Tutto ‘o cuntrario

Stampa questo copione

Tutto ‘o cuntrario

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

28/05/2005

Personaggi:   10

Gino Secondo                                            

Luciana Secondo

Primo Secondo

Franco Bosco

Lia Sciacquone

l’onorevole Colomba Pasquale

Aldo Aquila

Patty Chiari

Nella Frutta

l’arabo Aziz

Un orologio a cucù ed un profumo con una strana essenza. Cos’hanno in comune questi due elementi? Ecco spiegato: chi sente i rintocchi del primo e chi avverte la fragranza del secondo, non può evitare di fare le cose al contrario, a causa di uno strano effetto di ipnosi che scaturisce dai due elementi di cui sopra. E così capita che Gino Secondo, sua moglie Luciana, il loro figlio Primo, gli amici Franco e Lia, ma anche l’onorevole Colomba, e ancora Aldo Aquila, Patty Chiari e Nella Frutta siano effettuino le normali cose della vita in modo insolito, al contrario (come vestirsi indossando prima il cappotto, poi i pantaloni, poi le mutante, quindi la scarpe e i calzini di sopra). Il responsabile di tutto ciò è l’arabo Aziz che vende al mercato delle pulci. L’uomo sostiene che agire sulle menti deboli umane non è poi così difficile, perché esse sono facilmente influenzabili.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Napoli, salone di casa Secondo. Vi si accede da una comune centrale. A destra una porta conduce in camera da letto e bagno. A sinistra c’è la cucina e la stanzetta. A centro stazna c’è il tavolo con quattro sedie. Sul lato destro della stanza c’è un divanetto. Su quello sinistro c’è la credenza. Alle pareti c’è qualche quadro.

ATTO PRIMO

1. [Gino Secondo e Franco Bosco. Poi Primo]

               Da sinistra entrano Gino (con alcune bollette in mano) e Franco (è raffreddato).

Gino:     (Contrariato) Ma inzomma, Franchetié, io m’aggio scucciato proprio. Guarde ccà:

               bullette, bullette, sultanto bullette ‘a pava’. E ppo’ ‘o mutuo d’’a casa, ‘a rata d’’a

               machina, ‘a multa p’’o divieto ‘e sosta...! Ma che m’hanne pigliato p’Alì Babà?

Franco: (Starnutisce) Etciù! (Tira fuori il fazzoletto e sì asciuga il naso)

Gino:     Eh, io sto’ parlanno ‘e cose importante e chisto penza a se sciuscià ‘o naso!

Franco: E tu che vvuo’ ‘a me, Gino? Io tengo ‘o raffreddore.

Gino:     Ma io aggia truva’ ‘na soluzione.

Franco: Una soluzione? E che ci vuole? Mò t’’a dico io. (Starnutisce) Etciù!

Gino:     Aggia fa’ ‘nu starnuto?

Franco: No, aspié, famme parlà. Caro mio, in questo mondo va avanti solo chi è disonesto.

Gino:     E io avessa essere disonesto? Ma nemmanco pe’ suonno. Io sono un semplice

               bidello di scuola, e questo mi basta.   

Franco: (Starnutisce) Etciù!

Gino:     Ma t’’o vuo’ curà ‘stu raffreddore?

Franco: Caro mio, io apprezzo di più tua moglie. Quella ogni tanto vende di contrabbando.

Gino:     Embé, e ‘stu fatto te piace? A me no. 

Franco: E allora... Etciù!

Gino:     E so’ quatte! M’’o staje ‘mmiscanno pure a me, ‘stu raffreddore.

Franco: Lascia perdere il raffreddore. Pensa al fatto che ti ho detto io: diventa meno onesto.

Gino:     No, no e no. Anze, saje che te dico?... Etciù!

Franco: Appunto, è chello che ddiche pur’io!

               Gli stringe la mano e se ne va.

Gino:     Ma guardate ‘nu poco a chisto! M’ha ‘mmiscato ‘o raffreddore pure a me!

               Tira fuori un fazzoletto, si soffia il naso. Dalla comune entra Primo con un pacco.

Primo:   Eccomi qua. (Nota suo padre) Uhé, papà.

Gino:     Uhé, Primo. ‘A do’ staje venenno?

Primo:   Dal mercato delle pulci. Ho comprato questo. (Mostra il pacco)

Gino:     E che ce stanne, lloco ddinto? ‘E ppulce?

Primo:   No, ma papà...

Gino:     E comme, tu te vaje a accattà ‘nu pacco chino ‘e pulce? Tu ‘o ssaje, io nun voglio

               animale pe’ dint’’a casa!

Primo:   Ma che staje dicenno? Qua dentro c’è una cosa bellissìma: un orologio a cucù.

Gino:     E famme vedé ‘stu rilorgio.

Primo:   (Apre il pacco) Eccolo qua.

Gino:     Ah, ma chisto nun è ‘nu rilorgio a cucù. Chisto è ‘nu rilorgio a pendolo.

Primo:   Mannaggia ‘a miseria, m’hanne fatto fesso!

Gino:     Cretino. Ma comme, io t’aggio chiammato Primo, pecché tu ‘iva essere ‘o primmo

               in ogni cosa, e tu invece si’ sulo ‘o primmo in “battilocchieria”!

Primo:   Vabbuò, ja’, papà, nun fa’ ‘o passaguaje. Mò ‘o vaco a cagnà ‘nu mumento.

Gino:     No, lasse sta’. Nun fa niente, è bello ‘o stesso. Va’, appiénnele ‘nfaccia ‘o muro.

Primo:   E pe’ forza. Addò s’appenne ‘nu rilorgio? (Va ad appenderlo) Me l’ha venduto un

               arabo di nome Aziz. Pare che questo orologio ha un suono che ipnotizza: quando

               batte l’ora, fa diventare le situazioni al contrario di come sono naturalmente.

Gino:     ‘E che scimmità.

Primo:   Ecco fatto. Ti piace?

Gino      Mah, secondo me ‘stu rilorgio è tutto scassato. Comunque... etciù! He’ visto?

               Franco m’ha attaccato ‘o raffreddore. Mannaggia ‘a miseria!

               Esce via a sinistra contrariato, soffiandosi il naso.

Primo:   Mamma mia, e comme sta nervuso, chisto! Tutto chesto pe’ ‘nu poco ‘e

               raffreddor... etciù! Ma che miseria! Me l’ha ammiscato pure a me!

               E esce pure lui via a sinistra.

2. [Luciana e Patty Chiari. Poi Primo e Nella Frutta]

                 Da destra ecco Luciana e Patty (rappresentante di tutto un po’ con valigetta).

Patty:      Allora, Luciana, hai scelto i profumi che ti devi comprare? Io ti avverto, quelli

                 finiscono e io non ne ho più.

Luciana: Siente, Patty, ‘a verità proprio, aggio ‘ntiso cocche fragranza, però nun m’è

                 piaciuto niente. Il fatto è che non preferisco molto i profumi orientali.

Patty:      E va bene, allora ti regalo il mio asso nella manica.

Luciana: E cioè?

Patty:      Adesso vedrai. (Dalla valigetta estrae una bottiglina di profumo) Eccolo.

Luciana: E che d’è ‘stu coso? ‘N’atu prufumo?

Patty:      Non è il solito profumo. Stamattina sono stata al mercato delle pulci vicino alla

                 villa comunale. Là c’era un arabo, un tale Aziz, che me l’ha venduto per 2 Euro.

Luciana: Niente di meno? Accussì poco?

Patty:      Sì. Questo profumo ha uno strano potere: se te lo metti addosso, non ti bagna.

Luciana: Embé? E che ce sta ‘e speciale?

Patty:      Aziz ha detto che chi lo mette, riceve uno strano influsso, e da quel momento sarà

                 amato da tutti, oppure scatenerà l’amore nella persona che sta accanto.

Luciana: (Interessata) Ah, sì? E allora dammìllo. (Lo prende) Quanto t’aggia da’?

Patty:      Ma che me vuo’ da’? Damme vint’Euro, va’!

Luciana: Vint’Euro? E brava: te faje diciotto Euro ‘a coppa!

Patty:      Vabbuò, t’’o regalo. Provalo e fammi sapere. E salùteme ‘a zia Maria.

Luciana: E tu salùteme ‘a zia Giovanna.

Patty:      Allora cià, Lucià.

Luciana: Cià, Patty.

                Patty esce via. Luciana si guarda maliziosa la bottiglina di profumo.

                Patty ha ditto che ‘stu prufumo fa ‘nnammurà ‘e ggente. E allora me l’aggia

                mettere quanno ce sta Gino!

                Da sinistra entra Primo starnutendo.

Primo:    Etciù!

Luciana: Uhé, Primo, a mammà, tiene ‘o raffreddore?

Primo:    Sì, me l’ha ammiscato papà. (Nota la bottiglina di profumo in mano a Luciana) 

                Ma chella è ‘na butteglia ‘e profumo?

Luciana: Sì, me l’ha data zia Patty. L’ha comprata al mercato delle pulci da un certo Aziz.

Primo:    Overamente?

Luciana: Esattamente. Pare che ‘stu profumo… e… e… etciù!

Primo:    Salute.

Luciana: Disgraziato, m’he’ ammiscato ‘o raffreddore pure a me. Famm’ì a piglià

                ‘n’aspirina, o si no ‘stu raffreddore me dura pe’ ‘nu mese. Cose ‘e pazze!

                Esce via a sinistra.

Primo:    Speramme che funziona chillu rilorgio. Secondo me chill’arabo è ‘nu truffatore.  

                Vi si avvicina e lo scuote un po’. Dalla comune entra Nella Frutta.

Nella:      Chi sa se Primo ha parlato di noi ai suoi genitori. (Lo nota)

Primo:    (Concentrato sull’orologio) Ma staje funzionanno, sì o no?! Chino ‘e corne!

Nella:      Ah, tu invece ‘e parlà cu’ pateto e mammeta, te miette a pazzià cu’ ‘e rilorgie?

Primo:    (Si volta) Uhé, ammore mio. (Le si avvicina) Comme staje?

Nella:      No, nun t’avvicinà e nun me vasà. E’ inutile che perdimme ‘o tiempo.

Primo:    Uhé, embé? E chisto è ‘o modo ‘e m’accogliere?

Nella:      Voglio sapé sì he’ parlato cu’ tua madre e tuo padre.

Primo:    ‘E che cosa?

Nella:      Di noi.

Primo:    Sì, gli ho parlato. Hanno detto che sono contenti se noi ci sposìamo.

Nella:      Oh, finalmente.

                All’improvviso l’orologio a pendolo batte l’ora (tre rintocchi).  

Primo:    E che d’è, bell’e buono s’è mmiso a sunà chillu coso? Ma nun è ora.

Nella:      E se vede ch’è scassato. (Confusa)Però mi sento una cosa strana. Sì, in questo

                momento sento che... (Eccitata) Ti amo. Voglio fare l’amore con te.

Primo:    Che cosa?

Nella:      Sì, ti prego, spogliamoci e facciamo l’amore stesso qui.

Primo:    (Imbarazzato) E no, nun se po’. Si se trova a passà coccheduno?

Nella:      E che me ne ‘mporta a me? Baciami!

                Lo afferra per un braccio e lui cerca di districarsi.

Primo:    Etciù! No, Nella, statte qujeta.

Nella:      E invece no.

                All’improvviso l’orologio a pendolo batte l’ora (tre rintocchi). I due si fermano.

                ‘N’ata vota ‘stu rilorgio? Ma ce stesse spianno?

Primo:    Nun dicere scimmità. Chiuttosto, ammore mio, comm’éreme rimaste? Ah, già: e

                allora vulimme fa’ ammore? Ja’, viene ccà.

Nella:      No, ma qual’ammore? E si se trova a passà coccheduno?

Primo:    E che me ne ‘mporta, a me? Vieni qua, spogliamoci!

Nella:      No, Primo, stai calmo. Etciù! He’ visto, m’he’ mmiscato pure ‘o raffredore.

Primo:    E mò t’’o faccio passà io!

Nella:      Nooo!

                Nella scappa via a destra inseguita da Primo.

3. [Gino e Luciana. Poi Aldo e Franco. Infine l’onorevole Colomba Pasquale]

                Dalla sinistra entrano Gino e Luciana che sì stanno soffiando il naso.

Luciana: Ma comm’è antipatico ‘stu raffreddore!

Gino:       E a chi ‘o ddice? A me me l’ha ammiscato Franco.

Luciana: A me Primo. E a isso ce l’he’ ammiscato tu.

Gino:       A proposìto, Primo ha purtato ‘nu rilorgio a pendolo. Sta lloco. Te piace?

Luciana: Sì, già l’aggio visto. Aggia dicere ‘a verità? Nun me piace proprio.

Gino:       (Avvicinandosi all’orologio) E pecché? Chillo è accussì bellillo! (Lo ammira)

Luciana: (Mò me metto ‘nu poco ‘e prufumo ‘e ce ‘o faccio sentì a Gino. Speramme che fa

                 effetto overamente!). (Apre la bottiglina, mette profumo sul collo) (Ma sì, mò

                 m’’o mmetto pe’ tutto parte. Pure ‘ncoppa ‘e mmane.). (Lo cosparge dappertutto)

Gino:       (Guarda l’orologio) ‘Stu rilorgio è bello, però è ‘nu poco viecchio.  

Luciana: (Posa sul tavolo la bottiglina di profumo) Ehm... Gino, viene ‘nu mumento ccà.

Gino:       (Le sì avvicina) Che vaje truvanno, Luciana?

Luciana: Etciù!

Gino:       E chesto m’’iva fa’ sentì? ‘O starnuto? E ‘o ssaccio che tiene ‘o raffreddore!

Luciana: No, se tratta ‘e ‘nu prufumo che m’ha regalato Patty. ‘O siente?

Gino:       (Prova a sentirlo) No.

Luciana: E allora famme ‘nu sicondo ‘o baciamano.

Gino:       E vabbuò. ‘E che pacienza che ce vo’ cu’ te. (Esegue) Ecco qua. E allora?

Luciana: Nun siente niente?

Gino:       No.

Luciana: E se capisce, tu tiene ‘o raffreddore. Il fatto è che tu dovevi sentire una cosa che ti

                 doveva far eccitare un poco!

Gino:       A me?

Luciana: Sì. T’ha da venì ‘o genio ‘e fa’ ‘na cosa che tu nun tiene cchiù genio ‘e fa’.

Gino:       E ‘e che se tratta? (Realizza) Ah, aggio capito: ‘e spaghette ‘a carbonara!

Luciana: Ma quali spaghette ‘a carbonara? Io dicevo ‘n’ata cosa. (Sexy) He’ capito mò?

Gino:       Ah, mò aggio capito. No, ma chi ce ‘o ffa fa’? Nuje ce stamme facenno viecchie!

Luciana: Parle pe’ te! Ja’, viene ccà.

Gino:       Lucià, ma famme sta’ ‘npace.

                 All’improvviso l’orologio batte di nuovo l’ora (tre rintocchi).

Luciana: Ma che d’è, che sona a ffa’ chillu rilorgio? Ma è diventato scemo?

Gino:       Boh! Però t’aggia dicere ‘a verità? Me sta venenno ‘nu stranu penziero p’’a capa.

Luciana: Ah, sì? E quale?

Gino:       Vulesse fa’ ‘na cosa che nun tengo cchiù genio ‘e fa’. He’ capito che cosa?

Luciana: ‘E spaghette ‘a carbonara?

Gino:       Ma quali spaghette ‘a carbonara? (Sexy) He’ capito mò?

Luciana: Uh, Marò! Ma che staje dicenno, Gino? Nuje ce stamme facenno viecchie!

Gino:       Parle pe’ te! Vuo’ vedé che mò turnamme ‘n’ata vota guagliuncielle?

Luciana: No, p’ammore ‘e Dio!

Gino:       Ja’, viene ccà. 

                 Gino la insegue a sinistra. Entrano Aldo (ha accento torrese) e Franco.

Aldo:       (E’ arrabbiato) Néh, ma comm’’o juoche ‘o Tresaitte*?       *(NB: Il gioco a carte “Tresette”)

Franco:   Etciù...!

Aldo:       E me vuo’ sta’ a sentaì, o no? Aggio ditto: ma comm’’o juoche ‘o Tresaitte?

Franco:   ‘O Tresaitte? Ah, vuo’ dicere ‘o Tresette! Ma chi te capisce a te? Tu parle turrese!

Aldo:       E se capàisce! Io songo ‘e Torre ‘o Griòico*!                                  *(In napoletano: Torre ‘o Grieco)

Franco:     Ma perché, tu dici che io non so giocare a Tresette?

Aldo:         E no. Nel gioco del Tresette, i segni col viso sono importanti. Tu, invece, m’he’

                   fatto ‘nu saigno accussì strano che nun aggio capàito niente: ‘nu starnòuto. 

Franco:     Ma chillo nun ce azzeccava niente cu’ ‘o Tresette. Io tengo ‘o raffreddore.  

Aldo:         Etcioù! E a quanto pare, me l’he’ mmiscato pure a me. Vabbuò, aspettiamo a

                  Gino due minuti. Chillo Giaino starrà magnàinno! (Si siede al tavolo e nota la

                  bottiglina di profumo) Franco, guarde ‘sta buttaéglia ‘e prufoùmo.

Franco:     Puose ‘sta cosa, nun è ‘a toja.

Aldo:         E che sto’ facenno ‘e male? Mò me ne metto ‘nu poco. (Così fa) Ecco fatto.

Franco:     E mò si’ cuntento?

Aldo:         Sì. (Odora nell’aria) Ma ccà nun se sente niente.

Franco:     E se capisce, tu tiene ‘o raffreddore.

Aldo:         Ah, già. E tu nun siente niente?

Franco:     No, niente. (Passeggiando in stanza…) Aldo, guarde ‘stu rilorgio a pendolo.

Aldo:         (Si alza in piedi e vi si avvicina) Bello. Ma secondo te funziona?    

Franco:     E chi ‘o ssape?

                  E l’orologio batte i soliti tre rintocchi.

Aldo:         E comm’è, bell’e buono se mette a sunà?

Franco:     E forse ce ha sentute! A proposito, Aldo, t’aggia dicere ‘na cosa: m’he’ scusà.

Aldo:         E ‘e che cosa?

Franco:     Primma t’aggio trattato malamente.

Aldo:         E nun te prioccupà.

Franco:     No, no, tu m’he’ scusà. Anze, aroppo voglio che tu me spienne vivo a Tresette.

Aldo:         (Sorpreso) Néh, Franco, ma tu te siente buono?

Franco:     Sì, sto’ buono. Anze, quase quase mò te voglio da’ ‘nu vaso.

Aldo:         ‘Nu vaso ‘e ciòure? 

Franco:     No, ‘nu vaso... un bacio! E sì, perché tu mi devi perdonare. (E gli si avvicina)

Aldo:         (Indietreggia imbarazzato) Ehm... Franco, t’accumpagno ‘a ‘nu duttòure?

Franco:     No, e perché? Ja’, Aldo Aquila, viene ccà, fatte acchiappà! Facciamo l’amore.

Aldo:         Nooone!

                  Scappa via a destra inseguito da Franco. Da sinistra torna Gino esterrefatto.

Gino:        Ma che sto’ ffacenno? Sto’ currenno appriesso a muglierema e ce sto’ dicenno ca

                  voglio fa’ ammore cu’ essa? Ma che sso’ asciuto pazzo? Fosse almeno ‘na bella

                  guagliona, ne valesse pure ‘a pena! Ma chi me capisce?!

                  Dalla comune entra l’onorevole Colomba Pasquale, donna di oltre 60 anni.

Colomba: E’ permesso? Si può?

Gino:        Oh, carissìma onorevole Colomba Pasquale, venite, entrate.

Colomba: Grazie. (Gli si avvicina)

Gino:        E allora, che si dice? Tutto bene?

Colomba: No! Tra poco sì avvicinano le elezioni e domani finisce la campagna elettorale.

Gino:        E con ciò?

Colomba: Un maniaco mi perseguita.

Gino:        Un maniaco sessuale?

Colomba: Magari! Sui miei manifesti elettorali in strada, ho fatto scrivere: “Se voti

                  Colomba Pasquale, ti va di cambiare”. E qualcuno, armato di pennello e pittura,

                  ha cambiato la frase: “Se mangi la Colomba Pasquale, ti viene la diarrea”!

Gino:        (Si compiace) ‘O vero? Ua’, è troppo bellella, ‘sta frase!

Colomba: Ma che ffacite, v’arrecriàte? Alle elezioni mi dovete votare pure voi. Capito?

Gino:        Come no? Senza dubbio!

Colomba: Bravo. E vi serve qualcosa per vostro figlio?

Gino:        Non più. Io l’ho fatto assumere nella scuola dove lavoro: io faccio il bidello

                  grande e lui fa il “bidellino”!

Colomba: E la signora non c’è?

Gino:        Se n’è scappata in cucina!

Colomba: Scappata?

Gino:        No, cioè, se n’è andata in cucina. Sta cucinando una cosa calda di verdura!

Colomba: Ah, il passato di verdura?

Gino:        No, una cosa calda di verdura.

Colomba: Eh, il passato.

Gino:        (Spazientito) Uhé, ma qualu passato? Io ancora me l’aggia magnà! Ate capito?

Colomba: E va bene, avete ragione voi. E allora posso salutarla?

Gino:        Ma certo. Andate, io vi raggiungo subito.

Colomba: Ora ci vado. Con permesso.

Gino:        Prego.

                  Colomba esce via a sinistra.

                  Ma chi te vota, a te? Puozze acchiappà zero voti! Comm’’’a schifo, a chesta!

                  Ma l’orologio fa i soliti tre rintocchi e Gino cambia pensiero.

                  E che d’é? ‘O rilorgio ha sunato… e bell’e buono m’è venuto ‘o genio ‘e ì addù

                  ll’onorevole Colomba Pasquale. Marò, me piace assaje chella! Comm’è bona!

                  E corre subito in cucina a sinistra.

4. [Primo e Nella. Poi Patty e Lia Sciacquone]

                  Da destra entrano Primo e Nella. Lui si è ridestato e si sta scusando con lei.

Primo:      Amore mio, mi devi scusare, ma stranamente non ci ho capito più niente.

Nella:        Già, l’ho notato. Eppure è strano, tu sei un tipo sempre così equilibrato.

Primo:      E lo so. Vabbé, comunque è passata. Basta, ora ti presento a mammà e a papà.

Nella:        Meno male.   

Primo:      (Comincia a gironzolare) Il nostro sarà un matrimonio coi fiocchi.

Nella:        (Si siede al tavolo) Sì, sì, speriamo che sia così.

Primo:      Immagina che bello: io mi chiamo Primo Secondo e tu Nella Frutta.

Nella:        (Prende la bottiglia di profumo sul tavolo) E già, che strano.

Primo:      Io e te facciamo “primo, secondo e frutta”! Facìmme ‘nu bellu menù completo!

Nella:        (Apre la bottiglia e comincia a sentire il profumo) Certo, certo.

Primo:      Eh, un giorno il prete dirà: “Tu, Primo Secondo, vuoi sposare Nella Frutta?”...

                  Il profumo fa effetto a Nella: lei si eccita di nuovo. Lui continua a parlare.

                  E io risponderò: “Sì, lo voglio”. E poi il prete si rivolgerà a te dicendoti…

                  Nella chiude la bottiglia e la posa. Poi si alza fissando Primo che séguita.

                  “Tu, Nella Frutta, vuoi sposare il qui presente Primo Secondo?”...

                  Così Nella si avvicina a Primo e lo segue mentre lui gironzola.

                  E tu che cosa risponderai? (Si volta e la nota dietro di sé)

Nella:        (Sexy) Vuoi fare l’amore con me?

Primo:      ‘N’ata vota mò? Ma comme t’è venuto tutto ‘stu genio?

Nella:        Da quando ho sentito quel profumo. Sì vede che sarà... essenza d’amore!

Primo:  Nella, non guardarmi con quegli occhi da cannibale.

Nella:    E che vuoi da me? Io sono carnivora! Vuoi venire nel tuo letto con me?

Primo:  Ma il mio letto è stretto: tutti e due non ci entriamo! Jamme a fernì ‘nterra!

Nella:    Senti, non fare lo stupido. Fai presto che il tempo è tiranno.

              E il solito orologio suona i soliti tre rintocchi. I due li ascoltano in sìlenzio. 

              Néh, Primo, ma ‘stu rilorgio sona sempe?

Primo:  Io so solo che adesso ho una voglia pazza di portarti nel mio letto a fare l’amore.

Nella:    Ehm... ma che stai dicendo? Il tuo letto è stretto, andiamo a finire a terra.

Primo:  Senti, facciamo presto che il tempo è tiranno!

Nella:    Ah, sì? E allora è meglio che me ne vaco!

Primo:  Ma viene ccà! Facciamo sesso e amore, tutti e due insìeme!

Nella:    Nooo!

              Corre fuori casa rincorsa da Primo, quasi urtano Patty e Lia Sciacquone.

Patty:    Eh, che maniere! Però beati loro! Va bene, torniamo a noi. Dicevate?

Lia:       Signora, le asciugamani che mi avete venduto sono vecchie.

Patty:    Signò, e che vvulìte ‘a me? Vuje vulìte sparagnà e io v’aggio accuntentato!

Lia:       Vabbuò, comunque sentite, signora... signora... Comme ve chiammate?

Patty:    Patty Chiari.

Lia:       Io invece mi chiamo Lia Sciacquone. Volevo sapere perché siamo venute qua.

Patty:    Perché così vi faccio parlare con un’altra mia cliente, la signora Luciana

              Secondo. Lei vi spiegherà per filo e per segno che io non sono un’imbrogliona.

Lia:       E ffacìteme parlà cu’ ‘sta signora. Però si nun me cunvince, vaco add’’a polizia.

Patty:    Eh, comme currite ambresso add’’a polizia, vuje! Venite cu’ me ‘int’’a cucina. 

              Le due escono a sinistra.

5. [Franco e Aldo. Poi Gino, Luciana, Colomba, Patty e Lia]

               Da destra entrano Aldo e Franco (che sì è dato una calmata).

Franco: Néh, Aldo, ma pecché te stevo currenno appriesso pe’ tutt’’a casa?

Aldo:     (Con accento torrese) Boh! Comunque nun te prioccupà, te perdòno.

Franco: ‘E che cosa? 

Aldo:     Che mi hai trattato male. E poi faccio come hai detto tu: te spello vivo a Tresette.

Franco: Io t’aggio ditto ‘sta fessarìa?

Aldo:     Sì. E poi ti perdono pure perché mi hai mischiato il raffreddore: Etcioù!

Franco: Ma chi vo’ essere perdunato ‘a te? E ppo’ songh’io che t’aggia spellà vivo a  

               Tresette: a te, a Gino e pure ‘o figlio Primo.

Aldo:     Ma mò t’azzecco diece pacchere cu’ ‘a mana daéstra e diece cu’ chella sinàistra!

Franco: E io te ceco ‘n’uocchio! E aroppo te ceco pure ‘na recchia!

Aldo:     E mi sta bene. Guarda che ore sono. Da questo momento comincia la guerra.

               Il solito orologio da i soliti tre rintocchi. I due subito cambiano atteggiamento.

               Franco, perdonami per tutto quello che ti ho detto, amico mio.

Franco: Non ti preoccupare. Perdonami tu.

Aldo:     No, perdonami tu.

Franco: No, perdonami tu. Anzi, vogliamo andare al Bar? Ti offro un bicchiere di latte!

Aldo:     Sì, e poi torniamo qua a chiamare Gino e il suo simpaticissimo figlio Primo. OK?

Franco: Così ci facciamo spellare a Tesette! E allora andiamo.

               I due si mettono mano nella mano e escono di casa. Da sinistra tornano di corsa

               Luciana,Colomba, Patty e Lia. Sembrano spaventate.

Luciana:   Mamma mia, aiuto!

Patty:        Néh, Luciana, ma che caspito ha passato tuo marito?

Luciana:   E chi ‘o capisce?

Colomba: Speriamo che non sia impazzito. Quello mi deve votare!

Lia:           Ma che sta succedenno ccà ddinto?

Patty:        Nun ve prioccupate, sìgnò.                

                  Da sinistra entra Gino con cattive intenzioni.

Gino:         Néh, addò state? Addò fujìte? (Le nota) Ah, vuje state ccà?

Patty:        Eccolo di nuovo.

Gino:         E ja’, faciteve acchiappà ‘nu sicondo, così facciamo qualche giochino piacevole!

Colomba: Néh, ma che vvo’ fa’, chisto?

Luciana:   Sìgnò, ma vuje ancora ata capì niente?

Lia:           Marò, io so’ ancora signurina!

Gino:        E allora mò te faccio addiventà io signora! (Si avvicina a loro gridando) Eccomi!

                  Colomba, Lia e Patty vanno più a destra gridando. Luciana dalla parte opposta.

                  Vi ho fatte prigioniere! (Si riavvicina a loro) Arrendetevi!

                  Luciana toglie una scarpa e si avvicina da dietro a Gino. Lui continua.

                  E adesso sarete mie, solamente mie, unicamente mie...!

                  Luciana dà la scarpa in testa a Gino che s’accascia. Le tre vanno da Luciana.

Patty:        Brava, Luciana.

Lia:           Siete stata coraggiosa.

Colomba: Vi raccomando, datemi il vostro voto!

Luciana:   (Rimette la scarpa, sorpresa) Ma stateve zitte! Piuttosto, aiutatemi a rialzarlo.

Colomba: Che cosa? Volete rialzare a quell’orco?

Lia:           No, sìgnò, ve sbagliate: se dice porco!

Luciana:   Néh, ma che ddicite? Chillo è mio marito.

Patty:        Ave raggione. Viene, Lucià, mò t’aiuto io.

                  Le due prendono sottobraccio Gino e lo fanno sedere.

Luciana:   E allora, Gino, comme te siente?

Gino:        (Sofferente, si riprende) Mamma mia, Lucià, ma che tiene, ‘e scarpe ‘e fierro?!

Lia:           (Impaurita) Uh, si è ripreso. E mò non è che ricomincia un’altra volta?                

Gino:        Ma a ffa’ che?

Colomba: (Impaurita) A rincorrerci per tutta la casa.

