Un atterraggio di sfortuna

Stampa questo copione

Un atterraggio di srtuna

Cari “amici del dialetto”

Sono un commediografo e “poliartista”

Il mio nome è Alberto Ticconi.

Senza alcun dubbio oltre ad essere un artista sono un ufologo avendo preso a cuore il

problema giù da tenerissima età, e credo di aver dedicato a questa materia molto tempo.

Tra l’altro ho partecipato a convegni tra i più prestigiosi anche come pittore espositore e

conferenziere (Pescara, Ancona, Sutri).

Ho conosciuto personalmente responsabili del CUN e di altre associazioni nazionali, contattati, rapiti

(di cui seguo anche un caso) insomma sono anch’io in qualche misura ufologo quasi di professione;

un mio articolo è su Dossiè Aliene (sett. 99) ed altri su Hera.

Sono diversi anni che ho intrappreso lo studio e la composizione in dialetto.

Ne 1995 fui incaricato di tradurre dal padovano “Il Redude” del Ruzante per una manifestazione

organizzata nientepopodimeno che dal grande Giovanni Calendoli, con il plauso incondizionato di

tutti i conferenzieri.

Ho tradotto in dialetto tra l’altro opere di Aristofane, Plauto, Molière e Machiavelli con

rielaborazione complesse ma filologicamente rigorose.

Qualche tempo fa mi sono fatto promotore di un’iniziativa praticamente nuova sia per l’ufologia che

per il teatro in generale e in dialetto in particolare: ho scritto una commedia che tratta di alieni! L’ho

fatto un po’ per gioco, un po’ per didattica e un po’ per professione.

Lo spettacolo è già stato messo in scena ma non nella forma definitiva, qual ora è. In conclusione è

sata un iniziativa che è piaciuta agli uomini di teatro, con cui ho a che fare, ma soprattutto agli

ufologi, appassionati del mistero del contatto e del dialetto.

Posso garantirvi che tra l’altro è stato un massacro di risate e di gradimento.

 

Il dialetto adottato è evidentemente il mio ma ognuno, se proprio vuole, con un po’ di lavoro può

sostituirlo con il proprio.

Ho pensato infine, e scusate l’ardire, che al di là del fatto puramente artisico e spettacolare,

nonché divulgativo di una data tematica, potesse e dovesse interessare anche il lato

speculativo del linguaggio e del suo vero valore in una “contaminazione” planetaria. 

Lo propongo anche a voi per l’uso che ne convenite.

Sperando in un vostro caldo riscontro i mie saluti più vivi.

Alberto Ticconi

E-mail a.ticconi@libero.it

Un atterraggio di sfortuna

di Alberto Ticconi

(cod. SIAE 101752)

Opera registrata il 25.10.99

N° 838379A

Personaggi :  Franco, contadino

                     Antonia, moglie infedele di Franco

                     Annalisibu, aliena di una vicina galassia

                     MIB, Inquisitore, CIA, militare

                     Generale Caterstal, generalessa

                     Pepperstik, coopilota di Annalisibu

                     Sansone, avvocato, amante di Antonia

Un atterraggio di sfortuna

La scena è vuota, silenziosa  e buia. E’ l’alba e il sole comincia a illuminare la campagna, e canti

di uccelli, scrosci di ruscelli, galli che cantano, anitre e altri rumori irrompono nella scena. Entra

un contadino con zappa e fiasco di vino. Dopo due o tre colpi di zappa e sei, sette, forse otto

assaggi di vino...

SCENA PRIMA

FRANCO - Oggi, ce sta’ troppu sole e lo faticà me pesa. E sì, era na’ vota che gliu contadinu trovava tuttu apparecchiatu. Non facea a tempo a sci’ dalla casa che la vanga gli correva ‘nmani, fresca e profumata; la via, la chiù longa, s’accorciava, tantu che co’ dì zumpi te trovavi ‘ncoppa la fatica. L’aria che finu a nu’ minutu prima era fredda e pugnicosa dent’a’ na’ botta se scaoràa agliu puntu giustu e, de’ staggione, quanno a core de’ mezzojorno tutte l’ate pover’aggenti se squagliaono pe’ la càora, e puri pe’ la scustumarìa, che a chigli témpe era gli’unicu male ‘ncoppa a’ tutta la terra, bastàa che gliu mastu contadinu guardasse ‘n’cielo e tuttu gli s’addefrescava. Oh! dico propitu tuttu! La natura sapènno co’ che mezzi nui poteàmo mète ce portava rispettu e devozione. Specialmente le femmene che a natura so’ sèmpe state propitu naturali. Non te putivi assetta sotto na’ ficu che gli rami te se portàono sotto agliu nasu e te trovavi co’ quatto, cinqu ficu ‘n’mocca e dui, tre foglie che te pulizzàono gliu mussu. Si guardavi appena na’ pianta de cerasa spuntava agliu momentu na’ radice e, com’a’ nu’ serpente che saglie ‘n’celo, te tirava doce doce, ‘nterra, gli rami carichi de frutta, e te gli portava alle mani. Dento gliu caglinaru po’ non ne parlamo: le cagline, appena te vedéono, te tiràono l’ova appresso pe’ rispettu, e qualsiasi àutu aglimale allo passà téo se scanzàa. Gliu porco te diceva issu stissu quanno era gliu tempo bbono pe’ fa’ le saucicce e gli’asinu se strofenaa pe’ se fa’ carecà de chiù e non fa’ nu’ viaggiu a vacantu. Gliu munnu, na’ òta, specialmente a nui contadini, ce portava rispettu, sì. Mo’, si non te stai attento, puri le lucertole hanno cacciati gli rente avvelenati, e nu’ pizzicu de mosca te manna agli’àtu munnu. La ciuccia s’è scritta agliu sindacatu e gliu porco sta’ a spetta’ gliu tempo accunciu pe’ se fa issu le saucicce co’ le carni mei. Cani, jatti e suci hanno fatta na’ cooperativa e se stanno a magnà tutte le fatiche nosti. Muglierema s’è fatte quatto machine e la domeneca se ne va a cavagliu. Na’ vota ci’aggio provatu a i’ puri i’ ma chigli’aglimale appena m’ha vistu ha ‘ngingatu a rire che pe’ tale fattu gli’hanno dovuto portà agli’ospedale. E che saccio i’? Ce sta’ chiù rispettu pe’ gli’ome? none che non ce sta’ chiù.

SCENA SECONDA

VOCE DI ANTONIA - Francesco. Francesco!

FRANCO - Chesta è muglierema.

VOCE DI ANTONIA - Francesco. Dove sei?

FRANCO - Quanno me l’aggio sposata tenea puri gli baffi, e si la pistavi sott’agli pere te ringraziava bbono e megliu. Mo’ se te sbagli sulu a parla’ te truvi dento la valletta della monnezza.

ANTONIA - (entrando in scena) Con quel fiasco in mano si comprende bene quale è il tuo lavoro.

FRANCO - Femmena, quanno dai nu’ giudiziu piglia primu bbona coscienzea degli fatti.

ANTONIA - E infatti io vedo un bel fiasco di vino… “vuoto”.

FRANCO - Ecco, si era chinu allora sì che te duii da’ pensero E po’ chistu fiascu de vinu è sulu apparenza. Chello che duvivi vedé ‘nmece è gliu sant’ome che stà sotto a sta’ scòrsa. 

ANTONIA - Sono dieci anni che sotto quella scorsa di animale non si trova se non un altro animale.

FRANCO - Sì, ma che animale! N’aglimale genuino, de sostanza, chinu de sapore e de profumu. Na’ bestia che propitu ‘ngni’ manca niente. E tu sulu pe’ chesto m’hai sposatu: pecché de’ n’aglimale com’a’ me non se ne trovava ‘ncopp’a’ tutta la faccia della terra.

ANTONIA - Chi va bene di notte può dar fastidio di giorno, “mandri”.

FRANCO - Mandri come diminuitivu de “madrigliu”?

ANTONIA - No, come vezzeggiativo di “mandria di caproni”.

FRANCO - Megliu ancora. Graomm! Gnam! Gnam! Stuta la luci, sole.

ANTONIA - No! Non è il caso. Adesso ho impegni molto più importanti che far sollazzare un babbuino.

FRANCO - N’aggio capitu chello che hai dittu.

ANTONIA - Se sotto la scorsa di animale tu avessi qualche altra cosa lo avresti capito perfettamente.

FRANCO - Aggio propitu persu gliu filu degliu trascursu.

ANTONIA - Stai attento a non perdere anche un’altra cosa altrimenti sarai solo e soltanto un essere inutile.

FRANCO - Sti’ trascursi se fanno senpe chiù complicati. Quanno mai le femmene hanno raggionatu a sta’ manera. Anzi quantu mai hanno raggionatu? Addavero la natura ha ‘ngingatu a sbandà de coccia. Sinti, te lo dico pe’ l’utima vota: chello che hai dittu a me i’ non l’aggio capitu pecché non po’ esse che tu hai dittu, chello che hai dittu,

ANTONIA - E che cosa ho detto?

FRANCO - Come che hai dittu? Tu hai dittu... Te puzzi scortecà e come vai sbaneènno! Co’ te se po’ raggionà sulu quanno te stai zittu.

ANTONIA - Lasciamo perdere. Adesso io vado, ma al mio ritorno voglio che qualcosa inizi a cambiare finalmente, altrimenti ho già l’avvocato pronto... pronto per un giusto divorzio. (esce)

FRANCO - Caccosa che s’hanna cagnà?! E che po’ esse? Creca la femmena l’ha pigliata storta; st’aglimali moderni non sopportano de trovarese alla presenza de’ n’ome sempe bbono apparecchiatu. Gliu confronto, lo saccio, è murtificante. E non ce sta’ speranza de ave’ certu la megliu co’ genti com’a’ me. Si me se vota la coccia chello che te governo dent’a’ na’ notte se multiplica denta a na’ settimana; atu che novi misi.

SCENA TERZA

Un rumore assordante riempie la scena. Flash di luce accecano Franco e una forte esplosione.

Tutto si riempie di fumo e vapori colorati.

 FRANCO - Che cazzarola è successo mo’? E che puzza de iarsu. U’ vedè che muglierema ha iarsu n’àta vota la frizione della machina dent’a’ na’ botta. I’ l’aggio sempe dittu: alle femmene dagli caccosa ‘n’mani e te la consumano dent’a’ nu’minutu. 

Entra in scena una bellissima aliena in minigonna. Ha una borsetta argentea. della scarpe

argentee e delle bellissime antenne; anch’esse argentee.

ANNALISIBU - Chissà se avranno preso le mie coordinate prima che mi si guastasse la mobile.

FRANCO - E chesta chi è? Ma che t’è ‘n’capu? Pare che so’... Oi mama! Poverella, è tantu bellella quantu curnuta. Ma che belle corna che tè, puri luminose! Accussì luminose non l’aggio mai viste. Chisà com’hanna esse allora chelle che tè gliu maritu, gliu disgraziatu. Già quanno non te le mìriti te ne regàlono na’ cerqua sana, pensa quanno te le mìriti. Ma come se po’ fa, dico i’, a’ mette la corna a una com’a’ chesta? Già allo sulu vedérela te se ‘ngrìfono puri le scarpe.

ANNALISIBU - Ma guarda, un abitante del pianeta! Speriamo che non si spaventi troppo, l’indigeno. Ultimamente, nei miei ufo-crash, ho incontrato solo animali preistorici. Però che sguardo: questo non mi sembra troppo diverso.

FRANCO - Sinti che addore. Sàpe de’ varricchina. U’ vedè che è fissata pe’ la pulizia peggiu de muglierema? No, è sulu nu’ profumu novo: cheste, le femmene, ne sanno una chiù degliu diauru pe’ fa’ cati’ dent’alla tagliola gliu pover’ome assetatu de novità.

ANNALISIBU - Senti, buon uomo, spero che tu comprenda la tua lingua.

FRANCO - La lingua mia?!

ANNALISIBU - Si la tua lingua.

FRANCO - Tu me stai a chiede si i’ capiscio la lingua mia?!

ANNALISIBU - Si!

FRANCO - E come no’, Come no! Quanno me parlo da sulu capiscio sempe na’ bbona parte. 

ANNALISIBU - Mi stai dicendo che qui avete difficoltà anche a parlarvi da soli?

FRANCO - Non dicemo streozerìe. Purtroppu è dagliu momentu che ce sposamo che le parole cominciono a tené significati diversi: a secondo delle cervella girate delle muglieri.

ANNALISIBU - E che cosa vuol dire?

FRANCO - E si non lo sai tu che si femmena…

ANNALISIBU - Io sono “femmina”?

FRANCO - Figlia mia, aspetta nu’ poco; si chistu è nu’ dubbio che te da’ cacche probblema  i’ so’ esperto a risolvéregliu. Nu’ picculu sforzu e gliu levamo subbitu da mezo.

ANNALISIBU - Cosa significa “levamo subbitu da mezo”.

FRANCO - Chesta è chiu’ gnorante de quantu vo’ fa’ crete. Leva’ da mezo significa .... Ma che me stai a fa’ dice?

ANNALISIBU - Lasciamo perdere...

FRANCO - None: e che lassamo perde!? E mica se po’!? Si tì stu’ dubbiu figlia mia è nu’ uaiu: mica pu’ passà la iornata dent’a’ sta’ condizione: sai che sofferenza. La ce sta’ gliu metale che fa’ pe’ nui.

ANNALISIBU - “Gliu metale?” Grande Assoluto, conosco settemila e cinquecento lingue e non riesco a capire bene la tua.

FRANCO - E pecché te manca lo megliu. Ma ine tengo nu’ traduttore istantaneu ca’ si va’ in funzione mette in comunicazione ogni essere vivente: ‘ncoppa la terra, sotto la terra, pe’ mare e puri ‘n’celo.

ANNALISIBU - Che bello!

FRANCO - L’hai capitu finalmente.

ANNALISIBU - E dov’è questo traduttore istantaneo?

FRANCO - Sta’ paricchiu vicinu.

ANNALISIBU - Io non lo vedo.

FRANCO - Sulu pecché è nu’ poco scurnusu.

ANNALISIBU -E’ molto pesante per caso? (Franco annuisce) Perché  se lo è vado a prendere il riduttore molecolare e lo rimpiccioliamo al punto giusto.

FRANCO - Non pazziamo signorì! Chigliu ci’ha missu tantu tempo pé giogne agliu puntu giustu. Ma chesta addo’ vo’ arriva’?

ANNALISIBU - Insomma me lo vuoi dare si o’ no’. Ti giuro che dopo averlo delicatamente smontato a pezzetti piccolissimi, analizzato e duplicato te lo restituirò.

FRANCO - Vagliò tu te smunti gli fatti toie. O lè lè! Tu me pari nu’ poco sconcecata de coccia.

ANNALISIBU - Va bene ho capito, te lo vuoi tenere tutto per te.

FRANCO - E me pare.

L’aliena fa’ per andare via indispettita e offesa; ma poi torna sui suoi passi

ANNALISIBU - E’ il regalo di qualcuno cui tieni molto allora, altrimenti non si spiega il tuo comportamento. .

FRANCO – No, signurì! mo’ ve state a’ sbaglià. Però vui me sembrate nu’ poco troppu, troppu malentenzionata. Nui vere ommene ce tenemo paricchiu sulu agliu nosto personale, de regalu, e non permettemo a nisciunu de ce fa’ certi regali..

ANNALISIBU - O Grande Signore della Galassia! Allora ogni uomo ne ha uno.

FRANCO - E me pare. Signurì. Ma scusate, dalle parte voste com’è la situazione.

ANNALISIBU - Dalle nostre parti? Come faccio a spiegartelo.

FRANCO - Tu si “femmena”, si no’ sai tu!? Ma chiùttostu! n’te piacesse nu’ regalu crisciutu bbono e bbono educatu?

ANNALISIBU - Vuoi dire “la parte femminile?

FRANCO - Accussì. Allora, pe’ gliu regalu?

ANNALISIBU - A secondo come siamo ispirati possiamo assumere la forma che vogliamo. In genere io preferisco essere femminile. Tuttavia qualche volta mi diverto anche (le esce una voce quasi da baritono) ad essere maschio.

FRANCO - Pe’ gliu curipizzu! Ohi mama! E che è? Ve divertete a fa’ gli’ome??

ANNALISIBU - Certo. Vuoi venire sulla mia mobile? Sai, anch’io ho dei regali da poterti dare.

FRANCO - Mancu si t’acciti.

ANNALISIBU - Come?

FRANCO - Mancu si t’acciti. No! Volevo dice che l’utima vota che m’ha datu nu’ passaggiu na’ femmena; muglierema, aggio ittatu puri gli’occhi.

ANNALISIBU - Come vuoi. Io devo tornare comunque alla mobile dato che il mio coopilota potrebbe aver subito qualche danno.

FRANCO - Gliu coooo, cooo?! c’hei dittu?

ANNALISIBU - Coopilota. E’ la tua lingua.

FRANCO - No, me dispiace, chessa è la lingua degliu caglinaru! Cooo cooo!

ANNALISIBU - “Degliu caglinaru”?!

FRANCO - E certu! Tìi presente tu quanno la caglina va’ a fa’ gli’ovo?

ANNALISIBU - Chi io?

FRANCO – Nooo! magari. (una volta afferrato il possibile utile) Sa’ che bell’ova ce se portassero agliu mercatu.

ANNALISIBU - Ho capito, ho capito quello che vuoi intendere. No, noi siamo esattamente come voi: ci riproduciamo senza le uova. Però ho delle amiche di un’altra galassia, e non è nemmeno molto lontana da qui, che le fanno ancora le uova.

FRANCO - Addavero!? Tu vì da n’atu pianeta? Tu vi da n’atu pianeta? Che begliu! Tu vì da n’atu pianeta e tì dell’amiche tei, femmene, che fanno l’ova?

ANNALISIBU - Si certo. E se vedessi che carine. E quante ne fanno!

FRANCO - Nooooo! Aspetta nu’ poco. Tu parli co’ delle femmene ovarole?

ANNALISIBU - Si, ma no! Nel senso che non le covano ormai da milioni di anni.

FRANCO - Puzzeranno da morto addavero chell’ova. Ma aspetta: non me stai a piglia’ pe’ gliu curipizzu?

ANNALISIBU - Gliu curipizzu? Che cosa è?

FRANCO - Ma come non sai che è gliu curipizzu? E’ da do’ se fanno l’ova, allora? E che begliu curipizzu che tenemo stammatina ‘ncoppa a sta’ maese, nèh!

ANNALISIBU - Dov’è?

FRANCO - Chesta è venuta veramente a sfrecoleà a prima matina. Lassamo perde stu’ trascursu, che fa’ male sulu agliu core e… e a tuttu gliu resto; dìceme si st’amiche tèi so’ propitu femmene femmene co’ tutti gli fatti delle femmene addò gli tènno le femmene noste.

ANNALISIBU - Femmine perfette, anzi donne bellissime. Hai presente Claudia Schiffer?

FRANCO - Cazzarola!

ANNALISIBU - Pamela Anderson?

FRANCO - Cazzarola si!

ANNALISIBU - Cindy Crawford?

FRANCO - Doppia cazzarola, si!

ANNALISIBU - Lucio Dalla?

FRANCO - Tripla cazz.... Ohi mama! Ma che cazzarola stai a dice mo’!

ANNALISIBU - Scusami. Questo è un altro discorso.

FRANCO - Té creto!

ANNALISIBU - Negli ultimi concorsi di bellezza, e vi sono in gara ben duecento galassie con quattrocento specie principali e milleduecento secondarie, hanno vinto il primo premio assoluto.

FRANCO - Ma po’ mai esse? E fanno l’ova?

ANNALISIBU - Si! E più le fanno più la loro bellezza cresce.

FRANCO - Chiù fanno l’ova e chiù se fanno belle? Ecco pecché muglierema diventa sempe più scancigliata. E chella si non accumincia a fa’ subbitu l’ova farà la fine della socera mia. Maronna santa, appena torna l’aggia cioncà dent’agliu cufinu.

ANNALISIBU - Senti, aspettami qui che io vado alla nave.

FRANCO - Vai puri begliu marinaiu...femmena... che si te serve nu’ bbono timone sai addò trovareme.

ANNALISIBU - Che strana espressione! E’ un’espressione gentile?

FRANCO – Paricchiu!

ANNALISIBU - La tua lingua è veramente molto interessante. Permetti che estragga dalla tua mente tutta la parte strutturale e semantica riguardante il parlato?

FRANCO - Fai puri. I’ so’ chinu de cose bbone.

ANNALISIBU - (mentre legge i dati dal suo registratore cerebrale) Ma guarda che cosa interessante.

FRANCO -  Lo saccio. Ma si sapissi quantu è chiù ‘nteressante gliu resto.

ANNALISIBU - A tra poco. (sta per uscire) Bada solo ad una cosa. Se qualcuno dovesse farti domande sul nostro “contatto” non farti sfuggire alcuna parola. Va bene? (esce)

FRANCO - Non te preoccupà ca’ dalla vocca mia non escerà tradimentu. Gliu contattu? Mama mia, e che contattu c’è statu?! Bòh!? Appropositu: tu pensa agli sordi che me potesse fa co’ l’ova de muglierema, delle figlieme e pure co’ chelle della socera mia, che sicuramente faranno schifu sulu a vederele, ma tanto so’ fatti de chi se l’accatta.

SCENA QUARTA

Entra in scena un Agente della CIA/ Uomo In Nero (MIB): è armato di pistola.

MIB - Non ti muovere! Voltati lentamente. Posa quell’arma!

FRANCO - Chistu è scemu!

MIB - Posa quell’arma ho detto! Che cos’è un laser, un faser o un maser?

FRANCO - Chistu è nu’... nu’ zapponer.

MIB - E che cos’è? Quale energia usa?

FRANCO - Chella de mammeta!! Si non me magno mezo chilo de pane co’ le cepolle a prima matina chisto non se iàoza.

MIB - Non scherzare con me. Non scherzare con me! Io ti pianto una pallottola nello stomaco se non collabori.

FRANCO - E i’ na’ zapponata ‘nfronte si non te ne vai a murì ammazzatu!!

MIB - E’ una minaccia?

FRANCO - No.

MIB – E allora che cos’è?

FRANCO – E’ nu’ consigliu da bbona mamma de famiglia.

MIB – Io non vedo nessuna buona madre di famiglia, canaglia! ed io sono armato.

FRANCO – Puri i’! Si caccherunu de nui ce po’ rimette le penne, e chesso è certu, ce sta’ da dice che mentre i’ n’aggio paura de murì, pecché tengo la coscienze pulita e agli’àtu munnu m’aspetto de trovà bbona robba, megliu de ca’; non lo saccio pe’ te che po’ esse quanno gli canniliri toie staranno dent’alle mani degliu diavuru.

MIB – Mio Dio…!? Tu parli come il mio generale?!

FRANCO - Addavero? E fàmme parlà co’ issu allora.

MIB - Generale. Generale! C’è un alieno che parla lo stesso stupido vostro linguaggio.

G. CATERSTAL - Addavero? E chi è? (entra in scena un generale donna)

FRANCO - Generà, bangiornu!

G. CATERSTAL - Bangiornu.

FRANCO - Caspita è propitu la lengua mia.

MIB - Generale quest’EBE è irregolare.

G. CATERSTAL - EBE?! E che è?

FRANCO - EBE lo dici a cacce parente degliu téo, po’!

MIB - Ve l’ho spiegato mille volte. EBE vuol dire Entità Biologica Extraterrestre.

G. CATERSTAL - Mo’ aggio capitu. Da che pianete venete? E come sapete la lengua mia? Volete vinì co’ lo bbono o ve carecamo dent’a’ nu’ saccu com’a’ mortadella? Sete pacificu o ‘ngrifatu? 

FRANCO - Generà prima de tuttu levateve sa’ maschera ca’ a’ Carnevale ce mancono ancora tre misi.

G. CATERSTAL - Che caspita sta’ a dice?

MIB - Se non lo capite voi!?

G. CATERSTAL - Aggio acchiappatu chello c’ha dittu ma no’ gliu significatu de chello c’ha vulutu significà.

MIB – Cosa avete acchiappato?

FRANCO - Generà vui venete travestutu da femmena a sfotte gliu pasticciotta a me....

G. CATERSTAL – Ma i’ so’ veramente na’ femmena!

FRANCO - Pe’ la miseria. Ohi Maronna mia!? Pensate vui che ova giganti ce scessero da sta’ caglina.

G. CATERSTAL – (al Mib) Che cazzarola sta’ a dice mo’?

MIB - Genera’, la lingua è la vostra.

G. CATERSTAL - Parla come t’ha fattu mammeta, alieno da quatto sordi!!

FRANCO - Generà, primu i’ non so’ de n’atu pianeta, e si me dici chi è la tia de mamma te dico subbitu chi è patutu. Secondo i’ è da stammatina che cerco de da’ na’ botta de zappone a sta’ soccia de terra, ma tra cagline mascuri e femmene che fanno l’ova m’aggio sulu ‘mbruscinatu la coccia. Mo’ è arrivatu puri nu’ generale femmena. E no! a stu’ puntu la gente degli’atu munnu sete vui.

MIB - Non faccia illazioni gratuite.

G. CATERSTAL - Stàtte zittu tu che fai la megliu cosa. Ma non ti si accortu che chistu è n’ome?

MIB – Non è possibile!

G. CATERSTAL - Addò gliu truvi nu’ terrestre chiù terrestre de chistu.

MIB – Incredibile.

G. CATERSTAL - E’ degliu paese meo no!? Dici la verità: è vero ca’ si n’ome?

FRANCO - Chesta mo’ che vo’?

MIB - Rispondi al generale, forza! Sei solo maschio o anche uomo?

G. CATERSTAL - Chianu.

FRANCO – Ma qual è gliu probblema?

G. CATERSTAL - Allora si ome si o no’?

FRANCO - Generà, aspettate nu’ poco: chesto me lo state a chiede com’a’ generale o come femmena?

MIB - E qual è la differenza!

FRANCO – Statte zittu tu, che fai la megliu cosa! No, pecché, si vui me lo chiedete come generale ve rispogno; si come femmena ve lo faccio vede’.

G. CATERSTAL - Sgustumatu e malentenzionatu.

MIB - Scostumato e male intenzionato.

G. CATERSTAL - Maleducatu e scornatu.

MIB - Maleducato e senza onore

G. CATERSTAL - Ehi!? e c’aggio missu gliu pappaiagliu? Dalle risposte che hai datu è evidente che si degliu paese meo. Ma rispugni ancora a chesta domanda: Chi s’è accisu co’ quaranta chili de cioccolata pe’ festeggi’ la mugliere che se n’era scappata co’ nu’ ciclista de passaggiu?

FRANCO - Mastu Pippu gliu’ ‘Ntorzatu!

G. CATERSTAL - Bravu! Hai vistu che agenzia de ‘nformaziuni? Autu che la CIA! Piglia esempiu tu, che spissu nu’ sirvi mancu come stuzzicadenti. Creca tu, brav’ome, te sì chiesto che ce facemo ‘ncoppa la terra tia, senza permesso e senza autorizzazione....

FRANCO - M’hei levate le parole dalla vocca.

MIB - Più rispetto.

G. CATERSTAL – Chianu! La verità è che gli strumenti noste hanno segnalatu la caduta de’ caccosa de grosso e luminusu da ste’ parti.

FRANCO - De chesto me ne so’ accortu puri i’.

MIB - Hai visto qualcosa? Parla, subito! Tira fuori il rospo, allora! 

G. CATERSTAL - Chiano addavero, che no’ stai a parla’ co’ n’aglimale.

FRANCO - E gli’ata scusa’: chella hanna esse l’abbitutine. Puri i’ quanno èscio dalla stalla tratto tutti co’ gentilezza. E sì pecché si alla vacca mia ‘ngnì fai mezz’ora de zoze agliu iorno non te fa’ mancu na’ coccia de latte.

MIB - Io non parlo con le vacche.

FRANCO - Co’ gliu ciucciu! Tu co’ chigliu parli, è sicuru! Ce ne semo accorti subbitu: appena hai raperta la vocca.

G. CATERSTAL - Basta, pe’ favore, co’ gli complimenti, iamo allo sugu.

MIB – Lo sugu?

G. CATERSTAL - Pe’ casu… avete vistu caccosa de streuzu?

FRANCO - Si, paricchiu.

MIB - E che cosa?

FRANCO - A te! 

G. CATERSTAL - Si! E’ vèru, ce lo dico puri i’. Ma apparte chesso?

FRANCO - Apparte chesso.... apparte chesso?! Tuttu com’a’ iere e com’a’ gli’atu iere. Tale e quale. A si!

MIB – E allora?

FRANCO - Aggio accunusciuta na’ bella vagliona, curnuta e amica de certe femmene che hanno vintu certi concorsi de bellezza facenno l’ova.

MIB - Questo ci sta prendendo in giro.

G. CATERSTAL - Hanno vintu gli concorsi de bellezza facenno l’ova? E come se fa?

FRANCO - Generà i’ l’ova non l’aggio mai fatte, ma a vui, sulu pe’ diventa miss Minturnu, ma sai quant’ova v’ata mett’a’ fa’?

MIB - Ahhhh! Questa mi è piaciuta. Ahhhh! (l generale lo atterra con una grossa sberla)

G. CATERSTAL - Ahhh! Mo’ sì che ce potemo fa’ na’ bella risata. Ma che caspita me fai dice?! Sinti, si vidi cacche cosa de sospettu damme na’ voce ca nui stamo accampati dereto la casa tia. Iamo.

MIB - (riprendendosi) Ce ne andiamo senza torturarlo?

G. CATERSTAL – Che!?

MIB – Si, senza fargli assaggiare un poco di dolore?

FRANCO - O stu disgraziatu!?

MIB - Generale, per favore! (viene trascinato via dal generale) lasciatelo almeno qualche ora soltanto nelle mie mani. (escono)

FRANCO - Gliu pozzen’accite, e che malentenzionatu. Ca’ gli fatti se mettono allo strittu. Sarà megliu che vaio a cerca’ la vagliona. E si pecché co’ chelle corna luminose l’accanosciono subbitu ch’è de n’atu munnu. Nui ommene le noste le tenemo sempe annascose, puri quanno l’hanno trasmesse già agliu telegiornale.

SCENA QUINTA

Rientra Annalisibu accompagnata dal coopilota Pepperstrik

ANNALISIBU - E’ vero, te lo assicuro. Non ho mai incontrato un indigeno sviluppato così sottosviluppato.

PEPPERSTIK - Interessante. Ma cosa intendi?

ANNALISIBU - Per non parlare del linguaggio. Una struttura formale di una completezza inesauribile.

PEPPERSTIK – E’ telepatico?

ANNALISIBU – Sessopatico. Comunque con sfumature semantiche di una pienezza espressiva ineguagliabile.

PEPPERSTIK - E’ da porre immediatamente nella nostra banca eventi, allora. Ma ora dov’è?

ANNALISIBU - Era qui, e sono sicura che tornerà presto.

PEPPERSTIK - Piuttosto, devo darti una brutta notizia: la nostra nave ne avrà ancora per un’altra ora. Me lo ha comunicato proprio in questo istante…

ANNALISIBU – Che cara, poverina. Sai se mi ha già perdonato?

PEPPERSTIK – Sii, è sempre stata magnanima.

ANNALISIBU – Sai se ha bisogno di aiuto? Corro subito da lei…

PEPPERSTIK - No, assolutamente! Per carità… Nel senso che si sta’ autoriparando che è una bellezza. Piuttosto tu pensi che queste popolazioni siano pacifiche a sufficienza per intavolare qualche trattativa? Sai, la colonia che fondammo qui trecentomila anni fa è stata completamente assorbita e non sono riuscito fino ad ora a trovare traccia degli ultimi superstiti.

ANNALISIBU - Credo che l’indigeno incontrato abbia qualche requisito.

PEPPERSTIK - E’ molto intelligente?

ANNALISIBU - No!

PEPPERSTIK - E’ dotato?

ANNALISIBU – Di qualcosa; ma non ho ancora capito di che.

PEPPERSTIK - Ha un grande bagaglio… culturale, voglio dire?

ANNALISIBU - Assolutamente no.

PEPPERSTIK - E’ un puro di cuore: non fa cattivi pensieri.

ANNALISIBU - Se è per questo fa solo pessimi pensieri: pornografici, credo.

PEPPERSTIK - Si, ma in fondo è un buono?…

ANNALISIBU – Certo. Ma molto, molto in fondo.

PEPPERSTIK – Insomma! Allora, da che cosa ti è sembrato uno di noi?

ANNALISIBU - Dal semplice fatto che in questo tipo di società sia rimasto a fare il contadino.

PEPPERSTIK - E già. Hai ragione. La nostra qualità migliore è sempre stata la coerenza e l’intuito del vero. Brava. Ma è pacifico a sufficienza, oppure dobbiamo metterlo in gabbia?

ANNALISIBU – Forse in pollaio.

PEPPERSTIK – Cosa?

ANNALISIBU – Ha parlato solo di galline. Tuttavia a questo credo di poterci pensare io.

SCENA SESTA

Entrano in scena Antonia e Sansone, suo amante

SANSONE - Hai sentito quel boato poco fa?

ANTONIA -  Lasciamo perdere i boati che già ne sopporto troppi da mio marito ogni notte.

SANSONE - E quella luce accecante?

ANTONIA -  Non me ne frega niente. Siamo vivi? Bene. Il resto è immondizia.

PEPPERSTIK - Questi chi sono?

ANNALISIBU - Lei dev’essere la moglie.

SANSONE - (gridando) Ma tu che cosa vuoi da me?

ANTONIA -  Tu devi fare l’uomo. Che razza di avvocato sei?

PEPPERSTIK - Penso che hanno qualche problema.

SANSONE - Il coraggio di un uomo è un fatto e la cattiva educazione di dire al villico di essere uno schifoso villico è tutta un’altra cosa.

ANTONIA -  Tu hai preso una brutta piega da quando ti ho detto di fare finalmente l’uomo.

SANSONE - Io non ho bisogno di fare l’uomo perché già lo sono e se lo sono non posso diventarlo di più.

ANTONIA -  Se questo è il tuo massimo preferirei che tu fossi una lavastoviglie.

SANSONE - Va bene. Va bene. Come vuoi tu, andrò a parlare con tuo marito. Ma dopo ci guadagno qualcosa veramente?

ANTONIA -  Come no? La torta alle fragole, la cioccolata fondente, (con ironia in doppio senso) la liquirizia…

SANSONE – Ho capito! Ho capito. Vado. vado.

ANTONIA - E se non ti dovesse bastare, la spremuta di ananas e la frittata con le cipolline novelle.

SANSONE – (innervosito ed eccitato) Lo sbrano quel villico, quanto è vero che mi chiamo Sansone.

ANTONIA -  E certo! Era ora.

Sansone esce di scena

PEPPERSTIK - Non ho capito un accidenti.

ANNALISIBU - Ora vediamo. Signora....??

ANTONIA -  Ahh! Ahhh! A che... che.. che bella giornata, vero? Desiderate?

PEPPERSTIK - Signora lei cercava un uomo vero, vero?

ANTONIA -  Non… non… Eh!? Non capisco la domanda?

PEPPERSTIK – (a Annalisibu) Che strano, eppure sto’ usando la sua lingua.

ANNALISIBU - Ho memorizzato la lingua del marito, aspetta che ti trasferisco in memoria il file completo. Ecco....un attimo ancora. Ora puoi parlare.

PEPPERSTIK - Figlia de na’ mandria de ciucci e de na’ scrofa bastarda, che vai sbaneènno da ste’ parti accussì’ sciòta?

ANTONIA -  (inorridita) Eh!

PEPPERSTIK - Rispugni alla domanda mia prima che te scasso gliu mussu de soce che te ritruvi.

ANNALISIBU - Mi sembra che stai un poco esagerando.

PEPPERSTIK - Ma che cazzarola vai dicenno? Ca’ si caccherunu ha esaggeratu è gli’attrezzo tiu e la coccia che t’appartene, ca’ i’ sto’ a’ parlà allo normale.

ANNALISIBU - E si, credo di aver trasmesso troppo materiale indigeno. Medierò con qualche struttura semantica più educata e cortese. Vai!

ANTONIA -  Ma voi chi siete?

PEPPERSTIK - Pozzo? Sicuru?

                                                 Bella figlia de mamma rossa e bianca

                                                 e de patre faticatore e tunnu,

                                                 ca de angiulu tenete la parvenza

                                                 e de ome la tosta presenza,

                                                 dicetece, a piacere vosto,

                                                 gliu pecché de sto’ doce ‘ngrifamentu,

                                                 sì rispogne a nui ve pare

                                                 e si la vocca vosta énchie le recchie noste assai gli piace

                                                 degli begli sone voste melodiusi.  

ANTONIA -  Eh!! O Dio mio!

PEPPERSTIK – C’aggio dittu mo’? Che cosa le ho detto adesso?

ANNALISIBU - Fammi fare un’altra correzione. Ecco, così! Vai

PEPPERSTIK - Pezzo de femmena arraiata, rapri sa’ occa fatta de cerase e caccia subbitu le giuste risposte alle domande noste prima che sgancio gliu freno agliu carrarmatu meo. Muvete!

ANTONIA -  Ahhhhh! (scappa via)

PEPPERSTIK - E mo’ che atu aggiu mai dittu?

ANNALISIBU - Stranu, ha funzionato tuttu alla perfezione.

PEPPERSTIK - A sì?! E allora pecché puri tu mo’ stai a parlà allo paesanu; com’a’ me?

 Ritorna Sansone

SANSONE - Amore mio, amore mio infinito, tuo marito non è in casa. 

PEPPERSTIK - Ripiti n’ata vota.

SANSONE - Amore mio, amore mio infinito, tuo marito non è in ....Ahhh! 

PEPPERSTIK - ANNALISIBU – Non è in ahhh!?

SANSONE - Scusate ma voi chi siete?

PEPPERSTIK - Riattacca co’ sa’ cazzarola de traduttore, Annalisi’.

ANNALISIBU - Pepperstik, chistu sta’ già attaccatu. E non se stacca cchiù!  

PEPPERSTIK - I’ t’attaccasse a te’, sta’ pecora marziana! e puri st’esemplare ca’ presente, che me pare paricchiu arruinatu e ‘ntrugliatu de coccia. Regola bbono lòco però.

ANNALISIBU - Ecco mo’ pare che ce semo. Vai.

PEPPERSTIK – Pare?

Rientra velocemente in scena Antonia

ANTONIA -  C’è l’esercito. C’è l’esercito!! Sansone fai qualcosa.

SANSONE – Certo! Le colonne…? Cosa?

PEPPERSTIK - L’esercitu?! Chisti eserciti terrestri non capisciono mai niente eppuri stanno sempe ‘nmezo agli pere.

SCENA SETTIMA

Rientra la generalessa e inquisitore

MIB - Generale eccoli. Il nostro rivelatore di alieni questa volta ce li ha conditi su un piatto di cristallo.

GENERALE – E che è na’ ‘nsalata? Chiuttostu, quanti ne so’?

SANSONE - Io sono solo il suo avvocato.

ANTONIA -  Pagliaccio.

MIB - Il rivelatore ne indica due, un maschio e una femmina.

G. CATERSTAL - Bbono. Ma… Ohi maronna mia!?? Ca’ ce ne stanno quatto: unu, dui, tre e quatto. Cazzarola!?

MIB – Davvero!? (conta anche lui) Uno, due, tre e quattro. Non è possibile.

G. CATERSTAL – Quanno unu è ciucciu…! Mani in alto e metteteve ognunu pe’ gli fatti soie, che mo’ analizzamo la situazione a dovere, Mani in alto, aggio dittu. Tutti! Subbitu!! Prima che non ve strocco chello a che chiù tenete! 

Alza istintivamente una mano in alto anche il Mib, mentre con l’altra si copre l’inguine, lasciando

così cadere il rivelatore a terra

MIB - Generale....

G. CATERSTAL - Non perde tempo! (tutto sommato anche un poco spaventata) passa sa’ schifezza de macchinariu vicinu a ugnunu de issi e vedemo chi è venutu dagli’atu munnu e chi no. Quantu è vero me gli faccio torna alle terri soie dent’a’ na’ scatola de conserva.

MIB - Generale....

G. CATERSTAL - E muvete che già me sta’ a finisce la pacenzea.

MIB - Si è rotto, signore.

G. CATERSTAL - Si me so’ rotta già de sta’ situazione. Muvete!

MIB - Non posso signore.

G. CATERSTAL - Chistu è scemu!? E’ n’ordine, aglimale!

MIB – Signore, vi devo ufficialmente rivelare che l’apparecchio rivelatore di alieni si è rotto.

G. CATERSTAL - Si è rotto? E chi è statu?

MIB – Ma, signore…

G. CATERSTAL – Chi è statu??

MIB - Voi signore. Mi avete ordinato mani in alto ed io, per obbedire a voi, l’ho lasciato cadere a terra. Vedete ho ancora una mano in alto.

G. CATERSTAL – (quasi gridando) E l’ata!?

MIB – (alza di scatto anche l’altra mano) Mi perdoni, signore!

G. CATERSTAL - Te puzzi schiattà. Te pozza piglià nu’ colèra rinforzatu.

MIB - Non ho capito bene, signore.

G. CATERSTAL - Quanno te consumerai gliu curipiozzu ‘ncoppa na’ tazza de gabbinetta lo capirai a dovere. E mo’ come facemo a vede’ chi è de chistì? Nisciunu se mova si no’ ve stènno a tutti e’ quatto.

MIB - Io avrei un’idea....

G. CATERSTAL - E avvàscia almeno se’ mani, ciucciu de stirpe e de devozione.

MIB - Avrei un idea… Come signore?

G. CATERSTAL – Muvete!

MIB - Facciamogli l’analisi del sangue.

G. CATERSTAL - E... e non te paréa?! Chisti, si gli dai tempo, te scompàrono da ‘nmezo le mani.

ANTONIA -  Insomma, noi abbiamo altre cosa da fare che assistere alla vostra recitina.

G. CATERSTAL - Recitina? Recitina!? Femmena aliena ìmpertinente! Rispugneme chiuttostu: sete venuti pe’ conquistà la terra, o state sulu pe’ la lune de mele?

PEPPERSTIK - Chisto è ome o femmena?

ANNALISIBU – Pare una donna.

G. CATERSTAL – C’ha dittu?

PEPPERSTIK - Nui semo venuti a stu’ paese  sulu pe’ serviziu.

MIB – Ahhh!? Ci vogliono fare il “servizio”? Generà avete sentito? Ci vogliono fare vertamente il servizio!?

G. CATERSTAL – Chistu è veramente screffonnatu de coccia…?

ANNALISIBU – Si è pe’ chesso chello che ve’ cumbinate da suli è cento òte peggiu de chello che nu’ nemicu straniero ve’ potesse fà. Gliu peggiu...

MIB - Che cosa hanno detto?

G. CATERSTAL – Aspetta nu’ poco. Chisti non pònno esse alieni, no: me dispiace. Chisti so’ ati paesani mee. Ma su’ cazzarolo de macchinariu avesse pigliatu a currìu la gente delle parti mèi? Vagliù vui potete i’. Ma non raprete occa ‘ncoppa a chello che ca’ è successo.

ANNALISIBU - Ma nui volemo trascorre co’ caccherunu de conseguenza...

G. CATERSTAL – E i’ chi saria…? Iatevenne ch’è megliu!

PEPPERSTIK - Creca è megliu fa come dice gli’ome-femmena.

I due escono

SCENA OTTAVA

MIB – Generale… generale Caterstal, e se vi state sbagliando?

G. CATERSTAL - Scota: si i’ me sbaglio chi fucilono tra me e te? Chiaru? E po’ chi parla la lengua degliu paese meo non po’ esse che n’ome de chistu munnu. Te sia regola de vita.

SANSONE - E noi?

ANTONIA -  Noi non siamo certo alieni.

SANSONE - Io sono un avvocato.

ANTONIA -  E io sono la sua amante.

MIB – Ahhh!? Genera’ avete sentito?

G. CATERSTAL - La mal’aggenti non stà sulu ‘ncoppa la Terra.

ANTONIA -  Però non dica niente a mio marito.

G. CATERSTAL – (al Mib) Che t’avevo dittu’?

MIB – Che cosa? Generale, questi ci vogliono fare abboccare con falsi discorsi.

G. CATERSTAL – Addavero? Come abbocca’? Vui mo’ venete co’ nui e fin quantu non ce dicete addostà la fressora volante vosta non ve levamo da sotto tortura.

SANSONE - Ma io non ho fatto niente di male.

G. CATERSTAL - N’hai dittu che sì avvocatu? E che vulivi fa’ de peggiu!?

ANTONIA -  Ed io?

G. CATERSTAL - Non saccio come so’ gliu costumi agliu pianeta vosto...

ANTONIA -  Ma quale pianeta?

MIB - Più rispetto al generale

G. CATERSTAL - Più rispetto al.... Insomma...!!

ANTONIA -  Io porto rispetto per chi mi pare.

MIB - Aliena scostumata....

G. CATERSTAL - Aliena scostumata...(al Mib) Vaglio’ tu t’è sta’ nu’ poco coètu.

ANTONIA -  Io sono una donna…

MIB - E adesso ti sei condannata con le tue stesse mani.

G. CATERSTAL - E si’...?? Ma che cazzarola jamo sbaneènno? (al Mib) Chiuri su’ puzzu ammarcitu o ti gli’appilo i’ na’ ota pe’ sempe! Allora, si sì veramente femmena, potemo trovà cacche scappatora. Ca’, co’ stì mazzammurri de mascuri si non ce damo na’ mani tra’ nui, a sore, la galassia è arruvinata. Però agliu compagnu téo na’ scortecatella ce l’hama fa. E’ de devozione.

SANSONE - Che cosa vuol dire?

ANTONIA -  Non riesco a capire come tu non capisca mai.

G. CATERSTAL - (il militare sta per parlare) Stàtte zittu! (a lui) Voglio dice che puri si essa è de n’atu munnu tra nui femmene ci’hanna sta’ sempe armonia. Giustu? Giustu! (a lei) E allora facemo na’ cosa; nui torturamo a issu e tu parli pe’ tutt’e’ dui; co’ me.

SANSONE - Anto’, dici immediatamente quello che devi dire.

ANTONIA -  Ma, cretino, non ho ancora capito di quello di cui stiamo parlando. E se io non dico niente?

MIB - Noi lo tortureremo di più.

ANTONIA -  E se io continuo a non parlare?

MIB - Noi continueremo a torturarlo.

ANTONIA -  E se sbaglio qualche risposta?

MIB - La tortura si farà sempre più dolorosa,

ANTONIA -  E se io...

SANSONE - Anto’ ma allora lo fai apposta!?

G. CATERSTAL - Basta accussì! Iamo, che la strati è longa.

(escono)                                                                                                            FINE PRIMO ATTO

Un atterraggio di sfortuna

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

Il generale, la signora Antonia, l’inquisitore e Sansone sono in pompa magna e in attesa trepidante

VOCE FUORI CAMPO -  Attenzione, attenzione! Nave aliena in avvicinamento. Attenzione! Che la popolazione si tenga ben in ordine e sempre dietro le transenne  Che le forze dell’ordine si tengano pronte ad intervenire e che il personale della base tenga in piena efficienza i sistemi di contrattacco in caso atteggiamenti chiaramente ostili da parte dei nostri “gentilissimi e graditissimi ospiti”. Buona fortuna a tutti noi. Se ci incontreremo ancora a festeggiare tra qualche anno in qualche bellissima oasi galattica o in un forno crematorio alieno questo lo sa solo, forse, il presidente della CIA. Un abbraccio a tutti voi da tutti noi e che l’Air Force sia con noi. Addio!

ANTONIA – Generale, non mi aveva detto che c’era qualche pericolo?

G. CATERSTAL - Quando si è preparata per la prima comunione non le hanno detto di avere fiducia nel suo governo?

ANTONIA - Ma generale, come parla?

MIB - Il generale ha frequentato corsi speciali per riprogrammazione totale del linguaggio.

SANSONE - Adesso parla come tutti noi.

MIB - E’ per non farci fare brutta figura con gli alieni.

ANTONIA – (a Caterstal) E’ stato un lavoro interessante, scommetto?

G. CATERSTAL - E’ stato un lavoro disgustoso, mia cara.

VOCE FUORI CAMPO -  Attenzione, attenzione! La nave aliena è su l’astroporto.

SANSONE - Da quando abbiamo un astroporto?

G. CATERSTAL - Da quando nel nostro aeroporto atterrano astronavi aliene, signor avvocato delle mie mutande.

MIB – Come mai non c’è il presidente in persona?

ANTONIA – Il presidente ha cose più importanti che allacciare buoni rapporti con rappresentanti dell’altro mondo.

MIB – E sarebbero?

G. CATERSTAL – La moglie dava un party per le sue vicine di casa.

 

VOCE FUORI CAMPO -  Attenzione, attenzione! La nave aliena è sull’astroporto. Una raggio luminosissimo è proiettato a terra. Ecco, meraviglia delle meraviglie: alla base del raggio è comparsa dal nulla una figura; è di certo un umanoide. Ora un'altra. E un’altra ancora.

MIB - Generale, ma questi sono come noi: sono grandi e con la testa piccola. Non sono gli stessi con cui abbiamo avuto già contatto.

G. CATERSTAL - Ma vuoi stare zitto, imbecille!

MIB - Avete ragione, scusate. Generale e se questi sono ancora più stronzi di quegli altri?

G. CATERSTAL - Difficile. Ma insomma!?

VOCE FUORI CAMPO -  Attenzione, attenzione! I nostri visitatori si avvicinano al comitato di accoglienza. Ah, dimenticavamo; il comitato di accoglienza. Alla vostra sinistra il dott. avvocato Sansone Negretti, vice segretario per i protocolli extraterrestri. Tale titolo gli è stato conferito per meriti sul campo… di tortura: malgrado quattrocento ore di acuti dolori, infatto, dalla sua bocca non è sfuggito alcun ché. Accanto a lui la dottoressa Antonia Mancuso, segretaria per i suddetti protocolli. Dopo quattrocento ore di tortura del suo amante ha mostrata una freschezza invidiabile. Al suo fianco ancora l’alto inquisitore, cioè il CIAman, ovvero il Mib. In effetti “colui che non c’è”: qualsiasi crimine possa concepire e attuare essendo fatto solo e soltanto per la sicurezza nazionale è incondannabile e inesistente. Se anche ammazzasse vostro padre, vostro padre non è mai esistito, e se esistito è in vacanza, e se per caso risulta ucciso da qualcuno questo qualcuno potreste essere solo e soltanto voi. Ed infine il nostro generale a sette stelle, appunto: Caterstal. La prima donna generale della storia dell’umanità, e che oggi stringerà la mano a visitatori alieni davanti a tutto il mondo. Il sindaco della nostra città ha presentato un certificato medico per se ed uno per tutta la giunta. Ci hanno assicurato che se tutto va bene saranno a rappresentare il nostro paese al banchetto serale in incognito anche alcuni “veri” rappresentanti del “vero” governo, gente molto sotterranea, insomma. Una curiosità; non sapendo che pietanze saranno gradite dai nostri ospiti duecento cuochi di duecento paesi terrestri sono sul filo di partenza per la prima ordinazione. E adesso in bocca al lupo.... alieno, s’intende. Ah ah ah!  

ANTONIA - Questo cronista è un po’ troppo spiritoso.

MIB - O si! lo era anche mentre lo rieducavamo con la 380 sulla lingua.

SANSONE – Era avvocato anche lui?!

G. CATERSTAL – No! Medico dissidente. In piedi, ecco che arrivano.

I tre alieni entrano in scena, il generale si svvicina aloro leggermente imbarazzata.

                

             Benvenuti, benvenuti fratelli nostri amati. Da qualsiasi mondo lontano, o galassia o ammasso di galassie arriviate, ben venuti!

FRANCO – Bangiornu!

G. CATERSTAL - Bangiornu. Eh!?

PEPPERSTIK + ANNALISIBU - Bangiornu!

MIB - Generà, che cosa sta’ accadendo?

G. CATERSTAL – Ho l’impressione di aver già sentito questa lingua da qualche parte.

ANTONIA – E io ho l’impressione di aver già visto precedentemente il capo ambasciatore alieno.

SANSONE – Ma che cosa dici?

G. CATERSTAL - Silenzio. Ospiti magnifici e sublimi, le vostre persone ci colpiscono per la freschezza e per la somiglianza estrema con la nostra razza. Ma di questo non ci meravigliamo troppo; già eravamo “già ‘ngingati… Voglio dire; ben preparati anche a tale eventualità. Tuttavia ci sembra eccessivamente familiare, come ho anticitato poco fa, anche il vostro linguaggio. Potete darci qualche “approfiddiamentu”… Scusate, volevo darci qualche spiegazione scientifica prima di procedere nei protocolli?

FRANCO - Generà, ve trovo’ nu’ poco cagnatu, spero non de coccia, ca chella almeno ve funzionava abbastanza bbono, tempo fa’. Parlate come v’ha fattu mammeta che gliu trascursu sarà chiù accunciu e lineare.

PEPPERSTIK - ANNALISIBU - Parlate come v’ha fattu mammeta.

ANTONIA - Sembra mio marito.

MIB - Non dite sciocchezze!

G. CATERSTAL – Cazzarola…? Ho difficoltà a controllare la mia lingua.

FRANCO - Parlate come...

PEPPERSTIK -+ ANNALISIBU - ...v’ha fattu mammeta.

FRANCO - Bravi. Ma mo’ ammupateve.

PEPPERSTIK - Come a vui pare.

ANNALISIBU - Come è desideriu vosto.

G. CATERSTAL - Santo cielo. Senta, per caso…

FRANCO – Ommene della Terra scotate, che dopu de vui ci’ama fa’ n’ate ghiece fermate prima de stasera. Assettateve. Aggio dittu: assettavete, bbona ggenti!!!

MIB – (mentre tutti si seggono) Generale Caterstal: faccio intervenire l’esercito. Mi pare troppo violento. O almeno troppo arrogante.

ANTONIA - Se non vedessi l’astronave aliena con i miei occhi direi che è tutto uno scherzo.

SANSONE - Se quello è tuo marito io sono un deficiente.

ANTONIA - Oddio, allora è veramente mio marito?!

SANSONE - Scusami! Cosa?

G. CATERSTAL – Silenziu, aglimali da quatto sordi! (si porta le mani alla bocca)

FRANCO - O! Mo’ sì! chesto è parlà da ome. Scusate: da femmena generalessa. E mo’ si che potemo fa’ tra nui gliu giustu trascursu diplomaticu.

PEPPERSTIK + ANNALISIBU – Quieti, però, senza na’ zefolatura de mosca.

FRANCO - Ancora? Allora, ‘ngingamo chiarenno gliu misteru della lengua. Si hamo pensatu de ve’ parlà a sta’ manera è pecché tra le tante parlate degliu munnu vosto, de cui ha fattu parte puri gliu sottoscrittu pe’ cacche tempo...

ANTONIA - Lo dicevo io, lo dicevo. Io non mi sbaglio. Non mi sbaglio!

SANSONE – Piano, cara; che ti si smonta la permanente.

FRANCO – (con rimprovero) “Dicevo che se hamo pensatu de usa’ sta’ lengua è propitu pecché nisciun’ata lengua della terra è arrivata a esse accussì cumunicativa, sia pe’ gli sentimenti che gliu pensero. E puri rispettu a tante parlate de ati munni ha mantenutu sempe addirittura nu’ bbono primatu. E po’ puri pecché è l’unica cosa bbona c’aggio ‘mparatu ‘ncoppa a stu’ pianeta disgraziatu, e pe’ chesso me la so’ conservata. “Ommene de chistu munnu, la Federazione Arriunita ve manna tuttu gliu salutu seo. Pe’ vosta conoscenza dent’alla Federazione ce stanno OmmenePapere, OmmeneRigli Ommene Ommene, OmmeneCavagli e OmmeneLucertole. Affederati co’ nui ce stanno UrsiOmmene, UrsiLeuni e AnguilleIntelligenti. Gli OmmeneCiucci…”

A questo punto Sansone cade con tutta la sedia dal piccolo podio

                Gli OmmeneCiucci ancora non ce stéono… O megliu ce staranno da stasera si firmamo stu’ contrattu.

Sansone nel ritentare di sistemarsi faulteriori macelli

                “La prima cosa che zompa alla facci è che…” (pausa) Se potesse fa’ puri nu’ poco de silenzio, me pare: vistu che ce stanno a vede quattordici pianeti de cinqu galassie diverse, o no!?

SANSONE – Scusate.

FRANCO – E ce mancasse atu! Diceàmo? “La prima cosa che zoma alla facci…

Sansone cade di nuovo rompendo addirittura la sedia

                 Dicevamo che la...” Non te move da ‘n’terra! “Diceàmo che de chello che gli antichi “patri” v’hanno missu ‘n’mani, e so’ sulu poche migliara d’anni, sete stati capaci già d’arruvinà lo novanta pe’ cento. A ‘cumincià dalle seggi. Co’ salute, ve pozzeno schiattà a tutti quanti.”

MIB - Non sentite che ci minaccia. Do’ il via all’esercito?

G. CATERSTAL - Si nun la smitti dongo gliu via alle mani mei e te faccio gli’occhie a’ barbaggianni.

FRANCO – “Gli’unicu pianeta addo’ è successo quasi la stessa cosa è chigliu degli OmmenePecora, ma chesto fozètte sulu pecché la PecoraPresidente s’è ‘nnammorào degli LupuCattìu.”

SANSONE - Per caso è quello di Cappuccetto Rosso?

MIB - Cappuccetto Rosso? Non riesco a capirci più nulla.

G. CATERSTAL - Stateve zittu, ca’ prima de stasera vui dui fate la fine della nonna.

ANTONIA - Interessante! Ma se firmiamo l’accordo io che prendo? (tutti la guardano esterefatti) Voglio dire che cosa ci guadagno? che incarico, io?

G. CATERSTAL - Sinti, ca’ non stamo a fa’ tutta st’ammuina pe’ fa’ acchiappa’ cacche ata cosa a te. Ma pe’ vede’ a quale soluzione approdà pe’ la salvezza de stu’ munnu sanu.

ANTONIA - E io non firmo niente. O prendo qualcosa o non firmo.

FRANCO – Che è sta’ ammuina? Me pare che la segretaria degli protocolli è chiù arraiata de quantu l’aggio lassata?

ANTONIA – E… In che senso “arraiata”?

MIB - Non vi preoccupate, ambasciatore. Lei è solo in rappresentanza del gentil sesso, e come tale non ha di fatto nessuna concreta voce in capitolo.

G. CATERSTAL - (all’inquisitore) E si i’ te cancello addavero da ‘ncopp’agliu capitulu? Dicete, dicete a me, bbon’ome.

FRANCO – “Pe’ approfiddià nui semo venuti a chistu accoscentimentu pecché parono maturi gli tempe degliu conguagliu. Parono. O megliu, gli tempi de’ n’accostamentu pruvvidenziale pe’ raddrizzareve nu’ poco la via a nu’ munnu novo. Da na’ parte però chello che non semo ancora riusciti a capisce è come mai ve ne state begli tranquilli, tranquilli, quanno miliuni degli figli voste morono accisi, de fame, de malatia, fatti a pezze, sfruttati e vennuti; figlie de mama belle com’agliu sole ittate ‘ncoppa gli marciapiedi, pistate negliu spiritu e accise senza pietà; ogni iorno; momentu pe’ momentu. Come lo sangu non ve se ribbella dento alle vene pe’ sta’ vergogna planetaria?”

PEPPERSTIK + ANNALISIBU - Com’è possibbile?

MIB - Io non ho figli!

ANTONIA - Nemmeno io!

SANSONE - Io non sono mai stato sposato.

FRANCO - (a Annalisibu e Pepperstik) Bbono. Pe gliù curipizzu degliu diavuru!! Facemo finta che niente hanno sentutu le recchie nosti. (alla platea) Nui ve damo tre anni e sei misi da stu’ momentu pe’ sistema’ tutte le schifezze de stu pianeta. Mancu nu’ iorno de chiù. E’ chiaru che fin’a’ mo’ hamo dovutu rispettà gliu libberu arbitriu che puri genti com’a vui tene. Ed è chiaru che nemmeno potete appoggiareve a scuse: ‘nmezo a vui se so’ fatti puri paricchi santi e brav’aggenti. E issi so’ degli stesse matuni voste. E’ chiaru ancora che non volemo sfrattà nisciunu leggittimu patrone de casa. Ma è ancora chiu chiaru ca’ chi s’è fattu bestia allo 97% non po’ esse chiù patrone de niente. Alla fine degliu tempo, tre anni e sei misi, nui venemo co’ le forzi noste, e ve garantemo che tutte le forze voste messe ‘nsema non ce fanno mancu nu’ piru. Mo’ ve lassamo pecché a’ bbon’aggenti poche parole bastono, e agli disgraziati non ne servono a scriffunnu”. Tenemo ati appuntamenti?

PEPPERSTIK + ANNALISIBU - Paricchi ati. (escono tutti e tre)

FRANCO – E allora iamo! “Che chi ha fattu gliu celo e la terra ve dia lume e conoscimentu. A lestu!!”

MIB – A mai! Volevo dire: “Mai come adesso… Proprio adesso che avevo cominciato a capire qualcosa… E dove vanno?”

G. CATERSTAL - (all’inquisitore) Tu stii a dice cacche ata cosa?

MIB – Addavero? No… Vi giuro che mi sono anche affezionato…

 

VOCE FUORI CAMPO -  Attenzione, attenzione! I nostri visitatori si avvicinano al raggio luminoso. Ecco ora sono all’interno del raggio. Accennano un leggerissimo saluto. Ma che strana espressione…! Ecco, adesso sono scomparsi, e la grande astronave si stà allontanando da noi a una velocità mostruosa. Non si vede già più. Forse qualcuno del nostro Comitato Terrestre di Accoglienza non si era lavoto bene i denti?

ANTONIA - Pagliaccio. E’ tipico di un vigliacco come lui andarsene così, senza salutarmi come si deve. E perché? E’ chiaro: l’ha fatto soltanto per farmi dispetto.

SANSONE – Cara, forse non è colpa tua.

MIB – Anch’io credo che non sia colpa sua.

G. CATERSTAL - E certu che non è colpa sia. E’ la mia: pecché se i’ v’avesse appisu a na’ cerqua pe’ gliu coglio a vui e specialmente a tutti chigli coma a te da cinquant’agni a chesta parte mo’ stessemo tutti megliu. Come se potrà pulizza nu’ pianeta sanu dent’a’ sulu tre anni e sei misi? E iamocenne, mo’. Iamocenne, prima che ve scorteco co’ le mani mei stesse.

Escono.

SCENA SECONDA

Entra in scena Franco, E’ il solito contadino di sempre: con fiasco, zappa, e fazzoletto

 

FRANCO - E chesta è na’ iornata com’a’ tante, ih’. Quantu me piacesse che stu’ zappone pigliasse da sulu n’iniziativa ‘ntelliggente: dent’a’ na’ botta s’é ‘ngrifasse e se mettesse a zappa’ pe’ gli fatti soie. Allora si’ che... E stu’ fiascu? Viti tu: dopu cacche sursu s’è già vacantatu!? Senza permesso, po’! Che scustumarìa!

Entrano in scena Antonia e Sansone

ANTONIA - Io non capisco. Io non capisco. Io non capisco.

SANSONE - Ma non te la prendere. Sarà un’altra volta. Insomma, non è la prima volta che i contatti con gli alieni vanno a finire in questo modo.

ANTONIA - Che so’? Un incarico di grande prestigio, con un mensile sostanzioso.

SANSONE - Gli alieni evoluti, da quel che ci hanno detto gli esperti, non usano denaro: banche, banconote e simili vengono considerati gli escrementi degli stupidi.

ANTONIA - Davvero? Bah, pagheranno con qualche altra cosa.

SANSONE – Solo nei pianeti dominati dai delinquenti esistono ancora questi sistemi. Da quel che ne sappiamo noi, insomma, non hanno bisogno di pagare nessuno.

ANTONIA - Come no?

SANSONE - Si, gli abitanti fanno quello che fanno perché fa parte della loro stessa vita. E’ come una missione, Una missione altamente sentita.

ANTONIA - Nooo! E mio marito? Dormiva, il disgraziato, con i soldi nelle calze e nelle mutande!?

SANSONE – Tuo marito è un assimilato, ormai… Secondo me non è più un terrestre. Magari adesso stà viaggiando su un incrociatore più grande di quaranta portaerei messe insieme; vuoi che si interessi più ai tuoi “mensili sostanziosi”?

ANTONIA – Tu credi? Beh… Io… E allora chi se ne frega!! E’ meglio che è andata come è andata. (vede Franco) Ah! Ah! Guarda! Ahhh!!!

FRANCO – (spaventatao) Mama mia e chi è sta pazza scatenata?

ANTONIA - Mio marito?!

SANSONE - Ma come è possibile?

FRANCO - E chi potéa esse?

SANSONE - Ma lei non è partito su un disco volante?

FRANCO - E tu pe’ la tazza degliu cabbinètta!

ANTONIA – E l’incrociatore pieno di mensili sostanziosi? Ahhh!!

FRANCO – Ohhhh!?? Ma che te sì ‘mbriacata eh, mugliè?

ANTONIA – (gridando) Siiii. Sono letteralmente impazzita… Stanno per scadere i tre anni e non abbiamo combinato niente di buono… e infine ti trovo qui!? Maledizione!

FRANCO - Che te strilli!? E po’, come mai non stai a’ cucina’?

ANTONIA - Che cosa? Tu hai avuto la faccia tosta di venirci a sputare in faccia il tuo schifoso ultimato e adesso fai anche queste stupide domande? Ma adesso che cosa sei; quello di prima o quello di dopo… Voglio dire: mio marito il rincoglionito o l’alieno burino?

FRANCO – (minaccioso) Sinteme bbono... No! Cominciamo prima a fa’ pulizzia da dento la casa nosta. Primu: quanno i’ aggio finitu de fa’ sta’ fatica vengo alla casa e voglio trova’ tuttu apparecchiatu e pronto, si no’ stu’ zappone piglierà la via della coccia tìa. Secondo; fosse ora, e tu m’hai capitu bbono, fosse ora che certa specie d’aggènte pigliassero la via della terra o degliu fosso della lotama.

SANSONE - Che cosa?

FRANCO - Gliu meo non è statu nu’ cunsigliu.

SANSONE - Io a lavorare la terra? Ma nemmeno morto.

FRANCO - E chi te obblica. Tu pu’ sceglie: o ‘ncoppa la terra a zappa’ o sotto a riposa’.

SANSONE - Io protesto!

FRANCO – E i’ t’ammasono! Conto finu a cento e dopu te levo dagliu munnu. Novantasei, novantotto...

SANSONE - Ehi, ma! Vado vado! (esce fuggendo)

ANTONIA - Ma dove scappi, vigliacco?

FRANCO - Co’ te non conto tantu. A’ncumincio.

ANTONIA - Insomma... (Franco la prende la scuote, la schiaffeggia e poi la bacia violentemente. Alla fine…)

FRANCO - Ti cacche ata cosa da dice?

ANTONIA - Eee... e mo’ non me esce parola. Tengo la coccia tuuuutta... sconcecata.

FRANCO - Ha funzionatu. Vai alla casa femmena, che tra poco ce vedemo. Ca i’ tengo ate operaziuni da fa’. Infatti, eccugli puntuali.

MIB - Genera’ da questa parte. Da questa parte. Ne è uno solo ma è denso, concentrato, mai vista una cosa del genere. Ha l’energia di dieci alieni grossi e succulenti messi insieme.

G.CATERSTAL - Sta’ vota me guadagno n’ata stella. (vede il contadino) Ohi mama! Ma chistu è nu’ contadinu?!

FRANCO - Che è, ve fa’ schifu?

MIB – No! Il dispositivo non si sbaglia. Questo è un alieno.

G.CATERSTAL – N’è veru. I’ non vedo atu che gliu solitu contadinu dell’ata vota.

FRANCO - Generà me fate specie. Tutti gli contadini so’ paricchiu alieni.

MIB - No, lui è veramente un alieno. E pure concentrato..

G.CATERSTAL - Certu; ce sta’ chi lo è de chiù e chi de meno.

FRANCO - Ve volete fa’ svelà gliu misteru?

G.CATERSTAL - Si.

MIB – No!!

G.CATERSTAL – Ehi!?

FRANCO – Ca’ ci’ha raggione. Cheste so’ spiegaziuni che non ponno i’ puri alle recchie degli ciucci.

MIB - Io e il generale siamo una sola cosa.

G.CATERSTAL – St’aglimale!? Eh! Ma che stai a dice. Chiuttostu me sparasse. Vatt’a’ fa’ na’ passiata, va’! Ma… (timorosa) Ma si me sinti fa nu’ sderraiu vini bbono armatu e subbitu de corsa.

MIB - Agli ordini! Ma che cos’è questo “sderraiu”?

G.CATERSTAL - Quanno unu è ciucciu. Vatténne!! Allora sta’ spiegazione?

FRANCO - (si prepara) Come la volete concentrata o diluita?

G.CATERSTAL - Ma che?

FRANCO - La spiegazione.

G.CATERSTAL - I’ la volesse.... (Franco le è addosso e in un baleno la bacia)

FRANCO - Ha capitu mo’?

G.CATERSTAL - Ma che cazzarola è successo? I’ te faccio fucilà! Come ti si’ permesso... Mama e com’aggio capitu bbono mo’! E che è statu? (modulado di testa e in falsetto) Potesse fa’ nu’ ripassu?

FRANCO - Te pozzo garantisce che ne basta la prima.

G.CATERSTAL – Ma i’ te dico…

MIB - Eccomi. Mani in alto, maledetto alieno zappatore!

G.CATERSTAL – Ehi! Pecché già stai ca’? I’… I’ non t’aggio chiamatu.

MIB - Come no! Ho sentito “gliu sderraiu”.

G.CATERSTAL - Gliu sderraiu?

MIB – Gliu sderraiu!

G.CATERSTAL – Quale sderraiu?

MIB – (Imitando maccheronicamente il generale) “Potesse fa’ nu’ ripassu?” Generà vi ha fatto male?

G.CATERSTAL – Ah! Nooo! Issu no! Chigliu secondo te era nu’ sderraiu?

MIB - Io non sono esperto di “sderrài” ma mi è veramente sembrato che lo fosse....

G.CATERSTAL - Addavero? “Potesse fa’ nu’ ripassu?” è nu’ sderraiu?? Mancu pe’ niente, aglimale. Vu’ vede’ come è fattu nu’ sderraiu? Tu ne vu’ fa’ veramente na’ bbona conoscenza? Mo’ t’accontento subbitu. “Va’ a murì ammazzatu a te, a nonneta, a patutu e a tutti gli parenti tee: duecento anni prima e dopu che sì venutu agliu munnu”. T’abbasta?. 

MIB - Generà, io ho sempre servito la patria…

G.CATERSTAL – Quale? Chella de mammeta!?

MIB - Non mi sento tanto bene…

G.CATERSTAL – Ecco, appuntu. (verso Franco) Addo’ eravamo rimasti? Ah! Ohi mama! E come se fa’ mo’. Non ce lo potevate dice prima?! A gia’: gliu libberu arbitriu... E no, ca’ finisce tuttu a mortadella. (all’inquisitore) Tu vi’ ca’ che mo’ spiego puri a te’. (lo bacia animosamente) Hai capitu mo’.

MIB - Generale Caterstal... io…

G.CATERSTAL – Ma che schifu! E che, te lavi gli rente co’ la varricchina?

MIB – Generale, ma come si permette, a me ad un esponente di pura razza… MIB. Io... Pe’ gliu soce! me s’è rapertu de botta gliu munnu! Ohi generà, e stamo ancora a perde tempo co’ le fesserie?

G.CATERSTAL – Iamo! (escono salutando militarmente Franco) Ma che ti’ ‘nmocca, la cromatina pe’ le scarpe?

FRANCO - Mo’ si’ che so’ bbone sordati. Sanno addavero la verità ‘ncoppa agliu munnu: e nu’ mutivu seriu pe’ campa’ e combatte co’ tuttu le forzi soie; no’ tutte chelle scemenze pseudo-pulitiche che ce ‘nfilono dento alla povera coccia arruvinata. (al pubblico) Accussì nui ce salutamo ca’. Certu nui de coppa spissu damo date e termini: facemo minacce o benedizziuni. Ma si lo facemo è sulu pe’ vui: pe’ ve da na’ mossa a’ esse de coscénzea; a piglià pusiziuni serie e responsabbili pe’ vui e gli figli voste, che so’ puri gli noste. Nui, a vote, ve mettemo alla scena fatti de core, meraviglie o stranerie: che ve ponno da’ o gioia o tremamenti: che si ce credete non ve trovate male; ‘ntromento si non ce credete ve trovate de certu arruvinati. E alla fine, si caccherunu vo’ sape’ bbono come stanno gli fatti “noste”, si propitu lo volesse, me venesse a trova’, parlo chiaramente alle femmene, che nui a sti’ fatti ce tenemo paricchiu; che po’ esse pe’ fatti soie lo faranno agli’ati. Gliu ‘ndirizzu lo sapete; è gliu stesso de sempe. Gliu metudu de ‘nformazione gli’ate già vistu; non ve resta che prova’. Signo’ ve vedo chiena de dubbi, non saccio si me spiego. Na’ trasmissione veloce veloce, vedete, che la potemo fa’ lestu lestu e all’istante. Non immagginate che illuminazione ve s’appiccia dent’alla coccia vosta, e si ce mettete calima rinnoverà respirazione e fantasia tantu che se ve schiarisce la capu e se libbera gliu core. Pe’ non parlà po’ de tuttu gliu resto. No, eh? E vabbo’: sarà pe’ n’atu iorno: però che sia dimani o, massimu, dopudimani. Pe’ finisce: “bbone feste e bbona iornata a tutti quanti; a chi sta’ ‘n’cielo, a chi sta ‘ncoppa la terra e sotto la terra, e puri pe’ mari. Longa vita e santa prosperità”. (esce)

                                                                                                                                  F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno