‘U fidanzamentu ufficiali "pa’ secunna figlia"

Stampa questo copione

U fidanzamentu ufficiali

U fidanzamentu ufficiali

“ pa’ secunna figlia ”

commedia brillante in tre atti

(di Calogero Maurici)

                                                                

Personaggi

Rita                     (la fidanzata)

Angelo                (il fidanzato)

Natale                 (il padre di Rita)

Carmelina           (la madre di Rita)

Vita                     (la sorella di Natale)

Peppi                  (il marito di Vita)

Elvira                  (la madre di Angelo)

Suor Lucia                   (la zia di Angelo)

Mimma               (vicina di casa)

Pasquale             (il marito di Mimma)

(elaborata da Pietro Maurici e Rosanna Maurici)

U fidanzamentu ufficiali “ pa’ secunna figlia ”

 

Commedia brillante in tre atti

(di Calogero Maurici)

Dopo lo strepitoso successo di “U fidanzamentu ufficiali” ho voluto dare un seguito

facendo in modo che coloro i quali non avessero visto la prima parte possono capire subito e divertirsi tanto quanto con la prima parte. Quindi i gruppi teatrali che volessero mettere in scena questa commedia possono farlo tranquillamente senza alcuna difficoltà anche senza mettere in scena “U fidanzamentu ufficiali.”

Dopo il fidanzamento di Enza, la prima figlia di Natale Calarco, idraulico di un piccolo paese della sicilia rimasto profondamente deluso dal genero, stavolta deve affrontare il fidanzamento di Rita, la seconda figlia. Natale spera che stavolta possa ottenere quelle soddisfazioni che “essendo uomo all’antica” non ha ottenuto con il primo matrimonio. Infatti il genero di Milano non ha mantenuto nessuna delle promesse fatte durante il fidanzamento, sperando che col secondo genero sia la volta buona. Ancora una volta è costretto ad affrontare mille problemi: il carattere arrogante della sorella; la debolezza del cognato sempre più vittima della moglie; una vicina di casa invadente “curtigghiara”; con la consuocera e con una suora particolare zia del genero.

La scena rappresenta tavolo, sedie, divano, quadri, una porta d’ingresso ed una che accede alle stanze e tutto quello che chi la rappresenti ritiene opportuno.

A T T O  I°

S C E N A  I°

(Natale, Carmelina, Rita)

Car.   Comu passa ‘u tempu, ‘nna figghia zita, subitu maritata e cu figghi e ora si sta

facennu zita me figghia Rita (nell’altra stanza si sente una canzone romantica  preferibilmente “Anima mia”o la colonna sonora del film “Ghost” ) sta me figghia di quant’avi ca è zita cu stu angelo di Bologna canciau di cosi a cosi…prima sintia sempre musica ruch (non lo dice bene) ca si purtava a testa, ora non fa altro chi sentiri musica romantica. Sugnu troppu cuntenta oggi finalmente si decide ‘u jornu di stu fidanzamento dato ca Angelo si congeda di militare. (entra Natale)

Nat.   Ciao Carmelina, posa sta cassetta ca sugnu troppu stancu. (Carm. và) sta musica mi fa rilassare inveci chidda di prima mi facia rovesciari. (esce Carm.)

Car.   Stavota vinisti puntualissimo.

Nat.   Certu cu tutti sti soldi chi cci spinnemu a machina! Quantu voti mi lassau a pedi non ti ricordi.

Car.   Natali vulissitu vidiri comu è misa, pari ‘nna palummedda cu l’occhi chiusi, cu la radiu vicinu…

Nat.   I palummi chi sentunu a radiu cu l’occhi chiusi?

Car.   Ma chi capisci, to figghia Rita senti musica romantica (anch’essa chiude gli occhi e si lascia andare) è troppu troppu innamorata…

Nat.   (la guarda stupito) Apri l’occhi prima ca cadi e ti rumpi ‘na gamma…

Car.   Natali, ci pensi e tempi nostri quannu ballavamu ‘u lentu!…

Nat.   Ma si io non haiu ballatu mai cu ttia…forse tu  ‘nsunnasti.

Car.   (lo invita ad alzarsi per ballare) Ballamu, ballamu comu du palumeddi.

Nat.   (resiste dicendo di no) Ti disssi finiscila cu sti palummi.

Car.   (romantica) Che bellu chiudiri l’occhi, tenisi ‘nna manu no cori, un sorrisu e pinsari ai bei tempi…

Nat.   (sempre più stupito) Ora a portu ni qualchi specialista…(si alza) ti dissi apri l’occhi e taliami prima ca cadi, levati sta manu du cori a destra picchi ‘u cori è a sinistra, levati sta specie di sorrisu ca pari ca chiangi…e poi quali bei tempi ca to patri era cchiù anticu di mia…bei tempi!

Car.   Ma c’è cu avi u cori a destra.

Nat.   Tu unni l’hai.

Car.   A sinistra.

Nat.   E allura picchi ti metti a manu a destra.

Car.   Natali, però sunnu belli sti canzuni romantiche veru?

Nat.   Megghiu sti canzuni ca tutta dda baldoria di prima…chiuttostu to jennitu telefonau, si congedau, picchi subitu a ma decidiri stu fidanzamentu ufficiali.

Car.   Picchi dici to jenniru… ‘u jenniru è puru toi!

Nat.   Ancora non c’è, e spero ca non pigghiamu ‘na cantunata comu l’autru jenniru… non mu pozzu scurdari, ci dissi: Marco facitilu nasciri  no periodu di natali, accussi ca scusa ‘u chiamati Natali… ‘u ficiru nasciri a Pasqua e ci misiru Pasquali!

Car.   E bonu ormai passaru du anni.

Nat.   Quannu ci pensu mi vennu l’affanni…picchi chissi furu inganni!

Rit.    (entra Rita, non più vestita stravagante ma più decente) Mizzica papà quantu rime chi facisti…(squilla il telefono, Carmelina. và a prenderlo)

Car.   Prontu casa di Natale Calarco, io sogno la moglie Carmelina…si la mamma di Rita sono…

Nat.   Ma cu è…

Car.   Ma cu è…Angelo…Angelo…Angelo…

Nat.   Sta vulannu.

Car.   Ti congedasti? Chi sognu cuntenta (Rita freme perché lo vuole passato)

Nat.   Dicci ca a ma decidiri ‘u jornu.

Car.   Si ccà è, ta staiu passannu…Mi chiamau mamma, puru nell’Italia alta chiamanu mamma, chi sogno cuntenta! (Rita sta per prendere il telefono ma Natale l’anticipa)

Nat.   Aspetta un minutu cara figghia, vogghiu vidiri si mi chiama papà…pronto io sono il padre e sugnu all’antica tu dicu subitu. Ciao Angelo, spero ca non si comu il mio primo jenniru, si comportau comu ‘nna cosa fitu…(Rita lo blocca)

         Non vedi l’ora di conoscermi…io invece non vedo il minuto di conoscerti!

         (poi alla moglie e alla figlia) puru ammia mi chiamau papà (saltella di gioia)

         Senti Angiluzzu scinde al più presto cosi ci conosciamo e fissamo la data di stu fidanzamentu ufficiali…(alla moglie) mi dissi va beni e mi mannau uin bacettu.

Rit.    (ansiosa) Dai papà…passamillu…

Nat.   Angiluzzu ti passo a mia figghia prima ca mi veni u sigghiuzzu.

Rit.    Pronto…topolino mio…certo che sono la tua micina!

Nat.   (alla moglie) Ma fra topolino e micina non c’è contrasto.

Car.   Zittuti…falli parlari (si immedesima anche lei)

Rit.    (fa solo smorfie con il viso, con gli occhi chiusi e sospirando dolcemente)       

         Ehm…ehm…ah!…uhm…ehm!…

Nat.   Ma chi stannu dicennu!

Car.   E falli parlari… (Rita continua come prima)

Nat.   Ma chi si dicinu!…

Car.   E falli parlari!…

Nat.   Ma si stannu muti (imita la figlia) comu parlanu…

Rit.    Certo topolino mio…

Nat.   Si sbloccaro…

Rit.    Non vedo l’ora di vederti topolone…

Nat.   (al pubblico) Topolone?!  Chi fici ‘ngrassau?

Car.   Chi sunnu zuccarati!…

Nat.   E falli parlari a chi stannu parlannu ora.

Rit.    Saluta la mamma e la zia…(chiude con tanti bacetti)

Car.   Tu non mi chiamasti mai micina.

Nat.   E tu non mi chiamasti mai topolone…ma finiscila. (poi alla figlia) Ma non ci dicisti quannu veni, vogghiu canusciri a so matri e a so zia monaca…

Car.   E dici suora.

Nat.   Ma picchi chi differenza c’è!

Car.   Suora pari chiù fine…

Nat.   O suora o monaca sempre parrina fimmina e!

Rit.    Papà stasira sunnu ccà, non vidunu l’ura di canusciri a vautri.

Nat.   Ma si mancu parlavavu comu facistivu a capirivi!

Car.   Quannu dui  sunnu innamorati si capiscinu a lampu…

Nat.   Cu ‘u lampu, nautri mancu chi trona ni capiamu.

Rit.    (romantica, accenna una canzone d’amore) Mamma sta arrivando anche il mio momento.

Car.   L’amore ferma tutto, la pioggia, il fuoco, il vento…

 

Nat.   (al pubblico) speriamo ca pi mmia non è nautro tormento…

Rit.    Papi ti voglio bene…mammi ti voglio bene (entra nella sua stanza continuando a ripeterlo mentre Carmelina la guarda con un sorriso, e Natale stupito)  

S C E N A  II°

(Natale, Carmelina, Mimma, Pasquale, Rita, Vita, Peppi)

Nat.   Menumali ca ficimu du figghi asinò o manicomio mi purtavamu.

Car.   Si tu voi, ‘ni putemu fari nautru!

Nat.   Fallu sula, basta ca non mi disturbi…(riflette un attimo) ma chi staiu dicennu, non ti risicare…(bussano, entrano Mimma la solita pettegola , con il marito Pasquale)

Mim. E’ permissu ciao Natali, ciao Carmelina…

Nat.   (al pubblico) Sempre a stessa è , prima trasi e poi dici permissu.

Mim. I sintistivu assira di gran vuci?

Nat.   Quali vuci. (anche Carmelina dice di non aver sentito)

Mim. Mizzica ma mai nenti sintiti, ma comu pozzu fari io ca sentu tutti cosi.

Nat.   Forse hai l’aricchi cchiù granni.

Mim. A figghia da signora scassatutto si sciarriau cu so maritu e iddu ci dissi vattinni ‘ni to matri…

Nat.   Picchissu ci dicinu scassatutto, forse scasserà sempre.

Mim. Io m’immaginu comu fu a scena, a vuliti vidiri? (Nat. si secca)

Car.   Ormai ‘ni facisti veniri a curiosità…

Mim. Io fazzu a mugghieri, tu Natali fai ‘u maritu…(Nat. si rifiuta ma viene incitato anche dalla moglie)

Nat.   Ma picchi ‘u maritu non u fai fari a to maritu?

Pas.   Giustu picchi non u fazzu io?

Mim. Natali ma me maritu che cosa di fari ‘u ‘ncazzatu? Non vidi ca è sempre chiù catapasimu? Allura io fazzu finta ca i camici non ti stiravu e tu t’incazzi (si immedesima nella scena) oggi non ti potti stirari i camici, non potti priparari nenti.

Nat.   Ma picchi ti tegnu dintra, ma chi fai dintra, sempre a stessa situazione, vattinni ‘ni to matri…

Mim. Mizzica proprio accussi potti essiri a scena.

Pas.   E sintivu puru ca pi ottu jorna non la voli vidiri.

Mim. Chistu non lu sintivu…forse mentre io ero in bagno e pi ddu attimu lassavu attia.

Pas.   Si, si io ‘u sintivu bellu chiaru chiaru…

Nat.   Peggiu di so mugghieri sta divintannu (verso il pubblico) vidi tu chi mi tocca fari…ora basta picchi haiu tanti di pinseri (nel frattempo si sente “Pensiero dei Pooh)

Mim. Ma cu è Rita? (si avvicina verso la stanza) Rituzza non ristari chiusa cu pensiero, puru a canzuna u dici, chiù tardu veni ‘nni mia ca parlamu…

         (a Carmelina) Ma stu fidanzamentu quannu si fa…speru ca stavota m’invitati fin dall’inizio…Rituzza veni gioia, nesci…(Rita esce) comu cambiasti, ‘ni sta casa tuttu stannu canciannu.

Nat.   Sulu tu ristasti a stessa!

Rit.    (romantica) stasera finalmente…che sera!

Car.   Veni Angelo, so matri e so zia.

Mim. Veni Rituzza, ti fazzu vidiri un bellu discu romanticu a me casa, accussi mi cunti quattru cosi…

Nat.   Cuntaccinni quattru ca ottu i sapi!

Mim. Chiù tardu va portu…(poi al marito) tu statti un pocu e poi veni, non ti scurdari di passari a macelleria, no però da signora occhichiusi, picchi chidda grassu non ci ni leva mai, avi veru l’occhi chiusi…(escono)

Nat.   (al pubblico) Curtigghiara e a tutti i soprannomi metti.

Car.   Intantu idda fu furtunata, so figghia si sistimau bona.

Pas.   ‘U niputeddu si chiama Pasqualino!

Nat.   Ma tu comu facisti cu to jenniru a faricci mettiri ‘u nomi comu ‘u toi.

Pas.   Tu vulissi diri, ma tu mi poi babbiari…(Nat. lo incita) u liggivu no libru,

         “come fare per fare fare al genero quello che voi volete”  ‘u scrissiru dui americani, chiddi chi studianu a testa, parunu fissarii ma funziona!

Nat.   Ma comu tu ricordi a memoria stu titulu accussi longu..

Pas.   Ci stetti ‘na vintina di jorna prima ca mi trasiu ‘ntesta.

Car.   Chi ci voli già puru io ‘u sacciu. (lo ripete giusto)

Pas.   Brava…

Nat.   (al pubblico) Mi paria ca midudda ‘ntesta non avia ‘nveci un po di ricotta l’avi.

Pas.   Natale ripetilu tu ora. (Nat. ci prova, ma sempre pieno di confusione)

Nat.   Come fare al genero per fare fare con la farina ect…

Car.   Natali, spicciati ca pi stasira ‘nna ma organizzare…intanto vaiu un pocu ‘ni me patri. (esce)

Nat.   (preso dalla notizia del libro) Allura cuntami sti fissarii.

Pas.   Si sunnu fissarii non tu cuntu, intanto cu mmia funzionau.

Nat.   (al pubblico) Avi ragiuni,chissu si misi babbu babbu e ottenni chiddu chi vulia,

         io mi misi scaltru scaltru… e ristai comu un tritrolazzu! Pasquale cunta…

Pas.   Ogni tanto quannu parli cu to jenniru, mettici a manu ‘ncapu a spadda sinistra, ‘u latu do cori…

Nat.   E su cori l’avi a destra?

Pas.   Chissu la scopriri subito…poi lassacci a manu ‘ncapu a spadda sinistra almenu pi cinque secunni..

Nat.   Pi cinque secunni! (sempre più preso)

Pas.   Secondo sti scienziati americani sta manu sinistra ‘ncapu a spadda sinistra modifica il cervello…lo rende comu chiddu di l’addevi, tanti meccanismi, automatismi trasmettono impulsi positivi al cuore, e tutti sti impulsi fanno dire sempre si.

Nat.   Ogni quantu sa va mettiri sta manu  ‘nta spadda sinistra.

Pas.   Ogni dui tri minuti un colpu di manu ‘nta spadda sinistra.

Nat.   (stupito) Ma tutti sti automatiti e meccanici…

Pas.   Automatismi e meccanismi..non sbagliare Natale! Secondo loro è un gesto di affetto profondo e succedinu tutti sti meccanismi.

Nat.   Quantu voti ‘u liggisti stu libru!..

Pas.   Quinnici voti, mi scurdava sempre tutti cosi.

Nat.   ‘U vulia diri ca parli troppu bonu!

Pas.   Però sta attento picchi si sbagghi e ci metti a manu ‘na spadda destra fa l’effettu contrario, altro ca affetto profondo!…

Nat.   Si sbagliu me ne vado a fondo…mah!

Pas.   E’ inutile ca fai mah! Su voi fari u fai asinò nenti. Ora ti saluto ca  a passari da macelleria pa’ carni. (mentre esce)

Nat.   Facci livari ‘u grassu asinò to mugghieri  poi t’ingrassa!..

S C E N A  III°

(Natale, Vita, Peppi)

Nat.   (turbato) Manu ‘na spadda sinistra per circa cinque secunni, ogni dui tri minuti

auto… parchi…no, auto macchine…meccanici…pulsi…affetto profondo…ma io c’haiu di perdiri, certo ca si cci rinisciu a iddu ca è un pocu cretinu figuramuni ammia ca sugnu un pocu chiù scaltrinu! (entrano Vita e Peppi)

Vit.   Ciao ‘u frati (sempre carattere burbero e prepotente) Peppi assettati e non ti scurdari chiddu chi ti dissi a casa.

Pep.  (sta per parlare)

Vit.   Mutu…ti dissi mutu…(indica di prenderle la sedia…Peppe lo fa e Vita si siede) Natali oggi non ta fatto sentiri…ti scordi chiddu chi dissi a bon’anima du papà…

Nat.   Hai ragiuni a soru, amu statu in trafficu…

Pep.  Veru è, troppu trafficu c’è, puru a nostra strada divintau trafficusa di machini…

Vit.   (gli dà un colpo di borsa) Mutu…rimbecillutu…Allura Natale, stasira vennu i parenti  di Rita ed io non sacciu nenti.

Pep.  Ma si sai sempre tutti cosi…

Vit.   (isterica) Peppi si sempre ‘u solitu vidi ca ti mannu ‘nni to matri…

Pep.  No, megghiu cuttia ca cu me matri…

Nat.   Calmati a soru, io ti stava telefonannu, ma attia cu tu dissi.

Vit.   Cu mu dissi mu dissi…

Pep.  A signora Mimma c’hu dissi.

Vit.   (si alza adirata e lo prende a borsettate anche nel sedere)

Pep.  Ahi!…Ahi! mi fici a bubù  no culù…

Nat.   Finitila e parlamu tutti e tri belli puliti.

Pep.  ‘U sintisti, tutti e tri belli puliti…cugnatu mezzura fà mi fici u bagnu.

Vit.   Mutu…e tu caro fratuzzu  non diri tutti e tri, iddu parla quannu c’hu dicu io…

         Oggi mi lassau a tavola cunsata…

Pep.  Cugnatu appi diarrea e scappava pu bagnu, però lavavu tutti i piatti…

Vit.   Statti mutu..mutu….(Peppi si rannicchia) Natale unnè da bedda di to mugghieri, stasira a viti trafficu e ti lassa sulu.

Nat.   Ghiu un pocu ‘ni so patri.

Vit.   Stu viziu non su leva mai, prima pensa a so patri e poi attia, non finisciu mai di diri ca’nna mugghieri prima ava pinsari o maritu e poi vennu tutti appressu…

Pep.  Io haiu vinutu sempre appresso e sparti di luntanu!

Vit.   Peppi appena arrivamu a casa ti fazzu vidiri..

Pep.  (si alza) Cugnatu a scappari pu cessu.

Nat.   Vai…vai…

Vit.   A monaca veni puru…

Nat.   Puru veni…

VI.A matri du zitu veni puru…

Nat.   Puru veni…

Vit.   ‘U zitu veni puru..

Pep.  (dal bagno) Quantu si longa, ti spicciavi prima si diciatu: so matri a monaca e ‘u zitu vennu…

Vit.   (si alza di scatto vorrebbe entrare ma Natale la trattiene e si ferma vicino alla porta) Caca asinò ti la bloccu…

Nat.   Bonu Vita, cchiù bloccatu di com’è chi sa va bloccari ancora!…

Vit.   (ritorna al posto) Speriamo ca stavota non pigli nautra delusione ‘u frati.

Nat.   Io penso ca stavota è diverso, pensa ca mi chiamau papà già pi telefonu…e poi liggivu un libru!…

Vit.   Aviri un niputeddu ca si chiama Natali ava essiri troppu bellu…fai l’omu ‘u frati, fatti capiri ca ci teni a certi cosi e diccillu subitu appena trasi ca semu all’antica.

Nat.   Già c’hu dissi pi telefonu. (entra Peppi)

Pep.  Cugnatu usati a carta igenica raspusa…

Nat.   Chidda liscia costa cara…

Pep.  Quantu ni fici, mi sentu a testa svacantata…

Nat.   E ca fai ca testa? Ora ti passa (squilla il telefono) Pronti..site arrivati…va bene…va bene… ciao (chiude) Arrivaru  a stazione dell’aeroporto…u tempu ca piglianu un taxi e sunnu ccà!

Pep.  (vedendo la moglie un po’ calma) Vita quannu ti vidu accussi mi fai doliri ‘u cori.

Vit.   (arrabbiata) Ma quannu mai ma vistu accussi critinuni, passuluni, carduni

         camina a casa ca ‘nna m’apriparari pu fidanzamentu, saluta senza parlari.

Pep. (fa scena senza parlare per salutare)

Vit.   Ciao ‘u frati ‘nni videmu dopu. (escono)

S C E N A  IV°

(Natale, Rita, Carmelina, Mimma, Peppi, Vita, Angelo)

Nat.   Mamma mia sempre a stessa me soru è!..  (entra Rita)

Rit.    Papà novità…

Nat.   Va chiama a mamma ca a mumenti vennu… (Rita saltella dalla gioia)

Car.   (entra) Ccà sugnu…

Rit.    Mamma priparamuni, facemucci capiri ca semu ‘nna famigghia esemplari.

Nat.   Facemucci capiri ca semu ‘nna famighia all’antica…

Car.   Non facemu u stessu sbagghiu da prima figghia.

Rit.    Papà cerchiamo di essere più elastici.

Nat.   (non capisce) Comu!

Rit.    E l a s t i c i…

Car.   Elastici, stringi…allarga..

Nat.   Ah! si, si elastici…

Rit.    Matri non avemu mancu un quadro do signiruzzu appizzatu.

Nat.   E picchi ci voli stu quadru.

Rit.    Veni a zia. 

Car.   A suora.

Nat.   Ah! A parrina fimmina..

Rit.    Che deve pensare che siamo una famiglia di atei?

Nat.   Ah! si…no…che deve pensare sti cosi… ( poi al pubblico) Ma chi cacchio significa.

Car.   A zia suora ci teni.

Nat.   (gridando) A unni ‘u truvamu stu quadru do Signiruzzu.

Car.   Non ti preoccupari ca ‘u truvamu. (in quel momento entra Mimma)

Mim. Eccolo qua…

Nat.   Mi, chi semu priati!…

Mim. Si non ci fussi sta vicinedda… taliati che beddu…Natali pari ca ti talia.

Nat.   Ammia! Io nenti c’haiu fattu…

Rit.    Papà non babbiari, e ricordati ca sa zia ti dumanna si preghi, facci capiri ca preghi assai, assai…

Nat.   Stamu parlanu chiassai di sta monaca-parrina ca di to soggira e du zitu.

Rit.    E’ idda ca dirigi a situazione…

Nat.   E ammia mi sta vinennu a confusione…

Mim. Poi mi chiamati veru…(esce)

Rit.    Appizzamu stu quadru. (Nat. inizia a metterlo)

Car.   Mittemu puru ‘u quadru di P. Pio…

Rit.    Si…si. (entra Peppi spaventato con un quadro della Madonna)

Pep.  Cugnati…

Car.   Chi c’è!

Rit.    Zio comu mai si sulu.

Pep.  A zia è no bagnu, stavota a cacaredda ci vinni a idda, non avemu chiù carta igenica e mi dissi di accattalla, quasi quasi accattassi chidda raspusa…io approfittavo e vi purtavu a Madonna di Grazia…

Nat.   Stamu facennu ‘na chiesa…ci voli un altare ‘na quattrina di banchi e putemu diri a missa.

Car.   Io mi vaiu a dugnu ‘na pettinata…

Rit.    Io ‘na sistemata…

Pep.  Io mi spiccio e mi vaiu a fari ‘na cacata…(esce)

Nat.   Io mi fazzu ‘na fumata…

Rit.Car.      (assieme) No, ca resta puzza.

Rit.    Talia ‘u quadru e preghi… (mentre qualcuno mette il quadro della Madonna)

Nat.   Ah! Chi niscisti pazza! Quali preghiera, io non sacciu mancu l’ava Maria…   

Rit.    Papà Ave Maria, l’ava Maria…

Nat.   Carmelina dammi l’orologio…

Car.   L’orologio? Comu mai!

Nat.   Ogni dui tri minuti circa, più…più… (Carm. Rita. Assieme rispondono: più)

Nat.   Più…più, ma chi vuliti… più sulu e basta. (Carm. và a prendergli l’orologio)

Rit.    Papà mi raccomando cerca di essere all’altezza di iddi…

Nat.   Ma picchi chi sunnu chiù bassi o chiù alti. (entra Carmelina)

Car.   Teniccà l’orologio…

Rit.    Vieni mamma sistemiamo un po’ là dentro. (escono)

Nat.   Ogni dui tri minuti un colpo di manu ‘na spadda sinistra pi almenu cinqu secunni… speriamo ca a testa non mi si confunni!.. Vulia dui jenniri siciliani ‘nveci mi capitaru tutti e dui continentali!.. Vulia un niputi di nomi Natali ‘nveci mi capitau Pasquali… ‘U primu jenniru mi pigghiau pi fissa speriamo ca

         ‘u secunnu e a zia monaca non mi dici a missa…(sente rumore) ccà sunnu. 

Rit.    (entra) Papà io nesciu dopu di tutti. (entra Carmelina)

Car.   Megghiu ca nesciu io l’ultima di tutti…

Nat.   Ma picchi si nesciu io non è megghiu?! (un po’ di confusione, poi si decide)

         Basta, io mi fazzu truvari ccà, a mamma nesci dopo e tu Rita dopo ancora, trasiti ddà dintra ora dai…(vanno, Natale si atteggia subito dopo bussano)

         Prego entrate…(entra Angelo ben vestito)

Ang.  Buona sera…sono solo

Nat.   E to matri e a parrina…

Ang.  Papà ma prima salutiamoci (si baciano)

Nat.   (al pubblico) Boni cuminciamo a differenza do primu jenniru chistu mi baciau.

Ang.  Mamma e zia vengono fra un poco, si sono fermate all’Istituto S. Antonio da Padova.

Nat.   Come mai a Padova e non in un altro posto più vicino.

Ang.  Papà sei uno spiritoso, sei forte…alla zia le daranno una camera all’Istituto per stasera.

Nat.   Ah! Capiscio, ccà stanze n’avemu picca e nenti mi dispiace (mano sulla spalla sinistra) si vede che sei un bravo picciotto!…

Ang.  Grazie…e la mia Rita dov’è…

Nat.   Veramente ancora è mei… (entra Carmelina)

Car.   Buonasera…(Angelo gli và incontro)

Ang.  Mamma non vedevo l’ora di conoscerti (la bacia) sei una donna deliziosa, hai un sorriso da Paradiso, sei molto dolce…

Nat.   (al pubblico) Ma sa va fari zitu cu me mugghieri (gli và vicino e li separa)

Ang.  Come sono contento…felice…ero curioso, ora sono gioioso.

Nat.   (al pubblico) Basta ca non è furioso!

Ang.  E la mia Rita, la mia dolcezza, tenerezza, micetta, la mia mi ce tta dov’è…

Rit.    (entra camminando lentamente verso di lui anche Angelo lentamente verso di lei ) Topolino…

Ang.  Micetta…

Rit.    Topolino…

Ang.  Micetta… (Nat. si avvicina a loro mettendosi nel mezzo e abbaia)

Nat.   Videmu sa finiscinu.

Rit.    Amore mio. (si abbracciano con sottofondo di Ghost per circa trenta secondi,  mentre Carmelina allontana il marito da loro)

Car.   E falli salutari…

Nat.   Ma quali salutari ca a mumentu mi figghia ccà dintra. (poi si riavvicina)

         Emucci piano.

Rit.    Papà si un poco elastico.

Nat.   Per ora l’elastico allargamulu (mentre li separa) poi quannu vi maritati ‘u stringemu, basta ca quannu u stringiti u faciti a centu metri arrassu di mia.

Ang.  Rita quanto ti amo…e a voi quanto vi voglio bene (li abbraccia) Papà, mamma.

Car.   Quantu è duci stu jenniru…

Nat.   Chissu (mentre è abbracciato) prima ca si ‘nni và ‘ni squaghhia!

Vit.   (chiama da fuori) Io sugnu  Natali…

Car.   Speriamo ca non rovina a festa comu a prima vota. (Vita entra con Peppi)

Vit.   Salutamu a tutti.

Ang.  La zia Vita e lo zio Peppi (li abbraccia ma Vita si svincola)

Pep.  Comu mi canusci…(Nat.ogni tanto mette la mano sulla spalle sx ad Ang.) 

Vit.   Cu è stu picciottu.

Rit.    Zia il mio Angelo.

Pep.  (alla moglie) E tu dici ca Angeli non scinnunu mai du celu.

Vit.   Cara nipote ancora non è toi, una ava essiri sicura. Purtroppo caro Angelo nautri semu scantati…scannaliati…

Pep.  C a c a r i a t i.

Vit.   Peppi statti mutu… caro Angelo dicemu ca semu delusi cu sti fidanzamenti. Io sono la sorella di me frati…e iddu voli sempre ‘u me pareri. Tu ancora non mi conosci…

Ang.  Zia, Rita mi ha raccontato ogni minima cosa in tutte le lettere e le telefonate.

Vit.   Telefonate! Ecco picchi cari fratuzzo paghi assai di telefono.

Car.   Vidi ca sempre Angelo telefonava, Rita ‘na vota a simana telefonava e di duminica sparti.

Vit.   Anche ‘na vota a duminica ‘u telefonu curri pi Bologna…

Pep.  (ride) ‘U telefonu curri, comu curri c’avi i pedi… (ride)

Ang.  No zia, io sono di Bologna, però ho fatto il militare a Cosenza.

Vit.   Chiù luntanu ancora!

Rit.    Zia, Angelo (stringendogli la mano forte) è diverso da tutti.

Pep.  (lo guarda bene) Veru è, mancu un cocciu avi, ‘nveci Marco ‘u zitu di to soru avia cinqu coccia.

Vit.   Cretinu, si chiamanu buffoli…buffoli..

Ang.  Cari genitori e zii, non vi dovete preoccupare di niente, papà non c’è nemmeno bisogno che mi parli a solo come hai fatto co Marco. Io so tutto e voglio fare al più presto anche domani in un orario che deciderete voi e gli zii (Vita contenta)

         questo fidanzamento ufficiale ed il nipotino in qualsiasi momento nasca lo chiameremo Natale. (tutti stupiti) 

               

Pep.  E si nasci fimminedda…

Nat.   Chi aceddu di malaguriu.

Vit.   Mutu Peppi…non mi fari siddiari picchi poi ‘u sai chi ti tocca fari.

Rit.    Papà u capisti chi picciottu è…

Nat.   Mi rispiarmiau di fari u discursu ammia, sapi tutto.

Car.   Io sugnu senza parole.

Vit.   Mi va piacennu stu picciottu.

Nat.   Ristavu comu un pani cottu..

Pep.  Io…io non pozzu parlari…

Nat.Vit.  Mutu tu!

Ang.  Micetta.

Rit.    Topolino.

Pep.  (si scosta e guarda) Unni sunnu sti mici e sti topolini.

Vit.   Non ‘ni pozzu chiù…Natali decidi stu fidanzamentu, però decidi tu, io ti dicissi dumani… verso i quattru e poi mi fai sapiri u jornu e l’orariu acchiura è…vogghiu veniri prima di tutti a canusciri a so matri e a so zia monaca…

Pep.  Comu l’avi ‘u vestitu a monaca bianco o neru…

Nat.   Vero angelo com’è.

Ang.  Per ora aveva quello nero, poi non lo so.

Pep.  Io dicu ca si metti chiddu bianco (canticchia Alto Santo Altar…poi guardano tutti lui e si zittisce)

Vit.   Amuninni ca ci sunnu un sacco di cosi di fari dintra, e mentre lavi i piatti non fai troppu rumuri asinò a telenovela non ma pozzu sentiri bona.

Ang.  Ciao zietti, piacere siete simpatici (Vita si atteggia)

Vit.   Grazie grazie.(escono)

S C E N A  V°

(Natale, Angelo, Carmelina, Suor Lucia, Franca)

Nat.   Rita semu sicuri ca non cè’ bisogno di parlaricci sulu.

Rit.    Sa tutto di tutto e di tutti. (Angelo si era seduto)

Ang.  Papà, io so che siete una famiglia all’antica.

Nat.   Vero è.

Ang.  Io so che vostro padre prima di morire vi ha detto: rispittativi sempre ca siti un fratuzzu e ‘na suruzza.

Nat.   Puru in sicilianu u dissi. Bravo Angelo, tu pi jenniru si precisu (poi alla figlia) non vi lassati, pigghiatillu ca è bonu.

Car.   E’ un picciottu d’oru.

Nat.   Angelo ti ricordu ca cu trasi dintra a me famigghia non nesci chiù.

Ang.  (allargando le mani) Papà, mamma, quanto vi voglio bene (li abbraccia)

Nat.   (al pubblico) ‘U primo jenniru chiddu ca mi frigau non fici mai accussi, speriamo ca cu tutti sti abbracci non ci sunnu intrallacci. (bussano, Car. apre)

Car.   Prego..(entrano la mamma di Angelo con la sorella, suor Lucia)

Ang.  Mamma, zia (fanno le presentazioni)

SLu.  Tu frequenti in chiesa vero…(Rita annuisce) e voi siete tutti cattolici.

Car.   Certo…

SLu.  Sig. Natale lei è un praticante!

Nat.   (non capisce) Si..si, la vita mi ha imparato ad essere pratico…(al pubblico) Ma chi vulia diri.

Fra.   Rita sei tale e quale nella foto, complimenti. (Nat. pensando che stava per dire come tuo padre si era messo in posa)

Nat.   Mi paria castava dicennu tale e quale tuo padre (al pubblico)

SLu.  Sig. Natale quanto tempo dedica al giorno di preghiera.

Nat.   (al pubblico) Chissa l’avi cu mmia… Cinque (imbarazzato) Deci…(lo guardano eclamando: eh!) Venti minuti alla settimana.

(S.Luc. Fran. di nuovo Eh!..)

Nat.   Al giorno, volevo dire al giorno.

Fra.   Dovrebbe dedicare di più alla preghiera.

Car.   ‘U sapi iddu lavoricchia…

Nat.   Lavoricchia…ma picchi ci metti icchia, (la imita) lavoricchia…Io travagghiu.

SLu.  Senza preghiera non si può avere nemmeno la forza di lavorricchiare.

Nat.   (al pubblico) Puru idda ora ci metti cchiare.

SLu.  (alzando la testa) La preghiera ci sostiene, ci alimenta, ci dà gioia, ci sazia, ci fa camminare a testa alta…

Nat.   (al pubblico) Accussi ‘nni rumpemu l’ossa du coddu.

SLu.  Come!

Nat.   Niente dicevo è giusto, ci sazia, ci sazia…

SLu.  La preghiera è tutto…tutto… e quello che non prega…

Nat.   E’ un farabutto!

SLu.  Quello che non prega non è mai sazio…

Nat.   (al pubblico) E chiddu chi non mangia è sempre sazio!

Car.   Sapi noi ogni tanto liggiamu a bibbia.

Fra.   Bravi, ogni buona famiglia in grazia di Dio la legge.

SLu.  Sig. Natale, cosa ne traete…

Nat.   (a Rita) Chi significa…

Rit.    (per aiutarlo) Papà legge pochino, perche dice che è difficile.

SLu.  Bene…l’aiuterò io, forse mi trasferisco per sempre in questo paese.

Nat.   Cunsumatu sugnu!

Ang.  La zia è molto paziente.

Nat.   Paziente…è stata malata…

Rit.    Papà, paziente…disponibile.

Car.   (mete la mano sulla spalla destra ad Angelo, Natale se ne accorge)

Nat.   A manu  ‘na spadda destra chidda sbagghiata. (va a torglierla)

Car.   Angelo hai una zia molto religiosa.

Nat.   Certo è parrina.

Fra.   Ora parliamo del fidanzamento.

Nat.   (contento) Si, si megghiu è.

SLu.  Prima eleviamo a Dio la nostra preghiera perché senza di lui nemmeno questo fidanzamento si può fare…

Nat.   No, il fidanzamento si deve fare anche senza di lui…

SLu.  Bene…allora preghiamo, sig. Natale vuole iniziare lei…

Nat.   (Impacciato viene incoraggiato dalla moglie e figlia) Dio ci sostiene, ci fa mangiare, senza lavoricchiare…

Rit.    Papà ma chi dici.

Nat.   Ma la parrina non ha pregato accussi.

Rit.    Zia meglio che inizi tu.

SLu.  Il Signor con la sua forza ci sostiene, ci alimenta, ci dà gioia, ci incoraggia, ci fortifica, ci dà la luce…

Nat.   (al pubblico) Sta facennu un comiziu.

SLu.  Gloria al Padre al figlio ed allo Spirito Santo (tutti rispondono tranne Natale)

SLu.  (se ne accorge) Sig. Natale lei non risponde…

Nat.   Me patri m’imparau che maleducazione rispunniri.

Rit.    Papa…alla preghiera.

Nat.   A! si, si alla preghiera…non sacciu comu s’arrispuni.

SLu.  Non si preoccupi, gli insegnerò tante cose…

Nat.   No primu fidanzamentu avia o frati di me jenniru, ora haiu a chissa chi mi fa rudiri.

Fra.   Rita non sapevo che papà non sapesse nemmeno le preghiere più conosciute.

Rit.    Angelo lo sapeva.

Nat.   Già iddu sapi tutti cosi e di tutti!    

SLu.  Il Padre Nostro lo sa vero?

Nat.   (impacciato) Metà!

SLu.  L’Ave Maria?

Nat.   Tre quarti…

Fra.   Non si preoccupi imparerà…

Ang.  Papà, l’importante è avere volonà e tu ne hai tanta…come ti voglio bene (lo abbraccia e lo bacia)

Car.   Che duci stu picciottu.

SLu.  Signore fai che tutto quel che diremo e faremo sia che fatto sempre nella tua grazia e che tutto proceda secondo la tua volontà.

Nat.   E anche la mia!

Fra.   Allora quando facciamo questo fidanzamento, anche perché io so che siete una famiglia all’antica.

Car.   Puru lei ‘u sapi…

SLu.  Siamo contenti di Rita.

Car.   Anche noi di Angelo.

Nat.   Noi siamo pazienti anche domani…

Fra.   Pazienti!?..

Rit.    Disponibili..disponibili…

Fra.   Angelo mi ha detto che lo faremo ad uso sicilano, se questa è la volontà vostra va bene.

SLu.  Mi raccomando…dolcini…cannolini…bignè…

Nat.   Ma a lei basta a preghiera pi saziarisi…

SLu.  (ride) Che spiritoso…

Fra.   Allora a domani, cosi avremo modo di conoscere la signora Vita e il sig. Giuseppe.

Nat.   Du simpatucunazzi, vannu d’amore e d’accordo, sunnu troppu uniti.

SLu.  (allargando le mani) Il Signore ha detto: amatevi come io vi ho amato, perdonate come io ho perdonato…non c’è cosa più bella di quando uno dà la propria vita per un altro fratello.

Nat.   Io a me soru Vita non c’ha dugnu a nuddu.

Nat.   Allora domani alle 18.00

Nat.   No, alle 18.00 no… ‘u primu fidanzamentu fu alle 18.00 e fu ‘na catastrofe, facemu alle 4,00.

SLu.  Va bene, cosi prima di iniziare ringraziamo il Signore per questo passo che stanno per compiere queste due creature…perché Gesù ha detto: amatevi l’un l’altro come io vi ho amati, abbiate fede perché la fede ci fortifica, ci alimenta, ci sostiene ci sorregge…

Nat.   I quattru si stannu facennu.

Ang.  Papà, mamma quanto vi voglio bene!(abbracciandoli si salutano ed escono)

Car.   Ora t’accattu ‘u libru de preghieri e cumenci a studiari…

Nat.   E lu sangu meu si cumencia a ribellare. (sipario)         (  F I N E   A T T O  I°)

A T T O  II°

S C E N A  VI°

(Natale,Carmelina,Rita,Vita,Peppi,S. Lucia,Angelo,Franca,Mimma,Pasquale)

Nat.   (tutti euforici e ben vestiti) Mi pari ca staiu passannu ‘u stissu mumentu do primu fidanzamento ufficiali.

Car.   Chi brava soggira chi hai a mamma, puru suor Lucia è brava.

Rit.    Ti scordi di Angelo.

Nat.   Già ti scordi do megghiu cavaddu.

Car.   Natale mi raccumannu a to soru Vita, non facemu ‘u stessu sbagghiu di prima.

Nat.   Non ti preoccupari, stavota tegnu tuttu sotto controllo, stu niputeddu di nomi Natali stavota capita…un pocu mi preoccupa a monaca…parrina.

Rit.    Papà chiamala suora e cerca di essere più elastico.

Nat.   A testa cu stu elasticu l’avi…(guarda l’orologio) a mumenti verrà me soru…

         (si mette in un angolo) pi dui tri mnuti a manu ‘ncapu a spadda sinistra, o latu do cori…e si lu cori l’avia destra?! Rita, o Rita ma Angelo ‘u cori l’avi a sinistra a o destra? (bussano, entra Vita con Peppi)

Vit.   Salutamu a tutti…(Peppi stava salutando ma Vita lo blocca)

Nat.   A soru sugnu cuntentu ca stavota si ccà dall’inizio…sai a zia, chidda parrina è troppu furba.

Vit.   Non ti preoccupari ‘u frati quannu hai a to soru hai a tutti (guardando male la cognata)

Pep.  Non ti preoccupare u cugnatu quannu hai a Peppi…

Vit.   Hai un cretinu…mutu e sediti..parla chiù picca anzi quannu tu dicu io.

Rit.    (continuamente si aggiusta abito, capelli, ed è molto emozionata) Mi raccumannu cercate di essere all’altezza cu iddi…(romanticissima) e con il mio Angelo.

Pep.  Tu dissi io Vita di darimi i scarpi cu taccu, accussi paria chiù altu.

Car.   I dolci quannu i niscemu.       

Nat.   Tu dicu io.

Vit.   (al marito) Tu non fari o solito, ca hai ‘u figatu ‘ngrassatu, ‘u polisterolu altu, i versi alti, i trentaminasi non ‘nni parlamu, a cretineria ‘u sapemu tutti.

Rit.    Zia si chiama creatinina non creteneria.

          

Vit.   Ma io in italiano l’ho detto…comunque menumali ca cu sangu si vidi tuttu.

Car.   (sottovoce) Natale mi raccumannu.

Vit.   Chi hai tu ca ti lamenti, parla chiù forti ca ti sentu.

Car.   Vita vidi ca c’è un fidanzamento.

Nat.   (autoritario) Circamu di finilla, finu a quannu ci su i mariti, cumannanu i mariti.

Pep.  ( si alza Peppi,vuole fare l’autoritario) Circamu di finilla…(Vita lo mette a sedere)

Vit.   Peppi non cuminciari picchi appena arrivi dintra..

Pep.  Piatti non cinnè chiù di lavari, i lavavo tutti, puri chiddi di dumani, i pigghiavu l’allurdivu e i lavavu accussi ti fregavo…ti fregavo…

Vit.   (più adirata) Ti mannu ‘nni to matri…

Pep.  (spaventato) No, no ‘nni me matri no…megghiu cu ttia.

Nat.   Carmelina non ci mettiri a manu ‘ncapu a spadda a to jenniru picchi asinò fai danno.

Car.   Ma io non ci fazzo caso, è tanto Angelo (gesto di volare)

Nat.   A mumenti vola puru idda...megghiu ca tegnu tuttu sotto controllo  asinò restu arrustutu comu un pollo.  (si sentono rumori)

Rit.    Ccà sunnu…(entrano ben vestiti, Angelo con un bel mazzo di rose e dopo aver presentato gli zii si siedono ma Peppi rimane alzato perché manca una sedia)

Pep.  Unni m’assettu io…sempre io resto comu un tritrolu.

Nat.   Carmelina nautra seggia (và a prendergliela nell’altra stanza e Peppe si siede)

Fra.   (indossa una pelliccia) Una bella famigghia, lei sig. Peppi si vede che è una persona con i piedi per terra.

Pep.  (si guarda i piedi) Veru è, ora mi ghisu accussi non truzzanu ‘nterra.

   

SLu.  Io sono Emiliana!

Pep.  E io sono siciliano.

SLu.  No… stavo dicendo emiliana di Emilia e sono Suor Lucia.

Pep.  E io sugnu siciliano di sicilia e sugnu Peppi! (ride)

Nat.   Mi staiu cunfunnennu puru io.

Vit.   Scusassi me maritu non fici tanta scola.

Fra.   E lei invece che scuola ha fatto.

Vit.   Io fici a secunna elementare, sapi a ddi tempi a secunna era comu ‘nna lauria di oggi…

Pep.  Anchi picchi a ripitiu tri voti. (Vita gli da un colpo di borsa)

Vit.   Signora Franca, è bella sta pelliccia, pure io l’haiu…

Pep.  Non sa metti picchi l’avi tutta spinnata…(ride)

Ang.  Zio, so tutto di te, Rita mi ha detto che sei un simpaticone.

Vit.   E di mia chi ti dissi.

Ang.  Che sei dolce. (Vita si rallegra)

Pep.  Vita mi pozzu mangiari poi i dolci?

Vit.   Ti dissi di no.

SLu.  Un paio di minuti giusto per conoscerci, poi preghiamo e poi  parliamo di questo fidanzamento.

Nat.   Ma non è megghiu ca passamu direttamente o fidanzamento.

Fra.   Rita sono contenta, ti vedo  r a d i o s a…

Vit.   Avi ragiuni, prima era sempre cu la radio appressu e con quelle musiche forti, invece ora è radiosa, ascuta sempre musica lenta.

Pep.  Vita ma chi signigica radiosa.

Vit.   Ma segui il filo… radiosa ca ascuta sempre a radio!

Car.   Natali tu quanu parli. (Natale sta per alzarsi)

SLu.  Dopo…dopo…sig. Natale. (Natale si risiede)

Ang.  S. Lucia me frati è  ‘u capu da famigghia (alzandosi)

Nat.   A soru dopo…dopu…(Vita si risiede)

Ang.  Rita… come sono felice.

Rit.    Angelo…sei un angelo.

Pep.  (alla moglie) Tu mai mu dici ca sugnu un Peppi.

Fra.   Io direi di sbrigarci anche perché questi due angioletti non vedono l’ora di abbracciarsi e baciarsi.

Nat.   (si alza) Emh!…dopo…dopo…

Car.   Natale l’elastico…(Rita guarda il padre)

Nat.   Ah! si, si l’elastico.

SLu.  Alziamoci tutti per rivolgere al Padre Celeste la nostra preghiera. Nel nome del Padre del foglio e dello Spirio Santo… raccogliamoci nel silenzio…

Pep.  Vita ma a monaca a po’ diri a missa.

Vit.   Zittiti…puru chista ci vulia. (Nat. fa segno di fare silenzio).

SLu.  Gloria al Padre al figlio ed allo Spirito Santo…(gli altri rispondono tranne Natale e Peppi: COM’ERA IN PRINCIPIO…)

SLu.  Signore , che questa sera in questo fidanzamento regni in questi due giovani l’amore eterno…

Pep.  Amen!…(tutti lo guardano) chi fici sbagghiavu?

SLu.  Ognuno di noi adesso, se vuole può esprimere qualche pensiero al Padre Celeste che tutto ci dà, tutto ci ha dato e tutto continua a darci, perché egli è con noi, in mezzo a noi (Peppe guarda ma non lo vede)

Nat.   (alla moglie) Ma picchi si chiama Padre Celeste e non Padre azzurru, russu, virdi…(Carmelina lo invita  al silenzio)

Fra.   Che questi due ragazzi si possano  sempre amarsi e rimanere in grazia di nostro Signore…Ti ringrazio Gesù per Angelo e Rita…

Rit.    Ti ringrazio Gesù per Angelo…

Ang.  Ti ringrazio Gesù per Rita…

Car.   Ti ringrazio Gesù per Natale…

Nat.   Ti ringrazio Gesù per Pasqu…(tutti lo guardano e non finisce la parola) ehm..ehm…per Carmelina…

Vit.   Ti ringrazio Gesù per (non vorrebbe dirlo ma tutti la guardano) per..Pe…pe…

         (Nat. le da un colpo alla schiena) per Peppi.

Pep.  E io che diri…(lo guardano) Grazie Gesù per…per… la bedda cumpagnia (canticchiando e saltellando) ti benediciamo, ti lodiamo, Alliluii…alliluii!

SLu.  Grazie Gesù per averci fatto parlare.

Pep.  E senza Gesù comu avia a parlari io.

SLu.  Ora possiamo sederci, Gesù resta in mezzo a noi…

Pep.  Ma resta additta?!

Fra.   Adesso possiamo parlare di questo fidanzamento con gli usi della Sicilia.

SLu.  A me piace molto la Sicilia, forse mi trasferiscono qua, cosi con il sig. Natale dedichiamo una mezzoretta al giorno alla preghiera ed alla lettura della bibbia.

Nat.   (al pubblico) Cunsumatu sugnu, speriamo ca non a trasferiscono mai.

Pep.  S.Lucia, io quannu eru nicareddu facia ‘u chirichitto, un jornu sbagghiavu e ci misi acitu o postu du vinu e ‘u parrinu ‘nna sacristia mi tirau aricchi (ride) quantu cosi cretini chi facia tannu.

Fra.   E lei signora Vita.

Vit.   Io non c’è bisogno ca vaiu a missa…tanti chi canusciu ci vannu, si battunu ‘u pettu e poi si comportanu mali cu i vicini e parenti…(verso Carmelina)

Car.   Io vaiu ogni duminica, prego pi chiddi ca non ci vannu, pi chiddi ca sparlanu, poi mi sento megghiu, libera, leggera, rilassata…

Nat.   Ma picchi chi c’è  ‘u dutturi ddà dintra.

Ang.  E tu papà, io so che non vai mai, me l’ha detto Rita.

Nat.   Rita non avia chiffari! Io certi duminichi travagghiu.

SLu.  Se verrò trasferita andremo insieme…

Nat.   (al pubblico) Malu pi mmia (A Franca in quel momento le cade la borsetta, Peppi gli e la prende)

Fra.   Grazie…grazie, com’è galante…

Pep.  Viata ‘u sintisti, mi dissi ca sugnu elegante…chissu è un pantaluni di Lino, di Lino…        

Fra.   Ah! di Lino, un bel tessuto..

Pep.  No di lino..di me cuscinu Lino, mu pristau pi fari bella figura.

Vit.   Senti ‘u frati, cuminciamu a parlari e vinemu o sodu asinò chissu mi fa fari i budedda fradici.

Fra.   Non ho capito!

 

Nat.   Megghiu che non capisce…calmati a soru.

Car.   Natali…non fare guastare a festa

SLu.  Forse ho capito io, la signora ha detto do sbrigarci senza tante ciance…

Pep.  A ma chiangiri!…

Rit.    (per sdrammatizzare) Mamma pigghiamu i dolci.

Ang.  Aspetta, prima dovrei darti qualcosa…(esce un anello, Rita rimane incantata)

Car.   Dunacci chiddu toi puru a mamma. (esce l’anello…lentamente l’uno con l’altro se lo mettono, si abbracciano accompagnati da una bella canzone d’amore)

Nat.   (si impazientisce perché sono ancora abbracciati senza muoversi, poi si avvicina e li guarda da una parte e dall’altra per un paio di volte) E chi mureru abbrazzati!…(poi battono tuti le mani e si ricompongono)

Pep.  (nel frattempo Car. e Rita preparano i dolci) Signora Franca ma di Bologna a ccà ci voli assai.

Fra.   Parecchio…

Pep.  ‘U sintisti Vita, ci voli l’apparechiu.

Vit.   Critinu chi dumanni sunnu chissi, io ‘u sapia ca cu l’apparecchiu ci voli chiù picca. 

Car.   Natali i chiamamu a Mimma e a Pasquali, sunnu suli…(entrano)

Mim. Ccà semu…auguri…auguri…

Nat.   E unni eranu misi! (Pas. si avvicina a Natale)

Pas.   Natali a manu ‘ncapu a spadda sinistra…

Nat.   Veru mi l’avia scurdatu… (Carm. vicino al genero mentre gli fa gli auguri gli mette la mano sulla spalla destra, Natale se ne accorge e va subito a torglierla)

Nat.   Sugnu cuntentu pi sti picciutteddi tantu cari, Angelo è un picciotto chi vali e chi lu niputinu si chiama Natali.  ( battono tutti le mani)

Ang.  Sei bravo papà a fare i brindisi. (Natale gli lascia la mano sulla spalla sinistra)

Nat.   (poi va verso la moglie) Carmelina non ci mettiri  a manu ‘ncapu a spadda destra.

Pep.  Vogghiu fari un brindisi a me mugghieri Vita!  Cara Vita tu resti ccà  e io partu pi ‘nna gita…(ride, lo guardano e smette)

SLu.  (ai fidanzati) I vostri figli saranno belli… sono sicura che nasceranno due gemelli.

Nat.   (al pubblico) Megghiu, accussi uno dei due si chiamerà sicuro Natali.

Mim. Speriamo tutto beni…tutto beni ca Natali veni.

Nat.   (mano sulla spalla destra) Sono contento Angelo, mi sono commovuto.

Fra.   Signora Vita e lei che dice.

Vit.   Chissa è la giusta via… fazzu un brindisi a suor Lucia!… (tutti battono le mani e gridano brava e cominciano a mangiare i dolci)

Pep.  (spaventato) Vita mu pozzu mangiari unu sulu. (Vita lo guarda male)

Nat.   Carmelina stavota me soru si comportau bona, a festa non a guastau.

Car.   Ancora a festa non ha finutu.

Pas.   Vogghiu fari un brindisi: (alza il bicchiere) Chissu è lu secunnu attu du fidanzamentu ufficiali pa secunna figghia…nel terzo atto succederà un parapigghia!…

Pep.  (batte le mani, lo guardano e smette)

Nat.   Pasquale chissa non la capivu…

Pas.   Nel senzo che sarà una bella meraviglia…(Tutti esclamano: ah! ridono e ripetono auguri)

Rit.    (si avvicina alla suocera ed alla zia) Vi voglio bene…(tutti si abbracciano tranne Peppe e Vita)

Pep.  Vita tutti abbracciati sunnu…chi facemu.

Vut.  Non c’è bisognu brocculuni.

Car.   Angelo (mettendogli la mano sulla spalla destra) Mi raccumannu vulitivi sempre beni (si commuove) mi dispiaci ca me figghia Enza non potti veniri.

Pas.   Natali to mugghieri avi a manu ‘ncapu a spadda sbagghiata, curri…curri.

Nat.   Senti Angelo (non sapendo cosa dirgli) Auguri (gli va togliendo la mano, poi la porta in disparte) botta di sangu ti dissi di non ci mettiri a manu ‘ncapu a spadda destra.

Car.   Ma picchi!

Nat.   Poi ti spiego…Auguri mangiati e biviti.

Mim. S. Lucia , sapi io a missa ci vaiu ogni jornu.

Nat.   Pi vidiri i cristiani quannu non è affacciata!

SLu.  Speriamo che mi trasferiscono cosi facciamo i centri d’ascolto.

Pas.   Me mugghieri tutti cosi ascuta o centru a destra e a sinistra.

Rit.    Un attimo di silenzio…adesso il mio topolino vuole fare un piccolo brindisino.

Ang.  Adesso che vi site abbuffati, fate parlare i fidanzati: Rita ed io per chiudere questo fidanzamento vogliamo fare (assieme) un ballo lento…(cominciano a ballare una bella e docle musica o canzone…mentre tuti ripetono auguri si va chiudendo il sipario)      

F I N E  A T T O  II°

                  

        

 

 

 

A T T O  III°

S C E N A  VII°

(Natale, Carmelina, S.Lucia)

(Dopo circa due anni)

Nat.   Carmelina ma comu è possibile ca cu l’ecografia dopu du misi non si vitti, dopu quattru misi mancu…

Car.   I primi misi è difficile ca si vidi il feto.

Nat.   Il feto? Veramente il feto si sente non si si vidi.

Car.   Il feto…è l’addevo.

Nat.   Ma s’ammuccia già d’ora? E’ furbu già dintra  a panza, però Carmelina io mu sentu ca sunnu dui gemelli.        

Car.   Già semu o sestu misi, oggi s’avia fari nautra l’ecografia.

Nat.   Du’ gemelli è megghiu, cosi uno dei due si chiamerà Natale si non c’hu voli

 mettiri a tutti e dui, a la facciazza di l’autru jenniru.

Car.   L’ecografia l’avia e quattru e mezza poi ci dissi di telefonare.

Nat.   (guarda l’orologio) Voli diri fra mezzura sapemu tutti cosi..mi sentu tuttu…mancu io ‘u sacciu. (fa dei movimenti strani)

Car.   Maritamu a tutti e dui, una sta a Milano, l’autra a Bologna, chi dici Natali a facemu nautra videmu si sta in Sicilia.

Nat.   Si, accussi si ‘ni và a stari in America, i figli nostri sono destinati a stari luntanu, infatti…

Car.   Ah! M’avia scurdatu di diriti ca ieri telefonau S. Lucia e mi dissi che ci farà una sorpresa.

 

Nat.   Chi ‘nni manna qualchi ovu di Pasqua? Basta ca non a trasferiscinu ccà, chiddu  chi voli fari fa…picchi poi cumencia cu rosariu, cu L’Avi Maria, io mancu i sacciu boni…menumali ca non a trasferiscinu (in quel momento si sente cantare: Sia Lodato ogni momento il nostro Dio del Sacrameno) Ma cu è!..

Car.   Sta vuci mi pari ca a canusciu. (Suor Lucia entra)

SLu.  Sorpresa!…

Nat.   (al pubblico) Cunsumatu sugnu.

SLu.  (si abbraccia con Carmelina) Ti trovo bene…(poi a Natale) Natale come và, ti vedo meglio..la preghiera fa stare meglio nel corpo e nello spirito…Sia Lodato Gesù Cristo…come si risponde?

Nat.   Chissu ‘u sacciu…(allargando le braccia) e sempre sia Lodato.

SLu.  Bravo…sono stata trasferita.

Nat.   (al pubblico) Ora mi fazzu trasferire io.

Car.   Si accomodi.

SLu.  Adesso no, perché devo andare all’astituto, mi sistemo e nel frattempo aspetto la telefonata dell’ecografia.

Car.   Puru nautri.

SLu.  Bene, ci vediamo dopo..Natale, di quei dolci ne ha più? Erano buonissimi quelli del fidanzamento.

Nat.   Un pocu ristaru ma sunnu un pocu duri.

Car.   L’accattamu..l’accattamu.

SLu.  Bene a dopo (prima di uscire) anche un babbaino in più prendetelo.

S C E N A  VIII°

( Natale, Carmelina, Peppi, Vita, Mimma, Pasquale)

Nat.   Io ci dava chiddi duri accussi ci satavanu i denti e non mi facia prigari chiù. Ma cu a purtau a chissa…Carmelina unne a Bibbìa.

Car.   Ma quale bibbìa, si chiama bibbia non bibbìa…ddà dintra è!

Nat.   Pigghiala e menumali ca non ci fici casu, dici ca a va stari a purtata di manu…

Quantu ci dicu a me soru c’aspittamu a telefonata di l’ecografia, non vulissi ca u sapi dopu…(entrano Vita e Peppi)

Vit.   Ccà sugnu (arrabbiata) i cosi i sacciu sempre di l’autri.

Pep.  (prova a parlare ma Vita lo blocca)QQddfflflQ

Vit.   Zittuti, non diri nenti ca già parlasti troppu.

Nat.   Ma cu tu dissi a soru, sulu nautri u sapemu u fattu di l’ecografia, e ti stava telefonannu.

Vit.   A signora Mimma dici ca eravu cuntenti, parlavavu forti e idda sintiu.

        

Car.   Peppi assettati..calmati Vita…(Peppi si stava sedendo ma Vita lo guarda male e si alza)

Vit.   Ammia mi dici calmati e a to cugnatu ci dici assettati, picchi non diciatu

          o contrario.

Nat.   Calmati Peppi…Vita assettati…

Pep.  (accenna a fare l’arrabbiato) I cosi i vinemu a sapiri sempri di l’autri…

Nat.Vit.      Zittuti!..

Car.   Natali vaiu deci mnuti ‘nni me patri.

Vit.   Nesci, ti pari ca non lu sacciu ca non mi sopporti.

Car.   Sempre a stessa si, ‘u fidanzamento da prima figghia ‘u rovinasti, pa

secunna ‘u salvamu pi forza.

Pep.  U salvamu picchi c’era a parrina chi prigava!

Vit.   Non ti preoccupare ca ne fidanzamenti de to figghi non ci vegnu cchiù!

Nat.   (al pubblico) Certu erano dui.

Vit.   (a Natale) A monaca fu trasferita e io non sacciu nenti, nenti, fra mezzura l’ecografia e io non sapia nenti, nenti, nenti.

Pep.  (al pubblico) Quantu nenti, ma non ci ponnu cadiri i denti.

Nat.   A monaca vinni ora.

Pep.  Ci detti a benedizione, menumali asinò…

Vit.   (un colpo di borsa) Ti dissi zittuti.

Car.   Natale fra un pocu vegnu...(arrabbiata)

Vit.   (isterica) Ah! comu ti fai cumannari ‘u frati, non mi stancu mai di ripetiri ca dintra ‘nna casa cumanna ‘u maritu…(Peppi fa scena)

Nat.   Calmati.

Vit.   Chi dissi ‘u papà prima di moriri…chi dissi…(entrambi) Rispittativi sempre ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza..

Nat.   (comosso) Mi sentu sempre cchiù to frati a soru..

Vit.   (comossa) Mi sentu sempre cchiù to soru ‘u frati..

Pep.  Mi sentu sempre cchiù tritrolu! (entra Mimma col marito)

Mim. E’ permesso, chiccè matri signora Vita si senti mali, voli un pocu di bicarbonato! Natale vitti a tò mugghiari cu ‘nna facci!

Pas.   Peppi ma chi avi to mugghieri!

Pep.  Nenti, non avi nenti, nenti, nenti, nenti…

Mim. E’ tanta brava a signora Vita, Natali to mugghieri forse a fici siddiari? A me cummari Carmelina c’hu dicu io, avi ‘nna cugnata d’oru, ca non dici mai nenti.

Nat.   Veramente u nenti u dici e troppi voti. Mimma pi favuri, gia predichi ‘nni sentu assai, specialmente ora ca a parrina…

Mim. Signora Vita l’accumpagnu a casa e magari appena si ripigghia ‘nni facemu ‘nna chiacchierata.

Pas.   Io restu un pocucu Natali.

Mim. Va beni, però non fari ‘u tritrolu.

Pep.  Signora è megghiu ca fa nautra cosa iddu, picchi io sugnu ‘u tritrolu!

Vit.   (mentre escono) Fatti rispittari ‘u frati.

Pep.  Tu fatti rispittari Natali, picchi io mi fici rovinari…(poi gli si avvicina) e ricordati ca cumanna ‘u maritu…dintra sta casa! (escono)

Nat.   Pasquale c’è di nesciri pazzi…tu si tranquillo, avisti ‘na figghia, si fici zita, si maritau e sta ad Agrigentu, to niputi su chiama Pasquali…Io eppi dui figghi, si maritaru cu dui continentali, una sta a Milano, una a Bologna e niputi chi si chiamanu Natali ancora nonhaiu.

Pas.   Chissa è a vota bona.

Nat.   Fra un pocu l’avissi a sapiri…senti Pasquale, ma chi ci fa ca me mugghieri ogni tanto ci mittia a manu ‘ncapu a spadda sbagghiata.

Pas.   Chissa non ci vulia, può capitare di tutto ed anche il contrario.

Nat.   Però io subito c’ha livava e ci mittia a me manu ‘ncapu a spadda giusta.

Pas.   ‘Ni stu modu  ‘u cervellu si scombussula, picchi a che masculu po divintari fimmina a che fimmina po divintari masculu..speriamo bene. (entra Carmelina)

Car.   Si calmaru l’acqui…

Nat.   Sunnu ancora agitati.

Car.   Chiccè…chiccè.

Nat.   A manu chi ci mittiatu ‘ncapu a spadda, c’ha mittiatu ‘ni chidda sbagghiata.

Car.   Ma io chi sapia!

Pas.   Casu mai ci mettinu Carmelina. (entra Mimma)

Mim. Cummà, livati occasioni e faciti paci, sa sta pigghiannu cu so maritu, io mai l’avia vistu arrabbiata co so maritu…pensa ca ci sta facennu fari i survizza chiffà sempre idda…Pasquale camina ca ‘nni facemu a spisa, cummà si ci sunnu novità avvisatimi, fra vinti minuti massimo sugnu a casa. (escono)

S C E N A  IX°

(Natale, Carmelina, S. Lucia, Peppi, Vita)

Car.   To soru è sempre a stessa, ma proprio ammia avia capitari.

Nat.   E finicila, anzi bona si comportau pu’ fidanzamentu…rispetto o primo!

Car.   Di to cugnatu Peppe non si po pigghiari nenti, u fici rencritiniri.

Nat.   Picchi era scaltru? Senti io per ora haiu altri pensieri…ma comu mai non telefona ancora…ti facia signali di non mettici a manu ‘ncapu a spadda destra e tu non capiatu.

Car.   Mu putiatu diri prima stu fattu, se ero avvisata…

Nat.   Speriamo ca non nasci ‘nna frittata! (si sente cantare una canzone di chiesa, preferibilmente “ Sia Lodato Gesù Cristo”) Matri mia! Natra vota ccà è. (si mette in posizione con la bibbia in mano facendo finta di leggere)

SLu.  Pace e bene…niente notizie ancora. Oh! Natale, la bibbia, quale passo stai

leggendo.

Nat.   (impacciato) Veramente non lu capisciu chissu, avi ca sugnu misu ccà a leggiri

 ma è difficili stu passu.

SLu.  Vediamo…ah! marito e moglie diventano una sola carne…certo il matrimonio è indissolubile, insomma una sola carne.

Nat.   Carmelina u sintisti, semu ‘nna sula carni, menumali picchi hiau chiassai ossa

SLu.  Hai visto con la preghiera si ottiene tutto, volevo essere trasferita ed eccomi qua…

Nat.   (al pubblico) Sulu ammia va tuttu stortu.

SLu.  Adesso mettete il telefono fuori posto e cominciamo a pregare per questo lieto evento!

Nat.   Si vutau ‘u vento!

Car.   A ma diri ‘u rosariu!

Nat.   A quali rosariu a diri, certi cosi non si dicinu a nuddu.

SLu.  Ripetete poi quello che dico io…massimo silenzio..Ti ringrazio Signore…

Nat.   Massimo silenzio ti ringrazio Signore.

SLu.  Tu che ci dai tutto quello che noi ti chiediamo, fai che tutto proceda secondo la tua volontà.

Nat.   La sua volontà? Ma iddu voli masculu o fimmina…

SLu.  Silenzio e ripeti Natale…niente distrazione…

Nat.   Niente distrazione…

Car.   (al marito) Natale niente distrazione…

Nat.   E niente distrazione u dissi.

Car.   Ma chi capisci, niente distrazione zittuti e prega.

SLu.  Noi Signore ti lodiamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per questa vita che stai mettendo al mondo…alleluia!

Nat.   Ti raccomandiamo..masculu…masculu o masculi…

SLu.  Adesso un Ave Maria (Suor Lucia dice la prima parte)

Nat.   Adesso Maria prega per noi peccatori nella resurrezione (confuso)

Car.   Studiatilla megghiu picchi non a sai.

SLu.  Bene più tardi ritorno.

Nat.   A ma prigari di nuovu?

SLu.  Certo, ringraziamo il Signore per quello che ci dà… se non ci sono novità ritorno domani per la preghiera di mattina…Pace e bene (esce)

Nat.   Puru di matina, cunsumatu sugnu…Caemelina metti u telefonu a postu, speriamo ca non telefonaru e chi non cuminasti dannu cu ddà manu sbagghiata.

Pep.  (entra esaurito) Cugnatu non ‘nni pozzu cchiù…

Car.   Chiccè.

Pep.  Mi sciarriai cui me mugghieri.

Nat.   E che novità..ci dasti quattru bastunati?

Pep.  Si, idda i detti ammia, haiu u culettu tuttu russu, me detti ca paletta…

Nat.   Per ora lassami stari ca haiu altri pensieri.

Pep.  Cugnatu m’ascutari, to soru avi di quantu si maritau Enza ca voli un figghiu.

Nat.   Facitilu.

Pep.  Ma non lu voli cummia quannu semu curcati.

Nat.   No quannu siti curcati, u voli additta!

Pep.  (più esaurito) Lu voli adattari.

Nat.   Cretinu si dici adottore.

Car.   Adottore! Puru tu si cretinu…si dici adottare!

Pep.  Si, si adottare cu l’occhi azzurri, biondo, e non troppu nicareddu, magari di tridici quattordici anni.

Car.   E unni u trova biondo cu l’occhi azzurri…

Pep.  Mi dissi ca in Africa ci sunnu, ma mi pari troppu luntanu (comincia a ridere facendo dei movimenti strani da esaurito) e poi u voli a 13, 14 anni, non capisci nenti, già semu granni, idda avi deci anni chiassai di mia..

Car.   Hai ragini u cugnatu, siti granni.

Pep.  Ci dissi almenu pigghiamunillu di venticinqueanni.

Nat.   Peppi ma chi voi ora di mia, ti dissi ca hau altri pensieri (guarda l’orologio ed il telefono)

Car.   Cugnatu ci voli pazienza ‘nna vita!

Pep.  Ma io l’ahiu ‘nna vita a pazienza e cu Vita ca io a nonnhaiu…è pazza chiù pazza di prima (si sente chiamare da fuori)

Vit.   Carmelina… (sempre da fuori)

Pep.  (spaventatisssimo con tic ect.) comu capiu ca sugnu ccà.

Nat.   Comu no primu fidanzamentu sta finennu.

Car.   Ammucciamulu.

Nat.   No! Stavolta affrontiamo!..Carmelina talia si avi a paletta picchi già ammia ‘u culu mi fa male.

Pep.  Si affrontiamo…sono un uomo…(si fa forza uscendo il petto in fuori)

Vit.   (entra) Ccà si…(facendo notare la paletta) è a secunna vota chi nesci senza permesso mentre taliu a telenovela…

Nat.   Peppi affrontala! Io però mi sposto…

Pep.  (di autorità) Vita…io non pozzu stari cchiù..(Vita lo guarda alzando la paletta)

         Non pozzu stari cchiù…cchiù…senza figghi (spaventato) al più presto partemu pi L’Africa…(squilla il telefono)

Nat.   Silenzio…silenzio, iddi… iddi sunnu (gira attorno il tavolo ansioso) Vita abassa a paletta, poi u sculacci…

Car.   (prende il telefono) Pronto, ciao a mamma, ‘u papà sugnu…matri chi dicu, sugnu emozionata…

Nat.   Si idda è  ‘u papà, io cu sugnu a mamma!

Pep.  E nautri cu semu!

Nat.   Carmelina parlaci muta…

Car.   A mamma ora riposati, non t’affaticare… a panza ti ristau grossa?

Nat.   (al pubblico) ancora non c’ha dumanna  chi fici…

Car.   Gemelli!…Veru a mamma… (Natale comincia a gioire)

Nat.   Ma picchi non ava essiri vero.

Car.   Auguri a mamma, ‘nni sintemu dopu. (chiude) Gemelli!…gemelli!

Nat.   Gemelli!..

Car.   Gemelli!

Vit.   Gemelli!

Pep.  Non staiu capennu nenti…però u fazzu puru io…Gemelli…gemelli…

         (ancora continua poi Nat. lo blocca)

Nat.   Finalmente un nipotino Natalino.

Car.   U vidi u maritu quantu è granni  ‘u Signuri.

Nat.   Ora m’imparu a bibbìa a memoria.

Vit.   (si avvicina al fratello commossa) Si ci fussi a bon’anima du papà u frati…si ci fussi ‘u papà…

Car.   Si ci fussi me matri…

Pep.  Sici fussi me nonnu…

Vit.   Dui gemelli, e uno si chiama Natali…

Nat.   Carmelina, i sintisti chiangiri a sti masculeddi.

Car.   Ma veramenti mancu ci dumannai si eranu masculi…

Vit.   Comu non ci dumannasti.

Nat.   (deluso) Ma chi ti dissi di precisu pensaci.(l’ascoltano con attenzione)

Car.   Mamma io sugnu…ci dumannai si a panza ci ristau grossa.

Nat.   Chissu satalu non mi interessa.

Car.   Du belli gemelli fici…

Nat.   E tu…

Car.   Gemelli!…veru a mamma!…

Nat.   E tu…

Car.   E idda mi dissi non mi fai l’auguri? E io ci dissi auguri a mamma ‘nni sintemu dopu… e poi chiudivu cu sta mano, no cu chissa…

Nat.   Ma chi m’interessa cu quali manu…

Pep.  Io non mi ricordo chiddu chi ci dissi ma veru accussi ci dissi…

Vit.   ‘U frati quannu i cosi non i facemu nautri dui!

Pep.  Picchissu fai fari sempre i cosi amia.

Nat.   Ma sunnu masculi, a mancu ‘ncapu a spadda sinistra, i preghieri, gemelli…sunnu masculi, brindamu…brindamu…

Car.   Avvisamu a suor Lucia (si sente cantare)

Nat.   Ccà è sta arrivannu a cantanti. (S. Lucia entra)

SLu.  Sia Lodato ogni momento..sia fatta la volontà di Dio.

Nat.   S.Lucia grazie, grazie per le preghieri.

Car.   Telefonaru… due gemelli.

SLu.  Lo so già, mio nipote mi ha chiamato all’Istituto…è contento lo stesso vero Natale.

Nat.   Certo, due gemelli, lo sapevo che non fallia stavota… Carmelina pigghia u spumanti. (Carm. và)

Pep.  Sora Lucia ..sora Lucia nu facemu ‘u rosariu.

Vit.   Zittuti. (entra Carmelina con lo spumante)

Nat.   Brindamu a sti niputeddi, S. Lucia pure lei…(sta per mettere lo spumante nei bicchieri)

SLu.  Carmelina, ad una metteranno il nome di Lucia…mio nipote lo fa per me.

Pep.  Bello è Lucia ma si fa puru parrina poi?

Nat.   Ma…ma… pi…picchi è fimmina una.

SLu.  Si, perché non lo sapevate?

Nat.   Sta disgraziata non ci dumannau…(riprende l’allegria) allura brindamu all’autru niputeddu…(poi al pubblico) menumali ca sunnu dui.

SLu.  L’altra la chiameranno Franca… per mia sorella.

Nat.   (stava bevendo) Matri sintivu bonu cu sti occhi? Staiu vidennu bonu cu sti aricchi?..(completamente fuso)

Vit.   Bonu capisti….‘u frati tutti i stessi sunnu… tutti i stessi.

Nat.   Du fimmini sunnu…Dio mi sento mali…Dio mio..Dio mio…

Pep.  ‘Nna ma diri ‘u rosariu?

Car.   Calmati ‘u maritu, casomai facemu nautru figghiu.

Nat.   Nautru figghiu! Accussi veni fimmina (esaurito) si fa zita cu nautru continentali e ristamu frigati.

Vit.   ‘U ficiru apposta Natali…apposta. (S. Lucia in un angolo prega mentre c’è tutta quella confusione, Peppe se ne accorge   e si avvicina)

Pep.  ‘Nna ma diri ‘u rosario?

Nat.   Portami all’ospitali (entrano Mimma e Pasquale)

Pas.   A manu  ‘ncapu a spadda sbagghiata…

Nat.   Carmelina a culpa è toa.. toa.

Vit.   (istiga di più) Si ‘u frati, si è soa…

Pep.  Ah! Si ci fussi me nonnu!…

Nat.   Avia dui fimmni e mi frigaru tutti e dui…menumali ca non c’e      a terza figghia accussi fidanzamenti ufficiali non cinnè cchiù..purtami ospitali…ospitali.

Pep.  (al pubblico) Me mugghieri è convinta ca in Africa ci sunnu i biondi, resterà delusa, non sapi a i biondi sunnu ‘nta Cina (ride)

                                                                                     Fine terzo atto.

                                 (elaborata dallo stesso autore e da Pietro Maurici e Rosanna Maurici))                

(per ogni rappresentazione è necessaria l’autorizzazione dell’autore e dell’elaboratore)                                                                   

Tel autore (090/638009)

    Questo copione è stato visto
  • 2 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 6 volte nell' ultimo mese
  • 20 volte nell' arco di un'anno