‘U riffanti

Stampa questo copione

NINO MARTOGLIO

'U RIFFANTI

Copyright 1979 by Edizioni "II Vespro" S.p.A. Palermo - Via degli Orti, 41

Finito di stampare nel mese di marzo 1979 dalla Tipolitografica Operaia S. C.R. L - Palermo

PERSONAGGI

MASTRU DELFU TRAPULERI (‘U Riffanti)

MADDALENA TRUCCO (La monica di Linguagrossa)

BRASI, contadino

PIDDA, sua moglie

GERSUMINA, governante di M. Delfu

LA SIGNURA FURASTERA

IL DELEGATO DI P. S.

STIDDA, contadinetta

PINNINTEDDA, contadinotta

FILIPPA, contadina

'NTONIA, contadina

UN CLIENTE

UNA GUARDIA DI P. S.

BASALOCCU

LA GNÂPETRA

CIUSCHIDDA

La scena si svolge in una cittadina a mezza costa dell'Etna, sul principio della grande guerra.

ATTO l

Capanna di legno, vecchia e affumicata, fatta di traversine di castagno.

Soffino basso, di canne comuni e paglia dìgranturco.

Comune in fondo e. accanto alla comune, ad altezza d'uomo, finestrino

m legno rustico - specie di feritoia e osservatorio, che si apre da dentro.

Porta, piùpiccola della comune, sulla sinistra, che immette in cucina. Piancito di tavole vecchie e sconnesse, che poggiano sulla nuda terra. Al di làdella comune e del finestrino si vede la pineta di Linguaglossa, giovane e rada in vicinanza, vetusta e folta in lontananza, a mezza costa dell'Etna.

Arredo primitivo, di legno rozzo: panche, scanni, un tavolo in centro, una cassapanca, una credenzuola, un canterano, un inginocchiatoio.

Attaccati alle pareti: immagini di santi, ramoscelli d'olivo e di palma, corone da rosario a perline multicolori, scapolari, piccole fonti d'acqua benedetta. fasci d'erbe secche come in una bottega da semplicista, e poi parecchi oggetti strani, sparsi qua e làsui mobili, attaccati alle pareti e su assicelle di legno, come: gufi, civette, sparvieri impagliati, scorpioni e serpentelli imbalsamati, pipistrelli inchiodati con le ali aperte, etc.

Una lucerna ad olio (lumera), di coccio, un orciuolo (ciaschiteddu), una borraccia di zucca, una brocca di terracotta rossa (inebituri) ed altra di terra gialla (mùstica), qualche scodella sul tavolo.

Di primavera, nelle prime ore del mattino.

SCENA I

Stidda e la zâMonica

STIDDA

(togliendo, da un cestino di canna e vimini, della roba mangereccia, che depone sul tavolo)

Vossia vidi si mi scurdai nenti,zâMonica: Un quattruni di carni ccu l'ossu, 'na lira e novi soldi ...

ZÂMONICA

'Na lira e novi soldi? ... 'Stu tanticchia di peddi?

STIDDA

Anzi, nni vuleva trentadui soldi e avanti ca m' 'a desi ppi vintinovi!…

ZÂMONICA

Ca sia fatta la vuhrnràdivina!... Chi 't'haiu adiri? ..

STIDDA

Otru di pani…

ZÂMONICA

Ammaffatu, ca non si pòmangiari!... (l'odora).

STIDDA

Novi di furmaggiu ...

ZÂMONICA

Tanticchiedda di scorcia sicca, ca pari quacinazzu ...

STIDDA

Deci di 'nzugna ...

ZÂMONICA

E t' 'a desi ràncita... (l'odora e fa una smorfia).

STIDDA

Non aveva autru... O chista o nenti.

ZÂMONICA

... Sia fatta la vuluntàdi Diu!...

STIDDA

Sei di cunserva... e sei di pastina.

ZÂMONICA

E 'sti nespuli ca ci su' 'nfunnu o' panareddu? ..

STIDDA

Chisti su' mei, ca m' 'i riâlau massaru Tanu di Piedimunri, mentri ca passava di 'nto so' giardinu.

ZÂMONICA

Ci 'u dicisti ca vinevi cca? ..

STIDDA

Sissignura... E pirchíssu mi fici passari d' 'a strata cuna ...

ZÂMONICA

(svuotando il cestino sul tavolo) E allura ppi mia, t' 'i desi, non ppi tia... (notando che Stidda la guarda con tanto d'occhi, stupìta, prende una manciata di nespole e gliele dà) Teni cca, nn' 'i spartemu... Si' cuntenta?… (Poi che Stidda prende le nespole e non risponde) Mancu mi dici grazii, èveru? …

STIDDA

Grazii ...

ZÂMONICA

Grazii a tia, figghia... Va, ti nni po' jri, ca mi fazzu 'stu tanticchia di brodu... Non sugnu bona, di 'sti tempi... (nota che Stidda non si muove) Chi voi? ... Pirchínon ti movi? ..

STIDDA

... Vossia mi desi tri liri, èveru? ..

ZÂMONICA

Ah ... 'u restu? ... Tenitillu tu, figghia, ppi l’incomudu.

STIDDA

(con un sorriso ingenuo) Vintinovi di carni, e ortu di pani, trentasetti, e novi di furmaggiu, quarantasei, e deci di 'nzugna, cinquantasei, e sei di cunserva, sissantadui, e sei di pastina, sissantottu... Tri liri e quaranta... E poi c'è'u me' viaggiu ...

ZÂMONICA

(segnandosi) E chi facisti, figghia mia? ... Si iu ti nni desi sissanta, com'èca mi spinnisti sissantotto soldi?... Santu lumi!...

STIDDA

Ca vossia si fiei 'u cuntu malamenti, pirchítuttu chiddu chi vosi accattatu custava chiúassai ...

ZÂMONICA

E tu mi l'avevi a diri, prima di fari cridenza!…

STIDDA

(c. s.) Già... faceva tri migghia ppi viniraccillu adiri, 'n'autri tri migghia ppi turnari cca, e mi scurava ‘na jurnata! …

ZÂMONICA

(confusa) E ora comu fazzu, povira rimita ca sugnu!… Chi ti pari, c'haju dinari sarvati? ... Avanzi ottu soldi, figghia, e quannu veni qualche benefatturi ca mi lassa qualche cusuzza, 'i primi su' ppi tia, t' 'i sarvu ...

STIDDA

Già!... Me' matri m'ammazza a vastunati, si non ci porro 'i sold i... e chiddi d' 'u viaggiu ...

ZÂMONICA

Chiddi d' 'u viaggiu? ... E chi t'haju a pagari, macari l'opira di caritàca mi facisti? ...

STIDDA

(piagnucolosa) Me' matri mi manna a fari erva, a' matina, e ci vuscu du' liri...

ZÀMONICA

Oh, chi mali ca m'avvinni, ‘stamatina!... Malata ca sugnu, spartì!… (si reca presso una delle pareti e ne stacca un mazzetta d'erbe secche, poi con aria di mistero) Senti, Stidda!... Grapi l'occhi egrapi l'oricchi!... 'Stanotti filaru tri stiddi, e siccaru tri macchiteddi di spinu santu... Alli cca, portaccilli a to' matri e dicci chiddu chi ti staiu dicennu ... 'U Signuri 't'accumpagna

STIDDA

(deponendo le erbe secche sul tavolo, con le lacrime agli occhi) Chi nn'ha' a fari di chisti?... Vossia m'ha' a dari, almenu almenu, 'na lira, sannunca me' mani m'ammazza a vastunati! ...

ZÂMONICA

Tu dicci chiddu ca t'haiu dittu!

STIDDA

(piangendo) 'A lira, m'ha' a dari!

ZÂMONICA

Oh, chi mi stai facennu vidiri, figghia!… 'U signuri manna 'u viscottu a cu' non avi anghi!... Non chiànciri!... Non mi jttari picciu cca dintra!... (toglie dal cassettone una calza col gruzzolo, lo slega e ne cava venti soldi) Tè!... Chisti sirvevanu ppi addumariccinni lampi ali 'armi santi... Si piccatu fazzu èa caricu to'!... E diccillu, a to' matri... Cuntaci tuttu chiddu chi 't'haiu dittu, e poi sintirai si non ti vastunia ppi 'o 'autra ragiuni ...

STIDDA

(s'asciuga gli occhi col grembiale, prende i soldi, li conta, li esamina uno per uno e se ne va, senza dir nulla. Quando ègiunta alla soglia) Iu, però, a me' matri non ci dicu nenti e vastunati non mi nni duna! ... (scappa via).

ZÂMONICA

(ha come uno scatto d'ira e fa per inseguire la ragazza) Mulacciuna!… (poi si reprime, sorride, prende tutta la roba ch'èsui tavolo e la porta in cucina; torna, va per richiudere la comune, rimasta socchiusa, quando le pare di udir rumore di passi. Spranga la porta ed apre il finestrino, dai quale osserva, poi chiude questo e riapre la comune, mettendovisi a traverso, e grida, con voce stentorea) Oh bona genti!… A cu' circati? ...

SCENA II

La zâMonica, Pidda e Brasi.

PIDDA

(da lontano) 'A zâMonica di Linguarossa!...

ZÂMONICA

BInidittidi Diu, Iu sugnu!... Viniti dritti di 'ssu violu... Non scarpisati a ciancu, ca c'èsiminatu lu fasuleddu... Di ddocu, gnursì... Canziàti 'ssa menza vutti, senza fari jttari l'acqua, fratuzzi meu, vasinnòrestu morta di siti ...

BRASI

(prima di entrare in iscena) Ppi vèniri a truvari a vossia ci voli lu firettu ! ...

ZÂMONICA

(c. s.) Figghi di Diu, rimita, sugnu!... Trasiti... (precede i due, i quali entrano asciugandosi il sudore) Assittarivi... Nn 'aviti siti? ..

PIDDA

Sernu arsi, zâMonica!... Si nni duna tanticchiedda d'acqua arrifrisca l'armi di lu purgatoriu ...

ZÂMONICA

(recandosi in cucina) Acqua e vinu, ca siti sudati.

PIDDA

(mentre la zâ Monica èdi là) Trentanovi d'acqua e vintunu di vinu, signati.

BRASI

(segna con un mozzicone di matita, su un lurido taccuino di conti) Sì, ma ci duvemu dumannari chiddi sicuri!... Parri tu o parru iu? ....

PIDDA

Parrati vui

ZÂMONICA

(tornando con un vassoio di latta, due bicchieri e una bottiglia di vino rosso, li depone sul tavolo, dove mette pure una brocca d'acqua. Versa il vino, lo annacqua e porge i bicchieri) Chistu mali non vi nni po' fari. 'U vinu èdi chiddu sinceru, ca m' 'u purtaru certi benefatturi di Màscali ...

PIDDA

A vossia non ci manca nenti! ...

ZÂMONICA

Figghia mia, di limosina campu, e la me' capannedda èdi tutti ....

BRASI

Cori bonu, ‘zâMonica, si sapi ppi ditteriu 'nta tutta la Siggilia ...

PIDDA

E nuatri pirchíssu vinimmu cca ccu vera fidi... Vossia nn 'ha ' a livari di li peni! ...

ZÂMONICA

Iu, figghia mia?... E chi pozzu fari, mischina di mia? ... Raccumannarivi a Diu, pozzu ....

BRASI

Ca ora... Vossia, si voli ca voli, nni po' livari d'un statu a n’autru!... Si sapissi! ... 'A vignicedda mangiata d' 'a filosica, la vacca morta a lu figghiari, la casuzza tutta spaccata di lu tirrimotu, ca durmemu ccu li stiddi, comu fussimu all'aria aperta!…

ZÂMONICA

(guardinga) Amuri miu, mi spaccati lu cori comu la vostra casuzza, ma iu, povira minnica, chi riparu vi pozzu dari? …

PIDDA

Avemu fattu tridici migghia a pedi, ppi vèniri nni vossia, ca mancu avemu ciatu a li denti, e li carcagna nni sangunianu tutti!…

ZÂMONICA

Lu Signuri vi duna lumi e pruvidenza, ma iu aiutari non vi pozzu!... Di miu non haiu autru ca la peddi, e non èchiúbona, mancu ppi farivinni scarpi (prende bottiglia e bicchieri e si reca in cucina, per deporli).

BRASI

(piano, a Pidda, scrivendo) Peddi quaranta, èveru?

PIDDA

Sì, e scarpi quarantasei ...

BRASI

Quannu èuna... ma quannu su' dui, i' scarpi, cincu, no quarantasei: (segna).

PIDDA

Giustu diciti, e si su' scarpi vecchi, sittantadui ...

ZÂMONICA

(rientrando) Cu' èca vi lusingau di rivulgirivi a mia? ..

PIDDA

Si sapi ppi li paisi e ppi li voschi, ca vossia po' chiddu ca voli!..

Apri la vucca, miatidda, e simina dinari!... Siddu a vossia ci spera lu cori e nni duna tru nummira suli... (attende ansiosa, ma non ricevendo risposta) Forsi pirchísemu puvireddi, non miritamu tantu? ... Allura sulamenti ppi li ricchi, vossia c'è, a lu munnu? …

ZÂMONICA

(segnandosi) A nomu di lu Patri, di lu Figghiu e di lu Spiriru Santu, figghiuzza, vui sparrati! ...

PIDDA

Ma chi daveru non c'ègiustizia, pp' 'i puvireddi, mancu ccu li santi comu a vossia?... Com'èca vossia ...

BRASI

(afferrandola per un braccio, la interrompe, brusco) Zìttiti!... Dìssimu ca parrava iu!... Vossia la cumpatisci, zâ Monica!... Prima di tuttu nni scusa si nni l'avimu scurdatu... (depone un fazzoletto con uova, che ha seco, sul tavolo) Chisti su' 'na chidda d'ova frischi ca vossia si l'ha' a mangiari a la nostra saluti ...

ZÂMONICA

(guardinga) No, cori miu, quannu mai? ... iu non mi li pozzu pigghiari!... Prima di tuttu pirchívi ponnu giuvari a vui, ca siti bisugnusi, e poi iu, puviredda di mia, chi mangiu ova? ... A mia mi bastanu 'ddi quattru fila d'erba ca mi cogghiu ccu li me' stissi manu... Rimita, sugnu! ...

BRASI

(senza darle retta, cava di tasca una manciata di monete e, deponendole)E chisti sunnu se' tarì, ca vossia si  l'ha' a pigghiari pri lu scòmitu !…

ZÂMONICA

(respingendo tutto) Non sia mai, fratuzzu miu!... Sarvativi tutti cosi, pigghiatavilli 'n'autra vota, pirchíiu non pozzu fari nenti ppi vui...

BRASI

(con occhi di fuoco) Non avemu autru, zâMonica!... Vossignuria nni cunsidira e non nni abbannuna, ca 'u Signuri, d 'u nni èmisu, vidi tuttu cosi, e nni pigghia cuntu! ...

ZÂMONICA

E giustu pirchíDiu mi vidi, non vi vogghiu 'ngannari, bona genti!....

PIDDA

Pirchínon nni leva di 'sti peni?!...

BRASI

(severo, rude) Zìttiti, pesti 'ntra la lingua!... Assettati ddocu!… (Pidda siede) Zâ Monica, si non voli parrari in sensi, vossia, parrassi in sonnu, comu fici ccu Prazzitu Ciaramedda... si riorda, ca ci sunau lu friscalettu? Ed iu, ppi farla addurmintari, ci sonu lu marranzanu, vossia guarda (cava di tasca uno scacciapensieri e si mette a suonarlo, con variazioni, guardando, con occhi da spiritato, la zâ Monica, che lo guarda, alla sua volta, con una specie di terrore. Dopo aver suonato un po' dice a Pidda) Canticci, tu!... (e riprende a suonare).

PIDDA

(si alza e intona, sul suono dello scacciapensieri una nenia, che accompagna con gesti efficaci, guardando zâMonica, che vorrebbe far sedere, anche premendole le mani sulle spalle).

"Cummari, l'âtu vistu un gadduzzeddu, "li pinni russi e la cuda pulita,

"siddu tu trovu ci stiru lu coddu,

"lu mettu a moddu e fa chichirichi ",

(poiché la zâMonica non siede ancora, smette di cantare e suppiica, mentre Brasi continua a suonare e a imbestialire) Zâ Monica, vossia s'assetta!... Vossia non ni nni fa jri ccu li manu vacanti!... Semu junti a la dispirazioni, semu junti, zâMonica!

BRASI

(interrompendo di suonare) A la dispirazioni!... (riprende).

ZÂMONICA

(che s'èguardata attorno, spaurita, con voce supppiichevole) Santi di lu Paradisu, vui dilirati, fratuzzi mei, ed iu non sacciu chi rispunniviri ....

BRASI

(smette di suonare e si accosta minaccioso) Zâ Monica! (si toglie i boccoli dagli orecchi, e toglie con forza, anche quelli della moglie) Cca ci.. su'u li pinnenti!… (strappa, facendole male, l'anello dal dito di Pidda) Cca c'èla fidi!... (si fruga in tasca del gilet e ne toglie un grosso orologio di metallo giallo) Cca c'èlu rilogiu!... (depone il tutto sul tavolo)... Ma vossia non nni nn'avi a mannari ccu li manu vacanti, vasinnò!… (chiude i pugni in atto di minaccia).

BRASI e PIDDA

(insieme) Zâ Monica.!... (Brasi corre a sprangare la porta e torna, minaccioso).

ZÂMONICA

(vedendosi perduta, si fa venire come uno svenimento e si rovescia sull'inginocchiatoio) Diu, Diu, e chi vuliti di mia? ... (poi alza la testa, come una spiritata, fissa gli occhi nel vuoto e, stendendo l'indice verso la cucina, declama, con voce stentorea) Pigghiativi lu panaro ccu la cinniri, lu spiru e lu muscaloru!…

BRASI

(La guarda trasecolato)

PIDDA

Chi guardati? ... Non viditi ca sta cantannu?... Scriviti. vintisei di panaro, sissantanovi di cinniri... Spiru, quantu sta, spitu? ..

BRASI

(scrivendo, rapido) Spitu tridici, e muscaloru trentasetti

ZÂMONICA

(c. s.) C'èl'isca ancora 'ntatta, ca non l'addumu di lu jornu di la Santa Pasqua, ca cucinai 'na puddastra janca ...

PIDDA

Prestu, isca, quantu sta, isca ....

BRASI

Isca di voscu, sissantasei... Santa Pasqua trentanovi, e puddastra janca, quantu ....

PIDDA

Unnici, unnici!…

ZÂMONICA

(c. s.) Lu Santu Patri fu sippillitu a San Lorenzu... a mia m'aviti a sippilliri a la Nunziata, sutta la nuci grossa, a manu manca (rovescia di nuovo la testa e tace).

PIDDA

Santu patri, quaranta, scriviti! San Lorenzu, quantu sta, San Lorenzu?

BRASI

Chi sacciu?!...

PIDDA

E scriviti San Lorenzu, a poi 'u smurfiamu ! ... Scriviti macari Nunziata, e poi unnici di nuci ...

BRASI

L’avemu unnici, di puddastra!…

PIDDA

Non fa nenti, scriviti... E vintunu di manu manca ...

BRASI

D'accussìtutti novanta nummira nni sta dannu, temu diavuluni!... Quali sunnu chiddi sicuri?

ZÂMONICA

(risollevando la testa) Santa Rusulia di Palermu e San Nicola di Bari, sugnu l'umili serva vostra (scivola sul piancito e si abbandona come morta).

BRASI

(guardandola) Chi voli diri, ora?

PIDDA

Comu!? ... chiúchiaru d'accussì? ... Voli diri: jucatili a la rota di Palermu e a chidda di Bari!...

(raggiante) Jemuninni! ...

BRASI

Aspetta... Spingemula di 'nterra ...

PIDDA

No, chi putemu sapiti!

BRASI

(riapre la porta, come per uscire, poi torna verso il tavolo, guarda, cùpido, le monete e gli oggetti prima depostivii, e stende la mano, come per riprenderseli)

PIDDA

Chi faciti?!...

BRASI

(ritirando, lesto, la mano) Ci l'avemu a lassari? ...

PIDDA

Si, ca si no ponnu veniri vutati! ...

BRASI

Chi cosa?

PIDDA

'I nummira ca nn' ha' datu!

BRASI

Tuttu cosi? (fa per ristendere la mano, ma un sospiro di zâ Monica gliela fa ritirare e arretra di un passo, sgomento)

PIDDA

Va, jemuninni, prestu!… (si fa presso la porta).

BRASI

Ragiuni hai... (la raggiunge) Passa (Pidda passa, egli la segue erichiude la porta dietro a sè).

SCENA III

La zâMonica sola, poi Mastru Delfu,

ZÂMONICA

(dopo breve silenzio, lungo il quale resta inerte. gira lentamente la testa e ascolta, poi la solleva e dàun rapido sguardo in giro; certa, infine, che i due sono andati via, si alza, si segna con devozione, si ravvia i capelli, si versa del vino, beve, si rassetta l'abito, va presso la comune, l'apre, scruta in lontananza e, con un sorrisetto maligno ripete, come a sèstessa) jucatili, jucatili, ca vi nesciunu tutti!... (indi prende gli oggetti d'oro e di metallo dal tavolo, e i soldi, e li conserva nel canterano, poi si reca in cucina con le uova, ne torna e tende l'orecchio, perchéin lontananza si ode il passo di una bestia da soma e il tintinnio dei campanelli che porta addosso, nonchéuna voce, che canta la nenia) :

Bedda, cu' fici a tia fu 'o Serafinu,

c'aveva la fattura 'ntra li manu,

ti fici li labruzza di rubinu,

Il denti janchi e l'occhiu juculanu.

(si rasserena e corre alla porta)

MASTRU DELFU

(da lontano) Avanti, Bizzarro!... Ah!... Ah!… Ca pirchíti fermi, malanova?… a Accussì... Accura, pudditru!... Bonu!... bonu ora!… Chi ti vinni, botta di vilenu, chi viristi?... Bonu!... Ora non ti fermi chiú, averu?... Bonu, ca arrivati, semu!... Làssimi scinniri, pesti ...

ZÂMONICA

(giuliva) Mastru Delfu!...

MASTRU DELFU

Benericiti, zâMonica!... Di parola, eh! ... (entra e le prende la mano nelle sue) Comu siti? ... Chi manu fridda!… Cc'aviti?

ZÂMONICA

'U Signuri non vi puteva mannari un minuteddu prima?

MASTRU DELFU

Pirchí? Chi vi successi?

ZÂMONICA

Cci hannu statu ddu' viddani, maritu e mogghi, iddu pareva 'u spirdatu d' 'i setti stiddi, e idda un guastacampu, rnalanova!… (facendo il relativo gesto) Tanta!… Vulevanu 'j nummira ppi forza, tri ppi tri|

MASTRU DELFU

E vui ci 'i dastuu?

ZÂMONICA

Scanzatini!… Avissi firmatu 'a me' sintenza di morti! ...

MASTRU DELFU

Si capisci

ZÀMONICA

'Ntantu parevanu du' armali sarvaggi!... Iddu currìu a stangari a porta... mi vitti persa ....

MASTRU DELFU

(preoccupato) E chi facistuu ? ! ...

ZÂMONICA

Cc'avia a fari? ... Mi pigghiau comu un strubbu (Mastro Delfu sorride con malizia)... e mi misi a sparrari... E iddi a scriviri nummira, di longu a longu!... Nni scrissiru ocche trenta.

MASTRU DELFU

(c.s.) Ci nesciunu tutti, non c'èdubbiu!… Ora si vinnunu macari 'i seggi, ppi fari picciuli e jucarasilIi ...

ZÂMONICA

Affari soi, sunnu! Ci 'u dissi qualche vinti voti ca su' pazzi, e non dugnu nummira …

MASTRU DELFU

Si, ma comu non ci nesciunu, tornanu e vi mangianu viva!… (ride).

ZÂMONICA

Vui ci riditi e ju mi scantu ppi daveru! ...

MASTRU DELFU

Di chi paisi su'?

ZÂMONICA

E cu' ci dimannò?... Ma dici ca ppi vèniri cca ficiru tridici migghia ...

MASTRU DELFU

Tridici migghia? ... O su' di Ruccella, o di Ciumifriddu... O anchi di Linguarossa... e allura iu  l'haiu a canusciri ppi forza! ...

ZÂMONICA

Scantata, sugnu!... 'U sceccu unni 'u lassastuu?

MASTRU DELFU

Attaccatu 'nt' 'a sorva, ma ci avemu a dari a biviri... M'ha' fattu vidiri surgi virdi, stamatina!... Avi 'u ballu di Santu Vitu!… Mi pensu ca cerca nummira!… Nn'aviti, di chiddi boni, ppi Bizzarru? …

ZÂMONICA

A vui vi spercia di schirzari... e iu non haju chiúsangu 'nt' 'e vini!… Ora ci damu l'acqua, e 'na regna di fenu, o' sceccu... Ma ppi comora sintiti a mia: iu cca ppi daveru mi scantu ! ... Non è'a prima vota ca venunu zaurdi a dimannarimi nummira di priputenza... Sugnu sula comu un cani ... 'nmenzu a lu voscu, ca scanzâtini Signuri, si m'arnmazzunu, non mi senti nuddu!...

MASTRU DELFU

E chistu èveru! ...

ZÂMONICA

Sintiti, mastru Delfu, iu pensu 'na cosa: 'Nta tutti li cumminazioni di lu munnu, si saròcustritta a dari nummira chiari, spicificati ...

MASTRU DELFU

(energico) Non v’arrisicati, zâMonica!...

ZÂMONICA

Non m'arrisicu, 'u sacciu... Ma si saròcustritta - chi putemu sapiti? - si ci l'avissi a dari di priputenza, iu 'i mannu nni vui, a jucarisilli, in modu chi appena arrivanu, vui 'u capiti, e curriti nni mia, prestu prestu ...

MASTRU DELFU

E comu 'u capisciu, iu? ...

ZÂMONICA

Santu lumi!… Ca d' 'i nummira stissi! ... 'I smurfiati e liggiti comu nta un libru starnpatu!… Mittemu, va, iu vi vogghiu diri: sugnu malata... e ci dugnu vintisei ...

MASTRU DELFU

Haiu capitu... Mi vuliti diri, per ipotesi: c'èciauru di vastunati... e ci dati cinquantatri ...

ZÂMONICA

Senza scherzari, mastru Delfu, ca iu allarmata ppi daveru, sugnu! ...

MASTRU DELFU

E cu' èca scherza? ... Semu d'accordu... Quannu venunu nni mia ccu nummira spiegati, ti smorfiu tutti, e si c'èallarmi curru cca.

ZÂMONICA

Ma ppi daveru, mastru Delfu, 'n cuscenza vostra!… Non facemu, o' vostru solitu, ca v' 'u scurdati!…

MASTRU DELFU

Ppi daveru, ppi daveru, stati tranquilla!... Oh!... Iemu o' nostru, ora (cava di tasca un capace portafoglio, inforca gli occhiali e toglie dal portafoglio delle carte) Chista è'a carta d' 'u mutuu sùpira 'a casa d' 'u pastaru... Trimila liri, 'o cincu ppi centu, e vi trasunu centucinquanta liri all'annu... Cci su' vintisei liri di spisa ...

ZÂMONICA

(osserva la carta e la ripone) 'Sti spisi sempri crisciunu!...

MASTRU DELFU

Ringraziati a Diu! Si avissiru duvutu pagari 'u nutaru, non ci bastavanu centu liri! Chista è'a cambiali rinnuvata d' 'u spiziali. Pagau centuvinti liri di 'nteressi ...

ZÂMONICA

(crucciata) E pirchí'a rinnuvastuu? Vi dissi ca vuleva 'ncassari! ...

MASTRU DELFU

Non po' essiri ... 'U spiziali èsupira e' spisi ppi tutti 'i ben fatti d' 'a vigna... Doppu 'a vinnigna paga tuttu... Anzi... Pigghiati l'autri 'nteressi ....

ZÂMONICA

E si ci casca 'a grannula, 'nt' 'a vigna? ..

MASTRU DELFU

(guardandola, con ironia) E si nn'agghiutti un terremotu, mentri parramu! …Pinsati a cosi allegri!… Dunca: centuvinti a siggiri, vintisei a pagari ...

ZÂMONICA

Un mum ntu... E 'a solita carta, v' 'a scurdastuu? ...

MASTRU DELFU

Ragiuni, aviti!… (toglie dal porta fogli un 'altra carta) Non fu ppi mala 'ntenzioni, 'u viriti, priparata era ...

ZÂMONICA

Non mettu in dubbiu, mastru Delfu, chi diciti?... Sacciu cu’siti!…

MASTRU DELFU

(svolge la carta e legge) "lo qui sottoscritto dichiaro che, benchéfiguri sborsante la somma di lire quattromila al signor farmacista Paolo Mararazzo, che mi ha rilasciata apposita cambiale a sei mesi, e la somma di lire tremila al pastaio Pasquale Cimìa, per le quali grava un mutuo sulla sua casa di via Garibaldi, non sono che un prestanome e dette somme sono di assoluta pertinenza della signorina Maddalena Trucco, intesa la Monaca di Linguaglossa, per conto della quale ho fatto dette operazioni, come tutte le precedenti... FirMatu Filadelfo Trapoliere ".

ZÀMONICA

(prende la carta, la rilegge sommariamente e, piegandola) Sta beni (la ripone in una borsetta, che nasconde nel seno, poi, guarda M. Delfo, che si pulisce le lenti).

MASTRU DELFU

(fissandola) Chi pinsati?

ZÀMONICA

'U sapiti, mastru Delfu, ca si iu murissi all'impruvvisu, e vui non fussivu un galantomu, arristassivu patruni di tuttu 'u miu, senza sapillu nuddu!? ...

MASTRU DELFU

(rinforcando gli occhiali e guardandola negli occhi) 'U sapiti, zâ Monica, ca si iu murissi all'impruvvisu e vui non fussivu 'na fimmina di cuscenza ristassivu patruna di tuttu 'u miu, senza sapillu nuddu!? ..

ZÂMONICA

Chi diciti? E pirchí?

MASTRU DELFU

Sicuro... Pirchísi vui, in fiducia, faciti cumpariri 'i vostri dinari comu mei, iu, in fiducia, fazzu cumpariri 'i mei comu vostri... (poiché zâMonica lo guarda incuriosita) Si m'avissiru a fari perquisizioni, sequestri, chi sacciu ora iu... iu dicu ca tuttu chiddu ca accumpari miu èvostro, e vui 'u putiti susteniri liberarnenti, ppi la ragiuni ca èdittu 'nta tutti 'i carti ca aviti sarvati, comu 'nta chista urtima ... "per conto della quale ho fatto dette operazioni, come tutte le precedenti ... " Capiti?

ZÀMONICA

E pirchífaciti accuss ì?

MASTRU DELFU

Quantu siti ingenua!... Pp' 'a stissa ragiuni ca vui faciti accumpariri ca non pussiditi nenti! ...

ZÂMONICA

(sorride con malizia) Haiu capitu' ...

MASTRU DELFU

(ridendo, le prende una mano) Semu pasta d' 'u stissu pastuni,zâMonica!... (breve silenzio) D' ‘u restu... Vui chi parenti aviti? ..

ZÂMONICA

Luntani, luntanissimi ! ... Vui inveci, no.

MASTRU DELFU

Iu? ... 'l mei su' tantu luntani ca mancu l'haiu vistu nt' 'o ritrattu!... Famigghia Projetti ... 'u sapiti sèntiri? ..

ZÂMONICA

Bonu, ma c'èvostra mogghi ...

MASTRU DELFU

Quali mogghi? ..

ZÂMONICA

Chi sacciu, comu si chiama, ddocu? .., Donna Giarsumina, mi pari ...

MASTRU DELFU

Già... Gersumìna adurantis, amatoris e fiori del pimpirimpara! ...

Ca quali!…Chidda non m’ènenti!…

ZÂMONICA

Comu!... A tant'anni ccu vui? ..

MASTRU DELFU

E chi voldiri, chistu ? ... Comu 'na guvirnanti... Tantu èveru ca ci dugnu 'a misata ...

ZÂMONICA

Ah. si? …

MASTRU DELFU

Ca comu!... 'U jornu ca non mi fa chili comudu, tantu di ben servitù, e ti salutu... Idda pp' 'a so' strata e iu pp' 'a mia ...

ZÂMONICA

Gesù, chi diciti?

MASTRU DELFU

Pirchí, vui comu 'a pinsati?…

ZÂMONICA

Iu pensu ca fussi ura di maritaravilla ...

MASTRU DELFU

A cui? …Chi vi scappa d’’a vucca!…Maritata, è!…

ZÂMONICA

(segnandosi) Scanzatini! …E ‘maritu?…

MASTRU DELFU

Il marito dovette andare... in galera... ppi omicidiu!... Nn’ha' attu tridici anni e nn' ha' a fari 'nautri dui ...

ZÂMONICA

Mischina!… Ma comu sia sia v' ha' sacrificatu la giuvintù...

MASTRU DELFU

Va, livativi, zâMonica, non faciti 'a santa!... Quali giuvintù? ...

Quannu trasiu 'nt' 'a me casa aveva trentanov'anni... Facitivi 'u cuntu? ... Va, parramu di cosi serii, chiuttostu... C'èDon Cicciu Muscateddu c'àvi bisognu di settimila liri, e metti 'nfacci 'u castagnitu di Timpavacanri, ca vali trentottu mila liri, senza fruttu, e auannu ècarricu comu non ci ha statu mai... Ogni castagna tanta (fa il segno) - Marrons glacès... - libiru di qualunchi ipoteca... prima iscrizioni, perciò...

ZÂMONICA

zâCcu cu' parrati? ..

MASTRU DELFU

Ccu me' soru Camilla!... Chi faciti, cc' 'i vuliti dari? ...

ZÂMONICA

Iu .... E di unnu l’i pigghiu?

MASTRU DELFU

L'affari èstupendu!… 'U sei ppi centu, nettu!... Quattrucentuvinti liri all'annu ...

ZÂMONICA

Mastru Delfu, non haiu chiúmancu 'n soldu …Tuttu chiddu c'avia vi l'haiu datu, finu all’urtimu centesimu… Chiùdi dudicimila liri ...

MASTRU DELFU

Già... mi l'aviti tialatu? ... Vi l'haiu 'mpiegatu, ca vi renni chiúdi sissanta liri o' misi... Du’liri o' jòrnu !… Mancu un garibaldinu, i' pigghia

ZÂMONICA

E cu’nni godi?.. Mmenzu a ‘sti voscu!…sulitaria…

MASTRU DELFU

Chistu èveru... Aviti a fari 'a puuredda... Ma 'u sannu tutti, ca siti ricca... E ocche notti v'assartanu, e vi levanu 'u ghiummareddu c'aviti sarvatu! ...

ZÂMONICA

Scanzatini Signuri!… E vui macari ci criditi, c'haiu dinari sarvati...

MASTRU DELFU

Affari vostri, sunnu... Pinsati ca siti sula, esiti fimmina... debuli... Dinari sarvati, 'nt' 'e vostri condizioni, non si nni tenunu, pirchísu' la vera cumanna a morti! ...

ZÂMONICA

Vih, 'stu malu cristianu, stamatina!... Pirchími mittiti 'sti pinseri 'ntesta? ... Comu vi l'haju a diri, ca non haiu chiúnenti? ...

MASTRU DELFU

E cu' vi dici cosa? ... O nn'aviti, o non nn'aviti, affari vostri, sunnu!… (la osserva lungamente, fino a farle abbassare gli occhi, poi si alza e le si accosta)... Maddalena ...

ZÂMONICA

(lo guarda, stupita) E chi fu?... Di unni vinni, ora, 'sta Maddalena? Chiamatimi zâMonica.

MASTRU DELFU

D’unni, zâMonica?… Cc'aviti pigghiatu vutu?... Avi ti sratu ‘nt'‘o munasteru? ..

ZÂMONICA

Non 'mporta, sugnu manica di casa ...

MASTRU DELFU

Di voscu, tuttu al più…unn’è, ‘ssa casa? …Chista casa è?

ZÂMONICA

Comu sia sia ... 'u vutu 'u fici ccu mia stissa ...

MASTRU DELFU

'U sapiti ca mi veni 'na pinsata? ... (la squadra) Vui siti zitella, esiti sula... iu sugnu zitellu e sugnu sulu... Chi facemu, tuttu dui, suli?... Dici ca a stari suli mancu 'mparadisu, èbonu!…

ZÂMONICA

Scanzatini Signuri, chi vi pigghiau, 'u sbaddu?... Chi vulissuu diri? '

MASTRU DELFU

Senza fari tanti chiacchiri... da persone serie, e pratiche, comu semu nui... nni vulemu 'ncucchiari? ... (fa il segno con le dita).

ZÂMONICA

Va, livativi, mastru Delfu! ...

MASTRU DELFU

Maritati, si sottintendi!… Ccu tutti 'i sacramenti! ...

ZÂMONICA

Finiticci 'ss'opira, vi dicu ! ...

MASTRU DELFU

E pirchí? ... Chi ci fussi di stranu?... Comu etàe semu a postu... Vui v'avvicinati... alla quarantina, iu m'avvicinu e' cinquanta, m'immaginu... differenza congrua ...

ZÂMONICA

Vi piaci di jucari, èveru?... Omu allegru Diu l'aiuta.

MASTRU DELFU

No, lassatimi diri: Comu pusizioni, si vui aviti dinari, iu mancu sugnu d' 'i scarsi!... Comu cunvinienza... chi ci cunchiudemu, a stari suli? ... A vui quarche jornu v'ammazzanu, o 'nnunca muriti di bonu a bonu, comu 'n canuzzu, 'nta 'sto pagghiaru affurnicatu... A mia, o m'arrestanu o mi veni quarchi aneurisma e stennu 'i palitti tutti 'nta 'n corpu... E 'i vostri niputi, ppi vui, e 'u guvernu ppi mia, s'accarpunu 'ddi dinareddi ca avemu guadagnatu ccu tanti stenti e tanti suduri, scanti, trepidazioni, parimenti... e si li mangiunu a la facci nostra!... (la zâMonica lo segue nel discorso, e sorride) Inveci, si diciti sì, vui v'arritirati di fari 'a rimita, iu m'arritiru di fari 'u riffanti... e 'n flebatumu... un'accattamu 'na bedda casa ccu 'a vigna e ccu l'orto, 'u puddaru, 'a cunigghiera, i palummi, nespuli giappuni, pumadoru, mulinciani, pipì, cucuzzeddi di quaranta jorna ... 'u vinuzzu di chiddu bonu, a vui 'na tabacchera di bergamottu, china di Sant' Antoniu di prima qualità, a mia 'na pipicedda c'hav'a pariri un vapurettu... e campamu cent'anni... Chi ci aspittati? ...

ZÂMONICA

Vah, finistuu di parraciari? …

MASTRU DELFU

Ppi daveru, diciti no?

ZÂMONICA

Ppi daveru, ppi daveru!... Iu àvi tant'anni ca sugnu spusa ...

MASTRU DELFU

Ah, si? ... E di cui? ...

ZÂMONICA

D’‘u signuruzzu…

MASTRU DELFU

E 'u so' cunsensu ci fu? ..

ZÂMONICA

Si non ci avissi statu non fussi cca, ccu' s't'abitu ...

MASTRU DELFU

Ma davanti o' Sinnacu non vi ci purtò!… Iu vi ci portu, capiti? ... Vi offru di divintare la signora Trapoliere, moglie legittima di Filadelfu Trapoliere, flebotomo in ritiro, con venticinquemila lire di capitale fluido, oltre la sua speculativa... Ancora no, diciti?

ZÂMONICA

Ancora no!... Va, parramu di cosi serii... Dunca spinnistivu vintise' liri, nni 'ncassastuu centuvinti ... 'U restu, unn'e'? ..

MASTRU DELFU

Ma allura... mi rispingiti? …

ZÂMONICA

Vi rispingiu, va, mancu? ... Spicciàmuni, mastru Delfu, ca m' haiu a mettiri 'u brodu supira ...

MASTRU DELFU

(scrolla le spalle e cava di tasca un fazzoletto con monete e lo depone sul tavolo). Cca c'è'u restu.

ZÂMONICA

(svolge il fazzoletto e si mette a contare le monete, mentre M. Delfo l'osserva e la studia con un sorrisetto diabolico - finita la conta) E comu va, 'stu fattu?... Centuvinti, menu vintisei, fannu novantaquattru... Chisti su' sittantottu... Ci nni mancunu sidici ...

MASTRU DELFU

Già, pirchíci su' quattru liri di spisi di trenu, ppi jri a Catania e dudici d'agiu, ppi fari l'argentu, 'a Banca d'Italia.

ZÂMONICA

E vui pirchínon m' 'i purtauru di carta? ....

MASTRU DELFU

Di carta?... E chi ci aveuru a addurnari, 'u focu, o 'nnunca l’aveuru a mèttiri ppi tappizzaria, 'a carta?

ZÂMONICA

Non vi sacciu sèntiri! ...

MASTRU DELFU

A chi cascati d' 'a luna? ... Già... rimita siti, fora d' 'u munnu!… (solenne, scandendo le parole) A causa della guerra, tutta la moneta cartacea, finennu 'stu misi, non passa chiú... Perciòcu' avi carta, divi purtarla 'a Banca, e ci dunanu argentu, pirdennuci 'u deci ppi centu... Eccu pirchí currivi a fari argentu ppi vui ...

ZÂMONICA

(impallidisce) Chi mi diciti? ... E si non ci va? ..

MASTRU DELFU

Ci arresta ppi carta lorda! ...

ZÂMONICA

(con voce tremante) Chi mi stati cuntannu? ...

MASTRU DELFU

Comu, tutti 'i giurnali su' chini, àvi deci jorna!... Cc'aviti? …

Pirchívi tramutastuu?... Stati trimannu tutta!… Si non aviti chiúmancu 'nsordu, dintra, chi paura aviti? ...

ZÂMONICA

(c. s.) No... veramenti... l'haiu quarche cosa, sarvata!… E ora comu si fa, mastru Delfu? ... Ah, malu ppi mia!... (si abbandona su uno scanno).

MASTRU DELFU

Comu si fa?... Non c'ètempu di pèrdiri!… Oggi èl'urtimu jornu d' 'u misi!… Bisogna curriri 'n Catania e scanciari... E s' 'ha' a curriri a scannacavaddu ... 'U vidi ti chi fa fari a non aviri fiducia 'nta l'amici fidati!... Vi duvissi fari cociri 'nta l'ogghiu vostru, ora! ...

ZÂMONICA

Mastru Delfu, non vi vinnicati di mia, vi dimannu pirdunu!…

MASTRU DELFU

(guardando l'orologio) Bisogna fari prestu! ...Junciri a Linguarossa prima d' 'i deci, ppi truvari 'u trenu!… Sunnu l’ottu e ‘nquartu!…‘U tempu ci fussi, si vi spicciassivu... Ppi furtuna haju 'u sceccu!... Unni su' 'ssi dinari, santa cristiana? ...

ZÂMONICA

(afferrandogli una mano) Assai su', mastru Delfu ...

MASTRU DELFU

(con uno strano lampo negli occhi) Quantu su' su', sunnu vostri, chi mi cuntati a mia?... Non vi vuliti fidari? ... Di vostro frati? ... Vostro frati, sugnu!... (con l'occhio sfavillante) Quantu su'? ...

ZÂMONICA

Quarche tre... trentaci... trentacincumila liri... tostu chiúca menu ...

MASTRU DELFU

Ci pirditi trimila e cincucentu liri. Non fa nenti, pinsati a' saluti! …Megghiu chistu ca peiu!…Unni su’misi? …Vurracati, ah!…sutta terra? …A ‘st’ura ammuffaru!…

ZÂMONICA

No, aspittati... (toglie da un cassetto un paio di forbici e con esse si dàa scucire l'orlo della sottana e poi quello della sottoveste, e ne toglie una grande quantitàdi pacchetti di biglietti di banca da cento e da cinquanta lire mano mano deponendoli sul tavolo).

MASTRU DELFU

(cupido, li svolge, li spiega e li accatasta, gli uni sugli altri, febbricitante) Prestu, prestu!... (si odono i sonagli del somarello che dàdegli strattoni) Poviru sceccu, pari ca ci parra 'u cori!… Ppi junciri in tempu l'haju a ammazzari pp' 'a strata!

ZÂMONICA

Cuntatili, 'nta 'ssu mentri!

MASTRU DELFU

Chi ci ha' a cuntari, ci voli menz'ura, e 'u tempu vola!... Vi dissi ca chiddi ca su' su' vostri... Faciti prestu, sannunca ppi carta lorda, vi restanu!

ZÂMONICA

Aspittati, l'urtimi... Ajutatimi, ca cca non si scusi !…

MASTRU DELFU

Dati cca!... '1 cusistuu cc'u lignolu, 'i cusistuu!… (strappa e taglia) Accussi, eccu fattu... Ci nn'èchiú? ... Circati beni ...

ZÂMONICA

Aspettati... ‘nt' ‘o mantali, dda banna ....

MASTRU DELFU

Chi ci facistuu, 'a stissa operazioni? ... Va, curriti, vo' pigghiatilu, e 'nta 'ssu mentri addunativi 'nta cammisa ...

ZÂMONICA

(correndo in cucina) Sarvàtili boni, ppi carità!... Senzamai nni pirditi pp’‘a strata

MASTRU DELFU

Non dubitati!... (con occhi sfavillanti e mano nervosa caccia pacchi di biglietti in tutte le tasche e dentro il petto).

ZÂMONICA

(torna dalla cucina con un grembialino a brandelli e un altro pacco di biglietti di banca, voluminoso, che gli consegna, poi, con voce supplichevole) Mastru Delfu!… Sugnu 'nta li vostri manu!… Sìtraditi a mia, traditi a GesùBambinu! ...

MASTRU DELFU

Vi cumpatisciu!… (conserva gli ultimi biglietti) Mi nni vaiu di tutta cursa ... 'U sceccu ammazzu!... Ma non fa nenti!... Arrivederci (si avvia).

ZÂMONICA

Quannu ni videmu?

MASTRU DFLFU

Appena pozzu... Vi salutu (èsulla soglia)

ZÂMONICA

Mastru Delfu !...

MASTRU DELFU

(fermandosi) Chi vuliti? ... Parrati!… Prestu! ...

ZÂMONICA

Vi vuleva diri ...

MASTRU DELl'U

Avanti!... Avanti, ca non c'èternpu di pèrdiri!…

ZA MONiCA

Di 'ddu discursu ...

MASTRU DELFU

Quali discursu?…Ca grapitila, ‘a vucca!…

ZÂMONICA

Dicu, poi… si nni vulemu parrari... Pensu ca èmegghiu, forsi, fari la vuluntàdi Diu! ...

MASTRU DELFU

(impaziente) Ma chi vuliti diri? Non vi sacciu séntiri ...

ZÂMONICA

Dicu ca... veru è... Vui siti sulu... iu sugnu sula ...

MASTRU DELFU

Ah!... E ch'èdiscursu di 'stu mumentu, chistu? ... Poi nni parramu, c'ètantu tempu!... (corre e scompare, dicendo) Addiu, Maddalena! ...

ZÂMONICA

(resta sulla soglia, a guardarlo).

Tela

ATTO II

Camera rustica. Comune a destra, finestra in fondo e uscio sulla sinistra.

Accanto alla finestra, sulla manca, scarabattolo con siringhe, tenaglie per cavar denti, pinze, clisopompe e due o tre bottiglie: con mignatte. Sullo scarabattolo, appeso alla parete, quadro bislungo, con i numeri dell'estrazione della settimana: 31, 61, 57, 47 e 90. Sulla destra della finestra tolettina a muro, con mensoletta di legno, sovraccarica di rasoi, spazzole, pettini, cerotti, acque odorose, cipria, etc. Davanti alla tolettina una sedia a bracciuoli. Sulla parete di destra, accanto alla comune, scansia con cassetti ben chiusi e: serrati, dentro i quali son riposti cane, numeri su cartoncini, da sostituire nel quadro bislungo ad ogni estrazione, etc. Accanto all'uscio di sinistra mobiletto che sta tra il settimanile e il secretaire, a doppia chiusura e a vari scomparti, chiusi a chiave. Nel centro tondo che: serve anche da tavola da pranzo e attorno a questo poche sedie.

La comune èsempre chiusa col lucchetto e col saliscendi e nel barrente di esso èpraticato uno sportellino minuscolo che serve per spiare la gente che viene a bussare. Anche la finestra èchiusa e davanti ad essa sono fitte tendine.

Pochi giorni dopo l'azione del primo atto, in un ameno paesello del versante orientale dell'Etna.

SCENA l

Mastru Delfu e il cliente.

MASTRU DELFU

(che ha finito di pettinare il cliente) Vossignuria èsirvitu (lo spazzola)

IL CLIENTE

(mettendogli in mano una lira) Favuriti.

MASTRU DELFU

(intascandola) Grazii.

IL CLIENTE

(guardando l'orologio) Vi spicciastuu 'ntra cincu minuti!… Barba a vapore!…

MASTRU DELFU

Anzi!... Duvissi essiri cuntentu ...

IL CLIENTE

(guardando attorno, curioso) Perciò, abbonamentu nenti!…

MASTRU DELFU

Nenti, signuri, levu bottega ...

IL CLiENTE

E già, non vi cunveni... Quantu vi renni 'a riffa, vi basta e vi superchia, senza strapazzarivi tantu ...

MASTRU DELFU

Chi sta dicennu, lei?... Chi ci scappa, d' 'a vucca?... Chi divintò, maldicenti macari lei? ... Non ci rispunnu mali ppi non mancari di rispettu, ma 'sti cosi n' 'e dicissi mancu ppi scherzu!…

IL CLIENTE

E chi vi dissi? ... V'offisi, forsi? ...

MASTRU DELFU

Comu, signuri? ... Sicuru ca m'o ffisi!... Mi dici riffanti? ...

IL CLIENTE

Cosi dicono ...

MASTRU DELFU

E lei, ca èpersuna onesta, non lo deve ripetere... Iu fazzu 'u varveri, e il flebotomo, e lo sanno tutti.

IL CLIENTE

Ah, ppi 'sta cosa... Ppi scippari anghi, ppi livari sangu... siti bravissimu! ...

MASTRU DELI'U

E ppi curari armali?… Di ddocu nni veni tutta 'sta calunnia d' 'u riffanti!… Siccomu ci su' du' veterinarii ca non fannu nenti, mentri ca iu haiu 'na clientela... nisceru la calunnia ca tegnu lottu clandestinu!... Finisci ca ci dugnu ocche querela ...

IL CLIENTE

Bonu, mastru Delfu, non v'irritati... Chiuttostu, chiddi puru hannu a campari ...

MASTRU DELFU

E chi ci curpu iu, si 'i paisani, inveci di jrìnn 'iddi venunu nni mia!… Signu ca non ci hannu fiducia, ad iddi... (accompagnandolo alla porta) Va, vossia benedica, e si cusissi 'a lingua, 'u senti? ...

IL CLIENTE

(sorridendo) Salutamu, mastru Delfu... non vi pigghiati còlira.

MASTRU DELFU

Saluti a vossia (richiude la porta con lucchetto e saliscende).

SCENA Il

Mastru Delfu, Gersumina, la gnâPetra, Basaloccu e Ciuschidda.

MASTRU DELFU

(si reca ad aprire l'uscio di sinistra, e vengono fuori i quattro personaggi, che prendono posto accanto al tavolo, meno Gersumina, che resta in piedi) Scusati, signuri mei... E 'a massara Nina, unn’è?

GERSUMINA

Si nni ju... Dici ca non puteva aspittari ...

MASTRU DELFU

E di unni si nnìju?

GERSUMINA

Di l'ortu... satau 'ma chiddu d' 'u vicinu e nisciu di ddà...

MASTRU DELFU

(furioso) E tu cci lassasti fari tuttu chissu? ...

GERSUMINA

E chi mi dissi nenti! Si nni scappau accussì, comu 'u ventu!...

GNÂ PETRA

Dici ca so' maritu l'aspittava ppi mangiari! ...

MASTRU DELFU

Lassàtila turnari, ca l'accomudu iu!... (si reca presso la scanzia e prende un libro a mappa, uno scartabello e un sacchetto con denaro, deponendo il tutto sul tavolo, poi siede) Chi vi pari, ca m'aviti a compromettiri, accussì? …

BASALOCCU

E a vui chi vi pari ca putemu stari carzarati jurnati sani? ..

MASTRU DELFU

Chi diciti? ... E vui pirchíci viniti, allura?

CIUSCHIDDA

Ragiuni avi Basaloccu... Quannu unu fa 'u misteri ca faciti vui, ha' a teniri 'a casa ccu du' porti ...

MASTRU DELFU

(seccato) Oh! 'u sapiti chi vi dicu? Non c'èjocu, oggi (si alza)

GNÂPETRA

Ca ora, mastru Delfu !… Doppu menz'ura c’aspittamu!…

CIUSCHIDDA

Non vi faciti pigghiari 'i nervi ....

BASALOCCU

Va, assittativi... non pirdemu chiútempu ...

MASTRU DELFU

(arrendendosi, risiede; apre lo scartabello e prende la penna) Dunca, cuminciamu di vui, gnâ Petra.

GNÂPETRA

Scriviti: pazzu.

MASTRU DELFU

Pazza ci siti vui, allura vi dicu! (si alza ancora)

GNÂPETRA

E cc'avistuvu? Non dicu a 'vui: pazzu, quantu sta, pazzu? ..

MASTRU DELFU

Ah, ho capito: vintidui. (a Gersumina) Addùnati d' 'a finestra, inveci di stari ddocu 'mpalata.

GERSUMINA

(va a spiare presso la finestra, sulla strada).

GNÂ PETRA

Carnalivari,

MASTRU DELFU

Carnevale: trentaquattru ..

GNÂPETRA

E cani ca fui ...

MASTRU DELFU

Cani ca fui? ...

GNÂPETRA

Gnursì ...

MASTRU DELFU

Giustu giustu ca fui? ...

GNÂPETRA

Accussìm' 'u 'nsunnai ...

MASTRO DELFU

E jucativi 6 di cani. Giustu giustu ha' a fuiri? ..

GNÂPETRA

Si suttintenni ...

BASALOCCU

Vardati quantu tempu nni sta facennu perditi! ...

CIUSCHIDDA

Ca spicciativi! ...

GNÂPETRA

Si non lu sapiti, circatilu 'nt' 'o libru. Allura pirchívinemu noi vui?

MASTRU DELFU

Santa pacenza! (si alza, va presso il "secretaire" e prende un vocabolario numerico… lo sfoglia e legge) Eccu. c'ècani c'abbaia: 39, cani ca muzzica: 55, cani ca porta in bocca: 45, cani ca caccia: 49, cani ...

GERSUMINA

(esclama forte) Maria Santissima, malu ppi mia!... (e corre per la sinistra... Tutti si alzano, Mastru Delfu corre a deporre tutto nella scanzia, mentre i tre vanno appresso a Gersumina).

MASTRU DELFU

Chi fu? ... Acu' vitti? ... Ammucciàtivi tutti ...

CIUSCHIDDA

(tornando dalla sinistra) Nenti, Mastru Delfu, non ènenti... Donna Gersumina s'allarmau pirchíci parsi ca si ci abbruciava 'a sarsa di pumadoru ! ...

MASTRU DELFU

(tornando presso il tavolo, con lo scartabello) A la facci so' ! ...

Non puteva parrari? ...

GERSUMINA

(affacciandosi sulla sinistra) Comu parrava, ca mi satau 'na cosa dintra!... Non pozzu stari cca, ca si no s'abbruciunu tutti cosi... Mittitici a 'n' autra (rientra)

MASTRU DELFU

Va, spìcciamunì, zâPetra, mittici 49 di cani c'assicura 'a caccia, è‘u stissu.

GNÂPETRA

Sta beni ...

MASTRU DELFU

Quantu vi jucari?

GNÂPETRA

Du' sordi e sanari, ccu l'amu di cincu liri!…

MASTRU DELFU

(la guarda in cagnesco) M'arricchistuu!... E mi facistuu scinniri macari a bibliotcca, ppi dudici centesimi? ...

GNÂPETRA

Tantu haju ...

MASTRU DELFU

(Trascrive i numeri nella "figlia", la strappa e la consegna, intasca i 12 centesimi e passa all'altro giocatore) A tia, Basaloccu.

BASALOCCU

Cca, 'i mei su' scritti. Se' sordi in siccu.

MASTRU DELFU

(scrive come sopra e consegna, poi, vedendo che la gnâPetra va ad aprire la porta, per andarsene) Chi faciti? ...

GNÂ PETRA

Mi nni vaju ...

MASTRU DELFU

Aspittati (si alza lascia uscire la donna e poi Basaloccu) Jtavinni senza vutàrivi, mi raccumannu, e parrati picca (richiude e torna presso Ciuschigga) Jamu a tia.

CIUSCHIDDA

Vossia senti, iu mi vurrissi jucari menza lira, ma non l'haju ...

MASTRU DELFU

E chi voi di mia? ...

CIUSCHIDDA

Si vossia mi fa cridenza ...

MASTRU DELFU

A cridenza s'accatta, non si joca ...

CIUSCHIDDA

Allura ci vinnu 'stu ferru di passari? (svolge da un cartoccio un ferro da stiro).

MASTRU DFLFU

Chi nn 'haju a fari? ..

CIUSCHIDDA

A vossia sempri ci po' serviri ...

MASTRU DELFU

Pirchí, chi sai ca fazzu 'a stiratrici, iu? ... E poi, sa a cu' ci 'u rubasti! ...

CIUSCHIDDA

Non signuri, non èrubatu... Fici un viaggiu di ligna, non mi pòttiru pagari e m'appi a cuntintari di 'stu ferru di passati e di 'sta trummetta... (mostra una trombetta d'ottone - giocattolo da bimbi).

MASTRU DELFU

Facisti un saldu dìmagazzinu, ah?

CIUSCHIDDA

Era megghiu nenti?

MASTRU DELFU

Ti pozzu dari quattru soldi di 'ssa trummetta, 'u ferru non mi servi.

CIUSCHIDDA

E allura 'sta beni. Vossia mi joca 39 estrattu generali, ppi quattru soldi.

MASTRU DELFU

(lo guarda con intenzione) Au, 39 furca sta, 'u sai? ..

CIUSCHIDDA

Sissignura ...

MASTRU DELFU

E 'sta furca ppi cui, ppi tia, o ppi mia? ..

CIUSCHIDDA

Spiramu ppi vossia! ...

MASTRU DELFU

Non facemu cumplimenti!

CIUSCHIDDA

Chi fu, si nni pintìu? …

MASTRU DELFU

(gli stacca la "figlia" e gliela consegna, prendendo la trombetta e deponendola sul tavolo) C'èpaura soni 'a trumma, niscennu fora? ...

CIUSCHIDDA

Mastru Delfu, chi dici, vossia? Ch'èchista 'a prima?... Nesci,‘u 39, vossia sapi?…

MASTRU DELFU

E iu ti pagu!… (lo accompagna alla porta e larichiude, poi va a deporre il libro, scartabello e il resto ai loro posti,richiude tutto ben bene, e quindi, facendosi presso l'uscio di sinistra) Gersumina d’Arabia! …(spazientito) Auh!! decottu di marva!…

GERSUMINA

(tiapparendo) Chi vuliti? ...

MASTRU DELFU

Càlici 'ssa pasta ... 'A sarsa èfatta?

GERSUMINA

'A staiu facennu.

MASTRU DELFU

Tutta di pumadoru frischi, ah? ..

GERSUMINA

Ca comu!… A 'na lira o' chilu!...

MASTRU DELFU

Pirchí? ... Chi l'avevi a nèsciri d' 'a to sacchetta?

GERSUMINA

O d' 'a mia, o d' 'a vostra, ètuttu 'na cosa.

MASTRU DELFU

Già, tuttu un casciolu!... (arcigno) Vidi ca 'nsinu a quannu stai ccu mia, ha' a fari chiddu ca ti dicu iu, e 'i cunti, 'nt' 'a me' casa, lassammìlli fari a mia sulu!...

GERSUMINA

..’Nsima a quannu staiu ccu vui?….

MASTRU DELFU

Quannu ci su' pumadoru frischi, o a du' soldi o a 'na lira, 'a sarsa mi l'ha' a fari senza cunserva, ha' 'ntisu? ...

GERSUMINA

Un mumentu... Chi veni adiri, 'nsinu a quannu stai ccu mia? ...

MASTRU DELFU

Chi ha' a veniri a diri? ... 'Nsina a quannu stai ccu mia... Non ti po' siddiari di starici? ..

GERSUMINA

Iu no... Addimannu a vui, chiuttostu.

MASTRU DELFU

Iu si.

GERSUMINA

Ah, c'èmacari 'ssa prubabilità, ca vi siddiati? ...

MASTRU DELFU

Prubabilità?... Cirtizza!... Avi tantu, ca mi siddiai! ...

GERSUMINA

Pirchíci misi 'a cunserva 'nt ' 'a sarsa d' 'i pumadoru? ...

MASTRU DELFU

No, mi siddiai in linea generale, no specifica!... Ma pirchí, nuatri chi fìcimu pattu ca doveumu stari 'nsemi ppi tutta 'a vita?... Chi ti maritai, forsi? Ti levai il candore? ... Ti resi madre? ..

GERSUMINA

E chi voli diri, 'ssu discursu?... Doppu tridici anni ca semu‘nsemi!…

MASTRU DELFU

‘U vidi? ... Macari tu ti nni fai maravigghia!... Tridici anni!…Assai sunnu!... Ma oramai... Tridici, apostuli e tutti cosi valunu!…Non ridiri, ca supra 'u seriu, parru!…

GERSUMINA

Mi stati dannu 'i nummira! ....

MASTRU DELFU

No, ca non su' nummira... Èdiscursu maturatu e abbasatu. D' 'u restu, non èca ti lassu 'n menzu a 'na strata, intendiamoci ...

GERSUMINA

No, ah?... (ironica).

MASTRU DELFU

Chi c'entra!... Picciuliddi sarvati tu nn' ha' a aviri... ma iu sacciu 'u me' doviri ...

GERSUMINA

(c. s.) Certu! ...

MASTRU DELFU

Ti dugnu milli ...

GERSUMINA

(guardandolo con occhio torvo) Chi? ..

MASTRU DELFU

(correggendosi) Milliecincucentu ...

GERSUMINA

(c. s.) Chi dicistuu?

MASTRU DELFU

Du ' mila liri, mancu? ... T'armi 'na putia ti dugnu 'na manu ppi fariti otteniri una rivendita di tabacchi comu veterana delle patrie battaglie ...

GERSUMINA

(che ascoltandolo si èfatta prima rossa, poi verde di collera, minacciosa) E iu haiu un cuteddu sarvatu, ca èlongu menza canna, e quannu non vi nni dugnu un corpu ca vi passu di 'na parti a 'n' autra, s' ha' a pèrdiri 'u me' nomu! ...

MASTRU DELFU

(sorridendo) Veni cca... Sarvatillu, 'ssu cuteddu... Senti, assettati e ragiunamu. Non èmegghiu ca ristamu amici? ... 'I cosi si fannu con la calma e la serenità...

SCENA III

Detti, piùla Signora Cuntinintali.

LA SIGNORA

(entra, affannata, dalla comune, reggendo in braccio un cagnolino e, con voce supplichevole) Scusi, èlei il veterinario?

MASTRU DELFU

Veramente veterinario non sono, mi manca la patente, ma ho molta pratica d'animali (accennando a Gersumina), come lei vede... (a Gersumina, che lo guarda con occhio torvo) A propositu, pensa a fari da mangiari, per ora, ca poi 'ssu discursu 'u ripigghiamu. . .

GERSUMINA

(c. s. va in cucina, ne torna per apparecchiare la tavola, vi rivàe lungo tutta la scena non fa che guardare con rancore M. Delfo, scuotendo la testa).

MASTRU DELFU

(alla signora) In che posso servirla? ..

LA SIGNORA

Questa bestiolina... guardi com'èridotta... Deve star molto male.

MASTRU DELFU

(inforca gli occhiali e l'osserva) Èun poco pallida infatti.

LA SIGNORA

Pallida? ... Ma che dice? ...

MASTRU DELFU

Si, intendo dire, èsfalbita... debole... In dialetto: pallida, in lingua: smacelenta... Lei non puòcapire; perchénon èdi qua.

LA SIGNORA

E no, sono ligure... Sa, la moglie del costruttore del nuovo tronco ...

MASTRU DELFU

Lo so, lo so, ho compreso… E poi, la conosco di silouette ...

Nel paese non c'èaltro che lei, furastera... Tanto piacere, si accomodi.

LA SIGNORA

Grazie... Mi osservi questa creatura... Sono preoccupata tanto …Se mi morisse.... Sa, non abbiamo figli...

MASTRU DELFU

Altro che questa... Signora, non c'èpaura ca muzzica, èvero?... (prende la trombetta uendutagli da Ciuschidda e se ne serve ad uso di stetoscopio o strumento di ascoltazione)

LA SIGNORA

No, povera Mimma, ècosì abbattuta! ...

MASTRU DELFU

Eh, sa, ogni tantu succedi che questi animali parunu tanti tenchi morti, e poi tirano morzichi, Dio ne scampi e liberi!… (alla cagna) Zittiti, Minna!... (alla signora) La faccia tossire ...

LA SIGNORA

E come? …

MASTRU DELFU

Ah, non sa? ... Cci munga 'i fianchi... Mungesse, mungesse ...

LA SIGNORA

Ho paura di farle male!...

MASTRU DELFU

Così, guardi, così (pizzica la cagnetta nei fianchi, e la fa abbaiare o squittire) Vede che spirito ca ci nesci? …

LA SIGNORA

No, no, no, cocca mia, le fa male!…

SCENA IV

Pinnintedda e detti.

PINNITEDDA

(entra dalla comune, tutta risalente) BenericiTi, mastru Delfu, cca sugnu!...

MASTRU DELFU

Assèttaii, ca a mumenti sugnu ccu tia... (le fa segno, col dito sul naso, di tacere).

PINNINTEDDA

(maliziosa, alla sua volta, stropicciando i polpastrelli, fa segno di quattrini, e ride) 'U sapiti, èveru? ...

MASTRU DELFU

(sorridente) Lo so, lo so!... Assèttiti, ti dicu (alla signora) Dunca, cara e stimabilissima signora, non ènenti... Minna non ha altro che un poco di salso ...

LA SIGNORA

Che? ..

MASTRU DELFU

Salso... Salso!… Lei non conosce il salso? ...

LA SIGNORA

Non saprei ...

MASTRU DELFU

Lei non deve fare altro che lavare questa sua Minna con acqua di zolfo, due volte al giorno, titolo primo; titolo secondo, ci dàper bocca un'oncia d'olio di lino, e per mangiare pane e latte e qualche poco di fegato cotto.

LA SIGNORA

E guarirà? …

MASTRU DELFU

Salvo complicazioni. Del resto, se non guarisce, lei torna ...

LA SIGNORA

Certamente... Cosa le devo? ...

MASTRU DELFU

Niente, signora, per ora se ne vada... A guarigione completa, poi, facemu tuttu un cuntu ...

LA SIGNORA

Sta bene. A rivederla, e grazie! ...

MASTRU DELFU

I miei rispettosi omaggi, e grazie a lei (l'accompagna e torna, sorridente, presso Pinnintedda),

SCENA V

Mastru Delfu e Pinnintedda.

MASTRU DELFU

Manciamu, ah! ...

PINNINTEDDA

'Sta vota, 'nni 'nzirtai dui!... (gli presenta un polizzino con numeri).

MASTRU DELFU

(l'osserva) Sissantunu e quarantasetti... Esattu... E ppi 'n puntu non pigghiasti 'u ternu. Alluccà, tu avevi l'uttantanovi e ti vinni 'u novanta (le mostra i numeri del quadro sulla parete).

PINNINTEDDA

Deci liri, èveru? ..

MASTRU DELFU

(recandosi a prendere, dalla scansia, uno scartabello, nel quale confronta i numeri, e poi un sacchetto con moneta di rame, d' argento e di carta, confuse insieme) Deci liri comu deci apostuli!…Ccu mastru delfu!…manciamu! Si jucavi a banca, inveci di deci liri eranu ottu liri e se’soldi sanari…Comu ‘i voi, d’argentu o di carta?…

PINNINTEDDA

Datimilli d'argentu.

MASTRU DELFU

(le conta dieci lire, una sull'altra). Ccu du' palanchi, ah? ... E si ci nni mittevi vinti?... Mi facevi falliri!… Ora quantu ti jochi?

PINNINTEDDA

Nenti. Di 'sti deci liri mi nni fazzu un spènziri novu, pp' 'a festa di Sant'Egidiu... Vi salutu, Mastru Delfu (va via).

MASTRU DELFU

Addiu, figghìa, bona furtuna ...

SCENA VI

Mastru Delfu e Gersumina.

GERSUMINA

Sintiti, 'u mangiari èprontu, ma 'ntantu non si mangia, si non finemu 'ddu discursu ca cuminciastuu ...

MASTRU DELFU

E allura ppi daveru non si mangia... Veni cca, assèttiti, parramu comu frati ed amici. A mia mi capita un partitu di matrimoniu spittaculusu! ... E mi vogghiu maritati! ...

GERSUMINA

Ccu cui? …Stati sparranu!…

MASTRU DELFU

O' cuntrariu, sta' sparrannu tu!… 'U sai ca ccu 'n'autri du' anni nesci to' maritu... d' 'u culleggiu? E po' darisi ca nesci prima, macari dumani, pp' 'a bona cunnutta c'ha tinutu, 'u 'aliotu?

GERSUMINA

E mi dici 'a testa ca nesci iddu e ci rrasu iu ! ... Guardati quantu nni spirimenta!... E chi po' vuliri, me' maritu? ...

MASTRU DELFU

A tia!... A so' mugghieri! ...

GERSUMINA

Senza cunsensu miu?... E chi c'èliggi o' munnu ca po' teniri uniti a du' pirsuni, senza cunsensu di tutti dui?… Iu non ci vogghiu stari!

MASTRU DELFU

E ccu cu ' vo' stari, quantu sentu? ...

GERSUMINA

Ccu vui, cca!…

MASTRU DE LFU

Ora ti pigghiu cch' 'i tòstissi paroli. Si non c'èliggi ca po' teniri 'ncucchiati a du' pirsuni ca non si volunu, benchìsu' mariru e mugghieri, com'èca po' custringiri a stari 'nsemi a dui ca non su' nenti?

GERSUMINA

Ppi nui è'n 'autru PARU di manichi!..

MASTRU DE LFU

Unni, pazza?… 'U stazzunaru iu sugnu, e 'i manichi 'i metro unni vogghiu iu, ppi sapillu! ...

GERSUMINA

Allura non vuliti chiü?... Sùpira 'u sèriu? ...

MASTRU DELFU

Seriu, siriissimu!

GERSUMINA

E tuttu chiddu c'amu fattu 'nsemi v' 'u scurdastuu? ... Scanti, parimenti, rìsicu di galera ...

MASTRU DELFU

(la guarda in modo che pare che la interroghi).

GERSUMINA

Sissignuri, di galera!... Pirchíchiddu ca faciti vui èmisteri di latru!... Arrubbari 'u guvernu, tinennu 'u lottu clannistinu, 'u sapiti? ... E si va 'ngalera!... Ed iu ccu vui, comu complici nicissaria!… Ma non mi nni 'mporta, basta ca sugnu ccu vui, macari 'o 'nfernu!...

MASTRU DELFU

Va, ca leviti, non sparrari!... Di 'ssu latu, 'a pigghi? ... Chi ti pari, ca mi teni in pugnu pirchími scantu ca parri? ... Po' cantari comu 'na carcarazza, non ci chiovi, cca sutta... E chi vulissi, tu, di mia? …

GERSUMINA

L'arma, l'armazza tinta, comu vi pigghiastuu chidda mia!... (si ode bussare alla comune).

MASTRU DELFU

(recandosi ad aprire) Iu?... Ca vo' fatti sparari di 'n 'autru! (apre)

GERSUMINA

(gli lancia uno sguardo d'odio e va via facendo un segno di minaccia, come per dire: vedrai quello che t'apparecchio, birbone!).

SCENA VII

Brasi, mastru Delfu e Gersumina.

BRASI

Vossia benedica, mastru Delfu.

MASTRU DELFU

(riponendo la carta) Salutamu, Brasi, chi nova? ...

GERSUMINA

Pozzu sparicchiari? ...

MASTRU DELFU

Sparicchia.

BRASI

Vossia mi dici 'na cosa. Quantu pussedi, vossia? ...

MASTRU DELFU

Chi vi manna, l'agenti d' 'i tassi? ..

BRASI

Non signuri, ppi sapitimi riulari quanru ci haiu a rnettiri supira un ternu, ccu la cirtizza di essiri pagatu.

MASTRU DELFU

Pirchí, 'a cirtizza di vinciri l'aviti, èveru? ... Macari deci liri, pirchíiu vi pozzu pagari megghiu d' 'a banca.

BRASI

Quann' èchissu, vossia m'arribrica 'sta jucata pp' 'u sulu ternu, ppi deci liri... (gli porge una giocata del lotto e un biglietto da dieci lire).

MASTRU DELFU

(lo squadra, dopo aver esaminata la giocata del lotto) Oh Brasi!... Vui vi jucastuu deci liri a' banca e deci liri vi jucari nni mia e su' ... vinti... Arricchistuu? ...

BRASI

Non signuri, m 'haiu vinnutu la crapa martisa ...

MASTRU DELFU

Ppi jucaravilli? …Allura ‘mpazzistuu!

BRASI

Vossia mi fa 'a jucara, e sabuturia, poi, videmu, cu' è'u pazzu e cu' èlu saviu ...

MASTRU DELFU

Giustu... (prende lo scartabello, vi scrive su i numeri due volte, stacca la figlia e la consegna a Brasi) Tiniti cca... E bona furtuna.

BRASI

Sabutu, nni parramu... Benediciti (esce).

GERSUMINA

(torna in iscena mentre M. Delfu ripone lo scartabello in un cassetto della scanzia, tra le altre carte) Perciò, mastru Delfu, l'ura di la spartenza èsunata, ppi nui, èveru?... Propriu dìcisu, ah? ..

MASTRU DELFU

Quantu voti s’ha a diri, ‘na cosa? ....

GERSUMINA

Senza pintimenti? ... Paura d’addannàrivi l'arma, non nn’aviti?…

MASTRU DELFU

L'anima mia avi trent'anni ch'èd' 'u diavulu!

GERSUMINA

E non aviti paura di nenti! ...

MASTRU DELFU

Haiu paura di fari chiacchiri ccu tia, ca si' chiú'ncutta d' 'a spina 'i Raulia!…

GERSUMINA

(si morde le labbra) Sta beni! ...

SCENA VIII

La zâ'Ntonia e detti.

'NTONIA

(entra, tutta affannata) Prestu, mastru Delfu, du' mignatti pp' 'u cappillaneddu, ca sta abbramannu comu un cani! ...

MASTRU DELFU

E non nn 'haiu ...

'NTONIA

Comu, non un'aviti? ... Chiddi d' 'i buttigghi, chi su'? …

MASTRU DELFU

Pittari, su', guardatili boni.

'NTONIA

E comu si fa?... Mancu una ci nni putiti rimidiari? ..

MASTRU DELFU

Si èppi una, purtativi a Gersumina... Chiùmignatta di chista? ! ...

GERSUMINA

(schizza odio dagli occhi).

'NTONIA

Mastru Delfu, vui schirzati? ... Viditi ca si 'u cappillaneddu mori, ‘a curpa èvostra!…

MASTRU DELFU

E si non nn'haju, mignatti, chi fazzu, 'i fabbricu? ...

'NTONIA

Ca vinitici vui e ci livati sangu di 'n 'autra manera!... Du ' cuppetti, chi sacciu... Spicciativi! ...

MASTRU DELFU

(prende i suoi ordegni e va) Jemuninni (a Gersumina) Staiu turnannu... Cincu minuti mancu... Si venunu genti a circarirni, falli aspittari (esce, seguito da 'Ntonia).

SCENA IX

Gersumina sola, poi Filippa.

GERSUMINA

(chiude la porta col lucchetto e corre presso il secretaire, che cerca invano di forzare. Piu fortunata con la scanzia, ne forza un cassetto, ne toglie le carte e trafuga lo scartabello dei numeri delle giocate, che nasconde nel seno, poi corre di làa prendere un involto con degli indumenti e torna sulla scena, con questo e uno scialle sulle spalle. Si ode bussare e corre ad aprire) Cu' è? ..

FILIPPA

Iu sugnu, Filippa Bellaquasetta.

GERSUMINA

(la fa entrare, dopo avere deposto involto e scialle su una sedia accanto la porta e dopo aver richiuso il cassetto forzato) Chi vuliti? ...

FILIPPA

Non c'è, mastru Delfu? ..

GERSUMINA

No, ora veni... Aspittàtilu, ca sta vinennu.

FILIPPA

C’èpaura sta assai? ...

GERSUMINA

Vi dicu ca è'nt' 'o vèniri... Anzi, facitimi 'u favuri di non vi moviri di cca, ca ju arrivu cca davanti e tornu... Si mastru Delfu v'avissi a dimannari, ci diciti ca jvi... (si copre con lo scialle e prende l'involto ...) a pripararicci 'u capizzu pp' 'u matrimoniu... (esce).

SCENA X

Filippa sola, poi Mastru Delfu.

FILIPPA

(piùconfusa che persuasa, resta a guardarla a bocca aperta, poi va presso la finestra per vedere di seguirla sulla via e dopo un pezzetto torna verso la scena, si fa presso la toletta e si incipria, quando rientra M. Delfo) Mastru Delfu, a vui aspittava, ppi 'na jucata ...

MASTRU DELFU

Parrati.

FILIPPA

Prima di tuttu m'aviti a smurfiari 'u fattu d' 'a monica di Linguarossa ...

MASTRU DELFU

'Nt ' 'a zâMonica, aviti statu? ..

FILIPPA

No, iu non m'haiu muvutu ...

MASTRU DELFU

E allura, di quali fattu parrati? …

FILIPPA

Comu!... Nenti sapiti?... Tuttu 'u paisi èchinu! ... 'A zâMonica avi se' jorna ca manca di 'nto so' rimitaggiu, e non si nni sapi nènova nèvecchia.

MASTRU DELFU

(stupito) Chi mi stati cuntannu? ...

FILIPPA

Ca comu!... La cercunu di tutti li lati e non la trovanu! ...

MASTRU DELFU

C'èpaura si nni ju 'o Catania? ...

FILIPPA

Chi ci avia a fari 'n Catania, idda ca non s'ha mossu mai, 'nta vint' anni? Ma chi!... E poi, ppi jri 'n Catania avia a passari ppi forza di cca... e non l'ha vistu nuddu... Non sulu, ma avissi firmatu 'a porta, e inveci fu truvata aperta, 'a capanna sutta e sùpira... e sbrizzi di sangu 'nterra ...

MASTRU DELFU

Oh, povira zâ Monica, 'a pottiru ammazzari!... Menu mali ca non pussidìa chiúnenti! ...

FILIPPA

E pirchï, a cu’l’av’a datu? ....

MASTRU DELFU

Chi sacciu, (per rimediare) a certi niputi luntani, cci 'ntisi diri, 'na vota... (resta pensoso)

FILIPPA

Ora iu mi vogghiu jucari 'i nummira. Monica, quantu sta?

MASTRU DELFU

(quasi meccanicamente) Monica di casa: tridici ...

FILIPPA

E fimmina ca scumpari? …

MASTRU DELFU

(c. s.) Novanta.

FILIPPA

E dicerottu di sangu, c'è'u ternu esattu. Facitammillu, di navi sordi, 'a missinisa (gli porge i soldi).

MASTRU DELFU

(sempre soprapensieri va presso la scansia per prendere lo scartabello, ma s'accorge subito che il cassetto èforzato e lo scartabello èstato inviolato. Indietreggia, stupito, e chiama) Gersumina!... Gersumina!…

FlLIPPA

Non c'è, ora torna.

MASTRU DELFU

Chi nni sapiti, vui? …

FILIPPA

M' 'u dissi idda stissa ...

MASTRU DELFU

E unni ju?…

FILIPPA

Mi pari ca dissi ... 'na cosa curiusa... chi sacciu …A pripararivi 'u capizzu pp' 'u matrimoniu ... 'na cosa di chissi…

MASTRU DELFU

Accussi dissi? ... (si mette le mani ai capelli).

FILIPPA

Si, d'accussì... tantu ca mi parsi ca vuleva scherzari... (si ode bussare).

SCENA XI

La Signora Forestiera, poi Mastru Paliddu e detti.

LA SIGNORA FORESTIERA

(torna, disperata, sempre col cagnolino in braccio) Senta, senta... non lo prende, sa?... Non riesco a farglielo prendere ...

MASTRU DELFU

(senza darle retta, a Filippa) E non dissi autru, ah?... Addizzau e si nni ju! ....

FILIPPA

Si, ma ora torna ...

LA SIGNORA

Ha capito, signor... ha capito?

MASTRU DELFU

(c. s.) E chi si purtau?... Chi ci vidistuu, di sutta?

FILIPPA

Aveva tanti cosi, 'nt' 'o maritali! ...

MASTRU DELFU

Ci nn'eranu carti?

FILIPPA

Chi sacciu... non ci guardai bona, ma mi pari di si...

LA SIGNORA

Signore, ma lei non mi ascolta... Ha capito? Non lo prende ...

MASTRU DELFU

(c. s. sulle spine) E di unni pigghiò?

LA SIGNORA

(scuotendolo) Questa bestiola mi muore... L'olio di lino, non lo prende per bocca... Come si fa? ..

MASTRU DELFU

Signora, la prego, 'a 'st' ura non ricevo …

LA SIGNORA

Ma almeno mi dica come fare! ...

FILIPPA

Va, 'ssa jucata, però, si potti aviri?

MASTRU DELFU

E unni si nni potti iri? ... (fa per uscire).

FILIPPA

E 'a me' jucata? Si non m' 'a faciti, turnatimi 'i novi soldi, guarda eh 'èbella chista! ...

MASTRU DELFU

Lassatimi passari!... Èchiusu, 'u jocu, è  chiusu! ...

FILIPPA

E allura turnatimi 'j dinari!... (lo prende per la mano).

LA SIGNORA

(tenendolo pel braccio) Senta... senta ...

MASTRU DELFU

(svincolandosi dalle due donne, furibondo, mette in mano a Filippa un pugno di soldi e le dice) Vui, va' jucari a 'n' autra banna o annunca jucatavilli a' scupa. (alla signora continentale) E lei, signora, se la cagnolina non lo prende per bocca ce lo ziringhi dalla parte opposta! (le lascia in asso e scappa via, ossessionato, per la comune).

Tela

ATTO III

La stessa scena del second’atto. L'indomani. Tutti i cassetti dei mobili sono aperti e vuoti, vuota èanche la scanzia, molte carte: per terra e sul tavolo: dalla parete di fondo manca il quadro dci numeri.

SCENA I

Mastru Delfu, il Delegato e la Guardia.

DELEGATO

(passeggia, in lungo e in largo per la stanza, guardando, di tanto in tanto, con aria maliziosa).

MASTRU DELFU

(se ne sta presso il tavolo, appoggiato e lo segue con gli occhi, con un sorrisetto sulle labbra, che èquello dell'uomo sicuro dei fatto suo).

LA GUARDIA

(uscendo dall’uscio di sinistra, con le braccia aperte) Nenti, signor diligatu ...

DELEGATO

E già... si capisce!... Ha avuto il tempo di bruciare, di distruggere, di trafugare... Non èvero, mastro Delfo?

MASTRU DELFU

Ca signuri, chi ci haju a rispunniri? ... Comu voli vossia... Vossia po' cridiri e po' diri zoccu ci pari e piaci ...

DELEGATO

Non fa niente, però... Siete in castagna lo stesso... Anzi, sentite: pel vostro bene, io vi consiglio di confessare e di indicarmi dove avete riposto le carte e i valori... Credete a me, il vostro diniego, non vi giova a niente... non serve che ad aggravare la vostra posizione ...

MASTRU DELFU

(dopo averlo guardato un bel po’, per lungo e per largo) Signor delegatu, 'u sapi ca vossia èun bellu tipu?... Vinni cca ccu 'u nummiru e 'u postu, cridennu di truvari cu' sa chi cosa, non truvau nenti - pirchínenti 'puteva truvari - e nni voli cuntu e ragiuni di mia? ... lu ci duvissi dari querela!…

DELEGATO

Bravo, mastro Delfo!... Mi piacete! ...

MASTRU DELFU

E vossia no, francamenti!... Bella fiura, ci sta facennu fari, donna Gersumina!... Pirchínon purtau ad idda?... D'accussìci puteva 'nsignari unni su' 'i nascondigli, unni su' sippilliti 'i tesori, unni fabbricu picciuli forsi ...

DELEGATO

Caro mastro Delfo, siete sopTa una falsa strada, state attento!... Questa ironia ve la potete risparmiare Che voi esercitate il lotto clandestino, ormai non èpiùdubbio.

MASTRU DELFU

E allura, chi ci aspetta, vossia, a fàrimi 'a contravinzioni? ..

Va, si spicciassi, e non nni parramu e chiú... Poi, i giudici, deciderannu.

DELEGATO

Contravvenzione? ... I vi arresto! ...

MASTRU DELFU

Mai!... Sbagghiu c'è!... Datu e non cuncessu ca fussi veru chiddu ca dici vossia, arrestu, ppi 'ssi cosi, nenti! ...

DELEGATO

Sicuro, per truffa! ...

MASTRU DELFU

Ca quali truffa, ehi dici, lei?... Sempri datu e non cuncessu, pìcciuli scummetti 'u jucaturi e picciuli scummetti 'u riffanti ...

DELEGATO

Già... ma le probabilitàdi vincita, per il giocatore, sono talmente irrisorie, che l'esercizio del lotto clandestino diventa una truffa ...

MASTRU DELFU

E quello del lotto non clandestino, scusi? ...

DELEGATO

(confuso) Quello lo esercita lo Stato... e 19 Stato èun 'altra cosa! ...

MASTRU DELFU

Già…‘u re non fa corna!…

DELEGATO

Insomma, dal momento che avete confessato, ditemi dove avete nascosto le vostre carte e i vostri valori ...

MASTRU DELFU

Chi fu?… Haiu confissatu? Unni?… Quannu?... Chi dici, vossia? Non haiu cunfissatu nenti!... Haiu dittu: datu e non cuncessu... D'accussi, ppi parrari, accademicamenti, e ppi farici capiri, a vossia, ca - sempri datu e non cuncessu - veni a diri ccu 'a barra - lei, arrestu, non nni putissi fari! ...

DELEGATO

... Credete di avermi data una lezione, vero? ... Eh, mio caro, ne son passati di piùmaliziosi di voi, per queste grinfe! ...

MASTRU DELFU

Nenti, signuri, ppi 'sta vota sbagghiau di pisu, di misura e di qualità... E si vossignuria ècunvintu ca po', eccu cca, m'arristassi (gli si avvicina, coi polsi in croce). M'arristassi!... Chi ci aspetta? ..

DELEGATO

(alla guardia, che si accosta quasi per eseguire). Aspettate.

MASTRU DELFU

(alla guardia) Si, aspittati, ca ancora si l'ha a riflettiri, 'u signor delegatu... Primura aviti, vui ! ...

LA GUARDIA

Lei badassi a fari il suo mistiere, che io baderebbe al mio!…

MASTRU DELFU

Oh, madonna, 'na parola, dicistuu, e nni sdirrubastuu 'n cufinu! Parrati sicilianu, ca ci faciti chiúcumparsa! ...

LA GUARDIA

(minacciosa) Abbadi, sa?

DELEGATO

(alla guardia) A posto, a posto!… (a M. Delfu) Sta bene... Dunque voi non confessate, èvero?

MASTRU DELFU

Non haiu chi cunfissari, signuri ...

DELEGATO

Non parlate, non dite dove sono i vostri valori... Quanto a questi, sappiamo dove rifarci.

MASTRU DELFU

Chissu qualura vossia mi pruvassi ca fazzu 'u riffanti ...

DELEGATO

Mastro Delfo!... Mastro Delfo!... La prova c'è!... Io non sono quel fanello che voi credete!... E per questo v'ho esortato a confessare... Ascoltatemi!

MASTRU DELFU

Ca quali prova, signor delegatu, chi daveru 'u dici, vossia?... Si lei non èfurnellu iu mancu sugnu cufuni!... Chi mi cunta?... Unni su', ssi provi? ...

DELEGATO

Ah si? Dove sono? (cava di tasca lo scartabello trafugato da Gersumina e glielo mostra) Questo èil vostro registro delle giocate, scritto tutto di vostro pugno, a madre e figlia ...

MASTRU DELFU

(che vedendo lo scartabello ha fatto un gesto di dispetto, pronto) Unni su', le figlie?

DELEGATO

Staccate ...

MASTRU DELFU

Già, staccate!... ca eranu jmenti!... (tracotante) Chistu èchiddu ca dici lei; ma iu ci dicu e sustegnu ca cca non ci su' nèmatri, nèfigghi e mancu niputi!… Chistu èun quadernu di studii di smorfia, ca fazzu iu, pirchíèsaputu di tutti ca sugnu smurfianti e cabalista, ca studiu reguli e prospetti di nummira simpatici... comu si sapi macari ca haiu tutti i libra di sogni, e nni fazzu cummerciu! La borsa d'oro, il Tesoro nascosto, la Cabala della Sibilla ...

DELEGATO

(interrompendolo) Basta, mastro Delfo, risparmiatevi il fiato... Abbiamo anche le figlie... cioè, ne abbiamo una, ma basta (toglie di tasca il listino di carta con la giocata fatta da Mastro Delfo a Brasi, e glielo fa vedere) Ecco qua!... Confrontiamolo con la madre (sfoglia lo scartabello, mentre Mostro Delfo appare visibilmente vinto e accasciato, e legge) 50,63, 33 e 69, nella madre... 50, 63, 33 e 69, nella figlia…La carta strappata combina esattamente, questo dieci, piccolo piccolo, sulla madre e sulla figlia,

èl'indicazione della posta di scommessa... dieci lire e poi... e

poi, caro mastro Delfo, c'èil giocatore, che confessa.

MASTRU DELFU

(scattando) Brasi occhi 'i crastu! ...

DELEGATO

Precisamente ! ... Volete negare ancora? ...

MASTRU DELFU

(si sente perduto e si accascia del tutto. Egli sìmette a sedere e pensa, con lo sguardo nel vuoto, alla sua disgrazia; poi, come ad un subito pensiero gli occhi gli sfavillano. Si alza, serio e con voce commossa dice) M' 'a fa vidiri un mumentu, 'a figghia, vossia?... O 'nnunca a matri, a piaciri so'... (tende la mano).

DELEGATO

(ritirando le carte e scostandosi) Fossi matto!... Non vi faccio veder nulla... Avete visto a bastanza ...

MASTRU DELFU

No, chi sapi sentiti? Disiduru sulamenti ca vossia mi fa vidiri 'ssi quattru nummira, 'n 'autra vota... Quantu m' 'i signu .

Vossia guarda, mi basta ca m' 'i ripeti vossia, iu m' 'i scrivu .

DELEGATO

Per che farne? ...

MASTRU DELFU

'Na cosa mia... Ppi favuri... (prende di tasca un pezzo di gesso bianco e si appoggia alla tavola) Vossia dici.

DELEGATO

(rilegge forte, i numeri e mastru Delfu segna sulla tavola) 50, 63, 33 e 69.

MASTRU DELFU

Grazii!… (resta con lo sguardo fisso sui numeri segnati, a farneticare),

DELEGATO

Beh! … Mastro Delfo!... Che fate? ... A che pensate?... Siete convinto, ora, che ci siete dentro con tutte le scarpe?

MASTRU DELFU

(volgendosi, con la faccia irradiata d'una strana luce) Pirchí non fa veniri a Brasi, vossia?

DELEGATO

Qui?

MASTRU DELFU

Qui! …Quannu davanti a mia susteni ca ci haiu fattu 'ssa jucata, iu mi cunsignu manu e peri e ci dugnu macari 'a cammisa ca porro di 'ncoddu.

DELEGATO

Badate!... Voi giocate troppo d'audacia!... Brasi non si smentirà... Voi aggravate sempre piùla vostra situazione.

MASTRU DELFU

Vossignuria 'u manna a chiamari... Avi 'a guardia, cca... Chi avi paura di ristari sulu ccu mia? ...

DELEGATO

Io?... Mi fate ridere! (alla guardia) Tornate da quel contadino e conducetelo qua, subito.

LA GUARDIA

Signorsì (va via).

SCENA II

Il Delegato e Mastru Delfu.

MASTRU DELFU

(osserva lungamente il delegato, lo studia, gli sorride) S'accomodi, delegatu... Di 'sta gentilezza ca ci staiu usannu, lei mi saràsempre grato.

DELEGATO

Ah, siete voi, che mi usate gentilezza? ..

MASTRU DELFU

S'accomodi... Scusi la domanda, quant'anni avi, lei?

DELEGATO

Domanda strana... Quarantacinque ...

MASTRU DELFU

Ed èancora delegatu!… Eh... carriera lenta!... Lei non saràmai commissario... moriràdelegato! ...

DELEGATO

Perché, scusate? ...

MASTRU DELFU

Ca pirchílei è... come dire?... èun poco fiacco, senza slanci, debole, monfrice, va... scusi se mi permetto ...

DELEGATO

(severo) Voi vi permettete troppo! ...

MASTRU DELFU

Non tanto, signor delegato! Va bene, lasciamo stare fa parola fiacco, che puòessere offensiva, ma lento... va; vuoto... leggero, come la pietra pomice, inconsistente, senza spirito e senza risorse, lei c'è, non po' negarlo!

DELEGATO

Oh, sapete che mi avete seccato?... Non vi consento di mancarmi di rispetto e di dirmi delle insolenze, con questa veste da scemo! ...

MASTRU DELFU

Eh, scusi, lei se lo merita, quello che le dico!... Anzi ringrazii Iddio che glielo dico io... il peggio saràquando glielo diranno i suoi superiori!... Siamo franchi, caro signor delegato, chi ci sta a fari, lei, cca? ... Che servizio è, il suo? Mi faccia il piacere! Con lei, il paese èindifeso, alla mercèdi tutti i malviventi!... Come!... Lei sa che da sette giorni manca dalla sua capanna una povera donna, la Monaca di Linguaglossa; si cerca e non si trova, nella sua casetta si riscontra lo scompiglio, si notano stille di sangue per terra... si deve trattare di un delitto, certamente, o omicidio, o sequestro di persona... un fatto tenebroso, insomma, che dovrebbe sconvolgere tutta la pubblica sicurezza della provincia! E lei, invece di farsi in quattro, per scoprire, per colpire, o che so io, invece di non dormire, nédi notte nédi giorno, per squinzagliare le sue guardie alla ricerca dei malfattori si perdi attornu a una sciocchezza comu chista nostra, ca quannu ci avissi a rinèsciri, rovina un galantuomo comu a mia, e chi ci guadagna? ... Nenti!... Io questore, io prefetto, all'ultimu, inveci di dirici bravu, comu lei spera, lo manderei alil'isola di Pantelleria, o a Lampedusa! ...

DELEGATO

Andiamo, smettetela!

MASTRU DELFU

Ora capisciu comu doppu vint'anni di carriera lei èsempri delegatu! ...

DELEGATO

Ma siete ammattito, mastro Delfo!? ...

MASTRU DELFU

(dopo breve silenzio, accostandoglisi) Senta, iu fici in modu di ristari sulu ccu lei, apposta, pirchícerti cosi, davanti alla guardia, non ce le potevo dire, per non esautorarla... Lei caro signore, è nato con la camicia! Perchétutto quello che non ha saputo fare lei l'ho fatto io… E lo sa, lei, come l'ho fatto?... Col lotto clandestino!... (il delegato sgrana gli occhi) Sissignore, con quel lotto clandestino che lei mi attribuisce come un delitto, mentre io l'ho esercitato a scopo di polizia segreta... E lei, approfittando del mio lavoro, dentro quindici giorni saràcommissario... Chi fa, mi voli fari arristari, dopo?... Mi voli denunziari? ... S'accomodi; ma lei, la monaca di Linguaglossa non la trova, unn'èsequestrata! ...

DELEGATO

(stupito) Sequestrata? ..

MASTRU DELFU

Sequestrata, sissignore!... E si non s'arriva a liberarla prestu, si trova morta!... Veni lei e mi dici; Voi esercitate il lotto clandestino, ed io vi denunzio!... E chi ci cunchiudi? E pirchínon ringrazia Iddio, invece, che esiste questa istituzione per mezzo della quale lei compiràun servizio così brillante ca nn'hannu a parrari tutti i giornali di Sicilia, lodando il suo acume e la sua prontezza? Ognuno, nel fare le indagini, si serve dei mezzi piùadatti. Per me il piùadatto era il lotto clandestino e me ne sono servito... E ho scoperto tutto,... Mi denunzi se ha il coraggio! ...

Mi denunzi, ed io risponderòai giudici!... (il delegato vorrebbe parlare, ma lui non gliene dàil tempo) Ma lei po' diri: che interesse avevi, tu, mastru Delfu, di fare tutto questo, a rischio di passare per un frodatore dello Stato?... Prima di tutto l'interesse di servire la giustizia, e di liberare il paese della gente malvagia, e poi un interesse personale che lei sapràin seguito, e che giustifica qualunque mezzo per ottenere lo scopo... Mi denunzii! Rovini tutto il mio edificio !…

DELEGATO

Ma che mi dite, che mi contate? ...

MASTRU DELl'U

La verità, signuri!... La veritàsacrosanta!... Ed io, nella mia modestia, mi terròall’ombra, facennuci fari 'na figura di Patreternu a lei sulu!... Cu' èca faràla bella figura? Lei. Chi èche saràpromosso Commissario? Lei... Chi saràfatto cavaliere ufficiale? Lei! (notando che al Delegato ridono gli occhi, confidenzialmente). Mi dica un po', chi c'èverbali, stisu, di l'interrogatoriu di Brasi? ..

DELEGATO

Si, di mio stesso pugno ...

MASTRU DELFU

Fu trasmesso?

DELEGATO

Non ancora.

MASTRU DELFU

Si strappa (fa il segno).

DELEGATO

Voi volete scherzare!…

MASTRU DELFU

No, signor Delegato, parlo sul serio. Pensi che sto facendo la sua fortuna... Così mi vorrebbe ricompensare? Si non ci fazzu truvari 'a Monica di Linguaglossa oggi stissu e si oggi stissu non ci fazzu arristari le persone che l'hanno sequestrata, vossignuria mi denunzii. Ma si ci fazzu arrinesciri 'stu serviziu!... Non dicu ca mi deve proporre per una gratificazione, ma almenu almenu mi deve stringere la mano e deve esclamare: Bravo mastro Delfo, benedetto il lotto clandestino! Vossia permetti (prende da su un mobile una candela nella bugia, l'accende e la depone sul tavolo).

DELEGATO

Che dovete farne, di questa candela?

MASTRU DELFU

Vossignuria mi lasci fare. Ho fatto tutto da me, mi lasci continuare. Anzi, le devo fare una raccomandazione: Qualunque cosa mi deve fare e mi sente dire ccu Brasi, vossignuria non faccia mossa, non dica niente, piuttosto mi secondi in tutto e per tutto.

DELEGATO

Ma che c'entra, Brasi?

MASTRU DELFU

Vossia chi nn'ha' a fari? ... Non mi domandi nulla, guardi, ascolti e approvi, sempre! Mi raccumannu, sa!... (si affaccia alla finestra e dopo un tantino dice) Eccoli!... (torna presso il Delegato e, battendogli confidenzialmente la mano sulla spalla, gli dice) 'N'amicu sugnu, signor delegatu ! ... Sono un amico! ...

SCENA III

Brasi, la Guardia e detti.

LA GUARDIA

(spingendo Brasi) Eccu il cuntadinu.

BRASI

(al delegato) Chi voli ancora, di mia?... Signor diliatu !... Non bastunu tutti li me' disgrazii, macari vossia m 'ha' a pirsicutari? ...

MASTRU DELFU

(accostandoglisi, piano, con aria di mistero) Stativi mutu, 'gnuranti.... ‘U signor delegatu, cca, ’n’amicu, è ...

BRASl

'N'amicu e m 'ha' amminazzatu di jttarimi 'ngalera? ...

MASTRU DELFU

Paroli... davanti all'autri!... Tirati! ...

BRASI

E m 'ha' livatu la sorti di la sacchetta, pigghiànnumi lu pizzinu di la jucata, di priputenza? …

MASTRU DELFU

U' pizzinu v' 'u torna, non dubitati. Vossia ci 'u facissi vidiri, signor delegatu.

DELEGATO

(piùconfuso che persuaso) Eccolo. Èquello che vi rilasciòcostui, èvero? ... Intascando le vostre dieci lire... Parlate!

MASTRU DELFU

E comu finiu, signor delegato? ... Comu ristamu? ... Ci rispunnu iu, ppi Brasi. Sissignuri, è'a jucata ca ci fici iu, riffanti, ècuntentu? ... Mi desi deci liri... E ci nni tornu vinti (mette la mano al portafogli, ne toglie due biglietti da dieci e li offre a Brasi) Pigghiati.

BRASI

(respingendoli) Va, vossia si sarva 'u cuteddu!... Névinti e mancu milli! Vossia m'aviti a turnari lu pizzinu e sabuturia nni parramu ! ...

MASTRU DELFU

Oltri!… 'U pizzinu vi saràrestituito oltre!…Èveru, signor delegato? ..

DELEGATO

Sicuro, la giocata vi saràresa, come vi ho promesso.

BRASI

Sta beni, signuri, ma dinari non nni vogghiu, anzi mi dispiaci ca non nn'haiu autri, ppi mittiraccilli sùpira ...

MASTRU DELFU

Ora cca si tratta di 'n'autra cosa, ascutatimi bonu. (fa segno al delegato e alla guardia di avvicinarsi, poi, fatto il crocchio, piano) Chistu non èchiú delegatu e chistu non èchiúguardia. La furtuna ègranni e basta ppi tutti e cu' pizzica tasta. Non c'èragiuni c'aviti a vìnciri vui sulu, ruvinannu a mia e lassannu o' signor delegatu e a 'stu galantomu (accenna alla guardia, che nella sua ignoranza crede sul serio alle parole di M. Delfu) di 'sta guardia a beccu asciuttu!

LA GUARDIA

Suno patre di famiglia, sa?

MASTRU DELFU

Ca chi voldiri!... (a Brasi) A vui vi mancanu 'i dinari ppi jucari all'ingrossu, e 'i dinari cc' 'i mittemu nui!... Vui, però, ca siti praticu, nn'aviti a ajutari ...

BRASI

E comu, signuri... Si pozzu ...

MASTRU DELFU

Autru ca putiti!... Nn'aviti a purtari 'nt'a Monica di Linguarossa, unn'èammucciata, ppi quantu l'ubrigamu, a qualunqui costu, a dàrini 'i nummira di tutti 'i roti, prima di dumani, ch'èsabutu ...

BRASI

(schermendosi) Signuri, chi mi cuntati, a mia? ... Iu chi sacciu di Monica? ..

MASTRU DELFU

Comu, non sapiti? ... Allura parti a sulu vuliti fari? ... Si fu idda, ca vi desi 'i nummira ca mi purtastivu aieri? ...

BRASI

Quannu mai? ... (fa per andarsene) Va, facitamminni jri, c'haiu chi fari! ...

MASTRU DELFU

(afferrandolo per un braccio) Comu vi nni jti, babbasunazzu ca siti?... Pirchífaciti l'indianu?... Vi dissi ca semu quattru amici!... Signor Delegatu, cci 'u dicissi vossia! ...

DELEGATO

Ma SI, caro Biagio…Fidatevi …Che diavolo!…

LA GUARDIA

Non siati zaurdo 'ncaponuto e contadino, all'uso di questi cuntrate...

DELEGATO

Zitto, voi!... (la guardia si scosta mortificato).

MASTRU DELFU

Com'èca putiti negari ca 'i nummira v' 'i desi ‘a zâMonica, si m'u dicistuu vu' stissu! ...

BRASI

Iu?... Quannu? ..

MASTRU DELFU

Ajeri! ....

BRASI

Ca mi pensu ca si sonna, vossia! ...

MASTRU DELFU

Non èveru? ... Allura, dintra 'a grutta, cu' èca parrau? ... (l'osserva e lo studia acutamente).

BRASI

(ha un moto istintivo di sorpresa) Quali grutta? ..

MASTRU DELFU

(rapido, guardandolo negli occhi) 'A grutta d' 'i palummi! ....

BRASI

(c. s.) Chi dici, vossia, iu non sacciu di grutta di palummi! ...

MASTRU DELFU

Siri ustinatu, per dio!... E non capiti ca 'u signor delegatu sapi ogni cosa.... Vi nni sta dannu na prova!…

BRASI

Unni, si 'ddu signuri 'n'ha parratu? ...

MASTRU DELFU

E non parru iu, ppi iddu? ... Ca daccussi è!... Iu parru ppi iddu e n'autra persuna parrau ppi vui ...

BRASI

(scattando) Pidda?... Si non s'ha mossu! ...

MASTRU DELFU

E chi c'era bisognu ca si muveva idda?... Si mossiru autri, ppi jri nn’idda!

BRASI

(commosso) Pidda ha dittu chistu? …

MASTRU DELFU

Chistu ed autru ...

BRASI

Per esempiu?…

MASTRU DELFU

(fissandolo) Per esempiù, 'a cosa di l'ugna ...

DELEGATO

(piano, alla guardia, che èpresso mastro Delfo) Passate di qua, voi (la guardia esegue e si mette accanto a Brasi).

BRASI

Macari chissu ci dissi? ... E unn'è, 'ssa vucca dìpila scialarata? …

MASTRU DELFU

Unni ha' a essiri? Unni 'a lassastuu? ...

BRASI

(al delegato) Non l’ha' arristatu, vossignuria? …

DELEGATO

(che lungo l'interrogatorio di M. Delfu a Brasi èpassato dalla confusione allo stupore, ora, indignato, fremente, vorrebbe metter le mani addosso a Brasi) Dunque confermate? …

MASTRU DELFU

(guardandolo con intenzione e coprendo la voce del delegato con la sua) Pirchí l'aveva a arristari? ... Non l'aviti capitu, dunca?... Rassicurativi, assittàtivi e dicitini comu facistuu a farivi dari 'i nummira sicuri... Assittàtivi!... (gli fa dolce pressione e lo fa sedere).

BRASI

(sedendo) 'Nca... doppu ca sapiti unu di tuttu, chi v'ha' diri chiú?... Non parrau Pidda?

MASTRU DELFU

Sì, ma autru èca cunta 'na fimmina scantata, autru un omu comu vui, ca èsicuru d' 'u fattu sò... Parrati.

BRASI

(si asciuga il sudore) Ca signurì, 'ma la zâMonica ci avìamu statu 'n' autri du' voti, purtannucci tuttu chiddu c'avìamu, macari la stuppa di li matarazza!... Parrava, parrava ma nummira nenti, non nni spiegava mai...

MASTRU DELFU

Si capisci'... 'I nummira vi l'avìa a dari tri ppi tri! ...

BRASI

Si suttantenni!… Comu ha fattu ccu tan't'autri, ca l'ha' a arriccutu, miatiddi !… Sabuturia passatu, iu e me' mugghierì, ccu lu scuru, nni partemu di cca, e prima di l'arba fomu a lu voscu... Senza mancu tuppuliàri, iu e Pidda, ch'èbedda pusedda, dèsimu du' spaddati e ci jttamu 'n terra la porta!... Trasemu e truvamu la monica c' avia satatu di lu lettu, tutta spavintata, e facia vuci! L'affirramu, ca si turciuniava tutta e nni sgraggiava comu fora un gattupardu - tantu ca li manu nni sanguniavunu tutti, - la 'mbavagghiamu, l'attaccamu comu a GesùCristu, nni la carri camu di 'ncoddu e la purtamu 'nta la Grutta di li Palummi.

MASTRU DELFU

(per non far compromettere il delegato, che freme di sdegno) Bravu!... Beni Brasi! ...

BRASI

(esaltato) Li nummira! - ci dissumu - e ci livamu lu bavagghiu - Li nummira!... Ma la sirpazza maligna si turcìa rutta. e non parrava.... I nummira…. nenti!…. Allura pigghiamu tanticchia di canna, ficimu 'na pocu di zippiceddi puntuti e cuminciamu a azziccaraccilli  tra l’ugna e la carni… Ahi! …Ahi! facìa la magara, ma non parrava! Finalmenti non nni potti chiú, e cantau!... Dici: vi li dugnu, ma l'aviti a jucari nni mastru Delfu lu riffanti, vasinnònon nesciunu!

MASTRU DELFU

(di scatto) Tutta santa e biniditta!... (correggendosi) Mi vuleva fari falliri!...

BRASI

E pirchissu vinni nni vui, vasinnòjucava a la sula banca... Ubrigatoriu  fu! ...

MASTRU DELFU

Benissimu... E vi desi 'i nummira tri ppi tri, ah? ..

BRASI

Sissignuri, a unu a unu, facennusilli scippari ccu la tinagghia …Prima di darini unu ci pinsava menz’ura!...

MASTRU DELFU

E vi desi? ...

BRASI

50,63,33, e 69.

MASTRU DELFU

(al delegato) Vossia mi duna 'ssi carti, quantu cunfruntu.

DELEGATO

(gli dà, senza sospetto, lo scartabello e il listino di carta con la giocata) Eccovi.

MASTRU DELFU

(esamina i numeri, al lume della candela) Esattu! (rapidamente strappa il foglio con la madre e lo mette al fuoco della candela insieme col listino).

BRASI

(allarmato) Chi faciti?

DELEGATO

(id.) Che fate? ...

MASTRU DELFU

(sventolando il foglio che brucia) Nenti, non servunu chiú... Nèa lei, signor delegatu (lo fissa con intenzione)... spero... nèa vui... Niscennu di cca nni facemu 'n'autri vinti... Iemu o' nostru, ora. Lei, signor delegatu (alla guardia) e vui ... 'nserni ccu 'stu bravissimu zu Brasi... unni m'aspittati, ppi urganizzari 'ssa spidizioni?…

BRASI

'Nca macari a la me' casa ...

MASTRU DELFU

Mai... a vostra casa damu suspettu... Megghiu 'nta l'ufficiu d' 'u signor delegatu, ca non duna all'occhiu ...

DELEGATO

Come volete (alla guardia e a Brasi) Passate avanti, voi due (fa segno alla guardia come per dire: ve lo consegno, veh), che vi raggiungo.

LA GUARDIA

(a Brasi) Passati.

BRASI

(si avvia, ma quando èsulla soglia, si ferma e, volgendosi indietro) Tantu ppi sapitini sèntiri la megghiu parti ha ad essiri la mia!…

MASTRU DELFU

Tuttu cosi vostri su', passati... (Brasi e la guardia escono).

SCENA IV

Mastru Delfu e il Delegato.

MASTRU DELFU

Dica la verità, si 'nveci di essirci iu, cca, c'era suo fratello, o so' patri, turnatu d' 'u campusantu, ci putevunu renniri un sirviziu megghiu? ... Spero che lei me ne saràgrato!… Se non lo fanno commissario dentro 15 giorni, si dimetta... Si dimetta, perchénon c'èchiú giustizia!… Mi voli denunziati ora, signor delegatu? ...

DELEGATO

(soddisfatto, ma curioso) Ma... ditemi un po', come avete fatto, a sapere? Chi vi ha informato, di tutto ciò? ..

MASTRU DELFU

(con un sorrisetto) Telegrafo senza fili!... (gli prende la mano e lo trascina presso la tavola dove ha segnato i numeri) 'Sti nummira... la mia coltura profonda della smorfia... e il lotto clandestino ...

DELEGATO

Non capisco.

MASTRU DELFU

Eccu cca. 50, significa: sequestrata, 63: grutta, 33: palummi, 69: ugna. Dunque, viene il cabalista erudito e speculante e ricostruisci: "Sugnu sequestrata, dentro la grotta dei colombi, e mi mettono l'aschi all'ugna per farmi parlare ... " Capisce, lei, ora?

DELEGATO

Straordinario)... Ma allora, tra voi e la Monaca: c'era un'intesa?

MASTRU DELFU

Perfetta!... Ed ecco che c'entra quel tale interesse personale!...

Si figuri che la sposo ...

DELEGATO

Si? …

MASTRU DELFU

Ca comu? ... Tutto stabilito!... Anzi si spicciassi a liberarla, pirchísi no m'arriva cca comu 'na cudduredda 'nt' 'o vinu cottu: tutta arrunchiata e sfatta! ...

DELEGATO

Siete un gran demonio, caro mastro Delfo.

MASTRU DELFU

Senta, lei ancora non m'ha risposto. Io, per il servizio che le ho reso, non domando niente... Ma lei chi fa, ora, mi denunzia? ..

DELEGATO

(lo guarda, gli sorride ...) Non vi denunzio... tanto piùche son certo di riprendervi in castagna da qui a una settimana ...

MASTRU DELFU

Non signuri, non c'èchiú periculu ...

DELEGATO,

Perché?... (gli tende la mano).

MASTRU DELFU

(stringendogliela) Mi ritiru!… Mi ritiro dagli affari... (inchinandosi) Signor delegato... cioé, no (con smanceria) Signor Commissario!…

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 23 volte nell' arco di un'anno