuno che ti piace? E non mi dici niente? Chi è?

LAURA

Lo vuoi sapere? Tanto è impossibile…

Laura è in evidente difficoltà d’un tratto prende incautamente in mano una pentola che era sul fornello, e si scotta la pentola le cade per terra rovesciandosi.

Cecilia si accovaccia anccanto a lei e continua il suo terzo grado.

CECILIA

Dimmi chi è? Perché non è possibile? E’ fidanzato? E’ sposato? E’ Gay?

LAURA

Ah! Che bell’idea!

CECILIA

E dai… dimmelo… (prende a farle il solletico e a rincorrerla per la stanza)

LAURA


Lasciami che mi fa male la mano…

CECILIA

Non cambiare discorso. Dimmi lo conosco?  Almeno questo!

LAURA

Basta!

Litigando finiscono distese sul divano, Laura sotto e Cecilia sopra. Cecilia le fa il solletico e Laura non ne può più, finché non cede.

LAURA

Basta! … sì… sì… è una persona che conosci.

CECILIA –

…bene?

LAURA

Avevi detto solo questo?

CECILIA –

Dai, dai, l’ultima cosa giuro!

I loro volti sono a pochi centimetri di distanza, Laura è turbata.

LAURA

Si la conosci bene, anzi molto bene.

CECILIA –

Una persona che conosco-bene-anzi-molto-bene, che non è possibile… (alzandosi) No!? Non sarà mica Sergio?

LAURA

Tuo fratello? Ma va!

CECILIA ( a metà fra lo scherzo e il sospetto vero)

Non era venuto per la festa… ma per te!

LAURA

Non cominciare coi tuoi romanzi. E’ escluso che mi possa piacere Sergio.


Il cellulare di Cecilia suona. Cecilia lo prende in mano, lo guarda e senza rispondere lo spegne e lo getta sul divano.

LAURA

Vado a fare la spesa. Hai bisogno di qualcosa?

CECILIA – (sovrapensiero)

No. Sì... Uno shampoo.

LAURA

Che shampoo?

CECILIA -

Uno shampoo qualsiasi.

LAURA

Qualsiasi come? Capelli secchi, grassi, ricci, lisci...?

CECILIA -

Uno per capelli sporchi.

LAURA

Torno presto. Se arriva la torta non la guardare!

Esce

CECILIA

Laura con Sergio. (vede la lettera sul tavolo e prova a fermare Laura) Laura… Laura, la tua lettera!

(dapprima è combattuta se aprirla o meno… poi decide e la apre) “Da Sergio”: “Mia piccola renna pelosa, oggi è la fine del mondo perché sento quanto bisogno ho di te… la paura mi ottunde l’intelletto, mi annebbia la vista, mi intasa i pori. Abbiamo rischiato che questo matrimonio potesse allontanarci… ma non sarà così, niente e nessuno potrà mai fare diminuire neanche di un grammo, un millimetro, un micron, il mio amore per te, e se questo momento disperato sembra dividerci così non sarà. Credo infinitamente in noi, tuo Sergio”

Oddio... oddio... oddio.... Ma allora... l’amore impossibile è proprio

Sergio.

Calma interiore... Calma interiore... Calma interiore...

La mia migliore amica se la fa con mio fratello che si sta per sposare con la mia seconda migliore amica… e la cosa più terribile: io so tutto!


Scena V

Casa

Cecilia e Salvatore

Il campanello suona. Cecilia persa nei suoi pensieri non lo sente. Suona ancora e ancora finché Cecilia non si desta.

Fuori sul pianerottolo Salvatore, il fattorino con la torta, risuona. E’ un giovane di venticinque anni, napoletano, ha l’aria da figlio di buona donna ma con una faccia simpatica.

CECILIA –

Chi è?

SALVATORE -

Salvatore della Pasticceria Improta. Devo consegnare una torta.

Cecilia apre la porta ancora sovrappensiero, ma appena vede il ragazzo con la torta, realizza e richiude la porta sbattendogliela in faccia.

CECILIA -

Nooo! Senti. Già è una giornata difficile... Io la torta non la posso vedere, sono la festeggiata… E’ una sorpresa… l’ho giurato alla mia amica…

Si parlano attraverso la porta chiusa.

SALVATORE –

Ma è una torta normale… con la ciocc…

CECILIA

Nooo! Non mi dire come è fatta! Non lo devo sapere che poi succede

un casino...

SALVATORE –

Sentite, signorina Cecilia… voi siete Cecilia vero?

CECILIA –

Come fai a sapere il mio nome?

SALVATORE –


C’è scritto sulla torta.

CECILIA –

Zitto! Ti ho detto che non devo sapere nulla di questa torta.

SALVATORE –

Va bene, scusate. Però la torta è dentro una scatola, non si vede.

CECILIA –

Ma io lo so che non resisto e apro la scatola…

SALVATORE –

Ho dello scotch da pacchi. Posso chiuderla con dello scotch.

CECILIA –

Che gli fa lo scotch… lo posso tagliare…

SALVATORE –

Vabbé, ma se non collaborate! Allora che faccio? Me la riporto?

CECILIA –

Ho un’idea. Io adesso chiudo gli occhi. Tu entri senza darmela e la metti direttamente in frigo…

SALVATORE –

Eh ma è come lo scotch! Poi io me ne vado, e voi aprite subito il frigo… mica so cretino io…

CECILIA –

Allora non la metti nel frigo io chiudo gli occhi e tu la nascondi…

SALVATORE –

No… non mi fregate… voi guardate mentre la nascondo… si capisce che siete proprio il tipo che…

CECILIA –

Il tipo che cosa?

SALVATORE –

Eh vabbè, avete capito… non me lo fate dire…

CECILIA –

No, no… adesso lo dici, lo voglio sapere…


SALVATORE –

...Il tipo femminuccia capricciosa!

Cecilia apre la porta nervosa

CECILIA –

Ma come ti permetti… avanti dammi questa torta…

SALVATORE –

Noo, non se parla proprio… poi la vostra amica se la prende con me.

Ve la riporto più tardi.

Cecilia si avventa sul fattorino cercando di prendergli la torta. Comincia quasi una colluttazione.

CECILIA –

Dammi questa torta ti ho detto…

SALVATORE –

La torta l’ha ordinata la amica vostra e io solo a lei la consegno.

La torta vola per aria e finisce a terra.

CECILIA –

E adesso?

SALVATORE –

Eh... e adesso raccogliamo il cadavere... capirai era tutta pan di spagna e cioccolata... uh scusate... vi ho detto com’era fatta!

CECILIA –

Dici che non si può fare niente.

Salvatore guarda con orrore dentro alla scatola rovesciata per terra, e tratta la torta come tratterebbe un essere umano che ha avuto un incidente.

SALVATORE –

E’ spacciato! Un così bel dolce...

CECILIA –

Adesso Laura mi ammazza! Tutta colpa tua... ma che t’importava se io la vedevo o no? Neanche mi conosci!


SALVATORE –

Mi sono lasciato trasportare dalla competizione... scusate. Secondo me se adesso corro in pasticceria in qualche modo rimediamo. Una sosia la trovo. Ci scriviamo... Cosa c’era scritto sulla torta?

CECILIA –

Ma che ne so?! Tuttto sto casino era perché non dovevo vedere la torta.

SALVATORE –

Ha ragione... c’avete una bella testa... come elaborate i pensieri... io proprio non ci riesco! Ma io vi conosco... vi ho visto qualche volta con vostro fratello, che viene in pasticceria. Ogni tanto ci mettiamo sulla panchina davanti alla pasticceria così... a fare quattro chiacchiere...

pure lui c’ha una bella capoccia. Poi c’ha quella fidanzata, la dottoressa della farmacia di fronte... ma che cos’è! Una bellezza, un’eleganza... io pure ce lo dico a vostro fratello che sono un po’ innamorato di lei. Che forte vostro fratello! E adesso mi ha fatto piacere conoscere sua sorella... piano piano mi faccio tutta la famiglia...

Squilla il cellulare di Cecilia. Cecilia guarda chi sta chiamando e lo mette via.

SALVATORE – (con una curiosità più forte del timore di essere sfacciato)Non rispondete?

CECILIA –

No.

SALVATORE – (c.s.)

E perché?!

CECILIA –

E’ il mio ex fidanzato, ci siamo lasciati e non ho voglia di sentirlo.

SALVATORE – (c.s.)

“Ci siamo lasciati” nel senso che lui ha lasciato voi, o voi avete lasciato lui?

CECILIA –

Ma che te ne importa?


SALVATORE –

Era per avere un quadro più completo della situazione.

CECILIA –

L’ho lasciato io... ma se l’è cercata lui!

Il cellulare di Cecilia risquilla. Cecilia lo guarda.

SALVATORE –

Sempre lui?

CECILIA –

Già.

SALVATORE –

E rispondete, magari vi vuole solo fare gli auguri. Il compleanno è un po’ come il Natale... bisogna essere più buoni!

Cecilia guarda Salvatore, poi guarda il cellulare indecisa sul da farsi.

Scena VI

Farmacia

Martina e Laura

Laura e Martina stanno entrando nella farmacia. Martina ha con sé una fetta di torta gigante che divora con avidità. Al contrario di Sergio lei è su di giri, sicura di sé, aggressiva. Laura la insegue cercando attenzione.

LAURA

Martina... Martina...

MARTINA

Non dovrei portarmi la torta in farmacia, ma a quest’ora non c’è molto movimento. Uhm! E fantastica! Vuoi assaggiare. La pasticceria di fronte è favolosa!

LAURA

Lo so, ci ho preso la torta per stasera. Martina, ma non ti farà male tutto questo zucchero?


MARTINA

Naa. Ho il metabolismo della donna incazzata…Pensare a Sergio mi fa bruciare in un minuto un chilo di marron glacées…

LAURA

Ti comporti come se a tradire fosse stato lui e non tu!

MARTINA –

E’ venuto a piangere da te… che deficiente! E’ un deficiente! Sai cos’è?

LAURA

Un deficiente?

MARTINA

E’ un deficiente.

LAURA

Almeno una cosa è chiara!  Mi dici perché?!

Pausa

MARTINA –

Sai tenere un segreto?  (pausa) Io non ho nessun amante.

LAURA

Cosa?

MARTINA –

E’ una finzione. Per metterlo alla prova.

LAURA

Sergio è lì che impazzisce facendo il conto degli orgasmi che hai avuto col tuo amante e il tuo amante non esiste?

MARTINA –

Faccia pure i conti, che gli fa bene.

LAURA

Ma sei crudele.

MARTINA –


No, sono incinta…

LAURA –

Sei incinta?

MARTINA –

Lo so da due giorni, E nessuno altro lo deve sapere per ora.

Soprattutto Sergio.

LAURA

Ma perché?

MARTINA

Ho fatto un test io per vedere se sono incinta… e adesso fa un test lui, per vedere se merita me e questo figliolo.

LAURA

E il test è fare finta di tradirlo?

MARTINA

Fino a che punto è disposto a lottare per me? Diamogli un rivale e lo sapremo!

LAURA – (sconcertata, non sa cosa dire)

E proprio il giorno del compleanno di Cecilia dovevi darglielo sto rivale?

MARTINA –

Non era mica premeditato. Mi è venuto così! Stamattina mi stava parlando di chi invitare al matrimonio e io pensavo a tutte le persone che si stavano andando a scegliere i vestiti per la cerimonia, a comprarci i regali… e mi sono sentita terribilmente in colpa... perché mi sta sposando? Perché mi ama o per abitudine? Perché ormai non si può tornare indietro... Perché i giochi sono fatti… o domani, peggio che mai, perché aspetto un figlio? Mi continuavo a chiedere: Perché? Perché? Perché? (Pausa) E ho inventato Pablo.

LAURA

Chi è Pablo?

MARTINA

Il mio falso amante, ho deciso che si chiama Pablo, fa più esotico.


LAURA

E quando gli dirai che era una balla? Come credi che ci rimarrà?

MARTINA –

E chi ha detto che glielo dirò? Negli anni verrà ricordato come un mio momento di confusione… prematrimoniale!

LAURA

E Cecilia? Almeno a lei va detto. Già è scioccata perché ieri sera si è lasciata con Luigi.

MARTINA

Ah, ecco! Sai chi ho visto uscire da casa di Luigi stamattina?

LAURA -(capendo subito a chi si riferisce)

La “Sciacqui”?!  Nooo!

MARTINA –

Capirai io ci abito praticamente di fronte... Non ha perso tempo il ragazzo… colla sua attricetta!

LAURA

Ma state impazzendo tutti? Hanno disperso qualche gas nell’aria che fa rincretinire così? Martina, ti prego, dì la verità a Sergio. Non c’è niente di male ad avere dubbi...

MARTINA

Cosa ne sai tu? Tu dubbi non ne hai mai... sai sempre cosa fare!

(reazione di Laura che non è proprio d’accordo).

Io non lo so come si fa quando c’è qualcuno ti cresce dentro.

A me piace come sono ... il mio metabolismo mi piace, questo arriva e me o cambia! Mi piace stare da sola... tra nove mesi questo nasce e si appiccica a me per sempre!

Questo non scherza... Anzi QuestA! Deve essere una bambina. Vorrei chiamarla Ippolita, la Regina delle Amazzoni.

LAURA

E’ una mania! Martina...

MARTINA

Non mi dire niente

LAURA

Comunque Sergio voleva che io ti dessi questa lettera... (cerca nella

borsa) ma dov’è finita? Non la trovo...


MARTINA

Non importa, digli che non l’ho voluta leggere. Non cambio la mia decisione e nessuno deve sapere niente.

LAURA (ironica)

Niente deve fermare il tuo piano diabolico …

MARTINA

“A la guerre comme a la guerre!”

Laura esce furiosa. Martina finisce la sua torta.

Scena VII

Casa di Cecilia

Cecilia, Salvatore

Cecilia parla al telefono nervosamente andando su e giù per la scena.

Angelo è seduto sul divano col “cadavere” della torta in mano.

Divide la sua attenzione tra seguire la telefonata di Cecilia e intingere le dite in quel che resta del dolce.

Alla conversazione spesso surreale di Cecilia al telefono, Salvatore reagirà con facce ed espressioni di approvazione o disapprovazione.

CECILIA

...ma tu non hai mai tempo per me. Le turné… la pesca, l’arrampicata, il Backgammon… sei troppo occupato per avere una fidanzata. Nella Treccani alla voce Hobby hanno messo “Vedi Luigi Righetti”!

(ascolta)

No… Il fatto è che a te piace stare lontano da me… Quando tu stai lontano da me io ci sto male mentre tu… no! Non ci provi nemmeno a stare male... almeno il gesto, lo apprezzerei! (ascolta)

Tu non vuoi vivere con me. L’hai tirata avanti un anno che dovevi comprare l’armadio per “noi”. E non avevi tempo per andarlo a comprare, poi non lo trovavi delle misure giuste, poi non te lo consegnavano… Io voglio un uomo che gli armadi se li fa portare a casa subito perché non vede l’ora metterci dentro i miei vestiti e trombarmi sopra la cassettiera!

(reazione di Salvatore che evidentemente concorda con Cecilia) Sembra quasi che a volere stare con te ti si faccia un dispetto! Tutto è invadenza, hai uno spazio vitale che è grande come la Repubblica Cinese.


Ma la verità è che tu vuoi essere libero di avere altre storie… (ascolta)

Allora giura che non mi tradirai mai! (ascolta)

Sì per i prossimi 40 anni solo con me... ti sta bene? (ascolta. Salvatore

èrimasto sospeso in ansiosa attesa della risposta) Cioè non mettermile corna è inconcepibile…? proprio un grande amore!

(Salvatore fa un gesto come per dire e figuriamoci se non rispondeva così! Cecilia ascolta)

(ascolta) Cosa?! “La parola amore esiste come tentativo disemplificare la nostra complessità?” (Salvatore commenta come per dire: “e che minchia significa?”)

Stronzate da teatrante. Io ho trent’anni e almeno una cosa la voglio concludere! (ascolta) Sì con tutte le cose belle che potevo fare, ho scelto di concludere proprio l’amore... va bene?! Sei proprio...

proprio... guarda... proprio lo stereotipo del maschio strafottente e cialtrone… lo sai che ci scrivono dei libri su quanto sei stronzo?… No. Ti sbagli. Eravamo una cosa bella... ma tu l’hai fatta diventare bruttissima!

Riattacca violentemente. Salvatore Osserva Cecilia che fa partire il suo mantra a base di “Calma interiore” e capisce dall’aria che tira che è ora di andarsene.

CECILIA

Tutta colpa tua... Chi ti ha detto di intrometterti? Io neanche ci volevo

parlare...

SALVATORE -

Scusate io allora, vado.

CECILIA –

Perché? Me lo dici perché?

SALVATORE – (alludendo al dolce che ha in mano)

Per portare via la salma... e vedere se riesco a trovarne un altro.

CECILIA -

Perché voi uomini rovinate sempre tutto?...

SALVATORE – (che ha capito a cosa alludeva)

Ah, perché gli uomini... eh!

CECILIA -

Se il mondo va a rotoli è tutta colpa vostra? Anche tua... chi l’ha


sfasciata la torta?

SALVATORE -

Ma vi ho detto che ve ne porto un altro di dolce...

CECILIA -

Sempre colpa vostra...

SALVATORE -

Allora non ve lo devo riportare?!

CECILIA -

Certo che lo riporti... sennò Laura mi ammazza!

Scena VIII

Casa

Cecilia, Salvatore e Laura

Laura entra con due buste della spesa.

LAURA

Perché dovrei ammazzarti?

CECILIA -

Ah, ehm... Ciao. Questo è Salvatore. Il fattorino della pasticceria. Ha

portato la torta...

LAURA

L’hai guardata!

SALVATORE -

No! Non l’ha guardata... neanche io l’ho guardata! Qua nessuno l’ha guardata.

LAURA

E perché è ancora qui?

SALVATORE -

Per essere sicuro che finché non tornavate voi, Cecilia non la guardava?

LAURA –(avvicinandosi a Salvatore per vedere la torta)


E’ questa qua?

SALVATORE -

Sì, ma la sto portando via.

LAURA

E perché?

SALVATORE –

Perché... perché...

CECILIA –

Perché era sbagliata la scritta. C’era scritto buon compleanno Ceccilia. Con due “c”!

LAURA -

Ma allora l’hai guardata?!

CECILIA -

No!

LAURA -

E come fai a saperlo?

SALVATORE -

L’ho guardata io... Confesso... ma solo una sbirciatina... appena

appena...

LAURA -

Ma magari riusciamo a correggerlo senza che la porti via, fammi

vedere...

SALVATORE e CECILIA –

Nooo!

LAURA

Ma che avete?!  Fammi vedere ‘sta torta!

SALVATORE -

Non posso.

LAURA – (a Cecilia)

Mi dici che sta succedendo?


CECILIA -

Succede che ho trentanni, che la vita mi va a rotolil... almeno voglio la mia torta grammaticamente corretta! E’ tardi e lui deve correre in pasticceria sennò non fanno in tempo... (nel frattempo spinge Salvatore verso l’uscita) vero che non fanno in tempo.

SALVATORE -

Non fanno più in tempo... il pasticcere è un artigiano, mica un operaio!

LAURA

Che c’entra?

SALVATORE -

E’ bene che certe cose si sappiano. Allora io ve la porto direttamente alla festa stasera... se poi volete un ospite in più non è che mi offendo se mi invitate. (nessuna delle due risponde) Era così un’idea! (esce)

Scena IX

Casa

Cecilia e Laura

Laura dopo un attimo va verso Cecilia che si è seduta sul divano, le fa una carezza sulla testa. Dalla dolcezza e intensità del suo movimento si intuisce quanto amore provi per lei. Laura comincia a preparare per la sera. Cecilia la osserva.

CECILIA

Dobbiamo proprio farla questa festa? E’ che mi sembra che non ci sia niente da festeggiare!

LAURA

Starai benissimo stasera. Guardami negli occhi. Starai benissimo. Ci sono io... promesso.

CECILIA – (rassegnata)

Chi viene?

LAURA

I soliti: Marcello e Claudia, Maria Letizia, Irene colla bimba. Tuo


fratello e... poi Piero che hai conosciuto prima.

CECILIA (sospettosa)

E Martina? Perché non l’hai detta?

LAURA (vaga)

Non sa se riuscirà… sono stata da lei adesso. Ha un gran mal di

testa.

Laura va a prendersi un bicchier dacqua

CECILIA (pensando al tradimento)

E ci credo!

LAURA

Senti Cecilia forse io dovrei parlarti…

CECILIA (irrigidendosi)

Di che cosa?

LAURA

Ricordi prima che parlavamo della persona che mi piaceva…

CECILIA

Ma io non voglio più sapere niente…

LAURA

Ma è importante.

CECILIA

Ma io oggi non sono in grado di ascoltare cose importanti.

LAURA

Ma perché fai così?

CECILIA

Perché non voglio più saperlo!

LAURA

Non è possibile tu sei la persona più curiosa che... (intuisce) Lo sai già?!

CECILIA -


No.

LAURA

Tu lo sai!

CECILIA

Senti, è capitato… l’ho scoperto per caso… Però per me non cambia niente. E’ una cosa che riguarda te… io non voglio entrarci.

LAURA

Aspetta, aspetta… Io non credevo che tu lo sapessi, ma allora devo spiegarti bene come stanno le cose…

CECILIA

No… non li voglio i particolari!

LAURA

Potresti trarre conclusioni sbagliate…

CECILIA

Non traggo nessuna conclusione… Voglio uscire e basta!

Squilla il telefono per Cecilia è un’ancora di salvezza su cui si precipita.

CECILIA

Mamma! Cosa? Lo so che non c’ero quando ti sei svegliata, sono dovuta correre a lavoro a farmi licenziare… perché per star dietro a te sono arrivata in ritardo per dieci giorni. Non sono ostile… sono stanca!… Dimmi… Come?! Hai firmato per uscire stasera? Ma ti dimettevano domani… io non posso venirti a prendere… stasera il compleanno lo passo con i miei amici, mi hanno organizzato una festa… no… non piangere mamma, guarda che ti tornano le rughe! Va bene, verrò a prenderti però ti porto a casa tua… a che ora. (riattacca)

LAURA

Cecilia… Mi dispiace. Beh… adesso mi odi? Mi disprezzi?

CECILIA

Ne parliamo un’altra volta, vuoi?


Cecilia esce.


LAURA

Dove vai? (nessuna risposta) Ma come l’ha scoperto?!

Laura si accascia su una sedia e trattiene a malapena il pianto.

Scena X

Panchina nel Parco

Sergio e Salvatore

Sergio e Salvatore sono seduti su una panchina in un parco. Guardano dritto davanti a sé.

SALVATORE -

Per fortuna che il pasticciere ne aveva fatta una in più... sennò stasera festeggiavate senza torta... e poi vostra sorella chi la sentiva... bella testa vostra sorella... (pausa) State un po’ abbattuto, eh?!

SERGIO

Già!

SALVATORE

Eh già... Da tre mesi... (Pausa) Bel casino…

SERGIO

Già...

SALVATORE

Ma siete sicuro?

SERGIO

Me l’ha detto lei.

SALVATORE

Già.

SERGIO

Già.

SALVATORE

Ne siete innamorato …?


SERGIO

Stavo per sposarla...

SALVATORE

Ah già!

SERGIO

Mah…

SALVATORE -

Bella è bella! Non è per girare il coltello... però è bella! Poi ha una

bella testa...

SERGIO

E già...

SALVATORE

Mah!

Lunga pausa in cui entrambi fumano.

SALVATORE

E pure vostra sorella... pure lei col fidanzato mica va tanto bene.

SERGIO

No?

SALVATORE

E no! M’ha detto che fa l’attore... a me pure piacerebbe... ma non ci ho il fisico.

SERGIO

Beh, dipende...

SALVATORE -

Dite eh?! Ha la prima stasera.

SERGIO

Già.

SALVATORE -

Cos’è che fa? La Zia Vanja…


SERGIO

Zio Vanja, Vanja è un uomo!

SALVATORE -

Una volta uscivo con una parrucchiera che si chiamava Vania, aveva due tette così! (pausa) Mah!

SERGIO

Già…

SALVATORE

Però può essere che fanno la pace...

Pausa, entrambi continuano a fissare avanti a loro senza guardarsi mai.

SERGIO

Mah!

SALVATORE

Perché le donne sono un po’ così, o si vive insieme appiccicati l’uno all’altro o ci si lascia! O tutto o niente. Come uno che va a comprare il pane dal fornaio: “Mi dà un chilo di pane” “Guardi ce n’è solo mezzo chilo” “Allora non piglio nulla, vaffanculo!”.

SERGIO

Già.

SALVATORE

Le donne prendono tutto troppo seriamente. Noi uomini siamo più… leggeri.

SERGIO

Dici?

SALVATORE (ripensandoci)

Mah! E’ bello parlare con voi... proprio... (gli mancano le parole mima qualcosa di non ben definito con le mani)... Eh!

SERGIO

Eh...

SALVATORE

Quindi il matrimonio...


SERGIO

Saltato… (pausa) Tutte quelle bomboniere.

SALVATORE -

E pure la torta...

SERGIO

E pure la torta.

SALVATORE -

Eh già.

SERGIO

Mah!

SALVATORE

Mah! (guardando una passante) Guarda che bel culo quella che sta entrando in pasticceria. Mi tocca tornare a lavorare.

Scena XI

Casa

Piero e Laura

Il palcoscenico è buio. Solo Piero è illuminato in proscenio.

PIERO

Lavorare con l’arte allena al bello... il bello che c’è dentro è come un muscolo che va allenato. Quando si affloscia, sono guai, se mi perdoni la metafora un po’ grossier!

Il tempo passato a cercare il bello non è mai sprecato.

Non si sa più distinguere... e sapere distinguere conta.

Il bello non è cancero mai... anzi ne è la cura, sempre! Sotto sotto a me l’arte contemporanea piace. Che non vuole raffigurare niente, né imitare niente, si basta. Mi assomiglia.

Non cerca di riprodurre un paesaggio, o un volto... Non imita il mondo ma ogni opera è un mondo.

Un mondo chiuso, anzi meglio ogni opera una nuova ipotesi di mondo... E che? Noi non siamo così. Non siamo più in grado di imitare niente.

Isolati, chiusi, ipotetici... sperando che come ci si innamora inspiegablmente di un quadro, qualcuno si innamori di noi e ci porti


con sé a casa sua. (pausa)  Lei adesso dov’è?

Laura sta facendo la valigia.

LAURA

Uscita. Non so dove. Lo sa... l’ha scoperto... non riesco a capire

come...

PIERO

E vabbé, la piccolina ha scoperto il segreto della vostra amicizia? Ringraziamo il dio degli omosessuali, ti ringrazio… possiamo ristabilire un ordine in questo pazzo mondo? Etero con etero e omo con omo?

LAURA

Io non sono omo!!!!

PIERO

Omosessuali, eterosessuali... Laura qua il problema è che ci sentiamo soli!

LAURA

Non glielo avrai mica detto tu, vero?

PIERO

Io ti avevo dato tempo fino a stasera... E poi sono stato tutto il giorno coi giapponesi. Uno ha detto di essere il re di una piccola isola e che se volevo potevo diventare la sua regina...

LAURA

E tu?

PIERO

Non mi piaceva.

LAURA

E quando mai...

PIERO

Poi di Regina ce n’è una sola.

LAURA

Se non glielo hai detto tu come l’ha scoperto?


PIERO

Avrà trovato la tua collezione... (mima con la mano un vibratore)

LAURA

Proprio un allievo di Oscar Wilde!

PIERO

Quanto mi piace smentirmi!

LAURA

Non ha voluto neanche ascoltarmi... Non era più la mia Cecilia, ma un angelo divino colla spada infuocata che mi condannava!

PIERO

Ma chi? Quella bambolella  un angelo divino colla spada infuocata...

direttamente dall’omofobia alle visioni mistiche!

LAURA

Ma alla fine cosa c’è di male?

PIERO

Lauretta mò la stai facendo un po’ troppo facile.. Qua la gente quando pensa a una lesbica, posso dire lesbica?... (Laura non gli risponde) pensa a una donna eterosessuale che è così porca da voler andare anche con le donne?! E non pensano a una donna normale semplicemente innamorata…

LAURA

...e che deve nascondersi dalla persona che ama. Devo venire via da questa casa.

PIERO

Vieni a stare da me?…

LAURA

Sicuro?

PIERO

Frequento un imbecille di 25 anni con un fisico della madonna che risponde al nome di Simone (dice il nome imitando la voce buffa e stupida di Simone). E’ talmente decerebrato che non riesce neanchea finire di dire il suo nome che si scorda, dice: “Sim...” e si scorda! Io


invece di Simone, lo chiamo Sim-“one” (one pronunciato all’inglese), cioè “Siamo uno”! Mi sento solo Laura, mi sento tanto solo... e se tu non avessi le tette e un utero saresti la risposta a tutti miei problemi. Vieni a stare da me.

LAURA

Fantastico! Così il prossimo innamoramento sarà per un maschio omosessuale cinico.

PIERO

Il progetto mi piace moltissimo, lavoriamoci da subito! Mia Regina delle Amazzoni vi aspetto a casa mia, nella vostra nuova reggia!

Scena XII

Farmacia

Martina, Cecilia e Salvatore

Martina sta mangiando una porzione di profitteroles.

MARTINA –

Ma ti vuoi calmare? Prendi un profitterol è strepitoso.

CECILIA -

No, grazie!

MARTINA

Allora una bella boccetta di Tavor, omaggio della casa!

CECILIA –

Non posso è tutto il giorno che bevo alcolici… No… E’ che non so se faccio bene a parlartene…

MARTINA –

Ma di cosa? Di che cosa?

CECILIA –

Eh! Ma se ti dico di che cosa è come se ti dicessi tutto e non so se faccio bene a dirti tutto…

MARTINA – (non la prende sul serio,conosce il carattere ansioso di Cecilia)E allora non mi dire niente!


CECILIA –

Ma sono tua amica come faccio a non dirtelo… è una cosa grave!

MARTINA –

Grave secondo i parametri tuoi o del resto del mondo?

CECILIA –

Che vuoi dire?

MARTINA –

L’ultima volta che ti ho vista così agitata è stato quando Luigi ti ha detto che se volevi vivere a casa sua dovevi pagargli l’affitto…

CECILIA –

Il fatto è che non riguarda me… ma te!

MARTINA –

Me?!

CECILIA –

E’ Sergio!

MARTINA – (facendo la solita sceneggiata)

E così te l’ha detto eh?! Meglio così. Mi spiace che tu sia sua sorella, e che è il tuo compleanno, ma io ho conosciuto un altro uomo, che è finalmente in grado di rendermi felice.

CECILIA – (ha un contraccolpo)

Hai conosciuto un uomo?

MARTINA –

Da tre mesi. Pablo. Cileno! Appartamento magnifico in centro. Mi ha anche proposto di andare a stare da lui.

CECILIA -

Hai un altro da tre mesi. E dopo solo tre mesi lui già ti fa andare a vivere da lui?! E l’armadio? Ce l’ha l’armadio anche per te?

MARTINA –

Che armadio?

CECILIA –

Ma certo che ce l’ha! Solo io aspetto un anno per un armadio! E


quindi che fai? E Sergio?

MARTINA –

Io non so più se Sergio lo amo…

CECILIA -

Però ora è tutto chiaro. (ride ma Martina non capisce) Vi siete già sistemati tutti e due. Tu col signore degli armadi, e Sergio con Laura….

MARTINA –

Che c’entra Laura?

CECILIA –

Laura… con Sergio…

MARTINA –

Con Sergio cosa?

CECILIA –

Insieme a Sergio…

MARTINA –

Insieme a Sergio cosa?

CECILIA –

Che hanno una storia!

MARTINA – (ridendo)

Sergio e Laura hanno una storia... (pausa, poi diventando seria)

Sergio e Laura hanno una storia!!!

CECILIA – (incalzata da Martina va un po’ in confusione)

Era questo che non volevo dirti… … ma a te che è importa tu hai un altro, sei felice… no?!

MARTINA –

Eh no che non sono felice! Non sono per niente felice.

CECILIA –

Ma se hai appena detto…

MARTINA –


E ha avuto anche il coraggio di mandarmela qui? Brutto figlio di puttana,

CECILIA –

Quello degli armadi?

MARTINA –

Io che c’era un altro, a Sergio l’ho detto solo stamattina.

CECILIA –

Nooo! Ma sei sicura?

MARTINA –

Come non sono sicura?

CECILIA – (delusa)

Proprio ora che tornava tutto…

MARTINA –

Proprio Laura. Che falsa…! Fra tutti gli uomini questa troia va a mettersi con un uomo quasi sposato e quasi padre.

CECILIA –

Che???? Aspetti un bambino?!!!

MARTINA – (crudele, con stizza)

Sì, cioè no! Cioè sì, ma non da Sergio, dal mio amante!!!

CECILIA –

O mio dio! Che tragedia!

Irrompe Salvatore che non riconosce subito Cecilia.

SALVATORE –

Buongiorno dottoressa... (riconosce Cecilia) Signorina Cecilia... oggi

ètutto un incontrarsi... state male che siete venuta in farmacia. A me in laboratorio un ragazzo si stava quasi mozzando la mano dentro l’impastatrice... ma il dolce vostro è al sicuro, non vi dovete preoccupare...

CECILIA -

No, sono venuta a trovare la mia amica. Martina questo è...


SALVATORE -

Salvatore Improta, ma come non la conosco la signorina che viene sempre a fare colazione da noi... con tutto quello che si mangia! Lo sa pure che ci ho un debole per lei. Vero dottoressa? Chiunque si faccia male, io corro da voi. Qualunque malore... è sempre una buona occasione per fare due chiacchiere... Ho saputo da Sergio che insomma il matrimonio è saltato.

MARTINA

Che si è fatto il ragazzo?

SALVATORE -

Ha acceso l’impastatrice senza guardare se non c’ero io accanto se la tagliava proprio. S’è tagliato e gli fa male, ma niente di grave.

MARTINA (dandogli dei farmaci)

Due ogni due ore fino a stasera. E questo disinfettante per la mano.

SALVATORE – (A Cecilia)

Che donna la dottoressa, eh? (a Martina) Martina, bel nome. Allora ci vediamo alla festa stasera? Io sono l’invitato d’onore quello che porta il dolce! E voi quella più bella.

CECILIA -

Martina non ci viene alla festa, perché non sta bene.

SALVATORE -

Eh non sta bene... ci ha tutta una farmacia a disposizione!

MARTINA

Non preoccuparti Salvatore io alla festa ci vengo… ci vediamo stasera.

SALVATORE -

E che fate mi date l’appuntamento adesso?! No, io scherzo... scusate mo’ devo proprio andare che quello s’è fatto male e mi sta aspettando. Allora a stasera. Che bella ‘sta dottoressa. Martina...

Amore mio! (Esce mandando un bacio appassionato con le mani e va via baldanzoso)

CECILIA -


Martina! Ti prego...

MARTINA

Li voglio vedere coi miei occhi, devono fingere davanti a me! E tu non dire una parola. Nessuno deve sapere che noi sappiamo… giura!

CECILIA -

Ma perchè mi fate tutti giurare... è una grave mancanza di fiducia nei miei confronti!

MARTINA

Giura!

CECILIA –

Martina non mi fare dire delle bugie. Sergio è mio fratello e Laura è una mia amica…

MARTINA –

E io non sono tua amica?

Scena XIII

Casa di Cecilia

Cecilia, Laura e Sergio

Laura continua a fare la valigia. Sergio la segue per casa ascoltandola.

SERGIO

…dove vai?

LAURA

Devo partire, una mostra a Parigi.

SERGIO

E la festa?

LAURA

Non si fa più.

SERGIO

Cecilia lo sa?

LAURA


Non ancora.

SERGIO – (subito, nervoso)

Allora, Martina? Che cosa ha detto?

LAURA –(infastidita da tutta la situazione e prendendo tempo)

Niente…

SERGIO –

Ma come niente? Lo lascia, non lo lascia, torna con me, non torna con me…?

LAURA

Vuole un po’ di tempo per riflettere, ha detto.

SERGIO –

Ma lui lo lascia?

LAURA – (incerta su cosa dire)

Eh… Non è chiaro… è confusa.

SERGIO –

Ah. Lei è confusa? E allora sai che facciamo? Una bella terapia familiare a tre. 'Buonasera dottore, questa è mia moglie e questo è quello che se la tromba… siamo qui, perché sa, lei ultimamente è un po' confusa.’…

(pausa) Io vado alla farmacia. Così le parlo e lei mi chiede diperdonarla e io la perdono... tanto non ci tengo all’orgoglio.

LAURA

No! Se vuole stare sola, lasciala sola. E poi non puoi dargliele tutte vinte. Subito dietro come un barboncino. Lei deve capire che sei uno tosto… che sai il fatto tuo… e non un deficiente!

SERGIO –

Ma perché ti ha detto che sono un deficiente…?

Laura si siede sul divano accanto a lui e prende a massaggiarlo, Sergio si rilassa

LAURA

No, ma potrebbe pensarlo. Tu devi dimostrarle che sei sicuro di te… perché è questo che piace alle donne! Che sai come si sta al


mondo…

SERGIO –

Hai ragione… sono un uomo, per la miseria!

LAURA

Meno male...

SERGIO –

E che uomo... sono bello?

LAURA

Si sei bello…

SERGIO

Sono bello, e niente barboncino… un pitbull! Ti piaccio così, eh?

LAURA

Mi piaci tantissimo. Adesso scusami ma...

SERGIO –

Sono un figo… mai stato così figo!

LAURA

Bravissimo… adesso continua ad allenarti a fare il figo a casa tua, Ti va?

Cecilia entra dalla porta. Laura e Sergio non se ne accorgono. Cecilia ne approfitta e quando capisce che il tono alla conversazione è intimo si nasconde per osservare.

SERGIO –

Laura posso dirti una cosa? Anche tu sei una donna, una vera donna.

LAURA

Grazie.

SERGIO –

Sei una persona speciale, veramente speciale. Quello che mi dai tu non me lo da nessuno. Tu hai fiducia in me. Io sono meglio di come crede Martina. E tu l’hai capito. Sei... un amore.


Sergio preso da un impeto, bacia appassionatamente Laura che viene colta


di sorpresa e non ha il tempo di opporsi.

Cecilia si chiude la porta dietro. Restando sul pianerottolo e suona come una forsennata il campanello. Sergio molla Laura un po’ frastornata.

SERGIO

Scusa, ma io sono un tipo emotivo!

LAURA –(ridendo imbarazzata, ma contrariata)

Figurati…

SERGIO

Vado a casa a fare una doccia.

LAURA

Falla fredda! (a sé) Proprio un deficiente!

Sergio sorride imbarazzato e inforca la porta quasi fuggendo. Incrocia Cecilia.

SERGIO

Ciao sorellina...

CECILIA

Ciao...

SERGIO

Che hai perché mi guardi?

CECILIA -

Niente?

SERGIO

Stai male?

CECILIA -

No... ha chiamato mamma, alle 18 la dimettono, puoi andare a prenderla tu? O hai altri programmi?

SERGIO

Ma non era domani?

CECILIA

A quanto pare, non vedeva l’ora di rientrare devastantemente nelle


nostre vite. Allora vai a prenderla tu?

SERGIO

Vado io! Sono un pitbull!!!!

CECILIA -

Un che?!

Esce.

Scena XIV

Casa Laura

Cecilia e Laura

Cecilia entra in casa. Sono entrambe imbarazzate. Nessuna si decide a rompere il silenzio. Finché...

CECILIA e LAURA (all’unisono)

Bisogna annullare la festa.

Restano ammutolite per aver avuto lo stesso pensiero. La coincidenza non ha allentato la tensione.

CECILIA e LAURA (all’unisono)

Bene…

CECILIA

Hai fatto la valigia?

LAURA

Vado via qualche giorno… una mostra a Parigi.

CECILIA -

Vai via?

LAURA

Si.

CECILIA -

Sola?

LAURA

Sola.


CECILIA

Bene.

Silenzio.

CECILIA (riferendosi ai suoi sospetti su Sergio)

Perché non me lo hai detto?

LAURA (aprendosi)

Ho provato a dirtelo… Avevo paura di come potevi prenderla…

CECILIA

Sempre meglio che scoprirlo da sola…

LAURA

Perché sei maledettamente curiosa... perché non puoi aspettare che uno trovi il momento giusto per dirti le cose?!

CECILIA -

E tu perché le cose non me le dici e basta?

Senza aspettare il momento giusto che non arriva e siccome io sono curiosa e tu lo sai poi lo scopro prima e tu ti incazzi? (pausa)

LAURA

Vogliamo parlarne?

CECILIA -

No.

LAURA

Perché? Puoi non giudicarmi e solo ascoltarmi?

CECILIA -

Laura ma è una cosa terribile... Io non ti giudico... però mi disgusta! Cioè voglio dire... che non capisco... e non riesco a far finta che va tutto bene... insomma cosa vuoi da me?

LAURA

Vabbè, vabbè... ho capito me ne vado!


Silenzio di Cecilia. Laura conclude la valigia.


LAURA

Ho già avvertito tutti di non venire. Starò via un po’…

CECILIA -

Quando torni?

LAURA

Ancora non lo so. Ti chiamo. Ciao. (esce)

CECILIA –

Quanto capisco quelli che il giorno del loro compleanno si chiudono in casa e staccano il telefono… (compone un numero di telefono) Mamma... allora viene a prenderti Sergio... no, la festa è stata annullata... mamma no... va bene, se vuoi vengo a cena da te... non lo so se devi invitare anche lo zio Amilcare e la sua fidanzata Ucraina... mamma ci vediamo dopo... (attacca spossata)

Scena XV

Casa

Cecilia e Salvatore

Suona il campanello. Cecilia ha un sussulto.

CECILIA –

Laura!

Va ad aprire appare sulla soglia Salvatore esageratamente in ghingheri per la festa. Ha in mano una torta e nell’altra due bottiglie di spumante.

SALVATORE –

Auguri alla festeggiata! Come promesso... recuperato in pieno! Torta con scritta pronta per i festeggiamenti. E questo un mio omaggio personale una bottiglia di spumante di Pizzo Calabro, lo fa un mio cugino, io sono astemio che se ne bevo solo un dito poi veramente non ci capisco più niente, ma mio cugino di Pizzo Calabro mi ha garantito: una squisitezza!

Pizzo calabro, ma che cos’è?! La chiamano la Capri della Calabria. C’è anche il castello di Gioacchino Murat. Che quello è venuto in Calabria per trovare grazie invece ha trovato giustizia. Che l’hanno fucilato e prima di morire ha detto: “Non sparatemi al volto, ma al petto... perché sono un figo della Madonna!


Fine primo atto


Secondo Atto

Scena I

Casa

Cecilia e Salvatore

Stessa scena di prima un’ora dopo. Sul tavolino davanti al divano ci sono le due bottiglie che ha portato Salvatore ormai vuote. Un cestello di plastica per il ghiaccio e qualche bicchiere.

Cecilia è ubriaca ma ancora consapevole di quello che accade. Salvatore invece è completamente andato. Ridono.

SALVATORE -

Hai capito vostro fratello... l’ho incontrato nel parco ma mica mi ha raccontato tutto... il frubbacchione! Mi dispiace che Martina non abbia preso in considerazione me per fargli le corna... adesso voi mi vedete così un po’ alterato... E insomma anche lui le ha messo le corna… se voi doveste mettere le corna a qualcuno vi prego di concedermi la precedenza...

CECILIA -

Per mettere le corna ci vuole prima un fidanzato e io non ce l’ho più!

SALVATORE -

E allora fidanziamoci direttamente!!!

CECILIA – (barcolla)

Meglio un altro momento.

SALVATORE –

Secondo me bevete troppo!

CECILIA –

Senti chi parla...

SALVATORE –

Io ve l’avevo di non farmi bere, che sono astemio. Proprio fin da quando ero neonato. (ridono)


Scena II

Casa

Cecilia, Salvatore e Sergio

Entra Sergio che vede Cecilia brilla. Salvatore sentendo la voce di Sergio si alza in piedi e lo saluta con la mano

SERGIO –

Sono venuto a prenderti...Che stai facendo? Mamma è sotto in macchina. Ma questo che ci fa qua?

CECILIA -

E’ Salvatore della pasticceria… Ha portato la torta.

SALVATORE – (sempre ubriaco)

E come se ci conosciamo! Certe chiacchierate! Però... Non me l’avete

raccontata tutta tutta, eh... frubbacchione...

CECILIA –

E’ ubriaco.

SERGIO -

E lo vedo.

SALVATORE – (ancora ubriaco)

E così ve la fate con Laura... eh... eh...

SERGIO –

Che ha detto?

CECILIA –

Ma niente ti ho detto è ubriaco...

SALVATORE -

...ma vuoi mettere con Martina? quant’è bella Martina?!

SERGIO –

Che dice questo imbecille?

SALVATORE –

Ah no. Non offendete…ma scusate voi siete Sergio?

SERGIO


E allora?

SALVATORE – (a Cecilia)

... e Laura non scopa con Sergio?

CECILIA –

Salvatore falla finita. Sergio vai giù da mamma che vi raggiungo.

SERGIO –

Ha detto che Laura scopa con me…

CECILIA – (tirando i capelli a Salvatore facendolo sedere sedersi suldivano)

E tutti sappiamo che questo non può essere possibile no? Non sa di cosa parla...

SALVATORE –

Ah sì... Io non so nulla… questo scopa e se la piglia con me...

SERGIO –

Senti brutto coglione... Per tua informazione Sergio qui non scopa con nessuno, Sergio è fidanzato e fra un mese si sposa. Chiaro?!

CECILIA -

Sergio lascialo stare...

SALVATORE – (continuando il suo delirio da solo sul divano)

E no! Ormai è voce di popolo... che Martina vi ha lasciato per un altro che adesso vanno a vivere insieme... e non hanno bisogno di aspettare perché lui costruisce armadi.

SERGIO –

Che stai dicendo? Cosa cazzo stai dicendo? Ma lo senti?

Ha detto che io scopo con Laura e che Martina va a vivere con un falegname che costruisce armadi…

CECILIA –

Non sapevo fosse un falegname…

SERGIO –

Cosa me ne frega se è un falegname o no! Che vuol dire che Martina va a viverci insieme? Gliele hai dette tu queste cazzate?


CECILIA – (mentendo)

No….

SALVATORE –

E aspettano anche un figlio!

SERGIO –

Martina aspetta un figlio dal falegname?

SALVATORE –

E lo chiamano Pinocchio!!! (ride compiaciuto della battuta)

In quel momento squilla il telefono accanto a dove è Sergio che risponde in maniera automatica.

SALVATORE – ( a Cecilia)

Non è che mi sento proprio bene...

CECILIA -

Oddio cos’hai?

SALVATORE -

Potrei approfittare un momento di questo diva...

Salvatore si sdraia sul divano e si addormenta Cecilia prova a farlo rinvenire.

SERGIO – (rispondendo sgarbato e subito diventando pacato)

Pronto! Mamma. Si lo so, arriviamo subito. Va bene Mamma non ti arrabbiare. Non lo so mamma. Dieci minuti… cinque, cinque minuti. Non sono nervoso. Non ho niente. Va bene. Stiamo scendendo. Chi hai visto salire? (pausa con stupore) Martina?

Cecilia guarda Sergio, suona il campanello della porta.

CECILIA –

Martina!

Scena III

Casa

Cecilia, Salvatore, Sergio e Martina


Cecilia apre la porta facendo entrare Martina


CECILIA –

Martina!

MARTINA –

Che sta succedendo?

SERGIO –

E’ proprio quello che vorrei sapere io.

CECILIA –

Ti avevo detto che non c’era più la festa.

MARTINA –

Tutto farebbe pensare il contrario. (a Sergio) Allora vi divertite? Spero di non avere interrotto nulla di eccitante. La tua amica?

SERGIO –

Tu mi devi delle spiegazioni?

MARTINA –

Io a te? Non hai mai avuto tutto questo senso dell’umorismo…

CECILIA –

Ho bisogno di riubriacarmi!

Cecilia cerca nelle bottiglie ma non c’è rimasto più niente. Si siede sul divano colla testa fra le mani accanto a Salvatore che dorme.

SERGIO –

Allora hai deciso?

MARTINA –

Qui sei tu quello che decide!

SERGIO –

Non fare i tuoi soliti giochi di parole. Non è proprio il caso. Sei tu che da tre mesi ti scopi un altro.

MARTINA –

Che commediante! Credi che non lo sappia che la tua Laura ti ha detto tutto.


SERGIO

Cosa mi deve dire Laura? Perché non me le dai tu le belle notizie…

MARTINA

Che buffoni gli uomini…

SERGIO

Hai deciso di andartene? Dopo dieci anni, Martina?

MARTINA –

Buffone!

Scena IV

Casa

Cecilia, Salvatore, Sergio, Martina e Laura Laura entra dalla porta

LAURA

Ciao!

CECILIA – (a Laura)

Sei tornata... e Parigi?

LAURA – (a Cecilia)

C’è qualcosa di cui io e te dobbiamo parlare, adesso.

MARTINA –

Ma parliamone tutti insieme! Cosa avete i segreti?!

LAURA

Ah ci sei anche tu…

MARTINA

Ti dò fastidio? Non sei ancora soddisfatta. Mi vuoi morta?

LAURA

Ma che dici? Cos'è una nuova trovata?

MARTINA

E ancora non ne hai vergogna... e ancora fingi! Quanto siete squallidi!


Parlate avanti! Voglio sentirlo dalle vostre voci!

SERGIO e LAURA –(a soggetto)

Ma che stai dicendo… Di che parli… Non ti capisco?

CECILIA -

Martina forse non è questo il mo...

MARTINA –

Ah, non mi capisci? Vediamo se mi capisci meglio adesso!

Martina tira fuori una pistola che aveva nella borsetta e la punta alternatamente su Sergio e Laura che urlano per lo spavento. Cecilia si precipita in soccorso dei due. Salvatore che dorme sul divano si sveglia per un attimo.

SALVATORE – (protestando)

E per favore

Torna a dormire.

MARTINA –

Ditemi la verità! O quanto è vero dio vi ammazzo!

CECILIA -

Oddio, una pistola!

MARTINA

Forza!

SERGIO

Mettila via che se ti scappa un colpo...

MARTINA

E se scappa pazienza! Parla!

CECILIA -

Sergio e diglielo… no?

MARTINA

La senti, Sergio? Dimmelo!

LAURA


Ma sì Sergio diglielo!

SERGIO

Ma che gli devo dire?

LAURA

Martina cosa ti deve dire?

MARTINA

Tu stai zitta, troia!

LAURA

Troia?!

MARTINA (a Sergio)

Quanto a te... Ti giuro sul figlio che porto in grembo…

SERGIO

Ah! Allora è vero?! Tu aspetti un figlio da quell’altro. (A Laura) Hai sentito? (a Cecilia e Luigi) Avete sentito?

CECILIA e LAURA

Abbiamo sentito!

Sergio fa per avvicinarsi a Martina che gli punta la pistola contro.

SERGIO

Martina tu aspetti un bambino da un falegname?

MARTINA

Non ti avvicinare. Il figlio è mio e a te non riguarda.

SERGIO

E l’ipocrita sono io? Dov’è questo bastardo di amante? Eh? Si può sapere chi è? Perché non lo fai venire qui?

MARTINA

Così spacca la faccia a te e a lei…


Salvatore nel frattempo si era svegliato cercando di orientarsi tra la nebbia che aveva nella sua testa per l’alcol e il casino che gli stava accadendo intorno.


SALVATORE -

Martina! Amore mio…

Tutti restano per un attimo senza parole. Poi Sergio si scaglia contro di lui.

SERGIO

Ma che è lui?

SALVATORE -

Che cosa?

MARTINA

Che cosa?

SERGIO –

Sei tu il falegname… brutto figlio di puttana.

CECILIA -

Sergio no, fermati lui fa il pasticciere!

SALVATORE –

Io faccio il pasticciere!

Sergio gli tira un pugno ributtandolo sul divano. Salvatore non capisce cosa sta succedendo, Cecilia accorre a dividerli. Salvatore scappa si rifugia in un angolo gettando la scatola con la torta addosso a Sergio che la blocca e la butta via.

MARTINA

Fermati Sergio!

Laura approfitta del trambusto per avventarsi addosso a Martina per levarle la pistola…

LAURA

Dammi questa pistola.

MARTINA – (combattendo  con Laura)

Lasciami stare…Lasciami stare che sparo!!!!


Nella lotta Martina urlando fa partire dalla pistola un colpo. Per un momento tutti prendono un gran spavento da pensare di essere morti. Poi si rendono


conto che nessuno è ferito. Martina dal canto suo scaricata la rabbia, scoppia a piangere. Salvatore terrorizzato resta accucciato nell’angolo. Laura prende la pistola dalle mani di Martina.

LAURA

E’ finta!

SERGIO

Finta?

LAURA

E’ a salve...

SERGIO

Martina!

Martina è come in trance mentre scarta una merendina che aveva in tasca e la mangia mestamente)

MARTINA –

La tengo in borsa per sicurezza, quando chiudo la sera, con l’incasso in borsa... Finta. Tutto finto... la pistola, l’amante... la mia felicità! Sono proprio la donna dei bluff!

Martina va davanti a Sergio, Sergio fa per abbracciarla mentre lei gli dà due schiaffi.

MARTINA

Questo da parte mia… e questo da parte sua! (indica la pancia alludendo al figlio) E’ tuo il figlio, deficiente! Ma non provare a cercarcimai più. (passando davanti al Laura) Stronza!

Martina va via sbattendo la porta.


Scena V

Casa

Cecilia, Salvatore, Sergio e Laura

SERGIO – (va al telefono e risponde)Pronto? No. Mamma… hai ragioneMamma, è che… (non gli viene in mente niente, guarda Cecilia e improvvisa) Cecilia è scivolata mentre faceva la doccia… No, stabene. No, non puoi parlarci, è in bagno con Laura che le sta mettendo il ghiaccio. Certo, che stai vedendo uscire Martina… è uscita anche da qui… no, non sta piangendo… si è spaventata quando Cecilia è caduta. Ma che scrivi la sua biografia?... e quando entra e quando esce... arriviamo… Ciao.

SALVATORE –

Signorina Cecilia, ma che cavolo di festa?!

SERGIO

Ma tu si può sapere perché sei qui?

SALVATORE –

Eh,  è  una  parola...  allora  stamattina  io  avevo  portato  la  torta  ma

siccome la signorina Cecilia...

CECILIA – (tagliando corto)

Ha ha portato la torta… poi siccome io mi sentivo sola è rimasto a farmi compagnia.

SERGIO

E perché cavolo sostiene che io e Laura scopiamo insieme?

LAURA

Cosa?

SALVATORE -

Io l’avevo detto che ero astemio... ci vuole niente che mi ubriaco (indicando Cecilia) a Pizzo Calabro ho un cugino che fa lospumante...

SERGIO

Ma chi te lo ha detto?


SALVATORE -


Che mio cugino fa lo spumante?

SERGIO

Che io e Laura abbiamo una storia!

SALVATORE -

E chi me l’ha detto...

Cecilia da dietro fa segno di non dirlo.

SALVATORE – (a Cecilia, ma senza evitare che gli altri sentano)

E ma come faccio!

SERGIO

Come faccio cosa?

SALVATORE -

A dirlo così precisamente... sono voci che girano... che si sentono un

po’ qua e un po’ là...

SERGIO (prendendolo per il bavero)

Guarda che non ti ho menato prima ma lo faccio adesso, dimmi chi te l’ha detto?

SALVATORE – (a Cecilia)

Chi me l’ha detto?

SERGIO – (sempre più minaccioso)

Guarda!

SALVATORE -

Cecilia…  me l’ha detto Cecilia... mi spiace signorina Cecilia... ma io

le minacce fisiche proprio...

Tutti si voltano verso Cecilia, Sergio la guarda con stupore e poi con odio

SERGIO – (mentre gli monta la furia)

Glielo hai detto tu?

SALVATORE –

Ma perché non è vero che voi…?

LAURA


E allora l’ha detto anche a Martina!

SERGIO

L’hai detto a Martina?

SALVATORE -

L’hai detto a Martina?

CECILIA –

Calma interiore... Calma interiore... Calma interiore... Calma

interiore...

SERGIO

L’hai detto a Martina si o no? Parla!

Sergio si avventa su Cecilia, Laura lo ferma

LAURA

Sergio per favore… Cecilia, smetti di fare la bambina e dicci le cose come stanno!

CECILIA -

Se Sergio non mi picchia…

LAURA

Non ti picchia, vero che non la picchi.

SERGIO

Non la picchio, l’ammazzo e basta.

LAURA

Finitela tutti e due! (a Sergio) Tu calmati e siediti. Cecilia dicci la

verità.

Sergio si siede sul divano accanto a Salvatore. Cecilia con gli occhi bassi, come un cane bastonato.

CECILIA -

Mi dispiace, non volevo. Ma ho letto la lettera d’amore che ti aveva scritto Sergio, dove ti scrive che ti ama e che nonostante il matrimonio…


Nel frattempo tira fuori da una tasca la lettera di Sergio e la dà a Laura.


LAURA

Ecco dov’era finita... Ma era una lettera per Martina e io la dovevo solo consegnare a lei…

CECILIA -

Non è vero! E’ tutto il giorno che siete strani… Sergio ti sta sempre intorno…

LAURA

Perché voleva che facessi da tramite per ritornare con Martina…

CECILIA -

E il bacio? Vi siete baciati, vi ho visto.

LAURA

Mi ha baciato perché è un cretino. (a Sergio) Scusa sai! (a Cecilia) Cecilia ti posso assicurare che tra me e Sergio non c'è nulla di nulla… ma allora era questo che dicevi di aver capito oggi poneriggio... e io che pensavo... (ride) invece tu credevi che io... (ride)

CECILIA -

E allora chi è la persona che ti piace ma non puoi avere?

LAURA

Ma te l’ho detto subito che non era Sergio! Ma quindi tu non sai...

niente?!

CECILIA -

Beh... dipende!

LAURA – (ridendo)

Adesso che lo sa Piero!

CECILIA -

Che c’entra Piero?

SALVATORE -

E mo’ chi è Piero?


Sergio cha ha ascoltato un po’ provato dagli eventi. Ma adesso non si tiene più.

SERGIO

E tu per questo sei andata a dire a Martina che io e Laura abbiamo una storia? Ma lo vedi che a furia di leggere libri idioti e vedere filmetti… ti corrodi il cervello… Hai trent’anni. Vuoi per favore venire a vivere sulla terra? O altrimenti restatene sul pianeta idiota dove vivi ma non ci rompere i coglioni.

Su uno scaffale dietro di lui trova libri e videocassette. E mentre li prende uno ad uno comincia a tirarglieli dietro.

SERGIO

Guarda qua! Insonnia d’amore, La principessa che credeva nelle favole, Quello che sognano le ragazze … Aha… Il diario di Bridget Jones… uno e due!

Cecilia scoppia in lacrime, Laura abbraccia Cecilia per proteggerla dagli oggetti che Sergio le tira contro. Salvatore va a fermare Sergio che continua a tirarle roba addosso, sempre più incredulo dei libri e dei film stupidi che le capitano fra le mani…

LAURA

Sergio, piantala!

SALVATORE -

Signor Sergio, per cortesia...

