Tuttu u munnu è paisi

Stampa questo copione

ROSETTA

Belmonte Mezzagno 20/02/2015    www.giovanniallotta.it

TUTTU U MUNNU è PAISI

      Commedia brillante in due atti di:

                                      Giovanni Allotta

Prefazione

Commedia suddivisa in due tempi; primo atto: famiglia siciliana. secondo atto: famiglia milanese. Commedia all’insegna del divertimento in entrambi i tempi: nei quali si mettono molto in rilievo le avversità che entrambe le famiglie; nord e sud, pensino male uno dell’altra. Molto divertente la scena in cui i siciliani, per amore del figlio, vanno in casa milanese fingendosi spagnoli. come al mio solito, tra le risate, alla fine succede che…

                                            Personaggi

Turiddu                                           Capo famiglia siciliana

Rosetta                                            moglie Turiddu

Nella                                                sorella di Turiddu                  

Fattorino

Andrea                                             Figlio famiglia siciliana

Liliana                                             figlia famiglia milanese 

Pierpaolo                                         capo famiglia milanese

Sofia                                                moglie Pierpaolo

Ambrogio                                         maggiordomo milanese

(scena composta da vari oggetti: quadri, tavolo con sedie, mobile ect…a sinistra porta d’uscita con a fianco una finestra: a destra, porta ingresso casa. Scena vuota all’inizio)

ROSETTA

(Entra con scopa, paletta e straccio. Stanca si tocca la schiena. Getta gli oggetti a terra e si siede) sugnu stanca, così stanca ca stancu puru a pinsallu. (Si siede) stasera che fari i manciari?...ogni jornu è un problema (va al telef nel mobile) chiamo u negozio. (Digita) 091 627…24… 17… 72…19…24 (tra se) ma u 18 nisciu? ci lu metto u stissu…! –pronto, l’ippicoppe? sono a signora Rosetta, mu manna u fattorino? Grazie, arrivederci!- chista è fatta. (nota la tendina della finestra malmessa) aspetta ca sistemo, si qualcuno da strada a vidi, po’ pinsari ca sugnu lorda. ( sistema la tendina e guarda fuori) chi ci fa me cugnata Nella ca valigia, sta partennu? Macari u Signuri. (Si nasconde) speriamo nun mi vitti, si veni sugnu rovinata. (Sbircia) nun c’è cchiù. Partìu? L’unico posto dunni po’ ghiri e a fari ‘nto cu…(Le suona il telef di casa) pronto?- ciao Nella. Come? non sono a casa. A finestra? Non ero io! …certo ca sugnu sicura, mi canusciu! – (Suona il citofono) ti saluto ca mi sona u citofono. (chiude telef. Va al citofono) si? ciao Nella.- no, non ci sogno a casa, sogno nisciuta. Passa dumani! (Suona telef e chiude citof.) Pronto? Nella ancora tu? (esaurisce) Si ti dico ca dintra nun ci sugnu, non insistere! Avissi a moriri tu si nun ti dico a verità! (suona citofono. Chiude telef) buttana da miseria… (Al citof) Cu è? Nella chi cazzarola vo? – Siiiiii, nun ci sugnu. (Alza tono di voce) Sugnu sicura ca nun sugnu a casa, picchì sugnu dintra! (suona telef. va a risp) chi ci vinissi ‘na diarrea meccanica! – pronto? Nella ci sta rumpennu i cazzi, a casa nun ci…(Riflette) Nella, dimmi ‘na cosa… mi stai pigghiannu pu culu oggi?...No! (Chiude telef.) Minchiuni da camurria. (Apre la porta)

NELLA

(Donna adulta in carne, con se due valigie) Cognà, ma picchì mi dicisti che non eri in casa nun ci l’hai a piaceri ca ti vegniu a trovare?

ROSETTA

(Ironica) Certo ca ci l’haiu a piacere, un’altra cugnata comu tia, manco si giro tutti i contenitore da munnizza a stissa nun la trovu. Entra! (Nella entra)…chi ci fai chi valigie? dove vai di bello?

NELLA

(Esplode a piangere) …a fari ‘nto culo!

ROSETTA

Chista si ch’è una bella notizia! …quantu voti ti ci haiu sempre vulutu mannari e tu nun ci vulivi andari. ( l’accompagna alla porta) dai, vai in pace. Appena arrivi, tiri a catinella!

NELLA

Non scherzare. Cognata sogno nelle guaie. (piange. Rosetta le da un fazzoletto)il mio zito…mi ha lasciato zitella! (Piange. soffia il naso e lo da a Rosetta che si schifa) il mio echisi mi lassò sula e haiu u cori ruttu, ruttu ci l’haiu e nuddu lu po’ sanare. Nessuno!!! (piange)

ROSETTA

Calmati. Haiu un poco di super attack. S’aspetti a pigghiu e l’incolliamo.

NELLA

U me duluri nuddu lu po’ guarire, nuddu. (sputa) Puh curnutu!! (disperata) vogghiu moriri, vogghiu moriiiiiri!

ROSETTA

Calmati,se no ti veni una trombata in testa. Dimmi, picchì ti lasciò?

NELLA 

‘Stu curnutu è di Milano i so genitori nun mi accettano picchì sugnu… torrona del sud. Vogghiu moooooriiiiri!!!!!! Vogghiu mooooriiiiri! (Rosetta la calma ma lei lo ripete fino ad esaurirla)

ROSETTA

( prende una corda con cappio) vo moriri? Teni, ammazzati subito, basta ca nun ti lamenti! (nervosa) chi ti scoppiassi a mandibola di cannarozza!

NELLA

Grazie Rosetta si troppo gentile, però nun è giusto ca mi fai moriri sula? Mi fai compagnia?

ROSETTA

Mi dispiace haiu impegni, fai con comodo. Io vaiu da dintra, appena finisci di ammazzariti mi chiami.  (sta per uscire)

NELLA

(butta la corda) a finisci di scherzare! Sogno nelle guaie. Ora ca ristavu sula, nna dda casa nun ci tornu cchiù. Chi pozzu fare pi dimenticare?

ROSETTA

Vatinni sutta un ponte e canti: “io, vagabondo che son io…”

NELLA

No troppo all’aperto. Mi servissi un posto al chiuso.

ROSETTA

Dintra a fognatura! Per una bella discarica come te, posto megghiu di chiddu non ce n’è.

NELLA

Nna fognatura a to soru, a mia nun mi piace. Cara cognatina ho deciso, ti devo dare una bella notizia.

ROSETTA

Finalmente ti ammazzi?

NELLA

Visto ca cerco un posto fisso, non so se hai capito, vinni a stari cca a to casa!

ROSETTA

(attimo di pausa. minacciosa) non so se hai capito, ti prenotavo un posto fisso pu cimitero! Accumincia a fari strata, prima ca chiudinu u cancello e poi a scavalcare.

NELLA

(simula un pianto) Nun ci l’hai a piacere che vengo a stari a to casa? Chi fazzu puzza? Dimmi a verità, fazzu puzza?

ROSETTA

Puzza no, ma allergia si! (Alza le maniche della maglietta) talia cca, havi deci minuti ca si a me casa e già sugnu china china di funghi porcini. Vatinni nun haiu dunni posteggiariti; l’unico posto libero è u cabinettu e chiddu servi pi me maritu quannu hava a fari u strunzu. Via sciò sciò.

NELLA

Aspetta! ti pari ca pretendo grandi cose? no no! mi basta sulu ca mi dati … a manciari, a vestiri e a dormiri!!

ROSETTA

Minchiuni a porchetta nun si fa mancari nenti! (la spinge per il braccio)…ma va sparati a mare Peppa pig! …Appena veni to frati, si nun ti jetta fora subito (allude ad un pugno in testa) ce fare digiriri a colomba pasquale ca si manciò a natale.

NELLA

(piange) Bella. La colomba è il mio uccello preferito.

ROSETTA

Ti piaci picchì è dolce?

NELLA

No picchì è grosso. Ora che sogno zitellona, mi mancherà la colomba. comu fazzu a campari senza aceddu, comu fazzu!  (piange)

ROSETTA

Ti lamenti tu picchì ti vulò aceddu; io chi avissi a diri? N’haiu unu sempri a disposizione e da matina a sira, sta sempri ca testa calata, picchì nun sapi cantari…! …comunque, (le mette le mani al collo) Si nun vo ca ti fazzu quattro messaggi sushi, a smammare da me casa. Vatinni!

NELLA

(si libera) ma si pazza! Vidi ca soffro di cervicala, nun ti permettiri cchiù di violentarimi cervicalamente.

ROSETTA

Ta fazzu passari io a cicala. Nella, posto pi tia a me casa nun ci nne.

NELLA

Me frati mi dissi ca u posto c’è, quindi, vale a parola di me frati no a tua!

ROSETTA

Ti dissi iddu ca po’ veniri a stari cca? (Nella annuisce) si? oggi haviamu a organizzare u viaggio di venticinque anni di nozze; appena veni, ci rumpu ‘na gamba e u viaggio ci lu fazzu fari io a iddu…pi Lourdes!

NELLA

Dai nun t’arrabbiare. Me frati è bravo. Havi un cori granni…

ROSETTA

…e i corna longhi! Fici tuttu e me spaddi. Appena veni si po’ ghiri a curcari senza manciari comu un curnutu e bastunatu!

NELLA

Bastunato si, ma curnuto no!

ROSETTA

Chi vo diri?

NELLA

Ti hai mai visto o specchio di quanto schifo fai.Si ti vidissi un maniaco si facissi castrare piuttosto ca si mittissi cu tia.

ROSETTA

A mia dici laria? Taliati tu  (allude al seno) di davanti hai l’airbag scoppiate e di darreri hai i caddi ‘nto culu comu un camionista. (Nella si butta nel divano) Ieccati piano vacca pazza! Vidi ca ‘stu letto è antico du me setticis nonno e ci tegniu ca non si rovina. (la osserva schifata) Taliatila che bedda… pari ‘na porchetta senza limone.

NELLA

Chista è l’invidia picchì tu si un calamaro senza minni!

ROSETTA

Senti, sa stari a me casa a fari a surdata ‘nnamurata, picchì io sugnu una generala incazzata…capiten? Ora tu zitten e va fanculer!  (Nella ride e la manda a quel paese. Bussano. Apre ed entra il fattorino)

FATTORINO

(spiritoso vestito col camice bianco,entra con un girasole) buongiorno a tutti, a chiddi longhi e curti, soprattutto alla signora Rosetta, fa più odore da me quasetta (Rosetta si urta a sentirlo) quando la penso le porto sempre un bel mazzo, quantu vulissi ca lei mi toccasse sto gran bel c…

ROSETTA

(le strappa il girasole e lo sbatte sul tavolo) e basta! Ogni vota cu ‘sta tiritera ci rumpi i cazzi!

FATTORINO

Signora Rosetta la colpa non è mia si appena la vedo mi si raddrizza… u girasole! (si gira e balza in aria vede Nella) Porca miseria a bronchite mi stava vinennu. Signora Rosetta, mu putiva diri ca in casa nun è sula e c’è la donna immobile.

ROSETTA

Ti presento a ‘stu soprammobile di me cugnata Nella

NELLA

(è triste) ci chiedo scusa signor lei. Siccome sugnu troppo triste che il mio zito mi lasciò (si lamenta) manco haiu vuci pi spremere le parole.

FATTORINO

Si nni futtissi du zitu! U Signuri chiude ‘na porta e grapi un purtuni.

ROSETTA

(nervosa) quannu grapi u purtuni u Signuri, l’avissi a pigghiari cca (con mano a taglio indica il centro della fronte) nno centro, accudì evita di soffriri.

NELLA

Signor lei, u vidi comu mi tratta ‘sta bufala? (commossa) Ci basta u dolore chi haiu per il mio echisi, idda mi da altro dolore. Signor lei ci l’havi un antidolorifico per il cuore?

 

FATTORINO

Mi dispiace haiu u catetere pu …girasole. Comunque nun ci pinsassi o zitu, morti di iddu e salute sua. E poi, nun sugnu signor lei, ma signor lui. ( Da la mano) sugnu ino … fattor…ino!

NELLA

(da la mano) io sugnu Nella…Butta Nella.

ROSETTA

U vidi bellu nomi chi havi? È una garanzia di travagghiu! Se si mette e semafori ca borsetta po’ divintari ricca, basta ca smamma da me casa

NELLA

Pi mia va bene, però mi servi tu pi sostituta; io mettu ligna nno focu e tu (con la mano fa segno di sventolare) sciuscia ca svampa.

ROSETTA

Ti pari ca ni scanciamu i vistiti cosci lordi a tradimento!

NELLA

Quasetta bollita, zittuti!

ROSETTA

A mia dici quasetta bollita? Tu hai a peddi coccodrillo! (Si avventa su Nella e il fattorino li divide)

FATTORINO

Fermi tutti! signore nun è giusto ca litigate tra parentesi. Signora Rosetta di lei nun mi aspettavo questo incazzolimento furioso. Pi caso, di segno zodiacale è leone?

ROSETTA

No, sugnu una tora cornuta (cerca di avvicinarsi a Nella aggrappandosi al fattorino che la trattiene)

NELLA

Calmati, arraggiata! Signor fattorino, visto ca lei è impotente, mi aiutassi.

FATTORINO

Basta signora Rosetta, si calma ca ci cuntu ‘na barzelletta: …Totò vidi a so mugghieri ca fa shopping e ci dice: “ Rosalia nun t’accattari u reggiseno ca nun hai nenti di mittirici dintra” e idda rispunni: “ se pi chistu, puru tu porti i mutanni!”  (ridono)

NELLA

Bella vero, nun è u me caso, picchì io (si sistema il seno) sugnu tutta ripiena di senno! (Rosetta le fa le smorfie. Si lamenta) ‘stu disgraziatu du milanese, lasciò tutto ‘stu ben di Dio.

FATTORINO

È milanisi u so extra zito? (Nella annuisce) chianci pi ‘stu polentone?...ma dicci ca si va spara supra u duomo; nun chiancissi cchiù, nun si preoccupa ca una bedda quarara -calderone- comu lei, u zitu u trova prima ca mori.  

ROSETTA

Macari u Signuri ci scoppiasi a lingua ora stissu! (Nella si lamenta) …amunì fattorino, pigghia pinna e calamaro ca ti ordino a spisa!

FATTORINO

Un momento! Haiu navutra barzelletta cavura cavura ca mi sta niscennu du viddicu – ombelico- … un nonnino va pigghia u nipotino a scuola. U picciriddu dice al nonno: “nonno, oggi la maestra ci ha parlato di educazione sessuale; com’è la tua attività sessuale a 80 anni?” il nonno risponde: “ come a 20 anni: M. M. S. ora ti spiego: a 20 anni M. M. S., Mattina Mezzogiorno e Sera. A 40 anni M. M. S., Martedì Mercoledì e Sabato. A 60 anni M. M. S., Marzo Maggio e Settembre. A 80 anni M. M. S., Minchia Ma Scurdavu! (ridono tutti)

ROSETTA

Forza, nesci a pinna e calamaro ca è menzijornu e nun haiu priparatu nenti  (il fattorino dalla tasca esce un taccuino, cerca la penna e non la trova, abbassa la cerniera e infila la mano) ma chi è si persi pi strata?

FATTORINO

(cerca) dunni metti i manu me mugghieri, nun si trova mai nenti!

NELLA

(si tappa gli occhi) signor fattorino nun mi facissi vidiri u pennino picchì sugnu zitella e mi veni a depressione nelle occhie.

FATTORINO

ci lu dicu sempri a me mugghieri, quannu pigghi ‘na cosa rimettila o posto. (tira fuori la penna) cca è! Signora Rosetta, chi ci servi?

 

ROSETTA

Mi servi un pacco di spaghetti.

FATTORINO

Longhi o curti.

ROSETTA

Longhi. A pasta curta nun mi piace, e poi, mi penetra nne denti

NELLA

Si si, puru a mia mi piace a pasta longha, chidda curta mi si ingroppa nelle cannarozza.

ROSETTA

Ueh, signorina culettina, vulissi manciari supra i me spaddi? (Nella annuisce) Fattorino, cancella longa e ci metti spaghetti curti! (il fattorino cancella e riscrive)

NELLA

(con presunzione) Puru curta mi piace! Importante ca  nun è troppu nica se no, mi nesci da vucca du stomaco.

ROSETTA

(Al fattorino) quattro pacchi di pastina! (Nella ci resta male) sta soddisfazione ca ta manciari a me pasta nun ta dugniu! …poi un poco di prosciutto.

FATTORINO

Crudo o cotto?

ROSETTA

c’è differenza tra crudo o cotto? C’è crisi e bisogna risparmiare.

FATTORINO

Dipende, lei u prosciutto u voli all’etto o a chilo?

ROSETTA

Ma quali letto, mi le manciari a tavola u prosciutto! Ni facissi un euro. Poi un poco di salame chiddu bonu.

FATTORINO

Chi salame voli, avemu u calabrese, salame Napoli, salame Milano…

NELLA

(balza in aria) signorino fattorino, mu purtassi a letto un beddo salame Milano. (Estasiata) A solo pensiero mi leccherebbe le baffe!

ROSETTA

Ma ca fari, sei tutto culo e niente arrosto. Portami un pò di salame, nun m’interessa a razza importante ca è di porco! …poi ‘na buttighia di vino moscato autentico… si nun havi a musca di dentro nun lu vogghiu. (pensa) piatti, bicchieri e salsa l’accattavu ieri. Pi oggi basta! (il fattorino sta per posare il taccuino) ah no, mi scurdavu a carta igienica sette veli di morbidezza.

FATTORINO

Signora Rosetta, già ci finiu u pacco ca ci purtavu ieri?

ROSETTA

Ancora è sana, me maritu nun l’ha fattu u stronzo. La pigghiu pi me cugnata; prevenire e meglio che mi sporcare!

NELLA

Senti crapa licca, io sogno una persona pulita dentro e bella di fuori.

FATTORINO

Signora a plin plin a fici?

ROSETTA

(lo spinge ad uscire) portami a spisa ca e cucinare!

FATTORINO

Videmu si sapiti rispunniri a ‘stu proverbio: cu nasci tunnu… (attimo di pausa per lasciare che il pubblico completi la frase)

NELLA

…Nun mori quadrato!

FATTORINO

No no! Cu nasci tunnu…nun mori piscispada! (Rosetta lo caccia. Esce ridendo)

ROSETTA

Tutti iddu i sapi i proverbi. …comunque, fino ca nun veni me marito e nun si discute ‘sta situazione, isati u culatello e prepara u pranzerello.  

NELLA

Giusto. Però prima vado in bagno e poi priparo di manciari. (esce)

ROSETTA

Ti raccomannu centra u bucu! Nun la fari fora picchì ta fazzu asciugari ca lingua! …( confusa) beddamatri chi stava facennu. (indica con la mano l’uscita di Nella) chi ci vinissi un ticket ‘nte corna! tanti manicomi liberi, giusto giusto cca s’havia a veniri a ricoverari ‘sta scimmia pisciata(Sente aprire la porta) si parra du diavulu e ci spuntanu i corna! (Sorriso beffardo) buongiorno amore, stoccati le gambe dentro che ti dovesse parlare. (Turiddu entra, la guarda e poi  piange) Chianci senza lignati? (Turiddu si siede le si siede accanto) chi successi? Parra!

TURIDDU

Chianciu picchì…(tira il naso che cola) chianciu picchì…chianciu picchì…

NELLA

(entra) fratuzzo mio ca ti ha successo! (lo abbraccia soffocandolo nel petto) diccillu a to mugghieri ca nun mi po’ jettari fora casa, picchì semu parenti stretti! (Turiddu si libera)

TURIDDU

Parenti stretti si, ma no ca m’affucare! Io sugnu triste…picchì…(piange)

ROSETTA

Turiddu dicci a to soru ca si nni va picchì se no io…(Turiddu aumenta il lamento) ma si po’ sapiri chi curnutu hai ca chianci.  

TURIDDU

Chianciu picchì…mi licenziaru du travagghiu. (piange)

ROSETTA

vero? (Turiddu annuisce) ma è vero vero o vero pi finta? (annuisce ancora) allura…nun ci posso andare più dall’estetista pi rasarimi u pil?  (Turiddu dice no è colta da una crisi) atipiti… (pausa)… techetè (pausa) bububù (pausa) …settete (pausa) …naca… naca… nacacata

NELLA

(si preoccupa) beddamatri una x in testa ci vinni!

ROSETTA

(continua a delirare) Tipiti…tipiti…tipitipitero!

NELLA

(le alza le braccia per farla respirare) Forza movi la colita…movi la colita! …riprendisciti cognata, si mori tu a cu ci dicu i parole…

TURIDDU

Rosetta parra (le da schiaffi) nun mi lassari vedovo (aumenta gli schiaffi) forza, parra. Dimmi cocchi cosa, fammi capire che ci sei. ti dissi parra!

 

ROSETTA

(Si riprende) Curnutu!!! (Si tocca la faccia)

NELLA

Fratè si ripigghiò, ti canusciu subitu!.

ROSETTA

Chi ti siccassiru i manu (Turiddu si lagna. Si guarda allo specchio) talìa chi ce cca, mi facisti divintari a faccia a coccobello! … arreri chianci?

TURIDDU

Certo, mi licenzianu sempri in tutti i lavori chi fazzu; A curpa è mia ca nascivu disoccupato!(vuole gettarsi dalla finestra) vogghiu moriri!! (le donne lo salvano) lassaaaatimi ca vogghiu moriri! nascivu disoccupato e vogghiu moriri occupato, (rifà il gesto di buttarsi e viene salvato dalle donne e lo siedono) mi vogghiu buttare giù giù…

ROSETTA

(angosciata) Turiddu a finisci! Si t’ammazzi ora, a mia manco a pensioni mi ricanuscino e manco dall’estetista pozzu andari; aspetta navutra para d’anni (Turiddu la guarda e disperato scappa alla finestra, gridando di voler morire. Lo salvano ancora)

NELLA

Fratello non ti ammazzare, non ne valesse la pena gettariti di qua. Semu a piano terra e manco fai u botto e nun c’è piacere. almeno jettati da terrazza e fai un beddo botto e tutti ti battinu i manu. (Turiddu la guarda e disperato scappa nuovamente alla finestra, gridando di voler morire. Lo salvano ancora)

ROSETTA

Manco si bona pi tia e ci dai consigli a iddu! pi fare un bel botto nun ci voli ca si jetta da terrazza…ma si spara un colpo di lupara in testa, chiddu si, ch’è un bel consiglio cu botto! (Turiddu piange ancora) a vo finiri? parramu di cose serie, ci lu dicisti tu a chista di veniri a stari cca?

TURIDDU

Si certo è me soru, mica a pozzu lassari menzu ‘na strata! (Rosetta è inviperita) a proposito, Nella chi ti successi cu zito?

NELLA

(piagnona) Questo polentone, quannu ci dissi e so genitori  che io sogno terrona, ni ficiru lassari. (piange)

TURIDDU

E bonu fici ca si levò di menzo i peri! Tu dicevo sempre io “ mannalu a fari ‘nto culo a sto polentone milanese” u vidisti? Ti mannò a fari ‘nculu iddu.

NELLA

E ora ca sugnu senza zito chi fazzu?

ROSETTA

Ti pigghi a valigia e ti nni vai a fari ‘nto culo e ti canti “ una lacrima sul viso” si c’è posto, portati a to frati!  

NELLA

(pietosa) Fratuzzu mio, lo vedi che cagna arraggiata di mugghieri chi hai?.  Alla tua sorellina preferita a lasci in un angolo da strata?

ROSETTA

Nno centro da strata! Appena passa un camion, ti pigghia in chino! (le due donne blaterano animatamente)

TURIDDU

Basta! … tu si me soru e idda e me mugghieri. Tu (A Nella) a u me stissu sangu. Tu ( a Rosetta) u me stissu portafoglio. Tu (a Nella) u me stissu cognome. Tu ( a Rosetta) u me stissu letto. Una sola cosa ca pi mia, siti uguali ....(pausa) ca mi rumpiti i cazzi tutti e dui!

ROSETTA

E chi significa ca ‘sta bestia hava ristari cca? (Turiddu annuisce. Nella è soddisfatta) Ah si? da oggi in poi, servimento mio nun n’hai cchiù. Fatti serviri di ‘sta zingara! (Esce)

TURIDDU

(urla) Ti pesa picchì è me soru, se invece era to soru nun ti pisava, vero?

ROSETTA

(affaccia la testa dalla porta) ora vogghiu vidiri quantu t’hava a veniri a custari pi manciari, miss du cento chila di culatello (rientra)

NELLA

Sarda salata diabetica, zittuti! io mancio quantu un aciduzzu a primavera. Sto facendo la dieta dell’uccello!

ROSETTA

(affaccia la testa) manci quantu un aciduzzu a primavera, ma hai a vucca quantu  ‘na popotama nall’estate!

NELLA

sei gelosa del mio (il sedere)  bagaglio culturale? Se nella vita fortuna vuoi sperare, augurati di aviri u culu grosso ca po’ tuccari! (ironizza che lei sia piatta) invece tu sia chiatta comu panella!  

ROSETTA

(Nervosa) si nun la finisci, ti scippu u diaframma e tu mettu pi cappeddu.

TURIDDU

Basta! chiudemula cca. Nella nun ti preoccupare un posto pi tia u trovu. (Rosetta lo manda a quel paese ed esce)

NELLA

Grazie fratè. Dico io, cu tutta a ragioneria chi hai nne sacchetti, comu putisti fari a sposariti cu ‘na jatta ‘mbriaca di chista?

TURIDDU

A mia fai a morale? Tu chi ci vidisti o milanese ca ti lassò nuda e cruda.

NELLA

(frigna) e senza colomba! (Turiddu si siede scoraggiato) chi hai? Stai male?

TURIDDU

Penso ca trenta patri di famigghia semu menzu ‘na strata. Oggi i titolari, quasi chiancivanu quannu ni dissiru ca chiuderu ditta per fallimento; sunnu troppi tassi ca ‘stu governu metti jornu pi jornu.

NELLA

Invece di aiutalli pi aumentare il lavoro, aumenta i tasse. Giustamente ‘na ditta se i tasse sunnu chiossà di l’entrata, prima o poi arriva o funnu.

TURIDDU

A curpa è nostra ca vutamu a ‘sti politici infami e traditori! fanno i liggi a piaceri di iddi, si nni futtinu se a genti si va curca senza manciari, importanti ca ci pagamu i tasse.

NELLA

Un cristianu cu tanti sacrifici si fa a casa e iddi diventano padroni! Navota a chiamanu Ici, poi Imu, Tasi; chiamala comu cornuti vonnu sempri u popolo è u fissa c’hava a pagare.

TURIDDU

U sentisti nna televisione quantu genti s’ammazza picchì nun po’ pagari i debiti? ‘sti infami chi fanno? Aumentano i tassi! mi spiace pi qualcuno ca nun lu merita, ma i politici sunnu unu cchiù merda di navutru!

NELLA

No fratè mi deludi! Sii più educato. I politici nun sunnu merda, sunnu…

TURIDDU

Cornuti!!! Ma no cornuti così, cornuti chi corna maiuscole! Mi spiace ca qualcuno si offende ma iddi hannu siminatu corna e corna ricogghinu!

NELLA

Fratè si po’ offendere chiddu disonesto ca invece di fari i cose giuste ha pinsato pa (batte la mano sulla propria tasca) so sacchetta. Invece cu è ca fattu i cose giuste, nun ci nni fannu pirtusa ‘sti parole.

TURIDDU

Io l’hai dittu sempri, a politica è una mafia legale!

NELLA

Ci avissiru a ridurre u stipendio a ‘sti parlamentari. Nun è giusto, cu nenti e s’ammazza cu assai e fa a bella vita. In Italia a liggi è sbagliata.

TURIDDU

Soru mia, si u popolo nun si sveglia invece di andare avanti, andiamo indietro. (Bussano ed entra il fattorino con un sacchetto.)

FATTORINO

(Aria poetica) L’albero a cui tendeva la pargoletta mano, non era il verde melograno.

TURIDDU

E chi è?

FATTORINO

A bella pinna du zu Tanu! (Scoppia a ridere) cca sugnu, cavuru cavuru. (A Turiddu) essere o non essere…tu chi essere?

TURIDDU

Io essere ddu …Turi…ddu marito di Rosetta. E tu cu si?

FATTORINO

(da la mano) io sono ino…fattor…ino. Sugnu comu l’arrotino ca invece di arrotare i corna io...(Fa il gesto di affettare) affetto u salamino!

TURIDDU

Fai bene, ridi e futtitinni. A mia mi passò puru a forza di ridiri!

FATTORINO

Ora ca barzelletta u fazzu ridiri io a lei: Un vecchietto entra o tabacchino “ mi scusi, mi duna un pacco di sigarette?” il tabaccaio “ io ci dugniu, ma u vidi chi c’è scritto…<<il fumo provoca l’impotenza>>” u vicchiareddu ci pensa e poi ci dici “ facissi ‘na cosa, mi canciassi cu chiddi du cancro” (ridono)

NELLA

Una io: Caterina una picciridda di 10 anni; ogni jornu torna a casa triste senza diri nenti a matri. U primu jornu, u secunnu, u terzu, u quartu jornu a matri si preoccupa e ci dumanna: “ Caterina chi hai ca ogni jornu si sempre siddiata? la bambina “ la maestra di Milano ogni giorno chiede a tutti cosa mangiamo la sera, tutti mangiano aragosta e nuatri sempri lattuga” la madre “ cretina, dici puru tu ca manci aragoste, tanto lei mica ti vidi!” l’indomani la bimba felice torna a scuola. La maestra come ogni giorno, chiede a tutti cosa avessero mangiato la sera prima; arrivata da Caterina le chiede “ lo so gia, te hai mangiato lattuga” a picciridda contenta “no, assira manciavu aragoste!” a maestra stupita “ veramente! È quante ne hai mangiate?” “ tri mazzi!” (Ridono tutti)

TURIDDU

I barzellette sunnu comu i caramelle, una tira l’altra. Ora vi nni cuntu una io sui carabinieri. Stavano facennu un esame di stato e…

ROSETTA

(entra) ma comu finì a barzellette! A mia i palli mi fannu i scintille e vuatri riditi. A purtasti a spisa?

FATTORINO

Tutto pronto signora. Io sugnu sempre attivo.

ROSETTA

(interviene subito mentre prende la spesa) …e passivo!  

FATTORINO

Passivo c’è so marito, c’havi l’occhio fituso du finocchio! (Ride. Turiddu si lamenta) scherzo cucì. Pigghiamunilla a ridiri ca è megghiu. Allora signora Rosetta, si lei mi da i cash io me ne ando.

ROSETTA

(A Turiddu) invece di cuntari minchiate, paga u fattorino. (A Nella con sgarbo) a cu aspetti a manna du cielo? Susiti e veni cu mia ca ti fazzu sciogliere i grassi nei fornelli. (Esce e Nella la segue lamentandosi)

TURIDDU

I fimmini si lamentanu sempri: comu stava dicennu è sui carabinieri; Devono sostenere un esame di stato. Entra il primo e il professore chiede “ Io… che verbo è?” u carabiniere pensa “Avere” “e il Gerundio?” ci pensa un po’ e poi fa…“Avendo” “promosso, se ne può andare” u carabiniere esce e dice all’altro “picciotti è ‘na minchiata l’esame; avere e avendo sunnu i risposte” entra il secondo “Cos’è io” “avere!” “il gerundio” …“Avendo!” “gliel’ha suggerito il collega ch’è uscito?” “no io ho studiato” “allora, mi faccia un esempio di frase compiuta in cui lei utilizza avere e avendo nella stessa frase” dice va bene. “ si può affacciare alla finestra?” il professore si affaccia “A vere da 500 scassata?...A vendo un milioni e menzu!” (i due ridono)

FATTORINO

Bella ‘sta barzelletta, ora ma scrivu così poi a cunto; mi nni vaiu. ( gli da lo scontrino, mette mano al portafoglio e paga) E a mia nenti mancia?

TURIDDU

Si aspetti, manci cu nuatri.

FATTORINO

No, dico, nenti piccioli? (strofina indice e pollice alludendo a soldi)

TURIDDU

(lo spinge ad uscire) di ‘sti tempi, cu cerca piccioli cerca lignati. Vatinni a tagghiari u salamino. (Il fattorino esce lamentandosi, si scontra con Andrea figlio di Turiddu e Liliana la fidanzata)

ANDREA

(giovane ragazzo. Bussa alla porta) è permesso?

TURIDDU

Avanti! (vede il figlio) Andrea, figghio mio. (Si abbracciano) chi sorpresa! È questa chi è?

ANDREA

Questa è Liliana Papà, la mia dolce metà.

ROSETTA

(Turiddu le da la mano. Entra Rosetta) Turiddu a pozzu calari a pasta? ( va in tilt) tata…pipi…cucu…fifi… figghiu miu! (Gli si lancia al collo e lo bacia facendo sentire il suono) Gioia mia, cuore mio, vita mia, sangue mio…

TURIDDU

(Geloso lo tira a se) aoh, tuttu tuo è? vidi ca a semenza era mia no tua, quindi è chiossà mio ca tuo! (i due si lamentano)

ANDREA

Mamma papà, smettetela! sono arrivato da due minuti e già vi fate riconoscere. Vi presento la mia morosa Liliana.

ROSETTA

(dandole la mano) piacere io sono la mamma. Prego vi sedessivo pure. (grida sgarbata) Nella stoccati i jamme cca! (si siedono tutti.) gioia mia, chiossà ti guardo e chiossà mi si palpeggia il cuore di felicità. (Gioiosa) veramente bella la tua amorosa…pare vera!

TURIDDU

Andrea comu ta passi a Roma? Nel campo della giurisprudenza si lavora?

ANDREA

Comunque dai, si lavora un po’ non c’è di che lamentarsi. E voi?

ROSETTA

Disoccupescion! ‘sti crasti di politici, ni stannu jettannu a mare.

NELLA

(entra) Calavu i spaghetti, cinque minuti e si mangia (Vede il nipote) …Andrea! ( le si avvinghia al collo e lo bacia facendo sentire il suono) have tante anni che non ti vedevo, ti facisti troppo bello; pigghiasti tutto di mia, d’altronde nella nostra razza semu tutti beddi.

ROSETTA

Zittuti e assettati pisci palla, me figghiu è bellissimo picchì u fici a mia immagine e somiglianza. a mia mi nisciu dall’apparato della ricreazione

ANDREA

Dai non cominciate voi due. Non siete cambiate per niente. Sembrate il gatto col topo.

NELLA

Semu u limiuni cu bicarbonato. U fattu è ca a to matri nun la pozzu digiriri!

ROSETTA

(si morde le dita dalla rabbia) siedisciti e non ci facessimo conoscere dalla zita extracomunitaria di me figghiu. (Liliana ride)

ANDREA

Extracomunitaria? Mamma guarda che la mia ragazza è italianissima come noi. Amò, presentati ai miei.

LILIANA

Salve a tutti. io sono Liliana. (imbarazzata)

ROSETTA

(meravigliata, sottovoce a Nella e Turiddu) sapi parrari!

ANDREA

Dovete sapere che Liliana è una ragazza dolce e riservata.

LILIANA

È timida! Non socializzo subito con la gente mi ci vuole un po’; nonostante abbia girato per studiare, le mie abitudini regionali non le ho mai perse.

ANDREA

Ci siamo conosciuti a Roma; mentre ero alla guida della mia auto mi sono distratto e vado a sbattere sulla sua auto; nonostante lo shock, uscito dall’auto e l’ho vista le ho detto (con dolcezza)…“si è fatto qualcosa signorina?”

LILIANA

(dolce)…“no grazie!” (sorridendo) da subito, in me è scattata l’attrazione. Dopo l’esito in ospedale andammo a cena fuori.

ANDREA

È passato più di anno e da quella sera non ci siamo più lasciati! …(con dolcezza la guarda e le stringe le mani) è stato il tamponamento più bello di tutta la mia vita! (s’è possibile i due si baciano o abbracciano. scatta l’applauso dei presenti. Nella piange)

ROSETTA

Posso darti un bacino? (Liliana annuisce. Le si avvinghia al collo baciandola) che bedda me nuora, bellissima; Tutta di mia pigghiò! allora bisogna festegg…(Vede Nella piangere) picchì chianci? Sei emozionata per i ragazzi?

NELLA

Loro parlano d’amore e mi vinni a nostalgia del tamponamento ca mi faciva il mio zito ogni sera a letto (piange)

TURIDDU

Basta nun ci pinsari cchiù! Prima ca mori u trovi navutru tamponatore. Forza, bisogna festeggiare. Rosetta pigghia i dolci.

ROSETTA

Ti pari ca haiu u bar a portata di mano, chiamo o fattorino e ci fazzu portare i dolci per mia nuora. (Va al telef.)

LILIANA

Signora non si preoccupi, mi va bene il caffè. E poi sono a dieta.

NELLA

Io pure sono a dieta,…quannu dolci nun ci nnè. (esce da sinistra)

ROSETTA

Pronto fattorino? Senti, mi la purtari un vassoio di dolci? Si… stiamo festeggiando lo zitamento di me figghiu, u vassoio portalu cchiù nicu che me nora è a dieta… si spaventa ca ci spuntanu i batuffoli nna faccia.- grazie! (Chiude telef) fra poco arriva.

ANDREA

Mamma papà, allora? Cosa ne pensate di Liliana. Vi piace?

TURIDDU

Una bella ragazza, importante ca vi vuliti beni vuatri. Come tu sai figghiu mio, a nuatri nun c’interessa a ricchezza, basta ca sunnu brava gente e che sunnu famigghia pi nuatri.

ANDREA

Per te mamma?

 

ROSETTA

È troppo ok! È bedda, pulita, sistemata, educata, zuccarata e calibrata.  Mi sta vinennu a diabete da felicità. Bedda! (le da una serie di baci col suono) Andrea, ma dunni la trovasti dentro l’ovo di pasqua?

LILIANA

Dentro l’uovo di pasqua? (Ride) signora mi ha fatto ridere, lei è troppo comica mai sentita questa battuta.

ROSETTA

Cara Lilla, sogno un’attrice …e poi, sento che parli bene l’italiano; sei profuga? (Liliana dice di no ad ogni regione) siciliana?... calabrese? ... pugliese?...campana? …scusa l’italiano… di unni schifia veni?

TURIDDU

Di qualsiasi regione veni, cosa importa, pi mia è a zita di me figghiu, anzi è un’altra mia figlia. Cara Liliana, io amo tutta l’Italia…(lo evidenzia) meridionale, una sola città odio nna me vita, pi mia fortuna di comu parri, tu non ci sei…(col sorriso sulle labbra) perché tu in realtà sei di…

LILIANA

… Milano! (Rosetta e Turiddu restano di stucco)

NELLA

(Affaccia la testa dalla porta) minchiuni, futtuti semu! (Rientra)

LILIANA

( si crea un’area di astio intorno a lei. Rosetta va a prendere il deodorante e lo spruzza sulla stanza sopra di essa e anche sul marito) che significa questo?

ANDREA

Mamma papà, che vi prende? Niscistivu foddi? (Liliana non capisce)  amò, sono impazziti.

ROSETTA

Figghiu miu, cu tutti i fimmini chi esistinu supra a terra, giusto giusto una milanese ti havii a pigghiari! (gli spruzza il deodorante il quale si scansa) Veni cca gioia mia, mettiti l’antivirus.

ANDREA

E finiscila! Siamo nel 2000 e ancora vi fate mettere in testa simile idiozie che i milanesi sono gente schifosa. Vi sbagliate! I milanesi è gente come noi! (Turiddu gli fa una pernacchia) Papà!

NELLA

(entra col caffè; è imbottita di camice bianco, guanti, casco, occhiali)caffè pronto

ROSETTA

Aoh, picchì ti vististi così? Pari u preservativo di Rocco Siffredi!

NELLA

(Serve il caffè) ignorante, chistu è a protezione contro l’adsl milanese.

ANDREA

(su tutte le furie) ora basta! Ma dite vero o scherzate? Vedete la faccia di Liliana? La state uccidendo piano piano!

TURIDDU

Allura acceleramo, dai! Almenu si leva di soffriri e na livamu di mezzu!

ANDREA

Papà ma come ti permetti offendere il mio amore! Tu sei mio padre e ti rispetto, ma non ti permetto di parlarle così! Volevo che fosse una giornata di festa per annunziarvi il nostro progetto di matrimonio e insieme, saremo volati a Milano per conoscere la sua famiglia.

ROSETTA

Cosa? mi vo purtari a Milano? no no! ti pari ca a ghiri a pigghiari cocchi malattia patologica? ni parravanu nno telegiornale. (lo chiede in famiglia) comu si chiama l’ultima malattia ca per ora va di moda?

NELLA

U pakistan! (esce)

ROSETTA

U pakistan milanese! No no, a Milano nun ci vaiu manco si mi paghi. Si nun ti staiu dicennu a verità, avissi a moriri to zia! (Nella fa un Tiè)

TURIDDU

A Milano nun ci vegniu; nun ci l’haiu a piaceri di ‘stu matrimonio cu ‘na milanese. Sinceramente i milanesi li odio, sunnu fitusi!

LILIANA

Le chiedo scusa: perché odia Milano quando in realtà non c’è mai stato!

TURIDDU

Nna televisione si vede ch’è una città grigia, umida, fredda, a gente curri sempri e nun si saluta mai. Invece la Sicilia è ricca di colori, sapori, mare sole e poi nuatri nun avemu primura e ni salutamu sempre!

ANDREA

Quando siete venuti a prendermi all’orfanotrofio, fra tanti avete scelto me. (Nella affaccia dalla porta e ascolta) Mi avete cresciuto ed amato come un vero figlio, non mi avete mai fatto mancare nulla. Sono stato fortunato di avere trovato due angeli come voi. (Rosetta commossa, soffia il naso e poi asciuga le lacrime di Turiddu) mi avete fatto partire, studiare se ho una posizione il merito è vostro. Adesso? Rifiutando la mia felicità è come…se mi steste abbandonando un’altra volta.

NELLA

(entra) scusate la mia introduzione, Andrea nun è figghiu vostro? (Turiddu e Rosetta commossi scrollano la testa)  È stato adottato? (Annuiscono) picchì tutti in famiglia sapemu ca era figghiu vostru?

ROSETTA

(commossa) picchì nun vulivamo fari sapiri ca to frati…(fa un lungo respiro e alla fine, sbotta a piangere) havi a semenza scaruta!

LILIANA

(Nella esce) Amore non avercela coi tuoi, li capisco! Per colpa di qualcuno, in Italia si è venuta a creare una sorta di muro tra nord e sud. La verità è anche i miei odiano voi meridionali: pensano la stessa cattiveria che avete voi nei loro confronti. Mio padre si lascia manipolare da false ideologie politiche. (piange) Vedendo la reazione dei tuoi, non oso immaginare quando lo saprà mio padre che farà. (disperata. bussano e Turiddu va ad aprire)

FATTORINO

(Entra cantando) oi vita oi vita mia, oi core e chistu core, si stato o primmo ammore, o primmo e l’ultimo sarrai pe mme! Auguri a tutti. chi sono i ziti? (i fidanzati alzano la mano. Da la mano) auguri e figghi masculi! Chi mi aiuta ad entrare il vassoio dei dolci?

ROSETTA

(triste) già ni ficiru acitu i dolci. ‘stu fidanzamento nun si fa cchiù.

FATTORINO

Picchì nun si fa cchiù? Chi successi?

TURIDDU

A ragazza è di Milano!

FATTORINO

(porta la mano in testa) minchiuni scalogna! Pi chistu aviti a faccia di cadavere? …miei cari ziti, scusate ca vi fici l’auguri a ‘stu punto vi fazzu (da la mano i due non danno la mano) …condoglianze!

ANDREA

È assurdo! Dobbiamo privare di amarci solo perché i nostri genitori si odiano a vicenda? (afferra le mani di Liliana) Amore non rinuncio a te, vedrai che una soluzione la troveremo

NELLA f. s.

 sparativi!!! … a pasta è pronta.

ROSETTA

Nun haiu fame. Mi si bloccà a bocca cu stomaco!

FATTORINO

Ci penso io; vi cuntu ‘na barzelletta (silenzio) Palermo: davanti u municipio c’è uno sciopero del lavoro. Tutti gridano: “ vulemu u travagghiu! Vulemu u travagghiu!” nno frattempo, passa un imprenditore milanese e li sente. Va da uno e dice: (imita dialettica milanese) salve, sono un imprenditore milanese. Lei oggi è fortunato ho un posto di lavoro per lei è contento?” u palermitano gli fa “cu tutta ‘sta gente chi c’è nna piazza, giusto giusto a mia mi l’hava a dari?” (Ride solo lui) allegria picciotti! a mia puru mi stannu sopra i palloncini i milanesi, ma no pi chistu, vieterei a me figghiu di sposarsi cu ‘na milanese. (i fidanzati assecondano)

ROSETTA

I milanisi hannu sempri primura; vulissi sapiri, unni cornuti vannu ca currinu sempri. Ti avviso Andrea, appena diventi accelerato puru tu, nun mi salutari cchiù.

FATTORINO

A finiti cu ‘sti critinaggini? Ragazzi vi amate? (i due annuiscono) vi sposate? (annuiscono) andate a convivere e futtitivinni!

ANDREA

Il fatto è che i genitori di Liliana si sono affezionati a me e vogliono conoscere a tutti i costi i miei genitori ma non sanno che sono siciliani!

FATTORINO

E vuatri nun ci lu diciti! Inventate ca sunnu stranieri…quannu li porti a conoscerli, iddu nun parlano e fila tutto liscio, appena vi sposati, vuatri andate pi casa vostra, iddi si nni tornano in Sicilia e fissero felici e contenti! (uscendo) “Benvenuti al teatro dove tutto è finto ma nulla è falso!”

LILIANA

Perché non ci ho pensato prima! Sono laureata in spagnolo, potremmo creare una farsa nella quale faremo credere ai miei che voi siete spagnoli.

ANDREA

Ottima idea amore, però il fatto è che i miei non conoscono lo spagnolo.

LILIANA

Tranquillo amò, gli darò delle lezioni base per fargli capire. …vediamo un po’;… Hola amigos como estas?

TURIDDU

(alza le spalle) no no, io nun fuvu! A curpa di me mugghieri è!

ROSETTA

(lo sgrida) pentito! L’intrallazzo nna luci u fici fare pi tia, pi illuminariti chiossà i corna! Scusa Liliana, c’è crisi e bisogna risparmiare.  (Turiddu ribatte alla moglie, Andrea li calma)

LILIANA

A me non interessa quello che avete fatto, ho chiesto come stai! Vi faccio un’altra domanda. (pensa) …De uvas a peras

ROSETTA

A sacciu io, chista è facile: de uvas a peras significa…macedonia!

ANDREA

Mamma pure tu, mi sento o manicomio. De uvas a peras, significa, ogni morte de papa.

NELLA f. s.

A pasta è pronta! Tutti a tavola. (Rosetta si affretta a mettere la tovaglia sulla tavola invitando i fidanzati ad unirsi a loro)

LILIANA

No no grazie signora, e poi devo ancora farvi altre domande in spagnolo, altrimenti, nn imparerete mai.

ANDREA

Amore ti prego, sono stanco per oggi; abbiamo una settimana per insegnarglielo, pranziamo ch’è meglio! (Entra Nella con una montagna di spaghetti al sugo)

LILIANA

(meravigliata) mamma mia quanto pasta!

ROSETTA

Chistu è solo antipasto, poi c’è:  carne con patate, a frutta, u dolce, u caffè e ammazza caffè. Mi spiace ca fici così poco, c’è crisi.

TURIDDU

Andrea u fattorino i lasciò fuori i dolci? (i due escono e rientrano con un grande vassoio) aiutatinni inveci di taliari (le donne li aiutano a posarlo)

NELLA

‘sta munnizza di fattorino, navutri dui ci putiva mettiri; Liliana che deve dire quannu va a Milano, ca ci ficimu desiderare i dolci? Anzi, videmu se c’è il mio cannolo (apre e controlla)

LILIANA

Pochi? A Milano, al massimo usiamo dui e tre dolcini per un’occasione del genere.

NELLA

I milanesi siti piducchiusi e aviti l’umidità fino nne capiddi. In Sicilia, semu poveri, ma a tavola è sempre ricca! Finemu d’apparecchiare a tavula e manciamu.

LILIANA

(annusa l’aria e si lecca le labbra) uhmmmm…Hacerse la boca agua

ROSETTA

Como cazzarola parra chista! Parrare potabile.

ANDREA

Mamma, Liliana dice che ha l’acquolina in bocca

ROSETTA

Scusemuà non avevo capituà.

NELLA

Chistu è francese. Io lo conosco il francesio; quannu devi dire una cosa cos’è, si dice: che cazz è!

TURIDDU

(esaurito) Aoh, che schifiè che nun se mancè? A pasta è rifriddè e a mia le cazze mi vuncè! (Rosetta si affretta, prende la pasta con modi poco garbati e la mette nei piatti dei commensali, mentre parlano tutti insieme tra loro. Musica di chiusura consiglio “Dune Baggy” Cala il sipario)

Fine primo atto

Secondo atto

(la scena seguente è ambientata in una famiglia milanese. Cambiare lo stile d’arredamento, renderlo più chic. I protagonisti di questa scena, devono avere un marcato accento milanese con le vocali aperte)

PIERPAOLO

(In accappatoio e ciabatte. Entra, asciugando i capelli) ‘na bella doccietta era proprio quello che mi ci voleva. (si siede nella poltrona) finalmente dopo ‘na semana de laurà me tocca ripusà. Ambrogio... Ambrogio… (grida) we allora!

 

AMBROGIO

(maggiordomo di famiglia. Modo di fare lento e pacato) mi dica signore.

PIERPAOLO

We, ti sei giocato le orecchie? Non senti mica che ti chiamo? che facevi?

AMBROGIO

Stavo sistemando le bambole  nella stanzetta di vostra figlia, mi ha incaricato vostra moglie, ed io, gli facevo il bidè.

PIEPAOLO

A chi, a mia moglie?

AMBROGIO

Alle bambole!

PIEPAOLO

Ah, mi pareva! Non ti sei esprimere, te sei un pirla maggiorato!(con la mano lo manda a quel paese)Và a dà via i ciapp! (Ambrogio esce. Grida) Portami il giornale! (Borbotta)

AMBROGIO

(Rientra) Signore il suo giornale.

PIERPAOLO

(mentre si asciuga i capelli, copre anche la faccia) Vai a prendermi l’acqua; ti raccomando tiepida, liscia e che non sia troppa bagnata, sai che soffro di acquolina in bocca. (Ambrogio esce e rientra col bicchiere d’acqua pieno e la da a Pierpaolo) ti avevo detto poca! quella in più che faccio, la butto?

AMBROGIO

la uso per fare il risciacquo alle bambole. (con gesti lo manda a quel paese.) Va fora di pè…testina! (Ambrogio esce. Pierpaolo beve)

PIERPAOLO

(termina d bere) …ueh Ambrogio dimmi che ora è?

AMBROGIO

(Entra) Sono le 9.02 e 40 secondi signore.

PIERPAOLO

We Ambrogio la mia sciura ti ha detto dov’è andata?

AMBROGIO

Mi ha detto ch’è andata a fare shopping, signore.

PIERPAOLO

Di nuovo? Questa semana se andata du volte a fare shopping. Le donne son fatte così, stanno sempre a spendere …E io pago…e io pago!!! …fai una cosa utile dai, invece che startene di là, leggimi il giornale mentre io asciugo i capelli, te capì? (Ambrogio prende il giornale e mentre Pierpaolo asciuga i capelli con tovaglia davanti la faccia, fa come se volesse dargli un colpo di giornale. Alza lo sguardo e lo vede il quale finge di cacciare via le mosche) We, ma che facevi?

AMBROGIO

Nulla signore, caccio le mosche per evitare che si crei una moschea in casa. (legge giornale) Milano: due uomini incappucciati irrompono in banca e portano via il bottino. Appena fuori i carabinieri arrestano i due siciliani!

PIERPAOLO

Te pareva! ‘sti siciliani son tutti delinquenti la causa della nostra crisi è loro…continua.

AMBROGIO

(legge) Politica: Niente tagli a stipendi di giudici e parlamentari: “90 mila euro l’anno,sono pochi rispetto a ciò che facciamo noi per l’Italia” Asserisce un parlamentare.

PIERPAOLO

Và a scuà 'l mar maccarun!…noi una vita de laurà pè ‘na lira de pensione e loro ‘na montagna de soldi pe nun fa ‘na mazza. ‘sta politica me sa tanto che ultimamente, pussa de merda! …passa avanti ch’è meglio

AMBROGIO

(sfoglia qualche pagina) stasera, grandissima attesa per l’attesissimo macht  tra Milan e Palermo.

PIERPAOLO

Stasera ai siciliani gli faremo un culo grosso così! (Fa il gesto) li faremo tornare a casa con le lacrime agli occhi e gli grideremo (urla) vai a casa, terùn! (ride.Suona il telefono. Ambrogio risp e poi lo passa a Pierpaolo) pronto?- we Carletto. Come la và? – a me va tutto ben. allora dimmi. – ma chi, Giuvann? fa il cumpleann? Cinquanta? (ride) s’è fatto vecchietto l’amichetto.- festeggiate al vecchio bar da Matteo? -me piaserebbe tanto venir, ma non posso. La mia tusa Liliana porta in casa i genitori del moroso. – è un bravo bagai, io li scelgo i bravimoroso pe la mi tusa, te capì?– (cambia d’umore) We Carletto,stai a tirarmi scemo? ti sembra sia diventato un provolone? Te pare che sono così pirla da dare la mia tusa sposa ad un terùn?! Mai e poi mai una disgrazia in casa mia. Te mai provaa lì el mal de dent?  Appena fiuto ‘nu terùn è la stessa cosa.– scherzavi? Ma vada via el cul! La Liliana mi ha detto che sono spagnoli; strano però, il moroso parla italiano, mah! – (Apre la porta ed entra Sofia la moglie) ti lascio Carletto è arrivata la mia sciura. Salutami Giuvann. Ciao ciao ciao ciao! We, ma dove sei stata al mercato profughi?

SOFIA

(vestita molto elegante: cappello di daino compreso di occhiali, guanti e scarpe. Con se ha un sacchetto) ho fatto solo piccole compere. Ambrogio! (Entra Ambrogio) davanti la porta ci sono dei sacchetti. Puoi entrarli? (esce e rientra con una marea di sacchetti – ripieni anche di carta- entra uno scatolone dando il senso che sia pesante. il secondo ancora più pesante e portandolo traballa. Posandolo rimane piegato ed esce)

PIERPAOLO

We, per la miseria hai comprato tutto il negozio?

SOFIA

Questa è la stagione del daino e ne ho approfittato; Guarda ch’è bello il mio cappello è fatto con la criniera di daino e i guanti? sono fatte con la pelle delle zampe anteriori, le scarpe sono fatte con la pelle delle zampette posteriori.

PIERPAOLO

(nota un portachiavi con due ciondoli, anch’essi con pelle di daino) è questo portachiavi con cosa l’anno rivestito, con le palle di daino?

SOFIA

Quando fai così sei peggio di una colica fratturata ai paesi bassi.

PIERPAOLO

Parla a stampatello pirletta che nun te capì

SOFIA

Che mi rompi le palle!

PIERPAOLO

We, Sofì Fam no girà i ball a mi! Te capì? Mi faccio un culo così tutta la semana a laurà e mi ringrazi così? A te interessa l’immagine e cosa faccio io?... io pago! E io pago!!! Vuoi che finì cont el cü per tèrra?

SOFIA

Ma dai che sei pulemic. Calmati se no ti si alza la prostata! io so quando spendere (fa capire che parla di soldi) se ghin ghin, e se ghin no....sciau

PIERPAOLO

Se ci sono o non ci sono, i soldi li devo sborsare sempre io! (Sofia esce stizzita, la manda a quel paese) ma vada via el cul! …la donna è la consumazion de noi maschi. We Ambrogio…Ambrogio te deventà sord d’oreggia?

AMBROGIO

Mi scusi signore, non l’avevo sentita. Ero in bagno.

PIERPAOLO

Scusami non potevo sapere che facevi lo stronzo. Togli questi sacchetti che me fa revoltè el stomegh. (Ambrogio esce tutto) Oggi doveva essere una giornata de riposo e invece me la stanno avvelenando. (Si siede a leggere il giornale. Bussano) we allora, chi le che rompe le pall?  

LILIANA f. s.

Papà sono io la Liliana.

PIERPAOLO

Me son appena seduto, passa più tardi!

LILIANA f. s.

Apri papà non scherzare! (bussa)

PIERPAOLO

Ambrogio non senti che piccà alla porta? (Ambrogio va ad aprire)

LILIANA

Ambrogio, quanto tempo! (Il maggiordomo ricambia saluto) Papà!

PIERPAOLO

La mi tusa (si abbracciano) Sofia è arrivata la Liliana. Ma sei sola?

LILIANA

(Si gira verso la porta) c’è Andrea con la sua famiglia. (Sottovoce) trattali bene papà e parla lentamente, ricorda, sono stranieri. Un attimo (Esce)

SOFIA

(entra) ma dov’è la Liliana? Te sei mica bevuto i neuroni?

PIERPAOLO

Quando fai ‘ste battute del cavolfiore, fai cagare. (la vede rientrare) Eccola!

LILIANA

(Felice abbraccia la madre) mamma, com’è bello rivederti! (Sofia è commossa. Finge un pianto con espressioni facciali, in silenzio) mamma  che ti prende?

SOFIA

(Carezza Liliana) gioia bella, piango a secco per non sciogliere il trucco

ANDREA

(Entra) Permesso? …Buonasera! (saluta i suoceri)

PIERPAOLO

We Andrea, come la va?

ANDREA

Bene bene. Scusate, i miei genitori sono educati e non entrano senza il vostro permesso. Possono entrare?

SOFIA

Ma certo che puoi! Li abbiamo invitati qua per questo.

ANDREA

(Esce la testa dalla porta) Prego, entrate (primo entra Turiddu; vestito classico e molto elegante con bombetta. Aria da snob) questo è mio padre.

TURIDDU

Piaceres, me chiamo Turiddu (col dito indica Alessandro) Tucogliones. (Entra Rosetta)

ANDREA

Questa è mia madre

ROSETTA

(anch’ella elegante: aria da snob, borsetta e con se un gatto di peluches) piaceres Rosetta (indica Turiddu) suamoglias.

ANDREA

È questa è mia zia

NELLA

(anch’ella elegante. Aria da snob) piacerito io sogno zitella e Butta Nella.

 

SOFIA

Prego, che piacere conoscervi! (Urla) Ambrogio le cadrèghe per i signori.

NELLA

Grazias signora, il pittitto mi avesse fato acetos nello stomachito! (entra Ambrogio con le sedie)

AMBROGIO

Prego signori. Accomodatevi!

ROSETTA

Scusemua, la segnora ti avesse detto de portar le cadrèghe; che cazzarolas  ce portas le sedie! Porta de manciares. Sbrigamentos!

LILIANA

Va vai Ambrogio. Spiego io. (Ambrogio esce) Rosetta le cadrèghe sono le sedie, no roba da mangiare. Capito?

ROSETTA

Buttana de la miserias, avevo capitos malamentos!

PIERPAOLO

We Ambrogio, porta qualcosa da mangiare agli ospiti. Adesso vi faccio assaggiare la nostra specialità.

TURIDDU

Caro Pierpaolo, te chiero accuccia se il noccio italianos è un pochito spagnolito. 

PIERPAOLO

Ma ti pare che sono scemo? Per amore della mia Liliana me piase anche  s’eravate arabi, te capi!

SOFIA

(nota il gatto di peluches in braccio a Rosetta) ma cousa l'è chès meraviglia? Lady, listen me; this cat is you?

ROSETTA

(alza il dito, chiedendo un attimo, poi alla cognata sottovoce) ma comu cabbasisi parra, ma chi è straniera? (Nella alza le spalle)

ANDREA

Mamma la signora Sofia si riferisce al gatto: vuole sapere se il cats, ovvero il gatto è tuo.  

ROSETTA

No no no… questo chez è di mio marito! (glielo tira a Turiddu) prendisciti tuo chez.

SOFIA

Mi piace. Lo posso toccare?

TURIDDU

Prego segnorita, puoi toccare mio chez! ogni lassata è perduta!

ROSETTA

(gli da colpi di borsa) anche se noio stare a Milano, anche se cambiare lingua tu avere sempre le corna longhes.

TURIDDU

(infastidito) e che caz!

PIERPAOLO

(entra Ambrogio con un vassoio di dessert) ecco il nostro dolce. Gustate e mi dite se ve piase. (ognuno prende il suo e lo mangia) buono vero? (tutti annuiscono) ditemi la verità, ve la siete mai fatta una barbajada?

ROSETTA

Io si la scorsa semanas dall’estetista! (mangia con piacere)

NELLA

Io pures dall’estetista mi levo le baffe! (mangia con piacere)

TURIDDU

(si tocca il viso) Io me sono faciutos la barbajada prima de partir. (Sofia e Pierpaolo ridono)

LILIANA

la barbajada è il dessert che state mangiando. È un dolce tipico milanese.

ANDREA

Vogliate scusare i miei genitori. Fraintendono le parole. (allusivo) mamma papà, fate attenzioni a quello che vi dice il padre di Liliana, no casini!

SOFIA

Non ti preoccupar Andrea, troveremo un punto d’incontro e ci capiremo. Signori è stato di vostro gradimento?

TURIDDU

Ottimus. Very gudde. Troppo bonos questo dolce. Grazias signora a nome di tutta la mia sacra familias.

PIERPAOLO

Ambrogio! (Entra) porta via i bicchieri dei signori. (esegue. Prima di uscire Nella lo chiama)

NELLA

Anfrocio…doveres il cessos (nessuno capisce) Waters… tuilettas… (esaurita si esprime sgarbata) u pisciaturi…dove caz e stass?

ANDREA

Zia! Non farti riconoscere, scusatela. Vuole sapere dov’è il bagno.

NELLA

Scusetuà nipotello, siccome nun me capito il cammareros pi nun me diureticar de sopra me sono esprimutas in parola povera. Capitos? (Andrea annuisce)

AMBROGIO

Il bagno si trova, uscendo dalla porta la prima a destra, poi la seconda a sinistra fa venti metri e trova il bagno.(Nella esce. Ambrogio esce)

ROSETTA

(A Turiddu sottovoce) ‘sti pulentunazza hannu ‘na reggia! Vidi quanta strata pi fari plin plin, si lu sapiva prima, mi purtava u catetere.

SOFIA

Tutto ben signora? ho sentito che le serviva una catet…?

ROSETTA

Si dicevo a mio maritos che (accarezza le sedie) belle queste catetere.

PIERPAOLO

(Ride) Signora le sedie da noi si chiamano cadrèghe, te capì? Tranquì, piano piano inizieremo a capirci, te capì? …Volete qualcosa da bere?

TURIDDU E ROSETTA

Acqua!!

PIERPAOLO

L'acqua la fa mal, la bev dumà la gent de l'uspedal.

ROSETTA

Scusemuà, che minchias avere detto? (Pierpaolo inizia a dubitare)

ANDREA

Mamma por favor! Si dice muchas grazias. Attenzion alle parol!

ROSETTA

Pardon caro figliò; ognie tanto, entrò in confusion e capiscio malox

PIERPAOLO

Ho detto che l’acqua fa male perché è roba da ospedal. Ambrogio…porta un liquoretto per i signori. (Entra Nella)

SOFIA

Va meglio signora? Prego si sieda

NELLA

Benitos! quando faccio pipi me sento pulita dentro e bella de foras… signora, pe caso quando lei andato in bagnos, iessere sempre encazzada con su marido?

SOFIA

Si è vero, come fa a saperlo, lei veggente?

NELLA

No, io guardante! Avere vistos che  giravano le palle nello lampadario

SOFIA

(ridono) sono ciondoli di cristallo che pendono; però è vero che mi arrabbio con mi marito, quando va a pissiar non c’entra mai il buco, va sempre a destra! (tutti ridono, Pierpaolo si lamenta)

TURIDDU

Nun te preoccupas amigos è una cosa normal pe noi che tenemos el pistolon!

ROSETTA

(A Turiddu) ma statte zitto! Parli tu che hai el pistolin e te pisci sul calzin

LILIANA

Dai, basta con ‘sti discorsi; mamma vedi ch’è bella la zia di Andrea. È un po’ pacìarott (allude alla ciccia ed evidenzia le forme) ma è bella lo stesso

NELLA

Cara nipotellas, sono vuncias per colpa de la menopausa.

TURIDDU

Sorela io te lo dicio siempre, se tu volere dimagritos, invece di menopausa prendi più patos e vedito che te dimagrisce el culito

ANDREA

Papà ma che dici! Nemmeno sai quello che hai detto. Sta zitto!

PIERPAOLO

Tranquillo Andreuccio, se capiscie come parla el tu padre; (pensa) e poi, come mai tu parli bene l’italiano e i tuoi sono spagnoli? Non riesco a capìr

TURIDDU

Siamo della stessa regiones. Siamo tutti de Sicili…

ANDREA

(lo blocca) …fermo! Voleva dire, siamo tutti di Si…viglia! La verità è che io sono italiano, sono stato abbandonato in un orfanotrofio e loro, sono i miei angeli che mi hanno adottato. (tristezza nei visi) Papà Turiddu, all’epoca aveva una ditta in Italia (Turiddu commosso annuisce) poi loro tornarono in Spagna e io, rimasi in Italia a studiare. Mamma papà, vi voglio tanto bene (Turiddu piange emettendo la consonante “S” ssssssssssssss…)

SOFIA

(Commossa asciuga le lacrime) veramente toccante. Sembra una puntata di cento latrine. Scusate vado al bagno a rifarmi lo stucco in viso (esce)

PIERPAOLO

We, cos’è ‘sto mortorio? su con la vita! We Andreuccio, oramai non sei più solo, hai una bella famiglia, la mi tusa è la tua morosa e siamo tutti felici. (nota Turiddu che piange in quel modo) che gli prende a quel provolone? We pirletto, ma perché te piangi così?

TURIDDU

(piangendo) piango in spagnolosssss! (Entra Ambrogio e offre il liquore)

ROSETTA

Vedeto signore io e mio maritos siamo molto legamento al nostro Andreuccio. Lui è nostro figlios del cuoios! Noi lo amamos. È vero Andrea? (Andrea annuisce)

PIERPAOLO

Allora Turiddu, te sei imprenditore? (Turiddu annuisce) ulla miseria! che impresa è la tua ditta?

TURIDDU

La mia impresa è come la mi regiones, fondata sulla disoccupation.

NELLA

Por favor fratellon, state zitto e non romper il farfallon! …scusate mio fratello ha dietto uno scherzamentos. La nostra era una ditta muratoresca. (Turiddu annuisce) ora è fallitos e c’è rimasto nelle mano solo la cazzola

SOFIA

Su dai non pensiamoci, beviamo l’amaro. (Alzano i bicchieri) all’augurio dei nostri figlioli. (tutti bevono. Nella e Rosetta lo assaggiano, arricciano il naso e lo poggiano sul tavolo)

TURIDDU

(beve e si contorce per il bruciore alla gola, accompagnato dalla voce) puh, ma chi è petrolio! (Pierpaolo ride e gli da una pacca sulla spalla)

SOFIA

Rosetta mi chiedevo, come mai non avete potuto avere figli?

ROSETTA

Mio marito avere semenza scadutas!

TURIDDU

(Adirato) Nelle canarozzas a quando nun te facere le cazzi tuas. Chiedo pardon a voi signor, ma quando mia moglias me facesse girare le caldarroste, me incazzamiento!

PIERPAOLO

Tranquì, le donne son tutte le stesse; anche la mi moglie rompe sempre i maroni! (allude alle parti basse e la moglie lo manda quel paese con gesti) inutile che te incazzi è la verità! Piuttosto che cicalare, vai a ravanare nella credenza e vedi se ci sta qualcosa da mangiare me brusa lo stomech.

SOFIA

Per stasera ho preparato la polenta: a voi, piase la polenta? Mai mangiata?

NELLA

Io mais.

ROSETTA

Io nemmenos. Per i miei gusti è un pò lenta (Sofia e Pierpaolo ridono)

TURIDDU

Scusatos non è meglio che famos du spaghetti aglio e oglios? Oppure, famos pasta con sardes! (Pierpaolo e Sofia si guardano insospettiti) o ancora meglios, un po’ de caponata in ricordo de nostro paesito?

LILIANA

(ai genitori) ci penso io. mi scuso nel dirle che da noi non si usa questo cibo, ma posso farvi assaggiare un bel risotto alla milanese. Va bene?

ROSETTA

Gioias io te ringraziamento ma per forza alla milanese? Non ci puoi fare un piatto alla sicilianese? (si tappa la bocca) spagnolese volesse dicere!

ANDREA

Ascoltate, esco e so dove trovare del cibo che voi possiate mangiare. Importante che fate i bravi. Intesi? (tutti e tre annuiscono) signora Sofia  conosco le abitudini dei miei genitori, vorrei che non si sentissero male mangiando altro cibo. Loro hanno avuto una forte allergia di recente. ( ai genitori) come si chiama la vostra allergia?

TURIDDU

Antimilanesia.

ANDREA

Si dice celiachia! amore mi fai compagnia? (lilly annuisce e va) a fra poco, vi raccomando a voi tre. (i tre lo rassicurano con gesti e i due vanno fuori. Pierpaolo parla all’orecchio alla moglie, la quale esce.)

PIERPAOLO

Il tempo che aspettiamo i ragazzi, vorrei conoscervi meglio. (Sofia rientra con un dizionario di spagnolo, scaccia l’occhio a Sofia) quindi voi sareste spagnoli spagnoli?

ROSETTA

Certos che io e mio maritos saressimo spagnoles. Spagnoli del sud! Porchè nun se sente?

NELLA

Io pures spagnolita! …(fa balletto tipico spagnolo) olè!

TURIDDU

Noi essere sinceritos, se noi dire bugia, dovere morire tu! (Pierpaolo si tocca)

PIERPAOLO

(legge dal dizionario e parla a Nella) buenas noches!

NELLA

Se la porta la noces me la mancio e ci dico se buenas, se non l’assaggio come facesse a dire che buenas? (Turiddu e Rosetta appoggiano Nella)

SOFIA

(a Rosetta) Como estàs?

ROSETTA

Vicino Milanos! (si vanta si essere brava)

PIERPAOLO

(A Turiddu) Hasta la vista

TURIDDU

Non l’ho vista l’asta con la vista e me sono cadutos nella mi casas!

SOFIA

(a Nella) Me llamo Sofia. Y tù còmo te llamas?

NELLA

Como è il mio pigiamas? Con tanti fiorellinos e pesciolinos. Solo che io muy triste porchè me manca, (allude all’organo maschile) uccellos!

ROSETTA

Mio pigiamas è tutto imbottito de lana vergine porchè la notte moro dal freddos. Il colorito e muy bellito e color rosa porcos. Sapuritos!

PIERPAOLO

(esita qualche secondo guardando Sofia, chiude con forza il dizionario. Idilliaco) bene amici miei, prova superata. (urla) Ambrogio!

AMBROGIO

Mi ha chiamato signore?

PIERPAOLO

Certo che ti ho chiamato, pirletto! Porta i signori a visitare la casa. (Rosetta si rifiuta)

SOFIA

Vada pure signora, non son mica gelosa della mia casettina. Prego andate! Ambrogio accompagna i signori. (rimane in scena col marito)

PIERPAOLO

(sottovoce, vigili) stai pensando quello che penso io? (Annuisce Sofia)

SOFIA

Quelli non mi sembrano mica spagnoli. Non ne hanno azzeccata una di domanda.

PIERPAOLO

Non vorrei mica sbagliarmi, ma sento puzza di terronia! Ueh Sofia, se quelli sono dei terroni, qui succede un macello con la Liliana

SOFIA

Ma stai calmo Pierpaolo. Te, sei fissato con i terroni! Saranno spagnoli di periferia; anche da loro come da noi, si parla il dialetto, te capì?

PIERPAOLO

Spero che te hai ragione. Non vorrei avere in casa dei t… (pensa) trovato! oggi c’è la partita Milan Palermo? (Sofia annuisce) a che ora è? (Sofia alza le spalle) Aspetta c’è il giurnal! (sfoglia il giornale) we, ma la partita è iniziata! (guarda orologio al polso) sta per finire!

SOFIA

Aspetta che vado a controllare (esce di scena. Rientra poco dopo) è finito il primo tempo. Milan batte Palermo per 1 – 0!

PIERPAOLO

(esulta) evvai! Questo è quello che si meritano i terùn! (Rientrano i tre accompagnati da Ambrogio) we amici carissimi, venite festeggiamo! Vai Ambrogio. (Ambrogio esce. Pierpaolo riempie i bicchieri col liquore)

SOFIA

Allora, vi è piaciuta la mia casa? È stato bravo Ambrogio?

ROSETTA

Si bella casa. Anfrocio è una persona ricca di diabete di com’è dolces.

PIERPAOLO

Beviamo, ne! (da i bicchieri a tutti. le donne si rifiutano) su beviamo. Ma va ben anche  un sorsetto!

TURIDDU

Scusemuà, pecchè dovere bevere?

PIERPAOLO

Bevi perché devo darti una bella notizia! We, non mi dire che tieni paura di un liquoretto così? (Turiddu si convince a bere. Rosetta e Nella sono felici e l’applaudono) bevemo! (lui lo tira giù in un sorso, Turiddu lo guarda) we, ma ti pare che devi guardarlo? Tiralo giu!

ROSETTA

Scusassi, perché doveto festeggiare? (Turiddu lo beve)

PIERPAOLO

Dobbiamo festeggiare che il mio Milan sta facendo un culo così a quei terroni del Palermo! (Turiddu gli sputa liquore in faccia. Nella e Rosetta accorrono da lui. Sofia accorre ad Alessandro) We maccaron! Ma dico, te sei bevuto il cervello? Perché mi hai sputato?

TURIDDU

Pardon  amicon, mi è venuto una tromba nella lingua e l’ho sputatos

SOFIA

Non sarà mica per la partita, ne?

TURIDDU

Tranquillas amigas. Io sono astemio de calcios e non conoscere partitas de Palermos.

PIERPAOLO

Su sediamoci, non è successo niente. (urla) ehi Ambrogio. (Entra Ambrogio) fammi un favore, tienimi aggiornato sulla partita, te capì? …vai pure ! (esce) scusate, voi siete spagnoli del nord o del sud.

NELLA

Noi essere spagnoli dello sudes, nun immischiamos loro col piombes, eh!

SOFIA

Anche se foste del nord che problema c’è, la spagna è tutta bella.

ROSETTA

Signora le faccessi uno esempios. (fa alzare Pierpaolo e Sofia) susiteve. Guarderebbe suo marito dalla testa alle piedos e mi dicesse,… qual’ è a parte più attiva de suo maritos. A nordes o suddes?

SOFIA

(guarda il marito) se devo fare questa comparazione la parte migliore di mio marito, si trova al sud! (indica col dito parti basse. Pierpaolo si vanta)

ROSETTA

Visto! le cose più belle stanno al suddes. (Indica anche su Turiddu)

NELLA

Beate voi che avete maritos e potete avere il suddes a disposizion. (quasi piagnucola) Io sono zitella e me manca il calor del mio uccellon.

LILIANA

(entrano i ragazzi) eccoci qua! Scusate se abbiamo fatto tardi. Signori tra poco arriverà la vostra pasta senza glutine.

ANDREA

(va all’orecchio di Turiddu) è la pasta al forno! (Turiddu stropiccia le mani. Andrea avvisa anche Nella e Rosetta che sono gioiose)

PIERPAOLO

We Andrea, sono una persona precisa e vorrei che gli altri lo fossero, ma cosa hai detto ai tuoi genitori di così importante che a noi non spetta sapere. (Andrea non sa che dire)

LILIANA

Papà, Andrea ha detto ai suoi che tra poco gli arriva la loro pasta.

SOFIA

Ma ti pare che sia una cosa da dire all’orecchio, questa? Oppure, tieni cose da nascondere?  

ROSETTA

Signoras, questo è mio figlios e mi po’ diri tutti coses nelle orecchiette; lei e suo marito si facesse le cazze sues!

ANDREA

Mamma smettila! Signori chiedo scusa se vi ho offesi, ma ho detto ai miei genitori della loro pasta all’orecchio perché non volevo disturbare.

PIERPAOLO

(si sente un trambusto e grida di gioia di Ambrogio fuori scena) Ambrogio, ma cose l’è succede di là?

AMBROGIO

(Entra pacato) niente signore, mentre guardavo la partita, sono inciampato in una sedia.

PIERPAOLO

A proposito, come va la partita?

AMBROGIO

Il Palermo ha pareggiato. (Pierpaolo e la moglie si disperano. Ambrogio esce)

TURIDDU

(dall’entusiasmo, si mette a gridare) Gooool!!!!! …goool!...,go go go go …goool!! (Nella e Rosetta si abbracciano. I due fidanzati da dietro le spalle di Pierpaolo e Sofia, fanno segnale a Turiddu di contenersi. dall’euforia non vede, tiene gli occhi chiusi. Turiddu nota di esser stato scoperto e si blocca, Rosetta e Nella si avvicinano ad egli e curvandolo a 90 ° una lo tiene di spalle, una le tiene la fronte, fingono un suo vomito)

ROSETTA

Su forza Turiddus, vomitas. Apras bocce dello stomaco e svuotamento

TURIDDU

(come se stesse vomitando, ripete la entusiasmante parola) Gol!...go go…gooool…goooool!!!! (si riprende)

NELLA

Un poco d’acqua por favor, mio fratello ha gomitato un gol (Liliana prende l’acqua e la da a bere a Turiddu)

ANDREA

Come ti senti papà? (Turiddu fa segni di gioia e gli parla sottovoce) la smetti! stai calmo se no ci scoprono.

LILIANA

(nota che il padre osserva attentamente i tre ospiti) Papà cosa c’è? tutto bene? non ti sarai mica impressionato, vero?

PIERPAOLO

Stavo pensando ad una cosa: (si alza e gira per la stanza) io penso che la nostra regione sia la migliore, la più bella; alcuni miei amici, pensano che il sud sia il rifiuto dell’Italia, sai che ti dico? …è la verità! (Turiddu fa un accenno ad alzarsi dal nervoso, Rosetta lo tiene fermo) poco fa, la signora “spagnola” diceva che le  migliori cose stanno al sud, si riferiva al nostro apparato riproduttivo, vero?

ROSETTA

Nossignore! mi riferivo all’apparato delle organi genitoriali!

NELLA

In parole poveres, alla colomba maschile! (finge un pianto) che a mias, mi manca mucho assais!

PIERPAOLO

Vedete che voi, gente ignorante del sud pensate sempre e solo al sesso.

SOFIA

A ‘sto punto, meglio un ignorante che pensa al sesso, non un intelligente come te che non ci pensa mai e me fai arruginire la farfalla (i tre siciliani, applaudono)     

PIERPAOLO

(Stizzito) Và a caga sur un muntun d'ourtise!

SOFIA

(Nervosa) we maccaron, amì me tratti così? ma va' a dar via el cu'

LILIANA

Mamma papà, smettetela d’insultarvi. Vi sembra questo il modo di comportarvi? Abbiate rispetto per i miei suoceri.

PIERPAOLO

Allora, voi credete che sia al sud la roba migliore? io dico che al nord esiste la vera fortuna, al nord vi è la testa, sinonimo d’intelligenza. Sud, sinonimo di bassezza, spazzatura e sporcizia di terra, ecco, terùn!

TURIDDU

(starnuta e dice una parola) curnutun! (si asciuga il naso) scusate, sogno nu pochito raffreddato. Ho una formas de allergia agli stronzi. Tipo di ‘stu … (si prepara per l’arrivo di uno starnuto) cu…cu…cu…(esplode lo starnuto) curnutazzo! (si soffia il naso)

PIERPAOLO

(Nervoso) e poi, al meridione fa schifo anche il cibo, (gira intorno i siciliani) l’aria, la gente…fa schifo tutto!

TURIDDU

(Starnutisce) eeee…curnutu!!!! (si pulisce il naso) scusate signori, ma sugnu allergico, secunnu mia ci sarà qualche stronzo qua vicino. (odora) sento...sento…eeeeee…curnutu!

ROSETTA

Gioia mias, tu non l’hai faciuto mais così. Por favor, chiudeto il finestron se no mio maritos, muore con lo stronzon!

AMBROGIO

(Entra felice) signore le comunico che la partita è finita.

PIERPAOLO

(felice) eccolo là, attraverso la tua gioia ho capito il risultato. (si frega le mani) dillo ad alta voce il risultato. Aspetta! signori spagnoli, ci tengo a farvi sapere che il mio grande Milan ha fatto tornare a casa a quei (sprezzo) terùn de merda! dai Ambrogio, grida il risultato. Chi ha vinto?

AMBROGIO

Ha vinto il Palermo!!!!!!  (i siciliani esultano. Pierpaolo resta di stucco. Andrea e Liliana sono disperati)

PIERPAOLO

Vi ho stanati. Voi non siete spagnoli, siete degli sporchi terùn!  

ROSETTA

E tu, si tuttu polenton!

SOFIA

Ma com’è possibile? Allora voi, non siete spagnoli. Voi siete…

NELLA

Semu siciliani. Qual è u to problema, zoccolina amorosa du du du, va ca cà

PIERPAOLO

(su tutte le furie) Liliana, come hai potuto portarmi in casa, gente come questa, mi hai deluso! Adesso, prima che io non risponda delle mie azioni, andate via tutti e portatevi il vostro trovatello, la mia tusa non sposerà mai un terùn!

 

TURIDDU

Uella, stai calmo cucì. Prima di tutto, ‘sto trovatello è me figghiu e non ti permetto di offendere, e poi, calmati se no ti nesci a nebbia di l’aricchi!

ANDREA

Dai papà piantala non è il momento. Signor Pierpaolo amo Liliana e non voglio dividermi da lei.

LILIANA

Papà, amo anch’io Andrea; mi hai impresso ideologie sbagliate sul conto dei meridionali, sono gente come noi e noi, siamo gente come loro. La smetti di trattarli così.

PIERPAOLO

We Lilly, i meridionali sono una civiltà inferiore, te capì? Noi, siamo superiori

TURIDDU

( il saluto di hitler.) salutiamo il nostro superiore. …Fanculer!

NELLA

Ma poi dico io, chi cosa ni viri di così sbagliato a nuatri siciliani.

PIERPAOLO

Cosa vedo di sbagliato? Tutto! Siete dei terroni buoni a nulla!

SOFIA

Siete gente che non volete lavorare, campate sulle nostre spalle. In poche parole, gente inferiore. E poi, le donne del nord siamo più belle!

ROSETTA

Senti milanesina, nun diri fesserie, ma ti sei mai taliata o specchio? Hai u nasu cchiù longhu di minni. Invece, guarda la donna del sud è tutta petto (allude al seno suo e della cognata)

NELLA

(evidenzia il didietro) è tutta culo!

ANDREA

Smettetela! Doveva essere un giorno di festa e invece l’avete ridotto a tragedia!

PIERPAOLO

E tragedia sia! Io non darò mai mia figlia ad un terùn! (divide i due ragazzi, allontanandoli tra loro) Non disonorerò mai la mia stirpe, macchiandola con sangue terrone in casa mia. 

AMBROGIO

(entra) ueh amico bello, vidi ca io sugnu siciliano! Nun ti permetto di offendere a me terra, mi capisti polentone!

PIERPAOLO

(meravigliato) tu…tu sei…un…

AMBROGIO

Siciliano, si! siciliano doc!!! e me ne vanto!!!!

SOFIA

Così scemo, così pacato, adesso sveli la tua identità? Come hai potuto tradire la nostra fedeltà! Da oggi, sei licenziato!

LILIANA

Mamma non puoi farlo. Papà! (i due sono irremovibili) Ambrogio è sempre stata una degna persona! Non potete fargli questo.

PIERPAOLO

Te stai zitta che poi facciamo i conti. Ambrogio da oggi non lavora più in questa casa!

AMBROGIO

Lavoro da voi da tanti anni, avete mai avuto problemi? Ho sempre fatto quello che avete chiesto; mai una parola di troppo, mai una ribellione anche se tu (addita a Pierpaolo) mi hai sempre trattato da schiavo e non mi sono mai permesso di offenderti. Me ne vado a testa alta (toglie il grembiule) addio! (lo butta a terra. Sta per uscire, ma Turiddu lo ferma)

TURIDDU

Prima ca lasciamo ‘sta casa, vogghiu diri due parole: …quando pensi o sud, a prima cosa che ti passa per la testa è… disoccupazione. Se pensi al nord immagini la carriera, lo sbocco della vita, l’aurora dei tuoi sogni. Se parli con uno del nord, ti dice che il sud è la culla della mafia, un vivaio di spine che soffoca una rosa che ha voglia di spiccare il volo, una terra di sofferenza e ingiustizie. Se chiedi ad uno del sud, ti dice che il nord è la terra del grigione, del caos, la gente è fredda e senza valori e ci sta la corruzione. Il nord e sud sono come due bambini che si odiano per un qualcosa che non esiste, ma si amano perché hanno la stessa madre. quelli del nord ci odiano perché siamo terroni, ma poi amano il nostro mare, il nostro sole, il nostro cibo. Quelli del sud odiano il nord perché la gente è fredda e vive nell’inquinamento, ma poi, desidera tanto raggiungerlo  perch’è il posto più ambito che cambierà la propria vita. (va verso il pubblico) …chi del nord, chi del sud, siamo tutti peccatori; come si dice dalle nostre parti “ Tuttu u munnu è paisi” Quindi amici miei non odiamoci perché: nord o sud nun esiste differenza…SIAMO ITALIANI!

(Pierpaolo commosso da simile parole, prende Liliana per il braccio, lo stesso Andrea e li unisce; i due si abbracciano felici)

FINE

www.giovanniallotta.it

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 17 volte nell' arco di un'anno