‘U mavaru

Stampa questo copione

“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

U mavaru

Commedia in due atti

di

Santo Capizzi

Santo Capizzi

Cell. 347 80 60 577

santocapizzi1@alice.it

www.santocapizzi.it


1


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

A te Cuore mio,

unica vera magia della mia vita.

S.C.


2


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

Questa storia è semplicemente frutto della fantasia, pertanto ogni riferimento a persone, fatti e luoghi è del tutto casuale.

S.C.

Sinossi

Un sedicente mago, approfitta delle debolezze dei suoi clienti-vittime per truffarli, promettendo loro facile soluzione ai problemi per mezzo di inverosimili incantesimi e pozioni magiche fasulle. Ma ad un certo punto la sorte sembra girargli le spalle. Le forze dell’ordine, da tempo sulle sue tracce, irrompono nel suo studio per arrestarlo. Anche questa volta però il mago riuscirà a farla franca, grazie alla su a fortuna e ad una serie rocambolesca di divertenti eventi.

Nota dell’autore:

La vita può condurre l’animo dell’uomo a percorrere dedali di strade che partendo dal cuore arrivano alla psiche senza soluzione di continuità. Forti pa ssioni, importanti eventi, intimi sentimenti, delle volte ci fanno perdere il faro causando smarrimento; ed in quel buio che sembra avvolgente, totalizzante, se persi si cerca una luce, un porto, una speranza. Proprio quelle persone che nel buio brancolano, proprio quei dispersi, sono le disarmate prede di lestofanti senza scrupoli che circuendoli con promesse e parole, attingono pecuniaria ricchezza dalla disperazione dell’uomo che debole si affida ad illusorie ancore di salvezza che si riveleranno invece essere soltanto ingannevoli trappole. Gesto immorale e sporco quello dell'approfittarsi del buio, denunciato in questo lavoro mediante la caricatura, volutamente esasperata, di una realtà meno desueta di quanto si pensi.

Scena unica


3


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

Personaggi

Innocenzio ……………………………………………………….  Mago dell’infinitesimale

Pinella             ………………………………………………………  Moglie del mago

Rosa                   …………………………………………………………Suocera del mago

Samantha ……………………………………………………….  Cliente

Madre di Samantha …………………………………………Cliente

Sharon (travestito)…………………………………………….  Cliente

Venera Agnello in Pizzuto ………………….……..……Moglie Maresciallo

Aldo                   …………………………………………………..…… fotografo, amico mago

Maresciallo Pizzuto …………………………….………..…..Maresciallo

Brigadiere (donna)

Osiride              ………………………………………..……………. Collega del mago

Excalibur          ………………………………………………..…… .Collega del mago

Fata Turchina ………………………………………….…………Collega del mago

Mago dagli occhi blu ……………………………………..Collega del mago

Carabinieri (almeno uno)


4


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

ATTO PRIMO

Salotto di una casa adibito a studio di cartomanzia.

Si suggerisce una scrivania che servirà per esercit are. In un angolo della scena, un tavolino per la prima colazione iniziale, nella quale per celerità si con sumerà solo caffé; un divano servirà a rendere più dinamiche le scene. Il resto dell’allestimento scenico resta a discrezione dello scenografo.

Scena I

(Pinella, Innocenzio, Suocera )

Pinella, la moglie, sta apparecchiando per la colazione.

PINELLA

avanti. C’a grazia d’o Signuruzzu, n’auttra jurnata  accuminciavu.

MAGO

(entrando) aih, aih, aiaih!

PINELLAchi fu? Chi c’hai ca ti lamenti di capu matina!

MAGO

chi c’haiu? Cara mogliettina mia, c’haiu ‘n d uluri terribili ‘nde spaddri. È

comu ’n sensu pis anti di

pisantizza. Pari ca c’haiu ‘n chistianu d’incoddru,  allippatu tuttu ccà  (si

indica il collo e le

spalle).

PINELLApotti essiri un pocu di friscu. Non ti preoccupari ca ora ti passa.

MAGO

ca spiriamo! Intanto sacciu sulu ca mi sta arrusicannu vivu. Aih, aih, aiaih!.

È insopport abile, ci

manca sulu u nomu. Anzi u sai chi ti dicu?

PINELLA

parra.

MAGO

ci lu trovai u nomu. U chiamu Rosa! Comu a dra mazzara di mattri, me

soggiruzza beddra.

PINELLAe pirchi’ comu a me mattri?

MAGO

ah, pirchì? E spatti mu dumanni? Non ci arrivi sula?

PINELLAno, no ci arrivu. Sintemu!

MAGO

allura tu spiegu ju! U raggiunamentu è semplicissimu. U chiamu comu a tò  mattri, picchì stu g ran

duluri ca c’haiu, è pricisu a tò mattri.

PINELLA

in chi sensu?

MAGO

no sensu ca mi sta mangiannu vivu, ‘nsupini ‘n supinu e senza ca ci potti   essiri manera pi

scuddruriarammilla. Aih, aih, aiaih!

PINELLA

a quantu si strurusu! Ma senti, tu non si macari pranoterapeuta e guaritore?

Allura pirchì non ti

curi tu stissu?


5


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO             si babbia, sfuttimi. Accuntu c’o me travaghiu, comu dici tu di pranoterapeuta e     guaritore,   ci

mangi fina macari tu e su oggi avemu ‘n pezzu di pani e macari tannichia chiù assai do sulu pani, è grazie alla mia intraprendenza imprenditoria.

SUOCERA  (entrando)chi hai ca ti lamenti sempri ah? Riccabbuluni!

MAGO            eccola! Arrivavu a megera. Iddra è a vera strega di ‘sta casa. Ju vulissi capiri comu è ca ogni vota ca parramu di iddra, paffuti! Si materializza all’istante istantaneo. Fossi ci fischiunu a ricchi! Intanto, dicu ju, cu tutti dri gran pilazzi ca c’havi intra al padiglione aurifero, sti fischiu comu i senti? Comu ci arrivuni? Non si perdunu ammenzu a dra gran foresta pelifera amazzonica? Mah, sacciu sulu ca non ma scuddruriai chiù. (Comincia a leggere il giornale).

SUOCERA  Pinella, chi impegni avemu a ‘sta matina?

PINELLA mamma, ju non mi possu moviri di intra, pirchì Innocenzio havi ‘n saccu di           appuntamenti.

SUOCERA  e allura voli diri ca ni stamu a casa a riciviri sti poveri cristiani appuntati.

MAGO        e tu chi c’entri? Chi ni misumu in società  senza ca ni sapevu nenti? Nesci, nesci talia ca è meghi. E

appoi quanti voti te lo devo dire, ju quannu travaghiu non voghiu a nuddru ammenzu e peri, ooh! A genti ca veni fiduciosa a farisi aiutari di mia, voli privacy, u voi capiri na bona vota o no?

SUOCERA e pirchì, cu chistu chi vulissi diri ca ju m’intric u ndo tò…chiamamulu travaghiu? Ju i fatti me mifazzu.

MAGO        certu i fatti sò si fa. Tu si a regina de re gini di tuttu u munnu e provincia de

n’ tricolori! Ti pari ca non ti sentu quannu na sala d’aspettu, ti avvicini e clienti e accuminci cu dra facci di bronzu: salve io sono la aiutanti del mago. Accuminciassi a cuntarimi a mia tutti i sò vai, accussì ju ci cuminciu a trasferiri o magu telepaticamente e quannu veni u sò turni di trasiri, v’attruvati avanti.

E dri puvurazzi ca si fidunu e ti cuntunu tutti i pila de sò cosi  privati.

SUOCERA e chi voi di mia? Ju appiddaveru ti mannu i nutizi telepaticamente, si tu ca ne ricivi. Fossi c’hai usistema di ricezioni telepaticu spasciatu. Pirchì non chiami a Mario, chiddru ca abbessa ‘ntinni e televisori; iddru ni capisci appiddaveru. Ti fai dari una bella cuntrullata na dra testa di buggiu ca

c’hai e forsi u difettu s’attrova.

MAGO        u bestia sugnu ju, ca ancora ti dugnu cuntu!

PINELLA   basta ora. E comu pò essiri, ca su non v’acchiappa ti non è matina nova.

Mamma, tu inveci oggi mi fai na bella cortesia.

SUOCERA parra, sono tutto aricchi. E di mi a ti pò fidari,  u me apparatu di telepatia              ricevente e trasmittenti,

funziona bonu.

PINELLA   ecco, oggi mi fai a cortesia di farmi ‘n pocu di spisa. Ccà c’è a lista ca ava  priparatu. Ci pensi t u

allura?

SUOCERA  non ci sono problemi, ci pensu ju.

MAGO         (leggendo il giornale) auh, ni pizzicanu nauttri dui!


6


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

PINELLA    comu nauttri dui?

MAGO             ccà c’è scrittu. Ascuta: nella giornata di ieri, altri due lestofanti sedicenti maghi, ma in realtà solo criminali imbroglioni, sono stati arrestati a Padova, dalla Benemerita, nell’ambito di una vasta operazione chiamata “ Indovina se ti prendo”.

SUOCERA  talia chi sunu spiritosi chisti della benemerita!

MAGO            (continuando a leggere) i militari dell’arma, hanno colto in fragranza di reato i fattucchieri mentreintascavano dei soldi provenienti da una povera vittima suggestionata.

PINELLA    i cosi stannu stringennu.

SUOCERA ma di chi vi preoccupati? No capisturi chi c’era scrittu? I pighianu sulu picchìeruni sedicenni, du picciriddri va!

MAGO        ma chi sedicenni, c’è scritto sedicenti, cioè ca fannu a finta di essiri maghi e inveci non su nenti.

SUOCERA  ah,  allura propriu comu fai tu!

MAGO       mah, chi ci putemu fari? Ca finu a quannu putenu travaghiari truffannu onestamente, u facemu.

PINELLA    almenu, a cosa bona è ca pighianu di mira  sulu o nord Italia.

SUOCERA è veru. In Sicilia avemu tanti problemi, si canusciunu disoccupazioni, autobbussi ca non passunu,strati spasciati cu purtusa ca parunu crateri dill’Etna, ma ammenu ‘n chistuanu è liberu di attruffari quantu voli.

MAGO            e già, parrasti bona ‘na vota tantu. Senti Pin ella, ju mi ni staiu jennu a pripararimi ca è quasi ura (esce).

PINELLA       si, vai vai, ca ju arizzettu a ccà banna (toglie le tazze dal tavolo).

SUOCERA    pia mia, prima o poi u taccunu!

PINELLA       avaja mamma ma chi dici?

SUOCERA    dicu ca era meghiu  su arristava a fari u panitteri, travaghiu pisanti ma onestu.

PINELLA       u sacciu, ma chi ci possu fari ju? Ci l’haia dittu ‘n mari di voti, ma a iddru ci   sdunavu d’accus sì.

Chi fazzu u lassu a me maritu?

SUOCERA       ci varagnassi a mattri, ci varagnassi. Senti dammi ‘sta lista ca v’ò fazzu a      spisa, prima ca

accuminciu a sdilliriari.

Suonano alla porta.

PINELLA       arrivanu i primi clienti, quantu ci vaiu a drapiri (va ad aprire).

SUOCERA      inizia lo spettacolo! (Esce).


7


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

Scena II

(Pinella, Samantha, madre di Samantha, Innocenzio)

PINELLA      prego signore, entrate. Accomodatevi che il mago dell’infinitesimale sta per     arrivare (esce).

MADRE SAM. grazie signora, molte grazie.

SAMANTHA    mamma, ma si sicura ca ‘stu magu pò risolvere u meproblema?

MADRE SAM. mi ni parranu comu unu spiciali, unu di chiddri ca canusci u sò misteri, no comu a tutti drilestofanti ca attaccunu a deci o jornu.

SAMANTHA     spiriamo ca c’hai raggiunu tu.

PINELLA           (entrando, prende un foglio dalla tasca e comincia a leggere) signore, ecco a voi il solo e l’unico,colui che scruta senza torcia e senza timori reverenziali nei meandri dell’occulto misterioso, l’unico che legge i misteri celati fra le stelle senza usare il telescopio, il solo che sogna i numeri che usciranno nella ruota di Palermo del lotto nazionale, il solo nell’intero universo mondiale che legge la mano anche se amputata, il solo che fa l’oroscopo alle persone di tutti i segni, scimmia, calamaro, e suggi compresi! Signore…il mago dell’infinitesimale.

MAGO             (entra adeguatamente parato)  buongiorno signore.

La Madre di Samantha gli va incontro e gli bacia la mano imitata subito dopo dalla figlia.

MADRE SAM. sua eminenza eminentissima, non può immaginare qual e onore e privilegio che mi ha concessoricevendomi con mia figlia.

SAMANTHA  si si,  un grande privilegio.

MAGO                        grazie signore, grazie. Prego baciatemi pure la mano, dicunu ca porta furtuna.      Ma ora

accomodatevi e ditemi in cosa posso aiutarvi.(Alla moglie prima di andare a sedere) ma chi è stu tanfu di fetu, prima non c’era, u senti?

PINELLA       si u staiu sintennu, ma non capisciu di unni veni.

MAGO             mah, quantu mi vaiu a sittari (va alla scrivania).

PINELLA       potentissimo mago, se non avete comandi, io mi congedo.

MAGO                  si cara puoi andare. Ah senti una cortesia fammi. Nel mio studio privato, stavo parlando al

telefono con Giorgio e l’ho messo in  attesa. Per favore parricci tu e digli che lo richiamo dopo.

Pinella  esce.

MAGO               scusate signore, ma u sapiti comu funziona, unu havi un appuntamentu, quannu all’ultimu minutu pighia e chiama un amicu pi ‘n cunsighiu. Chi fa, non ci arrispunnu?

MADRE SAM. e certo, a un amico non si dici di no.


8


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO                  spatti chistu chiama dill’america.

MADRE SAM. addirittura dill’america?

MAGO                  e si! Dagli stati riuniti dell’america americana.

MADRE SAM. allura sarà un italo americano, su di nomu mi passi di capiri ca si chiama     Giorgio? E comu

fa di cognomu?

MAGO                  Bush. Giorgio Bush.

MADRE SAM. cui Giorgio Bush? U presidenti dell’america, è amico suo?

MAGO            di vecchia data! E di quant’havi ca acchinavu, mi va ciccannu pi aviri consigli supra a NASA.

MADRE SAM.  (stupita)si, a NASA!

MAGO                certu. U sapi com’è, spaziu, stelli, ju sugnu macari astrolugu e allura di tantu in tantu voli a me

opinioni. Ma veniamo a noi. In che cosa posso aiutarvi? Quali è u problema?

MADRE SAM. vede sua grazia, il problema è il seguente. A sta vidennu ccà a me figlia? Taliassi chi è beddra,chi è duci, chi è fina, chi è pusata, chi è arucata.Sapi lavari, ci nesciunu i bianchi ca parunu appena accattati, sapi stirari, sapi arizzittari a casa, sapi cucinari, comu cucina iddra egreggio signò mago cu tuttu u rispettu ci ni sunu pochi. Ha vi i manu di oru e appoi a figlia unni a metti, non s’intrica e non si strica. Non per ultimo è un’amina pia a carusa, non sò se mi sono spiegata reverendissimo mago.

MAGO                   si spiegavu signora, si spiegavu! Ma mi faccia capiri. Pi sò figlia ca sapi lavari, stirari , arizzittari a casa, cucinari, eccetera eccetera, chi sta circannu ‘n postu di travaghiu?

MADRE SAM. un maritu! Staiu circannu un maritu!

MAGO           ah un marito! E comu mai una bella ragazza con tutte queste doti, non ne ha       ancora trovato uno?

Pi casu chi è timida?

MADRE SAM.   no, c’havi un piccolo ….

MAGO              sugnuruzza, chi dici facemu parrai un poco a carusa?

MADRE SAM.  magu, ca su propriu insisti!

MAGO                allura gioia comu si chiama?

SAMANTHA   mi chiamo…(esasperare)           Samantha. Samantha con l’acca espirata.

MAGO                 (sente il fetotremendo dell’alito e reagisce mimicamente di conseguenza).  Signorina ora u capì

pirchì ancora non ha trovato marito! (si alza e comincia a camminare per la stanza).

MADRE SAM.  unni sta jennu?

MAGO           ccà sugnu, tranquilla signora. A mia mi pi aci camminari mentri a genti mi           espone i sò probl emi.

Mi cuncentru meghiu, (al pubblico) e soprattutto non moru affucatu!


9


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MADRE SAM. sua altezza signor Mago, ju ci stavu arrivannu o problema.

MAGO                   allura signorina, tantu p’accuminciari, accussì, pi evitari di stinnicchiari a qualche dunu ‘n terra, ni stu nomu non ci a putissi livari st’acca espirata? Si putissi fari chiamari ‘nda nauttra manera, Olga, Pina, Lia, nomi cutti ca richiedono poco…fiato.

SAMANTHA    ma a mia u me nomu mi piaci.

MAGO                     va bene ho capito, muta! Non parrassi chiù, pi favuri, anzi su c’a fa trattinissi u respiru. In apnea arrispirassi, in apnea. Da lei quello che volevo sapere l’ho saputo; da ora in poi parra a mamma.

MADRE SAM.   allora potente Mago, chi putemu fari pi aiutari a picciriddra e farla fari zita senza ca nuddru

curri rischi.

MAGO                  signuruzza ho inquadrato il problema, anzi per meglio dire l’ho fiutato. Mi dica la ragazza ha

avuto malattie particolari?

MADRE SAM.   no, mai. Sulu chiddri sintomatiche.

MAGO                   bene.  Mi descriva l’alimentazione.

MADRE SAM.   dettagliata?

MAGO                   dalla colazione alla cena.

MADRE SAM. allora(si alza anche la madre).A picciriddra è intolleranti al latte, e non ci piaci tantu assai afrutta, allura a matina si mangia menzu paninu, si menzu non di più, cu tannicchia di prosciuttu cottu, quantu du muzzucunu ah, e pi daricci un poco di saputi e livarici dru insipidu, ci menti na tistuzza di cipuddra calabria. A scola p’a ricreazione si magia nauttru menzu paninu cu dui tistuzzi di cipuddruzza fruisca.Appoi torna a casa pi pranzu e ju ci fazzu attruvari, ca ci piaci assai, a pasta c’o pummaroru e u tunnu (si va a sedere vicino al

mago su di un sofà).

SAMANTHA       chi fazzu avvicinu macari ju?

MAGO                     (perentorio) ferma! Non ti moviri di drocu! Non t’arrisicari sai?

MADRE SAM.      a mamma no vidi ca u divanu è nicu? Stamu stritti in tri.

MAGO                         ecco appuntu, brava a mamma! Non ci capemu, tu statti drocu.    Signora, mi livassi una

curiosità, ni sta pasta ci a metti ‘n pocu di cipud dra veru?

MADRE SAM.      magu, è sottointesu!

MAGO                      na tistuzza?

MADRE SAM.   e no! Na tistuzza pi dui cristiani ci jetta pocu. Ci mettu tri belli testi granni.

MAGO                   ah, capisco!

MADRE SAM.   sempri a pranzu, pi secunnu, na bella insalta di pummaroru e….


10


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO                      e cipuddra…

MADRE SAM.   si bravu. E a cena pi mantinirisi leggera, si mangia na bella cipuddra   infunnata cu ‘n filu di

oghiu. Ora, mi dicessi lei su chista non è alimentazioni chiù ca sana!

MAGO

di sana è  sana pi cui mangia, un poco meno pi cui, diciamo, abbazzica nei vostri dintorni.

MADRE SAM.   allora sua magnificenza, chi ci duna a me beddra profumata?

MAGO

beh, prufumata propriou non direi! (prende un flacone da uno scaffale). (Al pubblico) pi

chista, ci voli na bella dosi di pugga, accussì sbacanta tutti gli intestini vureddriferi e fossi

tannicchia  di fetu  u  perdi.  Sempri su  semu  futtunati e  non  ci appighiavu  na  testa  di

cipuddruzza ‘nda panza!(Assume un tono della voce altisonante) allora, ascoltatemi molto

bene. Questa che ho in mano è una pozione molto potente.

MADRE SAM.

potente?

MAGO

potentissima, potentissima! Adesso io dirò una formula magica per attivarla.

SAMANTHA

a pirchì, si deve attivare?

MADRE SAM.

ca ovviu a mamma, ma chi dumanni fai? Allura, su non ci fussi bisognu

di attivazioni,

tutti maghi fussumu.

MAGO

esattamente. U sintisti chi dissi a mamma? E appoi ti avevo dettu  di non parrai, a fari parrai

a mamma. Allora dicevo, adesso io dirò una formula  magica per attivarla. La ragazza

deve prendere un cucchiaio da gelato di questa segretissima pozione mescolato ad un

bicchiere d’acqua, due volte al giorno per una settimana.

MADRE SAM.

dui voti o jonnu pi ‘na simana.

MAGO

Vedrai gli influssi negativi che adesso albergano in te, evacuare il tuo corpo, liberandolo dal

problema che lo attanaglia.

MADRE SAM.

e comu i videmu evacuari magu?

MAGO

signora cu sta pozioni sò figlia  andrà almenu sei voti o jornu o bagnu, e lì evacuer à il

problema.

MADRE SAM.

o bagnu?

MAGO

e si signora mia. Tutti i problemi chiù grossi alla fine si risolvono in bagno.

MADRE SAM.  ma, comu dici lei!

MAGO

Però c’è altro da fare perchè l’incantesimo riesca. Questa antica, potentissima

e segretissima

pozione è stata fatta da me stesso medesimo, con le mie personali mani. Gli ingredienti sono

rari, ma la loro efficacia è sicura è provata nei secoli dei secoli.

MADRE SAM.   amen!


11


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO                            l’unica cosa che li può annientare, l’ unica e sola nell’universo è (crescendo di voce)

….è….è…    (tuonante) la cipolla!

MADRE SAM.  nenti di menu! A cipuddra?

MAGO                  tu, donna fetifera, vieni qua!

SAMANTHA    (dopo essersi avvicinata) chi fazzu m’assettu?

MAGO                  si, assettati ccà.

MADRE SAM.  voli fattu postu?

MAGO                     tranquilla signora, stassi vicinu a sò figlia, mi susu ju! Allora, Samantha con la acca espirata, per un anno, dico uno, non devi mangiare anzi non devi vedere mancu di luntanu la cipolla. Sei pronta tu a rinunciare ad essa per il tuo amore e pi attruvari stu binidittu maritu?

MADRE SAM. e ci pensi ancora? Ca certu ca ci rinunci!

SAMANTHA     rinuncio!

MAGO                     (va dietro la ragazza seduta e le impone le mani sulla testa)  la tua decisione  è presa. Ora

chiudi la bocca e trattieni il respiro.

MADRE SAM.  servi pa magia?

MAGO                     no signora, servi pi non farimi accupari do fetu. Ora silenzio che devo pronunciare l’antichissima formula segreta che mi ha svelato il mio illustre maestro orientale, proveniente dall’impero austro ungarico: obla dì obla dà, semu tutti pari c cà, forsi è meghiu su arisutti pi evitarimi ossa rutti! Ecco fatto, adesso la pozione è attivata, andate dunque. Tu Samantha con la acca espirata e tu, donna madre cipollifera.

MADRE SAM.  oh grazie su eminenza, grazie.

MAGO                      non mi ringrazi signora. Chi possiede un dono come il mio, deve metterlo a disposizione di

chi soffre, è mio dovere farlo, mio dovere capisce? Per pagare parli con la mia assistente.

Arrivedecci, a presto.

MADRE SAM. arrivedecci sua santità, arrivedecci. Samantha saluta, quest’uomo ti ha appena cambiato la vita(escono).

MAGO                     e macari chista è sistimata.    ‘N bellu flaconi di pugga, accussì, bellu, scarica tutti i cosi,

sbaganta i vureddra  e si libera di dri quintali di cipuddra ca s’a calatu.

PINELLA            tutto a posto?

MAGO                 si tutto ok. Pavanu le signore?

PINELLA           si, 100 euru a visita e 250 a pozioni magica.

MAGO                 a postu. Ah, vidi ca u capì chi era dru tanfu di antura.


12


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

PINELLA            a si, e chi era?

MAGO                 nenti tranquilla, fici na magia e scumparivu.

PINELLA           senti u possu, cioè a possu, voghiu diri u possu…

MAGO                 chi hai Pinella? Chi fu? Non ti staiu capennu! U possu, a  possu.

PINELLA           senti, ju accuntu u fazzu trasiri, vidi su ci capisci qualche cosa tu.

Scena III

(Innocenzio, Sharon)

SHARON             chiedo scusa, c’è permesso?

MAGO                  e di unni sta calannu st’auttru? Chi fu avannu anticipanu u cannaluvari?

Prego,comu no! Trasissi, si accomodassi sIgnora…cioè signore…signora…insom        ma zoccu è

ghiè,  s’assittassi.  Allura (finge  di  parlare  ad  uno  spirito,  camminando  per  la  stanza  e

simulando di tenerlo a braccetto) unni erumu arrivati? A si! Ti stavo dicennu, arrivatu a

Piazza Stesicoro, vai sempri o rittu versu a porta Uzeda; arrivatu a porta, pighi p’a calata da

marina, e t’attrovi di facci a villa varaghi…

SHARON             Ma chi dici a mia magu?

MAGO                  no signora non ci l’haiu cu lei. Ci staiu spiegannu ‘na strada ad uno spirito  guida.

SHARON             Uno spirito guida?

MAGO             Si. Sulu ca chistu era ‘na guida pulintuna, perciò i strati di Catania n’e canusci…         allura u capisti

unni a ghiri?  Tuttu a postu? Va beni,  si ci sunu difficoltà di strada attrovi u cimiteru, dra

hai cu cui ‘n fummariti. Arrivedecci. (Si siede alla scrivania) Allora signuruzza mia, tutto

suo sono.

(Ripensa alle sue ultime parole) beh propriu tuttu no, u sapi sunu paroli ca si dicunu. Insomma

mi dica pure.

SHARON             molto lieta, signor mago dell’infinitesimo, mi chiamo Sharon (accompagna il nome con gesto

della mano come se fosse una tigre con conseguente ruggito) crrr…

MAGO                 Sharon,  alleggiu cu sti ruggiti ca già mi staiu impressionannu.

SHARON            ma quali, stia tranquillu, tigre che ruggisce non morde!

MAGO             e menu mali! A pirchì lei fussi ‘na tigri ? Mattri mia, ma di unni spuntavu        chistu, secunnu mia è

fora di testa e appoi chi è lariu!

SHARON          si ma sono una tigre grossa ma inoffensiva, sono passiva.

MAGO                a chisti fatti sò sunu.

SHARON            insomma io più che la violenza amo le coccole. Sono una tigre miciona.

MAGO                 a mia veramenti chiossai ca ‘na tigri miciona, mi pari ‘na tigri ricchiona!


13


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

SHARON         cosa dice? Crrrr…

MAGO               niente, niente parlavo  fra me. (Si alza) meghiu ca m’alluntanu, prima ca fra na rattata e nauttra,

chustu  s’allippa ausi calamaru. Ma mi dica come la posso aiutare mia cara signora Sharon?

SHARON          sono innamorata fracida!

MAGO                e questo mi fa piacere.

SHARON          si, ma il mio innamorato non ricambia.

MAGO             a non ricambia? (Con ironia) bih e cu u sapi comu mai, e accussì beddra e  frisca ca pari na rosa!

SHARON          dice veramente?

MAGO                comu no! Si certu, si precisa, uguali, sgraccata a dra cosa laria di me soggira Rosa. Ma mi parli

della vostra storia e vedrò come posso aiutarla.

SHARON         allora, ora ci racconto tutto, ma sappia che io ci tengo alla mia privacy.

MAGO              quello che dice in questa stanza, quà     resta, può starne più che tranquilla.

SHARON          deve sapere che io non sono una donna.

MAGO                 no! Ma chi mi sta dicennu?

SHARON            non si n’ava accuggiutu veru?

MAGO                 per niente! Completamenti!

SHARON               insomma, io nella vita mi chiamo Carmelo e fazzu u muratori. Ora, qualche  mese fa stavu

travaghiannu in un negozio, e proprio di facci a stu negoziu, c’è ‘na macelleria generi alimentari.

MAGO                 e finu a drocu tuttu appostu.

SHARON           se non fosse altro ca ni sta chianca, ci travaglia un fustu di masculu tuttu muscoli e pila ca ci

nesciunu da cannuttera.

MAGO                 certu ha ghiessiri a fini do munnu! Fra cuntu ca vomitu.

SHARON                  (si alza) chiossai magu, chiossai. Ju travaghiannu, travaghiannu, chi voli, fra ‘ncoppu di

mazzolu ‘ndo muru, ‘na sistiata di intonaco ‘ndo ta mmusu e na ‘mpastata di cucinazzu, l’occhiu non puteva fari a menu di cascari ‘nda di razza putenti.

MAGO                  ovviu, anzi m’addumannu comu arrisistivu a non savutaricci d’incoddru!

SHARON             lei non mi pò cridiri! Mi ci volli tutta la mia buo na volontà, mi ci volli ‘na fozza vadda, che mi

stupisco ancora a pensarci. Si facissi u cuntu ca quannu ci u cuntai alle mie amiche Deborah e Trasgressiv…

MAGO                   comu Trasgressiv?


14


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

SHARON

si.

MAGO

e sunu macari iddri tuccati da rannula?

SHARON

avaia non sghizzassi, Cicciu e Michele sono due ragazze di oro.

MAGO

e cu u sta mittennu in dubbio, pi carità.

SHARON

insomma quannu ci cuntai sta storia u sapi chi mi dissunu? (Urlacchiando ) Sharon, ma sei una

pazza , una cretina, una sadomasochista, sei un etero!

MAGO

e lei chi ci arrispunnivu?

SHARON

ju ci dissi: no! Etero no! Non vi pimmittiti ah, sceme!

MAGO

ca certu, chiddru ca è giustu è giustu!

SHARON

insomma, ju circai di attaccari buttunu, ogni jornu jevu ‘ndo sò negoziu pi

accattarimi u

pranzu e certi voti ci tunnavu macari a sira. Ah, chi ricordi meravigliosi. Attanasio, accussì

si chiama il mio amore, nisceva da cella frigorifera come un dio greco, beddru, slanciatu,

massicciu, musculusu, cu dra maglietta janca ca ci niscevunu i pila dò coddru e d’asciddri,

macchiata di lurdia stagnata. Un braccio che avvinghiava con vigore mascolino, un quartu

di voi appuggiatu supra e sò spaddri musculusi. Pas sava ammenzu a clientela pi purtari u

quartu supra o vancuni, e quannu era a vinti centimittri di mia, bellu, chinu, sustanziusu, si

sinteva u ciavuru di suduri ca faceva attisicari pila ‘nda testa macari e tignusi, non so se mi

spiego.

MAGO

e comu no! Si spiega, si spiega. Mattri mi sta vinennu di vumitari, a stu

coppu non mi

trattegnu.

SHARON

appoi arrivava o vancuni e turutuppite, lassava iri l’armali supra a balata.

Acchiappava dru cutiddrazzu cu na manu, u limava e quannu era prontu isava l’occhi vessu a

clientela. E prima di accuminciari a fiddruliari cu dru so cutiddruni…pammiti! Ci chiantava

due  belli manati chini ‘nda  dra  carni.  Matri  pari  ca  mi chinatava  a  mia…brrr,  sulu a

pinsaricci mi sta vinennu a pelle d’oca.

MAGO

a lei? A mia già mi arrizzannu i carni . Ma sintissi, lei chi faceva, chi faceva?

SHARON

e ju ci vuleva pocu ca svineva! Ci fu ‘na vota ca mi ‘ntisi mancari, appa a nesciri fora a

pighiari aria.

MAGO

ho capito. Ma ju comu a pozzu aiutari?

SHARON

semplice. Deve sapere ca di quant’havi ca timminamu i travaghi non è ca  ci possu iri tantu u

spissu  a putia, allura sutta cunsighiu delle mie amiche…

MAGO

cui Cicciu e Michele?


15


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

SHARON

si. Loro mi hanno consigliato di prendere in mano u me destinu, farmi   curaggiu e andare da

Attanasio pi invitallu a nesciri. Ora però, a mia n on mi piaci fari mala cumpassa ca genti e

allura vulissi ca lei mi liggissi a manu pi dirimi su ‘sta storia può funzionari.

MAGO

e noi qua per questo siamo. Vinissi assittamuni ndo divanu ca stamu chiù comudi.

SHARON

(si siede e si avvicina al mago) così va bene?

MAGO

macari tannicciheddra chiù  distanti. Non c’è bisognu ca s’incugnia troppu assai. Avanti si

luvassi i guanti.

SHARON

i guanti di sita? Ma vidissi ca sunu  accussì dilicati ca ci putissi leggiri  macari attraversu.

MAGO

u sacciu. Si vidi ca sunu fini, ma è meghiu ca si leva. U sapi, sugnu

n’ pocu miopi e che guanti haiu qualche problema di vicinu. Lei chi è distrusu o mancanusu?

SHARON

distrusu. Fazzu tutti i cosi ca destra.

MAGO

tutti…tutti i  cosi?

SHARON

si, proprio tutto!

MAGO

allura mi dassi a manu sinistra.

SHARON

e pirchì ?

MAGO

sintissi, u magu sugnu ju, perciò poc hi stori e m’ascutassi. (prende la mano  fra le sue, una

lente di ingrandimento dal tavolino e comincia a leggere).

SHARON

e dra lenti di ingrandimentu a chi servi?

MAGO

serve a vedere anche le linee più piccole e delicate.

SHARON

ah capisco. E che vede, che vede?

MAGO

e ‘n minutu, ancora staiu circannu di capiri  in chi lingua è scritta e quali

codici utilizzari pi

leggiri.

SHARON

pirchì, chi ci sunu diversi lingue di manu?

MAGO

diverse? Ce ne sono a migliaia, ma che dico a migliaia, ce ne sono a milioni, a miliardi. Ma che

dico miliardi? Ce ne sono a decine.

SHARON

bih, vadda chi cosi. E ju ca pinsavu ca non ci vuleva nenti.

MAGO

si nenti! Allura secondo lei tutti gli anni di studio che ho fatto non sivvevunu a menti? Tutti i

sacrifici per imparare i misteri svelati dal mago del Tibet nei setti anni ca ci stesi?

SHARON

stesi setti anni ‘ndo  Tibbetti? E chi faceva u pendolari ogni jornu fra Catania

e stu Tibbetti?

MAGO

ca certu, c’o muturinu non è mancu menz’ura.  Chi ci pari ca arriva u primu ca passa  e leggi

na manu? Chi fa, stamu sghizzannu? O ci pari ca semu ccà p’ambrusari a genti?


16


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

SHARON

mi scusi, non vuleva affenniri. Ma mi dicessi, chi tipu di manu è a mia?

MAGO

mia cara Sharon crrr…a sò è chiaram

ente una mano calliforiforme.

SHARON

nenti di menu? E chi voli diri?

MAGO

vidi, ci sono tanti tipi di manu. I chiù famusi sunu chiddri unni si ponnu leggiti i linii. Appoi ci

sunu chiddri comu a tò unni si ponnu leggiri sulu i  caddi.

SHARON

i caddi?

MAGO

si proprio così? Ovviamenti a lenti di ingrandimentu non servi. Ecco per esempio, chistu è u

caddru da saluti. Mi dici chiaru e tunnu, ca c’hai  ‘na saluti di ferru e campi almenu

cent’anni, su a motti non t’arricoghi prima ovviame nti. Questo, ecco u vidi? Questo è

quello del lavoro. Tuttu a postu, u travaghiu non ti mancherà.

SHARON

e quello dell’amore chi dici? M’abbiu cu Attana siu?

MAGO

(al pubblico) fussi di tia m’abbiassi da punta o molu cu na bella pettra attaccata o coddru. (A

Sharon) Cara mia, il callo parra chiaru!

SHARON

e chi dici, chi dici?

MAGO

dici: Sharon, abbiati cu tuttu u sceccu. Attanasio sta aspittannu a tia che  braccia aperti.

SHARON

beddramatri, accussì dici?

MAGO

u caddru parra chiaru. Sarà amore !

SHARON

mattri mia chi sugnu contenta. Appena ciù dicu a  quelle due pazze! Grazie   signò  mago,

grazie, lei mi ha dato la felicità.

PINELLA

(entrando con un telefono in mano)

scusatemi se vi disturbo. Mago dell’infinitesimo, c’è al

telefono la signora Lo Fico ca ci voli diri ‘na cosa velocissima.

MAGO

dammi. (A Sharon) mi scusi un attimo. Signora buon giorno. Guardi ca c’haiu sulu ‘n secunnu

pirchì staiu visitannu. Chi volu  tri numiru in siccu pa rota di Palemmu? 47, 67, 89. Prego,

prego, arrivedecci. (Da il telefono alla moglie che esce) grazie, assistita. Bene signora, con

lei abbiamo  finito, parrassi ca me assistenti per il resto.

SHARON

ancora grazie potente mago. Allora appoi ci fazzu sapiri comu finivu , va beni?

MAGO

ccà sugnu.

SHARON

a mago ‘n auttra cosa. Visti ca duna belli nummira. Chi è mi pò dari na para macari a mia?

MAGO

certu! 61 macellaiu, 47 morto che parla, 16 culu. Chi piaciunu?

SHARON

ma parranno cu lei ju non ni capisciu nenti di nummira, però chisti mi parunu  belli,

specialmente u 16, mi piaci! (Esce).

MAGO

ca certu ca ti piaci, e chi mi dici a mia! Su non sunu pazzi, ccà non ni venunu!


17


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

Scena IV

(Innocenzio, Venera )

VENERA

(personaggio esagitato da caratterizzare) c’è permesso, veru?

MAGO

ca oramai ca trasivu! Pregu signora s’accomoda.

VENERA

disgraziatu, cosa fitusu, mala suttatu, infami…

MAGO

signora, chi c’haiu fattu ca si sta pattennu d’accussì?

VENERA

(in piedi e con impeto) no, chi c’entra lei! Me maritu! Dru cosa tintu e fitusu, staiu parranno du

iddru. Disgraziatu, mi sta facennu i corna cu ‘na carusiddra. Disonestu, maledettu! Ma

quantu è veru ca mi chiamu Venera Agnello in Pizzuto, u scannu beddramatri, s’a perdiri u

me nomu su non ci scippu i cannarozza cu tutti i tonsilli cu sti manu, a dru porcu fattu a

chistianu!

MAGO

( va verso la signora) un mumentu signuruzza, ca già m’allinchivu u studiu  di sagnu, vureddra

e interiori vari, senza ca ju haiu caputu nenti di chiddru ca sta succidennu.

VENERA

ma comu non ni sapi nenti? Havi un quartu d’ura ca a dra banna, ci cuntu tutta a storia pi filu

e pi segnu a sò assistenti…

MAGO

a me assistenti?

VENERA

si! A dra signora anziana ca c’ è a dra banna. Iddra mi dissi: signora, su voli sparagnari tempu,

‘na vota ca trasi a parrari c’o magu, mi cuntassi t utta a sò storia a mia ca sugnu l’assistenti

spiritualistica do potentissimu, accussì ju ci la spidisciu o magu telepaticamente, iddru

accumincia a elebborarla e quannu trasi ci duna direttamenti a soluzioni!

MAGO

ah, ora capisco! A me assistenti…  spiritualistica…anziana! Certu telepatia. Purtoppu

signuruzza, in questi giorni, il sentimento telepatico, non mi sta funzionannu bonu in

ricezione.

VENERA

a no? E comu mai!

MAGO

comu mai? Ca…comu…mai!

(Riflette qualche istante) a ‘ntinna, si a ‘ntinna!

VENERA

chi, a ‘ntinna?

MAGO

e si! Purtroppo havi quantu ‘na simana ca muntanu una grossa antenna ca ne vicinanzi. U

sapi  di chiddra  p’e  telefoni cellulari! E di tannu  u  sintimentu telepaticu  mi fassia a

funzionari. Secunnu mia sunu l’interferenze antennifere.

VENERA

bih, vadda chi cosi. U dicu sempri ju, stu progressu è a nostra ruvina!  Tutti sti telefuni

cellulitici, navigatori sintennu parrari, tutti dri cosi ca si mentunu ‘nda ricchi p’ascutarisi a

musica, comu si chiamunu? Mi pari ca si chiamunu haiu a Puddru o qualcosa del genere.

Sunu tantu belli e comudi, quantu piriculusi e malefichi p’a nostra saluti!


18


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO

raggiuni havi. Comunque già fici espo stu, e ‘nda sti jorna avissunu abbissari a facenda.

S’assittassi signuruzza  (nel divano), chi arristavu susuta? Comunque, chi fa mu fa un

riassunteddru da storia?

VENERA

allura, mago lei ha sapiri ca ju sugnu maritata cu me maritu da ben 32 anni. Ora, in questi

anni, c’hanno stati alti e bassi, mumenti belli e menu belli, sacrifici e divertimenti, comu

in  tutti  i  famighi  d’altronte.  Tuttu

filava  normali  e  tranquillu,  fino  a  quannu

(  s’infervorisce  e  si  alza)  ,  finu  a  quannu  arrivavu  dra  scostumata,  sconzafamighi,

fimmina strafallaria, dra nova collega. Mago, li deve vidiri chi sunu finicchi! Sempri

assemi, ‘n passu fa iddru, e unu ni fa iddra. Ca scusa do travaghiu, sunu tuttu u jornu

insemi. A iddri ci pari ca ju sugnu scemunita, oppuri ca vivu ‘ndo bummulu! Ma ju ci

scuprì i carti. I corna mi stanu mittennu, i conna! Ma ju i scannu, i capiddri ci scippu, li

vunchiu a tumpulati a tuttu e dui, ci mangiu u ficutu senza mancu arrustillu. Pi favuri

magu m’aiutassi lei, pirchì annunca ju fazzu qualch e fissaria.

MAGO

si calmassi signora, si calmassi, ca ora videmu chi putemu fari. Chi travaghiu fa sò maritu ?

VENERA

è capo stazione.

MAGO

e unni bicocca o a stazioni centrali?

VENERA

no a San Cocimu!

MAGO

pirchì  chi ci ficiunu a stazioni a San Cocimu?

VENERA

avi ca c’è almenu 70 anni.

MAGO

menti di menu! Ma lei allura chi parra di littorina? Di ferrovia circumetnea?

VENERA

ma quali littorina e firruvia circumetnea!

MAGO

signora lei mu dissi ca sò maritu è capo stazione!

VENERA

è capo stazione si, ma di carabbineri. È mares ciallu comandante di stazione.

MAGO

ah, ju ava caputu n’auttra cosa. E sta nuova collega allura è una carabbiniera?

VENERA

brigadieressa ! È una brigadieressa. Arrivavu

ca non c’havi mancu du misi. E avi di tannu ca

tirminavu a paci intra a me casa. Me maritu dici ca nesciunu insemi pi travaghiu, per una

operazione segreta della quale non mi può parlare.  Ma ju non ci ammuccu. L’haia vistu che me

occhi insemi, in borghese, Catania, Catania. Ni l’ultimi periodi passa chiù tempu cu iddra ca cu

mia. E la deve vedere a dra jatta motta chi è abbissata! Pari chiddra ca non ci curpa cu dra facci

di bronzu, pi non diri auttru, e alleggiu alleggiu su sta puttannu a me maritu. Disgraziata,

arrobba mariti.

Chi putemu fari magu? Sulu lei a pò sarvari a me famiglia. Sugnu nelle sue mani !

MAGO

signuruzza, la situazione è di facile risoluzione (si alza a va a prendere un libro). Si tratta della

classica  storia,  dell’uomo  avanti  con  gli  anni,  oramai  annoiato  da  una  sedentaria  vita

matrimoniale.


19


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

VENERA          però quannu ci fazzu a capunatina ca s’allicca m acari i baffi non mi pari annoiatu! E non mi pari annoiatu mancu quannua sira ci fazzu u spogliarellu ausi Sofia Loren ‘ndo fimmi cu Mastroianni.

MAGO               signora non scendiamo nei particolari, non mi sembra il caso. (Sfogliando il libro come a cercare qualcosa) allora uomo di mezza età, invaghito da una giovane e provocante donna…

VENERA    ma quali provocante, chiddra pari na jatta morta. È accussì laria ca su casca supra a morti fa scu pa.

MAGO dicevo, invaghito da una giovane e provocante donna, per giunta sottoposta professionale… VENERA bravu droci ci anzittavu. Pi mia chiddra a sottoposta a fa di professione, e non aggiungo auttru.

MAGO         ecco qua, trovato! (Prende un falcone) signora vinissi ccà. Pighiassi stu flaconi.

VENERA     chi stamu facennu?

MAGO          questo è un flacone contenente una rara pozione magica.

VENERA       rara?

MAGO              rarissima signora, rarissima. Questa pozione l’ho fatta quando mi trovavo in ritiro meditabondo nell’america del sud, nella terra degli aztechi.

VENERA            e quannu tunnavu mi immagginu ca s’appa a tagliari i capiddri a tunna e s’appa disinfettari tuttu paru!

MAGO            pirchì?

VENERA       ca comu pirchì! S’arritiravu dill’america che zicchi! Minimu minimu, na bella disinfestazione globalitica l’appa a fari!

MAGO               questa pozione, che ho fatto unendo i miei poteri a quelli del grande capo Azteco, sta per finire, questa è l’ultima boccia. Io la dono a lei perché ’amorel e la tranquillità torni in casa sua.

VENERA       macari i sò paroli arrivassunu in cileu!

MAGO             pighiassi sta buttighia. Protenda il braccio che la deteniene in alto.

VENERA       chi haiu a fari?

MAGO               isassi u razzu signora! Chiuda gli occhi, metta l’altro braccio dietro il collo. Alzi una gamba e stia in equilibrio sull’altra.

VENERA        Mago, ma pirchì haiu a fari tutti sti cosi?

MAGO              perché questo è previsto dal rito. Adesso eggeròl da questo antichissimo libro di magia orient ale, un incantesimo d’amore, che infonderà nella pozione ed in chi la tiene in questo momento, il potere di fare o rifare innamorare chiunque la beva. E lei ci la fari viviri quantu prima a sò maritu.

VENERA          magu. Pi cottesia si spicciassi cu st’incantesimi, pirchì ci manca pocu ca perdu l’equilibriu e m’arruzzulu ‘n terra. E appoi addiu pozioni, buttug hia e zicchi.


20


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO

leggo:  obla dì obla dà, semu tutti pari ccà , forsi è meghiu su arisutti pi evitarimi ossa rutti! Ecco

fatto!

VENERA

finuvu? U possu appuggiari u pedi? I rapu l’occhi?

MAGO

si finì. Ora pò fari zoccu voli.

VENERA

mi ava  aggrancatu ni dra posizioni. Ma chi non si fa pi amuri?

MAGO

allura è chiaru signora? A sta sira ‘sta pozioni c’a sduvaca ammenzu a

‘n bicchieri di vinu, e  ‘n tempu na simana massimu , sò maritu non vidi ca a

lei.

VENERA

ca speriamo magu, sperriamu. Pirchì allura a schifiu finisci! Mi ni pozzu iri?

MAGO

la voglio con la salute.

VENERA

chi fazzu, i soddi ci dugnu alla sua assistente spiritualistica?

MAGO

no, no! Meghiu ca ci duna a chiddra chiù carusa, ascutassi a mia.

VENERA   comu desidera. Arrivedecci (esce).

MAGO

e st’auttru miraculu u fici!

Scena V

( Innocenzio, Aldo, Suocera)

ALDO

suo potentissimo, reverendissimo, altolocatissiomo, egregissimo, truffaldissimo mago, pozzu

trasiri?

MAGO

veni scemunitu, trasi.

ALDO

comu semu? ( Va a sedersi sul divano).

MAGO

ca comu ama a ghiessiri? Ca chinu di travaghiu comu sempri.

ALDO

pirchi chi ti mittisti a travaghiari di novu?

MAGO

ma quantu si spiritusi! Tu inveci, chi hai ca t’abbiasti a pisu mortu ausi

‘n saccu di patatati supra o divanu? Chi si stancu di capu matina?

ALDO

mio caro Innocenzio, tantu p’accuminciari, può essiri capu matina pi tia, ca  su non prima s i fannu

i novi menu ‘n quartu non ti scugni do lettu. Il qui presente è susutu de cincu.

MAGO

e chi tinni isti a coghiri vaccareddri?

ALDO

si sghezzacci tu. Ju pi puttari u pani a casa, haiu a travaghiari, appiddaveru,

non comu a vossia,

potentissimu.

MAGO

e amico mio, chi voi? Ogniunu havi zoccu si merita. Voli diri ca ju mi miritavu fama e soldi e tu

inveci fami e basta.


21


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

ALDO            ma senti, vistu ca tu c’hai tutti sti gran soldi, pirchì chiamasti a mia  pi fariti sti fotografii e non ci

‘u dicisti a un fotografo professionista?

MAGO            semplici! Pirchì su spennu qualche soldu, prifirisciu favuriri ad un amico.

ALDO             e forsi macari pirchì cu l’amicu spenni chiù pocu, veru?

MAGO            va beni, chisti sunu particolari insignificanti.

SUOCERA    (entrando)  chi fa vu portu ‘n cafè?

MAGO             a proprositu di cosi insignificanti. Me soggira!

ALDO                 si , grazie signora, ‘n bellu cafè mu pighiu.

SUOCERA      quantu di zuccuru?

ALDO                du belli  cucchiaini. Ci abbasta a vita amara.

SUOCERA       tu magu, quantu di zuccuru?

MAGO                    ma comu, non t’arrivavu u messaggiu telepaticu ca ti mannai ora ora, mia cara assistente

spiritualistica? Tu si ‘na cuttighiara, ‘mpacchidre ra!

SUOCERA       e  bonu, bonu , non fari d’accussì. Una voli essi ri tannicchia ospitali e talia comu fa!

MAGO                o spitali ‘n jornu di chistu ti ci mannu ju che me manu. Qantu voti ti l’haiu dittu ca non c’a ‘n

cucchiari fissari e me clienti!

SUOCERA          sentulu a chistu. Mi rimprovera pirchì ogni tantu ci dicu fissare e clienti. Ma pirchì tu inveci chi ci cuntu? Tu chi fai tuttu u jornu? Almenu ju ogni tantu, tu ogni coppu!

MAGO senti vottinni ah. Vottinni ca è meghiu. Pi favuri o pighia sti cafè, prima ca perdu a testa. SUOCERA e quali fussi a novità?

MAGO              ammazzu, livatammilla d’avanti allura ammazzu!

SUOCERA      meghiu ca vaiu a pighiari i cafè. A tia caro genero ti mettu sei cucchiai di zuccuru accussì tutta

sta bili ca c’hai videmu su ti passa.

ALDO                   allura, videmu chi ama a fari ca ju c’haiu primura. Sugnu in pausa pranzu e prima di turnari a

travaghiari mu vulissi mangiari ‘n muzzucunu di pani.

MAGO                     dobbiamo fare un piccolo servizio fotografico, pi farmi pubblicità. Insomma   pò giurnali,

volantini,  cartulini ricordo, immagginetti.

ALDO                  immagginetti?

MAGO                 immaginetti, immaginetti!


22


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

ALDO

e chi addivintasti santu?

MAGO

caru mio ‘nda vita non si pò mai sapiri . Intantu ju pi non sbaghiari mi pottu avanti c’o travaghiu.

ALDO

ca comu dici tu, abbasta ca mi pavi. Allura a prima a facenu assittatu ‘nda scrivania. Fai

qualche cosa.

MAGO

e chi fazzu?

ALDO

ca inventa comu fai di solitu. Chi sacciu arrimina i catti, leggi ‘nda baddra di vittru. (Il mago

esegue e luio scatta)

SUOCERA   ecco i cafè. Innocenzio chi sunu i fotografii p’a lapidi pi quannu stiri i palitti?

MAGO

senti ti ni voi iri, ah?

SUOCERA

già  immagginu  a  scrittura  ‘nda  lapidi:  qui  giace  nel  riposo  eterno  il  grande  mago

dell’infinitesimo, talmente potente ca di quanti malanovi mi mannavu, ju sugnu ancora viva

mentri iddru attisicavu!  (Esce).

MAGO

acqua davanti e ventu d’arrerti! Malanova!

ALDO

ora mettiti vicinu a libreria (nel frattempo lui scatta).  Ecco, ora pighia un libru.

MAGO

chistu va beni? (prende quello dal quale aveva tratto l’incantesimo per Venera) è un antichissimo

libro di magia orientale.

ALDO

pi mia pò ghessi macari u postalmark et, non mi interessa, basta ca c’havi na bella copertina.

Bene così. Fermo. Va beni, ora grapulu

e leggi.

MAGO

ma chi leggiu? Di intra è leggiu. C’èpulustirolu.

ALDO

e allura pighini n’auttru.

MAGO

Aldo  chista ca vidi, è una comodissima biblioteca di libbri di pulistirolu. Non pisunu, costunu

pocu e fannu a sò bella cumpassa.

ALDO

e va beni, voli diri ca ti pighiu di facci. Fai finta ca leggi. (Il mago accentua la mimica facciale)

fai a faccia impegnata. Ora fai a facci intelligenti. Va bene, ora fai a facci sorpresa.  Fatto. Ora

l’ultimi assittatu ‘ndo divanu.

MAGO

ci ni vulissi una mentri leggiu na manu.

ALDO

e cu ta presta sta manu? Tu si u magu , ju haiu a scattari i fotografii?

MAGO

chiamu a me mugheri.  Pinella…Pinella…

o Pinella!

SUOCERA

per ora non pò lassari Pinella. Chi ti sevvi mal u maritu.

ALDO

na manu. Ni servi ‘m pristata ‘na manu. Chi fa na p resta lei signora?

SUOCERA

abbasta ca non ma scippati e appoi ma tunnati!


23


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO                   a tia sulu a testa ti possu scippari, e prima o poi u fazzu credimi, u fazzu. Veni ccà as settiti e

dammi a manu forza.

ALDO                  va bene. Fermi. Fermi ne faccio n’auttra pi sicurezza. Finito.

SUOCERA        serve altro?

MAGO                 si, ca scumpari da me vista pi deci minuti.

La suocera esce.

ALDO                  ju tirminai.

MAGO                va beni, grazie. Ni videmu quannu su pronti i fotografii.

ALDO                       va beni. Ora a pubblicità ‘ndo giurna li, u prossimi passu quali è ? Ti presenti alle elezioni

politiche.

MAGO                e perché no!

ALDO                 ju stavu sghizzannu. Per fare u puliticu, ci  volunu caratteristichi particolari, chi sacciu, a sapiri

‘m prusari a genti, devi prumettiri cosi ca tu inveci sai essiri impossibili, ha aviri sempri u

sorrisi stampatu ‘n facci macari cu cui ti fa antipatia. Non devi avere ne scrupoli ne rinmorsi

di coscienza quannu freghi a genti. E appoi una volta eletto, cu si è vistu si à vistu, non ti n’a

futtiri di nuddru e cu veni veni, a cuntinuari a promettere senza poi moviri un dito per aiutarlo.

(Si ferma a riflettere) ma chistu si tu! Arrivederci onorevole! (Esce).

MAGO               si ciao,ciao. Mizzica auh, mi sapi ca u sulu ciavuru di dra purga ca ci desi a carusa, sta facennu

effettu macari cu mia. Quantu vaju a sbacantari va! (esce da una porta diversa da quella dalla quale entrano i clienti).

Scena VI

(Pinella, Maresciallo, Brigadiere, Innocenzio )

PINELLA         signori prego,prego. Accomodatevi nel divano che il potentissimo mago  dell’infinitesimo, sta

tornando. Intanto mettetevi comodi.

MARESCIALLO  grazie signora, grazie.

La moglie esce di scena.

MARESCIALLO  allura è tutto chiaru?

BRIGADIERE      perfettamente, maresciallo.

MARESCIALLO     meghiu ca arripassamu u pianu, pi essiri sicuri di non sbaghiari. Allura ricordati ca chista

èuna missione segretissima. Il comando generale della benemerita, ha lanciato una operazione su scala nazionale pi smascherari tutti sti maghi truffatori ca freguri a genti. Sia chiaro, nuvauttri semu maritu e mughieri; zoccu dobbiamo diri già u sai.


24


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

BRIGADIERE           si signore! M’arrivoddu tutto alla perfezione. Dobbiamo cercare di coglierlo con le mani nel sacco. No frattempo i nostri colleghi registrano tutto grazie alla ricetrasmittente che posizioneremo.

MARESCIALLO   brava! Anzi a propositu, vidi cu veni  ca ju ammucciu a cimici.

Il brigadiere va alla porta per controllare, mentre il maresciallo nasconde la cimice.

MARESCIALLO ecco fatto, ccà n’a pò vidiri sicuramenti.(Parla verso la cimice) prova, une, tuo, tri, quattri,prova, prova, mi sentite? Passo e chiudo, prova, prova. Squadra di attacco in posizione. Passo e chiudo.

BRIGADIERE        maresciallu ma chi sta dicennu? Cu cui sta parranno?

MARESCIALLO ca con i colleghi della centrale, cu cui allura? Squadra di attacco al posto di combattimento.

BRIGADIERE      e cui saremmo nuvauttri a squatra di accaccu?

MARESCIALLO  certu! Secunnu tia chi vinnumu a fari ccà?

BRIGADIERE        ad arrestare il malfattore.

MARESCIALLO  brava! Vinnumu p’attaccallu. Allura non semu ‘na squatra d’attaccu?

Ora i nostri colleghi aregistranu tuttu chiddru ca stu magu de me stivali dici, e ‘n tempu na

para jorna avremo tutto il materiale che ci serve per incriminarlo.

BRIGADIERE        ca comu dici lei.

MARESCIALLO  veni ccà.(Dopo che il brigadiere si è avvicinata)appuntatu?

BRIGADIERE        veramenti, Brigadiere!

MARESCIALLO  appuntatu bonu?

BRIGADIERE        no maresciallu. Ju sugnu brigateri e a limiti bona, no bonu!

MARESCIALLO        ma chi vai dicennu? U microfunu a forma di buttuni supra a me giacca, è appuntatu bonu o pensi ca si pò scusiri?

BRIGADIERE        ah maresciallu, m’a scusari, ava caputi mali . Si, si è cusutu pirfettu.

MARESCIALLO     e appoi ni lamentamu ca ni fannu i barzelletti. Comunque ora basta cu stu maresciallu,

prima ca ni scoprunu a cupertura. Ju sugnu u tò ama nti.

BRIGADIERE         comandi maresciallu.

MARESCIALLO   allura c’hai a testa di bronzu? Non m’a chiamari chiù maresciallu.

MAGO                       buongiorno signori, benvenuti. Prego accomodatevi. In cosa vi posso essere utile (si siede

alla scrivania e comincia a mescolare le carte).

MARESCIALLO   buongiorno, mago. Noi avremmo bisogno del suo aiuto per risolvere un  problemuccio.


25


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO

signuruzza, ci isassi (alle carte che aveva mescolato)…pighiassi 5 carti. Avanti bel signore

5 ci dugnu macari a lei e 5 mi pighiu ju.

BRIGADIEREma cosa ne devo fare?

MAGO

sbellicassi signora, sbellicassi. Parola…chi havi signora?

BRIGADIEREun asso e una coppia di donne.

MAGO

e lei bel signore?

MARESCIALLO

doppia coppia.

MAGO

e cari miei, poker d’assi!

MARESCIALLO

e comu fici?

MAGO

cu è u magu?

MARESCIALLO

già veru. Comunque, io la signora qui  presente…

MAGO

sua figlia.

MARESCIALLO

quali figlia?

MAGO

la signorina qui presente. Non è sua figlia?

MARESCIALLO

no, ma che cosa dice? Non è mia figlia, è…è… è l  a mia amante!

MAGO

ah, ora capisco! Si tratta di corna allura? Interessante! (Si alza dalla scrivania  e cammina)

BRIGADIEREdi amore, si tratta di amore.

MAGO

signore lei che lavoro fa?

MARESCIALLO   (segue il mago)io sono un direttore di banca.

MAGO

e lei signorina che fa?

BRIGADIERE

sono disoccupata.

MAGO

appunto, comu dicevu ju. Si tratta di puro amore. Ma andiamo al nocciolo della questione.

Quale è il problema?

MARESCIALLO  vede mago, io sono sposato da 25 anni con la stessa molgie. Ora, me mughieri è ‘na brava

cristiana, fimmina di casa assinnata, madre ineccepibile,però onestamente mi stufai di

mangiari sempri pasta e cocuzza, pasta e cocuzza.

MAGO                         e ora inveci attruvavu ‘n bellu fillettu friscu, e vulissu canciari pietanza.


26


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MARESCIALLO    appunto. Ju e u fulettu… cioè ju e a signorina,ni vulissumu maritari. Però haiu a truvari

una scusa pi lassari a me mugheri senza farla soffriri.

MAGO                         bih, chi cori granni!

MARESCIALLO  sarebbe ancora megghiu, su  a lassarimi fussi iddra, me mugheri, accussì a decisioni è da sò,

ju arrisuttu chiddru abbannunatu, e nuddru quannu mi maritu di novu, mi pò diri nenti.

MAGO                        bella pinsata, complimenti! A certu ca a banca u ciriveddru vi furria bonu appiddaveru! Ma

d’altronde, allura come fareste a fregarini i soldi senza farivi attaccari?

BRIGADIERE         chi potemu fari o potente magu?

MAGO                               viniti ccà, assettativi, ca inta nto videmu chi ni dicunu i carti. (Si siedono sul divanetto

davanti al quale c’è un piccolo tavolinetto dove appoggia le carte). (Mescola le carte)

pighiati cincu carti a testa.

MARESCIALLO   (di slancio) poker di kappa, a ‘stu corpu u fregai, vincì ju!

MAGO                        ma chi fa ? Chi dici? Datimi sti carti. (Rimescola solo le 10 e si accinge a leggerle). Allura,

videmu iddri chi ni pensunu di questo amore disinteressato. Re di oru, e chistu mio caro

direttore è lei, che in quanto bancario i soddi non ci mancunu. E affinu a drocu ci semu.

Seconda carta, femmina in calore. E supra a cu fussi, quacche piccolo sospettuccio ju ci

l’haiu! Terza carta, sanguisuga! Drocu semu! Chista è a signorina, sicuru.

MARESCIALLO   ma, mago chi dici?

MAGO                       ju? Ju nenti dicu! Iddri, i carti stannu parranno. E mio caro direttore ricco, anziano e mancu

tantu beddru, che si vuole maritare con un filetto friscu e macari finicchiu, i carti non mentunu mai!

MARESCIALLO   andiamo avanti.

MAGO                        quarta carta. La luna nera. E supra a chista non  c’è dubbio…

MARESCIALLO   a no?

MAGO                        assolutamente. Chista è sò mughieri!

MARESCIALLO   la luna nera?

MAGO                             ca certu. Pirchì mio vecchio direttore, chi pensa ca ci fa i corna con una cerbiattina, per

usare un eufemismo, è a vulissi macari sorridente e raggiante comu o suli? So mugheri

sarà no raggiante, arraggiata e nivura, appunto com e la luna nera. Quinta ed ultima carta.

Aih, aih, mali a vidu pighiata.

MARESCIALLO   chi fu? Chi vidi magu?

MAGO                         la signora con la falce.

MARESCIALLO   ‘na contadina?


27


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO

si certu, a fruttivendola! La morte, vedo la morte!

BRIGADIERE

e pi cui?

MAGO

mah, signorina, dui chiù dui fa quattro. U diritturi ci fa i corna a sò mughieri cu ‘na  carusiddra,

a mugheri u veni a sapiri, s’incazza comu ‘na faina  arraggiata,

vi pisca assemi a fari

tricchi e tracchi, certu sempri che limiti ca pò av iri un uomo anziano, giusto? Senza

offesa diritturi! A signora cornificata perdi a ragiuni e u sennu,

e cari miei u  finali di

‘sta storia facitilu vui!

BRIGADIERE

ma allora è un amore impossibile?

MAGO

mio caro filetto, cioè mia cara signorina, nulla è impossibile per il grande mago

dell’infinitesimo.  (Si alza e prende un flacone, poi con voce altisonante ) lei, marito

anziano  e  conificatore  fedifrago,  prenda  questa  pozione  magica  e  la  faccia  bere

mescolata all’acqua per due volte a sua moglie.

MARESCIALLO   ma chi è? Non ci pò  fari mali?

MAGO                        è una pozione segretissima che la farà disinnamorare di lei, (al pubblico con voce normale)

ausi ca ci vulissi assai. (Da un cassetto tira fuori uno straccio e ne taglia due pezzettini )

voi due amanti che volete restare insieme per l’infinito ed oltre, tenete! Questi sono due

potentissimi  talismani,  che  un  grande  sciamano  di una  segreta  tribù africana  mi ha

donato come riconoscimento perché durante uno  dei miei viaggi nella sua terra, ho

salvato la vita di sua figlia. Badate che non li ho mai dati a nessuno, ne mai più li darò ,

ma per voi faccio una eccezione.

BRIGADIERE         e cosa dobbiamo farne?

MAGO                     dovete tenerli per sempre addosso, nelle mutandine. Vi proteggeranno dagli influssi malefici

e renderanno il vostro amore invulnerabile. Ora miei protetti, andate.

MARESCIALLO   grazie mago, grazie. E sentite la pago a voi la parcella?

MAGO                         giammai! Chi dici? Ju soldi non ni possu tuccari. Non mi posso contaminare con il vile e

sporco denaro. A dra banna c’è a me segretaria, lassatici 400 euru, tutto compreso, amuccamu!

BRIGADIERE         allora grazie e arrivederci.

MARESCIALLO   arrivederci. (Alzando la voce) passo e chiudo.

MAGO                        si, si, niscennu chiudessi a porta.

MARESCIALLO  (al brigadiere mentre escono)  ma pirchì, chi sugnu tantu vecchiu appiddaveru?

BRIGADIERE         no maresciallu, ancora è  ‘n carusiddru.

MARESCIALLO    senti, cerca di non sputtiri ah! (Escono di scena).

MAGO                         e stauttri dui sunu sistemati. Allura quantu segnu. Materiale utilizzato e da rimpiazzare: un

flacone con acqua frisca e camomilla sottomarca. A comu po’ ghessiri ca ammuccunu a


28


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

tuttu chiddru ca ci dicu? Ma ponnu essiri tantu passuluni i cristiani? Va voli diri di si. Ma alla fine, a mia chi m’interessa, abbasta ca mi pavunu.

PINELLA                  tutto a posto?

MAGO                        a postissimu.

PINELLA                   senti, pi casu chi hai vistu u paghiazzu ca usu pi stujari i mobili? No pirchì sta fitennu e ci

vulissi dari na lavata.

MAGO                        chi era chiddru russu ca di solitu metti intra a dru cassettu?

PINELLA                   si, chiddru era. Havi ca no lavu, a stura c’è u lippu.

MAGO                      meghiu ca ti ni pighi nauttru, chiddru mi sivviu! Avanti va beni! Pi oggi mi pari ca ama fattu

abbastanza. A me jurnateddra m’a varagnai onestamente. Ora vaju a mangiari e dopu mi fazzu ‘na bella pennichella. A chista si ca è vita, auttru ca travaghiu!

FINE PRIMO ATTO


29


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

ATTO SECONDO

Stesso ambiente scenico, una settimana dopo. Il sipario, si apre mentre è in corso una riunione dell’associazione provinciale dei maghi, associazione della quale Innocenzio è presidente. All’apertura del sipario si dia l’impressione che la riunione sia iniziata da un pezzo. Innocenzio parla come se stesse continuando un discorso già cominciato.

Scena I

( Innocenzio, colleghi maghi, Suocera )

Nella seguente scena, sia il sesso che il numero dei maghi (non meno di quattro comunque) possono essere cambiati in funzione delle esigenze della compagnia. In tal caso le batture potrebbero essere ridistribuite fra i partecipanti.

MAGO                        no! Vi dissi ca non c’è nessunissimo motivo di allarmarvi.

OSIRIDE                   ma mu voi spiegari tu comu facemu a non peroccuparini?

TURCHINA           già, c’havi raggiuni u magu Osiride. Comu  facemu? ‘Nda ‘na simana, sulu ccà a Catania ne

hanno attaccatu 3. Il mago delle stelle, la maga della luna, e il mago delle tenebre ca appoi è macari me cugnatu.

MAGO                        e tutta a notti na ficiumu fora. Ora n’aresta u jornu.

TURCHINA                si, sgherzacci tu! Oramai è chiaru. U sai chi mi dissi me cugnatu quannu sono andata a

truvarlu a piazza Lanza.

MAGO                      chi ti dissi fata Turchina?

TURCHINA            Gli inquadranti sono stati chiari. Il suo arresto fa parte di una operazione su scala nazionale,

chiamata:  indovina  se   ti  prendo.  A  Catania  ci  misunu  u  sutta   titulu:  anzetta   su

t’acchiappu! Pari ca un potenti politicu, è stato scoperto dalla moglie  mentri ci faceva i

corna, grazie alle rivelazioni di un mago, e pi ripicca ordinavu ca tutti i maghi dill’Italia

devono essere attaccati. Accumincianu di dra supra, e ora sunu arriavi ccà. Ni stannu

sdrirignannu comu evva tinta. Chistu ci dissi a me cugnatu l’inquisizioni.

EXCALIBUR          addirittura ci misunu ‘ndo menzu macari l’inq uisizioni? Mattri mia chiddri sunu terribili.

Non talianu a nuddru ‘nda facci. ‘Na vota liggì ca     l’inquisizioni non canusci ragiuni.

Quannu pighiunu ‘n mavaru o na mavara… turutuppite! I mettunu in carceri a pani e

acqua, i massacrunu de corpa, ci fannu un fintu processu, accussì tantu pi diri, e alla

fine…zacchitè su ci va bonu i ‘m piccunu, oppuri ad      dirittura i fannu allo spiedo!

MAGO                          avaja Excalibur, ma chi vai dicennu? In tutta a tò vita si e no hai liggiutu un lib ru e giustu

giustu ti isti a leggiri chiddru da presecuzioni de streghi ca si faceva  ‘ndo 1200. Ma quali

corpa,  quali testi impiccati e canni arrustuta. A massimu ni ponnu denunciari pi truffa, e


30


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

pi comu funziona in Italia, fra le attenuanti del caso, cammurì vari, fra ca semu incensurati…

OSIRIDE

parra pi tia!

MAGO

va bene. Comunque pi comu è a liggi ‘ndo nostru paisi, mali ca ni pò ghiri, ni facemu  ‘na

para dimisi e poi turnamu pedi pedi.

OCCHI BLU

ju mancu sti du misi mi voghiu fari!

MAGO

tranquillu mago dagli occhi blu. Mancu sti dui misi ti fazzu fari. Ma chiuttostu comu mai

Madame Croissant ancora non s’à vistu.

SUOCERA

(entra leggendo a voce alta un giornale)  nuovi arresti a Catania: fermata nottetempo dai

carabinieri, un’altra truffatrice che fingendo di possedere poteri sovrannaturali, circuiva

ignare  vittime  estorcerdo  loro  denaro.  La  donna  che  si  faceva

chiamare

Madame

Croissant alla domanda degli inquirenti: lei che ha doti di preveggenza, come mai non ha

previsto  che  stavamo  venendo  ad  arrestarla?  Ha  risposto  dicendo:  mi  appello  al  5°

emendamento.

EXCALIBUR

chi? Al 5° emendamento, e chi semu in America?

OCCHI BLU

chiddra ha statu sempri affissata cu dri telefilmi americani. Capaci ca u potti sentiri dra e

quannu gli investigatori ci ficiunu ‘sta dumanna, iddra si sparavu na  risposta ausi ca era

Thelma e Louise.

SUOCERA

Avete sentito no? E nauttra a ficiunu fora.

MAGO

ecco pirchì non vinni.

TURCHINA

no  basta,  sta  situazioni  non  pò  continuari.  Innocenzio,  tu  in

qualità  di

presidente

dell’associazione maghi della provincia, hai il dovere di prendere in mano la situazione e

salvarci.

MAGO

si fata Turchina, hai raggiuni! Ora ci pensu ju. Intanto comu prima cosa è giustu essere

solidali  ai  nostri  colleghi  barbaramente  arrestati  ed  illegalmente  detenuti.  Quindi

propongo di istituire un fondo cassa per le spese legali, ca oggi servi pi iddri, dumani

putissi serviri pi nuvauttri. Chi ni pinsati?

OSIRIDE

ci sto!

EXCALIBUR

sono favorevole.

TURCHINA

macari ju.

MAGO

bene, allura datimi il vostro contributo. Soldi, contanti, assegni macari post datati non vi

preoccupati. Occhi blu. Chiddri ca stai maniannu chi sunu cambiali a trasiri?

OCCHI BLU

si.

MAGO

dammilli, boni macari sunu!


31


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

EXCALIBUR

ju in questo momento non ho ne contanti ne assegni. Ti portu dumani.

MAGO

dumani potrebbe essere troppu tardu. E su pi causa tò i soldi non ci abbastunu e non put emu

pavari  ‘n  avvucatu?  Chi  ci

facemu  sumputtari  a  dri  poveri  colleghi  a  fami,

l’impiccaggioni, il rogo!

EXCALIBUR

ma comu? Dicisti ca sti  cosi oggi non i fannu chiù!

MAGO

oggi! E su pi disgrazia dumani a matina u guvernu emana di novu sti liggi barbari tuttu a

n’tuttuna? Eh…caru mio, u sai ca de politici non ci   si pò firari tantu assai!

EXCALIBUR

certu chistu è veru non c’hava pinsatu.

MAGO

e allura chi mi ficiunu presidenti provinciali pi nenti, oppuri p’arririri?

EXCALIBUR

si ma comu possu contribuiri?

MAGO

chi è di oru dru orologiu?

EXCALIBUR

oro massiccio!

MAGO

bonu jè , intanto dammillu, ca al limite mu fazzu canciari a bancu de  pegni di S. Agata.

EXCALIBUR

mah, u beddru orologgiu?

MAGO

Excalibur, fame…torture…impicca

gioni…  magu arrustutu…

EXCALIBUR

basta, basta. Tè, ccà c’è l’orologiu.

MAGO

va bene miei cari colleghi, a questo punto la riunione è sciolta. Prendo tutto in mano io e ci

penso io. Tranquilli itavinni e vostri casi,  ca ci pensu ju a abbissari tutto. Vedrete ca in

tempu na para di jorna, all’amici i fazzu nesciri e sta storia a fazzu terminari.  Avanti e

casi ora, forza! Mamma accompagnali tu alla porta, ammenu ti rendi utili.

Tutti i maghi salutano ed escono.

EXCALIBUR       m’arraccumannu Innocenziu, e sopratuttu su avissunu avanzari soldi u ruloggiu tornammillu,

ci sugnu affeziunatu.

MAGO                                 certu! U primu che avrà indietro  il suo, sarai tu! Avanti ora ciao, vottinni, che devo

organizzare un piano per risolvere l’emergenza . (Appena i colleghi sono usciti di casa, grida a voce di testa).

Scena II

(Innocenzio, Pinella, Suocera)

MAGO                      Pinella, Pinella… o Pinella! Ma u     nni si anviccavu stavutra! Pinella unni si?

PINELLA                  ccà sugnu, staiu vinennu. ‘N minutu.

MAGO                       curri prestu , spicciati a veniri, ca non c’è tempu di perdiri!


32


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

PINELLA                  (entrando) chi fu? Chi succidivu?

MAGO                        succidivu un cataclisma. Una tragedia. Una moschificina.

PINELLA                  spiegati bonu, chi voi diri?

MAGO                   vogliu diri ca ‘nda ‘na simana già n e hanno attaccatu quattru. Ni stannu abbattennu ausi comu

si schiaccianu i muschi, c’o muscarolu.

PINELLA                 ma chi centra? I muschi s’abbattunu che manu, cu ‘n giurnali, o al massimo cu ‘na bella

paletta di plastica. U muscarolu, servi pi fari appighiari u ficu dò fucularu.

MAGO                    e appuntu, chistu ni voluni fari. Prima n’abbuscicunu cu ‘na pammata, ovvero n’attaccunu , e

dopu senza un minimo di pietà, n’abbrucianu ausi a    sasizza supra o fucularu, ovvero

n’abbianu intra a ‘na cella e si scordurnu di nuvau ttri. Proprio comu succedeva ‘ndo milli

e setticentu che me antenati maghi e streghi.

PINELLA               Ma chi vai dicennu? Ma quali fucularu e quali muscaloru. E appoi chi c’entri tu che strehi e

che maghi. Tu panitteri sii, non tu scurdari, non vulissi ca trasisti tantu bonu intra a parti ca ti cridi un veru magu!

SUOCERA                (entrata un poco prima)     figlia mia, ma a chiddri non ci interessa su tò  maritu faceva u

panitteri, u scapparu, o vinneva sangeli e mattruzza a piscaria, chiddri intanto u taccunu e appoi comu finisci si cunta.

MAGO                   a tia hana attaccari. A tia, strega malefica. Havi di quannu è ca accuminciai sta attività ca c’à

jetti. E tantu ci priasti ca oggi m’attrovu ‘nda ‘s ta situazioni trubbula.

SUOCERA              bih, talia ca ora a cuppa è da mia! Non t’à piaciutu varagnari soldi facili attruffannu a genti?

Non  tò  piaciutu  susiriti   tardu  a  matina?  Oppuri   ess iri  chiamatu  il  potente   mago

dell’infinitesimale? E caru mio, alla fine arriva sempri u cuntu, e drocu cu c’havi chiu

corda attacca u porcu. E siccome ju corda ‘nde manu non tinni vidi, mi pari ca a ‘sta vota

tu fai a parti do poccu, ovvero di chiddru ca attaccunu.

PINELLA                 mamma pi favuri, ci manchi sulu tu!

Suonano alla porta.

MAGO                       ecco brava o rapi e leviti d’ammenzu e pedi!

SUOCERA             mi pari a mia ca cu è ca si sta pi livari d’ammenzu e pedi, e pi ‘n bellu pocu, si tu caru miu.

MAGO                               e ci torna! O grapi a porta. E m’arraccumannu, su sunu carrabbineri   non t’arrisica ri a

grapirici!

SUOCERA         si certu, accussì attaccuni macari a mia. In famiglia un porcu c’abbasta (esce).

MAGO                       n’a sumpottu! A tò mattri n’a sumpottu  pi nenti! Senti ma su quannu avissunu a veniri i

carabbineri, speriamu ovviamenti ca non venunu, ci dicu ca a strega e tò mattri, non è meghiu? Accussì s’à potunu e arrifriscamu.

PINELLA                  avaja parra seriu, non babbiari.


33


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO                         e cu sta babbiannu? Ju seriu staiu parrannu. Comunque a situazioni è critica. Ju mi devo

allontanare pi ‘n pocu di tempu e tu veni cu mia.

PINELLA                  e unni jemu?

MAGO                 ni me cucinu Alfio, in Argentina! Chiù tardu ci telefunu e u avvisu ca arrivamu c’o primu aeriu

disponibili.

PINELLA                 e quannu avissumu a partiri?

MAGO                       u prima possibili. Ora mi vaiu a informari p’e biglietti. Intantu tu accumincia a priparari i

valiggi. Inficcacci tuttu chiddru ca poi e prestu.

PINELLA               e dri soldi ca ti desunu i tò colleghi  antura? U ‘n tisi di dra banna mentri ca parravuru .

MAGO                         ma chi mi cunti de me colleghi? Dri soddi ca scusa di l’avvucatu, mi fici dari pi nuvauttri.

Cara mia ogniunu pensa pi se e Diu pi tutti.

PINELLA                 e quannu torni chi ci cunti?

MAGO                        quannu turnamu, chiddri saranno tutti in gatta buia, al fresco, in sardina, insomma comu ti

l’haia a diri, saranno belli che attaccati o cacciri. Ora vai a priparari ‘sti valiggi, non c’è

tempu di perdiri. Priparini una granni a testa, e mi raccumannu ni n’autra metticci tutti i

soddi ca su ammucciati intra o materazzu do littinu rapi e chiudi.

PINELLA                  va beni, vado.

Scena III

(Innocenzio, Venera, Suocera)

MAGO                        risparmi di anni di duro ed onesto lavoro magico!

Si sente da fuori la stanza.

VENERA                  no, non possu aspittari chiù. Chi è  a dra intra veru? U stati ammucciannu veru?   Mi facissi

passari!

MAGO                                      chi sta succidennu ora? Mattri mia, ccà già sunu! Vinnunu p’attaccarimi! Sugnu

arruvinatu….

SUOCERA              signora, non c’è nuddru a dra banna.

Entra con irruenza  Venera, la moglie del maresciallo,  seguita dalla suocera che cerca di fermarla.

VENERA                   unni sunu? (Cerca nella stanza).

MAGO                         non sunu iddri, pi futtuna!

VENERA                    unni i ammucciasturu? Nisciti! Cosi fitusi viniti fora!


34


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO

signora, mu voli fari capiri chi sta succidennu intra a me casa? E chi è modu di fari irruzioni?

Mi stava facennu veniri n’coppu siccu! Mattri mali mi staiu sintennu. Mi staiu sintennu

mancari…i jammi moddri….a testa mi gira

(si lascia cadere sul divano).

SUOCERA

videmu su finalmente chista è a vota bona ca ci lassa i pinni!

VENERA

ma ccà non ci sunu!

MAGO

ma cui? Cu è ca non c’è? Mu voli diri, prima ca st’infartu ca grazie a lei mia sta  vinennu,

mi fa stirari i palitti!

VENERA

(si calma) mi deve scusare signò mago, ma i visti a ccà sutta.  Dru porcu di me maritu e dra

cosa fitusa della sua collega amante. U fattu è ca dopu ca vinni ‘ndi lei l’auttru jornu, visti

ca a pozioni ca mi desi non faceva nuddru effettu…

MAGO

signora, ma lei ci l’ha dari qualche jornu di tempu pi agiri, pi fari effettu. Non è ca accussì,

lampu e stampu, arrinesciunu l’uncantesimi! Eh!

VENERA

sacciu sulu ca persi la testa e in un momento di disperazione, ci dissi ca su non ci a fineva,

mi ni jevu macari ‘ndi ‘n mavaru su era u casu. Idd ru mi dissi ca stavu esagerannu, ca

comu o solitu per accomora non mi puteva diri nenti e che successivamente mi avrebbe

spiegato.

MAGO

ma ju continuvu a non capirici nenti ancora.

VENERA

magu ha sapiri che fra le mie attività, c himanuli savva maritu dalla fimmina scostumata, c’è

macari il pedinamento. Allura oggi pedinando, pedinando, arrimanu a ccà sutta. E quannu

i visti ccà, chi scattavu ‘nda me testa?

MAGO

chi scattavu?

VENERA

a scintilla scattavu! Pinsai, voi vidiri ca me maritu pighiavu sul seriu i paroli ca ci dissi, e

scuprivu ca ‘ndo mavaru già ci hava a statu? E allu ra pinsai macari, talia ca dri dui cosa

fitusi stannu jennu nel mago dell’infinitesimu, pi  corrompirlu. Pi farci fari un contro

incantesimu ca blocca chiddru ca u magu fici pi mia.

MAGO

tutti sti cosi pinsavu?

SUOCERA

pi chista ci vulissi un pissicologo, no ‘n mavaru!

VENERA

ebbene si. M’insuspittì e acchinai cu primura e boria, sicura di beccarli a ca supra a dri

schifusi cornificatorifici.

MAGO

ma comu po’ vidiri, ccà non ci sunu!  Sicuramente  si trattavu di una coincidenza. E appoi

signora stassi chiù ca tranquilla, ca ju sugnu un mago onesto e corretto, e su fazzu un

lavoro per un cliente non lo annullo mancu pi tuttu l’oru do munnu. Io c’ho un’etica

professionistica, alli voti ci pari ca sugnu un magu p’arririri?

VENERA

no, ma chi dici? Chistu non l’haja pinsatu mai!

MAGO

meghiu d’accussì. Avanti ora ca è chiù tranquilla si ni issi a continuari u pedinamentu ‘nda

qualche auttra banna.


35


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

VENERA       mago io tolgo il disturbo. Mi scusi, e mi mi scusi anche lei signora assistente spiritualiastica.Arrivedecci. Ah mago, allura ci voluni na para di jorna pi fari effettu?

MAGO

ovvio! Naturale!

VENERA

comu dicei lei. Di nuovo (esce accompagnata dalla suocera).

Scena IV

(Innocenzioo,  Pinella, Suocera, Sharon)

PINELLA

Innocenzio chi erunu dri vuci ?

MAGO

nenti, nenti, tranquilla. Era ‘na clienti ca pensa ca sò maritu a tradisci, ju ci f ici ‘na pozioni,

iddra u seguivu e u visti a ccà

sutta, ci pareva c a iddru ava acchianatu ccà ‘ndi mia,

perciò iddra acchinavu macari pinsannu di sorprende rlo! Insomma un manicomio, una

storia ingarbugliatissima.

Entra la suocera.

PINELLA

comunque,  vidi ca ju sugnu quasi pronta. I valiggi i priparai…

MAGO

macari chiddra che soldi e che cosi di valuri?

PINELLA

chiddra a prima!

SUOCERA

valiggi, soddi, cosi di valuri! Ma chi stati cumminannu tutti e dui? Unni vinni stati jennu?

MAGO

lontano cara mia . In sud America. Andiamo in Argentina.

SUOCERA

addirittura, accussì luntanu! E pirchì stati fujennu cu tutta ‘sta primura?

MAGO

ancora non l’hai caputu ca i carti sunu mala pighiati? È questioni di jorna e dri in seguitori,

accusatori ed inquisitori della genti onesta e travaghiatrici, arriveranno macari ccà ‘nda

me casa.

SUOCERA

e sti inquisitori cu fussunu i vaddia veru?

MAGO

per l’appunto.

SUOCERA

mentri a genti onesta e travaghiatrici cu fussi tu?

MAGO

per l’appunto.

SUOCERA

u puntu, anzi i punti ti facissi dari ju  ‘nda dra testa leggia ca ci hai, dopu però ca ti l’ha ia

spaccatu comu a ‘n mulini appighiatu e fracidu. E senti comu mai propriu in Argentina?

MAGO

pirchì dra c’è me cucinu Alfio ca ni pò ospitari e pirchì inoltre, su i cosi s’avissu ni a mettiri

mali e m’avissunu  individuari macari dra, ju sugnu al sicuru e tranquilli, pirchì in tutto il

sud America, non esisti l’estradizione.

SUOCERA

chi? Non fannu l’estrema unzione!

Caru miu, va beni ca non sei mai statu tantu religiosi, ma

canciari paisi pi non fariti fari l’etrema unzioni, mi pari esagiratu!


36


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO                         ma chi dici? Estradizione! Cioè macari ca scoprunu ca sugnu dra, non mi ponnu fari nenti.

Appati u fattu appoi ca comunque no ponnu scupriri, pirchì appatti nuvauttri tri, no sapi

nuddru ca staiu partennu. E sicuramemti ju e Pinella non parramu, dunque l’unica ca ha

teniri a vuccazza chiusa na vota pi tutti, chiddra fussi tu. C’à fai?

SUOCERA               c’à fazzu, c’à fazzu! Ma non pi tia caru miu  , o p’à tò  beddra facci, ma sulu pi me figlia, pi

non farla arristari senza ‘n maritu.

MAGO                        appuntu fallu pi iddra. Pi non farla arristari senza un uomo accanto.

SUOCERA                 e cu ha parratu di omini? Ju parrai di maritu!

MAGO                       e pirchì un marito non è un uomo, ‘n masculu?

SUOCERA           e no caru miu!  Non cunfunnemuni che paroli. Un marito, è unu ca ti maritasti, e pò arrisuttari

in tanti maneri. Bonu, tintu, gentili, affettuosu, scansa fatica, insomma un maritu è ‘n chistianu. Ma un uomo,

n masculu,(ridacchia)eh eh eh, è nauttra cosa, una cosa ca non si pò descriviri a paroli.Unu, masculu o c’è o non c’è! Puntu (suonano alla porta) . ( Con un poco di rammarico nella voce) ma chi parru, chi parru! Non sunu discussi ca tu poi capiri.

MAGO                   ecco brava. Allura statti muta e cerca di iri a drapiri. Mi raccumannu, o solitu su sunu iddri fai

a finta ca non ci semu intra.

SUOCERA               si, ci dicu ca partisti in villeggiatura!

MAGO                 ecco, brava. Dicci ca partemu, ca sugnu ricoveratu, ca l’amiricani mi mannanu ‘nda luna, dicci

zoccu voi abbasta ca ne fai trasiri. Avanti Pinella o finisci di priparari ca ju ora accuminciu a fari qualche telefonata. Videmu su c’à facenu a partiri entru dumani.

PINELLA                  vado, finisco  e torno.

SHARON                   (entra concitato vestito da uomo e con un vistoso occhio nero) unni è dru lestofanti ca si fa

chiamari magu? Unni si ammucciavu?  A ccà è lei?

MAGO                        ma cu si? Chi voi da me vita? Ju non ti canusciu.

SHARON                 ora ci u dicu ju cu sugnu, ci u fazzu arrivuddari ju bonu su non mi canusci. U sta vidennu stu

occhiu nivuru?

MAGO                           bellu è, eleganti! Cu st’occhiu acculuratu e n’accappatoiu, pi carnaluvari ti poi vestiri di

puggile, di boxer.

SHARON                    ma quali boxer e mutanni a sbaccu! Ju non vinni ccà pi sghizzari, vinni pirchì voghiu cuntu

e soddisfazioni della sua prestazione.

MAGO                       da me prestazione? Ma ju non ti canusciu, u voi capiri oppuri no?

SHARON                 (esce la parrucca e la indossa, cambia anche la timbrica vocale ) mi sta arricanuscennu ora?

Uffa!


37


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO                                 mattri u calamaru è! Ci mancava sulu iddru! Ma dicu ju, tutti oggi avuna a veniri a

lamintarisi? (A Sharon) chi voli di mia? Chi ci succidivu?

SHARON                            chi mi succidivu? Ca ora vegnu e mi spiegu. Su rivodda u me beddru Attanasiu, u

chianchieri di cui mi sono invaghito?

MAGO                   certu ca mu rivoddu, ci mancassi auttru. (Al pubblico) ma chi mi sta cuntannu, si, a iddru e a

Attanasiu mi staiu arrivuddannu. (A Sharon) e comu sta?

SHARON                  cui Attanasiu?

MAGO                       si, Attanasiuzzu.

SHARON                 ah, iddru sta magnificu, sugnu ju chiddru ca non sta tantu bonu.

MAGO                       e sintissi, i me cunsigni e a me magia, funzionanu veru?

SHARON                   si, ca allura! Lei mi dissi, dopu ca mi liggivu a manu, che era amore e ca mi putevu abbiari

cu tuttu u sceccu. Mi putevu addichiarari, ci potevo rivelare il mio amore, perché sicuramente iddru avrebbe corrispunnuto, regalandomi bei momenti.

MAGO                       veru è! E allura comu finivu?

SHARON                      ora ciù cuntu comu finivu! M’abbissai beddru pulitu e luccicanti ca parevu a statua da

bammina. Forti delle sue parole magiche, mi jammai di curaggiu, e pancia in dentro, pettu

in fuori e culu a pignu,  mi pattì p’à chianca. App ena arrivai ca arrivai, aspettai u me turnu

e quannu fu u me mumetu, Attilio mi taliavu e si misi a ridiri a panza china e arrirennu

taliavu sottecchi i sò colleghi, ca parranno cu lei  mi talianu e macari iddri accumincianu a

sgatasciarisi dalle risati. Insomma, ju dra pi dra non ci fici casu e pinsai ca forsi erunu

genti spassusa, sgizzusa,  allegra va! Nenti, comu fu e comu non fu, Attilio mi spiavu: e a

lei bella signorina, che cosa ci posso dare? (Ora parla direttamente al mago)U sapi signò

mago? Dru birbanti, mu dissi cu ‘n tonu tannicchia  maliziuseddru. Allura ju pighiai a

palla in balzo e ci dissi cu vuci di testa: Attilio io voglio te, e tutti i bei momenti che mi

puoi regalare.

MAGO                      e  allura? Ci rialavu sti belli mumenti?

SHARON                     ca comu no! Pusavu u cutidrazzu ca ci aveva in manu, e menu mali dicu ora. Furiavu do

vancuni, e arrirennu, arrirennu vinni vessu di mia. Ju eru ‘na pasqua! Ava attruvatu u

curaggiu di rivelare il mio amore, dra tutti arrirevunu ca pareva ca erumi ‘nda ‘na festa,

tuttu puteva pinsari tranni chiddru ca appoi succidivu.

MAGO                        cioè?

SHARON                      cioè ca Attilio, s’avvicinavu a mia ‘n cugnatu ‘ncugnatu,  ca puteva sentiri u suduri d’e

sciddri. Ju romantica pinsari, ora mi vasa, ccà dav anti a tutti e coroniamo il nostro sogno d’amore.

MAGO                        e inveci…mi sapi ca stu baciu n     o ci fu!


38


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

SHARON

non sulu non ci fu u bacio, ma sempri arrirennu, Attilio mi dissi: senti beddra mia,

p’accomora ju c’haiu chi fari e non posso essere tu o. Sicuramente chiù avanti ti regalerò

bei momenti no belli, fantastici. Pi accomoda su ti accontenti ti dugnu un anticipo.

SHARON

ju pinsai, drocu semu! Allura chiudì l’occhi e a pparai a funcia, propriu d’accussì (lo mima).

Auh, potti passari da uno a due millesimi di secondo, m’arrivavu un gran malu pugnu

‘nda  st’occhiu,  ca  sugnu  sicura,  ca  su  mi passava

u n  camion  a  rimorchi  di supra a

confrontu mi pareva ‘na seduta ‘nda l’estetista. An cora mi sentu u ciriveddru sguazzariari

intra a testa. Fu accussì rapidu e potenti, ca c’o  sulu spostamentu dill’aria, mi stava

avvulannu a parrucca. Va, tantu pi capirini.

MAGO

e mio caro, cioè mia cara signorina, ma ju chi ci possu fari su lei appi tutta sta primura? Ju

chi c’entru?

SHARON

comu chi ci pò fari? Comu chi c’entra? Io sono

andata a svelare i miei sentimenti

sentimentalistici, sulu pirchì lei mi incoraggiavu e mi rassicuravu. Eh!

MAGO

ma lei a fici passari ‘na simana dopu a liggiuta di manu?

SHARON

‘na simana?

MAGO

certo! Ma pirchì lei a dra banna, ‘nda sala di aspetto, no liggivu dru foghiu comunicanti

attaccatu ‘ndo muru?

SHARON

mah, pi diri a virtà , no!

MAGO

e fici mali! L’avvertenzi  si devono leggere. E drà c’è chiaramnte scritto: tutte le magie

magiche, le predazioni, promonizioni, le liggiute di mano, eccetera eccetera, saranno

valide a partire da almeno dieci giorni dall’effetuamento del lavoro effetuato. È scrittu

bellu chiaru e in italiano perfetto, non è ca si pò sbaghiari! Mia cara la legge non ammette

ignoranza!

SHARON

ma chi c’entra a legge, cu ‘na liggiuta di man u.

MAGO

avaia, ma comu chi c’entra. Aih, aih! Quannu un mago legge la mano di un cliente, chi fa u

magu?

SHARON

u mangu…leggi a manu!

MAGO

ooh. U sta vidennu! Ora, ni sta frasi ci livassi u magu e a manu, chi arresta?

SHARON

livannucci…u magu…e…e… a manu, arresta….legge.

Arresta legge!

MAGO

allura, u sta vidennu ca c’entra a liggi! Alli voti ci parri ca ju dicu fissarie!

SHARON

(perplesso)  mah, ju veramenti sugnu chiù cunfusu ca pirsuasu. Certu per la verità, pi comu

mi stà dicennu lei, forsi era meghiu ca liggevu dru

foghiu lustrativu, accussì sapevu ca

prima di sbilanciarmi era meghiu aspittari ‘na para di jorna.

MAGO

ca certu era meghiu aspittari. Ju chi cuppa n’haiu su lei appi tutta sta primura!


39


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

SHARON                 veru, veru! In effetti chi cuppa n’havi lei, a cuppa è da me e della mia impazienza.  E appoi

vulennu pinsaricci a menti fridda, a lei ci sugni debitori!

MAGO                       a si?

SHARON                         si. Si rivodda dri tri numera ca mi desi? Mi jucai, ‘n ternu siccu p’a rota di      Palermo.

Niscenu o primu coppu, a vincì vintisetti mila euri.

MAGO                mizzica…hai visto, è spatti a postu di  pinsarimi e ringraziarimi, veni p’allanzarimi. Faciti beni,

faciti beni!

SHARON                    taliassi mago, sugnu mortificatu. Ci addumannu scusa cu tuttu u cori. Ju ora mi ni vaiu, ca

forsi haiu a fattu già macari troppu. Arrivederci.

MAGO                       ca arrivederci.

SHARON                  ah mago,  una cosa ci vulevu spiari.

MAGO                        parrassi.

SHARON                   lei chi pensa, ca ‘na vota ca sunu passati dri famusi deci jorna, ci possu turnari ‘ndi Attilio?

Alli voti a ‘stu corpu mi duna un baciu!

MAGO                      ju ci cunsighiassi di fari passari qualche misi auttru, meghiu su fussuru anni. Prima ca a ‘sta

vota, u cutiddrazzu no posa, e fa un bello filetto di calamaro.

SHARON                 comu prufizia lei. Arrivedecci, non si disturbassi ca nesciu sulu, a strada a canusciu.

MAGO                       (al pubblico) chistu non è ca è uno studio di consulenza paranormale, chistu addivintavu un

manicomiu di pazzi feroci! Chiddri, i vaddia, mi cercunu pirchì mi volunu attaccari! Ma quali attaccari, ‘na laura m’avissunu a dari, ‘na l aura in pissicologgia della pazzia demente della gente pazza e fora di testa. Chistu m’avissunu a dari! A laura e un premio pirchì con il mio travaglio tengo a freno a tutti ‘ sti mantecatti ca su non ci fussi ju, cu u sapi chi cumminassuru pedi pedi. Ma tantu si sapi, ccà ‘ndi nuvauttri, funziona d’accussì. Si fa di tuttu pi fari scappari i meghiu ciriveddri. E d’accussì ficiunu cu mia, tantu mungenu ca ho deciso di iramminni. Non mi meritunu! ‘Sta terra mi sta stritta!

Scena V

(Innocenzio, Suocera, Pinella)

SUOCERA                  (entrata mentre Innocenzio sta parlando)mi pari a mia, ca l’unica cosa ca ti starà stritta

sarà u a pigiama righi che ti regalerà u guvernu fr a qualche jornu!

MAGO                       parravu a privula! L’uccella  dò      malu auguriu!

PINELLA                 (entra con le valigie) Innocenzio ju sugnu pronta. I valigi i preparai, quannu voi partiri,

partemu. Ma comu finivu, i facisti i telefonati?

SUOCERA          ancora non l’ha pututu fari. Il qui presente grande mago, ha dovuto arrivecere macari nel suo

giorno di non ricevimento.

PINELLA                 e comu mai? Chi ci hannu a statu emergenzi?


40


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

SUOCERA              ca pocu ci mancavu.

PINELLA                 in che sensu?

SUOCERA                no sensu ca già hana vinutu du clienti cu l’intentu di spaccaricci a facci a ‘stu cocciu di p iru.

E su tò maritu, ca sò parlantina truffaldina non ar  rinisceva a pissuadirli ca in tortu eruni

iddri, chi spaccavunu l’ossa e ni tuccava chiamari l’autoambulanza. Dunque comu poi

capiri ci mancavu pocu ca ‘sta situazioni non addivintavu una ememgenza.

MAGO                          va beni, non vi preoccupati ca chisti fissarie sunu! Sapissi quanti cristiani ca hana turnatu

addumannannumi spiegazioni…e chiddru non mi vosi, e              d’auttru non lassavu a mugheri,

e me figlia ancora non ha attruvatu maritu, e n’auttri centu laminateli ancora. Pi mia

liquidarli oramai addivintavu ordinaria amministrazione, quasi uno sport!

SUOCERA          ca finu a quannu non attrovi a qualche dunu ca ti rumpi l’ossa appiddavero.

MAGO                            ti piacissi veru? Ma tantu non potrà succediri chiù pirchì stammi partennu. Anzi quan tu

chiamu all’aereoportu pi vidiri su ci sunu voli pi  l’Argentina.

PINELLA                 teni u nummiru, u circai a dra banna, nill’elencu telefonicu.

MAGO                       (compone il numero) pronto aeroporto?  Mi senta, che per caso che ci sono aerei che vanno

in Argentina oggi? A si! E non è ca pi caso ci fussuru dui posti liberi e disponibili? A ci

sunu? Ottimu! Comu, ci ni sunu macari tri su m’interessunu? (Guarda la suocera) no,

assolutamente no! A mia sulu dui mi n’aggiuvunu. E senta signorinella,quannu partunu

sti posti? Fra quattru uri. Però dobbiamo essere al l’areoporto  almeno due ora prima della

pertenza, per fare il cecchino? Signorina, ma ju mancu u militari fici, comu mi possu

mettiri  a  sparari?  Ah,  ho  capito  male?  Il  cecchino  di  controllo?  Si  u  capì,  u  capì.

Comunque intanto stamu  vinennu, appoi videmu zoccu ama a fari quannu semu drocu.

Grazie, arrivederci, mi saluti a casa, tante cose (chiude).

PINELLA                 comu finuvu?

MAGO                             mi sintisti no? Fra quattro uri parti, ma fra du uru ama a ghessiri drà per il cecch ino di

controllo.

PINELLA                  e chi voli diri?

MAGO                             a mia mu cuntu? E cu ha partutu mai cu l’aereoplanu! Ju pi non sbaghiari  ci u dissi a

signorina. U militari no fici, mi fici arrifurmari. Di sparari non sacciu sparari, perciò

cecchinu non ni possu fari. U controllu su volunu hannu voghia, ma di sparari non si ni

parra!

PINELLA              Innocenziu, u controllu ni l’hana a fari pi forza! U viaggiu dura assai, pirciò  su c’è qualcun u

ca, chi sacciu, soffri di pressioni auta, di cori, di diabeti, ci u dici o dutturi duranti u controllu medicu, accussì iddri u sannu e sunu priparati.

MAGO                       ah, pi chistu fannu u cantrollu pre partico?

PINELLA              ca certu! Chiddru su voli logni, voli transalpini, in aerei giganteschi. Dra supra c’è ristoranti,

discoteche, palestra, forsi forsi ca ci attruvamu macari a piscina.


41


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO                       a piscina! E tu ci mittisti i  custumi ‘nda valigia?

PINELLA                 ci misi, ci misi.

MAGO                       va beni, tantu macari ca ti l’hava scurdatu, i cattavumu o supermercatu, pirchì pensu ca ‘nda

un aeroplano unni c’è piscina, palestra, cinima, risturanti, casinò, ‘n tintu supermecatu c’avissa a ghessiri.

PINELLA                 ca cridu di si.

SUOCERA               auh, non vi scurdati l’abbronzanti ah! Alli voti mentri siti a pighiarivi u suli supra a terrazza

di ‘stu aereolanu, vi scottati!

MAGO                       chista è a miria ca ti fa parrari. Noi andiamo nei freschi paesi del sud e tu arresti ccà a fari a

muffa.

Suonano alla porta

SUOCERA               ju haiu l’imprissioni ca su ti cunnuci ancora, tu o friscu nei paesi del sud,  ci vai si, ma inda

‘na bella e umidusa prigioni, ammeri Agrigentu, chiù sud d’accussì.

MAGO                    a lignua t’à sicari. Chiuttostu vai  a drapiri. Oggi ‘sta casa sta parrennu u grand hotel. Cu trasi,

cu  nesci, cui a voli cotta e cui a voli cruda.

Scena VI

(Innocenzio, Pinella, Suocera, Aldo)

PINELLA                  Innocenziu, chi ama a fari? Non cridu ca u pirdemu st’aeriu?

MAGO                         si, ragiunu c’hai. Talia chi fai, o pighiati ‘na giacchettina. Non si po’ mai sapiri , alli voti a

dra supra ‘nda l’aereoplanico, avissa a fari tannic hieddra di friscu. Appena si pronta ni ni jemu subitu.

PINELLA                  va beni. Allura vaiu e poi aspittamu a mamma pi salutarla e partemu.

MAGO                        a pirchì l’ama a salutari pi fo rza?

ALDO                         (entrando vede le valigie)  buongiorno a tutti.

MAGO                     Aldo, ci mancavi tu sulu oggi. Chi voi? Parra, ca semu di primura ca ci avemu a chi fari.

ALDO                        e chi semu di partenza?

MAGO                     no, nuvauttri di solitu tutti i primi mercoledì dò misi, ni facemu i valiggi comu su  avissumu a

partiri, i caricamu ‘nda machina, ni jemu a fari un giro ammeri a Trizza, su u tempu è bellu ni pighiamu un gilatu, e dopu turnamu a casa.

ALDO                        ma oggi non è u primu mercoledì dò misi.

MAGO                     no, è ca dru jornu c’haiu chi fari, haiu a purtari un amico ‘ndo dutturi  pi capiri su scemunitu,

c’è oppuri ci fa!


42


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

ALDO                         e… cu fussi st’amicu?

MAGO                         tu fussi, giufà!  Ma secummi tia, chi sunu dumanni ca si fannu? Ovviu ca stamu partennu.

Anzi su m’a diri qualche cosa, parra ca c’haiu prim ura.

ALDO                        veramenti ti vinni a purtari i fotografii p’a pubblicità e p’e immaginnetti.

SUOCERA               e chi ti ficiunu beatu?

MAGO                       si, beatu mi ficiunu. E u voi sapiri cu quali motivazioni? Perché t’ahiu sumputtatu pi utti

st’anni, senza affucariti.

SUOCERA               e comu ti sapranno sentieri: il beato mago dell’infinitesimo, protettore dei lestofanti e degli

incarcerati.

MAGO                     ma dicu ju, ci sunu miliunati di genti bona o munnu ca ci venunu malanni, ixi, ca ci si blocca

a parola, ci venunu paralisi subitanie ca i settunu e ne fannu moviri chiù, botti sicchi. Auh, è possibili mai ca sulu a tia malanova, non ti veni nenti?

ALDO                   comunque Innocenzio, non ti fazzu perdiri auttru tempu. Tutti i cosi venunu 250 euro.

MAGO                       quantu? Ma senti sti fotografii chi i sviluppasti abbagnati ‘nda l’oru?

ALDO                            ma chi c’entra, non è ca è sulu a carta, è tutto illavorone di foto ritocco ca c’appa a fari pi

fariti pariri chiù beddru, più misterioso, più affascinante.

MAGO                        a tutti tu i sai, quannu è u mumentu di spilarimi soldi.

ALDO                         ecco, a propositu di soddi (tende al mano).

MAGO                        a propositu di soldi, chi?

ALDO                         no dico, a propositu de soldi, chi tempu voi pi darammilli?

MAGO                       ah, tuttu chistu è  u tò problema?

ALDO                         no tuttu chistu, sulu chistu!

MAGO                       ca va beni, quannu tornu ti dugnu.

ALDO                        quannu torni?

MAGO                       si. Sarà la prima cosa ca fazzu.

ALDO                        e… non pi farmi l’affariceddri         tò, ma quannu pensi di turnari?

MAGO                      ma, non sò, mancheremo una simana ta, due al massimo…


43


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

ALDO                               quantu dui simani? Innocenzio, ‘nda dui simani, nasci ‘n Papa e mori un re e certi voti

macari un mago! E su mintemu, ‘nda l’aeriu ca pighi ati tutta a ‘ntuttuna si blocca unu, dui,

chi sacciu, sei muturi, e precipitati? Ju chi fazzu appoi, c’haiu a dumannari i soldi a dra

povera viduva di tò mugheri, che sarà afflitta?  E              no! A mia mi pari mali.

MAGO                              havi 39 anni ca non si senti parrari di incidenti aerei, e giustu giustu u mè a cascari? E

appoi, a tia cu tu dissi ca ni stamu pighiannu l’aerio?

ALDO                     no, dicevu accussì tantu per dire. Chi stati partennu ca navi? Peggiu! Cu stu mari ca c’ha statu,

i probabilità ca u traghettu affunna sono del mille per cento. E appoi chi fazzu, chi cercu i soldi a dra povera sventurata di tò mugheri? Non si a mai! Non sugnu u tipu.

MAGO                       e  nuvauttri mancu c’a navi stamu partennu.

ALDO                               c’a machina? No, allura non possu aspittari mancu un secunnu. Il tasso di mortalità     ca

machina è elevatissimo. Praticamenti e quasi sicuru ca cu parti p’e vacanzi ca machina,

non torna chiù a casa. E secunnu tia, un poviru Cristu comu a mia, cu quali facci ci

l’avissi  addumannari  i  soldi  a  tò  mugheri,  quannu  i ddra  puvureddra,  ti  visti  moriri

sfracellatu al suo fianco in un incidente stradale terribile, unni tu precipitasti in un burrore

di 125 metri. No, no putissi fari, m’accuntitassi di moriri da fami!

MAGO                     ma pirchì, chi è scrittu pi cuntratu ca ju haiu stirari li palitti pi forza? Stamu partennu per un

viaggio di piacere, di relaxi, e tu a facisti tirminari a tragedia.

ALDO                       avaia Innocenziu, pari ca nascisti ajeri! Ma chi fai, non ni senti telegiornali? Ti dissi ora ora,

statisticamente almenu   unu o jornu c’arresta, e ‘n do notiziariu di stamatina nutizi di

incidenti non ci ni fonnu. Ora, siccome la matematica non è una opinione che uno ci    pò

addiscutere, due più dui fa tri, tu si u prossimu ca parti, e sarai macari u prossimu ca non

torna.

MAGO                       bih…vadda a chistu ca ma stà itt     annu!

ALDO                        allura chi fai, u saldi ora stu debbitu?

MAGO                     si, si. Te ccà i to soldi,  abbast a ca non m’a jetti chiù, pezzu di cucca. Forza ca ti fannu vilenu,

ti la spenniri tutti a purghi. Te, pighiatilli e votinni di tutta cussa.

ALDO            o ecco, accussì ti voghiu. Pagatore puntuali! Allora io adesso vado. M’arraccumannu, addivittitivi

sti jorna di vacanza, non pinsati a nenti e stati tranquilli. Va beni? Non vi disturbati ca a strada a canusciu. Nesciu sulu.

MAGO                           ah, ora ca ti pavai ni putemu addivettiri e non pinsari a nenti, veru? Ma non c’erunu i

statistichi? A matematica che non è un opinione?

ALDO                       statistichi? A matematica? Ma chi mi cunti a mia, ju a terza media serali c’haiu (esce)!

Scena VII

(Detti, maresciallo, brigadiere, due carabinieri, Venera)

MAGO                           Pinella, annachiti ca si fici tarduni. Saluta tò mattri su propriu non ni poi fari a  menu, e

amuninni di cursa, prima ca pirdemu stu binidittu aeriu. Forza ca mi staiu sintennu ‘na strana sensazioni d’incoddru.


44


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

Entrano con foga, il Maresciallo seguito dalla brigadiere e due carabinieri che trattengono Aldo. Tutti i militari sono in borghese.

ALDO                   lassattimi. Ma chi vuliti di mia? Ju non c’entru, ju travaghiaturi onestu sugnu!

MARESCIALLO  fermi tutti, Carabinieri!  Non vi muovete. Siete in arresto!

MAGO                       pari ca mu sintevu! Pinella ti l’hava dittu, annacamuni a ghiranninni.

PINELLA                 e ju chi c’entru? A tia haiu aspittatu!

MARESCIALLO silenzio. Abbiamo qua un mandato di arresto per il sedicente magodell’infinitesimo. (Ai carabinieri) voi, perquisite la casa.

MAGO                        (indicando Aldo)  iddru! U magu è iddru. Purtatavillu!

ALDO                         non è  veru? Ma chi stai dicennu Innocenzio?

MARESCIALLO   ma quali iddru e iddru. U magu è lei!

MAGO                     assolutamente no! Mi dissocio scomponendomi da questa affemmazione!

MARESCIALLO ma basta recitare! Come può ancora negare di esser e lei il sedicente mago?

MAGO                       senta signor generale di corpo d’armata…

MARESCIALLO  maresciallo! Io sono un maresciallo aiutante.

MAGO                     e va beni. Senta signor generale sovraintendente delle milizie italiche che aiuta il maresciallo,

quannu lei dici ca sugnu seducente, non ci possu dari nessun tortu, ma fra essiri seducenti e essiri un magu, ci ni passa differenza.

MARESCIALLO     ma che cosa dice? Quale seducente e seducente. Lei è un sedicente. Un lestofante Un

imbroglione. Un malfattore. Lei finge di avere poteri magici per plagiare, ingannare e

sfruttare economicamente ignare vittime.

MAGO                         ma ci dicu di no! Non sugnu ju stu magu ca dici lei. Ju non ci a fazzu mancu anziattari su

chiovi o c’è u suli di ccà a fra ’n ura! Comu putis si essiri un mago?

MARESCIALLO  frottole, lei spara una raffica di frottole!

MAGO                                ma chi pallottole e pallottoli sparu! Ca ci né n’auttru. Ju mancu u militari fici! Senta

maresciallo, u voli capiri oppuri no, ca ju sugnu innocente.

SUOCERA               si Innoceziu è, ma di sulu nomu!

CARABINIERE  maresciallo, ho trovato questi abiti nell’altra stanza(paramenti da mago).


45


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MARESCIALLO  visto? Abbiamo trovato anche il suo costume di scena.

MAGO                e ci torna! Ma quali costumi e salva genti. Chiddru è u me vestitu di carnaluvari.

MARESCIALLO   e ora ca semu a gugnu chi ci fa peri peri?

MAGO                            mu staiu pruvannu pi essiri prontu all’annu prossimu. Chi è, non possu? È vietatu dal la

legge?

MARESCIALLO c’a finissi. Non può negare l’evidenza. E poi non  si ricorda di me e della mia collega ?

MAGO                       aspetta un mumentu. Ora ca ci pensu…ma lei non è u diritturi di banca?

MARESCIALLO   si, sugnu ju!

MAGO                           e chi addivintavu ora, maresciallo? L’haiu dittu sempri ju. Sti concorsi pubblici su ‘na fregatura. Tutti cosi abbissati già sunu. Si spartunu i posti fra di iddri. Acchiappa a unu comu a chistu. Si siddriavu a fari u diritturi da banca, fici ‘na para di telefonati e si fici eleggere nenti popo di meno che maresciallo generale delle forze armate regie. Ca certu ca antura ci tineva o titulu. Sono maresciallo aiutato! Ovviu è aiutatu, e macari bonu scummettu. E spatti appi a facci tosta di fari pighiari macari a cerbiattina. Siete persone immorali, e io immenzo alle persone truffaldine, fetentigrafe e adulteranti, no ci stò. Me ne vado! (Va per uscire dalla stanza).

MARESCIALLO  (dopo un attimo di smarrimento)  fermo, fermatelo! Unni voli iri? Lei è in arresto.

MAGO                     a mia fra cuntu ca mi venu un arresto si, ma cardiaco. (Si sente male)  a testa…a testa mi sta

furiannu! Cascai, mattri cascai (si lascia cadere sul divano).

PINELLA                 Innocenzio chi c’hai? Chi fu? Chi ti senti?

MAGO                       mortu sugnu. Staiu murennu! Arrivavu u me mumentu.

SUOCERA               macari sti paroli arrivassunu in cielu!

MARESCIALLO  presto signora vada a prendere un poco di acqua con lo zucchero.

MAGO                  non ci possu iri ju che me pedi? Magari avvicinu un minutu o bar a ccà sutta. Tornu sub bitu!

MARESCIALLO  lei stia quà e non faccia il furbo. Su a voli c’è acqua c’o zuccuru  fatta in casa.

MAGO                       ca meghiu di nenti.

(Si sente suonare e bussare alla porta con grande veemenza ed insistenza).

MARESCIALLO  cosa succede adesso?  brigadiere, vada a vedere.

Torna Pinella con l’acqua.

PINELLA                 tieni tesoro, vivi.

MAGO                       ca spirianu ca supravvivu!


46


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

Scena VIII

(Detti, Venera)

Entra Venera, la moghie del maresciallo, avvinghiata alla brigadiera, che sopraffatta cerca di liberarsene.

VENERA                      ccà veni. Unni voi scappari, cosa fitusa! Ti beccai aah? Svergognata, fimmina calorifica. Arrovina famighi. Accalappiatrici di uomini passuluni! E unni è iddru ah? Eccolo unni è u porcu (si mette a cavalcioni sulla brigadiera).

MARESCIALLO  Venera, e tu chi ci fai ccà?

VENERA                ju chi ci fazzu? Tu, schifusu, traditori, imborgliatore di moghi fedelissime. Tu chi ci fai ccà!

MARESCIALLO  ju staiu travaghiannu.

VENERA                 ah, stai stravaghiannu veru?  E giustu, giustu veni a travaghiari a casa del mio mago? E veni

vistutu accussì pulitu? E veni, guarda caso cu sta gran strafallaria, vistuta cu sti robbi

allippati d’inconddru ca pari ‘na siccia? A stai vi dennu? Praticamente è anura! Su a talii

di facci ci poi cuntari macari i nei ca c’havu supra a panza, e su a tali d’arreri ci poi

anzittari macari a marca dò filu interdentali ca c’ havi pi mutanni.

BRIGADIERE      signora mi lasci, adesso suo marito le spiegherà tutto.

VENERA                  muta tu, malafemmina, muta. Prima ca ti rumpu i catinazzi dò coddru!

MARESCIALLO ma Venera, Viniruzza mia, ma chi capisti? Questa è una operazione in incognita persmascherare tutti i mavari da provincia. Pi chistu semu in borghese, e pi chistu ju e a brigadiera in quest’ultimo periodo ama a statu sempri insieme. Pi fari a finta di essiri amanti e putiri smacherari sti lestofanti.

VENERA                  a fecevuru finta di essiri amanti?

MARESCIALLO  certo, sulu finta. Amore mio è il mio mestiere. Ma io amo sole te!

VENERA                  (si addolcisce) appiddaveru?

MAGO                       (verso il pubblico) senti, ju mi staiu sintennu meghiu. Ora, prima ca cu tuttu st’amore a tu

zuccuru m’acchiana u diabeti, forsi è meghiu ca mi ni vaju! (Approfitta della distrazione generale e mentre gli altri parlano lui si defila ed esce portandosi la valigia con i soldi).

MARESCIALLO  ma certo polpettina mia. Per me esisti solamente tu.

PINELLA                 sicuro pelosetto mio?

MARESCIALLO sicurissimo. E poi tu pensi che una ragazza giovane e allettante come la brigadiera, vinissicu mia?

BRIGADIERE      eh, signora il maresciallo ha ragione!


47


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

VENERA                  muta tu! Ca ancora sugnu in posizione pi smuntariti a clavicola.

MARESCIALLO  e dai pulcinella mia, ora che tutto è chiarito lasciala.

VENERA                 e va beni ti cridu.  Ma attentu, ca su sgarri ca sgrarri,  ti canciu l’attribbuti. Ni capemu no?

Menza parola. E tu papareddra ‘n pittata, teni l’oc chi vasci e i manu ‘nda sacchetta ni capemu?

BRIGADIERE      certo, basta che adesso per favore si tolga dalla mia schiena signora.

VENERA           d’accordu. Allura maritino mio, siti ccà p ’attaccari il mago dell’infinitesimo?

MARESCIALLO  per l’appunto cara.

VENERA                  ma è una brava persona, tutto sommato.

MARESCIALLO  e mia cara, il dovere è dovere.

VENERA                       ca su è dovere! Allura ju mi ni tornu a casa. Senti, vidi ca a ‘sta sira ci sunu trippa c’o

pummaroru e pepata di cozzuli.

MARESCIALLO  ottimu.

BRIGADIERE        e soprattuttu leggeru e estivu.

VENERA                               va bene, allura ju mi ni staiu jennu. Fammi una cortesia. O magu, quannu torna,

salutammillu tu.

MARESCIALLO certo, non mancherò.  (Poi riflette)comu quannu torna? Ccà è,  stinnicchiatu ‘ndo divan u ca

si senti mali.(Vede che non c’è) o mamma mia! E unni si ni ivu?

VENERA                  chistu no sacciu, ma havi almenu un quartu d’ura ca non c’è chiù.

MARESCIALLO   (ai colleghi) ma comu? Chi  vu lassasturu scappari  di sutta o nasu?

CARABINIERE    ma maresciallo, veramente ju non l’haia vistu nesciri.

SUOCERA              e cari miei, avete visto come è scomparso nel nulla? Non era un lestofante, era un vero mago.

Il potente mago dell’infinitesimo!

MARESCIALLO     ma quali mago e mago. Presto o circamulu! Ni videmu a casa Venera. (Tutti i militari escono di corsa).

VENERA                  va beni, pelosetto mio. (Esce).

ALDO                  meghiu ca mi ni vaiu macari ju, prima ca chiddri ci ripensunu e m’attaccunu a mia! (Esce).

PINELLA                  menu mali ca ci a fici a sgattaiolari. Tu immagini su u attaccavuni appiddaveru?

SUOCERA              arrifriscavi a mamma, arrifriscavi!

Escono la moglie e la suocera. Dopo qualche istante, rientra il mago di fretta stringendo la valigia con i soldi.


48


“U mavaru” - 2 atti di Santo Capizzi

MAGO                     (al pubblico) e vuauttri chi ci faciti ancora ccà? Magola magola magia! (Si chiude il sipario).

SIPARIO


49

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 35 volte nell' arco di un'anno