Gino:        Io v’aggio rincorso pe’ tutta ‘a casa?

Luciana:   Sì, è ‘o vero, Gino. Tu vulìve bacià afforza all’onorevole!

Gino:        Io vulévo vasà a ‘sta babbion… no, cioè, all’onorevole?

Patty:        Sì. E noi tre ti guardavamo. Facevamo la candela!

Gino:        Veramente? Mi reggevate il muccolo?!  

Colomba: No, il moccolo! E poi dopo, signor Gino, volevate baciare pure le altre tre.

Lia:           Vabbuò, sìgnora Patty, forse è meglio ca ce ne jamme.

Patty:        E già. Ora non è il momento di parlare con Luciana. Torniamo un’altra volta.

Colomba: Aspettate, mò me ne vengo pur’io. Io me metto appaura d’’o signor Gino.

Gino:        ‘E me? (Si alza in piedi) Ma no, venite ccà, facimme pace!

                  Così Colomba e Lia sì spaventano e scappano via di casa. Patty è terrorizzata.

Patty:        Maronna mia, pecché m’hanne lassata a me solaaaa?

                  Esce via anche lei di casa di corsa

Gino:        Néh, Lucià, ma che sta succedenno?

Luciana: E chi ‘o ssape? Si nun ‘o ssaje tu! A me me pare che tu staje ascenno pazzo.

Gino:       Io? Ma pecché, overamente io primma vulévo vasà all’onorevole?

Luciana: Sì, ‘int’’a cucina.

Gino:      (Preoccupato) E l’aggio vasata?

Luciana: Quasi.

Gino:      ‘E chi schifo!... Etciù!

                Esce a sinistra starnutendo.

Luciana: E curatìllo, ‘stu raffreddore! Etciù! Oh, no, ‘o tengo pur’io!

                Esce via a sìnistra seccata.

6. [Nella e Primo. Poi l’arabo Aziz. Infine Gino e Luciana]

                Dalla comune tornano Nella e Primo. Lui sembra essersi rinsavito.

Primo:    Etciù...! Mannaggia ‘stu raffreddore.

Nella:      Ma è strano! Qualche secondo prima ragioni, e poco dopo avvengono cose strane.

Primo:    Aspetta, fammi ricostruire tutta la scena: io e te cominciamo a parlare di un

                argomento. Poi tu cominci a fare strani discorsì che vuoi fare l’amore con me.

Nella:      ‘O vero?

Primo:    Sì. E tutto questo appena ti metti quello strano profumo che sta sul tavolo.

Nella:      Già. E poi dopo cominci tu con degli strani discorsì: vuoi fare l’amore con me.

Primo:    ‘O vero?

Nella:      Sì. E tutto questo appena hai sentito i rintocchi di quello strano orologio sul muro.

Primo:    E già, io non ci avevo pensato. Il profumo e l’orologio sono stati comprati tutti e

                due da quell’arabo al mercato delle pulci. Mi pare che si chiama… Aziz.

                E dalla comune entra proprio Aziz: è ben vestito ed ha i capelli pettinati col gel.

Aziz:       (Grida) Allah... accà! Allah... accà!

                I due sì spaventano. Lui gli sì avvicina.

                Niente paura. Che vi spaventate a fare?

Primo:    Ah, si’ tu? E che ce faje ccà?

Aziz:       Niente, sono venuto a trovarvi. Non sei contento, Primo?

Primo:    E comm’’o saje ‘o nomme mio?

Aziz:       Lo so, lo so. E come vedi, so pure dove stai di casa.

Nella:      Néh, ma tu chi si’?

Aziz:       Mi chiamo Aziz Ammok. Vengo dall’Arabia Saudita, ho studiato scienze orientali  

                e sono venuto a diffonderle qui a Napoli da trent’anni.

Primo:    Eppure è strano, tu parli bene italiano.

Aziz:       E si ‘o vvuo’ sapé, saccio parlà pure napulitano! Volete sapere qualcos’altro?

Nella:      Sì: che ci sta in quel profumo?

Aziz:       Quando manca l’amore, l’oriente interviene con un filtro che dona

                innamoramento. E dopo: uomo ama donna, donna ama uomo, uomo ama uomo,

                uomo ama cane, donna ama cavallo, e così via…!

Primo:    E allora, Nella, nun l’addurà cchiù chillu prufumo.

Nella:      E pecché?

Primo:    E pecché aroppo t’’issa annammùrà ‘e cocche cavallo?!

Nella:      Senti, Aziz, ma che ha quell’orologio? Appena suona, accadono cose strane.  

Aziz:       I rintocchi delle sue ore tramutano gli atteggiamenti di ostilità in atteggiamenti

                positivi, e viceversa. Si tratta di un suono ipnotico.

Nella:       E secondo te, nuje avéssema credere a ‘sti ccose che staje dicenno tu?

Aziz:        E certo. Anch’io sono capace di ipnotizzare: col mio sguardo e con la mia voce.

Primo:     (Comincia a ridere) Ma siente a chisto!

Nella:       (Anche lei) Che scimmità!

Aziz:        Ah, sì? E allora, da questo momento, voi due non sarete più in grado di parlare.

                 Effettivamente i due non riescono più a parlare e sì disperano.

                 Avete visto? (Schiocca una volta le dita) Cosa ne dite?

Primo:     (Spaventato) Ma allora tu sei un demonio.

Nella:       (Spaventata) Ora lo caccio via. (Prende un giornale e lo sventola verso Aziz)

Primo:     Ma che sciuscià a ffa’? Chi staje caccianno, ‘na mosca?!

Aziz:        Ma no, io sono un vostro amico.

Primo:     ‘O vero? E chi vo’ essere amico tuojo? Tu faje paura!

Aziz:        Appunto, io non ho nessuno. La gente è razzista con me. Ma io sono bravo.

Primo:     Senti, e come mai non ritorni nella tua patria?

Aziz:        Perché sono stato espulso trent’anni fa per colpa di queste piccole doti che tengo.

                 Ora vivo qui a Napoli, per strada. E qualche volta dormo, qualche volta no.

Nella:       Senti, e hai mangiato?

Primo:     E se capisce che cocche vota ha magnato! O sì no mò nun stesse ccà!

Nella:       No, io dico adesso.

Aziz:        No. Non mangio da ieri.

Primo:     Beh, però per essere uno nella tua condizione, ti vesti molto elegante.

Aziz:        Infatti non sono povero. Mangio solo pane e acqua perché osservo il “Ramadan”.

Primo:     E che ti devo dire? Adesso ti porto a conoscere mio padre e mia madre.  

Aziz:        Va bene, andiamo a conoscere i tuoi genitori. Jamme, fraté!

Primo:     ‘A faccia, e chesto pecché tu si’ arabo! 

                 Da sinistra ecco Gino e Luciana, quatti quatti (sono notati ma non notano i tre).

Gino:       Luciana, mò saje che ffacìmme? Ascìmme senza ce fa’ sentì d’’o rilorgio.

Luciana: E sì, accussì jamme a chiammà ‘a polizia!

Aziz:       (Si para dinnanzi ai due e li saluta all’araba) Salaaam!

I due:      (Si spaventano) Maròòòò!

                I due fuggono via a sinistra, seguiti da Aziz e da Primo e Nella.

FINE ATTO PRIMO

Salone di casa Secondo, il giorno dopo. Tutti i protagonisti hanno l’influenza!

ATTO SECONDO

1. [Primo e Aldo. Poi Nella e Patty. Infine Colomba]

        Primo e Aldo, in pigiama, vestaglia, pantofole e calzini, sono seduti sul divanetto.

Primo: Eccoci qua: io, tu e l’influenza!

Aldo:   (Accento torrese) Mannaggia a pateto, m’ha ammiscato ‘o raffreddore e ‘a fraéva*!                                                                             

Primo: E nun ce staje sulo tu, ‘int’’a chesta situazione. Ma pure Franco, Lia, Nella, Patty e

             l’onorevole Colomba Pasquale, più io, mammà e papà: tutti influenzati! 

Aldo:   A proposìto, ma he’ fernùto cu’ ‘stu termommetro? ‘O tiene già ‘a mez’ora!

Primo: Che dici, basterà?

Aldo:   Sì, sì. Lievatillo, mò tocca a me.

Primo:E vabbuò. (Toglie il termometro: lo teneva sotto la vestaglia, ma sul pigiama) Tolto!

Aldo:   Ma che he’ fatto, t’he’ miso ‘o termommetro ‘ncoppa ‘o piggiama?

Primo: E che vvuo’ ‘a me? Chillo è friddo.

Aldo:   Ma ‘o termommetro ha da sentì ‘a temperatura toja, non chella d’’o piggiama!

Primo: Hai ragione. (Controlla il termometro) Tengo 15 e 2! Me la misuro di nuovo?

Aldo:   Ma che? (Glielo prende di mano) Mò tocca a me. (Lo scarica) Siente, ma chillu

             Azàiz, ‘a tene pur’isso ‘a freva? (Mette il termometro) Comm’è friddo ‘stu coso! 

Primo: Aziz? E’ l’unico che sta frisco e tuosto. Ma tu lo sai? Quello tiene il potere di

             ipnotizzare la gente. Se tu dici una cosa contro di lui, si ritorce contro di te.  

Aldo:   E secondo te, io avessa credere a ‘stu fatto che me staje dicenno tu?

Primo: Vuo’ pruva’? E dice coccosa ‘e malamente contro a Aziz.

Aldo:   E chillo mò nun ce sta.

Primo: Dincella ‘o stesso, nun te prioccupà.

Aldo:   E vabbuò: Azàiz è ‘na puzza! (Poi, sofferente...) Marò, ‘e che malo ‘e panza!

Primo: ‘O vi’, he’ visto?

Aldo:   Ma no, chella sarrà l’influenza.

Primo: Ma qua’ influenza. Vuo’ vedé si è l’influenza? Continue a parlà malamente ‘e Aziz.

Aldo:   Azàiz fa scaifo! (Più sofferente) Marò, ‘a panza me fa male cchiù assaje!

Primo: He’ visto? E tu nun ce vulìve credere! (Sì alza e lo aiuta ad alzarsì)

Aldo:   Fa’ ambresso, Primo, accumpagneme ‘int’’o bagno, nun ce ‘a faccio cchiù!

Primo: E vabbuò.

             Sì mette sotto al suo braccio ma all’improvviso Aldo emette un grido di dolore.

Aldo:   Aaah...!

Primo: Ch’è stato? 

Aldo:   S’è rutto ‘o termommetro! Ha da ittà ‘o sango Azàiz! (Poi emette un grido) Nooo!

Primo: Ch’è succieso, mò?

Aldo:   (Disperato) Primo, m’aggio fatto sotto!

Primo: Uh, mamma mia, allora facìmme ambresso!

             E conduce a destra Aldo, che cammina con le gambe strette. Da sinistra entrano 

             Nella e Patty, anche loro in vestaglia e pantofole... anch’esse con l’influenza.

Patty:  Ma cose ‘e pazze! Pe’ venì ‘nu mumento ‘int’a ‘sta casa, tuo suocero m’ha

             ammiscato l’influenza.

Nella:        Macche’ suocero? Ancora non lo è. Vabbuò, lassàmme sta’. Assettammece.

                  Le due si accomodano al divanetto.

Patty:        A proposìto, in questa casa non ci sta un benedetto termometro. Ma è possìbile?

Nella:        No, pare ca ce sta, però nun se sape chi ‘o tene.

Patty:        Comunque, io già lo so: tengo 38 ‘e freva! Me l’aggio ammisurata a uocchio!

Nella:        E io invece me la sono misurata prima: tengo 38 e 1/2!

                  E da sinistra entra Colomba (anche lei in vestaglia e pantofole)

Colomba: Mamma mia, aggia tené ‘a freva perlomeno a 39! (Si siede al tavolo, affranta) Si

                  me mettite ‘n’uovo ‘nfronte, ve faccio ‘a frittata!

Nella:        Onorevole, pure vuje?

Colomba: E già. E penzà ch’a chest’ora ‘essa sta’ a Piazza Municipio a ffa’ ‘o cumizio. E

                  invece stongo ccà cu’ ‘a freva!

Patty:       E che ve ne ‘mporta?

Patty:       Nun ve prioccupate, nuje ve vutamme. Almeno, ‘o voto nuosto già ‘o tenite.

Colomba: E che me n’aggia fa’ sulo d’’o voto vuosto? Io voglio pure chillo ‘e ll’ate. E

                  ppo’, comme jate a vutà dummeneca, si tenìte ancora ‘a freva? Mica ce putìmme

                  purtà ‘o seggio ccà ‘ncoppa?!

Patty:       Tutta colpa di Gino.

Nella:        Invece, secondo me, la colpa è di quell’Aziz.

Patty:       Pecche’, tene pur’isso ‘a freva?

Nella:        No. Però porta sfortuna. E poi ha quel potere ipnotico.  

Patty:       Sentite, io proporrei una camomilla calda.

Nella:        Io ci sto.

Colomba: E pure io. ‘E che brutta fine aggio fatto!

                  Si alzano ed escono via a destra.

  

2. [Gino e Luciana. Poi Lia e Franco. Infine Aziz]

                  Da sinistra entrano Gino e Luciana, anch’essì in vestaglia e pantofole.

Luciana:  Gino, forza, misurati la febbre!

Gino:        E piglie ‘o metro!

Luciana:  E a che te serve?

Gino:        A misurà ‘a freva!

Luciana:  E nun ce vo’ ‘o metro, serve ‘o termommetro! Ma Aziz t’ha scemuluto proprio?

Gino:       Stattu zitta, nun te fa’ sentì ‘a isso.

Luciana:  Ma è possìbile che tu si’ ‘nu chiachiello? Nun si’ capace d’’o ittà fora ‘a porta.

Gino:       E io ce provo, ma chillo m’ipnotizza. A proposito, ma chillu prufumo l’he’ ittato?

Luciana:  Sì, sta ‘int’’a munnezza. Però, chi sa pecché, se sente ancora l’addore int’’a casa.

Gino:       Allora mò amma riuscì a gghittà assolutamente chillu rilorgio.

Luciana:  Ah, sì? E pruòvece.

Gino:       Mò ce penz’io. (Si avvicina all’orologio e lo toglie dalla parete. Poi lo porta a

                 vedere a Luciana) Ecco qua, ho fatto.

Luciana:  Embé, nun te siente niente?

Gino:        No. (Poi comincia a parlare tedesco) Ein... Zwei... Drei... Deutschland!

Luciana:  Uh, Marò, Gino. He’ accumminciato a parlà tedesco?

Gino:       Chi? Io? Ma quanno maje?... Ein... Zwei... Drei... Deutschland!

Luciana:  Siente, miette mommò ‘stu rilorgio ‘nfaccia ‘o muro.

Gino:       Heil Hitler! (Esegue)

                 Da destra entrano Lia e Franco in vestaglia e pigiama. Guardano male Gino.

Lia:          Ah, eccolo qua il tuo amico Gino. (E si siede sul divanetto, imbronciata)

Franco:   Mò si’ cuntento? (E si siede accanto a Lia)

Gino:       E ch’aggia fa’ io? Che ve l’aggio ammiscata io, ‘a freva?

Franco:   (Ironico) No, c’è venuta a pì essa! Ma dich’io, ‘a freva è ‘a toja? E tienatélla tu!

Gino:       (Lo addita) Eccolo là!

Franco:   (Non capisce a chi si rivolga e si guarda intorno) Ma chi?

Lia:         (Fa altrettanto) Boh!

Gino:       Néh, ma a chi state cercanno?

Franco:   Che ne saccio? Tu he’ ditto: “Eccolo là”!

Gino:       Ma io stongo parlanno ‘e te. Dicevo: eccolo là. Questi sono gli amici!

Luciana: E già. E invece ringraziate a Dio che vi stiamo ospitando qua in casa nostra, senza

                 neppure sapere dove mettervi. A Franco lo conosciamo, ma voi chi sìete?

Lia:          Mi chiamo Lia Sciacquone.   

Gino:       Lia…?

Lia:          Sciacquone.

Franco:   E’ la mia fidanzata.

Gino:       ‘O vero? Io invece sono il suo migliore amico: Gino Secondo.

Luciana: E io sono sua moglie Luciana. A proposito, come vi sentite?

Franco:   Stanotte amme tenuto almeno “uttanta” ‘e freva!

Gino:       Ma famme ‘o favore! ‘A freva a uttanta nun esìste.

Franco:   Comme no, ‘a freva a uttanta: quaranta essa e quaranta io!

Gino:       Eh, ‘sti duje s’hanne spartute ‘a freva!

Lia:          Scusate, per curiosìtà, chi è quel tizio arabo che dorme nel letto di vostro figlio?

Luciana: E’ la causa di tutti i nostri mali.

Gino:       Stattu zitta, nun te fa’ sentì. Quello tiene il potere di ipnotizzare la gente.

Franco:   (Comincia a ridere) He’ ‘ntiso, Lia?

Lia:         (Ridendo) Che scimmità!

                 All’improvviso l’orologio batte i soliti tre rintocchi e i due smettono di ridere.

Gino:       (Soddisfatto) Ah, sta sunanno ‘o rilorgio. E mò ate fernuto ‘e rirere!

Franco:   Ma pecché, che ce ha da succedere?

Luciana: E chi ‘o ssape? Forse mò accummience a parlà tedesco!

Franco:   (Si alza) Ma qua’ tedesco? Viene, aìzete, Lia.

Lia:         (Si alza pure lei) Sì.

Gino:       Embé, e addò jate, mò?

Lia:         Niente, tenimme ‘a freva talmente alta, che mò ce jamme a sciacquà.

Franco:   E già: jamme a mettere ‘nu poco ‘a capa ‘int’’o gabinetto! Con permesso!

                 Fanno l’inchino e poi escono via a destra.

Gino:       He’ visto? Chillu rilorgio è ‘na putenza.

Luciana: E intanto chillu Aziz sta ancora durmenno. Ma che sta, ‘a villeggiatura?!

                 E da sinistra entra proprio Aziz (con vestaglia sui vestiti e pantofole).

Aziz:        (Felice) Ah, come ho dormito bene stanotte!

Gino:       Uh, ma chella è ‘a vestaglia mia. E chillo è ‘o cazone mio. E chille so’ ‘e  

                 scarpune mie!

Aziz:        Sì, però ‘e cazettine e ‘a mutanda so’ ‘e mie!

Gino:       Disgraziato, liévete chella rrobba ‘a cuollo!

Luciana:   Calmati, Gino, tu nun ‘o puo’ trattà accussì malamente.

Gino:        Néh, Lucià, ma chisto t’avesse ipnotizzato?

Luciana:   No, però te po’ ipnotizzà a te.

Gino:        (Si calma) E vabbuò. Sìente, Aziz, inzomma, ma mò che vvuo’ ‘a nuje?

Aziz:         Voglio dirvi che mi trovo bene qui da voi, perché siete gli unici che non mi

                  hanno cacciato.

Gino:        E no, qua ti sbagli: io te voglio caccià, però nun ce riesco!

Aziz:         Forse perché ti faccio pietà?

Luciana:   No, però tu lo ipnotizzi e lui non si ricorda più che ti deve cacciare!

Aziz:         E si vede che cambia idea. E allora, visto così, devo fare una confessìone.

Gino:        Te vuo’ cunfessà? E va’ ‘int’’a chiesa!

Aziz:         No, devo confessare una cosa a voi: il letto di Primo è pessimo. Voglio il vostro.

I due:        (Sorpresi) Che?

Aziz:         Esattamente. Anzi, voglio pure che Gino dorme insieme a me. Ate capito, o no?

Gino:        No, e mò basta. Quann’è troppo, è troppo!

Luciana:   E sì, infatte. Ja’, Gino, chiamme ‘a polizia.

Aziz:         Attenti, che l’orologio si offende.

                  E infatti fa i soliti tre rintocchi e i due si ammorbidiscono.

I due:        Sì, padrone!

Aziz:         Bravi! E adesso preparatemi una colazione come comanda Allah! Su, venite.

Gino:        (Si oppone) ‘O vero? E si io nun voglio venì?

                  L’orologio suona di nuovo tre rintocchi. Gino cambia idea.

                  No, no, chi ha ditto niente? Jamme ‘int’’a cucina! 

                  I tre escono a sinistra.

3. [Nella, Aldo e Colomba]

                  Da destra entrano Nella, Aldo (ancora sofferente) e Colomba.

Aldo:        (Accento torrese) Ah, mamma mia, tengo ancora ‘nu poco ‘e malo ‘e panza.

Colomba: E intanto vuje ate appestato ‘nu bagno! Nun aggio pututo fa’ manco pipì!

Nella:       Ma io nun capisco che sta succedenno dint’a ‘sta casa.

Aldo:        E chi ‘o ssape? ‘Sta casa me pare stregata!

                  Nella si siede al divanetto e i due fanno altrettanto, sedendosi al tavolo.

Colomba: E intanto non ho pututo fare il comizio elettorale. Ora la gente si ricorderà di me?

                  E l’orologio fa i soliti tre rintocchi (che colpiscono Aldo confondendolo).

Aldo:        E comme fanne a nun s’arricurdà ‘e vuje? Voi siete l’onorevole Colomba Motta!

Colomba: Ma qua’ Colomba Motta?

Aldo:         Ah, già, scusate. Allora vuje site l’onorevole Colomba Bauli!

Colomba: No, nemmanco.

Aldo:         Allora site Colomba Paluani!

Colomba: No, nemmanco.

Aldo:         Allora ‘e tre Maràie!                                                                 (‘E tre Marie=le tre Marie)

Colomba: Néh, ma che v’aggia da’, ‘e tre*?                                       *(ha capito: allora alle tre me la dai!)         

Nella:        No, lui vuol dire: “le tre Marie”!

Colomba: Ah, no, nemmanco!

Aldo:         Néh, ma allora quala Colomba site?

Colomba: Mi chiamo semplicemente Colomba Pasquale.

Aldo:         Aggio capito, vuje site ‘na Colomba senza marca!

                  E l’orologio fa i soliti tre rintocchi (che colpiscono Nella, confondendola).

Nella:        Aldo, ma che dici?

Aldo:         Ma pecché, ch’aggio ditto?

Nella:        Onorevole, vi prego, vincete le elezioni, così mi aiutate col mio fidanzato Primo.

Aldo:         Aggio capàito: nun te piace cchiù e te vuo’ truva’ ‘n’atu ‘nnammuràito!

Colomba: ‘O vero? E nun te prioccupà, Nella, t’’o trov’io!

Nella:        No, ma nun ‘o state a sentì, a Aldo. Voi dovete trovare un super lavoro a Primo.

                  Di nuovo tre rintocchi d’orologio che confondono Colomba che sì alza in piedi.

Colomba: E nun ce sta problema: ‘o metto a ffa’ ‘o garzone ‘e fruttajuolo!

Nella:        (Sorpresa) ‘O garzone ‘e fruttajuolo?

Colomba: Nun te piace? E allora te piacesse cchiù assaje ‘o guaglione ‘e stagnaro?

Nella:        (Non capisce) Ma... ma... non mi piace.

Colomba: No? Allora, invece ‘e ce fa’ fa’ ‘o bidello, ce faccio fa’ direttamente ‘o bidet!

Nella:        (Si alza e la minaccia) Sì? E facitavìllo vuje ‘o bidet! Ma comme ve permettite?

Aldo:         (Si alza e si mette tra le due, calmando Nella) Néh, ma che stamme facenno?

Nella:        Ce stamme appiccecanno. L’onorevole sta offennenno a Primo e pure a me.

                  Di nuovo tre rintocchi di orologio, stavolta Colomba fa una pernacchia a Nella.

Colomba: Pzzzzz!

Nella:        E ce ‘o faje a soreta, ‘stu pernacchio! Mò t’azzecco ‘nu buffettone.                  

Colomba: Scusate, ma pecché ‘sta “pernacchia” se sta arraggianno ‘e chesta manera?

Nella:        “Pernacchia” a me? Ma mò te faccio nova nova. (Afferra Colomba)

Aldo:         No, calmatevi.

Colomba: T’aggia fa’ ‘o strascino!

                  Le due, insieme a Aldo, si trascinano a sinistra offendendosi. I tre escono via.

4. [Primo e Franco. Poi Lia]

                  Da destra tornano Primo e Franco. Il primo sta richiamando l’altro.

Primo:      Néh, Franco, ma tu stisse ascenno pazzo?

Franco:     Ma pecché, ch’aggio fatto?

Primo:      Vulìve mettere afforza ‘a capa ‘int’’o gabinetto!

Franco:    (Sorpreso) Io e Lia vuléveme mettere ‘a capa ‘int’’o gabinetto? Ma tu si’ scemo?  

Primo:      Ho capito tutto: la colpa è dell’orologio a pendolo che mi ha venduto Aziz.

Franco:     E pecché?

Primo:      Siente, nun pozzo alluccà. Anze, mò cerco ‘e parlà zittu zitto.

Franco:    (Si accosta a lui) E sì, famme sentì, famme sentì.

                  I soliti tre rintocchi d’orologio e Primo, invece di bisbigliare, grida.

Primo:      ‘O vide chillu rilorgiooo?!       

Franco:    (Stonato) Néh, ma ch’allùcche a ffa’?

Primo:      (Ad alta voce) Franco, ti prego, aiutami. Non riesco più a parlare senza gridare.

Franco:     Uh, Marò, e mò? Senti, fai così: invece ‘e parlà... fammi dei segni, così capisco.

Primo:      (Gridando) Va bene! (Comincia a mimare: indica l’orologio e si tocca la fronte)

Franco:     Aggio capito: chillu rilorgio tene ‘a freva!

Primo:      (Fa segno di no e poi indica sé stesso e Franco)

Franco:     Ah, no, ‘a tenìmme io e te, ‘a freva! Embé, e allora?

Primo:      (Sì indica il petto e imita il seno delle donne)

Franco: ‘E zizze?

Primo:  (Dice di no e ne indica una sola)

Franco: No, ‘na zizza sola! Aggio capito: Aziz! Embé, e che ffa’?

Primo:  (Si indica gli occhi)

Franco: Tene ll’uocchie blu!

Primo:  (Fa segno di no e poi e poi si tocca un orecchio)

Franco: No, Aziz è femmeniello!

Primo:  (Fa segno di no e indica la sua bocca)

Franco: ‘A vocca? Aggio capito: nun tene ‘e diente!

Primo:  (Fa segno di no e mima l’ipnosì e sì indica occhi, naso e bocca)

Franco: Ah, ecco: Aziz ipnotizza la gente con gli occhi e con la voce. Primo, ma si’ sìcuro?

Primo:  (Giura)

Franco: E vabbuò, te credo. Ma che c’azzecca ‘o rilorgio?

Primo:  (Indica che anche l’orologio ipnotizza)

Franco: Vuoi dire che anche l’orologio ipnotizza. Quindi, ricapitolando, Aziz ha dei poteri

               ipnotici con gli occhi e con la voce, e l’orologio ha i suoi stessi poteri. E’ così?

Primo:  (Voce normale) Bravo! (Realizza) Uh, m’è turnata ‘n’ata vota ‘a voce normale.   

Franco: Senti, facciamo così: dobbiamo liberarci di quell’orologio.

Primo:  E va’, pruòvece.

Franco: E che ci vuole? Noi dobbiamo avvicinarci con molta “non chalance”*!   *(non scialans)

Primo:  E addò ‘a pigliamme?

Franco: Che cosa?

Primo:  ‘A ‘nzalata!

Franco: Cretino! “Non chalance” significa che dobbiamo far finta di niente.

Primo:  Ah, e facciamolo, facciamolo.

               I due si avvicinano pian piano parlando tra di loro.

Franco: Ehm... Primo, lo sai? A casa tengo un orologio a cucù. E’ del ‘900.

Primo:  ‘O vero? E io tengo ‘stu bellu rilorgio a pendolo!

              L’orologio fa tre rintocchi, i due fuggono a sinistra gridando. Da destra torna Lia.

Lia:       Basta, me ne torno ‘a casa mia. Nun voglio cchiù sta’ ccà. (Chiama) Franco!

              Da sinistra tornano Franco e Primo, quatti quatti.

Franco: Ssst… stattu zitta, Lia.

Lia:       Néh, ma che state facenno, tutt’e dduje?

Franco: Niente, vatténne dinto. Quella è zona minata!

Lia:       (Spaventata) Uh, Marò, ccà ‘nterra ce stanne ‘e mmine?! E chi ce l’ha mise?

Franco: Cretina, quello è un modo di dire.

Lia:       Siente, Franco, ma che sta succedenno? Io nun ce stongo capenno cchiù niente.

Franco: E’ pe’ colpa ‘e chillu rilorgio. Mò nun te pozzo spiegà. Amma sultanto cercà d’’o

              leva’ ‘a faccia ‘o muro.

Primo:  E se quello suona?

Franco: Nun fa niente, lassamm’’o sunà.

Lia:       E se quello ci ipnotizza?

Franco: Marò, ma si nuje ancora amma fa’ niente! Non mettiamo il carro davanti ai buoi.

Primo:  Nun amma mettere ‘o carro annanzo ‘e buoi? E che vvo’ dicere?

Franco: Lasse sta’! Dai, forza, avviciniamoci all’orologio. Tu, Lia, prendi una tovaglia

              dalla credenza. Io e Primo ci avviciniamo, lo afferriamo e lo mettiamo nella

              tovaglia. E poi lo portiamo fuori e lo buttiamo nella spazzatura. Ci state?

Primo:     E vabbuò, pruvamme. La tovaglia sta là dentro.

                 Lia va a prendere la tovaglia nella credenza e i due sì avvicinano all’orologio.

Franco:    E allora, caro Primo, ti piace questo orologio?

Primo:     Ma certo, è bellissimo.

Lia:          (Avvicinandosì) Sì, è stupendo. Però secondo me sta meglio... in questa tovaglia.

                 I due afferrano l’orologio e lo mettono nella tovaglia. Poi i tre escono di casa.

 

5. [Luciana, Aldo e Gino. Poi Nella, Colomba e Aziz]

                 Da sinistra entrano Luciana, Aldo e Gino.  

Aldo:       (Accento torrese) Inzomma, sta facenno perdere ‘a capa a tutte quante, ‘stu Azàiz?

Luciana: E già. A me stammatina m’ha ipnotizzato. Bell’e buono m’ha ditto: “Fissami”! E

                 io l’aggio fissato. E vuoi sapere che mi ha fatto fare? Mi ha fatto parlare torrese!

Aldo:       Ma nun è che ‘stu Azàiz m’avesse ipnotizzato pure a me?

Gino:       No, nun po’ essere. Tu he’ parlato sempe accussì ‘a quanno si’ nato!

Luciana: E mò comme se fa cu’ Aziz?

Gino:       Embé, mò vaco a piglià ‘na pistola, ‘nu fucile e ‘nu curtiello, e l’accido proprio!

Luciana: Ma che si’ pazzo?

Aldo:       Infatte, comme faje a usà ‘a pistola, ‘o curtiello e fucile tutt’e tre ‘nzieme? Tu

                 tiene sulo doje mane!

Gino:       Ma po’ ce sta pure ‘o rilorgio. Si sultanto ‘o riuscesse a leva’ ‘a faccia ‘o mur...!

                 (Guarda il muro) Uh, Marò, è sparito ‘o rilorgio! (Va sul posto esultando) Alééé!

Luciana: (Si avvicina anche lei) Uh, e comm’è?

Aldo:       (E si avvicina) Se n’è gghiòuto?!

Gino:       E a chi l’ha levato, accomme ‘o veco, l’aggia da’ ‘nu vaso ‘nmocca!

Luciana: Aspié, Gino, nun cantà vittoria. Mò ce sta ancora Aziz.

Gino:       Sì, però gli abbiamo tolto due armi: il profumo e l’orologio. Ora è rimasto solo.

Luciana: E allora, Aldo, adesso devi darci una mano tu.

Gino:       E’ già, Aldo. Dimméllo tu: comm’aggia fa’ pe’ nun essere ipnotizzato ‘a isso?

Aldo:       *L’he’ fa’ addurmaì! Dance ‘nu poco ‘e vaino! ‘Nu laitro! Ianco o rousso! ‘O

                 ttenàite?!                 *(Trad. napol.: L’hé ‘a fa’ addurmi! Dance ‘nu poco ‘e vino! ‘Nu litro! Ianco o russo! ‘O ttenìte?!)

Gino:       (Perplesso) Néh, Lucià, ma che cacchio ha ditto chisto?

Luciana: E chi ‘o capisce?!

Aldo:       Vabbé, cambiamo tattica: per non sentire la sua voce, mettiti una cuffia e ascolta

                 Nino D’Angelo ad alto volume. E per non vedere il suo sguardo ipnotico, usa gli

                 occhiali da sole.

Luciana: (Stupita) Ua’, Gino, he’ visto comm’è intelligente Aldo?

Gino:       (Stupito) E già. E quanno nun parla turrese, se capisce pure chello che dice!

Luciana: Adesso, finalmente, riusciremo a liberarci di quell’Aziz.

Aldo:       E già, vi libererete di quel tabù.

Gino:       E sì, finalmente ci liberiamo di quel tamburo!

Aldo:       Ma qualu tamburo? Ho detto tabù! ‘O sapàite ‘o taboù?!

Gino:       Sì, sì, certo. Vabbé, Lucià, accumpàgneme a piglià ‘e llente p’’o sole e ‘e ccuffie.

Luciana: Viene cu’ me, saccio io addò sta tutto cose.

                 I tre vanno a destra. Da sinistra riecco Nella e Colomba.  

Nella:       Onorevole, mi dovete scusare se prima vi ho detto tutte quelle parolacce e quelle

                 cose cattive. Ma purtroppo la colpa è di quell’Aziz e del suo maledetto orologio.

Colomba: No, nun te prioccupà, Nella. Io sono abituata a essere detta le parolacce. Ogni          

                  comizio che faccio io, va a finire sempre così!

Nella:        Veramente?

Colomba: Sì. E per pensare sempre alla politica, non ho mai trovato un fidanzato.

Nella:        E per forza, voi scegliete la gente in base al partito per cui vota.

Colomba: Forse hai ragione. Siente ‘na cosa, ma secondo te, Aziz è ‘e destra o ‘e sinistra?!

Nella:        Ate visto? Vuje vulìte sapé si Aziz è... (Realizza) E già.

Colomba: Ch’è stato?

Nella:       (Trama qualcosa) Onorevole, mi avete dato un’idea stupenda: voglio usare

                  l’orologio contro Aziz. Vi piace l’idea?

Colomba: (Felice) Uh, che bellezza! Finalmente ce ne jamme ‘a ccà! Si saglio all’elezione,

                  aggia da’ ‘nu posto ‘e lavoro ‘o ‘nnammurato tuojo, comme cummanna Dio!

Nella:        Ah, sì? E dàteme ‘a mana!

                  Si stringono la mano. Da sinistra entra Aziz: legge un quotidiano ad alta voce.

Aziz:         Dice che il petrolio sta salendo vertiginosamente. (Sì sìede al tavolo) Bene! Così

                  mio zio principe si arricchisce un altro poco! E quando muore, lascia tutto a me.

Nella:        (Uh, ate ‘ntiso, onorevole?!).

Colomba: (E comme, nun aggio ‘ntiso?).

Nella:        (Allora io entro in azione! Devo far suonare subito l’orologio!).

Colomba: (Va’, va’!).

Nella:        (Si alza e gli si avvicina) Ehm... salve!

Aziz:         (Distoglie lo sguardo dal giornale) Sì?

Nella:        Ehm... e cosa dice di bello il giornale?

Aziz:         E che ha da dicere? Niente ‘e buono comm’’o solito! Vuoi leggere?

Nella:        No, in realtà io volevo parlare un poco con te.

Aziz:         (Raggomitola il giornale e lo butta via) Sono pieno di orecchie!

Nella:        No, veramente in Italia si dice: “Sono tutto orecchie”!

Aziz:         Giusto!

Nella:        Niente, mi domandavo se tu hai nostalgia del tuo paese.

Aziz:         Nostalgia del mio paese? Somma Vesuviana?

Nella:        Ma che Somma Vesuviana? Tu non sei dell’Arabia?

Aziz:         E certo, e lo stemma della mia famiglia è un’aquila reale. Però ormai mi sento

                  cittadino di Somma Vesuviana. Anche se un giorno tornerò in Arabia per andare

                  a prendermi un bel po’ di petroldollari!

Nella:        Ah, sì? (Poi alza la voce per far sentire a Colomba) Ma voi state sentendo?

                  Colomba fa di sì con la testa molto interessata.

Aziz:         Néh, ma cu’ chi staje parlanno?

Nella:        Ehm... con nessuno. Dicevo tra me e me! E senti un po’, ma la tua donna?

Aziz:         Ma quala donna? Io nun tengo a nisciuno.

Nella:        Ah, sì? (Alza la voce) Avete sentito?

Aziz:         Néh, ma chi t’ha da sentì?

Nella:        Ehm... no, nessuno. E senti, non ti piacerebbe, per esempio, una Colomba?

Aziz:         ‘A colomba? No, me piace cchiù assaje ‘a pastiera!

Nella:        No, io intendevo un’altra Colomba. Aspetta e vedrai. Venite, onorevole.

Colomba: (Avvicinandosì emozionata) Ehm... ciao, Aziz.

Nella:        Ehm… la Colomba di cui parlavo è lei.

Aziz:         (Si alza in piedi) Ma chesta, cchiù che Colomba, me pare ‘na gallina vecchia!

Colomba: E che fa? Gallina vecchia fa buon brodo!

Nella:        Ehm... Aziz, ascolta, ma tu non senti niente? Cioè… non provi niente?

Aziz:         No, ch’aggia pruva’?

Nella:        Aéh, e quanno se move a sunà ‘stu rilorgio?

Colomba: (Si volta e nota che non c’è più) Uh, Marò, Nella, ma chillo nun ce sta cchiù.

Nella:        Oh, no. Proprio mò ‘eva sparì? Aziz, dove lo hai messo?

Aziz:         E chi l’ha tuccato?  

Nella:        Ehm… senti, praticamente, non è che sei interessato a Colomba Pasquale?

Aziz:         Sentite, ma io stevo liggénno tantu bello ‘o giurnale. (Recupera il giornale) Io   

                  devo contare i petroldollari. Voi li avete mai visti? No? E state ‘nguajate!

                  Ed esce a sinistra.

Nella:        Mi sa che abbiamo sbagliato tattica. Ho capito: adesso andiamo a prendervi dei

                  bei vestiti, vi truccate un po’ e poi torniamo da lui.

Colomba: Ehm... senti, ma sarà il caso?

Nella:        Nun ve prioccupate: lassàteme fa’ a me.

                  La prende per il braccio e la porta via a sinistra.

6. [Gino e Luciana. Poi Patty]

                  Da destra tornano Luciana e Gino. Lui ha occhiali da sole e cuffie in mano.

Gino:        Lucià, ma secondo te, chesta è ‘na bona idea?

Luciana:  Buonissìma. E ora ti dò pure la musica. (Dalla tasca della vestaglia estrae un

                  lettore mp3) Ecco qua. Dentro ci stanno tutti i successì di Nino D’Angelo.

Gino:        Vulìmme fa’ ‘na prova?

Luciana:  E certo.

Gino:        E vabbuò. Allora mò me metto ‘e llente e ‘e ccuffie.

                  Così fa, mentre Luciana collega il lettore alle cuffie. Da destra entra Patty.

Patty:       (Si ferma appena entrata) Famme vedé quanto tengo ‘e freva. (Così controlla il

                  termometro) Oh, no, 39! Mannaggia! (E resta a guardare il termometro delusa)

Gino:        (E’ pronto) E allora, Lucià, stongo buono accussì?

Luciana:  Sì, staje proprio buono. Adesso accendi il lettore.

Gino:       (Accende il lettore e si stona) Marò, è troppo alto! Aggia avascià ‘nu poco!

Patty:       (Nota i due) (E che stanne facenno, ‘sti duje?).

Gino:        E allora, Lucià, mò puo’ parlà.

Luciana:  (Imita Aziz) Ehm... Adesso ti ipnotizzo!

Gino:        Comme?

Luciana:  (Alza la voce) Ho detto che adesso ti ipnotizzo!

Patty:       (Uh, Marò, Luciana è passata d’’a parte ‘e Aziz!).

Gino:       (Soddisfatto) Lucià, nun se sente proprio niente. Vai, continua!

Luciana:  E allora adesso fissami.

Gino:        T’aggia fissà? E vabbuò.

Patty:       (Preoccupata) (Marò, Luciana sta ipnotizzanno a Gino. Aggia fa’ coccosa!).

                 Corre subito a destra, posa il termometro e torna con una scopa.

Luciana:  E allora, t’aggio ipnotizzato?

Gino:        No!

Patty:       (Interviene agitando la scopa) Gino, fuje, ce penz’io!

Luciana:  (Afferra la scopa) Ma che ffaje?

Patty:      Te dongo ‘a scopa ‘ncapa! (Ma colpisce Gino)

Gino:      (Dolorante) Ah, puozz’ittà ‘o sango!

Patty:      Gino, mò aggio capito tutto cose: Luciana è riuscita a t’ipnotizzà!

Luciana: (Sorpresa) Che cosa?

Patty:      Sì, ma voi due non mi avrete mai. Io mi vado a barricare in bagno e non esco più!

                E scappa via a destra.  

Luciana: T’ha fatto male?

Gino:      (Ironica) No, m’ha fatte ‘o solletico! E se capisce che m’ha fatte male!  

Luciana: Vabbuò, nun ‘a penzà. Finalmente amme scuperto comme annullà a chill’Aziz. Gino:      Nun veco ll’ora d’’o ‘cchiappà e d’’o fa’ ‘na paliata!

Luciana: E allora, si’ pronto?

Gino:      (Indossa le cuffie e accende l’mp3) Parle ‘nu poco. Vuo’ vedé ca nun te sento?

Luciana: Sì, voglio vedé. Ehm... chi ore so’?

Gino:      (Guarda il suo orologio) So’ ‘e tre e meza! He’ visto? Nun t’aggio ‘ntisa proprio!

                E così escono a sinistra (con Luciana che pare dubbiosa). 

7. [Primo e Franco. Poi Colomba e Nella. Infine Gino, Luciana e Aziz]

                Dalla comune, sporchi di spazzatura, entrano Primo e Franco (con l’orologio).

Franco:  (Deluso) Niente, nun ce sta niente ‘a fa’. ‘Stu rilorgio è troppo potente.

Primo:    E già. Amme cercato d’’o ittà ‘int’’o bidone ‘e l’indifferenziata. Però chi sa

                pecché, invece ‘e ittà ‘o rilorgio, io ittàve a te, tu ittàve a Lia, essa ittàve a me...!

Franco:  Insomma, ci buttavamo tra di noi nella spazzatura. A proposìto, ma Lia addò sta?

Primo:    E’ rimasta ‘int’’o bidone d’’a munnezza!  

Franco:  A proposito, ‘int’’o bidone aggio truvato chesto. (Mostra  la bottiglia di profumo

                di Aziz) Eccolo qua: è profumo.

Primo:    Oh, no! Ma chillo è ‘o prufumo ‘e Aziz.  

Franco:  Mannaggia, nun amme apparato a niente. Mò ce truvamme ‘n’ata vota punto e da

                capo! Famme pusà ‘n’ata vota ‘stu rilorgio, primma che s’arraggia! (Così fa)

Primo:    Basta, ci rinuncio. Quando Aziz se ne andrà, staremo in pace.  

Franco:  (Torna da Primo) Vabbuò, jammece a lavà e ppo’ vestìmmece.

Primo:    Nun ce ‘a faccio cchiù.

                I due si avviano a sinistra mestamente, però si ritrovano Nella di faccia.

Nella:      E che d’è, tutt’e dduje? Ch’avite passato?

Primo:    Niente, amme cercato ‘e ittà ‘n’ata vota chillu rilorgio.

Lia:         Ma amma avuta purtà areto ‘o rilorgio e pure ‘a butteglia ‘e prufumo!

Nella:      Oh, no! Va bene, adesso vi mostro una persona. Fate un passo indietro.

Primo:    Ma che ce amma mettere a abballà?

Nella:      Muovetevi, non discutete.

                I tre si spostano più dietro.   

                Ed ora la chiamo. Puoi entrare, Colomba.

                E da sinistra entra Colomba con cappellino e tailleur.  

                Avete visto?

Franco:  (Con gli occhi di fuori) Mamma mia, e chi è chesta?

Primo:    (Anche lui come Franco) Nun ‘o ssaccio, però ‘o rilorgio nun ce azzecca niente!

Nella:      E si capisce: è l’onorevole Colomba Pasquale.

I due:      (Sorpresi) Che?

Nella:        Li vedi? Sono rimasti tutti e due a bocca aperta.  

Primo:      ‘Nu mumento, Nella, ma comm’è che mò ‘a chiamme cu’ ‘o tu, all’onorevole?

Colomba: Siamo diventate amiche. E tu, caro Primo, aspettati un bel regalo.

Franco:     He’ capito, Primo? Si’ gghiuto ‘nParaviso pe’ scagno!

Primo:      A proposìto, onoré, ma pecché v’ate accunciata accussì? A chi ata paré bella?

Colomba: Al mio “aquilotto”! Il mio “arabo incantatore”!

Primo:      (Sorpreso) A Aziz?

Colomba: Già, proprio così. Appena lo incontro, glielo dico.

                  E da sinistra entra Aziz di corsa dolorante alla testa. E’ acciaccato.

Aziz:         Mamma bella, e ch’è succieso? So’ gghiuto a fernì sotto a ‘nu treno?

Nella:        Uh, Colomba, eccolo là.

Colomba: (Emozionata) Che faccio? Vado?

Nella:        Vai, corri.

Colomba: (Avvicinandosì) Ehm... tesoro!

Aziz:         (Si volta, la nota e si spaventa) Aaah!

Colomba: Ch’è stato?

Aziz:         Aggio suppurtato ‘e mazzate d’’o signor Gino, ma a te nun te pozzo suppurtà!

Colomba: ‘O signor Gino? E che ce azzecca ‘o signor Gino?

                  E da sinistra entrano Gino (sempre con cuffia e occhiali da sole) e Luciana.

Gino:        (Uscendo) Lucià, se n’è fujuto ‘a parte ‘e ccà! (Lo nota) Ah, ti ho trovato!

Colomba: Signor Gino, ma che state cumbinanno? 

Gino:        Onorevole, è inutile che parlate, pecché nun ve sento proprio! E mò facìteme

                  fernì ‘e vattere a ‘stu Aziz.

Luciana:   (Lo mantiene) No, no, Gino, nun ‘o fa’ male cchiù.

Colomba: Signor Gino, voi già mi avete rovinato le elezioni. Non mi rovinate pure l’amore!

Gino:        Comme?

Luciana:   Ha ditto... E lievete ‘nu sicondo ‘sti ccuffie! (Gliele sposta) Dunque, ha ditto...

Gino:        Nun me ne ‘mporta niente ‘e che ha ditto. Io aggia penzà a vattere a chisto.

Aziz:         Ah, sì? Embé, io me ne vado. Ma vi lascio il mio orologio a pendolo.

Gino:        E chillo nun ce sta cchiù ‘o rilor... (Lo nota) Che? Ce sta ‘n’ata vota?

Luciana:   Oh, no, e guarde ‘ncoppa ‘o tavule: ce sta pure ‘o prufumo!

Aziz:         Bene! E allora ascoltatemi bene: dalla mezzanotte di oggi in poi, ogni cosa che

                  farete o penserete, la farete al contrario. (Fa uno schiocco di dita) Avete capito?

Gino:        Ma va’ fa’...!

                  Lo afferra e lo porta fuori casa. Gli altri li seguono esultanti, Colomba protesta.

Colomba: No, lassate sta’ all’ammore mio!

FINE ATTO SECONDO

            Il lunedì successivo: la febbre è passata a tutti. Sono spariti l’orologio e la bottiglia di profumo. Però da qualche giorno, in casa Secondo, si pensa una cosa e si fa l’opposto!

ATTO TERZO

1. [Gino e Luciana. Poi Franco e Lia]

                 Gino e Luciana sono a tavola e pranzano in silenzio. Lui comincia a parlare.

Gino:       Lucià.

Luciana: Che d’è?

Gino:       So’ quatte juorne che nun dice ‘na parola. Tu me faje sempe ‘na capa tanta!

Luciana: E’ meglio che nun parlo. ‘A quanno se n’è gghiuto Aziz, ‘int’’a ‘sta casa stamme

                 dicenno e stamme facenno ‘e ccose tutt’’o cuntrario, comme ha ditto isso.

Gino:       E già. Io, per esempio, aiére me vulévo magnà ‘na banana. E invece m’aggio

                 magnato tutta ‘a frutta ‘int’’o frigorifero, tranne ‘a banana! Mò sta ancora là! E

                 nun m’’a riesco a magnà!

Luciana: E invece ‘o ssaje ch’aggio fatto io? Stevo ammunnanno ‘e ppatane! Però aggio

                 miso ‘e scorze ‘int’’a pentola e aggio ittato ‘e ppatane ‘int’’a munnezza!

Gino:       Famme capì ‘na cosa, ma allora nuje oggie ce simme magnate scorze ‘e patane?

Luciana: Esattamente. Ma pecché, tu nun te n’he’ addunato proprio?

Gino:       No, pecché io mò tengo ‘a famme ‘o cuntrario: ‘a rrobba che fa schifo, dico ch’è

                 bona, e ‘a rrobba ch’è bona, dico che fa schifo!

Luciana: E io faccio ‘e servizie tutto ‘o cuntrario: invece ‘e pulezzà, vaco spurcanno!

Gino:       Però che cosa strana: nuje amme fatto ‘stu pranzo accummincianno primma d’’a

                 frutta, po’ ce simme magnato ‘o sicondo e infine mò ce magnàmme ‘o primmo! 

Luciana: Embé, vulésse tanto achiappà a chill’Aziz. Chi sa addò se n’è gghiuto?

Gino:       Aggio mannato pure a Primo in perlustrazione, ma ancora ha da turnà.

Luciana: E intanto, ‘a colpa ‘e tutto chesto è sulamente toja. Tu nun l’aviva caccià, a Aziz.

                 Gli davi qualche cosa di soldi, e quello si convinceva ad andaresene. No?   

Gino:       Vabbuò, va’, pàsseme ‘o ppane.

Luciana: Sì, pienze ‘o ppane, tu! Io vulésse tanto a cocche perzona pe’ me sfugà ‘nu poco.

                 Dalla comune (al centro) entrano Franco e Lia.

Franco:   Buongiorno a tutti. Come state?

Luciana: ‘Na schifezza!

Franco:   Che bello!

Gino:       Ma mò ‘o sputo in occhio, a chisto! (Si alza in piedi) Franco, pecché si’ venuto?

Franco:   Io e Lia ve simme venute a truva’.

Gino:       (Gentile) E nun era proprio ‘o caso. A nuje nun ce fa proprio piacere ‘e ve vedé.

Lia:          E pure a nuje. Anze, nuje ce sfastriamme proprio!

Luciana: (Si alza in piedi) E nun ce ate purtato manco ‘nu poco ‘e zucchero ‘e ccafé!

Gino:       Ma comme, se vanne a truvà ‘e ggente cu’ ‘e mmane appese?

Franco:   E se capisce. Anze, io e Lia amme deciso proprio ‘e magnà ccà cu’ vuje.

Gino:       No, ma nun è ‘o caso. Turnatavenne ‘a casa vosta.

Franco:   Ma nuje, si nun ce stamme ccà, ce pigliamme collera!

Luciana: Uhé, ja’, ascitevenne, tutt’e dduje, che nuje ce amma magnà ancora ‘o primmo!

Lia:          E ce ‘o magnamme pure nuje. Vieni, Franco, sediamoci sul divanetto. Gino,

                 Luciana, assettateve pure vuje. Parlamme ‘nu poco.

                 Così fanno. Gino e Luciana, rassegnati, prendono due sedie e vi si accostano.

Franco:   E allora, Gino, è passato ‘o maleficio ch’Aziz ha menato ‘int’a ‘sta casa?

Gino:       Ma qualu maleficio? Chillo ce ha sulo ipnotizzato. E così, noi nove che eravamo

                 in questa casa la sera che l’ho cacciato via, adesso facciamo le cose al contrario.

Franco:   Infatti, pure noi. Ma l’orologio e il profumo dove stanno?

Luciana: ‘E ttene Primo. Gli servono per cercare Aziz.  

Franco:   A proposito, io e la qui presente Lia Sciacquone abbiamo deciso di sposarci.

Luciana: Ah, sì? E se capisce! Chella è stata ipnotizzata pure essa ‘a Aziz!

Lia:         Appunto, pe’ colpa vosta, m’aggia spusà a chisto! Ma po’, che ce azzecco io?

Luciana: Pe’ colpa nosta? Sentite, signorina Sciacquetta...!

Lia:         No, Sciacquone.

Gino:       E già, Lucià, chesta sarrà pure ‘na sciacquetta, però se chiamma Sciacquone!

Lia:         Uhé, sciacquetta a me?

Franco:   Ma no, Lia, nun t’’a piglià. Quelli si sono imbrogliati. E’ vero, Luciana?

Luciana: No! E comunque volevo dire che se in questa casa sta succedendo tutto questo,

                 non è colpa nostra, ma di mio marito.

Gino:       ‘N’ata vota?

Franco:   Ma no, Lucià, lass’’o sta’, a Gino. ‘A colpa nun è ‘a soja. E’ ‘e Aziz.

Lia:         E vabbuò. Allora mò me vulesse ì a lava’ ‘nu poco ‘e mmane ‘int’’o bagno.

Gino:      ‘O vero? Ma allora nun ve ne vulite proprio ì? Ve vulite sta’ afforza ccà?

Franco:   Sì, abbiamo deciso. Ja’, Lia, jammece a lava’ ‘e mmane.

                I quattro si alzano in piedi.

Gino:      Ma no, ja’, jatevenne.

Lia:         No, ma nuje ce vulimme sta’ ccà.

Luciana: Ma è tarde.

Franco:   E nun fa niente!

                Così i quattro si avviano a destra sempre continuando a discutere. Poi escono. 

2. [Primo e Aldo]

                Dalla comune entrano Primo e Aldo.

Primo:    Niente, nun l’aggio truvato ‘a nisciuna parte. Si è volati… volati… volantinaggio!

Aldo:      (Accento torrese) Vabbuò, dicimme ch’è sparàito!

Primo:    No, nun è “sparàito”, è sparito!

Aldo:      E io che ho detto?! Siente, ma tu si’ gghiuto a vedé ‘int’’a vàilla comunàile?

Primo:    ‘A “vàilla comunàile”? Traduci!

Aldo:      Sei stato nella villa comunale? ‘O mercato d’’e ppòulce!

Primo:    E ce so’ stato. Gli altri ambulanti hanno detto che se n’è andato in altri mercati.

Aldo:      Embé, e pecché nun si’ gghiuto a vedé ‘int’’e mercatàini?

Primo:    Addò aggia ì a vedé?

Aldo:      ‘Int’’e mercatàini: Poggioreàile, San Sebastiàino, San Giòirgio a Cremàino…!

Primo:    Ah, ma tu vuoi dire i mercatini? E ci sono stato. Però non ci stava.

Aldo:      Speramme che nun è partuto p’’o paese suojo. A me m’ha da scetà, io nun pozzo

                cchiù sta’ accussì, ipnotizzàito.

Primo:    Aldo, io so’ quatte juorne che sto’ durmenno pe’ terra. E so’ quatte juorne che sto’                   

                facenno ‘a dieta. E so’ pure quatte juorne che nun vaco ‘int’’o bagno.

Aldo:       L’atto piccolo?

Primo:    No, l’atto grande. Anzi, grandissimo! Tengo ‘a centrale nucleare ‘int’’a panza!

Aldo:       E io sto’ peggio ‘e te: tu lo sai, io non sono sposato e così vado sempre dietro alle

                donne. Embé, da quattro giorni... sto’ gghienno appriesso all’uommene!

Primo:    ‘O vero? E allora fatte allà! A me nun me guardà proprio!

Aldo:       Tranquillo, non sei il mio tipo! E intanto m’hanna turnà a piacé ‘e ffàemmene! A

                me mi piace una tizia che ho conosciuto qua sopra quando ho avuto la febbre.

Primo:    E chi è?

Aldo:      L’onorevole Colomba Pasquale.

Primo:    (Sorpreso) Che?

Aldo:      Sì, Primo. E’ lei la donna che mi farà scoprire di nuovo la passione per le donne!

Primo:    Aldo, ma che te piace ‘e chella?  

Aldo:      Uhé, nun parlà malamente ‘a Colomba! He’ capaì?!

Primo:    E che ti devo dire? Se mi aiuti a cercare Aziz, io ti aiuto con l’onorevole. Ci stai?

Aldo:      Ma me staje dicenno ‘na buciàia?... (Poi traduce) Una bugia?

Primo:    No, no. Anzi. Tu lo sai, quella è diventata molto amica di Nella, la mia ragazza. E

                con il suo aiuto, l’onorevole cadrà tra le tue braccia.

Aldo:      E a chi stamme aspettanno? Jamme subito a cercà a chillu fetente ‘e Azàiz!

                Afferra per il braccio Primo e se lo tira verso l’uscita.

Primo:    Uhé, chianu chiano, io sto’ stanco!

Aldo:      Ma che chianu chiano? Nuje amma cercà a Azàiz!

                E se lo tira via fuori casa.

3. [Gino, Luciana e Aziz. Poi Franco e Lia]

                 Da sinistra entrano Gino e Luciana. Stanno litigando.

Luciana: Disgraziato, disgraziatone, disgraziatissìmo, “disgraziatissìmissìmissìmo”...!

Gino:       Lucià, ma che vvuo’ ‘a me? Ch’aggia fa’? Po’ essere pure ch’Aziz se n’è partuto.

Luciana: E allora fa’ ‘na cosa: miettete ‘ncoppa all’aereo e parte p’’o paese suojo.

Gino:       E io avessa ì in Arabia? E addò m’’o metto a cercà? ‘Int’’o deserto?

Luciana: (Va a sedersi sul lato destro del divanetto, seccata) Ma comme si’ sfastriuso!

Gino:       (Va da lei) Lucià, ma chella, l’Arabia, mica è ‘nu paisiello? (Le siede accanto   

                 alla sua destra) Chillo è cchiù gruosso ‘e Cercola, Volla e Somma mise ‘nzieme!

Luciana: E intanto vulesse che trasesse ‘n’ata vota ‘a chella porta. T’’o ricuorde quanno

                 traseva? Diceva sempe chella frase. Aspié, comm’era?

                 E dalla comune entra proprio Aziz dicendo la sua famosa frase. 

Aziz:        “Allah, accà... Allah, accà”!

Luciana: (Pensa l’abbia detta Gino) Bravo, Gino, diceva proprio così, come hai detto tu!

Gino:       Néh, ma chi ha parlato?

Luciana: Nun he’ parlato tu? E si nun he’ parlato tu, chi ha parlato?

Aziz:        Il vostro Aziz Ammock Abdullah Mohammed!

Gino:       (Si alza in piedi e va da lui) Ah, tu staje ccà?

Luciana: (Si alza in piedi e va da loro) Menu male, finalmente t’amme truvato. 

Aziz:        Aziz è come il genio della lampada: quando viene cercato, lui compare.

Luciana: (Frenetica) E allora va’, Gino, parle, dincello, allucca, arape ‘a vocca, esprimiti...!

Gino:       (Spazientito) Oh, e te staje zitta? Aggio capito ch’aggia parlà cu’ chisto. E mò ce

                 parlo. (Però timido) Niente, Aziz, volevo dirti che... non so da dove cominciare...

Luciana: E no, Gino, nun se parle accussì. He’ ‘a essere cchiù tuosto.

Gino:      (Più deciso) Ehm... senti, Aziz...

Luciana: No, nun me piace. Più duro, più duro!

Gino:      Più duro? E vabbuò. (Ancora più deciso) Senti, Aziz...

Luciana: No, ‘ncasa ‘a mana, ‘ncasa ‘a mana!

Gino:      (Spazientito) Néh, Lucià, ma pecché nun ce parle tu, cu’ chisto?

Luciana: E io nun tengo ‘o curaggio. Tu si’ cchiù bravo ‘e me.

Gino:      E vabbuò. E allora, Aziz, noi volevamo dire che tu ci devi svegliare dall’ipnosi.

Luciana: Bravo, Gino. E mò dicce pure quatte male parole.

Gino:      Ehm... cretino, deficiente, stupido!

Luciana: No, ce n’he’ ditte tre! Comunque va buono ‘o stesso. E mò l’he’ ‘a vattere!

Gino:      No, nun ‘o pozzo vattere.

Luciana: E invece l’he’ ‘a vattere. Miettele doje dete ‘ncanna e dalle ‘na capata ‘nfaccia!

Gino:      (Spazientito) Oh, e basta! Vattenne ‘int’’a cucina, o si no t’’a dongo a te, ‘na

                capata ‘nfaccia!

Luciana: (Intimorita) E va bene, basta chiedere! Cià, Gino. Con permesso, Aziz.

                Va subito a sinistra.

Aziz:       E allora, Gino, che stavi dicendo? (E si siede sul divanetto)

Gino:      E mò t’’o ddico. (Gli siede accanto) Vedi, Aziz, quattro giorni fa tu ci hai menato

                una “jastemma”. E da allora, noi stiamo facendo le ccose tutto ‘o cuntrario. Pensa,

                io stanotte ho dormito vestuto… e stammatina so’ gghiuto a faticà cu’ ‘o piggiama

                ‘ncuollo e ‘e scarpune ‘o pede! E non sta bene. Tu ci devi liberare. Ce he’ ‘a scetà.

Aziz:       Ah, e perche’ non me l’hai chiesto prima? (Batte due volte le mani) Ecco qua.

Gino:      E che m’he’ fatto, l’applauso?

Aziz:       No, ti ho svegliato.

Gino:      Ma allora, pe’ scetà ‘e ggente ipnotizzate, abbastava sbattere doje vote ‘e mmane?

Aziz:       Proprio così.

Gino:      Mannaggia ‘a capa toja, che ce he’ fatte passà! Adesso però sveglia pure gli altri.

Aziz:       Lo puoi fare pure tu tranquillamente.

Gino:      Io? Ma io non tengo i tuoi poteri.

Aziz:       Quali poteri? E’ tutto un fatto psicologico. Un’illusione.

Gino:      E pure ‘o prufumo era tutto ‘nu fatto psicologico? E ‘o rilorgio?

Aziz:       Il profumo è solo un’essenza agli estratti di marijuana. L’orologio, come ti ho già

                spiegato, ha un suono ipnotico.

Gino:      Sì, però pecché sunava sempe quanno uno ‘e nuje parlava malamente ‘e te?

Aziz:       L’orologio suonava ogni cinque minuti, pecché era scassato! E giacché parlavate   

                spesso male di me, sembrava che lui vi ascoltasse e intervenisse per tutelarmi.  

Gino:      Che? Ma allora nun è ‘o vero che tu tiene ‘o potere ‘e ipnotizzà ‘e ggente?

Aziz:       Sì, è vero, ma non è un potere, è solo abilità. E voi siete facilmente condizionabili.  

Gino:      (Si alza minaccioso) E tu he’ architettato tutto chesto pe’ ffa’ fesso a me?

Aziz:       (Si alza pure lui intimorito) Ehm... no, ma che dici?

Gino:      Ma allora, mò ch’aggio scuperto ‘a verità, te pozzo pure rompere ‘a capa!

Aziz:       Gino, Ginuccio, Ginocchio, fai il bravo!

Gino:      E famme capì ‘na cosa: ma pecché he’ fatto tutto chesto?

Aziz:       Per rimanere in casa tua. E sì, voi siete gli unici amici sinceri che mi sono rimasti.

Gino:      Amici sinceri? Quali amici? Chi ti conosce? Se vuoi venirci a trovare ogni tanto,

                puòrte ‘a butteglia ‘e liquore e noi ti accettiamo. Però senza ipnotizzarci!

Aziz:          (Deluso) E allora ho sbagliato tutto. Me ne vado per sempre. Addio Gino.

Gino:         Ma no, aspiette, addò te ne vaje, mò?

Aziz:          Me ne vado. Che ci resto a fare in questa casa? Voi non mi volete.

                   Ed esce via a testa bassa.  

Gino:         Lucianaaaa!

                   Da sinistra torna Luciana che aspetta la lieta novella.

Luciana:   Se n’è gghiuto, se n’è gghiuto?

Gino:         Sì, se n’è gghiuto.

Luciana:   E t’ha scetato, t’ha scetato?

Gino:         Sì, e m’ha ‘mparato pure comme t’aggia scetà a te e a tutte quante.

Luciana:   (Felice) E allora amma brindà!  (Chiama) Franco! Sciacquetta!

                   Da sinistra entrano Franco e Lia.

Lia:           Me chiammo Sciacquone! Facciamo così: chiamatemi Lia.

Franco:     Vabbuò, ja’, ch’è succieso?

Luciana:   (Non sta nella pelle) Se n’è gghiuto, se n’è gghiuto pe’ sempe.

Lia:           (Felice) E vai!

Franco:     Eh, aspettate, che ffacite a ffa’ tutta ‘sta mmuina? Nuje simme ancora

                   ipnotizzati. E si chillo se n’è gghiuto, chi ce sceta a nuje?

Luciana:   Mò ce sceta Gino. E’ ‘o vero, ammore mio?

Gino:         Ma quanno maje m’he’ chiammato ammore mio, tu?!

Luciana:   E te vuo’ movere? Tu me pare che te si’ addurmuto proprio!

Gino:         Embé, m’he’ credere, a te nun te scetasse maje cchiù! (Batte due volte le mani)

Luciana:   E allora? Io me sento tale e quale a primma.

Gino:         E che te penzave? Io t’aggio sulo scetata, nun t’aggio cagnato ‘e connotati!

Franco:     (Felice) Ua’, Lia, che bellezza, me so’ scetato. Mò nun t’aggia spusà cchiù!

Lia:           ‘E che cunsulazione!

Luciana:   Franco, Lia, vulite cenà ccà?

Lia:           No, te ringrazio cu’ tutto ‘o core, ma s’è fatto tarde.

Franco:     E ppo’ vuje già avite magnato.

Luciana:   E che ffa? Ja’, venite, me fa piacere si ve state ccà.

Lia:           E vabbuò, Franco, che ce sta ‘e male?

Franco:     E allora accettiamo. Tu si’ cuntento, Gino?

Gino:         No!

Luciana:   E ‘a chi ‘o vvuo’? Uhé, jamme ‘int’’a cucina. Accussì ce facimme doje purpette!

                  I tre vanno via a sinistra. Gino appare perturbato.

Gino:        ‘A verità? Primma ero cchiù felice ch’Aziz se n’era juto. Mò me sento comme si

                  dint’a ‘sta casa ce mancasse coccosa. He’ visto? Luciana, Franco e Lia, se ne so’

                  gghiute ‘int’’a cucina e nun m’hanne penzato proprio. E gli altri, poi? Fanne sulo

                  ‘e fatte lloro. L’unico che mi ha parlato di amicizia, è Aziz. E mò se n’è gghiuto.

                  E esce via a destra intristito.

4. [Colomba e Primo. Infine Nella e Patty]

                  Dalla comune entra Colomba, vestita da sembrare una barbona. E’ arrabbiata.

Colomba: Addò sta ‘o signor Gino? L’aggia fa’ ‘na cazziata numero uno! Pe’ colpa soja

                  sto’ ascenno pazza: faccio ‘e ccose tutto ‘o cuntrario! (Va a sedersi sul divanetto)

                  Niente di meno ca io aggio perzo l’elezione, e ‘o fatto strano è che so’ cuntenta!

                  E si mette imbronciata. Dalla comune entra Primo.

Primo:      (Meno male, Aldo lo sta cercando lui, a Aziz. Speramme ch’’o trova. E mò aggia

                  truva’ assolutamente all’onorevole. Già, ma chi sa addò sta chella?!).

                  Va verso il divanetto e nota Colomba, ma non la riconosce.

                  (E chi è chesta?). Chiedo scusa, ma tu che vuoi in questa casa? Ah, ho capito: sei

                  una profuga albanese. Adesso ti dò 20 centesimi! (Si fruga nelle tasche)

Colomba: Néh, Primo, ma tu che staje dicenno?

Primo:      Ma perché, ci conosciamo?

Colomba: E se capisce. Io so’ ll’onorevole Colomba Pasquale.

Primo:      (Sorpreso) Che? Site vuje, onorevole? E ch’ate fatto? Vuje parite ‘n’ata perzona!

Colomba: E già. Pe’ colpa ‘e st’elezione, aggio juta a ffernì a mare cu’ tutt’’e panne!

Primo:      Ah, e allora picciò v’ate cagnato ‘e vestite: s’hanne ‘nfuse tutte quante!

Colomba: Ma no. Quello è un modo di dire. Ho speso tutti i miei soldi, però ho perso le

                  elezioni. E sai qual è la cosa assurda? Che sono felice di averle perse!

Primo:      Aspettate, onoré, mò m’’isseva fa’ capì coccosa.

Colomba: E che ce sta ‘a capì? Io sono una delle vittime di Aziz. Anzi, no, di tuo padre. Ha

                  pagato Aziz per farmi perdere le elezioni. (Imbronciata, si volta dall’altra parte)

Primo:      (Si allontana un po’ da lei) (Ma tu vide a chesta! A proposito, io ce aggia parlà

                  ‘e Aldo Aquila. E allora famme penzà che ll’aggia dicere, a chesta!). (Riflette)

Colomba: (Tra sé e sé, triste) (Vulesse vedé ‘n’ata vota a Aziz, la mia “aquila” araba!).

Primo:      Ho trovato! (Le si avvicina) Ehm... onorevole, io vi devo parlare un momento.

Colomba: Sì, ti ascolto.

Primo:      In questo momento, il vostro cuore com’è?

Colomba: Ma che d’è? Mò t’he’ miso a ffa’ ‘o cardiologo?

Primo:      Cu’ ‘a terza elementare? No, io dicevo... insomma... beh... voi siete fidanzata?

Colomba: No, e nemmeno sposata.  

Primo:      Benissimo! E allora per voi c’è una sorpresa: un’Aquila!

Colomba: L’”aquila”? Ed è proprio quello che sto cercando. Voglio essere la sua Colomba!

Primo:      (Sorpreso) ‘O vero? Lo state già cercando? E allora è vostro: aggiudicato!

Colomba: Eh, aggio vinciuto l’asta!... Senti, ma quello, appena mi ha visto, se n’è scappato.

Primo:      Ma quello è un poco timido. L’ho visto io una decina di minuti fa.

Colomba: Io invece non lo vedo da quattro giorni. E allora portamelo, ti prego!

Primo:      Tranquilla, non vi muovete da qua, io vado, l’acchiappo e torno! Con permesso.

                  Corre via fuori casa. Colomba si alza: non sta nella pelle.

Colomba: Marò, finalmente se realizza ‘o suonno mio: avrò la mia “aquila” araba!

                  Si avvicina alla comune per guardare di fuori. Da lì entrano Nella e Patty.

Nella:        Permesso, scusate! (Poi riconosce Colomba) Ma… ma… Colomba!

Colomba: Già, songh’io.

Patty:        E che ti è successo? Come mai ti sei vestita così?

Colomba: E’ meglio che nun v’’o ddico.

Nella:        Noi invece stiamo proprio inguaiate. Pensiamo e facciamo le cose al contrario.

Colomba: E pur’io. Penzate, che quanno so’ gghiuta a vutà, ‘ncoppa ‘a scheda, invece ‘e

                  scrivere ‘o nomme mio, aggio scritto ‘o nomme ‘e ll’avversario mio!

Patty:        E vabbé, non fa niente. Nun te piglià collera. Anzi, io e Nella stavamo pensando

                  a qualcosa di bello per te.

Nella:        E lo sai come si chiama questo qualcosa? Aziz.

Colomba: Ma se la mia aquila araba mi vede così combinata, nun me penza proprio!

Nella:        E noi che ci stiamo a fare? Io abito di fronte. Vieni, ti aggiustiamo noi.

Colomba: Me vulite vattere?

Nella:        No, ti rendiamo attraente. (La nota bene) Ma dove sono i tuoi vestiti?

Colomba: Me l’aggio vennute pe’ m’accattà ‘nu panino.

Nella:        E nun te prioccupà, Aziz mò addiventa ricco. Tu faje ‘n’affare cu’ isso.

Patty:        Uhé, mò nun ce perdimme in chiacchiere. Jamme, che ppo’ amma cercà a Aziz.

                  Le tre escono di casa velocemente.

5. [Gino e poi Franco. Infine Luciana e Lia]

                  Da destra entra Gino.

Gino:        Mannaggia ‘a miseria! Comme me turmenta ‘o penziero ch’Aziz se n’è gghiuto.

                  Ma perché non entri da quella porta? Perché?

                  E invece entra Aldo.

Aldo:        Uhé, Giàino!

Gino:        Eh, invece ‘e trasì ‘n’arabo, è trasuto ‘nu turrese! Sempe straniero è!

Aldo:        (Avvicinandosì) Che se dàice?!

Gino:        Comme?

Aldo:        Che se dàice?!

Gino:        Che d’è ‘stu “che se dàice”? Che vvuo’ ‘a me?

Aldo:        Lasse sta’. Niente. A proposito, e Azàiz?

Gino:        Azàiz… comme ‘o chiamme tu, se n’è gghiuto. Saje ‘e che bellu dialogo ve

                  facìsseve tu e isso?! A proposito, ma mio figlio Primo? Nun steva cu’ te?

Aldo:        E infatte, a Azàiz ‘o stamme cercanno io e Pràimo!

Gino:        Uh, e cercatelo, cercatelo. Fai presto, tuorne ‘nmiezo ‘a vàia!

Aldo:        Si dice: ‘nmiezo ‘a via!

Gino:        Mannaggia a te, me staje ‘mmiscanno pure a me! Va’, vattenne!

Aldo:        E allora ce vedimme stasàira!

Gino:        Ma va’ fa’ ‘ngòulo!

                  Aldo esce e Gino si passa una mano tra i capelli. Fa una riflessione.

                  E si io jesse a cercà, a Aziz? In fondo, che me ne ‘mporta che Luciana nun ‘o

                  vo’? Qua dentro sono io il capofamiglia. Intanto, se io vedessi a Aziz, gli direi...

                  Da sinistra entra Franco a pancia piena e soddisfatto.

Franco:    Ah, che belli ppurpette ha fatto Luciana!

Gino:       (Ripete) Ah, che belli purpette ha fatto Lucian... (Nota Franco) Ma te staje zitto?

Franco:   (Sorpreso) Pecché?

Gino:       Pecché tu nun me puo’ cagnà ‘e penziere mie bell’e buono!

Franco:   ‘E penziere tuoje? Ma si’ sicuro ch’Aziz t’ha scetato overamente?

Gino:       E infatte stongo parlanno proprio ‘e isso. Lui deve rimanere in questa casa.

Franco:   Ah, ma allora aggio raggione: chillo nun t’ha scetato, t’ha scemuluto cchiù assaje!

Gino:       No, Franco, io so’ scetato… e vegeto!

Franco:   E che ce azzecca vegeto?

Gino:       Nun ‘o ssaccio. Però io, quanno primma aggio visto a Aziz, aggio capito ‘na cosa.

Franco:   Cioè?

Gino:       Che devo essere più calmo. Più tollerante. Più zeloso!

Franco:   Zelante!

Gino:       Esatto! Devo essere più capiente!

Franco:   Ma che ssi’, ‘nu buccaccio pe’ ll’aulìve? Insomma, Aziz è diventato amico tuo?

Gino:      Sì. Quello non voleva andarsene più da casa mia perché ci considerava amici.

Franco:  (Lo prende in giro) Battilocchio! Chillo te vuleva fa’ fesso!

Gino:      Me vuleva fa’ fesso? A me? Macché? Ci vuole ben altro. Mi capisci?

Franco:  E vabbuò. M’he’ cunvinto. Anche se io non farei come te. Vieni, scendiamo.

Gino:      Siente, Franco, io te ringrazio. Ma si tu nun vuo’, nun fa niente.

Franco:  Stattu zitto e viene ‘nzieme a me.

                I due escono fuori casa. Da sìnistra entrano Lia e Luciana.

Lia:         Siente, Lucià, comme so’ buone chelli ppurpette. Ma comme l’he’ fatte? 

Luciana: Uh, Giesù, e secondo te? Cu’ ‘a carne macenata e ‘e mmulliche ‘e pane!

Lia:         Brava, biata a te che saje fa’ tutte ‘sti ccose. Io invece nun saccio proprio cucenà.

Luciana: E comme t’’o spuse a Franco? Guarde, che chillo è ‘na bona furchetta!

Lia:         E vabbé, allora vorrà dire che fino a quando non imparo, ce ne veniamo qua da te!

Luciana: Mò faje comm’e Aziz?

Lia:         A proposito di Aziz: hai notato una cosa? Prima, Gino teneva una faccia strana.

                Sembrava pentito di aver cacciato Aziz. Tu che ne pensì?  

Luciana: Pe’ carità! Aziz se n’’eva ì e basta. In quanto a Gino, chillo è fatto accussì. Si  

                fosse p’isso, ccà ‘ncoppa se purtasse a tutt’’e barbune ‘e miezo ‘a via!

Lia:         Tiene proprio un grande cuore, tuo marito. Al contrario di te.

Luciana: (Sfidata) E invece ti sbagli. Pure io tengo un gran cuore. Vuo’ vedé?

Lia:         Vorresti andare a cercare a Aziz?

Luciana: Sì. Accussì faccio cuntento a mio marito. (Poi, dubbiosa) Che dici, faccio male?

Lia:         No, anzi, vengo pure io con te. Andiamo a cercarlo.

Luciana: Ah, grazie. Allora mò me metto ‘e scarpe e scennìmme.

Lia:         Però amma fa’ ambresso.

Luciana: Sì, sì, sì.

                Le due escono a destra.

Scena Ultima. [Primo e Aldo. Poi Nella, Patty e Colomba. Infine Aziz, Luciana, Lia e Gino]

                Dalla comune entra Primo che si tracina Aldo.

Primo:    Muòvete, Aldo, l’onorevole te sta aspettanno ccà ddinto.

Aldo:      (Accento torrese) ‘O vero? E addò sta? Io nun veco a nisciòuno.

Primo:    Oh, e addò se n’è gghiuta, chella scema?

Aldo:      Uhé, nun ‘a chiammà scema.

Primo:    No, ma io non la volevo offendere. Tu hai travasato le mie parole!

Aldo:      Eh, aggio travasato ‘o vàino! Si dice “travisato”!

Primo:    E vabbuò. Siente, secondo me l’onorevole ha da sta ancora ccà ddinto. (E guarda

                in alto, come per cercare un insetto)

Aldo:      (Fa altrettanto) Néh, Pràimo, ma a chi staje cercanno?

Primo:    L’onorevole?

Aldo:      E ‘a staje cercanno ‘ncielo? Ma che d’è, ‘na màosca?! ‘Na vàespa?!

Primo:    No, io mi stavo ispirando.

Aldo:      Siente, ma almeno he’ parlato cu’ essa?

Primo:    Sì. Ha detto che le interessi. Chella t’ha chiammato pure Aquila.

Aldo:      Ma Aquila è ‘o cugnomme mio!

Primo:    Ah, già. Siente, jamme a vedé si sta dint’’a cucina. Po’ essere che ha ‘ncuntrato a

                   mammà e s’è mmisa a parlà cu’ essa.

Aldo:         E sì, po’ essere pure. Sìente ‘na cosa: ma secondo te sono presentabile?

Primo:      No! Però jamme ‘o stesso!

                  Se lo tira a sinistra. Da destra tornano Lia e Luciana, che ha messo le scarpe.

Luciana:   Jammuncenne, so’ pronta.

Lia:           Aspiette, primma ‘e scennere, ce vuo’ lascià ‘na lettera a Gino?

Luciana:   Ma te pare ‘o mumento ‘e scrivere ‘na lettera ‘e saluti a Gino? Lo saluto dopo.

Lia:           Ma qualo saluti? Tu l’he’ ‘a dicere che si’ scesa ‘nu mumento.

Luciana:   No, no, nun ce dico niente.

Lia:           E nun ce ‘o ddicere. Ja’, ce ne vulimm’ì?

Luciana:   Aspié, Lia, aggia ‘int’’a cucina. Vulesse mettere ‘a frìjere duje puparuole!

Lia:           Mò accummience cu’ ‘e puparuole? Chillo Aziz nun t’aspetta cchiù.

Luciana:   E che ce metto, duje minute?

Lia:           E gghiamme, ja’. Però muoviti.

                  Le due escono a sinistra. Dalla comune entrano Nella e Patty.

Nella:        Eccoci qua, non ci ha viste nessuno.

Patty:        E vabbuò, allora facimme trasì a Colomba.

Nella:        Ehm... Colomba, puoi entrare. Vola!

                  Dalla comune entra Colomba, in tailleur, cappellino elegante e occhiali da sole.

Colomba: (Pare timida) Ehm... c’è nessuno?

Patty:        Sì, ce stamme nuje. Nun vide?

Colomba: Sentite, non è che me ne posso andare?

Nella:        Addò vuo’ ì? Te ne vuoi andare sul più bello?

Patty:        E già. Adesso dobbiamo cercare Aziz.

Colomba: Sì, ma dove sta?

Patty:        Il signor Gino lo sa sicuramente. Adesso andiamo da lui in cucina e ce lo dirà.

Colomba: Va bene. Ah, sentite, volevo dirvi una cosa: grazie ancora.

Nella:        Nun fa niente, nun ce ringrazià. Ja’, muòvete.

                  E vanno a destra. Dalla comune entra Aziz con un sacco vuoto in mano.

Aziz:         Voi non mi volete in questa casa? E io vi rubo tutti i gioielli preziosi e poi me li

                  vendo. (Sente passi da destra) Sento dei passi. E mò addò m’annasconno?

                  Esce di casa. Da destra tornano Luciana e Lia.

Luciana:   Ecco qua, ho fatto.

Lia:           Ja’, allora mò si’ pronta? Ce ne putimm’ì?

Luciana:   Sì, sì, però primma aggia fa’ ‘nu mumento ‘na cosa.

Lia:           (Seccata) E gghià, che he’ ‘a fa’ mò?

Luciana:   Aggia ì ‘int’’a stanzetta ‘e Primo. Ce aggia fa’ ‘nu mumento ‘o lietto.

Lia:           E proprio mò ce l’he’ ‘a fa’?

Luciana:   E pare brutto. Si vene ‘a ‘nammurata, chella se penza che Primo tene ‘na

                  mamma sciauràta!

Lia:           (Ironica) No, pare brutto overamente!

Luciana:   E allora viene pure tu, Lia. Damme ‘na mana, accussì facimme cchiù ambresso!

Lia:           (Rassegnata) E gghiamme a ffa’ pure ‘o lietto ‘e Primo!

                  Le due escono a sìnistra. Dalla comune torna Aziz.

Aziz:         Bene! Chisto è ‘o mumento buono. Hanno lasciato la camera da letto incustodita.

                  Allora vado, rubo e scappo col malloppo!

                  E corre  via a destra. Dalla comune entra Gino. Sembra triste.

Gino:         Niente, Aziz nun s’è truvato cchiù. E allora è partuto. E nun fa niente. Forse è

                   meglio accussì. Mò me vaco a ffa’ duje minute ‘e suonno ‘ncoppa ‘o lietto mio!

                  Va a destra. Da sinistra tornano Aldo, Primo, Nella, Colomba e Patty.

Primo:       Onorevole, e comme state elegante!

Aldo:         ‘A faccia d’’o baiccalà!

Patty:        Sì, vabbuò, mò levàteve ‘a tuorno.

Nella:        Nuje tenimme che ffa’. Nun putimme perdere tiempo cu’ vuje.

Aldo:         E jatevenne, però lassàtece l’onorevole a nuje! Po’ aroppo v’’a venite a piglià!

Colomba: E che m’hanne purtate, ‘a scola?!

Primo:      Onorevole, aspettate, ho una bella notizia per voi: vi ho portato la vostra Aquila!

Colomba: (Osserva) E addò sta?

Primo:      Sta qui vicino a me. Nun ‘o vedite? Aldo, viene annanzo a me.

Aldo:         Sì. (Si mette in posa accanto a lei) Colomba, io voglio vulà ‘nzieme a taé!

Colomba: Cosa?

Aldo:         Colò, viene ‘a casa mia: pigliamme ‘o “tram a muro”, ce spicchiamme annanzo

                  ‘o “tale e quale” e ce sentimme ‘a musica ‘int’’o “zompa e balla”!

Colomba: Ma che vvo’ chisto?

Primo:      E’ l’Aquila che stavate cercando!

Colomba: Chisto? Ma chillo me pare ‘nu gallo spennato!

Aldo:         Gallo spennato a me? Ma “Colombella”, perché mi parli così?

Colomba: E nun me chiammà Colombella! Io voglio solo la mia “aquila” araba: Aziz.

Aldo:         Che? Azàiz?

Primo:      Ma nun po’ essere, ce ha da sta’ ‘nu sbaglio!

Patty:        E invece no, è accussì. Noi l’abbiamo aiutata apposta a prepararsi così.

Aldo:         Néh, ma che m’he’ cumbinato, Pràimo?

Primo:      E io che ne saccio? Hanne fatto tutto cose loro!

Aldo:         Ah, sì? E allora mò vaco a cercà a Azàiz… col mio amico Ciro il “killer”!

Colomba: No, pe’ carità.

Aldo:         E invece sì, teso’, a Ciàiro ‘o killér ll’aggia dicere: “Ciàiro, acciàide a Azàiz!”*.

                  *Tradotto: “Ciro, uccidi a Aziz!”. Ed esce di casa. Colomba pare preoccupata.

Colomba: No, aspié, ma che vvuo’ fa’? Viene ccà.

                  Lo insegue assieme alle altre due che cercano di fermarla.

Nella:        Aspié, Colomba...

Patty:        Tuorne ccà...

                  Ed escono. Primo resta solo. Allarga le braccia dubbioso. 

Primo:      Mah! ‘E che manicomio!

                  Esce pure lui di casa. Da destra tornano Lia e Luciana.

Lia:           E allora, Luciana, amme fernuto, sì o no?

Luciana:   Sì, sì, amme fernuto. Mò ce ne putimm’ì.

Lia:           Oh, menu male. 

                  Le due escono di casa... ma poco dopo Luciana ritorna seguita da Lia.  

Luciana:   Aspié, Lia, m’aggio scurdato e spilà ‘o gabinetto!

Lia:           Ma te staje arricurdanno tutto cose mò?

Luciana:   E che ce vuo’ fa’? Ja’, jamme ‘nu mumento ‘int’’o bagno.

Lia:           (Mantiene la calma a stento) E gghiamme ‘int’’o bagno!

                  Le due si avviano a destra, però Luciana ci ripensa. 

Luciana:   No, aspié.

Lia:         Ch’è stato, mò?

Luciana: Primma ‘e ì ‘int’’o bagno, vogl’ì ‘int’’a cucina a ammunnà doje patane!

Lia:          Pure ‘e ppatane, mò? E vedimme si ‘a quagliamme!

                 Escono a sinistra. Da destra tornano Gino e Aziz (che ha riempito il suo sacco).

Gino:       (Felice) Aziz, amico mio, ma tu stive dint’’a stanza ‘e lietto mia?

Aziz:        (Pentito) Ehm... sì, Gino. Però Aziz Ammok si è pentito.

Gino:       Te si’ pentùto ‘e essere turnato ‘a casa mia?

Aziz:        No, di un’altra cosa. Lo vedi questo sacco? (Glielo mostra)

Gino:       Che ce sta ccà ddinto?

Aziz:        (Pentito) Gioielli e una telecamera.

Gino:       Grazie! Per me?! E miette ccà! (Gli prende il sacco di mano)

Aziz:        No, ma io...

Gino:       No, no, nun parlà. Nun te prioccupà, io lo accetto, questo regalo. Si’ cuntento?

Aziz:        No, ma io...

Gino:       No, no, nun parlà. Nun me ringrazià. Io voglio che tu te staje ccà cu’ me.

Aziz:        No, ma io...

Gino:       Aggio capito, ‘o lietto ‘e Primo è malamente? E nun te prioccupà, ce penzo io.

Aziz:        No, ma io...

Gino:       Aggio capito, tu vuo’ sapé addò se ne va’ a durmì Luciana? Fora ‘a veranda!

Aziz:        No, ma io…

Gino:       No, nun dicere niente! Ho deciso.

Aziz:        (Rassegnato) Come vuoi tu.

                 Da sinistra tornano Luciana e Lia. Si fermano poco dopo la soglia della porta.

Luciana: Jammuncenne, Lia, mò ce ne putimm’ì!

Lia:          Sì, vabbuò. Chi sa mò Aziz addò sta?! Pe’ me già sta in Arabia!

Luciana: (Lo nota accanto a Gino) E invece no! He’ visto, Lia? L’amme truvato!

                 Le due si avvicinano a Gino e Aziz.

                 Uhé, Gino, ma allora è turnato Aziz?

Gino:       Sì, Lucià. Però nun te permettere d’’o caccià.

Luciana: No, e chi ‘o vo’ caccià? Tienatillo cu’ te.

Aziz:        (Eh, m’ha pigliato p’’o cane suojo!).

Lia:          Sei contento, Aziz?

Aziz:        Beh, veramente…

Luciana: E allora mò amma truva’ ‘nu posto p’’o fa’ addurmi ccà cu’ nuje.

Gino:       Ah, io pe’ me già l’aggio truvato.

Luciana: Addò ‘o vuo’ mettere?

Gino:       Lui dormirà nel letto con me.

Le due:    (Sorprese) Che?

Aziz:        (Non si capacita) Tu faresti questo… per Aziz Ammok?

Gino:       Sì, voglio durmì cu’ te. Voglio durmì cu’ Aziz Ammok! Vabbuò? Jammuncenne!

                 Lo prende sottobraccio e se lo porta a destra. Le due si guardano esterrefatte.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno