U ripostiglio

Stampa questo copione

U RIPOSTIGLIO

U  RIPOSTIGLIO

COMMEDIA IN TRE ATTI DI

GIOVANNI  GULINO

PERSONAGGI

Domenico Ursino

Commerciante

Agnese

Figlia di Domenico

Peppino Ursino

Fratello di Domenico

Tonino Marino

Ladro

Girolamo Corbello

Maresciallo dei carabinieri

Anna

Figlia del maresciallo

Saverio

Complice di Tonino

Silvana Marino

Madre di Tonino

Nuccio Bassano

Inquilino degli Ursino

    

NUM. POSIZIONE S.I.A.E.  82627

PERSONAGGI N. 9:  6 MASCHI E 3 FEMMINE

TEL. 331 5603090

DESCRIZIONE PERSONAGGI

DOMENICO: Età 45 anni. Persona emotiva ma simpatica. Di carattere

                         buono, dopo un’iniziale ostilità, si lascia convincere dalle

                         persone che lo circondano.

AGNESE:        Età 20 anni. Ragazza bella e sentimentale, molto legata

                         al padre e allo zio.

PEPPINO:      Età 50 anni. Persona esuberante, affettuosa e simpatica.

TONINO:        Età 25 anni. Anche se le circostanze non lo direbbero,

                         ragazzo buono e garbato.

GIROLAMO: Età 50 anni. Uomo dall’aspetto un po’ austero ma dal

                         carattere buono e affettuoso. Un buon amico.

ANNA:             Età 20 anni. Ragazza molto graziosa, di modi semplici

                          e accattivanti.

SAVERIO:      Età 25 anni. Caratteristiche simili all’amico Tonino, con

                          più esuberanza e faccia tosta.

SILVANA:      Età 45 anni. Donna ancora molto bella e piacente. Ha un

                          carattere molto dolce e affettuoso.

NUCCIO:        Età 55 anni. Dietro i modi educati e rigidi, si nasconde

                           un animo altezzoso, meschino e sprezzante.

BREVE TRAMA

Domenico e Agnese, di ritorno a casa, ritrovano Peppino e dopo un po’ sentono dei rumori provenienti dal ripostiglio.

Qui scoprono Tonino, un ladruncolo che dopo un’iniziale colluttazione, anche a causa della visita del maresciallo Corbello e della figlia Anna, soprattutto per le insistenze di Peppino e Agnese, non viene denunciato e invitato a rimanere in casa loro spacciandolo per un parente.

Tonino suscita l’interesse sia di Agnese che di Anna, ma lui è attratto solo da Agnese e quindi per stornare l’attenzione di Anna nei suoi confronti, chiede la collaborazione del suo amico e complice Saverio il quale per il suo carattere esuberante e schietto, non solo conquista la simpatia di tutti, ma fa di tutto per stare sempre più in casa Ursino.

La famiglia Ursino è infastidita dalle visite dell’inquilino Bassano che avanza stupide e razziste perorazioni che infastidiscono le persone che sono presenti sulla scena.

Intanto si presenta Silvana, la madre di Tonino, che ritrova suo figlio da parecchi giorni assente e l’informa che sta raggiungendo per causa di forza maggiore una sua parente in un altro paese.

Silvana, avendo conquistato per le sue fattezze fisiche e caratteriali, sia Peppino che Girolamo, viene invitata a restare in casa Ursino come ospite e, dopo una iniziale riluttanza, rimane anche per restare vicino al figlio e a questo punto anche Peppino fa di tutto per rimanere a casa del fratello per battere la concorrenza amorosa del maresciallo.

A questo punto, anche a causa della nuova disposizione degli ospiti in casa Ursino, non mancano gli equivoci e le situazioni imbarazzanti, ma dopo un po’ di trambusto tutto si appiana col fidanzamento di Tonino con Agnese, di Saverio con Anna e, purtroppo per il maresciallo, di Peppino con Silvana. Lo smascheramento dell’infido Bassano grazie a Saverio, la risoluzione degli equivoci tra il maresciallo e i due ladri e ancora una volta la porta del ripostiglio come protagonista della vicenda, chiudono la storia.
1°  ATTO

Soggiorno di casa Ursino. Entrano con i borsoni da viaggio Domenico e Agnese.

 

Domenico

Ah, finalmente a casa! Pare na vita ca sugnu fora.

Agnese

Tri ghiorna senza ripuosu, ma ora è tutto sistemato.

Domenico

Se, e puoi ca zia Milina si ci ammuvìu a mamma e stai certa ca co cunfuortu ri sa suoru s’arripigghia subitu.

Agnese

Beh, n’operazione è sempre n’operazione…U ziu, sulu o nicuoziu o sa se ha avutu problemi.

Domenico

Cui mo frati? Chidu si rilassa quannu ci siemu iu e tia, ma quannu è sulu si runa da fare.

Agnese

E che clienti è u miegghiu i tutti; che modi ca iavi, vinni ciù sai idu ca niautri rui misi assieme. U ziu è speciale, ci manca sulu na muggheri ca u frena tanticcia.

Domenico

Ri mugghieri nun ci na parrare; occasioni n’avutu, ma nun ni vole sapìre. Vah! O rizzittamu i robbi, a mamma a truvare a casa ciù ordinata ri comu a lassau. (esce Agnese)…Refrattario ai legami, ri tuttu u cumminci, ma ri chissu…(bussano. Domenico  apre ed entra Peppino.)

Peppino

Ciao Mimmo, ciurì u nicuoziu e passannu vitti a luce addumata. Comu finìu? Chi dici a ta cugnata?

Domenico

L’operazione arrinisciu. (entra Agnese)

Agnese

Ziu, come stai? A ma parratu propriu ri tia.

Peppino

Allura o sa chi va sciutu ra ucca!

Agnese

No, tu u sai ca ti vuliemu bene. Sulu nun capiemu picchì nun vuoi sapire ri spusariti.

Peppino

Picchì sugnu spertu. Figghiula, ci vole tantu a capillu?

Domenico

Chi spirtizza è? Iai cinquant’anni e si ancora schiettu; iu sugnu ciù nicu e a fare cuntu c’addivientu nannu.

Peppino

Sugnu ciù ranni e perciò ciù ghiurizziusu.

Domenico

Lassamu perdire! Quantu mettu u borsone nto ripostiglio, puoi ciù tardi u spacciu. (esce)

Peppino

A mo frati pi fallu arrabbiare basta ca ci parru accussì, ci paru nfarfalluni…(si sente un trambusto e grida di Domenico “Fermiti fitusu”. “Aspetta cà, unni vai? “) Chi sta succiriennu? (entra Domenico in colluttazione con una persona. Peppino aiuta il fratello a bloccare l’intruso. Domenico prende un corpo contundente; è in preda ad una forte agitazione e si muove per casa senza uno scopo ben preciso)

Domenico

Se ti muovi t’ammazzu…Fermo unni si, cosa lurda!...I carabinieri! Cà ci vuonu i carabinieri!Quetu bastarduni!.. U telefono! Unn’è u telefono?

Agnese

Sempre o so puostu papà.

Domenico

Ngalera a n’abbiare! Ngalera!...Nun ti movire sai! Reci anni nun ta livare nudu…I carabinieri!..Fermo farabutto!

Peppino

Mimmo chistu è tantu quetu, si tu ca ti stai mazziannu. Alluntaniti cu su vastuni prima ca fai dannu…(al giovane) Ti mollo, però stai fermo ma sa no m’arrabbiu puri iu…Mimmo calmati e vieni cà...(lo disarma e si avvicinano al ragazzo) Giovanotto, si po sapiri cu si?

Tonino

Sugnu nu latru.

Domenico

Nu latru!? E u rici accussì?

Peppino

Mimmo rissi a verità, almeno è sincero.

Domenico

Fiuriti: è sincero!! Rimmi tu na pirsuna ciusa nta nu ripostiglio, senza ca i patruna sunu intra, chi po dire: ca è cà pi legghire u cuntaturi ro gas?

Peppino

Quetu Mimmo…Allura giovanotto, partiemu ri l’inizio: rimmi cu si e picchì, cu tutti i case ca ci sunu ri svaligiare, scigghisti chida ra famiglia Ursino.

Domenico

Pi simpatia o picchì ci parsumu i ciù cretini…Peppino, chi mi ni futtu picchì scigghiu a nostra casa? Basta, ciama i carabinieri e iu u tiegnu sutta tiro.

Peppino

Nun esagerare, mancu se ravanti avissutu ncriminale. Aspetta, viriemu cu chi aviemu a chi fare…Giovanotto, stiamo aspettando tue notizie.

Tonino

Ehm…Mi ciamu Antonio Marino, pi l’amici Tonino e se u vuliti sapire, mi truovu cà pi sbagghiu…

Domenico

Ecco u sapìa! Peppino, u viri ca ni sta pigghiannu po…

Tonino

No, no, è a verità. Iu mi n’i a rubare o pianu i supra.

Agnese

Nti Nuccio Bassano?

Tonino

Nun o sacciu comu si ciama. A ura r’accianare nto muru mi vinni facile, a scinnire nun ci riniscì e mi calai nta vostra finestra. Intra mi misi a circare na corda o quarchi iautra cosa pi calarimi ri sutta. Trasì nto ripostiglio e sa schifìu ri porta si ciurìu e arristai bloccato intra.

Domenico

Eh, nun o sapieutu c’a porta è difittusa, c’a serratura è rutta e ri intra nun si po rapire!

Tonino

Circai ri sfurzalla, ri sfunnalla: nenti. E’ rinfurzata e perciò iavi ru ghiorna ca sugnu ciusu nto ripostiglio.

Peppino

E a resistutu ru ghiorna senza manciare? Comu a fattu?

Tonino

U sacciu iu sulu. Ma u problema nun è stare ru ghiorna senza manciare, sapissi chi significa ru ghiorna senza iri o bagno. Anzi…(si tiene il basso ventre) se permettete, iu approfitto…(si avvia lesto. Domenico afferra il bastone)

Domenico

Fermo, nun ti tuculiare o to rumpu nte corna.

Agnese

Papà o bagno faccillu iri, se u trattieni sa fa ncuodu.

Domenico

Aspetta…Lassa a porta a filazzeda, iu ta taliare e appena ti viru nescire ra ma inquadratura ta fazzu paiare. (Tonino esce di corsa e Domenico si posiziona in modo da sbirciarlo)…Ti staiu taliannu sai, nun fare spirtizzi… (a Peppino e Agnese) Ohu, vi stati commoviennu?…Ti viru sempre, nun fare passi falsi…Nun ti girare, talìa ravanti ma sa no a fai ri fora e puoi ni tocca pulizziare …Peppino, vistu ca nun a manciatu, u vuliemu ammitare?

Agnese

A parte ca nun ci fussi nenti ri male, papà chi nun o viri ca nun è nu delinquente? E’ scantatu, nun è pericoloso.

Peppino

Vero, è nu dilettante…E puoi a mia mi sta divintannu simpatico. Sulu ca si n’iu a rubare nti Bassano nun mi dispiace picchì l’aiu cà: nto stomicu…(entra Tonino) Come va Tonino, tutto a posto? (Tonino fa un gesto eloquente con la mano) Mo fiuru! Mo fiuru!...Tonino nun capisciu picchì unu comu a tia, ca pare nu bravu picciuottu, fa u latru.

Tonino

Iu sugnu orfano ri patri ri tantu tiempu e ma matri a fattu tuttu u possibile pi tirare avanti: si misi a travagghiare, mi fici sturiare…

Domenico

E tu pi ringrazialla ti mittisti a rubare.

Tonino

Povira fimmina ida nun sapi nenti, se sapissi c’arruobbu ca pena murissi…Duoppu ca mi diplomai ncuminciai a fare cuncursi, a circare travagghiu ma nenti. Ncuminciai a frequentare na compagnia riciemu…npoco vivace e siccome nun vulìa ciù circare sordi a ma matri, piano piano pigghiai sta strata. Vi pare ca sugnu cuntenti ri chidu ca fazzu? Appena truovu ntravagghiu qualsiasi nun i fazzu ciù certi cose. (squilla il telefono e Agnese va a rispondere)

Domenico

Capisciu a situazione, ma hai sbagliato e devi pagare. Mi rispiace, iu sugnu ligio al dovere e preciso.

Tonino

Beh, se fussi unu preciso nun avissi tinutu a porta ro ripostiglio sfasciata. Se a porta si rapìa, iu mi calava ro barcuni e viautri mancu vi n’addunauvu ca passai ri cà.

Agnese

Papà telefonau u nuostru vicino, u maresciallo. Ni vitti arrivare e ora sta viniennu cu Anna a facirini na visita.

Peppino

Mimmo nun pirdiemu tiempu, lassamulu iri ma sa no  passa nu guaio. Faciemu finta ca nun succiriu nenti.

Domenico

Stai scrizzannu? Abbiamo delle responsabilità morali. No, stapi cà e aspittamu ca veni u maresciallo.

Agnese

Lassulu iri e speriamo ca st’esperienza u fa riflettere. Se u consegni o maresciallo u rovini.

Domenico

Iu u rovino? E’ idu ca si cerca, tantu vale abbiallu ngalera picchì quannu nesci ri cà ci prova attonna fino a quannu nun o becca a polizia e nun a passa liscia.

Peppino

Invece a niautri se ni becca a finanza n’abbatti i manu!

Domenico

Chi vuoi riri?

Peppino

Quanti vote e pirsune nun ci faciemu i scontrini?

Domenico

Chi c’entra chissu? (Bussano e Peppino va ad aprire)

Agnese

U ziu ti sta riciennu ca qualchi piccatu u faciemu tutti.  (entrano il maresciallo e Anna)

Maresciallo

Buonasera. Ci siamo permessi ri facirivi na visita, picchì Anna vulìa salutare a sa amica Agnese.

Anna

Buonasera…Ciao Agnese, a ta zia come sta?

Agnese

Bene, si sta ripigghiannu.

Maresciallo

E sicuramente a signura Maria s’ammuviu cu ida. Bene! Bene!...Oh, viru c’aviti n’ospite.

Domenico

Ospite desiderato e soprattutto discreto. Unu mancu si n’adduna r’avillu intra.

Peppino

Maresciallo, ci presento un nipote ri Domenico: si ciama Tonino. (Domenico è attonito) Tonino, ti presento un nostro caro amico, maresciallo Corbello e sta graziosa ragazza è a sa figghia Anna.

Domenico

(piano a Peppino) Niputi!? Quannu divintau mo niputi?

Peppino

Ri quannu ti spusasti…Maresciallo, è niputi ra ma cugnata e si ferma cà na puocu i tiempu. E’ accussì affezionato o so ziu! Pi nun fare mpacciu, a statu nfilatu nti na nghiunida da rintra e pi nun essiri ri pisu mancu a manciatu; appena appena a ghiutu o bagno.

Agnese

(sorridente e un po’ preoccupata) Ziu, finiscila.

Maresciallo

Si viri subitu ca è nu bravu picciuottu: faccia pulita, onesta, (gesti di Domenico) un aspetto dignitoso e nto stessu tiempu un’aria sensibile, no come certi tipi ca mi costringiunu a utilizzare i braccialetti. (estrae le manette)

Domenico

( a Tonino) E mancu sa na risicare a opporre resistenza.

Maresciallo

No, ma sa no ci presento Gertrude.

Peppino

Gertrude!? Cu è Gertrude?

Maresciallo

(estrae la pistola) Chista. Ma nun cià statu mai bisuognu ri scomodalla: miegghiu fare un lavoro preventivo. Nfarabutto u ricanusciu subitu, in questo ho molto fiuto.

Peppino

(piano a Tonino) Ringrazia a Diu ca iavi i condotti ammurati, ma sa no a st’ura i braccialetti…

Anna

(in disparte ad Agnese) Agnese, u sai ca iai nu bedu cuscinu? E’ libero? Se è libero iu ci fazzu npensierino.

Agnese

Ancora nun a m’avutu modo ri parrare i chistu. Ora con calma m’informo e puoi ti fazzu sapire.

Maresciallo

Tonino – permettimi ri rariti ro tu, visto ca si accussì giovane – rimmi: chi travagghiu fai?

Tonino

Ehm…ecco...come dire…Ziu, com’è u mo travagghiu?

Domenico

E pirsune ci piace picca, nun è visto di buon occhio.

Peppino

Tonino travagghia…o tribunale…Ufficio pignoramenti.

Maresciallo

Capisco. In effetti è ntravagghiu abbastanza spiacevole, in un certo modo assumigghia o mio. Quannu i pirsuni ni virunu arrivare, si mettunu in allarme.

Peppino

Ma idu u fa cu na tale delicatezza! Quannu va a casa re pirsuni nun si fa notare, vero Tonino?

Maresciallo

Così si fa. Certi lavori per farli bene ci vuole molto tatto.

Domenico

(fa il gesto del rubare) Ah, chissu nun ci manca, iavi ntatto sviluppatissimo.

Maresciallo

A posto…Anna, chi livamu u disturbo?

Anna

Accussì presto? Ancora mancu a m’arrivatu.

Maresciallo

A ta amica a salutasti e puoi arrivau ri picca, racci u tiempu ri sistemarisi. Dai Anna, scuita a mia…Amici miei, niautri vi salutamu…Tonino, ti vuogghiu virri ancora, mi piace approfondire a ta conoscenza.

Peppino

E duocu ncuminciunu i pene!

Anna

Agnese ti saluto. (piano) Ora ca c’è u to cuscinu mi fazzu virri ciù sai, mentre tu pigghia informazioni.

Agnese

Va bene…Ciao. (escono il maresciallo e Anna)

Domenico

Peppino, chi ci mprugghiasti o maresciallo? Chi fiura faciemu se scopre i pallunate ca ci rissimu?

Peppino

Puoi viriemu, intanto nun rovinammu stu picciuottu.

Domenico

Ma ora u maresciallo u vole virri ancora, come si fa?

Agnese

U faciemu stare cà.

Peppino

Brava Agnese, si spirtuna. Pi fortuna pigghiasti ro to ziu.

Domenico

U sistemamu cà!?

Peppino

Chi c’è ri male? Almeno viriemu pi daveru chi tipu è.

Domenico

Ma unni a ma sistemare?

Agnese

Si po sistemare nta ma stanza.

Domenico

Chi si pazza?! Agnese, nun ti facìa accussì svergognata.

Agnese

Aspetta papà…Iu ricìa ri sistemallu nta ma stanza e iu ruormu cà nto divano: è comodo.

Tonino

Iu nun vuogghiu disturbare nudu, se arriestu nto divano mi ci cuccu iu…Però sintiti, è miegghiu se mi ni vaiu accussì viautri siti tranquilli e iu…

Domenico

No fitusuni, ora t’ammuovi; pi curpa to e ra ucca aperta ri mo frati ni misumu nte mpruogghi co maresciallo. Se ti ni vai, chi ci cuntamu? Se!! Prima fai chidu ca vuoi e puoi quannu aviemu bisuognu ri tia ti ni vai. A statu cà co to piaciri, ora ci stai co nuostru.

Tonino

Na scusa co maresciallo si po sempre truvare.

Peppino

Ti pare cretino? Chidu capissi subitu ca ri sutta c’è quarchi cosa…E puoi, caro Tonino, facisti simpatia ad Anna e sta mala parte a picciotta nun cià putiemu fare.

Agnese

Ziu, comu ti n’addunasti?

Peppino

Quannu si tratta ri mia sugnu confuso, ma cu l’autri ci viru ciaru. Tonino, ammoviti ca è miegghiu.

Tonino

Va bene, arriestu pi dimostrarivi ca sugnu nu bravu picciuottu e chista è l’occasione bona.

Agnese

Papà, mittiemilu a prova e viriemu come si comporta. Ora ci pigghiu l’occorrente pa notte: na cuperta, npigiama. Papà, ci ni rugnu unu to.

Peppino

Fai Agnese, fai. (piano con complicità) U viri comu cummincì to patri? (esce Agnese. Bussano e Domenico va ad aprire)

Domenico

Ancora nun m’arricugghiutu e ghià c’è a fila.

Peppino

(entra Bassano) Ecco u palluni unciatu.

Bassano

Buonasera. Signor Ursino, ho da discutere un problema condominiale di grande importanza.

Domenico

Caspita, chi succiriu? Qual’è u problema ora?

Bassano

Il problema è l’inquilina del quinto piano: la signorina Pirozzo. Già in passato ho avuto qualche remora sul suo comportamento libertino, ora però sta esagerando.

Domenico

Signor Bassano sintiemu quali su sti remore.

Bassano

La signorina Pirozzo rincasa in orari – diciamo – poco leciti e questo fa pensare a frequentazioni discutibili.

Domenico

Chi m’interessa cu frequenta e quannu rientra a signorina Pirozzo? Chi su fatti miei? Pi mia è na pirsuna a puostu: seria, educata e gentile.

Bassano

Mi lasci finire. Ho notato che in casa veste abiti succinti e molto provocanti. Le sembra decoroso?

Domenico

E chi m’importa? Lei picchì talìa chi fanu l’autri? Cu ciò rici ri fare u guardone? (entra Agnese con un pigiama e una coperta)

Bassano

Comunque propongo di farle un ammonimento ufficiale, anche perché ospita in casa una ragazza negra.

Agnese

Se, a canuscì: è infermiera in un ospizio.

Bassano

Cosa è diventato il nostro palazzo: l’ambasciata della Nigeria? Bisogna intervenire subito.

Agnese

Iu cià parratu e ci assicuru ca è na ragazza garbata. Ambasciata! Nigeria! Signor Bassano, cià finissi.

Domenico

Signor Bassano, pi mia a signorina Pirozzo po ospitare cu vole: africani, australiani, indiani, nun sunu fatti miei. Sta signorina africana è a posto: fa un lavoro onesto, è rispettosa e cordiale, perciò u riscursu è ciusu.

Bassano

Io non mi arrendo facilmente, in questa storia vado fino in fondo. Buonasera. (esce)

Peppino

Mimmo, a prossima vota ca parra accussì u pigghiu a pirati. Idu rovina a reputazione ro palazzo. Ma comu campa? Nun fa nenti ra matina a sira.

Domenico

Sa matri ci lassau quattru sordi e fa u signore finu a quannu nun si spara tutti e arresta comu o citrolo ca è.

Agnese

Nun parramu ri su presuntuoso, ora invece priparu quarcosa ri manciare e puoi ni cuccamu, picchì a iurnata a statu pisante. (esce)

Tonino

Cu avìa dire ca stasira mi cuccava cà?!

Domenico

Ringrazia Diu…e mo frati, ma sa no ti cuccautu ngalera.

Tonino

Scusate però, col vostro permesso, vulissi telefonare a ma matri pi ricirici ca nun tuornu a casa. Sicuramente è npinzieri ca nun ma vistu pi ru ghiorna. (va al telefono)

Peppino

Certo Tonino, telefona. Nun fare stare ta matri in pena; trova na scusa e tranquillizzala…Mimmo, chi ghiurnata emozionante! T’ospittautu stu finale a sorpresa?

Tonino

Pronto mamma…Se iu sugnu…Bene, e tu?...No, nun ti pigghiare pena…Mamma, a casa nun viegnu picchì mi staiu rannu da fare pi ntravagghiu…No sugnu fora pi fare ncolloquio, comunque stai tranquilla ca ti telefono e ti rugnu notizie. Forse chista è a vota bona ca mi sistemo …(gesti di Domenico) Nun ta telefonato picchì a statu ciusu…ciusu intra a sturiare…No, sugnu ospite ri amici e nun vuonu ca mi ni vaiu…Se, ma preparare pi superare i quiz, iu u puostu nun o vuogghiu arrubbare.

Domenico

Ca certo, chi è u tipu c’arrobba!?

Tonino

Mamma, stai tranquilla…Se, va bene…Ciao mamma… Come vuoi tu…Buonanotte. (riattacca)

Domenico

Certo ca i minciate i rici buoni…I quiz!...U puostu!...

Peppino

Chi ci avìa dire? Certo nun ci putìa riri a verità.

Tonino

Spero r’aviri l’occasione ri nun dire ciù minzogne a ma matri. Sapissi quantu mi dispiace! (si affaccia Agnese)

Agnese

Forza, viniti ca è pronti.

Peppino

Meno male, iaiu na fame! (si avviano in cucina) Tonino, ti fazzu a prima dumanna ro quiz: secunnu tia, duoppu manciare i piatti cu i lava?

Tonino

Io.

Peppino

Bravo, si preparato. U puostu u pigghi ri sicuru. (escono e si chiude il sipario)

F I N E  1° A T T O


2° A T T O

Stesso ambiente del 1° atto. E’ ancora buio e Tonino dorme sul divano. Entra Agnese che è andata a prendere un bicchiere d’acqua, copre meglio Tonino e mentre si avvia provoca un rumore che sveglia Tonino di soprassalto.

Tonino

Chi è ? Chi succiriu?

Agnese

Sssst! sugnu iu. Scusa se ti svegliai, ampincì nta segghia.

Tonino

Chi fai cu su bicchiere ri iacqua?

Agnese

A siti nun a pututu firmare.

Tonino

Mancu iu. I pizze cu l’acciughe ca fici Anna erunu buone ma un po’ piccanti.

Agnese

E’ na brava cuoca, miatidu cu sa spusa. Tu a siri cuntenti, cu tia Anna a statu premurosissima. S’affezionau…o mo cuscinu e u coccola.

Tonino

Se sfutti! Iu nun a fattu nenti pi illudilla; a vistu npoco interessata, ma nonostante è na brava e bella ragazza, nun m’attira…(si avvicina ad Agnese) Forse picchì…viri Agnese iu pienzu c’a picciotta ghiusta…

Agnese

(lo allontana delicatamente) Tonino nun siri precipitoso, nun cunfunnire a simpatia cu iautri sentimenti (Tonino cerca di interromperla) Tonino, rifletti con calma e…(si sente un rumore proveniente dall’interno.) Chi è stu scrusciu? U sintisti?

Tonino

Calmati Agnese, nun ti scantare.

Agnese

Veni ri dà,  ra finestra.

Tonino

(va a controllare e torna con Saverio) Disgraziato, cu ti ci porta duocu?...Ssst, Agnese nun ghittare uci…Carogna, c’è bisuognu i sautare ra finestra e fare scantare i pirsune?

Saverio

Ieri o telefono mi ricisti ri vennire subito pi rariti na mano e iu vinni. Picchì ti stai arrabbiannu?

Tonino

Stunatu, picchì sautasti ra finestra? Nun putieutu tuppuliare e trasire ra porta?

Saverio

Tonino, niautri quannu a ma trasutu ra porta? Quannu a ma tuppuliatu?

Tonino

Chi ti rissi ca c’era ri rubare? Ti rissi ri vennire picchì avìa bisuognu ri aiutu.

Saverio

Appunto. Iu t’aiutatu sulu p’arrubbare. (nota Agnese) Tonino, chi è re nuostri? Prima a putieutu fare vestire, chi c’era tutta sta prescia?

Agnese

Tonino, cu è chistu? Chi nun a ciamare i carabinieri?

Tonino

No, quali carabinieri! Stu babbu è n’amico mio anzi, per l’esattezza, è il complice dei miei misfatti. Ci telefonai, ci rissi ri vennire cà e idu si presentau a morte subbitania.

Agnese

Ah, è u picciuottu ca mi parrasti all’autra ieri?

Tonino

Se…E chista nun è re nuostri: è a patruna i casa…A proposito (gli assesta uno schiaffo) Cosa lurda, mi lassasti ru ghiorna ciusu cà e nun mi circasti: bell’amico si!

Saverio

T’aspittai nsaccu i tiempu, nun ti vitti spuntare e pinzai c’avieutu sciutu ri quarchi iautra banna. Putìa pinzare ca erutu ancora cà rintra?

Agnese

Parrati piano, vuliti risvigghiare a tutti?

Saverio

Tonino, mi spieghi picchì mi ciamasti? Chi vuoi ri mia?

Tonino

Ti ciamai pi n’aiuto ri carattere…sentimentale. A marcare na picciotta e a fare in modo r’alluntanalla ri mia.

Saverio

Mi vuoi rifilare quarchi racchiuna? Nun è ghiustu, è ciù onesto iri a rubare.

Tonino

Quali racchiuna, anzi è na beda figghia! E’ una ragazza fantastica e comportati buonu picchì è seria.

Saverio

Ma allura picchì a vuoi alluntanare se è…

Tonino

Picchì a st’ura è opportuno ca nun mi stapi truoppu vicino …e stai attento, so patri è maresciallo re carabinieri.

Saverio

Maresciallo re!?...Sienti, capisciu ca ma vuoi fare paiare, però nun mi fare corteggiare a figghia ri maresciallo.  Tanto vale ca mi costituisciu e…

Tonino

Ti staiu riciennu ca ta spusare? A tinniri luntana ri mia e basta, a siri na cosa senza impegno.

Agnese

Tonino nun è u caso di ricorrere a sti sotterfugi, Anna nun so merita. E’ na cara amica e nun mi pare delicato, forse Anna è sulu infatuata…(a Saverio) E tu stai tranquillo ca è ncompito piacevole, u sai quanti picciuotti vulissinu na fortuna i chista?

Tonino

Certo, resterai sbalordito…Ora vattinni ca so patri si sta susiennu; ciù tardi tuppulì e ti presenti come n’amico mio. Nun fare u misterioso picchì ri niautri sanu tutti cose, perciò cerca ri essire spontaneo e sincero, va bene? A prima occasione ti fazzu canuscire a picciotta. Forza, ora niesci…(Saverio si avvia verso la finestra) Unni stai iennu deficiente? (lo prende) Ri cà a nescire, ro purtuni. Picchì niesci ra finestra? Certe cattive abitudini levatilli … Rapi piano, nun fare scrusciu. Ni viriemu ciù tardi.

Saverio

Picchì, tu nun niesci cu mia?

Tonino

No iu arriestu cà, sugnu ospite ri sta famigghia. E’ na storia lonca, puoi ta cuntu.

Saverio

Va bene. Arrivederci…comu si ciama? Mo scurdai.

Tonino

Agnese. Ma chi t’importa comu si ciama ida? Tu ta concentrare sulu nti Anna…Vai, vai, forza. (esce Saverio)

Agnese

Tonino, c’è bisuognu ri sta sceneggiata?

Tonino

E’ necessaria Agnese. Puoi nta vita tanticcia ri vivacità ci vole e stai certa ca cu Saverio nun manca.

Agnese

U to amico è npoco esuberante; cu Anna stapissi buonu, ida è accussì calma e posata.

Tonino

Pienzi ca idu e Anna su assortiti buoni? Vedrai, Anna resterà colpita da Saverio. Pure idu pigghiau na brutta strata, ma nun è tintu; è ciù avvilito i mia ri fare certi cose

Agnese

Mah, speriamo…Iu vaiu a vistirimi, ghià su i sette. E dire ca ogghi è ruminica e putìa rormire ancora. (esce)

Tonino

Mi viestu pure iu…Agnese è sfuggente, quannu ci  parru ri certi cose, cancia subitu riscursu. Però nun a vuogghiu assillare, picchì è a pirsuna ca mi po canciare a vita. (entra Domenico)

Domenico

Buongiorno Tonino. Ti purtai u cafè, pigghiatillu mentre ca è cauru.

Tonino

Signor Ursino nun s’avìa disturbare, putìa vennire iu in cucina. Comunque grazie.

Domenico

Nessun disturbo, a ruminica sugnu ciù generoso…Tonino, mentri comu ti truovi nti sta casa?

Tonino

Benissimo. Siti na famigghia unita e affiatata e io mi sientu completamente a mio agio.

Domenico

Miegghiu accussì. Se st’esperienzia ti sirvìu pi riflettere e cambiare…(bussano) Chistu è mo frati, a ruminica putissi rormire fino a tardi e invece…Agnese, porta na tazza ri cafè ca s’arricugghiu u ziu. (va ad aprire) S’accomodi… se, è cà…(entra Saverio) Tonino, c’è na pirsuna ca ti cerca, rici ca è n’amicu to.

Tonino

Ti rissi ri vennire ciù tardu e tu invece…

Saverio

Unni avìa ghire? Ca fari sutta o barcuni comu ncretino? Prima o puoi m’avìa ricogghire, tanto vale fallu subitu.

Tonino

Si sempre u stesso, nun canci mai…Signor Ursino, ci presento Saverio, purtroppo mio amico.

Domenico

Picchì purtroppo? L’amici sunu di grande aiuto sia nella buona che nella cattiva sorte. (entra Agnese con il caffè)

Agnese

Buongiorno, ecco il caffè…Ma unn’è u ziu?

Domenico

Mi parìa ca era idu, invece è n’amico ri Tonino. Si ciama Saverio…Saverio, ti presento mia figlia Agnese.

Saverio

Piacere. A Tonino ci fici na sorpresa, nun m’aspittava proprio…Se permettete, visto ca purtau u cafè, macari ca nun è pi mia ne approfitto, ancora nun ma pigghiatu.

Domenico

Fai pure, fai pure! Tonino, simpatico u to amico, nun fa complimenti: è spontaneo. Iavi assai ca siti amici?

Tonino

Taliassi signor Ursino, è miegghiu ca ciù ricu subitu. Si ricorda ca ci parrai ri ncomplice ca m’aspittava nta strata quannu mi truvau cà? Ecco: u complice è idu.

Domenico

E chi vinni a fare?

Tonino

U fici vennire p’ aiutarimi nti na faccenda personale.

Domenico

Seee!? A posto e ni ni misimu n’autru intra! C’addivintau sta casa? Chi dici, mittiemu ncartiellu nto purtuni? Ci scriviemu: A.L.A. Associazione Ladri di Appartamento.

Agnese

Dai papà, nun fare accussì. Nun avi cattive intenzioni, vinni pi fare nfauri a Tonino.

Saverio

U rissi lei stesso c’amici a na siri uniti nel bene e nel male e niautri, soprattutto nto male, siemu unitissimi. Quannu si tratta ri fare dannu…vero Tonino?

Tonino

Zittiti ucca aperta, nun è u momento ri fare u spiritusu.

Domenico

Cosi re pazzi! Chistu si presenta, si pigghia u cafè…a manzuonnu – se rici – puoi manciare cà!

Saverio

U ringrazio e accetto volentieri l’invito, anche picchì i miei sunu fora città e nun aiu unni manciari. (bussano e Agnese va ad aprire)

Domenico

Picciuotti chistu è friscu! Miegghiu ca nun ci ricu nenti ciù. (entra Peppino)

Peppino

Buongiorno…Mimmo si ncustiatu macari ri ruminica?

Domenico

Vulissi virri a tia…Peppino, u sai cu è chistu? Saverio, u socio ri Tonino. Ah!! I stamu ricugghiennu tutti!

Peppino

Piacere giovanotto, finalmente ti canusciu. Tonino na parratu re to imprese; tu si specializzato nte machini, vero?...Pare nu bravu picciuottu, vero Mimmo?

Domenico

Cà ci n’è n’autru!

Agnese

Papà, pure cu Tonino facisti accussì e ora piano piano stai canciannu idea.

Domenico

Quale idea!? Cà mi cummeni canciare casa…Ma puoi, cu tutti i palazzi ca ci sunu, propriu nto miu avieutu a finire? E nun sulu vinnunu a rubare, ora pure a suppurtare.

Tonino

Fu pa porta. Se a porta avissi agghiustatu, a st’ura mancu ni canuscissimu.

Domenico

A ma casa a dire tu ca fare agghiustare? (bussano)

Agnese

Ssst, nun vi sciarriati. (va ad aprire) C’è ntraficu ogghi! Meno male ca è festa e unu s’avissi a ripusare.

Peppino

Saverio fammi cumpagnia da rintra mentre mi priparu u cafè, se nun ci pienzu iu arriestu senza. Vieni, accussì ni canusciemu miegghiu.

Saverio

Con piacere. Iu ghià mo pigghiai, ma n’autru muccuniedu pi facirici cumpagnia…(esce con Peppino. Entrano il maresciallo e Anna)

Maresciallo

Buongiorno signor Ursino. Ciao Tonino, come va?

Domenico

Beh, pi essire ruminica nun c’è male: relax assoluto.

Maresciallo

Bene! Bene!...Ma cu c’è da rintra?

Agnese

U mo ziu Peppino.

Maresciallo

E chi parra sulu? Nun è ca si sta esauriennu?

Domenico

Ca quali esaurimento! Sta parrannu cu n’amico ri Tonino,  si stanu pigghiannu u cafè. Iemu da rintra e nu pigghiamu pure niautri.

Maresciallo

Andate! Andate! Iu mo pigghiai a casa.

Anna

Io accetto volentieri. Agnese, mi fai compagnia?

Agnese

Certo. Amuninni papà…Tonino…(si avviano)

Maresciallo

Tonino, puoi ristare nminutu quantu ti ricu na cosa?

Tonino

Certo maresciallo, a disposizione. (escono Anna, Agnese e Domenico)

Maresciallo

(con fare complice) Rimmi Tonino, stu to amico è chidu ca mi parrasti all’autra vota?

Tonino

All’autra vota?!

Maresciallo

T’arrivuordi? U fimminaru, chidu ca nun ci ni scappa una.

Tonino

Ah!!…Se idu è: Saverio…Picchì u vole sapire?

Maresciallo

Accussì, pi curiosità. U vuogghiu canuscire. Fallu vennire cu na scusa, ci vuogghiu parrare a sulu.

Tonino

Va bene, senza ca l’autri mi virunu ci fazzu segnale e u fazzu vennire. (esce)

Maresciallo

Vuogghiu sapire comu fa, quarchi metodo l’aviri. Sugnu vedovo e ancora nun sugnu ri ittare, se mi runa quarchi suggerimento…(entra Saverio)

Saverio

(piano) Ecco u maresciallo, o sa comu finisce.

Maresciallo

(piano) Cà c’è u latin lover!…(si avvicina) Giovanotto vieni cà, vieni cà, ti vuogghiu fare quarchi dumanna.

Saverio

(piano) Ci siemu! Macari ca sugnu nu latru ri polli, chistu nun ci passa i supra.

Maresciallo

Avanti, nun arrussicare! Come, unu intraprendente comu a tia s’affrunta…(lo prende a braccetto) Se sapissitu: Tonino ma cuntatu certe cose ri tia!

Saverio

Beh a vote esagera, nun sugnu puoi accussì pericoloso.

Maresciallo

Tutti accussì riciti. Ti ciami Saverio, chiustu?…Si viri ca si npicciuottu sveglio…unu ca ci sa fare.

Saverio

Modestamente. Però nun mi piace vantarimi ri certe cose.

Maresciallo

E’ una modestia che ti gratifica, il riserbo nta sti casi è d’obbligo…Saverio, a ta prima avventura unni l’avisti?

Saverio

Nta na machina, e sapissi comu mi vinni scomitu!

Maresciallo

L’inesperienza certi vote…

Saverio

Macari chissa. E puoi a machina era accianata supra a banchina e mi vinìa male.

Maresciallo

C’era a pinnienzia e perciò…

Saverio

Ma i pene i vitti sulu all’inizio, puoi fu facile: anfilai…

Maresciallo

Lassa perdire i particolari! Lassa perdire!

Saverio

Ida all’inizio nun ni vulìa sapire, ma puoi avìa virri.

Maresciallo

Certo pigghiata accussì, senza…

Saverio

Ancora era frida, ma abbastarru quattru cuorpi ri…

Maresciallo

Ni capiemmu! Ni capiemmu!...Ssst, ni puonu sentiri da rientra…

Saverio

Ghià u sanu, Tonino ci cuntau tutti cose.

Maresciallo

See!? Nun ci parsi bruttu ravanti a l’autri? Nun sunu cose ca…Ma rimmi, tu u facieutu accussì…con scioltezza?

Saverio

No mi scantava, qualcunu mi putìa virri e perciò nun era rilassato: sapissi comu trimava.

Maresciallo

Tu!? Penza com’era ida!

Saverio

Tanta beda. Già avìa cauriatu e si muvìa benissimo.

Maresciallo

A facci!! Era disinvolta! Acciù nun era in rodaggio.

Saverio

Quali rodaggio, n’avìa fattu strata!…Maresciallo, ora però mi mettu a testa a puostu e giuro ca sti cose nun i fazzu ciù.

Maresciallo

E picchì? Saverio – ncunfirenza – ti ricu ca u facissi puri iu, macari ca nun sugnu tanto giovane.

Saverio

Sta parrannu seriamente? Come, ca divisa ca porta!?

Maresciallo

U sacciu, in divisa mi ricanuscissinu subito, ma in abiti borghesi…Puoi nun o facissi unni capita, ti pare ca u facissi a via Roma? Nta npuostu e larghi cu ma virri?

Saverio

Iu a secunna vota u fici o corso Italia.

Maresciallo

C’ammancaunu puosti? Nun putisti arregghiri!!

Saverio

A tentazione fu forte e nun sappi resistere. Chi era bella! Slanciata, ru fiancate ca…(entrano Peppino e Domenico)

Peppino

Allora, state approfondendo la vostra conoscenza? Vi viru ncarmati nta riscussione.

Saverio

Vero e sugnu sorpreso, nun pinzava ca u maresciallo fussi di larghe vedute e…

Domenico

E’ ca n’immaginamo i carabinieri tutti ri npiezzu e invece …Non a caso co maresciallo Corbello ci lega na stima reciproca e Anna e Agnese sunu grandi amiche.

Maresciallo

Pure iu sugnu lusingato ri st’amicizia e vi assicuro…

Saverio

Basta, ma sa no ni commoviemu. Invece pi festeggiare questa grande amicizia, a manzuonnu manciamu tutti cà e faciemu na bella comitiva. Nun è na bella idea?

Domenico

Chistu ca robba i l’autri fa chidu ca vole, iavi na delicatezza!

Peppino

Ottima idea e sugnu sicuro ca e picciuotti ci piace macari. Saverio, o mettili al corrente ra novità. (esce Saverio)

Maresciallo

Signor Ursino mi complimento cu lei, iavi un niputi a puostu e u so amico è simpatico pi davero. Fussunu tutti accussì i picciuotti…

Domenico

(piano) I pirsuni nun truvassunu mancu a casa.

Maresciallo

A proposito: ancarmammu nta riscussione e nun ci dumannai chi travagghiu fa.

Domenico

U stesso travagghiu ri Tonino.

Peppino

Ehm…se, travagghiunu nto stesso ufficio.

Domenico

E a virri come su affiatati nto travagghiu: cu si pigghia na cosa, cu si ni pigghia n’autra; nun lassunu nenti. (bussano e Domenico va ad aprire)

Maresciallo

Perfetto! Bisogna lavorare con scrupolo, dico bene signor Ursino?

Peppino

Ah, quantu a scrupoli!…(entra Bassano) E arrovinau a iurnata!...Signor Bassano ci sunu iautri petizioni?

Bassano

No, ho portato l’importo delle spese condominiali. Comunque riguardo la signorina Pirozzo tengo la situazione sotto controllo e alla prima occasione…

Maresciallo

E lei che diritto iavi ri tenniri sutta controllo a signorina Pirozzo?

Bassano

Con cautela maresciallo. Lei lo sa meglio di me: se non si fa opera di bonifica nella società, tutto andrà allo sfascio.

Maresciallo

Stu travagghiu u facissi fare a mia…Chi vole bonificare nta signorina Pirozzo ca “bonificata” – in tutti i sensi – c’è gia?

Bassano

Non vede quello che succede intorno a noi? Non manca più niente: negri, omosessuali, prostitute e delinquenti. Io come cittadino sono indignato.

Maresciallo

Nun sunu chisti i pirsune pericolose, i peggio su chidi ca nun ci parunu. Na vistu cosiddette brave persone essire delinquenti ra peggiore specie.

Domenico

A ricevuta a purtau, se nun c’è iautru…A ma casa ci sunu ospiti e aviemu chi fare.

Bassano

Vado, ma resto della mia idea. (esce)

Peppino

Nun o suppuortu! Addiventa sempre ciù antipatico.

Maresciallo

Sti pirsune sa na cumpatire…(bussano. Peppino va ad aprire) Quantu sientu i riscursi re picciuotti; mi piace sintilli, mi fanu sentire giovane. (esce)

Domenico

A mia mi fanu innervosire. Miatidu cu i capisci!

Peppino

S’accomodi signora…(entra Silvana) Di qua prego…

Silvana

Grazie e scusate il disturbo. Iu sugnu Silvana Marino, a mamma ri Tonino.

Domenico

Se!!??  Sono lusingato ri fare a so conoscenza.

Peppino

Molto lieto signora. Tonino iavi na matri ancora giovane e – mi lassassi riri – bella veramente.

Silvana

La ringrazio del complimento. In effetti mi spusai giovane e Tonino l’appi subito.

Domenico

A sa visita ni fa tanto piaciri. S’assittassi …cà…ecco.

Silvana

Sappi ca Tonino è cà e vinni pi virillu. Ma picchì nun a vinutu a casa?

Domenico

Se cà è, ora u ciamu…Ehm, nun a vinutu a casa picchì… u sapi com’è…(piano) Peppino tu t’ammischi sempre, rilla quarchi cosa…Aiutami.

Peppino

Se…Effettivamente Tonino a ma tinutu occupato, picchì virissi…niautri…aviemu intenzione ri pigghiallu nto nicuoziu…A st’ura come magazziniere, puoi in seguito…

Domenico

Se, sta faciennu nperiodo ri prova. Sicuramente ci vole fare na sorpresa e nun cià dittu nenti.

Peppino

A statu ciusu intra senza nesciri, a ma tinutu sequestrato... Ma a lei signura, cu ciò rissi ca Tonino è cà?

Silvana

Ieri ancuntrai Saverio. Saverio è n’amico ri Tonino e…

Domenico

U canusciemu! U canusciemu! Anzi, per una fatale coincidenza, macari idu è cà. (si avvia) Ora i ciamu e accussì avrà u piaciri ri virri Tonino. (esce)

Silvana

Fussi a vota bona ca si sistemassi! Sa ratu tanto da fare, ma nun a statu fortunato.

Peppino

Tonino è in gamba e prima o poi troverà la strada giusta.

Silvana

Speriamo! Tonino e Saverio su ru bravi picciuotti, però ma na rittu ca nall’ultimi tiempi frequentano pirsune poco raccomandabili. (entrano Domenico, Tonino e Saverio)

Domenico

Ecco qua la pecorella smarrita.

Tonino

Mamma, come mai si cà?...Come stai?

Silvana

Bene Tonino, e tu?

Peppino

(piano a Domenico) Mimmo, se veni u maresciallo i cose si complicano.

Domenico

Nun ti preoccupare, ad Agnese ci raccumannai ri trattinillu quantu ciù tiempu e tu sai c’Agnese, quannu si ci mette, teni banco.

Silvana

Tonino picchì nun mi ricisti ca erutu cà? Chi ti pari ca…

Peppino

Signura ciò rissi, ci vulìa fare na sorpresa. Vero Tonino c’a ta matri ci avissitu rittu ca ti stamu assumiennu come magazziniere, picchì siemu soddisfatti ro periodo ri prova ca facisti?

Tonino

(frastornato) U periodo ri prova!?...Magazziniere?!!..

Domenico

Avanti nun fare u modesto, u sai c’a travagghiatu buonu e siemu cuntenti ri tia.

Saverio

Bravo Tonino, cià facisti. E sugnu sicuru c’a prova a superai macari iu, però i signori Ursino nun si vuonu sbuttunare…Curagghiu Tonino, ca ni sistemammu!

Domenico

Chi sistemasti tu? Chi c’entri tu? Ohu, ma chistu iavi na facci ri bu…!

Peppino

Quetu Mimmo, u sai ca Saverio è un po’…esuberante.

Domenico

Esub…Ma è proprio stimiratu! Menza occasione nun cià dare, nun sa fa scappare.

Peppino

Beh, forse avi ragghiuni. Nta nostra vita opere ri bene nun a ma fattu mancu una, faciemini rui tutti nta na vota e ni luvamu u pinzieri.

Domenico

Chi siemu l’ufficio ri collocamento? Unni u mittiemu?

Saverio

Signor Ursino, cu rui comu a niautri faciti n’affare, a virri l’azienda chi sviluppo ca fa…A Tonino u mittiti o magazzino, a mia unni mi sistemate?

Domenico

A cassa no ri sicuro: tu n’accappuotti.

Peppino

A cassa c’è già Agnese, comunque viriemu…Invece ma ta fare nfauri…macari lei signura. Da rintra c’è u maresciallo Corbello ca sa figghia, nun ci riciti nenti ri stu travagghiu. Se si parra ri travagghiu canciamu riscursu.

Domenico

Un’ultima cortesia signura: a cosa ncuminciau pi ghiuocu, ma visto ca Tonino mi ciama ziu e mi runa ro tu, ci rispiace se u fa pure lei? Mi ciamassi Mimmo e, se nun ci rispiace, iu a ciamu Silvana.

Silvana

(perplessa) Beh…è strano stu fattu ro ziu…nun capisciu.

Peppino

Signura nenti ri particolare, a cosa ncuminciau pi scriezzu e ci pigghiammu gusto.

Silvana

Boh!! Comu vuliti! A fine nun ci viru nenti ri male…Va bene, mi puoi ciamare Silvana…e continuamu a ghiucare.

Peppino

Brava, si viri ca lei è na signura ri spirito…Mimmo, o libera Agnese c’astura, ri quantu a parratu, a lingua l’aviri fina comu a carta velina. (Domenico va in cucina)

Silvana

Signor Ursino, sapissi come sugnu cuntenta ca Tonino si sta sistemannu! Tonino, ti luvarru u piaciri ra sorpresa? Nenti ci fa, è u stesso na bella notizia.

Tonino

U sacciu. Sulu c’ancora nun riniesciu a rendirimi cuntu…

Saverio

Ma come, se ta fattu nmazzu tantu!?…Mi scusi signura. (entrano Domenico, il maresciallo, Agnese e Anna)

Domenico

Maresciallo, ci presento a signura Silvana Marino, mamma di Tonino. Nun è na signura bella e affascinante?

Maresciallo

Certamente!…Permette?: maresciallo Girolamo Corbello, affezionato amico della famiglia Ursino. Complimenti signora, veramente complimenti.

Silvana

Grazie maresciallo, lei è molto galante.

Domenico

Silvana ti presento Anna, a figghia ro maresciallo e cà c’è Agnese…a ta niputi. (piano ad Agnese) Abbrazziti a zia, curri. A capiri subitu comu funzionano i parentele.

Agnese

(di slancio) Ciao zia, quant’avi ca nun ti viru! Come stai?

Silvana

(attonita) Bene, e tu?

Domenico

Silvana, si sorpresa? U viri Agnese comu a canciatu?

Peppino

Si fici na beda figghia, vero? Fortuna c’assumigghia a mia, se assumigghiassi a so patri fussi na racchiuna.

Agnese

Nun ci fare caso zia…Ziu, meno male c’assumigghiu a mamma; tu e u papà misi assieme nun faciti na facci decente.

Saverio

Signura, a viri chi famigghia simpatica? Pi chissu mi piace. (cinge la vita di Anna) Cara Anna, nghiuornu mi piacissi aviri na famigghia accussì e ti confesso…(il maresciallo prontamente si apparta con Saverio mentre Silvana discute con Domenico e Peppino)

Maresciallo

Saverio, Anna nun sulu è in rodaggio, ma cià na fare ancora u primo tagliando perciò, se iai quarchi idea nta testa, levatilla…Ah, se per caso t’avissi a virri cu Anna intra na machina – ca è u to campo ri battaglia – pigghiu a patente, u libretto ri circolazione, u fuogghiu matricolare e u disco orario e ti fazzu agghiuttire…

Peppino

Maresciallo, intervenissi lei. Invitammu a signura Silvana a pranzo: ida è riluttante, a cummincissi lei.

Maresciallo

Signora, non ci può fare questo torto. Se nun accetta si perde na tavolata speciale e nun po gustare le specialità gastronomiche ri Agnese e Anna.

Saverio

…e mie. A ta sapire ca nudu è bravo comu a mia co munnare patate, cipudi, munizzare lattuchi…e visto ca ogghi è na iurnata speciale, (a Domenico) u signor Ursino accatta na bella guantiera ri cannola e ni manciamu.

Domenico

Se chistu si ni va ci fazzu u guardaroba nuovo, almeno mi costa ciù picca.

Silvana

Vi ringrazio di cuore però iu vinni, oltre ca pi virillu, pi dire a Tonino c’a casa nun mi ci trova picchì arrivarru i mastri pi certi travagghi e allura, pi nun stare a mienzu o schifìu, na puocu ri iorna vaiu nta ma cuscina Elena. Macari ca ci sunu rurici chilometri ri distanza, po vennire a truvarimi quannu vole, almeno ni viriemu e…

Agnese

Zia allura fermiti cà, picchì a ghiri fora città? Cunzamu n’autru liettu nta ma stanza, u largu c’è.

Silvana

No, ci mancassi iautru!

Peppino

Agnese iappi na bella idea...Ah! Ah! Signura nun facissi accussì, ne approfitti pi stare vicina a Tonino. Visto ca si lamenta ca u viri picca, chi c’è occasione miegghiu ri chista?...Agnese penzaci tu, fatti rari na mano ri Tonino a nescire a riti ro ripostiglio…Tonino, tu u ripostiglio u canusci buonu e sai come fare.

Anna

Signora, u viri con quale facilità a famigghia Ursino risolve i problemi?

Saverio

Se, con facilità. Anzi iu avìa pinzatu…

Domenico

Tu zittiti e nun parrare. Prima ca niesci cu n’autra sparata, sappi ca qualunque cosa proponi nun ci nesci nenti. Anzi, dato ca si bravo, vattinni da rintra e ncumincia a munnare patate accussì ti stravì u pinzieri.

Saverio

Con piacere! Se permettete i patate i priparu iu, sacciu na ricetta meravigliosa. Anna rammi na mano, accussì ti fazzu virri i mo capacità operative.

Anna

Volentieri. Ma vuogghiu mparare sta ricetta.

Maresciallo

Quali su l’ingredienti ra ricetta?

Saverio

Ah!...Burro, rosmarino e peperoncino. U peperoncino ci vole maresciallo: è afrodisiaco. Puoi ci vole…

Maresciallo

Lassa stare Anna, t’aiutu iu. Come si operativo fallu virri a mia.

Peppino

Sapiti chi faciemu? Iemici tutti in cucina, accussì cucinannu, parrannu e scrizzannu, u tiempu passa miegghiu. Avanti…Signora prego. Forza picciuotti, rimboccamini i manichi. Mimmo, tu accatta i cannola… Maresciallo, lei si mittissi vicino e fornelli picchì è l’unico in grado di arrestare…la cottura. Vi piacìu chista? Mi vinni accussì: a lampu. (escono. Per qualche secondo si oscura la scena per evidenziare il trascorrere del tempo. Si riaccende: è sera. Rientrano i personaggi di prima)

Maresciallo

Passammu npomeriggio veramente divertente e u pranzo vinni squisito.

Saverio

Maresciallo, u vitti come mi scatenai in cucina?

Anna

Bravo Saverio, però i patate ni carierru pisantulidi.

Tonino

O sa c’ammiscau! Tri famigghi iai nta cuscienzia.

Silvana

Non t’avvilire Saverio, se curriegghi qualche imperfezione sarai ncuoco perfetto.

Saverio

Unni potti sbagghiari?

Domenico

U primu sbagghiu u facisti quannu trasisti nta cucina: mittisti nu schifìu!

Saverio

Puoi arrizzittai, chi vole?

Maresciallo

Si fici tardi e ora, a malincuore, ni na ma ghire. Vi ringrazio di tutto…Signora, mi dispiace lasciare la sua deliziosa compagnia.

Anna

Grazie pa bella iurnata passata assieme.

Peppino

Ci ni saranno ancora tanti iautri.

Saverio

Siccome mi ni staiu iennu pure iu, vi fazzu cumpagnia.

Anna

Se, accussì t’amparu qualche segreto ra cucina…Ciao Agnese. Buonanotte a tutti. (escono il maresciallo, Saverio e Anna)

Agnese

Bella iurnata, anche se npoco movimentata.

Silvana

Scusate, ora ca u maresciallo si n’iu va parrare, picchì ma livare npisu: nun è ca stu iuocu ro ziu…ra zia…è poco onesto? Tonino, rimmi a verità.

Tonino

No mamma, nun c’è nenti ri…

Silvana

Nun è ca stamu pigghiannu in giro o peggio, stamu ingannannu qualcuno? Se è accussì iu nun ci staiu.

Peppino

No signura, nenti ri disonesto. Ci assicuro ca tutto è fatto in buona fede, senza tornaconto personale.

Tonino

Mamma nun stare npenzieri, hai a chi fare cu bravissime pirsune, i miegghiu c’a ma canusciutu.

Silvana

Va bene, se m’assicurati chistu nun aiu iautri obiezioni.

Peppino

Niente di illecito, tutto per il bene del prossimo.

Domenico

Se, addivintammu missionari ora!

Agnese

Zia Silvana – acciù m’abbituai a ciamariti accussì – stai tranquilla. Invece chi ni pienzi se ni organizzamu pa notte? Ora ti fazzu virri chi vinni simpatica a stanzetta.

Silvana

Agnese, iu ancora fazzu a tiempu a ghiri nta ma cuscina e nun disturbare nudu.

Agnese

Quale disturbo!? Anzi!...Tonino accompagnaci…Vieni zia Silvana.

Silvana

U sai? Mi sientu ciù rilassata ca mi runi ro tu.

Agnese

Pure iu e puoi si ancora accussì giovane ca fussi strano rariti ro lei. (escono Tonino, Silvana e Agnese)

Peppino

Certo rativi ro tu, ncuminciati ad abbituarivi, cu sapi chi riserva l’avvenire?

Domenico

Chi vuoi riri ca s’abituare a darici ro tu?

Peppino

Ancora nun a caputu ca tra Agnese e Tonino c’è…na spiccata simpatia? Agnese po addivintari nora ri Silvana.

Domenico

Chista è bella, acciù nun aviemu chi virri! Partìu comu latru, puoi addivintau ospite e a fine m’avissi a vennire enniru? Peppino, ca succerri ancora nti sta casa?

Peppino

Ca succerri? Ora to ricu subitu: Mimmo, ri stasira macari iu ruormu cà.

Domenico

Nun è u momento ri scrizzare, ci mancassi macari chista.

Peppino

Mimmuzzu, iu ma istallare cà. A tennire sutta uocciu Silvana, cià stari vicinu.

Domenico

Ma chi motivo c’è?

Peppino

Silvana mi piace. Mi fulminau, è a prima fimmina ca mi fa st’effetto. Mimmo, ri cà nun mi muovu.

Domenico

A puoi conquistare macari rurmiennu a ta casa, pi forza a stari cà? Picchì a tennire sutta uocciu?

Peppino

Ohu, tu pi capire na cosa ci ni metti tiempu! A vistu ca macari u maresciallo è interessato a Silvana? Chidu tuostu è, non molla: è galante, gentile, è n’uomminu piacente e se a chistu ci iunciemu u fascino ra divisa, pi mia chi spranza c’è? No, no, iu a recuperare tirrinu: mi ciantu cà e mettu fora tuttu u mo repertorio. Mimmo a rittu sempre ca m’accasare, ora ca c’è a possibilità nun m’aiuti?

Domenico

No pi nun t’aiutare, ma unni ti sistemo? A casa è chida ca è.

Peppino

Maria nun c’è, ruormu nto liettu matrimoniale cu tia.

Domenico

Scordatillu! Iu ti canusciu, nto suonnu si npazzu: ti vuoti, ti svuoti, parri, runi cauci e puoi Peppino, quannu ti metti a runfare si nu spavientu. No, iu passassi i notti in bianco.

Peppino

Va bene, ruormu nto divano cu Tonino, accussì nun ti disturbo.

Domenico

Comu va t’arruminare rui nta nu divano? E puoi chi scusa  truvamu pi rormiri cà?

Peppino

Na ma mprugghiatu tanti minciate ca una ciù una meno ...Ssst, stanu turnannu. (si butta sul divano) Mimmo, fallu buonu u cumpare. (entrano Agnese, Silvana e Tonino)

Silvana

No Agnese, chi dici? Miegghiu nun mi putìa sistemare.

Domenico

Peppino tranquillo, ora ti rugnu na pinnila e ti passa.

Agnese

Papà chi è? Chi avi u ziu?

Domenico

Ci ncarmau nforte ruluri i testa e iavi brusciuri i stomicu.

Tonino

I patate ri Saverio ghià ficiunu effetto.

Domenico

No, idu cià suffrutu sempre; ci ncumincia accussì, puoi ci acciana a pressione e ci furrìa a testa.

Agnese

Papà, nun po ghire a sa casa nta sti condizioni. E’ sulu e si po sentire ciù male.

Peppino

Agnese nenti è, su cose passeggere.

Silvana

Agnese iavi ragghiuni, miegghiu nun ristare sulu.

Domenico

Ta rittu ri faciriti controllare, tu ci scriezzi ca salute. Sti brusciuri i stomicu po essiri l’ulcira.

Agnese

Ziu, iu nun a saputu mai ca iai sti malesseri.

Domenico

E’ pi nun vi fare allarmare, però ora a ma provvedere. Sti cauranedi ca ti vienunu po essire ca u cori nun ti funziona buonu. Tu quarchi scantu ni fai pigghiare.

Peppino

(piano a Domenico) Mimmo vacci liegghiu: ulcira, malatu i cori! Silvana po pinzare ca sugnu ri ittari. Stamu organizzannu nfidanzamento, no nfunerale. Piano!

Agnese

Ziu, tu nun ti muovi. Se prima nun ti rimetti stai cà.

Peppino

Agnese nenti è, scuita a mia.

Tonino

Signor Ursino, certi cose nun si sottovalutano. Mamma cuntaccillu ro ragioniere c’abitava nfacci i niautri: suffrìa ri disturbi simili e na matina u truvarru tisu tisu nto liettu. (gesti eloquenti di Peppino)

Domenico

Peppino basta, è deciso: t’arriesti cà.

Peppino

Ma unni a rormire? Lassa perdire, mi ni vaiu a casa.

Agnese

Comu unni a rormire? A mamma nun c’è, puoi rormire nto liettu matrimoniale co papà.

Domenico

(piano a Peppino) Attento a chidu ca rici, nun fare screzza.

Peppino

Nto liettu matrimoniale!? Nta sa matarazza accussì dura? Mi vuoi fare susire tuttu ammaccatu?..Stu divano fussi buonu: è bello, morbido, cà si c’arripusassi!

Domenico

Beh, però ci rorme Tonino e…

Silvana

E allura? E’ largu e ci puonu rormire tutti rui.

Peppino

Ma picchì a ta disturbare Tonino?..

Tonino

Quali disturbo! Duoppu chidu c’a fattu pi mia è u minimo ca puozzu fare pi ricambiare. Signor Ursino, po rormire tranquillamente nto divano cu mia anzi, se a notte iavi bisuognu ri quarchi cosa, mi po ciamare quannu vole.

Agnese

Vistu ziu? E’ tutto sistemato. Avanti tantu bidduzzu, nun fare u difficile. Vi mittiti unu a testa e l’autru e pieri.

Domenico

A mamma quannu telefonau vulìa sapire se tutti rui suli n’annoiaumu; se virissi u movimento ca c’è ca rintra, iautru c’annoiarisi! Agnese, o ziu pigghici npigiama miu; i mo pigiama stanu aviennu nsuccesso!… Ora cuccamini, ancora susuti puonu capitare iautri imprevisti.

Silvana

Se, iu vaiu a dormiri…Riposi bene signor Ursino, lei iavi na tempra forte e perciò s’arripigghia subitu. (esce )

Agnese

Ziu ti pigghiu u pigiama e mi cuccu pure iu. (esce )

Tonino

Iu vaiu o bagnu e puoi ni sistemamu pa notte. (esce)

Peppino

(guarda attorno) Mimmuzzu fatta è! U cuorpu arrinisciu! Certo tu esagerasti, iu a salute l’aiu tanta beda, però quannu talìu Silvana a pressione m’acciana pi davero… Chi recita ah!? U maresciallo sti cosi nun i fa: sono contro il regolamento. (entra Agnese)

Agnese

Ziu, ti purtai u pigiama…Ma chi fai additta? Cucchiti ma sa no ti sienti attonna male.

Peppino

Quali male niputeda mia!...Ad Agnese ciò riciemu, accussì se serve na mano na runa. Però non ti tradire.

Agnese

Ma chi sta riciennu? Matri santa, u ziu ghià delira! (Peppino incomincia a svestirsi)

Domenico

Quale delirio, u ziu è tantu bedu!…Agnese, a salute nun c’entra, ficimu sta commedia picchì u ziu s’ammoviri cà.

Agnese

Ma picchì?

Domenico

Ssst, ca ni sientunu!

Peppino

E addio corteggiamento...Agnese, to ricu nta ru parole: mi piace a mamma ri Tonino, appena a vitti, chi sacciu?… Comunque iu a conquistare e ci vuogghiu stare o cantu.

Agnese

Ziu, vuoi riri ca…

Peppino

…forse arrivau u iuornu macari pi mia. Agnese a ma collaborare tutti picchì a concorrenza è forte. U notasti comu sa ratu da fare u maresciallo? Iavi i so ragghiuni: è vedovo e si voli sistemare puri idu. Ma iu chi ci puozzu fare? Ora vattinni, prima ca torna Tonino. Figghiula mia nun fare sa facci, se vuoi iautri chiarimenti ti rugnu rumani con calma. A st’ura niesci…puri tu Mimmo. (li accompagna fuori) Itavinni. (escono Domenico e Agnese) Silvana nun ma scappare, u maresciallo iavi i carte in regola ma iu nu scriezzu. A divisa fa assai, u fa ciù imponente e puoi ca pistola, u cappiedu ntesta. Certo, chissi sunu i ferra ro so mistiere. Iu co travagghiu ca fazzu, chi fascino puozzu aviri co registraturi i cassa nte manu? Accussì?...(entra Tonino già in pigiama)

Tonino

Signor Ursino, arristau a cruoccu? Iavi macari a sciatica?

Peppino

Ehm…Ogni tanto co friscu mi veni na fitta cà.

Tonino

Si cuccassi! Un po’ di riposo ci fa bene…Accussì…Ora u ntuppu…ecco…Iu mi sistemu accussì… Lei è comitu?

Peppino

Magnificu! Stu divano è perfetto.

Tonino

Signor Ursino se iavi bisuognu mi ciamassi, u fazzu volentieri. Virissi, iu mi staiu affezionannu a viautri e a lei in particolare u ncuminciu a vulire bene comu npatri.

Peppino

Npatri!!?? Figghiulu, ca u Signuri ti possa sentire!

Tonino

Signor Ursino, chi vole dire?

Peppino

Nenti Tonino, ancora sugnu scombussolato. Se mi vuoi bene comu npatri, tu comu figghiu nun fussitu male.

Tonino

Stu riscursu mi sta pariennu accussì stranu!

Peppino

Futtatinni Tonino, nun ci pinzare e rurmiemu… Buonanotte. (si oscura la scena e cala il sipario)

F I N E  2° A T T O

3° A T T O

Stessa scena  e stessi personaggi del 2° atto. Tonino e Peppino dormono e quest’ultimo sgomita e scalcia, creando disagi a Tonino.  

Tonino

Porca miseria!...Piano!…Chistu nu dannu mi fa! Nun a vistu pirsuni accussì agitati…(ancora calci) Ancora! Iavi tri ghiorna ca nun ciuru uocciu…Partìu a runfare…Chi si sonna sa sprugghia idu; a chi è quetu quetu a chi cumincia a ghittare uci. Mi fa pigghiare certi scanti!: “Ida è! Mi piace!” “Truvai a fimmina pi mia!” Cu è sta fimmina ca u fa smaniare tanto? Speriamo nun ci finisci male, picchì è spusata. Ieri notte nto suonnu: ”Avrò cura di te e di tuo figlio.” Iautru ca cura! Se u becca u maritu ci stocca l’ossa e sa curare idu.

Peppino

(nel sonno) Amore mio! Amore mio!...Si, per tutta la vita…(calci) Per sempre.

Tonino

Ancora nun sa sfucatu…Si calmau. Viriemu se npoco puozzu rormiri. (si appisola. Dopo un po’ si gira e sveglia Peppino)

Peppino

Ah! Chi fu?...Mi stapìa faciennu carri ro divano, nun si po ripusare npace…Talè comu anzacca suonnu! Miatidu!...U sai chi fazzu? Ascidu ascidu mi cuccu cu Mimmo, da c’è nu bedu liettu ca m’aspetta. (Si alza) Sugnu tuttu accrancatu! Mimmo si po ncazzare quantu vole. (esce. Entra Agnese, va in cucina e subito dopo esce. Passando  guarda sul divano)

Agnese

Unn’è u ziu? Nto bagno nun c’è, a luce è stutata. (Tonino nel sonno pronuncia qualche frase) Parra macari chistu nto suonnu. U ziu ghià ci ammiscau a maladdia.

Tonino

(nel sonno) Agnese! Agnese cririmi, a testa a puostu. Se...

Agnese

Mi ni vaiu, prima ca rici qualcosa ca mi fa vergognare.

Tonino

Certo... comu vuoi (si sveglia) Agnese!? Chi fai cà?

Agnese

Avìa siti e mi n’i a vivire…

Tonino

Unn’è u to ziu?

Agnese

S’appi a cuccari da rintra cu mo patri.

Tonino

Agnese u sai, mi stapìa sunnannu a tia. Vieni cà, assittiti.

Agnese

Beh…Veramente iaiu suonnu.

Tonino

Qualche minuto, dai!...Ecco, cà…(Agnese si siede) Agnese, ti vuogghiu parrare francamente. Appoggia a testa…Accussì…brava. Agnese ti parru con onestà, col cuore in mano: iu nta sti iorna m’affezionai a tia…

Agnese

Macari iu Tonino.

Tonino

U sacciu, però tu si affezionata a mia comu nfrati, forse u frati ca nun hai, invece u mo sentimento nun è proprio fraterno. Agnese, tu hai sconvolto la mia vita; si na ragazza pulita, onesta, fisicamente si stupenda. Scusami se ricu parole sconnesse, l’orario nun mi fa essere lucido, però chistu ta dire: io m’innamorai ri tia appena ti vitti, subito capì ca eritu fatta pi mia. Tu chi ni pienzi? Io nun vuogghiu essiri precipitoso, però Agnese… S’addummisciu! A parratu e mura. E cu arrisvigghia!?... A fine se rormi cà chi ci fa? Era stanco u mo tesoro. Ruormi Agnese mia, iu iaiu ciù suonnu ri tia. (Tonino si addormenta. Poco dopo si sveglia Agnese)

Agnese

Si virìa c’avìa suonnu, appi a fare finta ri rormire prima ca succirìa quarchi…u riscursu era pericoloso…Tonino, iu nun ti vuogghiu bene comu nfrati. Riposa amore mio, cu tri notti passate vicino o ziu sicuramente nun a rurmutu. Vuogghiu ristare cà, vicina a tia, puoi prima ca s’arrusbigghiunu l’autri mi curcu nto mo liettu. (Agnese s’appoggia a Tonino e si addormenta. Poco dopo entra Domenico con i vestiti in mano)

Domenico

Nun si po dormire vicino a mo frati: è nterremoto! A promessa ri rormire nto divano rurau tri ghiorna. Nto suonnu nun arregghi: “Amore mio! Ti giuro amore eterno!” E abbrazzuna…strinciuna…(si asciuga la faccia con la mano) Ma vasatu tuttu. Macari ca è mo frati, ma fattu tanticcia ri schifo. “Maresciallo, nun s’avvicinassi a Silvana.” Bum, na pirata cà; se a rava reci centimetri ciù iautu, mi pigghiava preciso nte…Viri i uci ca m’avissi fattu ittare! Ma puoi tantu quetu rurmìa cà, nto divano e…(nota Agnese e Tonino. Si avvicina incredulo) Ma chista è…Stu cosa lurda ha sedotto a ma figghiula (furioso corre a prendere una sedia e fa per assestare un colpo) U lievu ro mienzu! (si muove agitato) Mimmo, calmati…Talielli comu su beati, parunu ru iancilidi. Chi fazzu?...Ora ci abbìu nsicciu ri iacqua ghiacciata, accussì nto divano trovunu ru trunza…Però sa dire: fanu na bella coppia…Accussì s’arrufridunu…(delicatamente li copre) Ecco…No, nun pienzu ca Tonino ni approfittau e puoi Agnese a canusciu, è ri sani princìpi…Porca miseria, chi fazzu cà comu ncretino? Mi cummeni cuccarimi. Pacienzia, ma ghià pigghiu na puocu i cauci…Sta mano misa cà nun mi piace…(sistema il braccio di Tonino) Ecco, accussì è meno pericolosa…Chi ura è? Chi ma cuccare a fare? Tanto vale ca vaiu nta cucina e fazzu u cafè. Nun mi cuccu, miegghiu nun currire rischi, Peppino po agghiustare a mira e fare centro. (va in cucina. Incomincia a filtrare più luce e Agnese si sveglia.)

Agnese

Agghiurnau…Santu cielu, chi ura sunu? Speriamo ca nun s’arrusbigghiatu nudu. (frettolosamente cerca di infilare le pantofole. Si sveglia Tonino)

Tonino

Agnese, ma tu rurmisti nto divano cu mia?

Agnese

Se, mi calau u suonnu e m’addummiscì. Mi na ghiri prima ca veni qualcuno; a ma situazione nun è piacevole, pinzassinu sicuramente cose ca invece…

Domenico

(entra con due tazze di caffè) Buongiorno piccioncini, avete dormito bene? Spero di non disturbare.

Agnese

(imbarazzata) Papà, nun ti fare ingannare ri l’apparenze. Ora ti spiego tutti cose.

Domenico

Va bene, mentre pigghiativi u cafè prima c’arrufrida.

Agnese

Papà, ti assicuro ca nun succiriu nenti ri chidu ca…

Domenico

U sacciu, ti canusciu e perciò nun mi preoccupo.

Tonino

Signor Ursino, iu iaiu a cuscienzia a puostu e ci giuro ca nun approfittai ra situazione ca…

Domenico

Certo, anche picchì u tiempu nun t’avissi ratu: nto divano eritu e nto divano avissitu arristatu…pi sempre.

Agnese

Papà a stu puntu è ghiustu ca u sai. Iu Tonino u vuogghiu bene; nun sacciu come, ma m’innamorai e spero ri essere ricambiata.

Domenico

Beh, quarchi cosa avìa caputu, ma ca eritu arrivata al grande amore chistu nu m’aspittava. Figghia mia, spero ca l’idee ci l’hai chiare, picchì cu sti cose nun si scherza …Tonino, tu nun rici nenti?

Tonino

Ci ricu sulu ca chistu è u momento ciù bellu ra ma vita, nun speravo c’Agnese avissi parratu cu tanta franchezza.

Domenico

Allura nun c’è nenti ri riri…Picciuotti, però a t’aviri ncontegno ciù dignitoso; in poche parole tu, Tonino, continua a rormire nto divano…cu mo frati però e tu nta ta stanza. Chi ni pinzati ora ri vistirivi? Iu vaiu nta cucina a fare ancora cafè, a fare cuntu ca si susunu l’autri. (si avvia) Ma tu viri: a ch’i vulìa ammazzare a chi mi tocca rarici a binirizione.

Agnese

Papà, iu mi viestu subitu e t’aiuto a priparare a colazione.

Domenico

Va bene e mentre mi spieghi pi quale fatalità ti ritruvasti a rormire nto divano. (esce. Agnese manda un bacio a Tonino e corre nella sua stanza)

Tonino

(incomincia a vestirsi in fretta) Nun ci puozzu crirri: Agnese è innamorata ri mia…E’ innamorata!...Pure Agnese è innamorata! (corre in cucina. Dopo un po’ entra Peppino)

Peppino

Ah chi beda rurmuta mi fici nto liettu! A cummincire Mimmo a facirimi rormire cu idu: chi male c’è? Nun si po’ rormire nta stu divano. “Per amore si fa tutto”…Na parola!! (entra Silvana)

Silvana

Buongiorno signor Ursino, u viru migliorato.

Peppino

Era na cosa ri nenti, fuorru mo frati e a ma niputi ca s’allarmarru e iu pi tranquillizzalli arristai.

Silvana

Ha fatto bene. Nta sti iorna appi occasione ri  canuscillu miegghiu e cià cunfissare c’a truovu na pirsuna simpatica e gentile: un vero gentiluomo.

Peppino

I so parole mi mettono a disagio…Signora, a scusare a ma invadenza: comu ci pare se ni ramu ro tu? Acciù ni canusciemu e se ni ramu ro tu creiamo n’atmosfera ciù familiare.

Silvana

Nun aiu nenti in contrario, anzi…All’inizio sarà strano picchì, tranne i parienti, lei…tu si l’unicu uomminu ca ci rugnu ro tu.

Peppino

Ne sono lusingato, u considero un grande privilegio… Silvana, sinceramente, comu ta truvatu cu niautri?

Silvana

Benissimo. Siti na famigghia stupenda, nessuno escluso, e   Agnese è così dolce, affettuosa ed educata. C’è allegria, nun ci s’annoia mai; nzumma a vita è diversa, forse picchì iu a statu sula e alla lunga a solitudine nun è bella.

Peppino

Ti capisciu Silvana. Pure iu, nonostante staiu quasi sempre cà, sugnu na pirsuna sula e sacciu chi significa, ma a chistu c’è rimedio, dipenni sulu ri niautri. Quannu unu capisce c’arrivau l’occasione bona nun sa fare scappare, ne ha tutto il diritto.

Silvana

Fare stu passo è difficile. A na certa età sbagghiare è patetico e allura, pi nun aviri rimorsi, si lassunu i cose comu sunu e si tienunu i rimpianti.

Peppino

Eppure npocu ri curagghiu ci vole, nun si po stare na vita…(entra Domenico)

Domenico

Buongiorno. U cafè è pronto in cucina. Disturbai per caso?

Silvana

No nessun disturbo però l’argomento era interessante. Si parrava se nta vita sa scegghire il rischio o il rimpianto.

Domenico

E sette ri matina!? Chi è orario pi certi riscursi? Iti in cucina a manciari, picchì a dibbulizza fa brutti screzza.

Silvana

Si, in effetti un po’ d’appetito…(esce. Bussano alla porta)

Peppino

Romantico nun ci si pi nenti. Proprio quannu u riscursu stapìa quagghiannu, trasisti e scunzasti tuttu. (esce. Domenico va ad aprire ed entra Saverio)

Domenico

Trasi, agghiurnau appena e ghià si cà: caristi ro liettu?

Saverio

Mi piace stare cà, l’ambiente è rilassante e gioioso…Chi a ta sintutu a ma mancanza?

Domenico

Se, a ma cianciutu ra matina a sira!

Saverio

Avanti signor Ursino, in fondo npoco ri bene mi vuliti… Sientu un bell’odorino ri cafè e ri viscotta fatti in casa.

Domenico

M’avìa fattu maravigghia, fiuriti se tu ti fai scappare!..Vai Saverio, o fai na bella colazione sustanziusa.

Saverio

Vado signor Ursino, nun ci vuogghiu fare u tuortu ri rifiutare.

Domenico

Certo, ca pena putissi morri! (entrano Peppino e Silvana)

Saverio

Buongiorno. Chi arristau quarchi cosa pi mia?

Peppino

Dipenni ra fame ca iai. (Saverio esce di corsa) Basta essire picciuotti, l’appetito nun ci manca.

Domenico

Mancu a facci tosta. Nta vita non patirà mai, chistu è sicuro. Ca facissi qualche complimento: ma unni!?!

Silvana

Saverio è npicciuottu spontaneo, macari truoppu. (bussano, Domenico va ad aprire) Pi chissu u vuogghiu bene. (entra Anna)

Anna

Buongiorno. Scusate se vinni accussì presto.

Peppino

Ciao Anna, chi si sula? Unn’è to patri?

Anna

U ciamarru in caserma con urgenza, a statu dà tutta a notte.

Silvana

Succiriu quarchi cosa ri grave. (entra Tonino)

Anna

O travagghiu ri mo patri nun mi cià bbituatu. Nun ma firai a stare sula intra e mi sono permessa ri vennire cà. Chi fici male?

Peppino

No facisti bona, putieutu vennire prima? Anzi, u sai chi pinzai? Agnese a rapire u nicuoziu e cià fare cumpagnia Silvana; vacci puri tu, accussì sbanisci. E’ inutile ca stai a casa, to patri o sa quannu torna e a manzuonnu, pi nun manciari sula,  manci cu niautri.

Anna

Va bene, accetto e vi ringrazio…Ah, a ta visto Saverio?

Tonino

Per puro caso è da rintra, nta cucina.

Anna

Scusate nmimuto, quantu ci ricu na cosa e puoi ni ni iemu. (va in cucina)

Domenico

Agnese, n’hai assai? Sbrigati ca è tardi…Agnese a matina nun si decide mai a nescire. (entra Agnese)

Agnese

Eccomi sugnu pronta, amuninni.

Silvana

Sciemu Agnese, faciemici virri ca i fimmini siemu ciù puntuali ri l’uommini.

Tonino

Viautri scurriti, quantu ci ricu na cosa o signor Ursino. (escono Agnese e Silvana) (a Peppino) Signor Ursino, mi sbagghiu o cu ma matri lei iavi na certa cunfirenza? Notai ca ci runa ro tu.

Peppino

Se Tonino e ammetto pure che da parte mia c’è più che una simpatia.

Tonino

Signor Ursino, nun crirìa ca na pirsuna saggia comu a lei si facìa pigghiare ra passione.

Peppino

Tonino nun ci puozzu fare nenti: pi ta matri sientu na forte attrazione.

Domenico

Esatto. E puoi Tonino propriu tu nun a parrare: perciò tu ti puoi innamorare ri una ra nostra famigghia e unu ra nostra nun po fare u stesso ca to?...Se Peppino, chi nun a caputu ca Tonino e Agnese?...E puoi rici ca nta sti cosi si perspicace!

Peppino

Pi davero!!? Talè, talè a ma niputeda! Effettivamente a vistu tutti rui…E’ ca nta sti iorna a statu pigghiatu re mo pinzera. Però sugnu cuntenti. Tonino, a virri Agnese comu ti mette a puostu!

Tonino

Mi fa piaciri ca lei approva. Però signor Ursino, turnannu a ma matri, nun vuogghiu ca ida pigghia na delusione; iu nun metto in dubbio a sa serietà, però ma matri, ri quannu arristau vedova, nun a canusciutu iautri uommini. No picchì è ma matri, ma ci assicuro ca è na fimmina sensibile e na delusione fussi na ferita insanabile. Signor Ursino, iu nun ci puozzu proibire nenti, però ci raccumannu grande cautela.

Peppino

Tonino, per quanto mi riguarda, il mio contegno sarà più che irreprensibile; iappi modo ri canuscire Silvana e sacciu quantu vale. Iu sugnu sicuro ca cumminciu to matri re mo oneste intenzioni, però a ma vera preoccupazione è, per esprimermi in termini commerciali, a concorrenza. Mi scantu ro maresciallo: a vistu comu sa ratu da fare?

Tonino

Nmomento, mi facissi capire: chi pure u maresciallo sta corteggiannu ma matri?

Peppino

Se, e chistu nun ci vulìa.

Tonino

Chi è na passione collettiva? Tu a virri: pi tanti anni ma matri a statu queta e in pace e ora ri cuorpu si ritrova a centro ri ncorteggiamento generale.

Domenico

Chi c’è ri strano?...Mentre sciemu, ni parramu pi strata …Tonino ta matri è na fimmina ca si fa apprezzare; oltre a siri ancora bellissima, iavi tante buone qualità e chistu u notau macari u maresciallo. Ciamilu fissa!

Peppino

Ma iu nun m’arriennu, a conquistare Silvana a tutti i costi…E puoi Tonino, l’idea ri divintare to patri nun mi rispiace.

Tonino

Mancu a mia…E dire ca tuttu ncuminciau ra serratura rutta ri nu ripostiglio.

Domenico

A pigghiari provvedimenti, u dannu ca fici abbastau. Sciemu va! (escono. Poco dopo, dalla cucina entrano Anna e Saverio)

Anna

Saverio, certi vote nun ti capisciu…Agnese, amuninni ca ogghi cu Saverio…Agnese…Ma unni sunu?

Saverio

Vuoi virri ca si n’ierru e si scurdarru i niautri?

Anna

Chi stai riciennu? Ci rissi ca t’avìa dire na cosa e puoi avissi sciutu cu idi. Si scurdarru ca erumu nta cucina.

Saverio

Ti mittisti a parrare e nun cià finisti ciù.

Anna

Tu mi ricisti ri cuntariti quarchi cosa ri mia e Agnese e ti parrai ri quannu avieumu quattordici anni e scrivieumu i littri anonimi e nuostri spasimanti ca puoi si scervellaunu a capiri cu avìa scrittu…Aspetta, mentre ca nun c’è nudu qualcuna ta fazzu legghire; Agnese na puocu i littri i ghiausau nto ripostiglio, sunu nti na cassettina. Vieni, accussì ti fai quattru risate pure tu. (escono. Fuori scena si sentono le loro voci.) Si ciurìu a porta. Picchì nun si rapi?

Saverio

Porca miseria, chista è a porta difittusa!...Chi tuppulì a fare? Cu na sentire se nun c’è nudu?

Anna

Chi faciemu ora?

Saverio

Aspittamu ca torna qualcuno e intanto circamu u modo ri nun annoiarini.

Anna

Nta nu ripostiglio chi diversivo vuoi truvari?

Saverio

A ma truvare npassatiempu.

Anna

Se, putiemu iucare a mmuccia!...Saverio spostati, si abbiatu supra ri mia.

Saverio

Unni ma spostare? Largu nun ci n’è.

Anna

Saverio, va bene ca largu nun ci n’è, però sta mano levila.

Saverio

Unni a mettire?

Anna

Appoggiala o scaffale comu all’autra…Ecco bravo!

Saverio

Mah, pi mia stava miegghiu unn’era prima! Complimenti Anna, chi misura pigghi i reggiseno?

Anna

Scimunito e maleducato!

Saverio

Dai nun t’arrabbiare, staiu circannu ri faciriti arrirriri. (le voci sfumano; sono passate alcune ore. Entrano Domenico, Peppino e Tonino)

Peppino

Cu s’ospittava ca Mazzarino facìa sa fine? Penza o scantu i sa muggheri quannu u truvau impiccato nto bagno.

Domenico

Nun ci puozzu crirri, na pirsuna accussì brava, un uomo innocuo, sempre sorridente.

Tonino

Ci sunu attimi ca na pirsuna perde a lucidità. (dall’interno si sente battere una porta)

Domenico

Chi è stu scrusciu? Ri unni veni?

Peppino

Ri da rintra, ro ripostiglio: c’è qualcuno.

Domenico

(allarmato afferra un oggetto contundente) N’autru n’ancagghiau! Tutti i latri si stanu rannu appuntamento nto mo ripostiglio; addivintau u ritrovo ra malavita.

Peppino

Acciappa ciù latri stu ripostiglio ca tutta a squatra antirapina ra polizia.

Domenico

Stamu attenti, rapiemu l’uocci…Tonino, tu mettiti duocu e se cerca ri scappare cafuda. Peppino, stamini calmi e nun pirdiemu a testa.

Peppino

U rici a mia? Iu sugnu tantu quetu, o solitu si tu ca ti agiti.

Domenico

Eh, u momento è delicato! Peppino, iu rapu a porta e tu stammi i rarrieri. (si avviano verso il ripostiglio) Tonino, uocciu vivu!

Tonino

Tranquillo signor Ursino, ri cà nun si passa…Certo, nun a siri mpustatu buonu ma sa no chi ci puozzu fare?

Domenico

(fuori scena) E viautri chi faciti cà?

Peppino

(entra) Rui n’ancagghiammu: ni stamu specializzannu!

Domenico

(entra assieme a Saverio e Anna. I ragazzi sono in disordine e imbarazzati) Ora spiegatimi chi facieuvu ciusi nto ripostiglio.

Saverio

Signor Ursino intanto la prego ri nun si fare ingannare ri l’apparenze.

Domenico

Noooo!!! Iu nun mi fazzu ingannare! Nun è ca pienzu ca eruvu ciusi dà rintra pi…Nooo!! Chi su sti cosi?!

Saverio

Ci spiego tutto senza equivoci e…

Domenico

Quali equivoci!? Quali equivoci!? Tu tuttu suratu, Anna russa nta facci e tutta scarmigghiata e parri ri equivoci? Ti ni rugnu una cosa lurda!…Anna, mi maravigghiu ri tia.

Peppino

Mimmo nun ancuminciare o solitu to. Avanti picciuotti parrati, anche se pure a mia pare evidente…

Anna

Signor Ursino, nun succiriu nenti ri chidu ca sta pinzannu. Trasiemmu nto ripostiglio pi ficirici virri a littra…

Domenico

Se, e idu cià mpiccicau u francubbullu. E ora aspittamu c’arriva sta littra e viriemu chi notizie porta! Peppino arrirriemu ah! ah! ah! E’ bella pi daveru! Chisti penzunu ca sugnu piciuollu. Se, se, cuntatammilla attonna ca ci staiu cririennu!...Sintiti picciuotti, iu puozzu aviri a facci ri ncretino, ma tuttu u riestu v’assicuro…

Tonino

Può darsi ca stanu riciennu a verità. A vote i cose ciù strani parunu ciù vere sunu.

Domenico

Statti mutu, nun ci fari u ruffiano tu…Chi fiura ci fazzu co maresciallo? Penza se u veni a sapire: è un caro amico, ri niautri si fida ciecamente e u ricambiamu accussì.

Peppino

Intanto nudu iavi intenzione ri sunare a trumma…I picciuotti ti vuonu riri ca, nonostante le evidenti circostanze, nun arruvarru a…Nzumma Mimmo, u francubbullu nun o mpiccicarru e a littra nun fu spedita.

Domenico

Se, taliellu com’è suratu e ri Anna nun ni parramu.

Saverio

Vulissi virri a lei ciusu nta nu ripostiglio ciù sai ri quattru uri co largu ca c’è. Avieumu a stare pi forza mpiccicati, pi nun parrare ra lamparina c’avieumu a vinti centimetri ra facci. Facìa na calura!...Signor Ursino, io poi non nego ca npochino…nzumma…del resto è difficile ristare impassibili nta na situazione del genere.

Tonino

Ci mancassi iautru, nun è ca unu è fattu i fierru!

Domenico

Chistu u capisciu…Nun è ca pure tu e Agnese a ta statu nto ripostiglio a mpiccicare francubbulla?!?

Tonino

Nun ancuminciassi che supposizioni sballate. Iu e Agnese tuttu stu tiempu a disposizione nun a m’avutu. Quali littri, niautri nun a m’avutu u tiempu mancu pi ntelegramma!

Domenico

Va bene, cririemu a chidu ca ricistru, del resto mi fido ri Anna e pienzu ca nun succiriu nenti pi daveru.

Saverio

Finalmente!! Ma puoi se avissi succirutu, chi c’è ri strano? Lei sta faciennu nu dramma per che cosa? Nun fici iautru ca mettire in imbarazzo Anna e trattari a mia come nmaniaco sessuale.

Domenico

Talè ca fini va chiedere scusa!

Saverio

Nessuno lo pretende, però…(a Peppino) Signor Ursino, se lei quannu avìa vinticinc’anni s’avissi truvatu nti na situazione i chista, cu na beda figghia o cantu, c’avissi fattu?

Peppino

Avissi fattu truvare u ripostiglio utatu sutta supra. E’ ca mia na cosa ri chista nun mi capitau mai. (bussano. Domenico va ad aprire)

Saverio

Ecco, a fine pi cretino ci passai iu.

Anna

No Saverio, nun si cretino. Io ti ringrazio ca mi rispettasti  picchì capisti ca nun mi sintìa pronta a…Basta va, ma sa no l’imbarazzo aumenta e nun ma firu a parrare ciù.

Peppino

Si na brava picciotta Anna e ti meriti ogni felicità. (entra Bassano. Domenico fa un gesto sconsolato a Peppino)

Bassano

Buongiorno. Vi chiedo solo due minuti e poi me ne vado. Questi giovani fanno parte della vostra famiglia?

Peppino

In un certo senso si.

Bassano

Sono importanti i vincoli familiari, la famiglia è il cardine della società. Perché la società va alla deriva? Perché…

Domenico

Signor Bassano, se vinni pi facirini na lezione ri sociologia nun è u momento.

Bassano

No, sono venuto per pregarla di firmare questa lettera da me preparata e da consegnare alla signorina Pirozzo. Gli altri inquilini si rifiutano di firmarla, ma io sono sicuro che se lei firma, anche gli altri lo faranno.

Peppino

L’autri nun firmano picchì, comu a niautri, su convinti c’a signorina Pirozzo è na bravissima persona e lei cià finire cu sta storia. (bussano. Domenico va ad aprire)

Tonino

Lassassi in pace a signorina. (a Peppino) Chistu problemi ri ripostiglio nun avi sicuro. (entra il maresciallo)

Peppino

Buongiorno maresciallo, a circatu Anna vero? A picciotta nun sa sintìa ri stare sula a casa e vinni cà.

Anna

Ciao papà. A travagghiatu finu a st’ura? Forse t’avìa aspittare a casa.

Maresciallo

No Anna, facisti bona a vennire cà. Pi niautri è na fortuna aviri sti carissimi amici.

Domenico

S’assittassi maresciallo, tanto u signor Bassano si ni sta ghiennu…Sa littra mi sa tanto c’arresta senza firma.

Maresciallo

Veramente nun vinni picchì circava Anna e mancu pi facirivi na visita, sugnu cà pi motivi ri servizio; da sutta ci sunu ru colleghi ca m’aspettunu. Iu circava proprio a lei signor Bassano e siccome mi rissinu ca era cà, mi sono permesso di bussare alla porta della famiglia Ursino.

Bassano

Cercava me!? Non capisco il motivo.

Maresciallo

Ciò spiego subito. Lei saprà che il signor Mazzarino è venuto a mancare in circostanze drammatiche. Iavi ri stanotte ca circannu ri capire u motivo ri stu gesto. A fine, a casa ro poviro Mazzarino truvammu na littra ca scrissi quarchi ura prima ri impiccarisi e nta littra accusa lei ad averlo costretto  a questo gesto estremo.

Peppino

Iautru i littri ca scrivi lei, chista è seria!

Maresciallo

Signor Bassano, lei viene accusato di avergli prestato denaro a usura, di aver aumentato sempre più le pretese nei suoi confronti e minacciato di rovinarlo. Lei ha qualcosa da dire in proposito?

Bassano

Nego tutto. Maresciallo, come può dare adito a quello che scrive una persona disperata che ormai, sull’orlo del fallimento, è succube degli incubi della sua mente malata e in conseguenza di ciò accusa un galantuomo?

Tonino

Scusate, quantu vaiu nminutu da rintra. (esce)

Maresciallo

Intanto vulissi sapiri picchì accusa lei e no quarcun’autru.

Bassano

Non lo so. Ad ogni modo Mazzarino può scrivere quello che vuole, le sue accuse non valgono niente; non ci sono prove contro di me e lei sa bene maresciallo, che senza prove non è possibile incriminare nessuno. (entra Tonino)

Tonino

Maresciallo, rassi n’occhiata a sti carte ca truvai a casa ri stu delinquente quannu ci fici visita senza essere invitato. Forse sunu i prove ca cerca. (il maresciallo scruta le carte)

Bassano

Come!? Lei si è intrufolato a casa mia? Maresciallo, questo signore è un ladro e lei ha l’obbligo di arrestarlo.

Saverio

Zittiti buffuni, viriemu cu arrestunu ora.

Maresciallo

Bene! Bene! Sti carte dimostrano ca stu tizio che prestiti strozzava Mazzarino. Non c’è dubbio, è evidentissimo.

Peppino

Stu figghiu ri!...Na fattu i lezioni ri morale supra a sucità ca è guasta. (si avventa su Bassano) Cosa fitusa!..

Maresciallo

Fermo signor Ursino, nun facissi fesserie.

Bassano

Aiuto maresciallo, mi difenda da questo energumeno. (trambusto generale, c’è chi aiuta il maresciallo a dividere e chi Peppino a picchiare.)

Peppino

Cugghìa i firme pa signorina Pirozzo. Tieni rugnusu…

Maresciallo

Calmatevi pi fauri, facitimi travagghiare npace. Signor Ursino, fazzu appello a nostra amicizia.

Domenico

Maresciallo cà siemu tra niautri, ramici na passata ri lignate.

Maresciallo

Amici, nun complicamu i cose ca è peggio…Tonino, spiegami come trasisti a sa casa e pigghiasti sti carte. (Bassano cerca di fuggire, tutti corrono a fermarlo) Unni sta ghiennu? (gli si avvinghia addosso e lo ammanetta) Ora viriemu comu scappa.

Domenico

Maresciallo, pigghiassi Gertrude ca ci veni u ghiuriziu.

Maresciallo

Quale Gertrude, nun è u caso ri scomodalla pi unu comu a chistu. Se si move n’autra vota, cu ru tumpulate u stuonu …Signor Ursino, u tiempu ca Tonino mi spiega comu si procurau sti carte, mo facissi ciurri nto ripostiglio.

Domenico

Nun parramu ri ciurri nto ripostiglio! Mi circassi chidu ca vole, ma chistu nenti.

Maresciallo

Va bene, quantu consegno stu tizio ai colleghi da sutta, ci penzunu idi a purtallu in caserma. Staiu turnannu, accussì parramu con calma…Amuninni e non opponga  resistenza. (esce con Bassano)

Peppino

Picciuotti, arrivau u momento i riri a verità o maresciallo.

Saverio

A ma fare pi forza? Iu e Anna ni vuliemu bene e ora cià rinunciare.

Domenico

No, u maresciallo è na pirsuna comprensiva.

Saverio

Se, mi runa a medaglia! U sacciu comu sunu i carabinieri: ligi al dovere fino in fondo.

Tonino

Iavi ragghiuni u signor Ursino, a verità sa dire e se è necessario paiamu. Iu sugnu nta stessa situazione to: pienzi ca nun m’interessa Agnese?

Peppino

Dai nun vi scuragghiati! Saverio, tutto si po sistemare e se Anna ti vole bene pi davero accetterà qualsiasi soluzione, macari a peggiore.

Anna

E’ vero, iu nun ti vuogghiu perdire, però a ma dire a verità. Mo patri sapi distinguere nu delinquente vero ri unu ca pigghiau a cattiva strada senza siri nmalfattore, inoltre nun ti scurdare ca sugnu l’unica figghia ri mo patri, pi mia facissi qualsiasi cosa, perciò se ti po aiutare u fa. Saverio però cià diri, che minzogne nun vai luntanu.

Saverio

Pienzi ca mi piace ingannare to patri?…(a Tonino) Pi forza ora ci avieutu a dare si carte? Ci putieutu mannare a caserma nta na busta anonima; u beccu ri Bassano ancagghiava u stesso e tu nun t’avissitu esposto. No, invece…Anna ti puozzu scurdare, u sacciu. (bussano)

Domenico

 U maresciallo turnau. (Peppino va ad aprire)

Saverio

…E a mazzata sta arrivannu! Va bene mi arrendo al destino, nun pinzava ca m’arristava chidu ca m’avìa vennire sogghiru. (entra il maresciallo)

Maresciallo

Ora tuttu si turcinìa, fa a vittima, chidu ca pi nprestito ca fici veni considerato nu delinquente, ma sugnu sicuro ca quannu finiemu ri perquisire a sa casa truvamu iautri documenti; o sa quanti pirsune a strozzato…Comunque, mi pare ca niautri lassammu nu riscursu incompleto.

Saverio

Maresciallo, se lei rici po continuare cu chistu, nun c’è tutta sta prescia.

Maresciallo

Ca certo, comu rici tu! Parramini invece, assittamini tutti e discutiemu con calma…Ecco, accussì…Allura Tonino, informami re fatti.

Saverio

Nun ci po mittiri na petra ri supra? Alla fine Tonino ha reso un servizio alla giustizia faciennu arristare nu delinquente “vero” esponendosi ad eventuali ripercussioni giuridiche nei suoi confronti.

Maresciallo

Di questo si terrà conto. Saverio, io apprezzo ca difienni u to amico, chista è amicizia vera, però bisogna appurare le responsabilità, se ci sono, e quindi procedere.

Saverio

Quali difennire maresciallo! Iu sugnu colpevole quanto Tonino e se ricu sti cose è picchì mi fa accussì.

Maresciallo

Un momento! Un momento! Vuoi riri ca pure tu… Picciuotti cuntatimi tuttu ri principio, ma sa no nun ci capisciu nenti. (a Domenico e Peppino) Ma viautri nun sapieuvu nenti?

Peppino

Veramente niautri sapiemu tutti cose.

Maresciallo

Comu tutti cose?! Signor Ursino, comu patri lei ha degli obblighi: quannu sappi sti cosi avìa impedire a Tonino ri frequentare Agnese.

Domenico

Tonino è nu bravu picciuottu e Agnese nun curri nessun pericolo. Inoltre devo accettare a realtà pi chida ca è: sunu innamorati e ci ricu ca chistu nun mi rispiace.

Maresciallo

A stu puntu siemu arrivati? Nun penza c’Agnese avissi a siri ciù cauta? Prudenza signor Ursino! Prudenza!

Anna

Papà, ora fazzu appello a ta prudenza picchì ti confesso ca pure iu e Saverio siemu innamorati.

Maresciallo

Come!!?? Tu innamorata ri chissu? Stai attenta, iu Gertrude nun a usatu mancu che peggio delinquenti, mi vuoi costringere a utilizzalla pi idu?

Peppino

Maresciallo, non sia prevenuto verso Saverio. Anna ci sta riciennu i fatti comu stanu. I picciuotti frequentannisi…u sapi com’è? Tutti si puonu innamorare, macari iu.

Maresciallo

Chi m’interessa se s’innamora lei!? Però Anna a troncare sta relazione…Ma u tiempu ri innamorarivi quannu u truvastru?

Saverio

Na ma vistu spesso. Quannu lei a statu in servizio a ma statu sempre anziemi.

Maresciallo

(furioso) Nta machina!? Nun mi riri ca macari cu ida o corso Italia…Parra e rimmi a verità.

Saverio

Ma quale verità? Quale corso Italia?

Maresciallo

Picchì tannu o corso Italia chi facisti nta machina?

Saverio

C’avìa fare? Mi futtì l’autoradio.

Maresciallo

Sulu l’autoradio? Saverio aspetta!...Quannu mi parrasti ri l’imprese nte machini, a chi ti riferieutu?

Saverio

E furti c’avìa fattu. Ri chi putìa parrare?

Maresciallo

Ah no re!?...Matri chi confusione ca iaiu nta testa!

Anna

Ri chi stati parrannu? Chi c’entrano i machini? Papà, io e Saverio ni vuliemu bene: ecco i fatti.

Peppino

Proprio accussì e niautri u putiemu testimoniare. Saverio cià statu vicina nta tutti i puosti, nei luoghi più angusti e nte circostanze ciù disperate. Ah, l’avissi dovutu virri!

Domenico

Se, u figghiu a fattu tanti sacrifici, sa fattu certi surati!

Anna

(imbarazzata) Ehm…Signor Ursino, pi fauri.

Maresciallo

Bravo Saverio, nun ti facìa accussì sensibile…Però iu ancora tanti cose nun i capisciu, pi fauri cuntarimi tutto. In pratica comu s’arrivau a stu puntu?

Peppino

Maresciallo, tuttu ncuminciau con un furto.

Maresciallo

A puostu siemu, l’inizio è meraviglioso! Sta iurnata nun ma scuordu ciù...Forza, sintiemu! (In scena si sente una musica che copre le parole, mentre dalle espressioni e dalla mimica si intuisce dov’è arrivato il racconto. E’ importante la mimica che deve rendere la scena intensa e comica. Durante il racconto, il maresciallo una volta rifila una sberla a Saverio, un’altra un calcio nel sedere a Tonino. Gli altri cercano di fermarlo. Il maresciallo è accaldato e si asciuga il sudore e i suoi gesti rivelano tutta la sua rabbia. Il suo stupore aumenta sempre più, ogni tanto fa segni di croce per l’incredulità e arriva a minacciare di estrarre la pistola, prontamente fermato dagli altri. Alla fine la musica sfuma e dopo un pò di silenzio, costernato e prostrato) Nun ci puozzu crirri! Ma quante fesserie ma t’ancugnatu?

Peppino

Tutte in buona fede maresciallo! Tutte in buona fede.

Maresciallo

Come no!!!...E’ u so niputi!...Travagghiunu all’ufficio pignoramenti! Ecco ri quali pignoramenti parrauvu!…Iu sugnu vuostru amico, picchì mi trattastru accussì.

Domenico

Lei è nuostru amico e nuostru amico a ristare, a sa amicizia ci tiniemu. Nun o ficimu pi ingannallu, ma pi evitare guai a Tonino e a Saverio; in fondo sunu ru bravi picciuotti, ciò assicuro.

Tonino

Maresciallo, chi intenzioni iavi nte nuostri confronti?

Maresciallo

E c’a fare? A fare finta ca nun succiriu nenti? Chistu nun è possibile.

Peppino

Nudu ci rici ri non adempiere al suo dovere, però nun si scurdassi ca è macari npatri ri famigghia. Possibile ca nun c’è na soluzione pi nun rovinare sti ru picciuotti?

Maresciallo

Facitimi mettiri tanticcia ri ordine nta testa; nto cirviedu pari ca iaiu nniru ri lapi…Per prima cosa pretendo ca mi purtati tutta a refurtiva che sarà restituita ai legittimi proprietari.

Saverio

Sarà fatto. Sarà fatto.

Domenico

U sapìa ca sutta a divisa c’è un cuore d’oro. (Anna va ad abbracciare il padre)

Maresciallo

Calma, calma, ancora nun a fattu nenti…Intanto siemu sicuri ca nun aviti nenti ciù r’ammucciare?

Peppino

Sicurissimi al cento per cento.

Maresciallo

Puoi ma ta giurare re-li-gio-sa-men-te ca nu v’azzardate ciù a tuccare roba di non vostra proprietà.

Tonino

Siemu disposti a giurarlo.

Maresciallo

Iu nun vi prometto nenti, nun aiu l’autorità pi fallu. Ri stu fattu na parrare, nolente o dolente, co mo superiore, u capitano Bertarello, ca è na pirsuna comprensiva e se po fare quarchi cosa sicuramente a fa; perciò aspittamu chi dici idu e puoi viriemu…Ma viri a ma figghia, cu tutti i picciuotti ca ci sunu, ri cu s’avìa innamorare!...Chista è na cosa contraria e mo doveri, iu i latri a ristare, nun a proteggere.

Peppino

Ci su latri e latri. I considera latri sti ru minciuna?

Tonino

Ehm…Maresciallo ci ciercu l’ultimu fauri: ma matri ri sti fatti nun sapi nenti e fussi miegghiu ca nun o sapissi mai. Ci rispiace nun ni parrare ravanti a ida? Fussi na pena truoppu ranni, evitamaccilla.

Maresciallo

Ancora minciate a ma dire?...Va bene nun ricu nenti, iaiu truoppu rispiettu e stima pi ta matri. Ringrazia a simpatia ca iaiu pi ida, anzi spero ca sta simpatia è ricambiata, picchì iu…

Peppino

Nun nisciemu iautri riscursi, ma sa no n’agitamo attonna.  (bussano. Domenico va ad aprire) Ecco, chisti sunu a mamma ri Tonino e Agnese ca s’arricugghierru; zittiemini e faciemu finta ri nenti.

Maresciallo

Iu stapìa sulu esprimiennu npensiero romantico ca mi riguarda personalmente.

Peppino

Proprio chistu mi preoccupa. U sapi chi danni puonu fari i pinzera romantici? (entrano Silvana e Agnese)

Silvana

Buongiorno. Anna niautri ta m’aspittatu, picchì nun vinisti?

Anna

Io e Saverio arristammu ciusi…

Peppino

Ciusi intra pi curpa nostra; ni misimu a parrari e nun i ficimu nescire, mentre vinni u maresciallo p’arristare Bassano…

Agnese

Arristau Bassano? Chi cumminau?

Domenico

Su usuraio schifoso costrinciu Mazzarino a luvarisi a vita.

Peppino

Però oltre e cose brutte ci sunu i cose belle, vero maresciallo? Dopo aver adempiuto al suo dovere, u maresciallo ricivìu a notizia dell’amore sbocciato tra Anna e Saverio. Sapissivu quanti riscussioni a m’avutu!!

Silvana

In effetti, quannu trasì e i vitti comu su ora, capì  quarchi cosa. E’ bello virri ru giovani ca si vuonu bene.

Maresciallo

Signura, nun è bello virri sulu i giovani, ma pure pirsune … con una certa età. Non so se mi spiego.

Silvana

Ehm…certo.

Tonino

Mamma, sarai ancora ciù felice quannu saprai ca pure iu e Agnese pruvamu i stessi sentimenti ri Anna e Saverio. Mamma, iu truvai a compagna ra ma vita.

Silvana

Tonino, stai parrannu seriamente? Oh Signuri, comu sugnu cuntenti! (va ad abbracciare Tonino)…Agnese, rammi nu bacio pure tu. O nicuoziu nun mi ricisti nenti e diri ca ma parratu ri tanti cose.

Agnese

E’ ghiustu ca è Tonino a dariti a notizia.

Silvana

Agnese, si a picciotta c’a desiderato sempre pi Tonino… Scusate sugnu commossa, viautri nun capiti chi significa chistu pi na matri. Tonino, nun mi putieutu fare ciù felice; iu a fattu tuttu u possibile, però ta mancatu na famigghia completa e ora hai l’occasione r’aviri npatri, nu ziu…

Peppino

E se npatri nun t’abbasta, macari rui.

Saverio

Cà si trovano patri comu se nenti fussi.

Peppino

Tonino, a possibilità r’aviri n’autru patri ci l’hai. (si porta vicino a Silvana e le prende la mano) Silvana perdona la mia irruenza, ma spero c’a riflettutu supra chidu ca ti rissi. Nun c’è prescia, però npiccolo segnale ri incoraggiamento mi facissi l’uomo ciù felice ro munnu. Spero ca sti parole non ti offendano.

Silvana

Peppino, a st’ura sugnu truoppu felice p’affinnirimi; a notizia ri Tonino mi scombussolau. Ad ogni modo ho riflettuto e pienzu ca speranze ci ni sunu. Ora fammi stare vicina e picciuotti, quanto mi godo la loro felicità.

Maresciallo

(prende in disparte Peppino) Signor Ursino, chi è stu fattu? Lei e a signora Silvana siti in intimità? Meno male ca segreti nun ci n’erunu ciù!

Peppino

A cosa è semplice maresciallo: tra mia e Silvana nascìu un grande affetto, a cosa fu spontanea; appena a vitti ancarmai e pure Silvana mi pare ca…Nzumma, pi mia ci sunu buone possibilità.

Maresciallo

Pi lei!? Ma pure iu ci fici npensierino a signura. Signor Ursino, a mia a signura Silvana mi piace macari: comu a mittiemu?

Peppino

Nun è ca na putiemu iucare o pari e spari. Al cuore non si comanda e pienzu ca Silvana preferiu a mia.

Maresciallo

Sulu picchì ha avutu ciù opportunità ri mia. E puoi, nun vi putiti accaparrare tutta a famigghia! Tonino cu Agnese, lei ca signura! Eh no, quarchi cosa lassatila a mia;  viautri vi pigghiati u figghiu e a mia mi lassati a matri: è più democratico.

Peppino

Cà democrazia nun ci n’è. Maresciallo, ca ma spartire? Chi stamu parrannu ri mulinciane?

Maresciallo

No, però se lei si fa da parte iu forse putissi fare na…

Peppino

Mancu mo suonnu! Occasioni comu a chista na vita ni capita una sula anzi, vista l’età ca iaiu, chista è l’urtima.

Maresciallo

Allura mi sta riciennu ri rassegnarimi e assistere ri luntanu a vostra felicità?

Peppino

Picchì ri luntanu? Ri vicinu! Ri vicinissimo! Caro maresciallo, se a cosa va in porto vulissi lei pi testimone alle nozze; u considero u miegghiu amico mio e cu sta proposta vuogghiu cementare ancora ciù sai st’amicizia. Chi ni penza?

Maresciallo

Ca pinzare!? A stu puntu, cavallerescamente accetto a situazione e mi ritiro, se ni faciemu a guerra finisce ca nudu ottiene nenti, tantu vale fare largo a n’amico. Per quanto riguarda a sa proposta, a considero un grande onore anzi, visto c’a nostra amicizia si fa ancora ciù stritta

…Peppino, chi ni pienzi se ni ramu ro tu?

Peppino

Con immenso piacere Girolamo. Era ura, anzi ora è d’obbligo! (dall’altro gruppetto si levano risate e gesti di simpatia verso Saverio) Da banna si stanu addivirtiennu.

Silvana

Ogni tanto Saverio ni rici una re so. Maresciallo, cu nu enniru come Saverio nun s’annoia sicuramente.

Saverio

A cosa è seria. Facìa notare chi succiriu nti sta casa: u signor Ursino e a signura Silvana, Tonino e Agnese, iu e Anna; nun si salvau nudu! Ci puonu fare nfilm, titolo: “Dal ripostiglio all’altare”. Signor Ursino, i sordi vi faciti. Cu si fa nu giro ca rintra risolve tutti i problemi sentimentali; macari tra mia e Anna a scintilla scoccau cà.

Domenico

Agnese, n’aviemu cose ri cuntare a mamma.

Peppino

A ma cugnata trova ri cuorpu a famigghia allargata. Vi pare ca ci criri? Girolamo, quannu veni fatti truvare cà, a tia ti criri.

Maresciallo

Se puozzu viegnu volentieri, vuogghiu virri a facci ra signura Maria. Però a truvare u tiempu, picchì a casa a na vennire i muratura; io e Anna ci siamo resi conto ra necessità ri nu ripostiglio e perciò n’avissimu a fare….

Domenico

Maresciallo ciò scunsigghiu, lassassi perdire u ripostiglio, lei nun sapi i problemi ca crea. Anna, riccillu tu.

Maresciallo

Chi problemi po creare? A ma casa c’è ntale disordine ca nu ripostiglio ci vole.

Domenico

Miegghiu u sciunneriu casa casa, ciò ricu per esperienza; iu sugnu pintutu ca ciù fici! Certi vote i serrature…

Silvana

Nun capisciu picchì l’hai tantu che ripostigli. Appena u maresciallo parrau ro ripostiglio, facisti nsautu tantu.

Domenico

Taliassi, se proprio a fare, a porta a facissi senza serratura. Chistu ma fare comu npiaciri personale, a lei u vuogghiu truoppu bene. A serratura nun è necessaria: a chi serve?

Maresciallo

Quale serratura!? Iu cià fare a porta a soffietto.

Domenico

A soffietto!? Allura facissi tutti i ripostigli ca vole, nun c’è pericolo.

Maresciallo

Signor Ursino, io ri lei iaiu na grande stima, ma certi vote mi fa carri i urazza.

Agnese

Mo patri è ntipo particolare…Papà, ci telefonamu a mamma e a informamu re novità?

Peppino

No, cià ma fare na sorpresa, è ciù bellu…Cara Silvana, nun ci puozzu crirri a chidu ca succiriu, sugnu accussì cuntenti! Vi vuogghiu bene a tutti, vi considero tutti ra famigghia, macari a tia Girolamo…Anna…Saverio…

Saverio

Se, tutta na famigghia! E pi sintirini ancora ciù uniti faciemu ca ogni ruminica manciamu tutti cà. Nun è na bella idea?

Agnese

Vero, è na bella idea; ciù sai siemu ciù bellu è.

Domenico

Ohu, ma chistu è nu scroccone nato!

Saverio

La famiglia Ursino pi generosità nun è seconda a nessuno.

Maresciallo

(piano a Domenico) Mancu p’amprugghiare fesserie.

Peppino

Macari ca nun è ruminica ncuminciamu ri ogghi. Agnese, pripara na bella pignata ri pasta. Girolamo ammoviti pure tu, telefona a caserma e ricci ca ritardi. (Agnese va in cucina) Forza, amuninni in cucina e organizzamini. (a Saverio) Tu nun t’ammiscare, i patate ca cucinasti all’autra vota m’arristarru cà pi catapasima. (tutti vanno in cucina tranne Domenico)

Domenico

Sta casa sta divintannu affollata, ma nun mi rispiace. Su tutti bravi pirsune, mi piaciunu…Quantu mi rilasso tanticcia, da rintra c’è ntrambusto! (prende il giornale e si siede sul divano. Si affaccia Peppino)

Peppino

Mimmo, pigghili npaccu ri penne rigate.

Domenico

(si alza) Unni su misi?

Peppino

Nto ripostiglio mi rissi Agnese.

Domenico

(si siede) Mancu muortu! Nta su puostu nun ci avvicinu.

Peppino

A ma caputu, ci vaiu iu. (Dopo un po’ si sente battere alla porta) Mimmo, rapi a porta c’arristai ciusu intra.

Domenico

Assuppa, accussì t’ampari.

Peppino

Rapi, nun fare u scimunitu. (continua a bussare) Se nun vuoi rapire tu, fai vennire Silvana.

Domenico

Ti piacissi!! Sientilu, cerca Silvana u libidinoso! Macari idu vole mpiccicare francubbulla. (si alza e va ad aprire) T’avissi a fare friscare. (esce Peppino con un pacco di pasta e Domenico con una porta che appoggia al muro) Quannu u maresciallo si ni va, ma fare u fauri ca sa cala e a mette vicinu o cassonetto ra spazzatura. Peppino, iu vuogghiu a tranquillità e finu a quannu c’è sta porta sugnu in agitazione. Portici a pasta e ciamami quannu è pronta. (si risiede. Peppino, perplesso, va in cucina) Na porta a soffietto? No, miegghiu nenti, accussì trasi ciù aria e i cose nun si pigghiunu i rinciusu. (entra Tonino)

Tonino

Signor Ursino, chi l’avi nu giravite ruossu?

Domenico

Chi si russale! P’arruminare a pasta c’è a cucciara i lignu.

Tonino

Chi c’entra a pasta? Mi serve pi fare leva nta serratura ra porta ro doppio servizio ca si bloccau e u maresciallo arristau ciusu intra.

Domenico

Nto doppio servizio!? Ora chi storia nasci! (entra Agnese)

Agnese

Na m’allestire, o maresciallo ci arrivau na telefonata urgente: ficinu na rapina o bancu ri Sicilia e c’è bisuognu ri idu…Proprio ora s’avìa rumpire a serratura? Viri chi sfortuna ca iavi!

Tonino

Sempre ciù fortunato ri mia, almeno po ghiri o bagno.

Domenico

(deciso) Nun ni cunfunniemu. (riprende la porta) Tonino, aiutami a mittilla o so puostu; se i latri su ancora nta zona i ncagghia ri sicuru, i truvamu da rintra. Forza, rammi na mano…Mi pariti picca cumminti. A ta sentire rumani i giornali:” Serratura blocca i malviventi. La famiglia Ursino rende un servizio…anzi un doppio servizio al maresciallo Corbello e all’arma dei carabinieri.” Dai Tonino, pigghia na punta…Agnese, nun mi taliare accussì. Tranquilla i pigghiamu, ro nuostru ripostiglio nun si scappa. (Tonino aiuta Domenico a rimettere la porta al suo posto, mentre Agnese sconsolata e un po’ divertita, scrolla la testa. Si chiude il sipario)

 

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno