‘U jaddu persi i pinni

Stampa questo copione

‘U JADDU PERSI ‘I PINNI

(Rubrica cuori solitari)

3 atti di

LUZZU MAUGERI

Personaggi

Don Pippinu Scicali (‘u jaddu)

Donna Elvira Giuliani (pseudo cameriera)

Gianni Rejna (nipote di Scicali)

Laura Giuliani (nipote di Elvira)

Tonio Lauricella (quasi sagrestano)

Graziedda (ragazzotta della tenuta)

Mastro Angelo Giummu (quasi postino del luogo)

Carmunu Badda (sensale)

Don Francesco (parroco)

Ninu ‘u purtuallu (‘u babbu)

Massara

Scena:

La commedia e’ a scena unica che rappresenta una stanza soggiorno-pranzo, molto ampia, arredata modernamente, anche se con gusto discutibile. Dall’ampia vetrata che costituisce la comune, si ammira una rigogliosa campagna e, poiche’ il fatto si svolge in una frazione distante dal centro si intravede, a distanza, un gruppo di case con campanile, costituenti il paese piu’ vicino.


ATTO Io

(All’alzarsi del sipario sono in scena Elvira e Angelo Giummu. Elvira, donna attempata sui cinquanta, continentale, non priva di una certa grazia e di autorita’; Don Angilu, di eta’ indefinita, postino factotum, disbriga faccende: un traffichino insomma)

ELVIRA            La mia venuta qui’, caro don Angelo e’ il preludio di una vita felice che il sig.

Peppino dovra’ intraprendere fra qualche mese.

ANGILU           Ah, don Pippinu s’ha fari ‘u pediluviu? Chi havi ‘i  caddi?

ELVIRA            Ma no, no. Ho detto preludio, cioe’ a dire l’inizio , l’esordio……..

ANGILU           Ah, ‘a niculizia cche’ sordi, certu! …..’I sordi cc             i’ volunu ppa’ niculizia……

ELVIRA            Vedete, mi mettete in difficolta’ per potervi spiegare il motivo della mia

presenza. Io sono la governante di quella signorina alla quale il Sig. Scicali ha scritto quelle lettere che voi avete inoltrato a Terni. Ora la signorina che, come sapete, dovra’ venire qui’ per sposare don Peppino, ha mandato prima me, naturalmente autorizzata da lui, perche’ io potessi sistemare la casa cosi’ come a lei piacerebbe trovarla. E cosi’ ormai da un mese mi sono installata qui’ per

potermi ambientare e………


ANGILU             …….farici spenniri ‘n saccu di sordi a don Pippinu!

ELVIRA              …..Ma don Peppino, il sig. Scicali, pur essendo sta

mezzo a voi zulu’, ha dimostrato di non guardare il miei gusti.


to abituato sempre qui’ in denaro ed ha incontrato i


ANGILU           E chi cci’ dissi?

ELVIRA            A chi?....

ANGILU           Ai …….so’…comu si chiama……

ELVIRA            (ridendo) Oh, oh, oh, oh,…..                (imitando una gallina) ….. ma ho detto gusti,

cioe’ a dire che ha comprato tutto quello che gli dicevo io senza lesinare.

ANGILU           E chi c’e’ bisognu. Ora si usunu fatti a machina.

ELVIRA            (confusa) Cosa dite?

ANGILU           Non palla pe’ le scappe?

ELVIRA            Oh, santo Iddio!........

ANGILU           (soggetto) …..Mira il tuo popolo ……bella signora……..


ELVIRA

Ma e’ difficile farmi capire da voi. Io in un mese che son qui’ gia’ ho cominciato

a comprendere il vostro dialetto, mentre voi ancora non riuscite ad afferrare un

po’ di italiano. Una cosa sola ancora non ho capito piuttosto e cioe’ il sistema

che si usa per la corrispondenza. Voi siete o non siete il postino del paese?

ANGILU

Sissignura.

ELVIRA

E perche’ siete senza divisa?

ANGILU

Vede signorina….. io facciu un favori a quello del

paese che e’ ‘mpiato officiale.

Ju’ sugnu…..

ELVIRA

La sugna?

ANGILU

No, ‘u lardu…….. Pizzica se dico sono appoi lei arr

ispunni “abballo”….. Vah,

sono…….. sugno…., come dire, sutta ufficiali; veni

a dire ca siccome chiddu ci

secchia a venire a peri fino a quani, ju’ portu tutti ‘i littri e a mia mi duna tantu

‘o misi. ‘Nto mentri, chiddi di cca’ che ano…….

ELVIRA

(meravigliata) Avete detto ano? E cosa c’entra?

ANGILU

C’entra, perche’ se anu bisognu,vah, si volunu acca ttati cosi, fari ammosciati, mi

ni dannu l’incarico e ju’ esequio….   (sospira)

ELVIRA

Amen! Insomma siete una specie di port……

ANGILU

…portapullastri, perfettamente.

ELVIRA

No, volevo dire porta ordini, vivandiere, commissionario.

ANGILU

Si, pirfettamenti. Comu ora, per esempiu, vinni ppi’ dirici a don Pippinu Scicali

ca ci vuleva parrari Carmunu Badda ‘u sensali ppi’ n’affariceddu ca havi ‘nte

manu. Sparti non po’ mancari tantu pirchi’ mi dissi : “passati avanti ca ora

vegnu”.

(Peppino Scicali, uomo di mezza eta’, quasi elegante, ringalluzzito, entra con aria da superuomo, mentre dietro di lui in atto sottomesso Carmunu ‘u sensale col berretto in mano attende in disparte)


PEPPINO


Ah, vui cca’ siti? Mi dovevate dare il preavviso e invece incontrai don Carmunu in sulla strada….. Trasiti don Carmunu, assettativi che tirorno tosto. Signorina Elvira, per favore offra una Coca cola dal frigo a questi due amici (esce da una


porta laterale seguito da Elvira)


ANGILU


(dopo aver guardato interrogativamente l’altro)……. ‘U sintisturu? Ivu apigghiari ‘u cola – cola ‘nte ficu……


CARMUNU   No, ju’ capii inveci: “quantu ci ‘u fricu ‘nta sti’                du alici”…..


ANGILU           Mai nt’angiovi….. Mutu ca cca’ e’!.....

ELVIRA            (entrando con un vassoio) Signori, si rinfreschino. (Carmunu fa’ per spogliarsi trattenuto da Angilu ed Elvira ride come una gallina)

CARMUNU   E chi’ e’ na’ ciocca?  (devono la coca cola turandosi il naso)

ELVIRA              (mentre sparecchia, annunzia) Abbiate la compiacenza; a momenti il Sig.Scicali arriva. (Carmunu e Angilu impacciati fanno segno di aver capito; via)

CARMUNU   Don Angilu, dicu ju’, cca’, in confidenza, don Pipp inu si sta’ maritannu dopu ca ha passatu vaddi e vadduni, ma ci ha pinsatu a so’ niputi Gianni ca e’ nto’ siminariu di Acireale a prossimamente e’parrinu lauriatu? Vah, ci ha pinsatu dicu ju’?

ANGILU

Bah! S’ha vidi iddu, Ju’ sulu sacciu ca n’ha fattu  chianciri figghiareddi di matri

quallu era cchiu’ virdozzu. E ora ca stancau….. com

u si dici……si sacrificau.

Ora ca nuddu cchiu’ ci duna cocciu si va’ a cerca a muggheri. E sparti si la

pigghia continentali. (questo dialogo si svolge guardingo per tema della

comparsa improvvisa dell’interessato) …..Signuri mei, pi peccuru ci misiru “ ‘u

jaddu “, pirchi faceva con ‘n jaddu: tanti ni virev a , tanti ni pizzuliava e ora

inveci d’assittarisi ‘nta n’agnuni a dicirisi quatt ro pusticeddi di rusariu, si va’ a

marita….. Pero’ c’e’ ‘na surprisa priparata…. Ora d

docu cci’ voli! Sa va a

spurugghia ccu’ so’ niputi Gianni…….

CARMUNU  Gianni? Chi fici Gianni?

ANGILU

Mi scappau….. non nenti, non vu pozzu diri.

CARMUNU   Don Angilu, cu mia putiti parrari, non e’ ca lu vaju a cuntu?...... Vui ‘u sapiti.

Ora sugnu cca’ ppi’ fari l’affari e poi cu sa’ quan nu ni viremu n’autra vota…..

ANGILU           (con aria di mistero) Don Carmunu, cosi segreti su. Ju’ vu cunfidu, ma ha essiri‘na surprisa ppi’ tutti……..

CARMUNU   Menza parola…..             (fa’ il segno caratteristico del silenzio) ….chi c’entra?

ANGILU             (guardandosi attorno) Gianni arriva stasira! Ottu jorna arreri arricivii ‘na lituradi Gianni a mi diceva ca ‘u Monsignuri do’ siminari u di Aci ci stava scrivennu ‘o ziu ‘na litura qualamenti ci diceva ca cu ddu’ c arusu non ci puteva cchiu’ cummattiri. Qualamenti con non era cosa so’ di fari ‘u parrinu pirchi’ non sacciu chi cci’ cumminau ‘nsemi a n’autru picciottu e perc io’ ci cunsigghiava a don Pippinu di ritirarasillu du’ cullaggiu e farici cangiari misteri….. Allura iddu,

Gianni, mi mannau macari ‘na litura chiusa comu si l’avissi scrittu don Pippinu e appena arrivava chidda du Monsignuri, ju’ c’aveva a ‘mbucari chidda priparata. E accussi’ fu’. Dopo 24 uri….scoppula chidda du’ pa rrinu…. Ju’ la bloccu e non


ci la cunsignu e l’haju a casa sarvata. ‘Ncambiu ci mannai chidda falsa di don Pippinu ca diceva di lassari o carusu libiru di vinirasinni ‘o paisi…..

CARMUNU

Ma a vui cu vu fa’ fari di mintirivi ‘nta sti’ cent u missi. E su vi finisci a coppa?

ANGILU

Chi vi pari ca mu scordai quantu mi vuleva beni a bonarmuzza da matri di

Gianni e quantu beni mi fici? E me matri fu’ massara so’. Quantu voti ‘u purtai

‘ncoddu quann’era picciriddu Giuvannuzzu…..

CARMUNU  Vi calau ‘a vaddira……..

ANGILU

‘U viriti don Carmunu, ju’ vogghiu beni macari a do n Pippinu, pero’ iddu su

scurdau ca e’ tutori di Gianni e ‘nveci di pinsari a stu’ carusu pensa a

maritarisi…….zittu, zittu, ca c’e’ don Pippinu.

PEPPINO

(entra come un pavone e si sprofonda nella poltrona accavallando le gambe)

Don Angilu, n’ha arrivatu posta di me niputi?

ANGILU

(guardando l’altro) ……Nonsignura.

PEPPINO

E della mia promessa?

ANGILU

No, ancora no, pero’ chiu’ tardu vaju ‘o paisi e vi ru su, ca livata di dopupranzu,

arriva ‘ocche nutizia.

PEPPINO

Va beni. Ora jtavinni quantu parru cca’ ccu’ don Ca rmunu badda. A stasira

farcitivi vidiri ca vi dugnu qualche cosa ppa’ casa .

ANGILU

Sissignura, grazii, s’abbenarica. Salutami don Carmunu (esce facendo segni di

stare zitto)

PEPPINO

(continuando il discorso iniziato prima del loro ingresso) Quindi e quinci, caro

don Carmunu, st’affari non tantu m’interessa. Nta’

stu’ mumentu haju bisognu di

liquidi. Se appoi sti’ vinti sarmi di tirrenu e’ da vvero ppi’ bisognu ca su levunu,

voldiri ca ci dugnu cincu milioni e non ni parramu cchiu’. E’ tirrenu non adatto a

seminari, mancu li crapi ci ponu acchianari, erva non ni produci, sulu ficurinia

havi….. Anzi truvasturu a mia ca vu pavu tantu. A n

’autru ci avissiru a dari vui

qualchi cosa ppi’ pigghiarisillu. Cca’ cu cci’ vara gna nta’ stu’ passaggiu siti vui

ca buscati a sinsalia e ‘u guvernu ca si pigghia ‘u pizzu, sparti ca dopu voli

macari ‘u plus-vaolri. Mi sapisturu sentiri?

CARMUNU   Ma vossia chi n’ha fari; stringi ‘i denti e fa’ n’a utru picculu sacrificiu: ci metti n’autri cincucentumilaliri e ci ‘u scippami.

PEPPINO          Ahu! Vui aviti a tirari ppi’ mia, ca poi sacciu ‘u me duviri e vi mettu qualchi cosa abbunnanti ‘nte manu. Nta’ stu’ mumentu non po zzu fari di cchiu’ perche’ fra qualchi mesetto convolo…….


CARMUNU


S’arruolau ‘nta l’ariuplani?


PEPPINO


Nte’ bersaglieri! ‘U sceccu ca siti; convolo a gius te nozza con una signorina del nord.


CARMUNU


Ah, si marita……


PEPPINO


E chi haju dittu! Sissignori, facciamo la tanto auspicata unione del nord col sud.


CARMUNU


E ‘u surdu cu e’ vossia?


PEPPINO


Avaja don Carmunu, ‘u sapiti ca siti scunchiurutu? surdu e’ chiddu ca non voli sentiri….. Facciamo l’u Italia con il “tac”! Avete capito?


Chi surdu e surdu! ‘U veru nione tanto sospirata dell’alta


CARMUNU   Ho capito: c’e’ ‘n ticchiti e n’tacchiti!

PEPPINO          ‘Na speci di unioni europea! Il mercato comune, lo scambio di prodotti reciproco. Per esempio: l’Italia ci metti ‘u pignateddu e noi ci mandiamo il cucchiaro per arriminare; loro ci spediscono un cuscinetto a sfere e noi il mozzo su misura; essi ci esportano cocuzzi baffi e noi citrola siminzusi; se invece ci inviano calamai nutri manichi cchi’ pinni, e’ chiaro? Se ci mandano firmatari di porta noi cci’ mandiamo i chiavini. Avete capito?

CARMUNU   Vah, ‘nsustanza nutri cci ‘ spiremu dda’ supira tut ti cosi longhi: pistuluni ppi

vasteddi, suppizzata ppi’ pancetta, stuppapili ppi’ cajordi, stuppagghi ppe’

bummuli, manichi di scupa ppi’ ramazzi e tubi di lumi ppa’ cunocchia.

PEPPINO

Bravu! Avete capito perfettamente. Ora in questo scambio di merce tra nord e

sud, io ci mettu le mie proprieta’ e la mia presenza di uomo vissuto “ca sapi ‘u

duru e ‘u maturu” e lei, la mia futura, ci metti le  sue proprieta’ di terni e la sua

bella presenza di signorina per bene.

CARMUNU  Allura pigghiau ddu’ terni…….

PEPPINO

(meravigliato) Cui?

CARMUNU

A signorina. ‘U dissi ora ora vossia. Ci metti ddi’ du’ terni……

PEPPINO

Mai du’ quadrelli…… Stubbutu, Terni e’ una citta’ c

ontinentale, dell’alta Italia

(riflettendo) e mancu tantu sicuru sugnu……. Vah, du’ centru……

CARMUNU  Du’ centru tavula?.......

PEPPINO

Scunchiurutu, io mi riferivo al centro Italia. Bonu, vah……..

CARMUNU   Tuttu chistu va’ beni (con furba allusione) …… ma Gianni, so’ niputi, chi fici

su’ scurdau?


PEPPINO

Chi c’entra. Ah, voldiri, pirchi’ mi maritu, mi sco rdu a me niputi? E chi non

sapiti la grande responsabilita’ che ho assunto con sua matri al capezzolo della

sua morti? Ma Gianni oramai ha un avvenire, una carriera ecclesiastica davanti a

se’, i proprieta’ che gli spettano non appena nesci dal seminario e chi lo sa’ piu’

in la’, datu che i papa morunu ‘nsichitanza, che no n possiamo assistere alla

riuscita di una fumata bianca in Vaticano…..

CARMUNU  Pirchi’ ‘u papa fuma?.....

PEPPINO

No, pigghia tabaccu!.......dicevo qualche fumata bianca di cui il protagonista

putissi essiri Giuvanneddu…… chi faciti schirzati?

Giovanni Rejna

ventiquattresimo…… Non sacciu bonu se le mie nozze

li faccio calibrare da mio

nipote….. e’ ca m’affruntu…. Ma mio nipote e’ anche

uomo e capisce, che dopu

ca m’haju dedicato anima e corpu al suo avvenire…..

CARMUNU  Veramenti “corpu” no!

PEPPINO

(guradandolo di traverso) …….facemu sulu l’anima, ah? Chi ni diciti?

CARMUNU

Ju’ dicissi…….mancu chidda!

PEPPINO

E allura facemu a vostra niura malanova! Ca facitimi parrari ddocu!!! Lui

capira’ che e’ tempo di pinzari macari ‘mpocu ppi’

mia. Il bisogno spirituali e’

‘ncuntu…….il bisogno materiali e’ un altro conto… O

ra vui ‘u sapiti ca di

chiddu materiali ju’ n’haju ‘nmalazzeni sanu….   (lisciandosi i baffi)

CARMUNU   Ma vossia scusa. Datu ca mi duna sta’ confidenza, mu sapi diri chi s’ha teni a

fari sta’ fimmina ‘ncasa? E se poi a so’ zita si gi lusia?


PEPPINO


No, caromio, questa e’ la cameriera personale della mia fidanzata.Anzi e’ la sua governate e v’assicuru ca su erunu autri tempi……….


CARMUNU


‘U sacciu. Non s’ha faceva scappari.


PEPPINO


(toccato dall’adulazione sfacciata e battendogli al mano sulla spalla) ……tanto per non venire meno alle mie abitudini, al mio soprannome, caro mio……… (cambiando tono) Pero’ mi fa’ simpatia, ‘u sapiti? Simpatia.


CARMUNU


Ma mi pari ‘npocu ca nasca additta. ‘Mpocu troppu “ signora”.


PEPPINO


Ma chi vi pari che le governanti o le cameriere dell’alta Italia sunu comu a ddi’ strascinati fimmini nostri? Dda’, vabbeni ca su’ ca mmareri, ma lo fanno con


signorilita’, come una prufissioni, un mestiere. C’ e’ ‘u diploma d’avvucatu, di jurici, di ‘ngigneri e c’e’ macari a lauria di camm arera. Pirchi’ d’altrondi vengono stipendiate bene; non e’ cuntu ca su comu a chiddi da cca’ ca macari ca i sordi ci dati a cufina fussuru capaci di strigghiarisi ‘i muffi, di allattarisi….. Mancu ppi’ l’anticamira. Invece le cameriere contin entali hanno uno stipendio


maggiore, pirchi’ maggiore sono i bisogni che hanno; s’hannu a fari vistiti novi,

scarpi, cosetti, s’hannu accattari ‘u russettu, ‘a  pruvuligghia, ‘a scuma….

CARMUNU  I spaghetti nummiru cinqu!!!.........

PEPPINO

La schiuma da bagno che serve ppi’ strigghiarisi, perche’ quando smontano dal

servizio sono delle persone comu a l’autri e nuddu cui puo’ diri cosa. Ora sta’

signora ca e’ cca’ intra, vinni apposta p’aggiustar i a casa per quando arriva la

mia promessa. E col mandato specifico della mia promessa sposa ha cominciato

ad accattari corredi e cosi novi; figurativi ca tuttu ‘u mabiliu ‘u sta’ ritirannu di

Cantu’…….

CARMUNU  ‘U sta’ mittennu di cantu…….

PEPPINO

No, Cantu’, verso il confine svizzero………..

CARMUNU

Mai! Casicavaddu!............

PEPPINO

…..E poi, perche’ non si dica che la mia futura, ab

ituata com’e’, se ne viene in

Sicilia e trova l’ottocento in pieno….. Nonsignore,

qui’ siamo gia’ moderni,

semu tutti avanguardisti (Carmunu gli tappa la bocca) ….. lassatimi finiri!

Semu all’avanguardia della modernita’.

CARMUNU  Nutri? Macari ju’?

PEPPINO

E si, pirchi’, viditi, dda’ supira ancora rapprisen tunu a Sicilia ccu’ du’ sipala di

ficurinia mussati, ‘n peri di ammara e ‘n muru scru cchiulatu. Chissa ci pari a

iddi ca e’ la Sicilia! Invece la nostra terra ormai ha le sue zone industriali…..

CARMUNU  Senza industri ca ogni tantu hannu a chiudiri!....

PEPPINO

Ha il petrolio……

CARMUNU

……e stamu ‘o scuru!......

PEPPINO

…..e ha i suoi tecnici….

CARMUNU

…e i cosi funzionino peggio!

PEPPINO

Ah! Ma vui siti disfattista! Non siete entrato ancora nell’ordine di idee moderne.

Viaggiate, andate a Catania e vedrete che centro. Che scala monumentale, che

grattacieli!

CARMUNU  I visti, i visti e non li vogghiu vidiri cchiu’! Chidda scala e’?... Avaja don

Peppino: a scalazza di Aci ci fa’ cchiu’ comparsa! E poi dd’acqua ca ogni tantu

sicca e quannu c’e’ vagna ‘i cristiani ca passunu.  Chi acqua e’? Fitusa,

‘ngrasciata…. Ma chi cci’ vulevunu fari i catanisi?

Bah, v’assicuru ju’ va vali a

pena di jri a Catania.’U solitu passeggiu ‘a strata ritta,la gran confusioni ca fa’


perdiri a testa…. E unu cci’ pari cent’anni di scap

parasinni n’autra vota ‘o paisi

ppi’ stari tranquilli. Bah, vossia ‘u sapi chi cci’

dicu: ora mi nni’ vaju e voldiri ca

quannu si persuadi ppi’ ddu’ terrenu ci vaju a parr u.

PEPPINO

Ahu, vu dissi: cincu milioni e non ni parramu cchiu’.

CARMUNU  S’abbenarica e ‘u vogghiu cca’ saluti.  (si avviano; scena vuota; suono di

campanello)

ELVIRA

(andando versola porta) Oggi mi sembra una giornataccia. Un

momento……arrivo.

(va’ ad aprire e si presenta don Angelo con due valigie)

ANGILU

Primmissu……..sugnu stancu mortu. Sti’ valigi pari c

a hannu ‘u chiummu

d’intra. Appoi tutta di ‘cchianata!!

ELVIRA

Don Angelo, di chi sono queste valige? Da dove venite?

ANGILU

Arrivau ‘u santu.

ELVIRA

Ah, c’e’ la processione? C’e’ la festa in paese?

ANGILU

No. A festa cca’ intra e’……. ata sentiri i bummi ba

iocchi, i tricchi-tracchi, i

‘ssicuta fimmini……….

ELVIRA

Insomma con questo dialetto non mi ci raccapezzo!

ANGILU

Pirchi’ cci’ pari ca ju’ cci’ ripezzu?

ELVIRA

Che cosa?

ANGILU

I linzola do’ lettu, comu dissi lei……………

ELVIRA

Ma si puo’ sapere cosa e’ stato?

ANGILU

Sta’ arrivannu il reverendissimo Gianni, ddu’ famus u niputi do’ sig. Scicali e si

veni a ‘nficcari ‘ncasa.

ELVIRA

Briscola!

ANGILU

Carricu! Bah, ju’ mi nni’ vaju, custioni di mumenti su’….   (suonano) Ah, anzi

cca’ sunu. S’abbenarica (vanno ad aprire e mentre don Angilu va’ via entra

Tonio)

TONIO

……..Pace e bene…..

ELVIRA

Lei sarebbe il nipote?

TONIO

No, il sagrista. Ma cosa ha fatto? Ha chiuso? (va’ ad aprire ed entra Gianni)


ELVIRA

Benvenuto ….. padre.

GIANNI

(squadrandola) Ben trovata…….figlia. Lei sarebbe?

ELVIRA

La governante.

GIANNI

(imbarazzato)  …… di chi?

ELVIRA

….di suo zio….. della fidanzata…..

(Gianni e’ sempre piu’ meravigliato) ….di

lui ….. aspetti che lo vado a chiamare…..

GIANNI

No, no…..almeno per ora….aspetti che sistemi le val

ige nella mia

camera…..Tenga compagnia al mio sagrestano personal  e: don Tonio. (viaper la

destra)

ELVIRA

Si accomdi (siedono imbarazzati) …… certo don Peppino …sara’ contento di

rivedere suo nipote….

TONIO

Ca certu!

ELVIRA

…. E poi sacerdote per giunta….. una bella figura d

i sacerdote…..

TONIO

…….ca certu!

ELVIRA

……e…. quando ripartite?

TONIO

Ca certu!.....

ELVIRA

No, dicevo: starete poco…. Ripartirete presto per l

a parrocchia nuova……

TONIO

(sulle spine) …no….questo non lo so’. Mi pari che staremo un poco qua’. Siamo

in attesa di ignota destinazione….Aspettiamo ordini

dal vescovo di Ragusa…….

ELVIRA

(pausa, poi) Pero’ che bella vocazione il sacerdozio!

TONIO

Si, una bella equivocazione.

ELVIRA

Come ha detto?

TONIO

…. Mi rifacevo alla sua frase e dicevo che, vah, st

iamo equivocando sulla venuta

di Gianni. Credo che stara’ definitivamente in questo paese.

ELVIRA

(sussultando) ….. Come?

TONIO

…..come parroco coadiuvatore della matrice.Pari che

il vecchio prete havi picca

sabati…..

ELVIRA

E cosa vuol dire?


TONIO

…..vah, che vorrebbe defungere…… non ha intenzioni

di stare ancora per molto

su questa terra: vuole ritornare fra gli angeli.

ELVIRA

(quasi rassegnata) E …detto tra noi…..che tipo e’ il prete…Gianni?

TONIO

Ah, un sant’uomo, un pio e casto prete. Lei dovrebbe vederlo nelle sue finzioni.

ELVIRA

….funzioni…..?!?

TONIO

Si, forse ha ragione lei,ma ju’ macari. Quando predica lui, oh, che bellezza, tutti

stanno a bocca aperta. (guardando di sottecchi l’effetto del discorso

sull’interlocutore)

ELVIRA

Dalla meraviglia?

TONIO

……Si, dalla meraviglia, tanto che al seminario, dur

ante le lezioni di predica lo

mandarono fuori…….

ELVIRA

Eperche’ poverino?

TONIO

……come dire: per l’entusiasmo. Il tema era: “la mis

sione della donna nella vita

sociale”….. E chi cci’ scappau da’ vucca! Ah! Che b

ellezza! Tutti i seminaristi

avevano gli occhi lucidi e sgaddaruzzati…..

ELVIRA

,,,,dal pianto?

TONIO

(c.s.) Si, dal pianto. E monsignore,…..monsignore macari   aricchi si

‘ntuppau…….

ELVIRA

Perche’ non avevano mai sentito parole simili?

TONIO

Mai! Ppi’ l’armuzza di me nanna. Non ni avevano mai sentite. E cca’ successi

che lo mandarono fuori……

ELVIRA

E perche’ fuori?

TONIO

Fuori all’aria aperta…….perche’ quelle sante parole

che diceva dovevano essere

ascoltate da tutti. Non e’ che doveva parlare ai muri del seminario? No, doveva

far sentire la sua bella predica a tutti e a tutta la natura: agli uccelli, ai prati, agli

aliti di vento. Alle bestie!.....anzi dicevano che erano piu’ adatte alle

bestie….vah, inteso in senso lato, che agli uccelli   soltanto.

ELVIRA

E per questo?

TONIO

Per questo, appunto,’u ‘bbianu fora, cioe’a dire ….

. prima fu’ messo in una

cella….

ELVIRA

In penitenza?


TONIO

No, per un periodo di raccoglimento e meditazione. Poi fu’ chiamato da

monsignor Pennini padre rettore che gli disse: “fig liuolo” …vedo che tu sei

ormai maggiorenne nel senso ecclesiastico della parola e quindi la tua presenza

qui’ non ha piu’ scopo……

ELVIRA

E allora?

TONIO

…..e allora e’ meglio per tutti che tu pigli la tua   vera vocazione, vai per la tua

missione nel mondo. Pigghia a strata di pettu, “fig liuolo”, e v’ha rompiti a

nuci…..

ELVIRA

Cosa c’entra la noce?

TONIO

C’entra, certu ca c’entra! A nuci…vah…..rumpiti a n

uci…… e dividila col

poverello. E cosi’ lo rimando’ in questo paese per fare il coadiuvatore del

parroco.

ELVIRA

E lei? Chi e’ lei?

TONIO

Ju’? Ah, gia’, cu sugnu ju’……io sono il suo sagrist

a personale, perche’ e’

buona usanza nei seminari uscire preti ed avere un sagrestano ad personam, una

specie di ordinanza come si dice sotto le armi.

GIANNI

(rientrando) Signorina, ora puo’ chiamare mio zio;pero’ mi dica : cos’e’ questa

storia del matrimonio che ho sentito in paese?

ELVIRA

(impacciata) Sa’, suo zio era in corrispondenza epistolare con una ragazza

attraverso uno dei tanti annunci di cuori solitari e….. in seguito…..hanno deciso

di sposarsi. Io sono la governante e sono arrivata in anticipo per sistemare tutto

un po’ come Laura vorrebbe trovare…..e la stiamo at

tendendo da un momento

all’altro.

GIANNI

Grazie signorina delle informazioni. Ora la prego di comunicare a mio zio il mio

arrivo.

ELVIRA

Si reverendo, con permesso. (via)

TONIO

E ora si to’ ziu si nni’ squara non ni rumpi a test a a tutti dui?

GIANNI

Mutu, scunchiurutu. Ora succeri ca, o ni sarvamu pirchi’ ju’ sugnu ormai

maggiorenni e mi toccunu i beni di me matri, oppuri ni nni’ jemu a cogghiri

‘ntuppateddi su me ziu si mangiau tutti cosi.

PEPPINO

(entrando) Gianni, Giannuzzu miu! Figghiu beddu, parrinu apostolicu; viremu

chi si beddu fattu (si abbracciano e si baciano) E bravu, bravu….E stu’ peri di

chiuppuru cu e’?


GIANNI             Ziu, chistu e’ un mio compagno sfortunato, ripetente che non avendo superato gli esami mi e’ stato assegnato come sagrestano. Tonio, ti presentu me zu Pippinu (presentazione a soggetto)

PEPPINO

Assittamuni e cuntimi unu di tuttu.

GIANNI

Ziuzzu e chi t’haju a cantari? Ho avuto la gran soddisfazioni (guarda Tonio di

sottecchi) di essiri unu de primi ………… Finalmente sugnu patri

!

PEPPINO

E chi e’ masculu o fimmina?

GIANNI

Avaja ziu. Tu scherzi… Io lo so’ che tu sei un gran

penitente e a testa l’hai

sempri a ‘na banna! Piuttosto ora che ci sono io parecchie cose dovranno

cambiare. Non e’ giusto che nel paese si dica che lo zio di un prete sia un

impenitente assicuta fimmini………

PEPPINO

Si muschittaria sugnu!....E chi vai dicennu Giannuzzu miu? Ormai sugnu

vicchiareddu e anzi ti dicu ca haju misu a testa a posto ppi’ sistimarimi. Tu ha

sapiri ca haju statu in corrispondenza con una ragazza del nord e ….scrivi oggi,

scrivi dumani…….

TONIO

Si n’hannu jutu na para di migghiara di liri di francubulli……

PEPPINO

No!....Scrivi oggi, scrivi dumani ci siamo attaccati di affetto talmente forti che

fra non molto ci condurra’ all’altari. D’altra part i,ju’, pinsai ca tu ormai si’

beddu grannuzzu, a to’ doti ci l’ahi, e percio’ ju’  non ti pozzu fari cchiu di patri.

Ora poi sei prete, hai la parrocchia e puoi essere indipendenti.

TONIO

(tossisce)  …..scusati fu’ l’umidita’ della cella……

PEPPINO

……Ju’ figghiu, non e’ ca pozzu moriri senza na’ fim

mina a latu? E se mi

pigghia ‘n duluri di testa cu mu ‘ttacca ‘n fazzule ttu? Si haju ‘n duluri di panza

cu m’ha fa’ l’acqua vugghiuta?..........

TONIO

Su s’ha fari ‘u bagnu? Cu c’ha strica ‘a carina?

PEPPINO

No, no, don Tonio, chissà no. All’eta’ mia ‘u bagnu

mu pozzu fari si e no na’

vota l’annu!

TONIO

Allura feti comu ‘u sceccu mortu!

GIANNI

Tonio!!......

PEPPINO

(sottovoce) Stu’ sarristanu mi pari troppu ‘ntrichiticiudda….

(poi continuando)

Percio’, Giannuzzu miu, comu vidi non e’ un bisogno mascolino che ho…

TONIO

E’ di sardi a beccafico!.......


PEPPINO          D’altronde tu si parrinu, e ju’ t’addumannu la san ta binidizioni ppi’ stu’ matrimoniu e nta’ stu’ mumentu mi staju cunfissannu non cu me niputi ma ccu’patri Santu, cca’ comu penitenti e aspettu ca m i duni l’assoluzioni dei miei vecchi piccati. (tira fuori una fotografia) Guarda, e’ a fotografia da me zita. Colei che diventera’ la tua futura zia. Guardala col tuo occhio santo e pensa che e’ un angelo di bonta’ e di virtu’. Cchiu’ tardu mi duni a risposta. (via

lsciandogli la fotografia trale mani)

GIANNI               (guardandola, resta ammutolito e lla passa a Tonio; anche questi non puo’ parlare e la ripassa a Gianni)……Toniu, me ziu e’ pazzu. Sta’ causa piaci a

mia e m’ha maritu ju’! Me ziu s’ha po’ scurdari. Qu esto matrimonio non si fara’!

Fine primo atto


ATTO IIo

(La stessa scena del primo atto. All’alzarsi del sipario il sagrestano Tonio dorme della grossa sul canape’; entra don Peppino in pigiama cercando di svegliare Tonio)

PEPPINO

Chistu mancu baddi senti! Ahu! Arrusbigghiativi…… E

chi siti ‘ntuppatu? Don

Tonio…?!? Haju caputu: forse e’ abituato a rusbiggh

iarisi cca’ musica sacra

(canta) Kirie eleison, Cristi eleison, kirie esaudi nos, ora vo susitis (Tonio

sentendo il motivo cantato allegretto esegue una danza in camicia da notte,

poi……)

Oh, fonalmenti t’arrusbigghiasti figghiu? Allura ‘a ‘nzirtai a malatia!

TONIO

Oh, signor Scicali simpatico! E pirchi’ non mi chiamava?

PEPPINO

Ma su havi du uri ca non gazzu autru ca truniari….

. Figghiu hai ‘nsunnazu

pisanti e mi pari ca tu campani di sta’ manera, non ni po’ sunari, pirchi all’urariu

non c’arrivi mai.

TONIO

E chi l’haju a sunari ju’? Appoi mi pigghiu l’aiut anti, ‘u sutta sacristanu o

s’annunca i facemu elittronichi comu si usunu ora. Azziccamu ‘na spina e

sbattunu suli. Chi sapi vossia quanti cosi n’imparunu ‘o siminariu! Ogni matina

unu di nutri era di turnu a fari ‘u campanaru e ni sturiavumu una o jornu ppi’

dormiri: mintuvumu i ‘riloggi arreri, ci attaccaumu a corda nta’ cura do’ cani…..

poi ci jttavumu na’ scarpa e chiddu cco’ fuiri suna va i quaranturi…. ‘Na vota di

turnu ci capitau so’ niputi a finiu a farsa….

PEPPINO

Me niputi? Macari Giuvanni fa’ sti’ cosi?

TONIO

(riprendendosi) No,iddu no………perche’ …….insomma vuleva diri ju’……ca

finiu tutta ‘a farsa,pirchi’ iddu…… ca e’ santu car

usu ppi’ daveru, livau il

motivo principali ppi’ putiri schirzari e ‘a fici f iniri ….’a farsa na’ vota ppi’

semprei……

PEPPINO

(interessato ed orgoglioso) E chi fici me niputeddu? Comu arrimidiau?

TONIO

Ci scippau ‘i battagghi!

PEPPINO

Figghiu ciatu binidittu…… e tuttu ppi’ fari beni. C

hiuttostu dimmi na’ cosa ora;

datu ca dicisti ca Giuvannuzzu e’ un santuomo……

TONIO

…….’n sintomu….!!!

PEPPINO

……mi voi cantari comu s’ha cumpurtatu, cosa ha fatt

o ppi’ militari stu’ titulu?

TONIO

(imbarazzato) …Ca comu?! …..

(poi ripresosi lo prende in disparte, con aria di

mistero) Signor Scalisi, so’ niputi ha le visioni, le premonizioni.


PEPPINO

Matri, ‘u pilu mi sta’ arrizzannu. E chi e’ ammunit u? Chi fici? Chi fa’?

TONIO

(c.s.) Cade in trance.

PEPPINIO

Cascau do’ trammi?

TONIO

…….di l’autobuss! Cascare in trance significa cade

re sotto l’influsso delle

visioni e delle premonizioni e fa’ certi discursi ca mancu li’ cani!!!....

PEPPINO

Pirchi’ mancu a li’ cani?

TONIO

(seccato) Ca Signor Scicali accussi’ si dici! Si metti a parrari con parole

trascendentali e piene di spiritualita’: havi spiritu……

PEPPINO

P’abbruciari?....

TONIO

No, canforatu! Dicevo ha tanta spiritualita’ ca chiddu ca dici e’ accussi’ difficili

ca mancu iddu ‘u capisci…….. E’ chi e’ iddu ca parr

a……..

PEPPINO

Ahora!...E chi e’ ‘u spiritu ca ‘u fa’ sparrari?

TONIO

No, non dico questo. Insomma e’ un grande oratore.

PEPPINO

Ah, si, ‘nta l’oratorio……..

TONIO

Mai, nto’ bagghiu! Suo nipote, caro don Peppino, ha tanta oratoria che lo fara’

diventare ‘u megghiu priricaturi d’Italia. E chi ci sicca mai dda’ lingua!

PEPPINO

……predica beni…..

TONIO

…e razzola mali, ci ‘u dicu ju’……Arrinisciu ‘n caru

su ca ci n’e’ picca ‘i stissi.

Veda su chissà avissi nasciutu ‘nto mediu evu ‘a st ’ura l’avevunu abbruciatu…

PEPPINO

E chi era carnaluvari? Giovanotto, ‘n pocu di rispetto cci’ voli ppi’ me’ niputi,

no?

TONIO

E chi capiu? Ju’ vuleva diri ca l’avevunu gia’ abbr uciatu comu i grandi

predicatori dell’epoca: Santa Giuvanna D’arcu, Giro lamu Savonarola, Giordanu

Brunu, a via Fischetti,….ecc….ecc….

PEPPINO

Ah, ora capisco….Chiuttostu quantu vaju a chiamari

dda’ banna e ‘u rusbigghiu.

TONIO

No, no, aspetti qua’, pirchi’ chissà e’ compitu miu , e’ il compito che mi incombe

tutte le mattine ….. e’ la regola…. Deve essere sve

gliato da me secondo la

regola…… e iddu ‘i reguli ci l’havi……

PEPPINO

E unni cci’ l’havi?


TONIO

Ci l’havi scritti tutti cca’ (fa’ segno della fronte) e le segue a puntino. (Va’

sull’uscio di destra e chiama sul motivo della Casta Diva) : “Patris Jovannis,

Patris Jovannis exit fora cum mutannis”…

PEPPINO

(interrompendolo) Ma dicu ju’ chi su’ sti discursi? Accussi’ ‘u rusb igghiati a

me’ niputi?

TONIO

(facendo segno di zittire) …….questo e’latino, “ Mutatis mutandi”…..‘u capisc

i

lei? No! E percio’ si stassi mutu. Chissu fa’ parti di li reguli di so’ niputi. Ora mi

rispunti.

GIANNI

(d.d. infatti canta) “ Stunamentu, stunamentu, nesci fora ‘i stu’ cummen tu, mi

rumpisti l’anima…!   (Tonio si inginocchia a significare che si tratta di formula

ecclesiale mentre don Peppino si fa’ il segno della croce; indi Gianni esce e

nel vedere lo zio cerca di tossire per riaggiustare la situazione)… Oh, caro zio

Peppino, buon giorno……sempre mattutino, vero?.....

E bravu me’ ziu! Bravu

ppi’ daveru! Quannu vegnu ‘nta sta’ casa mi sentu s empri comu quannu eru

picciriddu.

PEPPINO

Eh, figghiu miu, tu ‘u sai ca chista rappresenta sempri a to’ casa….. pirchi’ cca’

nascisti, anche se poi alla divisioni a to’ matri cci’ tucco’ chidda da biviratura e

ju’ mi tinni chista… Vedi e’ un discorso ca prima ‘

u facemu e megghiu e’…. mi

dispiaci ara ca ti n’ha jiri……

GIANNI

Unni? Ziu unni mi n’haju a jiri? Cca’ si sta’ tantu

beni…. ‘U capisci ca ora staju

sempri vicinu a tia e non mi nni’ vaju cchiu’ invec i……. Anzi mi fa’ piaceri ca

trovai a casa rimessa a nuovo e sugnu felici ca veni a zia, la tua promessa sposa.

PEPPINO

No, no, no, figghiu. Non schirzamu cche’ cosi serii . Tu cca’ non puoi stari cchiu’

pirchi’ na vota ca mi maritu, vogghiu a me’ libirta ’. Chiuttostu sugnu dispostu a

jraminni ju’ a stari ‘o paisi nta’ to’ casa e chiss a a lassu a tia… Viri figghiu

beddu, ormai mi vogghiu arrizzittari definitivamente e cercu ‘n pocu di paci

macari pirchi’ sugnu vecchiu e devo sfatare la legenda…. ‘U me’ disideriu ora e’

di aviri ‘n figghiu e poi mi cunottu ppi’ tutta ‘a  vita.

GIANNI

(con dolce rimprovero) Ziu, a moddu t’avissi a mettiri, ‘o friscu, accuss i’ ti

passunu tutti ssi’ fisimi ca hai…. Ca…..zzu’ Pippin

u, zzu’ Pippinu! Cangia vita,

dedicati alla santita’ comu a mia……

PEPPINO          (risentito) Senti, caru Gianni, st’argumenti ccu’ tia non li p ozzu tuccari; parramud’autru. Chi ni capisci tu di bisogni fisiologici vah, ora ti mannu ‘u cafe’ e latti ccu’ Elvira (via)

TONIO                (guardando stupito) Ahu, ma chissà non ci voli jiri in pensioni/ Voli fari ancora

‘u jaddu!.........

GIANNI             Ci ‘u facemu passari nutri ‘u pitittu. Ci ‘u mannu  ju’ ‘n pensioni!!!


TONIO

Ju’ hai sempri l’imprissioni ca ni finisci a corpa. Tu cchi’ ni dici?

GIANNI

Caromio, io ‘nveci haju fiducia, molta fiducia nel mio sistema.

TONIO

E jucamannillu a sisila stu’ sistema!.... Cca’, si to’ ziu si n’adduna ‘i vastunati

s’hannu a fetiri…….

GIANNI

Mutu statti ca sta’ vinennu a cuntinentali.

ELVIRA

(entra recando il vassoio con la prima colazione e mentre i due si accingono a

mangiare si accosta guardinga e dice) Padre Gianni…..debbo confessarmi con

lei……

(a Gianni va’ di traverso il biscotto) Debbo dirle che non e’ affatto vero

che sono la governante della fidanzata di suo zio!.... Invece sono proprio iola

fidanzata epistolare e per tanti mesi e’ intercorsa fra noi una corrispondenza

amorosa. Avevamo affidato i nostri segreti alla rubrica “Cuori solitari” e ci

siamo scritti senza conoscerci. Poi assunte informazioni tramite l’agenzia

“Occhio di lince”, mi e’ stato riferito tutto il pa ssato di suo zio e cosi’ ricorsi al

piccolo trucco della foto di mia nipote per timore chein fotografia avrei potuto

sembrargli piu’ vecchia di quella che sono……..

GIANNI

(meravigliato) E allora???

ELVIRA

Mia nipote verra’, ma per assistere semplicemente alle nozze perche’ io mi sono

appunto insediata in questa casa per poter studiare il soggetto e constatarne i lati

deboli….. Mi creda, suo zio e’un gran buon uomo,ver

amente desideroso di

mettersi l’animo in pace col passato e stanco di questa vita di scapolo

impenitente. Pero’ ha ancora delle velleita’ giovan ili che da quando io sto’ qua’,

man mano. Sono andate diminuendo fino alpunto che posso faredi lui quel che

voglio.

GIANNI

Allora lei mi dice che mio zio si e’ arreso……

ELVIRA

In un certo senso ha gia’ subito il mio ascendente, la mia volonta’…..

GIANNI

Capisco, capisco…. E sua nipote? Quella che dovra’

arrivare oggi e’ nubile o

sposata?

TONIO

E’ nobili o viddana?

ELVIRA

Si, e’ nubile ed ha anche lei delle proprieta’ alle quali accudisce personalmente.

Padre Gianni,ora la prego, dopo questa mia confessione, di intervenire in mio

favore e far capire a suo zio che non e’ giusto per la sua eta’ sposare una ragazza

mentre una donna attempata come lui lo farebbe senz’altro felice!... Ne sono

innamorata…….che maschiaccio…..

TONIO

Na’ vota!!!……….

ELVIRA

Che sicilianaccio di razza!.......


TONIO

Gallinaccio!........arrisultau ‘n jaddurinia allocu di pavoni…….

ELVIRA

Sono sicura che sposandolo faro’ opera di redenzione.

GIANNI

SI, capisco, d’altra parte confessione per confessione debbo dirle che mi sono

innamorato di sua nipote non appena ho visto la fotografia e la voglio sposare.

ELVIRA

(meravigliata) Ma ….lei?......Cosa dice?

GIANNI

S’accomodi e mi ascolti cara …….zia! Ho da farle a

nch’io una lunga

confessione: io e Tonio fino ad ora abbiamo recitato la commedia in quanto

siamo stati espulsi dal seminario per indegnita’……

Cosa vuole…… dicono che

non avevamo la vocazione necessaria…… a allora abbi

amo imbastito la storia

della lettera di Monsignor Pennini e la mia venuta qui’. A questo punto non

saprei come uscire da questo ginepraio se non si presentasse l’occasione

opportuna e questa opportunita’, in questo momento e’ rappresentata da lei.

Vorrei piuttosto che tutto cio’ resti un segreto fra di noi tre e la prego di non

farne cenno neanche a sua nipote in quanto desidero che l’amore nasca a tempo

ed a luogo cosi’ come e’ avvenuto per lei…. Come ve

de la storia si ripete!.....

ELVIRA

(sorridendo) Ho capito che buon sangue non mente. E allora quando smettera’

questi abiti talari? (campanello)

GIANNI

Non appena vedro’ l’occasione buona……….

ELVIRA

Vado ad aprire.

GIANNI

Accuntu ni livammu ‘n pinseri………

ELVIRA

(ritorna ridendo) Padre Gianni c’e di la’ la massaia che desidera pa rlare al

nuovo prete.

GIANNI

(saltando sulla sedia) Come?

ELVIRA

(ridendo benevola) Appunto mi pare che voglia confessarsi………

TONIO

La faccia trasiri.

GIANNI

Ma chi si’ scemu?

TONIO

E viremu cchi’ voli…….

GIANNI

(fa’ un segno ad Elvira la quale ritorna con una donna dall’aspetto di massaia

del luogo; Elvira scompare sorridente) Chi’ vuliti?

MASSAIA

S’abbenedica patri…….(baciamano a soggetto di Tonio)

GIANNI

Buona donna pi parrari ccu’mia arrivulgitivi prima ‘o me’ assistenti.


TONIO

(che non visto faceva segni a Gianni delle botte per l’imbroglio) Ju’? E cchi’

haju a fari?

GIANNI

Riceviti la confessione di questa donna e poi me la riferisci. Ju’ vaju ‘n minutu

dda’ banna a completare la toilette personale. (esce)

TONIO

Dunque, buona donna, parrati ccu’ mia accussi’ comu dissi ‘u parrinu…….

MASSAIA

SI megghiu e’, signor aiutanti. Megghiu ca prima ci lu cuntu a vossia pirchi’

ccu’ parrinu m’affruntu. Abbasta ca appoi mi duna l ’assoluzioni, acussi’ mi nni’

vaju contenta.

TONIO

(sedendo e guardando a destra e a sinistra come nella speranza di un

imprevisto aiuto) Avanti, sbuttunativi,ca ju’ sugnu tuttu aricchi.

MASSAIA

(fa’ l’atto di sbottonarsi ma e’ fermata da Tonio)

Signor aiutu,vogghiu aiutu

pirchi’ aiutu non n’haju avutu…..

TONIO

(continuando la cantilena seccato) ….e si ju’ vi dugnu aiutu, cu mu duna a mia

l’aiutu? …. Ca parrati bona donna, cunfissativi……

MASSAIA

(titubante) Havi a sapiri vossia ca ‘n jornu mi nni’ stava jen nu ppi’ li fatti loro

miei e aveva pigghiatu na’ trazzura ppi’ cogghiri l ’alivi….. Ju’ sugnu orfana,

signuri, e staju ccu’ na’ zia mia, surastra mi me m atri. Diciunu ca quannu era

nica ju’ cascai da naca e ristai canticchia lesa……

TONIO

Si vidi!

MASSAIA

Si vidi? Accussi’ cidi vossia?

TONIO

(correggendosi) No, dicu, vah……..si vidi ca l’hannu ccu’ vui…..

MASSAIA

…..percio’, comu diceva, dopu c’havia fattu migghia

e mugghia di strata, ‘ntisi

‘u bisognu……..

TONIO

Va’ beh, chissà ‘u capisciu……

MASSAIA

……….no; ‘ntisi ‘u bisognu di ripusarimi. E accussi’

m’assittai ‘n terra (con

esagerata descrizione) …. Comu m’assittai ‘n terra…… satai ‘nta l’aria!...

..

TONIO

C’era scravagghiu?

MASSAIA

Peggio!

TONIO

‘Na serpi?

MASSAIA

Peggiu ancora!


TONIO                (guardando arrabbiato la porta da dove e’ entrato Gianni) Ma chi c’era si po’sapiri?

MASSAIA       Signuri, c’era nentidimenu ‘n cristianu ammucciatu arreri ‘na macchia.

TONIO

(meravigliato) E chi faceva?

MASSAIA

Aspettava ca passava ju’! (rdendo da ebete)

TONIO

E dopu?

MASSAIA

Dopu parsi ca mi cirmau, parsi ca m’addummisciu. Mi tagliava e s’avvicino’

ridennu.

TONIO

(incuriosito) E chi fici?

MASSAIA

(eseguendo con le mosse su Tonio che soffre le pene

dell’inferno) ……m’accarezzau ‘i capiddi…….. mi dissi: “bedda ti v

ogghiu

maritari”…… m’accarizzau ‘i vrazza…… mi pigghiau a

testa accussi’ e mi

dissi: “ tu si la me’ vita….. ‘i to’papilli sunu co

mu i girasi di maju”. Poi mi

pigghiau ppi’ spaddi accussi’………….

TONIO

(spaventato) …..e ……poi?

MASSAIA

(demoralizzata) …..poi passau ‘u capu chiumma e mi dissi: “figghia   non veniri

cchiu’ a cogghiri alivi pirchi’ si ficiru ‘i ficu….

(ride)

TONIO

(scombussolato e poco convinto) Ma insomma, cu era chiddu arreri ‘a macchia?

MASSAIA

(piangendo) …..’u babbu do’ paisi! E ju’ ‘u vogghiu beni e mu

vogghiu maritari.

TONIO

E vi juncisturu tutti dui babbi! (cercando di confortarla) …E bonu, bonu; ora ci

‘u dicemu a patri Giuvanni, viremu chiddu ca si po’ fari. (si avvia alla porta di

destra ed entra. La massaia resta sola e comincia a giocherellare facendo

giochiinfantili. Rientrano Tonio e Gianni, si fermano ad osservarla sull’uscio

facendo segni d’intesa come per dire che trattasi di una squilibrata.

Campanello. Tonio va’ ad aprire)

GIANNI

Buona donna, il mio assistente mi ha raccontato tutto……

(torna Tonio facendo

segno che ha qualcosa da dire)

TONIO

C’e’ ‘u babbu do’ paisi; dici ce visti trasiri a so ’ zita e ‘a voli vidiri. Chi haju a

fari?

GIANNI

(spinge la donna verso la sua camera) Ammucchiativi cca’ ora aggiustamu sta’

facenna. (a Tonio) Fallu trasiri.


NINU

(entra; e’ un tipo di “babbu” sui generis)  Ossa….ossa…benarica patri a pa….a

parrucu. Su….sugnu Ni….Ninu ‘u pu….’u purtuallu ‘u

fighiu da za’ ze…..da za’

ze…….’a za’ Zenna muggheri do’ zu’ Se….do’ zu’ Senz

iu ‘u si….’u sensali.

TONIO

Cumminasti ‘na banna!.....

GIANNI

Finalmenti. E chi’ voi figghiu?

NINU

A so’ …….A so’……A so’…..

GIANNI

Mi dispiaci ma soru non n’haju. Sugnu figghiu unicu .

NINU

Assoluzioni ……assoluzioni ppi’ quantu su….su….sutta

‘o peri d’alivi mi

mangia……mi mangia……mi mangiai ‘i ficu di Alfiedda ‘

a cugghitura.

GIANNI

Ho capito. Tu saresti il fidanzato di quella ragazza che e’ entrata qui’ poco fa’…

NINU

Veru e’! Alfiedda e’ ‘u nicchiteddu miu e ju’ sugnu

‘u nacchi…’u nacchi….’u

nacchiteddu so’…..

TONIO

E chi nicchi nacchi tuttu stu’ nacchiamentu ccu’ nu tri?

NINU

Mi vogghiu mari….mari…..

TONIO

A mari t’ha jittari!........

NINU

…….maritari ccu’ nicchiteddu miu.

TONIO

Accussi’ i’ figgi ca nascinu ‘i putiti jittari!!... ....

GIANNI

Questo a tempo e luogo. Ora, vardati chi faciti: ju’ fazzu nesciri a Alfiedda di

dda’ banna. Tu la prendi, la porti ‘nti so’ zia e c i dumanni a manu da’ carusa.

NINU

E chi n’ha…….n’ha…..n’haju a fa……a fa….. a fari da

sula ma …….ma…..

manu? Ju’ vogghiu ‘u mu….. ‘u mu….. ‘u mussu…. ‘u c

u……’u cu…. ‘u cori e

cossia n’ha ma….n’ha maritari e stu’ ca……stu’ ca…..

GIANNI

Attentu a comu parri, senti……..

NINU

…..stu’ carusu ci porta appoi na’ mi…..’na mi….. ‘n

a minestra spiciali ca

pi…pi…..ca’ pi…pisedda e ‘a caco…… ‘a caco….. ‘a ca

coccila, ca ‘a sapi fari

me’ ma……me’ matri a za’ ……Zenna a……

GIANNI

(completando la frase) ….muggheri do’ zu Senziu ‘u sensali….. Va’ beni ‘u

capemu….. Figghiu ju’ haju cchi’ fari. Tonio fa’ ne

sciri a Alfia di dda’ banna ca

sti’ picciotti si nni’ vanu pirchi aspittamu autri visiti. (Tonio esegue e ritorna

con la ragazzotta)

MASSAIA

(vedendo il suo promesso) Nacchiteddu!!


NINU

Nicchitedda………..

MASSAIA

Nicchi…….

NINU

Nacchiu……

GIANNI

Ora ni spurugghiamu dumani a matina. Jtavinni ppi’ favori. Toniu Accumpagnili

ca hannu primura. (i due escono continuando a chiamarsi affettuosamente.

Sulla porta appare don Angilu con delle valige)

ANGILU

Si puo’? Arrivau a signorina Laura.

GIANNI

Don Angilu e unni a lassasturu?

ANGILU

Sta’ pavannu a don Minicu ‘u vitturali ca ci sta’ s caricannu ‘i baulli e quantu

cosi’ purtau……!!! Gianni, ‘n cunfirenza su tu a viri…..

GIANNI

Don Angilu, ‘a staju virennu! Ccu’ n’autru rannicch ia……

ANGILU

E’ appizzata…..

GIANNI

Comu appizzata?

ANGILU

Dicu ca e’ appizzata su s’ha maritari a to’ ziu. Ch ’e’ bedda salaratu! E’ ‘na

rigina, ‘na norma.

TONIO

Si, ‘na traviata!

GIANNI

Tonio.......non ti permetto!

TONIO

Comu? Ancora l’ha vidiri………!!!

GIANNI

E ju’ non ti permetto ! Chiuttostu facemu finta ca non sapemu nenti. Amuninni

dda’ banna e don Angilu chiama a signorina Elvira e ci dici ca arrivau ‘a so’

patrona (escono a soggetto)

ANGILU

(chiamando nella stanza di sinistra) Signurina…… signurina Edelvais…..

arrivau ‘a signurina ………

(ripete; esce Elvira)

ELVIRA

Bravo, don Angelo. E’ gia’ arrivata?

ANGILU

Si, e sta’ per acchianari, saliscere…….

ELVIRA

Grazie, potete andare; l’attendo io.

ANGILU

Dda’ sutta sugnu e l’attendo sull’attenti attendend o la sua attesa attentamente!

ELVIRA

Bravo. Avete fatto un gioco di parole attendibile. Vi ringrazio. Andate via.


ANGILU           Chi’ voli, signurina. mi sparai tutti ‘i paroli ‘nt alianu ca vossia m’ha ‘nsignatu. S’abbenarica. (esce)

ELVIRA

(si affaccia sul pianerottolo e arriva laura) cara, piccina mia, vieni che

t’abbraccio…..

LAURA

(vestita con un completo da viaggio, elegantissima) Oh, zietta cara….. come

sono felice di ritrovarti…. E sei anche piu’ rifatt  a…. Si vede che l’aria della

Sicilia ti giova. Cosa mi racconti di nuovo?

ELVIRA

Se tu sapessi cosa bolle in pentola qui’!!! Scicali e’ un ottimo vegliardo e me lo

sposero’ anche se lui sta’ aspettando la tua venuta in quanto e’ convinto dalle

fotografie che sei tu la sua promessa. Poi c’e’ un’ altra cosa piu’ importante…..

LAURA

E…..sarebbe?

ELVIRA

E’ arrivato il nipote prete che…….prete non e’! Ion

on avrei dovuto dirtelo

perche’ avevopromesso a lui cosi’. E’ innammorato c otto di te appena ti ha vista

in foto….. e se tu sapessi……. che giovane…… che sic

iliano! Qui’ in Sicilia

c’e’ veramente il culto del Brancati e non so’ se a

torto o a ragione il Brancati

ironizzava sul maschilismo e sui don Giovanni locali.

LAURA

Ed e’ veramente un bel giovane?

ELVIRA

Altro che!! Pero’ tu farai finta di niente. Come se non sapessi che non e’ prete e

ti comporterai di conseguenza. Qui’ si sta’ benissimo, si e’ nel padarido terrestre.

Non manca niente. Vedrai che sorpresina procureremo allo zio ed al nipote!

LAURA

(piu’ timidamente) Zia non vorrai abusare della fiducia che hanno riposto in

te…..

ELVIRA

Ma non, cara, giochero’ lealmente questa partita d’ amore perche’ di una partita

d’amore si tratta.Piuttosto dimmi cosa hai fatto durante questoperiodo a Terni

per la vendita delle nostre proprieta’.

LAURA

Ho dato l’incarico all’avvocato Battaglini ed al no taio di casa nostra di procurare

il compratore e di segnalarci telegraficamente il giorno della stipula dell’affare

in modo da essere presenti…….

ELVIRA

Ah, si, va’ bene; ed ora preparati ai grandi incontri. Togliti il cappellino e siedi

qui’. Ecco, cosi’, (l’aggiusta) …….bisogna dare la prima buona

impressione….no, no puoi coprire il ginocchio perch  e’ in Sicilia essere sexy non

ha importanza. Le donne siamo tutte sexy anche se coperte fino agli occhi! Qui’

ci spogliano con gli occhi…… e che occhi!!!

(si avvia chiamando il Sig.

Scicali)


PEPPINO

(rientrando con lei) Sono felice di fare la sua riconoscenza e…..

(impacciatissimo ed inghiottendo) non so’……se…….vah, volevo dire, se a lei

piace quane…… in questo paese ……. Che e’ pieno di s

ole….

LAURA

(dopo i convenevoli) Si, senz’altro mi trovero’ benissimo e penso che m i potro’

fermare e sposare l’uomo che vorra’ impalmarmi.

PEPPINO

Unni? Dove?

LAURA

Alludevo al matrimonio per cui sono venuta. Penso che dopo la nostra

corrispondenza non ci sono piu’ remore e dubbi sulla nostra reciproca situazione

ed intesa…….

PEPPINO

(rivolgendo uno sguardo pietoso ad Elvira come a chiederle di salvarlo da

questa ragazza troppo giovane per lui) Si, ‘nfatti mi vulevu maritare.

LAURA

Maritare? Prender marito? Che significa?

PEPPINO

No, vah,……qui’ si dice maritare ppi’ dire spusare,

ammugghiari, vah….

LAURA

Ammogliare, allora!

PEPPINO

Si, proprio d’accussi’. E allura, ho trovato nella sua governanti un aiuto di

priparazioni ppe’ questa convolata a nozzole e mi pareva tutto facile……e ora

come la vedo cosi’ giovane, cosi’ fresca…….ho bisog

no di farimi l’esercizi

spirituali co’ mio nipote, il parrino.

LAURA

Ah, lei a quest’eta’ ha ancora bisogno del padrino?

PEPPINO

Mai, ddu’ patrozzu! Mio nipote il prete, patri e parroco del paisi.

LAURA

Ho capito. Sa’, anch’io appena l’ho vista mi sono s entita impacciata e avrei

bisogno degli esercizi , come dice lei………spirituali

con suo nipote il prete.

ELVIRA

Tagliamo la testa al toro e chiamiamo il prete. (si avvia verso destra chiamando)

Padre Gianni, padre Gianni, venga che le presento la promessa di suo zio.

GIANNI

(entrando) Buon giorno signorina.

LAURA

(inchinandosi in un baciamano al prete ed ammiccando alla zia) Mi benedica

padre.

GIANNI

(impacciatissimo) Tutta santa e …benedetta!

TONIO

(bacia la mano di Laura ma viene scostato da Gianni) Tutta santa e biniditta,

anche da parte mia!!


ELVIRA

Come vede, padre Gianni, la mia padrona e’ arrivata per andare in sposa a suo

zio. Quasi tutto e’ pronto e mancano solo i documenti di stato civile per la prima

richiesta di matrimonio.

PEPPINO

Pero’, si permettete, prima di jttari ‘i banni si d ovrebbiro scriviri i capitoli

matrimoniali per la dote della sposa e dello sposo…

… insomma una specie di

minutola reciproca. Ci vorrebbe un notaro.

LAURA

Piu’ che giusto! Pero’ si puo’ momentaneamente ovvi are alla presenza del notaio

stilando fra di noi l’elenco del corrispettivo patrimonio e successivamente

legalizzandolo presso l’ufficio competente.

PEPPINO

Perfetto! Tu, Gianni, vuoi scriviri sti’ minutuli?

GIANNI

No zio. Fungera’ Tonio da ufficiale del registro.

TONIO

E comu funciu ju’?

GIANNI

…….ca …fungi……insomma tu scrivi chiddu ca t’addettu

nu.

TONIO

(prendendo l’occorrente) pronto……prima a signurina ppi’ cavalleria.

ELVIRA

Esporro’ io ilpatrimonio della signorina. Scriva. (Tonio si accinge) Addi’, metta

la data di oggi, davanti a me notaio, lasci in bianco, poi scrivera’ il nome quando

andremo incitta’, davanti ai testimoni, ecc., ecc.. scriva i nomi dei presenti,

compreso quello di padre Gianni, io sottoscritta Laura Giuliani, nata a Terni di

anni 26, dichiaro di portare al mio futuro sposo…….

lasci in bianco…..

PEPPINO

E pirchi’?

ELVIRA

Poi lo completeremo…… di portare in dote la villett

a in periferia di Terni sita in

via dei Mirtilli 36 composta di 12 vani……..

TONIO

…….chiamila villetta!!!!

ELVIRA

Un parco attiguo alberato di 2 ettari e la casa in citta’ confinante col municipio

di Terni, con la chiesa Madre e la questura centrale.

TONIO

Non si po’ scappari!!!

ELVIRA

Inoltre il 7% delle azioni delle acciaierie Fabrizi attualmente quotate e ben

piazzate alla borsa di Milano per un valore da stabilire secondo l’oscillazione

quotidiana.

PEPPINO

(titubante) Chi voli diri sta’ cosa?

GIANNI

‘U cchiana e scinni, ziu. Comu ‘u prezzu do’ frumen tu, do’ mustu, di l’ogghiu,

non oscilla quotidianamente a seconda del prezzo di mercato?


PEPPINO

Ah, si. Cuntinuamu.

ELVIRA

(che ha sorriso) Infine a completare il patrimonio…..

PEPPINO

……matrimoniu!!!

ELVIRA

….il patrimonio, si lencano a parte la biancheria,

i quadri di autore fra cui un

Caravaggio, un Raffaello, un Van Gogh, un Matisse e un Pollaiolo.

TONIO

(si ferma) Non scrivu cchiu’!

GIANNI

E pirchi’? Continua.

TONIO

Ju’ vaffanculu a matri badissa non lu scrivu!!!

GIANNI

Ma cchi’ capisti? Su’ quadri. Poi scriviri.

TONIO

Accussi’ dici tu? Scrivemu.

ELVIRA

Io ho finito in nome e per conto della signorina Laura.

GIANNI

Ora a tia ziu, e’ il tuo turno.

PEPPINO

Sissignura……Dunca……oggi 32 febbraio

TONIO

Don Pippinu, febbraiu e’ di 28! Facemu 4 Marzu e non si nni’ parra cchiu’.

PEPPINO

Oggi a quattru o mazzu….

TONIO

E chi erunu lattughi?.....

GIANNI

Finiscila Tonio e continua…….nelle mie proprieta’ a

vite……

PEPPINO

Chi ‘ncucchi macari tu, unni su’ sti’ viti.

GIANNI

Avite zio, degli avi…….

PEPPINO

….. nelle mie proprieta’ cca’ viti elenco la mia do

te cosi’ come ha faciuto la mia

promiscua. La masseria di 76 tummuni?

LAURA

Cosa sono ii tummuni?

GIANNI

Sono misure agrarie, insomma i cosi’ detti tumuli……

LAURA

Da noi sono i tumuli del cimitero. Si dice: “a tumu lazione avvenuta”.

TONIO

(guardando don Peppino) E picca cci’ voli……


PEPPINO

Posseggo anche una vigna (sguardo di Tonio) che produci 380 salmi di musto.

Un campo di cento ettari coltivato a frumentu e un oliveto in contrada Sciaredda

di 50 ettolitri di ogghiu. Piu’ ‘mpuzzu d’acqua por tabile e un cacucciularu di 25

tummuni…….

GIANNI

Carciofetu, ziu……

PEPPINO

Chi’ ‘ncucchi, cacocciuli su’, quali fetu?

GIANNI

Si dici accussi’, carciofeto.

PEPPINO

Poi haju proprieta’ immobiliari o paisi vicinu a chiazza, ‘na minera di sulfuru e

‘na salera ad Augusta. Ancora c’e’…..   (tossisce)

TONIO

‘N catarru bronchiali e arterie scurusi!!

PEPPINO

Gianni ‘u sai ca chissu e’ lisciu. E comu si fa’ a

sta’ jurnata? Non ci dia retta

signurina Laurea. E’ ‘u sagristanu di mio nipute.

LAURA

Se e’ per questo e’ un giovane molto simpatico.

PEPPINO

Ora bisogna fissare la data delle nozze.

LAURA

Un momento Signor Scicali. Sia nella corrispondenza che sui capitoli

matrimoniali teste’ stipulati, lei non ha fatto cenno alla sua eta’ mentre io ho

dovuto dichiarare la mia. Vuole dettare al nostro sostituto notaio la sua eta’?

PEPPINO

(masticando impacciatole parole) ………antadue….

ELVIRA

Quanto ha detto?

PEPPINO

…….antadue.

GIANNI

(con dolce rimprovero) Ziu, sissantadue….eh? E’ inutili ca cerchi d’ammucc   iari

‘u suli ccu’ crivu……Ti devi convincere, caro zio, c

he anche per te e’ arrivato il

momento di metterti in pensione e, a quel che vedo, scusami ma te lo debbo dire,

non puoi pretendere si sposare una figliola cosi’ giovane che ha quasi una

quarantina d’anni di differenza con te?!

PEPPINO

Ma ju’ mi sentu megghiu di ‘mpicciottu, chi ti pari ?

LAURA

(fingendo uno svenimento) Oh, Dio,mi ha ingannata! (viene assistita da Elvira)

GIANNI

‘U viri cchi’ cumminasti? Io in qualita’ di sacerdo te non posso permettere che tu

violenti la volonta’ di una ragazza, di una bambina! Zio da oggi in poi ti metto in

quarantena e allo scadere del tempo se ne riparlera’.


PEPPINO          (quasi piagnucolando) …..Ma Giuvanneddu, ju’, bedda matri, mi sentu bonu,

sugnu ancora in piena efficienza.

GIANNI             Accussi’ ti pari e si poi ti pigghia ‘na botta, ti veni ‘n corpu? Chi facemu, curremu ne’ dutturi? E su mi resti assintumatu cu ‘ na paralisi chi fazzu ti tegnu ‘nta seggia cco’ purtusu? (ad ogni frase Peppino mima con la bocca e con i gesti le malattie citate) No ziu, ju’ ti vogghiu ancora sanu e chinu di vita . Mettitia moddu ‘nta l’acqua frisca ca t’arrifrischi la men ti. Ziu finiscila di fari ‘u jaddu. Ormai pirdisti ‘i pinni!!!

Fine secondo atto


ATTO IIIo

(Scena come gli atti precedenti; all’alzarsi del sipario Graziedda, una ragazzotta del vicinato sta’a far le faccende di casa. E’ la figlia di una massaia del luogo ed e’ venuta ad aiutare per le imminenti nozze)

GRAZIED.

Ora m’addumu a radiu…… ‘a st’ura c’ha essiri musica

da camera….. Ju’ sugnu

‘nta cammira e percio’ m’ha pozzu sentiri  (si avvia ad accendere la radio;

trovata la stazione giusta inizia a ballare conla scopa)

TONIO

(entrando) Graziedda assai travagghi……..Chi e’ chistu ‘u modu

giustu

dilavorare in casa d’altri?

GRAZIED.

E tu pirchi’ non travagghi allocu di fari ‘u mangia pani a trarimentu?

TONIO

Ju’ sugnu l’aiutu.

GRAZIED.

L’aiutu ca sdirubbi!!

TONIO

‘U sai ca si’ linguta? E ju’ ppi’ chissu ti vogghiu  beni. Graziedda havi setti jorna

ca si’ cca’ e setti jorna ca non pozzu cchiu’ dormi ri…..

GRAZIED.

(sfuggendo a Tonio che le si accosta) Ma si ‘a matina ti susi all’unnici ‘nsemi

‘o parrinu, comu havi setti jorna ca non dormi?

TONIO

Pondero, cogito……

GRAZIED.

Vah, vah, ca ‘ntontiru ppi’ daveru si’…. Ju’ ancora

non mi vogghiu maritari.

Haju ‘ntisu diri ca Cenerentula aspittava ‘u princi pi azzurru. Ju’ sugnu sirvizzara

comu a Cenerentula e percio’ aspettu macari ju’ ‘u

principi azzurru…..

TONIO

Ju’ sugnu. Ju’!.......Quannu era nicu…..

GRAZIED.

Ti nni’jisti a rubari ficu!.......

TONIO

No, quannu era nicu me’ matri mi visteva sempri d’a zzurru pirchi’ ci aveva

ristatu ‘na pezza di roba di 260 metri ca cci’ l’av eva datu me nannu ppi’ doti e

percio’ non avennu autru…….cchiu’ azzurru d’accussi

’?

GRAZIED.

Prima vogghiu vidiri quannu mi porti a ballari nto’ casteddu……

TONIO

Nta’ quali casteddu?

GRAZIED.

Nto’ casteddu di nuciddi. ‘U viri quantu si’ scunch iurutu? Il castello del principe

e poi a menzanotti mi nni’ scappu……..


TONIO

Ju’ trovu a scarpina…………….

GRAZIED.

E ti nni’ dugnu ‘n corpu nto’ chicchimiddu……..

(speigando) Chi mi pozzu

arricogghiri cu na’ scarpa si e una no……… me’ matri

mi livassi du’ munnu.

TONIO

Graziedda, dimmillu ‘na vota sulu ca mi vo’ beni.

GRAZIED.

‘Na vota?

TONIO

Sulu…….

GRAZIED.

Ti vogghiu beni, ti vogghiu beni, ti vogghiu beni……

..ti vogghiu beni…..

TONIO

‘Na vota t’aveva dittu! Chi cci’ mittisti ‘a carta  carboni?

GRAZIED.

Si, ju’ ti vogghiu beni ma tu quannu mu fai ‘u mazz u?

TONIO

(interdetto) Quali mazzu? Chiddu de’ carti?

GRAZIED.

No, ‘u mazzu di ciuri d’aranciu. Chiddu de’ ziti…..

(sognando) Appoi veni patri

Giuvanni e ni’ ‘ncucchia……

TONIO

E tannu po’ stari frisca tu!.....Qquannu ni ‘ncucch ia iddu!......

GRAZED.

Ca pirchi’ non ni’ po’ diri quattru iddu?

TONIO

Macari ‘n cufinu……. Sulu ca ju’ di iddu non mi fazz

u maritari pirci’….

GRAZIED.

Dimmillu pirchi’, dimmillu pirchi’, dimmillu pirchi ’?

TONIO

Ahu! Quannu parri ‘na cosa l’ha diri ‘na vota sulu,

‘u capisti?

GRAZIED.

Si, brodu di ciciri.

TONIO

Si, pasta rattata…..Chi vol diri brodu di ciciri?

GRAZIED.

Allocu di diriti “amuri miu” ti dicu d’accussi’ pir

chi’ mematri mi ‘nsignau ca

l’amuri e’ comu ‘u brodu di ciciri. Tutti dui fanu

veniri ‘u duluri di panza!

TONIO

Matri!!! E unni ‘a piscai a chista/ Senti gioia, dimmi comu haju a fari ppi’

parrari ccu’ to matri?

GRAZIED.

Ca veni ‘a me’ casa, tuppulii e ci dici a me’ matri

che sei cotto di “a me” e che

addesideri la mia persona e vuoi il mio brodu di ciciri……

TONIO

Veni to’ matri e cci’ cala ‘a pasta………….

GRAZIED.

No,me’ matri puviredda si non ci’ cunveni t’assaia

‘u cani…..


TONIO                Comu m’assaia ‘u cani? E su mi chianta ‘ocche’ muzz icuni?

GRAZIED.     Ca chissu e’ a prova. ‘U cani sapi unni ha muzzicar i. Du anni arreri vinni n’autru pritinnenti e ‘u cani ci desi ‘n muzzicuni ca ‘u la ssau senza causi e accussi’ me’ matri si n’addunau ca non era completu e ‘u ‘ssicut au!.....

TONIO                E cchi’ voli ‘a prova comu ‘i muluni?

GRAZIED.    Ca certu, di sti’ tempi ….. cu chiddu ca’ curri ….           Pari ca siti tutti uomini e poi….

TONIO                Ahu! Scimunita! Prima voi ‘u principi azzurru e poi nesci l’ugna e allocu du principi azzurru voi ‘u principi nudu! Senti chiuttostu, varda cchi’ fai stamatina ‘u pusteri mi desi sta’ littra ca e’ ppa’ signurina Laura. Vai a dariccilla ca si fici tardu. Ca e’ dda’ banna.

GRAZIED.

(gli si getta tra le braccia) Vasimi muchio…….

TONIO

(confuso) Chi vol diri muchio?

GRAZIED.

Ca avaja…..dda’ canzuna ca fa’ “vasimi, vasimi much

io”…. E ju’ vogghiu essiri

vasata nto’ muchiu ca forsi sara’ ‘u funciu” in ita

lianu……..

(mentre Tonio sta’

per baciarla entra Gianni. Graziella si rialza e scappa) Madonna di lu’

pricipiziu!!!

GIANNI

Accussi’ passi ‘i jurnati tu? Cca’ su si n’adduna m e ziu ni finisci daveru ‘a corpa

comu dicisti tu. C’ha mannasti a littra a Laura?

TONIO

Ora c’ha jivu a purtari. E su laura si n’adduna ca ‘i littri ci scrivi tu comu ni

finisci,ah?

GIANNI

P’accomora na’ jiutu tuttu beni……. Spiramu ca in se

guitu chiaremu tutti cosi e

accussi’ mi pozzu spugghiari. Pero’ idda s’accittat u tutti i littri ca ci ha scrivutu

“il cavaliere dell’amore” pirchi’ mi firmu d’accuss  i’ ma non ha risposto mancu

‘na vota a fermu posta comu avevu scrittu ju’.

TONIO

Mentri ca si’ scimunitu! Tu ci avevi a diri bellu quattru e quattr’ottu ca eri tu e

poi……

GIANNI

Si, e poi….. E poi finevunu tutti cosi. Chiddi si p

igghiavunu ‘u trenu e si nni’

jevunu a Terni. Invece cerco di innammorarla alleggiu alleggiu di questo

cavaliere accussi’ comu visti fari ‘na vota ‘nta fi lm. La protagonista se ne

innammoro’ e in ultimo si avvide che chi scriveva le lettere era una persona a lei

molto vicino.

TONIO                ‘U visti macari ju’. Era ddu’ scemu di so’ maritu c a si firmava “Mistero”: si chiamava “due dozzine di rose scarlatte”.


GIANNI

Precisamente, non ricordavo il titolo. Ora ju’ aspettu il momento quannu idda si

decidi a rispondere e di ddu’ mumentu in poi……

TONIO

Ni  nni’ putemu scappari!!!..........

(campanello)

GIANNI

No, vieni com me che ti spiego meglio. (escono parlando; suona nuovamente il

campanello)

GRAZIED.

Vegnu, vegnu. (va’ ad aprire ed entra don Angilu con un paniere)

ANGILU

Ci purtai st’aranci a signurina Elvira ca ajeri mi mannau a diri ca ‘i vuleva.

ELVIRA

(entrando) Ah, don Angelo siete voi? Avete portato le arance? Grazie, molte

grazie (entra Laura leggendo la lettera) Graziella dai a don Angelo un po di

biscotti per i suoi bambini e fallo uscire dalla cucina.

ANGILU

Grazie signurinedda, grazie tantu ‘ssabbenarica (viano con Graziella)

ELVIRA

Cosa stai leggendo?

LAURA

(che aveva finora letto, si gira versola zia) Zia,hai ragione tu, e’ lui, lui che

scrive queste lettere di fuoco, queste frasi d’amore che ancora sanno di latino. E’

lui che si nasconde sotto lo pseudonimo di “cavalie re dell’amore” e non posso

piu’ resistere: lo amo zia, lo amo, pero’ non posso dirgli di sapere che non e’

prete perche’ non sa’ che tu me lo hai confidato.

ELVIRA

(bonaria) E tu fai una cosa semplice. Digli di volerti confessare e gli racconti

tutto. Cosi’ se qualcosa ha da scautrire sara’ come se fosse naturale.

LAURA

Grazie zia, faro’ come dici tu. Se non avessi te come consigliera, madre, amica,

non so’ cosa farei. Sei la piu’ brava zia del mondo . (l’abbraccia) Ora lasciami

sola qui’ nel soggiorno,cerchero’ di vederlo e di d ivertirmi anch’io un po’ alle

sue spalle……affettuosamente. Senti questa frase: “l

aura ….il tuo nome sa’ di

fronde profumate perche’ derivante dal laurus priscus che adornava le fronti dei

vincitori e dei gloriosi. Il tuo nome sa’di musica e come tale suonaperche’ e’

composto di lettere che danno una tonalita’ accordata al diapason base…..”

sembra quasi unorganista come scrive. Ecco perche’ penso che ancora non e’

riuscito a spogliarsi completamente della mentalita’ clericale.

ELVIRA

Figlia mia e’ difficile passare da uno stato ad un altro senza subire traumi

pscologici ma fortunatamente Gianni ancora e’ da considerare uno studentello da

seminario e quindi non ci sara’ il grosso peccato da imputargli. Sii serena

figliola e che Iddio ti aiuti ancheper il futuro…..

Io vado di la’ ad accudire a cose

piu’ materiali. Per me il matrimonio ora diventa una convenienza e una missione per non essere di peso a te e per redimere il mio don Peppino….. (esce)


(dall’interno si sentono le voci di Gianni e Tonio che man mano si affacciano sulla scena mentre laura si guadagna un nascondiglio per ascoltare)


TONIO

Ma dicu chi hai ‘u suffareddu? Una ci ‘a mannasti a ntura, una ma stai dannu

ora…… Chi ci ‘ncucchiu ju’ ca ‘u pusteri veni deci

voti ‘o jornu?

GIANNI

(entrando) No, ma questa porta la data di oggi mentri chidda precedente havi la

data di ieri.percio’ puo’ pensare ca purtau ritardu . E poi, caro Tonio, ‘a voi sapiri

a virita’? ….. Non ‘a pozzu teniri cchiu’!

TONIO

Jettila ‘n terra ca a pigghiu ju’!

GIANNI

Si, tu ti metti cca’ farsa….. cca’ e’ nicissariu in   vece veniri subito al conquibus,

ai ferri corti insomma, anche perche’ se mio zio si accorge di qualcosa manda

tutto a carte quarantotto.

TONIO

Aieri visti,a propositu di to’ ziu, a signurina vecchia ca ‘u cartigghiava vicinu

l’occhiu…..

GIANNI

Ma cchi’ ‘ncucchi! Aveva aviri qualchi bruscoletto…   ..

TONIO

Ca quali friscalettu! A mia mi parsi ca ‘u jaddu s’ appi a scantari della fidanzata

picciotta e ppi’ non purtarisilla a mala cumparsa sta’ circannu d’accumudari cca’

vecchia……..

GIANNI

D’altra parte e’ quello che volevamo, no? Comu…? Nt   a’ chinnici jorna avemu

misu tuttu sutta supra, avemu fattu cosi’di pazzi……

e ora che lo scopo e’

raggiunto……n’avissi a dispiaciri? Poi la “conditio

sine qua’non” della

confessione e della presenza della signorina Elvira era proprio il risultato che

stiamoper ottenere e percio’…..   (suonano) ……vai a vidiri cu’ e’…..

(Tonio

esegue; ritorna accompagnato dal parroco del paese, un vecchietto pieno di

acciacchi ma furbo)

TONIO

(precedendo di qualche attimo don Francesco) Semu persi…. Ni nni’ jemu

‘galera! S’accomuda patri e parrucu.

DON FRAN. Sia Lodato Gesu’ Cristo, anche ppi’ sta’ strata di ‘cchianata ca su non era ppu’sceccu non c’avissi mai pututu arrivari.

GIANNI             (sulle spine)A che debbo l’onore, don Francesco.

DON FRAN. Ca figghiu, ti canusciu di quannu nascisti, ti vattiai, ero amico della buonanimadei tuoi genitori….. e tu mi voi livari ‘u misteri con una concorrenza, direi, quasi

sleale se non addirittura …..profana e blasfema!


GIANNI


Ma chi’ dici vossia, quannu mai io ho pensato ‘na c osa di chisit!


DON FRAN.


Intanto indossi l’abito talare e tu sai che e’ pecc ato mortale……


GIANNI


No, don Francesco ……aveva ‘u pigiamia a lavare…… e          stanotti ppi’ curcarimi


abbuddai a manu e tirai a prima cammisa ca c’era supra a seggia.


DON FRAN.


Ed e’ un peccatone!


TONIO


Ci ‘u dissi ju’……


(i due lo guardano)


DON FRAN. Poi, espulso dal seminario di Acireale, hai fatto credere di aver gia’preso i voti ete ne sei venuto in casa ‘nti to’ ziu spacciandoti per ecclesiastico….. ed e’ un

“peccatissimo” mortale…

TONIO                Ci ‘u dissi ju’……..       (c.s.)

DON FRAN. Poi, non soddisfatto ancora di queste imposture fin qui’ rivolte ai tuoi familiari,

hai pensato bene di confessare la massaia dell’uliveto e don Antonino ‘u purtuallu ….. e qui’ siamo nel “peccatone mortaliss imo” e tu lo sai.


TONIO


Ci ‘u dissi ju’……..


GIANNI


Cretino, mi dicisti di farlu tu e ju’ cci’ cascai….


. A questo punto…..


DON FRAN.


…….A questo punto ti dovrei denunziare a tia e a qu i penitenti……


esto deficiente ca ti procura


I DUE


Ma…………


DON FRAN.


……ma siccome ripeto di essere stato amico della tua famiglia, ti ordino di sospendere questa ignobile farsa anche nei riguardi di tuo zio. Monsignor Pennisi molto oculatamente mi ha scritto una lettera con la quale mi avvertiva della tua espulsione e a scanso di quegli equivoci veramente avvenuti mi raccomandava di tenerti d’occhio, cosa che la mia modesta persona ha fatto da quando sei ritornato in paese.


GIANNI


Ma allora siamo inpieno regime poliziesco,siamo ancora all’ombra del KGB, dell’FBI, della CIA…..


TONIO


Dell’ abcd…efgh….ilm…..


DON FRAN. Zitto tu, deficiente….. e a te rispondo         (rivolto a Gianni) che non si puo’ e non si

deve approfittare di una posizione acquisita in teoria ma che all’atto pratico diventa truffa morale e spirituale con conseguenze materiali!


GIANNI


Don Francesco,le assicuro che in tutto quello che ho fatto c’era la mia pura buona fede e tutto era rivolto a fin di bene.


DON FRAN.


…a fin di bene dici?


GIANNI


….si, a fin di bene,perche’ se vossignoria si vuole accomodare di la’ con me le raccontero’ per filo e per segno come e’ andato tut to e da dove e’ cominciato (Don Francesco si alza) dopo di che’ io desidero ilperdono per quanto hocompiuto e la sua benedizione per quanto sto’ per fare…… (escono)


LAURA

(esce dal suo nascondiglio e chiama la zia) Zia Elvira, zia Elvira…..

ELVIRA

Dimmi cara, cosa e’ successo?

LAURA

Gianni ha avuto la visita del parroco che lo ha aspramente rimproverato per

quanto ha fatto e se sapessi zia….. mi fa’ una pena

…. Alpunto che volevo uscire

per spiegare tutto io alprete.Ora sono di la’ e Gianni gli stara’ senz’altro

raccontando della nostra presenza, delle intenzioni dello zio Peppino, per farsi

perdonare le menzogne a cui e’ ricorso. Spero tanto cheloperdoni! Ma zia, per

quanto tempo ancora dovro’ fingere di non sapere che e’ lui che mi scrive?

ELVIRA

Non ti preoccupare che anche questo sara’ un frutto che cadra’ da se’ appena

maturato e ……dopo ……non vi saranno piu’ lettere inc

endiarie come dici tu

bensi’ si passera’ alla vita pratica che vi coinvol gera’ immediatamente nei

bisogni di tutti i giorni.!

LAURA

Sei pessimista, zia ….e filosofa.

ELVIRA

Sono realista e con i piedi a terra……..

PEPPINO

(entrando) Oh, signorine, cercavo proprio tutte e due.

ELVIRA

E ci ha trovate. Sentiamo, cosa c’e’ di nuovo? Un a ltro bruscoletto?

PEPPINO

No, n’auta confessione…… sta’ volta voglio mentiri

veramenti le cose a punto

giusto.

ELVIRA

E allora dica, ci parli…… Ho capito siamo arrivati

alla resa dei conti….. Lei

e’pentito di averci invitate a venire in Sicilia e ora vorrebbe darci quello che in

questura chiamanoil foglio di via obbligatorio. Lei e’ a casa sua e puo’ fare

questo ed altro e noi non ci rammaricheremo. Dica….  .

PEPPINO

Signurina, fici tutti cosi lei…… ancora non ho aper

to becco e lei si sdirubbau

comu ‘na valanga di breccialinu……

LAURA

Che cos’e’ il breccialino?

PEPPINO

Si! Ora mi mettu macari a fari a traduzioni “subita nia”….. il breccialino e’

quello che nelle cave di pietra chiamano ghiaietto, che si mette a monzello e

appena ci appoggia ‘na cantarella o chicchessia si avvalanga, si sdirobba, si

precipita! Percio’ …… fatemi parlare. Io non m’hajo

potuto ancora spiegari beni,

perche’ preferiscio che ci siete tutti e dui…….

LAURA

Allora, se non sono di troppo……

PEPPINO

Ma quale troppico, lei e’ l’interessata nemmero uno . Dunque…..quando ci e’

intercorsa quella corrispondenza letteraria fra me e te, ora ti do’ del tu come una

figlia e non come una zita, io ero ancora sotto l’influenza…..


LAURA

Aveva l’influenza?

PEPPINO

Aveva ‘a bronchiti! Ca lassimi parrari. Dicevo ero sotto l’influenza di una vita di

scapestrato ca era passata accussi’ senza che io mi n’addunassi, vah me ne

“accoggessi” e taliannomi ‘o specchio sulo ora ho v isto che sono un poco

arrappatizzo per l’eta’ che,appunto ripeto, era pas sata tutta tra rose e ciure…..

ELVIRA

(sorridendo) …Eh, gia’! Rose e fiori. Pero’ anche i fiori appas   siscono ed io caro

don Peppino questa constatazione l’ho fatta prima di lei quando il mio specchio

mi ha riflesso la prima piega sulla bocca che era stata splendida in giovinezza

come quella della signorina Laura.

LAURA

Tu sei sempre bella, Elvira!

ELVIRA

Grazie, cara, tu vuoi a tutti i costi riportarmi giovane. Ma io lo sono giovane, nel

cuore,perche’ ho vissuto con te trasferendoti tutta me stessa e la mia giovinezza.

PEPPINO

Signuri mei, non ni mittemu in cerimonii. Percio’ dicevo che quannu avvistai il

principio della mia vicchiania e fu precisamenti l’autru jornu cu’ farimi la barba

che mi sono tagliato un po’ di pelle allaccarata del varvarotto……

ELVIRA

….del mento.

PEPPINO

….del varvarotto alla menta,pensai che stavo per co

mmettere una grande

sciocchezza nello sposare una giovane come te! E allora……

ELVIRA

…….e allora?

PEPPINO

Allora, non ho piu’ bisogno di sposare laura ma ci addumannu a Laura la mano

della sua governante, cioe’ a dire di lei.

ELVIRA

Ma questa e’ una dichiarazione bella e buona Peppenino.

PEPPINO

Si cara Elvira, ma non mi chiamari Peppenino pirchi’ cca’ in Sicilia, vuol dire un

uomo di menza tacca…. E ju’, va’ beni che mi arrend

o, ma sono ancora di tutta

tacca e me ne vanto!

LAURA

Allora le debbo dire che lei amcora non ha capito che Elvira non e’ la mia

governante, bensi’ mia zia sorella di mia madre.

PEPPINO

Ahora! Lei, tu, voi…….siti parenti stritti?

ELVIRA

Si, proprio, e quei beni patrimoniali che ho dettato a Tonio quando l’altro giorno

fungeva da notaio, sono i miei veramente che passeranno a laura non appena

sposera’, trattenendomi l’usufrutto vita natural du rante.

PEPPINO

MA come vedi io non badavo ai tuoi beni perche’ grazie a Dio staju comudu

ppi’ casa mia. Chiddu ca mi fa’ stari un po’ scomud u e’ me niputi Giuvanni che


deve mettersi in testa di lassarimi sulu cca’ cu vuatri….. iddu e’ parrinu  …..  (le

donne si guardano ammiccando) e non mi deve confezionare…..

LAURA

Condizionare…..

PEPPINO

A stissa cosa e’. Non mi devi condizionare se io voglio fare una cerimonia a mia

moglie,sici devo chiantare un pizzoluni nel citrigno……..se ci vogghiu sunari ‘u

clacson!!.......

ELVIRA

Poverino! Ma non si puo’ mandar via cosi’ siu due p iedi perche’ tu sposi me

dando l’impressione che saro’ io a volerlo estromet tere da casa passando cosi’

per una donna terribile e imperiosa. No, no, Gianni dovra’ rimanere……

LAURA

Facciamo cosi’: me lo sposo io!

PEPPINO

Non sara’ mai! ‘Nta nostra famiggjia cihannu statu sempri

‘ncarrubbineri,’nparrinu e ‘nfinanzeri….. Ju’ fici

‘u carrubbineri….

LAURA

Lo faremo finanziere, tanto dovra’ ancora fare il servizio militare ora che si

spogliera’….. E il suo servizio di leva, con i sold

i che ci ritroviamo sara’ un

viaggio di nozze che durera’ un anno. Trascorso tale periodo ti porteremo un bel

nipotino che si chiamera’ Peppino! Ti va’?

PEPPINO

No, non….non si nni’ fa’ nenti. Chiddu e’ un santu

e ju’ cchi santi non mi

vogghiu strarriari. (entra Gianni in borghese, seguito da don Francesco e

Tonio) Oh, sabbenedica patri don Francesco. Cu cci’ u porta a me casa?

TONIO

‘U sceccu!

DON FRAN. Mi e’ bastato stari tanticchia dda’ banna cu so’nip uti per conoscere tutti i

retroscena di una situazione familiare veramente strurusa.

PEPPINO

Comu strurusa. Cca’ cosi seii sunu! E poi tu, Gianni, pirchi’ si vistutu accussi’?

DON FRAN. Strurusa, caru don Pippinu, pirchi’ avendo osservato, studiato, constatato,

analizzato tutto cio’ che in questa casa mi circonda, ho consigliato a Gianni di

spugghiarisi per sposarsi questa bella ragazza che lo fara’ veramente felice anche

perche’ lui in questi ultimi tempi ha avuto una crisi spirituale che gli ha fatto…..

TONIO

……evaporizzare tuttu ‘u spiritu ca aveva.

DON FRAN.

L’unica cosa giusta ca ha dittu stu’ cretinu, che i l Signore lo protegga!

PEPPINO

Sissignura, va’ beni chiddu ca dici vossia, ma i voti?

DON FRAN. I voti…..i voti caru miu in lui sono “vuoti”! E poi

si cci’ vulemu veramenti beni,

i voti cci’ damu e prossimi elezioni quannu si prisenta ppi’ cunsiggheri cumunali

do’ paisi!


GIANNI


Zio, ti chiedo perdono, ti ho ingannato come ho ingannato anche la signorina Laura alla quale chiedo scusa ed alla quale non ho piu’ il coraggio ci chiedere di amarmi in quanto il “cavaliere dell’amore”, quello che le ha scritto tutti i giorni lettere che dicevano il vero, lettere che mi struggevano perche’ non potevo palesarmi apertamente senza incorrere in un grosso qui’-pro’-quo’………


LAURA


Senza ricominciare col latino. Io ti ho scelto. Saro’ tua moglie!


TONIO


Menza parola e basta, stop. Segue lettera.


GIANNI


Zio, non sono mai stato prete……


PEPPINO


Chi’ dici o ziu?


GIANNI


Non sono mai stato prete e l’inganno e’ continuato fino ad oggi cioe’ fino alla venuta di don Francesco che ha potuto cosi’ riportare tutto allo stato normale dimostrando una bonta’ d’animo eccezionale e una co mprensione da vero pastore di anime.


DON FRAN. Beh, assolto il mio compito, picciotti mi nni’ vaju lasciandovi in pace e in grazia

di Dio.


TONIO


Nonsignura, cca’ ancora c’e’ n’autru ca s’ha sistim ari e sugnu ju’. (va’ alla sinistra e chiama) Graziedda, Graziedda, veni cca’ ca tutti si stanu sistimannu enuatri no. Cca’ finiu comu a favula: tutti arristanu filici e cuntanti e nuatri…… Signuri ni’ vulemu maritari!


ELVIRA


(stringendosi a Peppino) ‘U jaddu persi ‘i pinni!!


LAURA


(stringendosi a Gianni) Il pollo ha perduto le penne!!


GRAZIED.


(afferrandosi a Tonio) Tutti tri jaddi persiru i pinni!!!


FINE


Mascalucia (CT), 22 Agosto 1979

LUZZU MAUGERI

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno