Tutti in campagna

Stampa questo copione

TUTTI IN CAMPAGNA

TUTTI IN CAMPAGNA

Commedia in tre atti di

Giacinto Gallina

Elaborato per la compagnia

I…Lustrissimi

Personaggi:

BETA             nonna di Momolo e Zanze

MOMOLO

CATINA                     moglie di Momolo

LISA                             figlia di Momolo

ZANZE                       sorella di Momolo

GREGORIO

ANZOLO                     figlio di Gregorio

CARLETO                   figlio di Gregorio

AMALIA                      moglie di Anzolo

MARCO                                 suo cugino

CHECA                                       gastalda

ATTO PRIMO

Tinello in casa di Momolo, ammobiliato con decoro. Una porta comune in fondo e una laterale a sinistra, una finestra. Uno specchio, poltroncina, sedie, tavolinetto, ecc.

SCENA PRIMA

Catina, Lisa e Beta

(Beta è seduta sulla poltroncina)

CATINA:            (a Lisa che è allo specchio) Eh! Che ti xe bela sì! Ste smorfie no le posso sofrir.                   

LISA:                  No la staga a criarme, andemo. Varè che sesti.

CATINA:            Se lasso che ancuo vegna Carleto in casa, lo fasso per parlar sul serio, per stabilir qualcossa e no per smorosar, sastu!

LISA:                  E vorla che per questo el me trova in disabiliè?

CATINA:            Col vien ti dovaressi star nela to camara, che el ga da parlar co’ mi e co’ to amia e ti no ti ghe entri.

LISA:                  Eh! Via, la dise aposta, la xe tanto bona… In fin dei conti, la xe stada ela che lo ga fato ciamar; e se i ga da parlar, go da esserghe anca mi.

CATINA:            Vogio vegnir a una conclusion, perché son stufa de farte la guardia e de vedarte tuto el zorno ala finestra.

BETA:                (parla adagio, si sarà alzata e avvicinata alla altre due) De cossa parleu, crature?

LISA:                  Per miracolo, la vien sempre in mezo.

BETA:                De cossa parleu, crature?

CATINA:            De gamba.

LISA:                  Adesso, co vien l’amia, faremo che la la manda de là. Ma la se intardiga, sta amia benedetta!

CATINA:            Ti xe ti, che ti ga pressa. Ma ricordarse: co vien Carleto, la lo saluda e po’ via.

LISA:                  Eh! Almanco un tochetin, tanto da dir do parole.

CATINA:            Un fiatin solo.

LISA:                  Un fiatin par ela e un fiatin per l’amia.

CATINA:            Xela gnanca inzinganada!

LISA:                  (vedendo entrare Zanze dalla comune) Oh! Ecola qua

SCENA SECONDA

Zanze e dette

LISA:                  Oh! Amia! Cara, benedeta!

CATINA:            Bondì Zanze.

ZANZE:              Bondì Catina. (a Lisa) Eh! Che ste caresse me vien de rebatin, no le vogio.

LISA:                  No vorla gnanca un baso? (glielo dà)

ZANZE:              (togliendosi lo scialle) Ah! Furba. Semo alegre ancuo, no gavemo quel’aria da santificetur come el solito?

CATINA:            Lassime star! Xe do ore che no la fa che cinciarse.

ZANZE:              Povareta, xe la so età! Me son intardigada perché i xe capitai in botega a tor dodese sanguete e, tirando zo el vaso, el me xe cascà, e le se ga sparpagnà per la botega.

CATINA:            Sempre te nasse de sti açidenti.

ZANZE:              Sfido mi! Go fato per tanti ani la dona de casa e no go gnancora pratica de sto mistier.

BETA:                (che faceva la ronda attorno a Zanze) Ve saludo, Zanze.

ZANZE:              Oh! Nona patrona, benedetta.

CATINA:            Per miracolo, la se russa.

BETA:                Me gaveu portà gnente?

ZANZE:              Sì, la toga una naranza.(gliela dà) La varda de no magnar i scorzi, che no i se ghe peta sul stomego.

BETA:                Deme, deme. (prende l’arancia e va a mangiarla in disparte)

CATINA:            (a Zanze) Dunque, a che ora vienlo?

ZANZE:              Deboto el dovaria esser qua, ma ghe xe pericolo che càpita to mario?

CATINA:            A sta ora el xe sempre in bottega e po’, anca se el vien, lo fasso star mi a dover.

ZANZE:              No gavè gnancora fato pase da geri?

CATINA:            Oh! Stavolta vogio bater grinta.

LISA:                  Dopotutto ti lo trati assae mal, el papà.

CATINA:            Ma sicuro, difendilo dessoravia! Se ti aspetassi che lu se movesse per ti e Carleto, staressi freschi!

LISA:                  No digo per questo, ma …

CATINA:            E inveçe mi, che infin dei conti no te son gnente, me savàrio per ti.

ZANZE:              Per questo una maregna, come ti, xe rara come una mosca bianca. E do cugnae che vada d’acordo come nualtre? Co’ so mama, bon’anima, inveçe no se trovevimo. Anca ela gera una gnàgnara come mio fradelo. Guai se quel’omo no gavesse chi che lo svegia ogni tanto!

CATINA:            Se no ghe fusse stada mi, el saria ancora in bottega de sior Gregorio a farghe el servitor.

LISA:                  Sì, almanco se el ghe fusse restà, sior Gregorio lassaria che so fio me façesse l’amor e el me sposaria.

CATINA:            (a Zanze) Ecola, sentistu? Par che mi sia la causa se no i vol che Carleto ghe fassa l’amor.

LISA:                  (alla finestra) Oh! Me par che el sia qua.

CATINA:            Via da quel balcon!

LISA:                  El xe lu, el xe lu! (si avvia alla porta della comune)

CATINA:            Xela gnanca un pevarin?

ZANZE:              Qua, la diga, la staga qua. (porta Lisa verso il centro)

SCENA TERZA

Carleto e dette

LISA:                  (ritorna sulla porta)  Vien, vien Carleto, no aver paura.

CARLETO:        (entra dalla comune e quasi abbraccia Lisa) Bondì, vita mia.

CATINA:            Oè! No scominçiemo a far combater. (li divide)

ZANZE:              El varda da regolarse da omo e no da putelo.

CARLETO:        (mortificato) Via… la sa che mi fasso quelo che la me dise… La go ascoltada sempre.

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Siestu benedetto! El xe st√† sempre un bon putelo. E lu pol dirlo se, co gero in casa sua, pi√Ļ che da governante, no go fato da mama. Co penso che go dovesto lassarli, me vegnaria da pianzer; ma se anca no son in casa, el vede che me interesso per lu.

CATINA:            Ben dunque, adesso el ne diga le so intenzion: qua bisogna spiegarse, presto, sentimo.

LISA:                  Vardè che maniere! La me lo spasema tuto.

BETA:                (che si è avvicinata come prima) Cossa feu qua, crature?

CATINA:            Cara ela, la vada là in fondo. Gran dir che no se possa dir do parole in pase!

BETA:                Patron, lo conosso salo; el xe Anzolo.

CARLETO:        No, la me tol per mio fradelo; mi son Carleto.

BETA:                E so papà, che vol dir che xe tanto che no lo vedo?

ZANZE:              Cara ela, la ne lassa star.

BETA:                No so miga insempiada, saveu! Lo conosso, el xe el fio de sior Gregorio, del paron de Momolo.

CATINA:            Ma che paron! La crede che Momolo sia ancora in botega da so papà.

BETA:                (andando a rannicchiarsi sulla poltrona) I me crede proprio imatonìa; vardè che roba!

ZANZE:              Dunque el diga: galo capio gnente de le intenzion de so papà? A che punto semio?

CARLETO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Purtropo no go bone nove da darghe. Col pap√† xe inutile parlarghene; lu nol vol gnanca sentirli a nominar. El st√† tuto el zorno in botega, col vien a casa el ga tanto de muso, e da che lori xe andai via, el xe devent√† sempre pi√Ļ rustego.

ZANZE:              El diga piuttosto da che so fradelo se ga maridà.

CARLETO:        Purtropo adesso go capio che mia cugnada la çerca de metar sempre mal de lori… Ma che no la staga a tirarme a çimento… che no me acorza…

LISA:                  Cossa xe stà?

CATINA:            Andemo, el ne diga tuto.

ZANZE:              El ne conta.

CARLETO:        Xe megio che ghe lo diga. Go capio che la mete suso el papà contro de lori, perché la voria che sposasse la sorella de quel so zerman… quel medico.

LISA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Gaveu sentio? Oh ! Povareta mi !

CATINA:            Andremo, no far scene.

ZANZE:              De quel zovenoto che veniva per casa?

CARLETO:        Proprio quelo. Cola scusa che la ga sempre mal, lu xe sempre per i piè.

ZANZE:              El me pareva un toso de sesto; mataran, ma galantuomo.

LISA:                  Ti za, un poco ala volta, ti finirà col far a modo suo.

CARLETO:        No, te lo zuro. Za go quasi venti ani e per poco i me pol comandar.

CATINA:            Ma che omo xelo, lu? Nol xe bon de farse sentir? De tirarghe magari quatro mòcoli? De imatonirli quanti che i xe? Oh! Se portasse mi le braghesse!

ZANZE:              Lu e so fradelo i xe talis et qualis so mama, povareta. In casa i tremava tuti de so pare, e no gero che mi che qualche volta lo façevo far a mio modo.

CARLETO:        Eh! Magari, posto che se ga maridà mio fradelo, el papà la gavesse sposada ela.

ZANZE:              El diga, nol se fassa sentir gnanca per scherzo, salo!

CARLETO:        Ciò, che mal ghe saria stà? La mama xe mancada che mi gero bambin, ela xe vedova…

ZANZE:              Ghe digo che no vogio sti discorsi! Una dele rason che son vegnua via de casa, xe stà che so cugnada gaveva messo fora sta ciacola. Mi gero da vint’ani governante in casa sua e me calcolavo dela famegia, ma no saria stada tanto mata… Oh! Infati no parlèmoghene gnanca.

LISA:                  Ah! Go sentio a verzer la porta dabasso, no pol esser che mio papà!

CARLETO:        Per carità che nol me trova qua.

LISA:                  Scondite de là.

CATINA :¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Che paure xe queste? Co ghe son mi, basta.

ZANZE:              (piano a Catina) Ciò, basta che nol cria.

CATINA:            (piano a Zanze) Lassa là, che co’ mi no ghe torna conto de far el bulo.

SCENA QUARTA

Momolo e detti

CATINA:            (vedendo entrare Momolo dalla comune) Ecolo ogni momento a casa! Come vustu tender ala bottega? I omeni te imbrogiarà.

MOMOLO:         So vegnuo un momento… (vedendo Carleto) Cossa falo lu qua? Come xe sta storia?

CATINA:            No ghe xe bisogno de alzar tanto la vose; ti vedi che ghe semo nualtre!

MOMOLO:         Stimo vualtre che ghe permetè ste robe!

ZANZE:              Co ghe xe to sorela, me par che ti dovaressi calmarte.

LISA:                  Andremo papà, no lo spaventar.

CATINA:            Ma se lu no parla gnanca, se lu no bate beco! (guardandolo minacciosa) No xe vero, che no ti bati beco?

MOMOLO:         (impaurito) No digo per… co ghe sé vualtre, ghe sarà una rason; ma vogio saverla anca mi.

CATINA:            Alora se domanda co’ calma.

ZANZE:              Lo go fato vegnir per stabilir qualcossa.

MOMOLO:         E percossa mi no gavevo da saver gnente?

CATINA:            Perché ti xe l’omo dai dubi, dai casi, dale paure; perché go volesto cussi mi e basta.

MOMOLO:         Ma infati ti no ti xe so mama e…

CATINA:            E no ghe xe qua to sorella, e no ghe fasso da mama mi, a to fia? Ciò, bambin, ti sa che ti me ga da saldar el conto dele asenae che ti me ga dito l’altro geri e no far el moscardin sastu!

MOMOLO:         Eh! Ben, no inrabiarte… Adesso che me gavè spiegà tuto, va ben.

CARLETO:        No credeva, sior Momolo, che el me tratasse cussì; una volta el me voleva ben anca lu.

MOMOLO:         Benedetto, mi ghe vogio ancora del ben; per conto mio ghe daria la Lisa a brassi averti, ma so papà… el sa ben!

ZANZE:              Eh! No credo che sia tanto so papà che no vol; in fin dei conti la xe so fiossa, el la ga tegnua a batiso e la gera la so beniamina; ma xe so cugnada che mete suso el vecio.

MOMOLO:         E no lo savevi anca prima? E no capì che no vogio ciacole, che no vogio che i diga che vogio farghe sposar mia fia per interesse?

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Cuss√¨ parla un omo spauroso come ti. Oh! In fin dei conti, ala pi√Ļ disperada, me far√≤ forza mi; √ßercar√≤ de parlar a tu per tu co‚Äô so cugnada, la ciapar√≤ cole bone e chi sa che no la tira a mea.

CARLETO:        Siora Zanze, semo nele so man.

CATINA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Ma ricordarse che (rivolta a Lisa) no la vogio pi√Ļ vedar al balcon.

MOMOLO:         (rivolto a Carleto) E lu se ricorda de no passar gnanca per qua davanti.

CATINA:            Eh! Per questo, galo da tor sempre la voltada?

MOMOLO:         Ciò, diceva…

LISA:                  (piano a Carleto) Passa sa, che te scriverò come el solito.

CARLETO:        (piano a Lisa) Anca mi.

ZANZE:              Ben, adesso el vada nel nome del Signor.

CARLETO:        Vado, semo intesi. (per uscire)

BETA:                (che dormiva, si desta) Oh! Patron sior Anzoleto.

CARLETO:        Carleto!

ZANZE:              La lo lassa andar.

BETA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† E so pap√†, percossa nol se fa pi√Ļ veder?

CATINA:            Per gamba… Caro lu el vada.

CARLETO:        Dunque arivederse. (esce dalla comune)

CATINA:            (a Lisa) E ti va de là a far qualcossa.

LISA:                  (piano a Catina) Vado. Varda de far pase col papà, povareto.

BETA:                (a Momolo) Gaveu gnente da darme?

MOMOLO:         Cara ela, la me lassa star.

CATINA:            (a Lisa) Condusi de là anca la nona.

LISA:                  La vegna co’ mi, che ghe darò el bombon.

BETA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Ma percossa no vien pi√Ļ sior Gregorio? (via con Lisa a sinistra)

SCENA QUINTA

Momolo, Zanze e Catina

(Catina rimane in disparte apposta)

MOMOLO:         (piano a Zanze) Ciò Zanze, varda almanco che Catina no me tegna el viso duro, che gabiemo un poca de pase.

ZANZE:              Sì, sì. Digo crature, andemo, no vogio veder sti musi longhi.

CATINA:            Cossa vorlo, che ghe fassa i baleti?

MOMOLO:         Via, ti sa che fasso sempre quel che ti vol ti… Te ascolto in tuto e xe per godar un poca de quiete.

CATINA:            Eh! Va là, che ogni momento te capitaria i refoli de alzar la testa, de metarme soto i piè.

MOMOLO:         Mi! Gesumaria! Voria saver in cossa che te contrario? Xe do ani che semo maridai e me par de aver fato sempre a to modo. Ti ga volesto che co’ quei pochi risparmi verza botega da per mi e la go verta; semo andai in rota col paron, ga tocà vegnir via anca mia sorela…

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Per questo ti no ti ga colpa. Da quasi vint‚Äôani gero in quela casa, so andada prima che mora la mugier de sior Gregorio per tenderghe i fioi e gero deventada, pi√Ļ che la governante de la famegia; l√† me son maridada, l√† xe morto mio mario e gaveva fato el conto de no vegnir pi√Ļ via. Ma sior no, el diavolo ga messo la coa, e co sior Anzoleto ga port√† in casa so mugier, mi diventavo una scoassa. Co ti po‚Äô ti xe and√† via de botega e s√© andai in rota col paron, no gera pi√Ļ possibile che ghe restasse. Chi se agiuta, Dio lo agiuta: gavevo da parte qualcosseta‚Ķ go verto una botegheta de giasso e de sanguete per purgar el prossimo e credo che se pol trachegiarsela anca senza de lori.

MOMOLO:         E percossa adesso ghe fileu el lasso a Carleto?

ZANZE:              Quei tosi no ghe n’à colpa se i se vol ben e ghe vogio ben anca mi a Carleto come a un mio fio.

CATINA:            Tuta sta to contrarietà, dipende perché ti ga paura de sior Gregorio, perché el ve spaventa tuti. Peraltro, so fio grando ga avuo pur bisogno de ti?!

ZANZE:              E ti, ti xe stà cussi bon de imprestarghe dei soldi.

CATINA:            Digo ben, doman ghe scade la cambial de quele cinqueçento lire, vedemo!

MOMOLO:         Povaro toso, el aveva dei impegni… Grando, grosso e maridà, so pare lo tien come un putelo. Ga tocà metar in lusso, de scondon de so pare, el logo de campagna…

CATINA:            Tanti lussi e po’ adesso el çerca per mar e per tera de afitarlo!

ZANZE:              El çerca de afitar el logo de campagna?

MOMOLO:         Per carità no fè ciacole.

CATINA:            El se ga racomandà a lu perché el trova de afitarghelo.

ZANZE:              Anca quelo xe un capital morto; almanco che i lo godesse, ma lo gode inveçe quela vecia imatonìa dela gastalda.

CATINA:            No se podaria andar nualtri, un zorno, a far una scampagnata? Posto che ti te ga tolto sto incarico, andemo almanco a vèdarlo.

MOMOLO:         Xestu mata? Che idea te salta?

ZANZE:              Gnanca a mi no me pararia una gran bela cossa.

CATINA:            Che mal ghe saria? No andemo miga a magnarghelo!

MOMOLO:         Se i vien a saverlo, no vogio che i creda che me ne aprofito.

ZANZE:              Ti podaressi piuttosto dirghelo a sior Anzoleto, farte dar una letara per la gastalda.

CATINA:            Sior Anzoleto ga za scrito ala gastalda che Momolo andarà co’ dei foresti a vedarlo, che la li serva in tuto, che la ghe parecia quelo che i vol…

ZANZE:              E alora za, per una volta, la faria volentieri anca mi una scampagnata.

CATINA:            Xe che nol vol darme mai un fià de spasso. Una volta mi gera sempre alegra, me piaceva rider, divertirme e lu me ga ridoto proprio una mutria.

MOMOLO:         Benedete done!

CATINA:            Anzi vogio che ghe andremo. A sto pato farò pase.

ZANZE:              Ben via, daghe sto spasso. Doman xe domenega; andemo ala matina e tornemo ala sera.

MOMOLO:         No ti ga la botega da tender anca ti?

ZANZE:              Ghe farò far festa anca ale sanguete. Faremo cussì: se portaremo la roba per farse el disnar, no faremo che cusinarla là, perché no i diga che se va a magnarghe le coste, se i vien a saverlo, e staremo alegri.

MOMOLO:         Ma no go da dirghe gnente a sior Anzoleto?

ZANZE:              Ti pol far de manco; i crederà che ti gabi condoto dei foresti e che no gabia comodà el logo; la gastalda za no la capisse gnente, la conosso.

CATINA:            E mi farò da foresta.

ZANZE:              Sì, sì. Doman passaremo una bela zornada; mi no so quanti ani sia che no vedo un filo de erba!

CATINA:            E mi xe secoli che no vedo una carossa!

SCENA SESTA

Anzolo e detti

ANZOLO:           (parla di dentro) Compermesso, se pol?

CATINA:            (guardando dentro alla comune) Chi xe? Ciò! Xe proprio sior Anzolo.

MOMOLO:         Avanti, sior Anzoleto.

ZANZE:              Posto che el xe qua, parleremo anca de so fradelo.

(Anzolo entra dalla comune e saluta i presenti)

ANZOLO:           (sarà sempre timido, fiacco, spaurito) Me dispiaseria de disturbarlo.

MOMOLO:         El sa che lu no disturba mai.

CATINA:            (piano a Zanze) El me fa una rabia co’ quela camoma che lo petufarìa!

ZANZE:              (piano a Catina) Fra so pare e so mugier, i lo gà inzucà.

ANZOLO:           Go compagnà desuso mia mugier dala sartora e intanto so vegnuo a trovarli.

ZANZE:              Cossa ghe stà una sartora, desuso?

CATINA:            Sì, la xe vegnua a star da poco. I dise che la sia famosa per far… (accenna busti finti) tuto quelo che no ghe xe.

ANZOLO:           Oh! Mia mugier no ga bisogno de roba postissa.

CATINA.            Eh! No me opono.

ZANZE:              El senta, sior Anzoleto, posto che se vedemo, go da parlarghe.

ANZOLO:           A mi?

ZANZE:              El senta. Senza tanti preamboli, za lu sa che so fradelo ghe vol ben a mia nessa, ala Lisa, che xe inamorada morta anca ela de lu. Ma so papà xe sempre in colera co’ nualtri e el dovaria intrometerse lu per…

ANZOLO:           Mi, benedetta, savè che no me ne intrigo; conossè el papà e mi no vado a disgustarme…

ZANZE:              Ma via, se trata de so fradelo, el fassa da omo, el buta via la paura!

ANZOLO:           Mi no go paura.

CATINA:            Ma pipìu. Nol xe bon de parlarghe fora dei denti? Ma no xe za tanto so papà, quanto quela… bona dona de so mugier.

ANZOLO:           Ssss… No la staga a sigar, da resto mia mugier no ga tempo da pensar che alla so salute… se la se inrabia un pocheto la casca in deliquio.

CATINA:            Caro lu, tute finzion per farlo far a so modo.

ANZOLO:           Siora Catina!

MOMOLO:         Cole done, vèdelo, guai a molarghe; se le ghe tol la man, bondì sioria.

ANZOLO:           Me par per altro che anca lu…

CATINA:            Lu cossa? Prima de tuto mio mario xe abbastanza omo, po’ mi me faria stomego aver per mario un pampe.

ZANZE:              Via, el se mova, el meta una bona parola co’ so pare. Infin dei conti ga da dispiaserghe de esser in colera co’ nualtri, ala Lisa el ghe voleva ben…

ANZOLO:           Ben, parlarò; gavaria tanto caro anca mi che lori se giustasse col papà.

CATINA:            (Perché el ghe pagasse i so debiti!)

ANZOLO:           Ma adesso el senta, vogio dirghe una cossa.

MOMOLO:         Son qua.

CATINA:            Senti Momolo… (gli accenna di volergli parlare in un orecchio)

MOMOLO:         Ma che creanza gastu?

CATINA:            Oè, cossa gh’è? Senti, t’ò dito.

MOMOLO:         El scusa, sior Anzoleto.

CATINA:            (piano a Momolo) Anzi no dirghe gnente dela campagna.

MOMOLO:         (piano a Catina) Dunque no andaremo?

CATINA:            (piano a Momolo) Sì, ma no voria che el ghe lo disesse a so mugier.

MOMOLO:         (piano a Catina) Ma alora…

CATINA:            (piano a Momolo) Infati vogio cussì. Adesso za el te dirà che doman nol pol darte i soldi.

MOMOLO:         (piano a Catina) Tasi! (forte) So qua, sior Anzoleto.

ANZOLO:           (tirando Momolo in disparte. Catina allunga il collo per sentire) Momolo, so vegnuo per dirve che gabiè pazienza; doman me scadaria quela cambial, ma…

MOMOLO:         (piano) El parla pian che no le senta.

ANZOLO:           (tirando Momolo in disparte) A dirve la verità go fato dele spese.

MOMOLO:         (piano) Me dispiase, perché anca mi…

ANZOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (c.s.) Ve assicuro che pi√Ļ presto che podar√≤‚Ķ Se savessi che avilio che son, pensando che vu‚Ķ

MOMOLO:         (c.s.) Via, nol staga a badar a sta roba. Mi lo tegno come mio fradelo, ma voria veder che el se metesse su un altro piè.

ANZOLO:           Ve prometo che lo farò. A proposito, gaveu in vista gnente per el logo de campagna?

MOMOLO:         (piano) Gnancora no, ghe ne parleremo.

ANZOLO:           (c.s.) Per carità che né el papà, né mia mugier sapia… Go anca scrito ala gastalda che andarè.

MOMOLO:         (c.s.) Ma el varda co’ so mugier de no darghe tanto adrio.

ANZOLO:           Savè anca vu cossa che xe le done…

MOMOLO:         (c.s.) Eh! El me lo diga a mi!

ANZOLO:           (c.s.) Dunque ve ringrazio e presto, ve prometo, salderemo tuto. (allegro e forte) Adesso ve lasso, vado a tor mia mugier desuso.

ZANZE:              Dunque, quando ghe parlaralo a so papà?

ANZOLO:           De cossa?

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† A vu crature! De cossa avemio parl√† ?

ANZOLO:           Ah! Sì; no me ricordava. Parlarò, parlarò col papà; combineremo tuto, me basta de aver la quiete in casa, me bastarda che mia mugier stasse ben. Co la lasso, go sempre paura de trovarla in svenimento.

CATINA:            Ma che omo, che omo!

ANZOLO:           Cossa voleu? Uno nasse forte, un altro debole; uno pacifico, un altro baruffante; uno gobo, un altro drito.

ZANZE:              Lu xe nato gobo.

ANZOLO:           No, vedarè che farò da drito, vedarè che saremo contenti. Ve saludo. (esce dalla comune)

SCENA SETTIMA

Momolo, Catina, Zanze, poi Lisa

CATINA:            Lu no te ga dà un soldo, te vedo a muso.

MOMOLO:         Cossa vustu? Dal muro no se cava sangue!

CATINA:            E so mugier se fa i abiti novi!

ZANZE:              Ah! Quela casa xe proprio in desossè.

CATINA:            Vogio vedarla a vegnir dabasso. (va alla comune)

 

LISA:                  (uscendo da sinistra) Chi?

CATINA:            La mugier de sior Anzolo.

LISA:                  Ah! Quela bruta antipatica!

ZANZE:              Quasi quasi che faria adesso la parlata. (si avvia verso la comune)

MOMOLO:         (ferma Zanze) Andemo, no fè nassar scene. Vegnì qua, doman andemo in campagna.

LISA:                  In campagna dove?

ZANZE:              Andemo nel logo de sior Anzoleto: ma tasi. Se divertiremo.

LISA:                  Vegnarà anca Carleto?

ZANZE:              Xestu mata?

MOMOLO:         No mancaria altro!

CATINA:            (guardando fuori dalla comune) Vardèla, vardèla! Slarghè el porto che passa una nave!

ZANZE:              (c.s.) Se sente la spussa, fin qua, dei odori che la tien adosso.

MOMOLO:         Tirève drento, che no la ve veda.

CATINA:            (sempre guardando fuori dalla comune)Anca el cavalier serpente!

ZANZE:              (c.s.) El cavalier servente! Quelo xe el medico, so zerman.

CATINA:            (c.s.) Ciò! Cossa nasse?

ZANZE:              (c.s.) La se fa ciapar mal.

ANZOLO:           (di dentro) Momolo! Momolo!

MOMOLO:         So qua, vegno.

CATINA:            No te mòvar, che le xe caricature.

ZANZE:              Mi la conosso: la fa aposta per vegnir qua.

MOMOLO:         (verso la comune) El vegna qua, sior Anzolo, el vegna avanti.

ANZOLO:           (di dentro) Porteme un goto d’aqua.

MOMOLO:         (affaccendato)  Subito… vegno… mandème un goto d’aqua. Presto!

CATINA:            Andemo de là, che no vogio trovarme.

ZANZE:              Sì, vien co’ mi.

LISA:                  La fa a posta. (esce con Catina e Zanze da sinistra)

MOMOLO:         Me lasseu solo? Santa pazienza!

SCENA OTTAVA

Momolo, Amalia, Anzolo, Marco, poi Beta

ANZOLO:           (entra dalla comune sostenendo, con Marco, Amalia) Coragio Amalia.

MOMOLO:         (le dà una sedia) La se senta qua.

AMALIA:            Grazie, stago megio.

MOMOLO:         Cossa gà ciapà, un svenimento?

ANZOLO:           (facendole fresco) La se gà irabià cola sartora e se vede che ga fato mal.

AMALIA:            No farme fresco, che l’aria me fa fastidio.

ANZOLO:           Ben, sereghè la tenda che fa corente de aria.

MOMOLO:         Subito. (corre a chiudere la tenda della comune)

ANZOLO:           (a Marco) Tàstighe ancora el polso.

MARCO:            (tastando il polso ad Amalia) Ma gnente, uno dei soliti svenimenti… Xe belo e passà! (Che pazienza!)

MOMOLO:         (verso l’uscita a sinistra) Dunque sta aqua vienla o no? (Beta entra da sinistra con un bicchiere colmo d’acqua, versandone un po’) No la vede che la la spande?

AMALIA:            Grazie.

BETA:                (ad Anzolo) Oh! Paron, come stalo?

ANZOLO:           Ben, ben.

BETA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Che vol dir che so pap√† no vien pi√Ļ?

MOMOLO:         (a Beta) La vegna co’ mi. (ad Amalia) Vado a torghe una bossetta de aseo da mia mugier, che ghe farà ben.

BETA:                (ad Anzolo) Ancuo xe stà so fradelo…

MOMOLO:         Ma la vegna, infati! (porta via Beta a sinistra)

AMALIA:            Gastu sentio? Ancuo xe stà qua Carleto.

ANZOLO:           No; son stà mi prima, la me gà tolto in fàlo.

AMALIA:            No, no me far inrabiar. Za son amalada perché i me fa inrabiar tuti, no xe vero Marco?

MARCO:            Bisogna che ti çerchi de star alegra, de no inrabiarte, de distrarte.

AMALIA:            E inveçe fasso una vita insofribile.

ANZOLO:           Dime cossa che ti voressi. (a Marco) Cossa ghe faria ben?

MARCO:            Distrazion, alegria, campagna… No capisso percossa che avendo un logo in campagna no ghe andè mai.

AMALIA:            La xe una fissazion de so papà… Sento che me faria ben un poco de moto e se lu volesse…

ANZOLO:           Ben, vustu che andemo in campagna?

AMALIA:            No, no, za to papà te vol aver tacà.

MARCO:            Ti pol andar ogni tanto, magari dala matina ala sera…

ANZOLO:           Varda, doman ghe diremo al papà che semo a disnar dala to famegia e inveçe andremo a disnar in campagna…

MARCO:            Bravo, benon.

AMALIA:            Alora vien anca ti.

MARCO:            Volentieri, staremo alegri.

MOMOLO:         (rientrando da sinistra) Eco l’aseo, la nasa che ghe farà ben.

AMALIA:            Uh! Che cativo odor, el porta via, el porta via.

CATINA:            (ride di dentro) Oh! Che dolori!

ANZOLO:           Vustu che andemo?

AMALIA:            Sì, ma tolemo barca, perché l’aria me fa mal.

SCENA NONA

Catina, poi Zanze e Lisa; pi√Ļ tardi Gregorio e detti

(Catina entra da sinistra e va diritta ad aprire la tenda della comune)

AMALIA:            Ahi!

MOMOLO:         Sera quela tenda.

CATINA:            No gavè sentio che xe qua qualchedun? L’aria corompe i cativi odori. (guarda dentro la comune) Chi xe?

GREGORIO:     (da fuori) Tanto ghe vol?

CATINA:            Sior Gregorio!

MOMOLO:         (sbigottito) El paron!

ANZOLO:           (sbigottito) El papà!

AMALIA:            (sbigottita) Mio missier!

MARCO:            Eh! Cossa sarà nato?

ZANZE:              (entrando da sinistra con Lisa) Chi xe, sior Gregorio?

LISA:                  El santolo! Cossa ch’el vogia?

MOMOLO:         Presto verzìghe; Zanze riçevilo ti.

(Lisa esce dalla comune per aprire a Gregorio)

CATINA:            (a Momolo) Gastu paura ch’el te magna?

ZANZE:              (a Momolo) Col vien, vol dir che el çerca de ti.

ANZOLO:           (fa per uscire con Amalia e Marco) Andemo, che nol ne trova.

CATINA:            Ma chi xelo? L’orco? Deboto lo riçevaria mi!

(Lisa rientra veloce dalla comune e fa cenni a Catina e Zanze, escono tutte e tre a sx)

GREGORIO:     (di dentro) Oh! Finalmente! (entra dalla comune e vedendo Anzolo e Amalia gli si rivolge)  Cossa feu qua?

ANZOLO:           Semo andai dala sartora, gà ciapà mal a l’ Amalia sule scale e semo vegnui…

GREGORIO:     No xe vero gnente, sé vegnui per qualcossa altro.

AMALIA:            Ghe assicuro papà…

MARCO:            Posso testimoniarlo anca mi. Vorlo la fede medica?

GREGORIO:     Paron.

AMALIA:            Adesso vado a farghe da disnar.

GREGORIO:     Me par che saria ora de esser a casa. Tuto el zorno a sbrindolon!

AMALIA:            Vorlo, ancuo, i risi coi pomidoro?

GREGORIO:     Siora no, feme pareciar dei bìgoli in salsa, magari co’ un poco de tòssego.

AMALIA:            Sissignor. Andemo.

MARCO:            (Oh! Che bele macie!) (esce dalla comune con Amalia e Anzolo)

SCENA DECIMA

Momolo e Gregorio

GREGORIO:     (fiuta la boccetta che Momolo ha ancora in mano) Andarò mi dopo a vedar se xe vero che ghe stà la sartora dessuso.

MOMOLO:         (offrendogli da sedere) El se comoda.

GREGORIO:     No so straco. Poche parole: so vegnuo per dirve che tendè a vostra fia. Za i me gaveva dito che Carleto ghe façeva el cascamorto… go fato adesso una ispezion in camara sua e, a vu siori, cossa che go trovà! (mostra un pacco di lettere) Letare de vostra fia.

MOMOLO:         Ah! Toco de petegola!

GREGORIO:     Una volta ale tose no se ghe insegnava a scriver, cussì no ghe gera de sti pericoli. Mio fio ga da far quelo che vogio mi, in casa mia no ghe xe altri paroni che mi, e se i credesse de far comunèla per farmela tegnir, che i se la cava dala testa.

MOMOLO:         El se assicura che nessun fa comunèla.

GREGORIO:¬†¬†¬†¬† Megio. Mi no vogio aver afari co‚Äô vu. Posto che no ve s√© pi√Ļ degn√† de star in bottega, godeve le vostre grandesse.

MOMOLO:         (sottovoce) El sa percossa so vegnuo via!

GREGORIO:     (gridando) Sì, so percossa. Perché vostra mugier ve gira come che la vol… (Catina fa capolino da sx e tossisce) …perché ela coi so fumi la ve ga rovinà, perché no la podeva sofrirme.

MOMOLO:         Nol creda che mia mugier…

GREGORIO:     Sì, vostra mugier xe stada la causa de tuto… (Catina c.s.) …no la ghe somegia gnanca nele siole dele scarpe ala vostra prima. Quela sì, gera una santa dona. (Catina c.s.)

MOMOLO:         (facendogli cenno che Catina può udirlo) In quanto a questo mi no posso che dir ben de Catina.

GREGORIO:     Megio per vu. E no ghe xe bisogno de quela mimica, che mi quelo che go in cuor lo go in boca e no go riguardo de nissun.

SCENA UNDICESIMA

Catina e detti, poi Zanze e Lisa

CATINA:            (entrando furiosamente da sinistra) Sentimo mo’ quelo che el ga in cuor.

GREGORIO:     Cossa gh’è siora? Cossa credela de farme paura? No so miga quel tartufo de so marìo, sala!

CATINA:            Posto ghe no se gavemo mai parlà s’cieto, sentimo cossa che el pol dir de mi.

GREGORIO:     Posso dir che la xe stada ela a scaldarghe la testa a Momolo; che lu no se insognava gnanca de vegnir via da mi, e che se adesso la credesse de far zozo mio fio Carleto, la la ga falada.

MOMOLO:         Ma paron!

CATINA:            Paron un corno! Mi me son maridada col pato che l’impiantasse botega, perché no voleva esser mugier de un servidor.

GREGORIO:     Ciò! Che no se sa che so pare gera paron de banca in pescaria, e ela coi so capelini la voria farlo desmentegar! La me varda mi, se me vergogno a andar atorno cola mia falda!

CATINA:            Se xe questo che ghe stà a cuor, ghe dirò che i mii capelini no manda in rovina mio marìo, come… chi so mi.

GREGORIO:     Cossa voràvela dir?

CATINA:            Vogio dir che mi tendo ala casa, che no go arie gnente afato e no ghe fasso far cative figure a mio marìo… come fa so niora.

MOMOLO:         Ma tasi, finissila!

GREGORIO:     La parla megio, sala!

CATINA:            Parlo come che el se merita; e no go paura del babau.

GREGORIO:     Infati vado, chè no vogio butar via el mio fià co’ dei mati.

CATINA:            Mati a chi?

GREGORIO:     Sì; mata ela, mato lu, mata so sorela che ghe và adrio. (fa per uscire)

ZANZE:              (entra da sinistra seguita da Lisa) Oh! Per questo, mata po’ no.

GREGORIO:     Mata, mata, mata!

ZANZE:              Nol ga da parlar cussì de una dona che ga volesto sempre ben ala so famegia.

LISA:                  Amia, la tasa!

GREGORIO:     Se gavessi avuo amor per la mia famegia, no me gavaressi impiantà dopo tanti ani.

LISA:                  Nol siga, santolo.

GREGORIO:     No ghe xe santoli che tegna.

ZANZE:              So andada via quando so niora voleva saparme soto i piè, e la meteva fora ciacole che ne façeva ridicoli tuti do, se no pezo.

GREGORIO:     Che mi no go paura dele ciacole! Se sé andada via, megio; godeve le vostre sanguete, el vostro giasso e rinfrescheve. In quanto a mio fio, ghe farò far giudizio mi. (esce velocemente dalla comune)

SCENA DODICESIMA

Detti tranne Gregorio

LISA:                  Adesso el va a strapassarlo!

CATINA:            (a Momolo) E ti, no ti ga gnanca verto boca!

MOMOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Gav√® sentio! Ricordeve: no stevene pi√Ļ a impassar. (a Lisa) ¬†E ti, Carleto, no ti ga gnanca pi√Ļ da vardarlo.

CATINA:            Tornistu dacapo, sì?

ZANZE:              No se rovinemo el sangue; lassè pensar a mi.

CATINA:            Sì, sì. Andemo a far provista per doman; staremo alegri ala barba de chi no vol.

ZANZE:              E luni pensaremo al resto.

MOMOLO:         Ma cossa ve penseu, dopo sta scena?

LISA:                  (Mi ghe scrivo a Carleto ch’el vegna in campagna anca lu). (esce a sinistra)

CATINA:            (a Zanze) Va a crompar sta roba per doman, (a Momolo) e ti va in bottega.

(Zanze si mette lo scialle)

MOMOLO:         Ma dunque, doman?…

ZANZE:              Doman in campagna!

CATINA:            A l’erba!

MOMOLO:         Che Dio me la manda bona!

(Momolo e Zanze escono dalla comune, Catina esce a sinistra).

FINE ATTO PRIMO

ATTO SECONDO

Cucina nella villeggiatura di Anzolo. Una porta laterale a sinistra e una porta laterale a

destra, una finestra sul fondo. Un caminetto al centro. Una tavola piuttosto grande e

nove sedie impagliate.

SCENA PRIMA

Checa, poi Momolo, Zanze e Lisa

CHECA:             (vecchia contadina, un po’ intontita e confusa guarda fuori dalla finestra) Cospetini! A sta ora, cossa che vogia tuta sta zente? (si avvicina alla comune e guarda dentro) I vegna, i vegna .

(Momolo entra con le sporte del pranzo, con Lisa)

LISA:                  Oh! Che bela stanzetta!

MOMOLO:         (verso sx) Andremo, Catina, destrighite!

ZANZE:              (entrando da sx) Lassa che la se ferma; la nona xe straca.

MOMOLO:         Bisogna esser proprio mati a condur in campagna una dona de quela età.

ZANZE:              Sola a casa, za no se podeva lassarla.

LISA:                  (davanti alla finestra) Sta finestra varda la strada.

CHECA:             Ma lori cossa vorli qua?

MOMOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† No me conoss√® pi√Ļ, Checa?

ZANZE:              No ve ricordè co vegnivi a portarghe le onoranze al paron?…

CHECA:             Ah! Adesso vedo… Cospetini! La xe la governante, e lu xe sior Momolo…

MOMOLO:         Gavarè avua una letara dal paron dove el ve avvertiva che saria vegnuo co’ dela zente.

CHECA:             Sior sì, cospetini!

ZANZE:              Gavemo condoto dei foresti a vedar el logo.

CHECA:             Ma el vol proprio afitarlo?

MOMOLO:         Sentì, a dirvela…

ZANZE:              (interrompendolo) Quele do foreste, che adesso vegnarà, lo torà forsi lore. Abiè riguardo, saveu! Vardè: là se gavemo portà la roba per far da disnar.

CHECA:             Cospetini, siora sì.

ZANZE:              (piano a Momolo) Ricordite che, posto che gavemo fato la matada, gavemo da star alegri e no tegnir quel muso.

MOMOLO:         (piano a Zanze) Eh! Questa xe l’ultima che ghe dago vinta a mia mugier.

ZANZE:              (piano) Ben, dunque làssitela passar. (forte) Oh! Ecole. (a Checa) Oè, Checa, vardè che le xe do persone de peso. Vien qua Lisa. (piano a Lisa) Vogio che se la godemo co’ sta sempia.

SCENA SECONDA

Detti, Catina e Beta

ZANZE:              (a catina e Beta che entrano da sx) Avanti, signore; le vegna a vedar la casa.

CATINA:            (a Beta) Gli pare di ezzere straca?

BETA:                Cossa diseu?

CATINA:            (piano) La tasa sempre. (con caricatura) Questo sarebbe il tinello da pranzo. Uh! Non c’è male; mi piace il giardino e l’orto, ci sono delle belle verze e dei capuzzi assai grandi.

ZANZE:              E questa xe la dona. Vedela, che bel tagio?

CATINA:            Ah! E’ la contadina, la villana, la boara.

CHECA:             La gastalda, cospetini, no la contadina.

CATINA:            Bene, bene, gastalda o boara fa lo stesso. Avete una musana che mi piace.

MOMOLO:         (piano a Zanze) Dighe che la la finissa.

CATINA:            (ridendo con Zanze e Lisa) E sono molti anni che siete in sta casa?

CHECA:             Sono molti ani, sì; ancora soto il parone morto.

CATINA:            (a Zanze) Matarana! Parla in slinci come un gato suriano. Va bene; se veniamo in campagna, fate pulito e sarete contenta. Siamo noi due done sole, io e mia madre che è polaca.

BETA:                Cossa?

CATINA:            (fingendo di parlare una lingua straniera, a Beta) Spriche, spranghe, baraban, trin tron. Andiamo a vedere le altre camere, fateci da còdega; voglio vedere tuto, anche la stala.

ZANZE:              Andè, andè che mi andarò a dar un’ociada in cusina. (osserva Lisa che va sempre al balcone)

CATINA:            Andate avanti, boara.

CHECA:             (Cospetini! No capisso gnente). (esce a destra)

CATINA:            Ah! Ah! Ah! Xei quadri? (a Momolo) Su, su venite! Vogio che ridemo ancuo. Andiamo noi; Momolo, perseguitatemi! (via, con Beta, a destra)

MOMOLO:         (sbuffando) Che bela scampagnata! (esce a destra)

SCENA TERZA

Zanze e Lisa poi Carleto

ZANZE:              Lisa, vien a darme una man a portar sta roba dabasso.

LISA:                  La vada, che vegno subito.

ZANZE:              Ma infati, cossa se vede anca da sto balcon?

LISA:                  Gnente, vardavo sta bela vista

ZANZE:              Che veda anca mi.

LISA:                  Va là, che mi me godo a star un poco qua.

ZANZE:              Oh! Digo, ghe n’ala fata qualcheduna dele sue, gnanca?

LISA:                  Senti amia… ti xe tanto bona.

ZANZE:              Lo go dito mi! Adesso go capio tuto!

LISA:                  Se ti ga capio, no te digo gnente. (alla finestra) Ah!

ZANZE:              Cossa ghe xe?

LISA:                  Gnente, una vespa che me gà becà.

ZANZE:              Scometo che el gera inveçe un moscon. (Carleto entra timidamente da sx) Go dito mi che el gera un moscon! Gran dir che no se possa aver un fià de ben. Adesso andemo via subito nualtri.

CARLETO:        No, no, piutosto vado mi.

LISA:                  Lu no ghe n’à colpa sastu; so stada mi che geri go scrito che el vegna. Go fato perché el ciapa un poca de aria bona

ZANZE:              El podeva andar sula Riva dei S’ciavoni, a ciapar aria.

CARLETO:        La sia bona; za nissun sa gnente. Ghe l’ò dito solo al toso de botega, per tuto quelo che pol nassar. So che lu tase… Ala stazion no me go volesto far vedar gnanca da lori, go montà in vagon solo… Ma se la vol che torna via…

ZANZE:              Andemo, per sta volta el se ferma; ma…

SCENA QUARTA

Momolo, Catina, Beta, Checa e detti

(entrano da destra Catina, Momolo, Beta)

CATINA:            Go veduto, go veduto.

MOMOLO:         (vedendo Carleto) Cossa falo lu qua? El vada subito via.

CATINA:            Per diana de dia, me pareva impossibile!

BETA:                Oh! Paron, salo. (siede su una sedie a lato)

ZANZE:              In tuti i casi, dovaressimo andar via nualtri.

MOMOLO:         Xe vero, andemo.

CHECA:             (entrando da destra e vedendo Carleto) Oh! Paronçin, anca lu! Go ben da caro, cospetini!

CARLETO:        Sì, so vegnuo anca mi…

CATINA:            (a Zanze) Ma come no lo gavemio visto in vagon?

ZANZE:              El ne ga fato le scondariole. Povaro toso, lassè che el resta.

LISA:                  Sì, sì; e andemo un toco fora in giardin a divertirse.

CATINA:            (a Carleto) El resta pur, e ti (a Momolo) no secar altro.

MOMOLO:         Ben, ma questa xe l’ultima che te lasso vinçer.

ZANZE:              (a Carleto) Peraltro pati ciari: lu sempre co’ mi.

MOMOLO:         (a Lisa) E ti co’ mi.

CARLETO:        Tuto quelo che i vol. Oh! Che bela zornada che passaremo!

CATINA:            Andemo, lu che ga pratica, el ne fassa passar ben ste ore prima de disnar.

CARLETO:        Vorli che andremo a far una trotada?

MOMOLO:         No, no, che no se rebaltemo dessoravia!

CATINA:            Andemo in stala a bevar el late?

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Ah! Che ve rovin√® el stomego, e dopo no disn√® pi√Ļ.

LISA:                  Andemo a vedar rivar el vapor dela seconda corsa?

CARLETO:        El ga da esser anca rivà, no femo a tempo.

CATINA:            Oh! Che bela idea, andemo a ua per i campi.

ZANZE, LISA  e CARLETO: Sì, sì.

MOMOLO:         La xe ancora gresta.

CATINA:            Eh! L’omo dei dubi! Andemo, ma cavemose prima. (si leva cappello e scialle, così Zanze e Lisae li posano su una sedia; poi a Checa) Dite, imatonia, tendete a questa signora, ala polaca.

CHECA:             Siora sì, tenderò, tenderò.

ZANZE:              E portemo in cusina sta roba. (indicando le borse del cibo)

CARLETO:        (dà il braccio a Lisa) Sì, sì.

ZANZE:              Sior no. (rivolta a Checa) Qua, la tegna sta sporta; ciapa ti Momolo questa. (rivolta ora a Carleto) Lu el me daga brasso a mi. (prende a braccio Carletto) Nol xe contento del cambio?

CARLETO:        (mortificato) Oh! La se figura!

CATINA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (a Lisa) E ela qua co‚Äô mi; e alegri tuti, sta aria me fa tornar pi√Ļ zovene.

BETA:                (si alza) Dove andeu?

CATINA:            La staga là; si no, non ci diamo i fruti a disinare.

(sempre allegri tutti, tranne Momolo. Zanze in fondo a braccio di Carletto, dietro a lei

 Catina con Lisa; in coda Momolo)

ZANZE:              (che stava per uscire ritorna, trascinando sempre per il braccio Carletto, si rivolge a Checa)  Deboto, se la vecia ciapa sono, andè intanto a impissar el fogo e pareciar le pignate. (per partire)

CHECA:             Siora sì.

CATINA:            (ritorna, come Zanze, trascinando Lisa)  Guardate che disnaremo qui, tirate avanti quela tola. (per uscire)

CHECA:             Siora sì.

ZANZE:              (ritorna trascinando sempre per il braccio Carletto) E pareciè un bel masso de fiori da metar in mezo ala tola. (per uscire)

CHECA:             Siora sì.

CATINA:            (ritorna trascinando sempre Lisa) E no tocate la roba cole vostre proprie mani.

CHECA:             Siora sì.

MOMOLO:         Ma dunque, santa pazienza!

TUTTI:                Andemo, andemo.

MOMOLO:         (che resta sempre ultimo) Andremo a ua!

(Tutti allegri e chiassosi, tranne Momolo, escono a sx).

SCENA QUINTA

Beta e Checa

(Beta e Checa restano intontite).

BETA:                Cossa po’ gai, mi no so.

(si guardano scambievolmente a lungo e poi ridono)

CHECA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Cospetini! La foresta, che no xe foresta‚Ķ el paron√ßin‚Ķ E dove vai adesso? (guarda alla finestra) I va par sta parte‚Ķ par i campi‚Ķ Cospetini!‚Ķ Cori qua, cori l√†, no capisso pi√Ļ gnente.

BETA:                (siede sulla sedia) Go tuti i ossi scombussolai dal vapor. E sto rusor in tela recia…

CHECA:             Se i venisse a star lori, cospetini, mi no ghe resto. (sempre guardando dalla finestra) Oh! Una carossa se ferma al porton. Vardè! I me gà lassà averto el restelo. Oh! De l’altra zente ancora. Oh! El paron, el paron e la parona… Go ben da caro, go ben da caro… Ma sta vecia che xe qua…la dorme… E cossa goi da dighe adesso?… Speta che pensa.

SCENA SESTA

Anzolo e detti

ANZOLO:           (entrando da sx) Checa! Checa! Dove seu che no me sentì?

CHECA:             Paron, sior paron…

ANZOLO:           No me gavè sentio a vegnir? Andemo, andeghe incontro ala parona… (scorge Beta, che è seduta in modo da non essere vista in viso) Ma chi xe là?

CHECA:             La forestiera.

ANZOLO:           Che forestiera?

CHECA:             La polaca, quela che xe vegnua co’ quei siori.

ANZOLO:           Quai siori? Cossa diseu?

CHECA:             Nela letara che me go fato lezer da l’arciprete, no gera scrito che vegnarà quel… cossa ghe disili…

ANZOLO:           Ah! Momolo?

CHECA:             Sior sì, Momolo co’ dela zente…?

ANZOLO:           El xe vegnuo ancuo?

CHECA:             Stamatina cola prima.

ANZOLO:           Oh! Povareto mi! Ma se geri nol me ga dito gnente? E dove xelo, adesso?

CHECA:             Cospetini, mi no so gnente; el ghe domanda ala polaca.

ANZOLO:           (che si è avvicinato a Beta) Ma che polaca! Questa xe siora Beta.

BETA:                (destandosi) Xe ora de disnar?

ANZOLO:           Cossa fala qua, siora Beta?

BETA:                Oh! Paron. Xelo vegnuo a disnar co’ nualtri?

ANZOLO:           La me scolta. (scandisce lentamente le parole) Co’ chi xela vegnua qua? Ghe xe Momolo?

BETA:                Momolo stà ben e anca Catina; semo vegnui a far una scampagnata.

ANZOLO:           Santa pase! Xe qua mia mugier, adesso stemo freschi!

SCENA SETTIMA

Amalia, Marco e detti

AMALIA:            (entra con Marco da sx) Sento proprio che stago megio.

MARCO:            Ma sì; el moto, la distrazion, te farà passar tute le malinconie.

AMALIA:            Chi xe sta vecia?

ANZOLO:           Adesso te dirò tuto.

AMALIA:            (vedendo i cappelli, gli scialli ecc. lasciati dagli altri) E sto capello, sti siali, de chi xeli?

ANZOLO:           Senti, senti: xe nata proprio una bela combinazion. (si sforza di ridere) Ah! Ah! No me son ricordà che ancuo aveva da vegnir un sior… un mio amigo…

AMALIA:            Ti gà invidà qualchedun? E chi xelo, sto signor? (guardando Beta)

BETA:                (osservando di sbiego Amalia) Patrona sala; la conosso!

AMALIA:            Ma sta vecia… la go da conosser.

ANZOLO:           (a Checa) Cara ela, condusèla de là. La vada…

CHECA:             La vegna, la vegna. (No capisso gnente). (esce a dx con Beta che brontola )

AMALIA:            Ma quela xe la nona de Momolo… el xe lu che xe vegnuo in campagna, co’ tuta la so famegia!

MARCO:            Questa xe bela dasseno!

AMALIA:            Ti ridi ah! Ti, ti ridi!

MARCO:            Eh! Cossa sarà? Una cossa inaspetata xe sempre bela. Cussì troveremo compagnia.

ANZOLO:           Bravo, Marco.

AMALIA:            (a Marco) A ti! Vedistu? Per aver sto poco de distrazion, me gà tocà infenociar so papà che andemo a passar la zornada cola mia famegia; e ancuo, inveçe de svagarse, varda cossa che me toca.

ANZOLO:           Via, no inrabiarte; andarò a çercarli… Via, varda che i pol capitar. Te racomando, no dirghe gnente…

AMALIA:            Ma te preme molto, de no disgustarte sti gran personaggi? Ga da esserghe una rason e se i càpita mi la savarò.

ANZOLO:           No ciò, Amalia…

AMALIA:            Va là, che la savarò.

ANZOLO:           Ben, scusa Marco… (scosta Marco e parla piano ad Amalia) El motivo xe che go dele obligazion, co lori.

AMALIA:            (piano ad Anzolo) Che obligazion postu aver co’ quela zente? Ti vol darmela da intender, ma lassa far a mi!

ANZOLO:           (piano ad Amalia) Infati varda… proprio ancuo me scadeva una cambial co’ Momolo… No la xe la prima e el me ga dà una proroga.

AMALIA:            (piano ad Anzolo) Una cambial?

ANZOLO:           (piano ad Amalia) Ma per carità, no farte capir dal papà.

AMALIA:            (piano ad Anzolo) Ti ga tolto i soldi in prestio da lu?

ANZOLO:           (piano ad Amalia) El xe el solo che go confidenza…

AMALIA:            (piano ad Anzolo) E so mugier, so sorela, savarà…?

ANZOLO:           (piano ad Amalia) Oh! Lu xe un omo prudente, nol gavarà dito gnente. Adesso ti ga capio el motivo, te raccomando. (forte) Cossa xe sto tananài?

(risa e chiacchiere all’interno)

SCENA OTTAVA

Lisa, Carletto e detti; poi Catina, quindi Momolo e Zanze.

LISA:                  (dall’interno, allegra) Ciapime, ciapime, se ti xe bon!

CARLETO:        (dall’interno, allegro) Te ciapo, te ciapo.

(Lisa entra correndo e, veduta Amalia, resta confusa e impalata. Carletto entra correndo

e si scontra con Lisa)

MARCO:            Oh! Oh! Carleto.

AMALIA:            Anca Carleto! Ma bravi, ma benon!

CARLETO:        Cossa fastu ti, qua?

AMALIA:            Te lo domando a ti, mi!

MARCO:            Ma lassili star.

CATINA:            (di dentro) Lisa! Carleto! Xei questi i pati? (entra correndo e resta confusa. Pausa) Patrona!

AMALIA:            Rivarita.

MOMOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (entra correndo comeCcatina seguito da Zanze. Pausa) Stors√Ļo!

AMALIA:            Rivarito.

MARCO:            (Ah! Ah! Tablò!)

MOMOLO:         Brava, la xe vegnua anca ela in campagna.

AMALIA:            Sipo.

MOMOLO:         (non sapendo cosa dire) Sicuro, sicuro. (pausa)

AMALIA:            Ma i continua, i se cora adrio, i fassa pur.

MOMOLO:         Oh! Cossa mai disela?… Quei benedeti tosi… Anzi nualtri ghe levemo el disturbo.

AMALIA:            Ma no; anzi me dispiase de esser vegnua mi a disturbarli, e li lassemo in libertà.

ZANZE:              Gnanca per insonio! Ela xe in casa sua, e toca a nualtri andar via.

MOMOLO:         Brava Zanze! Care vualtre, dunque vegnì qua, meteve suso. (prende i cappelli e gli scialli per darli alle donne)

CATINA:            Gavemio proprio da andar?

ZANZE:              Eh! Sfido mi! Andè avanti, che ghe digo solo do parolete a siora Amalia, se la ga la bontà, po’ vegno.

CATINA:            Voleva parlarghe anca mi.

MOMOLO:         Sicut erat in principium! (rimette a posto i cappelli ecc.)

ANZOLO:           Ma scusè: me par che questo no sia el momento. Semo vegnui per passar un zorno in quiete.

ZANZE:              Me par che se podaria spiegarse senza alterarse.

AMALIA:            Za so cossa che i voria dirme; ma co ghe dirò che mi no me ocupo de lori, che Carleto per conto mio pol far quelo che el vol, semo beli e spiegai. A Carleto ghe pensa so papà e so fradelo; i se destriga co’ lori.

ANZOLO:           Mia mugier ga rason, ela no la ghe entra.

CARLETO:        (ad Anzolo) Sì, tuto dipende perché ti no ti ga un fià de amor par mi, perché ti xe un egoista e, pur de no scomodarte, ti lassi che vada a Patrasso mi, ela, lori e tuto el mondo.

CATINA:            Per altro nol dovarìa far cussì, perché mio mario ga fato da pare; da pare tre volte bon… e me capissa chi pol!

MOMOLO:         No xe vero! Per lu no go fato gnente.

CATINA:            Come? Vustu che diga tuto, sì?

MARCO:            Ma possibile che no se possa giustar sta façenda? Me par che tuto sia question de ciacole; dunque a parte sti discorsi e che la sia finia!

ANZOLO:           Mi staria in pase co’ tuto el mondo!

AMALIA:            No li go tirai çerto fora mi, sti discorsi.

CATINA:            E mi no so vegnua per contrastar ma per divertirme, e inveçe a vu!

CARLETO:        Se fusse vero, se podaria disnar insieme, star in bona armonia.

MARCO:            Bravo e senza parlar de malinconie. Gavè tempo de metarve d’acordo e se volè un pacier, so qua mi.

ANZOLO:           Sì, ancuo staremo insieme… No xe vero Amalia?

AMALIA:            Per mi…

ANZOLO:           E vu, Momolo, cossa diseu?

MOMOLO:         MI fasso quelo che i vol.

ZANZE:              Sì, sì, semo vegnui qua tuti per passar una bona zornada e cussì ga da esser. Andemo siora Amalia, la vedrà che nualtri finiremo per intenderse; la creda che mi no go astio, e ela?

AMALIA:            Mi no son in colera co’ nissun.

ZANZE:              Dunque, se la se degna, çinque e çinque diese e a monte i puntili. (porge la mano ad Amalia che gliela dà con fatica) Anca ti, Catina.

CATINA:            (va a darle la mano. Pausa. Poi si fiuta la mano e fa una smorfia) (La ga i odori fin nele man).

(Amalia si pulisce le mani con un fazzoletto)

ANZOLO:           Bravi! Cussì. Disfaremo insieme e el primo che parla de malinconie lo metemo in multa; lo tegnimo senza disnar. Ah! Ah! Ve piase?

MARCO, MOMOLO, CATINA, ZANZE, LISA e CARLETO: (allegri) Va benon, va benon.

ZANZE:              I vedrà che bel disnareto che ghe pareciarò, ala bona, da campagna, ma i sarà contenti dela coga.

CATINA:            Mi me cominçia l’apetito.

ZANZE:              Su, da bravi, i pensa a far qualcossa in sta oreta, tanto che mi parecio. (ad Amalia) Me permetela che ciama la gastalda?

AMALIA:            Oh! La xe parona.

ZANZE:              Checa! Checa! Vegnì qua.

AMALIA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (No ghe ne posso pi√Ļ!)

MARCO:            (piano a Momolo) El çerca de tegnirli su anca lu.

MOMOLO:         (piano a Marco) Mi digo che se rivemo a disnar, xe un miracolo.

SCENA NONA

Checa, Beta e detti

CHECA:             (entra da dx seguita da Beta) Cospetini! Xela un tormento?

BETA:                Dunque xe ora de disnar?

ZANZE:              La staga bona e la tasa, ela.

BETA:                Sempre taser, sempre taser.

ANZOLO:           Vu pareciè la tola qua. Seu contenti che disnemo qua?

TUTTI:                Sì, sì.

BETA:                Mi qua o de là xe istesso, basta che magnemo.

ZANZE:              Pareciè dunque per… in quanti semio? (conta) Per nove.

CHECA:             Cospetini! I disna tuti insieme?

ANZOLO:           Siora sì, cospetini, cospetini, andè a tor la tovagia, le possae, quelo che ocore, moveve!

CHECA:             Vado, vado. (esce a dx)

ZANZE:              (piano a Catina) Te raccomando adesso de aver prudenza.

CATINA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (piano a Zanze alludendo ad Amalia) Ela ghe n‚Äô√† d‚Äôaver pi√Ļ de mi, sta quieta; la sa che ghe torna conto a taser.

AMALIA:            (piano ad Anzolo) Questa ti me la pagare sastu; colpa tua, go sto bel divertimento.

ANZOLO:           (Me casca i brassi!)

CARLETO:        Voleu intanto che andremo a vedar la filanda qua arente?

TUTTI:                Sì, sì.

CATINA:            Basta che no stè tanto a pareciar el disnar, perché sior’Ana spassisa.

ZANZE:              In un’oreta xe tuto pronto. (a Checa che ritorna con le stoviglie ecc.) Ricordeve che in cusina no vogio nissun. Stè qua a tender ala vecia e intanto pareciè la tola.

BETA:                Dove andeu?

CATINA:            In Oga Magoga. (mentre procede il dialogo le donne si mettono lo scialle per uscire. Varie controscene. Il dialogo proceda sempre speditamente)

ANZOLO:           Qua, Momolo, ve consegno mia mugier.

MOMOLO:         (va a darle il braccio) Se posso…

AMALIA:            Oh! Grazie.

MARCO:            (a Catina) E mi la servirò ela.

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (prendendo il braccio di Anzolo) El varda che bele copie, sior Anzoleto; la pi√Ļ bruta semo nualtri.

ANZOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† No po‚Äô, la pi√Ļ bruta xe quela. (accenna a Checa e Beta)

ZANZE:              Bon divertimento.

CARLETO:        (con Lisa) Nualtri andemo avanti. (via a sx)

MOMOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† O√®, digo‚Ķ (inciampa nell‚Äôabito di Amalia) La scusa sala, co ‚Äėste coe no go pratica. (via a sx)

CATINA:            Ve raccomando el disnar. (via a sx)

ANZOLO:           Diseu che nassa gnente? Che i trova da dir?

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Cossa vorlo che nassa? Nol li vede tuti alegri e contenti? El varda: i ride, i se gode mezo mondo. El vedar√†, ancuo passeremo una bela zornada e chi sa, che no se ghe ne parecia de pi√Ļ bele. Se el ga fiducia in mi el se regola a mio modo. Ma adesso andemo. (a Checa) Ricordeve che in cusina no vogio nissun, pareci√® la tola pulito: ma svelta. Scometo che intanto che met√® la tovagia mi fasso da disnar.

ANZOLO:           Se la passemo suta xe un miracolo. (via con Zanze a dx)

SCENA DECIMA

Checa e Beta

CHECA:             (spiegando la tovaglia) Quanti paroni po’ goi da servir, cospetini, mi no so.

BETA:                (vorrebbe aiutarla, ma gli fa perder tempo) Qua che ghe darò una man.

CHECA:             La me lassa far a mi. (fra sé) Voria saver percossa che i diceva che questa xe polaca… Percossa che i xe qua tuti, fora del paron vecio. (a Beta)  Ma la lassa star, cospetini, mi fasso e ela desfa.

BETA:                Eh! Credela anca ela che no sia bona da gnente? Tuti me crede insempiada, ma mi capisso tuto. (per andarsene)

CHECA:             Dove vala?

BETA:                Vado in cusina, perché go languor de stomego.

CHECA:             Siora no, in cusina no i vol nissun; la staga qua, la se fassa qua a vedar passar le carosse. (guarda fuori dalla finestra) Cospetini, ancora zente! Ah! El paron vecio. (salutandolo dalla finestra) Serva sua, paron, vegno subito. Cossa no? Che me ferma ? Che tasa? Cospetini, no capisso gnente… El me tira tanto de oci… mi digo che i ga perso la testa tuti.

BETA:                Chi gerelo quel sior?

SCENA UNDICESIMA

Gregorio e detti

GREGORIO:     (entra con premura e cautela da sx) Sita là! Xe vegnuo qua mio fio Carleto stamatina?

CHECA:             (spaurita) Sior sì.

GREGORIO:     Dove xelo?

CHECA:             I xe andai via tuti a vedar la filanda.

BETA:                Oh! Sior Gregorio! Saveva mi che el saria vegnuo!

GREGORIO:     (vedendo Beta) Ah! Gavaria scommesso! E vu lassè che vegna dei estranei in casa, che i fassa quelo che i vol… Seu d’acordo anca vu?

CHECA:             Co ghe gera el paronçin, e la parona…

GREGORIO:     Che parona ghe xe?

CHECA:             Cospetini! La mugier del paronçin.

GREGORIO:     Ma de qualo paronçin? Cossa diseu?

CHECA:             De sior Anzoleto…

GREGORIO:     Ma cossa, xei anca lori qua?

CHECA:             Nol lo sa? I ghe xe lori, quela so governante, altre do done… sta vecia…

GREGORIO:     No ghe xe dubio: i xe tuti d’acordo, i ga fato comunela contro de mi! Ma vogio saver tuto, vogio vegnir in ciaro de tuto. (a Beta) La me diga ela, cossa xei vegnui a far ancuo in campagna?

BETA:                (che non capisce) Percossa nol xe vegnuo co’ nualtri? Ah! El ga volesto far una improvvisata, eh! Capisso salo eh! eh! (ride)

GREGORIO:     Sipo! Una improvvisata. (a Checa) Vu ricordeve de no dirghe gnente a nissun che mi son arivà. Vogio trovarli qua tuti insieme.

CHECA:             Ah! Ah! El ghe fa una improvisata?

GREGORIO:     Sipo e vedarè che contenti che i sarà, che festa, che alegria che i me farà!

CHECA:             Per alegria me par che, cospetini, i ghe n’abia abastanza.

GREGORIO:     Ah! Sì? I ga morbin? Xelo averto el graner?

CHECA:             Sior sì.

GREGORIO:     Vado a scondarme; e co sarà ora vegnarò.

CHECA:             Basta che no parla la vecia.

GREGORIO:     Maledetta! (forte) La senta.

BETA:                Cossa?

GREGORIO:     (gridandole nell’orecchio) So vegnuo per farghe una improvvisata; no la ghe diga gnente a nissun.

BETA:                Me galo portà gnente?

GREGORIO:     Basta che no la diga che son rivà, ghe comprarò i bussolài. Xela bona de taser?

BETA:                Ah! Ah! Ah! Go capio, va ben, va ben. Anzi ghe la faremo… No so miga sempia, salo… Ghe faremo sta improvvisata e ridaremo.

GREGORIO:     (a Checa) Vardè che sta insensada no parla.

CHECA:             Paron, cospetini, i torna indrio.

GREGORIO:     Ah! I torna? Che i vegna, che i vegna… Semo intesi eh! Sita! (via a dx)

CHECA:             El staga sicuro.

BETA:                Ah! Ah! Sita, sita, no digo gnente.

SCENA DODICESIMA

Beta, Checa, poi Catina, Lisa e Carleto

BETA:                Ah! Ah! Che godi! (ride sempre di gusto)

CHECA:             Mi go la testa come un melon.

CATINA:            (entrando con Lisa e Carleto da sx. Si tolgono gli scialli e li posano sulla sedia di prima) Ah! Che çerti stomeghessi mi no li posso sofrir. Deboto la se façeva vegnir mal per strada… Le xe tuta bile perché ghe toca ingiotir amar e spuar dolçe. (Beta va a ridere di gran gusto sul viso a Catina, poi da Lisa e poi da Carleto) Cossa gala che la ride?

BETA:                Ah! Ah! Vedarè, vedarè. (ride sempre di gusto)

CATINA:            Vedarè cossa? (a Checa) Cossa vorla dir?

CHECA:             Mi no so dasseno. (fa cenno a Beta di tacere)

BETA:                Sita, sita. (ride sempre di gusto)

CATINA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Ma vard√®! Ancora da pareciar la tola! And√® a dirghe a Zanze che la fassa presto; go una fame che no ghe ne posso pi√Ļ. Agiuteme vualtri.

(aiutata da Carleto e da Lisa apparecchia i coperti per nove persone. Checa, partendo, fa

cenno a Beta di stare zitta ed esce)

CATINA:            Sentirè intanto che disnemo, co fisse che ghe le s’ciocarò.

LISA:                  No; xe megio che ti tasi.

CARLETO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Vorla che sul pi√Ļ belo tornemo da capo?

SCENA TREDICESIMA

Detti, Amalia, Momolo, Marco, poi Anzolo, quindi Zanze

MOMOLO:         (entra sorreggendo Amalia con Marco) Sarà stà el sol che ghe ga fato mal.

AMALIA:            Me sento megio, grazie. (si toglie lo scialle e il cappello e li posa su un’altra sedia)

MARCO:            Una bona notizia! Deboto el disnar xe pronto.

CATINA:            Oh! In nome…

MARCO:            Ma saveu che gavè proprio un logheto delizioso!

AMALIA:            Lo go fato ridur cussì mi.

MARCO:            Se vede el to bon gusto.

MOMOLO:         Proprio, xe vero.

CATINA:            Co se ga i mezi, se fa ben a far cussì.

BETA:                (va da Amalia a riderle in viso, come prima a Catina) Ah! Ah! Ah!

MOMOLO:         Cossa gala?

BETA:                Gnente, vedarè, vedarè. Ah! Ah! Ah!

ANZOLO:           (entra da dx con due bottiglie di vino) Oh! Semo qua, come vala Amalia? (Amalia gli volta le spalle)

ZANZE:              (entra da dx con un mazzo di fiori) Deboto la Checa travasarà la minestra e la portarà in tola.

MARCO:            Ma che bei fiori!

ZANZE:              Questo lo metemo in mezo ala tola.

CATINA:            Oh! Quelo che no xe roba da magnar, intriga. (prende i fiori dalle mani di Zanze e li getta in un angolo)

ZANZE:              Ma coraggio, tiremo in mezo sta tola.

ANZOLO:           Qua femo nualtri, agiuteme Momolo.

MOMOLO:         Son qua. (Anzolo, Momolo e Carleto portano la tavola nel mezzo, poi dispongono le sedie. Il dialogo non deve essere mai interrotto)

BETA:                (va da Zanze a riderle in viso) Ah! Ah! Ah!

CATINA:            Ma sta vecia ga da aver qualcossa de novo!

ZANZE:              Cossa gala?

BETA:                Sentì qua tuti. (tutti si avvicinano in gruppo intorno a Beta che dice con mistero) Una improvisata!

LISA, CARLETO, CATINA, MOMOLO e ZANZE:           Che improvisata?

BETA:                Vedarè! Oh! Oh! Vedarè! (continua a ridere)

LISA:                  Eh! Dio sa cossa che la se intende!

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Lassela dir. Qua, intanto sentemose. (sulla porta a dx) Checa co xe pronto, port√®. ‚Äď Andemo, prima la parona de casa. (invita Amalia a sedere) Qua siora Amalia. (la fa sedere nel mezzo e di faccia al pubblico) e a rente de ela‚Ķ Momolo. (alla sinistra di Amalia)

AMALIA.            E qua Marco. (alla destra di Amalia)

CATINA:            (A tiro, do!)

ZANZE:              Sior Anzolo, capo tola. (a sinistra di Amalia)

CATINA:            Oh! Mi me fasso qua senza cerimonie. (di faccia ad Anzolo)

ANZOLO:           Via, senza complimenti.

CARLETO:        Mi intanto me sento qua. (siede vicino a Lisa, che si era seduta di fronte a Momolo)

ZANZE:              Sior no, viçini. Qua, uno parte per parte. (lo fa sedere di fronte a Marco) E fermi coi piè, me raccomando! (tutti ridono e si siede fra Lisa e Carleto)

MARCO:            Su, su, bravi alegri.

MOMOLO:         E la nona?

ZANZE:              La diga, cossa fala là sula porta?

BETA:                (ride) So qua, so qua.

MARCO:            Intanto, prima dela minestra, fasso un brindisi a sta bela compagnia.(si riempiono tutti i bicchieri)

ZANZE:              E mi uno ala pase e ala concordia!

TUTTI:                (tranne Amalia) Sì, viva! (alzano i bicchieri e brindano)

SCENA QUATTORDICESIMA

Gregorio, Checa e detti.

GREGORIO:     (entra da dx non veduto e si ferma a guardarli col piatto della minestra in mano, Checa lo segue)  Qua paroni, eco la minestra. (si alzano tutti sgomentati)

AMALIA:            Mio missier!

ANZOLO:           El papà|

CATINA:            El vecio!

ZANZE:              Sior Gregorio!

CARLETO:        El papà!

MOMOLO:         Nol mancava che lu!

MARCO:            Adesso semo a posto!

BETA:                (ridendo) Patatrac!

GREGORIO:     Ma i staga comodi, vogio servir i mii paroni; qua i toga la minestra. (la getta fuori della porta a dx)

CHECA:             Cospetini, cossa…

GREGORIO:     Marcia via, anca ela! (Checa esc a dx. Pausa)

CATINA:            Da resto quela roba gera nostra, salo.

GREGORIO:     Mo bravi, mo bravi. (a Carleto) Qua se ciapa suso e senza dir ari né stari, se vien in campagna. (ad Anzoleto) Qua se me dà da intender de andar dal pare de ela, e inveçe se vien tuti a ridar de mi, a metarse d’acordo, a…

AMALIA:            Dopotutto sto logo xe de mio mario, semo in casa nostra e no ghe trovo tanto mal.

GREGORIO:     E percossa no dirme che venivi qua e che façevi dei inviti?

AMALIA:            Mi no saveva de trovar nissun e i me ga sforzà a restar.

CATINA:            Oh! Caspita! E la ga fato una gran fadiga, a star co’ sta plebe!

CARLETO:        Lori no ghe n’à colpa, son stà mi che go pregà sior Momolo de vegnir in campagna.

GREGORIO:     E ti ga el muso de dirmelo, anca?

ZANZE:              Via, diremo la verità e i vedrà che no ghe sarà da far tanti casi…

GREGORIO:¬†¬†¬†¬† Tas√® vu, no s√© pi√Ļ la dona de una volta. Qua ga da esser una rason che vualtri s√© vegnui e vogio saverla.

CATINA:            Oh! Ghe la dirò mi, la rason.

MOMOLO:         (a Catina) Abi prudenza.

ZANZE:              (a Catina)Tasi ti.

LISA:                  (a Catina) Sì, la tasa.

CATINA:            Ah! Cari vualtri, che oramai el disnar xe andà. Semo vegnui nualtri a vedar el logo, perché so fio ga pregà Momolo de trovar qualchedun che lo tolesse in afito.

GREGORIO:     In afito?

AMALIA:            No pol esser… Oh! Me sento mal…

MARCO:            Cara ti, che no xe momento questo…

AMALIA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† I la fassa andar via, che no la senta pi√Ļ, questa cal√®ra!

CATINA:            (infuriata) A mi calèra?

GREGORIO:     Vardè che in casa mia no vogio scene!

AMALIA:            Me par che lu dovaria difender so niora e cassar via chi che no ghe entra.

CATINA:            Cassarne via nualtri?

ZANZE:              Cassarne via po’, no!

GREGORIO:     Anzi sì, fora de sta casa tuti e subito, che el paron no son che mi!

CATINA:            Ah! Sì? (ad Amalia) Prima de andar via peraltro, bisognaria saldar tuti i conti.

GREGORIO:     Che conti?

AMALIA:            Oh! Se la crede po’ de farme paura, la la ga falada. E, ghe lo ripeto, le vada via.

CATINA:            Andaremo co so mario gavarà pagà a Momolo la cambial che xe scadua ancuo.

GREGORIO:     Una cambial?

MARCO:            Un’altra de nova!

ANZOLO:           El le conduga via.

MOMOLO:         Andemo, in nome de Dio! (con grandi sforzi ha spinto Catina, Zanze, Lisa e Beta in fondo verso la porta)

CATINA:            (in fondo, nell’agitazione non si accorge di mettersi lo scialle e il cappello di Amalia. Zanze e Lisa scambiano i loro. Momolo le spinge sempre fuori e veste Beta. Catina grida sempre)  Sì, mio mario xe stà cussì bon da imprestarghe el so sangue e tuto perché ela se crompa i abiti, i capelini… per farse far megio la corte dai cascamorti.

AMALIA:            Ah! Questo xe tropo!

CATINA:            Sì, dai cascamorti come quel sior là. (accenna a Marco)

MOMOLO:         Andemo, che nasse un precipizio!

(Amalia sviene. Momolo alza di peso sulle braccia Catina scatenata e la porta fuori a sx.

Zanze grida anche lei e sostiene Beta sempre pi√Ļ intontita e segue Momolo e Catina.

Lisa e Carleto scappano a dx. Anzolo non sa se assistere Amalia, già assistita da Marco,

o quietare Gregorio il quale grida sempre: ‚ÄúStasera tuti a Venezia!‚ÄĚ).

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

Tinello in casa di Zanze ammobiliato modestamente, Due porte laterali e una comune in

fondo.

SCENA PRIMA

Zanze e Momolo

ZANZE:              (entrando dalla comune) Xe qua el pare dele disgrazie! Cossa gavemo da novo, vecio?

MOMOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (entra con un involto sotto il braccio) Lasseme star, che no ghe ne posso pi√Ļ. Da geri che semo tornai a Venezia, in casa ghe xe el diavolo a quatro.

ZANZE:              Andarsela a imaginar che, inveçe de passar una zornada ala manco pezo, doveva nàssar quela racola! Ma cossa gastu là?

MOMOLO:         A ti, geri nela confusion, andando via, Catina se ga messo el capelo e el sial de siora Amalia. A ti canela! La ghe lo ga ridoto, per dispeto, una fugassa. (tira fuori il cappello di Amalia tutto schiacciato)

ZANZE:              (cercando di accomodarlo) Benedeta dona!

MOMOLO:         E la voleva, s’intende, che andasse a portarghelo e a tor el suo, mi no voleva, ma per no far nasser una scena, go dovesto contentarla. Eh! questa xe l’ultima che la spunta.

ZANZE:              Ti va a portarghelo?

MOMOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Xestu mata? Mi te lo consegno a ti, mandighelo, tienilo, fa quelo che ti vol, ch√® no vogio gnanca pi√Ļ vedarli. E adesso va da Catina, persuasila a no andar in botega dal vecio‚Ķ se no, andemo sempre de mal in pezo.

SCENA SECONDA

Anzolo e detti

ANZOLO:           (entra dalla comune con un involto come Momolo) Comparmesso! Ah! Sé qua anca vu? Go caro de trovarve.

ZANZE:              Eco st’altro spasemà!

MOMOLO:         Come vala a casa?

ANZOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† No go pi√Ļ testa, dopo l‚Äôafar de geri. So vegnuo a portarghe el fassoleton e el capello de so mugier, che geri le se g√† scambi√†. Me dispiase che per viagio el se ga un pocheto s‚Äôchiss√†. (gli d√† il cappello di Catina schiacciato)

MOMOLO:         (esaminandolo) Figureve co la lo vede in sti stati!

ZANZE:              Qua ghe xe el suo: ma el me diga…

ANZOLO:           (esamina il cappello di sua moglie) Eh! Mi cussì no ghe lo porto.

ZANZE:              El me diga a mi. Come xela andada a finir?

ANZOLO:           La xe andada a finir che el papà xe su tute le furie; che el vol tegnir Carleto in bottega; che mia mugier se la ciapa co’ mi, che so zerman se ne ga avuo per mal e che son stufo agro.

ZANZE:              Ma che omo xelo? Nol xe bon de comandarghe una volta a so mugier? De metar via la paura?

ANZOLO:           Sentì! Dessoravia che me toca passarghene de tuti i colori, se ciapa da spaurosi!

MOMOLO:         Bisognaria esser tirani per farse rispetar! Eh! Za ancuo me meto i mustaci. E mia mugier farà, vogia o no vogia, a modo mio.

ANZOLO:           E mi l’istesso, o per amor o per forza.

MOMOLO:         (a Zanze) Ma, per stavolta, fà un scampon a casa mia, varda che no la vada da so papà…

ZANZE:              Sì’, sì, lassa far a mi. Andarò da Catina e po’ andarò mi da sior Gregorio; so come torlo e tentarò el colpo. Ti intanto va da Catina e dighe che no la fassa passi prima de aver parlà co’ mi. Lu vada da Carleto, el ghe diga de no aver paura; ma descanteve tuti do! Passeu per la bottega?

MOMOLO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† No, andemo zo per la porta de strada che femo pi√Ļ presto.

ZANZE:              Mi vado! (esce dalla comune)

SCENA TERZA

Momolo e Anzolo

MOMOLO:         Sì, xe proprio ora che el se meta sul serio co’ so mugier.

ANZOLO:           Me par che abiè el vostro bel taser.

MOMOLO:         I ga un bel dir i altri, ma voria vedarli lori al nostro posto!

ANZOLO:           Bravo, no se sa proprio come regolarse.

MOMOLO:         Se la maltratè, i dise che sé un tiran.

ANZOLO:           Se la compiasè, i dise che sé un omo de stuco.

MOMOLO:         No bisognaria darghe mai confidenza.

ANZOLO:           E come se fa, cola mugier?

MOMOLO:         Bisognaria esser bestie e star sempre col manego de la scoa in man.

ANZOLO:           E ancora ghe xe pericolo che le ve lo cava de man. (pausa)

MOMOLO:         E po’, in ultima analisi, lore fa tuto per el nostro ben. Mia mugier ga volesto che vegna via da so papà per avantagiarme.

ANZOLO:           Se mia mugier vol che la mantenga co’ quel certo lusso, xe per el decoro de la famegia.

MOMOLO:         Mia mugier no se ga oposto che Carleto ghe fassa l’amor a Lisa, perché la ghe vol ben come se la fusse so fia.

ANZOLO:           E Amalia inveçe no gavaria caro, perché la crede che Carleto sia tropo zovene.

MOMOLO:         Ma dele volte le fa pezo lore cola bona intenzion, che se le façesse cola cativa.

ANZOLO:           Anzi par che le lo fassa cola cativa, a chi no le conosce.

MOMOLO:         E xe per questo che bisogna cominçiar a farle far a nostro modo.

ANZOLO:           Sicuro e mi cominçiarò subito.

MOMOLO:         Anca mi; vado a casa, me metarò a sigar, a urlar, a spasemarla.

ANZOLO:           E mi ghe farò la parlata. (fanno per uscire, poi si fermano)  Ma pensandoghe ben… Adesso vado a casa… e la trovo in camara sua che la sona el pianoforte, o la ricama, o la lese… come goi da far a andarghe parlar sul serio?…

MOMOLO:         E mi la trovarò che la neta i rami, o la destriga la casa… no so come ciaparla. Bisognaria andarghe de improviso, e patatin pataton… ma alora i dise che se xe mati e po’ oh! Povarete!

ANZOLO:           Oh! Oh! La saria da figuròti! (pausa. Colto da un’idea) Oh! Che bela idea che me vien! Sentì, vu che sé un omo prudente e che savè dir do parolete, no podaressi andar vu da mia mugier, e farghe capir a un dipresso i so torti.

MOMOLO:         Mi no gavaria nissun riguardo, ma no vogio trovarme co’ so papà, no vogio che el creda…

ANZOLO:           A sta ora el xe in botega, la trovè proprio ela sola.

MOMOLO:         El varda che l’idea no me dispiase… (pausa) Corponon! Anca a mi me vien un lampo! Intanto che mi vado da so mugier, lu el vada dala mia; el ghe diga che no la fassa nasser altre scene, che causa sua xe stà quel che xe stà; chi sa che la lo scolta, el ghe parla s’cieto…

ANZOLO:           Bravo! Bravo! Ve assicuro che ghe le cantarò in ordine.

MOMOLO:         Ma nol staga miga a dirghe che lo go mandà mi, salo!

ANZOLO:           Cossa ve insogneu? E gnanca vu che no ve pensessi…

MOMOLO:         No son miga un putelo!

ANZOLO:           E dopo trovemose qua e sentiremo come che la xe andada.

MOMOLO:         Da qua un’oreta e speremo co’ bone nove. (si avviano allegri)

SCENA QUARTA

Zanze, Lisa, Beta e detti

ZANZE:              (entrando dalla comune) Ancora qua, sé?

MOMOLO:         Gavevimo da parlar de un altro afar; adesso andemo.

ANZOLO:           E tornaremo presto.

ZANZE:              Adesso lu xe tuto alegro; el va e el vien come el vin de Cipro. Varda che xe qua to fia cola vecia.

MOMOLO:         (a Lisa che entra con Beta dalla comune) Ghe xe qualcossa da novo?

LISA:                  No; go condoto a messa la vecia; no la pol star ferma un atimo e da quela strada son vegnua da l’amia.

MOMOLO:         Ti sa che no vogio che ti vadi sola per la strada.

LISA:                  Gero co’ ela.

MOMOLO:         Ela o un palo xe l’istesso.

BETA:                Go dito un’avemaria ala Madona perché la ve meta la testa a segno, perché se diventai tuti spiritai.

MOMOLO:         Cara ela, la tasa!

LISA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† E po‚Äô a casa no podeva pi√Ļ reger. Ancuo la xe cuss√¨ rabiosa la mama, cuss√¨ inviperia‚Ķ

ANZOLO:           (con un po’ di paura) La xe inviperia? (piano a Momolo) Alora no voria far pezo.

MOMOLO:         (piano ad Anzolo) Co’ la lo vede, la se calmarà. Galo paura?

ANZOLO:           (piano a Momolo) Oh! Figureve!

ZANZE:              Sento zente da basso. (alla comune) Per diana che xe qua so fradelo; la mia casa deventa un porto de mar.

MOMOLO:         (a Lisa) Va de là ti, subito.

LISA:                  Eh! No starme a sigar.

ZANZE:              Lassila star che la senta anca ela cossa che el vol.

MOMOLO:         (ad Anzolo) Vèdelo? E po’ i vol che se gabia autorità!

ANZOLO:           Adesso mandarò via mi st’altro.

SCENA QUINTA

Carleto e detti

ANZOLO:           (a Carleto che sta entrando dalla comune) Xestu vegnuo a far nasser dei altri sussurri? Xestu omo o xestu putelo? Cossa…

CARLETO:        So vegnuo a far quelo che me comoda; che estri te ciapa?

ANZOLO:           (calmato) Alora ti ga rason. (controscene con Momolo)

ZANZE:              Manco pezo che lu no se lassa spasemar.

CARLETO:        No, siora Zanze; oramai go deciso; ela sa che son un toso onesto e se no i me darà el so consenso, aspetaremo sti do ani e dopo sposarò Lisa e li gavarò in amente.

ZANZE:              Andemo, no vogio sentir ste parole.

CARLETO:        Ma qua no go tempo da perder. So vegnuo a avvertirla che adesso vegnarà el papà da ela.

ZANZE:              So papà! Sior Gregorio!

MOMOLO:         E a cossa far?

CARLETO:        Go sentio che el ga domandà a Amalia che impegni che ga Anzolo e po’ el ga dito che el veniva subito qua da ela.

ANZOLO:           Dasseno el gà domandà… E gala dito?…

CARLETO:        Oh! L’Amalia gera fora de ela, in una colera che no la go mai vista.

MOMOLO:         (piano ad Anzolo) Alora no vado in nissun logo.

ANZOLO:           (piano a Momolo) No, no, a mia mugier presto la ghe passa.

CARLETO:        No pol far che el sia qua, so vegnuo a dirghelo per pareciarla…

LISA:                  Sento la voxe sule scale, scampa, scampa, el xe qua!

BETA:                Cossa xe nato?

(scompiglio, Lisa e Beta escono a sx. Momolo, Anzolo e Carleto a dx. Si volgono

tutti verso Zanze che fa loro cenno di andarsene)

SCENA SETA

Gregorio e Zanze

ZANZE:              (controllando che tutti siano usciti) Controlemo ben che i sia andai, no vogio che i senta. (senza voltarsi) Chi xe?

GREGORIO:     (sull’uscio in fondo) Go da parlarve.

ZANZE:              (senza voltarsi) Chi xe? (si volge) Oh! Paron benedetto, el vegna vanti, el resta servio.

GREGORIO:     (sull’uscio in fondo) No vogio vegnir avanti; vegnì dabasso in bottega vu.

ZANZE:              In bottega o in casa me par che sia l’istesso. Dabasso ghe xe l’omo…

GREGORIO:     (entra con molto garbo) So vegnuo per saver che afari che vostro fradelo façeva co’ mio fio, quanto che el ga imprestà e percossa. A chi che el voleva afitar el logo…

ZANZE:              Oh! Dio, adagio; una roba ala volta.

GREGORIO:     Mi no go tempo da perder; se credè de torme cole mignògnole la gavè falada.

ZANZE:              Ma infati che maniera xela questa? Nol ga altri modi de parlar?

GREGORIO:     Sicuro, ve farò i baleti.

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Altro xe far i baleti, altro xe adoperar ste maniere improprie e in√ßivili. Mi no so pi√Ļ la so governante, no semo in casa sua, el xe in casa de una dona e el ga da usar creanza e rispeto. (Gregorio resta confuso poi fa per andarsene) Dove valo?

GREGORIO:     Vado via.

ZANZE:              El se ferma, go anca mi da parlarghe, dunque el me ascolta e destrighemose.

GREGORIO:     (burbero sempre, ma con un certo riguardo) Ma senza criar, che no go vogia de rovinarme el sangue.

ZANZE:              Oh! Cussì me piase! El se senta che vado a metarghe suso la cògoma.

GREGORIO:     (burbero) No vogio.

ZANZE:              Ghe piaceva tanto, una volta, el cafè fato da mi!

GREGORIO:     Adesso el me move el convulso.

ZANZE:              Vorlo una limonata?

GREGORIO:     Siora no.

ZANZE:              Almanco el se senta; vorlo cresser ancora?

GREGORIO:     Qua, me sentarò. (siede. Pausa)

ZANZE:              El scusa, el xe tuto impolverà. (finge di pulirgli il vestito) Vardè, no i lo ga gnanca scovolà.

GREGORIO:     Go altro per l’anima, mi!

ZANZE:              Una volta no ghe gera de sti pericoli; el trovava tuto pronto a piè del leto, dala camisa al capelo; e tuto pulito, parecià a posta. Adesso el xe trascurà, strasson…

GREGORIO:     No go da piaserghe a nissun.

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Lo so anca mi. A chi vorlo piaserghe? (Gregorio la guarda ma non ha coraggio di parlare) Ma questa no xe bona rason per butarse zo, come che el fa lu; da poco in qua nol xe pi√Ļ da conosser.

GREGORIO:     Cossa ve ne importa a vu?

ZANZE:              El sa che ghe vogio el ben de una fia.

GREGORIO:     Cara quela bambina! Gnanca se mi gavesse i ani de Noè!

ZANZE:              Via, come una sorela per so fradelo.

GREGORIO:     Se fusse vero, no me gavaressi impiantà.

ZANZE:              E sempre sto discorso…

GREGORIO:     Za no ve gavè mai savesto regolar… Gavè dà sempre una peada ala fortuna: no gavè avuo mai testa.

ZANZE:              Oh! Lu pol dirlo se in tuti i ani che ghe son stada in casa, la so famegia no andava megio de adesso, co’ tuto che no avesse testa.

GREGORIO:     Volevi dir che ghe n’ò manco de vu?

ZANZE:              In çerte cosse proprio sì dasseno. Nol me magna coi oci, perché el sa che son avessa a dirghe la verità. Lu, per esempio, i fioi nol li ga mai savesti educar, el li ga tenui sempre ala caena…

GREGORIO:     No, anzi gavaria dovesto molarghe, perché quelo che go rancurà in çinquanta ani de strussie i me lo butasse via in un mese.

ZANZE:              Eco: lu no conosce che i do estremi. E el tien i so fioi come do bambini e, come che co i gera picoli se no ghe fusse stada mi el ghe contrastava un zogatolo, adesso el ghe contrasta a so fio, mia nessa. Ghe dispiase se parlo?

GREGORIO:     Me par che parlè.

ZANZE:              Mi lo fasso per amor dei so fioi, lo fasso perché so mama me li ga raccomandai disdoro ani fa, e me par geri.

GREGORIO:     A sentirve vu, par che sia un tiran, che no ghe vogia ben ai mii fioi.

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† El ghe vol ben, ma nol ghe lo dimostra, che xe pezo. Se inve√ße i so fioi el li tratasse da omeni, se nol li contrariasse in tuto, i gavaria pi√Ļ amor per lu, i lo ascoltaria de pi√Ļ. Lu podaria ritirarse in casa, lassarghe la botega a Anzolo‚Ķ

GREGORIO:     No, no, no…

ZANZE:              El me lassa finir; e goderse el papato, tranquillo e contento. I fioi, le niore, i fioi dei fioi che vegnaria, lo rendaria beato. Nol ga mai pensà al conforto che el gavaria dai fioi dei so fioi?

GREGORIO:     (stringendosi nelle spalle) Bel conforto dasseno, go proprio altro da pensar!

ZANZE:              Che bei discorsi! E a cossa vorlo pensar? (pausa)

GREGORIO:     No criè. Cossa dovaria far, secondo vu?

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† El dovaria darghe pi√Ļ libert√† ai so fioi, far che so niora se regolasse co‚Äô pi√Ļ giudizio e lassar che Carleto sposasse so fiossa‚Ķ

GREGORIO:     Anca questo? E, metemo el caso, se façesse cussì, tornaressi da mi, vu?

ZANZE:              Ah! Dunque el me ascoltarà?

GREGORIO:     Go dito, metemo el caso…

ZANZE:              Mi go da tender ala mia botega.

GREGORIO:     Per quela bela botega: quatro sanguete e do tochi de giasso.

ZANZE:              Mi oramai me so avessada… ma no parlemo de mi.

GREGORIO:     Za, perché gavarè le vostre rason de star sola, perché vorè impiantar casa, perché vorè trovarve un mario.

ZANZE:              Mi el mario? Ah! Ah! Me credelo proprio mata? Chi vorlo che me toga? Qualche disperà, credendo che gabia quatro soldi, o qualche vecio mato;per farse meter su i ventoli, o sule scatolete de fulminanti, mi e lu.

GREGORIO:     Voria vedar mi, che i me metesse sule scatolette de fulminanti!

ZANZE:              Cossa ghe entrelo lu?

GREGORIO:     Sì, ghe entro, perché voleva dirve che podaressi trovar un omo de proposito, stagionà, che ve ofrisse de deventar el so sostegno, el so conforto e de portar el so nome. Cossa ghe rispondaressi a sto omo?

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Ghe rispondaria che el pi√Ļ bel conforto per i veci xe i fioi e i nevodi, che se ghe ocore un sostegno, el se compra un baston de quei grossi; che de primavera ghe xe l‚Äôaria tiepida che scalda el sangue e a l‚Äôinverno el fredo e la neve ghe d√† la tremari√≤la; che a vinti e a trent‚Äôani se rompe coi denti i ossi de p√®rsego, e a sessanta e a settanta se magna la panadela gratada, perch√©‚Ķ no se g√† pi√Ļ denti.

GREGORIO:     Questo lo so anca mi.

ZANZE:              E cossa credelo ch’el diria, de sta arenga, sto omo… stagionà?

GREGORIO:     (dopo una pausa) Che sé una dona de sesto!

ZANZE:              (dandogli la mano)Bravo sior Gregorio! Fra zente de sesto se se intende ala svelta.

SCENA SETTIMA

Catina, Anzolo e detti

(Anzolo, che entra con Catina dalla comune, vede suo padre che dà la mano a Zanze e

resta meravigliato)

CATINA:            (alterata, a Zanze) Dove xe to fradelo?

ZANZE:              Nol ghe xe qua. Cossa vustu? No ti vedi sior Gregorio?

CATINA:            Lo vedo. Voleva giusto vegnir da lu perché se intendessimo.

ZANZE:              Infati tasi: se gavemo inteso adesso fra nualtri e ti no star a pensar. (le fa l’occhiolino)

CATINA:            Ma mi la go co’ mio mario… Geri inveçe de difenderme el me fa quela scena, ancuo l’incarica un altro che vegna a farme la predica.

ZANZE:              E el ga incaricà lu? (ad Anzolo)

GREGORIO:     Ti ga tempo de farghe le prediche ai altri, ti?

ANZOLO:           A dir la verità, gerà andà per meter pase, ma la me se saltada suso.

ZANZE:              (piano a Catina) Varda che a forza de dai e dai, me par de averlo persuaso.

CATINA:            (piano a Zanze) Galo pagà el debito de so fio?

ZANZE:              (piano a Catina) Qualcossa de megio: par che el lassarà che Carleto se marida.

CATINA:            (piano a Zanze) Distu dasseno?

ZANZE:              Ciò, ma chi xe qua desso?

SCENA OTTAVA

Momolo, Amalia, Carleto e detti

(entrano dalla comune Momolo, Amalia e Carleto)

GREGORIO:     Cossa feu qua vualtri? Ve seu messi d’acordo forsi per ciaparme in trapola?

ZANZE:              Ma no, sior Gregorio, el sa che i sotterfugi no me piase.

CATINA:            (a Momolo) E ti ti me mandi le imbasciate? No ti ga boca per parlarme?

MOMOLO:         Mi no go mandà nissun.

CATINA:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Se el me lo ga dito lu. (Anzolo e Momolo si guardano comicamente) Come se lu po‚Äô no gavesse da tender che ai fati dei altri, e nol gavesse parenti pi√Ļ streti da andarghe a predicar.

AMALIA:            (a Momolo) Xele queste le scuse che i me ga da far?

ZANZE, CATINA, ANZOLO e GREGORIO: Che scuse?

AMALIA:            Cossa me galo dito adesso?

CARLETO:        El ga impastrocià suso una filastroca longa, eterna.

MOMOLO:         Infati no so cossa dirghe! Gero andà per farghe la paterna, ma ela me ne ga dito tante che go finio per darghe rason e, per cavarmela, go dito che se la vien qua, vualtre ghe domandarè scusa… Mi no me pensava de trovarli tuti, nolg aveva da esserghe che lu. (ad Anzolo)

AMALIA:            Go belo e capio. (per uscire)

GREGORIO:     Spetè.

AMALIA:            Vorlo che nassa la seconda de geri?

GREGORIO:     Co ghe son mi, no nasse gnente.

ZANZE:              Via, siora Amalia, le ciacole de geri e i malumori, xe restai in campagna, ancuo no gavemo che da star alegri e in pase. Tasemo tuti e lassemo che parla chi ga da parlar. (verso Gregorio)

GREGORIO:     Parlè vu.

ZANZE:              A mi no me toca.

GREGORIO:     (dopo una pausa a Momolo) Cossa ve galo da dar mio fio?

MOMOLO:         Eh! El lassa…(Catina lo sgomita)

GREGORIO:     Cossa ve galo da dar?

CATINA:            Cinqueçento franchi.

GREGORIO:     (a Anzolo) Cossa gastu fato de sti soldi?

ANZOLO:           Gaveva qualche impegno… e po’ go fato giustar el logo in campagna…

GREGORIO:     (a Momolo) Doman li gavarè.

ANZOLO:           Diselo dasseno? Oh! Grazie, salo.

GREGORIO:     No scherzo mai, mi!

CATINA:            (che ha preso il cappello che era in fondo, e così Amalia) Vardè in che stati che la me ga ridoto el capello!

AMALIA:            Ela piutosto me lo gà tuto rovinà.

CATINA:            La ga fato per dispeto…

GREGORIO:     (ad Anzolo e Momolo) Oè! Vualtri fè che le tasa; perché me vol poco a tornar indrio.

ZANZE:              Ma sì, stè quiete.

CARLETO:        Me par che sia ora che ve fè ascoltar e che fè da marii.

MOMOLO:         (a Catina) Andemo ti, finissila! (facendole segno che la sgrida apposta) Tasi, te go dito, e co to mario te dise una cossa, ti lo ga da ascoltar.

CATINA:            (che ha capito) Eh! Mi no parlo.

ANZOLO:           (ad Amalia) E anca ti istesso.

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Bravi, adesso che la famegia diventa pi√Ļ granda i √ßerca de aver la pa√ße.

TUTTI:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† (tranne Gregorio) La famegia pi√Ļ granda, cossa vol dir?

ZANZE:              El ghe lo diga lu. (va verso la porta a sx a fa cenni a Lisa di uscire)

GREGORIO:     Adesso, adesso che no ghe xe bisogno de ste premure.

SCENA NONA

Lisa, Beta e detti

ZANZE:              (a Lisa, che è entrata da sx con Beta) La vegna, la vada da so santolo che el ga dele bone nove.

LISA:                  Oh! Santolo!

GREGORIO:     Se Carleto no ve sposasse, me voressi ben?

LISA:                  (mortificata) Ciò!… El xe mio santolo…

GREGORIO:     Ma se Carleto ve sposasse?

LISA:                  Ghe ne voria come al papà.

CARLETO:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† E mi ancora de pi√Ļ de quelo che ve vogio.

GREGORIO:     E alora marideve e che la sia finia. (azioni di gioia) Ma sito, senza ciassi, e ricordarse che no vogio la guera in casa.

MOMOLO:         El ga rason. Ga da esserghe la bona armonia nele nostre famegie.

ANZOLO:           (ad Amalia) Sicuro, fè pase vualtre!

MOMOLO:         (a Catina) Daghe un baso a siora Amalia…

CATINA:            Ma…

MOMOLO:         (a Catina) Vogio.

ZANZE:              Sì, andemo siora Amalia: xe stà tuto malintesi; la vegna qua e che la sia finia.

AMALIA:            Per mi, contento mio missier, contenta anca mi. (bacia Zanze)

GREGORIO:     (a Catina) Presto! Anca ela.

(Catina e Amalia si baciano freddamente)

CATINA:            (La spussa da mus’cio).

BETA:                (ride di gusto) Ah! Ah! Ah! Adesso i se basa! Go dito mi, che i baçila tuti!

GREGORIO:     (ad Anzolo e Amalia) E ricordarse: vualtri al primo pian. (a Carleto e Lisa) Vualtri al secondo e mi al terzo.

CARLETO:        Vorlo restar solo?

GREGORIO:     Solo no, perché vegnarà la Zanze.

ANZOLO e CARLETO: Dasseno? Magari!

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† No, no; mi vegnar√≤ a trovarli, ma oramai no despianto pi√Ļ la casa.

GREGORIO:     Se saveva…

ZANZE:              Via, che vogio vedarlo alegro anca lu.

CARLETO:        Sì, papà, el vedarà che el sarà contento de nualtri.

ANZOLO:           E anca de nu.

CATINA:            Se i savesse far, i dovaria badarme a mi: ancuo podaressimo andar a far quela scampagnata che xe andada cussì mal geri.

MOMOLO:         Ma che sfassadona!

CARLETO:        Sì, la dise ben.

LISA:                  Magari.

AMALIA:            Per mi, volentieri.

ANZOLO:           Sì, sì.

BETA:                (gira come sempre) Crature, no se magna gnanca ancuo?

GREGORIO:     Ben via, per farve vedar che no so un orso, farò a modo vostro. (tutti allegri)

ZANZE:¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Bravo paron! Perch√© semo sicuri che, n√© ancuo n√© mai pi√Ļ, no nassar√† la baraonda de geri, e vualtri andeve a pareciar che ancuo tornemo alegri e contenti

TUTTI:                (anche quelli che non in scena, sono entrati ora)  TUTTI IN CAMPAGNA.

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno