U ccumpagnamentu pagatu

Stampa questo copione

U COMPAGNAMENTU PAGATU

SEBASTIANO DI BELLA

U CCUMPAGNAMENTU PAGATU

(commedia comica in due atti)

TRAMA:

Il povero don Michele sta morendo. Non ha parenti. Il suo unico fratello, Vincenzo, da lungo tempo si è trasferito in America. E’ assistito da due buone vicine, donna Lilla e donna Maria con i rispettivi mariti. Sono in attesa dell’arrivo di don Vincenzo. Nel frattempo fanno visita al moribondo il parroco col sagrestano e il dottor Pappalardo. Finalmente arriva don Vincenzo, il quale, però, è costretto a ritornare subito in America, a causa dell’improvvisa morte della moglie. Prima di partire, però, all’insaputa di tutti paga ad un impresa funebre il funerale del fratello.

Fortunatamente don Michele non muore, ma, essendo stato licenziato, non può pagare i debiti accumulatisi durante la sua lunga malattia e, pertanto, viene assalito dalle continue richieste dei creditori. 

Un giorno si presenta un funzionario dell’Intendenza di Finanze (dottor De Francesco) con un superstiziosissimo impresario di pompe funebri (signor Ciancio), a cui era stato pagato in anticipo il funerale di don Michele. Il funzionario deve fare un accertamento, in quanto  l’impresario, pur avendo incassato 10 milioni di Lire non ha emesso fattura. L’impresario si difende sostenendo che poichè don Michele non era morto, il servizio non si era potuto fare ed era rimasto in sospeso; cioè in attesa del doloroso evento.

Don Michele, visto che ormai sta bene, vorrebbe indietro i dieci milioni, ma l’impresario è fermo nel suo impegno: deve spenderli solo per i funerali dell’ex moribondo. Allora don Michele, insieme con donna Maria e donna Lilla, sfruttando la superstizione ed escogitando una serie di premonizioni malauguranti, mettono talmente ansia e paura all’impresario che alla fine sborsa i dieci milioni. 

PERSONAGGI

Don Michele, grave ammalato poi miracolosamente guarito

Donna Lilla, vicina di casa di don Michele

Donna Maria, vicina di casa di don Michele

Dottor De Francesco, funzionario Intendenza di Finanza

Signor Ciancio, impresario di pompe funebri

Don Nino, marito di donna Maria

Donna Pippinedda babba, vicina di casa di don Michele

Parroco

Dottore Pappalardo, medico

Don Pippo, marito di donna Lilla

Dottor Picciotto, farmacista

Don Nicola, bottegaio e salumiere

Don Pasquale, padrone di casa

Don Vincenzo, fratello di don Michele

Sagrestano

PERSONAGGI PRIMO ATTO

Donna Lilla

Donna Maria

Don Nino

Donna Pippinedda babba

Parroco

Sagrestano

Dottor  Pappalardo

Don Pippo

Don Vincenzo

PERSONAGGI SECONDO ATTO

Don Michele

Donna Lilla

Dottor Picciotto

Don Nicola

Don Pasquale

Dottor De Francesco

Signor Ciancio

Donna Lilla

Donna Maria

SEBASTIANO DI BELLA

U CUMPAGNAMENTU PAGATU

Atto I

STANZA ARREDATA MODESTAMENTE. NELLA PARETE DESTRA C’E’ UNA PORTA SOCCHIUSA CHE DA’ IN UN’ALTRA CAMERA, DOVE MORENTE E’ DON MICHELE CARDONA. INTORNO AL TAVOLO DONNA LILLA E DONNA MARIA. ALL’IMPIEDI DON NINO, MARITO DI DONNA LILLA.

DONNA LILLA CON VOCE MOLTO COMMOSSA: povuru cristianu chi cià mattiu. Era tantu beddu! Mai na malatia, mai un duluri i testa. Ta nà vota sta mala ccasioni.

DONNA MARIA:  eh cummari Lilla! Le malattie non danno preavviso. Ti cucchi bonu e ti ruspigli malatu!

DONNA LILLA AGITANDO LE MANI: non mi capacitu. A sira prima passau davanti a me casa e mi salutau a soluto soi: schizzando e babbiannu, come un figliolo i vintanni.

DONNA MARIA SOSPIRANDO: ca’ semu. A vita è chista. Che ci dobbiamo fare? Dobbiamo accettare sempre la volontà del Signore.

DON NINO CON SGUARDO PENSIEROSO: ma siete sicure che stava bene? non vi siete mai accorte di nulla? Eppure u dutturi dissi che sta malattia l’avia ‘ncuddu cu sapi di quantu. Povuru cristiano, malatu e sulu!

DONNA MARIA: e che si deve fare? Ognuno ha il suo destino. Meno male che siamo tutti cristiani e che al momento del bisogno ci diamo una mano.

DON NINO QUASI SECCATO: ma picchì non si n’annau a Merica cu so frati? Cà non avi chiù parenti chi ci stava a fari? A Merica avia a so frati, a so cugnata i so niputi e putia stari beddu e tranquillu.

DONNA LILLA: eppuru so frati tanti voti ci dissi d’annarisinni, ma iddu nenti. Dicia sempri cà nascia e cà vogliu moriri.

DONNA MARIA: u distinu l’eppi comi vosi iddu! Cà nasciu e cà sta murennu. U dutturi dissi chi fra du uri  lassa sta tera. Speriamu chi so frati arriva in tempu.

DONNA LILLA: speriamo. Ma creditimi puru si non è me parenti, quantu mi dispiaci! Anzi l’avia comu on frati: a Natali u facia manciari cu nui, avia bisognu na cosa e cià facia. Poveretto! Una si piglia di pena.

DONNA MARIA: puru nui, cummari Lilla, quannu putiumu un favuri ciù faciumu sempri. Ma lui educatissimo. Salutava sempre e si metteva sempre a disposizione. Mio marito lo chiamava per la macchina, per questo e per quello, e lui sempre sì. Le cose giuste!

DON NINO:  un favore gli cercavo due me ne faceva. Non posso dire diversamente. Persona corretta e perbene.

UN COLPO DI TOSSE PROVENIENTE DALL’ALTRA STANZA DISTRAE I PRESENTI. LE DUE DONNE CORRONO IN CAMERA A VEDERE, MENTRE DON NINO CON LE MANI DIETRO LA SCHIENA GUARDA LE FOTO ATTACCATE ALLE PARETI.

DON NINO FISSANDO LE FOTO: ricordi. Si vive di ricordi. Pover uomo, che vita! Ha vissuto sempre solo. Che tristezza!  Rientri a casa e sai che nessuno t’aspetta. Viene una festa e sei solo, fai gli anni e nessuno ti fa gli auguri. Brutto, è brutto così. Però l’ha voluto lui. Non se la può prendere con nessuno. Adesso speriamo che faccia una buona morte. Lasciare, non lascia nessuno. Forse lascia qualche debito. Ma chi non ne ha di sti tempi?

RIENTRA DONNA MARIA  E CON DISPERAZIONE SI RIVOLGE AL MARITO: nino, quantu sta suffrennu! Sta suffrendo assai. Pi mia ci manca poco. E non pensu chi so frati arriva in tempu.

DON NINO: u tempu ci voli. So frati non sta vinennu d’arreti all’angulu. A Merica è luntana. Poi sai a Catania si peddi tempu a dogana, ti fannu i controlli, ti vaddunu a valigia. U tempu ci voli. Anzi menu mali chi ci annau u maritu i cummari Maria, sinnucca ora arrivava cu l’autobussu!

DONNA MARIA: chi brutta cosa. Uno è tà so casa ca so famiglia e tana vota t’arriva na bella notizia comu a chista: un telegramma chi ti dici to frati sta morennnu, veni subitu. Non sai chi eppi, comu fu, e s’arrivi in tempu mu vidi.

RIENTRA PURE DONNA LILLA E SI UNISCE ALLA CONVERSAZIONE:  poi fai u bigliettu, i valigi, fai chistu fai chiddu. Troppu bruttu.

DON NINO: ma santu cristianu sapennu chi era sulu e anziano non putia stari cu so frati e i so parenti a Merica?

DONNA LILLA: ma dopu tant’anni comu fai a canciare vita? Vai ddà e mori? Chistu voli dire.  Iddu mu dicia sempri chi di cà non s’innanava. Pinsati chi non ci vulia annare mancu pu un misi. Si maritaru i so niputi mancu ci vosi annari, so frati ci mannava u bigliettu, ma iddu dissi no e così fu.

DONNA MARIA: pensu add’autru so frati. Povuru cristianu, peti peti e non sapi s’arriva in tempu pi vidiri vivu a so frati.

DONNA LILLA: oltre alle spese il dolore e i disagi!

DON NINO: ma sta casa è soi?

DONNA LILLA: no, paga l’affittu. So frati cià vulia  cattari, ma iddu, giustamente dicia a cu cià lassu? Megghiu chi i soddi i spenni pi to figghi dicia a so frati. Però viditi campava modestamente, appena appena arrivava a fini o misi. Na vota a casa, na vota a luci, n’autra vota l’acqua, e paga chistu e paga chiddu; manciare s’avi a manciari, chi ci ristava?

DONNA MARIA: e sì! Chi può dire il contrario? Puntuale ogni mattino al negozio da cinquant’anni. Mai una giornata di riposo, mai un’assenza per divertimento.

DON NINO: si fanno tanti sacrifici, ti comporti come un galantuomo, cerchi di tirare dritto e poi a fini è sempri chidda. Veramente non merita di soffriri tanto.

DONNA LILLA: cumpari Ninu chi s’avi a fari? Ospitali è inutili puttallu ca mancu su pigliunu. Chi avi sessant’anni? facitulu moriri a casa vi diciuno. Cà chi ci avemu a fari?

DON NINO: a cettu! Voli diri chi si uno è vecchiu avi a moriri pi fozza.

DONNA MARIA: etenni non si pò essiri, ma mancu a cussì.

DONNA LILLA: aviti ragiuni, cumpari. Comu annati o spitali a prima cosa chi vi dumannuni è l’età. Ma quannu uno va o spitali è picchi non si senti bonu, pecciò pure si uno iavi cinquant’anni ni dimostra sittanta. E diciuni chista è vecchia. Lassamila a rreti.

DONNA MARIA:  ma u so dutturi uno di tutto ci fici. Anche di domenica è venuto due volte al giorno a vedere la situazione. Ci puttau puru i medicinali. Non si può dire niente, il dottore Pappalardo ha coscienza. Anzi c’ura iè. Aviss’ aggh’essiri già cà.

DON NINO: ma u dutturi chi dissi? Chi ci vinni a sto povuru Cristu?

DONNA LILLA: dissi chi ci vinni un coppu. L’età c’è!

DON NINO: e cusì i bonu e bonu. Senza uno mi si n’accoggi?

DONNA LILLA QUASI ARRABBIATA E SCANDENDO LE PAROLE PER ESSERE MEGLIO CAPITA: cumpari Ninu ve l’e dittu tri voti. Vennedì sira passau di unnni mia. Io era sittata fora si fimmao cincu minuti mi mi saluta. Non si vosi mancu sittari. Ci dissi don micheli sittativi cincu minuti. No mi rispunniu m’assentiri u telegionnali. Pi mia era na bellezza. Al solito. E nulla faceva prevedere una disgrazia del genere.

DONNA MARIA: cettu chi si sapiumu chi era malatu a so frati u vissaumu. Ma non c’è stato tempo, purtroppo. Ed ho paura chi iddu arriva e u trova bellu e mottu.

ENTRA, PARLANDO, DALLA PORTA ESTERNA DONNA PIPPINEDDA. PORTA UN VASSOIO CON TAZZINE E CAFFE’: vi puttai na goccia i cafè. Almenu vi teni u cori. Novità?

DONNA MARIA: nudda. Meno male, sta goccia di cafè ci vulia proprio.

DONNA LILLA: grazie, donna Pippinedda.

DONNA PIPPINEDDA POSA IL VASSOIO SUL TAVOLO E TIRA UN SOSPIRO ANGOSCIANTE: oh Santo Dio! Chi ci voli? Na botta e via! Picchì iavi a soffriri così stu cristianu?

DONNA LILLA: semu a voluntà du Signuri. Quannu Iddu voli, sia fatta a so voluntà.

DONNA PIPPINEDDA VERSA IL CAFFE’ NELLE TAZZINE E LO OFFRE AI PRESENTI: prima a don Ninu chi povirazzu avi consumatu un paru di scappi annnannu avanti e a reti. U dutturi, u fammacista, a posta, chiama a chistu chiama a chiddu. Vinnuto ijavi statu!

DON NINO COMPIACIUTO DELL’ELOGIO DI DONNA PIPPINEDDA: e chi s’av ‘affari. Non si pò bannunare, puru si non c’è parentela. Cristiani semu! Pi carità! Non si dica mai che la nostra famiglia è rimasta insensibile. Questo vale per tutti. Personalmente puru si vidu soffriri un cane, si pozzu, l’ajutu.

DONNA PIPPINEDDA ANNUENDO: u sacciu, u sacciu. Il Signore ve ne darà merito.

DONNA MARIA: a casa nostra si ragiona così. E mio marito, non picchì è davanti, iavi sempre fattu beni. Poi magari ricevi mali. Ma c’è u Signuruzzu.

DONNA PIPPINEDDA PORGENDO LA TAZZINA COL CAFFE’ A DONNA MARIA: vi conosciamo bene, donna Maria, tutto il quartiere conosce la vostra famiglia. POI PORGE ALTRA TAZZINA COL CAFFE’ A DONNA LILLA: bevete donna Lilla, avete l’aria stanca. Pomeriggio riposatevi, sto io con don Michele.

DONNA LILLA: grazie donna Pippinedda, un pocu di riposu l’aiu bisognu veramenti. E poi ce dari vessu e me figli. Iddi si sannu ranciari, ma sempri figlioli sunnu. Appena veni me maritu c’annau mi piglia all’aeropottu u frati i don Micheli mi ni vaiu, così ci priparu puru cocchi cosa i manciari a stu povireddu chi avi du ionna chi è peti peti.

DONNA PIPPINEDDA PIUTTOSTO CONCITATA: no donna Lilla, ci pinsai io pi manciari. Fici na picca i favi a maccu, ci calu spaghettu ruttu. Anzi sapiti chi fazzu, ci calu a pasta pi tutti, così vui e donna Lilla non ni sciti pacci.

DONNA LILLA: no, grazie, ci manca puru chista. Già basta u trafucu c’aviti pi fatti vostri. Già è tantu chi pinsati pu frati di don Micheli.

DONNA PIPPINEDDA: mancu l’aviti a diri. Te mali occosioni non si vadda nenti.

DONNA LILLA PASSANDOSI LA MANO SULLA FRONTE PER ASCIUGARSI IL SUDORE: semmai, si mi vuliti fari u favuri, ci lassati pure un piatteddu i pasta a me maritu, cusì mancia insiemi cu frati i don Micheli.

DON NINO SENZA ALCUN DISAGIO GUARDANDO LA MOGLIE: sapiti chi vi dicu, puru io manciu cu iddi. I favi a maccu mi piaciunu e me mugleri non ni fa mai.

DONNA MARIA: cettu ora mi mettu mi fazzu solu pi tia i favi a maccu! A me casa sulu iddu si mancia.    E RIVOLGENDOSI A DONNA PIPPINEDDA: ni vali a pena? Chi diciti vui?

DONNA PIPINEDDA: aviti ragiuni. Mancu vali a pena pi fari trafucu. POI RIVOLGENDOSI A DON NINO: quannu u vostru cori i voli annati unni don Nunzio e vinni pigliati un piattu. Criditimi a so pasta chi favi a maccu fa risuscitari i motti.

I PRESENTI SI GUARDANO INTORNO DOPO LA BATTUTA DI DONNA PIPPINEDDA E SI CREA UN CERTO IMBARAZZO. POI DON NINO: e va be! C’avi dittu sta poviredda? E poi don Micheli ancora avi a moriri. Po darsi chi con un miraculu si isa du lettu. A misericordia di Dio è infinita.

DONNA MARIA E DONNA LILLA CONTEMPORANEAMENTE: eh già! La misericordia di Dio è infinita. E tutto può succedere.

DONNA PIPPINEDDA: fino a quannu cè ogghiu ta lampa, non si po diri nenti. Diu sulu sapi comu e quannu. E sti medicini chi pigliamu secunnu mia nu sebbunu a nenti. Quannu arriva l’ura non c’è nenti i fari. Non c’è dutturi e non ci sunno medicini.

DONNA PIPPINEDDA RACCOGLIE LE TAZZINE E LE RIMETTE SUL VASSOIO, POI CON FARE FRETTOLOSO DICE: allura ni sintema chiù taddu. Appena arrivano mi chiamate che ci penso io.[pausa]  E don Micheli non mancia? Mancu na pastinedda?

DONNA LILLA: u dutturi dissi:datici sulu acqua. Ma ommai mancu bivi chiù! Ci apremu a bucca pi fozza e l’acqua ci scula i fora. Cam’ a ffari? Cà semu, spittamu.

SI SENTE BUSSARE. DONNA LILLA CORRE AD APRIRE: ca sunnu. Arrivaru. Comu voli Diu! DONNA LILLA APRE LA PORTA MA ANZICHE’ IL MARITO COL FRATELLO DI DON MICHELE SI TROVA DAVANTI IL SAGRESTANO COL PARROCO: avanti , avanti patri.

PARROCO: e sì, sia fatta la volontà di Dio!

IL SAGRESTANO CON QUATTRO TORCIONI IN MANO SI GUARDA ATTORNO COME SE VOLESSI CERCARE QUALCOSA O QUALCUNO POI RIVOLGENDOSI A DONNA  LILLA CHE ERA RIMASTA VICINO ALL’USCIO: ma u mottu a unn’è?

DONNA LILLA MOLTO CONFUSA: n’adintra ta l’autra cammira; ma chi mi faciti diri? Ancora av’a moriri u cristianu. Manca poco, però. E pusatili sti cannili, chi siti un malaguriu.

PARROCO: povero don Michele quanto sta soffrendo!

DONNA MARIA: mancu s’avissi scuntari tutti i piccati du munnu! Ma ommai manca pocu, così dissi u dutturi.

SAGRESTANO: vistu chi manca pocu, iò cumincio a priparari, a cussì quannu sarà, semu belli pronti. IL SAGRESTANO PRENDE UNA GROSSA CANDELA E L’ACCENDE. TUTTI I PRESENTI LO GUARDANO CON CERTO IMBARAZZO, POI DON NINO SBOTTA: e va bè c’avi a moriri, ma mi ci ddumati i cannnili prima du so tempu non mi pari giustu. Stutati sti cannili, pi favuri!

DONNA MARIA: però, Santu Diu! Ci voli u ventu, ma no mi stuta i cannili da chiesa!

SAGRESTANO: avete pregiudizi, questa è la verità. Don Micheli mori pi quattru cannili ddumati?

DON NINO: comunque,  vui stutatili. Quannu don Micheli chiudi l’occhi si  ni para.

IL SAGRESTANO SOFFIA SULLE CANDELE E BORBOTTA: va bene, va bene. comi vuliti vui. Piddemu tempu.

PARROCO: ieri quannu vinni  mi dicistu chi era questione di due massimo tre ore. Stamatina iò dissi: a st’ura muriu don Micheli e quindi sono venuto per la benedizione della salma. Si vede che non è giunta ancora la sua ora e che il Signore gli sta preparando un bel posto in paradiso.

Ma il fratello non è ancora venuto?

DONNA LILLA: annau me maritu a Catania a pigghiallu e veramenti u spittamu d’un minutu all’autru.

DONNA PIPPINEDDA PRENDENDO IL VASSOIO CON LE TAZZINE SI CONGEDA: iò mi nni scinnu. Si c’è da fari cocchi cosa mi chiamati chi vegnu subbutu. Patri parruco, s’abbenedica.

PARROCO: beniditta figlia, beniditta.  POI VOLGENDO LO SGUARDO VERSO I PRESENTI E SCRUTANDOLI NEGLI OCCHI DOMANDA: vu dicistu u Rusariu sta matina? Avete  Pregato per don Michele affinchè nostro Signore lo accolga nel paradiso?

GLI INTERLOCUTORI SI GUARDANO TRA LORO MA EVITANO LO SGUARDO SEVERO DEL PARROCO. SI CREA UN CERTO DISAGIO, DONNA LILLA CERCA DI RIMEDIARE, MA E’ EVIDENTE CHE STA TENTANDO DI DIRE BUGIE: si, ieri abbiamo pregato tanto: mattina e pomeriggio. C’era pure vossia, si ricodda?

PARROCO: donna Lilla, cettu chi mu riccoddu, a ieri fu!  Ma bisogna pregare tutti i giorni. E in questi casi più volte al giorno.

SAGRESTANO QUASI SOTTOVOCE: cettu! Piddiunu stu tempu pi prigari. Cà si mancia,si bivi, si cùttiglia e amara a cu ci capita sutta.

DONNA LILLA, CHE AVEVA SENTITA QUALCHE PAROLA DEL SAGRESTANO, RIVOLGENDOSI GLI DICE: c’aviti vui chi mummuriate? U mottu ancora av’a moriri. Lassati sti cannili supra ddu stipu e annativinni. Chi mi pari chi facistu assai. Anzi sapiti chi vi dicu non tunnati propriu: i cannili ci ddumu iò a don Micheli.

DONNA LILLA S’AVVICINA AL SAGRESTANO E QUASI IN MALO MODO LO METTE ALLA PORTA: U Signuri mi vibbenidici. Grazie e buona giornata.

IL SAGRESTANO SE NE VA. DONNA LILLA CHIUDE LA PORTA E POI RIVOLGENDOSI AL PARROCO: vossia m’avi a piddunari. Cà a mumentu avemu un mottu a mezza a casa e chistu ni babbia, ni pigghia pi fissa. Ma!

DON NINO IRONICAMENTE : veramenti ranni Diu, iddu è così scattru! A mia m’avi parutu sempri chi cadiu da naca.

IL PARROCO CON TONO CONCILIANTE: lasciatelo stare. Lasciatelo stare. Pensiamo ai fatti nostri e basta. Lo conoscete, no? Ci sunnu mumenti chi ca testa non ci sta propriu.

DONNA LILLA: patri parucu, iautru chi mumenti! Chistu a testa non l’avi propriu. Vossia m’avi a piddunari, ma iò no suppottu.

IL PARROCO NUOVAMENTE CON VOCE CONCILIANTE: va bene. Facemu finta ca no succidiu nenti. Inveci di peddiri tempu chi discussioni inutili, dicemini du preghieri. Anzi preghiamo il Signore affinchè non faccia soffrire don Michele.

DONNA LILLA E DONNA MARIA SENZA CONVINZIONE ANNUISCONO, MENTRE DON NINO SPOSTA UNA SEDIA DAL TAVOLO E SI SIEDE. DONNA MARIA PORGE UNA SEDIA AL PARROCO CHE SI SIEDE. LE DUE DONNE SI GUARDANO IN FACCIA E POI LANCIANDOSI UN’OCCHIATA D’INTESA SI SIEDONO PURE LORO.

DONNA LILLA: mi cuminciu a preoccupari. Comu mai non arrivunu ancora? Non cridu chi succidiu cocchi mal’accasioni.

PARROCO: state tranquilla, non succede nulla. Quando si interviene per fare bene agli altri il Signore ci libera da tutti gli ostacoli. I stradi sunnu chini di machini e non si po’ caminari. Machini, camion, motocicletti divintari chiù ssai di cristiani; e u bellu è chi nuddu ni po’ fari a meno. Puru sann’ accattari na scatula a’ cenni pigliunu a machina. Ma no pi fari viatu: pu commudu.

Dui passi a piedi non li vuole fare nessuno. E la conseguenza qual è ? Che non si può camminare e quannu na ricugliemu a casa semu chini di pubirazzu e a ula e l’occhi ni bruciunu.

DON NINO CHE AVEVA ASCOLTATO ATTENTAMENTE: aviti ragiuni patri parucu. Ormai ranni e picciriddi semu troppu fraccomuti e si non avemu i commodità non ni spustamu.

IL PARROCO, PRENDENDO DALLA TASCA INTERNO DELLA TONICA IL ROSARIO: pazienza! Che si deve fare?  E va bene, va. Cominciamo. In nome del padre, del figlio e ….

BUSSANO ALLA PORTA. TUTTI RESTANO IN SILENZIO SI ALZA DONNA MARIA, SI AVVICINA ALL’USCIO E DOMANDA: chi è?

DALL’ALTRO LATO UNA VOCE RISPONDE: sono il dottore Morabito, apritemi per favore.

DONNA MARIA: vi apru subbutu dutturi. APRE LA PORTA E CONTINUA: bongiorno dottore. Che si dici? Come sta vossia?

 IL DOTTORE ANSIMANTE A CAUSA DELLE  SCALE: Maria Vergini, sti scali m’ammazzunu. Buongiorno a tutti.

 

DON NINO SI ALZA E GLI OFFRE LA SUA SEDIA: sedetevi dottore. Pigghiati ciatu.

DOTTORE: grazie, grazie, non volevo disturbare…

DONNA LILLA: ma quali distubbu. U rosariu ni staumu dicennu.

IL DOTTORE CON ARIA INQUISITORIA E GUARDANDO TUTTI I PRESENTI: e quannu muriu?

PARROCO: già picchì pi dirisi u rusariu avi a moriri cocchiduno?

DONNA MARIA: il povero don Michele è ancora in sofferenza.

IL DOTTORE SI ALZA, MA DOPO SI RISIEDE: non ce la faccio. Megghiu chi mi staiu sittatu! Ma che resistenza! Ieri sembrava morto: pallido e con un filo di respiro.

DONNA MARIA: è a cussì di na simana. Speriamu chi finisci i soffriri prestu.

IL DOTTORE DANDOSI UN’ARIA DOTTA ED INTELLETTUALE: la scienza questi casi anomali non li spiega. Ma ne vengono registrati diversi. A volte durano mesi.

DONNA MARIA: misi? E cà comu si fa?  Santo Dio moriri avi amoriri povireddu, ma megliu ora ca dopu. Chi diciti ui, cummari Lilla?

DONNA LILLA: sono d’accordo con voi.

IL DOTTORE CONTINUANDO CON ARIA DOTTA: la scienza medica ha fatto grandi progressi e…

IL PARROCCO INTERROMPE IL MEDICO: dottore, lasciate perdere la scienza medica. Qua si tratta della volontà di Dio.  Nostro Signore può fare pure un miracolo e farlo alzare da quel letto. E non ci sarebbe nulla da meravigliarsi. A Dio tutto è possibile e noi conosciamo i suoi miracoli.

IL DOTTORE SOFFIANDOSI COL CAPPELLO: Maria Veggini! Non’aiu chiù ciatu ed ho la gola secca e asciutta!

 

DONNA LILLA SI ALZA E CON FARE MOLTO SERVIZIEVOLE: ossia si ripusassi. Primura non n’avemu. Ora ci dugnu na cosa bella frisca e si ripiglia. Na bella ranciata! Fresca e zuccherata.

DONNA LILLA APPENA FINITO DI PARLARE SI FERMA IN MEZZO ALLA STANZA: ma mi pari chi cà mancu acqua frisca c’è.

DONNA MARIA: cettu: si no c’è frigidere unni si rifridda l’acqua.

DOTTORE: lasciate stare. Non fa nulla. Datemi un bel bicchiere d’acqua del rubinetto. L’acqua è sempre la bevanda migliore!

DONNA LILLA APRE UNO SPORTELLO PRENDE UN BICCHIERE E LO RIEMPIE D’ACQUA da una bottiglia. POI LO PORTA AL DOTTORE, MENTRE DON NINO DICE: cummari Lilla, mi pari chi l’acqua di sta buttiglia non è tanta frisca.

DOTTORE: non vi preoccupate, va benissimo.

DONNA LILLA: bevete dottore, bevete con comodo.

IL DOTTORE PORTA IL BICCHIERE ALLA BOCCA E DOPO AVER BEVUTO UN SORSO CON FARE NAUSEATO LO POSA SUL TAVOLO E RIVOLGENDOSI A DON NINO DICE: avevate ragione voi!

DON NINO: scinnu sutta a me casa e vi pigli una bella buttiglia di acqua fresca.

DOTTORE: lasciate perdere. Adesso va meglio. Fatemi visitare il morto. CORREGGENDOSI: ... il malato volevo dire, e vediamo come va la situazione. Le medicine che ho prescritto gliele avete date?

DONNA MARIA: cettu! U famacista è n’autru santu cristianu tuttu chiddu chi ossia scrivi nu dugna senza soddi. Ci dissimu quannu veni so frati si ni para. E u cristianu non avi fattu discussioni.

DONNA LILLA FACENDO UN GESTO CON LA MANO: c’è na lista!

DOTTORE:  e che dite che io venga meno al mio obbligo di medico? Io scrivo. Poi… RIVOLGENDOSI AL PARROCO: il mio mestiere è come il vostro, patri parucu, voi curate le anime con la preghiera io con i farmaci.

PARROCO: dutturi, non sugnu tantu d’accodu: i medicini custunu a preghiera no. Eppure le farmacie sono affollate, ma i chiesi su vacanti. Oh! Ma comu vui ci scriviti na qualunque cosa scappunu pa fammacia e vonno essiri i primi e dicunu puru chi è uggenti. Oh! E chiù soddi nesciunu chiù su cuntenti. Che bravu stu dutturi! Diciunu, chi bella visita chi mi passau!

Ci parati inveci di chiesa iannu sempri cuffari: u maritu iavi a mugleri, a muglieri iavi u maritu. I figghi hanno sempri cosi i fari, tempu pa chiesa non n’annu.

DOTTORE: patri parucu, ni stati facennu na predica! E ma faciti giustu a mia c’ogni sira prima mi mi drummentu mi fazzu a cruci. 

PARROCO: cettu! Ca cruci chi vi faciti giustati tutti i situazioni. Non è così che si è buoni cristiani. Bisogna impegnarsi e vivere secondo …

DONNA LILLA CON GRANDE SPONTANEITA’:  e nui chi iavi na simana chi semu cà pi dari vessu a don Micheli, chi cristiani semu? E’ veru, patri parucu, a chiesa a mia mi viditi raramenti, ma chiddu chi cunta è u cori.

PARROCO: quello che state facendo per il povero don Michele è veramente un atto di grande amore fraterno, ma non è sufficiente. Gesù, figlia mia, vuole anche la preghiera e noi abbiamo bisogno della guida della chiesa.

DOTTORE: annamu a vidiri a don Micheli. Videmu chi si dici. Cu mi cumpagna?

DONNA LILLA: annamu, dutturi, vegnu iò.

DONNA LILLA E ILMEDICO ENTRANO NELLA STANZA DOVE C’E’ DON MICHELE.

PARROCO: vediamo se dopo la cura del corpo possiamo curare pure l’anima. ancora mancu a cruci ni pottumu fari.

DONNA MARIA CON VOCE PERSAUASIVA: comu si ni và u dutturi, ni mittemu o capizzu i don Micheli e ni dicemu u rusariu. Così prigamu pi iddu e pi nui. Intanto biviti un bellu bicchieri d’acqua frisca.  DONNA MARIA VA A PRENDERE UN BICCHIERE E LO RIEMPIE D’ACQUA DALLA SOLITA BOTTIGLIA: biviti, patri parucu, chi cu stu caudu, l’acqua ci voli.

IL PARROCO PORTA ALLA BOCCA IL BICCHIERE, BEVE UN SORSO D’ACQUA E SUBITO POSA IL BICCHIERE SULLA TAVOLA E DICE: frisca non è. Ma mancu bona. Mi pari chi st’acqua a misi don Micheli ta buttiglia un misi fa. Puttatili da vostra casa du buttiglie d’acqua, donna Maria. L’acqua non custa nenti.

DONNA MARIA MOLTO CERIMONIOSA: matri! Patri parucu sbagliai a buttiglia fossi! L’acqua a pottammu aieri: du butigli iò e du buttigli donna Lilla.

PARROCO: chidda bona va biviti vui e chidda nericata na dati a nui.

DONNA MARIA SCUSANDOSI VA A PRENDERE LA BOTTIGLIA DELL’ACQUA BUONA: scusatimi, scusatimi. Cusapi unni jaiu a testa sta matina. Stamu peddennu i sintimenti.

PARROCO: cercate di recuperarli! Ancora siete giovane.

ARRIVA UN FLEBILE LAMENTO DALL’ALTRA STANZA E LA VOCE DEL DOTTORE: andiamo meglio don Michele. State migliorando a vista d’occhio.

DON NINO CIONDOLANDO LA TESTA IN SEGNO DI DINIEGO:  chi c’iav’a diri povireddu, chi sta murennu? U cunfotta. Quantu fa a parola non fa  a medicina.

DONNA MARIA: u confottu non c’iavi mancatu: la parola di Dio non gliel’abbiamo fatta mancare, l’affetto nostro altrettanto. Ora veni puru so frati, e cussì po moriri in paci.

DON NINO:  è chi no mori! Ca iavi na simana chi spettamu mi mori. A parola di Diu l’ebbi, l’ogliu santu puru, ma ristammu femmi cà.

DONNA MARIA: si vidi chi ‘ddi medicinali chi ci scriviu u dutturi rallentunu a motti. ti pari che sunno acqua frisca?

PARROCO: non parati d’acqua frisca ta sta casa! E ricordatevi che tutto dipende dalla volontà di nostro Signore. Non c’è medicina né dutturi.

IL DOTTORE ESCE DALLA STANZA DI DON MICHELE ACCOMPAGNATO DA DONNA LILLA E CON VOCE SCONFORTATA DICE: la situazione è sempre grave. Non va né avanti né areti. Comunque voi continuate al solito la terapia, anzi vi scrivo questa nuova iniezione da fare al mattino presto per migliorare il respiro.

DON NINO IRONICAMENTE SENZA FARSI SENTIRE: ora viditi, non ci scrivia n’autra medicina!

 IL DOTTORE PAPPALARDO SI SIEDE, TIRA FUORI DALLA SUA BORSA UN FOGLIO E UNA PENNA E COMINCIA A SCRIVERE.

DONNA LILLA VICINO AL MEDICO: speriamu cu farmacista na dugna. Già non sacciu quantu avanza.

DONNA MARIA: e chi facemu, u lassamu moriri così?  U fammacista è un bravu cristianu, i medicinali ni dugna. Tantu, so frati sta rivannu. Si Diu voli u paga. Ci mancaria puru mi peddiria i soddi u cristianu! Non saria giustu.

SCRITTA LA RICETTA, IL MEDICO LA CONSEGNA A DONNA LILLA: ecco, mi raccomando un’iniezione al mattino e tutto il resto al solito.

DONNA LILLA PRENDE LA RICETTA E VA A RIPORLA SU UNO STIPO: chiù taddu si ni para. Lassamila cà.

PARROCO RIVOLGENDOSI A DON NINO: stu povuru cristianu du frati i don Micheli non sulu chi peddi nu frati, ma si trova puru chinu i debbiti.

DON NINO: e chi ci voluti fari, patri parucu? Chiddu chi si po fari semmai è mi ci li vati vui i debbiti.

PARROCO: don Nino a chiesa si putia non si tiriria arreti. Beni n’ava fattu e cusapi quantu n’av’a fari. Nel caso di don Michele io non posso fare di più. Le mie forze sono queste.

DON NINO: patri parucu, ‘na lira non ci l’aviti misu a disposizioni. Cà ci voli a parola di Diu ma pure soddi.

PARROCO IRRITATO: non bestemmiate don Nino, così dicendo e facendo perdete tutti i meriti che avete acquisito davanti a Dio per l’impegno con cui state seguendo il povero don Michele.

DONNA MARIA CERCANDO DI ATTUTIRE GLI ANIMI: ma c’annati dicennnu? Cammativi tutt‘i dui. Vu scuddastu chi cà sta murennu un povuru cristianu? E poi chi ci trasunu sti discussioni?  Stamu facennu tuttu chiddu chi potemu fari. U supercchiu poi si sa è comu a nenti. Don Micheli iavi un frati, appena arriva pi debbiti s’aviti iddu. Patri parucu, ossia u sapi, cà tutti campamu di simanati e Diu sapi i sacrifici chi facemu mi n’arranciamu.

DON NINO PIUTTOSTO ANNOIATO, DOPO AVER FATTO UN GIRO NELLA STANZA: sapiti chi vidicu? Iò scinnu sutta e spettu o frati i don Micheli, così quannu arriva ci dugnu na mano a chianari i valigi.

DONNA LILLA PRONTAMENTE: sì’ sì! Scinniti. Chi me maritu mancu iddu è tantu bonu. 

DON NINO STA PER USCIRE MA VIENE RAGGIUNTO DAL DOTTORE PAPPALARDO: aspettatemi scendiamo insieme. POI RIVOLGENDOSI ALLE DUE DONNE: vi saluto; se c’è bisogno mi chiamate. GIRANDOSI SALUTA PURE IL PARROCO: vi ossequio padre parroco.

I TRE RISPONDONO AL SALUTO: bona gionnata dutturi Pappaladdu. Speriamu chi non ci sia bisognu. E grazie, grazie di tutto.

IL PARROCO ANNUENDO AL DISCORSO CHE AVEVA FATTO DONNA MARIA: e cara donna Maria, dal cuore delle persone più modeste si può avere grande aiuto. Chi non conosce le sofferenze e i sacrifici non può capire! Chi ha sempre vissuto nella bambagia, pensa che tutti quelli che gli stanno intorno vivano alla stessa maniera sua.

DONNA MARIA:  cà soddi non n’avemu, ma u curi c’è;  ‘dda picca chi si po fari si fa e semu contenti di fallu e ringraziamu u Signuruzzu chi nu fa fari.

DONNA LILLA: e si non’aiutamu fra nui, cu n’aiuta? Iò non mi disperu mai. Iaiu tanta fiducia ‘nto Signuri, e Iddu no’ m’abbanuna.

PARROCO: brava donna Lilla. Chi ha fiducia in Dio non viene abbandonato e non resta solo le dure prove della vita.

DONNA MARIA E DONNA LILLA SI RISIEDONO E INSIEME COL PARROCO SONO IN PROCINTO DI RECITARE IL ROSARIO. PARROCO: videmu si putemu prigari. Iavi na matinata chi semu pronti, ma pari chi c’è u diavulu a mezz’e pedi.

DONNA LILLA: ragiuni aviti patri parucu. Ma ora semu beddi e tranquilli.

PARROCO: in nome del Padre, del figlio e dello …

ENTRA DI CORSA DON NINO CON UNA BUSTA IN MANO: ma chi vinni pari…

PARROCO: nenti, stu rusariu stamatina non si potti fari. Chi succidiu ora?

DONNA MARIA: chi fu Ninu? Mi facisti scasari u cori.

DON NINO: arrivau da Merica un telegramma pu frati i don Micheli. E cettu m’arriva cà prima d’iddu significa chi è na cosa uggenti.

DONNA LILLA: ma vadda chi mala occasioni! Speriamu chi non sia na cosa gravi.

DONNA MARIA: po essiri chi so mugghieri voli sapiri s’arrivau. O ci voli diri cocchi cosa. Chiddu a ddà iavi puru i so affari. Chi ni sapemu nui?

DON NINO: ma chi facemu u liggemu?

DONNA MARIA: no, Ninu, mi pari così bruttu. Pari chi uno voli sapiri i fatti soi. Vui chi diciti patri parucu.

PARROCO: ma si iddu sta vinennu non vali a pena. S’avissi ritardari poi si vidi.

DON NINO: iò u lassu cà e scinnu sutta.

PARROCO: spettati, don Ninu, mi dati na manu mi scinnu puru iò. Ommai non sugnu chiù figliolu e l’anni pisunu puru a scinniri. Vi salutu donna Lilla, vi salutu donna Maria.

DONNA LILLA E DONNA MARIA: salutate Gesù Cristu, patri parucu.

DONNA LILLA: si ci sunnu novità vi mannamu a chiamari. Ossia s’abbenedica.

PARROCO: beniditti, beniditti figghie. E s’aviti tempu dicitivilli du prighieri.

IL PARROCCO E DON NINO ESCONO. IL PARROCO APPOGGIANDOSI CON UNA MANO ALLA SPALLA DI DON NINO.

DONNA LILLA:  ma puru pi moriri si commatti? Non ci putia capitare a stu povireddu chi è sulu na motti subitania? No putia brisciri mottu? No! Tuttu complicatu, inveci!

DONNA MARIA: pacenza ci voli! Com’ a fari? Iddu a meno capitau a nui cu stamu sibbennu comu un principi. E cusapi quantu n’avi ta sta tera chi morunu suli e scunsulati!

DONNA LILLA ANNUENDO E DIMOSTRANDO ACCORDO ALLE PAROLE DELLA SUA INTERLOCUTRICE: e picchì nui sapemu comu annamu a finiri? Finu a quannu ci su parenti chi ti vonnu beni si sicuru chi non fai a fini d’un cani. Sinn’unca ai vogghia mi ti jettunu a mari!

DONNA MARIA: no, donna lilla. Iò a pensu divessamenti. Si si fa beni si ricivi beni. Ricordatevi quello che vi dice una donna ignorante come me: si facisti beni aspetta beni.

DONNA LILLA: eppure cetti voti è tuttu u cuntrariu. Fai beni e ricivi mali. Però chiddu chi cunta è u meritu du Signuri. Iddu sapi e vidi tutt’ i cosi. E su beni si fa cu curi Iddu u sapi.

DONNA MARIA SI SIEDE E MOSTRA SEGNI DI STANCHEZZA: sugnu un poco stanca! Iavi na simana chi semu appressu a don Micheli e a situazioni è sempri a stissa. Menu mali chi sta vinennu so frati, così iddu provvedi. Nui cettu chiù di tantu non putemu fari. Chiussai di mattinillu pulito, lavarici i robbi, dacci na goccia d’acqua na vota ogni tantu non putemu fari. Anzi donna Lilla ciù stirastu u vestitu da morti e a camicia?

DONNA LILLA ALZANDO LA MANO IN SEGNO DI COSA GIA’ FATTA: tutto pronto! Tutto lavato e stirato. Ci mancava pure cu mannaumu o compusantu chi robbi loddi. Iddu povireddu era sempre pulitu.

DONNA MARIA: sapiti comu dici u proverbiu: povuru sì ma loddu picchì?

SI SENTONO RUMORI E VOCI PROVENIRE DALLE SCALE, LE DUE DONNE SI GUARDANO IN SILENZIO PER ASCOLTARE MEGLIO. POI DONNA LILLA DICE: arrivaru, conuscia a voci i me maritu.

DONNA MARIA: menu mali, va. Comu voli Diu!

DONNA MARIA E DONNA LILLA SI ALZANO. DONNA LILLA VA AD APRIRE LA PORTA: avanti! Avanti! Comu mai tantu? Stava cu pinzeri. Cù tutti sti mal’accosioni chi si sentunu non si sta beddi tranquilli.

SI CREA UN PO’ DI TRAMBUSTO NELLA STANZA. DON PIPPO, IL MARITO DI DONNA LILLA, POSA DUE VALIGE SUL PAVIMENTO E VA A SEDERSI: ma quantu machini! Non si po’ chiù caminari. Però, semu cà. POI SI RIVOLGE A DON VINCENZO: sittativi, chi ui siti chiù stancu i mia.

DONNA MARIA PORGE UNA SEDIA A DON VINCENZO: s’accomodi. Lei deve essere stanchissimo. Vuole una bibita fresca? Ha mangiato?

DON VINCENZO, FRATELLO DI DON MICHELE: nulla, thank you. Sugnu stancu. Ma i me frati chi si dici? U dutturi ch’avi dittu.

DONNA LILLA INDICANDO LA CAMERA DI DON MICHELE: è ta so stanza. U dutturi dici chi d’un momentu all’autru si ni po’ annari. Ma iavi na simana chi dura sta gonia. Ma nui non ci avemo fattu mancari nenti.

DON VINCENZO DOPO ESSERSI SEDUTO E TIRATO DALLA TASCA UN FAZZOLETTO PER ASCIUGARSI IL SUDORE DELLA FRONTE: grazie. Vui siti bravi amici. Vi ringrazio con cuore. Da noi nun è così. Si chiama a nursery  e pensano a tutto iddi. Ma mi conosci su chiamu?

DON NINO: no! Non iapri chiù mancu l’occhi.

DONNA MARIA E DONNA LILLA: ma viniti, viniti. Cusì u viditi chi vostri occhi.

LE DUE DONNE ACCOMPAGNANO DON VINCENZO NELL’ALTRA STANZA, MENTRE DON NINO E DON PIPPO SI SIEDONO. SONO VISIBILMENTE STANCHI. DON NINO DICE: ora ci avemu a dire chi ci arivau un telegramma.

DON PIPPO: a cui?

DON NINO: a don Vincenzo. Spettamu mi si ripiglia e poi ciù damu.

DON PIPPO: aviti a vaddari che bella chista! Ci vulia puru stu telegramma pi complitari a festa.

DON NINO: magari sunnu boni notizi.

DON PIPPO MOLTO SCETTICO: speriamu mi è comu diciti uij. Ma sapiti comu si dici: supra a vaddira u campugliu sempri bruttu.

DON VINCENZO CON A LATO DONNA MARIA E DONNA LILLA ESCONO DALLA STANZA. LUI PIANGE E CON UN FAZZOLETTO SI ASCIUGA LE LACRIME: povuru frati! Sulu comu un cani! Chi motti chi sta facennu!

DONNA LILLA COMMOSSA: chi ci vuliti fari? Pacienza. Ognunu iavi u so distinu. Non è cuppa vostra. Iddu così vosi.

DONNA MARIA ALTRETTANTO COMMOSA: bono, cammativi, ora chi siti cà, putiti diri chi non muriu sulu. Vu sistimati e ci faciti chiddu chi ci aviti a fari cu soddisfazioni. Sittatibi chi siti stancu. U viaggiu è longu.

DON VINCENZO SI SIEDE E TIRA UN SOSPIRO DI SOLLIEVO. DONNA MARIA LO CONFORTA: s’aviti bisognu di cocchi cosa, dicitulu. Vui ni conusciti. Non avemu assai, ma semu di cori. Donna pippinedda, va rucurdati? Sta facennu un piattu di pasta, mangiati e poi vi ripusati. Ma comu mai vinistu sulu? Vostra mugghieri  o vostru figghiu non vi putiunu cumpagnari?

DON VINCENZO SCONSOLATO E DISPERATO: tutto storto, donna Maria mia. Mia moglie è malata e mio figlio non può lasciare u storu. Sapiti a Merica i magazzini sunnu stori; sunnu ranni e si vinni di tutto. Comu fa a lassari? Nu storu è nu storu.

SI GUARDANO TUTTI PREOCCUPATI. DOPO UN ATTIMO DI INCERTEZZA DON NINO ESCE DALLA TASCA DELLA GIACCA IL TELEGRAMMA E LO PORGE A DON VINCENZO: arivau un telegramma pi vui. Arrivau ant’ura.

DON VINCENZO PRENDE LA BUSTA: telegramma? A mali pi mia! Chi succidiu?

DON VINCENZO APRE IL TELEGRAMMA CON TIMORE, MENTRE TUTTI I PRESENTI SONO ANSIOSI DI CONOSCERE LA NOTIZIA GIUNTA. LETTO IL TELEGRAMMA DON VINCENZO IMPALLIDISCE, SI AVVICINA AL TAVOLO TIRA UNA SEDIA E SI ABBANDONA SU DI ESSA: mamma mia! Chista non ci vulia propriu. Ma giustu ora? Ma comu fazzu ora?

TUTTI I PRESENTI AGITATI: chi succidiu? Chi fu? Chi è n’autra disgrazia?

DON VINCENZO CON VOCE ROTTA DAL DOLORE: muriu me mugghieri!

DONNA LILLA: ma cosi! Cosi! Cosi!

DONNA MARIA: ma cosi ill’autru munnu! Non ci bastava a stu povirazzu u duluri chi sta piddennu a so frati, ma puru chiddu da mugghieri?

DONNA LILLA: matri! Matri! Matri! Veramenti chista è mala sotti.

DON PIPPO E DON NINO COMMOSSI SI LANCIANO SGUARDI TENTANDO DI TROVARE LE PAROLE GIUSTE PER L’OCCASIONE. LE DUE DONNE SI SIEDONO E CONTINUANO A RIPETERE ESCLAMAZIONI DI INCREDULITA’. DON VINCENZO SI STRINGE LA TESTA FRA LE MANI: c’aiu a fari ora? A cu dumannu cunsigliu?

DONNA LILLA RIVOLGENDOSI A DON VINCENZO: faciti a testa vostra chi non sbagghiati! Si vuliti pattiri pa Merica, pattiti. Cà n’avitemu nui. 

DON NINO: ommai chi siti cà vi conveni spettari. Chi faciti avanti e areti da Merica?

DON PIPPO:  e si don Micheli sa piglia longa? U dutturi Pappalardo dici c’ommai  è questioni di minuti, ma intantu passau na simana. Secunnu mia sulu u Signuri conusci l’ura giusta da nostra motti.

DONNA MARIA RIVOLGENDOSI A DON VINCENZO: ora non ci pinsati a pattenza. Chisti su cosi chi sann’avvidiri ca camma. Intanto siti cà. Dumani si nni para. Vustra mugghieri era malatedda, vi l’aviu spettari.

DONNA LILLA: giustu, giustu! A notti potta cunsigliu. Domani diciditi cu camma.

DON PIPPO: e cu sapi si stanotti o chiù taddu don Micheli si ni va? Si iddu si ni va, a situazioni si gusta.

DONNA LILLA: Pippu, non è chi ci putemu chiudiri l’occhi pi fozza!

DONNA MARIA: anzi, quannu si voli a motti i l’autri, ci crisciunu i jonna.

DON VINCENZO SCONSOLATO ED AMAREGGIATO: non sacciu chiddu che fari? Si mi ni vaiu lassu a me frati sulu e non mu pozzu mancu cianciri. Si restu non mi pozzu cianciri a me mugghieri. U Signuri mi mi manna bonu consigliu. Si mi ni vaiu a me frati cu sistema? Cà non è comu a Merica. A Merica unu nesci i dollari e si fa tutto. Sugnu ta du cori. Però fazzu comu diciti vui: aspettu. Dumani matina si ni para. Ma già sacciu chi comu fazzu fazzu sbagliu.

DON PIPPO: ma chi diciti don Vincenzo. Chisti sunnu decisioni difficili. Comu si fa a scegliere? Sentiti a mia faciti comu vi dici u vostru cori. Pi vostru frati non v’aviti a preoccupari. Cà c’è un bon vicinato chi l’avi rispittatu sempri, e giustu ora chi sta murennu no lassa e no bannuna. S’aviti stu pinseri potiti stari tranquillu.

LE DUE DONNE ANNUISCONO.

DONNA MARIA: potete stare tranquillo.

DONNA LILLA: l’amu trattatu sempri comu un frati. Ci manchiria chi propria ora chi sta murennu u bannunaumu.

DON VINCENZO: thank you, thank you. U sacciu chi me frati è in boni mani, ma iò non mi ni vogghiu annare cu scrupulu i cuscenza. Stesumu na vita separati e mancu pa motti ni riunemu. Sta cosa, ma vidi a cridiri, pi mia è pisanti.

DON PIPPO: ma chisti su cosi chi sulu Diu po giustari.

DONNA MARIA: eh già, nui facemu, dicemu, giustamu e spasciamu, ma poi cu dicidi e stabilisci non semu nui.

DONNA LILLA: è la volontà di Dio che ci dirige. A nui ni pari chi semu nui chi facemu. Ma senza a so voluntà non facemu nenti.

DON VINCENZO SI ALZA E GIRA PER LA STANZA, GUARDA LE VECCHIE FOTOGRAFIE ATTACCATE AL MURO. SI AVVICINA AD ESSE PER VEDERLE MEGLIO. I PRESENTI LO SEGUONO CON GLI OCCHI MA NON RIESCONO A PARLARE. SI SCAMBIANO MONOSILLABI IN ATTESA DI TROVARE ARGOMENTI PIU’ INTERESSANTI. DOPO UN PO’ DON VINCENZO SI FERMA E CON TONO PACATO NEL SUO DIALETTO CON INFLESSIONE INGLESE DICE: restu a cà. Me mugghieri mi pidduna. Na vita stesi cu idda, ora mi restu cà e ci dugnu cunfotto a me frati chi sta murennu.

FINE ATTO PRIMO


ATTO SECONDO

STESSA SCENA, MA ADESSO LE PARETI DELLA STANZA SONO COPERTE DA MOLTE IMMAGINI DEVOZIONALI. DALL’ALTRA STANZA ENTRA UN UOMO (DON MICHELE) SI AVVICINA AD UNO STIPO, APRE UN CASSETTO PRENDE UN FIAMMIFERO E UNA CANDELLA E L’ACCENDE. POI LA PONE DAVANTI ALL’IMMAGINE DI SAN MICHELE: oh San Michele beddu! A luci non v’avi  a mancari. Si iò moru ristati oscuru, sinnunca ogni matina aviti a vostra cannila. Cu mi l’avia a diri a mia! Menu mali chi mi vaddastu vui, sinnunca a st’ura era all’autru munnu. Un musi senza manciari e biviri, mottu era to lettu e vui mi facisti u miraculu.

DON MICHELE PRENDE UN’ALTRA CANDELA L’ACCENDE E LA PONE DAVANTI ALL’IMMAGINE CON LA MADONNA: oh Madunnuzza bedda! Chi miraculu ranni chi facistu! Iera to’n letto mottu e mi facistu suggiri. Meraviglia di tutti. Puru u patri parucu ristau marravigghiatu. Pi non diri poi du dutturi Pappalardu, dd’autru bestiuni. Oh! e dici chi foru i so curi chi mi savvaru! E chiddi chi fa moriri cu iè chi fa moriri? Ogni cosa dipende dalla volontà del Signore.

BUSSANO ALLA PORTA. DON MICHELE DOMANDA: cu jè? cuminciammu i prima matina?

DALL’ESTERNO RISPONDE UNA VOCE FEMMINILE: iò sugnu, don Micheli, donna Lilla, iapritimi.

DON MICHELE APRE E COMPARE DONNA LILLA CON UN TAZZONE DI LATTE CALDO IN MANO: cu stu friddu vi fa beni na tazza i latti. Bivitibbilla subbutu.

DON MICHELE: grazie donna Lilla, vi scomodati sempri e non sacciu comu vaiu ringraziari. Scusati si mi pattia bastasu. Ma cà non si reggi: un gnonnu u farmacista, un gnonnu u salumeri, na vota chiddu i l’acqua e n’autra vota u patruni i casa. Cà non si reggi: tutti ceccunu soddi. Iddi jannu ragiuni, ma iò unni i pigghiu?

DONNA LILLA COMPRENSIVA: aviti ragiuni! Non è cuppa vostra. A cuppa l’avi u vostru principali, chi dopo tant’anni vi licenziau. Non l’avia a fari. Uomo senza coscienza!

DON MICHELE: sapiti i principali sunnu fatti tutti i stissi. U mei pinsau chistu è mottu e ni pigliau uno novo, ma quannu visti ca ancora non avia murutu pensau: ma a mia cu mu fa fari mi mi pigliu a uno vecchio e malatu? Senza bisognu di cunsigliu mi mannau a casa.

DONNA LILLA GESTICOLANDO: no, don Michele, sti cosi non si fannu. E ui non v’aviti a pigghiari i collira: a Madonna pi comu non vi fici moriri vi manna provvidenza. Non v’aviti scunfuttari.

DON MICHELE CIONDOLANDO IL CAPO: e va be! A fiducia l’aiu a pacenza puru. Sunnu l’autri chi non l’hannu. E menu mali chi ci siti vui cu vostru maritu, a signura Maria cun don Ninu, e dda mischinedda di donna Pippinedda babba chi u sapi Diu comi avi a fari pi idda e mi duglia tantu aiuto. E intantu che fari? I vinniri non haiu nenti, me frati muriu. U patri parucu ogni vota chi ceccu mi vadda cu l’occhi stotti? Quannu non pozzu chù mi ijettu davanti a na chiesa e limosinu.

DONNA LILLA CON TONI PACATI E PERSUASIVI: ma che dite? Che dite? Un pezzo di pane comu nu manciamu nui vu manciati puru ui. E poi non sapiti u pruverbiu anticu chi dici? Bon tempu e malu tempu non dura sempri un tempu. Pecciò spittati chi prima o poi a Madonna vi metti ta na giusta strata.

DON MICHELE SCONSOLATO: speriamo, donna Lilla, ca Madonna vi senti.

DONNA LILLA CAMBIANDO TONO DI VOCE ED AVVICINANDOSI VERSO L’USCIO DICE: don michele. Ora vi salutu. Iaiu tanti cosi i fari e si no cuminciu ca matina peddu a junnata.

DON MICHELE ACCOMPAGNA DONNA MARIA ALLA PORTA RINGRAZIANDOLA E SALUTANDOLA. DOPO SI SIEDE ALLA TAVOLA E INCOMINCIA A BERE IL LATTE: fossi ci vuria na picca i zuccuru i chiù. SI ALZA PER ANDARE A PRENDERE LO ZUCCHERO. A META’ STANZA SI FERMA E DICE: u zuccuru l’avi u putiaru, mi l’avia scuddatu! SI RISIEDE E BEVE. MENTRE STA BEVENDO BUSSANO ALLA PORTA E LUI SBUFFANDO DOMANDA: chi è?

DALL’ESTERNO RISPONDE UNA VOCE D’UOMO: sono il dottore Picciotto, il farmacista.

DON MICHELE MORMORA SECCATO: ma chistu i prima matina chi voli? M’avi a fari intossicari sta goccia i latti!

DON MICHELE SI ALZA E MOLTO LENTAMENTE SI AVVICINA ALLA PORTA E LA APRE. IL DOTTORE PICCIOTTO E’ MOLTO IMBARAZZATO: scusatemi don Michele, forse l’orario non è idoneo, ma ho pensato che dopo, aperta la farmacia, mi è difficile lasciare.

DON MICHELE: non vi preoccupate, dottore, Se non potete lasciare e venire è lo stesso. La situazione purtroppo per me non è cambiata.

IL DOTTOR PICCIOTTO CON MOLTA DISCREZIONE: mi dovete scusare, ma io ho un’azienda sulle spalle. Vi ho agevolato. Ho fatto il mio dovere coscienziosamente, ora spetta a voi…

DON MICHELE SOSPIRANDO: dutturi, iò i sacci quali su i me doveri. Ma chi ci pozzu fari? Cà semu, pottativi chiddu chi vuliti; puttativi puru a mia, ma chistu è u fattu e chista è a situazioni: soddi non’ajiu.

DOTTOR PICCIOTTO: tutti questi discorsi io non li ho mai fatti quando voi eravate in punto di morte. Davo e scrivevo, senza pensare che morendo voi nessuno m’avrebbe pagato. Ma dal momento che allora era vivo vostro fratello …..

DON MICHELE: viditi a sotti com’è? iò campai e me frati muriu. Megghiu chi vi rassignati! Faciti finta chi muria puru iò. Così non vi faciti chiù u sangu iacidu.

DOTTOR PICCIOTTO: rassegnarmi dite voi? Se morivate era diverso…

DON MICHELE: ma pi vui era mugghiu chi muria? DON MICHELE SI FA IL SEGNO DELLA CROCE E MANDA UN BACIO ALL’IMMAGINE DI SAN MICHELE.

DOTTOR PICCIOTTO: eppure non ho mai detto no. Veniva donna Lilla con la ricetta del dottor Pappalardo, subito servito! Veniva don Nino, e chi gli diceva prima i soldi e poi le medicine?

DON MICHELE: dutturi chi ve diri iò? Iò era mottu to’n funnucu i letto, pigghiativilla cu dutturi Pappaladdu cogni gnonnu scrivia ricetti. Diu sulu u sapi comu non m’avvilinau u sangu! Vi ringraziu dutturi, ma iò i soddì mi vi pagu unni i pigghiu? Non vi staiu dicennu chi non vi dugliu, vi staiu dicennu chi non’aiu. Si succedi, pi mal’accosioni, mi l’aiu, vi pagu. Stati tranquillu.

IL DOTTOR PICCIOTTO PIUTTOSTO CON ARIA DIFFIDENTE E RASSEGNATA: pazienza! Che cosa vi devo dire? Pazienza! Comunque, ora vado via, ma ci vedremo.

DON MICHELE: dutturi è inutili chi viniti: si aiu i soddi vegnu iò unni vui.

IL DOTTOR PICCIOTTO SALUTA E SE NE VA. DON MICHELE PRENDE UNA CANDELA, L’ACCENDE E LA METTE DAVANTI ALL’IMMAGINE DEI SANTI COSMA E DAMIANO: Santi Coscimu e Damianu iò a cannila va staui ‘ndumannu, ma vui mantinitici i sentimenti o dutturi Picciottu. Iddu iavi raggiunu, ma iò non aiu tottu. Tinitulu a frenu e si putiti facitici scuddari i soddi chi ce dari. Anzi vi dicu pur na prighiera cusì nun’abbannunati né a mia né a iddu.

DON MICHELE RITORNA A METTERSI A TAVOLA E MENTRE PORTA LA TAZZA ALLA BOCCA SENTE NUOVAMENTE BUSSARE. DON MICHELE A VOCE BASSA PER NON ESSERE SENTITO E CON MOLTA STIZZA: cu jè ora? Donna Lilla u latti mu puttau, spittari non spettu a nuddu. Cu po essiri? Voi avvidiri chi chista è a stissa matinata dell’autru misi? Voi avvidiri chi chiddi c’avanzunu soddi su novamenti cà? A VOCE ALTA: cu jè?

DALL’ESTERNO: iapritimi don Micheli, iò sugnu, don Nicola.

DON MICHELE CIONDOLANDO LA TESTA E A VOCE BASSA: mali pi mia, u putiaru iè! POI GRIDA: Avanti, apetta è a potta, trasiti.

SI APRE LA PORTA ED ENTRA UN OMONE: bongionnu don Michele.

DON MICHELE: bongionnu a vui. Assittativi, don Nicola.

DON NICOLA: comu mi settu cu cuffari chi iaiu!

DON MICHELE PRONTO: e cu cuffari c’aviti vinistu cà i prima matina? Si vinistu pi soddi, novità non’ aiu. Chiddu chi vi dissi l’autri misi vi dicu ora.

DON NICOLA DELUSO: don Micheli, iò sugnu cuntentu chi vi vido in bona saluti, ma ui aviti a capiri puru chi iò non pozzu spittari all’infinitu. Iò a robba chi vi desi a pagai e non ci dissi a cu mi vinniu a robba quannu iaiu i soddi vi pagu. E duranti a vostra malatia e a vostra cunvaliscenza non vi fici mancari nenti. Cu vinia vinia a nomi i don Micheli iò tagliava e mogghiava.

DON MICHELE CON ARIA PERPLESSA: don Nicola, iò vi ringraziu e vi sugnu divotu. Ma poi sta librettà ca spisa ma faciti leggiri. Ui tagghiavu e mugghiavu, ma io to lettu iera, non manciava e non bivia.

DON NICOLA PIUTTOSTO IRRITATO: e chi vuliti diri chi vi calava to librettu a spisa rubbannu? O chi si n’approfittaru donna Lilla e donna Maria? O ‘nda povirazza i donna Pippinedda babba? Chistu non l’aviti mancu a pinsari. Nuddu si n’approfittau. Tutti chiddu chi è scrittu fu cattatu pi vui.

DON MICHELE DIFFIDENTE: iò non mi ricoddu. Sacciu sulu chi pi tanti ionna mi tesuru a manciari pastina scuaddata cun filu d’ogghiu, a mezzionnu e a sira. E a situazioni non è chi canciau: puru ora pastina scuaddata a mezzijonnu e a sira, senza ogghiu e senza fummaggiu. Na vota ogni tantu pi canciari latti senza zuccuru.

DON NICOLA SPAZIENTITO E GESTICOLANDO: don Michele ognuno iavi i so guai. Uno vi po’ ghiutari na vota du voti, ma poi… ci aviti a pinsari vui. Scrivitici a vostri niputi a Merica, sinnunca mi dati l’indirizzu chi ci mannu iò na bella littra.

DON MICHELE INNERVOSITO: lassati stari a me niputi, giustu comu diciti ui ognuno iavi i so guai. Si iaju sotta i campari e di guadagnari du liri stati tranquillu chi vi pagu. Ora non vi sinniati, annativinni chi spettu genti. Vi salutu.

DON NICOLA: e chi ve diri? Spittamu fin’a quannu a provvidenza si ricorda di ui e di mia. Vi salutu.

DON NICOLA ESCE ED APPENA CHIUSA LA PORTA DON MICHELE PRENDE UN’ALTRA CANDELA, L’ACCENDE E LA METTE DAVANTI ALL’IMMAGINE DI SANT’ ANTONIO ABATE: oh Sant’Antoniu beddu, mannatici tantu travagliu cusì non pensa a mia, anzi mi si scodda i mia. E tinitici u ciriveddu femmu, chi non vurria chi pi du liri i debitu a chistu ci pigghia a paccia e mi mazza. Si iò avia murutu, a st’ura tutti s’aviunu misu u cori in paci e stu trafucu di chiannari e scinniri non c’era. Ma ora dicu iò Signuruzzu beddu: mi facisti campari? Fammi campari! No che cummatiri cu chiddi chi vonnu iessiri pagati. Iò non aiu na lira e iaiu a panza sempri vacanti. Com’a fari?

CONCLUSO IL DISPERATO SFOGO, DON MICHELE RITORNA ALLA TAVOLA E RICOMINCIA A BERE IL LATTE. NE BEVE CON SODDISFAZIONE UN ABBONDANTE SORSO. QUALCUNO BUSSA ANCORA ALLA PORTA. DON MCHELE: l’avia dittu iò chi oggi è comu u misi passatu. Oh si dugnuno appuntamento! non manca nuddu! A VOCE ALTA: Cu iè?

DA DIETRO LA PORTA: don Michele iapriti, iò sugnu don Pascali.

DON MICHELE A VOCE BASSA: e a st’autru cu mannau cà? Ci mancava sulu iddu.

DON MICHELE VA AD APRIRE LA PORTA: trasiti, accomodativi.

DON PASQUALE SI TOGLIE IL CAPPELLO ED ENTRA: buongiorno don Michele, come state? Chi si dici?

DON MICHELE SENZA PERDERE TEMPO: e chi s’av’a dire don PascalI, semu cà. Non canciau nenti. Chiddu chi vi dissi u misi passatu vi dico ora. Soddi non n’aiu e mi pari ca situazioni è sempri chiù complicata.

DON PASQUALE: don Michele ma non è chi uno po’ spittari i vostri commudi. S’a casa na putiti pagari ma lassati. Ui u sapiti: non è chi iò iaiu palazzi o sugnu riccu: campu ca pinsiunedda e cu stu mossu i casa chi mi lassau me patri. I soddi aggiuvunu. Sugnu ranniceddu e malatu, na vota na cosa na vota n’autra sugnu sempri unni u dutturi e unni u fammacista.

DON MICHELE COMPRENSIVO: mi dispiaci, ma iò chi ci pozzu fari? Mi ni pozzu annari sutta on ponti oppure mi iettu da finestra. Per ora iatru non pozzu fari.

DON PASQUALE: ma chi diciti? Quali ponti, quali finestra. E’ chi non vi dati da fari. Parati cu Comuni, ca parochia, parati cu cocchiduno chi vi po’ ghiutari.

DON MICHELE ALLARGANDO LE BRACCIA E GUARDANDO IL SOFFITTO DELLA STANZA: era mugghi chi muriva, così tutti sti trafici non c’erunu. Quannu iò travagghiava mancai mai o me doveri? Ogni misi quannu u principali mi pagava i primi soddi eruni i vostri. Mancai mai?

DON PASQUALE: mai! e iò apposta vi stai agevolannu. Ma si sta situazioni dura a longu, iò vaiu unni l’avvocatu. A mia mi dispiaci, ma chiù sai i chiddu ch'e fattu non pozzu fari.

DON MICHELE SCONSOLATO:  e chi v’addiri mi no faciti? Annati avanti. Pacienza. Speriamo chi to frattempo a cosa mi cancia. Ora vi pozzu diri sulamenti chi si viniti mi ni facemu na scupa o na briscula sugnu a  disposizioni, pi soddi non aiju  nenti mi vi dicu.

DON PASQUALE QUASI CONVINTO: quali scupa, quali briscula! Mi bastunu i guai chi iaiu. Ora e’ nnari prima unni u dutturi Pappalladdu e poi a fammacia.

DON MICHELE CON SGUARDO DI CONSIDERAZIONE: annati. Buona giornata. E stati tranquillu chi si ci su novità iò stissu vegnu. U penseri è chiù u mei chi u vostru.

DON PASQUALE SE NE VA: buona giornata.

APPENA CHIUSA LA PORTA DON MICHELE PRENDE UNA CANDELA ANCORA, L’ACCENDE E POI SI GUARDA ATTORNO E SI DOMANDA: ma qual è u Santu di patruni i casa? Cu sapi si l’annu! San Crispino po essiri? No mi pari chi San Crispinu è di scappari e finora debiti cu scapparu non n’e fattu. San Bastianu? Sì, fossi San Bastianu! CI PENSA UN POCO, POI: no, non mi pari, San Bastianu è patruni di funnari e grazie a Diu quannu iera malatu pani no nni manciava. Ma sai chi fazzu? cià mettu a Madonna di Loreto. Mi pari chi sta Madunna a casa sa puttau d’appressu.

DON MICHELE PASSA IN RASSEGNA ALCUNE IMMAGINI: chista è a Matri a Littra, chista è a Mmacculata, chista mi pari chi è a Madonna du Cammini, chista, unni c’è sta casa, avrissi agl’essiri a Madonna di Loreto.

DON MICHELE APPOGGIA SU UNA MENSOLINA LA CANDELA E POI DICE: Madunnuzza non m’abbannunati. Mi s’abbastu da motti, ora non mi faciti finiri sutta un ponti. E magari si putiti mannatici un pocu i cuffari a don Pascali, così si scodda i mia.  Cà vonnu tuti soddi, e iò dicu chi mancu si travagghiu pi vint’anni scuntu sti debiti. Chi poi mancu mi ricoddu si fici. I ficiunu l’autri. E’ veru chi ficiunu pi mia, ma non badaru sbadu. Ci paria chi me frati Vincenzu lassava i dolliri.

DON MICHELI SI SIEDE UN POCO SCONFORTATO. SI ACCORGE CHE NON AVEVA BEVUTO TUTTO IL LATTE: figghioli, mancu a sotta mi mi pigghiu na tazza i latti. Ora cettu fa schifu, friddu e senza zuccuru si po’ ghittari. Ma si comu è grazia di Dio mu bivu u stissu.

DON MICHELE BEVE CON PIACERE IL LATTE RIMASTO METTE LA TAZZA SUL TAVOLO ED ESCLAMA IRONICAMENTE: ah, mi scialai! Ora ci vuria un beddu cafè!

MENTRE ESPRIME IL SUO DESIDERIO BUSSANO ALLA PORTA. DON MICHELE: e cu iè ora? Ma oggi è junnata! U putiaru e u patruni i casa vinnunu, u fammacista puru. L’acqua a tagghiaru, a luci puru. Cu po iessiri? Iò non ci iapru a nuddu: tantu è sicuru chi è n’autru chi dici chi ciè dari soddi.

BUSSANO CON MAGGIORE INSISTENZA. DON MICHELE SI ALZA E ISTINTIVAMENTE SENZA VOLERLO DOMANDA: cu iè?

DA DIETRO LA PORTA UNA VOCE: scusate sono un funzionario dello Stato, abbiamo bisogno di qualche informazione.

DON MICHELE PROCCUPATO: funzionario dello Stato? E chi voli?  APRE LA PORTA ED ENTRA UNA PERSONA ELEGANTEMENTE VESTITA CHE SI PRESENTA: buongiorno, mi scusi, sono il dottor De Francesco dell’Intendenza delle Finanze, sono qui per un controllo. POI SI RIVOLGE AD UNA PERSONA RIMASTA FUORI:  ma dai signor Ciancio! Venga! Non pensavo fosse così superstizioso. E’ un povero animale a cui le vostre cose non interessano. SI GIRA VERSO DON MICHELE E CONTINUA: non vuole entrare perché un gatto nero ci è passato davanti.

DON MICHELE: ah, a  jatta i donna Pippinedda babba! Povira bestia.

IL FUNZIONARIO: ma entrate, per favore! Io non ho tempo da perdere. Non posso fermare la pratica per la vostra superstizione.

L’ALTRA PERSONA (GIOVANNI CIANCIO) FINALMENTE SI DECIDE DI ENTRARE, MA APPENA VARCA L’USCIO GLI CADE IN TESTA UN FERRO DI CAVALLO CHE ERA COLLOCATO SOPRA L’ARCHITRAVE DELLA PORTA E GRIDA: ahi! Ahi! Che cosa succede?

DON MICHELE: scusate, cadiu a ciappa i cavaddu. Mala nova! Avia a meno trent’anni ch’era ddà e cadiu giustu giustu ora. Ma tantu tutta sta bona sotti non ma puttau mai.

DON GIOVANNI CIANCIO: oh mamma mia! Proprio in quest’attimo che sono entrato io doveva cadere! Dopo trent’anni giusto nel momento che sono entrato io. Mamma mia che segnali negativi. Questa sì che è jella. A proposito… SI FRUGA NELLE TASCHE.

DON MICHELE: scusate, abbiate pazienza, ma non è cosa voluta.

DON GIOVANNI CIANCIO ESCE DALLE TASCHE UN CORNO ROSSO E LO TIENE STRETTO FRA LE MANI: scusate, ma ci vuole proprio.

DOPO QUALCHE MINUTO DI IMBARAZZO L’ALTRO PERSONAGGIO (IL DOTTOR DE FRANCESCO): pazienza, dai, sono cose che succedono. Sono il dottore De Francesco dell’Intendenza di Finanza e il signore qui accanto è Giovanni Ciancio, impresario di pompe funebri.

DON MICHELE PERPLESSO: e da me che volete? Cà soddi non n’avi, motti mancu.

IL DOTTOR DE FRANCESCO: avete ragione, ma la questione riguarda più il signor Ciancio che voi. Il dovere di controllare sulle attività delle aziende a volte ci costringe a fare dei sopralluoghi.

DON MICHELE: si non c’è i pagari sugnu a disposizioni!

IL DOTTOR DE FRANCESCO: si tratta di questo: il signor Ciancio ha incassato un bonifico di dieci milioni di lire, fattogli da vostro fratello Vincenzo, affinchè vi fosse fatto un funerale di prima classe, che poi non si fece, perché grazie a Dio vi siete ripreso.

DON MICHELE SORPRESO: dieci milioni? Ma veramenti mu diciti? Ci saria di canciari vita! Ma iò non sapia nenti.

IL SIGNOR CIANCIO: esagerato! Bastano appena per un funerale di prima classe con tumulo in marmo.Vostro fratello, visto che voi non mor…, cioè visto che la vostra malattia si era stabilizzata e visto che era stato richiamato da urgenti impegni in America, mi ha lasciato l’incarico di provvedere adeguatamente al vostro funerale.

DON MICHELE INCREDULO: me frati pa motti mi pinsau, mi mi fa campari non si fici mancu a sentiri.

IL DOTTOR DE FRANCESCO: queste sono cose vostre che non interessano al nostro ufficio. Noi dobbiamo verificare se con questo bonifico c’è stata truffa, poiché non è stata emessa fattura. Quindi volevo sapere signor Michele: voi siete vivo? Non siete mai morto?...Scusate volevo dire siete voi Michele Cardona? E vostro fratello è Vincenzo Cardona, residente in America?

DON MICHELE ANNUENDO: sì io sono Michele Cardona e avia un frati chi si chiamava Vincenzu e chi stava a Merica.

IL DOTTOR DE FRANCESCO: mostratemi un documento, per favore, così la finiamo qui.

MENTRE DON MICHELE VA A PRENDERE DA UN CASSETTO IL DOCUMENTO, IL DOTTOR DE FRANCESCO SI GIRA VERSO IL SIGNOR CIANCIO, NEL FARE  IL MOVIMENTO LO URTA E GLI FA CADERE DALLE MANI IL CORNO. IL DOTTOR DE FRANCESCO:  mi dispiace, scusate.

IL SIGNOR CIANCIO MOLTO IRRITATO: oggi è giornata no!

IL DOTTOR DE FRANCESCO IRONICO: siete un tantino superstizioso, vedo. Ma dovreste smetterla! Siamo ormai fuori da queste credenze deleterie.

IL SIGNOR CIANCIO: beh, non ne faccio una malattia, ma più volte ho constatato che il gatto nero mi ha portato male.

DON MICHELE RITORNA E MOSTRA IL SUO DOCUMENTO: ecco la carta d’identità.

IL DOTTOR DE FRANCESCO SI SIEDE E PRENDE APPUNTI SU UN FOGLIO DI CARTA: bene, Michele Cardona nato a Messina il 18 luglio 1930, domiciliato a Messina via Giovanni Disgrazia

IL SIGNOR CIANCIO IRONICAMENTE: il nome della via è bene augurante!

IL SIGNOR DE FRANCESCO CONTINUANDO A SCRIVERE E SCANDENDO LE PAROLE: al nu-me-ro ci-vi-co 17

 

IL SIGNOR CIANCIO: non poteva essere diversamente.

IL DOTTOR DE FRANCESCO CONTINUANDO: car-ta d’iden-tità nu-me-ro AB 17 17

IL SIGNOR CIANCIO INTERROMPENDO IL DOTTOR DE FRANCESCO: dottore almeno ditelo nella vostra mente, me lo fate apposta?

IL DOTTOR DE FRANCESCO:  va bene ormai ho finito. Per me possiamo andare. Tutto è stato chiarito.

DON MICHELE: ma mi scusassi: ora chi non muria sti soddi picchi non mi dati areti?

IL DOTTOR DE FRANCESCO: il nostro ufficio non c’entra niente, semmai dovete vedervela col signor Ciancio. Io vi saluto.

IL DOTTOR DE FRANCESCO RACCOGLIE LE SUE CARTE ED ESCE.

DON MICHELE: signor Ciancio, vistu chi non muria picchi non mi dati a reti sti deci milioni?

IL SIGNOR CIANCIO: non è possibile, vostro fratello me li ha dati per farvi il funerale. Se io ve li restituisco non solo vengo meno alla parola data dalla mia azienda, che in fatto di serietà è esemplare, ma nello stesso tempo perdo l’occasione di un guadagno.

DON MICHELE: allura, mi pari chi p’aviri sti soddi è moriri. Ma si iò moru fra vint’anni, inveci du cumpagnamenti i prima classi mi mittiti ta na cascia i mballaggiu. Megghiu chi mi dati i soddi a reti a mia e poi quannu moru m’avitu iò.

IL SIGNOR CIANCIO FERMO E RISOLUTO: signor Cardona, non è possibile. La mia è un’azienda seria. Aspettate di morire e godrete dei vostri dieci milioni. Nessuno ve li sta negando.

DON MICHELE: ma comu? Iò non sacciu comu aja fari pi campari, chi mi manca dill’acqua fino o sali, e  iaiu deci milioni pa motti? Facemu na cosa: vi tiniti u vostru guadagnu e a mia mi dati chiddu chi mi spetta. Facemu finta cu cumpagnamentu mu facistu.

IL SIGNOR CIANCIO: non è possibile. Gli impegni vanno rispettati.

DON MICHELE: pecciò è moriri pi fozza? Ma st’autru me frati cu puttau mi fa na cosa comu a chista? Non mi putia lassari sti soddi a mia così almeno pi na para d’anni campava tranquillu? Sti mericani sunnu proprio scunchiututi! Ora ui signor Ciancio javiti a trovari u sistema mi semu contentu tutti i due: io vivo e vui senza cunpagnamentu fattu. Iò non vi negu u vustru guadagnu, ma a mia sti soddi mi giuvunu ora. Quannu moru si vidi.

IL SIGNOR CIANCIO IRRITATO: signor Cardona non è possibile, ve l’ho già detto. Non posso venire meno ai miei doveri. Non insistete. Adesso devo andare.

DON MICHELE: ma vadda che bella chista! Me frati mi lassau i soddi e ne pozzu spenniri.

IL SIGNOR CIANCIO: non sono soldi da spendere ora. Ma non capite o non mi volete capire. Quando morirete se ne parla. Adesso devo andare ho un morto per le mani. Scusate, volevo dire che devo occuparmi di un funerale.

DON MICHELE: aspittati, sittativi, ragiunaminnilla.

BUSSANO ALLA PORTA DON MICHELE VA AD APRIRE: avanti donna Maria, avanti, accomodativi donna Lilla. CON ARIA MOLTO SORPRESA: ma chi vinni pari. Me frati mi pagau u cumpagnamenti e sinn’annau. Ora sti deci milioni pi piggghialli eggh’essiri mottu. Ma chi vinni pari!

DONNA LILLA: ma cosi i l’autru munnu! Comu, i soddi v’aggiuvunu! A cettu puntu megghiu mi spinniti ora sti soddi, quannu muriti pensa Diu. Na cascia i mottu a bon prezzu si trova sempri.

IL SIGNOR CIANCIO: ma che dite signora mia. Morire ed avere un funerale dignitoso è il completamento della vita.

DONNA MARIA RIVOLGENDOSI AL SIGNOR CIANCIO: ma chi faciti cu stu connu russu te mani?

IL SIGNOR CIANCIO:  sapete io credo molto alle influenze negative, non sono superstizioso, ma mi difendo. E qui mi pare che l’ambiente sia fortemente negativo.

DON MICHELE: pinsati chi non vulia trasiri picchì ci passau davanti a jatta nira i donna Pippinedda babba.

IL SIGNOR CIANCIO: che per voi era una fesseria, però appena sono entrato mi è caduto sulla testa il ferro di cavallo che era lì da ben trent’anni!

DONNA LILLA: a ciappa vi cadiu supra a testa? Matri, matri matri. Chi bruttu signali! U Signuri mi vi scanza e libbira.

DON MICHELE LANCIA  UNO SGUARDO  ALLE DUE DONNE E DICE: il signor Ciancio è molto molto superstizioso, ma i soldi non li vuole tirare fuori. SI RIVOLGE POI A DONNA LILLA EVITANDO DI FARSI SENTIRE DAL SIGNOR CIANCIO: chistu i soddi ne voli nesceri, ma a ma fari in modu mi mi dugna. L’avemu a fari scantari.

DON MICHELE GIRANDOSI VERSO IL SIGNOR CIANCIO: signor Ciancio si non fussi pi sti du santi fimmini saria a fami.

SIGNOR CIANCIO: meno male. Si vede che siete meritevole di tanto affetto.

DONNA LILLA S’AVVICINA A DONNA MARIA E SENZA FARSI NOTARE SUSSURRA QUALCOSA A DONNA MARIA

DON MICHELE: vi vogghiu prisintari. VOLGENDOSI ALLE DUE DONNE: donna Lilla, donna Maria viniti, viniti vi vogghiu fari conosciri u signor Ciancio.

LE DUE DONNE S’AVVICINANO AL SIGNOR CIANCIO

DONNA LILLA PORGENDO LA MANO AL SIGNOR CIANCIO: piacere signor Ciancio,  Malasorte.

IL SIGNOR CIANCIO IMBARAZZATISSIMO: come? Prego?

DONNA LILLA: mi chiamo Letteria Ma-la-sor-te. Lilla Malasorte.

IL SIGNOR CIANCIO: mi scusi, non avevo capito bene.

DONNA MARIA E’ IMBARAZZATISSIMA HA CAPITO IL GIOCO MA NON TROVA LE PAROLE GIUSTE PER PRESENTARSI GUARDA DONNA MARIA. PORGE LA MANO AL SIGNOR CIANCIO E BALBETTANDO DICE : piacere signor Ciancio, io mi mi chiamo Maria  mi…, mi…  POI TUTTO D’UN FIATO: Mimurite in Miseria. DONNA LILLA TIRA UN SOSPIRO DI SOLLIEVO.

IL SIGNOR CIANCIO  AGITATISSIMO STRINGE LA MANO A DONNA MARIA E CON ARIA MOLTO PERPLESSA RISPONDE QUASI SOTTOVOCE: piacere, signora….

DONNA MARIA VEDENDO CHE IL SIGNOR CIANCIO ERA RIMASTO PERPLESSO NEL SENTIRE IL SUO COGNOME LO RIPETE: sono Maria Mimurite, tutto attaccato, sposata Miseria

IL SIGNOR CIANCIO: Che combinazione! avete cognomi bene auguranti e per giunta ci troviamo al civico 17. Mamma mia mi sento molto a disagio, mi gira la testa e il cuore mi batte forte. C’è un’inluenza negativa in questa casa che mi fa star male.

DON MICHELE AGITANDO LE BRACCIA: fesserie, vi pari chi un cristiano cridi a sti così?

DONNA LILLA RIVOLGENDOSI AL SIGNOR CIANCIO: state tranquillo, qui siete in una cassa… forte. Non vi succede nulla di male. Le influenze negative le possiamo allontanare in un attimo. Ma non pinzati a mavari o fatturi. Nui semo fimmini di chiesa e usamu sulu i prighieri.

DONNA MARIA S’AVVICINA AD UNO STIPO E PRENDE UNA BOTTIGLIETTA D’OLIO E MENTRE DONNA LILLA  STA PARLANDO CON IL SIGNOR CIANCIO LA PONE VICINO AL GOMITO DI QUEST’ULTIMO.

DON MICHELE LANCIA UNO SGUARDO D’INTESA ALLE DUE DONNE E DICE: bonu è cumminatu. Ma chi javi malocchiu stu poviru cristiano?

IL SIGNOR CIANCIO ANNUENDO: sì, è così, l’ho capito subito stamattina. Oggi era giornata da starsene in casa.

 MENTRE IL SIGNOR CIANCIO PARLA DONNA MARIA AVVICINA LA BOTTIGLIETTA D’OLIO AL GOMITO DEL SIGNOR CIANCIO CHE ALLA PRIMA MOSSA LA FA CADERE A TERRA E SORPRESO DICE: ma che succede? Scusate non avevo visto.

DONNA MARIA: Madonna mia. A buttugghia i l’ogghiu rumpistu: malaguriu jè!

DON MICHELE: puru chista ci mancava ora siti propriu ruvinatu. U Signuri sulu vi po’ sabbari.

DONNA LILLA: matri du malocchiu c’aviti! Annativinni chi ni inchiti puru a nui.

DONNA MARIA: cettu magari v’avi a succediri cocchi cosa e c’iannamu to mezzu nui. Annativinni!

IL SIGNOR CIANCIO TENENDO STRETTO FRA LE MANI IL CORNO ROSSO: aspettate, Vediamo se mi riprendo. Sono piuttosto preoccupato. Mi avete detto che voi avete capacità per liberarmi.

DONNA LILLA: signor Cianciu ma u malocchiu non si ni va subbutu. Ci voli tempu. Vui vi l’aviti a fari livari stu malocchiu, sinnunca cusapi chi vi succedi.

MENTRE DONNA LILLA STA CONFONDENDO IL SIGNOR CIANCIO, DONNA MARIA PRENDE DALLA SUA BORSETTA UNO SPECCHIETTO. DOPO ESSERSI SPECCHIATA LO PONE VICINO AL GOMITO DEL SIGNOR CIANCIO IL QUALE CONTINUA AD ESSERE PREOCCUPATO: me lo sentivo. Avevamo tanti giorni per chiarire questa vicenda ed abbiamo scelto proprio oggi.

DONNA LILLA: ma fossi chistu iè un gnonnu futtunatu. A jatta nira, a ciappa, l’ogghiu sunnu signali mi faciti cocchi cosa.

IL SIGNOR CIANCIO: ma forse per non farla. Devo valutare tutto attentamente.

CON UN MOVIMENTO RAPIDO DEL GOMITO IL SIGNOR CIANCIO FA CADERE LO SPECCHIETTO A TERRA CHE SI ROMPE.

IL SIGNOR CIANCIO, DONNA MARIA, DONNA LILLA E DON MICHELE: Madonna mia! Chi cumminastu! U specchiu rumpistu! Chi malaguriu! U signuri mi vi libbira!

IL SIGNOR CIANCIO PAONAZZO, ALZANDOSI DALLA SEDIA: ma santa e buona donna giusto qui dovevate posare il vostro specchietto? Ma oggi mi sembra una congiura contro di me. Come faccio?

DON MICHELE: donna Maria liberate stu poviru Cristu. Non viditi comu è caricu?

DONNA MARIA: non è facili don Micheli, javi troppu malocchiu in coddu. Jautru  chi libirallu! Cà ci voli na simana e a manu i Diu.

DONNA LILLA: e bonu, cummari Maria, facitulu pi carità. Tintati!

DONNA MARIA: non si pò, non si pò. Non sunnu cosi facili chisti. Stu poviru cristianu è chinu e cà ci voli a manu i Diu.

DON MICHELE SI AVVICINA AL SIGNOR CIANCIO E PARLANDOGLI QUASI ALL’ORECCHIO GLI DICE: si voli vi libbira du malocchiu. Na faciti sinnijari. Priatila. Non viditi comu siti cumminatu?

DONNA LILLA:  a manu vostra e cu chidda du Signuri si fanni i cosi. A mia veramenti mi dispiaci mi si ni và a cusì stu povireddu.

DONNA LILLA RIVOLGENDOSI SOTTOVOCE AL SIGNOR CIANCIO: diciticillu puru vui. È brava e di cori ma voli iesseri priata!

IL SIGNOR CIANCIO MOLTO CONFUSO: signora…, se pensate che la cosa sia grave…

DONNA MARIA DI SCATTO: grave? Cà comu minumu ci voli l’acciviscuvu. Troppi signali malaguranti: a jatta nira, a ciappa, l’ogghiu, u specchiu, siete in pericolo! Iò vi cunsigliu mannati subbutu unni u patri parrucu chi iddu sapi unni vav’i a mannari.

DON MICHELE: ta stu frattempo cu sapi chi ci succedi. Donna Maria, chistu è travagghiu c’aviti a fari vui. Sapiti a mia non m’interessa nenti, anzi iò l’aiu cu iddu picchì non mi voli dari i soddi chi ci lassau me frati. Ma mi fa pena: signali chiarissimi ebbi e tutti tò n’ura! Non si po’ peddiri tempu.

DONNA MARIA: non sugnu tanta cunbinta. Ma si vui diciti cusì u fazzu. Ma ui, signor Cianciu, vuliti? Picchi si non ci criditi non rinesci nenti e u malocchiu vi resta in coddu.

IL SIGNOR CIANCIO: sì ci credo.

DONNA MARIA: allura assittativi e facitivi a cruci. Donna Lilla pigliati un piattu con l’acqua, na picca i sali e na picca d’gghiu, si ni ristau.

DON MICHELE: ora vi giusta idda. Stati tranquillu.

DONNA LILLA PORTA TUTTO L’OCCORENTE A DONNA MARIA, LA QUALE PONE IL PIATTO  SULLA TESTA DEL SIGNOR CIANCIO ED INCOMINCIA L’ “ORAZIONE”: in nome del Padre, del Figlio… POI CONTINUA BISBIGLIANDO. DI TANTO INTANTO SI ODONO ESCLAMAZIONI DI MERAVIGLIA.

DONNA MARIA: matri, matri chi malocchiu!

DON MICHELE: bonu u cunzaru.

DONNA MARIA: mai vista na cosa cusì! Gesù, Gesù.

DONNA LILLA INTERCALANDO DURANTE L’ “ ORAZIONE”: troppu putenti iè. Non si po’ fari nenti. Iaviti in coddu occhi pisanti, chi vi vonnu troppu mali.

ALLA FINE DELL’”ORAZIONE” DONNA MARIA POSA IL PIATTO SULLA TAVOLA. E DICE: mi dispiaci, siti troppu caricu. Non pozzu fari nenti. C’è cocchi cosa chi blocca. Javiti un malocchiu troppu pisanti.

IL SIGNOR CIANCIO: veramente? E com’è che non potete intervenire? Perché?

DONNA MARIA: vui l’aviti a sapiri, iò chi ni sacciu.

DONNA LILLA RINFORZANDO IL DISCORSO DI DONNA MARIA: ui aviti a sapiri a cu ci facistu mali; ricurdativi s’aviti debbiti, pinsati s’aviti a dari soddi.

DONNA MARIA  RIVOLGENDOSI A DONNA LILLA: brava! Cà ci fu na melidizioni. Ma cu va potti mannari?

IL SIGNOR CIANCIO GUARDANDO DON MICHELE: ma io nemici non ne ho, ma ho tanti creditori e debitori.

DON MICHELE CON MOLTA TRANQUILLITA’: e allura uno di chisti fu: va mannau bona, bona. E pensati mi va livati i sopra, prima mi è troppu taddu.

DONNA LILLA: ma nui chi ni sapemu? Chisti su affari vostri, vi l’avvidi a vidiri uji. Pi livari a malidizioni a viti a sapiri cu va mannau e picchì.

IL SIGNOR CIANCIO: almeno sapessi se si tratta di lavoro, soldi, incomprensioni!

DONNA MARIA PRONTISSIMA: ecco u dicistu! Soddi. Aviti a dari soddi. Cettu non vi pozzu diri a cui, ma vui u sapiti.

DONNA LILLA: e cu sapi cuantu disgrazie aviti in coddu si non vi li vati stu debbitu.

IL SIGNOR CIANCIO AGITATISSIMO PRENDE DALLA BORSA IL LIBRETTO DEGLI ASSEGNI NE FIRMA UNO E LO CONSEGNA A DON MICHELE: io non ho più impegni con voi. Al vostro funerale ci deve pensare qualcun altro.

DON MICHELE: grazie signor Cianciu. Na cascia i mballaggiu a truvunu.

DONNA LILLA E DONNA MARIA SODDISFATTE TIRANO UN SOSPIRO DI SOLLIEVO. DONNA MARIA: a provvidenza i Diu non finisci mai!

DONNA LILLA RIVOLGENDOSI AL SIGNOR CIANCIO: ora vi libbirastu da malidizioni. Annativinni tranquillu chi non vi succedi nenti e stu connu russu vu putiti metteri ta sacchetta.

IL SIGNOR CIANCIO ESCE IN TUTTA FRETTA. DONNA LILLA E DONNA MARIA INSIEME A DON MICHELE ESULTANO SILENZIOSAMENTE. IMPROVVISAMENTE SI SENTE UN RUMORE PROVENIENTE DALLE SCALE.

DON MICHELE: e chi fu? Chi fu stu macellu?

DONNA LILLA E DONNA MARIA SI PRECIPITANO VERSO LA PORTA PER VEDERE COSA FOSSE SUCCESSO. GUARDANO VERSO LE SCALE. DONNA MARIA INCREDULA: Matri da Catina u signor Cianciu si sdirupau di scali!

DONNA LILLA CON LA TESTA FRALE MANI: povireddu, a nuci du coddu si rumpiu!

MENTRE LE DUE DONNE SCAPPANO PER SOCCORRERE IL SIGNOR CIANCIO DON MICHELE SODDISFATTO E CON L’ASSEGNO IN MANO ESCLAMA: javia ragiuni: oggi non era junnata!

FINE

 

 

 

 

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno