Un caro… amico

Stampa questo copione

Scheda lavoro Il FILO

UN CARO…AMICO

Mario Palermo

SKETCH

SIAE

In un bar all’aperto

Ai tempi d’oggi.

Filippo sta aspettando, seduto al tavolo un cameriere leggendo il quotidiano. A un certo punto si avvicina Giovanni e…

Personaggi(3):

 

FILIPPO  – avventore

GIOVANNI – avventore, ex compagno di scuola di Filippo

ELISA – una cameriera  

AVVENTORE 1° battuta

***

FILIPPO – Giovanni, ma tu non sei Giovanni? (lo abbraccia ricambiato).

GIOVANNI – Filippo. Ma quanto tempu! Che piacere. Certo che se non mi fermavi tu sarei passato dritto. Siamo cambiati un bel po’ dai tempi della scuola.

FILIPPO – Assettiti, assettiti ti offro qualche cosa.

GIOVANNI – Grazie.

FILIPPO – Allora chi mi cunti. Chi fai?

GIOVANNI – Ah! Sono impiegato ‘o Comuni. Ti ricordi dell’onorevole Ansaldo? Tramite iddu…insomma mi fici trasiri e tempi ca si puteva. Non mi pozzu lamentari: sposato e con tre figli.

 

FILIPPO – Bravu, bravu. Sempri u stissu sì. Ahu! T’arrisbigghiasti? A scola ti nni ficevumu sempri, ah?!

GIOVANNI – (sorridendo) E va bè chi voi… ccu l’età. Appoi unu crisci e non ci casca chiù ‘nta certi scherzi ca mi facevi specialmenti tu. E tu chi fai? Sì maritatu?

FILIPPO – Maritatu quannu mai! Scanzatini!

GIOVANNI – Sempri o solitu ah?

FILIPPO – E chi voi a mia i cosi fermi non mi piaciunu. Mi piaciunu autri cosi…

GIOVANNI – Sempri u stissu, sempri u stissu! Certu mi nnni cumminasti. Comu quannu mi futtisti a fotografia da classi ca tu non avevi pavatu dicennu ca non la vulevi. Chi ti pari ca mi lu scurdai? Menu mali ca appoi mi nni fici na copia Vittoriu. Va bè e ora chi fai? Sempri a banca?

FILIPPO – – In questo momento non fazzu nenti. Da banca mi nni ji, mi siddiai.

GIOVANNI –  Ma jù ‘ntisi ca ci fu ‘na certa storia…

 

FILIPPO – Ma quali storia! Vulevunu fari passari a mia ppi inbrugghiuni…A mia!

GIOVANNI – Eppuri era bellu postu.

 

FILIPPO – Non ni puteva cchiù.

GIOVANNI – E prima non travagghiavi ‘nta ‘n’assicurazioni?Macari ddocu si dissi di…

 

FILIPPO – Ma quali…Maldicenzi di mali cristiani. Macari ddocu non mi seppi sentiri cco titolari.

GIOVANNI – Insomma pi ora ta fai passiannu!

FILIPPO – Esattamente anche perché…avviciniti…(sottovoce)staju aspittannu una chiamata di una grossa concessionaria di machini per l’amministrazione. E (guardandosi intorno con circospezione)non mi fari diri autru…

GIOVANNI – Complimenti sempri un sauta fossi ha statu. E macari spertu. T’arrivordi a scola? Tu accattavi un paninu? E quannu mai! C’era vchiddu miu o di qualche autru cumpagnu. E dda vota ca ci futtisti a brioscina a professoressa? Chi risati! Chidda ca circava a tutti i banni e tu ca t’ha mangiavi davanti!E quannu ti canciasti i voti ‘nto registru? Ah.ah!

 

(Si avvicina al tavolo un’avvenente e provocante cameriera)

FILIPPO - Mhii! E chista di unni spuntau? E’ fantastica.

GIOVANNI – Sempri tu si!

CAMERIERA – Signori cosa posso servire?

 

FILIPPO –  Non ce lo posso dire pubblicamente…Ah, ah!!

CAMERIERA – ( ha una smorfia) Allora, che cosa la ispira?

 

GIOVANNI – Lassamu perdiri!. Matri… mi purtassi bellu babà ca panna. Lei è nuova di quà?

 

CAMERIERA – Si!

FILIPPO – Nuova, nuova è! Giovanni(scacciandogli l’occhio) A tia chi ti ispira?

Non fari cumplimenti. Offro jù.

GIOVANNI – Ppi muia solo un ca…

 

FILIPPO – Ma  quali. Ci purtassi ‘na bella fetta di torta gelato all’amico mio.

CAMERIERA – Allora…una fetta di torta gelato e un babà con panna(via).

 

FILIPPO (guardando la cameriera)– Sii! Un babà ca…panna. Ma chi è?  Ma chi è…! Fantastica. No! Qualchi cosa ci l’haju a diri ppi fozza!

GIOVANNI – Ahu! Calmiti. Prima ca t’abbia qualche mala tumpulata!

 

FILIPPO – Giuvanni lassa stari. Tu non i canusci i fimmini. Chissa ci sta. Ci sta! Lassa fari a mia.

CAMERIERA(tornando con le ordinazioni e scambiandole) – Allora una fetta di torta gelato e un babà.

FILIPPO – No signorina. A lui la torta gelato. A me il babà(con voce calda) ca… panna.

(Cameriera via. Filippo la guarda)

FILIPPO – Matri! Chi bellu babà.

GIOVANNI – Va bè mangiamu prima ca… squagghia

FILIPPO – Jù dicu ca squagghia…squagghia(ridendo e mangiando, divora il babà, poi rivedendo la cameriera)  Per favore signorina me lo porterebbe un caffè? Tu Giovanni che vuoi?  

 

GIOVANNI – No nenti basta, grazie! Già non ci la fazzu chiù.

FILIPPO – Signorina, allora solo un caffè ma molto…molto…dolce.

(la cameriera gli sorride) Senta ma lei a che ora smonta?

CAMERIERA – All’una, perché?

FILIPPO – Poi ce lo dico…

(cameriera via seguita sempre dallo sguardo di Filippo)

 

GIOVANNI – Ahu! Ma si ‘nsistu!

 

FILIPPO – Ma no viri ca ci sta? Si mi dissi l’orariu…

GIOVANNI – Si ma ti dissi macari…: perché?

 

FILIPPO – Ma chi sì babbu. Ora ce lo dico io perché. Però staiu pinsannu… finu all’una. E’ megghiu ca tra un pocu mi mangiu qualche cosa di sustanziusu.

GIOVANNI – Ma comu si ha mangiatu ora?

 

FILIPPO – Staiu dicennu tra un pocu.

GIOVANNI (si alza )– Filippo mi ha fatto veramente piacere. Ti ringrazio per la bella colazione.

FILIPPO – Avaja e chi fai dopu tantu tempu ti nji vai subitu. C’ha fari? Oggi è duminica. Ancora sunu l’unnici(11). Tò mugghieri sta priparannu. I tò figghi stanu durmennu…

GIOVANNI – Mih! Ma comu i sai tutti sti cosi?

FILIPPO – Ca assettiti e fammi cumpagnia. Appoi ti nni vai!

GIOVANNI – E va beni nautru pocu mi fa piaciri.

FILIPPO – Bravu, assettiti! E poi aspetta ca ci haju a parrari. Ci haju a parrari ppi fozza!

GIOVANNI – E va beni ma cammiti A R I L A S S I T I.

FILIPPO – Ma chi cammiti. Ma tu l’ha vistu chi pezzu di carusazza? E poi è fatta. Ti dicu ca è fatta.

( passa del tempo i due mimano la conversazione)

FILIPPO – Signorina per favore me li porta due arancini al sugo e uno al burro, allura mi jetta pisanti, e macari una bella birra e una coca cola. Visto che devo aspettare (guardandola sorridendo) fino all’una. Giovanni tu che ti prendi. Senza complimenti, offro io.

 

GIOVANNI – No, niente, grazie ora mangio a casa.

FILIPPO – Niente signorina solo gli arancini e la birra…per ora(sorride, la cameriera ricambia.Via )  Fatta! Fatta è. Ha vistu?    

CAMERIERA(torna) – Prego gli arancini, la birra e la coca, signore.

FILIPPO – Ma che signore. Mi chiamo Filippo e tu?

CAMERIERA – Elisa signore.

 

FILIPPO – E fozza cu stu signore! Grazie Elisa.

(cameriera via)

Quantu me li ammuccu(divora gli arancini e beve)

GIOVANNI – Ma appoi all’una chi mangi?

FILIPPO –Chi mangiu? Chi mangiu? Ma chi nni sacciu. All’una haju chi fari…

(tempo c.s.)

CAMERIERA – (dopo un po’ e sparecchiando) Posso togliere?

FILIPPO – Si grazie. Elisa ti devo parlare.

CAMERIERA – (sorridendo) Si ma non qui raggiungimi all’ingresso(via)

 

FILIPPO – U senti? U senti?(alzandosi) Giovanni non ti moviri di ccà.

 

GIOVANNI – Ma…

FILIPPO – Vaju, tornu e ti cuntu.

 

(Giovanni rimasto solo comincia a leggere il quotidiano lasciato sul tavolo da  Filippo quando…)

AVVENTORE – Scusi posso riprendere il mio giornale? Il signore che era seduto quà prima  me lo aveva chiesto in prestito. Ma se vuole le lascio la cronaca che avevo già letto.

 GIOVANNI – Grazie, molto gentile!

(avventore via)

Mih! Macari ccò giurnali ci specula!

(passa tempo Giovanni legge. Poi…)

 Mih! Ma su l’una menu un quartu. Ma chi fici Filippu?

CAMERIERA – (arrivando decisa, furibonda) Signore il conto!

GIOVANNI – Ma veramente…

CAMERIERA – (aspra) E il suo amico?

GIOVANNI – Ma veramente…non era andato…

CAMERIERA – NO! Sono trentasette euro!

GIOVANNI – Mi… inchia!

FINE

Mario Palermo

Cell.: 348-4922784

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 7 volte nell' ultimo mese
  • 66 volte nell' arco di un'anno