‘U librettu di me patri

Stampa questo copione

(la scena ha inizio con un letto in mezzo la stanza, su di esso, vi dormono Carmela e Nino in abiti da notte, coperti da un lenzuolo

Belmonte Mezzagno 06/ 11/ 2011

    U librettu di me patri

Commedia brillante in due atti di:

Giovanni Allotta

Personaggi

Nino                               Capo famiglia

Carmela                         la moglie

Crocetta                         la figlia

Ciccio                              padre di Nino

Rosalia                           sorella di Nino

Giovanni                                fidanzato di Crocetta

Vicè                                amico di Nino

Dea bendata        

Peppino                         papà di Giovanni

Rosetta                          mamma di Giovanni

Prefazione

Nino e in continuo litigio con Carmela, la moglie, che gli vieta di giocare al lotto. A sua insaputa, si fa dare i soldi dal padre, se pur Nino si trovasse in continuo litigio con la sorella, per l’eredità del padre. Dopo la morte del genitore, Nino continuerà a giocare, facendo debiti. La situazione degenera, al punto che, si ritroverà solo. Nel momento della sofferenza, riscopre i valori familiari, e proprio in quell’istante, il caso vuole che, si stacchi dalla parete un quadro, là dove va a capitare che…

 

(la scena, una normale stanza di casa con tavolo e sedie, lato destro. Un mobile, di sopra, una radio antica, ed una sveglia. Al centro della parete, un orologio ed un quadro con foto bianco e nero di donna matura. A sinistra, una finestra e porta che conduce fuori casa. A destra, porta che conduce in casa. Al centro un letto, su di esso vi dormono Carmela e Nino in pigiama, coperti da un piccolo lenzuolo.

CARMELA

(tiene una cuffia notturna. Nino girandosi tira il lenzuolo, lasciando Carmela senza. Vedendosi scoperta, lo tira verso di se, lasciando Nino scoperto. A sua volta, lo tirerà nuovamente. Carmela stufa, spinge Nino giù dal letto) Così impari a campari supra u letto!

NINO

(dormiente) chistu mu chiami letto? Mi pare un condominio! (Si rimette a letto ed inizia a russare maledettamente, disturbando Carmela)

CARMELA

(Nervosa) pari un treno smarmitato,a vo finiri?!(Nino brontola e smette. Carmela si corica. Nino riprende. Carmela gira e rigira nervosa, prende una calza e, gliela ficca in bocca. Si mette a dormire. Nino sputa in aria la calza, russa più forte. Infastidita, le urla nell’orecchio) a finisciiiiiiiii

NINO

(Atterrito cade dal letto. Vede Carmela) aiuto, un fantasma cu casco!

CARMELA

Stai tranquillo, sugnu to soru, vestita da befana!

NINO

Dimmi a verità,si diplomata in cretinologia?a picca,mi facivi moriri curcatu

CARMELA

Così ti levi u vizio di fare il falegname(imita il ronfo di Nino) mentri dormi

NINO

(Sbadiglia) si nun mi disturbi, vulissi dormiri. Bonanotti! (Si coricano. Sembra tutto tranquillo, quando inizia a brontolare) si si…i nummari si! Il lotto si si…i nummari belli sunnu…dammilli, vinciu i nummari belli…si si

CARMELA

(Nervosa) Puru a notti, si sogna. Mai, ci resta sicco! Almeno, ci dannu a pensione di sognambulismo!

NINO

(Borbotta. Si solleva con occhi chiusi, pronunciando numeri) ventiquattro! (Si corica. Si alza) settanta dui! (Si corica. Si alza) Cinquanta! (Si corica. Si alza) trentatrè! (Si corica. Carmela sbuffa. si alterna con Nino, ogni volta che dice un numero, lui si corica, lei si alza) undici! (Si corica)

CARMELA

(Si alza) i corna di to patri! (Si corica)

NINO

(Si alza) sidici! (Si corica)

CARMELA

(Si alza) u culu di to matri! (Si corica)

NINO

(Si alza) Tri! (si corica)

CARMELA

(Si alza) a jatta morta di to soru! (Si corica, addormentandosi. Carmela si alza, credendo che il marito parlasse) a facci di pala di…, finalmente! Videmu, si pozzu dormiri! (Si segna) Patri, figghiu e spiritu santu!  

NINO

(dopo qualche secondo, si alza e grida) a vitti. Si, idda è, a vitti!

CARMELA

(atterrita) corpu di grazia, a gastriti ‘nta l’aria mi facisti satari! A cu vidisti?

NINO

(Estasiato) bella, bellissima. A vitti! Brillante, incandescente!

CARMELA

Si po’ sapiri a cu vidisti?

NINO

Vitti a to matri ca si allontanava da me vita e diceva(con grazia) ciao ciao.

CARMELA

Gioiuzza bedda, (Manda baci in aria) puru nell’aldilà me matri è bedda!

NINO

To matri faciva schifo nell’aldiqua, di morta, si finiu di rovinari! Inveci di dormiri, mi veni nei sogni comu catacomba (Cammina come uno zombie)

CARMELA

Allura, a cu dicevi bellissima, altissima e purissima?

NINO

(felice)alla stupenda combinazione di nummari ca mi detti to matri! 17 e 90

CARMELA

(Dolce) la buonanima di me matri quannu parrava, dalla bocca ci niscivano, petali di rosa!

NINO

Havia petali di rosa ‘nta vucca e a faccia di vilenu, ‘nto cori! Nun mi li detti idda cu la so vucca, mi li detti ca so faccia spirdata! 17 a disgrazia ca la canusciu. 90, u scantu chi mi fa pigghiari, quannu fa a morta sognatrice!

CARMELA

almeno me matri, fa a fantasmina passeggera. (Indica il quadro) To matri, tuttu u jornu chi nni talià, pari ‘na mummia

NINO

Ueh, nun parlari mali di me matri, se no, ti fazzu curcari nna cuccia, cu bobby solo.accuccia e dormi(Suona la sveglia) già matina è? chi ura sunnu?

CARMELA

(Stacca la sveglia) sunnu l’otto di matina. Pi curpa tua, nun haju durmutu. Ora, mi tocca fari i pulizie comu ‘na zombi, cu l’occhi chini di sonnu

NINO

Almeno, fai compagnia a me matri! Talè, dammi i soldi, vaju a jocu i nummari prima chi mi scordu(si veste)

CARMELA

Ancora appresso a ‘sti schifia di nummari, stai? Ma quannu ti lu levi lu viziu, quannu a mia e to figghia, ni fai moriri di fami?!

NINO

Quali moriri di fame! Lu fazzu, pi farivi fari a dieta gratis (sdolcinato, l’accarezza, le da bacetti, Carmela resta impassibile) nun ti arrabiare, sai, ti amo troppo!  Tu sei, il bicarbonato del mio cuore, mi fai digerire d’amore

CARMELA

Quannu u diavulu alliscia, voli l’arma!

NINO

Stai carma. Prima o poi, e vinciri! (sdolcinato) amunì, dammi i soldi ca mi li jocu! U miu, nun è un vizio, è un investimento, fidati di mia!

CARMELA

Un investimento? Chistu è ‘na pigghiata po’ culo, bella e pronta! Ti ricordi, avemu tanti debiti di pagari e, per ora, sei a spasso! Livari senza mettiri, nun è funtana chi nasce. Comunque, soldi pi jucari, nun ti nni dugniu!

NINO

Soldi nun mi nni voi dari? Bonu! Così, mi levu u vizio! Si, ‘na mugghieri di lusso (Urla al padre) Papà, vestiti ca ti porto a pascolare.

CARMELA

Nisciti ca mi fazzu i pulizie. (dubbiosa) mi veni in mente ‘na cosa, ogni vota ca nun ti dugniu soldi, pigghi e nesci cu to patri, nun facemu ca tu…

NINO

Nummari? Ma stai tranquilla! Nun mi nni jocu! Ma picchì, devi pensare male, boh! Haju a faccia di unu ca si joca i nummari?

CARMELA

Ci l’hai scrittu ‘nta faccia, ca si fasullo! (Nino si strofina la faccia con le mani) Chiddu chi voi fari fa. Tu ci perdi! Mi vaju a vestu! (Esce lato destro. Si scontra con il suocero che esce, dandosi il buongiorno)

PAPA’ CICCIO

(una persona distinta. ben vestito con cappello, cappotto lungo, guanti, e bastone) Buongiorno a tutti! Eccomi pronto Nino! Possiamo andare!

NINO

Mizzica, già pronto si! Ti, curcasti vistutu?

CICCIO

Stanotte, ho dormito poco.Non vedevo ora di uscire, per distrarmi. Sto male

NINO

Amunì, ca ti porto o parco giochi.Ti fai un po’ di galoppo e ti stiri i muscoli

CICCIO

Quali parco giochi! portami al bar a insegnari gli amici a scopare!  

NINO

Ma comu, mancu lu sai tu dunni si comincia, e lu vò insignari a l’avutri? (In confidenza) Appena fai u compleanno, ti regalo un pinnolone di viagra! Importanti, a notti, nun ti metti a fari a cavalleria rusticana e nun mi fai dormiri!

CICCIO

(Esce dalla tasca un mazzo di carte) ignorante! Pi scopare, intendevo chi carte, no cu…! E nun ti permetto di offendermi(Allude al pipino) Si ti fazzu vidiri il mio cavallo di battaglia, ti fazzu divintari cretinu!!

NINO

(Ironico)no pi carità, avissi a divintari cieco (allude alle piccole dimensioni)Ti porto a scopare, importanti ca mi dai…(Fa allusione ai soldi)

CICCIO

(Adirato) curnutu di to patri, mi sta sucannu a vita, e a pensioni cu ‘sti nummari(Nino, gli tappa la bocca) levati ‘sta fissazione, se no, ti veni u bullismo ‘nte corna. Soldi, nun ti nni do(Escono di corsa,Ciccio si lamenta)

CROCETTA

(entrando con la madre. Bella ragazza) mamma, vado all’università. Ci si vede più tardi.

CARMELA

Nun devi manciari crocifissa? Ti fazzu latte o caffè, camomilla e thè?

CROCETTA

No, grazie. Sai che sono a dieta. Non mangio zuccheri. E poi, non devi chiamarmi in quel modo, ma Crocetta! Sai, mi da fastidio. Per favore!

CARMELA

A curpa è mia, si to patri ti misi u nomi ( addita al quadro) ri du cadavere ca varba! Visto ca nun vò latte, ti fazzu a pasta cu picchi pacchi? 

CROCETTA

Alle 8 del mattino? Scherzi! Dai mamma, io vado ch’è tardi. Prenderò una brioche e cappuccino.

CARMELA

(l’accompagna alla porta) Si gioia mia, mettitillu u cappuccino ca fa friddu!

CROCETTA

All’uscita dall’università, ti porto a conoscere Giovanni, il mio fidanzato. Vi raccomando, a non farmi fare brutte figure.È un ragazzo dolcissimo!

CARMELA

Dici ca nun mangi zuccheri e, ti facisti zita cu un ragazzo diabetico!?

CROCETTA

Ho usato l’aggettivo dolce, come a dire, ch’è un bravo ragazzo. È’ tardi. Passiamo a salutarti dopo. Diglielo anche a papà

CARMELA

Per noi, sarà un piacere canusciri a ‘stu zitu cu l’aggettivo dolce (Si salutano e Crocetta va. Rassetta casa, toglie il letto, spazza a terra) i figghi, sunnu u cchiù bellu regalu, ca nostro Signore a tutti i genitori, po’ regalare! Si nun ci fussiru iddi, ‘na casa, fussi un rimbombo di tristezza e di duluri. (Bussano) Arrivo (Apre. Vede la cognata Rosalia che avanza. Arrivate al centro della scena, girano intorno se stesse, sfidandosi con gli occhi, come nel far west) chi ci vinisti a fari a me casa, vipera!

ROSALIA

(Adulta, possibilmente grassa)ti vinni a sucari u sangu, aceddu di malaguriu

CARMELA

Faccia di tossico, u me sangu, ti fa acidità! Stoccati tutti li  jammi e vatinni!

ROSALIA

Vinni cca, pi parrari cu to maritu. Dunn’è? Scummissa ca è nisciuto…cu canuzzu! U purtò a fallo pisciari o bar?

CARMELA

A tia, chi ‘interessa dunni si trova me maritu! È nisciuto cu so patri!

ROSALIA

(Adirata) u patri è puru u miu! Nun pozzu pinsari ca nno du mila, esistono cristiani ca fannu i lecchini, pi futtirici l’eredità o proprio patri. Vergogna!

CARMELA

(Adirata) Abbassa a vuci, si no cu dui mossi di conchifu, ti fazzu ballari a samba! Ni misimu dintra to patri, per amore, no per piccioli! Ti pari ca li cristiani, semu tutti comu tia ca sunnu attaccati a li piccioli?

ROSALIA

A me sfortuna, ca sugnu vedova allegra. Si avissi piccioli, mi accattassi un marito xxl, vi facissi vidiri si nun mi spetta, l’eredità di me patri! Vi facissi spezzari in quarantaquattro mazzi, in fila per sei, col resto di due!

CARMELA

Zittuti, grande puffo chi minni! Si invidiosa, picchì to patri ha scelto di stare in casa nostra e, no cu tia! A to patri, l’ho accogliuto in casa mia come un figlio, picchì è povero. Se era ricco, lu jettava menzu ‘na strata! Ora, vatinni pani perso

ROSALIA

A cu vò pigghiari pi fissa?! mettici pani ìnta vucca, zanzara spampinata

CARMELA

(La minaccia con la scopa) vatinni mucca pazza ca lingua di pezza! Se no, ti fazzu a pezzi, puzza di pizza!

