U ziu d’America

Stampa questo copione

LO ZIO D’AMERICA

                                 U ZIU D’AMERICA

Autore: Giovanni De Moliner

Genere: Brillante – Dialettale genovese

Atti: 3

Durata: 1h e 50’ (Compresi 2 intervalli di 10’ fra 1°e 2° atto e 2° e 3° atto)

Attori: 5 Maschi e 4 Femmine

                                       TRAMA

  Tempi grami per Breuxiu Passalacqua, negoziante di elettrodomestici di Genova: il lavoro non va piu’ come una volta, la figlia Monica, aspirante fotomodella, si sta separando dal marito, fannullone dichiarato, la consuocera lo opprime e chi piu’ ne ha piu’ ne metta !!

  Ma la vita, si sa, ha sempre in serbo qualche sorpresa. Magari, un provvidenziale zio d’America che, alla fine, seppur involontariamente ed indirettamente, viene a mettere un po’ d’ordine e, soprat-

tutto, un po’ di pace dopo tanto….travaglio !!!

info 349.5254263 - bandadeimisci@libero.it


                           U ZIU D’AMERICA

           (Commedia brillante in tre atti di Giovanni DE MOLINER)

Monica PASSALACQUA - Giovane benestante in crisi coniugale;

Ernesto TRAVAGLIO – Marito della stessa in perenne crisi esistenziale;

Breuxiu PASSALACQUA – Padre di Monica, facoltoso commerciante, un 

po’ scorbutico e piu’ realista del re;

Anselma ZECCA in TRAVAGLIO – Madre asfissiante di Ernesto;

PAULIN – A – La Governate di casa Passalacqua;

Amilcare CACAGLIA – Avvocato dislessico e balbuziente;

Juan Pablo MELACONTAS – Sedicente notaio Argentino;

Huguette BERTIN – Sedicente Entraineuse Francese “amica” di Ernesto;

Gian Paolo MERINGA detto “ER CEFALO” – “Amico” di Monica.

                                       LA SCENA

Lo studio professionale di casa Passalacqua, in una casa del centro di Genova in un tempo non molto lontano ai giorni nostri. Nell’angolo estremo di sinistra c’e’ la scri-

vania di Breuxiu Passalacqua con sopra carta, penne, un faldone porta documenti ed un telefono. Sul lato opposto, posizionato nell’angolo opposto, c’e’ un divanetto con un tavolino con sopra carte e giornali ed alcune sedie. Ci sono due entrate: una dal fondo che conduce nelle altre stanze della casa ed una dalla destra che conduce verso l’esterno. Subito dopo l’entrata di destra c’e’ un attaccapanni che puo’ essere a muro o ad asta, comunque di una altezza non superiore al metro e sessantacinque.

                                          PRIMO ATTO

Il sipario si apre con in scena l’Avvocato Cacaglia, seduto sul divano con una cartel-

la in grembo ed una carta in mano, e  Monica Passalacqua in piedi davanti a lui: stan-

no discutendo animatamente

1 – MONICA – (Furibonda) “Coooseeee……!?!?” (Urla) “E mi…..” (Si indica) “…..

pe resci-i a levame d’en giu quellu figu mollu duviei firma-a quellu spregevule ricat-

tu…..!?!?” (Allunga la mano verso la carta che l’Avvocato hai in mano. Poi, con un gesto elequonte del braccio, spara a tutta voce) “MAI….!!!!” (Mette le braccia conser

te e riprende a passeggiare nervosamente per la stanza)

2 – CACAGLIA – (Sbuffa pesantemente e si appresta a replicare: e’ balbuziente e leg

germente dislessico, cambia le parole stravolgendo il senso delle frasi) “Su suuuu….

Su suuuuu…..suvvia si…signora: lo sa saaaa….sa saaaaa….anno tutti che lei fa faaaa

…..fa faaaaaa…..la culista in via Pre’”

3 – MONICA  - (Gli volge le spalle: si gira di scatto, imbestialita) “A cose duve cum-

me……..!?!?”

4 – CACAGLIA – (Sta gia’ agitando convulsamente un braccio, tentando invano di correggersi) “Vo voooooo…..vo vooooo……..” (Ansima quasi) “Volevo di dire: la cubista nei club privee’ !!” (Sillaba quasi)

5 – MONICA – (Si calma, scrolla le spalle e riprende a passeggiare piu’ calma) “Que

stu cose gh’intra, coss’eu dii……” (Fa’ una breve pausa, poi, rivolta a Cacaglia, quasi

a giustificarsi) “U mee u l’e’ n’ hobby, na pasciun……miga ‘n lou…..” (Fa’ una pausa quasi a raccogliere le idee) “E vistu che prubabilmente u m’aresce anche ben l’e’ normale che vegne invitaa a falu dai Club Privee’ !” (Conclude con ovvieta’)

6 – CACAGLIA – (Con ovvieta’) “Levandole il reggipettino….!”

7 – MONICA – (Si imbestialisce di nuovo) “Ouh, senti……!!”

8 – CACAGLIA – (Sporge una mano verso di lei per frenarle l’impeto) “Pagandole un corrispettivo….!!” (Si corregge affannosamente, ancora sillabando quasi le paro-le)

9 – MONICA – (Lo guarda con falsa sorpresa) “In currispett…..ma famme u piaxei,

brau !!” (Scrolla di nuovo le spalle) “Sci….de otte capita…..in bijoux, na quisquilia

…….” (Poi, decisa) “Ma scia sa’ che i ciu’ viaggi ghe remettu anche e palanche da benzin-a….!?!?”

10 – CACAGLIA – (Vuol essere deciso) “Si siiiiii…..si siiiiii….signora, no noooo…

no noooo……non mi neghi la patata….!!” (Ansima pietosamente, poi si corregge al volo) “Non mi meni il can per l’aia: lo sa saaaa…..sa saaaaa….sanno tutti ch ch che chi faaaaaaa…..questo lavoro vie vieeeee…..vie vieeeee……ne adeguatamente trom-

bata….” (Deglutisce pesantemente sotto lo sguardo incredulo di Monica e si corregge

“Adeguatamente pagata….!!” (Sbuffa rilassandosi un attimo sul divano, quasi esami-

ne per poi riguadagnare la sua posizione seduto: deglutisce allentandosi il nodo della cravatta, prende un fazzoletto di tasca e comincia a detergersi il sudore dalla fronte)

11 – MONICA – (Stizzita) “Avucato, scia vedde de nu esse ciu’ rediculu de quante scia nu l’e’ za’: mi nu ho rediti de nisciun tipu e de nisciun-a  qualitee! In quante a-a partecipasiun all’attivite de l’azienda de famiggia, a riveste u carattere da culabura-

siun familiare e a l’ e’ TOTALMENTE GRATUIA…!” (Tuona alzando il tono della vo-ce) “Se quell’imbelle de Ernesto u credde de ricavaa palanche da-a nostra separa-

siun, u sou peu scordaa. Su l’ha bezeugnu de palanche, cu l’impare a loua !!” (Conclu

de agra)

12 – CACAGLIA – (Vorrebbe perorare la causa del suo cliente) “Eeeee….Eeeeee….

Ernesto e’ uuuuuuu…..un’arista….!!”

13 – MONICA – (Soffoca a stento una risata) “Sci, de maiale!!”

14 – CACAGLIA – (Imperterrito) “E co cooooo…..co coooo…..co come tutti gli arti

sti  lui la laaaaa……la laaaaa…..vora demente !!” (Si corregge al volo) “DI MENTE

!!”

15 – MONICA – (A muso duro) “Bravu, avucato: vedo che scia l’ha capiu. Mee maiu U L’ E’ DEMENTE…….!!” (Rafforza le parole alzando il tono della voce Poi, piu’ pacata ma sempre aspra) “In quante a loua, l’unica parte du seu corpu ca loua a l’e’ a

lengua pe fabricaa aia frita !!”

16 – CACAGLIA – (Persevera nella sua difesa) “Ca caaaa….ca caaaa….capita a tu…

tuuuuu…..tu tutti nella vita che il cervello va in soffitta……” (Alza gli occhi al cielo: si corregge al volo, risillabando quasi nuovamente le parole) “…..che il cervello fa’ a

ria fritta……!”

17 – MONICA – (Irridente) “Giustu…!!” (Alza l’indice verso l’alto) “In sufitta!! L’e’ propriu duve u seu cliente  u restiaa alogiou fin quande u nu se decidia’ a levaa e tende da ‘sta ca’……!!!!”

Nel frattempo, dal fondo, fa’ il suo ingresso in scena, non visto, Breuxiu Passalacqua: ha in mano un fascio di carte, una penna appoggiata all’orecchio e non sembra affatto di buon umore.

18 – BREUXIU – (Entra dal fondo, richiamando l’attenzione della figlia) “Ouh, e co-

se gh’e’ da cria-a……!?!? Paa d’esse au mercou di pesci !!”

19 – MONICA – (Si volta di scatto alla voce del padre) “Ah, ciao papa’….” (Misura le parole: si vede che lo teme parecchio) “Stamu…stamu sulu discutendu cun u scigu- ru, eccu…..” (Gli indica Cacaglia che si e’ nuovamente accasciato sul divano e conti-

nua ad asciugarsi la fronte con il fazzoletto)

20 – BREUXIU – (Sospettoso) “Ah…..” (Squadra l’avvocato, ne valuta l’abbiglia-

mento sussiegoso e, rivolto alla figlia) “E chi u saieiva ‘stu pinguinu…??”

21 – MONICA – (In imbarazzo) “Eccu…..u l’e’….l’avucatuo de Ernesto…..”

22 – BREUXIU – (Ostentando meraviglia) “Baccere !!” (Poi, beffardo, alla figlia)

“Ma…..u nu ghe l’ha za a mue ca ghe fa’ da avucatu….?”

23 – CACAGLIA – (Si alza, si rida’ un contegno, vorrebbe presentarsi) “Pe peeeee…

pe peeee…….pe peeeeee…….”

24 – BREUXIU – (Sghignazzando) “Monica, ma u l’e’ n’avucatu o in trumbete-e…!?

25 – MONICA – (Decisamente in imbarazzo) “Papa’,  u l’e’ balbuziente…..!”

26 – CACAGLIA – (Riesce a sbloccarsi) “Permette…?? Avvocato Amilcare Ca caaa

aa……Ca caaaaa….Cacaglia !”

27 – BREUXIU – (Spazientito) “E ho capiu che ti cacagli…..!!”

28 – MONICA – (al colmo dell’imbarazzo, lo tira per un braccio) “Ma nuuu….Caca-

glia de cugnumme!!”

29 – CACAGLIA – (Prosegue imperterrito mentre Breuxiu si avvicina alla scrivania)

“Avvocato di Eeeeee….Eeeeee…..Ernesto. Lei e’ il sorcio ?”

30 – BREUXIU – (Butta i fogli sulla scrivania e si gira avanzando minaccioso verso l’avvocato) “Amia, brutta trofia, che mi te…..”

31 – MONICA – (Si frappone nuovamente) “No, papa’, aspeta…..!!!”

32 – CACAGLIA – (Sventola il fazzoletto che ha in mano a mo’ di bandiera bianca in segno di resa) “IL SUOCERO……!!!” (Si affretta a correggersi a tutta voce) “Vooooooolevo dire……il suocero….!!” (Ansima pesantemente afflosciandosi sul di

vano)

33 – MONICA – (Ferma l’irruenza del padre afferrandolo per un braccio) “Papa’…...

papa’……u l’e’ dislessico….!!!” (Indica Cacaglia per giustificarlo)

34 – BREUXIU – (Si ferma: fa’ una smorfia dubitativa) “Dislessegu…..!?!?” (Chiede

corrucciato, poi sentenzia) “A mi u me paa in berodu….!!”

35 – MONICA – (Accompagna il padre a centro scena tenendolo sottobraccio) “Ma nu, papa’, nuuu…..!” (Cerca di spiegare) “U l’e’ stetu mandou chi da Ernesto pe de-

fini-i i detagli da nostra separasiun…..” (Fa’ sedere il padre su una delle sedie) “……..che a quante paa a l’e’ ciu’ cumplessaa de quante nu se credeiva…..” (Si siede accanto a lui)

36 – BREUXIU – (La guarda perplesso) “E cose ghe saieiva de cusci’ cumplessu da decidde……!?!?” (Chiede interdetto)

37 – MONICA – (Gli appoggia le mani sulla sua) “Ti vei, quande dui spusi deciden che u seu raportu coniugale u nu peu ciu’ cuntinuaa…..” (fa’ una breve pausa, alzan

do lo sguardo verso l’alto) “….gh’e’ mille detagli da definii…….” (Spiega sotto lo sguardo attento di Cacaglia che nel frattempo ha riguadagnato il divano e si asciuga la fronte sudata con il fazzoletto facendo ampi cenni affermativi con il capo alle  sue parole) “….che riguarden………” (Si ferma un attimo pensosa) “……e cose de pru-

pietee cumune……..”

38 – BREUXIU – (L’interrompe secco) “Che nu ghe n’e’!”

39 – MONICA – (Tossicchia leggermente) “I figgi…….” (Butta li’ per dire)

40 – BREUXIU – (Caustico) “Menu che mai……!!”

41 – MONICA – (In ambasce) “A casa coniugale……”

42 – BREUXIU – (Ne imita il tono sussiegoso) “Ca l’e’ a mee….!!” (Poi, deciso) “Monica, pe faa cuntinua l’unione coniugale fra viatri saiei bastou che quellu ravattu che ti tee ousciua spusa-a invece de declamare poesie u l’avesse cuminsou a ciegaa a schen-a e che ti, invece de cuntinua a anaa a storsite in giu tutte e seie cumme ‘na biscia ti avesci imparou a faa da mangia e a lavaa miande !!”

43 – MONICA – (Leggermente seccata) “Papa’, nu te permettu de scindicaa in tu raportu fra mi e Ernesto cu l’e’ stetu pe lungu tempu funte de grandi sudisfasiuin nu sulu materiali ma suviatutto spirituali e morali !!”

44 – BREUXIU – (L’interrompe deciso) “E te creddu….!! Tantu , u materiale …..” (Mima con la mano il gesto dei soldi) “…..gou meteiva mie….!!!!”

45 – MONICA – (Si alza piccata) “Insumma, nu l’e’ giustu che ti digghi cusci’!” (Poi, piu’ pacata) “Cumunque fra i detagli da definii cun l’avucato…..” (Indica Caca-

glia che risponde con un largo sorriso) “……gh’e’ giustamente anche quelli ecuno-

mici…..”

46 – BREUXIU – (Si fa’ serio) “Ecunomici, tie ditu….?”

47 – CACAGLIA – (S’intromette, stranamente senza impuntarsi) “Si, anche quelli agronomici !”

48 – BREUXIU – (Ilare) “Agrunomici….!?!?!” (Rivolto all’Avvocato) “Ouh, mia che mi vendu frighi e scadabagni, miga setruin, eh !!” (Poi, alla figlia) “Spieghighe-

lu in poo, chi, all’avucatu Trumbetta….!”

49 – MONICA – (Sospira imbrazzata) “Papaaa……Cacaglia !!!”

50 – BREUXIU – (Sghignazza) “Na trumbetta…….ca cacaglia….!! Segnuu cau…!!” (Batte le mani) “Te lasciu dii che muxica….!!”

51 – CACAGLIA – (Riprende il suo discorso) “Co coooo…..co coooo……co coooo

……”

52 – BREUXIU – (Ridendo sornione, alla figlia) “E cosu fa’, l’euvu…..!?!?”

53 – MONICA – (Alza gli occhi al cielo) “Papaaaaa…..pe piaxei !”

54 – CACAGLIA – (Si sblocca) “Co coooome diceva giu giuuuu….giu giuuuu……..

giust’appunto la signora, sia siaaaaa……..sia siaaaaaamo qui per definire anche gli aspeeeeeeetti economici della separazione…….”

55 – BREUXIU – (L’interrompe) “E cose ghe saieiva de ecunomicu da pretende se mee zenne u nu l’ha mai portou a ca’ ‘na palanca….!?!?” (Allarga le braccia)

56 – CACAGLIA – (Riprende imperioso) “Occorre valutare i da danni psiiiiiii…….

psiiiiiiii…..psiiiiiiii…….”

57 – BREUXIU – (Schizza sulla sedia) “Ouh, Trumbetta, calma eh! G’ho za na serta

ete’ e se ti vee avanti cusci’ va a finii che m’a fassu adossu….!!”

58 – MONICA – (Si alza spazientita) “Pe piaxei, papa’, pe piaxei…..!!!!”

59 – BREUXIU – (Deciso, alla figlia) “N’asidente cun i butti !! Qunan’da scappa a scappa, cun o sensa piaxeite!!”

60 – CACAGLIA – (Si riprende) “I danni psicologici che Ee…..Ee….Ernesto subisce

…….” (Fa’ una pausa, deglutisce pesantemente, prosegue di getto) “……dalla separa

zione !”

61 – MONICA – (Che si era riseduta, scatta in piedi imbufalita) “E segu-u ! Danni psicologici che cunscisten in te nu avei ciu’ a dispusisiun chi ghe lava, ghe stia, ghe cuxe, ghe fa’ treua dirna-a in scia toula…….”

62 – BREUXIU – (Drastico, l’interrompe: rivolto prima alla figlia) “Cioe’…..” (Poi all’avvocato, indicandosi con la mano) “……MI !!”

63 – CACAGLIA – (Riparte alla carica) “No noooooo……nonoooo…..non penso che lei po pooooo……po pooooo……..”

64 – BREUXIU – (Sghignazza) “De la’…..!!” (Indica l’uscita sul fondo) “In fundu au curiduu, prima porta in scia drita: nu te sbagliaa o ti me a fee in te l’armaiu !!”

65 – CACAGLIA – (Cattedrattico) “Po possa metter voce in que queeeee…..

que queeeee…..questioni che riguardano su suuuu…..su suuuu…..sua figlia e ne ne ne nessun altro!!” 

66 – BREUXIU – (Lo ferma allungando un braccio, indispettito) “Sta a sentii, Trum-

betta, MI….”(Rafforza la parola indicandosi con un amano) “…..sun arestou viddu-u

vint’anni fa’ e da alua MEE FIGGIA…..” (Torna ad indicarsi) “…..me a sun aleva da sulu. Fisse pe le…..” (Indica Monica) “…….muiescimu de famme perche’ a nu l’e’ mancu bun-a a fase n’euvu in tu tianin, e quella meza trofia ca s’a’ spuzou u nu l’e’ da menu…….”

67 – CACAGLIA – (Si alza in piedi di scatto, imperioso) “E’ un’arista !!” (Tuona: poi, a mezza voce) “Artista, artista, dannazione…..!!”

68 – BREUXIU – (Si alza a sua volta di scatto) “U l’e’ in pelandrun !!” (Spara a tutta voce allungando un amano sotto il naso dell’avvocato) “Da quande se sun spuzee mei ho mantegnui mi tutti dui !! E alua…..” (Muove verso la scrivania) “….eu dii che e cundisuin ecunomiche da dulurusa separasiun e fissu MI !!” (Conclude perentorio. C’e’ un attimo di silenzio in cui Monica e Cacaglia si scambiano sguardi preoccupati e rassegnati, poi Breuxiu, che nel frattempo ha cominciato a trafficare fra le carte che aveva lasciato dulla scrivania, riprende) “Avucato, me paa che aggimu schersou fin-a troppu. Ghe l’ho ditu primma che se spuzen cumma l’ea vestia: me sun steti a sentii ?

NU !! Alantun……” (Allarga le braccia) “….pezzu pe luu. Monica……” (Folgora la figlia con lo sguardo) “……ti e a teu donna muderna, u raportu avertu e inteletuale e via descurindu: tie steta na deluxiun cumpleta! E quellu insensou de teu maiu u nu l’e’ da menu…..” (Si rivolge a Cacaglia) “Trumbetta, da ancheu Breuxiu Passalacqua u sera i brunzin…..” (Mima il gesto con le mani) “Quellu anghesu de Ernesto u l’ha tempu na setiman-a pe cheugisse e seu carabattole e leva u disturbu: se ghe serve de palanche u va a loua ! E TI……” (Punta il dito verso Monica che trasalisce vistosa-

mente) “…..se tieu che Paulin-a a te serve ancun pransu e senn-a da duman matin a eutt’ue, IN DITTA !! Euttu ue au giurnu, sinque giurni aa setiman-a!”

69 – MONICA – (Timidamente) “Ma papa’…..duman l’e’ sabbu….!!”

70 – BREUXIU – (Non si lascia sorprendere) “Apuntu: ti cuminsi a faa straordinaiu!”

71 – CACAGLIA – (Vorrebbe intervenire in merito) “Que queee….que queee…..

questo significa che da doooo…..da dooooomani la si siiiii…..si siiiii…..signora avra

un re reddito ?”

72 – BREUXIU – (Drastico, avviandosi verso l’uscita di destra) “Segu-u: na pastasciuta e due euve in tu tianin.”

73 -  CACAGLIA – (Si interpone) “Ma maaa….ma maaaa….allora Eeeeee……Eeee

…..Ernesto su che co cosa puo’ esercitare diritto di rivalsa ?”

74 – BREUXIU – (Si ferma) “Se mai u se piggia un-a de due euve !” (Fa’ per muover

si, si ferma: rivolto a Cacaglia) “U tian, pero’, u l’aresta chi, eh: de la’….” (Indica l’u

scita dal fondo) “….in cuxin-a !!”

75 – CACAGLIA – (Riblocca Breuxiu che ha ripreso a muoversi ed e’ ormai all’altez

za dell’attacca panni) “E, io, mi scu cuuuuu….scu cuuuuu….scu cusi….: sta stando cosi’ le co cose, cosa potrei fa fare !?!?”

76 – BREUXIU – (Decisamente seccato, nonostante Monica tenti di calmarlo) “Pe mi ti peu anche anaa a sumena di coi !!”

77 – CACAGLIA – (Si inalbera) “Sciu Passalacqua, lei non puo’ aaaaa….aaaa……

appendermi cosi’!!”

78 – BREUXIU – (Perde la pazienza) “A nu….!?!?! E ‘sta in po a vei….!!!” (Afferra il povero Cacaglia sotto le braccia e lo appende letteralmente all’attacca panni, sotto lo sguardo sbigottito di Monica che si agita convulsamente senza riuscire a proferire verbo. Poi, mentre Cacaglia sbraita e si agita convulsamente, riprende il suo cammino e, rivolto alla figlia) “E ti anemmu, drolica: e ferie sun finie!!” (Sentenzia uscendo da destra con passo deciso)

79 – MONICA – (Rimane alcuni secondi impietrita, passando lo sguardo dal povero Cacaglia all’uscita di destra, poi muove anche lei per uscire) “Papa’, papa’…..senti...

…..!!”

80 – CACAGLIA – (Riesce a riprendersi) “Signora! Signoraaaa….!!!” (Richiama di-

speratamente Monica che e’ gia’ praticamente fuori scena)

81 – MONICA – (Fa’ capolino da destra) “Cose ……”

82 – CACAGLIA – (L’interrompe) “Vo vooooo…..vo voooo….volevo dire: non puo

offendermi cosi’”

83 – BREUXIU – (Da fuori scena, con voce rabbiosa) “Monica! Anemu, assidente bruttu…..!!”

84 – MONICA – (Fa’ per uscire) “Scia nu se preocupe, avucatu: emmu capiu!!”

85 – CACAGLIA – (Disperato, quasi sillabando) “Signora: sono acceso !!”

86 – MONICA – (Agitatissima) “Tranquillu, oua ciammu i pumpieri, eh !!” (Esce pre

cipitosamente da destra lasciando il povero Cacaglia solo a sacramentare con se stes-

so)

87 – CACAGLIA – (Scomodamente appeso all’attacca panni) “Vo vooo….vo voooo.

…..volevo dire: appeso!!”  

Passa qualche secondo durante il quale Cacaglia, nella sua scomoda posizione, sacra-

menta a bassa voce, poi l’avvocato ricomincia a gridare a voce alta.

88 – CACAGLIA – (Disperato) “Aiuuuu…..aiuuuu…..aiutooooo……!!! Non riesco a disincassarmi….!!” (Sacramenta a bassa voce un attimo, poi, sillabando la parola) “A DISINCASTRARMI…..!!!!” (Non ottiene risposta. Sacramenta ancora agitandosi per qualche istante, poi riprova) “Aiutooooooo…..!!! Voglio stendereeee……!!!!” (Si

ferma: si corregge) “Voglio scendere……!!!” (Poi, voce piu’ bassa) “Steso co coooo...co cooooo…..come il bucato, lo sono gia’ !!”

Passa ancora qualche attimo e, dall’uscita dal fondo, fa’ capolino Paulin-a, la gover-

nante di casa Passalacqua. E’ una donno di mezza eta’, energica e con grande senso

pratico, ma con un solo grande difetto: gli piacciono tanto le chiacchere !

89 – PAULIN-A – (Entrando dal fondo con in mano uno scopino) “E chi l’e’ che cria

cose sucedde chie …..!?!?” (vede Cacaglia appeso all’appendi abiti) “Oh mi….!! Avu

catu…….” (Si precipita verso di lui) “……ma cose l’e’ sucessu…..!?!?”

90 – CACAGLIA – (Mentre Paulin-a lo sta’ aiutando a scendere) “So sooo…..so soo

ooo……sono rimasto incassato qui !”

91 – PAULIN-A – (Lo ha aiutato a rimettersi con i piedi per terra: sobbalza leggerme

nte) “Incasciou…..!?!? Ma….avucatu, scia nu l’e’ miga mortu !!”

92 – CACAGLIA – (Mima buffamente con le mani il gesto dell’appenditura verso l’attaccapanni) “Aaaaaaaaa……Aaaaaaaaaaa……..agganciato li’!!”

93 – PAULIN-A – (Capisce) “Aaaahh…..!! Scia l’e’ arestou apeisu…..!!” (Si blocca)

“Mah….. e a Monica e u sciu Breuxiu nu se n’en mancu acorti…..!?!?” (Chiede mera

vigliata)

94 – CACAGLIA – (Agitato, prova a spiegare) “U scccccc….. sccccccc….” (Non riesce a tirar fuori le parole di bocca: s’innervosisce, e piu’ diventa nervoso piu’ si in-

ceppa) “Scccccccccccc………………..!!!!!”

95 – PAULIN-A – (Che fino ad allora si era limitata a mettersi un dito contro il naso a significare silenzio e ad assumere un’aria sempre piu’ circospetta) “Sci, va ben, mi staggu sitta, ma le cu se spieghe…!!” (Sbotta)

96 – CACAGLIA – (Sacramenta fra se’ per qualche istante, poi, quasi sillabando le parole) “E’ stato proprio u scccccciu Breuxiu …..che mi ci ha appeso!!” (Riesce final

mente a spiegarsi, producendosi poi in un gesto liberatorio con le braccia)

97 – PAULIN-A – (Fa’ uno sguardo di meraviglia) “U mi San Pee….! Ma alua….u s’e’ aragiou….!!”

98 – CACAGLIA – (Sarcastico) “Nnnnnnn….no, no: voleva ssssssolo fa fare solleva-

mento pesci !”

99 – PAULIN-A – (Lo guarda stupita) “E vuscia’, cose scia gh’intra…!?!? Sciaa l’e’

n’avucatu, miga in tunnu…..!!”

100 – CACAGLIA – (Si dirige verso il divano, si siede, comincia a riordinare le carte che vi aveva abbandonato qualche minuto prima) “Ce ceeee…..ce ceeeee….ce certe volte me lllllo chiedo anch’io, se sono un avvocato o un tonno!” (Conclude amaro)

101 – PAULIN-A – (Lo guarda un attimo in silenzio, poi) “Avucatu….scia nu peu esse in tunnu…..” (Allarga le braccia) “…..scia nu g’ha de branchie !!” (Conclude fa-

cendo sobbalzare Cacaglia che si blocca sbigottito, si ferma a guardarla un attimo mentre lei prende a girare per lo studio rassettando, poi scuote mestamente la testa sa-

cramentando fra se’)

C’e’ un attimo di silenzio, con entrambi impegnati nelle loro attivita’, poi e’ Paulin-a

a riprendere il dialogo.

102 – PAULIN-A – (Con indifferenza) “U sciu Breuxiu……! U l’ha ‘n bruttu carate-

re…..za de seu……”

103 – CACAGLIA – (Senza distogliersi dal suo lavoro) “Me meee….me meeee……

ne sono accorto !”

104 – PAULIN-A – (Senza distogliersi dal suo) “Poi, meschin…..da quande gh’e’ mortu a mugiee…..” (Cacaglia fa’ distrattamente cenno di si’ con la testa) “E cun quella figgia, poi……cusci’ avisiaa….cusci’ ribelle……”

105 – CACAGLIA – (Ancora distrattamente) “E sssssss…..si si, e’ fa facile se senza

la guida di una ma maaaa…..ma madre cadere nella….. prostituzione….” (Poi, tra se’

a voce piu’ bassa, si corregge) “Disperazione, accidenti: DISPERAZIONE”

106 – PAULIN –A – (Si ferma) “Ommi, avucatu, speru che a quelli punti li’ a nu ghe segie mai ariva-a…..” (Raggiunge di gran carriera il divano sedendosi accanto a Caca

glia: a voce piu’ bassa, con fare circospetto) “…….ma a fase mette nua in sci giurnali

pero’…..!!” (Fa’ ampi cenni affermativi con il capo)

107 – CACAGLIA – (Trasalisce, si blocca, si gira verso di lei interessato) “Fo fo….

fo fo….fotografie sui giornali…..!?!?” (Paulin-a fa’ ampi gesti di si’ col capo) “Nuda.

