Un furfante, due cretini e il conte zio

Stampa questo copione

Q U E L L I D E L P I A N O D I S O P R A ”

A S S O C I A Z I O N E C U L T U R A L E

PRESENTANO:

UN FURFANTE, DUE CRETINI E ILCONTE ZIO

di

CLAUDIO NATILI

&

CARLO GIUSTINI

Personaggi ed Interpreti:

Mario :

Claudio Natili

Orazio :

Pascal Dell’Anno

Santo :

Marcello Galletti

Walter :

Rocco Aversano

Liviana :

Lina Vollaro

Filippo :

Salvatore Aita

Fresia :

Giorgia Ianniccheri

Giacomo :

Roberto Capitani

Teresa :

Pina Rossetti

Cassio :

Gabriele Mara

Conte Zio :

Silvano Antenucci

Cipressa :

Rossella Carducci

Il Furfante :

???

Contessa Elena :

Antonella Romeo

Aureliano Colonia :

Rino D’Aniello

Ispettore :

Salvatore Lambasi

Scenografie :

A. Di Filippo

Dir. Di scena :

G. Sardella

Macchinista :

M. Dalog

Fonico :

F. M. Forzato

Coreografie :

M. Pietrucci

Costumi :

Al Carnevale di Giusy

Aiuto costumista :

R. Pucci

Org.ne e ottimizzazione :

G. Galli – M. D’Alessandro

COMMEDIA GIALLO-COMICA IN TRE ATTI SCRITTA da:

CLAUDIO NATILI E CARLO GIUSTINI

REGIA di:

CLAUDIO NATILI

© Copyright by Claudio Natili

Tel.Fax 06- 4503337

Cell. 339-6473425

E-mail: claudionatili@hotmail.com


36

I° ATTO

MARIO:

Orazio…Fa’

1827QUATTRO TUONI

piano…possibile che ogni volta che annamo a rubà te metti le scarpe

che scricchiolano?1→16SOLO QUANDO SI MUOVE ORAZIO

ORAZIO

A Mario e che ne sapevo io…è la prima volta che me le metto.

MARIO

So’ nove?

ORAZIO

(SI GUARDA LE SCARPE) No…so’ due!

MARIO

Cretino, lo so che so’ due…io volevo di’ de sta attento a nun fa scricchiolà le

scarpe.

ORAZIO:

nun so’ le scarpe, Mario…so’ le dita dei piedi…soffro d’artride…

MARIO

Tu  non  soffri  d’artride…tu  fai  soffrì  l’artri…e  guarda  caso,  l’artri,  nello

specifico, sarei io. Daje viè avanti e…fa’ piano.

ORAZIO FA DEGLI ALTRI PASSI MA LE SCARPE SCRICCHIOLANO ANCORA

MARIO LO GUARDA SCONSOLATO

MARIO

(SPAZIENTITOT’ho detto de fa piano!!!

ORAZIO

A Mario…se vado avanti scricchiolo…se vado indietro scricchiolo… ma che è

corpa mia?

MARIO

Se ce scopreno e me fai annà in galera, ricordate che questa è l’ultima volta che

te porto co’ me.

ORAZIO

Mejo così, perché se vai in galera armeno ce vai da solo!

MARIO

Pure lo spiritoso…daje ‘namo…e m’ariccomanno….piano!

ORAZIO

E come faccio?!…Più piano de così!…’N’idea!…Lo sai che famo?…Te monto a

cavacecio.

MARIO

Ah…due ladri che vanno a rubà…uno a cavacecio all’altro!?… Bell’idea!

(CON RABBIA)…Uhhmm…non te meno pe’ nun fa caciara.

ORAZIO

(RIFERENDOSI ALLA CARTINA) Tu ce capisci qualche cosa?

MARIO:

E me pare!…Io prima de venì qui, ho studiato er piano che te credi.

ORAZIO

E così tu ce capisci perché hai studiato er piano!?

MARIO:

Certo!


ORAZIO :  Allora te credo che io non ce capisco niente…ho studiato er sassofono!?


MARIO:


Ma no er piano quello che sona, a deficiente, ma er piano de quello che dovemo fa.


ORAZIO:


Senti a Mario!?…Già che stamo a parlà de strumenti musicali, tu la sai la differenza che passa tra il pianoforte e la tromba?


MARIO:


E già…mo ce manca pure che se mettemo a fa’ l’indovinelli…te ricordo che qui semo venuti a rubà!


ORAZIO:


Questo lo so, ma dimme…che differenza passa tra er pianoforte e la tromba?


MARIO:


Non lo so!


ORAZIO:


T’o dico io…che er pianoforte lo pòi sonà piano piano, ma la tromba mica la pòi sonà tromba tromba!


MARIO:


Che devo fa?…Devo ride?


ORAZIO:


(RIFERENDOSI AGLI SPETTATORI)


E che ne so…l’artri hanno riso!?


MARIO:


Lo credo…so’ tutti parenti tua!?…Quanto sei ignorante!


ORAZIO:


Io ignorante?…Perché…tu…che scole avresti fatto?


MARIO:


A me me mancava un anno…pe’ fa’ cinque volte che ripetevo er primo geometra…poi purtroppo ho dovuto smette de ripete perché…studia… studia…ho preso la miopia.


ORAZIO


Pe’ me hai fatto male. Io se avessi studiato, invece della miopia, avrei preso medicina


MARIO


Cretino!…Ma che la miopia è ‘na laurea?….La miopia è…è…


ORAZIO


(CHE PENDE DALLE SUE LABBRA) è….che d’è?


MARIO


E così, tu…non hai mai visto un miope.


ORAZIO


Un miope?


MARIO


Eh!


ORAZIO


Come nun l’ho mai visto?!…Ci avevo ‘n amico che se annavi a casa sua…li miopiii…così!…Ci aveva ‘na stanza piena de….cosi lì….


MARIO


(BENEVOLMENTE CON PAZIENZA) de miopi!?


ORAZIO


Eh!…Tutti co’ ‘ste zampe…che camminavano…


MARIO


Sì…’na specie de bagarozzi.


ORAZIO


Eh!


MARIO


…Senti Orazio…te lo ripeto…nun me combina’ guai che se qui ce va bene, è la volta che se sistemamo pe’ tutta la vita. La persona che ci ha ingaggiato è n’aristocratico pieno de sordi. Dovemo esse’ sverti e furbi.


ORAZIO:


Pe’ esse svelto non ce so’ problemi, e in quanto a furbo…a Mario...‘n do’ lo trovi un cervello come er mio?


MARIO


Infatti è proprio quello che me preoccupa …è che er cervello tuo non se trova…manco coi cani da tartufo.


ORAZIO


Dimme, dimme…che dovemo fa?


MARIO:


‘Na cosa semplice...Dovemo eseguire gli ordini che di volta in volta “lui” ci darà, così che poi…possiamo lavorà come ce pare.


ORAZIO


Lavorà?!…A Mario?!…Ma io nun ho mai lavorato in vita mia!?


MARIO


E perché io?…Ma non intendevo quello!…Volevo dì che la persona che ci ha dato quest’incarico…m’ha detto che in questo palazzo ce sta nascosto il tesoro di un suo antenato…


ORAZIO:


E chi sarebbe…sta persona?


MARIO:


E’ un nobile che ho conosciuto da Augusto l’anticario.


ORAZIO


Ah, er dentista!?


MARIO


Ma no…l’anticario…quello che venne i mobili antichi.


ORAZIO


A Mario, io er negozio der sor Augusto lo conosco e sopra ce sta scritto Antiquario.


MARIO


E perché se so’ sbajati….antiquario se venneva i mobili antiqui, ma lui venne mobili antichi, quindi…anticario!…Ma ripijamo er discorso de prima…dicevo che ‘st’aristocratico che ci ha ingaggiato, pe’ nun fasse riconosce manco da me, s’è presentato co ‘n cappuccio bianco in testa, tipo quelli che se metteno quei razzisti americani, quelli del clan…del clan…


ORAZIO


Ho capito!…Del clan del Cus-cus…


MARIO


Sì…e d’a maionese!…del Ku-Kus Clan…Beh, ‘sta persona mi ha detto che pe’ trovà er tesoro, pe’ prima cosa dovemo scoprì un passaggio segreto e che pe’


accede a ‘sto passaggio segreto se deve…spinge un pulsante che sta dietro a

un…putto… (SPUTA NELLOCCHIO DIORAZIO)

ORAZIO

(IMPRECA) Puttana.

MARIO

No…quella è la sorella!…Er putto è ‘na specie d’angioletto.

Eccolo lì. (MARIO SPINGE IL PULSANTE DIETRO LA STATUETTA)

ORAZIO:

3→9

MARIO

Ecco er passaggio segreto. (DOPO AVER APERTO,TRASALENDO) Porca Eva!

ORAZIO

Ch’è arivata mi’ sorella? ‘N do sta’?! (CHIAMA) Eva…Eva…

MARIO

Hai visto Orazio!?…Co’ ‘no schizzetto se apre e.…

(MARIO  RICHIUDE  IL  PASSAGGIO  SEGRETO)

3→9

…co’  ‘no  schizzetto  se

richiude…Orazio…Orazio, Dove ti sei cacciato? Te sembra questo il momento

de gioca’ a nascondino. Orazio?...

(MARIO SENTE BUSSARE SULLA PARETE)Avanti!?

ORAZIO

(VOCE TRATTENUTA- VFS) Come faccio…Avanti ci ho er muro?!

(MARIO BUSSA ANCHE LUI ALLA PARETE DUE VOLTE)

ORAZIO

Avanti!?

MARIO

Ah…Ma sei tu?

ORAZIO:

(DALLALTRA PARTE DELLA PARETE) No…è tu’ nonno! Certo che so’ io!

MARIO:

E che ce fai la’ dietro?

ORAZIO:

Ma che ce fai te, là davanti!…(PREOCCUPATO E A VOCE ALTA) Apreme!

MARIO:          Ah sì…te apro subito!  3→9 (SPINGE IL PULSANTE) Co’ ‘no schizzetto se apre…

( MARIO CURIOSO ENTRA NEL PASSAGGIO)

ORAZIO

Co’ ‘no schizzetto se richiude. (ORAZIO SPINGE IL PULSANTE. IL CAMINO SI RICHIUDE)

3→9

Mario?!…Mario?!…’N do’ stai!

MARIO

Deficiente!…Sto ner passaggio segreto. Forza, mo lo sai come se apre no?

ORAZIO

Sì lo so, ma nun lo devo sapè!

MARIO

E perché?

ORAZIO

Perché se er passaggio è segreto, deve rimanè segreto, sennò che segreto è!?

MARIO (VFS): Ma famme uscì a disgraziato…spigni quel pulsante.…sbrigate.


(SUONANO ALLA PORTA)

ORAZIO          Aspetta un attimo…hanno suonato alla porta…vado a’prì…mò ritorno

MARIO (VFS): A scemo ‘n do’ vai!…Che te sei scordato che sei un ladro?

V.F.C. SANTO   Arrivo!…Un minuto!

ORAZIO          Oddio so’ un ladro… 4→13TUONO + COCCI - FINO ALLA FINE

(UN TUONO,UN FULMINE,E VA VIA LA LUCE)

Mannaggia e annata via pure la luce…guarda te che scalogna!…Mamma mia che capocciata!…E mò ‘n do’ me metto?!

ENTRA SANTO  5→14ENTRATA SANTO 2 VOLTE - COMPLETO

SANTO:

6→36

(VA AD APRIRE ENTRANDO)

Buona

sera signora Liviana…ben arrivata! Signor Walter?!

(ENTRANOLIVIANA EWALTER)  Prego accomodatevi.

WALTER

(UN TIPO ELEGANTE CON ACCENTO FRANCESE) Mamma che buio! Buonasera Santo!

LIVIANA

(LIVIANA ELEGANTISSIMA, INFORCA OCCHIALI DA VISTA SPESSI UN DITO) Tutti bene?

SANTO

Tutti bene grazie! …In questa zona quando c’è il temporale, la luce va e viene.

Fate attenzione a dove mettete i piedi…i topi non fanno altro che far cadere

oggetti. Date pure a me gli impermeabili.

WALTER

Tempo da lupi. (MENTRESANTO AIUTAWALTER A TOGLIERSI LIMPERMEABILE ZUPPO DI

PIOGGIA, TORNA LA LUCE)Oh…finalmente un po’ di luce

LIVIANA:

(ALLARMATURA) Grazie Santo. Il Conte Zio dov’è?

SANTO:

In camera sua…scenderà quando saranno arrivati gli altri. Voi siete i primi.

WALTER:

(SOTTOVOCE ALLA MOGLIE) Te lo avevo detto di aspettare ancora. Non mi va di fare

sempre la figura del fesso

LIVIANA:      Non credevo di essere la prima e poi non preoccuparti per la tua figura. Tu fesso lo sei per costituzione.

SANTO:           Accendo il fuoco, così potrete scaldarvi un po’. (ACCENDENDO IL CAMINO)

Non fate caso se c’è disordine…ritratti, cornici un po’ dappertutto…il Conte Zio…vuole che non si tocchi nulla. Oltre agli studi sui suoi antenati, da un po’ di tempo gli è presa la passione per il restauro…

WALTER       Ed è anche bravo devo dire. Guarda quel ritratto, Liviana, che espressione austera…quel gioco di luci e ombre gli dà un’aria… come…come…insomma gli dà un’aria. Non ti sembra, cara?


LIVIANA

(AVVICINANDOSI CON IL VISO A QUELLO DIORAZIO QUASI A TOCCARLO) A me più che

un’espressione austera, mi sembra un’espressione cretina. Santo…ma che ci

piove in questa stanza?

SANTO

Non saprei…ma venite!…Accomodatevi vicino al camino.

LIVIANA:

Grazie! (LIVIANA EWALTER SI AVVICINANO AL CAMINO)

WALTER

Brrr…che freddo!

LIVIANA:

Scusami Santo…tu sai il motivo di questa riunione di famiglia?

SANTO:

No signora Liviana…il Conte Zio non ha l’abitudine di parlare con la servitù.

LIVIANA:

E va bene…aspetteremo gli altri.

SANTO:

I suoi parenti arriveranno da qui a poco. Vado intanto a sistemare alcune cose. I

lor signori vogliano scusarmi (DOPO UN LEGGERO INCHINO ESCE)

7→6

WALTER:     Quel maggiordomo mi fa sempre una certa impressione. Ha un non so che di funereo.

LIVIANA        Non dire stupidaggini. Forse dall’aspetto puoi anche avere ragione ma il nome che porta, mitiga la sua figura…si chiama Santo!

WALTER:     Lo so…e so anche il suo cognome…Campo. Pensa che bello: Campo Santo…E non è finita qua…Con chi si va a sposare? Con una donna che si chiama Cipressa…Una coppia che è tutto un programma!

LIVIANA:      Finiscila…cosa mi vuoi dire…che quando avranno un figlio lo chiameranno loculo?

WALTER:     Senti amoruccio…io di qui me ne andrei subito…E’ tutto così lugubre …poi quell’armatura, non ti dico ogni volta che la guardo che impressione mi fa….

LIVIANA:      Ma no caro…non devi aver paura…quella era del mio avo Aureliano Colonia

WALTER:     Lo so…ma è come se ci stesse sempre guardando.

LIVIANA:      E già…ora anche le armature di quattro secoli fa per te hanno gli occhi...e magari tra non molto la vedremo anche camminare.

WALTER:     Se ne sentono tante sui vecchi castelli che la cosa non mi meraviglierebbe affatto. Cara…ho paura…E poi quell’autoritratto della Contessa Elena sua moglie…solo a guardarlo mi fa venire i brividi sembra quasi viva. Brrr…non so se sia il freddo o la paura.


LIVIANA:

Ora anche i quadri ti sembrano “quasi vivi”? E poi non possiamo andare via.

Siamo pieni di debiti e i soldi del Conte Zio ci servono. Anzi cerca di stargli

vicino, interessati alla sua salute…insomma circuiscilo. Il Conte Zio non sa

neanche che questo nostro avo aveva i baffi…dovrò dirglielo…ho trovato alcune

note sulla genealogia di famiglia. Così va decisamente meglio…

LIVIANA:

(ALLARMATURA) Walter…Lo zio Aureliano mi ha schiaffeggiato!

WALTER:

Ma…ma cosa dici mai…cara…

LIVIANA:

E’ vero…qui…sul collo.

WALTER:

Ma come può schiaffeggiarti un avo che è morto…che è morto?!… (TREMANTE)

E’  morto,  oh  Dio  mio  cara…dimmi  piuttosto  che  hai  sbattuto  il  viso

sull’armatura e ti è sembrato di aver preso uno schiaffo…

LIVIANA:

No…non è così…lo saprò riconoscere uno schiaffo.

(SUONANO ALLA PORTA ED ENTRASANTO PER ANDARE AD APRIRE)

WALTER

Santo…ma ci sono i fantasmi dentro questa casa?

Certo signore…non lo sapeva? (ESCE PER APRIRE)

SANTO:

7→6

WALTER:     Hai sentito Liviana?…Che ti dicevo?    Ti prego…andiamocene… ho un brutto

presentimento

LIVIANA:

No caro….Oramai siamo in ballo e dobbiamo ballare.

WALTER

Più ballo di questo?!…Non riesco a fermare le gambe!?

6→36

SANTO

(RIENTRANDO) Prego signor Filippo…si accomodi. E’ già arrivata sua cugina

Liviana con il marito.

FILIPPO:

Grazie. Sembra che oggi le cateratte del cielo si siano aperte tutte su   Roma.

Cugina Liviana che piacere rivederti dopo tanto tempo!…Non invecchi mai!

LIVIANA:

(CIVETTUOLAQuanti anni mi dai?

FILIPPO

Perché non ti bastano quelli che hai?

LIVIANA

Sempre gentile!…Cafone!

FILIPPO:

Walter che fai? Ora non si saluta più? E già, stai invecchiando anche tu!

WALTER:

Io, invecchiato? Direi spaventato…Qui ci sono i fantasmi!

FILIPPO:

Fantasmi?…Che fantasmi!

LIVIANA:

Niente...niente…Si è fatto suggestionare dall’ambiente…


FILIPPO:

Sempre il solito fifone, eh?

LIVIANA

Sei così pauroso che ti fai sempre prendere in giro.

FILIPPO

Ma cosa fa tua moglie?…Parla con i quadri?

WALTER

No è…che è talmente affezionata ai suoi avi che pensa sempre che siano ancora

vivi.

FILIPPO

La solita romantica. Ah, dimenticavo…voglio presentarvi una mia amica. (A

FRESIA)Vieni cara ti presento mia cugina Liviana con il suo timoroso consorte

Walter.

FRESIA:

(PARLA CON VOCE STRIDULA) Piacere…io mi chiamo Fresia

LIVIANA:

Piacere cara…spero che la sua come dire…”amicizia” con Filippo, lo aiuti a

crescere un po’.

FRESIA:

Ma Filippo non è mica un bambino…è più grande di me..

LIVIANA:

Intendevo…di aiutarlo a fargli mettere la testa a posto.

FRESIA:

(RIDENDO STUPIDAMENTE) Ah, ah, ah…Perché…dove ce l’ha la testa?

SANTO

(PASSANDO VICINO A FRESIA) Io?…Sempre sul collo signora! (ESCE)

LIVIANA

(AWALTER) Ma dove l’ha trovata ‘sta cretina!

6→36

SANTO:

(RIENTRANDOPrego signor Giacomo

GIACOMO: Mamma mia che tempaccio. Ciao Liviana…ciao Filippo…che piacere! CaraLiviana…sempre più giovane eh? Ti ricordi di mia moglie Teresa?

LIVIANA:

Come potrei dimenticarla? (RIVOLTA AFRESIA)  Ciao Teresa…

FRESIA

Veramente io…

TERESA:

Ciao Liviana (AIUTANDOLA A GIRARSI DALLA SUA PARTE) eccomi qua!…Ma che bel

vestito, dove lo hai comprato?

LIVIANA:

Vero?…L’ho comprato in una boutique a via Condotti…

TERESA:

Ah si?…Pensa..ne ho visto uno uguale ai Grandi Magazzini.

6→36

CASSIO:

Buona sera a tutti.

GIACOMO: Bene…vedo che ora siamo proprio tutti:

SANTO:

Accomodatevi pure…Il Conte Zio arrivera’ subito

76

(ESCE)


GIACOMO: Chi di voi sa il motivo di questa riunione di famiglia?

LIVIANA:

Io no…L’ho chiesto anche a Santo, ma pure lui è all’oscuro di tutto

FILIPPO:

Beh…vuol dire che lo chiederemo direttamente al Conte Zio.

10→7

WALTER

Ecco fatto…nuovamente senza luce

SANTO:

(ENTRASANTO)Signori!?  Il Conte Zio!

8→33

WALTER:

Mamma mia…tuo zio è la reincarnazione del Conte Dracula.

LIVIANA:

Finiscila di fare il cretino!

CONTE:

Santo…nei corridoi accendi le lampade a gas…Non vorrei che i miei cari parenti

si spaventino più del dovuto…

SANTO:           Bene signor Conte…vado subito. 7→6 (DOPO UN INCHINO ESCE)

CONTE:           E tu Cipressa…porta qualcosa da bere ai signori.

CIPRESSA: Come desidera signor Conte

CONTE:           So che vi state chiedendo il motivo di questa riunione di famiglia

GIACOMO: Ecco…Zio…è proprio ciò che stavo dicendo agli altri…

CONTE:           Il motivo e semplice. Vi ho riunito perché ho deciso di dettare il mio testamento al notaio e donare ad uno di voi ed a “uno” soltanto….tutti i miei averi. Questo

perché non voglio che dividendo in tanti lasciti i miei beni, il mio patrimonio vada disperso. (MORMORIO DEI PARENTI) Silenzio!…Ora…io, non ho il piacere di conoscervi profondamente, perché la vostra vita vi ha portato sempre lontano da me, ma in questi due giorni che rimarrete miei ospiti…avrò modo di capire chi di voi è degno di ereditare la mia fortuna.

TERESA:        Due giorni?! Dovremo rimanere tuoi ospiti per due giorni?

CONTE:           Chi vuole può anche andar via…nessuno lo trattiene. Ma sappiate che, così facendo, rinuncerà per sempre all’eredità.

FILIPPO:         Conte Zio…essere tuo ospite sarà un vero piacere.

GIACOMO: Il problema è che dovrò avvertire che per due giorni non potrò badare ai mieiaffari.

WALTER:     Oh insomma…se è soltanto per due giorni…io ci sto!

CASSIO:          Io pure!


CONTE:

E…gli altri? Bene. Un’altra cosa.….Due mesi fa…ho incaricato un investigatore

privato, di trovare  i figli di mio fratello che emigrò in America alla fine del

secolo scorso. So soltanto che si chiamano Boby e Caroline, ma a tutt’oggi

ancora non sono riuscito a trovarli. Se entro domani non arriveranno, anche loro

non avranno più diritto all’eredità. Ho fatto preparare da Cipressa la vostre

stanze.  Avrete  tutto  ciò  che  occorre  per  trascorrere  tranquillamente  due

giorni…dopo di che, vi renderò nota la mia decisione. Cipressa, hai finito?

CIPRESSA

Sì signor Conte!

CONTE:

Quando volete ritiratevi nelle vostre stanze. Noi ci vedremo domani.

LIVIANA:

Ma zio…non ci fai compagnia?

CONTE:

No grazie…sono stanco ed ho bisogno di riposare…Cipressa?!

CIPRESSA:

Signor Conte?!

CONTE:

Accompagnami in camera mia.

8→33

Buona notte e…a domani!

GIACOMO: Voi che ne pensate?

FILIPPO:

Personalmente non sono d’accordo. Visto che siamo gli unici eredi avrei

preferito dividere l’eredità in parti uguali.

LIVIANA:

Perché in parti uguali? Sono stata l’unica nipote a stare vicino allo zio in tutti

questi anni e quindi la fetta maggiore sarebbe dovuta toccare a me.

TERESA:

Finalmente l’hai confessato. Lo dicevo io che le tue continue visite allo zio

avevano un unico scopo.

LIVIANA:

Tu stai zitta! Non hai nessun diritto di intrometterti nelle cose di famiglia.

TERESA:

Questo lo dici tu…Sono la moglie di Giacomo ed ho tutto il diritto di intervenire.

Gli sei stata vicino proprio per accaparrarti l’eredità, ma hai sbagliato indirizzo!

LIVIANA

Volevi farci le “scarpe” eh?

Ah, ah, ah!

FRESIA

Signor Giacomo se le serve l’indirizzo di un buon calzaturificio, la posso aiutare

io…comunque…se avesse ancora intenzione di regalarle a tutti, la informo che io

calzo il trentasei.

GIACOMO Ma in quale reparto psichiatrico hai raccattato ‘st’ochetta da cortile…

TERESA

(INTERROMPENDOLO) Giacomo…lascia stare…non vale la pena.

GIACOMO   Hai ragione amore…scusami…Allora dicevamo, cara Liviana, che il tuo “finto interessamento” per la salute dello Zio, era solo per accaparrarti l’eredità…


TERESA          Ma fortunatamente il Conte Zio ha interpretato bene la tua disponibilità nei suoi confronti…

FILIPPO:         Tu è meglio che taci. So benissimo dei tuoi regalucci accompagnati da bigliettini pieni d’affetto nei suoi confronti. Chiamala come vuoi ma questa è ipocrisia bella e buona.

GIACOMO: Chi ti ha detto questa sciocchezza?


FILIPPO:


Sciocchezza?! Ho i miei informatori!


TERESA:


(ACASSIO) E tu non dici niente?


CASSIO:


(TIMIDAMENTE) Io mi rimetto alla decisione dello zio.


FILIPPO:


Il più giovane è diventato il saggio della famiglia. Cassio ha ragione… non serve a nulla bisticciare tra noi…. In questi due giorni il Conte Zio deciderà a chi donare l’intero patrimonio ed io farò di tutto per accaparrarmi la sua stima e la sua fiducia.


GIACOMO: Giusto! …Che si apra tra noi una sleale guerra senza quartiere.

CIPRESSA: (ENTRA)Le vostre stanze sono pronte!

FILIPPO:         Grazie Cipressa. (ALZANDOSI DA TAVOLA) Io e Fresia ci ritiriamo… Domani ci aspetta una lunga giornata. Vieni cara!

FRESIA:          Ma io non ho sonno

FILIPPO:         Su…andiamo. I convenevoli con loro sono terminati. Da domani, come ha detto Giacomo, guerra senza quartiere. (ESCONO)

DOPO CHE FILIPPO E FRESIA SONO USCITI 1122   PASSI FORTE

GIACOMO (URLA)Chi è là! (SILENZIO)

CIPRESSA    Questo è lo spirito del vostro avo Aureliano che aleggia in questa casa

LIVIANA        Una curiosità Cipressa….sai per caso se questo avo “aleggiante” era goloso?

CIPRESSA    Credo proprio di no!…Era un uomo probo e rifiutava i piaceri della carne!

LIVIANA        Sì, ma io e di torta che volevo parlare!

WALTER       Amoruccio bello…perché non rinunciamo e andiamo via?

LIVIANA:      Invece di fare il cretino faresti meglio a scoprire chi si diverte a mangiare le mie

fette di torta e non ad aver paura dei…fantasmi! I fantasmi non esistono.

(SANTO ENTRA E SI PONE DIETROWALTER)


WALTER:     E secondo te…cos’erano quei rumori? 12→11

LIVIANA:      Sarà stato lo zio che ha mosso qualcosa in camera sua!

GIACOMO: Ma come fai ad essere così fifone? Ha ragione tua moglie…i fantasmi non

esistono!

SANTO:

Io (WALTER URLA) non ne sarei così sicuro! (WALTER SI GIRA DI SCATTO)

WALTER:

(SPAVENTATISSIMOAaaah! Mi vuoi far prendere un infarto?

SANTO:

Mi spiace averla spaventata. Volevo avvertirvi che con questo  temporale  c’è

pericolo che  la  luce venga ancora a mancare. Se volete trattenervi ancora, vi

porto i moccoli!

CASSIO:

I moccoli!?

CIPRESSA: Mio marito voleva dire…le candele.

WALTER:  Bene…è arrivato il momento che anche noi ci ritiriamo in camera.

GIACOMO: Anch’io…seguirò il vostro consiglio… (ALLA MOGLIE)Andiamo cara!

TERESA:

Andiamo. A domani cara Liviana.

CIPRESSA

Vi accompagno e che la notte vi sia propizia! (ESCE CONGIACOMO ETERESA)

LIVIANA:

Che voleva dire quella strega?

WALTER:

E che ne so…questa mi sembra una gabbia di matti!

LIVIANA:

E tu Cassio che fai? Ti trattieni o vai a dormire?

CASSIO:

Andrò a dormire anch’io. Santo posso avere un moc…una candela? Se io non

leggo almeno un po’, non riesco e prender sonno.

SANTO:

Certo signore…gliela porterò io stesso in camera sua. Prego vi accompagno nelle

vostre stanze.

5→14

(TUTTI ESCONO)

ORAZIO ESCE DAL QUADRO, SPINGE IL PULSANTE 39

MARIO:           Ahhh!…Gli indiani!

ORAZIO          Mario…so’ io!…Orazio!

MARIO             Ma come ti sei conciato…

ORAZIO          E’ stata quella cecata della nipote di Aureliano Colonia.


MARIO             Se ne so’ andati tutti!…Richiudemo.    3→9

ORAZIO:        Hai sentito che gente?

MARIO             E’ proprio vero “Parenti Serpenti”…Uno peggio de ‘n antro.

ORAZIO          Noi almeno rubiamo per necessità, ma loro te fregano per abitudine. E pensà che non ho mai voluto ascoltà quello che me diceva mi’ padre!

MARIO             E che te diceva tu’ padre?

ORAZIO          E che ne so…nun l’ho mai voluto ascoltà!?…E invece è la pora mi madre che ci aveva ragione…Sta attento a li ricchi...me diceva.

MARIO:           Perché “pora tu’ madre”…E’ morta?

ORAZIO:        No…sta a Quin in the sky.

MARIO             Ah…sta a Londra!?

ORAZIO          No Quin in the sky…Regina Coeli. Nun vedo l’ora che esce de galera pe’ rivedella!

MARIO:           Se non fai come dico io non la rivedrai mai, perché quanno esce lei…in quin in the sky…c’entri tu! Beh, mò non ce pensamo più e cerchiamo di capire dove sta la stanza del tesoro. (TIRA FUORI LA CARTINA)

APPARE BELFAGOR  1327

ORAZIO:     (BALBETTANDO) Ma…ma…rio!

MARIO:           Che c’è…che t’ha preso, ma se po’ sape’ che ci hai?…Ora’… Oraaa…

ORAZIO:        (FACENDOSI IL SEGNO DELLA CROCE)…pro nobis! (SI NASCONDE SOTTO IL TAVOLO)

MARIO:           Ma che ci hai? Che hai visto?

ORAZIO:        ..Die...tro  de te…c’è il di…di il di…di il da…da…da..da

MARIO:               Dadaumpa…dadaumpa! Ma che se mettemo a ballà?

ORAZIO:            Dietro de te c’è il diavolo!

MARIO:           Nun voijo anna’ all’inferno…So’ un ladro…onesto.

BELFAGOR Tacete e non vi sarà fatto alcun male. Tu…esci fuori da sotto il tavolo. ORAZIO: Noooo…a me nun me freghi!


BELFAGOR  Esci ho detto…voi due mi servite vivi!


MARIO: ORAZIO: BELFAGOR ORAZIO: BELFAGOR SANTO: BELFAGOR SANTO: BELFAGOR SANTO: ORAZIO: MARIO:


Orazio esci fori…nun lo fa’ arrabbia’ senno’ er diavolo me brustolisce tra le

fiamme.

E che sarà mai…pe’ ‘na volta te puoi pure sacrificà pe’ ‘n amico, no!?

Esci…e non ti torcerò un capello….te lo giuro.

Vabbe’….esco! Guarda che hai giurato, eh? E chi rompe er giuramento nun è fijo

de Maria e va dritto all’inferno! (ORAZIO ESCE)

Ah, ah, ah…non farei altro che tornare a casa mia! (AMARIO) E tu, forza!

Mettiti accanto a lui! Santo…vieni qui!

(ENTRA) Eccomi maestro!

Queste sono le due persone di cui ti avevo parlato!

Ma sono due ladri…Io non mi fiderei molto!

Due ladri dici, Santo?…Pretendevi forse due cherubini?

No, maestro, ma due votati alla causa. Voi siete votati?

Eeeee…’na vorta m’hanno votato pure pe’ capo classe!

Scusi sor Diavolo ma…pe’ chi dovemo votà?


BELFAGOR        Siete proprio due cretini. In questo mondo alla sbando noi auspichiamo

l’avvento del… MALE!!!

10→7

Tu, vuoi essere mio discepolo?

ORAZIO:

Passaparola!

MARIO:

Ci avemo ‘n artra alternativa?

SANTO:

Nessuna alternativa!

MARIO:

Allora bona la prima!

BELFAGOR

L’accendiamo?

MARIO:

No…Cambiamo il pacco!!!

ORAZIO:

…Parla pe’ te…Io ce voijo pensa’ bene…Ci ho pensato…accetto pur’io!

MARIO:

Ma che dovemo fa?


BELFAGOR            Dovete aiutare Santo a liberarmi delle persone che vivono in questo palazzo, soltanto così potrò impadronirmi del tesoro nascosto nel luogo che solo io conosco. Siete dunque disposti?

MARIO:           Io so’ disposto!

ORAZIO:        Io so’ indisposto…potrei… (SEGNO DELLE DUE DITA DI CHI VUOLE ANDARE AL BAGNO)

BELFAGOR        No!…Dovete aiutare a trasportare il corpo dell’uomo che sta dietro la porta e nasconderlo nel passaggio segreto…

MARIO:           Corpo?!…Che corpo?

SANTO:           Non fate domande…Voi dovete soltanto ubbidire!

ORAZIO:        Io ci ho paura dei morti!

BELFAGOR Silenzio!…E poi chi ha detto che è morto? SANTO: Si è semplicemente addormentato per la causa!

MARIO:           Io pure ‘na volta a ‘na causa me so’ addormentato…quanno me so’ svejato m’avevano dato dieci anni.

BELFAGOR:      Un’altra cosa. (RIVOLTO ADORAZIO) Tu!…So che hai una sorella…e ho bisogno anche di lei…dovrà sottostare a me!

ORAZIO:        Sottostare?….Ma mi sorella è brutta…prenda la cugina de Mario… vedesse

quant’è bbona.

MARIO:           Se ha detto che a sottostà ce dev’esse tu’ sorella vordì che ce dev’esse tu’ sorella no? E’ talmente cozza che j’o fai piccolo er favore!?

BELFAGOR        Silenzio…che avete capito. Domani mattina tu e tua sorella prenderete l’identità di Bobby e Caroline, i nipoti americani del Conte, tanto nessuno li conosce personalmente. Potrete così muovervi liberamente per casa.(A MARIO) Tu invece continuerai a nasconderti nel passaggio segreto e a seguire le indicazioni che Santo di volta in volta ti darà. Avanti ora…prendete il corpo dell’uomo e nascondetelo

SANTO:

Venite con me! (SANTO, MARIO EORAZIO ESCONO)

BELFAGOR SPINGE IL PULSANTE

3→9

ESCE

ORAZIO:

Ma dov’è annato er diavolo?

MARIO:

Sarà tornato all’inferno!

WALTER:

(FUORI SCENA) Santo?…..Santo?….

14→18


SANTO:


Avanti…sta arrivando qualcuno. Mettete il corpo nell’armadio...lo riprenderemo dopo. Poi nascondetevi!


WALTER:


(ENTRA) Meno male che ti ho trovato…


SANTO:


Mi dica signore!


WALTER:


Posso avere un po’ d’acqua? La pasta al peperoncino era piuttosto piccante.


SANTO:


Aspetti…gliela vado a prendere…


WALTER:


Non mi lasci troppo tempo solo..


SANTO:


Non si preoccupi…al massimo avrà un’apparizione (TUONO. ESCE)


WALTER:     Che apparizione?…O mamma mia…Era meglio morire di sete che di paura.

Guarda qui che ambientino accogliente.

15→7

Oddio e adesso chi è?

Santo…dove sei…Santo… (ESCE)

MARIO:   Forza…dovemo leva’ quer cadavere!

14→18

SANTO:

(RIENTRANOWALTER ESANTO) Posso sapere cosa ha visto signore?

WALTER:

(TREMANTE) Ma te l’ho detto…Ho visto l’armadio che pendeva dal corpo del

braccio…cioè il braccio dell’armadio che pendeva dal corpo

SANTO:

Mi scusi signore…io non la capisco

WALTER:     Insomma ho visto il cadavere di un uomo nell’armadio. Vieni ti faccio vedere.

(MENTREWALTER STA PER APRIRE LARMADIOSANTO SFILA DALLA TASCA UN COLTELLO EMENTRE STA PER VIBRARE LA COLTELLATA)166Vuoto! Non c’è nessuno!

Eppure ti giuro…io il braccio sporgente l’ho visto.

SANTO:           Io non vedo niente signore…Sarà stata un’apparizione. Lei probabilmente è un sensitivo e vede ciò che agli altri non è permesso vedere. (TUONO)

WALTER:     Porca miseria…tutte a me capitano!

SANTO:           Questo è niente… (MINACCIOSO) Vedrà cose che le faranno drizzare i capelli. Buona notte signore….forse! 17→60LUNGO (RIDENDOSANTO ESCE.)

WALTER:     Mamma mia! Sono capitato in casa della famiglia Addams!

APPARE BELFAGOR

WALTER:     Ahhh!(ESCE)

BELFAGOR METTE LE FOTO NELL’ARMADIO ED ESCE


MARIO:           Daje…se ne dovemo anna’ de quà. Nascondiamo prima il corpo nel passaggio segreto e poi filiamo. Aoh, questo nun beve mai però piscia sempre. Bò!

V.F.C. FILIPPO    Chi è che ha urlato…Chi è che ha urlato.

ORAZIO:

Forza Mario…sbrigamose…

LIVIANA:

(ENTRA INSIEME A FILIPPO) Walter dove sei…perché hai urlato?

WALTER:

(ENTRANDO) Ho visto il diavolo….ho visto il diavolo!

FILIPPO:

Ma che diavolo dici!

CASSIO:

(V.F.S.) Chi è che urla…Che accade? (ENTRANO NEL SALONEFRESIA ECASSIO)

WALTER:

(SCONVOLTO)

L’ho visto ti dico…Ho visto il diavolo! Era qui …davanti a me.

Stava per uccidermi, ma ho fatto appena in tempo a fuggire.

CASSIO:

Adesso calmati e siediti.

FILIPPO

Vado a chiamare Santo e il Conte Zio, poi ci racconterai con calma ciò che hai

visto. (ESCE)

LIVIANA:

(ALLARMATURA) Guarda…se è uno scherzo…giuro che te la faccio pagare! …E

poi cosa fai lì impalato…vai o non vai a chiamare il Conte Zio?

CASSIO:

E’ andato cara…è andato. (AGLI ALTRI) Non credo sia uno scherzo…E’ troppo

sconvolto! (ENTRANOSANTO EFILIPPO)

FILIPPO:

Ora arriva anche il Conte Zio…Allora?..Ti sei calmato un po’?

SANTO:

Vado a prendere dell’acqua e ad accendere il generatore di corrente prima che

scenda il Conte. (ESCE)

FILIPPO:

Ora…vuoi raccontare con calma quello che è accaduto?

WALTER:     Avevo chiesto a Santo di andare a prendermi un bicchier d’acqua quando rimasto solo...all’improvviso…da quell’armadio vedo pendere un braccio. Fuggo impaurito…

LIVIANA:    (RIVOLTA ALLARMATURA) Che ti pare…La tua vita è fatta di fughe continue…

FRESIA            Ma perché quel pupazzo d’acciaio ogni tanto si mette a correre?

FILIPPO           Cara non sono cose che ti riguardano.

WALTER:     Ritornato con Santo…apriamo l’armadio e…

GLI ALTRI: E ???


WALTER:     E niente…vuoto! Ho pensato allora che forse…la penombra, mi avesse fatto

prendere lucciole per lanterne…

FRESIA

(INTERROMPENDOLO) E dove sono andate adesso?

LIVIANA

Ma chi?

FRESIA

Le lucciole e le lanterne.

FILIPPO

Niente cara…niente. E’ un modo di dire….continua Walter…

WALTER

…Santo nel frattempo, mi dà la buona notte  e mi lascia in un attimo solo.

All’improvviso, come dal nulla mi appare il diavolo in persona……

16→6

CONTE:

Il diavolo non è una persona e se lo avessi incontrato per davvero, non saresti

certo qui a raccontarlo. Voglio sapere chi hai visto.

WALTER:     Un uomo…tutto vestito di nero…proprio come te…però aveva in testa un

cappuccio nero con un velo che gli scendeva fin su le spalle.

CONTE:

Cipressa…puoi andare alla porta d’ingresso e vedere se è chiusa a chiave come

normalmente usiamo?

CIPRESSA: Certo signor Conte.

76

CONTE:

Se è come penso, quando Cipressa tornerà, ti dirò cosa hai visto

WALTER:

Ma zio…non mi credi?

CONTE:

Credo che tu abbia visto un uomo ma non quello che tu credi di aver visto!

FILIPPO:

Scusami zio, ma…non capisco! (CIPRESSA RIENTRA)

CIPRESSA:

Signor conte la porta d’ingresso non è chiusa a chiave.

CONTE:

Ho capito. Ora ne sono certo…tu hai visto un ladro penetrato in casa e quando lo

hai scoperto ha prima cercato di aggredirti e poi è fuggito.

TERESA

(ENTRANDO IN SCENA) Ah…siete tutti qui? E Giacomo dov’è?

FILIPPO:

Veramente Giacomo qui non c’è...Credevo fosse in camera con te!

TERESA:

Quando mi sono svegliata il letto era vuoto…Non è con voi?

CASSIO:

Io non l’ho visto.

WALTER:

Io nemmeno.

TERESA:

E allora dove può essere andato?


FRESIA:

Forse è andato a comprare del tabacco!

FILIPPO:

Come ti vengono in mente simili amenità? A mezzanotte e con il temporale che

impazza, Giacomo esce a comprare il tabacco.

CONTE:

A questo punto la sparizione di Giacomo ha un’unica soluzione.

TERESA:

Quale zio?

LIVIANA:

E’ fuggito dalla moglie per correre dall’amante!

TERESA:

Stai zitta strega!

LIVIANA

Ah, già…dimenticavo che gli amanti sono cosa tua.

CONTE:

Basta…finitela! Avete cominciato molto male questi due giorni. Un’altra parola

e vi cancello definitivamente dall’eredità…qui ci sono molte porte segrete e

trabocchetti addirittura sconosciuti anche a me. E’ probabile che Giacomo sia

caduto in uno di questi ed ora stia cercando di uscirne fuori. Vedrete che domani

sarà  di nuovo qui! Ora torno in camera mia…Vi consiglio di fare altrettanto.

Santo… Cipressa, lasciamoli soli. Buona notte!

7→6

(ESCE CONSANTO ECIPRESSA)

LIVIANA:

(RIVOLTA ATERESA) Se scopro che questa è tutta una macchinazione architettata da

te e da tuo marito per farci spaventare e fuggire da questa casa, lo dirò alla

zio…poi ve la vedrete con lui.

TERESA:

Come ti permetti di pensare ad una simile cosa? Mio marito è sparito …caduto in

chissa’ quale trabocchetto e tu ipotizzi una macchinazione? E’ proprio vero allora

che sei una strega!

FILIPPO:

Finitela tutte e due. Ha ragione lo zio… è da quando ci siamo visti che voi due

non avete fatto altro che beccarvi. Ora basta! Dobbiamo cercare Giacomo. Avanti

guardiamo dappertutto.

WALTER:  Ha ragione Filippo…cerchiamolo. Liviana…Filippo venite a vedere!

LIVIANA:

Che c’è…Che hai visto! (SI AVVICINANO TUTTI ALLARMADIO) Dio mio!

FILIPPO:

Che macabro scherzo è questo?

TERESA

Cielo…mio marito!

FRESIA

Qualcuna è stata pizzicata con l’amante.

LIVIANA

Ti prego Filippo…fai tacere la cretina.


TERESA:


Mamma mia…hanno ucciso il mio Giacomo!


FILIPPO:


Stai calma…non hanno ucciso nessuno. Vedi per caso il corpo di tuo marito? C’è soltanto la sua foto punto e basta. Io sono sempre più convinto che è tutto uno scherzo…


LIVIANA:


O una macchinazione…


CASSIO:


Forse ha ragione Liviana…Qualcuno di noi sta facendo del tutto per spaventarci.


FILIPPO:


Ma chi? Chi può essere?


CASSIO:


Tutti noi possiamo essere sospettati.


LIVIANA:


Domani mattina convincerò lo zio a chiamare la polizia!


TERESA:


Walter che stai pensando?


WALTER:     Non è una macchinazione…né tanto meno uno scherzo. Ho la sensazione che qualcosa di brutto ci stia per capitare…Qualcosa di demoniaco! 18→27

APPARE BELFAGOR

TUTTI                Ahhh!!!

FINE I° ATTO

SI CHIUDE IL SIPARIO – POI A SIPARIO CHIUSO 36


II° ATTO

WALTER:

(AFILIPPO) Potevi saltargli addosso e bloccarlo prima che sparisse!

FILIPPO:

Io!? Sei matto! Perché non l’hai fatto tu?

WALTER:

Volevo farlo, ma non ho fatto in tempo…

CASSIO:

Teresa...non essere preoccupata. Vedrai che riusciremo a trovare tuo marito.

TERESA:

Ho paura che quel mostro lo abbia ucciso!

LIVIANA:

Se avesse voluto, stanotte il diavolo avrebbe ucciso anche noi, quindi è probabile

che Giacomo non sia affatto morto!?

WALTER:  Brava amoruccio…faccio mio il tuo ragionamento

FILIPPO:

Hai ragione Liviana…ottima deduzione! Per una ragione che ora mi sfugge

questo uomo in nero non vuole uccidere nessuno. Ma vedrete che prima o poi

darò una spiegazione di queste circostanze, arcane!

FRESIA:

Ma perché…ora bisogna spiegarlo pure al cane?…Già è difficile per noi capire

queste cose.

TERESA:

Uhmmm…mamma mia Filippo!…Ma dove la sei andata a pescare questa, in una

scatola sotto vuoto?

16→6

IL CONTE ZIO APPARE

SULLA PORTA CON AL FIANCO SANTO E CIPRESSA

CONTE:

Santo mi ha detto che questa notte avete avuto un’apparizione! State pure

comodi.

WALTER:  Si Zio! Abbiamo visto il demonio in persona!

CONTE:

No...non era il demonio…e credo sia arrivato il momento di raccontarvi la verità

su  queste  apparizioni.  Tempo  fa,  venni  in  possesso  di  un  vecchio

manoscritto…di cui nel mondo, di questo tomo, esistono soltanto due copie

perfettamente uguali …

FRESIA

Praticamente…un topo clonato!?

CIPRESSA

Tomo, signorina…non topo!…Il tomo, è un libro.

FRESIA

Ah?!….

CONTE

In questo vecchio libro si narra la storia di un nostro antenato, Giandomenico

Colonia. Questo Giandomenico fondò una setta segreta “Gli Angeli Neri” che si

riprometteva di governare il mondo attraverso le forze del male. Giandomenico,

vestiva tutto di nero e si faceva chiamare Belfagor, cioè…


Beh...allora mancano…

SANTO e CIPRESSA: figlio del Demonio.

LIVIANA:      Ma Zio…è la stessa figura che tutti noi abbiamo vista ieri!

TERESA          Vorrai dire, che “noi” abbiamo visto ieri, Liviana.

CASSIO:          Zio…pensi che lo spirito del nostro antenato, sia tornato sulla terra?

CONTE:           Lasciatemi finire. Dunque…Belfagor, ossia Giandomenico, teneva le sue riunioni della setta, qui…in questo palazzo. Attraverso lo studio di alcuni manoscritti

caldei, Giandomenico riuscì ad entrare in contatto con il Maligno

107

e

questi, gli diede una formula da leggere nella prima mezzanotte di plenilunio

dopo la Pasqua. Solo così, e dopo il sacrificio di tre componenti della sua

famiglia, sarebbe sorto l’Anticristo che avrebbe sconfitto il Bene, donando a

Giandomenico il dominio del mondo.

LIVIANA:

E poi che avvenne? Riuscì a leggere la formula?

CONTE:

No,  perché  Aureliano,  scoprì  il  malefico  piano  facendolo  arrestare.

L’inquisizione lo condannò al rogo e Giandomenico morì bruciato

SANTO e CIPRESSA  su una graticola.

FRESIA

(CACCIA UN URLO) Ahhhh!

WALTER

Cosa c’è Fresia…hai visto qualcosa?

FRESIA

No, è che la carne alla piastra mi ha sempre fatto una certa impressione.

FILIPPO

Scusatela…è molto sensibile.

TERESA

Cretina vorrai dire…Che bisogno c’era di urlare…mi si è gelato il sangue!

WALTER:

Ma Zio…è una storia spaventosa.

CASSIO

Se non fosse che alla fine il bene trionfa sempre sul male. Vero Zio?

CONTE:

In questo caso ancora non si può dire, perché Giandomenico…prima di morire,

urlò che sarebbe tornato da lì a quattrocento anni, a ripristinare il dominio del

Maligno!

WALTER:     Allora c’è tempo! Quando è successo il fatto?

SANTO E CIPRESSA: nel 1504!

FRESIA:


LIVIANA:

Non manca niente. Sono giusti…quattro secoli!

FRESIA:

Mamma mia come passa il tempo!

TERESA:

Quindi mio marito, in quanto discendente della famiglia, è stato rapito da

questo…Belfagor, per essere sacrificato sull’altare del Diavolo?

CONTE:

Esatto. Ma gliene mancano due…due da scegliere tra Filippo…Liviana e Cassio.

E non dimentichiamo che il sacrificio dovrà avvenire in una notte di plenilunio e

questa notte…è luna piena.

107

CASSIO:

Allora non ci rimangono che poche ore di tempo per fermarlo!

FILIPPO:

Quest’ansia mi attanaglia la gola…non so se reggeremo a questa tensione.

CONTE:

Hai ragione. Cipressa…vuoi prendere del cognac per favore?

CIPRESSA:

Certo signore…Come desidera! (CIPRESSA ESCE)

CONTE

Credo che tutti noi avremo bisogno di un buon cordiale per tirarci un po’ su.

CASSIO:

Buona idea Zio… un buon bicchiere di cognac ci aiuterà a riflettere!

TERESA:

Riflettere non basta…qui bisogna trovare mio marito.

FILIPPO:

Certo cara…lo troveremo…a costo di mettere a soqquadro questo castello.

CONTE:

Santo?… Grazie…Ottimo questo cognac.

CIPRESSA:

(RIVOLTA A FRESIA)

Lei ne vuole signorina?

FRESIA:

No grazie…sono astigmatica! (SUONANO ALLA PORTA)

CONTE:

Santo…vai a vedere chi è!

(ESCE)

SANTO:

Subito signor Conte.

76

CONTE:

In quanto a noi…non possiamo stare con le mani in mano...Sappiamo tutti che

Giacomo è vivo, quindi bisogna trovarlo ad ogni costo.

CASSIO:

Andiamo a cercarlo noi, zio.

WALTER:

Ma io ho paura!

LIVIANA:

Ma ci sono io amore. (CASSIO, WALTER ELIVIANA ESCONO SEGUITI DAFRESIA CHE

ARRIVATA ALLA PORTA CI RIPENSA E TORNA DA FILIPPO)

FRESIA:

Io rimango con il mio amore.


SANTO:

(ENTRA) Signor Conte…sono arrivati dall’America i parenti che attendeva…i

nipoti Boby e Caroline.

CONTE:

Sembra un sogno poterli abbracciare. Le mie preghiere sono state esaudite!

FRESIA:

Signor Conte…se le sue preghiere sono esaurite posso aiutarla io…ne conosco

talmente tante?!

CONTE

(SCOCCIATO FA SEGNO AFRESIA DI SMETTERLA)…Santo, cosa aspetti, falli entrare!

SANTO:

Prego!…Entrate pure.

28→2:41

FILIPPO:

(SEGUITO  DA  FRESIA  VA  INCONTRO  AI  DUEFinalmente  conosciamo  i  nostri

cugini…Io sono Filippo e questa è la mia fidanzata!

MARIO:

Oh...tank you!

FILIPPO:

Ma Boby…tuo cugino sono io!

MARIO:

Questo lo so…ma io volevo toccare con mano.

FRESIA

Che bello!….Non vedevamo l’ora di conoscervi.

ORAZIO

Beautiful…voce meravigliosa…tu avere corde locali lunghe.

TERESA:

(CON SLANCIO A ORAZIO) Oh cuginetta tanto agognata…fammiti abbracciare

ORAZIO:

Oh mia cognata…a chi lo dici…se sapevo che eri così…bona…io venire prima

dal…dal…

MARIO:

(CHE INDUGIA PIACEVOLMENTE TRA LE BRACCIA DIFRESIA,SUGGERISCE)Massacciusset.

ORAZIO:

Massaciu… (DÀ BACINI ATERESA) ciù…ciù, ciù…

MARIO

(MOLLANDOGLI UN CALCIONE) Massacciusset…

ORAZIO

Oh…Aioh!

CONTE

Nipotina adorata…ma allora tu vieni dall’Ohaio! Ecco perché non riuscivo a

rintracciarvi, tutte le mie raccomandate erano dirette a San Francisco.

ORAZIO

Eh…ziuccio…se ti raccomandavi a San Gennaro…forse….

CONTE

Come sei cresciuta…e pensare che quando eri piccina ti chiamavo cicci e ti

mangiavo di baci….e adesso…

ORAZIO

E’ meglio di no….ziaccio…

CONTE

Ma sì…Cicci…cicci…cicci…Boby…Boby…


MARIO


(SI GIRA GUARDANDOSI ATTORNO)…Yes?


CONTE


Boby!


MARIO


Fisch, fisc…Boby…Boby…dove esserti cacciato…vieni da zio… su!?


ORAZIO


Lui sempre scherzare…fa finta di non ricordare che Boby essere lui…mio fratellaino Boby essere sempre… come dire…italiano…


FILIPPO


Estroso?


ORAZIO


Bravo!…Lui essere sempre molto estronso!


MARIO:


Come ha detto citrullona.


CONTE


Bene…bene, ma ora basta con i convenevoli…


TERESA:


Zio…Boby e Caroline…saranno stanchi…


MARIO


….Bona…bona idea.


CONTE


andate a riposare.


MARIO


….Bona…bona idea.


ORAZIO


Zietto…Io in america, quando andare a letto avere tanta paura di buio e voleresempre con me dama di compagnia… (ABBRACCIANDOTERESA) Posso portare lei dentro letto con me?


CONTE             Nipotina cara…ti ricordo che ora sei in Italia.

ORAZIO          Appunto…un souvenir d’Italie.

CONTE             Carolina…al letto ti accompagnerà Cipressa.

CIPRESSA: Come vuole signor Conte.

ORAZIO:        (RIFERENDOSI A CIPRESSA) E vabbè tanto io essere de bocca bona…uan o tù, per mepari sun! Mi accompagnare cessa,


FRESIA


Ah, ah…che cugina simpatica…


MARIO:


Viaggio   essere


stato


longh…io


molto


stanco…e


avere


bisogno


di


un


bagno…schiusmi.


ORAZIO:


Yes…io oltre al bagnoschiuma avere bisogno anche di sciampo!


CONTE:

Sì,  ma  prima  di  andarvene,  Boby…Caroline…ditemi…come  avete  fatto  a

trovarmi?

MARIO:

Facile…noi saputo che tu brother di my father. Vero Caroline?

ORAZIO:

Sì…avevamo saputo che dar frate ce stava er brodo e allora….

FILIPPO:

Ma cosa dici cuginetta cara….

MARIO:

Non fare caso Pippo…lei poco spik lingua italiana…

ORAZIO:

Sì…io coi spicchi su lingua non parlare bene.

MARIO

Tu fare silenzio, scema…io spiegare a zio. Quando tuo investigatore trovato noi

e  dare  me  tuo  indirizzo.…noi  partire  subito…e  venire  in  Italia

precisipe…presicipe…preciposi...posillipe…(CANTA)…piscatore

d’o

mare

Posillipo…Zio, questa parola mi rimane sempre difficile io volere dire che quando tu chiamato noi venire precipitevolissimevolmente…ecco… insomma venire in Italia a precipizio.

ORAZIO:        Oh, yes…ci siamo sfracellati!!!… (BACIANDOSI LE PUNTA DELLE DITA) Quanto è bella Italia…Roma… Garbatela…Tiburtaino terzo.

CONTE:           Che simpatici!…Cipressa… accompagnali in camera loro.

CIPRESSA: Andiamo…di là c’è mio marito che vi attende…vi prendiamo in cura noi!

(ESCONO)       7→6


CONTE:


Mi raccomando…per ora non dite niente a Boby e Caroline della sparizione di Giacomo, non voglio che si spaventino…avremo modo di parlargliene più tardi.


TERESA:


Va bene zio…Come vuoi!


CONTE:


Avanti allora…dobbiamo trovare Giacomo a tutti i costi…solo così possiamo fermare Belfagor. Se non avrà le vittime da sacrificare non potrà leggere la formula.


FRESIA:


Sparpagliamoci in ogni stanza…così faremo prima.


FILIPPO:


Senti zio…posso parlarti un attimo da solo?


CONTE:


Certo. Voi andate…. io e Filippo vi raggiungiamo. Cosa vuoi dirmi?


FILIPPO:


So che tra noi c’è un Giuda…Un adepto della rinata setta degli Angeli Neri.…credo di sapere chi è…e ho già in mente una trappola per incastrarlo.


SANTO:


Signor Conte?…Gli stranieri sono in camera loro!


CONTE:

Va bene Santo…mentre noi andiamo a cercare Giacomo. Tu vai in cucina a

preparare qualcosa di buono per loro.

SANTO:

Bene, signor Conte!

76

(ESCE)

CONTE:

Andiamo…   tu   Filippo   scendi   nelle

cantine!…Io   andrò   ai   piani

superiori.

16→6

(ESCONO. D

OPO QUALCHE ATTIMO MARIO E ORAZIO FANNO CAPOLINO NEL SALONE)

MARIO:

Non c’è nessuno! (ENTRANO)

ORAZIO:

(CONTINUANDO A PARLARE CON LA VOCE DA DONNA) Che facciamo adesso?

MARIO:

Lo so che a fa’ la donna ci hai preso gusto, ma quando non c’è nessuno famme il

favore de ridiventà omo.

20→7

(APPARE BELFAGOR)

I DUE

Buonasera!

BELFAGOR:  E’ giorno Cretini!…

(ADORAZIO) E a

te…ti avevo detto di chiamare tua

sorella per la parte di Caroline…e no di farla tu…

ORAZIO:

Non s’arrabbi Maestro, ma ieri sera quanno so’ andato a casa ho scoperto che

mia sorella era già andata a lavorare…sa…è un po’ di giorni che fa la sostituta.

BELFAGOR:         La sostituta?…E che lavoro è?

ORAZIO:        Niente…si mette sul marciapiede no?…Passa una carrozza, la caricano, e dopo una mezz’oretta la riportano lì…poi ne passa un’altra… la caricano, e dopo un po’ la riportano lì…poi passa….

BELFAGOR:         Ho capito…ma non si dice sostituta…piuttosto…prostituta direi.

ORAZIO          No…quella è mia cognata, ma dato che è da un po’ di tempo che sta male e

allora la sostituisce lei… (FA IL SEGNO COME A FAR CAPIRE LASSONANZA)

BELFAGOR:         Sicuro che dici la verità?

MARIO:           Posso garantire io per lui.

BELFAGOR:         E tu che ne sai?

MARIO:           Lo so, perché a volte a fare la sostituta ci va insieme a mia cugina.

BELFAGOR :       Anche lei fa la….sostituta!…E chi sostituirebbe?

MARIO:           Mia sorella.

BELFAGOR:         Gran belle famiglie le vostre.


I DUE:                (FELICI DEL COMPLIMENTO,INCHINANDOSI)       Grazie signor Belfagor.

BELFAGOR:         Va bene…va bene…Ora aiuterete Santo a nascondere un altro corpo!

ORAZIO:        Mario…Ho paura!…Sta casa sta diventa’ ‘n obbitorio!

BELFAGOR:   (CHIAMA) Santo…(ENTRASANTO)…accompagnali a prendere il corpo e a

nasconderlo insieme all’altro.

SANTO: Come vuole Maestro. Andiamo!   21→29

BELFAGOR METTE NELL’ARMADIO FOTO E MOCCOLO ED ESCE SANTO E I DUE CRETINI ENTRANO CON IL CORPO DI FILIPPO

WALTER V.F.C. Santo…Santo dove sei.14→18

SANTO:           Ancora lui! Forza, nascondetelo nell’armadio.

WALTER:     Santo…meno male che sei qui. C’è la porta che dà accesso all’abbaino che è chiusa. Hai tu la chiave?

SANTO:           Sì….la vado a prendere subito.

WALTER       La pittura dello Zio ha qualcosa di poliedrico…ogni volta scopri un aspetto diverso…un aspetto diverso…insomma un aspetto diverso.

WALTER:     Che stanchezza! Per controllare tutto il castello ci vorrà almeno un mese. Più di

cento stanze coi mobili pieni di polvere….Eeee (STARNUTO) eeetcciù!

MARIO

(DA DIETRO IL QUADRO) Salute!…

WALTER

Grazie!  Ma…ma… ma…chi..chi… chi…c’e, c’è? (SCHIZZANDO IN PIEDI)

Gli  spiriti!!!

15→7

Mamma   mia…che  c’è  ancora?   Aaaahh!!!!!!

Polizia…carabinieri…

piedipiatti… (FUGGE)

SANTO:

(ENTRANDO DI CORSA)Forza aiutatemi a nascondere il corpo.

14→18

Adesso sparite…Tornate in camera vostra! Ah…ah...tutto

procede per il meglio

Ah…ah…

WALTER

(TREMANTE DI PAURAEcco…è lì dentro!

LIVIANA:

Io ho paura…Teresa apri tu.

TERESA:

(APRENDO LARMADIO) Ma qui dentro non c’è nessuno!

16→6

WALTER:

Eppure vi giuro …Io l’ho visto! (ENTRA ILCONTE)


CONTE:

Credo che questa volta Walter abbia ragione. (CHIAMA) Santo!?

SANTO:

(ENTRANDO) Sono qui signor Conte.

(ESCE)

CONTE:

Vai a chiamare Filippo e Cassio o almeno chi dei due è rimasto!

76

WALTER:

Vuoi dire che il mostro ha colpito ancora?

TERESA:

Guardate! (SI AVVICINANO E VEDONO LA FOTO DIFILIPPO) La foto di Filippo!

LIVIANA:

Dio mio!…Ora anche Filippo!

TERESA:

Ma come ha fatto…Filippo stava nella stanza accanto alla mia…Avrei dovuto

sentire rumore di lotta…che so…un urlo. Invece niente!

(ENTRANOFRESIA ECASSIO SEGUITI DASANTO)

CASSIO:

Che è successo?

CONTE:

Belfagor ha rapito Filippo!

FRESIA:

No...hanno rapito il mio Filippino!

LIVIANA

E che sarà mai…Con tutti i filippini che ci sono in Italia, vuoi che non ne trovi

un altro?

TERESA

Calmati cara…non ti disperare.

FRESIA

(PIANGENDO) Non potete capire…è il mio Phil…il mio…Philips…

CASSIO

(AWALTER CON IRONIA) Da quando sono arrivati i cugini dall’america, Filippo lo

chiama Philips…

WALTER

Sì…l’ha preso per un rasoio.

CONTE:

Anche Filippo!…Ma come può essere successo…

CASSIO:

E’ un mistero Zio, dieci minuti fa l’ho chiamato a voce e lui mi ha risposto.

FRESIA

(PIAGNIUCOLANDO) Lo hai chiamato a voce?…E già…senza voce come facevi a

chiamarlo? …Ihc…ihc…

CONTE:

Santo…vai a chiamare Boby e Caroline...non mi fido di lasciarli soli e dì a

Cipressa di portare un cordiale per Fresia…Ha bisogno di rimettersi!

(ENTRACIPRESSA CON IL CORDIALE IN MANO)

CIPRESSA: Ci avevo già pensato io signor Conte. In certe circostanze un

bicchierino di

cognac è proprio quello che ci vuole per la signorina Fresia.


CONTE:       Anche a me Cipressa…grazie! Tu hai la capacità di leggere nel pensiero!

CIPRESSA: Non soltanto signor Conte…non soltanto!

LIVIANA:

(PRENDE UN BICCHIERINO E LO OFFRE ACASSIO) Tieni Fresia…bevi…ti farà bene.

CASSIO

(LO BEVE) Grazie!

CONTE:

Cipressa? (INDICA CON UN BREVE CENNOFRESIA)

CIPRESSA:

Subito signor Conte.

WALTER:

Grazie!…Lei è astemia!?

FRESIA:

(PIAGNUCOLANDO) Prego…io non sono Artemia…io mi chiamo Fresia.

TERESA:

Conte zio…Non credi sia arrivato il momento di avvertire la polizia?

CONTE:

Hai ragione…Credo sia meglio.

76

Pronto questura? Sono il conte

Colonia….Nella mia casa sono state

rapite due persone…e chi lo sa da chi…se lo

sapessi non vi chiamerei di certo…Bene….sì grazie…a presto! (RIATTACCA)

Vengono subito!…Nel frattempo noi continuieremo le ricerche! Ma questa volta

lo faremo restando tutti uniti. Avanti…muoviamoci!

FRESIA:

Se non vi dispiace io vorrei rimanere qui…Mi gira un pochino la testa!

CASSIO:

Ma non puoi rimanere sola…E’ pericoloso!

CIPRESSA: Non preoccupatevi…Rimarrò io con lei. E poi tra un po’ scenderà Santo con i

due stranieri…Ci saranno anche loro a farci compagnia.

CONTE:

Va bene…andiamo. Ma se vedi qualcosa di sospetto urla e noi  verremo in un

battibaleno!

CIPRESSA

(URLA FORTE)

Ahhhh!!!!!! (TUTTI FUGGONO IMPAURITI NASCONDENDOSI)

TERESA

(FACENDO CAPOLINO) Cosa hai visto Cipressa.

CIPRESSA:

Nulla … era solo una prova … va bene così?

CONTE:

Anche troppo Cipressa…anche troppo!…Forza, andiamo.

(TUTTI ESCONO ECCETTOCIPRESSA EFRESIA)

FRESIA:

Cipressa…ora che sono rimasta solo io…potrei avere un goccettino di cognac?

Solo un momento e la servirò

a dovere signorina.

CIPRESSA

35→37

(CIPRESSA,NELLA BOTTIGLIA VERSA UNA POLVERINA)

Ecco fatto, vedrà che le farà bene.


FRESIA:

(BEVE)Cipressa, mi gira la testa! Oddio, ma...che mi succede…non riesco a

tenere gli occhi aperti.

ORAZIO:

Oh la miss fare pisellino!

CIPRESSA:

Pisolino, ignorante…pisolino!…Avanti…nascondete anche questa.

MARIO:

Pure! ’N artro quarto d’ora e poi chiudemo pe’ mancanza de attori!

SANTO:

Non fare commenti sulle decisioni del Maestro. Anche tu Cipressa…devi sparire!

CIPRESSA:

Perché anch’io?

SANTO:

Come  potremmo  altrimenti  giustificare  la  sparizione  di  Fresia  se  tu  eri

presente?… Comunque, sarà soltanto per poche ore…Il tempo è vicino!

106

CIPRESSA: Va bene…come vuoi!

Forza voi due muovetevi.

2→46

SANTO:

(FACENDO INTRAVEDERE IL COLTELLACCIO) Adesso spero che vorrete assecondarmi.

ORAZIO

Se la metti così…noi non solo t’assecondiamo, ma t’atterzamo e t’aqquartamo

pure. E’ vero Mariù?

MARIO

Eh!?…Io l’assesto…l’accento…Santò, Santò!… (RIDE)…ah, ah, ah, ah!

SANTO

Ah,  ah…tra  non  molto  vi  passerà  la  voglia  di  fare  gli  spiritosi.  Signor

conte…dove siete? Mi raccomando …dovete dire che siamo scesi adesso e che in

salone non abbiamo trovato nessuno….Signor Cassio…signor Walter…signor

Conte

CONTE:

(ENTRANDO CON TUTTI) Che hai da urlare?…E dove sono Fresia e Cipressa?

SANTO:

Non lo so…credevo fossero con voi!

CASSIO:

Sono rimaste qui…perché Fresia non si sentiva bene!

SANTO

Quando siamo scesi nel salone non c’era nessuno… per questo vi ho chiamato. I

vostri nipoti possono testimoniarlo…

ORAZIO

Possino cecallo che essere vero.

LIVIANA:

Mamma mia, ha rapito anche Fresia e Cipressa!

TERESA:

(APRE LARMADIO E TROVA LE FOTO CON LE CANDELE ACCESE) Guardate…le foto!

CONTE

(PENSIEROSO…la sparizione delle due donne che non fanno parte della famiglia

non ha senso. (SUONANO ALLA PORTA)


CONTE:

ORAZIO:

SANTO:           Mi scusi signor Conte…vado ad aprire (ESCE)

WALTER:     Questa cosa ci lascia perplessi… 7→6 ci lascia perplessi…come dire…ci lascia perplessi.

CASSIO:          Forse non si aspettava di trovarle nel salone ed ha dovuto rapire anche loro!

TERESA:        Con permesso Zio…non mi sento bene…preferisco andare in camera mia.

CONTE:           (LA SALUTA CON BACIAMANO) Vai pure cara.(ESCE)

WALTER:     Con permesso Zio…noi preferiamo accompagnarla

SANTO:           (ENTRANDO) Signor Conte…la polizia! (SANTO ESCE)

MANETTA: Buongiorno signori! Sono l’ispettore Manetta del nucleo anti-sequestro. Chi è il

Conte Colonia?

Sono io, ispettore!

(SOTTOVOCE AMARIO) Semo fregati! Questo sei mesi fa m’ha arrestato pe’ avèfatto ‘na truffa. Se mo’ me riconosce semo fritti.

MARIO:           Porco Giuda…speriamo che vestito da donna non te riconosce.

ORAZIO:        Perché, come pensi che ero vestito quando so’ annato a fa’ la truffa?

MANETTA: E’ lei che ha telefonato alla centrale dicendo che hanno (rap-ito due) persone?

CONTE:           Che hanno fatto?

MANETTA Hanno (RAP-ITO) (RIPETE LA STESSA MOSSA DI PRIMA)due persone.

MARIO             Ah, ho capito io, Zio…vuole dire hanno rapito due persone.

ORAZIO:        Ma ora le persone essere diventate quattro!

MANETTA: E perché quattro?

ORAZIO:        E quante senno’?

MARIO:           Tutto il cucuzzaro!

MANETTA: E perché tutto il cucuz…Ma cosa mi fate dire…cretini!

MARIO:           Scusare noi…Non essere italiani e non parlare bene l’idioma!

ORAZIO:        Sì…quest’idiota non parla bene.


MANETTA: E voi chi siete?…(AORAZIO)Lei mi sembra un viso conosciuto.

MARIO             Ecco là…ce semo!

CONTE:           (INTERVENENDO) Impossibile ispettore. Sono due miei nipoti venuti questa mattinadagli Stati Uniti!

MANETTA: Ah…capisco! (A CASSIO)E quel signore?

CASSIO            Lieto di conoscerla ispettore…

MANETTA: Il mio nome è (MOSTRA LE MANETTE FACENDOLE CIONDOLARE)Manetta. Come vede è

un nome di un certo peso…ma sicuramente anche lei avrà un nome importane…storico…..si chiama?

CASSIO:          Cassio!

MANETTA: Lo supponevo! Un nome latino…il mio(TIRA SU COL NASO UN PAIO DI VOLTE)fiuto,non sbaglia mai…infatti a guardarla bene lei ha proprio il profilo di Bruto e la testa di Cassio…mi dia i suoi (mostrando i suoi documenti) documenti.

CASSIO            Li ho lasciati nella mia stanza…li vado a prendere (ESCE)

MANETTA (PASSA ORA A SCRUTAREORAZIO E GIRANDOGLI INTORNO)                   Mmmm…anche la sua

faccia non mi è nuova. Come si chiama?

ORAZIO:     (RIDENDO) Ah..Ah..ah, voi italiani come vedere una bella gnocca subito voleresapere nome. Buongustaio!… Uhmmm che uomo!

MARIO: …Caroline si chiama…lei chiamare Caroline. ORAZIO (CIRCUENDOLO)Mio nome è Caroline…E il tuo?

MANETTA: (LUSINGATO)Io mi chiamo Manetta! Ma tu puoi chiamarmi…Man!

ORAZIO:        Okay Man…Man… (MENTREMANETTA INDUGIA NEI BACIAMANO, ORAZIO AMARIO

SOTTOVOCE)…Ce lo manno subito o ce lo manno dopo?

MARIO:           (SOTTOVOCE AORAZIO) La vòi smette? Se quello s’accorge chi sei, chiama labuoncostume e ce sbatte in galera! (POI CON VOCE NORMALE) Escuse me zio…perché non fai vedere le foto di persone scomparute?

CONTE:           (PRENDE LE FOTO) Ecco…guardi…Queste sono le fotografie delle personescomparse che il rapitore ha lasciato nell’armadio.

MANETTA: (GUARDANDOLE CON LA LENTE)Bene, bene!…Iniziamo le indagini. Primo, qual è ilmovente? Secondo…dove eravate durante la (SPARI-ZIONE) delle persone?


TUTTI:

MANETTA


Eh?

(RIPETE) Dove eravate durante la (spari-zione) delle persone?


MARIO


(MIMANDO A SUA VOLTA) Sparizione voleva dire!…Dove eravamo durante lasparizione delle persone.


MANETTA: Bravo!…Come fai ad essere così bravo con i rebùs?

MARIO:           Li faccio sempre su l’autobùs!

CONTE:           Durante la sparizione delle persone eravamo tutti al piano di sopra, ispettore!

MANETTA: Bene…allora per ricostruire i fatti allochiamoci tutti al(MIMA UNO CHE SUONA IL

PIANOFORTE E CHE POI INDICA IL CIELO).

TUTTI

(DOPO ESSERSI SCAMBIATI UNOCCHIATA) …al piano di sopra

MANETTA

Bravi…Voglio vedere quello che stavate facendo prima del rapimento.

CONTE:

Tu Caroline rimani pure qui…stai tranquilla che tanto c’è Boby…

MANETTA: Un cane da guardia?

ORAZIO:

(MOLLANDOGLI UNO SCAPAGGIONE) Ma cosa dici Man…Boby essere mio fratello.

CONTE:

Non temete…ci sarà Santo a farvi compagnia.

MARIO:

Okay zio! (ESCONO TUTTI MENOORAZIO, MARIO ESANTO)

SANTO:

Voi non muovetevi…vengo subito! (ESCE)

MARIO:

(AORAZIO)

22→50

E adesso che t’ha preso?…Che è ‘sta tremarella.

ORAZIO:        Ma…ma…Mario. Un Fa ..fa…un fa..fa..un fantasma!

MARIO:               Mamma mia!…Oddio! Bono…nun te move...Vediamo che fa.

FANTASMA ESCE

ORAZIO:            Mario ci ho paura! Lasciamo perde tutto e scappamo!

MARIO:               Tu sei matto! Prima se famo da’ i soldi e poi arzamo i tacchi. 20→7

ORAZIO:

Ecco…mo ce mancava solo questo!

BELFAGOR – SANTO:

Avanti…prendete il corpo di Cassio che sta dietro la porta e

mettetelo dove sapete.

I DUE:

35→37

Agli ordini signor Maestro! (ESCONO A PRENDERE CASSIO)


Non sono io che vi dovra’ pagare ma Santo. Sarà lui che vi pagherà…ah…se vi pagherà! (ESCE RIDENDO)

BELFAGOR METTE FOTO E MOCCOLO NELL’ARMADIO

MARIO             Fatto! Me scusi sor mae’ ma i soldi quanno ce li da’?

ORAZIO:        Io ci ho pure la socera a carico!

BELFAGOR - SANTO:

ORAZIO:        Che ci aveva da ride?

MARIO:           E che ne so? Qui so’ tutti matti! 232.18

ORAZIO:        Ma...Ma...Mario…’n artra vorta er fantasma

MARIO:           Zitto…nun parla’…Se ce scopre semo fritti!

FANTASMA E ARMATURA BALLANO POI SFUMARE QUANDO FANTASMA ESCE ORAZIO: Ci ho paura Mario…Ci ho paura!…Annamosene.


SANTO


(RIENTRA) Voi non andrete da nessuna parte!…Prima dovete essere pagati!


MARIO:


Bravo…se tu ce dai i soldi noi…


CONTE:


Santo…hai visto Cassio?


ORAZIO:


Ziaccio…ma chi...Cassio dici?


CONTE:


Vostro cugino Cassio…Lo avete visto?


SANTO:


No…signor Conte. Vado a cercarlo. (ESCE)7→6


ORAZIO


Zio!… (PIENO DI PAURA PER LAPPARIZIONE DEL FANTASMA) Però, io vedere apparire un...fantasma di donna tutta bianca che uscita con armatura e poi rientrata. (METTENDOSI SEDUTO) Mamma mia…che spavento…ancora mi batte ‘o còre!


MANETTA: Caroline essere troppo spaventata per parlare…


ORAZIO


Oh yes!…Ah, man…ah, man…


MANETTA


Sono qui cara!


ORAZIO


Ma che hai capito…a mano…leva la mano…sporcaccione.


MARIO


Ispettore la donna che noi avere visto somigliare….a quel quadro lì.


CONTE:           Quel quadro…lì?! La contessa Elena… moglie di Aureliano, morta cinque secoli fa!?

MANETTA: Mmm!!..La cosa si fa interessante. (CON FARE INDAGATORE)Lei, signor Conte erapresente al fatto?

CONTE:

Quale fatto?

MANETTA: Alla prematura scomparsa della contessa!

TERESA:

All’anima della prematura…Ispettore…sono passati quattro secoli?!

MANETTA: Osservazione intelligente!

WALTER:

Guardate! Una foto del Cassio (TUTTI SI AVVICINANO ALLARMADIO)

MARIO E ORAZIO

Perché, è venuta male?

TERESA:

Mamma mia…anche lui!

SANTO:

(ENTRA)

Signor Conte…il Cassio non si trova.

ORAZIO

L’ha rapito il fantasma che ci e’ apparso prima

CONTE:

forse e’ proprio così e penso di aver capito il significato delle apparizione della

Contessa Elena.

MANETTA   Fantasmi che appaiono, rumori strani, e non mi stupirei affatto se anche le porte fossero bloccate

WALTER:

perche’ ispettore…pensa che qualcuno non voglia farci uscire da questa casa?

TERESA

Zio ho paura…che sta succedendo!

MARIO:

(SOTTOVOCE AORAZIO) Ora’…se ci hanno chiuso dentro semo fregati!

ORAZIO:

Mario…perché non diciamo la verità a Manetta? Se je famo scoprì chi c’è dietro

ai rapimenti, può darsi che c’è perdona…e ce manna via co’ la condizionale!

SANTO:

Se soltanto dite una parola...Belfagor vi farà fuori con le sue mani!

10→7

ORAZIO:

Aah!!

MANETTA: Non si spaventi signorina…era un semplice tuono!Boby, falle la guardia unattimo, io intanto telefono in centrale…e li faccio venire a buttare giù la porta.

(ALZA IL RICEVITORE)… E’ isolato!1122       PASSI FORTE

WALTER:     Ascoltate!…Ancora quei passi…


TERESA:        Oddio…Chi può essere?

LIVIANA:      Forse uno dei rapiti è riuscito a liberarsi!

CONTE:           Ispettore…Andiamo a vedere!

MANETTA: Buona idea…armiamoci e…partite!

WALTER:     E no!…Deve venire anche lei.

TERESA:        Non dimentichi che è un poliziotto!

CONTE:           Avanti…Andiamo tutti insieme! Forza Santo, cosa fai lì impalato!?

SANTO:           Signor Conte…E’ meglio che almeno uno resti qui...Io non ho paura

CONTE:           Però stai attento…Non vorrei che capitasse qualcosa anche a te!

SANTO:           Non si preoccupi…Se dovessi vedere alcunché di strano…vi chiamerò

(DOPO CHE IL CONTE ZIO E’ USCITO251.14APPARE SULLA PORTA LA FIGURADIABOLICA DI BELFAGOR)

SANTO:           Che lo spirito guida ti illumini Maestro!

BELFAGOR:      Santo…Come stanno andando le cose?

SANTO:           Bene….hanno una paura del diavolo…pensi che vedono anche i fantasmi.

BELFAGOR:      Lo so! Ora però dobbiamo eliminare tutti gli altri, ma mi raccomando, Santo, il Conte Zio va eliminato per ultimo, così come suo unico discendente, erediterò il suo patrimonio e in più ci impossesseremo del tesoro del Conte Giandomenico.

SANTO:           A proposito signore…la mappa dove la tiene nascosta? Non vorrei che la smarrisse.


BELFAGOR:


Non preoccuparti Santo…me la porto sempre dietro per non perderla e sai in quel vecchio libro, oltre alla mappa del tesoro…cosa ho trovato?


SANTO:           Cosa signore?

BELFAGOR:      Ho trovato questa vecchia pergamena…Guarda! (SFILA  DALLA  TASCA  UNA

PERGAMENA)E’ una formula che, se letta in una notte di luna piena, farebbe

tornare in vita quel pazzo sanguinario del mio antenato Giandomenico, ma io

non ci credo…è certamente una favola medievale.


SANTO:


Piuttosto signore, credo che dovremmo far sparire subito Orazio e Mario. Quei due cretini hanno intenzione di dire tutto all’ispettore Manetta


BELFAGOR:      Allora Santo…falli fuori al più presto.

SANTO:           Ci penso io…

BELFAGOR:      Ah, già che ci sei, fai fuori anche Teresa e Liviana…Adesso me ne vado…

(SI ALZA PER ANDARE VIA. ORAZIO EMARIO FANNO CAPOLINO SULLA PORTA SENZA

FARSI VEDERE)Mi raccomando…Mario ed Orazio pagali a dovere…e che sia

fatto velocemente!

SANTO:

Certo…come vuole lei…Al più presto!

MARIO:

(ASANTO) Ho sentito che ha detto er maestro. Se mo ce dai i soldi io e Orazio

saltiamo dalla finestra e spariamo!

SANTO:

Un momento spiegati meglio…se io vi do i soldi, a chi sparate!?

ORAZIO:

Ma che hai capito!…Lui voleva parlà bene!…Ha detto spariamo nel senso de

“sparimo”…tornamo a casa….Se damo…

SANTO:

Va bene…non vi muovete…torno subito!

7→6

(ESCE)

MARIO:

Voi vede che tra un po’ ritorna coi soldi che ce deve da?

ORAZIO:

(BALBETTANDO)Ma…Ma...rio!..Aiuto! (SI CHIUDE VELOCEMENTE DENTRO LARMADIO)

MARIO:

Se po’ sape’ che t’ha preso? (L’ARMATURA SI MUOVE ANCORA)

ORAZIO:

(DA DENTRO LARMADIO) C’è un fantasma!

MARIO:

(SI GIRA E NON VEDE NESSUNO) Ma che stai a di’…nun c’è nessuno! Esci dentro!

ORAZIO:

Sì, ma prima mannalo via!

MARIO:

T’ho detto che non c’è nessun fantasma. Voi uscì da lì?

(SANTO  ENTRA  E

LARMATURA LO COLPISCE DA DIETRO)

ORAZIO:

Vabbe’…esco! (ORAZIO  APRE  ED  ESCE)

16→6

Guarda

Mario…è Santo.

(TERRORIZZATO) Io lo so…E’ stato er fantasma che lo

ha accoltellato!

MARIO:

Ha fatto bene!…Era un fijo de ‘na mignotta!…Dai, portiamolo via!

TERESA:

Guardate...Santo in terra morto! (TUTTI CORRONO IN SUO SOCCORSO)

LIVIANA:

Dio mio!

WALTER:

No…non è morto …per fortuna era solo svenuto

CONTE:

Piano…lasciatelo respirare! (SANTO SI RIPRENDE) Su, coraggio, mettiti seduto.

SANTO:

Ohi…ohi che botta! (SANTO SI SIEDE)


MANETTA: Sei riuscito a vedere chi ti ha colpito?

SANTO:

No...era di spalle!

MANETTA: Calma ragazzi…un momentino…qualcuno porti a Santo un po’ di scotch!

ORAZIO:

E se non c’è…Anche un po’ di nastro isolante…

TERESA

Ma no Caroline, cosa hai capito…l’ispettore voleva dire un cognac.

SANTO:

No grazie…non ne ho bisogno!

ORAZIO:

(PRENDE IL COGNAC)Su…non fare capriccettiBoby?…Prendilo per testa.

SANTO:

Non lo voglio…non lo voglio!

MARIO:

Zitto!…Apri la bocca!

WALTER:

Santo, non fare il bambino…è cognac mica veleno!

SANTO:

Aaaah!! (SI ALZA DALLA SEDIA ANCORA SPUTANDO) Ho detto che non lo voglio!

CONTE:

Portatelo in camera sua a medicategli la ferita che ha sulla fronte.

MARIO:

Zio, non preoccupare…a lui pensare io e Caroline…..Vero Caroline?

ORAZIO:

Certo…Io in Unaited State…fare corso d’infermiera. Come on Santo… Andiamo

di là!

SANTO:

No…con voi...no! Non voglio…ho la testa rotta!

MARIO:

Zitto…tu non fare capricci…vieni de là che te l’aggiustiamo noi! (ESCONO)

CONTE:

Fortunatamente Santo è riuscito a sfuggire al sequestro. Ma non bisogna

abbassare la guardia!

TERESA:

Hai ragione Zio. Sono sparite cinque persone...la porta di ingresso è chiusa…il

telefono è isolato… Fantasmi che appaiono e scompaiono…

LIVIANA

Diavoli che fanno riti satanici. Sai che vi dico?…Ora mi ubriaco e non ci penso

più…Poi accada quel che deve accadere. Ahhh…mi ci voleva proprio.

TERESA:

Forse ha ragione Liviana un po’ di cognac è quello che ci vuole!

CONTE:

Finitela voi due…Dovrete restare lucide per sconfiggere il Male e non ubriache

fradice!

TERESA

Hai ragione, Zi...ooo!

16→6


WALTER:

Ma queste che fanno… (ATERESA ELIVIANA) Si sono addormentate…

CONTE:

Lasciale perdere…almeno saranno più tranquille….piuttosto l’apparizione del

fantasma della contessa Elena non mi convince affatto

MANETTA: il mio intuito mi dice che dobbiamo cercarla.

WALTER:  Zio io ho paura e poi, non possiamo lasciare sole Liviana e Teresa!

CONTE:

Non preoccuparti…finché dormono, non accadrà loro nulla.

RIENTRANO ORAZIO, MARIO E SANTO

MARIO:

Ecco fatto. La medicazione è riuscita bene…

ORAZIO:

…così lui morire guarito!

CONTE:

Santo come ti senti?

SANTO:

Bene signor conte…Solo…mi gira un po’ la testa!

CONTE:

Allora   tu,   rimani   pure   con   le   due   donne…Dai   muoviamoci!

…Caroline…Boby…venite anche voi!

MANETTA

(ADORAZIO) Vieni dolce sirena, andiamo insieme!

(ESCONO TUTTI MENO SANTO, CHE NON È DEL TUTTO ADDORMENTATO SI ALZA CON FATICA

DALLA SEDIA E FA SCATTARE IL MECCANISMO DELLA PORTA SEGRETA. APPARE SULLA PORTA

LA FIGURA DI BELFAGOR)

25→6

SANTO:

Signore?!

BELFAGOR: Allora…l’hai fatti fuori quei due scemi?

SANTO:

No…sono riusciti a sfuggirmi…ma la prossima volta non fallirò il colpo.

BELFAGOR:      Forza allora…nascondiamo queste due scimunite prima che rientrino gli altri.

(SANTO AIUTATO DA BELFAGOR NASCONDE LE DUE DONNE NELLA STANZA SEGRETA.POIPRENDE LE FOTO E BARCOLLANDO SI AVVIA VERSO LARMADIO)Dai a me…ci penso

io!…Ma che ti ha preso?

SANTO:           Quello scemo di Orazio mi ha fatto bere un poco di cognac narcotizzante.

BELFAGOR:      Speriamo che non ti adormenti anche tu, altrimenti è finita! E ricordati di eliminare quei due.

SANTO:           Certo!…Ho un conto aperto con loro….lo farò molto volentieri! (BELFAGOR ESCE)

Però…non so se ce la farò…mi gira la testa!


(ESCE E RIENTRANOWALTER E ILCONTEZIO)

WALTER:     Ma come ha fatto la contessa Elena a sparire così...improvvisamente!

CONTE:           Ricordati che è puro spirito!

WALTER:     Zio…Teresa, Liviana e Santo non ci sono più! (WALTER APRE LARMADIO E VEDE LE

SOLITE FOTO CON LE SOLITE CANDELE)…sono stati rapiti anche loro!

CONTE: Walter, libera il tavolo!…Sono sicuro che i fantasmi di Elena e di Aureliano voglianoaiutarci e penso che proprio questo sia il motivo delle loro apparizioni. Dobbiamo entrare in contatto con loro attraverso una seduta spiritica. So come fare!

WALTER:     Sicuro zio...che non ci accadrà niente?

CONTE: Vedrai che andrà tutto bene. Ah, eccoli (ENTRANOORAZIO EMARIO)e Manetta?

MARIO:           E’ rimasto di là a svolgere le indagini.

CONTE:           Avanti sediamoci. Boby…Caroline…sedete anche voi!

ORAZIO:     (SEDENDOSI) Se famo un pokerino?

CONTE:           Caroline…non finisci mai di stupirmi…alcune volte hai delle cadenze dialettali…veramente originali. Chi te l’ha insegnate?


MARIO:


In America lei essere stata fidanzata con italiano che abitare…dove abitare, mia dolce sorellaina?


ORAZIO


Al big tree.


WALTER:


Big tree?


ORAZIO:


Yes, all’Alberone!


CONTE


Bene! Mettiamoci tavolo…formiamo


uno una


accanto catena…e


all’altro       Bravi!

ora             silenzio!


Tutticon Lasciatemi


le  mani  sul concentrare!


Oh…Ohhh!


MARIO E ORAZIO:    Oh, oh, oh! 17→60

D’UN TRATTO SI ODE UN CORO INFERNALE CON LAMPI E TUONI)

ORAZIO          (CON VOCE TRATTENUTA) Mamma mia…er terremoto!!

CONTE:           Aureliano, Elena…siete voi? Se ci siete fatevi avanti.Vi stiamo aspettando!

ORAZIO:        (ALZANDOSI)No…so’ loro che ve stanno aspetta’, pe’ noi s’è fatto tardi!


MARIO:

(ACCINGENDOSI AD ANDARE VIA CON ORAZIO) Sì, ci avemo da fa’!

27→1.33

CONTE:

Silenzio!

(ALLIMPROVVISO DALLA PORTA SI AFFACCIA LA FIGURA DELLA CONTESSA ELENA)

ORAZIO E MARIO CHE STAVANO PER ANDARE VIA TORNANO VELOCEMENTE SUI PROPRI

PASSI.

MARIO:

Il fantasma de prima! (ORAZIO EMARIO SI RIMETTONO SEDUTI)

WALTER:

O mamma…o mamma mia!

CONTE:

Elena…Aureliano…siete voi?

ORAZIO:

So’ loro zi’…so’ loro.

MARIO

Mannali via! (L’ARMATURA DA UNO SCHIAFFONE SULLA TESTA DIMARIO)…Aoh… ma

questo mena!

WALTER:  Io me la sto facendo sotto.

CONTE:

Elena….Tu sai chi sono io?

ELENA:

Certo! Tu sei il conte Aureliano Colonia...un nostro discendente! ….Voglio

metterti in guardia da due loschi figuri.

CONTE:

Due loschi figuri!? E chi sono?

ELENA:

Sarà il Conte mio marito a indicarteli! (L’ARMATURA SI METTE DIETRO AMARIO E AD

ORAZIO E CON DUE SCHIAFFONI COLPISCE SOLO MARIO)…Uno e due!

MARIO:

Aoh…ma questo mena sempre a me?

ELENA:

Alzatevi in piedi voi due, e…declinate chi siete.

ORAZIO:

A Mario…che vordì!

MARIO:

Declina Ora’…declina, senno’ ci ammazza. Declina chi sei!

ORAZIO:

Speriamo che m’o ricordo…Io sono...tu sei...egli è… (L’ARMATURA PRENDE I DUE

MALCAPITATI AMICI PER IL COLLO POI URLANDO LI ALZA DALLA SEDIA.)

28→2.41

MARIO:

Scappa Orazio…questo ce ammazza. (SI LIBERANO E INIZIANO A CORRERE INTORNO AL

TAVOLO INSEGUITI DAL FANTASMA DI AURELIANO CHE TOGLIE LA PARRUCCA AD ORAZIO.)

ORAZIO:        Signor Conte…fermatelo…Aiuto!

MANETTA: (ENTRANDO)Ora ti riconosco...Tu sei Orazio detto Tripparsugo!

(CORRE IN TONDO ANCHE LISPETTORE)


Fermati…ti dichiaro in arresto!

(CON FRASI A SOGETTO SI CHIUDE IL SIPARIO).

FINE II° ATTO                36


36                                                                     III° ATTO

ALLALZARSI DEL SIPARIO  246

MANETTA: Dunque…Ricapitoliamo. Siete stati avvicinati da un nobile mascherato che vi hapromesso del denaro se lo aiutavate a trovare il tesoro nascosto in questo palazzo. Confermate?

MARIO:           Si dotto’…Proprio così!

MANETTA Lo supponevo. Lei signor Conte, è al corrente di questo tesoro nascosto? CONTE: Si…ma francamente ho sempre pensato che fosse una favola.

MANETTA: (SEMPRE CON TONO INDAGATORE)Mario ha parlato di un Conte o di un barone. Chelei sappia…ci sono altri discendenti della sua famiglia in questo castello oltre a quelli che sono stati rapiti?

CONTE:           Veramente…che io sappia…no!

MANETTA: Lo supponevo…

ORAZIO:        Scusi ispettore…

MANETTA: Taci tu!

ORAZIO:        E de tu nonno!

MANETTA: Che hai detto?

MARIO:           Lui…Voleva dire…che c’è un artro complice dentro sta casa!

WALTER:   (RIVOLTO ALLISPETTORE) Suo nonno.

MANETTA: Ma cosa dice…penso anche di sapere chi è l’altro complice.

CONTE             E chi è?

MANETTA   Ogni cosa a suo tempo. (RIVOLTO AI DUE) Vediamo se questi due cretini hanno deciso di cantare…fino in fondo.

MARIO             (A ORAZIOChe dici?…Cantamo?

ORAZIO          Sì, ma che cosa.

MANETTA: La verità!…Voglio, la verità!

I DUE:                Via… (CANTANDO)…nessuno mi può giudicare nemmeno tu….La verità, mi fa

male…lo so


MANETTA   (ARRABBIATISSIMO) Silenzio!!…Ho fatto bene prima a chiamarvi cretini… oltretutto pure stonati…che vi credete di stare a Sanremo?

MARIO             Perché, dottò…a Sanremo so’ intonati?

MANETTA Basta finitela!…Volete aiutarmi a risolvere il caso…o volete andare in galera

come complici.

ORAZIO:        Risolviamo dottò! Risolviamo!

MANETTA Walter slegali…

WALTER       Subito ispettore

MANETTA (AI DUE)…andate a svegliare Santo, fatelo scendere e acqua in bocca…

CONTE:           Perché acqua in bocca…anzi Santo ci può aiutare.

MANETTA: Non possiamo, dal momento che il complice è proprio lui…..Santo !

CONTE:           Santo!? Ma vuole scherzare? Santo è al mio servizio da anni…e non farebbe mai

una cosa del genere!

MANETTA: Non ne sia troppo sicuro signor Conte!…E quando arriverà comportatevi comese niente fosse…solo così potremo incastrarlo! E voi due rimettetevi le parrucche e tornate ad essere Boby e Caroline ….Un’altra cosa… sapete dove sono nascosti

i corpi delle vittime?

MARIO: Io lo so! Ma non so’ morti. L’omo nero ha detto che so’ addormentati. MANETTA Lo supponevo…andate a chiamare Santo e…(MIMA LACQUA IN BOCCA)

I DUE:                (DOPO AVER RIPETUTO LA MOSSA DIMANETTAESCONO)

MANETTA: Lasciamo le cose come stanno…solo così potremo incastrare Santo e il veroresponsabile di questa macchinazione. Nel frattempo, beviamoci su! Alla salute Conte Zio!

CONTE             Grazie, alla salute!

(WALTER E IL CONTE STANNO PER BERE, QUANDO MANETTA LI BLOCCA)

MANETTA   Fermi, non bevete…il cognac è drogato! Me ne sono accorto subito…l’odore del narcotico è inconfondibile.

WALTER:     Scusi…ma se lo sapeva...perché voleva che noi lo bevessimo?

MANETTA: Per mettervi alla prova. In questo modo hanno fatto sparire gli altri. Non è statodifficile staccare il telefono e mettere una polverina nel cognac, come non è stato


affatto difficile mascherarsi da Belfagor. Il problema è scoprire chi si nasconde dietro quella maschera e per questo useremo Santo…sarà lui la nostra esca.

CONTE:           In che modo, ispettore?

MANETTA: Brinderemo davanti a Santo facendo finta poi di addormentarci…in modo così diascoltare i suoi discorsi e sapere la verità. 7→6

ENTRA SANTO ANCORA SONNOLENTE CON MARIO E ORAZIO

SANTO:           Mi scusi signor Conte…devo essermi appisolato!

CONTE:           Non fa niente Santo…durante la tua assenza non è accaduto nulla di importante!

WALTER:     Ispettore…io direi di iniziare la ricerca dei rapiti.

MANETTA: Beneandiamo! Prima di cominciare le ricerche un buon bicchiere corroborante…tanto per brindare alla soluzione del caso!

SANTO:           (PREOCCUPATO)Scusi ispettore…Ha trovato la soluzione?

MANETTA: Non ancora Santo…Non ancora! Coraggio..signor Conte e anche lei signorWalter un buon bicchiere di cognac non può fare che bene!

(WALTER VERSA IL COGNAC ANCHE PER ILCONTE-ZIO. IDUE FINGONO DI BERE)

SANTO:           Bevete…bevete…un buon bicchiere vi tirerà su!… (ITRE FANNO FINTA DIADDORMENTARSI)Finalmente avrò la mia rivincita sul Conte e su tutta la sua odiatafamiglia. Mi sono dovuto anche fingere zoppo per avere un aumento da questo ignobile avaro…Ah, ah. Ed ho evitato pure di sporcarmi le mani… bevendo quel cognac si è eliminato da solo!

SANTO:           Ed ora tocca a voi? (SFILA IL COLTELLO DALLA TASCA)

ORAZIO:        Scappa Mario…questo ce vo’ buca’ la panza! 28→2.41

COMINCIANO A CORRERE PER LA STANZA CON SANTO CHE NON RIESCE A PRENDERLI


SANTO:


Fermatevi…tanto prima o poi vi prendo! (ESCONO DAL SALONE. VOCI FUORI SCENA) Fermatevi ho detto!


MARIO:


(VOCI FUORI SCENA) Fossi scemo…Fermete tu!

(RIENTRANO IN SCENA E SI NASCONDONO DENTRO LARMADIO DI DESTRA. RIENTRA ANCHE


SANTO)


SANTO:


(MINACCIOSO) Tanto lo so dove vi nascondete! (SI AVVICINA ALLARMADIO DISINISTRA)Siete…qui!!!(APRE LARMADIO E LO TROVA VUOTO. MENTRE SI AVVICINA ALLALTRO ARMADIO)Lo so che siete lì…uscite fuori e morite da uomini!


ORAZIO:

(APRE LENTAMENTE LANTA E TIRA FUORI LA TESTA) Scusi…io nun posso morì da

omo…So’ ‘na donna! (RICHIUDE)

SANTO:

(FUORI DI SÉ) Basta!!.. (APRE LARMADIO) Uscite di lì!! (IMPROVVISAMENTE APPARE

LARMATURA CHE LENTAMENTE SI AVVICINA ALLE SPALLE DI SANTO COLPENDOLO CON UN

PUGNO IL TESTA. QUESTI URLANDO E STRABUZZANDO GLI OCCHI, CADE A TERRA. I DUE

CRETINI ESCONO DALLARMADIO)

MARIO:

(SI AVVICINA ASANTO IN TERRA) E mo che ce famo co’ questo?

ORAZIO:

Lo legamo sulla sedia…lo svejamo, se famo di’ dove tiene i sordi e se n’annamo.

MARIO:

Bravo…nun te facevo così furbo! Avanti…tiramolo su! (GLI AVVICINANO UNA SEDIA

E LO METTONO SEDUTO. ALLIMPROVVISO UNO SCATTO E LA PORTA NASCOSTA SI APRE.

BELFAGOR APPARE SULLUSCIO ENTRA NEL SALONE SEGUITO DA CIPRESSA)

16→6

BELFAGOR: (SI GUARDA INTORNO E VEDE TUTTI ADDORMENTATI)Chi ha fatto tutto questo?

MARIO:           (CON FARE MALANDRINO) Semo stati noi…perché?

ORAZIO:        (ANCHE LUI COME MARIO) Quanno ce se mettemo…semo esse cattivi…semo!!!

BELFAGOR: Vedo!!..Santo deve avervi giudicato male.(CON FORZA)Ah, ah, ah!!! CIPRESSA Come mai dorme anche lui?

MARIO:           (TIMOROSO) Beh…è ‘na lunga storia de fantasmi e de armature!

BELFAGOR:      Che state dicendo. Che fantasmi?

CIPRESSA    …Che armature?

MARIO:               Mo’ ve racconto…11→22    PASSI FORTE

CIPRESSA: E chi è? Non c’è più nessuno in casa. (NON TERMINA LA FRASE CHE SULLA PORTA

APPAIONO I FANTASMI DELLA CONTESSA ELENA E LARMATURA DEL CONTE AURELIANO)

BELFAGOR:      Chi…siete?

AURELIANO: (CON UNA VOCE DALLOLTRETOMBA) Taci! Non ti è dato di parlare! Deviascoltare ed ubbidire! Volevi impadronirti del tesoro del nostro antenato…ma quell’oro gronda sangue…

ELENA:           …ed è per questo che ci è stato dato il permesso di tornare…per fermarti!

AURELIANO:  E tu, furfante da strapazzo, tira fuori la mappa se non vuoi che ti spedisca subito all’inferno….


ELENA:


(MENTREORAZIO PRENDE LA MAPPA DALLE MANI DIBELFAGOR)Tu, Mario, prenderaiquesti tre, uscirai di qui, e li farai fuori.


MARIO:


Certo che esco…se rimango dentro come faccio a farli fuori?


AURELIANO: Osservazione intelligente(STRAPPA LA MAPPA DALLE MANI DIORAZIO CHE INTANTO

TITUBANTE GLIELA PORGE)

ELENA:           Ah, ah…ha studiato a Oxford

MARIO:           No…ho studiato alla CEPU eravamo io e Del Piero, a me mi hanno bocciato…Del Piero s’è imparato a parlà co’ l’uccelletti.

AURELIANO:  Silenzio…e ringraziate mia sorella Caroline che vi ha trovato simpatici e non ha voluto che vi uccidessi. Permettete che mi presenti?...Sono Boby Colonia nipote di quell’addormentato lì…E lei è mia sorella Caroline.


MARIO:


I veri Boby e Caroline?


BOBY:


Unici ed irripetibili…nonché americani furbi!


ELENA


(A  BOBY)  Cosa  ti  dicevo  caro  fratello?  Il  nostro  piano


era


perfetto,


ci


impadroniremo del tesoro, senza nemmeno sporcarci le mani.


BOBY


Caroline…hai una mente criminale…Io non sarei mai stato capace di inserirmi in un piano già stabilito da quel nostro cuginastro.


ORESTE:


Boby, Caroline…e noi?


I DUE:


I soldi?


ELENA:


Vi ho preso in simpatia…e ciò vi dovrebbe bastare…ringraziate che vi lasciamo andar via con le vostre gambe.


MANETTA:


(SVEGLIANDOSI CON


WALTER E IL CONTE ZIO) Fermi tutti…siete in arresto.


BOBY:


Ma come…Voi svegli?…


ELENA:


Non è possibile…Vi ho visto bere il cognac.


MANETTA: Lo supponevo! Abbiamo semplicemente fatto finta di bere e da fintiaddormentati abbiamo ascoltato tutto.

CONTE:           Boby…Caroline…voi!?…E pensare che nella mia mente eravate i prescelti…voi avreste ereditato i miei beni…ero molto legato a mio fratello, vostro padre… (SI ALZA DALLA SEDIA)ma ora non voglio più vedervi.!…

WALTER:     Immanentemente, Manetta…li ammanetti…


MANETTA Cosa?

ORAZIO          Insomma Manetta…ammette che è immanente che li ammanetta…o non ammette che è immanente che li ammanetta?

MARIO           Ispettore! Sopra la panca la capra campa…sotto la panca la capra crepa.

CONTE             Ma ora cosa stiamo facendo gli scioglilingua?…Li ammanetti! 28→2.41

MANETTA: Certo signor Conte! Li ammanetto!

(E MENTREWALTER VA A PRENDERE LE CATENE LISPETTORE RIVOLTO AI TRE FARABUTTI)

Voi tre mettetevi accanto a loro che Mario e Orazio ora vi impacchetteranno.…

mentre io vado a telefonare in centrale…

(SI AVVIA AL TELEFONO)

ORAZIO E MARIO:    (CON FRASI A SOGGETTO PORTANOSANTO INSIEME AGLI ALTRI E LI LEGANO)

MANETTA: (COMPONE IL NUMERO E)Sono l’ispettore Manetta mandate due volanti in via Giulia109…ci sono parecchi criminali da impacchettare.

(ATTACCA IL RICEVITORE) Arrivano subito.

CONTE:           (SI AVVICINA ABELFAGOR)Ed ora voglio proprio vedere chi è il Giuda che si

nasconde sotto questa maschera….16→6(TOGLIE LA MASCHERA ABELFAGOR)…

Cassio, proprio tu!… (AMANETTA) Il più piccolo…

MARIO:           (INTERROMPENDOLO) Sì…un cassietto!

CONTE:           …si è rivelato l’anima nera della famiglia!

MANETTA: Lo supponevo!

WALTER Ma come!?…Quando è apparso Belfagor era presente anche Cassio! MANETTA Certo…ma non era presente Santo…era lui che a volte prendeva il suo posto! CASSIO: Perdonami zio…

CONTE:           Mai!…Ridammi la mappa e i miei manoscritti…

ORAZIO:      (TOGLIENDO LE CARTE ALLARMATURA E PORGENDOLE AL CONTE)

Ecco le sue carte…signor Conte… (POI,LISPETTORE AI DUE CRETINI)

MANETTA: Immagino che voi due sappiate dove hanno nascosto gli altri.

ORAZIO          Certo…ce l’avemo messi noi.

MARIO:           Ecco… Sono legati ed imbavagliati dietro questo camino.   3→9


CONTE:


(MERAVIGLIATO)


Un passaggio segreto!


WALTER:


Liviana…amoruccio mio…dove sei! (ENTRA NELLA PORTICINA,POI DA DENTRO LASTANZA SEGRETA)Venite…sono tutti qui…Aiutatemi a slegarli!


MANETTA: Mario ed Orazio…andate ad aiutare il signor Walter a liberare i suoi parenti…

ORAZIO:        Subito ispetto’…

MARIO:           De corsa! (ENTRANO,POI UNO ALLA VOLTA ESCONO TUTTI ECCETTOMARIO EORAZIO)

GIACOMO: Mamma mia …che esperienza allucinante…

FILIPPO:         Chi è stato ad organizzare questa mascalzonata?

FRESIA            Come in ogni giallo che si rispetti sarà stato un furfante con la complicità del maggiordomo.

CONTE             Brava Fresia…non ti facevo così arguta.

TERESA:        Sì, ma…se il maggiordomo è Santo…il furfante…chi è?

CONTE:           (INDICANDO CASSIO) Ecco chi è il furfante.

GIACOMO: (CON MERAVIGLIA IL CUGINOCASSIO)Cassio?…No, non posso crederci.

WALTER       E’ stato lui ad organizzare il piano diabolico.

CONTE             Sì…Voleva impadronirsi del tesoro di Giandomenico. A proposito…vi presento i vostri veri cugini americani…Boby e Caroline!

GIACOMO: Boby e Caroline!?…E che ci fanno ammanettati?

LIVIANA:      D’accordo che non ci vedo bene…ma questi qui non somigliano affatto a quelli che ho conosciuto io.

FILIPPO:         E allora…chi erano quegli altri due ?

CONTE:           Due cretini!…Più tardi vi racconterò!…Anzi su questa storia ho intenzione di scrivere un libro dal titolo…un furfante, due cretini e…

TUTTI I NIPOTI               Il Conte Zio!      30→8(SI SENTE LA SIRENA DELLA POLIZIA)

MANETTA: Ecco…stanno arrivando i miei colleghi.…ci sono delle comode celle che vi

aspettano. Dove sono quei due cretini?

MARIO E ORAZIO🙁RIENTRANDO)    presente.


MANETTA: Mario ed Orazio…questa volta vi lascio liberi…Avrei potuto arrestarvi perassociazione a delinquere…Non lo faccio! Però vi do un consiglio…mettete la testa a posto e cercatevi un lavoro pulito. Chi delinque alla fine va sempre in gattabuia… arrivederci!…Ah…un’altra cosa…Signor Conte…mi dia retta…i fantasmi… non esistono! (ESCE CON GLI ARRESTATI)

CONTE:           L’ispettore ha ragione… E a voi voglio farvi una proposta…

ORAZIO:        Che proposta sor Conte?

CONTE:           Visto che Santo e Cipressa sono stati arrestati…che ne dite di venire a lavorare per me? Vi darò una buona paga…e potete trasferirvi qui…in questo palazzo, con tutta la vostra famiglia.

ORAZIO:        Dite sul serio sor Co’?

MARIO:           Scusi, signor Conte, nell’altra stanza ho visto una torta bellissima…e se la lasciamo di là potrebbe anche andare a male. Che ne dice se…

CONTE:           Valla a prendere. L’avevo fatta preparare proprio per festeggiare voi tutti….i

miei eredi. (MENTRE TUTTI ESULTANO, MARIO ESCE A PRENDERE LA TORTA)

ORAZIO          Ah…dimenticavo…girando alla ricerca del tesoro ho trovato questa pergamena …mo’ ve la leggo

(PRENDE DALLA TASCA LA PERGAMENA E LEGGE MENTRE SCOCCA LA MEZZANOTTE)

27→SFUMA

“SALUS POPULI SUPREMA LEX ESTO. VENI IN TERRAM QUOD NECAT INFERI. VENI SATAN…VENI!!”

(A QUESTE PAROLE TUONI E FULMINI SI ABBATTONO SUL CASTELLO. ALLIMPROVVISO SISENTONO DEI PASSI E IN MEZZO AL FUMO, APPARE SULLA PORTA LA FIGURA SPETTRALE DEL VERO BELFAGOR)

BELFAGOR:      31MI AVETE CHIAMATO?(CON VOCE TETRA)

TUTTI                (STRINGENDOSI GLI UNI AGLI ALTRI TREMANTI) Aaaaaahhhhhh!…Oh...no!!...

(RIENTRA MARIO CON LA TORTA)

MARIO             Aoh!…Ma mo che famo?…Ricominciamo un’altra volta?…E questo chi è?

BELFAGOR:      (AVANZA AL CENTRO DEL PALCO)

32 SONO IL VERO...IL SOLO… L’AUTENTICO BELFAGOR!…ESONO TORNATO PERCHÉ HO FAME DELLE VOSTRE ANIME.

MARIO:           E se ci hai fame, intanto comincia a magnatte questa!


(LA SPIACCICA IN FACCIA A BELFAGOR CHE RIMANE BASITO. ORAZIO, INDICANDO BELFAGOR IN PIEDI AL CENTRO DEL PALCO COMINCIA A RIDERE E DIETRO DI LUI PIAN PIANOTUTTI GLI ALTRI)

BELFAGOR:      33 AHHHH!!!!… RIDE BENE CHI RIDE ULTIMO…CIRIVEDREMO, FRA QUATTROCENTO ANNI!

(FUGGE GRIDANDO INSEGUITO DALLE RISATE DI TUTTI. BELFAGOR PRIMA DI USCIRE DISCENA SI FERMA SULLA PORTA. TUTTI ZITTISCONO. IL DIAVOLO SI VOLTA VERSO DI LORO E ESCE)

MARIO:           (LO INSEGUE E ARRIVATO ALLA SOGLIA DELLA PORTA GLI GRIDA DIETRO)…A Belfagor…

I DUE CRETINI:                   tra quattrocento anni….

TUTTI:              (GRIDANDO)      Beato chi c’ha un occhio!!!!

TUTTI RIPRENDONO A RIDERE FINO A QUANDO LA RISATA SI TRASFORMA IN CANZONE FINALE34

FINE  36 TORNA A  2’ 55”

QUANTI BELFAGOR

Ah, ah, ah, ah,

ah, ah, ah.

Quanti Belfagor

Son passati nella nostra vita

E quanti ancor

Renderanno dura la salita

Di quella via che dobbiamo percorrere

Passo dopo passo

Ogni giorno onestamente

Quanti Belfagor

incontriamo ogni giorno in questo mondo

fatto sempre di più

d’ingiustizie e di orrori,

perché l’uomo è così

cerca facili traguardi

calpestando quella gente

che lavora onestamente.

Ma cambierà

vedrai che cambierà

uniti cambieremo il mondo


ti chiamerò fratello

e ci sarà davvero

la solidarietà

su non aspettar

tendi la mano.

UOMINI .......Non c’è Belfagor

UOMINI .......In un mondo dove regna amore

DONNE ........Nessun Belfagor

DONNE ........Farà breccia dentro il nostro cuore

TUTTI ..........Solo così, noi potremo raggiungere

TUTTI ..........La via della salvezza

TUTTI ..........La pace dell’umanità.


GIORGIA IANNICCHERI

1

SALVATORE AITA

LINA VOLLARO

2

ROCCO AVERSANO

PINA ROSSETTI

3

ROBERTO CAPITANI

SALVATORE LAMBASI

4

ANTONELLA ROMEO

5

RINO D’ANIELLO

ROSSELLA CARDUCCI

6

MARCELLO GALLETTI

7

GABRIELE MARA

CLAUDIO NATILI

8

PASCAL DELL’ANNO

SILVANO ANTENUCCI

9

Scenografie

A. DI FILIPPO

Dir. Di scena

GIANNI SARDELLA

Macchinista / Luci

MARIUS DALOG

Fonico

FABIO MASSIMO FORZATO

Coreografie

MASSIMO PIETRUCCI

Costumi

AL CARNEVALE DI GIUSY

Aiuto costumista

R. PUCCI

Org.ne e ottimizzazione

G. GALLI – M. D’ALESSANDRO


SIGNORE E SIGNORI BUONASERA (BUON POMERIGGIO).

IL GRUPPO TEATRALE “QUELLI DEL PIANO DI SOPRA” VI DA IL BENVENUTO E VI AUGURA UNA BUONA SERATA (UN BUON POMERIGGI).

LA COMMEDIA GIALLO-COMICA CHE PRESENTIAMO SI ARTICOLA IN TRE ATTI, MA IL TERZO ATTO DURERÀ APPENA 10 MINUTI.

L’INTERVALLO TRA IL SECONDO ED IL TERZO ATTO SARÀ DI APPENA 5 MINUTI; VI PREGHIMO QUINDI TRA IL SECONDO ED IL TERZO ATTO DI RIMANERE AI VOSTRI POSTI, CIÒ PERMETTERÀ AGLI INSERVIENTI DI RITIRARE I VOSTRI BIGLIETTI NUMERATI SUI QUALI DOVRETE SCRIVERE IL NOME DEL “FURFANTE”.

AL TERMINE DELLO SPETTACOLO VERRA’ ESTRATTO UN BIGLIETTO E CHI AVRÀ INDOVINETO IL NOME DEL FURFANTE VINCERÀ UNA CONFEZIONE DI VINI “GOTTO D’ORO” OFFERTA DAL COMUNE DI MARINO.

I PREGHIAMO DI SPENGERE I CELLULARI, DI ACCOMODARVI E ……….…..

BUON DIVERTIMENTO.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno