Tutti sutta a ‘ntettu

Stampa questo copione

“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

Tutti sutta a ‘n tettu

Commedia in tre atti

di

Santo Capizzi

Santo Capizzi

Cell. 347 80 60 577

santocapizzi1@alice.it

www.santocapizzi.it


1


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

A te Cuore mio,

la mia casa è dove sei tu,

all’ombra del tuo amore mi riparo,

con esso mi riscaldo, di esso mi nutro,

di esso vivo.

S.C.


2


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

Questa storia è semplicemente frutto della fantasia, pertanto ogni riferimento a persone, fatti e luoghi è del tutto casuale.

S.C.

Sinossi

A causa di un equivoco viene assegnata la stessa casa popolare a due diverse famiglie. Queste la occupano contemporaneamente ed in attesa che arrivi l’impiegato comunale a risolvere il problema si trovano a convivere e dunque a condividere delle situazioni particolari. Alla fine l’errore sara’chiar ito ed ognuna delle famighie avra’ la propria casa; resteranno comunque unite dall’amore sbocciato fra i figli.

Nota dell’autore:

Nella società del consumismo e dell’edonismo dove u na facciata di benessere pretende presuntuosamente di mascherare problematiche profonde, l’annoso dilemma della mancanza del tetto sotto il quale riparare la propria famiglia dalle intemperie del mondo, resiste purtroppo e malgrado tutto. Ma forse sono proprio le necessità, l’indige nza, il mal comune a consentire il mantenimento in vita di valori come la solidarietà, la comprensione , il sentimento umano, la capacità di modulare l’orgoglio fino a riuscire a fare un passo indietro rispetto alle posizioni prese consentendo l’incontro con gli altri.

SCENA UNICA


3


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

“Tutti sutta a ‘n tettu”

Personaggi

Jano Tortorella:

assegnatario casa popolare

Alfia detta Fina :

moglie di Jano

Cettina:

figlia

Prima  famiglia

Concetta detta Tina:

suocera di Jano

Gino Quagliarella :

assegnatario casa

popolare

Carmela detta Mela :

moglie di Gino

Salvuccio:

figlio

Seconda  famiglia

Turiddu:

papa’ di Gino

Cavaliere Carmelo Litrico : cognato di Gino

Sharon :                                              figlia del cavaliere (all’incirca coetanea di Salvuccio)

Geometra Caponnetto :          impiegato comunale

Abusivo


4


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

ATTO PRIMO

Interno di una casa popolare gia’ in parte ammobiliata.

Scena I

(Jano, Fina, Cettina, nonna)

Si sente rumore di chiavi fuori dalla casa.

FINA -   ca forza Januzzu, tantu ci voli pi grapriri ‘na porta ?

JANO - ‘n minutu, chi primura c’hai, hai aspittatu chinnic i anni p’aviri ‘sta casa e ora pidui minuti sup erchiu ti stai cunfunnennu ?

CETTINA - papa’se poi ti ostini a cercare di aprire la porta con qulla chiave, credo che nememeno per nataleriusciremo ad entrare.

JANO - bih veru raggiunu hai, chista è a chiavi do catinazzu p’attaccari a lapa. È ca a vista, non m’accumpag nachiu’ comu ‘na vota o papa’.

FINA - auh ambrisa ca pirdisti a chiavi da casa nova?

JANO - no ma chi persi, cca’ è(apre la porta).Avanti ciatuzzu miu, a te l’onore di trasiri per prima ‘nda nostranova casuzza pupulari. Anzia aspetta, ferma ddocu unni si; trasemu comu ficimu a prima sira ca ni maritami.

Entrano in sequenza nonna, Cettina poi Fina che tiene Jano in braccio. Sono carichi di valigie, quadri, vasi ed altro; si guardono attorno con un atteggiamento felicemente sbalordito.

FINA - ma è una bomboniera.

CETTINA - si mamma, è troppo carina e guarda, ci sono anche i mobili!

JANO – avete vistu chi bella casuzza n’asignavu l’istitutu?

FINA - non cridu e me occhi. E tu mamma nenti dici?

NONNA – a chi t’haiu a diri! Ca finalmenti ddu passuluni di to maritu cunchiurivu; c’a fici a fari ‘na valinti zza.Vi purtavu ‘nda ‘na casa pupulari!

JANO –      auh a sempri chi diri c’hai, malanova?

NONNA – Auguri a mamma. Tanti sacrifici pero’ alla fine ottinisturu zoccuaddesiderava u vostru cori ; ‘u Signuruzzu vi l’a binidiciri e vi l’a fari gudiri.

Si guardano ancora un poco attorno.

JANO –nuvauttri certu ca na gudemu ‘sta bella casuzza, pi tia inveci a vidu janculidda! U semafuru russi vicinu è.


5


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

La nonna fa gli scongiuri.

JANO – è inutili ca ti mungi, fra cuntu ca chiudi l’umbrellu.

NONNA – ‘ nda lingua, ca t’avissi a siccari comu ‘na jatta mo rta.

JANO –(non rivolgendosi alla suocera) si sbraita, sbraita, tiantu a picca n’havi, è vecchia descrapita, quantupo’ campari ancora, nauttri tri, quattro anni e dopu m’a sbarattu! Avanti, ora mintemu i valiggi ‘nda l’auttra stanza accussi’ non facemu ‘mmarazzu cca’ (porta le valigie nell’altra stanza).

CETTINA - si è  nel frattempo vediamo il resto della casa.

NONNA – sintiti, inveci non è meghiu ca prima scaricamu a lapa accussì n’arizzittamu ‘na vota pi tutti e nonscinnemu chiu’?

FINA – si, hai raggiuni mamma.

JANO - tranquilli ci pensu ju, prima pero’ facitimi attaccati u quattru.

CETTINA - papa’ anche qui dobbiamo(calcare la parola)subire la visione di quel quadro?

JANO - ca certu ! Chistu cammina cu mia, unni vaiu ju va iddu. Ti ricordo cara figlioletta ca chistu….

FINA - vincivu u primu premiu quannu eru a terza elementari!  Oramai ‘sta nuvena a sapemu a memoria.

JANO - e allura su a sapiti a memoria e sapiti quantu ci sugnu affezziunatu, non mi faciti ogni vota a ripassata.

(va per appendere il quadro) allura unni u mentu, unni u mentu, ah ecco, u mettu cca’, taliati c’ èmacari u chiovu appizzatu. Ouh chisti de casi pupulari ti fannu pinari ‘na vita, pero’ quannu ti assegniunu ‘na casa t’a dununu cu tutti i sacrament i: luci, riscaldamenti, mobili e macari chiova chiantati ‘ndo muru ! (Sistema il quadro).

NONNA –          su ni facevuni attruvari macari ‘na jaggia pi l’arm ali selvaggi era pirfettu, accussi’ a sira ci putevumu chiudiri a tia e stavumu tranquilli!

JANO – e appoi su ni facevunu una stanza insonorizzata pi chiudirici a tia e non sintiri chiu’ tutti i bistialita’ca dici, erumu ‘ndo paradisu!

FINA –e basta tutti e dui, parici u cani ca jatta!

NONNA –  u cani pero’ è to maritu!

FINA – mamma!  Jano raddizzalu tannichiedda a destra ‘stu quattru.

JANO - comu d’accussi ?

FINA - si va beni, bonu è.

JANO – avanti, quantu vaiu a pighiari l’auttri cosi ‘nda l apa.

NONNA - aspetta cosu, ca ti vinemu a dari ‘na manu.


6


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

JANO - no e chi ci voli.

NONNA - a famiglia sa moviri unita; va beni ca tu si ‘n mulu, ma non vulissi ca u WWF m’addenuncia persfruttamento di armali!

JANO - ca va beni amuninni.

(Escono tutti di casa)

Scena II

(Gino, Mela, Salvuccio, nonno)

GINO - oh ecco fatto, eccoci arrivati nella nostra nuova casa.

NONNO - avanti trasemu, videmu com’ è.

Entrano in sequenza ed anche loro si guardono intorno con un atteggiamento felicemente sbalordito.

MELA - ma è meravigliosa, è nova nova.

SALVUCCIO –  e guardate, ci sono anche i mobili.

GINO - a ‘sta vota u cumuni si superavu! L ’impiegatu mi l ’hava dittu: vidissi ca a casa ca c’assignanu è novaimmaculata, a stati ‘ncignannu vui, e appoi ci sunu macari un pocu di mobili.

MELA - e tu ca non ci vulevi cridiri.

NONNO - certu ca tutti i torti to maritu non ci l’aveva. Sunu dudici anni ca iti appressu a ‘sta biniditta casapopolari e ogni annu, ‘n coppu pirchì u cumuni non c’aveva i soldi, ‘n coppu pirchi’ abbloccavanu i travagli, ‘n coppu pirchi’ l’avunu occupatu abusi vamenti, insomma o pi ‘n mutivu o pi n’auttru ‘sta casa pi vuauttri non c’era mai.

GINO - appuntu, e percio’ quannu chiddu mi dissi tutti di belli cosi, ci putiva cridiri mai ?

MELA - ca comunque, oramai i problemi finenu, ora avemu a nostra bella casuzza d’assegnazione cu tantu dilettera raccumannata do cumuni, nuddu ‘na po tuccari e nuddu ni po mammari.

GINO - sulu sulu pi non sentiri a dda malanova da pattruna di casa ca ogni dui e tri n’aveva una nova; el’aumentu, e a misata anticipata, e pirchi’ arritad davu ‘na simana a pavari, mih pareva ‘na zizza della tasmania.

SALVUCCIO - comunque non pensiamoci piu’ e godiamodi la nostra casa nuova.

MELA - a certu ca ‘sti mobili su belli e fini appiddaveru, e appoi mi parunu novi no di chiddi usati o disecunna manu.

NONNO - a si, di essiri sunu novi si vidi subbitu, talia ancora comu licchichianu. Cca’, appena portu le miefidanzate fazzu un cumpassuni!

GINO – papa’ ma sempri e fimmini pensi, ma su a stentu ti reggi in piedi!

NONNO – tu mutu e pensa pi tia, ju ancora sugnu arzillu, arzilluni, sugnu chiu’ arzillu di ‘na pala di ficudin nia.

Chiuttostu speriamo ca c’è ‘na stanziuzza tutta pi mia accussi’ possu aspitari le mie fidanzate.


7


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

SALVUCCIO –  si certo, come se eravamo al grand hotel.

NONNO – sintiti a st’auttru. A tia o nonnu t’haiu a fariun pocu di scola prichi’ mi pari un pocu appassulunutui! Ju a to eta’facevu trimari i basuli da via etnea e tu inveci chi fai? Tuttu u jornu cu ddu computeri, a arattari, ca appoi vulissi sapiri a cui c’aratti tutta a jurnata? Eh gioventu’abbruciata!

SALVUCCIO –  ma quale arattu nonno, io chatto(ciatto)!

GINO – (guardandosi intorno)a casa è arredata finicchia cosi giusti, pero’…

MELA - pero’ chi ?

GINO - pero’ ddu quattru ‘nda ‘sta bella casa è ‘n pugnu ‘ nda n’occhiu. Chi diciti ?

SALVUCCIO - in effetti, hai ragine papa’.

MELA - e livamaccillu, non è ca ni l’ama a teniri pi forza. ‘U livamu e ‘u ittamu.

GINO - e su u cumuni si siddia?

NONNO –si marita.

GINO - e su s’affenni.

NONNO - no ma chi s’affenni; oramai a casa e da vostra e comu a vuliti trasfummari a trasfummati. Anzi vudicu subitu, ‘nda me stanza voghiu tingiri i mura rosso scuru.

SALVUCCIO –  rosso vinaccio?

NONNO – a quali vinaccio, i fazzu rosso sangeli, ca alle donne ci piaci, dicunu ca è  caliente.

GINO –allura diciti ca non s’affennunu ?

MELA – secunnu mia no.

SALVUCCIO - ma coso puo’ fregargliene papa’! Se non ti piace lou buttiamo, oppure li regaliamo a qualcunu coai’ ci facciamo un amico

GINO - bravu o papa’ l’haiu dittu sempri, tu si troppu int elliggenti, di sucuru pighiasti da me parti!

MELA - ca certu !

NONNO – di mia non pensu, pirchi’ chistu che fimmini non cunchiudi, è troppu affruntulinu. Avanti ora ca uprobbelma do quattru è risolto, chi fa jemu a pighiari l’auttri cosi ?

MELA - si, si, ca no frattempu ju accuminciu a abbissari chisti cca’.

(Si sente rumore provenire  dalla porta)


8


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

Scena III

(Jano, Fina, Cettina, nonna e  detti)

SALVUCCIO - zitti!

GINO - chi fu, chi c’ è?

SALVUCCIO –  questo rumore , l’avete sentito?

NONNO - bih veru è!

JANO - (da fuori casa) ‘sta porta è ‘n pocu strevusa a grapirisi.

MELA - e cu è ca sta circannu di grapiri ?

GINO - sara’ ‘n lattru ?

FINA- (da fuori casa)chi stai sbaghiannu di novu chiavi ?

NONNO - non è sulu sunu, almenu ‘na para,(con enfasi)e ci sunu macari donne!

MELA - e chi facemu ora ?

GINO - ca chi facemu, ca n’addifinnemu!

SALVUCCIO - si! Papa’ tu ti metti dietro la prota e appena il primo ladeo entra gli spacchi qualcasa in testa,io intanto aspesto che entri il secondo e lo blocco, va bene?

GINO - si va benissimo. Ma aspetta, chi ci spaccu ‘ndo chicchimiddu non c’haiu nenti di duru e a spariggiari‘sti seggi novi mi pari piccatu.

MELA - non t’arrisicari a tuccari i me seggi ah!

JANO - (da fuori casa)avanti forza ca ci staiu arriniscennu.

GINO - sunu quasi intra, ma chi ci spaccu ‘nda testa ?

NONNO - u quattru, spaccacci u quattru, voli diri ca n’amicu nu facemu nauttra vota.

MELA - si u quatturu u poi spaccari.

SALVUCCIO - avanti forza sbrighiamoci, mamma, nonno voi nascondetevi.

NONNO – si, prima che nel collutorio mi sgaggiu il mio bel visino e perdu u me facinu latinu!

Gino prende il quadro dal muro e si posiziona.

JANO - ecco fatto, trasu ju pi primu(entra in casa andando verso il centro del salone ).

GINO - (lo segue lesto e gli spacca il quadro in testa)tu fazzu avvidiri ju unni vai tu pi primu, cosa fitusu!9


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

Jano colto di sorpresa barcolla e crolla stordito sopra un divanetto. CETTINA - (andando a soccorrere il padre)papa’, cosa tihanno fatto?

SALVUCCIO - (rincorrendola e bloccandola)dove vuoi andare, pezzo di lestofante? Vieni qua e non timuovere.

CETTINA - lasciami, togliti, levami le mani di dosso. Papa’ cos’hai?

FINA - (entrando)chi sta succidennu? Tu, lassa a me figlia, Janu chi hai chi ti senti ?

NONNA - ma chi stati cumminannu? Chi siti lattri ? MELA - (uscendo da una stanza)non sunu dui, sunu chiossai, veni papa’ aiutamu e carusi presto.

NONNO - (capendo cosa sta succedendo)ferma Mela, ferma. Salvuccio lassa staria la signorinella.

CETTINA - (andando verso il padre che si sta riprendendo)papa’ come stai?

JANO - ora ‘n pocu megghiu, ma mi staiu sintennu pigghiatu de turchi.

FINA - ma cu siti? Chi vuliti in casa nostra?

MELA - in casa vostra? Chista è casa nostra di assegnazione.

JANO - ma quannu mai! ‘Sta casa n’assignavu l’istitutu, ab benivoti a vulevudu occupari abbusivamenti, justaiu chimannu pi subbitu i vigili ubbanistici.

GINO - po chiamari a cu voi; chista è casa nostra, n’assignavu u cumuni e di cca’ non ni scugnamu mancu suni venunu a tirari co mulettu.

JANO - ma chista è a me casa !

MELA - no è a nostra !

FINA - no è a nostra !

NONNA - aspittati ‘n minutu tutti pari. Cca’ stamu facennu sulu cunfusioni e chiacchiri persi. Cammanuni tuttie circamu di capiri zoccu sta succidennu.

NONNO –(avvicinandosi alla nonna con fare da seduttoro) si a signura havi ragioni, pi cortesia assittativi. (Alla nonna) Si accomodi anche lei mia cara, gentile…bella sig nora. (a Jano) Signo’…

JANO - Tortorella, Sebastiano Tortorella.

NONNO - signo’ Tortorella, pi prima cosa comu va a testa?

JANO - ora ‘n pocu meghiu. Menu mali ca mi pighiavu cu ‘na cosa pocu cunsistenti.

FINA - Cettina a mamma talia chi fai ‘nda borsa firgorifera unnu c’è u muluni di ciavuru, pighia ‘n pocu dighiacciu.


10


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

CETTINA - si mamma.

NONNO - si ‘n pocu di giacciu non po fari mali.(Guradando la nonna)portammillu macari a mia un pocu, chealla vista di questa affascinante signora mi staiu sintennu ugghiri tuttu paru!

JANO - non c’ è di busognu, tantu mi pighiavu cu ‘na cosa modda, anzi chi era ?

GINO - ca nenti a prima cosa ca mi passavu sutta manu. Era ‘n quattru bruttissimu ca c’era appinnutu ‘ndomuru, l’unica cosa ca stunava ‘nda mobilia, ‘na spe ci di pugnu ‘nda ‘n occhiu.

JANO - ‘n quattro?(Guarda verso il muro da dove manca il suo quadro e poi lo raccoglie da terra)u mequattro della natura viva di giugno?

NONNA – ca ora addivintavu della natura motra in ottobre.

JANO -u me quattro, chiddu ca ava vinciutu u prinu premiu a terza elementari, u me quattri chiu’ bellu e arrinisciutu? Ma quali ‘n pugnu ‘nda ‘n occhiu, u pugnu tu dugnu ju, disgraziato (va per assalire Gino, ma lo bloccano).

NONNA - fermu Janu, non ni vali a pena e poi oramai e distruttu e non si po fari nenti.

JANO - stamu partennu mali, stamu partennu troppu mali!

GINO – mi deve scusari, ma ju non u sapevu, mi pareva ca faceva parti da mobilia!

FINA - avanti Januzzu cammati gioia e circamu d’abbissari ‘sta storia.

JANO - (mettendosi sulla fronte il ghiaccio portato da Cettina)e cammamuni ! Cammu sugnu; u me bedduquattro!

NONNO - ju sugnu Turiddru Quagliarella, e chisti sunu me fighiu Ginu, me nora Mela e me niputi Salvuccio.

JANO - piacere(ironico)e chisti sunu me mugheri Fina, me fighia Cettina  ‘sta cosa cca’ è me soggira.

NONNO – (alla nonna baciandole la mano) enchanté, ma cherie.

JANO – si appuntu a scimmia sciancata, me soggira.

GINO - il piacere è nostro.

JANO - e si visti chi piaciri ! Mi spaccasti ‘n quattru ‘n da testa ca pi pocu non mi lasavi        lesu e scemunitu!

NONNA –  Janu, non ci accullari problemi ca gia’ ci avevi prima.

MELA - a nuavuttri n’arrivavu ‘na littra, pighiala Gino, u nni c’era scrittu ca l’istitutu n’ava assignatu ‘st a casapopolari e ca a partiri di oggi potevumu veniri a staricci.

FINA - macari a nuavuttri n’arrivavu a stissa lettera, e oggi vinnumu pi pighiari pussessu da casa nova.

NONNA - è allura mi pari tuttu chiu’ ca chiaru.(Al nonno con fare seducente)lei che dice signor Quagliarella?

NONNO – Turiddu, ciamami Turiddu dolcezza!


11


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

GINO – bonu va, accuminciavu. Una n’a lassa!

NONNA – e tu chiamami Concettinella.

NONNO – Cencettinella, bellissimo nome, tropicale. Comunq ue io pensu ca ci fu uno sbaghiu o cumuni oall’istitutu e v’assignanu a tutti e dui i famighi a stissa casa.

FINA - bih vadda chi cosi, e ora comu facemu?

MELA - avissumu a chiariri ‘stu sbagliu all’ufficiu.

CETTINA - e no frattempu comu ni cumminamu ?

JANO - nuavuttri non avemu unni iri.

GINO - e casa unni stavuri prima?

FINA - era in affittu.

JANO - quannu sappumu ca n’avuna datu ‘sta casa, non sulu ci dissi a pattruna di casa ca ddi misati caavanzava non ci davu chiu’, ma sparti mi sbuttunai l’ultimu buttuni do coddu da cammisa e ci ni vanniai quattru a dda strafallaria! Percio’ o cca’ o sutta all’archi da marina.

FINA - e vuauttri inveci non l’aviti unni iri ?

GINO - a stissa cosa vostra, sapennu ca ni n’auma a jiri, cu dda strega della a patruna di casa mi lavai a vucca,dunque o cca’ o sutta o e stelli all’acqua e o vent u.

NONNO - ma quali archi da marina e quali stelli, ora tutti e dui capi famiglia jiti o cumunu e circati d’abbissari‘sta cosa, ca su faciti lesti, forsi ca stanotti ogniunu dormi a so casa.

NONNA - avi raggiuni u signo’ Turiddru, meghiu non perdiri tempu.

GINO - avanti allura chi facemu ni partemu subbitu ?

JANO - si, si ca prima arrisurvemu ‘sta facenna, meghiu è pi tutti. Amuninni(insieme a Gino esce di scena).

Scena IV

(Nonno, nonna, Mela, Fina, Salvuccio e Cettina)

FINA -   mi pareva troppu bellu pi essiri veru.

MELA - havi raggiuni signora.

FINA -  ma chi dici ni damu del tu ?

MELA - si va beni certu. Comunque è pazzescu, havi chinnici anni ca ci vaiu d’appressu a ‘sta casa no ungiorno, e ora ca finalmenti c’ava arrinisciutu, ci mancava sulu ‘stu sbaghiu all’ufficiu.

FINA - pi fauri non mi diri nenti ca nuauttri sunu dudici anni ca tintamu d’aviri a casa popolari e ogni vota pi‘n mutivi o pi nauttru c’ama arristatu frigati.


12


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

MELA - ca certu fra dumanni e bullittini vari ‘na chistiana nesci pazza, pi non parrari de graduatori ca nesciuni‘na vota ogni morti di papa, e non si sapi comu i primi su sempri i stissi chistiani.

FINA – ovviu, s’abbessanu all’amici so e a povira genti co mu a nuavuttri a ittari sangu p’aviri chiddu ca pidirittu c’attocca.

NONNO - e chi vuliti purtroppu munnu a statu e munnu è. Cca’ sutta su non cancianu i testi, su non c’afinisciunu di passari avanti i raccumannati, i matelici e i sperti, aristamu sempri unni semu.

NONNA - cio è ammenzu e vai.

NONNO - brava Concettinella, hai detto giustu.

FINA - pi fauri, non parramu di sperti e matelici ca nuauttri c’ama avutu a chi fari.

SALVUCCIO - e perchè ?

FINA - ca pirchi’ gioia mia ! Sett’anni fa, dopu ‘na cater ba di dumanni, documenti e uri e uri di fila d’avanti atri centu uffici, ammuttuni e a ruzzuluni n’avuna assignato ‘na casuzza pupulari, propriu cca’ vicinu, quantu a cincu centu metri.

NONNO - e pirchi’ non ci isturu a stari.

CETTINA – veramente noi eravamo andati per abitarci.

SALVUCCIO - e allura?

FINA - allura quannu arrivamu, jemu pi grapiri a porta ma non era firmatura ca putevunu grapiri.

MELA - chi avura a sbaghiatu casa ?

NONNA - nonsi’

FINA - a casa era chidda giusta, erunu l’inquilini ca erunu sbaghiati.

SALVUCCIO - in che senso.

NONNA - no sensu ca sintennu rumuri intra all’appattamentu bussamu, rapivu ‘na signora sguaiata, aggressivae laria, ma accussi’ laria ca su cascava supra a morti faceva scupa; si parti chissa e molto gentilmente (con ironia) ni dissi: cu siti? Chi vuliti ?

FINA - me maritu cu gentuilezza ed educazione ci mustravu a littra d’assegnazione e ci spiegavu a situazioni.

MELA - e idda ?

FINA - e idda pi tutta risposta, a vuci di testa chiamau a so maritu(imitando la donna sguaiata): Saaaaro acca’ pi subbitu, ca ci su chistiani ca si voluni pighiari a quistioni cu mia.

NONNO - ma comu a questioni? So maritu tantu gentili, ci spiegavu a situazioni!

NONNA - ca vo trasicci in certi testi.


13


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

FINA - ca comunque, spuntavu ‘stu maritu, ca a mia chiossai di ‘n porcu non mi passi e tutti strevusu ematelicu si parti versu Janu e fa: ‘mpari cu si tu ca anzuttasti a me mugheri? E so mugheri pighivu ‘n supra: si iddu è m’aggredivu. Arriva st’armali e pi non sapiri nè leggiri e nè scriviri, ci vutavu ‘na jancata a Januzzu ca su no bloccavumu ancora stava furriannu.

SALVUCCIO –  niente di meno!

NONNA - ca annunca.

CETTINA - e le uniche parole che hanno detto queai vichinghi sono state: a nuauttri da vostra littra non ni nifrega nenti, oramai ‘sta casa ‘na pighiamu nuauttri e pircio’ e’ a nostra. Su aviti qualche pobblema i ti a chiamari i carabbineri e appoi cu havi chiu’ corda attacca u porcu.

MELA - e vuauttri chi facisturu ?

FINA - ca chi putevumu fari? Ca ni ni jemu e pi subbitu ficiunu a denuncia e vigili urbani.

NONNO - e comu finivu?

FINA - finuvu ca ni dissunu i vigili, ca macari ca a casa era pi liggi da nostra, n’e putevunu ittari fora a chiddi,nonostante ca l’avunu occupatu abbusivamenti.

SALVUCCIO –  addirittura

NONNO -   curnuti e vastuniati.

NONNA - appuntu.

MELA - bih chi mala avvintura.

FINA - a vistu chi fa fari a essiri genti onesta, a rispettari a liggi e a fari i cosi in regola.

NONNA - passanu anni e mentri aspetti u to turnu, ti fregunu a casa e non po fari nenti pirchi’ a liggi spartiaddifenni a genti disonesta.

MELA - veru signura, dicistiru a sacrasanta virita’; nuvavuttri aspittamu u nostru turnu pi anni e poi arriva uprimo ca passa e si pighia a casa, possibilmenti s’attacca a luci pubblica, l’acqua non si sapi di unni a pighia, e liddu liddu senza pavari tassi, campa meghiu di nuvavuttri.

FINA - a si, nuvavuttri cu tutta a nostra puvirta’ pavamu, e ricchi e dilinquenti si godunu a vita e nostri spaddi.

NONNA - ma non ci pinsamu chiu’. Chi fa’ mentri aspittamu c a tornunu l’omini a taliamu ‘sta casa pi vidiricomu è cumminata ?

NONNO - ottima idea amuninni.(Alla nonna)veni Cencettinella, ca ti fazzu avvidiri a me stanza; ora a tingiudi russu, un colore caliente. Ti piace il rosso caliente?

NONNA –  haiu avutu sempri un bebole p’o russu caliaturi!

(Escono di scena nonno, nonna, Mela e Fina)


14


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

Scena V

(Salvuccio, Cettina poi nonna, nonno, Mela, Fina)

SALVUCCIO - (si siede vicino Cettina che e’ seduta sul divano)e allora Cettina…

CETTINA - Ketti, chiamami Ketti.

SALVUCCIO - si Ketti ; pero’ bel nomi Ketti, anche Cettina è bellu sappiamoci intendere, pero’ Ketti haqualcosa di… come dire…

CETTINA - di fine ?

SALVUCCIO - ecco si, di fine, di elegante, di…internazzionale.

CETTINA - oh grazie…Salvuccio.

SALVUCCIO - senti Ketti, io volevo chiederti scusa per prima, mi dispiace non ti volevo fare male quando tiho bloccata; credevo fossi un lestofantr e…e invece …

CETTINA - e invece ?

SALVUCCIO - e invece sei una rispettabilissima e…(imbarazzato) bellissima ragazza, che per essere sinceriassomiglia piu’ ad una rosa fresca e appena sbocciata che ad un ladro.

CETTINA - oh grazie, e poi non mi hai pe nulla fatto male, non che tu non abbia forza anzi, la tua stretta erasalda, ferma…maschia. Ecco maschia! Pero’ si sentiv a anche nella sua mascolinita’ una certa delicatezza.

SALVUCCIO –  se dici cosi’ rischi di farmi arrossire.

CETTINA – ma è semplicemente la virita’.

SALVUCCIO - e senti, come mai a fare questo trasloco non vi h aiutato il tuo…fidanzato?

CETTINA - era un poco imbrobabile che ci aiutasse, considerato che io un fidanzato non ce l’ho.

SALVUCCIO - (si avvicina a Cettina e le prende la mano fra le sue)noo ! Ma cosa dici mai! Posso credere,una bellezza rara e preziosa come te? Forse è che non hai trovato mai nessuno alla tua altezza.

CETTINA – mah,  per essere sinceri, ragazzi che mi corteggiano ce ne sono…

SALVUCCIO - e all ora perchè non sei fidanzata?

CETTINA – perché non ho ancora conosciuto un ragazzo gentile,educato e carino. Anzi per meglio dire nonlo avevo ancora conosciuto prima di oggi.

SALVUCCIO - ah Kettuccia, se quegli occhi che sembrano stelle non mi dicessero che sei sincera, avreil’impressione che ti stia prendendo gioco di me.

CETTINA - e tu, tu…sei impegnato?


15


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

SALVUCCIO - no, no assolutamente no!

CETTINA - (avvicinandosi ancora a Salvuccio)a capisco!

NONNA - (entrando rivolta al nonno)aspetta, aspetta ca cca’ c’è qualche dunu ca sappi truvari velocementibeneficiu di ‘sta situazioni.

NONNO - veru è, talia chi su duci parunu du palummeddi. Ddu passuluni do me niputi s’arrusbighiavu. E chivoi, buon sangue non mente!

NONNA - tempu so è!

NONNO - e gia’! Ma putissi essiri macari tempu nostru.

NONNA – eh adulatore! Tu mi lusinghi!

NONNO – e no cara mia, si tu che con la tua bellezza temp oreggiata, mi rapisci!

FINA - (entrando)vadda a ddi dui, non persunu tempu; ficiunu subbitu amicizia.

NONNA - e lassali stari sunu carusi.

FINA - Cettina a mamma chi fai n’a voi taliari a casa?

CETTINA – la gurdo dopo mamma.

MELA - Salvuccio tu è meghiu ca ‘n giru tu fai subbitu inveci.

SALVUCCIO - (sorridendo)va bene mamma(si alza dal divano a si sposta)

NONNO – ca lassuli stari o carusu, ‘na vota che ca si era  sbloccatu!

Scena VI

(Jano, Gino e detti )

(Da fuore si sente urlare).

GINO - …e a mia chi mi stai cuntann? Ve ne dovete ire.

JANO - non l’ha diri mancu pi scherzu.

Il nonno apre la porta, entrano Gino e Jano.

FINA - ma si po sapiri chi aviti tutti e dui? E poi tu Jano pirchì vannì? Ancora ama arrivari e già n’ama a f aricanusciri di tuttu u vucinatu!

GINO - signora pi chiastu è, stassi tranquilla ca u vicinatu non v’arriva a canusciri pirchi’ ora cca’ u sign òCanarino…

JANO - Tortorella, signò Tortorella,


16


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

GINO - e va beni Canarinu o Tortorella chi cancia, sempri n’aceddu è no! Anzi vistu ca semu in tema volifero,arricughitivi i barattelli e spalummati, abbulati currennu currennu.

JANO - ju di cca’ non mi schiovu mancu su veni tutta a cavalleria rusticana a pighiarimi,e appoi mio caro signò Piccione…

GINO - ma chi va dicennu? Ju mi chiamu Qagliarella !

JANO - E va beni o picciunu o quagghia sempri armali è no? E comunque ju di cca’ non mi scugnu, ca l’ultimavota cu tuttu u durittu ca avevumu, occupanu a nostra casa abusivamenti e ancora staiu aspittannu ca i ‘bbianu fora a ddi furfanti. Pi non parrari appoi de gran corpa ca sparti pighiari !

GINO - i corpa su ci desunu voli diri ca si miritava, mio caro signor mavvizzu!

MELA - o insomma basta, stati parennu du picciriddi ca si fannu beccu.

SALVUCCIO – mamma, certo che tu non potevi sceglire un esempio piu’ azzeccato. Qagliarella e Tortorellacosa potevano pfarsi se non il becco?

FINA - insomma pi favuri vi vuliti calmari tannicchiedda e ni faciti capiri macari a nuavuttri chi stasuccidennu!

NONNA - si, chi vi dissunu o cumuni ?

JANO - mamma ca chi navuna a diri, ca nenti!

CETTINA - come niente papà ?

GINO - non ni dissunu nenti, pirchì quannu arrivamu dda n’ infummanu cu cui avuma a parrari pi risolviri ‘stuproblema e l’impiegatu ni dissi ca u so collega ca si occupa di ‘sti facenni era fora pi travaghiu e prima di dumani pomeriggiu o addirittura dopu dumani matina non puteva occuparisi di ‘sta facenna.

FINA - e ora comu facemu ?

JANO - ca comu ama a fari Finuzza, nuvauttri avemu a littra dill’istitutu, arrivamu pi primi e di certu di cca’

non ni schiuvamu.

FINA -  macari pirchì non avissumu unni iri.

JANO - e già, dunque a cosa è semplici. Mi dispiaci ma u signò Caccarazza…

GINO - e ci torna! Quagliarella.

JANO - va beni comu u sannu sentiri, si pighia i valigi e si ni torna di unnu vinni.

CETTINA - ma papà, non sanno dove andare! Sono senza una!

JANO - ca muta tu, chi t’intrometti? E appoi chi fai pighi i so difisi, chi niscisti di      sintimentu ?

NONNA - ca pi ‘n certu sensu…(guarda Cettina che sta facendo gli occhi dolci a     Salvuccio)


17


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

JANO - (che ha visto e capito)a boni semu cumminati, ouh ! ‘N chistianu, un ginirali di un esercito famigliari,s’alluntana menz’ura pi iri a difenniri cu ugna e d enti zoccu c’attocca e quannu s’arricoghi a casa, anzicchè attruvari u restu do so esercitu vittorioso sui nemici, chi attrova ? Attrova ddi stissi surdati ca ha campatu ‘na vita, ca cumbattunu contru di iddu.

NONNA - Januzzu a mamma, ma chi vai dicennu? Chi esempiu fai prorpiu tu ca o militari fusti arrifummatu.

FINA - dai Janu non fari d’accussì, e poi zoccu dissi Cett ina è veru, Mela e a so famiglia…

JANO - già vi dati u tu ? ‘Sta battaglia a vidu persa, sug nu sulu contru o munnu.

FINA - Mela e a so famighia sunu ‘nde nostri stissi condizioni, senza ‘n tettu unni iri a passari a notti.

JANO - non ci pozzu cridiri, Fina macari tu mi lassasti sulu nel mezzo della battaglia, pozzu capiri to mattri caha statu sempri tinta e alla fine è sempri soggira, ma tu, ciato del mio cuore, zucchero che cura il mio diabete e che mi caria le janghe, tu mi tradisci ! E allura u sapiti chi fazzu ?

FINA - chi fai ?

JANO - stravolto dal dolore del tradimento, mi arrendo(si lascia andare sul divanetto).

GINO - pa para…para pà…pa pa(canticchia il motivetto finale classico della tragedie napoletane). Chiudeteil sipario e applausi a tinchitè! (Ironico), auh signò cardiddu a certu ca è un attori nato ah, ci mancava pocu ca mi minteva a chianciri; complimenti, bravu appiddaveru.

MELA - basta Gino ora finemula; a situazioni è chista, ca ni piaci o no.

NONNO - (guardando Salvuccio e Cettina che si scambiano sorrisini e poi la nonna)a qualcunu sugnu sicuruca ci piaci !

MELA - insomma semu ‘nda stissa situazioni, e su non prima arriva chistu do cumuni, ama a circari diarrangiarini.

FINA - si Mela havi raggiuni, anfinu a quannu chistu non veni, mi sapi ca ama conviviri tutti assemi.

SALVUCCIO - (con enfasi)giusto, signora ha ragione, sono pienamente d’accordo, convivere, non c’è altroche fare.

NONNO -   tinitilu, tinitilu ca ci pighiavu ‘na cristi testosteronica!

GINO - (ironico)e ci mancava ca non eri d’accoddu o papà !

NONNA - Jano tu chi dici?

JANO - a pirchì a me parola ora cunta qualcosa ?

FINA - dai non fari d’accussì, capisciula a situazioni.

CETTINA - si papà capiscila.


18


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

JANO - a tia l’annu prossinu ti mannu a scola ‘nde monachi ca troppu sveglia mi pari, accussì ti fazzu diri ju(imitandola) capisciula.

MELA - e allura ?

JANO - e signora allura…allura vistu ca a situazioni è chi dda ca è, voli diri ca stringemu i denti anfinu adumani, spirannu ca ‘st’impiegatu arriva, macari su ju ca chistu arriva dumani haiu i me dubbi; ‘st’impiegati comunali su comudi e frischi e anfina ca si scugnunu da seggia…ma comunque mi pari ca non putemu fari auttru.

MELA - Gino tu chi dici !

GINO - ca chi haiu a diri Mela, chista è a zita.

FINA - carusi a vuavuttri mi pari ca non c’è bisognu ca vi spiu.(Alla nonna)Mamma!

NONNA –  (guardando il nonno)non c’è auttru chi fari.

MELA - papà !

NONNO - (guardando la nonna)Miluzza pi mia chi probblema c’ha essiri o papà, ca  mi sacrificu.

GINO –(capendo le intenzioni del padre)va beni u capemu va, boni semu cumminati, ‘nda menz’ura ‘sta casaaddivintavu una agenzia matrimoniali!

NONNO – cari miei voli diri ca pi qualche jornu(breve pausa)stamu tutti sutta a ‘n tettu!

FINE PRIMO ATTO


19


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

ATTO SECONDO

All’apertura del sipario si trovano: Jano che dorme sul divano, Gino che dorme disteso su delle sedie in fila come se fossero un letto, Salvuccio in terra con una borsa a fare da cuscino.

Scena I

(Jano, Gino, Salvuccio poi nonno e nonna)

GINO - (svegliatosi sulle sedie)aih, aih, aiaih, non mi pozzu moviri chiù, aiutu, aiutatimi, Salvuccio veni ca opapà dammi ‘na manu!

SALVUCCIO - (destandosi  dal sonno)chi c’è, cos’hai papà?

GINO - aih, aih, aggrancai! S’abbloccavu tutta a carina; non mi pozzu susiri chiù. Veni cca’ aiutami cac’arristai siccu, ‘nciccatu, attisicai.

JANO - (con indifferenza)ca macari ‘sti paroli arrivassunu o cielu accussì si livassunu d’ammenzu e pedi.

GINO - (mentre Salvuccio lo aiuta ad alzarsi) auh pettirosso, vidi ca u ‘ntisi chiddu ca dissi, circassi di pinsaripa so di saluti.

JANO - anfinu a prova contraria chiddu ca arristavu ‘ngiccatu, anzi attisicatu, mi pari ca è lei! Ju cca’ sugnu,breddu friscu e liddu.

GINO - (ora seduto nella sedia)friscu e liddu, ma su havi ‘na nuttata ca russi ca pari ‘na motosega ‘nguffata espitturi ca pari ca ‘nde pulmuni ti calanu ‘na lann a di mastici. E ju ca mi preoccupavu, su tuttu va comu pensu a massimu a ‘sta notti accupa ‘ndo sonnu e cu sa vistu sa vistu.

SALVUCCIO - papà vi siete dati il buongiorno? Cominciate a liti gare gia’ dal primo  mattino?

NONNO - (entrando tiene in mano un bicchiere d’aqua dal quale fa finta di tirare fuori la dentiera che mettein bocca. Appena finito, posa il bicchiere su di un tavolo) oh v’arrusbighiasturu tutti?

SALVUCCIO - ciao nonno.

JANO - s’abbenedica.

GINO - ciao papà. Tu comu o solitu mattinieru ah?

NONNO - e chi voi o papà, u sai ca a me età non dormu assai  e appoi n’apporfittai ca in cucina attruvai asignora Tina e mentri parravumu ‘n pocu ci desi ‘na manu a priparari a colazioni. Capisci a me!

GINO – ca ti capisciu!

JANO – ca menti ca c’era pirchi’ n’affucava a dda cosa t inta, accussi’ m’arrifriscava ‘na vota pi tutti.(Vedendoil bicchiere con l’acqua precedentemente lasciato dal nonno sul tavolo) approposito, chi e’ friscast’acqua?


20


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

NONNO – freschissima!

JANO – quantu m’a vivi ca dda bella durmuta comoda di ‘sta notti mi purtavu siti.(beve dal bicchiere).Bella,frisca e macari rannicchia effervescenti.

NONNO – chidda è a pasticca lucidante ca pi sgrassari fa i bollicini.

JANO –      pi sgrassari chi?

NONNA - (da fuori scena)si po’? C’è pemmessu?

JANO – ca è arrivavu! Trasi, rompiti u coddu.

GINO - prego trasissi signora, trasissi.

NONNA - ( entra con del caffè che posa sul tavolo)buongionno a tutti. Vidu ca siti già belli svegli, ora vaiu achiamari e carusi accussì facenu ‘na bella colazion i tuttu assemi.

SALVUCCIO - con pemmesso, io vodia darmi una sciacquata (si dirige verso la stanza dove ha dormito Cettina).

GINO - Salvuccio.

SALVUCCIO - si papà?

GINO - u bagnu è di dda parti. ‘Nda dda stanza c’è qualcunu di cui tu a stari a lagga.

SALVUCCIO - già vero, che sbadato che sono.

GINO – e chi ci fu un’invasione ormanistica ‘nda ‘sta casa ? Nonnu e niputi non si ponnu teniri chiu’!

JANO - no frattempu ju mi vo schiacquu  ‘nda pila da lavanderia.

GINO - ( fra se e se)e certu tu cosa di pila si, chiossai di chistu!

JANO - almenu ju mi lavu a qualche banna, no comu a cert’uni ca mi fa ‘mprissioni ca cu l’acqua sunuacchiappati.

GINO - ju aspettu u me tunnu.

JANO - si e ju aspettu u me pischi spada(esce).

GINO - mattri ma quantu mi fa malu sagnu chistu.

Scena II

(Fina, Mela, Cettina  e detti)

FINA - buondì

MELA - ciao gioia.

CETTINA - buongiorno


21


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

GINO - ciao a tutti e semu a paci. MELA - e chi è Ginu ti susisti co pedi stortu ‘sta matina?

GINO - Co pedi sulu? Sugnu tuttu paru stortu; a dormiri supra a ‘sti seggi sugnu tuttu ‘n duluri, aih, aih, u nunico dolore ca parti da testa, passa p’e catinazza do coddu, appoi longu longu si spurughia pi tutta a carina, tutta ah non è ca lassa ‘na vertebra, no tutti i pighia; arriva ‘ndo bacinu, ca mi fa ‘nprissi oni sparti ca mu potti rumpiri pirchi’ no staiu sintennu chiù, attraversa i jammi e passannu pe ‘nginaghi de rinocchia arriva anfinu a l’ulitmu ugnu do pedi. Aih, aih, aih!

MELA - e chi vulevi ca tu ti mittevi a domiri ‘ndo lettu granni e nuvauttri fimmini     n’accumudavumu?

GINO - no chistu mai, però dicu ju, cu ddu bellu divanu co mudu a disposizioni, putevumu fari menza nottiall’unu co signò Tortorella. Inveci no. Iddu tutta a notti spaparanzatu a russari ca pareva ‘n trenu a cavvuni, e ju a spaccarimi l’ussatura supra a ‘sti seggi.

FINA - docu havi milli parti di raggiuni, ma certi voti me maritu è a unni s’affissa.

JANO - (entrando)  cui è a unnu s’affissa?

GINO - dda è, u viditi che breddu e friscu! Quantu mi vo lavu va.

JANO - bih e comu mai, chi ti vinnunu i rimossi di coscienza?

GINO - mancu cuntu ci dugnu(esce)

FINA – Jano, però potevuru fari mità all’uni co diuvanu, d  du mischineddu è tuttu ruttu puvureddu.

JANO - ma chi mi cunti a mia.

CETTINA - certo papà, fra le sedie che certo non sono fatte p er dormirci sopra e a te che quando cominci arussare sembri l’orchestra sinfonica del massimo, sono certa che quel poverino non avra’ potuto chiudere occhio.

JANO – arrivavu, la protrettrice dei deboli, la salvatrice del mondo. E a mia, cu ci penza a mia?

FINA - ma in che senso.

JANO - no sensu ca almenu ju forsi arrussu tannicchiedda...

NONNA - tannichiedda?

JANO - E va beni chiddu ca è, ma almenu sugnu anestu ‘ndo sonnu.

FINA - chi voi diri?

JANO - Voghiu diri ca ju non mollu bummi a tradimentu, mentri l’auttri arrispiranu a pulmuni chini. Arrischiaia ‘ntussicazioni, stavu murennu asfissiatu, accupatu.

MELA - pi chistu è, ci possu dari sulu raggiuni, me maritu ‘nda ‘stu sensu è pericolosissimo.

GINO - (entrando)cu è pericoloso?


22


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

JANO - eccolo arrivavu, felce azzurra! SALVUCCIO - (entrando)buongiorno a tutti, buongiorno Kettuccia.

CETTINA - buongiorno Salvuccio.

FINA - mamma non c’è bisognu ca porti u zuccuru pirchì ca ci n’è abbastanza.

NONNA - (rientrando dalla cucina)avanti ci semu tutti, putemi accuminciari?

NONNO - servitevi prego.(Porgendo una tazza di caffe’)Teni Tina, questo è per te, un caffe’ nero come i tuoimeravigliosi occhi…

JANO - ma cui me soggira? Ma su havi l’occhi marroni slavati, colore cataratta!

NONNA – mutu tu, chi n’a capiri di occhi e di galanterii!(Al nonno)continua tisoro.

NONNO – questo caffè nero come i tuoi occhi e forte come la mia, passione!

GINO – papa’a alleggiu ca tutta ‘sta passioni è stu cafè, pirchi’ fra cuntu ca ti veni ‘n infartu stecchente e ciarresti tisu!

JANO – (cambiando discorso)Fina ‘sti brioschi chi sunu de nostri?

FINA - su ammiscati, de nostri e dei Qagliarella, pirchi’?

JANO - dimmi quali su i nostri, picchi’ ju cu ‘stu signuri cca’ presenti non voghiu aviri nenti chi spattiri.

NONNA - avaia ca finiscila Janu!

SALVUCCIO –  cosa stai facendo papa’?

GINO - cui ju? No nenti; ni sta tazza di caffè staiu circannu di capiri quali moleculi su de nostri, accussi’ mivivu sulu chiddi e non abbusu da granni ginirusita’ di questo nobiluomo!

NONNO – bonu va, accuminciamu di capu matina.

(Mentre si  servono la colazione squilla un telefono)

MELA - Gino chi è u nostru ‘stu telefunu ca sta sunannu?

GINO - ca certu di cu po essiri! Picchi’ secunnu tia u signo’ merlo indiano chi è accussi’ avanti ti testa caputissi aviri un telefono cellulare?

MELA - senti ora basta Gino ah, cerca di arrispunniri e di finiraccilla cu ‘sta camurria.

JANO - tranquilla signora, oramai ci scupri’ i carti; cu tuttu u rispettu pi lei ca è ‘na brava pissuna, so maritu èscunchiurutazzu e cuntu non ci ni dugnu chiu’.

GINO - ca certu…(risponde al telefonoma inizialmente non ha campoe si sposta facendo movimenti di ricerca del campo comici) pronto, pro…pronto, cu è pronto…


23


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

JANO - si mentri ca c’è s’arrampicassi supra o lampadariu, anzi meghiu, s’affacciassi ‘ndo baccuni e sispurgissi bonu (a bassa voce) e speriamo o Signuruzzu ca caschi a dda sutta.

GINO - pronto, pronto, a ora ti senti bonu, perfettu, pronto cu è?(Pausa poi alla moglie)mattri è du malanovudi to cugnatu Carmelo…(al telefono)   pronto, pro…pronto  non ti sentu chiu’ cu si? Chi   voi? Pronto!

NONNO - ma comu finu a ‘n secunnu fa u sintevi ca era ‘na m iravighia e ora n’o senti chiu’?

MELA - ca oramai parracci e vidi chi voli.

GINO - chistu mi fa ‘n malu sangu; ma chi voli da me vita di capu matina!(Riprende la conversazione)no maquali malu sangu, non l’avevu cu tia o cugnatuzzu….   (pausa mentre ascolta il cognato) si bonu ora ti

sentu perfettu. Ma dimmi chi ti sirveva, chi voi? Si, si a casa nova semu….ah è bellissima meraviglios  a…

si granni, confortevoli…si ci sunu macari i mobili, novi si, ancora luccicanti…(cambiando il tono della

voce e con espressione sconcertata) comu? Voi veniri a vidiri a casa e a farini l’auguri (fa gli scongiuri)?Ah voi veniri e ti porti a picciridda? S…si, si cer tu ca ni fa piaciri, e senti Carmelo quannu vulissuru veniri pi farini ‘sta visita! Chi oggi? A pranzu? Eee…no, no chi problemi c’hannu a essiri, chi proble mi. Si va beni allura ni videmu chiu’ taddu, si certu ti saluti ju a tutti…sarai servito, a dopu

ciao…ciao…si…si ciao ( riattacca). A forza ca sciddichi de scali e ti rumpi i catinazza do coddu, malanovu!

MELA - cu era me cugnatu?

GINO - si ddu palluni unchiatu ca puzza sutta o nasu,(ironico)u cavaliere del lavoro Carmelo Littrico.

Malanova a iddu e ddi quattri pidocchia ca c’havi ca u fannu sentiri u pattruni do munnu.

SALVUCCIO - e cosa voleva papà?

GINO - chi vuleva? Voli veniri pi vidiri a nostra casa nova e siccomu ‘na normali visita non c’abbasta, arres taa panzu a cancariari e nostri spaddi. O cosu inutili anfinu a jeri cugheva l’oghiu supra u maccu e di quant’havi ca u ficiunu pi sbaghiu cavaliere del lavoro, s’innacchinavu e si senti ‘n domini e diu, e lassamu stari a to niputu ca anfina a du jorna fa camina che pezzi ‘ndo culu e ora si cridi a fighia di Onassis. Antipatica… qualche jornu ci dugnu du janc ati…

NONNO - e quannu vulissi veniri a truvarivi?

GINO - oggi! Voli veniri oggi a pranzo!

JANO - chi? Quannu? Hai vistu Fina ca è comu ti dicevu ju? Ancora ama capiri comu è cumminata ‘stafacenna da casa e già chisti anvitunu genti, fannu festi e fistini… a me casa!

MELA - Gino però macari tu, chi cummini? Ancora non sapemu comu ni va a finiri cu l’assegnazioni da casa,e tu fa veniri genti intra? Chi ti pari sinsatu?

JANO - cu di ‘n sceccu ni fa ‘n mulu u primu cauciu è do so!

GINO - si forsi fui ‘n pocu troppu pricipitusu.

NONNO - ca mi pari!

GINO - ma chi puteva fari? U sai comu è to cugnatu; chiddu si ni sta strafregannu di veniri a farini l’auguri,chiddu sta vinennu pi vidiri unni jemu a finiri, pi circari di capiri su si po ancora inchiri i cianchi p’a


24


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

nostra puvirtà. E ju secunnu vuavuttri chi ava a fa ri? Chi ci dicevu ca semu in casa insieme a nauttra famiglia, c’aceddu menzu vivu e menzu mortu e non sapemu ancora su n’a lassunu o n’a levunu? Mi dispiaci, ma ju a ddu trafallariu ‘stu saziu non ci u dugnu.

MELA - Gino ju u capisciu chiddu ca dici, ma comu facemu? Non semu suli, in casa c’è macari a famigliaTortorella.

JANO - sia chiaro e beninteso ca ju di cca’ non mi scugnu mancu su mi minacciunu cu ‘na pistola puntata ‘ndociriveddu.

GINO - e quali ciriveddu?

FINA - me maritu havi raggiuni. Cu tutta a stima e a simpatia ca sta nascennu, dopu l’eperienza da votascorsa…

GINO - dda gran sughiata di corpa ca pighiavu, cca’ l’uomo che non deve chiedere mai?

FINA - dopu d’esperienza, onestamente non ma sentu di nesciri di ‘na casa unni c’è periculu ca non mi fannuchiù trasiri.

GINO - ma fussi sulu pi ‘na para di uri.

JANO - mancu pi tri secunni, non n’a parrai!

GINO - a certu ca pi cori!

JANO - e tu pi testa! Comu inviti cristiani intra, ni ‘sta situazioni?

MELA - Gino non insitiri ca hannu milli parti di ragiuni.

NONNO - la situazione è chiara. I Tortorella giustamente non volunu nesciri da casa, ma ovviamenti a tocugnatu non ci poi spiegari a vera situazione.

GINO - e su s’ammucciassunu ‘ndo sgabbuzzinu ‘na para di u ri?

MELA - avaia Ginu!

GINO - n’ura.

NONNO - non mi pari u casu.

GINO - menz’ura.

JANO - signora Mela ma so maritu chi è bestia appiddaveru o ci fa? Vidissi ca ju canusciu unu ca spurugghiadocumenti all’INPS; su voli ci parru, chiddu c’a fa a faricci pighiari a pensioni d’accumpagnamentu!

NONNA - eppuri ‘na soluzioni ci sarebbe.

FINA - a si?


25


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

NONNA- si. I Quagliarella aspettanu ‘sti ospiti, nuauttri non vulemu lassari a casa, allura moltosemplicemente voli di ca cu ‘na scaciuni arristamu macari nuavuttri a pranzu.

JANO - si! Brava a me soggira, l’haia dittu sempri, ‘sta f immina vali tantu oru quantu pisa.

MELA - si giustu, bella soluzioni.

GINO - ma cu Tortorella ccà a mangiari cu nuauttri, chi cu mpassa mi fa fari?

JANO - o d’accussì o nenti caru miu.

MELA - a mia mi pari a soluzioni migliori.

GINO - e va beni lassamu stari a mala cumpassa ca ni fa fari, ma chi scusa c’anvintamu, cui ci dicemu ca sunu?

SALVUCCIO - ma, veramente Ketty ed io una soluzione l’avremmo.

CETTINA - si proprio così.

JANO - videmu chi sturianu ‘sti dui scienziati.

CETTINA - patreste dire che siete con suoceri.

GINO - chi? Ju compari cu Tottorella? Avaia carusi non sghizzamu che cosi seri pi favuri, ju c’haiu ‘nareputazioni d’addifenniri.

JANO – si, l’addifenniri de pulici e de pidocchia ca su stannu arrusicannu vivu.

FINA - ottima pinsata.

MELA - perfetta, bravi carusi.

NONNO - mi pari ca semu a postu no? S’abbissanu tutti i cosi.

NONNA - a già.

GINO - avaia ma chi stati dicennu? Chi siti seri?

MELA - chista è a situazioni ca tu criasti amore mio, o prendere o lasciare.

GINO - si amore e brodu di ciciri. Ca comunque su chista è a situazioni(pausa)ca chi pozzu fari, ca prendo,prendo.

MELA - avanti allura quantu vaiu a fari tannicchiedda di spisa; signora Fina, Cettina vuliti veniri cu mia?

FINA - si, certu(escono).

GINO - ouh m’arraccumanu Mela non badare a spese, fai a spisa rossa, non mi fari fari mala cumpassa cu dduarmali di gebbia.

NONNO - no frattempo ju e Salvuccio jemu a piscaria.(Al nipote mentre escono)ma ti l’haiu cuntatu mai diquannu n’a vota ho corteggiato la regina d’inghilte rra, certu allora era ancora a principessa…


26


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

SALVUCCIO – nonno ma l’ultima volta che mia hai raccontato questa storia non era la regina di Danimarca? NONNO – chi c’entra? Chidda era s’o cucina, un’altra storia un’altra avventura.(Con tono da racconto)

Allura; eru giovane beddu e appassionato, mi trovavo in Inghilterra (escono)…

NONNA - (a Jano e Gino)e vuauttri chi faciti?

JANO E GINO - a vaddia a casa!

Si spengono le luci sul palcoscenico per indicare il trascorrere di qualche ora.

Scena III

(Tutti, poi la famiglia del cavaliere)

Si riaccendono le luci sul palcoscenico. Gli uomini sono impegnati in una partita a carte.

SALVUCCIO – u lalala’; e cos’è un sette quello che vedo sopra il tavolo?

JANO - si ‘n setti è! Senti non fari d’accussì, su l’hai p ighiatillu e livamuci a farsa.

SALVUCCIO - e va bene. Scopa con il sette d’oro! Nonno, in una sola mano abbiamo fatto tre punti: scopa,sett’oro e settanta. Mi sembra che anche quest’altr a l’abbiamo vinta

MELA - (entrando dalla cucina)avanti pi cortesia vi livati do tavulu accussì apparecchiamu?

GINO - si, si meghiu è, ca mi pari ca nonnu e niputi pi furtuna non hannu d’invidiari nenti a nuddu.

JANO - e mi pari! Cincu partiti supra a cincu!

Si sente suonare al citofono.

GINO - cca’ sunu, arrivanu. Tutti ai posti di combattimento!

SALVUCCIO - (rispondendo al citofono)chi è?

GINO - ca cu avissa a essiri ca ddi malanovi.

SALVUCCIO - si ciao zio, salite, terzo piano.

FINA - (uscendo)‘ntisi sunari, arrivano?

JANO - accussì pari.

FINA - mamma, Cattina prestu viniti a cca’ banna ca arrivano, forza.

Entrano la nonna e Cettina.

GINO - auh m’arraccumannu, sapiti tutti chiddu ca dovete a fari, arrivuddativi a parti.

Suonano alla porta. Gino apre ed entrano con incedere superbo e tronfio il cavaliere e la figlia. La famiglia fa un giro per osservare la stanza prima di degnare di attenzione i presenti.


27


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

GINO - (ancora alla porta)auh appoi ciao ah.

CAVALIERE - ciao Mela.

MELA - ciao Carmelo.

CAVALIERE - e le signore chi fossero?

MELA - vi presento Ketty la fidanzata di Salvuccio, la signora Fina, sua madre e la nonna.

CAVALIERE - molto piaciuto.(Va verso Gino)cognatino mio, finalmente c’arriniscisti a fariti assignari ‘stabiniditta casa pupulari. E’ bella cosi giusti, bella appiddaveru (Gino fa gli scongiuri). E il signore qua del presente penso che è il padre di Ketty?

GINO - giusto. Sebastiano ti presento il mio amato cognato Carmelo Litrico.

CAVALIERE - cavaliere, cavaliere del lavoro Carmelo Litrico.

GINO - a già vero, chistu senza u titulu non si scugna di ‘n passu. E si cavaliere; Carmelo ti presentu il miocompare Sebastiano Tortorella…commendatore Sebastia no Tortorella.

JANO - (a Gino)chi mi facisti addivintari?

GINO - ca mutu statti, tantu a ‘stu prezzu!

JANO - piacere, paicere.

GINO - ma accomodiamoci(si mettono a sedere).

MELA – noi andiamo.(Alla nipote mentre tutti escono di scena)veni gioia ca ti fazzu  vidiri a casa.

GINO - si certu, va beni.

Scena IV

(Jano, Gino, cavaliere )

CAVALIERE - ebbene, commendatore!

JANO - e si u sapi, a ‘stu prezzu.

CAVALIERE - comu?

GINO - no nenti, nenti.

CAVALIERE - Gino amatissimo cognato mio, vedo che le cose ti stanno andando da bene in meglio. Tuofiglio Salvuccio che si fidanza con una bella giovane che peraltro ha il padre commendatore, t’assignanu franca ‘sta bella casuzza pupulari, a saluti ringraziannu u Signuruzzu non ti amnca (ancora gesti di scongiuri da Gino), dicu ju chi cerchi ancora, chi ti manca? Ti devi ritenere soddisfaciutu, eru un pizzentie mortu di fami ca non valeva nenti e ora ti sei arricupigliato! Chi ti manca?

GINO - a mia? Nenti, a mia propri nenti, quannu c’è a casa di proprietà certa, ‘n fighiu zitu ca figlia di ‘ncummendaturi e a saluti (si tocca la schiena memore della notte trascorsa) su mi lamintassi fussi ‘n piccatu.


28


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

CAVALIERE - e lei commendatore di che cosa si occupa! JANO - ju di trasporti, haiu ‘na lapicedda e mi dugnu chi fari.

CAVALIERE - aspittassi no staiu capennu bonu; un commnedatore cu ‘na lapa ?

GINO - ha…ha cominciato così, veru cumparuzzu? Carmelo devi sapere che il commendatore, me cumpari va, accuminciavu cu nenti, cu ‘na lapicedda, facennu traspotti di ogni tipu, e appoi cu tanta bona vuluntà , cu l’ingegnu e cu macari tannicchia di furtuna, si fici ‘na posizioni e ora è titolare di una grande e affermata ditta di trasporti. Veru cumpari ?

JANO - ca certu comu no…cumpari!

CAVALIERE - nenti di menu! E comu si chiama ‘sta ditta?

JANO - comu…comu si chiama?          (A Gino in un sussurro) comu si chiama?

GINO - si chiama commendatore Tortorella trasporti, ca comu si putissi chiamari!

JANO - e già certu, comu si putissi chiamari!

CAVALIERE - eppuri è stranu, n’azienda accussì granni e ju non l’haiu sintutu vuntuvari mai.

JANO - mai?

GINO - mai?  Ca certu, ovviu ca non l’hai sintutu mai pirchì non è cca’ non è ‘nda nostra città.

JANO - no, chi ‘nda nostra città? No a quali!  (A Gino)E unni è?

GINO - Milano, la sedi centrali è a Milano.

JANO - Milano.

CAVALIERE - addirittura a Milano?

GINO - ca certu; cognatuzzo ‘sta terra pi chistu è tristi; ‘n chistianu p’aviri successu e soldi deve smigrar e,deve andare al nord caru miu, al nord.

CAVALIERE - p’aviri successu e… e soldi?

GINO - soldi? A tempesta, a palati, tantu assai di sdignalli,(viso disgustato)brr…che schifo.

JANO - schifo, si tutti ddi gran sulduni che sdengo.

CAVALIERE - ma chi mi stati dicennu? ‘N chistianu sulu po aviri tutti ‘sti soldi di avirini a nausea.

GINO - ecco usasti a parola giusta, a nausea.

JANO - (al pubblico)si a nausea pirchì soldi non ci n’è e non si po mettiri nenti intra o stomucu tutti i jorna,ecco pirchì c’è nausea.


29


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

GINO - ora basta di parrai di dinaru, veni Carmelo ca ti fazzu vidiri u restu da casa. Prego accomodati.

CAVALIERE - (con atteggiamento servizievole)dopo u commendatori ovviamente, prego commendatore,prego. (Escono tutti di scena).

Scena V

(Salvuccio, Cettina, Sharon)

Nota:Sharon nel suo sarcasmo è un personaggio molto ridicolo che ripete le sue battute per elaborarle,ridendone solo dopo come se le avesse capite tardivamente.

SHARON - e allora caro cuginetto, ti facisti zitu, macaru tu ? Ah ah ah ah(la risata ridicola e caratteristica è

quasi di sfottò).  Macari iddu ! (Comincia a ridere) Ah, ah, ah...

SALVUCCIO - e si cara cuginettamia, mi sono fidanzato anche io, solo che non capisco il motivo di tanto riso e divertimento.

SHARON - (sempre interrompendo la frase più volte per ridere)ne…nenti, sulu, sulu ca pinsava(risata trattenuta) sulu ca pinsava ca chiddi poviri comu a tia, non si facevanu ziti comu a genti normali ma (risata)… ma si ni fuievunu direttamenti! (Scopia in una risatona sciocca e fragorosa). Direttamenti (risatona) si, si ni fuievunu direttamenti (risatona). Ah, ah, ah...

CETTINA - e che fa ripete le sue stesse battue come un pappagallo? Di secondo nome si chiama micaLoreto!

SALVUCCIO – lasciala stare Kettuccia, non farci caso;(ironico)ringraziando il Signore alla mia cuginetta lascunchiuritagine non è mai mancata. È brutta come l a signa, scimunita come se da piccola fosse caduta dalla naca rimbombando con la testa mille volte contro il pavimento, senza nemmeno un grammo di cervello, ma per scunchiuritagine mai, non le e’ mai mancata!

CETTINA - non ti preoccupare Salvuccio, ho già inquadrato il soggetto.

SHARON - n’anquattravu, e chi è pitturi !(Ancora).

SALVUCCIO - e senti mia cara e allegra ciginetta Sharon, tu ancora non ti sei fidanzata?

SHARON - non ci penso nemmeno.

SALVUCCIO - non ci pensi o sono i ragazzi che non pensano a te ?

SHARON - ma che cosa stai dicendo! A mia, a fighia del cavaliere Littrico, chi mi ponnu mancaricorteggiatori ?

SALVUCCIO - i corteggiatori ti mancano di sicuro, quelli che abbondano forse sono i            posteggiatori.

SHARON - in che senso ?

SALVUCCIO – nel senso che considerato che sei la fotocopia di un autobus, per spostarti ci vogliono almenodue persone per farti fare la manovra.

SHARON - chi fazzu arriru ?


30


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

SALVUCCIO - non è facoltativu mia cara.

CETTINA - ma ora basta punzecchiarvi, che ne dite se andiamo a prendere un poco di aria fresca in balcone ?

SALVUCCIO - buona idea Kettuccia; cugina tu chiudi  la bocca però !

SHARON - e pirchì ?

SALVUCCIO – perchè se fuori c’è anche solo qualche folata di vento e per mezzo di quella boccaccia che nonsta mai chiusa dovesse entrarti in quella testa vuota che ti ritrovi, con tutto quello spazio a disposizione diventa un uragano (Esce seguito dagli altri).

Scena VI

(Gino, cavaliere)

GINO - si certu Carmelu, certu ca potenu scanciari du paroli suli; assettiti non stari susutu.

CAVALIERE - grazie Ginuzzu o cugnatu, ma chi dicu o cugnatu o frati.

GINO - o frati, addirittura!

CAVALIERE - e si o frati,pirchì a sapiri Ginuzzu miu ca ‘nda ‘na famiglia non ci sunu cugnati, soggiri, jenniri, no!

GINO - no!

CAVALIERE - ci sunu sulu mattri, pattri, soru e frati. Si già, frati comu semu ju e tu…o frati.

GINO - Carmelo chi ti senti mali? Non cridu ca fu d’acqua ca frizzantina ca ti vivisti ora ora!

CAVALIERE - no, sto benissimo, anzi mai stato meglio o…

GINO - …o frati! E senti, ma tuttu st’amore fraterno, ne’soggira, ne’ cugnatu, di unnu ti spuntavu su anfina a ieri quannu mi videvi passavi o drittu ausi ca eru un perfetto estraneo e a dda puvuredda di nostra soggira…mamma, si mamma, quannu ci rivulgevi a parola era sulu pi mannaricci istimi?

CAVALIERE - ma sai com’è, nella vita si fa esperienza e si capisce il valore degli affetti, della famiglia!

GINO - il… il valore della famiglia…degli affetti. Carmelo     ?

CAVALIERE - si?

GINO - Carmelo chi t’aggiuva?

CAVALIERE - a cui, a mia? Nenti…nenti.

GINO -                 Carmelo, tutti ‘sti poroli duci, a famiglia, l’affe ttu, o ti senti mali, ma in effetti ora ca ci pensu bonu a frizzantina non aveva mancu tri jorna ca era scaduta perciò idda non potti essiri, oppuri ti servi qualche cosa!


31


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

CAVALIERE - bah…beh…

GINO - bih, boh, buh sciccareddu ca si tu! Senti vo parrari chiaru!

CAVALIERE - Gino la verità è ca qualche jornu fa ho fatto un investimento sbagliato…

GINO - pirchì chi accastasti azioni, botti, cct, psi, tbc, buoni fruttificati?

CAVALIERE - no, no chi capisti? Quali botti e buoni fruttiferi, un investimento nel senso…ca tamponai c’amachina.

GINO - a tuttu chistu è? E chi sacciu chi m’ava parsu!

CAVALIERE - u problema è ca ‘ntappai cu unu tanichiedda strevusu ca non voli fatta assicurazioni e volipavatu in contanti e currennu.

GINO - ah unu strevusu…in…in contanti e currennu? E fammi            capiri, chi voi di mia?

CAVALIERE –              vedi, in quasto momento sono in ristrettezza economica, come dire scarseggio di liquidità, come dire…

GINO - ca dillu che so paroli, si senza un euru!

CAVALIERE - ecco appunto, sintetico e preciso. Mi chiedevo se ora ca avisti a furtuna di ‘sta casa popolari a

gratis, e…insomma non pavi chiù l’affittu, ecco si… pinsavu ca sicuramenti hai qualche risparmio di latu di pristarimi.

GINO - aspetta, aspetta fammi capiri bonu. Tu il cavaliere del lavoro Carmelo Litrico, l’uomo ca sutta o nasunon havi ‘na puzza normali no, ma di quantu è snob almenu almenu havi a puzza do pisci spada; tu, chiddu ca non m’ha cunsidiratu mai e pi pezza m’ha pighiatu e pi pezza m’ha lassatu, ora mi sta addumannannu aiutu, soldi a mia, a Cologero Quagliarella! (Inizia a ridere di gusto).

CAVALIERE - (quasi mortificato)si Gino, ti staiu addumannannu aiutu.

GINO - (ancora ridendo)ju un semplice operaio mortu di fami ca aiutu al Cavaliere Litrico(ancora risate).

Dalla cucina si sente la voce di Cettina

CETTINA - il pranzo è pronto.

CAVALIERE - allura mi presti ‘sti soldi?

GINO - il pranzo è pronto, intanto mangiamu p’abbissari i problemi c’è tempu.

Scena VII

(Mela, Fina, nonna e poi tutti gli altri)

Le donne entrano con l’occorrente per apparecchiare la tavola che apparecchieranno velocemente.

MELA - talia chi sunu beddi tutti e dui i cugnati, di chi stati parrannu.


32


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

CAVALIERE - oh di niente di importante, di questo e di quello.

GINO - si di famighia, soggiri ca addiventunu mattri, cugnati ca addiventu frati.

FINA - va beni, comunque il pranzo è pronto, su vuliti vi putiti assittari.

CAVALIERE - si certo signora con piacere(prende posto a tavola)

Entrano in scena tutti gli altri ed ognuno prende posto.

GINO - (a Jano)cumpari tu si assittatu vicinu a mia e a me cugnatu, frati vuleva diri a me frati Carmelo.

JANO - certo con piacere. E chi si mangia di buono.

FINA - allora come antipasto ci sunu, salami, murtadella e prosciuttu crudu, alivi janchi e nivuri, ricotta ofurnu, tannicchiedda di pepato fresco ‘n pocu di capunata, pipi arrustuti, e fungi sutt’oghiu.

MELA - comu primu ‘na bella pasta co pummaroru friscu, mulinciani fritti e ricotta salata.

NONNA - comu secunnu pisci spada, tunnina c’a cipuddata e gamberoni annaffiati a vinu jancu.

NONNO - e pi finiri gilatu, frutta sicca, schiaccia, pasticcini e ‘n bellu mulini di ciavuru friscu e situsu can’ama arricriari a vita.

SALVUCCIO - nonno ma sei sicuro che il melone non risulti indigesto?

CAVALIERE - me quantu mangiari!

GINO - oggi è festa grande, si festeggia a casa nova, u zitaggiu di Salviccio e Cettina e ‘n frati attruvatu. Eappoi cu ddi soddi ca c’avemu misi di latu chi n’am a fari, in qualche maniera l’haiu a spenniri no! Chi dici Carmelo?

CAVALIERE - ca certu o cugnatuzzu, comu dici tu o cugnatuzzu.(Fra se)pizzenti mortu di fami, cosu ca nonvali nenti. Talia ‘stu tintu operaiu chi fortuna ca eppi!

JANO - perfetto allura buon pranzo e mangiati a sazietà.

GINO - ju grazie a discurruta ca mi fici cu me frati Carmelo già sugnu saziu e che cianchi chini, e comu su m ini inchì i cianchi.

NONNO - allora un brindisi alla famiglia e buon appetito a tutti!

Risposta degli altri.

FINE SECONDO ATTO


33


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

ATTO TERZO

Il pranzo e’ terminato. Sono ancora seduti al tavolo Gino, Jano e Carmelo con davanti un vassoio di pasticcini mezzo vuoto.

Scena I

(Gino, Jano e Carmelo)

CAVALIERE - (addentando un pasticcino)complimenti a cu purtavu ‘sti pasticcini, sunu belli appiddaveru.

GINO - a cca’, chistu e’ me cumpari u commendaturi, iddu i purtavu, u meritu e’ tuttu do so.

CAVALIERE - complimenti commendatore, complimenti. C’e’ a ricot ta di ‘stu cannolu ca e’ accussi sapurusaca mi sta arrivannu finu all’ugna de pedi. Si vidi ca su prodotti frischi e genuini; mi pari chiu’ ca ovviu ca i potti accattari ‘nda ‘na pasticceria di prima categoria, di chiddi rinomati ca s’attrovanu ‘ndo centru da citta’, chissacciu corsu Italia, via Etnea, insomma unni si servunu i genti benestanti, chiddi che soldi va.

JANO - e si, ca certu, pasticceria di prima…

CAVALIERE - appunto di prima categoria.

JANO - no ma quali di prima categoria, di prima e basta. Ninuzzu di Prima, chiddu ca c’havi u laboratoriu ‘nd a‘na travessa da via plebbiscitu, ammeri o portu.

CAVALIERE - comu vicinu o portu?

GINO – (ridendo)ah ah ah. Me cumpari e’ ‘n tipu strurusu, ci piaci sghirzari. ‘Sti pasti accussi’ belli ca pariquasi piccatu a mangiarasilli, putevunu nesciri mai di ‘n laboratoriu scaffitusi vicinu o portu?

JANO - putevunu nesci? Niscenu!

GINO - (sottolineando con la voce)putevunu nesciri? No ca non putevunu nesciri! Talia chi su beddi e frisci,parunu frutti primizzi, parunu bombonieri, anzi u sai chi fazzu? ‘Stu bellu babba’ u mettu dda, supra a ddu mobili, espostu, ca fa a so bella cumpassa (mette un pasticcino su un mobile). Chisti o cugnatu, sunu pasti di almenu 2 euri all’una, almenu 2 euri su non chiossai. Chisti sunu pasticcini do corsu Italia mio caro cognatino, no vidi chi eleganza, chi portamento, chi educazione.

CAVALIERE - e gia’ certo, eleganti, educati…

GINO - anzi ti diro’ di piu’. No senti ‘stu ciavuru di mar i?

JANO - di mari?

CAVALIERE - di mari?

GINO – si, ciavura bonu, di mari. U senti tu ‘mpari commendatori?

JANO - veramenti ju…


34


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

GINO - (sottolineando con la voce)u senti…’mpari? JANO - a si certu; c’e’ ddu diplomatico ca ‘sta facennu ‘n ciavuru, stamu parrennu a trizza.

GINO - e tu Carmelo u stai sintennu?

CAVALIERE - si ora si. Chi ciavuru! ‘Stu tabbare’ mi sta prennu ‘na suppera di cozzuli di messina, mi staparrennu.

GINO - e u sai pirchi’?

CAVALIERE - pirchi?

GINO - ca pirchi’ ‘sti pasti venunu si do carsu Italia, ma da parti chiu’ nobili e scicchia, venunu da zona dapiazza Europa, venunu di vicinu u mari, mio caro.

CAVALIERE - a si, ora capisco.

GINO - ma d'altronde quannu unu e’ chinu di soldi comu a me cumpari, non havi debbiti, non havi nemici ne’cristiani ca u assicutanu, certi capricci si po passari tranquillamente. Chi dici tu ?

CAVALIERE - ca ovviu quannu unu havi…  havi i soldi e non havi…non havi debiti!

GINO - e d’altronte si sapi, cu po fari e non fa campa scuntentu. O no Janu?

JANO - ca certu raggiuni hai, campa scuntentu.

GINO - pi furtuna oramai macari p’a me famighia i tempi tristi tirminanu; me fighiu e’ felicemente zitu cu ‘n aprincipessa, ni desunu ‘sta casuzza pupulari, quattro piducchiuzzi di latu mi l’haia misu, e chi n’hai a a fari cu ‘sti soldi appoi?

CAVALIERE - e gia’ chi n’a fari o cugnatu? A casa l’hai, a salu ti non ti manca, u pani da vucca mancu, chin’a fari cu ddi soldi ca c’hai di cantu, non e’ ‘n piccatu lassalli fermi? Putissi…dicemu….putissi

favuriri a qualche d’unu, magari un caro parente!

GINO - certu in effetti, a lassari fermi ddi migliaia di euri ca c’haiu e’ piccatu. Putissi agevolari qualche amicu,livari de vai qualche amato parente, oppuri…oppuri spinnirimmilli tutti pari in capricci e scialacquarimi in divertimenti e bella vita c’a me famighia e cu sa vistu sa vistu. Accussi’ certi d’uni, unni s’hana fattu a stati si fannu u mennu. Giustu Januzzu?

JANO - comu no? Unni s’hanno fattu a stati si fanu u mennu.(Al pubblico)ma chi mi sta cuntannu a mia, astati, u mennu, spiriamo ca ‘sta farsa finisci prestu ca gia’ mi staiu auttannu.

CAVALIERE - e tu cugnatuzzu miu avissi u curaggiu e l’aminu d’a ddivittiriti scialacquannu a destra a manca,sapennu ca c’e’ un tuo prossimo parente che soffre il peso di un gravoso e soffocante fardello.

GINO - lassamuli stari i prossimi parenti, ca ancora hannu a trasiri in famighia e non canuscennuli non possugiudicari, e lassamu stari macari i frati affucati ca sunu gravidi.

JANO - quali frati s’affucavu?


35


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

GINO - chi sacciu ju? U dissi iddu, i prossimi parenti e ‘n frati ca s’affucavu e ora e’ gravudu.

CAVALIERE - ma quali frati affucati e parenti novi, parravu di parenti stritti ca stannu vivennu situazionitribbuli e tristi.

GINO - ah! E ‘sti parenti quannu eru ju ca c’avevu di biso gnu unni erunu? Quannu non c’avevu mancu l’occhipi chianciri e pi purtari ‘n muzzicuni di pani a casa facevu i savuti mortali, unni erunu?

JANO - unni eruni?

GINO - tu dicu ju unni erunu, eruni ca nasca ‘nda l’aria a fari i signori e a fregarasinni da me miseria, eccounni erunu.

MELA - (entrando)chi fa, u vuliti tannicchiedda di cafe’?

CAVALIERE - si, ju si grazie.

GINO - gioia talia chi fai, portuli pi tutti.

MELA - va bene(esce).

GINO - signori miei scusatemi deci minuti, ma devo andare in un posto dove si provano sublimi sensazioni e sipartoriscono intime emozioni (esce).

JANO - sentilu chi e’poeticu! A non putissi diri semplicementi ca a jiri o bagnu?

Scena II

(Jano,  Carmelo, Fina)

CAVALIERE - (verso il pubblico)mi pari a mia ca ddu disgraziatu di me cugnatu sta jucannu o jattu co suggi.Mi sta vulennu umiliari, si sta rifacennu di tutti l’anni ca non l’haia calculati. Mi fa diri a testa ca chiddu soldi non mi ni voli pristari.

FINA - ecco il caffe’; non c’e’ misu u zuccuru, fate a vos tro gradimento.

JANO - grazie Fina, ci ‘u mintemu nuavuttri u zuccuru(mette lo zucchero e comincia a mescolare il caffe’).

CAVALIERE - grazie signora.(Prende un pasticcino dal vassoio)e comu fazzu ora, di cui mi fazzu pristari?(Addenta i pasticcino) bonu e’, ca certu, du euru a pasta; almenu du euru! Mattri mia, ma di cu mipozzu fari aiutari, di cui mi l’haia fari pristari ‘sti soldi (guarda Jano che mescola il caffe’) cu mi…presta… ’sti soldi... (con voce squillante, quasi urlando) mio carissimo commendatore.

JANO - (sobbalzando)chi e’, chi fu, chi succidivu?

CAVALIERE - no niente, niente, non e’ successo niente.

JANO - cavaliere mi fici savutari ‘nda l’aria cu dda vucia ta ca ittavu.

CAVALIERE - mi scusi commendatore non volevo allarmarla. M’a scusari a, ma fra cuntu ca i carusi simaritunu.


36


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

JANO - si tuttu oggi e dumani.

CAVALIERE - semu quasi parenti e ancora ci diamo del lei? Ma diamoci del tu!

JANO - ca damuni ‘stu tu!

CAVALIERE - auh Janu ancora complimenti pe pasti ah, belli, belli appiddaveru! Ma certu e’ ovviu quannuunu havi i soldi si ni po passari di capricci, pirchi’…tu…soldi n’hai assai veru?

JANO - eeeh! Assaiuni, assaissimi, accussi assai ca pi purtarimi chiddi spicciuli d’appressu m’appa accattati‘na lapa.

CAVALIERE - siii! Appiddaveru?

JANO - a no? A vidisti a lapa a cca’ sutta?

CAVALIERE - si mi pari ca ci fici casu.

JANO – ecco, e’ da me.

CAVALIERE - pi purtari suli i soldi spicciuli?

JANO – si, chiddi spicciuli e spari.

CAVALIERE - ma vadda chi cosi! E allura su si accussi ricconi, di capricci ti ni passi assai.

JANO - assaiuni. Nisciuti a tinchite’, ristoranti di lusso, mangiari prilibatu, aragoste, caviale, ‘nsalata di puppu,vini pregiati allungati ca gazzusa francisi.

CAVALIERE - pirchi’ in Francia chi hannu a gazzosa.

JANO - a gazzosa? Hannu a megghiu gazzosa do munnu; pensa ca e’ talmenti raffinata ca quannu i cammarerigrapunu a buttighia, non fa comu a nostra,splsss… (imitare un suono rude).

CAVALIERE - a no?

JANO - no! Quannu a grapunu, accuntu prima di nesciri da buttighia addumanna pirmessu e appoi quannucasca ‘ndo bicchieri u fa delicata, senza schizzari di cca’ e di dda e con un suono dolce (imitare suono dolce), leggero, raffinato.

CAVALIERE - e quanti cosi ca fannu i soldi! A gazzosa francisa, e cu a canusceva?

JANO - ca certu ca i soldi fannu assai(al pubblico)pi cu l’havi! E appoi viaggi: Lontra, Parigi, Nuova Yorki,Australia, Cina.

CAVALIERE – addirittura, siete stati macari a Cina?

JANO - su ama statu in Cina? Co sinnucu da Cina ni damu u tu!

CAVALIERE - o che belle cose, ne putissi fari macari ju?


37


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

JANO - si belli,(con tono annoiato)ma appoi stuffuni.

CAVALIERE - si stuffunu, ma chi vai dicennu!

JANO - stuffunu, ascuta a mia ca l’haiu fattu tanti voti e pi tanti anni(al pubblico)si ‘ndo sonnu. Arrivati a uncerto punto ‘n chistianu si siddia, dice basta; e chi e’ sempri sirvutu, arrivirutu, (con aria trasognante) a matina ti susi quannu voi, non hai pinseri di travaghiu, di vuscariti a jurnata, vivi emangi a sazieta’, senza preoccupazioni, vedi il mondo pi longu e pi laggu. No, arrivatu a ’n certu puntu dici basta!

CAVALIERE - basta?

JANO - basta! T’a figurari ca di quantu capricci m’haiu pa ssatu, oramai macari mi stuffai e certi voti picapricciu di non passarimi ‘n capricciu u sai chi fazzu?

CAVALIERE - chi fai?

JANO - ca chi ti pozzu diri, certi jorna fazzu finta ca sugnu senza soldi e mi susu a quattro e menza di matinadi fari finta di iri a travaghiari; oppuri facemu finta ca semu al verde e savutamu u pranzu; accussi’ ah, tantu pi diritinni qualche dunu! L’annu scorsu pi feragostu u sai chi ficiumu?

CAVALIERE - no, dimmillu.

JANO - ni siddiamu de soliti viaggi per il mondo e ninni jemu ju, me mugheri, me figlia e me soggira aFondachello.

CAVALIERE - a Fondachello?

JANO - si a Fondachello! Ma quali Spagna, quali Brasili, quali Stati Riuniti nell’America, quali America inlattina. Fondachello! Bello, me mugheri accuminciavu a priparari u ragu’ a sira prima, appoi vessu e dui e menza si susivu me soggira e fici ‘na bella teglia di pasta o furnu, no frattempu si i frievunu cutuletti e i mulinciani p’a parmigiana; tri belli cucciddati l’hava accattatu ju a sira prima! Ammeri e quattru erumu pronti, e cincu menu un quartu erumu pi strada, e sei erumu supra a spiaggia di Fondachello. Chiantai tri ombrelloni, ci stinnii ‘na para di linzola a cummighiari tutti cosi, abbuddai ‘n bellu mulini di ciavuru ammoddu, ca appoi fra l’ auttru arrisuttavu bellu duci e farinusu, e cu si visti si visti.

CAVALIERE - bello. Soprattutto originale, ‘nde nostri parti non e’ ca sunu tanti i cristiani ca c’hannu ‘stiiniziativi!

JANO - auh passamu ‘na jurnata meravigliosa.

CAVALIERE - ca certu chi fa non ci cridu? Ma quali Brasili e Australia. Fondachello!

(Al pubblico) chistu e’ riccu spunnatu, ora ci provu! Ci addumannu a iddu i soldi, tantu chi c’haiu diperdiri? A limiti su mi dici di no ci perdu a facci, ma d’auttru cantu, a facci meghiu pessa ca spaccata! E senti Janu, vistu ca non hai problemi economici.

JANO - veramenti qualche problema l’haiu.

CAVALIERE - in che sensu?


38


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

JANO - non sacciu comu l’haia a spenniri i soldi!

CAVALIERE - a certu chistu e’ un problemuni. Ma senti ti e’ maicapitato di aiutare qualche amico in difficolta’?

JANO - chi voi diri su c’haiu pristatu dinaru?

CAVALIERE - e…si.

JANO - haiu pristati soldi a tempesta, a tinchite’.

CAVALIERE - ah, e senti pi turnaratilli?

JANO - ca quannu l’hannu e su volunu mi tornunu, chi problema c’e’? Chi ci fazzu primura ‘nda l’amicizia?

CAVALIERE - ca certu ‘nda l’amicizia o… ‘nda parentela…

JANO - ‘nda parentela appoi ne voghiu turnati pi principiu; oggi ti servunu a tia dumani putissunu sivviri amia.

CAVALIERE - ca ovviu oggi a tia dumani a mia.(Al pubblico)mattri non staiu cridennu a chiddu ca staiusintennu; chistu non e’ ‘n chistianu e’ un santo, a nzi pi essiri chiu’ precisi e’ un pollo, ora m’abbi u. Salvuccio.

JANO - comu?

CAVALIERE - no dico Salvuccio, il mio amatissimo nipote Salvuccio, pari ieri che lo cullavo fra le miebraccia giocandoci e oggi si marita. Ma u tempu passa pi tutti, chi ci putemu fari?

JANO - e gia’, chistu e’ veru.

CAVALIERE - a famighia s’allagga.

JANO - si certu jenniri, dumani niputi, cumpari.

CAVALIERE - certu, dumani niputi, jenniri, cumpari…cugnati de cumpari. Dunque fra pocu (lo dice a voce bassa e quasi borbottando) addivintamu parenti.

JANO – comu? N’o capi’!

CAVALIERE - no dico, fra pocu a famighia s’allagga e addivintamu parenti, con mio grande piacere.

JANO - a si ovviu, parenti.

CAVALIERE - e… e fra parenti ci si aiuta.

JANO - sempri.

CAVALIERE - e sulu pi affettu e cori, senza pritisi, quannu unu appoi po ricambiari ricambia.

JANO - supra a chistu non ci chiovi.


39


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

CAVALIERE – c’a… c’a so calma.

JANO – c’a so calma, quannu puo’ e su voli.

CAVALIERE - e su…e su voli.(Al pubblico) senti ju ora m’abbiu. Jano, Januzzu, parenti mio, ti devoconfidare una cosa, una cosa mia intima, insomma un mio segreto.

JANO - e ‘nda famighia chi ci sunu segreti? Parra Carmelo, tranquillu, parra.

CAVALIERE - e certo, gia’ ‘nda stissa famighia. Jano devi saper e che io…

GINO - (entrando)eccomi qua, scusate su vi fici aspittari, ma u sapiti, certi cosi hannu i so tempi.

CAVALIERE - giustu giustu ora hava turnari chistu, ora ca hava purtatu u discussu unni vulevu ju e stavu peraffondare il colpo.

JANO - Gino, pighiti tannicchiedda di caffe’.

GINO - no, no grazie, ca mi staiu sintennu tannicchiedda scumbussulatu (si massaggia lo stomaco)pottimagiari troppu assai.

CAVALIERE - (fra se)fozza ca ti sbuddi u stomacu e ti levi d’ammenzu e pedi nauttri deci minuti!

GINO - inveci pirchi’ non ni mintemu ‘n pocu ‘ndo baccuni,  accussi’ pighiu ‘n pocu di aria ca fossi mi fa ben i?

JANO - si bona idea, amuninni(escono tutti).

CAVALIERE - si meghiu e’, accussi’ forsi l’aria frisca u stimul a nauttra vota.

Scena III

(Salvuccio, Cettina, Sharon e Jonathan,  poi nonna)

SALVUCCIO - vieni Ketti, sediamoci cinquie minuti qui da soli.

CETTINA - si va bene.

SALVUCCIO – hai visto quanto e’ antipatica e scunchiuduta u vidisti chi sunu antipatici e scunchiuduti miacugina? Non la sopporto, sempre con la ouzza sotto il naso, prontissima ad insultare criticare, ha una parola cattiva per tutti.

CETTINA - in effetti, e’ un tipino un poco particolare.

SALVUCCIO - no Ketti, puoi dirlo tranquillamente, e’ una scimunita!

CETTINA – a me pero’ sembra che tu in fondo ti ci diverta.

SALVUCCIO - e cosa dovrei fare? Rispondo con la stessa moneta. Ma hai visto che faccia ha fatto quando hasaputo che tu sei la mia fidanzata?

CETTINA - si vero; credo ci si rimasta pure male. Peccato che questo sia tutto una specie di e che appena se neandranno finira’.


40


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

SALVUCCIO - ma…peccaro perche’ ti stai divertendo, oppure…oppur          e perche’…perche’ ti fa piacere fare

finta di essire la mia fidanzata?

CETTINA - (imbarazzata)  per…per la seconda che hai detto.

SALVUCCIO - (si avvicina e le prende le mani)Ketti, ma lo sai che questa storia sta intrigando mooto ancheme? E se invece di uno scherzo la facessimo diventare realta’!

CETTINA - ma cosa dici? Ma sei proprio sicuro?

SALVUCCIO –  com’ e’ vero che mi chiamo Salvuccio Quagliarella. Tu piuttosto, cosa  ne pensi?

CETTINA - penso…penso…penso che sarei la ragazza piu’ felice     del mondo.

SALVUCCIO - fantastico, allora da questo momento Kettuccia mia, da questo momento sei la mia zita(le daun bacio sulla guancia).

SHARON – (entrando)bih taliali chi sunu finicchi i dui piccioncini, ah, ah, ah, ah, si stannu vasannu, ah ahah...si stannu vasannu ah ah ha ah. Ma in effetti dopu ca si stannu vasannu chi c’e’ d’arririri? Va be ni, ju pi non sbaghiari arriru u stissu!

SALVUCCIO –certo che io tutte queste gran risatone non le capisco proprio, apparte il fatto che, cara cuginetta, stai sembrando una caccarazza ubriaca. Cosa c’e’ non hai mai vusto due innamorati baciarsi? Tu cara cuginetta, non lo baci il tuo fidanzato?

SHARON - mi vasu…c’o...me zitu?

SALVUCCIO - o gia’ vero. Scusa ma dimenticavo che la figlia del cavaliere Littrico non ci pensa nemmeno afidanzarsi col primo che capita; il fatto e’ che nemmeno questo primo ti capita sotto mano.

SHARON – mancu ‘stu primu…ah ah ah, sutta…sutta manu ah ah ah. (Riflettendo) Chi ci arriru, chista era pi affinnirimi! Comunque ju mi ni vaiu ca gia’ mi staiu siddiannu (esce).

SALVUCCIO - si ecco brava, vattene che mi stai annoiando.

CETTINA - dai  Salvuccio non credi si essere stato un poco duro con tua cuguna?

SALVUCCIO – duro? Si merita co nervu di cuoiu vagnatu si merita. Tu non la conoscibene mia cara; anzi oggi si sta trattenendo, forse perche’ ci sei tu, ma di solito non puoi immaginare quante me ne dice e quante me ne fa di angherie. Duru! Rispetto a quello che si merita, sugnu ricotta frisca. Ma comunque Kettuccia non roviniamo questo bel giorno.

CETTINA – si, questo e’ il giorno piu’ bello della mia vita, sono felicissima.

SALVUCCIO - anche io sono felicissimo(le da un bacio sulla guancia).

NONNA - carusi, certu ca ‘sta invenzioni do zitaggio a pighiasturu seriamenti appiddaveru!

CETTINA - nonna veramente…

NONNA - non mi diri nenti! Vi facisturu ziti appiddaveru? U Signuri vi binidici a nonnuzza.(esce).


41


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

CETTINA - Salvuccio andiamo a cercare tua cugina e a farci la pace. Dai, fallo per me.

SALVUCCIO - ah Kettuccia, tu hai il cuore troppo grande amore mio(escono).

Scena IV

(Gino, Cavaliere poi Jano )

CAVALIERE - allora Ginuzzu beddu, hai avuto modo di pinsaricci a dda cosa ca ti dissi a stamatina ?

GINO - a chi cosa, e soldi ca m’addumannasti pirchi’ si in gravi difficolta’ economica e senza u me aiutu nonsai unni sbattiriti a testa?

CAVALIERE - c’e’ bisognu di puntualizzari tutti ‘sti particolar i?

GINO - si! Comunque ancora ci staiu pinsannu, ni parramu dopu.

CAVALIERE - ma quannu dopu ?

GINO - auh e chi ti vinni a primura tutta ‘nda na vota? Talia ca che me soldi mi devi diri tu chi n’haiu a fari eqannnu l’haiu a fari!

CAVALIERE - no non e’ chistu e’ ca…

GINO - basta! Ne riparleremo la momento opportuno.(Al pubblico)chista bella e’: ne riparleremo la momentoopportuno. E di unni mi niscivu ?

CAVALIERE - mattri mi staiu vidennu pessu.(Vede Jano entrare)videmu su ci po’ nesciri qualche cosaalmenu cu chistu. (Con tono della voce alto) Jano.

JANO - (allarmato)chi e’, chi fu ? Senti Carmelo, su tu voi iri d’a ccordu cu mia m’a fari ‘na cortesia, non m’achiamari vanniannu, pirchi’ogni vota mi fai sautari ‘nda l’aria, mi fa veniri l’attarizzi.

CAVALIERE - si hai ragione, scusami.

JANO – si, haiu ragiunu e ma mangiu squarata.

CAVALIERE - (avvicinandosi a Jano e parlandogli in maniera riservata)Jano nuvavuttri ama a timminari udiscursu di prima, tu rivoddi no, a famighia ca s’aiuta, i parenti ca si sustenunu.

GINO - (che ha sentito e capito tutto)talia a ‘stu ‘nfamuni ca sta jucannu cu du mazzi d i carti; mi cerca i soldia mia e ‘ndo frattempu s’arruffiania o commendatori ; iddu cridi ca e’ commendatori! Ma chi t’arruffiani babbu, chiddu e’ chiu’ poviru e pazzu di tia.

JANO - si certu ama a completari u discursu.(Al pubblico)ma chi voli timminari cistu? Alli voti voli pristatisoldi di mia, ju i cursi ci fazzu fari.

GINO - (al pubblico)chiddu e’ poviru e pazzu, o almenu e’ chiddu ca mi dissi. E su inveci non e’ tantu povirue di secunnu misteri fa u strozzinu ? E su ci presta appiddaveru i soldi a ddu cosu lariu di me cugnatu ? E ju chi pozzu rischiari di peddiri st’occasioni di umiliari ddu cosu fitusu di Carmelo! Non sia mai ! (Al cognato) Carmelo ci ho riflettuto.


42


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

CAVALIERE - ci hai riflettuto ? Scusa Januzzu a finemu chiu’ tardu dda discussioni. Dimmi allora Ginettinomio, chi dicidisti cognatello, cognatino, cognatuzzo bello mio ?

GINO - che non ci sono probblemi.

CAVALIERE - a no ?

GINO – no. Insomma a chiacchira e’ bella e u putiaru voli i picciuli, va beni ‘nda ‘stu casu i picciuli i voi tu,comunque ju problemi non n’haiu e ti possu pristari quannu i voi e quanti ni voi.

CAVALIERE - grazie Gino, grazie(lo abbraccia, scene di affetto e gratitudine).

GINO - va beni, ma bonu d’accussi’ ca mi stai vaviannu tut tu paru.

CAVALIERE – grazie, te ne saro’ riconoscente a vita.

GINO - e ci mancassi auttru.

CAVALIERE - va bene, allora adesso togliamo il disturbo e torno domani.

GINO - comu prifirisci.

CAVALIERE - (gridando)Sharoni veni prestu.

SHARON - chi c’e’ papa’ ?

Nel frattempo arrivano tutti

CAVALIERE - Sharoni noi togliamo il disturbo, amuninni ca gia’ abbiamo abusato troppo della ospitalita’ dezii, e appoi iddi hannu i consuoceri intra e non mi pari u casu di trattenerci oltre. Saluta forza.

SHARON - ca comu voi. Fai tutti i cosi tu, manicu e quartara.

CAVALIERE - avanti Gino nuvavuttri ni videmu dumani. Jano, signore, e’ stato un vero piacere conoscervi,spero che ci rincontreremo presto. Ah Jano, ancora complimenti p’e cannola, mi sentu ancora u sapuri da cioccolata ‘nda vucca.

Esce di scena la famiglia del Cavaliere.

Scena V

(Tutti )

GINO - e macari chista e’ fatta.

JANO - ma senti pi casu to cugnatu chi vuleva pristati soldi ?

GINO - e si, u vidisti chi era gentili e duci, e secunnu tia unu ca non m’a cunsidiratu mai, pirchi’ s’incala va acumpurtarisi d’accussi su non pi bisognu.

MELA - ma allura ci presti ?


43


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

GINO - ca certu ca ci prestu, veni dumani a pighiarasilli.

JANO - (ai ragazzi che sono vicini mano nella mano)avanti carusi ora a manu va putiti lassari, c’a putiti finiridi fari a finta di essiri zitti.

CETTINA - papa’ veramente…

JANO - veramenti chi?

SALVUCCIO –  veramente signor Jano, ci siano fidanzati veramente.

NONNO - bravi carusi, bravi. Avete visto, finalmeti me niputi ca era un passuluni misu additta, spassulunavu!

NONNA - sugnu cuntenta a nonna, chistu e’ tempu vostru. Ah, biata gioventu’!

JANO - mamma ma chi vai dicennu!

FINA - avaia finiscila, su i carusi si piaciunu e si volunu beni.

CETTINA - papa’.

JANO - papa’ chi! Tantu quannu a passatu mai a me parola,(con tono condiscendente)ma comunque su vivuliti beni.

GINO - bih vadda chi cosi, doveva essiri ‘na messa in scena e inveci ci niscivu ‘n zitaggi in piena regola.

MELA - e allura facemu un bellu applausi p’e carusi.

Tutti applaudono

NONNO - evviva gli sposi, evviva.

GINO - (ironico)si papa’ e fighi maculi. Non curremu ora!

Scena VI

(Tutti e Geometra Caponnetto )

Suonano alla porta.

SALVUCCIO - (quando il geometra e’ entrato)buongiorno, prego.

GEOMETRA - buongiorno sono il geometra Caponnetto del comune di Catania, sono venuto per risolvere ilproblema della doppia assegnazione della casa.

FINA - u geometra, finalmente!

MELA - videmu su putemu risolviri st’equivocu.

JANO - prego s’accomodi geometra, s’assittassi comudu.

44


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

GEOMETRA - grazie.

JANO - geometra, se lo ammucca ‘n cannolu?

GEOMETRA - no la ringrazio, ma non mi va.

GINO - ma sunu belli frischi, non facissi complimenti.

GEOMETRA - no la ringrazio non ne faccio complimenti, ma ho ancora i mulinciami fritti ca mangiai amenzu jornu supra a vuccalamma.

GINO - va beni, comu c’addisidera u cori.

GEOMETRA - (prende dei fogli dalla borsa)allora, questo in cui ci troviamo e’ l’appartamento B ed e’ statoassegnato alla famighia Tortorella.

JANO - ecco u stati vidennu ca ju c’avevu ragioni! Chista e’ casa nostra.

MELA – m’a scusari geometra, ma ‘na littra ca n’arrivavu c ’e’ scritto appartamento B, taliassi(gli porge lalettera che ha in tasca).

GEOMETRA - no signora c’e’ stato un refuso.

JANO - l’hanno trasfuso? E chi era anemicu?

NONNO - Carni di cavaddu, pi l’anemica ci voli ‘na bella f ettina di carni di cavaddu.

GEOMETRA – ma quali anemico? Un refuso c’e’ stato errore nel la battitura.

GINO - di jettatura? E cu nu juttavu u malocchiu?(Fa gesti di scongiuro)chista potti essiri dda cosa fitusa davecchia pattruna di casa.

GEOMETRA - no jettatura ma battitura, battitura della lettera al computer.

GINO - a m’ava parsu! Comunque po si e po no appena nesciu ‘n bellu connu russu ju mu accattu.

MELA - in che senso errore di battitura?

GEOMETRA - nel senso che nel foglio che vi hanno mandato c’e’ scritto appartamento B, ma nella praticaufficiale l’appartamento che vi hanno assegnato e’ quello D, ovvero quello di rimpetto. Quindi, ecco le chiavi del vostro leggittimo appartamento.

GINO - leggittimo?

GEOMETRA - legittimo.

MELA - non e’ ca appoi arriva qualche dunu e cerca di livarannillu.

GEOMETRA - no signora, e’ vostro. Qua ci sono le chiavi e potete entrarne in possesso quando volete, anchein questo stesso momento.


45


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

FINA - sugnu contenta, finalmente st’equivoco s’arrisulviu . E appoi abbitamu di facci accussi i carusi si ponnuvidiri sempri e nuvavuttru putemu coltivari st’amicizia ca nascivu.

NONNO – e macari nuvavuttri putemu cultivari la nostra amicizia veru, Tinozza bedda e duci?

NONNA –  veru Turiddu, veru!

GEOMETRA - benissimo, allora adesso che tutto e’ chiaro io tolgo il disturbo. Arrivederci e tanti auguri per levostre nuove case ( va per uscire).

JANO - geometra e’ sicuru ca non su abbia un babba’?

GEOMETRA - no, appiddaveru grazie ancora.

JANO - comu voli lei.

GINO - avanti, arrivederci geometra e tanti belli cosi(lo accompagna alla porta).

Scena VII

(Tutti, abusivo)

NONNO - finalmente tutto e’ a posto.

MELA - pi furtuna. Avanti allura ora ca sapemu quali e’ a nostra casa, pighiamu i valiggi e o arrizzittamuni.

GINO - si Miluzza hai ragiuni, o arrizzittamuni ca sono stati du jorna frenetici.

JANO - su vi vuliti tratteniri nauttru pocu problemi non ci ni sunu, ora ca ognunu sapi zoccu c’appatteni e tuttoe’ chiarito, putiti veniti quannu vuliti, a casa e’ sempri aperta.

MELA - grazie, grazie tanto; ma per ora prifiremu trasiri a casa nostra e abbissarni tannicchiedda.

FINA - e si ti capisciu, anzi su hai bisognu di ‘na manu non ti fari problemi ah, fammillu sapiri.

MELA - certu, grazie.

Rumori alla porta, Jano va ad apire.

JANO - e vuavuttri cu siti, chi vuliti?

ABUSIVO - e chi e’ gia’ a occupasturu ‘sta casa? Ouh non dunu nu mancu u tempu, i occupunu abusivi comusu nenti fussi, c’e’ ‘na concorrenza spietata.

JANO - ma quali abbusivu, ‘sta casa e’ mia d’assegnazione.

ABUSIVO - su e’ d’accussi’ mi deve a scusare. U sapi chi fazz u? Quasi quasi provu cu chidda dda ‘n facci.

GINO - (gridando)fermu non pruvari nenti ca chidda e’ a nostra casa!

ABUSIVO - bih e chi e’ jurnata sfurtunata oggi?

GINO - mi dispiaci, ma cca’ semu al completu, pruvati chiu’ avanti.


46


“Tutti sutta a ‘n tettu” – 3 Atti di Santo Capizzi

ABUSIVO - no e chi c’entra, quali ci dispiaci, su chisti sunu i vostri!

JANO - grazie ah!

ABUSIVO - eppuri e veru una, dicu una sula c’a essiri ancora libera, e appena a trovuzappite, mi ci infilu intra cu me mugheri i me tri fighi e me nanna, e cui mi po scugnari chiu’!

JANO - allura arrivederci e bona fortuna.

ABUSIVO - arrivedecci(esce). (Da fuori si sente)nenti Milia cca’ tutti occupati sunu, pruvamu a sfunnariqualche porta dill’auttra palazzina.

FINA - senti meghiu ca ni spicciamu a jiranninni prima ca attruvamu qualche bella sorpresa.

GINO – avanti, ni jemu vidennu(va per uscire poi si ferma)a Jano…grazie, grazie di tuttu.

JANO - non ci su problemi(pausa e guarda i ragazzi)oramai semu in famiglia.

SIPARIO


47

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno