Un cammello per Eleuterio

Stampa questo copione

 

UN  CAMMELLO

PER  ELEUTERIO

COMMEDIA IN TRE ATTI 

DI   FRANCO ROGGERO

ISCRITTO  SIAE   POSIZIONE  N.  182990

   

     TRAMA

                                                                                        

      La moglie di un autista di pullman è amante degli animali .Vuol salvare alcuni

      animali in via d’estinzione.Adotta a distanza un pinguino ed una foca monaca,

      poi  vince alla lotteria un cammello vero,che però dovrà tenere in casa

      per tre mesi. E qui comincia l’avventura…( aprile- maggio 2007 )

 Commedia brillante e comica  in tre atti. Durata  115’   circa

     

        SCENOGRAFIA – Il salotto di casa

       Personaggi  10   ( 6 uomini e 4 donne)

                       

         Eleuterio   -          Il padrone di casa,conducente di autobus,vessato da una moglie

                                      amante degli animali. Nervoso e disperato. Età 45/50 anni circa

         Amalia  -     La moglie un po’ svampita che ama gli animali e la  nobiltà.

                                      Parla italiano con forte accento piemontese.

         Josephine  -          La giovane figlia .Età 17/18 anni circa. Cambia continuamente

fidanzato.

         Cunegonda  - La suocera . Autoritaria  dai modi spicci .Età  60 anni

         Epifanio  - L’amico di Eleuterio,anche lui conducente di autobus .Scapolo

                                      impenitente.Sta sempre dalla parte del marito. Età 40- 50 anni

         Giocondo – Il guardiano del cammello . Poche battute solo nel primo atto

                               e breve comparsa nell’ultimo. Età ??

        

         Priscilla    - Amica della moglie,anche lei amante degli animali.Cerca

                              disperatamente l’anima gemella .Età 40-50 anni

         Oronzo   -   Fratello  di Amalia. Contadino sempliciotto e rozzo.Personaggio

                                      comico. Età 40 anni  circa

         Palmiro   -  Il portiere dello stabile. Serio ed ossequioso,cerca di dare una

                              mano ad Eleuterio per il cammello. Età ??

        

 Comm.      Casimiro – Personaggio molto curioso,decisamente comico.

                            Ultimo rampollo di una casa nobiliare senza una lira. Parla con

         accento  nasale,strascicando le parole. Piagnucoloso e

         un po’ patetico. Età  50-60 anni.

        

N.B.           L’età dei personaggi è puramente indicativa

PERSONAGGI

ELEUTERIO                                     Padrone di casa

AMALIA                                            La moglie

JOSEPHINE                                     La  figlia

CUNEGONDA                                   La  suocera

EPIFANIO                                         Collega di Eleuterio

GIOCONDO                                      Il cammelliere

PRISCILLA                                       L’amica della moglie

ORONZO                                          Il cognato di Eleuterio

PALMIRO                                         Il  portiere dello stabile

COMM. CASIMIRO                           Nobile decaduto

CESARINO                                      IL CAMMELLO

(NON COMPARE MAI IN SCENA)

ATTO   PRIMO

SCENA

                Il salotto modernamente arredato ,con tavolo ,sedie,un

divano ecc.. Sulla sinistra l’entrata,sulla destra

un’altra porta che dà sull’interno.Il sipario si apre e la scena è vuota,subito dopo entra Eleuterio in divisa da autista di linea.

Eleuterio -  Vieni,vieni,Epifanio,tanto  non c’è nessuno !

Epifanio  -  E’ permesso ?

Eleuterio -  Vieni avanti,non c’è nessuno …(Epifanio entra) Meno male che anche

                  per oggi abbiamo finito …Non ne posso più ,sono veramente stanco !

Epifanio  -  Non parlare,che oggi c’è da diventare matti a guidare il pullman tutto

                  il giorno !

Eleuterio -  Oggi son tutti nervosi,la gente non ha più pazienza

Epifanio -   Già…hai sentito come gridava quello ?

Eleuterio -  Chi ? Quello con braccio chiuso fuori dalla porta ?

Epifanio  -  No,quello si è calmato subito…l’altro…quello cui hai chiuso la testa

                  in mezzo alla porta. Urlava come un’aquila !

Eleuterio -  Ma se l’abbiamo liberato subito alla fermata dopo ,ha fatto appena due

                   chilometri con la testa fuori . Urlava come se lo volessimo ammazzare !

Epifanio -   Si,che poi,detto fra noi,non è mica morto ! Ha avuto solo un po’ di

                  torcicollo…

Eleuterio -  E poi ha visto tutto il panorama a gratis

Epifanio  -  Sai cos’è ? E’ che al giorno d’oggi non c’è più religione,non c’è più

                  rispetto per chi lavora .Io non capisco…hai preso due curve ai 100

                  all’ora e tutti che protestavano

Eleuterio -  Si,si…però io li ho sistemati subito. Ho piantato una sterzata sulla

                  destra          e li ho spiaccicati tutti contro i finestrini e poi un’altra  sterzata

                   sulla sinistra che si sono spiaccicati tutti dall’altra parte.Più nessuno ha

                   osato parlare,tutti zitti

Epifanio -   Hanno  abbassato le orecchie , zitti e camminare,hanno capito che con noi

                  non si scherza

Eleuterio -  Su,vieni avanti,siediti che beviamo una volta insieme

Suocera  -  (Entrando con una scopa in mano,urla)  Le  pattine !!!

                 ( I due restano immobili con un piede sollevato da terra)

Figlia   -    (Entra ed attraversa la scena uscendo dalla parte opposta) Ciao papi,

        esco con Dodo…Bay, bay…

Epifanio -  Porta fuori il cane ?

Suocera  -  Ma cosa dice ?! Dodo è il suo fidanzato…tanto un bravo ragazzo !

                  Educato,non sporca

Eleuterio - Lo porta fuori a sporcare 

Suocera -   Non disprezzare quel bravo ragazzo ,la tua è tutta invidia !

Epifanio -  Ma lavora ?

Suocera -   No,lui è un nobile, lui non lavora

Epifanio  - Ma dicono che il lavoro nobilita

Suocera  -  Appunto,lui è già nobile,lui non ha bisogno di lavorare

Eleuterio - Ci pensiamo noi a lavorare

Suocera  -  Lui pensa,perché nella vita ci vuole chi lavora e chi pensa e lui pensa

Eleuterio-  ( mima con le mani ) Lui ha un testone così !

Suocera  -  ( con voce minacciosa) Fermi !Non vi muovete e alzate i piedi che devo

                   passare lo straccio ( Passa uno straccio con la scopa )

Epifanio –-( sollevando un piede) Ma lei passa la cera ?

Suocera  -   No,ma un giorno o l’altro la darò,è sempre meglio prevenire !

                   Su le zampe ! ( i due stanno immobili con un piede sollevato)

Epifanio -   Possiamo sederci ?

Suocera  -   No, piuttosto potreste darmi una mano a pulire

Epifanio -   Quasi,quasi io vado al bar …(Fa per uscire)

Eleuterio -  Ma no ,mia suocera ha sempre voglia di scherzare ! Siediti che  beviamo

                   (si seggono ed Eleuterio va a prendere una bottiglia di vino)

Suocera  -   Eccolì, gli uomini ! Bell’esempio che date ai vostri figli !

Epifanio -   Ma io non sono sposato

Suocera  -   Appunto…fate piangere il Papa,il Santo Padre !

Epifanio -   Cosa ? Io faccio piangere il Papa !?

Suocera  -   Certo,cosa dice il Vangelo: sposatevi e moltiplicatevi ! E se lei non si

                  sposa ,come fa a moltiplicarsi ?

Epifanio  -  Ma c’è proprio bisogno di sposarsi per fare quella cosa lì…

Suocera  -   Oh santa Maria Vergine ! Lei vuol far piangere il Papa due volte ,

                  la prima perché non si sposa, la seconda perché va in giro a fare

                  quelle cose sconce con le maron glassé …

Epifanio  -  Le maron glassé  ? E chi sono ?

Suocera  -   Eh,si,quelle belle signorine  di colore…chiamiamole così…si ,quelle

                  che d’inverno  accendono i falò per le strade

Eleuterio – Ah,le  batton glassè ! Ma io con quelle signorine lì non ho niente a che

         fare,e poi io non sono razzista

Epifanio  -  Anch’io ! Quando passiamo col pullman per quelle strade noi chiudiamo

                  gli occhi e proseguiamo,non le degnamo neanche di uno sguardo

Suocera -    Cosa !?  Guidate con gli occhi chiusi ?

Eleuterio -  Certo ! Noi siamo puri e casti

Epifanio  -  Certo,casti e puri..io non ho mai tradito mia moglie  e non la tradirò mai!

Suocera   -  Ma se non è sposato

Epifanio  -  Ecco,appunto…

Figlia      -  (Rientrando) Ciao papi, ciao nonna

Eleuterio -  E Dodo dove l’hai lasciato ?

Figlia      -  Dodo ?  E chi è Dodo ?

Eleuterio -  Ma era il tuo fidanzato,quel disgraziato che veniva sempre qui a mangiare

                   e bere a sbaffo

Figlia       - Piano con le parole..lui era nobile

Eleuterio -  Si,però mangiava e beveva come un camionista !

Suocera   -  Piano con gli insulti

Eleuterio -  Ma che insulti ! Quello ancora un po’ mi mangiava anche le gambe

                   del tavolo,aveva  sempre una fame …

Figlia       -  (Piange e si getta tra le braccia della nonna) Nonna !

Suocera   -  Ecco,vedete,l’avete offesa e adesso la fate piangere

Figlia       - Comunque con Dodo è tutto finito,the end,fine !

Eleuterio -  Meno male ! A me ,quel Dodo non piaceva niente

Figlia         Adesso esco con Fuffi

Epifanio  -  Avete comprato un altro cane ?

Figlia       -  Fuffi è il mio nuovo fidanzato

Epifanio  -  Chiedo scusa,ma i suoi fidanzati hanno tutti un nome da cane…

Suocera   -  Voi non capite niente ( consola la nipote)

Eleuterio -   E questo Bobi,pardon,questo Fuffi cosa fa ?

Figlia       -  Studia

Epifanio  -   E che scuola fa ?

Figlia       -  Terza media,studia di sera

Epifanio  -   Mi sembra un po’ giovane,però dev’essere bravo ,lavora di giorno

                     e va a scuola di sera

Figlia       - No,lui non lavora,deve finire gli studi

Eleuterio - Ma quanti anni ha ?

Figlia       -           32 appena compiuti,ma non li dimostra

Epifanio  -           Però, che intelligenza ! A 32 anni fa ancora la terza media…

Suocera   -   Non bisogna fermarsi alle apparenze  e poi deve essere senz’altro

                    un bravo ragazzo,io lo sento…

Figlia       - Ha avuto dei problemi,una vita travagliata,un ragazzo intelligentissimo                       

                    ma tanto sfortunato… gli è morto il nonno (piange)

Epifanio  -   Eh,i nonni son così…oggi ci sono e domani non ci sono più …

Suocera   - Tiè !! ( fa le corna)

Eleuterio - Ma quanti anni aveva il nonno quando è morto ?

Figlia   -      102 anni ! Ha fatto il morbillo,gli è stato fatale,non l’aveva ancora fatto

Epifanio -   Certo che è una bella disgrazia,morire di morbillo a 102 anni !

                    Piacerebbe anche a me . Purtroppo io  il morbillo  l’ho già fatto

Suocera  -   Eh voi scherzate,scherzate,ma pensate al dolore di quel povero ragazzo

                    che ha perso il nonno !

Figlia      -   E’ distrutto,anche perché il nonno gli passava  un tanto al mese,

                    si,la sua pensione…insomma…gli voleva bene.E così  ora lui

                    dovrebbe cercarsi un  lavoro

Eleuterio -   Certo sarà duro cominciare a lavorare a 32 !

Figlia       -  Non lo prendono,è malato

Suocera   -   Oh povero ragazzo …e che malattia ha ?

Figlia       -  Una malattia grave…cleptomania…Si,gli rimane sempre qualcosa tra le

                    mani: un portafoglio,un anello,una macchina fotografica…insomma ,

                    qualunque cosa che tocca gli rimane appiccicato tra le mani e il guaio è    

                    che lui non se ne accorge

Epifanio  -  Oh povero Fuffi,che pena…

Suocera  -    Dobbiamo far qualcosa per aiutarlo

Figlia      -   Infatti sto andando da lui …è molto depresso.In una settimana è finito

                    tre volte al commissariato…Non ne può più,è disperato:Io vado (ESCE)

Eleuterio - Salutami Fuffi  !

Epifanio    - Beh,io vado ,vuol dire che ci berremo un bicchiere  un’altra volta .

                    Arrivederci a tutti e lei signora Brigida mi saluti i suoi che io saluto i

                    miei. Ciao,Eleuterio ,ci vediamo domani ! ( fa per uscire poi torna sui

                    suoi passi ) A proposito,domani vieni a fare una partita a bocce ?

Suocera    -          Le pattine !! (Rivolto ad  Epifanio  che rimane con un piede  alzato)

Eleuterio  -           Ah,bene ! Ho appena comprato un paio di bocce nuove ,sono bocce

                   francesi ,una novità assoluta,pensa che corrono  da sole     

Epifanio  -  Ma costano care ?

Eleuterio -  150 euro al paio . Ma corrono da sole ,sono radiocomandate

Suocera   -  150 euro !!?? E c’era proprio  bisogno di sprecare i soldi in quel modo?

                            Non ne bastava una ,no, due ha dovuto comprarne di bocce,due !!

(Entra la moglie  vestita in modo stravagante )

Moglie     -  Salve a tutti ! Oh ,buongiorno signor Pasquale,cosa ci fa lei qui ?

Epifanio  -  Epifanio,prego,non Pasquale,io non sono nato a Pasqua ma all’Epifania,

                   perciò mi chiamo Epifanio

Suocera   -  E già,perché se nasceva a Natale si chiamava Natale…Che fantasia !

                   E mi dica un po’….se lei fosse nato il  2 novembre come si sarebbe

                   chiamato …Mortirio ,Defunto..o Trapassato  ?

Epifanio  - Sempre spiritosa la suocera …Bene,io me ne vado e mi raccomando

                   domani sera non mancare,voglio vedere le bocce nuove ,buonasera

                   a  tutti  ! ( ESCE)

Moglie    -   ( Parla con spiccato accento piemontese) A proposito di bocce,caro

                   una notizia favolosa che ti farà piacere . Intanto il comm. Casimiro

                  De Carolis si compiace con te e ringrazia

Eleuterio -  Ma chi è Casimiro ? Io non lo conosco …

Moglie    -   Una persona squisita,Eleuterio,lo dovresti conoscere,che charme,

                   che eleganza !

Eleuterio - Si,ma cosa fa ? Chi è ?

Moglie     -  E’ il presidente emerito dell’associazione benefica “Salva la foca”

Eleuterio -  Ma che c’entra la foca ?

Moglie     -  Si,la foca monaca…è in via d’estinzione,così lui ha creato questa

associazione per creare fondi per salvare la foca monaca. Pensa,

pare che in tutto il Mediterraneo ne siano rimaste non più di 150

Suocera  -   Che  disgrazia la foca monaca !

Eleuterio - Si,ma io che c’entro con la foca monaca ?

Moglie    -   Caro Eleuterio,ormai c’entriamo tutti ! Se il mondo va in rovina è colpa

                   anche tua  !

Suocera  -   Questo è sicuro !

Moglie   -    Se il clima è cambiato,se i ghiacciai si ritirano,se i deserti avanzano,

                   di chi è la colpa ?

Suocera -    ( indicando Eleuterio)  Sua !!                 

Eleuterio -  Ma io che c’entro in tutto questo ?!

Moglie     -  Il tuo lavoro ,Eleuterio,lo dice sempre anche il comm. Casimiro.

                   Tu guidi quegli orribili pullman che sprigionano gas…dunque tu inquini

                   ed il clima cambia e le povere foche monache muoiono !

Suocera -    Tutta colpa sua  e di quel bel tipo che si chiama Pasqua,no Epifania ,

                   cioè Epifanio . Certo che voi due fate proprio una bella coppia !

                   Assassini !! Uccidono anche le suore adesso,non c’è più religione…

Eleuterio - Adesso non esageriamo,che io in vent’anni che guido il pullman,

                   di suore ne ho preso sotto solo una e respirava ancora

 Moglie    -  Basta,parliamo di cose  allegre adesso. Il comm. Casimiro De Carolis

                  ha promesso che verrà a trovarci domani per congratularsi con te

Eleuterio -  Con me ?

Moglie    -   Certo,perché oggi abbiamo fato un’asta benefica ed io ho messo all’asta

                   le tue bocce…

Eleuterio -  Cosa ???  Le mie bocce !!??  Ma erano nuove !!

Moglie    -            Infatti le abbiamo messe all’asta e d abbiamo ricavato ben  50 euro!

Eleuterio -  Ma io le avevo pagate 150  !!

Moglie    -   Ma con i 50 ricavati tu ora hai adottato una foca monaca,non sei

                   contento ?

Suocera  -    Ma questo non è mai contento !

Eleuterio -  Contento come una Pasqua ! ( si lascia cadere affranto su una sedia)

Moglie    -   Certo,Eleuterio,non tutti hanno l’onore di adottare una foca monaca!!

Suocera  -   Certo , sei veramente fortunato !

Eleuterio -  Bene,se sono tanto fortunato allora la foca monaca la mettiamo a

                   dormire con la suocera,così la facciamo contenta

Suocera  -   Calma,non facciamo scherzi !

Moglie        Ma no,la foca monaca rimane a dormire nel  suo habitat

                   naturale,il mare. Piuttosto,Eleuterio,ho qui un altro bellissimo

                   regalo per te

Eleuterio -  No,no,lasciamo perdere, che se è come l’altro io ne faccio volentieri

                   a meno…

Moglie    -   ( estrae dalla borsa un paio di mutandoni grandi e buffi) Eccolo il

                   regalo ! Pensa che all’asta per i pinguini della Patagonia li ho pagati

                   appena 70 euro!!! Un vero affare ed in più tu hai adottato  anche  un

                   pinguino !

Eleuterio -  No,calma,fammi capire…di chi sono questo schifo ? Queste sottospecie

                   di mutande ?

Moglie   -    Sono…indovina…una sorpresa….sono del comm.Casimiro De Carolis

                   il presidente dell’associazione ! Pensa quante arie ti puoi date tu  con

                   le  mutande  del presidente!  Solo tu hai l’onore di portare queste

mutande !

Eleuterio - Non bastava la foca,ora anche il pinguino !!!    

Suocera  -   Su,non fare tanto il difficile! E poi un pinguino in più uno in meno non ti

cambia la vita

Moglie    -   Su,adesso prova queste mutande,ti staranno benissimo

Eleuterio -  Figurati se mi metto questi mutandoni !

Suocera  -   Eleuterio,non far  sempre arrabbiare questa povera donna !

Moglie   -    Dai,non fare storie,provale ..(cerca di infilargliele sopra i pantaloni)

Eleuterio -  Calma ! Prima devo togliermi  i pantaloni ed allora tu,mia cara suocera,

                   aria,camminare ! Certi spettacoli non sono per te

Suocera   -  Il solito maleducato ! Beh,allora io me ne vado  (ESCE)

Eleuterio - Ecco,brava ,vai…vai…

Moglie    -   Non trattare così  mia madre  ed infilati le mutande !

Eleuterio -  Ma sopra i pantaloni ?

Moglie     - Certo ,è l’ultima moda di Parigi

Eleuterio -  ( si infila le mutande sopra i pantaloni  brontolando) Per me a Parigi

                   son tutti scemi !

( Suonano alla porta)

Moglie   -    Eleuterio,vai ad aprire  (ESCE)

Eleuterio -  Ma vestito così ? ( va ad aprire ed entra Giocondo)

Giocondo - (entra portando  una sedia scassata e  traballante,molto mal ridotta)

                   Scusi , è la famiglia Bellachioma ?

Eleuterio -  Si,Bellachioma sono io

Giocondo –( guardandolo con un sorriso ironico perchè ha pochi capelli)

                   Bè,forse ho sbagliato indirizzo…sul biglietto c’è scritto Bellachioma..

Eleuterio -  Ho detto che Bellachioma sono io !

Giocondo - Ma è sicuro ? ( gli  guarda i capelli radi)

Eleuterio -  Giovanotto,non faccia lo spiritoso

Giocondo - Ma lo sa che lei è proprio buffo ! Adesso le mutande si mettono sopra i

pantaloni ?

Eleuterio -  Ultima moda ! Ma lasciamo perdere che tanto lei non è in grado

                   di capire ( si sfila le mutande)

Giocondo - Ecco,io dovrei consegnarle questa sedia( mette la sedia traballante

                  al centro del palcoscenico) Faccia attenzione,perché è preziosa

Eleuterio -  Ma chi è che mi manda questo rudere,questo reperto storico ?

Giocondo - Il comm. Casimiro De Carolis,per le adozioni a distanza

Eleuterio -  Lasciamo perdere le adozioni a distanza..chi io stamani ho già adottato

                   un pinguino della Patagonia ed una foca monaca !

Giocondo - Ma questa sedia è un pezzo raro,era del bisnonno  del

commendatore,che era alla corte del re Vittorio Emanuele III,il re

piccolo,si tratta di un prezioso cimelio

Eleuterio - Lo porti via,non me ne frega niente !

Giocondo - Ma vale milioni !

Eleuterio -  Ma chi l’ha pagata ?

Giocondo - ( legge la ricevuta) Qui dice…Amalia Cerutti ,chi è ?

Eleuterio -  E’ mia moglie,purtroppo.Lo sapevo … Ah, stavolta la faccio fuori   !!

Moglie   -    (Entrando guarda estasiata la sedia) Oh meraviglia delle meraviglie !!

                   Cosa vedono i miei occhi…la sedia dove il re Vittorio ha posato il suo

                   nobile deretano…Oh numi,oh gioia !

Eleuterio  - Poveri i miei soldi !

Giocondo -           Ma no,  è autentica  e poi guardandola da lontano non è poi così

                   male,basta non sedersi

Moglie  -     Pensa Eleuterio che su quella sedia si sediò..si sedotte..cioè si..insomma

                   si è seduto il re quando pronunciò la celebre frase “  Il dado è tratto”

Giocondo - Ma veramente quello era Giulio Cesare !

Moglie     -  Ah,si,mi confondevo. Disse “ Allegria,perché gli Americani  erano

                   sbarcati in Gallia ed i Turchi scappavano ,perché Garibaldi aveva invaso

                   la Polonia!

Giocondo -           Non è proprio così,ma va bene lo stesso

Eleuterio -  ( alla moglie) Ma chi ti ha messo in testa queste cretinate ?

Moglie    -   Il comm. Casimiro…un nobile decaduto che nella sua vita ha tanto

                   sofferto infatti ha dovuto vendere il suo titolo nobiliare perché la

                   famiglia era in rovina:il padre aveva aperto un’azienda ,si un

allevamento di cincillà. Aveva speso una fortuna. Aveva comprato più di

                   2.000 uova di cincillà…

Eleuterio -  Ma i cincillà fanno anche le uova ?

Moglie  -     Eleuterio,tu non lo sai perché sei ignorante! Solo i cincillà russi

                   fanno le uova ,quelli italiani ,no !

Giocondo - No,quelli italiani nascono già cresciuti,nascono che hanno già

                   un anno o due…

Moglie  -     Una tragedia ( si accascia su una sedia) Mise a covare le uova,ma alla

                   schiusa,cioè quando si schiudottero ,si insomma si schiudirono

le uova…oh,mio Dio,mi sento mancare…invece di cincillà c’erano …

Eleuterio  - Cosa c’erano ?

Moglie     -  Insomma sono nati…mi sento mancare…..oh  Dio che disgrazia…

Giocondo - Son nati dei tacchini !

Eleuterio  - Tacchini ?

Moglie   -    Si,ma tacchini russi,tacchini nani…che non capivano la nostra lingua

Giocondo -           Non capivano e così son morti tutti !

Eleuterio -  Cioè…invece dei cincillà son nati dei tacchini tipo…tacchini ?

Moglie   -    E gli è rimasta solo questa sedia,povero commendatore…Una persona

                   tanto intelligente e così a modo…un nobile e così per guadagnarsi da

                   da vivere fa queste aste benefiche per salvare gli animali in via di

                   estinzione

Giocondo - E poi fa tanta beneficienza,si reca a pranzo dalle famiglie del popolo

                   e non si fa neanche pagare

Eleuterio  - E non si fa neanche pagare ? Bravo,veramente bravo ! Mangia e beve

                   a sbafo e non si fa neanche pagare! Ma che brava persona

Moglie   -    Si,l’ho invitato anch’io,qui da noi…sei contento ?

Eleuterio -  Felice ! Oggi dopo la foca monaca,il pinguino della Patagonia,la sedia

                     rotta di Vittorio ci voleva pure il commendator…si….un nobile !!

Giocondo - Ah,dimenticavo…che sbadato ! Sotto c’è un ’altra sorpresa per voi.

                  Ecco…con la sedia che la signora Amalia ha comprato all’asta, la

                  signora  ha vinto un altro bellissimo premio….Si,un altro regalo,

         si  tratta di…

Moglie  -     (gli fa cenno di tacere) Non diciamogli  niente,altrimenti che sorpresa

 è !? Vada, vada a prendere il regalo !

Giocondo - Io vado…ma passerà dall’ascensore ?

Moglie    -   Si,si…non è poi così grosso ! E tu preparati alla sorpresa

(Giocondo ESCE)

Eleuterio -  No,per oggi basta sorprese,io vado a cambiarmi (ESCE)              

Moglie   -    Ma Eleuterio,la sorpresa  !!

Eleuterio -  ( da dietro le quinte) Ne faccio a meno,basta così per oggi !!

Moglie   -    Ah,questi mariti:  egoisti,insensibili e cinici ! Pensano solo a se stessi

Eleuterio  - ( da dietro le quinte) A proposito,cos’hai preparato per cena ?

Moglie    -   Ma Eleuterio,con tutto quello che ho da fare …non ho avuto tempo !

                   Mangerai domani,in fondo saltare un pasto ti farà bene. Vedo che  metti

                   su pancia ,mio Dio,cosa diranno le mie amiche !!

Eleuterio  - Ho capito,stasera Simmenthal !

Suocera  -   (Entrando) Ma cosa c’è ,figlia mia ?

Moglie   -    Gli uomini pensano solo a mangiare

Suocera  -   Anche tuo padre si riempiva come un bue !

Moglie    -  Non dire così del povero babbo

Suocera   -  No,è che a forza di mangiare pesava 140 chili….L’ultima sera ha

                   mangiato leggero…mezzo chilo di lasagne,un decina di polpette,mezzo

kg di gorgonzola,poi ha voluto ancora  un piatto di spaghetti…poi

è rimasto lì secco ! Non si è più mosso,è morto,pace all’anima sua !

Moglie   -    Povero babbo (piange)

Figlia     -    (entra piangendo)  Che disgrazia,il mio povero Fuffi !

Moglie   -    Non piangere ,piccola mia…(piange)

Suocera -    Su,non fate così che piango anch’io…(piange)

Moglie   -    Racconta…

Figlia     -    Si tratta di Fuffi,il mio fidanzato…( piangono tutte) E’ ammalato.

                   ve lo avevo detto che soffre di cleptomania. Stamattina è salito

                   sopra una macchina , una Porche…

Moglie   -    Continua figlia mia,racconta e non piangere…

Figlia     -    Dunque…dicevo…sale sulla macchina ,fa per partire ma la polizia

                  lo ferma e lo arresta !!!( piange)

Moglie   -    Ma perché ?

Figlia     -    Perché la macchina non era sua !

Moglie   -    Si sarà confuso,con tutte le Porche che ci sono in giro !

Suocera  -   Ma la sua macchina com’è ?

Figlia      -   Ma lui non ha la macchina,non ha neppure la patente (piange)

Moglie    -   Ma mamma,perché piangi ?

Suocera  -   Piangono tutti,piango anch’io…

Moglie    -   E’ uno scandalo !E poi lui  si era solo confuso,insomma,è assurdo

                   arrestarlo…per una volta che si sbaglia …

Figlia      -   No,era la quinta volta in due giorni. L’altra volta con una Ferrari,poi

                  con una Lamborghini,poi una Mercedes,lui adora le Mercedes !

                   L’altro giorno addirittura si è trovato in mano una ruota di scorta

                   e tre autoradio !

Moglie   -    Povero Fuffi,è tanto ammalato !

Suocera  -   A me questo Fuffi più che ammalato mi sembra che abbia il vizio

                   di “sgraffignare”,si insomma…( fa il gesto con la mano) non voglio

pensar male, ma per me quello …gratta,ruba !

Figlia     -    Ma nonna,cosa dici ?

Suocera -    Dico,dico

Moglie   -    Non devi neanche pensarle queste cose  (poi rivolta alla figlia)

                   Vieni di là che ti faccio una camomilla che ti rilassa,povera figlia mia…

                   Vieni  ( ESCONO)

Suocera  -   Spero di  sbagliarmi,ma per me quello gratta…

( Suonano alla porta )

Suocera  -   Vado io ! ( va ad aprire ) Oh,signor Palmiro  ! Novità ?

Palmiro  -   ( E’ il portiere del palazzo,ha il berretto in testa) Buonasera  signora

                   Brigida, mi scusi,c’è il padrone di casa ?

Suocera   -  Qui  di padroni  non ce  ne sono…c’è solo una padrona,io !!

Palmiro   -  Mi scusi,ma io cercavo il signor Eleuterio

Suocera  -   Dica pure a me

Palmiro  -   Ecco,non saprei come dirglielo…

Suocera  -   Su,su,dica

Palmiro  -   Ecco…sotto…c’è un signore che dovrebbe portarle su qualcosa…

Suocera  -   E cos’è ?

Palmiro  -   Ecco…non so come dirglielo…il fatto è che non entra nell’ascensore

Suocera  -   Ma cosa sarà mai !?

Palmiro  -   Mi scusi…ecco…non so come spiegarle…si tratta di un cammello !!

Suocera  -   Cosa ?? Un cammello ???

Palmiro  -   Si,è bello …ha due occhi,due gobbe….solo che ha un piccolo difetto,

                   sputa !

Suocera  -   Un cammello che sputa  ?

Palmiro  -   Si,lui crede di essere un lama…

Suocera  -   Venga avanti,forse è meglio che parli con mia figlia

(ESCONO dalla parte opposta)

( SUONA  il campanello)

Eleuterio -  ( fuori scena ) Non c’è nessuno che vada ad aprire ?

(esce fuori in mutande mentre risuonano alla porta) Un momento,

calma , sto arrivando ! (apre la porta ed entra Giocondo) Ancora lei ?

Cosa vuole …

Giocondo - Mi scusi,è per via del ragalo …

Eleuterio  - (intanto si infila i pantaloni ) Che regalo …ho vinto qualcosa ?

Giocondo - Si,un cammello !

Eleuterio   - Ah,un cammello ….cosa ???? Un cammello ????

Giocondo - Si,sua moglie ha vinto alla lotteria ed il primo premio era un cammello

                   in adozione,ma solo per tre mesi,non per sempre

Eleuterio -  Ah,meno male !( poi ci ripensa ) Ma,un cammello vero ???

                   (agitatissimo) Forse è meglio che mi segga …(fa per sedersi sulla sedia

                   scassata)

Giocondo -           No,no,per carità.non si segga su quella sedia che crolla tutto  e poi

                   è un cimelio !

Eleuterio -  Ma qui sono tutti pazzi !! (poi come parlando a se stesso) No,no e poi

                   e poi …no !! ( cammina su e giù per la stanza) No,no ,non è possibile,

                   io il cammello non lo voglio !! Pazienza la foca monaca,pazienza il

                   pinguino della  Patagonia …ma un cammello ,no,è troppo !! E poi dove

                   lo metto ? Eh,mi dica lei…dove mettiamo il cammello ???

Giocondo - Ecco ,è proprio di questo che volevo parlarle..dove lo devo portare ?

                   Perché,vede,sull’ascensore non entra…cioè…entrerebbe ma sono le

                   gobbe che non entrano…

Eleuterio -  Ma quante gobbe ha questo cammello ?

Giocondo - Questo ne ha due

Eleuterio  - Io faccio una strage,giuro che faccio una strage ! Amalia,Amalia !!!

Moglie     -  (Entrando) Ma cosa c’è da urlare a questo modo ? E lei l’ha portato il

                   regalo ?

Eleuterio - Non entra nell’ascensore !

Giocondo - Abbiamo provato in tutti i modi ,ci han dato una mano anche i

vigili,ma niente da fare,il cammello non entra…

Moglie    -   Ma adesso dov’è ?

Giocondo - Adesso l’abbiamo legato al palo della luce,di lì non scappa,e poi c’è un

vigile che lo guarda. A dire il vero gli ha già  fatto due multe

Eleuterio -  Come !?  Due multe al cammello ?

Giocondo - Si,una perché non aveva la targa,la seconda perché mangiava i fiori

                   delle aiuole,sono 50 euro in tutto e ..bisognerebbe pagarle !

Eleuterio  - Io faccio una strage,giuro che faccio una strage !!!

Moglie     -  Eleuterio calmati,non guadarmi così…è un cammello arabo e poi  si

                   tratta solo di tre mesi,su,fai un’opera buona !

Eleuterio  -  L’opera buona sarebbe quella di farti fuori,eliminarti,uxoricidio !!!

Giocondo - Si fermi !

Epifanio  -  (entrando) Ma che succede ? Ci saranno 50 persone sotto in strada…

                   Eleuterio,ma è vero che hai comprato un cammello ?

Eleuterio  - Anche tu  ti metti adesso ? Senti,lascia perdere che non è il momento

Moglie     -  Idea ! Potremmo metterlo in garage !

Eleuterio  - E la mia macchina ?

Moglie      -          La metti fuori,in fondo sono solo tre mesi …

Eleuterio  - Cosa !? Per un cammello io dovrei lasciare la macchina fuori ?

Epifanio  -  Per un cammello si fa questo ed altro ancora

Eleuterio  - Lo vuoi tu ?

Epifanio  -  No,io no,grazie...

Giocondo - Farebbe un vero affare ! Pensi che questo cammello fa 20 chilometri

                  con un litro

Epifanio  -  Super o va a gasolio ?

Giocondo -           Ma no,non va a benzina…20 litri d’acqua,consuma pochissimo

Moglie     -  Certo risparmieresti tantissimo se andassi a lavorare col cammello !

Epifanio  -  Buona idea !  Potrei venire anch’io ,pensa che risparmio

Giocondo - Si,però in quel caso ci vorrebbe la targa,bisogna mettergli la targa

Eleuterio  - Un cammello con la targa…Io faccio una strage,tenetemi !!!

                   ( Epifanio e Giocondo lo tengono)

(Entra Palmiro con la suocera)

Suocera    - Cosa c’è da gridare così ?

Eleuterio   - Lasciatemi ! ( lo lasciano)  C’è che  tua figlia ha avuto la buona idea

                  di comprare un cammello !

Suocera    - Oh,quante storie ! Pazienza si trattasse di una mezza dozzina di

cammelli,ma per uno solo ,quante storie !!

Eleuterio  - Tenetemi ! ( lo tengono) Io faccio un suocerocidio !!!

Moglie      -          Eleuterio  non fare così ! Pensa alla tua gastrite …

Palmiro     -          Anche lei soffre di gastrite ?

Eleuterio   - Ma che gastrite,io il cammello a casa mia non lo voglio! No e no !!

Giocondo  -          A proposito,io ho la foto…guardi com’è bello,ha due occhi…

Epifanio    -         Proprio un bel cammello

Moglie      - Mi faccia vedere..Eleuterio guarda,non è un tesoruccio ? ( gli porge

                   la foto ) E come si chiama ?

Giocondo -           Cesare ,ma chiamatelo come volete,tanto non capisce niente,è scemo    

Eleuterio  - Scemo ?? Come,un cammello scemo ?

Giocondo - Diciamo non tanto furbo…l’hanno mandato a scuola,laggiù nel

                   deserto,ma non ha imparato niente,così Gheddafi lo ha ragalato al

                   al commendator  Casimiro

Palmiro     -          Gheddafi ? Addirittura Gheddafi ?

Moglie       -         Siamo proprio fortunati. Eleuterio,pensa, il colonnello Gheddafi

                   in  persona si è scomodato per fare un regalo al commendatore,

                   che gioia !

Epifanio   - Ma non sei contento,Eleuterio ?

Eleuterio  - Contento come una Pasqua ! Pazienza un cammello,ma un cammello

                   scemo,no !!         

Giocondo - Ma no,non è scemo del tutto,è solo un po’ stupido …

Palmiro    -           Ah,ecco,così va meglio !

Moglie     -  Ma poverino,si sentirà solo  qui in un paese straniero…Eleuterio,

                   stanotte starai tu  a fargli compagnia

Giocondo - Ma no,ci sono io…si,perché insieme al cammello ci sono anch’io

Eleuterio  - Come sarebbe a dire ?

Moglie     -           Si,caro,non ti arrabbiare ,ma con il cammello alla lotteria abbiamo

vinto anche il cammelliere..si..il ragazzo…come si chiama ?

Giocondo - Giocondo,Geronzio,Esculapio,Aristide,Petronio…e gli altri nomi

                   Non me li ricordo più…ma lei mi chiami pure Giò…

 Moglie    -  Grazie,Giò ! Simpatico il ragazzo

Epifanio   - Però,che fantasia aveva sua madre ! E pensare che a volte mi

prendono in giro perché mi  chiamo Epifanio,ma anche lei,in fatto di nomi non scherza: Geronzio,Esculapio,Petronio…ha proprio scelto

                            il meglio del calendario

Palmiro  -   Io,il nome Esculapio non l’avevo mai sentito

Moglie    -   Invece a me piace molto Petronio.Trovo che sia originale,non  i soliti

                   nomi  come Eleuterio,Epifanio…No,Petronio mi piace ,mi soddisfa

Eleuterio -  A me invece non soddisfa per niente ! E così oltre al cammello io

                   dovrei mantenere questo Aristide,Petronio o come diavolo si chiama !?

Giocondo - Ma io mangio poco,non sporco,non sputo per terra,mi lavo una volta

                   al mese per non consumare l’acqua che è preziosa

Suocera    - Come,non si lava tutti i giorni ?

Giocondo - No,solo quando sono sporco e se non sono sporco non mi lavo

Moglie     -  Ha ragione lui,mamma,bisogna lavarsi quando uno è sporco

Palmiro     - Ha proprio ragione la signora,io non mi lavo mai perché sono

                   sempre pulito

Epifanio  -  Lasciamo stare le pulizie di Pasqua,mi tolga una curiosità,ma  cosa

                   mangiano i cammelli ?

Giocondo - Mangiano di tutto,ma Cesarino…

Suocera    - Chi è Cesarino ?

Palmiro    - Il cammello !

Giocondo-  Cesarino,dicevo,è un po’ delicato di stomaco ed allora un brodino

                   alla sera gli può bastare

Moglie      -          Un consommé,insomma …una scodella di brodo

Giocondo - Qual cosina in più…

Palmiro    -           Scusate,ma pare che voi non abbiate mai allevato un cammello in casa

Moglie   -    Ma si,cosa ci vuole..una bella bacinella da 5 litri ..di più ? 10..20 ??

Giocondo- 50 litri perché  è a dieta,diversamente arriva anche a 80. Ma solo una

                   una volta ogni due giorni        ,a giorni alterni,come le targhe

Epifanio  -  Si,un brodino ristretto per Cesarino        

Giocondo - Si,con 50 litri può fare Torino-Pinerolo  andata e ritorno

Eleuterio  - Io faccio una strage !!

Palmiro   -  Tenetelo ! ( lo tengono)

Moglie   -    Tenetelo,per carità !  Eleuterio non fare così,in fondo è solo un innocuo

                   cammello che chiede  un po’ di affetto

Giocondo - Allora dove lo mettiamo ?

Palmiro   -  Per questa notte lo tengo io in portineria,poi domani vedremo.

Naturalmente lo faccio per lei ,signora Amalia,che è tanto bella e brava 

Moglie   -    Grazie,lei Palmiro è sempre tanto gentile..Bene,noi andiamo,mangiamo

                   qualcosa ed andiamo a dormire ,è tardi ! Vieni mamma,andiamo

Suocera   -  Si,andiamo  che questo è un bruto !

(ESCONO)

Eleuterio  - Ah,così io sarei un bruto !?

Giocondo - Senta,me ne vado anch’io,però ci sarebbero queste due multe da pagare,

                   qui ci sono le ricevute ( gli tende un foglietto)

Eleuterio  -           Io non pago niente ! Ed ora  fuori tutti ,via !

Palmiro    -  Allora il cammello dorme con me stanotte,io vado,buonanotte

(Palmiro e Giocondo escono ed Epifanio rimane solo con Eleuterio)

Epifanio  - Che giornataccia ! ( si buttano sfiniti su due sedie) Stamattina

                   quella signora con la cinquecento che abbiamo tamponato al semaforo.

                   si è messa ad urlare come un’aquila,ma non è colpa nostra se lei non

                   andava avanti,era sempre ferma,per forza uno ci sbatte contro !

Eleuterio  - Lascia perdere ,che per oggi tra la foca monaca,pinguini,sedie rotte e

                   cammello io non ne posso più !

Epifanio  - Si però tu sei fortunato,perché hai una moglie

Eleuterio -  Ah,certo,ho proprio una bella fortuna !

Epifanio  -  Ma sì che sei fortunato,adesso tu vai di là,lei ti fa due carezze e tutto

                   è a posto,invece io sono solo ed a quest’ora io cosa faccio !?

Eleuterio  - Fai cosa vuoi,io vado a dormire

Epifanio   - Ecco, io invece devo soffrire…adesso devo uscire e andare in quel locale

notturno dove ci sono quelle belle ballerine al cioccolato . Ah,che vita !

Ma perché non vieni anche tu ?Dai,vieni …

Eleuterio  - No,io devo tener compagnia al cammello

Epifanio   - Ma lascia perdere ed usciamo,dai,andiamo a divertirci !

Moglie     -  (Affacciandosi all’improvviso) Eleuterio non va da nessuna parte e

soprattutto non va a far lo sporcaccione in giro a quest’ora !!

Epifanio  -  Mi scusi,signora,io scherzavo…bè…io vado..buonanotte

                   ( esce e poi ritorna) A proposito, devo dare la buonanotte al cammello ?

                   (Eleuterio gli tira dietro un cuscino)

Moglie    -   Io non so come fai a sopportare un tipo simile,non ha classe

Eleuterio  - Certo che il commendatore Casimiro è più fine…

Moglie   -    A proposito,viene a pranzo domani,mi raccomando non fare tardi

Eleuterio  - Porto anche il cammello ?

Moglie    -   Non fare lo spiritoso,è una persona tanto distinta,ma tanto sfortunato…

                   E soprattutto non parlare di cincillà !

Eleuterio -  No,io parlo solo di cammelli

Moglie     -  Ma la tua è una fissazione ! Basta,insomma,mi fai diventare nervosa !

                   E soprattutto non fare il ruttino a fine pasto e non legarti il tovagliolo

                   al collo,non ingozzarti come fai sempre,non tracannare ma sorseggia…

                   Osserva come fa il commendatore che è un nobile e adesso  buonanotte !

Eleuterio     Si,ma stasera io non mangio ?

Moglie    -   Mangerai domani sera ,un po’ di dieta ti farà bene.Buonanotte ! (ESCE)

Eleuterio -  (rimasto solo passeggia sul palco declamando)  Essere o non essere,

                   mangiare o on mangiare,questo è  il problema,dormire o non dormire,

                   To bi o non tobi …Ma questa frase chi l’ha detta …

Suocera   -  ( da poco entrata con cuffietta  e camicia da notte lo stava

osservando incuriosita) Ma cosa dici,sei diventato scemo ?

Eleutreio  - Taci donna che questo è Shakespeare , il più grande scrittore di

                   telenovelas e di fictions del secolo scorso

Suocera    - Mai sentito nominare,sarà un extracomunitario

( Improvvisamente la luce si spegne e si riaccende,si sentono strani rumori)

Suocera   - Aiuto,che succede  !?

Moglie     -  (entra con la figlia entrambe spaventatissime) Eleuterio,il terremoto !!

                   ( si aggrappano a lui)

Figlia      -   Oh Dio,che paura !

Eleuterio -  Calma.calma !

Figlia       -  Io ho paura ! ( le luci continuano ad accendersi e spegnersi)

Suocera   - E’ la fine del mondo…aiuto !!

(Improvvisamente appare Placido,il  portinaio,che tranquillizza tutti)

Placido   -   Nessuna paura,non spaventatevi  …è solo il cammello che russa ….

SIPARIO

         MUSICHETTA  IRONICA

                       FINE   PRIMO   ATTO

ATTO  SECONDO

LA  SCENA

                   La stessa  scena del primo atto,il salotto di casa .

                   Entrano la moglie e la figlia elegantemente vestite che arrivano da

                   fare shopping  con pacchi e pacchettini che posano sul tavolo.

Moglie   -    Che meraviglia ! Abbiamo fatto degli ottimi acquisti e per la cena

di domani sera .Abbiamo comprato caviale e poi champagne ed altre specialità che certamente il commendatore,che è un nobile,saprà apprezzare

Figlia      -   Ma non abbiamo speso troppo ?

Moglie    -   Ma no,neanche 250 euro per una cena di beneficenza è il minimo

                  indispensabile,d’altronde  fossimo andati al ristorante avremmo speso

                   di più

Figlia      -   Ma allora abbiamo risparmiato

Moglie    -   Certo. Capisco che tuo padre forse non sarà d’accordo,ma quando

                   ci vuole,ci vuole !

Figlia      -   Io e Fuffi quando andiamo in pizzeria spendiamo meno

Moglie    -   Ma cosa dici ? Portare in pizzeria il comm. Casimiro De Carolis ? Mai !!

                   Lui è un nobile ed i nobili pasteggiano solo champagne !

Figlia      -   Ma non hai detto che è un nobile decaduto ?

Moglie    -   Scusa,ma tu non puoi capire: nobili si nasce,nobili si muore !

Suocera   -  (entrando con la scopa in mano) Chi è morto ?

Moglie    -   Ma nessuno,mamma,si diceva così per dire

Suocera   - Ah,meno male…perché stamattina  è morta  Poppea …

Figlia      -   Ma  Poppea è già morta  duemila anni fa !

Moglie    -   E’ morta Poppea ? No, che disgrazia! E Oronzo come l’ha presa ?

Suocera   -  Oronzo  è  disperato,piange,non se ne fa una ragione…

Moglie     - Povero fratellino mio !  Povero Oronzo!

Figlia       -  Ma chi è Poppea , l’amante di zio Oronzo ?

Suocera   - Ma cosa dici ? Che amante !  Quel deficiente è ancora da sposare

Moglie     -  Ma mamma,è tuo figlio !

Suocera    -  Appunto ,ma  è anche tuo fratello

Moglie      - Si,ma è tanto sfortunato !E’ nato di sette mesi.. E l’ostetrica  quando

 l’ha visto l’ha preso per le zampette,si,cioè,i piedini…

Suocera     - Ma che piedini…piedoni ! Appena nato portava già il 32 di scarpe ,

                   si,era un bambino precoce , a 7 anni diceva già mamma e papà e

                   a 9 anni camminava già da solo

Moglie    -   Purtroppo non ha mai trovato l’anima gemella

Suocera  -   Adesso viene  ad  abitare qualche giorno da noi

Figlia      -   Ma dove lavora ?

Suocera  -   Non ha mai lavorato !

Moglie    -   Oh,non dire così mamma,lui ha sempre cercato lavoro

Suocera  -   Si,però appena arrivava lui il lavoro scappava via

Figlia     -    E’ proprio sfortunato !

Suocera   -  Si,sono trent’anni che cerca  lavoro . A dire il vero un lavoro l’aveva

trovato ,si,mi pare come guardiano notturno…E gli hanno detto…tu devi

                   sorvegliare da questo lumino rosso qui a quel lumino rosso laggiù

e su e giù…

Figlia   -      E poi cos’è successo ?

Suocera  -   E’ successo che lui è tanto sfortunato ! Quella sera c’era una nebbia

                  così  fitta,ma così fitta che non si vedeva niente

Moglie    -            E così è passato un camion del Tir con i lumini rossi accesi

                   e lui ,ligio agli insegnamenti…

Suocera   - E’ andato dietro il camion…è arrivato fino a Bari!

Moglie    -   Si,però poi ha fatto anche l’infermiere

Suocera   - Si,per due ore

Figlia      -   Come,per due ore ?

Moglie    -   Si,lo zio Oronzo è tanto sfortunato …L’han messo al Pronto Soccorso

                   e gli hanno detto…senti bene,quando arriva un ferito tu devi legare  il

                   laccio emostatico sotto la ferita e poi stringere bene perché il sangue

                   si coaguli

Figlia    -     E lui ?                 

Moglie   -    Il primo che si presenta aveva una ferita alla testa e lui ligio

                   agli insegnamenti gli ha legato il laccio emostatico sotto la ferita,

                   al collo…

Suocera   -  E poi ha stretto bene il laccio,ha tirato,ha tirato…finchè l’altro non ha

                    più sanguinato…ma è morto

Figlia    -     Povero zio Oronzo.Certo ,già il nome è tutto un programma…Ma perché

                   l’avete chiamato così ?

Moglie   -    In effetti avrebbe dovuto chiamarsi Francesco,ma il nonno non ha voluto

Figlia     -    Ma perché ? Francesco è un bel nome

Suocera -    Si però,sai com’è l’avrebbero chiamato Cecco,Cecchino ecc…

Moglie   -    Ma non volevate chiamarlo anche Giovanni ?

Suocera  -   Solito problema …poi l’avrebbero chiamato Giannino,Nanni  ecc..

Figlia    -    Ah,no,meglio Oronzo

Suocera -    Comunque dovrebbe arrivare a giorni

( Suona il campanello) 

Moglie   -    Chi sarà mai a quest’ora ?

Suocera  -   Qualche venditore ambulante

(Entra Oronzo con valigia e fagotto,tipico contadinotto,è anche claudicante,

ha una gamba di legno e una curiosa e buffa camminata)

Oronzo  -    E’ permesso ?

Moglie   -    Oronzo,fratello mio ! ( lo abbraccia)

Suocera  -   Ma come hai fatto in fretta ad arrivare !  Hai preso il treno ?

Oronzo  -    No,sono arrivato in taxi (Cammina mettendo un piede davanti all’altro)

                   un tac si e un tac no…un tac si e un tac no …

Moglie   -    Sempre spiritoso il fratellino !

Oronzo  -    Ma no,scherzavo ! Mi son  comprato una macchina

Figlia      -   Cos’è zio ? Una Maserati,un Bmv,una spider  ?

Oronzo    -  Ecco…tipo spider …

Figlia       -  Che bellezza ! Così mi porterai a fare un giro,a me piace viaggiare

                   con l’aria che ti accarezza il viso !

Oronzo  -    Per l’aria non c’è problema,i finestrini sono sempre aperti ,non hanno

                   neanche il vetro

Figlia      -   E di che colore è ?

Oronzo  -    Un po’ gialla,un po’ rossa,un po’verde

Suocera  -   Come i semafori…Ma adesso siediti,perché sarai stanco

Figlia     -    Ma chissà come fila,che velocità !

Oronzo   -   (Si siede) In discesa fila che è un piacere,in salita ha un po’ di asma,

                   non è proprio nuova,è una fuoriserie

Figlia    -     Ma che fuoriserie è ?

Oronzo  -    E’ un ’ APE !

Moglie  -     E l’Ape sarebbe una fuoriserie ?

Oronzo  -    Certo,non  la fanno più ! ( Poi improvvisamente scoppia a piangere)

Suocera -    Su,non fare così !

Oronzo  -    Si,ma io a Poppea volevo bene ( singhiozza) Aveva due occhi e mi

                   guardava …è morta !! (piange  forte)

Moglie   -    Su,non fare così,calmati

Figlia     -    Ma chi era Poppea ?

Suocera  -   La sua oca

Oronzo  -    Mi è morta l’oca ,la mia oca ! Io le  volevo bene a Poppea…

Moglie  -     Ma cos’è successo ?

Oronzo -     E’ caduta nella pentola…una disgrazia ! Non sapeva nuotare,aveva

                   freddo e d allora per scaldarla  ho acceso  il fuoco e l’acqua bolliva e

                   lei piangeva ed  io  piangevo…e poi ha esalato l’ultimo respiro !

                   Che disgrazia ! Ora sono solo (piange)E’ morta la mia oca …

Moglie   -    Come ti capisco,certo dev’essere stata una scena straziante

Figlia   -      Ma a Poppea avete fatto un bel funerale ?

Oronzo  -    No, l’ho mangiata !  Mi faceva troppo pena…Ha fatto un brodino

                   delizioso ( piange) Che tristezza,avevo il cuore che si spezzava,

povera  Poppea !

Suocera  -   Su,su che la vita continua,vedrai che fra qualche giorno l’avrai

                   dimenticata,perché tutto si dimentica ,fatti coraggio !

Figlia    -     E così ti fermi qui per qualche giorno ?

Oronzo  -    Un mese o due,dipende…appena il tempo di riprendermi .

                   A proposito cosa si mangia stasera ?

Moglie    -   Cena eccezionale a base di caviale e champagne !

Oronzo   -   Mi sento  già meglio

Suocera   -  Già,ma dove lo mettiamo a dormire ?

Moglie   -    Ecco,ci sarebbe il garage di Eleuterio

Suocera  -   Occupato ! C’è già  il cammello

Moglie   -    Si,è vero…allora lo sgabuzzino !

Oronzo  -    Non vi preoccupate,io mi arrangio,dormo qui sul sofà

Figlia   -      Chissà come sarà contento papi !

Suocera  -   Contento come una Pasqua !

Moglie   -   A proposito,il bagno è di là

Oronzo  -    Perché voi vi lavate anche ?

Figlia     -    Certo,tutti i giorni,anche due o tre volte al giorno…ma perché tu,

                   zio Oronzo non ti lavi ?

Oronzo  -    Io mi lavo a Pasqua,quando faccio le pulizie !

Suocera -    Questa frase l’ho già sentita,però adesso prendi il tuo bagaglio e

                   vai di là a darti una bella ripulita ed a cambiati la camicia che

                   non è tutta zozza

Oronzo  -    Come sarebbe a dire!?  L’ho cambiata appena un mese fa !

Moglie   -    Caro Oronzetto,devi capire che qui siamo in città,non siamo in

campagna, qui la gente usa lavarsi tutti i giorni. E poi qui occorre vestire

con una certa eleganza…su,su vai di là da Josephine,che ti darà un vestito della festa di Eleuterio

Oronzo  -    ( mentre sta uscendo con la nipote) Scusate,ma lei non si chiamava

                   Giuseppina ?

Suocera -    Si,ma Josephine suona meglio,è più chic…adesso va, va..anzi  vieni

                   con me,ci penso io a darti una bella ripassatina

(La suocera si rimbocca le maniche e lo accompagna nell’altra stanza.Esce anche

la figlia e la moglie rimane sola)

Moglie   -    Domani  sera sarà una sera indimenticabile .Che emozione avere a cena

                   il comm. Casimiro De Carolis..un nobile,una persona distinta ed

                   istruita…Spero di aver preso tutto ,non vorrei aver dimenticato niente.

                   Ho comprato pure il libro del Galateo onde evitare spiacevoli equivoci

(Suonano alla porta e lei corre ad aprire)  Chissà chi è …

 (Va ad aprire ed entra l’amica Priscilla,una donna  di mezz’età,

 vestita in modo estroso)

Moglie  -     Priscilla,che sorpresa ,tu qui !?

Priscilla -    Amalia,quanto tempo ! Sono contenta di rivederti ( si abbracciano)

Moglie  -     Vieni avanti,cara…accomodati..ma cos’è quel  borsone ?

Priscilla -    Oh,niente…qualche vestito smesso che vendo alle amiche,sai ,sto

                   raccogliendo fondi per salvare i trichechi della baia di Hudson

Moglie  -     Anche tu impegnata in questa nobile crociata ? Ma avete

un’associazione?

Priscilla  -   Certo ed abbiamo anche un presidente

Moglie   -    E siete in tanti soci ?

Priscilla  -   (Conta mentalmente e poi a voce alta) Si,dunque,contando..si…oltre

                   duecento…meno 18,più due,meno 177,più 4 meno 3 per 12…trentasei

                   meno diciotto più 4 meno ventuno …allora ..siamo in due : io e

                   il Presidente !

Moglie  -     Fantastico e chi è il presidente ?

Priscilla  -   Una persona squisita,un  nobile decaduto,un uomo di gran classe,

                   ma non penso che tu posso conoscerlo…

Moglie  -     E’ per caso un certo comm. Casimiro De Carolis ?

Priscilla  -   Si,è lui, ma come fai a conoscerlo ?

Moglie  -     Verrà a  cena da me

Priscilla  -    Ma cosa dici ?  A cena da te ? Ma allora lo conosci

Moglie   -    Una persona stupenda…Ma hai detto che vendi abiti usati per salvare …

Priscilla  -   I trichechi della baia di Hudson

Moglie   -    Perfetto,guarda ho proprio bisogno di qualche abito di gran classe,

                   perché proprio oggi è arrivato da un lungo viaggio d’affari mio fratello

Priscilla  -   Non sapevo che tu avessi un fratello. E come si chiama ?

Moglie    -   Ehm…Richard…mi pare  o Marlon…sai a volte mi confondo perché

                   lui gira tutto il mondo e a volte cambia nome,sai è un tipo molto

snob,va in crociera alle Maldive,soggiorna spesso alle Bahamas,è di

casa a Montecarlo,insomma,un viveur ,un tipo eccentrico e fascinoso.

Pensa che cambia macchina tutti i giorni

Priscilla   -  E’ sposato ?

Moglie   -    No,ha avuto molte relazioni…ricche ereditiere,attrici famose,gente

                   di mondo…persino una principessa !

Priscilla  -   Mi piacerebbe conoscerlo

Moglie    -   Non mancherà l’occasione..Ecco però lui ha un difetto,è molto sbadato

                   E ieri arrivando da Londra ha smarrito la valigia con tutti i vestiti ed il

necessaire,così tu capiti a proposito

Priscilla  -   Ma non so se ho quello che fa per te…cioè per lui. Proviamo,ma dovrà

                   adattarsi. Che misure ha ?

Moglie  -     90, 60, 90 ..oh,che sbadata…ti davo le mie misure…bè… è alto …

Hai presente George Clooney ? Ecco tutto un’altra cosa,beh , lui è un misto tra Al Pacino, Mel Gibson   e Bruno Vespa …

Priscilla -    Ma allora è sexy !

Moglie   -    Pieno di fascino..ha una camminata alla John  Wayne

Priscilla  -   Bè,allora vediamo .. ( estrae dal borsone alcuni vestiti sgargianti ed un

                   paio di pantaloni taglia 64 extralarge) Pensi che questi possano andare ?

                   Ultima moda,sfrangiati,tagliati …Ma  è un tipo sportivo o classico ?

Moglie   -    Un po’ e un po’…diciamo un tipo estroso,magari vedendolo non si

direbbe,ma non perde una sfilata di moda. Pensa che l’altra sera era

a Parigi con Valentino,due  ore dopo era a Roma con Dolce e Gabbana.

si,lui è fatto così,va e vieni ..così all’avventura…ama scorazzare,pensa

che l’altro giorno veniva giù da Cortina ai 170 all’ora,si,lui ama le

                   macchine sportive. Adesso ha una fuoriserie

Priscilla   -  Una Ferrari ?

Moglie    -   Mi pare,ma cosa voi…lui le cambia così sovente !

Priscilla   -  Ma quanti anni ha ?

Moglie    -   Trentadue…due anni più di me

Priscilla  -   Ma scusa,ma tu non avevi la mia età ? Andavamo a scuola insieme…

Moglie  -     Ma no,ti confondi…beh,lasciamo perdere. Fammi vedere qualcos’altro

Priscilla  -   Ma lui porta gli slip o i boxer ? ( estrae un paio di mutandoni enormi)

Moglie    -   Bisognerebbe chiedere a lui ..oh…eccolo qua…Vieni  ..ti presento

                   la signorina  Priscilla,una mia amica carissima

Priscilla      Oh che piacere ! Sua sorella mi ha detto tutto di lei

Oronzo  -    ( Entra con una grande camicia a fiori e pantaloni  alla pinocchietto.

                   cammina a gambe larghe perché i pantaloni gli stanno stretti)

                   Piacere ( le fa un baciamano un po’ goffo)

Priscilla  -   ( estasiata) Si,effettivamente è un tipo estroso ed anche la sua

camminata è inusuale

Oronzo  -     Più che inusuale direi che i pantaloni mi schiacciano le cosiddette …

Moglie    -    Marlon, ti prego ! Lui è fatto così…stravagante…bohemièn…

un corsaro ! Ma dove hai preso questa  mise casual ?

Figlia    -     (entrando) Ecco,glieli ho dati io,sono i miei pantaloni…i vestiti del

babbo non gli andavano bene

Priscilla  -   Si,direi…una mise un po’ folle…alla Dolce e Gabbana

Oronzo   -    Quei due non li conosco ,però i pantaloni mi tirano! ( fa gesti eloquenti)

Moglie  -     Ti prego,non essere volgare ! Scusalo,ma sai lui a volte usa

                   i termini dei salotti romani:lui adora immergersi nel vulgo

Oronzo   -   Io non ho capito bene l’ultima parola,ma mi fanno male gli “ zebedei”

                  E poi di là mi hanno immerso in un secchio grande  e mi hanno lavato

                   tutto,dalla testa ai piedi

Moglie   -    Ah,vuol dire la vasca terapica con idromassaggio,che spiritoso !

Oronzo   -   Ma che idromassaggio,m’hanno fatto un lavaggio speciale ! Ho ancora

                   tutti i segni sulla pelle

Priscilla   -  Capisco…usa dei sali speciali

Moglie    -   Sali che arrivano dal Madagascar,efficacissimi !

Oronzo    -  Non  so che sali hanno usato,so solo che l’acqua era sporca

Priscilla  -   Ho capito,è un idromassaggio terapico con fanghi di alghe di mare.

                   Si,insomma,alghe esotiche

Moglie   -    Si,esatto,è proprio così,lui usa solo alghe che arrivano dal Mar Nero

Oronzo  -    Ah,adesso capisco perché l’acqua era tutta nera..cioè,prima era

                   bianca ,poi appena mi hanno messo dentro l’acqua è diventata tutta nera

Moglie    -   Certo,è proprio l’acqua del Mar nero..adesso  connetto…

Priscilla  -   Ma tralasciamo questo inutili dettagli..piuttosto so che lei ama le

macchine sportive. Mi han detto che si è comprata una fuoriserie,

cos’è..una Maserati,una Lamborghini ?

Oronzo  -    Un’APE !  

Priscilla  -   Non conosco…dev’essere un nuovo modello Ferrari..un due porte ?

Oronzo   -   Due porte e mezza . La porta di dietro  il mio amico Trumlìn l’ha  tolta

per far entrare la moglie che era piuttosto grassottella..140 chili e perciò

                   le sospensioni non vanno troppo bene,ma per tutto il resto fila come un

                   treno specialmente in discesa !

Priscilla  -   Ma è una testa rossa ?

Oronzo  -    No,no il mio amico Trumlìn ha la testa grigia,ma è una testa matta !

Priscilla -    Ah,voleva dire una testa grigia - argento,nuovo modello,non l’ho ancora

                   vista…Ma  chi è Trumlìn ?

Moglie   -    Trumlìn è quel magnate russo,un amico di Putin, è lui che gliel’ha

                   venduta…Ma adesso è forse meglio andare…Cara ,accompagnami che

                   ho dimenticato di comprare i sigari cubani

Priscilla  -   Non sapevo che fumassi ,lo sai che il fumo fa male

Moglie    -   Ma non sono  per me,sono per il commendatore

Suocera   -  (entrando) Oronzo !! Ma dov’è Oronzo ? Ah,sei qui,ma perché non

                   rispondi quando ti chiamo ?

Priscilla   -  Ma non si chiama Marlon ?

Suocera  -   Chi ?!  Oronzo ?

Moglie    -   Ecco,ti spiego…Oronzo è il suo nome di battaglia,sai …lui chatta

                   molto su  internet e per non farsi  riconoscere dalle fans si firma Oronzo

Priscilla  -  Ah,si ? Lei chatta ?

Oronzo  -    No,no,io ho solo un’oca,ma mi è morta…

Priscilla  -    Sicchè lei vive in campagna,è un amante della natura

Moglie    -   Si,lui ama molto la natura ed ha  un villino in campagna

Priscilla  -   Chissà che bello,sarà favoloso…un castello tra il verde

Oronzo   -   Ecco più che un castello…un casotto,ma non un casino,eh !

Moglie    -   Vuol dire uno chalet,lui è sempre modesto. Si,l’ha ereditato dal nonno

                   dopo la disgrazia

Priscilla  -   Una disgrazia ?

Moglie    -   Si,è una cosa triste..il nonno è morto e lui ha ereditato questo podere,

                   una villa con giardino

Priscilla  -   Ma cos’è successo al nonno ?

Oronzo   -   Posso raccontare ?  C’è da ridere …

Moglie    -   Lui è un mattacchione,vede il lato comico anche nelle tragedie !

Suocera  -   Lasciamo perdere che non c’è molto da ridere

Priscilla  -   No, no,racconti,che io  sono curiosa

Moglie    -   Ma perché non usciamo ( la prende sottobraccio e cerca di allontanarla)

                   Sai,ogni volta che lo racconta poi si mette a piangere

Oronzo   -   Ma no,c’è da ridere ! Dunque,vuole che ce lo racconto ?

Priscilla  -   Ma si,sono curiosa

Suocera  -   Allora sedetevi,che la storia è lunga  ( si seggono)

Oronzo   -   Dunque …io un po’ di anni fa tornavo a casa da militare

Priscilla  -   Scommetto che  era nei marines !

Suocera   -           Conducente muli ,li c’erano solo i più intelligenti !

Moglie     -  Mamma,non interrompere ti prego !

Oronzo   -  Dunque,io tornavo a casa  e vado a trovare il nonno.Con me c’era

Maulìn,il mio caporale. Arriviamo ,il nonno non c’è .Allora aspettiamo

e mentre aspettiamo Maulìn mi fa :  Fosse un po’ che ci facerebbimo…

Priscilla  -   Non capisco

Oronzo   -   Si che ci facessimo,si insomma,facciamo un po’ d’istruzione con le

                   bombe a mano..E dove la dovessimo tirare ?  Contro il nemico…ma il

                   nemico lì non c’era. Allora Maulin che era il mio caporale,uno che  ha

                   studiato,una persona intelligente…

Suocera  -   Si,ha una testa così  ( fa segno con la mano)

Oronzo   -   E lui dice…Vediamo se sei capace di centrare quel casotto là in fondo

                   al cortile…Ma quel casotto è un cesso,dico io …Va bene, dice lui,gli

                   ordini non si discutono,lui era il comandante…E qui la disgrazia…

Suocera  -   Va avanti,che fai venire l’orticaria !

Moglie   -    Ma mamma,non interrompere sempre,ti prego !

Priscilla  -   Si,non interrompa…mi sembra di vedere un’azione di Apocalyps New,

                   mi sembra di vedere Rambo nella guerra del Vietnam

Suocera  -   Peggio,peggio !!

Moglie     - Povero nonno…

Oronzo   -   Insomma, io sgancio la bomba a mano ,la tiro e prendo in pieno il

                   cesso ! Una polvere!   E  non solo polvere…insomma,non si vedeva più

                   niente

Priscilla  -   Proprio come Silvester Stallone

Oronzo   -   E..quasi….solo che c’era un casino che non si capiva più niente e

                   una puzza ! E in mezzo a tutto sto polverone salta fuori il nonno,                    95 anni con i pantaloni in mano e rideva…rideva…

Priscilla  -   Ma lui era là dentro e non era ferito ?

Oronzo   -   No,rideva, rideva…poi mi ha guardato e mi ha detto…Porco cane

                   in novantacinque anni non avevo mai tirato una “scoreggia”

così forte !   Poi è morto,stecchito, pataplum !!

Moglie   -    Si,una disgrazia…

Suocera  -   E così lui ha ereditato

Priscilla  -   La villa

Oronzo -     Le ho già detto che più che una villa è un casotto in mezzo alle vigne

Priscilla  -   Ma allora è ricco . Gioca in borsa ?

Oronzo  -    No,gioco solo a bocce o a tresette con gli amici

Suocera  -   Senta,ma perché lei che è da sposare  non se lo prende , è un bravo

                   ragazzo,simpatico,intelligente

Moglie   -    Ma mamma ! Su…Ora noi andiamo

Priscilla  -   Arrivederci ..Oro..posso chiamarla Oro ?

Oronzo   -   Come ci vuole lei,per me va sempre bene…bay…bay..Simpatica

                   la ragazza  

( Le due  escono)

Suocera   -  Simpatica si,ma tu devi darti da fare  a trovar moglie ,hai 45 anni cosa

aspetti !?

Oronzo  -    Aspetto l’occasione buona,non si sa mai…al giorno d’oggi,non vorrei

                   far la fine del mio amico Amilcare

Suocera  -   E cosa ha fatto il tuo amico Amilcare ?

Oronzo    -  Ha sposato una  donna che poi non era una donna

Suocera   - E cos’era ?

Oronzo    -  Era un uomo !

Suocera    -          Si,però se  non ti svegli farai anche tu quella fine !

Oronzo    -  No,no,io sono più furbo.  Non voglio fare la fine che hanno fatto i miei

                   amici : Giacomino se le prende dalla moglie,Berto invece se le prende

                   dalla suocera ,mentre  Tonio …

                   (Suonano alla  porta)

Suocera  -   Smettila di dire idiozie e vai ad aprire

Oronzo   -   ( va ad aprire) Oh, è Epifanio,l’amico di Eleuterio

Epifanio -   (entrando) Salve ! E questo è Oronzo ? Piacere ( si stringono la mano,

                   poi rivolto alla suocera) Non c’è Eleuterio ?

Suocera   -  E’ di sotto con il  cammello

Epifanio  -  Ma lo porta a spasso ?

Suocera   -  Si, lo porta in giro a fare …i bisognini  .Oggi tocca a lui

Epifanio -   Ma non c’era quel ragazzo..come si chiama …Giocondo ?

Suocera   -  No,è in ferie

Epifanio  -  Come , è già in ferie ?

Suocera   -  Si,lui dice che  ogni mese gli spettano di diritto 26 giorni di ferie

                   e 4 lavorativi. Ma poiché i 4 giorni lavorativi corrispondono  alle 4

                   domeniche, lui ha detto che torna il mese prossimo

Epifanio  -  Però,Giocondo,mica scemo ! (Oronzo intanto ride) E tu cos’hai da

                   ridere ?

Oronzo   -   Mi fa ridere il nome...Giocondo. Ma guarda se uno deve chiamarsi

                   Giocondo

Epifanio  -  Certo che Oronzo è molto meglio,è più bello…(sorrisetto ironico)

Oronzo    -  Invece  Epifanio …è tutt’altra cosa !

Suocera   - Sa,smettetela di dire scemenze ,ognuno ha il nome che si merita

(Entra Eleuterio, buio in volto,visibilmente contrariato)

Eleuterio  - Salve !

Epifanio  -  Come sta il cammello ?

Eleuterio -  Non ha trovato la palma

Epifanio -   Come sarebbe a dire che non ha trovato la palma ?

Eleuterio -  Sarebbe a dire che Cesarino,il cammello,se non trova una palma non

                   va d’intestino !

Oronzo  -    (ride) Questa è buona,mi fa proprio ridere

Eleuterio -  Non fa ridere. Lui è abituato al deserto con le palme e qui in città non

                   se ne trovano  e poi è un po’ timido, se la gente lo guarda mentre lui

                   sta per sporcare,lui si blocca e non sporca più . Son tre giorni che è

                   bloccato,qui tra un po’ scopp ia !!

Oronzo   -   Ma basta fargli una peretta ed il problema è risolto

Eleuterio  -  Ed io dovrei fare un clistere al cammello !?

Oronzo   -   Ma sono bestie come noi

Epifanio   - Grazie

Eleutero   - E questo da dove arriva ?

Suocera   -  E’ arrivato stamattina,si ferma qui un po’ di giorni da noi. Io vado a

preparargli la stanzia ( fa per uscire)

Eleuterio -  Ma quale stanza ?

Suocera   -  La tua

Epifanio -   La mia ?

Suocera  -   Si,ha disposto tutto tua moglie,dunque ,allora Oronzo dorme nella tua

                   stanza,perché l’ospite è sacro..Tua moglie va dormire con tua figlia ed

                   io dormo nella mia stanza  .Perfetto no !?

Eleuterio  - Perfetto  un corno ! E io dove dormo ?

Suocera    - Nel garage

Eleuterio - Col cammello ?

Suocera  -   Con  il cammello !

Eleuterio - Ma russa come un disgraziato  ed io al mattino devo andare a lavorare

                   No,no…qui bisogna rivedere tutto !

Suocera   -  Fate come volete,io vado a preparare le stanze  (ESCE)

Epifanio  -  Qui occorre trovare una soluzione

Oronzo    -  Io la soluzione ce l’ho …basta vendere il cammello !

Eleuterio  - Non possiamo,lo abbiamo solo in prestito d’uso

Epifanio   - Mi è venuta un’idea. Gli mettiamo la targa e siamo a posto con la legge

Oronzo  -    Ma che targa ?

Epifania  -            La targa ZA ! La targa dei fuoristrada,basta andare alla motorizzazione

Eleuterio - Già,però poi deve passare al collaudo,mica facile per un cammello !

Oronzo    -  Basta mettergli i fanalini rossi dietro e due fari davanti

Epifanio -   E magari anche il carter infrangente  e con la targa è a posto

Eleuterio -  Ma poi  cosa ne facciamo  ?  

Epifanio -   Portiamo a spasso la gente,come si fa con i pony…Affittasi cammello

                   a  ore  : 20 euro  un’ ora..30 mezz’ora,facciamo lo sconto  !

Eleuterio  - Già, ma chi lo porta fuori,io lavoro

Epifanio  -  Tuo cognato Oronzo,tanto lui non lavora

Oronzo  -    Calma,calma ! Ed io dovrei andare in giro a chiedere alla gente    

                   “ Scusi,vuol fare un giro col  cammello ?”

Epifanio -   No,tu stai  sulla piazza,magari davanti al municipio

Oronzo   -   Così quando il sindaco esce io gli chiedo :”Mi scusi,maestà, vuol fare

                   un giro di prova sul cammello ? “

Eleuterio -  Si,però c’è un problema…Cesarino sgancia

Oronzo   -   Come sarebbe a dire…sgancia ?

Eleuterio -  Datosi che è indisposto sgancia…Abbiamo provato anche col Confetto

                   Falqui ,5 scatole intere,niente da fare,non va di corpo ed allora ogni tanto

                   mentre cammina si lascia andare..una puzza !! Pazienza una volta o due,

ma quello  ogni 20 metri inquina l’aria ,la gente protesta ed il vigile   minaccia di farmi la multa

Epifanio  -  Ma l’hai fatto vedere dal veterinario ?

Eleuterio -  Certo,gli ha fatto una bella visita,niente da dire

Oronzo   -   E cosa ti ha detto ?

Eleuterio -  Di portarlo da uno psicologo. Si,io l’ho portato,solo che il dottore non

                   è riuscito a farlo coricare sul lettino e così si è coricato lui ed il

cammello è rimasto in piedi,però ha cominciato a sganciare

Oronzo  -    Chi ? Il dottore ?

Eleuterio -  No,il cammello…lo studio sembrava una camera a gas ed allora il

                   Dottore ha cominciato ad urlare “ Lo porti via ,lo porti via !!” Domani

                   le darò il responso ,era tutto giallo

Oronzo    -  Chi ,il cammello ?

Eleuterio -  No,il dottore ! Adesso dovrebbe arrivare Palmiro con il responso

Epifanio  -  Speriamo bene . Comunque la mia idea è sempre  quella di mettergli

                   la targa  e portarlo in giro per le strade,basta mettergli un tassametro

                   al collo                

( Suonano alla porta)

Eleuterio  - Dev’essere Palmiro

(Apre ed entra Palmiro con una busta in mano)

Palmiro  -   Ecco il referto medico (Consegna la busta ad Eleuterio che la apre ,

                   poi la legge in silenzio attorniato dagli altri)

Eleuterio -  Porca miseria ! Siamo rovinati ! (Si butta sulla sedia lasciando cadere

                   la lettera .Palmiro la raccoglie e legge)

Palmiro  -  Ha l’esaurimento nevoso…

Oronzo   -    Chi ? Il dottore ?

Palmiro   -  No,il cammello. Dice che sente nostalgia del proprio paese ,che è

                   giù di morale,che ha bisogno di cambiare aria… e che insomma

bisognerebbe portarlo in montagna

Eleuterio -  E adesso io cosa faccio ?

Oronzo    -  Idea !

Eleuterio - Sentiamo l’ultima cretinata,avanti,spara !

Oronzo    -  Telefoniamo a Gheddafi ,tu gli dici “ Pronto,sono Eleuterio,vuole

                   un cammello ?”

Palmiro  -   Perché  Gheddafi parla italiano ?

Oronzo   -   ( rivolto a Palmiro) Ma no,ma lei è scemo ,non capisce niente !

Epifanio -   Silenzio,che parla l’intelligenza in persona !

Oronzo  -    Grazie,perché a me nessuno m’aveva mai detto che sono intelligente

Eleuterio  - Su,lascia perdere e vai avanti

Oronzo   -   Dunque ,tu telefoni a Gheddafi e gli dici “ Come  sta la sua bella

                   mogliettina ? E i suoi figli  e le sue nuore ?

Palmiro -    E le suocere ,niente ?

Eleuterio  - Sta zitto,che  l’idea comincia a piacermi

Oronzo    - Allora lui ti dirà “ E sua moglie come sta ?”

Palmiro   -  Perché,conosce sua moglie ? (indica Eleuterio)

Oronzo  -    Ma no,si fa così per dire…Tu allora gli chiedi “ Come va la sua

                   prostata ?”

Epifanio  -  Perché,Gheddafi ha la prostata ?

Oronzo    -  Perché non può aver la prostata  ? Per favore,lasciatemi

                   finire il mio ragionamento…E così voi due chiacchierate del più

                   e del meno e poi tu gli chiedi “ Vuole venire qui a fare una partita

                   alle bocce ? “

Palmiro  -   Perché,gioca anche a bocce ?

Oronzo   -   Ma questo lo fa apposta …dunque voi parlate e  ad un certo punto tu

                   gli dici “ Scusi,maestà,vuole un cammello ? “

Eleuterio -  E se mi dice di sì ?

Oronzo    -  Glielo spedisci  per posta, quanto può costare spedire un cammello

                   per posta ?

Epifanio  -  Non saprei,ma non dovrebbe costare tanto caro,facciamo un pacco

                   speciale una raccomandata

Palmiro  -   Con ricevuta di ritorno,naturalmente,perché io di Gheddafi mi fido poco!

Epifanio -   Già, ma l’indirizzo ce l’hai ?

Oronzo   -   Basta scrivere Egitto,lo conoscono tutti

Eleuterio  - Ma non abita in Kenia ?

Palmiro   - Ma no,abita in Marocco ,a meno che non abbia cambiato indirizzo

Eleuterio - Già, e  se mi dicesse di no ?

( I quattro si  fanno pensierosi e si seggono in silenzio attorno al tavolo alla ricerca di un’idea.Ogni tanto qualcuno alza una mano,tutti si fermano …poi scuote

la testa e continuano a meditare)

Palmiro  -   Io un’idea ce l’avrei..perchè non lo portiamo  su in montagna

alla  Sacra di San Michele ?

Epifanio -   A fare cosa ?

Palmiro  -   A portare i turisti dal piazzale delle macchine fino ai piedi della

                    Sacra ,lì siamo sui 1000 metri !  E poi l’aria di montagna

 è buona gli  fa bene anche per il suo  per il suo esaurimento nervoso

Epifanio  -  Buona idea. ..lassù i vigili non ci sono ,per cui non c’è neanche bisogno

                   della targa. Basta appendere agli alberi un po’ di cartelli “ Affittasi

cammello arabo,massima serietà !

Oronzo  -    E riservatezza …questo bisogna metterlo

Eleuterio -  Già,ma c’è un problema,lassù ci sono solo faggi e betulle…non c’è la

                   palma e se non c’è la palma il cammello non va di corpo,sgancia ed

                   allora,addio turisti !

Moglie   -    (Entrando tutta festosa e giuliva) Salve a tutti ! Ma che bella compagnia!

                   guardate cos’ho comprato ? ( mostra un pacchettino ,poi lo posa sul

                   tavolo tra la curiosità dei presenti)

Eleuterio - Ma è possibile che tu ogni volta che esci a far la spesa debba sempre

                   comprare qualcosa ?

Oronzo   -   (Guardano il pacchettino) Ma che cos’è ?

Moglie   -    Sorpresa …(comincia ad aprirlo lentamente) Mi è costato 180  euro,

                   un vero affare ( apre il pacchetto)

Epifanio -   Un tartufo !

Eleuterio - Un tartufo  180 euro !!??

Oronzo    -   C’è da spararsi un colpo !

Moglie  -     Ma cosa dite,voi non capite niente…domani ho invitato a cena

                   il comm.Casimiro ,sapete,lui è  nobile,dobbiamo fare bella figura

Eleuterio  - Si,ma io domani mangio in mensa

Moglie  -     Si ,lo so,ma lui ha il palato fine,pasteggia a champagne,salmone ed ho

                   pensato ad un bel risotto con i tartufi. Ne ho ordinato un altro ,perché

                   questo è un po’ piccolo

Eleuterio  - Noi domani in mensa cosa mangiamo ?

Epifanio   - Minestrone o minestrina  e trippa alla bolognese

Eleuterio  - ( Urla)   Ed io dovrei spendere 180 euro per un tartufo perché lui è

                   nobile !!!!

Suocera   -  ( entra con una pila di piatti in mano  che  posa sul tavolo)

                   Ma cosa c’è da gridare così ?

Moglie    -   C’è che questo è un bruto  !!  (indica Eleuterio)

Palmiro   -  Forse  è meglio che io vada…buonasera a tutti ! ( ESCE spaventato)

Eleuterio -    ( si avvicina al tavolo.Da una parte del tavolo la moglie e la suocera

                   dall’altra  Eleuetrio ed  Epifanio,in mezzo,seduto,Oronzo)

                   Ah !!! (urla) Io sarei un bruto !?

Moglie  -     Si,si,tu mi soffochi !!

Suocera  -   Si,tu la soffochi !! ( apparecchia il tavolo)

Moglie   -    Si,non mi toccare !

Eleuterio  - Ma chi ti tocca !

Moglie     -  Si,sei veramente un bruto …e non mi toccare !!!

Eleuterio  - Domani non ci sarà nessun invitato !

Moglie     -  E invece sì !!! ( prende un piatto e lo spacca sul tavolo)

Suocera   -  Brava !

Oronzo  -    Uno a zero

Eleuterio  - E invece no !!! ( spacca un altro piatto)

Oronzo     - Uno pari

Epifanio -   Bravo ! ( gli batte le mani)

Moglie    -   Qui comando io ! ( spacca un altro piatto)

Suocera  -   Brava !

Oronzo   -   Due a uno

Eleuterio -  ( dà uno scappellotto ad Oronzo)  E tu stai zitto !

Moglie    -   Giusto,di che ti impicci ?! ( anche lei dà una scappellotto a Oronzo)

Oronzo   -    Ahi ! Qui menano !

Eleuterio - E d’ora in poi l’ultima parola sarà la mia !!(spacca un piatto)

Epifanio  -  Bravo !

Moglie   -    Ti sbagli,perché l’ultima parola sarà sempre la mia! Vigliacco !!(piatto)

Suocera  -   Brava !  (Esce  rientra subito con altri piatti )

Oronzo   -   Ti ha detto vigliacco

Eleuterio  - Ma a te cosa interessa  (sberla ad Oronzo)

Moglie  -     Ecco,vedi,è un bruto,picchia i bambini ! (sberla ad Oronzo)

Oronzo  -    Tolgo il disturbo ! ( si alza e si allontana)

Epifanio  -  Su,adesso fate la pace

Moglie    -   Con  questo è  bruto  mai  !! ( spacca un altro piatto)

Suocera   -  Brava !

Eleutrio  -   Ah,dunque io sarei il bruto !? Ed allora prendi !! (spacca due piatti

                   uno dietro l’altro) Uno e due,così siamo pari !

Moglie   -    ( ESCE piangendo con la madre ed urla) Ma non finisce qui !!

Eleuterio -  Ed invece finisce proprio qui !  ( poi si butta sul divano) Oh,finalmente,

                   stasera mi sono sfogato ! Erano vent’anni che aspettavo questo momento

Epifanio  -  Bravo,mi sei piaciuto ,è così che si fa. Con le donne ci vuole il pugno

                   di ferro,bisogna far vedere chi comanda qui

Moglie  -     (apre all’improvviso la porta ed urla) E ricordati che qui comando io !

                   ( chiude sbattendo la porta)

Epifanio  -  Come volevasi dimostrare ! Ma non te la prendere,anzi,sai cosa

facciamo ? Stasera andiamo al night club !

Oronzo   -   Vengo anch’io ,ci cerchiamo un paio di belle ragazze e…andale !!

                   Ci diamo alla pazza gioia !

Suocera   - ( apre la porta all’improvviso) Oronzo,a dormire !!

Oronzo    -  Vengo !  (ESCE  di corsa)

Epifanio  - E così siamo rimasti soli…allora vieni ? Dai,che ci divertiamo un po’

                   e ti passa il nervoso !

Eleuterio  - No,sono troppo arrabbiato .Buona notte !

Epifanio -   Guarda che al night c’è da divertirsi…Non vieni ? Va bene, allora io

vado. Buonanotte.( ESCE)

Eleuterio – ( Si corica sul sofà,le luci si abbassano,lui cerca di dormire) Oh ,

                   finalmente un po’ di pace…(Dopo un attimo di silenzio…il terremoto,

                   la luce si accende e si spegne. Eleuterio si alza urlando) Il cammello !

                   Ancora lui …( Va verso la porta ed urla) La vogliamo smettere di

                   russare !!!  ( silenzio improvviso)

Palmiro  -   ( entra tutto agitato) Piano,piano per favore…con quelle urla mi

                   spaventa il cammello che ha già l’esaurimento nervoso !

Eleuterio -  Si però adesso basta !

Palmiro   -  Si,ma non urli così,che Cesarino è tanto sensibile…Adesso vado giù

                   a controllare,mi raccomando,non  urli più, buonanotte  (ESCE)

Eleuterio  - Oh,finalmente la pace ! (Si getta sul sofà cercando di dormire…

                   Poi improvvisamente sente bussare .Si alza e apre) Chi è ?

Epifanio  - ( affacciandosi)  Eleuterio,sono io ,Epifanio,dai scendi,vieni giù !

Eleuterio -  Non gridare così…cosa c’è ?

Epifanio  - Vieni giù che facciamo l’amore di gruppo !

Eleuterio -  Non gridare…..ssstt…piano,che  mia moglie dorme !

Epifanio  -  Dai,vieni ,che facciamo l’amore di gruppo !!

Eleuterio  - Ssstt…piano,ti ho detto  …L’amore di gruppo ?

Epifanio  -   Dai,sbrigati,scendi,vieni giù !

Eleuterio -  E non gridare così,che svegli tutti,sei scemo ?

Epifanio  -  Sa,vieni o non vieni ?

Eleuterio -  Ma quanti siamo ?

Epifanio  - Eh…se porti tua moglie…siamo in TRE !!!

(Eleuterio  gli scaglia dietro un  cuscino)

MUSICHETTA  IRONICA

              SIPARIO

FINE  SECONDO  ATTO

ATTO  TERZO

LA  SCENA

                   La stessa scena degli atti precedenti,il salotto di casa .

                   Eleuterio dorme sul divano  a pancia in giù e seder per aria con la testa

                   sotto il cuscino.Penombra.Poi si accendono improvvisamente le luci.

Moglie   -    (Entra tutta ben vestita e va verso Eleuterio) Caro,sveglia !!

                   (Eleuterio non si muove)  Dai,non fare così,facciamo pace …

( Eleuterio si gira dall’altra parte e continua a dormire) Non ti sarai

mica offeso per ieri sera !? Dai,non fare il permaloso..ti chiedo

perdono…Su   micio,micio…sveglia !!! ( lo scuote) Dai,su che farai tardi

al lavoro…sveglia ! (Eleuterio non si muove) Questo non si sveglia nemmeno con una cannonata !

Suocera  -   ( Entra con un fucile da caccia in mano) Sparo in aria o faccio centro ?

Moglie    -   Ferma ! Che fai ? E dove hai preso quel cannone ?

Suocera   -  Questo lo usavo per discutere con tuo padre,che alla fine mi dava sempre

                   ragione !

Moglie    -   Lo credo,ma è carico ?

Suocera  -   Certo che è carico ! Facciamo la prova ? (lo punta contro Eleuterio)

Moglie    -   No,no,per  carità! Proviamo con le maniera dolci

Suocera  -   Ma con gli uomini ci vogliono le maniere forti  !

Moglie    -   Si,ma posa quell’aggeggio…( La suocera  ESCE) Eleuterio,è tardi !

                   devi andare a lavorare,che se tu non lavori,qui non si mangia

Suocera  -   (rientra con due coperchi di pentole) Giusto.Chi non lavora non fa

                   l’amore. Proviamo con questo ..( si avvicina ad Eleuterio e sbatte i

                   coperchi sopra i cuscini) Niente,è più sordo di una campana !

Moglie    -   Ma no,fa solo finta…ma che ore sono ? Le nove ??? Ma dovrebbe

                   già essere al lavoro da due ore !

Eleuterio -  (alzandosi di scatto) Le nove ??? Povero me,sono in ritardo,stavolta

                   Mi licenziano ! Presto passami la giacca,il cappello,le scarpe !!!

                   ( si alza agitatissimo,è in mutande,non capisce più niente,scene di

                   panico,sbaglia ad infilarsi le scarpe,si mette la giacca al contrario,

                   mentre le due donne cercano di aiutarlo aumentando la confusione.Poi

                   urla ) Caffè !!!....Le chiavi della macchina,dove sono,dove le ho messe?

(  le cercano ma non le trovano creando solo un grande caos)

Suocera  -   Ecco il caffè ( gli porge la tazza con caffè bollente)

Eleuterio -  ( Lo trangugia d’un fiato,poi diventa paonazzo.Si siede ,gli fanno aria,lui non riesce neanche a parlare.Gli è andata via la voce) E’ bollente!!

Moglie     -  Ma dove diavolo hai messo le chiavi !?

Suocera   - Se non le trova,dovrà andare a lavorare col cammello

Eleuterio  - No,il cammello ,no !!

(ENTRA  la figlia in vestaglia sorseggiando un caffè tutta insonnolita,poi si siede

                   tranquillamente al tavolo con molta indifferenza.Tutti cercano le chiavi.

Figlia       -  Ciao papi,ciao mami …

Eleuterio -  Le chiavi !!           Ma dove le ho messe …aiutatemi a cercarle !

                   ( Continua la ricerca affannosa mentre la figlia resta impassibile a

                   sorseggiare il caffè)

Moglie    -   Ma come fai ad essere così sbadato !

Suocera  -   Gli uomini con gli anni peggiorano sempre

Eleuterio -  Lasciamo perdere…ma dove sono ?? Sono già in ritardo di due ore,

                   questa è la fine ! ( disperat,,è sempre in mutande)

Figlia      -   Cercate qualcosa  ?

Moglie    -   Si,le chiavi della macchina !

Figlia      -   Ah,le ho prese io ieri sera per uscire con Fuffi !...Sono queste ?   

Eleuterio -  Si,sono queste,non potevi dirlo prima !

Figlia       - Ma non me l’avete chiesto…

Suocera   -  Ha ragione,non gliel’avete chiesto

                   ( Eleuterio afferra le chiavi ed esce di corsa in mutande,ma la moglie

                   lo  richiama)

Moglie     -           I pantaloni ! ( glieli sporge ,Eleuterio li afferra e se ne va correndo)

Eleuterio  - Me li metto in macchina !  (ESCE)

Suocera    -          Ah,meno male che se ne è andato …uno di meno. Certo che tuo marito

è un bel tipo. Se la prende con questa povera innocente ( fa una carezza alla nipote)

Figlia      -   Grazie,nonna,tu mi capisci

Moglie    -   Si però adesso diamoci da fare,che deve arrivare il comm. Casimiro ,

                   un nobile !! E mi raccomando,quando arriva  fate una bella riverenza..

                   così ( fa una bella riverenza) Sapete lui è un tipo raffinato…Voglio che

                   si senta a suo agio,quindi attente  a come parlate e a come vi muovete,

                   sempre con molto stile  ed eleganza !

Oronzo  -    (Entra con un buffo pigiama,tutto insonnolito e prima di salutare

                   va al centro della scena e si stiracchia due o tre volte ,sbadigliando

                   forte mentre le donne lo guardano  stupite)

Suocera   -  Si è svegliato Tarzan,l’uomo della giungla. Hai dormito bene ?

Oronzo    -  Il sonno dei giusti ,ho dormito come un ghiro,anzi come un cammello,

                   fresco come una rosa ! ( si stiracchia e sbadiglia forte)

Suocera   - Tutto  suo padre  ! La  raffinatezza  in persona  !

Moglie     -  Oronzo ti avverto. Sta per arrivare un nobile,una persona di  alto

                   lignaggio,una persona importante…perciò vai a lavarti e pettinarti e

                   mettiti il vestito nuovo…E soprattutto quando parli fai sempre silenzio!

                   Non farmi fare brutte figure

( Suona il campanello,agitazione generale)

Moglie   -    Sparite,presto…sta arrivando il commendatore..si..si ,è  lui,oh mio Dio..

                   Qualcuno vada ad aprire !

Suocera -    Ma è già qui ? ! ( rivolto ad Oronzo)  vai a vestirti,presto ,via !

Figlia     -    Oh  mio  Dio,sono impresentabile ! (ESCE di corsa)

Moglie   -    (Si acconcia nervosamente i capelli,si aggiusta il vestito) Ma perché

                   così presto !? ( va verso la porta)

Oronzo  -    Quando si tratta di mangiare a sbafo i nobili non si fanno mai aspettare.

                   Non sono mica scemi !

Moglie  -     ( rivolta alla madre) Mi raccomando,la riverenza !

                   (La moglie apre e con la madre fa una bella riverenza)

( ENTRA  l’amica Priscilla)

Priscilla  -   Buongiorno ! Quale accoglienza ! Anche l’inchino….(poi si accorge

                   di Oronzo in pigiama) Oh,che piacere signor Marlon !

Oronzo   -   ( si guarda attorno stupito) Dice a me ?

Moglie    -   Si,dice a te,Oro,vai..vai a vestirti …Lo devi scusare ,ma lui ha passato

                   la notte al night…

Priscilla  -   Ma allora è proprio  un tombeur de femmes,un viveur

Moglie    -   Si,lui è un uomo di mondo,sempre in giro

Oronzo   -   Scusate…(si stiracchia  e  sbadiglia  fragorosamente)

Suocera  -   Non fare sempre il maleducato,certo che se fai così non ti sposi

Priscilla  -   No,lasci,lo lasci fare …si vede che è un selvaggio,un naif…

Suocera  -   Più che naif direi rimbambito !

Moglie    -    Ma no,è che lui va sovente in Africa per i safari ed allora è come

                   Robert  Redford  nel film “ La mia Africa”

Priscilla   -  Oh,si,uno spirito selvaggio  ( poi lo osserva mentre Oro si gratta)

                   Si,direi che ha qualcosa di Robert

Moglie    -   E’ un selvaggio …tutto  “nature “ !

Oronzo   -   ( fa vedere i muscoli tutto compiaciuto) Guardi che muscoli ! Tutta

                   roba genuina,,,tocchi…tocchi !

Priscilla  -   (gli tocca i bicipiti)   Favoloso ,proprio un Silvester Stallone!!

 Ehm…e che mise…ma lei veste …?

Moglie    -   Dolce e Gabbana,si lui li predilige

Priscilla  -   Uomo di gran classe e che portamento ! Io amo il casual( gli si avvicina)

Oronzo   -   Allora,piacere della conoscenza ( sbadiglia ancora fragorosamente)

                   Io vado di là a darmi una ripassatina,vi saluto ,bay,bay..( ESCE)

Suocera  -   Vado anch’io con lui,magari ha bisogno d’aiuto. Arrivederci !

 (ESCE)

Priscilla  -   Bay..bay…Che uomo,un vero macho !!

Moglie    -   Puoi dirlo forte…un po’ rude,ma un uomo  vero. Hem…a proposito,

                   a cosa devo la tua visita ?

Priscilla  -   Ah,che sbadata ! La vista  di quel macho mi fa perdere la testa…Ecco

                   io sono venuta qui perché ho da vendere gli ultimi due biglietti della

                   lotteria per  salvare una rara specie di animale africano…

Moglie   -    Va bene  ( un po’ infastidita)  li prendo,sai,sono un po’ di fretta,abbiamo

                   ospiti importanti e non ho molto tempo

Priscilla  -   Ma non vuoi sapere di quale animale si tratta ?

Moglie    -   No,ho fretta e poi di te mi fido…quant’ è ?

Priscilla  -   Sono  20 euro,sai è un animale raro…

Moglie    -   ( piuttosto sbrigativa)  Va bene,va bene…ecco  ( le dà i soldi) grazie,

grazie ,ma adesso devo andare (la sospinge elegantemente fuori) Bay,bay !

Priscilla  -   Ma quanta fretta ! Comunque grazie..ah,l’estrazione è per oggi !

                   (ESCE)

(Suona nuovamente il campanello.Lei si aggiusta i capelli,va verso

 la porta e prova a far l’inchino e poi apre)

        

Palmiro   -  (entrando)  Salve !  Oh,che accoglienza !

Moglie     -  Ma  è lei ?  

Palmiro  -   Si,sono proprio io !

Moglie    -   Ma cosa vuole ?

Palmiro   -  Ecco,ci sarebbe da pagare l’onorario dello psicologo, sono 120 euro

Moglie    -   E per che cosa  ?

Palmiro   -  Per il cammello Cesarino che ha l’esaurimento nervoso.Lo psicologo

gli ha prescritto 50  pastiglie di valium al giorno  ed 22 pastiglie di

Culstop…per la nota indisposizione

Moglie   -    Quale indisposizione ?

Palmiro  -   Ecco..Eleuterio  lo sa …ha un po’ di gonfiore di stomaco ed allora

                   a volte sgancia,una puzza  !

Moglie    -   Senta adesso non ho tempo per  queste storie ,gliele  vada a raccontare

                   ad Eleuterio,vada, vada …( lo spinge fuori)

Palmiro   -  ( in mezzo alla porta) Ecco,le volevo solo dire che …ho sbagliato

                   un po’ le dosi  e così ora oltre che sganciare fa dei ruttini che …

Moglie    -   Si,si va bene,adesso però vada  ! ( lo spinge fuori)

Palmiro  -   Volevo  solo avvisarvi che se sentite qualche ruttino è il cammello,

                   non spaventatevi  (ESCE)

Moglie   -    Finalmente ! ( risuona nuovamente il campanello) Ah,se è ancora lui

                   giuro che …( Si avvicina nervosamente alla porta mentre la suocera

                   ricompare  brandendo minacciosamente  un mestolo )

(Entra il comm. Casimiro  .E’ un ometto piccolo ,veste all’antica,con

canna da passeggio ,farfallino. E’ un  nostalgico monarchico,senza una lira,parla lentamente con voce fortemente nasale,strascicando le parole. Ha una vocetta sottile e stridula. E’ un po’ effeminato)

Comm.  -    Scusate il ritardo …(Fa il baciamano alla suocera) Piacere …

comm.Casimiro  De Carolis             

Moglie  -     Commendatore,che sorpresa !!

Comm   -      ( le fa il baciamano) Lei è divina… Disturbo ?

Moglie  -     Ma no,lei non disturba mai ,venga si accomodi ( gli porge una sedia)    

Comm   -    (prima di sedersi pulisce la sedia con il fazzoletto)   Scusate,ma io sono

                   allergico ai germi ! Ho un po’ di asma..sa,la guerra ..

Suocera -    Ha combattuto nelle trincee ?

Comm.  -    No,ero nascosto in cantina..sei mesi in cantina,con i topi…lunghi così !

                   Ah,che tempi  quei tempi !

Suocera -    Oh cielo,che schifo !

Moglie   -    Ma lei non aveva paura ?

Comm.   -   Più che paura direi fifa,una fifa nera. Ma io non ho mai mollato ,non

                   ho mai indietreggiato,vera razza pedemontana…Io mi spezzo  ma

                   non mi piego !

Moglie   -    Un vero eroe ! Su,su  ci racconti qualcosa

Comm.   -   Avrei troppe cose da raccontare,ma ormai questo mondo non mi

                   appartiene ,troppa volgarità,troppa maleducazione,troppa gente

                   che mangia a sbafo e vive alle spalle degli altri,non se ne può più…      

                  Ah,quando c’era Toju…che tempi !

Suocera  -   Mi scusi,ma chi è Toju ?

Moglie    -   Ma mamma…il re…il nostro re…

Comm     -  Si Vittorio Emanuele III il re grande,possente,alto ( fa segno con la

mano) cioè..piccolo… e la regina alta,che bella coppia ! Ah,che tempi quei tempi ! ( poi rivolto alla suocera) Ma lei si ricorda del re Vittorio ? due spalle  possenti ( fa segno con le mani)

Suocera  -   Chi ,il re Vittorio ?

Comm   -    No,la regina e poi aveva due baffi …

Suocera -    Chi ,la regina ?

Comm -     No,il re ! Ma cosa dice,stiamo parlando della  Real Casa Savoia

Moglie  -     La voglia scusare,ma lei non è molto pratica di nobiltà

Suocera -    Beh,se è così io vado .Mi stia bene commendatore  (indietreggia

                   facendo la riverenza  e sbattendo contro una sedia) Mi scusi ,è

                   l’emozione

Comm   -    Proprio una gran dama sua madre,si vede che ha della classe…Ed

                   avrà anche un bel conticino in banca,presumo e magari qualche altra

                   proprietà,sa io sono curioso…Secondo me nelle sue vene scorre un

sangue nobile..Lei doveva essere una contessa o una marchesa o perché no, una principessa

Suocera  -   Una reginetta ,si…una volta mi han fatto reginetta alla festa “ Polenta

                   e  salciccia”  degli Alpini di Pinerolo

Comm    -   Ma allora ha conosciuto Vittorio,il nostro re ..Ah,che tempi quei bei

                   tempi,tutti erano contenti  “ Quando all’assalto andavano con gioia,tutti

gridavano Viva i Savoia !”  E i soldati andavano a morire cantando,

ah,che bei tempi ! Lei se li ricorda ?

Moglie   -             Ma veramente mia madre non ha fatto il militare

Comm   -    Non ha fatto il militare ?! Non me lo dica,non sa quel che si è perso

Suocera -    Alla visita di leva non mi hanno preso ed allora ho mandato mio  figlio

                   a servir la patria

Comm   -    Come si chiama suo figlio ?

Suocera -    Oron…

Moglie   -    (La interrompe bruscamente) Amedeo!Anzi,no…Umberto,no,Vittorio !

Comm    -   Tutti bei nomi,tutti nomi di re,mi compiaccio con lei signora. Ha avuto

                   veramente buon gusto,brava. E mi dica,mi dica lei ha una bella                                 pensione,perché vede io sono solo e lei è vedova ?

Suocera  -   Si,ma non ho alcuna intenzione di sposarmi un’altra volta,mi è bastata

                   la prima !

Comm   -    Ma non dica così che al cuor non si comanda ( le si avvicina,le prende

                   la mano ) Lei è bella come una rosa

Oronzo -     (Entrando) – Un po’ appassita !

Suocera  -   Tu stai zitto,che nessuno ha richiesto il tuo parere !

Comm    -   Ma questo bel giovanotto chi è ?

Moglie   -     Ecco….ehm…è il nostro  maggiordomo

Oronzo  -    Maggiordomo ,io ? ( la sorella gli dà un calcio negli stinchi) ahi..ahi…

                   che dolore,che dolore !!

Comm   -    Non si sente bene ?

Suocera -    No,no sta benissimo ,è che a lui piace lamentarsi

Moglie   -    E’ un po’ cagionevole di salute,sa,ha servito per tre anni alla corte

                   d’Inghilterra ,presso la regina Elisabetta …

Comm   -    La regina ? Ah che tempi quei tempi ! Quando il re passeggiava  con

                   la regina Elena,lui alto,lei piccola…no…cioè lui piccolo e lei alta,che

                   coppia ! Che portamento,tutti li guardavano ammirati e facevano

                   l’inchino…Ah,che  bei tempi !

Moglie   -    Si,proprio bei tempi quelli !

Suocera  -   E si,proprio bei  tempi,eravamo tutti più giovani,anzi ,io non ero ancora

                   nata. Ma mi ricordo del principe Umberto quando passava a cavallo

Comm   -    Ah,il principe ! Che portamento,che eleganza ! Che uomo!!

Oronzo  -    Ma il figlio del Principe non l’avevano messo in galera ?

Moglie   -    Ma signor Filippo,cosa dice,ma come osa ?

Comm   -    Ah,mi sento mancare  ( si accascia sul divano) A sentire queste

cose mi prende male al cuore !

Suocera -    Vado a prendere un bicchiere d’acqua

Comm   -    No,forse è meglio un bicchiere di vino,di quel buono…ah,mi sento

                   mancare…un principe in galera …ah che tempi !!

Moglie  -     Signor Filippo vada a prendere una bottiglia di vino d’annata

Oronzo  -    Ma chi è Filippo ?

Moglie   -    (gomitata nello stomaco)  Tu ,cioè.. lei…si.,sei tu il maggiordomo,no?

Oronzo   -   Mi ha passato di grado

Moglie   -    Vai ,corri,anzi..si sbrighi !! Ah,con questa servitù ..In realtà lui non

                   si chiama Filippo ,ma tutti quelli che sono al servizio della regina

                   Elisabetta per almeno tre anni hanno diritto di chiamarsi Filippo come

                   il principe consorte

Comm   -    Ah,il principe consorte…che portamento,che eleganza …Come il nostro

                   Re Vittorio,alto ..cioè piccolo,ma stesso portamento,stessa classe !

Oronzo -     Arrivano i viveri !  (porta una bottiglia ed un bicchiere al comm.) Scusi

                   lei beve alla bottiglia o vuole il bicchiere ?

Moglie   -    Ma cosa dice,signor Filippo! Nel bicchiere ma non questo ,ci vuole

                   un bicchiere speciale,un flute  ! Vado a prenderlo  (ESCE)

Comm   -    Ma lei che ha avuto l’onore di conoscere la regina,com’è ?

Oronzo -     Un po’ vecchia ed anche un po’ appassita…ma una brava persona,niente

                   da dire ,si ,insomma zoppica anche un po’ e poi sputa !

Comm -      Ah,mi sento mancare  ! ( E si accascia nuovamente sul divano)

Suocera -    Ma cosa dici !

Moglie   -    (ritornando)Non ci faccia caso ,sa ,alla corte inglese sono tanto spiritosi

Suocera   - Ma mi dica un po’,com’è che il nostro beneamato principe

                   è finito in galera ?

Comm   -    Lei apre una ferita aperta….mi sento male…

Oronzo   -   Ma a questo portateci i sali,sta sempre male

Comm   -    No,no,mi passa,è stato solo un momento di defaillance…ah che tempi!

                   Ora vi racconto cos’è successo. Dunque il principino Vittorio ,tanto un

                   bravo ragazzo…

Oronzo  -    Ma non ne ha fatto fuori uno all’isola Cavallo ?

Comm  -     Non  le permetto di parlare così…Dunque il principino,tanto una brava

                   persona,era in Corsica con la sua barchetta a remi ,era lì tranquillo e

                   guardava il panorama,quando all’improvviso un uccelletto gli passa

                   sulla testa ,allora lui prende il fucile e …pam,pam !!

Suocera  -   L’ha preso ?

Comm   -    No,ha beccato un ragioniere che passava da quelle parti

Oronzo  -    Però,che mira !

Comm    -   Una disgrazia ! Ma lui non l’ha fatto apposta . La colpa è tutta del

ragioniere che gli è passato davanti  quando  sparava…

Gli ha attraversato la strada all’improvviso e lui ..pam,pam

Oronzo  -    L’ha centrato in pieno

Comm  -     Si,ma non voleva..ah che tempi…non mi sento bene

Moglie  -     (arriva con vassoio e bicchiere) Ecco,commendatore,beva le farà bene !

Comm   -    Grazie ( beve tutto d’un fiato)

Suocera -    Va meglio ?

Comm    -            Si,grazie,mi sento meglio …Delizioso questo vinello,un rosolio,una

                   squisitezza. Grazie,adesso vado

Moglie   -    Ma no,si fermi con noi

Suocera  -   No,non vada via,ci fa tanto piacere averla  qui con noi !

Oronzo   -   No,no lasciatelo andare che questo beve come una spugna !

Comm   -    Non ho compreso bene l’ultima parola…ma lei è sicuro di aver lavorato

                   presso la regina d’Inghilterra ?

Moglie   -    Altroché ! Era il suo paggio preferito e poi anche con il princìpe Filippo

                   era in confidenza

Oronzo   -   Oh,si,andavamo tutti i giorni a giocare a bocce alla bocciofila e a volte

                  giocavamo anche a scopa insieme

Comm   -    Il principe giocava a scopa ?

Oronzo  -    Solo a scopa all’asso ! E se perdeva bestemmiava come un carrettiere,diceva certe parolacce ..ma anche la regina quando

giocava a tresette diceva le parolacce e che parolacce !

Comm   -    Non dica così,mi fa star male …Ah,se ci fosse ancora Toju…quando

                   all’assalto andavamo con gioia ,tutti gridavano Viva i Savoia!

                   Ah che bei  tempi !

Suocera  -   Non dia retta a quello lì,lui le spara grosse,non è vero. Comunque

                   piacere di averla conosciuta e l’aspettiamo a cena questa sera …

Comm   -    Ma visto che siete così gentili e visto che sono solo le undici,proprio

per fare un favore a voi,se proprio insistete,quasi quasi io mi fermo anche a pranzo…ma solo per farvi un piacere,sia ben chiaro

Suocera -    Che meraviglia ! Vado  subito a preparare,scusatemi

( fa un inchino  ed  ESCE)

Moglie   -    Peccato che a pranzo non ci sia mio marito,sa lui lavora

Comm   -    Cos’ha ? Un’industria,alta finanza,commercio internazionale ?

Moglie  -     Si,industria di trasporti

Oronzo  -    Lavora per la Satti . Fa la linea Torino -Pinerolo e ritorno

Moglie   -    Si,lui è direttore dei lavori per autostrade,aeroporti,lavora molto

                   all’estero …Paesi Arabi,America,Australia. Peccato che non possa

                   conoscerlo ,perché è in missione a Dubai fino a domani sera,si lui

                   viaggia molto !

Comm  -     E mi dica,è stato contento per il cammello ?

Oronzo  -    Felice è dire poco, aveva solo più da mettersi a piangere

Moglie   -    Certo,per la contentezza,anzi non vede l’ora di ringraziarla .

                   Ha fatto grandi salti di gioia per la foca monaca ,poi il pinguini della

                   Patagonia, poi il trono,cioè la sedia ed infine il cammello arabo..Mai

                   visto un uomo così felice ,così entusiasta,…si,non vede l’ora di

                   incontrarla per abbracciarla !

Eleuterio -  (Entrando con l’amico Epifanio)  Vieni avanti che ci beviamo un buon bicchiere

Moglie   -    (stupita e piuttosto scocciata) Eleuterio ! Che ci fai qui a quest’ora !?

Epifanio  -  Ecco,oggi c’era sciopero  e così siamo andati a fare una  partita a bocce

Eleuterio -  ( guardando il comm.Casimiro) E questo chi è ?

Moglie    -   Ecco…è il famoso comm. Casimiro !

Comm     -  Ah che tempi ! Sciopero !!??  Che parolaccia ! Ah,quando  c’era Toju

                   niente sciopero ,la gente lavorava 13,14 ore al giorno  e tutti erano

                   contenti e mentre lavoravano ,cantavano le lodi al padrone ! Adesso non

         c’è più nessuno che canta ed io lo capisco,signor Eleuterio,lei è un

grosso  industriale…ah,che tempi ..al giorno d’oggi la gente non ha più

voglia di lavorare,invece una volta quando regnava Toju..si cominciava

a lavorare a 5,6 anni e senza paga,non come oggi..

Epifanio -   Perché oggi com’è ?

Comm  -     Al giorno d’oggi solo pretese,vogliono le ferie,la mutua e la domenica

                   vogliono far festa , sono tutti arrabbiati,mentre una volta quando c’era

                   il nostro amato re Toju eran tutti contenti…E quando all’assalto

andavano con gioia, tutti gridavano …

Oronzo  -    “ Viva i Savoia” !

Epifanio -   ( a Oronzo)  Ma sei scemo ?

Eleuterio - ( indicando il comm.) Ma questo  non è tutto a posto

Moglie   -    Ecco…ti presento il comm. Casimiro De Carolis

Eleuterio -  Quello del cammello ?

Comm   -    Non dica niente signor Eleuterio, non mi ringrazi, lo so che è rimasto

                   troppo contento per il cammello ed ha perfino pianto…Si lasci

                   abbracciare ! Lei è un benefattore dell’umanità

Eleuterio -  Cosa ? Io sarei un benefattore del’umanità !?

Comm   -    Si,certo,con tutti i viaggi attorno al mondo che fa  e con i suoi operai

                   in sciopero,lei trova il tempo di interessarsi di un povero cammello,ma

                   lei è veramente una persona caritatevole,proprio come ,Toju..

Eleuterio  - Ma chi è questo Toju ?

Epifanio  -  A me questo Toju mi sta già sulle…

Moglie    -   Smettetela ! Basta !

Oronzo   -   Toju, è il re Vittorio Emanuele Terzo !

Comm   -    Certamente e sapete cosa faceva quando i sudditi non obbedivano ?

                   ne caricava una decina sulla sua nave

Epifanio  -  In gita premio ?

Comm    -   No,come ostaggi !

Oronzo   -   Che brava persona !

Comm   -    Bravo è dire poco …Lui andava sul campo di battaglia col suo cavallo

                   bianco e guardava da lontano e piangeva…sempre in prima linea,si,tre

                   o quattro chilometri di distanza,per sicurezza..un eroe !

Eleuterio -  Ah, a 4 o 5 chilometri dal fronte…un vero eroe

Comm   -    Si,sparavano e lui piangeva e guardava da lontano con il cannocchiale

                   mentre i suoi soldati  ridendo andavano all’assalto e gridavano con

                   gioia ..

Tutti in coro - Viva i Savoia ,viva i Savoia !

Comm   -    Ma la sanno anche loro ? Beh,io mi siedo…(sì siede sul divano)

Eleuterio     Si,la sappiamo anche noi,ma lasciamo perdere Toju, parliamo piuttosto

                   del cammello !

Moglie   -    Eleuterio ti prego,rivolgiti con deferenza,parli con un nobile

Eleuterio  - Si,ma decaduto,tanto decaduto che mi ha rifilato un cammello

Epifanio   - Che è scemo !

Oronzo   -   Che ha anche l’esaurimento nervoso

Eleuterio - E che se non trova una palma,sgancia !

Moglie    -   Basta con queste volgarità ! Abbiamo l’onore di avere ospite a casa

nostra un personaggio di alto lignaggio…un discendente della Real

Casa Savoia

Eleuterio -  Che oltre al cammello  un po’ scemo mi ha affibbiato anche anche un

                   pinguino,una foca monaca ed una sedia rotta !           

Moglie    -   E dovresti esserne fiero ! Non a tutti è dato di poter avere un cammello

                   in casa !

Epifanio -   Beh,su questo tua moglie ha ragione. Non tutti hanno l’onore di avere

                   un cammello in casa

Comm   -    ( trovandosi tra i due litiganti,ogni volta che si alza dal divano per

parlare viene ricacciato giù ) Ah,che tempi !  (si alza)

Eleuterio -    Lei stia zitto ! ( lo ricaccia sul divano)

Moglie    -   Ma come osi trattare così il commendatore !

Eleuterio -  Ma che commendatore,questo è…

Moglie    -  Un discendente della Real Casa Savoia ! ( al comm) E lei stia giù !

                   Oh,mi scusi..

Eleuterio  - Ed io della Real Casa Savoia me ne sbatto le …

Moglie     -  Maleducato,villano !

Comm   -    Ah, che tempi  ( si alza)

Eleuterio - Lei stia giù ! ( lo ricaccia sul sofà)

Epifanio -   Bravo,è  così  che si fa !

Moglie   -    Dovreste vergognarvi tutti ! Non sapete cosa state dicendo e tutto questo

                   per un povero e innocente cammello

Comm    -   Ah,che tempi ! ( si rialza)

Moglie   -    Lei stia giù ,che a questi signori ci penso io ( lo ricaccia giù)

Eleuterio - Come sarebbe a dire !? Questa  è casa mia e qui comando …

Eleuterio e Moglie insieme –  Io !!!

Comm   -   Ah,,che tempi ! ( si rialza)

Moglie   -    Ma lei di che si impiccia ! ( lo ricaccia giù) Oh,mi scusi,non volevo

                   ( lo aiuta a rialzarsi)

Eleuterio -  Giù !!! Ma questo da dove arriva ? E sia ben chiaro che a casa mia

                   comando…

Moglie    -   Io !! E se vuoi la guerra,guerra sia !

Comm   -    E quando all’assalto andavano con gioia,tutti gridavano ..

Epif e Oro -  Viva i Savoia ,viva i Savoia !

Comm   -    Ah,che bei tempi quei tempi …

Eleuterio -  Basta ,rinuncio ! Epifanio,aspettami sotto che andiamo all’osteria

                   a fare una partita a carte ( intanto la moglie gli volta sdegnosamente

                   le spalle)

Oronzo -     Vengo anch’io ! ( Alla moglie) Scusi,signora,posso andare ?

Eleuterio -  Chiede anche il permesso a te,adesso ?

Moglie    -   Certo, è il nostro nuovo  maggiordomo,non ricordi ? L’hai assunto

                   tu una settimana fa ..Vai,vai Filippo

Oronzo   -   Bene,noi cominciamo ad andare,arrivederci

                   ( Oronzo ed Epifanio escono)

Eleuterio -   ( lo guarda stupito) Ma non si chiamava Oronzo ?

Comm   -    Ma cosa dice ,si chiama Filippo come il principe consorte

Eleuterio  - Io non ci capisco più niente

Suocera   -  ( Entrando)  A dire il vero tu  non hai mai  capito  niente

Eleuterio  - Ecco,ci mancava solo più la suocera

Moglie     -  Cos’hai da dire contro mia madre ?

Eleuterio  - Io niente,proprio niente e poi con le suocere  è sempre meglio

andare d’accordo

Comm  -     Proprio come Toju

Eleuterio  - Ma questo è proprio fissato con questo Toju !!

Suocera   -  Si,ma Toju era un re mentre tu sei solo un povero conducente di

                   pullman. Certo che tu ed Epifanio fate proprio una bella coppia !

Moglie   -    Mamma,adesso non esagerare

Comm   -    Come,autista !? Ma il signore non era un ricco  imprenditore nel ramo

delle comunicazioni ?

Suocera  -   Ah,per comunicare comunica…dice  certe parolacce !

Eleuterio -  Si,ma solo quando mi fanno girare  i cosiddetti…

Comm    -   Ah che tempi !

Figlia    -     (Entra tutta gioiosa) Papi,mami !! Ho una grande notizia per voi !

Moglie  -     Quale ?

Figlia    -     Mi sono  fidanzata !

Eleuterio  - Un’altra volta ! Povero me .ci risiamo   

Suocera   -  Un altro fidanzato ? Ma …e Fuffi ?

Figlia      -            Con lui ho rotto…ora ho incontrato il principe azzurro

Comm     -  Un principe,ha incontrato un principe…ah che bei tempi  !

Eleuterio -  (Lo rimette a sedere) Lei stia giù ! E chi sarebbe questo principe ?

Figlia       -  Si chiama Boby…è nero…

Suocera   -  Un cane nero ?

Moglie  -     Ma cosa dici mamma! Sta parlando del fidanzato,non del cane

Eleuterio -  Si ma se si chiama Bobi …Il primo Dodo,poi Fuffi e adesso Bobi

Figlia    -     Ma no,si chiama Robert,quindi Roby,ma io lo chiamo Boby

Suocera  -   Ma si,Bobi suona meglio…ma quando lo chiami lui corre ?

Moglie    -   Ma mamma,non è un cane ! E dimmi,com’è ?

Figlia      -   Bellissimo ! Nero di capelli,labbra carnose,mani bianche  e poi

                   tutto nero !

Suocera -    Si vede che si fa le lampade

Eleuterio -  E’ elettricista ?

Figlia      -   Ma che dite ! E’ un attore ,solo che adesso non recita,pensa che ha fatto

                   la controfigura del fantasma di Notre Dame

Moglie    -   E lui cosa faceva ?

Figlia      -   Il fantasma. Ma adesso sono  5 anni che non recita,aspetta  l’occasione

buona,gli mandano tutti i giorni copioni da  Hollywood, ma lui li

rifiuta .Adesso però lo vogliono per far la controfigura del nuovo

film di Frankestein

Suocera  -   Ma è tutto nero ?

Figlia      -   Si,ha la carnagione molto scura

Suocera  -   Oh mio Dio,proprio come temevo

Comm     -  Ah, che tempi !

Eleuterio -  Lei stia giù ! ma quando l’hai conosciuto ?

Figlia      -   Ieri sera..pensa ,dopo un’ora eravamo già a letto !

Suocera  -   Mi sento mancare …

Comm    -   Cosa ?

Eleuterio -  Lei stia giù ! Come ? Dopo un’ora già a letto ?

Figlia      -   Si,io a casa mia e lui a casa sua

Moglie    -   Ah,volevo ben dire…Ma è proprio di colore ?

Figlia      -   Si,viene dal Senegal, è nero come il carbone,bellissimo !  Ci  sposeremo

                   presto,spero che non abbiate niente in contrario,voi siete delle persone

                   alla page,si  insomma aperte,moderne

Moglie   -    Certo,noi abbiamo idee moderne,ma se lui non lavora come farete ?

Figlia      -   Ci aiuterete voi …potremmo venire a vivere qui con voi ,una bocca

                   in più…

Eleuterio -  No,c’è già il cammello ! Basta così

Suocera   - Oh,povera me,mi prendono le caldane …( si fa aria col grembiule)

Moglie     -  Certo,vi aiuteremo noi ,tuo padre farà i doppi turni e non farà le ferie.

                   lui sarà felicissimo di aiutarvi . Eleuterio ,non sei felice ?  La nostra

                   bambina si sposa !

Comm    -   Ah,che bella famiglia ,proprio come  quella di Toju !

Eleuterio  - Ma insomma lei cosa s’impiccia  dei nostri affari !

Comm    -   Io volevo solo dire che …

Eleuterio   - Lei non deve dire niente !

Moglie     - Eleuterio fai un  bel  sorriso .Oggi è giorno di gioia,oh gaudio !

                   Senti, stan suonando le campane dell’amore…

(Suona il campanello di casa)

Suocera  -   Veramente è il campanello che suona ! ( Va ad aprire)

Palmiro  -   ( Entra tutto spaventato) Che disgrazia,che disgrazia !!!

Figlia      -    Beh,io esco ….bay..bay  (ESCE)

Eleuterio -  Ma cos’è successo ?!

Palmiro   -  Una disgrazia,una disgrazia tremenda !!

Moglie    -   Su,parli,dica ,che è successo ?

Palmiro   -  Il cammello …

Eleuterio  - E allora  !?

Palmiro   - E’ scappato,sparito …non c’è più ! E adesso come facciamo ?

Eleuterio - Ma che disgrazia ! Questa è una fortuna,finalmente sono riuscito a

                   disfarmi del  cammello ,che ,detto fra noi,mi stava pure antipatico!

Palmiro    - Si,ma non ha la targa,se lo fermano i vigili gli fanno la multa !

Moglie     -  Eleuterio,presto,fai qualcosa !

Suocera   -  Corri,vai a cercarlo e riportalo a casa !

Comm     -  Ah,che tempi ! ( fa per alzarsi)

Eleuterio -  Lei stia giù ! ( lo fa sedere) Ma che disgrazia,questa è una fortuna.

                   Finalmente me lo sono tolto dai piedi !

Moglie    -   Poverino,come si sentirà solo ed abbandonato..Palmiro ,faccia qualcosa!

Palmiro   -  Ma io cosa faccio ,non so dove andarlo a cercare

Comm     -  Ah,che tempi !

Suocera  -   Lei stia giù ! ( lo rimette a sedere) Vado io a cercarlo !

( si avvicina alla porta ,ma viene quasi travolta da Epifanio che entra

precipitosamente)

Epifanio  -  Eleuterio !! ( sbandiera un telegramma) Gheddafi,Gheddafi !!                

Eleuterio  - E’ scoppiata la guerra ?

Epifanio    - No.il colonnello Gheddafi ci ha risposto,ci ha mandato un telegramma !

Moglie      - Gheddafi !? Un telegramma ? Ma che storia è questa …

Palmiro     -          Abbiamo scritto a Gheddafi per chiedergli se rivoleva il cammello

Moglie     - E cos’ha risposto ?

Epifanio  -  Ha risposto di sì !  Dice che ha un’oasi tutto per lui,dove starà

                   benissimo ed ha anche scritto che ci darà10 mila euro se glielo

                   riportiamo subito !

Eleuterio  - Siamo fregati !

Epifanio   - Perché ?

Palmiro    -           Il cammello è sparito ,è scappato,non lo troviamo più !

Epifanio   -          Ma no ,non è scappato , è con  Oronzo ,gli  sta facendo fare

il giro di tutte le osterie per ringraziarlo dei 10 mila euro che ci ha

fatto guadagnare !

Comm     -  E tutto questo grazie  a me che vi ho fatto vincere   il cammello !

                   Posso alzarmi ?

Eleuterio -  Si alzi,si alzi ( lo abbraccia e tutti si abbracciano commossi)

Comm  -     E come diceva Toju  , tutto è bene  quel che finisce bene !

Priscilla  -   ( Entrando) Ma come .fate già festa ?  Avete saputo ?

Moglie    -   Si,del  cammello

Priscilla   -  Ma no,della lotteria per gli animali in via d’estinzione …

Moglie    -   Ah,si…ora  ricordo , avevo preso due biglietti,uno per me ed uno

                   per Eleuetrio…

Priscilla  -   Proprio così  !  Ebbene,Eleuterio ha vinto il primo premio , ed io

                   ho l’onore di consegnarglielo di persona…è giù nell’atrio

Eleuterio  - Un altro cammello  !?!?

Priscilla    - No,quello era il secondo premio

Moglie      - E il primo ?

Priscilla    -          Un bellissimo ORANGUTAN  del Burundi di 130 chili,bellissimo !!

Eleuterio  - No.l’orangutan no ,l’orangutan no….(sviene,gli fanno aria)

Priscilla    -  Ma è bravissimo,è solo un po’ focoso quando è in calore. Certo bisogna

                   fare un po’ d’attenzione

Eleuterio  -  ( rinviene ,è  tutto stralunato) E adesso com’ è ??

Priscilla    - E’ in calore ,gli orangutan sono sempre in calore…

Eleuterio  -  No,l’orango …l’orango no…(sviene di nuovo e tutti gli fanno aria)

                   No,l’orango no,no ,l’orango ….

Moglie     -  Eleuterio non fare così !

Eleuterio  - (Rinviene)  No,l’orangutan no !! L’orangutan,no !!!!!

SIPARIO

N. B.  Oppure    II Finale 

A questo punto potrebbe entrare in scena Giocondo con un attore vestito da

Orangutan ,al guinzaglio , dicendo . “  Dove lo mettiamo ?”

( o meglio ancora con un Orangutan vero !!!)

                                     FINE                   

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 31 volte nell' arco di un'anno