U nutrico

Stampa questo copione

U nutrico - 2 atti

Commedia in due atti

Di Salvatore Genna

Posizione SIAE: 268233

1/46


U nutrico - 2 atti

Scena unica

Personaggi

Paolo …………………………… Capo famiglia

Caterina …..………………… Moglie

Luca………...…………………… Figlio

Benito………….……………….  Amico di Paolo e Caterina

Nonno …………………………. Padre di Caterina

Graziella ……………………... Collaboratrice domestica

Silvia ……………………………. Fidanzata di Luca

Moamed……………………..… Venditore ambulante

Nonna…………………………… Madre di Paolo

2/46


U nutrico - 2 atti

ATTO PRIMO

Salotto di una casa del ceto medio alto.

Entra un uomo anziano con una tromba, dopo qualche minuto entra donna vestita da domestica che lo cerca.


NONNO:


(entra da un lato) avanti bersaglieri, seguitemi! (Esce dal lato opposto).


GRAZIELLA:


(gli corre dietro e rimane in scena) Colonnello dunni va? Eh povero Colonnello, ‘nda ‘stu periudu Cridi di essere u cumannanti de bersaglieri e chi mi tocca fari? Assecondarlo! Mi tocca di assecondarlo.


CATERINA:


(entra con il mano i ferri per lavorare la lana ed una sciarpa in lavorazione) ma chi schifio facite? Sempre chi ghite currenno.


GRAZIELLA:


Silenzio, siamo nel bel mezzo di un attacco e suo padre è a capo di un potente battaglione


(il nonno quando sente questa parola esplode ricordando i vecchi tempi)


NONNO:


(rientrando urlando)u battaglione, tedeschi i tedeschi


vuauttri di dda parti. Viatre a stautra parte . I


GRAZIELLA:


(inizia a suonare i fischietto) riposo riposo (il nonno si siede tranquillo e si addormenta) Sta parola un si può dire chi u vecchio parte. Avante stasse calmo. Quanche secunnu di riposo e ammomenti è pronto pi n’autra battaglia!


CATERINA:


mischino me patre ormai unn’arreggi. Talia comu si sdivacao. Ma soccu è stu feto?


GRAZIELLA:


era u pranzu, era. Mi pari ca stiorno ni finisci a pollu allo spiedo.


CATERINA:


apposto semo (Graziella esce e va in cucina)


Entra la nonna completamente arteroscrerotica con una gabbia in mano e va verso Caterina


NONNA:


buonasera signura aviti visto a me matre


CATERINA:


No no un ni l’emo visto


GRAZIELLA:


(entra graziella e vede la nonna) ca c’è l’autra


NONNA:


(verso Graziella) signura aviti visto a me matre


GRAZIELLA:


si a so matre, astura di so matre manco u zinco arristao


Di nuovo verso Caterina

3/46


U nutrico - 2 atti


NONNA:


Buonasera signora, avite visto viatre a mia matre


CATERINA:


no no mi dispiace


GRAZIELLA:


signura isse a dra banna chi ora circamo a so matre


La nonna si avvia per uscire e parla con l’uccello in gabbia


NONNA:


Paolino ma tu picchi un cante? (esce)


CATERINA:


certo me patre è stravacante, ma dra vecchia di me soggira non arreggi nzano cerca a so


matre chi ave 40 anni chi è morta.


GRAZIELLA:


va accordala ora c’è. No ma io nescio foddre, prima o poi nescio foddre. U vecchio fa a


guerra, a vecchia cerca a so matre e cu tutti e due ci a cummattire io.


CATERINA:


Graziella calmati, u sai chi me marito voli chi stanno cu niatre


GRAZIELLA:


certo, li chiama risorse, li chiama portatori sani di pinsione, ma prima o poi nescio


foddre puro io


CATERINA:


Calmati. Ma senti Graziella turnao u nico meo?


GRAZIELLA:


Quannu mai…u citrulune non s’a vistu.


CATERINA:


Talia chie beddra sciarpetta chi ci staio facenno. Unn’è bellissima? Senti com’e’ morbida, così u nico meo non si irrita la pelle del collo e del viso. E senti com’è calda, così il mio nutrico starà bene al calduccio e non s’arrifridda.


GRAZIELLA:


(facendo smorfie) ca certu, ovviu. Non sia mai ca il piccolo si pighia un colpu d’aria! E ‘sti pupazzetti? Cu sunu Topolino e Minna? Ma talia chi suni beddi


CATERINA:


troppo bello vero? Pensa como sarà cuntento appena ci la dugno. è il regalo del compleanno


GRAZIELLA:


un bellissimo regalo, po compleannu do…do nutrico. Caura, morbida, profumata. Eh si, ‘na bella sciarpa cu Topolino è propriu chiddu ca ci vuoli pi ‘n compleannu indimenticabili. U nico ne sarà sicuramente troppu felici. Non putissi addesiderari autru.


CATERINA:


a proposito di cavuro. Mi raccomando Graziella, teniti pronta a preparare un bello bagno cavuro, u sai chi quando torna ci a fare u bagnetto al mio cucciolotto


GRAZIELLA:


certu signura, appena u… u cucciolettu arriva, ci preparu ‘n bellu bagnu, caudu ausi u broro quanno ci calo u pollo!


4/46


U nutrico - 2 atti


CATERINA:


bene, bene Grazie Graziella


GRAZIELLA:


Prego signura


CATERINA:


E mi raccomando quannu torna, fai in modo di chiudere tutte le finestre. Sai, magari è un poco surato e pigghia na punta.


GRAZIELLA:


i finestri sunnu già chiuse. Sigillati preventisticamenti. Non sia mai ca u piccididdu avisse agghiurnare curcato.


CATERINA:


bene, bene Grazie Graziella


GRAZIELLA:


Prego signura


CATERINA:


Va bene, allora io vaio a dra banna a finire a sciarpetta, masinnò un ci arrivo a completarla pi quanno fa l’anne (esce caterina)


GRAZIELLA:


si buatte fa no l’anne, u picciriddro.


NONNO:


(il nonno si sveglia) ma quali picciriddu, quale nutrico! Ci lu facissi vidiri ju a chiddu chi voli diri essiri un masculu cu tantu di contributi.


GRAZIELLA:


chi dici Colonnellu? (Il colonnello ricomincia a russare) ju c’haiu comu l’impressioni ca u Colonnellu arraggiuna megghio di mia!


PAOLO:


ciao Graziella (entra paolo che viene dalla caccia eattacca il fucile all’attacca panni, il fucile resterà attacato li per quasi tutta la commedia)


GRAZIELLA:


buongiorno, ci mancava st’autro, e lei ca astura?


PAOLO:


picchi è un problema? Fino a prova contraria è casa mia


GRAZIELLA:


pi carità facisse puro ma, chi è nirvuso sta matina.


PAOLO:


Troppo nirvuso,


GRAZIELLA


chi successi?


PAOLO:


Chi successe? Nenti, stiorno ivi a caccia e turnai senza pigghiare nenti! (Nervoso) Per me è un disonore!


GRAZIELLA


Ma come, dici chi è il miglior cacciatore del mondo!


PAOLO:


certo,quanni sugno sulo, ma stiorno mi purtae a chiddro, un ni lavissi mai fatto


GRAZIELLA:


a cue?


PAOLO:


a dru babbo di Felice


5/46


U nutrico - 2 atti


GRAZIELLA:


e perciò quale è u problema?


PAOLO:


quale è u problema? Ora tu cunto: appena arrivamo in campagna vitte un pittuso na un muro, e ci disse : “ felice, ora fischio, tieniti pronto chi nesci un Picciune!” io friscae, u picciune niscio e Felice sparao...pam! Piccione preso


GRAZIELLA:


Mi bono stasira broro


PAOLO:


Zittite chi non aiu finuto. Dopo na dicina di minute, c’era un buco chiù grande sutta na petra, allura ci fice u stesso discurso: “ Felice, beddro sperto, ora fischio, tieniti pronto chi nesci un cunigghio” io friscae, u cunigghio niscio e Felice sparao pam! Cunigghio preso


GRAZIELLA:


Mi bono stasira l’ardiato


PAOLO:


Ti disse zittite chi non haio finuto. Dopo n’autra dicina di minute c’era un buco ancora più grande del precedente. Stesso discorso: “ Felice, ora fischio, tieniti pronto chi nesci un cinghiale” io friscae, u cinghiale niscio e Felice sparao pam! cinghiale preso


GRAZIELLA:


Mi bon stasira stufato


PAOLO:


avia finuto bono, U problema fu quanno mi allontanai per dei movimenti stomacali e lassai Felice sulo. Manco avia finuto chi arriva Felice scantato morto tutto struppiato


GRAZIELLA:


Picchi chi successe?


PAOLO:


Chi successe? Mi disse chi vulia fare como facia io, allura vitte un buco grossissimo, ci taliao dintra ma c’era scuro. Allura si pigghiao di curaggio e si mise beddro sperto davante u buco pronto a sparare e friscao. Fiscao a prima vota e un successi nenti, fiscrao a sicunna vota e nenti, friscao a tezza vota e… pam


GRAZIELLA:


e chi pigghiao n’elefante?


PAOLO:


Chi piggiao? si non era lesto a livarise di mezzo u pigghiava nchino u treno chi stava niscenno da galleria.


GRAZIELLA


Mischino! Pensa lu scanto


PAOLO:


lu scanto? Era bianco como la carta e un mi dava cunto , allura io ci disse “como si Felice? Como si Felice?


GRAZIELLA


e iddro ?


PAOLO:


dopo un poco babbo babbo m’arrispunne dicenno “ si si sugno Felice, Felice chi un mi pigghiao nchino”. Ci desi tanti di dri timpulate chi si lu pigghiava nchino u treno l’avisse stroppiato chiù picca.


GRAZIELLA


e u cunigghgio, u cinghiale almeno vi li pigghiastivo?


6/46


U nutrico - 2 atti


PAOLO:


quannu mai, m’annirvai tanto chi non ni vosi sapire chiù nenti, li lassa idra.


GRAZIELLA


apposto e ficimo stu bene, ma dico io, cu vi ci porta a iuncive chi babbe


PAOLO:


ragiuni hai, sugno distrutto…(guarda il nonno) ma dru vecchio chi fa? Dorme?


GRAZIELLA:


si zittisse,chi iddro ora pare chi s’alloppiao, ave na matinata chi facemo a guerra. Ci pare chi sparate sulo lei e felice? Niastre puro, sbarrachiamo porte, cumannamo battaglioni,


il nonno quando sente questa parola esplode ricordando i vecchi tempi


NONNO:


(urlando) u battaglione, tedeschi


vuauttri di dda parti. Viatre a stautra parte . I tedeschi i


GRAZIELLA:


(inizia a suonare i fischietto) riposo riposo (il nonno si siede tranquillo e si addormenta)


PAOLO:


U sai chi sta parola non deve essere detta


GRAZIELLA:


Ragiuni ave mu scordo sempre. si mi cuntassiro tutti sti iorna di militare chi aio fatto ca astura fussi generale.


PAOLO:


devi ritenerti fortunata, ti tieni in movimento, ti nsigne a storia d’italia e si puro pagata.


GRAZIELLA:


lassamo stare stu libro


PAOLO:


quale libro? chiddro di storia?


GRAZIELLA:


si chiddro di geografia, quanno si parla di sorde facite finta di un capire


PAOLO:


avante calmate, chi ca ti finisce chi coffe, dove lo trovi un altro datore di lavoro onesto como a mia chi ti fa travagghiare in nero facendoti sparagnare un sacco di tasse, avanti dimmi dove lo trovi?


GRAZIELLA:


dove lo trovi, dove lo trovi, attipo chi fusse difficile, ormai i figghie un ci vonno cummatire chiù chi vecchie e su disposte a pagare pi una chi ci cummatte, la chiamano badante oppuro chiddre chiù fine la chiamano dama di compagnia.


PAOLO:


idrra sape badante, dama di cumpagnia, ma zittite ti disse chi megghio di ca non hai dunni ire, ricordati chi: travagghie ca in nero vitto e alloggio incluso, 6 mise l’anno ti fazzo assumere pi finta nu cavalere scotula, quanno ti licenzia sempre pi finta ti futte i sordi di a disoccupazione e ci paghi i contribute pi pigghiare a pinsione.


GRAZIELLA:


si u dice lei, io sugno convinta chi si quanche giorno fanno quanche controllo n’arrestano a tutte.


PAOLO:


si e ni mannano u frisco, ma chi dici graziella in Italia si avissiro a mannare a tutte u frisco non arrestasse nuddro libero. A proposito di frisco, Graziella ma ca dintra fa un cavuro di morire!! Rapi anticchia i finestre


7/46


U nutrico - 2 atti


GRAZIELLA:


non si può.


PAOLO:


non puoi? E picchì.


GRAZIELLA:


picchì fra pocu avissa a turnari il…bambino, e siccomu putissi esseri sudatu, dobbiamo stari attenti a non faricci pighiari ‘n colpo di aria, prima ca al…nutrico ci veni la frevi.


PAOLO:


(ironico) certo!!! Si u nutrico ci veni la freve poi como facemo? chisse chi su fantasie di me mugghiere? Chiddraà lu sta ruvinanno, ma chi ci pare chi poù fare nenti nella vita como a mia? Io si fazzo nenti è picchi la pinsione di invalidità me la sono guadagnato.


GRAZIELLA:


certo, sacrifice…


PAOLO:


io ho lavorato molto per poter fare nenti, per mesi sono andato all’INPS e ogni vota accusavo una malatia nova, core, prostata, aricchie…, arrivai o punto chi manco mi ricordavo chiù chiddro chi avia accusato. Ma i miei sacrifici sono stati ripagati, a 40 anni ho avuto la meritata pensione di falso invalido. Non per vantarmi, ma all’INPS risulto u chiù malato di tutte.


GRAZIELLA:


bravo ( applauso)


PAOLO:


Grazie Graziella


GRAZIELLA:


prego sig. Paolo


PAOLO:


Per non parlare di me mugghiere chi ave u posto a scola e un ci ha juto manco u jorno picchi gode della 104 di so patre. D’altronde a ligge è giusta si u vecchio unn’arragiuna qualcuno c’iava cummattire


GRAZIELLA:


Piccato chi in realta ci cummatto io


PAOLO:


Silenzio chisso non si deve dire picchi altrimenti veni l’inps e ci dice a me mugghiere “signora cara visto chi cu so patre ci cummatte la gentilissima signora graziella con regolare contratto, lei po ghire a insegnare a scola” e si mpirugghiano i carte


GRAZIELLA:


un sia mai, invece accussi è megghio. Io vu ripeto, primo o poi ni mettino dintra a tutte


PAOLO:


Ma quanno mai. Allura chi avissimo a dire di me soggiro (indica il nonno) chi ave iunte chiù pinsione chi denti nta la vucca: pinsione di vicchiaia, reversibilità da mugghiere, pinsioni di marche, accompagnamento e per finire pinsione pa guerra. Chi poi ranni guerra chi fice, era aiutante cuoco na caserma e a matina sunava a trumma. Si parle cu iddro ti rice chi era generale du battaglione


il nonno quando sente questa parola esplode ricordando i vecchi tempi


NONNO:


(urlando) u battaglione, tedeschi


vuauttri di dda parti. Viatre a stautra parte . I tedeschi i


8/46


U nutrico - 2 atti


GRAZIELLA:


(inizia a suonare i fischietto) riposo riposo (il nonno si siede tranquillo e si addormenta)


PAOLO:


Si l’americane no i tedeschi. Graziella va dacci i pinnule


GRAZIELLA:


bono bono, stasse calmo. Avanti chi arrè s’alloppiao, chi stava dicenno?


PAOLO:


Stava dicenno chi ringrazianno a Dio i pinsioni ni nescino di l’occhi, perciò dru cretino di me fiugghio videnno tutta questa situazione ci pare chi funziona accussi!, un sape chi i tempi canciaro! So matre u tratta como un nutrico e iddro campa senza fare nenti sulle spalle dei miei sacrifici. Ma sta storia ava finire, dunne me mugghiere chi ci va parlo?


GRAZIELLA:


è ‘nda so stanza. Sta finennu di preparari una sciarpa fatta ai ferri po nutrico…e cioè vulevu dire pi suo fighiu, Luca.


PAOLO:


(ironico) e certo. Chi fa, non ci la vulemo fare a sciarpetta o bambolotto? E chi ci disegnao supra Braccio di ferro,Tom e Jerry….


GRAZIELLA:


veramenti su mughieri supra a sciarpetta ci sta arricamando Topolino e Minna.


PAOLO:


a cue?


GRAZIELLA:


minna, minna a mugghiere di topolino, veramente non l usaccio si è mugghiere di topolino forse, a zita, o megghio a cumpagna… di topolino, ma chi schifio ni saccio. Bo facissi cuntu chi un ci disse nenti.


PAOLO:


basta! Ora basta! Stavota a situazione s’ava risolvere una vota pi tutte. O si cerca u travagghio o trova una soluzione pi campare sulle spalle dello stato como a mia. (Esce per andare dalla moglie).


GRAZIELLA:


miii chi mpirugghie. Caro Colonnellu a pacchia po nipotinu sta pi finire, c’è aria di bufera!


NONNO:


e fussi macari ura! Ddu sfaticatu ne travagghia, ne fa a guerra e ne futte u stato! (esce


dalla stanza)


GRAZIELLA:


ma quali carica e carica. Si ni isse dra dintra chi staio vinenno a canciarice u pannolone.


LUCA:


(entra stremato, quasi barcollante) ahi, ahi! Io, sugno distrutto! Chi stanchezza! Chi stanchezza! Graziella mia, non puoi capire che stanchizza


GRAZIELLA:


ca c’è l’autro tutti stanchi sta matina. chi ti successe Luca? Pigghiaste u vizzio di travagghiare?


LUCA:


peggio Graziella, molto peggio.


GRAZIELLA:


addirittura!


9/46


U nutrico - 2 atti


LUCA:


e si. Stiorno dopo chi mi susì verso i 10 appa jire u bar ca’ nfacce e mi tuccao stare addritta picchi i segge erano tutte occupate. Mah, un mi fazzo pissuaso, ma i chistiane a chi ura ci arrivano u bar, aggiornano drà?


GRAZIELLA:


certo sacrifici, tuttu chisso fu ?


LUCA:


macare! Poi un cuntento di chisso ncucciae u zu ndria chi vose essire accumpagniato o munte? Ci putia dire di no??


GRAZIELLA:


a u capì, acchianastivo a pere?


LUCA:


quanno mai! p’acchianare acchianamo ca machina, ma poi appimo a parcheggiare e caminare a pere.


GRAZIELLA:


nenti di meno!


LUCA:


Allurtimo u sai pi socco? pi pigghiare na Genovese e scinnire arrè, Pare chi unnì fanno Genovese bone a Trapane. Sono distrutto, sono a pezzi. Stanco morto!


GRAZIELLA:


Mischino!


LUCA:


un sulo, quanno arrivae a Trapane mi ncucciao a Zi Pippina, e mi dumannao si la putia accompagnare o cimitero e a fare a spisa. chi c’avia a dire ?


GRAZIELLA:


certo, ca za Pippina non si discute!


LUCA:


e appa stare tutto u tempo assittato a aspittare a iddra chi accattava i ciure e firriava i morte. Poi como vose Dio turnamo , pigghiae a machina e vinne.


GRAZIELLA:


Pigghiaste a Machina? Ma picchi como l’accumpagnaste?


LUCA:


Ca machina d’iddra, Iddra guidava e io ci facia cumpagnia, si ci’ammancava sulo chi avia a guidare io fino o cimitero.


GRAZIELLA:


Ci mancherebbe!


LUCA:


Sugno distrutto


GRAZIELLA:


Certu figliu miu, mu mmaggino! Chisti non suni sforzi, sunu sfurzuni! Certu, hai milli parti di ragiuni! Molto peggio di travagghiare, ovvio. Ma poi tutti giovani frequentasti sta matina u chiù picciotto ave 80 anni.


LUCA:


io ma passo bona chi cristiane anziane, mi vonno bene , ogni tanto ci nesci puro u regalo. Comunque Graziella pi favure preparami il solito bagno caldo con i sali, che oggi ne ho particolarmente bisogno. Mi devo rimettere in forze, sugno un morto chi cammina.


10/46


U nutrico - 2 atti


GRAZIELLA:


Amico bello, vire ca to patri è ‘nfuriato, è niuru. Si ti piggia , e virenno como si cumminato stai sicuro chi ti pigghi, autru chi morto ca cammina, u morto tu fa fari piddaveru. A stanchizza ta fa passari di nsubito!


LUCA:


chi successe, cu cu ci l’ave?


GRAZIELLA:


chi successe? Cu cui ci l’havi! To patre, ci l’havi cu tia, hai presente a goccia chi fa trabboccare il vaso, bene, fai cunto chi u vaso cario e si sfrantumao, e pari ca a rumpirirsi non fu sulu u vasu!


LUCA:


ma chi è pu riscurso chi un travagghio, chi un fazzo nente? Ma avisse a travagghiare sulo io? iddro chi fa ? si un fusse chi u nonno ave chiù pinsione du presidente da repubblica, a mamma fa a maestra tanto pi dire e iddro u falso invalido un fussimo mezzo una strata.


GRAZIELLA:


ju non haiu vuci in capitulu e non ni vogghio sapire nenti.basta chi un mi nucite a mia vanno beni tutti i cose


LUCA:


va bene, futtitinne, tanto ammomenti nescio e quindi forse manco ni ncucciamo cu me patre. Comunque grazie graziella.


GRAZIELLA:


Prego, ma quindi un manci ncasa


LUCA:


quanno mai sugno invitato ad un’apericena


GRAZIELLA:


beddu, parra potabili cu mia, ca ju tutti sti lingue straniere non li capiscio.


LUCA:


una apericena, una specie di cena dunni tutti pagano assaie e all’ulrtimo si ni vanno cuntenti chi arrestaro addiune


GRAZIELLA:


mi da non perdere . Comunque beddro prima chi ti ni vai droco aperinterra….


LUCA:


apericena


GRAZIELLA:


si si va bene apericena o aperinterra u stesso è , vire chi c’è to matre chi ti voli parlare.


LUCA:


va bene


Luca esce, ma Graziella si ricorda che con la mamma c’è anche il padre e tenta in vano di avvertirlo.


GRAZIELLA:


ah, comunque stai attento chi cu to matre c’è puro to patre, chi si ti ncoccia autro chi apericena, ti fa currire a pe rinculo.


Entrano luca paolo e Caterina, mentre graziella inizia a scopare a terra.


PAOLO:


ora basta! L’emo a finire . E’ una vergogna!


CATERINA:


ma ancora è nico!


11/46


U nutrico - 2 atti


PAOLO:


(ironico) eccolo, eccolo qua u picciriddro, u nutrico, l’orgoglio nostro, il bastone della vecchiaia. Eccolo!


CATERINA:


e lassalo stare , non lo vedi che è stanco morto?


PAOLO:


(ironico e pacato) certo e’ distrutto, ave i denti surate, è stanco di un fare niente! Ecco di

cosa è stanco. Un fa autro chi stare u bar, accompagnare a za Pippina o cimitero e o

mercatino, ogni tanto quanno fa na valintizza si va tagghia i capiddre.

Io un ci rico di travagghiare o di sturiare, un sia mae, ma almeno frequentare u

sindacato, un politico e virire si c’è qualche cugnintura pi fare u mantenuto como a

niatre. Ma chi ci pare chi i ligge pi fare nenti venno sule.


LUCA:


Ma papy io voglio un posto fisso…..si u trovo


PAOLO:


ma quale papy e papy? E chiamami papà una buona volta! I papi su a Roma….si vulia stare cu i papi picchi un ti facivi parrino. Chiddro si chi era un travagghio bono pi tia i parrine su belli tranquilli, un si fuchiano nenti nenti l’unica furzata chi fanno è aisare u calice


CATERINA:


Finiscila di dire sti fissarì e lassalo stare un poco in pace. Non vedi che il piccolo…


PAOLO:


(esasperato) ma quale piccolo? È un citrulune nulla facente chi unn’ave manco voglia di truvare una cugghintura pi futtire u stato


CATERINA:


Pi mia arresta u nico di casa, il mio cucciolo e guai a cu mu tocca


PAOLO:


(esasperato) ancora con questo cucciolo? Tuo figlio ave trentacinque anni, lo vuoi capire oppure no? E sono ben trentacinque anni che non fa niente. L’unico travagghio alle spalle dello stato chi ha fatto è u scrutinatore ni votazioni


CATERINA:


Ecco vedi che bravo. U scrutinatore u fa troppo bono, mai chi si fa dare u documento, picchi canusce a tutte nu qaurtiere. Poi gentile cu tutte a pinsare chi l’ultima vota chi a za pippina io a vutare pu sinnaco iddro appena la vitte subito si susio e con tanto di educazione l’accumpagnao fino a dintra a cabina elettorale. pensa un gesto di grande educazione e generosità chi ni parlao puro u telegiornale.


PAOLO:


cretina u telegiornale ni parlao picchi appiro annullare i votazioni. Ma tu rici vero?


LUCA:


Papy ricorda che io…vado all’università sono un laureando


CATERINA:


si bravo cucciolo mio. Ricordalo a tuo padre che sei ad una sola materia dalla laurea.


LUCA:


Si una sola


PAOLO:


e hai pure il coraggio di parlare? Tuo figlio è all’università da 17 anni, fai u cunto, i materie ntutto su 10, 9 si li pigghiao ca CEPU e ave 8 anni chi ava dare l’ultimo esame. Un esame! Un ultimo biniritto esame pi laurearsi! E chi ci vuole a darlo dico io?


12/46


U nutrico - 2 atti

LUCA:

ma papy, è un esame difficilissimo. E poi lo sai che il professore ce l’ha con me. Non

mi può vedere.

CATERINA:

Ma chi ci pò fare u nico meo si u prufissure ci l’ave cu iddro? Anzi a ringraziare a dio

chi u picciriddro non ni pigghia un esaurimento nervoso per lo stress

PAOLO:

ma quale stress? Quale esaurimento? L’esaurimento

a mia sta venendo

CATERINA:

(rivolta al figlio che poi abbraccia) tappati l’aricchie

non sentire u papà è monello,

scherza, iddro ti vuole bene. (Al marito) zittute! Non parlare accussì chi può avire un

trauma. Già soffre pi curpa du prufissure

PAOLO:

U prufissure è un santo! Le ultime due volte chi stu campione ha sostenuto l’esame, u

pufrissure pi aiutarlo e pi livarisillo di davanti gli ha fatto una domanda, gli ha chiesto

“un argomento a piacere”. La sai che cosa gli risposto questo questo…

Graziella interviene pungente


GRAZIELLA:


Scinziato


PAOLO:


ecco giusto questo scenziato


CATERINA:


cosa?


PAOLO:


prufissure, veramente un c’è nuddro argomento chi mi fice piacire sturiare. Facemo chi su passa lei u piacire e mi dumanna soccu vole


LUCA:


e quindi


PAOLO:


e quindi e quindi mi dice? Cretino era pi aiutarite ammeno putive rire tutti i fissarì chi vulivi. invece grazie alla tua …..


GRAZIELLA:


Geniale


PAOLO:


e ecco giusto geniale risposta u prufissure ti mannao


LUCA:


dunni mi mannao?


PAOLO:


dunni?


GRAZIELLA:


A fari nculo, ecco dunni fussi giusto mannarite


PAOLO:


ecco brava


CATERINA:


finiscila a curpa è du prufissure chi u fice cunfunnire.Ci putia fare a domanda classica. Se chiede un argomento a piacere…ognuno parla di chiddro chi ci piace! Si o nico meo un ci piacio nenti picchi avia dire minzogne. Fu sincero. Hai fatto bene a mamma non si dicono le bugie. Io i capiscio di sti cose, ricordati chi sugno maestra.


13/46


U nutrico - 2 atti


PAOLO:


si maestra , maestra a tempo perso, ma chi vai dicenno. (Al figlio) E tu disonorato, arruspigghiate. Un nico di farlo pi mia ma almeno fallo pa to zita, fallo per Silvia. iddra si che è una ragazza con la testa sulle spalle; ha appena trent’anni ed è già un infermiera specializzata e tu invece chi si


GRAZIELLA:


Manco malato autro chi nfimmere


PAOLO:


ecco giusto, manco malato, si fussi malato almeno facissimo a dumanna di accumpagnamento


LUCA:


(quasi borbottando) certo, pi iddro sugno sempre niente. Certo chi Ca no paise mi canuscino tutte e tutti mi apprezzano


PAOLO:


si perciò, ti apprezzano tutte , capace chi ti fanno sinnaco! Ma che dici? Domani, quando io non ci sugno chiù che mangerai, vire chi a reversibilità di pinsioni da padre in figlio non c’è.


LUCA:


va bene, como dicite viatre. Ora però mi ni vaio , haio un’apericena


CATERINA:


certo sangu meo, va priparate, ti vegno aiuto? Tà fare u bagno?


LUCA:


no dopo tutto stu tempo chi mi fice peddire papy, un fazzo a tempo


Suona il campanello e entra Silvia


SILVIA:


è permesso


LUCA:


Ciao silvia, sono pronto andiamo


PAOLO:


Ciao silvia mia tutto apposto? Stiorno un travagghie


SILVIA:


no oggi sono libera


PAOLO:

SILVIA:

PAOLO:


Tu si libera stiorno, dru passulune di to zito è sempre libero

non si preoccupi signor Paolo vedrà che prima o poi anche luca troverà un lavoro

Si perciò un si vire. Cerca chi pare un cani di caccia. Lassamo perdire


LUCA:


Si infatti lasciamo perdere. Ciao Mammina Mi ni vaio.


CATERINA:


stai attento un currire


PAOLO:


Se pi chisso un c’è scanto. Un ni l’haio visto mai currire


SILVIA:


Stia tranquilla signora Caterina, guido io


PAOLO:


Como? Scimunito ma chi ti fai venire a pigghiare ncasa da zita? E sta sira capace chi ti veni a lassa posto dintra e si ni torna sula.


14/46


U nutrico - 2 atti


LUCA:


Certo. U sai chi a mia m’annoia guidare. Comunque noi andiamo. Ciao Babbo


PAOLO:


Mi chiamao babbo? A mia? Ma io t’ammazzo! (Lo rincorre con la scarpa in mano per colpirlo) u capiste?


Parapiglia generale, Luca scappa per non farsi prendere dal padre che lo insegue. Caterina cerca di bloccare il marito per difendere il figlio. Il nonno entra cercando i tedeschi e si siede stremato nella sedia


CATERINA:


Paolo, basta! Pi favure fermati ! Così me lo traumatizzi!


PAOLO:


(ansimante) disgraziato! Disgraziato. Mi fa morire


CATERINA:


non ti basta già lo stress a cui e’ sottoposto u picciriddro? Ci mancano sulo tu! (verso l’esterno) sango meo, papà stava scherzando.


PAOLO:


(demoralizzato) è una battaglia persa! Matre e figghio mi fanno morire, ma non lo sanno chi si moro ci appizzano una pinsione!


GRAZIELLA:


amuni nonno caminasse cu mia chi emo a canciare u pannolone. (Il nonno non risponde) nonno nonno! Beddra matri u nonno un mi rispunne


CATERINA:


Como un na rispunne chi veni a dire? Papà papà. U vire socco cumminaste capace chi ci vinne n’attacco di core


GRAZIELLA:


Battaglione battaglione (cercando in vano di scatenare la reazione del nonno)


PAOLO:


como morse? Un babbiamo chi cose serie chi stu vecchio frutta na sta casa più di 10.000 € o mise.


CATERINA:


ma sempre i sordi pensi. Graziella va chiama o dutture.


GRAZIELLA:


curro


PAOLO:


dunni vai ferma ferma ti disse.


CATERINA:


ma chi fu?


PAOLO:


chi fu? Cretina stiorno quanto n’avemo?


CATERINA:


29 e quindi.


PAOLO:


e quindi? Stu vecchio pi mia può fare i vermi, si voi u puoi mettire na cella ma deve risultare chi more almeno u jorno 2 dopo chi calano a misata da pinsione.


CATERINA:


ma tu dici vero? Graziella va chiama u dutture


PAOLO:


ti disse ferma


GRAZIELLA:


Talia chi su beddre


15/46


U nutrico - 2 atti


CATERINA:


avrai a me patre sulla coscienza Graziella curre


PAOLO:


Non mi interessa lu metti na cella tanto sempre agghiacciare ave. Quanno u niscemo è già tiso tiso.


CATERINA:


ma tu arraggiune


mentre i 3 discutono animatamente il nonno si alza tranquillo e va verso di loro ascoltandoli


PAOLO:


ti risse, per ora no, mittemulo na cella


NONNO:


ma sta carne picchi l’emo a mettire na cella non è megghio si na manciamo ora picchi misa na cella cancia sapure.


CATERINA:


papà tu vivo si?


GRAZIELLA:


botta di sale mi fice scantare ma picchi un mi dava cunto


NONNO:


m’aia appuiato 5 minute dopo i curse d’antura. Ma picchi chi successe?


PAOLO:


nenti nenti, sia scanto e sia nenti. Comunque n’autra vota pi sti scherze aspettasse chi trase u mise, picchi dopo u 15 si ni parla u misi chi trase.


NONNO:


ma, un mi fazzo pirsuaso. Comunque graziella io vaio a dra banna quanno si commira mi canci u pannolone chi è chino (esce)


GRAZIELLA:


si si staio vinenno


Squilla il telefono e risponde Graziella


GRAZIELLA:


Pronto. Pronto…….. nol la capiscio. Pa pa …No non c’è u papa . a non cercava u papa . a pa pa paolo. Ora ci li passo……….sig paolo è uno chi cerca a lei. E pi como parla capiscio chi paga assai di bolletta.


PAOLO:


Senti Caterina parraci tu chi sugno troppo nirvuso per ora


durante la telefonata Paolo e graziella fanno un po di scena


CATERINA:


Pronto. Pronto (facendo con la testa i movimenti che seguono il parlare balbuziente dell’interlocutore) be be be…. Ni ni ni…… o carissimo benito quanto tempo . Certo che mi ricordo. Come? Quando vieni ? do do domenica? No! Do do domani! Certo ti aspettiamo. A domani. A si si ecco l’indirizzo: via Pi er sa nti Ma tta re lla 333. tu ricordi? Mu voi ripetire?.... pi pi pi. Va bene facemo una cosa schivitillo e quando si in zona dumanni a qualcuno o megghio si ci fai leggire u pizzino. Se proprio hai problemi chiama e ti stai fermo in via po’ numero 1 chi ti veni chiù facile e fazzo venire me marito dra’ a pigghiarite. A domani……Cià cià cià ciao…….. mi surai


GRAZIELLA:


ma cu è? Stu motore a scoppio ngurfato


16/46


U nutrico - 2 atti


CATERINA:


Un nostro vecchio compagno di scola, ave na vita chi non lo vio. Siccome si trova in zona per lavoro mi disse chi ni voli venire a truvare dumani. Almeno mi passe chi disse dumani picchi a como chicchiava può essere chi disse dopodomani.


PAOLO:


Ma cu è u canuscio?


CATERINA:


certo, si tratta di Benito il nostro compagno di scola


PAOLO:


chiddro ngiuriato mezza parola pi como parlava.


CATERINA:


finiscila di sfuttilo


PAOLO:


un tu tocco un tu tocco il tuo spasimante


CATERINA:


aaah quanto mi ha corteggiata quanno eramo picciotte. Quante belle canzuna chi mi cantava


GRAZIELLA:


Certo mu immaggino! Ammeno cantanno ci scia a vuci.


PAOLO:


e picchi un ti lu pigghiave. Almeno cu iddro parlavi sempre tu picchi prima chi iddrocompletava na parola tu ci avissi fatto un tema.


CATERINA:


Finiscile, iddro era un picciotto serio e stimolante


PAOLO:


certo molto stimolante, sulu sulu ogni vota chi ti chiamava CA, CACA, CACATE pare chifacia tutta a coniugazione du verbo cacare. Vire como era stimolante


NONNO:


(entra il nonno) Graziella ancora droco si?


GRAZIELLA:


arrè ca è


CATERINA:


Papà, veni ca ta dire una cosa. Tu ricordi a Benito


NONNO:


Minchiune si mu ricordo, io stesso con il mio battaglione l’ho catturato e consegnato agli alleati


CATERINA:


Ma papà, chi capiste io parlo di Benito il mio cumpagno


NONNO:


Ignorante. Benito non ha stato mai un cumpagno. Era fascista. Ricordo ancora i discorsi alla nazione durante i vent’anni di regime


GRAZIELLA:


Sbaglio c’è, stu benito chi parlao cu mia a telefono si avissi fattu un discurso alla nazione non avissiro bastato vintanni pi sentilo finire di parlare.


CATERINA:


Papà non hai capito, Benito domani veni ca


17/46


U nutrico - 2 atti


NONNO:

GRAZIELLA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:

GRAZIELLA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:

GRAZIELLA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:


che cosa?Buttana di la marosca perciò dumani veni ncasa mia Benito Mussolini e io non

sapia nenti? Convoco subito tutto lo stato maggiore.(esce)

Apposto, ci mancava sulo chisso ora va cummatticce c’è, va convincilo chi stu Benito

non è Mussolini

Caterina approposito ma como facia di cognome?

di cognome di cognome facia…. Vitti

a vero vero. E come mai veni?

Mi risse chi si truvava a passare di ca per lavoro

picchi chi travagghio fa?

Ntisi rire chi è impiegato statale

a allura è collega meo. Anche lui è a carico dello stato.

Sarà chiddro chi legge i cuntatura?

e chi ava venire a fare niatre semo allacciate abusive nu palo

Si non ricordo male è ispettore nall’ instituto di …..presidenza solare

che cosa?

no no , aspetta ….. istituto istituto di precedenza totale

Ma chi dice?ignorante non è chi disse Istituto di Previdenza Sociale

ecco, ecco chissa chissa è

oooh .. e tanto ci vulia a dirlo …. Praticamente è un’ispettore dell’INPS.

Bravo signor Paolo

Grazie Graziella.. io sugno esperto di sti cose , sarà uno di chiddre chi va firrianno pi

fare i controlli all’invalide, ai pensionate

Certo certo

certo certo (silenzio) ….. Ca Ca Catarina catarina ma tu si sicura di ricordare bona

Sicurissima

proprio I.N.P.S.? Non è chi su autri lettere, chi saccio CGIL, CISL, UIL


18/46


U nutrico - 2 atti


CATERINA:

PAOLO:

GRAZIELLA:

CATERINA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:

CATERINA:

PAOLO:


no no ricordu bon INPS ne na lettera chiù ne na lettera meno

Catarina e chisso dumani ve ve veni ca’ nca nca casa nostra?

chi ci ammiscao a chicchiata

Ncasa nostra Ncasa nostra, paolo ma picchi fai accussi? Paolo chi hai?

Semo semo ….

Paolo chi hai?

Semo semo

Paolo parla

semo arruvinate

picchì?

si chisso travagghia all’INPS canusci sicuro la nostra situazione, appena veni ca e ni vire

si fa pissuaso, e na ruvina


Paolo si sente male

CATERINA:

PAOLO:

GRAZIELLA:

NONNA

GRAZIELLA:

NONNA

GRAZIELLA:

PAOLO:

NONNA

NONNO:

GRAZIELLA:


Calmati paolo un morire , ricordati chi stiorno è sempre 29 e u discurso d’antura vali

puro pi tia. Na cella ti mittemo

staio male, haio nturciuniuna ntu stommaco

si calmi signor Paolo, ma stirno facite a gara a cu ava morire pi primo

(entra la nonna va verso Graziella) signura buongiorno aviti visto a me matre

apposto e asemo a completo. Un c’è so matre

(verso Caterina) signura buongiorno aviti visto a me matre

(adirata) Un c’è so matre

io io, presto presto ci vaio io a truvare a so matre

(verso paolo) a tu ci vai? Bono bono (esce)

(entra il nonno) Graziella veni ca spirugghiate

all’autro Chi ci fu?


19/46


U nutrico - 2 atti


NONNO:

GRAZIELLA:

NONNO:

GRAZIELLA:

NONNO:

GRAZIELLA:

NONNO:

GRAZIELLA:

NONNO:


Graziella spirugghiate chi sta arrivanno l’artiglieria pesante

che cosa?

Graziella allestite che ho il nemico alle spalle

Ma chi voli, staio vinenno

Graziella, Graziella…..Ferma. Troppo tardi u nemico vinto

Ma chi fu?

Nenti. Ormai è troppo tardi

truppo tardi pi socco

ci pensi u pannolone d’antura?.... oramai sbuccao.

FINE ATTO PRIMO


20/46


U nutrico - 2 atti

ATTO SECONDO

Stesso salotto del primo atto un giorno dopo

Entrano Paolo e caterina disperati, lei con molti fogli in mano dopo entra anche Graziella


PAOLO:


Sugno ruvinato, i pinsioni, a 104 , l’invalidità ma cu ci lu porta achisto. Cu l’avia dire chi dopo 20 anni Benito detto mezza parola funzionario dell’inps avia veniri a tuvarime, propria a mia che nella mia vita un’haio fatto auto chi truffare l’inps


CATERINA:


Calmo, calmo , ora viremo chi malatie ci hai ritto di avire e sistimamo tutti i cose, allora:

prima malattia:Prostata


Ad ogni malattia Graziella cercherà un rimedio trovandolo nella stanza


GRAZIELLA:


ca c’è u catetere, pieno. Meno male chi non lo avia ittato


CATERINA:


Grazie Graziella


GRAZIELLA:


Prego signora


CATERINA:


Poi abbiamo: diarrea cronica


GRAZIELLA:


ca c’è u Pannolone


CATERINA:


Grazie Graziella


GRAZIELLA:


Prego signora


CATERINA:


Poi abbiamo: asma


GRAZIELLA:


ca c’è a mascherina di l’aerosol


CATERINA:


Grazie Graziella


GRAZIELLA:


Prego signora


CATERINA:


Poi abbiamo: sordita


GRAZIELLA:


ca c’è u corno, mi sente signor paolo (preso da un trofeo di caccia appeso alla parete)


CATERINA:


Grazie Graziella


GRAZIELLA:


Prego signora


CATERINA:


curaggio stemo finenno , rimane : paralisi alle gambe


GRAZIELLA:


(va a prendere sedia a rotelle) ca c’è a seggia a rotelle chi usamo pi fari passare visita o nonno


21/46


U nutrico - 2 atti


CATERINA:


Grazie Graziella


GRAZIELLA:


Prego signora


CATERINA:


finemo


PAOLO:


non emo finuto, cu sti malatie m’avissiro dato l’invalidità senza pinsione, cerca bona


CATERINA:


aspetta aspetta , Paolo ma chi si foddre?.... ci diciste chi si….. orvo completo???


GRAZIELLA:


ca c’è ….. ca c’è mpirugghie


PAOLO:


Grazie Graziella


GRAZIELLA:


Prego, prego, prego pi viatre


CATERINA:


vuol dire chi farai puro l’orvo, teni l’occhiale nivuro meo


GRAZIELLA:


almeno accussi ni scansamo i malati du core, dato che si dice “occhio non vede cuore non duole”


PAOLO:


Io a posto toe un babbiasse picchi ci n’è puro pi tia


GRAZIELLA:


pi mia?


PAOLO:


Certo, tu scurdaste chi ave na vita chi travagghie ca in nero e non dichiare nente quindi si l’ispettore u veni a sapire si arruvinata…….


GRAZIELLA:


allura io mi ni vaio e non ne voglio sapere nenti


PAOLO:


che cosa?..... Tu arresti ca e lotti con noi, tu scurdaste u discurso da disoccupazione chi ti hai pigghiato ogni anno pi pagarite i contribute.


GRAZIELLA:


bo bo … u capì, ca dintra u chiù pulito ave a rugna. Allura chi fazzo, chi malatia haio io a prostata?


PAOLO:


Tu non hai nessuna malatia, tu sarai…… un’amica di famiglia, va bene? Mi raccumanno, non fare a capire chi si a cammarera picchi altrimenti ni po dumannari u contratto di lavoro, contribute, ferie , bonuscita. Non dire signor paolo signora caterina, mi raccumanno


GRAZIELLA:


bo bo bo u capì


CATERINA:


Cu me patre como facemo


PAOLO:


penso chi cu vecchio problemi non avissimo avire, sturduto è sturduto, vedovo è vedovo e chi fice a guerra ne abbiamo quotidianamente la conferma visto chi va currenno casa casa cu tutto u battaglione.


22/46


U nutrico - 2 atti


GRAZIELLA:


speriamo. Iddro astura dorme e un sapi nenti sapi sulo chi ava venire stu vostro amico. U nomo su ricorda bono picchi ci paria chi è Benito Mussolini


CATERINA:


e Cu dra vecchiazza di to matre


PAOLO:


ancora, quanno ti fice a delega da pinsione non era vecchia? cu me matre emo tranquilli è l’unica stravacante veramente


CATERINA:


Tranquillo paolo meo, tutto si risolverà per il meglio.


PAOLO:


a uno ni scurdamo


CATERINA:


a cue?


PAOLO:


a dru cretino di to figghio


CATERINA:


matre vero è, u figghio meo nico un sape nenti, e ancora dorme picchi assira fice tardo.

Si s’arruspigghia e ti vire cumminato accussi si traumatizza.


PAOLO:


allura va arruspigghialo di cursa e ci lu dici


CATERINA:


ma si l’arruspigghio velocemente un sango meo si traumatizza


PAOLO:


Si un ci lu dice si traumatizza, si l’arruspigghie si traumatizza, vuol dire chi è destino chi ama avire u figghio traumatizzato


CATERINA:


Finiscila, facemo chi verso l’11, appena s’arruspigghia e fa colazione ci lu dico


PAOLO:


certo non prima delle 11 ceppora u nutrico…..ma cu mi tene? mi dispiace sulo chi cu tutti sti malatie di ncapo un vi pozzo dare un timpulune a tutti 2. va arruspigghialo chi semo ancora in tempo


Suonano

PAOLO:


apposto. non semo chiù in tempo. Como finisce si cunta. Tu Graziella va rape tu caterina ti stai vicino di mia e mi fai curaggio.


GRAZIELLA:


ai posti di combattimento. Tanto pi canciare…….Buongiorno. Desidera?


MOAMED :


Cuperti, linzoli! Ruloggi, boni, tappiti, mappini pi cucina volere comprare!


GRAZIELLA:


Trasisse trasisse l’aspittavamo


CATERINA:


Graziella ma cu è?


GRAZIELLA:


Chi saccio, non lo capiscio pallare penso chi è U vostro cumpagno di scola


MOAMED :


Cuperti, linzoli! Ruloggi, boni, tappiti, mappini pi cucina volere comprare!


23/46


U nutrico - 2 atti


CATERINA:


Ma chi ncucchi Graziella chisso non è Benito, chisso è un extra comunitario chi mischino cerca di vinnire quanche cosa. U nu vire chi è nivuro


GRAZIELLA:


picchi io chi sapia di chi culuri era Benito


PAOLO:


Ma cu è?


CATERINA:


Farso allarme, ti poi susire non è Benito


PAOLO:


(alzandosi di scatto) botta di sale mi avia scantato


Paolo si alza e moamed lo guarda scioccato


PAOLO:


chi fai ntrunaste. Faccetta nera dell’abissinia … graziella va chiama u nonno e dicci chi anzi arrivare Mussolini arrivaro l’abissini


MOAMED:


miraculo miraculo , tu Guggino ti sei susuto tu essere bono io dire a tutti del miracolo (prende il tablet e fa un selfie inquadrando tutti)


PAOLO:


Leva stu cosa. Senti amico bello si un voi gianniare tutto nta na vota viri di farite i fatti toe. lassa peddire e vattinne, chi non vulemo nenti


MOAMED:


Gugino, gugino! calmo como voi tu io non parlare. Io solo per vendere tu comprare?


PAOLO:


Ti disse vattinne chi stiorno non è jurnata! Senti, ma poi picchì mi chiami cuggiinu? Ma cu ti canusce ma cu ta visto mai.


MOAMED:


Dire Guggino… così, come dire amigo. Volere comprare riloggio? Bono, gugino! Riloggio di macca! Costare pochino; volere vedere?


PAOLO:


Senti abdula, mustafà como schifio ti chiame ti disse vattinne chi ammomento ncasa mia succeri un ferno


MOAMED:


Io chiamare Moamed, e questo, mio primo giorno che io essere qui. Allora,volere comprare riloggio? Se no, volere tu coperta, linzola? Io avere bisogno di sordi; gugino, al mio paese avere sette mogli da sfamare!


PAOLO:


Quantu? Setti mugghieri? E como ci cummatte?


CATERINA:


Picchi tu ti l’ahi passato tinta?


PAOLO:


Pi carità non è tanto pi 7 mugghiere chiddro chi mi preoccupa sunno i 7 soggire, tu mmaggine chi nferno casa casa… ora capiscio picchi vi ni scappate tutte e viniti rischianno la vita


MOAMED:


Tu gugino scherzoso! Simpatico! E io a te fare bello regalo! (Gli mostra un occhiale)


PAOLO:


Senti, cuscinu, nun ‘ncuminciamu cu i riali, ca ju nun tempo di perdire. Vattinne ncasa tua chi è megghio, approposito dunni stai?


24/46


U nutrico - 2 atti


MOAMED:


Io stare in albergo, mangiare in albergo, dormire in albergo


PAOLO:


e l’albergo tu paghe vinnenno sti fissarì?


MOAMED:


Che centra gugino, l’albergo lo paga lo stato italiano. Il proprietario di albergo guadagnare tanti sordi per ospitare a mia.


PAOLO:


Aspetta aspetta cuscino chi stiorno niatre putemo fare l’affare. U stato regala sorde a chiddri chi ti ospitano?


MOAMED:


Certo cugino


PAOLO:


Apposto affare fatto


MOAMED:


accatti rologio?


PAOLO:


Ma quale rologio. Caro cuscino meo beddro stiorno facemo un grande affare. Graziella


GRAZIELLA:


chi ci fu?


PAOLO:


Senti Graziella ca arrivao me cucino e da questo momento iddro arresta ca cu niatre,sarà nostro ospite, ma chi dico ospite, sarà uno di famigghia consace u letto accianco u nonno


CATERINA:


ma chi ncucchi, ma cu lu canusci a chisso. E poi como ci lu dico o picciriddro , chiddro appena sape chi avemo dintra l’omo nero capace chi un mi mancia chiù


PAOLO:


Cerca di finilla chi l’occasione è d’oro. Veni ca cucino meo carissimo, assettate cu mia. Ma poi taliate un pare chi m’assumigghia, voi virire che semo vero cucini. Comunque parlamo di cosi serie, cu cu a parlare pi farime arrivare i sorde? Ci pensi tu ?


MOAMED:


caro gugino tu essere simpaticone, ma io essere nero no cretino, io stare bene in albergo. Se tu volere comprare rologio va bene se no io andare e come dite ca in italia…vafanculo! Alac malac alac malac (esce borbottando frasi in arabo)


PAOLO:


Si ni io ? veni ca chi ni mettimo d’accordo.spartemo u varagno.


CATERINA:


Finiscila ma tu vero dici? Chi ni mittiamo a chisso dintra.


PAOLO:


cretina ti pare chi u nonno po campare in eterno. Mittennune a chisso dintra avissimo avuto n’autra rendita. Si poi ni finia bono l’avissimo fatto puro travagghiare ovviamente in nero


Suona il campanello


PAOLO:


u vire ci ripinsao, capaci chi ghio a piggiare i valigie graziella rapice e fallo trasire


GRAZIELLA:


entri pure


25/46


U nutrico - 2 atti


PAOLO:


Caro cugino accomodati u sapia chi ci ripensavi. Caterina vacci ncontro spirugghiate fai trasire u nivuro


CATERINA:


socco mi tocca fare (va verso la porta e vede che è Benito, torna di corsa) Paolo quali nivuro e nivuro spirugghiare assettate chi c’è Benito


PAOLO:


batta di sale aiutame fammi assittare sistemame e mettite davanti accussi un mi vire


Inizia un balletto tra i due, prima lui si siede in una sedia normale e viene sistemato dalla moglie poi si accorgono dell’errore e Caterina si siede nella sedia rotelle , dopo finalmente paolo si siede bene nella sedia Rotelle.

Entra Benito balbuziente con numerosi tic con in mano una valigetta e nell’altra mano un mazzo di fiori che non lascerà mai e anzi li muoverà a scatto a causa dei tic.


BENITO:


(entra Benito e parla di colpo a voce alta) bbu! bbu


GRAZIELLA:


(spaventata, urla) aaaah! matri mia, mi fici scantari. Ma dicu ju, chi ci pari bellu fare scantari la genti chi è tranquilla pa so casa?


BENITO:


scu…scuscù…scuscù!


GRAZIELLA:


scupa! Un punto a lei


BENITO:


Scusi. Cerco co co co


GRAZIELLA:


coccodè, l’ovu è prontu!


BENITO:


pa pa ….pa pa ….pa Paolo Co coppola!


GRAZIELLA:


ma lei cu è?


BENITO:


io so…sosò…sosò…be be benitovitti


GRAZIELLA:


a so soro ci lu vitti a mia no l’ha visto mai nuddro, talia a chisso, manco a trasuto e già si pigghia cunfirenza


BENITO:


nooo io io so…sosò sono V i V i vitti be ben


GRAZIELLA:


non si sfurzassi! Non si sfurzassi, non c’è bisognu ca mi dici u so nomu. Ci chiamu qualcuno sulla fiducia. signora Caterina, signor Paolo (le fanno cenno di non dire signora e di avere un atteggiamento da amica e non da cameriera)..Mi sbaggliae ci disse signura (tra se)


PAOLO:


apposto ancora manco emo accuminciato


PAOLO:


Graziella, amica mia, cu è ?


26/46


U nutrico - 2 atti


GRAZIELLA:


Aspetta aspetta chi m’arripigghio, Caterina e paolo amici miei c’è l’ospite tanto atteso Benito Vitti


CATERINA:


Caro Benito como stai? Ben venuto.


BENITO:


ca ca ca cacate caterina, ca ca ca ca carissima


PAOLO:

CATERINA:


accuminciamo, avia assae, di stu passo un pannolone non basta Caro paolo c’è to cumpagno Benito


PAOLO:


Parlame na trumma chi un sento


CATERINA:


(urlando) Arrivao Benito


Nel sentire ciò il nonno si affaccia dalla porta facendo il saluto fascista, lo vede solo Graziella che lo accompagna fuori velocemente


BENITO:


Pa pa pa .. pa pa paolo mi canusci


Paolo non fa alcun cenno


BENITO:


no no non sente


CATERINA:


(urlando) manco li bumme. U capiste li bumme.


BENITO:


Pa Pa olo mi canusci (mettendosi davanti il viso)


CATERINA:


non ti po canuscire, un ti vire è orvo, aspetta chi ci u rico arre’. Paolo c’è benito


PAOLO:


Benito carissimo, che piacere vedert…. , che piacere sentir….che piacere punto. ….. (fra se ) mavissi addisiato scrivice chi era muto almeno un sbagliavo a parlare.


BENITO:


Pa Pa olo a amico mi mio vieni abbra abbracciami


GRAZIELLA:


non ti po abbracciare si un ti cale, è paralizzato


BENITO:


mi mi mi dispiace, ma co co co


GRAZIELLA:


arrè l’ovo fa


BENITO:


como fu?


GRAZIELLA:


una malatia stiorno , una malatia dumani e accucchiamo tuttu stu munzeddro di carte (indicando le carte rimaste sul tavolo)


BENITO:


di di carte


27/46


U nutrico - 2 atti


GRAZIELLA:


di carte? …chi c’entra di cartelle cliniche vulia rire.(afferra tutto e va per andarse) sig. benito m’ava scusare un cafè si lu pigghia?


BENITO:


si si grazie.


GRAZIELLA:


e como lu vole?


NONNO:


(urlando irrompe nella scena alzando la mano destra) Duce. Duce . carissimo


GRAZIELLA:


e ficimo scupa. Ma poi , chi ni sape stu vecchio si chiddro voli u cafè zuccherato? Megghio chi mi ni vaio dra dintra.


NONNO:


Eccellenza quale piacere averla a casa mia, mi presento io sono il padre di mia figglia e lo soggiro di me jennaro


PAOLO:


si e u nonno di dru cretino di to nipute


CATERINA:


(prendendo il nonno in disparte e avvicinandolo a Paolo) Papà ma tu unn’eri partigiano?


NONNO:


Partigiano, ma no cretino, perciò haio Mussolini ncasa e ci dico chi sugno partigiano, mentirò fino alla fine per il bene della Patria e soprattutto meo


PAOLO:


Semo perse ci’appizzamo u cavaddro vincente, era l’unica pinsione giusta e stu vecchio accuminciao a dire fissari.


NONNO:


carissimo, posso chiamarla Benito?


BENITO:


ce ce certo, ma ma lei si si ricorda di mia?


NONNO:


Minchiune si mi ricordo, e cu su scorda. Certo mu ricordavo ca lingua chiù asciota , ma l’anni passano pi tutte.


BENITO:


co co come sta?


PAOLO:


Caterina ferma a to patre chi si sta mittenno a discurso cu chiddro.


CATERINA:


tranquillo, ammomenti ci accumincia a parlare di guerra e semo apposto.


NONNO:


bene un ferro, noi italiani di dru periodo siamo di razza pura, lei ni sape quanche cosa, io modestamente a 90 anni sugno sano como un pisce


PAOLO:


Caterina fermalo chi già ci appizzamo l’accumpagnamento du vecchio


CATERINA:


papà chi dici, ti scurdaste tutte i malanne chi hai? Pi un parlare di problemi che hai avuto facendo il partigiano.


BENITO:


ha fa fa fatto il pa pa pa pa pa


28/46


U nutrico - 2 atti


NONNO:


no non si incazzasse, me figghia un capisce nenti di storia. Io quale partigiano e partigiano, parlanno in cunfirenza io manco a guerra fice e si l’emo a dire tutta manco saccio sparare.


PAOLO:


addio pinsione di guerra, caterina va dacci na confezione di pinnule pi dormire


NONNO:


E ora lei che fa nella vita?


BENITO:


Io so so sono fu fu fu fu


NONNO:


fuggitivo, certo fuggitivo certo dopo chiddro chi successe. Bono bono un mi dicisse chiu nenti capì tutti i cose lei è fuggitivo e cerca riparo ca dai comunisti (fa il pugno comunista) bono bono mezza parola. Anche picchì pi dirla sana ci appizzamo a jurnata.


PAOLO:


Caterina, ma chi ci dice mezza parola, a chiddro chi è ingiuriato accussi? Catarina ferma a to patre


BENITO:


Nooo, io so so sono funz funzionario in in in.


NONNO:


infiltrato certo funzionario infiltrato capiscio capiscio, le ripeto non avi chiù bisogno di parlare mezza parola


PAOLO:


e ci nziste, pare cu sfutte…..Catarina levalo di mmezzo


CATERINA:


papà fai na cosa vai in cucina ni Graziella chi astura u cafè acchianao e ti fai dare puro i viscotta


NONNO:


Meglio qua’ bisogna studiare un piano con effetto sorpresa, (va verso paolo) mi raccumanno figghio meo, occhi aperti


NONNA:


buongiorno


PAOLO:


ca c’è l’autra


CATERINA:


tranquillo ora ci dumanna si vitte a so matre e semo apposto


NONNA:


(verso benito) Piacere


CATERINA:


benito lassala stare e dacci u so chi è stravacante completamente. Talia talia, Signura chi cerca a so matre?


NONNA:


A me matre, ma chi ci pare chi sugno foddre. Ma talia a chissa tu si foddre me matri ave chi è morta (esce)


CATERINA:


apposto emo a nzittare l’unico momento di lucidità chi ave na iurnata.


29/46


U nutrico - 2 atti


PAOLO:


Benito lassale perdire e veni ca parra cu mia, quant’ave chi non ci vediamo. Certo non è chi ora ni viremo, sulo tu vire a mia. Ma dimmi dimmi chi fai nella vita u funzionario? E dunni dunni


BENITO:


nell’in nell’in nell’inps


PAOLO:


aspetta chi un sento palla nu corno


BENITO:


(urlando) nell’in nell’in nell’inps


CATERINA:


u capiste funzionario INPS


PAOLO:


u capì u capì, sulo a sentilo si inchio u pannolone


BENITO:


u pa u pa


CATERINA:


si u pannolone, ave diarrea cronica non po mangiare nenti, tutto in bianco nenti vino nenti cafè sulo acqua


BENITO:


Ca ca capì


GRAZIELLA:


u cafè è pronto, per il sig. Benito u fice duce duce como disse u nonno e per lei amico Paolo, bello forte più del solito.


CATERINA:


ma chi dice Graziella, Paolo non può pigghiare u cafè….. pa malatia


GRAZIELLA:


Ahh! allura chi ci porto u rasolio chi usa pi diggerire quanno mangia pesante?


PAOLO:


graziella scherza sempre, lo fa per farmi curaggio, amica mia portame u solito bicchiere d’acqua liscia, anzi portaminne una cannata accussi inco completamente u catetere (Graziella esce senza capire) A sapire caro Benito chi sugno cumminato attipo tubo diretto, appena mangio e appena vivo etto subito tutti i cose.


BENITO:


mi mi mi dispiace. E manco ca ca ca


PAOLO:


sii.. ca ca tutta chiddra chi vuoi, speci stiorno


BENITO:


no no non ca ca cami camine?


CATERINA:


Paralizzato, dalla vita in giù non si muove più niente , completamente


PAOLO:


ora non esag…


CATERINA:


morto completamnenti. (in privato) ni inventamo un sacco di fissarì e emo ammucciare l’unico problema chi hai veramente


PAOLO:


(fra se) Pacenzia, Benito morto completamente


30/46


U nutrico - 2 atti

Benito inizia osservare Paolo facendo la prova della cecità facendo un po’ di scena per non accorgersi che nel frattenpo dietro di loro entra Luca in pigiama assonnato, con una tazza di latte e i biscotti esi va a sedere a tavola per la colazione


LUCA:


Aiai Aiai agghiurnai tutto dulura e cu stommaco a testa sutta. Papà ciste a accattaste u giornale stiorno?


Paolo si dispera


CATERINA:


Ma quale giornale e giornale si chiddro è orvo? (correndo dal figlio) figghio meo beddro, luce dei miei occhi ti susiste, hai dormito bene, u latti è cavuro al punto giusto, i biscotti sono di tuo gradimento


LUCA:


si si diciamo quasi tutto apposto, ma u papà è assittato chi ave? (urlando verso il padre)

Nenti caccia stiorno? (paolo tossisce per non far sentire)


BENITO:


ca ca caccia?


CATERINA:


No benito meo quali caccia e caccia, me figghio scherza. a sapire chi me marito purtroppo soffre, fra le altre cose, di abbondante aria nello stomaco , como si dice…? Flatulenza, eccessiva Flatulenza. E quindi tutte le mattine n’arruspigghiamo cu certi scupittate chi pari chi semo a caccia


Paolo si prende a schiaffi


BENITO:


a a u u ca ca capì


CATERINA:


( a voce bassa verso il figlio) U papà un si può susire ava fare teatro, non ti impressionare, poi ti spiego….(alzando la voce) Luca a mamma ti presento un amico mio e di Papà che è venuto a trovarci si chiama Benito, susite e va salutalo.


LUCA:


si ora appena finiscio mi suso, chi è qualche solito amico du papà di chiddre chi ni imbrogghiano i carte all’INPS


CATERINA:


(impacciata) precisamente, lavora all’INPS, ma quanto è sperto u figghio meo nico, appena lu vitte già capio chi travagghia all’inps.


PAOLO:


Troppo sperto! Sveglio chi manco pare appena susuto du letto. Caro benito ti presento il nutrico di casa, il nostro principe il nostro orgoglio, il nostro….. Praticamente a peggio malatia chi haio di ncapo.


BENITO:


pi pi pi pi


PAOLO:


menumale chi sugno cu pannolone picchi staio allintanno sia di davanti chi di rarrè


BENITO:


pi piacere


31/46


U nutrico - 2 atti


LUCA:


ma susire pi forza? Pacenzia! Piacere mio, comunque si vinne ca como a tutti l’autre amici di papà pi mpustare a mia, Le condizioni sono queste: u posto ava essire fisso, statale o meglio regionale in un ufficio vicino casa. Si non ave questo articolo ci po livare mano, io per ora staio bonu accussi.


PAOLO:


ma chi ncucchia, livatimillo di davanti, a furtuna d’iddro e chi un mi pozzo susire. Catarina!!!


BENITO:


no non ca ca piscio


CATERINA:


Menumale. figghio meo, ma chi dici, facemo una cosa, a chi si susuto andiamo di la chi ti priparo l’acqua e i paperelle pu bagnetto picchi si nun sbaglio tocca stiorno.


LUCA:


si megghio è, arrivederci signor….. como disse chi si chiama?


BENITO:


be be ..


CATERINA:


si vabbene, facemo arrivederci senza nome prima chi l’acqua du bagno arrifriddao.


Escono Caterina e Luca e Caterina toglie il fucile portandolo nelle camere per evitare che Benito si accorga e capisca che paolo va a caccia


BENITO:


ca ca ro


PAOLO:


arrè?


BENITO:


caro Paolo, chi mi cu cu cunte? Chi fa fa fai?


PAOLO:


senti facemo accussì parlo io attipo argomento a piacere e tu attente, non tanto picchi tu hai la lingua chi appizza leggermente e putemo fare tardo ,ma picchi io un sento bono e potremo fraintendere. Va bene?


BENITO:


va va va be be


PAOLO:


non ci siamo…… tu ha rispunnire si o no va bene? …oppuro facemo una cosa move a testa


BENITO:


ma tu tu un si si o o orbo


PAOLO:


mi vero!... facemo accussi io ti metto i mano ntesta e mentre parlo capiscio i movimenti toe, facemo a prova.


Benito si siede e Paolo gli la mano nella testa per capire i movimenti,


PAOLO:


forza , fai si ca testa….. stai facendo stai facendo si. Nzittae?


BENITO:


nzi nzi ttaste.


32/46


U nutrico - 2 atti


PAOLO:


ora fai no ca testa….. stai facendo stai facendo no. Nzittae?


BENITO:


nzi nzi ttaste.


PAOLO:


U vire chi semo brave ni capemo a volo. Accuminciamo, caro Benito sono felice che tu sia venuto avevo molto desiderio di vederti per ricordare i vecchi tempi, e tu?.... SI. Apposto funziona.


Entra graziella


GRAZIELLA:


Ca c’è l’acqua. Ma como siti mise, ma che malatia nova, un c’era nall’elenco di sta matina. Signor Benito lei ni voli acqua? (benito inizia a fare si con la testa)


PAOLO:


zittite chi stiamo sperimentanto una formna di comunicazione di alto livello


GRAZIELLA:


mu immagino e como fusse?


PAOLO:


praticamente io fazzo i dumanni e Benito rispunne muvenno a testa, dal movimento io, chi, ti ricordo, sugno orvo e surdo, capiscio si dice si o no.


GRAZIELLA:


(benito continua a fare si con la testa) speciale, però virisse chi sappe ncantare picchi ave di quanno trasì chi cala a testa


PAOLO:


Matri mia si ruppe fa sempri si? Benito chi hai ncantaste? (benito inizia fare no) Aspetta aspetta canciao, ora fa no, ma chi schifio hai parla.


BENITO:


arri arrispunni a gra graziella chi mi mi di disse si vulia l’a l’acqua.


PAOLO:


e vive , a facci tua m’avia scantato. Finiste? (finisce di bere)


BENITO:


si.


PAOLO:


continuiamo. Come vedi la mia vita è questa Se sopravvivo è grazie a voi valorosi uomini dell’INPS chi passate questa misera pinsione. Anzi dimmi na cosa visto chi tu cumanni droco rintra chi dici siu putisse aisare? ….


Benito fa no con la testa


GRAZIELLA:


fici no


PAOLO:


no, no non si può aisare e va bene. emo avanti. A casa con me c’è mia madre e mio suocero che unn’arraggiunano, anche loro hanno una misera pinsione. Dimmi na cosa chissi almeno si putissiro aisare, tu canusci a nuddro?


Benito fa no con la testa


GRAZIELLA:


fici no


33/46


U nutrico - 2 atti


PAOLO:


u saccio Graziella u saccio andiamo avanti. Mia moglie insegna ma purtroppo per accudire a suo padre deve assentarsi con notevole dispiacere. a proposito tu chi droco dintra cunte non è chi sai qualche ligge pi ghire prima in pensione chi saccio APE, vespe


Benito fa no con la testa


GRAZIELLA:


fici no


PAOLO:


Graziella u saccio a finisce pari chi si contro di mia


GRAZIELLA:


si si a finiscio però ora parlaci di mia viri socco mi può tuccari a mia ? pinsione, invalidità indulto, grazia , extradizione, viri tu.


PAOLO:


zittite ora viremo. Questa che parla sempre è graziella una nostra amica che ci da una mano, Grazie a graziella facciamo la spesa, Grazie a graziella avemo a casa pulita, grazie a Graziella avemo i robbe pulite e stirate, insomma è grazie a graziella è grazie a sta…fimmina chi campamo civilmente. Chi fa a iddra a putemo mannari in pinsione, mi pare diffice, ma un si sapi mai alivote qualche scivolo


Benito sta fermo con la testa metre guarda a Graziella


PAOLO:


graziella mi dispiace ma un si move


GRAZIELLA:


scimunito chi ci talì movi a testa ( e gli forza il si con la testa) ha fatto si , ha fatto si


BENITO:


oooh ma como finio?


PAOLO:


levate di ca e vattinne dra dintra


GRAZIELLA:


va bene io mi ni vaio ma fici si ca testa, u vittimo tutte quindi dumane vaio a posta a pigghiare a misata (esce)


PAOLO:


si si u manicomio a ghire no a posta


BENITO:


pa pa paolo fi fi niste


PAOLO:


veramente non haio finuto c’è La sofferenza peggiore della nostra famiglia. Mio figlio chi fa, fa , fa praticamente nenti, u mantenuto. Sturia tanto pi passare u tempo e cerca un posto fisso, anzi no, non cerca, u termine giusto è aspetta chi u posto fisso veni sulo. Tanti voti ci dico chi è un fallito ma in realtà u fallito sugno io chi lu fici criscire accussì. Quanno ci penso mi vinisse voglia di affirrallo pi canna rozze e affucallo


Gli mette le mani al collo ed entra il nonno convinto che stia strozzando mussolini e lo aggredisce


NONNO:


carica, bravo figghio meo, affucalo, non lo lassare si un morse a piazzale loreto morirà ca e lo affucheremo con le nostre mani. Battaglione all’attacco il nemico è in difficoltà. Viva u re viva l’italia.


34/46


U nutrico - 2 atti


BENITO:


ma ma ma co co como fi fi finio.


Entrano Graziella e Caterina


CATERINA:


Papaà calmati Benito non è mussolini ci assumigghia ma non è iddro. Può essere mai? Calmati e va curcate. Graziella pigghiate u papà e va portalo dra dintra.


GRAZIELLA:


vinisse cu mia ora emo a comunicare l’attacco agli alleati…(rivolgendosi a paolo) Paolo como finio a scutulata di testa a purtato atri novità pi mia, chi saccio assegni familiari , bonus nascita…


PAOLO:


vattinne dra dintra cu nonno


NONNO:


e’ iddro


GRAZIELLA:


non è iddro. Caminasse cu mia


CATERINA:


(prendendo Benito in disparte) Caro Benito scusa pi chiddro chi successe sono dispiaciuta.


BENITO:


no no non ti pre pre occupare. Ca ca cara Ca Ca Caca cacaterina qua qua quanto tempo


CATERINA:


unca’ veramente assai. Cu l’avia a dire


BENITO:


ti ti ri cordi qu quanno eramo pi pi picciotti.


CATERINA:


certo chi mi ricordo (va verso il marito ) tu mi raccumanno fai l’orvo e u surdo chi ci penso io


PAOLO:


Catarina finiscila e un babbiare


CATERINA:


Zittite (va verso il Benito ) tu ricordi li beddri canzuna chi mi cantave.


BENITO:


Ca ca cacate rina ma semo sicure chi è orvo è surdo


CATERINA:


orvo surdo e un ti scurdare che è paralizzato do cinto a scinnire. Ma dimmi come mai si ca’?


Paolo freme


BENITO:


Ca ca cacate rina


CATERINA:


Benito


BENITO:


Ca ca cacate rina


CATERINA:


Benito


35/46


U nutrico - 2 atti


BENITO:


Ca ca cacate rina


CATERINA:


Benito spirugghiamune, tu già pi dire na parola peddi mezzura si po la ripeti ni piddemo di casa. Quindi io sugno caterina e tu Benito, si po sapire picchi viniste?


BENITO:


I i io sono qua pe per te,


CATERINA:


pi mia?


BENITO:


per te per te per te


CATERINA:


Ma benito chi accucchi, io sugno maritata ormai. C’è me marito


BENITO:


Pa pa paolo sta mu mu renno un ca ca un ca campa assai, i io in ivece su su sugno bo bo bono


CATERINA:


Bono vero si!! Ma chi dici Benito? E tu viniste ca pi mia? e si me marito avissi stato bono un t’avisse ammazzato?


BENITO:


I Io u u sapi sapia chi era cu cu cumminato ma ma male


CATERINA:


Como u sapia?


BENITO:


Pa pa paolo è ca ca canuscioto all’ Inps, è u chiù malato di di tutti l’invalidi.


PAOLO:


Talia a chisso, ma si mi suso ci na dare tante chi ci lento mano sulo si mi dice “per favore fermati” e mi l’ava dire senza chicchiare


BENITO:


Allora chi chi dici?


CATERINA:


chi dico? Chi dico?


Entra Graziela


CATERINA:


menumali chi viniste. Graziella tenici un poco tu cumpagnia a Benito dicci qualche cosa chi io a cummattire cu me marito. (fra se ) e chi ci dico ora?


GRAZIELLA:


e chi ci ha dire?


CATERINA:


chi saccio parlate


Benito si trova in mezzo a Graziella e Caterina e si gira a destra e sinistra tirato da entrambe ogni volta che parlano, mentre paolo da lato della moglie si guarda lo spettacolo


GRAZIELLA:


parlate è difficile, a massimo parro io e iddro attenta…..(va verso benito) allura Benito carissimo dicino chi emo a parrare e allura parlamo. Innanzi tutto piacere io sugno graziella vegno du fiature, sugno schetta e fazzo a cammarera….


36/46


U nutrico - 2 atti


CATERINA:


(verso il marito a bassa voce) Paolo chi ci dico?


PAOLO:


NO (urlando)


GRAZIELLA:


No? Como no? A vero, sugno n’amica,anche si sinceramente mi trattano como una cammarera, ma quache jorno sta storia finisce. E dimmi dimmi. Tu si maritato?


CATERINA:


(verso il marito a bassa voce) Paolo, ma chisso n’arruvina chi ci dico?


PAOLO:


NO (urlando) No assolutamente


BENITO:


no no


GRAZIELLA:


u capì u capì un c’è bisogno chi vi ncazzate? Comunque continuamo accussi, io ti fazzo i dumanni e tu arrispunni sulo si e no chi ti veni bono. E dimmi na cosa dimmi na cosa, como mai, comu mai un tai maritato?


BENITO:


p epe ..perchè


CATERINA:


ma chi ti interessa? Finio chi t’ava rispunnire sulo si e no ora voi cuntato u fatto?


GRAZIELLA:


giusto giusto, megghio continuare cu si e no. Parlo io, sicuramente non ha trovato a scarpa pu so pere, la cugnintura giusta, como si rice?


CATERINA:


l’anima gemella


GRAZIELLA:


ecco giusto.


BENITO:


no no io l’ave l’ave (indicando caterina)


CATERINA:


l’ave maria, bravo benito priamo priamo chi me marito n’ave bisogno.


GRAZIELLA:


ma quale priare, parra cu mia peccio peccio avivi truvato l’arma gemella…


PAOLO:


si l’arma gemella pi sparare a tutte e tri.


CATERINA:


calmati paolo


PAOLO:


si perciò, talianno stu teatrino ora fu chi mi calmo.


GRAZIELLA:


e con questa arma gemella eravo zite


BENITO:


si si zite zite


CATERINA:


talia como ci nesci bono


GRAZIELLA:


e picchi un vi maritastivo.


CATERINA:


Ancora graziella


37/46


U nutrico - 2 atti


GRAZIELLA:


ma ancora socco?


CATERINA:


tu scurdaste chi ava rispunnire si e no.


GRAZIELLA:


mu scordo sempre, comunque zittute chi u capì, quanno ti decidiste a dirice chi ti vulivi maritarite piddiste tanto di dru tempo chi a dra puvireddra ci annuiao e sinnio. Già mu immaggino mi mi. Mi vo vo


CATERINA:


Graziella finiscila, un fu accussi.


GRAZIELLA:


un fu accussi? E comu fu? Picchi tu u sai?


CATERINA:


u n usaccio e manco u vogghio sapire.


GRAZIELLA:


allura si un fu accussì u sai comu fu, Tu rico io, si staia maritanno ma arrivato davanti l’artare quanno davanti u parrino avia a dire io benito voglio prendere…, pessi tanto di dru tempo chi si n’ero tutti l’invitati, a zita, i ciure siccaro e u parrino addivintao viscuvo.


CATERINA:


Graziella finiscila, picchi un ci cunti picchi un ti maritaste tu


GRAZIELLA:


e chi ci nteressa a benito, comunque si proprio u voi sapire caro benito io non haio truvato la cugnintura giusta, la scarpa pu me pere insomma lu partito giusto


CATERINA:


Certo, iddra lu voli beddro, ricco, mpiegato statale, e soprattutto chi un parla e fa parlare sulo a iddra.


PAOLO:


si un fussi chi sugno orvo , pari chi lu virisse uno bono pi iddra


GRAZIELLA:


E dimmi dimmi Benituccio mio como ta passe


BENITO:


bo bo bo


GRAZIELLA:


bo.. bo u capì , ta passe bona. Varagne assai arruvinanno i genti?


BENITO:


ma ma


GRAZIELLA:


ma certo certo, capaci chi ti dunano un premio ad ogni falso invalido chi ncocci.


BENITO:


ma ma


GRAZIELLA:


certo Bono bono zittite zittite non hai bisogno di parlare ho capito tutto, parlo io


PAOLO:


parino fatte l’uno per l’altra


GRAZIELLA:


sa quanti miliona di euro varagne, quante case, terrene, proprietà. caro benito meo, tu sei un uomo da sposare, sei gran gallo della società


CATERINA:


graziella si dice rampollo no gran gallo,


38/46


U nutrico - 2 atti


GRAZIELLA:


rampollo quanno era nico ora e un gaddro cu tanto di chicca, certo quanno canta a matina finisce chi è già pomeriggio ma comunque è sempre un gran gaddro


CATERINA:


comunque ora finiscila, chi fino a prova contraria Benito avia vinuto pi mia, vero benituccio


BENITO:


si si


PAOLO:


talia como ci nesci liscio si si.


CATERINA:


Allura Benito, dunni eramo arrivate? Ripigghiamo u discurso d’antura chi mi interessa, como è stu fatto chi ta passe bona all’inps


BENITO:


si si so sono isp ispettore ca ca capo


CATERINA:


e fai verifiche pi ngagghiare chiddre invalide pi finta


BENITO:


si si i io li fa fa faccio arrestare


GRAZIELLA:


e ca poi arrestare a tutte allura


BENITO:


co co como


CATERINA:


addrabbanna Milano, Graziella vulia dire che qua puoi restare, resta quanto vuoi. E dimmi na cosaì, ma ogni pinsione fausa chi scopre chi ti dunano u premio.


BENITO:


ce certto


CATERINA:


facemo un esempio, pi una finta prostata quanto ti dunano, assai?


BENITO:


ma ma chi…


CATERINA:


e pi na colite pi na colite?


BENITO:


no non di di pende da da malatt..


CATERINA:


ah quindi non dipende du tipo di malatia, e allura dipenne di u numero di malatie chi scopre? Chiossae ni nzette e chiossae pigghie, auso auso u joco lotto, 2 malatì


GRAZIELLA:


ambo ,


CATERINA:


3 malatì


GRAZIELLA:


terno…


allura fai cunto chi ca stiorno fice cinchina


PAOLO:


si sulo mi putissi susire autro chi cinchina facisse terno sicco ammazzannule tutte e tri.


CATERINA:


e dimmi un ‘ultima cosa benitccio mio, si qualcuno t’aiuta a truvare finte malati ci tocca nenti ci tocca nenti? Una percentuale, un premio di consolazione?


39/46


U nutrico - 2 atti


BENITO:


no no an anzi è è co co co complice


CATERINA:


aracio, un babbiamo chi cose serie.Scordate tutto chiddro chi disse. Fai cunto chi stiorno ca’ avissimo pututo fare cinchina ma ni scurdamo di jucare.


GRAZIELLA:


(tirando a se Benito) Caro benituccio veni ca parla cu graziella tua, chi ni fai cu tutti sti sordi sulo? avisse na mugghiere ci facisse u bello regalo


CATERINA:


(tirando a se Benito) certo, ma no una mugghiere qualunque, ci vulissi una chi ti voli bene anzi chi ti vulia beni puro quanno eri picciotto, como si dice uan vecchia fiamma.


GRAZIELLA:


(tirando a se Benito) Benito caro quale vecchia fiamma, per te ci vuole una fiamma nova un foco chi arde


CATERINA:


(tirando a se Benito) un ci dare cunto, veni ca io sono un foco chi cuvia da tanti anni, un cufune accupato chi si lu fai svintuliare sbampa.


GRAZIELLA:


(tirando a se Benito) lassala perdire a iddra non ti merita veni ca


BENITO:


gra gra


CATERINA:


(tirando a se Benito) veni ca ti ricordi i vecchi tempi


BENITO:


Ca ca


GRAZIELLA:


(tirando a se Benito) veni cu mia io sugno libera e signorina


BENITO:


gra gra


CATERINA:


(tirando a se Benito) ma quale signorina veni cu mia chi sugno maritata ma praticamente presto vedova


Benito è tirato da Graziella e Caterina, quest’ultima ne ha la meglio e si bbracciano. Facendo scoppiare Paolo che fino ad ora era fermo


PAOLO:


Ooh ma como finio ca. Scummissa chi rumpo i corna a tutte e due e a tia ti fazzo venire a parola


Benito impaurito lancia in aria il mazzo di fiori


CATERINA:


Miracolo


PAOLO:


ma quale miracolo. U miracolo è si viatre arristate vive.


BENITO:


ma chi chi ni vitti


PAOLO:


Ti vitte ti vitte, e ti vegno a rumpo puro i corna


40/46


U nutrico - 2 atti


BENITO:


ma ma tu tu tu


PAOLO:


occupato


GRAZIELLA:


si benito meo è un falso invalido chi ave tante di dri false malatie chi si u denunce ti fanno diritture, ma chi dico diritture, ministro.


BENITO:


i i io ti ti


CATERINA:


facemo prima si tu dico io, praticamente voli dire “ti rovino”


PAOLO:


m’arruvina, ma io l’ammazzo, ci dugno tanti di dri mazzate chi ci fazzo nesciare a parola tutta nta na vota


Parapiglia entra il nonno con il fucile in mano e lo punta verso benito con evidente tremore


NONNO:


Tenilo fermo figghio meo che ci sparo.


GRAZIELLA:


Benito occhio o vecchio chi cu i pinsioni chi si futte, si u denunce ti dunano u premio nobel, l’oscar, capace chi ti fanno presidente da repubblica


NONNO:


tenilo fermo chi ci sparo, attaccalo (gli presta la cintura a paolo in modo da poterlo legare ma questo comporta che gli cadranno ripetutamente i pantaloni, inoltre si girà verso gli altri per chiedere aiuto che essendo sotto tiro si abbassano) e viatre aiutatime


Sorpreso da frastuono entra luca


LUCA:


ma che è stu manicomio nonno che fai?


Il nonno si gira puntando il fucile verso luca e gli altri che si abbassano di nuovo


NONNO:


tenilo fermo, aiutami puro tu


Luca e Graziella cercano di immobilizzare il nonno togliendogli il fucile e sedendolo , Graziella gli inizia a dare delle pillole che lo tranquillizzano

Entra la nonna


NONNA:


un vulisse disturbare, ma non è chi aviti visto a me matre


CATERINA:


a so soro vittimo


NONNA:


a soro di me matre? Miii e un ci putiavo dumannare sia avia visto a me matre (la nonna esce e vedendo i fiori lanciati da Benito se li prende e li porta in camera)


Suonano il campanello e Graziella va ad aprire ed entra Silvia piangente


LUCA:


Ciao vita mia e tu ca?


41/46


U nutrico - 2 atti


SILVIA:


Ciao Luca ma che sta succedendo?


LUCA:


Bo chi saccio u nonno nfuddrio e vulia sparare a stu amico di papà


SILVIA:


Fermi Fermi, ma tu chi ci fai quà zio


Alla parola zio si fermano tutti


PAOLO:


zio? Aspetta aspetta chisso chi purtao u ferno ncasa mia è to zio?


NONNO:


chisso e to zio? (rivolgendosi a Luca) scimunito ma chi ti faciste zito ca niputre di Mussolini?


SILVIA :


Ma quale Mussolini questo è mio zio Benito il Fratello di mia mamma. Zio cosa succede? Spiegami


CATERINA:


si t’ava spiegare tutto ni putemo assittare picchi facemo notte.


GRAZIELLA:


infatti, senti cara Silvia si permetti ti fazzo u riassunto io. Rispondi alle mie domande.To zio travagghia all’inps?


SILVIA :


Giusto, e quindi?


GRAZIELLA:


è schetto ?


SILVIA :


Si, e quindi ? non capisco


GRAZIELLA:


allura pi farla breve to zio avia vinuto ca convinto chi to soggiro stavia murenno pi convincere to soggira a ghire cu iddro, il problema è che to soggiro è chiù sano di un pisce e quanno capio chi avia scegliere si appizzarice a pinsione o appizzarice a mugghiere decidico di appizzarice, appizzarice ……. 2 timpoluna a tutte e due.


LUCA :


un capì nenti


GRAZIELLA:


e quanno mai. Senti talia a mia, in pratica tu finiste di fare u mantenuto.


LUCA :


e chi mi interessa, io haio a Silvia chi travagghia, approposito Silvia comu mai tu si ca?


SILVIA :


Io sono qua perché ….. perché dove lavoravo mi hanno licenziata


LUCA:


Licenziata, chi vene a dire licenziata?


GRAZIELLA:


scienziato, veni a dire chi prima lavorava e guadagnava sordi e ora ne travagghia e ne varagna sordi senplice,


LUCA:


Grazie Graziella.


GRAZIELLA:


prego


42/46


U nutrico - 2 atti


PAOLO:


e pi quale motivo ti licenziao?


SILVIA :


mi ha detto che non gli conviene tenermi assunta perché mi dovrebbe pagare ferie, malattie e tredicesima, quindi preferisce, quando ne ha bisogno, chiamare qualcuno con la partita iva per poi mandarlo a casa quando non gli serve più


PAOLO:


ma chi discurso è. Non è giusto


GRAZIELLA:


certo. Parla iddro chi nella vita non ha fatto autro chi imbrugghiare i carte. ora chi ci punge non è giusto


LUCA:


e ora como fazzo?


CATERINA:


Figghio meo un ti scantare, un ti pigghiare collura chi poi ti ponno venire i vermi nu stummacheddro a nautra zita megghio a trove a lampo e si puro non la trovi ca c’è a mamma tua.


PAOLO:


Catarina a finisce, non viri chi semo arruvinate, stu cretino di mezza parola ni leva tutti i pinsione, to figghio un sapi fare nenti, l’unica speranza era silvia chi era assistimata cu so travagghio e tu pense a consolare to figghio facennilo addivintare chiù cretino di quant’è.


CATERINA:


un ci dare cunto u papà, non ti preoccupare c’è a mamma chi travagghia pi tia. Paolo a finisce chi mu traumatizze.


PAOLO:


ancora, ma u capisce chi ci appizze macare tu u posto.


SILVIA :


Zio è vero tutto questo? Non puoi fare nulla?


BENITO:


no assolutamente (senza balbettare)


GRAZIELLA:


mi como ci scio bono.


SILVIA :


Zio fallo per me io amo Luca, ma se tu li rovini non abbiamo alcun futuro. chiudi un occhio


GRAZIELLA:


iddro è beddro si chiure un occhio oltre chi mezza parola diventa mezza taliata


Benito si siede al tavolo prende dei fogli e inizia a scrivere e mettere timbri


LUCA:


miiii ma allura sugno vero arruvinato


SILVIA :


Luca e ora come facciamo?


LUCA:


mamma papà


CATERINA:


figghio meo como ti pozzo aiutare?


43/46


U nutrico - 2 atti

PAOLO:                       oramai avemo picca di fare l’unica cosa chi aviamo erano i pinsioni ma ora …

LUCA:                           veni a dire chi accumincio io a travagghiare e aiuto io a viatre

PAOLO:                       ma si un sai fare nenti, zittute pi favure

CATERINA:              viri si ti può aiutare a za pippina

LUCA:                           si chiddra mi duna i sordi, ma sulu quanno ci fazzo cumpagnia

PAOLO:                        Cretino! E tu accussi a continuare a campare, facenno cumpagnia a za pippina?

LUCA:                           certo papà, ma perché non ci ho pensato prima.

PAOLO:                       Sintemo socco truvao u scienziato

LUCA:                             Sai quanti cristiane anziane hanno bisogno di cumpagnia e su disposte a pagare, talia u

nonno e a nonna per esempio, senza Graziella non sunno perse?

CATERINA:                 Figghio meo, ma tu si sturiato, chi ti metti a cummattire chi vecchie è vergogna

LUCA:                             ma picchi chiddro chi avemo fatto fino a ora non è vergogna! Pinsioni di falsi invalidi,

104…

PAOLO:                       si va bene ora macare ti rape na casa di riposo, ma chi ncucchi?

Benito inizia a girare per la casa cercando qualcosa

LUCA:                            e picchì no, una bella casa di riposo dunni putissi travagghiare puro Silvia como

nfimmera.

SILVIA :                       ma per fare ciò ci vogliono tanti soldi

LUCA:                           ni facemo un prestito

PAOLO:                          si bravo attipo chi a banca è pronta chi aspetta a tia pi dariti i soldi, a babbasune. Chi

garanzi ci dune?

CATERINA:              Luca figghio meo, ma tu vulivi u posto fisso a regione!

LUCA:                           Mamma basta, quale posto fisso qua bisogna trovare una soluzione

CATERINA:              e tu Silvia mia si disposta ad aiutari Luca?

SILVIA :                       certo.

CATERINA:                   allura vuol dire chi ti li damo niatre i soldi, fai cunto chi ti damo tutta la pinsione du

papà

44/46


U nutrico - 2 atti


PAOLO:


arrivao l’autra, ma chi cariste da naca? Non hai caputo chi mezza parola ni denuncia e ni leva tutte i pinsioni.


CATERINA:


lassati fare a mia. Benito Benito, ma chi cerchi


BENITO :


i ciù ciù i ciuri


CATERINA:


i ciuri su o cimitero, veni ca parra cu mia, anzi attenta e dopo arrispunne….. quindi tu avivi vinuto ca picchi eri convinto chi me marito era cumminato male e pensavi di convincime a venire cu tia?


BENITO :


si si


CATERINA:


e bravo a benito, quindi tu convinto chi Paolo stavia murenno avissi lassato un invalido sulo senza a mugghiere na dri pochi jorna chi ci arristavano di campare? Vergogna.


BENITO :


ma i iddro è un de delin delinquente.


CATERINA:


deli deli ma zittite anticchia. U sai comu si chiama chiddro chi faciste tu? Abuso di potere e si va in galera.


BENITO :


nga nga ngalera


PAOLO:


ngalera ngalera


CATERINA:


tu zittute e fai parlare a mia. Sulo picchì avite a panza china e ricoprite posti di potere pinsate chi putiti arruvinare i cristiane puro si hanno bisogno, pinsate chi tutti avissiro a essire a vostra disposizione? Allura benito facemo una cosa, tu fai cunto chi non hai visto nenti e io fazzo finta chi mi scurdai tutti i cose. Ni capemo?


BENITO :


ni ni ni capemo


GRAZIELLA:


Mezza parola


BENITO :


Arri arri arrivederci (esce pieno di tic)


PAOLO:


Brava a me mugghire


CATERINA:


ti disse zittite chi ci ne è puro pi tia


PAOLO:


puro pi mia?


CATERINA:


tu da oggi in poi ti scordi i pinsioni di invalidità picchi fino ad ora niatre amo sulo arrubbato u stato.


PAOLO:


va be u stato n’ave tante sorde e sai quanto ci ne è chi arrobbano.


45/46


U nutrico - 2 atti


CATERINA:


Cretino, ma u nu capisce chi aarrubbanno u stato è u stesso chi arrobbe i sorde a to figghio chi un si può fare un avvenire.


PAOLO:


Si attipo chi si io rinuncio a pinsione u stato mi dice,”bravo sig Paolo ora sa cosa facemo ci la damo a Luca pi fare a casa di riposo” ma chi ncucchi


CATERINA:


Purtroppo u stato non lo fa e quindi lu faremo niatre direttamente. Tu darai ogni mese tutta la pinsione di falso invalido a to figghio. Si disposto a farlo


PAOLO:


e certo ci mancasse, quale patri un fusse disposto a farlo? Ma como manciamo?


CATERINA:


cu travagghio meo, picchi io torno a travagghiare onestamente e cu papà ci sta Graziella con un contratto in regola.


LUCA:


Grazie mamma como facisse senza di tia, tu stiorno mi faciste nascire n’autra vota


CATERINA:


Senti figghio meo tu stiorno finiste di fare u nutrico picchi stai avenno l’occasione per farti un avvenire, occasione chi tanti megghio di tia non hanno avuto. Quindi cerca di sbrazzariti.


LUCA:


Certo mamma non dubitare


GRAZIELLA:


aspetta aspetta aspetta , cu tutti sti abbrazza e vasa, ma io all’urtimo a cummattire cu vecchio e a vecchia? E quanno i vecchi finiscino la battaglia, quanno s’arricogle le armi, quanno …. Ni capemo va. Io chi fazzo?


LUCA:


Tranquilla graziella facemo chi tu veni subito a travagghiare cu niatre e u nonno e a nonna addiventano il nostro primo cliente.


GRAZIELLA:


Nonno u ntise canciamo caserma e u battaglione aumenta, c’è a za pippina u zu ndria. Tutti giovani di leva pronti a conquistare l’Italia


NONNO:


senza sfuttire, ci fu quanno niatre ficimo a guerra e liberamo l’italia du nemico, ma ora c’è nautra guerra chiù tinta di chiddra, una guerra senza bannera dunni tutte ni circamo di futtine uno cu l’autro. Ma io orami sugno vecchio, tocca a viatre combattere quindi:Battaglione aaaattenti, fianco destr, semo pronti? Avanti marce (escono tutti di corsa tranne il nonno)


NONNA:


(entra la nonna) scusati ma aviti visto a me matre?


NONNO:


si si, ora ci emo, un passa assai chi ci emo a truvari a so matre (escono insieme)


SIPARIO

46/46

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 23 volte nell' arco di un'anno