SERGIO

No ma guarda questa cosa cazzo legge: Donne che amano troppo, Come uccidere il principe azzurro, Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere?… Ma vaffanculo, vai! “Meglio senza uomini”...

LAURA

Quello è mio! Non risolvi niente così. Vai da Martina piuttosto…

SERGIO

Martina sta andando a vivere col suo amante.

LAURA

Non c’è nessun amante.


SERGIO

Non c’è l’amante?

SALVATORE -

Non c’è l’amante?

CECILIA -

Cerrto che c’è l’amante: Pablo!

LAURA

Voleva solo farti penare un po’ perché si sentiva trascurata. Il figlio che aspetta è tuo.

CECILIA – (a Sergio)

E poi quella malata sono io!

LAURA

Va da lei...

SERGIO

E dove la vado a cercare?

LAURA

Da sua madre, immagino.

SERGIO

Oddio la mamma!!! Me la sono scordata... (prende il cellulare e chiama) Mamma... tutto bene? Come? Con chi stai parlando? ConMartina? E’ lì! Trattienila, non farla andare via. Ti sta raccontando tutto dell’amante...? Quindi anche tu mi confermi che non c’è nessun amante? E che il figlio è mio?! Grazie mamma, grazie! Scendo subito... sto scendendo...

Sergio esce. Cecilia si siede sul divano colla testa immersa in milioni di pensieri.

Salvatore raccoglie da terra la torta spappolata e l’appoggia su un tavolino.

SALVATORE -

Signorina Cecilia, non era proprio destino che la torta arrivasse sana al soffio delle candeline. Mi dispiace. Grazie di tutto. Si fa per dire... Vi aspetto in pasticceria, da sola però… arrivederci. (esce)


Scena VI

Casa

Cecilia e Laura

CECILIA -

Arrivederci...

LAURA

Tu sì che sai come movimentare una festa!

CECILIA -

Non mi bastavano i casini che combino da sola... dovevo ficcarmi

anche nei tuoi adesso...

Squilla il telefono di Cecilia, Laura glielo porge

CECILIA -

Ancora mia madre?

LAURA – (guardando il display)

Peggio.

CECILIA – (prende il telefono e lo guarda)

Luigi. Ma non è in scena stasera?!

LAURA

Sarà all’intervallo

Cecilia esita, non sa che fare, poi riattacca il telefono senza rispondere.

CECILIA -

Mi dovrai insegnare ad essere Single.

LAURA

Figuriamoci. Tu tempo due giorni e ti sei già trovata un altro maschietto che ti fa soffrire.

CECILIA –

Basta uomini!

LAURA

Non ci sai stare senza uomini.


CECILIA –

Basta uomini!!!

LAURA

Niente più sesso… Niente più coccole la domenica mattina… Nessuno che renda speciale le tue giornate, la tua vita…a cui telefonare per dirgli che ti hanno licenziata…

CECILIA –

Uomini così non esistono, non in questo universo!

La mia vita deve essere speciale per conto suo non per merito di un uomo.

E la domenica mattina non c’è niente di meglio che fare colazione con te, chiacchierare fino all’ora di pranzo, e poi mettersi sul divano a vedere un film di Audrey Hepburn con te. Manca solo il sesso. Potremmo provare?! (Laura si alza dal divano di scatto) Che succede?

LAURA

Sta cominciando a tuonare, meglio levare la roba dal terrazzino.

CECILIA -

Ti aiuto?

LAURA

No faccio io... (buttandola sul ridere lievemente isterica) ...diventare lesbiche per mancanza dell’uomo giusto, curiosa… soluzione…

Laura esce sul terrazzino. Cecilia resta pensosa sul divano.

Scena VII

Terrazzino

Laura

LAURA

Cecilia… non mi rispondere subito, prenditi tutto il tempo che vuoi… adesso io ti dico una cosa che al primo impatto potrebbe sembrare brutta, ma invece è bella sai! Bleah! Cecilia… le cose non sempre appaiono come sono, noi possiamo imparare tanto dagli imprevisti della vita che improvvisamente possono rivelarsi… sembro il parroco. Cecilia… tieniti forte perché è arrivato un momento che forse non ti


saresti mai aspettato, eppure è qui, è adesso… questa è la pubblicità di un film di Chuck Norris. Più semplice, meno problematico: Cecilia… col tempo ho scoperto che io ti voglio bene in un modo che probabilmente tu non… Non ce la farò mai!

Scena VIII

Terrazzino

Laura e Cecilia

Cecilia raggiunge Laura sul terrazzo.

CECILIA

Scusa ma... Parigi?

Laura si spaventa perché non l’aveva sentita arrivare.

LAURA

Ah... rimandata... la mostra?... saltata!

CECILIA

Rimandata o saltata...

LAURA

Questo dipende da te?

CECILIA

E che c’entro io?

LAURA

Dobbiamo parlare di oggi...

CECILIA -

No, ti prego sono stata una stupida, lo so, ti chiedo scusa... Però... una cosa non mi è chiara. Mentre litigavamo io pensavo che stessimo parlando del tradimento con Sergio e questo lo abbiamo assodato... ma tu, così alterata... di cosa stavi parlando?!

Pausa di imbarazzo

LAURA

Vuoi proprio sapere la verità?


CECILIA

Sì, certo.

LAURA

A qualsiasi costo?

CECILIA

Qualsiasi.

LAURA

Anche a costo di perdermi?

CECILIA

Se ci diciamo la verità non ci perdiamo.

LAURA

Rispondimi. Anche a costo di perdermi?

CECILIA

Va bene. Anche a costo di perderti.

LAURA

E allora io te lo dico. Però non devi dire niente finché non avrò finito, d’accordo? Fai parlare solo me.

CECILIA

Ma cosa?…

Si blocca ricordando che deve stare zitta e fa segno di scusa con le mani.

LAURA

Cecilia io ti voglio bene… ma tanto… ma tanto tanto... e questo tanto tanto... ogni tanto... diciamo che diventa troppo…

Le si avvicina, le prende le mani, è a pochi centimetri dalla sua bocca.

Cecilia la guarda quasi ipnotizzata.

LAURA

Cecilia io sono disperatamente inna…


Squilla il telefono.


CECILIA

Ancora!!!

Cecilia lascia il terrazzo per andare a rispondere. Laura è esausta, si mette la testa fra le mani e si accascia.

LAURA

O mio dio!!!!

CECILIA – (affacciandosi sul terrazzino)

Gli rispondo sennò mi dà il tomento, scusa!

Cecilia risponde Laura ascolta tutta la telefonata.

CECILIA –

Ciao. Come è andato il debutto? No. Luigi… non mi devi spiegare niente… No. Ti prego! Guarda che ho sbagliato tutto io... mi sono convinta che questo fosse un grande amore.. No, non lo è, magari per qualche momento ci è sembrato... non è neanche un amore, ma l’incontro di due persone che hanno paura di stare da sole… è l’unica cosa che veramente abbiamo in comune. Io voglio qualcosa di più. Sulla paura non si costruisce niente… Non sei d’accordo? Non vuoi anche tu qualcosa di meglio? (pausa) Come vuoi sposarmi... ma allora non hai capito niente? Ti ho appena detto che... cosa? Non hai sentito perché c’era troppa confusione? Ho capito... sei euforico per la prima, e vuoi sposarmi... e cosa ti aspetti che io risponda? Di sì... ti aspetti che dica sì... Bene e allora la mia risposta è... (spegne il cellulare)

Cecilia dopo un momento per riaversi torna sul terrazzino.

CECILIA -

Ma hai sentito? Come ho fatto a starci tre anni? E’ terribile quando ti scende il velo davanti agli occhi... poi a un tratto zac e una persona che hai avuto vicina anni, si rivela completamente diversa da quello che pensavi. Ma ti rendi conto? (Reazione di Laura) Mah! Allora che stavi dicendo?

LAURA

Eh… mica facile adesso… riprendere … Beh… Volevo dirti che… in poche parole…


Le prende di nuovo le mani, ma poi desiste.


LAURA

…che sono disperata perché mi sono dimenticata di comprarti il regalo!

CECILIA

Tutto qui! Mi hai regalato la torta!

LAURA

Che è tutta spiaccicata.

CECILIA

Ti prego recuperiamone un pezzo, voglio soffiare le candeline…

LAURA (recuperando un po’ di buon umore)

Sei tutta matta!

CECILIA

Non è per questo che ti piaccio tanto.

LAURA

Eh già!!!

Cecilia affonda le mani nella confezione colla torta tirandone fuori un pezzo mezzo spappolato su cui posiziona una candelina. Laura l’accende con un accendino.

CECILIA – (cantando)

Tanti auguri a me... Tanti auguri a me... Tanti auguri Cecilia... tanti auguri a me!

LAURA

Esprimi un desiderio…

Cecilia soffia con enfasi e si batte le mani. Laura la fissa intensamente.

Cecilia si accorge dello sguardo.

CECILIA

Cosa c’è?

LAURA

Adesso stai zitta!


CECILIA –

Perché devo stare zitta?

LAURA

Zitta! (Cecilia esegue) E chiudi gli occhi.

CECILIA –

Devo chiud...

LAURA

Ssssssttt!

Cecilia esegue. Laura raccogliendo tutto il coraggio le si avvicina e la bacia. Cecilia spalanca gli occhi spaventata ma quello che prova è talmente inaspettatamente dolce che si lascia andare facendo cadere in terra il pezzo di torta con la candelina che aveva ancora in mano. A sua volta Laura realizza cosa sta avvenendo e apre gli occhi, li richiude felice abbandonandosi a un bacio lungo e romantico. Tuono. Quando si distaccano sono entrambi stordite.

CECILIA –

E’ caduta la torta...

LAURA (dopo una lunga pausa)

Sono innamorata di te… e non riuscivo a dirtelo, se tu la persona che non posso avere! Non so come sia successo... E’ la prima volta che mi capita con una donna... e spero che non sia solo paura di stare sola... Ma non credo.

Tuona lontano. Laura e Cecilia restano a fissarsi, migliaia di emozioni si avvicendano nei loro occhi. Lunga pausa.

CECILIA (senza muoversi)

Piove.

LAURA (anche lei immobile)

Così pare.

CECILIA (c.s.)

Compleanno bagnato, compleanno fortunato.

LAURA

Quello è il matrimonio…


CECILIA

Uh! …Oddio! (pausa, non si muovono) Laura io…

LAURA

Se vuoi puoi non dire niente.

CECILIA –

Lo voglio... Uh! Oddio!

Scena IX

Panchina nel Parco

Sergio e Salvatore

Sergio e Salvatore sono seduti sulla solita panchina. Tuono lontano.

SALVATORE -

Ve la siete proprio presa con me... che un altro poco mi facevate pure

male...

SERGIO

Eh già!

SALVATORE -

No, ma io non me la prendo per queste cose. Io l’ho sempre detto che Martina è una bella femmina, ma, sempre con rispetto... difficile da governare, eh?

SERGIO

Eh!

SALVATORE

Insomma, aspettate un figlio?

SERGIO

Già.

SALVATORE

E voi non sapevate niente.

SERGIO


Già.

SALVATORE

E l’amante era finto?

SERGIO

Era finto.

SALVATORE

Beh, a volte... è meglio così!

SERGIO

E’ meglio così?

SALVATORE

No?

SERGIO

E’ meglio così?

SALVATORE

E non lo so, dite voi... Era meglio se vi aveva messo le corna?

SERGIO

No...

SALVATORE

E infatti!

SERGIO

O forse sì!

SALVATORE

Ah, si?!

SERGIO

Io non la voglio passare una vita così, che non sai mai... che uno si sveglia la mattina che pensa che si deve sposare, poi a colazione scopre di avere le corna, all’ora di pranzo la sua fidanzata se ne va di casa, alle sette di sera scopre che lei aspetta un figlio da un altro, alle otto che l’amante non esiste e che il figlio è mio... e domani che succederà?


SALVATORE

Niente. E’ successo tutto oggi...

SERGIO

E chi mi dice che domani non sarà uguale... magari non così, magari diverso ma sempre che non si sa mai... io non non ce la faccio, un punto fermo lo devo avere, sennò...

Pausa. Salvatore aspetta la conclusione della frase che non arriva.

SALVATORE

Sennò?

SERGIO

Sennò che?

SALVATORE

Non lo so. Voi avete detto, devo trovare un punto fermo sennò... e poi non avete detto più niente

SERGIO

Sennò! E basta...

SALVATORE

Basta così?

SERGIO

Basta così!

SALVATORE

Il pensiero finisce con sennò!

SERGIO

Sì.

SALVATORE

Io devo trovare un punto fermo sennò!

SERGIO

Senza punto esclamativo... sospeso... “sennò...”


SALVATORE

Devo trovare un punto fermo sennò...

SERGIO

Esattamente.

SALVATORE

Ho capito! Però avete un figlio...

SERGIO

Eh già

SALVATORE

E di questi tempi un figlio è sempre meglio di niente.

Pausa. Comincia a piovere leggermente e poi sempre più forte.

SALVATORE

Sta cominciando a piovere

SERGIO

Già

SALVATORE -

Andiamo.

SERGIO

Sì.

Nessuno si muove

SALVATORE

Allora ci salutiamo…

SERGIO

Buonanotte.

SALVATORE

Buonanotte…


Nessuno si muove


Scena X

Casa

Piero e Laura

Piero appare seduto sul divano, bagnato, in canottiera, con i pantaloni rimboccati, senza scarpe e calzini, e con un asciugamano sulla testa tipo turbante.

PIERO

Non è vero che sono un cinico... io per essere felice, ho bisogno di sorrisi! Mica sono un mostro. Certo, non tutti i sorrisi vanno bene. Non vanno bene i sorrisi inconsapevoli, ignari sempre di tutto, sorrisi che possono solo sorridere, che non hanno scelta... sciocchi, che possono restare in eterno sulle loro facce da imbecilli, o peggio che possono mutare in un attimo per un nonnulla da sorrisi in facce rabbiose ancora più imbecilli. In una parola il sorriso di Simone. Non so che farmene.

Io ho bisogno del sorriso di quello che vede le cose così come sono, di quello che si incazza, che ci sta male... ma che alla fine non sceglie il cinismo, ma il sorriso... sincero, consapevole, nonostante tutto quello che ha visto e ha passato, è preparato al peggio ma... crede che vale ancora la pena di sorridere.

Non è ottimismo, o beata speranza di quella un po’ cattolica... è voglia di lottare.

Il sorriso quando è rifiuto a sentirsi sconfitti, è già la bandiera della vittoria...

Perciò non è vero che sono un cinico...Mi sono spiegato?

Laura entra portando la moka e una tazzina per il caffè. Poi prende ad asciugare i capelli di Piero.

LAURA

No. Ma non credo che sorriderò mai più. Per paura di sbagliare tipo.

PIERO

Ho aspettato tutta la notte che tu arrivassi a casa ma tu non sei arrivata, ho detto “fammi andare a vedere, magari la trovo in una pozza di sangue colla spada di fuoco conficcata”. Ho attraversato tutta la città con questo temporale, arrivo qua e titrovo con questo sorriso


“casual”... vuol dire che qualcosa è successo, la domanda è: è successo?

LAURA (dopo un attimo di esitazione)

E’ successo! (esce)

PIERO (da solo, accusando il colpo)

Ah! Be... meglio così...

Rientra Laura con una maglietta rossa da fare indossare a Piero.

LAURA

Questa dovrebbe starti...

PIERO

Questa?! Io questa non me la metto, anzi non devi mettertela neanche tu... dammela proprio che la bruciamo! (gli leva ma maglia di mano) E devo bruciare anche te per avere i dettagli?

LAURA

Non adesso potrebbe svegliarsi da un momento all’altro.

PIERO

Allora andiamo subito al sodo: Avete... consumato?

LAURA

Falla finita.

PIERO

Laura Bertini io non lascio questa abitazione senza un’esplicita dichiarazione sulle attività sessuali sviluppatesi qui questa notte.

LAURA

Non abbiamo consumato.

PIERO

Petting selvaggio, preliminari audaci...

LAURA

No.

PIERO

Avete dormito nello stesso letto?


LAURA

No!

PIERO

Ma allora che cosa “è successo”?

LAURA

Ci siamo baciate.

PIERO

Vi siete baciate! Questo è tutto... e io che mi ero quasi ingelosito...

avete fatto anche il gioco della bottiglia?

LAURA

Ti prego di contestualizzare! Non siamo due drag queen in una dark room di Pigalle... ma due sfigate e disorientate davanti a una torta colle candeline al nostro primo bacio omosessuale.

PIERO –

L’hai baciata davanti alle candeline!!!! (ride) Oddio mio! (accettando il ridimensionamento) Va bene, scusa. E’ già qualcosa... e lei come hareagito?

LAURA

Ti ho detto che ci siamo solo baciate!... (sente Cecilia muoversi di là) Si è svegliata. Vattene. Io oggi non vengo a lavoro. Pensaci tu.

PIERO

Dimmi almeno com’è stato baciarla? Ti prego, fammi vivere!!!

LAURA

Vattene!

PIERO

Ma davanti alle candeline no! E’ cancerogeno! Ribaciala subito in un

altro posto...

LAURA - (spingendolo fuori dalla porta)

Ti chiamo io dopo alla Galleria.

PIERO (arrestandosi)

Ah no. Adesso sto andando in ospedale, che l’ex di Simone per fare


vedere che teneva più muscoli di me, si è buttato dal secondo piano. Non è morto, purtroppo, ma si è fatto male. Dopo vado in Galleria, così se Cecilia ti molesta sessualmente mi puoi chiamare!

LAURA

Vaffanculo!

PIERO (uscendo)

Con piacere!

Laura gli chiude la porta in faccia.

Scena XI

Casa

Laura e Cecilia

Cecilia entra c’è una tensione di grande imbarazzo tra loro.

LAURA

Vuoi del caffé?

CECILIA -

No. Grazie.

LAURA

Oggi non vado a lavoro…

CECILIA –

Perché?

LAURA

Così ho tutta la giornata per noi.

CECILIA (un po’ preoccupata)

Ah! (pausa) E cosa facciamo?

LAURA

Quello che vogliamo? Vediamo “Colazione da Tiffany”?

CECILIA -

Ancora?


LAURA

E allora... niente di speciale direi, passiamo una giornata, tranquilla, insieme.

CECILIA -

Lo so io cosa facciamo. (prende il telefono compone un numero) Buongiorno. Vorrei prenotare due biglietti per Parigi… oggi, prima possibile, (dà uno sguardo significativo a Laura). Alle 12,20? Perfetto: Fiocchi Cecilia e Bertini Laura. Direttamente in aeroporto?… Carta di credito. A posto così? Grazie, benissimo, buongiorno. Ecco!

Cecilia si aggira nervosamente per la stanza. Laura la guarda attonita, senza parole.

LAURA –

Ma… Cecilia?!

CECILIA –

Si?

LAURA

Ma veramente tu e io andiamo a Parigi, stamattina?

CECILIA –

Eh…. L’hai detto tu che andare a Parigi dipendeva da me!

LAURA –

Già!

Pausa.

CECILIA – (Si siede sul divano)

Il che non vuol dire…

LAURA –

No, no, non vuol dire niente!

CECILIA –

Infatti… Niente.

LAURA –

Niente!


Lunga pausa.

LAURA

Paura?

CECILIA -

Terrorizzata... tu?

LAURA

Uguale!

CECILIA -

Bene... quindi?

LAURA

Ci prepariamo e andiamo?

CECILIA -

Giusto.

Laura esce a sinistra cambiarsi. Cecilia si siede sul divano e prende in mano la tazza di caffé.

CECILIA -

Laura…

LAURA – (Riapparendo)

Si?

CECILIA

Certo, di tutte le cose che ho sempre pensato di fare per i miei trent’anni questa proprio non mi sarebbe mai venuta in mente!

Laura scoppia a ridere. Cecilia si rende conto di aver detto una cosa spiritosa e si fa contagiare dalla risata di Laura.


Sipario


Revisione del 24 febbraio 2010

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno