‘U sparemazze

Stampa questo copione

 Personaggi

Cav. Felice Guasto

Rina                                sua moglie

Eufemia                         la figlia

Titella                             zia paterna

Lucrezia                         governante

Dott. Gastone               medico di famiglia

Massimo La Giunta      fidanzato di Eufemia

Jean de Chitarre           imprenditore

Nicolino Guasto            cugino di Felice

Taranto vecchia , vico Pontescuro int. B

          Estate 1958,Siamo in casa del Cav. Felice Guasto.La scena presenta una stanza che fa da pranzo/salotto,una finestra aperta con con scorcio di Vico Pontescuro,ha i vetri rotti e riparati con striscie di giornale,arredamento datato ma ben tenuto.Credenza, tavolo, sedie, appendiabito, giradischi e quadri, in uno di questi vi sono appese delle vere salsicce secche. Entrata a sx, comune

a dx. Eufemia, all’insaputa di tutti, attende il ritorno di Massimo, il suo amore mai finito e mai accettato dal padre. Dopo quattro lunghi anni egli torna dalla Francia dove emigrò per dimenticare. Lei guarda l’orologio, va alla finestra, è immersa nel ricordo e nell’ansia dell’attesa, canticchia le dolci note della “loro” canzone, “Piove” di D.Modugno, che intanto vanno dal loro giradischi. Intanto Lucrezia, la governante, è di ritorno dalla spesa quotidiana.

         …DRRINNN

Rina (f.s. e con tono sereno)  Eufemia, la porta a mammà…

                 Eufemia non si scompone, DRIN

Rina (f.s. poco serena ) …Eufemiaaa…’a porte…(entrando in scena molto seccata)…Eufèèè…

Eufemia…( sopresa) Che ce mammà ?

Rina…Ma ce perse le recchje?

Eufemia…(toccandosole) None mà’… acquà stònne…

Rina…Ma stamatine add’à tine ‘a cape,nonge ‘a stè sinte sunà ?

Eufemia…( roteando su se stesse a mo’ di ballo )Mammà, da mo’ ca stoch’à‘ssènte…

Rina…Ah si, e ce stè‘ssìnte?

Eufemia…Piove, piove…

Rina…Piove !?...stè ‘nu sole ca spacche le petre, ma ce pigghjàte ‘na ‘nsulagnàte ?

Eufemia…Ma ce ‘nsolazione, ‘sta canzone,sinde ce museche e ce parole, a‘mmè me spàcchene ‘u core…

               Drin

Rina…E ije te spacche ‘a cape, ‘u cambanìdde stè sone, va’ japre và…

Eufemia…(allegra e facendo fare una piroetta alla mamma, va ad aprire ) “Ma piove piove sul nostro amor “…

Rina…’Ste uàgnedde d’oggigiorno  parene chiù  d’ajère ca di òscje…( toglie il disco ,stop musica)

             Entra Lucrezia con borsa della spesa, Rina guarda il disco indispettita

Lucrezia…E tande ce vole p’aprè…( poggia il tutto sul tavolo )

Rina…Da tre ore co’ stoche a diche…

Eufemia…Mammà, putive pure azà ‘a voce…

Rina…Tu no’ si d’ajère si’proprie d’avantiere (con tono severo)…Lucrezia, come maje stè acquà?

Lucrezia…Signò ,fa’ ‘a spese pe’stà case è cosa di breve durata, rapida e concisa…

Rina…Stoche a parle de ‘stu dische,come s’àcchje acquà,quattr’anne fa’ te dicive de scettàrle …

Lucrezia…Ah, quidde dische …si’ è vere, ma ije…signò’ no’ jè colpa meje …io…

Eufemia…E’colpa meje mammà, le dicive ije de no’scettà, à state ‘na buscìe a fin di bene…

Rina…A fine de bene?! Ci’ù vè‘ssàpe attànde a fine de male scè spicciàme…

Eufemia…Papà…tsè, si preoccuperebbe sule…ca gire ‘u cundatore da’ luce…

 Rina…E tine ragione, però‘u sé’ c’ò probleme è ‘nnòtre…

Lucrezia…Ma quale probleme, l’amore no’ jè maje ‘nu probleme,come se chiamave ?

Eufemia…Ancore nonge ‘a muèrte, se chiame Massimo…

Rina…Citte no’ numenà,ce ve trase quidde sparemàzze  d’attande succede ‘u fine munne…

Lucrezia…V’arrecurdàte quanta storie fece pe’ ‘stu dische ca le rialò …

Rina…E ije ce puteve fa’, ca po’ ce po’rappresentà ‘nu dische…fosse ‘na fotografia, ‘na pagelline…

Eufemia…E dàlle,quidde no’ jè ‘nu dische  è il nostro disco, ma vu’no’ putite capì, cu’ quidde dische ije volo mammà ,volo …

Rina…Lucrè’, fa’ sparì ‘stu dische volante, a quidde te l’à scurdà, hònne passàte quattr’anne da quanne partì p’à France, quattro !

Eufemia…Pe’ colpe de papà so’ quattr’anne d’infelicità, malinconia, no’ l’à maje putùte vedè…

Rina…Eufemia, bèlle de mammà, oramai è acqua passate si sarà sposato, si sarà fatto padre…

Eufemia…Monache, le vogghje bene ‘cchiù de prime, ‘cchiù d’oscje e ’cchiù de dumane.

Lucrezia…E dopedemane none?

Eufemia…Lucrè…è l’amore mio , l’amore mio agognàto…

Lucrezia…Oh Gesù,  vuè bene pure ‘o canàte…

Rina…Ah l’amore ce delore, è vere ca l’amore è  sacrificio, tormento, agonia…

Lucrezia…Madonne du’ Carmene, no no, chiù tarde scènne è me leve subete ‘stu penziere…

Rina…Ce penziere ?

Lucrezia…Stè ‘nu belle giovane ca me face ‘a poste ogne vote ca scenne, a me me piace però sentènne tutte stè sofferenze…no no, ‘u diche subete”Vituccio, tu sei brutale, ce sapisse quidde ca m’à fa passà, perciò livete da nànze e no’ te fa vedè cchiù…e ce scherzàme…

Rina…( ride )…Beh Eufemia, amma fa le cunte stamatine o no...

Eufemia…Chiù tarde mà’, mo’ tenghe ce ‘ffà…

Rina…Ce’tine ce ‘ffà, da stamatine ca stè’nnànze a’ fenestre cu’ ‘ste pene d’amore, quattr’ànne de pene d’amore,  è fatt’à facce de pene …

Lucrezia…Amore e tosse no’ se ponne ascunnè, ah la gioventù, voi non siete mai stata giovane ?

Rina…No, agghje nate totta crisciute…

Lucrezia…D’à gioventù se n’arrrecòrde sule quann’jè tarde, quanne no’ stè’’cchiù timbe pe’ guderle, in corso d’opera se penze ca tutte cose ci è dovuto, giovani in eterno, macchè, ‘na matine ijàpre l’uecchje…e ‘n’à putime sule arrecurdà.

Rina…Mo’ recurdamene d’à spese, allore ’a cepodde l’è pigghjate  ?

Lucrezia…Si si,ecco qua…menza cape de cepodde…

Rina…( scrive sul libretto )…Menze…t’aveve ditte nu quarte,’a pasta sfuse l’è pigghjàte?

Lucrezia…A qua stè, dudece zitoni ca spezzate in sei fanne esattamente 18 maccarrùne ‘ppedune.

Rina…Il padrone dice c’accussì aumente ‘a linea, a me m’aumente ‘a fame, ce ‘cchiù è pigghjàte ?

Lucrezia…Il solito, butte de velene d’o macellare, fall’à vulà dal salumiere,fulmene e saette dal…

Rina…Avaste Lucrè,’ avaste, agghje capite tutte cose…

Lucrezia…Signò’,vòlene essere pajàte,’a lebrette no’ serve ‘cchiù , m’à mènene a turtegghjùne.

Rina…Pe’ quàttre lire c’avanzene, e cè’ccòse è!?…si pagherà si pagherà ‘a volontà stè, de giurne , de notte…si pagherà…si pagherà.

Lucrezia…De notte signò’, tenìte ‘a fama de pajanotte…

Rina…No’ capische piccè se lamentene tande, ‘u sapene ca pajame ogne dudece…

Lucrezia..Ogne dudece mise…ma quedda sazizze appise no’ se po’ cunzemà?

Rina…No’ te permettere, l’avì rialàte e addà l’appise…e di grande valore e non si tocca, sinte ce addore,  ma a ce serve, le sazizze appise n’ànne mai servute a ninde…

Lucrezia…E’ vere, però una natura morta è sempre bella da guardare…

Rina…None Lucrè, ije ‘a natura morte de mariteme ‘a uarde tutte le sere  e no’ jè belle da vedè…

Eufemia…Mammà, però ije ‘u spiùle ogne tande m’u leve , ‘na fettine de sazizze ‘a tàgghje e m’à gnòtte…a facce de papà…

Rina…Oh Gesù, ‘u sé’ ca tene ‘a sazizze mesurate, ci’à trove chiù corte cu’ mmè s’à pigghje…

Eufemia…No’ se ne po’’vvertì,agghje accurciate ‘u metre, ne ne pozze chiù, quanne jèsche “ signorina Eufemia ce il conto da pagare, la spesa da pagare, pagare, pagare …’sta case se ne stè cade a stuèzze e no’ jesse ‘na lire , le vitre so’ tutte rutte, mammà chiamalo tu il vetriolo no ?!

Rina…Ije !?ce me vuè‘ccù vide morte…

Eufemia…Ma d’inverne  a qua jntre se ‘ndrìgnele, ci sono certi pifferi freddi…

Lucrezia…Ma piccè ‘a notte no’calàte ‘a mane jntre ‘o cazone  pigghjate ‘u portafoglie e…’u fanne tutte le mugghjere…

Rina…Lucrè’,  ‘a sere du’ matremonie calève ‘a mane e pigghjève ‘na contusione multipla ‘o pudecàre ce delore ca sentive…’nzacche teneve le tràppele pe’ le sciùrge…

Eufemia…E mo’ ancore le mette ?

Rina…No no, mo’ se corche cu’ tutte ‘u cazone…

Eufemia…Ma com’jè ca devendate tirchje?

Rina…Attànde a nate tirchje , ce m’à date ‘a forze c’u supporte no’sacce, eh…ma me l’adda pajà…

Lucrezia…Ve l’àdda pajà !?  …e allore aspitte ciucce mije …

Rina…E ce pozze fa… ‘u mazze degli odori l’è pigghjate ?

Lucrezia…Si, ma proprie mazze mazze…(solo stelo) prezzemolo, foglia di basilico e ‘u cappotte…

Rina…‘U cappotte e già pronte, c’ajère l’è purtàte…

Lucrezia…Ce pronte, stè passave da nanze a’ lavanderie e m’hònne ‘zzeccàte, ne volene vendette…

Rina… Scummette ca se n’hònne ‘vvertìte de…

Lucrezia…Eh!

Rina…Ecom’jè, le’rròbbe stavene scunnùte buene, pe’ se’ mise ‘a sciùte sembre lisce ?

Lucrezia…’Nu cappotte de cinghe chile de’ qualche suspette,vòlene essere pajàte l’arretrate.

Eufemia…Ce fegure, ce fegure  ca ne face fa’…

Rina…Eufemia,Lucrezia…basta, sottacete…

Lucrezia…No, non gli ho presi…

Rina..Ce’ccose ?                                             

Lucrezia…Le sott’acete…

Rina…Lucrè’… ce’cchiù è pigghjate ?

Lucrezia…’U giurnàle di vostra cognata Titella…

Rina…Ah già…ma ‘ccè ore a turnate stanotte do’ tiatre ?

Eufemia…Tarde…chi sa’ com’è andata…no’ veche l’ore ca se vòze…

Lucrezia…Ije none, chiù tarde s’oze megghj’è…oh sentite, ije m’agghje stangate ca tutte le matine l’amma sentè ‘a fiatate, s’adda dicere ‘a veretà …signò quedde fete de fogne…

Rina…No’ te permettere , ‘u dottore n’à ditte otre ,” fate finta che l’alito è inodore “, è da capire , quedde stè sempre a contatto col pubblico, mo c‘arrivene l’analese da Roma si vedrà di curarla…

Eufemia…Purtamele a Lourdes, po’essere c’a’ Madonne sentenne ‘u morse du’fizze face ‘a grazie…

Lucrezia…Sentenne ‘u fizze s’a leve da nanze, agghje pigghjàte ‘u melòne de le caggiùne.

Rina…E ce fatte, sàne l’è pigghjate !?

Lucrezia…Ce l’aveva pigghjà malàte?

Rina…’Na fettine t’aveve ditte,’na fette de melòne fatta in quattro si assaggia e ne facime…

Eufemia…’A comunione…

Rina…Eh! Va beh dicime ca state ‘nu riale, ma ije diche…Signor’Iddio cu’ tanda defitte ca esistene ‘u chiù brutte l’è date, avrei accettato tutto, pure ca ere bruttefatte…

Lucrezia…E de quiste no’ ve putite lamentà…

Eufemia…Beh se po’ essere brutte ma avere l’attrazione…il magnetismo…

Rina…E forse pe’ quiste è brutte, ‘a magnesie s’a pigghje ancore…

Eufemia…L’attrazione fisica mammà, ma se non ce l’amore è tutto inutile…

Rina…M’innamorai a prima vista,peccate ca scive dope dall’oculiste, però quanne stè l’amore…

Lucrezia…L’amore ?! No Rina no, credimi scema.

Rina…Tu no’ si sule sceme si’ pure iòjjia…

Lucrezia…Scema l’amore, si vuol bene d’un bene diverso, ‘u cavaliere è brutte ma forse attirava…

Rina…Tutte le desgrazie…

         Eufemia ride, guarda l’ora e va alla finestra , Lucrezia porta la spesa di là . Mentre Rina è intenta nei conti quando entra nervosamente zia Titella

Titella…Lucrezia…Lucrèèèè…addò stè?

Lucrezia…Eccomi…arrivo…

Titella…No’ trove chiù le mutande, addò stonne le mutande…vogghje le mutande…

Rina…Titèlla, manghe bongiorne se dice…

Titella…Ah si, bongiorne, scusateme ma oscje no’ jè sciurnàte, stamatine jndre ‘o bagne …( piange) tre vote..trete!…avite capite ce signifeche?

Rina…C’addà jntre no’ se po’ trasè, almene è’pirte ‘a fenestre?

Titella…Ma ce fenestre, mi sono guardata allo specchio e mi sono sentita male…ahahah (piagnucola)pe’ tre vote e sempre chiù male stave,  stamatine non mi vedo bella…

Lucrezia…Titella livet’ù da’ cape, la tua vista te lo giuro è ottima…

Titella… C’ho il complesso della bruttezza c’ho…

Eufemia…Zia Titè, credimi,il complesso della bruttezza è da escludere a priori!

Titella…Me sente le calorie calde ca me ‘nghjànene da sotte e m’avvàmpene , il cuore è muto po’ totte ‘na vote bumbì, bumbì, oggi così mi fa, bumbì…sarà un soffio ?

Rina…O uno spiffero ? Oscje bum bì, ajere bon bon, ogne tre giurne no’’ssò analese , pe’ te ce vole ‘nu cefalogramma, tu si sane…anze de chiù de sane, sana sana…

Titella…Ije so’ malate, tenghe ‘a pressione, ‘u core, ‘u fegate…

Eufemia…Gnummarìdde…e ce ‘ssi’ ‘na macellerie…

Titella…Vu’ scherzate , stamatine cu’ ‘stu cavete tenghe pure ‘u fiate curte…

Lucrezia…E male cavàte…

Titella…Ieri ho ritirato le analisi dell’urina cottura e delle felci…sono nei limiti , avite capite, al limite ,notre picche e spetterrene…

Rina…Ma come face cu’ ‘stu cavete a purtà stè ‘rrobbe pesante, spuègghjete ‘nu picche, fa’cangià quedd’aria cunzemàte ca tine sotte…ce puerte angòre le mutande luenghe?

Titella…( si ispeziona) No, stanotte me l’agghje luàte, a molle stringeve forte e me fermave ‘u sanghe e m’aumente ‘a celluloide, mo ve fazze vedè ce sènghe m’à lassate suse ‘a vendre, no vulite vedè e va beh, stamatine ogne vote ca refiate no ne sente fizze, o stoche megghje o…

Lcrezia…O tine ‘u nase attappàte…

 Titella…Allore levamene ‘u penziere , chi vuol essere la prima ?

       Le tre donne si cedono il posto,vedendo che nessuna è propensa emana a sorpresa una fiatata fetida, le donne hanno segni di cedimento ma fingono di non sentire nulla.

Titella…Pe’ securezze ‘a facime arrète…( la convincono di no )…no ?! Lucrè puerteme ‘u mutande estive , quidde a maneche corte, che è venuto Tony ?

Rina…E ci è Tony ?

Titella… ‘U dottore, è ‘u diminuitive, è un uomo colturbante e sento che anch’io lo turbo, l’àgghje capite appene le decive “ bongionro dottore come vaaa “ quase svenive…me disse“ la prego signorina si sdrai in veranda”, ieri prima di andare a teatro sono passata da lui per avere notizie sul mio esame sanguinario, ma ancore ninde.

