Un corpo de furmine

Stampa questo copione

 


(Ovvero: "O TESORO DE NAPOLEON")

COMMEDIA IN DUE ATTI E DUE QUADRI

 Da un soggetto di

GIACOMO RICCI

Rivisitazione e adattamento in genovese di

ENRICO SCARAVELLI

Personaggi (In ordine di apparizione)

BEPPE                                   - padron de casa

MARIUCCIA                           - moggé di Beppe

POLDO                                     - o barba.. morto

LUIGI                                     - o professò

GIACINTO                               - amïgo do Beppe

CARLO                                    - amïgo do Beppe

ANNA                                       - amïga da Mariuccia

ROSETTA                                 - seu da Mariuccia

VENERANDA                         - 'na vexinn-a

LUISA                                      - a caméa

        

 

In to nostro entrotaera ai giorni d'ancheu

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA

(Anna - Mariuccia)

                   Una sala piuttosto modesta. Tavolo, qualche sedia, una poltrona, quadri alle pareti)

MARIUCCIA:- (seduta, sta facendo la maglia. E' piuttosto nervosa) "Eh.. i anni passan e l'è 'n peccòu no poesene levà armeno 'na dëxenn-a..savieiva mì, comme spendili.. de segûo mëgio de òua" (suonano alla porta e Mariuccia si alza. Va ad aprire)

ANNA          :- (entra da destra) "Destûrbo?"

MARIUCCIA:- "Oh, Anna, intra, intra. Comme mai chì.. no t'éi a Zena?"

ANNA          :- "Son vegnûa con a corriera.. Avieiva da parlate.. t'è sola?"

MARIUCCIA:- "Finalmente son sola...O l'è appena-a sciortïo. Son giorni che o Beppe o sciorte sempre ciù de rëo e mì, ciù che andà a-accattà no so comme fa a-andà da chi ti sae" (sospira)

ANNA          . "E comme mai teu màjio o no sciorte? O l'è marotto?"

MARIUCCIA:- "E chi gh'accapisce. Primma o sciortïva ä mattin fïto con a cartella do campionäio di fî, pomelli, agugge, e o l'andava in gïo a piggià i ordini pe' seu ditta e finn-a séja o no tornava. Mi restavo libera tûtto o giorno e.. ti sae comm'a l'è a stöia.. te l'ho confià perché so che ti sae tegnì a bocca serrà, ma.." (sconfortata) "..da 'na settemann-a a 'sta parte o l'è de longo in casa e cöss'o fa? O dorme!"

ANNA          :- (a voce bassa) "A meno che o no fasse finta de dormì.. O no l'avià mïga sacciûo che tra ti e o professò Luigi che do tenéo e.. magara o te tegne d'euggio?"

MARIUCCIA:- "No creddo proppio.. da quello lato o l'è 'n lappasûcche pe' arrivà a capì 'ste cöse.. E poi, con o Luigi s'incontremmo a Zena, in casa de mae cûxinn-a Cunegonda ch'a l'è in Sardegna e a m'ha lasciòu e ciavi de casa seu.. a stà in te 'n palazzo con duì porteghi.. intremmo e sciortimmo separae e niscûn se n'è mai accorto de ninte…" (dispiaciuta) "E coscì, l'è 'na settemann-a che no se vedemmo"

ANNA          :- (con aria di cospirazione) "L'ho visto mì e o m'ha pregòu de dïte ch' o l'è preoccupòu perché o no t'ha ciù vista e o m'ha domandòu se poeivo vegnì a vedde se t'éa sûccesso quarcösa.. No ho posciûo refûäme anche perché, comme ti sae, o l'è l'insegnante de mae figgio, o Pierin ch' o l'è 'n po tanardo in ti stûddi"

MARIUCCIA:- (sospira) "Eh.. o destin.. Quande l'ho visto pe' a primma votta l'è staeto comme me fisse sciûppòu 'n corpo de fûrmine.. me ne son sûbito innamoà.. No aviae dovûo ö so ma, me son sentîa trasportà" (dolce) "Se voemmo ben.. e öe ciù belle, son quelle che passemmo insemme.."

ANNA          :- (sospira) "E cöse fae? Oh, scûsa.. che nescia"

MARIUCCIA:- (sospirando sconfortata) "O parla, o parla, o parla de longo.. e o me tegne a man"

ANNA          :- (stupita) "Ancon da sae.. Tûtto chi?"

MARIUCCIA:- "O dïxe che o l'è 'n'amò.. platonico.. spero armeno ca segge 'na parolla bella"

ANNA          :- "Mai sentîa.. e quelle saieivan e belle òe che passae insemme?!"

SCENA II

(Mariuccia – Anna – Beppe)

BEPPE          :- (marito di Mariuccia, entra improvvisamente all'ultima battuta. Ha con sé un giornale)

MARIUCCIA:- (sorpresa, fingendo di non essersi accorda del marito, devia il discorso) ".. insemme con o Beppe davanti ä televixon!"

BEPPE          :- "Ciao Anna"

ANNA          :- "Bongiorno Beppe"

MARIUCCIA:- "Zà de ritorno?"

BEPPE          :- "Scì.. giûsto in tempo pe' sentì e teu ûrtime parolle"

MARIUCCIA:- (apprensiva e con voce tremante) "E.. quae parolle?"

BEPPE          :- "No fa a modesta.. quelle öe belle che passemmo insemme davanti ä televixon"

MARIUCCIA:- (rilassandosi) "Che udito fine che hai Beppe.. e dovve t'è andaeto?"

BEPPE          :- "Doveivo andà in farmacia a-accattà 'n po' de brenno, ma a l'éa serrà" (si siede ed apre il giornale) "Ma ammìa 'n po' se ûn farmacista o stûddia tanto pe' vende do brenno"

ANNA          :- "E cösse ti ne fae do brenno?"

BEPPE          :- "Di impacchi in te 'n bûgnòn"

MARIUCCIA      :- "Ûn bûgnon?. E dovve?"

BEPPE          :- "Là… dove non ci batte il sole.."

ANNA          :- "Saià 'n po' de stress"

MARIUCCIA:- "Scì.. quello da pötronn-a dovve o s'assetta pe' pisaggià. Beh.. te lascio a-o teu stress" (accenna con un gesto alla poltrona) "..noiätre andemmo de de là coscì no te destûrbemmo" (suonano alla porta e Mariuccia si avvia ad aprire) "Quarchedûn o no te veu lascià quëtà" (apre. Sono Giacinto e Carlo. Sulla quarantina, vestiti da contadini)

SCENA III

(Maiuccia- Anna – Beppe – Giacinto – Carlo)

GIACINTO   :- "Destûrbo?"

BEPPE          :- "Scì!"

CARLO         :- "E perché mai?.. Voeivimo contäte l'ûrtima"

ANNA          :- "A l'è za sciortîa?"

GIACINTO   :- "Spiritosa"

MARIUCCIA      :- "Ve lascemmo a-i vostri segreti.."

GIACINTO   :- "Segreti?.. Figûremmose se tra amïxi ghe son di segreti.. no semmo mïga comme voiätre donne che fae de longo di ciaeti"

ANNA          :- "Sei pëzo.. perché e donne faian quarche ciaeto.."

CARLO         :- (interrompe mentre passeggia ironizzando) "Quarche?"

ANNA          :- "..ma i ommi… e qui casca l'asino…"

CARLO         :- (inciampa in una sedia e cade a tera)

BEPPE          :- "O l'è cheito.."

CARLO         :- (si rialza rapidamente, pulendosi i pantaloni. Ad Anna) "Ti porti scalonnia"

MARIUCCIA      :- "Faeto mä?"

GIACINTO   :- "No creddo…çerte bestie han a testa dûa. Ti dixeivi?"

ANNA          :- (ironica) "Dixeivo che qui casca l'asino, perché o giorno do mercòu t'hae andato a spantegà di spropoxiti a-e spalle d'en professò.. ch'o l'è 'n foresto.. cösse o l'è vegnûo a fa in to pàise.. e chissà cösse o l'avià combinòu pe ësse trasferìo chì.."

CARLO         :- "Mì?"

ANNA          :- "Proppio tì.. ho sentîo con e mae oege"

BEPPE          :- "Stanni attento Carlo che te peuan denunzià e.."

GIACINTO   :- "..te spediscian in Africa a vende e rostïe in to meize de lûggio"

MARIUCCIA      :- "Me despiaxe de no poeive offrì ninte... A-o Beppe gh'è fan mà i alcolici.. se voei de l'aegua.."

CARLO         :- (schifiltato) "Beh.."

MARIUCCIA:- "Ve lascemmo liberi.. e ti Beppe, veddi de.." (ironica) ".. levate o stress, primma che te se scc-euppe quarche bûgnon. A rivéise" (escono salutate dai due)

BEPPE          :- "Se peu savei cöse sei vegnûi a fa?"

CARLO         :- "O bar o lè serròu e voeivimo fa 'na partïa a treisette "

GIACINTO   :- ".. cö morto, visto che semmo in trei"

BEPPE          :- "Comme mai.. teu moggé ha t'ha lasciòu vegnì da mi?"

CARLO         :- "N'ho approfittòu intanto che a Maria a faxeiva o bagno i to gauso"

GIACINTO   :- (ironico) "A Maria…a bagno-maria.. nella tinozza... "

BEPPE          :- "Son cöse che no me interessan e poi.. aggiae pazienza ma no gh'ho tempo de fa a partîa.. saià pe' 'n'ätra votta.. scûsaeme ma, de neutte dormo poco.. m'asseunno de longo mae barba o Poldo e.."

CARLO         :- "Anche mi"

BEPPE          :- "Anche ti ti t'asseunni mae barba?"

CARLO         :- "Ma no.. anche mi m'asseunno sempre ûn treno ch'o passa a 'n passaggio livello, quante 'na donna a se sta despeuggiando.. e quande o treno o l'ha finîo de passà.. a donna a no se vedde ciù"

GIACINTO   :- "Sogni erotici"

CARLO         :- "No.. d'eroico no gh'è ninte.. "

BEPPE          :- "Ma a mi mae barba o me dà i ìncubi"

CARLO         :- (lasciandosi andare in confidenza) "A mi no.. anzi, vorriae asseunnamela ancon sperando.."

GIACINTO   :- (faceto) "..che passe o treno e-oa mette sotta!"

CARLO         :- "Oh, no.. sperando solo che quande a se despeuggia o treno o segge in ritardo"

BEPPE          :- "Va ben amixi… grassie d'ëse vegnûi ma.. "(sbadiglia)

GIACINTO   :- "Capito l'antifona!. Saià pe' 'n'ätra votta. Ciao e .. attento a-o Poldo.."

CARLO         :- "Però che spilorcio.. va ben che da beive no ghe n'è ma armeno 'n caffè.." (uscendo) "Sogni d'oro"

 

SCENA IV

(Beppe – Poldo)

BEPPE          :- (legge il giornale, poi tra sé) "Speremmo che no m'accapite comme l'ätra neutte che me son asseunnòu mae barba o Poldo che anche da morto o continuava a fa o viveur. Me pàiva finn-a de toccälo comme o fisse ancon vivo..mah..che strani i seunni" (sbadiglia, si tira la pelle) "Saià o tempo ûmido ma.. me se serran i euggi" ( poco a poco, si addormenta; si abbassano le luci)

POLDO         :- (entra vestito col frac ed il cilindro, la sciarpa di seta bianca al collo, i guanti ed il bastone da passeggio, e la faccia infarinata) "E 'sto chi o saieiva mae nevo .. il bello addormentato nel bosco.." (lo chiama sottovoce) "Beppe"

BEPPE          :- (russa)

POLDO         :- (chiama con voce più alta) "Adescite.. te devo dì 'na cösa importante"

BEPPE          :- (muove la mano, sempre addormentato, come scacciare il fastidio) "Ti me destûrbi de longo de neutte e no posso dormì in päxe.. Lascime quetà armeno de giorno, se no me vegne o stress.. e o bûgnon o no se ne va.."

POLDO         :- (lo scrolla mettendogli al collo il manico del bastone. Comicità) "Mia bûgnon che gh'ho i menuti contae e no so se lasciù.. me daian ancon o permisso"

BEPPE          :- (nel sonno) "Che rompiballe.. Ma chi t'è.. Cösse ti veu da mi?"

POLDO         :- "Ma comme? No ti me riconosci?.. Son teu barba o Leopoldo.. anzi,  o Poldo"

BEPPE          :- "Ma cösse ti dïxi.. Mae barba o l'è morto l'anno passòu.."

POLDO         :- "E ti me o vegni a contà a mì ch'eo presente.. anzi.. éo assente"

BEPPE          :- (apre adagio gli occhi e fa un salto sulla sedia) "Barba.. t'è cheito in ta faenn-a?"

POLDO         :- "Ma che faenn-a e brenno.. Son l'anima do Poldo e ti me peu vedde solo ti, son solo pallido"

BEPPE          :- "..comme 'n morto"

POLDO         :- "Bella scoverta!"

BEPPE          :- "T'è vestîo comme a-o momento do teu trapasso"

POLDO         :- (salace) "E no me son portòu appreuvo o cangio e lasciû no ghe son bûtteghe, coscì.. ho preferìo tegnì quello che m'éi misso voiätri. Ma ammìa 'n po' che domande.. Oua sitto e stamme a sentì primma che me scazze o tempo a disposiziòn.. se donca no te diggo ninte e ne staià ben teu cûxin o Pilade"

BEPPE          :- (sveglio ma non troppo) "Cösse gh'intra o Pilade?"

POLDO         :- (con enfasi) "Son vegnûo a ricompensäte pe' tûtto quello che t'hae faeto pe' mì quand'éo ancon in vitta.. Te faiò diventà ricco!"

BEPPE          :- "O dixeivo che m'asseunnavo.. a l'éa a promissa che ti me faxeivi de longo quande t'éi vivo poi t'hae dilapidòu tûtto. Ciûttosto che accontentäme t'hae preferîo moì.. e me son arrestae in ta schenn-a anche e speize pe' o teu fûnerale! Bravo, i mae complimenti"

POLDO         :- "E cösse ti pretendeivi.. ch'andesse a Staggén con l'autobus?"

BEPPE          :- "Lascime dormì che l'è mëgio.. tanto sei defunto e palanche no ti me ne spilli ciù"

POLDO         :- "No commençemmo a offende i morti perché.." (minaccioso) "..vaddo da-o Pilade sae?"

BEPPE          :- "Ma lascia perde quell'alleitûgòu do Pilade e visto che ti ghe tegni.. parla, dimme tûtto"

POLDO         :- "Arvi ben e oége e memorizza quello che te diggo…"

BEPPE          :- "E parla.. tanto t'hae sempre faeto a moddo teu.. veuggio vedde comm'o va a finì 'sto seunno"

POLDO         :- "In sce-a montagna.. lazzû, gh'è 'na cösa importantiscima che Napolion o l'ha ascöso sotto taera.."

BEPPE          :- "E l'mmagino ben cöse peu avei ascöso sotto taera Napolion, o can da Federica quande a ghe scappa "

POLDO         :- "Gnorante.. parlo do generale Napolion.. Napoleone Bonaparte..e no do can da Federica" (con enfasi) "Parlo de l'Impereur..che quande o l'arrivava in quarche çittae, o pàise, o grattava da e case e anche da-e Gëxe tûtto quello che gh'éa de bello e de valore. Quadri antighi, monnèe d'öu e d'argento a càsce.. e a no l'è ancon finìa perché tûtta questa röba, ä fin da fòua, o l'ha arreccheuggeita pe' ti, anghaezo!"

BEPPE          :- "Pe' mì? Ma se no eo ancon nasciûo, comm'o faxeiva a conoscime?"

POLDO         :- "Belinon! Pe' tì in to senso che ti saiae tì a-attrovà o tesoro do Napolion ascöso in montagna"

BEPPE          :- (sempre semiaddormentato) "T'hae dïto ninte sae. E cöse me metto a scavà tûtta a montagna?"

POLDO         :- "Con 'n cognome comme o teu, Zappaterra, cöse ti veu che segge quarche vangà?" (si sentono alcuni rintocchi di una campanella) "Me ciamman, l'è scheito o tempo.. devo andà.. M'arraccomando, sitto con tûtti, no parläne con niscûn. O l'è 'n segreto. Ciao, spero che me daggan 'n'ätro permisso pe' däte ätre drïte.. Procûrite 'n pä de binoccoli" (sparisce nel semibuio mentre Beppe continua tranquillamente a dormire russando)

SCENA V

(Beppe – Mariuccia – Anna)

MARIUCCIA:- (entra da sinistra con Anna. Le luci si ravvivano) "Cöse te stavo dixendo? O dorme de longo" (lo scrolla) "Beppe, ti dormi?"

BEPPE          :- (svegliandosi di soprassalto con gli occhi semichiusi, sbadigliando) "Ma barba cöse ti veu torna?"

MARIUCCIA:- "Barba? A mì? Ma te s'è desfaeto o çervello?"

BEPPE          :- (agitato) "Dovve son i binoccoli?" (si alza e si guarda attorno)

MARIUCCIA:- "I binoccoli? T'è coscì orbo? No te basta 'n pä de spëggetti?"

BEPPE          :- "Ah.. t'è tì?" (trova i binoccoli in un cassetto) "Devo ammià 'na cösa"

ANNA          :- "O mè pâ in cimbali"

BEPPE          :- (guarda dalla finestra e tra sé) "Vanni a savéi donde o l'è.. a montagna a l'è coscì grande.."

MARIUCCIA:- "A l'è sempre staeta cosciì"

ANNA          :- "Ma cöse ti çerchi?"

BEPPE          :- "Ninte, ninte.." (pensoso) "Anna, se ti voesci fa .. dimmoghe..'na cösa in quella montagna senza fatte vedde da nisciûn..comme ti regoliesci? "

ANNA          :- "Oh, bella questa.. perché proppio in montagna?"

BEPPE          :- "Perché scì"

ANNA          :- (in imbarazzo) "Beh.. se proppio no poesse fäne a meno.. in te n'emergenza.. m'accuccieiva derré a 'n costo"

BEPPE          :- "Derré a 'n costo?. Mah..! E ti Mariuccia?"

MARIUCCIA:- "Ma che strane domande.."

BEPPE          :- "Alloa?"

MARIUCCIA:- "Faieiva comme a Anna. M'ascondieva all'eventuale vista de quarchedûn"

BEPPE          :- "No me son spiegòu.. Segondo ti, o françeize.."

MARIUCCIA      :- (interrompendo, stupita) "Segondo mi, anche s'o l'è 'n françeize o se mettieva derré a 'n costo o maeximo.. Ma che razza de domande ti fae? Son cöse che in te gite peuan capità..l'è normale.."

BEPPE          :- "Ma l'è tûtta 'n'ätra cösa..  staggo parlando de Napolion!.. Precisemmo: no l'è o can da Federica!"

MARIUCCIA:- (tastandogli la fronte) "Me sa che t'àggi 'n po' de fréve"

BEPPE          :- "Se voiätre ch'éi a fréve" (continua a scrutare la montagna)

MARIUCCIA:- "Ti veu spiegäme cöse gh'intra o Napoliòn?"

BEPPE          :- "Pe' oua no posso dïtelo; o l'è 'n segreto"

MARIUCCIA:- "N'ätra neuva.. oua o l'ha i segreti.. Mi però con ti no n'ho de segreti.."

ANNA          :- (sorniona) "No! Lé a no n'ha!"

MARIUCCIA:- "E poi no son n'estranea, son teu moggé.. Anna, scûsime.. te despiaxe andà 'n momento de de là, poi te ciammo"

ANNA          :- "Vaddo, vaddo.. se son segreti no veuggio savéi ninte.." (sottovoce all'amica) "Però poi ti me conti" (esce)

SCENA VI

(Beppe – Mariuccia)

MARIUCCIA:- "Cöse son 'ste baggianate?"

BEPPE          :- "A l'è 'na cösa importante.. no bezeugna parläne con nisciûn se donca o tesoro se o piggia quarchedûn ätro"

MARIUCCIA:- "Ma o tesoro de chi?"

BEPPE          :- (imbarazzato) "Tesoro? Chi ha parlòu de tesoro?"

MARIUCCIA:- "Ti"

BEPPE          :- "Ah!.." (sottovoce) "Ma.. l'è mëgio che no te digghe ninte, maniman te scappa de bocca quarcösa e o Pilade o se becca tûtto"

MARIUCCIA:- "Cöse gh'intra quello stondàio do Pilade.. A parte che n'ho ancon capìo 'n berettin de ninte, no creddo a-e teu mattàie" (prudente) ".. ma se ghe fisse quarcösa de véa, e diggo SE.. savieiva ben tegnì a bocca serrà in te questo cäxo, te pä?"

BEPPE          :- (diffidente) "No, no. Voiätre donne no sei bonn-e de mantegnì 'n segreto. Magara ti ne parli con 'n' ätra raccomandandoghe de no dillo a nisciûn, quella a fa ätrettanto con 'n' ätra e tûtto o pàise o ne ven informòu"

MARIUCCIA.:- (lo induce a sedersi e lo affianca sedendosi) "Dài Beppin cäo.. Sentimmo se t'han contòu 'na balla.. noiätre donne gh'emmo o naso fin in te 'ste cöse"

BEPPE          :- "E va ben; te diggo de cöse se tratta ma.. m'arraccomando.. aegua in bocca" (si guarda attorno con circospezione e poi, sottovoce) "Primma, quande dormivo, me son assennòu o barba Leopoldo buonanima.."

MARIUCCIA      :- (con sfottò) "Buonanima quello poco de bon? O t'ha piggiòu in gîo quande o l'éa vivo e gh'è arrestòu o vizio anche da morto!"

BEPPE          :- (impermalito) "Allòa no te conto ninte!"

MARIUCCIA:- "Quello perdigiorno..anzi, perdineutte sempre in gïo comme o fisse in ta Bell'Epoque, con o frac e o cilindro in testa.. pe' Casinò, nigghete clubbete e chi l'éa che pagava? Sempre ti, o belinon!"

BEPPE          :- "Questo o me l'ha dïto anche o barba, ma o me dixeiva anche ch'o m'avieiva ripagòu con l'interesse.. che saieiva diventòu ricchiscimo"

MARIUCCIA      :- "Ma no fämme rîe ricchiscimo, che t'hae dovûo fätte fa 'n mutuo pe' pagaghe anche fûnerale"

BEPPE          :- (con aria da cospiratore) "Ma l'ho scalòu da-o <sette e trenta>. Moggé.. a ricchezza a vegne òua... O barba o m'ha dïto che in to monte Bragalla, de fronte ä nostra cà, gh'è assotterròu o tesoro de Napolion e che o saieiva ritornòu a dimme comme attrovälo, t'hae accappio perché nisciûn deve saveine ninte? Se donca l'attreuvan i ätri"

MARIUCCIA:- (si alza seccata) "Ma ammìa 'n po' cösse staggo a sentì! T'è diventòu ciù lucco do solito. E Napolion o saieiva vegnûo dä França a mette o seu tesoro chì, vixin a noiätri? Ma famme o piaxei.. Gh'ammancava anche quello contamicce de teu barba.."

BEPPE          :- "Parla cianin che te sentan finn-a in to pàise. O ghe l'ha assotterròu quande e seu trûppe se son fermae de däto a Bargaggi, tra Borgoneuvo e Sant'Oberto, vixin a dovve aveivan faeto o lazzaretto.. l'ûspià da campo. A zona a l'ha ancon conservòu o nomme de <Ospedale>"

MARIUCCIA      :- (a voce alta) "S'è l'è véa.. a l'è 'na gran balla!" (suonano alla porta e Mariuccia va ad aprire)

SCENA VII

(Beppe – Mariuccia – Rosetta)

ROSETTA    :- "Ciao a tûtti"

MARIUCCIA-BEPPE:- (a soggetto) "Ciao"

ROSETTA    :- "Cös'aveivi da rattellà? Se sentiva anche de de feua"

BEPPE          :- (alla moglie, irritato) "Ätro che segreto.. Invece de stà sitta ti te metti anche a crià"

ROSETTA    :- "Son vegnûa a däve 'na bella notissia"

BEPPE          :- "Ah scì.. l'è morto o Pilade?"

ROSETTA    :- (contenta) "Ho guägno a-o lotto… 4.500 Euri!"

BEPPE          :- (con un pizzico d'invidia, con un gesto eloquente) "Che c.. fortûnn-a!"

ROSETTA    :- "Me son asseunnà a buonanima da lalla Addolorata ch'ha m'ha daeto trei numeri da zûgà e ho faeto terno secco in scé a reua de Torin"

MARIUCCIA      :- "Baccere seu! Son contenta pe' tì"

ROSETTA    :- (a Beppe) "Saià questiòn de fortûnn-a ma, ai seunni di nostri parenti, quelli che n'han voscio ben, l'è ben dagghe a mente"

BEPPE          :- "Questo digghelo a teu seu.. stavimo proppio parlando de quello.. "

ROSETTA    :- "Ti te asseunnòu 'n parente ti ascì? Contime, chi o l'éa?" (siede)

BEPPE          :-"Eh, ma o l'è ûn segreto.. no posso mïga dite che riguarda 'n tesoro. Questo no deve saveilo nisciûn"

ROSETTA    :- "E te pä che vadde a spantegà in gîo 'n segreto de mae cûgnòu?" (interessata) "Dài, conta"

MARIUCCIA      :- (ironica) "E scì, contighe.. coscì séi in duì a credde a 'ste baggianate"

BEPPE          :- (siede e alla moglie) "Ti stae in pé?"

MARIUCCIA      :- "Preferiscio de scì"

BEPPE          :- (si avvicina con la sedia a Rosetta e le fa segno di non parlarne con nessuno) "M'arraccomando de tegnïlo pe' tì quello che te diggo.. Me son asseunnòu mae barba Poldo e o m'ha rivelòu dovve s'attreuva o tesoro de Napolion"

ROSETTA    :- "L'imperatò françeize?"

BEPPE          :- (sorpreso) "Ti l'è conosciûo?.. No.. no peu ëse"

ROSETTA    :- "L'emmo stûdiòu ä scheua no?. Pe' quello poco che me ricordo ho l'è staeto anche in Italia.. sgranfignando tesori d'arte e gioielli.. e poi.. Sant'Elena.."

BEPPE          :- "A moggé do Napoliòn?"

MARIUCCIA      :- "Beppe, no te intrigà in ti affari de famiglia di ätri"

ROSETTA    :- "Ma se teu barba a t'ha dïto coscì peu ëse véa, comme l'è staeto pe' mì con o terno secco"

MARIUCCIA      :- "Zà.. feua che pe' ti o s'e avveròu ma pe' o Beppe.. o gh'ha solo da scavà 'na montagna intrega.. tûtto lì"

ROSETTA    :- "Se seu barba Poldo ho gh'ha dïto coscì, coscì dev'ëse.. se tratta de asseunnäselo ancòn e fässe dà di elementi ciù precisi. Mì, a 'ste cöse, ghe creddo"

BEPPE          :- "No posso mïga asseunnamelo a comando… Ma veddo che ti sae quarcösa in sciè questo imperatò.. o barba o m'ha dïto ch'o l'è passòu de de chì"

ROSETTA    :- "L'è véa..e comme v'ho za dïto ho l'a razziòu òu, argento, quadri de valore, palanche e o l'ha faeto anche brûxa de case pe' arranfà.."

BEPPE          :- "Se no voeivan dagghe 'ste cöse preziose che òua toccan a mì o l'ha faeto ben. Sei cösse fasso? Vaddo a accattà di libbri in sciè o Napoliòn, magara in françeize, coscì me documento.. Se vedemmo ciù tardi" (con aria da cospiratore) "M'arraccomando: SILENZIO DI TROMBA.. voeivo dì.. di tomba"

ROSETTA    :- "Da parte mae ti peu sta tranquillo"

MARIUCCIA:- "Mi me n'avvardo ben de dì 'ste cösse in gïo.. me dieivan ch'o sposòu 'n tarlûcco!"

BEPPE          :- (scrolla le spalle ed esce)

SCENA VIII

(Mariuccia – Rosetta - Anna)

MARIUCCIA      :- (seccata) "Oua o s'accatta i libbri..e in françeize anche! Ti peu accappì, o no parla ben manco l'italiàn.."

ROSETTA    :- "Seu, ti fae mä a no creddighe.. Chissà quanti marenghi che saiàn"

MARIUCCIA      :- "Tegnighe man anche tì, coscì de deficienti ghe n'è duì"

ROSETTA    :- "Veddo che no ti veu diventà ricca"

MARIUCCIA      :- (nel frattempo aveva aperto una borsa cercando delle uova) "Me son ascordà de accattà e euve.. devo sciortì.."

ROSETTA    :- "Te ghe vaddo mì, tanto devo andà in bûttega mi ascì"

ANNA          :- (entrando dalla sinistra) "Allòa, éi finîo con i vostri segreti..? Me son finn-a addormìa de de là.. Ciao Rosetta"

ROSETTA    :- "Ciao, ti gh'è ti ascì?"

ANNA          :- "M'han scorrïo.. doveivan parlà tra loiätri"

MARIUCCIA:- "Scûsa Anna.. m'éo proppio ascordà de ti.. con 'sta stöia o Beppe o m'ha confûso o çervello"

ANNA          :- "Voieivi dî ..do tesoro de Napolion?"

ROSETTA    :-  (alla sorella) "E brava.. o Beppe o se raccomandòu de no dï ninte e tì.."

ROSETTA    :- (ad Anna) "E a tì chi te l'ha dïto?"

ANNA          :- "No parlavi mïga tanto sottovöxe. Ma stae tranquille.. saiò 'na tomba!"

ROSETTA    :- "Saià.. Vaddo a-accattà chi sotta.." (alla sorella) "Mëza dozzenn-a de euve van ben?"

MARIUCCIA      :- "Sci, grassie..poi te daggo e palanche. Se vedemmo" (Rosetta esce)

SCENA IX

(Mariuccia – Anna)

MARIUCCIA:-(ad Anna) "T'hae accappio? A scemma son mì che no creddo ai seunni"

ANNA          :- "M'è vegnûo 'n'idea. Visto che o Beppe pe' attrovà o tesoro, o se mette a stûdià a stöia de Napolion e.."

MARIUCCIA      :- (interrompendola) "Ti te ghe mette tì ascì?"

ANNA          :- "Lascime parlà.. Napolion o l'éa françeize e l'è o na sa manco 'na parolla de 'sta lingua, quindi.. o l'avieiva bezeugno de ûn cö-a sà.." (sorniona) "Magara.. do professò Luigi Sapienza ch'o porrieiva vegnì chì a insegnaghelo" (dà una gomitata d'intesa a Mariuccia)

MARIUCCIA:- (contenta della trovata) "Anna, t'è 'n fenomeno! Coscì posso veddilo" (l'abbraccia) "O teu çervello o l'è comme l'Etna, sempre in ebollizion" (pausa di riflessione) "Ma chi ghe dà questa indicazion a mae màjo? Mi no de segûo.. maniman ghe vegne quarche sospetto.."

ANNA          :- "Ma cösse t'eu ch'o sospette.. o l'è 'n baciàlan.. o l'è coscì ingenuo"

MARIUCCIA      :- "Se porrieiva parläne con mae seu, a Rosetta; creddan tûtti duì ai seunni e peu dässe che a lé o ghe dagghe a mente"

ANNA          :- "Ma a Rosetta o no ne sa ninte de tì e do professò Luigi?"

MARIUCCIA      :- "E gh'ammanchieiva ancòn"

ANNA          :- "Mëgio, coscì parrià tûtto ciù natûrale"

MARIUCCIA:- "Quande a vegne a portäme e euve ghe ne parlemmo faxendo finta de ninte.. tì ti me tegni bordòn e attacchemmo"

ANNA          :- "Bene!" (suonano alla porta)

MARIUCCIA      :- "A l'è a Rosetta" (va ad aprire)

SCENA X

(Mariuccia – Anna – Rosetta)

ROSETTA    :- (entra e porge alla sorella un pacchetto con le uova) "Ecco e euve. Son belle fresche. Ti peu beivile anche crûe, costan 'n pittinìn de ciù ma visto che stae pe' diventà ricchi.."

MARIUCCIA:- "Pe' oua n'emmo visto manco 'na palanca"

ANNA          :- "Però o Beppe o s'è asseunnòu seu barba ch'o ghe contava 'sto faeto e.. tûtto porrieiva anche diventà realtae. Segûo che.. o dovieiva lëze i libbri direttamente dä fonte.. in françeize.." (sguardo d'intesa con Mariuccia) "Gh'orrieiva 'na personn-a fidà ch'o ghe desse 'n'aggiûtto.. ma a Mariuccia a l'è scettica"

ROSETTA    :-"I seunni di parenti de votte s'avveran. Ti dïxi che gh'orrieiva quarchedûn che de françeize o se n'accapisce?"

ANNA          :- (con furbizia) "Aspëta 'n momento.. Mae figgio piccin, o Pierino, ho l'ha 'n professò de françeize ch'o l'insegna anche a stöia.. o l'è 'n'ommo gaibòu, riservòu.. tûtto casa e scheua, malgraddo quello che ne dixeiva o Carlo primma.. personn-a adatta pe' o Beppe.. se quarchedûn o ghe parlesse"

ROSETTA    :- (a Mariuccia) "Parlighene a teu màjo"

MARIUCCIA      :- "Ti peu accappì. Son a personn-a meno adatta. Se ghe diggo gianco lé o fa neigro. O porrieiva pensà ch'o piggio in gïo. Foscia a tì, che in 'ste cöse fra voiätri andae d'accordio, o te daieiva ciù a mente"

ANNA          :- "Bella idea.. Parlighene ti Rosetta a-o Beppe"

ROSETTA    :- "E va ben..Veuggio aggiûttäve.. a questiòn a l'è troppo importante pè fa sta tranquillo o Beppe.. coscì, 'na votta scavou.. s'o l'attreuva o tesoro ben ne staiae e se o nö l'attreuva o se leva 'sta fissazion dä testa"

ANNA          :- "Se o Beppe o dïxe de scì, cö professò Sapienza ghe parliò mì, spero ch'o segge disposto. Oa scappo che s'è faeto tardi. Ciao, ciao" (esce)

MARIUCCIA:- (sottovoce, mentre accompagna Anna alla porta) "Me pä ch'a se mette ben"

ROSETTA    :- "Speremmo che o Beppe o se lasce convinçe"

MARIUCCIA:- "No so cösse dïte, ma se questo o serve pe' fallo quetà, provemmo"

ROSETTA    :- "Me sa che ti commençi a creddighe anche tì a-o barba Poldo"

MARIUCCIA      :- "Figûremmose. O fasso solo pe' lé.. Magara o rinsavisce e o no credde ciù che quello che ûn o s'asseunna o posse diventà realtae"

ROSETTA    :- "Però.. no se sa mai"

 

SCENA XI

(Mariuccia – Rosetta – Beppe)

BEPPE          :- (entra adagio. Ha un libro aperto in mano che sta leggendo)

MARIUCCIA      :- (sottovoce) "O l'è zà chi.. se stava coscì ben"

ROSETTA    :- "Ciao Beppin.. ti stae zà stûdiando a stöia?"

BEPPE          :- "Eh? Ah, ecco.." (posa il libro sul tavolo facendolo ruotare verso Rosetta) "Veramente stavo ammiando comme son faeti i marenghi d'öu. Ammia comm'o l'è bello grande"

MARIUCCIA      :- (dà una sbirciata) "O creddo ben; o l'è grande perché a fotografia a l'è ingrandìa!"

BEPPE          :- "Ti dïxi? Intorno a-a monnëa gh'è scrïto in françeize, ma no sò cösse…"

ROSETTA    :- (interrompendolo) "Ti doviesci fätte aggiûttà da quarchedûn ch'o conosce o françeize e a stöia de battaglie de l'imperatò faete da queste parti.. cöse ti ne dixi cûgnòu?"

BEPPE          :- "Coscì a scavà o ghe va lé e o me frega. No, no. No ne femmo ninte"

ROSETTA    :- "Combinaziòn l'ätro giorno a Anna ha m'ha parlòu, pe' cäxo s'intende, do professò Luigi Sapienza ch'o l'insegna a seu figgio o Pierin. O l'è 'n foresto ch'o l'è chì da 'n'anno, 'na personn-a sola, riservà, e o l'insegna françeize e stöia.. Se però no ti gh'è testa, ninte da dì"

MARIUCCIA      :- (con furbizia) "Mì lascieiva perde"

BEPPE          :- "Ti lasciesci perde eh? Zà, basta che ti me contraddisci.. E mì invece diggo de scì.. a me pä 'n'ottima idea.. Magara in sce-i libbri gh'è quarche accenno che solo ûn stûdioso de Napolion o riesce a-accappì"

ROSETTA    :- "O professò Sapienza o l'è anche ûn stûdioso de Bonaparte.. e ti te peu fià perché o no sa manco da che parte se tegne 'n piccon pe' scavà e  ti peu sta tranquillo.. sempre cûrvo in sce-i libbri"

MARIUCCIA:- (a Rosetta, sorniona) "Comme t'hae dïto ch'o se ciamma?"

ROSETTA    :- "Professor Luigi Sapienza"

BEPPE          :- "Mëgio garanzia de coscì.. Sapienza!.. Semmo a cavallo"

MARIUCCIA:- "Beppe, lascia corrì.."

BEPPE          :-  (alla moglie) "E tì no stamme de longo a contraddì" (a Rosetta) "Ciammilo pe' piaxéi ma.. no dighe ninte do motivo. Primma veuggio veddilo in faccia.. me basta 'n'euggià pe' accappì che tipo o l'è. Ti ghe dïxi che devo fa 'n travaggio e che..o paghiò in marenghi..No, no, questo no. Ti ghe domandi quante o me piggia e quande o peu vegnì a.."

MARIUCCIA      :- "Te o ripeto, anche se no l'ho mai visto no me fîo guaei.. "

BEPPE          :- "Lascime fa a mì, e quande o professò o saià chì te o faiò conosce"

MARIUCCIA      :- "Comme ti veu. Però mi t'ho avvertïo"

BEPPE          :- (come invasato, guarda in alto e poi con voce alta) "Barba Poldo.. t'aspëto.. a staneutte!" (esce lestamente mentre il sipario si chiude)

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

QUADRO I

SCENA I

(Beppe - Poldo)

(stessa scena del primo atto. Sul tavolo una pila di libri. Beppe sta dormendo sulla poltrona. Appare lo zio Leopoldo come nel primo atto)

POLDO      :- (si abbassa e guarda il nipote. Tra sé) "O dorme de longo. Mëgio coscì" (lo chiama) "O Nëvo.. ti me senti o t'è in letargo?"

BEPPE       :- (farfuglia dormendo) "Che ti me lasci dormì! A meno che ti gh'aggi na drïtta da dämme dovve scavà.. se donca.. "

POLDO      :- "Se te daggo fastidio me ne vaddo"

BEPPE       :- (sbadiglia. Biascica un po' con la bocca, si stira e si sveglia. Ha un soprassalto al vedere lo zio) "Ma.. barba. T'è ti pe'n davvéi.. in carne e osse?"

POLDO      :- "Beh.. proprio carne e osse no diae"

BEPPE       :- "T'hae raxòn.. ma l'è diffiçile pe' mi pensà che ti.. Ehm.. comme.. comm'a va a vitta?"

POLDO      :- "Te pan domande da fa a 'n morto queste?" (intanto guarda alcuni libri)

BEPPE       :- "Scûsa.. O faeto o l'è che no son abituò a parlà con di morti" (pausa. Cerca di toccarlo e ritrae la mano come se si spaventasse. Comicità) "E.. se vegne quarchedûn.. comme a mettemmo?"

POLDO      :-"Comme te o devo dì che ti me peu vedde solamente tì?"

BEPPE       :- (cerca di toccare comicamente lo zio)

POLDO      :- "Veddo che ti stae stûdiando"

BEPPE       :- "In pochi giorni ho za lezzûo 'na dexenn-a de libbri.. Se ti veu saveilo ho anche piggiòu 'n professò pe' aggiûttäme a capì quelli che son scrïti in françeize" (pausa) "Barba.. t'è segûo che i ätri no te veddan?"

POLDO      :- "Torna? Te diggo de no!" (con un libro in mano) "Saià 'n'impreiza con 'sti libbri. T'è sempre andaeto mä in ti stûddi.. Bocciòu ciù de 'na votta. Tûtte e scûse ean bonn-e pe' no andà ä scheua…primma t'hae avûo e rossazze.. poi e tonsille… "

BEPPE       :- ".. l'appendicite.."

POLDO      :- "Me o ricordo ben. Ti faxeivi a quarta elementare e te davo ripetizion, poi t'han passou in quinta perché ti dovevi andà a sordatto.. "

BEPPE       :- "No saià mëgio cangià argomento e parlà 'n po' do Napolion?"

POLDO      :- "Cöse t'eu savéi de preciso?"

BEPPE       :- "Primma de tûtto dond'o l'è questo tesoro.. Se t'hae de informazioìn precise dimmele e faemmo parte mesòn"

POLDO      :- "E cöse me ne fasso lasciû di dinae.. Ne passan a grati finn-a o caffè.. T'aviae ben visto a pûbblcitae in televixon, no?"

BEPPE       :- "Quello che no capiscio perché quello lì a l'àgge ascöso o tesoro proppio in sce-o monte Bragalla con mëza Europa ch'o s'éa pappòu; armeno coscì gh'è scrïto in sci libbri"

POLDO      :- "Tûtto chì? Molto semplice. Quande o l'è passòu da queste parti o se sentiva poco ben.. questo i libbri nö dixan"

BEPPE       :- "E ti comme ti fae a saveilo?"

POLDO      :- "Me l'ha dïto o bëzavo da mae bezäva ch'o incontròu lasciû.." (indica il cielo) ".. 'na mattinn-a che andavo in bicicletta tra 'na nûvia e l'ätra..o l'éa con Napolion"

BEPPE       :- "Anche lé in bicicletta?"

POLDO      :- "Tanardo.. Mì eo in bicicletta..Permisso speciale.. no posso xeuà.. no son 'n'angelo.. armeno pe' quarche çentanà d'anni.. E ben, mae bezävo che a quei tempi o gh'éa, o m'ha dïto che o generale o pàtïva de ulcera gastrica.. l'è ben pe' quello ch'o se tegniva sempre 'n'a man in sce-o steumego"

BEPPE       :- "Ecco perché in sce-i libbri, o l'ha sempre a faccia gianca da tixico"

POLDO      :- "Stando coscì e cöse, e da o momento ch'o passava da 'ste parti, o l'ha pensòu de alleugà o seu tesoro in sce-o monte ch'o sta davanti a ca teu"

 BEPPE       :- "Ho accappìo.. magara o pensava che quande o se saieiva sentïo mëgio o saieiva ritornò a ripiggiäselo"

POLDO      :- "E invece.. combatti de sà, combatti de là.. ä fin o s'è faeto fregà"

BEPPE       :- "E o s'è accattòu 'na casa in te l'isola de Sant'Elena"

POLDO      :- "T'hae letto di libbri ma no t'hae accappìo 'n berettin.. Son i ingleixi che l'han portòu là"

BEPE          :- "Però..che scignori 'sti ingleixi.. gh'an offerto àia de mâ e tranquillitae"

POLDO      :- (scrollando la testa) "Eh scì.. o professò o te ghe veu proppio!"

BEPPE       :- "Barba, t'è vegnûo a dïmme o punto preciso do tesoro? Ti sae beniscimo che no posso mïga scavà tûtta a montagna senza dovei dà de spiegazioni ai paisén.. me piggieivan pe' matto"

POLDO      :- "No creddo che fassan tanta differenza anche se no te veddan scavà. Ghe veu pazienza.. O punto preciso ö so.. ma ancon no posso rivelätelo.." (accennando al cielo) "Gh'emmo de regole da rispettà e no poemmo cangià o corso de cöse za scrïte.. poemmo solo da 'na man.. se donca me levan a bicicletta e.." (grave)  "..me mandan de sotta"

BEPPE       :- "Ma allòa attreuva 'n'ätro scistema pe' famme diventà ricco.. Damme 'na bonn-a serie de numeri do superenalotto invece de famme giaminà e tì ti peu già in bicicletta.. magara anche in tandem con o teu bezävo"

POLDO      :- "Che o travaggio o te mettesse puìja l'ho sempre sacciûo, ma che te  desse fastiddio çercä o tesoro no me l'aspëttavo proprio"

BEPPE       :- "Ma barba.. gh'ho mâ de schenn-a… Anche o mëgo o m'ha dïto: <Che schenn-a drïta che t'è>"

POLDO      :- (ironico) "Eh.. quande nasceivan i lucchi ti t'éi fra i primmi"

BEPPE       :- "Però, se ti me fesci guagnà qualche miggià de Euri a-o lotto.. staieiva ben anche a mae schenn-a te pä?"

POLDO      :- "Che nëvo nescio che m'è accapitòu.. Quarche miggià de Euri.. Ma l'è comme paragonà l'isola de Bergeggi con l'Australia.. Comunque mia.. se no ti gh'hae testa.." (sornione) "..çerchiò de avéi o permisso de famme vedde da teu cüxo o Pilade, lé o scavieva voentéa"

BEPPE       :- "No, no!.. Lascia perde o Pilade.. quello o scavieiva anche sce-a tomba de seu moae per vedde s'a gh'ha a cadeninn-a d'öu a-o collo"

POLDO      :- "D'accordio. Stamme ben a sentì. Te indichiòu 'n scistema scientifico. Ti saviae, e se no ti o sae te o diggo, che quande vegnan i temporali o metallo o l'attira i fûrmini.."

BEPPE       :- "Comme i parafûrmini!"

POLDO      :- "Giûsto; e figûrite comme i fûrmini son attirae da l'öu.. In questi cäxi t'hae da sta ben attento a dovve van a piccà e segnà o punto preciso"

BEPPE       :- "Te lascio dî. Con tûtti i fûrmini che cazzan in sa e in là e poi.. ghe veu l'attrezzatûa adatta se no va a finì ch'attreuvo o petrolio"

POLDO      :- "Che ti t'addesci. Intedo dî solo quelli che piccan in sce o monte Bragalla e no a tutti quelli che cazzan in ta zona"

BEPPE       :- (entusiasta) "Ho accappio. L'è za quarcösa. Grassie"

POLDO      :- "Figûrite" (si ode ancora il suono di un campanellino) "Comme passan fïto e öe in sce-a taera.. me za scheito o tempo. Ciao, vaddo, se vediemo quande ti saiae ricco.." (ieratico, con l'indice puntato a terra) "O fûrmine o te dijà: "Qui c'è il tesoro.. prendilo!" (si volta con gesto teatrale ed esce)

SCENA II

(Beppe – Mariuccia – professor Luigi Sapienza)

BEPPE       :- "Grassie barba!.. Dunque devo sta attento ai fûrmini.. dovve piccan, in sce-o Bragalla e.. zac! Là gh'è l'öu" (suonano alla porta ma Beppe, assorto, stava mimando l'avvistamento del fulmine e non sente)

MARIUCCIA:- (entra in scena, mentre suonano ancora alla porta) "T'è sordo?" (esce di scena per aprire la porta)

LUIGI         :- (da fuori scena) "Buongiorno signora. Sono il professor Luigi Sapienza. Suo marito mi ha fatto chiamare.. ma non so per cosa.."

MARIUCCIA:- "Oh, Sciò professò.. piaxei de fa a so conoscenza.. scià l'intre, prego" (precedendo Luigi, al marito) "Comportite ben che gh'è o professò.. Ecco Sciò professò Sapienza.. questo o l'è mae màjo"

BEPPE       :- "Molto piaxéi, Giuseppe Zappaterra, dïto Beppe"

MARIUCCIA:- "Posso offrighe 'n caffè Sciò professò?"

LUIGI         :- "No, grazie.. mi rende nervoso. Ma non mi chiami professore.. basta Signor Luigi"

MARIUCCIA:- "Come gradisca, Signor Luigi professore. Ma si accomoddi"

LUIGI         :- (siede) "Molto gentile scignòa.. Ma scià parle pûre zeneize che m'è cäo e scià devan avéi 'n po' de pazienza se ghe pàggio 'n po' a disaggio.. ma l'è che son ûn solitäio e abbastanza timido, dimmoghe"

MARIUCCIA:- (facendo la.. vergognosa) "Se l'è pe' quello son 'n po' timida mi ascì.. "

BEPPE       :- "A l'è 'n'anima candida"

LUIGI         :- "Se vedde sûbito che a scignoa a l'è attaccà a seu màjo"

BEPPE       :- "Insomma, scià l'è 'n solitäio.. ninte donne.."

LUIGI         :- "Son troppo piggiòu dai mae stûddi che me dan tanta soddisfazion"

MARIUCCIA:- "Se scià permette, mi assento un pitino, sa.. in una casa c'è tanto da giaminare.."

LUIGI         :- (alzandosi rispettoso) "Prego.. intanto sento da seu màjo o motivo da seu convocazion " (Mariuccia esce dopodiché Luigi si risiede)

BEPPE       :- "Vede signor Luigi professore.. il mio problema è NAPOLEONE!"

LUIGI         :- "Ah! Bonaparte"

BEPPE       :- "Più che buona parte, direi tutto Napoleone.. soprattutto una parte di lui.. ma poi ce lo spiego più meglio"

LUIGI         :- "Napoleone Bonaparte.. L'impereur!"

BEPPE       :- "Scià mi scusi, ma se lei mi parla napoletano stretto non la capisco"

LUIGI         :- "Ah, ah, ah. Lei è molto spiritoso e mi mette di buon umore. Dicevo l'Impereur in francese.. cioè <l'Imperatore>"

BEPPE       :- (imbarazzato, cerca di celiare sulla sua gaffe) "Ah, ah, ah.. scherzavo.. volevo solo capire se lei.. se lei.. sapeva veramente il francese.." (cerca di uscire dall'imbarazzo e si asciuga la fronte con un fazzoletto) "E.. scià mi dica professore.. conosce bene Napoleone?"

LUIGI         :- "Beh.. l' ho studiato, analizzato, ho scritto un trattato su di lui e.."

BEPPE       :- (meravigliato) "Scià l'ha trattòu con Napoleòn?.. E comme l'è poscibile!"

LUIGI         :- "Intendevo dire che ho scritto un libro che lo riguarda.. ne conosco la storia, le battaglie e le sconfitte.. e le donne.. le donne di Napoleone, s'intende. Per alcuni è stato un uomo eccezionale. Il Manzoni gli ha dedicato un carme' " (declama, alzandosi improvvisamente, facendo restare a bocca aperta Beppe) "<Ei fu siccome immobile, dato il mortal sospiro..> eccetera, eccetera> - < Dall'Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno, di quel securo il FULMINE tenéa..>"

BEPPE       :- (interrompe entusiasta) "Ecco sì.. il fulmine!" (diventa dubbioso e cauto) "Ma lei.. che ne sa del fulmine?"

LUIGI         :- "Ma è Alessandro Manzoni nella sua poesia <Il 5 maggio>, dedicata in morte di Napoleone"

BEPPE       :- "E lui che ne sapeva del fulmine?"

LUIGI         :- "Vuol significare che l'Impereur si spostava da una zona di guerra all'altra ratto e sicuro come un fulmine"

BEPPE       :- "No ho accappio cöse gh'intra o ratto ma l'è o maeximo. E scià me scûse.. Scià conosce tanta gente de chi?"

LUIGI         :- "Veramente no. Son tûtto scheua, casa e libbri"

BEPPE       :- "E.. mi scusi ancora.. ci crede ai sogni?"

LUIGI         :- (come si aspettasse la domanda, parla, alzandosi e passeggiando, come tenesse una lezione a scuola) "<Sans doute>, senza dubbio. I sogni sono la manifestazione del pensiero, un'estrinsecazione in forma onirica del subco- sciente o di qualche mistero che è latente in noi, che tende a continuare inconsciamente durante il riposo fisico. Molto spesso è un <traite d'ûnion> con una persona fisicamente trapassata che cerca di mettersi in contatto con noi.. del resto le onde del pensiero vagano nei silenzi astrali e a volte, la nostra mente li capta" (osserva Beppe per vedere se ha fatto colpo) "Lei mi ha certamente compreso, vero?"

BEPPE       :- (frastornato dalla logorrea del professore) "Eh?.. Ah!. Eu.. altroché.. Scià l'è 'n libbro stampòu.. Quello che ho accapito è che lei crede ai sogni e questo mi piace.." (tra sé, verso il pubblico) "Pe' o resto n'ho accappio 'n berettin"

LUIGI         :- "Scià pense che in sce-o comodin da neutte, tegno sempre 'n notes e 'na biro, coscì se a quarche buonanima ghe giësse de damme 'na bonn-a quaterna.. che dïto tra noiätri me bastieiva anche 'na cinquinn-a secca nevvéa, mì ei scrivo e coscì no me l'ascordo"

BEPPE       :- (pensando a quello che gli aveva detto lo zio) "Scì, ma ghe saieiva differenza comme da l'isola de Bergeggi a l'Australia"

LUIGI         :- "No accapiscio"

BEPPE       :- "M'accapiscio da mi"

LUIGI         :- (avvicina la sedia a Beppe e si siede) "Ma, mi dica, perché queste domande strane.. perché è così interessato al fulmine?.. Se posso aiutarla conti su di me"

BEPPE       :- "E' una questione molto importante.. naturalmente ghe paghiò o destûrbo, s'intende.. sempre ch'o l'arreste tra noiätri duì"

LUIGI         :- "Saiò mûtto comme 'n pescio sotto sâ"

BEPPE       :- "E mi comme 'n loàsso. Se tratta.. se tratta.. do tesoro de Napolion!" (tira un sospiro di sollievo come se si fosse tolto un peso dallo stomaco)

LUIGI         :- (fingendo stupore) "Parbleu!"

BEPPE       :- "O parrià anche bleu però o colore… o l'è quello de l'öu"

LUIGI         :- "Intendevo dire <min..> cioè, perbacco!"

BEPPE       :- (dopo essersi guardato attorno con circospezione, avvicina ancora la sedia a Luigi) "Una notte ho sognato mio barba Leopoldo e mi ha detto di aver saputo da qualcuno.. lassù.." (segna il cielo)

LUIGI         :- (fingendo di non capire) "Lassù.. al piano di sopra?"

BEPP          :- "Molto più sopra.. mio barba è morto tutto, è defunto.. però l'ho visto.. o l'éa in fracchete, pallido comme 'n morto.."

LUIGI         :- "Esangue"

BEPPE       :- "No, sangue no ghe n'éa"

LUIGI         :- "Intendo dï che s'o l'éa morto o saià staeto pallido de segûo.. Esangue"

BEPPE       :- "Guardi.. faccia lei.. pe' mi va ben o maeximo.. però me pàiva de veddilo comme veddo Voscià.. Anzi, anche a seconda votta che me l'ho assennòu o m'ha addesciòu e o m'ha dïto che solo mì poeivo veddilo"

LUIGI         :- "Molto interessante.. Così suo zio si è rivelato solo a lei, forse, inconsciamente, lei è anche paranormale"

BEPPE       :- (che ovviamente non ha capito, si altera) "Guardi che io sono normale.. anzi normalissimo, quel desturbo li, non ce l'ho!"

LUIGI         :- "Ah, ah.. spiritoso il signor Beppe.. Non è una malattia.. stia tranquillo.. ma continui a disquisire prego"

BEPPE       :- "Semmai doppo, oua preferiscio contäghe. Mio barba Poldo mi ha spiegato che sul monte Bragalla, quello che se vedde affacciandose a-o mae barcòn, c'è nascosto un tesoro che ci ha sotterrato il Napoleone quande o l'aveiva mä de pansa.. no, no, mä de steumego, pensando de vegnisselo a ripiggià quande o se saieiva rimisso.. ma poi o l'è andaeto con a Scià Elena e o no l'ha ciù posciûo vegnì"

LUIGI         :- "Con a Scià Elena.. ûnn-a do pàise?"

BEPPE       :- "Veddo che quarcösa de Napolion scià nö sâ…Ghe l'ha faeta conosce i Ingleixi"

LUIGI         :- "Ah.. J'ai compris.. è stato deportato all'isola di Sant'Elena e là e morto … per questo non ha potuto venire"

BEPPE       :- "Ah, ho capito.. Il Poldo, cioè sempre mio barba, mi ha spiegato un scistema scientifico per attrovare il tesoro. Lei certamente sà che i fulmini sono attirati dal metallo.."

LUIGI         :- "Bien sûr.. è per questo che ci sono i parafulmini"

BEPPE       :- "Si figuri allora come sono attirati dall'oro.. Pe' ninte o l'è ciù cäo che o faero.. e allora mi ha detto di stare attento a dove vanno a dare una patta per terra. Dovve piccan gh'è sotto do metallo e dovve ghe ne va ciù de ûn.." (come un cospiratore) "..gh'è l'öu.. Magara anche l'argento!"

LUIGI         :- "L'avrà nascosto nel 1796.. durante la campagna d'Italia"

BEPPE       :- (scrollando il capo) "Non in campagna, IN MONTAGNA"

LUIGI         :- "Intendevo dire <campagna militare>.. o meglio: spedizione militare"

BEPPE       :- "Scià pensa ch'o saià sotto taera de tanto?"

LUIGI         :- "Armeno duì o tréi metri, se no, dûrante quarche scavo pe costruì 'na casa, o fa 'na stradda, l'avieivan attrovòu"

BEPPE       :- "E con o mâ de steumego o s'è misso a scavà coscì tanto?.. No ghe creddo"

LUIGI         :- "Lé o no l'ha faeto de segûo.. O l'avià ordinòu ai seu sordatti"

BEPPE       :- "S'a l'è coscì son fregòu.. I sordatti se l'avian portou via chissà quande"

LUIGI         :- "Ma o no l'éa mïga abelli.. voeivo dî ch'o no l'éa mïga stondäio.. Conoscendo a seu diffidenza son segûo che quei meschinetti o l'avià mandae a fasse ammassà in Ruscia oppûre o l'avià faeti stà sitti pe' sempre.. Do resto se seu barba o l'ha dïto che o tesoro o gh'è, e pe' via de quelle onde do pensiero che xeuan in te l'àia e che scià l'ha captou, veu dîsse ch'o gh'è e comme personn-a paranormale.."

BEPPE       :- "E aridagghela!"

LUIGI         :- (continuando) "..Scià l'ha captou e onde.. e quindi Scià l'è in te 'na botte de faero"

BEPPE       :- "D'öu.. precisemmo"

LUIGI         :- "Ma s'accapisce"

BEPPE       :- "O l'è vegnûo appoxitivamente pe' informäme"

LUIGI         :- (con aria cattedratica) "Con questa storia si risolve l'enigma che ha attanagliato molti storici"

BEPPE       :- "Cöse gh'intran e tenagge con i storici?"

LUIGI         :- "No se riûsciva a capì comme mai, doppo esse scappòu da l'isola d'Elba o fïsse vegnûo a sbarcà vixin a Nizza, praticamente in Ligûia"

BEPPE       :- (sorridendo) "Anche i professori sbagliano. Nizza a l'è in França e no in Ligûia" 

LUIGI         :- "Adesso, ma una volta era ancora in Liguria. E' sbarcato su queste coste probabilmente per riprendersi il tesoro e finanziare la ripresa delle ostilità.. ma.. ha perso baracca e burattini e gli inglesi l'hanno deportato a Sant'Elena"

BEPPE       :- "Me son sempre staeti simpatici i ingleixi. Professore, dovrebbe dare un'occhiata a questi libri.. pe' o de ciù son scrïti in françeize. C'è tutto sul nostro uomo.. poi mi darà qualche indicazione più precisa e.. scià vedià che resterà contento un mucchio"

LUIGI         :- "L'aiuto volentieri anche perché lei e una persona molto simpatica e spiritosa" (si alza assieme a Beppe)

BEPPE       :- "Una volta in possesso del.. " (mima i soldi) "..mi dirà come investirli, se i Ciccìtti" (accentare la prima <i>) "o in Botti, oppure se accattare qualche scïto" (chiama la moglie) "Mariuccia"

                   

SCENA III

(Beppe - Luigi – Mariuccia)

MARIUCCIA:- (entrando) "T'hae bezeugno de quarcösa cäo?"

BEPPE       :-  "Fanni 'n po' 'n caffè a-o sciò Luigi, o professò"

LUIGI         :- "Ma scià no se destûrbe.. "

MARIUCCIA:- "Sciò professò.. scià stagghe pûre comodo intanto che vaddo a fäghe o caffè"

BEPPE       :- "Se scià me permette, vaddo a accattà l'atrezzatûa pe'.." (mima lo scavare. Alla moglie) "M'arraccomando… fagghe compagnia e trattilo ben.. ch'o s'è dimostròu 'n'amïgo"

MARIUCCIA:- "Comme ti veu, cäo"

BEPPE       :- (uscendo accompagnato dalla moglie) "A fïto"

LUIGI         :- "A riveise!"

MARIUCCIA:- (corre fra le braccia di Luigi) "Finalmente soli" (si abbracciano mentre una musica adeguata accompagna il calare delle luci fino al buio)        

________________________________________________________________________________

PRIMO QUADRO
SCENA IV

(si riaccende la luce e sono in scena Beppe – Giacinto- Carlo)

BEPPE       :- "M'è stato cäo che seggi vegnûi, coscì ve fasso conosce o professò Luigi Sapienza.. Che brav'ommo.. l'è quaexi 'na settemann-a ch'o vegne chì pe' lëze 'na montagna de libbri"

GIACINTO :- "Tûtti i giorni?" (lascia la giacchetta o il beretto sula sedia)

BEPPE       :- "Tûtti i santi giorni"

CARLO      :- "O te costià però.."

BEPPE       :- "O l'è 'n'ommo da ben e o me costià o giûsto. Sorviatûtto o credde anche lé ai seunni. O tegne finn-a 'n libretto in sce-o comò pe' marcäse i nûmeri da zûga a-o semenäio quande quarche bonanima o ghe i dà"

CARLO      :- "E oua, dond'o l'è?"

BEPPE       :- "O l'éa in cûxinn-a con mae moggé che o ghe domandava de spiegazioìn, poi o l'è sciortïo. O l'ha faeto anche 'na cartinn-a da montagna che ne interessa"

GIACINTO :- "Pe' fanne cöse? O monte Bragalla o conoscemmo ben"

BEPPE       :- "T'è proprio 'n bezûgo. Se no gh'è a cartinn-a, dovve l'è che ti segni i fûrmini che cazzan? Con o disegno l'è ciù façile localizzäli e poi andà in sciò posto, no?"

CARLO      :- "E no gh'aveiva pensòu. Coscì se scava solo dove cazzan. Cöse veu dî stûdià"

GIACINTO :- "T'hae pensòu a comme investì tûtto quello ben de Dio?"

CARLO      :- "Tegni conto anche che saiemo noiätri a scavà, ciù che ti"

BEPPE       :- "Ho mâ de schenn-a e poi a taera.. a l'è coscì bassa.."

GIACINTO :- "Comunque stanni all'euggio perché quande ti saiae ricco t'attroviae tanti de quelli amïxi che no ti te l'asseunni manco.. Finn-a amixi de biberon e de l'asilo"

BEPPE       :- "E ti comme ti fae a saveilo?"

GIACINTO :- "Perché aveivo ereditòu da mae poae e tûtti me salûavan.. anche quelli che gh'aveiva o nasin in sciù e che primma no m'ammiavan manco. Ho investîo e palanche pe' fa cresce o capitale, ma ä fin ean ciù e speize che i interessi.. e cian cianin me son sparîi comme l'enn-a in mëzo a-e dïe e oua.. no me salûttan ciù "

CARLO      :- "I dinae no te salûttan ciù?"

GIACINTO :- "E personne no me salûttan ciù.. quelle che te dixeivo primma"

CARLO      :- "Belli amïxi. Ma ritornando a Napolion.. primma bezeugna attrovälo"

GIACINTO          :- "Napolion?"

CARLO      :- "O tesoro!" (pausa) "Ma no doveiva vegnì o professò Sapienza?"

GIACINTO :- "L'ho visto andà a Zena.. Ho l'ha dïto co l'andava in ta biblioteca Berio a fa de ricerche all'archivio storico.."

CARLO      :- "S'o parla con quelle che ghe travaggian.. semmo frïti "

BEPPE       :- "O l'è 'na personn-a discreta.. o dià che ghe servan pe' i seu stûddi.. O l'ha dïto ch'o veu scrive 'n libbro in sce-o passaggio de Bonaparte da-e nostre contradde "

GIACINTO :- (con aria saccente) "A l'è bella a stöia.. se vegne a savéi de cöse che ti te domandi comm'han visciûo quelli primma de noiätri.."

BEPPE       :- "A scheua, de stöia, ti ne saveivi meno che mi. Però ti saveivi tûtto in sce-e e partîe de balòn"

CARLO      :- "L'è tûtto dïto!"

GIACINTO :- (come rapito) "Ogni votta che a spiegavan me pàiva de vedde comme in te 'n film.. comme quande Napolion o l'è sbarcòu a Marsalla.. con i seu mille garibaldin.."

BEPPE       :- "Napolion a Marsalla?.. T'è tûtto nescio.. quello o l'éa Mazzini"

GIACINTO :- "Macché Mazzini.. o stava scrivendo a Londra i Promessi sposi.. O l'éa Napolion ch'o l'ha faeto o storico incontro e o l'ha dito: <Regina Isabella .. qui si fa la Spagna o si muore.. poi con Colombo o l'è andaeto in America a scrovïla.. A stöia a l'è sempre staeta o mae ballin"

BEPPE       :-"Ho appena-a lezzûo che l'imperatò o l'éa andaeto anche in Egitto… dovve ghe son quelle grosse piramidi, e foscia 'n po' de tesoro o se l'è grattòu anche là, perché da alloa no l'è ciù cheito ìn fûrmine in sce-e piramidi, manco in sciè quella ciù grossa"

GIACINTO :- "O piramidon!"

CARLO      :-"E allòa ghe semmo, perché chì de fûrmini ne cazzan de longo"

GIACINTO :- "Intanto che aspëttemmo o professò porriescimo fa 'na partia a-e carte"

BEPPE       :- "A cösse?"

CARLO      :- "Mah.. a treisette"

BEPPE       :- "In trei?"

GIACINTO :- "A treisette cö morto"

CARLO      :- "Giûsto.. noiätri trei e Napoliòn"

BEPPE       :-  (a malincuore) "Che manîa.. Piggiae e carte.. son in to cascetto da cûxinn-a"

GIACINTO e CARLO:- (si alzano ed escono dalla scena)

BEPPE       :- "L'è inûtile ch'andae in duì pe' 'n mazzo de carte.. Tanto da beive no ghe n'è"

SCENA V

(Beppe – Carlo – Giacinto – Poldo)

POLDO      :- (appare all'improvviso) "Perché destûrba l'Imperatô.. Posso fallo mi o morto"

BEPPE       :- (ha un sobbalzo) "Ma ba..barba.. t'è torna chì anche se no m'asseunno? Ti veu famme vegnì 'n'infarto?" (accennando agli amici) "E loiätri?"

POLDO      :- "T'è proppio senza rimedio.. Cöse ti gh'è in testa a-o posto do çervello.. da serreuja? Ti te o veu mette in ta sûcca che no me peuan vedde?"

BEPPE       :- "No te veddian ma me sentian parlà con ûn.. ch'o no se vedde e me piggiàn pe' matto!"

POLDO      :- (prendendo posto al tavolo) "T'accappiae che differenza"

GIACINTO e CARLO:- (rientrano con le carte che uno di loro posa sul tavolo)

GIACINTO:- "O solito spilorcio, spilorcio.. manco 'n gianchetto da beive.. solo aegua" (siede)
CARLO      :- (mette le carta in tavola e a Beppe) "Danni e carte"

BEPPE       :- (smazza, fa coppare e distribuisce le carte, saltando Poldo)

CARLO      :- Cösse ti fae… e a-o morto ninte?"

POLDO      :- "L'è quello che stavo pe' dî"

BEPPE       :- "Ma voei acciantäla de parlà de morti?"

POLDO      :- ( prende le sue carte e se le sistema in mano. Giacinto e Carlo vedono solo le carte che muovono e si spaventano. Carlo va alle spalle di Giacinto, agitato)

CARLO      :- "Giaà..Giaà.. Giacinto.. E carte do morto.. "

GIACINTO :- "Be.. Beppe.. e carte.. se mescian.. Napolion.. o gh'è!"(comicità, gags, tremarella)

BEPPE       :- (imbarazzato) "Mi… no veddo ninte.."

POLDO      :- "Stanni tranquillo, se no te vegne 'n'infarto e.. addio fûrmine"

CARLO      :- "Gia-Giacinto. Coraggio.. scappemmo!" (fuggono rovesciando anche una sedia. Giacinto lascia la giacchetta o il berretto sulla sedia))

BEPPE       :- "L'éa proppio necessäia 'sta mattàia.. Oua quelli andian a contà che ghe son di fantaximi in ca mae.. Ma chi t'ha ciammòu!"

POLDO      :- "Ma stanni tranquillo.. quelli staiàn ben attenti de no fasse passà pe' di vixonäi.. E poi passävo di chì pe' da 'na controllà. Ma oa te lascio.. sento che sta arrivando o professò… anzi no… sento.. sento ch'a l'è 'na donna"

BEPPE       :- "Saià a Mariuccia.. Ma comme ti fae a saveilo?"

POLDO      :- "Perché.. perché.. no te o posso dì.. segreti e misteri dell'aldilà.. Oa vaddo primma che ti te imbroggi in to parlà se mi son presente "

BEPPE       :- "Comme saieiva a dì? Spieghite"

POLDO      :- "No t'è bon de fa finta de ninte e poi no posso rivelà a futûro.. Tûtto l'è za scrïto.. Ciao" (sparisce)

SCENA VI

(Beppe – Veneranda)

BEPPE       :- "Tûtto l'è za scrïto.. speremmo che ghe segge scrïto anche che attroviòu o tesoro" (suonano alla porta e Beppe va ad aprire) "Saian torna quei duì tarlûcchi" (fuori scena) "Oh,Veneranda.. comme mai chì?"

VENERANDA:- (entra una donna di campagna, non più tanto giovane; cerca di avere buone maniere che non le sono naturali) "Ch'o me scûse se destûrbo, ma.. " (interessata) "..o l'è solo?"

BEPPE       :- (un po' scocciato) "A-o momento scì. A Mariuccia a l'è sciortîa"

VENERANDA:- (sempre più interessata) "A staià tanto?"

BEPPE       :- "No saviae.. ch'a torne ciù tardi"

VENERANDA:- (si avvicina gattona, mentre Beppe comicamente arretra) "Beppin.. ho saciûo da-o farmacista, ch'o l'ha sacciûo dä besagninn-a, ch'a l'ha sacciûo da-o Giacinto che o l'ha attrovòu ûnn-a cascia pinn-a de gioielli"

BEPPE       :- "Bell..landi… che segreto! E dovve a saieiva?"

VENERANDA:- "Chi?"

BEPPE       :- "A cascia pinn-a de gioielli"

VENERANDA:- "Capiscio, eh?" (dà una gomitata al fianco di Beppe che vorrebbe essere di complicità)

BEPPE       :- "Ahia!.. che gomià.. no abasta o bûgnòn!"

VENERANDA:-".. bocca serrà.. Ma a mi no l'è che me interesse ciù de tanto…" (fa le moine) "..o mae tesoro l'è za 'n po' che o tegno d'euggio .."

BEPPE       :- "Bon pe' l'è.. posso savei chi o saieiva.. questo sfor.. affortûnnòu?"

VENERANDA:- "O no l'ha ancon accappio pe' chi me scc-iûppòu o corpo de fûrmine?"

BEPPE       :- "Comme a fa a savei.. do fûrmine?"

VENERANDA:- (estasiata, incontrollabile) "Anche a tì.. o fûrmine? Oh, Beppin cäo.. che gioia.." (le si getta tra le braccia e per poco Beppe non perde l'equilibrio. Comicità di lui che se la vuole levare di torno e lei che ritorna alla carica)

BEPPE       :- (finalmente libero, si ricompone) "Ma cösse gh'è acciapòu?.."

VENERANDA:- "Ma mi credevo che ti.. o fûrmine.."

BEPPE       :- "Ma che fûrmine e saéta.. intendeivo n'ätra cössa"

VENERANDA:- "No ghe creddo.. no l'è quello ch'ho sentïo quande ti m'ammiavi ..con euggi dexiderosi!"

BEPPE       :- "Euggi.. e quande mai?"

VENERANDA:- "Ä festa da Croxe Rossa de Bargaggi.. quando ammiandome ti t'è sentïo mancà"

BEPPE       :- "Perché gh'éa troppo cädo e me dava fastidio o fûmme de sigarette"

VENERANDA:- "L'è staeta 'na grande rivelazion pe' mi.. e oa son chi.. piggime!" (le si lancia ancora addosso e cadono entrambi a terra. Suonano alla porta)

SCENA VII

(Beppe – Veneranda – Luigi – Carlo – Giacinto – Mariuccia)

BEPPE       :- (si alza rapidamente, è spettinato, va ad aprire riassettandosi e altrettanto fa Veneranda. Si rischiara titubante la voce) "Chi.. chi l'è?"

LUIGI         :- "Sapienza"

BEPPE       :- (apre imbarazzato e saluta) "Bongiorno professò"

LUIGI         :- "Bongiorno a Voscià" (segue Beppe ed entra. Ha una busta grande. Vede la sedia a terra. Dà un'occhiata espressiva ai due e rimette la sedia in piedi) "Bongiorno scignoa"

BEPPE       :-"A scià Veneranda"

VENERANDA:- (che è stata preceduta nell'alzare la sedia, imbarazzata) "Piaxei.. Ehm.. l'è staeto.."

BEPPE       :- "..ûn corpo.."

LUIGI         :- "..de fûrmine!"

BEPPE       :- "Veramente.." (suonano alla porta. Beppe sta per andare ad aprire preceduto dalla donna)

VENERANDA:- "Comodo.. vaddo mi" (apre ed entrano Carlo e Giacinto)

BEPPE       :- (scocciato) "Torna chi?"

GIACINTO :- "Me son ascordò a beretta" (o la giacchetta)

CARLO      :- "E mi l'ho accompagnòu"

BEPPE       :- Ironico)"No me n'éa accorto. Sciò professò, ghe presento i mae amixi.. o Giacinto e o Carlo"

LUIGI         :- (salutando i presenti) "Piaxei.. n'approfitto..visto che sei amixi do Sciò Giuseppe…"

CARLO      :- "Ah, scì? E chi o saieiva?"

VENERANDA:- "O Beppe no?"

GIACINTO:- (alla donna) "Comme mai chi?"

VENERANDA:- "Eo.. eo passà pe' salûttà a Mariuccia ma.."

LUIGI         :- "A no gh'éa"

VENERANDA:- "Proppio coscì"

GIACINTO :- "Però o Beppe o gh'éa"

BEPPE       :- (notanto la busta di Luigi) "C'è qualche novizia?"

LUIGI         :- "Novizia?"

BEPPE       :- "Veddo che scia l'ha 'na busta grande. Quarche novitae?"

LUIGI         :- "Ah, sì.. c'è una novità. Ma non so se posso.." (fa intendere che non sono soli)

VENERANDA:- "Scià non si preoccupi.. semmo tûtti amixi"

LUIGI         :- (guarda Beppe per avere il benestare)

BEPPE       :- "Oramai de segreti.. o san tûtti.. scià digghe pûre"

LUIGI         :- (estrae un foglio dalla busta) "Ho attrovou in te l'archivio storico a Zena, a brûtta coppia de 'na léttia che l'Impereur à ecrit a sa femme"

GIACINTO :- "O generale ho scriveva d'avei famme?"

LUIGI         :- "Mai non bon Dieu, o scriveiva a seu moggé, o ghe dava notissie da seu salûtte. Oua ve lëzo cös'o scriveva Bonaparte"

GIACINTO :- "Bonn-a parte?.. Ma no l'è mëgio lezzila tûtta"

BEPPE       :- "O Napolion o se ciammava Bonaparte, gnorante. Täxi che sentimmo"

LUIGI         :- "A l'è scrïta in françeize. Ve fasso a tradûzion maniman che a lëzo.." (legge) <"Dal porto di Genova, sei ventoso..>"

CARLO      :- "Se sa che a Zena tîa do vento.. ma gh'éa bezeugno de scrivilo a so moggé?"

LUIGI         :- "Sei ventoso a l'è a daeta.. Con a rivoluzion françeize anche i nommi di meixi ean cangiae.. Ventoso sta a significà o meize frevà.. posso andà avanti?"

GIACINTO :- "Prego"

LUIGI         :- "Grassie. <Cara Giuseppina, due righe fulminee..>"

BEPPE       :- (interessato) "Ecco che ritorna o fûrmine!"

LUIGI         :- "<.. per dirti che non mi sento molto bene.. ho dei capogiri e mi duole lo stomaco. Per precauzione ho fatto sotterrare ciò che tu sai, sul monte che ho segnato in cartina che ti allego. In caso dovesse accadermi qualcosa di spiacevole in battaglia nella campagna d'Italia, o in malattia, potrai recuperarlo..>"

BEPPE       :- "Questo reciammo ä campagna a me convinçe poco.. Semmo segûi ch'o l'intende parlà da guaera in Italia?"

LUIGI         :- "Ma scià stagghe tranquillo.. " (proseguendo) "<Se tutto va come pianificato, saremo straricchi non solo di gloria..>"

VENERANDA:- "L'importante ch'o se segge portòu via solo a gloria"

CARLO      :- "Veneranda… no t'aspëtan a casa?"

VENERANDA.- "Te daggo fastidio?"

GIACINTO :- "L'è pericoloso.. 'na donna sola in mëzo quattro ommi.."

VENERANDA:- (dà un'occhiataccia a Beppe) "Ûn po' de ommi scì..Ho accappio, me ne vaddo.. staeve ben e.. tante saéte a tûtti" (esce indispettita)

CARLO      :- "A se l'è piggià"
BEPPE       :- "Scià continue professò"

LUIGI         :- (riprende la lettura) "Je suis dans les montagne ligûrienne.."

CARLO      :- "Eh?"

LUIGI         :- "Ah.. scûsae. <Sono nelle montagne liguri, in una località che ho battezzato "ospedale", sopra il villaggio di Bargagli, dove ho fatto piazzare un accampamento per i miei soldati feriti e dove anch'io, mi fermerò un paio di giorni. Tuo Napoleone">

GIACINTO :- "Oua semmo che o malloppo o l'è chì"

BEPPE       :- "Speremmo che vegne fïto 'n bello temporale."

CARLO      :- "...con troìn e fûrmini"

MARIUCCIA:- (entrando da fuori) "Scignorîa a tûtti.. Ciao Beppe"

TUTTI        :- (salutano a soggetto)

MARIUCCIA:- "Se sta guastando o tempo"

BEPPE       :- (fregandosi le mani) "Beniscimo"

MARIUCCIA:- "Mi scusi professore.. vado in cucina a inandiare la cena"

LUIGI         :- "Comoda signora..comoda"        

BEPPE       :- "Tûtti pronti con i binoccoli.. segnae dovve cazzan fûrmini.."

CARLO      :- "E se fïssan saéte?"

LUIGI         :- "Oh, bello Segnò cäo.. conscideraeli fûrmini"

BEPPE       :- "E se e nûvie fissan basse e creuvissan a montagna? No vediescimo ciù ninte"

LUIGI         :- (a stento si trattiene) "E se mae lalla a l'avesse avûo e reue invece de due gambe? Ma devan capitäne tûtte assemme?"

CARLO      :- "Idea! O Gnazio o l'ha 'n rûstego dovve o tegne de cräve.. Posso dimandaghe s'o me lascia sta quarche giorno lasciù.. do resto di piaxéi ghe n'emmo sempre faeti"

BEPPE       :-"Beniscimo. O Carlo in to rûstego, mi e o Giacinto, appena-a commen- ça e beixinnà, andemmo in sce-o posto e o professò con a Mariuccia o l'ammïa da cûxinn-a con i binoccoli tegnindo anche le a cartinn-a a portà de man. Diggo ben professò?"

LUIGI         :- "E mi preparo 'na cartinn-a anche pe' voiätri"

GIACINTO :- "In atteisa che commençe a ceuve, m'affermo con o professò e a Mariuccia, a dagghe 'na man"

LUIGI         :- (che naturalmente vuole rimanere solo con Mariuccia) "Ah!.. Comme scià veu.. Però no me pä o cäxo.. comme ho disegnòu a primma cartinn-a posso fanne anche 'n'ätra. Chì abasto mì. Do resto, feua de chì, tréi pä d'euggi son sempre mëgio che duì pä.."

BEPPE       :- "O dïxe ben o professò.. Intanto a Mariuccia a ghe versià 'n liquorin.. diggo ben?"

LUIGI         :- (sornione) "Faiò comme scià dexidera pe' fagghe 'n piaxéi"

GIACINTO :- "No! Mì m'affermo chì e me piggio 'n liquorin mi ascì, vegio vedde dovve ti l'è alleugou.. diggo ben professò?"

LUIGI         :- (scocciato) "Eu.. ätro che" (si ode il rombo di un tuono)

BEPPE       :- "Tronn-a! Giacinto o liquorin ti o piaggiae 'n'ätra votta. Vegni che sciortimmo tûtti trei. Dovv'o l'è o giacché.. a beretta de lann-a.."(prende quanto detto) "Passemmo in ta baracca a piggià badì e piccon.." (gran confusione in scena mentre ognuno cerca le proprie cose. Luigi osserva guardando di qua e di là comme assistesse ad una partita di tennis)

MARIUCCIA:- (entra agitata) "Ma.. cöse va punzeggiòu.. o fûrmine?"

BEPPE       :- "Semmo lì. Mariuccia, noiätri sciortimmo. Prepara 'n liquorin pe' o professò e dae 'n'euggià ai fûrmini.. M'arraccomando de piggiäne notta. Noiätri andemmo in sciò monte. Bona" (escono mentre si sente qualche tuono)

MARIUCCIA :- (si getta fra le braccia di Luigi)

LUIGI         :- (abbracciandola) "Mariuccia. Domani saremo ricchi!" (tuona mentre la scena si fa buia e i due sono abbracciati)

FINE DEL PRIMO QUADRO

________________________________________________________________________________

QUADRO SECONDO
SCENA VIII

(Luisa – Giacinto)

                       (Due anni dopo. La scena è la stessa però abbellita. Alle pareti un ritratto di zio Leo-poldo ed uno di Napoleone.  Luisa, la cameriera, entra con un mazzo di fiori da mettere in un vaso davanti ai ritratti. Ha in testa una specie di diadema o cuffietta. Spuntano i polsini bianchi dalla cappa nera)

LUISA        :- (entra da sinistra e si mette a parlare con i due ritratti) "Sciò Napolion e Sciò Leopoldo, bongiorno!.. Comme stae?.. Ecco i fiori freschi… N'accapiscio o perché de tanti riguardi"

GIACINTO :- (entra da destra con entusiasmo) "Oh, seunno da mae vitta.. primmavéa da mae speranza.. bigné döçe do mae palato.." (l'abbraccia)

LUISA        :- (respingendolo) "Scì.. pansöti con sûgo de nöxi.. Ciàntila lì e lascime travaggià.." (lo allontana) "Se me vedde o Sciò Beppe a perde do tempo con ti o me manda a spigoà"

GIACINTO :- "Ma e mae intenzioìn son serie, ti o sae"

LUISA        :- "Anche e mae e mì no te veuggio.. Gh'ho ben ätro traguardo in testa"

GIACINTO :- "Ma ti o sae che mi te veuggio ben.. e poi, oua son anche benestante e quello che l'è mae saià anche teu, se ti me sposi"

LUISA        :- "Benestante..e de cöse?"

GIACINTO :- (si guarda furtivamente attorno e sottovoce) "De marenghi d'òu"

LUISA        :- "Scì.. marenghi de cioccolata che se regallan ai figgeu"

GIACINTO :- "Oh no.. son vëgi marenghi d'öu françeizi..guagnae in moddo onesto"

LUISA        :- "E da quande?.. Travaggià no ti travaggi.. Sûà te fa mä"

GIACINTO :- "Ma pe' aveili ho sûòu e poi.. o l'è 'n segreto che no te posso svelà, anche perché no l'ho denunziae pe' via de tasce" (rumori di passi dall'esterno)

LUISA        :- "Gh'è a scignoa.. oua a se missa a parlà in lingua…" (lo spinge fuori) "Vanni via"

GIACINTO :- "Vaddo bella mae stella, ma ritorniò perché.. ti me piäxi tûtta" (esce all'esterno)

LUISA        :- (guardando il ritratto di Napoleone) "Cösse t'hae da ammiäme?.. Ti ne sae ninte tì di marenghi che quello o dïxe d'avéi..? Saià ben che ti me dagghi 'na drïta, visto che te metto de longo i fiori"

SCENA IX

(Luisa – Rosetta)

ROSETTA  :- (entra da sinistra. E' vestita in modo esageratamente elegante per essere in casa. Parla con accento che vorrebbe essere signorile) "Buongiorno Luisa"

LUISA        :- "Bongiorno scignòa"

ROSETTA  :- "Sai a che ora è uscito il mio consorte?"

LUISA        :- "Non ciò fatto guaei caso ma.. licche-lacche, saranno state le otto circa.. Mi pare che avesse detto che andava in banca a comperare dei botti"

ROSETTA  :- "Ah, ah.. che sciocchina che sei.. I BOT e non i botti.. va bene, va bene… ti ha detto qualcosa d'altro?"

LUISA        :- "O m'ha dïto de cheugge di fiori e de pösali davanti a 'sti duì" (indica i due ritratti appesi)

ROSETTA  :- "Eh, sì.. dobbiamo portare rispetto a queste due buonanime.. che il Signore ce l'abbia di longo in gloria.. Dimmi un cosa Luisa. Ti ci attrovi bene con noi?"

LUISA        :- "Beniscimo scignoa.. dopo due anni ciò fatto il callo.. ehm.. voeivo dì che non do più amente alla gente che in to pàise a parla e sparla"

ROSETTA  :- "Ah, sì?.. Assettiamoci un pitino così mi conti" (siedono)

LUISA        :- "La gente sa com'è.. Parlano di un tesoro.. di fulmini… no ho ancon accapìo ben o perché"

ROSETTA  :-  (con un gesto di stizza) "Te lo dico io il perché. Parlano abbrettio perché sono dei patiscimili. La faccenda sembra complicata.. invece è semplicissima. Il barba Leopoldo era apparito a Beppe in sogno dicendogli che sulla montagna di fronte c'era assoterrato un tesoro di Napoleone.." (si volta verso il quadro accennando ad un inchino) "..e che per attrovarlo bisognava scavare dove i fulmini sarebbero caduti"

LUISA        :- "Oh, Segnò cäo. Ma alloa cazzan anche in sciè-e banche.. là di tesori ghe nè"

ROSETTA  :- "Speremmo de no. O Beppe o l'è andaeto proppio in banca.. Ritornando alla faccenda, il professor Luigi Sapienza, buonanima, aveva scarabocchiato due cartine del posto per segnarci dove sarebbero caduti i fulmini. Al primo temporale non era cheito manco un fulmine e Beppe, Giacinto e Carlo erano arrivati a casa scui, ma scui come due pulin.."

LUISA        :- (incuriosita) "Scià dïxe che gh'éa anche o Giacinto?"

ROSETTA  :- "Sì.. Il Luigi, cioè il professore, era nella stanzia da letto con mia sorella Mariuccia, buonanima anche lei, a guardare dalla finestra con i binoccoli"

LUISA        :- (ironica) "Me immagino o panoramma.. Ma non potevano guardare anche dalla finestra della cucina? C'è il maeximo panoramma"

ROSETTA  :- "Pioveva che pàiva il diluvio universale, con fulmini, saette, lampi, tuoni.."

LUISA        :- "Che tempo do beliscimo!.. Chissà com'erano 'scui' i tre sulla montagna"

ROSETTA  :- "Te l'ho detto. Nessuno avrebbe immaginato che il fulmine sarebbe caduto attraversando la finestra della camera e facendo crollare il soffitto"

LUISA        :- "Che desgrassia"

ROSETTA  :- (contrita.. col pianto.. forzato in gola) "Li hanno attrovati tutti e due entrambi, seminudi, abbracciati.. Si vede che il professore voleva proteggere mia sorella mentre lo spostamento d'aria ha strappato loro i vestiti"

LUISA        :- (salace) "Che razza de spostamento d'äia!"

ROSETTA  :- "Quando hanno scavato le macerie per tirare fuori i corpi.. o quello che gh'éa arrestòu.. sotto, in un vano chiuso del pavimento, c'era un enorme bàile con il tesoro che andavano cercando.. " (si asciuga lacrime.. che non ci sono)

LUISA        :- "Quello vëgio bàile ch'o l'è in magazin?"

ROSETTA  :- "Quello. L'emmo conservòu pe' ricordo"

LUISA        :- (furbescamente) "No l'è pe' savéi e i faeti seu.. Dio me n'avvarde, ma visto che scià m'ha onoròu da seu confidenza… cöse gh'éa drento?"

ROSETTA  :- "Oh.. o l'éa solo pin de collann-e, anelli de brillanti, diamanti.. marenghi d'öu"

LUISA        :-  (tra sé) "Ma allòa o Giacinto.."

ROSETTA  :- "Comme?"

LUISA        :- "Ehm.. Me domandavo perché o sciò Leopoldo o l'avesse dïto che o tesoro o l'éa in montagna"

ROSETTA  :- "Mah.. O che o Beppe o s'è sbagliòu, o che o barba Poldo o voesse fallo 'n po' travaggià de picco e pala.."

LUISA        :- (sorniona) "Son contenta che o sciò Beppe, doppo a seu vedovanza, o l'agge pensòu de sposà Voscià, a seu de seu moggé buonanima.. seu cûgnà insomma.. coscì o tesoro o l'è sempre in famiggia"

ROSETTA  :- "Son zà passae duì anni e comme ti veddi.." (teatrale) "..siamo felicemente felici.. mentre con mia sorella, che Dio abbia in gloria anche lei, non andava molto d'accordio"

LUISA        :- "E.. scià me permette 'na domanda.. anche o Giacinto o l'ha avûo di marenghi?"

ROSETTA  :- (si alza, imitata dalla cameriera) "O l'è staeto 'n galantommo e o l'ha meritòu 'n bello premio.. Adesso vieni di là con me che ti dico cosa preparare per pranzo"

LUISA        :- (uscendo con Rosetta) "Che simpatico o Giacinto!"

SCENA X

(Beppe – Poldo)

BEPPE       :- (entra con un giornale in mano. Si toglie la giacca, o il soprabito, si siede, apre il giornale, sbadiglia) "Son stracco. Anche a avei di dinae bezeugna dasse da fa.. In banca, in Borsa… Però l'è sempre mëgio che ëse misci. Vedemmo 'n po' e notissie economiche" (legge) "I BOT sono scesi di un punto.. i CCT invece anche.. Mah! Foscia aveivan raxòn i nostri vëgi che quei pochi ch'aveivan i metteivan sotto a 'na ciappella " (posa il giornale) "Questa pötronn-a a me concilia o seunno.." (ogni tanto pende il capo e poi si addormenta)

POLDO      :- (entra vestito come al solito. Osserva il nipote) "Ma o l'è pëzo de 'na marmotta.. o l'è de longo in letargo.. Ehi, nëvo.. addescite che te devo parlà" (lo scrolla)

BEPPE       :- "Ma chi l'è che me rompe…Oh, barba t'è tì?.. Finalmente doppo duì anni te riveddo"

POLDO      :- "No m'han ciù daeto o permisso.. gh'éan troppe richieste.. comm'a boccia?"

BEPPE       :- (si alza) "Te veddo sempre solo che mì?"

POLDO      :- "Natûralmente"

BEPPE       :- "No t'ho posciûo ringraziä.. no ti t'è faeto ciù vivo"

POLDO      :- "E comme posso famme vivo se son morto?"

BEPPE       :- "Zà; l'è véa. Comunque ammîa.. gh'emmo o teu ritraeto e quello do Napolion"

POLDO      :- "Ah, veddo, veddo. De quello do Napolion me ne frego ma do mae.. me fa piaxéi… Son contento che ti seggi diventòu ricco.. doveivo ben ringrassiäte in quarche moddo"

BEPPE       :- "Però barba, ti m'hae faeto andà in montagna sotto o dilûvio pe' ninte. Ti poeivi anche dïmmelo che o tesoro o l'éa in te questa casa"

POLDO      :- "Son vegnûo anche pe' questo.. son contento che con o tesoro t'àggi avûo doppia fortûnn-a."

BEPPE       :- "Doppia?.. Gh'è n'ätro tesoro?"

POLDO      :- "Che ti fisci 'n nescio o saveivo, ma chi ti fisci anche 'n benärdo nö saveivo. Doppia fortûnn-a perché sotto o crollo da casa gh'è arrestòu, oltre a teu moggé, o professò Luigi Sapienza, conosciûo a Zena comme Luigi o ceigadonne: ecco a teu fortûnna"

BEPPE       :- "Ma comme ti peu dî che 'na desgrassia a pösse ëse a mae seconda fortûnn-a, specialmente consciderando anche a morte da mae Mariuccia?"

POLDO      :- (spazientito) "E alloa saiò o ciù ciaeo poscibile" (con voce alta) "T'aveivi 'n pä de corne che no t'aviesci posciûo passà manco dä porta e se t'andavi in via Vinti Settembre e teu corne poeivan fa da trolley di filobus e t'andavi con a corretne elettrica, bezûgo!"

BEPPE       :- "A mì e corne? E da parte de chi?"

POLDO      :- (scrollando il capo) "Quando nascieivan i abellinae, tì, t'è staeto o primmo. Ma no t'hae ancon accappio che con a scûsa do Napolion te faxeivan e corne in casa?.. Primma armeno andavan da 'n'ätra parte"

BEPPE       :- (che c'è rimasto male) "Ma.. ma t'è segûo? Mi no me ne son mai accorto"

POLDO      :- "O mondo o l'è diviso in abellinae e fûrbi. Ti t'è nasciûo in to primo settore.. No ti te n'è accorto manco doppo o disastro?"

BEPPE       :- "Comme saieiva a dî <anche doppo o disastro?>

POLDO      :- "Ma quande t'è sciortîo d'in ca teu pe' andà in sce-o Bragalla, dovve t'è lasciòu a Mariuccia con o professò"

BEPPE       :- "Davanti a-o barcon da cûxinn-a"

POLDO      :- "E doppo che l'è sciûppòu o fûrmine in ca teu.. dovve han attrovòu i duì .. dimmoghe fedifraghi?"

BEPPE       :- "In ta stanzia da letto.. squaexi nûi.. ma pe' via do spostamento d'äia"

POLDO      :- "Spostamento de moen.. spogliarello volontario signor Benardo! Ecco a doppia fortûnn-a. T'ho mandòu in montagna pe' sarväte a pelle, belinon"

BEPPE       :- (stupito) "E coscì.. m'han mincionnòu.."

POLDO      :- "E son arrestae mincionnae!" (con tono sommesso, guardando in alto) "Segnò, perdonnaeme.."

SCENA XI

(Beppe – Poldo – Rosetta)

ROSETTA  :- (entra da sinistra) "Ciao stellin.. Ti parli da solo? Ti stae ben?"

BEPPE       :- (imbarazzato) "Da solo?.. Perché.. ti veddi quarchedûn ätro?"

ROSETTA  :- "Te veddo ti.. ma te sentivo parlà e son vegnûo a vedde chi gh'éa"

POLDO      :- (a Beppe) "Te l'ho dïto che ti me veddi e senti solo tì"

ROSETTA  :- (gattona) "Amô.. avieiva da domandäte 'na cösa"

BEPPE       :- "Tûtto quello che ti veu mae cä-a Rosetta"

ROSETTA  :- "Oua che frequentemmo gente in sciû.. che semmo ricchi.. vorrieiva stûdià l'ingleise.."

BEPPE       :- "T'orriesci andà a scheua ä teu etae? Te piggieivan in gïo"

ROSETTA  :- "Ma stieiva in casa.. Te spiego.. A nostra donna de servizio a conosce 'n professò che o porrieiva vegnì in casa a damme de lessioìn.."

POLDO      :- "Attento Giuseppe.. attento ai fulmini!"

ROSETTA  :- "Ma.. dovve t'ammìi?.."

BEPPE       :- "Dovv'ammïo?.. Ma ammïo ti"

ROSETTA  :- "Cöse ti ne dixi, amô?"

BEPPE       :- "Diggo che.. l'idéa a porrieiva ësse anche bonn-a.. però, piggio lessioìn d'ingleise mi ascì insemme a tì!"

ROSETTA  :- (che c'è rimasta un po' male) "Ma tûtti duì no me parrieiva o cäxo"

BEPP          :- "L'è o cäxo e comme… I fûrmini cazzan de longo e no vorrieiva che t'accapitesse quarche desgrassia anche a tì"

ROSETTA  :- "No t'accapiscio"

BEPPE       :- "M'accapiscio da mi.. vegni de de là, in ta stanzia con i binoccoli, che te spiego.." (dà un'occhiata allo zio facendogli un cenno d'intesa, ed escono a sinistra)

POLDO      :- "Mëgio tardi che mai" (si odono tuoni e fulmini mentre il sipario si chiude)

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno