‘U Rascjùle

Stampa questo copione

“  ‘ U Rascjùle  “

             L’orzaiolo

    Due atti comici

                                  Di

               Pino Antonante

Personaggi

Faèle Cacchiullo

Pia Pia, sua sorella

Catàvete, amico di famiglia

Pomponia, amica condominiale

Annina, chiaroveggente

Medico di famiglia

Direttore

Emma, moglie del direttore

Ai giorni nostri

Siamo in casa , molto sobria, di Faele Cacchiullo. Due poltrone, un tavolo, delle sedie, un quadro appeso centralmente con disegnate delle facce umane a grandezza naturale, una delle quali , tramite uno sportellino, deve essere usata dall’attore che sporgerà il suo viso sulla scena. Un credenza  a lato. La comune decentrata , stanze a sx, ingresso a dx.                                                                               

Pia Pia…Faeleee…( si guarda intorno ) su fai il bravo vieni fuori,m’addò ste’, mene ca s’addefredde, jsseme’, no’ te fazze sentè ninde t’a menghe chiane chiane, è pure ‘a fiale corta corte, ste’ scritte pure suse o’ sckàtele,so’ sule tre Ciccille, m’addò s’ascònne dove,e no eh, ije m’agghje stuffate se mi vuoi chiamami, vado dalla mia amica Pomponia…(finge, e si nasconde )

Faele …( dal quadro) Ah, finalmemte se n’à sciùte,( chiude lo sportellino del quadro ed entra) “vado da Pomponia,chiamami “ e ce so’ fesse, è sendute , so’ sule tre Ciccille, si, tre Pascale ,sono centimetri,ignorante, centimetri cubitali…

Pia Pia…(che da un pò osserva con la siringa in bell’evidenza)…Ma quant’a face difficile…

Faele…A qua stè, nonge è sciute da Pomponia ?

Pia Pia…E ci’aveva scè fa’, mo vide ca puntuale arrive jedde…

Faele ..Ah, era un trucco e m’è fatte fesse…

Pia Pia…Come se dice , a mali estremi estreme unzione…

Faele…A me ce vole l’estreme unzione, stamatine ce me tocche ‘a fiale all’olio?

Pia Pia…Si extravergine…

Faele…No’ scherzà, ‘udelore è atroce, quando mi trapana sento un bruciore ca no’ te diche,è talmente forte ca me ‘ntostene le scenucchje pe’ tre ore, è chiù forte du’ viagre…

Pia Pia…Megghje pe’ te, te le renforze…

Faele…Si’ ‘na sore senza core, ma tande a te ce te ne ‘mporte, ‘u delore ‘u sent’ije…

Pia Pia…E’ colpa toje , t’agghje ditte facimele curcate  e tu no, in piedi, pruàme ‘na vote sole , io non l’ho mai fatto ma mi hanno detto ca curcate  è chiù lassative…

Faele…E’ più lassative, ma ije de cuerpe voche buene.

Pia…Nong’è capite, lassative, t’ arremodde tutte cose…

Faele..E ce jè a’ smerse, le scenucchje ‘ntustate e u reste remuddàte,e va bene pruàme tande pegge d’accussì…

Pia…Mo a vedè ca t’à sentè megghje, aspitte eh ( si sdraia sul tavolo, Faele la guarda stranito)

Faele …Ma ce ste face ?

Pia Pia …(Sdraiata sul tavolo)…M’agghje curcate,me sbrigate…

Faele si sdraia dal lato sbagliato

Pia…Ma ce ste’ face, girete dall’otra vanne…me ‘ maniscete…

Faele…Ce trase ‘nguarchedune pe’ pacce ne pigghje, ma si’ secure ca è accussì ?

Pia…E ce ne sacce , curcate m’hònne ditte…

Faele…Facimele come sempre,  come si dice, chi lascia la scarpa vecchia per la nuova…

Pia …E’‘nu fesse, cu’ quidde ca costene le scarpe oscje,mè’ avàscete ‘u mutande….

Faele…Mamma du’ Carmene, ca ce me n’aveve avvertite , accussì gruesse le fanne mo’…

Pia…Ca ce tu te ‘ntueste, agghje pigghjate quiste quà ca serve pe’ gunfià le pallune di cuoio…

Faele…Ma è gruesse assaje, all’impatto m’avene ‘nu traule…

Pia…Si ‘nu scorfene, un trauma vuoi dire, ma no’ te preoccupà, suse agghje mise ‘a pumate pe’ le contusione, emo manìscete cu’ no’ s’addefredde…

Faele…Ma piccè apprrime ‘a scarfe ?

Pia…Ce scarfe, èproprie bollente.

Faele…Perciò me jùske quanne trase,ma piccè?

Pia …Come piccè ,  le sostanze curative  al punto di fumo fanne chiù effette…

Faele…Ca miche a friscere…

Pia…Uh, quant’à face longhe, me’preparete …

Faele respira  come dovesse andare in apnea

Pia…Mo adda  fa ‘u subacque…

Faele…No’ scherzà, questi sono esercizi da traìne…

 Pia…Senza cavalle….training…

Faele…Si, questo è training autonomo, l’agghje lette nel trattato antidolorifico del prof. Sciuèpps, il prof. Sciuepps  è lo scenziato che ha studiato...

Pia…L’acqua toneche…

Faele…L’acqua toneche, ma ce me ste’ face dicere, il prof Sciuepps e quello che ha studiato il sistema che ti permette di subire la penetrazione dei glutini in assoluta tranquillità..

Pia…Ma si’ secure ?

Faele …Mica tande, addò l’à fa a destre o a senistre

Pia…A centre…

Faele…(Si prepara ) Fa’ chiane chiane, pe’ favore…

Suonano alla porta mentre Pia gli strofinava il cotone, va ad aprire lasciando il fratello in ansia

Faele…No’ te movere, famme ‘a ‘gnizione po’ ve japre, so’ pronte, dalle Pi’…ahhh.(con soffrenza )

Pia …Trase Pomponia , trase…

Entra Pomponia , amica condominiale

Pomponia…Bongiorne…( vede Faele ) Uhhh..Faele , ce l’è mise in esposizione stamatine ?

Faele…(a Pia ) Sadica , sei una sadica, t’agghje ditte  famme ‘a gnizione e po’ v’e japre …

Pia…E ce l’aveva lassà fore ‘a porte a ‘uagnèdde…

Pomponia…Grazie Pi’,  come te sinte stamatine Faè’ ?

Faele…Com’à Criste suse ‘o Calvarie…

Pomponia…Ce esagerate, che avverti i dolori ?

Faele…No’ stè’ besogne d’avvertirli, le delure avenene sule sule, stamatine non ho voglia di fare niente…mi sento epatico….

Pomponia…E quella è l’astenia, praticamente astenersi dal fare le cose…

Faele…E quedd’è , sono astenente…

Pia…E quanne maje è state tenente ?

Faele…Astenente Pia, aste, a…ste…

Pia…E tu a…ste vide ‘a gnizione  ?

Le donne ridono

Faele…A fatte ‘a battute, e ridene oh, me parite do’ jojjie…

Pomponia…Manghe se po’scherzà, a qua no’ se ride maje, l’humor Faè’, jntre a sta case manghe l’humor.

Faele…Dice tu, Piafalle vedè quant’umede ca tenime…

Pomponia…Ma ce umede, ogne tande ‘nu picche d’humor ce vole…

Faele…Pia,accattene ‘nu picche…

Pia…E addò se venne  st’humor?

Pomponia…A’chiazze, l’ humor, scatene l’endorfine e te sinte megghje.

Faele…Ah si, e dumane pigghje ‘nu pacche d’humor e une d’endorfine…

Pia…Sembre ce no’ costane assaje…mè’,preparete p’à gnezione…

Pomponia…Prime jsse l’arie me raccumanne…

Pia…Ma ce ste dice, ma mi hai mai sentito fare certe cose?

Pomponia…Ma ce capite ?

Pia…Eh no, agghje capite buene, tu è ditte ca ije fazze assè l’aria…

Pomponia…L’aria da’ seringhe, è pericolose…

Pia..Ah, l’aria da ‘gnezione, no no è megghje ca ste’ jntre ,s’ossigene i polmoni.

Faele…Ma mi vuoi uccidere, ca ce jè l’arie de ‘na vote,oggi  si rischia di morire , ci sono i nitriti…

Pomponia…I nitriti ?

Faele…Si i nitriti…non sai cosa sono i nitriti ?

Pomponia…Ah si i nitriti , come no, i versi dei cavalli…

Faele…Sono veleni, pericolosissimi…

Pia…Mène Faè’, piegati bene…madonne come ‘u tene tueste…

Pomponia…Mo famme vedè…è vere, è tueste come ‘nu pallone di cuoio.

Pia…E’quiste è l’aghe giuste, perciò no’ te lamentà sempre.

Pomponia…E rilasciati un po, Pia mi raccomando fall’à qua ( indicando il gluteo)

Pia…Qua?

Pomponia…Un po’ più a destra...’nu picche a sinistre,si là va bene…

Pia…Mitte ‘u dicite cu’ no’ perde ‘u segne…

Pomponia…E cu’ l’uècchje apirte le face ?

Pia…L’agghja chiudere  ?

Pomponia…Chiudi un occhio,così prendi bene la mira…

Faele…Uèh, e ce jè ‘u tire o’ bersaglie…vide ce le japre tutte doje, e fa’ chiane…

Pia…Sine  si…

Faele…Aspitte ‘nu menute…me serve’ l’antidolorifico…

Pomponia…L’antidolorifiche !?

Faele prende il fazzeletto e lo stringe tra i denti

Pia…Mamma meje e ce ‘ccose è…(comincia a strifinare l’ovatta, Faele è impaziente)

Pomponia…Be Pia, no’ me dice, Catavete oscje avene a pranze ?

Pia si avvicina a Pomponia lasciando il fratello in attesa spasmodica

Pia…Certamente, l’agghje preparate pure ‘a torte…

Pomponia…Pure ‘a torte, uèh Pi’ ce no’ t’à face oscje no’ t’a face chiù…

Faele è sempre in ansia, Pia ristrofina e si allontana..

Pomponia…E’preprate tutte cose ?

Pia…Come no, tutto fatto…

Faele …(Con sollievo) … Bravissima, Pia  hai tenuto la mano di velluto, madonna meje come ce nonge me l’è fatte , brava brava…

Pia…E infatti no’ l’agghje fatte…

Faele…Come no, è ditte “ tutto fatto “.

Pia…Parlavo della torta per Catalduccio mio…mo ca l’assagge pure le muse s’adda leccà…

Faele…E com’jè, sto ad un passo dall’esecuzione e tu  pinze a Catavete…

Pia…Uhhh…ma insomme l’amma fa stà ‘gnezione, ogne vote m’interrompi…

Pomponia…Uèh ma ce jè ‘stu fizze ca stoch’à sente ?

Pia…Faè’ ma ce mode so’, stè ‘a uàgnedde , mantinete no’?!

Faele…Ma ce ste dice…

Pomponia…Pia, ma quiste è  fizze d’asckuàte…

Pia…Uh,agghje lassàte ‘u sughe sus’o fuèche,Faè avine t’à fazze  jntre a’ cucine,scuse se’ Pompò’…

Pomponia…Be po’ avenghe e me face sapè com’à sciute …

Faele…Grazie du’ penziere , sì avine ca te fazze sapè com’è andata la ‘gnizione…

Pomponia…Ma ce me ne ‘mporte da’ ‘gnezione, vogghje sapè com’à sciute cu’ Catavete…

Faele…Vide ce te ne ve’ Pompo’… sparisce…( esce)

            Fuori scena si ode un grido di dolore di Faele

Pia..( entrando)..E no’ dicere che sendute delòre eh, ‘u se’ ca t’u fazze trasè chiane chiane..

Faele…( zoppicando e lamentandosi )…Mamma meje ce delore ‘a jamme…ahhh…hai visto l’ago?

Pia…None Faè’, agghje viste le muntagne ‘u mare ma ‘u laghe ancore none…

Faele…Non ti preoccupare ti porto io a centro del lago, addò jè chiù profonde…

Pia…Sembre studecarie dice…

Faele…L’ago della ‘gnizione, è sano ?

Pia..E ce l’aveva pigghjà malate…

Faele...No’ scherzà, ce se spezze ‘u sé’ addò vè spicce…

Pia…Jntre ‘a munnezze…

Faele… Finisce nella circolazione…

Pia…Stradale.

Faele…Stradale, ma ce ste’ dice, nella circolazione sanguinaria…

Pia…No’ te preoccupà ije controlle sempre ce l’aghe ‘na vote ca trase no’ se spezze jntre…

Faele…Ahbrave, e  come face ?

Pia…E’ facele, l’aghe ‘u ficche chiane chiane,po’ ‘u jesche , ce stè sane ‘u ‘nfizze notra vote…

Faele…Ahhh !Do’ buche a’ vote, assassina, fegurete quanta sanghe me jesse…

Pia…A litre…

Faele…E com’jè, tenghe n’emoraggia e tu face a sarcasteche..

Pia…No’ te preoccupà, sul cotone idrofobo no’ ste’ maje ‘na gocce de sanghee mo lasseme perdere ca è tarde e tenghe ce fà…

Faele…Ma ce tarde , no’ jè manghe menzadije...

Pia…Ce te n’è scurdate ca è dumeneche e  tenime a pranze l’ospete d’onore...

Faele…E ci s’ù scorde, so’ dudece anne ca tutte le dumeneche tene ‘a prenotazione, ma che prende il coupon il tuo ospite d’amore, amore mio , di qua ,amore mio di là…

Pia…Sappi che presto succcederà  lo sento dentro, sì, jntre alle cosce…

Faele…Dove lo senti ?

Pia…Jntre alle cosce…

Faele…Vieni un attimo qua, famme vedè ce tine jntre alle cosce…

Pia…Ma ce stè dice…

Faele…Tu è ditte c’ò sinte jntre alle cosce…

Pia…None le jamme , dentro di me…

Faele…Ignorante,  è l’inconscio, lo senti nell’inconscio,è ‘na cose ca se tene ‘ngape…

Pia..Oh Gesù, vide ce tenghe ‘ngape ?

Faele…’A studecarie…quidde te ste’face studechì, te ste’ face murè a onze a onze..

Pia…Morire si, partire si… no’ tine tuerte Faè’, partire è un po’ morire…

Faele…Si,però  morire è partire un po’ troppo, ma ‘na sere de queste perché non lo inviti su da te…

Pia…Come!? ‘ Nu maschele a case de ‘na signorine, ma ce razze de frate tenghe, ninde de mene catu mi metteresti nelle mani del primo venuto…

Faele…’U probleme ca n’à mai venute nisciune, però stà storie adda fenì, ije m’agghje stangate , so’ dudece anne ca Catavete tutte le dumenche s’avene a strafoche a qua…

Pia…E allore…?

Faele …Va bene è un brav’uomo non dico di no, ma non ti ama …

Pia…Si mi ama…

Faele…No’ te vole…

Pia…Sine me vole…e ije vole cu’ a fantasie, oh a me Catavete me face vulà.

Faele…Da fenestre…quidde no’ te penze proprie…

Pia…Me penze,me penze…

Faele…Quidde quanne stè a qua ‘u se’ a ce penze ?

Pia… A me.

Faele…Alle pulpette…

Pia…A me.

Faele…A’ pasta al forne…

Pia…A me.

Faele…A ce face fesse ?

Pia…A me.

Faele…E’ un tirchio nato, alanghe ce na vote s’à presendate cu’ na uàntiere de paste, ‘nu gelete, sempre cu’ le mane ‘nzacche…

Pia…’U se qual’è ‘a differenze, io di Cataldo sazio il cuore, tu invercesazi il tuo rancore.

Faele…E jdde se sazie ‘a ventre,e poi diciamolo a colpe è pure ‘a toje..

Pia…Ce vuè’ dicere ?

Faele…Ma si, sottilizzisu tutto, da piccenna proprie, t’arrecuerde ce diceve ‘a bonaneme de papà ?

Pia…Papà diceve ?

Faele…Certe ca deceve, perché non diceva papà ?

Pia…E ce ne sacce ce deceve…

Faele…Diceva deceva, papà parlava..

Pia…Papà parlave ?

Faele…Ca ce ere mute papà, diceva,” sòrete sottilizza troppo “  già a tre anne me recorde ca diciste “ come mai i raggi x so’ cint’anne ca l’onne ‘nvendate e ancore no’ le donne ‘nu nome precise?“… e sugli uomini poi,dall’asile accumenzaste “…e quidde se mette le dicite jntre o’ nase, quidde no’ me de’ ‘a ciucculate e quidd’otre è curte…

Pia…Ti sbagli l’altezza pe’ me no’ conte, pure de ‘nu metre e minze, l’importande ca è slanciate…

Faele…Ma pruevele apprime, une, une ti piacerà…

Pia… Pruevele tu e famme sapè…caromio una donna come me con un uomo solo mai…

Faele…E quante ne vuè ?

Pia..Ma ce ste’ pinze, lo giurai a mammà che alle nozze sarei arrivata conservata…

Faele…Stagionata, ma davvero sei come ti ha fatto mammà, ancora allibita sei ?

Pia…Si, sono ancora allibita, perché ?

Faele…E pigghje pruvvedemente bella meje, te ste’ face bella granne , ti stai indurendo, quella poi si cementa, ma perché una di queste sere non lo inviti da te , gli prepari una bella cenetta…

Pia…Al lume di candele ?

Faele…Non devi esagerare con la luce, così non ti vede bene, due luci soffuse…

Pia…Sì soffuse , e com’ù sé ca tenghe do’ lampadine fulmenate?

Faele…A te ‘u cervidde è fulmenate, luci calde echampignon ghiacciato …

Pia…None Faè,  cu’ le funghe l’avenì ‘a coleche…

Faele…Ma ce funghe, ‘a buttiglie  de champignon…

Pia…Ah, ‘u champagne, ma quedde coste assaje…

Faele..E’ ragione, pe’ Catavete  megghje‘na gazzose, e magari due ostriche…

Pia…Due ostriche, une pe’ me e une pe’ jddde?

Faele…Doje pe’ dicere, le ostriche sono afro…afro…

Pia…Afrocubane ?

Faele…Nonge a pigghjà chidde d’importazione, megghje le nuestre, so’ chiù eccitanti, stuzzicano le zone erogene…

Pia…Ah, l’erogene…e ce ‘ssò ?

Faele…Come ce ‘ssò, tutte ‘le tenene , pure l’anemale…

Pia…Pure le machene…’u spinterogene, pe’me Catavete è timido,cu’ jesse ‘na parole l’aprè ‘a vocche…

Faele…Ma quanne mange ‘a scianghe accussì ca notre poche se gnotte pure a mmè…

Pia…No no, è timido, ma che do’ l’impressione di essere una donna carnivora ? certo per l’amor digiuna sto, e per saziar il digiuno cor, un sol boccon mi basterà, t’amo mi dirà con vessilli a sbandierar e di trombe un gran squillar ( si ode suono di tromba fuori scena)…vedi sono così ustionata  che mi sembra di sentirle…

Faele..Prime cu’ te jùscke va’ japre c’arrevate …

Pia…(Ha un momento di ansiosità Faele l’aiuta a riprendersi, si riordina in fretta i capelli)…Faè’ stoche ‘bbone, so’ attirante ?

Faele…Come ‘na calamite,so’ dudece anne ca tutte le dumeneche me face ‘a stessa domande.

Pia…E tu so’ dudece anne ca me sempre ‘a stessa resposte,comunque cu’ ‘a trombe a venute..

              Faele si specchia , faccia delusa, poi  prende un giornale. Entra Catavete, con la bandiera del Taranto calcio e la tromba a bomboletta.

Catavete…Uèh, bentrovati…Alèèèoh oh, alè oh oh…

Faele…Dudece anne c’o supporte…

Catavete …(A Pia )…Be, ce jè quedda faccia ?

Pia…No ninde , ste’ parlave cu’ Faele…

Catavete ..A proposite de ce’cose ?

Pia…De trombe, bandiere,  e ce stavote finalmente è ‘a vota ‘bbòne.

Catavete…Sine , è ‘a vota ‘bbone, ‘u sente jntre ‘o core, alèèè oh oh…

                Pia guarda incredula il fratello

Faele…No’, no’ po’ essere, sarà ca studechite.

Pia…Citte malaurie ( a Cataldo), alèèè oh oh  alèè oh oh, core mije, Catà allore è vere, finalmente t’è decise, e dimme tutte cose.

Cataldo…Sine parlerò , anzi vorrei proprio fare una dichiarazione ufficiale…

Pia..E’sendute Faè’, ‘u fedanzamente ufficiale, so’ dudece anne c’aspette…

Catavete..Dudece?…come passe ‘u timbe oh,  ma ora c’è una solidità economica, Pia ‘u sé’ ca stè o’ prime poste .

Pia…’U sapeve, ‘u senteve ( a Faele), stè’ sinde, o’ prime poste du’ core sue…

Cataldo…Ma ce core, da’ classifeche, dunque mi espongo e mi esprimo…

Pia…Si amore mio, spremiti tutto.

Catavete…Dichiaro quanto segue, anche se ci saranno difficoltà, Pia Pi’ le difficoltà stonne, non neghiamolo…

Pia …E ce face , le supereremo con la forza dell’amore.

Catavete…Ma ce amore, cu’ ‘a forze de le jamme, supereremo tutte le barriere e nascerà…

Faele…Nascerà, allore agghja deventà zio…

Pia…Ci è maschele, ma potrà arrivare anche una femmina…

Faele…E ce face, fazze ‘a zia…

Catavete…Ma ce zie e nepute, ma de ce ste’ parlate ?

Pia…Della frutta del nosto amore…

Catavete…Ma ce frutte, nascerà il gol e ‘u Tarde adda vingè’…aleeee oh oh…

Pia…(Delusa a faele )…E’ colpa toje, sempre colpa toje..

Faele…E ce ‘ngentre ije, te l’agghje ditte sempre, ‘sta partite nonge ‘a vinge…

Catavete ( si sente male )…Ce cose è ditte…?

Faele…Ca ‘sta partite nonge ‘a vinge…

Catavete…Ma ce studechite, me stoche a sente male ( esce un corno) è sendute, tu che hai poteri spvrannaturaliannula ‘sta sentenze mortale pronunciata dalla corte di suprema desgrazie.

Pia…( al fratello )Disgraziato…

Catavete.. Ma ce me vuè’ccù vide muerte…

Pia…Assassino…

Catavete…Agghja preparate’a partite a’ taulìne e tu dice canonge vingime…

Faele…Ma ste’ parlave de notra partita…

Catavete…Faè, questapartita è la madre de tutte le partite, ce vingime saremo in testa..

Pia…In testa a chi ?

Catavete…A nonete, saremo in vetta…

Pia…None Catà l’alpinisme è pericolose, l’otre giurne è cadute do’ marciapede…

Catavete…Ca ce so’ tutte rutte, insomma Pia, saremo in cima, comunque devo dirvi una cosa importantissima, stanotte ho sognato…

Faele…A colori o in bianco e nero ?

Catavete…E non lo so, ero impegnato a nuotare , infatti ho sognato che nuotavo…

Faele…Tu nuotavi ?…ma tu non sai nuotare, diciamo che  galleggiavi come nu’…

Catàvete…Come ce ccose, ah agghje capite…come ‘nu…

Faele…Non l’ho detto…l’ho pensato ma non l’ho detto…comunque non sai nuotare.

Catàvete…Infatti me ste’ ‘ffucave, in mio aiuto è arrivata un onda  che mi ha preso e adagiato sul bagnoschiuma, p’a paure m’agghje svegliàte tutte vagnate…

Pia..E pe’ forze avevi appena fatto il bagno…

Catavete…Tutte sudate, e p’a paure ho bevuto il bicchiere d’acqua che ho sul comodino per la dentiera, naturalmente senza la dentiera che poi per l’igiene l’ho rimessa nel bicchiere, eh ma sono contento, eh si, la smorfia dice che sognare di annegare porte successe.

Pia…E’ giuste, p’a paure l’avene ‘na coleche e se ve’ suse o’ cesse…

Catavete…Porta successo, trionfo, e accussì agghje preparate ‘a partite , sendite sendite, primo tempo  tifo cu’ tamburridde e mane sckattate, uno a zero e no’ se scappe, secondo tempo, trombe e skattabombe, due a zere e no se scappe…

Pia…Catà , ma ce se’ ‘u resultate ci’à scè fa’ o’ cambe ?

Catavete…( seriamente) ‘U Tarde tene besogne de me, me mette minze alle supporte…

Pia…Nonge stè’ buene Catà ?

Catavete…Piccè ?

Pia…E’ ditte ca te mitte le supposte.

Catavete…A te no’ te supporte…supporter significa “ tifoso”…e io il tifo do, tu ‘u dè ‘u tife…

Pia…Ije ‘u pigghjeve , tife e paratife…

Catavete…E megghje ca voche nanze, e poi ahhh( sopsirando)  ci sarà il terzo tempo, il migliore…

Faele…Il terzo tempo ?

Catavete..Sine Faè’, ma tu non puoi capire, è notre tipe de partite, la partita del cuore… una partita di coppe e ce coppe ( mima un seno prospero)

                      Drinn…è Pomponia, Pia va ad aprire

Catavete…( sospira  profondamente) ahhhh…

Faele…La partita del cuore ti fa sospirare eh ?

Catavete…No no, mi fa sospirare st’addore de pulpette al ragù, ce stonne pure le brascjole ?

 Faele…Sine stonne, fosse pe’ me remanive a’ discjùne.

Catavete…( ride) Sai mi e venuto un liquore di stomaco,come se avessi un buco…

Faele…Ma ce buche, tu tìne ‘u stomache  sfunnate…

Catavete…Si potrebbe assaggiare una polpettina ?

Faele…Come no…

Catavete…L’à fatte senz’àgghje ?

Faele…Certamente, m’a ditte “le faccio senz’aglio se no il fiato gli si affeta di più e non mi bacia “…

Catavete…Pe’ piacere no’ tuccame ‘stu taste eh,  ije pe’ sorete no’ sente ninde è capite,ninde !

Faele…Ah no’ sinde ma l’addore de le brascjole ‘u sinte, soreme ti ama è capite, ninde puè fa…

Catavete…’Na cose sole, scè ‘ssaggiame le pulpette…

Pomponia…(entra)Scuse l’ore m’agghje sendute ‘a trombe, l’à fatte ‘sta benedetta dichiarazione?

Pia…Si  si , come no…

Pomponia…Ah ce bellezze, e no’ me dice , no’ parle, come ha esordito ?

Pia…Ci è ca’nzurdite mo ?

Pomponia…Ma ce ‘nzurdite, Catavete ce t’à ditte ?

Pia… C’ò Tarande tene besogne de supposte…

Pomponia…Uh Madò’, a cadute malate ?

Pia…’U core mije è malate…

Pomponia…Manghe oscje, me’ scià no’ t’à pigghjà, la farà vedrai, magari cu’ ‘a ventra chiene japre a vocche e…

Pia…E digerisce, so’ dudece anne, agghje fatte ‘a pelùscene…

Pomponia…Pia Pi’, scuse ce t’u diche, secondo me dovresti fare qualcosa di diverso, non  hai tatto, t’appresinte come ci’àscè o’ pellegrinagge, sii donna, l’occhio vuole la sua parte, ce vole chiù femminismo, non hai lacharme…

Pia…Come no, ne tenghe une gialle de casimìre…

Pomponia…Ma ce ste…di cashmire,svigliate‘nu picche, miche si vecchie, a quant’anne è ‘rrevate ?

Pia...50…

Pomponia…Scuse eh, ma l’anno scorso è ditte ‘a stessa cose.

Pia..E ce te cride ca so’ une ca prime dice ‘na cose e po’ notre, Pompò’l’amore mi urla dentro.

Pomponia…Urla perché vuole uscire, e come tenere dentro un cane ca tutt’u giurne  abbaglia…

Pia…E ije abbagliata so’,cieca per amore, ma dimmi che cos’è l’amore,tu che ami dimmi, ti prego, dimmelo…

Pomponia…Ma così su due piedi è difficile…

Pia…E uèzene une…

Pomponia…Ma è un modo di dire, cos’è l’amore… è sofferenza, sacrificio, solitudine, agonia…

Pia…( ad ogni aggettivo mima sconforto ) No’ pe’ piacere Pompò’…

Pomponia…Delirio…

Pia…Avaste…

Pomponia…Ma pe’ quiste devi fare qualcosa , che so, due mosse, più trucco, ‘na minigonne,( gli alza la gonna ridendo)

Pia…Ma ce ste’ face ( ridendo ) me pigghje vergogne…

Pomponia…Do’ sguarde ammaliante…

Pia…Ammaliante, e ce fazze ‘a mascjàre…

Pomponia…Ma ce mascjàre,così,vedi, e  non ci sarà bisogno di parole,st’uecchje parlene sule sule…

Cataldo entra masticando

Catavete…Pompò’ scuse, ma ce  tine ‘u ticchje ?

Pomponia…Ma ce ticchje, st’uècchje color verde acqua tu no’ l’è maje viste.

Catavete…E’ vere so’ verde acqua, dicene ca ‘u culore de l’uècchje depende da quidde ca se tene jntre o’ cervidde,ahahah…

Pomponia…Ah si, allore finalmente agghje capite piccè le tue so’ marrone…

 Catavete…(colpito dalla risposta tossice)…Uh uhh…(s’affoga)uh uh …

Pia…No’ ste refiate, ste more ,aiute, Catà’ no’ me lassà giovene giovene….

Pomponia gli da i pugni sulla spalla…

Pia…Chiù forte, dalle chiù forte…

Catavete…( si riprende)…E avaste ca me ste’ccide uh uh uh…ere megghje ce m’affucave…

Pia…Te voche a pigghje ‘nu picche d’acque?

Catavete…No’ te movere, ièttatrice, voche ije accussì no’ te vede e no’ te penze.

Pia…( amareggiata) E’ ‘ntise ce m’à ditte ?

Pomponia…Ca ce tu le mine certe augurie, sinte Pia Pi’ facime ‘na cose, chiù tarde quanne ste sole avenghe e te fazze ‘nu belle servizie, te fazze chiù femene, ma tu no’ le stà sempre rete, ignoralo,non l’assimilare con le solite domande,cerca di ridere, lui parla e tu ride, falle vedè ca te devirte, che ti alletta…

Pia…Magari mi allettava, m’accuntentave pure all’impiede…

Pomponia…Ma ce capite, ti alletta, ti diverte.

Pia…Insomma agghja ridere come ‘na jojjie.

Pomponia…Ma ce jojjie, così almeno hai una chansa.

Pia…E so’ pericolose ?

Pomponia…E’ francese, un’ occasione per essere sedotta…

Pia…Se dotta, e se ignorante ?

Pomponia…Pia Pi’ si’ senza speranze e ce ccose, ‘u se’ ce stè, ma si tande cu’ te le manère normali non bastano,oscje fazze avenè quedda cugina meje ca face  ‘a mascjàre,te l’arrecuerde ?

Pia …Ah si, Annine…

Pomponia…Sine Annine, te face ‘a revisione e te de’ ‘na controllate o’ future e accussì ne sapime de ‘cchiù, ce dice ?

Pia…Si si fall’avenè, ho fame di sapere…è capite Pompò’ ho fame…

Pomponia…E mange ‘nu picche…

Pia…Fame d’amore, il nobile sentimento, e ije da quanne agghje nate ca so’senza sentemente.

Pomponia…’U sacce, però me raccumanne è ‘mportande ca stame sule, so’ cose segrete, ‘u facime òscje pomerigge, fratte come al solito se corche e se face ‘u piselline, ah … però ste’ Catavete…

Pia…No no, Catavete ve’ o’ cambe.

Pomponia…A già oscje ‘u Tarde scioche jntre a case…

Pia…Jntre a case, e addò se mettene tutte chidde cristiane, ma tu dice ca cugginete po’ fa ‘nguarche cose, ije nonge ‘a fazze chiù me sente murè.

Pomponia…Non si muore, non si muore, timbe ce vole ma vedrai che arriverà anche per te ( esce )

Pia…E quedde arrive pe’ tutte, pure pe’ te…

Pomponia…Tiè, stoche a parle dell’amore…( esce)

Non visto  entra Catavete,  fa uno squillo di tromba

Pia…( si spaventa e inviperita) Ahh, ma ce studechite, me ‘nzurdite ‘na recchje e ce ‘ccose…

Catavete…Sccc…è megghje ca no’ parle, tine l’uecchje ca me dicene tutte cose…

Pia…Siii( fra se ) tene ragione Pomponia , l’uecchje parlene ( ride ) ahahaha…

Catavete…Faele sta di la, t’aspette pe’ mangià , io purtroppo vi devo lasciare…

Pia…Ci devi lasciare, così giovane  ahahah…(ride)

Catavete…Pe’ piacere statte attinde a quidde ca dice, me n’agghja scè o’ cambe…

Pia…O’ cambesante, ahahah come mi fai ridere…

Catavete…Ah te fazze ridere , e ce tenghe ‘a facce d fesse ( fa per andar via ma Pia lo trattiene mentre Faele guarda dal quadro )

Pia…Ma ce fesse, no’ te ne scè aspitte, io rido perché mi piaci, tu m’alletti…

Pia…Ottima idea, mittete jntre o’ litte e durme…

Pia…Da sola fa freddo, sai cosa mi riscalderebbe ?

Catavete…’A borse de l’acqua cavete…e livete da nanze…me n’agghja scè…

Pia…E te ne ve’ senza mangià,t’agghje fatte ‘a torte cu’ dece ove.

Catavete…Dece ove, è fatte ‘na frettate ?

Pia…None Catà’, comunque ce te piace ‘a frettate dumane te fazze l’outlet…

Catavete…L’outlet…ah l’omlette…no no lasse stà, è ditte ‘a torte de dece ove, a ce guste è ?

Pia…Come te piace a te,  ‘a zamberone…

Catavete…A zabaione vuè dicere, comunque m’agghje mise do’ pulpette ‘nzacche…

Pia…Doje, te n’agghje fatte ‘nu chile cu’ tand’amore…

Catavete…E io con amore  ‘nu chile me n’agghje mangiate, vabbe po’ m’avenghe a pigghje ‘nu picche di quel bel  limoncello che solo tu sai fare così bene, sempre ce no’ me sente stanghe.

Pia…Stanghe?...ma pure tu a sciucà ?

Catavete…Fammene scè ch’è megghje.

Pia…E ‘u bace ? ( allunga le labbra)

Catavete…Com’ù vuè ‘a nocciole o cu’ ‘a ciliegie ?

Pia…Avine a qua damme ‘nu bace…

Catavete…Statte ferme, no’ me tucca…

Pia…Ah no, e allore agghje fede c’avita perdere quattre a zere…

Catavete…Ahhhh, retire quidde ch’è ditte, ritirele( s’inginocchia) ti prego…

Pia…Mai e poi mai, a meno che…

Catavete…Ah è ‘nu recatte, e va be farò il martire, ma none suse alle muse, ‘nfronte…

Pia…E allore quattre a zere…

Catavete…E va bene ,però no’ assè ‘a lenghe , me tocche ‘u stomache…

Pia…Ma è una linguina…

Catavete…E falle cu’ le cozze…

Pia…Ma ‘ste muse carnale no’ te scarfene ‘u sanghe, Catà ma tu sei un uomo maschile?

Catavete…Ahahah,  ije a sei anne già me faceve ‘a varve, sappi che ho un tostosterone elevato.

Pia… Ma si’ secure, a qua chiù ca elevate me pare ca stè curcate,ma il mio sex a pilenon ti agita ?

Catavete…E come no, tenghe le nirve a fior di pelle, recuerdete ca ije so’’nu maschelone etero sessuale…( esce nervosamente )

Pia…Ma piccè no’ me vole,eppure so’ ‘na femene colturbante, e allore perché, ah già, è estero sessuale ‘u puerche, le piacene le straniere, ma ce me dave n’appuntamente, un occasione, ah come sarebbe bello, mano nella mano passaggiare abbascje a’ duàne, cu’ l’addore du’ mare, ‘nu gire jntre a’ varche e al chiaro di luna  Catavete me pigghje …

Faele (Che dal quadro ha sentito, entra)E te scette a mare, ma  no’ vide come te tratte, se n’à sciute senza ‘nu bace,quello non ti bacerà nemmeno in occassione di una condoglianza…

Pia…E tu com’ù sé’, è spiate  eh ? tu spifferi sempre…

Faele..Se ce uno spiffero ije chiude ‘a fenestre,  ma tu quanne l’ha chiudere cu’ Catavete ?

Pia…Mai e poi mai , lo amo , quest’amore mi stanca ma lo amo ( singhiozzando).

Faele…Io non amo ma so’ stanghe ‘u stesse ,‘u se’ ce stè , ca me voche a corche, facciamo un lavoro di gruppo, ije dorme e tu suègne..

Pia…E va va, e mittete a supposte p’a memorie…

Faele…Scuse Pì’, ce ditte ?

Pia…Eh, mo l’agghje ditte e già se n’à scurdate…

Faele…Posse sapè ce ditte ?

Pia…’A supposte p’à memorie…

Faele…Ma come a face a recurdarte tutte lo’orarie , le scadenze…no’ jè ca le supposte p’à memorie te le mitte tu…( esce borbottando )

Bussano alla porta, Pia va ad aprire ed entra Pomponia .

Pomponia…Ce jè Pi’, tine l’uecchje russe…

Pia…No ninde, ‘nu muschine…

Pomponia…’Nu muscone vuè dicere, tu è chiangiute,scummette ca se n’à sciute e pure oscje senza manghe ‘nu bace, è accussì ?

Pia…Tenghe ‘u core sckattàte, m’a lassate sole e cu’ ‘stu delore ‘mpitte …

Pomponia…Il tuo è un amore trifolato, e addò jè ‘stu delore, allo sterno ?

Pia…No, c’esterne  allo ‘nterno…e cugginete ?

Pomponia…Stè fore ,  oh è proprie ‘na specialiste, vedrai vedrai, chiarovedente, cartastomante,

Pia…Face pure l’astronaute…

Pomponia…Quedde è proprie stralunate, e po’ pianoterapia, pianagnostica, pianopsicologo…

Pia…Ma tande ce vole cu’ trase…

Pomponia…E te l’agghje ditte , è tutta piano piano, ma non si sappia in giro eh, face ‘a medium…

Pia…Accussì granne face ancore le medie…

Pomponia…’A medium, parle cu’ le muerte…

Pia…Le muerte de ci è?

Pomponia…Le vuestre…le lore…

Pia…E cu’ le tue no ?

Pomponia...E’ una vera scenziata…

Pia…E addò s’à laureate ?

Pomponia…In casa, è un autoritratto, e allore ‘a facime trasè ?

Pia…Si si, basta ca no’ me coste assaje…

           Annina, vestita da zingara, borsa con carte ,due palle di vetro.

Annina…( dice frasi senza senso )…Ablumme ablumme…ablumme ablumme, jsse fore  jntre a quest’ore da ‘sta case jatta gnore, jsse fore jntre a quest’ore da sta case jatta gnore…

Pia…( abbastanza intimorita )  Ma ce ste face?

Pomponia…Ste cacce le jatte…

Annina…Silenzio…

Pomponia…Silenzio Pia..

Annina…Citte…

Pomponia…Citte,citte …

Annina…Si tu ca t’à stà citte, cerco le forze infernali….

Pia…Invernale, ma stame in primavera…

Annina…Ma face fridde, citte t’à stà, le forze infernali ca s’asconnene nell’ombra, nell’oscurità, sprigionando forze malevoli che ci sono negativi…

Pomponia…Ce tine qualche negative ?

Pia…Mo’ vede…

Annina…Po’ puertele o’ fotografe e falle sveluppà…

Pomponia…Sai l’amica mia si preoccupava per il prezzo…

Annina…Il vil denaro, no’ penzate sempre alle solde, chidde vonne e avenene…

Pia…’Nzacche a vu’…

Annina…M’ù putive dicere ca è ‘na morte de fame, affrangàve cu’ veneve, stonne tanda puveridde in lista d’attesa ca tenene besogne dlla mia consulenza, ansiosi de farse…

Pia…Spennà…

Annina…Spennà…ma ce me ste’ face dicere , no no  avaste ,ije me ne voche…

Pomponia…None Annì’, no’ te ne scè , è capite male…

Pia..Si, avite capite male…

Pomponia...Vuleve dicere spennare nel senso di liberare, ripulire dai problemi che l’assillano…

Pia…Eh !...e ije quiste vuleve dicere…

Annina…Ah be, ci è accussì reste…

Pomponia…A qua stame de fronte a ‘na professionista, nel suo campo è un lume in aria, tu nonge ‘u se’ ma queste tene ‘na fame ca no’ te diche…

Annina…Ma ce fame, fama, e va be farò una consulenza a fine de bene, comunque ce tine do’ ove frische…no, ‘nu stuezze de furmagge paisane…e ninde tine ca me po’ servì ?

Pia…Le supposte p’à memorie…

Annina…Accumenzame a fatià ch’è megghje…la data ?

Pia…Purtroppo ancora no.

Pomponia…E’ signorine…

Annina…Tenghe ‘a sensazione ca jè ‘na brutta sciurnate…pe’ piacere, nome e cognome…

Pia…Cacchiullo Pia Pia…

Annina…Pia Pia, doppia Pia…

Pia…No no, una sola, Pia Pia…

Annina…E ije ci’agghje ditte, Pia Pia , quindi doppia Pia..

Pia…Ma ce doppie , Pia Pia con una “P”.

Annina…Ma ce decise ca m’à fa’ studechì, facime a schede ch’è megghje…

Pomponia…Annì’, facime a società, no’ se sape maje , la fortuna è cieca.

Annina…So’ ije ca ve le ceche a tutte e doje, la scheda analitica…allore,Pia Pia Cacchiullo, nata?

Pia…Nata e so vive e vegete…

Annina…No’ a qua me serve a me ‘na mascjare, n’esorcisme, oh Criste mije,  pe’ me stave astepate,…sei nata?

Pia…Viva..

Annina…Ma da do’ jè ch’essùte ?

Pia…Come da do’ jè, da do’ jèssene tutte quante…

Annina…Avaste, no’ vogghje sapè ninde chiù, me n’agghja scè…

Le due a soggetto la trattengono

Annina…Dimme ‘na cose, il tuo  segno qual’è ?

Pomponia…Pia, il segno dello zotico…

Annina….uuhhhhhh…segno zodiacale…le mise, è capite o no ?

Pia..Si agghje capite, de sette mise…

Pomponia…Pia,n’è nate a settembre ?

Annina…Settembre , allora sei vergine .

Pia…Si  vergine, ma quante m’agghja stangate .

Pomponia…Ca ce tu stè rete a quidde maccarrone de Catavete , e avaste , datti alla pazza gioia, divertimento, recupera il tempo perso, jsse ‘nu picche vai a ballare…

Annina…( alzandosi sul posto ) Ma ce ste’ dice, ci è ‘nnammurate no’ se po’ penzà a ‘ste cose, la mente è occupata da un solo pensiero è vero ?

Pia…Si si

Annina…Che opprime, è vere ?

Pia…Si si…

Annina …E qual è stu ‘ penziere fisse  che ti penetra ?

Pia…Eh, proprie quidde ddà…

Annina…Ma tu figghja meje pigghje subete pruvvedimente, io dicevo che il pensiero fisso è l’amore…l’amore che ti penetra, che ti assilla, ti assedia…

Pomponia…’A sedie , ‘a sedie…

Annina…Mamma meje,  jntre alle pacce stoche a qua.

Pomponia…E’ ditte ‘a sedie…

Annina…Ti assedia il cuore nel senso ca no’ te de’ pace,mo avaste cu’ le chiacchiere, tenite ‘na fotografie dell’amputato?

Pia…Si Si, una sole , è’ una reliqua(la prende dal cassetto), na, quant’è belle…(bacia la foto)

Annina…Mo vedime, oh Gesù , scusateme nonge ‘u sapeve , è da parecchje ca muerte ?

Pomponia…Ma no’ jè muerte, sta dormendo…

Annina…Ste’ dorme, saette cu’ le pigghje,pare ‘nu cadavere, pure ‘u fazzelette attaccate ‘nganne…

Pia…Eh si, stava male pe’ ‘nu cesse  e faceve nanze e rete , semprè p’u cesse…

Annina…Che soffre di colite drastica ?

Pia…Ma no, teneve ‘nu cesse accussì, suse o’ vangàle…

Annina…N’ascesse, be megghje de ninde( sistema la foto e lentamente ) sciò, sciò, …

Pia…Ma ce ste face?

Pomponia..Stè cacce le mosche.

Annina…Ma ce mosche, stoche a cacce le forze negative e contrarie, emango il fluido dell’amore…pigghjate, pigghjate ( lei emana e le due donne se lo buttano addosso come se fosse una pomata ) jndre a ‘sta case stè pe’ scuppià l’amore…

Pia…Ah l’amore , finalmente, Annì dimmi del mio futuro…

Annina… Ma si’ secure ?

Pia…Si…si…

Annina…Questo è un mondo misterioso, dove pochi possono entrare, è come un grande archivio dov’è custodito il futuro di tutti noi.

Pia…Allore tutto è stato già scritto, certe ca sapè’ me face ‘nu picche paure …

Pomponia…Pure a me, sapè ‘u future no’ sempre è belle, però ce dice de ‘na sfogliate…

Pia…No, ‘a recotte me face male, nonge a degerische…

Pomponia…E pigghjete ‘nu babbà, Pia ‘na sfogliatina al futuro…

Pia…Ah, e damele…

Annina…E va bene, ma recuerdete ca l’è vulute tu. ( cerca nella borsa )

Pia…Ma come face ?

Pomponia…Tremende le palle…

Pia …Di chi ?

Annina…Ma ce capite, so’ palle speciale , le tenghe jntre a’ borse.

Pia…E ce so’ ‘mbalsamate ?

Annina…Di cristallo…

Pia…Menu male, m’aveve spavendate.

Annina…Allore ‘u passate ‘u canusce, ‘u presente pure, p’u’ future mi devo sintonizzaare sul terzo canale…

Pomponia…E ce se vede ‘a televisione ?

Annina…Certamente, ce il collegamento via catetere, vedo, vedo, vedo il domani…si è chiaro dumane è lunedì…

Pomponia..E’ vere, ce cape ca tene…

Pia…Fegurete ‘a meje, sacce ca dopedemane è martedì…

Annina…Ahhh, eccolo , lo vedo ‘u sente, come stè lucchele, stè nervuse…

Pia…Famme vedè…

Annina…C’è nebbia, si ora lo sento bene…” Ma..male…

Pia..Stè male, se stè sente male ?

Annina…”Male..detta…maledetta mascjare”…ma ce ‘u sapeve c’aveva venè a qua ?

Pia…None proprie, ce chiù stè sinte?

Annina…Fiskà le recchje, ah ecco…si…”…maledetta mascjare è tutta colpa soje ci’amme perse quattre a zero “.

Annina…E ce ‘ngentre ije ?

Pia…No, è totte ‘na storie…va’ ‘nnanze , amma vedè ‘stu future?

Annina…Vedo una donna…ahhh, è troppe ‘u sforze…

Pia..Ste’ perichele ca se’ face sotte?

Annina…Uèh ca sempre dice,è lo sforzo paranormale,stoche a vede ‘na femene vestute a bianche..

Pomponia…’Na spose…

Pia…E quedde so’ ije…

Annina…No’ se vede buene…ahhh, stà femene stè trase jntre…jntre …

Pia…E ce stoche a bianche stoche a trasche jntre a’ chiese,p’u matremonie, e Catavete stè ? me stè spette ?

Annina...Nonge se vede , se ne stè ve’ ‘u collegamente…

Pia..E proprie mo, e mueve ‘ste palle..

Annina…Statte ferme, no’ me rompere le palle…

Pomponia..A essere cuntende Pia,me raccumanne ije te fazze da damigianelle d’onore eh ?

Annina…Ma ce damigiane, tu ‘a votte puè fa,  la damigella, ignorante… insomma,‘na femene stave, a bianche  è secure, forse ‘na chiese, forse se trattave de nozze o forse…de cozze,  e ci’ù sape…’a vite è chiene d’incognite, de “ce sape piccè “deciteme piccè se parle sempre del figlio di Dio e mai ‘na vote du’ nepote, perchéil passero è un solitario e il solitario non è un passero, piccè ‘u nase sente l’addore e ‘a recchje no’ face le sternute, spiegateme piccè…state senza parole eh ?!…chiste so le domande ca une s’adda fa appena japre l’uecchje…

Pia…Ije appena me sveglie preferische ‘na tazze de cafè…comunque Catavete adda essere ‘u mije e uaje a ce m’ù tocche…

Annina…Ah si’ gelose…

Pia…Lo amo da morire…

Annina…Sinteme a me, spuèsete apprime e fra tre o quattre mise no’ vide l’ore ca more jdde…comunque quest’è ‘na polvere magica, la “ gratta caso”…

Pomponia…Pigghj’à grattacase…

Annina…E ne facime ‘na grattate, la polvere si chiama“ gratta caso “, perché fa grattare a seconda del caso, avite capite, ce stè cu’ notra femene…

Pia…No, mai sia …

Annina...M’à fa parlà, ce ste’ cu’ n’a femene se gratte da murè, nu’ cigghje ca no’ ve diche, e accussì no’ tene penziere p’otre cose, e vu’ me capite,me raccumanne‘nu picche proprie , due volte al dì…

Pia…Prima o dopo dei pasti ?

Annina..Ma me vulite f’assè pacce, facime ‘na vota sole, è una polvere potentissima e ce nonge avaste te fazze ‘a fatture…

Pia..’A fatture , e com’jè, dice ca no’ se paje …

Annina…Ma maje capisce, la fattura magica, be tanda augurie e figghje maschele…

Pia… Pompò’, accumpagna tu ca tenge ce fa…grazie assaje eh…

Annina…( uscendo )…ablumme ablummme…jsse fore jatta gnore…

  Pomponia l’accompagna ripetendo la rima.Pia nel frattempo,ripetendo anche lei la rima ,mette la polvere sulla foto di Cataldo, prima un po’,ci ripensa e ne mette di più

Pomponia…( rientrando allegramente) …jsse fore jntre a quest’ore…ehi, ma quante ne ste’ mitte ?

Pia..Accussì face chiù effette…

Pomponia…Mo azzittete ca t’aggiuste ‘nu picche, ci vuole un po’ di trucco…

Pia..Ma no’ so’ fatte pe’ ‘ste cose..

Pomponia…Lasse fa’ a ‘mmè, tu vuè ‘n’appuntamente , e un cambiamento ci vuole, ti farò bella e attirante, e appene te vede l’avene ‘nu colpe…

Pia…Accussì reste vedove prime de spusarme…

Pomponia…Alle maschele ‘stè cose piacene,però te doche ‘nu cunsiglie , quanne ste’ curcate cu maritte non fare le puzze nel letto, cu mariteme ‘a notte no so’ otre c’arrajaminte…

Pia…No no, ije so’ vergognose e addevente rosse, mi girerò dall’otra vanne…

Pomponia…Accussì è jdde c’addevente russe, dimme ‘na cose ma mo’ ca t’u spuese com’à fa’ cu’ fratte, tene besogne d’assistenza…sarà un problema…

Pia…Tine ragione, comunque proprie ajere agghje telefonate o’ direttore de l’ufficie addò fatie Catavete, gli ho spiegato il caso ed è stato così gentile , m’à ditte ca ne face ‘na visite pe’ parlà personalmente di persona, po’ essere ca ‘nu poste de fatie adatte a Faele ‘u trove, a proposite dumane s’adda fa l’analese…

Pomponia…Po’dammele, le doche a mariteme e ‘o laboratorie le face pronte subete…

Pia…Dille grazie, le dame sempre fastidie…

Pomponia..( le fa un trucco vistoso) …Ma ce fastidie …

Pia…No’ jè ca t’acchje ‘na provette pe’ l’urine…

Pomponia…E ce le porte ‘nzacche, ‘na buttiglie è bbone ‘u stesse, importande ca è stereofonizzate ce no’ l’analese no’ so’ precise…

Pia…( Pomponia è alle sue spalle ) Ma ce me stè mitte…

Pomponia…La ciliegina sulla torta,( una parruca) poi mi ringrazierai, fatto, la signora è servita.

Entra Faele quando Pomponia finsce di truccare Pia

Faele…Buongiorno, Pompò’, ci è ‘sta bella signora…?

Pomponia…No’ t’a canusciute…

le due ridono

Faele…Chi è questa bella bionda che illumina questa stanza tetra…queste mure tetragone..

Pomponia…Faè, è sorete…

Faele…E ce ne sacce, mo m’agghje azate, Piaaaa…Pia Piaaaa…dove sei…

Pia…E’ uscita, uèh cape stuè, ije so’…

Faele…Tu !?…ma ce t’è cumbenate…ce t’è mise ‘ngape?

Pia e Pomponia…’Na ciliegie…

Pia corre allo spechhio  si guarda e ha un attimo di sbandamento

Pia…Ci è quedda ‘ddà? Oh Gesù,ma ce m’è fatte , ce m’è fatte …ije no’ssò accussì…

Pomponia…Cu’ le maschele chiù t’appitte e chiù te volene , mo’ pare ‘na vera femene…

Faele…A me me pare ‘na vera …famme sta citte ch’è megghje…

Pia…Come ‘na malafemene m’è cumbenate,l’appuntamente nonge ‘u vogghje a pajaminte, quello è il mipo principe azzurro..

Pomponia…Sinte a mmè, è megghje ‘nu re de denare…

Pia…Vatinne, e puertete stà ciliege ( gli tira dietro la parrucca , piangendo ) ije no’ so’ accussì Faè’…l’amore nonge ‘u venne …nonge ‘u venne è capite?

Faele…E no’ l’è vulute tu, te ste’ ruvine ‘a vite , sinte a ‘stu fesse, scuerdele a Catavete, jsse , fatte ‘na camenate,dumane n’avenè p’a‘gnizione, fai festa, vai sul lungomare, in città ci sono le boutique fai schopping…

Pia…E piccè agghja fa sciopere ?

Faele…Shopping, compra qualcosa,prendi tutto quello che ci serve. ( si guarda nello specchietto)

Pia…Tenime tutte cose no’ ne manghe ninde…

Faele…Possibile ca no’ ne manghe ninde…

Pia…No, ah si, menu male ca m’è recurdate,hònne fenite le ‘gnezione…

Faele…E queste sembre a ‘na vanne penze…

Pia…Recuerdete c’ò  giureve a mammà ca no’ te lassave sule, ije so’ ‘a ‘nfermiera toje.

Faele…No, tu si’ ‘a morta meje…

Pia…Quiste è ‘u ringraziamente…

Faele…Ma com’agghja fa cu’tte , ‘u se’ quanta vote preje ‘o Signore pe’ farte truà ‘nu buene cristiane ca te vole bene, che ti prende e ti porta via…

Pia…Grazie Faè’,  ma po’ le gnezione ce te la face ?

Faele…E dalle, le face a maritte, ije te vogghje vedè spusate, cu’ ‘nu belle piccinne ‘mbrazze…

Pia…Quiste è ‘u suenne mije , sogno a uècchje apirte, ‘u giurne ca m’avverte ca no’ so’ chiù capace de sugnà è megghje murè, ma stè rrive Faè, stè ‘rrive ‘u giurne ca vestute a bianche incornerò il sogno della mia vita…( facendo il solletico a Faele ) dimme ‘a veretà te piacerebbe essesere chiamate zie…no no me l’a dicere…dì’, te piacerebbe…?

Faele…E come no, ma no’ jè ‘mportande, quidde ca è ‘mportande ca ‘nu giurne sente ‘a voce de ‘nu piccinne ca te chiame mamma, comunque no’ te l’agghje cercate ije de purtà sta croce,tu sei portatrice di croce volontaria,‘u sacce ca t’agghja dicere grazie, mille vote grazie, ma po’ penze e diche,“ce so’ ije pe’luarte ‘a libertà, ce so’ ije …ce so’… Pi’ cu’ te ‘a tenghe…

Pia…Come ce si’…tu sì’ frateme Faè’, frateme! ( abbraccia il fratello)Fine Primo atto.

Secondo atto

Il mattino dopo. Faele entra con una bottiglia con all’interno del liquido giallo, lo osserva .

Faele..Analese, sempre analese,speriamo bene,mamma mejece male de cape( prende lo specchietto e si specchia, deluso lo ripone)…DRIN, ( mettendo nel mobile la bottiglia) jedde è, vide ce frette tene  de farme ‘a ‘gnezione…(apre) oh, carissimo dottore,accomodatevi…

Dottore…Grazie  Faè’, ma solo due minuti , sai gli impegni…

Faele…( si siede )…Ah grazie, mi fa proprio piacere che siete suonato.

Dottore…Io non sono suonato, ho suonato, volevo sapere come hai passato questi giorni ?

Faele…Ma lo sapete già, iole giornate non le passo, le sconto.

Dottore…Su su,nu’ picche d’ottimisme, comunque  venirti a trovare per me è un dovere…

Faele…Ebbè, al dovere siete sempre stato grigio…

Dottore…Ligio, Faè’, ije so’ ligie…

Faele…Eligio…ma no’ ve chiamate Andonio?

Dottore…Amme accumenzate Faè, ije so’ Andonie de nome e ligio nel lavoro …

Faele…Andonio per gli amici Eligio nel lavoro, un binomio,  vi posso chiedere la mano ?

Dottore…Mi dispiace ma sono già sposato…

Faele…Ma no, mettete la mano così, accoppata, (la mostra) si , bravo così,  come quando ahahah…toccate il sedere alle signorine…

Dottore…Ma cestè ride, ce t’à ditte ste’ cose…

Faele…Ah, non toccate, non vi piacciono le signorine ?

Dottore…Certe ca me piacene ma non tocco i sederi…

Faele…Be, sapete com’è, nella confusione, nei pulman poi  è un classico…

Dottore…Be si, capita, cioè no, tu me face ‘mbrugghjà ‘u cervidde, nei pulman me mette sempre nanze all’autiste, vabbè!?

Faele…Ah, v’azzettate ‘nzine all’autiste...

Dottore…Ma è un modo di dire, affianghe.

Faele…Ah, ho capito, vi piacciono gli autisti.

Dottore…Le maschele no’ me piacene, specialmente l’autiste, mo famme ‘nu favore, ci’agghja fa’ cu’ ‘sta mane accussì ?

Faele…Ah si, venite qua affianco a me e mettitem‘a ‘nfronte…

Dottore…Ce tine ‘a freve ?( gli mette la mano in fronte )

Faele…E chi lo sa,  scusate se approfittoma stamattina non l’ho trovato.

Dottore…Il termometro?

Faele…Ma ce termometre, l’analgesico, e visto che state qua…

Dottore ….E che lo cerco io l’analgesico?

Faele…Dottò io l’analgesico lo uso anche per l’emorroidi ma non mi da nessun sollievo, come mai?

Dottore…E pe’ forze, non serve per questa patologia…

Faele…Ecco un altro esempio di mala sanità, suse o’ sckatele  ce scrivene a fa “anal gesico”, però che bella mano, che avete,mettite purel’otre e stringete , si’ così,pe’cinghe menute…

Dottore…( tenedo la testa fra le mani ) Ca ije apposte agghje venute, no’ teneve ninde ce fa, ma scuse  Faè’ ma ce te l’à ditte c’a freve se mesure accussì ?

Faele…Ma ce freve, ho un emigrante ca m’arrive fine o’ trigeseme partendo dal cervino.

Dottore...’U Cervine ?! ah ’a cervecale, ma pe’ piacere, mo ti prescrivo le supposte.

Faele…Ma piccè tutte le medecine l’agghja pigghjà cu’ cule, le ‘gnezione , le supposte, ‘u clistere…

Dottore…Faè’ tenghe ‘nu convegne importantissimosulla circolazione e tu me face perdere timbe.

Dottore…Fate bene , ci sono troppi incidenti.

Dottore…Sulla circolazione stradale,sanguigne,quanta pacenze ca ce vole,chiuttoste come sciame?

Faele…Ma piccè pure ije agghja venèo’ convegne ?

Dottore…( alterandosi )Ne facime cumpagnie, come ste , come te sinte, è capite o no?

Faele…Non gridate,m’intronate tutta la frontiera e a  voi può venire un infranto al cuore…

Dottore… No’ m’avene nisciune infrante , a qua sule l’ansia m’avene…

Faele…Calmateve, volete sapere come sto, bastava chiederlo,comunque lo sapete , l’involucro non è da buttare il ripieno è fracido, come medicina ci vuole un miracolo, voi me lo potete prescrivere?

Dottore…Fae’ ti prego, voche de frette no’ me fa perdere timbe…

Faele…Ma ce mancherebbe, stavo per dire  che io quando nacquetti..

Dottore…Ce ‘ccose ?

Faele…Quando naquetti…

Dottore…E’ sbagliate ‘u verbe…

Faele..Eh si, naquetti è passato prossimo , questo è  passato remoto, quando naquii…due “ i “…

Dottore…Ma ce naquii…usa il gerundio…

Faele…Un gerundio, e addò s’accatte…no, pe’ me è il verbo “naquere” sbagliato…

Dottore…Si, nacchere e olè flamenco ( balla) nel tuo caso si dice correttamente, quando naquasti…

Faele…Ma non sono giardiniere…

Dottore…Tu tine ‘a capacità de farme ‘mbrugghjà ‘u cervidde…

Faele…Dicevo che quando naquai, naquevi, insomma quando dope nove mise assive...

Dottore…Da dove sei uscito?

Faele…Da dove siete uscito voi…

Dottore…E ce sime frate ?...pe’ piacere no’  me f’assè pacce…

Faele…Vi stavo dicendo che ionon venni alla vita,no, venni alla morte

Dottore…Ma ce morte, sei vivo Faè’, e viviila pienamente, ‘a vite è belle…

Faele… Pe’ ce s’à gode…

Dottore…La vita va vissuta sempre e comunque, guarda di quante bellezze si possono inebriare i nostri occhi, il cielo così infinito…

Faele…Voi non siete  dottore, un poeta…

Dottore…Dai un senso alla vita e sarai poeta anche tu, il mare così vasto e profondo pieno di pe… di pe…dì’ tu , sentime, il mare pieno di pe…?

Faele…Petrolio..

Dottore…E miche tine tuerte, l’ònne destrutte, comunque io dicevo pieno di pesci, per non dire delle spiagge doratepiene di …scià’ dimme tu…le spiagge sono piene di fi…fi…

Faele …E be ,le spiagge piene di…( con le dita disegna nell’aria la siluette di una donna )

Dottore…Maligne ca no’ si otre , non intendevo questo,  piene di fi…

Faele…Piena di quella frutta ca jntre se mette  mandorle e ciucculate e po’ se ‘nforne ?

Dottore…Le fiche!…e no, tu me face ‘nnervosì, ninde spiagge, la terra piena di  fiori…

Faele…A proposito di fiori , vi racconto di un anello che mi è capitato…

Dottore…Un anello ?...ah un aneddoto vuoi dire, mi è capitato un aneddoto…

Faele…Anche a voi ?

Dottore…Cuènteme ‘u fatte, ca me stoche a sente cigghjà ‘a cape…

Faele…Vi dicevo che èper  quel problema di respirazione, lo sapete che  i miei gronchi non tanto…

Dottore…Gruènche e capetune…ce gruènche, bronchi !

Faele…E avendo bisogno di aria pura ho la fortuna di avere dei cugini che vivono in campagna.

Dottore…Le cugine de campagne.

Faele…Be li’ c’è un  prato fiorito e io là mi sdraietti…

Dottore…Pe’ piacere n’accumenzame, io in quel prato mi sdraiai…

Faele…Ah si, ma no vi ho visto…

Dottore…Va ‘nanze pe’ favore…

Faele…Era pieno di fiori, pieno di coppiette…voi mai vi siete  steso sul prato con l’autista..

Dottore…Notra vote cu’ l’autiste…ma ci’à tine cu’mmè stamatine?

Faele…Ma che dite, be, stavano questi fiorellini e io accarazzavo i loro pedalini..

Dottore…Le fiure cu’ le cazitte…petalini.

Faele…Pensavo che da morto saranno loro con le radicine che mi accarezzeranno, e pure a voi.

Dottore…Ije le fiure no’ le  puteve vedè, fegurete mo…

Faele…Ho capito, ve pigghjate paure da’ morte…

Dottore…’Sta paure tutte ‘a tènene, tu no ?

Faele…No no, io ho paura del dopo morto…

Dottore…Non capisco...

Faele…Pense sempre a ‘na vanne, mi è venuta la…come posso dire, la tobia…sì dottò, ho la tobia.

Dottore…Ci è Tobia, un parente ?

Faele…Ma ce tenite stamatine, ije parle così chiaro e voi non capite,ho la tobia…un terrone…

Dottore..Un terrone? ah,il terrore,’a fobie, Faè’ è la tua chiarezza di espressione che mi confonde.

Faele…Ho la fobia di essere procato vivo, fatemi una cortesia, siete un uomo di scienza e ‘stu favore me l’avita fa…

Dottore…Ci’agghja fa ?

Faele…Promettetelo…

Dottore…E va bene te lo prometto…

Faele…Grazie, quando muoio, per almeno sei giorni tenetemi con voi.

Dottore…Sei giurne a casa meje, ma ce ‘mpazzite…

Faele…Se è per la puzza vi do’ il permesso di lavarmi, così mi osservate o magari me mettite ‘u telefene…

Dottore…’U telefene ?

Faele…Si, così potete anche uscire per i vostri impegni, e  all’occorenza vi chiamo…

Dottore…E’ difficile ca me trueve…

Faele…E chiamatemi voi, mattina, pomeriggio e sera, se sono vivo rispondo e se no…

Dottore…E ci’acchje occupate tine da fa ? certe ca ne dice de studecarie,fisicamente come  ste? 

Faele…Tenghe ‘na fiacche ca face paure,visitatemi…(alza la gamba)…toccate e sentirete ?

Dottore…Cosa devo sentire ?

Faele…La fiacca…

Dottore…E cu’ le mane agghja sentè ‘a fiacche,  mo damme a mane..

Faele…Dove mi portate?

Dottore…’A giostre, no’ tenghe ninde ce fa e voche a’ giostre, la mano, agghje sentè le pulsazioni…

Faele…Fate piano che mi fanno male gli gnocchi…

Dottore…E fatte do’ chiangaredde, le nocche...(conta ) uno…(dopo un po)due…,tre…( preoccupato  conta fra se , finchè) Faè’ ,26 pulsazione al minuto…

Faele…Allora sto meglio, l’otre giurne  erene ventune…

Dottore…( gli guarda l’occhio) …Tienil’occhio spento, patinato…

Faele…Ho l’occhio gratinato…

Dottore…Assute do’ furne…patinato…

Squilla il cellulare del dottore

Dottore…Ci è mo…pronto, signò notra vote m’avite chiamate, quanne v’agghje ditte tre volte al giorno per trenta giorni  mi riferivo alle pinnele none alle telefonate, ( prende lo stetoscopio  si autosculta ) ecco ‘u sapeve, stoche agetate…(lo poggia sul petto di Faele)

Faele…Ahhh…

Dottore…Ce jè ?

Faele…E’ freddo, riscaldatelo poco poco…

Dottore…Oh santa pacenze, ( lo riscalda con l’alito e osculta Faele ) mo statte citte.

Faele…Non parlo, sto zitto…

Dottore…Non parlare.

Faele…Non parlo lo giuro…stò zitto…

Dottore…E sempre dice…di 33…

Faele…33…

Dottore…Continua…

Faele…33,34,35…

Dottore…M’à f’assè pacce stamatine…no’ fiatà, ma vede ije.. (ausculta)qua la faccenda è seria…

Faele…Che c’è, il mio cuore fa le pizze…

Dottore…A me ‘na capricciose, fa  le bizze sì, e mi preoccupo, devi fare assolutamente il by pass…

Faele…Ma ve l’agghje ditte ca no’ me serve, in autostrada non ci vado…

Dottore…Quidde è ‘u telepass, ti ho detto che ti devi riguardare e vedrai che migliori, ti stai riguardando…

Faele…Certamente dottò, ma non miglioro…

Dottore…Continua a riguardarti e vedrai che migliorerai, di ‘a veretà, stè duerme picche…

Faele…Poco…insomma,all’otte pigghje suenne e alle nove me sveglie, se è poco non lo so…

Dottore…Certe ca è poche n’ora sole , si tratta d’insonnia.

Faele…Dottò, all’otte a sere pigghje suenne e alle nove ‘a matine me sveglie cu’ na voccha secca…

Dottore…Oh Gesù Criste mije…mo famme vedè…di  “A”…

Faele…Aaaa…

Dottore…(disgustato) Mamma mia e che è…

Faele…Il reflusso esofageo…

Dottore…Pe’ me se tratte di reflusso rettale…

Faele…Cosa posso prendere ?

Dottore…Do’ gocce de guttalax,mo japre ‘u chiusine…cioè ‘a vocche ( si mette la mano sul naso)…tra i denti ti è restato un pezzo…eh si, un pezzo di filo interdendantale…

Faele…No, è un filo  di prosciutto che non riesco a tirarlo via , provate voi che siete dottore…

Dottore…Ma vide ce te ne ve’…fa ‘na cose le ‘gnezione le sospendiamo..

Faele…Ah, ce bella nutizie,nonge ‘a faceve chiù,tenghe‘u cule pieno di mattoni date un’occhiata…

Dottore…(Mentre scrive , Faele si cala il pantalone)Ma pe’ piacere ( arrabiatissimo) a prima matine me mette a vedè ‘u cule, e ricomponiti, ma sorete le face buene le gnezione?

Fael…Si si, m’u ‘nfile sempre chiane chiane..

Dottore…Brava, accussì se face , la medicina deve penetrare lentamente…

Faele…Nonge avite capite, soreme ‘a medecine m’a spare, è l’aghe ca m’ù trase chiane chiane…

Dottore…E ce jè ‘a case de le pacce, mi raccomando, le suppostein via anale…ca cu’ te…

Faele…In via anale ? E no’ me le pozze mettere a case meje…

Dottore…Oh Criste mije va…a qua Faè’, a case, te l’à metterenel retto…è capite, retto !

Faele…Si si, ho capito ,  retto, me le devo mettere in piedi…

Dottore…Ma mittele accome vuè …

Faele…E a ce ore ?

Dottore…’A sere prime cu’ te stinne…(fra se)…’na vote pe’ sembre…

Faele…Ma no’ so’ prateche,me spruscje e jesse sempre, ce vole une c’a mantene fine ca se squàgghje, dottò  voi alle otto siete impegnato?

Dottore…Ije stave accussì buene, m’a ‘nghjanate ‘a pressione a docinte,‘a depressione, le crampe o’ stomache, tenghe ‘a cape spille spille, agghje venute pe’ vesetà e mo’m’agghja scè recoverà

Faele…Calmateve dottò…

Dottore..Ma ce calme, me n’agghja subete …(uscendo) e mo ca so’ pronte famme vedè l’analese…

Faele…Si si…ho preparato tutto…dottore…dottò…

Dottore…( rientrando)…Ce vuè ancore ?

Faele…Ve ne andate così,almeno ditemi quando  ripassate a visitarmi…

Dottore…Ma vide ce  sparisce da ‘nanze all’uecchje…(esce )

Faele…La gente si innervosice per niente, pure ‘u giurnale se n’à scurdate…dottore il giornale,non correte , potete ruzzulare le scale…(detto, fatto) …a cadute…se volete venire su a medicarvi…

Dottore…( fuori scena )…Manghe ce m’accidene.

Faele…A fa’ bene no’ sta bene…a proposite ci’à fatte ‘u Tarde...uh mamma meje, a perse quattre  a zere, povere Catavete, sicuramente stè recoverate…( si specchia, ma sempre faccia delusa )

Drin, apre, entra veloce  un uomo, vestito di nero, cappello , occhiali scuri.

Faele…Uèh, ce site, come vi permettete, assite subete da casa meje o chiame le carabiniere…

Catavete…No’ lucculà, ije so’…( Facendosi riconoscere)…Catavete…

Faele… Catà,ci’à sucesse, tutto di nero, che hai avuto una perdita improvvisa?

Catavete….Sine, a perse ‘u Tarde…quattre gol amme pigghjate.

Faele…Si l’agghje lette, le mie più sentite condoglianze…( si baciano)

Catavete…Grazie, ma che stavi analizzando ‘a cronache da’ desgrazie ?

Faele…Si, ste’ cercave  de capì com’jè ca successe…

Catavete…E’ inutile, i tecnici del calcio, tutti ad analizzare la sconfitta,come maje dope tridece vittorie une pigghje quattre gol  dall’aulteme in classifiche, colpe du’ centrocampe, da’ defese…

Faele…Du’ purtiere…

Faele…None Faè’, ‘a colpe è de sorete.

Faele…Soreme ?! e ce ‘ngentre Pia Pia ?

Catavete...Centre  centre,  sapeve già ‘u resultate.

Faele…Ma no’ dicere studecarie, ( annusa l’aria ) stoche a sente ‘nu profume… di mele…

Catavete…Mele acerbe, belle no ?

Faele…Si si profumate…

Catavete…Rinfresca l’ambiente…no’ jè ca ste sorete no?

Faele…No no, ma come maje a st’ore , nonge è sciute a fatije ?

Catavete…E no,stamatine ho un impegno privato, riservatissimo…ce ne sé’…

Si ode la voce di Pia che canta l’ Ave maria.

Faele…Na na , stè scenne Pia Pi’, sarà felicissima di vederti , e tu ?

Catavete…Non tanto, no’ le dicere ca stoche a qua, addò me pozze ascunnè ?

Faele… T’ascunnè, un impegno riservatissimo, po’m’à dicere tutte cose…

Catavete..Si si, ma sbrigate mo…

Faele…Fa ‘na cose , prendi il corridoio, gira a destra, po’ a sinistra, stè ‘na porte, japre e trase, troverai un arco, avascje ‘a cape cu’n’azzuèppe , dopodichè…

Catavete…Faè’, no’ jè ca me pozze perdè ?

Faele…Tu  vieni dritto avanti…addò stè ve’…?

Catavete…E’ ditte “vieni avanti “…

Faele…Jntre ‘a stanze, ti troverai da rete a ‘stu capelavore, (indica il quadro)‘a vide ‘sta cape,be queste s’apre e se chiude, tu non l’aprè…va mo va, e avasce ‘a cape…

Pia ( fuori scena) Faeleeee…

             Cataldo scappa via

Faele…Arrivooo…( prende lo specchio e si osserva  , deluso lo ripone )

Cataldo …( fuori scena, un botto ) ahhh…

Faele…Te l’agghje ditte avascje ‘a cape…( va ad aprire) trase Pi’, trase…

Pia…( entra con lo spolverino per la polvere )E come maje tanda timbe, no’ m’è ntise cantà ?

Faele…Si si t’agghje sendute, ma da stamatine le cose cangiane, da oscje se tuzze.

Dal quadro spunta la testa di Cataldo

Pia…Va bene, no’ t’arrabbià,sinte Faè m’à capetàte ‘na cosa strane,stave rete a’ fenestre quanne vede a une  vestute a nere, come ‘nu jettatore, uàrdave suse da me e ije le faceve le cuerne, ije m’ascunneve e jdde camenave ,asseve e jdde s’ascunneve, ’u se’ a ci’assemegghjàve ?

Faele…A ci è? ( riprende lo specchio , siriguarda )

Pia…A Catavete !

Faele…Quidde a st’ore ste fatije,hai preso siucuramente un abbacchio.

Pia…Dici che ho preso un’abbacchio,comunque tremendeve come un manico sessuale.

Faele…Ce maneche, maniaco , quanne t’a ‘mparà a parlà…

Pia…Sine, quidde ‘ddà…e così mi sono detta, sarò io la vittima ?

Catavete….Manghe muerte…

Pia…Ci’à parlate ?

Faele…E ci è..ije no, agghje ditte…manghe muerte l’aveva lassà‘stu desgraziate se solo si permetteva di venirti a violentare, ti devo difendere…( continua a guardarsi nello specchio )

Pia…Ah,grazie, comunque ce no’ me sinte cercà aiute, ma proprie forte, tu fatte le fatte tue…ma piccè te treminde ‘o specchje ?

Faele…’U dottore m’a ditte  “ riguardati che migliori “ mi guardo e riguardo ma non miglioro , non miglioro…

Pia..(annusa l’aria) Ma ce jè st’’addore de mele…

Faele…Acerbe, mele acerbe, stamatine avevo desiderio di mele acerbe ne teneve doje e me l’agghje mangiate,sule ca m’ònne fatte male, me  sente ruscere ‘a vendre…

Pia…No’ jè ninde, tieni un pò di meteoriti…

Faele…Pure l’asteroide,quello è il meteorismo che viene da meteora, tutte le parole hanno un collegamento, che so, avaria e avarizia, “s’à fermate ‘a machene”questa avaria, “ce ne tenive una nove no’ succedeve “ questa è avarizia, ce capite?

Pia…Ca besogna chiamà ‘nu carrattrezze, be allore ije me ne…(si volta e guarda il quadro, resta sorpresa) ma uàrde ‘sta facce, no’ me n’aveve mai avvertite, sai cosa mi ricorda ?

Catavete…Ca è ore ca te ne ve’…

Pia…Eh no no, mo agghje sendute buene…

Faele…Ce sendùte ?

Pia…Eh si, ‘a voce da quàjèsse, no’ jè ca ste n’anema perse  jntre o’quadre, quelle s’infiltrano…

Faele…Quello che s’infiltra in quel capolavoro è solo la polvere che tu non fai mai…

Pia…A‘stu quadre, a ‘sta facce de fesse,(spolvera il quadro e la faccia di Cataldo)

Cataldo solleticato starnutisce

Faele…Etciùùù…m’agghje raffreddate…

Pia..Ben ti stà, e sintelece t’à ditte ‘u dottore ?

Faele…Ce m’à ditte ?

Pia…A ditte ca t’à fa ‘u profelattache autunnale, e falle no?!

Faele…Vai cara…vai…

Pia…Sine si, me ne stoche a voche …( esce )

Nel frattempo rientra Cataldo, si massaggia la fronte.

Catavete…Mamma ce delore, ma l’arche n’o putevene fa chiù jirte ?

Faele...Te l’agghje ditte d’avascjià ‘a cape, mo ma dicere ce jè ‘stu profumo di mela…

Catavete…Acerba,stamatine me servève ‘nu profume urgente e m’agghje mise quiste ( prende l’arbre magique )

Faele…L’arbre magique…e come maje ‘sta frette de ‘mprofumarte ?

Catavete…E come mai…Faè’,tenghe n’appuntamente…

Faele…A casa meje ?

Catavete…Tu nonge ‘u sé’ ma ije… te vogghje tanda bene,  e tu a me ?

Faele…Non tanto…

Catavete…(gli prende una mano)…Damme ‘nu bace scià…per il nostro amore…e me damm’u ‘nu bace da’…(si butta addosso)

Faele…Catà, tu me face sckife, ah…agghje capite, quanne ‘u diàule t’accarezze l’aneme ve’ cercanne, e allore de ce appunatemnte se tratte ?

Catavete…Te l’aveve ditte che ho da giocare una partita dicoppe , e ce coppe Faè’, una signora…

Faele…Una signora , tu!?…ahahah…ma no’ me faridere…

Catavete…No’me fa ridere ma stè ride,comunqueè tutto vero.

Faele…Ma no’ pozze credere, e ci è ?

Catavete…Una signora di classe, e ce classe…

Faele…Hai detto “ Emma “ma ‘a canosche ?

Catavete…’A canusce, ‘a canusce…jàvetave in Vico Pontescuro…

Faele…A’ seconde piane ?

Catavete…’Ngape l’è date, quedde cu’ tande de tette…

Faele…Ma ce tette, quedde teneva ‘a tettoje…

Faele…MaEmma no’ jè spusate cu’ direttore tue ?

Catavete…E questo è il dramma, sento dentro di me che questo amore mi colpirà ancora di più…

Faele…Ti sbagli, quello che ti colpirà no’ jè l’amore…

Catavete…E chi mi colpirà…?

Faele…’U marite…

Catavete..No’ dicere ste cose,  già stochè agetate, ma come non si può di nanzi a Emma la charmant…

Faele… Ah se chiame Armande…

Catavete…E ci è Armande ?

Faele..’U marite, è ditte Emma lascia Armando…

Catavete…Charmande è francese…

Faele…E vabbe lascia Armando, ca è francese…

Catavete…Notra vote, charmant,seducente e altruista,sempre pronta a fare del bene al prossimo.

Faele…Al prossimo della lista,  e come l’hai conquistata?

Catavete…Con lo sguardo, la guardai  e lei abbassò gli occhi…

Faele…Strano, di solito lei abbassava altro…

Catavete..No’ scherzà, la guardai con quest’occhi d’amor lacrimanti…

Faele…E chidde so’ le cataratte…

Catavete…Ma ce cataratte, e così tra noi è nato un flit, (comincia a grattarsi )non lo so ma quanne ‘a penze m’avene  ‘nu cigghje ca no’ te diche…

Faele…No’ jè ca si’ allergeche alle femene ?

Catavete…Po’ essere, cioè, ije allergeche…ahahah ma ce ne sé’, però a queste chiù ‘a penze e chiù me cigghje, grattame a qua rete,chiù sotte, a destra, sì,  dalle mo…

Faele…E  dove la porti di bello ?

Catavete…Ecco il problema, m’à ditte cu’ quedda voce ‘ngraziate “ me raccumanne , ‘nu poste tranquille, senz’anema vive”  e penso di qua e penso di la…

Faele…Indovina dove stà …

Catavete…Indovina dove…ce me ste face dicere, mi sono ricordato che un posto così esiste, c’è.

Faele…’U cambesante…

Catavete…’U cambesante…ma da do’ stè jsse…

Faele..E’ sì hai ragione ,non è romantico, ‘a prima vote cu’ ‘na femene.

Catavete…Ma ce prima vote, ahahah, famme sta’ citte ch’è megghje…

Faele…E pe’ forze t’à stà citte, no’ tine ninde da dicere…

Catavete..Ninde da dicere…ahahah…è vere, no’ tenghe ninde da dicere, so’ sfurtenate,l’otra sere ho portato a cena una bella donna, la guardavo mangiare, credimi, uno spettacolo...

Faele…Per quanto era bella ?

Catavete…Per quanto mangjava, teneve ‘u sbuenne,be mentre con inconfutabili sonorità gutturali esprimeva il suo alto gradimento del cenone,me dice:“ Catà’,nonge a fazze chiù è ora  ca ne scè menàme suse ‘o litte”.

Faele…E brave a Catavete, siete andati a letto…

Catavete…Si, jèdde a casa soje e ije a casa meje, e cosìho pensato ca ce tu te ne ve’ suse da sorete ije ‘a porte a qua…

Faele..Ma ce studechite, tradire mia sorella a casa meje, ne morirebbe…

Catavete…E finimele cu’ sta storie, io non l’amo, troppo moralista, e allore me l’à fa ‘stu piacere ?

Faele…A una condizione, ije da qua no’ me move .

Catavete…Vuoi dire che resti in casa mentre io…ma è ‘nu recatte.

Faele…Un sostegno psicologico a ‘nu ‘mbranate com’àtè

Catavete…( si gratta) de chiù me ste’ cigghje, be ‘a voche a pigghje…

Faele…( accompagnandolo alla porta ) Vai va, ti farò fare una bella figura…

Catavete…Sine Faè’, àmma fa  bella fegure…( esce )

          Faele esce. Stacco.Entra Pia Pia seguita dal direttore, racchetta da tennis e borsa da ufficio

Pia …Prego direttore , accomodatevi…

Direttore…E’ permesso ?

Pia…Come no, questa è casa vostra.

Direttore…Grazie, gentilissima…

Pia…Sapete una cosa direttò’…

direttore…Dite , dite pure…

Pia…Da oscje nonge agghja cantà chiù…

Direttore…Ah, siete una cantante, ce cumbenazione, io sono basso.

Pia…Be, in effetti non siete tanto alto…

Direttore…Ahaha, ma cosa dite , ‘u timbre…

Pia…’Nuvoloso…

Direttore…None ‘u timbe, il timbro, io basso e voi ?

Pia…Nella norma..

Direttore..Signò’, lassame perdere, maditemi come mai non canterete più ?

Pia…Per la chiave.

Direttore…La chiave? Ah, di violino o baritono…sapete cos’è vero?

Pia…Il baritono…quello che costruisce le bare?

Direttore…Ahahah,ma no, quello è il barista, la chiave di ( canta ) sol do fa , fa sol do,  do fa sol  ?

Pia…Ah , vulite do’ fasule?

Direttore…Ma come v’avite azate stamatine,…do fa sol, il prendisol.

Pia…Un attimo che ce l’hò nell’armadio nelle robe estive.

Direttore…Pe’ piacere eh, insomma de ce chiave se tratte ?

Pia…’A chiave da’ porte…

Direttore…’A porte…e ce ‘ngentre ‘a porte ?

Pia…C’entra ! Quando io canto lui apre , mo s’à stangate de senterme cantà e allore agghja tuzzà…

          Il Direttore durante i dialoghi si allena a tirar di dritto e rovescio

Direttore..Ho capito, scusate eh, ma ije stamatine tenghe n’impegne, mi aspettano al circolo tennis, sapete ho un buco lavorativo e quindi via al tennis, partita in tre set…

Pia…Ah, fate un tre set col morto ?

Direttore…Ma ce muerte, tre set di tennis, signò veniamo al sodo , qual è ‘u probleme ?

Pia…Si si,  in due minuti ve lo esproprio…

Direttore…Cosa?

Pia…Vi esproprio il problema..

Direttore….Ah, esporre signora, si dice ,esporre…

Pia…Allora ve lo esporro subito, riguarda mio fratello Faele…vi ho telefonato…

             Dal quadro spunta faele che assisterà al dialogo dei due.

Direttore…Ah sì, m’arrecorde, o’ telefene m’avite ditte che questo poveraccio è ‘nu camblacase,sempre scettàte suse a’ ‘na poltrone, senza  lavoro…Ah…

Pia…( si spaventa)Ah…che c’è…mi avete fatto spandàre…

Direttore…Permettetemi di farvi le congratulazioni,mi avete detto che presto convolerete a nozze.

Pia…Si,ma non andremo in aereo , ho paura dell’altezza, pensi che  non metto mai i tacchi alti…

Direttore…E allora in treno , vagon lit…

Pia…Si ma non lì , qui, si insomma mi sposerò e come farà da solo? Non avreste un posto per Faele, dove ben sistemarlo…

Direttore…Come no, jntre a’ ‘na clineche…ahahah…scherzo…ahahah…

Pia…Voi siete un brav’uomo, vi prego,magari anche un lavoro partiamo..

Direttore…Ah si parte, bene, e dove si va  di bello ?

Pia…Direttò, partiamo…

Direttore…Ho capito , e dove andate ?

Pia…Ma quiste stuedeche è ?!

Direttòre…Avite ditte partiamo ?

Pia…Un lavoro partiamo, non fisso..

Direttore…Ah, partaim…

Pia…Ah lo dite in barese, dicevo se è possibile un posto per mio fratello ?

Direttore…Faele è fortunato, c’è un posto adatto a lui, un lavoro interinale…

Pia…Ah, jntre o’ rennàle, be megghje de ninde, graziesiete un santo, ve manghe l’auricchje‘ngape.

Direttore…Ma ce auricchje, l’aureola, no’ve preoccupate da’ capa meje, no’ vogghje ninde ‘ngape (guarda l’ora) be, s’è fatto tardi, facitemene  scè..

Pia …Di già ?

Direttore...Il tempo vola e noi non siamo volatili, anzi , devo proprio  correre…

Pia...Spero che la prossima volta vi tratterrete un po’ di più…per un caffè…

Direttore…E’difficile…

Pia…Per un caffè se trove sempre ‘u timbe…

Direttore…Non insistete vi prego…

Pia…Io insisto e persisto, un caffè…

Direttore…E va bene, oscje avenghe a’ fazze ‘nu blitz  a casa vostra…statte ‘bbone…( esce )

Pia…(interdetta)…Ma ce mode so’, ninde de mene c’adda venè a casa meje pe’ fa’nu fizze …che mondo , che mondo…

Faele…( dal quadro, con voce da oltretomba) PiaPiaaaa….

Pia…( Si spaventa) Ci è …ci è ca….ca me ste’ chiame ?

Faele…So’ n’anema perse…

Pia…Oh Gesù, ( si segna ) l’agghje ditte ca quidde quadre è opere de’ diàule, e ce vulite da me ?

Pia…Vogghje c’a quidde puveridde de fratte ‘u lasse ‘mpace, pure ‘a fatie le ste trueve…

Pia… Ma è un lavoro adatto a lui…

Faele…Jntre o’ rennàle…lui vuole la praisy, è capite , la praisy…

Pia…E va bene, no’ t’arrabbià, dumane l’accatte ‘u prise…

Faele..Ma ce prise, la libertà,fratte nonge ‘a face chiù, “…e ‘a ‘gnezione, e t’è lavate le dinte, e t’è cangiate ‘u mutande , noooone, so’ tre mise ca no’ s’ù cange e mo sparisce ce no’ quant’è vere ca so’ Faele,n’anema perse..ca ce t’azzezzhe…

Pia…No no, mene voche  si, ( uscendo ) oh Gesù, Geseppe e Maria aiutateme vu’ …

Faele…( entra in scena) Ce uàje, e mo come se face, ‘u marite de quedde mancave…

Suonano alla porta

Faele…Catà’…ce uàje …

Catavete…( entra grattandosi)…Sparisce Faè’, stè ‘rrive jedde, ‘a fine du’ munne…

Faele…None , stè’rrive ‘a fina nostre, è ‘na questione di vita o de morte…

Catavete...’U cigghje me stè dè’ ‘a morte, appena l’agghje viste m’aumendate , gratteme grà’…

Faele…E ce te diche c’à venute ‘u direttore ce face ‘u cigghje ?

Catavete…Me cigghje de mene…ce ‘ccose?! ‘U marite?! ah me vuè fa ‘nu scherze,sappi ca me puè dicere pure ca venute ‘a questure, ije da qua no’ me move…

Faele..Ah, non mi vuoi credere, e allore gratteta tu…

Catavete…(grattandosi ) E ce stoche a fazze…

Suonano alla porta

Catavete…Eccola, arrevate…

Faele…Ce uàje, (uscendo)  maniscete… fa preste …

Catavete…Sparisce mo, e me raccumanne suggeriscimi.

il campanello continua a suonare

Catavete…Un Momento, arrivo…vieni mia adorata, accomodati nella mia giardinier…

Faele…( dal quadro mentre Catavete va ad aprire)… “garsonnier “ ebete.

Catavete…Grazie Faè’, …Emma accomodati nella mia “garsonnier ebete”…

    Entra Emma frettolosamente, fazzoletto sul capo e occhiali scuri

Emma…Ce stoche a fazze… ce stoche a fazze…no, no, ije me ne voche…me ne voooche…

Catavete…Faè, se ne vole scè, e mo ce fazze…?

Faele ( dal quadro)…Digli “Emma , non temere  je suis un eintrenèr du cor “.

Catavete…Emma non temere, je suis un entrecote…

Emma continua a girare per la casa , seguita da Catavete.

Emma…A me ben cotta,grazie…sarà c’agghje ‘ssute pacce, avenè a qua sole e cu’ n’estranie .

Catavete…Ma fra picche deventame parinte stritte, Emma io ti desidero.

Emma…Citte, statte citte, ma chi sei tu, chi sei ?

Catavete…Cataldo Naccarello.

Emma…Ma ce capite, chi sei tu, chi ?

Catavete…Naccarello Cataldo.

Emma…Scusa, ma non sei Cataldo Triglia ?

Catavete…T’agghje ditte mille vote, ije so’  “ Naccarello”…

Emma…e’ vere, è ca quanne passe da’ pescherie, vede ‘nu guggiòne , vede ‘na triglie e penze a te, è l’agitazione,ijeso’ ‘na signore, faccio bene, faccio male,‘u se’ ce fine fazze se ci scoperchiano?

Catavete…Calmati, quì è tranquillo, riservato, e po’ stame sule…( guarda il quadro) quase sule…

Emma…Scusami ma se permetti me sente agetate, ho pure il patè…

Catavete…Se me lo dicevi prima avrei portato un bianco chardonnay…

Emma…Ma che dici, il patè d’animo, ce mariteme se n’avverte ‘u se’ addò sce’ fenime,dalle stelle…

Faele…( dal quadro) O’ spedale !

Catavete…O’ spedale…

Emma… O’ spedale ? E ci’à scè fa o’ spedale ?

Catavete…( si gratta) M’agghja fa vedè stu’ cigghje.

Emma…Ehma non si dica c’a colpe è ‘a meje eh, tène sempre ce fa, maje ‘nu menute pe’ me, l’uffice, ‘u tennis, capisci , ‘u tennis, granne granne scioche cu’ le palle, ‘a sere s’arretire a do’ stòzzere, debole, ije le diche , “ mange, e mange , non vedi quanta carne c’è qui“…

Catavete…E lui non mangia ?

Emma…( comincia a grattarsi ) No, purtroppo no.

Catavete…Ho capito, è un vegetale, sempre verdura…

Emma…Verdura !? Ma che verdura, sempre vermolla…

Catavete…Ma non ha appetito ?

Emma…Me lasse sempre a’ discjune, ce tu sapisse ce fame ca tenghe, oh ca ije femene so’, sto’ così attrassata c’o pigghjasse a muèzzeche, Catà, ce desederie de terà muezzeche…

Catavete…( si gratta di più) Faè’, queste muezzeche tire…

Emma…Eh, ma mo avaste, agghja recuperà ‘u timbe perdute, e tu statte ferme me stè miscke ‘u gratta gratte ( si gratta )mo, gràtteme rete a’ spalle…

Catavete…Si amore mio,  va bene qua ?

Emma…Più basso…

Cataldo ( con voce piu da basso) Va bene qua…

Emma…Sine accussì, suse e sotte…

Catavete…Suse e sotte, sotte e suse…

Emma…Ahhhh ,si così, che uomo ,l’uomo di una volta, (si spoglia lentamente )

Catavete…Si di una volta, due volte non ce la faccio ? Ma ce stè face ?

Emma…( Si spoglia sensualmente )Me spogghje no…?!

Catavete..E tutte ‘na vote…

Emma…E ce me spogghje a’ pundate…ah, ti piace lentamente, tipo nove settimane e mezzo ?

Catavete…Nove settimane, e ci’ammà stà do’ mise cu’ te spuegghje …

Emma..( ride di gusto )Ahahah, come fai ridere tu no’  face ridere nisciune…

Catavete…Lo so, mi hanno già informato…(Si strofina un occhio)

Emma…Catavito,vado di là…(canticchia le note del film e per la cravatta lo porta a spasso, esce )

Catavete…Faè’, dimme ‘a veretà, ce tenghe ‘a facce de fesse ?

Faele…Ce no’ te sbrighe a tenè ‘na facce de sckaffe.

Catavete…Vide ‘nu picche ce tenghe jntre a’ st’uècchje?

Faele… T’assute ‘u rascjùle,ma è normale,‘a prima vote ca vide ‘na femene ca se ste’ spogghje…

Catavete…E quiste ce mangave, ‘u rascjùle…

Emma…( Entra in sottoveste e con voce sensuale ) Cataldooo…

Catavete…Siiii…( la vede )…mamme du’ Carmene…

Emma…Dimmi caro, ucciderai la voluttà che mi divora ?

Catavete…Chi devo uccidere ? ( si gratta dappertutto)

Emma..La voluttà, che m’incatena e m’attanaglia…

Catavete…Ah si, un attimo, ( a Faele ) ce stè ‘na tenagghje…

Emma..E allora , ti piaccio ?

Catavete…(Grattandosi all’impazzata)…Ma certo che mi piaci, non si vede…

Emma si guarda intorno e con fare sospetto

Emma…Non lo so, ma ho la sensazione di essere osservata…

Catavete...E’ Faele.

Faele…Ce vuè ?

Emma…Chia ha parlato ?

Catavete…Faele..cioè dico fa ele…fa “eleganza” quel tuo modo di incedere…

Emma…Macchè,è come ce me stonn’à spògghjene cu’ l’uecchje, Catà no’ te movere, no’ te vutà…

Catavete…Madonne du’ Carmene,maritte è… ? ( si nasconde dietro la poltrona)

Emma…Quiste(quadro)me ste’ tremende,quant’è brutte,tiene due occhi sinistri…

Catavete…Ma che dici, uno è sinistro l’altro è il destro…

Emma…Si, ma face ‘impressione…

Catavete..Deve fare impressione, l’autore è un’impressionista e ce no…cara ora pensiamo a noi…

Emma…Mais ouimon cherì…

Catavete…No grazie, ho il diabete…

Emma…Andiamo caro…( sospira ) ahhh…(da segni di cedimento , lui la sorregge, sospirando )

Emma…( si alza e corre dietro al tavolo )…Catavito, ho una sorpresa per te…

Catavete…Per me , davvero ?

Emma…( Vezzeggiando e girandosi ) Si caro, ’u se’ ce tenghe sotte ?

Catavete…Non saprei ,mi prendi alla sprovvista, un attimo solo…Faè’, ce po’ tenè sotte ?

Faele…’U sacce ‘u sacce...

Catavete…’U sape ‘u sape…( a Faele ) e mo sparisce…

         Faele chiude lo sportellino

Emma…Tengo la coulotte, te piace ‘a coulotte ?

Catavete..Non tanto , in roulotte mi viene il mal di mare.

Emma…Ma ce ste dice, è un intimo sexi, l’ho preso per te...

Catavete…Per me, ti ringrazio ma non la uso, vai cara vai,metto su’ un disco nell’impianto  I FI, per l’atmosferica, un attimo e sarò chez toi… ( una musica sacra )

Emma…( uscita un attimo primam,fa capolino)..Ma ce razze de canzone è mise, nonge ‘a canosche.

Catavete…Possibile!? Questè stè o’ prime poste della hit parade  vaticana…

Catavete…Tutta colpe de Pia Pia, ce fegure me face fa,ce vole ‘na cosa forte,no’ se ‘ntende de museche ma come face ‘u limoncelle no’ face nisciune,limoni di Sorrento, ti ridà forza, spegne l’ansia e speriame castute pure ‘stu cigghje, m’addò l’à mise,ah eccola qua,caveta cavete,appena fatta, sarà un concentrato di sapori ,( beve)…mamma ce schife, sape de fogne…Faeleee…

Faele…( dal quadro, apre ) Che c’è , che  vuoi ?

Catvete..Ma ce razze de resolie è quiste ?

Faele…’U resolie ?…da mo c’à fenite ‘u resolie…

Catavete…E quiste ce l’à fatte ?

Faele…L’agghje fatte ije…

Catavete…E se sente, ce no’ si’ prateche d’estratte statte ferme  e une no’ se beve ‘stu schife..

Faele..T’è bevute il mio estratto renale ?

Catavete…Renale?!Ahhh,me stoche a sente male, aiutateme(ha i conati, è stravolto )

 Emma…( entra e molto sexi e smorfiosamente ) Cataldooo…

Catavete…Chi è ,che c’è ,che vuoi ?

Emma…Ije so’ pronte eme sente in oblio, e tu te sinte oblique ?

Catavete…E come no, ma si obliteriamoci .

Emma si aggiusta i capelli e Catavete di nascosto si avvicina al quadro

Catavete…Faè’…e mo ci’agghja fa…?

Faele…Come ci’à fa, ma si proprie’mbranate, comincia col petting…

Catavete…Ma si secure ?

Faele…Si,un petting ritmato e romantico…

Catavete …Si si, agghje capite (prende un pettinino dalla giacca, balla pettinandosi poi  in ginocchio vicino ad Emma e si pettina con ritmo, mugolando )

Emma …(lo guarda stupita)…Ma ce ste’ face, c’essùte pacce ?

Catavete…Come ce stoche a fazze, no’ sé’ ca s’accumenze cu’pettene, te ste piace dì ‘u giuste?

Emma…Ma stoche sveglie o stoch’à sogne, scusi coiffeur, ma mammà ninde t’à ditte ?

Catavate…Ma se non me l’hai ancora presentata…

Emma…( nervosamente)Divertente, molto divertente, sinte Catà, io vado di la e tu maniscete…

Catavete…E’ na parole, ije me sente modde modde…

Faele…Ce modde, vai vai, girele de cape sotte e colpisci a vedè come lùcchele…

Catavate…( fra se ) Si si, mo ‘a gire de cape sotte…a noi. ( esce )

Un attimo dopo, Emma urla,  Faele spunta dal quadro

Emma…( fuori scena ,grida di dolore )…Ahhh…ahhhh..( entra Emma )…ahhhh…aia…ce delore…ma piccè m’è gerate de capesotte , piccè ?

Catavete…Ma tesoro, non ti è piaciuto ?

Emma…( toccandosi la fronte ) Na, treminde, vide ce m’assute…

Catavete…Ce t’assùte ?

Emma…Un binocolo…ma ce t’agghje fatte de male ,no no ije me ne voche…

Catavete…Ma perché, non sai cosa ti aspetta ancora, vai,metti un po’ d’acqua,fatti una bagnola ( Emma esce ,Faele  se la ride ) ah stè ride,… de cape sotte, colpisci…me pareve strane ‘sta cose…

Faele…Ma io intendevo in un'altra maniera, allore è vero che sei vergine…

Catavete…E’ ‘na calunnie, ije so’ acquarie, e mo’ ce le diche pe’ farme perdunà ?

Faele…Famme penzà…dille accussì…”Emma,st’amore pe’ me è prevete e sule, japre ‘a porte a ‘stu sentemende ca s’aveve perse , no’ ste’ sinte come tuzze pe’ trtasè? No , no dicere ninde, lasseme fenì, da quanta timbe t’u vuleve cunfessà, ‘u sacceca è ‘nu peccate ma ‘ngenucchiàte e‘sta preghiere sule l’assoluzione me puè dà’, in nome dell’amore eccetera ,eccetera …

Catavete…Ce belle parole,l’amore,‘u prevete …si, si…

Entra Emma 

Catavate…Emma! Pe’ te cunfessà tine besogne de ‘nu prevete, e japre ‘a porte no’ ste’ sinte come tùzzene,no, no dicere ninde , làsseme fenì, è da tanda timbe ca face ‘stu peccate, ‘ngenùcchjete, dì ‘na preghjere , sule accussì avè l’assoluzione in nome del padre del figlio…

Emmma…E de totte ‘a razza toje, mo avine cu’mmè cape stuè…

                 Escono. Penombra.Entrano con circospezione  Pia Pia, Pomponia e Annina la mascjara.

Pia…Chiane chiane, citte citte…no’ facite remore…

Pomponia…E fratte nonge stè ?... me stoche a pigghje paure.

Annina fa per andarsene alla chetichella

Annina…A ci’ù ste dice, a qua serve ‘u manuale dell’apprendisata mascjara, ( prende un libro dalla borsa e sfoglia) allore…anima, animalista,anima fause, aneme de nonete…ah ecco quà “ anima persa “ …dicesi anima persa di chi in vita conduce vita immorale, cosicchè alla sua morte fisica di diarrea soffre…no scusate, “alla sua morte fisica …il reo soffre, della separazione animale “…

Pomponia…De ce ‘ccose ?

Annina…Animale.

Pomponia…A me anemale ?

Annina..Si riferisce all’anima…

Pomponia…L’anima di chi ?

Annina..De sorete, l’anima dopo che muori ti abbandona… sentite sentite, “l’anima lascia il corpo e caga di casa in casa “…scusate, è oscure e no’ se vede buene, l’anima persa non caga, vaga, vaga di casa in casa in cerca dell’identità perduta e pur di trovarla è capace de tutte cose, perciò è megghje ca trasime tutte insieme , l’unione fa la forza.

Pomponia..Sarà c’aumente ‘a forze m’a  paure è ‘a stesse.

Si sentono dei mugolii e risatine della coppia che si trova nell’altra stanza

Pomponia…Scccc…stè sendite quidde ca sente ije…mamma meje come fanne brutte…

Pia…Sinte come se lamentene…

Annina…Sono lamenti di dolore…

Pomponia…Ma mo’ stonn’a ridene…

Annina…Ridono si, ma del loro dolore, sentono il rimorso della vita passata che li attanaglia nella pena eterna, ricevuta quando sono periti.

Pomponia…Periti tecnici?

Annina…No, agrari, ma insomma t’à stà citte, oraprocediamo con cautela…

Pia…Annì’ statte vicine a me , no’ me lassà.

Annina… Si’ tu ca no’ m’à lassà…

Pia e Annina si muovono verso la stanza mentre Pomponia ,presa dal terrore, si volta per andarsene  ma vede il direttore, appena entrato, immobile ed in tenuta tennistica bianca.

Pomponia …Ahhh…

Pia ed Annina…(spaventate dall’urlo di Pomponia)…Ahhhh…

Pomponia…(col pollice, come a cercare un passaggio , fa segno alle due donne e con voce tremante e balbuziente ) L’anema perse…a qua ste…

Pia e Annina…( in penombra vedono la sinistra figura e spaventandosi si nascondo  dietro le poltrone )….ahhh…

Pomponia… Madonna du’Carmene, quant’è brutte fatte…

Direttore …Si’ belle tu, scusate ma a ce sciuèche ste’ sciucàte ?

Pia…’A stessa voce du’ direttore de Catavete, direttò ma ci’avite muerte ?

Annina…No’ fa domande, l’aneme perse imitano le voci per confondere le idee…

Direttore…Ma ce muerte,ce idee, non mi riconoscete,v’agghje ditte c’aveva venè a fa ‘nu blitz.

Pia…Sentite anima persa,  facite stu’ benedette fizze e sciàtevene…

Direttore…Signò, agghje venute pe’ ‘nu fizze veloce e… cioè ‘nu blitz , insomma ‘na visita ràpede…

Pomponia…Scusate, ma se siete un fantasma perchè non avete il  lenzuolo…

Direttore…Quidde ‘u tenghe a case…’a prossema vote porte pure ‘a cuperte…

Pia… Ma non avete nemmeno le catene ?

Direttore…Chidde le tenghe jntre a’ machene…

Pia…Allora siete voi , direttò scusate ma noi  siamo in preda ai fantasmi e la presenza di un vero uomo  come voi ci incute coraggio.

Annina…Direttò, l’anime perse so’ assaje pericolose…

Direttore…Ah sì, so’ pericolose ?

Annina…A’ vote  pure mortale..

Direttore…Ah si, pure mortale, ahahah…ma iononostante ciò…me ne andrò…

                  Le donne a soggetto lo bloccano , ma soffre di solletico.

Direttore…Ahahahah…e lassateme , devo andare da quedda santa femene de mugghjereme , purtroppe no’ tenghe timbe pe’ jedde e manghe ‘u timbe de cangiarme,riunioni , tennis, meeting, la trascuro un po , lo so, però no’ le fazze mancà ninde eh, piena di confort, atelièr, coiffeur, pedicure, manicure…mo stoche cu’ penziere, teneve n’appuntamente pe’ ‘na visita medica,m’a no’ m’à ditte addò jè..

Faele…A qua…

Le donne sentendo la voce si vanno a nascondere

Direttore…Ah grazie assaje,senta , el’à fenite ‘avisite ?

Faele…Notre picche, certe visite so’chiane chiane e doce doce …

Direttore…E tenite ragione,ne ve’ da’ salute de mugghjereme …oh Gesù ma ci è ca parlate ?

Pomponia…L’anema persa…

Direttore…Oh mamma meje…( si nasconde sotto il tavolo )

Annina…Direttò, facite finte de ninde…parlate, domandate…

Direttore…Si si ?…( da sotto i tavolo) scusate anima persa, diciteme,‘u dottore come l’à truàte ?

Faele…Bòne, proprie ‘bòne…

Direttore…E sò cuntende, m’avite luàte ‘nu pese da ‘ngape…

Entra Catavete, vede i presenti e…

Catavete…Ahhhh….( rientra)

Di nuovo stessa scena di panico, tutti a nascondersi

Annina…’Sta case è chiene d’àneme perse, s’anna fa scè ma besogne sapè ce so’, nome, cognome, a qua ce vole ‘na seduta spiritica informatica…

Direttore…’Na sedutesperiteche,maledette ame c’agghje venute, ma ‘stu Faele addò stè , notre maschele face comode…

Pia…Eh si, tene ragione, scè truàmele…sciàme Annì…

Direttore …Avenghe pur’ije…

Pomponia..E pue ije, fazze da renforze…

Direttore…No, è megghje ca remane a qua…

Pomponia… A qua,sola sola…ije me pigghje paure…

Pia…Accussì ce vide a Faele dille c’o ste’ cercame, e no’ te scurdà de farte da’ l’analese…

Escono , Pomponia resta sola, intimorita. Alle sue spalle entra Faele.

Faele…Pomponia…

Pomponia…Oh Madonna meje, ( a se stessa)non ho sentito , non è vero, non ti impressionare è solo una autodigestione...

Faele…Pompò’ , ma ce sì’ sorde ?

Pomponia…Ahhh… mo’ l’agghje sendute buene , vade retro anima perduta…

Faele…Ma ce àneme …Ije so’ .

Pomponia…(si volta) Faè’, è secure ca si’ tu, no’ jè ca me stè’ futte ?

Faele…A qua stame tutte futtute…

Pomponia…( presa dall’ansia) A sapè ca Pia Pia a perse l’àneme e se lamente cu’ ‘a mascjàre piccè stè ‘a sedute cu’ direttore spiriteche e l’amma fa l’analese pe’ sapè ce so’ le muerte ca tine…?

Faele… N’agghje capite ninde…calmete ‘nu picche…

Pomponia…Càlmete!? ije me stoch’à fazze sotte,addò stonne l’analese ca me ne voche subete…

Faele…Se l’à bevute Catavete, le facime dumane.

Pomponia…No no, ce dumane, mo’ me la dà, ce no ci’à sente a sorete.

Faele…E va bene…ma no’ tenghe addò farle…

Pomponia…Na, falle a qua jntre …( bicchiere o altro)

Faele…Aspitte a qua…

Pomponia…No’ te ne scè, me pigghje paure a sta’ sole…

Faele…E ce ‘a fazze a qua,  cu’ te presente…?

Pomponia…E ce face ?

Faele…Come ce face, mi vergogno…

Pomponia…Ma ce ste pinze,  me gire no ?!…mo tremende a jdde…

Faele…Me mette a qua rete, e non spiare cano’ ste ninde da vedè…

Pomponia…Uh Faè’,quante me despiace tine pure ‘sta desgrazie…

Faele…Ma sendit’a ‘nu picche…

Pomponia…Oh…l’è fatte, no’ te manisce…

Faele…E statte citte, ce dice sempre me blocche.

Pomponia…Vuè ‘na mane ?

Faele…In che senso ?

Pomponia…Famme fa a me…pssiiii, psiii…

Entra Cataldo in mutande e col lenzuolo, non vede Pomponia e pensa che a fischiare sia Faele , va al quadro

Catavete…Oh, quanne l’à fenì’ de fisckà, me stè face fa’ sotte…

Pomponia crede di vedere un fantasma, lui vedendo Pomponia si spaventa. Si guardano

Pomponia e Catavete…( all’unisono )…Ahhh…

Pomponia…(scappa via)…Aiutateme…

          I due vanno in direzioni sbagliate, si girano scontrandosi spaventati, lei esce,entra Faele

Catavete…Ce uàje , ce uàje..Faè’ tutt’a qua stonne, è sorete ca me porte scarogne…

Faele…T’aveve avvesate, mo sparite immediatamente ce no suse o’ giurnale ‘sce spicciame…

Si odono voci fuori  scena , arrivano i personaggi

Catavete…Arrete a qua stonne, e mo come se face, Faè’ aiuteme , salvami…

Faele…Mica facile, famme penzà…dimme ‘na cose, col salto in basso come sei messo ?

Catavete…In alto vuoi dire…ah agghje capite, da terze piane abbascje, ‘u se’ ce mazzate…

Faele…E’ragione, a ‘stu punte so’megghje le mazzate du’ marite…

Catavete…No’ me dicere ‘ste cose ca m’avene ‘a cacàzze..

Faele…Catà’, vai di là e ascolta  ciò che dirò…

Catavete…(impaurito) Si si sto attento a ciò che dirò…

Faele…( uscendo ) …A quidde ca diche ije ,none tu…

Catavete…None tu,attinte a me, o tu o ije ?…mamma meje come stoche male…(esce)

                 Entrano Pia ,Pomponia, Annina e il direttore

Pia…Allore Pompò’, addò jè ca stave ?

Pomponia…A qua…ije stave gerate e ‘u fantasme m’à pigghjate ‘a pruvviste…

Direttore…’A pruvviste, se tratte securamente de n’aùre buene de core,ma l’è viste ‘nfacce ?

Pomponia…Si, quant’ere brutte…a n’uecchje teneve pure ‘u rascjule…

Annina…Allore se tratte de ‘nu mamòne…ce vole urgentemente ‘na seduta spiriteche…

                    Entra Faele

Pia…Faè, so’ tre ore ca te voche cercanne, addò stave?

Faele…Jntre a logge, ste’ mesurave l’altezze…

Pia… Oh,a qua tenime ‘nu uaje e quiste stè stròleche…

Annina…No’ perdime timbe, azzettateve…(I personaggi prendono posto intorno al tavolo tondo e con voce esoterica) …aprite le mane e unite le dicetune cu’ le diiceticchje,remanite accussì  e ce vedite vedite, ce sendite sendite, no’ ve muvite, fra picche me n’agghja scè in trans…

Pomponia…E piccè Annì’, tu jàvete lundane, direttò po’ datele ‘nu passagge…

Direttore…Ma certamente…

Annina…Silenzio

Pomponia…Annì’ è peccate ca pigghje ‘u tram…

Annina…Ma ce tram, in trans, una condizione psicofisico,somatica,temporale, e mo stateve citte…

Pomponia…Citte, stateve citte…

Annina…Si’ tu ca t’à stà citte, ah !…questa condizione mi permette de trasè in contatto cu’ le muerte ca tenite…( inizia i travaglio del trans) ahhh…ahhh…stoche a trasche, stoche a trasche…

Direttore ..E trase trase…

Annina…Stoche a trasche…

Pia…E trase trase…

Annina…Stoche a tente de trasè…

Pomponia…Se vede ca è stritte ‘u pertuse…?

Annina…’U pertuse ‘ngape te l’agghja fa, ce dicite sempre come fazze a trasè, è pericolose, ‘na collega meje a remaste menze da jntre e menze da fore…stoche a trasche…ahhhh agghje trasute…se stonne avvicinene, le sente…sente ‘a presenze…( con voce da oltretomba )… presendite, ce sì’ tu ca stè face tremelà ‘u tàule?

Pomponia…So’ ije Annì’…me stoche a fazze sotte…

Annina…E sempre jedde parle, a vocche te l’attappà, ( voce come prima)…aneme ca no’ pigghjate reggitte sciatevene da ‘sta case, nisciune ve mantene…

Faele…( Alza la voce ) Avite capite, sciatevene, nisciune ve ste’ mantene…

Catavete ed Emma col lenzuolo a mo di fantasma , tentano l’uscita

Annina…Sciatevene…turnate indietro…

I due si voltano e tornano indietro

Annina( continuando)…Fermateve…

I due si fermano a centro stanza

Annina…Lassate  ‘sta case…turnate indietre…

Come sopra fanno dietro front finchè

Annina…Piccè state ancore a qua ?

Catavete…( con voce da oltretomba)…Scusate,ma ne putime scè o amma remanè ?

Annina…Oh Gesù, ‘a prima vote ca me riesce ‘na seduta speriteche..uh, doje so’…ma come maje state proprie jntre a ‘sta case ?

Catavete…Piccè no’ sapemme add’àvemma scè…

Pia …Scusate animapersa, ce canuscite a Catavete mije?

Catavete…E ciè ca no’ canosce quidde svendurate….

Pia…Ce Esagerazione, e mo come stè?

Catavete…’Ngazzate !

Pia…Eh ma sacce ije come l’agghja calmà…sapete, ije le vogghje tanda bene…

Catavete…E ije none, cioè…lui non vi ama…

Pomponia…Ma ninde proprie, neanche  l’ amore di Platone.

Pia…E ci è ‘stu Platone ?

Direttore…Come ci è, era uno che amava a distanza…

Pia..Ah, per posta…

Direttore…Ogne tande pure ‘nu telegramma, era un poveraccio, amava ma no’ cunzemave.

Catavete…Come a me, cioè , dicevo che Platone è …e ci è… è mio zioooo…

Direttore…Oh che fortuna , il fantasma del nipote di Platone, e come vi chiamate?

Catavete…Plutarco…

Pomponia…Da dove venite ?

Catavete…Da Plutone.

Pia…Che siete parente di Plauto ?

Catavete…Plauto è mio fratello.

Direttore…Il sommo poeta, che fortuna , non è che viene a trovarci ?

Catavete…Ora non può, ha portato fuori  Pluto, il cane di Plauto…

Pomponia…’Nu cane fantasma…e vostra madre chi è ?

Catavete…E ci è mammà…?

Emma…Ma come, non ricordi ci è mammà…Platessa…la sorella di Platinette…

Direttore…Ah, la zia di vostro nonno, padre di vostro nipote e sorella di mio zio, scusate ma  no’ stoche a capische ninde, però ‘sta voce ‘a canosche,( e mentre fa per togliere il lenzuolo a Emma)

Annina…( al direttore )Statte ferme, ce me vuè’ccù vide morte ?

Direttore…E tu ce me vuè’ccù vide curnute ?

                   Pia accende la luce

Emma…Ce jè direttò’, site geluse? E come mai, tenite sempre ce ‘ffà ,‘a fatie, ‘u tennis, tine timbe sule pe’ te e pe’ quedda jojjie de mugghjerete mai ‘nu menute,  ‘na carezze, ‘na premure…

Direttore..Ma ce ste’ dicite, no’ le fazze  mancà ninde, tene tutte le confort, atelier, coiffeur…

Emma…Manicure, pedicure…

Direttore…E’ vere…e com’ù sapite, eh no, a qua le cose se stonn’à ‘mbrogghjene… ( toglie il lenzuolo ad Emma fra lo  stupore generale)

Direttore…Emma!!!...tu qui !?

Emma piange, Cataldo si nasconde dietro la poltrona

Direttore…Oh mamma meje ,me stoche a sente male,(a Catavete) e sotto il lenzuolo chi è celato ?

Catavete…Ma che gelato, ije stoche ‘nu stuezze deghiacce,( si sposta, Pia gli toglie il lenzuolo)

Direttore e Pia ….Catavete !!!

Catavete… (senza accorgersi che non ha più il lenzuolo) Non sono Cataldo, so’ n’anema perse…

                 Il direttore sviene sulla poltrona ,soccorso da Pomponia ed Annina

Pia…Tu’ si’ ‘nu desgraziate… ije t’acccide, ( la fermano )…e lassateme…

Catavete…Fermateve...( si annusa, capisce che qualcosa è successo ) m’àgghje accise da sule…

Faele…Ma ce accide,a ‘stu punte ce vole ‘na spiegazione, chiste no’ so’ imputate, so’ accusatori, sì, accusatori, ere tutte studiate, preparate,  direttò, tenite ‘na mugghjere accussì bone e trovate più interesse a scappà rete a ‘na palline,  come se dice,  chi è causa dei propri mali pianga se stesso, e tu sòra meje, quann’jè ca t’à rassegnà, l’amore è cpracciuse, mascalzone,s’appresente senza ca te l’aspitte, senza  ca nisciune l’à‘nvetate, quanne arrive ‘u sinte jntre all’arie.

Direttò…No no, e ce scherzame, Emma ti giuro ca nonge scioche chiù, sarò l’uomo che hai  sempre desiderato…

Emma…E’‘na parole, ce ne sono tanti che…

Direttore…Scherza, e allora amò  mi perdoni tu a me, me a te, tu a te , me per te...

Emma…A studechite,ti perdono ma statte attinte,come se dice”chi di palle ferisce de palle perisce”

Direttore..Grazie cara, be a ‘stu punte ne putime pure scè’…

Emma…Noi togliamo il disturbo…

Direttore…Grazie Faè’,  e grazie  pure a te Catà’ …

Catavete...E pe’ ce ‘ccose?

Direttore…Per questa brutta rogna che ti sei preso.

Catavete…No’ ve preoccupate, mi sono grattato, l’importande c’avite remaste cuntende…

Direttore…Ma scherzate, contentissimo, Emma , a proposite de grattà,me ste avene ‘nu cigghje…

Emma…Ti prego eh, avaste cu’ cigghje…ah, agghje capite, e allore sciamene prime ca te’ passe…

I due escono, Annina e Pomponia capiscono la situazione, Pia è assorte nei pensieri

Annina…Be, ije me ne voche, ce po’ vulite notra sedute me chiamate…no eh? ( esce )

Pomponia…( A Pia, che non la sta a sentire) Be ije…Annì’ aspitte, t’agghja dicere ‘na cose ‘mportande…( esce quasi correndo)

Pia…( ritornando in se )…Cosicchè ‘a state ‘na cummedie, tutti attori di una commedia che non sarà mai di scena, dal titolo, “ ‘U Cigghje “.

Catavete…Ah, mo’agghje capite, è tutt’opera toje e d’a mascjare,‘u cigghje passe ma quattre gol remànene!

Pia…L’agghje fatte sule pe’ gelusie,( lo prende per le braccia) nisciune t’adda tuccà,nisciune,dimme ce fatte , ce fatte cu’ quedde melìsce,l’è ‘bbrazzate, l’è baciate, parle desgraziate…

Catavete..Vue’ sapè ci’agghje fatte, e va bene t’u diche, m’agghje grattate, da stamatine ca me stoch’à gratte, no’ te supporte chiù…( sta per uscire ma )

Pia nel frattempo indossa uno dei due lenzuoli a mo’ di sposa, va dietro Catavete

Pia…Cataldo…

Catvete..( voltandosi, si spaventa)…Ahhh !!

Pia…’U sé’ ca pure ije t’u sacce fa assè…

Catavete..Ce ‘ccose…?

Pia…’U rascjule !

Catavete..Ma pe’ piacere..

Pia…Noi ci dobbiamo sposare…l’agghje viste jntre alle palle da’ mascjare…

Catavete…’Uvuè’ccùcapisce ca no’ te vogghje, io non ti amo…ahhh…addio. (esce )

Pia ( gli va dietro )…No’ te ne scè ,no’ me lassà…( sconsolata va verso il fratello ) Faè’ se n’à sciute…non lo rivedremo mai più, me sente murè, e tu ?

Faele…Non tanto…

           Mentre Pia piange,rientra Catavete

Catavete…( Come se nulla fosse accaduto)…Ah, meste scurdave ‘na cose ‘mportande assaje, dumeneche  famme le chiangaredde…

…e mentre Pia, dalla tristezza mostra felicità e Faele lo sconforto, cala il sipario sulla ….

 F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 0 volte nell' arco di un'anno