U spirdu du nannò camina casa casa

Stampa questo copione

(La scena si svolgerà, in una comune stanza di casa

BELMONTE MEZZAGNO 26/ 08/ 09

Prefazione

Paliddu, dovendo convivere con gli acciacchi della vecchiaia, è costretto a convivere con i suoi quattro nipoti. I quali, non rispettano per nulla, la sua benevolenza nei loro confronti, anzi non lo considerano proprio. L’unico loro interesse che li “lega” al nonno, è la pensione che mensilmente il vecchietto recepisce, ma di questi soldi, non ne ha mai sentito l’odore perché i nipoti la tengono per se! Carmelo, fratello di Paliddu, si trova a fargli visita, il quale in preda ad una crisi di nervi, confida la vicenda in cui vi si trova. Carmelo, addolorato della spiacevole situazione in cui ne è coinvolto il fratello, decide di ...

U spirdu du nannò camina casa casa

Commedia brillante in due atti:

Giovanni Allotta

Personaggi

Paliddu(55anni)                    nonno

Peppa(30anni)                      nipote di Paliddu

Nicola(35anni)                     marito di Peppa-Fratello di Nina

Petru(35anni)                        nipote di Paliddu

Nina(30anni)                        moglie di Petru

Ziu Carmelu(50anni)           fratello di Paliddu      

Mago oz checazz (45anni)

(La scena si svolgerà, in una stanza di casa, adornata come un normale arredamento. Nella scena, anche un orologio a cu cu fermo sulle dodici. Su di un mobile, una radio antica e un telefono. Nell’ angolo destro, ci sarà l’uscita per dare accesso agli attori di spostarsi nelle altre stanze di casa. nell’angolo sinistro, ci sarà la porta che condurrà fuori. In un angolino, c’è un lettino dove vi si trova dormiente Paliddu, un vecchietto. Al suo fianco un misero comodino, dove stanno appoggiati gli occhiali e il bastone che Paliddu adopererà per spostarsi. Entra Petru in pantaloncini)

PETRU

(Entra assonnato. Va nella credenza e cerca qualcosa, non trova nulla. Stizzoso, alza la voce a dispetto del nonno che dorme) Dintra sta casa, nun c’è mai nenti! Ma no nenti pi diri nenti! Nun c’è nenti di nenti! (Esce)

PEPPA

(Nipote di Paliddu. Entra in scena con tanti vestiti in mano, fa fatica a camminare, perché le strisciano a terra. Urla chiamando il marito) Nicola! Nicola! Mi vò aiutari ca mi stricano ‘n terra!

NICOLA F. S.

(Marito di Peppa) Mettitilli ‘nto coddu, e vidi ca ‘n terra nun ti stricanu!

PEPPA

Ma chi capisti, babbu malignu! Haju i vistiti ‘nte manu, aiutami!

NICOLA F. S.

(S’infastidisce) Chi ti siccassi l’osso sacro di cannarozza, zittuti! Lassami in paci, mi staju vidennu a partita!

PEPPA

L’arbitru è cchiù crastu di tia, ca ti fa vidiri a partita! Ti avissi a incatramare u culottes, ‘nta stu divanu dunni ti trovi!  

NICOLA F. S.

Lassa chi finisci a partita, ca ti vunciu a faccia comu un palluni!

PETRU F. S.

(Nipote di Paliddu. E fratello di Peppa. Infastidito delle urla) A vuliti finiri tutti e dui! Pariti Stanlio e Oglio! Zittitivi, ca è ura di dormiri!

PEPPA

(Sistemando i vestiti nel cassetto) Chista ura di dormiri è! Vidi ca è l’una e mezza e pi manciari nun si ci penza! E poi, quannu nun ti cunveni, pigghi e ti nni vai tu, e to mugghieri!

NINA

(Moglie di Petru. Entra in scena adirata) Dintra sta casa mi pari di essiri a vucciria! Mancu mi pozzu vidiri in pace biutiful!

PEPPA

Ma zittuti scimunita, tu e tutti chiddi di biutiful!

NINA

Sciacquati la vucca, minni caduti! Appena ti azzardi navutra vota a diri paroli a biutiful, ti pigghiu pi capiddi e ti fazzu ballari a blecchi dens!

PEPPA

Ringrazia u Signuri ca sono impegnata, vasinnò ti facissi ‘na carezza, ti fazzu faru un giru di sola andata o cimiteru! (Paliddu si sveglia e inizia a gridare aiuto. È tanto convulso e cade dal lettino) sintemu chi havi stavutru! Chi successi?

PALIDDU

Aiuto! Aiutatimi!

PEPPA

Viniti cca, u nannò cadiu ‘n terra! Aiutatimi a susiri a stu cadavere!

NICOLA F. S.

Mi staju vidennu a partita, appena finisci ti vegniu aiutu!

PETRU F. S.

Io, haju u pitittu chi mi fici acitu, e nun pozzu veniri!

NINA F. S.

Nun la pozzu lassari a televisioni. Nun è educato ca l’attori parranu  suli!(Esce)

PEPPA

Chi è nannò! Chi hai? (Paliddu, non riesce a parlare dall’affanno. Peppa grida agli altri) Ci tagghiaru l’aria ‘nta vuci, e nun po’ parrari!

PALIDDU

(Rialzandosi, si siede nel lettino) Chi spaventu! Chi sogno! Beddamatri! (Si tocca il cuore) u cori va a trimila! Staju murennu!

PEPPA

(Preoccupata) Picciotti, u nannò sta cripannu! Viniti, subitu! (Entrano tutti di corsa, si schierano in fila e cantano)

TUTTI INSIEME

(Cantando) Mai, non mollare mai. Si crepi tu, semu tutti ‘nto mari di guai! Quindi, nun ni lassare mai non crepare mai...! (Paliddu li guarda allibito) 

NICOLA

(L’unico che in casa porta i baffi. Fa un tifo da stadio, tutti lo accompagnano con applausi ritmati) non devi morire! (applauso ritmato) Non devi morire! (Applauso ritmato)

PETRU

Ci pensu ju! (Canta in napoletano arcaico) Stasera ti aggia diciri ‘na cosa, ca da tantu tiempu ti vulevo dì, pi Napule aggi fatto tutti cosi, si mi riposi, nun la fa suffrì! (Essendo stonato, tutti si tappano le orecchie)

PEPPA

A vò finiri Petru! Si, continui così, a nuatri ni fa moriri!

PETRU

Cara mia sorella, vidi ca sta canzuna a cantava il grande Merola! Chiddu ca cantava... (Canta in napoletano) “I figli o sai che so, so pezze e core”

PALIDDU

(Col stesso tono) e i niputi, so pezze e fangu! (i nipoti si lamentano)

NINA

Chi è nannò, manciasti grasso?

PETRU

E to nipoti, sti cosi dici? Di chiddu chi facemu pi tia, mancu l’avissi a diri!

PALIDDU

Mi stati sucannu u sangu cu tutti l’ovuli rossi, e vulissivu fari capiri ca mi vuliti beni!

NICOLA

Certu ca ti vulemu bene! si nun ti vulissimu beni, nun faccissimu i cantanti! Siccomu ti vulemu beni, ti stamu facennu San Remo in diretta!

NINA

E poi cca dintra si sta bene! (Rivolgendosi alla cognata Peppa) anchi si, semu troppu!

PEPPA

(Con cattiveria) Senti, signora stoccami in quattro, chidda ch’è troppo cca dintra, sei tu! Io sugnu la nipote di sangue! Si ci tagghi i vini a me nanno, ci nesci u me nomi! Quindi levati di cca, e parra picca!

NINA

To frati è mio marito, e puru iddu havi scrittu a to nannu ‘nto DNA! Quindi, si iddu sta cca, io staju cca! A facciazza tua!

PEPPA

Ma zittuti! Quannu grapi a vucca pari un aceddu caca denari!

NINA

Almenu quannu parru, caco oro! No tu, cu sta faccia di baccalara!

PEPPA

Petru, dici a to mugghieri chi parra picca, vasinnò dunni havi a testa, ci fazzu mettiri i peri!

PETRU

Nina, a vò finiri! Me soru è pericolosa! Nun vogghiu ‘na mugghieri a senso unico!

NINA

(Dispiaciuta) Difendi a to soru, inveci di scipparici a testa! U vidi, to nannu è cchiù senza ciriveddu di tia! Pi stasira, ti votu li spaddi!  (Esce)

PALIDDU

Talè a sta cosci lordi chi mi dici! Ci pari ca ficimu u surdato ‘nzemmula! Petru, dici a to mugghieri chi si pulizia a vucca ca spazzola di ferro! Vasinnò ci dugniu un corpu di vastuni ‘nte denti e a tia ‘nta vucca! 

NICOLA

Nannò, jettali fora a maritu e mugghieri!

PALIDDU

A tutti vi jettu fora! Ricurdati, sugnu u patruni di casa! Vuatri siti ospiti!

NICOLA

U patruni? Ma va curcati o scuru! Ci si cca dintra, pi fiura!

PETRU

Comu ti permetti a dirici sti cosi a me nanno! Tu cu si, pi diri sti cosi?

NICOLA

(In modo provocatorio) Io sugnu u marito di to soru! Pozzu diri chistu e avutru! Se hai problemi, i putemu risolviri!

PETRU

(Anch’egli provocatorio) Senti, grazie a Dio problemi nun ci n’haju! Ogni misi a pinsioni mi la dannu, haju ‘na mugghieri ca è peggio di rintintin, campu da Dio, e u re mi pari porco!

NICOLA

E chi bo diri?

PETRU

Si iddu nun avissi fatto ping pong cu me nonna, me matri e me patri nun avissiru nasciutu e manco io di conseguenza! Si io sugnu cca è picchì iddu sapi jucari a ping pong!

NICOLA

‘na vota! Ora i pallini ci siccaru!

PALIDDU

Senti, i me pallini sunnu dui bocce d’oro! Ogni tanto li allustru, ca parinu un specchio! Bravo Petru! Menu mali, ca c’è unu chi si salva cca dintra!

PETRU

(Al nonno) Mutu! A parrari quannu tu dicu ju! Sulu ju ti pozzu dari ordini cca dintra! E ora, accuccia!

PALIDDU

Mi parivi cchiù cristianu! Ma a quantu vju, cchiù disgraziatu di l’avutri si!

PETRU

(stizza) disgraziato a mia? Ti scippo l’atrosi cervicale! (Si avventa sul nonno, Peppa e Nicola lo trattengono) lassatimi ca ci scippu l’atrosi! Lassatimi!

NICOLA

Cognà, calmati! Si l’ammazzi, semu ‘nta li guai!

PEPPA

Lassalu iri! Nun lu po’ ammazzari! U nannò è ‘na gaddina chi caca oro!

NINA

(Si affaccia dalla porta, e grida) Silenzio! (Tutti si immobilizzano, lei aggiunge con passione) bruk e lec, si sono baciati!

TUTTI INSIEME

Ma va sparati!

NINA

(Delusa) Nun aviti cori! Nun capiti li sentimenti di la televisioni! (Esce)

NICOLA

(Si rivolge a Nina) Taliati a sta pippi calze lunghe!

PETRU

Ueh! Pippi cazze lunghe ci lu vai a diri a cu sai tu! Si lu dici navutra vota, di tia, ni fazzu pezzi pi pedi!

NICOLA

Si hai curaggiu, isami li manu! Fazzu curriri i pumperi, carabineri, bersaglieri! (Petru lo spinge Nicola ribatte. I due si spingono in modo provocatorio, poi si sente un fischio) Alt! Sta accuminciannu u secunnu tempu! Pi tia è un problema si ni pigghiamu a lignati, dopo a partita?

PETRU

(Sereno) Non c’è problema! Fai con comodo cognà! (Nicola Esce. Petru sbadiglia) Ti raccumannu nannò, si ti veni a fantasia di moriri, chiamami! Peppa, pensaci tu a chistu! Si fida ca moru, senza chi ni dici nenti! (Esce. Peppa aspetta che esca Petru e gli va dietro)

PALIDDU

Aspetta Peppa! Dunni vai? Haju pitittu! Nenti c’è di manciari?

PEPPA

Nenti? Hai ‘na muntagna di patati di manciari! Anzi, aspetta ca ti ni vaju a ‘na para di chili, accussì pi oggi ti sazii!

PALIDDU

Oh, ma ti pari ca sugnu sfurnatu? Havi un annu chi mi fati manciari da matina a sira patate e patate! Mi crisciu puru u naso a patata!

PEPPA

U proverbio dici: “Cu mancia patati nun mori mai!” Pi campari navutri cent’anni, ni hai di bisogno un camion o jornu!

PALIDDU

Cent’anni? Accussì appena moru, mi iti a chiudiri e catacombe!

PEPPA

(Dalla tasca esce un foglio e lo da al nonno)Cca c’è u menù, leggi e dimmi chiddu chi vò priparatu! U vidi, e poi dici ca ti trattu mali!

PALIDDU

(fatica senza occhiali) Leggi tu! Quannu sugnu senza occhiali, sugnu analfabetico!

PEPPA

(Legge dal foglio) antipastico: michisi di patate, patatini e patatuccie. Primo piatto: gnocchi di patate, con salsa di purè di patate. Insalata di mare patatosa! Secondo piatto: Arrosto di patate con contorno di patatine impanate e sbattute o muro! Frutta erotica: Patate latino americane! Per dolce, cassata siciliana chi patate! Allura, chi vò manciari?

PALIDDU

Fazzu lo sciopero da dieta, fino ca mi siccanu puru i vistiti! Così, vi fazzu passari a critinaggini chi aviti!

PEPPA

Stavo scherzando! Dimmi chiddu chi vò manciari, ca tu priparu!

PALIDDU

Veru dici? (Peppa annuisce) Allura, un piattuni di pasta con le sarde. Un carretto di caponata siciliana! Un boccalone di vino! Uno sfilatinu quantu u me vrazzu! Pi finiri un cannolo fatto ca ricotta di vacca!

PEPPA

(Esce e rientra con un piatto colmo di patate, glielo lancia sul tavolo) Intantu, accumincia a manciari patati, ca poi si nni parra pi l’avutri cosi!

PALIDDU

(Adirato, lancia il piatto a terra) Chi vi sparassiru a tutti ‘nta punta mandibolare du nasu! Ma dicu ju, u Signuri nun vi vidi? Bho!

PEPPA

Picchì dici sti paroli? Nuatri ti vulemu beni! Ni preoccupamu pa to saluti!

PALIDDU

Zittuti, paracquara! A l’avutri ci putiti fari cridiri ca mi vuliti beni, a mia no! Pariti santuzzi, ma vi miritassivu ‘na cannunata ‘nte capiddi!

PEPPA

(Con rabbia)Taliati a stu vecchiu ‘ntollo chi schifiu dici! Si nun fussi picchì fussi, ti dicissi chi ti havi a scoppiari a rota di scorta du cori! A disgrazia è, ca li stimi arrivanu! E quindi, mi tegniu cu un passo darreri!

PALIDDU

V’interessa ca restu vivu, così continuati a futtirimi la pinsioni? (Alza gli occhi in cielo) Signuri, mannami un colpo di fulmine cca, ‘nto centro du cervelletto! Così, mi veni una morti di subitu! Mannamilu prima di subitu! A tia aspetto! 

PEPPA

(Disperata gira per la stanza a chiudere tutto) Ma chi dici? Niscisti pazzo! Ni vò cunsumari? (S’inginocchia ai piedi del nonno) Ti prego, dici o Signuri ca schezavi! Si ti pigghia in parola, semu futtuti!

 

PALIDDU

Signuri u sintisti? No un colpo di fulmine, mi devi mandari una trombosi di infarto ‘nta tuttu u corpo, quantu mi siccanu puru i debiti! Senza perdiri tempo! a tia aspetto!

PEPPA

(Disperata) Picciotti, chiuditi tutti cosi! Sta arrivannu a trombosi, e si porta o nannò! (Entrano tutti in scena. Nina con una coperta copre la testa del nonno. Nicola e Petru fanno la guardia al nonno)

PETRU

(A Peppa) Cu si sta vinennu a trombare o nannò?

PALIDDU

Ueh! Misuramu li paroli! A mia nuddu me la deve trumbettare! Semmai o contrario!

NICOLA

Tu? Ma ca fari! si grapi i mutanni, vidi ca c’è scritto “ Chiuso per lutto”

PEPPA

Picciotti, u nannò, fici un’ordinazioni o Signuri, e manca picca e si lu vennu a pigghianu ca trombosi! Quindi, chiudistivu tutti cosi? (Tutti annuiscono) Bonu, almenu nun facemu trasiri a nuddu!

NICOLA

(Porta la mano in testa,segno di dimenticanza) Mi scurdavu a chiudiri a tavolozza du gabinettu!

NINA

Vogghiu fari un’opera buona! Ci trasu ju a to casa, a chiudilla?

PEPPA

Grazie cognatina! Vacci pure!(Nina esce)Però nun tuccari nenti, nun guardare nenti, e nun respirare nenti! Vai e stoccati  subitu cca li jammi!

PALIDDU

(Si dimena e riesce a liberarsi dalla coperta) È inutili ca chiuditi tutti cosi, a navutru poco, mi veni a pigghia u Signuri!

PETRU

Comu si cretinu! Comu ti po’ veniri a pigghiari, si sunnu tutti cosi chiusi!

PALIDDU

Nun ti preoccupari, ca u Signuri a sapi la strata pi trasiri!

NINA

(Rientra Nina col naso tappato, fa il viso schifato)Nicola, ma quannu vai a Ci cago, sempre stu profumo di rose fai?

NICOLA

Cara sorella, chistu mi capita, quannu pensu a du beddu di to maritu!

PETRU

(Malintenzionato) Chi senti diri? Ti pari ca ni scanciamu i vistiti? Ju, nun ni fazzu male odore, perché mangio cibo ecologico!

NICOLA

Fammi un favuri, quannu ti veni di andare a Caccamo, vai in campagna ne mia e mi concimi u tirrenu!

PETRU

Pinna sicca, vidi ca ti fazzu agghiutiri i denti cu tutta a vucca!

NICOLA

Si ti mettu i manu di supra, ti fazzu ballari u ballu du qua qua, o cimiteru!

PEPPA

Mi raccumannu, si vi aviti ad ammazzari, nun mi tuccati li seggi ca staju facennu a collezione!

PETRU

Nun ti scantari, userò cinque dita di violenza! (Petru fa mosse di arti marziali e Nicola con uno schiaffo lo mette ko. Peppa si scaglia su Nicola. Nina cerca di difendere il fratello e si avventa su Peppa, poi per dividere Nina dalla mischia anche Petru si trova coinvolto nella rissa. Paliddu li osserva)

PALIDDU

Bravi, continuati così! Nicola, tiraci i capiddi! Petru acchianaci supra i scarpi e ci titi i quasetti! Nina infilaci a mano ‘nta l’occhio sinistro a Peppa!  Peppa sfardaci  u naso! Bonu, ammazzativi!

TUTT’INSIME

(Infastiditi dalle grida del nonno) Ma ti vò fari i cazzi tò! (Il nonno restatoci male, li manda a fanculo con un gesto. Bussano con foga)

NINA

Cu schifiu è! in famiglia, mancu si è padruni di scannarisi ca i cristiani tuppulianu!

NICOLA

A prossima vota mittemu un cartellu darreri a porta “Non bussate ci stiamo ammazzando!”

PEPPA

(inquieta) Picciotti, cu po’ essiri? ‘un facemu ca è u trombettista pu nannò!

PETRU

Prestu prestu, ammucciati u nannò! Chi sa è iddu, ci dicu ca sbagliò casa!

NICOLA

(Prende in braccio Paliddu, il quale grida e gli tappa la bocca) Cu sa mu scordu, ricurdativi ca o nannò u staju chiudennu dintra a lavabiancheria! (esce di scena)

PETRU

(Bussano con foga) Cu è? Cu fu? Comu fu? E picchì fu?

ZIU CARMELU F. S.

Donne, è arrivato l’arrotino! Arrota coltelli, forbici e puru i paracqua!

PETRU

Signor rotino, ni lu dissi per finta o lei è il trombettiere?

ZIU CARMELU F. S.

Scimuniti, u ziu Carmelu sugnu! (Petru apre e lascia entrare lo zio) Prima chi fati trasiri a genti, vuliti sapiri a morti e passioni? Cu e, cu nun è!

PETRU

Ci devi scusare ziu, siccome aspittamu a una persona chi nun vulemu riciviri e quindi...comunque, salutamuni Ziu! (Tutti salutano lo zio)

PEPPA

(Gli porge la sedia) Assettati  zio Carmelo!

ZIU CARMELU

(Si siede) si nun vuliti riciviri nuddu, pigghia e lu scriviti darreri a porta “chiuso per ferie” Vidi ca nuddu tuppulia! (Guarda in giro) Ma unni è me frati? Stranu ca nun si vidi in giru!

PEPPA

È’  dintra a lavabiancheria! (Si tappa la bocca, notando l’errore)

ZIU CARMELU

(Sorpreso) Dintra a lavabiancheria? E chi ci fa?

NINA

(Si mette la mano nei capelli) Veru! (Urla) Nicola! Nicola! Porta cca u nannò, ca u ziu Carmelu è! Veni, subitu!

ZIU CARMELU

Chi ci fa me frati dintra a lavabiancheria? Si sta facennu u shampoo?

PEPPA

(Nessuno parla, Peppa cerca di trovare una soluzione) Siccomu nun girava cchiù, u nannò decisi di aggiustalla!

ZIU CARMELU

Ma cu, me frati? Ma si chiddu mancu è bonu, pi attaccarisi i scarpi, comu fa ad aggiustari sta lavabiancheria! (Entra Nicola con Paliddu in spalla che sbraita animatamente.Nicola lo lancia nel suo lettino)

PALIDDU

Siti ‘na massa di fangu chi camina! U guvernu è curnutu ca vi fa campari! A tutti fora ve jttari! A tutti!

ZIU CARMELU

Paliddu, chi sunnu sti paroli, ca matinata! Ti vinni l’esaurimentu feroce?

PALIDDU

(Esaurito) A curpa è di sti facci di cani di me niputi, ca mi fannu nesciri i ciriveddi di fora! L’haju a jettari a tutti in menzu ‘na strata! A tutti!

NICOLA

(Saluta lo zio) Ciao Ziu! U vidi comu fa? Da matina a Sira, sempri chi ni dici paroli! Unu cchiù bonu è, peggiu è! Purtroppo, l’avemu a compatiri!  

PALIDDU

Va compatisci a du crastu di to patri! Si nun mi tiniva chi manu nno spurteddu, mi chiudiva dintra a lavabiancheria, sta fognatura chi baffi!

NINA

Ziu Carmelo, u bagnu nun si lu voli fari mai! ‘na vota chi me frati, u stava jettannu da dintra pi lavallu, iddu nun ci vosi trasiri!

ZIU CARMELU

(A Peppa) Dici che stava aggiustandola! Mah! E poi, pi lavallu da dintra u mittiti! Si fussi vostru patri, vi piacissi?

PALIDDU

Ma chi ci dici? Chisti pi picciuli, macari a so matri si vinninnisu!Tutti quattru si junceru, l’ogghiu fitusu  e i pareddi sfurnati!

PEPPA

(Adirata) Ogni jornu, mi levu a vita pi fariti manciari,dariti u beni di Diu, e mi tratti così! Sai chi ti dicu, mi facisti dui minni quantu ‘na casa! (Esce)

 

PALIDDU

Di quant’havi chi mi fai manciari patati, m’insonnu puru a notti! Livativi davanzi i me occhi! Mi cuntintassi starimi sulu comu un cani, ca aviri a vui quattru chi mi sucati u sangu! (I nipoti lamentandosi escono)

ZIU CARMELU

(si siede accanto a Paliddu) Dopo tantu tempu chi nun ni videmu sugnu adduluratu a sentiri sti cosi! Ma picchì fai tutta sta vucciria! Da comu capivu, ti dannu a manciari, dormiri, ti pascianu comu ‘na pecura e ti lamenti!

PALIDDU

Comu ‘na pecura? Comu un toro! (Facendo le corna con la mano)

ZIU CARMELU

Pensa, alla nostra età, li celluli morinu e bisogna lavarisi cinqu voti o jornu, pi fari profumo!

PALIDDU

Cu chiddu chi custa l’acqua, fazzu prima ad accattarimi ‘na bomboletta di profumu e mu jettu di supra! Certo, iddi passanu pi chiddi bravi, e io u tintu! Haju li me ragiuni a fari u pazzu! Ti piacissi si to niputi ti tinissiru privatu di tutti cosi, però si futtinu a to pinsioni!

ZIU CARMELU

(Meravigliato)ma chi mi stai dicennu?

PALIDDU

Stannu cu mia pi chistu! Ogni misi, fannu a pugni pi spartirisi a pinsioni!

ZIU CARMELU

(Meravigliato) Ma dici veru?

PALIDDU

Pi disgrazia pigghiu tri pinsioni d’invalidità! Una pi l’appannatismo ‘nta l’occhi! Mi ci vulissi l’operazione antinebbia! A secunna haju troppo polistirolo ‘nto zuccaru du sangu. a terza soffro di sciancamento!

ZIU CARMELU

Puru ju haju i me problemi, ma tu si muru cu muru cu l’ospedale!

PALIDDU

Pigghiu deci miliuni o misi, e di cosa nutuli di me niputi, si li futtinu sani sani! E a mia, mancu mi fannu sentiri u ciavuru!

ZIU CARMELU

Viditi sti disonesti! Chi curaggiu hannu a fari sti cosi! Certu, ca bravi sunnu a recitari a parti di bravi niputi! Si miritassiru ‘na bedda ‘nsaccata di lignati!

PALIDDU

Lignati? Si miritassiru ‘na cannunata ‘nto senso da ragioneria! A curpa è di me figghi, ca mi li lassaru cca, pi cumpagnia! Raccumannaru a pecura o lupo! ...(Attimo di pausa e affievolisce il tono)Mi cuntintassi di chiudirimi l’occhi e di quitarimi, inveci di soffriri così!  

ZIU CARMELU

Chi schifiu dici! Vò moriri pi darici saziu a iddi?

PALIDDU

O cuntrariu! Iddi, nun vonnu ca moru! Si jo murissi, ci finisci America, picchì pinsioni nun mi nni mannanu cchiù!

ZIU CARMELU

I giovani di ora, vonnu tuttu a puntinu e si nni futtinu di li sacrifici c’ha fattu u patri, chiddu chi li misi o munnu! I picciuli vannu e vennu! A famigghia, è lu veru tesoro! A famigghia se si sfascia, nun si po’ cchiù aggiustari! (è pensieroso) mi sta vinennu ‘na pinsata! Sacciu comu farla finiri sta storia! Ci l’hai un mazzu di chiavi di casa tua?

PALIDDU

Vò risolviri a situazioni cu un mazzu di chiavi? Ci l’ha tirari in testa?

ZIU CARMELU

Ca testa dura chi hannu,i chiavi si rumpinu! Ci l’hai o no, sti chiavi!

PALIDDU

Ci l’haju  ci l’haju! Ma chi bo fari?

ZIU CARMELU

Lassa fari a mia! Ju sacciu comu fari! Ni servinu i chiavi, pi grapiri a porta! Facennu così poi...(Uno dietro l’altro entrano i nipoti, pronti per apparecchiare. Zio Carmelo si zittisce. Peppa entra con la tovaglia da tavola, Nicola con fiasco di vino e Nina e Petru, il resto piatti, bicchieri...)

PEPPA

(A Nicola) Sempre o vinu pensi! Chi ti vinissi ‘na acidità ‘nta l’occhi , ‘un lu vidisti ca supra a tavolozza du gabinettu, c’era pusatu u pani! Pigghialu!

NICOLA

(Posa il vino sul tavolo) Ora ci vaju, basta ca nun parri assai, si nnò ti siccanu le corde vociali! (Esce. Lo zio Carmelo si alza)

NINA

Chi è, ti nni vai ziu? Picchì nun resti a manciari cu nuatri! (Peppa Petru, le fanno uno sguardo che la fulminano)

ZIU CARMELU

Già mi saziavu sulu a taliarivi ‘nta facci! Paliddu, te diri ‘na cosa, se i to niputi permettono! (Tutti dicono “prego”. Paliddu e Zio Carmelo escono di scena.Entra Nicola col pane)

PEPPA

Amunì, assittativi, ca vaju a pigghiu a pasta! (Peppa esce. Tutti si siedono)

PETRU

Sapiddu chi ci sta dicennu u ziu o nannò!

NICOLA

Fra di iddi vecchi stoliti, si capiscinu! (Entra Peppa con la pentola)

PEPPA

Datimi i piatti! (Ognuno porge i piatti e gli vengono riempiti col mestolo) Mi fici u cuppinu a tri quarti e un puntu, pi nun fari sparità pi nuddu! Almeno pi manciari, nun ni litigamu! (Si siedono e iniziano a pranzare)

NICOLA

(Gustandola) Mih che cavura! Ma chi pasta è?

PEPPA

Pasta alla buttanesca!

PETRU

(scosta il piatto) Pi oggi finivu di manciari! A mia, mi piaci a pasta fridda!

PEPPA

Sciuscia ca le calorie a la pasta ci calano!

PETRU

Se era navutru tipu, havii ragiuni! Ma chista è alla buttanesca e se ci soffio, le cuaranate acchiananu e stiddi!

NINA

Peppa, ma secunnu tia chi si stannu dicennu?

PEPPA

Chi nni sacciu! Sunnu misi docu darreri chi ciuciulianu peggiu di fimmini! E poi tu, ci mancava picca e invitavi a manciari o ziu Carmelu!

PETRU

A prossima vota, ti fazzu iri a curcari bedda cavura cavura! (Alludendo alle botte)  

NINA

Scusatimi, chi è curpa mia si haju a lingua chi parra sula!

PEPPA

Insignaci l’educazioni e ci dici ca prima di parrari, deve alzare la mano!

NICOLA

A vuliti sapiri ‘na cosa, oggi sugnu cuntenti! Mancu pari ca semu nuatri! Chista è a prima jurnata chi nun ni litigamu a tavula!

PEPPA

Si è veru! Paremu quattru angeli! Certi voti semu peggiu di picciriddi! Così si fa, beddi carmi e tranquilli! Comu fannu i quattro porcellini!

NINA

Avissimu a firmari un contratto di anti sciarramento! Così non ci ammazziamo cchiù!

PETRU

Mica c’è bisogno di fari u cuntrattu pi nun ammazzarini! Basta aviri ciriveddu! Zittuti e mancia, buttanesca!

NINA

A mia sti cosi? Io, sugnu onesta e pura, comu l’acqua du baccalaru!

PETRU

Nun fari così ca nun parrava cu tia! Parrava ca pasta!

NICOLA

Vistu ca semu in argomento, pigghiu fogghiu,‘na pinna e facemu stu cuntrattu! (Nicola esce e rientra con un rotolo di carta igienica e penna) Amunì, u viditi ca truvavu a carta! Firmamu stu contratto!

NINA

Docu avemu a firmari? Chistu significa ca di stu contrattu, ni putemu asciugari ...(Nicola fa il verso come a volerle dare schiaffi, ma si trattiene)

PEPPA

(Uno dietro l’altro firmano) E cu ni po’ fari sciarriari cchiù? Da oggi in poi, ci dobbiamo volere troppo bene! Gli allittrati dicinu ca pi nun si sciarriari bisogna aviri un culoquio! Da oggi in poi nuatri, culoquiamo!

NICOLA

Semu quattru, a voglia di culocare!

PEPPA

(Con aria serena) Manciamu beddi sistimati! (Tutti mangiano) Fermi tutti! ni scurdamu i preghieri! Accuminciu ju! (Unisce le mani e guarda in alto) Santa Fortunata, fai campari o nannò, navutra annata!  

PETRU

San Giovanni decollato, dacci a forza o nannò di campari, picchì si mori mi nni e ghiri a travagghiari!

NICOLA

San Vicenzo, libera o nannò da ogni male, ti prometto ca quannu arriva a pinsioni, io ti pensu!

NINA

Santo Stefano di Camastra, fai ca u nannò nun mori mai, vasinnò ni mettinu a tutti all’asta! (riprendono a mangiare e Bussano)

PEPPA

Sintemu cu è ca ci rumpi...a l’ura di manciari!

VOCE FUORI SCENA

Posta! (La quiete, si trasforma nei loro visi in inquietudine. Si guardano, quasi pronti tutti a partire)Mi sintistivu? Aviti a firmare! C’è nuddu, o mi nni vaju! (Tutti scappano fuori dal postino, si sentono voci) Mai ni aviti vistu posta! Ogni misi sempri a stissa storia!

PEPPA

(Tiene in mano la busta, tutti sono premurosi) Fermi! Menu mali ca bisognava culocare! Pari ca nun ni avissimu mai vistu pinsioni!

NICOLA

Inveci di fari u teleromanzo, grapi sta busta e spartemu stu porco a metà!

PETRU

Vidi ca semu quattru! Semmai, deve spartire il porco a quattro metà!

NICOLA

(Odora l’aria) Comu è bellu sentiri odore di soldi appena sfurnati, belli cavuri cavuri!

NINA

Già mi sentu la liquorina ‘nta li sacchetti!

PETRU

Spartemu sti picciuli subitu! (Peppa esce i soldi dalla busta e li conta)

PEPPA

(Li conta a Nina) Un miliuni, dui miliuna, centu, ducentu, tricentu, quattrucentu e cinqucentu! (A Petru, conta i soldi) Un miliuni, dui miliuna, centu, ducentu, tricentu, quattrucentu e cinqucentu!

NICOLA

U vidi ch’è bellu così? Nun ni litigamu e semu tutti cuntenti!

PEPPA

A nostra furtuna è ca a pinsioni e di deci miliuni! Ni veni fatta fatta a spartirla in quattru parti uguali! (Conta i soldi a Nicola) un miliuni, dui miliuni, una, dui, tri, quattru e cinqu! Ora tocca a mia! (Conta i soldi) un miliuni, dui miliuni centu, ducentu e...(Guarda dentro la busta)

NICOLA

Ma chi cerchi!

PEPPA

Aviti vistu passare picciuli? (Tutti dicono no. Continua a cercarle in giro)

NINA

(Spaventata) Beddamatri, si persiru pi strata? Chiamate a chi l’ha visto!

PETRU

Se chi l’ha visto, l’ha visto, nu veni a dici a nuatri? No! Fatti i fatti to, si vò campari navutri cent’anni! (A Peppa) Po’ essiri ca nun ti fidi a cuntari?

PEPPA

Un ragioniere in confronto a mia, è uno scarparu ca pinna ‘nte manu!(Conta i soldi) un miliuni, dui miliuni centu, ducentu e... (Nervosa) Porca della miseria ci sunnu picciuli menu! Cu sparti havi la megghiu parti! Inveci, io ci ristavu futtuta!

NINA

E va beh, nun ci pinsari! Cosi chi capitanu!

PEPPA

Mica è giustu ca vuatri aviti dui miliuni e menzu, e a mia mancanu tricentu mila liri!  O tutti uguali, o nenti pi nuddu!

NICOLA

E chi dici di fari?

PEPPA

(Nicola, Nina e Petru, hanno ancora i soldi nelle mani. Peppa prende cento mila per uno e fa la conta) Centu tu! Centu tu! E centu tu! Ora si che va bene! Puru ju, haju dui miliuni e mezzu!

PETRU

(Adirato) Ma tu sbattisti a testa, prima di nasciri! Ora pi tia, avissi a soffriri ju, cu centu mila liri menu? (Prende i soldi dalle mani di Peppa)

NINA

(Gemendo) io mi affeziono troppo a li soldi, mi bastò avilli ‘nta li manu dui minuti e già mi mancanu! Nun è colpa mia, sugnu troppo maliconica! (Glieli strappa dalle mani di Peppa)

NICOLA

Cara mogliettina, tra di nuatri nun ci sunnu problemi! O li tegniu ju o li teni tu, semu ‘na famigghia! Però, sai comu si dici, megghiu in sacchetta a mia, ca in manu a tia! (Glieli prende dalle mani)

PEPPA

E pigghiativilli! Nun haju di bisognu di sti schifiati picciuli vostri! da oggi in poi, si aviti di bisognu, pi mia putiti moriri!

NINA

(Con aria provocatoria) Ne io ne mio marito, avemu bisognu di tia! Me maritu si fici a furchetta, pi nun si bruciari i manu!

PEPPA

E a me maritu ci fici i manu, pi pigghiarisilla iddu a furchetta! ...Nun sugnu a schiava di nuddu!

NINA

E mancu nuddu è schiavu di mia!

PEPPA

Ma va insignati a parrari, spaventapasseri!

NINA

Spaventapasseri a mia, ca sugnu sciacquatunazza! Tu, si ‘un’arancina chi peri!

PEPPA

Ahahah(Risata ironica) tu, si peggiu di ‘na cipudda! Mi basta taliariti, ca mi veni di rovesciari puru u latti chi mi detti me matri!

NINA

Nun fazzu veniri di rovesciari! Me maritu quannu mi vidi nuda, ci attisanu tutti cosi! Tu, pari un biduni da munnizza a domicilio, pi to maritu ci voli u viagra!

PEPPA

A me maritu, ci basta un mio scioscione ca si metti sull’attenti! E pi vintiquattr’uri, avemu l’alza bandiera! Cosci lordi!

NINA

Cosci lordi a mia? Tu, menzu li jammi hai u tartaro, ca ci voli u martelletto pi sradicallu!

PEPPA

Quannu camini, pari ‘na jatta ‘mbriaca, chi camina chi cosci squarate! (Cammina per la stanza, con le gambe aperte, sfottendo Nina)

NINA

Vidi ca no me piccionello è così pulito, ca pari un piattu! E ci pò manciari!

PEPPA

Certu, tu sei comu u suli, ca quannu affaccia, affaccia pi tutti!

NICOLA

A vuliti finiri! Menu mali ca ficimu u contratto anti litigamento!

NINA

Di stu cuntrattu, mi ni puliziu u darreri! (strappa il contratto. Le due donne si lanciano una su l’altra, i mariti vanno per dividerle e prendono legnate dalle donne, tanto da crearsi confusione. Peppa mena Petru, Nina a Nicola. Le due donne si rendono conto dell’errore e cambiano uomo. Durante la colluttazione si sente da fuori la voce di Paliddu che grida aiuto)

PALIDDU F. S.

(Con lamento) Aiuto! Aiutatimi! (Nessuno si ferma  e il nonno continua, fino a gridare con forza) Chi vi siccassi un tampone ‘nta aricchi! Nun ci sintiti ca dicu aiutu?

PETRU

(blocca la rissa) Stop! Sintemu chi havi chiddu chi jetta vuci! Chi è nannò!

PALIDDU

(Entra in scena barcollate, poi cade) Staju murennu! Staju mureeeeenuuu! (Tutti accorrono. Petru e Nicola lo sostengono in attesa di una sedia)

NICOLA

(Rivolgendosi alle due donne) A cu taliati i muschi? Pigghiati ‘na seggia!

NINA

Peppa, smoviti e pigghia ‘na seggia!

PEPPA

Si pigghiu a seggia ju, ta rumpu ‘n testa! Pigghiatilla tu!

NINA

Sa pigghiu ju, te la scricchio ‘nte capiddi! Pi mia, si po’ assittari ‘n terra!

NICOLA

Chi vi scoppiassi a mola du giudiziu, pigghiati ‘na seggia! Mi sta vinennu l’ernia nno disco! (Le due donne stanno col muso lungo e braccia conserte. Nicola lascia il nonno dal lato dal quale lo sosteneva, il quale è per metà a penzoloni e metà lo sostiene Petru)

NINA

(Vedendo che il marito fa fatica a sostenere il nonno) Petru! Nun essiri  fissa! Lassalu iri a to nanno! Cu si lu voli teniri, lu teni! (Petru lascia il nonno, il quale cade a terra)

NICOLA

(Prende la sedia e aiutato da Petru lo siedono) Aiutami, bacchettoni! (Avevano seduto il nonno) Allura, chi schifia hai, ca ti lamenti? Parra!

PALIDDU

Mi sentu ‘na cosa ‘nto stomacu, chi fa acchiana e scinni! Staju murennu!

NICOLA

Manciasti pisci? Po’ essiri ca è cocchi anguilla!

PEPPA

Ma quali anguilla, si ci haju datu sulu patati!  

PALIDDU

Haju u cori, chi nun batti cchiù! Finiu a batteria!

NINA

Qualcunu chi va pigghia ‘na batteria da Mustafà, c’è?

PALIDDU

Arrivò l’ura di lassarivi suli!

PEPPA

Tinemo o nannò, si nò, chistu parti e ni lassa suli! (Tutti si accavallano su di lui)

PALIDDU

(Li respinge con forza ) Buttana da miseria! Lassatimi in paci!

NICOLA

Io sugnu disposto a fari a guerra, pi nun ti fari attisiri i peri!

PETRU

Tu pi nuatri sei un santu! Sei ‘na funtana caca picciuli! Si ti sicchi, muremu tutti assitati! (finge di piangere)

PALIDDU

Ormai decisi, mu scrissi puru nno calendariu! Vogghiu moriri oggi!

NICOLA

Vidi ca su dici navutra vota, ti dugniu ‘na insaccata di pugni, ca ti fazzu moriri a piaciri mio!

PALIDDU

Pi mia, po’ accuminciari! Anzi megghiu! Fazzu prima a lassarivi suli! Sta scritto ca oggi, devo fare il trapassato!

PEPPA

Cu è ca scrissi ca u nannò l’hannu a trapassare! Tu, Nina!

NINA

No, pi carità! Io mancu sacciu fari la O, cu quadrato!

PALIDDU

Lassatimi sulu, pi piaciri! Vi lu dicu pi favuri, lassatimi attisiri in paci!

PEPPA

(Adirata) nun ti permettiri cchiù a dillu, se nò, ti smuntu stu ciriveddu di porco chi hai, pi vidiri si c’hai osteoporosi!

NINA

(Piangendo) Nannò, picchì ni vò lassari! Comu fazzu senza di tia! Sangu du me sangu, carni da me carni, ossa di li me ossa!

PALIDDU

Chianci picchì mi vò beni?

NINA

Ma quannu mai! Chianciu, picchì pensu, si mori tu, finiu a bella vita! Ti prego, campa navutri cent’anni u tempu chi mi accattu ‘na villa!

PALIDDU

(Adirato) Ti avissiru a siccari i capille gustative!O vuliti o nun vuliti, oggi io vogghiu cripari!

PETRU

Si lu dici ancora, ti dugniu mezza timpulata, ca ti fazzu fari u giru du paisi, pi ‘na settimana!

PALIDDU

Unu dintra a so casa, mancu è patruni di moriri! (Paliddu si chiude gli occhi e viene scosso dai nipoti)Chi vi siccassiru i manu!(Si posiziona sulla sedia da morto e chiude gli occhi) Ancora mi aviti ad inquietare? Mi aviti a fari moriri incazzatu! Lassatimi moriri in paci! Buonanotte!

PETRU

(Canta una canzone napoletana, abbastanza ritmata) Senza e te nun pozzu sta, picchì tu mi appartieni! Pecchè mi manchi tu! Senza e te, nun pozzu stà, te voglio troppo bene! (tutti gli tappano la bocca, nauseati)

NICOLA

Si continui a cantare così, vi giuro ca mi sparu ju! (Scuotono il nonno) Nannò, senza moriri! U capisti? Si fai u bravu, ti porti alle giostre! (Non gli da retta, tutti gli urlano all’orecchio) nannò!

PALIDDU

(Balza in aria e cade a terra) ma nuddu crasto c’è ca vi spara ‘nto ciriveddu! Mi stati facennu moriri surdu! 

NINA

Tu, nun moriri e vidi ca nuatri nun t’incuitamu!

PALIDDU

Picciotti, nun mi fati incazzari, picchì ammazzo a tutti e restu vivu ju! Ah, mi stava scurdannu, quannu sugnu mortu, vogghiu un funerale di lusso!

PETRU

Nannò, si proprio vò moriri, lassami tutti cosi chi hai in eredità! Nina, pigghia un rotolone di carta igienica, ca facemu u cuntrattu! (Nina esce e rientra con la carta igienica)

NICOLA

Chi dicisti? Tutto a tia? L’avutri cunculini da casa, ti scurdasti?

NINA

Ognuno deve pinsari pi iddu! A nuatri, di l’avutri culini nun ci interessa!

PEPPA

Io haju cchiù dirittu di tutti quantu siti! Io, sugnu a nipoti cchiù granni! (Intanto il nonno si sistema, e non batte più ciglio)

PETRU

Comu si niputi tu, lu sugnu puru ju! Ed essennu u masculu, cumannu ju!

NICOLA

Ti pari ca to soru è sula? Fallu cu mia u scartu, brunellu! (Iniziano a spingersi l’un l’altro. Tra una spinta e l’altra urtano il nonno, il quale cade a terra, non dando segni di vita. Si fermano a contemplare il nonno)

NINA

Siccò u nannò!

PEPPA

(Lo scuote) Nannò, nannò! Se mi senti, jetta uno scoreggia! (Silenzio, poi la disperazione di tutti)

PETRU

U nannò partì per l’altro mondo! Ora semu ‘nta li guai tutti quanti!

NINA

Quantu è cretinu, mancu i valigi si purtò! Quannu si deve cambiare u pannolone comu fa? Bho!

NICOLA

(Nervoso) Sta cosa inutili, ni lasciò cu l’occhi chini e manu vacanti! Vi giuru, pi quantu u vuliva beni quannu arrivava a pinsioni, l’ammazzassi!

NINA

Ammazzi o morto? Iddu mica ti senti! (Peppa sta in disparte e pensa)

NICOLA

Ci lu facissi veniri io, u sintimentu! Chi pugna ‘nto timpano! (Disperato)  Picciotti, semu ‘nto mare di guai! Finiu a bella vita, finiu a pinsioni! (Gemendo) Ora mi tocca abbronzarimi comu un turcu, e di iri a lavari i vitri e semafori!

PETRU

(Quasi piangendo) Mi tocca circarimi un travagghiu! In vita mia, nun haju mai sudatu, mancu si mi mittiva a testa a bagnomaria!E ora, cu suduri chi mi scinni di la frunti, si rovina a mia biddizza! (Piange)

NICOLA

Mi tocca rovinari sti beddi manu di signorina! Già, mi immaginu i caddi, grossi comu muluna! (Si abbracciano col cognato e piangono entrambi)

NINA

Ora tuttu lu paisi, veni a sapiri ca murì u nannò! L’Inps, pinsioni nun ni manna cchiù e ju mi nni vaju a fari la zoccoletta! (Piange rivolgendosi al cadavere del nonno) Ti facisti futtiri! Si, cchiù cretinu da morti!

PEPPA

Finitela, cretini! Menu mali ca cca dintra ci sugnu sulu ju, cu anticchia di sali in testa! Nun vi scantati, ca a pinsioni na continuano a dari!

PETRU

(I tre si guardano perplessi) Chi vò diri? Vò fari tu u nannò?

PEPPA

Se, so soru bastiana! La pinsioni nun ci la po’ livari nuddu, picchì nuddu di nuatri hava a fari sapiri ca u nannò muriu!

NICOLA

Bonu! Ma di stu cadavere, chi si nni fa? Ni lu curcamu sutta u lettu?

NINA

U putemu mettiri dintra u congelatore!

PEPPA

Siti masculi, sulu pi taliari a luna e pi pisciari ‘nto muru! L’avemu a fari scumpariri!

NICOLA

(Pensa)Lu infilamu dintra un saccu, u mittemu vicinu un contenitore, appena passa chiddu du ferru vecchiu su porta! (Nina esce di corsa)

PETRU

Chista si ch’è ‘na bedda pinsata! Complimenti cognato, si vidi ca ti caminanu i pidocchi in testa!

NINA

(Entra col sacco e un cartello col sopra scritto : “Ferro vecchio”) Tiniti stu saccu! Pi essiri sicuri, ci scrissi u cartellu, così chiddu du ferru vecchiu nun si po’ sbagliari! (Tutti si mobilitano a infilarlo dentro il sacco, se pur con fatica, perché il nannò fingendosi morto, li fa faticare a farsi mettere lì dentro. Appena dentro, gli appendono il cartello e i due uomini lo portano fuori)

PEPPA

Circati di nun vi fari vidiri di nuddu, ca vi fannu a multa si vidinu ca jettati materiali di scartu  nno contenitore! 

NINA

(triste) Vulennuci pinsari, mica è giustu chiddu chi stamu facennu! Si fussi nostru patri, nun pensu ca l’avissimu fattu!

PEPPA

A curpa du nannò è! Si iddu nun muriva, nuatri ni lu tinivamu ancora cca, menzu li pedi! (Rientrano i due uomini) Comu finì?

NICOLA

Apposto! U misimu vicinu u contenitore di l’angolo da strata! U primu carrettinu chi passa, pigghia e su porta!

NINA

A me preoccupazioni è, appena vidinu ca è un cristianu, succedi un finimunnu! Giornali, telegiornali, i pumperi, i carabineri, infirmeri!

PETRU

Chiddu du ferru vecchiu, appena pigghia u saccu, u va jetta direttamente dintra u pignatuni e squagghia tutti cosi! (Nina si disgusta) Comunque, putemu turnari ne nostri stanzi!

PEPPA

Aspetta! Fino ca c’era u nannò, ognuno di nuatri havia li so stanzi! Ora, a casa di cu è? (Silenzio da tomba)

PETRU

A casa è di tutti! Nuddu di nuatri, po’ ghiri a curcarisi menzu ‘na strata. Ci sunnu dui bagni, due stanze da letto, due camerini, un soggiorno, ‘na cucina. Ni pigghiamu ‘na cosa l’unu e semu felici e contenti!

NICOLA

Sia u soggiorno ca a cucina è una sola stanza, comu facemu?

NINA

Pigghiamu ‘na serra a manu, e a tagghiamu a metà!

PETRU

Se, u motozappa! Facemu ‘na cosa! U soggiorno ti lu pigghi tu! Tantu nuatri avemo a poltrona con la pompatina e ni fa i messaggi ‘nto culetto!!

NICOLA

(Si abbracciano e baciano) Tu si, che sei un vero conculino! E a cucina?

PETRU

Lo stesso! Quannu servi a tutti e due, prima cucino io, poi...basta!

PEPPA

Comu basta? Petru, nun fari u scartu!

PETRU

Vi dugniu u permesso di soggiorno e puru circati a cucina?!

NICOLA

Ma nuatri puru avemu dirittu a manciari, mica sulu vuatri!

NINA

E cucinati nno soggiorno!

PETRU

Giustissimo! Apparecchiati supra u divano, accussì appena siti inchiommati di vino, ristati dda, senza scomodarivi!

PEPPA

Tu sbattisti a testa! Anzi tutti e due, siti senza ciriveddu! U soggiorno fa parte da casa e u spartemu puru a metà!

PETRU

Chi cosa? Cerca di nun dillu cchiù, prima chi ti fazzu iri a curcari nno contenitori cu nannò!

NICOLA

Sti cosi a me mugghieri? Sti cosi a tua sorella? Io ti scippu i tonsilli, e ti metto pi collana, e ti fazzu fari la danza del ventre! (Inizia la zuffa tra i quattro. Lentamente cala il sipario)

Fine primo atto

Secondo atto

(All’apertura del sipario, la scena, sarà la medesima del primo atto. La scena sarà buia. Si sentirà bussare)

PEPPA F. S.

A porta.

PETRU F. S.

No, nun la porta!

PEPPA F. S.

(Bussano) Petru, ti dissi, a porta!

PETRU

(entra in scena in pigiama e tutto assonnato che si va vestendo) Si porta a porta, a porta a mittemu! Si porta nun ni porta, porta nun ni mittemu! (apre la porta e non vede nessuno) tu dissi io, ca nun la porta! (esce di scena si sentirà cantare un gallo per due volte) Zittuti, cani di mannara! (Continua a cantare il gallo) si vegnu docu, ti tiru u coddu, comu ‘na jaddina! (canta il gallo. Entra. Accende la luce) Chi ci canti cretinu! ‘un lu sai ca i cristiani dorminu?

NINA F.S.

Petru, ma con chi parri?

PETRU

Cu gaddu!

NINA F. S.

Mica avemu gaddi dintra! Semmai, l’allevamentu di surci!

PETRU

(Riflettendoci) Veru è! Po’ essiri ca mi lu sognavu? Bho! Mi vaju a fari navutra mezza giornata di sonnu! (Riesce. Si sente bussare più di una volta. Rientra) Vegniu vegniu! (Apre e non c’è nessuno) mah! (Ritorna a letto e sente bussare di nuovo) Ma cu è ca tuppulia! (Riapre la porta e non c’è nessuno) po’ essiri ca mi sogno! Nina, sintisti puru tu ca tuppuliaru? (Nina non risponde,da fuori arriva il suono del russare) Peggiu di un masculu serra ligna! (Sbadiglia) chi sonnu! (ritorna a dormire. Bussano nuovamente con foga. Esce adirato) buttana da miseria! si trovu a chi tuppulianu, c’è fari satari i manu! (Apre e nn c’è nessuno. Da fuori) Inveci di disturbarimi, iti ad arrasparivi i palli ‘nto muru!   

NICOLA

(entra assonnato, ma già vestito) chi hai Petru, chi jetti vuci ca matinata!

PETRU

Chi haju? Tuppulianu e scappanu! Chistu picchì haju a stanza di lettu, vicinu a porta! Si l’avissi in funnu o gabinettu, nun sintissi a nuddu!

NICOLA

(Sbadiglia) Avissi pututu fari navutra jurnata di sonnu, inveci intisi a tia, e mi passò u sonnu!

PETRU

A curpa è, ri sti facci di cani, nun hannu chiffari ed incuetanu i genti! (sbadiglia)Videmu si ce caffè! Così, ni ripigghiamu!(Cerca nella dispensa)

VOCE F. S.

(Si sente una voce in aria) Petru!

PETRU

(si gira da Nicola) Chi è?

NICOLA

(Non sapendo ciò che stesse dicendo Petru) Cu!

PETRU

Chi?

NICOLA

Comu? (Petru, alza le spalle, e torna a cercare il caffè)

VOCE F. S.

Nicola!

NICOLA

(A Petru) Chi è?

PETRU

(Si gira e non sapendo ciò che stesse dicendo Nicola) Cu!

NICOLA

Chi?

PETRU

Comu?

NICOLA

Stamu jucannu, al gioco del cu cu? Prima mi chiami e poi fa, chi, comu, quannu!

PETRU

Io? Ma si mi chiamasti tu!

NICOLA

Se io! Talè, cercati u caffè! Si stunatu ca matinata! ( Petru cerca il caffè) Sai stanotti mi sognavu u nannò, chi caminava casa casa e ridiva, chi significa?

PETRU

Ti pari ca u nannò è così intelligente da fari u spirdu? No! Chiddu hava essiri divintati un souvenire di ferro, mezzu zoppo! Si vidi ca ti curcasti cu stu pinseri, e vidisti o nannò! (Si sente cantare il gallo si guardano, da fuori scena si sentono le urla di dolore di Peppa)

PEPPA

Ahi ahi! Fimmina nutuli, a mia mi tiri i capiddi? U cori ti manciu! Susiti tappinara! (Si sentono le grida di Nina. Petru e Nicola escono e rientrano in scena dividendo le due donne che litigano)

NINA

Ma chi ci pigghiò a sta foddi pi forza! Nisciu pazza!

PEPPA

Pazza ju? Ti scuartu comu un cervo a primavera! (Cerca di avventarsi su di Nina e Nicola la trattiene a fatica)

NICOLA

Finiscila! Chi schifiu successi?

PEPPA

(Accesa di ira) Sta specie di scimmia, vinni nna me stanza mentri durmiva e mi tirò i capiddi così forti, ca se non l’affirrava in tempo, mi nisciva u ciriveddu da testa!

NINA

Io? Tu, arrivasti nna me stanza mentri ju durmiva, e mi vinisti ad ammazzari ‘nto lettu!Se sei malata pissi ecologica, va curati o manicomio!

PEPPA

Nun ci sugnu pisciaecologica! Mentri durmiva, ti vitti ca mi tirasti i capiddi!

PETRU

Comu fai ad essere sicura ca fu me mugghieri chi ti tirò i capiddi, mentri durmivi?

PEPPA

A vitti, cu culu di l’occhio! Vitti ca allungò u vrazzu e mi tirò i capiddi!

NINA

Se, ti pari ca haju u vrazzu tre metri sopra il cielo? Quannu vinisti, mi truvasti chi durmiva! Comu fazzu a tirariti i capiddi, mentri dormu?

PEPPA

Po’ essiri ca tu sognasti prima, e mi arrivò u to messaggio dopo!

NINA

Ma statti zitta! Ti susi ca mezza luna, e ti sfoghi cu mia!

NICOLA

Basta basta! Nun ci pinsati cchiù! Petru, vidi si trovi stu caffè e fallu! Spicciati vasinnò lu vaju a pigghiu o bar!

PETRU

Già chisti dui sunnu foddi, appena si pigghianu u caffè, putemu scappari du paisi! Va mantenili!

NICOLA

Fallo senza caffeina! Così la nervosità, manco acchiana! (Petru continua a cercare, lamentandosi perché non lo trova, nel mentre, va via la luce)

NINA

Chi successi?

PETRU

Si staccò u cuntaturi da luci! Ci vaju ju ad attaccallu ca ci vju bonu! Vuatri stativi fermi, vasinnò caditi!(non smette di dirlo, inciampa su una sedia e cade)

PEPPA

Menu mali ca ci vidi bonu! Ma chi hai, i cipuddi ‘nta l’occhi!

PETRU

Ci avissi a veniti ‘nte manu, a cu invintò i seggi menzu li peri! (esce e rientra) Picciotti, u cuntaturi attaccatu è!

NINA

Allura po’ essiri ca a staccaru chiddi da luci! 

NICOLA

Peppa, ma l’avutru jornu, a luci a pagasti cchiù a posta? (Petru prende dal cassetto delle candele e le accende per far luce)

PEPPA

Certu ca pagavu! Ci jvu, bedda impupata ca pariva ‘na signorina! 

NINA

Certu parivi ‘na signorina, cu deci chili di stuccu ‘nta faccia! (con vanto) Ju invece, sogno bedda, picchì sogno una donna acqua e sapone!

PEPPA

Taliati bona‘nta faccia ca hai i caddi, pari ca ti lavassi cu limiuni e bicarbonato!

NINA

Scimunita! Cu limiuni e bicarbonato, mi fazzu u bidè per rimanere effervescente! (Si accende la radio a gran volume)

NICOLA

Oooh! Astutati sta radio! Cu fu, stu intelligenti ca l’ha misi accussì forti?

PEPPA

(A fatica prova a spegnerla, ma la radio si spegne sola) io mancu sacciu dunni e mettiri li manu! ( Petru e Nina, si scrollano di dosso la colpa, poi riflettendo...) aspittati! Ma si luci non ce n’è, comu fici ad addumarisi la radio? (Attimo di esitazione nei visi)

NINA

Po’ essiri ca la radio, havia anticchia di luci misa di lato? (Ritorna la luce)

PETRU

Finalmente! Sti cannili, si ponnu astutari! (Soffia sulle candele, va via la luce) Porca miseria! (Riaccende le candele e torna la luce. Petru rispegne le candele e va via luce. Petru si altera, riaccende le candele, e torna la luce. Questo gioco dura per un po’, fino a che Petru si altera e tira le candele in aria) ma va fanculu! Cu schifia mu lassò me patri di addumari i cannili! (Torna la luce e bussano alla porta con forza)

NINA

(Apre e nn c’è nessuno) ma comu, tuppulianu e nun c’è nuddu?

PETRU

Allura u vidi ca nun mi sognava! Havi di stamatina chi sentu tuppuliari e nun c’è nuddu!

NICOLA

Chisti i spirdi sunnu!

NINA

(Spaventata) Beddamatri, nun diri così Nicola, vasinnò stanotti mi sogno!

NICOLA

Cretina! Cridi a sti cavolati? I spirdi, nun esistinu! ( bussano con forza e va Petru)

PETRU

(Corre ad aprire) si l’acchiappu, mi manciu! (Apre e nn c’è nessuno) Ma comu fannu a tuppuliari e scappanu? Ma chi hannu ‘nte peri, a speedy Gonzales!( Si sente sbattere una porta, tutti balzano in aria)

PEPPA

Cu è ca si scurdò a porta aperta du gabinettu?

NINA

Picchì, ‘nto gabinettu chi avemu porta? No! Quannu si va in bagnu, ni mittemu tutti all’esposizione! (Suona l’orologio a cu cu, va a guardare l’ora) comu passa u tempu, mi susivo deci minuti fa è già e mezzo jornu!

PETRU

Ma quali mezzu jornu! Sunnu l’otto di matina!

NICOLA

Picciotti, vuatri parrati e fati abilii. Viditi ca l’orologio a cu cu, nun ha mai funzionatu! È misu dda, per bellezza!

NINA

Miracolo! L’orologio a cu cu, s’insignò a parrari!

PEPPA

Zittuta tridicina menzu a ‘nsalata! Picciotti, nun sugnu ne foddi e mancu ubriaca, mi pari a mia ca stamatina, c’è cocchi cosa chi nun va, cca dintra!

NICOLA

U sacciu ju u picchì! Siccome, tutti ni svegliamu scoppiati di ciriveddu, abbiamo il sistema pazzotico ca cammisa di forza! Mittemuni lu cori in paci, scinnemu dalle stelle e turnamu nne stalle!

PETRU

Quannu hai ragioneria, nun hai torto! Quindi, calmiamoci tutti, e viditi che tutto si sistema! (Petru va per sedersi, appena seduto, la sedia si rompe)

NINA

(Guardandolo a terra, senza prestargli aiuto) Amore! Ma chi facisti?

PETRU

(Da terra) stavo cadendo! (Si rialza)

PEPPA

(Contempla la sedia rotta, è disperata) Comu putisti fari a rumpirimi a seggia! Nun lu sai ca fazzu a collezione! Chi consumazione!

PETRU

Bedda sorella chi haju! Pensa a seggia chi si rumpiu, mancu pensa a mia!

PEPPA

Chi m’interessa di tia! I cristiani vannu e vennu! Ma li seggi, no! (Raccoglie i pezzi della sedia e li porta nell’altra stanza)

PETRU

U sapiva ca me soru era cretina, ma no fino o punto di ricoverala! scusami Nicola, ma quannu ci voli, ci voli!

NICOLA

È chiossà attaccati a li seggi ca a mia! Quannu ni litigamu, e idda mi voli tirari cocchi cosa, io ci dicu “si hai curaggiu tirami una seggia” siccome sacciu ca nun lu fa, e lignanti nun mi nni da mai!

PETRU

(Vede Nina che si tocca lo stomaco, contorcendosi il viso, intanto entra Peppa) Chi hai Nina!

NINA

Non lo so, mi sta vinennu un forti duluri di stomaco! Po’ essiri picchì nun haju ancora manciatu nenti! (Si sente una forte scorreggia)

PEPPA

Secunnu mia, tu soffro di carburaturi!

NINA

Vi giuru, nun fuvu ju! Vi giuru!

NICOLA

Se nun fusti tu! U stomacu a tia fa mali, mica a mia!

NINA

A mia u stomacu mi doli, mica u darreri! Si odorate a puzza, viditi ca nun c’è scrittu u me nomi! Petru dicillu puru tu, ca nun fuvu ju!

PETRU

Mi dispiaci nun sacciu leggiri! Si tu dici ca nun fusti tu, ti credo! (Nina dispiaciuta piange) Nun fari così, sarà stato cocchi nuvola di passaggio! O cocchi fantasma!

NICOLA

A proposito, quannu eru picciriddu e faciva u tostu, me matri pi farimi scantari mi diciva, ora veni u fantasmi e ti pigghia! Ogni piccolo rumore, mi ci vuliva u pannolone!  

PETRU

Puru me matri mi diciva così! Ma io haju statu sempri furbu, e nun ci cridu a sti fissarii! Anzi, me matri mu diciva, ed ju ci faciva u dispettu ca o fantasma ci faciva a pernacchia così! (Petru fa una lunga pernacchia e si sente il boato di un vetro che si infrange. Tutti balzano in aria)

NINA

(Esce di corsa e rientra con uno specchio rotto) Si rumpiu u specchiu da stanza di lettu!

PETRU

Voli diri ca era suprecchiu!

NINA

Ora avemu settant’anni di malaguriu!

PETRU

(sfottendola) Se ottant’anni! Nun cridiri a sti fesserie, chi dicinu i cristiani!

NICOLA

I cristiani antichi, ni dicinu tanti fissarii! Nun passari sutta li scali, nun apparecchiari in tre... allura, cu tutti sti rumuri chi ci sunnu stamattina, chi fa, ci sunnu i spirdi? Ma quannu mai! I spirdi, nun esistinu! ( si sentono dei passi, poi la porta d’ingresso si apre e si richiude da sola. Anche la porta di destra si apre e si richiude, sotto gli occhi allibiti dei quattro. L’orologio a cu cu si aziona facendoli spaventare. Cade a terra una sedia ed un quadro, i quattro balzano in aria. Si sentono strani rumori. Spaventato) Picciotti, sintiti sti vuci, o sugnu ju chi haju un miraggio ‘nta aricchi?

PETRU

(Spaventato) Ju sacciu sulu, ca mi staju cacannu di supra! Asittamuni e ni calmamu! (Appena i quattro si siedono, le sedie si rompono e cadono a terra. Si sentono le risate di fantasmi)

NINA

(Spaventata) dicitimi si staju sognannu o li sentu veru sti vuci?

PEPPA

(Spaventata) Avutru chi sogno, i spirdi ni vinniru a truvari! Scappamu! (Tutti vanno verso la porta di uscita, ma la porta non riesce ad aprirsi, anche la porta di destra è bloccata)

PETRU

Chiusi dintra semu!A fini du surci ficimu! (Piange) a mamma vogghiu!

NICOLA

(Guarda verso l’alto) Santa Rosalia, si nni fai iri sti vuci, ti promettu ca fazzu l’acchianata o santuariu, cu tutti i scarpi e i quasetti! (finiscono le voci. Tutti sono spaventatissimi)

NINA

Staju murennu du scantu! Ma comu mai sti spirdi, ni vinniru ad inquitari! Ma chi ci ficimu?

PEPPA

Nun capisciu cchiù nenti di chiddu chi sta succidennu! Mai mi havia capitatu, essiri assaltata di fantasmi! Po’ essiri ca staju sognannu! (Nina la prende a schiaffi) Oh, ma chi fai?

NINA

Ti stava svegliannu du sogno, così i fantasmi nun ci sunnu cchiù!

PEPPA

Picciotti, nun vulissi passari pi pazza, ma vi dici nenti a morti du nannò cu tuttu stu manicomio?(Tutti si pietrificano. Risentono le voci e si spaventano)

VOCE F. S.

(Acuta e tenebrosa) Vi tormenterò fino alla morte! (Risata tenebrosa)

PETRU

Ci penso io! ( Va nell’angolino dove vi si trova il telefono, e chiama) Pronto? Caserma dei carabinieri? Buongiorno! Sogno Petru e stajo in via dei caduti, numero del quindici diciotto! Volessi fare una denuncia! Voglio denunciare ‘na massa di spirdi, ca da stamattina ni inquetano! E denuncio una vuci ca ni voli ammazzari! Cosa? A lei ci pari ca scherzo? Ora ci lu fazzu diri di me mugghieri! (Fa segnale a Nina di raggiungerlo al telefono)

NINA

(Prende il ricevitore) pronto? Signor maresciallo colonnello, me maritu ha diciuto la verità! Per favore, vinitila ad arrestari, (Piangente) vasinnò stanotti nun pozzu dormiri! (dall’altro capo viene chiuso il telefono) chi è, bloccaru!

PEPPA

Mancu vennu e arrestanu a tutti sti fantasmi, no! ni lassanu sbattiri! Bonu fannu, quannu ci scrivinu i barzelletti supra i carabineri!

NICOLA

Inveci di perdiri tempu, pigghiati l’elenco telefonico e chiamati a corcunu chi nni po’ aiutari! (Peppa prende nel comodino sotto il telefono, l’elenco telefonico)

PEPPA

Teni cca Nicola, cerca un acchiappa fantasmi!

NICOLA

Mi dispiaci, nun sacciu leggiri quannu sugnu spaventato! Mi ballanu l’occhi! Leggi tu Petru!

PETRU

Io? Havi ‘na vita chi nun vaju cchiù a scola e tu vò ca me ricurdari comu si leggi? Mi dispiaci, mu scurdavu! Leggi tu Nina

NINA

Quannu andava all’università, mi pigghiavu u diploma per casalinga, e m’insignavu a fari i pulizie, no a leggiri! Leggi tu Peppa!

PEPPA

Haju a lingua sudata e mi scivolanu li paroli! Ora, cu schifia ni po’ aiutari? (Riprendono le risate dei fantasmi, la luce ad intermittenza si accende e spegne. I quattro sono morti di paura, stanno abbracciati uno su l’altro, gridando aiuto. Ad un tratto le voci smettono, si apre la porta ed entra un mago vestito con una lunga veste e adornato di ogni oggetto bracciali, collane...)

MAGO OZ CHECAZZ

(Entra con braccia protese in avanti, cammina lentamente, poi sotto gli occhi allibiti dei quattro, aggiunge...) Sono il mago Oz Checazz! Io giro mare, monti, fiumi, fogne e fanghi! Prevedo passato, presente, assente, futuro anteriore e posteriore! Leggo le carte, la mano, la mente, i libri, giornali! Leggo tutto!

PEPPA

Scusassi, vistu ca lei sapi leggiri, nu fa un favuri? Nna stu elenchu telefonico, circamu a corcunu chi ni po’ aiutari a risolviri un problema!

MAGO

(Alza la veste e tira fuori un mazzo di carte) Con quella faccia di baccalaro che avete, ho visto i vostri problemi! Vi leggerò le carte, e ve li  risolvo!

NINA

Scusassi, chi carti si gioca, mica si leggi! E poi, io i canusci i carti! L’asso di scopa, manicu di bastuni, donna senza denari, u re piscispada!

MAGO

Silenzio faccia di copertone! Nelle mie carte c’è scritta la vostra vita! Datemi dieci mila e ve la leggo!

NICOLA

Cu è ca va scrivennu i nostri cazzi, ne carti di cristiani!

PEPPA

Sintissi a mia, lassassi stari i carti! Mancu avemu picciuli pi chianciri! Visto ca lei sa leggiri, ni circassi nna stu elenco un acchiappa fantasmi!

MAGO

Acchiappa fantasmi?(Ride) ma ci sono qua io! Io parlo con gli spiriti, con i fantasmi, con le persone! Parlo con tutti!

NINA

Finalmente! Truvamu a unu, chi sapi parrari cu tutti!

MAGO

Sono il mago Oz Checazz! Io so tutto di tutti! io ci sento, perché ho le orecchie! Ho sentito il vostro grido di aiuto, ed eccomi qua! (Tutti si premuranno a farlo sedere e farlo sentire a proprio agio)Ditemi tutto!

PEPPA

Dintra casa, ha da stamatina succedino cose strani! Porti chi sbattinu, seggi chi cadino ect...Nuatri pinsamu ca è u spirdo du nannò ca siccomu chiffari nun havi, ni fa veniri i vermi ‘nto stomacu!

PETRU

A mia, dui voti mi ha fattu cacari di supra! Mancu pi mutandi pozzu fari!

PEPPA

Dice che ci tormenterà, fino alla morte! Tutti e quattru semu sposini! Dio disse, andate e moltiplicatevi! Si muremu senza fari figghi, u munnu inveci di iri avanti, va indietro!

MAGO

Sarà un gioco per me, cacciare via di casa, lo spirito! Per farlo, devo tirarla fuori! (Si alza la veste. Petru e Nicola lo fermano)

NICOLA

(in disparte) Proprio cca si l’hava a nesciri! Nun lu vidi ca ci sono signore!

MAGO

Ma io se non tiro fuori la mia palla, non riesco a vedere!

PETRU

Sintissi, io havi ‘na vita ca li tegniu o friscu, quannu è tempu di nesciri, a galleria a vju u stissu! (il mago, trattenuto dai due maschi, a fatica, infila le mani sotto la lunga veste,  e tira fuori una sfera. I due si quietano)

NINA

(Sottovoce a Peppa) ma c’hava a fari? vinni pi jucari o palluni?

PEPPA

Po’ essiri ca ci la voli tirari in testa o spirdu, accussì l’ammazza!

MAGO

Signore e signori, attanzion! Invocherò la formula per svegliare gli spiriti!

PETRU

Ma chi schifiu dici! Nuatri vulemu chi nni fa scappari a chiddu chi avemu dintra, e lei ni arruspigghia avutri? Ma com’è pazzu!

MAGO

(il mago porta indice e pollice agli occhi e fatica a concentrarsi, tanto da sforzarsi) Non ce la faccio! È troppo difficile connettermi! mi serve la carica!

NICOLA

Signor mago, si voli ju ci l’ahju un carica batteria in più!

MAGO

Ma che dici! Ho bisogno di cento mila lire per la connessione! (I ragazzi si guardano perplessi, poi comandano Nina che esce e rientra con i soldi. il mago è felice) Sedetevi intorno al tavolo e facciamo una seduta spiritica!

NINA

(Tutti si siedono tranne Nina impaurita. Tutti la incoraggiano, ma lei rifiuta) No, mi scantu! Signor mago, sta seduta la pozzu fari in piedi?

MAGO

Se è seduta spiritica, bisogna stare seduti! Altrimenti si chiamava in piedi spiritica!

PETRU

(Petru prende la moglie e la siede coccolandola) Ciccina mia stoccati li jammi nella sedia! Nun ti fari canusciri dal signor cazz!Nun succede niente! (Nina si siede)

MAGO

(riporta indice e pollice agli occhi e piano piano si alza il tavolo. Tutti impauriti, poi il mago emette un grido. Tutti scappano, nascondendosi ovunque gli capiti. Alza le mani in cielo, e grida) fulmini, saette, trombe e bombette, lassù nel cielo suonate e fischiate, fate bordello, a tutti gli spiriti svegliate! Malibù ...malibù sentimi puru tu!

PEPPA

Scusassi il rompimento, lu nostro spirdu si chiama Paliddu! Nun vulissi fari cunfissioni chi spirdi di l’avutri genti!

MAGO

Per questo cambiamento, mi dovete altre cento mila! (Nina riparte, prende altri soldi e li da al mago, che li conserva sotto la veste) Paliddù...Paliddù sentimi puru tu! Sono Oz Checazz, dammi ascolto e nun fare lu strunz! (Mette una mano dietro le orecchie per ascoltare. Porta le braccia all’altezza delle spalle e inizia a danzare. I quattro, meravigliati) Annacatevi insieme a me! (Tutti e cinque, ballano in modo diverso, da sembrare scimmie ubriache) Fermi! (Cerca di sentire dall’aldilà) Che dici? (Ai presenti) Sta arrivando lo spirito! (I quattro si sistemano uno con l’altro. Poi sulla parete appare una figura umana. i nipoti fuggono dietro il mago) Altro che spirdo, sei un santuzzo impicciato al muro! Dimmi spirdo del cielo stellato, chi è il mago più bravo di tutto il creato?

VOCE DI PALIDDU F. S.

(Il tono di voce, sarà tenebroso e con leggero eco) Checazz!

MAGO

Bravo! Da questo momento, devi obbediscere alle mie ordinazioni! Dimmi, perché vuoi la morte di questi quattro disgraziati!

VOCE DI PALIDDU FUORI SCENA

Per parlare, vogghiu essere pagato! U parrinu, senza picciuli nun ni canta missa! (Il mago fa occhio a Nina, che di corsa va a prendere i soldi e li poggia sul tavolo, il mago li mette in tasca)

MAGO

(a Nina) Dalli a me! (A Paliddu) i soldi li tengo io, poi ti manderò una raccomandata!

VOCE DI PALIDDU F. S.

Grazie signor Checazz! Io non sono un tipo incazzuluto! Ma sono le ferite, che mi fannu divintari cattivo! Sapi picchì? (Iniziando dal mago, a girar tra i quattro, viene ripetuto il “picchì?) pi continuari, mi servino altri soldi!

MAGO

Forza, altri soldi al nostro spirdo! Forza!

PEPPA

Pi parrari, ci voli a ricarica! Chi havi u telefono incorporatu? (Nina esce e rientra con i soldi. li rimette sul tavolo e il mago li mette in tasca)

VOCE DI PALIDDU F. S.

Sugnu tintu pi curpa di iddi! Li tormenterò e nun mi fermerò, picchì... (Si ripete la cantilena del picchì sulle bocche di tutti)

MAGO

(A Nina) forza, soldi a palate, se nò, faremo notte! (Nina esce e rientra con i soldi, dandoli al mago) Continua, i soldi sono in buone tasche!

VOCE DI PALIDDU F. S.

...Sono stati i primi loro a trattarmi male! Sapi picchì? (Riparte la cantilena del picchì. Il mago, batte le mani, per far si che Nina vada a prendere altri soldi, che esegue e li da al mago, che da ordine a Paliddu di continuare) mi trattavano mali, comu un cani! Ma io mi debbo vendicare! Devo farli crepare tutti! comu iddi ficiru cripari a mia! mi tinivanu in vita, u sapi picchì? (Riparte la cantilena del picchì)

PETRU

Oh, già mi siddiò! Chistu, mi pari a mia ca si voli futtiri i nostri picciuli, accussì parti e si va fa, a morte in vacanza! Ora picciuli basta! (Riprendono le voci dei fantasmi, cadono quadri sedie, si sentono rumori di ogni genere. (s’è possibile, sarebbe buono aggiungere un filo di nylon in entrambi le estremita della scenografia e appendere degli oggetti di plastica come bicchieri, piatti, pentole e farli girare per la stanza) i Quattro sono spaventatissimi. Il mago si alza e ordina la calma)

MAGO

Piatti, bicchiere, quadri, sedie e posate, vi ordino di tornare a posto e di non fare stronzate! Date ascolto al mago Oz Checazz, non mi fate arrabbià, se nò, vi faccio a pezz!

PETRU

(Gli bacia la mano al mago) Grazie, signor Cazz! Mi salvò la vita! Nina, spicciati e va pigghia tutti li picciuli ca voli u signorino spirdo! Nun ci facemu perdiri tempu! (Rientra Nina e Petru le prende i soldi e li da lui al mago) Tinissi sti soldi, u resto mancia! Ci lu dicissi o spirdu, ca fuvu bravu!

MAGO

(Conserva i soldi) Paliddu, tuo nipote ci ha lasciato pure la mancia! Ora continua con il discorso!

VOCE DI PALIDDU F. S.

Sti genti nutuli, mi tenevano in vita, pi futtirimi a pinsioni! Grazie a la mia pinsioni, campavano da re, e a mia mi davanu cavuci! Ora, signor mago, mi dassi a possibilità di scinniri sulla terra, e di veniri a me casa!

MAGO

(I nipoti silenziosamente, per paura dello spirito, implorano il mago a non far arrivare il nonno tra loro) ebbene si! Esaudirò il tuo desiderio! Ora io ti ordino e telecomando, di venire tra noi. Quando sarai arrivato, batti un colpo! (scompare la figura nel muro. Attimo di silenzio, poi si sentono picchiare alla porta, tre colpi) Ho detto uno, no tre!

NINA

Nun ci facissi caso! Me nonno, è anafalbetico! (Si apre la porta ed entra Paliddu, a passo lento. Vestito in modo decente. Segue le indicazioni del mago, che lo porta a sedersi)

NICOLA

Beddamatri, nun si po’ taliari, pari spirdatu!

PEPPA

U viditi comu è beddu vistutu? Sapiddu si ci la dannu puru in cielu a pinsioni!

PETRU

Ora capivu picchì pi parrari vuliva essiri pagatu, picchì si hava a pagari i debiti di la bella vita!

MAGO

Paliddu, ora che sei tra noi, dimmi cosa vuoi!

PALIDDU

Prima di tuttu, li picciuli chi havi sutta a gonnellina!

MAGO

Sei venuto con questo pensiero? Stai tranquillo, che sono in buone mani!

PALIDDU

Sono voluto venire, pi darici una lezione a sti genti senza cori! Falli pentiri del male chi mi ficiru! La mia sete di vendetta, nun nasci di lu me cori, chistu è lu stissu vostru mali chi si sta riversannu supra di vuatri! È’ facili fari chianciri a corcunu e nun vi sfiora mancu la pelle, un jornu quando avrete figghi, e al sulu pinseri ca una lacrimma di duluri, putissi sfiorari lu so cori, vi farebbe del male, ancor prima ca succidissi! E lu mali chi facemu oggi, prima o poi in faccia torna!

PEPPA

(Quasi piangente) Nonno, nun sai quantu mali mi fannu sti paroli, ma no picchì c’è odio dintra di tia, ma nun c’è amuri dintra di mia! anchi si nun havi valuri, cu sincerità, ti chiedo perdono! (si chiude il volto e Piange)

NINA

(Testa abbassata)anch’io ti chiedo perdono!

NICOLA

(Testa abbassata) Ti chiedo perdono nonno! pi tuttu i mali chi ti fici!

PETRU

(testa calata) Davanti i me occhi, vju la me stissa cattiveria, chi mi bruciannu! Si stasira fussi l’ultimo jornu da me vita, prima di moriri vogghiu aviri l’ultimu battitu pi diriti, perdonami nonno! (Piange. Da fuori si sentono battere le mani, a tempo ritmato, ed entra lo zio Carmelo, anche il mago si schiera al fianco dello zio, battendo le mani)

PEPPA

Ma chi significa?

ZIU CARMELU

Chi significa? Il signor mago, è me niputi! Figghiu di me figghiu! È un attore di teatro! pensate che calca i palchi di tutta la Sicilia!

NICOLA

(Nervoso) Chistu significa, ca ci ha presi per il ...! (Zio Carmelo annuisce allegramente) L’ultimo chi mi pigghiò pi fissa, si trova ricoverato o cimiteru comunale! (Tra i nipoti vi è un brusio di rabbia)

PETRU

Allura, tutta sta messa in scena da morti, u spirdu, è stata una commedia! (Riprende il brusio)

PALIDDU

Certo ca è stata una farsa! Aviti torto e ancora parrati? Mancu avissimu a grapiri a vucca, di la cattiveria chi aviti nno cori e sparti, vi sentite offesi!

PEPPA

Nonno, si po’ sapiri picchì organizzasti tuttu chistu!

ZIU CARMELU

L’organizzatore fuvu ju! Vi ricurdati un paio di giorni fa, quannu ju vinni a vostra casa, e vuatri mi facistivu cridiri ca me frati era pazzu, pi la vicchiaia? Ed io, ca vi cridiva! Quannu sappi a virità, ca vuatri trattavavu a stu poviru cristianu sulu pi la pinsioni, nun ci vitti cchiù di l’occhi! Canuscennu a bravura di me niputi, vi cumminavu sta bedda insalata! (i quattro nipoti tengono la testa abbassata)

PETRU

(Pietro e Nicola, escono di scena, e rientrano con dei soldi in mano. li poggiano sul tavolo) Teni cca nonno! Chisti sunnu tutti i soldi chi avemu! Nun semu degni di teniri sti soldi! Guadagnati cu la cattiveria, supra lu cori d’oro di una persona speciale!

NICOLA

Io cridiva di essiri scaltru, campava senza travagghiari! Chi valuri havi, guadagnari picciuli, quannu nun hai a dignità di taliariti o specchiu e chiamariti, omu! 

PALIDDU

I soldi, grazia e disgrazia! Grazia pi li beni chi ni dannu. Disgrazia pi lu mali chi nni fannu! Pinsannuci bonu, sunnu pezzi di carti colorati, ma ognuno di nuatri ni vulissimu aviri a palati! Cu tanti soldi, si fannu palazzi e casteddi, basta un soldo, pi rovinari i  famigghi! Ju dicissi di fari sulu ‘na cosa, di nun diri semu menzu ‘na strata, picchì è sula ‘na scusa! Accuntintamuni di chiddu pocu chi avemu, e nun circamu di aviri troppu si nò, poi ni affucamu. Pinsamu ca c’è cu nun havi mancu la metà di chiddu chi nuatri pussidemu, ringraziamu lu padre nostro, ca ogni jornu un piattu cavuru ‘na tavula truvamu! E si proprio cristiani ni vulemu chiamari, damu un pezzu di lu nostru pani, a cu nun havi di manciari!

ZIU CARMELU

Santi paroli dicisti caro me frati Paliddu! Allura picciotti, da stasira in poi, aviti a mettiri sintimentu, e vi aviti amari, e stimari tra di vuatri! Nna stu munnu semu tutti di passaggiu, e li ricchizzi chi accumulamu cca, murennu li lassamu cca! È veru ca i soldi ni fannu stari beni, ma no ca pia avilli, avemu di perdiri la nostra vita, eh!  

PETRU

Ziu, ta pozzu fari ‘na domanda? Ma comu facistivu a fari, tuttu stu manicomiu tricche e tracche e bummi a mano?

ZIU CARMELU

Vidi ca io, sugnu un autore di vita! Io sperimento a qualsiasi! Quannu decisi di fari stu scherzu, ci dissi a to nannu di darimi i chiavi di casa! e quannu vuatri l’altro giorno siete usciti, io organizzavu tuttu chistu!

PETRU

E bravo u ziu! Mi facisti cacari di supra!

NINA

E a mia, mi facisti veniri i vermi ‘nto stomaco! Speriamo ca stanotti nun mi vennu gli incubbi! (Si sente bussare, va Nina apre e non c’è nessuno) Arreri ci pigghiò! Tuppulianu e nun c’è nuddu!

ZIU CARMELU

Allura nenti capisti! Quannu sentivate bussare, ero io cu vastuni longu tri metri! Bussavu e mi ritiravo! (bussano di nuovo, apre Nina e non c’è nessuno)

NICOLA

Ziu, si tu si cca, u spirdu du nannò e cca, cu è ca tuppulia? (Cade a terra un quadro, facendo balzare tutti in aria. Si sentono le risa di fantasmi, tutti si traumatizzano)

MAGO

(Spaventati) Quando ho fatto l’invocazione degli spiriti ho usato parole inventate! Non vorrei che scherzando scherzando, ho svegliato veramente gli spiriti! (inizia a crearsi un trambusto di rumori, grida, cadono il resto di quadri, sedie che si muovono, luce a intermittenza, il cu cu...)

PALIDDU

(Gridando) Picciotti, a schifiu finiu!!!!!!!!!!!!!!!!!! (Scappano tutti di scena urlando. Piano piano cala il sipario)

FINE

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 21 volte nell' arco di un'anno