Rina…Cu’ ‘rrìvene da Roma ce vole timbe…

Titella…Me sape tante ca m’agghje ‘nzalamàte, e pure jdde è ‘nzalamàto di me, quann’une te dice  “cara Titella n’avenè chiù ‘o studie,la gente parla, verrò io a casa tua”…perché lo dice perché…?

          Le tre donne a soggetto mimano il non sapere  il perchè

Titella…ma per più intimità è logico…Lucrè ’u se cià fa, no’ se sape maje pigghjeme ‘u mutande ca m’accattève p’a prima notte de matremonie…

Lucrezia…E quale so’ ?

Titella…Com’jè ?! …le mutande sessuale, so’rasate di raso rosso cu’ “love” suse…

Lucrezia…Le mutande cu’ l’ove…le mutande a tegamine ?

Titella…Ignorante, stè scritte “love ““amore “, me l’accattève quanne mi sviluppai e divenni fertilizzante…e ancore no’m’anne cuncemàte…

Eufemia…Beh zia Titè  no’ me dice  com’è andato lo spettacolo , è piaciuto?

Titella…Ah  si si, moltissimo, un grande trionfo…

Eufemia…Era pieno ?

Titella… Pieno!?  Pubblico esaurito, elegantissimo,attento alle minime sfumature,e gli applausi , ije no’ me l’aspettave, il pubblico delle prime si sa è sempre un po’ tirchio…’u giurnale l’è pigghjate…?

Lucrezia…Si si…

Titella…E’ d’oscje ?

Lucrezia…No’nge l’agghje assaggiate…

Titella…Ah fatte a battute( apre, sfoglia) ecco ecco…grande successo…ecco la critica del critico , chiste cu’ a scuse ca so’ criteche tràsene ‘o gratis…spettacolo nananà…nananà…gli attori nananà nananà… quest’altro criticante, sentiamo che dice…nananà nananà…

Lucrezia… ‘A stessa critiche de quidd’otre…

Titella…Sentite quest’altro,sentite…interpretazione nananananà e po’… nananananà….

Lucrezia…Finalmente ‘na criteche deverse…

Titella…A metà spettacolo la gente che mi cercava,Titella di qua Titella di là,e bèh cu’ tutte chidde cristiane ‘a carta igenica nei bagni finisce subito…un film bellissimo…”via col vento”

Lucrezia…Via convento… ‘nu film de monache ?

Titella…De prìvete, ambientato in America  parlave da’uèrre de successione…

Rina…Ogne successione de morte stè sembre ‘na uèrre…

Titella…Ma ce ‘ngentre l’eredità, era tra americani nordici e i sudici…quante chiante ca m’agghje fatte,mi sono proprio divertita…

Eufemia…Cuènte zi’, cuènte…

Titella…Une, doje , trete …

Eufemia…Cuèntene ‘u film…

Titella…Ah…’u film, stave jèdde, bella, belle com’ù sole, ‘na vedite a me e vedite a…

Lucrezia…Brutta copie…

Eufemia…Ahahah…ci è ‘a protagoniste ?

Titella…Rossella O’Hara…

Eufemia…Si ma con precisione ci è ?

Titella…Te l’agghje ditte , Rossella O’Hara..

Rina…Titè, no’ ne fa studechì , era Rossella o Ara ?

Titella…E’ sempre ‘a stesse…

Lucrezia…Tène do’ nome, un binomio, Rossella e Ara…‘u diminuitive di Barbara…Ara…

Titella…’Ara e zappe pure, Rossella è ‘u nome  O’Hara è ‘u cognome…

Eufemia…’U cognome de Rossella o Ara ?

Titella…Sine,  Rossella O’Hara…

Rina…Notra vote,no’sape manghe jedde ci è…

Titella…No’ me facite ‘nnervosì…eh, beh a ‘nu certe punte…( si mette in posa scenica e )…queste è ‘a pose…

Lucrezia…( si mette in posa) E quest’è ‘a ciucculatère ( mima la caffettiera)

TItella…Ma si proprie jojje…’a posa sceneche, sendite sendite mo….”domani è un altro giorno “.

Eufemia…( si mette in posa come Titella)…e pure dopedemane…

Titella…Avaste nonge a fazze chiù…ignoranti…me stònne avenene le sckannìje...( uscendo e nervosamente)…e tu puerteme le mutande…

Rina…Quest’è pazzia d’astinenza,a quedd’età è ancore come l’ha fatta ‘a mamese…

Lucrezia…Quann’une è brutte è brutte…

Rina…Ma da’ddò se ne jèsse “ domani è un altro giorno “ ca no’ sapime…beh fenime ‘u cunte prime c’arrive ‘u cavaliere…allore è ditte dece lire  e cu’ quiste so’ sessanta…

Lucrezia…’ntaquattro…

Rina…E no,so’ sessanta, cu’le cunte no’ n’ àcchjame…me manghene quattre lire…

Lucrezia…A qua tutte le giurne no’ n’acchjàme, ma ce vulite dicere  ca ije…

Rina…Va,v’accuminze a preparà, ‘a paste spezzala in…Eufemia…sempre a quedda fenestre…

Eufemia…Ce jè ma’…

Rina…Ce dice le sei  zite luenghe le spezzàme in sei o in otto ?

Eufemia…Lucrè’ falle a otte,  tenghe ‘nu picche de fame…

Lucrezia…Ma tutte ‘sta paste no’ jè ca ve po’ fa male…

              Entra il Cavaliere in abito vetusto,pacchettino al mignolo e un paccoin foglio di giornale

 Felice…Ahahah…(sarcasticamente )…tenime ‘a cameriera spiritica, tu nella tua ignoranza è ditte ‘a veretà, i grandi scenziati dicono che si deve mangiare poco e da’ tàule non bisogna mai alzarsi sazi.

Rina…Ma manghe ‘a discjune…ma com’èssùte, com‘à ‘ngiacchalettòne, a ci’ngàte te vede,t’agghje ditte scitt’ù quidde vestite lazze e pezze…

Felice…Ma ce studechite…

Rina…So’ 35 anne ca puerte quidde double fess…

Felice…E te pare ca ‘nu double fess se cange dope 35 anne, ‘a bonaneme de papà ‘u vestite…

Rina…L’uneche vestite…

Felice…Si’l’uneche vestite e bisogna prendere insegnamento pe’come  l’à sapute  tenè, e per non pesare sull’economia da famiglia su mettì pure jntre ‘o chiavute,dope 45 anne pareve nueve…le cristiane ‘o funerale tutte ‘na voce ‘na voce, “ ma ce belle culore ca tène…stè proprie buene”…

Rina…Mo une ca muerte tène ‘nu belle culore e stè buene…

Felice…Stoche a parle du’ vestite, quest’abito ha presenziato a35 anne de matromonie ,creseme , comunionee ‘a bellezze de 54, dico 54  funerale  è jè già da scettà!?

Rina…Dope 35 anne  è l’ore ca se scette jntre ‘a munnezze…

Felice…E tu ca ne tine 60 addò t’agghja scettà, se lo si lava  con affetto e delicatezza no’ diche assaje ma po’cambà notra vendina d’anne divenendo così un abito storico…

Rina…Preistorico…ma ce no’ se lave da tre anne…

Felice…Se l’indossatore è pulito non vedo come l’abito possa affitescere, ricordo a lor signore che l’ultimo lavaggio fu in lavatrice per cui un  lavaggio di lunga durata…

Lucrezia..’A lavatrice , e ce l’à viste maje…

Rina…Cu’ ‘a lavatrice nove de Rosette du’ piane terrestre, ogne vote ca jèsse un elettrodomestico modernico  pe’ farme sckattà de rabbie me l’adda fa vedè, e ije ce le fazze vedè , ce  ‘ccose …’u strecature…

Felice…Sì, e pe’ farle capì ca so’ cose ca no’servene le decive ca è megghje ‘a lavatrice a ‘mmàne…

Lucrezia …Ca so ije .

Rina… E jdde, ‘u sparemàzze, n’apprufittò.

Felice…Certamente, ne approfittai e me facive lavà ‘u vestite,famme vedè le mane (a Lucrezia)‘nu cazone quanne se sente accarezzate, massaggiate da’ ste belle mane, se face lavà con piacere, si rilassa, si sente amato e none malatrattate da ‘nu motore…eheh…care signore io sono assennato, è vero Rina che sono assennato?

Rina…Ah se ‘nnato tu non fossi…e jìssele le solde,l’è cundannàte all’ergastole,cu’ tande ca ne tine ogne tanda fa’ n’amenstie…a proposite s’adda pajà ‘a lavanderie.

Felice…Quanta frette , ca ‘nu cappotte è tutte…

Lucrezia…’Nu cappotte ripiene de’rròbbe, se n’onne avvertite du’ trucche, t’agghje ditte no’ esagerà le cammise ascunnìmele ‘o prosseme lavagge…mutande,cazitte fazzelette,troppe‘rrobbe.

Felice…E ce ngentre ca le ‘rrobbe so’assaje…‘u lavagge sembre de ‘nu capotte è!

Rina…( alzando la voce ) Ma ce te n’à fa’ de tutte le solde ?

Felice…Scccc…no’ lucculà, le mure tenene le recchje e certe vote pure ‘a vocche…tu ( a lucrezia che finge di spolverare )…sine tu…che fingi di lavorare…ce sendute ?

Lucrezia…Ije ?!...Cu’ tanda solde ca tine quann’à pajà ‘a Lucrezia ?

Felice…Questo non l’ho detto, ( sniffa l’aria) …mamma meje , ma ce jè stù fizze de cummùne, Lucrè pe’ piacere va’ tire ‘u scareche…

Lucrezia…Cavalie’ no’ se tratte de scareche, ve’ n’avite scurdate ca tenime ‘u cesse mobile…

Felice…Ah già, stu’ fizze è firmato, tenime ‘a stiliste du’ fizze…

Rina…Ma t’è viste chidde lacce…

Felice…Beh, ce tènene le lacce mo?

Rina…So’ chine de nude…

Felice…Embè, se spezze ‘u lacce e se scette?! se face ‘u nude no?! Anze agghjà scè ‘rrevà ‘o negozie de le scarpe ca m’agghja scè ‘rràjà…

Rina…E piccè ?

Felice…Piccè?! Stè scarpe hònne fatte ‘na brutta riuscite, u’culore dèce anne fa era “testa di moro”

Rina…E mo è testa di morto…vent’anne fa Felì’…

 Felice…E ce vuol dire, e stame buene ce dope vent’anne no’ servene chiù, suse a sckàtele no’ stave ne scadenze e ne quanta chelometre ponne fa all’anne, vuol dire ca ‘ste scarpe ‘ssò a vite.

Lucrezia…E chidde ce volene, do’vite,accussì mantènene de’cchiù…no’se pònne manghe pulezzà, so’chine de buche…

Felice…In estate bucherellate se’portene, chiuttoste a qua manghe ‘nu bettone(giacca)une òscje e ‘nu bettone dumane sce cercame ‘a lemosene sotte a San catavete…

Rinaa…Sembre ‘u stesse latuèrne, Felice cessala, ti prego cessala…

Felice…Va bene,cesso!

Rina…A me cesse, tu no’ me puè vedè, no’ m’è maje putùte suffrì...mai ‘na parola d’amore,’na frase che mi elettrizzi…

Felice…Che Dio ti fulmini…( si avvicina al quadro di salsicce , col metro e le misura)

Rina…Ah se tu m’amassi, se tu m’amassi…

Felice…Stai tranquilla Rina, non t’ammasso…

Rina…Ma quante si’ stuedeche…

Felice…Amme’rrevate, capolinea si scende…ce ste’ facive ‘u cunte?

Rina…Sine si’, sule ca…

Felice…Ce jè , no’te Jacchje cu’ cunte ?

Rina…Manghene quattre lire…

Felice…Quattre lire….oh Gesù ( attimo di mancamento) Lucrè  pigghjeme ‘nu bicchiere d’acqua…

Lucrezia…( Ironicamente )Rubinetto o Frigorifero ?

Felice…Ce’ccattàte ‘u frigorifere…?!

Rina…Lucrè, ce me l’à fa murè…

Lucrezia…Manghe se po’ scherzà…( fa per uscire)

Felice…Lucrè’, mitte quidde pacche jntre ‘o stipe…

Lucrezia…(prende il pacco e annusandolo)…Mamma meje ce addòre…ma è ’furmagge…sante du’ Paradise…signò ‘u furmagge accattàte!?

Rina…Ma te ste’ sinte buene ?

Felice…Per caso vi ho detto che l’ho comperato, no, ‘o mercate stave ‘nu cristiane de Grottaglie ca venneve furmagge di diverse qualità, un profumo che non vi dico, invitante,inebriante, beh mentre mi saziavo de st’addòre mi sono accorto di un cartello esposto che diceva“ Formaggio da gustare, formaggio da grattare “…

Rina…L’è’rrubbate?!…e jntre a qua…ce‘cchiù t’è’rrubbate ?

Felice…Ma ninde…eheheh…Rina,t’agghje ‘ccattàte ‘a torte…

Rina…’A torte…e ‘ddò stè ?

Felice…Lucrè’…puerte stà torte in cucina…

Lucrezia…Uh…quante pese…

Felice…Fa picche ‘a speretose…

Lucrezia…Cos’è pan di Spagna o mille foglie ?

Felice…Jòjjia ca no’ssì otre, nel pan di Spagna ce il risolio che pesa,aumente ‘u pese e aumenta ‘u prizze, questa è molto più leggera, la mille foglie…

Lucrezia…Mille fogle…e a qua jntre  ste ‘u prime ‘o l’ulteme foglie?

Rina…E qual è ‘u mutive de ‘sta torte ?

Felice…Eh eh…( soddisfatto) poi ti dirò, ‘sta torte l’àgghje pigghjàte come te piace a te…

Rina…A’mmè ?!…e ce se l’arrecorde chiù, l’ulteme a state quedda nuziale…

 Felice…Perciò stè ‘bbòne, ninde diabète, carie , e l’acqua po’,suse alle cose duce ce un consumo d’acqua enorme, oggi però si fa uno strappo alla regola, su sforzati, come te piaceve ‘a torte?

Rina…( allarga le mani a mo di cerchio ) …accussì me piaceve ‘a torte Felì’…accussì!

Felice…E allore no’ t’à gnuttè tutte ‘na vote, scioglila lentamente , fa’che ogni papilla s’inebri del gusto dimenticato e vedrai che ti rimarrà nelle ore, nei giorni…

Rina…Negli anni…

Felice…E’ il piacere del ricordo dove lo metti?

Rina…Vuè ca t’u diche ?

Felice…No’ stè besogne, pe’ quanta vote ca m’u dice  ca certe vote mi chiedo ma ije tenghe ‘nu cule ‘o ‘nu stipe, beh e allore… come te piaceve?

Rina…Cu‘a creme….ah si…crema a’ ciliegia…

Felice…E acquà stè… a’ ciliegia…

Rina…Acquà jntre…e ce stè sule ‘u nùzzele?

Felice…Mi chiedevo” ma saranno soldi spesi bene”, ma sì ogne tande besogna spennè ce no porte desgrazie, infatti ce no’ pò spennè ‘ssò sule le desgraziate…

Rina…Com’à quedda povera figghja toje, mai ‘nu devertemende,mai ‘nu vestite e falle ‘nu riàle , quidde ca n’è mai fatte pe’mmè…

Felice…Riàle riàle,‘ste femene pènzene sule alle riàle…tu è state affertunàte, fortunata sì, non ricordi cosa ti ho regalato ?

Rina…Riàlate ?!…mai ninde m’è riàlate..mai….

Felice…Come ninde , è ‘vute tutto me stesso e dice ninde…

Rina…Ma ije vuleve‘na collane none ‘u ciòndele…magari ‘nu bracciale , ‘n’anidde cu’ ‘na petre…

Felice…Rina cara ci è sule pe’ quiste quann’jèsche te porte,‘nu chiangòne…

Rina…E ije t’ù menghe ‘ngape…magari un solitario…

Felice…Le carte adda jntre stonne…

Rina…magari un rubino, anche piccolino…

Felice…Un rubinetto, e va bene Rina…dimmi cara lo vuoi da lavandino o da bidè ?

          Entrando Lucrezia

Lucrezia…A ‘mmè ‘u fedanzate mije ‘a Natale  me riàlò ‘nu belle zuccòne…

Felice…E mo’ mangiave tu ca ije te rialave ‘u “zircone”, pinze ca tutte le uàgnèdde c’agghje tenute le lassave sempre ‘a viscjilie de Natale…

Rina…Ma ce te l’à purtà cu’ttè, falle ‘nu riàle a figghjete, ‘na vote falla sentè cuntende…

Felice…Otre ca cuntende, la dote mia cara l’agghjà’ssè ije, ‘nu màschele m’aviva dà’ ‘nvece m’è parturite ‘na cambiale post datata…

Rina…’Na cambiale, figghjete è ‘na cambiale…stè parole se pàjene Felì’, se pàjene…

Felice…Ah si, e allora se si pagano me le pigghje indietre seduta stante…

Rina…Tine ‘na figghje educate, oneste, bellafatte…quann’assime tutte se girene…

Felice…Se girene ?! Cu’ttè presente se girene, ma dall’otra vanne.

Rina…Caro mio, sono ancora in stato interessante, ho ancora un certo non so’ chè…

Felice…Ma qual è  stu’ “non so’ chè” …nonge ‘u se’manghe tu…ahahah…

Rina…No’ stè ninde da ridere , pe’ figghjete ce ‘ntenziòne tìne ?

Felice…Ce penze ije  ca so’ attàne…

Rina…Non credo…

Felice…Come non credi…

Rina…Non credo ca ce pinze tu…

Felice…Ah,ma ce jè ca tène, stè sempre ‘nnanze a ‘na fenestre, addevendàte ‘na grastie…

Rina…E manghe addà po’stà’, ce nonge à vèdene come po’ truà marite…rimbambite.

Felice…E allore mo‘a ‘ntulettàme ‘bbòna ‘bbòne affettàme ‘na vetrine e ‘a mettìme esposte…

Rina..Si’ senza core !

          Entra Lucrezia

Lucrezia…Beh avite fenite de terà ‘u cunte, ije tenghe ‘na reputazione da defennere..

Felice…Besogne tène l’uecchje apirte, ruba chi fabbrica, ruba chi vende e ruba chi compra.

Lucrezia…Ce vulite dicere c’arrobbe suse ‘a spese…

Rina…Ma non l’ha detto…

Lucrezia…Ma l’à penzate…

Felice…Ma non l’ho detto…( rifà velocemente il conto ) due più due quattro,zere porta zere…tre più sei…nah l’errore Rina, e già, so’ proprie quattre lire…

Lucrezia…Signò ,tutte le giurne so’ errore e a’ fine mese no’ ssò trattenute ca me facite…

Rina…Non è vero, a fine mese te pajàme nu’ ?… di’, te pajàme?

Lucrezia…Mai !

Rina…Ma è proprie pe’ no’ te fa le trattenùte ca no’ te pajàme…

Lucrezia…E allore grazie, grazie assaje…

Rina… E recuerdete ca sì’ sule ‘na governatrice, mo’ va fatje ca si’ pajate ‘bbòne…

Lucrezia…Pajate ‘bbone ?!...‘So’ anne ca no’ vede ‘na lire…

Felice…E ce te stè mantene , ‘a porte è aperte te ne puè scè…

Lucrezia…E miche so’ stodeche come a tutte l’otre , ije reste a qua fine ca no’ me pajate…

Felice…Ah resti ?…non so’ cosa ti trattiene…

Lucrezia…L’arretrate e le sette tredeceseme ca me spettene…

Felice…Sette sule so’…, quedde prime de te arrevate a dudece…

Lucrezia…Famme scè fatjà  cà è megghje…

Felice…Va va e fa ‘na cose oscje mine do’ zite de chiù…

Rina…Ah, finalmente ‘nu maccarrone de ‘cchiù…

Felice…’U tenime a pranzo .

Rina…Ci è ?

Felice…’U maccarrone.

Rina…Spiegati non capisco…

Felice…A pranzo abbiamo un ospite…

Rina…Un ospite?! Ca ce no’ stè ninde…’a carne è de dumeneche passate,pure toste.

Felice…E ce l’aveva ‘nvetà cu’ ‘a carna fresche, la carne essendo tosta lo farà masticare molto di più, le ganasce si stancheranno e tuo genero avrà un senso di sazietà…

Rina…Mio genero?!…Eufemia no’ jè manghe fedanzate, une ne teneve e quattr’anne fa le faciste lassà , ‘nu giurnaliste , recuerdete ca ne fatte perdere ‘nu giornaliste.

Felice..Giurnalare Rina, ‘nu strellone muerte de fame, ce se penzave c’acquà stave ‘u stuedecehe, e po’nong’ère manghe ‘u tipe mije…

             Rientra Titella

Titella…Ca ce te l’aviva pigghjà tu…

Felice…E tu a qua stè, jsse ‘nu picche, come puè truà l’anima gemelle, oscje stè pure ‘nu picche de vinde apprufittene, sora meje si’ bella granne, non ti voglio spaventare ma quello poi…si atrofizza.

Titella…No’te ne‘ngarecà, il mio lavoro mi permette di vedere tanta gente e molti me la chiedono.

Felice…’A carta igeniche ?

Titella…No’ cangiame descurse, quidde uàgnone chiane chiane s’avisse sestemate, cu’ n’aiute ‘nu poste buene l’avisse truàte…

Felice…Infatti cu’ l’aiute vuestre ‘u poste buene l’aveva acchjate …a casa meje!

Titella….E ce faceve , se vulevene bene e po’ ere pure bellefatte…

Felice…E come se face a essere bellefatte ce no’ se tene ‘na lire, quanne po’ arrive ‘u padrune de case pe’ l’affitte…”scusate padrone di casa , solde pe’ l’affitte no’ne tenime però mariteme è proprie bellefatte “…( avicinandosi al mobile , prende la chiave , apre e prende una bottiglia di vino )’a buttiglia d’acqua addò stè…Nicolino beve parecchje specie ‘o gratis…

Rina…Nicoline!? oh Gesù ,l’ospite è quidde maccarrone de cugginete Necole?

Felice…E megghje de Necoline a’ddò truève, chidde so’ le mane giuste…

Titella…Le sacche giuste, e figghjete ce ne pense,avrà qualche diritto…

Felice…Ce penze ije, Nicoline sape quante vale ‘u centeseme,so’ anne ca pe’ mangià no’ spenne ‘na lire, face l’ospite di “circostanza “ fra parinte e amice n’accòcchie 183, due volte l’anno li va a visitare all’ora di pranzo e cu’ ‘a scuse ca se truàve per caso a passà de ‘ddà, per affetto e amicizia sente il dovere di salire per salutare,le cristiane pigghjate ‘a spruvviste no’ sapene ce dicere, cu’ piatte cavete e fumante ‘ntàule se sentene‘mbarazzate per la“circostanza”e accussì pe’cortesia e ospitanza‘u ‘nvitene a pranzo…geniale…un vero genio…

Rina…E a’ felicità de figghjete nonge pinze ?

Titella…Ce brutta sorte , è megghje ca ‘ste descurse no’ le sente m’arrevotene ‘u stomache , m’avvelenene ‘u sanghe…

Felice…E tu m’ avvelìne l’aria …( sventola un fazzoletto per cambiare l’aria ) parle cu’ jedde , convincila , n’attane sape quidde ca ce vole pe’ ‘na figghje...  

Titella…N’attàne, tu si’ n’attane !? ( si avvicina a Felice )…uèh, sinteme sane…

Felice…Sinteme sane?! ce te stoche a sentè so’muerte…

           Entra Eufemia allegramente

Eufemia…Bongiorne papà , ( va alla finestra) ce ore so’, stamatine ‘u timbe no’ passe maje…

Felice…No’ stà sempre ‘a fenestre no’ne stè chiù besogne,papà ha pensato molto a te e ha capito che ha sbagliato, lo ammetto, ma a tutte stè remedie, perciò oscje l’agghje ‘nvetate a pranzo…

Eufemia…( fraintende )A pranzo?…dope tutte quidde ca…a pranzo? mammà è sendute, n’o pozze credere.

Rina…E face buene…

Eufemia…Come buene…ma se po’ sapè de ci è ca stè parlame?

Rina…De quedda malombre del cugino di papà, Nicolino Guasto.

Eufemia…Eh!? ahahah, e ije …ce stodeche me credeve ca …e proprie oscje l’è nvetate o’ mamòne?

Felice…La bellezza passa…

Eufemia…M’à bruttezze mantène…

Felice…E’ un parente di cui nutro grande stima e pure mamete , è vero Rina , è verò che tu nutri?

Rina…Ce nutre ca qua stè deperime…

Eufemia…E da‘ddò jèsse tutte st’interesse pe’ quidde uècchje de merluzze…

Felice…Beh sai…forse, quasi, sicuramente …diventeremo più intimi...

Eufemia…Papà  t’è’nnammurate de cugginete ?

Felice…Ma sendite ce sfacciàte de figghje…

Rina…Nicoline a decise de pigghjà mugghjère…

Eufemia…Oh Madonna meje , e ci è stà povera svenduràte ?

Felice…Svenduràte?! Furtenàte! l’amore è cosa secondaria,superflua,l’uneca cosa ‘bbone dell’amore è ca jè gratis…Nicolino ha tante qualità, è  molto divertente e…

Eufemia…Ah si, me face ridere sule cu’ vede…

Felice…e vogliamo sottacere alle proprietà, case, terreni, uliveto, marangeto…

Rina…Aranceto , ignorante…

Felice…Marangèto, coltiva marangiane, figlia mia dinanzi a te si spalanca una via che porta dritto…

Eufemia…’O cambesante…

Felice…Alla felicità, l’amore porte sule inùtele penziere…“ amore,a pranzo non mangio perché ti penso, a cena non mangio perché ti penso, amore, la notte non dormo…

Lucrezia…Perché lo pensa ?

Felice…Piccè stè more de fame .

Rina…Falso, sei un falso ,per amore  pure tu nonge mangiave  pe’ mme…

Felice…Si è vero, e ancora oggi è così, te uàrde e se chiude ‘u stomache…

Eufemia…Papà , tu pinze sule all’interesse , al mio cuore chi ci pensa, al mio cuore frantumato …

Felice…Si andrà da un cardiologo…  

Eufemia…Non fare il finto tonno, ‘u sé’ de ce stoche a parle, chiedo rispetto per il mio amore , l’unico amore …’u faciste sentè ‘na nullità, l’umiliaste  sule piccè ere puveridde ma ricco…sì, ricco  d’amore , d’amore pe’mmè , faceve ‘u strellone embè, stava studiando per un futuro migliore, il nostro futuro, e il suo futuro caro papà era specializzarsi in lettere…

Rina…Stè sinte desgrazià’ amme perse ‘nu professore, ‘nu professore  de lettere…

Eufemia…None mà’, aveve fatte a domande pe’ fa ‘u pustine…ma è ‘na colpe, dimme è na colpe ?

Felice…E’ ‘na condizione e jè ancore pegge, vedrai che col tempo ti abituerai…

Rina…A qua le doche ragione, ije no’m’agghje abetuate…

Felice…A fatt’à battute a fatte…con Nicolino cara figlia mia , sarai felice e beata…

Eufemia…Si papà, Beata prime ancore de murè…’a felicità è notra cose, se po’ essere felice pure quanne passe ‘nu delore de cape,‘na sciurnate de fatje, no’ jè cu’ metre ca se mesure ‘a felicità.

Rina…Brava a mammà !

Felice…Brave a mammà, a parlate ‘a defese , mi ritiro in camera di consiglio …(esce)

         Eufemia piange

Rina…Eufè’, no’ chiangere. ..

Eufemia…E come fazze, m’à fatte chiangere pe’ quattr’anne  e pure oscje ca stè torne jdde…

Rina…Stè torne!? Massimo stè torne, e tu com’u sé ?

Eufemia…Com’u sacce…ce sapisse quanta lettere m’à mannate…

Rina…Allore l’a pigghjate ‘u poste ‘a poste…

Eufemia…Ma no, ci amiamo, non abbiamo mai finito di amarci…ma tu no’ puè capì…

Rina…Ca ce’ssò stodeche, capische Eufè’, capische…

Eufemia…Io lo amo e si terrà conto di questo( va alla finestra)…arriverà a momenti, dovrebbe essere già arrivato alla stazione, no’ vede l’ore d’abbrazzarle, baciarle , de fa…

Rina…Uèh…de fa ce ‘ccose…?

Eufemia…De fa amore mà’, l’amore…

Rina…Eufemia, ti ordino…de fa’ amore pe’tutte ‘a vite…(si abbracciano)

Eufemia…Te vogghje bene mà…arrevate,Massimo arrevate, me stonne a tremelene le jamme…

Rina…Pure a mmè…me le sente vàchele vàchele…

Eufemia…E’ l’emozione ?

Rina…E’à paure , mo co’ sape attande…

Eufemia…Come s’à fatte belle, assemegghje a quidde’ddà, quidde famose ca se chiame Amedeo…

Rina…A Marche Polle ?

Eufemia…Amedeo Nazzare…‘sso’ tanda felice ca m’avene da chiangere…( si abbracciano)

           Entra Felice che ascolta le ultime frasi

Felice…Ah ce bella scena, lacrime ed emozione …l’hai convinta eh…Eufemia, devi sapere…

Eufemia…Scusate papà, non mi sento bene…mi ritiro nella mia stanza.( esce )

               Drin , suonano alla porta

Felice…Eccolo, arrevate…Lucrè’ japre( di spalle all’ingreso ) si parlerà di affari, affari Rina, affari…

Rina…Ma va’ffar…uhhh, famme sta’ citte ch’è megghje…

            Spunta Lucrezia

Lucrezia…Signori ce…

Felice…Fai entrare Lucrezia…fai entrare…

           Entra Il dottor Gastone il padrone di casa

Felice ( continuando)…ti stavamo aspettando a vrazz’aperte , di questa casa sei ilpadrone…

Gastone…Bella scuperta,so’ vent’anne ca te l’agghje affettàte…ahahah…bongiorne ( poggia il cappello sul divano)

Rina…Dottor Gastone…

Gastone…Personificato…( sniffa l’aria )…ce fizze ca se sente, ma  ce s’attappate ‘u cesse ?

Rina…Magari, ma prego accomodatevi…

Felice…E’ megghje ca stè in piedi, ‘u dottore ve’ sempre de frette , è vere ca ve’ de frette?

Gastone…Miche sempre…

Felice…Nonge ve’ de frette?

Gastone…No,anze…allore ‘stu fizze da ddo’ ‘rrive da’ fugnatùre?

Rina…No, purtroppo no…sapete no ?!

Gastone…Agghje capite, Titella è stata qui da poco, entrando sono stato assalito da questo, come chiamarla, tanfa, fetore, non pensavo che fosse una scoreggia di Titella, dall’oggi al domani c’è un peggioramento repentino preoccupante, avrei scommesso che fosse fizze de cesse ‘nghiummàte.

Lucrezia…Dottore…ma non sono scorregge , è il fiato …

Gastone…Sembra fiato, purtroppo il peso specifico del suo gas intestinale è molto basso e quindi non riuscendo a defluire dal cu…dal cui loco si esterna, cioè dal  buco del…del tombino,risale nel suo apparato fogniario…intestinale, e trova sfogo naturale dallo sbocco…cioè dalla bocca, ora aspettiamo il responso delle analisi e si vedrà, nel frattempo fatevi coraggio…

Titella…Tony…sei qui…ma piccè no’mavite avvesaaaate…

Gastone…Titella , stai tranquilla…non ce bisogno di urlare…

Titella…Che sei venuto per farmelo vedere ?

Gastone…Titella ma che dici…io, fartelo vedere…cosa penseranno, non ci badate...

Titella…Tu me l’èditte...( sensuale)” verrò a casa tua a fartelo vedere “…

Gastone…Te fazze vedè ‘u certefecate, il responso delle analisi che aspetto da un’ora all’altra.

Titella…(delusa)Ah ‘u certefecate…ma da come lo dici sento che tira una brutta aria…

Gastone…Titè’,brutt’assaje…

Titella…( gli sta molto vicino ) Gastone, appena giunte vieni da me…ti prego non tardaaaare…

Gastone…Sembre ce cambame…

Felice…Ma ce no’ jè pe’ Titella  come mai stà visite all’ore de pranze ?

Gastone…No’ t’allarmà , nonge agghje venute pe’ mangià,cu’ stu’ fizze s’à chiuse ‘u stomache…

          Felice si siede con intenzione sul cappello di Gastone

Rina…Attenzione ‘o cappiddè…uhhhh….

Felice…Uh scuse, quante me despiace…e allore, ‘u mese da’ case te l’è pajate …

Rina..Ma se volete rimanere a pranzo, dove ce n’è per quattro ce n’è per per cinque….

Titella…Si si resta a pranzo, mi acculerò accanto a te…

Gastone…No!!!...no dico, oggi non posso, magari un altro giorno…

Felice…Mi dispiace ma per quel giorno abbiamo un impegno…

Gastone…Ahahah…sembre de ‘na manere è remaste ahahah…no’ te preoccupà, voglio contribuire al tuo risparmio, da oscje chiamame sule “Tone”…

Felice…Non Gastone, sule Tone, e piccè  ?

Gastone…Accussì resparmie ‘u “ gas “…ahahah…

              I presenti ridono divertiti

Felice…A fatte ‘a battute a fatte…

Titella…(Vicino a Gastone)..Ahaha, ce battuta divertente…ahahah…da morire…

          Gastone ha segni di cedimento, si sventola col cappello

Gastone…Mi sono sentito mancare…pe’ n’atteme m’agghje viste ‘a morte nanz’all’uecchje…

Rina…Titella no’ t’avvecenà accussì ‘o dottore…

Titella…Ce vulite dicere ca è colpa meje, ca so’ brutte …Gastone dille ca so’ brutte…dille!

Gastone…Ma quanta vote te l’agghja dicere, non sei brutta,anzi come uomo saresti molto carino…

Titella…( Delusa)Ahhhahhh …(esce)

Gastone…Ma è un complimento…( ai presenti) non l’ha presa come un complimento ?

Felice…Se po’ sapè ce venute a fa ?

Gastone…Sono quì per un motivo molto semplice, Felice le mie esigenze aumentano, il mio divertimento  cresce, cene , donne…le solde nonge m’avastene maje …

Felice…E ije ce ‘ngentre ?

Gastone…Centri eccome, l’uneche ca me po’ aiutà si’ tu, mi sono chiesto come pozze fa p’aumentà l’entrate e mi sono risposto, semplice ,aumente l’affitte ‘o cavaliere…

Felice…Madonna meje , me stoche a sente male…(Gastone ride di gusto)…un momento, hai detto “donne” , allore facime accussì , do’ vote a settemane  jsse cu’ Titella e stame pace…

Gastone…Ahahah..

Felice…E spiccia cu’ ‘sta resate …

Gastone…Ahahah…è‘nu scherze, ahahah t’agghje fatte ‘nu scherze…

Felice…’Nu scherze…ahahah….l’aveve capite…

Gastone…Sinte cavaliè parlame de cose serie…

Felice…Ce cangiate penziere ?

Gastone…Di là, fore ‘a porte c’è La Giunta…

Felice…’A giunte…pure ‘u sinneche ?

Gastone…Massimo, quel bravo ragazzo che tu sai, è tornato dalla Francia e vorrebbe salutarvi…

Rina…A turnàte Massimo è sendute…

Felice…No’ so’ surde…ma proprie oscje ?

Gastone…Dopo quattro lunghi anni, t’arrecuerde no ?

Felice…Si si, ( triste )me face piacere  me face…

Gastone…’U uagnòne s’à piazzate buène,Massimo è quidde c’ogne attàne vorrebbe per la propria figlia…

Felice… (sempre più triste )Me face piacere me face…

Gastone…A turnate col suo datore di lavoro, un’imprenditore e pe’ festeggià l’agghje ‘nvetate a pranzo in trattoria “…oh, ma mo ca… piccè no’ venite pure vu’…

Rina…Magari, ma ce sape quante se paje…

Gastone...Ma no, siete ospiti miei…

Felice…(allegramente )Me face piacere me face , eh accedènte nonge po’ essere,tenghe n’ospite a pranzo, ma l’invite me l’astipe eh…no’ jè ca te ne scuerde?

Gastone…Ce mancherebbe, allore pònne trasè ?

Rina…Jntre a ‘sta case tutto può mancare meno c’a cortesie, Lucrezia fai entrare…

            Rientrando in casa, Lucrezia , Massimo, poi Jean de Chitarre .

Lucrezia…Massimo ben tornato…

Massimo …( con un mazzo di fiori ) Lucrezia,ce piacere rivederti, ti trovo bene tai…

Lucrezia…Chiù belle t’ fatte…Rina…nah tremindele…

            Felice sbuffa

Rina…Massimo…fatt’abbrazzà, Felice…è viste a Massimo…non lo trovi più bello…

           Felice sbuffa ancora più evidentemente

Massimo…Tignora Rina quetto è il mio mazzo  per voi…

Rina…Felice guarda il mazzo di Massimo, che bella coroncina di rose tutta per me … e tu mai…

Felice…Io di rose ti farò una corona…

Rina…Uh, il bigliettino…”da Massimo con affetto e amicizia “grazie, che belle parole…e tu mai…

Felice…Lo farò anch’io….“ dal marito affranto e inconsolabile “…

Rina..Li metterò alla Madonna ( guarda il marito) pe’ ‘nu piacere ca l’agghja cercà.

Massimo…Cavaliere ben trovato, come ‘ttà ?

Felice…Ttò bene…stò bene grazie, i soliti dolori aromatici , le jamme le vrazze…

Gastone…Arti…Felice, arti…

Felice…Si tutta la zona artica…

        Entra Eufemia seguita da Titella

Massimo…Mi dispiace, non siete cambiato per niente, siete sempre più ( vede Eufemia)… incantevole…

Felice…Grazie, grazie…

Massimo…Attraente…

Felice…Si, ma non esageriamo…

Eufemia…Massimo…

Massimo…Eufemia…

            I due istintivamente si avvicinano per abbrracciarsi ma si fermano a pochi centimetri.Le donne sorridono

Titella…Che bella coppia…

Lucrezia…Se vede proprie ca so’ fatte une pe’ l’otre…

Rina…L’amore in carne e osse…

             Le donne ora  guardano severamente Felice

Felice….Quante site belle , parìte le tre fate, fate schifo, fate pena e fate chiangere…

Titella…( spingendo Eufemia verso Massimo ) …E spiccele, ‘stu rauseo, Massimo avine da zia toje, quante si’ beeellle… ( lo abbraccia , Massimo da segni evidenti di malessere) l’aria da France t’a fatte bene , ma l’aria de case è totte notra cose è veeeere…

             Massimo e pallido sembra che svenga, a soggetto i presenti si spaventano…

Jean…Massimò…chesche tu tien…

Eufemia…Massimo…

Jean…Massimò, mon Dieu , cosa prende…?

Felice…Cosa prende ?

Jean…Un aperitivo , mercì…

Felice…Dicevo, cosa gli prende ?

Jean…Je ne sape pàs, Massimò chesche te sinte, jsse la lenghe,parlè…un dottèr ce vole ‘nu dottèr…

Gastone…Si , facite subete chiamate ‘u dottore…

Lucrezia…E tu ce ste’ face ?

Gastone..Ije ?! Ah già , so’ dottore, mo faciteme vedè…

Rina…No’ jè ca me more jntre a case ?

Felice…Scusate ma fatelo morire da notra vanne o in serata, ho un ospite a pranzo…

Jean…Fete le vent …fete le vent…

Rina…Fete ‘u levante, avit’à sentè come fete  quann’è sceròcche…

Jean…Mais scuse moi, ma intre a case ce tenite ‘u pùzze noir ?

Titella…( si trova accanto a Jean )Ma quante me piace ‘a parlata franceeeese…

               Jean si sente male

Titella…Madonne meje …no’ respire chiù.

Gastone…Ce vole nu’ picche d’aria fresche…

Titella…Che dite gli faccio la respirazione bocca a bocca ?

Rina…Nooo…ce l’à fa murè, va pigghje ‘a borse du’ ghiacce va’…

Titella…Si si (uscendo )…l’aria de Tarde nuestre è troppa fine…

Massimo…Nonge m’à recurdàve accuttì, s’aggravàte attàje…Jean , mon amì…

Jean…Cos’è statò, improvvisamante è mancate l’ariò,m’è sembrato di sprofondar nella mèr…

Felice…Qui a Taranto siamo pieni di mer,mer a destra e mer a sinistra…

Jean…Vous l’avez  pure jntre a case la mèr…ma che tien tutte le dent con la cariò…

Eufemia…La cariòla non centra,dottore ditegli che zia Titella non è mortale…

Gastone…Finora, ma domani ?

Jean…Povera femme…

Gastone…Povera femme, povere a nu’, il  farmaco non la tange, è refrattaria, abbiamo provato con gli estrattori, depuratori…ma ninde da fa…

Jean…Purquoi no’ pruvàte ‘na macumba , ‘na sedute spiritic…un esorcismò…

Eufemia…Amme fatte a santa moneche ma ninde da fa…ma Massimo…oh mi scusi, signor Massimo, diteci di questa Francia…

Massimo…Beh, all’inizio come ti può immaginare è ttata dura, non conottèvo nettùno,emigrante in una terra tonottùta, ho avuto problemi con la lingua…

Eufemia…Mi dispiace, forse qualche infezione, un infiammo…

Massimo…Ahahah…Jean hai ecutè…

Jean…Ho ecutè…ecutè…

Felice…Se ci ecutate pure a noi…

Rina…Si ci farebbe molto piacere sapere di quest’ “ecutè “...cosa sono bon bon?

                Massimo , Gastone e Jean ridono divertiti

Jean…Rian bon bon, rian…Massimò parlè tu avec Rinà…

Rina…A me “vecchia rennàle “, ma come si permette…

Massimo…Ma no, intomma il mondo mi era profondato totto i piedi , tenza lavoro , tenza affetti e quel che era peggio tenza quello a cui tenevo di più…( guarda Eufemia, poi per sviare  )…la mia terra,cavaliè’ , la mia terra, è ‘ttàto come morire dentro, ero titte…molto titte…

Eufemia…Mi dispiace che era titte titte…triste triste…

Gastone…Ma ragazzi ce jè ‘stu “voi”, prima di partire vi davate del tu…

Felice…E tu fatte le fatte tue…

             Entra Titella con una borsa da passeggio  

Titella…( la passa a Jean)..Nà ‘a borse du’ ghiacce…

Massimo..Jean , mettilo tulla tetta…

Jean…Sulla tetta di Titella ?

Massimo…Ma ce tette, ‘ngape…ti rinfreccherà, apète i treni ttàncano…

Titella…E quidde a state, ‘u trene, face cavete ce ‘un aria così pesante che colpisce verò ?

Jean…In pien..m’a culpit in pien…ma no’ sento le frescò (guarda nella borsa ) ma il ghiacciò dov’è?

Felice…Nel pensier, pensate al polo nord, al ghiaccio, brrr che freddo, è risaputo che la mente prende il sopravvento sul corpo…vero dottore?

Gastone…Si certamente,  verissimo…

Felice…Pensate, pensate ai ghiacci, la neve, dite la verità cominciate a sentire i brividi ?

Jean…Muà non santo niànte…a parte le fizzòn…

Felice… Avete poca immaginazione, caro signore il ghiaccio costa e allora si ricorre alla memoria…

Massimo…A proposito di memorie , che dittràtto..non vi ho pretentato il mio caro amico  Jean De Chitarre nonché mio datore di lavoro…Jean ...il cavalier Felice Guasto…

Jean… Fortunatò…

Felice…Ma quando mai, guardatevi intorno…le vedete, vi pare ca so’ furtenate ?

Gastone…Si è presentato...

Felice…Ah, io sono Felice…

Jean …Mi fa piacer,  beaucoup fortunatò…

Felice…Notra vote, non sonoFortunato sono Felice…

Jean…Pardon moì, non comprìs …

Felice…Eh no, non cominciamo a offendere , in casa mia mi chiama “ prise “…

Massimo…Non comprìs, non comprende…

Gastone…Ahahah, à ditte ch’è furtenate di conoscerti, Jean…la sua consorte, la bella Rina…

Juan…Ah…madàme…

Rina…E ce vole da me?

Massimo…A ditte “ signora “.

Juan…E vu’state “buene”, se dice accussì vero ?

Rina…E ce parle ‘u dialette ?

Massimo…Gli ho integnato qualcota…

Rina…Beh proprie bien no, soffro di lardosi che mi procura una lombardia lombo sacrilega e il nervo scettico è indolente, certi affitti di delor manghe le can, da qua fin al dicitòn…

Jean…Mer credì…!?

Rina…No’ sule ‘u mercoledì, tutte ‘a settemàne…

Massimo…Jean a ditte “Mer credì”, “ mannaggia”… è un imprenditore , fabbriche di radio che epporta in tutto il mondo…

Rina…Ah siete radiologo…

Eufemia…Papà, ma ce fegure de…ditemi signor Giuànn siete proprio francese di Parigi ?

Giuànne…Oriundo…

Eufemia…Ah Oriundo, e cosa fate di bello a Oriundo ?

Massimo…Jean è nato a Creta…

Titella…Ah , siete cretino di nascita…

Jean…Ouì , nonno francese poi trasferito a Creta , e icì a canusciute  l’amour , un’italiana che era lì pour le travaille..

Lucrezia..Ah il travaglio…e il parto andò bene ?

Massimo…Il lavoro…Jean tene tanda Boutique…

Felice…Mi dispiace , tene tanda ticchie…

Massimo…Jean, ti avevo detto che il cavaliere è un uomo de pìrete, chine de humor…

Gastone..E chine de solde…

Felice…Sig. Juànne cu’ ‘a chetarre…

Juan…Jean de Chitarre…

Felice...In Francia ma qui a Tarde se dice Giuànne cu’ ‘a chetarre, per quanto riguarda i soldi , mi creda sono calunnie ,non posseggo nulla, pensate, sono così povero che il 12° compleanno di questa povera figlia mia lo abbiamo festeggiato qualche giorno fa…

             Tutti ridono

Titella…Posso parlare…

Felice…Poco,sottovoce e mittete vicine ‘a fenestre…

Titella…Voglio solo spendere due parole per te…

Felice…E ce te l’à cercate , jedde spenne pe’ mmè, spinne pe’ttè…

Titella…Vorrei togliere le castagne dal fuoco…

Felice…Rina, le castagne fore stagione è’ccattàte, ce me n’à fa scè a’lemosene…

Rina…Scuse mi signor Giàn, le cretin de maritèm non parlè il francisco comm’ ammì…Felicè non parlè le dialettò , parle la madre lenghe…

Felice…E tu parle come t’à fatte mamete…

Jean…Ma lo capische bien , Massimò me l’à ‘”nzignàte “ giusto…ahahah…povero ragazzò così gli sembrava di stare jntre ‘o paise suje, le dialettò è la lingua dei nostri padri e non va dimenticatò…

Lucrezia…Che dite lo potremm offrir un caffèttin ?

Felice…Perché no…vol dir ca demen neprenderem une in men…

Lucrezia…Dumen une in men, e allor lo prenderem dope demen…

Felice…E brave a Lucrezia , capisce ‘u franchising…

Massimo…No’ face nindeLucrè’, lo prenderemo la prottima volta…

Felice…Ah, dovete tornare ?

Jean…Cavalier mi necessità la vostra esperienza nel campo edilizio, vorrei acquistare un locale isì…

Felice…Vu’ sine ma ije none…

Gastone…A ditte icì …a qua,  a Taranto…

Felice…Ah…

Massimo…Vuole aprire una boutique anche qui…

Rina…Ma certamente, con grande piacere , vero Felice ?

          Felice a malincuore annuisce

Massimo…Verremo a talutarvi in terata, te non ditturbiamo…che ditturbiamo ?

Felice…Ije me detturbe già  a tenterle parlà…

Rina…Ma quale desturbe, siete i benvenuti.

Gastone…Beh mo’ muvìmene, ci attendono in trattoria,aragosta,frutte de mare…ma…ma che bella idea cavaliè’, voi avete un ospite a pranzo, Eufemia no, quindi  se n’avene a pranze cu’ nu’…

Rina…Ce bell’idea ?

Lucrezia…Bellissima…

        Eufemia prende la mano di Massimo

Titella…E a te Felice , ti piace ?

Felice…( con lo stesso tono di Titella) A mè no, no’ me piace proprie pe’ ninde…

Eufemia…Oh si, papà ti prego famme scè,  damm’ù permesse…

Felice…Eccome no…ti do’ il permesso di ritirarti immediatamente jntre ‘a camera toje…

        Tutti zittiscono meno Lucrezia che scoppia in lacrime

Lucrezia…( piange ) Ahhhhh…

Rina …Falla scè , ce stè de male…

Titella…Tine certe assute ca te levene ‘u respire…( piange ) aaaahhhh…(esce)

          Massimo lascia la mano di Eufemia,resta un attimo fermo poi esce seguito da Jean

Gastone…Ma quann’à cangià, e fatt’a ‘na resate ,ce mange cule de cetrule (esce)

     Eufemia rientra in lacrime seguita da Rina,Lucrezia piange guardando Felice che con la mano gli ordina di uscire e lei aumenta il pianto ed esce . Felice prende il giornale si siede …si sente bussare.

Felice…Lucrezia…Lucrè ‘a porte …

Lucrezia …(entrando si asciuga gli occhi col fazzoletto)…’Nu menute…

Felice…Le lacreme so’ acede, ce vonne ‘nterre  me cunzùmene le mattùne…

            Lucrezia  per dispetto stringe il fazzoletto e cade dell’acqua per terra , bussano ancora, va ad aprire, Nicolino entra con un mazzo di foglie e un fazzoletto stretto sul viso,ha mal di denti .

Felice…No’ sacce  piccè tùzzene ce stè ‘u cambanidde…

Lucrezia…Prego accomodatevi…il sig. Nicolino Guasto…(gli prende il viso tra le mani lo gira a dx e sx per guardarlo velocemente e piange in faccia a Nicolino e va via )

Nicolino…Ahhhh….chiane chiane , madonne  ce delore …ce delore…ma piccè stè chiange ?

Felice…P’à cuntendezze ca t’a viste…

Nicolino…Allore me fazze vedè de mene…

Felice…Nicolì ma piccè è tuzzate, ‘u cambanidde no’ l’è viste ?

Nicolino…Come no, ma ci’aveva sunà ‘a ffà, stè scritte “ Guasto”.

Felice…Ah stè scritte “ Guasto “ !? e va beh, vuol dire ca mette  n’avvise “ Guasto , ma funziona” (chiama )Eufemia…( toccandolo ) ce  te’ dòle ‘u vangàle ?

Nicolino…Ahhh…fa’ chiane, ’u dente du’ giudizie è tuèste e no’ vo’ccù jèsse po’ agghje pigghjate n’affresche ‘o trigeseme  s’à gunfiate e tenghe ‘nu cesse mocche…dumane stè l’estrazione…

Felice…E ce se vinge?...Eufemiaaaa…

Nicolino…L’estrazione du’vangàle…sule o’ penziere da’ tenàgghje me stoche a fazze sotte…

Felice…No pe’ piacere,  a qua de fizze stame chine, me despiace sule ca no’puè mangià?

Nicolino…E ce te l’a ditte ca no’ pòzze mangià…

Felice…Cu’delore de dinte come face…

Nicolino…E miche tenghe delore de vendre…

          Entra Eufemia

Nicolino…Carissima Eufemia, ben trovata…

Felice…Eufemia, hai visto Nicolino, come è entrato ho sentito come una musica, tu non la senti la musica che accompagna il nostro Nicolino ?( parte una marcia funebre )

Eufemia…Stà mùseche è fatte apposte pe’ Nicoline…

Nicolino…Pe’ mmè è sta museche…

Felice…(guarda dalla finestra) No, è ‘u funerale du’ ragiunire , era in agonia da tre giurne e stamatine stè ‘u funerale…ma ce belle giovane, fatte uardà…Nicoli’, fa vedè ‘u profilate…

         Nicolino si mette comicamente  in mostra

Felice…‘U nanze rete Nicolì’…

Nicolino…Ce tenghe ‘na cose ‘a smerse …

Felice…’A cape tine a’ smerse….gire tu…gire , gire …

          Nicolino gira su se stesso

Felice…Guardalo com’è belle, molto piacionico…graziotico…

Eufemia…Molto zotico…

Felice…Pare ‘nu ballerine da’ scale…

Eufemia…Attenzione cu’ n’à ròzzele…

Nicolino…’U balle è ‘a passione meje, ‘na vote agghje fatte ‘a maratone di ballo…23 ore agghje ballate…’u prime agghje state…

Eufemia…Stè sinte Eufè’, ‘u prime poste a fatte…

Nicolino…’U prime c’onne purtàte ‘o spedale…mai sia chiù…però ‘u balle me piace, mo’ n’assùte une nueve…( balla il twist )

Felice…Ce jè Nicolì, no’ te stè sinte…

Eufemia…Ce tène l’attacche ?

Nicolino…Ce attacche, è ‘u balle nuève, arrevàte d’Amereche…’u “ tìste “…

Felice…Ah ‘u tìste amerecàne, robba massicce …

Nicolino…Vide Eufè’, te piace…( canta “twist again” e balla ) questo è il “ rocco “ ..

Felice…E’ viste come sape fa‘il rocco…

Eufemia…Come ‘u face jdde ‘u ruècchele no’ face nisciune…

Nicolino … ( gli offre il mazzo di fiori consistente in tante foglie) Eufemia ,un’omaggio…

Eufemia…La festa dei lavoratori…

Nicolino…Ahahah…un omaggio a tanta bellezza,che prezzi che prezzi, le fiure no’ se ponne tuccà…

Eufemia…E tu è pigghjàte sule le foglie…

Felice…Beh, vediamo un po’…Rina s’azzètte affiànghe  a ‘mmè…

Eufemia…Mammà no’ ne tene fame, tène delòre de cape…

Nicolino…Ah, quante me despiace…

Felice… Eufemia, tu stai qui al fianco del nostro Nicolino…

Eufemia…Ije tenghe delore de vendre, scusatemi ma mi ritiro nella mia stanza, con permesso…

Nicolino…Prego prego…

Felice…Eufemia mandami Lucrezia, Nicolì, me sape ch’è sbagliate sciurnàte…

Nicolino…No’te preoccupà, anze è mègghje, a parte lore ‘na mangiame nu’…

          Entra Lucrezia

Felice…Lucrezia…mi raccomando con le portate…

Nicolino…Ah, le portate, ce molta roba,mi suggerisci di mangiare poco ma uno di tutto ?

Felice…Ti suggerisco di mangiare tutto, di uno.

Nicolino…E’ ditte “attenta alle portate “…è plurale, saranno assai…

Felice…Attenta alle portate, quedde è sbadàte e sbatte sempre ‘nbàcce alle porte.

Nicolino…No’ jè ca stè ‘na cose pe’ stuzzecà…magari piccantina e stuzzicante…

Felice…Ma ce mancherebbe…( prende uno stecchino e lo passa a Nicolino)…na, mitte ‘u pepe…

Nicolino…Sinte Felice, per l’affare che mi hai proposto ho pensato che sarebbe meglio parlarne dumane  a pranzo o a cena…dimmi tu quando…

Felice…Per l’affare domani va bene, m’avenghe ije a pranze o a cena da te, ce dice ?

Nicolino…Megghje ca parlame oscje… beh se po’ assaggià quidde belle vine ca tine, a parlà se secche ‘a lenghe e un sorsettino per dare il via alle danze ce vole, accussì quanne mangiame ‘u facime scennè come l’acque…ahahah…

Felice…Vuoi assaggiare il vinetto, però fa ‘na cose,va’ jntre a cucine e vide Lucrezia stè fatije, dice ca controlle pe’n’a pajà…va’ va’…

Nicolino…Ce penze ije, a ‘nu nisciune ne pigghje pe’ fesse…

Felice…Nisciune Nicolì, nisciune.

        Nicolino esce , prende due bicchieri , il vino, mette un dito di vino e riempie i bicchieri con l’acqua , col dito rimette nella bottiglia la goccia che rimane sul collo della bottiglia

Nicolino ( rientrando )…Fai benissimo a farte respettà, a nu’ razza dei Guasto,e no, sime doje perciò sime plurale…uno de nu’ è singolare e l’otre è …ma mo’tu si ‘u singolare e ije ‘u …o ije so’ u singolare e tu ‘u plurale…

Felice…E ce ne sacce…ije so’ chiù granne de te perciò  so’  ije ‘u singolare …

Nicolino…Eh si…pe’ respette…ste diceve c’à nu’,razza dei “ Guastati “ no’ se dè’a bèvere ‘na cose pe’ notre …( prende il bicchiere offerto da Felice e beve)

Felice…Parole sante Nicolì, parole sante…

                                                            Fine primo atto

                                                                    

                                                                    SECONDO ATTO

Stessa scena. Pomeriggio . Eufemia seduta al tavolo , Rina cammina su e giù nervosamente

Rina…E come se po’ fa…come, stoche a jèsche pacce…

Eufemia…’Nu remèdie s’addà truà, chiuttoste ca spusà quidd’otre tirchje me fazze monache.

Rina…Ma statte cittè,Lucrezia ne po’ aiutà, tène ‘u frate ca fatije ‘o trbunale e ne sape une chiù du’ diàule , ‘nu cunsuglie se po’ sembre avè…

Eufemia…Nonge ‘u sapeve, e ce face ‘o trebunàle ?

Rina…Nonge ‘u sacce de precise…

Eufemia…Ce  jè avvocate ?

Rina…De ‘chiù…

Eufemia…Forse cancelliere ?

Rina…Ci’agghje ditte ca fatie ‘o carcere, è ‘nu pizze gruesse, ‘u canoscene tutte…

Eufemia…A’ facce meje, un uomo di prestigio…

Rina…Nonge ‘u sacce ce face pure ‘u prestigiatore, dice ca quann’accumènze‘na cause jdde è sembre ‘u prime a parlà …

Eufemia…Se vede ca face l’aringa…

Rina…Sotta sale, ce venne ‘u pesce vènne,quanne parle intre all’aula se sente un silenzio di tromba

Eufemia…Accussì t’a ditte…di tromba ?

Rina…Sine , silenzio di tromba, e po’ in piedi sentenzia“ silenzio in aula, entra la corte”…

Eufemia…Mammà ma ce pizze gruesse, face l’uscère…

Rina…Si usciere, ma specializzato, oh ije ne parle a Lucrezia, come se dice se Maometto non va in montagna…(uscendo )

Eufemia…E’ piccè  le piace ‘u mare…( si avvicina al quadro della Madonna ) …Madonna meje , ma è possibele ca n’amore accussì granne si deve reprimere pe’ n’attàne senza core, aiuteme tu a realizzà ‘stu suegne, dàmme ‘na mane, dàmme ‘nu signale ch’è capite …ije mo’ chiude l’uècchje, le tenghe stritte stritte,so’chiuse stè vide, ce no’ po’ dice ca stoche a spie, scià dàmme stu’ signàle, une sule, famme sentè ‘na vendàte fresche suse a stà faccia come…come ‘na carezza da ce te vole bene…oh ije stoche aspette eh… 

      Massimo, entrato un attimo prima, ascolta le ultime battute e si avvicina in punta di piedi  accarezzandole la guancia…

Eufemia…Graze , grazie …ce bella carezza ca m’è fatte …

Massimo…E mo’ te ne fazze notre…

Eufemia..( si volta ) Tu qui ?! ( si stringono in un abbraccio) …Massimo sei qui…grazie a Lei…

Massimo…Grazie a mamete ca m’à fatte tratè accunnùte accunnùte,m’arrecurdave ca si bellafate ma da viva sei bellittima, coticchè t’à ‘cchjàcchjàte ‘u marite, ‘u fazze vedè ije…’u fazze vedè…

Eufemia…No Massimo no, no’ peggiorà le cose, e già’ccussì difficile…

Massimo…E dimme de tt’affare , tu ce dice tu, no’ jè ca ti daccorde ?

Eufemia…Ije !? Ma ce ste’ dice ( piange ) jedde m’è tetmòne…

Massimo…Ce jè ‘u tetmòne?

Eufemia…Tetmòne…testimone Massimo, a parlà cu’ttè stoch’à pigghje ‘u vizie…

Massimo…Eufemia cùseme…

Eufemia…Ce s’à scusute ?

Massimo…’U cazone, cùseme , perdoname…

Eufemia…Ah…

Massimo…Agghje pètte ‘a cape , ma come potte vivere tente de te, quatt’anne hònne ‘ttàte ‘na torture, anne de dipperazione, cu’ ttè’nnànze all’uècchje , jntre ‘o core…e mo…no ije nonge a fazze megghje ‘a morte …tine ‘a morte…

Eufemia…Si, è ragione, ( fra se ad alta voce) megghje‘a morte…sine Massimo, ‘a morte !

Massimo…Ce morte, ije tè diceve  tande pe’ dicere…

Eufemia…( quasi in trance)Massimo, ora !

Massimo…( guarda l’orologio ) Le quattre e vente…

Eufemia…( distrattamente non capisce ) …Ma si secure?

Massimo…( mette l’orologio all’orecchio ) certamente…

Eufemia…E allora vai avanti !

Massimo…Ma ce ‘nnanze, ‘ttu relogge pàcche ‘u menute, pàcche.

Eufemia…Ma ce relogge, vai avanti tu…inizia tu a morire no…

Massimo…Ije ?! Ma tte parle teriamente ?

Eufemia…No’ me dicere ca te pigghje paure da’ morte…

Massimo…E no’t’u diche, ma tule ‘a penzà me tente murè, anze è megghje ca no’ penze cu’ no’ more averamende, ma ragiuname ‘nu picche, poniamoci delle domande, ne vale ‘a pene ? e ce po’me ne pente come fazze a turnà indietre? ce un modo? una via? una certezza certa?

Eufemia…Te stè face sotte di’ ‘u giuste ?

Massimo…’Nu maschele nonge arrive a tande però picche manghe, e po’morire va bene ma come?

Eufemia…Prime de tutte lasceremo due righe  per spiegare…(prende il foglio) tieni …scrivi…

Massimo…Ci tono penne ?

Eufemia…Solo rigatoni…

Massimo…Pe’ crivere…comunque pe’ mmè o due righe o cinte non capiranno…

Eufemia…Devono!... e faranno il mea culpa, mea grandissima culpa…

Massimo…e tupplico la beata tempre Vergine Maria di pregare per me…

Eufemia…Diremo che almeno da defunti non ci separino, nello stesso loculo…

Massimo…No jè ca ttàme tritte tritte…?

Eufemia…Un loculo a due piazze, magari a castello, uniti perl’eternità…che mi dici ?

Massimo…Ca mo me stoche a fazze totte…

Eufemia…Una bella corda farà al caso nostro…

Massimo…’A corde ?! Credi che prima di morire un po’ di ginnattica  ci faccia bene ?

Eufemia…’A corde pe’ ‘nganne…un nodo ben fatto e sei morto …

Massimo…Madonna meje, m’anne ditte ca quanne te more l’anima viene fuori dal corpo ,ma con la corda tretta alla gola trova bloccata la ttrada e quindi prende la via tecondaria per cui ancor più macchiata prorompe  fuori dal…

Eufemia…Massimo, l’anima non è una scorreggia…

Massimo…Ma no’ jè ca po’ tu cange penziere…

Eufemia…No Massimo no, ti amo troppo per lasciarti andare da solo…

Massimo…E io ti amo troppo per lattarti tola, remanghe a qua…

Eufemia…(prende uno scatolo di medicine dallo stipo)…si l’antinfiammatorio andrà bene, ne prendiamo un bel po’ e poi rapidamente ( ad ogni effetto Massimo ,a soggetto,si impaurirà pregando i santi e quasi sviene )… gastrite, ulcera perforata, schock profilattico, e morte..

Massimo…Mamma du’ Carmene, sinte a’mmè, è megghje ‘na morta lente,lentittima, se more ‘na vota sola, godiamocela, lenta almene, ce sacce, ‘na cinquantina d’anne, ce dice?

Eufemia…Dieci, dieci basteranno…

Massimo…E va beh megghje dece anne ca ninde…

Eufemia…Dieci fiale de ‘gneziòne…

Massimo…None Eufè’,  quanne vede l’aghe me sente svenì…

Eufemia…Ma ce razze de maschele si’?...vuoi una morte lenta e chiste so’buène, non ci sarà dolore  se more  azzettate…so’ pe’ scè de cuerpe , preferisci le “diarroicon” o le “colican” …

Massimo…Eufe, come toche ije  megghje chidde pe’ ‘nduttà ‘u cuerpe…

Eufemia…Allora supposte, con le supposte troveremo la pace…facime a metà…

Massimo…E va bene falla a metà però a me damme ‘u tuèzze appuntute, l’otre ‘ngappe.

Eufemia…Ma ce capite…so’ 24, a metà so’ dudece a ‘ppedune…

Massimo…Dudece supposte!? A tu punte mi chiedo, meglio  il bruciore di ‘ttòmaco o ‘u bruciore du’…Eufè, no’ to tecùre de vulè murè …

Eufemia…Perché non mi ami abbastanza…

Massimo…Ma ce ‘ttè dice, è che mi mancherai, mi mancheranno i tuoi baci mordaci…

Eufemia…Anche a me mancheranno i baci mordacci tuoi…ora basta si deve morire!

Massimo…Gesù Criste mije…sante du’ Paradise,  è sia…è sia, sia sia sia...Eufè, stoche a parle buene…sssss….come so’…so so sosososò…sinte si’…so’ cuntende…so so cuntende so so…

Eufemia…E’ ‘nu merachle , Massimo a state ‘nu merachele…

Massimo…Eufè’, a state ‘a cacàzze…( comincia a sbottonarsi i pantaloni ) sinte Eufè, dope quanta supposte s’accumenzene a sentè , sentè sentè… le sinteme da’morte…

Eufemia…Beh, dopo le prime dieci…

Massimo...Allora damme l’undecesime…

            Entra Rina a che vede la scena, seguita da Titella

Rina…Uèh, ma ce ste facite…’a stu’punte amme’rrevàte…vulite murè…ce uàje , ce uàje…

Titella…Eufè belle da’ zia toje…e tu Massimo,no’ se fanne‘ste cose, me facite murèèèè….

           Massimo sviene sul divano

Eufemia…Zia Titè accussì m’u face murè tu…Massimo…Massimo…

Rina…Aria..aria…un po’ d’aria…

          Titella gli soffia in faccia peggiorando la situazione, gli sventolano i fazzoletti .

Massimo…Ci’à successe…ci’àgghje cadute intre ‘a fugnature ?

Titella…Menu male ca t’è repegghjàte, ecche ‘u sapeve me ste batte arrete ‘u core…

Massimo…Ma ce tine n’aritmia?

TItella..Si, tenghe ‘u core aritmetiche…uàgnù’ no’ facite cchiù, ‘a vite è accussì belle…rilassatevi, respirate profondamente …tirate su…husccc…e poi  tutto fuori cooosì…aahhhh, e vi troverete…

Massimo…’O cambesante…

Titella…Me voche a sdraie , me sente tremelà totta quante…( esce )

Massimo…Eufè’, ije agghje turnate pe’ vivere , che tutto sarebbe stato più facile , c’attande aveve cangiate, , te vuleve purtà fore per il “weekend”, in Francia accussì se dice, weekend, è proprie belle…oscje è ancore martedì ma fra qualche giurne te fazze vedè com’jè belle fa ‘u weekend…

           Si odono voci per le scale

Rina…Papà stè ‘rrive…

Eufemia…Vatinne mo, sparisce…

Massimo…Ah ste’ rrìve attànde, e nonostante ciò…me ne voche( esce veloce )

Eufemia…Mammà è sendute, me vole fa “‘u quichend “…ije me pigghje paure, ce po’ essere ?

Rina…Ci è quidde ca stoche a penze no’ te preoccupà, tutte l’amme fatte “‘u quichende”…no’ jè brutte…almene accussì m’u recorde, sciamene mo, no’ ne facime truà acquà…

          Escono, entrano Felice e Nicolino

Nicolino…Felì’, t’à scè ‘rrajà  cu’ macellare…’a carne de cavalle ere toste le petre…

Felice…Strano , era il pezzo del sottogamba…

Nicolino…E mo se spieghe piccè era toste le petre, del sottogamba t’à date proprie le zòcchele…

Felice…E l’avisse lassàte, ce te l’à ditte cu’ t’à mange…

Nicolino…Ma scherzi, anzi a tal proposito ti volevo chiedere scusa…

Felice…Pe’ ce ‘ccose ?

Nicolino…Pe’ stu’male de dinte che non mi ha fatto  mangiare dandoti piena soddisfazione…

Felice…Ma no’ te preoccupà, dumane avenghe a mange ije da te e me de’ soddisfazione…

Nicolino…E no’ po’ essere, dumane so’ ospite a casa de…( prende l’agendina dal tasca interna della giacca ) …famme vedè…ah ecco qua, Mimino Bellomo, n’amiche du’ meletare…credimi Felice, fa’ l’ospite di circostanza è ‘nu sacrefice, a tavola intorno a me non vedo mai gente che ha piacere della mia presenza, me tremendene stuerte e questo mi crea disagio e logicamente non mangio …

Felice…E beh , con l’ atmosfera tetra , ostile, è logico che non mangi…

Nicolino…Non mangio con allegria, ma di mangiare mangio, ma con tristezza,  malinconia,degusto le pietanze con afflizione,  tenghe ‘u stomache sensibile e non vorrei ca qualche giurne  se chiude in se stesso e me lasse ‘a discjune, ecco vedi a forze de parlà m’aumente ‘u delore  ‘o vangàle, ce vole ‘nu bicchierine de resòlie …

Felice…Ce vole ‘na pìnele …

Nicolino…Si,forse è megghje prime ‘a pìnele, dove la prendo ?

Felice…In  farmacia…

Nicolino…Infatti stè traseve po’ m’agghje ditte, po’ essere ca cuggineme no’ tene ‘na pìnele?

Felice…No’ stè ninde da fa ’u sanghe ‘è sanghe…na tine ‘a pìnele…

Nicolino…L’acqua, la prendi tu ?

Felice…L’acqua la prendi al  bar …

Nicolino…Eh pe’ ‘nu picche d’acqua…mo famme da n’occhiate alle contrindicazione…non vorrei…uhhh,‘nu mare ne stonne…e ce ‘ccose…sinte si’…diarrea, vomito, erezioni…

Felice…Erezioni ?!

Nicolino…Eh, a qua stè scritte…erezioni…

Felice…Erezioni, nonge ‘u sapeve, me n’agghja pigghjà ‘nu pare …

Nicolino …(gira il foglietto)…catanie,ce ‘ssò le catanie?

Felice…Catanie?…ah, e  ligge megghje, eruzioni a Catania…ije stè penzave a notra cose…

Nicolino…Eh si addà ste’ l’Etna, patria della  musica etnica…sinte si’, episodi di raptus, cefali violenti…

Felice…E triglie assassine, cefalee…

Nicolino…’U se’ ce stè…me tenghe ‘u delore…

Felice…E ije me tenghe ‘a pìnele…

Nicolino…Ahahah…beh dope mangiate ‘nu sigare ce vole no ?

Felice..Ah si si…( li prende ) …eccoli qua…

Nicolino…Grazie, sbaglio o so’ chidde da do’ teràmme tre suspire do’ anne fa…

Felice…Si, ‘o matremonie de Terese…però l’ulteme fiammifere‘u cunzemeve tànne…

Nicolino…( frugandosi nelle tasche) …Accedènte, no’ tenghe ‘nu fiammifere…

Felice…E allore no’ se fume…

Nicolino…Aspitte ca forse…si si l’agghje truàte, m’ere sfuggite…( prende l’accendino , apre e tira fuori un fiammifero svedese e lo strofina sotto l’accendino dove vi è un pezzo di carta zolfo)

Felice…Tre tire eh…( tiene il sigaro verso l’alto)…accussì po’ ne facime notre e tre…ma sì, sei tire…

Nicolino…Uhhh…sei tiri…e‘a ddò jè…’a festa nazionale…

Felice… ‘U giurne du’ matremonie no…

Nicolino…E ce se spose ?

Felice…Come ci è…tu…

Nicolino…Ah già, però  ije riàle no’ ne fazze mai a nisciùne e no’ so’ secure de ‘nvetarme…

Felice…Ca ce sì ‘u spose…

Nicolino…E allore avenghe  ma sia chiaro, riàle no’ me ne fazze, ma piccè tine ‘u sigare accussì?

Felice…Combustione lenta, c’è meno tiraggio  e se cunzùme de mene…beh famme n’offerte…

Nicolino…Nooo, e ce fazze offerte ije,  no’ ne parlame proprie,  pinze ca quanne vede ‘a messe in  televisione stute sembre prime ca passane pe’ l’offerte…

Felice…N’offerte pe’ figghjeme , l’acquirente sei tu…

Nicolino…Ma  tu si’ ‘u venditore, fai un ‘offerta di partenza…

Felice…E ce ‘sso’ pèchere, parliamo di mia figlia eh, comunque chiù de minze milione no’po’essere.

Nicolino…Nooo e ce scherzame, minze milione…a ‘nghjànà,facime almene ottecinte milalire…

Felice…Settecinte cinquanta…( tirano sull’offerta finchè)

Nicolino…E va bene…qua la mano, però ‘a torte…

Felice…A càreche tue e venite a vivere qua, no’me vogghje seperà dalle solde cioè da figghjeme, (piangnucola)  l’uneca figghje meje ,m’à stè ‘rrubbe…’a luce meje…

Nicolino…Me face chiangere pure a mè, capische ‘u bene de n’attane però è megghje, risparmio.

Felice…Ce resparmie, tutt’à metà, luce, acqua e futtatorie…

Nicolino…Ah a metà…e va bene, però famme parlà pure  cu’ Eufemia, sentime ci è d’accorde?

Felice…D’accorde ?!...ma piccè quann’accàtte ‘nu melone ce l’addummànne ci è d’accorde…

Nicolino…No, però ‘u melòne miche s’avene a corche cu’mmè…vogghje parlà cu’ mugghjereme…

Felice…Stè timbe, sce’ facimene do’ passe ‘a marine, a st’ore’ scènnene le varche, alice e sardelle se perdene dalle casce ca spettèrrene e dumane se friscè Nicolì, se frìsce,  chiù tarde tuerne cu’na scuse, ce sacce …lasse ‘u portafoglie suse ‘o taule e dì’ ca te n’è scurdate…(poggia il portafoglio, Felice lo osserva , si accerta che lo lascia e esce, Nicolino torna indietro , lo svuota ed esce )

          Lucrezia, Rina ,Titella ed Eufemia in lacrime   

Lucrezia…Me despiace signò, ma ije  me ne voche, nong’ù supporte ‘cchiù…

Rina…None pe’ piacere, Lucrè aiutene tu, ije no’ sacce ce‘ffà, povera figghja ce sventure …

Titella…No’ chiangere a zia, come stè abbattute mittete a qua vicine a me…

Lucrezia…Eufè’ no’ te movere, megghje abbattute e none morte, ma come se face a no’ chiangere dope tutte chidde purcarìe c’amme sendute…

Rina…S’à vennute ‘a figghje , e mo come se po’ fa’, come…aiutene Lucrè, tu ca se truà pezze ‘a culore de tutte le culure…

Eufemia…Nero mammà,  vestirò di  nero lutto, ije sò ‘na figghje ca respette ‘a volontà del padre, sposerò Nicolino “uècchje de merluzze”…sarò di ghiaccio, mettero la cintura di carità, io che avevo già sognato il “quichènd” con Massimo…

Lucrezia…’Nu giurne st’abuse spicceranno, prenderemo il potere e ci rispetteranno…

Titella…Si, gli metteremo il fiato sul collo, chi vivrà vedrà, l’ardua sentenza ai posteriori…

Rina…Lucrè, a proposite ce jè ‘u “ quichènde “ ?

Lucrezia…Quichende !?

Eufemia…Massimo accussì m’a ditte , me vole fa’ ‘u “quichènde…ma ce po’ essere ?

Titella…’U sacce ije ce jè ‘u quichend… ’a vole violentà…

Lucrezia…Subete  a male penzate , Eufe’ di precise nonge ‘u sacce, però fa’ ‘na cose, nel dubbio prime d’assè làvete sana sana…

           Drinn , il dottor Gastone

Titella…Adda essere Gastone…addummanne è jdde ?

Lucrezia…(alza la voce) Site jdde o site ‘nnotre ?

Gastone…( voce f.s.)…Sono io , Gastone…

Titella…Jdde è,madonna meje, me sente pìzzeche pìzzeche, so’ pronte l’esame o sarà qui  per me ?  metterò il vestito marrò con gli strasse, mi mette intorno un alone…come dire…un alone come…

Lucrezia…Come quello sulle mutande ?

Titella…Ma ce ste dice, lo strass  crea un alone di mistero…che attira…

Lucrezia…Le mosche…

Rina…E ce fegure a fa cu’ vestite strassàte…no’ puè cusè?

Titella…Ricevetelo,  come stoche a trèmele…m’à venute ‘u sopraffiàte…(esce)

            Mentre Rina ed Eufemia si compongono alla svelta , Lucrezia va ad aprire…

Lucrezia…Prego dottore trasite…

Gastone…Carissime signore bentrovate e Titella, non mi dite che non c’e ?

Rina…Sta di là…

Gastone…Che peccato…no dico che peccato che sta di là e non di qua…

Eufemia…Ma ora arriva…

Gastone…Purtroppo… purtroppo per il risultato delle analisi…

Lucrezia…Brutte notizie ?

Gastone…In verità me lo aspettavo, ma ce cavete ca face, stoche ‘nu pizze d’acque…

Rina…Dottore gradite qualcosa che vi rinfreschi ?

Gastone…Si grazie, molto volentieri…

Rina…Lucrezia, fai accomodare e porta il rinfrescante al dottore…

Lucrezia…Subito, dottore prego , acculàtevi…

Gastone…Se non vi dispiace mi accùlo qui, il sofà è più comodo(sniffa l’aria e il sofà)…eh si,no’ me pozze sbaglià, quella ,la fogna cioè Titella, è stata qui (annuiscono,lui si alza e si siede al tavolo) purtroppo il fetore s’imprega, le esalazioni putride s’insinuano,’sta giacche dopo la sua visita allo studio l’agghje fatte lavà tre vote, una tanfa incaponita…ostinata…

         Lucrezia rientra con un ventaglio sul vassoio

Lucrezia…Prego dottore , il  rinfrescante…

Gastone…Grazie ci voleva… ( si sventola )

Rina…Eufemia dì’ a Titella di sbrigarsi…

Gastone…No no,con calma, questo è il referto delle analisi definitive delle scoregge cioè del  fiato di Titella, eseguite nell’università di Roma, purtroppo brutte notizie,tenete lo darete voi, io ne approfitto  e tolgo rapidamente il disurbo…

Lucrezia…Dottò’ noi ci stiamo preoccupando…

Gastone…E’ normale preoccuparsi per quella povera donna…

Lucrezia…Ci preoccupiamo per noi…

Rina…Però l’analese certe vote sbagliene…

Gastone…Difficile mia cara Rina, il problema è il gas, che noi tutti produciamo e natur naturis espellemus, e qui siamo di fronte ad un grande mistero della fisica…sapete cosa dice la fisica ?

Eufemia…No io no, esco poco…

Gastone…Ah benedetta ignoranza, la fisica è una scienza…

Lucrezia…Sarà scenziate però parle…

            Titella entrata sull’ultima battuta

Rina…Pe’ mmè ce vole ‘nu buttiglione d’olie de ricine…

Gastone…Mai sia, sarebbe come mettere ‘na bombe jntre a ‘nu puzze nere.

Lucrezia…Insomma , Titella quanne parle, scorreggia…

Titella…E allore no’ stè ninde da fa ?!

Gastone…Ah ecco la scorregg…dicevo,Titella non ti scorreggiar…scoraggiare, non tutto è perduto ecco un consiglio,o meglio, un estrem’unzionis che i professori di Roma dopo un attento studio hanno preparato, è un composto che potrebbe…ecco la ricetta (la prende Lucrezia )

Lucrezia…Un chilo di farina, cacao magro , duecento grammi di burro…

Gastone…No scusa, è ‘a lista p’a torte…ecco qua…è un tentativo fra il sacro e il profano, tre volte al giorno sciogliere in acqua santa tre cucchiaini di polvere da sparo e dire tre Salve Regina.

Titella…Gastone, allora non mi vorrai più vedere…

Gastone…No! Cioè, non capisco…

Titella…Tu m’u diciste, ije m’aveve fatte già tanda castelli in asia  “Titella allo studio non venire più,  verrò io da te, i pazienti cominciano a parlare “ …

Gastone…E certe ca parlene, stè perdeve le cliente, me stè facive chiudere ‘u cesse…’u studie…

Titella…Ce vergogne ,voglio morire…

            I presenti a soggetto la sosterranno, mentre Gastone va via

Rina…Dottore, vuol morire faccia qualcosa.

Gastone…io la lascierei morire…( esce )

Titella…M’à illuse, m’à ‘ngannàte…com’à Pascale l’uneche a cui ho dato tutto,quedda sere  tutto gli ho dato…si tutto, tutto…

Lucrezia…E si’ ‘na jòjjie…alle masckele se dè tutte cose ma ‘a picche ‘a vote…

Rina…A rate…cosicchè cu’ Pascale, e brave a Titella, ije penzave ca ive ancore ‘mpusemàte…

Titella…E ce pozze fa, di fronte al mare, di fronte alla luna, di fronte spaziosa fui ammaliata, mi disse che avremmo passato una notte d’amore e magia…

Eufemia…Ah, che romantico, una notte d’amore e magia ?

Titella…Si, me disse “ Titella prima facciamo l’amore e poi sparisco”

Lucrezia…Che era un mago ?

Titella…’Nu desgraziate, ’u voche ancore cercanne, ce l’azzecche…Eufemia , accumpàgneme jntre… sto male…soffro, ahhh…come soffro…

           Eufemia sorreggendo Titella escono dalla scena

Rina…Povera Titella ce delusione, Lucrè ‘nvèndete qualche cose ce no’ Eufemia spicce pegge de Titelle…

           Bussano alla porta

Lucrezia…Chi è ?

Nicolino…Sono Guasto…

Lucrezia…E fatt’aggiustà…

Nicolino…Sono Nicolino…

Rina…Nicolino chi ?

Nicolino…Il cugino di mio cugino…

Rina…Lucrè va’ jàpre, ije me ne voche jntre, stu’ cambelacàse nonge ‘u supporte… ( esce )

             Lucrezia va ad aprire

Nicolino…( fingendo sorpresa )Na addò stè,stave cu’ penziere, m’agghje scurdate ‘u portafoglie..

Lucrezia...Piccè nonge è sunate ‘u campanidde ?

Nicolino…Stè scritte Guasto…

Lucrezia…Ma funzione…

Nicolino…E mettìte ‘n’avvise ca l’avite ‘ggiustàte no…e cuggineme  nonge stè ?

Lucrezia…Se prima non parli con Eufemia non può tornare, giusto ?

Nicolino…Si è ragione, vuleve parlà cu’ jèdde, Lucrè  mo sime fedanzate…

Lucrezia…Ah site fedanzate, e t’a ditte sine personalmente ?

Nicolino…Si si, Felice m’a ditte sine personalmente lui stesso in persona…

Lucrezia…Auguri, t’è fedanzate cu’ cavaliere…

Nicolino…Si si…ma ce ‘ssì pacce, cu’ Eufemia,pe’ piacere dille ca ‘stu sorte de giovane stè acquà…

Lucrezia…E’ ce brutta sorte ca tene ‘stu sorte de giovane…ahahah…

Nicolino…Scuse eh, ma stè ride pe’ mmè o pe’ ‘stu sorte de…

Lucrezia…Fesse!

Nicolino…A mè fesse !?

Lucrezia…Fesse…mica lo sei…mo’ t’à chiame, esaudirò questo tuo ultimo desiderio…( lo guarda triste) ce peccate… giovane giovane…

Nicolino…Uèh Lucrè’, te despiace, ulteme desederie, ma famme capì ce parle cu’ Eufemia stè perichele ca pozze murè…

Lucrezia…Caro Nicolino due più due nonge face sempre quattro…

Nicolino…Ah no…e quante face ?

Lucrezia…Tre, il conto non sempre torna…tu credi di aver fatto un bell’affare, ma ce te dice ca no’ jè l’affare ca s’à fatte a ‘ttè, le apparenze ingannano, ce ‘cchiù ne tène ‘cchiù ne vòle, no’jè tutt’oro quidde ca luce, si prendono lucciole per lanterne, l’affarista no’uàrde ‘nfacce a nisciune, aspette  ‘u mumente giuste pe’ darte ‘na botte ’ngape e…( rotea le due dita )

Nicolino…Ahhhh…’ngape a mmè ?( molto impaurito dal racconto )

Lucrezia (continuando)…e tu p’à paure no’ duerme ‘cchiù, ‘u vide a tutte vanne , suse o’ cummò, jntre o’ litte…te dorme affianche come…come ’na spose accattàte…( esce )

Nicolino…Madonne meje, queste porte desgrazie, m’à mise ‘nguerpe l’agitazione, l’affariste cu’ ‘a lanterne… le lucciole suse ‘o cummò …due piu due…face trete…( mostra indice e medio delle due mani, poi mima , conta con un indice poi con l’altro finchè mostra quattro dita di una mano, e le due dell’altra, le guarda inebetito )…quattre e due so’ sei, però diviso due face trete , tène ragione Lucrezia… due più due nonge face sempre quattre…

             Eufemia con il velo nero in testa s’avvicina e lo tocca sulle spalle

Nicolino…Ahhhh….Eufemia, accussì me face murè…

Eufemia…Ti porgo le mie piu sentite scusanze…

Nicolino…Ma come parle…’ste scuse me sapene de condoglianze…

Eufemia…M’a ditte Lucrezia ca m’à parlà, sii lapidario e mettìme subete ‘na petre suse…

Nicolino…Lapidario…’na petre suse…allore de morte se tratte…

Eufemia…Sine Nicolì, non la vedi,  la morte è già al tuo fianco…

Nicolino…Ahhh…addò stè nonge ‘a vede…

Eufemia…Piccè si’cecate…apre l’uechje, non senti il gelo mortuario ?

Nicolino…E dalle cu’ stà morte, te vuleve dicere ca ‘u cuntratte stè fatte siamo i promessi sposi.

Eufemia…E ditemi, Don Rodrigo, per voi è vantaggioso il contratto firmato con l’affarista ?

Nicolino…Uh Gesù,( fra se ) agghje capite, l’affarista è cuggineme…beh, sai la dote è un’obbligo importante…

Eufemia…E se domani, e sottolineo se, ci sarano figlie femmine, lo sapete che anche voi dovete provvedere a questa…come se po’ dicere…disgrazia ?

Nicolino…Eh si , le figghje femene so’proprie ‘na sventure, ma comunque passeranno anni e po’ essere ca st’obbleghe passe de mode…e poi sai la donna io…

Eufemia…La comprate , lo so.

Nicolino…Se po’accattà sule ce stè nguarched’une ca vènne…

Eufemia…Beh , non posso darvi torto…

Nicolino…Ma acculiamoci un po…(sedendosi al divano ) Eufemia, che bel sedere …

Eufemia…Ma come te permitte, tu offendi il mio pudor…

Nicolino…Ma famme fenì…dicevo …Eufemia che bel sedere è sederti al fianco…

Eufemia…Oh…come sarà poetico starti accanto…

Nicolino …E ije so’ poetico…

Eufemia…Mi sorprendi Nicolì, sai anche i versi …

Nicolino… Eccome no?!...Sono versatile, ascolta questo verso…chicchirichììì…

Eufemia…E questo sarebbe un verso ?

Nicolino…Da’ jaddine, questo invece  è bellissimo…indovina che verso è…il verso …( si alza e va fa dei passi a destra )…questo è il verso destra…ed anche il verso sinistra…guarda…

Eufemia…E il verso un manicomio ‘u se’ fa ?

Nicolino…ahahah…ce dice ce dumane ne sce’ facime ‘u bagne da mest’Anìdde, face cavete e ne scè  lavame, oh l’acque coste e l’estate cu’ mare ca stè une n’apprufitte e sparàgne…po’ ‘a sere quann’à scureggiàte  se vedene cadè le stelle felante…

Eufemia…Le bengale e le tric trac, buon anno Nicolì’…( si alza )

Nicolino…E mo’ quanne ne vedime ?

Eufemia…Domandate a vostro suocero, sarà scritto nel contratto. (esce )

           Entra Lucrezia

Lucrezia…Avine figghje mije  e no’ te preoccupà, po’ t’appizzeche do’ cannèle e do’ lumìne…

Nicolino…Lumìne , cannèle …uèh…( corna )

Lucrezia…Ma tu averamende tine ‘ntenzione de spusàrte…

Nicolino…Me conviene, settecintecinquantamila lire e le spese a metà…ma ce stè perichele ?

Lucrezia…E te l’àgghje ditte…’l’affarista…po’ so’ fatte tue eh ?!

Nicolino…Arrète cu’ st’affariste…spiegate buene…

Lucrezia…Ije t’u diche piccè si giovane e vederte jntre ‘o chiavute me despiacerebbe…

Nicolino…Pure a mmè…

Lucrezia…Uèh, n’aprè ‘a vocche cu’ nisciune tu nonge ‘u sé’ de ce ‘ccose è capace pe’ le solde…è avido, per il denaro no’ uàrde ‘nfacce a nisciune,‘u cuntratte è ‘na scuse, te vole levà tutte cose, l’agghje sendute parlà jntre ‘o suenne,“ …tutte le solde de Nicoline me le mette ‘nzacche ije, e redeve,le fazze fermà ‘u cundratte e ‘u leve da suse ‘a terre…e redeve, le doche ‘na botte ‘ngape…

Nicolino…E redeve…

Lucrezia…Stavote  chiangeve…

Nicolino…Se vede s’à dispiaciute ca m’accise….si però è ‘nu suenne…

Lucrezia…’A buscje da uècchje apirte ‘a veretà da uècchje achiuse…

Nicolino…E allore mo’ voche ‘a questure e le conte ca jntre ‘o suenne…e me pigghjene pe’ pacce…si però è ‘nu suènne,Madonna meje ce  debulezze ca m’à scennùte, ije so’ assaje impressionante, Lucrè mo me ne voche a case e me voche a stènne suse ‘o litte…

Lucrezia…Si si, allènete a stà stennùte…

Nicolino…Accussì me repose…

Lucrezia…E l’eterne riposo t’adda dà ‘u Signore…

Nicolino…E dalle ( fa le corna ed esce)…

           Rientrano Rina ed Eufemia

Rina…Lucrè’ ma come t’assute stà manfrìne…

Lucrezia…Come m’assute…ho usato l’astuccio…

Eufemia…Senza penna ?

Lucrezia…L’astùcce , ‘a furbizie..

Rina…Ah , però pe’ ‘mmè ce vuleve ‘na buscja vera…

Eufemia…Non reggerà…le buscje tenene le jamme curte …

Rina…E queste le tene curte e peluse…

Lucrezia…Stateve scuscetàte, funzionerà…

            DRINNN...arrivano Il dott. Gastone , Jean de Chitarre e Massimo La Giunta

Lucrezia…Uh ce sorprese…( entrando)prego da ‘sta vanne…

Rina…Oh ce sorprese , signor Jean ben tornè …

Jean…Ben trouvez madame…

Massimo…Eufemia…

Eufemia…Massimo , sono felice di rivederti…

Massimo…Non ti dico quanto lo sono io..

Eufemia…Ti prego dimmelo…

Massimo…Ma cara, non ti posso dirti quanto con precisione…

Rina…Eufemia, ma è chiaro che non dicendo quanto , te l’ho ha detto …

Massimo…Giusto, non dicendolo dico quello che voglio dire…dico bene ?

Eufemia…Ma se non dice quello che dice come capisco quello che dice se non lo dice come si dice.

Jean…Oh che confusion, se mi permettete le spieghe moi…

Lucrezia…E già,  sule jdde po’ spiegà stè descurse strane, è straniere…

Gastone…lassàme perdere ce no’ no’ n’assime chiù…

Jean…Madamme…

Rina…Cosa ?…cioè no no…dite pure…

Jean…Cara Rinà…avemme penzate pe’ stasere…d’invitarvi ‘o tiatre…

             Tutti a soggetto “ oh grazie, ce bellezze “…etc.

Eufemia…Chissà che danno ?

Lucrezia…Ce s’à rutte ‘nguarche cose ?

Eufemia…Che danno di bello ?

Jean…C’è un comedì…

Rina…Si , in camera da letto, Lucrezia fai vedere a Giuanne i comodin…

Massimo…Ma ce comodine…un comedì, ‘na commedie…

Rina…Massimo ma c’evute ‘nu meràchele…parli perfettamente…

Massimo…Ah si, a state …come dire…Eufè’,‘na forte emozione?

Eufemia…’Na forta paure!( si siede sulla sedia)

Massimo….Talmente forte ca me ste’ faceve sotte…sotto…all’avversario,lui insisteva nel dirmi …”fatti sotto, fatti sotto” …e io con coraggio mi sono fatto sotto…

Gastone…E felice nonge stè ?

Eufemia…Avisse arrevà da ‘nu menùte all’otre, il piano questo prevedeva…

Massimo…Il piano ?...Ce piane ?

Lucrezia…Qudde c’à studiate cu’ cugginese  pe’ fa’ remanè sole Eufemia cu’ stuedeche du’ cugginese…

Massimo…Sarà ch’è stuèdeche ma sèmbre màschele è !

Eufemia…Si’ geluse, mammà jè geluse…ma amore stai tranquillo  ‘u “quichende” o cu’ttè o cu’ niscune…ma ce qualcosa che mi preme…( esprimendo con mimica facciale un fastidio e continuando a muoversi sulla sedia come se ne cercasse il motivo )

Massimo…E parle, di’cià dicere, no’ te tenè tutte ‘nguerpe,quìste succède quanne se tène n’attàne egoìste, no’s’è padrone di dicere quidde ca se sente...Eufemia dì, parla, cos’è che ti preme…?

Eufemia…( sollevandosi leggermente dalla sedia ) Na ce jè, ‘stu bettòne, se ne stè cadeve e me stè cazzave proprie sott’o…vestite….

             Entra Felice che ha ascoltato le ultime battute…

Felice…E vuol dire ca Lucrezia ‘nvece de stà senza fa ninde te còse ‘u bettone prima ca se perde… state tutte acquà eh…l’associazione a delinquere…

Rina…Ma ce stè dice, so’accussì gentile, ce sacce …cortesi…ce sacce …garbati…ce sacce…

Felice…Ce sacce e ce sacce e sape tutte cose…

Rina…Abbiamo ricevuto un invito a teatro…un comodin…vero ?

Massimo…Si un comedi dialettale…

Lucrezia…Ah ce bellezze, ‘na commedie invernale…

Felice…Allora copritevi…

Gastone…In dialette cavaliè’…

Felice…E Jean ce capisce ?

Jean…No no capische bien…Massimò me l’à ‘mparate…

Massimo…Nei momenti di tristezza  parlavo in dialetto per ricordare la mia terra …la sentivo più vicina , che volete…la nostalgia… m’aveneve da chiangere…

Eufemia…Anch’io piangevo…

Rina…E ije ciàgghja dicere...quanta chiante…

Lucrezia…E ije cu’ lore, lacreme a funtane…

              Entra Titella

Titella…E piccè ije nonge agghje chiangiute…

Gastone…E tu cavaliè’ ‘na chiangiute  te l’e fatte ?

Felice…Ije minze a tanda lacreme me ste ‘ffugave…

Gastone...Devi ringraziare il sig. Jean , siamo tutti suoi ospiti, pensa ti ha preso il biglietto di prima.

Felice…E allore nonge avenghe…

Jean…Ma piccè…pourquoi…no’ capische pas…

Felice…Voi non capite a pasqua e ije a Natale, cu’ bigliette di“prima”no’ me fanne trasè , ce vole ‘u bigliette d’oscje…

              Tutti ridono

Titella…Sempre a obbiettare, sempre a obbiettare…e spiccele de fa l’obbiettive…Gastone( Gastone arretra per paura ) pensavo di non vederti più.

Gastone…Anch’io…

Titella…( gli fa boccuccia ) …possiamo offrire un rinfrescante ai signori ?

Gastone…Per me no’ grazie, ho gia gradito prima, non so’ loro…

Rina…Lucrezia cosa ce’ da offrire ?

Lucrezia…Non saprei…una birra, non ce…un’ orzata…non ce…

Titella…Lucre’, va ‘o bar e pigghje gelàte, pezzi duri pe’ tutte, a me a nocciola…

Lucrezia…Che dite cavaliere vado al bar?

Felice…Meglio  in cucina, pigghje  sette stuezze de pane tueste e offri a lor signori…

Rina…( ride amaro) Ahahah, sta scherzando, è ‘nu spizzecafùse ce putime fa, no nononononò, non sia mai detto ca’ccàse du’ cavalier Felice Guasto vico Pontescuro int. B no’ stè ospitanza e cortesia, Felice, cu’ stu càvete si deve pur rinfrescar loro corpo e anima…

Felice…Suggerisco un fresco  e gaudioso rosario…

Gastone…Ahahah…signore vi prego lasciateci soli cu’ prèvete…

        Le donne lasciano la scena, Eufemia parlando con Lucrezia

Rina…Ma si certamente…

Gastone…Grazie Rina, ci sbrighiamo subito e ve lo lasciamo libero  ahahah…

Felice…Ma quante me dè’ fastidie stà sresate…

Gastone…Cosicchè è decise, vuoi dare tua figlia a quidde bacchettòne de cugginete Necole…

Felice…So’ affare de famiglie…

Massimo…Cavaliè’, quatt’anne fa m’avite achiuse a porte ‘nfacce, tenghe angore ‘u segne a qua nàh…suse, ogne vote ca me jàte ‘u nase siete nei miei pensieri, e tutte cose pe’ colpe della mia posizione sociale…

Felice…Posizione di nullatenente…

Massimo…Ma della ditta di Jean ora  sono il capufficio…

Felice…Capufficie!?

Jean…Qui , c’est luì…

Felice…Eh non lo so,  ce stè Luise?

Gastone…Ma ce stè’…c’est luì..è lui, Massimo è il capufficio …

Jean…Un ragazzo onestò, lavorater, e con un grand’avvenir, potrà formare una famiglia , non gli mancherà  la facoltà ( striscia police ed indice per indicare il denaro )…

Gastone…Cu’ tutt‘a tredeceseme…

Felice…E ‘a quattordicesime ?

            Gastone guarda Jean…

Jean…Très bien, parola de Jean de Chitarre, accordè !

Gastone…Accordata…

Felice…Va bene, accurdate a chetarre ma a ‘mmè ce…

Gastone…Accordata ‘a quattordicesime…

Felice…Bella cosa ‘a quattordeceseme, però mi dispiace ormai l’ho impegnata, l’accordo  è raggiunto  è inutile insistere…

Massimo…Ma ije le vogghje bene…no’ me putite accidere accussì…

         A soggetto i due calmano Massimo

Jean…Vai ora vai… ti prego Massimò, calmati e  lasciaci soli…

Gastone…Povere uàgnone l’è ferite ‘u core…

Felice…E ‘o core ferite de n’attàne ca vede partè ‘a figghje pe’ ‘na terra lundàne non ce pinze, senza Eufemia morirei, io ci tengo a lei,  e poi vedere i miei nipotini solo in fotografia…no no…

Gastone…Ma è il destino di tutti i padri, e po’ ‘a France no’ jè accussì luntane, ‘un treno poche ore e li raggiungi…

Felice…E il biglietto ?

Gastone…’A biglietterie…

Felice…Ma coste…

Jean…Sarà sempre a spese della dittà…un bel viaggiò, campagne , fiumi,  montagne…

Felice…Le montagne , non le ho mai visto le montagne…ma si scalano cu’ tutte ‘u trene ?

Gastone…’Nvece de le rote le mettene le scarpune…ci sono le gallerie…

Felice…Ah le gallerie, e cosa espongono ?

Gastone…A sorete…e po’ cavaliè, Massimo…alla dote…non ci pensa…

Felice…( cambia volto )..Come!?...Non pensa alla dote ?!

Jean…En France la dote non esiste…

Felice…( sbalorditamente) In francia non esiste la dote ?!…ce belle paise ‘a France…

Gastone…Massimo vuole tua figlia così com’è…

Felice…Senza la dote…accedente a mmè , me pigghjasse a sckaffe…

Gastone…Ce vuè te le doche ije…ahahah

Felice…E spiccele cu’ ‘sta resate,quindi senza la dote…così com’è, e come se face agghje date ‘a parole …

Jean…Fatemi quel favore che vi ho chiesto e ne riparleremo…

Felice…Ma  è da tanto che non m’interesso d’immobili…non ricordo nemmeno la vostra richiesta…

Gastone…( separatamente) Fallo, te conviene, ti ricompenserà a dovere…

Felice…Un locale con due stanze e accessori vero ?

Gastone…Ahahah…

Felice…Ma quante si’antepateche…( prende il telefono )…pronto… ije so’ pronte e tu…e sime pronte tutt’e doje…( guarda I due ) e alla dote non…( poi al tel.)…sono Felice…dice che lui è contento, uèh capestuè…’u cavaliere so’…ce un francese, grande amico mio , si si, serve un biloculo…none ‘o cambesante…do’ stanze e accessori …ma che intresse, solo altruismo…mi conosci come apprufettande…no’dico,attande come stè…me raccumanne…(chiude) …ecco questo è l’indirizzo del mio …e se farà al comodo vostro…

Jean…Ogni promessa è un debito…

Felice…Ma non volevo dire questo…

Gastone…Ma si capisce, in fondo caro Felice sei un brav’uomo, all’antica ma …

Felice…E’ vero si,  sono un po antiquario…

Jean…Porterò con me Massimò, è il mio braccio destro..

Felice…E alla dote non ci pensa…ma ormai…Lucreziaaa…cosicchè in Francia niente dote…gran bel paese…Lucreziaaaa…

Lucrezia…Cavaliè ho sentito chiamare che avete chiamato ?

Felice…Caro jean ,queste a quanto vengono pagate in Francia  ?

Lucrezia…Dovete sapere che in Francia c’è già la paga sindacale …

Ferlice…La ghigliottina no ?

Lucrezia…Si contesta , si sciopera, e quanne mene te l’aspitte te piazze ‘nu sciopere a oltranza …

Felice…Notra scuse pe’no’ fa ninde…

Lucrezia..I diritti si conquistano, per il padrone  l’ignoranza è un’arma tenuta in pugno…

Felice…E ce sapeve ca teneve ‘a cameriera colta…

Lucrezia…Sono colta perché  leggo  e più leggo e più mi coltivo…prego da questa parte…

Jean…Ou revoir…( esce )

Felice…Ci’à ditte ?

Gastone…Ne vedime…

Felice…Si si, ma jdde ci’à ditte…

Gastone….Ahahah…( esce )…

Felice…Lucrè, a venute Nicoline ?

Lucrezia…Si a venute, a proposite , v’agghje dicere ‘na cose…( tono da incutere dubbio, paura ) l’agghje sendute parlà jntre ‘o suenne…

Felice…E ce s’à venute a curcà…nonge a parlate cu’ figghjeme ?

Lucrezia…Si si, po’ all’improvvise avute ‘nu colpe de suènne, capita , certe vote pure a mmè me pigghjene all’improvvise…

Felice…A te!? Ti prendono all’improvviso…po’ me l’à fa’ canoscere une ca tene ‘stu curagge…

Lucrezia…Ma ce capite, le colpe de suenne…sono un po’ sonnolenta…

Felice…Tu si’ lente a’ fatijà, e ce diceve jntre ‘o suenne ?

Lucrezia…( con tono minaccioso ) Ce diceve ?!…ca tène ‘nu piane…

Felice…’Nu piane…cu’ ‘a code ?

Lucrezia…Un piano diabolico pe’ te levà da nanze e impadronirsi di quello che a te stà più caro…

Felice…Ce vole a mugghjereme  ‘a pozze pure rialà…

Lucrezia…Il vostro denaro…

Felice…Oh Madonna meje  e come fazze senze, si ma…jntre ‘o suènne se dicene tanda cose…

Lucrezia…Si’ è vere, ma puteve parlà d’otre cose ‘nvece sule de le turnìse di vostra proprietà… come maje ?

Felice…Eh già,  come maje ?!…e de precise ce diceve…

Lucrezia…(imita la voce maschile )…” …Quidde tirchje…” che siete voi “ me vole fa’ fesse , 750milalire de dote pe’ pigghjàrme stà rogne ahahah “…rideva beffardo “vogghje tutte e subete,a’prima vutate d’uècchje ‘u manne all’otre munne…

Felice…( ha un sussulto ) A’mmè, me vole accidere e redeve pure, Lucrè mi farai da testimone…( va al tel.fa un numero )…pronto polizia,devo fare una denuncia…mio cugino Nicolino me vole accidere e qui ce la testimone orecchiabile…si si orecchiabile…ha solo sentito, il fetendone di Nicolino m’à minacciate de morte…si si , di morte...poco fa mentre dormiva, sì parlave jntre ‘o suenne…io chi sono ?...io sono Guasto…si sbaglia, le assicuro che sono Guasto dalla nascita, mio cugino mi vuol mandare all’otre mùnne…anche voi mi mandate …e dove mi mandate…affan… ha chiuse.

Lucrezia…Cavaliè’,fossi in voi, in sua presenza non gli darei mai le spalle…

Felice…Cosicchè redeve…m’è mise ‘nu caùre ‘ngape, è megghje ca me fazze do’ passe…( esce )

Lucrezia…Signora , Eufe’ putite assè…

            Entrano le due    

Lucrezia…Avite sendute tutte cose…?

Rina…Sine amme sendute ma chidde e ‘ddoje so’osse tueste…

            Suonano alla porta, Lucrezia va ad aprire e frettolosamente  entra Massimo …

Massimo…Perdonate il mio ardire  m’àgghje viste assè ‘u cavaliere e agghje apprufettate…

Rina…Lucrè sciàmene, lassàmele sule…

             Escono, i due si stringono in un abbraccio appassionato

Eufemia…Massimo…

Massimo…Eufe, come ti amo…quanta sentemente teneve pe’ te…

Eufemia…E mo’ è ce remaste senza sentemente ?

Massimo…Ne tenghe ancore de chiù…

Eufemia…Il nostro amore supera i confini del…del…Massimo, supera i confini…

Massimo…Ce belle parole ca me se’ dicere, me pare fa ca so’ ‘nu ladre, ladro d’amore , arrubbà ‘na parole , ‘nu bace …eh ma mo avaste, a quidde stuedeche de Necole ‘u leve da sus’a’ terre…

Eufemia…E ije ce fine fazze , saperti dietro le sbarre , chi mi darà la pace , forse il pensarti, forse il guardare il cielo , il mare …

Massimo..Guarderemo alla stessa ora  e ci sembrerà di stare inieme , io tu e …

Titella…( entrata in tempo e allarmata )…’U cavaliere…

Massimo…Lucrè, ‘nu picche de delicatezze, in questo momento poetico nuèmene ‘u cavaliere…

Titella…Stè ‘nghjane ‘u cavaliere…ci’ammà fa le numere…

Massimo…Ah si, allore sapite ce stè’ …me ne voche suse ‘o suppìgne…

Titella…Vatinne sparisce prime ca se ‘ntrùvele ‘u timbe…

Massimo…E’ già ‘ntruvelàte…Eufemia non disperarti no’ tutt’è perdute…( esce)

             Eufemia e Titella  vanno via…entrano Felice e Jean de Chitarre

Felice…Accomodatevi Giuànne…mi fa piacere che il locale confà alle vostre esigenze…

Massimo…Graze a voi  …( vede Rina  che entra ) oh madame Rinà…

Rina…Signor Jean…

Jean…Enchantè…( gli bacia la mano )

Rina…Io…?

Felice…Cu’ ttè a tene…

Rina…Se proprio ci tenete…( canta una canzone che si vuole )…

Felice…E’ stonata ma canta ,canta…

Jean…Enchantè…sono incantato…

Rina…Ah, aveve capite “ ‘a cantà ?“…

Jean…(gli bacia la mano ) anchantè de vous…( gli bacia il braccio piu volte )…

Felice…Ma quant’è belle, stè in estasi, dille ch’è capite ce no quiste te bace totta quante…

Jean…Grazie ancor , bel locale davvero, non m’aspettavo tutto quel parquet…

Rina…Caro Jean,  Felice risponderà a tutti i vostri “ parchè “.

Jean…Mi sono permesso …gentilissima…( bacia il braccio )

Felice…Rina,così me lo distogli…parlavamo d’affari…

Rina…Ma non te lo disciolgo,signor Jean vi lascio ai votre affar…( esce)

Felice…Rina ma vaffàrr…dicevate che vi siete permesso…di cosa ?

Jean…( segue Rina che continua a girarsi e fargli gli occhi dolci )…a tout l’heur…

Rina…Qui , tutte l’er tutte, tutte  le minut  e tutte le seconde…

Felice…Ma quant’è bella fatte…signor Jean…permesso di cosa?( si stropiccia le mani )

Jean…Ah, scuse moi…e voilà…( esce un pacchettino dalla tasca )

Felice…( spostandosi ) Va bene qua…

Jean…Ma cosa fète?

Felice…Cosa fete...sarà passata Titella…

Jean…Ma no, pourquoi vous et spustète…

Felice…Anche se  l’avete detto in francesco  ho capito bene,a me“spustate”no’l’a ditte niscjune.

Jean…Voi là ?!...ah, voilà, ecco qua…un pensiero…

Felice…( guardando il ragalo allunga la mano lo prende , apre )…ce bellezze,costerà un diecimila …nooo?! …un ventimila…di più…

Jean…( Negando con mimica facciale ) …Caro amico, quando si regala qualcosa  lo si fa col cuore non col portafoglio…non c’è valore più grande…

Felice…Si si, ma il portafoglio  ne soffre…ma è mio…tutto mio ?

Jean…Ma certamente…( fa per riprendere il cofanetto )

Felice…(ritrae lo scatolino)Uèh, ce ste’ face, non so’ in Francia ma a Tarde nuestre ‘na cosa date…

Jean…Ma ci mancherebbe, volevo far notare che luce nasce dal gioiello ( muovendo l’anello)

Felice…Ah, ce anche l’interruttore ?

Jean…Questo gioiello brilla di luce propria…

Felice…Ce bellezze, une pe’ stanze e se sparagne suse ‘a bullètte…

             Bussano alla porta d’ingresso

Felice ( continuando )…Chi è…?

            Voce di Nicolino

Nicolino…Nicolino…

Jean…Beh io vado…

Felice…Nooo, pe’ piacere no’ te movere de qua pe’ nisciune mutive…torno subito…(va ad aprire)

Jean…Prego , con comodo (si accomoda sul divano)

         entra Nicolino ma non nota la presenza di Jean, i due cugini si muoveranno sospettosi a vicenda , stando attenti a non dare mai le spalle all’altro.

Nicolino..( entrando ) Ma quanne l’àggiustà ‘u cambanidde…

Felice…No’ jè ‘u cambanidde ch’è ‘uàstate…

Nicolino…Felìce…che per caso  stai  da solo?

Felice...Piccè a  te non  piacerebbe ca stame sule ?

Nicolino…Si si, però certe vote se’ com’è…se dice none e po’stonne …

Felice…E sèntene tutte cose…

Nicolino…Beh , pe’ certe cose è megghje ca nisciune sente…

Felice…E sopratutto nonge vede…

Nicolino…Appunte…

Felice…Però a me ‘a cumpagnie me piace assaje, chiù ne stè è chiù me sente…vivo.

Jean…Signori…scusate ma non vorrei esser d’incomodo…

Nicolino…Signor Jaen, state qua…che fortuna…

Jean…La saluto e vado via…

Nicolino…Appunte p’a salute  a remanè,  se va via la mia salute è a rischio…

Jean…Volevo solo salutare…

Nicolino...E salutare mi è la vostra presenza…o preferisci ca remanime sule ?

           I due parlando , involontariamente, cercheranno le spalle dell’altro

Felice…Accussì ‘o mumente giuste …

Nicolino…’A na vutàte d’uècchje…

Felice…( non vedendolo , si volta rapidamente ) E ce te le lève, da’ nguedde …

Nicolino…Sarò la tua ombra…

Nicolino…( idem come sopra) Cu’ sole , ma de notte …sinte Nicolì’, agghje cangiate penziere , ognune a casa soje , come se dice “…do’ pede jntre ‘a ‘na scarpe “…

Nicolino…nonge ponne camenà…

Felice…’U se’ ca in Francia  ‘a dote nonge esiste, dico bene ?

Jean…La dote è un cattivo costume…

Nicolino…In Francia, ma acquà a Tarde vecchje è ‘nu custume ca me ve’ a’ pennìdde.

Felice…’U se’ ca Massimo , quidde belle uagnòne simpatecone,  s’à spose a secco…

          Entrano le donne

Eufemia…Insomma basta, ( tono molto accorato ) ma valgo così poco per te, no’ ssò ninde pe’ttè…fa’n’asta è chiù guadagne …ma ce conte pe’ttè, ninde conte , ninde…

Rina…Ninde valime pe’ ttè, ninde, ‘u se’ ce fa, mitteme pure a me suse all’àscre…

Nicolino…Uèh, no’cangiame le carte ‘ntàule, ce mitte pure a mugghierete m’à da’ ‘u doppie…

Titella…E ije ce fazze reste cu’jdde, me n’avenghe cu’vu’…

Nicolino…A ‘tte no’ te vogghje…

           drinnn , Lucrezia va ad aprire, entrano Gastone e Massimo

Gastone…(allegramente a Nicolino ) Ciao bel giovane, concluso l’affare,ma care ragazze perché piangete , oscje è ‘na sciurnata furtenate…

Eufemia…Furtenate ?!...scoprire che il valore de ‘na figghje è come ‘na cascje de pumedore ‘a chiazze m’à chiame furtenate…

Felice…Eufemia, no’ jè accussì , ma ve pare ca n’attàne vole vennè ‘a figghje , te vogghje dà ‘na sestemazione, l’amore po’ arrive…

Massimo…Ce le cose stònne accussì  me n’agghhja scè, devo dimenticare, Eufè perdonami e tu Jean , grazie pe’ quidde ch’è fatte pe’ mmè, ti prego di capire …accetta le mie dimissioni, io…partirò, America , Brasile…luntane da qua ma sempre jntre ‘o core fine ca st’uècchje no’ perdene ‘a luce…  

         Eufemia e Lucrezia  piangono

Rina…Si’ n’attane senza core , stè vide ce bene granne ca se vòlene, ma tu ce ne se’ du’ bene, tu vuè bene sule alle solde…stasere ‘u se cià fa, cuerchete cu’ lore…

Felice…E no’ fa ca stasere cange penziere …

Rina…Povere papà mije,sempre m’u diceve, Felice è veniale stai attenta figlia mia,e m’arrubbaste a papà…

Felice…Jdde m’arrubbò trecinte milalire sus’o pranze nuziale,le spese a metà e ije povere ingenuo accettai , e jdde ‘u mbrugghjone , me disse “ caro Felice non sai chi tiporterò al matrimonio “ …ije penzave , ce me po’ purtà , l’arcevescheve, n’assessore…

Nicolino…‘U sinneche…?

Felice…’A settema generazione m’à purtate…

Rina…’A famiglie è numerose , pinze ‘a toje ca n’à venute niscjune…

Felice…Ti sbagli, tutte avenerene…

Rina…E quanne ?

Felice…‘U giurne dope, pe’sparagnà suse all’invito di nozze cangève ‘a data, facive credere ca fu errore di stampa, me custò tanda fiscke de recchje m’attande a tutt’oggi le recchje fisckene ancore

Eufemia…Papà no’ stè besogne ca cange date , io tolgo il disturbo…

Rina…Aspitte a mammà , il disturbo t’u leve pure ije..

Felice…Lucrezia, accompagna la signora…

Gastone…Ahahah…cavaliere non ne stè besogne de cumbenà uàje…Jean spiega loro…

Jean…Insomma , la nuova sede di Taranto avrà bisogno di un nuovo diretter…

             Felice crede che  sia lui e gli brillano gli occhi, Jean continuando…

Jean…che abbia esperienza…

Felice…E ije tande  ne tenghe…

Jean…Consideratelo un mio regalo di nozze…diretter le mie congratulazioni, lascia che ti abbacci …

             Jean  va verso Massimo, lasciando Felice deluso ma col sorriso gli altri

Nicolino…Un momento, agghja avute ‘a parole e ‘a uàgnedde è ‘a meje…

Felice…E tène ragione, l’agghje date ‘a parole e tu ce m’è date ?

Nicolino…Ma ninde, naturalmente , ce descurse so’ …

Felice…Avite sendute, siete testimoni, no’ m’à date ninde, e da quando in qua Felice Guasto de’ ‘na cosa riàlate, perciò seduta stante me repigghje ‘a parola…

Nicolino…Ma no’pinze alla felicità di tua figlia, ti avrei fatto nonno con una lunga stirpigna di  nipotini che ti sarebbero venuti a trovare…

Felice…’O cambesante…ije l’agghje sempre ditte, Eufemia ‘u marite s’u sckacchje jedde,vero ? ...papà t’à sembre vulute bene, certe vote n’attane  no’ se n’avverte ca pure ca tène l’uecchje apirte diventa cieco…è vero Rina ?

Rina…( piange ) Felice, finalmente t’è recurdate de me, ca Rina toje esiste, è viva…

Felice…Tutte le mattine Rina, tutte le mattine mentre dormi mi accerto se ancora respiri,non vorrei  che…sai i funerali costano…Ah Rina Rina, tu non sai sei come sei bella quando dormi  ma tanto bella che  ti lascerei dormire in eterno “.

             Tutti ridono mentre Rina è delusa

Gastone…beh , a ‘stu punte ci vuole un brindisi…

Lucrezia…Che dite prendo quella bottiglia d’annata…

Felice…Tu si’ dannàte…ce t’à date ‘u permesse de parlà, so’ vint’anne ca stè, sarà svapurate, nisciune a vole è vero ?

            Entra Titella ubriaca con quella bottiglia in mano…

Titella…Te sbaglie  nonge a svapurate , s’à mantenute proprie belle…( beve )

Eufemia…Zia Titè’ , ce fatte …s’à ‘mbriacate …

           La aiutano a sedersi

Titella…E ce puteve fa…i dispiaceri nell’alcool li ho affogati…

Felice…E ije t’affoghe cu’ ‘na petre ‘nganne…

Titella…Agghje sendute tutte cose, brutte surragghjòne ca no’ ssì otre fa ‘nu belle riale ‘a spose…

Felice…Ma Ije ‘u sapeve come sce fenive ‘sta storie, un padre lo sente ed è previdente, mia cara Titella ‘u riàle già‘u teneve…eccolo qua ( prende il cofanetto dalla tasca  e i presenti con meraviglia lo passano di mano in mano ) …ste’ uàrdate ce bellezze…ste’ vedite ce luce senza interruttore…

          Eufemia che resta sbalordita dalla bellezza dell’anello ma soprattutto dal padre

Eufemia…Papà…è bellissimo…ce meraviglie…Massimo guarda…è di papà, me l’à rialàte papà…il mio papà…( lo abbraccia )… ce sape quante t’à custate…

Felice…Ce sapisse…( guarda Jean )…dicevo, ce sapisse ca le riàle se fanne cu’ core e none cu’ portafoglie ‘sta domande no’me l’avisse mai fatte…veroooo  ?

                Tutti ridono mentre cala la tela sulla

                                                                                  F I N E 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 10 volte nell' arco di un'anno