Tutto s’accomoda

Stampa questo copione

Tutto s’accomoda

Da “A CHE SERVONO QUESTI QUATTRINI” di Armando Curcio

Libero adattamento di francantonio

Personaggi:

SCARAMOUCHE spirito

DON FERDINANDO

DONNA CARMELA

VICENZINO ESPOSITO, nipote di Carmela

EDUARDO PARASCANDOLO, detto Prufessore

CAV. DE SIMONE, padrone di casa di Carmela

DON PEPPINO, sarto

NOTAIO COLASCIONE

DONNA CONCETTA

DONNA NUNZIATINA

DONN’ASSUNTA

RACHELINA, sorella di Don Ferdinando

DONN’ANGELICA, altra sorella di Don Ferdinando

CARLO PALMIERI, strozzino

GAETANO

MARCHETIELLO

ATTO PRIMO

Scena I

SCARAMOUCHE: - Oifronna fronna fròòò…

                    Fronna e limone…

                    Nisciuno nasce mai…

Senza raggione…

Chi arrobba primme o rooooppe…

                    Va carceraaaate…

                    E chi all’inferno vaa…

                    E pecche a peccateeee.

Sti vvite noste…

Comme vanno sperdute                       e mbruglianno…

p’ ‘o munno                               E allora sti vvite

sti vvite noste…                                 sbandate

Comme ll’uocchie d’ ‘a ggente,             e sbattute

‘e pparole sbagliate                     tu ‘e vvide sperdute

stunate                                     p’ ‘o munno:

e vacante,                                        un’ ‘a ccà,

currenno pe’ ll’aria,                     n’ata ‘a llà…

pazzianno

e redenno,

se vanno mmiscanno

ZZOMPA L’AMMARIE’

LL’AMMARIELLE

ZZOMPA ZZOMPA L’AMMARIE’

ZZOMPA L’AMMARIE’

LL’AMMARIELLE

ZZOMPA ZZOMPA L’AMMARIE’

Scena II

CARMELA - (allarmata) Vicenzino corre nu pericolo? Ma ‘e che se tratta?

FERDINANDO - Donna Carme’, io ve parlo chiaro, pecché a mme m’è sempe piaciuto ‘e parla’ chiaro. Vicenzino se sta jucanno na brutta carta.

CARMELA - Ma ch’ha fatto, don Ferdina’?

FERDINANDO - ‘A quacche ghiuorno a chesta parte s’è miso a runzia’ attuorno a Rachilina…

CARMELA - ‘Mbè?

FERDINANDO - Comme, ‘mbè? E ve pare niente, donna Carme’? Ma ve site scurdato ca Rachilina m’è sora?

Scena III

Vicenzino e detti

VICENZINO - (entrando) Bongiorno, don Ferdina’. Zi’ Carme’, bongiorno.

FERDINANDO - (freddo) Bongiorno.

CARMELA - Vicenzi’, ccà ce sta don Ferdinando ca te vuleva parla’ nu poco…

VICENZINO - A mme?

FERDINANDO - Ero venuto pe dicere na cosa…

VICENZINO - Dite pure…

FERDINANDO - Vicenzi’, sono parecchi giorni ca vuie ve site miso a ffa ‘o muschiglione attuorno a Rachilina…

VICENZINO - Don Ferdina’, vi giuro…

FERDINANDO - Non giurate, pecché Ferdinando De Rosa, quanno jetta na carta ‘nterra, è segno ch’ ‘a pò ghitta’… Vicenzi’, io nun pozzo permettere ca dint’ ‘o quartiere ‘a gente se mette a ridere ‘e spalle d’ ‘a famiglia De Rosa…

VICENZINO - Se mette a ridere? E pecché ha da ridere?

FERDINANDO - Comme pecché ha da ridere? Sorema è ‘nnummenata pe’ tutt’ ‘o quartiere pe’ bellezza e p’onestà… È io pozzo permettere ca ‘int’ ‘o quartiere se sparge ‘a nutizia ca sorema fa ammore cu vuie?

VICENZINO - Ma pecché? Che v’ho fatto?

FERDINANDO - Vicenzi’, lassammo correre. Tanto, nuie ce ‘ntennimmo a sische! Sia fatta ‘a vuluntà ‘e Ddio! Io piglio ‘a sora e ‘a cunsegno ‘mmano a Vicenzino Esposito! Overo so’ cose ‘e pazze…

VICENZINO - Don Ferdina’, io nun ve capisco!

FERDINANDO - E mme capisco io! Ma vuie ‘a sapite ‘a famiglia De Rosa che famiglia è?

VICENZINO - Comme, nun ‘a saccio?

CARMELA - (intervenendo) Nuie v’avimmo sempe rispettato e vuluto bene.

FERDINANDO - (a Carmela) Mme dispiace ‘e v’ ‘o ddi’, onna Carmè, ma quann’uno nelle condizioni ‘e Vicenzino se permette ‘e fa ‘o spantecato cu Rachilina, è segno ca stu rispetto nun ‘o tene e nun l’ha tenuto maie…

VICENZINO - Alla fine, io nun aggio fatto niente ‘e male. Quacche vota, me so’ fermato sott’ ‘o balcone e aggio guardato ‘e llastre…

FERDINANDO - Sentite a mme: chelli llastre n’ata vota nun ‘e guardate cchiù… Ccà, ‘int’ ‘o quartiere, mme cunosceno tutte quante: io nun tengo ‘e cervella a posto… Si ve trovo n’ata vota a fa ‘a sentinella sott’ ‘o balcone ‘e sorema, ce aggio ditto pure ‘a zia vosta, passate nu brutto quarto d’ora. Bongiorno, donna Carme’! Bongiorno! (esce)

CARMELA - Miettate scuorno! Miettate scuorno! Nun sulamente nun fatiche cchiù e vaie perdenno tiempo appriesso a chill’ato muort’ ‘e famma peggio ‘e te, ma vaie pure ‘ncuitanno ‘a pace d’ ‘e figliole perbene!

VICENZINO - Nun accumminciammo! Nun accumminciammo!

CARMELA - Io nun ne pozzo cchiù! Songhe tre mmise ch’hê lassato ‘a fatica e nun truove ‘a via ‘e te mettere a posto c’ ‘a capa! Ma se pò sape’ o no quanno vuò j’ a fatica’?

VICENZINO - Ma, insomma mi vuoi vedere distrutto?

CARMELA - Vedite: ‘o voglio vede’ distrutto! Chill’è isso ca vò vede’ distrutta sta casa! E tutto chesto, pe’ chillu disperatone… Miettate scuorno, miettate scuorno!

VICENZINO - ‘Mbè, metti in ordine la casa, perché adesso arriva il Prufissore.

CARMELA - Pure ccà te ll’hê purtato?

VICENZINO - Mò accumminciammo n’ata vota?! Hê ‘a, vede’ ch’aggio fatto pe’ cunvincerlo a veni’ ccà!

CARMELA - Neh, vedite, s’ ‘o porta fino a dint’ ‘a casa, a chillu muorto ‘e famma!

Scena IV

Eduardo e detti

EDUARDO - (si affaccia, poi entra carico di pacchetti e di bottiglie) Permesso?

CARMELA - (con dispetto) Oì lloco, oì!

VICENZINO - (ossequiosamente) Avanti, avanti, Prufessore! (a Carmela) Tu nun cunusce il Professore?! (presentandolo) Mia zia Carmela, il Professore Eduardo Parascandolo dei Marchesi Giustamacchia

EDUARDO - …dei Marchesi Guastamacchia. Piacere tanto.

CARMELA - (con mala grazia) Piacere.

EDUARDO - Oh, qua ho comprato un poco di pollo in gelatina, (facendo vedere i vari pacchetti) chiste so’ duecento grammi d’insalata russa, chiste so’ n’ati duecento grammi di foisgras…

VICENZINO - Foisgras?

EDUARDO - Foisgras.

VICENZINO - Se mangia?

EDUARDO - Naturale! Un piatto squisito. E chest’è vitel-tonnè…

VICENZINO - Questo lo diamo a lei…

EDUARDO - Perché?

VICENZINO - Questo non si mangia…

EDUARDO - Comme non si mangia? Questo è un piatto squisito, prelibatissimo. È vitello tenero, in una salsa piccante di tonno, capperi, metti di la che dopo mangiamo tutto…

CARMELA - (con gentilezza forzata) Prufesso’ avete preso tutta rrobba buona eh!

EDUARDO - Eh, io sono un buongustaio. Mò ce vo’: me n’aggio mangiata insalata russa. Cara signorina Carmela, io tenevo più d’un miliardo. Me lo sono mangiato tutto.

VICENZINO - Tutt’insalata russa!

EDUARDO - No, che c’entra. L’ho sperperato.

CARMELA - E se capisce! Cu chella capa ca tenite!

EDUARDO - No, no… M’è piaciuto di togliere alla vita tutto quello che essa ha di buono: i bei pranzetti, i bei vestiti, le belle donne… E soprattutto, la vita comoda, la vita contemplativa. Ho sempre disprezzato il danaro. Il danaro, ricordatevelo, è la rovina dell’Umanità. Scomparso il danaro, scompaiono l’avarizia e la prodigalità: e l’uomo diventa perfetto.

CARMELA - Marche’, dal momento che ci troviamo io v’aggi’ ‘a parla’.

EDUARDO - Dite, signorina Carmela. Sono a vostra disposizione.

CARMELA - Marche’… (interrompendosi con imbarazzo) Scusate, comme v’aggi’ ‘a chiamma’: Marchese, Professore?

EDUARDO - Come volete voi, io non ci tengo. I ragazzi del quartiere, i conoscenti, mi chiamano “Professore” perché dicono che sono un uomo colto, che so tutto. Mme fanno ridere… Professore ‘e che? Io non so niente, tutto quello che so è questo: che non so niente. Ma è già qualche cosa. Ce sta tanta gente che manche chesto sape.

VICENZINO - Prufesso’, vuie site troppo modesto. Vuie tenite un cervello immenso, avete egenio nella testa, un vulcano…

EDUARDO - (sorridendo con benevolenza) Eh, un cervello immenso, un vulcano… Mi sforzo di pensare, ecco tutto. Mi sforzo di capire, di scoprire le vie della saggezza… e cerco d’insegnare ad essi la vera logica della vita, la vera essenza delle cose.

Carmela continua a chiamare ma i due non danno peso poi alla fine gridando

CARMELA – Marche?

EDUARDO - Prego signuri’, in che posso servirvi?

CARMELA - Io ve vulevo parla’ ‘a nu sacco ‘e tiempo. Voi sapete che Vicenzino, da  quando ha conosciuto voi, ha lasciato il lavoro e nun vo’ fa niente cchiù.

EDUARDO - Beh?

CARMELA - Comme, ‘mbeh?

EDUARDO - Appunto, dico: “Beh? Cosa ci trovate di anormale in tutto questo”?

CARMELA - Comme, Marche’, cosa ci trovo di anormale? Nu giovane ca faticava d’ ‘a matina ‘a sera, tutto casa e famiglia, nu guaglione che nun ghieva na sera a ‘o teatro, nun ghiucava, nun beveva, n’angelo, ‘a nu mumento all’ato lassa ‘a fatica.

EDUARDO - Beh, questo è tutto?

CARMELA - Marche’, ma si chisto nun fatica, nuie comme mangiammo?

VICENZINO - Nun cumminciammo, nun cumminciammo!

EDUARDO - Secondo voi, signorina Carmela, si uno nun fatica nun mangia?

CARMELA - E se capisce!

EDUARDO - Allora, ccà avarria sta digiuna più di mezza Umanità! Voi avete una mentalità, permettetemi che ve lo dica, troppo ristretta.

Il vostro angolo visuale è limitato ad interesse immediato: “Si Vicenzino nun fatica, nuie nun mangiammo.” Voi, in conseguenza di questa vostra asserzione vorreste pigliare vostro nipote e vorreste rovinarlo.

CARMELA - Comme, Marche’, se mio nipote lavora si rovina?

EDUARDO - Si capisce! Non deve lavorare. Vostro nipote è un giovane di ingegno, un ragazzo di talento… si vede subito dall’occhio… dallo sguardo… e poi ha molta inclinazione per la filosofia, per la meditazione. Voi vorreste che si sacrificasse tutta la vita… a fare che? Che faceva prima? Il tornitore… chesta che rrobb’è! Chisto, stu povero giovane, si nun truvava a mme…

VICENZINO - Overamente! Mannaggia! Chi sa comme jevo a fferni’!

CARMELA - Ma comme, Marche’? Chillo ha faticato sempe…

EDUARDO - E ha fatto malissimo. Innanzi tutto, il lavoro fa male. Tanto vero, che quando un medico visita un ammalato, come prima cosa gli dice:* “Riposo assoluto.” Non gli ho mai sentito dire: “Lavoro assoluto.”

VICENZINO - Mai, mai!

EDUARDO – Signurì, ma lo sapete che c’è gente che lavora tutta una vita per riposare a settant’anni. Lavorano quaranta, cinquant’anni, poi a settant’anni riposano. Io non discuto il loro metodo. Ma io ho un sistema diverso. Io riposo quaranta o cinquant’anni, poi a settant’anni, se sarà il caso, e se ci arriverò, comincerò a lavorare. Mi fanno ridere. Se voi vi affacciate sulla via, cosa vedete? Case, case, case. E in ogni casa c’è della gente che lavora.       Il calzolaio fa le scarpe al barbiere, il barbiere fa la barba al sarto, il sarto cuce gli abiti al calzolaio e al barbiere, tutti lavorano, eppure tutti non desiderano che il momento in cui potranno riposare. Quando, poi, dopo anni e anni di lavoro, si riposano, sono talmente abituati a lavorare che a riposare si annoiano. È naturale: non bisogna abituarsi al lavoro.

VICENZINO - Non bisogna! Non bisogna!

CARMELA - (a Vicenzino) Statte zitto, tu!

EDUARDO - È chiaro?

VICENZINO - (entusiasta) Chiarissimo!

EDUARDO - Del resto, voi credete che non far niente sia una cosa facile? Seh! C’è un’abilità, una tecnica a non far niente. Tutti sono capaci di non far niente. Bisogna vedere questo niente come lo fanno. Guardate Socrate, Platone, Diogene! Non facevano niente, ma lo facevano in un modo perfetto. Diogene se ne stava giornate intere seduto al sole, ogni tanto scambiava quattro chiacchiere con un discepolo, parlava del più e del meno. * Sapete dove dormiva? In una botte. E disprezzava il danaro: era orgoglioso della sua povertà. Diceva: “Omnia mea mecum porto.”

VICENZINO – O me ne vache, o me facce sotto!

EDUARDO – No Vincenzì, per significare che tutta la sua ricchezza era il suo cervello. Che uomo! Un giorno lo videro girare per Atene con una lanterna in mano: cercava l’uomo. Sembra una sciocchezza, ma guardate che profondità. Uno gira per Atene con una lanterna in mano. Che cosa cerca? L’uomo. Un’altra volta l’Imperatore Alessandro si fermò davanti a lui e gli disse: “Diogene, cosa posso fare per te?” Sapete che gli rispose Diogene? “Voglio che tu ti tolga tra me e il sole.” Avete capito che testa?* Un’altra volta vide un bimbo che beveva nel cavo della mano. Allora disse: “Quel ragazzo m’insegna che porto con me molte cose inutili.” E spezzò il suo bicchiere. Ecco uno che non faceva niente tutto il giorno, ma quel niente lo sapeva fare. Se avesse fatto il tornitore i posteri non si sarebbero mai curati di lui. I posteri lo hanno esaltato, perché? Perché non faceva niente tutto il giorno, perché pensava, perché non perdeva il suo tempo a lavorare, e Di Eduardo Parascandolo, cara signorina Carmela, parleranno i posteri.

VICENZINO – Bravo Prufessò, bravo!

CARMELA - Marche’, cheste so’ tutti belli chiacchiere, ma Vicenzino s’ha da mettere a ffatica’, si no ccà ce murimme e famma.

EDUARDO - Non vi preoccupate, sentite a me non vi preoccupate. Vedete: il mio motto è: “Tutto s’accomoda”.

CARMELA - Marche’, nuie comme putimmo j’ annanze senza denare?

EDUARDO - ‘E denare, cara signorina, nun servono a niente. Oggi che giorno è: (il giorno dello spettacolo)? Rimandiamo questa nostra conversazione a (il giorno dello spettacolo) prossimo e mi direte: “Marche’, avevate ragione voi: ‘e denare nun servono a niente.”

Scena V

Cavaliere De Simone e detti

DE SIMONE - (affacciandosi) Permesso?

CARMELA - Accomodatevi, Cavalie’ buongiorno...

DE SIMONE - Dunque Vicenzi’, io ti devo parlare un momento…

VICENZINO - A me?

DE SIMONE - Sì… (indicando Eduardo) Non so se il signore può sentire…

VICENZINO - Parlate pure… il signore è come se fosse la mia istessa perzona. Anzi, se permettete… Il Cavaliere De Simone, il Professore Eduardo Parascandolo…*

EDUARDO - Piacere…

DE SIMONE - Piacere tanto… (a Vicenzino) Dunque, Vicenzi’, io sono venuto parecchie volte, ma non ti ho mai trovato… Tu sai che, da tre mesi a questa parte, sei in arretrato con l’affitto e che, per la fine del mese, o paghi o sono costretto a sfrattarvi. Donna Carmela mi ha già esposte le ragioni di questa vostra morosità, e io so’ caduto d’ ‘e nuvole… Comme? Nu giovane comm’a te, ‘a nu juorno all’ato, lassa ‘a fatica e se mette a ffa ‘o vagabondo, il dissutile, jettato mmiez’a na via…

VICENZINO - Cavalie’, non offendete, non offendiamo…

DE SIMONE - Ma se pò sape’ la ragione per la quale, ‘a nu mumento all’ato, hê lassato ‘a fatica?

VICENZINO - Cavalie’, che volete sapere voi? Che volete capire? Qua chi è ca mi può cumprendere, a me? Si nun era per lui ca mi ha ‘ncuntrato, io chi sa comme me riducevo…

DE SIMONE - Ma comme? Io nun ce pozzo penza’? Uno ‘a nu mumento all’ato, lassa ‘a fatica?!

VICENZINO - Cavalie’, io nun pozzo perdere tiempo a fatica’. Io nun tengo tiempo ‘a perdere! Io aggi’ ‘a penza’ a penza’. Devo utilizzare il mio tempo a nun fa niente, a penza’, a stare al sole, parlando, guardando gli alberi, la natura. Guardate a Sorate…

DE SIMONE – E a mammeta! A chi aggi’ ‘a guarda’?

EDUARDO - (correggendolo) Socrate… Cavalié

VICENZINO - Eh, comme me putite capi’, vuie a me? Si nun sapite manco chi era Socrate. Guardate a Socrate, a Diogene, a Pluto! Che gente, che teste, che capa! Non facevano niente, cammenavano tutta ‘a jurnata… Diogene cammenava con una lanterna in mano e cercava l’uomo. Cercava il maschio. Poi si stendeva in terra e prendeva il sole. Una volta l’Imperatore Alessandro gli disse… gli disse… “Cosa posso fare per te, Diogene?” Lui disse: “Levate d’ ‘a nanze, si no nun posso prendere il sole, m’aggia abbronzà!” Un’altra volta vide un ragazzo ca beveva col cavolo in mano… lui prese il bicchiere e lo scassò.*

DE SIMONE - E che ce azzecca, chesto?

VICENZINO - Comme, che ce azzecca? Lui prese il bicchiere e lo scassò, per dire ch’a lui nun ce n’importava niente del bicchiere, che lui eva povero, disprezzava il denaro, che la sua ricchezza eva il suo cervello, la sua menta…

DE SIMONE - Ma io dico, che ce azzecca chesto? Io dico che c’entra il bicchiere, la lanterna, Diogene, col fatto ca tu nun me paghe l’affitto?

VICENZINO - È inutile! Noi non ci possiamo cumprendere!

DE SIMONE - Beh, caro Vicenzino, io mò sa che te dico? Mme dispiace tanto, ma io nun pozzo aspetta’ cchiù. E provvederò alle pratiche per lo sfratto!

VICENZINO - E che fa? Ce ne andremo a dormire in una botte, io e zia Carmela, comm’a Diogene!

CARMELA – A votta e soreta!

DE SIMONE - (a Carmela in disparte, sottovoce e calmandola) ‘A meglia cosa, pe’ mme, sarria chella ‘e chiamma’ a nu miereche… Chisto, stu giovane, sta proprio ‘nguaiato… (si stringe nelle spalle, poi) Beh, ad ogni modo, io ho fatto quello che ho potuto… Signori, a tutti… (esce)

CARMELA - Miettate scuorno! Miettate scuorno! Chillo ha ditto ca ce vo’ ‘o duttore! Io te mannasse ‘o manicomio!

VICENZINO - Mò accumminciammo n’ata vota!

Scena VI

Don Peppino il sarto e detti

PEPPINO - (entra con malgarbo, tenendo il cappello in testa e s’avvicina a Vicenzino guardandolo torvo) Don Vicenzi’, ve vulevo parla’ nu mumento…

VICENZINO - Momentaneamente sono occupato col Professore…

PEPPINO - Nun ‘mporta! Tanto, chello che v’aggi’ ‘a di’, v’ ‘o pozzo di’ in presenza ‘e tutte quante. Don Vicenzi’, io pe’ chella fattura ‘e chillu vestito, nun pozzo aspetta’ cchiù. O mi pagate o faccio arrevuta’ ‘o vico.

CARMELA - (intervenendo) ‘On Peppi’, aggiate pacienza n’ato pucurillo, ca chillo mò Vicenzino se mette a fatica’ e ve pava…

PEPPINO - ‘Onna Carme’, io pacienza n’aggio tenuta fin troppa. Songo duie mise e miezo ca vaco e vengo. Ma quanno veco ca uno se n’apprufitta…

EDUARDO - Ma, insomma, di che si tratta? Quant’è che dovete avere? (mette mano al portafogli)

PEPPINO - Sono centocinquantamilalire, più trenta di fodere…

EDUARDO - (aprendo il portafogli) Totale: centottantamilalire. (cava un foglietto e una piccola matita, poi scrive) Centottantamilalire. Ecco fatto. Passate domani a quest’ora e sarete servito. (Peppino lo guarda con diffidenza) V’ho detto di passare domani, a quest’ora…

PEPPINO - (poco persuaso) Va bene. Io domani, a quest’ora, sono qui. Ma… si nun me facite truva’ ‘e solde mieie… (guarda intorno minaccioso poi esce)

CARMELA - E chesto facimmo, tutt’ ‘o juorno! Gente ca va e vene: ‘o putecaro, ‘o sarto, ‘o patrone ‘e casa… È na processione!… Insulte, brutte figure… minacce… ‘O salumiere è venuto stammatina e ha ditto: “‘Onna Carme’, dicitencello a Vicenzino ca io nun vaco pe’ via ‘e Tribunale. Si isso nun me dà chelli duicientemilalire che m’ha da da’, quanno passa pe’ via Giordano, ‘i scasso ‘a capa!”

VICENZINO - Isso nun va pe’ via e’ Tribunale, e io nun vaco pe’ via Giordano.

Scena VII

Notaio Colascione e detti

NOTAIO - (affacciandosi) Permesso?

CARMELA - Avanti, favurite…

NOTAIO - (entrando) Vincenzo Esposito… (consulta uno scartafaccio) fu Alfredo…

VICENZINO - Sono io…

NOTAIO - Nato a Napoli il diciotto febbraio 1967?

VICENZINO - (ripete annuendo) …1967. sissignore…

NOTAIO - (sedendo) Voi scusate se mi seggo un minuto… Ho molto girato per cercarvi.

CARMELA - Figurateve.

NOTAIO - Dunque, io sono il Notaio Pietro Colascione. Voi siete il cugino del carpentiere Giorgio Esposito, che nel 1915, e precisamente il 21 agosto 1915, si trapiantò a Buenos Aires?

VICENZINO - No!

NOTAIO - Come, no? Non siete cugino del carpentiere Giorgio Esposito, di anni 52, che nel 1915, e precisamente il 21 agosto 1915, si trapiantò a Buenos Aires? Cercate di ricordarvi bene.

VICENZINO - (concentrandosi nello sforzo) No, a me mi pare di no!… È overo, zi Carme’?

EDUARDO - (intervenendo) Ma come? È possibile che non sei cugino di Giorgio Esposito?

CARMELA - Giorgio Esposito?!… Aspetta, ma chi è stu Giorgio Esposito?

NOTAIO - È andato in America nel 1915…

VICENZINO - Nuie nun tenimmo nisciuno parente ch’è gghiuto in America…

EDUARDO - Ma comme? È possibile? E chi è ca nun tene nu parente ch’è gghiuto in America: nu zio, nu cugino…

CARMELA - Fosse ‘o figlio ‘e Giuvannino Esposito?

VICENZINO - E chi è Giuvannino Esposito?

CARMELA - Tu, forse, nun t’ ‘o ricuorde… Era nu cugino ‘e zi’ Pascalino, ca po’ murette! Mme pare ch’avette duie figlie: ma nun me ricordo comme se chiammavano.

EDUARDO - E uno, certamente, se sarrà chiammato Giorgio…

CARMELA - No, no… Mme ricordo buono. Uno se chiammava Gennarino e ‘a femmena se chiammava Maria.

VICENZINO - Stu Giorgio io nun l’aggio mai sentito annummena’.

EDUARDO - (al Notaio) Ad ogni modo, di che si tratta?

NOTAIO - (consultando uno scartafaccio) Dunque… Giorgio Esposito è morto ed ha lasciato dieci miliardi a suo cugino… (stupore di Carmela e Vicenzino) Emanuele Esposito, residente in America, e venticinquemilioni di lire a voi, Vincenzo Esposito, residente a Napoli.

CARMELA - Si, si; mme pare proprio ch’era ‘o figlio ‘e zi’ Giuvannino.

NOTAIO - (consultando lo scartafaccio) Possiamo vedere subito… Giorgio Esposito… dunque… Giorgio Esposito…

VICENZINO - Si, certamente è ‘o figlio ‘e zi’ Giuvannino.

NOTAIO - No, figlio del fu Francesco Esposito…

VICENZINO - Comme? Nun te ricuorde? È zi’ Ciccillo.

CARMELA - (poco convinta) Zi’ Ciccillo…

VICENZINO - Chillo cu ‘e mustacce… Cu ‘o nievo ccà…

CARMELA - Cu ‘e mustacce? C’ ‘o nievo… ‘o figlio ‘e zi’ Ciccillo…

NOTAIO - Povero giovane! È morto giovanissimo… Non aveva che trentasei anni…

VICENZINO - (scoppiando a piangere) Povero Ferdinando!

NOTAIO - Non si chiamava Ferdinando. Si chiamava Giorgio.

VICENZINO - Povero Giorgio… (piange) Chi se l’aspettava! Che cos’è la vita! Uno, mentre sta bell’e bbuono, more… (sempre piangendo) Povero Giorgio! E a chi ha lasciato ‘e dieci miliardi?

NOTAIO - (leggendo) Al cugino Emanuele Esposito…

VICENZINO - Un altro cugino… Che non è morto ancora?

NOTAIO - No, non è morto!

VICENZINO - Mentre a noi, che siamo a Napoli… 25.000.000 di lire…

NOTAIO - Sì, un legato… un legato di 25.000.000 di lire…

VICENZINO - Legato?! Perché legato?

NOTAIO - Una quota parte dell’eredità…

VICENZINO - Allora non si può prendere?

NOTAIO - Perbacco! Ho con me la somma. Sottoscrivete questo atto e vi verserò l’intero ammontare in numerario di Banca. (gli dà un foglio e una penna)

VICENZINO - Qui?

NOTAIO - Sì.

VICENZINO - Mi posso sedere?

NOTAIO - Come volete.

VICENZINO - (*) Va bene così?

NOTAIO - Benissimo! Ooooh! (alzandosi) Ed ora ecco il vostro denaro! (conta 25 mazzette da un milione e li depone sul tavolo) Tanti doveri a tutti e buona fortuna! (esce. Il denaro sono al centro del tavolo. Nessuno osa toccarli. Vicenzino e Carmela hanno gli occhi ipnotizzati dal mucchio di quattrini. Vicenzino avanza una mano, ma la ritrae fulminato dallo sguardo di Carmela. Scena a concerto.)

EDUARDO - (guardando il danaro con disprezzo) Che schifo!!!

Scena VIII

musica

si chiude il sipario arriva da dietro

SCARAMOUCHE:

‘Stu mariuolo ‘stu mariuolo

mo c’arrobba pure ‘o sole.

‘Stu mariuolo ‘stu mariuolo

mo c’arrobba pure ‘o sole.

‘A ballata de’ pezzienti

e de chi nun tene niente,

affamati ma decisi

ca quaccuno ha da esse’ acciso.

Scaramouche, ‘nu Dio d’attore

faccio a parte d’’o buffone,

d’’o pezzente e d’’o ricchione,

ma stasera na vota tanto

faccio ‘a parte ‘e servitore!

Io sono Tibberio Fiorilli, Tibberio con una B Tibbberio. Hanno scritto un sacco di sciocchezze sul mio conto, un sacco di fesserie… perché non si sa quasi nulla su di me. Tranne che facevo il servo, nella Commedia dell’Arte.

Anche un certo Mezzettino, ha scritto per esempio,

che io in punto di morte (che la morte è una cosa seria…),

che io in punto di morte, (che la morte è una cosa seria…),

ho chiesto una zuppa all’italiana, che poi sarebbero i vermicelli con il parmiggiano. Ma figuriamoci se io, in punto di morte, (che la morte è una cosa seria…) chiedevo i vermicelli col parmiggiano:  ERANO COL PECORINO

Mo, io, Tibberio Fiorilli, in arte Scaramouche, sono stato scaraventato qui, in mezzo al pubblico da un attorucolo da quattro soldi, un certo francantonio, ma chi è? chi è? Mo, io no, RISUSCITATO, dopo trecentodiciasette anni–

e già perché io sono morto nel 1694. Noto con piacere che le cose sono molto cambiate: per esempio la velocità. Ora le notizie ti arrivano in tempo reale: si chatta, si chatta, si chatta, si naviga cu na zoccola, ah! Scusate, voi la chiamate MAUSS, è più elegante eh?

Prima, sapete, ci volevano mesi, se non anni, per avere una falsa notizia, adesso invece la falsa notizia arriva subbito, addirittura prima che il fatto sia avvenuto: Eh! Perché mettono una SONDA nell’opinione pubblica…

Però mi devo lamentare della drammaturgia moderna, contemporanea.

Per fare un teatro nuovo oggi, moderno ci vuole leggerezza, leggerezza, la gente vuole ridere, ridere, senza pensare, ridere, ridere e basta, leggerezza. Io, per esempio, ho scritto un dramma dal titolo “LA PIUMA”

Chi è questa che vèn, ch’ogh’om la mira,

che fa tremar di chiaritate l’àre

e mena seco amor, si che parlare null’omo

pote, ma ciascun sospira?

O Deo, che sembra quando l’occhi gira!

Sembrava Dante eh! No, è Guido Cavalcanti, uno dei due occhi di Firenze, naturalmente l’altro era Dante; e io, Scaramouche questa sera, ho voluto fargli un omaggio. “Le ciel c’est habbillè ce soir en Scaramouche”!

(le siel set’abiglié ss’suar an scaramusce – Corretta pronuncia francese)

E sorde, e sorde, e sorde

E sorde, e sorde, e sorde

E sorde, e sorde, e sorde

E sorde che fanne fa

E sorde, e sorde, e sorde

E sorde, e sorde, e sorde

E sorde che fanne fà

Tutto chello che nun se po’ fa

Pe’ quanta ne tieni, pe’ quanta ne piglie

Nun abbastane manche pe’ mesa famiglia

Pe’ quanta ne cirche, pe’ quanta ne truove

N’abbastane mai…, pe’ chelle che vuoi

E sorde, e sorde, e sorde

E sorde, e sorde, e sorde

E sorde, e sorde, e sorde

FINE PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

Scena I

La stessa scena del primo atto. Donna Carmela, Donna Concetta.

Carmela al levarsi della tela, spazza il pavimento.

CONCETTA - (entrando dal fondo) Donna Carmè’, bongiorno e auguri.

CARMELA - Grazie, donna Cunce’.

CONCETTA - Don Vicenzino nun ce sta?

CARMELA - No; ha passato ‘a notte fore casa. E gghiuto cu ll’amice. Hanno fatto festa.

CONCETTA - E se sape. Si nun ‘a fa isso, ‘a festa, chi ll’ha da fa? Ce ‘a facimmo nuie? Zompa chi pò, donna Carmela mia. Io quanno aggio avuto ‘a nutizia, aggio ditto vicino a maritemo: “Gennari’, si era n’ato, nun me passava manco p’ ‘a capa. Ma pe’ donna Carmela e don Vicenzino mme fa piacere assai pecché s’ ‘o ‘mmeretano…”

CARMELA - Grazie, donna Cunce’… È tutta buntà vosta…

CONCETTA - È ‘a verità, donna Carmela mia; chi fa male, male se trova. E chi fa bene… Oì, mò ce vo’… ‘o Signore ll’aiuta quanno uno meno se l’aspetta.

CARMELA - Chesto è overo, donna Cuncè. Dio vede e pruvvede. Uno nun s’ha da mai sfiducia’.

CONCETTA - Si capisce. Chillo ajere ‘o predicatore chesto dicette: “Abbiate feda!”

Scena II

Donna Nunziatina e dette

NUNZIATINA - (entrando dal fondo) Donna Carme’, auguri pe’ cient’anne, a vuie e a don Vicenzino.

CARMELA - Grazie, donna Nunziati’, grazie.

NUNZIATINA - (a Concetta) Bongiorno, donna Cunce’.

CONCETTA - Bongiorno.

NUNZIATINA - A mme me l’ha ditto ‘a parrucchiera stammatina, e m’ha fatto piacere assai. Pecché io nun songo comm’a cierte, ch’ ‘a ‘mmidia s’ ‘e mangia.

CONCETTA - Cà tutte quante n’avimmo avuto piacere. Sapite comme se dice? Chi desidera ‘o mmale ‘e ll’ate, ‘o ssuio sta a ret’ ‘a porta.

NUNZIATINA - E over’è. E Vicenzino nun ce sta?

CARMELA - No, donna Nunziati’. Ajere ssera, ‘o prufessore e n’ati cinche o sei amice hanno fatto na festa tra loro, e Vicenzino nun s’è ancora retirato. Forse, avranno bevuto nu poco. Sapite comm’è? Uno se trova mmiez’ ‘e cumpagne…

CONCETTA. E se capisce! Si uno nun se diverte nu poco, neh, ‘e sti denare che n’ha da fa? ‘E solde pe’ chesto serveno: p’ ‘e spennere.

CARMELA - Chesto è overo.

NUNZIATINA - Donna Carme’, veditevenne bene, ca ccà se campa na vota sola.

CARMELA - (alzandosi) Neh, permettete, io me ve vaco a priparà. (via)

CONCETTA – Facite con comodo.

NUNZIATINA - Ih, che furtuna ca teneno cierte!

CONCETTA - Overamente. Nuie, pe’ ce mettere nu soldo e parte, ce avimma fa nu mazze tante e ce avimme priva’ pure d’ ‘o necessario.

NUNZIATINA - Aaaah! Chella ce sta gente ca s’avessene mette a ffà a llemosena, e invece, ‘a nu mumento a nato, nun sape manco comme, e se trova mmie e’sorde!

CONCETTA - Se dice buono che ‘a Furtuna è cecata.

NUNZIATINA - C’àvimm’ ‘a fa? A chi tanto e a chi niente!

CONCETTA - Ma che ll’avrà lassato stu maronna e cugino?

NUNZIATINA - A mme ‘a parrucchiera m’ha ditto ch’è so sorde assai. Sapite? Sta gente ‘e ll’America…

CONCETTA - Giesù, Giesù, Giesù. È gghiuta ‘a sfugliatella mmocc’ ‘o puorco.

Scena III

Donn’Assunta e dette

ASSUNTA - (entrando dal fondo) Permesso? Bongiorno, donna Nunziati’! Bongiorno, donna Cunce’!

CONCETTA - Bongiorno, donn’ Assu’!

NUNZIATINA - Bongiorno, donn’Assu’!

ASSUNTA - Donna Carmela nun e pronta?

CONCETTA - Mò vene se ghiuta a priparà a signora…

ASSUNTA - Avite saputo ‘a nutizia?

NUNZIATINA - Chesto steveme dicenno.

ASSUNTA - Over’è!

CONCETTA - Io nun so cazze e me fa capace. Nu cugino ca nun sapevano manco chi cazzera, mentre sta bell’e buono, schiatta e lle lassa stu bene ‘e Ddio!

ASSUNTA - Ma che ll’avrà lassato, donna Cunce’? Sapite niente?

CONCETTA -  Nun saccio quanta cazze e miliune.

ASSUNTA - Giesù, Giesù, Giesù. Chi tene furtuna s’accatta ‘e vvongole e ce trova ‘e perle ‘a dinto. E don Vicenzino nun ce sta?

NUNZIATINA - S’è gghiuto a ‘mbriaca’ cu n’ati quatto o cinche ‘nzevuse peggio d’isso.

ASSUNTA - Teh! Teh! Vedite nu poco addo simme arrivate!

Scena IV

Donna Carmela e dette

CARMELA - (entrando con vassoio e tazze) Bongiorno, donn’Assu’.

ASSUNTA - Aggio saputo ca Vicenzino s’è gghiuto a diverti’ cu ll’amice…

CARMELA - Sì. Anze, ve dico ‘a verità, stongo nu poco ‘mpenziero, pecché stanotte nun s’è retirato.

ASSUNTA - Donna Carme’, so’ giuvene. Appena teneno quacche sorde ‘int’ ‘a sacca, nu poco ‘o vino, nu poco ‘a femmena…

CARMELA - Qua’ femmena, donn’ Assu’? Chillo, Vicenzino, a cierti ccose nun ce penza proprio!

ASSUNTA. Pecché? Mò nun s’è miso a appriesso a Rachilina De Rosa?

CARMELA - Che ce azzecca! Chelle so’ cose ‘e guagliune!

ASSUNTA - Eh, donna Carme’! Cos’ ‘e guagliune!

NUNZIATINA - E mò che fa? S’ ‘a sposa?

CARMELA - Ma che s’hadda spusa’, donn’Assu’! Seh, chillo ‘o frato chesto vò sentere.

CONCETTA – Ueh! Nun ciuciate sempe, faciteve i cazze vuoste che campate cient’anne… jammuncenne…

Escono parlando

Scena V

Vicenzino, Eduardo

La scena resta per un attimo vuota. Poi, entra Vicenzino seguito da Eduardo. Vicenzino è pallidissimo, si guarda intorno col terrore d’imbattersi nella zia. Poi siede affranto. Contemporaneamente, siede Eduardo. Nell’espressione di Vicenzino si legge un avvilimento profondo. Eduardo è accigliato e pensoso, ma sereno.

VICENZINO - (con accento di disperazione) Io non ci posso pensare! Non ci posso pensare!

EDUARDO - Calmati, Vincenzo, calmati!

VICENZINO - Ma come mi calmo? Come? Io mme mangiasse ‘e mmane!

EDUARDO - Ricordati che il mio motto è questo: “Tutto s’accomoda!”

VICENZINO - Io nun ce volevo andare da Gaitano! Nun ce vulevo andare! È stato Pascalino! Ha ditto: “Andiamo da Gaitano! Andiamo da Gaitano!” Mannaggia ‘a vita mia! Io credo ca è stato Pascalino.

EDUARDO - Non lo dire nemmeno per ischerzo! Pascalino è un giovane onesto, un ragazzo fidato… E poi, è uno di quelli che il danaro lo disprezza.

VICENZINO - Allora è stato Gaitano!

EDUARDO - Per carità! Gaetano è una perla di ragazzo! Un vero amico!

VICENZINO - Io non ci posso pensare! Non ci posso pensare!

EDUARDO - Tu po’ te vaje a purta’ tutt’ ‘e vinticinchemelioni ‘ncuollo…

VICENZINO - Mannaggia ‘a vita mia! Mannaggia!

EDUARDO - Comme? Dich’io, tua zia ll’aveva astipate ‘int’ ‘o cummò, ll’aveva chiuse a chiave… Tu, ‘e nascosto, le vaie a lleva’ ‘a chiave ‘a dint’ ‘a sacca e te vaie a piglia’ tutt’ ‘ e sorde…

VICENZINO - E chillo, perché Marchetiello mme ‘ncuieta sempe, m’offende sempe, me chiamma: “Muort’ ‘e famma!”

EDUARDO - Che c’entra! Marchetiello scherza…

VICENZINO - E pure vuie dicisteve: “Cheste, si ‘e vedesse Marchetiello sti vinticinquemilioni, sa ch’arraggia?”

EDUARDO - Lo dissi per scherzare.

VICENZINO - Prufessore, mi viene un suspetto: fosse stato Marchetiello?

EDUARDO - Non dire sciocchezze, non è possibile.

VICENZINO - Chillo, Marchetiello mme guardava, mme guardava. Po’ tutt’ ‘a notte mme diceva: “Beva, Vincenzo, beva!” Io bevevo, isso metteva atu vino ‘int’ ‘o bicchiere! Mme mangiasse ‘e mane!

EDUARDO - Senti qua, Vicenzino, tu devi calmarti. Devi capire che tutte le cose hanno l’importanza che noi diamo ad esse. Sai come fanno in America? Quanno succede una disgrazia, lloro se mettono davanti allo specchio e si ripetono mille, duemila volte che la cosa non ha alcuna importanza. A furia di ripeterlo, se ne convincono. Tu devi fare lo stesso. Ti metti davanti allo specchio e ripeti a te stesso: “Ho perduto 25.000.000? E che m’importa? Non mi passa neanche per il capo!”

VICENZINO - Mme metto davanti allo specchio e dico: “Che mme ne ‘mporta! Nun me passa neanche per la capa!”

EDUARDO - Naturalmente! Devi renderti conto che il danaro non serve a nulla, non ha mai dato la felicità. Anzi! Il danaro crea degli infelici. Credimi, credi a me. Tenere i soldi è una delle peggiori disgrazie che possa capitare!

VICENZINO - Io lo so! Chella è mia zia ch’è ignurante, di filosofia nun sape niente! Chella appena sente ch’aggio perduto ‘e 25.000.000, mme scomma ‘e sango.

EDUARDO - E tu non dirle niente!

VICENZINO - E chi parla!

Scena VI

Donna Carmela e detti

CARMELA - (entrando dal fondo) Guè, tu ccà staie?

VICENZINO - (trasalendo) Mm’hai fatto pigliare uno spavento!

CARMELA - Eh, tu comme te spaviente ampressa… Prufesso’, buongiorno.

EDUARDO - Buongiorno, donna Carme’…

CARMELA - (a Vicenzino) Io te songo juta cercanno pe’ tutte parte: songo juta ‘o cafè, addu Rafele ‘o baccalaiuolo, addu Totonno Sbreglia… Addò si’ stato?

VICENZINO - Sono stato con gli amici.

CARMELA - Te si’ divertito?

VICENZINO - Sì, assaie.

CARMELA - (inquisitoria) Fusse juto n’ata vota sott’ ‘o balcone ‘e Rachilina De Rosa?

VICENZINO - No.

CARMELA - Dimme ‘a verità…

VICENZINO - Pecché?

CARMELA - È venuto doie o tre vote don Ferdinando ca te jeva truvanno.

VICENZINO - Songo passato ajere ssera pe’ sott’ ‘o balcone, ma…

CARMELA - Oì, e chillo pe’ chesto è venuto.

VICENZINO - Allora che aggi’ ‘a fa? Pe’ chella strada nun ce aggi’ ‘a passa’ cchiù?

CARMELA - Nun ce passa’ cchiù… Che t’aggi’ ‘a dicere?

VICENZINO - Già! E allora vaco pe’ Cielo! Mme piglio ll’areoplano.

CARMELA - Forse, te si’ miso a guarda’ ‘ncopp’ ‘o balcone…

VICENZINO - Ma qua’ balcone?! Certo, uno cammina…

CARMELA - Oì, e chillo subito è venuto n’ata vota. Mò chi ‘o sente!

VICENZINO - E va bbuo’! Alla fine, quanno buono buono è venuto, che mme fa?

CARMELA - Comme, che te fa? Chillo ha ditto ca si passave n’ata vota sott’ ‘o balcone d’ ‘a sora, te scassava ‘a capa.

EDUARDO - Ma quand’anche gli ha rotta la testa, che ha fatto?

VICENZINO - Comme, Prufesso’, quand’anche mi ha rotta la testa che ha fatto?

EDUARDO - Appunto, dico: che ne ha ricavato? Questa è la ragione per la quale vedrai che non farà niente.

CARMELA - Mò ve voglio fa fa’ na risata… quanno songo trasuta ‘int’ ‘a puteca ‘e Rafele Ma ditto: “Donna Carme’, zompa chi pò. A Vicenzino, nu parente ‘e ll’America ll’ha lassate cchiù ‘e ciente miliune…” Aggio ditto: “Ma qua’ miliune, ‘on Rafe’. Seh, ‘e vedeveme c’ ‘o binocolo!” Ha ditto: “Eh, va bbuo’: vuie ch’avivev’ ‘a dicere? Chille ca nun tenene denare squarciunèano, e chille ca stanno dint’ ‘o ventre d’ ‘a vacca, chiagneno miseria.” (a Vicenzino) A proposito ‘e miseria, Vicenzi’, è arrivata sta carta… guarda nu poco che d’è. A mme me pare ch’è ‘a carta d’ ‘o sfratto.

VICENZINO - Adesso guarda il Professore.

EDUARDO - (leggendo) “Ad istanza del Cavalier Gennaro De Simone, noi, Ufficiale Giudiziario Salvatore Quagliarulo, intimiamo lo sfratto.”

VICENZINO - (davanti allo specchio) Che me n’importa! Nun me passa manco p’ ‘a capa! Che me n’importa! Nun me passa manco p’ ‘a capa!

CARMELA - Va bbuo’, mò sa che facimmo? Cchiù tarde passe tu ‘a llà e le paghe l’arretrato… accussì luvammo ‘o ffraceto ‘a miezo…

VICENZINO - (davanti allo specchio) Che me ne importa? Nun me passa manco p’ ‘a capa!

CARMELA - (avvicinandosi alla porta) Oì lloco, oì! Sta turnanno a veni’ don Ferdinando De Rosa.

VICENZINO - (impallidendo) Zi’ Carme’, dincello ca nun ce stongo… (esce)

CARMELA - (correndo dietro a Vincenzino esce) Addo vai chillo…

Scena VII

Don Ferdinando e detti

FERDINANDO - (affacciandosi) Permesso?

EDUARDO - Accomodatevi.

FERDINANDO - Vicenzino, nun ce sta?

EDUARDO - Mò è asciuto.

FERDINANDO - (dopo qualche perplessità, decidendosi) Prufesso’, vuie nun me conoscete; ma io a vuie ve cunosco, pecché ccà tutt’ ‘o quartiere parla ‘e vuie. E tutte sanno ca vuie su Vicenzino avete un grande ascendente. Prufesso’, vuie m’avit’ ‘a salva’.

EDUARDO - ‘E che se tratta?

FERDINANDO - Aggio saputo ca Vicenzino ha avuto n’eredità ‘all’America…

EDUARDO - Beh?

FERDINANDO - Prufesso’, io saccio ca abbasta na parola vosta p’ ‘o ffa capace. Vuie avit’ ‘a persuade’ a Vicenzino a mme mpresta’ 100.000.000.

EDUARDO - Eh, è na parola! Comme? Vuie aiere lle site venuto a ffa chella parte, a litigare per vostra sorella!

FERDINANDO - Vuie pure ‘o ssapite?

EDUARDO - È naturale ca io ‘o ssaccio. Chillo, avivev’ ‘a vede’ comme steve aieressera! Pareva nu cadavere!

FERDINANDO - Ave ragione, Prufesso’. Io mme sputasse ‘nfaccia. Comme? Tengo ‘a furtuna ca uno comme a Vicenzino se vo’ spusa’ a mia sorella, e m’ ‘o faccio fui’… (cambiando tono) Prufesso’, no pe’ ssape’ ‘e fatte ‘e Vicenzino, ma quanto ha ereditato?

EDUARDO - Con precisione non so. So questo: che lui e il suo cugino hanno ereditato complessivamente un miliardo e 200 milioni. Ma come sia stata divisa tra loro questa somma, non lo so.

FERDINANDO - Giesù, Giesù, vedite llà! E che sarriano pe’ Vicenzino 100 meliune?

EDUARDO - Lo so. Cosa volete che siano pe’ Vicenzino 100 meliune?Uno scherzo. Ma come volete, dopo quello che gli avete detto ieri che Vicenzino li presti proprio a voi?

FERDINANDO - Prufesso’, aiutateme!

EDUARDO - Voi avete bisogno, ma pecché ve servono?

FERDINANDO - Ecco qua, Prufesso’: io tengo nu pastificio a Torre Annunziata. È un pastificio che va benissimo, ma, ve dico ‘a verità, io aggio tenuto sempe ‘o vizio ‘e spennere. M’è sempe piaciuto ‘e mme diverti’. E il pastificio, che è una miniera d’oro, n’azienda che va na bellezza, ne ha sofferto. Sto sotto, sono a rosso! Quello ce sta nu certo Palmieri ca sta carreco ‘e denare, e che cerca in tutti i modi di investirlo, mme sta appriesso ‘a cchiù ‘e nu mese pe’ me da’ sta somma… Ma, ad interesse altissimo, se parla del 90, 95 percento…

EDUARDO - Roba da galera.

FERDINANDO - Strozzini, vi dico. E io si trovo a uno comme a Vicenzino che mi presta e sorde a un tasso d’interesse ragionevole, me metto a posto.

EDUARDO - Diciteme na cosa, comme se chiamma stu signore ca ve vo’ da’ i100 meliune?

FERDINANDO - Palmieri. È un certo Palmieri, di Amalfi.

EDUARDO - Ah, mme pare che l’aggi’ ‘a cunoscere.

FERDINANDO - Professo’, io stongo mmano a vuie. Professo’, dal momento che ci troviamo sull’argomento, ma vuie credite ca Vicenzino a Rachilina veramente ‘a vo’ bene?

EDUARDO - Don Ferdina’, ma che, scherzate? Chillo n’è pazzo. Ha perduto ‘a capa. Quei due son fatti l’uno per l’altra. E mò sapite che ve dico: Vicenzino e Rachilina s’avesser’ ‘a ‘ncuntra’!

FERDINANDO - Pecché, Prufesso’?

EDUARDO - Voi siete un uomo intelligente. Cu vuie è inutile che io parlo tanto. Da un incontro di Rachelina cu Vicenzino ponno nascere tante cose!

FERDINANDO - Ah, chesto è overo!

EDUARDO - Facite na cosa, don Ferdina’. Cchiù tarde cu ‘a scusa ca ve va truvanno, facitela veni’ ccà, a Rachelina.

FERDINANDO - Prufesso’, io sto dint’ ‘e mmane voste e faccio chello ca vulite vuie. Mò vaco a casa e v’ ‘a manno (esce)

EDUARDO - (chiamando) Vicenzi’?

Scena VIII

Vincenzo e detto

VICENZINO - (affacciandosi) Se n’è gghiuto?

EDUARDO - Sì, mò se n’è gghiuto. Ma che è fatto?

VICENZINO – (con una scolapasta in testa un coperchio di pentola grande tra le mani e un forcone ) Prufissò mi sono armato…

EDUARDO – Ma lievete sti ccose… Vincenzì, quello don Ferdinando è venuto perché la sorella Rachilina è innamorata di te e lui è preoccupato, perché la sorella piange sempre, si dispera…

VICENZINO - La sorella è innamorata, piange e si dispera?

EDUARDO - Eh già! La sorella è presa, s’è allummata…

VICENZINO - Rachilina?

EDUARDO – Si Vicenzi’, E ‘o frate, se preoccupa. Dice: “Io mme metto paura ca Rachilina addeventa na jetteca, na strega.”

VICENZINO - Nientemeno addeventa jetteca?

EDUARDO - E non c’è da meravigliarsi! Ce stanno tanta guaglione che, per amore, addeventano jetteche… se mettono nu chiuovo ‘ncapo, nun dormono cchiù, nun mangiano cchiù. Diceno: “O chillo o nisciuno!” “O Vicenzino o la morte!”

VICENZINO - Accussì dice Rachilina?

EDUARDO – Così dice che chiagne sempe, che se struje comm’a na cannela… E don Ferdinando, naturalmente, è preoccupato. Te pare? Chillo è ‘o frate.

VICENZINO - (preoccupato anche lui) Ah, chesto è overo!

Scena IX

PEPPINO - (entrando e salutando con un lieve cenno, gentilissimo, ma di una gentilezza perfino esagerata e perciò ambigua) Don Vicenzi’, io sono venuto per riverirvi…

(Vicenzino, imbarazzatissimo, guarda Eduardo)

EDUARDO - (portando la mano al portafogli) Voi siete venuto per i soldi…

PEPPINO - Ma qua’ solde… Sta parola tra me e don Vicenzino nun l’avimma proprio annummena’ cchiù. Io ho il piacere di servirlo e basta. Don Vicenzi’, io so’ passato ‘a ccà, pecché, c’ ‘o piacere vuosto, ve voglio fa nu bello vestito’ e meza stagione, nu vestito pesante, nu cappotto e nu bello gabbardine liggiero liggiero. Po’, p’ ‘o fatto ‘e paga’, quanno vuie state comodo, pure a n’ati cient’anne.

VICENZINO - (cercando di intervenire ma il sarto non lo fa parlare) Ma io…!

PEPPINO - Oh, mò mme facite piglia’ collera, mò! Mo ve piglie ‘e mesure… Don Vicenzi’, io songo venuto pe’ ve cerca’ scusa. (Peppino comincia a prendergli le misure e poi esce.) 28 Mme pare ca quann’uno v’ha cercato scusa, 31 cchiù ‘e chesto che pò ffa? Dunque, don Vicenzi’, nun ve preoccupate 44 facite fa a me, ve faccio nuovo nuovo… annanze arete…. (Vicenzino non capisce e subisce.)

Scena X

Cav. De simone e detti

DE SIMONE - (affacciandosi alla porta di fondo con aria molto frettolosa) Don Vicenzi’? (Vicenzino ha un sobbalzo) V’è arrivata na carta?

VICENZINO - (cercando di intervenire ma il Cavaliere non lo fa parlare) Veramente…

DE SIMONE - Se v’arriva, non ci badate. Non ve n’incaricate proprio.

VICENZINO - Cavalie’, io anzi…

DE SIMONE - Ma qua’ anzi! Non lo dite nemmeno per ischerzo. Sono io che vi chiedo scusa per quelle chiacchiere di ieri… Fate il comodo vostro. Tra sei mesi, un anno… Col piacere vostro mi pagate… Tanto il danaro, quando sta nelle vostre mani, è come si stesse a na Banca… Tanti rispetti a vostra zia e servo vostro… Marche’, buongiorno. (esce.)

Scena XI

Rachelina e detti

RACHELINA - (affacciandosi) Per piacere, ce sta Ferdinando? (entra. Vicenzino è turbatissimo)

EDUARDO - Accomodatevi signorì…

RACHELINA - Bongiorno…

VICENZINO - (abbozza un inchino) Bongiorno.

EDUARDO - (a Vicenzino) Vicenzi’, hai visto chi c’è? Ccà ce sta Rachelina… Signurì, accomodatevi un momento ca Ferdinando mò vene… Vicenzino ve tene nu poco cumpagnia… Hê capito Vicenzi’? Tienele cumpagnia ca io mò torno. (esce)

VICENZINO - (è più che mai imbarazzato. Non sa come rompere il ghiaccio. Dopo una lunga scena muta, finalmente si decide) Avete piante?

RACHELINA - Sì, ‘a casa tenimmo tanti belli piante…

VICENZINO - No… vi domando si avete pian… piangiuto?

RACHELINA - E pecché dovevo piangere?

VICENZINO - Mm’ha ditto ‘o Prufessore.

RACHELINA - E a stu Prufessore chi ce l’ha ditto?

VICENZINO - Ll’ha ditto don Ferdinando. Ha ditto: “Rachilina piangia.”

RACHELINA - E pecché? ‘On Vicenzi’, io nun ve capisco.

VICENZINO - (facendosi ardito) Rachili’…

RACHELINA - ‘On Vicenzi’…

VICENZINO - Mi vuoi bbena?

RACHELINA - Se capisce: ci dobbiamo sposare!

VICENZINO - Rachili’, io non cerco di meglio, non desidero di meglio.

RACHELINA - E po’ ha ditto accussì Ferdinando ca si ce spusammo, vuie mme purtate tutt’ ‘e ssere ‘o teatro, ‘o cinema, mme facite tanta vestite, gioelle, m’accattate na bella casa… le vacanze…

VICENZINO – No ?

RACHELINA - Sì. Anze, io mme vulevo accatta’ ‘e scarpe ortopediche. Isso m’ha ditto: “Che t’accatte a ffa? Si tu te miette a fa ammore cu Vicenzino, chillo te compra nu sacco ‘e scarpe ortopediche e po’ te compra tutto chello che vuo’ tu, pecché chillo tene denare assaie.” È overo ca tenite tanta denare?

VICENZINO - Il danaro nun dà la felicità, il danaro è una schifezza. Rachili’, tu deve andare superba di spusarte un filosofo, uno ca pensa, uno ca nun bada al danaro, al lavoro, alle cose inutili della vita… Deve andare superba di sposarte a uno ca non fa niente dalla matina alla sera, ma quel niente lo sa fare… Ricordete ca di me parleranno i posteri… *

Scena XII

Eduardo facendo entrare don ferdinando

EDUARDO - (in disparte a Ferdinando) Don Ferdina’, il più è fatto. ‘E guagliune se songo ‘ncuntrate, se so’ piaciute… E chest’è l’essenziale… Po’, p’ ‘o fatto d’ ‘e sorde ce penso io.

FERDINANDO - Io sono nelle vostre mani, Prufesso’.

EDUARDO - Stateve a pensiero cuieto…

FERDINANDO - (a Rachelina) Rachili’, saluta a don Vicenzino e ghiammuncenne…

RACHELINA - ‘On Vicenzi’, arrivederci…

VICENZINO - Arrivederci.

FERDINANDO -  ‘On Vicenzi’, stammatina ‘o barbiere quanne m’ha dato a nutizia, a nato ppoco me faceva zumpà o naso pe ll’aria. A ricchezza meglio a n’amico che a nu nemico… arrivederci. (via con Rachelina)

Urlo di Carmela da dentro

CARMELA - (uscendo dalla destra stravolta) Giesù, Giesù, ma chi è ch’ha pigliato ‘e solde ‘a dint’ ‘o teraturo?

VICENZINO - Io… no!

CARMELA - (fermandosi dinanzi a lui con atteggiamento inquisitorio) Dimme ‘a verità. Tu hê levate ‘e sorde ‘a dint’ ‘o teraturo.

VICENZINO - Zì Carme’, ma che ssi’ pazza? Che mme ne ‘mporta a me del danaro? Il danaro nun dà la felicità, il danaro è una schifezza.

EDUARDO –Signorina Carmela, non vi adirate. Sapete cosa diciamo noi filosofi? “Nulla importa all’uomo che dice che nulla importa.”

CARMELA - (a Vicenzino) A vuie nun ve ne mporta, ma a me si, jatevenne faciteme o piacere. Nun ce resisto cchiù ‘int’ ‘a sta casa. Marchè vuie cu tutte sti stroppole site stato a ruvina ‘e sta casa. Me ne vaco addù Nannina a Puortece. E si ‘o Pateterno è giusto, v’ha da fa spezza’ ‘e cosce a tutt’ ‘e dduie! (esce)

 (dopo qualche attimo, durante il quale tutti e due restano pensosi, assorti)

VICENZINO - (innanzi allo specchio, vi si mira) Che mme ne ‘mporta! Nun me passa manco p’ ‘a capa!

EDUARDO - Jammuncenne, jà! (escono)

SIPARIO


ATTO TERZO

Scena come gli atti precedenti. Si festeggia il fidanzamento di Vincenzino e Rachilina. All’aprire del sipario entrano Ferdinando, Angelica la moglie e Rachilina. La scena è vuota.

Scena I

FERDINANDO - (entrando) È permesso, putimme trasì, Vincenzino!... ma ca nun ce sta nisciuno!? E sta tutt’apierto? (fanno scena tutti come da regia) Vincenzino!? Trasimme chillo sarà asciuto, mo l’aspettamme… ‘E sunature a che ora veneno?

ANGELICA - ‘E nnove meno nu quarto.

FERDINANDO - Allora a mumento avesser‘ ‘a sta ccà. Hanno mannato ‘ e paste?

ANGELICA – Si, si Vincenzino ma ditto che ha preparato tutto, forse stanno ‘int’ ‘a cucina.

FERDINANDO - Voglio j’ a vede’ comme songo. (esce)

RACHELINA - (entra dal fondo allacciandosi la veste) Sosò, me sta bbona?

ANGELICA - Mme pare na bambula… Viene ccà! Mò t’apponto io! (le abbottona la veste) Te sta na bellezza!

RACHELINA - No, no… mme tira. E chella ‘a gatta pe’ gghi’ ‘e pressa facette ‘e figlie cecate. Se capisce a truà na vesta dint’a tre ghiuorne comme se fa? Si aspettaveme na settimana se puteva truvà e meglio.

ANGELICA - Nonsignore, chillo Ferdinando ha vuluto fa na cosa svelta… E nun ave tuorto: ‘‘E Vicenzino Esposito ce ne sta uno sulo!” È meglio, stringere i tempi; stasera se fa ‘o fidanzamento ufficiale, tra na quindicina ‘e juorne date parola e a n’atu mese ve spusate.

(rientra Ferdinando)

FERDINANDO – Sta tutto priparate, me fa proprio piacere…

Scena II

VICENZINO - (entra. È grottescamente elegante, con un mazzo di fiori tra le mani) Bongiorno, signorina Angelica. Bongiorno, Ferdina’… Cara signora, Rachilina… (tutti rispondono affettuosamente)

RACHELINA - Bongiorno, Vicenzi’… Che belli fiori.

VICENZINO - (porgendole i fiori) In questo giorno di lieta concorrenza, ti offro questi pochi fiori, ma sentiti.

RACHELINA - Grazie, grazie.

ANGELICA - Vicenzi’, grazie pure ‘e chelli belli rrose ch’avite mannato stammatina.

VICENZINO - Io v’aggio mannato ‘e rrose…

RACHELINA - Comme? Nu mazzo ‘e rose ch’era bello sul’isso. Ll’avimmo miso dint’ ‘a cammera ‘e pranzo.

FERDINANDO - No. Chillo Vicenzino è cumpito assaie. Tutt’ ‘e juorne ha mannato ‘e rrose.

VICENZINO - Ah! È stato il fiuraio. Ha ditto: “Vicenzi’, pozzo manna’ ddoie rose ‘a ‘nnammurata vosta?” Aggio ditto: “Fai te!” Allora ha ditto: “‘On Vicenzi’, senz’offesa, ve faccio fa ‘a figura vosta. Tutt’e journe, a primma matina, manno nu bellu mazz’ ‘e rose ‘a signurina Rachilina!” Poi, alla fine del mese…

ANGELICA - Bravo Vicenzino! Vicenzi’, e donna Carmela nun ce sta?

VICENZINO - (confuso) No, mia zia non stava troppo bene in salute. È andata in campagna con una sua sorella ca sta a Portici.

ANGELICA - Uh, comme me dispiace.

VICENZINO - (meccanicamente cavando dalla tasca un astuccio e porgendolo a Rachelina) In questo giorno di lieta concorrenza ti offro questo piccolo uggetto, ma sentito.

RACHELINA - (aprendo l’astuccio) Uh, comme è bello! Mammà, guarda che bell’aniello.

ANGELICA - Overo è bello!

FERDINANDO - E bravo Vicenzino!

VICENZINO - Questo è proprio brillante! Tutt’intorno ci sono proprio zifiri. Ha detto accussì il giuielliere: “‘On Vicenzi’, quest’è un anello degno di voi e d’ ‘a fidanzata vosta.” Poi, alla fine del mese…

RACHELINA - Grazie. (contemplando l’anello estasiata), È bello assaie! E chi sa quanto costa!

VICENZINO - Questo non lo so ancora! Il giuielliere ha detto: “Poi, alla fine del mese…”

VICENZINO – Avite vede’ che belli regale c’hanno fatte… venitele a vede’…

RACHELINA - Po’ hê ‘a vede’ ‘a burzetta ca m’ha regalato zi’ Catarina… (stanno per uscire ma vengono fermati)

Scena III

Palmieri e detti

PALMIERI - (entrando, a Ferdinando) Caro don Ferdinando. Vincenzino, sono il signor Palmieri un amico di don Ferdinando, auguri vivissimi…

VICENZINO – Grazie, prego favorite… andiamo a prendere qualcosa…

FERDINANDO - Caro Palmieri… grazie assai d’essere venuto.

PALMIERI - Sono io che vi ringrazio del vostro invito

FERDINANDO - Si tratta d’una festicciolla tra noi…  na cusarella in famiglia… accomodatevi. (indicando la porta l’uscita) Vi voglio presentare le mie sorelle…

VICENZINO – Venite, venite pure vuie, signor Palmieri, vi offro un rinfresca che mi hanno portato: hanno detto poi alla fine del mese…

(escono tutti)

Scena IV

Eduardo, Gaetano, Marchetiello

LUISA - (Eduardo introduce, Gaetano e Marchetiello. Sono tutti goffamente vestiti a festa: tradiscono le origini poverissime e si capisce in qualche caso che il vestito è più largo o più stretto di come dovrebbe essere.) Accomodatevi! Trasite guagliù… “Tutto s’accomoda” ricordatelo e “Nulla importa all’uomo che dice che nulla importa”… è stata proprio na bella trovata, è overo?! Azzeccata…

GAETANO - E po’ Rachilina m’hanno ditto ch’è bella!

MARCHETIELLO - Sì, però m’hanno ditto che tiene un carattere un poco spuntuto.

GAETANO - Diceno ch’è capoteca.

MARCHETIELLO - Certo, ll’ommo ha da essere ommo, si no ‘a femmena se n’apprufitta. Quanno ll’ommo è crapa…

EDUARDO - Ll’ommo è crapa… ll’ommo è crapa… cierti vvote nun è ca ll’ommo è crapa… ll’ommo è

GAETANO - MARCHETIELLO - EDUARDO - Filosofo…

MARCHETIELLO - O filosofo o nun filosofo… ll’ommo ha da essere ommo… si no ‘a femmena lle mette ‘e tacche ‘nfaccia…

GAETANO - Prufesso’, la donna è birbante, è traditora. Co la donna, l’uomo si deve scapricciare e basta.

Scena V

Vincenzino entra e si accoda agli amici

EDUARDO - Ma, sopratutto, l’uomo deve essere…

VICENZINO - GAETANO - MARCHETIELLO - EDUARDO - Filosofo…

Convenevoli tra gli amici

MARCHETIELLO - Prufesso’, scusate… scusate guagliù… vi voglio raccontare un mio capriccio. Mm’avite visto in giro ‘int’a sti juorne? Mm’avite visto nisciuno? Intovinate addò steve Marchetiello? (guardando con intenzione Vicenzino) Steva a Capra con una gherla.

VICENZINO - (guardando torvo) Addò?

MARCHETIELLO - A Capra, con una gherla… All’albergo Principe, il più meglio albergo di Capra. Vicenzi’, no pe’ sbruffunia’, aggio jettato 20 – 25 milune ‘int’a poche juorne!

VICENZINO - 20 – 25 milune? E addò ll’hê pigliate?

MARCHETIELLO - Mi ho venduto una pruprietà!

VICENZINO - Ma tu qua’ pruprietà tenive?

MARCHETIELLO - Un quartino a Santa Margherita.

VICENZINO - Tu tenive nu quartino a Santa Margherita?

MARCHETIELLO - Ma che d’è? Mò nun putesse tene’ nu quartino?

VICENZINO - Tu tenive nu quartino a Santa Margherita?

MARCHETIELLO - Ma pecché mme guarde ‘e sta manera?

VICENZINO - Marchetie’, qua c’è stato quarcuno in mezz’a nuie che ha commesso un frutto…

MARCHETIELLO - (a Eduardo) Prufesso’, chisto m’offende! Io comme aggi’ ‘a fa?

EDUARDO - Vicenzi’, lascia stare. Tanto, so’ chiacchiere inutili! Ormai chello ch’è perduto è perduto! È inutile guastarsi il sangue! Te l’aggio ditto; in certi casi, il rimedio migliore è lo specchio. Tu te miette ‘nnanze ‘o specchio: “Che mme ne ‘mporta!…”

VICENZINO - “…nun me passa manco p’a capa!”

MARCHETIELLO - Ah! Chest’è sicuro: ‘a meglia cosa è ‘o specchio!

Scena VI

Don Ferdinando e detti, indi Palmieri

FERDINANDO - Oh, Professore, buona sera…

EDUARDO - Caro don Ferdinando… (presentando) Don Ferdinando De Rosa…

Gaetano Traballa, Marco Sta Caren…

TUTTI - Piacere… Piacere…

FERDINANDO - (a Eduardo) Prufesso’, Il signor Carlo Palmieri.

EDUARDO - Noi già ci conosciamo…

PALMIERI - Caro professore…

FERDINANDO - Beh, accomodiamoci di là, ce bevimmo nu bicchiere e vino. (escono Ferdinando, Vicenzino, Marchetiello, Gaetano. Sulla soglia della porta, mentre sta per uscire, Palmieri ferma Eduardo e gli parla sottovoce)

PALMIERI - Professo’, vi vorrei pregare un momento.

EDUARDO - Sono a vostra disposizione, dite!

PALMIERI - Prufesso’, voi dovete persuadere Vicenzino a rinunziare all’affare.

EDUARDO – Scusate, quale affare?

PALMIERI - Prufesso’, quello don Ferdinando mi ha detto che il denaro glielo presta Vincenzino, e io che faccio? Perdo l’affare?

EDUARDO – E si capisce e voi volete un interesse dell’ 90 – 95 per cento!

PALMIERI – Certamente, quando un affare è rischioso, se capisce che deve dare un interesse alto. Un’azienda che traballa, un principale con le mani bucate…

EDUARDO - Statemi a sentire, signor Palmieri. E se io inducessi Vicenzino a garantire il vostro credito? Allora, l’affare perderebbe ogni rischio?

PALMIERI - Ah, certo! La cosa cambia aspetto. Se lui non paga, c’è Esposito che risponde.

EDUARDO - E voi state in una botte di ferro e così?

PALMIERI Allora vedete, dal 95, potremmo scendere al….

(scena Totò Peppino e la malafemmena)

EDUARDO – No, ma che dite, ma state scherzando? Noi non possiamo fare più del…

PALMIERI – È poco, è poco; dobbiamo fare almeno…

EDUARDO – Ma no, non ne parliamo proprio, ma tutto al più si puo fare…

PALMIERI – Non esiste Prufessò, non esiste

EDUARDO – Scusate, e voi non mi fate parlare?

PALMIERI – E vuie m’avite fatte parlà?

EDUARDO – Allora facciamo al 10 per cento e nun parlamme cchiù.

PALMIERI – al 50!

EDUARDO - Signor Palmieri, dobbiamo scendere al 10. Se no il danaro lo dà Vicenzino.

PALMIERI – Al 20, sempre con una garanzia di Vicenzino.

EDUARDO - Al 10, neanche una lira in più…

PALMIERI - È l’ultima vostra parola?

EDUARDO - Prezzi fissi.

PALMIERI - Beh, vada per il 10. Ma vi giuro che l’affare è magro, magro assai.

Scena VII

Ferdinando e detti

FERDINANDO - (a Palmieri) Don Carlu’, i ragazzi vi cercano, ve vanno truvanno…

PALMIERI - A me?

FERDINANDO - Nun saccio che v’ha da di’.

PALMIERI - Vado subito! (esce)

FERDINANDO - Prufesso’, ve vulevo parla’ nu momento.

EDUARDO - Dite pure.

FERDINANDO - Avite parlato cu Vicenzino?

EDUARDO - Naturale. È dispostissimo a fare tutto ciò che desiderate!

FERDINANDO - Menu male! Stevo ‘mpenziero.

EDUARDO - Ma dice che le pratiche per l’esecuzione del testamento richiedono molto tempo. Dice che dovreste aspettare un sei mesi… Se potete attendere…

FERDINANDO - Sei mise? E io comme faccio, Prufesso’. È na disgrazia nera…

EDUARDO Don Ferdina’, statemi a sentire. Ho una buona notizia: io ve pozzo fa ave’ ‘e 100 miliune ‘o 10 pe’ ciento.

FERDINANDO - Possibile? E ‘a chi?

EDUARDO - ‘A Palmieri.

FERDINANDO - Prufesso’, vuie nun ‘o cunuscite!

EDUARDO - Mò mmò ce aggio fernuto ‘e parla’. È disposto. Ma vo’ na garanzia ‘e Vicenzino.

FERDINANDO - ‘E Vicenzino?

EDUARDO - Vicenzino v’ ‘a fa… Vicenzino ve la fa! Però…

FERDINANDO - Però…

EDUARDO - Però, sapite? Quand’uno si deve esporre per una cifra così importante, vuole a sua volta essere coperto. Insomma, Vicenzino nun pò mettere na firma ‘e garanzia, senza sapere a sua volta che non si espone a un pericolo…

FERDINANDO - Prufesso’, quello il pastificio va bene: è na miniera d’oro…e poi Prufesso’, vi dò la mia parola che mme metto a posto cu ‘a capa. E quanno Ferdinando De Rosa ha dato la sua parola…

EDUARDO - Don Ferdina’, se mi permettete, qua non è questione di parola; qua occorrono fatti. Quann’uno comme a Vicenzino s’impegna pe’ na garanzia ‘e 100 miliune, nun se pò cuntenta’ ‘e na parola.

FERDINANDO - È ggiusto… Ma allora nun saccio manco io… (riflette, come se cercasse un mezzo per tranquillizzare Vicenzino)

EDUARDO - Don Ferdina’, io ho pensato na cosa, è un’idea che mm’è venuta, ma che ho già sottoposta a Vicenzino e che Vicenzino in linea di massima accetta. Un contrattino. Voi date a Vicenzino la direzione amministrativa della vostra Azienda. Vicenzino incassa, paga, tutela il vostro interesse e contemporaneamente anche il suo. Insomma, diventa un vero e proprio gestore del pastificio. Alla fine del mese, voi vi prelevate il vostro stipendio e lui si preleva il suo. E non vi sono dispersioni di denaro. Mi spiego?

FERDINANDO - (sbalordito) Prufesso’, io nun sto capenno cchiù niente…

l’idea però mi sembra buna, nun me dispiace.

EDUARDO – Non vi preoccupate, vi aggiusto io…

FERDINANDO - E poi Prufessò o mme mangio sta menesta, o mme jetto pa fenesta…  l’importante che me levo stu guaio ananze… Mò sapite che faccio? Bello, svelto svelto chiammo ‘o ragiuniere e faccio fa ‘a bozza d’ ‘o cuntratto.

EDUARDO - Nun v’incomodate, don Ferdina’. (cava dalla tasca un foglio di carta da bollo riempito a macchina) Vedite si va bbuono.

FERDINANO - (sorpreso) L’aviveve già fatto? E comme sapiveve che accettavo?

EDUARDO - L’avite ditto vuie stesso: o mme mangio sta menesta…

FERDINANDO - …O mme jetto pe’ sta fenesta…

EDUARDO -  nun ve preoccupate, ce penso io

(avvicinandosi all’uscita chiama Palmieri e Vicenzino)

Scena VIII

EDUARDO - Vicenzi’, a tiempo a tiempo. Avevamo bisogno di te e del signor Palmieri.

VICENZINO – Dite Prufessò!

EDUARDO – Dunque, don Ferdina’, riepilogando: Palmieri ve ‘mpresta ‘i 100 milioni, al 10 per cento, voi gli rilasciate altrettanti effetti in bianco, con una garanzia di Vicenzino. A sua volta, Vicenzino assumerà la garanzia amministrativa del vostro pastificio, con uno stipendio che andrete a stabilire, ma che non deve essere inferiore al vostro. Siamo d’accordo?

FERDINANDO - Né più né meno.

PALMIERI - Per me, sono a vostra disposizione. Appena mi date gli effetti vi verso la somma.

EDUARDO - (cava fuori di tasca le due cambiali) Don Ferdina’, non vi resta che firmarli. E tu pure, Vicenzi’, ce j’a mettere na firma…(a parte a Vincenzino) Vincenzi, tu si buone guaglione e il Professore ti ha fatto un regalo, t’ ho sistemato…

PALMIERI - E allora, ecco il mio assegno. (firma uno cheque e lo porge a Ferdinando. Ferdinando e Vicenzino firmano e si scambiano i fogli di carta da bollo)

Scena IX

Angelica e Rachelina

ANGELICA - Ferdina’, è venuta Nunziatina che cumpagne pe cantà!

FERDINANDO - Falla trasi’. (Si organizzano per cantare. agli altri) È na meraviglia! Avit’a senti’ che voce…

canzone e pezzi recitati delle donne

Scena X

Marchetiello e Gaetano, indi Eduardo

(entrano un po’ ubriachi cantando)

MARCHETIELLO-Il vino è un paraviso, è il più meglio amico, meglio della    femmina e di qualsiasi divertimento del criato…

GAETANO- Il vino è un profumo, un fiore, un bocciuolo…

MARCHET- Statt’attiente, mo te ‘mbriache…

GAETANO-E che ffà, ‘o munno è chino ‘e ‘mbriache. Chi è ‘mbriache e vino, chi e chiacchiere, chi e fummo, chi e ‘mbruoglie. E meglio che ce ‘mbriacamme e vino…

Si siedono e si mettono a suonare con le bottiglie prima uno poi l’altro. Si divertono.

MARCHET-‘O vino è na mistura ca sturdisce,

                però si aggio nu figlio, appena nasce,

                lle dongo a zucà’’o vino ‘a dinte’’e ffasce,

                pecchè campa cchiù assaie, chi nun capisce.

GAETANO- Pecchè tu cchiù capisce e cchiù vai a ffunnu

                 Ah si tutte l’uommene vevessere in da stu munnu

                 Tutte fosse cchiù quadro e menu tunnu

MARCHETIELLO- Perché, se non lo sai Gaetà, tutto firniscerà,

                e allora vive e nun ‘t’ amariggià, lassa stà

GAETANO- A salute! E chi ‘cio ‘ffa fa.

                Tutto fernesce. ‘A salute ‘a tieni?

GAETANO - MARCHETIELLO - E ghiesce. E quant’anne vuo’ campà?

Scena XI

Entra Eduardo

EDUARDO - Alla salute, guagliù! (brindano)

MARCHETIELLO – GAETANO- Alla salute Professo’!

EDUARDO – Gaetà, avimme fatto chillo scherzo a Vincenzino…

GAETANO- Si Prufessò, però mo si sposa e si sistema cu sto scherzo: e senza solde…

EDUARDO – Oill’oche…

Scena XII

Vicenzino e detti

VICENZINO - Prufesso’, ma vuie nun trasite?

EDUARDO - Aspetta nu mumento, Vicenzi’! (a Marchetiello) Marchetie’, restituisci i 25 milioni a Vicenzino! (Marchetiello esegue)

VICENZINO - (sbalordito, prendendo il danaro) Ma allora te l’avive arrubbate tu? E nun l’avive spise?

MARCHETIELLO - E comme me spennevo? Chelle nun so’ bbone! So tutte false!

VICENZINO - Ma… allora? Ll’eredità ‘all’America?

EDUARDO - Eh! Si n’eredità nun ce ‘a criammo nuie, ‘all’America mò vene…

VICENZINO - E ‘o nutaro?

EDUARDO - Nun te ne sì accorto ch’era Gaitano?

VICENZINO - Gaitano?! Comme nun me ne so’ accorto! Appena è trasuto, aggio ditto: “Chist’è Gaitano!”

EDUARDO -  Vicenzi’, mann’a chiamma’ a tua zia e dincello ca ‘o professore a mantenuta a parola, s’è accunciato tutte cose. E tu, Vicenzi’, mò ca te si’ miso a posto, nun te ne j’ ‘e capa, comme succede sempe a chi ha fatto denaro. Ricordete pure tu ca ‘e denare nun servono. Il danaro, tienatello bbuono a mmente, nun ha dato maie ‘a felicità a nisciuno.

VICENZINO - (dopo d’aver riflettuto un istante) Prufesso’, avite proprio ragione! Il danaro non ha mai dato la felicità a nessuno. Specialmente quann’è poco! (escono mentre dall’interno continuano i rumori, i canti, le risate) 

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno