‘U gruppu d’a cravatta

Stampa questo copione

LE, PERSONE

ALFREDO DANESE

________

TEATRO SICILIANO

‘U GRUPPU D’A CRAVATTA

COMMEDIA IN TRE ATTI

CON PREFAZIONE DI EDOCLE LESSINI

PERSONAGGI

Vicenzu                 - sensale

Tura                     - sua sorella casalinga

Cuncittina            - mantenuta

Tina                     - vicina di casa

BICICL.               - Factotum

Alfiu                   - pensionante

Mangiaficu          - dottore

Ninny                 - studentessa

Tano                    - necroforo

Giacomo              - pompiere

Marianna             - portiera

L'azione, si svolge in una qualsiasi città della Sicilia. Dal primo al secondo atto trascorrono circa tre mesi, dal secondo al terzo, solo ventiquattr'ore.  

LA SCENA

Un grande stanzone, arredato con mobili misti, antichi moderni. comune al centro, finestra sul lato sinistro dell'attore sulla parete di fondo, due porte e a sinistra dell'attore e una porta in prima quinta sulla parete destra, un paravento costruito con assi di legno e compensato, divide la parete di fondo lato destro, il quale forma uno stanzino, il cui ingresso è coperto da una tenda a fiori; in detto stanzino vi è un letto, un comodino; una sedia e un piccolo attaccapanni appeso alla parete. Sulla parte di fondo in alto un mensola ricoperta da un tovaglioncino di pizzo, una lampada votiva e un quadro con una fotografìa in coppia (sono le foto dei genitori dei due protagonisti, Vincenzo e Tura). Oleografie ed altri oggetti ornamentali appesi alle pareti. Tutto l'arredamento è di dubbio gusto, ma l'ordine e la pulizia regnano sovrani. L'azione si svolge in una qualsiasi città della Sicilia ai giorni nostri (1975). Ogni rifemento a fatti o persone è puramente casuale.

ATTO I

SCENA I

Tura, Vicenzu e poi Tina

Sono le otto del matTina, la scena è al buio, perché gli scuri della finestra sono chiusi. Sul tavolo che si trova al centro della scena vi è una sedia e sulla sedia Tura, dal soffitto pende un cappio che Tura tiene, pronto per infilarselo al collo, tra le mani. In realtà è tutta una messa in scena per spaventare il fratello, sul tavolo ai piedi della sedia le fotografie dei genitori, con dei lumini accesi e possibilmente dei fiori.

VICENZU      -  (entra pian piano e poiché la scena è al buio, accende la luce elettrica, non appena scorge Tura in quell'atteggiamento, non essendosi ancora reso conto delle intenzioni di Tura meravigliato chiede a lei) E chi stai facennu misa ddocu?... (silenzio) Tura?... Turidda!... (incalzante) Si po' sapiri chi schifiu sta facennu misa ddocu?... (si accorge del cappio) Tura, Turidda... vih sangazzu di... di tia staju pairannu... e chi si pazza?... Scinni di ddocu, ma chisti su cosi di lautru munnu... (Preoccupato) Ma è possibili ca ci haju a cummattiri jù cu tia... scinni ! (disperandosi) Ma cornu fazzu!... (Corre alla finestra, la apre, la scena si rischiara maggiormente, si affaccia e chiama con voce concitata) Signura Tina?... Signura Tina!...

TINA              -  (d.d.) Chi c'è signor Pappalardo?...

VICENZU      - Signura Tina pi favuri avvicinassi, ca me soru, mi nni cummina una o jornu!... pi favuril... (torna da Tura) Turidda, Turidda, pi favuri non mi fari moiiri di scantu!... scinni!... (disperato) Almenu parrassi!... Chi voi, chi cosa voi? Malidittu... (bussano) Dicissi chi voi di mia?... (bussano ancora) A si, a signura Tina (va ad aprire) S'accomudi pi favuri... signura... M'ha, scusari, ma cu sta fimmina nsalanii prima d'u tempu... Comu mi potti capitari a mia sta disgrazia, a mia! Jù non u sacciii pirchì Cristu mi desi slu castiu!...

TINA              - (Che ha visto Tura in quella posizione con un grido di spavento) Vih!... Gesù e Maria!.. Signurina, signurina Tura... E chi fa misa ddocu?...

TURA             - (Finalmente si decide a parlare) Chi fazzu? Fazzu ca non ni pozzu chiù! A vogghiu fari finuta, a fazzu finuta e accussì ci levu u disturbi! o signor principi!...

VINCENZU   - (Paziente e remissivo) Mu voi diri chi staju facenni. di mali ca tu a fari ssi buffunati?...

TURA             - (Mettendosi il cappio ni collo) Ah!... buffunati ti parunu?... Ora tu fazzu vidiri jù!... Ci dugnu na pirata nta seggia ca haju di sutta e cu sa vistu s'à vistu!...

VICENZU      -  (Disperandosi) Allura pazza daveru sì?... E voi fari n-pazziri macari a mia!?!

TINA              -  (Suadente) Ca signurinedda chi su cosi arragiunati chissi ?.....

TURA             - (indispettita) Macari lei, macari lei?.,. Signura Tina?... Non u sapi chiddu ca fa stu facchinu all'età so?...

VICENZU      - Ma chi ti nteressa a tia chiddu ca fazzu jù fora di cca intra?...

TURA             - (Togliendosi il cappio) Non mi interessa?... Allura jù pi tia non sugnu nuddu?... Non sugnu u to stissu sangu?... Non portu u to stissu nomu?...

VICENZU      - (Sostenuto) Sì sugnu tuttu chiddu ca dici tu abasta ca scinni di ddocu!...

 

TURA             - (Cocciuta) Jù di cca scinnu morta, accussì tu arrifrischi e non pensi chiù a mia! (si rimette velocemente il cappio).           

 

VICENZU      - (Deciso) Signuruzza: tilifunassi o centutridici!...

TURA             - (Felina) Non v'arrisicati, non v'arrisicati, ca mancu u tempu vi dugnu!...

VICENZU      - (Battendosi le mani in faccia) Madonna Santissima chi mala vita, chi disgrazia ca mi capitali a mia!

TINA              - (Che durante le battute precedenti ha cercato di intervenire, per calmare ora Vincendo da una parte ora Tura dall'altra per dissuaderla a fare quello die lei vuoi dare ad intendere di fare) Ma allura lei com'è ca ni voli teniri accussi nta un cozzu di cuteddu?...

VICENZU      - (Disperandosi) Ma almenu mu dicissi chi schifiuvoli ca fazzu, si voli ca mi jettu da finestra, si voli ca mi vaju a jttari di na timpa, si voli ca mi sparu... (accalorandosi) Si voli ca mi sbattu a testa mura mura, chi voli di mia chi?...

TURA             - (Togliendosi il cappio dal collo, stavolta piagnucolosa) Tu u sai chi vogghiu; vogguiu l'onuri to, l'onuri miu, l'onuri di tutta la nostra discinnenza !... (a Tina) Ca la famigghia Pappalardu è oru culatu e nuddu, nuddu di la nostra discinnenza ha friquintatu ssi cajordi ca friquenti tu!...

VICENZU      - (Avvilito) Ma ora viriti signuri mei, ca un omu all'età mia, dicu va macari ca... Domando scusa signuruzza si in presenta so sugnu custrittu a parrari di certi cosi... (vibrato) Pirchì chissa è imprevedibile! Ju vulissi sapiri clìi annoggiu ci porta a idda va!... Nsumma si, dicu, (disperato) chi ci interessa a idda cu cu' vaju e unni vaju?...

TURA             - (Piangendo) Svirgugnatu !... Tu ci prummittisti a mamma, prima ca murissi, ca cu' ssa cajorda non ti ci juncevi chiù. (risolvendosi). Ma jù a parrari cu stu schifusu ch'i ci cunchiuru?... A dignità mia mi l'hàju a prisirvari jù conni l'hàju ereditato di nostri padri e di nostra madri (piange) e si a tia non ti ni 'nporta nenti, mi sacrificu jù pi l'onuri da nostra razza, la fazzu finita e non si ni parra cchiù (si rimette il cappio e fa l'atto di stringerlo). Vogghiu moriri! (i due preoccupati strillano) Non mi nteressa di nenti !...

VICENZU      - (Gridando) Ma dimmi c'haju a fari dimmillu almenu mu dici!...

TINA              - Ca certu, si lei non ci dici c'ha fari ddu mischinu!...

TURA             - (disperata tra i denti mormora) C'ha fari?... Si inginocchia davanti u papa e a mamma e devi giurari solennementi ca cu dda fimminazza non ci va cchiù!...

VICENZU      - (Avvilito) E va beni scinni!...

TURA             - Scinnu?... Prima t'ha mettiri in ginocchiu davanti i quatri du papa e da mamà, ci giuri cu tuttu u cori e poi scinnu.

VICENZU      - (rassegnato) Ca santa pacienza!... (guarda sopra la mensola e non vedendo le fotografìe dei genitori chiede) E unni su?... Unni su ca mancu a iddi ci duni paci, unni i mintisti?...    

TURA             - (piangendo) Tu non ci duni paci,  tu ca li stai facennu, addannari all’autru munnu tu, ca si la virgogna di la nostra famigghia tu, ca nfanghi u nomi, onuratu di nostru padri, rifriscu e riposu all'animuzza so, tu ca passi i nuttati na casa d. na fimmina di nsoldu tu, un omu di età ca ti junci cu ssi fimminazzi...

VICENZU      - (Interrompendola disperato) E si, si u sacciu ju sugnu, u sacciu... Ma dimmi unni su misi ssi fotografii, quantu mi ci jettu e peri addinucchiuni ci, a lingua a strascinuni, quantu m’abbattu u pettu cu na petra quantu fazzu tuttu chiddu, ca dici tu, basta ca ci a finemu ca non ci la fazzu chiù!...

TURA             - (indicandogli dove sono le fotografie) Ddocu su, ddocu davanti, sta seggia (indica sotto la sedia dove lei vi è salita).

VINCENZU   - (che ha visto il quadro, vi si inginocchia davanti) Patruzzu, matruzza vi giuru, ca non vaiu chiù cu nudda fimmma, anzi si è possibili mi fazzu monicu di clausura, fimmina, non ni taliu chiù (a Tina) Lei signuruzza  cca intra non  ci  trassisi chiù, e si ci trasi si vistissi di masculu, si facissi crisciri u mustazzu, u beccu... (ora è al colmo della disperazione e incomincia a schiaffeggiarsi) Annunca mi sburdu tuttu, mi strafunciu, mi sminnittiu, (si schiaffeggia, si dispera. le due donne, prima Tina e poi Tura che ha sceso dal suo posto precipitosamente per  aiutare la signora Tina a frenare il fratello affinchè non si facesse male)

TURA             - (Stavolta sinceramente preoccupata) No no o fratuzzu, no, non ti strapazzari accussi...

TINA              - E boni, signor Pappalardu si calmassi ora.. Diu miu chi jurnata oggi!

VICENZU      - (Che si era seduto avvilito tenta di rialzarsi) Lassatimi stari, lassatimi stari!! (alla sorella che lo ferma facendolo di nuovo mettere a sedere) Chi ti pari ca mi ni tornu da? Non ti scantari ca non ci tornu oramai ci giurai!

 

TURA             - (Affettuosa, con un favoletto gli asciuga i! sudore) U viri? Tu ti pigghi colira, ju macari e finisci, cuntinuannu di stu passu, ca si non ni spariggiamu pi un mutivu ni spangghiamu pi nautru. Finisci ca cascamu malati tutti dui (pausa) Me matruzza non ci raccumannau autm prima di moriri; prima l’onuri di to suruzza, poi chiddu di la nostra casata... Ntantu iddu si fissau cu ssa dapallira e non ha statu fimminazza ca si l'ha pututu livari da testa… Ju ca sacciu comu è abituatu…

 TINA             - (Conciliante) Ma signurinedda, so frati è schettu e non ha dari cuntu a nuddu, si capisci un omu di la so età avi bisognu...

 

TURA             - (Che non ammette ima simile conclusione) Chi liavi bisognu?... Chi liavi bisognu secunnu lui di irisilìni nta uà hmminazza di ellissi?...

VICENZU      - (Quasi a se stesso) Ma ora viditi ca unu di la mia età ha dari cuntu a idda, macari supra sti cosi; unni vaju, cu cui vaju, comu vaju pirchì vaju macari ddocu haju u cuntruluri cu cappeddu ca greca stampata... Me matri, me matri si veru è ca bon'arma mi diceva di non friquintari a Cuncittina, ma dda puvuredda ca stesi tant'anni nta nfunnu di lettu cu ci l'haveva a diri ca esisteva Cuncittina, cui?... Di unni a canusceva?...

TURA             - (Risentita) Secunnu tia cu ci u puteva diri?... E ca ssi fìmminazzi su canusciuti di cui jè jè!...

TINA              - (nel vano tentativo di sedare gli animi) E bona ora, calmativi tutti dui, ca i mura non hannu aricchi e sentunu, i genti chi ponu diri?..

VICENZU      - (Sinceramente dispiaciuto) Signuruzza a mia m’ha scusari si l'haiu disturbata, ma chi voli apprufittamu da buntà.

TINA              - (Semplice) Vih!... Gesù ...hi voldiri nto vicinatu... (a Tura) Lei signurinedda non è ca è picciridda, certi cosi l'ha capiri, so frati a rispetta, a voli beni, si lei u dispizìa chi fa poi?...

TURA             - (Meravigliata di ciò che dice Tina) Chi ci duna ragioni macari lei signura?... Iddu signuruzza havi la so età, avrà macari li so nicissità, ma li so nicissità e li su abitudini comu ci canusciu jù non ci pò canusciri nuddu! (indicandolo) U taliassi u sta virennu?... S'appi a livari a cravatta nta dda casazza, e ddocu vardassi comu l'havi attaccata! (Infatti Vincenzo ha il nodo della cravatta che sembra un fagotto) A cravatta non s’ha sapi attaccari; chissu sulu?... Pirchì non dici ca essennu un pocu abbunnanti di panza non si po' accalari e Tura ogni chinnici jorna ci pulizia ddi peri, cu rispetu parrannu, ca ci fa addivintari comu i manu di n-picciriddu; ci allimu i caddi ci taggiu l’ugna cu tantu amuri e dilicatizza, ci arrascu i caccagni ca l’havi ncadduffuti e tutti ssi beddi cosi... Si curca e siccomu dormi pazzu, Tura hi fa a notti, si susi quattru e cincu voti, pi cummigghiarlu pirchì soffri di rifridduri. Arrunfa, ah comu arrunfa non si ci pò cridiri, pari ca di un mumentu all'autru si scica i cannarozza, e jù mi susu, u 'nacu, u tuculìu ci fazzu muci, muci.... ma chi sta tannicchia e poi accumincia nautra vota cu chitarruni... A pasta si non s'ha mancia nguidda, nguidda scinnuta da pignata, pi iddu non è manciari, ci piaci u pani cottu fattu ca cipudda e u pumaroru, (incalzante) e Tura ci fa u panicottu ca cipudduzza e u punnaroru...

VICENZU      - (Scattando, si alza risoluto) Quantu mi ni vaju ca non a pozzu sentiri chiù! (Tina lo trattiene).

TINA              - (Trattenendolo per un braccio) Ca vaja signor Vicenzu, (piano) facissi finta ca non a senti!...

TURA             - (Che è corsa a fermare anche lei Vincenzo) U viri, u sta virennu comn fa signnra Tina?...

VICENZU      - (A Tura, vibrato) Ora ju di sti cosi di tia non ni vogghiu fatti chiù, sugnu patruni? Pani cotti! ca cipudda e u pumaroru non ni vogghiu manciari chiù, acqua vugghiuta c'addauru pu duluri di panza non ni vogghiu cchiù, vogghiu caminari chi peri chini di caddi, mi vogghiu strazzari i cannarozza, chi causi strazzali col... col... col sedere di fuori va beni? (via di corsa sbattendo la porta di uscita).

TURA             - (Correndogli dietro) Veni cca, unni vaj tullu straviddicatu cu ssu gruppu di cravatta strammatu?... (ormai il fratello ha già imboccato le scale e lei torna avvilita) È persu, è persu, ssa cajorda nla vicchiania u fici stralunari !...

TINA              - (Con molto garbo e pazienza) Signurinedda cara, lei avrà i so ragiuni ma ddu puvireddu mancu è giustu ca u cutturìa di sta manera... (Tura la guarda indispettita) pi quantu ni pozzu sapiri arristau schettu pi non lassari a so matruzza, bon'arma, e a lei...

TURA             - (fissandola indispettita) Chi vulissi diri lei ora cu su discursu... Sintemu chi vulissi diri?... Chi vuleva fari ca si maritava e lassava a na povira vecchia ciunca nta nfunnu di lettu e a mia ancora nicaredda suli?...

TINA              - Non l'ha fattu ed è statu un galantomu, un uomu di cori ginirusu, ma si l'havissi fattu chi ci faceva lei?...

TURA             - (seriamente contrariata) Signura Tina lei è tanta bona e jù l'arringraziu di la su buntà, rna comu raginnamentu m’ha scusari... (a Vincenzo che torna) Vicenzu a soru turnasti? (premurosa) Veni cca ripositi ca si stancu, na nuttata senza dormiri…

                        -  

VICENZU      - (Indifferente) Lassimi stari ca non sugnu stancu. A borsa m'haiu a pigghiari pi quantu mi vo rumpu li coddu a travagghiari...

 

TURA             - (Affettuosa) Com'ora arripositi, vaja ascutimi na vota arripositi, ti fazzu na tazza di cafè...

VICENZU      -  Non vogghiu nenti t'arringraziu e lassimminni iri...

TINA              - (Molto garbata) Pirchì non s'ha pigghia na tazza di cafè, si vuliti vaju n-minutu a me casa e u vaju a fari.

VICENZO      - (Con garbo e con riconoscenza) Signora, lei è tanto gentile, mi creda, la sua gentilezza mi cnnfunni, ma non si disturbi, prifirisciu pigghiarimillu o bar (Tura scoppia a piangere) Ora jù vulissi sapiri chi ci chianci?...

TURA             - (Piagendo) Non mi voli mancu ningari! Jù dicu, chi cori javi? Com'è ca non capisci ca tuttu chiddu ca fazzu, u fazzu pi l'affettu ca ci portu? (Tina mimicamente cerca di convincerlo a restare ancora in casa. Egli vincendo la sua riluttanza, cede) Pi iddu è, non ni havi nuddu affettu, quann'era nica inveci; quantu mi vuleva beni, quantu. Mi fici di matri, di padri, di tuttu; quanti cosi ca m'accattava, mi faceva passari tutti i capricci, haju ancora sarvatu u puddicinedda c'abbatti i manu. Ora inveci... Poi dici ca non m'haju a livari a vita. (A lui) Almeno resti sulu e ti ni vai cu cù voi tu... Non s'ha maritatu iddu  e jù?... (Disperata) Diccilu, diccillu !... Diccillu si hai cusccnza!...

VINCENZU   -  (Seccato) Ma chi mi cunti a mia?... Chi sacciu c'ha fattu tu!...

TURA             -  No sapi!... (a Vincenzo) Egoista si, non u sai?... Diccillu ca c'era n-picciottu, chi era beddu, ca pareva Erculi, ca fici cosi di pazzi pi mia, diccillu! Non parri?... Cicciu Marotta, chi era beddu, diccillu!

 

VICENZU      - (Smanioso) Ma chi è ca ci haju a diri, chi?... Chi voi ca ci dicu, ca u ittanu ngalera? Chi ci haju a diri e genti, ca u risiami pi truffa aggravata e furtu? Cicciu Marotta, chi era beddu; ca pareva na fìcurinni mussuta, ca era un emeritu truffaturi !

TURA             - (Nel tentativo di riparare la falla) Si fici arristari pi dispirazioni, ca jù non u vosi.

VICENZU      - Finiscila pi opira di carità, finiscila !... Cicciu Marotta!...  

TINA              - Ma santu Diu, chi su discursi di farisi chissi?... (A Tura) Lei non s'ha maritatu pirchì non ci ha statu vuluntà di Diu. Ora circassi di sapirisi sentiri cu so fratuzzu, pirchì lei non havi a nuddu nto nninnu, Santu Diu d'amuri !...

TURA             - (Piagnucolosa) E pirchì non u sacciu ju?... Pirchissu u vogghiu beni cchiù assai da me vita, ju l'haju stampatu nto cori. Iddu inveci, pi causa di ssà fimminazza si scurdau di mia. A mia signuruzza mi vuleva n-miricanu e jù pi non lassari a me fratuzzu non u vosi. Pinsai, si mi maritu cu chistu, mi porta a Merica, e me fratuzzu comu arresta?...

VICENZU      - (Mentre Tura parla, freme) Ma pirchì m'ha fari acchiappari u sdilliriu, pirchì?... U miricanu, u miricanu dici.. Nìuru, cu na funcia cappiddina tanta, cu na fila di denti nisciuti di fora, ca pareunu a balaustra da chesa ma            -  trici, e quant'era longu, ca pareva n-peri di chippuru ; s'ha fari u cuntu ca jù, ci arrivava nto viddicu; s'immagginassi unni ci arriavva idda!... U nìuru, ca na sira u ncuntrai nta scala o scuru, e mi sàutau u truppucu, mi parsi ca trasii o nfernu; visti du fari russi, pi occhi, i ciappi di denti nisciuti di fora, e basta, mi parsi u diavulu, mi parsi... E poi pirchì non tu pigghiavi?... (Tura non risponde) Parrà, pirchì non tu pigghiasti?...

TURA             - (Per trovare una giustificazione) Quantu si ginirusu, prima u it tasti fora, ca ti gilusiasti !...

VICENZU      - Ma pi forza m'ha fari parrari armatula, pi forza?... Mi gilusiai?... Ci vulevi tenni u comutu, a parti ca manciava quantu n-lupu, non c'era manciari ca ci abbastava? Pi inchillu tuttu, di dda supra a cca sutta, ci vuleva a maidda e quantu viveva... (imitandolo) Bono, bono vino... morto bono, io piacere ntrinchi, ntrinchi! Si mitteva ntrinchiti ntrà, e sbarattava damigiani; quannu aveva manciatu e s'haveva addusatu iddii pi iddii, non si ni vuleva iri chiù (c.s.) Io mancillo e bevillo, ora dormillo. Tu dormillo, Turra dormillo, tulli dormillo !... Pirchì nu' mannai dici, vuleva fari casa e putia. Iddu ca non quagghia, di sti tempi, ca pi vuscari na lira ci voli chiddu ca ci voli. Arrivava u nìuru, ca pareva n-carvunaru nta facci, e vuleva mancillu bivillu e cucchillo!... Nu mannai, ci vuleva dari macari u lettu a veru?...

TURA             - (piagnucolando) U sta sintennu a veni? U senti comu mi jetta l'onuri nterra?... A mia, a so suruzza, a mia. Lei parrà (piange) chissu ormai non s'arripigghia chiù, è ammavaratu !...

VICENZU      - (Cercando nervosamente la borsa, la trova, si mette il cappello, come capita, in testa, e va via dicendo) Lassattimninni        - jri, almenu sfantasiu annicchia l'ora... (Via di corsa).

TURA             - (Correndogli dietro. Si ferma sul limitare della porta comune, seguendo con lo sguardo Vincenzo, che va via) Almenu t'abbirsassi ssa cravata ! Vcni cca, guarda comu ci l'hai ssu gruppu!... (delusa) Si ni ivu nautra vota. (a Tina) Jù comu u viru nesciri cu dda cravatta tutta ammughiuliata, mi pari ca niscissi ccu nvistitu tuttu scicatu.

TINA              - E va beni signurina, a menu cosa d'a cravatta è, aviti autri cosi chiù pusitivi pi manu!

SCENA II

Tura a Tina soli, poi Biclicletta

TURA             - E puru è veru ca si ni torna na dda caiorda di fimmina e ci cunta a bobò, ci cunta!....

TINA              - Signurinedda, jù sugnu strana e non mi pozzu miscari, ma comu chiù grande comu matri di famigghia, ci dcu, ca lei a so fratuzzu non l'ha dispiziari. Chiddu è un'omu d'età, havi i so pinseri, i so nicissità e non è ca po dari cuntu a lei. Santa carusa è bedda granni, è giudiziusa; finisci ca dai oggi, e dai dumani, lu dispìzìa e qualchi vota u perdi completamenti...

TURA             - (inginocchiandosi davanti alle foto dei genitori, fremente di sdegno) No!... Si iddu si unisci cu dda cajorda, cu dda finimina di sanari, giuru ca, davanti alli sacri immagini, di me patruzzu e me matruzza, ca finisci a tragedia!! (disperandosi) No, non mi l’ha dari st’affruntu, mon mi l'ha dari !...

TINA              - (Cercando di calmare Tura) Si calmassi, non facissi accussì, santa cristiana! (La fa alzare) Si susissi e circassi di ragiunari. Alla fini, macari ca non fu'si cu chissà, ca jù non sacciu chi fimmina è, putissi essiri cu nautra. Du restu maritannusi so frati, lei putissi aviri na cumpagna intra, e non fussi sula...

 

TURA             - (Inviperita) Ca bellu fussi, e ju nta me casa addivintassi a cmamarera di sposini; chi billizza! A matina ci facissi a bon livata!... Chista è casa mia e nta me casa non ci vogghiu a nuddu... sciù!...

TINA              -  A casa di tutti dui è, na votà ca era di so patri e di so matri.

TURA             -  (Tagliando corto) A funmina jù sugnu, e comu  fimmina tocca a mia.

BICICL.         - (Entra, dopo aver chiesto permesso, e non ha ricevuto risposta) Signurina sabenarica... Sabenarica signurina ! U signor Vicenzu unn'è?... U facissi susiri ca n'aspetta u nclienti pi n'affari n-mpurtanti !...

TINA              - U signor Pappalardi! nisciu ora, cà borsa...

BICICL.         - Chi voldiri nisciu, senza aspittari a mia?... Ma iddu mi dissi ca si vineva a fari na pinincunata di sonnu, e poi ju a vineva a chiamari pi jri ddocu. Com'è ca si ni jvu senza aspittari a mia?...

TINA              -  Nisciu, ca javi n-pezzu...

BICICL.         -  Allura non si curcau?... Chi fici allura stralunau?... Mi dici ca si vo curca, pirchì aveva sonnu, arriva intra, no m'aspetta, e si ni va sulu?... Nto clienti chi ci ivu sulu? (Silenzio) Perciò non si curcau?... Vo finisci, ca si non dormi ne notti e ne iornu, casca malatu... Basta ora u vaju a circari... (Si gira per andar via) Ah cca ci haiu n-fagottu, ca mu desi a signurina... (Guarda le due donne) Signurina?... mah, non sacciu, signurina, signura... Cuncetta, mi desi stu fagottu...

TURA             - (Fissandolo) Cu è ca tu desi?...

BICICL.         - Non ci u staju dicennu? A signura Cuncetta.

TURA             - (c.s.) E chi c'è ddocu?...

BICICL          - Chi sacciu, dici ca su cosi, ca si scurdau u signor Vicenzu ni idda.

TURA             - (Dando una spinta con la mano al fagotto, e facendolo cadere per terra) Pigghiti ddocu, e ci dici a signura (sarcastica) «A signura, vuliti a carrozza?»... Sti cosi ci dici, ca quannu u vidi, ci duna idda personalmente. Mannau l'ambasciatore !... (A Tina) Si sta pirsuarennu signura Tina?…Chissà è manovra tutta studiata. Finta ca si scorda i cosi ni idda, la signora, fa la gentilezza di mannarli finu a casa, quantu jù a mannu a ringraziari, e d'accussi, «a picca a picca 'o monicu nficca»; dici u pruverbiu... (a bicicletta violenta) Senti auh, si l'arrisichi a purtari cca, rifillini di ssa sciollira di Malta, ti fazzu anuzzuliari da scala, comu na palla di gomma !...

BICICL.         - (Alla sfuriata di Tura non sa reagire) Ma jù chi sacciu... jù... mi truvai a passari...

TURA             - (inviperita) E tu cerca di non ci passari, e gira o largu. Casi u signor Vicenzu Pappalardu n'havi una, una, u capisci? Una sula ed è chista!...

TINA              - Signurina u lassassi stari, chi ci dici a ddu criaturi?...

 

BICICL.         - (Rinfrancato dall'appoggio di Tina) A mia chi mi sta cnutannu?...

TURA             - (Non disarma) Non pigghiari spiritu, ca tu si u so pagghiolu, ca ti porta appressu!

BICICL.         - Jù non sugnu nenti. Sacciu sulu ca cu’ a signura Cuncetta c'è n'amicizia stritta, e tanti voti si fa lardu, javi sonnu e si curca dda!...

TURA             - E chissu è u fattu, ca ora n'assittamu tutti nta nvancu... Avemu l'amicizia cu ssa razza di fimmini, cu ssi gintazzi, cu' a limarra di li cristiani, cu' fangu, cu' schifu, c'a fitinzia !...

TINA              - (Seccata, dalla inopportunità di Tura) Signurinedda, a mia m'ha scusari, ma intra haju chi fari, ancora n'haju a fari a spisa, mi ni vaju...

TURA             - (stavolta comprensiva) Sì, havi ragiuni signuruzza, anzi ci dumannu scusa, si avemu apprufìttatu da so buntà...

TINA              - (Cerimoniosa) Chi c'entra, nto vicinatu!...

TURA             - (A Bicicletta) Tu chi voi ora, chi fui, ni tiri u ciatu?... Ammucchi passuluni, pi poi fari u pigghia e porta?... Vattinni e leviti d'ammensu i peri !

BICICL.         - (Mostrando il pacchetto per terra) Custu paccu c'ha fari?...

TURA             - U pigghi e ci u riporti nautra vota a chissa... (Bicicletta raccatta il fagotto, ma lei ripensandoci, glielo strappa di mano) Dammi cca annunca ci dugnu u mutivu pi ncuntrarisi nautra vota, cà scusa du paccu, e poi... Nenti evitamu... (a Tina) Signuruzza, si mi cridi, haju i nervi a pezzi pi causa di ssa fimminazza... (a Bicicletta) Chi voi tu? Ti ni poi iri!... (Bicicletta va via mormorando).     

SCENA III

Tina e Tura soli, poi Alfio e quindi Tura e Alfio soli

TINA              - (Suadente) Pi parti mia signurinedda, ci cunsigghiu di calmarisi e riflettiri. Lei devi capiri, ca so frati non è n-picciriddu, e perciò non l'ha cuntrariari. Chi ha fari ddu mischinu? A lei non a trascura, u sapemu tutti nto vicinatu, ca è un galanlomu; si si arriva a stancari e si ni va di casa a sulu, lei chi fa?... Resta sula, (indicando la porta di destra) cu n'omu pinsiunatu in casa, senza vuliri, sernpri stranu è, anchi si è na pirsuna per beni.

 

TURA             - (scandalizzata) Vi scanzatini !...

TINA              - Sempri na pirsuna strana è...

TINA              - A parti u fattu ca è na pirsuna anziana, e poi è un galantumuni. Travagghia a notti, a mattina veni, saluta e si curca; o pomeriggiu, si ni torna a va, mancu intra mancia, ca mancia a tratturia. Iddu sa comu n'ha vinutu, chi ura è?...

TINA              -  (Guardando nell'orologio del braccio) I novi e menza. Tardu si fici...

TURA             -  Iddii nto veniri sarà !

TINA              -  Quantu mi ni vaju, prima ca spunta.

TURA             -  E macari? Si ci dicu ca è na dama... Allura chi nu mittevumu intra!...

ALFIO            - (Entrando) Buon giorno! Chi è, a porta aperta è sta matina?... (Vedendo Tina) Ah! haju caputu, c'è a signura, ca ci onora della sua visita. Buon giorno signora Tina!...

TINA              - Buon giorno signor Vinciguera...

ALFIO            - (Cerimonioso) Come sta signora?...

 

TINA              - Non c'è male, grazie e lei?...

ALFIO            - E io galoppo per la estrema vecchiaia!... (A Tura) Signorina Salvina Buon giorno. (Tura risponde con un monosillabo) Chi è mali frusculi ci su?...

TINA              - (A segni gli fa capire die Tura ha litigato con il fratello. Poi saluta per andar via) Buon giornu mi ni vaju (Rivolgendosi ancora ad Alfio, aincora a segni, gli la capire che Tura ha la testa sballata) Di nuovo buon giorno!... (Via).

ALFIO            - (Osservando la sedia sul tavolo e il cappio che pende dal soffitto) E chi è sta seggia supra stu tavulu?... A corda ca penni du tettu! Oh binidittu Diu!... chi veni a diri tuttu st'apparatu?... (Avvicinandosi a Tura, la si siede accanto, le prende il viso tra le mani. Tura sentendosi prendere il viso da mani estranee trasale) Santa carusa e comu a ss'età?... Ca avissi a jessiri tutta una gioia, lei pensa di ittari a giuvintù accussì?...

TURA             -  (Amara) A giunvitù dici lei?...

ALFIO            -  Lei signurinedda ha pigghiari a vita comu veni.

TURA             - Ca jù, a pigghiassi a vita comu veni. Ognunu di nualri, però, avemu u nostru carattiri...

ALFIU            - Lei ancora, un ciuri tenniru è. Si la gudissi la ginvintù!...

TURA             - A giuvintù dici lei?... A giuvintù!... Quannu haiu avutu giuvintù? Quannu?... Mancu u tempu di fari a picciridda m'ha datu a vita. A ott'anni, prima morsi me patri, e poi acciuncò me matri, na malatia longa, ca ni ridussi all'ossu. Di nica na casa supra i spaddi. Parru cu lei, ca mi pò veniri patri...

 

ALFIU            - Ca antru, haju na figghia di quarant'anni...

TURA             - (Come se parlasse a sè stessa) A mia, a statu na vita di sacrifici, di stenti; mai na gita, mai un divirtimentu. Haju crisciutu cu me frati, l'unicu veru e sinceru affettu. Ora, chi ci pozzu fari? Si pensu ca me frati putissi vuliri beni a una strana, ca non ci veni nenti; ma non ci u sacciu diri chi mi sentu di intra, mi pari ca tuttu u munnu m'avissi a cascari davanti, mi pari c'arrubannumi l'affettu di me frati, pi mia u munnu finisci, e jù nta sta terra non haju chiù chi ci stari a fari... (piange).

ALFIO            - (Condiscendente) Si capisci, pensa ca pulissi ristari sula e non si po' rassignari. Abbituata di nica a stari cu iddu; iddu l’ha criscuta, iddu l'ha prutiggiutu, o sulu pinseri ca ristassi senza l'appoggiu d'iddu s'abbarua... Ma u viri chi è signurinedda, u Signuri manna u friddu,  pi quantu e a cupirtura; nta vita tuttu quistioni d'adattamentu è... Iù mittemu, arristai sulu ca mancu aveva quarant'anni e pi l'amuri di me figghia, non mi vosi accasari cchiù, pi non ci fari mancai i prutizioni e affettu!... U saccui jù chi mala vita, cu na carusa nica… Poi comu finiu? Idda crisciu, s’incuntrau cu unu pi casu, si ‘nni namurau, si vosinu, partera pi l’Australia, e jù?… Sugnu cca! Ogni tantu na littra, na cartulina…

TURA             - Ma pi lei non è u stissu, è omu; jù pi disgrazia sugnu fimmina, non sugnu na billizza (piange) cu l’ucchiali; l’omini mancu mi chiunu.

ALFIU            - Chi va dicennu lei, mancu si fussi cu’ sapi chi! Ora non ha chianciri eh!… Allura finisci ca mi fa chianciri macari a mia… (le toglie gli occhiali) Sernza chianciri… (le asciuga le lacrime)

TURA             - (vedendosi tolti gli occhiali si smarrisce, si confonde) No, no, pi carità, mi dessi l’ucchiali!!! (si alza e va indietreggiando) Mi lassassi stari, signor Vinciguerra….

ALFIO            - (sorridente, la segue, mentre lei indietreggia) Ma pirchì si scanta? Si pigghiassi l’ucchiali, chi voli ca ci fazzu? Semu du sfurtunati…

TURA             - (giuge con le spalle contro la parete del paravento) No! Mi dessi l’ucchiali e si ni va, pi favuri….

ALFIO            - (è turbato anche lui) Certu, te ccà, ti mettu l’ucchiari… (l’avvicina, fa per metterle gli occhiali, ma l’afferra il viso, l’avvicina a sé e la bacia a lungo) mentre cala velocemente la tela.

FINE DEL I° ATTO

 

ATTO II

SCENA I

Vincenzu – Tina  e poi Tura

La stessa scena del 1° atto. Sono le ore 8. vincenzo si trova dietro la porta del bagno. Continua a bussare. Tura, da un pezzo sta chiusa nel bagno perché, essendo incinta, vomita continuamente. Vincenzo, ignaro della vera ragione per cui lei sta male, si preoccupa.

VICENZU      - (Chiamando insistentemente) Tura, Tura!... Turidda 'o frati, arrispunni'... Turidda, sangazzu di… (tra di sè) Non cridu ca ci pigghiau qualchi cosa dda intra?... E comu fazzu?... Chi mala vicchiania 'ca mi sta scurannu, cu mi l'haveva a diri... Tura, Tura?… Arrispunni, maladittu la me disgrazia, e si la... Mancu ju u sacciu chi haju a diri... Parola d'onuri mi mittissi a fari vuci comu 'n-pazzu !...

TINA              -  (Entrando dalla comune) Chi si dici, comu va?...

VICENZU      - Cha chi s'ha diri? Si nficcau dda intra, e non mi duna mancu cuntu!

TINA              - (Dietro la porta anche lei) Signurina, signurina Tura?... Ma pirchì n'ha teniri accussi nte spini?.., E va beni, accuntu niscissì !...

VICENZU      -  Parrau, chi dissi?...

TINA              - (Evasiva) No sacciu, no capii bona... (rivolta sempre a Tura) Ntantu niscissi, e poi ni parramu...

VINCENZU   - Tura o frati, riesci ca è Tardu. Jù m’haiu a lavari a facci, haju n'appuntamentu!...

 T1NA             - (a Vincenzo) C'è paura ca ci pigghiau nautra vota a musca?... .

VINCENZO   - No, chi c'entra; anzi, havi un pocu di tempu ca ha statu tantu sirena. È ca non digirisci chiù nenti di na pocu di simani; poi d'arsira, non avutu chiù paci. Si manciau 'n-pocu di favi fatti a castagna, qnannu mai idda, ca i favi non ci piacevunu, ora si fici squarati, si manciau cu tutti i scocci, e ci ficinu mali...

TINA              -  Poi idda, santa carusa, soffri di stomucu, e si mancia i favi?

VICENZU      -  (Comprensivo) Si vosi passari stu capricciu. Du restu chi godi nta vita, mancu chissu?... Mancu si era un , piattu prilibatu….(riflettendo) Ntantu è tardu; comu fazzu?...    

TINA              -  Ma lei com'è, ca non l'ha fattu visitari, pi stu fattu di stomucu?...

VICENZU      -  S'affrunta. Pi na manu sula ju chi pozzu fari?…

TINA              - (Risentita) Chi sula?... S’affrunta! Pi tutti i vostri disturbi vi rivolgiti a mia. È  ca a signurina Tura, fa i mizzigghi (di nuovo bussando) Signurina, com'e ca arristau misa ddocu a intra?... Chi voli fari ddocu? So frali s'ha lavari a facci ca sinn'ha ju!...

VICENZU      - Acconuoti è nuda dda intra? Ci dici, ca si s'annulla, jurni ni vaju dda banna...

TINA              - (Contrariata) Chi s'adrunta? Non dicemu smaliri pi favuri!… S'affrunta di lei ca l'ha crisciuta?...

VICENZU      -  (bonario) E’ timida, non è ca u fa pi malu.

 

TINA              -  Nenti storii su chissi. Tostu ci dessi na spaddata a porta, e ni ni niscemu…

 

VICENZU      -  Megghiu ca chiamu i pumperi?...

TINA              - (Impaziente) Ma chi pumperi, pi favuri signor Pappalardu. Di punperi ca su strani, ncasu mai, non s’affrunta, di lei ca è so frati s’affrunta?… Forza ci dessi na spaddata, annunca mi ini vaju e v’ha spirugghiati vuatri.

VICENZU      -  (Titubante) Chi dici ca a spunnu ju?...

T1NA              -  (Decisa) Si, si, non pirdissi tempu. Ancora ddocu è?....

VICENZU      - (Comincia a contare per poi lanciarsi contro la porta) Unu, dui, dui e menzu...

TINA              -  (c.s.) Ancora a longu a porta?...

VICENZU      - E l’haiu a pigghiari a vulata?…Dui e menzu e tri!… (si lancia per abbattere la porta, ma giunto a velocità, davanti all’uscio, si trova nelle braccia di Tura, che in quel momento esce) Tura o frati, comu ti senti ah?… (la induce a sedersi aiutato da Tina)

TINA              - (Comprensiva) Comu si senti signurina?...

VICENZU      -  Turidda o frati, chi li pozzu fari?... (avvicinandosi a lei) Chi fetu d'acitu!... Sta carusa, havi u stomucu malu cummnatu. Mancu l'acquadigirisci...

TINA              -  Gesù e Maria, taliati com'è siracanciala nta facci, e si sta chiusa dda intra!...

VICENZU      - (Vedendo la sorella che smania, non sa che fare, infine si decide) Ora ci chiamu l’ambulanza!… (si avvia)

TURA             - (raccogliendo tutte le sue energie) Fermiti docu!… Non chiamari nenti!…

TINA              - (non sa spiegarsi il perché di una simile reazione) Signurinedda, lei non è ca n’ha fari nesciri pazzi!… Di comu è cumminata nta facci, ca pari ‘n-mascaruni. Si chiuri nto cessu e non nesci chiù, dici ca havi un pocu di tempu ca non digirisci… (Tura viene assalita da conati di vomito; strabuzza gli occhi ed apre la bocca, come se facesse un gran sbadiglio) U sta virennu, u sta virennu comu è cumminata?

VINCENZU   - Figghia mia, si non ci damu rimediu, semu persi, comu ti cummini?…

TINA              - (energica) Si viremu accussì, a purtamu di contraforzu, o prontu soccorsu!…

 

TURA             - (scortese) E torna c’u prontu soccorsu!… Non ci n’haiu di bisognu di prontu soccursu!… Oh caspitina!…

TINA              - (risentita) U sapi chi ci dicu? Ca mi ni vaju, e vi la viditi ntra vuatri!…

VINCENZU   - (intervenendo supplichevole) Signurina Tina!…Chi voli, l’ha scusari, non è idda l’ha cumpatiri. Idda ca è di natura nirvusa, e u mali ca c’è!…

TURA             - (remissiva) M’ha pirdunari signuruzza ma di sti tempi, non sacciu chiù mancu jù, chi dicu e chi fazzu…(le viene da piangere, nel contempo viene di nuovo presa dallo stimolo del vomito, ma non riesce a fare ne l’uno ne l’altro).

TINA              - (sorreggendola) Vi… Gesù e Maria, ma cca è nicissaria na bona visita di spicialista!… Lei devi aviri nervi attaccati o stomucu… A pripositu, haiu na partita di pinnuli, ca u dutturi mi scrissi a me maritu. Iddu macari suggreva di stu mali, tantu ca ci vunchiava a panza…e, non puteva manciari nenti.

VINCENZU   - Ruvisciava macari iddu?…

TINA              - (perplessa) Nooo, non sempri; a maggior parti aveva duluri e mancanza di pitittu.

 

VICENZU      - (a Tura) Tu n’hai duluri?… (Tura viene ancora presa dallo stimolo del vomito) U viri?… U stai virennu?… Nervi, tutti nervi… (a Tina) Signuruzza, i pigghiassi ssi pinnuli, ca ci ni facemu ammuccari qualcuna…

TURA             - (si alza di scatto e si dirige velocemente verso il bano, perchè assalita di nuovo dagli stimoli, giunta davanti allo stipite, vi si appoggia affranta)

VINCENZU   - (le va dietro e la sorregge) U viri, viri? I pinnuli ci colunu, i pinnuli!…

TINA              - (andando verso la finestra, si affaccia e chiama) Ninny?…Ninny?…

NINNY           - (di dentro) Che vuoi mamma?…

TINA              - (affacciandosi alla finestra)

TINA              -  (Girandosi chiede) Chi fu... chi successi?...

VINCENZU   - (premendosi con il fazzoletto la parte dolorante) Sangu di la miseria… (alludendo a Tura) Ci pigghiu nautra vota e si nficcau dda intra. Ora dicu jù, una ca si ruvescia, havi bisognu di qualcunu ca ci teni a frunti!… (riflettendo) U bellu è, ca haju n’affari pi manu ‘n-mpurtanti…

TINA              - Ca lei pi cuntu so; jù macari haju i mei nta me casa…

VINCENZU   - (sospirando) Havi ragiuni signuruza… Ntantu jù non m’haiu pututu lavari a facci.

SCENA II

Ninny e Detti

Ninny è una ragazza vistosa, a differenza della madre, che è un tipo timido e semplice, lei è molto spigliata. Giovane ventenne universitaria, non stupida, vanitosa. Veste un paio di pantaloni aderentissimi e una camicetta lenta non infilata nei pantaloni.

NINNY           -  (entra con uno scatolino in mano) Si può?? (senza attendere risposta, già dentro) E’ questo?

TINA              - (a lei) Figghia mia, tu pari ca mu fai apposta!…

NINNY           - (indispettita) Ma se credi che te lo faccia apposta perché mi chiedi di fare le cose?…

VICENZU      - (conciliante) E va beni, lassamu stari, chiù tardu videmu si si cunvinci a farisi purtari nto medicu…

SCENA III

Bicicletta e detti

BICICL.         - (entrando) Bonu va, ancora ca aspettu. Javi n’ura ca sugnu ‘mpunta a cantunera d’a via Garibaldi!… A postu semu.

VINCENZO   - (infastidito) Bicicletta, macari a tia haju a sentiri?…

TINA              - Diu di la cruci, nautra vota dda intra si chiudiu, comu s’ha fari?…

Bicicl.              - (a Vincenzo) Nuatri facemu comu a jatta; ca a jatta pi fari meu, persi u muzzicuni!

Vincenzu         - (c.s.) Ca haj ragiuni macari tu… Tutti ragiuni aviti!… U viri ca me soru è malata; ca sta mali seriamenti?…

Bicicl.              - Malata è, e perchì s’a teni intra? A manna o spitali e nuatri ni jemu a vuscari u pani.

Vincenzu         - (a Tina) Signuruzza, lei è tanto bona, ora, comu nesci me soru, si lei si cunnucissi annicchia cca, quantu arrivu nta ‘nclienti e tornu….

Tina                 - (facendo spallucce) Chi voli ca ci dicu, signor Pappalardu?

Bicicl.              - Nenti, ntra vuatri fimmini vi sapiti sentiri chiù megghiu, nuatri ni jemu a vuscari u pani… (a Vincenzo) Balestra mi dissi, ca si ci facemu fari st’affari, m’arriala du roti di ficu sicchi e cincu chila di ficurinnia sicca.

Vincenzu         - A testa l’hai sempri ddocu tu!… Almenu mi putissi lavari a facci… (riflettendo va nel suo stanzino, prende dal comodino la bottiglia che si trova mezza piena, e la porge a Bicicletta) Te cca varda, spannimi annicchia d’acqua, quantu m’arrifriscu, almenu a facci.

Bicicl.              - Nsami, senza facci lavata non po’ stari. Allura jù, ca javi tri jorna ca non m’ha lavu!…

Tina                 - (meravigliata) Tri jorna?… Pirchissu fa issu fetu, quannu t’avvicini?…

Bicicl.              - (risentito) Ju fetu? Chi fa sgherza vossia? Ju quannu non mi lavu a facci, m’abbiu u borotalcu di ncoddu!

Vincenzu         - Teni cca va, spannimi annicchia d’acqua, quantu mi smucu l’occhi.

Bicicl.              - (prende la bottiglia e spande l’acqua nel cavo della mano di Vincenzo, il quale, mentre si lava il viso, fa schizzare l’acqua tutt’intorno)

Ninny              - (ridendo) Uh, sembra un vaporetto in partenza…

BICICL.         - (Con la mano libera, si lava la faccia anche lui) Mentri ca ci sugnu, macari ju mi vogghiu sciacquari a 'mpigna.

VICENZU      -  Abbia acqua, forza!..

.

BICICL.         -  (Posando la bottiglia sul tavolo) Non ci n'è chiù acqua.

VICENZU      -  (Paziente) Ca santa pazienza! (dal suo sgabuzzino piglia un asciugamano e si asciuga il viso).

BICICL.         -  (Tira fuori le falde della, sua camicia e si asciuga anche lui la faccia) Ahò... si senti nautru, ncristianu.

NINNY           -  (Divertita) Ma dove t'ha trovato il signor Vincenzo?...

BICICL.         -  (Risentito) U signor Vicenzii, si non avissi a mia, affari non ni facissi, pirchì i portu ju! (A Vincenzo) Averu?... Jù furriu l'erca e la merca, a peri, senza autobus e senza nenti, e non ini stancu mai.

NINNY           - Appunto per ciò, ti chiamano « Bicicletta ».

TINA              - (Alla figlia) Ci a finisci?... Com'e ca nsulti a tutti?... (a Bicicletta) Non ci dari cuntu, ca u spacinnamentu è!...

TURA             - (Esce dal bagno).

TINA              - (Premurosa le va incontro) Signurina, comu si senti?...

NINNY           - (Vedendo uscire Tura in quelle condizioni, dice tra sè) Mamma mia quanto è brutta.... Poi senza gli occhiali, sembra un'anitra spennata. (a Bicicletta) Che ha, lo sai tu?..

BICICL.         -  (Incerto) Mah!... Forsi a russania.

NINNY           -  Eh sì, la scarlattina...

BICICL.         -  A gilatina?...

NINNY           -  Ma non dire sciocchezze. Non vedi come boccheggia?... Ho l'impressione che sia incinta.

 

VICENZU      - Senti o frati, jù mi ni vani a vuscarimi u pani: c'è 'n-clienti ca m'aspetta, mancu picca... (a Tina) M'arriccumannu a lei signura Tina... (a Tura) Cca c'è a signura Tina ca è tantu bona, ca Diu ci ni renni meritu, stai queta, però, m'arriccumannu... (a Bicicletta) Amuninni nuatri, tanti ossequi signura e tanti grazii!... (Via).  

SCENA III

Detti e poi Vinciguerra. Marianna e Giacomo

TINA              - (a Tura che continua a boccheggiare) Signurinedda lei cca si devi decìdiri; s'ha chiamari a medicu, non è ca putemu fari sta vita?... Lei, ju, ddi, mischinu di so frati.

TURA             - (Comprensiva) Si ni jissi signura, ca javi i so chi fari nta so casa. Ora mi passa, nenti haiu,  non si preoccupassi. (Le viene ancora di rovesciare) Nenti, non è nenti...

NINNY           - (Flemmatica) A quel che sembra, ha tutta la caratteristica di una donna incinta.

TINA              - (Scandalizzala) E chi è pazza?... Sta gran vastasunazza... (a Tura) A scusari a veru signurinedda?

 

NINNY           - (Disinvolta) Non capisco perché ti scalmani tanto? Se una donna resta incinta che è un’offesa?... Al giorno d'oggi succede. Tanto va la gatta al lardo, finchè vi lascia lo zampino.

TINA              -  (mortificata) Ti ni vai?... Ca mi stai farennu cascari a facci 'n-terra !...

TURA             -  (Preoccupata, tuttavia, cerca di apparire disinvolta) A lassassi parrari. I carusi al giorno d'oggi, accussì sunu, zoccu pensunu, diciunu.

NINNY           -  (petulante e divertita) Certamente, abbasso l'ipocrisia!...

TURA             -  (Indagando) Tu pirchì dici ca sugnu gravida? Di unni u capisci?...

NINNY           -  (Sorridendo, maligna) Allora ci ho azzeccato?....

TURA             -  (Pronta) No, chi c'entra...

TINA              -  (Seccata) Ci a finernu cu sti discursi?... (a Tura) Non ci facissi casu lei... (a Ninny) E tu vattinni, annunca pigghiu sta seggia e ta rumpu nta testa!

TURA             -  (Conciliante) A lassassi stari, signura, ca è carusa.

TINA              - (c.s.) Sta scustumata s'ha fari l'affari so. E poi Diniscanza pi diri sti cosi?...

NINNY           - (Testarda) E va bene, la signorina non è incinta; e se lo fosse stata?... Che cosa avrebbe mai commesso di male?... Quale azione schifosa, offensiva avrebbe commesso, dillo tu!... Ogni persona è responsabile di ciò che fa, e quando non porta nocumento agli altri e non offende nessuno, è liberissirna di fare ciò che le pare e piace...

TINA              - (Che non crede alle sue orecchie) E chi è pazza?... (a lei) Ancora?...

 

TURA             -  (Simulando disinvoltura) A gioventù d'oggi, è accussì, libirali.

NINNY           - E’ meglio forse essere ipocriti?... Ci scandalizziamo di tutto, e poi, sotto sotto, facciamo tutte le fetenzie...

TINA              -  (Disperandosi) Si na gran vastasunazza !... Ma dicu ju, all'università chi ti nsignunu?

NINNY           - All'università, mammina, ci insegnano, naturalmente non i professori, a guardarci in faccia, negli occhi. Siamo nel duemila, lo capisci si o no?...

TINA              -  (Mortificata, a Tura) L'ha pirdunari ca è carusa, e voli fari a spiritusa. Poi a lei a sapemu, non ricivi a nuddu, si po' diri ca non nesci mai...

NINNY           -  (Cocciuta) S'è per questo quando l'amore vuole, non trova ostacoli.

TINA              - (Fuori di sé, brandisce una sedia e fa per scagliarsi contro la figlia) Ti ni vai? Ma chi daveru?

SCENA IV

Marianna e detti

MARIANNA - (irrompe nella stanza, ansante, ha fatto le scale di corsa, non riesce a parlare, si siedee facendo segni incomprensibili)

TINA              - (distolta dall’ingresso di Marianna) Chi fu?… Chi successi?

TURA             - (spaventata) Chi manera è chissa di trasiri?…

NINNY           - Che manicomio…

TINA              - (a Marianna, che ancora non riesce a parlare) Si po’ sapiri chi ti successi? (poiché lei ancora non si spiega) Chi ci pigghiò qualchi colpu d’acituni o picciriddu?…

MARIANNA - (finalmente parla) No, quali scanzatini!… O signor cosu… comu si chiama… (indica la stanza dove presume che alloggi Vinciguerra) Comu si chiama, ca mu scordu sempri… u signor… chiddu ca dormi cca…

TURA             - (preoccupata) U signor Vinciguerra?…

MARIANNA - (disorientata, non riesce a distinguere le persone) A signurina Tura unn’è?…

TINA              - Ca ccà è, n’a sta virennu?

MARIANNA - (guardando verso l’ingresso) Ccà su, ccà!… (tutti si girano verso l’ingresso)

SCENA V

Giacomo indi Vincenzo, Vinciguerra e Bicicletta

GIACOMO    - (entra veloce dicendo a Marianna) U lettu, u lettu! Ci u dicisti?… (esce di nuovo)

NINNY          - Che sta succedendo la rivoluzione?… E mia madre è sempre al centro di tutto.

TURA             - (quasi gridando) Si po’ sapiri chi successi?… (le viene di vomitare e si mette un fazzoletto in bocca, mentre dall’esterno si sente un certo brusio).

TINA              - (confondendosi) Gesù, Gesù e Maria, e unni sugnu misa?…

NINNY           - (Cogliendo la palla al balzo per rimproverare la madre) E tu perche ti impicci di tutto e di tutti? Fatti gli affari di casa tua, come è tuo dovere. A te piace, ci guazzi a stare in mezzo ai guai degli altri, te li cerchi con il lanternino..

GIACOMO    -  (Ritorna in scena gridando) U lettu, u lettu!... (Entrano Vinciguerra, Vincenzo e Bicicletta. Giacomo fa più confusione che altro. Vinciguerra ha gli occhi strabuzzati, e pallido, respira faticosamente, con le mani si comprime il petto. Sorretto da Vincenzu  Bicicletta viene quasi trascinato verso la sua stanza.)

MARIANNA             -  (Appena lo vede) Mischinu !...

TURA             -  (Mentre si affloscia nelle braccio di Tina) Oh' Alflìu!...

TINA              -  (Raccogliendo nelle braccia Tura) Bih!... Sant'Aita biniditta!...

GIACOMO    - (confusionario) A stanza; a stanza unn’è?

VICENZU      - Di cca, di cca. (si avviano verso la stanza indicata)

BICICL.         - N-mpunemunnillu ‘n-cazzicaledda!…

VICENZU      - Lassa stari, no, no, ca peggiu è!…

VINCIG.        - (più che con le parole con il gesto, fa capire che non vuole essere sollevato) No, no, lassa… jiri…

GIACOMO    - (precedendo il trio, come se fosse il direttore delle operazioni) Di cca, di cca, senza strapazzarlu. ‘N-fazzulettu, pi stujarici ‘a facci, ca è sudatu… alleggiu. Unn’è chi è chista a cammira?… Bicicletta non l’ammuttari…alleggiu… (entra per primo nella stanza seguito dai tre)

NINNY           - (ha seguito attentamente gli atteggiamenti di Tura. Alla fine, con un sorriso sardonico esclama) Finalmente, si sono scoperti gli altarini!…

TINA              - (mentre depone Tura in una sedia) Santu bonu Diu!… Chistu castiu divinu è. Nta sta casa sempri cosi storti ci capitunu ?…

MARIANNA - (mentre aiuta a far sedere Tura) Pi daveru, jù havi picca ca ci staju, ma a chiddu c’haju ntisu!… Pirchì non la fanu binidiciri sta casa?…

NINNY           - (canzonandoli) Certo, bisogna fare esorcizzare, casa e persone!…

TINA              -  (A Tura, che rinviene) Signurinedda, megghui ca si ni va a ripusari dda banna lei...

MARIANNA             -  Megghiu è, si ittassi supra ‘u lettu ca s'arriposa, ca nta facci pari n-cadaviri lei. Mischina, si scumbussulau tutta. Jù macari, hau n-trimulizzu di ncoddu!...

TURA             - (Aiutata dalle due donne, si convince ad andarsene nella sua stanza.)  

SCENA VI

Ninny sola, poi Giacomo, indi Marianna, Tina e poi Vincenzu

GIACOMO    - (Entrando confuso) Unni su? ... (Ninny non risponde) Unni si nni jeru?... (A Marianna che torna) Comu facemu, ci voli u medicu?...

MARIANNA             - A dda criatura da signurina Tura, ci pigghiau ncullassu. Sparti dici ca havi na para di jorna ca non si senti bona.

NINNY           -  (Velenosa) Poveretta, è affetta da un male cosi tremendo, ma così tremendo !...

TINA              -  (Torna in quel momento in scena) Sempri tu parri!... (ai due, alludendo Tura) A signurina e tipu apprensiva.

GIACUMU    - Ntantu dici, ca ci voli u medicu. Ju comu ci vaju, ca lassai a purtinaria sula; idda, (indica la moglie) lassau u picciriddu ca chianceva, stava facennu comu chi...

MARIANNA             -  (Ricordandosi)  Bih!… Gesù, Gesù, ca veru è, nsalanii, u’ picciriddu nta culla lassai, ca stava scattannu!…

GIACUMU    -  Comu facemu?...

MARIANNA             - Ci stava dannu u latti, Diu ni libira, non ci vulissi pigghiari qualchi cosa, animuzza nuccenti!.... Di comu mi ntrasattai...

GIACUMU    - (a lei) Amuninni nuatri, ca st’ura ddu picciriddu, sa comu sta facennu, sulu. Nuatri certi voti semu incuscienti, tu macari c'a m’appizzi d'appressu...

MARIANNA             - Cà una na ddu mumento, chi pensa?…

GIACUMU    -  E chissu è u fattu, ca hai a testa nte nuvula; ci avevi a pinsari ca c'era dd'anima nnccenti...   

MARIANNA             -  E bonu ora non ti siddiari. Amuninni tostu, prima ca 'o figghiu ci scatta u feli (Si avviano)

GIACUMU    -  (Esagerando al massimo le scuse, tirandosi per mano la moglie) Amuninni, scusati, ma ‘u signuri viri 'n cori, non è pi mala vuluntà. (via)

VICENZU      -  (Entra in scena, mentre i due stanno per andar via) Chi è si nni vannu?... (a Tina) Mi sentiu abbiatu di n-palazzu! Di sta matina ca cummattu  cu me sori, ora cu stu mischinu. (si siede) Non ci a fazzu a stari additta. Ntantu ci voli 'u medicu!... Cu tutta a stanchizza, ju ci issi, ma comu vi lassu suli? Chiddu mi pari ca havi na cosa seria, Diu mi ni scanza comu faciti suli. Dd'autru, Bicicletta non cunchiuri, cu tuttu chissu, ‘u sta puliziannu, si duna chi fari!... (riflettendo) Una dritta non mi va. Chi vita, chi vita!...

TINA              -  (comprensiva) Chi ci voli fari? Ci voli pacienza ma vita; cu' chiù e cu' menu, nte nostri casi avemu i nostri disturbi...

 

VICENZU      -  Ma non accussì, unu appressu all'autru. Ci vuleva chista ora?... Cu ddautra criatura, ca non si senti bona, e non sacciu chi havi e chi non havi?... (Pensando di nuovo Vinciguerra) Ntantu chiddu, havi di bisognu 'u medicu a qualunqui costu, chi facemu?...

TINA              -  (Avvicinandosi a Ninny, la quale sta masticando gomma americana e si diverte a fare bolle, che li fa gonfiare al massimo, per poi farle scoppiare) Ca ora viremu ci dicemu a Ninny. Ma iddu chi è ca havi?...

VICENZU      -  Non sacciu, mi pai na cosa seria... Ci va Ninny? Mancu pi mannarici a carusa!... Ma santa pacienza. (Via).

TINA              -  (Ninny) Ninny, senti a mammina, non ti siddiari, ci scinni un minutu cca all'augulu, nto dutturi Mangiaficu?... Chi voi fari a mamma non ti siddiari!...

NINNY           -  Proprio quello chiamate?... Te lo raccomando quello !...

TINA              -  Sempri un medicu è, intantu si chiama a chissu, poi si ni parrà.

NINNY           -  (Con un sorriso di scherno) E per quella... (Allude a Tura) Per quella le possiamo chiamare la levatrice?...

TINA              -  (Indispettita) Ci a voi finiri; e ti ni vai?...

NINNY           -  Dunque non sei convinta ancora?... Ma se come lo ha visto in quelle condizioni, le ha preso il « catachirri». Poi con voce chioccia ha esclamalo » Oh Alfio!... »

TINA              -  (Disorientata) Si sicura tu?...

NINNY           -  Ma senti un po'!... Perché tu non l'hai sentita?... E lo svenimento?...

 

TINA              -  (Incerta) E poi, giustu giustu, cuddu vecchiu?...

NINNY           -  E già la dea venere, ci ha rimesso sul capitale, capirai !...

TINA.             -  Chi voldiri! Sempri picciotta schetta è!…

NINNY           -  Uh, quanto la fai lunga con la « picciotta schetta! » Sono tutte sciocchezze, superate da lunga pezza!...

TINA              -  Chi è sta lunga pezza?...

NINNY           -  Uffa mammina, sei proprio arretrata!...

TINA              -  E poi cu unu chiù granni assai di idda?...

NINNY           -  E come vedi lo ha ridotto ai minimi termini  (indicando la stanza di Alfio) Hai vistu in che stato è giunto?... Se rimane in vita, dovrà vivere in un carroccio.

TINA              -  (Meravigliata) Figghia mia, ma si' 'struita al massimo, ni sai centu chiù du diavulu...

NINNY           -  (connniserandola anche affettuosamente) Mammina, faccio l'Università, non sono alla prima elementare; e tu cerca di aprire gli occhi. Mi sembri un essere preistorico... (Via)

TURA             -  (Che si era affacciata poco prima) Signora Tina chi si dici?... (.Alludendo ad Alfio) Com'e?...

TINA              -  Corn'è? Ca ivu a chiamari u medicu ora Ninny.

TURA             -  (Scoppiando in lacrime) Quantu sugnu svinturata, chi mala sorti, chi ci campu a fari?...

TINA              -  (confortandola) Chi va dicennu signurina?... Non facissi accussi, ca dda banna c'è so frati... c'è... (Ora che è quasi persuasa che tra Alfio e Tura era avvenuto, ciò che Ninny affermava non sa come indicare o nominare Alfio) C'è... dda 'u... signor... Vinciguerra...

TURA             -  (Tra le lacrime chiede interessata) Ma chi havi... Chi fazzu, ci vaju?... (Le viene di rovesciare, mentre piange e si dispera) Quantu sugnu disgraziata !...

TINA              - (La sorregge e la conforta. Infine la convince di ritornarsene a letto) Nenti signurina, e megghiu ca si abbia  nto lettu e si riposa. Jù, macari pozzu essiri nicissaria da banna, ntantu ca veni u medicu.

TURA             -  (Si lascia convincere avviandosi con Tina nella sua stanza) Sì, sì, megghiu è, ca nu sentu i jammi lenti! (Via)

BICICL.         -  (Confuso si affaccia e chiama) Signura Tina, signura Tina?... (Non ricevendo risposta) E chi è, si ni jenu tutti?... Bellu è stu fattu, ni lassami suli... (Si avvia verso il bagno. Esce di lì a poco, con un vasino da notte, in mano, e sta per ritornarsene verso la stanza di Alfio) Mah, viremu chi pozzu fari cu stu cosu... ( Tina esce dalla stanza di Tura)

TINA              -  (a Bicicletta) Mi chiamasti?...

BICICL.         -  (Girandosi) Ah si, signura, chi havi n-pappajatidu?..

.

TINA              - (Che non ha capito) N-pappajaddu?... Chi ni sacciu, me maritu havi n'acidduzzu ma non sacciu chi aceddu è...

BICICL.         -  Chi c'entra, non pappajaddu, pappajaddu 'n pappajaddu Pi, pi... pi (Indica il vasino da notte, come per dire, quello che sostituisce questo)

TINA              -  (Finalmente capisce. Stizzita) Chi mi cunti a mia? U pappajaddu, stàutru scunchirutu !...

BICICL.         - Pirchì, nun puteva essiri, ca ci aveva u pappajaddu?...

VICENZU      -  (Entra in scena) Bicicletta, ancora cca si, chi stai facennu?….

BICICL.         -  Ci spiaj a signura, si ci aveva n-pappajaddu, e s'affinniu...

VICENZU      -  Tu si veru bestia però. (a Tina) L'ha scusari signuruzza, ca chistu, comu i pensa i cosi, i fa ((a lui) Vattinni dda banna va, ca ju non mi fidu di starici...

BICICL.         -  (Indispettito) Ci slaju jennu! Quannu fazzu na cosa ju, è sempri sbagghiata (alludendo ad Alfio) Chiddu e tuttu assappanatu, (mostrando il vasino) cca cu stu cosu, chi ci fazzu, mu dici?... (Via mormorandosi)

VICENZU      -  (Sedendosi avvilito) Ci mancava macari chissi! ora, non hastavanu i guai mei?... (il suo pensiero va a Tura) Cu ddautra carusa na ddi cundizioni... Comu si senti?

TINA              -  (Evasiva) Ma, nenti... sia ripusannu....

VINCENZU   -  (Comprensivo) Pi na manu, a cummattiri cu mia, ca non sugna chiù carusu, cu ddautru. (Allude ad Alfio) ca non è picciottu. Si cumminau u ricoviru di vecchi cca intra e dda carusa, vunchia, vunchia, s'aminilena u sangu, naturammenti finisci ca scattia...

TINA              - (tanto per dire qualcosa) Già... ognunu nasci cu so distinu, nta vita. (cambiando discorso) Ma o signor Alfio chi ci picchiau?...

VINCENZU   - Chi sacciu!... U truvamu nterra, nta l’entrata du purticatu, a facci a buccuni ; antura, quannu niscemu pi dd’affari ca avevumu pi manu. Chi pottumu iri a nudda banna… U isamu e non sapunnu chi fari u purtamu o primu pianu. Chidda a signura Bonaccorsi, comu ni visti, si scantau e ni chiurivu a porta nta facci, e … chi facevumu?… U purtamu cca!

TINA              -  Ma com'e ca non chiamasturu a 113' n'automulanza?...

VINCENZO   -  Signiruzza na ddu mumentu, unu chi pensa. Non è ca putevumu sapiri ca a cosa era accussì gravi.. Srà dissumu , qualchi furriuni di testa.

SCENA V

Ninny, il dottore e Detti

(Ninny entra seguita dal dottore il quale è un giovane medico alle prime armi con la professione)

NINNY           - Ecco il signor Dottore!

DOTTORE     -  Chi è l'ammalato?..

VICENZU      -  (premuroso) Dda banna è ...

DOTTORE     - Chi è un suo parente?...

VINCENZU   -  (Incerto) No, è... un...

NINNY           -  (lo toglie dall’imbarazzo) E’ un  suo inquilino.

VINCENZU   -  Già, ma non pirdemu tempu… E’ megghiu ca ci iemu (si avvia)

DOTTORE     -  (seguendolo) D’accordo, faccia strada.

VICENZU      -  (precedendo il Dottore) Di cca, di cca dutturi, amuninni. (escono)

NINNY           - (Alla madre) Si, ma noi, non possiamo perderci appresso a loro. Io non ho ancora fatto neanche colazione!...

TINA              -  (Comprensiva) Haju ragiuni a mamma. Ntantu mancu a spisa haju fattu, chi ci fazzu truvari a to patri quannu veni?... Senti, si ti dugnu i soldi a tia, ci vai tu a fari un pocu di spisa?...

NINNY           -  (allungando la mano) Ma sì certo, mi dai i soldini?...

TINA              -  (Trae, dalla tasca del grembiule, una nota) Allura guarda chi fai, cca c'è a nota di chiddu e'a pigghiari mo casciolu ddu cantaranu, c'è u me portamunita li pigghi decimilaliri...    

NINNY           - Le sigarette me li fai comprare, mammina?...

TINA              -  Sì, ma non fari o soliti, to, ca n'apprufitti di l'occasioni !...

NINNY           -  Quanto posso trattenere per me?...

TINA              -  Pigghiti milli liri...

 

NINNY           -  (birichina) Mille lire?... Se voglio andare al cinema, con qualche amica, ce ne vogliono almeno due...

TINA              -  Si na rennita, figghia mia!...

NINNY           -  Non comincimao coi rimbrotti. Mi fatto scrivere all’ Università? Cosa vuoi adesso?... Le nozze coi fichi secchi non si possono fare!...

TINA              -  E, va beni, pigghitinni dui mila, mancu?...

NINNY           - Beh, così va meglio… E cerca di sganciarti, perché anche tu hai una famiglia e una casa a cui accudire.

TINA              -  Va beni, va beni...

NINNY           -  (mentre si avvia per uscire) Ehi, mammina! Ciao mammina occhi bendandati!... E te la raccomando la verginella (allude a Tura, va via facendo una risatina sarcastica)

BICICL.         - (apparendo davanti la porta dove è la camera di Alfio, guarda Tina, e le fa segni, come per dire che l’ammalato va di male in peggio)

TINA              - (non ha capito) Chi dici?

BICICL.         - (fa ancora segni)

TINA              - (seccata) Chi è addivintasti mutu ora? Ci mancava macari chissu, pi farla tutta cumpleta a cosa…

BICICL.         - Vogghiu diri va, ca mi pari, ca si cogghi i pupi…

TINA              - Chi voldiri si cogghi i pupi?

BICICL.         - Chi parru turcu?.... Ca s’ha quagghia va, mori!...

TINA              - Vih scanzatimi veru è?...

BICICL.         - E comu no?... Mi mannau di cursa a cattari sti miricini, pi quantu u fa ricupigghiari annicchia, e poi dici, ca u portunu direttamenti o spitali pi farlu moriri dda…. U dutturi dissi ca ci pigghiau un colpu enciclopedicu; dici ca di sti tempi a fattu strapazzi assai, iddu ca si truvava azziccagnatu, pirchì ci aveva il cori incoronato dalle corone di tutti….

TINA              - Ucori ncurinatu?... Chi ncucchi…

BICICL.         - Comu chi ncucchiu???? U mericu u dissi, dici ca le coroni del suo cori currispunnunu cu a lavina dell’orto…

TINA              - (disorientata) Ca chi dici scunchiurutu?... Tostu vattinni ca mi stai facennu cunfunniri a testa…

VINCENZU   - (seguito dal dottore) Ancora cca si Bicicletta?...

DOTTORE     - (chiede a Tina dov’è il bagno, Tina glielo indica e lui vi si avvia)

BICICL.         - (chiamando a parte Vincenzo) Mi dici na cosa, sti midicini non su soldi persi?...

VICENZU      - Ma si urdinau u dutturi…

BICICL.         - U sacciu, ma chiddu, a comu è pigghiata sta jurnata non ci scura, sti soldi pirchì ci spenni?... Non sulu ca non pottumu cumminari dd’affari, sparti, ju ci appizzu a ficurinnia sicca ca mi prumisi.

VICENZU      - (seccato) Ti nni vai? Pezzu di scunuchiurutu ca non si autru, bestia vattinni!...

BICICL.         - Mah!... Ci voli appizzari sti soldi? Pi mmia… (via dalla comune)

DOTTORE     - (ritorna in scena) Dunque, avete mandato a comprare quanto vi ho prescritto?...

VICENZU      - Sissignura, ora i porta Bicicletta…

TINA              - Ma chi è gravi?...

DOTTORE     - Purtroppo sì. Adesso aspetto che torni con le punture, gliele praticherò io stesso, e se questa sera, supererà la crisi, lo faremo ricoverare. Per il momento è necessario che stia immobile.

VICENZU      - Duttureddu, mentri ca ci semu, ci facissi na visita a dda carusa, dda banna….

TINA              - (vorrebbe evitare a Vincenzo l’amara verità) Ma nenti, chidda a menu cosa è!:..

VICENZU      - Chi veni a diri? Mentri ca u dutturi aspetta. Accussì sapumu di chi si tratta. (al medico) U sapi, avi na pocu di tempu ca non digirisci chiù nenti. Poi da jeri a oggi, non ricivi mancu l’acqua, zoccu ci arriva nto stomucu, u jetta, parannu ccu ducazioni.

TINA              - (c.s.) Ju dicissi di lassari perdiri, com’ora….

VICENZU      - (meravigliato) Signura? Mancu lei mi sta parennu! (al medico) Ci issi duttureddu.

DOTTORE     - Bhe non c’è niente di male se visitiamo il paziente. Avrà qualche intossicazione, ora vediamo (a Vincenzo) Allora venga…

VICENZU      - No bah!... Chidda s’affrunta cu mia davanti. Chi fa s’avissi affruntari?... Ma intantu è timida.

DOTTORE     - Le parrà strano, ma certe donne sono così, nell’intimità magari non hanno nessuna reticenza, dopo di che, diventano di una riservatezza eccezionale… Poi le donne all’antica, ancora peggio (a lui) lei resti, (a Tina) vuole venire lei, signora?... (Tina lo segue)

VICENZU      - (solo) Quannu i cosi si prisentunu mali di capu i matina, voldiri ca fila pi tutta a jurnata. Ntantu u clienti arristau aspittannu, sicuramenti st’affari si ni ivu n-fumu. (guardando nella stanza di Alfio) Mi dici a testa ca s’ha quagghia stu mischinu!... Megghiu ca ci vaju, ca è sulu, nsamai ci avissi a pigghiari qualchi crisi… (pensando alla sorella) d’autra criatura, pi na manu, è na povira svinturata. A cummattiri cu nuatri…sula ca sbatti….

BICICL.         - (entra di corsa) Cca sugnu!! (si siede) fici na cursa, quannu arrivai nta farmacia, ci fici schifiu, ci dissi: haiu a pricidenza, ca chisti su midicinali pi un muribunnu. U farmacista taliau a rizzetta, e dissi: veru è, e mi sirviu subitu. Cca c’è tuttu, a ziringa, non c’è bisognu ca si vugghi è già cotta, vugghiuta vah… comu si dici sdisinfittata!...

VICENZU      - Va beni mettili ddocu…

BICICL.         - Achi mprisa, ca u mericu nu fici iri?.... E ora cu ci fa sti gnizioni? Non sulu ca mori, ci appizzamu macari i miricinali, ca non si fa nuddu… Cumminazioni ca su p’arrinfuzzari mi fazzu jù.!...

VICENZU      - Ti stai annicchia mutu?... C a dda banna è u dutturi, sta visitannu a me soru….

BICICL.         - Ah, si veru, pu fattu du scuncettu… E si havi annicchia di tempu, ma fazzu fari macari jù na visita, ca quannu m’addubbu a citrola mi doli a panza. Ma ntantu a mia i citrola mi piaciunu. (al medico che viene fuori seguito da Tina) Dutturi, cca ci su i midicinali, i purtai jù, prestu prestu…

VICENZU      - (al dottore) Dunca duttureddu, di chi si tratta?...

DOTTORE     - (sorridente lo avvicina) Bene, mi compiaccio… andrà tutto bene, vedrà…

BICICL.         - (al dottore) Dutturi cca ci su i midicinali, i purtai…

VICENZU      - (a Bicicletta) Ti stai mutu annicchia?... (al medico) Duttureddu, si po’ sapiri di chi si tratta?

DOTTORE     - Niente di eccezionale…

VICENZU      - Comu nenti di eccezionale?... Havi ca non digirisci nenit, ca mancu ci u sacciu diri. Na sti du jorna poi, zoccu ci arrivatu nto stomucu l’ha jttatu subitu. Non è un mali chissu?...

DOTTORE     - E’ un male e non è un male. In questi casi, la paziente è ammalata e non è ammalata!...

VICENZU      - Non u staiu capennu…

DOTTORE     - (mentre svolge il pacchetto che ha portato Bicicletta e ne riempie la siringa) Lo stato in cui si trova attualmente la paziente, è uno stato particolare, questi disturbi sono chiamati disturbi simpatici…

VICENZU      - Simpatici?...

DOTTORE     - Naturalmente!... Perché sono provocati dal sistema simpatico.

VICENZU      - Ma chi simpatici, si chidda ha jttatu macari l’occhi.

DOTTORE     - (ha già riempito la siringa) Veda, lo stato in cui si trova la paziente, è uno stato particolare, questi disturbi, derivano, da, ecco, da una forma di autointossicazione; vampe di calore, vomito, nausea, alla fine tutto andrà bene (via)

BICICL.         - (al dottore) Chi fa ci vegnu jù?...

DOTTORE     - (entra nella stanza) Non occorre….

VICENZU      - (preoccupato guarda Tina) Signura, ma lei ca era dda intra, chi ci dissi?.. U medicu chi spiegau?...

TINA              - (reticente) Chi ci dissi?... Ca a visitau…

VICENZU      - A visitau, ma unni?...

TINA              - (impacciata) Signor Pappalardu, chi sacciu jù?... Chi sugnu dutturi?...

BICICL.         - Si bravu, chi veni a diri si era dda non viri chi ci visita, chi ci tocca?...

VICENZU      - (allarmato, prendendo le mani a Tina) Signura Tina, mi parrassi chiaru… Chi havi me soru?... Non cridu qualchi bruttu mali?... Parrassi signura…

TINA              - (pronta) No chi va pinsannu, Diu ne liberi…

VICENZU      - Ma allura pirchì mi tiniti nte spini?... (al dottore che rientra) Dutturi, mi dicissi?

DOTTORE     - (si avvia in bagno) Vengo, si vengo. (entra nel bagno)

VICENZU      - (di nuovo a Tina) Non mi sta pirsuarennu, stu modu di fari vostru… (a Bicicletta) Tu inveci di ammuccari passuluni, vai dda banna nsamai avissi di nicissità.

BICICLETTA            - (disinvolto) Chi putissi aviri di bisognu? U sulu tabutu, po’ aviri di bisognu.

TINA              - Tu poi, si un veru cori tirannu…

BICICL.         - (mentre va via) Cori tirannu, si è accussì?

DOTTORE     - (ritorna) Dunque le dicevo, è da attribuire ad un complesso di fenomeni cellulari…

VICENZU      - Cellulari?...

DOTTORE     - Cioè, assolutamente invisibili all’occhio umano, ma tanto importanti nella loro manifestazione esteriore, che giungono a provocare una specie di malattia…

VICENZU      - Una specie? Vomitu di paru e paru, giri di testa…

DOTTORE     - Appunto, la cellula fecondata si è annidata nell’endometrio, e per cui incomincia a riprodursi con progressioen geometrica, si ammanta dei villi coriali, o corionali che dir si voglia, i quali penetrano nella mucosa…

VICENZU      - (confuso, disorientato) Duttureddu, chiù parra vossia, e chiù mi cunfunnu, chi su sti villi mucati, sti chi sacciu, comu si diciunu…

DOTTORE     - (abbozza un sorriso, e con aria di compatimento gli dice) Villi sì, mucati no!... Mucosa, mucosa e villi corional. Per mezzo di questi villi, si crea il nesso e lo scambio di sostanze nutritive, fra l’organismo ospite e il feto….

VICENZU      - Il fetu?...

DOTTORE     - Appunto, il “feto”….

VICENZU      - Ma, forsi, sì, quannu vomita, ca fa fetu d’acitu, ca non si po stari…

DOTTORE     - Che c’entra non scherzi. Le ho detto che lei deve rallegrarsi, lei è un uomo virile; entro sei mesi, se non prima… e penso che lo ha già capito (lo gurada fisso negli occhi) E come no?... Possibile che non ha capito, che sta coronando i suoi sogni?... (Vincenzo lo guarda intontito) Ma sì, entro sei mesi, se non prima lei sarà papà!... (Vincenzo non crede a ciò che ha sentito, inebetito guarda il dottore, il quale trae dalla borsa un foglio e scrive) Ecco, questo è il mio numeto telefonico privato. In caso di necessità telefonatemi a questo numero. (mentre si avvia a Vincenzo) La lieta novella lo ha sbalordito, ma si rallegri. Il modno è fatto così, si regge su di un equilibrio meraviglioso… (indicando ora l’una ora l’altra porta) Chi nasce e chi muore!... (via)

VICENZU      - (guarda ora una porta, ora l’altra e poi Tina. Non gli pare vero di aver sentito ciò che ha detto il dottore… come inebetito guarda in giro e poi chiede) Unn’è si ni ivu u dutturi?...

BICICL.         - (entra in scena quando il dottore dice a Vincenzo che entro sei mesi sarebbe stato papà, ora non sa capacitarsi e chiede a Vincenzo) Ma allura chi fici, si maritau ammucciuni di mia?...

VICENZU      - (senza dar retta a Bicicletta si rivolge a Tina) Ma allura, me soru chi è incinta?

TINA              - (accennando di si col capo) Chi voli fari signor Pappalardu, così ca succedunu e fimmini…

VICENZU      - (amaro) Già, così ca ammattunu e fimmini… (a Tina) E u patri cu è, lei u canusci?... Almenu è n-galantomu, è unu di bona famigghia?....

TINA              - (suadente) Lei non s’ha pigghiari colira, su così, ca non si ponu spiegari comu si cumminunu, ma succedunu, chi sacciu… jù…

VICENZU      - (ansioso) Parrassi signura, parrassi, non mi tinissi nte spini… Cu è u canusciu jù?...

TINA              - (indicando la stanza di Alfio) IDDU… u…. (Bicicletta che si trova quasi davanti la porta della stanza di Alfio si scosta)

BICICL.         - Jù? Jù chi?...

VICENZU      - Iddu cui?...

TINA              - (che ha capito l’equivoco) Iddu… u signor Vinciguerra…

VICENZU      - (sbalordito) Alfio… iddu?... Ne è sicura?... Possibile?...

TINA              - (abbassando ripetute volte il capo per confermare quanto ha detto) Mi l’ha cunfirmatu idda ora chiancennu!...

VICENZU      - (disperato) Ah… Iddu fu… iddu fici fari “u fetu”?.... Disonestu, l’amicu miu fraternu… (disperandosi) A mia mi annu sgarbu di chissi… U galantomu, a pirsuna per beni, a pirsuna seria!... Farabuttu… mascalzoni (rivolgenddosi verso la stanza della sorella) A mamma, u papà… l’onuri da nostra casata, si scrupiliava tutta, i stava facennu soffriri all’autru munnu . (sputando verso l’uscio) Jù i faceva soffriri… e tu svergognata tu chi facisti tu?... Ti mittisti c’u vecchiu… (girandosi verso l’uscio di Alfio) Ma t’ha mariti, macari mortu… macari intra u tabutu… Vigliacchi, jù fora e iddi intra, cca a facci mia!... U digestu, u stomucu ca non ci funziona. E dicitammillu, dicitammillu ca sugnu n-cretinu ca sugnu na bestia (comincia a schiaffeggiarsi e a tirarsi i capelli mentre grida ora all’indirizzo di uno, ora all’indirizzo dell’altra) Sì, na bestia, ca mi preoccupava da suruzza, ca non si sinteva bona, ca non digireva, mentri idda a la facci mia, aveva fattu scilibbia!: (così in preda alla disperazione, trattenuto, ora da Tina ora da Bicicletta, continua la sua invettiva. Mentre cala la tela)

FINE DEL   II   ATTO

ATTO  III

La stessa scena degli atti precedenti. La stanza è in gran disordine. In un angolo vi sono due, dei quattro candelieri che sono serviti per allestire la camera ardente per Alfio Vinciguerra. Appesa alla spalliera, messa in vista, una benda, fatta con un gran pannolino bianco, la quale servì per chiudere la bocca la cadavere. Per terra il lenzuolo del letto di morte. Alcuni fiori sparsi sul pavimento. Il sipario si alza mentre una musica moderna e una voce stridula, che tenta di seguire il ritmo, si sentono, dalla finestra aperta che da nel pozzo luce del palazzo.

SCENA I

Vicenzu -Tura – Tina – la voce di Ninni di dentro indi Tano

(Vincenzo e tura sono seduti pensierosi l’uno distante dall’altro)

TINA              - (esce dal bagno con una scopa in mano. Si ferma indispettita guardando per un attimo la finestra e poi a voce alta chiama affacciandosi) Ninny…. Ninny!... (più forte) Ninny!... (il canto cessa, ma continua la musica)

NINNY           - (d.d. seccata risponde) Che cosa vuoi?...

TINA              - Ma chi ti pari giustu nta stu mumentu?...

NINNY           - (D.D.) Cosa sto facendo, cosa vuoi?...

TINA              - Astutulu ssu scifiu di radiu…

NINNY           - Uffa mamma come rompi!

TINA              - Astutilu incoscenti, astutilu!... (la musica cessa di colpo) Chi ci pozzu rari, non è ca fa pi mali… (sta per avviarsi, quando si trova davanti alla benda appesa, la quale conserva esatatmetne l’impronta dell’ovale del viso del defunto, si ferma di colpo esita, infine si decide, posa la scopa, prende con le punte delle dita, la benda e il lenzuolo e si avvia per il bagno, tenendo le braccia aperte. Poco dopo ritorna ed incomincia a scopare per terra)

VICENZU      - (si alza e tenta di toglierle la scopa dalle mani) No, signura, macari chissu?... Già n’havemu apprufittatu troppu.

TINA  -           - (bonaria) Chi ci fa?... Nto vicinatu, quannu na cosa si po’ fari…

TURA             - (alzandosi e andando incontro ai due) Datimi ccà ca ci penzu jù… (mentre Tina le resiste) Non si preoccupassi signura ca mi sentu megghiu, havi d’ajeri, ca mancu u vogghiu diri, non si preoccupassi… anzi issi intra ca ‘a so casa hannu bisognu di lei.

TINA              - (cedendo volentieri) Comu voliti. Allura vaju a dari un pocu di versu intra. Si aviti di visognu mi chiamati…

VICENZU      - Signura, non basta sulu diri grazii ca vucca… Diu ci lu ricumpenza supra ‘a so famigghia…

TINA              - (sincera) Chi voldiri, si non mi damu na manu d’ajutu ntra nuatri… si aviti di bisognu a dispusizioni… (via)

TANO             - (entra dalla comune, uomo di fatica dei servizi mortuari – veste la divisa) Unni su l’autri dui cannileri?... (li vede) Ah dda su’… (va a prenderli. Mentre si avvia vede Tura che sta scopando qualche fiore caduto per terra) Chi fa?... (raccatta i fiori) Iddu ca ci ni su tantu picca… (guarda i due e pensando che il loro silenzio sia dovuto al dolore per la perdita del congiunto) Nta vita accussì semu… (silenzio ancora) Tostu chi facemu?... (nessuno risponde. Avvicinandosi a Vincenzo) Ora ju ci riportu st’autri dei cannileri a Cungraternita… Ma dda sutta stanu aspittannu… Dda sutta stanu aspittannu i dulenti… Chi facemu? Si u sacciu, vuatri siti addulurati, ma i picciotti non è ca ponu aspittari, pirchì hannu autri sirvizii… (tanto per cambiare discorso) Certu ca parenti n’haveva aviri picca, c’erunu sulu dui mazzitedda di ciuri scunchiuruti. Cridu ca mancu tanti amici aveva…

VICENZU      - (infastidito) Ma chi disiddira lei?...

TANO             - Chi disiddiru?... I dulenti non ci vanu o campusantu?...

VICENZU      - (secco) No!...

TANO             - (meravigliato) E comu, non si l’hannu a nsignari unni veni cullucatu?...

VICENZU      - Non c’è bisognu…

TANO             - (testardo) Chi voldiri, accussi? Mancu ncani!...

VICENZU      - (seccato) Senta chi voli lei… chi ci nteressa?...

TANO             - Mi scusi signor Vinciguerra….

VICENZU      - Non sugnu Vinciguerra…

TANO             - (disorientato) U mortu era Vinciguerra…

VICENZU     - (c.s.) E jù non sugnu né mortu e mancu Vinciguerra!...

TANO -           - (che non intende arrendersi) Nenti ci vineva a bon’arma?...

VICENZU     - Non era bon’arma…

TANO -           - Noooo?...

VICENZU     - No!... E ora circassi di irasinni di cca!...

TANO             - (non molla) Scusassi, chi modu è chistu di cacciari i genti? Lei si siddia!... Cca nuatri ficimu nsirviziu comu l’arti cumanna. Doppu ca i genti si sacrificunu, ca u sapi Diu, s’hannu a trattari accussi?... Dda sutta i picciotti stanu aspittannu a mia, pirchì sanu ca jù sugnu ca spirugghiu certi cosi… chi ci vo dicu?...

VICENZU      - Ma pirchì u mortu non su purtanu?...

TANO -           - Comu su partunu? Stanu aspittannu a nuatri…

VICENZU     - A vuatri?... A vuatri cui?...

TANO             - No a vuatri; a nuatri! Nuatri, a mia a lei (indicando Tura)  a signura.

VICENZU      - (oramai deciso) Amicu miu, cascasturu mali, anzi vi cunsigghiu di iravinni, ca è megghiu pi tutti…

TANO             - (non si arrende e si lancia alla carica) U sapi lei, ca è annicchia curiusu?... Chi ci dicu a i picciotti dda sutta? Doppu ca veni a diri, si livanu a saluti, pi non strapazzari u cadaviri ca u scinneru cu tutti i dilicatizzi di stu munnu. Na scala stritta ca pari n-vureddu e tri piani cu se’ rampi i scala…

VICENZU      - (vibrato) Finalmenti si po’ sapiri chi caspita vuliti si o no?... U mortu era assuciatu a Cunfraternita di Santu Vitu ed è tuttu pagatu, ora vui chi vuliti?...

TANO             - Chi putissi vuliri? Non s’u magina vossia chi vogghiu?...Ci dicu però ca chista è a prima vota ca mi capita ca i dulenti non offrunu a vippita.

VICENZU      - (ormai fuori di sé) E nuatri non semu dulenti…

TANO             - (più tenace che mai) Si morsi cca, voldiri ca qualchi cosa ci vineva. Jù per esempiu mi distrubai a pigghiari i cannileri a Cungraternita, i cannili, chi fa m’appartineva ssu sirviziu?...

VICENZU      - (c.s.) E vui pirchì u facisturu???

TANO             - E lei pi non nesciri na cusella, non si virgogna, ca vuleva lassari un poviru mortu o scuru?... I dulenti sti cosi i capiscunu…

VICENZU      - E siccomu nuatri non semu dulenti vi ni putiti iri…

TANO             - (ormai si sente vinto) Signuri mei non mi po paci, a chi puntu semu arrivati, doppu ca unu fa un serviziu a regula d’arti, si leva a saluti, arrica e trova genti ca non si dignunu di uffriri mancu un bicchieri d’acqua, chi sacciu va, na birra, n-bicchieri di vinu, nenti…

VICENZU       - (non ne può più) Ora vi ni iti di cca intra averu?... Vi ni iti, annunca vi ni fazzu iri jù, e livativi davanti l’occhi mei!... A vippita, a birra, u vinu e chi era n-vattiu, n-matrimoniu, na crisima, chi cosa era?... Ca quannu ci su i dulenti pi daveru, n’apprufittati ae vi ci ittati di supra comu i corvi… peggiu di li sanghetti!... Ca jti circannu l’occasioni pi putiri spugghiari i vivi e scucciari i morti! E ora itavinni annunca l’accumpagnamentu vu fazzu a vui a pirati, a cauci unni vi sperdi a carina… fora, fora di ca…..

TANO             - (preoccupato, va indietreggiando, mormorando frasi incomprensibili. Tura si intromette tra i due, per confortare Vincenzo, da una parte e consigliare Tano, dall’altra, ad andar via. Dal momento che Vincenzo, si alza per inveire contro Tano, la luce lentamente si abbassa fino ad oscurarsi del tutto. A metà dell’azione le voci degli attori andranno affievolendosi per sfumare completamente quando la scena è al buio. Subito due servi di scena provvederanno a mettere un po’ d’ordine)

SCENA II

Vincenzo e Tura

(la scena si illumina di nuovo e per pochi secondi rimane scena vuota)

VICENZU      - (dalla comune, entra a passi lenti, pensono, siede avvilito)

TURA             -  (dalla sua stanza, si affaccia sul limitare dell’uscio, si appoggia allo stipite. Guarda il fratello, non si decide a parlare, finalmente rompe il silenzio) Vinisti?... Chi hai?... U sacciu, di sti tempi i cosi non ti vanu tantu boni. (gli si accosta) Jù poi, pi tia oramai sugnu un gran pisul… Tu però colira non ti h’ha pigghiari… (Vincenzo lentamente alza il capo e la guarda, ma subito lo riabbassa) U dicu sinceramenti, cu tutttu u cori, ca assai ti h’ha pigghiatu… U sacciu si pi culpa mia. (gli si mette dietro le spalle, mentr’egli sta seduto a capo chino) Stai pirdennu tutti i capiddi. (mentre gli attorciglia, lentamente i pochi peli che gli rimangono al centro della testa) Vulenuci pinsari, non sugnu digna mancu di taliariti nta facci. Tu m’ha crisciutu, m’ha fattu di padri e macari di madri, di tuttu!... Si m’abbannuni ora, comu restu, chi fazzu?... (poiché Vincenzo tace, ella comprende che non le è ostile. Si precipita a pigliare una sedia e con modi affettati le si siede accanto) Chi fai, stai chiancennu?... (si affretta ad asciugargli una lacrima che gli scende dal viso, e poi sempre in tono sommesso) Certu haj ragiuni di chinaciri… Ma stu fattu, tuttu chiddu ca successu, mi fici appariri un munnu novu, mi pari ca non sugnu chiù a stissa Tura di prima… (pausa) Da ora in poi sarà tuttu diversu… Haju pinsatu di mannari a chiamari a Cuncittina… (Vincenzo la guarda) Sì a Cuncittina, e vi maritati… non mi diri nenti, non mi diri nenti, u sacciu chi mi vulissi diri, ma ora comu l’haju dittu, non ragiunu cchiù comu prima, facemu tutti na casa… Vi maritati!... (Vincenzo la guarda meravigliato. Lei si esalta e parla concitatamente) Ntantu livamu stu paarvetu, ca è na brutta cosa… (indicando lo sgabbuzzino dove vi è situata la stanzetta di Vincenzo) Ammacchia sta bella cammira, (indicando l’ubicazione delle stanze) ddà ca era a stanza d’a mamà e d’u papà, ci faciti a vostra cammira di lettu, dda unni c’era a stanza du… (si ferma non sa come indicare la stanza dove vi alloggaiva il povero Alfio) … Chidda ca è chiù nca, m’a pigghiu pi mia… (pausa) Tu non dici nenti?...

VICENZU      - Chi voi ca dicu?...

TURA             -  (amara) Ogni cosa è distinu, chi ci vulemu fari?... Tu si tantu bonu ed è giustu ca ti sistemi…. Pi mia non ci pinsari, ora mai… Tu però non poi diri ca non t’haju vulutu beni… Non ti duveva fari sta mancanza è veru, ma si tu mi dumanni comu fu, non tu sacciu diri…

VICENZU      - (bonario) E jù manco u vogghiu sapiri, tantu a chi servi?...

TURA             -  (dandogli un sonoro bacio sulla guancia) Beddu frati bonu!... Sempri cori granni e ginirusu si!... Ma jù macari haju u cori comu na palumma!... Senti a soru, ora è inutili pinsari chiddu c’ha successu, mannai a Bicicletta a fari un pocu di spisa. (Vincenzo la guarda) Chi facemu?... Spiriamu ca jù mi sentu megghiu, anzi havi d’ajeri, ca mancu u vogghiu diri… D’altra parti chi vulemu fari s’ha manciari no?... Mancu vinu c’è, si veni Cuncittina, pari bruttu… pirchì no vai a pigghiari qualchi buttigghia di ddu vinu bonu, ca tu sai unni… Bicicletta ivu a chiamari a Cuncittina, metnri ca veni a ‘nvitamu a pranzu, cu nuatri; cu nuatri, cu mia e cu tia… accussì si discurri e videmu comu n’havemu a sistimari.

VICENZU      - (disorientato) E… idda veni?...

TURA             - (giuliva) Veni… certu ca veni, a mannai a chiamari cu Bicicletta, fa cuntu ca veni… Perciò ci voli a tavula un pocu di vinu bonu!:..

VICENZU      - (non sa cosa dire, vorrebbe parlare, ma non trova le parole) Va beni… ma …tu…

TURA             -  (che già conosce a fondo il carattere del fratello, non gli da tempo di parlare. Ella teme che un discorso approfondito, potrebbe nuocere ai suoi piani) Nenti, non diri nenti, lassa fari a to suruzza… Vacci, ca si veni poi pari bruttu ca ti ni vai e ni lassi suli… (dolcemente lo conduce berso la comune) Non mancari assai…

VICENZU      - (paziente) Va beni, giustu dici, si veni idda e poi jù mi ni vaju… (bonario anche perché comincia ad accarezzare l’idea di un domani meno tetro per lui) Staju pinsannu… mentri ca veni idda, chi dici si accattu un pocu… (si guarda in giro non vuole pronunciarsi)

TURA             - fai chiddu ca chiù ti pari giustu. (a lui che va via) Vicenzu…! Non mancari assai (e lo ferma ancora) Aspetta!... Veni cca, possibili ca sta cravatta a teni sempri accussì ntrusciata! ( gli rimette a posto il nodo) D’ inutili, sta cravatta non la sai attaccari… sempri strammatu ci l’hai stu gruppu!... (gli sistema il nodo della cravatta e poi ancora con slancio di sincero affetto gli da un gran bacio) Te cca, tu meriti, cu tuttu u cori!... (Via Vincenzo ella si mette davanti alle foto dei genitori e vi si rivolge commossa) Patruzzu e matruzza, non m’abbannunnati, ci haviti a pinsari vuatri pi mia, ca si non mi prutiggiti comu mi finisci, ora casugnu nta stu statu?....

SCENA III

Bicicletta e Tura

BICICL.         - (entra senza chiedere permesso, porta un fagotto e due sacchetti di plastica) Cca c’è a spisa!…

TURA             - (sorpresa) Matri mia!… Chi fai, putissi addumannari pirmissu?…

BICICL.         - Si a porta era aperta a cu’ ci u dumannava pirmissu?…

TURA             - Chi purtasti?…

BICICL.         - Baccalaru…

TURA             - (indignata) Comu baccalaru?…

BICICL.         - Ca baccalaru!… Lei chi mi dissi? Si non trovi pisci bonu, accatta chiddu ca ti piaci, a mia mi piaci u baccalaru…

TURA             - (sgarbata) Ma va!… Fammi u favuri, baccalaru!…

BICICL.         - (pigliando l’involto con il baccalà lo avvicina al naso di Tura la quale si scosta nauseata) Pirchì? Fa ‘nciauru ca unu s’arricria….

TURA             - (scostando l’involto, viene assalita dai soliti disturbi, che a stento trattiene, indi violenta a Bicicletta) Cretinu!… stu pezzu di stupidu, chi cunfirenza!

BICICL.         - (vedendo che le ha provocato nausea) Chi sapeva jù ca ci faceva mali?

TURA             - (che si è ripresa) Maliditta jù… ca mi mettu cu stu cretinu!… Ora chissu tu porti a casa ca jù non u vogghiu. Pi mia mi vai a pigghiari un pocu di carni. (poi ripensando alla missione affidatagli)… Bah, pi na manu amara cu havi bisognu d’autru… Comu finiu cu Cuncittina?…

BICICL.         - Veni, chiù tardu veni…

TURA             - (alludendo alla borsa di plastica che Bicicletta ha in mano) E ddocu chi porti?….

BICICL.         - (allegro) Ah… Accattai menzu chilu di castagni napulitani, poi passai da fera c’erunu i nsalori, ni pigghiai n-chilu e poi accattai un bellu citrolu…

TURA             - (violenta) Bellu citrolu c’à simenza ca si tu!… Ma signuri mei quantu beddi soldi ittati o ventu accussi!…

BICICL.         - Lei si siddia, ittati pirchì?

TURA             - (indignata) Ma vattinni Vah!… Leviti davanti l’occhi mei…

BICICL.         - Vulissi sapiri jù pirchì si siddia?… Lei mi dissi, si non trovi pisci, accatta qualchi cosa o to piaciri…

TURA             - E tu accattasti u baccalaru!…

BICICL.         - (continuando) poi passi d’a fera e pigghi n-pocu di passa vucca, zoccu jè jè!… I nsalori mi piaciunu, i castagni napulitani, non ni parramu e poi, chi c’è chiù megghiu d’u citrolu; fattu a nzalata e macari crudu accussì unu sìarristora…

TURA             - (taglia corto) Sì ora vattinni e leviti davanti l’occhi mei…

BICICL.         - (sentendosi incompreso) U sapi chi ci dicu?… Ca jù non sugnu u so cammareri e non mi ci mannassi chiù a farici survizza… (depone tutto sul tavolo e sta per andar via) Chi fa i voli annunca mi portu jù?….

TURA             - (inviperita) Portiti tutti cosi e vattinni!…

BICICL.         - (mentre si piglia i fagotti) Mi portu, ma soldi non ci ni tornu, pirchì jù ci fici nfauri a lei e pi mia caminari voldiri travagghiu, u mè misteri chissu è, perciò quannu jù caminu vogghi esseri pagatu. Mentri ca mancu m’arringrazia ca sparti m’arrimprovira, mi pagu pigghianumi a spisa! (scompare)

TURA             - (rimasta sola) Chi razza di cretinu!… A forma di bestia però si purtau tutti cosi. Capaci ca u fici apposta, iddu cu dda facci di simpliciunazzu è un pezzu di nfamiu… (ogni tanto va sentendo qualche lieve malessere come richiede il suo stato di gravidanza, anche se tali sintomi sono di molto più alleviati) Tostu non sacciu chi haju a fari ora si veni chidda, chi ci fazzu truvari… (pensando a Bicicletta) Chi razza di cretinu!… (si sente bussare alla porta d’ingresso) Avanti cu è?…

SCENA IV

Concetta, detta e poi Vincenzu.

CONCETTA   - (entrando dopo aver salutato. È una giovane e bella donna. È vestita e truccata in modo vistoso) Buon giorno.

TURA             - (premurosa) Avanti, avanti!…

CONCETTA   - (prevenuta) Mi ha fatto chiamare?…

TURA             - (incerta) Sì, sì, ma chi si sta ddocu?… Avanti…

CUNCETTA   - (sempre indecisa) Pi quantu sta chiamata mi pari un pocu strana… eccomi qua!…

TURA             - (ipocrita) Strana e pirchì?… Prima o dopu st’incontru duveva succediri….

CUNCETTA   - (poco convinta) Accussì pensa lei?…

TURA             - (che intende conciliarsi) Prima di tuttu livamu stu lei, ca è fora locu.

CUNCETTA   - (comincia a distendersi) Ma sì, con piacere. Allura di che si tratta?….

TURA             - Pregu assettiti… (le porge una sedia)

CUNCETTA   - (sedendosi) Grazie…

TURA             - (sedendosi a sua volta) A diri a virità mi avevu priparata n-discursu accussì bellu e ora… Si mi cridi, non sacciu di unni haju a cuminciari.

CUNCETTA   - Accumencia di unni voi, interessante cominciare è, in tutto sai?… (sospirando) Si cuminci beni e allura tutti beni, ma si cuminci mali, non c’è versu ca poi ripigghiari u filu!…

TURA             - (un po’ confusa) Cu stu discursu mi facisti cunfunniri completamenti…

CUNCETTA   - Si mi dici di chi si tratta, accussì senza tanti preamboli, è megghiu! (trae dalla borsetta un accendino e una pacchetto di sigarette che ne offre a Tura) Fumi?…

TURA             - (allarmata) No, no, pi carità, e ti pregu macari a tia di non fumari pirchì, non risistu (indica lo stomaco) Jù ca di sti tempi…

CUNCETTA   - Soffri di stomucu?…

TURA             - (alludendo alla sua gravidanza)Soffru pirchì, non sugnu sula…

CUNCETTA   - (sorpresa) Si non staju capennu mali, sì incinta?… (Tura fa segno di sì col capo) Auguri!… Bene, mi compiaccio, così in casa avrete l’erede… Bravu…. E… cu è u patri, si è lecitu sapirlu?…

TURA             - (reticente, tuttavia non potendo negarle una risposta) A bon’arma (Concetta non capisce) Alfio Vinciguerra!

CUNCETTA   - (meravigliata) Ma guarda!… Alfio Vinciguerra…

TURA             - (convinta) Ni duvevumu maritari e non sapevumu comu diriccillu a Vicenzu… U sai iddu com’è?… Giustamenti c’era una certa differenza d’età, perciò non sapevumu comu a puteva pigghiari.

CUNCETTA   - (ridendo di cuore) Maritari cu cui?… Chiddu maritatu era, tempu fa so mugghieri u lassò e si ni ivu cu nautru in Australia. (Tura resta male a tale notizia) E ora tu chi vulissi di mia?…

TURA             - Nenti… (non sa esternare il suo pensierom infine si decide) Sulu ca haju pinsatu, ca non è giustu ca vuatrim tu cu me frati, ristati ancora accussì…

CUNCETTA   - (dubbiosa) Accussì comu?… (silenzio imbarazzante) To frati havi chiù di tri misi ca non si vidi ni mia… Perché glielo hai impedito tu… pena la tua impiccaggione!… Ah già!… Certu, na vota ca macari tu, ora ti sei decisa a mittiriti cu ‘nvecchiu e per giunta maritatu, diviso dalla moglie e padri di figghi, puoi concedere a to frati di maritarisi cu mia; tantu ormai non ha più importanza se io sono una donna da…poco!…

TURA             - (disorientata) Lassmu stari sti discursi… Jù inveci aveva pinsatu ca vuatri vi maritati e poi putissimu stari tutti nsemi… (poiché Concetta tace) Vedrai ca non sugnu chidda ca pensi tu, ti vorrò beni comu na soru…

CUNCETTA   - (incredula) Mah!… Vorrei che le tue parole fossero sincere!… Jù nta me vita haju suffrutu assai!… (quasi a sé stessa) Avrei tanto desiderio di amare e di essere amata… sinceramente e non chi suli paroli… c’u cori!…

TURA             - (crede di aver preso le fila della situazione) Appuntu pirchissu haju pinsatu; si maritunu e pi primi tempi jemu a stari n-campagna a Centorbi, ni me zia. Giustu comu tu ha dittu haj bisognu d’affettu, Vicenzu macari, ca nta so vita s’ha sacrificatu pi lautri, ha campatu a tutti nuatri e ora è giustu ca veni ripagatu di so sacrifici e si pigghia na ricumpenza. Haju dittu macari ca stu figghiu ca ha nasciri vu dugnu a vuatri…

CUNCETTA   - (meravigliata) Chi voldiri, “vu dugnu a vuatri”?

TURA             - (cercando di chiarire meglio il suo punto di vista) Sentu diri, ca vu liggittimati vuatri, accussì nascennu veni liggittimatu sutta u vostru nomu, in marera ca all’occhiu di li genti si po’ diri ca avrà un padri…

CUNCETTA   - (alzandosi indignata) Già… e na madri… (indica se stessa) Haju caputu certu hai ragiuni!…

TURA             - (convinta) Sono certa ca ci vorrai bene a zuccu nasci. Poi vidi parturennu luntanu di ccà, i genti non ponu parrari, pirchì non saprannu…

CUNCETTA   - (sarcastica) Brava!… Accussì si salva l’onuri di casa Pappalardu!…

TURA             - (docile) Pi l’occhiu di genti, ca i genti furficiunu, quannu ponu non taliunu nta facci a nuddu e jettunu l’onuri nterra comu nenti fussi!…

CUNCETTA   - (sorridendo amara) Certu, sta cosa di l’onuri è una cosa seria!… Jù però non sugnu ancora perusasa, in che cosa consiste pi tia l’onuri… Prima ca to frati friquintava a me casa, la famigghia Pappalardu ni vineva intaccata nell’onore, pirchì, u miu è un nomu di fangu!… Ora stu nomu di fangu ti servi, ti fa comudu e u voi, offrendomi in cambio, to frati in matrimoniu. In questo caso, mi concedi la mano di tuo fratello dandogli una patente di benefattore!… Pirchì dirai ca to frati vosi fare un’opera di beni, livannu a mia dall’ambiente in cui la società mi ha cacciata e che mi ci tiene fin quando non si presenta un benefattore comu a to frati e un cuore nobile comu a chiddu tò!…

TURA             - (disorientata) Non ti staju capennu….

CUNCETTA   - Non ti fa comudu capirimi!… Quannu to frati mi frequentava per le persone oneste come te, e di conseguenza come tuo fratellom era un disonore ad avere a che fare con me, anche per un attimo!… Grazie!… La tua offerta mi fa schifo!…

TURA             - (sbalordita) Ma come?

CUNCETTA   - (semplice) Io sono quella che sono, lo sanno tutti e non me ne vergogno!… La mia è una condizione di cui io sola me ne sono resa responsabile, anche se la strada che ho imboccata, l’ho imboccata per colpa d’altri. Ciò che tu chiami disonestà è la mia fonte di vita purtroppo. Mio malgrado la società onesta, non mi ha dato possibilità di scelta, quella società che la pensa come la pensi tu, che per salvare la faccia riesci pure a essere snaturata!…

TURA             - (disorientata) Snaturata e pirchì?…

CUNCETTA   - Incosciente e me lo domandi?…Tu che sei capace di rinunciare alla tua creatura, che sei disposta a buttar via la carne della tua carne sei un essere schifoso!…

TURA             - (si ribella all’insulto) Come ti permetti?…

CUNCETTA   - (dandole sulla voce) Schifoso, sì… la società, l’orgoglio, la dignità, il nome; quale nome?… Che significa onore?… E finitila una buona volta e livativilli ssi maschiri di cartuni e mostrate le vostre vere facce alla luce del sole!…

VICENZU      - (entra porta in mano un pacchettino con dei dolci e una bottiglia avvolta enlla carta da pasticciere. Entrando ha sentito le ultime battute) Cuncittina tu ccà?…

CUNCETTA   - (fissandolo) Pirchì tu non u sapevi ca aveva a veniri ju?…

VICENZU      - (impacciato) Sì, mi l’haveva dittu Tura… (guarda le due donne, le interroga con lo sguardo, poi non sapendo che dire chiede a Tura) Ci ‘u dicisti?…

CUNCETTA   - (prevenendoli) Sì, m’u dissi!… Mi ha fatto una gentile offerta, che io ho rinunciato.

VICENZU      - (meravigliato) Rinunciato?… Rinunci a maritariti cu mia?… A rifarti una reputazioni, entrare a far parte di una famiglia che ha un nome onorato…

CUNCETTA   - (vibrata) Ancora cu ssu nomu onoratu!… Che cos’è l’onore un pezzo di creta plasmabile, che vi si può dare forma secondo le diverse necessità?… Che cos’è l’onore? Che per salvare la faccia di tua sorella di fronte alla vostra società, tu mi fai la carità di sposarmi?… E quannu ju fussi cca intra non putissi grapiri mancu vucca, pirchì nei momenti opportuni, pi vuatri fussi sempri chidda…

TURA             - (colpita, a fior di labbra dice) Chi c’entra?.. Na vota ca fussi a muggheri di me frati.

VICENZU      - (convinto) Certu!…

CUNCETTA   - (dignitosa) Tanti grazii!…. Prifiriscu ristari Cuncetta “a bellafimmina”… (a Vincenzo) E tu resta cca, u to postu è cca, ci nascisti, ci criscisti. Alla to età non sarà facili respirari un’aria diversa di chista, ormai chi vai circannu?… Tua sorella metterà al mondo una creatura; una nuova vita che sboccia inaspettatamente nta sti lucali aridi e vi potrà dare lo spunto per rinnovarvi e rinnovare questa casa… To soru non ha rubatu niente a nessuno, non ha commesso nessuna disonestà. La gente?… La gente cerca sempre qualche cosa da ridire, sai perché?… Perché esaltando i difetti degli altri, nasconde quelli propri… (fissandolo in volto) L’onestà è qui!… (indica il cuore) Sta nella tua coscienza e quando sei convinto di non aver nociuto a nessuno, di non aver recato danno ad alcuno, lascia che il modo sparli, ridigli in faccia a chiunque e tira dritto per la tua strada, vedrai che sarai maggiormente rispettato e preso seriamente in considerazione…

VICENZU      - (mesto) Allura non accetti di sposarmi?…

CUNCETTA   - (sorridente) No, grazie! Io sono un essere libero e… onesto, sì onesto, anche se il pane che io mangio voi dite ch’è di provenienza disonesta, perché io vendo le mie carni! Non ho niente, non so fare niente, non posseggo altro che me stessa e mi vendo, a condizione però, che nessuno approfitti della mia libertà di spirito; quella non è in vendita (a lui) E non fare quella faccia… Io per te non sento nulla, sì capisco, ma mi facevi soltanto tenerezza… Pensate che in questa casa potrebbe entrare il sole, se saprete tenere le finestre aperte…. (a Tura) Non aver paura di dire al mondo che stai per avere un figlio. (esaltandosi) Un figlio tuo, tuo!… La tua vita che si rinnova, le tue carni ringiovanite che rivrivranno nel mondo… (via)

VICENZU      - (distratto, segue il corso dei suoi pensieri. Resta a fissare la porta aperta dopo che Concetta è uscita) Si ni jvu… (va a sedersi, dopo poco ripete a fior di labbra) La società, l’onore, la cuscenza, ma…chi sacciu… (pausa) Forsi sì, po’ darisi ca havi ragiuni idda. (si gira per iniziare un discorso con Tura)

TURA             - (anche lei seduta, lo previene e nel tentativo di salvare il salvabile) Peggiu pi idda, sti genti sunu accussì, non ci sanu stari ammensu i genti per beni…

VICENZU      - Tu dici?…

TURA             - Certu, pari cu pari e joca cu li toi, dici ‘u pruverbiu!…. (Vincenzo vuol parlare, ma lei lo previene) U sai chi haju pinsatu ca sta criatura ca a nasciri s’ha chiamari comu a tia, masculu o fimmina…

VICENZU      - Sì?… E pirchì?…

TURA             - Pirchì è giustu, pi rispettu…

VICENZU      - Lassa stari Tura, ca non è chissu ‘u rispettu…

TURA             - U sacciu, tu si pigghiatu di collira pirchì idda… Nenti veni cca a soru, o solitu ssu gruppu è tuttu n-pagghiazziatu… (gli si accosta) S’ha fari novu ssu gruppu.

VICENZU      - (respingendola, deciso ma con garbo) Lassa stari ti dissi, ca non n’u gruppu d’a cravatta ca forma l’omu!…

TURA             - (arretra piano piano e va a sedersi) Certu, ma si non fussi pi l’occhiu suciali, certi voti…

VICENZU      - (dandole sulla voce) Non me ne fotte niente di l’occhiu suciale!… Di stu mumentu in poi vogghiu fari a modu miu, comu mi fa comudu!…

TURA             - (tenta di opporvisi, sebbene poco convinta) Vicenzu comu parri?… La suciità, havi i so reguli e bisogna rispittarli, si non voi essiri squalificatu…

VICENZU      - (deciso) E finemula na bona vota cu ssa litania!… Haju l’aricchi ntrunati, ssi paroli l’haju cafaddati cca intra, nta la mirudda!… (alterando la voce) “Non pirdemu la dignità”. Prima li nostri ginituri e poi tu, mi ni haviti fattu fari ‘na ndigistioni! A dignità! Pi ssa dignità, pi cinqu’anni m’haju trascinatu appressu stu bagagliu di tristizzam haju purtatu avanti ‘na vita squallida, grigia, senza culuri, senza sapuri, senza spiranza di un dumani, dicennu ogni fini di jurnata: signuri v’arringraziu ca finalmenti macari oggi scurau!:.. E tu, tu, c’ha fattu tu?chi ci haj campatu a fari nta sta vita? Pi putiri serviri sta suciità, ti ritrovi comu n-cappottu vecchiu abbannunatu nta ‘na gnuni di cascia, ca si cerca in casu di estrema nicissità… Comu n-ramu siccu si… (si calma e dopo pausa riprende) Si duna ‘u casu, senza vuliri, ca nta ssu ramu siccu, appigghiò n-magghiolu, lassulu sbucciari Tura fallu divintari fruttu e goditillu e non pinsari alla suciità, pensa a tia; almenu avrai uno scopu pi cui putissi valiri la pena di nvicchiari nta sta terra.

TURA             - (durante il discorso di Vincenzo ha modificato il suo atteggiamento. Alla fine lo ascolta, pensosa; gli occhi fissi nel vuoto, le mani tra le ginocchia, ride mentre ha gli occhi pieni di lacrime)

VICENZU      - (guarda la sorella, vorrebbe continuare, ma poi dice piano a se stesso) I guanti, u cappeddu, a cravatta, i scarpi alla moda. (esaltandosi) E si a n-cristianu ci fa comudu di caminari a pedi scausi!:.. (si toglie le scarpe) Chi ci nteressa ‘e genti?… ‘A cravatta non m’ha sacciu attaccari e non ni vogghiu chiù purtari!… (si toglie la cravatta e la fa scivolare per terra) Mi soffoca, mi fa mancari ‘u rispiru, non ci voggliu stari cu stu gruppi nto coddu… vogghiu rispirari… (si sbottona la camicia fino all’ultimo bottone) Vogghiu pigghiari ciatu… libiru!… Non mi ni n-mporta nenit di chiddu ca diciunu i genti… libiru!:..

TURA             - (alzando gli occhi verso il fratello) Hai ragiuni tu Vicenzu… S’ha essiri libiri, pirchì comu fai fai, pi genti sempri sbagghi… Certu mi nasci n-figghiu, n-figghiu miu, miu, miu! N-figghiu cca, nta sta casa, ca rinnova la me’ vita, la me’ esistenza, ca po esseri la filicità!… vicenzu, ma chi è la filicità?… (piange) Esisti la filicità, com’è la filicità ca non l’haju vistu mai esisti?… Vicenzu esisti?…

VICENZU      - Certu ca esiste la filicità, s’ha sapiri circari però, ma esisti!… Tanti voti la filicità si po’ truvari macari ntra lu fumulizui di n’piattu di minestra caura!…

TURA             - (riflessiva) E’ veru…

VICENZU      - Spunemuni di sta vardedda gravusa ca la vecchia suciità ni teni supra li spaddi, rinnuvanumi, circamu d’affirari, si ci la facemu, la nostra libirtà, circamu di guadagnarinilla la libirtà, tu la to ed jiu la mia. Si la me libirtà, ha fari la to nfilicità, o la mia a fari la to, non è libirtà è crudelta, Tura, è nfilicità!… Ogni essiri umanu nta sta terra havi dirittu di essiri libiru!… Libiru!:..

TURA             - Si è veru, s’ha essiri libiri senza nfilicitari ‘u prossimu!… Liberi…

TURA/VIC.    - (si muovono insieme dal centro della scena ogn’uno in senso opposto, ripetendo prima come un sussurro e man mano pià forte fino a pronunciarlo con voce normale) Liberi, liberi, liberi, liberi, liberi!… (mentre si abbassano lentamente le luci fino ad oscurarsi del tutto)

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 33 volte nell' arco di un'anno