ROSALIA

(Ironica) Sai, l’avutru jornu stavo male, havia u stomacu catramato. Grazie ad una tua fotoschifia, mi la purtavu in bagno. Comu è possibili, chiossà ti taliava, chiossà mi cacava! (Carmela s’infuria) ca to faccia, puru i strunzi, vennu a galla! (Ride. Carmela si avventa su di essa)

CICCIO

(Entrando) Forza andiamo Ninuzzo. Siamo quasi arrivati! Buongiorno mie signore! (le due donne, smettono di litigarsi) perché stavate litigando?

CARMELA

Litigando? Ma quannu mai! (Facendole segnale alla cognata, di annuire) Noi, stavamo ballando. Vero Rosalia? (Rosalia annuisce)

ROSALIA

Si che ballavamo. Papà, alla tua età, hai a menopausa nall’occhi e scanci cici pi favi. Chista era…(Non trova soluzione,poi…) a macarena! Si, propriu ‘stu ballo. ti lu facemu vidiri! (Entrambe si posizionano, e ballano, rispettando le manate di prima, ma in modo elegante)

CICCIO

Chi balli strani esistono. Pariti, dui cretine in vacanza. Continuate pure. Mi vaju a curcu. Sto male (Si toglie cappello e cappotto, Carmela e Rosalia, litigano per prenderli ed appenderli nell’attaccapanni)

CARMELA

Unni u lassà a me marito, o mercatino dell’usato?

CICCIO

Ho fatto un pò di spesa. era dietro di me, ‘stu bestia! (esce la testa dalla porta, chiamandolo) Ancora docu si? Forza, manca un chilometro e arrivi! (Rientra) che volete farci, è ritardato mio figlio! Signore vogliate scusarmi, vado di là a riposare.  Mi sta scoppiannu a testa! Sicuramente, ho la pressione alta.

CARMELA

(Lo accompagna ad uscire dal lato destro) si va curca un poco. Appena si sveglia, la porto ‘nno gommista e misuramu a pressione! (Entra Nino. Esausto con la lingua di fuori. Striscia a terra un sacco pesante. A vedere Rosalia, si meraviglia. Col fiato smorzato, fa dei gesti a Carmela come a dirle “ma lei, che fa in casa mia?”. Non interpreta i gesti del marito) chi schifia hai? Pari un vigile chi si sucò, u friscaletto! Sbudellati tuttu, forza.

NINO

(Si riprende. Gira intorno la sorella. Carmela, toglie di mezzo il sacco) Carmè,u vidi? pi teniri tutti cosi aperti, facisti trasiri ‘sta scimmia chi scarpi

ROSALIA

Scimmia to soru c’è!

NINO

Ti taliasti ‘nto specchio? (Si scompiscia dalle risate. Rosalia, si rende conto dell’errore. Imita una scimmia)Nun mi faciti ridiri cchiù, se no, mi piscio tutto e vado in…continente(Rosalia si lancia su Nino, strozzandolo. Carmela lo tira a se strozzandolo di suo. Si libera da solo) Ti chiamo pi aiutarimi e mi finisci di ammazzari! Mi vulivi fari moriri cuntentu? (alla sorella, adirato) Chi vinisti a fari a me casa? Sai, ca soffro di sorellofobia

CARMELA

(Si gratta)da quant’havi ca vinni,mi stannu spuntannu i funci, da testa e peri

ROSALIA

(Irata)Vinni, pi me interessi! Comu si tu figghiu, puru io sugnu figghia! Comu hai diritto tu, ci l’haju puru io. Nun è giusto, i piccioli sunnu sulu tui

NINO

I piccioli? Ma quali piccioli?

ROSALIA

Fai finta di nenti? Tutti i piccioli, chi u papà havi a banca, ti lu scordasti? Case, tirreni, villino. Io, nun mi scordo! Pi chistu, ti lu infilasti dintra! Pi futtiriti tutto tu! (Ironica) Scommetto, che sei così affettuoso, ca ci canti puru a ninna nanna, prima del pannolone o dopo ca ci fai, u clisterio?

NINO

Senti, tuttu chiddu chi ci fazzu a me patri, a tia nun t’interessa!

ROSALIA

U patri è puru miu! Ti pari è proprietà tua? Una parte di l’eredità, è mia!

NINO

Inutile ca fai così, sono io l’erede universale du papà! (manda baci, al quadro della madre, geme) a mamà, mi disse prima di morire: “ figghiu, ti raccumannu a to patri. Cerca di essergli fedele sempre, nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia, devi amarlo e onorarlo tutti i giorni della tua vita” (normale) cchiù testamento di chistu! Quindi, mettiti a cuda menzu i cosci e smamma

ROSALIA

Pi oggi, mi nni vaju! Ma non finisce qua, ricordalo! L’hava a sapiri tuttu u paisi ca mi lassasti nuda e cruda! Si nun mi dai, chiddu chi mi spetta, ti fazzu satari a casa in aria. ci fazzu fari…boom!  (Esce)

NINO

(dalla porta) Signora bum bum, quannu ma fari satari a casa, dimmillu ca mi preparo u bicarbonato, picchì soffro di acidità! (Chiude porta) quantu è cretina, ci pari ca sugnu così scimunito ca grapo a porta, quannu idda ci metti i bummi, mah! 

CARMELA

(Nervosa) Ora ca sta balena nun c’è cchiù, ma diri comu fa a sapiri ca, to patri havi in banca tutti sti piccioli! Ci lu dicisti tu?

NINO

A vuliti finiri! Du cristianu, mancu havi l’occhi pi chianciri e, vuatri vi fissastivu chi piccioli!

CARMELA

Chi vò diri, mancu havi occhi pi chianciri? E tutti di soldi chi havi a banca, chi fine ficiru?

NINO

Ma quali soldi! Si tu, cridi a tuttu chiddu chi ti dicu io, campi cent’anni! me patri, campa cu ‘na misera pensioni! Io, mi lu infilavu dintra, per un amore pensionistico. Lo aiuto ad investilli

CARMELA

(Inizia ad arrabbiarsi) così, mi vulissi fari capiri ca…

NINO

Non è ca ti vulissi, ti voglio fari capiri ca…me patri, piccioli nenti! (Carmela va verso di lui imbestialita) Carmeluccia mia, non ti arrabbiare, se no poi, ti spuntanu i pili, e ta fari a varba! Fai a brava. Equivoco ci fu!

CARMELA

(Lo minaccia con una sedia) Prima chi ti scippu i tonsille e, ti mettu pi campane, dimmi picchì mi pigghiasti pi fissa. Subito!!!!!

NINO

Nun ti pigghiavu pi fissa, ti pigghiavu…per i fornelli (Atterrito) pietà di me. Ancora, devo mettere i denti du giudiziu! Fammi la grazia, fammi moriri giudiziusu.

CARMELA

(Infuriata) o mi dici a verità, o ti stacco a spina da prostata e ti fazzu pisciare, in controcorrente. Parra!

NINO

Vo sapiri a verità? E va bene! ( parla a mezze parole )mi misi me patri dintra, no picchì…ma picchì è…siccome tu non… io fici u…spero ca tu…così insieme fu… io e te a…importante ca nun e… vissero felici e contenti. (Carmela è schifata) capisti nenti? (Carmela dice no) Meglio così!

CARMELA

Si cchiù cretino di ‘na caminata a pedi! Comu cazzarola parri, a cambiali? Parra potabile!

NINO

(pauroso) mi misi a me patri dintra, picchì… mi da i soldi, (Piange come un bimbo) pi jucari i numeri du lotto! Tu nun mi nni dai, e io ci li futtu a iddu.

CARMELA

(Adirata) u vidi? è comu dicu ju! Nesci cu iddu, così ti fai dari i soldi, e jochi i nummari! Allura, è chiaro! ‘Stu curnutu di to patri, è tuo complice!

NINO

(Sempre piangendo) nun è mio complice, du curnutu di me patri!

CARMELA

Si nun è tuo complice, allura, è l’hai corrotto!

NINO

(Gemente) tuttu sanu è! Ci dissi a me patri, o mi dai i soldi, o ti corrompo cu un pezzu di lignu ‘n testa. Iddu, di sua spontanea volontà, mi da i soldi!

CARMELA

Ti rendi conto ca hai una famigghia! Tutti i soldi chi guadagni, ti jochi chi nummari!Avemu ‘na figghia chi studia all’università.Mi privo di accattarmi una maglietta, pi amuri di risparmiari e tu, spenni soldi pi nummari

NINO

Prima o poi, puru io e vinciri! A rota quannu gira, gira pi tutti!

CARMELA

A forza di girari, ni stà pigghiannu di pettu, a rota! Mi misi dintra a  ‘stu beccu di to patri, sapennu ca havia tanti piccioli a banca! Pinsavu, almenu, risolvemu cocchi cosa.Ora, sacciu ca è cchiù dispiratu di tia, c’avissi a fari?

NINO

Beneficenza! Da stanotte in poi, pigghi u clisterio e ci lu infilu tu

CARMELA

(Urla e Nino le fa cenno di far silenzio) si nun mi lu levi di davanzi l’occhi, u clisterio vi lu infilu in testa, a tutti dui!

NINO

Parra piano! Si ti senti, ci resta male e poi, si piscia tuttu!

CARMELA

Sei a me rovina! Se continui, prima o poi, ti lassu sulu! Mi siddiò perdiri tempu cu tia.Vaju da dintra, sunnu i deci e haju mille cosi di fari

NINO

I deci? i nummari! (corre ad accendere la radio) Zittuti Carmè, nun respirari (Si siede e controlla i numeri dal biglietto che prende dalla tasca dei pantaloni)

VOCE RADIO

Eccoci giunti alla ruota di Palermo! (Nino, ascolta con ansia) Primo numero estratto 10, 42, 23, 17, 89!

NINO

(Disperato, lancia il biglietto) puh, cornuti! Pi un nummaru, nun fici l’ambo. Talmente fa schifo to matri, ca mancu i nummari nisceru!

CARMELA

Pensa pi chidda tua, havi ‘na faccia di fognatura allegra! Appena parri ancora mali di me matri, ti dugniu un pugnu ‘nta vucca du stomaco, ca u pani, ti lu fazzu manciari di cca (Con la mano indica la nuca)

NINO

Nescitinni e nun mi inquitari, ca mi sta acchianannu l’alta tensione!

CARMELA

Mettiti le chiappe ‘nta l’acqua, e vidi ca ti calanu, i calorie! Haju piaceri ca, nun ti nisceru i nummari! Così, nun ti li jochi cchiù.

NINO

Ma va sparati a mare, pinguino curioso! Cerca di parrari picca, se no, ti spinnu comu un pollo senza mutanni!

CARMELA

Tu, si un citrolo scadutu!

NINO

Io? Pensa pi tia, quannu camini, pari a stitichezza chi fiocchi!

CARMELA

A sapiri, pi vinciri ci voli culo nella vita! Tu, sei a scalogna in persona. Mancu si ti fai a chirurgia culofacciale, vinci!

NINO

(Con orgoglio) Talmente e insistiri a jucari, prima o poi, vincio e arricchisciu! Alla facciazza tua e ri da fantasmina di to matri.

CARMELA

Ci dicu ‘na cosa sula o Signuri, ta pentiri di chiddu chi stai facennu. Talmenti si ottuso, nun capisci ca i nummari, sunnu una truffa legale chi fa u stato! Trova i polli comu tia chi jettanu piccioli, e iddu si arricchisci!

NINO

Per ora, sugnu un fallito picchì perdu. Appena vinciu, divento u marito più bello del mondo! Poi, sulu pi taliarimi di luntanu, ti po fari u mutuo!

CICCIO

(Entrando, si tocca la pancia) Chi sunnu sti vuci? Du scantu, mi facistivu veniri una lavanda gastronomica ‘nta panza! Chi aviti?

CARMELA

Ci lu dici, a ‘stu ciriveddu setteveli senza panna di so figghiu(Esce nervosa)

NINO

Nescitinni, baci di cocco tamponato ca lingua longa!

CICCIO

Ma chi aviti ca vi litigati?

NINO

Nun ci mettu i manu di supra , se no, mi denuncia per pedofilia. Nun voli ca mi jocu i nummari!

CICCIO

fussi giustu ca ti levi u viziu! Nun sulu pi fari un piaciri a idda, soprattutto, pi nun mi (Allude alle parti basse) rumpiri l’ova ‘nto panaro a mia

NINO

Puru tu, ti ci metti! Mancu apprezzi ca, ti aiutu a spinnilli i soldi. La lassari marciri nno portafoglio? No! Megghiu ca, mi li dai a mia, ca li investo!  

CICCIO

Io, veru u facissi un investimento cu tia! Ti acchianassi di supra cu ‘na machina, così, ti levi di soffriri! (dalla tasca, esce le carte da gioco) pacenzia ci voli! facemunni una scopata, e nun ci pinsamu cchiù

NINO

No, scopati sulu. Io, haju chiffari! E studiari, una nuova combinazione (Prende foglio e penna da un cassetto e si siede, appoggiandosi sul tavolo) 

CICCIO

Jocu sulu, cu joca sulu nun perdi mai! (mescola le carte) havi ‘na para di jorna chi staju mali. Mi doli forti u pettu, mi fa tu tu, tu tu. Chi po’ essiri?

NINO

Po’ essiri ca è occupato? Stai tranquillo. L’erba tinta nun mori mai!

CICCIO

(Parla giocando. Nino si concentra sui numeri) Quannu ero giovane, puru io ero fissatu chi nummari. Stava jurnati a circari a combinazioni giusta, pi vinciri. Però, nun vinciva mai! Cu to matri, ni litigavamo spissu, nun vuliva ca jucava, proprio comu to mugghieri. Jucannu jucannu, mi vinnivu casi, tirreni, u villino. Ristavu poviru e pazzo! A curpa è mia, si to matri s’ammalò. Tu e to soru, chianciavu du pitittu. Quannu mi vitti, chi spaddi o muru, cu cori ‘nte manu, fici una promessa a madonna. Si mi aiutava, a nesciri ri di guai, nummari nun mi jucava cchiù. Truvavu travagghiu, nun mi firmava mancu a notti! I primi soldi chi guadagnavu, vi grapivu un libretto a tia e to soru di cinqu mila liri. Fici ‘stu libretto, picchì mi sentivo in colpa cu vuatri dui. Almenu pinsavu, si avissi a sbagliari di novu, i me figghi, trovano i soldi pi manciari. Hannu passatu cinquant’anni, grazie a DIO, a vita è andata bene. Però, du librettu, nun sacciu cchiù chi fini fici! Nino, si ci livassi manu chi nummari, fussi cuntentu. U jocu è rovina famigghi. Cu tia parru! mi senti?

NINO

( grido di gioia) Truvavu l’ambo perfetto! (Bacia il padre) Grazie papà di questa ambata di nummari! 8 e 46. 8 a madonna. 46 i soldi! Amunì, dammi deci euro, ca mi li jocu!

CICCIO

Ti finivu di cuntari a me storia chi nummari, e continui ancora? Ti dissi no!

NINO

No? Si nun mi dai subito i soldi, vaju dicennu a tutti ca pisci ca prostata, attaccata nna lenza!  

CICCIO

(prende i soldi da dentro i pantaloni)Teni cca i piccioli! Curnutu tu, e cu ti tirò i pedi! Si era pi mia, putivi stari dintra a panza di to matri!

NINO

Mih, chi sunnu cavuri! Ci teni a stufa menzu i cosci, pi fallu ristari vivo? (Ride) comunque, tu mi hai tramandato ‘sta fissazione! A curpa è tua, si semu du gocci d’acqua!Vaju a jocu i nummari! (va di corsa)

CICCIO

Semu du gocci di sputazza! Si continui così, a me stissa fini fai! (Guarda il quadro della moglie) A curpa è tua! Quannu facivamo l’amore,si ristavamo o scuru era megghiu! Invece tu, avevi paura del buio. Ni misimu a cannila vicinu. Nel troppa potenza sessologica, nun ci fici caso e, una goccia di fuoco, trasiu! I vidi i risultati? To figghiu, vinni chi valvole du ciriveddu bruciate! (Bussano ed apre. Entra Crocetta e Giovanni)la mia bella nipotina

CROCETTA

(entra col fidanzato. Ragazzo carino, ben vestito il quale porta dei libri in mano) nonno, ti presento Giovanni il mio fidanzato?

CICCIO

(Si danno la mano) Piacere, sono nonno Ciccio. Per gli amici, nonno!

GIOVANNI

Piacere di conoscerla. Io, sono Giovanni!

CROCETTA

nonno, dove sta la mamma e il papà? Giovanni, va di fretta!

CARMELA

(Da fuori) Cca sugnu, sto arrivando! (Entrando) buongiorno a tutti! Scommetto che questo è lo zitello, vero Crocifissa?

CROCETTA

(ammonisce la madre, accentuando la voce) Mamma, ti presento Giovanni!

CARMELA

(Si stringono le mani) Piacere, io sono la mamma di Crocifissa!

GIOVANNI

(Si rivolge a Crocetta) Crocifissa?

CROCETTA

(angustiata) il mio nome di battesimo, purtroppo, è crocifissa. Per rispetto, della madre di mio papà! Ma preferisco che mi chiamino, Crocetta!

CICCIO

(con tristezza, a Giovanni) per mia mogliera crocifissa, ogni jornu era pasqua! Si susiva alle cinque, munciva a crapa. Si mittiva a cavaddu i scarpi e faciva la zappatora. turnava a casa frisca e pittinata comu ‘na scappata di manicomio

CARMELA

(Interrompe) a voli finiri! Mancu u tempu di canuscillu, ci sta cuntannu a morte e passione di crocifissa!

GIOVANNI

Non si preoccupi, signora. Mi fa piacere che, suo padre si sfoghi a parlare.

CARMELA

Quali sfogari! Si nun lu fermu, puru u codice fiscali du cimiteru ti da!

CROCETTA

Per favore, volete piantarla!

CICCIO

(Triste) dicisti giustu. Si la piantavano ‘n terra a to nonna, ogni matina ci purtava l’acqua nel fiorellino. Inveci, la misiru al terzo pianu e nun ci pozzu acchianari, picchì soffro di scalofobia.

NINO

(Entra nino) Buongiorno a tutti! Chi c’è, riunione di gabinettu?

CROCETTA

Papà, ti presento il mio ragazzo, Giovanni!

NINO

(Si stringono la mano) Piacere Caro Giovanni, sono il papa di Crocifissa!

CROCETTA

(Adirata) Basta! Sapete che a me non piace! Chiamatemi Crocetta!

GIOVANNI

Non far così amore. Per me, va bene anche quel nome. (Con dolcezza) Io so, come sei fatta dentro…sei tanto dolce! 

CICCIO

Minchiuni, mancu u tempu di trasiri, i manu di supra ci misi, ‘stu maniaco!

NINO

‘Stu fitusu, mancu u tempu di farisi ziti, assaggiò u babà da picciridda!

GIOVANNI

Cosa avete capito! Io, non ho toccato vostra figlia! Non mi permetterei! Le ho solamente messo nelle mani, il mio sentimento (Tutti si scandalizzano)

CARMELA

Cosa? Me figghia ti tuccò u sentimento? (Segni di svenimento) Beddamatri, i stinnichi!(Crocetta fa sedere la madre) Crocifissa figghia mia va confessati, se no, ti cadinu le palle degli occhi.

NINO

(Lo minaccia col dito) Vergogna! Me figghia, mancu sapi qual è a so manu dritta, e tu, ci mettu u sentimentu nne manu! Appena me figghia diventa vegetariana, ti tagghiu u sentimento chi me manu…(Ci ripensa) Però,u teni tu

CICCIO

Quannu ero zitu cu me mugghieri, aspittavu deci anni, pi farici tuccari u me sentimento! (Vantandosi) talmente pisava assai, me mugghieri a prima vota ca u vitti, stetti ricoverata un misi, pi shocki infilatico!

CROCETTA

La smettete, per favore! Ascoltandovi, capisco quanto siate ignoranti! Il sentimento di cui parlate, non è quello che pensate! Per sentimento, si parla di amore, emozione. Ignoranti!!! (Si guardano i tre, poi ridono)

CARMELA

(Si alza) Nuatri scherziamo! Ci cridistivu comu li pecuri! Caro Giovanni, noi tutti, abbiamo il senso del morismo, schirzamu sempri. (Ciccio e Nino, ammettono lo scherzo. in disparte con Crocetta) dimmi a verità, almeno u sentimentu beddu grosso ci l’havi?

CROCETTA

Ma, mamma! Piuttosto che pensare male, pensa a fare il caffè, ch’è meglio!

CARMELA

U sai ca nuatri caffè nun ni tinemu dintra, ca soffremu di antiscopia ‘nto stomaco. Lo gradisci un poco di vino, pistato sutta i peri fatto in casa?

GIOVANNI

No grazie signora, non bevo vino. Sapete che vi dico? Per festeggiare la nostra conoscenza, andiamo al bar, voglio offrirvi qualcosa.Andiamo?

CARMELA

sugnu vistuta comu ‘na fotomodella, ma ci vegniu! Nun è l’abito chi fa u monaco

CICCIO

Anche pi mia. Ni approfitto pi fari dui passi. Mi sento poco bene! (Si stanno per avviare ad uscire tutti, tranne Nino)

GIOVANNI

Lei non viene con noi?

NINO

No grazie, nun mi la sentu. Andate in pace voi! (tutti escono) menu mali ca, si livaru di menzu. Sunnu l’undici è tempo di nummari. videmu si è a vota bona chi arricchisciu (accende la radio. tiene biglietto in mano, sbadiglia)

VOCE RADIO

Eccoci arrivati alla ruota di Palermo. Primo numero estratto 10, 9,47,17,90

NINO

(Strappa in mille pezzi il biglietto) cornuti di patri, matri, soru, nonni, bisnonni, trisnonni e quadricisnonni! Pi un punto nun pigghiavu l’ambo! Invece di 8 e 46, nisciu 9 e 47! Viditi chi sfortuna, nisceru i nummari ri da cadavera di me soggira. 17 e 90! Puh, curnutazzi! Chista mica è sfortuna, chista è scalogna chi pampini bella servita! (Nervoso gira per la stanza) No, nummari nun mi li jocu cchiù! Mancu si mi paganu! Nummari basta! Stavolta è definitivo. (Sbadiglia) Nummari basta!

VICE’ FUORI SCENA

Nino, chi fa ti jocu l’avutra estrazione?

NINO

(Apre di corsa la finestra) certo! E fari un corno o diavolo! Tanto, tempo e malutempu, sempri nun po’ durari.

VICE’ F. S.

Aoh, inveci di fari u poeta, dimmi chi nummari a jucari!

NINO

(Gli viene una idea) U vidi? Truvavu un ambo, dettato da sorte! Jocami 77 i diavoli. 83 u maltempo! Appena veni, ti pago! (Chiude finestra e si siede)Videmu, si vinciu cu chisti (Sbadiglia) Chi sonnu! Mi chiudu l’occhi, u tempu chi mi porta i nummari (Si addormenta. Si oscura la stanza. Si accenderanno luci soffuse blu. Nino russa. Da una nube di fumo,compare una donna con mantello color oro, bracciali, anelli, orecchini. È bendata. Investe tutto ciò che le capita. Nino si sveglia, spaventato) aiuto,i ladri ci su

DEA BENDATA

(il suo dialogo, sarà accompagnato da un leggero eco) stai tranquillo, sono venuta per darti un colpo di fortuna!

NINO

(Si tocca il cuore) Un colpo ‘nto cori mi dasti! Haju l’infarto chi mi batte comu un trenino! Mi scusassi, lei chi è?

DEA BENDATA

Sono la dea bendata. La dea della fortuna.

NINO

Nun ci cridu! Nun facemu ca si me mugghieri vistuta di carnevale?

DEA BENDATA

Guardami. Credi che esista un abito capace di imitare il mio? Sono rivestita d’oro! Chi ha la fortuna di essere baciato da me, diventerà ricco!

NINO

(Si da schiaffi) Sogno o è realtà! (Si morde le dita) ahi! Veru è! Sintissi a mia signora cecata, mi violentassi tuttu! Mi sacrifico per la patria!

DEA BENDATA

Smettila! Povero uomo illuso! Non posso baciarti, perché non ti vedo!

NINO

Certo nun mi vidi,havi a benda ‘nta l’occhi,pari un cavaddu zoppo. Mi violentassi, mi sento un profilattico eccitato. Si leva a benda e mi vasa tuttu

 

DEA BENDATA

Levarmela? Mai! Senza la quale, perderei la vista. Sappi, la fortuna è cieca

NINO

Mi scusassi signora orbata, ma si fuma erba scaduta? Se si leva a benda perde la vista. Si la tiene, nun ci vidi! Chi vinni a fari, a mosca cieca?

DEA BENDATA

Il mio bacio affidato al vento, si poserà nel cuore, di chi nella più assoluta semplicità ha coronato la sua vita. Mai, in quelli come te accaniti d’azzardo! Hai la fortuna nelle mani, non fartela scappare.Rinuncia al gioco

NINO

Chi voli diri? Haju a fortuna, ma non devo giocare? Ho capito! (Si vanta) lei è affascinata di mia. Lo so, la mia bellezza è una drogheria. Mi vasassi tuttu. (la dea, cammina. Nino pronto per il bacio, si mette nella traiettoria della dea che, appena vicina cambia posizione. Si ripete ancora una volta, Nino si innervosisce) Stamu jucannu al ballo du quaquaracquà? Signora fortunata, ci pari ca haju malattie? Stassi tranquilla, haju u pedigree, vado bene di corpo! Mi vasassi

DEA BENDATA

Abbandona il gioco. L’esagerazione, ti porterà alla distruzione! Ti bacerò, nel giorno in cui, non giocherai mai più d’azzardo! Per adesso, non sei pronto per il mio bacio!

NINO

Nun sugnu pronto? Vinissi cca, la spirtusu di vasati! (Stava per avvicinarsi)

CARMELA FUORI SCENA

(Chiama Nino) Nino! oh, Nino!

NINO

Porca miseria! Puru idda ci vuliva menzu li peri! Amunì, signora cecata, mi dassi ‘na bedda vasata cu scrusciu! Almenu, vinciu e mi levu di soffriri!

DEA BENDATA

Hai il cuore duro! Sarai baciato dalla fortuna, quando ti diventerà tenero! (Carmela continua a chiamare Nino, sempre fuori scena)

NINO

Chi cabbasisi dici, signora attuppata! Ni approfitta ora, ca sugnu un pezzu di lignu! Mi riempisse di vasati! Mi facissi arricchiri! Un bacio (La dea arretra, sparisce nel fumo. La scena diventa buia totale e si sentirà sempre la voce di Nino) baciami! Pi favori baciami (Nino, tornerà a dormire nel posto in cui si trovava prima del sogno, continuando a parlare, mentre Carmela in piedi lo chiama. Si torna scena normale) Baciami! (Carmela è vicina Nino, pronta per un bacio. Nino si riprende e si sposta, spaventato) Ma si pazza! (Si pulisce le labbra, sputa) si me patri vidi ca mi baci, ci blocca a sviluppo!

CARMELA

Prima mi dici, baciami e poi, ti lamenti? 

NINO

Mica lu diceva a tia di baciarmi. Stava facennu ‘na preghiera.

CARMELA

Allura continua! O bar, a to patri ci calò l’atmosfera da testa e curremu dintra. Ti haju chiamato, mancu i bummi sentisti! È curcato da dintra

NINO

(Esce e rientra col padre molto spossato, ha la tosse. Aiutato da Giovanni e seguiti da Crocetta, lo adagiano sulla sedia) Chi hai? Chi ti senti?

CICCIO

(voce debole, si tocca il petto) mi sentu mali. Secunnu mia, staiu murennu!

NINO

(sconcertato) Ma chi dici! proprio oggi decidisti di moriri ca e vinciri?

CICCIO

Siccome, dumani haju impegni, preferivo oggi!

CARMELA

Ragazzi,aiutatimi a pigghiari u lettu pi fari partiri u nonno(escono di scena)

NINO

Ti rendi conto si mori, sugnu rovinato?Dunni li pigghiu i soldi pi nummari? Campa, fino ca vincio. Poi, mori e mi lasci in eredità a pensione. Va bene?

CARMELA

(entrano e aiutata dai due, sistemano il letto con fiori e candele) picciotti, aiutatimi a sistimari o nonno. Almenu, parti rilassatu (Lo posano nel letto)

CROCETTA

Mamma, io e Giovanni ci assentiamo due minuti (Escono da sinistra)

NINO

Carmè, mi pari a mia, hai troppa primura pi vidiri partiri me patri.

CARMELA

Primura? Pi mia, po’ moriri piano piano. Pi oggi, i pulizie, li fici. E poi, mancu apprezzi ca l’apparecchiavu ‘nto letto, pronto pi vulari.

CICCIO

(Affaticato) mi lu sentiva ca prima o poi havia di succediri, ‘sta partenza! E l’ura, di farici compagnia a to matri!

NINO

(Nervoso) pi forza ora havii di partiri? Nun ti preoccupari, a mamà, nun ci raffredda a coscia. C’è, san Crispino, ca ci lu ventulia! (Da fuori si sentono urla di strazio)

ROSALIA

(Spalanca la porta e grida, vestita di nero. Trattenuta da Crocetta e Giovanni) Paaaaatri! Patruzzo mio! Muriiisti o campasti? (Ciccio si tocca le parti basse) Ahiiiiiiiiii! Vogghiu moriiiiri! Quannu cammino pa strata e mi chiedono, “di cu si figghia?”si ci dico, “di unu mortu” ci fazzu ‘na figura di cacata! Lassatimi. Vogghiu darici u bacio da bonanotti. (Nelle orecchie) Patri patri paaaaatri!! Muriiiiiu!

CICCIO

(Si stappa le orecchie) Tappatici i cannarozza a ‘sta crapazza. Surdu mi sta facennu moriri! Rosalia, un poco di rispetto per il mio crepaggio.

CARMELA

(Adirata , parla a Rosalia) Cu ti detti u bypass, pi trasiri a me casa?

GIOVANNI

(Timidamente) è stata una idea mia e di Crocetta. In questi casi,(Indicando Ciccio sul letto) si mette da parte l’orgoglio!

NINO

(Arrabbiato)Sugnu ferito nell’orgoglio ca jettu u sangu da matina a sira, e tu dici di mittillu da parte? Si moru orgoglioso, vi fazzu sposari separati.

ROSALIA

(Calma) chi cosa vuliti diri, nun putiva veniri a darici l’estrema minzione, a me patri? (Riprende ad urlare) Paaaaatri!! Dunni sunnu i piccioli mii! Dimmillu, parra! Paaaatri!!! Nun moriiiri cchiù! Ahiiiiii. Dammi i piccioli!

CICCIO

(Adirato) Zittuti jatta fricalora (Calmo) Viniti cca vicino, ve parrari (Dalla sua destra, si siede Carmela e Nino. da sinistra, Crocetta, Giovanni e Rosalia)

CARMELA

Crocetta, sei du lato sbagliato! Veni cca, docu pigghi malattie patologiche!

CROCETTA

Smettetela! Non sono ignorante come voi tutti! Per me, va bene ovunque.

ROSALIA

Bonu fai, gioia mia ca nun si comu iddi. A divintari brava,comu mia!

NINO

Giovanni, ti cunveni ca to zita, a levi di docu. Si diventa comu ‘sta vacca di me soru, a chiesa nun ci trasi cchiù e ti po’ fari monaco di crastura! (Crocetta fa occhio a Giovanni, di ignorarlo)

ROSALIA

(Dalla tasca, esce un sacchetto. Sottovoce al padre, tutti si avvicinano per ascoltare) dimmi a verità, quanto mi lasciasti di eredità? Assai, assai sunnu? Ci capinu ‘na ‘stu sacchetto, tutti i soldi chi ma dari?

CARMELA

‘Sta quartana nivura chianci pi finta, pi futtirici l’eredità a so patri

ROSALIA

L’eredità di me patri, è un mio diritto! Uno, picchì sugnu fimmina. Dui, picchì sugnu inconsolabile! (Con strazio) Paaatri! Nun moriiiiri! dammi l’ereditààààà…Nun moriiiiri!...(sottovoce continua a dire “ nun moriiiri)

CICCIO

Figghia mia, è inutili ca ti disperi. Nun haju nenti di lassariti! Pi curpa di lu jocu, in gioventù, persi tutti cosi! Case, tirreni, u villino. (Rosalia si blocca) U sacciu ca mi vo beni e voi ca nun moru. Dimmi, parole di conforto!

ROSALIA

(Seduta da sinistra, farà un movimento dondolato, parlando col padre. Un lamento a cantilena) Pi mia, po mooooriiiiri!!! Puh!

NINO

(Seduto da destra, farà le stesse veci della sorella. Carmela, imiterà Nino nel movimento,facendo eco dell’ultima parola) pi mia, nun po’ moooooriri!

ROSALIA

Si un poviru disgraziaaaaatu!! Puh puh!

NINO

Si un pensionato sconsolaaaaatu!!

ROSALIA

Mi lassasti senza piccioli pi campaaaari!! Puh puh e puh!

NINO

Dammi i piccioli pi jucaaaari!...I nummari mi scurdavu! Chi ura sunnu?

GIOVANNI

(Guarda orologio al polso) Sono le dodici meno dieci!

NINO

Minchiunazza da miseria! (corre alla finestra, fa un verso scemo) Uh uh, ah ah!, acchianami i nummari cretino abbonato!

ROSALIA

Visto ca ristavu cu l’occhi chini i manu vacanti, chiancitivillu vuatri, a ‘stu morto vivo! Pi mia, chianciri u mortu, sunnu lacrimi persi! (Sta per andare)

CICCIO

(Voce lieve)aspetta! Vogghiu moriri, insieme cu tia(da ora in poi si lamenta con voce bassa, per non accavallare gli altri “ Staju mureeeeenu!”)

ROSALIA

(Gli fa il tiè) Cu tanti cadaveri chi ci sunnu cca dintra, vo moriri in società cu mia? Pi mia, po moriri sulu! (Ciccio si lamenta)

CARMELA

Fimmina di guerra, facisti chianciri u mortu! Vergognati! (Assieme a Nino, adulano Ciccio) Si calma. (Con sprezzo) A lassa perdiri a ‘sta ficudignia ca lingua! Chista è l’invidia, picchì lei ‘sta murennu ora, e idda mori stasera!

ROSALIA

(le fa il tiè)Sentimi, cantalupo chi piseddi! Inutili ca dici sti cosi, di chiddu chi dici tu, mi nni puliziu u cu…(Viene fermata da Nino)

NINO

Tappati a vucca, mucca carolina! Ci sunnu (indica i fidanzati) due zitelloni. Quindi, nun diri parole scorreggibili, ca me figghia è sverginella

 

ROSALIA

Nun mi scoreggio cchiù, pi nun fari emozionare a me nipote! (Si presenta a Giovanni) Piacere, sugnu la figlia del morto. La zia, della sua zitella! 

VICE’

(Bussa ed entra. Ragazzo con la gobba. Braccia a penzoloni, sorridente) Buongiorno a tutti! Nino, cca ci sunnu i nummari, 77 e 83 su palerm… (Tutti gli fanno il ssssss. Nino gli strappa il biglietto e controlla i numeri, si siede vicino la radio, la sintonizza) Vi sgonfiastivu tutti?

CROCETTA

(Triste. Viene sostenuta da Giovanni) Non vedi? C’è mio nonno che sta male! Sta partendo per un lungo viaggio. Va a trovare mia nonna.

CICCIO

(Poca voce) Ma cu è, ‘stu cammello ca rota di scorta?

VICE’

A gobba chi haju io, ti auguro ti avissi a spuntari menzu li cosci!

CICCIO

(con vitalità) Magari Diu, murissi tuttu ingobbato! (Allude alle zone basse) così, facissi resuscitare a me mugghieri. Mischina, hava essiri addisiata!

NINO

Silenzio! Stannu dicennu i nummari! Papà, lamentati zitto!

VOCE RADIO

Estrazione della ruota di palermo. Primo numero estratto 8, 18, 28, 38, 88

NINO

u culu, ti fa un botto, puh figghiu di …radio! (Furioso, mangia il biglietto)

VICE’

Nun ti manciari i nummari, ca ancora mi la pagari!

NINO

menzu li cosci di me patri, c’è u salvadanaio. Pagati(Vicè,si avvicina a Ciccio)

CICCIO

Nun mi tuccari! Lassami moriri masculu. Dopo, si divento ricchionello, nun fa nenti! (Tossisce, poi gli vengono convulsioni)

CARMELA

(Spaventata) Beddamatri, si sta trasformannu! Chiamati un esorcista! (Carmela si nasconde. Il resto, fanno le croci, con ciò che trovano in giro. Poi, si ferma) muriu? (Ciccio fa un balzo con tosse asfissiante, li spaventa)

ROSALIA

(spaventata) Chi ti siccassi a pinna du giudizio, mi facisti siccari u latti!

VICE’

Du scantu, mi fici attisiri a gobba!

CICCIO

(affanno) Nino Rosalia, avvicinatevi. (Gli stringe le mani) Da giovani, tra i tanti sbagli, fici una sula cosa bona. Fu chidda, di grapiri un libretto a banca e, depositari cinqu mila liri, a nomi vostro. (Tosse) Fu una consolazioni pi mia, pi nun lassarivi, senza soldi. Sulu ca, di ‘stu libretto, nun sacciu chi fini fici. Si lu truvati, i piccioli sunnu i vostri, metà per uno. Chista è la mia eredità! Mi dispiaci! (Piange) nun potti fari avutru! Siti contenti u stissu?

ROSALIA

(Ironica) Sugnu troppo felice! Cu ‘sti dui mila e cinqu centu liri, mi pozzu accattari menzu paisi, mi fazzu fabbricari un marito novu, e divento una capitana! (Bacia il padre, burlandolo) Grazie papà, ora zittuti e mori!

NINO

Puru io, sugnu cuntentu. Mi fazzu convertire in euro, e mi jocu (Si tappa la bocca) Vuliva diri, li metto esposti in tuo onore, a sira mi fazzu i preghiere!

CICCIO

È ura di partiri (lo salutano tutti con un fazzoletto, piangendo) pi favori, nun chianciti ora, se no, faccio lo scivolo. Fatimi partiri asciutto!

CROCETTA

(triste) Nonno, fai buon viaggio! Salutami la nonna!

NINO

(triste) Papà, fai buon viaggio. Stai attentu, in cielo è chinu di aerei.

CARMELA

(triste) Facissi buon viaggio. Appena arrivi, mi mannassi una cartolina!

VICE’

(triste) Appena arriva, mi facissi u squillo, nel mio uccellulare!

NINO

(sottovoce a Rosalia)nun stari muta. Dicci cocchi cosa.Fallu moriri contenti

ROSALIA

(A cantilena) Fai buon viaggio. appena arrivi, dammi un colpu di telefono. Almenu, sugnu sicura ca muristi (Ciccio ha gli ultimi spasmi e muore)

CARMELA

Nun si movi cchiù. È morto? Aspetta che chiedo. Muriu o campò? (Silenzio) Chi tace acconsente (piangono tutti, tranne Rosalia) Muriu, finalmente si livò di menzu li peri. Taliatilu comu è beddu, duci e sciacquatu, pari un marito chi dorme! Nino, u vidi a to patri? Picchì, non lo imiti? (Nino si gira e fa gli scongiuri) Rosalia, nun fari finta di nenti. Cercali dintra lu to cori, i paroli giusti, pi chianciri!

NINO

(Con strazio) muriiiiu! Si rumpiu u me cori! Talmente è disgraziato, ca muriu cu portafoglio, inveci di intestarmelo a mia! Poveri piccioli! Comu fazzu senza di vuatri! Quantu è miserabile mi lassa sbattiri, fussi cosa di ammazzallu, puh! Vicè, chianci pi me patri? (Rosalia piange)

VICE’

(Piange) Io nun chianciu pi iddu, chianciu pi me sacchetti, picchì penso: ora ca to patri muriu, cu curnutu ti da i soldi, pi pagarimi i nummari?

CARMELA

(Piangendo guarda Nino) Di chistu si tratta? Fammi chianciri, ca poi, ti fazzu chiaciri io! Ci mittistivu i carti in sacchetta a mio suocero? (Crocetta, li prende dal cassetto e le mette in tasca a Ciccio) bene così. Almeno, appena arriva, si fa una scopata cu me soggira!...Giovanni, si nun mi capisci ca chianciu in dialetto, dimmillu, ca chianciu in italiano. Dimmi tu

GIOVANNI

Pianga come vuole. Sono sempre un italiano!

CARMELA

(Piangendo)Meglio, se no, ci vuliva l’inpertrete… l’interprete, comu cazzola si chiama! Mischinu, di comu è confezionato, pari ca stassi partennu(Nota le lacrime di Rosalia)Brava cognata ca chianci, si vidi ca trovasti li parole d’amore pi to patri. Dai, forza, leggili i parole dal cuore.

ROSALIA

(Piange) mi scurdavu l’occhiali, e nun pozzu leggiri nno cori. Scusate si chianciu muta, ma nun hai mai parratu cu un morto senza occhiali

CARMELA

Allura evita di chianciri ca mi fai scantare. Pari a dea bendata!

NINO

(Smette di frignare)vero! Oggi pomeriggio,mi vinni a truvari a dea attuppata! Havia l’occhi cecati, però dissi che mi bacerà la fortuna

CARMELA

(Irritata) Ti facisti vasari da fortuna? Cu è ‘sta zoccola? (lo minaccia con la sedia) Si nun ti bastò chiddu suo, ti lu dugniu io, un colpo di fortuna

NINO

(Si procura carta e penna, si appoggia sul tavolo) zittuti tu, aceddu du malaguriu! Silenzio tutti, oggi sento ca la fortuna mi vasò tutto! (Carmela si irrita) Vice’, quantu fa u morto chi parra?

VICE’

Nun mi ricordo! Dumannamuci a to patri, megghiu di iddu, cu lu po’ sapiri! (a ciccio) Zu Ciccio, quanto fa u lei chi parra? (Vicino l’orecchio) 48, vero?Chi tace acconsente. Fa 48!

NINO

(Scrive allegramente. Cerca qualche indizio) benissimo! Mi nni sevi navutru nummaru, pi fari l’ambo! Ne devo approfittare oggi, ca fuvu vasatu da fortuna. Aiutatimi. Sprimitivi le meningiti!

CARMELA

Nun vi sprimiti nuddu. Ci l’haju io, una bella ambata cu papillon! Scrivi 73

NINO

(Scrive felicemente)perfetto! 48 e 73. un ambo, cu botto! 48 u morto chi parra, 73 e … chi cosa è Carmè?

CARMELA

(Irritata)73, è u nummaru du spitali, dunni ti a ghiri a rumpiri i corna tu, e la tua dea riciclata! (Lo rincorre con la sedia) Veni cca, ti dugniu u botto. Fermati, ti fazzu ‘na radiografia in testa! (Nino scappa, passando tutti sopra il morto per aiutare Nino. Fanno casino. Cala il sipario)

Fine primo atto

Secondo atto

(Medesima scena. Accanto al quadro della madre, si è aggiunto quello di Ciccio. Sulla parete di sinistra, si trova il quadro della dea bendata. Nino, appoggiato sul tavolo, studia una nuovo ambo,col libro della smorfia)

CARMELA F. S.

(Si trova fuori lato sinistro, con porta aperta)Nino, veni cca. Veni a senti ‘sta situazione!

NINO

Nun pozzu veniri, staju durmennu! (Nervoso sfoglia il libro) porca miseria, è possibili ca nun trovu ispirazioni pi navutra combinazione!

CARMELA F. S.

Ti avissiru a manciari i pidocchi, a tia, e cu ti veni dappresso!

NINO

Scimunita si mi mancianu i pidocchi, divento pidocchioso! (guarda nel libro) cosi i pazzi! I pidocchi davanti l’occhi ci l’haju e fannu 87. (Scrive sul foglio) manco a fallu apposta, ‘sta pazza, mi detti un… (gli viene una idea, cerca nel libro) Puzza… pozzo … pizza…pazza! Videmu comu fa. A pazza fa…22! (Scrive sul foglio) Viditi, ‘sta scimmia scaduta, mi detti un ambo fiammante. Appena veni il gobbetton, gli do la combinazion e lo mando a fanculon! (risata sarcastica. Guarda orologio) ura è! (Si inginocchia davanti il quadro della dea) santa dea cecata, dammi un segno ‘na ‘sta santa jurnata. Fammi indovinare ‘sta combinazione, haju fattu troppu debiti, è una consumazione! Sinceramente, nun vogghiu arricchiri, però, ‘na montagna di soldi vulissi aviri. Se felice mi farai, un regalo ti farò. Un cane cecato di nome lessi ti donerò. Anche se tu, venir da me, non vorrai. Con torna a casa lassie, da me verrai. Nei secoli dei secoli amen! Videmu si nesci ‘stu 48 e 73

VOCE RADIO

(Nino gli si siede vicino) Estrazione di Palermo. Primo estratto 1, 33, 44, 12,11

NINO

( strappa il biglietto) U sapiva ca finiva a schifiu! Havi da ieri ca mi li jocu, nun nescinu mai! (Alla dea) Meno male, ca ti pregavu! Nun sulu sei orbata, sei puru di aricchia attuppata! A curpa è puru di ‘stu curnutu da radio, dici tutti i nummari, tranne chiddi chi mi jocu io

VOCE RADIO

(Accento romano) Senti, ciccio bello ca panza, si esco da radio te faccio otto massaggi sayonara, che te spedisco all’ ortopedia sushy!

NINO

Ti pari giustu ca io spennu soldi a jucari, e tu i me nummari nun li dici mai!

VOCE RADIO

Sentime un po’ a dragon bolle che ciabatte, se tu sei un rincoglionito, a colpa nun è a mia! Forse è de tu padre, che gliè doveva da, ‘na bottarella più forte! Invece de stà lla a grattatte e palle, chiamame e giocate e numeri che te dico io!

NINO

Si tu mi dicissi i nummari prima ca li dici, io, li jucassi! Logico, no?!

VOCE RADIO

Sentime un po’, nun fa o poeta stronzo con me, se esco, te faccio diventà, ‘na ciambella senza buco, pecchè to tappo! Stamme a sentì, giocate ‘sti due numeri. 71 e 23. te saluto. Buona fortuna minchione! (Ride con sfottò)

NINO

(Bacia la radio) grazie! Quannu hai di bisogno una spurgata agli altoparlanti, mu dici. una mano lava l’altra e tutti e dui, si lavano a faccia. Videmu chi significa (Cerca nel libro, si accerta del significato) a mia? ‘sti paroli a mia? (scuote la radio) L’ultimo chi mi pigghiò pi fissa, si trova pensionato o cimitero, e riposa in pace. Nesci si hai curaggiu! (Carmela l’osserva meravigliata, dalla porta sinistra) U sai, con chi hai a che fare? Ti scippo aricchi, ti abbasso o volume, e ti tagghio a corrente, ciambellone radiologico! Fai u scartu, picchì sei imbottigliato? Nesci curnutazzu! Nesci, figghio di ...(Carmela lo blocca) radiologia abusiva!

CARMELA

(Vestiti diversi e ben sistemata) Si po’ sapiri chi hai? picchì parri sulu?

NINO

Si orba! Parro ca radio (Con spregio) ‘sta radiografia da quattro soldi, mi dici scimunito e omu di merda! Nesci fitusu, ti fazzu divintari radio cuffia

CARMELA

(Gli parla con ironia) Fammi capiri, comu fici a radio, a diriti parole?

NINO

Comu fici? aumentò u volume della radiofonia, e mi dissi paroli!

CARMELA

Ora si ca ci semu! Prima accuminciasti tu, pi idda diriti paroli a tu per tu!

NINO

Nun mi li dissi a tu per tu, ma chi nummari! Mi dedico ‘sti nummari 71 e 23. jocali, ti fazzu vinciri mi dissi. Controllavo nno libro ginecologico delle smorfie e significanu, scimunito e omu di merda!

CARMELA

Pigghiala in parola. Jocatilli i nummari, nun si sa mai!

NINO

Ma ti pari ca nna me faccia, c’è scrittu, gargamella? Si mi jocu ‘sti nummari, a radio, ci pari ca sugnu veru scimunito! E poi, quannu nun nescinu, ci fazzu la figura di l’omu di merda!

CARMELA

(Stufa)senti, nun cuminciari a fari u pazzu. Prima chi ti accettanu a pensioni, a fari trenta cinqu anni di pazzia! E nun vulissi aviri pi tutti ‘sti anni, un pazzo a domicilio! (Nino è irrequieto) canciamu discursu. Poco fa, quannu ti chiamava, mi dissi a signorina Pinnolina, u paisi è chinu ca semu ricchi. Dicinu ca to patri, ni lassò ‘na montagna di eredità, nuatri semu dui disgraziati ca, lassamu nuda e cruda a to soru Rosalia!

NINO

Ricchi? Magari fussi veru!...Mi fazzu tagghiari a testa, me soru fu. ricordi quannu mi dissi “ l’hava a sapiri tuttu u paisi ca mi lassasti senza piccioli!” ‘sta cana arraggiata, u fici e u dissi. a me casa, nun ci metti cchiù pedi

CARMELA

Si, mi ricordo! Ti rendi conto ch’è cattiva! Cu tutta ‘sta delinquenza chi c’è in giro, sintennu ca semu ricchi, ni metti in rischio di farini violentari a tutti

NINO

(Con disprezzo) ‘sta bombola gonfiabile, picchì nun si fa violentari idda, ca cerca marito! Chiudemula cca. A risolvu ju ‘sta storia (Prende il foglio con i numeri ch’è sul tavolo) Staju niscennu, vaju a jocu i nu… (Si tappa bocca) va pigghiu un poco di aria, ca haju i neuroni ca si pigghianu a pugni!

CARMELA

Vacci cchiù tardu. Stannu vinennu i consuoceri pi fariti i condoglianze!

NINO

Pi forza io c’essiri pi farimi i condoglianze? Dicci ca me li fanno, appena tornu, ci dugniu u bacetto! (Sta per uscire, Carmela lo afferra e lo spinge dalla porta di destra, il quale si lamenta)

CARMELA

Va sistemati(Nino, spinto da Carmela, perde il biglietto con i numeri. esausta. Prende biglietto da terra) 22 e 87. Chista è a so rovina! Nun sulu ca è disoccupato, mancu ni putemu accattari u pani, ma continua a jucarisi ‘sti nummari! Mi sta facennu cadiri malata! (Si siede, afflitta) No, nun si po’ andari cchiù avanti così! Semu chini di debiti, a spisa la fazzu a credenza. E da serpa nivura, va dicennu ca semu ricchi! Havi ca nun manciu un piattu di pasta, ca mancu sacciu cchiù chi culuri havi. Nun ci la fazzu cchiù! O si leva u viziu e si metti a testa apposto, o mi nni vaju io! Chi vita amara. Quannu ci sunnu ‘sti masculi ca tennu o jocu, no a famigghia. Avissiru a stari schietti, no ca cunsumanu figghi di matri! (entra Crocetta ben vestita)

CROCETTA

Mamma! Che fai? Tutto bene?

CARMELA

Si figghia mia. Stava parranno sula. Cu parra sula, si capisci sula.

CROCETTA

Mi ha appena chiamato Giovanni. Mi ha detto che, qualche minuto e sono qua. Non hai preparato nulla da offrire?

CARMELA

(dispiaciuta) Figghia mia, mi dispiace. (Si alza) Videmu si trovu qualche cosa, da dintra. (Sta per uscire)

CROCETTA

(Ferma la madre) non preoccuparti! Faccio una corsa al bar! Prendo caffè e biscotti (bussano) Sono qui! (Apre ed entra Vicè) menomale! vado. (esce)

VICE’

Buongiorno.Sugnu cca, picchì so marito è in ritardo(Allude ai soldi) Dove?

CARMELA

Ca me marito è ritardato, già lu sapiva. Chi vo di iddu? Ci ha dari cosi?

VICE’

(iroso) io? Iddu, mi hava a dari cosi! Assai assai, m’hava a dari! (Fa segno di soldi) Già mi sta facennu vunciari (Fa segno nelle parti basse) a gobba

CARMELA

Ti sbagliasti! Vidi ca a gobba, ci l’hai supra li spaddi.

VICE’

Di quantu mi pisanu, mi sta arrivannu e peri! (fa segno nelle parti basse) pi curpa di so marito! (Parla con dolcezza, si guarda intorno) però, pozzu chiudiri un occhio. Visto che siamo soli, facissi una opera di carità, mi da un bacetto e a gobba, mi sgonfierà!

CARMELA

Bella ‘sta rima baciata! Sei un poeta?

VICE’

Si, sugnu un maniaco da poesia! (Le bacia la mano. Carmela cerca di ritrarsi, imbarazzata) Dal primo giorno che ti ho vista, mi hai fatto perdere la vista. Dal primo giorno che ti ho incontrata la mia gobba s’è ingrossata. Dammi un bacio, non farmi aspettare, portami a letto, ti voglio …

CARMELA

(Ritrae la mano) U capivu! Sei troppo poetico, pi me gusti! Nun mi l’aspittava di tia, Vicè. Sugnu una donna di famigghia. Sugnu sposata e sugnu fedelissima! Ci tegniu ai valori. Anche si me marito nun ci teni a mia, nun si merita essere tradito.

VICE’

(riprende col bacia mano) nun ti preoccupare, nun sugnu gilusu di to maritu

CARMELA

Mi dispiaci. Nun tradiscio me marito, ne cu tia, ne con altri! L’omini, siti tutti fusi! Circati li fimmini, sulu pi sesso! Ma chi siti, sessologici?!  

VICE’

Si, sono sessologico. Veni nno lettu cu mia, non te ne pentirai. E poi, rispetto a tuo maritu, ci n’haju un pezzo in più. (Si vanta) Sono super dotato! Talìa chi gobba chi haju! (Le bacia la mano con insistenza. Carmela la tira a se, ma viene trattenuta) andiamo, mi sento un toro accalorato!

CARMELA

(Si adira, levando la mano) Pi cu mi scanciasti pi da zoccola di to nonna? O ti levi di davanzi i me occhi, (Lo minaccia con la sedia) o ti fazzu abbassari i calorie, cu un colpo di aria condizionata.

VICE’

Vogghiu fare una esperienza di letto cu tia. Voglio fare un bel viaggio pi scopriri insieme, come  è bello far l’amore da Trieste in giù!

CARMELA

Soffro il mal di mare. Viaggi luntanu nun ni pozzu fari! Po’  partiri sulu. se ritorni cu ‘sti intenzioni, ti fazzo un buco dell’ozono, in testa!

VICE’

(Si irrita) visto ca mi rifiuti, sai che ti dico? u paisi è chinu ca siti ricchi e to marito, veni a joca i nummari ne mia, a credenza! Se mi lasciavi contento, ci faciva un regalo. Visto che mi hai ferito nel profondo intimo dell’anima, vogghiu essiri pagatu cu tutti l’interessi!

CARMELA

(Allude alle parti basse) Si nun ti nni vai, ti tagghiu il più profondo dell’anima! Siti tutti fissati ca semu ricchi! Mancu ni putemu accattari u pani. Mancu avemu soldi pi chianciri!

VICE’

Pi nun dari nall’occhio, puru ju dicissi ca sugnu poviru! Entro stasera,dicci chi mi paga i tri cento euro di nummari, chi sa jucatu! (Nota il biglietto con i numeri sul tavolo) anzi, chisti mi portu. Sunnu tricento dieci euro! (sulla porta per uscire) Nun sai chi ti perdi! Ricordati bene, sugnu comu chiddu du Sali, quannu mi cercate, non mi trovate! (Esce)

CARMELA

Ma va fan culu! Tutti pensano al sesso. Schifiu! Nun esistono cchiù, i veri valori, le virtù! Tutti pensano ca, a fimmina è una bambola, usa e getta. No! A fimmina, è una poesia vivente. C’è scritto anche nna bibbia, la donna è regina della casa!

CROCETTA

(Entra con un vassoio) eccomi. Ho acquistato dei biscotti.  Papà?

CARMELA

Chi nni sacciu. Po’ essiri ca s’impiccò nno bidè! (Urla) Nino, pronto si?

CROCETTA

Sai cosa ho sentito al bar? Tutti pensano che siamo ricchi. Ho fatto la figura dell’idiota, non sapevo che dire, alle tante domande. Spiegami almeno.

CARMELA

A curpa è, ri da balena senza culu (Pensa) anzi, tutta culo di to zia! U fici, e u dissi! Ora, cu ci lu leva da testa a ‘sti zulù di paisani, ca nun è a verità

NINO

(Entra, con vestiti diversi è soddisfatto) Mi fici una bella doccia, puru si nun mi lavo pi un anno, fazzu sempre alito di pulito.(Crocetta entra in casa)

CARMELA

(Ironica) ti lavasti cu mastro lindo?

NINO

(Ironico) no, cu so soru! (Si alita sulla mano, e odora) Carmè, penso di no, vidi si c’è bisogno di un lavaggio dentistico. (le alita sul viso)

 

CARMELA

(Si allontana, disgustata) chi schifiu! Mi staju gomitannu tutta! Ti nesci un profumo di rose da vucca, ca vennu i svenimenti!

NINO

Nun è possibili! L’ultima vota chi mi lavavu, fu pa prima comunione. Mah! Mi lu vaju a lavo (Sta per uscire)

CARMELA

Nun c’è tempo.(Dal cassetto prende un deodorante) spruzzatillu dintra a vucca. È deodorante pu cabinetto!

NINO

(Nino lo spruzza in bocca, poi alita sul viso di Carmela) comu ti paru?

CARMELA

(Si disguta) ‘na latrina! Oh, sai, chi fici du porco ca gobba?

NINO

(Cerca il biglietto in tasca) Veru, i nummari dunni li misi?

CARMELA

Si li purtà, u cammello! (Nino si rilassa) Ti vuliva diri, sai chi fici? Mi vuliva purtari a…(Bussano) Cca sunnu! Poi, tu dicu. Sistemati! (Si sistema anche lei) Arrivo! (apre la porta. Crocetta resta per ultima)

PEPPINO

Buongiorno a tutti! Piacere Peppino! mia moglie Rosetta. Mio figlio Giovanni, lo conoscete di già (si presentano tutti, stringendosi le mani)

NINO

Prego, sedetevi. Facete finta che fossivo a me casa. Prego!

PEPPINO

(Seguito da Rosetta e Giovanni, baciano Nino) Le faccio le mie più sentite condoglianze. Purtroppo, così è la vita. (Si risiedono) Com’è successo?

NINO

È succeduto che mio padre, avere deciduto di crepare dentro il letto.

ROSETTA

Dentro il letto? Poverino, sarà morto premuto sotto le lenzuola!

NINO

Non capissivo niente signò. Mio padre, avere moruto tutto ammaccato nno letto, così! (in piedi, assume la postura di un morto con mani sulla pancia)

CROCETTA

Papà, sei ridicolo. Non fare il pagliaccio! Vogliate scusarlo, mio padre nell’esprimersi è un po’ rozzo! Mamma, intervieni tu!

CARMELA

A vò finiri di fari sbirulino? Nun è tempu di morti. È tempo di festa! Lo scusino i signori, mio marito è posticipato con le rotelle (allude al cervello)

PEPPINO

Non si preoccupi signora. Si vede che suo marito, è molto espressivo. Dai, rompiamo il ghiaccio! Figliolo, che fai, non ci presenti la tua dolce metà?

GIOVANNI

(Si avvicina con Crocetta dai genitori) Mamma papà, con immenso piacere, vi presento la mia stella gemella, Crocetta!

CROCETTA

(Si avvicina ai suoceri, dando la mano. I quali, ricambiano col nome) molto lieta di conoscervi.

ROSETTA

Complimenti Giovanni. Hai trovato una ragazza bellissima. Guarda che bei occhi che ha. Che bel sorriso e poi, ha un viso d’angelo. Complimenti!

NINO

(Dandosi arie) Con tutto il rispetto, l’autore sarebbe io. Quannu fazzu una cosa, ci metto…l’autografo!

CARMELA

Anche lei signora, la vedo bene. Anche suo marito. Si vede che siete due belle persone. Complimenti Giovanni, hai i genitori giovani.

PEPPINO

Mi spiace contraddirla signora, ma che giovani. Io sono già in pensione. Dopo una vita di duro lavoro, finalmente, mi godo la mia pensione. Amo lo sport. Ogni mattina, faccio mezz’ora di footing per mantenermi giovane.

NINO

(Si scandalizza) Scusassivo! (Si avvicina all’orecchio di Carmela) u sentisti chi dissi? Dici ca futting ogni matina, e resta giovani! Porco!!!

CARMELA

Vergogna! Si to figghia si fa zita cu so figghiu, puru idda, ci resta futtuta! (Tornano a sedersi, come se nulla fosse) Prego, continuiamo. Abbiamo avuto una interferenza! Lei che fa di bello signora?

ROSETTA

Anche io, sono una maniaca della bellezza, dello sport. Così tanto, che la mattina prima che si alzi mio marito, ho già fatto un’ora di footing!

CARMELA

(Si scandalizza) Scusate! (Si avvicina all’orecchio di Nino) u sentisti chi dissi ‘sta maniacazza? Puru idda fa futting! Chisti, sunnu genti equivoca!

ROSETTA

Non capisco. Qualcosa non va? Non vi va a genio la nostra presenza?

NINO

(Tornano a sedersi) ma no signora. Io e mia mogliera, avessivo faciuto un poco di pubblicità.

CROCETTA

Vogliate scusarli signor Peppino, signora Rosetta. Solo io, conosco i miei genitori. Immagino, cosa tramano! Mamma papà, il footing è un esercizio fisico! Capito? Non fatevi strane idee!

NINO

(Si guarda per un attimo meravigliato con Carmela, poi, ridono) Vedessivo come sogno strane le palore. Certe volte, una palora, pare ca fusse navutra!

PEPPINO

Che simpaticone ch’è lei! Cosa fa signor Nino?mi scusi, posso darle del tu?

NINO

Mi potesse date il tu. Ogni giorno, se mia mogliera volesseve…io, putesse vincere le nummere alla radio…solo che mi romperebbe le scatoloni e io…

PEPPINO

Poverino, non sapevo che…perdonami Nino che ti faccio sforzare, non immaginavo che avessi così tanti problemi di pronuncia.

NINO

Io, non avessivo problemi di provincia. Siccome, lei sape parrare ‘taliano megghio de me.. Io me sforzo a parrare, ‘talianissimo! (Tutti ridono)

CARMELA

Vedi cosa vuol dire non andare a scuola? Ignorantone!

NINO

(Stizzito) senti chi parrasse, mery poppins! A scola ci andavo ogni matina. Però, era sempre chiusa per ferie e, non mi ho imparato a parrare ‘taliano.

ROSETTA

(Ridendo) Che famiglia simpatica! mi piacete tanto! Sembrato un duo comico (Ride) scommetto che siete degli attori!

CROCETTA

Papà, se non sai parlare italiano, ‘sta zitto.  Mi fai, svalutare!

GIOVANNI

Ma che dici amore! Lascialo parlare. Signor Nino, non si crei problemi. parli come le viene. Tanto, noi la capiamo.

PEPPINO

Ho capito! Nino, parra comu manci. Cca dintra, tutti siciliani semu.

NINO

Siti siciliani? Menu male! (Respiro di sollievo) A parrare italiano, mi mancava l’aria! di comu parrati bene l’italiano, mi parivavu extracomunitari! Pi chistu, mi sforzava a parrare comu vuatri!

PEPPINO

Parru italiano picchì, pi tanti anni fici u direttore di banca. Come secondo lavoro, u geometra. Un minimo di cultura, ci voli! Amunì, parrami di tia, che fai pi campare?

NINO

Io pi campare, ogni jornu fazzu u cani. Sbatto a destra e sinistra, pi un travagghiu, ma nenti! Purtroppo, nascivu disoccupato, ma così disoccupato ca nascivu nudu! (Tutti ridono)

ROSETTA

‘stu cristianu, pari un attori di comu parra. Signor Nino, fa bene ca si la pigghia a ridiri! La signora Carmela, hava a essiri contenta ca havi un marito comico. La teni in armonia!

CARMELA

Certo ca sugnu contenti. Ogni sira, mi fa moriri di risati, quannu s’infila sutta i coperti ghiacciati, e si ci ritira il pendolino(Con la mano, fa il gesto di ritrarsi. Tutti ridono)

CROCETTA

(Fulminandola con gli occhi, l’alza dalla sedia, invitandola ad uscire) Su mamma, vai di là a prendere qualcosa da offrire agli ospiti!

CARMELA

Certo! Aiutami Crocifissa. haju l’astioporosi ‘nte manu. Permettete(escono)

ROSETTA

Crocifissa? Ma non si chiama, Crocetta!

NINO

Si fa chiamare Crocetta, picchì u nomi di me matri, nun ci piaci. Un tempo si usava, mettere u nomi di genitori. A curpa nun è mia, se si chiamava così

GIOVANNI

Vedete che razza di nomi assurdi, si usavano un tempo!

NINO

Crocifissa è un nome che unisce u bene e male. A bonarma di me matri a tempu di paci si chiamava, Croci. A tempu di guerra, fissa!

CARMELA

(Crocetta entra col vassoio di biscotti, offrendoli. Carmela col caffè) Prego, pigghiativi u biscottino. E bivitivu u cafè (ognuno, prende la sua tazza)

PEPPINO

Nun c’era bisogno di disturbarsi signora Carmela. Nun lu vidi ca c’è crisi!

CARMELA

Nun sunnu i biscotti e u cafè, ca fannu impoveriri. (Parlano e bevono caffè) Cu ‘sta crisi chi c’è, nun sacciu comu va a finiri! E poi, cu ‘stu euro, i soldi nun bastanu cchiù! Aumentaru tutti cosi. Ai tempi da lira, cu cento mila liri, si faciva a spisa di ‘na settimana. Ora, cu cento euro, mancu ci manci a sira.

ROSETTA

Hai perfettamente ragione! Purtroppo, non sono stati fatti i giusti controlli e, i commercianti raddoppiaru i prezzi! Però u stato è disgraziato, aumenta i tassi, però, u stipendio di l’operaio, è sempri u stissu!

PEPPINO

Grazie a DIO, da giovane fuvu furtunatu. Dopo a scuola, truvavu lavoro come geometra. Poi, grazie ad un concorso, trasivu come direttore di banca. Si oggi sugnu in pensione, ringrazio u Signuruzzu. Chiddu chi chianciu io, sunnu ‘sti giovani. Chi futuro hanno?

GIOVANNI

Hai ragione papà. Sappi, chi la dura la vince! (Stringe a se Crocetta) E poi, l’unione fa la forza! Io, ce la metterò tutta a crearmi un futuro!

CROCETTA

Fa male pensare che dopo tanti anni di studi, non servirebbero a nulla per raggiungere i nostri obbiettivi. Mi batterò, affinché possa avere un posto di lavoro, insegnando in una scuola.

NINO

Figghia mia, ca crisi chi c’è, mi pari difficili. Ti prometto, appena vinciu chi nummari, a scola ta costruiscio io, così è sicuro ca farai a maestra!

ROSETTA

Bravo Nino! lei si ch’è un papà ammirevole, ottimista e di larghe vedute!!

CARMELA

Di larghe vedute, chi sacchetti sfurnati e u ciriveddu sott’aceto!

NINO

Tu hai, a lingua sudata, i cosci scuarati e i manu bucati!

CARMELA

I manu bucati io? U sapiti chi fa? Quantu è sfacciato, pur di jucarisi ‘sti schifia di nummari, fa debiti! Cchiù manu bucati di chisti, nun esistinu!

PEPPINO

Chistu no, caro Nino. u jocu, pani a casa nun ni porta! Anzi, lu leva!

CARMELA

Ci lu dicissi lei ca è sbagliatissimo stare appresso alle estrazione del lotto, di nove, di deci! Avemu tasse arretrate, ma nun ci sunnu soldi pi pagari! Quannu ni jettanu menzu ‘na strata, si rende conto chi dannu ‘sta facennu! Continuando così, comu facemu a mannari ‘na famigghia avanti?

 

PEPPINO

Nun vi preoccupati. Va dugniu io, ‘na spintarella!...Comunque, prima veni a famigghia, poi, l’avutri cosi! I nummari du lotto, sunnu una rovina. Tempo fa, puru ju ci cascavo. Poi pinsavu“ si ‘sti piccioli mi li manciu ca me famigghia, nun è megghiu?”  E ci livavu mano!

CARMELA

Lei ca havi ciriveddu, u capisce! Iddu, (Addita) pari un mulu surdu! Di cca ci trasi, (indica orecchio destro) Di cca ci nesci. (Indica orecchio sinistro)

NINO

Stai parranno assai! Manteni l’educazioni cu mia, specie, quannu ci sunnu invitati. Si jocu o nun jocu, nun t’ interessa! Fatti a fimmina, stai muta!!

CARMELA

Ti pari sugnu a to schiava? Ti pari ca staju dintra pi pupa di zuccaru?

ROSETTA

Finitila! Du picca veni assai. Quannu siti suli, discorriti! Canciamu discursu

NINO

Brava a signora! Siccome, me mugghieri è di chiddi ca, i panni sporchi si lava cu l’avutri famigghi! Ora, ca lu sapistivu, si fa cchiù grossa!

CARMELA

I cosi da me casa, nun li cuntu a nuddu! Chista pi mia, è ‘na liberazioni. Visto ca nun ci pozzu io, ti fazzu rimproverare di altra gente, estranea.

NINO

Va insignati a caminari supra a terra. Prima di farmi rimproverare, fatti rimproverare tu!

CROCETTA

Per favore, mamma papà, smettetela! La cosa che più odio dei miei genitori è che le cose di famiglia, le spifferano agli altri! Non capiscono che, si diffamano con le loro stesse parole! (Geme) Soprattutto, infangano la mia persona(Piange.Giovanni la sostiene. Nino e Carmela hanno il broncio)

ROSETTA

Ma no, che dici! non devi nemmeno dirle queste cose. I litigi, esistono in tutte le famiglie! Queste sono fesserie! Non far così, Crocetta!

PEPPINO

(Ironico) Puru io, litigo cu me mugghieri. Certi volti nun l’ammazzu, picchì poi u manciari mi le fari io. Si fussi un cuoco, l’avissi livatu du mezzu!

ROSETTA

provaci, ti dugniu un colpo di padella in testa, ca ti fazzu cantari sutta i stelle. Amunì, faciti paci, nun successi nenti!

CARMELA

Io, sugnu tranquilla. Iddu, si hava a insignari l’educazione(Rosetta le fa cenno di evitare)

NINO

Io? Tu, hai bisogno di mittiriti l’antivirus ‘nta vucca, quannu parri cu mia!

PEPPINO

Amunì, basta Nino! ora vasativi, nun successi nenti! Appena scumparemu tutti, (Allusivo) vi  chiuditi ‘na stanza di combattimento e faciti paci!

GIOVANNI

Papà, anche tu! Cerchiamo di fargli far pace e li inviti a combattere?

PEPPINO

Zitto tu! Nino,u sapi quali combattimento dicu. Si chiudinu dintra a stanza di lettu. Pigghia di sutta, afferra di ‘n capo, e fannu paci! Figghiu miu, studi troppo! Avissi a combattiri di più, pi capire (Risate) basta chiacchere, faciti paci. (Rosetta avvicina Carmela. Peppino avvicina Nino. entrambi si baciano. Tutti felici) festeggiamo! Ubriacamuni di cafè (Tutti bevono caffè)

ROSETTA

U vidi? Così mi piace, tranquilli e sereni! Nun vi aviti a litigari pi fesserie.

NINO

Io a vogghiu beni a me mugghieri. Idda, è u suli da me vita. Talmente è così luminosa, ca chiossà di dui minuti, nun la pozzu taliari ‘nta faccia!

CARMELA

Me marito pi mia è comu a luna. È così beddu, ca mi piaci guardallu di luntanu! (Tutti ridono)

GIOVANNI

Ma siete due veri comici! Sapete sdrammatizzare con una certa classe!

PEPPINO

Secondo me, marito e mugghieri fannu l’attori di teatro. Vero Crocetta?

CROCETTA

Ma che attori! Quei due, sono due pazzi commedianti della quotidianità!

NINO

(con vanto)Modestamente, sono un artista!Sugnu sprecato pi ‘sta famigghia

ROSETTA

È una bella famiglia la sua! Molto umile! Chiddi altolocati, nun sunnu boni.

NINO

Mi piacessi aviri ‘na famigghia altolocata, almeno vedo il panorama! Cu chista, stamu a pianoterra(Bussano. Apre Crocetta, entra Rosalia con un regalino)

ROSALIA 

(Cordiale) pace a tutti! Scusate, vinni sulu pi dari u regalo a Crocetta, e vado. Teni gioia, un piccolo pensiero(Crocetta apre il regalo, tira fuori un bracciale. Felice, ringrazia la zia) con permesso, mi nni vaju! Pace a tutti!

NINO

Cu quali coraggio, trasisti a me casa? Prima di trasiri, ti havii a frustare nna tutto u corpo.

CARMELA

Poi, ti sbattivi a manu ‘nto pettu, a testa ‘nto muru, pi liberariti di peccati!  

PEPPINO

Mischina. Manca sulu ca si sparava ed era al completo! (Rosetta lo zittisce)

CROCETTA

 smettetela! è stata così gentile la zia, mi ha portato un bel bracciale.

CARMELA

Nun farti imbrugghiari cu ‘stu ferro filato!Jettalu, è scomunicato comu idda

ROSALIA

(Pacata) Capisciu la vostra reazione. U regalo a me niputi, ci lu purtavu cu sincerità e affetto.

NINO

Parri di affetto? Tu, si invidiosa, prepotente, vendicativa è una ciarlatana! Mi vinnisti pi tuttu u paisi, comu carni di porco (Rosalia dispiaciuta china la testa) vergogna! Brutta strega!!!

ROSETTA

Poco fa, ci dissi a me marito di nun parrari. ora parru ju. Mi aviti a scusari, ma nun è giustu! Qualsiasi cosi vi fici ‘sta signora, nun si trattanu cosi i genti, eh scusate! ma che vi viene? E chi vi fici di così tragico?

CARMELA

Pi disgrazia è me cugnata. Va dicennu a tuttu u paisi, ca semu ricchi! È così cattiva, ni metti a rischio di farini ammazzari di qualche delinquente.

NINO

U sapiti picchì? Vuliva ca me patri, ci dava l’eredità. Comu faciva a daricilla, si du cristianu mancu ni havia pi iddu? La signora, è legata ai piccioli, no al rispetto da famigghia (A Rosalia) vero? Nun parri?

ROSALIA

(Dispiaciuta) lo so, merito disprezzo! Però, nun sugnu cchiù la persona di prima. Ho incontrato il Signore. Pari strano detto di mia, ma è così (Prende foglio dalla tasca) ascoltate ‘stu foglio che ho trovato (Legge) Non fatevi tesori sulla terra, dove la tignola e la ruggine consumano, e dove i ladri scassinano e rubano, ma fatevi tesori in cielo, dove né tignola né ruggine consumano, e dove i ladri non scassinano né rubano(Fine lettura) U Signori, mi ha aperto gli occhi. Nun m’interessa più vivere per i soldi, ma per amore del Signore. Vi chiedo scusa di tutto. Anche se qualche vota, sbagliastivu vuatri nei miei confronti, vi chiedo sempre io scusa!

NINO

Ma quali scusa e scusa! Ti canusciu bona, sei fasulla! Anchi si ti fussi convertita, chiddu ca è dittu è dittu! Nesci da me casa, rovina famigghi!

ROSALIA

Ti giuro Nino, sugnu cambiata.Vogghiu rimediare! Ora, giru pu paisi, a diri ca sugnu io a cattiva. Chiddu chi dissi è falso. Tu si a me vita, si me frati!

NINO

Invece no! Si ero u to frati, ci havii a pinsari prima! Oramai, mi rovinasti! Nesci e nun trasiri cchiù a me casa. Quannu mi vidi, nun mi salutari!

ROSALIA

(Triste) Oggi stissu, canciu casa. Li debiti mi stannu manciannu, nun haju comu pagari. Da stasira, vaju a dormu in città in un cunventu di monache. A scusa du regalo, havia vinutu pi salutarivi, chiedendo perdono. Anche si, nun mi vo accettare, pregherò per te. Addio!(Esce piangendo)

CROCETTA

(Geme) ti rendi conto cosa hai fatto, papà? Tua sorella è venuta per chiederti perdono, tu, la butti via di casa? Sei, senza cuore!!!!

PEPPINO

Scusati ca parru, ma nun è giustu! U perdono, mancu e cani si rifiuta!

CARMELA

(Un po’ triste) Pi mia, dopo chiddu chi dissi, è perdonata!

NINO

Puru tu, ti convertisti? Scummettu ca curpa è tutta a mia! Tu, a me soru nun la mai pututu vidiri, ora pi magia, la pirdunasti! zittuti, tu peggio di idda si!

ROSETTA

Peppino, andiamo? Dai, ch’è tardi! (Peppino si alza)

CARMELA

Ristati! Pi stasera, cenate a me casa!

ROSETTA

Stasera avemu avutri impegni. Sarà per un’altra volta (Si salutano tutti, senza dire alcuna parola. Escono accompagnati alla porta da Crocetta)

CROCETTA

(Ha un’aria delusa) non me lo sarei mai aspettato da te papà! Che vergogna! (esce con passo veloce. Carmela è silenziosa)

NINO

Chi hai tu? Scummissa ti dispiaciu ca mannavu me soru, fora di casa?

CARMELA

Certo! Vinni pi chiederti perdono, no pi litigari!

NINO

(Guarda l’orologio)Vatinni puru tu. Fatti sorella cappuccina cu me soru

CARMELA

(Nino sintonizza la radio) Chi fa? Mi lassi sbattiri? (Nino non le da retta) e nummari pensi, inveci di parrari cu mia? Cu tia parru? (gli sequestra la radio) o mi dai ascolto o, nun ta fazzu sentiri!

NINO

(cerca di togliergliela con forza) dammi cca, e levati di menzu li peri!

CARMELA

Sugnu to mugghieri, no una pezza! Scegli i nummari, invece di mia?

NINO

Certo ca sceglio i nummari! Iddi, mi dannu soldi. Tu,ostacolo! (Carmela impietrita. Nino le strappa la radio e va a sedersi. Carmela esce di scena)

CARMELA

(Geme. Rientra, sistemandosi un cappotto. Crocetta la segue, turbata. Nota il dramma tra i due genitori) visto ca i nummari sunnu cchiù importanti di mia. Teniti a iddi! (Piangendo) Tuttu u beni chi haju fattu pi tia, tu scordasti! I lacrimi chi staju versannu, ti la passari ‘nto cori. Verrà u mumentu che capirai, l’importanza da famigghia, dopo chi la perdi!(Esce di corsa)

CROCETTA

(La rincorre agitata, urlandole con strazio) Mamma, dove vai. Mamma!

NINO

(Vede uscire le due donne, che lasciano la porta aperta) Itivinni! sempri bisogno di mia, aviti ad aviri!(Le urla dietro) a facciazza tua, mi jocu sempri i nummari! (sintonizza la radio. Prende biglietto dalla tasca) videmu si nescinu ‘stu binidittu 22 e 87! Mi stannu facennu impazziri, puru iddi!

VOCE RADIO

Eccoci giunti alla ruota di Palermo. Primo estratto 90, 20, 72, 19, 40.

NINO

(Adirato, strappa il biglietto) Buttana da miseria! Sugnu troppo scalognato. È tutta curpa di idda! Sugnu chinu di malocchio, pozzu vinciri mai? No! Mancu si a fortuna mi pigghia di pettu cu un camion, vinciu! Facissi succediri un fini munnu. Buttana da miseria. (Vicè vede porta aperta ed entra. Nino)  chi schifia vò puru tu? Va rompiti i corna o muru!

VICE’

Nun sulu ca sei in debito cu mia, puru mi dici parole! Vinni, picchì vogghiu i soldi! Ora ca, divintasti ricco, nun servu cchiù? Dammi tutti i soldi, ora!

NINO

Ma quali ricco! Mancu haju piccioli pi lavarimi a faccia! Si l’avissi, avissi fattu debito? No! Misiru ‘sta vuci in giro, pi cattiveria! Fidati di mia!

VICE’

Mah, tu dici così. Te cridiri? (Nino dice “si”) va beh! senti, mentri stava vinennu cca, vitti to mugghieri e to figghia, chi chiancivanu. Chi successi?

NINO

mi lassò e se ne andò. Bonu fici! Una comu idda, megghiu pirdilla! Ti pari giustu, mi hava a cumannari di nun jucari i nummari. Sapi ca è un mio svago, fregatinni! No, mi hava ostacolare! Anzi, prima ch’è tardu, jocami ‘st’altro ambo (Scrive su un foglio)Appena haju soldi, ti pago. Vai!

VICE’

(lo guarda dritto negli occhi, gli strappa il foglio) ora basta Nino cu ‘sta farsa. Dai inizio, ad una nuova storia! I nummari, sunnu a droga, chi ti fannu arrivari nne stelle. Appena, ti rendi conto ca sei in alto senza base, cadi e t’ammazzi. Apri l’occhi. Hai una bedda mugghieri fedele, sincera, sistemata, pulita. Ti voli bene! Dunni la trovi, navutra stessa? Sai, quanti famigghi si rovinanu pu jocu d’azzardo? ‘na marea! Sai picchì? Nun sentinu u cori chi batti. Fermati Nino, senti comu è beddu u battito du to cori. Nun è merito tuo! È l’amuri da famigghia chi ti da a vita! Nun cadiri Nino! A to fortuna, è a famigghia, nun esisti fortuna cchiù granni!

NINO

(Colpito dalle parole, resta un attimo impassibile) Ora vatinni, ci vediamo. (Vicè, esce lascia porta aperta. Lento e confuso, si avvia al centro della scena. Si tocca il petto, poi esplode a piangere cadendo in ginocchio, portando le mani al volto) Disonesto, disonesto individuo sugnu. Accecato du denaro, persi a me dignità, a me libertà, a me famigghia! (Pianto) succube  del potere, schiavo del desiderio, (voce crescente)a me casa è vuota, u me cori a pezzi. Incatenato nel dolore, sono un povero attore illuso! (Verso il cielo) Nun ti haju mai circato, no pi superiorità, pi ignoranza! Ora ti dicu, pietà! Pietà di mia, Signuri! (Pianto) io, un grande albero, bello e potente. Illuso di avere una potenza sul mondo, credevo di avere regno su tutto. Ora, privo della bellezza che mi rivestiva, solo da ciò che mi apparteneva, senza le radici che mi nutriva! (Piange con strazio) Ridammi la mia famiglia, Signore! Ora, che ho toccato il fondo, mi rendo conto quanto sia importante la famiglia! Ti prego, non mi abbandonare! Perdonami! Diventerò più buono, umile, altruista, via dalle tentazioni, ma ridammi la mia vita, ti prego…ti prego…(Piange a dirotto col viso a terra. Dopo qualche secondo entra Giovanni e Peppino)

PEPPINO

Nino, chi successi? Picchì chianci?

NINO

(Disperato) Sugnu un disonesto, un disgraziato! Persi, la cosa cchiù cara ca a vita, creò pi mia. A me famigghia! Aiutami Peppino. Aiutami a truvalli

GIOVANNI

(Peppino è commosso, non riesce a parlare) Non si preoccupi signor Nino. sua moglie e Crocetta, sono a casa nostra. Stanno bene! Si calmi!

NINO

(Abbraccia Peppino e Giovanni) Grazie, grazie al cielo! Corri, falli veniri! A me famigghia, nun si po’ rovinare! Vai, vai! (Giovanni esce di corsa)

PEPPINO

Mi fa piacere chiddu chi dici, però, ta mettiri u ciriveddu o posto. U jocu…

NINO

(Lo interrompe) u sacciu! È finita! Giuru supra a me vita, basta jocu. (Si rivolge al quadro) Mamma papà, vi chiedo perdono di li delusioni chi vi detti. Sugnu un poviru dispiratu, è chinu di debiti. Datimi a forza, di andari avanti! (Cade dal muro il quadro della madre, rompendosi. Si avvicina) sulu cadiu? Peccato, si rumpìu (Nino scorge un libretto) ma cos’è ‘stu cosa? Un libretto? (Legge con gli occhi e sorride) Cosi di pazzi

PEPPINO

Chi c’è Nino? è tuo ‘stu libretto?

NINO

È di la bonarma di me patri. Prima di moriri, mi havia dittu ca in gioventù havia depositato cinqu mila lire in un libretto bancario a nome mio e di me soru. (Leggendo) u vidi…cinque mila lire depositate il 20 settembre del 1962. nel corso degli anni, ‘stu libretto dici ca lu pusò e nun sapiva dunni. Ora, si nun cadiva u quadro di me matri, mancu io sapiva ca era dda.

PEPPINO

Me lo dai per favore. Voglio capire una cosa. (Lo legge, si fa dei calcoli. Bussano. Apre ed entrano Giovanni, Rosetta seguiti da Crocetta e Carmela)

NINO

(Carmela è commossa, sta per parlare, la interrompe) da vicina, nun ti considerava. Ti persi per un po’, mi pariva una eternità. (Le tiene le mani)  tu sei a luce du me cori. Chi valuri hannu i soldi, di fronte l’amore. Nenti! Tu si a me vita, si a mia poesia. Niente e nessuno al mondo, riuscirà mai a portarti lontana. Mi cuntento moriri, piuttosto stare senza di tia! (In ginocchio) Ti chiedo perdono Carmela! (Carmela lo alza e si abbracciano, si unisce Crocetta. Peppino avvisa Rosetta con gesti, ed esce)

CARMELA

(Gemente) Ti chiedo puru io scusa, pi tutti i voti ca…

NINO

(Gli tappa la bocca, con la mano) Nun c’è bisogno! È finita chi nummari! Nun cerco cchiù fortuna. A me fortuna si tu e nostra figghia! (Si stringono ancora più forti. Rosetta è felice. Nota che non c’è Peppino) Dov’è Peppino signora? (Crocetta va all’orecchio di Giovanni, il quale annuisce)

GIOVANNI

Ci assentiamo due minuti! Arriviamo! (Escono con fretta)

ROSETTA

Mi fici segnali ca sta vinennu! Sugnu felice di belli paroli chi ci dissi a sua moglie. Nun li pinsassi cchiù i nummari. Sunnu rovina famigghi!

NINO

Puru me patri, diceva così. Ora basta! Chi facemu in piedi, assittamuni!

CARMELA

Proprio ora ca si deve stare uniti, scappanu tutti!

ROSETTA

I ragazzi, chissà dunni stannu andannu. Ni approfittu a diri ‘sti dui paroli. Nun vi litigati cchiù e rispettativi sempri. Quannu unu di dui, alza a vuci, l’avutru si stassi zittu. È segno di umiltà, no di essiri inferiori.

NINO

Sante parole. Comu si dici: Sbagliannu s’impara. (Arrivano Giovanni, Crocetta ed entra in punta di piedi e timorosa, Rosalia con in mano una valigia di cartone. Nino si alza, osserva la sorella. Entrambi sono immobili)

ROSALIA

Scusami Nino, i ragazzi mi obbligaru a veniri. Io nun vuliva…

NINO

(La interrompe) Se io, sbagliavu ne tue confronti ti chiedo scusa. Si tu, sbagliasti ne me confronti, ti chiedo sempre scusa io! Nna ‘stu munnu nun semu nenti. Chiddu chi cumanna è unu sulu, DIO! Proprio nel suo nome, ti chiedo perdono Rosalia! (Si abbracciano l’un l’altra. I due si scostano e Rosetta, avvicina Carmela alla cognata, che si lega nell’amplesso)

PEPPINO

(Entra vedendo che i tre si abbracciano) chi beddu quadru! Stasera, grande festa, piseddi chi pampini!

ROSALIA

Scusate, io vado.I monache mi aspettanu! Sta arrivannu a pigghiarimi u taxi

NINO

No, resta! Costruiamo una vera famiglia. Ni strincemu, e ci stamu tutti

ROSALIA

No grazie Nino. nun vogghiu dari disturbo! Goditi a tua famiglia, in pace!

PEPPINO

Silenzio! Nino, ‘stu libretto chi mi dasti è intestato a tia e to soru? (Nino dice di si. Parla con Rosalia) Sapi chi ci dicu signora, ci dici ca i monache si vannu a curcanu nella clausura, lei si po’ accattari un convento tuttu pi lei. (Tutti si stupiscono) vengo e mi spiego: poco fa, cadendo il quadro dal muro, Nino ne ha tirato fuori questo libretto in mia presenza. Godendo di una illustre carriera da exdirettore di banca, mi sono permesso, di valutare il tasso di interesse maturato in cinquant’anni dal versamento in questo libretto di una cifra irrisoria. Sapete, quantu divintaru i cinqu mila liri?

CARMELA

Ca quantu pottiru divintari? Cinquanta euro? (Peppino sorridente, fa segno con la mano di alzare il prezzo)

NINO

Cinquecento euro! (Peppino, fa segno con la mano di alzare il prezzo)

ROSALIA

Dai, a vogghiu sparari grossa. Cinque mila euro!

PEPPINO

La sparu io cchiù grossa? Otto cento mila euro! Quatto cento mila euro, a testa! (Nino e Rosalia svengono. Due corrono ad alzare Nino. Due Rosalia) nun c’è bisogno di moriri proprio ora! Li vuliti usari, pu camposanto?

ROSETTA

Ammazza!. Questo si, ch’è un bel colpo di fortuna!

CARMELA

Chistu è proprio un bel colpo di culo! Scusassi il troppo italiano!

ROSALIA

(Si riprende)Chistu è un bel colpo di grazia (Assieme a Nino si genuflette davanti il quadro del padre) Pace all’anima tua, patri. Ti chiedo scusa, si nun chiancivu prima. Ti prometto, ogni mattina solo per te, il santo rosario e ‘na chinaciuta. ‘Na chianciuta e il santo rosario. Amen!

NINO

Io invece, ti prometto che sarò più buono, ogni mattina ti dico a santa messa col coro degli angeli e ti mando la buonanotte con le voci bianche. Amen (Ancora in ginocchio, si accende la radio)

VOCE RADIO

(Tutti ascoltano meravigliati) Eccoci arrivati alla ruota di Palermo: Primo estratto 48, 73, 22, 87, 23

NINO

(Si alza, sembra una mummia. Poi, si irrita silenzioso e si accanisce sulla radio. Tutti lo fermano) nesci schifiusu e fitusu! Chisti scherzi di fari sunnu, puh! Mi nisceru ora i nummari, ca nun mi li jucavu! (è depresso, lo siedono) 48 u morti chi parla, 73 u spitali, 22 u pazzo, 87 i pidocchi, 23 u scimunito. Io sugnu, ca nun mi li jucavu! (Piange)

PEPPINO

Allura, si proprio malato! Ficimu tantu pi riacquistare a famigghia,ma tu, ci ricadi sempri!Pi tia, mica ci voli una preghiera, ci voli un esorcista integrale

NINO

(Si alza, prende la radio, la fa volare dalla finestra) buon viaggio! Tranquilli picciotti, stavo scherzando. Vogliamo concludere in bellezza? (Tutti dicono si) volevo ringraziare tutti pi chiddu chi facistivu. Una parte dei miei soldi, li darò in beneficenza. Aiutare cu havi di bisogno, fa star bene.

ROSALIA

Puru io, vogghiu fari beneficenza a chi è meno fortunato di mia.

ROSETTA

Ora che avete così tanti soldi. ‘na sistemazione a ‘sti ragazzi, ce la diamo?

NINO

Certo! A me figghia, ci compro una scuola tutta pi idda, chi picciriddi di dintra.  A Giovanni ci costruisco un lavoro. Li fazzu sposari e ci fazzu puru un figghiu!

CARMELA

Chi c’entra! U nipotino iddi ni l’hannu a fari!

NINO

E va beh, unu lu fannu iddi, unu ci lu regalu io! Ci vado in contro(Tutti ridono) A me soru, ci fazzu sposari a Paliddu affuca mugghieri!

 

ROSALIA

No, nun lu vogghiu. Chiddu è pazzo, pi carità!

NINO

Appunto. Tra pazzi, vi capiti! (Tutti ridono) Peppino e Rosetta, siti già una bellissima coppia. Io e mia moglie, ni chiudemu ‘na stanza di letto, così da matina a sira, facemu footing! (Tutti si scandalizzano) Attenzione, nun capiti mali! lu facemu pi ristari giovani! (Tutti ridono, poi gli attori, si rivolgono al pubblico) Poi, a questo rispettabilissimo e onoratissimo pubblico lo ringrazio e lo voglio invitare, a nun pinsari e soldi e al successo, l’unica fortuna e la famiglia, l’unico tesoro da amare! (Cala il sipario)

Fine!

www.giovanniallotta.it

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 11 volte nell' ultimo mese
  • 56 volte nell' arco di un'anno