….!?!?” (Insiste sempre piu’ interessato ricevendo altri gesti di conferma) “Pa paaaa..

…pa paaaaa…..pagata….!?!?”

108 – PAULIN – A – (Fa’ spallucce) “Se u savesse mai u sciu Breuxiu….!!!”

109 – CACAGLIA – (Un po’ perplesso) “Che po pooosa nuda…..!?!?”

110 – PAULIN-A – (Con ovvieta’) “Ma nuuuu….! Che a paghen…..!!”

In quel momento dall’entrata di destra rifanno capolino in scena Breuxiu seguito da Monica: la ragazza sta disperatamente cercando di convincere il padre che sembra pe-

ro’ inamovibile.

111 – MONICA – (Fa’ il suo ingresso in scena seguendo il padre: quasi supplichevo-

le) “Papa’……ma tiu se-e che u sabbu…..sun au Club tuttu u giurnu !!”

112 – BREUXIU – (La precede, ha una bottiglia in mano: si gira verso la figlia e, gla-

ciale) “Ouria dii che pe anaa a mustraa e sciappe ti te serni n’atru giurnu !!” (Monica sta’ per ribattere, ma Breuxiu, girandosi, vede Cacaglia e Paulin-a seduti sul divano)

“E chie…..!?!? Femmu salottu…..!?!?”

113 – CACAGLIA – (Sobbalza sul divano facendo nuovamente cadere tutte le carte che aveva appena terminato di raccogliere) “Scu cuuu…scu cu….scu cusi, sciu Breu-

xiu, sta taaaa….sta taaaa….vo solo risparmiando le carte.” (Batte un pugno sul diva-

no) “RASSETTANDO LE CARTE !” (Si corregge prontamente)

114 – BREUXIU – (Perentorio) “E alua mescite!! E se tieu propriu risparmia quarco-

sa, risparmite de fate turna vedde !!”

115 – CACAGLIA – (Agitatissimo) “Su suuuu….su suuuuu…. Su subito, subito!!”

(Comincia a raccogliere i fogli) “Co cooo….co cooooo….comunque, non creda di scolarsela cosi !!” (Sentenzia)

116 – BREUXIU – (Lo guarda sornione, poi, mostrandogli la bottiglia) “Oria dii che

preuiou a arvila dau fundu !”

117 – CACAGLIA – (Ha finito la raccolta: e’ in piedi davanti a lui) “DI CAVARSE-

LA COSI’ !!” (Sillaba alzando il tono della voce con  tono offeso)

118 – BREUXIU – (Gli abbaia sul muso) “Mancu TI, se nu ti sciorti subetu de CHI!”

(Poi, rivolto a Paulin-a) “E ti cose ti ghe fee ancun li’, ti ghe rezzi a bursa….!?!?”

119 – PAULIN – A – (Si alza indifferente, fa’ spallucce) “Ouh…..ghe dava sulu na man…..!” (Si defila sorniona uscendo dal fondo ma dimenticando lo scopino sul diva

no)

120 – CACAGLIA – (Che nonostante tutto non demorde, rivolto a Breuxiu) “Lei e’ un deflettore !!” (Tuona decisamente alterato: poi si corregge) “UN DITTATORE, UN DITTATORE !!”

121 – BREUXIU – (Mordace e agro) “E ti na Balilla cuu sasci’, pruntu pe a demuli-

siun, se nu ti te ne vee subetu !!”

122 – CACAGLIA – (E’ fermo a pochi passi dall’uscita di destra) “Nooooon credera’

di avermi spolverato….!!” (Replica con aria di sfida) “SPAVENTATO !!” (Si correg-

ge subito dopo sillabando ancora la parola)

123 – BREUXIU – (Lo guarda un attimo con un ghigno feroce, lancia uno sguardo al divano e…) “Finoua nu…..” (Replica calmo: poi, alterandosi e correndo al divano) “..

……ma ti vedie’ che remediemmu subetu……!!!” (Grida afferrando il piumino di-

menticato da Paulin-a epoi, brandendolo a mo’ di clava, lanciandosi contro Cacaglia, vanamente inseguito da Monica che fino a quel momento ha cercato inutilmente di calmarlo. Cacaglia che, vistosi perso, fa’ rapidamente dietro front uscendo precipito-

samente da destra urlando frasi incomprensibili)

124 – MONICA – (Riesce finalmente ad afferrare il padre per un braccio mentre sta’ per uscire da destra all’inseguimento di Cacaglia) “Papa…!!! Papaaaaaa……!!!!” (Fi-

nalmente Breuxiu si ferma: preoccupata) “Calmite, papa’ pe piaxei……!” (Piu’ dol-

ce che puo’) “U se n’e’ anetu: oua calmite, pero’…..” (Lo guarda supplichevole) “…...pe piaxei…..!!!”

125 – BREUXIU – (Grugnisce: poi sbuffa e ritorna verso la scrivania) “Brutta carub-

ba, le e i seu codici…!!” (Impreca tirando il piumino sul divano) “Su s’apresenta tur-

na a-a porta, meschin de le !!” (Tuona posando violentemente la bottiglia sulla scriva-

nia e andando a sedersi dietro di essa ingrugnito: incomincia a catalogare le carte nel

faldone)

C’e qualche attimo di silenzio, durante il quale Monica gironzola attorno alla scriva-

nia: e’ imbarazzata, vorrebbe riprendere la discussione ma non sa’ da dove comincia-

re. Poi nota la bottiglia: e’ una marca di grappa.

126 – MONICA – (Si avvicina alla scrivania sorridendo, con noncuranza) “Papa’….”

(Prende in mano la bottiglia ostentando curiosita’) “…..ma da quande ti tee missu a beive rappa….??”

127 – BREUXIU – (La guarda torvo) “Monica…..sun sali ingleixi, za belli sciolti !!

L’ho pigie chi de sutta in Farmacia pe un figgiu du sciu Nando cu deve dali ai cavalli!

128 – MONICA – (Un po’ incuriosita) “E cumme mai u ghe da’ i sali ingleixi ??”

129 – BREUXIU – (S’e’ rituffato nel suo lavoro: lapidario) “Pe purgali primma da cursa.” 

130 – MONICA – (Cerca di ricucire il dialogo in qualche modo) “Eeee….ma perche’ i purghen prima de curi-i….??”

131 – BREUXIU – (S’interrompe solo un attimo: alza lo sguardo verso di lei, sempre brusco) “Avian puia che sedunca van cianin perche’ a ghe peiza troppu.”

132 – MONICA – (Posa la bottiglia e parte decisa) “Papa’, ma se peu’ savei perche’ tiei piggiou cusci’ maa a mee separasiun….!?!?”

133 – BREUXIU – (Senza interrompersi) “Viamenti eiva za pigiou maa u teu matri-

moniu…..”

134 – MONICA – (Si spazientisce) “Eccu….” (Si alza stizzita) “Ghe semmu turna …!!” (Si alza piccata, cominciando a passeggiare lentamente intorno alla scrivania) “Nu ti peu dii che ‘na persun-a a nu l’e’ adatta au matrimoniu se nu ti preuii….!!”

135 – BREUXIU – (Laconico, senza alzare lo sguardo) “Viatri dui, sci: se peu!!”

136 – MONICA – (Muove verso la scrivania) “Ma dai, l’e’ asurdu!!” (Appoggia le mani sulla scrivania protendendosi verso il padre) “Cumme ti peu di che ti saivi za’ primma du Matrimoniu che fra mi e Ernesto a nu saieiva dua-a….!?!?”

137 – BREUXIU – (Interrompe il suo lavoro, alza lo sguardo verso di lei e, serio) “Monica, ma nuu saiva sulu mi…….” (Ilare, spalancando le braccia) “Uu saiva tutta Zena !!”

138 – MONICA – (Si alza, impettita davanti a lui) “Per piaxei, ti veu esse seriu !?!?”

139 – BREUXIU – (Naturale) “E perche’, viatri u sei mai steti…..!?!?” (Si rituffa nel suo lavoro)

C’e’ un altro attimo di silenzio imbarazzato con Monica che continua a girare per la stanza e Breuxiu che continua il suo lavoro. Poi e’ ancora Monica che riparte alla cari

ca.

140 – MONICA – (Si blocca all’altezza del divano, poi di getto, allargando le braccia

“Insumma, pa’: cose gh’e’ de maa se se separemmu….!?!?”

141 – BREUXIU – (S’alza di scatto, agitando le mani) “U male u l’e’ che ve seggiei spuzee…..!!!” (Si risiede)

142 – MONICA – (Risentita) “Appuntu!!” (Poi, teatrale) “Metemmu a fin a questu tragicu erure…..ti duvieisci esse cuntentu !!”

143 – BREUXIU – (Risolleva lo sguardo, bieco) “E mi mettu fin a-a biadda agrati: da duman, SE LOUA!!” (Torna nuovamente al suo lavoro, poi alza nuovamente lo sguar

do: scimmiottando vagamente l’aria tetrale della figlia) “Anche quellu u l’e’ stetu in

tragicu erure…!!”

 

Monica tossicchia imbarazzata: vuole eludere l’argomento. Gironzola ancora qualche attimo per la stanza, fingendo indifferenza, poi torna alla carica.

144 – MONICA – (Al padre, come illuminata) “Ma tiu see che se separa anche a Fran

cesca Scotti, a nessa de l’armatuu…!?!?”

145 – BREUXIU – (Con indifferenza) “Ah sci….!?!?”

146 – MONICA – (Di getto) “E sci, eh!” (Fa’ una breve pausa) “Il seu raportu, doppu ottu anni……” (Comincia a spiegare) “…..u se’ inevitabilmete deteriurou. Anche per

che’ Antonio, seu maiu, u l’e’ na persun-a de vedue streite…..” (Si avvicina alla scri-

vania, sedendosi di fronte al padre) “…..in poo bacchetun, insumma…..” (Fa’ un’al

tra brevissima pausa) “E le, cun u seu lou de brooker, a l’aiva raporti custanti e anche  frequenti cun clienti masci…..” (S’interrompe fissando il padre che non si scompone: poi riprende) “See cumma l’e’, in tu mundu da finansa l’e’ normale: pe sancii n’ acor

du, festegiaa n’ afare…..n’ aperitivu, na sen-a…..”

147 – BREUXIU – (Alza lo sguardo un attimo solo) “A s’e feeta caregaa da n’atru !!” (Sancisce beffarddo, interrompendola)

148 – MONICA – (Si alza in imbarazzo) “Beh…..ti see …..quande teu maiu u nu l’ha ciu’ cuntatti e dialugu cun tie…..” (Butta li’ come pallido tentativo di scusa. Si rialza in piedi, muove qualche passo indifferente, poi, girandosi di scatto) “E anche a Federi

ca Parodi…..!!!”

149 – BREUXIU – (Senza alzare gli occhi) “Chi….???”

150 – MONICA – (Con enfasi) “Federica Parodi…!! A nessa de quelllu Parodi che primma u fava import-export cun l’Argentin-a e che oua u sta’ custruindu na centrale eletrica in Asia….!!”

151 – BREUXIU – (Senza mai alzare lo sguardo) “Aaaaaah….!! Quella ca sta’ in Cur

su De Stefanis…..! Bunn-a quella, vanni!!”

152 – MONICA – (Un po’ interdetta dal commento) “Ti a cunusci, nu…!?” (Chiede esitante)

153 – BREUXIU – (Si ferma un attimo: alza lo sguardo) “A nu lea quella che d’estee a sciortiva cun u roobin da bamboccia e che tutte e otte che ghe pasava in zuenottu de deree a se chinava a cheuggie quarcosa in tera….??” (Chiede beffardo)

154 – MONICA – (Si gira di scatto, in imbarazzo, per evitare lo sguardo del padre e riprende a raccontare glissando sull’argomento) “Anche pe lee a l’e’ steta na deluxiun cocente. Giorgio, seu maiu, u gestisce na palestra in Rivea, frequentaa quexi sulu da

donne. U se fermava parecchie seie anche fin-a a tardi in sciu lou. Le, na seia, a l’ha ousciu faghe na surpreiza e…….” (Ha un attimo di esitazione)

155 – BREUXIU – (Alza lo sguardo, lapidario) “A l’ha treuou cu se caregava n’atra!

156 – MONICA – (Non replica: si gira di spalle al padre facendo ampie smorfie e ge-

sti di stizza, poi) “Cumunque…..a l’e’ na cosa incredibile!!” (Riprova avvicinandosi alla scrivania) “In tu riun, mai tanti matrimoni en aneti a tocchi cumme quest’annu. Mancu ghe fisse in morbu in te l’aia che…..”

157 – BREUXIU – (Ha finito il suo lavoro: si alza in piedi) “E scie, eh….u l’e’ pro-

priu in morbu…..” (Ripone il faldone porta documenti: alza la mano destra nel segno delle corna) “U se ciamma morbu de cornibus….!!” (Esclama sghignazzando. Si av-

via per uscire a destra, poi si ferma un attimo a centro scena) “E u ragiunge u curmu

da difuxiun…..” (Mima un cumulo con le mani) “….quande un di dui spuzi u cumin-

sa a criaa…..” (Si porta il taglio di una mano alla bocca a mo’ di amplificatore) “….

Avucatuuuuu……!!!” (Ride fragorosamente battendo le mani, sotto lo sguardo an-

nichilito della figlia. Poi, quantomai serio) “Monica, fanni cumme t’eu! Quatorz’an-

ni ti l’ee cumpii d’an toccu e ligate nu te possu.” (Si avvicina alla figlia) “Ricordite ben, pero’, che MI….” (Scandisce le parole, sottolineandole alzando il tono della vo-

ce) “….duman mattin….A EUTT’UE……” (Fa’ una breve pausa) “T’aspetu in maga

zin….!!” (Conclude secco, uscendo poi da destra)

Monica rimane qualche istante ferma a centro scena, ghiacciata dalle parole del padre

Poi comincia a muoversi nervosamente.

158 – MONICA – (E’ piuttosto preoccupata) “E oua….cumme fassu, mie!!” (Fa’ al-

cuni passi con aria meditabonda) “Duman a euttu e meza aiva apuntamentu cun Gian Paolo pe u servisiu…..” (Fa’ ancora alcuni passi, riflettendo cupa) “U l’aiva za’ avi

sou anche u futografu……” (Si blocca: si dirige velocemente alla scrivania) “Devu avisalu….!!” (Compone nervosamente un numero, attente qualche secondo, poi ab

bassa con stizza) “Macche’, u l’ha stacou!!” (Rimane ancora qualche istante fer-

ma alla scrivania, poi si illumina) “Paulin-a….!! Intantu ca va’ da-a nessa, a peu

pasaa in agensia: li’, Gian Paolo u g’ ariva de segu-u…” (Scatta uscendo dal fondo, chiamando la governante) “Paulin-a…!! Paulin –aaaaaa…..!!!”

Per qualche istante la scena rimane vuota, poi, con fare circospetto, dall’ingresso di destra fa’ capolino Ernesto. Ha l’aria da intellettuale: capelli arruffati, abbigliamento

classico ma un po’ naif, con camicia e panciotto, e un buffo paio di occhialini.

159 – ERNESTO – (Fa’ capolino da destra: guarda in giro con circospezione ben sicu

ro che non ci sia nessuno prima di entrare. Poi, avanza con passo deciso) “Uffa’…!! Tutte e otte a mexima storia…..” (Si dirige al tavolinetto vicino al divano e comincia a rovistare fra le carte che vi sono posate sopra. Rivolto al pubblico) “Se me becchen chi, me fan du maa……” (Continua a rovistare) “Epure sun segu-u de aveilu lasciou chi…..” (Borbotta fra se’: poi, al pubblico) “Mee seuxiu u l’ha propriu piggia maa

questa storia…..” (Continua a rovistare) “E quell’imbecille de Cacaglia….” (Si ri-

volge nuovamente alla platea) “……u nu h’ha cuntribuiu de segu-u a rendighela me nu indigesta……” (Ricomincia sbuffando la sua affannosa ricerca passando nuova mente daccapo tutte le carte: fra se’) “Cumme avucato,  u nu vale na palanca……” (Poi, ancora verso il pubblico) “Ma cun quellu che custen i avucati……ouh, u l’ea quante de meggiu me puesse permette !!” (Butta tutte le carte sulla scrivania) “Ninte…!!” (Sbotta. Poi, dopo una breve pausa) “Che vagghe a loua…..!!”(Com

menta acido fra se’. Poi,decisamente irritato) “Quella vipera de Monica a se demua a faa a spogliarellista in giu, e MI….” (Si indica sottolinenado la parola) “…..duvieiva ana-a a faa u massacan e a ruiname a schen-a……” (Fa’ una pausa, poi, plateale, con un ampio gesto del braccio) “Ca ghe vagghe LE, ciutostu…..!!!” ( Si alza in piedi) “Opure cu a mantegne le, che intantu e palanche…. nu ghe manchen!” (Conclude agro .Muove per uscire da destra. Si ferma a centro scena e, volgendosi verso la platea) “Za’ cu gh’e’, magari  cu mantengne anche mi, che n’ ho de bezeugnu……” (Si gira, fa’ una pausa, si rigira) “Cumme se dixe: duve mangia un, mangien in dui !!” (Ridacchia, fa’ per muoversi, si blocca subito, guardando verso la scrivania) “E su fisse finiu in scia scrivania….!?!?” (Si chie-de: fa’per avvicinarsi ma si ferma quasi subito: scuote la testa) “Nnnnu….meggiu de nu, eh !” (L’occhio gli cade sulla botti-

glia lasciata da Breuxiu) “E questa cosa l’e’…!?”(Si chiede avvicinandosi e prenden dola in mano) “Rappa….!!” (Esclama) “E da meggiu marca….!!” (Aggiunge rigirandola con cupidigia) “Pero’, u se tratta ben u Sciu Breuxiu….!!” (La guarda ammirato ancora un attimo, poi) “Questa a vegne cun mi !” (Gira sui tacchi e fa’ per uscire da destra) “Dimmu cu l’e’ in piculu anticipu in sciu rimbursu di danni psicolo- gici derivee da-a separasiun, cumme dixe u Cacaglia….” (Si ferma all’altezza

dell’uscita, rimirando ancora la bottiglia. Poi, eccitato) “Huguette…Huguette….cun sta chi, mi e ti’, staseia, femmu faville….!!!!” (Conclude uscendo da destra)

La scena rimane vuota per qualche istante, poi, dall’uscita dal fondo fa’ il suo in-

gresso Paulin-a seguita da Monica. La ragazza e’ visibilmente agitata e assilla la pove

ra governante.

160 – MONICA – (Entra seguendo Paulin-a come un’ombra) “Alua, Paulin-a, me racumandu: nu te scordaa…..!!”

161 – PAULIN – A – (Sbuffa alzando leggermente gli occhi al cielo) “Ma sciii….ma sciii….stanni tranquilla !” (Avanza verso il centro scena cercando qualcosa con lo

sguardo)

162 – MONICA – (Si ferma un attimo, torturandosi nervosamente le mani: poi si av-

venta su Paulin-a afferrandola per un braccio) “Ti te ricordi duve l’e’, vea.!?!?” (Chie

de con ansia)

163 – PAULIN-A – (Allarga le braccia sconsolata) “Benedetta fuenta, ti me gh’ee za mandou sinquanta viaggi, cumme se fa’ a scordase….!!??” (Vede il piumino sul diva-

no, si avvicina, lo raccoglie) “Aaaah, tou chi dunde l’aiva lasciou….!!”

164 – MONICA – (Persevera) “Dunque: a galeria de Via Archimede, propriu in sce l’angulu da stasiun de Brignule, subetu primma…..”

165 – PAULIN- A – (L’interrompe con sopportazione) “….du distributu de benzin-a

……Sci…..” (Guadagna il centro scena e comincia a spolverare) “….u so’….mou ri-

cordu….!!” (Poi, fermandosi e volgendosi verso di lei) “E se mou fisse anche ascor-

dou, nu se peu nu veddilu…..” (Allarga le braccia) “U gh’e’ scritu grossu cusci’: sexy

schop center….!!!”

166 – MONICA – (Si ferma, fa’ una smorfia, tossicchia imbarazzata) “Beh….te l’ho za’ spiegou, nu….!? Gian Paolo u l’e’ n’ artista polivalente,  u se ocupa in po’ de

tuttu..”(Sorride forzatamente)

167 – PAULIN – A – (Le si avvicina) “Monica…..!!” (La rimbrotta bonariamente prendendola sottobraccio) “Monica, ma l’e’ mai puscibile che aa teu etee…” (La fa’ sedere sul divano e si siede vicino alei) “ nu ti aggi ninte de megiu da faa pe guagnate dui scui che mustraa e sciappe ae gente….!?”

168 – MONICA – (Scrolla le spalle) “Embe’….!?!? Nu gh’e’ ninte de maa. Ghe sun fior de attrici famuse e bravisscime che an cuminsou cusci’….” (Poi, con piu’ vigore, staccandosi dal braccio di Paulin-a) “Secundu ti’ cose duvieiva faa pe guagname da

vive, vistu che u mee quexi ex maiu u l’e’ n’ imbelle …..!?!? Serame in butega a ven

de stivette e friguriferi e poi marsighe na vitta cumme papa’…..!?!? Grasie, Paulin-a, ti me dee propriu na bella pruspetiva…” (Si gira di scatto accigliata, mettendo le braccia conserte)

169 – PAULIN – A – (Scuote la testa, alzandosi) “Atenta, figetta, perche’ cusci’ ti ri-

schi de finii seraa da n’atra parte !” (Ricomincia il suo lavoro)

170 – MONICA – (Fa’ una pausa un po’ piu’ lunga: poi, scattando in piedi) “Cumun-

que, me racumandu, eh….!!” (Si avvicina a Paulin-a prendendola per un braccio) “Nu te scordaa…!!”

171 – PAULIN – A – (Scuotendo mestamente la testa) “Nu m’ascordu, va la’ che nu m’ascordu……!!”

172 – MONICA – (Le schiocca un bacio su una guancia) “Grasie, Paulin-a, tie n’an-

giou , l’ho sempre ditu…..!! Oua scusime, ma g’ho n apuntamentu….”

173 – PAULIN – A – (Fra se’, ad alta voce) “E ti peu dilu che sun i n’angiou, ti peu dilu forte….!!”

Monica scatta di corsa verso l’uscita di destra e perde il foulard che ha sulle spalle proprio mentre da destra sta’ rientrando Breuxiu.

174 – MONICA – (Senza fermarsi, rivolta al padre) “Ciau papa’…..!!” (sente il fou-

lard scivolargli dalle spalle) “Ops…!!” (Cerca di prenderlo al volo, non ci riesce, fa’

una smorfia) “U piggiu doppu….!!” (Esce di corsa)

175 – BREUXIU – (La guarda uscire, poi, dopo un attimo, rivolto a Paulin-a) “A l’e’ in ritardu staseia….!?!?” (Chiede pacato)

176 – PAULIN – A – (Lo guarda stupita) “Perche’…..!?!?”

177 – BREUXIU – (Si china a raccogliere il foulard, glielo mostra) “A l’ha za cumin-

sou a speugiase in ca’….!!”

178 – PAULIN – A – (Si ferma e lo guarda triste mentre si avvicina alla scrivania) “Nu tie ciu’ preuou a faa ninte….??”

179 – BREUXIU – (Si ferma all’altezza della scrivania) “E cose tieu che fasse….!?!? Nu possu miga tagiaghe u collu…!!” (Avanza di qualche passo, si ferma ancora: rivol

to a Paulin-a) “Testa dua…” (Batte le nocche sulla scrivania: poi si indica) “Cumme seu pue….!!”

180 – PAULIN – A – (Quasi sottovoce) “A pensa che ti, de futugrafie, nu ti ne sacci ninte……”

181 – BREUXIU – (Si siede alla scrivania) “Figurite….!!” (Allarga le braccia) “Ar-

menu, pero’…..a pouriei fase pagaa….!!”

182 – PAULIN – A – (Di sottecchio, rivolta alla platea) “Eccu, questu u nuu sa in davei….!!”

183 – BREUXIU – (Blocca lo sguardo sulla scrivania) “ E i sali ingleixi…..!?!?”

184 – PAULIN – A – (Meravigliata) “Che sali ingleixi, scusa…..??”

185 – BREUXIU – (Indica il punto dov’era la bottiglia) “Quelli che ho pigiou zu dau farmacista pe i cavalli du figgiu du sciu Nando: i eiva lasciee chie, in te na butiggia da rappa, za belli sciolti….!!!”

186 – PAULIN – A – (Fa’ uno sguardo meravigliato) “Mi, chi, nu g’ho vistu propriu ninte….Tie segu-u de aveigheli portee….!?!?”

187 – BREUXIU – (Stupefatto) “Me paa propriu de sci, eh….!!”

188 – PAULIN – A – (Sorride sorniona) “Cun a testa che t’ie, chissa’ unde ti ee lasciee…!!”

189 – BREUXIU – (Visibilmente preoccupato) “Sci ma, sun periculusi, eh !! Se quarchedun ui scangia in davei pe rappa e u se scua a butiggia, quandu l’ha finiu pe portala via tutta gh’eu in cammiu a rimurchiu…!!!”

190 – PAULIN – A – (Ride divertita) “E pe portalu via lee….??”

191 – BREUXIU – (Cattedrattico) “Pe lee, nu gh’e’ prublema: u se ne va’ da sulu..!”

(Si alza in piedi) “Nuu treue propriu ciu’, mancu al’anagrafe!!” (Si avvia all’uscita di

destra, raccogliendo il foulard di Monica) “Famme in poo anaa a vei dunde i ho pou-

see, senu’ nu quetu miga, se….” (Passa accanto all’appendiabiti e vi posa il foulard di Monica: si ferma un attimo pensoso, poi, fra se’) “E poviou Breuxiu maa pigiou !!” (Si volge verso Paulin-a) “Aviei duvuu faa cumme u free de mee nonnu, cu se n’e’ anetu in Argentin-a, u nu s’e’ mai ciu’ vistu e buonanotte ae vacche…!!”

192 – PAULIN – A – (Sorniona) “Viamenti u l’e’ anetu a alevale e vacche…!!”

193 – BREUXIU – (Sopra pensiero) “Ormai, pero’, l’e’ troppu tardi…..” (Poi, rivol-

to a Paulin-a) “Tie raxiun se: vacca pe vacca….” (Allarga le braccia) “….me tegniu a mee Ruzzi…..!!” (Esce da destra sotto lo sguardo sornione di Paulin-a)

Paulin-a continua ancora qualche attimo il suo lavoro, rassettando in giro nella stanza

poi guarda l’orologio che ha al polso.

194 – PAULIN – A – (Guardando l’orologio) “Mmm….megiu che vagghe, se nu m’aresce tardi….!!” (Esce dal fondo)

La scena resta vuota per alcuni istanti, poi, da destra, rifa’ capolino Ernesto: ha completato l’abbigliamneto con una giacca un po’ originale ed ha un vistoso fiore all’

occhiello. Non e’ solo. Subito dietro di lui, c’e’ infatti Huguette Bertin, sedicente entriannesue francese e sua cara amica.

195 – ERNESTO – (Fa’ capolino da destra, con fare circospetto) “Vedemmu in poo… (Si guarda in giro attentamente) “Nisciun: perfettu !” (Avanza lentamente tendendo la mano all’indietro verso Huguette) “Via libera, puemmu ana-a….!!”

196 – HUGUETTE – (Fa’ il suo ingresso per niente trionfale da destra, tenendo una scarpa in mano e tentando di togliersi disperatamente l’altra. E’ vestita in modo appa-

riscente, esagerata un po’ in tutto) “Pianoo, Ernesto, pianoo…..!!” (Lo esorta con un improponibile accento francese) “Mi fanno male i piediii….!!”

197 – ERNESTO – (Piuttosto in ambasce) “Sccctttt….!! Abbassa l’uxe!! Ti eu che ne senten….!?!?”

198 – HUGUETTE – (Ignora la sua mano tesa e si precipita verso il divano) “Aaahhh

……finalmente…..!!!!” (Sospira pesantemente riuscendo a togliersi quasi sdraiata

l’altra scarpa) “Bon Dieu, che male ai piedi….!” (Poi, rivolta ad Ernesto) “Accidenti a te’ e ai tuoi improponibili regali…..queste scarpe saranno la mia rovina ! Ma dove le hai prese…..!?!?”

199 – ERNESTO – (Decisamente in imbarazzo) “Eeeee…..in te na boutique du cen tru…Ti see quelli negossi a-a modda duve….” (Non sa’ cosa inventarsi: poi si ingi- nocchia di fronte a lei) “….duve tutte e  scignue a-a modda…..” (Gli propina uno

sguardo languido) “…cumme tie, van a faa compere….!?!?”

200 – HUGUETTE – (Storce il naso) “E magari le hai pagate una fortuna….” (Fa’ una breve pausa) “Sarei proprio curiosa di vedere la scatola, per sapere chi e’ lo sti-

lista…..” (Lo guarda stralunata) “Dov’e’….??”

201 – ERNESTO – (Imbarazzatissimo) “Maaa….eccu, mie…..” (S’illumina) “L’ho buta-.a via, ca-a! In simma gh’ea scritu u prexiu, nu me saieiva mai perdunoo se ti l’avesci vistu….!!”

202 – HUGUETTE – (Gli lancia un sorriso languido) “Galantone…..!!” (Lo appostro

fa accarezzandogli una guancia)

203 – ERNESTO – (Si lancia in uno sproloquio romantico: gli prende una mano) “Huguette, ma cheri, tiu see che tie a luxe de ogni mee alba, a stella de ogni mee tramuntu…….”

204 – HUGUETTE – (Fa’ una smorfia di dolore, gli sfila la mano) “Mio Dio che ma

le ai piedi……!!” (Sacramenta a mezza voce)

205 – ERNESTO – (Ormai si e’ lanciato) “Ma i massaggiu mi i teu pessin…..!” (Le prende un piede fra le mani e comincia a massaggiarglielo) “Stupendi pessin alla

francese….” (Mugola estasiato) “…..meriten in baxiu !!” (Gli bacia il piede con tut-

ta la delicatezza che puo’, ma si ritrae dopo un attimo con una smorfia di disgusto)

206 – HUGUETTE – (Lo schiaffeggia leggermente) “Cretinooo….!! Sono i collant che puzzano….!!”

207 – ERNESTO – (Si ritrae: con un sorriso ebete) “Ah, sci….i collant….!” (Poi, fra se’) “Assidente, e dunde ai ha catee, in pescheria….!?!?”

208 – HUGUETTE – (Si mette seduta, piedi a terra: sbuffa leggermente) “Uffaaaa….

…! Ma non capisci proprio niente allora….!!” (Prende una scarpa in mano) “I collant.

…..” (Prende l’altra scarpa con la mano libera) “….rinchiusi per due ore in questa spe

cie di scafandri….” (Gli mette una scarpa sotto il naso) “….hanno portato i miei piedi in ebolisioneee…..!!” (Mugola leggermente, abbattendosi di nuovo sul divano)“Devo

no essere tutti piagati….!!!” (Guaisce disperata)

209 – ERNESTO – (Si e’ ripreso: riparte alla carica) “Uuuuhh….poviei pessin tutti ciaaghee….” (Gli mette le mani sulle gambe) “…..da questi collant brutti ecattivi…!”

(Allunga le mani) “Ma oua, niatri i levemmu, eh….!! Cusci’ imparen a……”

210 – HUGUETTE – (Lo ferma dandogli uno schiaffone su una mano) “Fermooo….!

Ma sei matto, proprio qui….!?!? E se arriva qualcuno….!?!? E se entra tua moglie !?”

211 – ERNESTO – (Ritrae la mano con un grido) “Ahio..!!” (Poi, rialzandosi, fra se’)

“Ciu’ che atru, se intra mee seuxiu….!!” (Esita un attimo, riparte all’attacco) “Ma nu te preocupaa, ca-a: oua anemmu in tu mee studiu e puemmu mettise finalmente in libertee .Lasciu’, in ta mee mansarda, nu gh’e’ euggi che vedden, ne uegge che senten se vedemmu e se sentimmu sulu niatri…..!!!” (Declama con aria infatuata)

212 – HUGUETTE – (Si alza a stento, con aria dubitativa) “Mansarda…..!?!? A me’

sembra piuttosto la soffitta di un rigattiere: ci sono pezzi di elettrodomestici dapper-

tutto !!”

213 – ERNESTO – (Alza gli occhi al cielo) “Ouh, nu ghe ne va’ ben un-a, eh..!!” (Commenta scocciato fra se’. Poi, a Huguette) “Ma ca-a, ogni artista u l’ha a seu vena ispiratrice: pe mi, i elettrodomestici demulii…..sun a giusta ispirasiun pe cantaa u tristo degradu da vitta quotidina…..” (Butta li’ facendo una smorfia poco convinta) “Cumunque…..” (S’illumina mentre si avviano lentamente all’usci-ta dal fondo) “….t’ ho preparou na surpreiza cun i  fiocchi, de datu….!!”

214 – HUGUETTE – (Si ferma, si illumina) “Una sorpresa…..per meee….!?!?!” (Squittisce)

215 – ERNESTO – (Pensa d’averla in pugno) “Segu-u, ma cherie, segu-u….!!” (Si ferma: con fare sornione) “Na bevanda ca n’agiutia a liberase de ogni impuritee ma

teriale, fin-a a inalsaa u nostru spiritu au ciu’ atu sforsu de espulsciun…..” (Vaneg-

gia con fare intellettuale)

216 – HUGUETTE – (Lo guarda sorniona) “Champagne…..??”

217 – ERNESTO – (Con una risata di sufficienza) “Mai non, mai non…..!!” (Fa’ una

pausa studiata, come se cercasse le parole) “Troppu….troppu semplicisticu…..troppu scuntou, eccu….!!” (Si ferma con aria compita: si illumina) “RAPPA, ma cherie, e da  meggiu marca…!!”

218 – HUGUETTE – (Fa’ una smorfia di leggero disgusto) “Grappa….!?!? Beh, me-

glio che niente…..”

219 – ERNESTO – (La prende sottobraccio, cominciano ad avviarsi lentamente verso

l’uscita di fondo) “Ti vedie, ti vedie, caa…..in paa de gottin da quella butiggia e nu

ghe saia’ ciu’ ninte che poriaa fermaa i nostri sforsi: a-a fin, l’oduassu di collant u ne

paria prufummu de reuze…..!”

220 – HUGUETTE – (Poco convinta) “Boh, se lo dici tu…..” (Si ferma) “Aspetta….”

(Si rimette le scarpe che ha ancora in mano) “Quella scala e’ piena di schegge di le-

gno: senza scarpe rischio di arrivare in cima con i piedi ridotti a puntaspilli….” (Si guarda le scarpe, scuote la testa) “Vorrei proprio sapere dov’e’ la boutique dove le hai comprate….” (Sacramenta uscendo dal fondo)

221 – ERNESTO – (Si ferma un attimo: spalanca le braccia, alza gli occhi al cielo)

“In tel’armaiu de mee mugee: primu cian, secunda porta in scia drita….!!” (Esce a sua volta dal fondo con aria sconsolata)

La scena rimane vuota per alcuni istanti, poi, da destra, fanno il loro ingresso in scena

Monica accompagnata da Gian Paolo Meringa, detto “Er Cefalo”. E’ vestito con ma-

glietta bianca, jeans, giubbotto di pelle scura e porta un vistoso paio di occhiali neri, masticando con ostentazione gomma americana.

222 – MONICA – (Avanza verso il centro scena, un po’ preoccupata) “Gian Paolo, perche’ tie vegnu-u chi, tiu see che mee pue u nu te vedde de bun euggiu….”

223 – ER CEFALO – (La segue con passo cadenzato, dinoccolante) “A Mo’….me manni a di’ che nun vieni, che er servizio nun se fa’……c’io’ da capi, eh….!!” (Re-

plica con una terribile cocina romana)

224 – MONICA – (Disperata) “Ma te l’ho ditu…..!! Mee pue u l’e’ stetu categoricu:

duman matin devu esse in ditta !”

225 – ER CEFALO – (Si stravacca sul divano) “Senti bella, se tu nun vieni, nun me

paghenoooo…..!!” (Sottolinea le parole)

226 – MONICA – (Davanti a lui, in piedi) “E alua…!?!? Se u servisiu u nu se fa’, ti a mi e au futografu miga ti ne paghi….!!!”

227 – ER CEFALO – (Si agita sul divano) “Aoooohhhh….io c’io’ da daa, eh…..!”

228 – MONICA – (Piccata, ne imita l’accento) “E mi c’io da mangiaa….!! E cun quelli che ti me passi TI….” (Lo indica inquisitrice) “….nu ghe sciorte mancu l’aperi

tivu !!”

229 – ER CEFALO – (Con ovvieta’) “E fatteli da’ da tu padre li sordi, a lui nun e’ che mancano…..” (Monica sta’ per controbattere: a Er Cefalo squilla il cellulare. Lo

toglie dalla tasca del giubbotto e risponde) “Pronto……prontoooooo….!!!” (Lo spe-

gne) “Ma porca miseria infame….quando te servono ‘sti cosi nun funzionano mai! Ar

meggia col telefonino) “Famme vede’ un po’ chi me cerca……..”

230 – MONICA – (Comincia a passeggiare nervosamente per la stanza) “Gian Paolo, l’e’ propriu questu u prublema…!!” (Si blocca davanti a lui) “A mee pue nu gh’e’ ane

tu zu’ de cumme a l’e’ finia fra mi e Ernesto: se da duman nu me presentu regularme mente a lou, u nu me da ciu’ na palanca……”

231 – ER CEFALO – (Trasalisce, scattando in piedi) “Ahooo….nun e’ che qua ce becca tuo marito, adesso….!?!?” (Chiede preoccupato)

232 – MONICA – (Ride amaro) “Figurite….! Quellu…..!! U saia’ a preu-u a quarche

dun di seu travagli interiuri, oua…..”

233 – ERNESTO – (La guarda stupito) “Travajo….!?!? Ma nun se chiama Travajo de cognome…..!?!?”

234 – MONICA – (Lo manda al diavolo con un gesto del braccio) “Cose gh’intra, dai….!! Travaglio inteisu cumme pasciun interiure….” (Cerca di spiegare: lui la guar

da stranito. Cerca di semplificare) “Cumme rumesciamentu internu, via….!!”

235 – ER CEFALO – (Ha capito tutto) “Aaaahhhh…..come quando te vie’ voja d’an-

na’ ar cesso……!!!”

236 – MONICA – (Sbuffa stizzita: poi..) “Cumunque, Gian Paolo, me rincresce ma  pe duman nu se ne fa’ ninte…..!”

237 – ER CEFALO – (Si inalbera) “E no, eh…..!! Sta a senti’, bella: da sto’ servizio cio’ da cava’ un ber po de sordi e se nun ce li cavo quarcuno me cava l’occhi: domani

mattina vedi un po’ d’esse puntuale perche’ poi er fotografo c’ia’ n’artro servizio d’a-

na’ a faa…..”

238 – MONICA – (Supplichevole) “Gian Paolo……nu possuuuuu……” (Si agita battendo nervosamente il piede)

239 – ER CEFALO – (Da duro) “A Monicaaa…..vedi de veni’ che te conviene per-

che’ se perdo aaa pazienza…..” (Fa’ una pausa studiata, le punta l’indice al viso) “Guarda che Gian Paolo Meringa nun e’ un dorcetto…..pe niente me chiamano er ce-

falo…..!!” (Gli risquilla il cellulare che ha ancora in mano) “Pronto…..!!” (Si gira, fa

qualche passo verso la platea finendo nell’angolo del divano) “Prontooooooo…..!!!”

240 – MONICA – (Intanto che si volta abbassa gli occhi verso le gambe di Gian Pao-

lo: fra se’ a mezza voce) “E u so’ mi perche’ te ciammen Er Cefalo, va’……!!” (Com

menta poi rimanendo ad osservarlo in silenzio, anche lei spalle agli ingressi, mentre armeggia col cellulare)

Ne frattempo, alle loro spalle fa’ il suo ingresso da destra non visto Breuxiu con un’al

tra bottiglia in mano. Li vede mentre armeggiano col cellulare, fa’ un ampio gesto af-

femativo col capo, poi si dirige alla scrivania.

241 – MONICA – (Ha preso in mano il cellulare) “Ma nu cusci….! Cusci’ ti l’isuli… …..” (Ci armeggia lei qualche secondo)

242 – ER CEFALO – (Preoccupato) “Piano, oh….cosi’ me o smonti….!!”

Breuxiu si dirige con passo felpato alla scrivania.

243 – BREUXIU – (Posa delicatamente la bottiglia sulla scrivania) “Ti…” (La indica imperativo) “Stanni chi….!!” (Si siede e si rimette al lavoro: alza un attimo lo sguar-

do verso la bottiglia) “Nu te mescia….!!”

244 – MONICA – (Restituisce il telefonino a Er Cefalo) “Eccu, tegni: oua u l’ e’ a po

stu…..”

245 – ER CEFALO – (Con un sorriso) “Grazie, Mo’….me scordavo che tu con ‘sti cosi c’iai demestichezza……!” (Squilla ancora il cellulare) “Pronto….! Prontooooo...

….!!” (Risponde a tutta voce: Breuxiu si interrompe ed alza lo sguardo verso di lui)

“E si…so io, Er Cefaloooo….!!!”

246 – BREUXIU – (Non puo’ frenare una risata) “U cefalu…..!!!” (Poi, a tutta voce, alla figlia) “Monica, ma dunde l’e’ che ti te vee a speuggia, au mercou di pesci….!!”

247 – MONICA – (Trasalisce alla voce del padre: si gira lentamente) “Cia….ciau, pa

pa’…..!!” (Con un sorriso forzato) “ Nu t’ emmu sentiu intraa……”

248 – BREUXIU – (Sornione) “Pocu male, se saluemmu oua….!!” (Riprende il suo lavoro)

249 – ER CEFALO – (Si irrigidisce) “Mortacci……!!” (Poi, al suo interlocutore al te

lefono) “Te….te richiamo io eh….!?!? Te richiamo io….!” (Fa’ una pausa: poi, cate-

gorico) “Nun ce prova’ che spengooo…!!” (Chiude il cellulare, spegnendolo con rab-

bia e rimettendoselo in tasca. Poi, con un largo sorriso falso, rivolgendosi a Breuxiu)

“Sarve, sor Brozio, bonasera…..!!!”

250 – BREUXIU – (Con distacco) “Gian cosu…: BREUXIU….!!” (Sottolinea con de

cisione) “Diminutivu zeneise de Ambrogio…..” (Spiega cin un sorriso provocatore)

251 – ER CEFALO – (Glissa sull’argomento) “Me fa’ piacere de vedella…..”

252 – BREUXIU – (Senza distogliersi dal suo lavoro) “A mi in poo menu….”

253 – MONICA – (Cerca di mediare) “Papa’, Gian Paolo u l’e’ vegnuu a fane vixita

perche’ u l’ ha bezeugnu de parlate…..” (Fa’ un cenno d’intesa a Er Cefalo e gli indica il padre con un cenno del capo)

254 – ER CEFALO – (Trasalisce: a Monica, a mezza voce) “Iooooo……!?!?”

255 – MONICA – (Fa’ spallucce) “Preuighe……!!”

256 – ER CEFALO – (Si rischiara la voce, tenta di darsi un contegno) “Dunque, sor Brozio……” (Si blocca, non sa come cominciare)

257 – BREUXIU – (Senza alzare lo sguardo) “Dunque, sciu Cefalu…..” (Alza gli oc-

chi di colpo, folgorandolo con lo sguardo) “…..se peu savei cose t’orieisci daa mee vitta……!?!?”

258 – ER CEFALO – (Punto nell’orgoglio) “E no, sor Brozio…..” (Avanza imperio-

so verso la scrivania) “…..voi domani maa dovete lascia’ libera ‘sta fijaa….!!”

259 – BREUXIU – (E’ tornato al suo lavoro) “E nu, sciu pesciu, duman a l’ha da faa cun mi….” (Indica Monica alzando solo un braccio) “….. sta figgia….!!”

260 – ER CEFALO – (Inviperito, poggia pesantemente le mani sulla scrivania mentre Monica cerca invano di calmarlo) “Aooohh….che me voi rovinaaa…..!?!?”

261 – BREXIU – (Batte pesantemente un pugno sulla scrivania facendo passare la ma

no a un palmo dal naso di Gian Paolo che si ritrae precipitosamente) “SCI….!!!” (Spa

ra a tutta voce folgorandolo con lo sguardo) “…..se nu ti levvi subetu e man d’en scia

toua….!”

262 – ER CEFALO – (Si ritrae preoccupato) “Carma, eh….carma….!!” (Cerca di rab

bonirlo) “Le ho tolte eee mani, le ho tolte…..”

263 – MONICA – (Cerca di mettere pace) “Calmi pe piaxei, stei calmi, eh…!! Nu l’e u caxu de aragiase, se peu’ discutte cun calma……”

264 – BREUXIU – (Si alza poggiando le mani sulla scrivania) “Sta a sentii, sciu cefa

lu: duman matin MEE FIGGIA…..” (Si indica rafforzando le parole) “….a vegne cun MI….” (Alza nuovamente il tono della voce indicndosi) “….a cuminsaa a imparaa cumme se guagna a suppa….!!” (Si muove lentamente, dirigendosi all’uscita sul fon-

do) “Ouriaa dii che armenu pe duman peu teu casin de Brignule ti te ne serchi n’atra..

….!” (Conclude perentorio)

265 – ER CEFALO – (Si difende) “Ma che casino e casino…..!! Er centro e’ un po-

sto come se deve, con tutte l’autorizzazioni in regola….!! Ce lavora….” (Indica UNO con la mano) “….un non vedente….” (Indica DUE con la mano) “….un non deambu-

lante….” (Allunga il braccio verso Breuxiu) “…..ce potresti veni’ pure tu…!!”

266 – BREUXIU – (E’ quasi all’altezza dell’uscita sul fondo) “E nu, zuenottu, pensu propriu de nu….!!”

267 – MONICA – (Incautamente) “E’ perche’…..!?!?”

268 – BREUXIU – (Allarga leggermente le braccia) “Sun NON TIRANTE mi…..e za’ d’an toccu: u nu saiei u me ambiente…..!” (Esce dal fondo chiamando la gover-

nante) “Paulin-a….!! Paulin-aaaaa…..!!”

Monica e Gian Paolo rimangono un attimo a guardarsi interdetti, poi e’ Er Cefalo che rompe gli indugi.

269 – ER CEFALO – (A Monica che sta’ cercando aiuto da lui con lo sguardo, indi-

candole l’uscita dal fondo) “E vaiie dietro, no…..!?!?”

270 – MONICA – (Dopo un attimo di esitazione, infilando l’uscita di centro di gran carriera) “Nu, papa’, ‘sta a sentii…..!!”

Er Cefalo rimane solo in scena. Allarga le braccia e comincia a gironzolare per la stan

za. E’ nervoso, non sa’ che fare.

271 – ER CEFALO – (Si ferma a centro scena: prende in mano il cellulare, fa’ per riaccenderlo, ci ripensa) “No! Forse e’ meio de no, eh….” (Sbuffa nervosamente, ri-

prende a passeggiare, si ferma davanti alla scrivania, agita le mani) “Ma guarda ‘sto fijo de bona donna che me va’ a combina’….!! Ee foto de Monica come l’ha fatta mamma mee pagheno un patrimonio, se chiamo l’artra je devo da’ quarcosa perche’

see pijno…!!” (Sacramenta: poi..) “Beh, ma quarcosa je devo da’ bene, visto che m’

anno gia’ pagato e i sordi mei so’ gia’ spesi….” (Riprende in mano il cellulare, lo ac-

cende, comincia a comporre un numero: la sua attenzione viene attirata dalla bottiglia

sulla scrivania) “E che e’ ‘sta robba….!?!?” (Si chiede avvicinandosi: prende la botti-

glia in mano) “Ma ‘sto qua e burbon…..e de quello bbono pure….!” (Fa’ una smorfia

di ammirazione, poi…) “Pero, se tratta bbene er sor Brozio…!!” (Chiude il cellulare, se lo mette in tasca, stappa la bottiglia) “Fa’ ‘n po’ assaggia’….” (Ne trangugia un lungo sorso a garganella: poi, con una smorfia) “Ammazza, oh….moo credevo mejo.!

Manco sa’ de arcool, e’ solo amaro comme er veleno….!!” (Richiude la bottiglia, la ri

posa sulla scrivania, riprende il cellulare, compone il numero: dopo un attimo) “Mor-

tacci sua, c’e l’ha spento aa vijacca….!!!” (Riguarda la bottiglia) “Pero’….mejo che

niente…!!” (Ripone il cellulare, riprende la bottiglia e beve un altro lungo sorso)

Fa’ appena in tempo a posarla che dall’uscita sul fondo ricompaiono Breuxiu, Monica e Paulin-a, in fila indiana. Er Cefalo li vede, nota che non sono affatto tranquilli e ri-

guadagna cautamente il divano sedendosi in silenzio.

   

272 – BREUXIU – (Alla figlia) “Monica, l’e’ inutile che ti asfissi: quellu che t’ho di-

tu, u l’aresta…!!”

273 – MONICA – (Inviperita) “Tie in mustru, faxendu cusci’ ti butti a l’aia tutte e  mee aspirasiuin artistiche….!!”

274 – BREUXIU – (Deciso) “Nu…: cusci’faxendu impedisciu che ti metti all’aia que

llu che de solitu duvieiva restaa quertu….!!”

275 – PAULIN – A – (Cerca di mediare) “Monica, teu pue u l’ha raxiun: nu ti peu a-

naa avanti pe sempre a faa a cubista o l’intratenitrice……”

276 – MONICA – (Stizzita, con voce stridula) “Sun grande abasta pe decidde mi da sula cose me piaxe faa in ta vitta….!!”

277 – BREUXIU – (Mordace) “Anche a figgia da Maria de Purtoia a l’a’ decisu che ghe piaxe faa a paseggiatrice, ma seu mue a nu l’e’ miga guei cuntenta…..”

278 – MONICA – (Decisamente indignata) “Papa’, MI….” (Si indica, sottolineando la parola) “…..nu vaggu in giu a sercaa ommi pe faa palanche, u MEE….” (Si indica ancora) “…..u l’e’ in mestee pulittu, de tuttu rispettu.”

C’e’ un attimo di silenzio: Paulin-a scuote la testa

279 – PAULIN – A – (Mica troppo convinta) “Moh…..saia…!!” (Commenta uscendo da destra)

280 – MONICA – (Si e’ calmata, si rivolge a Breuxiu che nel frattempo ha riguada-

gnato la scrivania) “Che nu fassu ninte de maa…..” (Riprende piu’ pacata, volgendosi verso Gian Paolo che e’ ancora sdraiato sul divano) “….tou  peu cunfermaa anche Gian Paolo cu dividde cun mi……” (Si blocca: Er Cefalo non sta’ affatto bene: e’ fermo immobile, livido, si tiene il ventre e suda copiosamente) “Gian Paolo….ma ti stee maa….!?!?” (Gli chiede premurosa avvicinandosi al divano e inginocchiandosi davanti a lui)

281 – ER CEFALO – (Con un filo di voce) “A Mo’….me sa’ che er whisky de tu pa-

dre…..” (Indica la bottiglia con un cenno del capo) “…..me sta a da’ er travajo….!!”

282 – MONICA – (Si alza di scatto: guarda la bottiglia attonita, guarda Er Cefalo che

si contorce sul divano, guarda il padre e…) “Segnu-u, i sali ingleixi…..!!!”

283 – BREUXIU – (Afferra la bottiglia, la nota mezza vuota) “Ma alantun u l’e’ in vissiu…..!!” (Sbotta)

284 – ER CEFALO – (In evidente crisi) “Ahiomammaaa…..!!” (Si alza sul divano e corre fuori dall’uscita di destra comprimendosi il ventre)

285 – MONICA – (Preoccupatissima, gli corre dietro) “Gian Paolo….Gian Paolooo

……!!!” (Esce anche lei da destra)

Proprio in quel momento entra da destra Paulin-a: la incrocia mentre corre fuori come una scheggia. Non capisce, la guarda stralunata, scuote rapidamente la testa e poi fa’ per rivolgersi a Breuxiu che pero’ l’anticipa.

286 – BREUXIU – (A Paulin-a, mostrandogli la bottiglia) “Ho treuou i sali ingleixi...

…!!” (Poi, guardando ancora la bottiglia) “In poo ridotti…..speremmu che g’abasten..

…!!”

287 – PAULIN – A – (Alza gli occhi al cielo, poi) “Breuxiu, ghe saieiva de la’….” (Indica l’uscita di destra) “….a scia Secca in Travagliu ca te serca….”

288 – BREUXIU – (Posa la bottiglia sulla scrivania) “Pe amuu de Diu….!! Dagghe u

D.D.T……!!!”

289 – PAULIN – A – (Meravigliata) “Ma….a l’e’ a teu cunseuxia, tieu metila aa por-

ta…..”

290 – BREUXIU – (Con piglio deciso) “A l’e’ n’animale mulestu… danusu….” (Si ferma un attimo) “Na secca….in travaglio….pensite in poo sa nee molla chie, che bel

l’afare….!!” (Fa’ una breve pausa) “Pe ancheu, secche chi dentru ghe n’e’ za stetu fin

-a troppe: digghe che nu ghe sun, che staggu maa, che sun in lettu…..”

291 – PAULIN – A – (Timidamente) “E ghe saieiva anche un cu dixe cu veggne pe cuntu de teu cuxiu, in Argentin-a……”

292 – BREUXIU – (Si blocca) “Mee cuxiu….in Argentin-a…..!?!?”

293 – PAULIN – A – (Si spiega) “E sci….!! U neu de teu barba, u free du nonnu !”

294 – BREUXIU – (Perplesso) “In parente…dall’Argentin-a….!?!?” (Si ferma un at-

timo interdetto) “N’atru cu l’eu fase mantegnii….!!” (Sbotta di colpo) “Pe piaxei, Pau

lin-a, pe piaxei, eh….!!” (Si avvia verso l’uscita di centro) “Digghe che sun moutu, che sun mortu, che sun in lettu….” (Fa’ per uscire: si ferma. Ritorna alla scrivania, af

ferra la bottiglia, ritorna sui suoi passi. Si ferma davanti a Paulin-a) “Pe ancheu basta

a figgia….u zenne….u trumbetta….e u cefalu…..” (Fa’ mentalmente il conto) “Ani-

mali molesti, parasiti e aspiranti mantegnui, duman matin doppu neuv’ue…!! Grasie

Paulin-a, mi….me retiu….!!!” (Esce velocemente dal fondo stringendo la sua botti-

Glia)

295 – PAULIN – A – (Lo guarda sorniona mentre esce) “Bunn-a neutte, Breuxiu, e tanti seunni d’ou….!” (Commenta fra’ se. Poi, allargando le braccia e alzando gli oc-

chi al cielo) “Almenu quelli….!!!” (Si avvia per uscire a destra)

-S I P A R I O -

   


                         S E C O N D O   A T T O

La scena e’ rimasta invariata: e’ il mattino del giorno dopo in casa Passalacqua. Il sipario si apre con Paulin-a che sta’ rassettando lo studio di Breuxiu. Insieme allo sco

pino, ha anche degli stracci ed un bastone per lavare il pavimento posati in un angolo insieme ad una conca che si desume piena d’acqua.

1 – PAULIN-A – (Canticchia a mezza voce mentre spolvera prima il divano, poi il ta-

volino, poi la scrivania) “Cumme tie bella, Zena, cumme tie bellaaa….”

2 – BREUXIU – (Entra da destra con alcune carte in mano) “Bungiurnu, Paulin-a….!

Tie za’ alegra, stamatin…..”

3 – PAULIN-A – (Si gira un attimo verso di lui) “Bungiurnu Breuxiu….” (Riprenden

do il suo lavoro) “Belandi, stamatin, mai matinieru….!!”

4 – BREUXIU – (Si avvia verso la scrivania) “A matin a l’ha l’ou in bucca…!!” (Sen

tenzia)

5 – PAULIN-A – (Si muove verso l’angolo dove ci sono gli stracci) “E ti, ti ee feti seunni d’ou, staneutte ??”

6 – BREUXIU – (E’ dietro la scrivania: comincia ad armeggiare con le sue carte) “Ma mi….dormi, ho dormiu ben…..” (Fa’ una beve pausa, poi, perplesso) “U l’e’ ste-

tu l’adesciu in poo…..” (Fa’ un’altra pausa, cerca la parola) “….traumaticu, eccu…!”

7 – PAULIN-A – (Senza distogliersi dal suo lavoro) “E cumme mai….!?!?”

8 – BREUXIU – (Si siede pensoso) “Za’ in ta matinaa sciu e zu pe a scaa ca va’ in ta sufitta te gh’ea in bulezumme che ghe paiva sbarcou i Americani….poi…………”

(Alza lo sguardo verso di lei, interdetto) “…..stamatin quande sun sciortiu d’en ta stansia, te ghe na spussa che vegniva de datu ca fava puia….!!”

9 – PAULIN-A – (Ha cominciato a pulire il pavimento) “A saiaa spussa de muffa…!!

Bezeugna che ti te deciddi a liberaa a sufitta de  tutta a rumenta che ti ghee sciacou!

10 – BREUXIU – (Rimane un attimo in silenzio, pensieroso, poi) “A parte u fetu che ‘na rumenta a cuminsiaa a anasena da sula da chi a quarche giurnu…..a nu l’ea spussa de muffa, Paulin-a: lea cumme…..cumme….” (Non trova le parole, poi) “…..cumme se fisse sciepou e foggne de Caignan, atru che…!!”

11 – PAULIN-A – (Ha finito il suo lavoro: comincia a raccogliersi i pezzi sparsi in gi

ro) “Ou belandi, chi….!! Nu ghe saia miga in cadavere…..!!” (Lo prende in giro)

12 – BREUXIU – (Fa’ una smorfia) “Beuh….!!” (Si china sul suo lavoro: si rialza di

nuovo) “Cunuscendu u zenne, nu me meraviglieiva !!”

Ridono entrambi, poi tornano al loro lavoro. Passa qualche secondo, poi Breuxiu alza di colpo la testa, spalancando gli occhi.

13 – BREUXIU – (Comincia a tirare di naso: una-due-tre’ volte. Poi, a Paulin-a)

“Eccula….!” (Indica l’uscita sul fondo) “Taa chi turna….!” (Si gira di scatto) “A

l’ariva fin-a chi….!!!”

14 – PAULIN –A – (Si avvicina all’uscita con gli attrezzi in mano: imita Breuxiu ti-

rando un paio di volte con il naso) “Belandi…tie raxiun…!! L’e’ satou e foggne de Caignan….!!!” (Sentenzia avviandosi verso l’uscita di destra, mentre Breuxiu allarga

le braccia sconsolato e si rimette al lavoro. Si ferma all’altezza dell’attaccapanni)

“Breuxiu….”

15 – BREUXIU – (Senza interrompere il suo lavoro) “Sciii…..??”

16 – PAULIN-A – (Timidamente) “E….a Monica…..!?!?”

17 – BREUXIU – (Sempre senza alzare il capo) “A l’e’ zu’ in magazin: a l’agiutta u Maizan a mette a postu a roba……”

18 – PAULIN-A – (Si volta, fa’ qualche passo verso la scrivania) “E u primmu giur-

nu….ti l’ee za’ lasciaa da sula cun u Maizan….!?!?”

19 – BREUXIU – (Alza lo sguardo e una mano) “Stanni tranquilla, tantu u l’e’ de l’a-

tra spunda……!”

20 – PAULIN-A – (Lo manda al diavolo con un gesto del capo) “Tie sempre u mexi-

mu, ti….!!” (Rimane ferma in silenzio per un attimo) “Ciutostu….quel’atru……”

(Breuxiu alza gli occhi, scuote la testa interrogativo) “Gian Paolo……!!”

21 – BREUXIU – (Sguiatamente ilare) “U Cefalu….!!!” (Ride) “Nu te preocupaa che quellu li, dopu l’aperitivu cu s’e’ pigiou veiseia, pen poo nu tiu veddi…!!”

22 – PAULIN-A – (Preoccupata) “Ma….sei aneti ae grosse…..!?!?”

23 – BREUXIU – (Ride di gusto) “Paulin-a, atru che grosse !! U l’ha cangee pe licure e u s’e’ bevuu i sali ingleixi……!!”

24 – PAULIN-A – (Angosciata) “O muee caa….Povou de lee…..!!”

25 – BREUXIU – (Rincara la dose) “Ouh, e miga pochi e…..: n’amancava quexi me-

za butiggia….!!!” (Riprende fiato)

26 – PAULIN-A – (Si illumina) “Eccu….!! Tou li’ perche’ intantu che arivava, l’ho

incruxiou cu sciortiva de cursa: u l’anava cumme na freccia…..!!”

27 – BREUXIU – (Si asciuga le lacrime che gli scendono dalle risate) “Sci, sci…..” (Riprende a stento) “Quande u l’e’ anetu via, u nu l’ea guei cuntentu……!!”

28 – PAULIN-A – (Uscendo da destra) “E me l’imaginu, pouvou figeu…..!!”

29 – BREUXIU – (Riprende il suo lavoro) “Pouvou figgeu in cornu….” (Commenta fra se’: dopo qualche attimo si ferma nuovamente, alza lo sguardo, sgrana gli occhi, ti

ra altre due volte con il naso) “E nu eh…..!!” (Sbotta alzandosi di scatto) “Chi besug-

gna ciamaa u Cumune che veggnen in poo a vei, sedunca….” (Solleva la cornetta del

telefono) “De sabbu….speremmu ben…..” (Commenta fra’ se’ mentre comincia a comporre il numero: viene interrotto dall’ingresso di Paulin-a dalla destra)

30 – PAULIN-A – (Entra da destra con aria scocciata) “Breuxiu, ghe a scia Secca in Travaglio ca dumanda de ti…..cose ghe diggu….!?!?”

31 – BREUXIU – (Trasalisce, posa il ricevitore, resta un attimo bloccato con uno sguardo incredulo, guarda di scatto l’orologio al polso, poi....) “Neuve e’n quartu….!

Puntuale cumme ‘na cambiale, eh…!!”

32 – PAULIN-A – (Gli fa’ fretta) “Alua, cose uemmu faa….??”

33 – BREUXIU – (Allarga le braccia rassegnato) “E digghe ca veggne…!!”

34 – PAULIN-A – (Esce da destra canzonandolo) “Obedisciu….!!”

35 – BREUXIU – (Sarcastico, fra se’) “In te ‘sta caa…!?!? E quande mai…!!”

Dopo qualche attimo entra in scena da destra Paulin-a che accompagna Anselma Zec-

ca in Travaglio, mamma di Ernesto, e l’avvocato Cacaglia.

36 – PAULIN-A – (Entra per prima, si ferma all’altezza dell’attaccapanni e da’ strada

“Prego, scignua, scia s’acomude……”

E mentre la mamma di Ernesto entra con fare imperioso, il buon Cacaglia cerca quasi di nascondersi dietro di lei.

37 – PAULIN-A – (Alla scena, trattiene a stento una risata: tra se’, indicando Caca-

glia) “Oua, quande uu vedde, che euggiu rie….!!”

38 – LA ZECCA – (Si avvia alla scrivania con incedere imperioso: e’ vestita con gu-

sto, tranne che per un impossibile cappello, un bocchino sul quale regge la sigaretta accesa e un boa di struzzo che le scivola in continuazione e che lei continua a buttarsi con ampi gesti al collo) “Buongiorno, signor Ambrogio, buongiorno….!!” (Esordisce

andandosi a sedere immediatamente sulla sedia di fronte alla scrivania)

39 – BREUXIU – (Si alza: vorrebbe tendergli la mano, dirle di accomodarsi ma si ac-

corge che ha gia’ fatto tutto da sola) “Bungiurnu, scia Secca, scia s’a…….” (Si inter-

rompe rimettendosi a sedere con una smorfia di rassegnazione)

40 – LA ZECCA – (Decisa) “Anselma, prego…….”

41 – BREUXIU – (Non capisce) “Cumme…..!?!?”

42 – LA ZECCA – (Puntualizzante) “Anselma Zecca….” (Sottolinea la parola alzan-

do la voce di per se’ gia’ stridula) “….IN Travaglio !!”

43 – BREUXIU – (Con un’espressione disperata) “Pe l’amuu de Diu, gh’emmu za tante pruxe chi che ne g’amanca……” (S’interrompe: il sedersi di Zecca gli ha rive-

lato la presenza dell’avvocato Cacaglia) “E TI…..” (Lo squadra furibondo) “…..cose ti ghe fee turna chi…..!?!?!?”

44 – CACAGLIA – (Fa’ uno scatto all’indietro: gli cade la cartella con i fogli che ha

in mano, spargendo carta per tutta la stanza) “So sooo….so sooooo…..” (Comincia a

tentare di spiegare, chinandosi a raccogliere i fogli) “so sono qui, in veste di magnac-

cia…..!!” (Si corregge con stizza, sillabando la parola) “….DI PROCACCIA !!”

45 – BREUXIU – (Lo canzona) “Magnaccia…..!?!?” (Squadra la Zecca) “Da scignu-a…..!?!?” (Ripassa con lo sguardo su Cacaglia che si e’ bloccato e lo guarda preoccu-

pato) “Me sa’ che te cunvegne cuntinu-a a faa l’avucato…..!!!”

46 – LA ZECCA – (Con fare sussiegoso) “Signor Ambrogio, la prego: l’avvocato e’ qui IN VESTE UFFICIALE…..” (Sottolinea le parole) “…..quale PROCACCIA….”

(Sottolinea ancora la parola: si ferma un attimo, poi) “Le porta infatti, nella sua veste di legale di fiducia, le RICHIESTE UFFICIALI di MIO FIGLIO Ernesto….” (Sotto-

linea le parole alzando l’acutezza della voce, cosa che provoca in Breuxiu evidenti e-

spressioni di fastidio) “…..circa la sua separazione da Monica Passalacqua.”

47 – BREUXIU – (Finge stupore) “Ah…!!” (Con una smorfia) “Belandi….!!” (Poi, pacato) “Scia Secca…..” (Si ferma un attimo) “Scia parla zeneize, veu….??”

48 – LA ZECCA – (Inviperita) “Il dialetto….!?!?” (Poi, con un acuto stridulo) “MAI

…..!!!!!” (Provoca un sobbalzo di Breuxiu che comincia ad agitarsi un mignolo in un orecchio con una smorfia di dolore) “Il dialetto e’ cosa rozza e, in determinate occa-

sioni….” (Fa’ una breve pausa) “…..direi quasi tutte…..! (Puntualizza) “Assolutamen

te sconveniente e fuori luogo…!!”

49 – BREUXIU – (Con un moto di stizza) “Sci, va ben ma bassa l’uxe….a mumenti ti me beuggi n’ueggiu….!!!” (Si indica un orecchio: c’e’ una breve pausa con La Zec-

ca che guarda Breuxiu stupita della sua reazione, poi riprende il discorso)“Cumunque a  mi me basta che ti l’acapisci: l’avucatu chi….” (Non ne ricorda il nome, schiocca le dita) “…..Trumbetta, u me l’ha za’ portee vei e seu richieste e mi g’ho za spiegou cieu cosu se ne peu fa….!”

50 – LA ZECCA – (Perentoria) “Signor Ambrogio, lei NON PUO’….” (Alza nuova-

nebte la voce provocando la reazione disperata di Breuxiu) “….ignorare le legittime

istanze di MIO FIGLIO …..” (Altro acuto e altra smorfia di Breuxio) “….per lo piu’ se le stesse le vengono prodotte da un avvocato che,  in caso perduri questo suo atteg-

giamento, si vedra’ costretto a rivolgersi AL GIUDICE….!!” (Altro acuto, con Breu-

xiu che si tura le orecchie con le mani, con una smorfia di sofferenza)

51 – BREUXIU – (Si ferma un attimo speranzoso, incrocia lo sguardo della Zecca che continua a fissarlo attendendo una risposta, poi lentamente, toglie le mani dalle

orecchie) “Segnu, che tribulaa….!!” (Fra se’, a mezza voce. Poi, alla Zecca) “Alan-

tun…..sentimmu: cosu l’orieiva da mi quel’anghesu de seu figgiu…!!” (Si risiede)

52 – LA ZECCA – (Sussiegosa) “Primma de tuttu, non si permetta di usare verso Er-

nesto espressioni offensive o dileggianti, di cui….” (Indica Cacaglia) “….mi ha riferi

to l’avvocato…” (Cacaglia, in piedi, prudenzialmente a ridosso della Zecca, fa’ ampi

ceni affermativi con il capo) “…..ha gia’ fatto ampio uso nel colloquio fra voi inter-

corso ieri….”

53 – BREUXIU – (L’interrompe) “Culoquiu….” (Fa’ un gesto vagamente dubitativo)

“Ciu’ che an culuquiu…..paiva d’esse au circu Togni….!!”

54 – LA ZECCA – (Non lo considera: prosegue imperterrita) “Fattore, questo, che gioca un ruolo decisamente negativo nei suoi confronti, gia’ noto per essere uomo di-

spotico e……”

55 – BREUXIU – (L’interrompe seccatissimo) “Scignua, demughe na botta, che g’aviei da faa…..!!”

56 – LA ZECCA - (S’interrompe, tossicchia leggermente) “Bene….bene….” (Si scambia uno sguardo s’intesa con Cacaglia che allarga leggermente le braccia) “Se

…..vogliamo arrivare subito al dunque…….”

57 – BREUXIU – (Spazientito) “Eee magara….!!” (Poi, brusco, rivolto a Cacaglia)

“E ti setite….” (Gli indica una sedia) “…..paracaru….!!”

58 – LA ZECCA – (Mentre Cacaglia recupera affannosamente una sedia e si siede ac

canto a lei, cominciando ad aprire la cartellina e a rovistare tra i fogli ammassati) “E’ ben noto che sua figlia, signor Ambrogio, gode di un reddito, vero, passatogli da lei per il lavoro che DA OGGI….” (Rialza la voce provocando un sobbalzo di Breuxiu) “….svolge regolarmente in azienda……”

59 – BREUXIU – (Perentorio) “Scie: na pastasciuta e due euve in tu tianin….” (Fa’ un gesto esplicito con la mano) “…..tianin esclusu….!!!”

60 – LA ZECCA – (Imperterrita) “Mentre il mio Ernesto, scrittore e poeta di notevole talento, non ha ancora trovato la giusta via per esprimere appieno le sue capacita’….”

61 – BREUXIU – (La guarda storto) “Se tiu dixi ti…!!”

62 – LA ZECCA – (A valanga) “E’ GIOCOFORZA…..” (Altro acuto, altro sobbalzo

“……che in questa separazione dolorosa e a lungo meditata, dovuta anche alla scarsa

sensibilita’ di Monica che non ne ha saputo apprezzare, pensiamo noi…..”

63 – BREUXIU – (Trasalisce) “Pensiamo…..!?!?” (La guarda trafelato) “E chi tee che ti parli au plurale, u Pappa…….!!”

64 – LA ZECCA – (Con un gesto di stizza) “Ma nooo……!!” (Le cade la sigaretta dal bocchino)

65 – BREUXIU – (Si alza in piedi di scatto) “A senne…..!!” (Indica il punto dov’e’ caduta la sigaretta) “Che poi Paulin-a a se ghe deve rumpii a schen-a a pulighe….!!”

66 – LA ZECCA – (Fa’ spallucce) “Pensiamo nel senso di IIIOOO….” (Esplode uno

stridulo sinistro che provoca la ricaduta di Breuxiu sulla sedia con mani che corrono alle orechie) “….l’avvocato….” (Indica Cacaglia che risponde con un leggero inchi-

no) “….. e mee maiu….!!”

67 – BREUXIU – (Rivolto alla platea) “Ma alantun tiu parli u zeneize…!!”(Poi, con aria di forzata comprensione) “Aaaaaahhhh….!!!” (La fissa un attimo, poi prosegue interrogativo) “Teu maiu…..!?!?”

68 – LA ZECCA – (Stupitissima) “Si, mio marito !!” (Sorride, con ovvieta’)

69 – BREUXIU – (La fissa un lungo istante, poi, scandendo le parole) “Perche’, teu maiu…..cun un-a cumme ti d’a-arente….u resce anche a pensa-a…..??”

70 – LA ZECCA – (Scatta in piedi come una furia) “SAPPATERA……!!!”

71 – BREUXIU – (Si alza di scatto battendo violentemente il pugno sulla scrivania)

“Principessa….quaccia e ae se nu….” (Indica l’attaccapanni) “….t’apendu….!!” (gli

urla sul muso: poi, mentre la Zecca si siede di colpo esterrefatta, rivolto a Cacaglia in

dicando nuovamente l’attaccapanni) “Tiu vei….?? U l’e’ ancun li…!!”

72 – CACAGLIA – (Abbozza un sorriso stentoreo) “Ce ceee…ce ceee…ce certo…”

73 – BREUXIU – (Si alza e comincia a passeggiare in prossimita’ della scrivania) “G’he pocu da decidde o da acordase: mee figgia a l’e’ in sciabeccu….” (Indica la Zecca che sta’ ancora tentando di riaversi) “e seu figgiu u l’e’ na schen-a drita: difi-

sile ben che rescissen a anaa d’acordu….” (Allarga le braccia) “Eui dii che se ne van

ognun pe cuntu seu e cumninse a ‘mparaa couse euu dii guagnasene: mee figgia, sa l’eu mangiaa, da stamatin a l’e’ in bitega, u seu, sa l’eu mantegniselu pe tutta a vitta

…..ca fasse pure….” (La guarda cattivo) “…..ma ca nu stagghe a pretende che e pa-

lanche pe falu ghee dagghe MI…!!”

74 – LA ZECCA – (Si e’ ripresa: con unn risolino di sufficienza) “Suvvia…suvvia…

..!! E’ inutile che lei tenti di perorare la causa di sua figlia: la legge dice a chiare let-

tere che in caso di separazione il coniuge senza reddito deve ricevere dall’altro un mantenimento…” (Si rivolge a Cacaglia) “Vero avvocato…..!?!?”

75 – CACAGLIA – (Professionale) “Ce ceeee….ce certo…” (Vorrebbe aggiungere qualcosa) “Lo di diii…di diiii……”

76 – LA ZECCA – (Lo interrompe perentoria) “Sittu….basta cusci’….!!” (Poi, a Breuxiu) “E sua figlia, che lei lo ammetta o no, a l’HA in redditu…..”

77 – BREUXIU – (L’interrompe serioso) “Segu-u: due euve in tu tianin….”

78 – LA ZECCA – (Pedante e insinuante) “Non mi riferivo soltanto a quello concer-

nente la ditta di famiglia ma anche a quello che lei si procura facendo la cubista e chis

sa’ quant’altro in giro nei locali……”

79 – BREUXIU – (Drastico) “Ma pe piaxei, me sa’ ca l’e’ lee ca paga pe anaghe…..”

80 – LA ZECCA – (Imperterrita) “O facendo servizi fotografici sconci in certi luoghi di malaffare…..” (Breuxiu vorrebbe interromperla ma lei non liene lascia il tempo) “Badi bene, signor Ambrogio, badi bene….ne abbiamo le prove !” (Poi, a Cacaglia) “Non e’ vero avvocato……!?!?”

81 – CACAGLIA – (Ancora professionale, tirando fuori una carta) “Ce ceee…ce cee

ee…ce certo….! Testimoniali e doc….”

82 – BREUXIU – (Lo interrompe secco) “Sittu, basta cuxi….!!” (Cacaglia si alza in piedi, vorrebbe ribellarsi, ma Breuxiu gli indica con un fulmineo gesto del braccio l’

attaccapanni vicino all’ingresso e fa’ il gesto di appendere con le mani subito dopo, cosa che lo convince a risedersi immediatamente. Poi, risiedendosi a sua volta) “Anche perche’, veluce cume tie in tu parlaa, ghe femmu neutte….!!”

83 – LA ZECCA – (Per niente intimorita) “Signor Passalacqua, e’ inequivocabile la sua posizione fedifraga di voler far figurare cose che non esistono, stravolgendo la realta’ dei fatti…..” (Fa’ un attimo di pausa: Breuxiu vorrebbe replicare ma lei lo an-

ticipa nuovamente) “Realta’ che del resto mio figlio potra’ confermare in sede giudi-

ziale senza tema di smentite !!” (Conclude perentoria)

Breuxiu si blocca, rimane un attimo interdetto: un leggero risolino affiora sulla sua bocca per una, due, tre’ volte, sempre piu’ intenso, poi….

84 – BREUXIU – (Scatta in piedi improvvisamente serio) “Paulin-a….!!” (Chiama a

gran voce: poi, mettendosi una mano di lato come ad amplificare e alzando il tono)

“Paulin-aaaaa…..!!!!!”

85 – PAULIN-A – (Da fuori scena) “Vegnu, Breuxiu….vegnu subetu…!!”

86 – LA ZECCA – (Si alza di scatto, offesa) “Dico io…nu ti orie miga mettine a-a porta …..!?!?”

87 – BREUXIU – (Perentorio) “Tranquilla: se uesse falu nu ho beseugnu da Paolin-a!

88 – PAULIN-A – (Compare in scena da destra) “Dimme Breuxiu, cose gh’e’….!?!?

89 – BREUXIU – (Sornione) “Ciamma ‘n poo quellu pussu de geniu de mee zenne che chi….” (Indica la Zecca) “…Perry Mason a l’ha ditu cu deve furnii de preue pe smascheraa i culpevuli….!!”

90 – LA ZECCA – (Si rialza imbufalita) “Questu u l’e’ un afruntu, na cosa indegna

…!

91 – CACAGLIA – (Si alza pure lui, vorrebbe darle man forte) “Seeeee…permette, sono io llllll, avogadro…!!!” (Tuona correggendosi subito dopo)

92 – BREUXIU – (Perentorio)“Trumbetta, ciu che n’avogadro ti me paggi n’ardiciocca….!!”

93 – PAULIN-A – (Che nel frattempo aveva allargato le braccia sconsolata e imboc-

cato l’uscita dal fondo, fa’ il suo rientro) “U vegne…u l’e’ chi cu l’ariva….” (Poi, fra

se’) “E mi l’e’ meggiu che me ne vagghe…!!” (Si defila uscendo da destra)

Qualche attimo dopo, fa’ la sua comparsa dal centro Ernesto: non e’ conciato molto bene. Ha i capelli sparati in aria, il panciotto aperto, la camicia stropicciata e col col-

letto aperto, due occhiaie tremende e si tiene compresso il ventre.

94 – ERNESTO – (Con un filo di voce) “Bungiurnu a tutti. Scusei l’aspettu ma nu staggu miga tantu ben……”

95 – LA ZECCA – (Alla vista del figlio balza sulla sedia lanciando letteralmente il bocchino in faccia a Breuxiu) “Ernestino….figliolo…. COSE T’AN FETU….!?CO-

SE T’E’ SUCESSU……!?!?” (Urla con un crescendo di voce che fa’ rabbrividire Breuxiu, lanciandosi poi verso il figlio seguita da Cacaglia)

96 – BREUXIU – (Piu’ pacato  che puo’) “Tranquilla, scignua….” (Indicando il gene

ro e avvicinandosi a sua volta) “….l’erba gramma nu l’eu mancu u diau…!!” (Squa-

dra Ernesto) “Pero’….” (Fa’ una breve pausa pensoso) “Efetivamente….” (Fa’ segni di autoconvincimento con la testa)”…..ti paggi beusou daa balen-a !!”

97 – ERNESTO – (Alla madre, tranquillizzandola) “Ninte, ninte mamma…sun sulu

stetu…..” (Fa’ una breve pausa) “….pocu ben de intestin, eccu ….” (Si sforza di sorri dere)

98 – CACAGLIA – (Vuol minimizzare) “De dee…de  deee…dev’essere una fo for-

ma influenzale. Anche mia figlia, ie ieri se sera, e’ stata giu’ in giardino…!!”

99 – BREUXIU – (Maligno) “Perche’, quanda l’ha l’influensa tia seri feua da porta.!?

100 – CACAGLIA – (Si corregge sillabando le parole) “E’ STATA…POCO BENE

……D’INTESTINO….!!!”

101 – LA ZECCA – (Riparte alla carica) “Comunque….comunque….” (Si dirige nuo

vamente alla scrivania e si rimette a sedere imitata rapidamente da Cacaglia e, con piu’ calma, da Breuxiu. Vede il figlio che rimane in piedi comprimendosi il ventre ap

pena oltre l’ingresso e….) “Ernesto….ma….pigite na carega e vegnite a setaa…!!”

102 – ERNESTO – (Con un sorriso forzatissimo) “Nnnnu nu, mamma, te ringrasiu: preferisciu sta in pee……!!” (Fa’ ampi gesti con una mano comprimendosi il ventre con l’altra)

103 – LA ZECCA – (Fa’ spallucce, poi, a Breuxiu) “Dicevamo, signor Ambrogio, che mio figlio Ernesto puo’ confermare l’inqualificabile comportamento di Monica in seno al loro rapporto, nonche’ che la ragazza ha dei propri redditi derivati dalla sua at

tivita’…..” (Si ferma un attimo: disgustata) “….diciamo di entrainneuse….”

104 – BREUXIU – (Sbuffa leggermente, sorride) “Se anche fisse, u l’e’ LE….” (Indi

ca il genero) “….che in te dui anni cu l’e’ spusou u nu s’e’ mai preocupou de procura

se in redditu, ne cumme treneuse ne cumme trenin….!!” (Sbotta)

105 – ERNESTO – (Prova a difendersi a tutta voce) “Booxie….!!” (S’irrigidisce, abbassa il tono) “In dui anni, cumpatibilmente cun a mee ativitee artistica…….”

106 – BREUXIU – (Di commento) “Ca cunsciste in te nu faa ninte…..”

108 – ERNESTO – (Prosegue) “Ho sempre cuntribuiu all’andamentu du menage fa-

miliare….!!”

108 – BREUXIU – (Ancora di commento) “Faxendu ninte…!!” (Sbuffa pesantemen-

te: a Ernesto) “Amia frenguellu, se nu ti l’avesci ancun capiu u bengodi u l’e’ finiu. Da lunedi’, se tieu mangia ti fee cumme Monica: TI VEE A LOUA…!!”

109 – LA ZECCA – (Insorge) “E’ assurdo ….!!! MIO FIGLIO u loua za’!!!!”

110 – CACAGLIA – (Da’ man forte) “E’ un’ARISTA…..!!!”

111 – BREUXIU – (Beffardo) “E alantun cu se mange da sulu…u se taggia a fette, cumm’ ou salamme….” (Mima il gesto) “U cuminsa dai pee, cian cianin, tuttu sciu’, na fetta au giurnu…..” (Poi, di botto) “A testa nu, perche’ a l’e’ veua….!!!”

112 – LA ZECCA – (Si alza inviperita) “Passalacaqua, teu figgia ha l’ha e palanche: a deve pagaa….!!!”

113 – CACAGLIA – (Da’ manforte) “Ha del FEGATO….!!” (Tuona) “Del reddito..”

(Si corregge a mezza voce) “…del reddito…!!”

114 – BREUXIU – (Non si lascia scappare l’occasione) “Infeti….”(Indica Ernesto) “A se l’ha spusou…!!!”

115 – ERNESTO – (Interviene di getto) “A porieiva fin-a esse n’ereditiera, ha l’ha in

ziu in America….!!” (Alza troppo la voce: si blocca di scatto strabuzzando gli occhi e restando immobile, lo sguardo fisso nel vuoto)

116 – BREUXIU – (Ancora pungente) “L’e’ vea, g’ho anche in barba cui sceicchi, ma u lucida i leughi…..!!” (Imita il gesto con la mano) “Sei, lazu sun d’ou…!!” (Si blocca di scatto: drizza la testa, tira due volte con il naso in rapida successione, si alza di scatto poggiando le mani sulla scrivania, ripete l’operazione fra lo stupore generale

“Mumentu….!!!” (Tuona a tutta voce: si muove verso il genero che rimane rigido co-

me un baccala’, lo annusa un paio di volte inorridendo, si sposta rapidamente verso

l’uscita di destra, ripete l’operazione verso fuori, torna verso il genero, lo annusa di nuovo) “E nu l’e’ satou e fogne, se….” (Indica platelamente il genero ai presenti) “U l’e’ lee…..!!!!” (Spara a gran voce: poi, a Ernesto) “A bruttu becafighe, se peu savei cose tie inandiou o nu…..!?!?”

117 – ERNESTO – (Imbarazzatissimo) “Me rincresce, sciu Breuxiu, nu so’ cose ghe fisse in te quella rappa….” (Tenta di scusarsi)

118 – BREUXIU – (Stupito) “A rappa….!?!?” (Realizza: si gira indicando con terro-

re la scrivania) “I sali ingleixi….!!!!”

119 – LA ZECCA – (Stralunata) “Sali ingleixi…..!?!?” (Chiede con un filo di voce)

120 – CACAGLIA – (Vorrebbe imitarla) “Sa saaa saliscendi…..!?!?”

121 – BREUXIU – (Passandogli davanti agitatissimo, gli indica l’attaccapanni) “TI…

se nu ti taxi….!!!” (Poi, dall’uscita di destra) “Paulin-a….!! Paulin-aaaa……!! Fitu che semmu in ta mmmm……” (Si trattiene mordendosi una mano)

122 – LA ZECCA – (Gli e’ vicino: imperiosa) “Lasciaa in giu i sali ingleixi cusci’ che mee figgiu u i bevesse u l’e’ stetu n’ attentatu che…..”

123 – BREUXIU – (Deciso, l’interrompe) “Nuuuu….!!!! U l’e’ LEE….” (Indica Er-

nesto) “….che oltre a esse boxardu e laddru….u l’e’ n’insensou…..!!!”

124 – PAULIN-A – (Entra in scena di corsa da destra, visibilmente allarmata) “Ma…

Breuxiu, se peu savei cose g’he turna…..!?!?”

125 – BREUXIU – (Agitato) “Emmu scuvertu a foggna rutta…” (Indica Ernesto che si sta’ contorcendo un midi semore piu’ preoccupante) “….a seu….!!”

126 – PAULIN –A – (Corre vicino a Ernesto) “Ummi….!! Ma cose gh’e’ sucessu !?”

(Gli chiede preoccupata)

127 – BREUXIU – (Risponde al suo posto) “Paulin-a, i sali inglexi !! Nu mei ea ascordee in giu: e-en chi…!!” (Indica la scrivania) “Stu becafighe u l’ha scangee pe rappa e u s’e’ scuou a butiggia….!!” (Batte le mani) “Bellu Segnuu cau, cumme deve

esighe ridottu sciu….!!!” (Alza la testa al cielo, poi, a Paulin-a) “Ciamma l’ASL, i NAS, i pumpieri…..” (Si blocca, scuote la testa, fa’ un gesto di diniego) “Digghe au Maizan cu fasse u giu e cu veggne a dane na man, goriemo ben  ben dui o trei….”

128 – PAULIN-A – (Indecisa) “Sci ma….Breuxiu… de la’ ghe saieiva quellu man-

dou dau teu parente in Argentin-a…..”

129 – BREUXIU – (Stupito) “Parente in Argentin-a …..!?!?”

130 – LA ZECCA – (Si precipita verso di loro, molto interessata) “Parente in Argen-

tina…..!?!?”

131 – CACAGLIA – (Non vuol essere da meno) “Pa paa …parente di Albertina…!?”

132 – PAULIN-A – (Lo rampogna, correggendolo) “Argentin-a, trenetta: a l’e n’Ame

rica….!!!” (Poi, a Breuxiu) “E scie….!! U neu du free de teu nonnu…!! U se ciamma.

…..” (Prende un biglittino da visita di tasca) “…..Giuan….Pablo…..Melacontas….!!”

133 – BREUXIU – (Seccato) “Mia…g’he za sti chi…..” (Indica i presenti) “….che maa cunten….! E nu maa cunten guei bella….” (Pensa un attimo) “Digghe cu l’intre e cu m’aspete chie…..! Intanto ciamma u Maizan e cumpagna ‘sta trofia au leugu, pri

ma cu scieuppe……” (Fa’ una pausa: rivolto alla Zecca) “Principessa, ti aspeta chie che maniman ti te brutti e unge…..!!”

134 – LA ZECCA – (Stranamente accondiscendente) “Si, signor Ambrogio, non si preoccupi…..” (Poi, con uno sguardo di cupidigia) “Il suo parente Argentino lo rice-

viamo noi, eh….!!!” (Vorrebbe tranquilizzarlo sorridendo)

135 – CACAGLIA – (Vuol confermare) “Lo loo….lo…looo ….rimestiamo noi, eh !”

136 – BREUXIU – (A Cacaglia, deciso) “Ti orieisci rumescia….!?!? Vegni cun mi, alantun, che t’acuntentu subetu…..!!” (L’acchiappa per il bavero trascinandolo verso

l’uscita sul fondo)

137 – PAULIN-A – (A Ernesto) “Nemmu, ti…sedunca da chi an poo bezeugna rume-

sciaa anche chi….!!”

138 – ERNESTO – (Sofferente) “Grasie, Paulin-a, grasie….!!” (A Breuxiu) “Cumun-

que, sciu Breuxiu, pe de datu, scia nu se preocupe: nu ho sporcou tantu, ho deuviou  de bacinelle che e-en li’……”

139 – BREUXIU – (Sgrana gli occhi: a tutta voce) “I basii de puuselan-a….!!! Quelli da lalla Texiu…..!!!!” (A tutta voce) “Valen na furtun-a e ti ti ghee…..delinquente….

!!!!” (Lo spinge fuori scena dal centro da dove poi lo segue Paulin-a)

140 – CACAGLIA – (Si tira indietro, vorrebbe evitare di salire in soffitta) “Fo foooo.

….fo fooorse sarebbe meglio che restassi a fa faaare compagnia alla signora…..”

141 – BREUXIU – (Categorico) “Tranquillu: a nu se perde……!!” (Lo spinge fuori scena malamente)

142 – CACAGLIA – (Rifa’ capolino a protestare) “Lei e’ u unnnnn….incenso !!”

143 – BRUXIU – (Lo respinge via con forza) “E ti na scamorsa…..!!”

144 – CACAGLIA – (Non si arrende: da fuori scena) “Volevo dire: UN VIOLENTO !!”

145 – BREUXIU – (Allunga un calcione verso il fuori scena) “E vanni, pendigiur-

nu….!!!!”

146 – CACAGLIA – (Da fuori) “Ahia…!! Va vaaa…. Va vado…!!”

147 – BREUXIU – (Uscendo a sua volta di scena) “L’ea ua….!!!!”

 

Per qualche attimo, in scena rimane solo la Zecca: gironzola avanti indietro per la stanza, si guarda in giro, recupera il bocchino sulla scrivania, si accende un’altra si-

garetta.

147 – LA ZECCA – (Aspira voluttuosamente una boccata di fumo) “Che famiglia di cafoni…..!!!” (Commenta tra se’, sprezzante) “Lasciame chi da sula…..MIE….”(Soli

to strillo agghiacciante) “….cunseuxia e ospite…!!!”

148 – PAULIN-A – (Transita spedita alle sue spalle uscendo dal fondo: la sente) “Sci

gnua, vusscia scia nu patisce de colite, vea……!?!?” (Spara agra uscendo velocemen-

te da destra)

149 – LA ZECCA – (La guarda uscire, non capisce il senso della battuta, scuote la te-

sta, aspira un’altra boccata di fumo, si avvicina alla scrivania, riprende il filo dei suoi pensieri) “E cun n’ atru ospite in ateisa in tu curiduu…!!! Che scunciu: Segnuu, che villaneria….!!!”

150 – PAULIN – A – (Rientra sull’ultima fase da destra, facendo strada ad un signore

/giovanotto vestito in maniera sobria ma elegante con una voluminosa cartella sotto il

braccio) “Scia vegne sciuuu…..Maacunta, scia vegne avanti e scia s’acomude: chi, in

tantu ghe’ a scignua, scia se fasse faa cumpagnia che mi veggnu subitu:…..”

151 – MELACONTAS – (Entra timidamente: parla spagnolo) “Gra…grasias, senora:

muchas grasias….!!”

152 – PAULIN –A – (Si dirige all’uscita sul fondo) “Pregos….!!” (Risponde d’istinto

poi, rivolta alla Zecca) “Vaggu a vedde che l’Ernesto u nu seggie scuggiou zu pe a

cuppa….anciu cummu l’e’, nu me meraviglieva….!!” (Prosegue per uscire, poi si fer-

ma ancora un attimo: si gira verso la Zecca che la sta’ guardando con uno sguardo in-

dignato e scandalizzato) “Scia g’ha insegnou a stuzase, vea….!?!?” (Chiede parecchi

o alterata. Poi, allargando le braccia) “Armenu quellu……!!!” (Esce velocemente dal fondo)

In scena restano, per qualche istante in silenzio, La Zecca, che cerca di riaversi dalle battute al vetriolo di Paulin-a e Juan Pablo Melacontas, che si guarda in giro meravi-

gliato e vagamente preoccupato. Tanto per cambiare, e’ la Zecca che rompe gli indugi

153 – LA ZECCA – (Con un sorriso a tutta bocca) “Buongiorno senor….Americano..

…!!” (Esordisce palesando una sicurezza che non ha) “Permesses….!?!?” (Prosegue in un improbabile spagnolo) “Io saieiva…io sareis…..” (Prorompe in una risata forzata) “Ohohohoooo…..!!! Mi escusi, ma non parlos troppo ben l’Argentino….!!”

154 – MELACONTAS – (La toglie d’imbarazzo: con un sorriso di circostanza) “No se preocupe, senora, io no ablo Italiano, ma lo entiendo….!!”

155 – LA ZECCA – (Con una risata piu’ goffa della prima) “Hoooo….u m’intende...

…..!?!? Ma e’ stupendo…..!!!!”

156 – MELACONTAS – (Si presenta: con un lieve inchino) “Permite…?? Juan Pablo

Melacontas, funsionario de l’ufisio civil do rejstro imobiliar de Rosario de Santa Fe’, in Arghentina……!”

157 – LA ZECCA – (Va in sollucchero per la presentazione) “Piacereeee…!! Lady Anselma Zecca IN TRAVAGLIO…..!!!” (Emette il solito urlo stridulo finale provo-

cando un leggero sobbalzo in Melacontas che pero’ si riprende subito)

158 – MELACONTAS – (Ancora sorridendo) “Encantado….!!” (Le prende la mano ed esegue un baciamano perfetto)

159 – LA ZECCA – (In completo sbando mentale) “Ma la PREGO….” (Solito strido-

re di voce) “….si ACCOOOMODIIII…..!!!!” (Gli indica il divano e ce lo spinge qua-

si a forza: poi, decisa) “Mi dica….mi dica……”

160 – MELACONTAS – (Si siede: un po’ interdetto) “Grasias, grasias….” (La guar-

da un attimo) “Uste’….” (La indica) “Es….la senora Pasalaqua…..!!” (Chiede con l’espressione di chi vuole conferma di una certezza)

161 – LA ZECCA – (Si ritrae come se fosse stata morsa da un serpente) “NNNOOO..

….!!!” (Spara con un cigolio sinistro della voce che provoca un moto di fastidio note-

vole in Melacontas) “Io sono Anselma Zecca, discendente di un’antica famiglia della nobilta’ estense che si e’ trasferita a Genova a meta’ del 200 e moglie di Edmondo Travaglio, rampollo di una delle piu’ nobili famiglie della riviera del levante genove-

se……” (Spiega pavoneggiandosi oltre misura)

162 – MELACONTAS – (Rivolto al pubblico, con una smorfia) “Booh..!!” (Poi, alla

Zecca) “Excuseme, ma io tiengo de ablar co el senor Pasalaqua….porche’ me chiere informasiones che no la locan…..!?!?”

163 – LA ZECCA – (Che l’ha capito benissimo) “Scicumme  sun a cunseuxiua de Passalacqua, mee figgiu u se sta’ separandu da seu figgia, u nu l’ha na palanca, u l’e’ in pelandrun, nu intendu mantegnilu in eternu e le u l’ariva da l’Argentin-a probabil- mente pe portaa notisie de quarche ereditee…..” (Spiega d’un fiato, decisissima) “…e infurmasiuin me alocan…..assidente se me alocan….!!!” (Poi, rivolta alla platea, a tutta voce, mimando il gesto dei soldi con la mano) “Me riguarden ecumme……!!!”

164 – MELACONTAS – (Intanto che la Zecca comincia a passeggiare e gli volge le spalle, rivolto alla platea mimando il gesto della pazzia con l’indice alla tempi) “Issa es loca…..!!!!”

Melacontas sta’ per controbattere ma l’ingresso in scena di Paulin-a dal fondo salva la situazione.

165 – PAULIN-A – (Rientra dal fondo, rivolta alla Zecca) “E un l’eemu scistemou: oua u l’e’ in letto, per lo menu u nu fa’ danni….!”

166 – LA ZECCA – (Trasalisce) “A LETTOOOO…..!?!?!?” (Spara piu’ stridula del solito)

167 – PAULIN-A - (Sobbalza infastidita) “Ou belandi, ho ditu in lettu, miga in maa cun i na pria au collu, eh….!!”

168 – LA ZECCA – (Isterica) “In lettuuuu….!?!?” (Ripete a voce piu’ bassa: poi, al-zando il tono) “E DUUUVEEEE…..!?!?!?”

169 – MELACONTAS – (Dal divano, turandosi le orecchie) “Madre de Dios….!!!”

170 – PAULIN-A – (Ostentando fastidio) “E in ta matrimoniale, dunda l’eu cu segge!

!” (La manda platealmente all’inferno alzando le braccia)

171 – LAZECCA – (Ormai fuori riga) “Ma tie  MAAATTAAAAAA……!!!” (Spara a ventimila decibel)

172 – MELACANTOS – (Sul divano, turandosi le orecchie) “Santa Virgen de Pilar…

….!!” (Si alza, va’ verso il centro scena, allarga le braccia) “Es loca…..” (Sbotta) “Es

TODA LOCA…..!!!”

173 – LA ZECCA – (A Paulin-a, con veemenza) “U seu riturnu all’alcova, al letto coniugale, u peu esse inteisu cumme a cessasiun de na separasiun de feetu e deter-

minaa l’impuscibilitee de pronunsia a separasiun legale ca l’e’ ormai za’ de feetu

in via di cuncluxiun…..” (S’interrompe: fissa Paulin-a che, a sua volta, la sta’fissando con un’espressione di sommo disgusto dipinta in volto) “Ma za’….” (Sen-tenzia) “….ti tie troppu zotica sulu che pr pensalu, figuremuse pe capilu !!” (Poi,

imboccando di gran carriera l’uscita dal fondo) “Ernesto….Ernestooo…..!!” (Gia’ fuori scena) “Issite subetu, vegni daa mamma……!!!”

174 – PAULIN-A – (Rimandandola a quel paese con un gesto plateale del braccio) “E portitelu via n’otta pe tutte, lazagnun-a…..!!!” (Si volta: incontra lo sguardo strani

to e un po’ impaurito di Melacontas) “Uuuuhhh…..!!” (Si da’ una manta sulla fronte)

“Scia scuxe, ma cun tuttu stu bulezumme, m’ea quexi scordaa de le…!!”

175 – MELACONTAS – (Accenna un timido sorriso) “Ne nada, de nada…..” (Poi, quasi implorante) “Ma….es uste’ la senora Pasalacqua…..??” (Mima le parole con ampi cenni per farsi capire meglio)

176 – PAULIN-A – (Capisce: ride divertita) “Nu, nu….mi sun sulu a guvernante: u sciu Breuxiu….” (Ha un attimo di pausa, non sa’ cosa dire) “…u veggne subetu, eh…

..!” 

177 – MELACONTAS – (Allarga le braccia, rassegnato) “Muy bien muy bien…gra-

cias….!” (Si rimette a sedere sul divano)

178 – PAULIN – A – (Non si lascia scappare l’occasione per investigare) “Ciutostu, lee…..” (Gli si siede accanto: si blocca) “Scia l’acapisce u zeneize….!?” (Chiede con chi ha la certezza di avere una conferma)

179 – MELACONTAS – (alza leggermente gli occhi al cielo, poi, scontata rassegna-

zione) “Lo entiendo….lo entiendo….!” (Geme, quasi con sofferenza)

180 – PAULIN – A – (Decisa) “Aaaahhh…scia m’intende, scia m’intende: bene, be-

ne….!” (Fa’ una pausa, pensosa: poi riparte alla carica) “Ciutostu lee….ghe diva……

cose scia fa’….de cose scia se ocupa……??”

181 – MELCONTAS – (Con un sorriso stentato) “Yo me ocupo de la rejstration e conservation des acta imobiliares…”

182 – PAULIN – A – (Non ha capito: lo guarda strano) “Saieiva a dii….!?!?”

183 – MELACONTAS – (Con infinita pazienza) “Sovrintiendo a la regultad dos actos de acquisition e dismission des aditationes…..” (Spiega) 

184 – PAULIN – A - (Scatta, fingendo apprensione) “U mi…scia nu me diaa miga che u sciu Breuxiu…..u leu catase viamenti ca’ in Argentin-a…..!!”

184 – MELACONTAS – (Ride) “No, no, senora: nada de es….!! (La rassicura: poi spiega) “El jico de el jico de su hermano, as a desmiter una fazenda qui resulta a nom

bre asi de el senor Ambrogio Pasalacqua: el senor Pasalaqua ha a autorizar la dismis-

sion: as solo a signor en documento, es todo….!!!”

185 – PAULIN – A – (Ha capito per sommi capi) “Haaaa…..firma in papeee….!!”

186 – MELACONTAS – (Si illumina a sua volta in un sorriso: Finalmente tranquillo)

“Exactamiente……!!”

187 – PAULIN – A – (Si sente rassicurata Si blocca: stupitissima, chiede) “Ma….e pe faa firmaa in papee a Breuxiu….l’an fetu vegnii fin-a chi da l’Argentin-a….!?!?”

188 – MELACONTAS – (Ride di gusto) “Ma nooo….!! Yo trabajo al Consulad Ar-

ghentino in Jenoua……!!!”

189 – PAULIN – A – (Si illumina) “Praticamente chi a dui passi…tou li’ perche’ u l’ha fetu cusci’ fito a arivaa stamatin…..!!”

190 – MELACONTAS – (Ostenta un sorriso forzato) “Eeee…exactamente….!!” (Ri-

pete monocorde: poi mentre Paulin-a, rinfrancata, gli volta le spalle, si batte una ma-

no sulla fronte facendola passare poi sul viso in preda allo sconforto totale)

191 – PAULIN – A – (Ride soddisfatta, compiacendosi di se’ stessa) “Oua sci’ che ho capiu tuttu….!!” (Fa’ una breve pausa, poi) “Eeee….cu me digghe in poo…stu pa-

rente de Breuxiu…..in Argentin-a…..” (Lo fissa deciso) « ….u l’e’ riccu….??”

192 – MELACONTAS – (La guarda stupito) “Rico……!?!?” (Chiede a sua volta non capendo)

193 – PAULIN – A – (Fingendo discrezione) “Sci, insumma….u l’ha de palanche…?

194 – MELACONTAS – (In imbarazzo) “Ma…senora….yo no se…..”

In quel momento fanno la loro ricomparsa in scena dal centro Breuxiu e l’avocato Ca

Caglia: non sono conciati molto bene. I loro vestiti sono stazzonati, le maniche della camicia sono rimboccate alla bell’e meglio, Cacaglia ha la cravatta quasi totalmente slacciata, i capelli dritti in testa, il panciotto aperto e lo sguardo allucinato, Breuxiu si

odora ripetutamente le mani facendo smorfie di sommo disgusto.

195 – MELACONTAS – (Li nota, si illumina: impersonalmente, indicandoli) “Mira...

los obreros del senor Pasalacqua…..!!!”

196 – PAULIN – A – (Si volta, li vede, vorrebbe chiarire l’equivoco ma scoppia a ri-

dere) “Nu, nu, u l’e’ prorpiu……” (Riesce solo a dire)

197 – BREUXIU – (Avanza verso il centro scena) “Mue caa, che afare….!! A prosci

m’otta che cattu i sali inglesi pe u figgiu du sciu Nando, zuu che i seru in casciaforte!

!” (Sbotta: vede Melacontas, si muove verso di lui seguito da Cacaglia quanto mai in-

teressato ) “Ah, stu chi u dev’esse l’Argentin….”

198 – MELACONTAS – (Si alza : rivolto a Breuxiu) “Buenos dias !! Yo tiengo ad ablar con el senor Ambrogio Pasalaqua: me puede anuncar, por favor….??”

199 – BREUXIU – (Lo guarda strano: stupito) “Anunsiaa….!?!?”

200 – MELACONTAS – (Intuisce che qualcosa non va’) “Vos otros…” (Li indica) “Es sus obreros…..es verdad…..!?!?” (Chiede con l’aria di chi e’ pronto a sentirsi da-

re qualsiasi risposta)

201 – BREUXIO – (Realizza l’equivoco: ride di gusto) “Nu, nu…nu semmu lavoran-

ti….!! Mi sun….” (Si blocca) “Scia l’acapisce u…..”

202 – MELACONTAS – (Lo blocca tradendo un leggero moto di stizza) “Lo entien-

do, senor, lo entiendo…..!!!”

203 – BREUXIU – (Un attimo perplesso) “Bene…!! (Si riprende) “Ghe diva, mi sun Breuxiu Pasalacqua, u padrun de ca’, e stu chi….” (Indica Cacaglia) “…..u l’e’ n’avu

catu…..!” (Poi con un largo sorriso, si annusa la mano, fa’ un gesto di moderata soddi

sfazione e gliela allunga) “Piaxei, zuenottu…..!!!”

204 – MELACONTAS – (Cade quasi esamine sul divano, stringendogli mollemente la mano) “Mucho….mucho gusto, senor….” (Geme sfinito)

205 – BREUXIU – (Lo guarda fisso) “A te paa grossa….!?” (Gli lascia la mano che cade di schianto a fianco del malcapitato Melacontas: poi, rivolto alla platea) “A lea anche tanta….!!!” (Fa’ una pausa, si gira cercando la Zecca con lo sguardo) “Princi-

pessa, su l’ha feta tutta lee, pe sei meixi u l’e’ a postu…..!!!” (Non la vede: rivolto a

Paulin-a) “Ma unde a l’e’ aneta a infiase oua, quell’aeu….!?!?”

206 – PAULIN – A – (Trattiene a stento le risate) “A l’e’ aneta a levaa de cursa u seu

Ernestin den te l’alcova.....!!“

207 – BREUXIU – (Non realizza) „Alco….ma quale alcova, tie bevuu mia….!”

208 – PAULIN – A – (Gli si avvicina, ilare) “Nu..nu…Ti devi savei che Ernesto, qua

ndu l’e’ sciortiu d’en tu bagnu, u ne se rezeiva ciu’ in pee…”

209 – BREUXIU – (Fa’ cenni di assenso col capo) “E u creddu ben, se….”

210 – PAULIN –A – (Prosegue il suo racconto) “E alua mi l’ho fetu anaa in lettu, in ta matrimoniale da Monica…..”

211 – BREUXIU – (Approva col capo) “E tie fetu ben, sacratu ! U saia anche in para-

sita, ma faghe muntaa e schee da sufitta in quelle cundisuin, ueiva dii masalu….!!”

212 – PAULIN – A – (Spiega ancora) “Quande l’ho ditu aa Secca, apriti o cielo…!! A l’ha detu feua da matti, dixendu che femmu de tuttu pe nu fali separaa pe nu pagalu e via descursci de stu genere: a l’he filaa de la’ cumme na scheggia a repigiaselu…!!”

213 – BREUXIU – (Drastico) “Ti ghe puevi dii ca sa sou porta via subetu, a ne rispar

mia de manda a ciama u camiu da rumenta….!!”

In quel mentre, dall’uscita sul fondo, ha fatto comparsa in scena la Zecca, reggendo a mo’ di sacco vuoto quello che resta del figlio Ernesto, ridotto veramente male.

214 – LA ZECCA – (Entra in scena reggendo il figlio Ernesto: sente la battuta di Breuxiu) “Le piacerebbe, eh, signor Ambrogio….NO…!!!” (Urla con un singulto me-

tallico della voce che provoca un sobbalzo sia in Breuxiu che in Melacontas) “Erne-

sto u l’ aresta CHIIII…..” (Altro urlo e altro sobbalzo) “…armenu finche’u  nu aviaa otegnu-u sudisfasiun pe quellu che ghe speta….!!!”

215 – MELACONTAS – (All’apparizione della Zecca) “Madre de Dios…la loca……

!!” (Schizza in piedi e comincia a raccattare le sue carte ripetendo meccanicamente)

“La loca….la loca…..!!!”

215 – BREUXIU – (Si gira di scatto: perentorio) “E alua sciu’…” (Indica l’uscita dal fondo) “……in tu sujeu….!!!”

216 – MELACONTAS – (A breuxiu, cercando di defilarsi) “Me excusi, senor Pasala-

qua, yo creoo mejo de pasar magnana…..!!”

217 – BREUXIU – (Lo ferma allungando il braccio verso di lui) “No….!! Setou li

che oua ti maa cunti….” (Poi, rivolto alla Zecca) “Tantu chi, i scignuri….” (Indica la Zecca, Ernesto e Cacaglia) “….een apreu a anasene, veu….!?!?”

218 – LA ZECCA – (Molla di colpo Ernesto che cade come un sacco vuoto) “Si, si, mi metta pure alla porta….!! Intanto, ci rivedremo a Filippi…..!!!!” (Gorgoglia furi-

bonda imboccando piccatissima l’uscita di destra)

219 – BREUXIU – (Sorpreso) “Filippi….!?!?” (Poi, deciso) “U lea u becamortu….u l’e’ mortu….nuu vedemmu ciu’…..!!!” (Gli urla dietro. Poi, a Paulin-a) “Cheuggi quellu muggiu de strasse…..” (Indica Ernesto) “….portilu sciu’ in sufitta a cueghilu in scia seu branda che tantu u nu meue…..” (Fa’ per rivolgersi a Melacontas che nel frattempo ha riguadagnato il divano ma incrocia con lo sguardo l’avvocato Cacaglia: lo guarda bieco) “E ti…..cose ti ghe fee ancun chi…!?!?”

220 – CACAGLIA – (Si rischiara la voce) “Ecco…fo foooo fo forse e’ me meee me meglio che resti: oltre che in le leeegge, sono laureato in libbre e ….” (Indica Mela-

contas) “….po pooo…..”

221 – BREUXIU – (Lo interrompe bruscamente) “In libbre….!?!? Nu, nu, mi vaggu a chilli…..” (Gli indica l’uscita a destra, accompagnandolo con un braccio)

222 – CACAGLIA – (E’ ostinato: vorrebbe resistere) “Volevo dire IN LINGUE…”

(Si corregge sillabando le parole) “Po poo…potrei aiutarla con l’usignolo…” (Si mor

de le labbra) “Lo spagnolo….volevo dire LO SPAGNOLO….!!”

223 – BREUXIU – (Spazientito) “Mia, ruscigneu, vanni in poo a cantaa in sce n’atra carassa……” (Lo spinge verso l’uscita) “….che l’e’ meggiu….!!!”

224 – CACAGLIA – (Sono all’altezza dell’attaccapanni: si divincola) “Sssss….sssss.

….signor Passalacqua, lei non puo’ continuare ad appendermi….!!!”

225 – BREUXIU – (Deciso) “A nuu….!?!? E’ sta’ in poo a vei….!!!!” (Fa’ il gesto di agguantarlo sotto le braccia)

226 – CACAGLIA – (Terrorizzato, si defila) “Va vaaa… va vado….!!” (Grida oppo-

nendo le mani aperte a Breuxiu) “Va vaaaaado subito…..!!!” (Grida ancora piu’ forte

imboccando di gran carriera l’uscita di destra e abbandonando sulla scrivania di Breu

xiu la cartella con i suoi documenti)

227 – BREUXIU – (Aspetta qualche istante assicurandosi che sia uscito, poi) “Oua ben..!!” (Escama: si avvicina a Melacontas) “Alantun, zuenotu: cuntime tuttu….!!”

228 – MELACONTAS – (Ancora insicuro di aver finalmente raggiunto la persona che cercava) “Uste’….uste’ es el senor Ambrogio Pasalaqua, es verdad….!?!?” (Chie

de speranzoso)

229 – BREUXIU – (Allarga le braccia) “E mi….cusci’ dixen all’anagrafe…!!!”

230 – MELACONTAS – (Respira profondamente) “Dios….grasias….!!!” (Poi, rivol-

to a Breuxio) “Vos aves un parente in Argentina qui s’apelava Jusepe Pasalacqua…”

231 – BREUXIU – (Breuxiu: s’illumina) “E sci, eh….!! U l’ea u free de me nonnu..”

(Poi, stupito) “Ma …..u l’e’ ancun vivu….!?!?” (Si diede di fronte a lui su una delle sedie)

232 – MELACONTAS – (Con ovvieta’) “No, no por caritad….!! Es el jio de su jio che me invia a vos porque’ el entiente desmiter una anciana fazenda qui ne produce mas e issa e’ rejstrada mismo a su nombre….!!”

233 – BREUXIU – (Traduce mentalmente le parole per qualche istante, poi chiede) “A mee numme….!?!?”

234 – MELACONTAS – (Conferma) “A su nombre….”

235 – BREUXIU – (Ricapitola) “A l’e’ intestaa anche a mi, u leu vendila, ghe serve a mee firma….!!” (Conclude sicuro di aver capito)

236 – MELACONTAS – (Con un ampio sorriso) “Perfecto…!!”

237 – BREUXIU – (Fa’ un gesto di ovieta’ con un braccio) “Euuuhhhh….., ma se le sulu pe quellu….!!!” (Si alza e va’ verso la scrivania) “Ranchei i fuggi che mi piggiu na penna….”

238 – MELACONTAS – (Comincia a trafficare fra le sue carte) “Dios bueno…!!” (E

sclama: poi rivolto a Breuxiu che sta tornando verso di lui con la penna in mano) “Se-

nor Pasalacqua, lo siento mucho: ho prendido el documento non exacto….!!!” (Si scu

sa consolato)

239 – BREUXIU – (Minimizza) “E va ben, oria dii che pasie ciu’ tardi, o lunedi’, cume vuei….Mi, a penna l’ho treua e a tegnu chi prunta….!!”

240 – MELACONTAS – (Con un sorriso di gratitudine) “Grasias, senor, uste’ es muy comprenyvo….”

241 – BREUXIU – (Con ovvieta’) “E ghe manchie, zuenottu….!!” (Alza gli occhi al cielo) “Se nu s’agiutemmu fra gente ca loua……!!!” (Sospira sconsolato)

242 – MELACONTAS – (Esita un attimo, poi, con discrezione) “Senor, por curiosi-

tad…..” (Si ferma un attimo, Breuxiu gli fa’ cenno di continuare con il capo, sedendo

si nuovamente di fronte a lui) “La senora….qui urlava fuera luego ….e qui…” (Gli fa

segno con la mano che e’ uscita: poi, riportandosi il dito alla tempia e mimando il ge-

sto della pazzia) “….es loca….!?!?”

243 – BREUXIU – (Sobbalza) “No, no….non es locas: es gramas….come la cacas…

…!!” (Spara a tutta voce. Si alza in piedi piuttosto alterato) “Ma l’erba gramma, CHI.

….” (Indica la stanza sottolineando la parola) “….a nu gh’ania, tou dixe u Breuxiu!!”

(Va’ alla scrivania e posa la penna, poi torna verso di lui che e’ rimasto un po’ chocca

to dalla sua reazione) “Ciutostu….” (Si risiede ancora) “….cuiusitee pe cuiusitee…”

(Fa’ una breve pausa) “Sta fazenda, in Argentin-a…..perche’ u a vende….!?”

244 – MELACONTAS – (Spiega pacato) “Oh, el senor Pedro Pasalacqua entiende so

lo desmiter l’activitad por un’otra….”

245 – BREUXIU – (Si illumina) “Aaaah….!! Ma a l’e bella….!?!?”

246 – MELACONTAS – (Convinto) “Seguro…..!! Es la mejore de toda Santa Fe’ ! »

247 – BREUXIU – (Fa’ ampi cenni affermativi con il capo : poi) « Ma…a saia anche grossa…..!!”

248 – MELACONTAS – (Alza due dita della mano) “Dociento mila metros….!!”

249 – BREUXIU – (Stupito) “Belandi…..!!” (Resta un attimo pensieroso: poi) “Eeee

…..sempre pe cuiusitee, s’intende…..quantu l’orieiva….!?!?”

250 – MELACONTAS – (Con semplicita’) “Carantacinco milas dollaros…..”

251 – BREUXIU – (Non riesce a fare i conti) “Quarantes…..” (A Melacontas) “Scu-

sei, e….ma mi….fra dolari e euro nu l’e’ che g’agge ancun tantu a man….” (Fa’ una breve pausa, poi) “In lire….quante milioni saieven steti….??”

252– MELACONTAS – (Con naturalezza) “Noventa….!!!”

253– BREUXIU – (Balza sulla sedia) “Ostias…..!!!”

254– MELACONTAS – (Lo guarda interdetto)“Muy cara….??”

255– BREUXIU – (Gaudente) “Pe nintes…..!!!”

Nel frattempo, non vista, alle loro spalle spunta Paulin-a che, ovviamente, rimane in disparte ad ascoltare.

256 – MELACONTAS – (Con disponibilita’) “Senor Pasalaqua, si ve gusta de ablar-

ne mejo manana o lundias…..”

257 – BREUXIU – (Lo blocca di scatto) “Sci, sci…..brauuu….!!!” (Esclama) “Vegni

me a treua lunedi’ matin che ti vedie che quarcosa femmu….!!”

258 – MELACONTAS – (Si alza) “Muy bien senor Pasalaqua…como dis…!?!? E’ stato….piacezie…..!!!” (Gli tende la mano)

259 – BREUXIU – (Gliela stringe) “In piaxeii, se dixe…..” (L’accompagna all’uscita a destra) “In piaxei: anche pe mi…!!” (Intanto che esce) “Se vedemmu lunedi’: me ra

cumandu, che ghe tegnu…..!!!”

Ritorna verso il centro della stanza sorridendo, batte le mani, si gira verso Paulin-a

260 – BREUXIU – (Incredulo e soddisfatto) “Paulin-a, ma tie sentiu, stu chi……”

261 – PAULIN – A – (Seria) “Ho sentiu, Breuxiu, ho sentiu…..”

262 – BREUXIU – (Serio) “Tuttu……!?!?”

263 – PAULIN – A – (Categorica) “Tuttu….!!”

264 – BREUXIU – (Si dirige verso il divano) “E te paiva….!!” (Si siede sul divano) “E mi che staggu ancun a dumandatelu….!!”

265 – PAULIN –A - (Avanza verso il divano e si piazza davanti a lui a braccia con-

serte) “Breuxiu, cos’t’orieisci faa….??” (Chiede seriamente preoccupata)

266 – BREUXIU – (Ammiccante) “Perche’, nu te saieiva cau anaa a vive da l’atra parte du mundu….!?!?”

267 – PAULIN – A – (Sobbalza) “O bella, e mi cose gh’intru….!?!?”

268 – BREUXIU – (Stranamente serio) “Ti vivi praticamente chi cun mi che l’e’ vint

anni: l’e’ cumme ti fisci mee seu. Ti pensi davei che te lascieiva chie…..!?!?”

269 – PAULIN – A – (Seriamente imbarazzata) “Ommi Segnu….ma mi…nu so se….

…”

270 – BREUXIU – (Sornione) “Perche’, oltre che faa da baby sitter agratii ai teu nei, ti ghe di atri impegni da ‘ste parti….!?!?”

271 – PAULIN – A – (Non sa che dire) “Nu ma…..” (Si fa’ cupa) “Nu stamme a dii che tiu pensi in sciu seriu, eh…..”

272 – BREUXIU – (Fa’ spallucce) “E perche’ nu….!?!?” (Poi, serissimo) “Ma nu l’e’ tantu pe mi….l’e’ pe Monica. Pe resci a rancala da tuttu u…..u ramadan de dunda s’e

infiaa…..” (Si alza) “Ma ti te rendi cuntu: a l’a’ quexi trent’anni….!!”

273 – PAULIN – A – (Fa’ spallucce) “Pe quellu….nu tie tortu….” (Allarga le braccia

“Ma anaa adreitua fin-a in Argentin-a….!!!”

274 – BREUXIU – (Scoppia a ridere) “Chissa’…..vediemu….!!” (Poi, incaminandosi verso l’uscita di destra) “Pe oua famme in poo ana a vei cosa l’in-nandia: ti se, deurta

cumma l’e’, cun serti argumenti, gh’e’ u rischiu ca te fasse resuscitaa anche u Maizan

….!!” (Esce da destra ridendo: gia’ fuori scena) “E a saieiva grossa, eh….!!”

275 – PAULIN – A – (Lo guarda uscire sorridendo: scuote la testa, poi, fra se’, un po

malinconica) “Eh Breuxiu, Breuxiu…..pe a Monica gh’eu atru che u Maizan…..!!”

(Scuote la testa uscendo a sua volta dal fondo)

La scena rimane vuota per qualche istante, poi, dall’uscita dal fondo, quasi trascinan-

dosi, compare Ernesto.

276 – ERNESTO – (Entra dal fondo) “Ohi, ohi, ohi…..” (Si lamenta con voce fievo-

le) “Mai ciu’, eh…! Zu-u che nu tuccu mai ciu’ in licure in vitta mee….!!” (Si tra-

scina mollemente fino alla scrivania: si getta di peso sulla sedia davanti alla stessa) “Mai stetu cusci’ maa, zu-u….MAI….!!!”

Rimane qualche attimo riverso sulla sedia continuando a lamentarsi flebilmente: poi, dall’entrata di destra, compare in scena Huguette. Anche lei e’ tutt’altro che un fiore.

Ha occhiaie profonde che neanche il trucco vistoso e’ riuscito a nascondere, una spe-

cie di impermeabile e, soprattutto, calzini e cibatte. In mano, il telefono cellulare.

277 – HUGUETTE – (Entra circospetta da destra: lo vede) “Eccolo, l’imbecille….!!”

(Ha improvvisamente abbandonato l’accento francese) “Proprio te’ che cercavo….!!”

278 – ERNESTO – (Trasale) “Huguette…..!! Ma cose ti ghe fee chi….!?!?”

279 – HUGUETTE – (Furibonda) “Cosa ci faccio qui….!?!? A brutto pezzo di creti-

no….!!” (Si avvicina alla scrivania zoppicando vistosamente: si piazza in piedi davan

ti a lui) “Vedrai….stanotte, con la grappa, faremo faville….!!” (Lo scimmiotta) “E ne

abbiamo fatto faville, ma proprio tante…..!!!”

280 – ERNESTO – (Mortificato) “Huguette, me rincresce, mie…nu ho parole…!! A nu l’ea rappa: e-en sali ingleixi….!!!”

281 – HUGUETTE – (Arrabbiatissima) “E me ne sono accorta….!! Sembro reduce da un attacco di colera…..!!!! E per di piu’, senza aver beccato un soldo e grazie alle tue dolci scarpette da rigattiere con i piedi completamente piagati…..!!!!” (Grida a tutta voce)

In quel momento, da destra, fanno il loro ingresso in scena Breuxiu e la figlia Monica

: anche loro non sono propriamente tranquilli.

282 – MONICA – (Esasperata) “Papa’, nu  ti peu fame questu…..!!”

283 – BREUXIU – (Di rimando) “E perche’ nu….!?!? Mi, pe mantegnite, u-u fassu da quarant’anni…..!!”

284 – MONICA – (Vede Huguette, si blocca di scatto, strabuzza gli occhi) “Huguette

…..!?!?!?” ( Non crede ai suoi occhi)

285 – HUGUETTE – (Sente la voce di Monica: si irrigidisce) “Oddio….!!!!”

286 – BREUXIU – (Stupito, alla figlia, indicando Huguette) “E chi a l’e’ ‘sta butte da fundegu, tia cunusci…..!?!?”

287 – MONICA – (Al colmo dell’imbarazzo) “Eeee….nuuu…sciiii…pe…pe caxu..!”

288 – BREUXIU – (Ha afferrato la situazione) “Ernestu, me sa’ che sun culeghe de travaggiu….!!!” (Ride amaro avvicinandosi alla scrivania)

289 – MONICA – (Non sa’ come districarsi) “Ma nu, nuuu…..n’e’ sulu capitou de bala-a in sciu cubbu insemme, eccu….!!”

290 – BREUXIU – (Squadra Huguette che non e’ proprio una siluhette) “In sce in cubbu de porfidu, speru…..!!” (Mima il gesto di aprirsi in due) “sedunca……!!”

291 – MONICA – (Cerca di riprendersi) “Ma dai, sciu,  cose gh’e’ de stranu….In fun

du, nu femmu ninte de maa….!!” (Poi, avvicinandosi a Huguette e Ernesto, a mez

za voce) “Niatri trei, femmu i cunti doppu, eh…..!!!”

292 – BREUXIU – (Lapidario) “Ansi, a l’e’ quexi n’opera de ben….!!” (Poi, indican-

do il genero) “Mia in poo teu maju cummu n’aprufitta….!!” (Rivolto a Huguette) “U te g’ha za’ portou a vedde u seu studiu, sciu’ de datu……!?!?” (Si ferma, realizza) “E

scie, eh….staneutte…!!!” (Batte le mani) “Tou li’ cosu l’ea tuttu u bulezumme sciu’ e

zu pe a scaa cusci’ a bun’ua…..!!!” (Poi, schifato, rivolto al pubblico) “E tou li’ per-

che’ a l’ea cusci’ tanta…..!!” (Fa’ ampi gesti confermativi col capo, rivolto a Ernesto

“Ueiva dii che se ti l’eivi feta tutta da sulu, te gueiva l’intestin de n’elefante…..!!”

In quel momento, da destra, fa’ il suo ingresso in scena l’avvocato Cacaglia.

293 – CACAGLIA – (Titubante, da destra) “Scu scuuuu…scusate: ho dimenticato la padella….” (Si corregge a mezza voce) “La CARTELLA….!!” (Si avvia alla scriva-

nia) “Dev’essere qua qaaa…qua sopra…..”

294 – HUGUETTE – (Alla voce di Cacaglia, si irrigidisce, assumendo un’espressione di autentico terrore) “Oddiooooo……!!” (Bisbiglia appena: si gira lentamente ceraca

ndo di dargli le spalle e lasciando il proprio cellulare sulla scrivania) “Oddiooo…..!!”

295 – CACAGLIA – (Recupera la sua cartellina) “Sc scusaaate, eh….scusa….” (S’in

terrompe: gli occhi gli cadono sul cellulare di Huguette) “Uuuuhh….!?!?” (Lo guarda

dubbioso: fa’ una smorfia dubitativa e fa’ per allontanarsi) “Buo buoooo…buo buooo

oo…..” (S’interrompe nuovamente, fra gli sguardi incuriositi e sorpresi degli astanti: nota Huguette, la quale cerca di defilarsi sempre piu’ lontana da lui, la guarda a lungo

indagatore, poi….) “Ugaaaaa…..Ugaaaa……Uga !!”

296 – ERNESTO – (Con ovvieta’) “Ma nuuu….Huguette !! Huguette Bertin, mee caa

amiga…..” (Esita un attimo) “E de Monica, s’intende !!”

297 – CACAGLIA – (Si gira furibondo) “Ma quo quooo…quo quooo….quo dici:

Uga Cacaglia, MIA FIGLIA…..!!!!” (Tuona)

298 – BREUXIU – (Scoppia a ridere fragorosamente) “E tou li’ cumme ti favi a savei du reditu, eh, Trumbetta…!!”

299 – HUGUETTE – (Si gira, imabarazzatissima) “Cia…ciao, papa’….!” (Tossicchia leggermente, piu’ volte) “Ero….ero passata per caso….a salutare Ernesto….un mio a

mico…..” (Cerca di giustificarsi)

300 – MONICA – (Furibonda) “Amigu….!?!? Bella faccia che tie….!!!!”

301 – HUGUETTE – (Venefica) “Senti chi parla….!! Chi e’ che mi ha fregato Gian Paolo, eh….!!!”

302 – ERNESTO – (Stupefatto) “Ma….alua……” (Le indica entrambe, desolato)

303 – BREUXIU – (Drastico) “E scie….: tie ciu’ corne d’en trenu de lumasse….!!!”

D’improvviso, il cellulare di Huguette, sulla scrivania, comincia a squillare: Huguette e’ troppo indaffarata a fare baruffa con Monica, mentre Paulin-a cerca inutilmente di tenerle buone, per rispondere ed e’ Cacaglia che si avvicina alla scrivania e risponde.

304 – CACAGLIA – (Risponde al cellulare) “Pro…proooo…..pro pro….pro pronto !!”

Dall’altra parte, roboante, la voce di Gian Paolo Meringa.

305 – ER CEFALO – (Schiumante rabbia, a toni altissimi) “Ugaaaa……!!!!”

306 – CACAGLIA – (Seccato) “So sooo…so sooono il pane !!” (A voce piu’ bassa, si corregge sillabando) “IL PADRE….!!!”

307 – ER CEFALO – (Imbestialito) “E io so er pesce…..!!!!”

308 – BREUXIU – (Esplode in una fragorosa risata) “U cefalu….!!! Alantun u nu s’e

derlenguo mancu leeee…!!” (Rivolto alla platea) “Farmacista, tantu nu anaven ben pe i cavalli: ti ghe metti troppa egua….!!!”

309 – ER CEFALO – (Sempre oltre le righe) “E ‘ndo sta’ quella fija de bona donna de tu fija che c’ho da parla’ d’urgenza…..!!!”

Cacaglia, rigido come un baccala’, passa il cellulare alla figlia che nel frattempo si e’ avvicinata tentennante.

310 – HUGUETTE – (Prende il cellulare) “Cia…ciao, Gian Paolo: dimmi….” (Con un filo di voce)

311 – ER CEFALO – (Sempre piu’ iracondo) “A n’do teri cacciata, brutta zoccola: e’ da ieri che te cerco…..!!!”

312 – HUGUETTE – (Sempre con un filo di voce, cerca di giustificarsi) “Scu…scusa

mi ma….sono stata poco bene…..”

313 – ER CEFALO – (Si quieta un attimino) “Pure tu…?? Ha da sta’ nell’aria….”

314 – BREUXIU – (Sornione) “Nu nu….a l’e’ in te butigge, sei alergici ai licuri…!”

315 – ER CEFALO – (Perentorio) “Vie’ giu’ subito che c’e’ da fa’ ‘n servizio…..!”

316 – HUGUETTE – (Prova ad obbiettare) “Ma…ecco io….veramente….non e’ che stia ancora molto bene…….”

317 – ER CEFALO – (Non da’ possibilita’ di replica) “E movete che quella cretina de Monica m’ha dato er pacco e io ho da da’!! Se nun do’, me danno…!! Ma io a

quella nun le do’ piu’ en sordo……!!!!!” (Urla staccando la comunicazione)

318 – HUGUETTE – (Al colmo dell’imbarazzo, chiude a sua volta) “Va…va bene…

ora arrivo, eh….!!” (Poi, rivolta agli astanti) “Scusate ma…..il lavoro mi chiama !!” (Abbozza un tiepido sorriso: poi, rivolta ad Ernesto, acidissima) “Mi devi i soldi…!!”

319 – ERNESTO – (Indica Monica che e’ proprio davanti a lui e gli da’ le spalle) “E ma……!!!!” (Mugola appena, facendo il segno di “niente” con una mano)

320 – HUGUETTE – (Fa’ spallucce ed esce da destra commentando) “Fa’ niente: la prossima volta, paga doppia e anticipata…..!!”

321 – MONICA – (E’ furibonda: ha realizzato: Si gira verso Ernesto, digrignando i denti) “Ah, a l’e’ cusci’, e……!!! Eccu duve finiven tutte e palanche che te pasavu pe e teu ativitee culturali…..” (A tutta voce) “….A ‘NA DONASSA…..!!!!”

322 – ERNESTO – (Con la piu’ naturale delle facce toste) “Perche’, ti cose  ti fee pe guagnalee…..!?!? A donn…….”

323 – MONICA – (Furente: l’interrompe, si toglie una scarpa, si butta su di lui) “Raz

za de cialtrun, mentecattu, disgrasiou, parasita……..!!!!!!!”

324 – ERNESTO – (Si lancia verso l’uscita sul fondo guadagnandola rapidamente) “Ma nuuu…..ma nuuuuu…..a l’ea sulu na batua, credime, na batuaaaa…..!!!!”

(Esce di scena inseguito da Monica e da Paulin-a che cerca vanamente di trattenerli)

325 – PAULIN – A – (Esce a sua volta dal fondo al loro inseguimento) “Figgeu…..!

Figgeuuuuu…..stei bravi, che ve fei maaaa……..!!!!”

In scena restano per qualche istante, immobili in silenzio, Breuxiu e Cacaglia. Il pri-

mo comincia a girare avanti indietro per la stanza, smoccolando fra se’, il secondo e’

immobile a centro scena e non riesce a proferire verbo. Dopo qualche secondo, e’ pe-

ro’ proprio Cacaglia a riaprire bocca.

326 – CACAGLIA – (Con un filo di voce) “Ugaaa…..Uga….!!”

327 – BREUXIU – (Si gira di scatto) “U g’ha u muru cumme u casinassu….!!! E me paa che fra tutti nu schersemmu nisciun, se….!!!!”

C’e’ un altro attimo di silenzio imbarazzato, poi, Cacaglia.

328 – CACAGLIA – (A Breuxiu, con aria di rivincita) “Co coooo….comunque, io l’aveeeeevo detto su subito….che sua figlia….ha un reddito….!!!”

329 – BREUXIU – (Irritato ma mordace) “Trombetta, anche teu figgia al’ha in reditu ma nisciun-a de due paghen de tasce…..” (Poi, amaro) “Le mondane sono esenti…!!”

330 – CACAGLIA – (Si gira di scatto, offeso) “Le leeee….le leeee….lei non puo’….

appendere mia figlia….!!!”

331 – BREUXIU – (Perde la pazienza) “Teu figgia…..!?!?” (Scatta verso di lui come una molla) “Ma MI….t’apendu tieeee…..!!!!!”

332 – CACAGLIA – (Lo guarda terrorizzato, guarda l’attaccapanni e schizza a molla verso l’uscita di destra) “Va vaaaaaa….va vaaaaaa…..vado subito !!!!” (Urla uscendo precipitosamente da destra)

333 – BREUXIU – (Lo insegue furibondo, si ferma all’altezza dell’attaccapanni: ri-

volto alla platea) “E staotta i apendu tutti: MA POU COLLU…..!!!!” (Spara a tutta voce: si gira verso l’uscita indicando con un braccio) “Ti, tie sulu u primmu….!!!”

(Esce a su volta da destra riprendendo l’inseguimento di Cacaglia.

                           -  S I P A R I O  -


                                    -   T E R Z O A T T O  -

La scena e’ rimasta invariata: siamo al lunedi’ successivo in casa Passalacqua: il sipario si riapre con in scena Breuxiu, seduto alla scrivania: di fronte a se’, particolarmente soddisfatto, Juan Pablo

Melacontas, su una delle sedie, e leggermente defilata, buona spettatrice, Paulin-a.

1 – MELACONTAS – (Con un largo sorriso) “Muy buen, senor Ambrogio….” (Porge a Breuxiu u-

na cartellina ed un libretto) “…..a uste…!!!”

2 – BREUXIU – (Risponde al sorriso) “Grasie mille, zuenottu…..” (Prende la crtellina, l’appoggia sulla scrivania, prende il libretto, lo sfoglio un attimo, lo mette nella cartellina, allunga la sua mano verso di lui e si alza in piedi) “L’e’ stetu in piaxei: viamenti in piaxei…..!!!”

3 – MELACONTAS – (Si alza a sua volta, gli stringe la mano) “El gusto es todo por my…..!!” (Poi

accomiatandosi ed uscendo da destra) “A ysta noche….!!!”

4 – BREUXIU – (Perentorio) “Segu-u….!!”

Melacontas esce da destra ed in scena restano Breuxiu, che prende in mano la cartellina e comincia a guardarne il contenuto, e Paulin-a che lo osserva in silenzio. E’ proprio quest’ultima che rompe gli

Indugi.

5 – PAULIN –A – (A Breuxiu, vagamente preoccupata) “Breuxiu, ma tie segu-u…!?!?”

6 – BREUXIU – (Fa’ spallucce: continuando a sfogliare la cartella) “Cosa feeta….capo ha…!!”

7 – PAULIN – A – (Braccia conserte, comincia a muoversi preoccupata) “Sci, ma a mi nu me paa miga bellu…..!!” (Protesta)

8 – BREUXIU – (Serafico) “E chi ha mai ditu che l’e’ bellu….!?!?”

9 – PAULIN – A – (Non ci sta’: continua a muoversi in silenzio ancora per qualche attimo, poi, va-

gamente adombrata) “Amia, se…..che nu gh’e’ propriu ninte da rie…!!”

10 – BREUXIU – (Posa la cartella sulla scrivania: perentorio) “In sce questu, g’aviei i mee dubbi !”

(Consulta l’orologio al polso) “Ciustostu, i dui ex piciuncini, ti i ee avisee….??”

11 – PAULIN – A – (Sempre scura) “Sci, sci….da chi an poo sun chi’….”

12 – BREUXIU – (La guarda storto) “Tutti dui…..!?!?”

13 – PAULIN – A – (Lapidaria) “Sci…!!”

14 – BREUXIU – (Sornione) “Insemme…..!?!?”

15 – PAULIN –A – (Seccata) “Insemme !!”

16 – BREUXIU – (Caustico) “Prepare e pumpe anti incendiu….!!!”

17 – PAULIN – A – (Amareggiata) “Spiritusu….!!” (Poi, leggermente risentita) “S’en ousciui ben, se…!!!”

18 – BREUXIU – (Sarcastico) “Euuuuhhh…!!! Fin che g’he stetu da cuntaa de micce e nu faa ninte

s’en ousciui in ben de l’an-nima….!!” (Cambia espressione) “Ti ghee pasa-a dau feramenta….!?!?”

19 – PAULIN – A – (Distratta dai suoi pensieri) “Sci, sci….ghe sun pasaa….”

20 – BREUXIU – (Indagatore) “U ghei aiva….!?!?”

21 – PAULIN – A – (Butta li’) “Sci….”

22 – BREUXIU – (Insiste) “Quante ti n’ee pigiou…??”

23 – PAULIN – A – (Decisamente seccata) “Na duzen-a…!!” (Poi, indagatrice) “Ma se peu savei cose ti n’eu faa…..!?!?”

24 – BREUXIU – (Fingendo ovvieta’) “Paulin-a, ma pe i ratti, nu….!?!?”

25 – PAULIN – A – (E’ sempre tormentata dai suoi dubbi) “Pei ratti….!!! Ma figurite in poo….!!!” (Esplode) “Chi stemmu anandu zu pe l’egua, e a lee…” (Indica Breuxiu) “…ghe vegne in mente i ratti….!!!”

26 – BREUXIU – (Sornione) “A mia che quande a barca a va’ a baggnu, i ratti sun i primmi a scapa

-a….” (Fa’ una breve pausa) “….e se g’arescen, se porten via u furmaggiu….!!”

27 – PAULIN – A – (Amara) “Cose g’he, tie puia d’aresta-a sensa ninte in toua…!?!?”

(Breuxiu fa’ ampi gesti di approvazione ai quali Paulin-a non risponde: passeggia ancora qualche is-

tante in scena poi a Breuxiu, con veemenza) “Cumunque, secundu mi Ernesto e Monica s’euen ancun ben: basta che ghe descimu in poo de tempu e…..”

28 – BREUXIU – (Drastico) “Rescieiven fin-a a masase ben….!!!”

29 – PAULIN – A – (Tenta di replicare) “Ma cose ti ne se tie de…..” (E’ interrotta dall’avvicinarsi di Ernesto e Monica: stanno discutendo animatamente fuori scena) “Tei chi’ c’ariven….!!” (Taglia corto defilandosi verso l’angolo del divano)

30 – MONICA – (Entra per prima dal fondo:ha due vistosi lividi sul volto. Perentoria, rivolgendosi ad Ernesto dietro di lei) “…e nu traversarme ciu’ a straaa, verme: MAI CIU !!”

31 – ERNESTO – (Entra dal fondo subito dietro di lei: Ha un occhio nero e un vistoso cerotto in fronte.Ringia deciso) “Tie n’ingrata….!! T’ ho dedicou i meggiu anni d mee vitta…..ma za’, tie  sempre avuu a sensibilitee de n’ elefante…..!!!”

Interrompono il loro alterco alla vista di Breuxiu che li sta’ guardando male da dietro la scrivania.

32 – MONICA – (Sobbalza leggermente) “Ah….! Ciau, papa’….ti ne stavi za’ spetandu, veddu….”

33 – ERNESTO – (Si blocca un attimo) “Bun…bungiurnu, sciu Breuxiu….” (Non sa’ che dire) “Cumme….cumma va…??”

34 – BREUXIU – (Li osserva a lungo divertito, poi scoppia a ridere) “Paulin-a…..tievi raxiun se…!!”

35 – PAULIN – A – (Che si stava fingendo affaccendata in altro) “Uh….in sce cose…!?!?”

36 – BREUXIU – (Al vetriolo) “S’euen ancun ben….: ghe l’an scritu in sciu muru….!!!” (Indica a Paulin-a i visi segnati di entrambi)

37 – MONICA – (Fa’ spallucce) “Sucede…!!” (Commenta agra)

38 – ERNESTO – (Piu’ diplomatico, cerca una scusa) “Eeeee…sun….sun cheitu! Scia sa’, l’avven

tua de vei cun i sali ingleixi, nu l’e’ ca m’ ha lasciou tantu ben…..”

39 – BREUXIU – (Ilare) “Poeta….mia che quellu li’….” (Gli indica l’occhio nero) “…u nu l’e’ sali

ingleixi…..u l’e’ euiu de frasciu….!!” (Sentenzia mimando il gesto della bastonatura).

Ernesto si irrigidisce e non replica, Monica fa’ brevi passettini davanti alla scrivania del padre, in as

Soluto ed imbarazzato silenzio.

40 – BREUXIU – (Che nel frattempo ha ricominciato a scartabellare nella cartellina, rivolto alla fi-

glia con un gesto della mano) “Seteive……!” (Perentorio: Monica avvicina leggermente la sedia al-

la scrivania e si siede prudente di fronte al padre. Ernesto si avvicina di qualche passo e rimane in piedi di fronte a lui: Breuxiu lo guarda un attimo di sottecchio, poi, perentorio) “E pigite na carega, frisceu….!!!”   

41 – ERNESTO – (Si scuote) “Se seguu…seguu!!” (Mormora appena: esita qualche istante, poi schizza verso Paulin-a che gli sta’ porgendo una sedia, l’afferra al volo e si siede anch’egli alla scrivania badando bene di essere a debita distanza da Monica)

42 – BREUXIU – (Li osserva entrambi) “Oua ben….!!” (Apre la cartellina) “Dunque, belesse: l’ei vistu quellu zuenu cu l’e’ apena anetu via….??” (Chiede fissandoli: accennano entrambi di si) “U se ciamma…..” (Prende un bigliettino da visita) “….Giuan Pablo …..Megacontas……: Argentin….!!”

43 – PAULIN – A – (Sempre fingendosi affaccendata in altro: si alza, rivolta a lui) “Breuxiu: ME-

LACONTAS….!!” (Precisa scandendo la parola)

44 -  BREUXIU – (Drastico) “Paulin-a, ti m’aa cunti n’atrotta che oua devu cuntala a questi, eh..!!”

(Riprende il filo del discorso, mentre Paulin-a fa’ spallucce e torna alle sue occupazioni fittizzie) “Stu zuenu u s’aieiva n’Uficiale du Registru……” (Si mantiene vago: fa una breve pausa e , deciso)

“In notaiu….!!!” (Provoca un sobbalzo sulla sedia da parte di Ernesto)

45 – MONICA – (Sgrana gli occhi) “Notaiu…..!?!?”

46 – BREUXIU – (Flemmatico) “E sci, propriu in notaio. Cumme ti see, Monica….” (Fa’ uba pausa

: rivolto al genero) “….e anche ti, bezugu….” (Richiude la cartellina lasciando fuori il libretto) “…..

u free de mee nonnu u l’e’ anetu in Argentin-a tant’anni fa’: u s’e’ spuzou, u l’ha avu-u in figgia cu l’e’ mortu sulu e carregu de franchi quarche meise fa’….” (Squadra gli sguardi speranzosi di entrambi) “Mumentu, eh….!!!” (Trasalisce: fa’ il gesto delle corna) “U l’ea ciu’ veggiu de mi: e anche d’en toccu….!!!”

47 – MONICA – (Abbozza un timido sorriso) “Ma papa’, ma cose ti vee pensandu oua….!!”

48 – BREUXIU – (Secco) “Monica, l’e’ quellu che pensei viatri che me preocupa….!!!” (Si rifa’ se

rio) “U guvernu Argentin u l’ha mandou stu zuenu in Italia pe serca-a i eventuali eredi: ghe n’e’ are

stou sulu ciu’ un: MI….!!”

49 – MONICA – (Con un filo di voce) “Aaahh…!!”

50 – ERNESTO – (Si illumina) “Ma dai….!!!”

51 – BREUXIU – (Al genero) “E nu, cau, pe oua nu….! Mi daio, ecumme, nu apena m’ariva in man i dinee de ‘stu librettu, ma primma, me rincresce, devi esse vaitri a da…..”

52 – MONICA – (Preoccupata) “In…che sensu scusa ….?”

53 – BREUXIU – (Allarga le braccia) “Mah….!!” (Fa’ una pausa studiata, passandosi il mento con la mano) “Mee nonnu u diva che in regallu u nu l’e’ bellu su nu l’e’ meitou….: preuei a meitaveli, e

‘sti dinee sun mezzi peun….!” (Sentenzia)

54 – MONICA – (Perplessa) “Sci ma….cumme femmu a savei che a-a fin ti ritegnee che i meritiem

mu….!?!?”

55 – BREUXIU – (Tagliente) “E preua a fate in poo n’esamme de cusciensa e dumandilu in poo a le !!”

56 – ERNESTO – (Piu’ pratico) “Maaa….sun tanti….!?!?”

57 – BREUXIU – (Fa’ il misterioso: poi, neutro) “Quatrusentu sinquanta milla dollari….”

58 – ERNESTO – (Si scambia con Monica uno sguardo trafelato) “Saieiva….!?!?”

59 – BREUXIU – (Naturale) “Un ciu’…un menu….neuvesentu miliuni….”

60 – MONICA – (Balza sulla sedia) “Noves…….” (Riesce appaena a mormorare)

61 – ERNESTO – (Crolla con le braccia sulla scrivania) “Nove……” (Riesce appena ad articolare)

62 – BREUXIU – (Si alza tenendo il libretto in mano) “Tou li’ tuttu…!! Pe oua …” (Mostra il libret

to ai due, ancora increduli) “….stu chi mou tegnu ancun in poo mi: guagneiveli, e sun tutti i vostri”

(Si avvia per uscire dal fondo: si ferma) “Ouh, u l’e’ au portature, eh…: chi deve cheuggge, sou pig

gia e u va’ in banca !!” (Poi, a Paulin-a) “Paulin-a, nemmu a tende ai ratti, va….” (Esce da destra se

guito da Paulin-a)

63 – PAULIN – A – (Lo segue, si ferma un attimo sull’uscita, si volta verso di loro: vorrebbe dire

qualcosa ma e’ incerta, esita a lungo, poi, quasi implorante) “Me racumandu, figgeu: me racumandu

!!”

In scena, seduti davanti alla scrivania, restano in silenzio per un lungo istante Monica e Ernesto: so-

no choccati, non sanno che dire. Poi….

64 – MONICA – (Sbuffa a lungo, passandosi una mano fra i capelli) “Assidente….” (Mormora ap-

pena) “Assidente….!!!” (Ripete a voce piu’ alta alzandosi) “Novesentu miliuni: questa sci’ ca l’e’ na furtun-a…..!!!”

65 – ERNESTO – (Ancora incollato alla scrivania) “Calma, eh: quattrusentusinquanta…!!” (Puntua

lizza)

66 – MONICA – (Si gira rabbiosa) “E ti cose t’ieu, scarafaggiu…!?!?”

67 – ERNESTO – (Si alza in piedi, deciso) “Cumme mi cos’ euggiu: u l’ha ditu meite’ pe un !!”

68 – MONICA – (Sprezzante) “Senti, pe cumme te cunscidera mee pue, pe meitateli ti devi andaa armenu in sscia lun-a !!”

69 – ERNESTO – (Pungente) “E ti ti devi dermette de faa a vittatta, cosa da quale me permettu de dubitaa fortemente….”

70 – MONICA – (Piccata) “Oh, u sant’ommu, cu spendeiva e palanche che ghe davu mi insemme a na donna de vitta…!!!”

71 – ERNESTO – (Mordace) “Fra culeghe, nu duvieisci mancu esse giuse….!!”

72 – MONICA – (Fa’ per avventarglisi, imbufalita) “Senti, bellu da mamma,  nu te credde che…”

73 – ERNESTO – (la blocca parando le mani davanti a lei) “Alt…!!! Quellu che l’e’ stetu, l’ e’ stetu…! (Chiude l’argomento) “Oua me paa che emmu cose ben ciu’ serie da pensaa !!”

74 – MONICA – (Si placa) “Sci, questu l’e’ veu……”

Rimangono entrambi silenziosi per qualche istante, entrambi pensosi: Ernesto immobile, reggendosi il mento con una mano, Monica, braccia conserte, passeggiando nervosamente.

75 – ERNESTO – (Di botto) “Monica, teu pue u l’ha ditu che quellu librettu u l’e’ au portature…… ….dunca esigibile da chiunque…..”

76 – MONICA – (Pensava la stessa cosa: di scatto, al marito) “Occhio, fuentu….se tie in mente

quarche tiu mancin, scorditelu…!!”

77 – ERNESTO – (Fingendo meraviglia) “Tiu mancin….!?!? Mieeee…..!?!? Ma, amuu, pensavu

sulu quellu che stavi pensandu anche ti….!!”

78 – MONICA – (A muso duro) “Quelle palanche….” (Gli punta l’indice sotto il naso) “….sun e MEEE….…!!!” (Tuona: poi, sempre a voce altissima) “TIE CAPIUU…..!?!?!?”

79 – ERNESTO – (Allarga le braccia: con falsa rassegnazione) “Mee caa, a la guerre comme a la guerre, dixen i Franceixi: gh’e’ chi savia’ tutelaa i mee diritti…..!”

80 – MONICA – (Agitata) “Quell’imbecille de Cacaglia o quella mammola de seu figgia…!?!?”

81 – ERNESTO – (Scoppia a ridere) “Cacaglia……!?!? Ti Vedie quande u-u savia a mamma….!!”

(Esce dal fondo ridendo sguiatamente e lasciando Monica decisamente in ambasce)

Monica rimane sola in scena: passeggia nervosamente qualche istante rimugginando fra se’

82 – MONICA – (Visibilmente preoccupata) “Assidente, quellu berodu u l’ha raxiun….!! Cacaglia u l’e’ n’ imbelle, ma seu muee….!!!” (Fa’ una lunga pausa continuando a passeggiare) “D’atru can

tu, mi cose possu faa…..!?!? Le u peu’ cuntaa in scesu quarche dun, ma mi…..” (Si blocca di colpo) “Gian Paolo !!” (Si illumina: rimane qualche attimo sopra pensiero, poi) “E perche’ nu….!?!? U l’e’ pin de debiti fin-a au collu, figuremuse, se ghe prumettu na parte, su nu me da’ na man….!!!” (Esce di corsa da destra, lasciando la scena vuota)

Dopo qualche istante, dal fondo, ricompaiono Breuxiu e Paulin-a: lui si frega le mani con volutta’, lei ha in mano una borsina vuota.

83 – BREUXIU – (Entra dal fondo, sembra allegro) “Beleu, Paulin-a, davei da bella roba: cumpli-

menti….!!”

84 – PAULIN – A – (Scura in volto, piega il sacchetto) “E se ti te sbagliesci….!?!?”

85 – BREUXIU – (Si ferma un attimo) “Oriei, credime: oriei in davei…!!” (Commenta serio, avvi-

andosi verso destra e uscendo seguito da Paulin-a)

Passa ancora qualche attimo, poi da destra, concitatissimi entrambi, fanno il loro rientro in scena Monica seguita da Er Cefalo.

86 – MONICA – (Entra per prima a passo spedito: si ferma un attimo, si volta verso Er Cefalo che si e’ bloccato all’altezza dell’attaccapanni) “E mescite, dai, assidente a ti….!!”

87 – ER CEFALO – (Per nulla convinto) “A Mo’, a me ‘sta casa me ‘sta a da’ addosso……”

88 – MONICA – (Torna indietro, lo afferra per una mano) “E dai, Santu Cielu, che nu gh’emmu

tempu in eternu….!!!” (Lo trascina quasi fino a centro scena) “Tie capiu, dunque…!?!?”

89 – ER CEFALO – (Tentennante) “Beh…si…pe capi’ o capito, pero’….” (Fa’ una breve pausa:

Monica sbuffa spazientita e lui) “A Mo’, guarda che se me stai a pia’ ‘n giro come sabato, io faccio

un macello, eh….!!”

90 – MONICA – (Piu’ convincente e decisa che puo’) “Gian Paolo, nisciun te piggia in giu: de la’,

….” (Indica l’uscita dal fondo) “….in ta primma cantia du cumo’, gh’e’ in librettu au portature cun  in simma novesentu miliuni: diggu….” (Sottolinea le parole alzando il tono della voce) “….NOVE

SENTU….MILIUNI…..!!!” (Sillaba) “U l’aspeta sulu de esse piggiou, portou in banca e cunvertiu in liquidi…..”

91 – ER CEFALO – (Dubbioso) “Di un po’…..se ce so’ cosi’ tanti sordi, perche’ nun too sei pijata tu da sola….!?!?”

92 – MONICA – (Lo guarda malissimo) “Diggu, ma tie scemmu….!?!? Ti pensi davei che mee pue  u nu l’avieiva pensou che l’avesse piggiou mi ? U nu l’e’ miga abelinou, eh…!!” (Fa’ una pausa mentre Er Cefalo risponde con una smorfia dubitativa) “Na outa piggiou u librettu, tantu che vaggu in banca a incasciaa, ti te fiundi dai carbinee e ti fee denunsia di smarrimentu cusci’….”

93 – ER CEFALO – (Sobbalza) “Hao….me pare che sei tu cretina !! Come faccio IO….” (Si indica

“…..a sape’ che e’ sparito er libretto….!?!? Vabbene tu’ che sei padrona de casa, ma….”

94 – MONICA – (L’interrompe) “Va ben, va ben….semmai….” (Esita un attimo) “….faiemu  u cuntraiu, eh…!?!?” (Si corregge subito) “Ansi, nu: semai gh’anemmu insimme!!” (Gli fa’ un sorriso ammiccante)

95 – ER CEFALO – (Sospira alzando gli occhi al cielo) “Speramo bene…!!” (Allarga le braccia) “Allora, ‘ndo sta’ ‘sto coso…!?!?”

96 -  MONICA – (Ringalluzzita) “In ta primma cantia du cumo’….!!” (Lo spinge fuori da destra quasi di forza) “Atentu, pero’, perche’ u se arve maa: ti devi infilaghe a man dentru e…..”

97 – ER CEFALO – (L’interrompe: e’ nervoso) “Ma armeno ce passa a mano…..!?!?”

98 – MONICA – (Decisa) “Sci, sci….a ghe passa, a ghe passa….” (Lo spinge fuori da destra) “Ti vediee  ca ghe passa…..!!”

Appena Er Cefalo e’ uscito, Monica corre all’uscita di destra e comincia a guardare dentro e fuori nervosamente.

99 – MONICA – (Dall’uscita di destra) “Assidente…..” (Sbuffa nervosa) “Ma quantu ghe mette !?”

(Torna a sbirciare fuori, rimugginando fra se’. Sbuffa, poi sogghigna leggermente) “E nu, bellu: in Banca, poi, gh’anemmu insemme. Ti da sulu a retiaa e palanche….mancu mortu !!” (Sbircia ancora fuorisbuffa nuovamente) “Speremmu cu l’agge treuou, u mentecattu….!!”

In quel momento, dal fondo, si ode lo schianto di una trappola per topi che scatta, seguito da un urlo terrificante di dolore emesso da Er Cefalo.

100 – ER CEFALO – (Da fuori scena) “Ahioooooo….!!!” (Rientra in scena di corsa, stringendosi una mano con l’altra,dal fondo, passa sotto lo sguardo stranito di Monica che lo guarda esterrefatta) “Possino ammazza…..!!!” (Gli urla in faccia) “Monica, TE POSSINOAMMAZZA…..!!!!!”

(Rincara la dose a tutta voce uscendo fuori da destra a tutta velocita’)

101 – MONICA – (Lo osserva uscire stralunata, senza capire, poi si riprende) “Ma che diau  l’e’

sucessu….!?!?” (Si chiede sorpresa: pensa di aver realizzato) “Tieu vedde che quell’imbecille u s’e’  serou a man in ta cantia…..!?!?” (Muove verso l’uscita dal fondo) “Famme anaa a  vedde n’ attimu prima che…..” (Si blocca: dalla destra provengono delle voci. Una e’ quella stridula della Zecca) “Oddio, mee seuxua….!!” (Ritorna sui suoi passi) “Questu u nu l’e’ propriu u mumentu….” (Sbircia fuori da destra) “Sci….se sun fermee: forsa che resciu a battimela….!!!” (Conclude uscen

do furtivamente da destra accompagnata dalle voci che si avvicinano)

Dopo qualche istante, accompagnata dal fido Cacaglia e quasi scortata da Breuxiu e Paulin-a, fa’ il suo ingresso in scena dalla destra la Zecca: passo deciso, aria impettita, sigaretta fumante sul bocchi

no. E’ decisamente di cattivo umore.

102 – LA ZECCA – (Entrando da destra, volgendosi indietro verso Breuxiu) “Allora CARO….” (Acuto sibilante di dileggio, primo sobbalzo di Breuxiu) “….signor Ambrogio…..abbiamo visto che era VERO….!!!” (Secondo acuto: Breuxiu rabbrividisce socchiudendo gli occhi) “La signora Moni-

ca Passalacqua E’ EREDITIERA…..!!!!” (Terzo acuto: Breuxiu, desolato, si passa una mano sul vi-

so)

103 – BREUXIU – (Con naturalezza) “E ben….!?!? Mi, apena l’ho saciu, ghe l’ho ditu subetu….A

tutti dui…..!!!” (Sembra quasi giustificarsi)

104 – LA ZECCA – (E’ all’altezza della scrivania, seguita come un’ombra da Cacaglia che regge la sua cartellina) “MENZOOOGNAAA….!!!!!” (Strilla a tutta voce: Breuxiu si tura le orecchie con le

mani) “IO…..” (Prosegue sempre sopra i toni) “….l’ho saputo solo tramite una telefonata del MIO Ernesto…..!!!!” (Si siede pesantemente di fronte alla scrivania mentre Cacaglia si posizione in piedi alle sue spalle con aspetto marziale)

105 – BREUXIU – (E’ dietro alla scrivania. Sta’ per rispondere alla Zecca: incrocia lo sguardo di Cacaglia che finge indifferenza, lo guarda qualche istante, poi, tendendo una mano verso di lui, a tut

ta voce) “E setite, stuchefisciu…..!!!!”

106 – CACAGLIA – (Sobbalza: con lo sguardo cerca Paulin-a che, previdente, gli sta’ porgendo u-

na sedia, la afferra di gran carriera e si siede all’altro lato della scrivania) “Ce ceee…ce certo…!!”

107 – BREUXIU – (Si siede a sua volta: alla Zecca) “Principessa, famme in poo capii ‘na cosa: TI...

(La apostrofa deciso) “….cos’ ti gh’intri….!?!?”

108 – LA ZECCA – (Impettita, alzando il bocchino dopo aver aspirato profondamente il fumo, sem

pre sopra le righe) “Ma mi sun a MAMMMAAA…..!!!!” (Soffia una folata di fumo in faccia a Bre

uxiu)

109 – BREUXIU – (Tossisce convulsamente, cercando di allontanare il fumo) “Ciu’ che na mamma ti me paggi na ciminea de Campi….!!” (La canzona. Poi, serio) “E mi sun u pue….!!”

110 – LA ZECCA – (Seccata) “Za’….: padre e……” (Fa’ una pausa, come a cercare le parole) “…

…poco aculturato !” (Sentenzia. Poi, di getto) “Come lei NON PUO’ certamente sapere, la dottrina

psicologica dei tempi moderni dice che la mamma e’ la custode naturale dei segreti dei propri figli...

(Si rivolge a Cacaglia) “Vero, avvocato….??”

111 – CACAGLIA – (Fa’ ampi gesti di conferma) “Ce ceeee….ce ceeee……”

112 – LA ZECCA – (L’interrompe secca) “Sittu, basta cusci’ !!” (Poi, rivolta a Breuxiu, prosegue) “Quindi, na mamma a deve SEMPRE savei…..!!!”

113 – BREUXIU – (Che, nel frattempo, ha dato evidenti segni di fastidio alle urla stridule della Zec

ca) “E quande na otta a mamma a sa….cosa fa….!?!?!?” (Chiede sornione)

114 – LA ZECCA – (Con una risatina isterica) “Ma semplice…..difende al meglio gli interessi del figlio, ovvio….!!”

115 – BREUXIU – (La guarda storto) “Ouh, nu l’e’ che ti aviesci a preteiza che me mantegnisse an-

che ti, pe caxiu….!?!?”

116 – LA ZECCA – (Con una risata di compatimento) “Suvvia, Ambrogio, non siamo cosi’ pezzen-

ti come lei, in MALAFEDE….” (Strepita provocando un gesto di disperazione da parte di Breuxiu)

“….vorrebbe far intendere: semplicemente, si vuole solo far valere, tramite l’avvocato….” (Indica Cacaglia che sobbalza sulla sedia) “….che presentera’ regolare istanza…..”

117 – BREUXIU – (Squadra Cacaglia con aria feroce) “Ti…” (Lo indica) “…cos’ ti faieisci oua…??”

118 – CACAGLIA – (Strabuzza gli occhi: si lascia cadere la cartellina sulle ginocchia) “ Io….!?!?”

(Si indica: allarga le mani e comincia a scuotere nervosamente la testa in segno di diniego) “Ni……

niente…niente, io…..ni…niente……!!” (Farfuglia agitatissimo continuando ad indicare la Zecca e ad allargare le mani in segno di diniego)

119 – LA ZECCA – (Ha nuovamente aspirato profondamente dal bocchino) “Le ragioni che danno

diritto ad Ernesto……”

120 – BREUXIU – (Ha notato l’aspirazione del fumo: rivolto a Paulin-a) “Pauilin-a, pe piaxei, pigi-

me in poo in paegua….!!!!”

121 – PAULIN – A – (Non capisce: strabuzza gli occhi incredula, poi fa’ spallucce ed esce da destr

a commentando fra se’) “Boohhh……!!

122 – LA ZECCA – (Risoffia il fumo in faccia a Breuxiu che si protegge gli occhi con le braccia) “…..di essere il legittimo destinatario di gran parte dei novecento milioni che lei ha ereditato….!!”

123 – PAULIN- A – (Rientra in scena da destra con un ombrellino portatile e lo porta a Breuxiu) “Mia in poo, u va’ ben ‘stu chi…..??”

124 – BREUXIU – (Si allarga in un sorriso radioso) “Grasie, Paulin-a…..tie n’angiou….!!”

125 – PAULIN – A – (Si allontana verso il divano cominciando a trafficare per conto suo) “Se tiu dixi ti…!!” (Commenta poco convinta)

126 – BREUXIU – (Comincia ad armeggiare con l’ombrello, provandone l’apertura: rivolto alla Zecca) “Scia scuse, eh, scia Secca….scia stava dixendu….!?!?”

127 – LA ZECCA – (Si sente presa in giro: nervosissima) “Signor Ambrogio…..” (Acida: aspira un’altra boccata di fumo) “….che TI DEVI PAGAAA……!!!!” (Urla stridulissima soffiando poi una grossa boccata di fumo verso Breuxiu)

128 – BREUXIU – (Schizza in piedi come una molla aprendo di scatto l’ombrello e respingendo il

fumo contro la Zecca che, investita in pieno, comincia a tossire convulsamente) “E NUUU…!!!” (Spara a tutta voce) “Pe avelenaa u proscimu basta za’ Curnigen….!! Paghio teu figgiu se e quande

saiaa u mumentu: ti, pe acuntu…..” (Richiude l’ombrello indicandola mentre lei continua a tossire e a scrollarsi il fumo di torno) “…..piggite in poo da teu meixin-a….!!!!”

129 – LA ZECCA – (Semi intossicata, scatta in piedi furibonda inveendo contro Breuxiu) “Vilan....

….ANIMALE……!!!!” (Si agita convulsamente) “Questu u l’e’ n’atentatu che….” (Si blocca: pun-

tualizza) “… l’urtimu de na LUNGA SERIE de atentati….” (Strepita isterica)

130 – BREUXIU – (Sobbalza portando le mani alle orecchie) “…..che ti stee faxendu ae mee uegge

Principessa Bin Laden…..!!!!”

131 – LA ZECCA – (Non lo considera: imperterrita) “….che stei perpetrandu ai danni mee e du mee Ernesto: L’E’ N’INDECENSAAAA……..!!!!!!!!” (Spara a mille megatoni)

132 – CACAGLIA – (Vuol dargli manforte: a tutta voce) “E’ una SCEMENZA..!!” (Si corregge a mezza voce) “Indecenza, perdiana, indecenza….!!”

133 – BREUXIU – (A Cacaglia, con un sorriso) “Brau, ti l’ee capia….” (Indica la Zecca) “Tie na

scemensa….!!!”

134 – CACAGLIA – (Si infervora) “Lei no nooo…no noooo…non puo’ continuare ad app….” (Si blocca, guarda terrorizzato verso l’attaccapanni, cambia parole) “….a parlarmi cosi’ male…!!”

135 – PAULIN – A – (Di rimando, senza interrompere il suo lavoro) “E u parla ben lee che pe dii quattru u ghe loua in meize…!!”

136 – LA ZECCA – (Sempre piu’ agitata) “U fumme in faccia a mi, i sali ingleixi a mee figgiu…..”

137 – BREUXIU – (L’interrompe secco) “Quelli li’ u sei e’ pigee perche’ u l’e’ in ladru!”

138 – LA ZECCA – (Fa’ un balzo pauroso all’indietro, scaraventando via la sedia) “ANCHE E

OFEISE GRAVI OUAAAAAA…..!!!!” (Strepita con un singulto: Breuxiu fa una smorfia di sof-

ferenza incredibile) “Signor Ambrogio, scia se ricorde ben che u MEE ERNESTO u l’ha avu-u n’educasiun esemplare e che de quellu che nu l’e’ seu u nu tuchieiva MAI mancu IN SPILLU….!!”

In quel momento, dal fondo, c’e’ lo scatto violento di una trappola per topi seguita da un urlo stra-

ziante di dolore.

139 – ERNESTO – (Da fuori scena, sul fondo) “AHIAAAAAA…..!!!!!!”

140 – BREUXIU – (Sbatte le mani: poi, rivolto a Paulin-a, ilare) “I ratti….!!! Emmu piggiou i ratti..

….!!!”

141 – ERNESTO – (Implorante da fuori scena) “Mammmaaaaaaa….!!!” (Compare in scena dispera

to dal fondo un attimo dopo: ha ancora la trappola attaccata alla mano) “Mammaaaa…..!!!” (Ranto-

la quasi)

142 – LA ZECCA – (Si precipita verso di lui) “ERNESTOOOOO…….!!!!!” (Strepita a squarciago-

la)

143 – BREUXIU – (A Paulin-a, disperato) “Ma nu se pouriaa faa ninte pe blocaghe i decibel….!?”

144 – ERNESTO – (Mostra la mano ferita alla madre che gli stacca la trappola) “Gh’ea in rataieu …..gh’ea in rataieu…..!!!” (Geme disperato)

145 – LA ZECCA – (Decisa) “Ma duve…..!?!?”

146 – ERNESTO – (Indica l’uscita dal fondo) “De la’, in ta cantia du cumo’….”

147 – LA ZECCA – (Muove a passo marziale verso la scrivania, vi sbatte sopra la trappola e, a mu-

so duro) “Questu l’e’ troppu….!! Signor Passalacqua, come ha osato mettere una trappola per topi nel cassetto dei calzini di mio figlio, eh….!?!?!?”

148 – BREUXIU – (Ridacchia) “Viamenti de la’ in ta cantia, nu ghe n’e’ scapin. Me sa’ che seu fig

giu …..u sercava de l’atru…!!” (Fa’ spallucce) “E poi…ghe l’aiva ditu de staa atentu che g’he i ratti

….!!!”

149 – LA ZECCA – (Sprezzante) “Zotico, animale, bifolco, villanzone….!!” (Poi, schiumante rab-

bia) “Ma staotta nu ti a passi liscia, eh ! Staotta che sun MIII….” (Strepito e smorfia di dolore) “…..a testimoniaa e teu malefatte e constatero’ PERSONALMENTE…..” (Altro urlo) “….a mesua

da teu bassessa…!!” (Scatta verso l’uscita sul fondo)

150 – PAULIN – A – (Preoccupata) “Ma Breuxiu, nu……”

151 – BREUXIU – (La blocca tendendo una mano, poi…) “Scia Secca, pero’ scia nua mette a man in ta cantia che g’he…..” (Viene interrotto dallo schiocco sinistro di una trappola per topi e dall’ur-

lo lancinante di dolore della Zecca. Con rassegnazione) “…..i ratti….!!!”

Da quando Breuxiu ha smesso di parlare passa una frazione di secondo e un secondo schiocco risuo

na da fuori scena con susseguente urlo.

152 – LA ZECCA – (Da fuori scena, straziante) “AHIAAAAAAAAA……..!!!!!”

153 – BREUXIU – (Sobbalza) “Tutte due….!!!” (Evidenzia le mani a Cacaglia e Paulin-a) “A ghe l’ha misse tutte due, l’asperta….!!!”

Un attimo dopo la Zecca si catapulta fuori scena dal fondo lanciando grida disperate.

154 – LA ZECCA – (Esce dal fondo: ha ancora entrambi le mani, che tiene allungate davanti a se’, imprigionate nelle trappole. Straziante…) “AHIAAAA……AHIOMAMMAAAA…..!!!!” (passa di

corsa davanti agli astanti, poi davanti al figlio ed esce da destra sempre correndo)

155 – ERNESTO – (Osserva allibito la scena, guarda terrorizzato Breuxiu che lo sta’ fissando male e scatta di corsa verso l’uscita di destra gridando a sua volta) “Mammaaaa….!! Mammaaaa…..!!”

C’e’ un attimo di silenzio con Paulin-a che osserva allibita e Cacaglia che e’ immobile, terrorizzato.

156 – BREUXIU – (Osserva immobile per qualche secondo con espressione visibilmente soddisfat-

ta, poi squadra Cacaglia) “Trumbetta, tieu anaghe anche ti in po avei se gh’e’ di ratti….!?!?”

157 – CACAGLIA – (Scatta terrorizzato verso l’uscita di destra urlando a sua volta) “Ma maaa…..

ma maaaa….ma mammaaaaa…….!!!!!”

Paulin-a osserva Cacaglia battere velocemente in ritirata da destra: scuote la testa, amara.

158 – PAULIN – A – (Amareggiata, a Breuxiu) “Breuxiu, e oua cose femmu….!?!?”

159 – BREUXIU – (Anche lui sorride amaro) “Anemu a preparase i tocchi…!!” (Si avvia verso l’u-

scita sul fondo)

160 – PAULIN – A – (Lo segue: si ferma lo chiama e lui si volta) “Breuxiu….me rincresce, se……

me rincresce tantu…..!!”

Breuxiu fa’ spallucce ed esce piano dal fondo, Paulin-a esita un momento: si rivolge alla platea, al-

larga le braccia scuotendo leggermente la testa ed esce a sua volta mestamente dal fondo. Dopo qual

che istante, da destra, irrompe in scena Monica come una furia.

161 – MONICA – (Da destra, stringendo un martello e schiumando di rabbia, si proietta fino a cen-

tro scena. Si blocca.) “LICENSIAA…..!!!” (Urla con un gesto del braccio) “In truncu…in sce dui

pee….!!” (Esita ancora qualche istante) “U m’ha ditu che su me rivedde l’unicu servisiu cu me fa’ u  l’e’ quellu funebre…..!!!” (Alza lo sguardo iniettato di sangue) “Ma questa ti ma-a paghi, papa’..!” (Urla a squarciagola) “….QUESTA TI MA-A PAGHI…..!!!!”

Esce di corsa dal fondo: qualche istante e si sentono ripetuti colpi di martello in rapida successione di chi sta’ colpendo con furia. Poi, dopo qualche attimo di silenzio, Monica rientra dal fondo.

162 – MONICA – (Rientra dal fondo: ha cambiato completamente espressione. E’ affranta, quasi distrutta. In una mano ha il martello e nell’altra una maniglia da como’) “U nu gh’e ciu’….!!”(Mor-

mora disperata, quasi piangendo) “U librettu….u nu gh’e’ciu’……!!!!”

Si appoggia sfinita all’attaccapanni: in quel momento, da destra, fa’ il suo ingresso in scena Ernesto. Anche lui non e’ messo bene: cammina piegato, stringendosi la mano ferita.

163 – ERNESTO – (Fa’ il suo ingresso in scena da destra, torcendosi dal dolore) “Haia, che maa,

che maaaaaaaaa…..!!”

I loro sguardi si incrociano: negli occhi di entrambi c’e’ un lampo d’odio. Si lanciano uno contro l’altra agitandosi nervosamente e stanno per cominciare ad inveirsi contro quando si trovano faccia a faccia a due passi l’uno dall’altra. Si sgonfiano, tornando entrambi sui loro passi.

164 – MONICA – (Si dirige alla scrivania..) “U nu gh’e’ ciu’….!!” (Mormora buttandoci sopra prima il martello e poi la maniglia) “U mee librettu u nu gh’e’ciu’…..!!!”

165 – ERNESTO – (Si butta sul divano proteggendosi la mano) “Perche’, doppu a figuaa che emmu fetu, ti pensavi che teu pue u-u lasciesse ancun li….!?!?”

166 – MONICA – (Fa’ spallucce) “Za’…..!” (Si avvicina al divano sedendosi di fronte a Ernesto) “Nu l’e’ che seggimo steti propriu dui campiuin, eh……!” (Commenta amara)

167 – ERNESTO – (Fa’ spallucce anch’egli: dopo un lungo attimo di silenzio) “Monica, oua…..…..

cose femmu….!?!?” (Chiede con un’espressione smarrita)

168 – MONICA – (Scuote la testa, alza le mani) “Nu u so’…!!” (Si alza e comincia a passeggiare nervosamente) “Cau Ernesto….propriu nu u so’….!!!”

C’e’ un attimo di silenzio, poi Monica si ferma e si gira di scatto verso Ernesto.

169 – MONICA – (Illuminata) “Aspeta in poo….!!” (Si avvicina al divano e si china di fronte a Er-

nesto) “Mi n’idea…..magari ghe l’avieiva…..”

170 – ERNESTO – (Pessimista) “E quale….!?!? Anaa a Lourdes e spera in t’en miraculu….??”

171 – MONICA – (Convinta) “Ma nuuu….!! L’e’ na vitta che mee pue u n’orieiva a giutalu in butega….” (Si alza e si rimette a sedere) “A mi, u m’ha za’ obligou a falu se euggiu dirna-a e sen-a …....”(Scrolla le spalle, poi) “Perche’ nu s’ ofrimu tutti dui cumme garzuin….!?!?”

172 – ERNESTO – (Ha un sobbalzo) Mieeee……cumme garzun……!?!?!?”

173 – MONICA – (Realista) “Perche’, tie de atre idee pe mangiaa…..!?!?” (Si alza in piedi e rico-

mincia a gironzolare per la stanza) “A mi, Er Cefalo u m’ha missu a-a porta e a teu Uga….” (Lo guarda male) “…..o Huguette, se ti preferisci…..nu pensu ca te posse foragiaa…..!”

174 – ERNESTO – (Ride amaro) “Chi, quella…..!?!? Figurite ca me sfilava propriu e palanche che ti me davi ti….!!” (Si da’ una manata sulla fronte) “SCEMU….!!!”

175 – MONICA – (Abbozza un timido sorriso) “L’importante l’e’ acorzisene….” (Si rifa’ seria) “Cumunque oua decidite: garzun sci’, garzun nu…!”

176 – ERNESTO – (Fa’ spallucce) “Perche’ nu…!?!?” (Accenna a sua volta un sorriso) “Cun ‘sta man, pero’…..” (Si lamenta allungando verso Monica la mano infortunata)

177 – MONICA – (Lo guarda un po’ insofferente) “Tie u solito cianzinonne…!!” (Gli prende la mano, fa’ una smorfia) “Pero’, in bellu sciacun……!!”

178 – ERNESTO – (Amaro) “U sciu Breuxiu u nu gh’e’ miga anetu guei legeru…..”

179 – MONICA – (Cerca di consolarlo) “Tranquillu, nu tie l’unicu cu ne’ sciortiu maa…!” (Si alza) “Vegni, sciu…..” (Lo invita) “….che saiaa meggiu daghe na scistemaa a ‘sta man…!!”

180 – ERNESTO – (Non crede ai suoi occhi: si alza e la segue, guardando bene di non farsi mollare la mano) “Gra…grasie….!!” (Bisbiglia appena)

181 – MONICA – (Si ferma: lo guarda con tenerezza) “Stupidu….!!” (Lo apostrofa dolcemente diri

gendosi verso l’uscita sul fondo con lui che la segue come un cagnolino)

Sull’uscita dal fondo, incrociano Breuxiu e Paolin-a che stanno rientrando in scena: si fermano tutti e quattro, stupendosi gli uni di se’ stessi e gli altri di quello che stanno vedendo.

182 – PAULIN – A – (Strabuzza gli occhi incredula: a Breuxiu…) “Uuuuuuuu…..amia in pooooo...

…….!!!!” (Indica Monica e Ernesto)

183 – BREUXIU – (Incredulo) “Orca pippa….!! Uei faa vegnii l’aragan….!?!?!”

184 – MONICA – (Sorride, abbassando leggermente lo sguardo) “Ciau, papa’…..!” (Con un filo di voce)

185 – ERNESTO – (Imbarazzato) “Bu…bun-a seia, sciu Breuxiu…..”

Monica ed Ernesto si defilano velocemente dal fondo lasciando Breuxiu e Paolin-a stralunati e sor-

presi.

186 – BREUXIU – (Tra se’, muovendo verso la scrivania) “Amia ‘n po diotte…a vitta….che razza de surpreise….!!!!”

187 – PAULIN – A – (In estasi) “Breuxiu….ti dii ca dua…..!?!?!”

188 – BREUXIU – (La guarda storto: sarcastico) “Speru pe l’ommu ca due armenu u tempu de fasciaghe a man….!!!”

189 – PAULIN – A – (Lo manda al diavolo con un gesto della mano) “N’assidente…..!! Mai seriu ti, eh….!!!!”

190 – BREUXIU – (Imperterrito) “Da staa seri, vegne a barba gianca…!!”

191 – PAULIN – A – (Prende qualcosa e parte verso l’uscita di destra) “Sci, sci……cuntine de mic-

ce…!!” (E’ appena uscita che si blocca) “Uh mi….!!!”

192 – BREUXIU – (Si e’ seduto alla scrivania: preoccupato) “Cose gh’e’…..??”

193 - PAULIN – A – (Rientra di corsa da destra) “G’he turna a Secca…!!!”

194 – BREUXIU – (Balza dalla sedia) “Segnu cau, n’atra otta….!!!”

195 – PAULIN – A – (Con rassegnazione) “E mi……”

196 – BREUXIU – (Scatta verso l’uscita sul fondo) “Lascime anaa che l’e’ meggiu….!!”

197 – PAULIN – A – (Interdetta) “Breuxiu, ma….unde l’e’ che ti vee…..!?!?”

198 – BREUXIU – (Uscendo di corsa dal fondo) “A pigiame i tappi pe e uegge….!!!”

199 – PAULIN – A – (Rassegnata) “Mah…..!!” (Poi, affacciandosi dall’uscita di destra, mestamen-

te) “Scia vegna, scia Zecca….scia vegne avanti….!!”

200 – LA ZECCA – (Fa’ il suo ingresso in scena con passo marziale seguita da Cacaglia che la scimmiotta palesemente, stringendo una borsa: ha entrambi le mani bendate.) “Grazie…!” (Acidissima. Non vede nessuno si gira verso Paulin-a) “E il signor Passalacqua…..!?!?”

201 – PAULIN – A – (Accondiscendente) “U vegne, scignua…. U vegne subetu…!!” (Poi, a mezza voce, defilandosi dall’uscita di destra) “Mi, invece, l’e’ meggiu che me ne vagghe…!!”

202 – LA ZECCA – (Passeggia nervosamente per la stanza torturando il bocchino) “L’e’ incredibi

le...….!!” (Bofonchia agitata rivolgendosi a un Cacaglia al culmine della sopportazione) “Tutto questo e’ incredibile…!!!” (Ha un moto di stizza) “I RATAIEU……!!!!” (Strilla furibonda) “U  m’ha praticamente RUINOU E MAN….!!!!!” (Ripete l’urlo) “Ma staotta u denunsiu: MI U DENUNSIU…..!!!!” (Strepita a tutta voce: poi, volgendosi allentrata sul fondo) “Speta cu se mustre e……”

Ma ad entrare in scena dal fondo non e’ Breuxiu, come sperato dalla Zecca, bensi’ Monica.

203 – MONICA – (Entra dal fondo, vede la suocera, fa’ una smorfia di disgusto) “Toh, a sciaa seuxua…..bungiurnu…” (Saluta molto freddamente)

204 – LA ZECCA – (L’ha vista entrare ed ha ricambiato lo sguardo schifato: maligna) “Ex seuxua, prego…..!!”

205 – MONICA – (Venefica, fingendo stupore) “Perche’, a l’ha detu e dimisciuin….??”

206 – LA ZECCA – (A tutto strillo) “MA COOOMEEE….tu ed Ernesto siete SEPARAATIII e io devo sentirmi ancora chiamare SUOOOCERAAA…..!!!!!”  

207 – MONICA – (Dopo averle rivolto uno sguardo pietoso, scimmiottandola palesemente) “Ma nuuuuu….mi e Ernesto nu seeeeeemu separee e le, ca l’eugge o nu a l’e’ ancun mee seuxiaaaaaa…!”

208 – LA ZECCA – (Perentoria) “E invece sci: u sei !!”

209 – MONICA – (Perentoria) “E invece nu !! Chi u dixe….!?!?”

210 – LA ZECCA – (Furente) “U DIGGU MIEEEEEE….…!!!!”

211 – MONICA – (Impudente, con aria di sfida) “Chi se ne freeegaaaa….!!!”

212 – LA ZECCA – (Con un risolino di scherno) “Carina, u MEE avucatu….” (Indica Cacaglia che comincia a preoccuparsi) “….u l’ha za’ l’istansa in ta bursa: secundu ti, pe fasene cose….!?!?”

213 – MONICA – (Con un ghigno beffardo) “Puliseghe a l’ocurensa….??”

214 – LA ZECCA – (Venefica) “Senti, caa…..mi sun vegnua chi cun u mee avucatu pe denunsia

quellu zotico de teu pue ma se tieu possu denunsiaa anche ti, se….!!”

215 – MONICA – (La guarda interdetta) “Denunsialu….e perche’ mai….!?!?”

216 – LA ZECCA – (Avvicinandosi alla scrivania, mostra le mani bendate) “Pe i danni cu m’ha procuou….!!” (Appoggia una mano sulla scrivania)

217 – CACAGLIA – (Vuol dire la sua) “So sooo…so sono da daaaa …da danni brevi….” (Si cor-

regge) “GRAVI, e inoooooltre c’e’ ceeee….c’e’ ceeee…..l’istanza di speculazione…!” (Si corregge nuovamente) “SEPARAZIONE….!!”

218 – MONICA – (Lo guarda malissimo) “E dunda l’e’ st’istansa….!?!?”

219 – CACAGLIA – (Allarga la borsa) “Qui quiiiii… qui dentro..!!”

220 – MONICA – (Gli strappa la borsa e gliela mette in testa) “E alua tegnitela…!!!”

221 – LA ZECCA – (Furibonda) “Mocciosa da quattro soldi, questa la paghi…!!” (Riappoggia la mano sulla scrivania)

222 – MONICA – (Va’ verso di lei) “In quantu ai danni, scignua….” (Afferra il martello) “….nu l’e’ me pue ca deve denunsiaa, ma mie…..” (Solleva il martello con mossa fulminea calandolo con violenza sulla mano ancora fasciata della suocera) “….perche’ oua a causagheli sun MI..…..!!!!” (Spara a tutta voce)

223 – LA ZECCA – (Emette un urlo sovrumano, cominciando poi a ballare in tondo per la stanza profferendo frasi incomprensibili) “AHAAAAAAAA………!!!!!!”

224 – MONICA – (A Cacaglia) “Avucatu…!!!”

225 – CACAGLIA – (Solleva la borsa che ha tenuto ,prudenzialmente in testa) “Si siiii….!?!?”

226 – MONICA – (Perentoria) “Pigite stu pagiassu e portitela via o a proscima martelaa zu-u ca

g’ariva in scia testa….!!”

227 – CACAGLIA – (Tremante) “Vo voooo….vo vooooo….vo volo….!!!”

Cacaglia afferra la Zecca per la mano e la trascina letteralmente fuori scena da destra travolgendo quasi Paulin-a che stava rientrando allarmata per il baccano.

228 – PAULIN – A – (A Monica, rientrando allarmata da destra) “Ma…cose sucede turna…..!?!?”

229 – MONICA – (Stringe ancora il martello in mano) “Oh ninte, Paulin-a, ninte: i ho sulu agiutee

a treua l’uscita……” (Guarda il martello che stringe ancora in mano, con una risatina)  “Pero’.……

…” (S’illumina) “….a funsiun-a !!” (Si gira di scatto, corre verso l’uscita sul fondo) “Ernesto….!… Ernestoooo……a funsiun-a….!!!”

230 – BREUXIU – (Sta’ rientrando dal fondo proprio mentre esce la figlia: ha in testa uno strano pa

io di cuffie. Si incrociano) “E unde ti vee cusci’ de cursa…!?!?”

231 – MONICA – (Lo abbraccia) “Papa’, papa’…..a funsiun-a….!!!!” ( Fa’ per corre via)

232 – BREUXIU – (La ferma) “Ma….e a Secca…..!?!?”

233 – MONICA – (Indifferente) “Oh, a l’aiva premua: a l’e’ za’ aneta via….” (Schiocca un bacio sulla guancia del padre ed esce di corsa dal fondo)

In scena restano Paulin-a e Breuxiu: si guardano interdetti per qualche istante, poi…

234 – BREUXIU – (Si avvicina alla scrivania) “Ma mi…..” (Si toglie le cuffie) “Se sun reuze, an da fiurii…..!”

235 – PAULIN –A – (Lo guarda imbronciata) “Tieu ancun anaa a faa e valixe…??”

236 – BREUXIU – (Con un largo sorriso) “Segu-u….!!! Pe maa ca vagghe, quante l’e’ che nu se fe-

mu na giurnaa de ferie….!?!?”

237 – PAULIN – A – (Risoluta) “Giustu….!!” (Fa’ per girare verso l’uscita di destra, poi ci ripensa) “Saia meggiu che te dagghe na man, sedunca ti see sulu ti cose ti ghe metti in te burse…!!!”

238 – BREUXIU – (Ilare) “Scignua, quale onore….!!!” (Gli porge il braccio) “Scia permette….? Ghe fassu da cavaliere…!!”

Si prendono sottobraccio: ridono entrambi uscendo dal fondo. La scena resta vuota qualche istante, poi, dal fondo, entrano Ernesto e Monica: stano parlando concitati e ognuno regge un pacco di carte

239 – MONICA – (Al marito) “Ti veddi….” (Mostra il pacco di fogli che ha in mano) “….sun i cunti relativi a-a gestiun de l’annu pasou: gh’e’ stetu in calu de quexi u quinze pe sentu…!!”

240 – ERNESTO – (Convinto) “Segu-u, ma questu u nu l’ha significou n’andamentu  talmente negativu da impedii n’utile nettu ciu’ che decurusu. Sun cunvintu che baste in poo de fantasia, aggiurnandu magari u catalugu cun quarcosa de originale e spendendu quarche palanca pe pubblici-

zase ben pe rientraa du chinze pe sentu e magari fa quarcosa de ciu’…..”

Si avvicinano alla scrivania e vi depositano sopra le carte: si trovano faccia a faccia, si guardano un lungo istante e scoppiano entrambi a ridere.

241 – MONICA – (Stupita) “Di, stemmu parlandu cumme dui menager….!!!”

242 – ERNESTO – (Frena a stento le risate) “Sta n’ poo a vei che diventemmu dui capitani de in-

dustria…..!!!”

Ridono ancora qualche istante, poi.

243 – MONICA – (Si fa’ seria) “Pensu propriu che l’idea a posse funsiunaa, se…!! Mettite chi…..” (Gli indica la scrivania) “….e proua a faa dui cunti: mi sercu mee pue e preu a parlarghene…..”

(Si muove per uscire dal fondo: si ferma, si gira verso Ernesto) “Me sa’ che quelle palanche, finim

mu propriu pe meitasele, staotta….!!” (Si dirige nuovamente all’uscita)

244 – ERNESTO – (La ferma) “Monica…..!!”

245 – MONICA – (Si gira) “Sci…??”

246 – ERNESTO – (Si e’ seduto alla scrivania: mogio) “Nu so’ se e euggiu quelle palanche….” (Lei lo guarda un po’ stupita) “Mi sentieiva in laddru. Foscia…..” (Fa’ una pausa, meditabondo) “….n’emmu roubou anche troppe….!!!”

247 – MONICA – (Ride) “Fanni i cunti, oua….poeta…!!” (Fa’ per muovere, si ferma ancora un at-timo) “Se ti serchi e atre fatu-e, sun in ta secunda cantia  du cumo’….stannii atentu, pero’: in giu gh’e’ ancun in rataieu….!!!” (Ride ancora di gusto uscendo dal fondo)

Ernesto comincia a passare le carte, annotando cifre, facendo calcoli per alcuni istanti, poi, da destra

si sente una voce rauca che chiama: e’ Er Cefalo che torna alla carica.

248 – ER CEFALO – (Con rabbia, da fuori scena) “Monica….!!! Monicaaaaa…..!!!!”

249 – ERNESTO – (Sobbalza) “Oddio, e questu cosu l’eu….!?!?”

250 – ER CEFALO – (Ingrugnito, fa’ il suo ingresso da destra: ha la mano fasciata) “A Mo’, se po’ sape’ ‘ndo stai…..!?!?”

251 – ERNESTO – (Nota la mano fasciata) “Toh, eccu l’atru Muzio Scevola….!!!” (Lo canzona)

252 – ER CEFALO – (Lo vede: a sua volta, con disprezzo) “Toh, er mollusco…..!!” (Fa’ una pausa. Poi, con tono minaccioso, avvicinandosi e sedendosi sulla scrivania) “Monica n’do sta’..?”

253 – ERNESTO – (Prosegue il suo lavoro: distrattamente) “A l’ha da faa….” (Solleva lo sguardo) “Te serve quarcosa….??”

254 – ER CEFALO – (Perentorio) “Si, li sordi…!!”

255 – ERNESTO – (Sempre distrattamente, finge di non capire) “Quali palanche, scusa…??”

256 – ER CEFALO – (Scatta in piedi, feroce) “Quelli d’er servizio…!! Sabbeto matina, m’ha dato er pacco e mo’ io c’ho da da’…..!!!”

257 – ERNESTO – (Con indifferenza, fa’ spallucce) “Cuntanti nu ghe n’ho….” (Fa’ una pausa come se stesse pensando, poi) “Se tieu….” (Indica l’uscita dal fondo) “….ti peu pigiate u librettu !”

258 – ER CEFALO – (Interdetto) “Er libretto….!?!?” (S’illumina) “Ma si, er libretto…!!!” (S’incu-

pisce) “Ma c’e’ sur serio ‘sto libretto coi mijoini….!?!?”

259 – ERNESTO – (Sempre con noncuranza) “Segu-u: neuvesentu miliuni!” (Indica l’uscita dal fon

do) “Secunda cantia du cumo’ !!”

260 – ER CEFALO – (Si gira di scatto) “Mortacci tua….” (Si blocca) “Senti un po’: e perche’ o de-

vo pija’ io……!?!?”

261 – ERNESTO – (Fa’ spallucce) “A mi e Monica, u vegiu u l’ha za’ ditu che tantu u nu ne da’ na palanca: piggitelu ti, e poi dividemmu…!!”

262 – ER CEFALO – (Rimane un attimo a pensare) “Dividiamo…..” (Poi scatta verso il fondo) “E certo che dividiamo…..!!!” (Grida uscendo a passo svelto dal fondo)

Ernesto continua per qualche istante con il proprio lavoro, poi comincia a sogghignare leggermente:

263 – ERNESTO – (Ridacchia divertito) “Vanni, bellu….ti vediee che bellu librettu che ti te piggi …!!” (Prosegue tranquillo ancora qualche istante, poi) “Pero’…..chissa’ cumme u a piggia…..” (Si chiede fra se. Dopo un attimo, si ferma: guarda fisso davanti a se’) “Miga tantu ben, creddu: me sa’ che ghe veggne maa de testa….!!!” (Rimane fermo a fissare il vuoto) “E se nu ghe veggne mal di testa….!?!?” (Si chiede infine, un po’ preoccupato: pensa qualche istante, poi) “Bezeugnaa farghelu vegnii..!!” (Conclude: si alza, si guarda in giro, nota il pesante raccoglitore sulla scrivania, lo prende in mano, lo soppesa) “Sci, questu u peu servii…..!” (Lo sistema vicino a se’)

Un attimo dopo, dal fondo, si sente lo schianto della trappola per topi che scatta, seguito dall’urlo terrificante del Cefalo

264 – ER CEFALO – (Da fuori scena) “AHIAAAAAAA……..!!!!!”

265 – ERNESTO – (Si e’ risieduto e ha ricominciato a fare conti) “Treuou….!!!”

Passa solo qualche istante e dal fondo ricompare in scena, schiumante rabbia e con smorfie profon-

de di dolore, Er Cefalo

266 – ER CEFALO – (Ricompare dal fondo: ha ancora la mano chiusa nella trappola) “Mortacci…”

(Impreca pesantemente: poi, rivolto a Ernesto) “MORTACCI TUA…….!!!!!” (Urla imbestialito)

267 – ERNESTO – (Solleva appena lo sguardo: con calma serafica) “Cose gh’e’, tie maa de testa ?”

268 – ER CEFALO – (Con gli occhi fuori dalle orbite) “Aa mano….liberame aa mano….!!!”

269 – ERNESTO – (Con calma olimpica) “Aaah….ma alua….nu tie maa de testa….!!!”

270 – ER CEFALO – (Furibondo) “Ma che testa e testa…..me so’ fracassato aa manooo….!!!” (Gliela agita sotto il naso)

271 – ERNESTO – (Si alza tranquillo) “Pecou….pensavu t’avesci maa de testa….” (Prende distrat-

tamente il pesante faldone in mano) “Cumunque….” (Lo alza con indifferenza) “Se peu’ sempre mete remediu….!!!!” (Sentenzia calandolo con forza sulla fronte del Cefalo)

272 – ER CEFALO – (Colpito in piena fronte dal faldone) “AHIOOOOOO…..!!!!” (Urla a tutta vo-

ce barcollando pesantemente) “Mortacci vostri….mortacci vostriiii…..!!!!”

273 – ERNESTO – (Con ovvieta’) “Vistu che aiva raxiun…? Tie maa de testa…!!” (Lo fissa un attimo, poi, falsamente premuroso) “Tieu n’aspirin-a….??” (Comincia a cercare sulla scrivania) “Duvieiva aveila, da quarche parte……”

274 – ER CEFALO – (Barcolla, si aggrappa dove puo’) “Matti…siete tutti matti….tenetevi li sordi e annate a mori’ ammazzati: io maa squaioooo…..!!!” (Sacramenta uscendo il piu’ precipitosamente che puo’ dall’uscita di destra)

275 – ERNESTO – (Lo guarda uscire: poi, sedendosi) “Bravu: meggiu che ti vagghi, eh….!!”

Passa solo qualche istante e, dal fondo, fa’ il suo ingresso Monica, leggermente preoccupata.

276 – MONICA – (Entra in scena dal fondo, si guarda in giro con circospezione, poi) “Ma….cosu l’ea tuttu quellu burdellu, primma….!?!?”

277 – ERNESTO – (Con noncuranza) “Ninte, ninte….u l’ea u Cefalu cu te sercava pe e palanche…

278 – MONICA – (Sobbalza: con foga) “Gian Paolo….!?!? Chiiii…..!?!?” (Scatta verso l’uscita di destra schiumando rabbia) “A bruttu figgiu……”

279 – ERNESTO – (Tranquillo, la ferma) “Nu te preocupaa, u l’e’ za’ anetu via….”

280 – MONICA – (Si gira incredula) “Za’….!?!? E cumme mai u l’ha molou cusci’ fitu….??”

281 – ERNESTO – (Con noncuranza) “U nu stava ben….” (Piu’ deciso) “U l’aiva maa de testa!!”

282 – MONICA – (Fa’ spallucce) “Speremmu ca se ghe rumpe” (Torna alla scrivania e si mette a fianco di Ernesto) “Ho parou cun mee pue da nostra idea: nu gh’e’ prublema, anzi….u l’ha ditu cu  ne da’ carta gianca…!!”

283 – ERNESTO – (La guarda stupefatto) “Senti in poo….segua cu fisse sobriu…??”

284 – MONICA – (Ridacchia) “Boh…!!” (Poi) “Ciutosti, u l’ha ditu cu l’e’ le cu deve dine quarco-

sa de importante…..cou spetemmu chie…”

285 – ERNESTO – (Fa’ spallucce) “E chi se mescia…!?!?” (Solleva le carte che ha davanti) “Mia

in poo chi cunti da faa….!!”

Dopo qualche istante, dall’uscita dal fondo, fanno il loro ingresso in scena Breuxiu e Paulin-a: sono vestiti come chi sta per partire e hanno con loro diverse borse e/o valigie.

286 – BREUXIU – (Fa’ il suo ingresso da destra, li vede) “Alantun, figgeu, ghe semmu cun ‘sti cunti…!?!?”

287 – ERNESTO – (Stacca per un attimo) “Hah, sciu Breuxiu….eee…me sa’ che aniemu ae

lunghe…!!”

288 – BREUXIU – (Con ovvieta’) “O ben, tantu u tempu u nu v’amanca….!!”

289 – PAULIN – A – (Tira Breuxiu per un braccio) “Alantun, cose t’aiva ditu mi: aiva raxiun..!!”

290 – BREUXIU – (La guarda sofferente) “Paulin-a, e quande mai in vint’anni tie avu-u tortu…..!?

(Poi, fingendosi angustiato) “Quande l’e’ mortu a lalla Texiu, u giurnu du funerale tie ditu che n’an-

nima nobile cumme lee sutta tera a ghe saieiva restaa pocu: doppu in meixe an caciou a l’aia u cam-

pusantu e a cascia da lalla l’an atreua in sciu ciasaa da geixa….!!!”

291 – MONICA – (Al padre) “Papa’….ma, stei partindu….!?!? Anei da quarche parte…!?!?”

292 – BREUXIU – (Con naturalezza) “Nu, nu….ninte de speciale…femmu sulu dui passi….fin-a

n’Argentin-a…..”

293 – MONICA – (Strabuzza gli occhi) “Cose….!?!?!”

294 – ERNESTO – (Esterrefatto) “Duve……!?!?!”

In quel mentre, dall’uscita di destra, si sente la voce di Melacontas

295 – MELACONTAS – (Da destra, ancora fuori scena) “E’ permiso….e’ permiso….!?!?”

296 – BREUXIU – (S’illumina) “L’e’ permissu….” (Risponde andandogli incontro) “Belandi se l’e’ permissu….!!!”

297 – MELACONTAS – (Entra da destra) “Grasias, senor Ambrogio….!” (Gli stringe la mano) “Como estas…!?!?”

298 – BREUXIU – (Gli da’ una pacca sulle spalle) “Bene…!!” (Lo osserva un attimo, poi, perento-

rio) “Oua…beniscimu…..!!!”

299 – MELACONTAS – (Ammiccante) “Alora, nos podremos pardir….??”

300 – BREUXIU – (In uno spagnolo improbabile) “Seguamentos….!!!” (Si volge verso figlia e ge-

nero che lo stanno guardando allibiti) “Figgeu, primma de anaa beseugna che ve cunte na foaa….”

(Si avvicina alla scrivania: Ernesto fa’ per alzarsi e cedergli il posto, ma Breuxiu lo ferma) “Nu, nu..

…..setou li’, tie, che da anch’eu u l’e’ u teu postu….!!”

301 – ERNESTO – (Non capisce) “Ma…viamente nu…....”

302 – BREUXIU – (Rivolto alla figlia) “E ti, Monica, stanighe li’ d’arente che ti vee ben…..!”

303 – MONICA – (Comincia a preoccuparsi) “Papa’, se peu’ savei cose…..”

304 – BREUXIU – (L’interrompe cominciando il suo racconto) “Devi savei che u barba Gioxe…..”

(Guarda Melacontas) “Giuseppe, tantu pe acapise….” (Poi, ancora rivolto a Monica) “….u l’a’ fetu

sci’ furtun-a in Argentin-a, ma u figgiu…disgrasiou…u s’e’ mangiou frutu e capitale. Mee neu, lazu

quandu l’e’ mortu, u s’e’ atreuou cun e braghe in man e pe puei mette sciu’ in lou pe vive ghe tucou vende a fazenda…..a villa de famiggia…..” (Fa’ una pausa un po’ piu’ lunga) “E mi me l’ho cataa pe anaghe in ferie…!!” (Si ferma ad osservare gli sguardi sbigottiti di Ernesto e Monica) “Sei……”

(Riprende pacato) “…quande chi’ l’e’ invernu, lazu l’e’ estee…. E mi, cui reumatismi, nu le’ che u freidu u me fasse propriu ben….!!!” (Si alza in piedi) “Belli zueni, mi me ne vaggu in pensciun…!”

(Continua a fissare Monica che e’ sbiancata)

305 – MONICA – (Timidamente, con un filo di voce) “Ma papa’….e niatri…..!?!?”

306 – BREUXIU – (Allarga le braccia) “Gh’ei u negosiu, dotrei dinee da parte gh’en….” (Li indica

“Tucca a viatri fali frutaa e meitaa u regallu….!!!”

307 – ERNESTO – (Ha capito: un po’ perplesso) “Sciu Breuxiu, scia l’eu dii che chi….l’e’ tuttu in man a niatri…..” (Indica Monica) “Scia ne lascia tuttu……!?!?!?”

308 – BREUXIU – (Categorico) “A chi duviei lascialu…ai fratti….!?!?”

309 – MONICA – (Incredula) “Ma…alua perche’ nu t’aresti anche ti…!?!?”

310 – BREUXIU – (Perentorio) “E nu eh….!!! E saieiva u Breuxiu cu deve mantegnive….!! Me paa che segge l’ua che cuminsei a derbechelave…..!!!” (Poi, piu’ pacato, indicando i conti che sta’

facendo Ernesto) “E me paa che seggei anche in scia straa bun-a.” (Alza una mano in segno di salu-

to) “Se vedemmu, cai…..” (Indica l’uscita a Melacontas che lo precede aiutandolo con i bagagli) “…..e se sentimmu fitu….!!!” (Prende sottobraccio Paulin-a che sorride) “Uemmu anaa, bella sci-

gnua….!?!?” (Si ferma all’altezza dell’attaccapanni, volgendosi verso Monica e Ernesto) “Ah, na co

sa m’ascordava….se uei vive tranquilli, serti sacrati….fei cumme ei fetu anch’eu: tegniveli distante

…..!!”

311 – ERNESTO – (Si alza dalla scrivania) “Sciu Breuxiu, sciu Breuxiu….u seu librettu…!!”

312 – BREUXIU – (Pacifico) “Mia, tou regallu: u l’e’ u pasaportu italian du free de mee nonnu…!”

313 – MONICA – (Preoccupata) “Papa’, ma se quelli riturnen che euen palanche ….!?!?”

314 – BREUXIU – (Con un sorriso beffardo) “E se mai ti ghe dixi che preuen a scrive au ziu d’America….!!!!” (Si avvia uscendo a destra con Paulin-a al braccio)

315 – PAULIN – A – (Si ferma un attimo proprio sull’uscita e, con un sorriso e un gesto della mano

“Me racumandu, figgeu….me racumandu….!!!”

Esce di scena anche lei, lasciando Ernesto e Monica che abbracciati e inebetiti, salutano con la mano

                           -   S I P A R I O  -

 

  

     

      

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 39 volte nell' arco di un'anno