‘U fidanzamentu ufficiali

Stampa questo copione

‘U Fidanzamentu Ufficiali

                              

commedia brillante in tre atti

(di  Calogero Maurici)

Personaggi

Enza                    (la fidanzata)

Carmelina           (la madre)

Natale                  (il padre)

Rita                      (la sorella)

Marco                 (il fidanzato di Enza)

Giovanni             (il padre di Marco)

Silvia                            (la madre di Marco)

Fedele                  (il fratello di Marco)

Vita                     (la sorella di Natale)

Peppi                            (il marito di Vita)

Mimma               (la vicina di casa)

 

Pasquale              (il marito di Mimma)

Grazia                 (la figlia di Mimma)

                                                                                                         (elaborata da Pietro Maurici e Rosanna Maurici)                 

                               (tel. autore 090/638009)

        

Il fidanzamento ufficiale di un figlia, rappresenta per tutti i genitori un evento importantissimo, specialmente quando il padre ci tiene ad essere ancora all’antica.

         Nei piccoli paesi della Sicilia di venti, trenta anni fa ( forse ancora oggi) nei fidanzamenti

ufficiali succedeva spesso che non tutto filava come previsto; proprio quello che succede in

questa divertentissima commedia.

       Natale, padre di Enza, idraulico che con notevoli sacrifici cerca di mantenere la moglie e le due figlie discretamente…ma quando scopre che Enza la figlia maggiore è alle prese con un un fidanzamento, vuole sapere tutto di tutto del futuro genero, della famiglia, e subitissimo

essendo “uomo all’antica” dispone che si deve stabilire la data delfidanzamento ufficiale.

        L’aria farsesca ed il rispetto delle tradizioni della cultura popolare, sono gli elementi che

caratterizzano questa esilarante commedia.

        Ricca di divertenti situazioni ad intreccio, la commedia tiene attratto per circa due ore

lo spettatore di qualsiasi età, coinvolgendolo senza noia allo svolgersi della vicenda.

RAPPRESENTATA  già con la regia dello stesso autore il 19/01/1997 al teatro Laudamo di Messina; a maggio al teatro Stabile di S. Teresa di Riva; in diverse scuole ed istituti religiosi;

in diverse piazze fra cui: Arena di Barcellona Pozzo di Gotto, Capo D’Orlando, Spadafora,

Giardino Corallo di Messina, Bivona (AG) ottenendo grande successo di pubblico e di critica.

      Rappresentata anche dal gruppo “I Guitti” con la regia  di Nino Saterno, portandola a

Burgio (AG) paese dell’autore, riscuotendo uno strepitoso successo e ricevendo fra l’altro

i complimenti sinceri del regista cinematografico Giuseppe Ferlito.

La scena rappresenta: una porta d’ingresso e di uscita, una che accede alle camere, divano, tavolo,sedie, quadri, una foto grande con una cornice sull’antico della buon’anima del padre

di Natale, preferibilmente con un lumino ed una lucetta accesa sopra una mensolina.

A T T O  I°

                                               

                                              (S C EN A  I°)

                                    (Natale, Carmelina, Rita)

(Mentre si apre il sipario Carmelina, moglie di Natale, mentre spolvera o cuce ascolta “Si maritau Rosa Saridda e Pippinedda”…dopo circa un minuto la musica va sfumando ed entra

Natale)

Nat.     Ciao Carmelina…( in tuta e con la borsa dell’attrezzatura)

Car.    Comu mai accussi tardu…

Nat.     A machina mi lassau nautra vota a pedi, ormai è troppu vecchia…

Car.    Basta c’avemu a saluti ‘u maritu, quantu cristiani hannu i soldi e non si ponnu godiri.

Nat.     E quantu cristiani hannu a saluti,i soldi e si godunu a vita!…Comunque, hai ragiuni tu

            a nautri non ‘nn’interessa picchi putemu diri ca non ‘nni manca nenti.

Car.    Ringraziamu ‘u Signuri Mille voti…criscemu dui figli, una avi già diciassette anni e 

            e l’autra quattordici…(in quel momento dall’altra stanza si sente la radio con una

            musica di ballo moderno…è Rita la figlia minore, pazza per la musica rock e che

            veste sempre in modo stravagante).

Nat.     Megliu ristari comu nautri, all’antica, onesti, puliti…(la musica si sente gradualmente  

            sempre più forte, ma ogni tanto abbassa) Ma cu è ddà dintra Rita?

Car.    Secunnu tia cu è?…Certu ca è idda, non sai ca è fissata cu sta musica? Per ora è    

            davanti o specchiu ca balla…

Nat.     Tò figlia Enza unnè? Avi ‘nna pocu di jorna ca vidu picca e nenti…

Car.    Natali ‘u sai ca fra quattru misi avi diciottoanni…

Nat.     Allura chi significa ca non la vidiri cchiù? Appena fa vint’anni ‘nna scurdamu

            completamente…

 

Car.    Appena fa vint’anni capaci ca è maritata e cu figli.

Nat.     Mi pari ‘nna magara…(la imita) Capaci ca è maritata e cu figli!...

Car.    Picchi non fussitu cuntentu? Basta ca truvassi un picciottu ca voli beni…

Nat.     Ca voli beni, ca è travagghiaturi, ca rispetta i soggiri…Carmelina nautri all’antica 

            semu,sti cosi moderni finiscinu sempre mali. (La musica si sente sempre più forte)

Nat.     (seccato) Ma insomma Rita, chi stai niscennu pazza? (esce Rita con la radio su una

            spalla accennanno al ballo e vestita stravagante possibilmente con l’ombelico di fuori)

            guarda che bedda, metti cchiù pianu sta radiu, asinò tu ghettu da finestra…

            anzi astuta (Rita diminuisce il volume, ma Natale grida:) ASTUTA…

Rit.      (spegne seccata) Ccà dintra ammia mi proibiti tutti cosi, inveci a me soru Enza

            cci  faciti fari chiddu chi voli…mi pari a Regina, a Baronessa, a Contessa…

Nat.     (arrabbiato) Carmelina cerca di falla finiri asinò qualchi vota ci dugnu du’ mazzati…

Rit.      (accenna al pianto, poi si avvicina alla madre per essere consolata) Mi ‘nni vaiu ‘nna

            signora Mimma (esce)

Nat.     Ma di cu pigliau! Quannu a vidunu accussi vistuta  mentre balla sta musica (accenna

            al ballo in modo buffo) autru ca famiglia all’a n t i c a…

Car.    Bonu Natali, chi voi fari é ‘no sviluppo!…

Nat.     Si svilupa ‘nni stu modu, megliu ca ch’u bloccamu ‘u sviluppu…asinò avemu l’acqua

            dintra e ‘u rubinettu fora…

Car.    Ora cci cunta tutti cosi a signora Mimma…

Nat.     Ma comu mai Enza ancora non ritorna, forse si firmau ‘nni me soru Vita…

Car.    Pi Enza non ti preoccupari, ‘u sai ca è sistimata e scaltra…

Nat.     Senti Carmelina, avi  tri jorna ca non vidu a me soru Vita, cci fazzu ‘nna scappata

            asinò cu a voli sentiri poi… 

Car.    Dicci però a tò soru di esseri cchiù tranquilla cu so maritu, tò cugnatu Peppi sta

            rincretinennu!…

           

Nat.     Tra moglie e marito non mettere il dito…

Car.    Tò soru autri ca i dita metti cu nautri! Metti puru i manu e menumali  c’avemu deci     dita, picchi si ‘nn’avissimu vinti, cci mittissi tutti vinti…e fra qualchi jornu metti puru i dita de pedi…i scerri nostri sunnu sempre ppi tò soru Vita…

Nat.     (arrabbiato) Basta…lassa stari a me soru, non la nominari, cchiù tardu vegnu (esce)

S C E N A  II°

               (Carmelina, Enza, Rita, Mimma la vicina pettegola)

Car.    (rimasta sola) Appena anninduvanu a sò soru Vita ch’arrizzanu i capiddi…giustu

            giustu ammia avia capitari ‘nna cugnata accussi? Avi ‘u vilenu quannu parla…

            sempre incazzata…(in quel momento entra Enza, piena di gioia)

Enz.    Ciao mamma…(passeggia da una parte e dall’altra e Carmelina la guarda stupita)

Car.    Enza fermati un attimo, dimmi chi hai…

Enz.    E’ ura ca ti cuntu tutti cosi…

Car.    Chi succidiu a mamma qualcosa di brutto?..

Enz.    ‘Nna bella notizia…(poi continua a passeggiare, poi si ferma e con profonda gioia:)

            avi un misi ca canusciu un picciottu e oggi chiaru e tunnu mi dissi ca mi voli…

Car.    E cu è stu picciottu! Tò patri ‘u sai volisapiri dalla A…alla  Z…

Enz.    Già ‘no paisi qualcunu ‘u sapi, mi vittiru a passeggiata…e certuni mi taliavanu

            cu ‘nna certa invidia!…

 

Car.    Matri mia…ti vittiru a assieme passeggiata?! Si c’hu cuntanu a tò patri chiddu dici

            Ziti Ufficiali …e subitu.

Enz.    Per ora non cci cuntamu nenti, picchi Marco si sente insicuru a fari stu passu…

Car.    (con gioia) Marco!... ma cu è…di cu è figliu…

Enz.    Sunnu Milanesi, so patri però nasciu in Sicilia…e Marco so frati e so matri sunnu

            Milanesi…Milanesi, parenti du notaiu Barrili…

Car.    Du notaiu Barrili!…Mi, cristiani ricchi sarannu sicuru…( con un’espressione positiva)

            Cerca di convincilu a mamma, non tu fari scappari…ma chi cci fannu o paisi.

Enz.    Vennu pi vacanzi tutti l’anni, dici ca l’annu scorsu mi taliava sempre ma non ha

            avuto il coraggio di dirmelo!.. St’annu si decidiu m’avvicinau e mu dissi.

Car.    (sente dei rumori) Zittuti, poi parlamu…sta vinennu Mimma cu tò soru…(entrano)

Mim.   Ma dicu iu, chi cci faciti a sta picciuttedda ca veni ‘nni mia a chiangiri…

Enz.    E’ troppu chiangiulina…               

Rit.      Pensa ppi ttia…Ormai ti senti granni!…

Mim.   Rituzza va riposati ora dai…

Rit.      Accamora vi vuliti allibbirtari di mia? Aviti a parlari di cosi granni!...

Enz.    Vidi ca t’accattavu ‘nna cassetta di musica rock..

Rit.      (contenta) Dammilla…

Enz.    Tu ‘u fai arrabbiari cchiù o papà?

Rit.      No…dammilla…(Enza le dà la cassetta) Ma vaiu a sentu (và, proprio in quel momento

            entra Pasquale,marito di Mimma)

Pas.     U collettu da camicia si bruciau tuttu, ti scurdasti ‘u ferru addumatu…camina

            t’aspettu dintra…

 

Mim.   Vai…vai ca staiu vinennu…

Pas.     (mentre esce) Sugnu rovinatu e disgraziatu cu sta mugghieri chi ho maritatu!..

            (in quel momento si sente la musica forte)

Car.    (si accosta alla porta) Rita mettilu pianu…

Mim.   Enzuccia ti vidu accussi cuntenta ‘nni sti jorna!…

Enz.    Signora Mimma, picchi avissi a esseri scuntenta?

Mim.   Lu sai ca ti vogliu beni, si me figliu era cchiù grannuzzu…tu me nora aviatu esseri.

Car.    A vulissiru tanti ppi nora a me figlia!

Mim.   Mi ‘nni vaiu, asinò capaci ca a mumenti veni me maritu di novu…

Enz.    Mi salutassi a Grazia.

Mim.   Po’ esseri ca cchiù tardu ti veni a trova…(mentre esce) Speriamo tuttu beni (più volte)

Car.    Chissa vulia sapiri qualcosa per ora…

Enz.    ‘U capivu, appi a sentiri qualcosa, per ora è muzzicata…ed è a megliu vicina c’avemu!

            si tutti fussiru comu a idda!…

Car.    Enza stai attenta, non ti fari pigliari in giru di stu picciottu…

Enz.    Mamma chiamalu Marco…cosi cumenci ad abituariti…vulissitu vidiri che fina so

            matri…e sò frati di dui anni cchiù nicu di iddu, che birbanti…

Car.    Ma comu parlanu Milanesi?

Enz.    Si, in italianu parlanu, però capiscinu tutti cosi in sicilianu.

Car.    Senti, finu a quannu non lu canusci bonu e non ‘u convinci a farisi zitu ufficiali,

            non dicemu nenti a tò patri, asinò mancu un passu fora ti fa ghittari…tranne ca non

            c’hu frisca qualunu prima…e tannu fussiru guai!..

Enz.    Va beni mamma…va beni…

Car.    Enza iu vaiu a fazzu un pocu di spisa, picchi non avemu nenti dintra, ora vegnu (esce)

S C E N A  III°

(Enza,Rita, Grazia figlia di Mimma)

                                     (Rita che aveva sentito tutto esce dalla sua stanza)

Rit.      Com’è ‘u frati cchiù nicu…

Enz.    Brava, ascutasti tutti cosi?…

Rit.      Propriu tutto no…’u restu ma cuntari tu…si voi stari tranquilla, cuntami tuttu, com’è

            beddu, biondu, castanu, longu, l’occhi chi culura l’avi e comu si chiama…

 

Enz.    Mizzica peggiu d’un carabinieri si! E’ beddu, beddu assai e si chiama Fedele…

Rit.      Di nomu e di fattu?

Enz.    E’castanu, educatu, finu…

Rit.      Ma è cchiù beddu do tò zitu?

Enz.    Ogni cosa chi t’apparteni ti pari sempre cchiù bedda…(entra Grazia)

Gra.    Ciao…(si bacia con Enza) Allura nenti ma cuntari?

Rit.      Già sapi tutti cosi…

Gra.    Alla tua migliore amica…Enza ma chi ti sta capitannu, ci siamo detti sempre tutto…

Rit.      Però non cci diri nenti a tò matri, picchi asinò ‘u sapi tuttu ‘u paisi poi…

Gra.    Rita finiscila di babbiari.

Enz.    Grazia a situazioni nasciu ora, di picca…

Gra.    Ti fici a dichiarazioni già? Tu dicia ca prima o poi si facia avanti…picchissu l’annu

            scorso, l’occhi d’incontro non ti livava mai…ma avi intenzioni di canusciri a tò patri?

Rit.      Ora voi sapiri assai!…

Enz.    Dici ca non si sente sicuru, ma non ne mei confronti..voli un po’ di tempo!

Gra.    Però stai attenta…caso mai alluntanalu subitu…

Rit.      Cosi poi tu pigli tu?…

Gra.    Ma tò soru avi sempre a risposta pronta…

Rit.      Tanti cosi m’insignau tò matri…

Enz.    Grazia ppi favuri, non spargemu a vuci per ora.

Gra.    Non ti preoccupari, non dico nenti mancu a me matri…ciao e fammi sapere. (esce)

S C E N A  IV°

                                (Enza, Rita, Natale, Carmelina)

Enz.    Rita, ma ‘u papà unnè…

Rit.      ‘Nna zia Vita, comu mai non ritorna ancora? (entra la madre con la borsa della spesa)

Car.    (ansiosa) Enza, menumali ca tò patri non ha vinutu ancora…m’avia scurdatu di diriti

            casomai ti dumanna picchi vinisti accussi tardu, cci dici ca eri ‘nni Grazia.

 

Rit.      (mangiando patatine) ‘U papà mischinu è l’ultima rota da carrozza, sempre l’ultimo

            a sapiri i cosi…

Car.    Si, sempre l’ultimo…c’è da to zia Vita ca ogni cosa chi sapi, non vidi l’ura ca c’ha  cunta,    e menumali ca ancora non sapi nenti di stu fidanzamentu…(entra Natale)

Nat.     Ciao Enza, turnasti? Ma unni eri…

Enz.    Papà niscisti tu, e arrivavu iu.

Nat.     Si, ma unnu eratu. (si siede)

Enz.    ‘Nni Grazia…(preferibilmente mentre aiuta la madre a piegare lenzuola)

Nat.     ‘Nni Grazia, sta picciotta di quannu si lassau cu du picciottu, mi pari nell’aria, mah!

            quantu voti a vitti a passeggiata…chi si baciava…chiddu a babbiau!

Enz.    Papà cosi chi capitanu sunnu…

Car.    Oggi giorno…

Nat.     (si alza di scatto) Chi vulissitu diri cu stu … oggi giornu…nautri all’a n t i c a  semu…

            a me casa non capita di sicuru, e quannu sarà ‘u tò momento prima ’u vogliu canusciri

            io…e poi subitu ziti ufficiali!…

Rit.      Papà ma tu troppu sbrigativu si!

Nat.     Talia a chissa, (adirato) va vestiti bona tu ( Rita và nella sua stanza col muso)

Car.    Mangiamu ca priparamu.

Nat.     No, me soru Vita insistiu e mi fici mangiari ddà.

Enz.    Papà ti capita spissu però, e nautri mangiamu sempre suli..

Car.    Poi dici ca sugnu iu, non sapi  ca si maritatu ormai, ‘u fa apposta pi purtari scompigliu.

Nat.     Ma quali scompigliu, avia invitati cci parsi mali e mi fici assitari.

Car.    Va beni, livamu occasioni, picchi asinò finisci ca ‘nni sciarriamu sempre…

Enz.    E pi cui? Sempre pa’ za’ Vita…

Nat.     Circati di finilla ora, e lassatila stari a me soru…(si commuove) picchi haiu sempre ‘nna menti a bon’anima di me patri prima di moriri e mi dissi: circati di esseri

            tutta ‘nna cosa, ca siti…un fratuzzu e ‘nna suruzza…mangiati vautri…

Car.    E cu  ‘nnavi fami!

Enz.    Vaiu ‘nni Rita, e cci fazzu fari a storia…(và)

Nat.     Iu vaiu un pocu o circulu, mi vaiu fazzu ‘nna briscula…(esce)

S C E N A  V°

                      (Carmelina, Rita, Vita con il marito Peppi)

Car.    Io non sacciu cchiù comu a fari cu sta me cugnata Vita…avi stu caratteri accussi

            prepotente, voli vinciri sempre idda…prepotente! (in quel momento entra con il marito Peppi; uomo un po’ scemo, succube della moglie che al contrario ha un carattere forte e burbera)

Vit.      (tiene sempre un borsetta antica ed entra sempre come un capitano, preferibilmente

            battendo un piede, indicando al marito di prendere la sedia e sistemarla dove gli

            indica) Ciao Carmelina, ti sintia diri ca è prepotente, di cui parlavi…

Car.    (impacciata) Di me figlia Rita, senti sempre sta musica…Cugnatu Peppi, si siddiatu?

Pep.    ( vestito con dei pantaloni larghi un po’corti, bradelle,coppola, un trasandato. Fà dei tic con le dita o qualche altra cosa a piacere)  No…

Vit.      E’ stancu, oggi m’aiutau a cucinari e a lavari  i piatti.

Pep.    Sulu oggi!…

Vit.      Zittuti e non diri ‘nna parola superchiu.(Peppi si rannicchia)

Car.    Comu mai sta visita a stu orario Vita!

Vit.      Pi fari visita a ma frati chi c’è orariu?

Car.    Ma io non vulia diri…

Vit.      (interrompendola) Dintra a casa di me frati pozzu veniri quannu mi pari ammia…

Car.    (toglie l’occasione) Cugnatu Pè…ti fazzu un cafè…

Pep.    (in modo buffo) Si accussi digerisciu un pocu…

Vit.      (sguardo forte)Peppi, tu pigliasti stamatina e lu sai ca non ti ‘nni poi pigliari chiassai

            di unu…

Car.    Cci pigliu un cioccolatinu…(sta andando)

Vit.      (stessa scena) fermati…cu stu figatu ch’avi ‘ngrassatu…avi i trentaminesi alti…

Pep.    Chissi sunnu i colliri chi mi pigliu…

Vit.      (alzandosi arrabbiata) Peppi, statti mutu, picchi quannu dici chiassai di ‘nna parola

            sbagli sempre…(si risiede)

Car.    Chiamo a tò niputi Rita…

Vit.      Lassa stari, idda mi sintiu ca sugnu ccà, quindi educatamenti avissi a veniri senza bisogno di chiamalla...

Car.    Però tu si troppu esagerata…

Vit.      (si alza di scatto) Senti Carmelina, iu vinni un pocu pi stari cu me frati, però staiu

            capennu ca voi attaccari scerri!…

           

Car.    (invitandola alla calma) Bonu Vita, assettati ca ora veni tò frati, arrivau o circulu…

Pep.    Un jornu di chisti mangiamu ccà..(contento)

Vit.      M’avia calmatu…però appena apri a bucca tu, mi fai veniri ‘nna cosa ccà dintra

            (si tocca la pancia) ca m’acchiana e mi scinni mi scinni e m’acchiana…

Pep.    (ridendo al pubblico) non trova pusteggiu…

Vit.      Peppi, ma non sai ca prima d’invitariti a ma essiri d’accordu? Prima mi l’addiri

            ammia..! e poi me frati mu dici sempre: a soru, quannu voi veniri non hai bisognu d’invitu…(si commuove) picchi iddu ‘u sapi chi dissi a bon’anima di me patri  prima

            di moriri:  rispittativi… (in quel momento esce Rita con una camicia corta vedendosi

            l’ombelico)

Rit.     Sempre ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza…(si mette vicino lo zio baciandolo)

Pep.    Ciao a niputedda…

Vit.      (imita il marito) Ciao a niputedda, a chiama duci duci…non vidi ca mancu mi salutau?

Car.    Rita docu avi ragiuni a za’ Vita!

Vit.      Vidi ca iu haiu sempre ragiuni…(subito dopo, Peppi col pollice tocca l’ombelico di Rita

            facendogli: tic…tic…tic…tic…ridendo sempre in modo buffo)

Rit.      Quantu mi ‘nni vaiu’nna me stanza và…ciao zio…(mentre và, passa di dietro alla zia

            facendole qualche linguaccia)

Vit.      Carmelina vidi ca sta criscennu un pocu maleducata, i cristiani sparlanu…ammia ddu me frati mi fa pena!

Car.    Non ti preoccupari ca tò frati ‘u sapi comu educari i so figli…

Vit.      Me frati, si…però tu…

Pep.    (si alza) Vita iu haiu sonnu, sugnu tropu stancu…

Vit.      Tu si troppu chiacchiaruni…si stancu? Forza amuninni accussi ti fai ‘u pisolinu, tantu

            Tu cosa sulu di dormiri si…mentre dormi mi sistemi i robi chi stirasti…

Pep.    E comu si fa?

Vit.      Saluta e non diri ‘nna parola superchiu…(Peppi saluta col gesto della mano ed escono)

S C E N A  VI°

(Carmelina, Enza, Mimma, Rita, Grazia, Natale)

Enz.    (esce dalla stanza) Mamma iu apposta non trasivu, ma chi razza di zia avemu? Sempre

            Accussi ‘u tratta o ziu Peppi…’nna mugghieri ca fa cosi cu maritu! Megliu ca non si

            maritava…

 

Car.    Infatti si maritau a quarant’anni…picchi truvau ‘u ziu Peppi ca è un pezzu di pani…

            ti pari tò patri ‘u capisci…sulu ca pensa a chiddu chi ci dissi so patri prima di moriri...

            rispittativi: (in quel momento esce Rita) 

Rit.      Sempre ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza…(ridono)

Enz.    ‘U ziu mi fici ‘nna pena! Troppu esagerata divintau…

Car.    Sempre accusi a statu a mamma, chi voi è puru senza figli ed è un pocu ‘nvidiusa…

            cchiù tempu pasa cchiù stizzusa e isterica diventa.( in quel momento entra Mimma)

Mim.   ( con grembiule da cucina e magari con qualche piatto in mano) Matri carmeli, mentre

            lavava i piatti, da finestra vitti passari a tò cugnata ca ‘nna facci brutta! Ma chi cci dicisti qualchi mala parola?

 

Rit.      Signora Mimma, ma quanti cosi chi voli sapiri…

Mim.   Guarda a idda, poi quannu si arrabbiata veni ‘nni mia pi confortariti veru?

Rit.      Si, ma quannu mi fa dumanni di chiddu chi succedi a me casa io c’hu cuntu però!…

Mim.   Iu? Ma chi sugnu ‘nna pettegola…(imbarazzata)

Car.    Bonu Rita, ca si veni tò patri e senti di discussioni diventa peggiu di so soru…

            chiuttostu a storia a sai?

Rit.      Si, me soru ma fici ripassari…

           

Car.    Ora vai e ti studi a geografia, e poi ti senti a radiu (Rita và)

Enz.    Ma Grazia comu mai non sa fattu vidiri…

Mim.   Parlava o telefonu (in quel momento entra Grazia facendo capire che Marco

            l’aspetta)

Gra.    Mamma stamu ennu a chiesa a pruvari i canti pi Duminica (Enza contenta lo fa

            capire alla mamma)

Car.    Non viniti troppu tardu, o postu di pruvarini deci, pruvatini tri o quattru canti.

Gra.    Mamma, diccillu o papà ca sugnu a chiesa…

Mim.   Non ti preoccupari figlia mia, tò patri avi tanta fiducia (escono )

            Carmeli, ma a tò figlia a vidu tropu cuntenta…avi ‘nna pocu di jorna…

Car.    Mizzica, ma tu sempre ‘nna cosa batti.

Mim.   Si è zita e lu sacciu pi bucca di autri, cci restu mali…quannu fu pime figlia Grazia a

            prima a sapillu fusti tu (entra Natale, saluta Mimma )

Nat.     Enza unnè…

Car.    Ora ora nisciu cu Grazia.

Nat.     Nesci sempre un minutu prima chi arrivu iu…

Mim.   Sti picciotti avi un annu chi si diplomaru, truvassiru qualchi travagghiu…

Nat.     Livatillu da testa Mimma, a fimmina avi a stari dintra…nautri all’a n t i c a  semu…

Car.    Natali vidi ca vinni tò soru e mi dissi di iricci…

Nat.     Quannu veni me soru e ti dici qualchi cosa ta ricurdari subitu, no ca prima mi fai

            trasiri e poi mu dici…

Mim.   Ma chi bontà avi sta to soru Natali, sempre affabili cu tutti, chi fortuna du so maritu

            truvari ‘nna mugghieri accussi!…

 

Nat.     Quantu cci vaiu, asinò si perdu tempu ca coli sentiri poi… (esce)

Mim.   Ma è pazzu ppi so soru, io mi ricordo ancora come si fussi ora, quannu prima di moriri

            tò soggiru i chiamau e cci dissi: rispittativi…(entra Rita)

Rit.      Ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza…

Mim.   Puru Rita ‘u sapi Carmeli…

Rit.      Ormai sti paroli l’haiu fissati ccà (si tocca la testa)

Car.    Di quantu voti ‘u senti diri a sò patri!

Rit.      Chi dici l’ex so genero signora.

Mim.   Non mi cci fari pinsari…paria ‘nn’angioletto, me figlia Grazia ogni tanto cci pensa e chiangi…

Car.    Rita vai a studiari ora, asinò stasira nenti radiu…(Rita và seccata, entra Pasquale)

 

Pas.     Mimma, natra vota ccà si, iu a priparari e tu a curtigghiari…(poi al pubblico) A fimmina chi trasi e nesci de famigli prima o poi si stocca li cavigli!…

Mim.   (seccata) Amuninni tritrolu, arrivederci e speriamo tuttu beni,tuttu beni…(escono)

                                              S C E N A  VII°     

               (Carmelina, Enza, Natale, Grazia, Rita)

Car.    Qualchi vota canciu casa…cu chissa e cu me cugnata sugnu cunsumata…(entra Natale)

Nat.     Ma dicu iu…picchi vi sciarriati sempre cu me soru…

Car.    Per ora ti dinchiu a testa?…Iu nenti dicia, tutti cosi idda dicia: a tò cugnatu non cci fa

            diri mancu ciu; Rita è maleducata e falla vestiri bona…

Nat.     Bonu…bonu…prima ca mi…(entrano Grazia ed Enza) Finalmente ti staiu vidennu!

Gra.    Abbiamo provato dei canti meravigliosi…

Car.    Padre Giuseppe c’èra?

Enz.    Certu ca c’era…

Nat.     Quantu cci vaiu a vidu stu rubinettu a signora Teresa…(entra nella stanza a prendere

            la borsa degli arnesi, nel frattempo Enza gioisce, fanno scena di non far capire niente)

Nat.     (esce subito dopo) Cchiù tardu ‘nni videmu (esce, e le tre donne contemporeanamente

si siedono ansiose )

Car.    Allura a mamma comu finiu? ‘U cunvincisti?…

Gra.    Fra qualche giorno la mia migliore amica è fidanzata ufficiale..(enza gioisce)

Car.    Veru a mamma? Allura ‘u fidanzamentu ufficiali ‘u putemu fari (Enza annuisce)

Enz.    Non poi immaginari di quantu è finu, educatu, beddu…

Gra.    Veru è, poi so matri è una di classe, si vidi ca è continentale…e lu frati cchiù nicu

            che beddu, si eru cchiù nica, mu pigliava iu…(in quel momento entra Rita)

 

Rit.      Posa l’osso…vedi che è già impegnato, ancora iddu non mi canusci (atteggiandosi)

            ma mi conoscerà e di me si innamorerà…

Car.    Quantu menu ti l’aspetti trasi idda…

Rit.      Mamma appena sugnu cchiù granni, vogliu vidiri si tutti sti smancerii chi aviti cu me

            soru, l’aviti cu mmia!…

Enz.    Rita finiscila…mamma chiuttostu, decidemu quannu e comu c’ha ma cuntari o papà…

            prima cu sapi di autri…

Gra.    Ormai ‘u sannu tanti cristiani…

Car.    Ma quannu veni a canusciri a nautri…

Enz.    Fra qualchi jonu…

Car.    E i so genitori?

Rit.      E lu frati cchiù nicu? (Enza si confonde con quelle raffiche di domande)

Enz.    Piano…piano…

Car.    Senti Grazia , vi dica tò matri non sapi nenti, forse immagina qualcosa, però finu a chi

            a cosa non è sicura…

Gra.    (la interrompe) Ancora me matri po’ stari senza sapillu, Enza vidi comu l’addiri a tò

            patri…arrivederci (esce)

Car.    Facemu tuttu con la testa…Enza avi ‘nna simana ca non vaiu no nonnu, veni puru tu

            cu mmia e strada facennu parlamu…Rita tu vai a studiari,( Rita annuisce poi escono)

S C E N A  VIII°

(Rita, Natale, Vita, Peppi)

Rit.      (rimasta sola accende la radio e si mette a ballare, dopo un po’entra Natale)

Nat.     (la vede ballare e le fa il verso accennando al ballo in modo buffo, poi la chiama ma

            Rita non lo vede e non sente per l’alto volume) Rita… (da vicino) astuta sta radiu…

Rit.      (Spaventata) Scusa papà, ora l’avia addumatu, finivu di studiari e mi sintia a  musica...

Nat.     Chissa confusione è, autru ca musica… Unnè to matri e tò soru…

Rit.      Eru no nonnu…(in quel momento entrano Vita e Peppi)

Nat.     Comu mai a soro a stu orariu ccà!…Ni lassamu antura…

Vit.      ‘U sacciu ca avi picca ca ni lassamu…eh! Caru fratuzzu, tempu mezzura ponnu

            succediri cosi ca mancu t’immagini…(già sa di Enza)

Pep.    Ciao Rituzza…

Rit.      Ciao ziu, a voi sentiri un pocu di musica? (Peppi accenna al ballo…ma Vita lo blocca)

Vit.      Senti gioitta, o Rituzza comu ti chiama to ziu, va sentitilla ‘nna tò stanza ca a ma

            parlari…(Rita se ne và) e quannu dici tu cari fratuzzu a fai vestiri cchiù decenti…

Nat.     Non cci pigliau nenti di so soru…

Vit.      Lassa stari ‘u frati, idda ppi ‘nna cosa e l’autra ppi nautra cosa!...

Nat.     Ma chi succidiu pi ora.

Pep.    Cugnatu Natali, sempre stu tonu avi…

Vit.      (adirata) Sparti ca ti fici scola prima di nesciri, ti dissi ta stari mutu…

Nat.     A soru calmati, sempre tò maritu è!

Vit.      Natale, ti permittisti sta vota di diri accussi, ma non lu fari mai cchiù…e menumali

            ca non c’è tò mugghieri, asinò lu saziu…si dinchia a pansa…a propositu unnè?

Nat.     ‘Nni so patri…

Vit.      Almeno tu priparau ‘u mangiari? (controllando) Ti sistimau i robi?

Nat.     Chissacciu iu…

Vit.      Chissacciu iu…ma non sai ca ‘nna mugghieri prima di ogni cosa ava pinsari  o maritu?

            prima veni u maritu, poi ‘u patri a matri e l’autri cosi…

Pep.    Iu sempre ‘u dicu…sempre…

Vit.      Chi ti dissi ca aviatu a parlari…mutu…mutu, asinò ti mannu ‘nni tò matri…

Pep.    No…’nni me matri no…no… (poi al pubblico) è peggiu di idda…

Nat.     Senti a soru, ora finisti di diri ca ‘u maritu veni prima…

Vit.      (interrompendo) Lassa stari, iddu è tuttu particolari…

Pep.    Tu inveci si precisa…

           

Vit.      Ma guarda ca sta cuminciannu a rispunniri…si parli natru pocu stasira ti fazzu

            fazzu mangiari nautra vota carduna…e attia i fazzu cucinari…

Pep.    Avi ‘nna simana chi mangiu carduna…staiu divintannu carduni…(gli dà un colpo

            di borsa, dicendogli di starsi zitto)

Vit.      Caru fratuzzu, avia vinutu cu l’intenzioni di cuntariti certi cosi, ma tu e chissu mi faci         facistivu siddiari; si voi sapiri dumani veni a me casa, a mezziorno precisu e non un     minutu cchiù tardu. (poi al marito) Tu susiti, ca appena arrivamu a casa…

            saluta senza fiatari…(Peppi si tiene la pancia, il respiro per salutare ed escono)

S C E N A  IX°

(Natale, Mimma, Rita, Enza, Grazia, Carmelina)

Nat.     Matri mia, me soru mi fa esauriri…(entra Mimma)

Mim.   E’ permissu…

Nat.     Oh! Mimma quant’avi chi non ti vidia…(ironico)

Mim.   Circava a tò mugghieri…

Nat.     Non c’è…comu mai non a vidisti nesciri….

Mim.   Veramente vitti a to soru Vita cu ‘nna fungia…peggiu di l’autra vota, pinsavu ca

            s’avia sciarriatu cu tò mugghieri..

Nat.     Ogni vota ca me soru nesci di ccà, a vidi sempre ca fungia…ma stai sempre affacciata?

Mim.   Si, mancu si fussi sfacinnata!...(esce Rita dalla stanza)

Rit.      Papà stavota cchiù pena di l’autra vota mi fici ‘u ziu Peppi,’u tratta comu un fantocciu.

Nat.     (fa gesti alla figlia di non far capire niente) Cerca di zittuti (arrabbiato alza le mani)

Rit.      (si dirige verso Mimma per coprirsi e farsi confortare)

Mim.   Natale, accussi a fai scantari, veni ‘nni mia Rituzza accussi  parli senza scantu e mi

            cunti i cosi percisi…precisi…ciao Natale e speriamu tuttu beni…tuttu beni…(escono)

Nat.     Me figlia pari ca non cci culpa…Ma me mugghieri comu mai non torna ancora! Ma

            sugnu curiusu di sapiri chiddu chi m’avia a diri me soru…era nira…(pausa) anche se

            idda e sempre nira…(la moglie era entrata da qualche attimo, aveva sentito)

Car.    Finalmeni ‘u capisti ca non si cci po’ cummattiri, ma tu saziu non mi ‘nna datu mai…

Nat.     Non sai ca mi fa doliri ‘u cori appena anninduva a me patri ca prima di moriri ‘nni

            chiamu e ‘nni dissi: rispittativi sempre…

Car.    Ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza…

Nat.     ‘U vidi ca tu ricordi puru tu! (entrano Grazia ed Enza)

Gra.    Domenica tutti a messa, picchi veni ‘u vescovu e la ma vidiri…

Nat.     Picchi iddu mi veni a vidi ammia!..

Enz.    Papà non scherzari cu vescuvu…

Nat.     Ma non eri cu tò matri no nonnu Enza…

Enz.    Si, poi passavu ‘nni Grazia pi ghiri a chiesa…(imbarazzata)

Car.    Grazia ma to matri non sa vistu comu mai?

Nat.     Si, non sa vistu…mancu nisciu me soru e idda pronta ccà, cci paria ca s’avia sciarritu

            cu ttia…

Gra.    Va beni, vi saluto ca si fici tardu…

Enz.    Grazia si telefona Ma…Mar…Marisa ma raccumannu….

Gra.    Non ti preoccupari…(sottovoce) cerca di driccillu a tò patri…(esce)

Enz.    Papà… (Carmelina incita a dirgli tutto)

Nat.     Chi c’è…

Enz.    T’avissi a parlari…

Nat.     Sugnu troppu stancu, poi si fici tardu, dumani si ‘nni parla, però appena vegnu di me

            soru Vita, dici ca ma va diri cosi importanti…

Enz.    (impaurita) No…prima chi vai ‘nna zia vita ta parlari iu…

Nat.     Mizzica chi si insistenti a figlia…Carmelina va chiama a Rita ca iu cci guardu stu bidè

            a signora Berta culu vasciu (prende la borsa degli arnesi mentre Carmelina forza

ancora la figlia a dirgli tutto ma invano)

Nat.     Cchiù tardu vegnu ( mentre esce Enza gli và dietro ma sempre invano)

Enz.    Mamma, ta parlari…a zia Vita mi vitti cu Marcu!…

Car.    Matri mia, comu facemu ora (si agita) và piglia a Rita e poi videmu comu putemu fari.

            (Enza esce)            

                                                          S C E N A  X°

(Natale, Enza, Carmelina, Rita)

Car.    Matri mia, i cosi seri divintaru, me figlia c’hu stava dicennu e iddu sempre primura…

            (entra Natale)

Nat.     Mi scurdavu ‘nna guarnizioni (entra nell’altra stanza e subito dopo entra Enza)

Enz.    Mamma Rita sta vinennu… (Fa cenno che c’è il padre, poi esce Natale)

Nat.     Carmelina si fazzu tardu voli diri ca mangiau ‘nni me soru…

Car.    Tantu ppi cambiari…

Enz.    Papà aspetta, ta parlari…

Nat.     Ti dissi dumani…e s’avissi a veniri me soru prima c’hu dici. (esce)

Car.    Ma comu ti vitti a zia…

Enz.    Comu mi vitti! Cu l’occhi, comu m’avia vidiri…

Car.    Ora chidda cci dinchi a testa, a quannu a quannu c’hu vuliamu diri…’u bellu ca non

            la po’ contrariari, picchi subitu cci dici:rispittativi sempre…(entra Rita)

Rit.      Ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza!..

Enz.    Speriamu ca non fa a vipera a zia…

Car.    C’è bisogno di falla? Chidda nasciu vipera…’u vilenu non cci finisci mai!

Rit.      Picchi non c’hu faciti sapiri a signora Mimma…mi facia dumanni! Ma iu nenti…

Car.    Rita và ‘nna tò stanza… (Rita và)

Enz.    Mamma ora a zia mi mangia comu ‘nna tigri…

Car.    Tu a coscienza a postu l’hai non ti preoccupari…

Enz.    Ma idda mancu mi duna tempu di parlari…(entrano Vita e Peppi)

S C E N A  XI°

(Vita, Peppi, Carmelina, Enza, Mimma, Grazia, Natale)

Vit.      Comu mai avi deci minuti di ritardu me frati…(poi a Peppi) Tu sediti e mutu…

Car.    Nisciu ora ora, pi veniri ‘nni  tia, prima pero avia fari un travagghiu a signora Berta…

            non si cci po diri di nò a signora Berta!…

Vit.      Picchi non si cci ò diri di nò…Iddu avia appuntamentu cu mmia, cci putia iri dopu…

            almenu si fa pagari?…

Car.    A signora Berta ‘nna fattu troppi favuri!

Vit.      Picchi tò maritu no? Cu cci misi Berta culu vasciu non sbagliau…Menumali ca in certi

            cosi ‘u dirigiu iu a me frati!..

Pep.    Avemu a dirigenti!…

Vit.      Tu mutu, ca a mumenti ta pasciari iu…cara cugnata non ti scurdari ca s’aviti sta

            casuzza a ringraziari ammia,di quantu voti ci dicia a me frati:fatti pagari di tutti…

            per ora fussivu ancora a casa affittata….e tu di mugghieri sti cosi non ci diciatu mai.

Enz.    Ziu ti offru qualcosa? Un biscottu..un cafè…

Vit.      Lassa stari ca non è ura né di cafè né di biscotti,chiddi ‘nni mangiamu dopu…e tu

            sai quannu!…

 

Pep.    Ieri sira appena finivu di lavari i piatti mi mangiavu chiddi  chi m’aviatu datu tu a     cugnata…eranu boni…

Vit.      Ti pigliasti ammucciuni di mia?

Pep.    Tu non mi vidiatu, ti taliavi a telenovela…Cori Selveggio…di quant’avi chi sividi sta telenovela ‘u cori cci divintau cchiù selvaggio ancora…

Vit.      Zittuti botta di sangu! Troppu spaziu ti pigliasti, appena apri a bucca sdirupa mille

            paroli…

           

Car.    Bonu Vita, assettati…

Vit.      E tu dopu mezzura chi sugnu ccà mi dici assettati? Ma chi ti pari ca non lu sacciu ca

            non vidi l’ura ca mi nni vaiu?

Enz.    Zia calmati un pocu…

Vit.      ‘Nna calmata ti la dari tu, si fussitu me figlia ti facissi stari cu du’ pedi dintra ‘nna

            scarpa…

Pep.    E ammia picchi mi fai stari cu du’ mani dintra ‘nna guanta?

Car.    Senti Vita, (arrabbiata) intantu non è tò figlia ma è me figlia, iu haiu tanti pinseri

            ca tu non sai, e mi facisti siddiari, si ti voi assittari assettati asinò dda c’è a porta…

Vit.     (Incredula) Matri mia…non cci pozzu cridiri…

Pep.    (contento) Cridici…cridici…(ride sempre in modo buffo)

Vit.      (come un’isterica) Mi sta ghitannu fora, fora da casa di me frati…ah! si cci fussi iddu

            e sintia sti cosi!…

Pep.    (ride) ‘Nni ghittava prima fora, sediti non facemu ridiri i vicini…

Vit.      Chista è a casa di me frati, lu sangu meu (bettendosi il petto) e si hai curaggiu la diri

            mentre c’è me frati…

Pep.    (si alza come se volesse prendere la situazione nelle mani) Finitila…

Vit.      Mutu tu…(si risiede impaurito, subito entrano Mimma e la figlia)

Mim.   Chi c’è Carmelina, si senti mali qualcunu?

Car.    Me cugnatu Peppi…(Graz. si era avvicinata a Enza facendo capire qualcosa di Marco)

Mim.   Sintia vuci e mi scantavu…            

Gra.    Io ed Enza niscemu un pocu…(escono)

Mim.   Signora Vita aviti ‘nna facci! Sig.Peppi, faciti siddiari a vostra mugghieri? Avi ‘nna

            mugghieri d’oru e si l’avi a garantiri, l’avi a trattare cu li guanti gialli…

Pep.    Signora Mimma, veramente quannu lavu i piatti, i lavu cu ‘nna guanta e certi voti

            senza guanti, picchissu sugnu sempre raffreddatu…(esce un fazzoletto)

           

Vit.      Ta va cadiri a lingua, susiti, saluta a signora Mimma e camina, ca a casa ti dugnu iu

            i guanti…      

 

Pep.    Basta ca mi duni…

Car.    Mimma pi favuri va pigliami un pocu di prezzemolo…(la spinge per farla andare)

Mim.   Mizzica proprio no cchiù bellu mi manni!…(entra Natale)

Mim.   Natale chi soru chi hai…chi cori granni c’avi!…(esce)

Nat.     Vita stava vinennu ‘nni tia, fici tuttu di cursa…

Vit.      Iu inveci mi ‘nni staiu ennu, e non mi diri cchiù ca chissa è a me casa…non ti fai

            rispittari ‘u frati, no…(prima di uscire) ah! ti facisti pagari da signora Berta?

Nat.     ‘Nna cosa di nenti era…

Vit.      (toccandogli gli occhi) Apri l’occhi, ca l’hai chiusi ‘u frati…veni a me casa ca ti cuntu

            quattru cosi (poi a Carmelina) e tu ricordati ca ‘u maritu è iddu…iddu!

Pep.    E iu cu sugnu!

Vit.      Tu si cosa ti teniri a cannila…mutu e nesci…

Pep.    A cannila? Ma si mi dici sempre ca avemu ‘u lampiuni dintra…

Nat.     Aspetta a soru ca vegnu cu ttia, accussi guadagnamu tempu…

Car.    Logicamente mangi ddà veru?

Vit.      Si, mangia a me casa…

Pep.    (mentre escono) E iu apparecchiu, lavo, stiru e ora tegnu puru a cannila!(escono)

S C E N A  XII°

(Carmelina, Rita, Enza, marco, Fedele, Natale)

Car.    Matri mia, sugnu esaurita, quantu chiacchiri  sta me cugnata…(entra Rita)

Rit.      Ma quantu è cumannera,(la imita) Ntatale ti facisti pagari? Vidi ca ‘u maritu è iddu…

Car.    Bonu tu ca ancora si nicaredda pi certi cosi…

Rit.      Iu anchi a trent’anni pi vautri fussi sempre nicaredda, me soru Enza all’età mea era

            già matura…(in quel momento entra piena di gioia)

Enz.    Mamma è fatta…Marco veni dinta ppi canusciri a vautri…

Rit.      Puru so frati Fedele?

Enz.    Si, però spicciamuni ca a mumenti vennu, Grazia ‘u sta dicennu a so matri, ormai!…

Car.    Rita va sistemati a tò stanza dai…(Rita và) Enza telefonamu a tò patri e cci dicemu ca

            veni prestu…ora iddu si trova impreparatu cu stu fattu, cu sta storia… (entra Natale)

Nat.     (Arrabbiatissimo) Nonc’è bisogno di telefonare, picchi già sacciu a storia, a geografia,

            l’italianu e ‘u  mi la ne si…(Enza si mette dietro la madre)

Enz.    Papà iu circavu di diritillu…(girano attorno al tavolo)

Nat.     Zittuti (pugno sul tavolo) Iu sugnu capo famiglia, e la sapiri subitu, anzi subitissimu,

            anzi prima ca nascinu…’nveci i sacciu di me soru Vita, e chi cosi mi cuntau!…

Car.    To soru parla a vanvera!

Nat.     (imitandola) To soru parla a vanvera!certi mumenti mi pari ca me soru avi tortu,

            inveci poi capisciu c’avi sempe ragiuni…( esce Rita con le patatine)

Rit.      Puru cu ziu Peppi avi ragiuni? ‘U tratta comu un servu…

Nat.     Ma di unni spuntau chissa…(accenna alle mani) chi voi ‘nna mangiata di bastunati?

            (Rita scappa ed entra di nuovo nella sua stanza)

Enz.    Papà…Marco mi voli…mi voli…mi voli…

Nat.     Mi voli…mi voli…ora vulamu tutti…paremu ‘nna famiglia d’aceddi! Iu lu vogliu

            canusciri e subitu anzi subitissimu a ma decidiri stu fidanzamentu ufficiali…

 

Car.    Ora calmati ca a mumenti vennu…(Natale si và calmando, poi si siede)

Nat.     (mentre moglie e figlia impaurite vicine, ma lontano da lui) Ma chi famiglia sunu!

Enz.    (veloce si stacca dalla madre e si siede vicino al padre) papà, so patri è sicilianu da

            provincia d’Agrigentu di un paisi vicinu Sciacca; so matri nasciu aMilanu; Fedele e

            Marco (quel Marco pronunciandolo in modo diverso e dolcemente) nasceru puru a

            Milanu e sunnu parenti du notaiu Barrili…

Nat.     Ma capiscinu tutti cosi in sicilanu? Asinò comu ‘nni capemu…

Car.    Tutti cosi capiscinu…

Nat.     Tu già sei informatissima.

Enz.    Papà priparati…

Nat.     Chi ma priparari…prima lo devo canoscere, e cci dicu subitu ca semu all’ a n t i c a…

            (bussano, entrano Marco e Fedele)

Mar.   Buongiorno ( accendo milanese, elegante, distinto e composto)

Enz.    Marco…(gli sia vvicina e lo prende per mano)

Car.    Pergo trasiti…trasiti…

Nat.     Ma si sunnu dintra già, chi cci dici trasiti…accomodativi…(poi a Fedele)

            tu sei il fratellino più piccolo?

 

Fed.    (sportivo, montato, atteggiamento diverso da Marco) Si sono prorio io, e lei è il

            padre di mia cognata…(guardandolo dal basso in alto) l’ho capito subito…e la

            sorellina più piccola dov’è?…

Car.    Ora veni…(contenta)

Nat.     Picchi chi voli ca sorellina cchiù piccola…

Enz.    Ppi canuscisi papà…

Nat.     Sti conoscenzi tutti a ‘nna vota sunnu pericolosi…’u sicilianu ‘u capiti veru?

Mar.   Comprendiamo tutto, mio padre ci ha insegnato tutto…Fedele di qualcosa in siciliano

            al sig. Natale…

Fed.    (esce un pettine dalla tasca di dietro, un colpo ai capelli e poi:) A unnè vostra figlia a

            cchiù nicaredda…

             

Nat.     E cci batti!…(al pubblico)

Car.    Ma che spiritusu stu ragazzu…

Mar.   Signora, anzi ancora non lo conosce bene…

Nat.     Megliu ca ‘u canuscemu piccaredda…

Enz.    Marco mio padre ti vuole dire alcune cose, cumencia Papà…

Nat.     Allura…dunque…eh!.. ah!.. io…ecco…’nzumma prima di ogni cosa ti devu dire ca

            nautri semu all’ a n t i c a!…iu cci tegnu a certi cosi, ‘nna me famiglia vogliu affettu

            e rispettu…

Mar.   Certo, io so che siete una famiglia per bene, quando Enza verra a stare co me…

Nat.     Aspetta…aspetta non curriri, dicisti quando: stu quando si devi decideri subitu, anzi

            subitissimu, (in quel momento entra Rita, saluta Buon giorno e Fedele si alza di scatto)

Fed.    (le và incontro pian piano anche Rita fa cosi) Rita…

Rit.      Fedele… (mentre Natale li guarda stupito)

Fed.    L’ho capito che sei Rita!…(sono quasi vicini)

Rit.      Lho capito che sei Fedele!…(tendono le braccia e si toccano per la mani)

Nat.     (al centro, guarda ora lui ora lei, subito li stacca) Pari c’avi ‘nna vita ca si canuscinu…        assittativi e state tranquilli…(si siedono vicini sul divano e ogni tanto si guardano)

           

Nat.     Allura Marco, chi intenzioni hai cu me figlia…

Car.    (seduta vicino Enza tenendola per mano) intezioni serissime…

Mar.   Verissimo…(Enza si commuove)

Nat.     Senti Marco…(Fedele e Rita sitengono per mano e fanno scena, Natale si accorge)

            chi stati facennu vautri…ma chi vi vulissivu purtari tuti dui a ‘nna vota?Carmelina vogliu stari un pocu sulu cu Marco, viditi comu putiti fari…

Enz.    Amuninni ‘nna signora Mimma, tantu ormai ‘u sapi…(escono, mentre Fedele sbuffa)

S C E N A  XIII°

(Natale, Marco, Enza, Fedele, Carmelina, Rita)

Nat.     (girandogli attorno lo squadra tutto) Finalmente soletti senza chi nuddu cci rumpi i

            scatoletti…vuoi bevere qualcosa? (prende qualcosa con due biccherini) quanti anni hai.

Mar.   (seduto) venticinque…

Nat.     Chi lavoru fai…(come un vero interrogatorio)

Mar.   Mi sono dilpomato geometra, lavoro nell’azienda che mio padre dirige…

Nat.     Vidi ca dintra a me casa cu trasi non nesci cchiù…

Mar.   Ma io voglio restare sempre con Enza..

Nat.     ‘Nni sti giorna voglio canoscere a tò matri e a tò patri…

Mar.   Certo è giusto…

Nat.     Entru un anno vi dovete maritari, datu ca travagghi…ammia sti cosi longhi mi

            dunanu fastidiu, mi cumencia ‘u manciasciumi e poi ma grattari…

Mar.   Al più presto non si proccupi, cosi non si gratta…

Nat.     ‘U fidanzamentu ufficiali quannu ‘u facemu?

Mar.   Penso che questo lo dovremmo decidere io e Enza…

Nat.     Tu, Enza ed io!…entro oggi…

Mar.   Abbiamo finito?

Nat.     Aspetta…dopo sposati unni stati?

Mar.   Ma sicuramente nella mia città, qui non abbiamo né casa né lavoro…

Nat.     (Contrariato) Chissu è veru, si durante a me vita avissi risparmiatu chiassai per ora

            avissi nautra casuzza e me figlia putia ritari ccà, avissi ascutatu a me soru Vita!…

            avi sempre ragiuni…

Mar.   L’importante è volersi bene e stare bene…

Nat.     (lo prende sottobraccio e lo porta al centro del palco) Oggi e dumani ca ci sarà un

            nipotino, chi nomi cci mittiti…

 

Mar.   Questo lo decideremo io e Enza…

Nat.     E magari iu…

Mar.   Se proprio ci tiene, Natale è un bel nome…

Nat.     Magari vi calcolati  u‘ tempu pi fallu nasciri no periodu di Natali, accussi c’è a scusa…

            pero non dri sti cosi ai to genitori, picchi poi pensano ca sugnu unu ca cci teni o nomi…

Fed.    (entra in quel momento) Marco quella signora Mimma è di un cortiglio,mi ha fatto

            l’interrogatorio di secondo grado…

 

Nat.     Io a tò frati c’hu fici di terzu e di quartu…(entra Enza con la madre)

Enz.    (vicina a Marco stretti) Allora papà che avete deciso…

Nat.     Intantu non vi stringiti forti forti ancora (dividendoli) picchi cu focu acchiananu i

            calura, poi a paglia adduma subitu, certi voti mancu i pompieri cci ponnu…Marco

            è un picciottu a posto, abbiamo parlato di tante cose…

Fed.    Cci fici a testa quantu un palluni…

Car.    Marco tò frati bonu parla sicilianu…

Fed.    Chi lo sa se un giorno sarò pure vostro genero…

Nat.     Non ti mettiri tanti cosi pa’ testa…

Fed.    Ma io sono Fedele di nome, ma in reltà, sugnu tosticeddu…solo a Pasqua sono Fedele!..

Nat.     E iu sugnu Natale di nomi…quannu veni natale fazzu l’onomasticu

            e ti dicu ca tu a me casa non entrerai mai…

Mar.   Alora , decidiamo il da farsi…

Car.    Giustu decidemu, almenu quannu siti ziti ufficali, non po parlari nuddu quannu vi

            vidunu suli…  

Nat.     (di scatto) Quali suli…a cumpagnia cci voli sempre!

Enz.    Papà non esagerare…

Fed.    Ed io dovrei farmi fidanzato con una siciliana?! Con questa mentalità da medioevo?

Nat.     Chissu mi fa fari i budedda fradici…menomali ca no sei me jenniru…

Fed.    Menomali ca non è me soggiru…

Car.    Tuttu sapi diri in sicilianu…tuttu…(entra Rita)

Rit.      A signora Mimma cci paria ca era zita cu Fedele.

Fed.    Tu non ti sposerai mai, cu sta testa chi avi to patri!

Mar.   Fedele basta…

Rit.      Fedele vieni, ti faccio vedere la mia stanza e i miei dischi…(vanno)

Nat.     Carmelina ogni tanto dacci un’occhiata…(Carm.va a chiudere la porta della stanza)

            Ma chi fai, lassala un pocu aperta…allora Marco stabiliamo giorno ed orario…

Mar.   Va bene per voi Lunedi alle sei…(annuiscono) Lunedi alle sei con i miei…

Enz.    (contenta bacia il padre) ‘U vidi di quantu è seriu papà…(escono Rita e Fedele)

Mar.   Fedele andiamo adesso. (stanno per uscire)

Nat.     Senti Marco, tò frati qualcosa in siciliano a dissi, attia non ti sintivu diri nenti, dilla

            qualcosa pi favuri…

Mar.   (con ironia) Mi facisti a testa quantu un palluni (Nat. Rimane sopito) Sto scherzando!

Nat.     Menumali, picchi gia m’aviatu cadutu do cori…(Mentre escono, Enza gli và incontro)

Enz.    Marco ti voglio bene…(si salutano ed escono)

Car.    Saluti a casa… (contenti le tre donne gioiscono)

Nat.     Speriamo bene…Carmelina, quantu cci vaiu a vidu  stu scaldabagno a signora Maria,

            dici ca cci perdi di tutti i lati…circamu di fari a vita normale…ma chi siti ‘mpalati?

            prende la cassetta ed esce)

S C E N A  XIV°

(Vita, Peppi, Carmelina, Enza, Rita)

Car.    Enza tò patri ristau cuntentu…(gioiosa)

Enz.    Non vidu l’ura ca vennu i me soggiri accussi i canusci (entrano Vita e peppi)

Vit.      Iu già i canusciu, e ti dico ca to soggira avi  l’aria du continenti…

Pep.    Iu ancora a nuddu canusciu…

Vit.      Tu zittuti…assettati…

Enz.    Zia unni vi canuscistivu…

Vit.      Ppi casu, non sapi ca sugnu tò zia, parlava ca mugghieri do dutturi, comu si atteggiava.

Enz.    Zia non poi giudicare cu ‘nna vota ca vidisti…

Vit.      Vidi a sottoscritta, ppi sti cosi non sbaglia mai, oggi e dumani mu sa diri.

Pep.    Vita cosi a fai scuraggiari a tò niputi…

Vit.      (arrabbiata) Ma ti dissi di parlari? Non mi fari siddiari asinò…(in quel momento si

            sente la radio ad alto volume, Peppi accenna al ballo in modo buffo)

           

Vit.      (guarda il marito e smette di colpo) Ccà dintra non si cambia mai, falla finire ca mi

            pari a casa de zingari…(Enza si dirige verso la stanza dopo un po’ Rita smette)

Pep.    Cugnata nenti mi offri!

Car.    Dimmi chiddu chi voi.

Vit.      Peppe…Peppi, vogliu sentiri chiddu chi voi…

Pep.    (spaventato) Un ca…ca…fè…

Vit.      (si alza di scatto) Ma allura non capisci, ma quantu voti ta diri ca ti fa mali, a casa non

            ‘nni cerca mai, appena arriva ccà tutti i vogli cci vennu a iddu…

 

Car.    Ti pigliu un biscottu…

Vit.      Lassa stari, i cosi duci cci gonfianu ‘ stomacu…

Pep.    (arrabbiato batte i piedi per terra) Non mi pozzu pigghiari mai nenti…

Vit.      Sparti si siddia!…Peppi amuninni e chissu chi facisti non mu scordu cchiù…ogni vota

            ca vinemu ccà ‘u fai apposta, appena arrivamu dintra i piatti di avant’ieri, di ieri e di

            oggi ti lavi tutti tu…(esce Rita)

Rit.      Zia arricoglili puru ppi ‘nna simana, tantu sempre ‘u ziu i lava…chi fortuna cu trova

            un maritu comu ‘u ziu…

Vit.      Tu hai a lingua troppu longa…Carmelina non cci dici nenti? Falla crisciri accussi…

            (Carmelina ed Enza la invitano alla calma) Basta...si calma…amuninni Peppi (escono)

S C E NA  XV°

(Carmelina, Enza, Mimma, Natale, Rita, Grazia, Pasquale)

Car.    Cchiù passa ‘u tempu chiassai peggiora…

Enz.    Puvirazzu ‘u ziu prima de so jorna mori…

Car.    ‘U sintisti dici ca tò soggira avi l’aria do continenti…

Enz.    Mamma, è una di classe, ognuno avi i so modi…(entra Mimma con Grazia)

Mim.   Cummà vitti passari a tò cugnata cu ‘nna facci! Comu voli beni a ddu so maritu,

            camina camina cci dicia; appena arrivamu dintra ti fazzu lavari…ma cci pripara

            tutti cosi, i robi i pantofoli…

Rit.      ‘U detersivu…i piatti…

Car.    Rita...

Rit.      ‘U capivu, mi vaiu a ripassu a storia (va)

Mim.   (guarda Enza) Allura a quannu sti confetti…

Car.    Mimma non dciti nenti a nuddu ancora, dopo chi si fa zita si ‘nni parla…

Mim.   Veramente mentre vinia ccà ‘ncuntrai a sgnora Giovanna, a signora Pina cu so maritu,

            a  Ninu Padedda e mi dissiru di farivi l’auguri…Puru ‘u parrinu ‘u sapi…

Car.    E cu c’hu dissi o parrinu?

Gra.    Suor Martina…

Car.    E a suor Martina cu c’hu dissi?

Mim.   ‘Nni stu vicinatu nostru ‘u sapiti quantu curtigghiari cci sunnu…

Enz.    Mamma esco un pocu cu Grazia…(stano per uscire ed entra Natale)

Nat.     A unni stati ennu…

Enz.    A chiesa papà…(escono)

Nat.     ‘U sannu tutti già, tutti l’auguri mi davanu…un bellu matrimonio sarà, dicianu…

Pas.     (entra) Mimma, sempre casa casa si…(al pubblico) cu ‘nna mugghieri curtigghiara

            si ‘u maritu non cci rumpi l’ossa si ‘nnivà presto dintra a fossa!…

Car.    Natale priparamuni ca dumani vennu…

Mim.   A chi ura vennu cummà…pozzu veniri?

Nat.     Veramenti semu in famiglia.

Car.    Magari viniti  dopu un pocu, Pasquali purtati a fisarmonica cosi facemu musica…

            dai Natali priparati…(ansiosa)

Nat.     Ma chi ma priparari…

Car.    Comu vennu i soggiri di tò figlia e non ti pripari? Mettiti a cravatta, fatti a barba…

Nat.     Oh!…oh!…calmati, vidi ca dumani vennu, chi ma curcari ca cravatta!?

Mim.   Iu portu un pocu di dolci fatti cu li me mani…

Nat.     Cci pinsamu nautri pi dolci…

Mim.   Va beni nautri  ‘nniemu, cosi ‘nni priparamu…(sta per uscire) sintiti, si vidu a

            signora Franca tignusa c’hu pozzu diri? Mischina è l’unica ca non sapi nenti…(escono)

Nat.     Finalmente un po’ di paci…(sisiede rilassato, ed entra Rita)

Rit.      Papà…(con una minigonna nelle mani)

Nat.     E finiu a paci! (senza accorgersi della minigonna)

Rit.      Ma pozzu mettiri a minigonna, per ora si usanu…

Nat.     (si alza di scatto) Attia ti mettu quattru colpa ‘nna testa…

Rit.      (si ripara dietro la madre) Vogliu fari bona figura cu Fedele…

Nat.     Ammia Fedele non mi piaci…

Car.    Però è birbanti…(enta Enza)

Enz.    Tanti auguri da parte du parrinu…

Nat.     Du monacu no!…amuninni a ripusari picchi dumani avemu ‘nna jurnata!…(sipario)

A T T O  II°

S C E N A  XVI°

(Carmelina, Natale, Enza, Rita, Marco, Fedele)

                            (tutti euforici, con ansia, per l’attesa di Marco e dei genitori)

Nat.     (ad Enza che gira) Fermati un pocu, si tutta frigli frigli…

Car.    Lassala stari, a mumenti sunnu ccà, mettiti a cavatta…

Enz.    Mamma stu vestitu è bellu veru? (elegantissima)

Nat.     A testa l’avi cu sta cravatta…Quantu ma vaiu a mettu…appena trasinu c’hu dicu

            subitu: nautri semu all’ a n t i c a…(entra nella stanza)

Rit.      Mamma puru u me vestitu è bellu veru?

Car.    Tutti beddi semu a mamma…ma iu sugnu bona? (annuiscono)

Rit.      Papà ma zia Vita veni? (Natale esce aggiustandosi la cravatta

Nat.     A zia ‘nni sti occasioni cci voli comu ‘u pani…

Car.    Sugnu emozionata…

Enz.    A cu lu dici! Sugnu innamorata…

Rit.      Iu sugnu frisca comu ‘nna limonata…(Nat. li guarda stupito)

Enz.    Forse Marco veni qualchi minutu prima.

Rit.      Puru Fedele? Lassa stari a Fedele ca non è pani pi ttia! Invece Marco è sincero, e poi

            mi ha fatto un promessa…

 

Car.    (intanto sistemava le ultime cose) Stu vasu ‘u mittemu ccà…

Enz.    No, lassamulu unni era…(lo prende e lo rimette a posto)

Car.    Mi pari bruttu ccà…(lo sposta di nuovo)

Enz.    Bonu è ccà…(lo rimette a posto)

Car.    La radiu, guardamu si c’è polveri…(Rita fa segnale a padre come a voler dire:esauriti)

Nat.     Circati di finilla asinò mi mettu a fai vuci…(bussano, si sistemano tutti, Natale assume

            un atteggiamento da gentiluomo) Aspittati un attimo: sugnu misu bonu accussi?

Enz.    Ccà sunnu, dai…(entra Marco elegantissimo con un mazzo di rose, saluta Enza, Rita,

e la suocera con un bacio mentre a Natale gli dà la mano)

Nat.     (al pubblico) A tutti ‘u bacio cci detti ammia a manu…Marco qui hai sbagliato!

Mar.   Ha ragione…scusi…scusi di cuore…(lo bacia)

Rit.      E Fedele dov’è?

Mar.   A momenti arriva.

Car.    Io e Enza andiamo alla pasticceria.

Nat.     Purtativi a Rita puru..

Nat.     Marco, ricordati della promessa chi mi facisti…

Mar.   Quale!

Nat.     Ma tu scurdasti gia? (in quel momento entra Fedele, si ferma vicino la porta)

Mar.   Non si preoccupi faro in modo che il nipotino nasca nel periodo di Natale

e lo chiameremo natale…(Fedele aveva sentito)

Fed.    E se nasce femmina?…

Nat.     (girandoso di scatto) Ma chissu è n’aceddu di malagurio…

Fed.    Rita dov’è nella sua stanza…posso…(si dirige, maNatale lo blocca)

Nat.     Assettati beddu, tu a testa sempre a partiri pi l’autra stanza l’hai…

Mar.   E’ bella questa usanza che avete in Sicilia per il fidanzamento.

Fed.    Si, bella è…menomale che non sono il fidanzato, altrimenti mi facevo…(pausa)

Lo dico in siciliano? (Natale annuisce) asinò mi facia i budedda fradici…

Nat.     (al pubblico) Sugnu sempre cchiù convintu ca ppi jenniru non lu vogliu.

Fed.    Io ho una mia filosofia…ziti sempre, maritati mai!…

Nat.     Ma quannu vennu…capaci ca ora vennu i toi Marco e i mei ancora hannu veniri.

Fed.    (si avvicina a Natale) Ma questo nodo chi gli e l’ha fatto?

Nat.     (contento) Io, è bellu veru?…

Fed.    Sembra una melenzana moscia ..moscia…

Mar.   Fedele ora basta…

Fed.    Sig.Natale, mia madre nota tutto di tutto ed ha la risposta pronta ad ogni cosa.

Nat.     Ccà cci voli me soru Vita, speriamo ca veni in tempo.(entrano Carm.Enz.Rit.

con qualche vassoio di dolci, si siedono tutti guardandosi)

Enz.    Marco…

Mar.   Enza…

Fed.    Rita…

Rit.      Fedele…

Nat.     Carmelina…

Car.    Chi c’è…

Nat.     Nenti, si chiamaru tutti unu appressu a l’autru e ti chiamavu puru io.

Car.    Rita sti dolci per ora mettili ‘nna tò stanza.

Fed.    L’aiuto io a Rita a posarli nella sua…s t a n z a…

Nat.     A testa l’avi o caciu!…

Car.    Dai oggi allegria!

Nat.     Allegria! Mi pari Mihe Bongiorno…

Fed.    Pippo Baudo è più fine…

Nat.     Iddu ch’avi a mettiri sempre a soa! Marco quanu vennu i toi, forse suscurdaru?

Enz.    Non ti preoccupari papà… (si sente bussare)

S C E N A  XVII°

(Giovanni,Silvia,Carmelina,Natale,Fedele,Marco,Enza,Peppi,Vita,Mimma,Pasquale,Grazia)

           

Gio.     (padre di Marco) E’ permesso…

Car.    Pregu…pregu…trasiti…

Gio.     Grazie molto gentile (a braccetto con la moglie Silvia, donna di classe,

elegantissima, indossa un cappello, un abito lungo, guanti ect.)

Car.    Accomodativi. (si accomodano)

Gio.     Enza, ti avevamo visto in fotografia, sei una bellissima ragazza…

Nat.     E’ a stessa da fotografia!

Siv.      E quest’altra ragazzina è la sorellina…

Fed.    Mamma cosa mei è…

Car.    Sapi diri tutti cosi in siciliano stu ragazzo…e lei capisce tutto?

Siv.      (atteggiandosi) Capisco tutto…mio marito mi ha insegnato tutto perfettamente.

Nat.     Megliu,  accussi non avemo difficoltà…(attimo di silenzio, tutti imbarazzati)

Car.    Me maritu comu capu da famiglia cci manca a parola…

Nat.     E chi sugnu cani?

Car.    Eh! Sugnu emozionata, vulia diri ca voli pigliari a parola, voli fari un discursu..

Gio.     Prego faccia pure…

Nat.     (imbarazzato, non vuole alzarsi ma Enza e Carmelina lo spingono)

Dunque! eh…eh…nautri semu all’ a n t i c a… sogno contento per Marco

e mia figlia Enza…auguri…(si siede sudato)

  

Mar.   (esce la fedina e la dà ad Enza) Questo è per te…(Enza scoppia in lacrime)

Sil.       Il matrimonio probabilmente lo faremo a Milano.

Nat.     Ma non è megliu in Sicilia?

Car.    Lu stessu è! Natale, Milano è bella…

Gio.     Poi ci metteremo d’accordo.

Sil.       (autorevole) Meglio a Milano…lì, noi abbiamo quattro appartamenti, possiamo

ospitarvi benissimo…

Gio.     Sa, io sono nato a Sciacca in provincia di Agrigento…a me piace stare in Sicilia

però non più di un mese…noi a Milano abbiamo messo su un’azienda…

Sil.       Per le spese non vi preoccupate, caso mai affronteremo noi più della metà, noi…

Mar.   (la interrompe) Mamma non pensi che ancora è presto per parlare di dove

sposarci? 

Sil.       E quando ne vuoi parlare? Non sai di come si ragiona in Sicilia?

Fed.    (al pubblico) Faccio bene che non mi sposo.

Gio.     Sig. Natale, se si sposano in estate è più facile che voi salite su…

Nat.     (si alza, poi al pubblico) In estate? E si ‘u niputeddu nasci verso Pasqua, poi

cci mettono Pasquale?         

Car.    Ma non è megliu ca decidono i fidanzati?

Sil.       Mio figlio in ogni occasione vuole sempre il mio parere.

Gio.     Gli stiamo facendo un progetto per una villetta in qel terreno che possediamo                         a Sciacca.

Nat.     Allura stannu a Sciacca dopu maritati, menumali…(contento)

Car.    Matri cci sunnu quasi tri uri di strada…

Nat.     Anzi, sempre in Sicilia sunnu…

Sil.       Niente da fare…abiteranno a Milano!

Nat.     A Milano? Gia decidistivu?

Enz.    Non ti poccupari papà…poi parliamo di questo.

Gio.     D’altra parte in questo paese dove potrebbero abitare!

Sil.       Noi lì, abbiamo quattro appartamenti (mentre si toglie i guanti con classe)

il lavoro, amicizie, tutto e staranno magnificamente! Vero Enza?(Enz.annuisce)

Rit.      Papà prima di mangiari i dolci iu e Fedele ‘nni putemu sentiri un po’ di musica?

Car.    Si, trasiti nell’altra stanza, tantu ccà dintra semu stritti…(vanno)

Gio.     Quanti metri quadrati è questa casa.

Nat.     Ma veramenti nun lu sacciu…

Sil.       Quante stanze avete…

Nat.     Picca e nenti!

Sil.       Enza…Enza, adesso cambierai da cosi a cosi…(fa il gesto)

Nat.     Avi subitu a risposta pronta, ccà cci voli me soru Vita, non vidu l’ura ca veni.

Vit.      (entra assieme al marito proprio in quel momento) Mi chiamasti u frati?     

quannu u sangu chiama, u sangu rispunni…(elegante, con cappello e borsa)

Enz.    (fa le presentazioni) Zii sedetevi…(Peppi è vestito con un papion, giacca

a quadri, pantaloni poco corti e un fiore che gli esce dall’occhiello della giacca)

Vit.      Allura u frati, putemu cuminciari a parlari di stu fidanzamento?…

Sil.       (con aria) E’ già da mezzora che ne parliamo.

Nat.     A soru tu non arrivavi…

Vit.      Bravi…e bravo a me frati! Tu cumenci senza di tò soru? Bellu rispettu chi mi

porti! Tu scurdasti chi dissi a bon’anima du papà prima di moriri…

Gio.     Che vi ha detto!

Vit.      Ha detto precisamente…

Pep.    Rispittativi sempre ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza…(ridendo in modo buffo)

Vit.      Ti fai canusciri puru ccà Peppi…

Pep.    Attia ti canuscinu bona e tutti…(Vita lo prende per un braccio bruscamente)

Nat.     Finemula ora dai….

Enz.    Zia poi ti cuntamu tutti cosi.

Vit.      ‘U sacciu comu mi cuntati i cosi, a modo vostro…

Car.    (seccata) Natale vidi ca è a festa di tò figlia.

Gio.     Signora Vita perché è cosi adirata…

Vit.      Iu tirata non cci sugnu…

Sil.       Giovanni parla un po’ più facile…

Enz.    Zia me soggiru ti dissi  a d i r a t a   non tirata, significa arrabbiata.

Mar.   Un po’ di calma…zia Vita, coraggio che al più presto ci verrà a trovare a Milano…

 

Vit.      A Milano!? Ma aviti intenzioni di stari ddà?

Sil.       Sicuro…sicurissimo.

Vit.      Già decidistivu tutti cosi, (poi al fratello) e tu ti calasti senza diri nenti?

Sil.       Signora noi abbiamo tutto a Milano…

Pep.    E nautri ccà non avemu nenti…

Gio.     Lei che lavoro svolge.

Pep.    Veramenti di quannu mi maritavu fazzu ‘u casalingu.

Sil.       Lei deve essere proprio un brav’uomo…

Car.    Un pezzo di pane.

Vit.      Signora Milanese, po’ fari a meno di fare certi battuti, picchi lei e me cugnata prima           ca parlati v’aviti a sciacquari a bucca ca candeggina…

Sil.       (alzandosi) Ma come si permette…(la scena si anima)

Pep.    Chi malafigura, megliu ca ristava dintra a lavari i piatti. (Nat. calma Vita)

Car.    Natale ti ricordu ca è a festa di tò figlia…

                       

Enz.    A festa si sta sfasciannu. (Marco l’abbraccia)

Vit.      Ora non apro cchiù bucca, e tu fratuzzu non circari cunsigli mei, tantu facistivu tuttu.

            Peppi tu appena cci sunnu i dolci, non approfittari, non ti pigliari chiddi al cioccolato

            ca poi ti aumentano i trentaminesi…

Gio.     Signora non si chiamano trentaminesi…ma transaminasi…

Vit.      ‘U sacciu comu si chiamano, me maritu è tuttu particolare. (nel frattempo Enza e

            la madre apparecchiano aprendo i vassoi cn i dolci)

Gio.     Ah! sono bellissi i dolci siciliani.

Vit.      Ccà avemu tutti cosi boni…

Sil.       Anche a Milano…

Pep.    Ma dici ca non parlavi cchiù?

Vit.      Appena arrivamu dintra ‘nni facemu i cunti.      

Pep.    Iu i cunti mi li fazzu sempre…settimila piatti haiu lavatu…Sig. Giovanni mi scusa,

            a Milano a torre di Pisa è storta pi comu a fannu vidiri a televisioni? (si piega)

Vit.      Gnorante, a torre di Pisa è a Bologna…(Enza e Carmelina passano con i doci)

Nat.     Piglia ‘u cugnatu, mangia oggi è festa…

Vit.      Fammi vidiri ammia…chissu nò, picchi avi a panna…(lo prende lei)

Pep.    (Sta per prenderne un altro)

Vit.      Chissu nò, ca è chinu di cioccolatu…(lo prende lei)

Pep.    Non mi pozzu pigliai mai nenti…(si dispera sempre in modo buffo)

Gio.     Chiamamo Fedele e Rita…

Nat.     Oh! Non sentu rumuri…Carmelina chiamali curri…(Carm. Và)

Vit.      Puri suli li lassi…(escono in quel momento)

Fed.    Evviva i fidanzati! (stanno brindado tutti)

Gio.     Facciamo un brindisi come si usa in sicilia…(tutti annuiscono) E siccome stu spumanti

            è bello sano, brindisi faccio (a Vita) a stu capitano (tutti ridono)

Vit.      (arrabbiata si alza) Ammia capitanu! Ma iu vi mannu tutti a ddu paisi…

Pep.    Quali paisi… a Milano a ma ghiri…

Sil.       Signora ma mio marito scherzava.

Vit.      I cosi scherzannu si dicinu, Peppi susiti sta specie di culu e amuninni subitu e pipa!

Nat.     Sediti a soru, stavanu scherzannu.

Vit.      Cu tempu mu sai diri chi famiglia capitastivu…(la invitano a restare, invano. Escono)

Nat.     (per sdrammatizzare) L’inconvenienti capitanu sempre, siccomu semu

            saziati…brindisi facemu a sti fidanzati … (battono tutti le mani)         

Gio.     Mi dispiace non pensavo che…

Car.    Non si proccupassi, me cugnata cosi è, poi cci passa…

Rit.      Si poi…fra vintanni e ogni tantu su ricorda puru.

Fed.    Il migliore sono io…prima dicia ziti sempre maritati mai; ora non mi fazzu mancu zitu.

Sil.       Sig. Natale ma non è modo di comportarsi…poverino quel suo marito…è una vittima!

Mar.   Enza non avrai mica il carattere di tua zia…

Enz.    Ma smettila…(Fedele si avvicina al fratello e con aria di sfotto’)

Fed.    Tu sei ‘nguaiato ormai…

Nat.     Mi dispiaci ppi me soru Vita, picchi mi ricordu sempre chiddu chi dissi me patri prima

            di moriri…(tutti in coro) Rispittativi sempre ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza …

            (poi ridono e Natale rimane stupito) Mizzica puru vautri di milanu ‘u sapiti?

Sil.       Me l’aveva raccontato Enza, poi al supermercato gli e lo sentito dire tre volte in due

            minuti a sua sorella ed anche qui l’ha detto una volta.

Nat.     Comunque io, della famiglia di mio jennero sono contento, so che mantiene le promesse

            (lanciandogli dei sorrisini)

Fed.    Papà il sig. Natale vuole un nipotino col suo nome…

Sil.       Questo è da vedere…

Car.    (cambia discorso) Basta facemu qualchi autru brindisi.

Mar.   Papà (a Natale) prima voglio dirti che fra pochi mesi sono pronto a sposarmi, sei

            d’accordo? Ed abiteremo a Milano… 

Nat.     (breve pausa, poi si siede allarga le braccia  e risponde): Avete la mia benedizione!

Fed.    (al pubblico) E chi è puru parrinu?

Sil.       Fedele tu parli troppo in dialetto.

Gio.     Adesso ci vorrebbe un po di musica (preferibilmente  una fisarmonica)

Car.    Vaiu a chiamu a Mimma cu so maritu…(sta per uscire ed entra Mimma)

Mim.   Ccà sugnu…

Nat.     (al pubblico) E chi era dietro a porta?

           

Mim.   Auguri…auguri a tutti beddi e brutti…

Enz.    E Grazia dov’è…

Mim.   Stava vinennu assieme a so patri ca fisarmonica (entra Pasquale e Grazia

Pas.     (cantando preferibilmente) Mi votu e mi rivotu ‘nni stu lettu…(Grazia fa gli auguri) 

Car.    Pasquali pigliati un dolcinu…

Pas.     (mentre beve) Evviva i fidanzati, piano piano si và lontano…tanto è vero ca si ‘nni

            vanno a Milano…

Gio.     Questo è stato un bel brindisi…

Mim.   Natale e to soru unnè?

Nat.     Comu mai stavota non a vidisti, non c’eri affacciata?

Mim.   Forsi avia trasutu qualchi attimu prima…(poi a Silvia) Sapi è ‘nna brava signora.

            si a canuscissi bona!

Sil.       L’ho conosciuta un poco e mi è bastato…

Pas.     Brindamu a sti fidanzati ca sunnu un pocu agitati…

Fed.    (verso Natale) Certo con un suocero di questa maniera, meglio farsi un po’di galera

Gio.     Se permettete vorrei fare un altro brindisi io.

Nat.     Prego…prego…

Gio.     (alla moglie) Lo dico in siciliano…

Sil.       Sono fatti tuoi…

Gio.     E siccomu non vidia l’ura di stu fidanzamentu ufficiali…brindisi fazzu o sig. Natali

Sil.       (si alza con classe, prende un bicchiere di spumante) E’ arrivata l’ora…  brindisi

            faccio a mia  nuora…

Nat.     L’ultimo, l’ultimu u vogliu fari iu, e poi Pasquali attacchi cu sta fisarmonica e finemu

            stu fidanzamentu ufficiali. Allura cuminciamu: teneri teneri sunnu i bambini, quannu

            a Natali cci sunnu i primi nipotini, e siccomu in questa casa ho ricevuto una promessa...

(verso la figlia) brindisi facemu a sta Principessa…(battono tutti le mani, brindano,

Pasquale inzia a suonare qualcosa di romantico, il sipario si và chiudendo lentamente,

mentre i fidanzati si abbracciano rimanendo al centro del palcoscenico)

                                                                                     (Fine 2° atto)

A T T O  III°

S C E N A  XVIII°

(Natale, Carmelina, Rita, Peppi, Vita)

                                                                   (dopo circa un anno)

Nat.     Carmelina quant’avi chi non si fa sentiri Enza…iu in un anno chi si maritaru si hannu

            telefonatu sei sette voti sunnu assai.

Car.    (mentre fa le scarpe da notte al nipote) Telefonau mentre tu eri ‘nna signora Berta.

Nat.     Telefona sempre quannu non cci sugnu? Chi si pigliau di rimorsu? E cu l’avia diri,

            cci dissi: Marco, calcolativi ‘u tempu e facitilu nasciri ‘no periodu di Natali…oh!

            mancu fatto apposta nasciu a Pasqua …a Pasqua…e cci misiru Pasquali!

 

Car.    L’importante ca nasciu bonu cu ‘nna bedda facci…

Nat.     (prende la foto del nipote) Talia…talia, è tutto so patri e so matri, mancu un pilu

            ‘nni pigliau di mia, almeno m’avissi somigliatu un pocu!

Car.    Non ti la pigliari, ca poi appena cumencia a capiri non ti po’ vidiri…

Nat.     Appena cumencia a capiri cci ‘nna cuntari cosi; e cci cuntu ca so patri mi pigliau in  giru…(in quel momento si sente la radio, Rita acolta musica) Carmelina falla finiri…

Car.    (gridando) Rita basta ora…(subito dopo chiude la radio ed entra in scena)

Rit.      Scusa papà…(vestita più seria)

Car.    Rita a ghiri e provi di cantu?

Rit.      Si…

Car.    Non veniri tardu.

Nat.     Non ti pigliari i vizi di tò soru, picchi finisci mali stavota.

Rit.      Intantu diciatu sempre ca idda avia un carattere d’oru e iu eru guastata di testa.

            papà tu di mia saprai sempre a verità (abbracciandolo)

Nat.     Brava Rituzza…

Rit.      Ora vaiu ca si fici tardu (esce)

Nat.     Haiu ‘nna cosa ccà ‘no stomaco, non mi po’ calari…e chi era sincero…Marco di qua e Marco di là…si papà, a Natale…ma quali Natali e Natali….

Car.    Po essiri ca quannu si marita Rita c’hu metti idda Natali…

Nat.     Poi si maritanu a S. Stefano e cci mettono Stefanu…

Car.    Bonu, ca si veni to soru cumencia allungari ‘u brodu…(entra Peppi affannato)

Pep.    Cungati non ‘nni pozzu cchiù (arrabbiato, gesticola da esaurito cominciando a parlare

            velocissimo, a soggetto)

Car.    (mentre il cognato parla sempre veloce) Chi c’è cugnatu Pè…

Nat.     Sediti, calmati (Peppi continua, Natale lo segue stupito per qualche attimo) 

            (poi al pubblico) Non parlava mai, ora scoppiau da ‘nna vota!

Pep.    (inizia a parlari lentamente, ma gesticolando sempre da esaurito) Non cci pozzu

            cummattiri cchiù…non sacciu comu a fari… 

Car.    E cchiù anni passanu peggiu è!...

Pep.    Ma quali anni e anni, ca si tratta di jorna…mi dispiaci Natali, ma to soru è pazza…

Nat.     Bonu calmati, ma ‘u sapi ca si ccà?

Pep.    Ci dissi ca stava ennu ‘no dutturi…

 

Car.    Ma comu mai ti lassau sulu!

Pep.    Forse non sintiu, picchi era troppu pigliata da telenovela, Cori selveggio…cori  selvaggio, di quant’avi chi si vidi sta telenovela ‘u cori cci divintau cchiù selvaggio ancora…pensa, a ’nn’attore cci dicia: disgraziato…si cchiù disgraziato di me maritu;

            a nautru cci dicia: cretinu, si cretinu…sulu me maritu ti supera; non ‘nni pozzu cchiù,

            e non pigliari cafè, non pigliari biscotti, ‘u figatu, i trentaminesi…

Car.    (prende un po’ d’acqua) Calmati ‘u cugnatu…

Nat.     Ora videmu comu putemu aggiustari sta situazioni…(Peppe beve)

Pep.    Mi dici sempre ca sugnu cosa di teniri a cannila, a sira quannu ‘nni curcamu cci dicu

            Vita, o Vita girati verso di mia facemu tic-tic-tic, e rispunni: tic- tic- a sveglia  ‘u fa…

            e poi s’addummisci subitu.

Car.    Calmati…calmati…

Pep.    Non ‘nni pozzu cchiù, sugnu esauritu, quannu lavu i piatti mi dici: non ti pigliari i

            guanti, picchi a ma risparmiari…

Nat.     Calma ca ora sistimamu tuttu.

Car.    Vogliu vidiri!.. comu sistemi tuttu, appena ti dici Natale (imitando Vita) ricordati

            chiddu chi dissi ‘u papà prima di moriri: rispittativi sempre…(entra Rita)

Rit.      Ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza... ma sempre stu discursu c’è! (bussano)

Vit.      (da fuori) Carmelina…Carmelina… (Peppi spaventatissimo comincia a girare)

Car.    Matri mia!…

Nat.     Madonna santa, a schifiu finisci ora.

Car.    Talia già sa sta facennu di sutta…

Pep.    Iddu sa sta facennu, iu ma fici…

Rit.      Ziu ammucciati dai, veni cummia…

Car.    Spicciativi…spicciativi…(Rita e Peppi entrano nell’altra stanza, poi Carmelina apre)

Vit.      Comu mai apristivu in ritardu? (Carmelina inventa qualcosa)

Vit.      Natale chi hai ‘u frati, si siddiatu cummia?

Nat.     No, sugnu pinsirusu…

Car.    Assettati Vita….(Vit. si siede)

Vit.      To cugnatu peppi sta divintannu pedi longu, nisciu senza chi mi n’accurgivu, sicura            sicuramente ghiu o bar…

Car.    Speriamo ca non piglia troppu cafè…

Nat.     Sicuramente o bar sarà…

Vit.      Iu mi scantu non sulu pi cafè chi si piglia, tantu cchiù esauritu di com’è non po’

            essiri, ma di quanti cafè chi paga a tutti chiddi chi trasinu; pi pighiarisi un cafè cci

            stà deci minuti, pensa quanti cristiani chi trasinu in deci minuti, e iddu cci pari mali

            e paga…paga…

Nat.     (cambia discorso) Ma ‘nni tò soggira c’hatu affacciatu?

Vit.      Non ti pigliari ‘mpicci ca non ti intressano…ieri telefonau dicennu ca so figliu avi

            assai ca non cci telefona, non sapi ca quannu unu si marita è pa’ so casa…menumali

            ca cci misi u catinazzu ‘no telefonu!

Car.    Giustu è, quannu unu si marita ava pinsari pà so casa!

Vit.      Non mi piaciu u modu comu u dicisti! Natale, Enza sa fattu sentiri? Quantu voti ha

            telefonatu in un annu che maritata…  

           

Car.    Quannu telefona u dici sempre, salutami (allargando le braccia) o ziu Peppi o ziu Peppi

            (chiudendo le braccia e sottotono) e a zia Vita!

Vit.      Certu o ziu Peppi tu dici dui voti cuntenta, e a zia Vita ‘nna vota e muscia…

Nat.     Chi voi a soru, ogni tanto telefona, ma oguno avi i so spisi…

Vit.      Tu dicia iu ‘u frati, non sunnu famiglia pi nautri, nautri semu all’antica …

Nat.     Docu hai ragiuni a soru…

Vit.      Iu sempre haiu ragiuni, c’è qualchi vota ca non haiu ragiuni?

Nat.     Sempre…(breve pausa, poi Natale si avvicina a Vita imparazzato) Senti a soru

            non esseri troppu dura cu…cu… tò…ma…

Vit.      (interrompendolo) sintemu chi voi diri, parla…parla…o postu di pinsari i fatti mei,

            pensa a chiddi toi,  ‘u vidi comu ti finiu non pigliannu i consigli di tò soru?

Car.    Veramente i toi non sunnu cunsigli, sunnu cumandamenti…

Vit.      Tu si troppu chiacchiaruna…e bravu a me frati, cuminciasti a fariti dinchiri a testa

            di tò mugghieri (subito si commuove) iu sacciu sulu ‘nna cosa, (esce un fazzoletto)

            ca ti stai scurdannu chiddu chi dissi ‘u papà prima di moriri…(anche Natale esce un

           fazzoletto) dimmi chi dissi ‘u papà…dimmi chi dissi…(entrambi piagnucolando)                                                                                          

Nat.     Rispittativi sempre ca siti un fratuzzu e ‘nna suruzza…bonu a soru non fari cosi,

            amuninni t’accumpagnu iu…(la sorregge ed escono)

Car.    Chi focu di testa…Rita, cugnatu Peppi, putiti nesciri…(escono, Rita tiene lo zio,

            spaventato preferibile con i capelli alzati)

Pepp.  (si guarda attorno, ripetutamente verso la porta) Sicuru si nniu?

Car.    Non ti preoccupari…

Pepp.  Cugnata, scusami…(espressivo)

Car.    Di che cosa…

Pepp.  Ti dissi ca m’avia fattu d’ incontru…quannu trasivu o gabinettu a voglia di diarrea

            chi mi vinni ancora, sciupavu du rotoli di cartagenica…           

Car.    Non ti preoccupari…Ora ‘u lavamu bonu ‘u gabinettu…

Rit.      Iu ‘u facissi lavari a zia Vita!

Pepp.  (di scatto) No…no, a zia Vita no…poi capisci ca eru ccà, canusci a puzza mea…

            mannaggia, mi sentu tuttu ‘nchhiappatu…ora comu fazzu, appena arrivu dintra

            mi fa assittari e mi dici: a cui ‘ncuntrasti o bar, quantu cafè ti pigilasti, quantu

            spinnisti, e appena ma canciari i pantaloni? Forse è megliu ca cci dicu a verità…

Rit.      Ziu non ti preoccupari, stavota dicci ca eri o bar, tantu nuddu c’hu dici ca eri ccà…

Car.    Va beni accumpagnalu Rita e dicci a tò patri di veniri subitu…(escono, Peppi fa

            scena nel camminare)

S C E N A  XX°

(Carmelina, Mimma, Grazia, Natale, Rita)

Car.    Menumali ca non vitti a so maritu ccà, asinò finia brutta…(bussano)

Mim.   E’ permissu cummà…(entra)

Car.    Trasi Mimma…

Mim.   Si già sugnu dintra chi mi dici trasi…

Car.    E si tu prima trasi chi dici poi permissu…

Mim.   To foglia Enza chi dici…telefona, scrivi, sa passa bona a Milanu, l’aria non cci pari

            pisanti, ‘u niputeddu chi dici, quannu veni…(veloce)

Car.    Qualchi autra dumanna mi l’ha fari? (in quel momento entra Grazia)

Gra.    Signora che dice la mia migliore amica. (elegante ed euforica)

Car.    Capaci ca senti chiassai tu ca io…

Gra.    Una settimana fa l’ho sentita, puru a Pasqualinu sintivu, chiangia facia (gue…gue…)

 

Car.    Grazia ti vidu cuntenta chiccè…

Gra.    Me matri non c’hu dissi ancora?

Mim.   Carmelina Grazia si sta facennu zita ufficiali…

Car.    Matri chi sugnu cuntenta, non sapi nuddu nenti?

Gra.    Sulu Enza, c’hu dissi pi telefonu…

Mim.   Puru to niputeddu appena ‘u capiu pi la gioia si misi a chiangiri (fa il verso)

Car.    Auguri…auguri, e cu è stu picciottu…(entra Natale, si ferma vicino la porta

            nessuno lo vede)

Gra.    E’ Bolognese…ma avi un saccu di parenti ccà…

Nat.     Puru continentali tu pigliasti, stamu facennu i fidanzamenti ufficiali cu li continentali.

            basta ca me figlia Rita stu dispiaciri non mu duna oggi e dumani…

Mim.   E’ un beddu picciottu, educatu, sensibili e di bona famiglia.

Nat.     Scurciatu comu a me jenniru…

Gra.    Mamma io vado (esce risentita)

Mim.   Natale, ha promesso ca cci metti u nomi di me maritu…

Car.    Pasqualinu?…

Mim.   Me maritu Pasqualinu si chiama…

Nat.     Si non cci finisci comu ammia…ca ‘u fannu nasciri a Natale e ci mettunu Natale…

Mim.   Me jenniru è troppu seriu.

Nat.     E to maritu ammucca! Poviro illuso, fallu parlari cummia, ca cci dicu comu

            si trattanu i continentali… 

           

Car.    Natali puru ne nostri zoni succedinu certi cosi…

Nat.     Unu su mille, inveci ddà ‘ncapu hannu tutti ‘nna testa.

Mim.   Iu lu vitti ‘nna para di voti e mi parsi troppu quadratu!

Nat.     Mimma, prima sunnu tutti quadrati, strada facennu diventanu rettangolari…

Mim.   Mah! (cambia discorso) Natale ma tò soru Vita chi dici.

Nat.     A proposito, Camelina vidi ca fra un pocu veni e mangia ccà cu so maritu…

Car.    Ccà? Sicuru?…

Nat.     Accussi mi dissi, intantu cci vaiu a vidu u scaldabagnu a signora Carolina (prende

            la cassetta ed esce)

Mim.   (invadente si avvicina a Carmelina) Ma tò maritu bonu guadagna ultimamente,

            ‘u rubinettu da sig. Carolina, ‘u lavandinu da sig. Berta culu vasciu, ‘u scaldabagnu

            da sig. Peppa minni vasci…iu quannu sugnu affacciata a finestra, ‘u vidu ca trasi e  nesci…megliu accussi, a vita è troppu cara! (entrano Peppi e Vita)

S C E N A  XXI°

                              (Vita, Peppi, Natale, Carmelina, Rita, Mimma, Grazia)

Mim.   Oh! Signora Vita…(si baciano)

Vit.      Comu sta…(Peppi si siede)

Vit.      So maritu, so figlia sunnu boni….

Mim.   Boni sunnu, grazie sig. Vita…Carmelina che brava sta tò cugnata, dumanna sempre

            di tutti.

Vit.      Tanti non la pensanu accussi!

Mim.   Veru!? E cu po’ diri mali di lei…

Pep.    Assai sunnu…

Mim.   Non cci dassi cuntu, sunnu genti sfacennati, parlanu senza canusciri i cristiani…

            (poi a Peppi) Aviti ‘nna mugghieri duci, cchiù duci di un dolci…

Pep.    Iu mancu ‘u sacciu comu sunnu fatti i dolci, avi chi non mi ‘nni fannu mangiari…

            (Vita lo guarda male)

Mim.   Ma cuè chi non voli…

Pep.    (si riprende) ‘U dutturi…’u dutturi.

Car.    Mimma si ti fermi manci ccà…

Mim.   No, picchi me maritu a mumenti veni e mancu haiu priparatu nenti, m’avissi piaciutu

            sicuramente a prossima vota…(sta per andarsene) Sig. Peppi, non si mittissi appressu

            i duttura ca fannu cadiri ‘u figatu malatu…

 

Pep.    Iu veramente l’haiu puru  ’ngrassatu (in quel momento entra Pasquale)

Pas.     Mimma…(Poi al pubblico) iu vegnu da campagna e idda non s’asciuga e non si    bagna…Haiu fami, non pozzu mangiari sempe pani e salami…

Mim.   Stava niscennu…(seccata) amuninni, arrivederci e lei sig. Peppi pigliassi i consigli di so

            mugghieri non di duttura…(al marito) amuninni tritrolo senza simenza. (escono)

Pep.    (ride buffo) Tritrolo senza simenza…(continua a ridere)

Vit.      Silenzio…tritrolo senza scorcia…(Peppi smette di colpo)

Car.    Vita m’aiuti ca priparamu qualcosa?

Vit.      Me frati unnè, prima dici di manciari ccà e poi non c’è.

Car.    ‘Nna sig. Carolina pu lavandinu…(proprio in quel momento entra)

Nat.     Ciao Vita, ciao Peppi (posa la cassetta)

Pep.    Ciao cugnatu Natali.

Vit.      Ciao cugnatu Natali…Ma ppi forza tri paroli aviatu a diri? Non putiatu diri sulu  ciao…(alzandosi gli grida all’orecchio) si chiacchiaruni!…

Nat.     A soru non gridari pi favuri.

Vit.      Ti facisti pagari da sig.Carolina? (tono da comandante)

Nat.     Certu.

Vit.      Quantu ti detti.

Nat.     Deci mila liri.

Vit.      Quantu tempu cci stasti.

Nat.     Picca e nenti…

Vit.      Ma era travagghiu di quinnicimila liri e cci circasti decimila liri o era di cinquantamila

            liri e cci circasti decimila liri ‘u stessu… 

Car.    Vita a sig. Carolina merita tanti cosi…

Vit.      Pi ttia meritanu tutti, stu poviru di me frati si fussi pi ttia avissi a travagghiari gratis

            (poi al fratello) certi mumenti ‘nni sta casa tu mi pari a mugghieri e idda ‘u maritu.

Pep.    Menumali ca è in certi mumenti, a nostra casa inveci tu si sempre ‘u maritu…

Vit.      (arrabbiata) Zittuti ( vuole picchiarlo ma Nat. e Carm. la bloccano)

Nat.     Calmati a soru…

Car.    Facemu ridiri sempre i vicini.

Vit.      I vicini ridunu pi autri cosi…

Car.    Ti riferisci o fattu di Enza…

Vit.      Percisamente…

Nat.     Aviatu ragiuni a soru.

Vit.      (battendosi nel petto) Iu haiu sempre ragiuni.

Pep.    Cugnata Carmeli, pigliami un pocu…(Vita lo guarda, lui se ne accorge) un pocu…

            d’acqua.

Car.    (va a prenderla) calmamuni ora…

Vit.      Dunacci a cannuccia, tantu iddu bonu sapi ciucciari, vinti misi di latte materno pigliau,

            picchissu ristau allattatu…

Nat.     Vita, ta diri ‘nna cosa ca ti farà cuntenta…

Vit.      Sintemu.

Nat.     Enza ca paria sistimata, risultau strammata; Rita ca paria strammata, sta risultanu

            sistimata…antura mi dissi: papà qualsiasi cosa mi capita non farò ‘u sbagliu di me

soru, ca i cosi ti cuntava dopu tantu tempu…io mi dissi ti cuntu prima ca cumincianu.

Vit.      Ma unnè per ora.

Car.    A studiari.

Pep.    Che brava Rituzza, puru Enza però è brava…

Vit.      Ciuccia tu…e mutu. Quantu voti ti dissi ‘u frati ca non era famiglia pi nautri, pi non

            parlari da matri (si siede dov’era seduta la sig. Silvia e la imita) noi abbiamo quattro

            case, palazzi, palazzetti, cavalli, cavalletti, quantu aria ‘u frati…quantu aria, iu ‘u

            capivu subitu ca ‘nni dda casa cumannava a mugghieri, e quannu dintra ‘nna casa

            cumanna a mugghieri i cosi non vannu mai tantu boni…

Pep.    Hai ragiuni…ragiuni a mugghieri…(subito dopo entra Rita)

Rit.      Ciao a tutti…(bacia gli zii, Vita si rallegra)

Vit.      Natale mi pari ca sta picciotta si sta sistimannu.

Nat.     Tu dissi iu…

Car.    Hai fami a mamma, ora manciamo.

Rit.      (timidamente si mette poco lontano dal padre) Papà…

Nat.    Chi c’è…

Rit.      Papà…

Nat.     Chi c’è… (tutti guardano Rita)

Rit.      Papà…(spaventata)

Nat.     Finu a stasira mi chiama papà…

Rit.      Ta diri ‘nna cosa…

Car.    Parla bedda mea…

Rit.      Io non voglio fari ‘u sbagliu di me soru Enza…(tutti contenti)

Vit.      Brava a me niputi…

Pep.    Brava a me niputi…

Rit.      Papà…ta diri ‘nna cosa importante.

Nat.     Parla…

Rit.      E’ importante…

Nat.     parla…

Rit.      E’ troppu importante…

Nat.     E cci batti! O parli o ta tiru ca tinaglia…

Vit.      Dai Rita…

Pep.    Dai Rita…

Vit.      E finiscila pappagaddu (al marito)

Pep.    E finiscila pappagaddu…

Vit.      Mutu…(Peppi si rannicchia)

Rit.      Papà me soru Enza tu dissi dopu tantu ca era zita…io…io, io inveci tu dicu subitu, c’è

            un picciottu ca mi voli.

Nat.     (si alza di scatto) Zitu ufficiali e subitu…(Rita si ripara accanto alla madre)

Car.    Calmati sintemu…

Nat.     Pigliami un pocu di liquori…(Car. prende una bottiglia con un bicchiere e la posa sul tavolo, iniziando ogni tanto a versare e bere)

Vit.      Chi c’è di calmari, lo dobbiamo canoscere subito…

Pep.    (al pubblico) Quantu cinnè chi non canosciano a me mugghieri! ((versa, e beve)

Rit.      Papà si ti calmi ti dico tutto…

Nat.     Va beni, mi calmu…(versa e beve, subito dopo anche Peppi) L’età già l’hai, e spero

            ca Natalino mi nasci cu ttia. (di nuovo versano e bevono)

Rit.      Non ti preoccupari di chistu…

Nat.     Menumali ca i picciotti siciliani, du paisi sunnu cchiù rispittusi…(comincia a dare

            segni di ubriachezza, ed anche Peppi)

Vit.      Brava Rituzza meriti un baciu…(và a darglielo)

Pep.    Puru iu tu dugnu…(si dirige ma barcolla e và altrove facendo scena)

Car.    Puru iu ti dugnu, quattro, cincu, sei…

Vit.      Bonu ca poi ‘u zitu a trova strapazzata…(si siedono tutti tranne Rita e Carm.)

Nat.     (facendo scena perché è quasi ubriaco) allura cu è stu picciottu…

Vit.      Cusapi quantu voti l’amu vistu…

 

Rit.      Forse canusciti a so matri. (si va stringendo alla madre)

Nat.     Comu forsi, ‘nni stu paisi semu quattru gatti…

Pep.    Gatti, surci e cani…

Rit.      Papà mi voli troppu beni…anche dumani voli veniri…

Vit.      Ma insomma cu è stu picciottu…

Rit.      So patri  non è siciliano.

Nat.     Finu a quannu è so patri, putemu accettari…

Rit.      Pa… pà…papà…papà si chiama Angelo ed è Pi…

Pep.    Picuraro…a voglia di ricotta…

Rit.      No, e Pi…

Vit.      Pitturi?…

Rit.      No, è  Pi…e... mon…tese…(abbracciandosi alla madre)

            (tutti esclamano qualcosa movimentanto la scena)

Vit.      Chi scarogna chi avi stu me fratiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!…

Nat.     Mi sentu mali, Bolognesi, Milanesi, Piemontesi dintra a me casa non ch’annu a

            trasiri chiù, do paisi ta pigliari…do paisi… (Peppi balla sembrandogli una festa)

                                                                                                                                 (FINE)

 

                                        (elaborata da Pietro Maurici e Rosanna Maurici e dallo stesso autore)

(per ogni rappresentazione è necessaria l’autorizzazione dell’autore e dell’elaboratore)

 

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 16 volte nell' ultimo mese
  • 138 volte nell' arco di un'anno